Mercato Immobiliare e Donazioni 1 Spunti a cura di C. De Nicolellis 2

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Mercato Immobiliare e Donazioni 1 Spunti a cura di C. De Nicolellis 2"

Transcript

1 Mercato Immobiliare e Donazioni 1 Spunti a cura di C. De Nicolellis 2 In questi ultimi anni, a seguito dell impennata del mercato immobiliare italiano, dovuta a numerosi fattori, il mutuo come prodotto di impiego bancario ha conosciuto un periodo di grande e costante crescita. In tale contesto e a seguito della detassazione fiscale anche l istituto della donazione ha avuto un grande incremento. I due fenomeni sono pertanto collegati e la possibilità di vendere a prezzi che lievitano nel giro anche di pochi mesi dall acquisto, ha creato seri problemi in fase di istruttoria del prodotto mutuo.con un incremento esponenziale di vendita del suddetto specialmente nel settore retail. Essere proprietari di un immobile pervenuto per donazione comporta pertanto seri problemi all acquirente e alla banca che deve effettuare l erogazione del mutuo fondiario. Pertanto analiticamente sarà opportuno esaminare prioritariamente l istituto della donazione e le conseguenze che possiamo trarre da tale disamina. Il codice vigente, dopo ampia discussione configura la donazione come contratto ( Art.769 del cod.civ.) La donazione è un atto tendenzialmente definitivo ed anticipa la successione. Ma la suddetta sistemazione risulta incoerente, giacchè la donazione, definita come contratto, non è compresa tra i contratti ma aggregata, a guisa di appendice al libro II Delle Successioni La collocazione della disciplina delle donazioni fuori del libro delle obbligazioni serve anche a precisare che il contratto di donazione previsto dall art.769 del cod.civ. debba essere tenuto distinto per la sua diversità intrinseca, dagli altri atti o tipi contrattuali a titolo di liberalità, che regolati nel suddetto libro del codice, non sono per questo soggetti alla forma delle donazioni Tuttavia come precisato, in tempi ormai lontani, nel Novissimo Digesto Italiano, questa collocazione può avere qualche giustificazione, in quanto la legge applica alla donazione principi ed istituti propri del testamento ma estraneo ai contratti. Donazione e disposizione testamentaria presentano uguale disciplina e le suddette disposizioni hanno preciso riscontro nella disciplina delle disposizioni testamentarie. In definitiva la donazione ha tutta la struttura formale del contratto, ma sostanzialmente in gran parte segue la disciplina del testamento, di cui presenta anche quella certa prevalenza della volontà del donante che si manifesta in talune disposizioni relative alle donazioni. In tale contesto la legge ha una sola preoccupazione : intende evitare che per mezzo di donazioni, il donante possa intaccare il proprio patrimonio in guisa da ledere la legittima alle persone cui è dovuta ; pertanto qualora questa sia rispettata oppure non trovi applicazione, la donazione ha la sua piena e totale efficacia. In caso contrario tornando nello specifico, sia l acquirente dell immobile che la banca alla quale venga richiesta la erogazione del mutuo fondiario, sono esposti entrambi agli sfavorevoli effetti di una eventuale azione di riduzione proposta dagli eredi legittimari del donante. 1 Testi di riferimento : Le Successioni e Donazioni di Giuseppe Azzariti ( Libro Secondo del Codice Civile ) La Comunione e La Divisione Ereditaria di Mario Morelli ( Giurisprudenza Sistematica di Diritto Civile e Commerciale ) Trattato di Diritto Privato ( Libro delle Successioni ) di Pietro Rescigno 2 L A. è giuristeconomista in una grande azienda, avvocato specializzato in problematiche bancarie; fa parte degli organi direttivi di AGEIE.

2 L azione di riduzione ha infatti per scopo la reintegrazione della quota di legittima mediante la riduzione delle disposizioni testamentarie e delle donazioni eccedenti la quota di cui il testatore poteva disporre ( art.553 cod.civ.) A tale riguardo si precisa che i legittimati alla riduzione non possono rinunciare al loro diritto finchè vive il donante né con dichiarazione espressa, né prestando il loro assenso alla donazione ( art.557 comma secondo del codice civile ); inoltre per agire in riduzione il legittimario deve essere stato leso nella sua quota di legittima e la suddetta azione è munita di efficacia retroattiva non solo fra le parti ma anche nei confronti dei terzi. Tale precisazione è importante nel caso di erogazione di un mutuo, in quanto se la banca ottenesse una iscrizione ipotecaria sopra un immobile di provenienza donativa a garanzia della erogazione di un mutuo all acquirente, esso perderebbe la garanzia ipotecaria in caso di positivo esperimento della azione di riduzione e conseguente declaratoria di inefficacia della donazione medesima. Per superare l ostacolo, si ritiene, secondo una opinione che trova consensi in dottrina, che si possa ricorrere alla stipula di un atto di risoluzione consensuale della donazione ( detto anche di mutuo dissenso ) mediante il quale venga ripristinata ex ante la situazione dell immobile e la relativa titolarità in capo al donante. In tale senso è l art.1372 del cod.civ.il quale prevede che il contratto possa essere sciolto per mutuo consenso o nella accezione più comune per mutuo dissenso. In questo ambito il contratto di donazione verrebbe risolto con effetto retroattivo ed il donante ritornerebbe proprietario del bene., come se lo stesso non fosse mai uscito dal suo patrimonio e verrebbe meno la provenienza donativa con conseguente possibilità di accesso al mutuo fondiario da parte dell acquirente dell immobile. La revoca della donazione si può ricollegare alla dottrina della sopravvenienza, per cui un negozio si caduca qualora sopravvengano circostanze tassativamente stabilite dalla legge e nel caso di immobili, su esigenze familiari di carattere patrimoniale nel caso della sopravvenienza di figli. Ci può essere un figlio esistente al momento della donazione, ma di cui il donante ignora la esistenza ; può anche essere sopravvenuto, cioè posteriormente alla donazione ed anche eventualmente alla morte dello stesso donante, giacchè la sopravvenienza di un postumo autorizza la revoca. Tale espediente viene contestato da una parte della dottrina che ritiene che il contratto, una volta che abbia prodotto i suoi effetti, esso non possa essere più posto nel nulla. Tuttavia, a confutare tale tesi, alla donazione si può aggiungere un patto di reversibilità, per cui, nel caso di premorienza del donatario e dei suoi discendenti, la cosa donata non va agli eredi del donatario, ma ritorna al donante ( artt.791 e 792 cod.civ.) Il patto contempla la premorienza del donatario e dei suoi discendenti, ed è questione di interpretazione di volontà accertare quali discendenti le parti abbiano voluto includere in questa dizione : vale soltanto a favore del donante ; il patto a favore di altri si considera come non apposto ( art e 3 comma ) Altra soluzione è quella di far rilasciare fideiussione ai legittimari del donante ai fini di scongiurare eventuali future azioni di riduzione. In caso di provenienza per donazione e, qualora il donante sia in vita, è sconsigliabile acquistare, salvo la sussistenza di idonee garanzie. Tale precisazione è importante nel caso specifico di erogazione di un mutuo, in quanto se la Banca ottenesse una iscrizione ipotecaria sopra un immobile di provenienza donativa a, garanzia della erogazione del mutuo, essa perderebbe la garanzia ipotecaria in caso di positivo esperimento della azione di riduzione e conseguente declaratoria di inefficacia della donazione medesima. f

3 E evidente, dunque, come le banche, di fronte a simili inconvenienti, chiedano adeguate garanzie alle parti ed è anche comprensibile come alcune banche si rifiutino addirittura di erogare il mutuo all acquirente ogni volta venga loro offerto in garanzia un immobile pervenuto per donazione. Per quanto riguarda la donazione indiretta o atipica, che è quella oggetto del ns. argomentare, è quella che può essere ravvisata nelle più varie fattispecie che evidenzino in concreto un effetto di arricchimento in dipendenza di un altrui intento di liberalità e và pertanto restituita alla massa, ove effettuata in vita dal genitore ( o dal coniuge) in favore dei discendenti ( o dell altro coniuge), che ne abbiano poi accettato l eredità. Si è posto per altro il quesito, con riguardo alla ipotesi dell acquisto di immobile con denaro del genitore, se la reintegrazione del patrimonio vada in particolare effettuata mediante collazione dell immobile stesso ovvero del denaro fornito per il suo acquisto. Nella ipotesi considerata non può ravvisarsi una forma di interposizione fittizia, giacché il terzo ignora che il denaro non sia del figlio e manca quindi l accordo simulatorio. In tale caso si ha pertanto un procedimento indiretto, costituito dalla combinazione di due negozi : una donazione del denaro, ovvero un mutuo a favore del figlio e l acquisto dell immobile a suo nome. Il che appunto comporta che, una volta aperta la successione del padre, nella massa ereditaria debba rientrare il denaro e non l immobile, essendo quello e non questo l oggetto della donazione Il caso diverso, previsto dall art.747 del cod.civ. che prevede la collazione di beni immobili si fa o col rendere il bene in natura o con l imputarne il valore alla propria porzione, a scelta di chi conferisce. La scelta del donatario ( che si identifica dinamicamente con l atto di conferimento) si pone così al centro della vicenda restitutoria ( del bene donato alla massa ). In particolare, l atto di scelta si configura, in questa prospettiva, come negozio unilaterale e conseguentemente recettizio,divenendo rilevante solo dal momento in cui è portato a conoscenza dei coeredi interessati. Siamo pertanto in presenza della collazione per imputazione che postula due operazioni: l addebito del valore dei beni donati a carico della quota dell erede donatario ed il contemporaneo prelevamento di una corrispondente quantità di beni da parte degli eredi non donatari, cosicché in tale caso, i beni rimangono sempre in proprietà del coerede donatario che li trattiene in virtù della donazione ricevuta e deve versare alla massa solo l equivalente pecuniario ( Cass.28/06/1976 n.2453 ) Particolare importante e da precisare è che la collazione per imputazione si fa avuto riguardo al valore dell immobile al tempo della aperta successione ( art.747 cod.civ.) Tale obbligo della collazione non sussiste per il donatario, quando il de cuius lo abbia dispensato dal conferimento ( art.737 comma primo ultima parte cod.civ. ) Nella maggior parte dei casi pratici, le donazioni non contengono la dispensa dalla collazione, ma soltanto l indicazione che l attribuzione viene fatta in conto di legittima e, per il di più, sulla disponibile. Tale dispensa depone a favore di chi valuta la natura dispositiva del regime della collazione, che, in quanto tale è appunto derogabile con specifica contraria disposizione del defunto. In concreto, la dispensa potenzia il potere di disporre del donante ( cfr. Cass n.7324 ) e contestualmente rafforza l attribuzione patrimoniale del donatario. Secondo alcuni, la dispensa dal punto di vista sostanziale non costituisce un negozio distinto dalla donazione, ma viceversa si configura come una modalità della stessa o al più come un suo elemento accessorio od accidentale. Secondo altri, è pur sempre un atto di liberalità, ma autonomo rispetto alla donazione, con la quale instaura un rapporto di reciproco collegamento.

4 La giurisprudenza, dopo alcune incertezze, con una fondamentale ed argomentata decisione della Corte regolatrice ( Cass , n.1845 ) ha accolto la prima tesi. Tale tesi porta alla considerazione che chi dona un bene con dispensa dalla collazione non vuole due cose distinte, ma vuole invece attribuire al donatario il bene in modo che rimanga intoccabile ed indenne presso di lui. Anche nel 1984 la Cassazione è tornata sull argomento ( 7/5/1984 n.2752 ) qualificando la dispensa alternativamente come clausola contrattuale e come semplice modalità dell attribuzione, destinata ad avere efficacia in funzione del rafforzamento di questa, dopo la morte del donante. Una figura affine alla collazione può essere considerata l azione di riduzione, che concorre anch essa ad aumentare la massa ereditaria, rendendo inefficace taluni atti di liberalità compiuti in vita dal defunto. Mentre la collazione mira ad assicurare tra i discendenti ed il coniuge del de cuius la parità di trattamento, l azione di riduzione ha lo scopo di rendere inefficaci le liberalità che abbiano leso il diritto del legittimario in modo da reintegrare la quota di riserva. L ipotesi più importante, fra quelle che rendono necessaria una tutela del legittimario, consiste nella lesione della legittima. Essa si verifica quando le disposizioni testamentarie e le donazioni fatte fatte dal defunto siano tali da privare in tutto o in parte il legittimario della quota a lui riservata dalla legge. Bisogna precisare che le disposizioni lesive non sono per ciò solo inefficaci o nulle. La legge accorda al legittimario il potere di togliere loro efficacia, nella misura in cui ciò sia necessario per reintegrare la legittima, per mezzo di una apposita azione detta azione per riduzione.. Si tratta di una azione costitutiva, in quanto l accoglimento della domanda fa venir meno, in tutto in parte, gli effetti di una o più donazioni o disposizioni testamentarie. La sentenza che dispone la riduzione può produrre effetti anche nei confronti dei terzi che abbiano acquistato diritti dal destinatario della disposizione ridotta. Tale sentenza, entro determinati limiti, è dotata di retroattività reale. Pertanto in costanza di una erogazione di un finanziamento ipotecario, gli immobili restituiti in conseguenza della riduzione sono liberi da ogni peso o ipoteca di cui il legatario o il donatario può averli gravati. In tal caso sorge a favore del legittimario un altra azione detta di restituzione, nei confronti dell avente causa. Non si tratta di una azione costitutiva e personale, diretta a rendere inefficace il titolo di acquisto del terzo. Infatti tale titolo è stato già travolto dalla retroattività reale della riduzione pronunziata contro l alienante Pertanto si può ben dire che l azione di riduzione ha per scopo la reintegrazione della quota di legittima mediante la riduzione delle disposizioni testamentarie e delle donazioni eccedenti la quota di cui il testatore poteva disporre ( art.553 cod.civ.) Per quanto riguarda poi le agevolazioni per l acquisto della prima casa, esse sono state estese anche ai trasferimenti gratuiti, con la riforma della imposta di successione e donazione.e con l aumento della franchigia, in materia fiscale ( Euro ,00), saranno ben pochi gli eredi che, prima casa o no, dovranno pagare tasse su un immobile ereditato. L imposta di successione è di fatto sparita e si deve precisare che i valori da considerare sono quelli catastali e questi, almeno nelle grandi città, sono in genere la metà di quelli di mercato. In ultima analisi, dopo aver provveduto ad una disamina degli Istituti della donazione, della collazione, della azione di riduzione, appare evidente quanto segue, in costanza di una donazione :

5 - si può ricorrere alla stipula di un atto di risoluzione consensuale della donazione ( detto anche di mutuo dissenso ) mediante il quale venga ripristinata la titolarità dell immobile in capo al donante - rilascio di una fideiussione da parte dei legittimari o preferibilmente una fideiussione bancaria che possa evitare i rischi di una eventuale azione di riduzione - solo dopo dieci anni dalla morte del donante la banca e l acquirente possono stare sicuri che, l ipoteca e l acquisto non verranno travolti da eventuali pretese dei legittimari..

La Collazione Ereditaria.

La Collazione Ereditaria. Avv. Monica La Rocca monica.larocca@ssalex.com La collazione è l atto con il quale determinati soggetti, che hanno accettato l eredità conferiscono alla massa ereditaria le liberalità ricevute in vita

Dettagli

INDICE SEZIONE I. DEI DIRITTI RISERVATI AI LEGITTIMARI. Art. 536 (Legittimari)

INDICE SEZIONE I. DEI DIRITTI RISERVATI AI LEGITTIMARI. Art. 536 (Legittimari) INDICE SEZIONE I. DEI DIRITTI RISERVATI AI LEGITTIMARI Art. 536 (Legittimari) CAPITOLO I: DIRITTI RISERVATI AI LEGITTIMARI E LINEE EVOLUTIVE DELLA SUCCESSIONE NECESSARIA 1. Successione necessaria fra tradizione

Dettagli

IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Aspetti Fiscali degli Atti Dispositivi

IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Aspetti Fiscali degli Atti Dispositivi Carismi Convegni CARISMICONVEGNI IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Centro Studi I Cappuccini 22 Febbraio 2013 Avv. Francesco Napolitano DONAZIONE DI AZIENDA IMPOSTE DIRETTE La donazione di azienda da parte di

Dettagli

I Venerdì dell Avvocatura

I Venerdì dell Avvocatura Arcidiocesi di Milano Curia Arcivescovile Avvocatura I Venerdì dell Avvocatura Le successioni e le donazioni Introduzione 3 incontro 13 dicembre 2013 SUCCESSIONI La successione mortis causa rappresenta

Dettagli

I PATTI SUCCESSORI E LA TUTELA DEI LEGITTIMARI

I PATTI SUCCESSORI E LA TUTELA DEI LEGITTIMARI I PATTI SUCCESSORI E LA TUTELA DEI LEGITTIMARI 1) LA FORZA DELLA VOLONTÀ TESTAMENTARIA E I LIMITI DEL SISTEMA Autonomia privata e pianificazione successoria Volontà del disponente - Revocabile usque ad

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A

R E P U B B L I C A I T A L I A N A N. 941/96 R.A.C.C. R E P U B B L I C A I T A L I A N A TRIBUNALE DI UDINE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Udine, sezione civile, composto dai Signori Magistrati: Dott. ALESSANDRA BOTTAN PRESIDENTE

Dettagli

ITG A. POZZO LEZIONI DI ESTIMO. Stima delle successioni ereditarie. Classi 5^ LB-LC-SA Anno scolastico 2009/10. Prof. Romano Oss

ITG A. POZZO LEZIONI DI ESTIMO. Stima delle successioni ereditarie. Classi 5^ LB-LC-SA Anno scolastico 2009/10. Prof. Romano Oss ITG A. POZZO LEZIONI DI ESTIMO Stima delle successioni ereditarie Classi 5^ LB-LC-SA Anno scolastico 2009/10 Prof. Romano Oss Si ha successione quando uno o più soggetti (successori o aventi causa) subentrano

Dettagli

STIMA PER SUCCESSIONI EREDITARIE (CAP. 19)

STIMA PER SUCCESSIONI EREDITARIE (CAP. 19) STIMA PER SUCCESSIONI EREDITARIE (CAP. 19) Appunti di estimo PAROLE CHIAVE De cuius Successione Discendenti Ascendenti Quota disponibile Quota di legittima o di riserva Riunione fittizia e asse ereditario

Dettagli

Le donazioni e gli istituti giuridici a tutela dell eredità

Le donazioni e gli istituti giuridici a tutela dell eredità Le donazioni e gli istituti giuridici a tutela dell eredità Guida alla pianificazione successoria VISION OBIETTIVO Guida alla pianificazione successoria: di cosa parliamo Questo documento ti consentirà

Dettagli

http://alca.intra.infocamere.it/esam/esamiquestservlet

http://alca.intra.infocamere.it/esam/esamiquestservlet Page 1 of 10 DIRITTO DI FAMIGLIA - SUCCESSIONI - DONAZIONI 1) Quale dei seguenti beni non rientra nella comunione legale dei beni? A [ ] beni immobili acquistati dopo il matrimonio B [*] beni immobili

Dettagli

Notaio Alessandro Nazari

Notaio Alessandro Nazari Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema Notaio Alessandro Nazari Le attribuzioni patrimoniali possono essere realizzate con due diversi mezzi Liberalità DIRETTE o più correttamente

Dettagli

Se non esistono successori testamentari o legittimi entro il sesto grado, l eredità si dice vagante e il patrimonio va allo Stato.

Se non esistono successori testamentari o legittimi entro il sesto grado, l eredità si dice vagante e il patrimonio va allo Stato. SUCCESSIONI EREDITARIE 1) Che cos è la successione? La successione è il trasferimento dei beni dal defunto ( de cuius) agli aventi diritto, che possono essere eredi quando c è un legame di parentela o

Dettagli

INDICE I LA SUCCESSIONE. 1 L apertura delle successioni... 3. Prefazione...

INDICE I LA SUCCESSIONE. 1 L apertura delle successioni... 3. Prefazione... INDICE Prefazione... XIX I LA SUCCESSIONE 1 L apertura delle successioni... 3 1.1 Introduzione... 4 1.2 L apertura della successione... 5 1.3 La dichiarazione di morte presunta... 6 1.4 L acquisto dell

Dettagli

Scritto da Administrator Domenica 15 Giugno 2008 10:10 - Ultimo aggiornamento Domenica 15 Giugno 2008 10:40

Scritto da Administrator Domenica 15 Giugno 2008 10:10 - Ultimo aggiornamento Domenica 15 Giugno 2008 10:40 La divisione ereditaria Allorchè più soggetti siano chiamati a succedere al de cuius ed accettino l'eredità, viene ad esistenza uno stato di comunione ereditaria incidentale, cioè occasionata dalla morte

Dettagli

LA RIFORMA DEI PATTI SUCCESSORI RINUNCIATIVI

LA RIFORMA DEI PATTI SUCCESSORI RINUNCIATIVI Nota per la stampa LA RIFORMA DEI PATTI SUCCESSORI RINUNCIATIVI 1. Scopo della riforma In base all attuale testo del codice civile (art. 458) è nulla ogni convenzione con cui taluno dispone o rinuncia

Dettagli

Collegio dei geometri Della Provincia di Barletta - Andria - Trani. CORSO DI FORMAZIONE PER CONSULENTI TECNICI DI UFFICIO Maggio 2014

Collegio dei geometri Della Provincia di Barletta - Andria - Trani. CORSO DI FORMAZIONE PER CONSULENTI TECNICI DI UFFICIO Maggio 2014 Successioni ereditarie: generalità La morte di una persona non comporta lo scioglimento di tutti i vincoli economici e giuridici che esistevano fra il defunto e le altre persone che con lui avevano rapporti.

Dettagli

Nel caso in cui all erede sia destinato un legato si parla di legato in sostituzione di legittima: questi potrà valutare l opportunità di man-

Nel caso in cui all erede sia destinato un legato si parla di legato in sostituzione di legittima: questi potrà valutare l opportunità di man- SUCCESSIONI E DONAZIONI: LE QUESTIONI PIÙ DIBATTUTE 123 prio (Cfr. Ferrero-Podetti, La rinuncia all eredità, in Successioni e donazioni, vol. I, a cura di Rescigno, Padova, 1994, p.385). Nella ipotesi

Dettagli

Della collazione Del pagamento dei debiti

Della collazione Del pagamento dei debiti Antonio Albanese Della collazione Del pagamento dei debiti GIUFFRE EDITORE Art. 737 ( (Soggetti tenuti alla collazione) 1. Cenni storici 4 2. Collazione e famiglia: fra tradizione e riforme 7 3. Collazione

Dettagli

Aspetti civilistici; cenni generali e inquadramento delle fattispecie

Aspetti civilistici; cenni generali e inquadramento delle fattispecie S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Tutela del patrimonio: le successioni e le donazioni Aspetti civilistici; cenni generali e inquadramento delle fattispecie Avv. Mario Cozza 23 ottobre 2014

Dettagli

CAPITOLO TERZO LA COLLAZIONE (DARIO COLANGELI)

CAPITOLO TERZO LA COLLAZIONE (DARIO COLANGELI) CAPITOLO TERZO LA COLLAZIONE (DARIO COLANGELI) SOMMARIO: 1. La collazione. 1.1. La ragione giustificativa della collazione. 1.1.1. La natura della collazione. 1.1.2. Contenuto e operatività. 2. Sono soggette

Dettagli

Erede legittimario e calcolo della quota

Erede legittimario e calcolo della quota Quesito n. 16 Erede legittimario e calcolo della quota Tizio, vedovo da molti anni, per ricompensare la sua badante dei servigi resigli le dona un immobile sito in via Dante del valore di euro 350.000,00.

Dettagli

Il trasferimento generazionale della farmacia privata: il passaggio generazionale per atto tra vivi

Il trasferimento generazionale della farmacia privata: il passaggio generazionale per atto tra vivi della farmacia privata: il passaggio generazionale per atto tra vivi Dott. Marino Mascheroni Professore a contratto di Diritto Tributario Università di Milano La forma indiretta: il conferimento con i

Dettagli

15. Posizione del successibile prima dell apertura della successione... 29

15. Posizione del successibile prima dell apertura della successione... 29 INDICE-SOMMARIO Capitolo I. NOZIONI INTRODUTTIVE 1. La successione a causa di morte............... 1 2. Fondamento della successione a causa di morte. Successione testamentaria e successione legittima.....................

Dettagli

La divisione ereditaria

La divisione ereditaria La divisione ereditaria La divisione ereditaria è diretta a far cessare lo stato di comunione sui beni della massa ereditaria tra tutti i soggetti che partecipano alla comunione; ha natura dichiarativa

Dettagli

Quesiti frequenti sulle successioni

Quesiti frequenti sulle successioni Quesiti frequenti sulle successioni Le successioni ereditarie comportano questioni delicate e talvolta difficili da risolvere. Rivolgetevi ad un nostro sportello per ricevere informazioni dettagliate relative

Dettagli

GLOSSARIO del diritto di famiglia e delle successioni

GLOSSARIO del diritto di famiglia e delle successioni GLOSSARIO del diritto di famiglia e delle successioni www.leggiitaliane.it Accettazione dell eredità atto negoziale unilaterale mediante il quale il chiamato fa propria l eredità che gli è conferita per

Dettagli

FRANCO ANGELONI. Il legato in sostituzione di legittima «rinforzato»

FRANCO ANGELONI. Il legato in sostituzione di legittima «rinforzato» FRANCO ANGELONI Professore Ordinario di Diritto Civile nella Facoltà di Giurisprudenza dell Università degli Studi di Urbino Il legato in sostituzione di legittima «rinforzato» L art. 551 c.c. prevede

Dettagli

Il Registro dei testamenti

Il Registro dei testamenti La successione: legittima, testamentaria, necessaria Il Registro dei testamenti Il Registro Generale dei Testamenti, che ha sede presso l'ufficio Centrale degli archivi notarili, consente agli interessati

Dettagli

IL FONDO PATRIMONIALE

IL FONDO PATRIMONIALE IL FONDO PATRIMONIALE La ricerca risponde a vari quesiti relativi all istituto di cui alla sezione II, titolo VI, libro I del codice civile (artt. 167-176 c.c.), modificato dalla riforma del diritto di

Dettagli

LA REINTEGRAZIONE DELLA QUOTA RISERVATA AI LEGITTIMARI NELL IMPIANTO DEL CODICE CIVILE (*)

LA REINTEGRAZIONE DELLA QUOTA RISERVATA AI LEGITTIMARI NELL IMPIANTO DEL CODICE CIVILE (*) LA REINTEGRAZIONE DELLA QUOTA RISERVATA AI LEGITTIMARI NELL IMPIANTO DEL CODICE CIVILE (*) di Alessandro Torroni (*) Relazione svolta alla giornata di studio sul tema La tutela dei legittimari tra novità

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

INDICE. Art. 768-bis (Nozione) SEZIONE I: CARATTERI GENERALI DEL PATTO DI FAMIGLIA: INTERESSI TUTELATI E

INDICE. Art. 768-bis (Nozione) SEZIONE I: CARATTERI GENERALI DEL PATTO DI FAMIGLIA: INTERESSI TUTELATI E INDICE Art. 768-bis (Nozione) SEZIONE I: CARATTERI GENERALI DEL PATTO DI FAMIGLIA: INTERESSI TUTELATI E PRESUPPOSTI SOGGETTIVI DI APPLICAZIONE DELLA NUOVA DISCIPLINA 1. Ratio della riforma: garantire la

Dettagli

INDICE TITOLO II: DELLE SUCCESSIONI LEGITTIME

INDICE TITOLO II: DELLE SUCCESSIONI LEGITTIME INDICE TITOLO II: DELLE SUCCESSIONI LEGITTIME Art. 565 (Categorie dei successibili) 1. Successione legittima e famiglia: dalla Riforma del 75 al progetto di Riforma della filiazione.............................

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Capitolo I

INDICE-SOMMARIO. Capitolo I INDICE-SOMMARIO Capitolo I LA SUCCESSIONE NECESSARIA ED IL SUO ÀMBITO DI RILEVANZA 1. Il limite al potere di disporre del testatore: il diritto alla legittima. Nozione e sua ratio. pag. 1 2. Volontà testamentaria

Dettagli

PASSAGGIO GENERAZIONALE

PASSAGGIO GENERAZIONALE STRUMENTI CIVILISTICI SOCIETARI E FISCALI A SUPPORTO DEL PASSAGGIO GENERAZIONALE A cura del Dott. Claudio LUDOVICO Bari, 11 Maggio 2012 IMPRESE Ricchezza della nazione viene spesso agevolata la loro costituzione..non

Dettagli

Avv. Gian Carlo Sessa

Avv. Gian Carlo Sessa S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LE LITI SUCCESSORIE: LE CONTROVERSIE TIPICHE E QUELLE ATIPICHE, IN PARTICOLARE SOCIETARIE. (Le principali tipologie di liti tipiche e le liti atipiche ) Avv.

Dettagli

TRACCIA 6 I diritti di uso e di abitazione spettanti al coniuge superstite TRACCIA N. 6

TRACCIA 6 I diritti di uso e di abitazione spettanti al coniuge superstite TRACCIA N. 6 TRACCIA 6 I diritti di uso e di abitazione spettanti al coniuge superstite TRACCIA N. 6 I diritti di uso e di abitazione spettanti al coniuge superstite (Cass., Sez. Un., 27 febbraio 2013, n. 4847). SOMMARIO:

Dettagli

Circolare del Ministero delle Finanze (CIR) n. 221 /E del 30 novembre 2000

Circolare del Ministero delle Finanze (CIR) n. 221 /E del 30 novembre 2000 Circolare del Ministero delle Finanze (CIR) n. 221 /E del 30 novembre 2000 by www.finanzaefisco.it OGGETTO: Trattamento tributario degli atti di costituzione del fondo patrimoniale. L argomento oggetto

Dettagli

Deviazione degli effetti a favore del terzo e donazione di beni futuri donazione (indiretta) divieto di donazione di beni futuri ex 771 c.

Deviazione degli effetti a favore del terzo e donazione di beni futuri donazione (indiretta) divieto di donazione di beni futuri ex 771 c. Deviazione degli effetti a favore del terzo e donazione di beni futuri La volontà di Caio di deviare gli effetti dell acquisto dell immobile costruendo a favore del figlio Caietto impone di verificare:

Dettagli

Il riconoscimento di figlio naturale: effetti e tutela

Il riconoscimento di figlio naturale: effetti e tutela Il riconoscimento di figlio naturale: effetti e tutela 1) Nell ambito degli strumenti probatori predisposti dal sistema processuale vigente, il codice di rito contempla uno specifico mezzo istruttorio

Dettagli

Pubblicazioni della RIVISTA CRITICA DEL DIRITTO PRIVATO. Saggi 16

Pubblicazioni della RIVISTA CRITICA DEL DIRITTO PRIVATO. Saggi 16 Pubblicazioni della RIVISTA CRITICA DEL DIRITTO PRIVATO Saggi 16 Pubblicazioni della RIVISTA CRITICA DEL DIRITTO PRIVATO coordinate da Adolfo Di Majo e Salvatore Mazzamuto Saggi 1. LUCIO FRANCARIO, Danni

Dettagli

DIRITTO SUCCESSORIO. III^ Lezione. Diritto Civile. CORSO PER L ESAME DI AVVOCATO 2016 Scuola Forense dell Ordine di Milano

DIRITTO SUCCESSORIO. III^ Lezione. Diritto Civile. CORSO PER L ESAME DI AVVOCATO 2016 Scuola Forense dell Ordine di Milano CORSO PER L ESAME DI AVVOCATO 2016 Diritto Civile III^ Lezione DIRITTO SUCCESSORIO Prof. Avv. Riccardo Campione Dott. Enrico Mazzoletti SINTESI DEL FENOMENO SUCCESSORIO APERTURA Si ha al momento della

Dettagli

COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO

COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO Prot. n 720 Salerno, lì 4 Luglio 2012 A tutti gli iscritti all Albo e nell Elenco Speciale LORO SEDI OGGETTO: Circolare n 121/2012. Diritto Civile. Eredità: La Collazione ereditaria. Colleghi, continuando

Dettagli

Alessandro Torroni Notaio LIBERALITA A FAVORE DI ENTI NON PROFIT: DAL TESTAMENTO AL TRUST. ASPETTI CIVILISTICI E FISCALI

Alessandro Torroni Notaio LIBERALITA A FAVORE DI ENTI NON PROFIT: DAL TESTAMENTO AL TRUST. ASPETTI CIVILISTICI E FISCALI Alessandro Torroni Notaio LIBERALITA A FAVORE DI ENTI NON PROFIT: DAL TESTAMENTO AL TRUST. ASPETTI CIVILISTICI E FISCALI Sommario: 1. Premessa. 2. Il testamento. 2.1. Istituzione di erede e legato. 2.2.

Dettagli

DISCIPLINA DELL AZIENDA

DISCIPLINA DELL AZIENDA Prefazione alla seconda edizione....................... VII Prefazione alla prima edizione........................ IX Avvertenze................................ XIII PARTE PRIMA DISCIPLINA DELL AZIENDA

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa della deputata COVELLO. Modifiche al codice civile in materia di successione

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa della deputata COVELLO. Modifiche al codice civile in materia di successione Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI N. 3466 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa della deputata COVELLO Modifiche al codice civile

Dettagli

LIBERALITA INDIRETTE: COLLAZIONE E RIDUZIONE

LIBERALITA INDIRETTE: COLLAZIONE E RIDUZIONE LIBERALITA INDIRETTE: COLLAZIONE E RIDUZIONE di ALESSANDRO TORRONI Relazione svolta al Convegno di studi sul tema La ricognizione delle liberalità indirette nell attività notarile. Profili civilistici

Dettagli

L'ATTO DI DISPOSIZIONE DELLA CD. QUOTINA ALLA LUCE DELLA SENTENZA DELLA CORTE DI CASSAZIONE S.U. N. 5068/2016

L'ATTO DI DISPOSIZIONE DELLA CD. QUOTINA ALLA LUCE DELLA SENTENZA DELLA CORTE DI CASSAZIONE S.U. N. 5068/2016 SCUOLA DI NOTARIATO DI CATANIA JACOPO DA LENTINI * * * * * CORSO DI SPECIALIZZAZIONE DI DIRITTO DELLE SUCCESSIONE 2015/2016 * * * * * L'ATTO DI DISPOSIZIONE DELLA CD. QUOTINA ALLA LUCE DELLA SENTENZA DELLA

Dettagli

SOMMARIO. Prefazione...

SOMMARIO. Prefazione... SOMMARIO Prefazione... IX Capitolo 1 - Una fase complessa: il trasferimento del proprio patrimonio in modo efficace e definitivo 1. Rilevanza del fenomeno, soprattutto societario e aziendale... 1 2. Strumenti

Dettagli

IL MUTUO DISSENSO DI DONAZIONE

IL MUTUO DISSENSO DI DONAZIONE IL MUTUO DISSENSO DI DONAZIONE Vi sono delle ipotesi in cui l unica soluzione praticabile, per poter recuperare la commerciabilità del bene immobile, appare essere lo scioglimento della precedente donazione

Dettagli

IL REGIME PATRIMONIALE TRA I CONIUGI Disciplina delle spettanze e dei poteri dei coniugi in ordine all acquisto e alla gestione dei beni

IL REGIME PATRIMONIALE TRA I CONIUGI Disciplina delle spettanze e dei poteri dei coniugi in ordine all acquisto e alla gestione dei beni IL REGIME PATRIMONIALE TRA I CONIUGI Disciplina delle spettanze e dei poteri dei coniugi in ordine all acquisto e alla gestione dei beni REGIMI PATRIMONIALI TIPICI COMUNIONE DEI BENI: disciplina della

Dettagli

la Divisione di Francesco Tavano Manuale pratico per dividere l eredità secondo la legge e senza litigare

la Divisione di Francesco Tavano Manuale pratico per dividere l eredità secondo la legge e senza litigare la Divisione dell Eredità di Francesco Tavano Manuale pratico per dividere l eredità secondo la legge e senza litigare L autore è convinto di aver scritto un opera preziosa per tutti coloro che, dopo l

Dettagli

IL TRUST 1. DEFINIZIONE E FINALITA 2. I SOGGETTI COINVOLTI

IL TRUST 1. DEFINIZIONE E FINALITA 2. I SOGGETTI COINVOLTI IL TRUST 1. DEFINIZIONE E FINALITA Il trust è un contratto con cui un soggetto disponente (settlor) trasferisce la proprietà di uno o più beni a un soggetto fiduciario (trustee), il quale ne dispone e

Dettagli

INDICE. Presentazione... XVII. Quid Iuris. Mortis Causa. Quesito n. 1 È possibile diseredare un legittimario?...3

INDICE. Presentazione... XVII. Quid Iuris. Mortis Causa. Quesito n. 1 È possibile diseredare un legittimario?...3 INDICE Presentazione... XVII Quid Iuris. Mortis Causa Quesito n. 1 È possibile diseredare un legittimario?...3 Quesito n. 2 Ammissibile la cancellazione d ipoteca direttamente col testamento?...5 Quesito

Dettagli

CIRCOLARE n. 8/T del 24 settembre 2002

CIRCOLARE n. 8/T del 24 settembre 2002 CIRCOLARE n. 8/T del 24 settembre 2002 ART. 15 DEL D.P.R. 29 SETTEMBRE 1973, N. 601. FATTISPECIE NEGOZIALI CONTENENTI CLAUSOLE CHE INFLUISCONO SULLA DURATA DELL OPERAZIONE DI FINANZIAMENTO. PROBLEMATICHE

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE ANTONIO PEPE, CILLUFFO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE ANTONIO PEPE, CILLUFFO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4809 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI ANTONIO PEPE, CILLUFFO Modifiche agli articoli 561 e 563 del codice civile, nonché disposizione

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli IL PATTO DI FAMIGLIA Legge 14 febbraio 2006, n. 55 Documento n. 7 del 29 marzo 2006 Scheda di lettura Via G. Paisiello, 24 00198 Roma tel.: 06/85.440.1 (fax 06/85.440.223) C.F.:80459660587

Dettagli

Osservatorio sulla giustizia civile n. 19

Osservatorio sulla giustizia civile n. 19 Osservatorio sulla giustizia civile n. 19 del 30 settembre 2009 a cura di Maria Concetta Rametta 1. Corte di cassazione, seconda sezione civile, n. 19284 del 7 settembre 2009, in materia di successione

Dettagli

PER L IMPRENDITORE E ORA POSSIBILE ANCHE CEDERE L AZIENDA CON IL NUOVO PATTO DI FAMIGLIA

PER L IMPRENDITORE E ORA POSSIBILE ANCHE CEDERE L AZIENDA CON IL NUOVO PATTO DI FAMIGLIA PER L IMPRENDITORE E ORA POSSIBILE ANCHE CEDERE L AZIENDA CON IL NUOVO PATTO DI FAMIGLIA di Vincenzo D Andò PREMESSA La Legge 14.2.2006, n. 55 (pubblicata sulla G.U. n. 50 del 1.3.2006) ha introdotto nel

Dettagli

Fiscalità e adempimenti nella successione delle attività imprenditoriali e professionali. Questioni aperte

Fiscalità e adempimenti nella successione delle attività imprenditoriali e professionali. Questioni aperte PASSAGGIO GENERAZIONALE. ASPETTI PSICOLOGICI, CIVILISTICI, FINANZIARI E FISCALI Fiscalità e adempimenti nella successione delle attività imprenditoriali e professionali. Questioni aperte PROF. DOTT. ALBERTO

Dettagli

INTESTAZIONE DI PARTECIPAZIONI SOCIETARIE TRA CONIUGI TRA SIMULAZIONE, NEGOZIO FIDUCIARIO E DONAZIONE

INTESTAZIONE DI PARTECIPAZIONI SOCIETARIE TRA CONIUGI TRA SIMULAZIONE, NEGOZIO FIDUCIARIO E DONAZIONE FOCUS INTESTAZIONE DI PARTECIPAZIONI SOCIETARIE TRA CONIUGI TRA SIMULAZIONE, NEGOZIO FIDUCIARIO E DONAZIONE Stefano Dindo Avvocato del Foro di Verona Con questa nota mi propongo di esaminare le problematiche

Dettagli

I TRUSTS: NOVITÀ ALLA LUCE DEI PIÙ RECENTI ORIENTAMENTI DELLA GIURISPRUDENZA E DELLA PRASSI NEL DIRITTO ITALIANO E NEL DIRITTO INTERNAZIONALE PRIVATO

I TRUSTS: NOVITÀ ALLA LUCE DEI PIÙ RECENTI ORIENTAMENTI DELLA GIURISPRUDENZA E DELLA PRASSI NEL DIRITTO ITALIANO E NEL DIRITTO INTERNAZIONALE PRIVATO CONVEGNO di Avezzano, 19 novembre 2011 I TRUSTS: NOVITÀ ALLA LUCE DEI PIÙ RECENTI ORIENTAMENTI DELLA GIURISPRUDENZA E DELLA PRASSI NEL DIRITTO ITALIANO E NEL DIRITTO INTERNAZIONALE PRIVATO Intervento dott.ssa

Dettagli

FONDO PATRIMONIALE (artt. 167-171 C.C.)

FONDO PATRIMONIALE (artt. 167-171 C.C.) FONDO PATRIMONIALE (artt. 167-171 C.C.) COSTITUZIONE AMMINISTRAZIONE EFFICACIA OPPONIBILITA REVOCATORIA CESSAZIONE REGIME FISCALE DOTT.SSA ALESSANDRA DE LEONARDIS OBIETTIVI DEL FONDO CONCETTO DI FAMIGLIA

Dettagli

IL DIRITTO SUCCESSORIO IN AUSTRIA: LINEAMENTI GENERALI E LA SUCCESSIONE NEI BENI PRODUTTIVI

IL DIRITTO SUCCESSORIO IN AUSTRIA: LINEAMENTI GENERALI E LA SUCCESSIONE NEI BENI PRODUTTIVI IL DIRITTO SUCCESSORIO IN AUSTRIA: LINEAMENTI GENERALI E LA SUCCESSIONE NEI BENI PRODUTTIVI Bolzano, 28 novembre 2014 Univ.-Prof. Dr. Bernhard Eccher Universität Innsbruck 1 SOMMARIO A.Lineamenti generali

Dettagli

CAPITOLO II Sul lascito dell usufrutto generale dei beni ereditari... 23 di Michael Perreca

CAPITOLO II Sul lascito dell usufrutto generale dei beni ereditari... 23 di Michael Perreca INDICE SOMMARIO Prefazione.... Gli autori... V XIII CAPITOLO I Nuove regole in materia di filiazione: profili successori di Maria Giovanna Falzone Calvisi 1. Il quadro normativo attuale.............................

Dettagli

TRASFERIMENTI GRATUITI: DISCIPLINA CIVILISTICA E NUOVI PROFILI FISCALI

TRASFERIMENTI GRATUITI: DISCIPLINA CIVILISTICA E NUOVI PROFILI FISCALI TRASFERIMENTI GRATUITI: DISCIPLINA CIVILISTICA E NUOVI PROFILI FISCALI Il patrimonio personale accumulato nel corso della propria vita può essere trasferito ai propri figli e famigliari scegliendo fra

Dettagli

CONVEGNO Convivenze tutelate e funzione notarile

CONVEGNO Convivenze tutelate e funzione notarile CONVEGNO Convivenze tutelate e funzione notarile Milano, 7 marzo 2014 TECNICHE REDAZIONALI E CONVIVENZE (ovvero come ovviare sul piano negoziale all assenza di una normativa sulla convivenza) Giovanni

Dettagli

COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO

COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO Prot. 795 Salerno, lì 9 Luglio 2014 A tutti gli iscritti all Albo e nell Elenco Speciale LORO SEDI OGGETTO: Circolare n 122/2014. Libera professione. Diritto Civile La Comunione legale dei beni Comunione

Dettagli

Sommario: 1. Limiti probatori dell erede legittimo. 2. L erede pretermesso è parte o terzo? 3. La prescrizione dell azione di simulazione.

Sommario: 1. Limiti probatori dell erede legittimo. 2. L erede pretermesso è parte o terzo? 3. La prescrizione dell azione di simulazione. RAPPORTI TRA AZIONE DI SIMULAZIONE ED AZIONE DI RIDUZIONE Luca D'Apollo Sommario: 1. Limiti probatori dell erede legittimo. 2. L erede pretermesso è parte o terzo? 3. La prescrizione dell azione di simulazione.

Dettagli

FATTISPECIE A FORMAZIONE PROGRESSIVA

FATTISPECIE A FORMAZIONE PROGRESSIVA Il Fondo patrimoniale: profili di (in)utilità? Tutela del patrimonio: disamina dei diversi strumenti a disposizione e criteri di scelta Data 02/07/2015 FATTISPECIE A FORMAZIONE PROGRESSIVA Negozio di destinazione(costituente)

Dettagli

Codice civile Gazzetta Ufficiale del 4 aprile 1942, n. 79. Approvato con regio decreto 16 marzo 1942, n. 262

Codice civile Gazzetta Ufficiale del 4 aprile 1942, n. 79. Approvato con regio decreto 16 marzo 1942, n. 262 Codice civile Gazzetta Ufficiale del 4 aprile 1942, n. 79 Approvato con regio decreto 16 marzo 1942, n. 262 LIBRO SECONDO. Delle successioni - TITOLO PRIMO. Disposizioni generali sulle successioni - CAPO

Dettagli

C I R C O L A R E D I S T U D I O N. 20 / 2 0 1 3. PATTO DI FAMIGLIA profili fiscali

C I R C O L A R E D I S T U D I O N. 20 / 2 0 1 3. PATTO DI FAMIGLIA profili fiscali C I R C O L A R E D I S T U D I O N. 20 / 2 0 1 3 A: Da: V E Z Z A N I & A S S O C I A T I C/a: Pagine: 5 Fax: Data: 27 maggio 2013 Egregi Signori, PATTO DI FAMIGLIA profili fiscali si segnala un argomento

Dettagli

La difesa del patrimonio

La difesa del patrimonio Mercoledì 19 Marzo 2014 SAVIGLIANO DONAZIONE DI AZIENDE O QUOTE La donazione è il contratto con il quale (art. 769 C.C.), per spirito di liberalità, una parte arricchisce l altra, disponendo a favore di

Dettagli

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 73 Le novità nell imposizione indiretta del patto di famiglia

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 73 Le novità nell imposizione indiretta del patto di famiglia DOCUMENTI ARISTEIA documento n. 73 Le novità nell imposizione indiretta del patto di famiglia febbraio 2007 Le novità nell imposizione indiretta del patto di famiglia DOCUMENTO ARISTEIA N. 73 LE NOVITÀ

Dettagli

CAPITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

CAPITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI SOMMARIO IX PREFAZIONE... PROFILO AUTORI... III VII CAPITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Elisa de Belvis 1. La divisione e lo scioglimento della comunione... 1 2. La collocazione sistematica e l applicabilità

Dettagli

ALESSANDRO NAZARI ENRICO ZECCHINATO GALLO NOTAI ASSOCIATI

ALESSANDRO NAZARI ENRICO ZECCHINATO GALLO NOTAI ASSOCIATI 1 NOZIONE DI SUCCESSIONE Si ha successione quando uno o più soggetti (successori o aventi causa) subentrano a un altro soggetto (autore o dante causa) nella titolarità di diritti o obblighi di carattere

Dettagli

LA RIFORMA DEI DIRITTI RISERVATI AI LEGITTIMARI

LA RIFORMA DEI DIRITTI RISERVATI AI LEGITTIMARI Nota per la stampa LA RIFORMA DEI DIRITTI RISERVATI AI LEGITTIMARI 1. Scopo della riforma Il fondamento della successione necessaria e il conseguente riconoscimento ai legittimari di un intangibile diritto

Dettagli

Avvocato TRA TUTELA DEI LEGITTIMARI E CERTEZZA DEI TRAFFICI GIURIDICI

Avvocato TRA TUTELA DEI LEGITTIMARI E CERTEZZA DEI TRAFFICI GIURIDICI MARIA ROSARIA LENTI Avvocato LA PROVENIENZA DONATIVA E IL PRECARIO EQUILIBRIO TRA TUTELA DEI LEGITTIMARI E CERTEZZA DEI TRAFFICI GIURIDICI L ordinamento prevede una tutela nei confronti dei legittimari

Dettagli

I. CONSIDERAZIONI GENERALI

I. CONSIDERAZIONI GENERALI Elenco delle principali abbreviazioni................................ XI I. CONSIDERAZIONI GENERALI 1. Premessa.......................................... 1 2. Le principali questioni in tema di trust interno.........................

Dettagli

INDICE. Parte Prima LE SUCCESSIONI

INDICE. Parte Prima LE SUCCESSIONI Presentazione... Sigle e abbreviazioni.... V XVII Parte Prima LE SUCCESSIONI Capitolo I LE SUCCESSIONI MORTIS CAUSA IN GENERALE Silvia Teodora Masucci 1. Nozioni introduttive: la successione tra morte,

Dettagli

I patti di famiglia per il passaggio generazionale dell impresa

I patti di famiglia per il passaggio generazionale dell impresa I patti di famiglia per il passaggio generazionale dell impresa 1 PREMESSA La regolamentazione della successione nell impresa rappresenta da tempo una problematica ricca di interesse ed ha, per questo,

Dettagli

INDICE. Art. 215 (Separazione dei beni) SEZIONE I: GENERALITAv. INSTAURAZIONE AUTOMATICA DEL REGIME DI SEPARAZIONE DEI

INDICE. Art. 215 (Separazione dei beni) SEZIONE I: GENERALITAv. INSTAURAZIONE AUTOMATICA DEL REGIME DI SEPARAZIONE DEI Art. 215 (Separazione dei beni) SEZIONE I: GENERALITAv. INSTAURAZIONE AUTOMATICA DEL REGIME DI SEPARAZIONE DEI BENI TRA CONIUGI 1. Premesse. Il rilievo sociale del regime di separazione dei beni... 3 2.

Dettagli

PATTO DI FAMIGLIA L'IMPRENDITORE SCEGLIE IL SUCCESSORE NELL AZIENDA a cura del Dott. G. Fiore - RE.FI.

PATTO DI FAMIGLIA L'IMPRENDITORE SCEGLIE IL SUCCESSORE NELL AZIENDA a cura del Dott. G. Fiore - RE.FI. PATTO DI FAMIGLIA L'IMPRENDITORE SCEGLIE IL SUCCESSORE NELL AZIENDA a cura del Dott. G. Fiore - RE.FI. La legge 14 febbraio 2006, n. 55 ha introdotto l istituto del patto di famiglia. Il nuovo istituto

Dettagli

LA SUCCESSIONE PER CAUSA DI MORTE... 6 NOZIONE E FONDAMENTO... 6 RAPPORTI, DIRITTI ECC. CHE SONO OGGETTO DI SUCCESSIONE... 6 TERMINI...

LA SUCCESSIONE PER CAUSA DI MORTE... 6 NOZIONE E FONDAMENTO... 6 RAPPORTI, DIRITTI ECC. CHE SONO OGGETTO DI SUCCESSIONE... 6 TERMINI... INDICE LA SUCCESSIONE PER CAUSA DI MORTE... 6 NOZIONE E FONDAMENTO... 6 RAPPORTI, DIRITTI ECC. CHE SONO OGGETTO DI SUCCESSIONE... 6 TERMINI... 6 EREDITÀ E LEGATO... 7 NOZIONE DI EREDITÀ E LEGATO... 7 RILEVANZA

Dettagli

SCUOLA DI NOTARIATO DELLA LOMBARDIA CORSO SUCCESSIONI Anno accademico 2013/2014

SCUOLA DI NOTARIATO DELLA LOMBARDIA CORSO SUCCESSIONI Anno accademico 2013/2014 SCUOLA DI NOTARIATO DELLA LOMBARDIA CORSO SUCCESSIONI Anno accademico 2013/2014 Le lezioni si svolgono al mercoledì (dalle 11 alle 12,30) ed il venerdì (dalle 11 alle 12,30). In questo anno accademico,

Dettagli

Prima traccia esame avvocato 2015: parere di diritto civile

Prima traccia esame avvocato 2015: parere di diritto civile Prima traccia esame avvocato 2015: parere di diritto civile PRIMA TRACCIA Tizio coniugato con due figli è deceduto ab intestato il 12.1.2015 lasciando un patrimonio costituito esclusivamente da un appartamento

Dettagli

La decadenza dall agevolazione prima casa: osservatorio sulla giurisprudenza e sulla prassi amministrativa

La decadenza dall agevolazione prima casa: osservatorio sulla giurisprudenza e sulla prassi amministrativa Focus di pratica professionale di Andrea Bongi La decadenza dall agevolazione prima casa: osservatorio sulla giurisprudenza e sulla prassi amministrativa Premessa Il tema delle c.d. agevolazioni prima

Dettagli

LIBERALITA INDIRETTA NON NEGOZIALE E COLLAZIONE: L ACCESSIONE NON IMPEDISCE LA COLLAZIONE DEL VALORE DELL IMMOBILE

LIBERALITA INDIRETTA NON NEGOZIALE E COLLAZIONE: L ACCESSIONE NON IMPEDISCE LA COLLAZIONE DEL VALORE DELL IMMOBILE LIBERALITA INDIRETTA NON NEGOZIALE E COLLAZIONE: L ACCESSIONE NON IMPEDISCE LA COLLAZIONE DEL VALORE DELL IMMOBILE di ALESSANDRO TORRONI Sommario: 1. Il caso. 2. Nozione di liberalità indiretta. 3. La

Dettagli

VENEZIA 2012. Matteo A. Pollaroli Diritto Privato. 9 luglio 2011

VENEZIA 2012. Matteo A. Pollaroli Diritto Privato. 9 luglio 2011 9 luglio 2011 Le donazioni Contratti e atti onerosi gratuiti atti liberali atti non liberali donazioni comodato Atto di liberalità: atto diretto a realizzare in capo ad un terzo un arricchimento spontaneo

Dettagli

SUCCESSIONI E DIVISIONI EREDITARIE

SUCCESSIONI E DIVISIONI EREDITARIE SUCCESSIONI E DIVISIONI EREDITARIE (ambito disciplinare: estimo legale) Dal latino sub e cedere subentrare ad altro soggetto nei rapporti giuridici (diritti e obblighi). ciò può avvenire 1. PER ATTO TRA

Dettagli

TRACCIA DI DIRITTO CIVILE SUL DIVIETO DI PATTI SUCCESSORI. La sig.ra L.C., vedova del sig. D.T., e le sue figlie, sigg.re Monica e Ramona T.

TRACCIA DI DIRITTO CIVILE SUL DIVIETO DI PATTI SUCCESSORI. La sig.ra L.C., vedova del sig. D.T., e le sue figlie, sigg.re Monica e Ramona T. TRACCIA DI DIRITTO CIVILE SUL DIVIETO DI PATTI SUCCESSORI Federica Donati La sig.ra L.C., vedova del sig. D.T., e le sue figlie, sigg.re Monica e Ramona T., con atto notificato il 31 maggio 2002, citarono

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE DELMASTRO DELLE VEDOVE, MARTINAT, ZACCHERA, RASI, MIGLIORI, FOTI, CARLESI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE DELMASTRO DELLE VEDOVE, MARTINAT, ZACCHERA, RASI, MIGLIORI, FOTI, CARLESI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1482 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI DELMASTRO DELLE VEDOVE, MARTINAT, ZACCHERA, RASI, MIGLIORI, FOTI, CARLESI Agevolazioni in

Dettagli

SOMMARIO. Tabella delle abbreviazioni... TOMO PRIMO

SOMMARIO. Tabella delle abbreviazioni... TOMO PRIMO SOMMARIO Tabella delle abbreviazioni... XLV TOMO PRIMO 321 IL CURATORE DELLO SCOMPARSO V.321.1 Ricorso per la nomina di un curatore dello scomparso in mancanza di rappresentante legale o volontario (schema

Dettagli

CIRCOLARE N. 91/E. OGGETTO: Soppressione dell imposta sulle successioni e donazioni. Primi chiarimenti. INDICE

CIRCOLARE N. 91/E. OGGETTO: Soppressione dell imposta sulle successioni e donazioni. Primi chiarimenti. INDICE CIRCOLARE N. 91/E Roma, 18 ottobre 2001 OGGETTO: Soppressione dell imposta sulle successioni e donazioni. Primi chiarimenti. INDICE 1 ASPETTI GENERALI DELLA NUOVA NORMATIVA...2 2 TRASFERIMENTI A TITOLO

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO REPUBBLICA DI SAN MARINO Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Visto l articolo 4 della Legge Costituzionale n.185/2005 e l articolo 6 della Legge Qualificata n.186/2005; Promulghiamo

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO Studio n. 4673/b Terzo condono - Atto mortis causa Approvato dalla Commissione Studi Civilistici il 21 ottobre 2003 L'art. 32, comma 49 del decreto legge n. 269 del 2003,

Dettagli

va presentata entro 12 mesi dalla data di apertura della successione

va presentata entro 12 mesi dalla data di apertura della successione va presentata entro 12 mesi dalla data di apertura della successione Indicare l Ufficio Territoriale della Direzione Provinciale nella cui circoscrizione era l ultima residenza del defunto. In caso di

Dettagli

La successione per causa di morte

La successione per causa di morte L impresa di famiglia alla prova del passaggio generazionale: l importanza della pianificazione La successione dell imprenditore: destino o pianificazione? La successione per causa di morte Relatori notai

Dettagli