OSSERVATORIO SUI FABBISOGNI PROFESSIONALI. INDAGINE QUANTITATIVA SULLE FIGURE PROFESSIONALI DEL MOBILE E DELLA MECCANICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "OSSERVATORIO SUI FABBISOGNI PROFESSIONALI. INDAGINE QUANTITATIVA SULLE FIGURE PROFESSIONALI DEL MOBILE E DELLA MECCANICA"

Transcript

1 Progetto Osservatorio sui fabbisogni professionali Attività FSE 2004 Obiettivo 3 - Misura C1 - DGR N del 22/12/2004 Quaderni FNE Collana ricerche, n. 38 novembre 2006 OSSERVATORIO SUI FABBISOGNI PROFESSIONALI. INDAGINE QUANTITATIVA SULLE FIGURE PROFESSIONALI DEL MOBILE E DELLA MECCANICA di Alessandro Rigoni Coordinamento di Daniele Marini

2 Sommario 1. INTRODUZIONE 2. DALLA SPERIMENTAZIONE ALLA RICERCA EMPIRICA 3. STRATEGIA E RISORSE UMANE 3.1 Utilizzo delle figure professionali 3.2 La dinamica del fabbisogno di figure professionali 3.3 Figure professionali e progettazione organizzativa 4. MECCANICA FINE 4.1 Progettista 4.2 Tecnico di produzione 4.3 Tecnico pianificazione processi produttivi 4.4 Addetto gestione acquisti 4.5 Reparto produttivo: operatori di macchina 4.6 Addetto montaggio/assemblaggio 4.7 Collaudatore 4.8 Coordinatore logistico 5. MOBILE 5.1 Progettista 5.2 Tecnico sviluppo prodotto 5.3 Tecnico pianificazione processi 5.4 Tecnico Cam 5.5 Addetto gestione acquisti 5.6 Falegname 5.7 Intarsiatore / intagliatore / levigatore 5.8 Coordinatore logistico 6. CONCLUSIONI 7. METODI E RESPONSABILITÀ 8. BIBLIOGRAFIA 9. QUESTIONARIO 10. TEST DI CORRELAZIONE DI PEARSON (TABELLA 120) Fondazione Nord Est, Venezia - 2

3 1. INTRODUZIONE Le crisi del mercato, per quanto attorniate da un aurea di negatività, hanno il pregio di apportare almeno due innovazioni che, dal punto di vista dell economia, sono di particolare valore: sono in grado di depurare il mercato dalle inefficienze, ma soprattutto di razionalizzare la macchina produttiva, che gli economisti definiscono lato dell offerta ma che altro non è che il complesso circoscritto delle produzioni che si trovano prima della crisi ad offrire un dato ventaglio di prodotti e a partire dal quel momento a sperimentare diverse soluzioni ai nuovi problemi che le discontinuità col passato pongono al sistema economico. L ambiente nel quale le imprese operano fa parte di quel ventaglio di variabili che le stesse coscientemente o inconsciamente devono prendere in considerazione nel disegnare l organizzazione interna. Ne deriva logicamente che le novità dell ambiente economico soprattutto se possiedono le caratteristiche di una crisi non mancano quasi mai di far sentire la loro influenza sull aspetto interno di quelle imprese che passate al crogiuolo del mercato vengono ritenute nei fatti adeguate ad operarvi. Il problema principale come è stato rilevato da ricerche che ne hanno reso famosi gli autori è che le influenze tra macroeconomia e singoli operatori, o categorie di essi, sono solo percepibili, difficilmente (spesso mai) codificabili in regole o leggi. Spesso neppure le imprese sono in grado di gestire il cambiamento, e questa immutabilità a fronte del contesto che cambia è tra le prime cause di mortalità delle imprese. A questo pericolo non si sottrae la gestione delle risorse umane, che è l aspetto che qui rileva maggiormente. Il rischio, in questo campo, è concreto e ormai ampiamente documentato 1 : per esempio è noto come le imprese non svolgano - se non in pochi casi una periodica analisi dei fabbisogni formativi interni. Le vicende legate all apertura delle economie che si è verificata in questi ultimi anni ha tracciato a questo proposito una via di sviluppo preferenziale per le imprese dei paesi evoluti: quella della razionalizzazione delle risorse umane a livello internazionale. Le imprese, per rimanere competitive, si trovano davanti alla necessità di riorganizzare la loro attività su un piano internazionale, e ben si comprende come, nella realizzazione di questo tipo di strategie, l aspetto delle risorse umane sia fondamentale. L impresa che opera nella regione del Veneto è da tempo impegnata in questa strada innovativa. La memoria storica della formazione dello stesso tessuto produttivo veneto ricorda come la formazione aziendale di professioni che hanno poi avuto il coraggio di mettersi in proprio - sia stata il deus ex machina della conversione a sistema dell imprenditoria regionale. Pertanto le aspettative di una positiva conclusione di questo contrappasso sono forti, tanto più che, ancora oggi, la bravura di un imprenditore la si rileva ancora spesso dalle capacità tecnico/professionali possedute. Ma, come si è visto, lungo questa strada non mancano le difficoltà, soprattutto quando si tratta di 1 Per una descrizione della situazione formativa veneta si rimanda agli elaborati di FERRARO, OLIVA [2004], di GUBITTA, [2005] pag. 105, di RIGONI [2004]. Fondazione Nord Est, Venezia - 3

4 figure professionali di pregio, ossia quelle figure che fanno e faranno sempre più la differenza nell arena competitiva mondiale. Perché? Heckscher e Ohlin e, poi, Leontief, hanno spiegato che i paesi specializzano le proprie produzioni in base alla dotazione delle risorse e alla produttività ricavata dal loro utilizzo. La mobilità del lavoro è ancora relativamente bassa rispetto ai ritmi del commercio internazionale dei beni, e questo permetterebbe all economia regionale di contare su un lavoro che, essendo più produttivo dei Paesi mediamente sviluppati, vale di più, dato che ogni unità di lavoro va moltiplicata per la sua produttività. Solo in questo modo le produzioni manifatturiere, in particolare quelle ad alta intensità di lavoro presenti nella Regione, possono competere a livello internazionale, nel quale si ritrovano ad operare imprese di paesi con abbondante manodopera e a basso costo. Naturalmente questo è solo uno degli aspetti da affrontare nel complesso percorso di risanamento, assieme a ricerca e investimenti. Ma è un aspetto centrale, verso cui tutti gli sforzi si devono concentrare, sia privati che pubblici. Il pubblico, infatti, è investito in prima persona di un importante ruolo di supporto, dato che non ci si potrà affidare ai fattori che finora hanno dimostrato discreta funzionalità. Il Veneto, inteso come terra di distretti nati da imprenditori ex-operai nelle officine (di cui in seguito sono diventati contoterzisti), si sta sfaldando; sta cercando di mutare pelle pur nella difficoltà di liberarsi da quella vecchia 2. Per cui non si può più contare solo su quella naturale permeabilità delle imprese e delle competenze resa possibile dai vantaggi della vicinanza e dalle relazioni di distretto. Ma non si può ancora contare sulle caratteristiche di qualità, innovazione, terziarizzazione 3 del nuovo, che per il momento è al livello di vision o, con maggior pragmatismo, di strategia deliberata ma non ancora realizzata. Non potendo ancora contare pienamente sulle imprese e sulla funzionalità del nuovo che avanza 4, appare allora razionale e corretto considerare la figura professionale come focus dell indagine: infatti, mentre un azienda può disegnare le proprie strategie dosando diversi fattori (come ad esempio delocalizzare parte della produzione, o trasferirsi quasi totalmente in altri paesi, piuttosto che aprire il proprio capitale a una multinazionale con tutte le forme in cui queste alleanze possono essere realizzate), ben più limitato è il ventaglio di opzioni a disposizione del lavoratore, che risulta ormai l attore maggiormente radicato nel territorio, occupando quindi con sempre maggior chiarezza una posizione centrale del tessuto economico. Il coordinamento tra la sfera pubblica e quella privata è essenziale in questo processo. La radice di questa necessità è a questo punto semplice e intuitiva, ma è opportuno destinare alla sua comprensione un ulteriore spazio. La figura professionale nasce come risultante di due opposte spinte: quella della suddivisione del lavoro che spinge verso la parcellizzazione dei compiti con i vantaggi che questo comporta ma con i connessi costi di coordinamento organizzativo, e quella della divisione per attività produttive, avvantaggiata dalla semplicità degli strumenti di coordinamento tipici del mercato. La figura professionale, letta con gli occhi della disciplina organizzativa, costituisce il punto in cui si equilibrano i costi delle opposte strategie. Essendo figlia del compromesso, alla figura professionale appartengono le 2 Marini [2006], pag Marini [2006], pag Per la verità avanza troppo lentamente, tanto che la situazione del tessuto produttivo ha portato gli stessi imprenditori di alcuni settori veneti importanti a organizzarsi per chiedere e ottenere dall Unione Europea misure protezionistiche. Fondazione Nord Est, Venezia - 4

5 caratteristiche di entrambe le opzioni: accanto al ruolo e alla posizione organizzativa, che trova realizzazione economica nell appartenenza ad un organizzazione (e ciò implica, ovviamente, che il suo coordinamento avvenga con una prevalente dose di autorità), il professional si trova anche ad essere proprietario di attività immateriali (tanto di quelle codificabili e trasferibili quanto, soprattutto, di quelle non codificabili e, quindi, difficilmente trasferibili). Ciò comporta una certa quantità di problemi organizzativi, sostanzialmente riconducibili ad un gioco ad informazione asimmetrica: la figura professionale conosce cose di cui il datore di lavoro potrebbe non venire mai a conoscenza. L asimmetria connatura il rapporto intercorrente tra proprietario e agente 5, ed è una variabile da tenere nella dovuta considerazione quando si tratta di gestire il personale a profilo professionale pregiato. Un problema, questo, che coinvolge non solo l azienda e il lavoratore, ma l intero sistema economico: un tessuto professionale elevato e aggiornato costituisce, come si è visto, un indiscusso fattore critico di successo per il territorio, per le aziende, per i lavoratori stessi. Un sistema informativo preciso, analitico ed aggiornato è una variabile chiave nello sviluppo del territorio veneto. La costruzione dell Osservatorio sui Fabbisogni Professionali ha l obiettivo specifico di contribuire alla comprensione delle logiche e delle evoluzioni che si stabiliscono tra i professionals e le aziende. Questa comprensione costituisce la necessaria premessa affinché le azioni rivolte al problema dei fabbisogni professionali, poste in essere dal policymaker, siano efficaci sul piano delle effettive esigenze delle aziende ed efficienti dal punto di vista delle risorse pubbliche. La mappatura di quelli che costituiscono gli snodi cruciali nello sviluppo di singoli settori economici è uno sforzo impegnativo, ma necessario. La progettazione della struttura del nuovo sistema informativo delle professioni si articola in due fasi: una prima di individuazione, una seconda di verifica quantitativa. Nella prima fase del processo, l Osservatorio viene arricchito non solo delle figure professionali rilevanti del settore, ma ogni figura viene articolata su tre livelli di evoluzione, in base al bagaglio tecnico posseduto. L articolazione ora descritta, rilevata in via qualitativa nella prima parte d analisi, riceve dalla seconda la presente la necessaria validazione quantitativa, che rende possibile estendere le conclusioni a tutto il tessuto imprenditoriale veneto, in quanto adeguatamente rappresentato nel campione oggetto di questa indagine. 5 Problema analizzato nel noto JENSEN, M. and MECKLIN W., 1976, "Theory of the firm: managerial behavior, agency costs and capital structure," Journal of Financial Economics, 3, Fondazione Nord Est, Venezia - 5

6 2. DALLA SPERIMENTAZIONE ALLA RICERCA EMPIRICA L impostazione strutturale dell Osservatorio sui Fabbisogni Professionali risulta imperniata sulla sua capacità di individuare e valutare le concrete necessità, in termini di professioni chiave, del sistema produttivo, il quale viene indagato in senso settoriale, da un lato, e funzionale, dall altro. Ciò che ne risulta è una matrice di competenze, raggruppate in professioni individuabili e articolate in tre livelli di evoluzione professionale, il che permette una esauriente mappatura delle caratteristiche dei mercati interni del lavoro afferenti alle singole figure professionali, oltre che la valutazione sulla reperibilità di queste nei mercati esterni del lavoro. A questo fine, le figure professionali vengono catalogate attraverso la descrizione di mansioni e competenze rilevate direttamente presso le imprese, nel corso di una prima fase che ha l obiettivo di sondare, su un campione rappresentativo di imprese, oltre che la presenza o meno di figure considerate centrali nell attività produttiva d impresa, anche il tendenziale fabbisogno delle diverse figure. Una successiva fase, integrata dalla presente ricerca, si prefigge il compito di verificare quantitativamente le risultanze della parte qualitativa: la reale diffusione delle figure professionali all interno delle imprese, la complessità organizzativa che caratterizza le relazioni tra le diverse categorie d impresa e le professionalità, le problematiche conclamate e latenti, con risultati che siano estendibili all universo di imprese operanti in Veneto. La progettazione del questionario si è basata sulla necessità di rilevare, all interno delle imprese, la presenza, la quantità, la qualità delle figure presenti, le difficoltà del loro reperimento e le soluzioni alternative al loro impiego. Il questionario (riportato in appendice a pagina 75), è stato progettato in modo tale da rilevare le medesime variabili per ogni figura professionale tipica due settori del Mobile e della Meccanica Fine, replicando le domande alle singole tipologie di professionalità impiegate in azienda, con riguardo anche al livello di evoluzione richiesto/impiegato da queste. Per fare ciò, si è scelto, nella somministrazione del questionario, di descrivere in modo sintetico le funzioni svolte dalle figure professionali, testando l effettiva loro presenza - al di là della mera denominazione adottata - distinte per livello di evoluzione. Infine, la relazione tra questi risultati con alcune variabili organizzative, ha permesso di mappare con cura anche il fabbisogno di risorse, segmentato per competenze possedute, che può essere utilizzato per disegnare una probabile distribuzione temporale dei fabbisogni. Fondazione Nord Est, Venezia - 6

7 3. STRATEGIA E RISORSE UMANE 3.1 Utilizzo delle figure professionali Le figure professionali individuate nella prima fase della ricerca parte qualitativa - sono risultate nel complesso presenti nella gran parte delle imprese indagate nella seconda fase. Nonostante la numerosità delle figure presenti nelle imprese, rispetto all organico totale, sia solo il 2,7% per il Mobile e il 4,2% (3,7% in tutto il campione), la diffusione delle stesse tra le imprese è ben più rilevante. Infatti, in tutta l indagine il numero medio di figure professionali di cui l impresa non risulta essersi dotata è di circa 2,5 sulle 8 rilevate in ciascuno dei due settori. Per contro, sempre in media, 4 figure professionali sono già integrate nelle imprese. Risulta necessario evidenziare una differenza nei risultati emergenti dall analisi dei due settori proprio per quanto riguarda il numero di professionalità considerate non necessarie all azienda, le quali sono circa 2,1 per la meccanica e 2,8 per il mobile. Fig. 1 - Numero medio di tipologie professionali possedute (su 8 figure totali) Centrale Non Centrale Totale Centrale Non Centrale Totale Centrale Non Centrale Totale MECCANICA MOBILE TOTALE Fonte: Fondazione Nord Est, casi n 614 Mentre si può sostenere che nessuna impresa si trova nella condizione di ricerca attiva di primo acchito delle figure professionali indagate (nel senso che ogni figura è raramente ricercata per la prima volta dalle aziende indagate), una porzione considerevole di imprese è dotata di un organizzazione in grado di spalmare le mansioni appartenenti alle professionalità su più posizioni. Per dare una misura del Fondazione Nord Est, Venezia - 7

8 ricorso a questa modalità organizzativa del lavoro, circa 1,6 figure professionali vengono sostituite da know-how distribuito su altre posizioni organizzative i cui contenuti lavorativi vengono riprogettati secondo una logica di enlargement 6. La capacità dagli imprenditori sentiti nell individuare le competenze (skills) della figura e nel riconoscerle come svolte in altre posizioni, dimostra che il fenomeno in questione non sia casuale, ma piuttosto frutto di precise scelte di progettazione organizzativa. Fig. 2 - Propensione alla sostituzione delle posizioni attraverso tecniche di job design (su 8 figure totali) Centrale Non Centrale Totale Centrale Non Centrale Totale Centrale Non Centrale Totale M E C C A N IC A M O B IL E T O T A L E Fonte: Fondazione Nord Est, casi n 614 Come conseguenza risulta che in ogni impresa sono presenti, in media, 4 delle 8 figure critiche individuate. Anche in questo caso, la meccanica impiega una maggior varietà di tipologie professionali (4,7) rispetto al settore mobile (3,2). Tale differenza è dovuta, più che ad una scarsa necessità delle competenze professionali appartenenti alle figure, ad un maggior ricorso al job enlargement da parte del Mobile (1,9 figure, o, in altri termini, il 23,8% delle imprese) rispetto alla Meccanica (1,2 figure, il 15% dei casi). 6 La locuzione job enlargement è una modalità micro-organizzativa del lavoro che consiste nell integrare orizzontalmente alcune posizioni con un maggior numero di operazioni. Fondazione Nord Est, Venezia - 8

9 Fig. 3 - Numero medio di tipologie professionali non possedute (su 8 figure totali) Centrale Non Centrale Totale Centrale Non Centrale Totale Centrale Non Centrale Totale MECCANICA MOBILE TOTALE Fonte: Fondazione Nord Est, casi n 614 Una seconda fonte di differenziazione rispetto all impiego delle figure professionali è la centralità o meno delle attività rientranti nella definizione di Meccanica/Mobile rispetto all intera economia dell impresa. La segmentazione ora considerata risulta in grado di spiegare una minor presenza media delle figure professionali nelle imprese le cui attività di meccanica o di mobile risultano collaterali ad una diversa attività primaria e potrebbero, pertanto, essere riorganizzate in outsourcing. Rispetto alle 4 figure professionali mediamente detenute, le imprese che qualificano come collaterali le attività rientranti nei settori ne impiegano 3,6. Ciò è vero soprattutto se le attività ricadono nella definizione di meccanica: contro una media di settore di 4,7, le figure detenute da imprese con attività collaterali sono 4,1. Come è possibile evincere dalla Fig. 1, si tratta di competenze che non sono state spalmate su altre posizioni, ma bensì di competenze a cui l impresa ha del tutto rinunciato: in media non sono presenti 2,9 contro le 2,4 delle imprese in cui le attività Mobile o Meccanica sono centrali. In definitiva, questa rapida analisi dei dati rilevati mette in luce come le figure individuate siano centrali per la strategia organizzativa delle imprese appartenenti ai due settori oggetto d indagine. La rilevazione condotta, oltre che la fotografia dell impiego e del fabbisogno attuale delle professionalità, permette anche di contestualizzare i risultati sotto l aspetto di due variabili chiave: il contesto temporale e quello organizzativo d impresa. Fondazione Nord Est, Venezia - 9

10 3.2 La dinamica del fabbisogno di figure professionali Constatata a un lato l importanza delle figure professionali individuate per i settori di interesse, è da rilevare come sia difficilmente individuabile, in un ravvicinato confronto tra i risultati dell indagine (vedi Tab. 1), una tendenza di sviluppo condivisa da tutte le famiglie di lavoratori. Per ogni figura professionale si evidenziano, infatti, comportamenti e tendenze piuttosto differenziate che difficilmente possono essere ricondotti ad un ipotetico sentiero evolutivo tipico. Tab. 1 - Presente e futuro delle figure professionali: un quadro sinottico No, non c'è bisogno Presenza della figura professionale No, ma lo cerca No, ma le sue funzioni sono svolte da altri Sì in prima ricerca attiva (su quelle che non possiedono la figura) che tendono a incrementare su quelle già attive Meccanica fine Progettista 22,5 0,3 5,4 71,8 6,3 7,5 Tecnico di produzione 13,6 0,9 11,7 73,7 0,0 4,7 Tecnico pianificazione processi 31,6 0,6 33,2 34,5 2,9 1,8 produttivi Addetto gestione 7,6 0,0 15,5 76,9 0,0 2,1 acquisti Operatori di macchina 19,3 0,3 2,5 77,8 0,0 16,3 Addetti montaggio, 23,7 0,3 7,0 69,0 0,0 10,1 assemblaggio Collaudatore 41,8 0,0 23,4 34,8 0,0 7,3 Coordinatore logistica 47,2 0,6 24,7 27,5 1,3 2,3 Mobile Progettista 48,3 0,7 16,1 34,9 6,3 1,0 Tecnico sviluppo 30,2 0,3 29,5 39,9 3,4 2,5 prodotto Tecnico pianificazione 27,9 0,7 34,9 36,6 0,0 0,9 processi Tecnico CAM 49,7 1,0 17,8 31,5 0,0 5,3 Addetto gestione 9,1 0,3 32,9 57,7 0,0 1,7 acquisti Falegname 27,5 0,0 6,0 66,4 0,0 14,6 Intarsiatore, intagliatore, 63,6 0,3 16,5 19,5 0,0 6,9 Fondazione Nord Est, Venezia - 10

11 intagliatore, levigatore Coordinatore logistico No, non c'è bisogno Fonte: Fondazione Nord Est Presenza della figura professionale No, ma lo cerca No, ma le sue funzioni sono svolte da altri Sì in prima ricerca attiva (su quelle che non possiedono la figura) che tendono a incrementare su quelle già attive 27,5 0,0 38,6 33,9 0,0 1,0 Tuttavia, risulta piuttosto interessante individuare quali sono le probabili evoluzioni che glia atteggiamenti delle imprese intervistate nascondono al proprio interno. Per far ciò, occorre rielaborare i dati aggregandoli secondo la loro tempistica. Una rielaborazione sufficientemente significativa ed esauriente può essere costruita sfruttando la seguente relazione: Cerca + NonCercaMaNeAvrebbeBisogno = NeUtilizzaLeCompetenze ( tot) Cerca + 1 ricerca NonCercaMaNeAvrebbeBisogno CompetenzeSpalmate = + 1 Possiede + 1 ricerca Possiede + 1 ricerca NeUtilizzaLeCompetenze (1) (2) (3) A destra del segno di uguale si trovano, nell ordine di apparizione: (1) le aziende attive nella ricerca delle figure professionali, rapporto tra chi cerca e chi possiede già la figura (o la sta cercando per la prima volta); (2) le aziende la cui ricerca è latente e potenziale (rapporto tra chi non cerca ma ne avrebbe bisogno e chi possiede già la figura (o la sta cercando per la prima volta); (3) le aziende la cui ricerca è inattivata, presumibilmente attivabile a lungo termine (rapporto tra chi spalma le competenze delle figure su altre posizioni preesistenti e chi non dichiara che non ha bisogno della figura). Fondazione Nord Est, Venezia - 11

12 Tab. 2 - Figure professionali: tempistiche della ricerca aziende attive (1) aziende in ricerca latente (2) aziende in ricerca a lungo termine (3) interessate alla figura (tot) Meccanica fine Progettista 7,9 4,4 7,0 5,9 Tecnico di produzione 5,9 3,0 13,6 3,3 Tecnico pianificazione processi produttivi 3,6 3,6 48,6 1,9 Addetto gestione acquisti 2,1 2,5 16,8 9,9 Operatori di macchina 16,6 6,1 3,1 1,9 Addetti montaggio, assemblaggio 10,5 5,9 9,2 17,5 Collaudatore 7,3 0,9 40,2 6,5 Coordinatore logistica 2,2 2,2 46,8 0,9 Mobile Progettista 2,8 5,7 31,1 11,4 Tecnico sviluppo prodotto 3,3 2,5 42,3 7,7 Tecnico pianificazione processi 2,7 0,9 48,3 3,7 Tecnico CAM 8,2 7,2 35,4 3,8 Addetto gestione acquisti 2,3 0,6 36,2 22,0 Falegname 14,6 4,5 8,3 14,9 Intarsiatore, intagliatore, levigatore 8,5 3,4 45,5 4,9 Coordinatore logistico 1,0 1,0 53,2 2,3 Fonte: Fondazione Nord Est Questa scomposizione, come si è detto, pone enfasi sull aspetto temporale delle intenzioni di assunzione. Infatti, è possibile analizzare distintamente le necessità di figure ad un livello attivo (ricerca) e fabbisogni presenti solo ad una fase di coscienza (ricerca non attivata ma attivabile in breve tempo). Inoltre, è possibile isolare i casi in cui risulta più conveniente spalmare le funzioni su diverse posizioni. Quest ultima soluzione, in particolare, se da un lato si pone in termini di trade off con la ricerca attiva di personale (vedi più diffusamente il paragrafo 3.3), dall altro è logico pensare sia condizionata dal livello della tecnologia adottata dalle imprese, per cui è verosimile ipotizzare che un cambiamento di questa variabile possa portare anche ad una traslazione della ricerca di figure dalla fase di latenza a lungo termine a quella di coscienza o alla ricerca attiva. Fondazione Nord Est, Venezia - 12

13 Fig. 4 - Diffusione delle ricerche attive M.F.:Operatori di macchina Mobile:Falegname M.F.:Addetti montaggio. assemblaggio Mobile:Intarsiatore. intagliatore. levigatore Mobile:Tecnico CAM M.F.:Progettista M.F.:Collaudatore M.F.:Tecnico di produzione M.F.:Tecnico pianificazione processi produttivi Mobile:Tecnico sviluppo prodotto Mobile:Progettista Mobile:Tecnico pianificazione processi Mobile:Addetto gestione acquisti M.F.:Coordinatore logistica M.F.:Addetto gestione acquisti Mobile:Coordinatore logistico Fonte: Fondazione Nord Est Nella Fig. 4 è possibile individuare il massimo grado di criticità nelle ricerche rivolte alle figure professionali maggiormente caratterizzate da operatività: Operatore di Macchina (per la Meccanica) e Falegname (per il Mobile). Con un minor grado di diffusione, si individuano, a seguire, le ricerche attive rivolte all Assemblatore e all Intarsiatore. La prima figura non di line ricercata dalla maggior parte delle aziende del Mobile è il Tecnico Cam, mentre per quelle della Meccanica ( M.F. nei grafici) è il Progettista. La criticità è data dal fatto che queste sono le figure professionali la cui ricerca è diffusa nella maggior parte delle aziende, per cui è verosimile ritenere che queste ultime abbiano già attivato le operazioni di reclutamento delle nuove figure candidate. In termini temporali, questo è il fabbisogno imminente di figure professionali. Fondazione Nord Est, Venezia - 13

14 Fig. 5 - Diffusione della ricerca latente Mobile:Tecnico CAM M.F.:Operatori di macchina M.F.:Addetti montaggio. assemblaggio Mobile:Progettista Mobile:Falegname M.F.:Progettista M.F.:Tecnico pianificazione processi produttivi Mobile:Intarsiatore. intagliatore. levigatore M.F.:Tecnico di produzione M.F.:Addetto gestione acquisti Mobile:Tecnico sviluppo prodotto M.F.:Coordinatore logistica Mobile:Coordinatore logistico M.F.:Collaudatore Mobile:Tecnico pianificazione processi Mobile:Addetto gestione acquisti Fonte: Fondazione Nord Est Una seconda possibile situazione in cui si possono trovare le imprese è di coscienza della necessità di impiegare (anche ulteriori) figure, a fronte della quale, però, non è stata ancora attivata la ricerca. L analisi delle figure che si trovano in questa situazione porta a considerare differentemente i due settori indagati: infatti, per il Mobile, la necessità latente è rivolta principalmente a Tecnico Cam, Progettista e, solo in seguito, Falegname, mentre per la Meccanica Fine la necessità latente (non ancora attivata), riguarda l Operatore di Macchina e l Assemblatore; solo in seguito a questi il Progettista. Quindi, si evidenziano necessità piuttosto differenziate per i due settori: la domanda sublimata di professionalità dimostrata dalla Meccanica è maggiormente rivolta alle figure di line; al contrario, il Mobile rileva un fabbisogno inespresso verso figure tecniche di supporto e di progettazione, per le quali non si rilevano ostacoli all attivazione della ricerca, che si potrebbe pertanto verificare in qualsiasi momento. Fondazione Nord Est, Venezia - 14

15 Fig. 6 - Ricerca attivabile a lungo termine (a tecnologia differente) Mobile:Coordinatore logistico M.F.:Tecnico pianificazione processi produttivi Mobile:Tecnico pianificazione processi M.F.:Coordinatore logistica Mobile:Intarsiatore. intagliatore. levigatore Mobile:Tecnico sviluppo prodotto M.F.:Collaudatore Mobile:Addetto gestione acquisti Mobile:Tecnico CAM Mobile:Progettista M.F.:Addetto gestione acquisti M.F.:Tecnico di produzione M.F.:Addetti montaggio. assemblaggio Mobile:Falegname M.F.:Progettista M.F.:Operatori di macchina Fonte: Fondazione Nord Est In una prospettiva a più ampio spettro temporale, è possibile far luce su quelle che sono le competenze professionali che più diffusamente vengono sostituite da know how organizzativo, in grado di supplire alla mancanza della figura professionale. La tendenza alla sovrapposizione di ruoli si riconosce diffusamente in entrambi i settori (con un lieve accento per quanto riguarda le professioni del Mobile), e interessa principalmente le funzioni di Coordinatore Logistico e di Tecnico Pianificazione dei Processi Produttivi. La soluzione organizzativa risulta funzionale anche nell organizzazione delle figure di line, in particolare per le funzioni di Intarsiatore e di Collaudatore, le cui attività vengono più diffusamente affidate ad altre posizioni. Per queste figure il fabbisogno (e quindi la ricerca) sono disattivate in quanto l impresa ritiene maggiormente efficiente non inserire affatto la figura nell organico. Ciò, come si diceva, è presumibilmente influenzato dallo stato della tecnologia produttiva adottata, per cui una modifica a questa variabile organizzativa potrebbe essere in grado di far emergere un fabbisogno addizionale delle figure professionali indagate attivando, a seguito della relativa percezione cognitiva, le azioni di ricerca. Fondazione Nord Est, Venezia - 15

16 L importanza delle variabili di rilievo organizzativo, che è ora emersa, porta a ritenere verosimile l attesa di maggiori risultati da un analisi che sia in grado di contestualizzare le scelte relative alle figure professionali con variabili di estrazione organizzativa d azienda. Le tendenze mostrate dalle singole figure professionali devono essere lette congiuntamente ad altre dimensioni. 3.3 Figure professionali e progettazione organizzativa Risulta ora interessante porre in rilievo la connessione esistente tra il complesso delle figure professionali indagate e le modalità di progettazione organizzativa che, con maggior frequenza, risultano associate al loro impiego. In questo livello dell analisi sono stati utilizzati alcuni strumenti statistici in grado di evidenziare proprietà delle singole figure professionali non immediatamente visibili ad un primo stadio d indagine. Considerando come casi d analisi tutti e 16 i profili professionali indicati, si sono testate le correlazioni tra tutte le possibili coppie di variabili rilevate per ognuna di essi 7. Alcuni risultati possono essere valutati come ovvii o scontati, ma per altri l informazione contenuta si è rivelata interessante. I commenti riportati si raccordano con la tabella (riportata a pagina 86) attraverso la stessa classificazione letterale (dalla lettera A alla lettera J). I risultati sono stati infine illustrati in grafici a nuvola, in modo tale da evidenziare proprietà e comportamenti relativi alle singole figure professionali e ai due settori indagati. Una rappresentazione grafica risulta utile anche per visualizzare con maggior immediatezza le interazioni rilevanti dal punto di vista statistico. In aggiunta, nei grafici si individuano due distinti gruppi: i risultati, infatti, sono stati sottoposti ad una seconda metodologia di indagine, consistente nell individuazione di due gruppi (cluster) di riferimento che una procedura automatizzata ha dicotomizzato il campione di figure professionali; i due cluster sono riportati con colori differenti. 7 Si è condotto il test di Correlazione di Pearson (riportato a pagina 86) per individuare le correlazioni statisticamente significative. Non si considerano le correlazioni tra le varie modalità di risposta alla singola domanda, in quanto le modalità sono ovviamente intrinsecamente correlate tra loro. Fondazione Nord Est, Venezia - 16

17 Fig. 7 - Interazione A 8 Mette in relazione la percentuale di figura evoluta sul totale della figura professionale posseduta, con il fatto che la percentuale di livello base di quella stessa figura cresca al crescere della dimensione dell impresa. ME_OM ME_ASSEMB livello base che cresce con la scala 1.00 ME_COLL MO_FALE ME_AGA ME_TECPROD 0.00 MO_COOL ME_COOL ME_PROGETTISTA MO_TPP MO_TECCAM MO_TSP ME_TPP MO_AGA MO_PROGETTISTA MO_IIL livello elevato posseduto in % Fonte: Fondazione Nord Est, casi n 614 Quando, tra le figure professionali presenti, il peso di quelle a basso livello cresce con la scala dimensionale 9, la presenza di profili elevati (di quella figura) è meno frequente 8 Legenda per i grafici di questo paragrafo: MO_PROGETTISTA MO_TSP MO_TPP MO_TECCAM MO_AGA MO_FALE MO_IIL MO_COOL ME_PROGETTISTA ME_TECPROD ME_TPP ME_AGA ME_OM ME_ASSEMB ME_COLL ME_COOL Mobile: Progettista Tecnico sviluppo prodotto Tecnico Pianificazione Processi Tecnico CAM Addetto alla Gestione Acquisti Falegname Intarsiatore/Intagliatore/Levigatore Coordinatore Logistico Meccanica Fine: Progettista Tecnico di Produzione Tecnico Pianificazione Processi Produttivi Addetto alla Gestione Acquisti Reparto Produttivo: Operatore di Macchina Addetto al Montaggio/Assemblaggio Collaudatore Coordinatore Logistica 9 Si consideri che la variabile scala base è di tipo booleano (1=vero, 0=falso), per cui sono possibili solamente due valori. Fondazione Nord Est, Venezia - 17

18 (Interazione A). La relazione non è del tutto semplicistica. Essa indica che, a dimensioni aziendali crescenti, per ogni figura di livello pregiato si conta una quantità crescente di figure di livello base. Il richiamo, in questa relazione, al controllo mediante la leva gerarchica è evidente. Inoltre, alle figure professionali di elevato livello è richiesto di fornire (dato il loro ridotto peso sul totale delle figure presenti) i loro servizi alle diverse aree aziendali, rendendo simile il loro utilizzo a quello tipicamente gestito in modalità terziarizzata (ossia viene vista come fornitura di servizio agli altri comparti aziendali). Ciò implica, in fondo, che la formazione di elevato livello risulta necessaria per lo sfruttamento delle economie di scala produttiva e, d altra parte, che la mancanza di tali figure di riferimento nei mercati del lavoro può costituire una fonte aggiuntiva di difficoltà, per le aziende, a crescere dimensionalmente. L utilizzo della gerarchia tra i vari livelli di competenze riguarda soprattutto il settore della meccanica fine, come risulta dalla Fig. 7. Per quanto riguarda il settore del mobile, questa forma di organizzazione riguarda solamente la figura del falegname. Più le funzioni della figura professionale sono spalmate su posizioni preesistenti, meno è probabile che l impresa ne abbia attivato la ricerca sul mercato esterno del lavoro (Interazione B1). Il maggior ricorso all organizzazione per sopperire alla sua mancanza si accompagna ad una vera e propria riduzione della domanda di quella professionalità sia immediata (Interazione B2), che di medio-lungo termine. (Interazione B3). Fig. 8 - Interazione B1 Relazione tra delega ad altre figure delle funzioni della figura professionale e intenzioni di assumere la figura professionale stessa. Fig. 9 - Interazione B3 Relazione tra delega ad altre figure delle funzioni della figura professionale e necessità della figura professionale stessa senza ricerca attiva. Non c'è ma le sue funzioni sono svolte da altre f.p MO_COOL MO_TPP ME_COOL MO_AGA 2.30 ME_TPP 2.60 ME_AGA 2.90 MO_TSP Imprese che assumeranno la f.p. MO_TECCAM MO_IIL MO_PROGETTISTA ME_COLL ME_TECPROD ME_ASSEMB MO_FALE ME_PROGETTISTA Fonte: Fondazione Nord Est, casi n 614 ME_OM Non c'è ma le sue funzioni sono svolte da altre f.p MO_AGA MO_COOL ME_COLL MO_TPP MO_TSP ME_COOL MO_IIL ME_TPP ME_AGA Ne avrei bisogno ma non lo sto cercando ME_TECPROD MO_TECCAM MO_PROGETTISTA MO_FALE ME_PROGETTISTA Fonte: Fondazione Nord Est, casi n 614 ME_ASSEMB ME_OM Nella Fig. 8 si evidenzia un trade-off tra lo spostamento delle mansioni verso altre posizioni lavorative e la ricerca (immediata o latente) di nuove figure professionali. In particolare, Coordinatore della logistica, Tecnico Pianificazione del Prodotto, Addetto alla Gestione Acquisti, Tecnico di Sviluppo Prodotto (per il settore del Mobile) e Tecnico Pianificazione Processi Produttivi (per il Meccanico) sono le figure che maggiormente vengono fatte oggetto della logica di sostituzione di competenze Fondazione Nord Est, Venezia - 18

19 personali con conoscenza diluita nell organizzazione. Come si ha modo di constatare, sono soprattutto le figure del Mobile quelle le cui funzioni si dimostrano facilmente smembrabili, mentre per il settore Meccanica, le professionalità individuate sono meno facilmente adattabili a questa modalità organizzativa. La Fig. 9 conferma il fatto che anche una suddivisione meno spinta del lavoro tra le figure professionali indagate non costituisce una soluzione temporanea, ma è una strategia efficace in quanto, in fase di progettazione organizzativa, porta anche nel medio-lungo termine alla riduzione della percezione di fabbisogno per quella professionalità; il grafico della Fig. 9 fa eloquentemente apparire le due variabili in una relazione di trade-off. Una presenza della figura professionale nella struttura è una condizione più frequentemente associata ad una ricerca attiva sul mercato (Interazione C1) 10. Dalla Fig. 10 si può notare come le variabili Figura già presente nell impresa e Ricerca di nuove figure tendano a correlarsi (seppur in modo non troppo marcato) in senso positivo tra loro. Le figure maggiormente dinamiche, in termini di presenze e ricerca di nuove figure, appartengono al settore Meccanica, che dimostra il maggior tasso di vivacità per la figura dell Operatore di Macchina, mentre le uniche figure del Mobile rientranti in questo cluster sono il Falegname e l Addetto alla Gestione degli Acquisti. Fig Interazione C1 Relazione tra imprese che possiedono la figura professionale e imprese che intendono assumere la stessa. Possiedono la f.p MO_AGA MO_TPP MO_COOL ME_COOL ME_AGA Assumeranno la f.p. MO_TSP MO_PROGETTISTA ME_TPP MO_TECCAM MO_IIL ME_TECPROD ME_PROGETTISTA ME_COLL ME_OM ME_ASSEMB MO_FALE Fonte: Fondazione Nord Est, casi n È da considerarsi, invece, scontata l Interazione C2 riportata in appendice. Fondazione Nord Est, Venezia - 19

20 Quando il peso percentuale della figura di livello base (sul totale dei tre livelli presenti) è positivamente associato alla dimensione, è meno facile che le funzioni siano svolte da altre figure professionali (Interazione D). Il legame è rappresentato in Fig. 11. In questa relazione è evidente il trade-off tra la soluzione più semplice nella gestione della complessità, che è la standardizzazione dei compiti, e la strategia consistente nel distribuire i compiti alle figure più prossime. Si può rilevare una netta distinzione tra le strategie adottate dai vari settori. Nonostante si tratti di temi complessi e difficilmente riassumibili a regole di generale applicazione, il Mobile, tra l aumento dell efficienza derivante dallo sfruttamento delle economie di scala e della parcellizzazione del lavoro, e strategie che portano alla redistribuzione dei compiti e alla intercambiabilità delle posizioni 11, sceglie più frequentemente quest ultima. L interazione D ne spiega il motivo: il Mobile più difficilmente riesce a organizzarsi per sfruttare economie di scala. Infatti, solo per una figura (il falegname) il peso del livello base (a cui vengono attribuiti compiti parcellizzati) cresce con la dimensione dell impresa. Fig Interazione D Mette in relazione la delega ad altre figure delle funzioni della figura professionale con il fatto che la percentuale di livello base di quella stessa figura cresca al crescere della dimensione dell impresa.. livello base che cresce con la dimensione ME_ASSEMB 1.00 ME_AGA MO_FALE ME_TECPROD ME_OM ME_COLL MO_COOL 0.00 ME_PROGETTISTA ME_COOL MO_AGA MO_PROGETTISTA MO_IIL MO_TECCAM MO_TSP MO_TPP ME_TPP Non c'è ma le sue funzioni sono svolte da altre f.p. Fonte: Fondazione Nord Est, casi n 614 Anche rispetto alle stesse figure professionali è possibile individuare una interessante segmentazione che discrimina le posizioni non legate a logiche di parcellizzazione al 11 Evitando così l impiego di figure professionali ad hoc: Interazioni B. Fondazione Nord Est, Venezia - 20

Modalità e criteri di segmentazione nel Corporate & Investment Banking

Modalità e criteri di segmentazione nel Corporate & Investment Banking UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE 20123 MILANO LARGO A. GEMELLI, 1 Modalità e criteri di segmentazione nel Corporate & Investment Banking a cura di: Renato Fiocca Glauco T. Savorgnani Daniela Corsaro

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

Indagine sui fabbisogni professionali e formativi di un campione di imprese piacentine

Indagine sui fabbisogni professionali e formativi di un campione di imprese piacentine Indagine sui fabbisogni professionali e formativi di un campione di imprese piacentine a cura di Elena Bensi, Davide Fanzini e Claudia Rossi Osservatorio Mercato del Lavoro, Provincia di Piacenza 1. Premessa

Dettagli

Il mercato IT nelle regioni italiane

Il mercato IT nelle regioni italiane RAPPORTO NAZIONALE 2004 Contributi esterni nelle regioni italiane a cura di Assinform Premessa e obiettivi del contributo Il presente contributo contiene la seconda edizione del Rapporto sull IT nelle

Dettagli

Lezione 6. La microstruttura organizzativa. Il job design e la motivazione

Lezione 6. La microstruttura organizzativa. Il job design e la motivazione Lezione 6 La microstruttura organizzativa Il job design e la motivazione 1 Un modello di progettazione organizzativa d impresa Ambiente Cultura Obiettivi e strategia Macro Struttura 1. Formalizzazione

Dettagli

SEZIONE IV Le attività finalizzate al raccordo scuola-lavoro: una lettura critica delle esperienze realizzate

SEZIONE IV Le attività finalizzate al raccordo scuola-lavoro: una lettura critica delle esperienze realizzate SEZIONE IV Le attività finalizzate al raccordo scuola-lavoro: una lettura critica delle esperienze realizzate Le opinioni dei Capi di Istituto e dei responsabili scolastici dei progetti -25- -26- Nota

Dettagli

Appunti sulle ricerche per l analisi delle performance di mercato del prodotto e della marca

Appunti sulle ricerche per l analisi delle performance di mercato del prodotto e della marca Appunti sulle ricerche per l analisi delle performance di mercato del prodotto e della marca La valutazione delle performance competitive di un prodotto rappresenta una fase centrale del processo di decision

Dettagli

VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA FORMAZIONE SULL ORGANIZZAZIONE INTERNA

VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA FORMAZIONE SULL ORGANIZZAZIONE INTERNA DIREZIONE ATTIVITA AMMINISTRATIVA SERVIZIO ORGANIZZAZIONE E GESTIONE RISORSE UMANE UFFICIO ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA FORMAZIONE SULL ORGANIZZAZIONE INTERNA Report finali

Dettagli

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES Pier Francesco Asso ECONOMIA SICILIANA Si illustrano alcuni risultati del IV rapporto di ricerca della Fondazione RES dedicato

Dettagli

Le ristrutturazioni aziendali

Le ristrutturazioni aziendali Le ristrutturazioni aziendali Come si conduce uno studio di caso Daniele Zaccaria daniele.zaccaria@unimib.it Le strategie di gestione dei processi di ristrutturazione tendono a mutare perché sta mutando

Dettagli

Capitolo 7 TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE MANIFATTURIERA E PER I SERVIZI

Capitolo 7 TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE MANIFATTURIERA E PER I SERVIZI Capitolo 7 TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE MANIFATTURIERA E PER I SERVIZI Per TECNOLOGIA si intendono i processi, le tecniche, i macchinari e le azioni utilizzati per trasformare gli input organizzativi (materiali,

Dettagli

Organizzazione aziendale e sistemi informativi. Prof. Luca Gnan

Organizzazione aziendale e sistemi informativi. Prof. Luca Gnan Organizzazione aziendale e sistemi informativi Prof. Luca Gnan Agenda Una definizione Divisione del lavoro e coordinamento Le regole nella progettazione Gli ambiti della progettazione organizzativa Modelli

Dettagli

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO]

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] INNOVAZIONE DI MERCATO E LEVA PER LA CRESCITA I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] 1. [ INTRODUZIONE ] Capacità d innovazione e adattamento ai numerosi

Dettagli

Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione

Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione Con il rapporto di ricerca presentato dalla Filtea al direttivo del 6 maggio

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO GIUGNO 2005 NUMERO DICIOTTO CON DATI AGGIORNATI AL 31 DICEMBRE 2004 INDICE pag.5 PREMESSA TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO

Dettagli

Il modello di Kraljic, una strategia a 4 step

Il modello di Kraljic, una strategia a 4 step articolo n. 2 marzo 2014 Il modello di Kraljic, una strategia a 4 step CLAUDIO VETTOR, SISTEMIC MANAGER Claudio Vettor, Temporary Manager, Esperto di Theory of Constraints, ha dedicato la propria carriera

Dettagli

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE REPORT INDAGINE Roma, 11 maggio Comune di Bisceglie RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION DEL SERVIZIO FRONT OFFICE "Accesso e utilizzo dei servizi di sportello" Strumento

Dettagli

Il sistema economico locale: industria e terziario

Il sistema economico locale: industria e terziario Capitolo 6 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 6 Il sistema economico locale: industria e terziario In questo capitolo sono presentati gli indicatori

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUAP COMUNE DI SASSARI Giugno 2014

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUAP COMUNE DI SASSARI Giugno 2014 STUDIO Q QUALITÀ TOTALE SRL organizzazione formazione marketing INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUAP COMUNE DI SASSARI Giugno 2014 INDICE 1 INTRODUZIONE 3 2 METODOLOGIA 4 3 IL TARGET E IL CAMPIONE D

Dettagli

Le imprese della trasformazione dei cereali nei confronti di certificazioni, marchi collettivi e denominazioni protette

Le imprese della trasformazione dei cereali nei confronti di certificazioni, marchi collettivi e denominazioni protette Panel agroalimentare Indagini monografiche Panel Agroalimentare Ismea Le imprese della trasformazione dei cereali nei confronti di certificazioni, marchi collettivi e denominazioni protette Settembre 2006

Dettagli

LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY

LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY 1 Quasi dimezzate rispetto al 2009 le imprese che considerano la Corporate Responsibility come parte integrante della

Dettagli

Economie regionali. La domanda e l'offerta di credito a livello territoriale

Economie regionali. La domanda e l'offerta di credito a livello territoriale Economie regionali La domanda e l'offerta di credito a livello territoriale Roma gennaio 211 2 1 1 1 La serie Economie regionali ha la finalità di presentare studi e documentazione sugli aspetti territoriali

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

Consumer trend: atteggiamenti e giudizi sul credito al consumo

Consumer trend: atteggiamenti e giudizi sul credito al consumo Consumer trend: atteggiamenti e giudizi sul credito al consumo Rapporto di ricerca Luglio 2010 (Rif. 1215v110) Indice 2 Capitolo I - L andamento dell economia e del credito al consumo oggi pag. 3 Capitolo

Dettagli

INNOVAZIONE E PARTECIPAZIONE IN AZIENDA: CAMBIAMENTI ORGANIZZATIVI E RELAZIONI INDUSTRIALI IN ALTO ADIGE

INNOVAZIONE E PARTECIPAZIONE IN AZIENDA: CAMBIAMENTI ORGANIZZATIVI E RELAZIONI INDUSTRIALI IN ALTO ADIGE NOTA ISRIL ON LINE N 19-2013 INNOVAZIONE E PARTECIPAZIONE IN AZIENDA: CAMBIAMENTI ORGANIZZATIVI E RELAZIONI INDUSTRIALI IN ALTO ADIGE Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it

Dettagli

Finalità e metodologia dell indagine

Finalità e metodologia dell indagine RAPPORTO SULLE PROSPETTIVE DI SVILUPPO DEL TERZIARIO INNOVATIVO TORINESE Luglio 2012 Finalità e metodologia dell indagine Nelle pagine che seguono sono presentati i risultati di una indagine sul settore

Dettagli

PICCOLE IMPRESE E TEMPI DI PAGAMENTO NELLE TRANSAZIONI COMMERCIALI IN ITALIA

PICCOLE IMPRESE E TEMPI DI PAGAMENTO NELLE TRANSAZIONI COMMERCIALI IN ITALIA PICCOLE IMPRESE E TEMPI DI PAGAMENTO NELLE TRANSAZIONI COMMERCIALI IN ITALIA Marzo 2011 Indagine sui tempi medi di pagamento nelle transazioni commerciali tra piccole imprese, privati e Pubblica Amministrazione

Dettagli

CHE COS E IL MENTORING

CHE COS E IL MENTORING CHE COS E IL MENTORING E un dato di fatto che il numero delle donne che lavorano è in sensibile aumento in ogni paese, ma nonostante questo, e malgrado molte donne rivestano posizioni anche altamente professionali,

Dettagli

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Le imprese comunicano e lo fanno utilizzando alcuni strumenti specifici. La comunicazione si distribuisce in maniera diversa tra imprese

Dettagli

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA E REGIONALE Economia Urbana 2 TEORIA DELLO SVILUPPO LOCALE Economia Urbana

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

Amministrazione Provinciale di Lucca Servizio Lavoro UO Programmazione

Amministrazione Provinciale di Lucca Servizio Lavoro UO Programmazione Amministrazione Provinciale di Lucca Servizio Lavoro UO Programmazione Appendice tecnica all analisi delle iscrizioni negli elenchi delle persone in cerca di occupazione dei Centri per l Impiego della

Dettagli

Osservatorio del mercato del lavoro di Milano. Un rilevatore dei segnali deboli

Osservatorio del mercato del lavoro di Milano. Un rilevatore dei segnali deboli Osservatorio del mercato del lavoro di Milano. Un rilevatore dei segnali deboli Centro Studi e Ricerche L&S Lavoro & Società Università degli Studi di Milano-Bicocca 24 marzo 2011 Il rilevatore dei segnali

Dettagli

Rilevazione promossa da FRIULADRIA CRÉDIT AGRICOLE. Quaderni FNE Collana Panel, n. 29 febbraio 2012 LE AGGREGAZIONI A NORD EST.

Rilevazione promossa da FRIULADRIA CRÉDIT AGRICOLE. Quaderni FNE Collana Panel, n. 29 febbraio 2012 LE AGGREGAZIONI A NORD EST. Rilevazione promossa da FRIULADRIA CRÉDIT AGRICOLE Quaderni FNE Collana Panel, n. 29 febbraio 2012 LE AGGREGAZIONI A NORD EST Silvia Oliva Solo un imprenditore su dieci ritiene che, ancora oggi, la piccola

Dettagli

ALLEGATO SUB A) Metodologia di Valutazione delle performance del Comune di San Martino Buon Albergo

ALLEGATO SUB A) Metodologia di Valutazione delle performance del Comune di San Martino Buon Albergo ALLEGATO SUB A) Metodologia di Valutazione delle performance del Comune di San Martino Buon Albergo Indice 1. Premessa 3 2. Il sistema di misurazione e valutazione delle performance 4 3. Criteri per la

Dettagli

Strategie e percorsi alternativi di sviluppo aziendale

Strategie e percorsi alternativi di sviluppo aziendale Lezione 7 Strategie e percorsi alternativi di sviluppo aziendale prof. ssa Clara Bassano Corso di Economia e Gestione delle Imprese A.A. 2005-2006 I percorsi di sviluppo: la formulazione delle strategie

Dettagli

RICERCA QUANTITATIVA O STANDARD. Tradizione di ricerca che include al proprio interno una varietà di strategie di indagine accomunate da:

RICERCA QUANTITATIVA O STANDARD. Tradizione di ricerca che include al proprio interno una varietà di strategie di indagine accomunate da: RICERCA QUANTITATIVA O STANDARD Tradizione di ricerca che include al proprio interno una varietà di strategie di indagine accomunate da: uso di tecniche standardizzate di rilevazione tecniche statistiche

Dettagli

Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione

Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione - 26 maggio 2015 - Continua a crescere il numero di start-up innovative nel nostro Paese: a fine aprile avevano

Dettagli

INDAGINI E STATISTICHE PER IL TURISMO

INDAGINI E STATISTICHE PER IL TURISMO INDAGINI E STATISTICHE PER IL TURISMO Stefano Campostrini Ca Foscari FEBBRAIO 2011 Approcci d indagine qualitativi Strumenti qualitativi Raccolta dati / informazioni Interpretare Gruppo (interazione) singoli

Dettagli

HumanWare. Sistemi Avanzati di Valutazione e Sviluppo

HumanWare. Sistemi Avanzati di Valutazione e Sviluppo HumanWare Sistemi Avanzati di Valutazione e Sviluppo Sistemi Avanzati di Valutazione e Sviluppo Aree di Intervento Sistemi di Analisi e Valutazione delle Posizioni Sistemi di Valutazione delle Prestazioni

Dettagli

HOUSING SOCIALE, RIQUALIFICAZIONE URBANA E QUALITÀ DELL ABITARE

HOUSING SOCIALE, RIQUALIFICAZIONE URBANA E QUALITÀ DELL ABITARE HOUSING SOCIALE, RIQUALIFICAZIONE URBANA E QUALITÀ DELL ABITARE a cura degli architetti Roberta Prampolini Daniela Rimondi F/01_FASCICOLO 1_DESCRIZIONE DELLA RICERCA Indice 1. La ricerca 2. Gli obiettivi

Dettagli

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Lezione 10 Problematiche di gestione delle risorse umane nelle imprese internazionalizzate La gestione internazionale delle risorse umane L International

Dettagli

Il mantenimento del ciclo di gestione della performance. Le attività di helpdesk

Il mantenimento del ciclo di gestione della performance. Le attività di helpdesk Il mantenimento del ciclo di gestione della performance Le attività di helpdesk Dicembre 2014 Introduzione e indice del documento Le attività di helpdesk sono state progettate con l obiettivo di supportare

Dettagli

Analisi del fenomeno infortunistico nei settori lavorativi a maggiore presenza di lavoratori immigrati

Analisi del fenomeno infortunistico nei settori lavorativi a maggiore presenza di lavoratori immigrati Analisi del fenomeno infortunistico nei settori lavorativi a maggiore presenza di lavoratori immigrati a cura del Dipartimento di Sanità Pubblica: Staff di Epidemiologia e Comunicazione Servizio Prevenzione

Dettagli

ELABORAZIONE QUESTIONARIO STUDENTI

ELABORAZIONE QUESTIONARIO STUDENTI ANALISI DI FABBISOGNI DI INNOVAZIONE E FORMAZIONE 1. Le Figure Professionali IFTS Il Tecnico superiore per l organizzazione ed il marketing del turismo integrato gestisce i rapporti con soggetti pubblici

Dettagli

ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Le forme divisionali e i gruppi di imprese

ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Le forme divisionali e i gruppi di imprese ORGANIZZAZIONE AZIENDALE Le forme divisionali e i gruppi di imprese Prof. Armando Urbano - A.A. 2011-2012 Contenuti del capitolo Le caratteristiche di base della forma divisionale Interazioni, interdipendenze

Dettagli

Lezione 4 Formazione delle strategie e strategie basate sulla conoscenza: la Knowledge Based View

Lezione 4 Formazione delle strategie e strategie basate sulla conoscenza: la Knowledge Based View Università degli Studi di Padova Facoltà di Lettere e Filosofia Corso di Laurea Triennale in Discipline della Mediazione Linguistica e Culturale a.a. 2007/08 Economia e Gestione delle Imprese Lezione 4

Dettagli

La gestione del personale nelle Aziende Cooperative e Non Profit 2013-Cariplo. Professor Federica Bandini. Copyright SDA Bocconi, protocollo xxxx

La gestione del personale nelle Aziende Cooperative e Non Profit 2013-Cariplo. Professor Federica Bandini. Copyright SDA Bocconi, protocollo xxxx La gestione del personale nelle Aziende Cooperative e Non Profit 2013-Cariplo Professor Federica Bandini TRACCIA RILEVANZA DELLE RISORSE UMANE NELLA STRUTTURA ORGANIZZATIVA DELLE IMPRESE COOPERATIVE E

Dettagli

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE SAN GIOVANNI BOSCO. Analisi dei fabbisogni formativi

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE SAN GIOVANNI BOSCO. Analisi dei fabbisogni formativi ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE SAN GIOVANNI BOSCO Analisi dei fabbisogni formativi 2012-2013 SOMMARIO 1. Premessa 2. Le caratteristiche strutturali ed evolutive dell economia locale 3. Il modello

Dettagli

Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management

Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management L organizzazione del lavoro per progetti è stata per lungo tempo una caratteristica prevalente delle aziende che operano

Dettagli

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio OLTRE LA CRISI MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio Nel nostro mondo sempre più globalizzato viviamo in una condizione di interdipendenza

Dettagli

Settimo Rapporto - Settembre 2012 FARE IL MANAGER OGGI

Settimo Rapporto - Settembre 2012 FARE IL MANAGER OGGI Settimo Rapporto - Settembre 2012 FARE IL MANAGER OGGI QUARTO RAPPORTO GIUGNO 2012_ FARE IL MANAGER OGGI I Indice LA NASCITA DELL OSSERVATORIO MANAGERIALE Cos è l Osservatorio Manageriale...... Pag. 6

Dettagli

MERCATI, STRATEGIE E OSTACOLI ALLA COMPETITIVITÀ

MERCATI, STRATEGIE E OSTACOLI ALLA COMPETITIVITÀ 7 novembre 13 ASSETTI STRUTTURALI E FATTORI DI COMPETITIVITÀ DELLE IMPRESE ITALIANE: MERCATI, STRATEGIE E OSTACOLI ALLA COMPETITIVITÀ UN SISTEMA CHE COMPETE SU PIÙ MERCATI La maggior parte delle imprese

Dettagli

Progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti FATTORI DI RISCHIO EMERSI DAI FOCUS GROUP

Progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti FATTORI DI RISCHIO EMERSI DAI FOCUS GROUP Progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti FATTORI DI RISCHIO EMERSI DAI FOCUS GROUP Nell ambito del progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti si è proceduto alla realizzazione di quattro focus

Dettagli

La Gestione delle Risorse Umane

La Gestione delle Risorse Umane La Gestione delle Risorse Umane Tratto da Economia e Management delle imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli 1 La strategicità delle risorse umane L identità

Dettagli

Il mercato italiano Open Source: domanda e offerta 1

Il mercato italiano Open Source: domanda e offerta 1 Il mercato italiano Open Source: domanda e offerta 1 Oltre il 12% delle aziende italiane usa soluzioni Open Source.(Istat 2007). Sarebbero molte di più se ci fosse una sufficiente diffusione della conoscenza

Dettagli

DOMENICO BODEGA. Le forme della leadership

DOMENICO BODEGA. Le forme della leadership DOMENICO BODEGA Le forme della leadership Redazione e fotocomposizione Norma, Parma ISBN 978-88-17-05823-0 Copyright 2002 RCS Libri S. p. A. Prima edizione Etas: maggio 2002 Quinta ristampa Rizzoli Etas:

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Prof. Andrea Borghesan venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: Alla fine di ogni lezione Modalità esame: scritto 1 Data Mining. Introduzione La crescente popolarità

Dettagli

PROGETTAZIONE ED EVOLUZIONE DELL ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Nicola NANTE

PROGETTAZIONE ED EVOLUZIONE DELL ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Nicola NANTE PROGETTAZIONE ED EVOLUZIONE DELL ORGANIZZAZIONE AZIENDALE Nicola NANTE Giuseppe SPATARO CONFIGURAZIONE ORGANIZZATIVA ORGANIZZAZIONE PARAMETRI DELL ORGANIZZAZIONE FATTORI DI CONTINGENZA PROGETTAZIONE DELLA

Dettagli

La validità. La validità

La validità. La validità 1. Validità interna 2. Validità di costrutto 3. Validità esterna 4. Validità statistica La validità La validità La validità di una ricerca ci permette di valutare se quello che è stato trovato nella ricerca

Dettagli

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione I sistemi gestionali e le Piccole Medie Imprese A cura di Fabrizio Amarilli Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione Articoli Sono noti

Dettagli

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari dell imprenditorialità sociale in Italia. Marzo 2015

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari dell imprenditorialità sociale in Italia. Marzo 2015 IV Indagine sui fabbisogni finanziari dell imprenditorialità sociale in Italia Executive summary Marzo 2015 Con il contributo scientifico di 1 Finalità dell Osservatorio 5 Contenuto e metodologia dell

Dettagli

ANZIANI DA ACCUDIRE, FAMIGLIE DA SOSTENERE Ricerca sul fabbisogno di assistenza domiciliare in provincia di Treviso - SINTESI -

ANZIANI DA ACCUDIRE, FAMIGLIE DA SOSTENERE Ricerca sul fabbisogno di assistenza domiciliare in provincia di Treviso - SINTESI - Presidenza provinciale Acli di Treviso ANZIANI DA ACCUDIRE, FAMIGLIE DA SOSTENERE Ricerca sul fabbisogno di assistenza domiciliare in provincia di Treviso - SINTESI - In provincia di Treviso, come anche

Dettagli

Motivazioni della ricerca

Motivazioni della ricerca Motivazioni della ricerca Le PMI salernitane sembrano perdurare in atteggiamenti statici quando si tratta di investire in attività di comunicazione. La ricerca ha avuto come obiettivo cognitivo quello

Dettagli

Business Plan. Accesso alle fonti di finanzamento

Business Plan. Accesso alle fonti di finanzamento Il business plan Definizione Il Business Plan, o piano economico-finanziario, è il documento che permette di definire e riepilogare il progetto imprenditoriale, le linee strategiche, gli obiettivi e la

Dettagli

STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA

STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA a.a. 2009-2010 Facoltà di Economia, Università Roma Tre Archivio Statistico delle Imprese Attive (ASIA) L archivio è costituito dalle unità economiche che

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 682. Misure per favorire lo sviluppo della managerialità nelle imprese del Mezzogiorno

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 682. Misure per favorire lo sviluppo della managerialità nelle imprese del Mezzogiorno Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 682 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori SANGALLI, BERTUZZI, FIORONI, VITALI e GHEDINI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 22 MAGGIO 2008 Misure per favorire

Dettagli

La contabilità gestionale: full costing e direct costing

La contabilità gestionale: full costing e direct costing La contabilità gestionale: full costing e direct costing Impostazione tradizionale: la contabilità gestionale a costi diretti A seconda del metodo con cui si calcola il costo di un oggetto, ossia del tipo

Dettagli

Il processo di Budgeting nelle aziende sanitarie

Il processo di Budgeting nelle aziende sanitarie Master EMSS VIII edizione Lugo, 15 Aprile 2010 Il processo di Budgeting nelle aziende sanitarie Prof.ssa Monia Castellini Monia Castellini Università di Ferrara 1 Obiettivi conoscitivi Il Budget nel sistema

Dettagli

Economia e gestione delle imprese 3/ed Franco Fontana, Matteo Caroli Copyright 2009 The McGraw-Hill Companies srl RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA

Economia e gestione delle imprese 3/ed Franco Fontana, Matteo Caroli Copyright 2009 The McGraw-Hill Companies srl RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA (CAP. 9) 1. Illustra le principali tipologie dei processi produttivi. Sulla base della diversa natura tecnologica del ciclo di produzione, i processi produttivi si distinguono

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Comune di Tufino 2) Titolo del progetto: GARANZIAMBIENTE 3) Settore ed area di intervento del

Dettagli

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI PREMESSA L importanza crescente delle caratteristiche locali nello spiegare l andamento industriale ed economico del Paese

Dettagli

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO Ufficio Comunicazione&Studi Confartigianato del Veneto ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO INDAGINE CONGIUNTURALE ANDAMENTO 2 SEMESTRE 2010 PREVISIONE 1 SEMESTRE 2011 In collaborazione con INDAGINE

Dettagli

Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi

Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi Dipartimento di Sanità Pubblica Sezione di Medicina del Lavoro Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi Report conclusivo:

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 3 La domanda di lavoro - 1 L ipotesi che le imprese aggiustano istantaneamente la loro occupazione quando cambia la situazione economica è un ipotesi FORTE. In realtà

Dettagli

Bologna, 22 Ottobre 2007 LABORATORI DI LOGISTICA PER LA COMPETITIVITÀ D IMPRESA. Projects part-financed by the EU within the Interreg III initiative

Bologna, 22 Ottobre 2007 LABORATORI DI LOGISTICA PER LA COMPETITIVITÀ D IMPRESA. Projects part-financed by the EU within the Interreg III initiative Presentazione dei risultati della ricerca sui fabbisogni formativi delle imprese e sui profili professionali nei trasporti e nella logistica in Emilia-Romagna Bologna, 22 Ottobre 2007 LABORATORI DI LOGISTICA

Dettagli

Talent Management Survey. Risultati

Talent Management Survey. Risultati Risultati Luglio 2012 Nell attuale scenario, per HR si pone la sfida di garantire un collegamento costante tra le strategie di business e le iniziative di gestione del Talento. I cambiamenti legati a globalizzazione

Dettagli

Corso di. Organizzazione aziendale A.A. 2009-2010. Forme organizzative

Corso di. Organizzazione aziendale A.A. 2009-2010. Forme organizzative Corso di Organizzazione aziendale A.A. 2009-2010 Forme organizzative Università degli Studi del Sannio Dipartimento di Analisi dei Sistemi Economici e Sociali Facoltà di Scienze Economiche e Aziendali

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

CAPITOLO III. Utenti che hanno scaricato contenuti digitali da internet nell'ultimo anno a pagamento. (downloader pay)

CAPITOLO III. Utenti che hanno scaricato contenuti digitali da internet nell'ultimo anno a pagamento. (downloader pay) CAPITOLO III Utenti che hanno scaricato contenuti digitali da internet nell'ultimo anno a pagamento (downloader pay) I COMPORTAMENTI DI CONSUMO DI CONTENUTI DIGITALI IN ITALIA IL CASO DEL FILE SHARING

Dettagli

ANALISI DELLA LOGISTICA ALIMENTARE IN VENETO: COMPARTO ORTOFRUTTICOLO

ANALISI DELLA LOGISTICA ALIMENTARE IN VENETO: COMPARTO ORTOFRUTTICOLO ANALISI DELLA LOGISTICA ALIMENTARE IN VENETO: COMPARTO ORTOFRUTTICOLO Progetto di filiera per l attivazione di una piattaforma logistica virtuale a servizio delle OP ortofrutticole regionali INDICE: Premessa

Dettagli

L ACCESSO AL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

L ACCESSO AL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE 28 dicembre 2011 Anno 2010 L ACCESSO AL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE La quota di piccole e medie imprese (attive nei settori dell industria e dei servizi di mercato) che hanno cercato finanziamenti

Dettagli

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli

INTRODUZIONE MATERIALI E METODI

INTRODUZIONE MATERIALI E METODI INTRODUZIONE Il problema dell errore di terapia in sanità è un problema reale, tuttavia, la frequenza degli errori legati ai farmaci è, secondo alcuni studiosi, sottostimata in Italia (Ledonne, 2009).

Dettagli

Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre

Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre Prof. Alessandro Berti Istituto di studi aziendali Facoltà di Economia Università di Urbino Carlo Bo alessandro.berti@uniurb.it Urbino, a.a.

Dettagli

COME COSTRUIRE REPORT COMMERCIALI ESSENZIALI

COME COSTRUIRE REPORT COMMERCIALI ESSENZIALI COME COSTRUIRE REPORT COMMERCIALI ESSENZIALI ******* Formazione Unindustria Treviso 29 Novembre 2004 Indice Brevi richiami all attività direzionale e al budget...2 L Attività Direzionale... 2 Il Budget...

Dettagli

CAPITOLO 2 Struttura, evoluzione e valore del terziario

CAPITOLO 2 Struttura, evoluzione e valore del terziario CAPITOLO 2 Struttura, evoluzione e valore del terziario 2.1 Il terziario a Roma: dimensioni e tendenze evolutive 2.2 Caratteristiche della realtà romana 2.3 Le attività del terziario nel comune di Roma:

Dettagli

RELAZIONE SULLA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI SULLE ATTIVITÀ DIDATTICHE A.A. 2007/08

RELAZIONE SULLA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI SULLE ATTIVITÀ DIDATTICHE A.A. 2007/08 RELAZIONE SULLA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI SULLE ATTIVITÀ DIDATTICHE A.A. 2007/08 Indice 1. Premessa... 2 2. Caratteristiche della rilevazione... 3 2.1. Lo strumento di rilevazione:

Dettagli

Tutela della salute e sicurezza sul lavoro. Giunta regionale d Abruzzo. dott.ssa Flavia Margaritelli

Tutela della salute e sicurezza sul lavoro. Giunta regionale d Abruzzo. dott.ssa Flavia Margaritelli Tutela della salute e sicurezza sul lavoro Ufficio prevenzione e protezione Giunta regionale d Abruzzo 1 I Continenti che si incontrano e non vanno alla deriva Lo sviluppo del capitale umano in tutte le

Dettagli

RIMOTIVAZIONE MODELLI E PERCORSI DI CONSULENZA ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

RIMOTIVAZIONE MODELLI E PERCORSI DI CONSULENZA ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE RIMOTIVAZIONE MODELLI E PERCORSI DI CONSULENZA ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE INDICE 1 PREMESSA 5 IL PROGETTO RIMOTIVAZIONE 6 PRIMA PARTE IL CONTESTO TEORICO DI RIFERIMENTO 8 CAPITOLO PRIMO I DIVERSI MODELLI

Dettagli

APPROFONDIMENTO ORGANIZZAZIONE

APPROFONDIMENTO ORGANIZZAZIONE APPROFONDIMENTO ORGANIZZAZIONE Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento Posizione e ruolo nell organizzazione: le cinque parti dell organizzazione ORGANISMO BILATERALE

Dettagli

- - - - produzioni su commesse singole - produzioni su commesse ripetitive - produzioni per il magazzino produzioni su commesse singole

- - - - produzioni su commesse singole - produzioni su commesse ripetitive - produzioni per il magazzino produzioni su commesse singole 1 SISTEMI PRODUTTIVI CLASSIFICAZIONE DEI SISTEMI PRODUTTI: - modalità di manifestazione della domanda - modalità di manifestazione dell offerta - modalità di esecuzione del prodotto modalità di manifestazione

Dettagli

Coinvolte quasi 1200 micro, piccole e media imprese sul territorio toscano

Coinvolte quasi 1200 micro, piccole e media imprese sul territorio toscano PMI toscane: i costi della fornitura di energia elettrica Il presente Rapporto si prefigge una pluralità di obiettivi: analizzare il fabbisogno energetico delle piccole e medie imprese, monitorare il grado

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

CONSIDERAZIONI FINALI SUI DATI EMERSI DALLA RICERCA E IMPLICAZIONI PER LA FORMAZIONE NEL SETTORE EDILE (capitolo 7)

CONSIDERAZIONI FINALI SUI DATI EMERSI DALLA RICERCA E IMPLICAZIONI PER LA FORMAZIONE NEL SETTORE EDILE (capitolo 7) CONSIDERAZIONI FINALI SUI DATI EMERSI DALLA RICERCA E IMPLICAZIONI PER LA FORMAZIONE NEL SETTORE EDILE (capitolo 7) Considerazioni finali sui risultati emersi dalla ricerca e implicazioni per la formazione

Dettagli

LA NUOVA METODOLOGIA DI RATING CERVED GROUP. richiesta di commenti

LA NUOVA METODOLOGIA DI RATING CERVED GROUP. richiesta di commenti LA NUOVA METODOLOGIA DI RATING CERVED GROUP richiesta di commenti Novembre 2013 1 Indice RICHIESTA DI COMMENTI SULLA NUOVA METODOLOGIA DI RATING CERVED GROUP... 3 LE MOTIVAZIONI... 4 I PRINCIPALI ELEMENTI

Dettagli

L analisi Competitiva

L analisi Competitiva L analisi Alessandro De Nisco Università del Sannio COSA E L ANALISI COMPETITIVA? Affinchè l impresa possa svolgere con successo la propria attività, è fondamentale che essa svolga un monitoraggio costante

Dettagli

le catene del valore nel commercio internazionale e il ruolo dell Italia

le catene del valore nel commercio internazionale e il ruolo dell Italia 18 giugno 2013 le catene del valore nel commercio internazionale e il ruolo dell Italia Alessandra Lanza Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre, ma nell'avere nuovi occhi. MARCEL

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli