E dai valori che dobbiamo ripartire di Massimo Rivoltini

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "E dai valori che dobbiamo ripartire di Massimo Rivoltini"

Transcript

1 N. 3/2013 ] pagina uno E dai valori che dobbiamo ripartire di Massimo Rivoltini Oggi più che mai è evidente il degrado valoriale che ci circonda. La crisi è in larga parte figlia di questa regressione. Per ripartire appare sempre più evidente che è necessario ricostruire il puzzle dei valori ono ormai alcuni mesi che Confartigianato propone, come spunto di riflessione, il tema dei valori. Partendo però non da una mera denuncia di vuoto, ma da una riproposta concreta di bene comune che si è tradotta in molte azioni concrete. E l ultima edizione del Festival della Persona, tenutosi a Verona e promosso da Confartigianato Persone, è la testimonianza di un fare per il mio bene che mi rende ancora più convinto della Smia scelta di Confartigianato quale associazione di categoria preposta a rappresentarmi. In ascolto dell eco profonda della crisi, la domanda centrale su cui si è pensato di far gravitare il Festival della Persona 2013 (e non solo) è stato, appunto, se il nostro Paese disponga oggi di concentrati di risorse positive tali da potersi configurare come una base, una piattaforma su cui ri-costruire comunità e benessere. E quello che è stato definito senza enfasi, modello italiano, che seppure oggi sepolto sotto le macerie di un sistema politico autoreferenziale, continua a manifestare una sua vitalità. Da tempo l Italia deve fare i conti con due grandi nemici che la minacciano: un individualismo così radicale da minare le basi della socialità e uno statalismo pervasivo che soffoca ogni vitalità. Gli ingredienti del modello in qualche modo ci sono ancora: famiglie, imprenditorialità personali, associazionismo diffuso, fazzoletti di capitale sociale, patrimoni territoriali, un fare che è artigiano nella concezione. Ciò che sembra invece perduto è la malta, il legante. Il primo bene, infatti, di cui pare non disporre più la comunità Paese è la voglia di farcela. Le persone sembrano non solo disorientate dalla mancanza di ogni forma di stabilità, ma quasi rassegnate a uno stato di sfiducia. Il vigore non c è più». Come ha sottolineato puntualmente Sandro Corti, Coordinatore nazionale di Confartigianato Persone, nel suo intervento di apertura del Festival, siamo, oggi e da diverso tempo, dentro un quadro di profondo disorientamento. Non si sa più dove andare. La parola orientamento risente del punto cardinale da dove sorge il Sole. Per questa crisi, e per tutte le angustie che ciascuno attraversa, sorge invece la domanda del profeta Isaia: Sentinella, quanto resta della notte?. Chi è preposto a scrutare l orizzonte deve sapere in che direzione volgersi. Ri-orientarsi vuol dire ri-tornare a guardare dove ri-sorge la luce. «Anche per questo - ha proseguito Corti - abbiamo bisogno di uno spazio di riflessività, che ci aiuti a guardare nella direzione giusta, come persone e come soggetto collettivo che organizza le persone, il loro lavoro, le loro attese». Giuseppe Frangi, Direttore Responsabile del Magazine VITA, ha sottolineato inoltre che l aspettativa del futuro non deve nutrirsi solo della ricchezza di ciò che siamo stati, ma deve avere consapevolezza del luogo in cui questa storia straordinaria ha potuto svolgersi. E questo luogo è l Italia. Il tempo ha bisogno di avere una piena coscienza del luogo. L ora ha bisogno della coscienza del qui. Abbiano ancora percezione di cosa sia l Italia? Di quanto ciò che viene dalla sua storia sia una straordinaria chance per il futuro?. Frangi ha inoltre osservato che lo spazio Italia vive se genera oggi dei processi. E come può generarli? Tornando ad avere piena consapevolezza di alcuni suoi fattori costitutivi, e della loro pertinenza con il nostro tempo e con il mondo produttivo. E ne ha evidenziati tre: l officina: il luogo dove si fa l opera; la tecnica, alla quale va restituito il primato del sapere e la mano che pensa. E noi Artigiani li possediamo tutti. Concludo con la frase con la quale Frangi ha terminato il suo intervento: «C è una locuzione latina usata nel mondo del diritto che dice Tempus regit actum. È l atto che determina il tempo. È un principio che dovrebbe essere convinzione nella vita di ogni giorno. È l azione che determina il tempo in cui viviamo. Come diceva il grande sant Ambrogio «Voi pensate: i tempi sono cattivi, i tempi sono pesanti, i tempi sono difficili. Vivete bene e muterete i tempi!» Perchè, se veramente vogliamo uscire dalla crisi, è da qui che dobbiamo ripartire! > 1 <

2 N. 3/2013 ] sommario associazione artigiani della provincia di cremona CREMONA - Via Rosario, 5 - Tel Fax aderente a CONFARTIGIANATO NOTIZIARIO ARTIGIANO Magazine Bollettino trim. degli Organi Direttivi Anno XIII - N. 3 - Luglio/Settembre 2013 Autorizzazione del Tribunale di Cremona n. 376 in data 18/10/2001 Associato all Unione Stampa Periodica Italiana PAGINA UNO 1 E dai valori che dobbiamo ripartire CRONACA 4 Dalla tipicità dei gusti all abbinamento gastronomico 6 C è voglia di ri-costruire 8 Il relativismo: nemico della verità e dei valori Incontro culturale con il sociologo Introvigne 8 29 Prosegue l attività di formazione per le imprese IN EVIDENZA NUOVI ACCORDI E CONVENZIONI Servizi vantaggiosi su medicinali e prestazioni Iscrizione al R.O.C. al N Tariffa R.O.C. Poste Italiane - A.P. - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/04 n. 46) art. 1, comma 1, DCN - Filiale di CR - Chiuso in redazione il 23/10/2013 DIRETTORE RESPONSABILE: Roberto Maffezzoni REDAZIONE, IDEAZIONE E GRAFICA: Giovanni Mazzoni PROGETTO GRAFICO COPERTINA: STUDIO ERRE Via Garibotti, 13 - Cremona Tel Fax IMPIANTI STAMPA: CENTRO GRAFICO LAMAR Via Castelleone, 130/G - Cremona Tel STAMPA: LINOGRAF Via de Berenzani, 15 - Cremona Tel DA CONFARTIGIANATO 10 Da imprese e lavoratori scarsa fiducia nei Centri per l Impiego 11 Approvate le nuove norme sul made in 11 Le valutazioni sulla Legge di Stabilità ECONOMIA E FISCO 12 Trise : cambia il nome e chi paga 13 Spesometro: modello polivalente LA RUBRICA LEGALE 14 E pignorabile l intera casa coniugale anche se solo uno dei due coniugi è debitore SINDACALE 15 Il Contratto di Solidarietà CREDITO 20 Credito in crescita con Artigianfidi Lombardia FRA LE CATEGORIE 22 Appalti: è nato lo sportello per le imprese 23 Gruppo Grafici: raccolta libri usati 23 Palmiro Fanti è Cavaliere della Repubblica 24 Trasporti: due anni di proroga per la CQC 24 Spazio Marmisti: spiragli in vista? 25 La Torrefazione Vittoria è negozio storico di Cremona FORMAZIONE 28 Corso addetti macchine operatrici 29 Dipendenti: i corsi obbligatori VITA ASSOCIATIVA 30 Organi Direttivi Provinciali 30 Ancos: l attività fisica è un bene per tutti 31 Assicurazioni: sportello con Assiprime 32 Un ricordo... alle pagg FORMAZIONE Non perdete l occasione della nuova stagione di corsi alle pagg SERVIZI FOTOGRAFICI: ARCHIVIO ASSOCIAZIONE ARTIGIANI CONFARTIGIANATO - Roma - pag. 7 STUDIO IMMAGINE - Cr - pagg. 4-5 ASSICURAZIONI PUBBLICITA : UP UGGERI PUBBLICITÀ Corso XX Settembre, 18 - Cremona Tel r.a. - Fax DATI TECNICI: Base colonna mm 56,825 - Altezza colonna mm 241,647 Impaginazione su 3 colonne - Stampa offset 25 Una nuova bottega storica: la Torrefazione Vittoria La nuova frontiera della tutela assicurativa ASSOCIATI: seguiteci anche su diventa anche tu un nostro IN COPERTINA Sempre di più Confartigianato punta sui valori e sulla persona quali fattori imprescindibili per uscire dalla crisi e ricostruire una società migliore. L Artigianato ha in sè la forza della tradizione e può fare molto perchè questo possa avvenire. e cerca Confartigianato Cremona e clicca su 23 Non gettate i libri che non leggete più...donateli a noi a pag. 31 > 2 < > 3 <

3 CRONACA [ Serata dedicata al gelato artigianale La nuova frontiera del gelato Dalla tipicità dei gusti all abbinamento gastronomico Lanciata la proposta di costituire un Gruppo dei Gelatieri per valorizzare le eccellenze del territorio. Sinergia e rete per promuovere il gelato a Km 0 I l gelato che non ti aspetti, soprattutto se abbinato all arrosto. E via, dunque, a quello alla mostarda, piuttosto che al gusto di polenta o di cipolla di Tropea, ma anche allo spritz, al torrone o alla sbrisolona e amaretti. Sono questi alcuni dei nuovi sapori che hanno accompagnato, il 14 ottobre scorso, la cena promossa da Confartigianato a Cascina Moreni, con l intento di creare, anche a Cremona, il Gruppo di Mestiere per i gelatieri del territorio. Alla serata conviviale sono intervenuti numerosi rappresentanti delle Associazioni di Brescia, Bergamo, Milano, Mantova, Lodi e Crema, con l obiettivo di lanciare, anche sul nostro territorio, quello che già accade nel bresciano e nella ber- gamasca: il gruppo di mestiere dei gelatieri. «C è la volontà ha spiegato Massimo Rivoltini Presidente della nostra Associazione, nel suo saluto introduttivo di promuovere il gelato artigianale da un lato e quello gastronomico dall altro. La qualità dei nostri gelatieri non ha nulla da invidiare a quelli più famosi; lo dimostra il consenso raccolto, ad esempio, dal nostro gelato al torrone. Ma perché non pensare quindi anche ad un gelato distintivo, individuandolo nelle peculiarità della nostra gastronomia, per inventare una sorta di coppa gelato Cremona?». E entusiasta Rivoltini nel presentare ai cremonesi le esperienze delle provincie di Bergamo e Brescia, con tanto di elezione di Miss Mamma al Castello di Padernello. Ed entusiasti lo sono stati anche i molti gli ospiti della serata: il giornalista ed esperto del settore gelato, Danilo Minetti, Eugenio Massetti Presidente regionale di Confartigianato e dell Associazione di Brescia, Claudio Zani Presidente regionale del gruppo gelatieri di Confartigianato, il Sindaco di Cremona Oreste Perri, il Presidente della Provincia Massimiliano Salini, il Consigliere regionale Carlo Malvezzi e il Presidente della Camera di Commercio Gian Domenico Auricchio. L intervento di Rivoltini ha fin da subito ottenuto l appoggio dell Amministrazione locale, tant è che il Sindaco Perri si è dichiarato intenzionato a sostenere future iniziative sul settore: «Sarebbe bello - ha detto - che in primavera la città ospitasse un evento interamente dedicato al mondo del gelato». Rivoltini ha inoltre ricordato l'importanza dell'alto valore biologico e nutrizionale di questo dolce, indicando la creazione di una rete e di un brand regionale come obiettivo in vista di Expo Una prospettiva appoggiata con entusiasmo dal Presidente gelatieri artigiani bresciani, Claudio Zani, che ha insistito sull'abbinamento di gelato e prodotti del territorio a Km 0 come strategia per incentivare le esportazioni, nonchè sulla necessità di costruire una rete che comprenda anche commercianti, ristoratori e albergatori per promuoverei, in modo unitario, il vero gelato artigianale. Il Presidente di Confartigianato Lombardia Eugenio Massetti ha invece sottolineato l importanza del sostegno regionale alle iniziative locali: «Confartigianato Lombardia è costantemente vicina alle proprie imprese e da sempre cerca di valorizzare le esperienze più significative di ogni sua territoriale cercando di fare sistema col fine ultimo di supportare ogni comparto ed ogni singolo associato. Il settore alimentare è uno dei settori principe su cui Confartigianato intende investire valorizzando le filiere, la genuinità e l elevata qualità e competenza di innumerevoli artigiani che ci lavorano. Questo progetto è l inizio di una strada da percorrere con le nostre imprese in condivisione con tutti gli attori del comparto andando incontro alle nuove tendenze del mercato». «E infatti, questo è stato un primo passaggio - ha spiegato a fine conviviale Rivoltini - e la volontà è quella di coinvolgere i Roberto Maffezzoni e Achille Mazzini. Qui sopra Rivoltini fra Perri e Massetti In alto da sinistra, Claudio Zani, Giuliano Bettelli, Massimo Rivoltini, Danilo Minetti, vari soggetti dediti alla produzione artigianale di gelato, ma anche di avvalerci del- durante il saluto iniziale. l esperienza maturata in territori a noi vicini, nella consapevolezza che la collaborazione è indispensabile se si vuole far passare il messaggio di un prodotto artigianale che sappia essere unico ma, al tempo stesso, condiviso da chi nutre la stessa passione per il lavoro artigianale, in cui il sapere e il fare sono uniti dalla passione». La serata ha quindi avuto il gelato come protagonista principale e numerosi sono stati i gusti abbinati, come contorni, ai piatti di portata, così come quelli utilizzati come aperitivo o come classico dessert; il tutto sapientemente coordinato dal gastronomo e Vice Capogruppo Alimentari Achille Mazzini. I convenuti si sono mostrati decisamente soddisfatti delle idee proposte ed a breve si svilupperanno certamente nuovi scenari per la felicità di tutti i golosi di gelato. Antipasto con i prodotti del territorio. Danilo Minetti e Claudio Zani. > 4 < > 5 <

4 CRONACA [ Confartigianato Persone A Verona il Festival della Persona. Presente anche il Liceo Anguissola C è voglia di ri-costruire C on una "lectio magistralis", un convegno con relatori illustri e la chiusura affidata al Segretario nazionale di Confartigianato Imprese, Cesare Fumagalli, si è conclusa a Verona la 5 a edizione del "Festival della Persona", manifestazione svoltasi il 19 e 20 settembre e incentrata sul tema "Ricostruire Comunità e Benessere oggi. Il modello italiano". Doveva esserci il Ministro dello Sviluppo Economico, Flavio Zanonato, ma il Consiglio dei Ministri, a Roma, lo ha fatto rimanere in dubbio sino all'ultimo, per poi costringerlo a dare forfait. Non sono mancati, invece, il Presidente della Commissione Lavoro del Senato Maurizio Sacconi, e il Sindaco di Verona Flavio Tosi, chiamati ad uno sviluppo della "lezione" tenuta da Mauro Magatti, Preside della Facoltà di Sociologia dell'università Cattolica di Milano. «Con la crisi che sta scuotendo il Paese è stato uno dei concetti espressi da Magatti - non basterà il ricorso a qualche intervento tecnico per sciogliere i nodi che abbiamo davanti. È evidente, infatti, che il nostro Paese, come altri, ha accumulato un ritardo storico nella misura in cui non è stato in grado di attrezzarsi per mettersi al passo dei nuovi, più elevati, livelli standard tecnico-economico dettati dalla recente globalizzazione». E ancora: «Il mondo artigiano e pienamente parte di questa storia, di questa matrice ha concluso -. Difenderlo e promuoverlo non significa avere la testa voltata all'indietro, ma continuare a pensare che l'italia abbia qualcosa di straordinario da offrire al mondo intero». Il Senatore Sacconi ha centrato l'attenzione sui concetti e i valori della persona e della famiglia che stanno dietro all'imprenditoria artigiana "piccola per dimensione ha detto ma non certo per dignità, rilevanza e peso economico. Protagonisti di una storia di secoli, gli artigiani hanno costruito le nostre società, contribuendo persino alla nascita delle prime istituzioni di governo locale. Va reso merito a Confartigianato per essere riuscita ad andare oltre l'associazionismo imprenditoriale di categoria, pensando ad una realtà che abbracciasse altri aspetti dell'uomo e della donna artigiani, che è pur sempre persona, cittadino". Apprezzato l'intervento di Flavio Tosi, Sindaco di Verona, concentratosi sul concetto di "ri-costruire", partendo dai grandi e piccoli problemi del Paese. "Dalla tassazione alla burocrazia, dall'inadeguatezza delle strutture e delle procedure amministrative all'indolenza di un certo mondo politico, le criticità di questa nostra Italia possono essere superate solo recuperando il vero significato della parola 'serietà'. E' vero, qui a Verona, nel Veneto, nel NordEst, la crisi ha morso, sino ad ora, con meno vigore rispetto ad altre aree del Paese, ma l'immagine di territorio fortunato è ben lontana dalla realtà: qui abbiamo resistito perché la dimensione imprenditoriale è la vostra, quella dell'artigiano, delle piccole imprese che sembrano essere riuscite in quello che è più difficile per aziende di grandi dimensioni, nonostante le difficoltà". La conclusione della due-giorni di "Festival" è stata affidata a Cesare Fumagalli, Segretario nazionale di Confartigianato Imprese. «La positiva riuscita di questa edizione ha detto ci ha convinti ancor più di quanto buona sia stata l'idea originaria di dar vita ad una manifestazione di questo tipo». Convegni, presentazioni di novità in anteprima (l'iniziativa didattica "Vorrei fare l'artigiano", con il coinvolgimento delle scuole e l'allargamento a livello nazionale dell'accordo Confartigianato- AIM Energy per la fornitura di energia elettrica a tutte le famiglie degli imprenditori artigiani, i loro dipendenti e gli artigiani pensionati), momenti di cultura, spettacolo, cinema, teatro... questo e molto altro è stato il "Festival della Persona" Alla due giorni ha partecipato anche una nutrita delegazione di Cremona, guidata dal Presidente provinciale Massimo Rivoltini, dal Segretario Roberto Maffezzoni, dal Presidente Ancos Cremona Vittorio Pellegri e composta anche dalla classe 5 a del Liceo delle scienze umane ed economico sociale Anguissola di Cremona, grazie alla collaborazione della dirigente Dott.ssa Marzia Maioli, e invitata dalla nostra Associazione perché anche i giovani possano fare un esperienza di valori, con persone che hanno ancora voglia di futuro, di benessere e di progresso. SOPRA La classe 5 a dell'istituto Anguissola con alcuni partecipanti al Festival della Persona. NELLA PAGINA A FIANCO Maffezzoni e Rivoltini incontrano Merletti e Sacconi e, a destra, un momento del convegno di apertura. Progetto fra Anap, Giunti, Ministero Istruzione e Bosch Nelle scuole con Vorrei fare l artigiano Un viaggio tra antichi e nuovi mestieri artigiani. Lo faranno bambini e ragazzi tra i 9 e 14 anni sui banchi delle scuole italiane, grazie all'iniziativa nata dalla collaborazione tra Anap Confartigianato Persone e Giunti Periodici Educativi che, da quest'anno scolastico, portano in classe l'artigianato con il kit didattico "Vorrei fare l'artigiano". Il progetto è stato presentato nell'ambito del Festival della Persona. Un libro di testo illustra in modo semplice ed immediato la realtà delle attività artigiane, dalle più tradizionali a quelle legate ai settori della tecnologia, dell'innovazione e della ricerca. L'iniziativa, destinata alle classi IV e V della scuola primaria e alle prime tre classi della scuola secondaria di primo grado, prevede anche un concorso nazionale a premi: gli studenti dovranno realizzare un'inchiesta giornalistica sui mestieri artigiani, utilizzando foto, interviste e filmati, e dando sfogo alla loro creatività. All'iniziativa, che ha il sostegno del Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca, ha aderito il Gruppo Bosch, fornitore leader e globale di tecnologie e servizi, che offrirà i premi del concorso nazionale. 'Vorrei fare l'artigiano' intende avvicinare i più giovani al patrimonio produttivo, alle competenze e abilità dell'imprenditoria artigiana che hanno contribuito ad arricchire la cultura e l'economia del nostro Paese. Conoscere i tanti aspetti dell'artigianato italiano è importante soprattutto per i bambini che spesso ignorano come nascono prodotti e servizi che utilizzano tutti i giorni. "Il progetto 'Vorrei fare l'artigiano' spiega il Presidente di Anap Confartigianato Persone Giampaolo Palazzi prevede anche la partecipazione dei Maestri d'opera e d'esperienza, vale a dire artigiani in pensione ma appassionati della loro attività, che nelle scuole italiane incontreranno i ragazzi per raccontare i 'segreti' del mestiere e incoraggiarli ad immaginare e costruire un possibile futuro di formazione e di lavoro nel mondo dell'impresa, in particolare di quella artigiana". Rilanciare la vocazione al fare impresa degli italiani Il Festival aperto da Merletti, Sacconi e Tosi "Impresa, lavoro, famiglia, territorio, associazionismo: sono i valori fondanti del 'modello italiano' da cui bisogna ripartire per lasciarci finalmente alle spalle una crisi che ha prodotto profondi danni economici e disagio sociale". Ne è convinto Giorgio Merletti, Presidente di Confartigianato Imprese, intervenuto al Teatro Nuovo di Verona, alla cerimonia d'apertura del 'Festival della Persona'. "C'è la necessità di fare leva sulla vocazione imprenditoriale degli italiani ha continuato Merletti - per uscire dalla crisi e ricostruire benessere e coesione sociale. Gli interventi di politica economica devono valorizzare le capacità che hanno fatto grande il made in Italy nel mondo, la creatività e il 'saper fare' tipici dell'artigianato e delle piccole imprese, la cultura, la tradizione produttiva, l'innovazione profondamente radicate nei territori del nostro Paese. Al tempo stesso va costruito un sistema di welfare 'a misura' della realtà sociale, economica ed occupazionale e dei nuovi bisogni dei cittadini-imprenditori e delle loro famiglie". A fare gli onori di casa, al fianco dell'assessore comunale alle Attività Economiche Enrico Corsi, il Presidente di Confartigianato Verona, Andrea Bissoli. "Artigianato e famiglia, artigianato e dimensione sociale, artigianato e welfare, artigianato e territorio, sono binomi imprescindibili, che, senza timore di essere smentito, in Italia hanno rappresentato i salvagenti con i quali, anche in altri momenti storici di crisi, l'economia è riuscita a rimanere a galla, resistendo, ma non solo, rilanciandosi". Comm. Cabrini Geom. Ernesto di Cabrini Stefano e Paola snc Via Costone di Mezzo 25/a - Cremona / IMPIANTI IDRAULICI CIVILI E INDUSTRIALI - CONDIZIONAMENTO - CLIMATIZZAZIONE MANUTENZIONE E CONDUZIONE IMPIANTI TECNOLOGICI (Terzo responsabile DPR 412/ DPR 551/99) Si rilascia libretto di impianto e/o di centrale - rapporto di controllo tecnico e manutenzione - dichiarazione di conformità D.M. 37 del 22/01/08 Certificazione ISO 9001: 2008 nr / IT Qualifi cazione SOA CQOP nr PER OPERE PUBBLICHE > 6 < > 7 <

5 CRONACA [ Incontro culturale Il relativismo: nemico della verità e dei valori Interessante incontro culturale con il sociologo Massimo Introvigne sul degrado umano e morale della società odierna Si è tenuto il 18 settembre scorso, presso la sede della nostra Associazione, un interessante incontro culturale, promosso in collaborazione con l Associazione Concordia, con Massimo Introvigne, sociologo filosofo e scrittore, esperto e studioso delle religioni, nonché fondatore del CESNUR (il Centro Studi sulle Nuove Religioni con sede a Torino). Argomento La bellezza della verità. Contro la dittatura del Relativismo. Un tema difficile, ma affrontato dal relatore con molta competenza e semplicità. Ha introdotto la serata Vittorio Pellegri, Presidente Ancos Cremona e Associazione Concordia, mentre Massimo Rivol- tini ha portato il saluto di Confartigianato: «Siamo contenti di aver ospitato un incontro di questa portata, che è una novità per noi, perché come Associazione abbiamo il dovere di formare non solo sulla sicurezza, ma anche su valori e morale, di fornire servizi contabili, ma anche spunti di riflessione. Perché l artigianato non è fatto da automi, ma da persone che vivono concretamente in famiglia e nel mondo». Ad introdurre il relatore è stato Luigi Casalini di Alleanza Cattolica. Presente anche il Consigliere regionale Carlo Malvezzi. Introvigne ha quindi incentrato il suo intervento analizzando l ultima enciclica di Papa Francesco, Lumen Fidei, scritta a quattro mani con Benedetto XVI, partendo proprio dal Magistero di Papa Ratzinger, molto commentato e altrettanto criticato dai mass-media, ma ben poco letto. «Tre sono i principi non negoziabili da cui partire - dice Introvigne-: vita, famiglia e libertà di educazione. E Benedetto fu un grande sostenitore della libertà e di quella religiosa». Secondo Introvigne esiste un emergenza educativa, cioè mai come oggi tutte le tradizionali agenzie educative di un tempo (la scuola, la famiglia, persino la Chiesa in alcune sue parti) pare abbiano perso il senso della loro identità e, quindi, in ultima analisi della loro vocazione. In questo contesto di diffusa secolarizzazione, quindi, il relativismo è anzitutto un male morale, un vizio della volontà, e si diventa progressivamente incapaci di distinguere il vero dal falso e il giusto e dall'ingiusto, e un possibile argine può essere però trovato in una rinnovata fiducia nelle possibilità della ragione umana di conoscere la verità, che esiste ed è accessibile a tutti gli uomini, anche non credenti. «E' questa l'ottica - sostiene il sociologo - anche della discussa Lectio Magistralis di Regensburg del 2006 di Papa Benedetto XVI, diventata superficialmente nota, e strumentalizzata, per la citazione del dialogo tra l'imperatore bizantino Manuele II Paleologo e un dotto persiano, ma in realtà tesa a rendere nuovamente credibili le straordinarie potenzialità della ragione umana comune a tutti gli uomini». Se le religioni sono diverse, la ragione umana è infatti una sola e identica per tutti gli uomini che possono così dialogare sulla base di un fondamento condiviso. Un altro punto importante del Magistero del Pontefice in tema di relativismo è dato poi, per Introvigne, dall'enciclica Spe Salvi del 2007 dove Benedetto XVI situa l'inizio della crisi della modernità ancorandola alla parabola, significativa da questo punto di vista, di Martin Lutero ( ). L'affermazione luterana comporterà la rivendicazione di un primato assoluto non della ragione come era stato fino ad allora nella Cristianità ma della volontà individuale, facendo venire meno ogni minima certezza di oggettività al sapere comunemente inteso. Le successive rivoluzioni culturali nella filosofia e nell'arte, come pure nella politica, accellereranno ulteriormente questo processo di disgregazione e relativizzazione fino a giungere, soprattutto negli ultimi due secoli, ad esiti definitivamente irrazionalistici e nichilistici, quegli stessi che faranno dire al gerarca nazista Hermann Wilhelm Göring ( ), condannato al processo di Norimberga per crimini contro l'umanità: io non ho nessuna coscienza! La mia coscienza è Adolf Hitler!. Introvigne ha concluso sostenendo che non dobbiamo uniformarci a coloro che dalle cattedre ci dicono che la morale è relativa, ovvero dipende dalle circostanze spazio-temporali, per poi lamentarsi per l'immoralità dilagante della società in cui viviamo. Infatti, a poco più di cinquant'anni dall'ultima catastrofe bellica, anche i diritti umani sono diventati opinabili, così opinabili che persino vita e morte non Massimo Introvigne sono più princìpi sentiti come vincolanti. Ecco perché, in sintesi, è necessario contrastare la dittatura del relativismo, secondo cui la verità non esiste. «E una volta negata l'esistenza della verità - sostiene Introvigne - è facile cadere nella trappola del piano inclinato per cui la ragione sarà di chi, di volta in volta, urlerà più forte, possiederà le armi più potenti o semplicemente prenderà più voti». «Ma così - afferma Introvigne -, come dimostra ad esempio la legalizzazione dell'aborto procurato in quasi tutti i Paesi europei, non si fa altro che attuare una dittatura del più forte a danno del più debole, che proprio in quanto debole non può ribellarsi. E persino ciò che dai migliori pagani (come il padre della medicina Ippocrate, a.c.) era considerato barbaro torna ad essere possibile: è questo il compimento pratico di quella dittatura Luigi Casalini del relativismo tratteggiata da Benedetto XVI nell'ultima Messa da Cardinale e poi in diversi atti del suo Magistero pontificio, dove troviamo Stati nominalmente democratici e liberali, ma con leggi con tutta evidenza molto meno democratiche e liberali di quelli precedenti. «Non facciamoci rubare la speranza dalle ideologie - ha detto in conclusione - perché non ci sono idee vecchie o idee nuove, ma idee vere o idee false». Al termine dell incontro sono seguite molte domande da parte dei presenti, segno del grande interesse che l argomento suscita nel popolo. NELLA PAGINA A SINISTRA Malvezzi, Rivoltini, Pellegri, Casalini e Introvigne. SOTTO Il pubblico presente all incontro culturale. > 8 < > 9 <

6 DA CONFARTIGIANATO [ Attività confederale Dal Rapporto Confartigianato emerge uno scarso utilizzo Da imprese e lavoratori scarsa fiducia nei Centri per l Impiego Soltanto il 2,9% delle imprese italiane assume personale selezionato dai Centri per l Impiego. Gli imprenditori preferiscono cercare i loro collaboratori tramite le segnalazioni di conoscenti e fornitori (nel 61% dei casi) e attraverso le banche dati aziendali (24,6% dei casi). Ma anche chi cerca lavoro utilizza molto poco gli strumenti pubblici di collocamento. Infatti, appena il 3,4% degli occupati italiani si è rivolto ai Centri per l impiego per trovare lavoro. Una percentuale che scende al 2,7% per i giovani fino a 29 anni. La scarsa fiducia di imprese e lavoratori nei servizi pubblici per l impiego è testimoniata in un rapporto dell Ufficio studi di Confartigianato dal quale emerge che nel 2012 sono state le imprese italiane che hanno utilizzato il servizio pubblico per trovare il personale da assumere. La disaffezione di imprenditori e dipendenti verso i centri per l impiego è aumentata negli ultimi anni: nel 2010 la quota di imprese che li ha utilizzati si attestava al 6,3% per diminuire al 2,9% nel In discesa l utilizzo anche da parte degli aspiranti lavoratori: si è passati dalla quota del 3,9% tra il 1997 e il 2003 all attuale 3,4%. Confartigianato ha calcolato il costo per le finanze pubbliche dei 553 Centri per l impiego operanti nel Paese e che occupano addetti: si tratta di 471 milioni di euro l anno e si traduce in una spesa di euro per ciascun occupato a cui è stato trovato lavoro. Diversa la produttività dei Centri per l impiego nelle differenti aree del Paese: dalla migliore performance nel Nord Ovest, con 418 utenti per addetto, si passa al Nord Est con 271 utenti per addetto, per scendere alle regioni del Centro (269 utenti per addetto) e al Mezzogiorno (220 utenti per addetto). Secondo Confartigianato, se si applicasse il criterio di efficienza del Nord Ovest a tutti i centri per l impiego italiani sarebbero necessari addetti in meno, con un risparmio di 137 milioni l anno. A fronte della scarsa efficacia dei centri per l impiego nel gestire l incontro tra domanda e offerta di lavoro, cresce il numero dei disoccupati. Il rapporto di Confartigianato rivela che nell ultimo anno in Italia le persone senza lavoro da almeno un anno sono aumentate del 19,2%, oltre 5 punti in più rispetto al +13,9% dell Eurozona. Tra il II trimestre 2008 e il II trimestre 2013 la disoccupazione di lungo periodo è più che raddoppiata (+114,7%), con un ritmo superiore di oltre sedici punti rispetto alla media dell Eurozona (+98,6%). «I risultati del nostro rapporto sottolinea Cesare Fumagalli, Segretario Generale di Confartigianato impongono di ripensare gli strumenti pubblici per gestire l incontro tra domanda e offerta di lavoro. Vanno riorganizzate politiche attive mirate sulla realtà produttiva e sulle nuove esigenze di imprese e lavoratori e che coinvolgano il sistema della scuola e della formazione professionale». Tappa storica per difendere la nostra produzione Approvate le nuove norme sul made in «U na tappa storica per le imprese italiane e per la tutela dell origine dei nostri prodotti». Così il Presidente di Confartigianato Giorgio Merletti ha commentato l approvazione, da parte della Commissione Mercato interno e Protezione dei Consumatori del Parlamento europeo, dell obbligo di indicazione di origine controllata contenuto nella proposta di Regolamento sulla sicurezza dei prodotti. In pratica, si definiscono nuove disposizioni in materia di made in per garantire la piena tracciabilità del prodotto. In base alle disposizioni approvate a Bruxelles, tutti i prodotti dovranno quindi presentare il marchio made in sulla propria etichetta per essere immessi nel mercato. Il Presidente Merletti ha sottolineato che le disposizioni votate colgono molteplici obiettivi: valorizzare il patrimonio manifatturiero dell artigianato e dell impresa diffusa, difendere il diritto dei consumatori a una corretta informazione sull origine dei beni acquistati, combattere il fenomeno della contraffazione. «Confartigianato aggiunge Massimo Rivoltini, Presidente della nostra Associazione - si batte da sempre per una chiara e inequivoca identificazione dell'origine dei prodotti e delle lavorazioni, perché il mondo cerca il Made in Italy e i consumatori sono disposti a pagare di più pur di avere un prodotto fatto in Italia, a regola d'arte». «Ricordo prosegue Rivoltini che come Associazione già nel 2005 aderimmo alla grande campagna confederale sul made in italy e lanciammo lo slogan acquista italiano. Ora confidiamo che anche i Governi nazionali facciano la loro parte e che il Governo Letta si impegni per difendere e valorizzare il modello Italia. Ci auguriamo che finalmente, dopo anni di battaglie, la difesa del made in possa finalmente trovare piena attuazione». Le valutazioni sulla Legge di Stabilità I Presidenti di ABI, Alleanza delle Coop. Italiane, ANIA, Confindustria, Rete Imprese Italia hanno concordato le seguenti valutazioni e indirizzi sulla legge di stabilità. La legge di stabilità deve avere misure più consistenti per la ripresa. Rileviamo che manca una decisa azione di tagli alla spesa pubblica e l indicazione di una prospettiva di ammodernamento strutturale dello Stato, da avviare subito. Nella consapevolezza dei limiti imposti dai conti pubblici proporremo al Parlamento di rafforzare l'impianto, a partire da una riduzione più incisiva del cuneo fiscale e del costo del lavoro, che abbia effetti sensibili sulla competitività delle imprese e sul reddito disponibile dei lavoratori; agendo sull accesso al credito trovando risorse sia strutturali sia straordinarie (rimpatrio dei capitali, rivalutazione quote della Banca di Italia) e dando impulso alla ricerca e all'innovazione. Ribadiamo che il Governo deve accelerare e intensificare l'azione per lo sviluppo. Auspichiamo perciò che si impegnino al massimo per realizzare una legge di stabilità e di crescita, adeguata al difficile momento che il Paese sta attraversando. AZIENDE ARTIGIANE ASSOCIATE... AL VOSTRO SERVIZIO! FERRO / METALLI CARPENTERIA METALLICA SERRAMENTI IN ALLUMINIO ONGINI ALDO & C. s.n.c. CREMONA - loc. Boschetto - via Segré, 2 Tel Fax SISTEMI ANTICADUTA SCS EUROTETTI SISTEMA ANTICADUTA Scala anticaduta - Parapetto anticaduta - Linea vita verticale Linea vita orizzontale su pali - Linea vita orizzontale a parete Tutti i SISTEMI ANTICADUTA sono testati e conformi alle leggi europee. La ditta rilascerà pertanto le certi cazioni. SCS EUROTETTI di Sara Lanzoni via Manzoni, Sesto ed Uniti - CREMONA Sara Lanzoni Sergio Conti PARTNER Pratiche Doganali Import Export Elenchi Intrastat Assistenza e consulenza doganale fiscale merceologica, tributaria e valutaria Spedizioni Internazionali: marittime, aeree, terresti e ferroviarie Via della Conca, 3 Zona Porto Canale CREMONA Tel Fax > 10 < > 11 <

7 ECONOMIA E FISCO [ Notizie fiscali La nuova tassa sostituirà la Tares e l Imu Trise : cambia il nome e chi paga L a chiamavamo esoticamente Service Tax, ora abituiamoci a darle il nome di una zia sgradita, ma sempre tra i piedi: ecco Trise. Il primo dubbio, è di genere. Si tratta di un il, inteso come Tributo sui servizi comunali ; o di una familiare tassa, quindi da intendere al femminile? Di sicuro c è che dal 2014, il Trise (in ossequio all acronimo) sostituirà la Tares e l Imu. La novità griffata Legge di stabilità sarà gestita dai Comuni su due pilastri: la Tari per coprire lo smaltimento dei rifiuti e la Tasi sulle prestazioni indivisibili. Il tributo sui servizi è destinato a sostituire per buona parte delle abitazioni principali sia l Imu sia l attuale Tares: per gli altri immobili invece la nuova tassa si affiancherà all imposta comunale già in vigore. Viene confermato il principio di condivisione dell onere tra proprietari (in quanto i beni e servizi pubblici locali concorrono a determinare il valore commerciale dell immobile) e inquilini (in quanto fruisce dei beni e servizi locali) in caso di abitazioni in affitto. Ai municipi libertà di fissare tra il 10 e il 30% la quota a carico di chi abita la casa. La prima componente è chiamata Tari e sarà dovuta da chi occupa, a qualunque titolo, locali o aree suscettibili di produrre rifiuti urbani. Le aliquote, commisurate alla superficie, saranno parametrate dal Comune con ampia flessibilità. La Tasi invece, seconda metà nel balzello, sarà a carico di chi occupa fabbricati. Anche qui, ampia autonomia decisionale al municipio, che potrà scegliere come base imponibile o la superficie o la rendita catastale. Sulla base imponibile dunque la scelta è lasciata alle amministrazioni comunali: potranno optare per quella dell Imu (rendita catastale moltiplicata per 160) oppure la superficie, come per la Tari. Nel primo caso l aliquota di base sarà pari all 1 /, nel secondo sarà dovuto 1 euro a metro quadrato. L unico tetto è dato dalla somma delle aliquote di Tasi e Imu (per gli immobili non esentati, cioè case di lusso e ville anche se principali) che non potrà superare l aliquota massima dell Imu in vigore per quella categoria catastale, aumentata dell 1 /. Facendo due conti, con le abitazioni principali il limite è il 7 / ; il limite per gli altri immobili è dell 11,6 /. La Legge di stabilità, questo pare acquisito, dovrebbe ratificare la cancellazione del prelievo Imu sull abitazione principale. Nel testo è prevista la deducibilità al 50% del prelievo sui capannoni dall Irpef e dall Ires ma non dall Irap; ma pare che questo dettato potrebbe slittare a un successivo provvedimento. Così come il ritorno dell Irpef per le case non affittate, in misura sempre del 50%, che servirebbe a coprirla. Le scadenze: il neonato Trise andrà pagato in quattro rate trimestrali con scadenza 16 gennaio, 16 aprile, 16 luglio e 16 dicembre. Non sono previste proroghe Spesometro: modello polivalente L Agenzia delle Entrate ha pubblicato il nuovo modello polivalente, con le relative istruzioni, per l effettuazione della comunicazione relativa a: spesometro, contratti di noleggio/leasing, deroga al contante per le operazioni legate al turismo, operazioni con Paesi Black list, acquisti da San Marino. Come più volte richiesto da Confartigianato, l Agenzia ha pubblicato il modello e le relative istruzioni attuative del Provvedimento del Direttore dell Agenzia delle entrate del 2 agosto Il modello polivalente, oltre che per comunicare le operazioni poste in essere nel 2012 dagli operatori soggetti passivi IVA (cosiddetto spesometro): può essere utilizzato, sempre a decorrere dalle operazioni relative all anno 2012, dagli operatori commerciali che svolgono attività di leasing finanziario e operativo, di locazione e/o di noleggio di autovetture, caravan, altri veicoli, unità da diporto e aeromobili, al posto possono del tracciato record allegato al provvedimento del direttore dell Agenzia del 21 novembre Nel caso, modalità e termini sono quelli dello spesometro; va utilizzato per la comunicazione delle operazioni di acquisto da operatori sammarinesi, relativamente a quelle annotate dal 1 ottobre 2013 (la comunicazione è trasmessa in modalità analitica entro l ultimo giorno del mese successivo a quello di annotazione); va utilizzato per la comunicazione dei dati relativi alle operazioni, effettuate a decorrere dal 1 ottobre 2013, nei confronti di operatori residenti o domiciliati in Paesi black list (fermi restando i periodi di riferimento e i termini specifici di questa comunicazione, fissati dagli articoli 2 e 3 del D.M. 30 marzo 2010); va utilizzato per comunicare le operazioni effettuare in deroga alla disciplina sull utilizzo del contante prevista dall art. 2 del D.L. n. 16/2012. Tuttavia, accogliendo la richiesta avanzata da Confartigianato, per le operazioni black list e per gli acquisti da San Marino, effettuati fino al 31 dicembre 2013, è consentito utilizzare, in alternativa al nuovo modello polivalente, le precedenti modalità di comunicazione. Diversamente dalle anticipazioni fornite dalla stampa nei giorni scorsi, l Agenzia ha confermato che non sono previste proroghe del termine di effettuazione dell adempimento. Pertanto, per il 2012, i soggetti che effettuano la liquidazione Iva mensile devono trasmettere la comunicazione entro il 12 novembre 2013; per gli altri, il termine è il 21 novembre IMPIANTI ELETTRICI civili e industriali automazioni, citofonia e videocitofonia, antenne terrestri e satellitari, antifurti FORNITURA ED INSTALLAZIONE IMPIANTI FOTOVOLTAICI CHIAVI IN MANO via Donatori del sangue, 8 Sospiro (CR) Tel Fax > 12 < > 13 <

8 LA RUBRICA LEGALE Sentenza n del 14/3/2013 della Corte di Cassazione E pignorabile l intera casa coniugale anche se solo uno dei due coniugi è debitore La Rubrica Legale R itengo importante segnalare la recente sentenza della Corte di Cassazione n 6575 emessa il 14/03/2013 che ha scardinato il consolidato orientamento in forza del quale il creditore poteva pignorare solo la quota della casa coniugale di proprietà del proprio debitore. Ora invece, in forza di detta sentenza, immediatamente recepita anche dai Giudici del Tribunale di Cremona, il creditore può pignorare l intera casa coniugale, anche se è inserita nella comunione legale. Con tale sentenza, la Cassazione si è pronunciata in merito al pignoramento proposto dal creditore del singolo coniuge per soddisfare un proprio credito personale (cioè estraneo ai bisogni della famiglia) avente ad oggetto il bene immobile rientrante nella comunione legale dei coniugi e della successiva distribuzione del prezzo ricavato dalla vendita. In particolare la Suprema Corte ha enunciato il seguente principio di diritto: la natura di comunione senza quote della comunione legale dei coniugi comporta che l espropriazione, per crediti personali di uno solo dei coniugi, di un bene (o di più beni) in comunione, abbia ad oggetto il bene nella sua interezza e non per la metà, con scioglimento della comunione legale limitatamente al bene staggito all atto della sua vendita od assegnazione e diritto del coniuge non debitore alla metà della somma lorda ricavata dalla vendita del bene stesso o del valore di questo, in caso di assegnazione. Consegue che, nel caso di vendita coattiva del bene immobile derivante da procedura esecutiva immobiliare proposta dal creditore particolare di uno dei coniugi per soddisfare un suo credito personale, anche il comproprietario dell abitazione - non debitore - dovrà subire l esecuzione forzata e la casa familiare verrà messa interamente all asta. Poi al momento della vendita dell immobile, si potranno avere due soluzioni diverse: a) se il creditore che ha proceduto all esecuzione forzata, ha chiesto l assegnazione diretta della casa (ossia ha chiesto di diventarne lui stesso proprietario, nel caso in cui la vendita all incanto non abbia luogo per mancanza di offerte), allora egli sarà obbligato a versare, sempre in favore dell altro coniuge, metà del valore dell immobile; b) se la casa coniugale invece viene venduta, metà del prezzo incassato dovrà essere restituito al coniuge non debitore. A tal proposito, si segnala che spesso però le vendite all asta avvengono a prezzi notevolmente inferiori a quelli di mercato; sicché il coniuge non debitore, oltre a restare senza casa potrebbe venire rimborsato di una somma iniqua e ciò, nonostante la Suprema Corte abbia ribadito, richiamando le recenti sentenze n del e n 517 del , che la comunione legale dei coniugi - a differenza della comunione ordinaria che tende alla tutela della proprietà individuale - tende alla tutela della famiglia. Avv. Elena Monticelli Legale di Confartigianato Cremona Per eventuali approfondimenti o altre problematiche legali, il nostro Avvocato è a disposizione degli associati il mercoledì pomeriggio, previo appuntamento. > 14 <

9 SINDACALE Le novità del CdS valide sino a fine 2013 Il Contratto di Solidarietà I contratti di solidarietà sono accordi, stipulati tra l'azienda e le rappresentanze sindacali, aventi ad oggetto la diminuzione dell orario di lavoro al fine di: mantenere l occupazione in caso di crisi aziendale e quindi evitare la riduzione del personale (contratti di solidarietà difensivi,art. 1 legge 863/84); favorire nuove assunzioni attraverso una contestuale e programmata riduzione dell orario di lavoro e della retribuzione (contratti di solidarietà espansivi art. 2 legge 863/84). La legge prevede due tipologie di contratti di solidarietà: 1. TIPO A - contratti di solidarietà per le aziende rientranti nel campo di applicazione della disciplina in materia di CIGS (art. 1 legge n. 863/84); 2. TIPO B - contratti di solidarietà per le aziende non rientranti nel regime di CIGS e per le aziende artigiane (art. 5 comma 5 legge n. 236/93). Le novità riguardano: Tipologia intervento Erogazione di un sostegno al reddito per lavoratori di imprese interessate da riduzione di orario di lavoro. L utilizzo della provvidenza è riservato alle imprese che non hanno più diritto alla cassa integrazione in deroga, non rientranti nel campo di applicazione del trattamento straordinario di integrazione salariale definito dalla L. n. 223/91. Requisiti per la domanda di contributo Riduzione dell orario lavorativo da 3 settimane (80 ore), ma entro i limiti di legge (L.236/93). Caratteristiche della provvidenza Contributo pari al 25% della retribuzione persa calcolata sulla paga base, contingenza, EDR e somme previste dal CCRL sulla base dell inquadramento contrattuale applicato all inizio del contratto e per i lavoratori part-time il contributo è riproporzionato all effettivo orario di lavoro. La normativa prevede una riduzione massima del 50% dell orario di lavoro. Procedure L impresa deve: prima dell avvio della procedura - pena la non ammissibilità della richiesta - accertarsi di essere in regola con i versamenti dal 1/1/2011 (se dovuto) fino ai due mesi precedenti la data di stipula dell Accordo sindacale; sottoscrivere l Accordo sindacale redatto sulla base del fac-simile predisposto dal Consiglio di Amministrazione reperibile sul sito (modulistica CDS_2013.pdf); entro 15 giorni dalla sua firma e sottoscrizione presentare il Verbale di Accordo Sindacale all EBA territoriale, anche in via telematica all indirizzo di PEC-Posta Elettronica Certificata di EBA (solo se la ditta utilizza a sua volta un indirizzo PEC) o tramite le OO.AA. competenti per territorio; entro un mese dalla firma del Verbale di Accordo Sindacale, presentare la richiesta di contributo, redatta sulla base del fac-simile predisposto dal Consiglio di Amministrazione reperibile sul sito (modulistica CDS_2013.pdf), all EBA territoriale, anche in via telematica all indirizzo di PEC-Posta Elettronica Certificata di EBA (solo se la ditta utilizza a sua volta un indirizzo PEC) o tramite le OO.AA. competenti per territorio; comunicare, alla fine di ogni gruppo di 13 settimane e, in ogni caso, entro il termine perentorio di 30 giorni dalla fine del periodo interessato dal contratto di solidarietà, le variazioni intervenute, allegando un elenco aggiornato dei soggetti beneficiari (utilizzando la scheda CDS-E), all EBA territoriale, anche in via telematica all indirizzo di PEC-Posta Elettronica Certificata di EBA (solo se la ditta utilizza a sua volta un indirizzo PEC) o tramite le OO.AA. competenti per territorio. Allegare alla scheda CDS-E copia del LUL dei lavoratori interessati per i mesi di riferimento del periodo oggetto di consuntivo. L EBA Territoriale di riferimento deve: protocollare il Verbale di Accordo Sindacale; iscrivere al Protocollo generale di ELBA, entro 5 giorni successivi alla presentazione, la richiesta di contributo; esaminare per la verifica di ammissibilità, entro 30 giorni dalla ricezione, per la verifica di ammissibilità sulla base delle indicazioni fornite dal Consiglio di Amministrazione, e decidere insindacabilmente sull accoglimento della richiesta; autorizzare, tenuto conto delle eventuali comunicazioni di cui sopra, l'erogazione del contributo relativo al periodo trascorso. ELBA deve: assumere, in esito all istruttoria dell EBA Territoriale di riferimento, l impegno di spesa a favore dei lavoratori interessati dalla richiesta di contributo per il contratto di solidarietà ammesso nell ambito degli stanziamenti previsti; erogare ed eventualmente ricalcolare il contributo concesso sulla scorta dell istruttoria dell EBA territoriale di riferimento. La modulistica è scaricabile dal sito Ricordiamo che oltre alla modulistica ELBA deve essere compilata anche quella per il Ministero del Lavoro che va invita alla Direzione Prov.le di competenza scaricabile dal sito del Ministero. Per ogni ulteriore informazione è possibile contattare l Ufficio Paghe dell Associazione (tel ). > 16 <

10 convenzioni convenzioni TESSERAMENTO > 18 < > 19 <

11 CREDITO Positivi risultati dal rapporto con la Banca Cremonese Credito in crescita con Artigianfidi Lombardia S i è tenuto il 25 settembre scorso, presso la sede della nostra Associazione, un incontro fra Artigianfidi Lombardia ed i vertici di Banca Cremonese Credito Cooperativo accompagnati per l occasione da una significativa rappresentanza di responsabili e collaboratori di filiale. A tema la verifica del rapporto fra la BCC e Artigianfidi. «E gli aspetti positivi non mancano - ha sottolineato il Presidente di Confartigianato Cremona Massimo Rivoltini nel suo saluto di apertura -. Innanzitutto, partendo dal costruttivo rapporto banca/imprese che, radicandosi sul nostro territorio, ha consentito una presenza capillare in tutta la nostra provincia, dando vita ad azioni concrete di reale sostegno finanziario alle imprese». «E di questi tempi, con i serbatoi del credito molto chiusi - ha evidenziato Rivoltini - non è poca cosa poter contare su una realtà come la BCC molto disponibile a dare ossigeno, soprattutto ai piccoli». Aspetto, questo, ripreso dal Presidente di Banca Cremonese Antonio Davò: «Il problema del credito, per le micro e piccole imprese, persiste - ha detto Davò. Le aziende artigiane sono mediamente imprese di dimensioni contenute e si ritrovano ad essere esposte al problema dell accesso al credito più di altre realtà produttive. Grazie a forme di collaborazione come la nostra, invece, possiamo Pubblico di addetti del settore per la verifica del lavoro svolto. Al tavolo Antonio Davò, Massimo RIvoltini, Andrea Bianchi e Paolo Innocenti. mettere in campo aiuti che favoriscono realmente l accesso al credito, risorsa divenuta davvero rara e preziosa in questo lungo periodo di crisi». «I numeri parlano chiaro - ha illustrato Andrea Bianchi, Direttore Generale di Artigianfidi Lombardia - in quanto solo ad agosto 2013 sono già stati superati i lusinghieri risultati di tutto lo scorso anno» euro di finanziamenti con l istituto di credito ad agosto 2013 contro i euro di tutto il 2012 parlano chiaro. Le pratiche sono 60 nei primi otto mesi di quest anno, contro le 59 totali di quello scorso. «Questo è il frutto di un lavoro serio costituito da al- cuni aspetti fondamentali come le relazioni continue con gli istituti di credito, la conoscenza dell impresa, un rapporto azienda-banca che Artigianfidi contribuisce a migliorare e semplificare». «Se consideriamo il flusso di pratiche precedente all intensificarsi della relazione BCC/Artigianfidi - dice Paolo Innocenti, Direttore Generale di Banca Cremonese - non possiamo che ritenerci soddisfatti per il grande lavoro svolto con attenzione e passione a favore del nostro territorio. Infatti, dalle 19 pratiche del 2011 contiamo di arrivare al termine di quest anno a ben 90 pratiche di finanziamento approvate». Un risultato reso possibile anche dal fattivo sostegno alle imprese da parte della Camera di Commercio di Cremona che ha ri-erogato un contributo per l abbattimento del costo delle commissioni sulla garanzia rilasciata dai confidi. «Questo è un modo concreto ed evidente - ha concluso il Presidente di Confartigianato Cremona Rivoltini - di fare rete fra imprese, associazioni, banche ed enti del territorio, perché siamo responsabili nei confronti delle imprese. Responsabili di un sistema economico che tutti noi dobbiamo contribuire a mantenere in equilibrio. E lo possiamo fare solo facendo sistema e aprendo collaborazioni salde con tutte quelle istituzioni che sono coinvolte, come lo siamo noi, al fianco delle imprese». > 20 <

12 FRA LE CATEGORIE [ Iniziative e notizie dalle categorie Per garantire la partecipazione alle gare d appalto della P.A. lombarda Appalti: è nato lo sportello per le imprese C onfartigianato Lombardia e ARCA - Agenzia Regionale Centrale Acquisti hanno firmato un protocollo di intesa per la promozione di appalti più trasparenti e innovativi tramite gli strumenti di e-procurement. Scopo dell accordo è garantire la più ampia partecipazione delle imprese artigiane alle gare d appalto della Pubblica Amministrazione lombarda. Tra le iniziative avviate, lo Sportello Appalti Imprese Artigiane Lombarde che punta a fornire assistenza e formazione agli operatori economici associati a Confartigianato Lombardia che intendono entrare e consolidarsi nel mercato degli appalti pubblici lombardi. Lo Sportello di Confartigianato metterà a disposizione strumenti, competenze e conoscenze di natura economica, giuridica e tecnica, con un servizio informativo sulle gare bandite tramite la piattaforma Sintel, un servizio di consulenza e formazione finalizzato a supportare le imprese artigiane dalla registrazione al sistema sino all effettivo utilizzo in fase di presentazione delle offerte e infine un supporto dedicato alla predisposizione delle documentazioni di offerta per la partecipazione ai bandi di gara regionali. «La collaborazione con Arca ha sottolineato Maurizio Balotta, Capogruppo Edili della nostra Associazione - nasce dall intento di Confartigianato Lombardia di fornire un supporto concreto alle imprese che intendono effettuare gare d appalto. Troppo spesso infatti le nostre imprese non partecipano a gare a causa degli innumerevoli adempimenti burocratici a cui devono sottostare o per altre difficoltà di accesso alle stesse. Le nostre imprese hanno bisogno di chiarezza e semplicità, che ci auguriamo siano accompagnate dalla responsabilità etica degli enti pubblici di utilizzare le gare quali importante volano dell economia locale». Già avviata la 6 a edizione dell iniziativa Grafici: raccolta libri usati I l Gruppo Grafici della nostra Associazione, presieduto da Alceste Bartoletti, dopo il successo ottenuto dall iniziativa della raccolta libri usati che si svolge ormai da 5 anni, ripropone tale esperienza agli artigiani ed a tutta la cittadinanza. L iniziativa riveste un particolare significato socio-culturale, a testimonianza dell interesse che l Associazione ha, da sempre, per la cultura ed in particolare per la lettura, oggi schiacciata dall enorme massa di proposte video in circolazione. I libri raccolti verranno consegnati ad istituti, associazioni, scuole, centri per anziani, con lo scopo di realizzare, offrire e mettere a disposizione degli ospiti una piccola biblioteca. Anche per quest anno, come per le precedenti edizioni, il Gruppo Grafici si avvarrà della preziosa collaborazione della Coop. Agropolis che ha sede presso la cascina Marasco, in via Marasco, 6 a Cavatigozzi (CR). Il Gruppo Grafici raccoglie qualsiasi tipo di libri, purché in buono stato. Chiunque avesse libri da donare può comunicare la propria disponibilità all'ufficio Categorie dell'associazione tel Palmiro Fanti è Cavaliere della Repubblica Quando dire onore al merito è decisamente appropriato. Palmiro Fanti, Vice Capogruppo Grafici e contitolare della nota azienda Fantigrafica di Cremona, riceverà a breve l onorificenza di Cavaliere dell ordine al merito della Repubblica Italiana. Si tratta di un meritato riconoscimento proprio per il suo impegno nel lavoro, nella vita dell Associazione e per la generosa presenza al fianco di numerose realtà benefiche del nostro territorio. Al neo Cavaliere le congratulazioni di tutta Confartigianato. insieme ogni giorno Ogni giorno Ogni giorno portiamo agli impianti di recupero ciò che può essere riciclato. Ogni giorno ci occupiamo di tenere pulite le strade della tua città e del tuo paese. Ogni giorno sensibilizziamo i cittadini sull importanza del Ogni rispetto giorno del portiamo nostro agli territorio impianti con di recupero progetti ciò di educazione che può essere ambientale. riciclato. Ogni giorno ci cerchiamo occupiamo di tenere mettere pulite tutte le strade le famiglie della nelle tua città condizioni e del tuo paese. di fare una buona raccolta differenziata e Ogni giorno sensibilizziamo insieme ci stiamo i cittadini riuscendo: sull importanza siamo ai primi del rispetto posti a del livello nostro nazionale! territorio con progetti di educazione ambientale. Ogni giorno cerchiamo di mettere tutte le famiglie nelle condizioni di fare una buona raccolta differenziata e insieme ci stiamo riuscendo: siamo ai primi posti a livello nazionale! MRadv.it acqua gas Via del Commercio, CREMA (CR) Tel Fax Società soggetta a direzione e coordinamento di Linea Group Holding srl > 22 < > 23<

13 FRA LE CATEGORIE [ Iniziative e notizie dalle categorie Carta di Qualificazione Conducenti Trasporti: due anni di proroga per la CQC R icordiamo che il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha prorogato di 2 anni la validità delle carte di qualificazione dei conducenti per il trasporto di persone e di cose (CQC), ottenute per documentazione (cioè senza corso iniziale e successivo esame di merito). Lo hanno stabilito i provvedimenti già pubblicati in Gazzetta Ufficiale. In particolare, la scadenza delle CQC valide per: il trasporto di cose è stata prorogata dal 9/09/2014 al 9/09/2016; il trasporto di persone, dal 9/09/2013 al 9/09/2015. Si tratta del Decreto del Capo Dipartimento del 6 agosto e della Circolare della Motorizzazione n del 7 agosto 2013, con cui l'italia ha esercitato la possibilità della direttiva 2003/59 di prorogare il termine per la frequenza dei corsi di rinnovo CQC. La proroga si applica sia ai conducenti che hanno già frequentato i corsi di rinnovo, sia a coloro che non li hanno ancora seguiti, stabilendo che i corsi svolti saranno utili a rinnovare la carta di qualificazione fino al 9/09/2020 (per la CQC trasporto persone) e fino al 9/09/2021 (per la CQC trasporto cose). Nell'archivio nazionale degli abilitati alla guida del CED della Motorizzazione, inoltre, le date di validità dei documenti per la qualificazione CQC verranno automaticamente aggiornate come segue: 9/09/2013 al 9/09/2015 9/09/2014 al 9/09/2016 9/09/2018 al 9/09/2020 9/09/2019 al 9/09/2021 I conducenti muniti di CQC con le attuali scadenze potranno regolarmente circolare in Italia fino alle nuove scadenze sopra indicate, senza incorrere in alcuna sanzione per loro mancato rinnovo. Cavalcavia Spazio Marmisti: spiragli in vista? Finalmente i Marmisti tornano nelle loro botteghe sotto al cavalcavia del Cimitero...anzi no! Quando ormai, infatti, sembrava cosa fatta, ecco che altri intoppi ne ritardano il rientro. Dopo il risanamento durato 5 anni, che ha costretto gli artigiani ad utilizzare scomodi container, ora alcuni atti di vandalismo (sono stati distrutti i servizi igienici e rubati i condotti in rame) hanno ritardato la chiusura dei lavori. La speranza era quella di traslocare in tempo per le festività dei morti, ma ora si auspica che almeno si riesca a rioccupati gli spazi storici fra la fine di novembre e inizio dicembre. E trattandosi di zona cimitero, chi vivrà... Il riconoscimento da Regione Lombardia all azienda nata nel 1950 La Torrefazione Vittoria è negozio storico di Cremona A ncora una nostra azienda associata sotto i riflettori della cronaca per meriti legati alla cultura territoriale e all elevata qualità del prodotto. Dallo scorso mese di luglio, infatti, la Torrefazione Vittoria ha ottenuto dalla Regione Lombardia il riconoscimento di Negozio Storico. L attività artigianale della torrefazione nasce ufficialmente nel 1950, come risulta dai documenti di iscrizione alla Camera di Commercio, e nel corso di tutti questi anni, nel locale di Via Ferrabò, vicino a porta Venezia, ha prodotto caffè sia per la vendita all ingrosso (bar, ristoranti ed altro) sia per la vendita al dettaglio. Nel 2004 la proprietà viene acquisita da Giovanni Pietrogrande, giovane di 31 anni, che, con uno spirito innovativo, inizia una serie di interventi all'interno del locale e da un paio d'anni ha aperto uno spazio speciale per il consumo diretto del caffè. Tazzina dopo tazzina e con il passaparola della gente soddisfatta la Torrefazione Vittoria è diventata un nuovo luogo di culto della colazione e della degustazione del caffè. Pur mantenendo la vecchia struttura, tutto l'ambiente è stato risistemato per renderlo più accogliente e più bello, dando ai visitatori la possibilità di vedere il caffè crudo e le fasi della tostatura con lo scopo principale di far conoscere come avviene la produzione. Massima attenzione viene rivolta alla qualità dei singoli caffè da tostare per ottenere un giusto bilanciamento nelle miscele prodotte ed è questo l'obiettivo primario che si è posto Giovanni: far conoscere e promuovere la conoscenza di questa bevanda, ottenuta in maniera artigianale, e creare quindi una cultura del caffè che vada oltre alla conoscenza delle semplici marche che si possono trovare sugli scaffali dei supermercati. Oggi l attività principale è ancora legata al commercio all ingrosso, con una clientela in grado di apprezzare le qualità delle miscele acquistate, mentre cresce, con soddisfazione del titolare, l apprezzamento da parte dei consumatori quotidiani che frequentano lo spazio della caffetteria, confermando la tendenza attuale alla ricerca del prodotto artigianale ottenuto con passione e massima attenzione alla qualità. Una bella soddisfazione per i nostri artigiani, sempre di più il fiore all occhiello del nostro territorio, ai quali vanno i complimenti di Confartigianato Imprese. NELLE FOTO Alcuni scatti dello spazio degustazione dove ancora oggi si possono vedere i macchinari per la tostatura ed i sacchi del caffè. > 24 < > 25 <

14 convenzioni convenzioni TESSERAMENTO > 26 < > 27 <

15 FORMAZIONE [ Le nostre proposte formative Da novembre le nuove lezioni di addestramento Corsi addetti macchine operatrici L Accordo Stato/Regioni prevede formazione in base al rischio Dipendenti: i corsi obbligatori Dopo che il 22 febbraio 2012 la Conferenza Stato-Regioni ha approvato un accordo che prevede l effettuazione di un particolare addestramento da parte dei conduttori di determinate macchine operatrici, la nostra Associazione ha deciso di organizzare per il mese di novembre alcuni corsi specifici per i lavoratori che utilizzano una delle macchine operatrici elencate di seguito. Essi, infatti, devono frequentare, accanto al corso base di sicurezza sul lavoro di cui all accordo del 21 dicembre 2011, un ulteriore corso specifico di addestramento. Trattandosi di un addestramento particolare, relativo alla conduzione di specifiche apparecchiature, questo corso deve essere seguito anche da collaboratori di aziende familiari, lavoratori autonomi e soci di società. Macchine operatrici e durata dei corsi L addestramento degli operatori dei macchinari di cui sopra si suddivide in una parte teorica ed una pratica. La durata e i contenuti dei singoli moduli sono stati fissati nell accordo. Questi i corsi in programma per i prossimi mesi di novembre e dicembre: Attrezzatura: Piattaforma di lavoro mobili elevabili (PLE) Data corso: novembre 2013 Modulo teorico (ore): 4 Modulo pratico (ore): 4 (PLE con stabilizzatori) 4 (PLE senza stabilizzatori) 6 (PLE con e senza stabilizzatori) Attrezzatura: Gru a torre Data corso: dicembre 2013 Modulo teorico (ore): 8 Modulo pratico (ore): 4 (gru a rotazione in basso) 4 (gru a rotazione in alto) 6 (gru a rotazione in basso e in alto) Attrezzatura: Carrelli elevatori semoventi con conducente a bordo Data corso: novembre 2013 Modulo teorico (ore): 8 Modulo pratico (ore): 4 (carrelli industriali semoventi) 4 (carrelli semov. a braccio telescopico) 4 (carrelli elevatori telescopici rotativi) 8 (carrelli elevatori industriali semoventi, semoventi a braccio telescopico, telescopici rotativi) Attrezzatura: Escavatori, pale caricatrici, terne, autoribaltabili a cingoli Data corso: dicembre 2013 Modulo teorico (ore): 4 Modulo pratico (ore): 6 per escavatori idraulici 6 per escavatori a fune 6 per caricatori frontali 6 per terne 6 per autoribaltabili a cingoli 12 per escavatori idraulici, caricatori frontali, terne Per le date dei seguenti corsi contattare gli Uffici della nostra Associazione: Attrezzatura: Gru per autocarro Modulo teorico (ore): 4 Modulo pratico (ore): 8 Attrezzatura: Conduzione gru mobili (corso base) Modulo teorico (ore): 7 Modulo pratico (ore): 7 Attrezzatura: Conduzione gru mobili (modulo aggiuntivo per gru mobili su ruote con falcone telescopico o brandeggiabile) Modulo teorico (ore): 4 Modulo pratico (ore): 4 Attrezzatura: Trattori agric. o forestali Modulo teorico (ore): 3 Modulo pratico (ore): 5 per trattori a ruote 5 per trattori a cingoli Attrezzatura: Pompe per calcestruzzo Modulo teorico (ore): 7 Modulo pratico (ore): 7 Operatori che hanno già frequentato un corso specifico Nell accordo vengono descritte tre diverse situazioni, delle quali si dovrà tener conto dopo l entrata in vigore dell accordo stesso: 1. Gli operatori che hanno già frequentato un corso specifico di durata e contenuti teorici e pratici corrispondenti a quelli dell accordo e che hanno superato la relativa verifica finale devono frequentare entro 5 anni un corso di aggiornamento. 2. Gli operatori che hanno già frequentato un corso specifico costituito da una parte teorica e una parte pratica e concludentesi con la relativa verifica finale ma di durata inferiore a quella prevista dall accordo devono frequentare entro 24 mesi un corso di aggiornamento. 3. Gli operatori che hanno già frequentato un corso specifico non concludentesi con la relativa verifica finale devono, indipendentemente dalla durata dello stesso, frequentare entro 24 mesi un corso di aggiornamento con verifica finale. Validità dell addestramento specifico e dei corsi di aggiornamento L accordo prevede che l addestramento specifico abbia una validità di 5 anni. Per protrarre l abilitazione alla conduzione delle macchine operatrici anche in seguito, ogni 5 anni a far data dal giorno di rilascio del diploma l operatore deve frequentare un corso di aggiornamento della durata minima di 4 ore. Disposizioni transitorie Questo accordo è entrato in vigore il 12 marzo A partire da quel momento tutti gli operatori incaricati della conduzione delle macchine operatrici di cui sopra devono frequentare entro 24 mesi i corsi specifici di conduzione delle macchine stesse. Per informazioni e una prima presa di contatto sui corsi in programmazione potete contattare gli Uffici della nostra Associazione (tel /14). C om è noto, lo scorso 21 dicembre 2011 la Conferenza Permanente per i rapporti tra Stato e Regioni ha approvato due Accordi relativi alla formazione sulla sicurezza che hanno introdotto importanti novità. Le nuove regole, in vigore dal 12 gennaio 2012, prevedono che tutti i lavoratori, nessuno escluso, dovranno seguire corsi specifici di formazione sui rischi aziendali legati all attività svolta, con durata variabile in base al livello di rischio (rischio basso 8 ore; medio 12 ore; alto 16 ore). Questo significa che le aziende con dipendenti soci e/o collaboratori devono formare tutti i lavoratori. Le sanzioni per il mancato adempimento di tali disposizioni possono arrivare fino a Per consentire alle aziende di ottemperare tempestivamente a questi obblighi normativi,sono stati organizzati, dal mese di marzo 2012, i corsi per i vari settori, che si tengono in tutto il territorio della provincia di Cremona. I corsi saranno suddivisi in base al livello di rischio del settore di appartenenza dell azienda e richiederanno un aggiornamento ogni 5 anni. Al termine del corso verrà rilasciato ad ogni partecipante l attestato, come da obbligo di legge, ed un testo valevole come materiale informativo obbligatorio ai sensi dell art. 36 del D. lgs 81/08 (obbligo di informazione da parte del datore di lavoro). I lavoratori che non svolgono mansioni nei reparti produttivi (esempio: l impiegato di un azienda tessile) possono frequentare i corsi per il rischio basso a prescindere dal settore di appartenenza dell azienda. Per i preposti, in aggiunta alla formazione generale per tutti i lavoratori, è previsto un modulo specifico di 8 ore. Le date dei prossimi corsi che abbiamo in programma sono le seguenti: CREMONA Lunedì 2 dicembre 14.00/18.00 Lunedì 9 dicembre 14.00/18.00 Lunedì 16 dicembre 14.00/18.00 Lunedì 23 dicembre 14.00/18.00 SORESINA Mercoledì 6 novembre 14.00/18.00 Mercoledì 13 novembre 14.00/18.00 Mercoledì 20 novembre 14.00/18.00 Mercoledì 27 novembre 14.00/ Ulteriori corsi in partenza nei prossimi mesi Corso RSPP sulla SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO Corso di formazione e di AGGIORNAM. PER ADDETTI AL MONTAGGIO PONTEGGI Corso di PRIMO SOCCORSO e AGGIORNAMENTO (obbligatorio ogni 3 anni) Corso ANTINCENDIO BASSO e MEDIO RISCHIO Corso per CONDUZIONE E USO PIATTAFORME AEREE Corso per MULETTISTI: CONDUZ. CARRELLI ELEVATORI Corso HACCP sulla SICUREZZA ALIMENTARE Corso PREPOSTI INFO SUI CORSI: Ufficio Formazione tel oppure scrivete a NON PERDETE L OCCASIONE: ISCRIVETEVI AI NOSTRI CORSI! > 28 < > 29<

16 VITA ASSOCIATIVA [ Riunioni - incontri - assemblee - iniziative Tutte le riunioni del trimestre Organi Direttivi Provinciali Installatori Elettrici - (23/09) Il Consiglio Direttivo del Gruppo Installatori Imp. Elettrici, sotto la presidenza di Roberto Alquati, si è riunito il 23 settembre per le comunicazioni del Roberto Alquati Nel corso dei lavori del Festival della Persona 2013, svoltosi a Verona il 19 e 20 settembre, in una sala affollata di operatori territoriali dell associazione, è stato presentato il libro dal titolo L attività fisica: un bene per tutti (vedi copertina in basso), realizzato da due professionisti esperti del settore, il professor Giorgio Diaferia ed il dottor Giacomo Russo, con il contributo dell ANCoS. L importanza del movimento per una Capogruppo, per l organizzazione di una serata informativa sulla normativa 46/90 e 37/08 in merito alla dichiarazione di conformità e per valutare iniziative future. Installatori Termoidraulici - (26/09) Il Consiglio Direttivo del Gruppo Installatori Termoidraulici, presieduto da Armando Ploia, si è riunito il 26 settembre per le comunicazioni del Capogruppo, per un resoconto dell incontro con l Assessore comunale Zanibelli in merito all accesso della ZTL, per la programmazione di un incontro con i tecnici dell ente pubblico sul punto della normativa di installazione e manutenzione degli impianti, per l organizzazione della campagna pubblicitaria per sensibilizzare la cittadinanza sulla manutenzione degli impianti e per alcuni aggiornamenti sulla UNI e sulla UNI Il libro presentato al Festival della Persona L attività fisica è un bene per tutti Armando Ploia miglior qualità della vita rappresenta da sempre un tema caro all ANCoS, che come noto promuove con le proprie attività la crescita ed il benessere della persona, l inclusione sociale e la solidarietà ad ogni livello, attraverso progetti e servizi in materia di turismo sociale, sport, attività ricreative e ludiche, culturali, di tutela e promozione della salute. In quest ottica, promuove lo sport e il movimento a tutti i livelli e a tutte l età, attraverso campagne di informazione e sensibilizzazione, il supporto alla diffusione di corretti stili alimentari e l incentivo alle attività ludiche, ricreative, agonistiche e non, per favorire la socializzazione, la creazione e l ampliamento delle reti di relazioni soprattutto fra le categorie più fragili. La diffusione di questa guida rientra appieno in questo quadro e rappresenta per l ANCoS un importante strumento di divulgazione dei propri programmi, delle proprie iniziative e dei propri obiettivi in ambito locale e nazionale. Per un ampia e moderna tutela assicurativa Sportello con Assiprime L la nostra Associazione ha sottoscritto una convenzione con ASSIPRIME S.R.L. per offrire soluzioni assicurative personalizzate per le aziende, la persona e per tutti i famigliari. Assiprime, infatti, è una società di servizi assicurativi destinati a imprese e a privati. Attraverso la gestione del rischio aziendale, la consulenza assicurativa e la consulenza finanziaria, viene offerta una tutela globale e personalizzata in ogni settore di attività. Il servizio Assistenza offre un supporto legale all'intera struttura. Le soluzioni assicurative personalizzate riguardano: autovetture, autocarri, motocicli infortuni e malattie difesa globale fabbricati civili, artigianali e commerciali furto / incendio responsabilità civile verso terzi specifica per ogni attività e riservata agli associati tutela legale consulenza delle polizze in essere soluzione dei bisogni assicurativi E stato quindi attivato uno Sportello Assiprime presso la sede dell Associazione ogni martedì e venerdì del mese, dalle 9 alle Lo Sportello consente alle imprese associate di ricevere informazioni sulla gestione del rischio aziendale, la consulenza assicurativa e la consulenza finanziaria, offrendo una tutela globale e personalizzata in ogni settore di attività. Saranno presenti i funzionari del Gruppo Assiprime per farvi conoscere tutte le varie opportunità offerte e consulenza gratuita sulle vostre polizze assicurative in corso. La ricetta anticrisi del Gruppo Assiprime Mantenere un atteggiamento positivo in un periodo di recessione come quello odierno non è facile. Parlando con Renato Casoni, direttore di Gruppo Assiprime, si evince che sono proprio questi momenti di difficoltà che costringono i lavoratori devono fare le scelte giuste, non disperdendo le forze, valutando attentamente quello che il mercato propone. «Nel settore delle assicurazioni - spiega Renato Casoni, Direttore del Gruppo Assiprime - la tendenza al ribasso dei prezzi delle polizze è finita e le compagnie stanno tornando lentamente al rialzo. Le categorie artigiane, che hanno risentito fortemente della crisi che stiamo passando, sono di fatto quelle che possono usufruire di scontistiche maggiori, in virtù delle convenzioni, degli accordi e dei prodotti specifici alla categoria. Nel caso degli artigiani convenzionati alla Confartigianato Imprese della Provincia di Cremona si può parlare di un vero e proprio incentivo alla crescita, anche in questo momento. Oggi gli artigiani hanno bisogno di guardare avanti, con prospettive che rendano il lavoro meno vessante e diano un'iniezione di fiducia. Credo che Assiprime offra prodotti assicurativi che diano una forte spinta, facendo risparmiare la categoria, rendendo il lavoro più semplice, permettendo di risolvere velocemente tutte le problematiche legate agli imprevisti. Prendo ad esempio il caso delle polizze auto: oggi Assiprime propone una polizza speciale che è garanzia di risparmio. Oltre alla scontistica legata alla convenzione che riduce il costo, si usufruisce di servizi di primo piano: la priorità della riparazione dell'auto o del veicolo commerciale evitando code e riducendo i tempi d'attesa, la semplicità di non doversi preoccupare di pratiche e periti dato che penserà a tutto Assiprime, ma la cosa più interessante è che le vetture verranno dotate gratuitamente del GPS. Quest'ultima innovazione permette la massima trasparenza durante i sinistri: il GPS è garanzia in ogni senso, dato che registra la posizione del veicolo, le variazioni di velocità, ecc. È utile anche nel caso in cui i figli utilizzino le vetture durante i weekend, in questo caso possiamo parlare di azione preventiva del mezzo tecnologico». Come avrete capito le novità Assiprime sono sempre rivolte al risparmio e alla praticità. In tempi di recessione come quelli odierni un partner forte è garanzia di crescita e di uno slancio positivo verso il futuro. Invitiamo chi volesse aggiornare la propria polizza, o chi volesse chiedere una consulenza gratuita o un "check up", a contattare i consulenti presso la nostra Sede di Cremona o telefonando in Assiprime allo presso la nuova sede di via Gorra, 55 a Piacenza. > 30 < > 31 <

17 VITA ASSOCIATIVA Un ricordo... Sono ancora numerose le perdite che dobbiamo registrare nel terzo trimestre dell anno fra i nostri artigiani, o ex artigiani, i loro familiari, gli amici ed i sostenitori dell Associazione. Attraverso questa rubrica desideriamo rinnovare ai familiari le nostre più sentite condoglianze, scusandoci per le eventuali dimenticanze: Georgica Tiganus, ex autotrasportatore di Cremona; Massimiliano Pignoli, ex edile di Castelleone (e fratello di Stefano Pignoli, elettricista di San Bassano); Annibale Boselli, ex socio Edil Serena snc, impresa edile di Paderno Ponchielli; Pietro Galli, ex marmista di Cremona (fu anche Capogruppo della categoria Marmisti nel quadriennio 1978/1982); Marcellino Sabadini, socio Sabadini Marcellino Alimentari snc, panificatori di Grontardo; Francesco Ogadri, ex idraulico di Cremona; Monica Scolari, ex socia Robusti & C. snc, idraulici di Casalbuttano; Giordano Mazzoni, ex muratore di Gadesco Pieve Delmona; Bruno Rigoni, produzione serramenti di Cremona e Adriano Calabrese, ex gommista di Cremona. * * * * Rinnovate condoglianze, inoltre, a: Graziano e Daniele Rossi, soci ROSSI MECCANICA snc, lavor. meccaniche di Malagnino, per la perdita della mamma Luigina Cominati; Alberto Biffi, falegname di San Bassano, per la perdita della cara mamma Angela Cremonesi; Luigina Sbalchiero, socia AUTOTRASPORTI BIGLIETTI FABIO & C. snc di Gabbioneta Binanuova, per la prematura perdita del marito Antonio Zaniboni; Livio Rossi, elettricista di Gussola, per la perdita del caro papà Ezio; Giuseppe Muchetti e Scartapacchio Fulvia, fotografo di Cremona, per la scomparsa della cara mamma e suocera Rosa Ferrari; Adalberto Pagliari, autoriparatore di Stagno Lombardo, per la scomparsa dell amata mamma Irma Zoppi; Federico Panzeri, parrucchiere uomo di Cremona, per la perdita della cara zia Maria Rosa Panzeri e Sergio e Franco Sgarzi, soci LOVUCRE srl, impianti elettrici e servizi di Cremona, per la perdita del papà Ferruccio. * * * * Terminiamo con le nostre particolari condoglianze all ex Sindaco di Cremona Gian Carlo Corada, per la perdita del caro papà Serafino, al Direttore dell Associazione Industriali Ernesto Cabrini, per la prematura perdita dell amata moglie Luisa Gamba ed al Capo di Gabinetto del Comune di Cremona Sen. Walter Montini, per la perdita della cara mamma Rosa Corini. NON SI SCEGLIE DI ESSERE CREATIVI, LO SI È....per chi crede che l originalità sia nei piccoli gesti quotidiani. UGGERI PUBBLICITA' AGENZIA GRAFICA & PUBBLICITA Corso XX Settembre, 18 - CREMONA > 32 <

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 COMUNICATO STAMPA La Regione che vogliamo: la CIDA organizza il confronto con i candidati alla Presidenza della regione Toscana 29 Aprile

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 C OMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO PROVINCIA DI TREVISO Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE PROPONENTE Settore Cultura Musei e City Branding DIRETTORE QUAGLIA dott.ssa MAURIZIA Numero di registro Data dell'atto 849 10/06/2015 Oggetto : "Acquedotte" - Festival Musicale

Dettagli

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria IMU - che cos'è L IMU si continua a pagare sulle case di lusso (categorie A/1, A/8 e A/9), sulle seconde case e su tutti gli altri immobili (ad esempio laboratori, negozi, capannoni, box non di pertinenza

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI In collaborazione con Assessorato Aree Cittadine e Consigli di Zona Consigli Quanto costa comprar casa CASA: LE TASSE DA

Dettagli

E se domani non ci fossero più gli artigiani? Campagna di sensibilizzazione di Confartigianato Imprese Grosseto a tutela del lavoro

E se domani non ci fossero più gli artigiani? Campagna di sensibilizzazione di Confartigianato Imprese Grosseto a tutela del lavoro E se domani non ci fossero più gli artigiani? Campagna di sensibilizzazione di Confartigianato Imprese Grosseto a tutela del lavoro E se domani, d'improvviso, non esistessero più gli artigiani? Una macchina

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Aliquota ordinaria rurali LE ALIQUOTE Aliquota ordinaria I casa Aliquota ordinaria altri 2 per mille 4 per

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno..

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Comune di Modena ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SANITARIE E ABITATIVE non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Cerchi casa e stai vivendo un momento

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

I.U.C. Imposta Unica Comunale

I.U.C. Imposta Unica Comunale COMUNE DI MARCON I.U.C. Imposta Unica Comunale Con la Legge n. 147/2013 (Legge di stabilità 2014) è stata istituita a decorrere dal 01/01/2014 l Imposta Unica Comunale (IUC). L imposta unica comunale (IUC)

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B L articolo 2 commi da 39 a 46 del D.L. 262/2006 conv. L. 286/2006 aveva previsto per gli enti locali

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 COMUNE DI TAINO Provincia di Varese Prot. N. 3207 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Copia N. 6 del 28/04/2014 OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 L'anno

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE. Anno accademico 2013-2014

CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE. Anno accademico 2013-2014 CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE Anno accademico 2013-2014 Como - Varese, 15 febbraio 2014 DESCRIZIONE DELLA PROPOSTA DI

Dettagli

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio OSSIGENO Osservatorio Fnsi-Ordine Giornalisti su I CRONISTI SOTTO SCORTA E LE NOTIZIE OSCURATE Perché un ennesimo osservatorio Alberto Spampinato* Il caso dei cronisti italiani minacciati, costretti a

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE

CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE Formiche.net 9 settembre 2013 CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE di Alessandra Servidori Il Ministro del lavoro e delle politiche sociali Enrico Giovannini e il Vice ministro Cecilia Guerra

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Premessa L accesso agli atti ed ai documenti amministrativi, introdotto nel nostro ordinamento dalla Legge 7 agosto 1990, n. 241, costituisce

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N 26 del 30/09/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI DELL'IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) - ANNO 2014 L'anno 2014, addì trenta

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA Istituto Nazionale Previdenza Sociale ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA (articolo 23 del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600 e successive modifiche e integrazioni) In base all art. 7, D.L. n. 70/2011 non è più obbligatorio

Dettagli

GLI ITALIANI E LO STATO

GLI ITALIANI E LO STATO GLI ITALIANI E LO STATO Rapporto 2014 NOTA INFORMATIVA Il sondaggio è stato condotto da Demetra (sistema CATI) nel periodo 15 19 dicembre 2014. Il campione nazionale intervistato è tratto dall elenco di

Dettagli