n dal 12 al 25 settembre tel GRATUITO di LATINA Rifiuti e mafie, il pentito conferma

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "n. 273 - dal 12 al 25 settembre 2013 - tel. 06.92.76.222 - ilcaffe@mediumsrl.it - GRATUITO di LATINA Rifiuti e mafie, il pentito conferma"

Transcript

1 n dal 12 al 25 settembre tel GRATUITO di LATINA Rifiuti e mafie, il pentito conferma 118, è emergenza: ambulanze tagliate Ridotti i mezzi di soccorso e niente più medici a bordo... con costi aumentati Violenza senza sosta L ex camorrista Schiavone conferma ciò che il Caffè sta documentando da anni Ci voleva un pregiudicato per disseppellire quello che è noto da tanto dentro i palazzi del potere, anche locale: Latina e provincia crocevia del traffico di rifiuti tossici, gestiti da colletti bianchi. E il lavoro sporco affidato ai camorristi del clan dei casalesi. «Latina è provincia di Caserta» ha ribadito in tv Carmine Schiavone, pentito di camorra rimasto senza protezione a pag. 5 statale. Dichiarazioni gravissime, che non sono però una novità per chi ha voluto vedere. E parlare. Perciò non ci stupiscono: da anni le nostre inchieste raccontano quello che politici, enti, industriali nascondono sotto il tappeto. L anno scorso gli abbiamo persino indicato dove scavare per trovare i mitici fusti tossici: ma non l hanno fatto. a pag. 6 1 PUNTO IN 3 PARTITE: ESONERATO AUTERI ISTITUZIONI «Il Prefetto sospenda Cusani il condannato» POLITICA Ipotesi Forza Italia: Cusani leader provinciale e Fazzone regionale a pag. 8 LATINA Armando Cusani, presidente della Provincia di Latina Richiesta ufficiale per far applicare la Legge Severino a pag. 39 Pdl pontino: arriva il nuovo... con Zappalà Manca mezzo milione in bilancio POSTE ITALIANE S.p.A. - Spedizione in abbonamento postale 70% - tassa pagata - DCB Latina I residenti della zona dei pub chiedono più controlli per arginare il vandalismo a pag. 22 Un punto in 3 partite: la società manda a casa Mister Gaetano Auteri ed affida la squadra, che milita in serie B, al tecnico della Primavera. Intanto è caccia al nuovo allenatore a pag. 40 Cresce la richiesta di usato nei mercatini auto-organizzati dagli stessi studenti Libri usati: Latina si organizza Istituti accorpati, tutto rimandato al 2014, ma si prevedono soppressioni di tanti plessi pontini a pag. 11 Quanto costa non passare agli ebook? Tra libri ed accessori si spenderanno 1000 euro a studente. Enorme il risparmio se solo si passasse all editoria digitale Novità nel Decreto del Fare Multe stradali: come pagarle con lo sconto Riduzione del 30% per coloro che scelgono di pagare entro 5 giorni da preavviso o notifica a pag. 12 a pag. 4 I conti al Comune non tornano: si lavora per ridurre le spese a pag. 33 TERRACINA LA TAC NUOVA VIENE DIROTTATA A FORMIA a pag. 44 CORI CONTI: ACQUALATINA RIDUCA LE BOLLETTE a pag. 43

2 2 INCHIESTA n dal 12 al 25 settembre 2013 L Authority nazionale ha imposto di calcolare e restituire le somme illegittimamente incassate dai gestori dell acqua Acqua: ora i rimborsi devono darli per forza Quasi il 100% degli italiani ha abrogato la cresta dei gestori, ma hanno continuato a prenderla Roberto Lessio È un giorno da segnare sul calendario il prossimo 26 settembre: è la data entro la quale le Autorità d Ambito dei nostri servizi idrici, le famose Conferenze dei Sindaci, devono rimangiarsi tutto quello che hanno fatto finora contro la vittoria dei cittadini nei referendum del 12 e 13 giugno Infatti questa è la scadenza ultima imposta all Autorità per l Energia Elettrica e il Gas (AEEG), per calcolare le somme che anche i nostri gestori locali, cioè Acea ATO 2 e Acqualatina, ma anche le gestioni comunali e quelle affidate a terzi, ci devono restituire in bolletta per il periodo che va dal 21 luglio al 31 dicembre 2011; periodo non coperto dall attuale (criticatissimo) metodo transitorio di calcolo delle tariffe per gli anni 2012 e Si tratta di quei soldi incassati in nome della remunerazione del capitale investito abrogata dal voto referendario. Se le Conferenze dei Sindaci e i loro rispettivi componenti non vi provvederanno, scatterà una procedura automatica che imporrà comunque la restituzione delle somme illegettimamente incassate dai gestori. Una illegittimità già ben considerata dalla Corte Costituzionale, la quale, nell ammettere lo svolgimento del relativo referendum, ha spiegato chiaramente che dall abrogazione risultava una norma Intanto cercano di resuscitare ciò che è stato abrogato La remunerazione del 7% minimo (ma in realtà è molto di più) del capitale investito dai gestori è stata prevista dal cosiddetto Metodo Normalizzato di calcolo, emanato con proprio decreto il 1 agosto 1996 dallʼallora Ministro dei Lavori e delle Infrastrutture Antonio Di Pietro. È tuttʼoggi una percentuale di rendita finanziaria che ha pochi concorrenti nei famosi mercati, perché si applica su tutti gli investimenti effettuati dal gestore: anche su quelli che risultano solo sulla carta e/o perpetuamente rinviati, come avviene da anni dalle nostre parti. Questo avviene a prescindere dai risultati e dalla qualità del servizio. Per continuare ad applicarla alle nostre bollette, la stessa AEEG, spalleggiata dalle LATINA, GENNAIO 2006 Uno dei primi cortei popolari che hanno portato ai referendum del 2011, a destra la consegna delle firme in Cassazione chiara, lineare ed immediatamente applicabile. Ma come sempre accade in questo Paese è avvenuto l esatto contrario. Pertanto l AEEG, che da oltre un anno e mezzo è competente anche sui servizi idrici integrati (acquedotto, fognatura e depurazione), dopo lobby del settore, con la solita scusa che lo impone la normativa europea (che invece dice una cosa sostanzialmente diversa), sta cercando di far passare il concetto della copertura totale dei costi (in inglese full cost recovery ). In cima a tale loro preoccupazione ovviamente ci sono i costi finanziari. Cioè il fatto che qualcuno lucri finanziando la gestione della nostra acqua. Hanno privatizzato il servizio con la scusa che solo i privati sapevano gestirlo bene e migliorarlo da subito, mettendoci i soldi di tasca loro. Salvo poi recuperare quei soldi con la tariffa una volta realizzati gli investimenti. La solita metafora del Gattopardo: in attesa che tutto cambi è meglio lasciare tutto come prima. aver chiesto un parere al Consiglio di Stato, alla fine è stata costretta ad emettere un primo atto definitivo (delibera n.273/2013/r/idr del 25 giugno scorso), rispetto a quello che la maggioranza dei cittadini ha ritenuto un lucro immorale nella fornitura della nostra acqua. Praticamente, il pagamento di un bonus ai gestori, sempre e comunque, anche se inefficienti e carenti. Si offenda pure chi ritiene di farlo, perché occorre ricordare a tutti ogni tanto, specie ad una nutrita schiera di politici e amministratori perlomeno distratti, che l acqua è e resterà sempre di tutti (anche se ce la tolgono): il servizio e le relative bollette riguardano solo la sua gestione. E se quella gestione fa letteralmente schifo (vedi ad esempio la questione arsenico), anche se fatta da un ente pubblico piuttosto che da un privato, quel lucro abrogato nel 2011, oggi se mascherato sotto mentite spoglie di costi finanziari, è ancora più esecrabile. Punto. Dunque se i nostri Sindaci intendono realmente rispettare la legge e la volontà dei cittadini-utenti che loro stessi hanno permesso di tartassare e Si tratta della cosiddetta remunerazione del capitale, che hanno preso anche se il servizio fa pena scavalcare, per prima cosa devono deliberare le cifre da restituirgli entro la scadenza del 26 settembre (qualche dubbio che ciò avvenga è più che lecito). Poi, se entro i successivi 60 giorni l Autorità per l Energia Elettrica e il Gas non fornirà alcuna contro-deduzione sulle riduzioni stabilite dalle Conferenze dei Sindaci, automaticamente i gestori devono restituire gli importi così calcolati con la prima fatturazione utile. Il che significa entro quest anno o al massimo all inizio del prossimo. Vale a dire che non possono diluire nel tempo tale rimborso. Questo almeno sulla carta. C è da attendersi infatti l inasprimento della melina che finora ha caratterizzato questa vicenda: forse non a caso la delibera dell AEEG, come le altre emesse da questa Autorità sullo stesso argomento, contiene una serie di inspiegabili incertezze e illogicità. La restituzione infatti è prevista solo nei confronti delle utenze domestiche, mentre per tutte le altre, ad iniziare da quelle che ci servono per lavorare, viene rimandata alle eventuali decisioni delle Conferenze dei Sindaci. Tra chiarimenti e spiegazioni quindi passerà altro tempo; ma intanto il principio voluto dagli italiani è stato ristabilito, anche se applicato parzialmente. E di sicuro la questione non finisce qui. Se non riceveranno i rimborsi, i cittadini e ancor più gli imprenditori, ora più che mai sapranno chi ringraziare: i loro Sindaci.

3 n dal 12 al 25 settembre 2013 INCHIESTA 3 Entro il 26 settembre sono loro a dover procedere per sbloccare i rimborsi dovuti agli utenti. Non hanno più scuse Tocca ai Sindaci far restituire quei soldi Se non provvedono, scatta una procedura automatica e sapremo una volta per tutte da che parte stanno Mani in alto, questa è una Conferenza dei Sindaci Con la bocca impiastricciata, le mani imbrattate e maldestramente nascoste dietro la schiena, adesso molti dei nostri primi cittadini dicono che questo tipo di marmellata non sanno neanche cosa sia. In cosa consiste la marmellata? Le cifre parlavano chiaro, anzi chiarissimo: rispetto al quesito n. 2 dei referendum del 12 e 13 giugno (quello che chiedeva proprio l abolizione della remunerazione del capitale investito) in provincia di Roma sono andati a votare quasi il 60% degli aventi diritto: di questi, il 96,84% ha votato sì all abrogazione. Indicazione politica e percentuali consistenti si sono riscontrate anche in provincia di Latina: quasi il 55% di votanti e ben oltre il 97% i sì. Non a caso le percentuali più alte si sono riscontrate in determinate zone: Castelli Romani, Anzio e Nettuno, nord della Provincia di Latina, con Aprilia e Latina capoluogo in testa. Zone dove da tanti anni i disservizi gestionali accompagnati da bollette astronomiche da un lato, e la lotta dei comitati per l acqua pubblica dall altro, hanno invogliato i cittadini ad andare a votare a favore dell abrogazione. Ma buona parte dei nostri primi cittadini, tranne qualche lodevole eccezione, ha preferito voltare le spalle ai loro elettori continuando a gustare le solite giustificazioni per lasciare tutto come prima. Giustificazioni propinate dalle lobby del settore (che ovviamente non hanno preferenze politiche). A pochi mesi di distanza dopo i referendum, sia la Conferenza dei Sindaci dell ATO 2 (gestore principale Acea Ato 2 SpA), che quella dell ATO 4 (gestore Acqualatina) hanno deliberato a maggioranza il sostanziale mantenimento di quella remunerazione abrogata. Hanno dunque alzato la mano per votare e lasciare che ci prendessero soldi non dovuti dalle nostre tasche (la marmellata per l appunto). Ma con la deliberazione di fine giugno dell AEEG ora saranno costretti, loro malgrado, a fare marcia indietro. Ed a maggior ragione, se non delibereranno entro il prossimo 26 settembre la restituzione, la figuraccia è ormai certa: non fosse altro per il fatto che anche i Comuni da loro stessi Imprenditori, negozi, artigiani restano gabbati: il rimborso è previsto solo per le utenze domestiche amministrati sono utenti del servizio idrico. Questo aspetto lo ha sottolineato una recente sentenza del TAR di Latina (n. 676 del 29/07/2013 su ricorso del Comune di Aprilia) con la quale è stata imposta ad Acqualatina la restituzione delle somme in oggetto proprio a seguito della deliberazione dell AEEG. Ma i Sindaci al guinzaglio non solo hanno disatteso la volontà dei cittadini, ma hanno pure contribuito a determinare un danno economico all Ente che rappresentano. E, se continueranno a permetterlo, questa volta rischiano anche una denuncia. La stessa delibera dell AEEG infatti dice che spetta alle Autorità d Ambito, cioè alle Conferenze dei Sindaci, individuare le altre fasce di utenza a cui i gestori debbono restituire i soldi, oltre a quelle domestiche già deliberate. Cioè i commercianti, gli artigiani, le aziende agricole e zootecniche, le industrie, ecc. Tra queste utenze ci sono anche i loro Comuni. Sarà l ultima occasione per capire definitivamente da quale parte stanno. R. L. Ignorato il potere diretto dei cittadini Lʼunico modo che hanno i cittadini italiani di decidere il contenuto delle leggi che essi stessi sono chiamati a rispettare è il referendum. Possono farlo solo con lʼabrogazione di una legge o di una sua parte che, votata sempre più spesso con il meccanismo della fiducia al governo, è stata approvata dal Parlamento. Per questo tale istituto è stato inserito nella nostra Costituzione. Ignorare queso unico strumento legislativo in mano ai cittadini quindi è anche un comportamento anticostituzionale.

4 4 MULTE n dal 12 al 25 settembre 2013 Scatta la riduzione del 30% per coloro che scelgono di pagare le multe stradali entro 5 giorni da preavviso o notifica Multe: come pagarle con lo sconto Lo sconto, previsto dal Decreto del Fare, non riguarda tutte le sanzioni al Codice della Strada Bianca Francavilla Il Decreto del Fare varato dal Governo Letta il 21 agosto scorso prevede uno sconto del 30% sulle multe stradali, per coloro che scelgono di pagare entro cinque giorni. Una buona notizia, dunque, per gli automobilisti. Ma non solo. Quando le multe sono effettuate dalle Polizia locale, la somma spetta ai Comuni che possono incassare subito i soldi, evitando lunghi contenziosi, ricorsi al giudice di pace e soprattutto di doversi rivolgere ad Equitalia. Ancora, però, c'è confusione su come poter usufruire della riduzione. Ma vediamo nel dettaglio quando gli sconti sono applicabili e come occorre muoversi. Gli sconti riguardano tutte le sanzioni al Codice della Strada? No. Sono escluse: 1) sanzioni penali (come ad esempio per danni o lesioni a persone o cose, omissione di soccorso); 2) sanzioni accessorie della confisca del veicolo (come ad esempio circolazione con copertura assicurativa falsa o contraffatta, rifiuto di sottoporsi ai controlli della Polizia Stradale, guida in stato di ebbrezza) ; 3) violazioni per cui è prevista la sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente guida (come ad esempio per superamento del limite di velocità tra i 40 ed i 60 km/h, aver causato per la seconda volta in due anni un incidente con gravi danni ai veicoli, conduzione di un veicolo per il quale non si dispone di specifica abilitazione). Un eccezione riguarda la violazione dell art 193 CdS (multa per chi circola senza copertura assicurativa del veicolo) in virtù del fatto che il pagamento della sanzione è finalizzato proprio ad evitare la confisca del veicolo, eccetto il caso in cui si stia circolando con documenti assicurativi falsificati. I 5 giorni da quando devono essere intesi? Sono escluse dallo sconto le sanzioni penali, accessorie alla confisca del veicolo e alla sospensione della patente Se la multa viene contestata a voce, si viene avvisati subito dello sconto, altrimenti i cinque giorni sono da intendersi dal preavviso (bollettino lasciato sulla vettura); dalla data di ricezione a casa o dalla data dell'avviso di giacenza presso l'ufficio Postale della notifica del verbale. Su cosa è da intendersi lo sconto? Solo sull'importo della somma sanzionatoria. Non c è sconto sulle spese di notifica, pari all'1,30% dell'importo della sanzione. Come viene calcolato lo sconto? Al centesimo. Non sono ammessi arrotondamenti per eccesso o difetto pena perdita del diritto allo sconto ed alla sanzione in misura ridotta, cioè quella che andrebbe corrisposta entro 60 giorni dalla notifica (esempio: se la multa è di 41 euro, bisogna pagare 28,70 euro senza sgarrare di un centesimo). In caso di beneficio dello sconto del 30% è ammissibile il ricorso? 10 I SECONDI CHE PASSANO TRA UNA MULTA E L ALTRA A LATINA. SEGUONO ROMA, ANCONA, TORINO E VENEZIA CON UN'INFRAZIONE OGNI 12 SECONDI (CENTRO STUDI E RICERCHE SOCIOLOGICHE ANTONELLA DI BENEDETTO ) No. Non è ammissibile ricorso ex art. 203 CdS. Gli sconti riguardano anche multe precedenti il 21 agosto, data di entrata in vigore della norma? Sì. Possono usufruire di tale agevolazione coloro che ricevono per posta il verbale per una violazione commessa prima di tale data. In che modo si deve pagare? È possibile saldare la contravvenzione in vari modi: 1) al momento della contestazione tramite bancomat o carta di credito se la pattuglia su COME SI CONTROLLANO I PUNTI SULLA PATENTE? Per poter controllare lo stato della propria patente basta consultare l'anagrafe degli abilitati alla guida, utilizzando il portale dell'automobilista. È possibile chiamare il numero (a pagamento) o iscriversi al portale dell'automobilista: strada dispone del Pos (classica apparecchiatura connessa al centro servizi); 2) tramite Poste, banche e ricevitorie Sisal calcolando perfettamente la somma (pena la perdita dello sconto); 3) dove è possibile, tramite il sito del Comune nel quale viene commessa l'infrazione. Anche con lo sconto vengono, eventualmente, scalati i punti dalla patente? Se l infrazione commessa prevede anche la decurtazione di punti dalla patente, questi vengono tolti a prescindere se si paga o meno con lo sconto.

5 SANITÀ La cosiddetta riorganizzazione del servizio 118 aggrava la situazione delle urgenze nel Lazio n dal 12 al 25 settembre Emergenza per le ambulanze Più costi, meno servizi e niente medico a bordo. Molto penalizzate le province di Roma e Latina Teo Terzigno La sanità regionale senza pace. Tra i casi più emblematici delle difficoltà della giunta guidata dal governatore del Lazio Nicola Zingaretti di riprendere il bandolo della matassa, c'è sicuramente quello dell'ares 118, il servizio di emergenza che dopo il ritiro di Croce Rossa assegnataria del servizio, si trova nel più assoluto caos. Situazione nella quale è stato chiamato a mettere ordine Giuseppe Spata, già sub commissario della Regione per il Piano di rientro dal deficit sanitario e commissario nella fu Agenzia di sanità pubblica (Asp). La decisione di Zingaretti è arrivata dopo le osservazioni dei dirigenti dei ministeri dell'economia e della Salute sulle inadempienze della Regione nella riorganizzazione della rete dell'emergenza. PIANO POCO CHIARO I tecnici ministeriali in poche parole hanno accertato che il programma di riorganizzazione del servizio di 118 fa acqua da tutte le parti: essendo privo delle previsioni di costi e delle postazioni da istituire. Tutto da rifare insomma, nella gestione dei soccorsi. E sarà questo il compito di Spata: traghettare l'ares (Agenzia regionale emergenza sanitaria) fino alla gara europea per l'affidamento del servizio a imprese esterne. Per il momento si naviga a vista, non senza polemiche. 30% DI COSTI IN PIÙ Quelle che si sono infiammate in questi giorni in provincia di Latina dove, dal 1 settembre, è partito il nuovo servizio gestito da un associazione temporanea di imprese, aggiudicataria dell appalto, composta da Croce Bianca, Croce Amica, Formia Soccorso, San Paolo della Croce. L affidamento per sei mesi, rinnovabile per altri sei, costerà 5 milioni e 200 mila euro. L importo del precedente piano era invece di 7 milioni e 700 mila euro, ma per un anno di servizio. Il prezzo dunque è aumentato di circa il 30%, ma a fronte di quali servizi e di quali miglioramenti? È proprio questo il punto. Critiche sono piovute da più parti, da destra a sinistra, dal consigliere regionale del Pdl Pino Simeone a quello del Pd Enrico Forte, passando per le associazioni dei consumatori e i sindacati, ma anche l'ordine dei Medici di Latina. Oltre alla soppressione di un'ambulanza nel sud pontino, anche una delle quattro ambulanze in servizio a Latina sarà operativa solo per mezza giornata. Rispetto al piano precedente, in tutta la provincia pontina, ci dovrebbero essere 11 ambulanze e mezzo, tre o quattro in meno rispetto al piano precedente. Saranno tutte, come noto, ambulanze infermieristiche, ossia con la presenza a bordo di un infermiere, appunto, un barelliere e l autista. Tale modifica è stata compensata con l attivazione delle cosiddette auto mediche: una ogni 60 mila abitanti e Le ambulanze sono 11 in tutta la provincia pontina e solo 15 tra Castelli Romani, Ardea, Anzio, Pomezia e Nettuno dunque cinque per tutta la provincia, che ovviamente interverranno nei casi più gravi o delicati. AMBULANZE SENZA MEDICI A BORDO Un punto, questo dell assenza dei medici sulle ambulanze, tra i più criticati. «È evidente a tutti che questa nuova organizzazione del ha scritto il presidente dell'ordine dei Medici di Latina, Giovanni Maria Righetti - porterebbe a una regressione del livello qualitativo della rete assistenziale delle urgenze/emergenze. L intervento dell auto medica, successiva a quello dell ambulanza, allungherebbe i tempi per la diagnosi e la cura dei pazienti. A meno che, per evitare omissioni di soccorso, il personale infermieristico sia costretto a effettuare atti medici commettendo così esercizio abusivo della professione medica». CAOS E TAGLI IN PROVINCIA DI ROMA Ne sanno qualcosa nella provincia di Roma dove da tempo le ambulanze sono solo infermieristiche, cioè senza dottore a bordo, e integrate dalle auto mediche in base allo stesso parametro, uno ogni 60 mila abitanti, ora applicato in provincia di Latina. Tra i Castelli Romani e il litorale tra Pomezia e Nettuno, su 17 Comuni, sono presenti 15 postazioni, di cui tre stagionali. La maggior parte di queste sono gestite direttamente dall'ares, fatta eccezione per Lariano dove era operativa la convenzione con Croce Rossa ed ora il servizio è gestito da una impresa privata. Ma anche qui, come in provincia di Latina, si tratta ormai di una fase di passaggio in vista della riprogrammazione del servizio imposta dal presidente Zingaretti con la nomina del commissario Giuseppe Spata e quindi la gara europea che sarà suddivisa per lotti corrispondenti alle province di Latina, Frosinone, Viterbo, Rieti, Roma e provincia. GIUSEPPE SPATA Incaricato da Zingaretti di riordinare la situazione La Finanza indaga Sono quasi due anni che il servizio di Ares 118 resta in sospeso. La convenzione della Croce Rossa in alcune province, come quella di Latina e in parte di quella di Roma, non è mai stata resa operativa e laddove lo è stata non sono mancati provvedimenti dubbi che hanno attirato anche l'attenzione della magistratura. La Croce Rossa giustificò il ritardo con sopraggiunte difficoltà tecniche e amministrative. Che, tradotto dal burocratese, voleva dire che cʼera innanzitutto un problema di soldi. Lʼimporto riconosciuto dalla Regione, vale a dire 19 milioni e mezzo di euro, non sarebbe bastato a garantire il servizio. Mentre era in corso il braccio di ferro sul costo del servizio, la situazione è esplosa quando l'ares ha scoprì che la Croce Rossa stava subappaltando il servizio ai privati. Era successo nella provincia di Viterbo e per alcune postazioni di Roma, dove addirittura il servizio, non si sa in base a quali presupposti, era finito nel mani di società edili. Una scelta non proprio chiara e dalla dubbia legittimità - sulla quale sono in corso indagini di Guardia di Finanza e Procura - dal momento che la Croce Rossa aveva ottenuto il servizio con una convezione e non una gara dʼappalto, pensata originariamente ma stoppata essendo la Cri un ente pubblico. E poi, se proprio si fosse voluto ricorrere ai privati, ci avrebbe potuto, anzi dovuto pensare direttamente lʼares magari anche risparmiando con i ribassi dʼasta. LE REAZIONI Dura critica sulle ambulanze senza dottore Senza medico, chi si prende la responabilità? La scelta di tagliare i medici in organico del servizio 118 potrebbe conseguenze, anche serie, per un altro punto assai debole del sistema sanitario del Lazio: i pronto soccorso. L'assenza di dottori, almeno per i casi più urgenti, potrebbe comportare maggiori accessi con tutti i problemi che ne conseguirebbero alla luce delle arcinote criticità dei pronto soccorso. Perché l accesso improprio che si registra presso questi ultimi, con la valanga di codici bianchi e verdi (i casi meno gravi) è lo stesso che si rileva per le chiamate al 118, al quale in tanti si rivolgono per i più banali disturbi, dalla colica all'emicrania. La questione è capire fino a che punto gli GIOVANNI MARIA RIGHETTI Presidente Ordine dei medici della provincia di Latina infermieri, pur nella capacità di comprendere la gravità o meno di un caso, si prenderanno la responsabilità di non disporre l accertamento al pronto soccorso. Il rischio lo ha spiegato in maniera estremamente chiara il presidente dell'ordine dei Medici di Latina, Giovanni Maria Righetti. Molto dipenderà dall esperienza del singolo infermiere il quale tuttavia, a prescindere da tutte le competenze che può possedere, non potrà mai agire in casi particolari con l autorevolezza e la sicurezza di un medico, alla luce anche degli eventuali rischi penali e giudiziari che determinate scelte potrebbero comportare.

6 6 RIFIUTI n dal 12 al 25 settembre 2013 Rifiuti laziali in mano alle mafie: l ex camorrista Schiavone ribadisce quello che documentiamo da tanto tempo Rifiuti: il pentito conferma le inchieste de il Caffè «Latina è provincia di Caserta», dice Schiavone. E Roma? Un filo rosso unisce Castelli Romani, litorale e Agro pontino Roberto Lessio Borgo Montello a Latina, sul confine con Nettuno, Cisterna e Aprilia, oggi è l attualità, l'ex camorrista Carmine Schiavone conferma tutti i sospetti che da anni circolano sulla discarica: lì si smaltivano illegalmente veleni e rifiuti industriali. Il Caffè lo dice da tempo. Ma finora solo silenzi o chiacchiere dalle istituzioni. La memoria lunga ci permette di ricordare che certi traffici riguardano un'area ben più vasta, tra i Castelli Romani, il litorale a sud di Roma fino a tutta la provincia di Latina. Ricordiamo ad esempio la vicenda vergognosa del termoinceneritore di Colleferro, dove conferiva i rifiuti indifferenziati il Consorzio Gaia fondato da 9 Comuni dei Castelli Romani: un ex sito industriale altamente inquinante, imputato di essere il maggiore responsabile dell inquinamento della valle del Sacco e trasformato con i soliti soldi pubblici in un impianto di smaltimento. Rifiuti che, anche se tossici e nocivi, li hanno fatti respirare alle persone del posto e in ogni parte dove il vento ha portato le relative particelle non filtrate. Politici e istituzioni hanno ignorato o insabbiato. L unico a parlare è un pregiudicato... DAL PRETE UCCISO A FALCOGNANA Potremmo sfogliare anche i sistematici tentativi di imporre ad ogni costo (economico, sanitario e ambientale), un altro termoinceneritore dalle parti di Albano, in zona Cecchina-Roncigliano per la precisione. Ma la memoria ci porta anche agli omicidi avvenuti in quegli anni bui, quando la criminalità organizzata annusò il grande affare dalle nostre parti: il primo dell avvocato Mario Maio ad Aprilia nel 1990 e il secondo di Don Cesare Boschin, parroco proprio di Borgo Montello, nel Un caso, questo del sacerdote incaprettato, che abbiamo voluto riproporre con forza mentre scavavamo in questa vicenda. Oppure potremmo agganciarci alla cronaca attuale sulla questione dell ipotizzata discarica sull Ardeatina, in località Falcognana a due passi dal Divino Amore, dove dovrebbero essere smaltiti i rifiuti della Capitale. Anche se li fotografi in luoghi diversi questi ricordi, ogni volta esce fuori la stessa immagine. POLITICI CIECHI, SORDI E MUTI Sentivano, ma hanno preferito non ascoltare. Guardavano, ma hanno deciso di non vedere nulla. Parlavano, ripetendo quasi sempre le stesse cose, ma hanno rispettato la consegna del silenzio. Questo è il quadro complessivo dell intera classe politica nostrana (ma anche di buona parte di quella giudiziaria) che emerge dalle dichiarazioni dell'ex camorrista Carmine Schiavone rilasciate nelle scorse settimane ad alcuni organi di informazione nazionali e locali. Tutte cose già scritte da tempo e doviziosamente documentate sulle pagine de il Caffè. Basterebbe fare un taglia e incolla dei relativi articoli per dimostrare che il primo pentito di camorra, cugino del capo clan dei Casalesi Francesco Schiavone (detto Sandokan), non ha fatto altro che ripetere fatti che noi già sapevamo e da un bel pezzo abbiamo documentato. Fatti che lo scorso anno abbiamo descritto anche ad un cortese avvocato di Milano, che serve uno dei massimi gruppi nazionali del settore immondizia e che, presumendo le nostre informazioni carenti e diffamanti verso il suo cliente, ci ha poi ringraziato per avergli chiarito la cosa. Abbiamo persino pubblicato la mappa coi suggerimenti su dove cercare i fusti tossici a Latina... Il tutto mentre la politica e alcuni organi inquirenti, nella migliore delle ipotesi, balbettavano e cincischiavano sulla questione delle infiltrazioni malavitose dalle nostre parti; quasi fossero occasionali, di breve durata e comunque controllabili. Nel frattempo quelle infiltrazioni stavano allagando l intero sistema economico anche di questa zona d Italia: «Latina è provincia di Caserta e Caserta è provincia di Casale», afferma oggi senza battere ciglio il pentito di essersi pentito al termine del suo programma di protezione. Chissà se lo sanno anche ai Castelli Romani, dove risiedono alcuni dei proprietari di certi terreni intorno alla megadiscarica di Borgo Montello. E che a Tre Cancelli (Nettuno), a due km dalla discarica di Latina, è stata arrestata Rosaria Schiavone, figlia di Carmine? E la provincia di Roma, che fa meno differenziata di Napoli, a quale area appartiene? I camorristi facevano il lavoro sporco. Ma i signori perbene che gli davano l'incarico e i soldi chi erano? LE INCHIESTE DE IL CAFFÈ Su edizione Latina nn. 237, 248 e 257: la grottesca ricerca dei fusti tossici nel posto sbagliato... Il Caffè indica dove andarli a cercare e perché. STORIA Dagli anni 80 i boss dei rifiuti hanno schiacciato tutti. Enti complici Bugie, omicidi, inquinamenti SU Sui numeri 141, 146, 228, 230, 244 del Caffè di Latina Per la memoria di tutti brevemente li riepiloghiamo i fatti che da anni documentiamo e che oggi sono alla ribalta con le dichiarazioni del pentito di camorra Schiavone: lo scoppio dello scandalo sullo smaltimento illegale di rifiuti industriali alla fine degli anni 80 (soprattutto dalle parti di Aprilia); l acquisto dei terreni a ridosso della discarica di Borgo Montello vicinissimo a Nettuno nel 1989 da parte di diretti congiunti e affiliati ai Casalesi all epoca incensurati; lo smaltimento di rifiuti industriali tossiconocivi nel sito di Un vortice di acquisti di terreni agricoli, puntualmente divenuti siti di smaltimento, anche illegale Borgo Montello (chi scrive lo ha documentato alla Procura della Repubblica di Latina esattamente venti anni fa con foto aeree scattate nel settembre del 1987, epoca di ingresso proprio dei Casalesi nell affare dello smaltimento dei rifiuti industriali); la creazione di un apposita vasca, la 2B, attraverso le solite procedure di emergenza create a tavolino con la copertura di burocrati e politici della Regione Lazio; il recente e contemporaneo seppellimento di quella stessa vasca con i rifiuti solidi urbani, esattamente nello stesso periodo e proprio di fianco a dove si andavano cercando improbabili presenze di fusti contenenti materiali tossici nell'estate 2012; la persistente prassi di comprare terreni agricoli da quelle parti senza che nei competenti uffici della Regione Lazio, in Provincia e al Comune, ma neppure all Ufficio del Catasto, qualcuno si preoccupasse della reale destinazione d uso urbanistica di tutti quegli immobili (dove persino gli edifici risultavano abusivi). Questo non l ha detto Carmine Schiavone: quando sono stati comprati quei terreni adiacenti e a ridosso della discarica avevano destinazione agricola, ma ce l hanno anche adesso; solo che oggi valgono una fortuna. Non a caso appena 5 anni fa sono stati comprati dalla Indeco in blocco, nello stesso periodo in cui questa società presentava presso la Regione la richiesta di autorizzazione a costruire un impianto di trattamento meccanico-biologico (TMB) dei rifiuti. Altri terreni agricoli sono stati comprati dalla Ecoambiente, grosso modo nello stesso periodo, a nord della discarica, per costruire a sua volta un altro impianto di TMB. La vorticosa girandola di acquisti di immobili da quelle parti comprende anche una villetta, oggi ristrutturata, ma a quanto pare non abitata, oltre ad alcuni terreni adiacenti recentemente recintati. Quella villetta risultava la sede ufficiale del Consorzio CISECO (formato da tre grandi industrie chimico-farmaceutiche della nostra zona), che all inizio degli anni Novanta intentendeva costruire un termoinceneritore per rifiuti industriali su quel disgraziato sito, come raccontato da il Caffè più volte. Dalla partita di acquisti e vendite non poteva di certo mancare il re dei rifiuti laziali: Manlio Cerroni, il leader della cordata che vuol fare l'inceneritore ad Albano, vicinissimo ad Ardea e Pomezia. Anche lui, attraverso società del suo gruppo, si è premurato di acquistare in zona Borgo Montello degli immobili agricoli che oggi risultano abbandonati. Guarda caso, tutti questi apparentemente inspiegabili acquisti sono finiti nella perimetrazione ufficiale votata dal Comune di Latina con la delibera n.169 del 28 dicembre L intenzione ufficiale era quella di confinare e limitare la proliferazione della discarica, ma all atto pratico, non sappiamo da parte di chi, la solita sapiente manina ha messo tutti dentro e di fatto l area della discarica è più che raddoppiata. Al di là delle dichiarazioni di Carmine Schiavone, quindi, resta in piedi la domanda di sempre: sono semplicemente stati lungimiranti tutti questi signori della monnezza o continuano a non vederci bene (o a non vederci affatto) i signori che, pagati per farlo, ufficialmente li dovrebbero controllare?

7 il Caffè n dal 12 al 25 settembre pag. 7

8 8 Teo Terzigno Siamo andati in vacanza con la discussione, iniziata qualche mese prima, sui nuovi equilibri in maggioranza determinati dalla nascita di un nuovo partito, Fratelli d'italia. Torniamo dalle vacanze e mentre la questione Fratelli d'italia resta ancora aperta (lo è dalle elezioni regionali di febbraio), ecco che sullo scenario politico, nazionale e provinciale, si affaccia il ritorno di un vecchio partito, Forza Italia. Incredibile. In provincia di Latina a farsi mentore del ritorno al futuro del centrodestra è stato nientepopodimenoche Stefano Zappalà. POLITICA n dal 12 al 25 settembre 2013 In vista della riesumazione di Forza Italia, il Pdl si prepara con Zappalà in prima linea come padre nobile del partito Centrodestra pontino, arriva il nuovo Cusani potrebbe succedere come capo provinciale a Fazzone, che terrebbe le fila da dirigente regionale SAGGEZZA SICULA... Classe 1941, nato ad Aci Bonaccorsi (Catania), un passato all accademia militare di Modena, con tanto di Corso basico di ardimento, già consigliere regionale, consigliere comunale a Latina, sindaco di Pomezia, eurodeputato, assessore al turismo e made in Italy della giunta regionale Polverini. Roba fresca insomma, anche se è stato lo stesso Zappalà a mettere le mani avanti auspicando un ricambio generazionale nel restaurando partito. Zappalà si è ritagliato per sé i panni del saggio, tra i pochi questa è una sua convinzione a possedere l'autorevolezza per far ritrovare alle pecorelle smarrite del centrodestra la strada maestra. L'uscita dell'ex assessore non deve essere casuale, ma segno che in vista degli stravolgimenti di autunno è partita la corsa alla leadership. Sembra scontato che il ritorno di Forza Italia segnerà, in terra pontina, anche la fine dell'era Fazzone. Ma potrebbe essere solo una faccia della medaglia. STEFANO ZAPPALÀ Ex eurodeputato, sindaco a Pomezia, consigliere e assessore regionale E LUNGIMIRANZA DA FONDI L'altra racconta che il senatore di Fondi, capo del Pdl pontino, punti a ottenere un ruolo di primo piano nella dirigenza regionale, attraverso la quale dunque manterrebbe il controllo sul partito al livello provinciale. Tutto cambi, perché nulla cambi. E in effetti di nomi nuovi all'orizzonte non se ne vedono. Il più gettonato, come candidato ad una eventuale leadership, è quello di Armando Cusani. Il prossimo anno dovrà lasciare la Provincia di Latina, in contemporanea con le elezioni europee sulle quali Cusani ripone parecchie delle sue aspirazioni politiche che passano pure per il vecchio-nuovo soggetto che prenderà il posto del Pdl. CUSANI Cusani potrebbe succedere come capo provinciale a Fazzone, che terrebbe le fila da dirigente regionale SOTTOTRACCIA, TIERO ALLO SCOPERTO Ecco perché il presidente della Provincia pare stia lavorando per mettere insieme un gruppo di professionisti, imprenditori e simpatizzanti con il quale far sentire il proprio peso politico. Stante il clima di incertezza, compreso il destino politico-giudiziario di Silvio Berlusconi, si lavora dietro le ARMANDO CUSANI Parla al partito nel febbraio 2006 quinte. Il solo tra i big del Pdl pontino ad uscire allo scoperto è stato il solito Enrico Tiero. L'assessore provinciale con deleghe all agricoltura e zootecnia, caccia e pesca, promozione e valorizzazione produzioni agricole locali, noché all edilizia sportiva, pur salutando con piacere il ritorno a Forza Italia, ha bocciato candidature e leadership calate dall'alto, un riferimento esplicito ai piani di Cusani, auspicando uno spostamento dell'asse di comando del partito dal sud al nord della provincia. In attesa dell'ufficializzazione della nascita del nuovo soggetto politico sono partite le prime schermaglie che poi non sono altro che un modo per sondare il terreno. Un terreno scivoloso. Non è detto infatti che la riesumazione di Forza Italia si riveli una scelta vincente. ENRICO TIERO Assessore provinciale all agricoltura ed edilizia sportiva L INCOGNITA DEGLI EX AN Tale scelta rischia infatti di alimentare le tensioni da sempre latenti con gli ex di Alleanza Nazionale, per i quali il ritorno della prima creatura politica berlusconiana sarebbe l'occasione per tornare a casa e passare a Fratelli d'italia. Variante questa che in provincia di Latina, dove il peso di Alleanza Nazionale è stato sempre importante, potrebbe rivelarsi tutt'altro che trascurabile. Non a caso il partito della Meloni, anche in terra pontina, ha annunciato l'apertura di una sede provinciale, l'avvio di una campagna di adesioni e congressi in tutti i Comuni. Per il centrodestra pontino dunque si preannuncia un autunno davvero molto caldo (anche se è spenta la Fiamma). RIMPASTI A Latina lotte interne al Pdl per riassegnare qualche poltrona in Consiglio e Giunta comunale Saggi e assaggi per il presunto ricambio Mentre si ragiona sul futuro, nel centrodestra restano ancora aperti i conti con il passato. Al Comune di Latina, in particolare, tutta ancora da risolvere la questione dei nuovi equilibri venutisi a creare con l'adesione a Fratelli d'italia di alcuni esponenti del Consiglio comunale e della giunta guidata dal sindaco Giovanni Di Giorgi. Il Pdl in realtà se l'è presa comoda, molta comoda, se è vero che la questione è esplosa con le elezioni regionali e politiche di febbraio scorso. Da allora si sono susseguiti accuse, veti, faccia a faccia, annunci, ma non se n'è fatto nulla, fino a quando non è venuta fuori l'idea, ORLANDO ANGELO TRIPODI Probabile capogruppo Pdl a Latina peraltro non originalissima, di istituire un gruppo di saggi con il compito di indicare gli eventuali sostituti del presidente del Consiglio comunale Nicola Calandrini e l'assessore al bilancio, Pasquale Maietta sbarcato in parlamento. Ebbene il gruppo formato dai consiglieri comunali Alessandro Catani, Fausto Furlanetto, Giorgio Ialongo e Vincenzo Malvaso avrebbero già messo nero su bianco i nomi del candidato alla successione di Calandrini. Si Ancora irrisolto il caos creato con il passaggio dal Pdl a Fratelli d Italia di Calandrini, Maietta e altri tratta dell'attuale capogruppo del Pdl Alessandro Calvi e del presidente della commissione commercio Ivano Di Matteo. La scelta alla fine sarebbe ricaduta sul primo. Per la poltrona di assessore al bilancio resta favorito Michele Nasso, mentre per Angelo Tripodi si profila una nomina a capogruppo consiliare. Ci sono poi le commissioni. Anche per queste ultime il Pdl è infatti intenzionato a chiedere un rimescolamento. Anzalone ricambia: sbarca nel Pdl Sarà stato per il clima d'incertezza, sarà stato perché anche un solo consigliere può fare la sua differenza. Sta di fatto che il passaggio del consigliere comunale di Latina Mauro Anzalone al Pdl è stato salutato come l'arrivo di un messia. Baci, abbracci, champagne, pasticcini e una conferenza stampa alla presenza del senatore Claudio Fazzone per dare il benvenuto ad Anzalone. Lo stesso consigliere comunale con un passato nel Partito democratico, quindi in Alleanza Nazionale, poi l'udc di Michele Forte, quindi il Pdl e con tutta probabilità Forza Italia. Insomma un politico coerente che ha sempre saputo cosa chiedere alla politica. Cosa dare non si sa, ma con tutto questo andirivieni da un partito all'altro ci sarà senz'altro modo e tempo di saperlo. CENTROSINISTRA Boom di adesioni alla corrente del rottamatore Pd, nell Agro s innamorano di Renzi Ealla fine si scoprirono tutti renziani. La raffica di adesioni al programma di rinnovamento lanciato dal sindaco di Firenze fa salire la temperatura anche nel Partito democratico pontino. Dopo una prima fase di sospetti e sgambetti, anche in provincia di Latina il Pd sembra aver preso atto del peso della corrente renziana. D'altro canto che qualcosa nell'aria stava cambiando lo si era capito con l'annunciata adesione del senatore Claudio Moscardelli, il quale in prima battuta poteva rappresentare quanto di più lontano dal cambiamento invocato dal rottamatore. Tanto è vero che di primo acchito la svolta di Moscardelli è stata accolta con più di qualche riserva. Dubbi che si sono Segni di distensione nel partito: parte una serie di incontri coi deputati renziani risolti nel giro di pochi giorni se è vero che il coordinatore dei renziani della provincia di Latina, Paolo Valente, nel corso della Festa democratica al Parco Mussolini di Latina, ha mostrato segni di distensione annunciando un ciclo di incontri in terra pontina da parte dei deputati appartenenti alla corrente del sindaco di Firenze: «Vediamo accrescersi sempre più in questi giorni il sostegno alle idee e alle proposte politiche di Matteo Renzi. È un'occasione storica e anche in questa provincia dobbiamo saperla cogliere e bene interpretare». CLAUDIO MOSCARDELLI Senatore Pd, si è avvicinato a Renzi

9 il Caffè n dal 12 al 25 settembre pag. 9

10 il Caffè n dal 12 al 25 settembre pag. 10

11 SCUOLA n dal 12 al 25 settembre Tra testi e cancelleria per le famiglie pontine la spesa può sfiorare gli 800 euro. C è chi offre pagamenti dilazionati Libri di seconda mano: Latina si organizza Cresce la richiesta di usato nei mercatini. E i manuali si comprano un po alla volta Federica Reggiani Costa mandare i figli a scuola. E il caro-libri lo si combatte con l usato, offerto da cartolerie come da mercatini studenteschi. Le lezioni sono appena riprese dopo la pausa estiva e tanti genitori, per far arrivare pronti i propri ragazzi all appuntamento con la prima campanella, hanno dovuto affrontare una spesa obbligata che per famiglie già piegate dalla crisi è un salasso. I libri di testo sono diventati quasi un bene di lusso e al loro rincaro non ci si sa più come difendere. Per la stagione appena avviata l osservatorio nazionale Federconsumatori ha stimato al 2,4% l aumento dei prezzi dei materiali scolastici: tra testi, zaini, diari e astucci mamme e papà hanno sborsato fino a mille euro. Anche a Latina non ci si sottrae alla caccia al risparmio e ci si ingegna dilazionando gli acquisti nel tempo e comprando i manuali un po alla volta. «In molti hanno scelto di rateizzare la spesa dicono da corso della Repubblica, libreria Manzoni acquistando i testi a scaglioni, una parte prima dell inizio della scuola, un altra a classi di nuovo popolate». Alla vigilia del rientro in aula le cartolibrerie sono state prese d assalto e continuano ad esserlo a scuole riaperte. L usato è la prima richiesta avanzata ai banchi. E tra offerte ghiotte sulla cancelleria e libri di seconda mano, alcuni prenotati già a giugno scorso, molte famiglie hanno potuto calmierare la spesa fermandosi al di sotto dei mille euro calcolati dalla Federconsumatori. «L usato conferma Marco Sicconi, titolare della storica Tuttoscuola di via Emanuele Filiberto consente un risparmio anche del 50% sul prezzo di copertina. Grazie a quello e agli sconti che applichiamo su certo arredo scolastico per ogni studente di prima media o primo superiore si spendono tra i 700 e gli 800 euro al massimo, non di più». Solo per un kit completo di zaino, astuccio e diario si possono sfiorare i cento euro, ma chi ha rinunciato al brand o al prodotto all ultimo grido se l è cavata con molto meno. Ma sono soprattutto i libri di testo a far lievitare la spesa delle famiglie. Un undicenne approdato in prima media costa intorno ai 280 euro, cifra che sale fino a 300 euro e oltre per i ragazzi al primo anno di scuola superiore. I più cari per le tasche di mamma e papà restano i liceali: il classico conserva il primato di indirizzo più impegnativo economicamente parlando, per un quattordicenne di quarta ginnasio ci vogliono 350 euro, che diventano circa 500 con i dizionari di latino e greco. Per gli studenti degli scientifici e degli istituti tecnici serve scucire dal portafoglio euro, i più economici sono i professionali per cui bastano in media 200 euro. L editoria scolastica non è la sola voce a pesare sul bilancio familiare. Un genitore con figli in età scolare deve mettere in conto tasse, trasporti per chi è pendolare, il servizio mensa. Solo per la retta d iscrizione gli istituti superiori chiedono un centinaio di euro alle matricole, tra i 115 e i 120 euro a chi frequenta le classi quarte o quinte. Tutte spese che è difficile aggirare e che portano tante famiglie a percepire l istruzione come un calvario più che come un diritto. A Latina ed Aprilia i giovani si attrezzano allestendo mercatini di libri usati Le associazioni si mobilitano Un rimedio alle centinaia di euro che ogni famiglia deve sborsare per l acquisto dei libri di testo arriva dai mercatini dell usato, allestiti da associazioni o dagli stessi studenti. Abbattere i costi e combattere la crisi è la filosofia che muove queste iniziative. Ad Aprilia, per esempio, quello dell associazione Amici della Freccia è diventato quasi un istituzione: giunto alla sua 14esima edizione si tiene in via Grazia Deledda, presso la libreria Calimero e rivende libri usati con ribassi che arrivano fino al 45% rispetto al prezzo di copertina. A Latina l Unione degli Studenti ha aperto il suo mercatino del libro usato, iniziativa proposta dal movimento studentesco su scala nazionale, fatta dagli studenti per gli studenti e organizzata in opposizione allo strapotere delle lobby editoriali e al caro-libri. Il punto di vendita e raccolta di testi di seconda mano quest anno si trova presso i locali del circolo Arci Sottoscala 9, in via Isonzo, e sarà aperto fino al 10 ottobre. Sono oltre 600 i volumi schedati dai ragazzi del comitato e pronti ad essere venduti a metà prezzo. A quanti lasciano in conto deposito vecchi manuali viene corrisposto il 40% del prezzo di copertina, il restante 10% è trattenuto dai promotori per coprire le spese di gestione dell'iniziativa e investire in quelle a venire. «Consci che il problema del caro libri ha radici più profonde e vuole soluzioni meno semplicistiche della proposta del libro unico o della digitalizzazione dei supporti didattici spiega Alessandra Donati, responsabile organizzativa dell Uds di Latina abbiamo voluto rinnovare l esperienza dello scorso anno migliorando la qualità del servizio e l offerta dei libri di testo. È per questa ragione che abbiamo deciso di limitarci per la nuova stagione ai testi in adozione nelle scuole superiori». Rinviata la rivoluzione negli Istituti pontini, ma accorpamenti e soppressioni saranno inevitabili Dimensionamento scolastico: «No a un piano fotocopia» Si apre una nuova stagione sui banchi e si torna a parlare inevitabilmente anche di dimensionamento scolastico. Un tema caldo mai passato di moda, ma che torna alla ribalta con l approssimarsi della scadenza stabilita per la sua adozione definitiva, prevista per l annualità 2014/15. A suo tempo ha scatenato polemiche sollevando reazioni forti di organizzazioni sindacali e operatori del settore e promette di fare altrettanto la recente delibera approvata poco più di un mese fa dalla giunta regionale del Lazio: a detta della Cisl scuola di Latina l apertura ad enti locali e istituzioni scolastiche, chiamati a esprimersi con propri pareri sul dimensionamento, non garantirebbe infatti una revisione significativa del precedente piano di razionalizzazione della rete scolastica elaborato dalla Provincia di Latina e rimasto fermo al palo a causa della caduta della giunta Polverini. Il contenimento della spesa pubblica, secondo la Cisl, continua a rappresentare il fattore orientante delle scelte politiche in materia di istruzione e continua a costituire un vincolo per il reale soddisfacimento delle richieste di offerta formativa provenienti dal territorio». Non è FRANCO MADDALENA Cisl Scuola Latina un vero e proprio grido d allarme quello lanciato dalla Cisl locale, ma nel commento alla delibera regionale n. 257 approvata lo scorso 7 agosto dalla giunta Zingaretti e relativa all iter per la redazione del piano di dimensionamento per l anno 2014/15 si legge l invito accorato a mantenere alto il livello di allerta. In forza del provvedimento adottato dalla Regione Lazio, per tutto il mese di settembre sindaci e scuole potranno avanzare le loro proposte di accorpamento, proposte che gli enti provincia avranno cura di acquisire e valutare in vista della definizione del piano di dimensionamento fissata entro il prossimo 5 novembre. La Regione stessa, per arrivare ad un elaborazione delle linee guida il più possibile condivisa, ha avviato una serie di consultazioni provinciali con le parti istituzionali, sindacali e sociali già lo scorso giugno. Ma quest iniziativa e quanto deliberato lo scorso 7 agosto non convincono i rappresentanti Cisl pontini. «La delibera afferma Franco Maddalena, segretario generale della Cisl scuola Latina - non si discosta molto da quella approvata dalla Polverini e, considerato l ampio potere di delega conferito alle province laziali, è facile prevedere che il piano che sarà elaborato dalla giunta Cusani una volta sentiti gli attori istituzionali, sociali e sindacali ricalchi quello trasmesso alla Regione lo scorso novembre 2012». Le richieste giunte dal territorio, secondo il sindacalista, difficilmente saranno accolte in una logica di risparmio, logica che ad oggi prevale per la scuola pubblica. A riprova di quanto sostenuto, Maddalena cita una lettera inviata lo scorso 12 agosto dall ente di via Costa ai sindaci, ai dirigenti scolastici e ai presidenti dei consigli d istituto delle scuole superiori che non dà adito a dubbi: «La Provincia approva il piano anche in presenza di proposte non condivise con gli enti locali» si legge nella missiva. Una sottolineatura con cui la Provincia invita a trasmettere entro il 30 settembre eventuali proposte di dimensionamento per il proprio Comune o istituto mettendo comunque le mani avanti e giustificando anticipatamente un mancato accoglimento delle stesse. Cosa cambierà Il rischio paventato dalla Cisl scuola è di vedere sostanzialmente approvato lo stesso piano di dimensionamento dello scorso anno e dunque interventi che stravolgerebbero lʼattuale assetto scolastico a discapito dellʼutenza e delle esigenze territoriali. «Come dodici mesi fa spiega Maddalena - potremmo avere la soppressione delle due direzioni didattiche di Formia con la creazione di nuovi istituti comprensivi e lʼistituzione di nuove scuole superiori a Castelforte, Santi Cosma e Damiano, Formia, Gaeta, Fondi, Priverno, Sezze e Latina e con lʼaggregazione di istituti superiori autonomi già esistenti in un'unica realtà. In provincia ricorda inoltre il segretario pontino abbiamo dieci istituti sottodimensionati (ndr sotto i 600 alunni) che dovranno essere accorpati tra loro o con altre scuole per sopravvivere, col rischio di perderne lʼidentità culturale, sociale e storica». Per scongiurare gli effetti dannosi della razionalizzazione della rete scolastica la Cisl scuola di Latina verificherà la situazione delle realtà scolastiche territoriali e la loro compatibilità con il piano provinciale: il sindacato ha già avviato un monitoraggio chiedendo ai propri rappresentanti e delegati di farsi portavoce delle osservazioni provenienti dal personale e dallʼutenza delle scuole pontine così da poterle portare e discutere ai prossimi tavoli di consultazione comunali, provinciale e regionale.

12 12 LIBRI SCOLASTICI n dal 12 al 25 settembre 2013 Il passaggio obbligatorio all editoria digitale è stato posticipato. Le famiglie, così, si trovano a pagare ingenti spese. Scuola: quanto costa non passare agli ebook? Basta poco per sforare il tetto spesa libri senza sfociare nell illecito Bianca Francavilla «Buon anno scolastico a tutti voi che iniziate, sono dalla vostra parte». Maria Chiara Carrozza, Ministro dell Istruzione, Università e Ricerca, ha scelto un modernissimo mezzo di comunicazione per fare gli auguri agli studenti: twitter. Peccato, però, che di evoluto ci sia solo questo. Lo dimostra il costo stimato da Federconsumatori a studente: più di mille euro tra libri, dizionari e corredo scolastico. Enorme il risparmio che ci sarebbe se solo si passasse alla moderna editoria digitale. EDITORIA DIGITALE: ANCORA UN SOGNO Purtroppo le carte in tavola cambiano di anno in anno. Se il Ministro Gelmini obbligava a mantenere invariati i libri almeno per 5 anni, il ministro Monti ha abolito tale norma garantendo che da quest anno, ci sarebbe stato l obbligo per le scuole di adottare i libri in formato 521 LA SPESA STIMATA TRA LIBRI E DIZIONARI PER OGNI RAGAZZO (FONTE FEDERCONSUMATORI) I dirigenti scolastici avranno il compito di monitorare il rispetto del tetto spesa previsto 499 LA SPESA STIMATA PER IL CORREDO SCOLASTICO (QUA- DERNI, ASTUCCI, ZAINI, ECC...) (FONTE FEDERCONSUMATORI) Chi c è dietro la scelta di usare un manuale piuttosto che un altro? L adozione dei libri di testo, disciplinata dalla circolare ministeriale n. 16 del 2009, rappresenta una delle fondamentali espressioni della libertà di insegnamento e dell'autonomia didattica delle istituzioni scolastiche. È il collegio dei docenti a decidere, nella seconda decade di maggio, su quali testi studieranno i ragazzi nell anno scolastico a venire. Riuniti in comitati, i prof valutano i nuovi testi proposti dai rappresentanti delle case editrici confrontandoli con quelli già in uso presso l istituto. Dall analisi scaturirà una riconferma o una nuova adozione, una scelta il più possibile concordata e coerente con il piano dell offerta formativa, fatta nel rispetto dei tetti di spesa fissati dal Miur. SPREAD A 500 SPREAD A 100 digitale e non più cartaceo. Con l arrivo del Ministro Carrozza, però, tutto è variato di nuovo. A sua detta, le scuole non sono pronte a compiere tale passo e, per questo, la conversione dei libri in ebook è posticipata. A rimetterci, ovviamente, gli studenti. Abolita una legge senza che ne sia stata emanata una successiva, il portafoglio familiare resta gravato da ingenti spese. EBOOK: I VANTAGGI CHE CI SAREBBERO Passare ai libri digitali da leggere direttamente da computer o tablet, costerebbe alle famiglie il 20-30% in meno. Per non parlare dei benefici a livello di salute. Gli esperti confermano che le tecnologie multimediali sarebbero utili sia ai problemi di postura e articolari frutto del peso dello zaino, sia in casi di dislessia favorendo l'apprendimento. Ma, per avere questi vantaggi, occorre aspettare quantomeno il prossimo anno scolastico. Chi c è dietro la scelta di adottare un manuale piuttosto che un altro? Collegio dei docenti sovrano nella scelta dei libri Una volta adottato, non sarà più possibile effettuare un cambiamento del libro se non nel caso in cui il libro prescelto non sia disponibile in tempo utile. Il testo deve essere scelto in funzione dei seguenti parametri: coerenza metodologica con l'impostazione didattica dell'istituto; coerenza con la progettazione didattica dell'istituto; ricchezza e correttezza dei contenuti; ricchezza di esercitazioni; accessibilità lessicale ai fini dell'apprendimento; apparato iconografico aggiornato; testo redatto in forma mista o interamente scaricabile da internet e supporto multimediale; eventuali supporti di verifica. Con il decreto legge L'istruzione riparte, approvato il 9 settembre a Palazzo Chigi, una modifica al sistema: i dirigenti scolastici avranno il compito di assicurarsi che sia stato rispettato dal collegio dei docenti il tetto spesa previsto. Federica Reggiani Il 9 settembre 2013 il Consiglio dei Ministri ha approvato il decreto legge dal titolo Lʼistruzione riparte. Questi i cambiamenti introdotti riguardo i libri di testo: gli studenti potranno utilizzare i libri di testo nelle edizioni precedenti purché conformi alle indicazioni nazionali; dʼora in poi i dirigenti scolastici potranno non approvare le delibere del collegio dei docenti se prevedono lo sforamento dei tetti spesa; i testi consigliati potranno essere richiesti solo se di approfondimento o monografici; TETTO SPESA LIBRI SEMPRE SFONDATO Confermati gli stessi tetti spesa dell anno precedente. Semplice capire come mai il costo stimato per le spese scolastiche di ogni studente sia molto più alto rispetto a questi. Perché ci si può appellare ai revisori dei conti solo se l elenco sfora il tetto previsto di oltre il 10%. E da questa percentuale sono esclusi i libri non obbligatori ma consigliati, che in realtà i ragazzi devono acquistare per approfondire. Basta pochissimo, dunque, per raggiungere cifre che fanno venire il capogiro ad 8 famiglie su 10, senza che si sfoci nell'illecito. MARIA CHIARA CARROZZA Ministro dell Istruzione, Università e Ricerca lʼadozione dei testi è facoltativa: i docenti potranno decidere se sostituirli con altro materiale; 8 milioni (2,7 per il 2013 e 5,3 per il 2014) verranno stanziati per finanziare lʼacquisto da parte di scuole secondarie di libri di testo ed ebook da dare agli alunni in condizioni economiche disagiate In arrivo 14 milioni di euro per i progetti migliori Una possibilità per le scuole del Lazio Buona notizia per le scuole del Lazio. Sono in arrivo 14 milioni di euro da destinare ad interventi di riqualificazione e messa in sicurezza. Per ottenere il finanziamento occorre presentare alla Regione i progetti degli edifici dove si intende effettuare i lavori entro e non oltre il 15 settembre. L assegnazione dei fondi sarà effettuata dal Ministero dell Istruzione entro il 30 di ottobre. Il peso dello zaino Il Consiglio Superiore di Sanità ha raccomandato che il peso dello zaino non superi il 10-15% del peso corporeo mentre è stato dimostrato che gli zaini della maggior parte degli studenti sfiorano spesso il 30% del loro peso. Passare ai libri digitali costerebbe il 20-30% in meno e porterebbe benefici a livello di salute Nuovo decreto legge: i cambiamenti

13 n dal 12 al 25 settembre 2013 LE AZIENDE INFORMANO 13 Il grande meraviglioso show room cresce ancora con le nuove aree porte e parquet e arredamento classico DA 40 ANNI QUALITA E SVILUPPO uno sviluppo continuo nella qualità con molti marchi di grandissimo prestigio Iveri imprenditori lo sanno, è proprio in tempo di crisi che occorre investire per aumentare la propria capacità di attrarre clienti. Ci vuole coraggio e consapevolezza della propria capacità di offrire sempre quel qualcosa di più che il mercato cerca. Così esattamente a 40 dalla nascita Cecchini Arreda compie un ulteriore passaggio di crescita espandendo la propria superficie espositiva fino a mq. Strategicamente posizionato proprio nel punto in cui Pontina e Nettunense si incrociano. Il meritato coronamento di 40 anni di impegno quotidiano di tre fratelli che proprio nel 1973 avviarono questa impresa che il padre Sante, venuto a mancare pochi mesi prima, tanto voleva per loro, per lasciarsi alle spalle l'attività di falegnameria. Così i 3 giovanissimi Cecchini si fecero coraggio ed aprirono il primo negozio di 200 mq. Gianfranco aveva 26 anni, Bruno 23 e Carlo 17. Oggi in azienda sono presenti anche i loro figli BONUS MOBILI Sopra l ingresso dell esposizione A destra, Elena, Sante e Massimo Cecchini si occupano del rapporto con i clienti e della progettazione Sante, Massimo ed Elena che si occupano del rapporto con i clienti. Oltre ad una grande esposizione di cucine, camere e camerette per ragazzi, salotti e mobili da ufficio in stile moderno, Cecchini Arreda presenta anche un grande reparto Le spese relative allʼacquisto di arredi da destinare agli immobili in corso o in progetto di ristrutturazione possono essere detratte in Unico o nel 730. Si tratta dunque di unʼagevolazione cumulabile con la detrazione della ristrutturazione. Anche i condòmini che pagano le spese di manutenzione ordinaria del condomìnio possono accedervi; stessa cosa per i proprietari di box-pertinenziali; e ancora quando i lavori sono finalizzati alla prevenzione degli infortuni domestici. di arredamento in stile classico. Inoltre sono presenti nel punto vendita, anche un'area illuminazione con le marche Flos e Artemide, un'area di complementi di design in policarbonato firmati Kartell, alle quali si aggiungono le nuove aree Rimadesio porte e l'area parquet. Un ulteriore passaggio di crescita espandendo la propria superficie espositiva fino agli attuali mq Il montaggio è effettuato da personale interno specializzato, con mezzi di proprietà e con montacarichi esterno per velocizzare il trasporto della merce, evitando contemporaneamente di creare disagi all interno dell abitazione. I pagamenti possono essere personalizzati anche fino a 60 mensilità. ROMA ANZIO ROMA Nettunense Pontina LATINA APRILIA Cecchini Arreda srl Via Nettunense km 21,800 Tel INFORMAZIONE PUBBLICITARIA UN OMAGGIO DI DESIGN PER TUTTI Per festeggiare l'ampliamento e l'importante ricorrenza di 40 anni di attività Cecchini Arreda regala a tutti i clienti che acquisteranno entro fine anno, per una spesa superiore a tremila euro, una meravigliosa lampada di design.

14 il Caffè n dal 12 al 25 settembre pag. 14

15 n dal 12 al 25 settembre 2013 NOTIZIE DALLA REGIONE ASSUNZIONI 12 in tutto le professionalità ricercate: è polemica sulla procedure di selezione e sulla spesa schizzata alle stelle Dirigenti esterni, grosse spese in Regione della Regione Lazio un luogo simbolo della trasparenza. Così parlò Ni- Farò cola Zingaretti all indomani della vittoria elettorale a fine febbraio. La sede regionale sulla Cristoforo Colombo e i locali consiliari in via della Pisana a Roma avrebbero dovuto trasformarsi in palazzi di vetro, ripuliti dello sporco che lasciarono in tempi non sospetti i casi Fiorito e Maruccio. Molte macchie nere sono state tolte da quei vetri, ma evidentemente nuovi aloni ne hanno offuscato la trasparenza. Se a giugno a scatenare polemiche erano state le vicende legate ad assessori indagati o dimessi per guai giudiziari del consorte, stavolta a rovinare il rientro Coi 12 dirigenti esterni e i 6 per l area Sanità si è arrivati ad una spesa totale di 100 milioni di euro in 3 anni post vacanze dell amministrazione regionale sono state le aspre critiche per la scelta di Zingaretti e Co. di ricorrere all assunzione di esterni per dodici posti in sei importanti direzioni della Regione Lazio. Dodici poltrone per altrettanti dirigenti esterni, dunque, che sommati agli altri sei reclutati per l area Sanità, «fanno schizzare - spiegano dal gruppo consiliare del Pdl - la spesa del presidente per gli incarichi affidati ad esterni a oltre 100 milioni di euro in tre anni. E pensare che risparmio e trasparenza sono stati il leitmotiv di tutta la campagna elettorale di Zingaretti». Una mossa che, giustificata o no, in tempi di spending review fa storcere il naso a molti. Denso di polemiche si è rivelato pure il modus operandi per l assunzione di tali dirigenti. Come specifica il consigliere Adriano Palozzi in una interrogazione «sono troppi i dubbi a cominciare dal fatto che i criteri con i quali il responsabile della procedura individua i dirigenti non prevedono la prova selettiva né una comparazione formale fra i soggetti candidati, e il direttore regionale responsabile della procedura - rimarca il pidiellino - avrà il solo obbligo di motivare la scelta dei dirigenti». Senza contare che l ente regionale dovrà sostenere una spesa di oltre un milione e mezzo di euro per queste nuove professionalità. Ora vedremo come risponderà la giunta regionale alle sollecitazioni dell opposizione e quindi come giustificherà la scelta di procedere con l assunzione di esterni. Come detto dalla Regione stanno cercando 12 figure dirigenziali per altrettante poltrone. Eppure c è chi di poltrone ne ha 10 in un colpo solo. Non una, due o tre ma ben 10. Si tratta di Luca Fegatelli, direttore del dipartimento istituzionale e territorio della Regione, che svolge altri nove incarichi tra dipartimenti agenzie regionali, cda e gestioni NICOLA ZINGARETTI Presidente della Regione Lazio commissariali. A svelare l arcano è stato il Fatto Quotidiano: «Fegatelli è principalmente il direttore del dipartimento istituzionale e territorio della Regione Lazio, ma nelle sue 24 ore riesce a operare su altri nove fronti. Dieci incarichi: una mission impossible anche per il dirigente più preparato ed esperto. Missione impossibile anche per giornalisti, consiglieri regionali e sindacalisti, visto che la trasparenza alla Regione non è di casa ed approfondire la vicenda è impresa ardua». Fegatelli al Fatto specifica: «Sono pagato solo come direttore del dipartimento ed è previsto un emolumento di 8 mila euro per Aremol (dov è direttore generale, ndr) che viene versato nelle casse regionali». Ai Castelli Romani è conosciuto per essere uno dei due massimi dirigenti che, il 13 agosto del 2009, firmarono le due Autorizzazioni Ambientali (n. B-3694, e B-3695): ovvero gli atti che approvarono, definitivamente, a livello amministrativo il VII invaso della discarica di Roncigliano e l inceneritore di Albano Laziale. Marco Montini AZIENDE Possibile reato di turbativa d asta: come intende intervenire il presidente Zingaretti? L interrogazione di Storace sul nuovo personale della società Cotral SANITÀ Un decreto per garantire le cure domiciliari a famiglie Ok alla nutrizione artificiale a casa La Regione Lazio ha diffuso un nuovo decreto in materia di nutrizione artificiale, che consentirà al paziente di ricevere le cure direttamente a casa. Nel Lazio ci sono famiglie che potranno usufruire del nuovo servizio. La Nutrizione Artificiale Domiciliare (Nad), Parentale (Npd) ed Enterale (Ned) è indispensabile a tutti i soggetti che non possono alimentarsi a sufficienza naturalmente. Le procedure Nad saranno erogate al paziente anche a domicilio e questo permetterà un miglioramento del tenore di vita del malato. Secondo il decreto, ogni Asl dovrà avere a disposizione una équipe Nad, che provvederà a ricevere le prescrizioni per gli assistenti domiciliati nelle Asl di riferimento, registrare i trattamenti in corso per i pazienti. L'obiettivo del decreto è quello di sostenere i pazienti, offrendo un servizio che porti benefici nella loro vita e in quella dei loro familiari. FRANCESCO STORACE Èsua l interrogazione sul caso Cotral del Consiglio regionale del Lazio Francesco Storace ha presentato Ilvicepresidente una interrogazione al presidente della Regione Lazio in merito alla revoca della procedura Cotral per l'individuazione dell'agenzia interinale incaricata di selezionare personale. «Cotral Spa - si legge nell'interrogazione - ha indetto una procedura per assumere personale di guida a tempo determinato per sopperire alle carenze in organico e la società ha invitato cinquanta aziende interinali a partecipare alla procedura negoziata plurima che si è conclusa il 5 settembre Gli aspiranti conducenti vengono selezionati entro il 10 settembre 2013, ma, poco prima dell'annuncio della gara, è comparsa nella bacheca della sede dell'azienda una comunicazione della Cgil che invitava i candidati a inviare i curricula vitae all'indirizzo di posta elettronica della During spa. La comunicazione citata veniva rimossa, sebbene sia stata fotografata prima del ritiro dell'avviso sindacale. Francesco Storace - conclude l'interrogazione - interroga il presidente Nicola Zingaretti e l'assessore alle Politiche del territorio, mobilità e rifiuti, Michele Civita, per sapere come intendano intervenire, affinché Cotral Spa revochi la procedura in oggetto alla luce delle indicazioni divulgate dalla Cgil in seguito alle quali si potrebbe profilare il reato di turbativa d'asta; degli appena cinque giorni con i quali si vorrebbero selezionare i candidati; dell'accordo tra l'amministratore delegato di Cotral Vincenzo Surace e le organizzazioni sindacali vessatorio nei confronti dei futuri autisti; della procedura tesa all'assunzione di personale incoerente con la Legge regionale 28 giugno 2013, n. 4 relativa alla cosiddetta spending review». Sanità All Inps il riconoscimento dell invalidità civile Sarà compito dell Inps accertare i requisiti sanitari per il riconoscimento dell invalidità civile, della cecità civile, della sordità, dell handicap e della disabilità. La Regione Lazio vuole infatti affidare il compito all istituto, le funzioni di controllo delle richieste per l invalidità civile. Nel 2012 le domande e le richieste di prestazioni sono state in totale e nei primi sei mesi del 2013 sono arrivate a oltre 70mila. Con l assunzione da parte dell Inps della gestione delle pratiche si avrà un risparmio di circa 6 milioni di euro. Legambiente Festa ai Fori - 14 e 15 settembre a Roma Il 14 e il 15 settembre a Roma, in Via dei Fori Imperiali, si terrà la "Festa ai Fori", l'eco-festival di Legambiente Lazio. Due giornate di spettacoli, conferenze e dibattiti, laboratori, mostre e proiezioni gratuiti sulle tematiche ambientali nella zona dei Fori completamente pedonalizzata. Sarà possibile degustare prodotti biologici, naturali, a filiera corta, biciofficina, saranno allestiti stand di aziende rispettose dell'ambiente. Non mancheranno i laboratori per bambini, artisti di strada e concerti.

16 16 IL CAFFÈ DEGLI ARTISTI n dal 12 al 25 settembre 2013 L opera postuma di Daniele Lembo Benché non ci sia più, l'instancabile opera letteraria di Daniele Lembo, il giornalista-scrittore di Cisterna di Latina scomparso il 19 marzo scorso, continua a lasciare testimonianze del suo lavoro. Dopo l'uscita postuma di Le portaerei che non salparono, pubblicato da Ibn ed in vendita nelle migliori librerie, è in vendita l'ultima monografia scritta da Lembo, 8 settembre 1943, il giorno in cui morì la patria, una data che riporta alla mente, a 70 anni esatti di distanza, una pagina ambigua della storia d'italia. Sarà certamente particolare leggere con quanta passione Daniele raccontava questo fatto storico, e pensare che da diversi mesi ormai di Lembo si possono solo leggere i suoi scritti. Dopo la partecipazione a Sanremo, la cantautrice di Aprilia pubblica un disco di inediti in autunno Un nuovo album per Giordana Angi Giordana Angi, talentuosa cantautrice di Aprilia, dopo la partecipazione a Sanremo lo scorso anno e l'ingresso nella scuderia della Warner Music, sta per pubblicare il suo album di inediti. «Il disco è stato finito poche settimane fa spiega ed ora stiamo scegliendo il titolo. È cantautoriale, ma ha molto di rock e blues, tutte mie canzoni. Uscirà all'inizio dell'autunno». Il primo singolo sarà Ovvio è e lo sentiremo in tutte le radio italiane. La vita di Giordana, 19 anni, è a metà tra il romanzo e la favola. Fi- Ho registrato da sola la canzone Incognita poesia e dalla Rai mi hanno chiamata subito UN GIOVANE TALENTO Giordana Angi di Aprilia, a soli 19 anni sta per uscire col singolo Ovvio che precederà il suo 1 album glia di una assistente di volo, ha vissuto tra Aprilia e la Francia, dove si è diplomata. Il pallino per la musica ce l'ha fin da quando era in fasce. Alla faccia di chi le diceva lascia perdere, ha inviato un provino a Sanremo. Senza casa discografica, senza staff, senza agente. Ho registrato con un vecchio computer una demo voce e chitarra di Incognita poesia e l'ho mandato alla Rai. Beh, mi hanno chiamato. Senza spinte, raccomandazioni o compromessi. Questo vuol dire che i sogni si avverano: basta crederci». «Sanremo è un gioco ed è così che l'ho presa», racconta la Angi. Ha perso contro Alessandro Casillo, che poi ha vinto il Festival. Ma è andata bene così. «Voglio vivere di musica, sto lavorando per questo». Si definisce zingara : Ho cambiato paese, lingua e amicizie. Se sono la persona che sono diventata è anche grazie a questi spostamenti continui». Tanto umile da non lanciarsi in consigli a chi vuole seguire la sua strada. Ma di una cosa è certa: «La mia idea è quella di provarci sempre, senza fermarsi davanti alle prime difficoltà: bisogna andare avanti, credere in se stessi e inseguire il proprio sogno. Mi hanno chiuso tante porte in faccia. Chissà quante ancora ne prenderò, ma se uno è convinto di quello che sta facendo, prima o poi i risultati arrivano. Guardiamo Mario Biondi: ha fatto successo a 40 anni dopo 20 anni di tentativi. Bisogna provare, sempre, per non avere rimpianti. Ed è quello che continuerò a fare». Lo chef di Nettuno Max Mariola star su Sky L artista dei fornelli su Gambero Rosso Max Mariola da sempre trasforma odori e sapori in piatti, fino a diventare uno chef mediatico di Gambero Rosso Channel Ha imparato a cucinare da sua madre, dal suo amico Fulvio e dal mare, che a Nettuno, dove è nato e vive, è l'elemento primario. Gli piace spiegare il mondo della cucina a parole sue, incontrare i molti chef che vengono ospiti negli studi televisivi e accompagnarli nel loro percorso televisivo. Se volete vederlo, basta fare un po' di zapping su Sky (Lei pesca lui cucina, Questo l'ho fatto io!, La cucina regionale, Le cucine d Italia, Paese che vai e Patata docet). Massimiliano Mariola con grande umiltà dice: «Mi chiamano chef perché da sempre trasformo odori e sapori in piatti...ma sono un cuoco in divenire!». Oltre alla carriera televisiva e a quella di chef, ora questo artista dei fornelli ha pubblicato un libro dal titolo Lo chef in tasca. Mariola si è messo dalla parte di chi ama mangiare bene, immaginando tante diverse situazioni. Il punto d'arrivo è sempre Il consiglio di Max Per essere chef non importa avere una cucina attrezzatissima: Puntate a 10 strumenti eccellenti: almeno 3 coltelli di forme diverse, una buona grattugia, un pelapatate, qualche foglio di silicone alimentare, delle buone pentole e padelle, dei fuochi e un forno professionali e un buon mixer. Anche se sono sempre le mani e i gesti che contano, non le attrezzature!. MAESTRO DELLA CUCINA Max Mariola ha imparato a cucinare da sua madre e dal suo amico Fulvio lo stesso: un menù strepitoso. A cambiare è ogni volta il punto di partenza: la necessità di arrangiarsi con quello che c'è, creando piatti eccezionali con gli ingredienti disponibili nel luogo dove vi trovate o semplicemente sfruttando ciò che si ha a disposizione. Con questo libro ogni occasione, anche la più spartana, si può trasformare in un momento speciale per il palato: quindi anche per la mente e lo spirito. «Gusto dunque sono» è il motto a cui s ispira questo libro. Anzi: gusto dovunque sono. Il campione di arti marziali miste in tv anche su Dmax con il suo docu-reality Sakara: da Pomezia a Pechino Express Un legionario moderno, con tante battaglie vissute e tante ancora da affrontare: questo è il modo corretto per descrivere Alessio Sakara, il maggior esponente in Italia per quanto concerne le MMA (Mixed Martial Arts, ovvero le arti marziali miste), in quanto è il primo (e sinora unico) italiano nella Ultimate Fighting Championship. Da Pomezia, la città che l'ha visto nascere e crescere e dove c'è ancora la sua famiglia, a Miami, passando per allenamenti, incontri e sprazzi di vita quotidiana: questo è ciò che si prefigge di raccontare il docu-reality Sakara il legionario diffuso dal canale DMAX (ch. 52 DTV) ogni giovedì alle 23. Un'idea che originariamente vedeva coinvolto proprio l'atleta nei suoi video-diari presenti sul proprio canale Youtube dal 2010: uno dei tanti progetti del Legionario che con la Legionarius League si Da Ardea Fabio Munaro, una vita per la musica prefigge lo scopo di poter diffondere le MMA sulla nostra penisola in quanto esse sono l'emblema del rispetto di se stessi e del proprio avversario. Un docu-reality, quello su Alessio, da gustarsi come appassionato di sport, come amante delle storie vere e come amanti della realtà, visto che Rocky Balboa è una storia affascinante per quanto a tratti romanzata, quella di Alessio Sakara è reale, e fatta di sudore, sacrificio ed impegno. Sakara a breve sarà impegnato anche sulla Rai, con le riprese di Pechino Express 2 in coppia con Stefano Venturini. Matteo Maria Munno Fabio Munaro è un autodidatta di 39 anni di Ardea, che ha scelto di fare della musica la sua ragione di vita. Oggi è conosciuto con lo pseudonimo di"oranum" e solca le discoteche italiane con la sua computer music. Ma che fatica prima di arrivare a questi risultati: ha fatto il metalmeccanico, l'imbianchino, lo speedyboy ed il gastronomo, tante porte sbattute in faccia, il primo contratto discografico che però si interrompe bruscamente per divergenze, finché Myspace decide che "Oranum" sia l'artista della settimana e viene evidenziato nella top. Contemporaneamente una autorevole rivista italiana del mondo della "computer music" lo cita come "artista interessante sul web" e lo mette sul numero di dicembre del 2010 della stessa rivista. Nel 2012 esce il primo album elettronico in vendita negli store online ed in particolare su tunecore: ora sta lavorando per far crescere ancora di più la sua musica e la sua carriera.

17 il Caffè n dal 12 al 25 settembre pag. 17

18 18 SALUTE n dal 12 al 25 settembre 2013 Negli interventi di chirurgia odontoiatrica è fondamentale che personale qualificato garantisca strumentario sterile DOPO LE CURE DAL DENTISTA, CHI PULISCE? Non bisogna mai sottovalutare un intervento chirurgico dal dentista. Si tratta pur sempre di un intervento che ha bisogno di essere eseguito nella massima sicurezza, garantita innanzitutto dalla professionalità dell odontoiatra, ma anche da un ambiente perfettamente pulito e strumentario sterile. La competenza non s improvvisa PUBBLIREDAZIONALE COME SI ATTUA UNA CHIRURGIA STERILE? Sicuramente indispensabile è il personale che deve essere preparato ad affrontare questo tipo di prestazione. All interno della sala operativa, dove c è la poltrona del dentista, immaginiamo di distinguere un campo operatorio sterile vicino al paziente e un campo esterno lontano dal paziente. Nel campo sterile ci sono il paziente, l operatore e almeno un assistente, mentre nel campo esterno ci deve essere almeno un altra assistente che si occupa di rifornire il campo operatorio di tutto il necessario già preventivamente preparato. Nel campo operatorio sterile devono restare isolati il paziente, il dentista e almeno un assistente Inoltre è importante che un altra persona al di fuori della sala operativa, di solito una segretaria, possa ricevere le telefonate dello studio per non disturbare chi è coinvolto nel delicato intervento. COME DEVE ESSERE AFFRON- TATO UN INTERVENTO? Indispensabile per la nostra salute e il nostro portafoglio UNA VISITA ACCURATA, PER PREVENIRE E RISPARMIARE Spesso andiamo dal dentista e richiediamo subito la cura per qualcosa, sottovalutando invece la visita, che è il momento più importante in cui il dentista deve capire insieme al paziente quale è il modo migliore per impostare una cura. Spesso diamo importanza solo alla cura e al preventivo di spesa (pensando solo al risparmio) senza dare invece la giusta importanza alla visita e alla diagnosi delle diverse malattie che possono colpire i denti e più in generale la bocca. In realtà il dentista, con l'anamnesi, la storia clinica, la visita obiettiva, l'indagine radiologica, elabora una corretta strategia di cura che è strettamente personale, differente per ogni singolo paziente. Non siamo tutti uguali e ognuno di noi può avere una situazione molto diversa. Tutto questo lo possiamo capire solo con una visita attenta ed accurata e non necessariamente con la cura fatta subito o 'espressa', a meno che non ci sia un'urgenza o un dolore conclamato. Quando si fa la visita dal dentista, molti pensano sia solo una perdita di tempo. Ma come fa il dottore della bocca a fare una determinata cura senza prima aver capito insieme al paziente cosa bisogna fare? Senza fare una corretta diagnosi? Non facendo una visita accurata, rischiamo solo di danneggiare la nostra salute, facendo cure che potrebbero poi risultare non adeguate al caso, danneggiando, oltre che la nostra salute, anche il nostro portafogli. L'unico vero risparmio in termini di salute resta la prevenzione, che si può fare solo grazie ad una seria visita. Da sempre prevenire è meglio che curare e, se oltre che alle persone adulte lo insegnassimo anche ai bambini, la prevenzione funzionerebbe ancora di più! L ORTOPANORAMICA NON BASTA La sola ortopanoramica non basta per fare un preventivo, ma occorre una visita completa e scrupolosa del cavo orale, per una seria valutazione clinica e per pianificare le cure UNO STAFF COMPLETO, GIOVANE E PROFESSIONALE Da sin., Simona Giorgi, Francesca Ferrazza, Andrea Pandolfi, Tiziana Gangemi, Alessia Lorenzoni Facciamo un esempio: paragoniamo gli interventi di implantologia, gli interventi di chirurgia dei denti del giudizio o dei denti inclusi, gli interventi di rigenerazione ossea e gli interventi sulle gengive, come se fossero un bel pranzo complesso ed elaborato in un ristorante di alto livello. Se dobbiamo fare un bel pranzo complesso ed elaborato ci deve essere l esperto cuoco che cucina e poi ci devono essere altri collaboratori che puliscono le posate dopo che si è consumato il pasto. Il paziente per poter mangiare un ottimo pasto deve innanzi tutto La domanda che viene spesso fatta ad dentista è: quanto costa curare una carie? La domanda che invece dovrebbe essere fatta è: perché è venuta una carie, ovvero una malattia dei denti, e quali sono le alternative di cura?. Le 'aziende del dentale', i 'negozi' e i 'franchising dei denti' si concentrano sulle promozioni, rischiando di perdere di vista la salute del paziente, trattando le persone come clienti da far entrare nel negozio a 'comprare le cure' o peggio a 'comprare dei denti nuovi'. Già è realtà la comparsa di network e di franchising del dentale con testimonial pubblicitari, famosi e non, con offerte promozionali sul sorriso. L'obiettivo della pubblicità è indurre i clienti a frequentare la loro struttura con la promessa di sorrisi smaglianti a costi convenienti. Ma le cure e i pazienti che fine hanno fatto? La bocca dei pazienti non merita di essere trattata come un discount, né tanto meno Dr. ANDREA PANDOLFI Laureato in Odontoiatria e Protesi Dentaria cum laude presso lʼuniversità degli Studi di Siena. Iscritto allʼordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri della provincia di Latina al n In Italia la Laurea per diventare Dottori Odontoiatri esiste dal stare comodo, seduto a tavola, mentre il cuoco prepara sapientemente e minuziosamente il pasto. Per consumare il tutto al meglio ci deve essere il personale, camerieri e aiuti cuochi che poi provvederanno a pulire bene, a lucidare e a riordinare perfettamente la cucina. Solo dopo che la cucina è stata pulita e detersa a fondo con i giusti tempi lasciati a chi dovrà effettuare l operazione si potrà procedere ad un nuovo pasto, ovvero ad un nuovo intervento di chirurgia in ambiente sterile. Per approfondire: Tel DENTISTI FRONTE STRADA COME NEGOZI Le cure dentarie self service come al supermercato e il preventivo come la lista della spesa La bocca dei pazienti non merita di essere trattata come un discount come un modello in gesso dove poter applicare un qualsiasi manufatto protesico. Informarsi sulle possibilità di cura da seri professionisti Odontoiatri, dottori laureati e iscritti all'ordine dei Medici e Chirughi e degli Odontoiatri è fondamentale per non incorrere in un 'falso e illusorio risparmio' a danno solo della salute della propria bocca. L'unico vero risparmio in termini di salute è la prevenzione. Da sempre prevenire è meglio che curare e, se oltre che alle persone adulte lo insegnassimo anche ai bambini, la prevenzione funzionerebbe ancora di più!

19 il Caffè n dal 12 al 25 settembre pag. 19

20 I COLLABORATORI: Teresa Faticoni, Memi Marzano, Francesco De Angelis, Stefano Cortelletti, Daniele Triolo, Rita Recchia, Federica Reggiani, Riccardo Angelo Colabattista, Roberto Lessio, Andrea Lucidi AMBIENTE Ecoambiente accusa: carte false per l impianto Rida di Aprilia. La replica: «Baggianate! Noi siamo in regola» Rifiuti, guerra avvelenata in provincia Lo scontro può creare una nuova emergenza portando al collasso molte città, come Aprilia e Latina Sempre più aspra la guerra dei rifiuti. L'immondizia indifferenziata è il vero bottino perché fa guadagnare di più (a pochi); è la piaga che ci rende una delle regioni con la peggiore gestione dell'immondizia e con oltre il 70% dei rifiuti urbani ancora smaltiti in discarica. Un cancro politico, economico ed ambientale che solo nel 2012 ha fatto perdere al Lazio oltre 240 milioni di euro di benefici a causa del mancato riciclo dei materiali. Le perdite più alte di tutta Itlaia, dove i mancati benefici sono stimati in oltre un miliardo e mezzo di euro, sempre l'anno scorso. Nell'Agro pontino, lo scontro è avvelenato e a volto scoperto. Ora arriva una pesantissima accusa contro uno dei protagonisti del trattamento rifiuti tra Roma e Latina, la Rida Ambiente: il loro impianto di Aprilia non tratterebbe come si deve l'immondizia. E per giunta, quell'impianto - che dal 16 settembre diventerà un TMB (trattamento meccanico biologico) funzionerà sulla base di carte false. Questo secondo il capo di Ecoambien- Rifiuti a Frosinone I rifiuti di Aprilia? Finiscono a Colfelice, in provincia di Frosinone. E dire che proprio ad Aprilia c'è un impianto (privato) per il pre trattamento dei rifiuti da conferire in discarica. Chi prima arriva, prima scarica. I camion della Progetto Ambiente devono arrivare prestissimo davanti ai cancelli della Rida Ambiente di Aprilia per poter conferire nell'impianto. Se il sito ha esaurito la disponibilità giornaliera, si deve dirottare su Colfelice. L'immondizia non può più essere inviata in discarica così come raccolta dai cassonetti, ma deve prima essere "trattata". Ma questo trattamento costa. Alla Rida servono 98 euro più iva a tonnellata, tuttavia l'azienda ha capacità limitate e così, se i camion coi rifiuti di Aprilia non riescono a stare all'alba davanti ai cancelli della Rida, devono andare a Frosinone. Lì il conferimento costa 120 euro a tonnellata. APRILIA Lo stabilimento Rida in zona Selciatella prepara i rifiuti indifferenziati per inceneritori e discariche BRUNO LANDI AD della Ecoambiente, ex presidente della Regione Lazio te, proprietaria di una delle due discariche di Borgo Montello a Latina, dove hanno chiuso i cancelli ai camion della stessa Rida, che lì conferiva gli scarti del trattamento della spazzatura. Una chiusura che può costare caro a tutti, capace di determinare l'ennesima emergenza, e che rischia di azzoppare varie città. L'impianto di Rida ambiente pur non disponendo della linea di stabilizzazione della frazione organica è stato elevato al rango di TMB con l'autorizzazione a trattare oltre 160 mila t/anno, ha scritto l'amministratore delegato di Ecoambiente, l'ex presidente della regione Lazio Bruno Landi, a piena pagina sul quotidiano Latina Oggi. Produrrebbe cioè materiale fuorilegge. Insomma, sarebbe una gigantesca truffa. Rida lavora i rifiuti indifferenziati di molti comuni, a cominciare Secondo Bruno Landi di Ecoambiente, l impianto di Rida non sarebbe in regola e deriverebbe da un falso ideologico da Latina, Aprilia, Anzio, Nettuno e poi Sabaudia, Sezze e altri comuni del sud pontino, trasformandone il 50% in combustibile per gli inceneritori e circa il 44% lo prepara all'invio in discarica. Un bel malloppo. Inoltre scrive sempre Landi quello stabilimento della Rida è stato inserito con tale caratteristica di TMB nel Piano Regionale dei Rifiuti, con un palese falso ideologico. Cioè mediante un reato penale. «Baggianate di un ex fallito della politica!» sbotta con il Caffè un allibito Fabio Altissimi, amministratore unico dell Rida. «La verità è che noi abbiamo lo stabilimento più grande d'italia fatto in 13 mesi, investendo 23 milioni di euro e con una capacità di far chiudere le discariche di Latina mentre Landi ha in mano da anni una autorizzazione per un TMB a Montello, poi scaduta nel 2011, e non è riuscito a mettere neanche un mattone di quell'impianto e questo Landi non lo può digerire. La Regione tace davanti a questo per fare una cortesia a qualcuno, che intanto continua ad abbancare rifiuti tal quali, sulla base di una semplice comunicazione fatta alla Regione sei mesi prima che gli scadesse quell'autorizzazione,. Autorizzazione che la Regione si guarda bene dal rinnovargli perché significa togliergli il rifiuto urbano indifferenziato, che è il vero affare. Noi abbiamo avvertito le procure, il Noe dei carabinieri, la polizia provinciale... lo sanno tutti». Toni durissimi, che danno la misura dello scontro in corso. «Ai cittadini di FABIO ALTISSIMI Amministratore della Rida Srl La verità è che noi abbiamo l impianto più grande d Italia, capace di far chiudere entrambe le discariche di Latina... e loro questa cosa non possono digerirla Borgo Montello dico che stanno dormendo da 40 anni su una mina, una bomba ecologica che Bruno Landi, il cui titolare è Cerroni Manlio, forse vorrebbe riversare su di noi», affonda ancora Altissimi della Rida. Una storia che puzza, insomma. A proposito un verbale dell'arpa Lazio delle ore 13 del 27 giugno 2013, firmato da un ingegnere della Provincia di Latina e da tre agenti della Polizia provinciale dopo un sopralluogo presso la discarica Ecoambiente a Latina, certifica che alcuni dei pozzi utilizzati per la raccolta del percolato di discarica manifestavano la presenza di odore nettamente avvertibile riconducibile con ogni probabilità ad emanazioni di biogas: in particolare il pozzo identificato con la sigla PeZ9A manifestava fenomeni di gorgogliamento massivo di fondo. Tale fatto, unitamente all'assenza di coperture di contenimento della bocca dei pozzi in parola è certamente causa di emissioni odorigene. Cioè, certe puzze arrivavano da lì, contrariamente a quanto affermato da Bruno Landi. La Procura della Repubblica di Latina deve aver annusato qualcosa: davanti al dottor Marco Giancristofaro si infittisce il fascicolo aperto dalla Polizia provinciale su questa vicenda. E l Antitrust, l autorità per la tutela della concorrenza, ha chiesto alla Regione Lazio di cambiare le regolamentazione, che avrebbe favorito la lavorazione dell indifferenziato e il ricorso alla discarica, determinando distorsioni concorrenziali nel settore. A scapito dei cittadini, le vere vittime di questa guerra. Francesco Buda IL TESORO I rifiuti indifferenziati al centro dello scontro

Notizie dal Consiglio Comunale A cura del Gruppo Consiliare Uniti Per Burago Anno 0 Numero 0

Notizie dal Consiglio Comunale A cura del Gruppo Consiliare Uniti Per Burago Anno 0 Numero 0 Notizie dal Consiglio Comunale A cura del Gruppo Consiliare Uniti Per Burago Anno 0 Numero 0 Siamo qui... Ad un anno di distanza dalle elezioni comunali usciamo con questo nuova pubblicazione il cui obbiettivo

Dettagli

IL CAOS NORMATIVO IN MATERIA DI PROVINCE *

IL CAOS NORMATIVO IN MATERIA DI PROVINCE * IL CAOS NORMATIVO IN MATERIA DI PROVINCE * di Federica Fabrizzi (Ricercatore di Istituzioni di diritto pubblico Università Telematica Internazionale Uninettuno) 8 gennaio 2014 Servirebbe una relazione

Dettagli

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE Saluto tutti i presenti: iscritti, simpatizzanti rappresentanti dei partiti..

Dettagli

Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici

Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici Alcuni quesiti per chiarire dubbi interpretativi sulla formazione dei lavoratori prevista dal Testo Unico: cosa significa collaborare con gli

Dettagli

Responsabile:Il Sindaco Franco Tarquini. Indirizzo di posta elettronica: vigilanza@comunetossicia.gov.it

Responsabile:Il Sindaco Franco Tarquini. Indirizzo di posta elettronica: vigilanza@comunetossicia.gov.it L'uffico svolge le seguenti funzioni: Viabilità e infortunistica - Vigilanza - Polizia - Commercio - Licenze e autorizzazioni - Fiere e mercati - Randagismo Responsabile:Il Sindaco Franco Tarquini Indirizzo

Dettagli

BOZZA NON CORRETTA MISSIONE IN SICILIA 8 GIUGNO 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA. La seduta inizia alle 13.15.

BOZZA NON CORRETTA MISSIONE IN SICILIA 8 GIUGNO 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA. La seduta inizia alle 13.15. MISSIONE IN SICILIA 8 GIUGNO 2010 1/9 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA La seduta inizia alle 13.15. PRESIDENTE. Buongiorno. Ringraziamo il dottor Paolo Lupi e ci scusiamo per la lunga attesa.

Dettagli

INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE DI FORZA ITALIA GIANNI MONTALI SULL ACQUISTO DA PARTE DEL COMUNE DEL PALAZZETTO DELLA SCHERMA

INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE DI FORZA ITALIA GIANNI MONTALI SULL ACQUISTO DA PARTE DEL COMUNE DEL PALAZZETTO DELLA SCHERMA INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE DI FORZA ITALIA GIANNI MONTALI SULL ACQUISTO DA PARTE DEL COMUNE DEL PALAZZETTO DELLA SCHERMA Il sottoscritto Gianni Montali consigliere comunale di Forza Italia,

Dettagli

COMMISSIONE SUL CICLO RIFIUTI BOZZA NON CORRETTA 1/8

COMMISSIONE SUL CICLO RIFIUTI BOZZA NON CORRETTA 1/8 1/8 MISSIONE IN SICILIA 1 OTTOBRE 2009 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA La seduta inizia alle 10,23. PRESIDENTE. Ovviamente la ringraziamo. La relazione da lei predisposta ci consentirà di abbreviare

Dettagli

Patente di guida: irregolarità e relative sanzioni

Patente di guida: irregolarità e relative sanzioni Patente di guida: irregolarità e relative sanzioni Errata applicazione dell articolo 126 bis al titolare di patente rilasciata da uno Stato estero All atto di rilascio della patente viene attribuito un

Dettagli

Intervento dell Avv. Nicolino De Cantis - Componente della Commissione Giuridica Provinciale dell Automobile Club di Verona

Intervento dell Avv. Nicolino De Cantis - Componente della Commissione Giuridica Provinciale dell Automobile Club di Verona Intervento dell Avv. Nicolino De Cantis - Componente della Commissione Giuridica Provinciale dell Automobile Club di Verona Congresso Commissioni giuridiche ACI- Napoli - Riflessioni su : Patente di guida

Dettagli

OGGETTO: SESTO PUNTO ALL ODG: PROGRAMMA TRIENNALE LAVORI PUBBLICI 2011-2013 APPROVAZIONE.

OGGETTO: SESTO PUNTO ALL ODG: PROGRAMMA TRIENNALE LAVORI PUBBLICI 2011-2013 APPROVAZIONE. PUNTO N. 6 DEL 27/06/2011 OGGETTO: SESTO PUNTO ALL ODG: PROGRAMMA TRIENNALE LAVORI PUBBLICI 2011-2013 APPROVAZIONE. PRESIDENTE: Prima di passare al punto successivo, volevo dire che probabilmente per quanto

Dettagli

L EMENDAMENTO Di Giorgio Mottola

L EMENDAMENTO Di Giorgio Mottola L EMENDAMENTO Di Giorgio Mottola MILENA GABANELLI IN STUDIO Buonasera, l inchiesta di oggi è dedicata al centro unico di spesa di tutti gli uffici pubblici: se invece di comprare una sedia ne compro mille

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Le multe per infrazioni al Codice della Strada

Le multe per infrazioni al Codice della Strada Le multe per infrazioni al Codice della Strada Riferimenti normativi Nuovo codice della strada (D.lgs. 30 aprile 1992, n. 285 e successive modificazioni); Regolamento di esecuzione e di attuazione del

Dettagli

Periodico informativo n. 83/2013. Decreto del fare e sanzioni previste dal Codice della Strada

Periodico informativo n. 83/2013. Decreto del fare e sanzioni previste dal Codice della Strada Periodico informativo n. 83/2013 Decreto del fare e sanzioni previste dal Codice della Strada Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo comunicarle che il Decreto del

Dettagli

PRIMA PAGINA Edilizia e Territorio - 2013-01-19 - Pag. 1 Vedi ritaglio giornale» RIFORMA FORNERO «Fine lavori» più cara dal 2016

PRIMA PAGINA Edilizia e Territorio - 2013-01-19 - Pag. 1 Vedi ritaglio giornale» RIFORMA FORNERO «Fine lavori» più cara dal 2016 PRIMA PAGINA Edilizia e Territorio - 2013-01-19 - Pag. 1 Vedi ritaglio giornale» RIFORMA FORNERO «Fine lavori» più cara dal 2016 Contributi di licenziamento, nuova Aspi, «decantierizzazione». La macchina

Dettagli

Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia

Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia Rischia di slittare la proclamazione degli eletti al Consiglio Regionale della Puglia a causa della scorretta trascrizione e conseguente

Dettagli

Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese

Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese Assolombarda - CdS slides 3 1 Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese VITO DATTOLICO Coordinatore Giudici di Pace di Milano Milano, 7

Dettagli

UNA POLTRONA PER DUE - AGGIORNAMENTO del 18/10/2009

UNA POLTRONA PER DUE - AGGIORNAMENTO del 18/10/2009 UNA POLTRONA PER DUE - AGGIORNAMENTO del 18/10/2009 di Sabrina Giannini MILENA GABANELLI IN STUDIO Un mese e mezzo fa ci eravamo occupati della concorrenza sleale che sta mettendo in ginocchio molte imprese

Dettagli

Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani

Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani Autore: Alban Trungu Categoria : Mondo Migrante Data : 15 febbraio 2011 Intervista con Khalid Chaouki, responsabile immigrazione e seconde generazioni dei

Dettagli

La gestione dei servizi idrici e le forme d impresa: teorie ed esperienze a confronto

La gestione dei servizi idrici e le forme d impresa: teorie ed esperienze a confronto La gestione dei servizi idrici e le forme d impresa: Firenze Palazzo dei Congressi, Sala Onice 10 Marzo 2011 Introduzione di Luciano Baggiani, Presidente A.N.E.A. Pagina 1 di 5 Voglio innanzitutto ringraziare

Dettagli

COMUNE DI ANZOLA Venerdì, 23 gennaio 2015

COMUNE DI ANZOLA Venerdì, 23 gennaio 2015 COMUNE DI ANZOLA Venerdì, 23 gennaio 2015 COMUNE DI ANZOLA Venerdì, 23 gennaio 2015 Politica locale 23/01/2015 La Repubblica (ed. Bologna) Pagina 7 SILVIA BIGNAMI Riforme, i renziani ai dissidenti Pd:

Dettagli

PROVINCIA DI COMO COMANDO POLIZIA LOCALE. Pagamento delle sanzioni in misura ridotta del 30%

PROVINCIA DI COMO COMANDO POLIZIA LOCALE. Pagamento delle sanzioni in misura ridotta del 30% COMANDO POLIZIA LOCALE Chi può beneficiare della riduzione Pagamento delle sanzioni in misura ridotta del 30% Il trasgressore, il proprietario del veicolo o qualsiasi altro obbligato in solido può pagare

Dettagli

COMUNE DI BARICELLA Provincia di Bologna CORPO POLIZIA MUNICIPALE VIA ROMA N 31-40052 BARICELLA TEL. N 051-6622408/6622409 FAX.

COMUNE DI BARICELLA Provincia di Bologna CORPO POLIZIA MUNICIPALE VIA ROMA N 31-40052 BARICELLA TEL. N 051-6622408/6622409 FAX. COMUNE DI BARICELLA Provincia di Bologna CORPO POLIZIA MUNICIPALE VIA ROMA N 31-40052 BARICELLA TEL. N 051-6622408/6622409 FAX.N 051-6622418 Legge n. 98 del 09 agosto 2013 di conversione del decreto legge

Dettagli

CLAMORI E SILENZI adozioni ai single presunte, altre questioni fin troppo reali

CLAMORI E SILENZI adozioni ai single presunte, altre questioni fin troppo reali ancora dibattito su una sentenza della Corte di Cassazione CLAMORI E SILENZI adozioni ai single presunte, altre questioni fin troppo reali Adozioni anche ai single. Questa è l'espressione che comprende

Dettagli

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa 11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio raccolta integrato dei rifiuti solidi urbani. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa delibera di Consiglio,

Dettagli

BOZZA NON CORRETTA MISSIONE A CROTONE 17 GIUGNO 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA. La seduta inizia alle

BOZZA NON CORRETTA MISSIONE A CROTONE 17 GIUGNO 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA. La seduta inizia alle MISSIONE A CROTONE 17 GIUGNO 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA La seduta inizia alle PRESIDENTE. Signor sindaco, la ringraziamo per la presenza. Stiamo completando l inchiesta sulla Calabria.

Dettagli

Incidenti stradali: le nuove disposizioni

Incidenti stradali: le nuove disposizioni INCONTRO DI STUDIO PER OPERATORI DI POLIZIA LOCALE LE NOVITA LEGISLATIVE PER LA P.M. FAENZA (RA) - 19 maggio 2006 Incidenti stradali: le nuove disposizioni LEGGE 21 febbraio 2006, n. 102 Disposizioni in

Dettagli

Agli stranieri che guidano un veicolo in Giappone

Agli stranieri che guidano un veicolo in Giappone 7.1.2011 Divisione Patenti Agli stranieri che guidano un veicolo in Giappone Introduzione Questo opuscolo è stato predisposto per spiegarvi le regole principali del Codice della Strada giapponese. Tenete

Dettagli

[...] *Latina, Aprilia ed Anzio* si confermano i comuni con l ammontare di scaduto

[...] *Latina, Aprilia ed Anzio* si confermano i comuni con l ammontare di scaduto A questo link http://www.acquabenecomune.org/aprilia/article.php3?id_article=2635 è possibile vedere la trasmissione di ieri "Cominciamo Bene" andata in onda su Rai3 In studio era presente quel VOLPONE

Dettagli

Lega Lombarda - Lega Nord per l Indipendenza della Padania. Sezione di Desio

Lega Lombarda - Lega Nord per l Indipendenza della Padania. Sezione di Desio Al Presidente del Consiglio Comunale dott. Carmine MESSAGGIERO Piazza Giovanni Paolo II 20832 DESIO (MB) e per conoscenza, al Sindaco di Desio ing. Roberto Corti e per conoscenza, ai Capigruppo Consiliari

Dettagli

BOZZA NON CORRETTA RESOCONTO STENOGRAFICO MISSIONE IN SICILIA SEDUTA DI VENERDÌ 17 APRILE 2015 PRESIDENZA DEL VICEPRESIDENTE STEFANO VIGNAROLI

BOZZA NON CORRETTA RESOCONTO STENOGRAFICO MISSIONE IN SICILIA SEDUTA DI VENERDÌ 17 APRILE 2015 PRESIDENZA DEL VICEPRESIDENTE STEFANO VIGNAROLI CAMERA DEI DEPUTATI 1/7 SENATO DELLA REPUBBLICA COMMISSIONE PARLAMENTARE DI INCHIESTA SULLE ATTIVITÀ ILLECITE CONNESSE AL CICLO DEI RIFIUTI E SU ILLECITI AMBIENTALI AD ESSE CORRELATI RESOCONTO STENOGRAFICO

Dettagli

Diritto alla residenza per gli occupanti un alloggio senza titolo e per le persone senza fissa dimora

Diritto alla residenza per gli occupanti un alloggio senza titolo e per le persone senza fissa dimora Diritto alla residenza per gli occupanti un alloggio senza titolo e per le persone senza fissa dimora 1. Il punto di partenza indiscutibile è quello, sottolineato più volte da tutti, che l iscrizione anagrafica

Dettagli

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi Vi avevo anticipato l anno scorso che il Difensore Civico s interessa dei

Dettagli

ZeroPrivilegi Basilicata

ZeroPrivilegi Basilicata Movimento 5 Stelle Basilicata www.basilicata5stelle.it email: redazione@basilicata5stelle.it ZeroPrivilegi Basilicata Istruzioni per la raccolta delle firme e fac-simile documenti utili Scadenza della

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEI SERVIZI DI TRASPORTO E MENSA SCOLASTICA

REGOLAMENTO COMUNALE DEI SERVIZI DI TRASPORTO E MENSA SCOLASTICA 1 REGOLAMENTO COMUNALE DEI SERVIZI DI TRASPORTO E MENSA SCOLASTICA APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 24 IN DATA 18/06/2012 INDICE TITOLO I NORME GENERALI TITOLO II TRASPORTO SCOLASTICO

Dettagli

Perché è utile, necessario, conveniente e "doveroso" versare il "contributo volontario" alla scuola frequentata dal proprio figlio.

Perché è utile, necessario, conveniente e doveroso versare il contributo volontario alla scuola frequentata dal proprio figlio. Perché è utile, necessario, conveniente e "doveroso" versare il "contributo volontario" alla scuola frequentata dal proprio figlio. Gentili genitori, ma anche studenti, il 28 febbraio 2014 si sono chiusi

Dettagli

La Rassegna Stampa è consultabile nel sito: www.ancesicilia.it

La Rassegna Stampa è consultabile nel sito: www.ancesicilia.it Collegio Regionale dei Costruttori Edili Siciliani 90133 Palermo, Via A. Volta, 44 Tel.: 091/333114/324724 Fax: 091/6193528 C.F. 80029280825 - info@ancesicilia.it www.ancesicilia.it La Rassegna Stampa

Dettagli

Il Consiglio Regionale ha approvato. Il Commissario del Governo ha apposto il visto. Il Presidente della Giunta Regionale promulga la seguente legge:

Il Consiglio Regionale ha approvato. Il Commissario del Governo ha apposto il visto. Il Presidente della Giunta Regionale promulga la seguente legge: Legge Regione Campania n. 11 del 28/02/1987 (pubblicata sul BURC n. 14bis del 17/03/87) Norme per la tenuta degli Albi delle Imprese Artigiane e disciplina delle Commissioni Provinciali e Regionale per

Dettagli

LE INFORMATIVE PREFETTIZIE

LE INFORMATIVE PREFETTIZIE LE INFORMATIVE PREFETTIZIE Il Consiglio di Stato con la pronuncia n. 444/2012 si è espresso sull appello, avverso una sentenza del Tribunale Amministrativo Regionale per la Campania, sede di Napoli, presentato

Dettagli

Esito del voto elettorale nazionale: nel nuovo Parlamento sarà difficile garantire una stabilità di governo.

Esito del voto elettorale nazionale: nel nuovo Parlamento sarà difficile garantire una stabilità di governo. RINNOVO DEL PARLAMENTO ITALIANO RINNOVO DEL CONSIGLIO REGIONALE : Lombardia Lazio Molise Esito del voto elettorale nazionale: nel nuovo Parlamento sarà difficile garantire una stabilità di governo. La

Dettagli

Newsletter. Le News di Anita Servizi novità e aggiornamenti dal mondo dell autotrasporto..e non solo! L argomento del mese di Giulio Traversi

Newsletter. Le News di Anita Servizi novità e aggiornamenti dal mondo dell autotrasporto..e non solo! L argomento del mese di Giulio Traversi Le News di Anita Servizi novità e aggiornamenti dal mondo dell autotrasporto..e non solo! In evidenza: Le proposte di ANITA per l autotrasporto Da aprile chiusi i conti postali per i pagamenti all Albo

Dettagli

Roma, 11 settembre 2009

Roma, 11 settembre 2009 PCIciicER CIRCOLARE POSTA ELETTRONICA N. 41/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 11 settembre 2009 OGGETTO: Decreto-legge 28 aprile 2009, n. 39 - Eventi sismici che hanno colpito l Abruzzo

Dettagli

VERBALE DI SEDUTA CONSILIARE DEL 28 NOVEMBRE 2013

VERBALE DI SEDUTA CONSILIARE DEL 28 NOVEMBRE 2013 VERBALE DI SEDUTA CONSILIARE DEL 28 NOVEMBRE 2013 Oggetto: Quarto Punto all OdG: Modifica Elenco Annuale LL.PP. Anno 2013 e Piano Triennale OO.PP. 2013-2015. PRESIDENTE: Quarto Punto all OdG: Modifica

Dettagli

progetto di riqualificazione urbana dei Lidi di Comacchio sostituzione del progetto di Riqualificazione Lido degli

progetto di riqualificazione urbana dei Lidi di Comacchio sostituzione del progetto di Riqualificazione Lido degli Allegato 1 PUNTO N. 6 all'o.d.g.: Progetto di Riqualificazione urbana Lidi di Comacchio in sostituzione del progetto di Riqualificazione Lido degli Scacchi Prestito obbligazionario "Comune di Comacchio

Dettagli

RIFORME DI SISTEMA PER LA RIDUZIONE DEI COSTI IMPROPRI DELLA POLITICA, DELLE ISTITUZIONI, DELLE AMMINISTRAZIONI

RIFORME DI SISTEMA PER LA RIDUZIONE DEI COSTI IMPROPRI DELLA POLITICA, DELLE ISTITUZIONI, DELLE AMMINISTRAZIONI Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori RIFORME DI SISTEMA PER LA RIDUZIONE DEI COSTI IMPROPRI DELLA POLITICA, DELLE ISTITUZIONI, DELLE AMMINISTRAZIONI Il tema della riduzione dei costi della politica,

Dettagli

Ordine del Giorno. Comune di Agrigento. Seduta del Consiglio Comunale del 27 Dicembre 2013

Ordine del Giorno. Comune di Agrigento. Seduta del Consiglio Comunale del 27 Dicembre 2013 Comune di Agrigento Seduta del Consiglio Comunale del 27 Dicembre 2013 Ordine del Giorno 1. Designazione scrutatori; 2. Relazione previsionale e programmatica 2013 2015. Bilancio di Previsione 2013. Bilancio

Dettagli

Investimento straordinario sulla Pubblica Amministrazione. Matteo Renzi Marianna Madia. Roma, 30 Aprile 2014

Investimento straordinario sulla Pubblica Amministrazione. Matteo Renzi Marianna Madia. Roma, 30 Aprile 2014 Linee guida Governo Investimento straordinario sulla Pubblica Amministrazione Matteo Renzi Marianna Madia Roma, 30 Aprile 2014 Il Cambiamento comincia dalle persone Proposte CONFEDIR 1) Abrogazione dell

Dettagli

RAPPORTO SULLE DICHIARAZIONI DEI REDDITI DEI PENSIONATI A CURA DELLA UIL PENSIONATI DI LATINA

RAPPORTO SULLE DICHIARAZIONI DEI REDDITI DEI PENSIONATI A CURA DELLA UIL PENSIONATI DI LATINA UNIONE ITALIANA LAVORATORI PENSIONATI SEGRETERIA TERRITORIALE 04100 LATINA VIA Romagnoli snc TEL. e Fax 0773691937 e-mail latina@uilpensionati.it IL SINDACATO DEI CITTADINI RAPPORTO SULLE DICHIARAZIONI

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA PER LA RACCOLTA FIRME

NOTA ESPLICATIVA PER LA RACCOLTA FIRME NOTA ESPLICATIVA PER LA RACCOLTA FIRME PREMESSA Chi raccoglie le firme per il referendum deve essere consapevole che sta esercitando un diritto previsto dallʹart. 138 della Costituzione, e che tale diritto

Dettagli

TRATTATIVA AZIENDALE 20.09.2012

TRATTATIVA AZIENDALE 20.09.2012 TRATTATIVA AZIENDALE 20.09.2012 Odg Fondi contrattuali, varie ed eventuali. Per l'azienda sono presenti: dott.ssa Valori, dott.ssa Biancheri, dott.ssa Battistoni, dott.ssa Pellegrini, dott. Orlando Valori

Dettagli

COME MALAGROTTA HA SALVATO ROMA DALLA EMERGENZA RIFIUTI

COME MALAGROTTA HA SALVATO ROMA DALLA EMERGENZA RIFIUTI malagrotta_def_layout 1 04/01/12 10.24 Pagina 2 COME MALAGROTTA HA SALVATO ROMA DALLA EMERGENZA RIFIUTI ROMA, 1 GENNAIO 2012 Città delle Industrie Ambientali malagrotta-interno_layout 1 04/01/12 10.22

Dettagli

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA 1/6 MISSIONE IN CALABRIA 11 marzo 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA La seduta inizia alle 15.00. PRESIDENTE. Buongiorno. La Commissione la ringrazia. Ci scusiamo, ma come sempre siamo in

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO COMUNE DI ROSORA Provincia di Ancona REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO Approvato con delibera di C.C. n. 20 in data 25/07/2013 PREMESSA Il presente atto ha lo scopo di regolamentare

Dettagli

CASTELLO NEWS N 1 SUBITO AL LAVORO. Cari castellani,

CASTELLO NEWS N 1 SUBITO AL LAVORO. Cari castellani, CASTELLO NEWS N 1 SUBITO AL LAVORO Cari castellani, è la prima occasione utile per sentirci con un po' più di calma dopo queste due settimane, a parte qualche post su Facebook che ha tentato di dar conto

Dettagli

Allegato 1 Capitolato tecnico di gara d appalto, a procedura ristretta accelerata, per l affidamento di un servizio di

Allegato 1 Capitolato tecnico di gara d appalto, a procedura ristretta accelerata, per l affidamento di un servizio di Via Giuseppe Caraci, 36 Palazzina D 5 piano tel. 06.41.58.45.05 fax 06.41.73.30.90 Sito web : www.alboautotrasporto.it - e-mail : segreteria@alboautotrasporto.it Allegato 1 Capitolato tecnico di gara d

Dettagli

Dr. Domenico Rosati Giudice di Pace Coordinatore di Scandiano

Dr. Domenico Rosati Giudice di Pace Coordinatore di Scandiano Dr. Domenico Rosati Giudice di Pace Coordinatore di Scandiano TERMINE: 60gg dalla contestazione o dalla notificazione, sia per verbali con sanzioni pecuniarie, sia con aggiunta di sanzioni accessorie SOGGETTI

Dettagli

LA PATENTE A PUNTI CITTA DI CIRIE. Provincia di Torino

LA PATENTE A PUNTI CITTA DI CIRIE. Provincia di Torino CITTA DI CIRIE Provincia di Torino P. IVA 02084870019 C.F. 83000390019 www.comune.cirie.to.it Comando Polizia Municipale CAP 10073 Corso Nazioni Unite nr. 32 Tel. 011 9218190 - Fax 011 9205554 e-mail:

Dettagli

In Lombardia lo psicologo è «low cost»

In Lombardia lo psicologo è «low cost» CORRIERE DELLA SERA ON LINE (http://milano.corriere.it/milano/notizie/cronaca/09_ottobre_19/settimana-benessere-psicologico- 1601896219707.shtml LA SETTIMANA DEL BENESSERE PSICOLOGICO In Lombardia lo psicologo

Dettagli

RELAZIONE DEL TESORIERE SUL BILANCIO CONSUNTIVO 2014

RELAZIONE DEL TESORIERE SUL BILANCIO CONSUNTIVO 2014 RELAZIONE DEL TESORIERE SUL BILANCIO CONSUNTIVO 2014 Il bilancio consuntivo 2014 è stato redatto in conformità ai criteri di competenza finanziaria adottati nella redazione dei bilanci consuntivi da noi

Dettagli

dalla notifica del verbale n. 8763/2005, i dati personali e della patente del conducente, con

dalla notifica del verbale n. 8763/2005, i dati personali e della patente del conducente, con Sentenza n.360/05 Deciso il 22/12/05 Deposito il 02/02/06 Circolazione stradale Sanzioni - Contravvenzione per eccesso di velocità Contestazione in differita senza accertamento dell identità del conducente

Dettagli

IL MERCATO DELL AUTO OLTRE LA METÀ DEL GUADO

IL MERCATO DELL AUTO OLTRE LA METÀ DEL GUADO TAVOLA ROTONDA IL MERCATO DELL AUTO OLTRE LA METÀ DEL GUADO Palazzo Altieri - Sede di rappresentanza del Banco Popolare Traccia dell introduzione di Gian Primo Quagliano, Presidente Centro Studi Promotor

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE POLIDORI, VIGNALI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE POLIDORI, VIGNALI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 999 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI POLIDORI, VIGNALI Disposizioni per la razionalizzazione della gestione delle acque e istituzione

Dettagli

SPECIALE RIENTRO NELLA SCENA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI Il Presidente di Forza Italia alla scuola di formazione politica Forza Futuro, a Calvagese

SPECIALE RIENTRO NELLA SCENA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI Il Presidente di Forza Italia alla scuola di formazione politica Forza Futuro, a Calvagese SPECIALE RIENTRO NELLA SCENA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI Il Presidente di Forza Italia alla scuola di formazione politica Forza Futuro, a Calvagese della Riviera. L intervento del nostro leader in 20

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

CAUSE DI SOSPENSIONE PATENTE

CAUSE DI SOSPENSIONE PATENTE CAUSE DI SOSPENSIONE PATENTE SOSPENSIONE A TEMPO INDETERMINATO La patente viene sospesa a tempo indeterminato quando il candidato è assente all esame di revisione o non lo prenota nei tempi prescritti.

Dettagli

Corte d'appello di Roma: convegno sull'affidamento condiviso

Corte d'appello di Roma: convegno sull'affidamento condiviso Corte d'appello di Roma: convegno sull'affidamento condiviso Si è tenuto nella mattinata di lunedì il convegno organizzato dall Associazione Nonne Nonni Penalizzati dalle Separazioni presso la Corte d

Dettagli

La Sicurezza sul lavoro: dalla riforma del 2008 ad oggi

La Sicurezza sul lavoro: dalla riforma del 2008 ad oggi La Sicurezza sul lavoro: dalla riforma del 2008 ad oggi Roma Luglio 2014 La sicurezza è vita. CONFERENZA di NAPOLI 25 e 26 Gennaio 2007 La tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro è un tema

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

quindi la Federazione dei trasporti Astra, Federambiente e FederUtility.

quindi la Federazione dei trasporti Astra, Federambiente e FederUtility. Giancarlo CREMONESI (Presidente nazionale di Confservizi) Buonasera. Confservizi Industria rappresenta le tre federazioni di Servizi Pubblici Locali industriali, quindi la Federazione dei trasporti Astra,

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

DICHIARAZIONE DI PARTECIPAZIONE PROCEDURA NEGOZIATA

DICHIARAZIONE DI PARTECIPAZIONE PROCEDURA NEGOZIATA DICHIARAZIONE DI PARTECIPAZIONE PROCEDURA NEGOZIATA Spettabile Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza Veterinari Via Castelfidardo, 41 00185 Roma Appalto Lavori di manutenzione straordinaria e ristrutturazione

Dettagli

Gestione del Mose. Un attenta sentinella proteggerà Venezia e la laguna dalle acque alte. Le acque alte del 2012. Se ci fosse stato il Mose...

Gestione del Mose. Un attenta sentinella proteggerà Venezia e la laguna dalle acque alte. Le acque alte del 2012. Se ci fosse stato il Mose... 17 Gestione del Mose. Un attenta sentinella proteggerà Venezia e la laguna dalle acque alte Le acque alte del 2012 Se ci fosse stato il Mose... Dopo un anno di pausa che aveva persino distratto dal problema,

Dettagli

CONAPO BOTTA E RISPOSTA TRA IL CONAPO DI PAVIA ED IL COMANDANTE PROVINCIALE ING. VINCENZO GIORDANO SUL FUNZIONAMENTO DEL DISTACCAMENTO DI BRONI.

CONAPO BOTTA E RISPOSTA TRA IL CONAPO DI PAVIA ED IL COMANDANTE PROVINCIALE ING. VINCENZO GIORDANO SUL FUNZIONAMENTO DEL DISTACCAMENTO DI BRONI. CONAPO "nella nostra autonomia la Vostra sicurezza" Sezione Provinciale PAVIA email : conapo.pavia@conapo.it uuu SINDACATO AUTONOMO VIGILI DEL FUOCO BOTTA E RISPOSTA TRA IL CONAPO DI PAVIA ED IL COMANDANTE

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri.

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri. «La famiglia ammazza piú della mafia». Tutto è iniziato da qui, dal titolo di un articolo che commentava i dati di una ricerca. Era il 2007 e in Italia la legge sullo stalking non esisteva ancora. Secondo

Dettagli

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA 1/7

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA 1/7 1/7 CAMERA DEI DEPUTATI SENATO DELLA REPUBBLICA COMMISSIONE PARLAMENTARE DI INCHIESTA SULLE ATTIVITÀ ILLECIRE CONNESSE AL CICLO DEI RIFIUTI RESOCONTO STENOGRAFICO MISSIONE MARTEDÌ 14 LUGLIO 2009 PRESIDENZA

Dettagli

AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA: PIÙ OMBRE CHE LUCI

AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA: PIÙ OMBRE CHE LUCI AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA: PIÙ OMBRE CHE LUCI Vittorio Meddi Analisi critica del nuovo regime in vigore che riserva alle Soprintendenze il potere di esprimere parere preliminare vincolante sugli interventi

Dettagli

COMUNE DI CARMIANO CONSIGLIO COMUNALE DEL 30 GENNAIO 2012 PUNTO 6 O.D.G.

COMUNE DI CARMIANO CONSIGLIO COMUNALE DEL 30 GENNAIO 2012 PUNTO 6 O.D.G. COMUNE DI CARMIANO CONSIGLIO COMUNALE DEL 30 GENNAIO 2012 PUNTO 6 O.D.G. Realizzazione di una bretella stradale di collegamento tra la SP 13 Carmiano- Novoli e la SP 121 Carmiano-Villa Convento. Approvazione

Dettagli

I servizi pubblici come fattore di produttività per le imprese e di qualità della vita per i cittadini

I servizi pubblici come fattore di produttività per le imprese e di qualità della vita per i cittadini I servizi pubblici come fattore di produttività per le imprese e di qualità della vita per i cittadini FORUM PA - 18 maggio 2010 Carlo Crea - Segretariato generale Autorità per l'energia elettrica e il

Dettagli

VERBALE N 10. Punto 1: Lettura ed approvazione verbale seduta precedente.

VERBALE N 10. Punto 1: Lettura ed approvazione verbale seduta precedente. ISTITUTO COMPRENSIVO "G. CURIONI" Scuola dell Infanzia Primaria Secondaria di I grado: Romagnano Sesia - Ghemme Scuola Primaria: Prato Sesia - Sizzano Sede: Vicolo Asilo, 3-28078 Romagnano Sesia (NO) Tel.

Dettagli

ASILI NIDO PRIVATI E SCUOLE DELL'INFANZIA PRIVATE A CAGLIARI - LA RISPOSTA ALL'INTERROGAZIONE

ASILI NIDO PRIVATI E SCUOLE DELL'INFANZIA PRIVATE A CAGLIARI - LA RISPOSTA ALL'INTERROGAZIONE ASILI NIDO PRIVATI E SCUOLE DELL'INFANZIA PRIVATE A CAGLIARI - LA RISPOSTA ALL'INTERROGAZIONE Author : admin 1 / 12 Abbiamo promosso, qualche mese fa, anche in seguito al risultato del referendum comunale

Dettagli

Il ruolo degli Ordini professionali nella promozione e nella divulgazione dei temi tecnici

Il ruolo degli Ordini professionali nella promozione e nella divulgazione dei temi tecnici Il ruolo degli Ordini professionali nella promozione e nella divulgazione dei temi tecnici Cari colleghi, è con grande piacere che prendo la parola in una giornata di lavori che si sta proponendo come

Dettagli

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Fabio Ragaini, Gruppo Solidarietà Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Con Ordinanza 189/2010, www.grusol.it/informazioni/12-04-10.pdf, Il Tar delle

Dettagli

Gli attori coinvolti e i loro compiti. Le sanzioni e le disposizioni in materia penale e civile

Gli attori coinvolti e i loro compiti. Le sanzioni e le disposizioni in materia penale e civile Gli attori coinvolti e i loro compiti Le sanzioni e le disposizioni in materia penale e civile 0 Presentazione In questa lezione parleremo dell impianto sanzionatorio introdotto dal Testo Unico. La nuova

Dettagli

Nessuno però ha chiesto : come mai?...piuttosto in molti han preferito fare tutto da soli, sia la domanda che le risposte.

Nessuno però ha chiesto : come mai?...piuttosto in molti han preferito fare tutto da soli, sia la domanda che le risposte. Mino Costabile un semplice appassionato con un ruolo istituzionale di Grandi Responsabilità. Amici del motocross Puglia, doverosamente penso di dover fornire delle spiegazioni in merito alle posizioni

Dettagli

Al Signor PRESIDENTE del Consiglio Comunale di SOLOPACA. Al SINDACO del Comune di SOLOPACA. Al SEGRETARIO del Comune di SOLOPACA

Al Signor PRESIDENTE del Consiglio Comunale di SOLOPACA. Al SINDACO del Comune di SOLOPACA. Al SEGRETARIO del Comune di SOLOPACA Al Signor PRESIDENTE del Consiglio Comunale di SOLOPACA Al SINDACO del Comune di SOLOPACA Al SEGRETARIO del Comune di SOLOPACA OGGETTO: INTERROGAZIONE" Ai sensi degli artt. 43 del D.Lgs. 267/2000 e 40

Dettagli

Consiglio di Stato, sezione VI, n. 2508 del 02/05/2012

Consiglio di Stato, sezione VI, n. 2508 del 02/05/2012 Consiglio di Stato, sezione VI, n. 2508 del 02/05/2012 Siamo di fronte ad un esempio di vera e propria giurisprudenza creativa che di fatto introduce nell ordinamento un principio nuovo, per di più in

Dettagli

CO M U N E D I PATERNO Provincia di Catania

CO M U N E D I PATERNO Provincia di Catania Prot. N. 454/Gab. Paternò, lì 20 Febbraio 2013 Al Signor Presidente del Consiglio Comunale Sede Oggetto: Relazione sullo stato dell emergenza rifiuti a Paternò. La presente relazione si pone l obiettivo

Dettagli

CANOVACCIO PER LA CONDUZIONE DELL ANIMAZIONE TEATRALE NELLE SCUOLE SECONDARIE DI PRIMO GRADO

CANOVACCIO PER LA CONDUZIONE DELL ANIMAZIONE TEATRALE NELLE SCUOLE SECONDARIE DI PRIMO GRADO CANOVACCIO PER LA CONDUZIONE DELL ANIMAZIONE TEATRALE NELLE SCUOLE SECONDARIE DI PRIMO GRADO Durata complessiva: max. 1h30-2h Persone necessarie: un attore, un attrice, uno/due animatore/i (nel caso di

Dettagli

ELEZIONI REGIONALI 28-29 MARZO 2010 CON RENATA POLVERINI PRESIDENTE

ELEZIONI REGIONALI 28-29 MARZO 2010 CON RENATA POLVERINI PRESIDENTE ELEZIONI REGIONALI 28-29 MARZO 2010 CON RENATA POLVERINI PRESIDENTE IL FUTURO È ADESSO Con le elezioni regionali del prossimo marzo abbiamo la possibilità di portare la nostra regione e il nostro territorio

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 10 DEL 9-03-1995 REGIONE VENETO. Norme per il riordinamento degli enti di edilizia residenziale pubblica

LEGGE REGIONALE N. 10 DEL 9-03-1995 REGIONE VENETO. Norme per il riordinamento degli enti di edilizia residenziale pubblica Legge 1995010 Pagina 1 di 11 LEGGE REGIONALE N. 10 DEL 9-03-1995 REGIONE VENETO Norme per il riordinamento degli enti di edilizia residenziale pubblica Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE VENETO

Dettagli

LEGITTIMA DIFESA. Testi a cura di: Fulvio Rossi Ex Magistrato Ideatore della Palestra dei Diritti e dei corsi di Democrazia di Genere

LEGITTIMA DIFESA. Testi a cura di: Fulvio Rossi Ex Magistrato Ideatore della Palestra dei Diritti e dei corsi di Democrazia di Genere LEGITTIMA DIFESA Testi a cura di: Fulvio Rossi Ex Magistrato Ideatore della Palestra dei Diritti e dei corsi di Democrazia di Genere Torino aprile 2013 LEGITTIMA DIFESA La legittima difesa, come disciplinata

Dettagli

Forme di estinzione individuale del rapporto di lavoro

Forme di estinzione individuale del rapporto di lavoro C 14 a p i t o l o Forme di estinzione individuale del rapporto di lavoro 1 I principi generali dei licenziamenti individuali Il licenziamento è considerato legittimo soltanto quando sussistono alcune

Dettagli

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO La vittoria della coalizione del centrosinistra alle elezioni Comunali di Milano di quest anno ha aperto uno scenario inedito che deve essere affrontato con lungimiranza e visione per riuscire a trovare

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI Commissione VIII Ambiente, territorio e lavori pubblici

CAMERA DEI DEPUTATI Commissione VIII Ambiente, territorio e lavori pubblici CAMERA DEI DEPUTATI Commissione VIII Ambiente, territorio e lavori pubblici PROPOSTE DI LEGGE C 4240 B e C 5060 MODIFICHE AL DECRETO LEGISLATIVO 3 APRILE 2006, N. 152 ED ALTRE DISPOSIZIONI IN MATERIA AMBIENTALE

Dettagli

POLIZIA MUNICIPALE RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2010 1

POLIZIA MUNICIPALE RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2010 1 POLIZIA MUNICIPALE RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2010 1 ATTIVITA UNITA SEGRETERIA NOTIFICHE - CONTENZIOSO CODICE DELLA STRADA 2009 2010 VIOLAZIONI ACCERTATE 16.292 16.721 DIVIETI DI SOSTA 15.784 15.679 PARCHEGGI

Dettagli

Alfredo Bertelli. Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regione Emilia-Romagna

Alfredo Bertelli. Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regione Emilia-Romagna Alfredo Bertelli Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regione Emilia-Romagna Il convegno organizzato oggi dalla Prefettura di Bologna rappresenta un occasione importante di confronto. Proprio per

Dettagli

Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario

Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario Scopri come i grandi investitori hanno posto le basi per il loro successo. Tutto quello che devi assolutamente conoscere prima

Dettagli

LA RAGAZZA DELLA FOTO

LA RAGAZZA DELLA FOTO dai 9 anni LA RAGAZZA DELLA FOTO LIA LEVI Illustrazioni di Desideria Guicciardini Serie Arancio n 78 Pagine: 240 Codice: 978-88-566-3995-7 Anno di pubblicazione: 2014 L AUTRICE Lia Levi, di famiglia ebrea,

Dettagli