UNA PRIMA STIMA DELLA CRESCITA ECONOMICA A LIVELLO SUB-REGIONALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNA PRIMA STIMA DELLA CRESCITA ECONOMICA A LIVELLO SUB-REGIONALE"

Transcript

1 XXX CONFERENZA ITALIANA DI SCIENZE REGIONALI UNA PRIMA STIMA DELLA CRESCITA ECONOMICA A LIVELLO SUB-REGIONALE Alessandro FARAMONDI, Sandra MARESCA Istat, Via Cesare Balbo, 16, 00184, Roma SOMMARIO A livello di NUTS-3 (corrispondenti alle nostre province) la contabilità nazionale considera la stima della sola variabile nominale del valore aggiunto. Questo lavoro rappresenta un primo tentativo di stima del valore aggiunto in termini reali. In particolare viene proposta una sperimentazione, in cui il valore aggiunto per provincia è stimato ai prezzi dell anno precedente. L elaborazione è condotta utilizzando la base informativa disponibile a livello territoriale per l anno 2006, che coincide con l ultimo anno di pubblicazione dei conti provinciali forniti dall Istat.

2 1. I TRODUZIO E A tutt oggi il regolamento comunitario sui conti territoriali non prevede che siano effettuate stime di aggregati territoriali in termini reali. Da anni, invece, l Italia produce tali stime a livello regionale (NUTS-2) e dal 2007 queste stime vengono prodotte con il sistema degli indici a catena adottato nei conti nazionali. Per le 21 unità territoriali (le nostre regioni, con in più Trento e Bolzano in quanto province autonome) si pubblica il valore aggiunto ai prezzi base ed il prodotto interno lordo, entrambi ai prezzi dell anno precedente ed in valori concatenati con anno di riferimento il La disaggregazione settoriale diffusa considera 24 branche economiche. L Italia pubblica, oltre ai dati relativi al valore aggiunto anche le tavole per regione del conto economico delle risorse e degli impieghi, delle spese per consumi finali per settore e categoria di beni e servizi e degli investimenti fissi lordi. A livello sub-regionale la contabilità nazionale italiana, come quella internazionale, limita il campo di osservazione alla sola variabile nominale del valore aggiunto con evidenti carenze informative in termini di crescita economica. In tale ambito si colloca questo lavoro che rappresenta un primo tentativo di stima del valore aggiunto reale a livello NUTS-3 (107 province). In particolare verrà proposta una sperimentazione, in cui verrà stimato il valore aggiunto complessivo per provincia ai prezzi dell anno precedente, a partire da un livello di articolazione economica quanto più possibile dettagliato, al fine di cogliere la diversa dinamica della struttura produttiva sottostante. L elaborazione sarà condotta utilizzando la base informativa più disaggregata disponibile a livello territoriale per l anno 2006, che coincide con l ultimo anno di pubblicazione dei conti provinciali forniti dall Istat. 2 LA METODOLOGIA DI STIMA DEL VALORE AGGIU TO PROVI CIALE A PREZZI CORRE TI Per la stima del valore aggiunto provinciale si è scelta una metodologia che seguisse in modo sostanziale, ancorché semplificato, l approccio adottato a livello nazionale e regionale. Essa si basa sull attribuzione alle stime dell input di lavoro (espresso in unità di lavoro) di pro-capite di valore aggiunto specifici di provincia, branca di attività economica e classe dimensionale d impresa. La stratificazione per branca e classe dimensionale alla base del calcolo è la stessa dei dati di occupazione (16 branche (cfr. prospetto 1) e 3 classi dimensionali (1-19, 20-99, 100 e oltre addetti)). La relazione teorica alla base del modello è la seguente (Faramondi-Pascarella, 2004): (1) djk Y = djk b * djk X

3 dove: Y = valore aggiunto d = indicatore della Provincia (da 1 a 107) j = indicatore di branca di attività economica (da 1 a 16) k = indicatore della classe dimensionale d impresa (da 1 a 3) b = valore aggiunto per unità di lavoro X = unità di lavoro (ULA) Tale relazione non è immediatamente applicabile, poiché dalle fonti disponibili non si conosce il valore del parametro b. Ne consegue la necessità di sviluppare la (1), per arrivare ad una formulazione che consenta di stimare il valore aggiunto. Il primo passo è quello di scomporre l occupazione espressa in ULA nelle diverse componenti. Occupazione regolare, occupazione irregolare di residenti in Italia, occupazione di stranieri irregolari, occupazione di secondo lavoro. Ipotizzando che la produttività oraria (intesa come rapporto fra valore aggiunto e monte ore effettivamente lavorate) nell ambito dello stesso strato (branca/classe dimensionale/porzione di territorio) sia indipendente dalla tipologia del rapporto di lavoro (regolare o irregolare) e dalla regolarità amministrativa del lavoratore rispetto al territorio (a- residenti e stranieri regolarmente presenti; b- stranieri irregolari e clandestini), è possibile assumere che il coefficiente b non cambia a seconda della componente di occupazione considerata. In questo modo la quota di valore aggiunto relativa all occupazione regolare è calcolata utilizzando il valore aggiunto per posizione lavorativa regolare ed il numero delle ULA senza la riduzione delle posizioni regolari dovuta al part-time e all utilizzo di ore di cassa integrazione guadagni da parte delle imprese, mentre le altre componenti sono calcolate sotto l ipotesi che la produttività oraria delle posizioni lavorative non regolari coincida con quella delle posizioni regolari. Ottenute le stime per dominio di branca si passa alla fase di riallineamento al dato regionale, in modo che le stime a livello provinciale siano coerenti con quelle a livello regionale. Questa fase ricopre un ruolo particolarmente importante; infatti non si tratta di una semplice operazione algebrica, bensì di una vera e propria fase di stima, in cui si hanno stime preliminari a livello provinciale, e stime definitive coerenti con il dato regionale. In tale contesto la fase di riproporzionamento è interpretabile come una stima condizionata, in cui si vuole stimare il valore aggiunto provinciale, condizionatamente alle informazioni ad un livello territoriale più aggregato e cioè le Regioni. Questa operazione viene svolta in più fasi. Si effettua una prima stima condizionata al valore aggiunto regionale (riproporzionamento regionale) a livello di strato, valorizzando in tal modo l informazione per classe dimensionale e poi si sommano i valori riproporzionati delle diverse classi dimensionali, ottenendo in tal modo una stima di branca. Quindi si effettua una seconda

4 stima condizionata, questa volta direttamente a livello di branca, non considerando così l informazione della diversa composizione per classe dimensionale. Il risultato finale è dato dalla media dei valori per branca della prima stima condizionata e della seconda. Questo metodo scaturisce da una serie di considerazioni, riconducibili a problematiche di efficienza, che sono particolarmente rilevanti nei domini di piccole dimensioni, proprio in funzione del fatto che tanto più piccoli sono i domini tanto maggiore tende ad essere l errore di stima. In particolare, si ritiene che la stima condizionata a livello di strato (48 domini), nonostante sia da considerarsi concettualmente la migliore, valorizzando l informazione della struttura produttiva per classe dimensionale, possa presentare dei livelli di errore molto elevati, soprattutto nelle province di piccole dimensioni. Per tale motivo, tale stima è stata integrata da quella condizionata a livello di branca (16 domini provinciali), che nonostante non tenga conto di tutte le informazioni disponibili, presenta dei livelli di incertezza minori, essendo calcolata su un numero di domini inferiore. In ambito Eurostat, la stima degli aggregati di contabilità nazionale in base all input di lavoro è considerata una delle tecniche più idonee, ai fini della qualità dei dati ed in particolare dell esaustività delle stime del Pil. La tecnica ULA pro-capite consente di stimare in modo esaustivo l aggregato monetario, se nell input di lavoro è contenuta, oltre all occupazione regolare dichiarata dalle imprese, anche la stima di quella non regolare, e se il pro-capite, ricavato dalle dichiarazioni delle imprese, è sottoposto a verifiche ed eventuali correzioni per ovviare alla sottodichiarazione. Rispetto all impianto generale finora descritto sono state distinte alcune branche, o parti di esse, in ragione della particolarità dei dati di base disponibili. Per la branca dell agricoltura silvicoltura e pesca, il calcolo del valore aggiunto è stato eseguito con metodologia del tutto simile a quella dei conti regionali: stima della produzione e sottrazione dei costi intermedi. La stima della produzione si basa sul metodo di aggregazione quantità x prezzi di oltre 150 prodotti e servizi. Per quanto riguarda le stime della produzione nel settore della pesca ci si è avvalsi di dati relativi al pescato derivanti dall Indagine congiunta Istat-Irepa (Istituto di ricerche economiche per la pesca e acquacoltura). Per i costi intermedi ci si è basati sui dati delle indagini Istat presso i distributori dei prodotti usati dal settore agricolo (concimi, sementi, fitosanitari, mangimi); la stima dei costi intermedi a livello provinciale risente, comunque, della revisione avvenuta sull aggregato a livello regionale, basata anche sui dati dell indagine RICA-REA, condotta congiuntamente dall Istat e dall Inea (Istituto nazionale di economia agraria). Per la pesca, i costi intermedi regionali sono stati divisi per provincia in rapporto al naviglio e alle tonnellate di stazza lorda. Nelle stime secondo la logica della branca di attività economica, si è tenuto conto, accanto ai risultati economici delle attività tipiche del settore (colturali, zootecniche, ittiche, ecc.), anche delle attività secondarie e, in primo luogo, dell agriturismo, per le quali ci si è avvalsi delle

5 informazioni derivanti dall indagine specifica effettuata dall Istat in collaborazione con gli assessorati provinciali dell agricoltura, indagine che fornisce indicazioni di tipo qualitativo (tipologia di servizio offerto) e strutturale (dotazioni, posti letto, ecc.), ma non di carattere strettamente economico (fatturato, costi, ecc.). Per le attività finanziarie la stima è stata effettuata, in analogia con quella dei conti regionali, con approccio dal lato della distribuzione del reddito, così come suggerito dai manuali dell Eurostat. Ciò ha comportato la ripartizione provinciale del risultato lordo di gestione regionale sulla scorta di indicatori rappresentativi dell attività produttiva della branca e l assemblaggio ad esso dei redditi da lavoro dipendente. Per la ripartizione del risultato di gestione relativo all intermediazione monetaria e alle altre intermediazioni finanziarie l indicatore utilizzato è dato dalla somma degli impieghi e dei depositi in essere presso gli istituti di credito; per lo stesso aggregato relativo alle assicurazioni l indicatore è costituito dalla somma dei premi dei rami vita e danni raccolti dalle imprese a livello provinciale. Per quanto riguarda i redditi da lavoro dipendente, questi sono stati costruiti in base alla struttura provinciale dell input di lavoro della branca. Per la stima dei servizi domestici il dato regionale viene ripartito a livello provinciale in base alla distribuzione delle ULA dipendenti. Per la parte di valore aggiunto derivante dalla produzione non market del settore della pubblica amministrazione (ovviamente la stragrande maggioranza della sua produzione), la stima del valore aggiunto è stata effettuata attribuendo all input di lavoro, distinto per branche e gruppi di enti, i valori pro-capite regionali corrispondenti. Infine, il valore aggiunto provinciale a 16 branche è stato aggregato a livello delle 6 branche di pubblicazione secondo il prospetto 2. 3 LA STIMA DEL VALORE AGGIU TO I TERMI I REALI 3.1 La deflazione del valore aggiunto a livello di UTS 2 Il Sistema dei conti economici europeo (SEC95) non prevede che siano effettuate stime di aggregati regionali a prezzi costanti. Da anni, invece, l Italia produce stime in tal senso e dal 2007 tali stime vengono prodotte con il sistema degli indici a catena adottato nei conti nazionali. In accordo con gli standard definiti dai regolamenti comunitari, in occasione della revisione generale dei conti economici nazionali del 2005 è stato introdotto in Italia il metodo degli indici a catena per la misura delle dinamiche reali degli aggregati economici annuali 1. Il nuovo metodo degli indici a catena ha sostituito il precedente sistema a base fissa. 1 SEC 1995, Decisione della Commissione 98/715.

6 Le misure in volume ottenute con la tecnica del concatenamento presentano, grazie all aggiornamento annuale del sistema di ponderazione, tassi di crescita che meglio rappresentano l effettiva dinamica delle grandezze economiche (Maresca-Squarcio, 2005; Maresca, 2006). Premesso che, così come nel conto regionale a prezzi correnti, in quello a prezzi costanti le importazioni nette sono ottenute come saldo fra il PIL regionale e gli aggregati costituenti gli impieghi, ciò che viene analizzato in questo paragrafo è il metodo di deflazione del PIL regionale, o, meglio, delle componenti costituenti il PIL regionale: valore aggiunto ai prezzi al produttore, imposte e contributi sui prodotti e sulla produzione, IVA e imposte sulle importazioni. La deflazione del valore aggiunto ai prezzi al produttore è effettuata a livello di 30 branche NACE Rev.1.1 con metodi differenti per i 5 segmenti produttivi (imprese market, PA market, ISV market, PA non market, ISV non market). Per l agricoltura il calcolo a prezzi costanti del valore aggiunto è effettuato con il metodo della doppia deflazione. Questo è, infatti, l unico settore economico in cui sono stimati a livello regionale i valori a prezzi correnti sia della produzione che dei costi intermedi. Tali aggregati sono ottenuti tramite la valutazione delle quantità prodotte e dei relativi prezzi di 131 prodotti agricoli, nonché delle quantità consumate come input e dei relativi prezzi di circa 100 voci di spesa. Le valutazioni a prezzi costanti della produzione e dei consumi intermedi sono, quindi, effettuate con metodo diretto, applicando i prezzi dell anno precedente alle quantità dell anno corrente. Le informazioni sui prezzi sono in massima parte dedotte dalle indagini correnti dell Istat. Ad esse si aggiungono quelle dell ISMEA (Istituto per studi, ricerche e informazioni sul mercato agricolo) e quelle dell ENEL sui prezzi dell energia elettrica. Per le branche della trasformazione industriale il valore aggiunto regionale a prezzi correnti è stimato a livello di singola branca e classe dimensionale (1-5, 6-19, 20-99, e 250 e più addetti). La deflazione è eseguita a tale livello di dettaglio, utilizzando il corrispondente deflatore implicito nazionale. Questo è costruito tenendo conto delle differenti caratteristiche merceologiche dei prodotti e della differente propensione all esportazione all interno di ciascuna branca, a seconda della grandezza delle imprese. Quest ultima informazione è ottenuta utilizzando i risultati del questionario settoriale dell industria e dei servizi relativi al quesito sulle quote delle vendite di prodotti secondo la destinazione. Nella deflazione del valore aggiunto regionale dell industria di trasformazione, quindi, si assume la diversa struttura per branca e classe dimensionale come elemento significativo di una differenziazione territoriale del deflatore di branca, in mancanza di altri elementi quali indicatori di prezzo alla produzione a livello regionale e nell impossibilità di applicare metodi di doppia deflazione. Nella branca delle costruzioni viene stimato un deflatore regionale del valore aggiunto, applicando al deflatore nazionale il coefficiente di differenziazione regionale degli indici di

7 costo di costruzione dei fabbricati residenziali, rilevati dall ISTAT presso i capoluoghi di regione. Per la branca del commercio si utilizza una procedura indiretta fondata sulla costruzione di un indicatore di volume. Tale indicatore si ricava calcolando l incidenza del costo del servizio commerciale nell anno precedente sull ammontare dei flussi scambiati ed applicando quest ultima ai flussi intermediati calcolati a prezzi costanti per tutti gli altri anni. Per la branca del credito e delle assicurazioni il metodo seguito si riconduce ad una estrapolazione del valore aggiunto dell anno precedente attraverso un indicatore di volume sintetico del settore. Tale indicatore è ottenuto sulla base della distribuzione regionale dei depositi e impieghi bancari e dei premi assicurativi opportunamente deflazionati con un deflatore regionale della domanda interna. Per tutte le altre branche dei servizi vendibili e per quelle dell industria energetica viene usato il deflatore nazionale del valore aggiunto di branca. La stima del valore aggiunto delle Amministrazioni pubbliche (AA.PP.) a prezzi costanti viene effettuata per estrapolazione applicando un indice di quantità al valore aggiunto regionale dell anno base. Tale calcolo viene eseguito a livello analitico, distinguendo il valore aggiunto regionale per sottosettori produttori dello stesso: 1. Amministrazione dello Stato 2. Altri enti dell Amministrazione centrale 3. Enti territoriali (Regioni, Province, Comuni) 4. Unità Sanitarie Locali, Policlinici universitari e Istituti di ricovero e cura a carattere scientifico 5. Altri enti dell Amministrazione locale 6. Enti di Previdenza Con riferimento ad ogni sottosettore, al valore aggiunto prodotto nell anno base in ciascuna regione viene applicato un indice specifico dell input di lavoro, costruito come media mobile a tre termini delle serie regionali dell occupazione dipendente del sottosettore considerato. Il procedimento utilizzato, coerente con quello adottato per le stime a livello nazionale, consente di tener conto del mix settoriale del valore aggiunto prodotto dalla Pubblica Amministrazione sul territorio regionale, attribuendo differente importanza relativa alle dinamiche dell occupazione settoriale che possono essere territorialmente diversificate. La deflazione delle imposte e dei contributi viene effettuata applicando al valore aggiunto ai prezzi dell anno precedente dell anno di elaborazione, l incidenza delle imposte/contributi sul valore aggiunto nell anno base (precedente). Anche questa operazione è effettuata, per ogni regione, a livello di 30 branche, ad esclusione dell agricoltura, nella quale la deflazione di imposte e contributi è effettuata con altri criteri. In questa branca, per quanto riguarda le imposte, si procede estrapolando il valore di tale aggregato attraverso l indice di quantità della produzione lorda vendibile (PLV). Per quanto riguarda i contributi, fino al 1995 si è proceduto

8 in modo analogo, ma con un dettaglio spinto al singolo prodotto, estrapolando il valore dei contributi afferenti al prodotto attraverso l indice di quantità della PLV del prodotto stesso; a partire dal 1996 tale indice è sostituito, per alcuni prodotti, con quello relativo alla superficie messa a coltura. A seguito dei cambiamenti della normativa sui contributi agricoli, infatti, per alcuni prodotti non viene più usata la quantità di PLV come parametro di distribuzione dei contributi, bensì l estensione delle aree coltivate. L IVA e le imposte sulle importazioni vengono trattate come unico aggregato, la cui deflazione è ottenuta con il metodo dell estrapolazione, vale a dire, applicando la stessa incidenza sul valore aggiunto regionale complessivo osservata nell anno base, al valore aggiunto a prezzi costanti (totale regionale) dell anno di elaborazione. Il Pil ai prezzi di mercato è calcolato, secondo le definizioni del SEC95, aggiungendo al valore aggiunto, espresso ai prezzi base, l Iva, le altre imposte sui prodotti, le imposte sulle importazioni e sottraendo i contributi sui prodotti. Per le 20 regioni italiane vengono pubblicati i dati del valore aggiunto ai prezzi base ed il prodotto interno lordo entrambi ai prezzi dell anno precedente ed in valori concatenati con anno di riferimento il La disaggregazione settoriale diffusa considera 24 branche economiche. L Italia pubblica, oltre ai dati relativi al valore aggiunto anche le tavole per regione del conto economico delle risorse e degli impieghi, delle spese per consumi finali per settore e categoria di beni e servizi e degli investimenti fissi lordi. 3.2 Sperimentazione della deflazione a livello di UTS-3 Sulla base di quanto detto nei paragrafi precedenti, l Istat elabora le stime correnti del valore aggiunto ai prezzi base articolate per 16 branche di attività economiche. Sulla base di questo data set disponibile si è effettuato un primo tentativo di stima del valore aggiunto provinciale ai prezzi dell anno precedente. La carenza di indici di prezzo a livello provinciale ha reso necessario il ricorso ai deflatori regionali del valore aggiunto articolati per attività economica. A differenza delle stime nazionali la deflazione a carattere territoriale viene condotta attraverso il metodo dell indicatore singolo e dunque il valore aggiunto in termini reali si ottiene deflazionando direttamente la serie in valori correnti con un indicatore delle variazioni di prezzo. Indicando con: Y j d t = il valore aggiunto corrente ai prezzi base della provincia d, della branca di attività economica j al tempo t;

9 P j d t = i prezzi relativi al valore aggiunto corrente ai prezzi base della provincia d, della branca di attività economica j al tempo t; Q j d t = le quantità relative al valore aggiunto corrente ai prezzi base della provincia d, della branca di attività economica j al tempo t; j def = deflatore del valore aggiunto ai prezzi base della regione r della branca di attività r t economica j al tempo t; il valore del valore aggiunto della generica provincia espresso ai prezzi dell anno precedente si ottiene come: dyp t 1 = 16 d j= 1 P P 16 j j j j j t t 1 d Qt = d Pt d Qt j j= 1 Pt 1 dove la variazione di prezzo per la generica attività economica è stata ottenuta utilizzando il sistema di deflatori regionali disaggregati per settore economico. In altri termini l indicatore di prezzo a livello regionale per branca di attività economica è stato ottenuto implicitamente dal rapporto del valore aggiunto corrente ai prezzi base e del valore aggiunto ai prezzi dell anno precedente ai prezzi base: r def j t = P P j t j t 1 Q Q j t j t Il deflatore così ottenuto per ciascuna delle 21 ripartizioni territoriali e per branca di attività economica è stato utilizzato per deflazionare il valore aggiunto corrente ai prezzi base delle province appartenenti alla stessa regione. Questa procedura è stata applicata considerando due articolazioni possibile delle serie provinciali del valore aggiunto e rispettivamente a 16 e a 6 branche di attività economica. 4 A ALISI EMPIRICA Come detto nel paragrafo 3 è stato calcolato il valore aggiunto a prezzi dell anno precedente a livello provinciale, considerando l articolazione settoriale per 16 classi di attività economiche e per 6 classi. L analisi di sensitività è stata sviluppata per individuare il livello di disaggregazione minimale su cui eventualmente basare il sistema di deflazione stante il database disponibile attualmente.

10 Nella presente sezione vengono messi a confronto i risultati per analizzare eventuali differenze e valutare l incidenza della composizione settoriale nella definizione del valore aggiunto reale. In particolare si è voluto indagare se in assenza di indicatori di prezzo territoriali adeguati è possibile cogliere le specificità di un dato territorio sub-regionale attraverso la composizione settoriale. Nella Tavola 1 è riportato il valore aggiunto per abitante ai prezzi dell anno precedente per il 2006 delle 107 unità territoriali, calcolato a partire dai due livelli di disaggregazione settoriale, a 16 branche e a 6. Come si può osservare le differenze sono minime, al limite del percettibile. Al massimo si hanno differenze percentuali di 0,3%. In termini assoluti si tratta di differenze che al massimo arrivano ai 72 euro per abitante. Andando nel dettaglio si può osservare che la regione in cui si riscontrano le differenze maggiori è la Lombardia. E in questa regione che la differente disaggregazione settoriale fa emergere risultati relativamente differenti in tutte le province. E abbastanza chiaro che la spiccata industrializzazione della regione e lo sventagliamento a 6 tipologie industriali nella classificazione a 16 branche inducano a ricomposizioni significative. Viceversa la regione in cui i risultati sono sostanzialmente gli stessi nelle due elaborazioni è il Friuli-Venezia-Giulia. 5 CO CLUSIO I Nel presente lavoro si è voluto innanzitutto attivare una linea di ricerca, al fine di sperimentare e quindi individuare possibili soluzioni per la stima della crescita del valore aggiunto a livello sub-regionale. Per questo motivo è stata condotta una prima analisi di sensitività basata sulla differente disaggregazione dei dati di base su cui è stata effettuata l elaborazione. L obiettivo è stato quindi di valutare le criticità di soluzioni attualmente possibile ed allo stesso tempo individuare soluzioni praticabili. Dalla sperimentazione effettuata emerge una sostanziale analogia tra la scomposizione a 16 branche e quella a 6 branche. Tale risultato mette in evidenza l inadeguatezza della scomposizione a 16 branche, che non riesce a portare elementi di diversità nella stima dovuti alla diversa composizione settoriale. In sostanza la scomposizione a 16 branche non aggiunge nulla rispetto alla scomposizione a 6 branche. In futuro contributi sostanziali a questo filone di ricerca potranno derivare da due differenti linee di sviluppo: una scomposizione settoriale dei conti provinciali più fine di quella attuale, almeno analoga al livello regionale (30 branche), potrà aiutare a settorializzare le province ma, ancor più, la produzione di indicatori di prezzo e/o di quantità a carattere provinciale che coprano i principali settori economici potrà segnare l avvio effettivo per la produzione di stime ufficiali in volume sub- regionali.

11 Tabella 1 Corrispondenza classificazione a 3 e 16 branche di attività economica 3 SETTORI 16 BRANCHE Agricoltura Industria Industria Industria Industria Industria Industria Industria Servizi Servizi Servizi Servizi Servizi Servizi Servizi Servizi 1. Agricoltura, silvicoltura e pesca 2. Alimentari, bevande e tabacco 3. Tessili, abbigliamento, pelli e calzature 4. Coke, petrolio e prodotti chimici 5. Prodotti metalmeccanici 6. Altri prodotti industriali 7. Elettricità, gas e acqua 8 Costruzioni 9. Commercio 10. Alberghi e pubblici esercizi 11. Trasporti e comunicazioni 12. Credito e assicurazione 13. Servizi alle imprese 14. Pubblica amministrazione 15. Istruzione, sanità ed altri servizi 16. Servizi domestici Tabella 2 Corrispondenza fra la classificazione a 6 branche adottata nella pubblicazione dei conti provinciali e le 16 branche di elaborazione 6 branche 16 branche Agricoltura, silvicoltura e pesca 1 Industria in senso stretto da 2 a 7 Costruzioni 8 Commercio,riparazioni,alberghi e ristoranti, trasporti e comunicazioni da 9 a 11 Intermediazione monetaria e finanziaria; attività immobiliari e imprenditoriali da 12 a 13 Altre attività di servizi da 14 a 16

12 Tabella 3 Valore aggiunto totale (2006) a prezzi dell anno precedente per abitante, calcolato a partire da 16 branche e da 6 branche di attività economica (euro) Province V.A./abit - 16 br V.A./abit - 6 br Differenze in valori assoluti TORINO 24, , VERCELLI 24, , NOVARA 24, , CUNEO 25, , ASTI 20, , ALESSANDRIA 23, , BIELLA 23, , VERBANO-CUSIO-OSSOLA 19, , AOSTA 26, , VARESE 25, , COMO 23, , SONDRIO 23, , MILANO 33, , BERGAMO 27, , BRESCIA 27, , PAVIA 22, , CREMONA 23, , MANTOVA 27, , LECCO 24, , LODI 23, , BOLZANO-BOZEN 29, , TRENTO 25, , VERONA 26, , VICENZA 26, , BELLUNO 25, , TREVISO 25, , VENEZIA 26, , PADOVA 26, , ROVIGO 22, , UDINE 24, , GORIZIA 23, , TRIESTE 26, , PORDENONE 25, , IMPERIA 20, , SAVONA 23, , GENOVA 23, , LA SPEZIA 21, , PIACENZA 24, , PARMA 27, , REGGIO NELL' EMILIA 27, , MODENA 28, , BOLOGNA 30, , FERRARA 22, ,

13 RAVENNA 25, , FORLI-CESENA 25, , RIMINI 24, , MASSA-CARRARA 19, , LUCCA 22, , PISTOIA 21, , FIRENZE 27, , LIVORNO 23, , PISA 24, , AREZZO 23, , SIENA 24, , GROSSETO 21, , PRATO 23, , PERUGIA 21, , TERNI 19, , PESARO E URBINO 21, , ANCONA 24, , MACERATA 21, , ASCOLI PICENO 20, , VITERBO 18, , RIETI 17, , ROMA 29, , LATINA 19, , FROSINONE 19, , L'AQUILA 17, , TERAMO 18, , PESCARA 18, , CHIETI 18, , CAMPOBASSO 16, , ISERNIA 16, , CASERTA 13, , BENEVENTO 13, , NAPOLI 14, , AVELLINO 14, , SALERNO 14, , FOGGIA 12, , BARI 15, , TARANTO 14, , BRINDISI 13, , LECCE 13, , POTENZA 15, , MATERA 15, , COSENZA 14, , CATANZARO 15, , REGGIO DI CALABRIA 14, , CROTONE 13, , VIBO VALENTIA 13, , TRAPANI 13, , PALERMO 14, , MESSINA 14, , AGRIGENTO 11, , CALTANISSETTA 13, ,

14 ENNA 12, , CATANIA 14, , RAGUSA 15, , SIRACUSA 15, , SASSARI 15, , NUORO 15, , CAGLIARI 19, , ORISTANO 14, , OLBIA-TEMPIO 20, , OGLIASTRA 14, , MEDIO-CAMPIDANO 11, , CARBONIA-IGLESIAS 12, ,

15 BIBLIOGRAFIA CPS (1998) Draft Commission Decision clarifying Annex A of Council Regulation (EC) n.2223/96 on the European System of national and regional accounts in the Community as concerns the principles for measuring prices and volumes, presented at 29th Meeting of the Statistical Programme Committee, 27 May, Stockholm. EUROSTAT (1996) European System of Accounts ESA 1995 Luxembourg. Faramondi A., Pascarella C. (2004) Metodologia di calcolo del valore aggiunto a livello subprovinciale, Quaderni di ricerca ISTAT Rivista di statistica ufficiale, n.1/2004 Franco Angeli, Milano Maresca S. (2006) Le novità delle valutazioni ai prezzi dell anno precedente: aspetti teorici e pratici, pubblicato sul sito sezione convegni e seminari 2006, La revisione generale dei conti nazionali Maresca S., Squarcio C. (2005) Gli effetti del concatenamento sulle componenti del Conto delle risorse e degli impieghi, Rivista di Statistica Ufficiale. N. 2/2006, Istat.

16 ABSTRACT This paper is a first attempt about estimation of value added growth rate at NUTS-3 level. The sensitive analysis is carried out. In particular, the NUTS-3 value added growth rate is analyzed to check the accuracy.

AGRIGENTO Ass. Amministrativo 584 561 23 2 ALESSANDRIA Ass. Amministrativo 332 307 25 2 ANCONA Ass. Amministrativo 451 380 71 5 AREZZO Ass. Amministrativo 337 270 67 5 ASCOLI PICENO Ass. Amministrativo

Dettagli

Grafico 1: Distribuzione % premi del lavoro diretto italiano 2011

Grafico 1: Distribuzione % premi del lavoro diretto italiano 2011 GRAFICI STATISTICI Grafico 1: Distribuzione % premi del lavoro diretto italiano 211 RAMI VITA - Premi lordi contabilizzati per ramo di attività e per tipologia di premio: 73.869 milioni di euro Malattia,

Dettagli

- DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO -

- DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO - - DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO - DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO Previnet è in grado di mettere a disposizione dei propri clienti un network

Dettagli

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013)

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013) I Contratti di Rete Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013) I contratti di rete Il monitoraggio sui Contratti di rete di Unioncamere, su dati Infocamere, mette in

Dettagli

Abruzzo Basilicata Calabria. Reggio Calabria. Vibo Valentia. Grado di istruzione / Classe di concorso

Abruzzo Basilicata Calabria. Reggio Calabria. Vibo Valentia. Grado di istruzione / Classe di concorso Chieti L'Aquila Pescara Teramo Matera Potenza Catanzaro Cosenza Crotone 3 7 3 5 6 4 5 7 6 A03 CHIMICA E TECNOLOGIE CHIMICHE A06 COSTRUZIONI E TECNICO A07 DISCIPLINE ECONOMICO-AZIENDALI 3 A09 DISCIPLINE

Dettagli

AGIMEG Agenzia Giornalistica sul Mercato del Gioco

AGIMEG Agenzia Giornalistica sul Mercato del Gioco http://www.agimeg.it/?p=2768 AGIMEG Agenzia Giornalistica sul Mercato del Gioco Giochi 2012, Milano la provincia dove si è giocato di più. In sole 4 province finisce il 25% delle giocate Sul podio anche

Dettagli

Strutture Sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo mètasalute

Strutture Sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo mètasalute Strutture Sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo mètasalute ABRUZZO Case di cura / Ospedali / Day-Surgery CHIETI e provincia L'AQUILA e provincia PESCARA e provincia Centri diagnostici /Poliambulatori/Studi

Dettagli

Abruzzo Chieti 2 Abruzzo L' Aquila 2 Abruzzo Pescara 0 Abruzzo Teramo Totale Abruzzo. 12 Basilicata Matera 0 Basilicata Potenza Totale Basilicata

Abruzzo Chieti 2 Abruzzo L' Aquila 2 Abruzzo Pescara 0 Abruzzo Teramo Totale Abruzzo. 12 Basilicata Matera 0 Basilicata Potenza Totale Basilicata Mobilità professionale personale ATA profilo professionale DSGA Destinatari dei corsi di di cui all'art. 7 CCNI 3.12.29 - art. 1, comma 2, sequenza contrattuale 25.7.28 - (ex art. 48 CCNL/27) DSGA Personale

Dettagli

Per i residenti di Torino: Potete portare l'oggetto Toshiba da riparare presso il nostro laborat orio, enza l'appuntamento nei orari di apertura.

Per i residenti di Torino: Potete portare l'oggetto Toshiba da riparare presso il nostro laborat orio, enza l'appuntamento nei orari di apertura. Riparazioni in garanzia: Per poter usufruire dell'assistenza tecnica in garanzia, il cliente deve contattare la sede Toshiba Italy Srl tramite il numero a pagamento messo a disposizione. 199... Gestione

Dettagli

3) Contributi integrativi volontari di cui all art.4 del D.P.R. N.1432/1971. a) Operai agricoli a tempo determinato;

3) Contributi integrativi volontari di cui all art.4 del D.P.R. N.1432/1971. a) Operai agricoli a tempo determinato; Versamenti volontari del settore agricolo - Anno 2005 (Inps, Circolare 29 luglio 2005 n. 98) Si illustrano di seguito le modalità di calcolo, per l anno in corso, dei contributi volontari relative alle

Dettagli

SCHEDA DI ADESIONE AL PROGETTO LINGUE 2000 ANNO SCOLASTICO 2000/2001 (da inviare al Provveditorato entro il 30/09/2000)

SCHEDA DI ADESIONE AL PROGETTO LINGUE 2000 ANNO SCOLASTICO 2000/2001 (da inviare al Provveditorato entro il 30/09/2000) Lettera circolare n 195/2000 Allegato 1/1 SCHEDA DI ADESIONE AL PROGETTO LINGUE 2000 ANNO SCOLASTICO 2000/2001 (da inviare al Provveditorato entro il 30/09/2000) 1. DATI GENERALI DELLA SCUOLA DATI ANAGRAFICI

Dettagli

ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2011

ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2011 ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2011 A CURA DELL AREA PROFESSIONALE STATISTICA FEBBRAIO 2012 A.G. ANDAMENTO MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA

Dettagli

SINTESI DELLO STUDIO

SINTESI DELLO STUDIO SINTESI DELLO STUDIO CARO AFFITTI E COSTO PER LA CASA: DIFFICOLTA DA RISOLVERE Maggio 2009 Nel II semestre 2008 le famiglie italiane per pagare l affitto della casa in cui vivono hanno impiegato il 26,4%

Dettagli

cmg FIRE ATTITUDE ABRUZZO BASILICATA ANDRIANÒ FABRIZIO Provincia: Chieti, L Aquila, Pescara, Teramo

cmg FIRE ATTITUDE ABRUZZO BASILICATA ANDRIANÒ FABRIZIO Provincia: Chieti, L Aquila, Pescara, Teramo ABRUZZO ANDRIANÒ FABRIZIO Provincia: Chieti, L Aquila, Pescara, Teramo Tel.: 338 7339896 mail: fabrizio.andriano@gmail.com BASILICATA DANIELE RAFFAELE & FIGLI sas Provincia: Potenza Tel.: 335 6226928 mail:

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. Prospetto Informativo on line

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. Prospetto Informativo on line MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Prospetto Informativo on line Ricevuta del prospetto Soggetto che effettua la comunicazione 011 - Consorzi e Gruppi di imprese (art. 31, d.lgs. 276/2003)

Dettagli

FONDAZIONE ENASARCO ORGANIZZAZIONE UFFICI PERIFERICI

FONDAZIONE ENASARCO ORGANIZZAZIONE UFFICI PERIFERICI FONDAZIONE ENASARCO ORGANIZZAZIONE UFFICI PERIFERICI ABRUZZO - MOLISE UFFICIO ISPETTIVO DI PESCARA Pescara, Chieti, L'Aquila, Teramo, Campobasso, Isernia Via Latina n.7 -. 65121 Pescara Telefono 06 5793.3110

Dettagli

OSSERVATORIO SULLA QUALITÀ DELLA VITA DELLE IMPRESE

OSSERVATORIO SULLA QUALITÀ DELLA VITA DELLE IMPRESE OSSERVATORIO SULLA QUALITÀ DELLA VITA DELLE IMPRESE La struttura imprenditoriale Report 2 / 2012 1862-2012 150 anni per lo sviluppo Camera di Commercio Forlì-Cesena UFFICIO STATISTICA E STUDI OSSERVATORIO

Dettagli

1,5% Infrastrutture di base Indice di infrastrutture economiche

1,5% Infrastrutture di base Indice di infrastrutture economiche PRATO Valori medi 21-25 della media 1999-23 e 2-24. (Italia = 1) Umano e le politiche per migliorare il (Siemens-Ambrosetti, 23) Lucca, Siena, PratoArezzo, Livorno Massa Carrara, Pistoia Pisa Grosseto

Dettagli

Il credit crunch nell economia italiana e per le piccole imprese

Il credit crunch nell economia italiana e per le piccole imprese 17 giugno 2013 Il credit crunch nell economia italiana e per le piccole imprese I dati desk sul credito alle imprese Dall avvento della crisi (dal 2008 in poi) l andamento dei prestiti alle imprese italiane

Dettagli

Fermo Potenza Firenze Prato Fonte: UIL Servizio Politiche Territoriali

Fermo Potenza Firenze Prato Fonte: UIL Servizio Politiche Territoriali LA MAPPA DELLE CITTA DOVE IL 16 OTTOBRE SI PAGHERA L ACCONTO TASI CITTA CITTA CITTA Agrigento Foggia Ragusa Alessandria Gorizia Ravenna Ascoli Piceno Grosseto Reggio Calabria Asti Imperia Rieti Avellino

Dettagli

IMU: PENALIZZATI I PENSIONATI E I LAVORATORI DIPENDENTI E PENSIONATI, SALVAGUARDATI I SOLITI IGNOTI

IMU: PENALIZZATI I PENSIONATI E I LAVORATORI DIPENDENTI E PENSIONATI, SALVAGUARDATI I SOLITI IGNOTI : PENALIZZATI I PENSIONATI E I LAVORATORI DIPENDENTI E PENSIONATI, SALVAGUARDATI I SOLITI IGNOTI. ABITAZIONE PRINCIPALE DA 33 A 133 MEDI EURO L ANNO. SECONDE CASE SCONTI IN 59 CITTA PER I REDDITI MEDIO

Dettagli

Dotazione di infrastrutture stradali sul territorio italiano

Dotazione di infrastrutture stradali sul territorio italiano Dotazione di infrastrutture stradali sul territorio italiano A cura dell Area Professionale Statistica L Automobile Club d Italia produce ormai da molti anni la pubblicazione Localizzazione degli Incidenti

Dettagli

107/2015 e al D.D.G. 767/2015 Diffida ad adempiere.

107/2015 e al D.D.G. 767/2015 Diffida ad adempiere. RACCOMANDATA A/R Spett. MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA in persona del ministro pro tempore Viale Trastevere 76/A 00153 - ROMA OGGETTO: Domanda di ammissione alle Fasi del piano

Dettagli

IN ARRIVO LO SPAURACCHIO TASI: CON LA PRIMA RATA DI GIUGNO I COMUNI INCASSERANNO 2,3 MILIARDI DI EURO

IN ARRIVO LO SPAURACCHIO TASI: CON LA PRIMA RATA DI GIUGNO I COMUNI INCASSERANNO 2,3 MILIARDI DI EURO IN ARRIVO LO SPAURACCHIO TASI: CON LA PRIMA RATA DI GIUGNO I COMUNI INCASSERANNO 2,3 MILIARDI DI EURO Con la scadenza della prima rata della Tasi prevista per il prossimo 16 giugno, i Comuni incasseranno

Dettagli

Competenza territoriale per le province di Ancona, Ascoli Piceno, Pesaro e Urbino, Macerata,

Competenza territoriale per le province di Ancona, Ascoli Piceno, Pesaro e Urbino, Macerata, ALESSANDRIA Competenza territoriale per le province di Alessandria, Asti Via A. Gramsci, 2 15121 Alessandria Tel. 0131/316265 e-mail: alessandria.r.dipartimento@inail.it-posta certificata: alessandriaricerca@postacert.inail.it

Dettagli

INPS - Circolare 22 novembre 2007, n. 128

INPS - Circolare 22 novembre 2007, n. 128 INPS - Circolare 22 novembre 2007, n. 128 Oggetto: Versamenti volontari del settore agricolo - anno 2007. Sommario: 1) Lavoratori agricoli dipendenti 2) Coltivatori diretti, mezzadri e coloni e imprenditori

Dettagli

Consumo carburanti (litri procapite) % autovetture cilindrata > 2.000 cc 20.511,2 2.725 1.134 519,1 7,33 61,71 5,89 0,41 0,44

Consumo carburanti (litri procapite) % autovetture cilindrata > 2.000 cc 20.511,2 2.725 1.134 519,1 7,33 61,71 5,89 0,41 0,44 LA CLASSIFICA REGIONALE Il confronto tra reddito disponibile e i sette indicatori di consumo nel 2008 Posizione REGIONI Reddito disponibile (euro procapite) Consumi alimentari (euro) Consumo energia elettrica

Dettagli

REGIONE UFFICIO INCARICO LIVELLO

REGIONE UFFICIO INCARICO LIVELLO ABRUZZO DR ABRUZZO AREA DI STAFF AL DIRETTORE REGIONALE ABRUZZO DR ABRUZZO CENTRO DI ASSISTENZA MULTICANALE DI PESCARA ABRUZZO DR ABRUZZO DIRETTORE REGIONALE AGGIUNTO 1 ABRUZZO DR ABRUZZO UFFICIO ACCERTAMENTO

Dettagli

Case, prezzi degli affitti in aumento nel secondo trimestre 2015

Case, prezzi degli affitti in aumento nel secondo trimestre 2015 Case, prezzi degli affitti in aumento nel secondo trimestre 2015 Dopo un ulteriore incremento dell 1% il prezzo medio in Italia si attesta a 8,5 euro al mese Forti oscillazioni nei centri minori, pressoché

Dettagli

Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco

Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Cod. ISTAT INT 00012 AREA: Ambiente e Territorio Settore di interesse: Ambiente Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Titolare: Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso

Dettagli

affittare casa è sempre più conveniente, prezzi giù -4,7% nel 2014

affittare casa è sempre più conveniente, prezzi giù -4,7% nel 2014 affittare casa è sempre più conveniente, prezzi giù -4,7% nel 2014 il prezzo medio ora è di 8,4 euro al metro quadro cali generalizzati nei principali centri: bene padova (1,6), tengono meglio roma (0,1%)

Dettagli

OGGETTO: Verbale di Accordo del 16 luglio 2009 - inserimenti sportelleria.

OGGETTO: Verbale di Accordo del 16 luglio 2009 - inserimenti sportelleria. Risorse Umane ed Organizzazione Relazioni Industriali Alle Segreterie Nazionali delle OO.SS. SLC-CGIL SLP-CISL UIL-POST FAILP-CISAL CONFSAL. COM.NI UGL-COM.NI Roma, 2 dicembre 2009 OGGETTO: Verbale di

Dettagli

Il fabbisogno abitativo Rinnovata emergenza

Il fabbisogno abitativo Rinnovata emergenza Il fabbisogno abitativo Rinnovata emergenza 2 Rapporto Famiglia-reddito-casa A cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Novembre 2008 1 INDICE Nota introduttiva pag. 3 Dati demografici pag. 4 Tabella

Dettagli

PAGINE GIALLE. Roma, marzo 2006

PAGINE GIALLE. Roma, marzo 2006 PAGINE GIALLE Roma, marzo 2006 0 Per il 2006 è in corso il rinnovo dell accordo con SEAT. A tal riguardo Poste Italiane provvederà ad assicurare l intera distribuzione e raccolta dei set. Tale processo

Dettagli

DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DICEMBRE 2010

DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DICEMBRE 2010 La produzione di rifiuti urbani in Italia DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DICEMBRE 2010 L Osservatorio prezzi e tariffe di Cittadinanzattiva, ha svolto per la quarta annualità un indagine

Dettagli

RISTORANTI ETNICI. Quanti sono e dove sono?

RISTORANTI ETNICI. Quanti sono e dove sono? L INFLUSSO DELLA CUCINA ETNICA SULLE ABITUDINI ALIMENTARI DEGLI ITALIANI L integrazione alimentare coinvolge di più i giovani e i residenti al Nord e al Centro A Milano, Prato e Trieste la maggiore presenza

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 11

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 11 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ITALIA POPOLAZIONE Cose da sapere VOLUME 1 CAPITOLO 11 A. Le idee importanti l L Italia è uno Stato con 20 regioni e 103 province l In Italia ci sono molte città. Le

Dettagli

Elenco dei numeri dei conti correnti "Poste italiane Proventi di Filiale..." da utilizzare per l'acquisto di Stampati con recapito a domicilio

Elenco dei numeri dei conti correnti Poste italiane Proventi di Filiale... da utilizzare per l'acquisto di Stampati con recapito a domicilio AGRIGENTO 306928 POSTE ITALIANE SPA FILIALE AGRIGENTO - PROVENTI DI FILIALE IT75P0760116600000000306928 ALBA 15674286 POSTE ITALIANE SPA FILIALE ALBA PROVENTI FILIALE IT89P0760110200000015674286 ALESSANDRIA

Dettagli

Ai Signori Presidenti Collegi dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati LORO SEDI

Ai Signori Presidenti Collegi dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati LORO SEDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI PERITI INDUSTRIALI PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Roma, 28 febbraio 2014 prot. n. 1479 Ai Signori Presidenti Collegi dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati

Dettagli

L INDICE DEL RISCHIO DI POVERTA LOCALE. Rapporto concluso sulla base delle informazioni statistiche disponibili al 29-05-2009

L INDICE DEL RISCHIO DI POVERTA LOCALE. Rapporto concluso sulla base delle informazioni statistiche disponibili al 29-05-2009 L INDICE DEL RISCHIO DI POVERTA LOCALE Luglio 2009 Una analisi per i comuni capoluogo di provincia PUBBLICAZIONI Monografia A cura di Rapporto concluso sulla base delle informazioni statistiche disponibili

Dettagli

Tabelledettaglioscuolasecondaria.xls Secondaria di I grado

Tabelledettaglioscuolasecondaria.xls Secondaria di I grado PIEMONTE ALESSANDRIA A028 EDUCAZIONE ARTISTICA 1 PIEMONTE ALESSANDRIA A032 EDUCAZIONE MUSICALE NELLA SCUOLA MEDIA 1 PIEMONTE ALESSANDRIA A033 EDUCAZIONE TECNICA NELLA SCUOLA MEDIA 1 PIEMONTE ALESSANDRIA

Dettagli

IL DIRETTORE. VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle dogane;

IL DIRETTORE. VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle dogane; Prot. n. 29228 IL DIRETTORE VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300; VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165; VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle

Dettagli

APPENDICE A. DATI CLIMATICI

APPENDICE A. DATI CLIMATICI APPENDICE A. DATI CLIMATICI A.1 Temperature esterne invernali di progetto UNI 5364 Torino -8 Reggio Emilia -5 Alessandria -8 Ancona -2 Asti -8 Ascoli Piceno -2 Cuneo -10 Macerata -2 Alta valle cuneese

Dettagli

Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco

Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Cod. ISTAT INT 00012 AREA: Ambiente e Territorio Settore di interesse: Ambiente Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Titolare: Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso

Dettagli

Codice Iban Descrizione Conto Sede o Ufficio di Riferimento

Codice Iban Descrizione Conto Sede o Ufficio di Riferimento 000013255112 IT-48-J-07601-10400-000013255112 INPDAP CONTRIBUTI VARI ALESSANDRIA 000012080636 IT-47-Q-07601-02600-000012080636 INPDAP CONTRIBUTI VARI ANCONA 000011499654 IT-90-Y-07601-03600-000011499654

Dettagli

Ufficio Città Totali Distretto

Ufficio Città Totali Distretto Ufficio Città Totali Distretto Procura della Repubblica Termini Imerese 296 Palermo Procura della Repubblica Sciacca 254 Palermo Ufficio di Sorveglianza Trapani 108 Palermo P.G. della Rep. presso Corte

Dettagli

SMART CITY INDEX. La misurazione del livello di «smartness» Marco Mena

SMART CITY INDEX. La misurazione del livello di «smartness» Marco Mena SMART CITY INDEX La misurazione del livello di «smartness» Marco Mena Lo Smart City Index Al fine di misurare il livello di smartness di una città, Between ha creato lo Smart City Index, un ranking delle

Dettagli

Condizioni tecniche ed economiche relative alla sperimentazione Postatarget Creative Sperimentale

Condizioni tecniche ed economiche relative alla sperimentazione Postatarget Creative Sperimentale Condizioni tecniche ed economiche relative alla sperimentazione Postatarget Creative Sperimentale EDIZIONE SETTEMBRE 2010 INDICE 1 CARATTERISTICHE DELLA SPERIMENTAZIONE... 3 2 CONDIZIONI DI ACCESSO ALLA

Dettagli

Confartigianato lancia l allarme sommerso: in Italia 640.000 abusivi

Confartigianato lancia l allarme sommerso: in Italia 640.000 abusivi Confartigianato lancia l allarme sommerso: in Italia 640.000 abusivi Calabria e Crotone maglia nera per il lavoro irregolare Primato positivo per Emilia Romagna e Bolzano L economia sommersa arruola un

Dettagli

FEDERALISMO MUNICIPALE

FEDERALISMO MUNICIPALE FEDERALISMO MUNICIPALE DECRETO LEGISLATIVO 292 (STIME E PROIEZIONI SULLA BASE DEL TESTO DEPOSITATO IN COMMISSIONE BICAMERALE PER IL FEDERALISMO) Proiezione degli effetti sui singoli Comuni Capoluoghi di

Dettagli

A GENOVA I GIOVANI VIVONO MEGLIO

A GENOVA I GIOVANI VIVONO MEGLIO Tel. 0392807521 0392807511 Gli under 30 italiani e la qualità della vita per provincia A GENOVA I GIOVANI VIVONO MEGLIO Nel capoluogo ligure gli under 30 hanno più opportunità a livello lavorativo e più

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. Prospetto Informativo on line

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. Prospetto Informativo on line MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Prospetto Informativo on line Ricevuta del prospetto Tipo comunicazione Codice comunicazione 01 - Prospetto informativo 1001514C00394126 Data invio 13/02/2014

Dettagli

I primi effetti delle misure sul credito: dopo TLTRO e QE una prima inversione di tendenza

I primi effetti delle misure sul credito: dopo TLTRO e QE una prima inversione di tendenza 8 giugno 2015 I primi effetti delle misure sul credito: dopo TLTRO e QE una prima inversione di tendenza Premessa: quadro dei dati desk e andamento del credit crunch Dall avvento della crisi economica

Dettagli

La produzione di rifiuti urbani in Italia

La produzione di rifiuti urbani in Italia La produzione di rifiuti urbani in Italia DOSSIER 1 RIFIUTI OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE APRILE 2010 L Osservatorio prezzi e tariffe di Cittadinanzattiva, ha svolto per la terza annualità un indagine

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO

MINISTERO DELL INTERNO MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI Direzione Centrale per la Documentazione e la Statistica PRESSO LE SOCIO-RIABILITATIVE ALLE DATE DEL 31 MARZO E 30 GIUGNO 2002

Dettagli

07-12-000181 SERVIZIO RAPPORTI INTERNAZIONALI E STUDI SEZIONE STUDI E STATISTICA

07-12-000181 SERVIZIO RAPPORTI INTERNAZIONALI E STUDI SEZIONE STUDI E STATISTICA SERVIZIO RAPPORTI INTERNAZIONALI E STUDI Roma 27 giugno 2012 Prot. n. All.ti n. 07-12-000181 12 Alle Imprese di assicurazione autorizzate all esercizio del ramo R.C. auto con sede legale in Italia LORO

Dettagli

TRASPARENZA E INFORMAZIONE: IL CASO DI COMUNI E REGIONI

TRASPARENZA E INFORMAZIONE: IL CASO DI COMUNI E REGIONI TRASPARENZA E INFORMAZIONE: IL CASO DI COMUNI E REGIONI Analisi della UIL sui siti internet dei Comuni Capoluogo di Provincia e delle Regioni Roma Agosto 2008 UIL- Servizio Politiche Territoriali TRASPARENZA

Dettagli

Appendici al Conto generale del patrimonio

Appendici al Conto generale del patrimonio Appendici al Conto generale del patrimonio Appendice 1 Beni mobili ATTIVITA' (Mobili) - Consistenze e variazioni di beni mobili divisi per > e > Tabella MINISTERI CATEGORIA

Dettagli

AMBITI del 1 RAGGRUPPAMENTO dell'all. 1 DM 226/2011

AMBITI del 1 RAGGRUPPAMENTO dell'all. 1 DM 226/2011 Tabella riportante per ciascun ambito le date aggiornate per l intervento sostitutivo della Regione di cui all'articolo 3 del, in caso di mancato avvio della gara da parte dei Comuni, in seguito a DL n.69/2013

Dettagli

CRISI Confartigianato: La crisi del credito costa alle imprese 13,8 miliardi l anno

CRISI Confartigianato: La crisi del credito costa alle imprese 13,8 miliardi l anno NOTA PER LA STAMPA Roma, 17 aprile 2009 CRISI Confartigianato: La crisi del credito costa alle imprese 13,8 miliardi l anno Le imprese italiane pagano un prezzo sempre più alto per la crisi del credito:

Dettagli

DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE FEBBRAIO 2012

DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE FEBBRAIO 2012 La produzione di rifiuti urbani in Italia DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE FEBBRAIO 2012 L Osservatorio prezzi e tariffe di Cittadinanzattiva, ha svolto per la quinta annualità un indagine

Dettagli

La Crisi della Ristorazione

La Crisi della Ristorazione La Crisi della Ristorazione Ufficio studi 1 L IMPATTO DELLA CRISI SULLA RISTORAZIONE IN ITALIA I sumi delle famiglie nella ristorazione La spesa delle famiglie in servizi di ristorazione è stata nel 2011

Dettagli

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato 02/09/2011

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato 02/09/2011 Elaborazione flash Ufficio Studi Confartigianato 02/09/2011 A giugno 2011 in Italia 37.787 gelaterie artigiane, che danno lavoro a 87.992 addetti. Nell'artigianato 6 assunzioni di gelatai su 10 sono di

Dettagli

DOSSIER FOTOGRAFIA: imprese e import/export di strumenti ottici e attrezzature fotografiche a Milano, in Lombardia e in Italia nel 2006

DOSSIER FOTOGRAFIA: imprese e import/export di strumenti ottici e attrezzature fotografiche a Milano, in Lombardia e in Italia nel 2006 DOSSIER FOTOGRAFIA: imprese e import/export di strumenti ottici e attrezzature fotografiche a Milano, in Lombardia e in Italia nel A cura della Camera di commercio di Milano Imprese attive nel settore

Dettagli

Quasi 55 miliardi sono però tornati nelle tasche degli italiani sotto forma di vincite. Nelle casse dell'erario oltre 9 miliardi

Quasi 55 miliardi sono però tornati nelle tasche degli italiani sotto forma di vincite. Nelle casse dell'erario oltre 9 miliardi Fonte 15-12-2011 ore 12:31 - sb GIOCHI: 2011 RECORD, RACCOLTA A 76 MLD Quasi 55 miliardi sono però tornati nelle tasche degli italiani sotto forma di vincite. Nelle casse dell'erario oltre 9 miliardi Ancora

Dettagli

Bollettino Statistico

Bollettino Statistico I S T I T U TO P E R L A V I G I L A N ZA SULLE ASSICURAZIONI Bollettino Statistico IPER: L'andamento dei prezzi effettivi per la garanzia r.c.auto nel terzo trimestre 2014 Anno II - n. 1, 20 febbraio

Dettagli

A CURA DELL OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DI. c è un nido? RILEVAZIONE ANNUALE SUi costi e numero degli ASILI NIDO in italia

A CURA DELL OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DI. c è un nido? RILEVAZIONE ANNUALE SUi costi e numero degli ASILI NIDO in italia A CURA DELL OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DI c è un nido? RILEVAZIONE ANNUALE SUi costi e numero degli ASILI NIDO in italia Settembre 2015 Asili nido comunali Dossier a cura dell Osservatorio prezzi &

Dettagli

Calcolo del risparmio energetico

Calcolo del risparmio energetico Calcolo del risparmio energetico Calcolo semplificato del risparmio annuo di energia in fonte primaria previsto con un intervento di efficienza energetica In un involucro edilizio ogni intervento di qualificazione

Dettagli

- 2002 - PROVINCIA MONITOR BIELLA

- 2002 - PROVINCIA MONITOR BIELLA Rilevazione Dicembre - 2002 - PROVINCIA MONITOR BIELLA INDICE Metodologia Immagine dell'ente La notorietà dei settori di competenza della Le aree di intervento nei settori di attività sviluppati dalla

Dettagli

Studi e ricerche sull economia dell immigrazione. Ingresso degli stranieri in Italia Anno 2010. Estratto dal

Studi e ricerche sull economia dell immigrazione. Ingresso degli stranieri in Italia Anno 2010. Estratto dal Studi e ricerche sull economia dell immigrazione Ingresso degli stranieri in Italia Anno 2010 Estratto dal Rapporto annuale sull economia dell immigrazione, edizione 2011 edito da Il Mulino Introduzione

Dettagli

Breve sintesi - 2012

Breve sintesi - 2012 Breve sintesi - 2012 L Italia e l Europa nel 2012 Nel 2010 l Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha proclamato un nuovo decennio di iniziative per la Sicurezza Stradale 2011-2020 al fine di ridurre

Dettagli

CENTRI DI LIQUIDAZIONE TUA

CENTRI DI LIQUIDAZIONE TUA CENTRI DI LIQUIDAZIONE TUA Area di Agrigento (Sicilia) AG CDL CATANIA Alessandria (Piemonte) AL CDL MILANO Ancona (Marche) AN CDL PADOVA Aosta (Valle d'aosta) AO CDL MILANO Arezzo (Toscana) AR CDL ROMA

Dettagli

c o m u n i c a t o s t a m p a

c o m u n i c a t o s t a m p a c o m u n i c a t o s t a m p a Immigrati: 335mila imprese nel 2014, in testa cinesi e marocchini, più spazio a bengalesi e indiani Cresciute di 23mila unità in un anno Roma, 7 aprile 2015 L Italia delle

Dettagli

Asili nido comunali in Italia: tra caro rette e liste di attesa

Asili nido comunali in Italia: tra caro rette e liste di attesa Asili nido comunali in Italia: tra caro rette e liste di attesa Indagine a cura dell Osservatorio prezzi e tariffe di Cittadinanzattiva Novembre 2012 Asili nido comunali Dossier a cura dell Osservatorio

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE

IL DIRETTORE GENERALE ----------- IL DIRETTORE GENERALE Decreto n.5 VISTO il Contratto collettivo nazionale del Comparto scuola, sottoscritto il 26/05/99, ed in particolare l art.34, che ha delineato il profilo di Direttore

Dettagli

MODULO LOCALE. Quotidiani e periodici con diffusione locale

MODULO LOCALE. Quotidiani e periodici con diffusione locale MODULO LOCALE Quotidiani e periodici con diffusione locale ABRUZZO Chieti Centro (il) - ed. Chieti Lanciano-Vasto L Aquila Centro (il) - ed. l'aquila Avezzano Sulmona Pescara Centro (il) Pescara Centro

Dettagli

Bollettino Statistico

Bollettino Statistico I S T I T U TO P E R L A V I G I L A N ZA SULLE ASSICURAZIONI Bollettino Statistico IPER: L'andamento dei prezzi effettivi per la garanzia r.c.auto nel quarto trimestre 2014 Anno II - n. 2, 8 aprile 2015

Dettagli

Scheda tecnica n.1 - Sostituzione di lampade ad incandescenza con lampade fluorescenti compatte con alimentatore incorporato

Scheda tecnica n.1 - Sostituzione di lampade ad incandescenza con lampade fluorescenti compatte con alimentatore incorporato Scheda tecnica n.1 - Sostituzione di lampade ad incandescenza con lampade fluorescenti compatte con alimentatore incorporato 1. ELEMENTI PRINCIPALI 1.1 Descrizione dell intervento Tipologia di intervento:

Dettagli

Indagine sulle tariffe applicate

Indagine sulle tariffe applicate Indagine sulle tariffe applicate 1 Indagine realizzata a cura dell Osservatorio prezzi&tariffe di Cittadinanzattiva 2 Indice Premessa... 5 Nota metodologica... 7 I risultati dell indagine... 8 Dati territoriali...

Dettagli

Bollettino Statistico

Bollettino Statistico I S T I T U TO P E R L A V I G I L A N ZA SULLE ASSICURAZIONI Bollettino Statistico IPER: L'andamento dei prezzi effettivi per la garanzia r.c.auto nel primo e secondo trimestre 2015 Anno II - n. 3, 29

Dettagli

LE IMPOSTE COMUNALI SULL IMMOBILE ALBERGHIERO

LE IMPOSTE COMUNALI SULL IMMOBILE ALBERGHIERO LE IMPOSTE COMUNALI SULL IMMOBILE ALBERGHIERO Federica Bonafaccia Antonio Griesi Sergio Vento in collaborazione con LE IMPOSTE COMUNALI SULL IMMOBILE ALBERGHIERO la componente patrimoniale della nuova

Dettagli

SPECIALE "UN ANNO DI GIOCHI IN ITALIA": VOLANO POKER ONLINE E BINGO, MA SONO LE NEWSLOT A FARE IL MERCATO (2)

SPECIALE UN ANNO DI GIOCHI IN ITALIA: VOLANO POKER ONLINE E BINGO, MA SONO LE NEWSLOT A FARE IL MERCATO (2) SPECIALE "UN ANNO DI GIOCHI IN ITALIA": A FINE ANNO GLI ITALIANI AVRANNO SPESO OLTRE 60,8 MILIARDI PER DARE LA CACCIA ALLA FORTUNA. ALL'ERARIO QUASI 9 MILIARDI DI EURO (1) Un altro anno record per il mercato

Dettagli

CIRCOLARE N. 7. Direzione dell Agenzia

CIRCOLARE N. 7. Direzione dell Agenzia PROT. n 63125 ENTE EMITTENTE: OGGETTO: DESTINATARI: CIRCOLARE N. 7 Direzione dell Agenzia DATA DECORRENZA: 1 ottobre 2004 Roma, 12 agosto 2004 Attribuzione di nuovi codici ufficio ai fini del pagamento

Dettagli

Capitolo 10. Elezioni

Capitolo 10. Elezioni Capitolo 10 Elezioni 10. Elezioni A partire dal referendum istituzionale e dall elezione per l Assemblea costituente del 2 giugno 1946, l Istat, in collaborazione con il Ministero dell interno, ha curato

Dettagli

Il Consiglio Nazionale Andi ha approvato importanti delibere sul futuro della professione

Il Consiglio Nazionale Andi ha approvato importanti delibere sul futuro della professione http://fe-mn-andi.mag-news.it/nl/n.jsp?6o.0_.a.a.a.a 1 di 2 27/12/2011 17.14 Feb 07 2011 Il Consiglio Nazionale Andi ha approvato importanti delibere sul futuro della professione Sondaggio ANDI Delibera

Dettagli

MIUR.AOODGEFID.REGISTRO DEI DECRETI DIRETTORIALI.0000050.25-11-2015

MIUR.AOODGEFID.REGISTRO DEI DECRETI DIRETTORIALI.0000050.25-11-2015 MIUR.AOODGEFID.REGISTRO DEI DECRETI DIRETTORIALI.0000050.25-11-2015 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca IL DIRETTORE GENERALE VISTA la legge 18 dicembre 1997, n. 440, recante istituzione

Dettagli

Gli asili nido comunali in Italia, tra caro retta e liste di attesa

Gli asili nido comunali in Italia, tra caro retta e liste di attesa Gli asili nido comunali in Italia, tra caro retta e liste di attesa Dossier a cura dell Osservatorio prezzi & tariffe di Cittadinanzattiva1 1. Premessa Roma, febbraio 2007 Gli asili nido comunali rientrano

Dettagli

Calcolo del fabbisogno energetico

Calcolo del fabbisogno energetico Calcolo del fabbisogno energetico Il fabbisogno energetico mensile Fasi di calcolo del fabbisogno energetico mensile Fattori climatici e gradi-giorno Gli scambi termici Scambi termici per trasmissione

Dettagli

Transizione alla televisione digitale nella Provincia autonoma di Trento. Fondazione Ugo Bordoni

Transizione alla televisione digitale nella Provincia autonoma di Trento. Fondazione Ugo Bordoni Transizione alla televisione digitale nella Provincia autonoma di Trento Fondazione Ugo Bordoni Un esempio di transizione: dalla fotografia analogica alla fotografia digitale Alcuni esempi di transizione

Dettagli

Nota tecnica della territorialità del trasporto merci su strada e dei servizi per il movimento delle merci

Nota tecnica della territorialità del trasporto merci su strada e dei servizi per il movimento delle merci Nota tecnica della territorialità del trasporto merci su strada e dei servizi per il movimento delle merci criteri per la definizione delle aree territoriali del trasporto merci SU STRADA E DEI SERVIZI

Dettagli

Bollettino Statistico

Bollettino Statistico I S T I T U TO P E R L A V I G I L A N ZA SULLE ASSICURAZIONI Bollettino Statistico IPER: L'andamento dei prezzi effettivi per la garanzia r.c.auto nel secondo trimestre 2014 Anno I - n. 1, 15 dicembre

Dettagli

DALLA TARSU ALLA TARES: DI MALE IN PEGGIO

DALLA TARSU ALLA TARES: DI MALE IN PEGGIO DALLA TARSU ALLA TARES: DI MALE IN PEGGIO Sintesi dell indagine della UIL Servizio Politiche Territoriali - Osservatorio sulla fiscalità locale sulla TARSU e TARES NEL LA TASSA/TARIFFA SUI RIFIUTI SOLIDI

Dettagli

Bilancia elettronica da banco modello SUN ECO

Bilancia elettronica da banco modello SUN ECO MANUALE TECNICO PER LA CALIBRAZIONE E REGOLAZIONE METROLOGICA Bilancia elettronica da banco modello SUN ECO MANUALE TECNICO PER LA CALIBRAZIONE E REGOLAZIONE METROLOGICA Bilancia elettronica da banco modello

Dettagli

8.333 294 Posti di sostegno 6.216 0

8.333 294 Posti di sostegno 6.216 0 trasferimenti - Maggio 2015 / Riepilogo generale Situazione posti scuola secondaria di I grado dopo i trasferimenti per il 2015/2016 (al 28/5/2015) (potrebbe esserci qualche variazione in aumento nel caso

Dettagli

Conferenza dei Direttori dei Conservatori di Musica

Conferenza dei Direttori dei Conservatori di Musica Conferenza dei Direttori dei Conservatori di Musica PROBLEMATICHE CONNESSE CON L ATTIVAZIONE DEI LICEI MUSICALI ) OFFERTA FORMATIVA a) OFFERTA FORMATIVA ATTUALE Grazie alla particolare organizzazione della

Dettagli

L USURA: QUANDO IL CREDITO È NERO EURISPES: L IRU (INDICE DI RISCHIO USURA) TRACCIA

L USURA: QUANDO IL CREDITO È NERO EURISPES: L IRU (INDICE DI RISCHIO USURA) TRACCIA COMUNICATO STAMPA L USURA: QUANDO IL CREDITO È NERO EURISPES: L IRU (INDICE DI RISCHIO USURA) TRACCIA UNA MAPPA DELL ITALIA In un contesto socio-economico di difficoltà, come è quello attuale, i fenomeni

Dettagli

MAURIZIO COPPO 16 FEBBRAIO 2012 CAMERA DEI DEPUTATI SALA DELLE COLONNE, ROMA, VIA POLI 19 RICERCHE E SERVIZI PER IL TERRITORIO

MAURIZIO COPPO 16 FEBBRAIO 2012 CAMERA DEI DEPUTATI SALA DELLE COLONNE, ROMA, VIA POLI 19 RICERCHE E SERVIZI PER IL TERRITORIO FONDAZIONE LUIGI GUCCIONE ISTITUTO INTERNAZIONALE PER IL CONSUMO E L AMBIENTE 16 FEBBRAIO 2012 CAMERA DEI DEPUTATI SALA DELLE COLONNE, ROMA, VIA POLI 19 RICERCHE E SERVIZI PER IL TERRITORIO I RIFERIMENTI

Dettagli

Croce Verde Ambiente

Croce Verde Ambiente Croce Verde Ambiente NETWORK NAZIONALE DI PRONTO INTERVENTO ANTINQUINAMENTO INDUSTRIALE - STRADALE - ACQUEO - GEOLOGICO Dislocate in ogni provincia italiana, rappresentano l'unico e vero "braccio operativo"

Dettagli

Ente Nazionale di Previdenza e di Assistenza per i Lavoratori dello Spettacolo Direzione Generale

Ente Nazionale di Previdenza e di Assistenza per i Lavoratori dello Spettacolo Direzione Generale Direzione Generale La geografia dei contributi E.N.P.A.L.S. Un analisi GIS delle risorse Maurizio Barbaro 1 Indice 1 Introduzione... 3 2 La competenza territoriale delle sedi periferiche dell'ente... 4

Dettagli

Istituzione dei codici tributo per la riscossione, con modello F 23 delle somme spettanti agli accertatori dei reati finanziari.

Istituzione dei codici tributo per la riscossione, con modello F 23 delle somme spettanti agli accertatori dei reati finanziari. Direzione Centrale Accertamento RISOLUZIONE N. 64/E Roma, 18 maggio 2005 Oggetto: Istituzione dei codici tributo per la riscossione, con modello F 23 delle somme spettanti agli accertatori dei reati finanziari.

Dettagli