Artigiancassa Progetto Key Woman. Roma, 5 Dicembre 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Artigiancassa Progetto Key Woman. Roma, 5 Dicembre 2012"

Transcript

1 Artigiancassa Progetto Key Woman Roma, 5 Dicembre 2012

2 Malgrado l attuale congiuntura economica le imprese a guida femminile fanno registrare una sostanziale tenuta nella dinamica anagrafica Le imprese rosa in Italia In termini quantitativi le imprese femminili sono e rappresentano il 23,5% (Tasso di femminilizzazione) Distribuzione territoriale Distribuzione percentuale delle imprese registrate ,3% 21,8% Italia Nord Occidentale Italia Nord Orientale Italia Centrale Italia Meridionale Italia Insulare ,4% 26,9% Italia Nord Occidentale Italia Nord Orientale Italia Centrale Italia Meridionale Fonte: Osservatorio Imprenditoria femminile, Unioncamere-Infocamere Dati III Trimestre 2012 Italia insulare 24,6% L imprenditoria femminile è più concentrata nelle regioni del Meridione, dove, al netto delle isole, si registra un tasso di femminilizzazione del tessuto imprenditoriale del 26,9%. Includendo Sicilia e Sardegna questa quota sale a 51,5%. A pochissima distanza segue il centro Italia dove ha sede il 24,4% delle imprese femminili Il Nord Ovest registra il 23,3% del totale Mentre nel Nord Est è rosa solo il 21,8% di tutte le imprese Nonostante tutto continuano ad essere presenti ostacoli che spesso rappresentano per le imprese femminili forme di discriminazione diretta e indiretta e per motivazioni sociali, culturali ed economiche penalizzano questo settore e ne rallentano ed ostacolano lo sviluppo.

3 Le misure a supporto delle donne che lavorano sono ancora insufficienti nonostante la vitalità e il dinamismo che caratterizza il loro modo di fare impresa Dagli ultimi dati degli studi di settore (Rapporto Unioncamere, Osservatorio Confartigianato donne impresa, Rapporto CNA impresa donna) risulta che tra le maggiori criticità evidenziate dalle imprenditrici rientra l assenza di azioni e strumenti concreti e specifici dedicati allo sviluppo dell imprenditoria femminile. Si tratta infatti di un ramo di imprese con proprie caratteriste, esigenze e necessità specifiche. Politiche mirate di sostegno e incentivazione dell imprenditoria femminile, sia nella fase di start up, che nelle fasi di sviluppo ed espansione dell impresa. Servizi e azioni volte ad incentivare la gestione d impresa, anche con strumenti che agevolino la conciliazione dei tempi del lavoro e della famiglia; Strumenti finanziari che possano facilitare l accesso la credito Consulenza, formazione e assistenza chiara, completa e mirata Le risposte delle Istituzioni e delle Banche risultano essere state fino ad oggi non appropriate per sostenere l occupazione femminile e per favorire l accesso delle donne all imprenditoria e di conseguenza lo sviluppo socio-economico del Paese.

4 Dall esigenza di dare una risposta concreta ai bisogni delle imprese femminili nasce la collaborazione tra Artigiancassa e le Associazioni di categoria Artigiancassa si è interessata al tema dell imprenditoria femminile con l obiettivo di offrire dei prodotti e servizi finanziari quanto più mirati ed in grado di massimizzare il livello di soddisfazione della clientela, per sostenere l impresa e valorizzare le potenzialità della presenza femminile nel mercato del lavoro. Il primo passo per raggiungere tali obiettivi è stato coinvolgere i rami specifici delle Associazioni nazionali di Categoria appartenenti a RETE Imprese Italia: Confartigianato Donne Impresa e CNA Impresa Donna Sono stati organizzati dei tavoli di lavoro Focus Group e Gruppi di incontro per conoscere le esigenze e le criticità reali Incontri sul territorio a cui hanno partecipato rappresentanti del mondo imprenditoriale femminile permettendo l aggiornamento continuo delle informazioni uno scambio e una integrazione di informazioni aggiornate, sulle imprese femminili e sui problemi reali e specifici delle donne che intraprendono l attività di impresa una prima individuazione di azioni mirate ed efficaci; di individuare nuovi possibili strumenti e campi di azione da sviluppare in modo coordinato. Gli incontri hanno portato alla sottoscrizioni di importanti Accordi Quadro con i rami della Confederazioni specificamente dedicati a questo dando vita ad un progetto di collaborazione reciproca.

5 L individuazione di un interlocutore unico a livello nazionale ha permesso di avere una panoramica articolata per poter intervenire con azioni diffuse ed omogenee su tutto il territorio Le linee guida Semplicità nel rapporto con la banca. Ridurre le fasi burocratiche e semplificare i processi legati alla presentazione e alla lavorazione delle pratiche Completezza e chiarezza Fornire informazioni chiare e complete, mettendo a disposizione dell imprenditrice informazioni aggiornate facilmente disponibili Flessibilità Dare la possibilità di scegliere tra più strumenti e modalità di applicazione a seconda delle proprie necessità. Concretezza Interventi mirati e sostegno concreto con il coinvolgimento dei Confidi. Le risposte Processo distributivo Incontri e seminari Prodotti Finanziari Agevolazioni Web Application Artigiancassa Riduzione dei tempi operativi Eliminazione delle barriere cartacee Sito Web Artigiancassa Point Meeting sul territorio nazionale Sessioni formative nazionali Tavoli di lavoro Materiale informativo Indirizzi di posta dedicati Linea di prodotti finanziari dedicata che comprende tutti i prodotti rivolti alle imprenditrici: Key Woman, con una prima proposta di 4 nuovi finanziamenti. Agevolare l'accesso al credito delle imprese femminili Tramite la garanzia concessa dai Confidi

6 In risposta alle esigenze finanziarie manifestate dalle imprenditrici, Artigiancassa ha creato una linea di prodotti dedicata: Key Woman I Destinatari: Ditte individuali, Società di persone e Società di Capitali anche neo costituite e preferibilmente iscritte all albo degli artigiani la cui titolare/socia o legale rappresentante sia di sesso femminile. A Medio lungo Termine Imprenditoria Femminile Acquisto di impianti ed attrezzature effettuato per l avvio o l acquisizione di attività artigianali nonché per i progetti aziendali connessi all introduzione di innovazione di prodotto, tecnologica od organizzativa. Vantaggi commerciali specifici Maternità Sostenere l impresa durante il periodo di maternità della titolare /socia successivamente al parto fino ai sette anni del bambino. Sospensione delle rate in caso di maternità fino a 9 mesi (della sola quota capitale o della quota capitale e degli interessi) A Breve Termine Malattia Grave Sostenere l impresa nel periodo di assenza della titolare /socia e in caso di grave malattia propria, del coniuge o dei figli. Gestione Gravidanza Sostenere l impresa per un periodo che possa andare dai 5 ai 9 mesi per assenza per maternità della titolare/socia connesso alla gravidanza. Vantaggi commerciali comuni Riduzione delle spese di gestione del finanziamento Risposte certe entro 10 giorni lavorativi dalla presa in carico della domanda Possibilità di Garanzia Confidi Anno Totale Key Woman Totale Complessivo Nel periodo su circa richieste di finanziamento l 8% è stato erogato per finanziare imprese femminili

7 La realizzazione del Progetto ha permesso, grazie ad un lavoro congiunto, di raggiungere risultati importanti per tutti gli attori coinvolti Stabilire Dialogo Fare Rete Creare Incontri Dare inizio ad uno stabile e reale rapporto di cooperazione e di dialogo tra i principali attori coinvolti in tale settore. Sostenere le imprese femminili tramite la garanzia di una Rete di istituzioni competenti dedicata al settore. Dare Formazione Coinvolgere e avvicinare direttamente le imprenditrici con circa 40 incontri realizzati su tutto il territorio a livello locale e nazionale. Comunicare RISULTATI Banca Associazioni Imprese Mettere a disposizione delle imprese l esperienza nel campo finanziario per fornire loro strumenti e suggerimenti utili alla migliore gestione delle attività. Offrire Prodotti Stabilire un nuovo modo di comunicare e canalizzare le informazioni arrivando direttamente alle imprese. (incontri territoriali,convegni, riviste, A point, sito) Offrire, sulla base delle indicazioni ricevute, prodotti esclusivi come risposta a specifiche esigenze finanziarie. Avvicinare istituti di credito e imprese migliorandone il rapporto con vantaggi per tutto il sistema

Artigiancassa: : Progetto Key Woman. Roma, 08 aprile 2014

Artigiancassa: : Progetto Key Woman. Roma, 08 aprile 2014 Artigiancassa: : Progetto Key Woman Roma, 08 aprile 2014 La costante crescita di donne che scelgono di intraprendere l attività imprenditoriale è un fenomeno in continuo aumento e può costituire per il

Dettagli

ALLEGATO A ALLA CONVENZIONE CNA ARTIGIANCASSA SINTESI PRODOTTI

ALLEGATO A ALLA CONVENZIONE CNA ARTIGIANCASSA SINTESI PRODOTTI ALLEGATO A ALLA CONVENZIONE CNA ARTIGIANCASSA SINTESI PRODOTTI 1 1.1 Elenco prodotti e livelli di servizio I prodotti oggetto della convenzione e di seguito descritti sono i seguenti: Prodotto Finanziamenti

Dettagli

finanziamenti artigiancassa a sostegno delle imprenditrici Una nuova convenzione per rispondere alle vostre esigenze

finanziamenti artigiancassa a sostegno delle imprenditrici Una nuova convenzione per rispondere alle vostre esigenze NEWSLETTER N. 09 ANNO 2011 La conciliazione e la legge 53 Finanziamenti a fondo perduto per progetti di conciliazione famiglialavoro finanziamenti artigiancassa a sostegno delle imprenditrici Una nuova

Dettagli

Donne in impresa, una grande risorsa per il Paese

Donne in impresa, una grande risorsa per il Paese FORUM RIVISTA DELLA CNA DI EMILIA ROMAGNA MARCHE TOSCANA UMBRIA Le politiche femminili nelle regioni del centro nord Donne in impresa, una grande risorsa per il Paese a cura di Paola Morini Responsabile

Dettagli

Il ruolo del Credito in Sardegna

Il ruolo del Credito in Sardegna Il ruolo del Credito in Sardegna Seminario del 16 luglio 2007 Vorrei circoscrivere il perimetro del mio intervento alle problematiche che coinvolgono il target di clientela di Artigiancassa. Noi infatti

Dettagli

Women empowerment in Cultural and Economic Institutions

Women empowerment in Cultural and Economic Institutions 16 MARZO 2015 Osservatorio Interuniversitario di Genere, Parità e Pari Opportunità Il nuovo ruolo delle donne: educazione, arte, scienza, economia e politica Women empowerment in Cultural and Economic

Dettagli

Cagliari, 16 luglio 2007

Cagliari, 16 luglio 2007 Il ruolo del credito in Sardegna Seminario del Sala Anfiteatro -Via Roma 253 - Cagliari Il credito a medio e lungo termine per lo sviluppo delle imprese a cura di Marilena Troiani Cagliari, 16 luglio 2007

Dettagli

DIAMO CREDITO ALLE IMPRESE FEMMINILI

DIAMO CREDITO ALLE IMPRESE FEMMINILI PROGETTO: DONNA E IMPRESA: CAPITANE CORAGGIOSE DIAMO CREDITO ALLE IMPRESE FEMMINILI The future liesin the handsofwomen thathavethe couragetodream Kerry Kennedy, Firenze Giugno 2013 al Convegno di Microsoft

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO E LA CRESCITA DELLE IMPRESE A PREVALENTE PARTECIPAZIONE FEMMINILE E DELLE LAVORATRICI AUTONOME PREMESSO CHE

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO E LA CRESCITA DELLE IMPRESE A PREVALENTE PARTECIPAZIONE FEMMINILE E DELLE LAVORATRICI AUTONOME PREMESSO CHE PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO E LA CRESCITA DELLE IMPRESE A PREVALENTE PARTECIPAZIONE FEMMINILE E DELLE LAVORATRICI AUTONOME PREMESSO CHE l Unione Europea incoraggia la partecipazione delle donne

Dettagli

Banca Marche a supporto delle nuove imprese

Banca Marche a supporto delle nuove imprese Banca Marche a supporto delle nuove imprese Università di Urbino 23/01/2014 Giordano Fulvi Responsabile Servizio Marketing PMI 1 PREMESSA Il perdurare della crisi sta determinando un trend negativo nel

Dettagli

Startup innovative: una su otto è donna. Boom delle neoimprese smart femminili, +50,6% in un anno

Startup innovative: una su otto è donna. Boom delle neoimprese smart femminili, +50,6% in un anno Comunicato stampa Startup : una su otto è donna Boom delle neoimprese smart, +50,6% in un anno Roma, 06 marzo 2015 Pesano ancora poco sul tessuto imprenditoriale ma sono in crescita e davanti hanno un

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE Assessorato Attività Produttive D.G. Presidenza

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE Assessorato Attività Produttive D.G. Presidenza REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE Assessorato Attività Produttive D.G. Presidenza Settore Tutela dei Consumatori e degli Utenti Politiche di Genere e di Promozione delle Pari Opportunità INIZIATIVE REGIONALI

Dettagli

OFFERTA SERVIZI SPORTELLO CREDITO

OFFERTA SERVIZI SPORTELLO CREDITO OFFERTA SERVIZI SPORTELLO CREDITO SPORTELLO ARTIGIANCASSA POINT FINANZIAMENTI LINEA KEY WOMAN FINANZIAMENTI SCORTE FINANZIAMENTI FINALIZZATI ALL ACQUISTOACQUISTO DI MACCHINARI, ATTREZZATURE, AUTOMEZZI

Dettagli

Imprese: Cna Sardegna, crescono quelle al femminile e under 35 (3)

Imprese: Cna Sardegna, crescono quelle al femminile e under 35 (3) Imprese: Cna Sardegna, crescono quelle al femminile e under 35 (3) 28 novembre 2014 (Adnkronos) - (Adnkronos) - La crescita delle giovani imprenditrici under 35 si è registrata dunque anche in Sardegna:

Dettagli

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica Centro Studi Il Report IL RECENTE STUDIO DELLA SVIMEZ CONFERMA NOTEVOLI DIFFERENZE TERRITORIALI ED EVIDENZIA SVANTAGGI COMPETITIVI ANCE SALERNO: CREDITO, CONFIDI A DUE VELOCITA Nel 2013 su oltre 22 miliardi

Dettagli

PROGRAMMA REGIONALE DI PROMOZIONE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE E FEMMINILE IN VENETO

PROGRAMMA REGIONALE DI PROMOZIONE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE E FEMMINILE IN VENETO giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 2888 del 28 dicembre 2012 pag. 1/11 PROGRAMMA REGIONALE DI PROMOZIONE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE E FEMMINILE IN VENETO 2012-2013 ALLEGATOA alla Dgr

Dettagli

Note brevi. Il Rapporto Giovani,imprese e lavoro 2013 1. L economia reale attraverso il contributo dei giovani

Note brevi. Il Rapporto Giovani,imprese e lavoro 2013 1. L economia reale attraverso il contributo dei giovani Note Brevi vi danno appuntamento alla seconda metà di Gennaio 2014 Note brevi n 14 / Dicembre 2013 www.cslegacoop.coop centrostudi@legacoop.coop Il Rapporto Giovani,imprese e lavoro 2013 1 L economia reale

Dettagli

ROADSHOW PMI TURISMO E PMI

ROADSHOW PMI TURISMO E PMI ROADSHOW PMI TURISMO E PMI Cagliari, 29 maggio 2009 Per il 67,2% delle Pmi del turismo la situazione economica del Paese è peggiorata nei primi cinque mesi del 2009 rispetto al secondo semestre del 2008.

Dettagli

SCHEDA RACCOLTA PROGETTI E BUONE PRASSI CAMERA DI COMMERCIO DI BERGAMO

SCHEDA RACCOLTA PROGETTI E BUONE PRASSI CAMERA DI COMMERCIO DI BERGAMO Progetto n. 157173 FSE 2003 misura E.1 Le donne nel mercato del lavoro nel territorio della Provincia di Bergamo: prospettive e sviluppo. SCHEDA RACCOLTA PROGETTI E BUONE PRASSI CAMERA DI COMMERCIO DI

Dettagli

Camera di commercio di Cuneo: servizi e opportunita di accesso al credito. Alba, 22 novembre 2013 - Luisa Silvestro Camera di commercio di Cuneo

Camera di commercio di Cuneo: servizi e opportunita di accesso al credito. Alba, 22 novembre 2013 - Luisa Silvestro Camera di commercio di Cuneo Camera di commercio di Cuneo: servizi e opportunita di accesso al credito La riforma delle Camere di commercio Il D. Lgs. 23/2010 modifica la L. 580/1993 L art. 2 della nuova legge 580/1993 riconosce nuove

Dettagli

REPORT TERRITORIALE DI APPROFONDIMENTO Le Start up innovative di Torino

REPORT TERRITORIALE DI APPROFONDIMENTO Le Start up innovative di Torino Torino, 21 novembre 2014 2 Indice SEZIONE 1. - INFOGRAFICHE... 5 1.1 I NUMERI DELLE START UP INNOVATIVE... 5 1.2 STRUTTURA ECONOMICA DELLE START UP... 6 1.3 GLI ASSET IMMATERIALI DEL TERRITORIO... 7 1.4

Dettagli

Fondo Centrale di Garanzia. Sezione speciale per le imprese femminili

Fondo Centrale di Garanzia. Sezione speciale per le imprese femminili Fondo Centrale di Garanzia Sezione speciale per le imprese femminili Aprile 2013 Crisi e imprenditoria femminile: quale risposta Nel momento di difficoltà che il nostro Paese sta attraversando, l imprenditoria

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI OSSERVATORIO MPMI REGIONI LE MICRO, PICCOLE

Dettagli

Bologna 3. marzo 2005 Prot. Alle Imprenditrici Associate. Loro Sedi

Bologna 3. marzo 2005 Prot. Alle Imprenditrici Associate. Loro Sedi Sede Legale 00161 Roma - Via G.A. Guattani,13 Tel. 06/44188270 - Fax 06/44249515 impr.donna@cna.it Bologna 3. marzo 2005 Prot. Alle Imprenditrici Associate Loro Sedi Carissime Imprenditrici, desidero informarvi

Dettagli

MEMORANDUN OF UNDERSTANDING

MEMORANDUN OF UNDERSTANDING MEMORANDUN OF UNDERSTANDING PER LA REALIZZAZIONE DEL PARCO SCIENTIFICO E TECNOLOGICO SAN MARINO ITALIA Repubblica di San Marino, 6 novembre 2012 Memorandum of understanding per la realizzazione del Parco

Dettagli

osservatorio credito confcommercio luglio 2014

osservatorio credito confcommercio luglio 2014 osservatorio credito confcommercio luglio 2014 indagine trimestrale congiunturale sulle imprese femminili del terziario risultati secondo trimestre 2014 roma, 17 luglio 2014 (12153tf 02 Donne) agenda considerazioni

Dettagli

Presentazione dei risultati dell indagine Silvia Campana Bergamo Formazione

Presentazione dei risultati dell indagine Silvia Campana Bergamo Formazione Presentazione dei risultati dell indagine Silvia Campana Bergamo Formazione PRESENTAZIONE DEI RISULTATI DEL QUESTIONARIO DI RILEVAZIONE PER LE IMPRENDITRICI BERGAMASCHE: PREMESSA (1) OBIETTIVI Il questionario,

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER IL REINSERIMENTO LAVORATIVO DEGLI INVALIDI DEL LAVORO TRA L I.N.A.I.L. SEDE DI ROVIGO E LA PROVINCIA DI ROVIGO

PROTOCOLLO D INTESA PER IL REINSERIMENTO LAVORATIVO DEGLI INVALIDI DEL LAVORO TRA L I.N.A.I.L. SEDE DI ROVIGO E LA PROVINCIA DI ROVIGO PROTOCOLLO D INTESA PER IL REINSERIMENTO LAVORATIVO DEGLI INVALIDI DEL LAVORO TRA L I.N.A.I.L. SEDE DI ROVIGO E LA PROVINCIA DI ROVIGO L I.N.A.I.L. sede di ROVIGO nella persona della Dottoressa Patrizia

Dettagli

Protocollo d intesa per il Registro Provinciale Co-Manager

Protocollo d intesa per il Registro Provinciale Co-Manager Protocollo d intesa per il Registro Provinciale Co-Manager Provincia autonoma di Trento - Agenzia per la famiglia, la natalità e le politiche giovanili Provincia autonoma di Trento - Agenzia del Lavoro

Dettagli

Prof. Guido Fabiani, Assessore alle politiche per lo sviluppo economico 4 marzo 2015

Prof. Guido Fabiani, Assessore alle politiche per lo sviluppo economico 4 marzo 2015 Prof. Guido Fabiani, Assessore alle politiche per lo sviluppo economico 4 marzo 2015 In Italia L imprenditoria femminile: alcuni dati l imprenditoria femminile conta 1.302.054 imprese e rappresenta il

Dettagli

I SERVIZI ALLE IMPRESE: ACCESSO AL CREDITO. Luisa Silvestro ufficio crediti agevolati. Camera di commercio di Cuneo

I SERVIZI ALLE IMPRESE: ACCESSO AL CREDITO. Luisa Silvestro ufficio crediti agevolati. Camera di commercio di Cuneo I SERVIZI ALLE IMPRESE: ACCESSO AL CREDITO Luisa Silvestro ufficio crediti agevolati Camera di commercio di Cuneo La riforma delle Camere di commercio Il D. Lgs. 23/2010 modifica la L. 580/1993 Le camere

Dettagli

Strumentazioni in favore dell imprenditoria femminile e giovanile

Strumentazioni in favore dell imprenditoria femminile e giovanile Strumentazioni in favore dell imprenditoria femminile e giovanile Verona, 14 aprile 2014 Michele Pelloso Direttore Sezione Industria e Artigianato Assessorato all Economia e Sviluppo, Ricerca e Innovazione

Dettagli

REPORT TERRITORIALE DI APPROFONDIMENTO Le Start up innovative di Treviso

REPORT TERRITORIALE DI APPROFONDIMENTO Le Start up innovative di Treviso Treviso, 14 novembre 2014 2 Indice SEZIONE 1. - START UP INNOVATIVE... 5 1.1 LE PRINCIPALI CARATTERISTICHE DELLE START UP INNOVATIVE... 5 Tabella 1 L'evoluzione delle iscrizioni delle start up innovative

Dettagli

Lo scenario socio-economico del Mezzogiorno: l effetto della crisi su famiglie, giovani e imprese

Lo scenario socio-economico del Mezzogiorno: l effetto della crisi su famiglie, giovani e imprese Lo scenario socio-economico del Mezzogiorno: l effetto della crisi su famiglie, giovani e imprese Salvio CAPASSO Responsabile Ufficio Economia delle Imprese e del Territorio Napoli, 12 maggio 2015 Agenda

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI OGGETTO PRINCIPI E OBIETTIVI art. 1 Oggetto e principi art. 2 Obiettivi TITOLO II

Dettagli

Programma di Microcredito Per i giovani e per tutti quelli che vogliono lavorare CASERTA AL LAVORO

Programma di Microcredito Per i giovani e per tutti quelli che vogliono lavorare CASERTA AL LAVORO elli elli LA NOSTRA PROPOSTA MISSION La questione più importante che caratterizza molte aree del Mezzogiorno è il futuro dei giovani under 30. Ma altrettanto drammatica è la situazione degli over 40, che

Dettagli

ACCESSO DELLE IMPRENDITRICI ALLE FONTI DI FINANZIAMENTO TRA

ACCESSO DELLE IMPRENDITRICI ALLE FONTI DI FINANZIAMENTO TRA L anno 2002, il giorno 01 del mese di ottobre ACCESSO DELLE IMPRENDITRICI ALLE FONTI DI FINANZIAMENTO TRA il Comitato per la Promozione dell Imprenditorialità Femminile costituita presso la Camera di Commercio,

Dettagli

MEMORIA DI GIUNTA 1) PREMESSA

MEMORIA DI GIUNTA 1) PREMESSA MEMORIA DI GIUNTA Linee guida per il più efficace utilizzo degli strumenti di Ingegneria Finanziaria per favorire l accesso al credito delle P.M.I. del Lazio 1) PREMESSA I Fondi di Ingegneria Finanziaria

Dettagli

Newsletter n.4 1. SERVIZI INTEGRATI PER LO SVILUPPO DELL ECONOMIA FEMMINILE - PRESENTATA LA CARTA SERVIZI DEI CEIFF DI LATINA, FROSINONE E CASSINO

Newsletter n.4 1. SERVIZI INTEGRATI PER LO SVILUPPO DELL ECONOMIA FEMMINILE - PRESENTATA LA CARTA SERVIZI DEI CEIFF DI LATINA, FROSINONE E CASSINO Newsletter n.4 1. SERVIZI INTEGRATI PER LO SVILUPPO DELL ECONOMIA FEMMINILE - PRESENTATA LA CARTA SERVIZI DEI CEIFF DI LATINA, FROSINONE E CASSINO 2. WORKSHOP FROSINONE - IL SISTEMA DEL CREDITO NEL LAZIO

Dettagli

PRESENTARSI IN BANCA. mini guide. operative. per futuri e nuovi. imprenditori. di Andrea Binello. Il primo approccio con le banche

PRESENTARSI IN BANCA. mini guide. operative. per futuri e nuovi. imprenditori. di Andrea Binello. Il primo approccio con le banche mini guide operative per futuri e nuovi imprenditori PRESENTARSI IN BANCA di Andrea Binello Il primo approccio con le banche collana oggi e domani imprenditore per futuri e nuovi imprenditori collana

Dettagli

GIRLS DAY. Il Comitato per la promozione dell imprenditoria femminile costituito presso la CCIAA di

GIRLS DAY. Il Comitato per la promozione dell imprenditoria femminile costituito presso la CCIAA di GIRLS DAY Grosseto - 1a edizione anno scolastico 2013/2014 Giovani studentesse incontrano il mondo del lavoro Premessa Il Comitato per la promozione dell imprenditoria femminile costituito presso la CCIAA

Dettagli

BANDO. Articolo 1 Oggetto e finalità

BANDO. Articolo 1 Oggetto e finalità BANDO Premessa Il Comitato Imprenditoria Femminile della CCIAA di Palermo e il "Tavolo Regionale delle Politiche di Genere" (costituito dalle rappresentanti Regionali dell'imprenditoria Femminile di ciascuna

Dettagli

CONSULTAZIONE SUL LIBRO VERDE DELLA COMMISSIONE EUROPEA SU RICERCA E INNOVAZIONE REGIONE EMILIA-ROMAGNA

CONSULTAZIONE SUL LIBRO VERDE DELLA COMMISSIONE EUROPEA SU RICERCA E INNOVAZIONE REGIONE EMILIA-ROMAGNA CONSULTAZIONE SUL LIBRO VERDE DELLA COMMISSIONE EUROPEA SU RICERCA E INNOVAZIONE REGIONE EMILIA-ROMAGNA 1. Come può il quadro strategico comune rendere più interessanti e accessibili per i partecipanti

Dettagli

ITE. INCLUSION Through ENTREPRENEURSHIP

ITE. INCLUSION Through ENTREPRENEURSHIP ITE INCLUSION Through ENTREPRENEURSHIP GLI ATTORI DELLA COOPERAZIONE TRANSNAZIONALE La Partnership di Sviluppo Geografica FUTURO REMOTO IT G2 CAM 017, costituita da: CONFORM Consorzio di Formazione Manageriale;

Dettagli

ASSOLOMBARDA e FEDERAZIONE LOMBARDA DELLE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO

ASSOLOMBARDA e FEDERAZIONE LOMBARDA DELLE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO AGGIORNATO AL 3 LUGLIO 2009 ASSOLOMBARDA e FEDERAZIONE LOMBARDA DELLE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO 1. ACCORDO "DONNE IMPRESA Realizzato in collaborazione con il Comitato per la promozione dell imprenditoria

Dettagli

Quello che pensano le imprese della crisi: un indagine della CNA di Roma sulle imprese della Provincia

Quello che pensano le imprese della crisi: un indagine della CNA di Roma sulle imprese della Provincia Quello che pensano le imprese della crisi: un indagine della CNA di Roma sulle imprese della Provincia Roma, 12 novembre 2008 La CNA di Roma ha condotto dal 29 ottobre al 4 novembre 2008 un indagine tra

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI Divisione VIII PMI e Artigianato Indagine

Dettagli

FONDO GARANZIA PER LE PMI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI CAGLIARI

FONDO GARANZIA PER LE PMI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI CAGLIARI FONDO GARANZIA PER LE PMI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI CAGLIARI Il Fondo di Garanzia è stato istituito dalla Camera di Commercio con apposito Regolamento, approvato con deliberazione del Consiglio camerale

Dettagli

Il contesto economico attuale; l individuazione di nuovi ambiti di attività che rispondano sia alle esigenze delle comunità di dotarsi di una rete di

Il contesto economico attuale; l individuazione di nuovi ambiti di attività che rispondano sia alle esigenze delle comunità di dotarsi di una rete di Il contesto economico attuale; l individuazione di nuovi ambiti di attività che rispondano sia alle esigenze delle comunità di dotarsi di una rete di servizi in una logica di sussidiarietà pubblico - privato

Dettagli

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. Stipulato il protocollo d intesa per i finanziamenti rosa

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. Stipulato il protocollo d intesa per i finanziamenti rosa News per i Clienti dello studio del 4 Novembre 2014 Stipulato il protocollo d intesa per i finanziamenti rosa Ai gentili clienti Loro sedi Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che è

Dettagli

Vademecum I 10 principi di base comuni sull inclusione dei Rom

Vademecum I 10 principi di base comuni sull inclusione dei Rom Vademecum I 10 principi di base comuni sull inclusione dei Rom Un iniziativa dell Unione europea apple I 10 principi di base comuni sull inclusione dei Rom sono diretti sia ai politici sia ai professionisti

Dettagli

Stazione Appaltante Enti Finanziatori presenta Workshop Itineranti Si terranno nr. 5 eventi divulgativi, rivolti sia alle imprese Start Up potenzialmente interessate che a tutti gli attori economici del

Dettagli

DOCUMENTO FINALE TAVOLO DI LAVORO SULL IMPRENDITORIA FEMMINILE. Premessa

DOCUMENTO FINALE TAVOLO DI LAVORO SULL IMPRENDITORIA FEMMINILE. Premessa TAVOLO DI LAVORO SULL IMPRENDITORIA FEMMINILE DOCUMENTO FINALE Premessa Oggi, giovedì 25 maggio 2006 a Durazzo (Albania), in occasione della VI edizione del Forum delle Camere di Commercio dell Adriatico

Dettagli

Programma degli interventi

Programma degli interventi Allegato 1 alla Delib.G.R. n. 46/8 del 22.9.2015 Programmazione Unitaria 2014-2020. Strategia "Creare opportunità di lavoro favorendo la competitività delle imprese". Programma di intervento 3: Competitività

Dettagli

Tra le altre iniziative nel novembre del 2007 il Comitato da me presieduto, ha realizzato: San Martino e le donne del vino con lo

Tra le altre iniziative nel novembre del 2007 il Comitato da me presieduto, ha realizzato: San Martino e le donne del vino con lo Buongiorno a tutti, ringrazio chi mi ha voluta oggi a questo forum e tutte le donne imprenditrici e non che con la loro presenza testimoniano che l essere donna è una risorsa per la cooperazione internazionale.

Dettagli

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA. Microimpresa

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA. Microimpresa Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Invitalia, l Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa, agisce su mandato del Governo

Dettagli

Possono beneficiare delle agevolazioni le imprese rispondenti ai requisiti di prevalente partecipazione femminile e di dimensione di piccola impresa.

Possono beneficiare delle agevolazioni le imprese rispondenti ai requisiti di prevalente partecipazione femminile e di dimensione di piccola impresa. LEGGE 25 febbraio 1992 n.215 Azioni positive per l imprenditoria femminile OGGETTO Strumento di incentivazione per la diffusione della imprenditorialità femminile che offre un sostegno diretto a tutti

Dettagli

LE AZIONI DELLE CAMERE DI COMMERCIO PER LA CREAZIONE D IMPRESA E L INNOVAZIONE

LE AZIONI DELLE CAMERE DI COMMERCIO PER LA CREAZIONE D IMPRESA E L INNOVAZIONE LE AZIONI DELLE CAMERE DI COMMERCIO PER LA CREAZIONE D IMPRESA E L INNOVAZIONE Andrea Muti Unioncamere Servizio Nuove imprese e credito InvestHorizon - Torino, 9 novembre 2015 StartUp Road show 2015. Edizione

Dettagli

Pari opportunità: legislazione nazionale

Pari opportunità: legislazione nazionale Pari opportunità: legislazione nazionale Costituzione della Repubblica italiana L Articolo 3 sancisce la pari dignità sociale dei cittadini, eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza,

Dettagli

CHE COS E IL MENTORING

CHE COS E IL MENTORING CHE COS E IL MENTORING E un dato di fatto che il numero delle donne che lavorano è in sensibile aumento in ogni paese, ma nonostante questo, e malgrado molte donne rivestano posizioni anche altamente professionali,

Dettagli

Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo

Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo RISOLUZIONE IN COMMISSIONE 7/00574 AUDIZIONE 6 maggio 2015 CONTRATTI DI RETE COME STRUMENTO DI POLITICA ECONOMICA Le organizzazioni

Dettagli

Entro il 31.12.2015 è possibile domandare finanziamenti a tassi agevolati a favore delle imprese femminili e delle lavoratrici autonome

Entro il 31.12.2015 è possibile domandare finanziamenti a tassi agevolati a favore delle imprese femminili e delle lavoratrici autonome CIRCOLARE A.F. N.172 del 10 Dicembre 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Entro il 31.12.2015 è possibile domandare finanziamenti a tassi agevolati a favore delle imprese femminili e delle lavoratrici autonome

Dettagli

CONSULENZA GESTIONALE - INDUSTRIALE LEGGI AGEVOLATE E FINANZIAMENTI IN VIGORE GIUGNO 2014 INDUSTRIA

CONSULENZA GESTIONALE - INDUSTRIALE LEGGI AGEVOLATE E FINANZIAMENTI IN VIGORE GIUGNO 2014 INDUSTRIA FINANZIAMENTI AGEVOLATI FORMAZIONE GESTIONE DEL CREDITO RISTRUTTURAZIONI FINANZIARIE GARANZIE CONFIDI CONSULENZA GESTIONALE - INDUSTRIALE CONSULENZA DIREZIONALE CONVENZIONI PER SERVIZI AZIENDALI LEGGI

Dettagli

La programmazione Leader: un approccio di genere?

La programmazione Leader: un approccio di genere? La programmazione Leader: un approccio di genere? Annalisa Del Prete INEA Mantova, 7 Settembre 2012 Luogo e data Le donne nel rurale: dimensioni e attività (Dati Istat 2011) 51% del totale popolazione

Dettagli

Riflessioni dagli esiti della rilevazione sull organizzazione dei processi di valutazione ex-ante per le politiche regionali 2007-2013

Riflessioni dagli esiti della rilevazione sull organizzazione dei processi di valutazione ex-ante per le politiche regionali 2007-2013 Riflessioni dagli esiti della rilevazione sull organizzazione dei processi di valutazione ex-ante per le politiche regionali 7- La valutazione ex-ante: andamenti, questioni, prospettive Roma, settembre

Dettagli

Servizi di - Informazione e orientamento. sul mettersi in proprio e sullo sviluppo delle imprese. - Formazione - Credito

Servizi di - Informazione e orientamento. sul mettersi in proprio e sullo sviluppo delle imprese. - Formazione - Credito 2009 per immigrati di Milano e provincia Servizi di - Informazione e orientamento sul mettersi in proprio e sullo sviluppo delle imprese - Formazione - Credito ASIIM - Associazione per lo Sviluppo dell

Dettagli

COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti

COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE per la realizzazione delle pari opportunità tra uomo e donna 2010/2012 PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE 2010 2012 Fonti normative:

Dettagli

Città di Tortona Provincia di Alessandria

Città di Tortona Provincia di Alessandria Città di Tortona Provincia di Alessandria DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 53 Oggetto: AFFITTO DI POLTRONA O DI CABINA NELLE ATTIVITÀ DI ACCONCIATORE ED ESTETISTA - LINEE DI INDIRIZZO NELLE MORE

Dettagli

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa.

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa. Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane 12 edizione 60 anni Artigiancassa Abstract SOMMARIO Descrizione sintetica dei risultati del Rapporto 3 Finanziamenti

Dettagli

INVITALIA (ex Sviluppo Italia) www.invitalia.it

INVITALIA (ex Sviluppo Italia) www.invitalia.it INVITALIA (ex Sviluppo Italia) www.invitalia.it La legge che agevola l Autoimpiego (D.L. n. 185/2000 - Titolo II) costituisce il principale strumento di sostegno alla realizzazione e all avvio di piccole

Dettagli

Finanziamenti per la microimpresa

Finanziamenti per la microimpresa Finanziamenti per la microimpresa A CHI SI RIVOLGE Questa agevolazione è rivolta a persone che intendono avviare un attività imprenditoriale di piccola dimensione in forma di società di persone. Sono pertanto

Dettagli

Microimpresa Pensare in grande, da piccoli

Microimpresa Pensare in grande, da piccoli Microimpresa Pensare in grande, da piccoli Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Microimpresa Pensare in grande, da piccoli Invitalia, l Agenzia nazionale per

Dettagli

SCHEDA SINTETICA LEGGE n. 215/1992 Azioni positive per l'imprenditoria femminile

SCHEDA SINTETICA LEGGE n. 215/1992 Azioni positive per l'imprenditoria femminile SCHEDA SINTETICA LEGGE n. 215/1992 Azioni positive per l'imprenditoria femminile SCOPO E OBIETTIVO DELLA LEGGE La Legge n. 215 del 25 febbraio 1992 riporta un ampio ventaglio di disposizioni con lo scopo

Dettagli

Progetto SVI.S.PO. Intervento integrato di sviluppo e innovazione del sistema pontino. POR Obiettivo 2 FSE 2007-2013 Regione Lazio

Progetto SVI.S.PO. Intervento integrato di sviluppo e innovazione del sistema pontino. POR Obiettivo 2 FSE 2007-2013 Regione Lazio Progetto SVI.S.PO. Intervento integrato di sviluppo e innovazione del sistema pontino POR Obiettivo 2 FSE 2007-2013 Regione Lazio Agenda dell incontro Anagrafica del progetto Soggetto attuatore Valore

Dettagli

Marketing Strategico VENETO BANCA AL FIANCO DELLE PMI

Marketing Strategico VENETO BANCA AL FIANCO DELLE PMI Marketing Strategico VENETO BANCA AL FIANCO DELLE PMI 29 Settembre 2014 ACCORDI STRATEGICI Veneto Banca ho sottoscritto nei primi giorni del 2014 una Convenzione con la Regione Veneto ed Unioncamere del

Dettagli

DOCUMENTI DI CODESS SOCIALE. D: Che cos è e che cosa significa responsabilità sociale d impresa per Codess Sociale?

DOCUMENTI DI CODESS SOCIALE. D: Che cos è e che cosa significa responsabilità sociale d impresa per Codess Sociale? DOCUMENTI DI CODESS SOCIALE Intervista a Luca Omodei Direttore Generale di Codess Sociale Intervista e testi a cura di Michela Foschini Giugno 2005 D: Che cos è e che cosa significa responsabilità sociale

Dettagli

Ut Occat ora et eaquam esed modisit.

Ut Occat ora et eaquam esed modisit. Ut Occat ora et eaquam esed modisit. Go International! The UniCredit Learning Experience L offerta formativa UniCredit al servizio delle Imprese Catalogo 2014 Company Profile 2013 Benvenuto in Go International!

Dettagli

Da un minimo di > 0,00 Da un minimo di > 200.000,00 Da un minimo di > 700.000,00

Da un minimo di > 0,00 Da un minimo di > 200.000,00 Da un minimo di > 700.000,00 Artigiancassa chirografario INVESTIMENTI Prodotto di finanziamento a tasso fisso o variabile destinato alla realizzazione di investimenti avnti come scopo la costruzione di laboratori, acquisto macchinari,

Dettagli

2. MODALITA APPLICATIVE :ADOZIONE E AGGIORNAMENTO...2 3. PRINCIPI GENERALI...3

2. MODALITA APPLICATIVE :ADOZIONE E AGGIORNAMENTO...2 3. PRINCIPI GENERALI...3 0. PREMESSA...2 1. CONTENUTI...2 2. MODALITA APPLICATIVE :ADOZIONE E AGGIORNAMENTO...2 3. PRINCIPI GENERALI...3 4. GESTIONE DEI RAPPORTI IN RELAZIONE AI REATI COLPOSI IN TEMA DI SICUREZZA SUL LUOGO DI

Dettagli

BANDO A SOSTEGNO DELLA REALIZZAZIONE DI NUOVE IDEE IMPRENDITORIALI IN PROVINCIA DI LODI

BANDO A SOSTEGNO DELLA REALIZZAZIONE DI NUOVE IDEE IMPRENDITORIALI IN PROVINCIA DI LODI BANDO A SOSTEGNO DELLA REALIZZAZIONE DI NUOVE IDEE IMPRENDITORIALI IN PROVINCIA DI LODI Mantenere il lavoro, la propria abitazione e assicurarsi con continuità l'accesso al cibo in questi anni è diventato

Dettagli

La competitività dei territori italiani nel mercato globale

La competitività dei territori italiani nel mercato globale La competitività dei territori italiani nel mercato globale Zeno Rotondi, Responsabile Ufficio Studi Italia Bologna, aprile 2011 Indice Quadro congiunturale La competitività dei territori e il ritorno

Dettagli

Relazione Annuale. Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013. anno 2012 centodiciannovesimo esercizio.

Relazione Annuale. Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013. anno 2012 centodiciannovesimo esercizio. anno centodiciannovesimo esercizio Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013 esercizio CXIX 16. Il sistema finanziario Gli andamenti nell anno Nel il sistema finanziario

Dettagli

imprese in liquidazione o soggette a procedura concorsuale;

imprese in liquidazione o soggette a procedura concorsuale; B. CHI PUÒ PARTECIPARE A START UP? Per partecipare a Start Up, un impresa al momento della presentazione della domanda deve essere in possesso delle caratteristiche indicate di seguito ai punti 1, 2 e

Dettagli

ACCORDO DI COLLABORAZIONE TERRITORIALE PER LA PROMOZIONE DELLA CONCILIAZIONE FAMIGLIA-LAVORO NEL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI PORDENONE

ACCORDO DI COLLABORAZIONE TERRITORIALE PER LA PROMOZIONE DELLA CONCILIAZIONE FAMIGLIA-LAVORO NEL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI PORDENONE ACCORDO DI COLLABORAZIONE TERRITORIALE PER LA PROMOZIONE DELLA CONCILIAZIONE FAMIGLIA-LAVORO NEL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI PORDENONE Visto: - la L. 10 aprile 1991, n. 125 Azioni positive per

Dettagli

Como, 5 agosto 2014 Prot. 13/2014 Spett.le O.P.R.A. Lombardia Alla c.a. Coordinatori O.P.R.A. Egr. Sig. Piccinato Carlo Di Lauro Ferdinando

Como, 5 agosto 2014 Prot. 13/2014 Spett.le O.P.R.A. Lombardia Alla c.a. Coordinatori O.P.R.A. Egr. Sig. Piccinato Carlo Di Lauro Ferdinando Como, 5 agosto 2014 Prot. 13/2014 Spett.le O.P.R.A. Lombardia Alla c.a. Coordinatori O.P.R.A. Egr. Sig. Piccinato Carlo Di Lauro Ferdinando Oggetto: presentazione progettualità OPTA Como anno 2014. In

Dettagli

Regolamento di partecipazione

Regolamento di partecipazione PREMESSE Banca Della Marca, Confartigianato Conegliano, Artigianato Trevigiano mandamento di Conegliano, il Consorzio Cofitre, Federazione provinciale Coldiretti Treviso, Rotary Club Conegliano-VittorioVeneto

Dettagli

L uso dei dispositivi di sicurezza in Italia. I dati del Sistema Ulisse

L uso dei dispositivi di sicurezza in Italia. I dati del Sistema Ulisse L uso dei dispositivi di sicurezza in Italia. I dati del Sistema Ulisse di Giancarlo Dosi L utilità dei dispositivi di sicurezza L utilità del casco e delle cinture di sicurezza è ormai fuori discussione.

Dettagli

CALL DI SELEZIONE PER L ACCESSO ALL INCUBAZIONE PRESSO JCUBE SRL

CALL DI SELEZIONE PER L ACCESSO ALL INCUBAZIONE PRESSO JCUBE SRL CALL DI SELEZIONE PER L ACCESSO ALL INCUBAZIONE PRESSO JCUBE SRL INDICE 1 DEFINIZIONE DELL INIZIATIVA... 3 2 OBIETTIVI DELL AVVISO... 3 3 DESTINATARI... 3 4 TIPOLOGIE DI SERVIZI... 4 5 TERMINI E MODALITA

Dettagli

Analisi delle forme di incentivi corrisposti alle donne nella fase di start-up e/o per lo sviluppo di attività imprenditoriali nella Regione Calabria

Analisi delle forme di incentivi corrisposti alle donne nella fase di start-up e/o per lo sviluppo di attività imprenditoriali nella Regione Calabria Analisi delle forme di incentivi corrisposti alle donne nella fase di start-up e/o per lo sviluppo di attività imprenditoriali nella Report di ricerca Rapporto realizzato da Viale della Resistenza 23 87036

Dettagli

L imprenditoria femminile: una opportunità di cambiamento e di crescita

L imprenditoria femminile: una opportunità di cambiamento e di crescita FORUM PA 28 MAGGIO 2014 -Come favorire lo sviluppo di un imprenditoria moderna e innovativa fondata sulla collaborazione, la digitalizzazione e le reti di impresa L imprenditoria femminile: una opportunità

Dettagli

MIfaccioIMPRESA. Il Salone dedicato ai nuovi imprenditori, alle start-up e a tutti coloro che desiderano avere successo e facilitare la crescita

MIfaccioIMPRESA. Il Salone dedicato ai nuovi imprenditori, alle start-up e a tutti coloro che desiderano avere successo e facilitare la crescita Il Salone dedicato ai nuovi imprenditori, alle start-up e a tutti coloro che desiderano avere successo e facilitare la crescita MIfaccioIMPRESA 3 Salone dei Nuovi Imprenditori Milano 28-29 maggio 2012

Dettagli

AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA

AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA La Microimpresa è una misura prevista dal Titolo II del Decreto 185/2000 pensata per chi vuole creare una piccola impresa nel settore

Dettagli

Il ruolo della Pubblica Amministrazione per lo sviluppo locale.

Il ruolo della Pubblica Amministrazione per lo sviluppo locale. 1 Il ruolo della Pubblica Amministrazione per lo sviluppo locale. Le strategie di sostegno in tempi di crisi. 2 Azioni della Pubblica Amministrazione P.A. SOSTEGNO ALLE IMPRESE S. DIRETTI S. INDIRETTI

Dettagli

MOVIMPRESE NATALITA E MORTALITA DELLE IMPRESE ITALIANE REGISTRATE PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA - 2 TRIMESTRE 2015 -

MOVIMPRESE NATALITA E MORTALITA DELLE IMPRESE ITALIANE REGISTRATE PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA - 2 TRIMESTRE 2015 - MOVIMPRESE NATALITA E MORTALITA DELLE IMPRESE ITALIANE REGISTRATE PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA - 2 TRIMESTRE 2015 - Sono 96.369 le imprese registrate alla Camera di commercio al 30 giugno 2015,

Dettagli

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO Ufficio Comunicazione&Studi Confartigianato del Veneto ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO INDAGINE CONGIUNTURALE ANDAMENTO 2 SEMESTRE 2010 PREVISIONE 1 SEMESTRE 2011 In collaborazione con INDAGINE

Dettagli

Credit Suisse Real Estate Fund Siat Il fondo immobiliare con una lunga tradizione

Credit Suisse Real Estate Fund Siat Il fondo immobiliare con una lunga tradizione Real Estate Asset Management Credit Suisse Real Estate Fund Siat Il fondo immobiliare con una lunga tradizione Nuova emissione 9 20 novembre 2009 Private Banking Investment Banking Asset Management Appartamento

Dettagli

Opportunità del Credito Agevolato

Opportunità del Credito Agevolato Opportunità del Credito Agevolato Agenda delle opportunità 1. NVTALA: nuove imprese a tasso zero 2. Toscana: Sostegno all imprenditoria giovanile, femminile e dei lavoratori già destinatari di ammortizzatori

Dettagli

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 15 - Martedì 10 aprile 2012

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 15 - Martedì 10 aprile 2012 7 D.g.r. 4 aprile 2012 - n. IX/3225 Determinazioni in merito al settore produttivo della moda con particolare riferimento all imprenditoria giovanile e femminile. Istituzione linea di azione Start up moda

Dettagli