TECNOLOGIA MECCANICA LE MACCHINE UTENSILI A CNC Fondamenti

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TECNOLOGIA MECCANICA LE MACCHINE UTENSILI A CNC Fondamenti"

Transcript

1 LE MACCHINE UTENSILI A CNC Fondamenti Centro per l Automazione e la Meccanica Via Rainusso 138/N Modena

2 INDICE 1 Il controllo numerico pag Cenni storici Definizione di macchine utensili a controllo numerico Vantaggi delle macchine utensili a CNC Concetto di flessibilità 4 2 Struttura e logica di una macchina a CNC Componenti fondamentali di una macchina a CNC 6 IAL CENTRO PER L AUTOMAZIONE E LA MECCANICA 1

3 IL CONTROLLO NUMERICO Cenni storici Negli anni in cui fu ideata la M.U. (Macchina Utensile) a C.N. (Controllo Numerico) esistevano vari modi per affrontare i problemi derivati dalle lavorazioni per asportazione di truciolo. Uno dei problemi più complessi da risolvere nelle lavorazioni meccaniche erano le superfici derivate da leggi matematiche (es. profili derivanti da rette e cerchi tangenti, profili elicoidali, ecc ) e le cosiddette superfici sculturate (es. pale di turbine, eliche, profili alari, stampi complessi). Prima dell avvento del C.N. l esecuzione di prototipi di questi particolari e/o l esecuzione di piccola serie risultava costosissima e di difficile realizzazione per la precisione richiesta e per le continue modifiche apportate dai progettisti. Nel 1947 un piccolo costruttore americano di pale di elicotteri, John Parson, preso dal problema di collaudo derivato dalle continue modifiche al profilo del suo prodotto, ideò una macchina da collaudo che, posizionandosi su punti predeterminati, verificava l esatta esecuzione della pala senza l ausilio di complessi attrezzi di collaudo. Nel 1948 l USAF (United States Air Force), venuta a conoscenza di questa macchina, commissionò al signor Parson l applicazione di una Unità di Governo a Controllo Numerico (U.G. a C.N.) ad una fresa-alesatrice in continuo su tre assi che realizzò in 5 anni con la stretta collaborazione dell Istituto di Tecnologia del Massachusetts. Nel 1955, durante l esposizione di Chicago, fecero la loro apparizione le prime M.U. a C.N.. Nel 1960 venivano presentate, sempre all esposizione di Chicago, più di 100 esemplari di M.U. a C.N.. Si può quindi ben dire che la M.U. a C.N. fu realizzata proprio per costruire particolari di grande precisione e di difficile esecuzione, come sono i prodotti aereonautici. IAL CENTRO PER L AUTOMAZIONE E LA MECCANICA 2

4 DEFINIZIONE DI MACCHINE UTENSILI A CONTROLLO NUMERICO Una macchina utensile a controllo numerico (M.U. a C.N.) si caratterizza essenzialmente per la capacità di svolgere autonomamente le lavorazioni assegnate, dopo aver ricevuto le necessarie istruzioni tramite un programma scritto in un linguaggio comprensibile al controllo e inserito nella sua memoria. VANTAGGI DELLE MACCHINE UTENSILI A CONTROLLO NUMERICO Il traguardo delle macchine utensili a controllo numerico è quello di rendere il più possibile autonoma la macchina utensile dall intervento dell uomo; in questo modo si è inteso ridurre i rischi d errore umano legati alla molteplicità dei suoi interventi operativi e di contenere sensibilmente i costi di produzione, gravati da una discreta incidenza dei costi di manodopera. Tale risultato è stato ottenuto trasferendo tutte le informazioni necessarie all esecuzione di una lavorazione (dati tecnici del disegno, dati tecnologici come il Ng, velocità di taglio, tipo di utensile ecc ovvero il ciclo di lavoro) dall uomo alla macchina, semplificando anche il processo di elaborazione delle lavorazioni difficili che per l uomo costituiscono ostacoli la cui soluzione è costosa in termini di tempo e di attrezzature. Si è assistito inoltre ad un aumento dell affidabilità e della precisione della nuova macchina utensile, ma ciò è più che altro dovuto al normale progresso che ha interessato sia le tecnologie sia i materiali, e che si è andato sviluppando contemporaneamente alla ricerca di automatizzare la macchina stessa. Sintetizzando, il controllo numerico consente di: Ridurre sensibilmente i tempi d esecuzione Assicurare un grado costante di precisione Ridurre la necessità di controlli costosi in termini di tempo Ridurre il numero di addetti in generale, e di quelli qualificati in particolare Mentre le nuove attività che si rendono necessarie per la sua operatività sono: Programmazione della macchina Caricamento del pezzo (a volte è automatico) Avviamento della lavorazione, che prosegue poi ininterrottamente fino alla fine del ciclo Eventuali correzioni d aggiustamento al programma fra un ciclo e l altro IAL CENTRO PER L AUTOMAZIONE E LA MECCANICA 3

5 CONCETTO DI FLESSIBILITA Una macchina utensile tradizionale è manovrata direttamente da una persona che provvede a fissare in posizione il pezzo e l utensile, a manovrare i cambi di velocità, a inserire il liquido refrigerante, a fare le passate di lavoro e così via, fino allo smontaggio del pezzo finito. Se è necessario costruire un secondo pezzo uguale ad altro già eseguito, la persona addetta deve ripetere tutte le operazioni già compiute. Si può facilitare la ripetizione, quando sia da costruire un grande numero di pezzi uguali, ricorrendo ad apposite attrezzature o addirittura a macchine speciali, espressamente progettate per fare quel pezzo e non altri. Si riesce in tal modo ad automatizzare il procedimento di costruzione di un oggetto, con l inconveniente però di un alta rigidità produttiva, vale a dire che non è possibile cambiare il tipo di produzione se non cambiano le attrezzature e facendo costose modifiche alla macchina. L industria ricerca invece la massima flessibilità d impiego delle macchine comuni, ossia la possibilità di adattarle con prontezza al mutare della produzione, mantenendo però i vantaggi di tempo, di uniformità produttiva e di precisione propri delle macchine speciali. Si è potuto ottenere tale risultato con il controllo numerico (CN) delle macchine, ossia con l abbinamento delle macchine utensili a sistemi di comando e controllo basati sulla tecnica digitale e sull elaborazione elettronica. Il sistema è definito numerico perché gli impulsi elettrici di comando e controllo sono regolati da numeri, secondo le cifre 1 e 0 della logica binaria. Se consideriamo la flessibilità delle macchine utensili possiamo dire che: Le macchine utensili tradizionali sono le più flessibili ma totalmente dipendenti dall intervento dell uomo, quindi le meno veloci nell esecuzione dei pezzi. Le macchine semiautomatiche e automatiche sono meno flessibili ma più veloci nell esecuzione del pezzo perché meno dipendenti dall operatore. Le macchine copiatrici richiedono un ridotto intervento dell operatore ma anche attrezzature specifiche al pezzo da eseguire che la rendono poco flessibile. Le linee transfert sono un insieme coordinato di macchine utensili studiate appositamente per la lavorazione d ogni fase del pezzo, quindi un ottima velocità d esecuzione del pezzo ma pochissima flessibilità. Le macchine utensili a CNC assieme alle linee tranfert sono le meno soggette all intervento dell uomo; in più però conservano la capacità di lavorare una molteplicità di pezzi diversi indice di un elevata flessibilità. Per il loro governo (ma non per la programmazione) è spesso sufficiente un operatore con bassa qualifica. IAL CENTRO PER L AUTOMAZIONE E LA MECCANICA 4

6 STRUTTURA E LOGICA DI UNA MU A CNC La macchina utensile adatta al controllo numerico è costruita con accorgimenti particolari: poiché deve lavorare con grande precisione è necessario che sia molto robusta, per non assorbire le vibrazioni di lavoro; bisogna inoltre che i movimenti avvengano con il minimo attrito, che gli organi mobili presentino la minima inerzia, che i giochi negli accoppiamenti siano pressochè nulli. Gli utensili, nelle macchine a CN, devono potersi cambiare automaticamente e gli avanzamenti si devono ottenere con appositi motori su ogni slitta. Con il CN tutti i comandi sono impartiti, e la loro esecuzione è controllata, mediante impulsi elettrici di tipo binario provenienti da una unità di governo abbinata alla macchina utensile, o da un computer. Ciò richiede un adeguata programmazione del lavoro che traduca tutte le informazioni in numeri, secondo un linguaggio accessibile all unità di governo o al computer. La programmazione si basa su regole che permettono di tradurre le operazioni e i dati di un ciclo di lavorazione secondo un codice numerico determinato. Le informazioni codificate vengono introdotte nell unità di governo attraverso un supporto magnetico (dischetto), ma anche direttamente con una tastiera. L unità di governo legge e memorizza le informazioni, le elabora e le trasforma in segnali elettrici di comando e controllo. Ogni volta che si deve fabbricare anche un solo esemplare di un pezzo già prodotto, basta richiamare dall archivio (memoria del computer o dischetto) il programma e introdurlo nell unità di governo; tutte le operazioni programmate vengono eseguite in sequenza generando un pezzo praticamente identico al precedente. Nei sistemi più complessi l unità di governo è un computer, che interagisce con la macchina modificando la lavorazione in base alle risposte che riceve dai sensori di retroazione. Le macchine a controllo numerico con computer sono indicate con la sigla CNC. Quando un unico computer centrale interagisce con un gruppo di macchine, ciascuna delle quali può compiere lavorazioni del tutto diverse, si ha un sistema di macchine a controllo diretto, indicato con DNC. IAL CENTRO PER L AUTOMAZIONE E LA MECCANICA 5

7 COMPONENTI FONDAMENTALI DI UNA MU A CNC La MU a CNC è costituita essenzialmente da due complessi, separati strutturalmente, ma collegati nel funzionamento: la macchina utensile, con struttura meccanica essenzialmente simile a quella delle MU tradizionali; l unità di governo, il sistema elettronico (denominato Controllo Numerico Computerizzato) preposto al controllo di tutti i movimenti e degli azionamenti che si rendono necessari durante la lavorazione. UNITA DI GOVERNO MACCHINA UTENSILE Quando si fa riferimento alle macchine utensili si vogliono comprendere sia quelle più comuni come il tornio o la fresatrice, sia quelle speciali come una fresa od un trapano a teste multiple, ecc ; ciò premesso le parti principali che caratterizzano una macchina utensile a controllo numerico e la differenziano dalle restanti macchine utensili sono: Parte Meccanica Guide dei movimenti a basso attrito, a bassa inerzia ed assenza di impuntamento scivolamento Viti per la movimentazione degli assi a basso attrito e contenimento, od assenza, di giochi Parte Elettrica Motori a velocità variabile per l azionamento del mandrino e per la movimentazione degli assi Quadro di potenza Parte Elettronica Trasduttori Unità di Governo IAL CENTRO PER L AUTOMAZIONE E LA MECCANICA 6

8 Guide: uno dei principali vantaggi che offrono le macchine utensili a controllo numerico è la capacità di eseguire spostamenti e lavorazioni molto precisi, dell ordine anche di pochi millesimi. Di conseguenza, per ottenere spostamenti micrometrici degli assi, con soluzione di continuità anche a basse velocità, occorre ridurre al massimo l attrito fra slitte e guide, evitando inoltre quel fenomeno d incollaggio che viene definito attrito di primo distacco. Allo scopo si è ricorso a materiali antifrizione e ad efficienti apparati di lubrificazione continua; o ancor più, quando i pesi in gioco si fanno consistenti, si ricorre a complessi sistemi di sostentamento idraulico e in alcuni casi a pattini a circolazione di rulli. Viti di manovra: sempre legato all aspetto della precisione è la possibilità di poter trasmettere e controllare con assoluta precisione i movimenti dei vari assi. Il problema è stato risolto con l adozione di viti a ricircolazione di sfere, che oltre a ridurre notevolmente gli attriti e con essi gli sforzi e l usura, mediante una particolare doppia chiocciola registrabile ha permesso d azzerare i giochi. IAL CENTRO PER L AUTOMAZIONE E LA MECCANICA 7

9 Motori elettrici: i tradizionali motori a corrente alternata ed a velocità costante hanno sempre richiesto un cambio di velocità ad ingranaggi in grado di assicurare una gamma predefinita di velocità diverse. L evoluzione di questo settore ci consente oggi di disporre di motori con variazione della velocità di tipo continuo (senza avere quindi spazi di velocità non disponibili) sia a corrente continua che a corrente alternata con controllo della frequenza. IAL CENTRO PER L AUTOMAZIONE E LA MECCANICA 8

10 Trasduttori: i trasduttori sono dei rilevatori di posizione che trasformano lo spostamento di un organo mobile (slitta, ecc..), o il movimento di un organo di comando (vite), in un segnale elettrico che opportunamente elaborato fornisce l esatta misura dello spostamento dell organo interessato. Normalmente il trasduttore è considerato come parte integrante dell unità di governo in quanto terminale dell unità periferica; abbiamo preferito inserirlo a parte perché quest organo è oggi montato anche su molte delle macchine utensili cosiddette tradizionali dove viene collegato a un semplice visualizzatore di quote. Lettura diretta e indiretta sulle MU a CNC sono impiegati i trasduttori ottici, detti encoder. Il trasduttore ottico può essere costituito da un disco suddiviso in un grandissimo numero di settori trasparenti alternati ad altrettanti settori opachi e da una luce che proietta sul disco un sottilissimo raggio. Quando il disco è in rotazione, i brevi lampi generati dal passaggio del filo di luce attraverso i settori trasparenti colpiscono ed eccitano un fotodiodo, che a sua volta trasmette impulsi di tensione in numero proporzionale all angolo di rotazione del disco. Essendo il disco fissato sulla vite conduttrice, dalla sua rotazione si può calcolare lo spostamento lineare della slitta; spetta quindi al comparatore porre a confronto lo spostamento programmato con la posizione raggiunta dall utensile e provvede all arresto del moto quando la differenza è ridotta a zero. La misurazione della posizione appena descritta è di tipo indiretto perché si misura la rotazione della vite; è invece di tipo diretto se si usa per la lettura una riga di misura applicata direttamente sulla slitta. Il metodo diretto ha il pregio di eliminare gli errori della catena cinematica, ma risulta più costoso; il metodo indiretto invece ha costi più bassi e richiede operazioni di manutenzione più semplici. IAL CENTRO PER L AUTOMAZIONE E LA MECCANICA 9

11 L Unità di Governo: L unità di governo potremmo definirla come il cervello e l insieme degli organi sensoriali di una macchina utensile a controllo numerico; ovvero è l insieme degli apparati d elaborazione dei dati, d invio e di ricezione delle informazioni agli organi in movimento della macchina. In sintesi, l UG ha il compito di attivare, coordinare e disattivare, nei modi e nei tempi prestabiliti, i comandi dei servomeccanismi che azionano la macchina utensile. Esternamente l unità di governo è costituita da una console (input) e da un monitor per dialogare con l operatore (output). La console è dotata di pulsanti e manopole per funzioni specifiche (accensione/spegnimento, esecuzione con differenti modalità della lavorazione, ricerca di programmi e blocchi, inserimento di dati, spostamento manuale di assi ecc..); normalmente comprende, inoltre, una tastiera alfanumerica che serve per l inserimento dei programmi e dei dati. Il monitor serve per visualizzare i programmi residenti in memoria, i dati relativi allo stato della macchina, i parametri in uso nel programma in esecuzione (utensile, Ng, velocità d avanzamento ed eventuali correzioni di lunghezza o raggio utensile nonché la posizione attuale degli assi principali X,Y e Z) ed infine, eventualmente, la simulazione grafica della lavorazione. IAL CENTRO PER L AUTOMAZIONE E LA MECCANICA 10

L automazione. L automazione. Insieme delle tecniche e dei metodi per sostituire o ridurre l intervento umano in un attività lavorativa

L automazione. L automazione. Insieme delle tecniche e dei metodi per sostituire o ridurre l intervento umano in un attività lavorativa L automazione 1 L automazione Insieme delle tecniche e dei metodi per sostituire o ridurre l intervento umano in un attività lavorativa Politecnico di Torino 1 Automazione delle macchine utensili (M.U.)

Dettagli

FRESATRICI CLASSIFICAZIONE DELLE FRESATRICI

FRESATRICI CLASSIFICAZIONE DELLE FRESATRICI FRESATRC CLASSFCAZONE DELLE FRESATRC Le fresatrici si distinguono principalmente per la disposizione dell albero portafresa e per le possibilità di movimento della tavola portapezzo. Si classificano in

Dettagli

LE MACCHINE UTENSILI A CONTROLLO NUMERICO

LE MACCHINE UTENSILI A CONTROLLO NUMERICO LE MACCHINE UTENSILI A CONTROLLO NUMERICO Unità 3 PRODUZIONE E MENU VITI A RICIRCOLO DI SFERE TESTA MOTRICE CONTROTESTA CONTROMANDRINO AZIONAMENTO MANDRINO AZIONAMENTO ASSI ELETTROMANDRINI SERVIZI DI MACCHINA

Dettagli

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC Riferimento al linguaggio di programmazione STANDARD ISO 6983 con integrazioni specifiche per il Controllo FANUC M21. RG - Settembre 2008

Dettagli

ESERCITAZIONE Scrittura di un programma CNC per la fresatura di un componente dato

ESERCITAZIONE Scrittura di un programma CNC per la fresatura di un componente dato ESERCITAZIONE Scrittura di un programma CNC per la fresatura di un componente dato Nella presente esercitazione si redige il programma CNC per la fresatura del pezzo illustrato nelle Figure 1 e 2. Figura

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE N10 G0 X5 Y5

LA PROGRAMMAZIONE N10 G0 X5 Y5 LA PROGRAMMAZIONE Un programma per una Macchina Utensile CNC è costituito da una sequenza logica di informazioni geometriche, tecnologiche ed ausiliarie (fasi di lavoro). Le informazioni geometriche riguardano

Dettagli

classe 4 MECCANICI SERALE

classe 4 MECCANICI SERALE TORNIO CNC classe 4 MECCANICI SERALE 1 PARTE COSTRUZIONE DI UN PROGRAMMA TORNIO CNC Il programma di lavorazione deve essere immesso con un formato accettabile dal CNC. Tale formato deve comprendere tutti

Dettagli

Trasduttori di posizione e velocità.

Trasduttori di posizione e velocità. Trasduttori di posizione e velocità. Tra le innumerevoli categorie di trasduttori di posizione esistono gli encoder ottici digitali che si possono raggruppare in tre tipologie a seconda del segnale fornito

Dettagli

TOP CUT 500 ALLESTIMENTO BASE (A)

TOP CUT 500 ALLESTIMENTO BASE (A) TOP CUT 500 E una fresa a ponte, completamente costruita in fusione di ghisa, il movimento degli assi avviene su guide a ricircolo di sfere, mediante cremagliere ad alta precisione, riduttori a gioco ridotto

Dettagli

Corso di controllo numerico (Cnc iso)

Corso di controllo numerico (Cnc iso) Corso di controllo numerico (Cnc iso) A cura di Ferrarese Adolfo. - Copyright 2007 - Ferrarese Adolfo - Tutti i diritti riservati - 1 Prefazione: Il corso si articola in 8 sezioni: 7 lezioni più un'ampia

Dettagli

TORNIO ANTARES controllo OSAI 8600 T

TORNIO ANTARES controllo OSAI 8600 T ITIS Varese Tecnologia Meccanica ed Esercitazioni Reparto Macchine Utensili TORNIO ANTARES controllo OSAI 8600 T Appunti per l utilizzo del modulo di comando (dal manuale OSAI riservato ai propri clienti)

Dettagli

PREMESSA AUTOMAZIONE E FLESSIBILITA'

PREMESSA AUTOMAZIONE E FLESSIBILITA' PREMESSA In questa lezione analizziamo i concetti generali dell automazione e confrontiamo le diverse tipologie di controllo utilizzabili nei sistemi automatici. Per ogni tipologia si cercherà di evidenziare

Dettagli

UNIVERSITA degli STUDI di BERGAMO FACOLTA di INGEGNERIA. Corso di AUTOMAZIONE INDUSTRIALE

UNIVERSITA degli STUDI di BERGAMO FACOLTA di INGEGNERIA. Corso di AUTOMAZIONE INDUSTRIALE UNIVERSITA degli STUDI di BERGAMO FACOLTA di INGEGNERIA Corso di AUTOMAZIONE INDUSTRIALE Prof. Andrea Cataldo andrea.cataldo@itia.cnr.it ARGOMENTI delle ESERCITAZIONI CONTROLLO NUMERICO in AULA CONTROLLO

Dettagli

6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua

6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua 6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua L insieme di equazioni riportato di seguito, costituisce un modello matematico per il motore in corrente continua (CC) che può essere rappresentato

Dettagli

PLC Sistemi a Logica Programmabile

PLC Sistemi a Logica Programmabile PLC Sistemi a Logica Programmabile Prof. Nicola Ingrosso Guida di riferimento all applicazione applicazione dei Microcontrollori Programmabili IPSIA G.Ferraris Brindisi nicola.ingrosso @ ipsiaferraris.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EIA/ISO Macchine Utensili CNC

PROGRAMMAZIONE EIA/ISO Macchine Utensili CNC PROGRAMMAZIONE EIA/ISO Macchine Utensili CNC A cura di Massimo Reboldi Versione 2.0 7/1/14 La programmazione EIA/ISO! Introduzione! Assi e Riferimenti! Linguaggio di programmazione! Grammatica;! Lessico;!

Dettagli

IL CONTROLLO AUTOMATICO: TRASDUTTORI, ATTUATORI CONTROLLO DIGITALE, ON-OFF, DI POTENZA

IL CONTROLLO AUTOMATICO: TRASDUTTORI, ATTUATORI CONTROLLO DIGITALE, ON-OFF, DI POTENZA IL CONTROLLO AUTOMATICO: TRASDUTTORI, ATTUATORI CONTROLLO DIGITALE, ON-OFF, DI POTENZA TRASDUTTORI In un sistema di controllo automatico i trasduttori hanno il compito di misurare la grandezza in uscita

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ASSISTITA DAL COMPUTER (CAD/CAM)

PROGRAMMAZIONE ASSISTITA DAL COMPUTER (CAD/CAM) PROGRAMMAZIONE ASSISTITA DAL COMPUTER (CAD/CAM) Con la programmazione manuale, il programmatore descrive un ciclo di lavoro nella sequenza voluta ed in un linguaggio comprensibile all unità di governo.

Dettagli

[ significa: Connubio perfetto di stabilità e dinamica. FAmup Linearmill 600. Centro di lavoro a 5 assi ad elevate prestazioni

[ significa: Connubio perfetto di stabilità e dinamica. FAmup Linearmill 600. Centro di lavoro a 5 assi ad elevate prestazioni [ E[M]CONOMy] significa: Connubio perfetto di stabilità e dinamica. FAmup Linearmill 600 Centro di lavoro a 5 assi ad elevate prestazioni FAmup Linearmill 600 [Magazzino utensili] - Magazzino utensili

Dettagli

Centri di lavorazione meccanica. Il centro di lavoro Gli elementi secondari Gli utensili Il mandrino. Il centro di lavoro

Centri di lavorazione meccanica. Il centro di lavoro Gli elementi secondari Gli utensili Il mandrino. Il centro di lavoro Centri di lavorazione meccanica Il centro di lavoro Gli elementi secondari Gli utensili Il mandrino Il centro di lavoro Il centro di lavoro Il centro di lavoro è una macchina utensile dotata di controllo

Dettagli

All interno del computer si possono individuare 5 componenti principali: SCHEDA MADRE. MICROPROCESSORE che contiene la CPU MEMORIA RAM MEMORIA ROM

All interno del computer si possono individuare 5 componenti principali: SCHEDA MADRE. MICROPROCESSORE che contiene la CPU MEMORIA RAM MEMORIA ROM Il computer è un apparecchio elettronico che riceve dati di ingresso (input), li memorizza e gli elabora e fornisce in uscita i risultati (output). Il computer è quindi un sistema per elaborare informazioni

Dettagli

CENNI SULLE MACCHINE UTENSILI A

CENNI SULLE MACCHINE UTENSILI A asdf CENNI SULLE MACCHINE UTENSILI A CONTROLLO NUMERICO 18 December 2011 Premessa all'articolo L'intento di questo articolo è quello di parlare brevemente (e relativamente alle mie esigue conoscenze in

Dettagli

Corso di Automazione industriale

Corso di Automazione industriale Corso di Automazione industriale Lezione 11 Macchine utensili e controllo numerico Programmazione CNC Università degli Studi di Bergamo, Automazione Industriale, A.A. 2015/2016, A. L. Cologni 1 Introduzione

Dettagli

14.4 Pompe centrifughe

14.4 Pompe centrifughe 14.4 Pompe centrifughe Le pompe centrifughe sono molto diffuse in quanto offrono una notevole resistenza all usura, elevato numero di giri e quindi facile accoppiamento diretto con i motori elettrici,

Dettagli

TECNOLOGIA MECCANICA LE MACCHINE UTENSILI A CNC I Centri di Lavoro

TECNOLOGIA MECCANICA LE MACCHINE UTENSILI A CNC I Centri di Lavoro LE MACCHINE UTENSILI A CNC I Centri di Lavoro Centro per l Automazione e la Meccanica Via Rainusso 138/N 41100 Modena INDICE 1 Fresatrici, Alesatrici e Centri di Lavoro pag. 2 1.1 Generalità 2 1.2 Struttura

Dettagli

AUTOMAZIONE INDUSTRIALE

AUTOMAZIONE INDUSTRIALE AUTOMAZIONE INDUSTRIALE Lo schema seguente descrive l evoluzione dei sistemi di produzione industriale con l avvento dell automazione. Vengono presi in considerazione la lavorazione alle macchine utensili,

Dettagli

Macchina per l affilatura delle superfici di spoglia laterali di lame circolari con riporti in metallo duro, da Ø 80 a 650 mm CPF 650 SEGA CIRCOLARE

Macchina per l affilatura delle superfici di spoglia laterali di lame circolari con riporti in metallo duro, da Ø 80 a 650 mm CPF 650 SEGA CIRCOLARE Macchina per l affilatura delle superfici di spoglia laterali di lame circolari con riporti in metallo duro, da Ø 80 a 650 mm CPF 650 SEGA CIRCOLARE / SEGA CIRCOLARE // SUPERFICIE DI SPOGLIA LATERALE UNA

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE

TECNICO SUPERIORE PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA FIGURA

Dettagli

IL PLC 1/9. permanente, la memoria volatile e i pin di I/O, oltre ad eventuali altri blocchi specializzati.

IL PLC 1/9. permanente, la memoria volatile e i pin di I/O, oltre ad eventuali altri blocchi specializzati. IL PLC 1/9 Storia Il motivo per il quale nacque il PLC fu la necessità di eliminare i costi elevati per rimpiazzare i sistemi complicatissimi basati su relè. Nel anni 70 la società Beadford Associates

Dettagli

SEGATRICE A NASTRO A DUE COLONNE BROWN SN 650 SEGATRICE A NASTRO SEMIAUTOMATICA IDRAULICA A CONTROLLO NUMERICO

SEGATRICE A NASTRO A DUE COLONNE BROWN SN 650 SEGATRICE A NASTRO SEMIAUTOMATICA IDRAULICA A CONTROLLO NUMERICO IBP SpA SEGATRICE A NASTRO A DUE COLONNE BROWN SN 650 SEGATRICE A NASTRO SEMIAUTOMATICA IDRAULICA A CONTROLLO NUMERICO Segatrice a nastro a due colonne progettata per essere utilizzata principalmente da

Dettagli

La stampa 3D non è quindi possibile senza il disegno CAD 3D dell'oggetto.

La stampa 3D non è quindi possibile senza il disegno CAD 3D dell'oggetto. COS È LA STAMPA 3D https://www.youtube.com/watch?v=n1nrcb8p18y La STAMPA 3D è la denominazione di un insieme di varie tecnologie di produzione automatica additiva, a strati, grazie alle quali si rende

Dettagli

COMANDI PER CICLI. Ciclo: un insieme di operazioni (movimentazioni, ecc.) che evolvono secondo una sequenza prestabilita.

COMANDI PER CICLI. Ciclo: un insieme di operazioni (movimentazioni, ecc.) che evolvono secondo una sequenza prestabilita. COMANDI PER CICLI Ciclo: un insieme di operazioni (movimentazioni, ecc.) che evolvono secondo una sequenza prestabilita. Tipologie di comandi per cicli: 1. MANUALI o ARBITRARI : ogni azione della sequenza

Dettagli

Il centro di lavoro. Centri di lavorazione meccanica. Il centro di lavoro. Macchina utensile

Il centro di lavoro. Centri di lavorazione meccanica. Il centro di lavoro. Macchina utensile Centri di lavorazione meccanica Il centro di lavoro Gli elementi secondari Gli utensili Il mandrino Il centro di lavoro Il centro di lavoro è una macchina utensile dotata di controllo numerico in grado

Dettagli

B 5000 Sistema di saldatura

B 5000 Sistema di saldatura B 5000 Sistema di saldatura Oggi per dimostrare la propria competenza tecnica e soddisfare le esigenze del mercato, un costruttore di impianti per produzioni in massa di componenti deve conoscere a fondo

Dettagli

Intervista all Ing Michael Bubolz, Amministratore Delegato della Azienda Micheal Bubolz Zerspannungstechnick

Intervista all Ing Michael Bubolz, Amministratore Delegato della Azienda Micheal Bubolz Zerspannungstechnick MICROTECNICA + COMPONENTI Tecnica medicale Intervista all Ing Michael Bubolz, Amministratore Delegato della Azienda Micheal Bubolz Zerspannungstechnick LA 305LINEAR SCHÜTTE: MAGAZZINO A CINQUE POSTAZIONI

Dettagli

COLOSIO PRESENTA LA NUOVA PRESSA A RISPARMIO ENERGETICO

COLOSIO PRESENTA LA NUOVA PRESSA A RISPARMIO ENERGETICO COLOSIO PRESENTA LA NUOVA PRESSA A RISPARMIO ENERGETICO L esigenza di abbassare drasticamente i costi produttivi per rimanere competitivi sul mercato globale e la necessità di ridurre l impatto ambientale

Dettagli

PROGRAMMAZIONE della M.U. CNC

PROGRAMMAZIONE della M.U. CNC PROGRAMMAZIONE della M.U. CNC 1 La programmazione delle M.U. CNC 1 Generalità 2 Geometrie di riferimento 3 Grammatica 4 Lessico 5 Sintassi 6 Esempi 7 Linguaggio APT 2 La programmazione delle M.U. CNC Le

Dettagli

Condizioni ambientali per le le macchine utensili. Ing. Gianfranco Malagola Alesamonti Barasso (VA)

Condizioni ambientali per le le macchine utensili. Ing. Gianfranco Malagola Alesamonti Barasso (VA) 1 Condizioni ambientali per le le macchine utensili Ing. Gianfranco Malagola Alesamonti Barasso (VA) Condizioni ambientali 2 Per garantire le migliori prestazioni della macchina utensile è necessario mantenere

Dettagli

CENTRO DI LAVORO EC43 a 5 assi

CENTRO DI LAVORO EC43 a 5 assi Meccaniche Arrigo Pecchioli Via di Scandicci 221-50143 Firenze (Italy) - Tel. (+39) 055 70 07 1 - Fax (+39) 055 700 623 e-mail: pear@pear.it - www.pear.it Altri file a disposizione per informazioni complementari

Dettagli

Hardware, software e periferiche. Facoltà di Lettere e Filosofia anno accademico 2008/2009 secondo semestre

Hardware, software e periferiche. Facoltà di Lettere e Filosofia anno accademico 2008/2009 secondo semestre Hardware, software e periferiche Facoltà di Lettere e Filosofia anno accademico 2008/2009 secondo semestre Riepilogo - Concetti di base dell informatica L'informatica è quel settore scientifico disciplinare

Dettagli

TRASDUTTORI DI POSIZIONE: ENCODER Generalità:

TRASDUTTORI DI POSIZIONE: ENCODER Generalità: TRASDUTTORI DI POSIZIONE: ENCODER Generalità: L'Encoder è un apparato elettromeccanico che converte la posizione angolare del suo asse rotante in un segnale elettrico digitale. Collegato ad opportuni circuiti

Dettagli

RM-NC GRM-NC. Trancia-piegatrici automatiche servo-controllate

RM-NC GRM-NC. Trancia-piegatrici automatiche servo-controllate RM-NC GRM-NC Trancia-piegatrici automatiche servo-controllate Le trancia-piegatrici automatiche servocontrollate più veloci al mondo Aumentate l efficienza nella produzione. Grazie alle trancia-piegatrici

Dettagli

Manipolazione e uso scorretto ragionevolmente prevedibile nelle macchine utensili : casi di studio

Manipolazione e uso scorretto ragionevolmente prevedibile nelle macchine utensili : casi di studio Manipolazione e uso scorretto ragionevolmente prevedibile nelle macchine utensili : casi di studio Bruno Maiocchi Direzione tecnica UCIMU-SPP e coordinatore tecnico FEDERMACCHINE ARTICOLAZIONE INTERVENTO

Dettagli

Fresatrice a montante mobile di costruzione MAKE mod. ALTAIR 130/160/200 doppia colonna e testa centrale (sistema box in box)

Fresatrice a montante mobile di costruzione MAKE mod. ALTAIR 130/160/200 doppia colonna e testa centrale (sistema box in box) Fresatrice a montante mobile di costruzione MAKE mod. ALTAIR 130/160/200 doppia colonna e testa centrale (sistema box in box) MAKE è nata in parte dall esperienza di tecnici di progettazione, valorizzando

Dettagli

NOTA: i pezzi di uno stesso lotto sono fra di loro intercambiabili, ma non è detto che siano intercambiabili con i pezzi di un altro lotto.

NOTA: i pezzi di uno stesso lotto sono fra di loro intercambiabili, ma non è detto che siano intercambiabili con i pezzi di un altro lotto. 1 T I P I D I P R O D U Z I O N E Per PRODUZIONE s intende l insieme delle lavorazioni, dei controlli, dei montaggi necessari alla realizzazione di un particolare o di un complessivo. La produzione può

Dettagli

MATERIA: LABORATORIO DI MECCANICA

MATERIA: LABORATORIO DI MECCANICA UF1 - PRODURRE ALLA FRESATRICE Norme del disegno tecnico. Tolleranze di lavorazione. Lettura degli strumenti di misura e di controllo Conoscenza degli utensili per fresare Calcolo dei parametri di taglio.

Dettagli

Istituto tecnico commerciale e per geometri Enrico Fermi

Istituto tecnico commerciale e per geometri Enrico Fermi Istituto tecnico commerciale e per geometri Enrico Fermi Argomenti: Il modello logico funzionale i componenti dell'elaboratore; i bus; Relazione svolta dall'alunno/a : GARUFI CARLA della 3 B progr 2011/2012.

Dettagli

SISTEMI DI PRODUZIONE

SISTEMI DI PRODUZIONE SISTEMI DI PRODUZIONE 1/49 Tipologia di sistemi produttivi Volume Sistema rigido Sistema flessibile Varietà parti 2/49 Modelli di Sistemi di produzione Sono basati sulla ripetitività delle operazioni di

Dettagli

ITIS E. FERMI DESIO AREA DI PROGETTO D.M. 09/03/1994. Specializzazione: Meccanica

ITIS E. FERMI DESIO AREA DI PROGETTO D.M. 09/03/1994. Specializzazione: Meccanica ITIS E. FERMI DESIO AREA DI PROGETTO D.M. 09/03/1994 Specializzazione: Meccanica L area di progetto E nata dalla necessità di contribuire alla formazione dei nuovi profili professionali, indicati dal Ministero

Dettagli

Dispensa di Informatica I.1

Dispensa di Informatica I.1 IL COMPUTER: CONCETTI GENERALI Il Computer (o elaboratore) è un insieme di dispositivi di diversa natura in grado di acquisire dall'esterno dati e algoritmi e produrre in uscita i risultati dell'elaborazione.

Dettagli

FRESATRICE A BANCO FISSO FMC 4 ASSI

FRESATRICE A BANCO FISSO FMC 4 ASSI 1 FRESATRICE A BANCO FISSO FMC 4 ASSI (QUATTRO ASSI LINEARI ) CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE STRUTTURA DELLA MACCHINA La struttura, realizzata completamente in fusione di ghisa perlitica stabilizzata, garantisce

Dettagli

L'automazione nei processi industriali

L'automazione nei processi industriali L'automazione nei processi industriali Un processo industriale è l insieme delle operazioni che concorrono a trasformare le caratteristiche e le proprietà di materiali, tipi di energia e/o informazioni

Dettagli

l unico sistema di trattamento dei tubi catodici che consente di tagliare la cintura antimplosione e separare i vetri in un unica stazione di lavoro.

l unico sistema di trattamento dei tubi catodici che consente di tagliare la cintura antimplosione e separare i vetri in un unica stazione di lavoro. EcoCRT : trattamento tubi catodi di monitor e televisori Un progetto : Premessa e finalità della macchina La macchina è stata progettata e realizzata per il taglio del tubo catodico (separazione pannello

Dettagli

ADIR C Centro di lavoro a 3 assi controllati con rotazione del piano di lavoro -90 /0 /+90

ADIR C Centro di lavoro a 3 assi controllati con rotazione del piano di lavoro -90 /0 /+90 ADIR C Centro di lavoro a 3 assi controllati con rotazione del piano di lavoro -90 /0 /+90 26/03/2015 - Pagina 1 di 10 Caratteristiche tecniche Carterizzazioni laterale e posteriore fisse. Anteriore a

Dettagli

TORNI VERTICALI A DUE MONTANTI Mod. 1520, 1525, 1L532

TORNI VERTICALI A DUE MONTANTI Mod. 1520, 1525, 1L532 TORNI VERTICALI A DUE MONTANTI Mod. 15, 155, 1L5 M.I.R.M.U. Via Baldinucci, 4 158 Milano Tel.959 Fax.9954 info @mirmu.it 1 Le macchine sono destinate alle operazioni di sgrossatura e di finitura di pezzi

Dettagli

hhb - Stop Time Meter Misurazione della velocità e del tempo d arresto su macchine

hhb - Stop Time Meter Misurazione della velocità e del tempo d arresto su macchine 1 Misurazione della velocità e del tempo d arresto su macchine 2 Misurazione del tempo d arresto mobile pratico Ottimo per il servizio mobile. Lo strumento e tutti componenti si trovano in una valigetta

Dettagli

TRONCATRICE DOPPIA TESTA ELETTRONICA 600 TSE

TRONCATRICE DOPPIA TESTA ELETTRONICA 600 TSE TRONCATRICE DOPPIA TESTA ELETTRONICA 600 TSE 600 TSE/TSP - 550 TSE/TSP Troncatrice doppia testa elettronica Troncatrice doppia testa a 3 assi controllati per alluminio, PVC e leghe leggere, ideale per

Dettagli

Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Civile e Ingegneria per l Ambiente e il Territorio

Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Civile e Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Civile e Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Rappresentazione dell Informazione

Dettagli

Misure di frequenza e di tempo

Misure di frequenza e di tempo Misure di frequenza e di tempo - 1 Misure di frequenza e di tempo 1 - Contatori universali Schemi e circuiti di riferimento Per la misura di frequenza e di intervalli di tempo vengono diffusamente impiegati

Dettagli

TORNIO CNC HURCO TM6i

TORNIO CNC HURCO TM6i Hurco Srl - Via Marconi, 35/D - 20082 Binasco (MI) Tel. +39 02 90006047 - Fax +39 02 90090772 Fax assistenza +39 02 90096678 www.hurco.it - hurco@hurco.it TORNIO CNC HURCO TM6i TM6i è un tornio orizzontale

Dettagli

automatizzare il flusso di lavoro degli imballaggi

automatizzare il flusso di lavoro degli imballaggi 3 buoni motivi per automatizzare il flusso di lavoro degli imballaggi 1. Massima qualità per ogni lavoro 2. Tutte le attività per completare il lavoro 3. Collegamento ai sistemi di gestione degli ordini

Dettagli

Modulo 1 Le memorie. Si possono raggruppare i sistemi di elaborazione nelle seguenti categorie in base alle possibilità di utilizzazione:

Modulo 1 Le memorie. Si possono raggruppare i sistemi di elaborazione nelle seguenti categorie in base alle possibilità di utilizzazione: Modulo 1 Le memorie Le Memorie 4 ETA Capitolo 1 Struttura di un elaboratore Un elaboratore elettronico è un sistema capace di elaborare dei dati in ingresso seguendo opportune istruzioni e li elabora fornendo

Dettagli

Belt Tension System SKF. Il metodo SKF per supportare la trasmissione Facile Veloce Ripetibile

Belt Tension System SKF. Il metodo SKF per supportare la trasmissione Facile Veloce Ripetibile Belt Tension System SKF Il metodo SKF per supportare la trasmissione Facile Veloce Ripetibile Belt Tension System SKF Una soluzione innovativa per trasmissioni a cinghia È risaputo che le cinghie debbono

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - OPERATORE ALLE MACCHINE TRADIZIONALI E A CONTROLLO NUMERICO

Dettagli

Galileo Assistenza & Post Vendita

Galileo Assistenza & Post Vendita Galileo Assistenza & Post Vendita SOMMARIO PRESENTAZIONE... 2 AREE DI INTERESSE... 2 PUNTI DI FORZA... 2 Caratteristiche... 3 Funzioni Svolte... 4 ESEMPI.7-1 - PRESENTAZIONE Sempre più spesso ci si riferisce

Dettagli

SH.Invoice è un software pratico e completo per la gestione della fatturazione di professionisti e imprese.

SH.Invoice è un software pratico e completo per la gestione della fatturazione di professionisti e imprese. Presentazione: SH.Invoice è un software pratico e completo per la gestione della fatturazione di professionisti e imprese. Il programma si distingue per la rapidità e l elasticità del processo di gestione

Dettagli

Pantografi comandati da computer per: Incidere Fresare Tagliare Forare Molti tipi di materiali: Legno, MDF Forex, PVC Alluminio Ottone Argento e Oro

Pantografi comandati da computer per: Incidere Fresare Tagliare Forare Molti tipi di materiali: Legno, MDF Forex, PVC Alluminio Ottone Argento e Oro Pantografi comandati da computer per: Incidere Fresare Tagliare Forare Molti tipi di materiali: Legno, MDF Forex, PVC Alluminio Ottone Argento e Oro E tanti altri Diversi settori: Impiantistica Legno e

Dettagli

WWW.MECDATA.IT P22 P22 : SOFTWARE PER LA PREVENTIVAZIONE. Mecdata Srl www.mecdata.it info@mecdata.it Tel.051.790428

WWW.MECDATA.IT P22 P22 : SOFTWARE PER LA PREVENTIVAZIONE. Mecdata Srl www.mecdata.it info@mecdata.it Tel.051.790428 WWW.MECDATA.IT v.2.7 P22 P22 : SOFTWARE PER LA PREVENTIVAZIONE P22 P22 : SOFTWARE PER LA PREVENTIVAZIONE P22... 2 I valori del preventivo... 3 Header Testata... 3 Materiali M20... 3 Ciclo di Lavoro...

Dettagli

CMTS SISTEMA DI MISURA PER MOTORI ELEVATORI E STERZO ELETTRICO Sistema di prova per motori elettrici per elevatori e sterzi guida elettrici

CMTS SISTEMA DI MISURA PER MOTORI ELEVATORI E STERZO ELETTRICO Sistema di prova per motori elettrici per elevatori e sterzi guida elettrici CMTS SISTEMA DI MISURA PER MOTORI ELEVATORI E STERZO ELETTRICO Sistema di prova per motori elettrici per elevatori e sterzi guida elettrici APPLICAZIONE Magtrol ha progettato questo sistema di test su

Dettagli

ESECUZIONE DELLE FILETTATURE

ESECUZIONE DELLE FILETTATURE asdf ESECUZIONE DELLE FILETTATURE 14 January 2012 Il seguente articolo si propone di realizzare un excursus dei principali metodi di esecuzione di una filettatura. Ci soffermeremo maggiormente su alcuni

Dettagli

RELAZIONE RIASSUNTIVA DEL PROGETTO: Macchina a controllo numerico a 3 assi

RELAZIONE RIASSUNTIVA DEL PROGETTO: Macchina a controllo numerico a 3 assi RELAZIONE RIASSUNTIVA DEL PROGETTO: Macchina a controllo numerico a 3 assi INTRODUZIONE: La macchina realizzata è un complesso multifunzionale che permette lo spostamento di molti tipi di utensili o comunque

Dettagli

MODUS. Centro di Lavoro a 3 assi controllati con rotazione tavolo porta profili -90, 0, +90 per la lavorazione su 3 facce del profilo.

MODUS. Centro di Lavoro a 3 assi controllati con rotazione tavolo porta profili -90, 0, +90 per la lavorazione su 3 facce del profilo. MODUS Centro di Lavoro a 3 assi controllati con rotazione tavolo porta profili -90, 0, +9 per la lavorazione su 3 facce del profilo. CARATTERISTICHE TECNICHE: Carenatura perimetrale con apertura portellone

Dettagli

BNC 2. Sistema di produzione servocontrollato

BNC 2. Sistema di produzione servocontrollato Sistema di produzione servocontrollato Ottimizzazione della produzione Trasferite la produzione in serie di componenti a nastro e a filo sul nuovo sistema di produzione servocontrollato BNC 2. La macchina

Dettagli

LAVORAZIONI INDUSTRIALI

LAVORAZIONI INDUSTRIALI TORNITURA 1 LAVORAZIONI INDUSTRIALI Nelle lavorazioni industriali per asportazione di truciolo sono sempre presenti: Pezzo Grezzo Macchina Utensile Utensile Attrezzatura 2 1 TORNITURA 3 TORNITURA Obiettivo:

Dettagli

Scheda. Descrizione della macchina

Scheda. Descrizione della macchina Scheda 1 Lavorazione: Macchina: TORNITURA TORNIO PARALLELO Descrizione della macchina I torni sono macchine che eseguono l asportazione di truciolo: lo scopo è ottenere superfici esterne e interne variamente

Dettagli

Architettura di un calcolatore

Architettura di un calcolatore 2009-2010 Ingegneria Aerospaziale Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (E-Z) 7 Architettura di un calcolatore Lez. 7 1 Modello di Von Neumann Il termine modello di Von Neumann (o macchina di Von

Dettagli

PRINCIPI DI TRASDUZIONE

PRINCIPI DI TRASDUZIONE PRINCIPI DI TRASDUZIONE Passiva Trasduzione resistiva Trasduzione capacitiva Trasduzione induttiva Attiva Trasduzione fotovoltaica Trasduzione piezoelettrica Trasduzione elettromagnetica Trasduzione fotoconduttiva

Dettagli

La piegatura tangenziale si afferma.

La piegatura tangenziale si afferma. TruBend Center: La piegatura tangenziale si afferma. Macchine utensili / Utensili elettrici Tecnologia laser / Elettronica Piegatura senza precedenti. Indice Piegatura senza precedenti. 2 Funzioni convincenti.

Dettagli

ELETTRONICA PER IL TESSILE

ELETTRONICA PER IL TESSILE ELETTRONICA PER IL TESSILE MADE IN ITALY AZIENDA LA NOSTRA STRUTTURA La OMG, da cinquant anni sul mercato della progettazione e della costruzione di macchine speciali e di attrezzature meccaniche, è un

Dettagli

TECNOLOGIE DI BROCCIATURA INNOVATIVE

TECNOLOGIE DI BROCCIATURA INNOVATIVE TECNOLOGIE DI BROCCIATURA INNOVATIVE REALIZZAZIONE DI PROFILI COMPLESSI Tecniche di brocciatura innovative. La brocciatura costituisce il processo produttivo più razionale per le produzioni in grande serie

Dettagli

COMPRESSORI A VELOCITÀ VARIABILE. IVR da 40 a 240 HP

COMPRESSORI A VELOCITÀ VARIABILE. IVR da 40 a 240 HP COMPRESSORI A VELOCITÀ VARIABILE IVR da 0 a 20 HP I risparmio energetico IVR per l Ambiente Dalla pluriennale esperienza maturata nel mondo dell aria compressa abbiamo rilevato che, indipendentemente dalla

Dettagli

MODULO 01. Come è fatto un computer

MODULO 01. Come è fatto un computer MODULO 01 Come è fatto un computer MODULO 01 Unità didattica 03 Conosciamo i tipi di computer e le periferiche In questa lezione impareremo: a conoscere le periferiche di input e di output, cioè gli strumenti

Dettagli

Sensori di Sensori di spost spos am ent ent a cont cont t at o Pot P enziom etri enziom

Sensori di Sensori di spost spos am ent ent a cont cont t at o Pot P enziom etri enziom Cap 8: SENSORI PER MISURE DI MOTO Per misure di moto intendiamo le misure di spostamenti, velocità ed accelerazioni di oggetti, di grandezze cinematiche sia lineari che angolari. Sensori di spostamento

Dettagli

BIMERIC BM. Sistema di produzione e montaggio servocontrollato

BIMERIC BM. Sistema di produzione e montaggio servocontrollato BIMERIC BM Sistema di produzione e montaggio servocontrollato Sistema di produzione Sistema di montaggio 1.000 compiti una soluzione Il sistema di produzione e montaggio servocontrollato BIMERIC è la piattaforma

Dettagli

PLC - Linguaggi. I linguaggi di programmazione dei PLC sono orientati ai problemi di automazione e utilizzano soprattutto:

PLC - Linguaggi. I linguaggi di programmazione dei PLC sono orientati ai problemi di automazione e utilizzano soprattutto: PLC - Linguaggi Il software è l elemento determinante per dare all hardware del PLC quella flessibilità che i sistemi di controllo a logica cablata non possiedono. Il software che le aziende producono

Dettagli

Gli attuatori. Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo

Gli attuatori. Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo Gli attuatori Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo ATTUATORI Definizione: in una catena di controllo automatico l attuatore è il dispositivo che riceve

Dettagli

Informatica 1 Lezione 1

Informatica 1 Lezione 1 Informatica 1 Lezione 1 Concetti base: Hardware È l insieme delle parti fisiche, elettroniche e meccaniche che compongono il computer, quali il chip, il mouse, il lettore CDROM, il monitor, le schede,

Dettagli

2.4.16 Isola robotizzata D.Lgs. 81/08 All. V e VI, DPR 459/96 All. I, UNI EN ISO 10218:2006

2.4.16 Isola robotizzata D.Lgs. 81/08 All. V e VI, DPR 459/96 All. I, UNI EN ISO 10218:2006 2.4.16 Isola robotizzata D.Lgs. 81/08 All. V e VI, DPR 459/96 All. I, UNI EN ISO 10218:2006 Macchina o insieme di macchine asservite nella manipolazione del materiale o nell esecuzione delle lavorazioni

Dettagli

COD. 410.60 FRESATRICE UNIVERSALE

COD. 410.60 FRESATRICE UNIVERSALE COD. 410.60 FRESATRICE UNIVERSALE Precisione e maneggevolezza garantite dalle viti a ricircolo di sfere per la movimentazione dei tre assi X; Y; Z. Macchina comprensiva di schermo antinfortunistico secondo

Dettagli

LA TRASMISSIONE DELLE INFORMAZIONI QUARTA PARTE 1

LA TRASMISSIONE DELLE INFORMAZIONI QUARTA PARTE 1 LA TRASMISSIONE DELLE INFORMAZIONI QUARTA PARTE 1 I CODICI 1 IL CODICE BCD 1 Somma in BCD 2 Sottrazione BCD 5 IL CODICE ECCESSO 3 20 La trasmissione delle informazioni Quarta Parte I codici Il codice BCD

Dettagli

I VALORI RILEVABILI I VANTAGGI DEL NUOVO CONTATORE ELETTRONICO TRIFASE. Energia attiva. Energia reattiva. Potenza attiva assorbita

I VALORI RILEVABILI I VANTAGGI DEL NUOVO CONTATORE ELETTRONICO TRIFASE. Energia attiva. Energia reattiva. Potenza attiva assorbita I VANTAGGI DEL NUOVO CONTATORE ELETTRONICO TRIFASE Il contatore elettronico, installato dalla SECAB su direttiva dell Autorità per l energia elettrica e il gas per registrare direttamente dai propri uffici

Dettagli

GYRO. La soluzione perfetta per la carteggiatura di finitura, la carteggiatura e la pulitura. Per legno, metallo e materiali sintetici

GYRO. La soluzione perfetta per la carteggiatura di finitura, la carteggiatura e la pulitura. Per legno, metallo e materiali sintetici R GYRO La soluzione perfetta per la carteggiatura di finitura, la carteggiatura e la pulitura Tecnica di carteggiatura ad oscillazione Per legno, metallo e materiali sintetici - una macchina robusta ed

Dettagli

Meccanica degli Azionamenti

Meccanica degli Azionamenti Università degli Studi di Brescia Laurea in Ingegneria dell Automazione Industriale Parte I Introduzione all automazione industriale I.1 Automazione e Flessibilità Automazione Automazione: Impiego di mezzi

Dettagli

COMBITEC Centro di deformazione

COMBITEC Centro di deformazione Centro di deformazione Più potenza e spazio per una nuova prospettiva produttiva L efficiente centro di deformazione COMBITEC apre nuove prospettive per la produzione. In virtù dell elevatissima potenza

Dettagli

4. Nome e direzione degli assi (2h) (teoria: 1h, pratica: 1h)

4. Nome e direzione degli assi (2h) (teoria: 1h, pratica: 1h) 37 4. Nome e direzione degli assi (2h) (teoria: 1h, pratica: 1h) 4.1 La disposizione degli assi secondo la norma ISO Ogni asse è definito dal verso e dalla direzione di movimento della slitta ed è caratterizzato

Dettagli

TORNITURA DA BARRA MULTITORRETTA B446-465 T2 B446-465 T3

TORNITURA DA BARRA MULTITORRETTA B446-465 T2 B446-465 T3 TORNITURA DA ARRA MULTITORRETTA 446-465 T 446-465 T3 Centri di tornitura bimandrino a torrette e assi Y: dalla barra al pezzo finito in un solo ciclo. 446-465 T A vent anni dalla presentazione del primo

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile Problemi connessi all utilizzo di un numero di bit limitato Abbiamo visto quali sono i vantaggi dell utilizzo della rappresentazione in complemento alla base: corrispondenza biunivoca fra rappresentazione

Dettagli

SPIDER MIXER. e il. Caratteristica principale è la flessibilità e semplicità installazione

SPIDER MIXER. e il. Caratteristica principale è la flessibilità e semplicità installazione SPIDER MIXER Lo Spider Mixer è una macchina in grado di lavorare in autonomia e studiata appositamente per migliorare semplificare le operazione di trasferimento del prodotto all interno della cantina.

Dettagli

SIMULAZIONE E ANALISI SOFTWARE PER MACCHINE UTENSILI

SIMULAZIONE E ANALISI SOFTWARE PER MACCHINE UTENSILI SIMULAZIONE E ANALISI SOFTWARE PER MACCHINE UTENSILI Antonio Scippa u macchine utensili u Ottimizzare i parametri per una lavorazione di fresatura su macchina a controllo numerico significa sfruttare in

Dettagli

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione POSIZIONE: Sensori di posizione/velocità Potenziometro Trasformatore Lineare Differenziale (LDT) Encoder VELOCITA Dinamo tachimetrica ACCELERAZIONE Dinamo

Dettagli