ICF DALLA CONDIVISIONE DEL LINGUAGGIO, ALL OSSERVAZIONE PARTECIPATA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ICF DALLA CONDIVISIONE DEL LINGUAGGIO, ALL OSSERVAZIONE PARTECIPATA"

Transcript

1 La rivoluzione dell ICF: ogni persona, in qualunque momento della vita, può avere una condizione di salute che in un contesto sfavorevole diventa disabilità. M. Leonardi ICF DALLA CONDIVISIONE DEL LINGUAGGIO, ALL OSSERVAZIONE PARTECIPATA

2 ICF-CY- CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO, DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE ICF è uno strumento che parla di SALUTE, non di disabilità o patologie Lo scopo generale dell ICF è quello di fornire un linguaggio standard e unificato che serva da modello di riferimento per la descrizione delle componenti della salute e degli stati ad essa correlati.

3 ICF- SALUTE La salute è uno stato dell intera persona, uno stato di completo benessere fisico, mentale e sociale, non soltanto come un assenza di malattia o d infermità. L'ICF quindi riguarda tutti noi, in quanto portatori di salute

4 ICF- FUNZIONAMENTO E la capacità di ognuno di vivere la propria vita pienamente nella società Nell'ICF è utilizzato per indicare gli aspetti positivi dell interazione tra un individuo ( con una condizione di salute) e i fattori contestuali ( ambientali e personali)

5 ICF- DISABILITA E quella condizione generata dagli aspetti negativi dell interazione tra l individuo e il suo ambiente Nell'ICF è utilizzato per indicare l aspetto negativo dell interazione tra un individuo e i fattori contestuali dello stesso individuo

6 ICF- MODELLO SOCIALE L ICF recepisce pienamente il modello sociale della disabilità e promuove un approccio globale alla persona attento alle potenzialità complessive, alle varie risorse del soggetto, al contesto, personale, naturale, sociale e culturale, incide decisamente nella possibilità che tali risorse hanno di esprimersi.

7 Nella prospettiva dell ICF, la partecipazione alle attività sociali di una persona con disabilità è determinata dall interazione della sua condizione di salute (a livello di strutture e di funzioni corporee) con le condizioni ambientali, culturali, sociali e personali (definite fattori contestuali) in cui essa vive.

8 ICF CONTESTO Nel modello ICF assume quindi valore prioritario il CONTESTO, i cui molteplici elementi possono essere barriere, qualora ostacolino l attività e la partecipazione della persona facilitatori, nel caso in cui, invece, favoriscano tali attività e partecipazione

9 LO STRUMENTO COMPONENTI DELL ICF Funzioni e strutture corporee Attività e partecipazione Fattori ambientali Funzioni Strutture Capacità Performance Barriere Facilitatori

10 IL GLOSSARIO per usare lo strumento ICF COMPONENTE È definita componente una delle parti che costituisce la struttura della classificazione ICF. La classificazione è organizzata suddividendo le informazioni sulla salute della persona in due parti. Ogni parte è composta da due componenti: Prima Parte: FUNZIONAMENTO E DISABILITÀ Seconda Parte: FATTORI CONTESTUALI

11 Componenti Parte 1: Funzionamento e Disabilità Funzioni e Strutture Corporee Attività e Partecipazione Parte 2: Fattori Contestuali Fattori ambientali Fattori personali Domini Funzioni Corporee Strutture Corporee Aree di vita ( compiti, azioni) Influenze esterne su Funzionamento e Disabilità Influenze interne su Funzionamento e Disabilità Costrutti Cambiamento nelle funzioni corporee (fisiologico) Cambiamento nelle strutture corporee (anatomico) (anatomiche) Capacità Eseguire compiti in un ambiente standard Performance Eseguire compiti nell ambiente usuale Impatto facilitante o ostacolante delle caratteristiche del mondo fisico, sociale e degli atteggiamenti Impatto delle caratteristiche della persona Aspetto positivo Integrità funzionale e Strutturale Attività Partecipazione Facilitatori Non applicabile Funzionamento

12 ICF- IL MODELLO BIO PSICO SOCIALE CONDIZIONI FISICHE ( input biologico) CORPO Funzioni corporee Strutture corporee FUNZIONI E STRUTTURE CAPACITÀ Attività personali PERFORMANCE RUOLI SOCIALI Partecipazione sociale BARRIERE FACILITATORI FATTORI CONTESTUALI ( input contestuale) Ambientali Personali Alessandro Sacchella 12

13 ICF- IL MODELLO BIO PSICO SOCIALE CONDIZIONI FISICHE ( input biologico) CORPO Funzioni corporee Strutture corporee FUNZIONI E STRUTTURE CAPACITÀ Attività personali PERFORMANCE RUOLI SOCIALI Partecipazione sociale BARRIERE FACILITATORI FATTORI CONTESTUALI ( input contestuale) Ambientali Personali Alessandro Sacchella 13

14 componenti e struttura ICF ICF Classificazione Parte 1: Funzionamento e disabilità Parte 2: Fattori contestuali Parti Funzioni e strutture corporee Attività e partecipazione Fattori ambientali Fattori personali Componenti Cambio nelle funzioni Cambio nelle strutture Capacità Performance Facilitatori / barriere Costrutti o qualificatori Item levels: 1 st 2 nd 3 rd 4 th Item levels: 1 st 2 nd 3 rd 4 th Item levels: 1 st 2 nd 3 rd 4 th Item levels: 1 st 2 nd 3 rd 4 th Item levels: 1 st 2 nd 3 rd 4 th Domini e categorie a differenti livelli

15 CONDIZIONI FISICHE FUNZIONI CORPOREE Funzioni: mentali, sensoriali, della voce, circolatorie, respiratorie, digerenti, riproduttive, neuromuscoloscheletriche, della cute STRUTTURECORPOREE Sistema Nervoso, occhio, orecchio, corde vocali, cuore, polmoni, stomaco, muscoli, ossa, cute, genitali ATTIVITA PERSONALI Esecuzione di un compito azione 1. Apprendimento e applicazione delle conoscenze 2. Compiti e richieste generali 3. Comunicazione 4. Mobilità 5. Cura della propria persona 6. Vita domestica 7. Interazione o relazioni interpersonali PARTECIPAZIONE SOCIALE Coinvolgimento in diverse situazioni di vita: 8. Aree di vita principali (Istruzione, Lavoro ) 9. Vita sociale, civile, di comunità FATTORI AMBIENTALI 1. Prodotti e tecnologie 2. Adattamenti ambientali 3. Relazioni e sostegno sociale 4. Atteggiamenti 5. Servizi, sistemi e politiche FATTORI PERSONALI Aspetti psicologici, affettivi comportamentali 1. Stile di vita 2. Stili caratteriali e comportamentali 3. Motivazioni e Aspettative 4. Autoefficacia 5. Emotività Alessandro Sacchella 6. Comportamenti problema 15

16 IL GLOSSARIO per usare lo strumento ICF ATTIVITÀ E PARTECIPAZIONE COMPONENTE L attività è l esecuzione di un compito o di un azione da parte di un individuo. La partecipazione è il coinvolgimento in una situazione di vita. Le limitazioni dell attività sono le difficoltà che un individuo può incontrare nello svolgere delle attività Le restrizioni alla partecipazione sono i problemi che un individuo può sperimentare nel coinvolgimento nelle situazioni di vita

17 IL GLOSSARIO per usare lo strumento ICF ATTIVITÀ E PARTECIPAZIONE COMPONENTE Elenco dei TITOLI E DEI CAPITOLI dell'icf: attività e partecipazione Apprendimento e applicazione delle conoscenze Compiti e richieste generali Comunicazione Mobilità Cura della propria persona Vita domestica Interazioni e relazioni interpersonali Aree di vita principali Vita sociale, civile e di comunità

18 IL GLOSSARIO per usare lo strumento ICF DOMINIO Il concetto di salute è ampio e per questo viene suddiviso per praticità in una serie di ambiti denominati domini. Nello specifico della classificazione ICF il dominio è un insieme pratico e significativo di aree che fanno parte delle varie componenti, cioè un insieme di funzioni fisiologiche, di strutture anatomiche, di AZIONI, DI COMPITI o di aree di vita collegate. Ogni azione ha un CODICE che può essere indipendente o correlato con altri codici

19 d1 d2 d3 d4 d5 Prendersi cura di singole parti del corpo- Prendersi cura della propria salute -Vestirsi- Mangiare/Bere d6 Procurarsi i beni necessari- Compiti casalinghi- Prendersi cura degli oggetti della casa e assistere gli altri d7 Interazioni interpersonali generali- Relazioni interpersonali particolari d8 APPRENDIMENTO E APPLICAZIONE DELLE CONOSCENZE d110-d129 Esperienze sensoriali intenzionali ( guardare- ascoltare- ) d130-d159- Apprendimento di base ( copiare acquisire il linguaggio imparare a leggere a scrivere a calcolare) d160- d179 Applicazione delle conoscenze ( leggere scrivere calcolare- prendere decisioni ) COMPITI E RICHIESTE GENERALI Intraprendere un compito singolo- Intraprendere compiti articolati - Eseguire la routine quotidiana Controllare il proprio comportamento COMUNICAZIONE Comunicare-ricevere - Comunicare-produrre - Comunicazione e uso di strumenti e tecniche di comunicazione MOBILITÀ Cambiare e mantenere una posizione corporea- Trasportare, spostare e maneggiare oggetti- Camminare e spostarsi- Muoversi usando un mezzo di trasporto CURA DELLA PROPRIA PERSONA VITA DOMESTICA INTERAZIONI E RELAZIONI INTERPERSONALI AREE DI VITA FONDAMENTALI Istruzione- Lavoro e impiego- Vita economica DOMINI d9 VITA SOCIALE, CIVILE E DI COMUNITÀ Alessandro Sacchella 19 Vita nella comunità- Ricreazione e tempo libero- Religione e spiritualità- Diritti umani- Vita politica e

20 IL GLOSSARIO per usare lo strumento ICF QUALIFICATORI- Attività e Partecipazione PERFORMANCE descrive ciò che un individuo fa nel suo ambiente attuale CAPACITA descrive l abilità di un individuo di eseguire un compito o un azione La Performance viene considerata come il coinvolgimento in una situazione di vita o esperienza vissuta delle persone nel contesto reale in cui vivono. Include i fattori ambientali La Capacità indica il più alto livello probabile di funzionamento che una persona può raggiungere in un dato dominio, in uno specifico momento in un ambiente standard o uniforme La capacità riflette l abilità dell individuo adattata all ambiente. La discrepanza tra performance e capacità fornisce una utile guida riguardo alle modifiche da attuare nell ambiente del individuo per migliorare la sua performance. Alessandro Sacchella 20

21 IL GLOSSARIO per usare lo strumento ICF Attività e Partecipazione 2 - QUALIFICATORI PERFORMANCE L abilità di eseguire un compito o un azione con l influsso, positivo o negativo, di fattori contestuali ambientali e/o personali CAPACITA L abilità di eseguire un compito o un azione senza l influsso, positivo o negativo, di fattori contestuali e/o personali xxx.0 xxx.1 xxx.2 xxx.3 xxx.4 xxx.8 xxx.9 NESSUNA difficoltà (assente, trascurabile...) difficoltà LIEVE (leggera, piccola...) difficoltà MEDIA (moderata, discreta...) difficoltà GRAVE (notevole, estrema...) difficoltà COMPLETA (totale...) non specificato non applicabile

22 IL GLOSSARIO per usare lo strumento ICF FATTORI AMBIENTALI comprendono l ambiente fisico, sociale e degli atteggiamenti in cui le persone vivono e conducono la loro esistenza Due livelli : 1- INDIVIDUALE : cioè l ambiente personale dell individuo inclusi la casa, il luogo di lavoro e la scuola 2- SOCIALE : cioè tutte le strutture sociali formali e informali, i servizi e le principali interazioni nella comunità o nella società che hanno un impatto sugli individui

23 IL GLOSSARIO per usare lo strumento ICF FATTORI AMBIENTALI BARRIERE fattori che mediante la loro presenza o assenza limitano in funzionamento e CREANO disabilità XXX. 0 nessuna barriera, assente, trascurabile XXX. 1 barriera lieve, leggera, piccola XXX. 2 barriera media, moderata, discreta XXX. 3 barriera grave, notevole, estrema XXX. 4 barriera completa, totale

24 IL GLOSSARIO per usare lo strumento ICF FATTORI AMBIENTALI FACILITATORI fattori che mediante la loro presenza o assenza limitano in funzionamento e RIDUCONO la disabilità XXX + 0 nessun facilitatore, assente, trascurabile XXX + 1 facilitatore lieve, leggero, piccolo XXX + 2 facilitatore medio, moderato, discreto XXX + 3 facilitatore grave, notevole, estremo XXX + 4 facilitatore completo, totale XXX. 8 barriera non specificata XXX + 8 facilitatore non specificato XXX. 9 non applicabile Alessandro Sacchella 24

25 DAL GLOSSARIO ICF ALL OSSERVAZIONE PARTECIPATA 25

26 COME FARE UNA CHECKLIST OSSERVAZIONE E RACCOLTA DATI a) OSSERVAZIONI INIZIALI DI TUTTI GLI INSEGNANTI utilizzando i domini di attività e partecipazione b) COMPILAZIONE CHECKLIST

27 OSSERVAZIONE PARTECIPATA L osservazione educativa rappresenta una fase propedeutica essenziale sia ai fini di una compilazione consapevole del protocollo ICF, sia soprattutto quale attuazione del valore riconosciuto della dignità e della legittimità dell essere dell alunno come persona. Tramite l osservazione si intende dare la parola al soggetto nell assumerlo quale interlocutore prioritario all interno di un dialogo educativo proiettato all autonoma realizzazione. Risultano importanti allo scopo le eventuali conoscenze pregresse che la documentazione scolastica esprime in un processo di continuità fra ordini di scuola.

28 OSSERVAZIONI INIZIALI DI TUTTI GLI INSEGNANTI (domande guida da condividere e utilizzare collegialmente) da fare entro fine ottobre APPRENDIMENTO E APPLICAZIONE DELLE CONOSCENZE Questo dominio riguarda l apprendimento, l applicazione delle conoscenze acquisite, il pensare, il risolvere problemi e il prendere decisioni. Ha capacità di attenzione? Ha capacità di memorizzazione? Ha capacità di concentrazione? Usa le competenze acquisite in modo spontaneo? Come esprime quanto richiesto in forma orale? E in forma scritta Note

29 OSSERVAZIONE E CHECKLIST In un secondo momento viene operata un azione selettiva e mirata del complessivo protocollo ICF, modulandolo sui dati emersi dall osservazione e sulla diagnosi funzionale elaborata dall èquipe neuropsichiatrica. Dell apparato organico del protocollo, vengono selezionate : LE COMONENTI - I DOMINI - I CODICI che risultano più significativi sia in ordine ad una migliore conoscenza delle capacità e delle performance dell alunno, al fine di elaborare una conoscenza analitica e contestuale del soggetto stesso e della sua storia clinica e scolastica, evidenziando non solo gli ostacoli e le lacune, ma anche le possibilità, le abilità, i punti forza del suo quadro globale.

30 OSSERVAZIONE E CHECKLIST Si procede quindi all attribuzione di QUALIFICATORI corrispondenti ai domini ed ai codici aperti per rilevare il gap fra CAPACITÀ E PERFORMANCE, e quindi prevedere azioni di - riduzione di eventuali barriere, - potenziamento di abilità. 30

31 OSSERVAZIONE E CHECKLIST La terza azione è data dal passaggio dall analisi alla sintesi, ovvero dai dati al profilo dell alunno/studente. A questo scopo si rivela visivamente facilitante il ricorso a grafici rappresentativi che offrono una prospettiva di immediata intuibilità del funzionamento e della salute del soggetto. Sarà possibile, a questo punto, superare la fase analitica tratteggiata nel profilo per accedere ad azioni propriamente educative e di progettazione.

32 SCHEDA RILEVAZIONE PER LAVORO DI GRUPPO Breve presentazione del caso con profilo dell alunno Dati ricavati della DF Dati ricavati dal PDF e dal PEI Dati ricavati dai colloqui con la famiglia Dati ricavati dai servizi coinvolti Altro

ICF a scuola Indicazioni operative

ICF a scuola Indicazioni operative UST Cremona In collaborazione con CTS Cremona ICF a scuola Indicazioni operative Paola Romagnoli a.s. 2013-2014 Che cos è l ICF? È un sistema di classificazione multidisciplinare, innovativo per impostazione,

Dettagli

L ICF - Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute

L ICF - Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute L ICF - Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute CHE COS È È una classificazione della salute e dei domini ad essa correlati che aiuta a descrivere i cambiamenti

Dettagli

Approfondimenti su I C F C Y: Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute

Approfondimenti su I C F C Y: Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute Approfondimenti su I C F C Y: Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute La funzione generale della classificazione ICF è quella di fornire un linguaggio standard

Dettagli

Centro Territoriale per l Integrazione di Garda

Centro Territoriale per l Integrazione di Garda Centro Territoriale per l Integrazione di Garda CORSO DI FORMAZIONE: Strategie didattiche e organizzative per una didattica inclusiva Le applicazioni in ambito educativo del modello ICF. Relatore: Dr.ssa

Dettagli

ICF ed INCLUSIONE PROF.SSA EMANUELA D AMBROS LICEO STATALE C. PORTA ERBA

ICF ed INCLUSIONE PROF.SSA EMANUELA D AMBROS LICEO STATALE C. PORTA ERBA ICF ed INCLUSIONE PROF.SSA EMANUELA D AMBROS LICEO STATALE C. PORTA ERBA La scuola oggi presenza sempre più diffusa di alunni con Bisogni Educativi Speciali. SEN SPECIAL EDUCATIONAL NEEDS Occorre ripensare

Dettagli

DOMINI / AREE PRINCIPALI CLASSIFICAZIONE ICF-CY (OMS, 2007)

DOMINI / AREE PRINCIPALI CLASSIFICAZIONE ICF-CY (OMS, 2007) DOMINI / AREE PRINCIPALI CLASSIFICAZIONE ICF-CY (OMS, 2007) Capitolo 1 Funzioni mentali FUNZIONI CORPOREE Funzioni mentali globali (b110-b139) b110 Funzioni della coscienza b114 Funzioni dell orientamento

Dettagli

LA DIAGNOSI FUNZIONALE SECONDO L ICFL

LA DIAGNOSI FUNZIONALE SECONDO L ICFL LA DIAGNOSI FUNZIONALE SECONDO L ICFL Dario Ianes Centro Studi Erickson Università di Bolzano www.darioianes.it 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it VALUTAZIONE O DIAGNOSI? 1. Diagnosi come corretto riconoscimento

Dettagli

Dal profilo dell'alunno alla progettazione del contesto e delle. di qualità

Dal profilo dell'alunno alla progettazione del contesto e delle. di qualità Dal profilo dell'alunno alla progettazione del contesto e delle azioni per un'inclusione scolastica di qualità Chiara Carabelli I.C. S. Fedele Intelvi Carabelli Chiara 1 indice Dalla diagnosi al profilo

Dettagli

A cura del Prof. Antonio Pignatto. ANTIFORMA S.r.l. Via M. Aurelio, 55 Milano Tel: 02 28.97.02.49 www.antiforma.it

A cura del Prof. Antonio Pignatto. ANTIFORMA S.r.l. Via M. Aurelio, 55 Milano Tel: 02 28.97.02.49 www.antiforma.it I BISOGNI DEL PAZIENTE AUDIOLESO, TRA SALUTE E DISABILITA A cura del Prof. Antonio Pignatto ANTIFORMA S.r.l. Via M. Aurelio, 55 Milano Tel: 02 28.97.02.49 www.antiforma.it ICF Un nuovo membro della famiglia

Dettagli

ICF CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE

ICF CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE ICF CLASSIFICAZIONE INTERNATIONAL CLASSIFICATION OF FUNCTIONING, DISABILITY AND HEALTH INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE COMMISSIONE DISAGIO E DISABILITÀ A. S. 2010- PREMESSA

Dettagli

NUOVE TECNOLOGIE E DISABILITÀ: DAL DIRE AL FARE

NUOVE TECNOLOGIE E DISABILITÀ: DAL DIRE AL FARE NUOVE TECNOLOGIE E DISABILITÀ: DAL DIRE AL FARE Dir. Min.27/12/2012 STRUMENTI D INTERVENTO PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI E ORGANIZZAZIONE TERRITORIALE PER L INCLUSIONE SCOLASTICA Fondandosi

Dettagli

ICF : approccio educativo. Elisabetta Ghedin Facoltà di Scienze della Formazione

ICF : approccio educativo. Elisabetta Ghedin Facoltà di Scienze della Formazione ICF : approccio educativo Elisabetta Ghedin Facoltà di Scienze della Formazione LINEE GUIDA PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITA L ICF sta penetrando nelle pratiche di diagnosi condotte

Dettagli

Utilizzo della Classificazione ICF Esperienza della Regione Lazio

Utilizzo della Classificazione ICF Esperienza della Regione Lazio Utilizzo della Classificazione ICF Esperienza della Regione Lazio ICF, OUTCOME e RIABILITAZIONE Perugia, 24 giugno 2011 Gabriella Guasticchi - Rita De Giuli Perché l ICF nel Sistema Informativo per l Assistenza

Dettagli

ICF e INCLUSIONE. Heidrun Demo, PhD Libera Università di Bolzano. Erba 20 ottobre 2011

ICF e INCLUSIONE. Heidrun Demo, PhD Libera Università di Bolzano. Erba 20 ottobre 2011 ICF e INCLUSIONE Heidrun Demo, PhD Libera Università di Bolzano Erba 20 ottobre 2011 CHE COS E L INCLUSIONE? Quali alunni riguarda? Che interventi richiede? Che risorse chiede di attivare? E diversa dall

Dettagli

Pescara 2 dicembre 2011 Dott.ssa Monica Pradal - pedagogista

Pescara 2 dicembre 2011 Dott.ssa Monica Pradal - pedagogista VERSO UNA SCUOLA INCLUSIVA DALL ICF AL PEI Pescara 2 dicembre 2011 Dott.ssa Monica Pradal - pedagogista CHE COS E L ICF? Un modello concettuale di approccio globale al funzionamento della persona, che

Dettagli

GLOSSARIO TERMINI ICF E AAMR CON SUGGERIMENTI PER IL LORO UTILIZZO. ATTIVITA & PARTECIPAZIONE (ICF 2001)...pg 2. CAPACITA (ICF 2001)...

GLOSSARIO TERMINI ICF E AAMR CON SUGGERIMENTI PER IL LORO UTILIZZO. ATTIVITA & PARTECIPAZIONE (ICF 2001)...pg 2. CAPACITA (ICF 2001)... GLOSSARIO TERMINI ICF E AAMR CON SUGGERIMENTI PER IL LORO UTILIZZO ATTIVITA & PARTECIPAZIONE (ICF 2001)........................pg 2 CAPACITA (ICF 2001).............................................pg 4

Dettagli

PSICOLOGIA DELL HANDICAP E DELLA RIABILITAZIONE

PSICOLOGIA DELL HANDICAP E DELLA RIABILITAZIONE PSICOLOGIA DELL HANDICAP E DELLA RIABILITAZIONE DISABILITÀ E ICF PROF. FINO BUONO SVILUPPO DEL CONCETTO DI DISABILITA DA MODELLI BASATI SUL DEFICIT A MODELLI ECOLOGICI I MODELLI MEDICI ERANO CENTRATI SULLE

Dettagli

WP7 Predisposizione strumenti condivisi da utilizzare: protocollo ICF PEI

WP7 Predisposizione strumenti condivisi da utilizzare: protocollo ICF PEI WP7 Predisposizione strumenti condivisi da utilizzare: protocollo ICF PEI Premessa: la necessità di sviluppare strumenti di valutazione basati su ICF Il livello di partecipazione alle attività scolastiche

Dettagli

Dr Matilde Leonardi Co-Chair WHO-ICF children group Coordinatore Scientifico Progetto ICF in Italia Responsabile Progetto Disabilità INN CB

Dr Matilde Leonardi Co-Chair WHO-ICF children group Coordinatore Scientifico Progetto ICF in Italia Responsabile Progetto Disabilità INN CB L ICF e la sua filosofia Bolzano 18 novembre 2004 Dr Matilde Leonardi Co-Chair WHO-ICF children group Coordinatore Scientifico Progetto ICF in Italia Responsabile Progetto Disabilità INN CB IRCCS Istituto

Dettagli

Variabile Ecologica Costrutto teorico Strumento / Unità di Misura

Variabile Ecologica Costrutto teorico Strumento / Unità di Misura La Matrice Ecologica a Scuola: utilizzo estensivo dell ICF CY per la definizione degli Obiettivi di Miglioramento della Qualità di Vita a Scuola e la Pianificazione Educativa Personalizzata Luoghi della

Dettagli

M1. Le definizioni di menomazione, disabilità ed handicap

M1. Le definizioni di menomazione, disabilità ed handicap L ICF è la classificazione internazionale del funzionamento della disabilità e della salute. La famiglia delle classificazioni internazionali dell OMS fornisce un modello di riferimento che consente di

Dettagli

ALCUNE SIGLE. PDV= PROGETTO DI VITA si basa sulla

ALCUNE SIGLE. PDV= PROGETTO DI VITA si basa sulla DAL PEI AL PDV ALCUNE SIGLE PDV= PROGETTO DI VITA si basa sulla CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO, DELLA DISABILITA' E DELLA SALUTE LUNGO TUTTO L ARCO DELLA VITA (ICF) rivolto ai bambini

Dettagli

GLOSSARIO TERMINI ICF-CY

GLOSSARIO TERMINI ICF-CY GLOSSARIO TERMINI ICF-CY CON QUALCHE INDICAZIONE PER L UTILIZZO DELLA CLASSIFICAZIONE 1 GLOSSARIO TERMINI ICF-CY CON SUGGERIMENTI PER IL LORO UTILIZZO ATTIVITÀ & PARTECIPAZIONE (A&P)...3 CATEGORIE...4

Dettagli

Prof.ssa Emanuela D Ambros Docente di sostegno Liceo Statale C.Porta, Erba. ICF.

Prof.ssa Emanuela D Ambros Docente di sostegno Liceo Statale C.Porta, Erba. ICF. Prof.ssa Emanuela D Ambros Docente di sostegno Liceo Statale C.Porta, Erba. ICF. PARTE I: modelli culturali di riferimento e principi ispiratori. PARTE II:tre parole chiave per comprendere ICF PARTE III:

Dettagli

I.C.F. IL PENSARE PEDAGOGICO DEGLI ALUNNI DISABILI* I- PREMESSE PER L INCLUSIONE SCOLASTICA. a- CARATTERISTICHE. del PERCORSO FORMATIVO

I.C.F. IL PENSARE PEDAGOGICO DEGLI ALUNNI DISABILI* I- PREMESSE PER L INCLUSIONE SCOLASTICA. a- CARATTERISTICHE. del PERCORSO FORMATIVO IL PENSARE PEDAGOGICO I.C.F. PER L INCLUSIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI DISABILI* (Dimensioni I.C.F. per il PEI) Isp. Luigi FAVRO a.s. 11/12 I- PREMESSE a- CARATTERISITCHE, FINALITA e SCANSIONI del PERCORSO

Dettagli

dell International Classification of Functioning,

dell International Classification of Functioning, PROGETTO IO TI CONOSCO Presentazione dell International Classification of Functioning, Disability and Health (ICF) A cura di Giovanni Viganò - Synergia gvigano@synergia-net.it Aosta, 14 Aprile 2012 COS

Dettagli

L attività riabilitativa estensiva e di mantenimento nel Lazio Progetti avviati nel 2004

L attività riabilitativa estensiva e di mantenimento nel Lazio Progetti avviati nel 2004 Sistema Informativo per l Assistenza Riabilitativa L attività riabilitativa estensiva e di mantenimento nel Lazio Progetti avviati nel 2004 Roma, 15 luglio 2005 La Classificazione Internazionale del Funzionamento,

Dettagli

ROMA, 6 e 7 marzo 2013. Applicazione di ICF nella scuola inclusiva, orientata alla qualità della vita

ROMA, 6 e 7 marzo 2013. Applicazione di ICF nella scuola inclusiva, orientata alla qualità della vita Centro Studi Psico Medico Pedagogico della Mediazione formazione - applicazione ricerca - sperimentazione - psicopedagogico e clinica Eboli Via San Berardino, 28/a - Brescia Via Cipro, 96 CSPDM Onlus ROMA,

Dettagli

L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DALLA DIAGNOSI FUNZIONALE AL PEI- PROGETTO DI VITA. IL RUOLO DELL ICF

L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DALLA DIAGNOSI FUNZIONALE AL PEI- PROGETTO DI VITA. IL RUOLO DELL ICF L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DALLA DIAGNOSI FUNZIONALE AL PEI- PROGETTO DI VITA. IL RUOLO DELL ICF Dott.ssa Federica Bartoletti federica.bartoletti@unibo.it Tratto da un lavoro della Dott.ssa Adriana De Luca

Dettagli

PROFILO DINAMICO FUNZIONALE. 1. CONDIZIONI FISICHE (ev. Diagnosi clinica fornita alla scuola)

PROFILO DINAMICO FUNZIONALE. 1. CONDIZIONI FISICHE (ev. Diagnosi clinica fornita alla scuola) PEI ROBERTO - Barbara Corallo - Valeria Crespi - Manuela Guidobaldi - Emanuele Morandi PROFILO DINAMICO FUNZIONALE 1. CONDIZIONI FISICHE (ev. Diagnosi clinica fornita alla scuola) Ritardo mentale lieve

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

L INCLUSIONE SCOLASTICA DALLA DIAGNOSI FUNZIONALE AL PEI PROGETTO DI VITA. IL RUOLO DELL ICF

L INCLUSIONE SCOLASTICA DALLA DIAGNOSI FUNZIONALE AL PEI PROGETTO DI VITA. IL RUOLO DELL ICF L INCLUSIONE SCOLASTICA DALLA DIAGNOSI FUNZIONALE AL PEI PROGETTO DI VITA. IL RUOLO DELL ICF San Remo 21 22 Dicembre 2009 Dott.ssa Federica Bartoletti federica.bartoletti@unibo.it Tratto da un lavoro della

Dettagli

ICF: Classificazione Internazionale del Funzionamento umano e della salute

ICF: Classificazione Internazionale del Funzionamento umano e della salute ICF A SCUOLA Applicazioni operative per la diagnosi funzionale educativa ICF: Classificazione Internazionale del Funzionamento umano e della salute ICF la scuola e i contesti: le performance e le capacità,

Dettagli

1. Background. Introduzione

1. Background. Introduzione Introduzione 13 1. Background In questo volume viene presentata la versione breve 1 della Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute, nota come ICF. 2 Lo scopo generale

Dettagli

Indagine sull integrazione degli alunni con disabilità nella scuola primaria e secondaria di primo grado

Indagine sull integrazione degli alunni con disabilità nella scuola primaria e secondaria di primo grado Indagine sull integrazione degli alunni con disabilità nella scuola primaria e secondaria di primo grado Condizioni di salute Che tipo di problemi ha l'alunno? Cecità Ipovisione Sordità profonda o grave

Dettagli

INCLUSIONE TUTTI UGUALI OGNUNO DIVERSO

INCLUSIONE TUTTI UGUALI OGNUNO DIVERSO INCLUSIONE Integrazione Alunni disabili DSA BES TUTTI UGUALI OGNUNO DIVERSO.LINEE GUIDA PER L INCLUSIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITA LINEE GUIDA PER L INCLUSIONE SCOLASTICA L inclusione è un

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E DI INTEGRAZIONE DI ALUNNI DISABILI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E DI INTEGRAZIONE DI ALUNNI DISABILI Istituto Comprensivo A. Gramsci di Campalto PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E DI INTEGRAZIONE DI ALUNNI DISABILI Si tenga conto che il Protocollo è un documento che propone delle linee guida generali per gli

Dettagli

Gruppo Scuola Secondaria di Secondo Grado Ipotesi di protocollo

Gruppo Scuola Secondaria di Secondo Grado Ipotesi di protocollo Gruppo Scuola Secondaria di Secondo Grado Ipotesi di protocollo Premessa: 1. Il seguente protocollo innesta il sistema della codificazione ICF nelle Aree PDF 2. Potrebbe essere significativa l apertura

Dettagli

Attività Adattata. Lezione 1. a.a. 2013-2014. Monica Emma Liubicich

Attività Adattata. Lezione 1. a.a. 2013-2014. Monica Emma Liubicich Attività Adattata Lezione 1 a.a. 2013-2014 Monica Emma Liubicich Secondo le Nazioni Unite i disabili nel mondo sono 650 milioni: 10% della popolazione In Italia circa 3.000.000, il 4,8% della popolazione

Dettagli

SINTESI SUL TEMA DELL ICF

SINTESI SUL TEMA DELL ICF STRUMENTI E TECNICHE DI INTERVENTI RIABILITATIVI Corso di Laurea in EDUCATORE PROFESSIONALE SANITARIO a.a. 2011/2012 - TERZO ANNO Facoltà di Scienze Cognitive Corso Bettini, 84 - Rovereto SINTESI SUL TEMA

Dettagli

ICF-CY Classificazione a un livello 51. ICF-CY Classificazione a due livelli 55. ICF-CY Classificazione dettagliata con definizioni 71

ICF-CY Classificazione a un livello 51. ICF-CY Classificazione a due livelli 55. ICF-CY Classificazione dettagliata con definizioni 71 I n d i c e ICF-CY Prefazione 9 ICF-CY Introduzione 13 1. Background 15 2. Scopi dell ICF-CY 16 3. Sviluppo dell ICF-CY 17 4. Informazioni per gli utilizzatori dell ICF-CY 22 5. Casi esemplificativi (Case

Dettagli

CONCETTI GENERALI. Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione

CONCETTI GENERALI. Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione Fondazione Don Carlo Gnocchi ONLUS-IRCCS Centro S. Maria Nascente Milano 5 febbraio 2014 Organizzazione

Dettagli

Guida utilizzatore del SOFTWARE

Guida utilizzatore del SOFTWARE Guida utilizzatore del SOFTWARE Icfascuola.it v. 5.15 Copyright dott. Francesco Grasso, 2011 TUTTI I DIRITTI SONO RISERVATI I^ EDIZIONE - LUGLIO 2011 Ogni tipo di riproduzione, totale o parziale, di questo

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA STATALE 3 CIRCOLO G. CAIATI

SCUOLA PRIMARIA STATALE 3 CIRCOLO G. CAIATI SCUOLA PRIMARIA STATALE 3 CIRCOLO G. CAIATI Analisi dei dati relativi al questionario di valutazione sulla qualità dell integrazione scolastica degli alunni con disabilità. Progetto ICF Dal modello ICF

Dettagli

I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI POLITICHE SUI BES/SEN IN INGHILTERRA THE EDUCATION ACT, 1944 11 CATEGORIE DI DISABILITÀ WARNOCK REPORT, 1978 INTRODUCE IL TERMINE SPECIAL EDUCATIONAL NEEDS (SEN) ANNI 2000

Dettagli

Funzionamento Umano e Qualità della Vita delle Persone con Disabilità Intellettive ed Evolutive: quale contributo per i Diritti e l Inclusione sociale

Funzionamento Umano e Qualità della Vita delle Persone con Disabilità Intellettive ed Evolutive: quale contributo per i Diritti e l Inclusione sociale Funzionamento Umano e Qualità della Vita delle Persone con Disabilità Intellettive ed Evolutive: quale contributo per i Diritti e l Inclusione sociale Prof. Luigi Croce Dinamica dell integrazione Comunità:

Dettagli

PROFILO DINAMICO FUNZIONALE. 1. CONDIZIONI FISICHE (ev. Diagnosi clinica fornita alla scuola)

PROFILO DINAMICO FUNZIONALE. 1. CONDIZIONI FISICHE (ev. Diagnosi clinica fornita alla scuola) Corso Crescere insieme con il modello ICF Corsisti: Mela, Faraldi, Perri, Mirano PROFILO DINAMICO FUNZIONALE 1. CONDIZIONI FISICHE (ev. Diagnosi clinica fornita alla scuola) Nato con bassissimo peso alla

Dettagli

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I.C.S. MAREDOLCE FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA La nostra scuola dell Infanzia con la sua identità specifica sotto il profilo pedagogico e metodologico-organizzativo persegue: l acquisizione di capacità

Dettagli

Conoscere e utilizzare l ICF nella scuola Monitoraggio della sperimentazione 2011-2012

Conoscere e utilizzare l ICF nella scuola Monitoraggio della sperimentazione 2011-2012 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per lo studente, l integrazione, la partecipazione e la comunicazione Ufficio settimo Conoscere

Dettagli

PROBLEMI FISICI DEL DISABILE

PROBLEMI FISICI DEL DISABILE PROBLEMI FISICI DEL DISABILE Scale di valutazione funzionale e classificazione della disabilita Classificazione malattie (eziologia, clinica) nell ICD della Organizzazione Mondiale Sanità 1970 Non riportata

Dettagli

COMPETENZE DIGITALI. Le digital Competence Framework mi permettono di : Esplorare nuovi contesti tecnologici in modo flessibile.

COMPETENZE DIGITALI. Le digital Competence Framework mi permettono di : Esplorare nuovi contesti tecnologici in modo flessibile. COMPETENZE DIGITALI Competenze digitali o digital skills. Un approccio in 3D, un mutamento in corso. L immersività generata dagli ambienti multimediali ci sollecitano un esigenza nuova e educabile: sviluppare

Dettagli

PROGETTO COMES Servizio di assistenza specialistica per gli alunni disabili

PROGETTO COMES Servizio di assistenza specialistica per gli alunni disabili PROGETTO COMES Servizio di assistenza specialistica per gli alunni disabili ANNO SCOLASTICO 2011/2012 Piano d intervento Il piano di lavoro elaborato per l anno scolastico 2011/2012 dallo specialista dell

Dettagli

EDUCAZIONE MOTORIA INDICATORE (CATEGORIA) IL CORPO E LA SUA RELAZIONE

EDUCAZIONE MOTORIA INDICATORE (CATEGORIA) IL CORPO E LA SUA RELAZIONE EDUCAZIONE MOTORIA INDICATORE (CATEGORIA) IL CORPO E LA SUA RELAZIONE INFANZIA L alunno raggiunge una buona autonomia personale nell'alimentarsi e nel vestirsi, conosce il proprio corpo e le diverse parti

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

PRESENTAZIONE. On. Antonio De Poli Assessore Regionale alle Politiche Sociali, Programmazione Socio Sanitaria, Volontariato e Non Profit

PRESENTAZIONE. On. Antonio De Poli Assessore Regionale alle Politiche Sociali, Programmazione Socio Sanitaria, Volontariato e Non Profit PRESENTAZIONE Lo scenario sulla disabilità è interessato da un processo di profonda trasformazione che negli ultimi anni ha sollecitato l attenzione dei Governi, delle loro strutture operative, delle associazioni

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

Fondazione OPERA SANTA RITA PRATO. del. Centro Diurno di Riabilitazione Per Giovani Cerebrolesi Franco Primi

Fondazione OPERA SANTA RITA PRATO. del. Centro Diurno di Riabilitazione Per Giovani Cerebrolesi Franco Primi Fondazione OPERA SANTA RITA PRATO CARTA DEI SERVIZI del Centro Diurno di Riabilitazione Per Giovani Cerebrolesi Franco Primi Edizione - aprile 2002 1 LA FONDAZIONE OPERA SANTA RITA (Onlus) L attuale Fondazione

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

ALUNNI CON BES! BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI! Indicazioni operative per promuovere l inclusione scolastica sulla base della normativa vigente

ALUNNI CON BES! BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI! Indicazioni operative per promuovere l inclusione scolastica sulla base della normativa vigente ALUNNI CON BES BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Indicazioni operative per promuovere l inclusione scolastica sulla base della normativa vigente Docente: Dott.ssa Cristina Elefante (insegnante, pedagogista) NUOVE

Dettagli

EDUCAZIONE FISICA TRAGUARDI AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

EDUCAZIONE FISICA TRAGUARDI AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA EDUCAZIONE FISICA TRAGUARDI AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA Nuclei Tematici Traguardi per lo sviluppo delle Competenze Obiettivi di Apprendimento Obiettivi Minimi Il corpo e le funzioni senso-percettive

Dettagli

REGISTRO DELLE ATTIVITA DI SOSTEGNO

REGISTRO DELLE ATTIVITA DI SOSTEGNO Scuola (denominazione) Indirizzo REGISTRO DELLE ATTIVITA DI SOSTEGNO ALUNNO CLASSE-SEZIONE MODULO/CLASSI ANNO SCOLASTICO / INDICE Intestazione Indice Agenda della scuola ai fini dell integrazione Operatori

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

PIANO di LAVORO A. S. 2013/ 2014

PIANO di LAVORO A. S. 2013/ 2014 PIANO di LAVORO A. S. 2013/ 2014 istituto "ALBERTI-PORRO" Nome docente Tiziana C. Carena Materia insegnata Classe Previsione numero ore di insegnamento Psicologia generale e applicata 3 A 0SS 4 h settimanali

Dettagli

PROGETTARE L INTEGRAZIONE SCOLASTICA SECONDO IL MODELLO ICF. Erba 3 novembre 2011 Dott.ssa Monica Pradal - pedagogista

PROGETTARE L INTEGRAZIONE SCOLASTICA SECONDO IL MODELLO ICF. Erba 3 novembre 2011 Dott.ssa Monica Pradal - pedagogista PROGETTARE L INTEGRAZIONE SCOLASTICA SECONDO IL MODELLO ICF Erba 3 novembre 2011 Dott.ssa Monica Pradal - pedagogista WORD HEALTH ORGANIZATION WORD HEALTH ORGANIZATION ICF - CY International Classification

Dettagli

LINEE GUIDA PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITÀ

LINEE GUIDA PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITÀ LINEE GUIDA PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITÀ DOCUMENTO IN SINTESI a cura del Gruppo H di Istituto Anno scolastico 2012-2013 LINEE GUIDA PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI

Dettagli

Criteri di scelta, personalizzazione, training e gestione degli ausili di comunicazione. Mauro Tavarnelli Giuseppina Castellano

Criteri di scelta, personalizzazione, training e gestione degli ausili di comunicazione. Mauro Tavarnelli Giuseppina Castellano Criteri di scelta, personalizzazione, training e gestione degli ausili di comunicazione Mauro Tavarnelli Giuseppina Castellano La valutazione è un compito complesso Occorre conoscere tutti gli elementi

Dettagli

PATOLOGIA CODIFICATA SECONDO CLASSIFICAZIONE ICD 10 DELL'OMS:

PATOLOGIA CODIFICATA SECONDO CLASSIFICAZIONE ICD 10 DELL'OMS: Allegato B Interventi per l integrazione di allievi con disabilità o esigenze educative speciali (EES) nei percorsi triennali e nei percorsi biennali di qualifica (III.G.06.01) Evoluzione normativa di

Dettagli

2. INTEGRAZIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Definizione Alla base dei principi dell integrazione c è il riconoscimento del diritto di ciascun soggetto

2. INTEGRAZIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Definizione Alla base dei principi dell integrazione c è il riconoscimento del diritto di ciascun soggetto 2. INTEGRAZIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Alla base dei principi dell integrazione c è il riconoscimento del diritto di ciascun soggetto a ricevere, nella comunità, tutte le opportunità educative per lo

Dettagli

Indicazioni della scuola per l'inclusione degli alunni con ADHD. Franco Castronovo

Indicazioni della scuola per l'inclusione degli alunni con ADHD. Franco Castronovo Indicazioni della scuola per l'inclusione degli alunni con ADHD Franco Castronovo Como 24 febbraio 2015 Documenti Gazzetta Ufficiale n. 106 del 24 aprile 2007 allegato PROTOCOLLO DIAGNOSTICO E TERAPEUTICO

Dettagli

Laboratorio teatrale Piero Gabrielli Roma M.I. Sarti, L. Bertoletti e R. Gandini. TERRA INCOGNITA il teatro esplora l autismo

Laboratorio teatrale Piero Gabrielli Roma M.I. Sarti, L. Bertoletti e R. Gandini. TERRA INCOGNITA il teatro esplora l autismo Laboratorio teatrale Piero Gabrielli Roma M.I. Sarti, L. Bertoletti e R. Gandini TERRA INCOGNITA il teatro esplora l autismo 1 https://www.youtube.com/watch?v=cxa13kh3 jpu&spfreload=10 LINK DEL PROMO GIOCHI

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Maria Caccetta. Autismo: 5 strategie pratiche, per lavorare bene in classe. Guida Gratuita

Maria Caccetta. Autismo: 5 strategie pratiche, per lavorare bene in classe. Guida Gratuita Maria Caccetta Autismo: 5 strategie pratiche, per lavorare bene in classe Guida Gratuita Mi presento Ciao mi chiamo Maria Caccetta, sono una psicologapsicoterapeuta con formazione cognitivo-comportamentale.

Dettagli

PENSIERI E AZIONI PER UNA SCUOLA INCLUSIVA

PENSIERI E AZIONI PER UNA SCUOLA INCLUSIVA PENSIERI E AZIONI PER UNA SCUOLA INCLUSIVA Maristella Colombo- referente provinciale BES M.I.U.R- Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Ufficio XI Monza e Brianza Formazione per il personale docente

Dettagli

ADOLESCENZA? Proviamo con un Brain Storming di immagini e idee?

ADOLESCENZA? Proviamo con un Brain Storming di immagini e idee? Università degli Studi di Torino Facoltà di Scienze Politiche Sede di Biella ADOLESCENZA - ADOLESCENZE 1 ADOLESCENZA? Proviamo con un Brain Storming di immagini e idee? 2 1 3 ADOLESCENZA Qual è il periodo

Dettagli

Sviluppo del percorso

Sviluppo del percorso Ministero Pubblica Istruzione Titolo sintetico del progetto: I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca SCHEDA DI PROGETTO Regione PIEMONTE NUOVE TECNOLOGIE:

Dettagli

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria Profilo dello studente Lo studente al termine del primo ciclo, attraverso gli apprendimenti sviluppati a scuola,

Dettagli

PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010

PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010 PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010 PROGETTO ACCOGLIENZA A SCUOLA SIAMO TUTTI AMICI Fermani Roberta Nocelli Rita - Grassi Katia Bambini di 2 anni e mezzo e 3 anni Sezioni D e E Il progetto Accoglienza

Dettagli

Progettazione annuale di sezione

Progettazione annuale di sezione ISTITUTO COMPRENSIVO GANDHI Via Mannocci, 23 59100 PRATO Scuola dell Infanzia Gandhi Progettazione annuale di sezione Sez. 1 ANNO SCOLASTICO 2014-15 PROGETTAZIONE ANNUALE DI SEZIONE SEZ. 1) CAMPI DI ESPERIENZA

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

Corso formazione per baby sitter: requisiti trasversali di qualità

Corso formazione per baby sitter: requisiti trasversali di qualità COMUNE DI BOLOGNA ALLEGATO al: PROTOCOLLO D INTESA tra IL COMUNE DI BOLOGNA E IMPRESE, COOPERATIVE E ASSOCIAZIONI PER L ATTUAZIONE DEL PROGETTO SPERIMENTALE TATA BOLOGNA PER UN SERVIZIO DI BABY SITTER.

Dettagli

TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE (SCUOLA PRIMARIA) CONNESSI CON LE COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE (IN ROSSO) ITALIANO

TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE (SCUOLA PRIMARIA) CONNESSI CON LE COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE (IN ROSSO) ITALIANO TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE (SCUOLA PRIMARIA) CONNESSI CON LE COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE (IN ROSSO) ITALIANO 1. L'allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe

Dettagli

Incontriamoci a scuola

Incontriamoci a scuola a.s. 2014-2015 I. C. via Ferraironi Roma PROGETTO DI PSICOLOGIA SCOLASTICA Incontriamoci a scuola progetto vincitore bando Regione Lazio Promozione di nuove frontiere per l integrazione sociale Premessa

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Liguria Ufficio VI Ambito Territoriale di Imperia

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Liguria Ufficio VI Ambito Territoriale di Imperia Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Liguria Ufficio VI Ambito Territoriale di Imperia ISTITUZION SCOLASTICA ANNO SCOLASTICO...... /... PIANO DUCATIVO

Dettagli

REGOLAMENTO E.D.A. Equitazione per Diversamente Abili

REGOLAMENTO E.D.A. Equitazione per Diversamente Abili REGOLAMENTO E.D.A. Equitazione per Diversamente Abili CRITERI GENERALI Scopo dei corsi è fornire ai futuri Operatori e Tecnici: Conoscenze per poter svolgere in sicurezza l equitazione per diversamente

Dettagli

& ' ( () ( ' ) ) * ' ' ' () + +, -..( /0 + ) ) ) ' + +, ) ( ' -- + +'. + )+ " ' '. --' + ' +, 1 + 2 ' +

& ' ( () ( ' ) ) * ' ' ' () + +, -..( /0 + ) ) ) ' + +, ) ( ' -- + +'. + )+  ' '. --' + ' +, 1 + 2 ' + ! " # $% & ' ( () ( ' ) ) * ' ' ' () + +, -..( /0 + ) ) ) ' + + /0+ /0, ) ( ' -- + +'. + )+ " ' '. --' + ' +, 1 + 2 ' +,'' 1 +3 ',- ( + $4 44 ' ). #( +' % - --) + " ) + ' -- 5 ' 1 -- ( ( 1 - &-- 6, + -'

Dettagli

ESPERIENZE LAVORATIVE

ESPERIENZE LAVORATIVE C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Spagnuolo Alessandra Residenza Via Gorizia, 54 94012 Barrafranca (EN) Domicilio Via Gemmellaro, 41 95100 Catania Telefono 339-8549838 E-mail alessandra.spagnuolo@virgilio.it

Dettagli

ALUNNI: - diversamente abili - con disturbi specifici di apprendimento

ALUNNI: - diversamente abili - con disturbi specifici di apprendimento ALUNNI: - diversamente abili - con disturbi specifici di apprendimento Corso di formazione docenti neo immessi Anno scolastico 2011/2012 Neri Patrizia _ Gallarate,, 16-05 05-2012 L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER DIVENTARE OPERATORI SOCIO SANITARI (OSS)

CORSO DI FORMAZIONE PER DIVENTARE OPERATORI SOCIO SANITARI (OSS) CORSO DI FORMAZIONE PER DIVENTARE OPERATORI SOCIO SANITARI (OSS) Una scelta di vita al servizio della persona Ci sono almeno 5 buoni motivi per diventare OSS Hai sempre desiderato un lavoro che non fosse

Dettagli

PROTOCOLLO DI OSSERVAZIONE e DIAGNOSI IN ETA PRESCOLARE

PROTOCOLLO DI OSSERVAZIONE e DIAGNOSI IN ETA PRESCOLARE PROTOCOLLO DI OSSERVAZIONE e DIAGNOSI IN ETA PRESCOLARE 1. SEGNALAZIONE dal Pediatra LS o genitori 2. COLLOQUIO CON I GENITORI: Anamnesi Intervista mirata sui comportamenti nei vari contesti e abitudini

Dettagli

Incontri di aggiornamento. Progetto: te la segnalo io la barriera

Incontri di aggiornamento. Progetto: te la segnalo io la barriera Incontri di aggiornamento Progetto: te la segnalo io la barriera 27 maggio 2006 Montecchio (VI) Mobilità urbana e spazi pubblici Menomazione: qls perdita o anormalità di CONCETTI GENERALI una struttura

Dettagli

L integrazione degli interventi nel territorio della ASL RMC: stato dell arte con i DCM

L integrazione degli interventi nel territorio della ASL RMC: stato dell arte con i DCM Confronto di Esperienze sui Disturbi della Coordinazione Motoria e Disprassia Roma, 11 ottobre 2013 L integrazione degli interventi nel territorio della ASL RMC: stato dell arte con i DCM Riccardo Callori

Dettagli

Validità di un programma informatico per la compilazione ICF. Relazione finale. Simone Gigiaro. Determinazione n.789 del 25/06/2009, ASLTO5

Validità di un programma informatico per la compilazione ICF. Relazione finale. Simone Gigiaro. Determinazione n.789 del 25/06/2009, ASLTO5 Validitàdiun programma informatico perla compilazione ICF Relazione finale Determinazionen.789del25/06/2009,ASLTO5 SimoneGigiaro Sommario Premesse...3 ICF...3 IlmodelloICF...4 ApplicazionedelmodelloICF:items,checklist,coreset....6

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DELLA SCUOLA PRIMARIA

LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DELLA SCUOLA PRIMARIA LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DELLA SCUOLA PRIMARIA Obiettivi generali del processo formativo Costituiscono la base progettuale degli aspetti pedagogico didattici ed organizzativi dell attività didattica.

Dettagli

Docente: dott.ssa Valentina Dalla Villa

Docente: dott.ssa Valentina Dalla Villa autovalutazione valutazione Si sollecita lo studente, affinchè si dica competente, ovvero assuma la padronanza metodologica e operativa, la consapevolezza di quanto ha appreso Didattica, affidata al docente

Dettagli

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica Progetto Educazione alla salute e psicologia scolastica Il progetto di psicologia scolastica denominato Lo sportello delle domande viene attuato nella nostra scuola da sei anni. L educazione è certamente

Dettagli

DIAGNOSI FUNZIONALE DELL ALUNNO C.

DIAGNOSI FUNZIONALE DELL ALUNNO C. - Scuola secondaria di primo grado - DIAGNOSI FUNZIONALE DELL ALUNNO C. Nota Alla compilazione della seguente Diagnosi funzionale hanno partecipato: i componenti dell equipe multidisciplinare dell ASL

Dettagli

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati.

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati. ISTITUTO COMPRENSIVO 3 VICENZA DIPARTIMENTO DI LINGUA STRANIERA CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA SECONDARIA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazione in lingua straniera Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE

Dettagli

Conoscere i Disturbi Specifici dell Apprendimento

Conoscere i Disturbi Specifici dell Apprendimento Mira, 27 marzo 2015 Conoscere i Disturbi Specifici dell Apprendimento Dott.ssa Barbara Longhi Psicologa Psicoterapeuta Ulss13 Servizio Età Evolutiva Cosa sono i DSA? Disturbi dello sviluppo che riguardano

Dettagli

PROGETTO SPERIMENTALE DI PREVENZIONE E INTERVENTO PER LE DIFFICOLTA SCOLASTICHE E DSA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA DEL TERRITORIO BELLUNESE

PROGETTO SPERIMENTALE DI PREVENZIONE E INTERVENTO PER LE DIFFICOLTA SCOLASTICHE E DSA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA DEL TERRITORIO BELLUNESE FormArte Centro Studi e Ricerche in collaborazione con il CNR modulo di ricerca metodologie e tecnologie didattiche per i DSA PROGETTO SPERIMENTALE DI PREVENZIONE E INTERVENTO PER LE DIFFICOLTA SCOLASTICHE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Ottavio Gravina De Cruyllas

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Ottavio Gravina De Cruyllas PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L importanza di un protocollo di accoglienza L adozione di un Protocollo di Accoglienza consente di attuare in modo operativo le indicazioni stabilite

Dettagli