CONFERIMENTO DI AZIENDA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONFERIMENTO DI AZIENDA"

Transcript

1 CONFERIMENTO DI AZIENDA 1. Aspetti civilistici L operazione denominata «conferimento» è altresì indicata con numerosi sinonimi, questo è dovuto al fatto che tale operazione non è stata presa in considerazione dal nostro diritto, che prende in considerazione solo il «conferimento» dei singoli beni. Per conferimento intendiamo «l operazione per cui un azienda oppure un ramo aziendale dotato di autonoma capacità di reddito vengono conferiti (trasferiti, apportati) ad un ente giuridicamente diverso dall impresa conferente»; come contropartita l impresa riceve, non denaro, ma azioni o quote della società cui ha effettuato l apporto. Il conferimento è dunque un operazione mediante la quale si apportano denaro, crediti o altri beni in natura ad una società (di persone o di capitali), sia essa di nuova costituzione o preesistente. In pratica si scambia l azienda conferita con una partecipazione nella società che riceve il conferimento. Sono coinvolti quindi due distinti soggetti: da una parte il conferente che è la società (o un impresa individuale) che conferisce la propria azienda o ramo d azienda in cambio di azioni o quote della società che la riceve; dall altra parte il conferitario che è la società, già esistente oppure da costituire, che riceve l azienda o ramo d azienda che le viene conferito e che, anziché pagare con denaro l acquisto dell azienda, assegna al conferente un determinato ammontare di azioni o quote della società conferitaria. 1

2 Pertanto, se la società conferitaria è da costituire si avrà che una parte del capitale sarà rappresentato dall azienda conferita mentre l altra parte potrà essere formata da apporti in denaro o d altri beni effettuata da altri soci. Se invece la società conferitaria è già esistente, si dovrà procedere all aumento del capitale sociale da assegnare al soggetto che apporta l azienda (società conferente). In pratica con il conferimento si «stacca» da un impresa, detta conferente, un complesso aziendale funzionante, complesso che viene apportato ad un altra azienda, la conferitaria, già costituita o nata a seguito del conferimento stesso. Generalmente la conferente resta in vita come società finanziaria, gestendo la partecipazione nella società industriale, senza quindi cessare la propria attività come nella scissione. 2. Motivazioni economico-aziendali Le esigenze del mercato richiedono adeguamenti sempre più frequenti della struttura aziendale per cercare una dimensione ottimale. L operazione di conferimento si presta, quindi, allo smembramento di un azienda, conferendo i diversi rami in società che avranno autonoma gestione, oppure essere attuata come strumento per consolidare alleanze, conferendo un ramo di azienda in una società già esistente. Il conferimento d azienda può essere efficacemente utilizzato per il perseguimento di diverse finalità rivolte, ad esempio: al riassetto organizzativo: attraverso l operazione di conferimento è possibile attuare un importante ristrutturazione dell impresa sul piano sia produttivo sia organizzativo rivolto, ad esempio, a superare le crisi evidenziate dall impresa di grandi dimensioni, fortemente integrata e diversificata; infatti, la grande dimensione comporta notevoli problemi a livello organizzativo nel 2

3 coordinare numerose operazioni, funzioni ed aree d affari differenti; diventa così possibile attuare una ristrutturazione aziendale sia sul piano organizzativo che su quello produttivo, riorganizzando le diverse fasi del processo produttivo; alla ristrutturazione finanziaria: il conferimento può essere utilizzato anche come strumento per attribuire una struttura finanziaria autonoma alle diverse aree d affari presenti all interno della stessa impresa; diventa così possibile, ad esempio, separare i settori di attività con un maggiore grado di sviluppo per i quali diventa agevole il ricorso al capitale di credito dagli altri per i quali si renda necessario il ricorso al finanziamento con capitale proprio a causa della difficoltà esistente a reperire capitale di terzi; ad agevolare processi di liquidazione: il conferimento può essere attuato con lo scopo di liquidare parte del patrimonio dell impresa; ciò potrebbe, ad esempio, verificarsi quando all interno della stessa azienda sono presenti business alcuni dei quali redditizi ed altri, invece, fallimentari; separando i settori mediante l operazione di conferimento diventa quindi possibile procedere alla liquidazione di quelli in perdita che potrebbero pertanto essere separati da quelli redditizi; all effettuazione di operazioni di concentrazione di imprese: mediante l operazione di conferimento d azienda è possibile procedere alla concentrazione patrimoniale dovuta all incremento che si verifica in capo alla conferitaria; possono infatti verificarsi dei casi in cui la grande dimensione aziendale rappresenti un vantaggio economico che consente di far fronte, ad esempio, alla concorrenza di altri operatori presenti sul mercato; alle agevolazioni di carattere fiscale volte a favorire fenomeni di riorganizzazione nelle aziende di produzione senza causare rilevanti oneri 3

4 fiscali. Inoltre in periodi di inflazione e in presenza di disposizioni agevolative per queste procedure, si può usufruire di vantaggi fiscali, in quanto con il conferimento si possono rivalutare i beni aziendali senza oneri tributari permettendo all impresa il calcolo di ammortamenti congrui. 3. Disciplina del conferimento e tutela dei terzi Come già è stato accennato, l istituto del conferimento non è espressamente previsto dalla normativa civilistica, ma la dottrina prevalente riconosce che a tale operazione sono applicabili le disposizioni civilistiche che regolano l istituto della cessione d azienda, riferendosi, in particolare, alle norme in materia di responsabilità patrimoniale dei soggetti che partecipano all operazione nei confronti dei creditori ceduti (art c.c.). L ordinamento nazionale prevede solamente l ipotesi di conferimento di beni mentre non è espressamente contemplato il caso di conferimento di azienda. Ciò, forse, perché il conferimento di azienda altro non è che un insieme di negozi giuridici contemplati dall ordinamento, quali il conferimento di beni della conferente e l aumento del capitale della conferitaria. La giurisprudenza quindi ammette che l azienda possa formare oggetto di conferimento in quanto complesso di elementi materiali e immateriali e ritiene che il conferimento d azienda debba essere disciplinato dalle norme previste per i conferimenti in natura. E quindi necessario fare riferimento alle norme generali in materia di conferimento di singoli beni (artt del c.c.) ed in particolare all art del c.c. per quanto riguarda la stima dei conferimenti eseguita al fine di assicurare la garanzia patrimoniale della società di fronte a terzi e garantire i valori per evitare l annacquamento del capitale. 4

5 La riforma del diritto societario ha mantenuto la struttura normativa del conferimento d azienda non prevedendo disposizioni ad hoc, ma rinviando a disposizioni riguardanti il conferimento di singoli beni. Ha invece operato in maniera innovativa distinguendo fra conferimenti in società per azioni (artt c.c.) e, per via del rinvio di cui all art c.c., in società in accomandita per azioni, e in società a responsabilità limitata (artt c.c.). Quando il conferimento dell azienda (o di un suo ramo) avviene in una società di capitali, la relativa normativa, (a causa della specialità di interessi che tende a tutelare), prevale sul complesso delle norme generali che disciplinano il trasferimento dell azienda in via diretta (artt s.s.) con riferimento: a. alla valutazione dell azienda trasferita; b. all oggetto del trasferimento. A differenza di quanto avviene in caso di cessione d azienda, le parti non sono libere di negoziare e quantificare tra di loro il valore dell azienda conferita: in quest operazione non si tratta di negoziare il prezzo degli interessi degli altri soci e dei terzi circa l integrità del capitale. Nel caso di cessione d azienda, si trasferiscono all acquirente tutti i beni che costituiscono l azienda e tutti i contratti aziendali (è necessaria pattuizione contraria per escludere dal trasferimento alcuni beni e contratti), operando una presunzione di integrale trasferimento dell azienda e dei rapporti che vi fanno capo mentre nel caso di conferimento proprio in funzione dell interesse dei terzi (e non solo delle parti), devono essere determinati i beni ed i rapporti che fanno capo all azienda conferita, dovendosi ritenere che solo quelli che sono oggetto della perizia facciano parte del conferimento. 5

6 La stima dei beni conferiti da parte di un perito nominato dal Tribunale è indispensabile per i soli conferimenti in società di capitali, mentre non è richiesta dalla legge per i conferimenti in società di persone. Per analogia, la perizia si richiede anche quando il conferimento ha per oggetto non il singolo bene, bensì un ramo aziendale od un impresa. Nei conferimenti in società di persone la valutazione dei conferimenti è concordata dai soci e non vi è alcun obbligo di verifica della congruità di tali valori, in quanto le garanzie verso i terzi sono offerte in prima persona dai soci illimitatamente e solidalmente responsabili. E necessario individuare i beni e i diritti conferibili, nonché verificarne l effettiva consistenza, i criteri di valutazione e, ai fini della garanzia, l entità del corrispondente capitale sociale che la conferitaria deve mettere a disposizione della conferente. Si prevede l obbligo di liberare integralmente le quote o azioni corrispondenti ai beni in natura ed ai crediti già al momento della sottoscrizione, ed il divieto di conferire opere e servizi (art comma 3 c.c.). Il legislatore, per eliminare il rischi di inadempimento, ha individuato le fattispecie che non possono essere oggetto di conferimento: non sono quindi conferibili le prestazioni caratterizzate dalla periodicità e dal differimento della attuazione e dal differimento nel tempo dell effetto traslativo. Non sono quindi conferibili i servizi o le prestazioni d opera nelle S.p.A. e nelle S.a.p.a. Non può pertanto sussistere la figura del socio d opera nella S.p.A. e nelle S.a.p.a. cosa che, al contrario, può rilevare nelle società personali e nelle S.r.l. L atto costitutivo delle S.r.l. dovrà indicare «i conferimenti di ciascun socio e il valore attribuito ai crediti e ai beni conferiti in natura» (art. 2464,primo comma c.c.); l 2464, comma 2, chiarisce che possono «essere conferiti tutti gli elementi 6

7 dell attivo suscettibili di valutazione economica», quindi nella S.r.l. i soci potranno conferire oltre alle prestazioni d opera e di servizi anche ad esempio diritti di brevetto, diritti patrimoniali d autore, diritti su marchi, know how o l avviamento commerciale. Con riferimento alle prestazioni d opera e di servizi, che hanno carattere spiccatamente personale, necessita che il socio conferente congiuntamente alla prestazione d opera o di servizio fornisca alla società polizza assicurativa (fideiussione bancaria, cauzione in denaro ecc.), che garantisca gli obblighi assunti dal socio stesso. Inoltre in tale tipo di società potranno conferirsi, se previsto dalla statuto, prestazioni accessorie. In conseguenza, infatti, del diverso regime di responsabilità tra società di persone e società di capitali, il codice civile disciplina il conferimento in società di capitali, che comporta una tutela del terzo più forte. 4. Aspetti preliminari della procedura di conferimento In questo paragrafo si esaminano gli aspetti procedurali precedenti la stima del perito. Formalmente per l operazione del conferimento d azienda da parte di una società di capitali è necessaria, innanzitutto, una delibera del consiglio di amministrazione o dell organo amministrativo della società conferente che si esprima in merito all opportunità economica di eseguire tale operazione. La convocazione dell assemblea degli azionisti è necessaria solo se il conferimento determini il mutamento dell oggetto sociale. Al ricorrere di tale evenienza, trova attuazione l art c.c., che riserva all assemblea 7

8 straordinaria la competenza esclusiva a deliberare in ordine alle modifiche dello statuto. La delibera del consiglio di amministrazione (o dell assemblea straordinaria) dovrà contenere le motivazioni circa l operazione e la delega al presidente, o ad uno o più amministratori, affinché venga rivolta l istanza di nomina dell esperto, da parte del Tribunale affinché proceda alla valutazione del complesso aziendale da apportare. In questa fase la conferitaria invece, se già costituita, non deve compiere particolari operazioni; sarà sufficiente una delibera del consiglio di amministrazione illustrante i preliminari e i contratti con la controparte relativi al conferimento. Quando il conferimento d azienda viene fatto ad una società già esistente (società conferitaria), quest ultima in contropartita dell azienda o del ramo di azienda ricevuta, deve dare alla società che ha effettuato il conferimento (società conferente) un corrispondente ammontare di azioni o quote che, per valore, sia pari a quello dell azienda ricevuta in conferimento (nel conferimento in società di capitali tale valore dovrà essere una cifra intercorrente tra il valore contabile del patrimonio netto e il valore economico dello stesso sulla base di specifica perizia). La società conferitaria dovrà quindi aumentare il proprio capitale sociale dell importo necessario a compensare il conferimento dell azienda ricevuto, da assegnare alla società conferente e prevedere l esclusione del diritto d opzione, per i vecchi azionisti ai sensi dell art comma 4 c.c. Il sesto comma dell art del c.c. prevede poi che «le proposte di aumento del capitale sociale con esclusione o limitazione del diritto di opzione devono essere illustrate dagli amministratori con apposita relazione» che deve essere comunicata al collegio sindacale (o al consiglio di sorveglianza o al soggetto 8

9 incaricato del controllo contabile) trenta giorni prima di quello fissato dall assemblea. La relazione degli amministratori deve illustrare le ragioni del conferimento in natura e le modalità di calcolo del prezzo di emissione. «Entro quindici giorni il collegio sindacale deve esprimere il proprio parere sulla congruità del prezzo di emissione delle azioni». Il parere del collegio sindacale e la relazione giurata dell esperto designato dal Tribunale (art c.c.), devono rimanere depositati presso la sede della società durante i quindici giorni che precedono l assemblea e finché questa non abbia deliberato, i soci possono prenderne visione (art comma 6 c.c.). La disposizione sopra illustrata è motivata dall esigenza di evitare, con il conferimento, l annacquamento del capitale causando un danno ai vecchi soci indennizzati dal sovrapprezzo della perdita del diritto di opzione. Pertanto se la conferitaria ha un valore economico superiore a quello contabile o risultano, dal bilancio, riserve, l aumento di capitale con esclusione del diritto d opzione verrà effettuato con sovrapprezzo. Un problema da esaminare concerne la possibilità di imputare il valore complessivo del conferimento parte a capitale sociale e parte a sovrapprezzo. E necessario prevedere il sovrapprezzo qualora venga deliberato un aumento di capitale a pagamento a cui concorrono solo alcuni e non tutti i soci della società, in questa circostanza il versamento deliberato dovrà essere suddiviso tra quota capitale e quota di sovrapprezzo e ciò con riferimento al valore effettivo della società. Nel caso del conferimento di azienda è evidenti che i nuovi soci (società conferente)cui è destinato l aumento, devono pagare oltre il valore nominale, anche il differenziale economico di valore della azienda in cui il conferimento è operato. 9

10 Il primo comma dell art c.c. per la S.p.A. e per la S.a.p.a. e il primo comma dell art c.c. ammettono la possibilità di suddividere l entità del conferimento tra capitale e sovrapprezzo. Il sovrapprezzo non può essere fissato in modo arbitrario, anche a tutela dei creditori sociali. Il sovrapprezzo concorre a costituire una riserva limitatamente disponibile, distribuibile quando la riserva legale abbia raggiunto 1/5 del capitale sociale, a differenza dei conferimenti effettuati a titolo di capitale per i quali sussiste un vincolo di indisponibilità da parte dei soci. «Il calcolo del sovrapprezzo presuppone che sia valutata sia la società conferitaria e quindi il valore reale di ciascuna azione della conferitaria che il valore reale del ramo d azienda conferito. Infatti se la conferitaria ha capitale 100 e vale e si stabilisce di aumentare il capitale da 100 a 200 occorrerà che il ramo d azienda ricevuto valga almeno per cui si avrà un aumento di capitale di 100 e un sovrapprezzo di 900». L AUMENTO DI CAPITALE E IL SOVRAPPREZZO Società conferitaria Capitale Valore Valore dei beni conferiti Aumento di capitale Sovrapprezzo Pertanto, volendo generalizzare, avremo: 10

11 capitale sociale conferitaria ante conferimento aumento capitale valore capitale : sociale a favore della = economico della : conferente conferitaria valore effettivo complesso conferito e quindi, ad esempio se i beni conferiti sono valutati avremo: 100 : x = : x = 200 aumento capitale sociale Sovrapprezzo ( ) = Gli amministratori hanno il compito di fissare il prezzo di emissione delle nuove azioni sulla base del valore del patrimonio netto, ai sensi dell art. 2441, comma 6 del c.c.(articolo che tratta il diritto di opzione che viene negato nel caso di conferimenti in natura nel comma 4). Il sovrapprezzo è obbligatorio nell ipotesi di liberazione delle azioni mediante conferimenti e ciò per il fatto che l impossibilità di esercitare il diritto di opzione (per i soci che non effettuano il conferimento) finirebbe, se non rilevasse tale elemento, per alterare la quota reale di partecipazione al capitale economico di ciascun vecchio socio ben oltre quello che è il rapporto concordato. Attraverso il sovrapprezzo invece il legislatore consente appunto ai vecchi soci di mantenere inalterato il valore della propria quota, ovviamente in considerazione dell avvenuto aumento di capitale. A tal fine l art comma 6 del c.c. richiede agli amministratori della società di redigere una relazione che illustri le ragioni dell esclusione del diritto di opzione e i criteri adottati nella determinazione del prezzo di emissione, prezzo che deve essere individuato sulla base del valore del patrimonio netto. 11

12 5. Valutazione dei conferimenti Nell operazione di conferimento in società tra i problemi che si pongono alle parti vi è quello della determinazione del valore da attribuire al conferimento nel rispetto delle disposizioni fiscali, ai fini delle imposte dirette ed indirette, per evitare l insorgere di eventuale contenzioso con l Amministrazione finanziaria in merito agli accertamenti di maggior valore o al disconoscimento dei valori dichiarati. Nel caso del conferimento si presentano aspetti peculiari (rispetto alla semplice cessione) determinati dall assenza di un corrispettivo in denaro e dalla contropartita rappresentata dall assegnazione di quote di partecipazione al capitale sociale (ed eventuale sovrapprezzo) della società conferitaria, proporzionali o meno al valore ad esso attribuito. La valutazione dei conferimenti è essenzialmente necessaria per stabilire le percentuali di riparto dei guadagni e delle perdite dell impresa, che si considerano proporzionali ai conferimenti (art c.c.); in ogni caso, se il valore dei conferimenti non è determinato dal contratto, tali percentuali si presumono uguali. Inoltre, si ricorda che se il contratto determina solamente la partecipazione di ciascun socio ai guadagni, nella stessa misura si presume che debba determinarsi la partecipazione alle perdite. Le modalità per l attribuzione del valore dei conferimenti sono diverse a seconda che si tratti di: società per azioni: nel caso di conferimento in società per azioni, gli stessi conferimenti devono essere valutati da un perito esterno nominato dal Presidente del Tribunale competente (art.2343 c.c.); 12

13 società a responsabilità limitata: nel caso di società a responsabilità limitata, assume rilievo la semplificazione adottata con l art del c.c. Esso, con riferimento ai conferimenti in natura, snellisce il procedimento di valutazione e non richiede più la nomina del perito da parte del presidente del Tribunale prevedendo che lo stesso sia prescelto tra soggetti iscritti nell albo dei revisori contabili, o di una società di revisione iscritta nell apposito albo speciale. società di persone: in tal caso, la valutazione dei conferimenti è concordata tra i soci e non è previsto alcun obbligo per la verifica della congruità dei valori; ciò in quanto i soci offrono in prima persona la garanzia illimitata e solidale per le obbligazioni sociali. 6. La relazione di stima Aspetti generali Per i conferimenti diversi dal denaro l art c.c. per le S.p.A. e le S.a.p.a. dispone che le azioni «devono essere integralmente liberate al momento della sottoscrizione». Analoga previsione rileva nel caso di aumento di capitale a seguito di conferimento ex art c.c. Ciò significa che il conferimento deve avvenire contestualmente alla sottoscrizione del capitale. Per i conferimenti diversi dal denaro è necessario sottoporre a valutazione tali beni e crediti al fine di garantire il rispetto della regola secondo la quale: «in nessun caso il valore dei conferimenti può essere complessivamente inferiore all ammontare globale del capitale sociale» «il valore dei conferimenti non può essere complessivamente inferiore all ammontare globale del capitale sociale» (rispettivamente gli art. 2346, comma 5 e 2364, primo comma c.c.). 13

14 E consentito che venga imputata a capitale solo una parte del valore di apporto ma in ogni caso è necessario che l importo imputato a capitale non sia superiore al valore di perizia del bene conferito. A tutela degli interessi dei terzi che fanno affidamento sul capitale sociale, la legge (artt e 2465 c.c.) impone la redazione di una relazione giurata a cura di un esperto che deve contenere la discrezione dei beni e dei crediti conferiti; l attestazione che il loro valore sia almeno pari a quello ad essi attribuito ai fini della liberazione del capitale sociale e dell eventuale sovrapprezzo e i criteri di valutazione adottati. La risultanza della perizia costituisce un limite massimo non superabile nella determinazione o aumento del capitale sociale. Rispetto alla norma vigente, non è più richiesto all esperto di attestare che il valore attribuito al conferimento non sia inferiore al valore nominale della partecipazione con ciò introducendo la possibilità che non vi sia corrispondenza fra conferimento e il valore della partecipazione. a) La relazione di stima per conferimenti in società di capitali (S.p.A., S.a.p.a.) Per verificare la corrispondenza tra il valore nominale e il valore reale del capitale della conferitaria (se neo costituita, o l aumento del capitale se già esistente), e garantire così l idoneità dello stesso ad assolvere la funzione di garanzia per i creditori, il codice civile ha previsto l obbligatorietà, nel caso di conferimento di azienda o di ramo di azienda in una società di capitali, della stima del bene (azienda, ramo di azienda ecc.) oggetto del conferimento da parte di un terzo (perito) la cui indipendenza è assicurata dalla nomina effettuata dal Tribunale nel cui circondario ha sede la società conferitaria (quella che riceve i beni). La tutela dei terzi nel precedente codice del commercio era di gran lunga inferiore, poiché la valutazione dei beni spettava al conferente e non ad un esperto indipendente, scelto tra i professionisti iscritti in appositi albi (ragionieri o dottori commercialisti) o consulenti tecnici iscritti presso le sedi di Tribunali. 14

15 Con la riforma del diritto societario, ai sensi dell art primo comma c.c. è stabilito che «chi conferisce beni in natura o crediti deve presentare la relazione giurata di un esperto designato dal Tribunale nel cui circondariato ha sede la società, contenente la descrizione dei beni o dei crediti conferiti, l attestazione che il loro valore è almeno pari a quello ad essi attribuito ai fini della determinazione del capitale sociale e dell eventuale sovrapprezzo e i criteri di valutazione seguiti». L art lascia il perito libero per quanto riguarda la scelta dei criteri di valutazione, con l unica avvertenza di indicarli nella propria relazione, demandando agli amministratori la funzione di controllo. Il legislatore quindi ha preferito lasciare un maggior respiro al perito ma indipendentemente dal metodo di valutazione utilizzato tenta di ridurre la possibilità di stime fondate su valutazioni arbitrarie e soggettive e, in particolare evita di far emergere il valore dell avviamento aziendale inteso come differenza tra il valore di apporto del complesso aziendale e la somma algebrica dei valori attivi e passivi accolti nella contabilità dell azienda scorporata. Quindi, anche nel disposto dell art c.c., è presente la preoccupazione del legislatore di tutelare creditori sociali e futuri acquirenti delle azioni della conferitaria e pure della conferente, infatti la verifica della corrispondenza tra il valore nominale e quello reale del capitale sociale della conferitaria non assolve solo la funzione di tutela dei creditori, ma è diretta a proteggere anche gli interessi dei soci della conferente e dei futuri soci che potranno in futuro acquistare partecipazioni nella conferitaria. Eventuali sopravalutazioni del conferimento porterebbero infatti a diluire il peso proporzionalmente delle quote tra i soci e comporterebbero per i futuri soci il versamento di somme maggiori rispetto all effettivo valore. L art secondo comma c.c. precisa le responsabilità del perito, il quale risponde dei danni causati alla società, ai soci e ai terzi. Si applicano inoltre le disposizioni di cui all art. 64 c.p.c. il quale prevede, per il consulente che incorre in colpa grave nell esecuzione degli atti che gli sono richiesti, l arresto fino ad un anno e l ammenda fino 15

16 a ,14 euro e l applicazione dell art. 35 c.p. che dispone la sospensione dell esercizio della professione. b) La relazione di stima per conferimenti in S.r.l. Gli adempimenti inerenti la relazione di stima sono diversi nel caso di conferimento in società a responsabilità limitata. Per questo tipo di società è previsto, ai fini della valutazione dei beni, un procedimento più snello, infatti: è abolita la necessità di nomina dell esperto a cura del Tribunale prevedendo che la scelta può essere liberamente operata dal soggetto conferente individuando il perito tra gli iscritti nel registro dei revisori contabili o in società di revisione iscritta all apposito albo; è abolita la necessità del controllo successivo da parte di amministratori e sindaci sulla perizia. Quanto al contenuto della perizia l art c.c. prevede che la stessa deve indicare: «la descrizione dei beni o crediti conferiti, l indicazione dei criteri di valutazione adottati e l attestazione che il loro valore nominale è almeno pari a quello ad essi attribuito ai fini della determinazione del capitale sociale e dell eventuale sovrapprezzo». La relazione di stima deve inoltre essere allegata all atto costitutivo e l esperto risponde dei danni causati alla società, ai soci e ai terzi. 7. Aspetti fiscali Sia la Corte di Cassazione (Sentenza 8 giugno 1992, n. 7039) che l Amministrazione societaria (Risoluzione 31 marzo 1999, n ) hanno riconosciuto che il conferimento è un operazione societaria e non un contratto di scambio. Anche se il conferimento è un contratto associativo e non prevede un corrispettivo in denaro, il comma 5 dell art. 9 del testo unico delle imposte sui redditi, DPR n. 917/1986, prevede che, ai fini della determinazione delle imposte sui redditi i conferimenti di società sono equiparati alle cessioni a titolo oneroso. 16

17 Prima dell introduzione del D.Lgs. 8 ottobre 1997, n. 358 sulle riorganizzazioni delle imprese, la «plusvalenza» da conferimento veniva tassata esclusivamente ai sensi dell art. 54 del TUIR, con possibilità di essere diluita in 5 periodi di imposta. Il D.Lgs. n. 358/1997 ha introdotto un regime di neutralità fiscale delle operazioni di riorganizzazione societaria, affiancandolo ad altri regimi agevolati di determinazione delle plusvalenze e di applicazione dell imposta sostitutiva. Tali disposizioni hanno ampliato notevolmente le possibilità di «arbitraggi» fiscali in materia di operazioni straordinarie d impresa, e in particolare nel campo dei conferimenti, in quanto accanto alla normativa tributaria sui conferimenti, contenuta nel TUIR, si sono affiancati altri «regimi» alternativi utilizzabili a discrezione del contribuente. L operazione di conferimento è stata da sempre stimolata o frenata dalla possibilità di sottoporre a tassazione le plusvalenze «emergenti» dall operazione stessa. Nei conferimenti le plusvalenze si rilevano nella contabilità della società conferente e derivano dalla differenza tra i valori di bilancio, prima del conferimento, delle attività e passività conferite e il valore «negoziato» in sede di conferimento dei beni stessi. Lo scopo del legislatore era di rimuovere gli ostacoli di carattere fiscale delle riorganizzazioni societarie dettate da fini imprenditoriali. Il D.Lgs. n. 358/1997 conteneva le disposizioni in materia di imposte sui redditi che realizzavano la modifica organica e sistematica delle norme applicabili ai procedimenti di riorganizzazione delle attività produttive. Successivamente, con la Legge n. 80 del 7 aprile 2003 il Governo è stato delegato a riscrivere il sistema fiscale nazionale. La delega per la riforma si riflette anche sulla disciplina delle operazioni di riorganizzazione delle attività produttive tra le quali, appunto, l operazione di conferimento. In attuazione di tale delega, è stato emanato il D.Lgs. n. 344 del 12 dicembre 2003 che: ha apportato modifiche al DPR n. 917/1986, inserendo gli artt. 175 e 176 che disciplinano l operazione di conferimento a decorrere dai periodi d imposta che hanno inizio a partire dal 1 gennaio 2004; 17

18 ha previsto l abrogazione, con decorrenza 1 gennaio 2004, dell imposta sostitutiva di cui al D.Lgs. n. 358/1997, in passato applicabile per ottenere il riconoscimento fiscale dei valori oggetto dell operazione di conferimento. Ne consegue che, per gli atti di conferimento stipulati dal 1 gennaio 2004 non si applicano più le disposizioni contenute nel D.Lgs. n. 358/1997 e quindi non è più possibile beneficiare della tassazione sostitutiva del 19% sulla plusvalenza realizzata. Più in particolare, si potevano distinguere tre modalità di tassazione: 1. a valori fiscalmente riconosciuti; 2. a valori fiscali diversi dai valori civili (solo per i soggetti IRES); 3. a valori storici. Nel regime a valori fiscalmente riconosciuti il conferimento avveniva a saldi chiusi. In pratica si evidenziava il valore netto dei beni conferiti, la plusvalenza generata a seguito dell applicazione di tale regime poteva essere assoggettata ad imposizione ordinaria, ai sensi dell ex. art. 54 del TUIR, oppure all imposta sostitutiva prevista dall art. 1 del medesimo decreto. Nel regime con differenti valori civili e fiscali il soggetto conferitario subentrava nella posizione di quello conferente in ordine agli elementi dell attivo e del passivo dell azienda stessa (conferimento a saldi aperti), facendo risultare da un apposito prospetto di riconciliazione, da allegare alla dichiarazione dei redditi, i dati esposti in bilancio ed i valori fiscalmente riconosciuti. Dal punto di vista fiscale detto regime creava un doppio binario. Il conferimento, infatti, veniva effettuato ai valori contabili ed il maggiore valore iscritto in bilancio della società conferitaria non aveva rilevanza fiscale, rimanendo in sospensione d imposta. Infine il regime a valori storici prevedeva che il conferimento avvenisse a saldi aperti, con l iscrizione nel bilancio della conferitaria degli stessi valori presenti nella contabilità della società conferente. 18

19 8. Regimi di tassazione precedenti Per le operazioni di conferimento, nel caso in cui emergesse una plusvalenza imponibile, i regimi di tassazione applicabili erano i seguenti: quello ordinario, secondo il quale le plusvalenze realizzate concorrono alla formazione del reddito di impresa; se l azienda conferita è posseduta da almeno tre anni è possibile rateizzare la plusvalenza in quote costanti in massimo 5 esercizi, sempre che con l operazione di conferimento il conferente non si estingua (art. 86 del TUIR). Tale regime di tassazione può risultare conveniente quando la conferente presenta delle perdite fiscali pregresse tali da «compensare» la plusvalenza, abbinandosi col fatto che la conferitaria può iscrivere dei valori correnti fiscalmente riconosciuti e sui quali potrà quindi calcolare ammortamenti più elevati; quello opzionale, valido solo per i conferimenti effettuati fino al 31 dicembre 2003, applicando l imposta sostitutiva di cui al D.Lgs. n. 358/1997 con aliquota del 19%. Per usufruire della tassazione separata occorreva farne richiesta nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo di imposta al quale sarebbero stati imputabili come componenti del reddito di impresa (art. 17 comma 2 TUIR). Con il provvedimento sulle ristrutturazioni societarie (D.Lgs. 358/97, confermato dal comma 4 dell art. 175 TUIR) il conferimento dell unica impresa individuale in società non è più tassato. In definitiva per l imprenditore individuale esistono tre alternative fiscali per il conferimento d impresa. 9. Regime di tassazione attuale A seguito dell introduzione del D.Lgs. 12 dicembre 2003, n. 344 e la conseguente abrogazione delle disposizioni contenute nel D.Lgs. n. 358/1997, il corpus normativo in materia di conferimenti d azienda è collocato all interno del nuovo testo unico delle imposte dirette agli artt. 175 e 176 e quindi per i periodi di imposta che hanno inizio a partire dal 1 gennaio 2004, la disciplina fiscale è contenuta nei sopra citati del TUIR. 19

20 Tali norme hanno recepito le disposizioni sulla neutralità dei conferimenti d azienda già contenute nel medesimo D.Lgs. n. 358/1997. Per effetto di tale disposizione, per ciò che riguarda i conferimenti d azienda, l attuale disciplina fiscale comporta, in sostanza, la neutralità fiscale dell operazione. Il conferimento d azienda non costituisce operazione imponibile ai fini IRAP. La neutralità fiscale viene mantenuta anche se la conferente iscrive nella propria contabilità i beni a valori effettivi di bilancio, segnalando nel prospetto di riconciliazione la differenza tra i valori di bilancio e quelli fiscali. Il conferente, assumendo, quindi, quale valore fiscalmente riconosciuto delle partecipazioni l ultimo valore fiscalmente riconosciuto dell azienda conferita, trasferisce sulle suddette partecipazioni ricevute la plusvalenza latente insita nell azienda conferita. La disciplina in questione, che riguarda i conferimenti neutrali c.d. in doppia sospensione, sarà applicabile anche laddove il solo conferitario rientra tra i soggetti» di cui all art. 73, comma 1, lett. a) e b) del TUIR «indipendentemente, quindi, dalla natura del soggetto conferente». L art. 73, comma 1, lett. a) e b) del TUIR individua i seguenti soggetti: a) le società per azioni e in accomandita per azioni, le società a responsabilità limitata, le società cooperative e le società di mutua assicurazione residenti nel territorio dello Stato; b) gli enti pubblici e privati diversi dalle società, residenti nel territorio dello Stato, che hanno per oggetto esclusivo o principale l esercizio di attività commerciali. Pertanto il conferitario dovrà essere necessariamente soggetto IRES, mentre la qualifica di conferente può essere assunta dalla generalità dei contribuenti, allargando, di molto, il campo di utilizzo del conferimento ex art. 176 TUIR. Inoltre, rispetto al passato, non è più richiesto il requisito del possesso, almeno triennale, dell azienda oggetto di conferimento. 20

Il conferimento. Università degli Studi di Bergamo Corso di Ragioneria Applicata 21 Febbraio 2008

Il conferimento. Università degli Studi di Bergamo Corso di Ragioneria Applicata 21 Febbraio 2008 Il conferimento Università degli Studi di Bergamo Corso di Ragioneria Applicata 21 Febbraio 2008 1 Agenda 21 febbraio: Aspetti generali, legali e valutativi 22 febbraio: Aspetti contabili e fiscali 2 Indice

Dettagli

Lezione 10. Il conferimento: definizione, tipologie, iter procedurale

Lezione 10. Il conferimento: definizione, tipologie, iter procedurale Lezione 10 Il conferimento: definizione, tipologie, iter procedurale Conferimento È un operazione mediante la quale un soggetto (denominato conferente) trasferisce un azienda oppure un ramo aziendale (vicolo

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Le problematiche civilistiche e fiscali delle operazioni di finanza strutturata bancaria e dei fondi immobiliari UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Lezione del 11 febbraio 2014 Lezione

Dettagli

Operazioni straordinarie Parte fiscale - Operazioni di conferimento d'azienda Parte Pratica. Dott. Francesco Masci

Operazioni straordinarie Parte fiscale - Operazioni di conferimento d'azienda Parte Pratica. Dott. Francesco Masci Operazioni straordinarie Parte fiscale - Operazioni di conferimento d'azienda Parte Pratica Dott. Francesco Masci Definizione Limitazione della nostra trattazione al conferimento d azienda o di ramo d

Dettagli

Metodologie e determinazioni quantitative d azienda

Metodologie e determinazioni quantitative d azienda Metodologie e determinazioni quantitative d azienda Conferimento (Cap. II) aspetti civilistici, economici, contabili e fiscali da G. Savioli (2008), Le operazioni di gestione straordinaria Lezioni della

Dettagli

Corso di Tecnica Professionale A.A. 2008 / 2009

Corso di Tecnica Professionale A.A. 2008 / 2009 Corso di Tecnica Professionale A.A. 2008 / 2009 Il conferimento Disciplina fiscale ed opzioni contabili 1 Nell ambito dell imposizione diretta, il regime fiscale cui è soggetta l operazione di conferimento

Dettagli

L utilizzo della riserva da rivalutazione

L utilizzo della riserva da rivalutazione Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 92 26.03.2014 L utilizzo della riserva da rivalutazione Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Riserve L'art. 15, comma 18, D.L. 185/2008

Dettagli

Rivalutazione di partecipazioni e terreni

Rivalutazione di partecipazioni e terreni Rivalutazione di partecipazioni e terreni Il Legislatore con l art. 1 commi 376 e 428 della legge 30 dicembre 2004, n. 311 (Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato,

Dettagli

RIVALUTAZIONE QUOTE SOCIALI. Noventa di Piave - 23 febbraio 2012 Dott. Giorgio Zerio

RIVALUTAZIONE QUOTE SOCIALI. Noventa di Piave - 23 febbraio 2012 Dott. Giorgio Zerio RIVALUTAZIONE QUOTE SOCIALI Noventa di Piave - 23 febbraio 2012 Dott. Giorgio Zerio Normativa Art.7 co. 2 del DL 13.5.2011 n. 70, convertito nella L.12.7.2011 n. 106: Termine per la rivalutazione delle

Dettagli

Autoimprenditorialità

Autoimprenditorialità Autoimprenditorialità Aspetti giuridici e burocratici dell impresa Febbraio 2012 La figura giuridica dell imprenditore L art. 2082 del Codice Civile definisce imprenditore chi esercita professionalmente

Dettagli

CESSIONE DELL AZIENDA ADEMPIMENTI FISCALI E DICHIARAZIONE DEI REDDITI di Dott. G. Fiore - RE.FI.

CESSIONE DELL AZIENDA ADEMPIMENTI FISCALI E DICHIARAZIONE DEI REDDITI di Dott. G. Fiore - RE.FI. CESSIONE DELL AZIENDA ADEMPIMENTI FISCALI E DICHIARAZIONE DEI REDDITI di Dott. G. Fiore - RE.FI. L operazione risulta soggetta all'imposta di registro. Imposta di registro è differenziata a seconda della

Dettagli

IL REGIME FISCALE DELLE CESSIONI D AZIENDA

IL REGIME FISCALE DELLE CESSIONI D AZIENDA IL REGIME FISCALE DELLE CESSIONI D AZIENDA Il trasferimento dell azienda ed il trattamento fiscale connesso alle molteplici forme che tale operazione può assumere 1 Modalità di passaggio dell azienda:

Dettagli

RISOLUZIONE N. 230/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 230/E QUESITO RISOLUZIONE N. 230/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 06 giugno 2008 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 n. 954-173/2008 - Incentivi fiscali alle operazioni

Dettagli

CONFERIMENTO D AZIENDA

CONFERIMENTO D AZIENDA CONFERIMENTO D AZIENDA Relatore - Dott. Giulio Salvi Università degli Studi di Bergamo 22 Febbraio 2008 1 Studio Legale Tributario in association with Definizione Il conferimento d azienda è un operazione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 375/E.. Roma 06 ottobre 2008

RISOLUZIONE N. 375/E.. Roma 06 ottobre 2008 RISOLUZIONE N. 375/E. Roma 06 ottobre 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto: Interpello Alfa S.r.l. - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 Trasformazione di azienda speciale in società

Dettagli

Quale tipo di società scegliere per il proprio business

Quale tipo di società scegliere per il proprio business Quale tipo di società scegliere per il proprio business È possibile scegliere la forma giuridica più conveniente all interno di queste quattro categorie: 1) Impresa individuale 2) Società di persone 3)

Dettagli

Oggetto. Contenuto. Circolare Numero 10/2014. C i r c o l a r e d e l 1 6 g e n n a i o 2 0 1 4 P a g. 1 di 5

Oggetto. Contenuto. Circolare Numero 10/2014. C i r c o l a r e d e l 1 6 g e n n a i o 2 0 1 4 P a g. 1 di 5 C i r c o l a r e d e l 1 6 g e n n a i o 2 0 1 4 P a g. 1 di 5 Circolare Numero 10/2014 Oggetto LEGGE STABILITÀ 2014 NOVITÀ IN TEMA DI REDDITO D IMPRESA Contenuto La Legge di stabilità 2014, ovvero la

Dettagli

4. Cosa può essere oggetto di conferimento nella s.p.a.? Disciplina dei conferimenti in denaro e dei conferimenti di beni in natura o crediti.

4. Cosa può essere oggetto di conferimento nella s.p.a.? Disciplina dei conferimenti in denaro e dei conferimenti di beni in natura o crediti. Le società di capitali 89 anche se non iscritte, vengono ad esistenza pur assumendo la condizione di società irregolari. In particolare, la società in nome collettivo non registrata è irregolare per tutto

Dettagli

LA RIVALUTAZIONE DEGLI IMMOBILI DELLE IMPRESE

LA RIVALUTAZIONE DEGLI IMMOBILI DELLE IMPRESE LA RIVALUTAZIONE DEGLI IMMOBILI DELLE IMPRESE a cura di Diego Cigna Direzione Regionale dell Emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Fiscalità delle Imprese e Finanziaria LA RIVALUTAZIONE DEGLI

Dettagli

RISOLUZIONE N. 236/E

RISOLUZIONE N. 236/E RISOLUZIONE N. 236/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 25 agosto 2009 Oggetto: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 - Mancato rinnovo dell opzione per il consolidato

Dettagli

I brevetti industriali ed i diritti di utilizzazione delle opere dell ingegno 73

I brevetti industriali ed i diritti di utilizzazione delle opere dell ingegno 73 I brevetti industriali ed i diritti di utilizzazione delle opere dell ingegno 73 4. I brevetti: trattamento fiscale Le quote di ammortamento relative al costo sostenuto per acquisizione di marchi di impresa,

Dettagli

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente RISOLUZIONE N. 192/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello. Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Disciplina fiscale applicabile al contratto di associazione in partecipazione

Dettagli

Il trasferimento della sede dall estero all Italia

Il trasferimento della sede dall estero all Italia Il trasferimento della sede dall estero all Italia Trasferimento di sede della società estera in Italia L ordinamento giuridico-societario di provenienza può prevedere che il trasferimento di sede all

Dettagli

ovvero dalla distribuzione di riserve di capitale. Si intendono per riserve di capitale le riserve e i fondi costituiti con: azioni o quote;

ovvero dalla distribuzione di riserve di capitale. Si intendono per riserve di capitale le riserve e i fondi costituiti con: azioni o quote; Tassazione dei dividendi La riforma del diritto societario ha introdotto importanti modifiche al regime di tassazione dei dividendi distribuiti a partire dal 1º gennaio 2004. Con la riforma viene modificato

Dettagli

Il conferimento di partecipazioni e la riorganizzazione di gruppi societari e familiari

Il conferimento di partecipazioni e la riorganizzazione di gruppi societari e familiari Operazioni straordinarie di Fabio Giommoni * Il conferimento di partecipazioni e la riorganizzazione di gruppi societari e familiari Con la C.M. n.33/e del 17 giugno 2010 l Agenzia delle Entrate ha fornito

Dettagli

CIRCOLARE N. 16/E. Roma, 22 aprile 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N. 16/E. Roma, 22 aprile 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 16/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 22 aprile 2005 OGGETTO: Rideterminazione del valore dei terreni e delle partecipazioni. Articolo 1, comma 376 e comma 428 della Legge

Dettagli

LEZIONE 20 dicembre 2013

LEZIONE 20 dicembre 2013 1 LEZIONE 20 dicembre 2013 Società per azioni (S.P.A.) > è una persona giuridica, cioè un soggetto di diritto autonomo, dotato di capacità giuridica e di agire e di autonomia patrimoniale perfetta. La

Dettagli

Forma giuridica dell impresa. Impresa individuale. Ditta individuale. Società. L avvio di un attività domande frequenti. Dott.

Forma giuridica dell impresa. Impresa individuale. Ditta individuale. Società. L avvio di un attività domande frequenti. Dott. La scelta della forma giuridica e la governance Dott. Paolo Bolzonella L avvio di un attività domande frequenti Come si fa ad avviare un impresa? Quale tipo di impresa scegliere? Quali requisiti occorrono?

Dettagli

RISOLUZIONE N. 163/E

RISOLUZIONE N. 163/E RISOLUZIONE N. 163/E Roma, 25 novembre 2005 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto: Istanza di interpello - Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. X S.p.A. Con l interpello specificato

Dettagli

Il presente documento informativo è redatto ai sensi dell articolo 84 bis del Regolamento

Il presente documento informativo è redatto ai sensi dell articolo 84 bis del Regolamento PUNTO 6 DELIBERA PIANO DI ATTRIBUZIONE DI AZIONI RIVOLTO AI DIPENDENTI E AI PROMOTORI FINANZIARI NELL AMBITO DEL PREMIO AZIENDALE 2012 DOCUMENTO INFORMATIVO Ex art. 84-bis del Regolamento CONSOB n. 11971/99

Dettagli

METTERSI IN PROPRIO: FORME GIURIDICHE ED ADEMPIMENTI SCHEDE SINOTTICHE. (A cura di: Ezio Casavola)

METTERSI IN PROPRIO: FORME GIURIDICHE ED ADEMPIMENTI SCHEDE SINOTTICHE. (A cura di: Ezio Casavola) METTERSI IN PROPRIO METTERSI IN PROPRIO: FORME GIURIDICHE ED ADEMPIMENTI SCHEDE SINOTTICHE (A cura di: Ezio Casavola) L. 1 DISCIPLINA DELLE ATTIVITA COMMERCIALI FINO AL 1942: CODICE DI COMMERCIO, CHE REGOLAVA

Dettagli

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 19/E Roma, 09 maggio 2005 OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Roma, 06 maggio 2009

CIRCOLARE N. 22/E. Roma, 06 maggio 2009 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 06 maggio 2009 OGGETTO: Articolo 15, commi da 16 a 23, del decreto legge 29 novembre 2008, n. 185 - Rivalutazione dei beni d impresa Chiarimenti

Dettagli

RISOLUZIONE N. 83/E. Oggetto: Interpello - Componenti di reddito in valuta estera - Articoli 9, 109 e 110 del TUIR

RISOLUZIONE N. 83/E. Oggetto: Interpello - Componenti di reddito in valuta estera - Articoli 9, 109 e 110 del TUIR RISOLUZIONE N. 83/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 30 marzo 2009 A tutte le Direzioni Oggetto: Interpello - Componenti di reddito in valuta estera - Articoli 9, 109 e 110 del TUIR La

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO Studio n. 59-2006/I Acquisto di quote o azioni proprie da parte di un confidi operante in forma di società cooperativa Approvato dal Gruppo di Studio Consorzi Fidi il

Dettagli

LA RIVALUTAZIONE DEI BENI IMMOBILI DELLE IMPRESE. Dott. Pasquale SAGGESE

LA RIVALUTAZIONE DEI BENI IMMOBILI DELLE IMPRESE. Dott. Pasquale SAGGESE LA RIVALUTAZIONE DEI BENI IMMOBILI DELLE IMPRESE Dott. Pasquale SAGGESE Diretta 19 gennaio 2009 FONTI NORMATIVE ART. 15, COMMI DA 16 A 23, DL 29.11.2008, N. 185 SI APPLICANO, IN QUANTO COMPATIBILI, LE

Dettagli

RISOLUZIONE N. 41/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2002

RISOLUZIONE N. 41/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2002 RISOLUZIONE N. 41/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2002 Oggetto: Interpello n../2001 - Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 Deducibilità degli ammortamenti relativi a

Dettagli

Il presente documento informativo è redatto ai sensi dell articolo 84 bis del Regolamento

Il presente documento informativo è redatto ai sensi dell articolo 84 bis del Regolamento PUNTO 7 DELIBERA PIANO DI ATTRIBUZIONE DI AZIONI RIVOLTO AI DIPENDENTI E AI PROMOTORI FINANZIARI DI BANCA POPOLARE ETICA S.C.P.A. E AI DIPENDENTI DELLA FONDAZIONE CULTURALE RESPONSABILITÀ ETICA NELL AMBITO

Dettagli

Regime contabile: ordinario o semplificato

Regime contabile: ordinario o semplificato Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 02 20.01.2014 Regime contabile: ordinario o semplificato A cura di Devis Nucibella Categoria: Versamenti Sottocategoria: In compensazione

Dettagli

Studio Rosina e Associati

Studio Rosina e Associati FULVIO ROSINA DANIELA ROSINA ANT ANTONIO ROSINA GIOVANNI TRAVERSO MAURIZIO CIVARDI FRANCESCO PITTIGLIO SIMONETTA MANFREDINI STEFANO LUPINI MASSIMO SCOTTON MARCO SANGUINETI SIMONE PAZZAGLIA PAOLA BROVERO

Dettagli

Il modello dell impresa del futuro I nuovi strumenti finanziari 1 2 N O V E M B R E 2 0 1 0

Il modello dell impresa del futuro I nuovi strumenti finanziari 1 2 N O V E M B R E 2 0 1 0 Il modello dell impresa del futuro I nuovi strumenti 1 2 N O V E M B R E 2 0 1 0 Indice Necessità di cambiamento nella gestione delle imprese Pag. 3 Gli strumenti e i titoli di debito Le fonti normative

Dettagli

RACCOLTA DI PRESTITO SOCIALE REGOLAMENTO 1 SCOPI E FUNZIONAMENTO

RACCOLTA DI PRESTITO SOCIALE REGOLAMENTO 1 SCOPI E FUNZIONAMENTO RACCOLTA DI PRESTITO SOCIALE REGOLAMENTO 1 SCOPI E FUNZIONAMENTO ARTICOLO 1 In attuazione dell art. 4 dello Statuto Sociale ed ai sensi di quanto prescritto dalle leggi, dalle deliberazioni del Comitato

Dettagli

LA RIAPERTURA DEI TERMINI PER LA RIVALUTAZIONE DEI TERRENI E DELLE PARTECIPAZIONI NON QUOTATE

LA RIAPERTURA DEI TERMINI PER LA RIVALUTAZIONE DEI TERRENI E DELLE PARTECIPAZIONI NON QUOTATE Circolare N. 06 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 26 gennaio 2010 LA RIAPERTURA DEI TERMINI PER LA RIVALUTAZIONE DEI TERRENI E DELLE PARTECIPAZIONI NON QUOTATE Con la Finanziaria 2010 sono stati

Dettagli

RISOLUZIONE N. 131/E. Roma, 22 ottobre 2004. Oggetto: Trattamento tributario delle forme pensionistiche complementari

RISOLUZIONE N. 131/E. Roma, 22 ottobre 2004. Oggetto: Trattamento tributario delle forme pensionistiche complementari RISOLUZIONE N. 131/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 22 ottobre 2004 Oggetto: Trattamento tributario delle forme pensionistiche complementari L Associazione XY (di seguito XY ), con nota

Dettagli

RISOLUZIONE N. 409/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 409/E QUESITO RISOLUZIONE N. 409/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 30 ottobre 2008 OGGETTO: Interpello Ammissione al regime del consolidato fiscale nazionale nell ipotesi di società estera fiscalmente

Dettagli

INDICE. Premessa...2. 1. Rideterminazione dei valori di acquisto delle partecipazioni e dei terreni posseduti alla data del 1 gennaio 2003...

INDICE. Premessa...2. 1. Rideterminazione dei valori di acquisto delle partecipazioni e dei terreni posseduti alla data del 1 gennaio 2003... Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 27/E Roma, 9 maggio 2003 Oggetto: Rideterminazione dei valori dei terreni e delle partecipazioni. Articolo 2, comma 2, del decreto-legge 24 dicembre

Dettagli

Sede in Legnano Viale Pasubio, 38 Capitale Sociale Euro 40.000.000 i.v. C. F. e P. I. 00689080158 - Tribunale di Milano Sito internet: www.crespi.

Sede in Legnano Viale Pasubio, 38 Capitale Sociale Euro 40.000.000 i.v. C. F. e P. I. 00689080158 - Tribunale di Milano Sito internet: www.crespi. Sede in Legnano Viale Pasubio, 38 Capitale Sociale Euro 40.000.000 i.v. C. F. e P. I. 00689080158 - Tribunale di Milano Sito internet: www.crespi.it RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

Dettagli

Metodologie e determinazioni quantitative d azienda

Metodologie e determinazioni quantitative d azienda Metodologie e determinazioni d azienda Cessione d azienda (Cap. I) Conferimento (Cap. II) aspetti civilistici, economici, contabili e fiscali da G. Savioli (2008), Le operazioni di gestione straordinaria

Dettagli

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 27 dicembre 2010. OGGETTO: Ulteriori chiarimenti in merito alla disciplina fiscale dei Trust.

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 27 dicembre 2010. OGGETTO: Ulteriori chiarimenti in merito alla disciplina fiscale dei Trust. CIRCOLARE N. 61/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 dicembre 2010 OGGETTO: Ulteriori chiarimenti in merito alla disciplina fiscale dei Trust. PREMESSA Come noto, l articolo 1, commi da 74 a 76, della

Dettagli

PROSPETTO DELLE SOCIETÀ DI COMODO. Dott. Enrico ZANETTI

PROSPETTO DELLE SOCIETÀ DI COMODO. Dott. Enrico ZANETTI PROSPETTO DELLE SOCIETÀ DI COMODO Dott. Enrico ZANETTI Lavoro autonomo, impresa e altre criticità delle dichiarazioni dei redditi PROFILI INTRODUTTIVI PROSPETTO NEL QUADRO RF 2 AMBITO DI APPLICAZIONE ESCLUSIONE

Dettagli

LEGGE STABILITA 2016: ASSEGNAZIONE DI BENI A SOCI TRASFORMAZIONE IN SO- CIETA SEMPLICE ESTROMISSIONE IMMOBILE DELL IMPRENDITORE INDIVIDUALE

LEGGE STABILITA 2016: ASSEGNAZIONE DI BENI A SOCI TRASFORMAZIONE IN SO- CIETA SEMPLICE ESTROMISSIONE IMMOBILE DELL IMPRENDITORE INDIVIDUALE OGGETTO: Circolare 5.2016 Seregno, 4 marzo 2016 LEGGE STABILITA 2016: ASSEGNAZIONE DI BENI A SOCI TRASFORMAZIONE IN SO- CIETA SEMPLICE ESTROMISSIONE IMMOBILE DELL IMPRENDITORE INDIVIDUALE La legge di Stabilità

Dettagli

Aspetti fiscali del trust

Aspetti fiscali del trust Aspetti fiscali del trust CONCETTO GENERALE L ART. 1 CO. 74 DELLA L. N. 296/2006 HA INSERITO IL TRUST TRA GLI ENTI COMMERCIALI E NON COMMERCIALI NELL AMBITO DEI SOGGETTI CHE SCONTANO L IRES DI CUI ALL

Dettagli

C i r c o l a r e d e l 2 7 M a r z o 2013 P a g. 1 di 6

C i r c o l a r e d e l 2 7 M a r z o 2013 P a g. 1 di 6 C i r c o l a r e d e l 2 7 M a r z o 2013 P a g. 1 di 6 Circolare Numero 16/2013 Oggetto TOBIN TAX: IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE INTRODOTTA DALLA LEGGE N. 228/2012 Sommario La legge n.228/2012

Dettagli

I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi

I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi Il Punto sull Iva I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi I regimi Iva previsti dalla normativa Il sistema giuridico italiano ha previsto, per le imprese e professionisti,

Dettagli

Cerved Information Solutions S.p.A

Cerved Information Solutions S.p.A Cerved Information Solutions S.p.A Sede legale in Milano, Via San Vigilio n. 1 capitale sociale euro 50.450.000,00 i.v. Registro delle Imprese di Milano, codice fiscale e partita IVA: 08587760961 REA MI-2035639

Dettagli

Semplificazione fiscale La nuova disciplina dei rimborsi tributari

Semplificazione fiscale La nuova disciplina dei rimborsi tributari Semplificazione fiscale La nuova disciplina dei rimborsi tributari Artt. 13, 14 e 15, d.lgs. 21 novembre 2014, n. 175 Semplificazione fiscale e dichiarazione dei redditi precompilata di Leda Rita Corrado

Dettagli

OGGETTO: Istanza di interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 AZIENDA AGRICOLA ALFA SRL articolo 68 D.P.R. 917/1986.

OGGETTO: Istanza di interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 AZIENDA AGRICOLA ALFA SRL articolo 68 D.P.R. 917/1986. RISOLUZIONE n. 313/E Roma, 21 luglio 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 AZIENDA AGRICOLA ALFA SRL articolo 68 D.P.R.

Dettagli

Circolare del 28 Dicembre 2006 a cura dello Studio De Vito e Associati

Circolare del 28 Dicembre 2006 a cura dello Studio De Vito e Associati LEGALE E TRIBUTARIO Circolare del 28 Dicembre 2006 a cura dello Studio De Vito e Associati Partecipazioni ancora in attesa di chiarimenti. Sono intervenuti in questa Circolare: Dr. Gaetano De Vito, Dr.

Dettagli

Indice. Premessa. 4. Metodo misto patrimoniale-reddituale 4.1 Il metodo misto nella pratica professionale 4.2 Il metodo UEC. Cesi Professionale V

Indice. Premessa. 4. Metodo misto patrimoniale-reddituale 4.1 Il metodo misto nella pratica professionale 4.2 Il metodo UEC. Cesi Professionale V Premessa XV Parte prima - La due diligence 1. L attività di due diligence e le rettifiche ai bilanci 1.1 La due diligence 1.1.1 La due diligence legale 1.1.2 La due diligence fiscale 1.1.3 La due diligence

Dettagli

IL TRASFERIMENTO DI QUOTE DI SRL Aspetti di fiscalità diretta

IL TRASFERIMENTO DI QUOTE DI SRL Aspetti di fiscalità diretta IL TRASFERIMENTO DI QUOTE DI SRL Aspetti di fiscalità diretta Dott. Pasquale SAGGESE LA CESSIONE DI NON DETENUTE NELL ESERCIZIO DI IMPRESA QUALIFICATE E FATTISPECIE ASSIMILATE Partecipazioni che rappresentano

Dettagli

LE OPERAZIONI STRAORDINARIE: TRASFORMAZIONE

LE OPERAZIONI STRAORDINARIE: TRASFORMAZIONE PLANNING E CONSULENZA FISCALE E SOCIETARIA LE OPERAZIONI STRAORDINARIE: TRASFORMAZIONE 1 Operazione di natura straordinaria modificazione della forma giuridica senza che consiste nella -mutamento del soggetto

Dettagli

INDICE PARTE I - ANALISI CAPITOLO I

INDICE PARTE I - ANALISI CAPITOLO I Cessione, conferimento, affitto e donazione d azienda INDICE PARTE I - ANALISI CAPITOLO I La nozione di azienda e la sua disciplina civilistica 23 1 Nozione di azienda 23 2 Contratto di cessione d azienda

Dettagli

RISOLUZIONE N. 101/E

RISOLUZIONE N. 101/E RISOLUZIONE N. 101/E Direzione Centrale Normativa Roma, 19 novembre 2014 OGGETTO: Consulenza giuridica ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 SOSTITUTO D IMPOSTA - CESSIONE QUOTE FONDI MOBILIARI

Dettagli

Relazione sulla remunerazione ai sensi dell art. 123-ter del D.Lgs. 58/1998; delibere inerenti e conseguenti.

Relazione sulla remunerazione ai sensi dell art. 123-ter del D.Lgs. 58/1998; delibere inerenti e conseguenti. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI GRUPPO MUTUIONLINE S.P.A. SULLE PROPOSTE ALL'ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA ORDINARIA CONVOCATA IN PRIMA CONVOCAZIONE PER IL 23 APRILE 2013

Dettagli

La trasformazione delle imposte anticipate in crediti di imposta dopo l intervento della Manovra Monti

La trasformazione delle imposte anticipate in crediti di imposta dopo l intervento della Manovra Monti Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Fabio Giommoni * La trasformazione delle imposte anticipate in crediti di imposta dopo l intervento della Manovra Monti Il presente contributo

Dettagli

1 La nuova revisione legale di Giorgio Gentili

1 La nuova revisione legale di Giorgio Gentili di Giorgio Gentili 1.1 Novità introdotte dal d.lgs. n. 39/2010 Il d.lgs. 27 gennaio 2010, n. 39, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 23 marzo 2010, n. 68, recepisce la direttiva n. 2006/43/Ce, relativa

Dettagli

Cessione ed affitto d azienda

Cessione ed affitto d azienda Cessione ed affitto d azienda Appunti a cura di Claudio Ducoli aprile 2011 DEFINIZIONE DI AZIENDA L'art. 2555 del c.c. definisce l'azienda come il complesso dei beni organizzati dall'imprenditore per l'esercizio

Dettagli

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito RISOLUZIONE N. 76/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 novembre 2013 OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito Con la richiesta di consulenza

Dettagli

Roma, 6 dicembre 2011

Roma, 6 dicembre 2011 CIRCOLARE N.53/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 dicembre 2011 OGGETTO: Chiarimenti in tema di trattamento fiscale delle perdite d impresa ai sensi del decreto legge n. 98 del 6 luglio 2011, convertito

Dettagli

LA STRUTTURA GIURIDICA DELL IMPRESA

LA STRUTTURA GIURIDICA DELL IMPRESA LA STRUTTURA GIURIDICA DELL IMPRESA Le scelte economiche relative alla possibilità d intraprendere un attività in proprio sono profondamente connesse con le scelte di carattere giuridico. Di solito la

Dettagli

Assegnazione Destinatari del Piano Società Controllate Gruppo Piaggio

Assegnazione Destinatari del Piano Società Controllate Gruppo Piaggio Piano di assegnazione di diritti di opzione su azioni proprie riservato al top management del Gruppo Piaggio e autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie previa revoca delle deliberazioni

Dettagli

ASCOPIAVE S.p.A. Signori azionisti,

ASCOPIAVE S.p.A. Signori azionisti, ASCOPIAVE S.p.A. Via Verizzo, 1030 Pieve di Soligo (TV) Capitale Sociale Euro 234.411.575,00 i.v. Codice Fiscale, Partita IVA e Registro delle Imprese di Treviso n. 03916270261 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL

Dettagli

Legge stabilità 1) Assegnazioni/cessioni agevolate di beni ai soci

Legge stabilità 1) Assegnazioni/cessioni agevolate di beni ai soci Legge stabilità 1) Assegnazioni/cessioni agevolate di beni ai soci La legge di stabilità per l anno 2016 (Legge n.208 del 28/12/2015) ripropone la disposizione sulle assegnazioni, cessioni agevolate dei

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

Roma, 25 febbraio 2005

Roma, 25 febbraio 2005 RISOLUZIONE N. 27/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 25 febbraio 2005 Oggetto: Istanza di interpello. X S.r.l. Deducibilità dei canoni derivanti da un contratto di sale and lease back avente

Dettagli

SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE, ESTINZIONE ( e RECESSO) DELLE SOCIETA DI CAPITALI

SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE, ESTINZIONE ( e RECESSO) DELLE SOCIETA DI CAPITALI Dott.ssa Silvia Bocci SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE, ESTINZIONE ( e RECESSO) DELLE SOCIETA DI CAPITALI Aspetti pratici e fiscali Giovedì 11 novembre 2004 Auditorium della Cultura e della Economia - Prato

Dettagli

INDICE. Sezione I Disposizioni generali

INDICE. Sezione I Disposizioni generali INDICE Evoluzione normativa societaria... Presentazione... pag. V XV D.Lgs. 17 gennaio 2003 n. 6. Riforma organica della disciplina delle società di capitali e società cooperative, in attuazione della

Dettagli

Simulazione Esame di Stato di Dottore Commercialista

Simulazione Esame di Stato di Dottore Commercialista Simulazione Esame di Stato di Dottore Commercialista Il candidato illustri il processo di liquidazione delle società di capitali soffermandosi sugli adempimenti civilistici, contabili e fiscali antecedenti

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA NORMA DI COMPORTAMENTO N. 183 TRATTAMENTO

Dettagli

CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DELLE AZIENDE CONVENZIONATE

CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DELLE AZIENDE CONVENZIONATE CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DELLE AZIENDE CONVENZIONATE Chiarimenti sulla disciplina fiscale del d. lgs. n. 252/2005 (c.d. Testo Unico della previdenza complementare) Circolare dell

Dettagli

Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 QUESITO

Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 QUESITO RISOLUZIONE N. 105/E Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n.212. Art. 19 bis 1,

Dettagli

7 Informazioni riguardanti gli strumenti finanziari oggetto dell Offerta Globale

7 Informazioni riguardanti gli strumenti finanziari oggetto dell Offerta Globale 7 Informazioni riguardanti gli strumenti finanziari oggetto dell Offerta Globale 7.1 Descrizione delle Azioni I titoli oggetto dell Offerta Globale sono n. 1.750.000 azioni ordinarie ASM, da nominali Euro

Dettagli

La scelta della forma giuridica

La scelta della forma giuridica La scelta della forma giuridica Classe quarta A IGEA Prof. Luigi Trojano 1 Introduzione Quando si intraprende una attività aziendale, il primo passo da compiere è quello relativo alla scelta se avviare

Dettagli

Bonus macchinari: nuovo credito d imposta del 15% di quanto speso. (Art. 19 DL n. 91 del 24.06.2014)

Bonus macchinari: nuovo credito d imposta del 15% di quanto speso. (Art. 19 DL n. 91 del 24.06.2014) N. 195 del 10.07.2014 La Memory A cura di Riccardo Malvestiti Bonus macchinari: nuovo credito d imposta del 15% di quanto speso (Art. 19 DL n. 91 del 24.06.2014) Con il DL n. 91 del 24.06.2014 pubblicato

Dettagli

La fiscalità degli strumenti di capitalizzazione e di finanziamento dell impresa

La fiscalità degli strumenti di capitalizzazione e di finanziamento dell impresa La fiscalità degli strumenti di capitalizzazione e di Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Milano SAF Scuola di Alta Formazione Luigi Martino Convegno del 16 gennaio 2012 Relatore:

Dettagli

Servizio circolari per la clientela Circolare n. 3 del 28 gennaio 2013

Servizio circolari per la clientela Circolare n. 3 del 28 gennaio 2013 Servizio circolari per la clientela Circolare n. 3 del 28 gennaio 2013 1 Premessa 2 Deducibilità delle auto aziendali e dei professionisti 2.1 Auto aziendali 2.2 Auto dei professionisti 2.3 Auto concesse

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA NORMA DI COMPORTAMENTO N. 178 COMPUTO DEGLI AMMORTAMENTI

Dettagli

Tutti i soci sono tenuti alla massima e più scrupolosa osservanza delle norme in esso contenute.

Tutti i soci sono tenuti alla massima e più scrupolosa osservanza delle norme in esso contenute. REGOLAMENTO DEI DEPOSITI DEI SOCI PREMESSA Il presente regolamento interno ha come scopo la disciplina dei conferimenti in denaro, a titolo di prestito, effettuati dai soci per il conseguimento dell oggetto

Dettagli

STUDIO ASSOCIATO PAGANI

STUDIO ASSOCIATO PAGANI STUDIO ASSOCIATO PAGANI DOTTORI COMMERCIALISTI E REVISORI DEI CONTI Via G. Frua, 24 Sergio Pagani 20146 Milano Paolo D. S. Pagani Tel. +39 (02) 46.07.22 Raffaella Pagani Fax +39 (02) 49.81.537 Ornella

Dettagli

Fattispecie di applicazione delle modalità di determinazione del reddito di impresa a seguito dell adozione degli IAS/IFRS

Fattispecie di applicazione delle modalità di determinazione del reddito di impresa a seguito dell adozione degli IAS/IFRS Profili fiscali e opportunità in vista di Basilea 2 Fattispecie di applicazione delle modalità di determinazione del reddito di impresa a Agenzia delle Entrate Ufficio controlli fiscali - Direzione Regionale

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE SOTTO I 40.000 EURO

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE SOTTO I 40.000 EURO REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE SOTTO I 40.000 EURO Sede Legale ed Amministrativa: Via Biagio di Montluc 2, 53100 Siena (SI) - Tel 0577 48154 Fax 0577 42449 Capitale Sociale

Dettagli

Riapertura dei termini per la rideterminazione del valore delle partecipazioni

Riapertura dei termini per la rideterminazione del valore delle partecipazioni Tratto da: Collana Dichiarazioni fiscali 2009 - Unico Società di persone, a cura di G. Cremona, P. Monarca, N. Tarantino Aspetti generali NOVITÀ Sezione I Imposta sostitutiva 20% Da quest anno, in seguito

Dettagli

CASSA DI RISPARMIO DI CENTO S.P.A.

CASSA DI RISPARMIO DI CENTO S.P.A. CASSA DI RISPARMIO DI CENTO S.P.A. Iscritta all albo delle Banche: 5099 Sede legale e Direzione generale: Via Matteotti 8/b - 44042 CENTO (Fe) Capitale Sociale: Euro 67.498.955,88 Codice Fiscale, Partita

Dettagli

RISOLUZIONE N.345/E. Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione del DPR n. 917 del 1986, è stato esposto il seguente

RISOLUZIONE N.345/E. Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione del DPR n. 917 del 1986, è stato esposto il seguente RISOLUZIONE N.345/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 05 agosto 2008 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 - Trasferimento in Italia della sede legale

Dettagli

R21 - QUADRO RZ - DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA RELATIVA A INTERESSI, ALTRI REDDITI DI CAPITALE E REDDITI DIVERSI

R21 - QUADRO RZ - DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA RELATIVA A INTERESSI, ALTRI REDDITI DI CAPITALE E REDDITI DIVERSI R21 - QUADRO RZ - DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA RELATIVA A INTERESSI, ALTRI REDDITI DI CAPITALE E REDDITI DIVERSI 21.1 Generalità Il quadro RZ deve essere compilato dai soggetti che hanno corrisposto

Dettagli

Presentazione modello Unico 2005 Istruzioni per gli Enti non commerciali

Presentazione modello Unico 2005 Istruzioni per gli Enti non commerciali Presentazione modello Unico 2005 Istruzioni per gli Enti non commerciali Nell imminenza delle scadenze relative alle dichiarazioni dei redditi per l esercizio 2004 ed al versamento delle imposte ad esse

Dettagli

Forme di attività economiche 2009-09-23 13:54:32

Forme di attività economiche 2009-09-23 13:54:32 Forme di attività economiche 2009-09-23 13:54:32 2 Oggi nella realtà economica polacca funzionano le seguenti forme di attività economica: Oggi nella realtà economica polacca funzionano le seguenti forme

Dettagli

RISOLUZIONE N. 54/E. Roma, 16 marzo 2007. Oggetto: Istanza di interpello DPR 26 ottobre 1972, n. 633 l ALFA S.r.l.

RISOLUZIONE N. 54/E. Roma, 16 marzo 2007. Oggetto: Istanza di interpello DPR 26 ottobre 1972, n. 633 l ALFA S.r.l. RISOLUZIONE N. 54/E Roma, 16 marzo 2007 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto: Istanza di interpello DPR 26 ottobre 1972, n. 633 l ALFA S.r.l. La Direzione Regionale ha trasmesso un istanza

Dettagli

La SICAF mobiliare principali profili fiscali. Avv. Enrico Pauletti. Milano, 25 marzo 2015

La SICAF mobiliare principali profili fiscali. Avv. Enrico Pauletti. Milano, 25 marzo 2015 La SICAF mobiliare principali profili fiscali Avv. Enrico Pauletti Milano, 25 marzo 2015 1 Premessa - Introduzione della SICAF Introduzione con il D. Lgs. n. 44/2014 di recepimento della Direttiva AIFM

Dettagli

Luglio 2014. Modifica dell aliquota di tassazione dei redditi di natura finanziaria

Luglio 2014. Modifica dell aliquota di tassazione dei redditi di natura finanziaria Luglio 2014 Modifica dell aliquota di tassazione dei redditi di natura finanziaria Olivia M. Zonca e Angelica Carlucci, Tax Product Management, BNP Paribas Securities Services La legge 23 giugno 2014,

Dettagli