UNA PRIMA STIMA DELLA CRESCITA ECONOMICA A LIVELLO SUB-REGIONALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNA PRIMA STIMA DELLA CRESCITA ECONOMICA A LIVELLO SUB-REGIONALE"

Transcript

1 XXX CONFERENZA ITALIANA DI SCIENZE REGIONALI UNA PRIMA STIMA DELLA CRESCITA ECONOMICA A LIVELLO SUB-REGIONALE Alessandro FARAMONDI, Sandra MARESCA Istat, Via Cesare Balbo, 16, 00184, Roma SOMMARIO A livello di NUTS-3 (corrispondenti alle nostre province) la contabilità nazionale considera la stima della sola variabile nominale del valore aggiunto. Questo lavoro rappresenta un primo tentativo di stima del valore aggiunto in termini reali. In particolare viene proposta una sperimentazione, in cui il valore aggiunto per provincia è stimato ai prezzi dell anno precedente. L elaborazione è condotta utilizzando la base informativa disponibile a livello territoriale per l anno 2006, che coincide con l ultimo anno di pubblicazione dei conti provinciali forniti dall Istat.

2 1. I TRODUZIO E A tutt oggi il regolamento comunitario sui conti territoriali non prevede che siano effettuate stime di aggregati territoriali in termini reali. Da anni, invece, l Italia produce tali stime a livello regionale (NUTS-2) e dal 2007 queste stime vengono prodotte con il sistema degli indici a catena adottato nei conti nazionali. Per le 21 unità territoriali (le nostre regioni, con in più Trento e Bolzano in quanto province autonome) si pubblica il valore aggiunto ai prezzi base ed il prodotto interno lordo, entrambi ai prezzi dell anno precedente ed in valori concatenati con anno di riferimento il La disaggregazione settoriale diffusa considera 24 branche economiche. L Italia pubblica, oltre ai dati relativi al valore aggiunto anche le tavole per regione del conto economico delle risorse e degli impieghi, delle spese per consumi finali per settore e categoria di beni e servizi e degli investimenti fissi lordi. A livello sub-regionale la contabilità nazionale italiana, come quella internazionale, limita il campo di osservazione alla sola variabile nominale del valore aggiunto con evidenti carenze informative in termini di crescita economica. In tale ambito si colloca questo lavoro che rappresenta un primo tentativo di stima del valore aggiunto reale a livello NUTS-3 (107 province). In particolare verrà proposta una sperimentazione, in cui verrà stimato il valore aggiunto complessivo per provincia ai prezzi dell anno precedente, a partire da un livello di articolazione economica quanto più possibile dettagliato, al fine di cogliere la diversa dinamica della struttura produttiva sottostante. L elaborazione sarà condotta utilizzando la base informativa più disaggregata disponibile a livello territoriale per l anno 2006, che coincide con l ultimo anno di pubblicazione dei conti provinciali forniti dall Istat. 2 LA METODOLOGIA DI STIMA DEL VALORE AGGIU TO PROVI CIALE A PREZZI CORRE TI Per la stima del valore aggiunto provinciale si è scelta una metodologia che seguisse in modo sostanziale, ancorché semplificato, l approccio adottato a livello nazionale e regionale. Essa si basa sull attribuzione alle stime dell input di lavoro (espresso in unità di lavoro) di pro-capite di valore aggiunto specifici di provincia, branca di attività economica e classe dimensionale d impresa. La stratificazione per branca e classe dimensionale alla base del calcolo è la stessa dei dati di occupazione (16 branche (cfr. prospetto 1) e 3 classi dimensionali (1-19, 20-99, 100 e oltre addetti)). La relazione teorica alla base del modello è la seguente (Faramondi-Pascarella, 2004): (1) djk Y = djk b * djk X

3 dove: Y = valore aggiunto d = indicatore della Provincia (da 1 a 107) j = indicatore di branca di attività economica (da 1 a 16) k = indicatore della classe dimensionale d impresa (da 1 a 3) b = valore aggiunto per unità di lavoro X = unità di lavoro (ULA) Tale relazione non è immediatamente applicabile, poiché dalle fonti disponibili non si conosce il valore del parametro b. Ne consegue la necessità di sviluppare la (1), per arrivare ad una formulazione che consenta di stimare il valore aggiunto. Il primo passo è quello di scomporre l occupazione espressa in ULA nelle diverse componenti. Occupazione regolare, occupazione irregolare di residenti in Italia, occupazione di stranieri irregolari, occupazione di secondo lavoro. Ipotizzando che la produttività oraria (intesa come rapporto fra valore aggiunto e monte ore effettivamente lavorate) nell ambito dello stesso strato (branca/classe dimensionale/porzione di territorio) sia indipendente dalla tipologia del rapporto di lavoro (regolare o irregolare) e dalla regolarità amministrativa del lavoratore rispetto al territorio (a- residenti e stranieri regolarmente presenti; b- stranieri irregolari e clandestini), è possibile assumere che il coefficiente b non cambia a seconda della componente di occupazione considerata. In questo modo la quota di valore aggiunto relativa all occupazione regolare è calcolata utilizzando il valore aggiunto per posizione lavorativa regolare ed il numero delle ULA senza la riduzione delle posizioni regolari dovuta al part-time e all utilizzo di ore di cassa integrazione guadagni da parte delle imprese, mentre le altre componenti sono calcolate sotto l ipotesi che la produttività oraria delle posizioni lavorative non regolari coincida con quella delle posizioni regolari. Ottenute le stime per dominio di branca si passa alla fase di riallineamento al dato regionale, in modo che le stime a livello provinciale siano coerenti con quelle a livello regionale. Questa fase ricopre un ruolo particolarmente importante; infatti non si tratta di una semplice operazione algebrica, bensì di una vera e propria fase di stima, in cui si hanno stime preliminari a livello provinciale, e stime definitive coerenti con il dato regionale. In tale contesto la fase di riproporzionamento è interpretabile come una stima condizionata, in cui si vuole stimare il valore aggiunto provinciale, condizionatamente alle informazioni ad un livello territoriale più aggregato e cioè le Regioni. Questa operazione viene svolta in più fasi. Si effettua una prima stima condizionata al valore aggiunto regionale (riproporzionamento regionale) a livello di strato, valorizzando in tal modo l informazione per classe dimensionale e poi si sommano i valori riproporzionati delle diverse classi dimensionali, ottenendo in tal modo una stima di branca. Quindi si effettua una seconda

4 stima condizionata, questa volta direttamente a livello di branca, non considerando così l informazione della diversa composizione per classe dimensionale. Il risultato finale è dato dalla media dei valori per branca della prima stima condizionata e della seconda. Questo metodo scaturisce da una serie di considerazioni, riconducibili a problematiche di efficienza, che sono particolarmente rilevanti nei domini di piccole dimensioni, proprio in funzione del fatto che tanto più piccoli sono i domini tanto maggiore tende ad essere l errore di stima. In particolare, si ritiene che la stima condizionata a livello di strato (48 domini), nonostante sia da considerarsi concettualmente la migliore, valorizzando l informazione della struttura produttiva per classe dimensionale, possa presentare dei livelli di errore molto elevati, soprattutto nelle province di piccole dimensioni. Per tale motivo, tale stima è stata integrata da quella condizionata a livello di branca (16 domini provinciali), che nonostante non tenga conto di tutte le informazioni disponibili, presenta dei livelli di incertezza minori, essendo calcolata su un numero di domini inferiore. In ambito Eurostat, la stima degli aggregati di contabilità nazionale in base all input di lavoro è considerata una delle tecniche più idonee, ai fini della qualità dei dati ed in particolare dell esaustività delle stime del Pil. La tecnica ULA pro-capite consente di stimare in modo esaustivo l aggregato monetario, se nell input di lavoro è contenuta, oltre all occupazione regolare dichiarata dalle imprese, anche la stima di quella non regolare, e se il pro-capite, ricavato dalle dichiarazioni delle imprese, è sottoposto a verifiche ed eventuali correzioni per ovviare alla sottodichiarazione. Rispetto all impianto generale finora descritto sono state distinte alcune branche, o parti di esse, in ragione della particolarità dei dati di base disponibili. Per la branca dell agricoltura silvicoltura e pesca, il calcolo del valore aggiunto è stato eseguito con metodologia del tutto simile a quella dei conti regionali: stima della produzione e sottrazione dei costi intermedi. La stima della produzione si basa sul metodo di aggregazione quantità x prezzi di oltre 150 prodotti e servizi. Per quanto riguarda le stime della produzione nel settore della pesca ci si è avvalsi di dati relativi al pescato derivanti dall Indagine congiunta Istat-Irepa (Istituto di ricerche economiche per la pesca e acquacoltura). Per i costi intermedi ci si è basati sui dati delle indagini Istat presso i distributori dei prodotti usati dal settore agricolo (concimi, sementi, fitosanitari, mangimi); la stima dei costi intermedi a livello provinciale risente, comunque, della revisione avvenuta sull aggregato a livello regionale, basata anche sui dati dell indagine RICA-REA, condotta congiuntamente dall Istat e dall Inea (Istituto nazionale di economia agraria). Per la pesca, i costi intermedi regionali sono stati divisi per provincia in rapporto al naviglio e alle tonnellate di stazza lorda. Nelle stime secondo la logica della branca di attività economica, si è tenuto conto, accanto ai risultati economici delle attività tipiche del settore (colturali, zootecniche, ittiche, ecc.), anche delle attività secondarie e, in primo luogo, dell agriturismo, per le quali ci si è avvalsi delle

5 informazioni derivanti dall indagine specifica effettuata dall Istat in collaborazione con gli assessorati provinciali dell agricoltura, indagine che fornisce indicazioni di tipo qualitativo (tipologia di servizio offerto) e strutturale (dotazioni, posti letto, ecc.), ma non di carattere strettamente economico (fatturato, costi, ecc.). Per le attività finanziarie la stima è stata effettuata, in analogia con quella dei conti regionali, con approccio dal lato della distribuzione del reddito, così come suggerito dai manuali dell Eurostat. Ciò ha comportato la ripartizione provinciale del risultato lordo di gestione regionale sulla scorta di indicatori rappresentativi dell attività produttiva della branca e l assemblaggio ad esso dei redditi da lavoro dipendente. Per la ripartizione del risultato di gestione relativo all intermediazione monetaria e alle altre intermediazioni finanziarie l indicatore utilizzato è dato dalla somma degli impieghi e dei depositi in essere presso gli istituti di credito; per lo stesso aggregato relativo alle assicurazioni l indicatore è costituito dalla somma dei premi dei rami vita e danni raccolti dalle imprese a livello provinciale. Per quanto riguarda i redditi da lavoro dipendente, questi sono stati costruiti in base alla struttura provinciale dell input di lavoro della branca. Per la stima dei servizi domestici il dato regionale viene ripartito a livello provinciale in base alla distribuzione delle ULA dipendenti. Per la parte di valore aggiunto derivante dalla produzione non market del settore della pubblica amministrazione (ovviamente la stragrande maggioranza della sua produzione), la stima del valore aggiunto è stata effettuata attribuendo all input di lavoro, distinto per branche e gruppi di enti, i valori pro-capite regionali corrispondenti. Infine, il valore aggiunto provinciale a 16 branche è stato aggregato a livello delle 6 branche di pubblicazione secondo il prospetto 2. 3 LA STIMA DEL VALORE AGGIU TO I TERMI I REALI 3.1 La deflazione del valore aggiunto a livello di UTS 2 Il Sistema dei conti economici europeo (SEC95) non prevede che siano effettuate stime di aggregati regionali a prezzi costanti. Da anni, invece, l Italia produce stime in tal senso e dal 2007 tali stime vengono prodotte con il sistema degli indici a catena adottato nei conti nazionali. In accordo con gli standard definiti dai regolamenti comunitari, in occasione della revisione generale dei conti economici nazionali del 2005 è stato introdotto in Italia il metodo degli indici a catena per la misura delle dinamiche reali degli aggregati economici annuali 1. Il nuovo metodo degli indici a catena ha sostituito il precedente sistema a base fissa. 1 SEC 1995, Decisione della Commissione 98/715.

6 Le misure in volume ottenute con la tecnica del concatenamento presentano, grazie all aggiornamento annuale del sistema di ponderazione, tassi di crescita che meglio rappresentano l effettiva dinamica delle grandezze economiche (Maresca-Squarcio, 2005; Maresca, 2006). Premesso che, così come nel conto regionale a prezzi correnti, in quello a prezzi costanti le importazioni nette sono ottenute come saldo fra il PIL regionale e gli aggregati costituenti gli impieghi, ciò che viene analizzato in questo paragrafo è il metodo di deflazione del PIL regionale, o, meglio, delle componenti costituenti il PIL regionale: valore aggiunto ai prezzi al produttore, imposte e contributi sui prodotti e sulla produzione, IVA e imposte sulle importazioni. La deflazione del valore aggiunto ai prezzi al produttore è effettuata a livello di 30 branche NACE Rev.1.1 con metodi differenti per i 5 segmenti produttivi (imprese market, PA market, ISV market, PA non market, ISV non market). Per l agricoltura il calcolo a prezzi costanti del valore aggiunto è effettuato con il metodo della doppia deflazione. Questo è, infatti, l unico settore economico in cui sono stimati a livello regionale i valori a prezzi correnti sia della produzione che dei costi intermedi. Tali aggregati sono ottenuti tramite la valutazione delle quantità prodotte e dei relativi prezzi di 131 prodotti agricoli, nonché delle quantità consumate come input e dei relativi prezzi di circa 100 voci di spesa. Le valutazioni a prezzi costanti della produzione e dei consumi intermedi sono, quindi, effettuate con metodo diretto, applicando i prezzi dell anno precedente alle quantità dell anno corrente. Le informazioni sui prezzi sono in massima parte dedotte dalle indagini correnti dell Istat. Ad esse si aggiungono quelle dell ISMEA (Istituto per studi, ricerche e informazioni sul mercato agricolo) e quelle dell ENEL sui prezzi dell energia elettrica. Per le branche della trasformazione industriale il valore aggiunto regionale a prezzi correnti è stimato a livello di singola branca e classe dimensionale (1-5, 6-19, 20-99, e 250 e più addetti). La deflazione è eseguita a tale livello di dettaglio, utilizzando il corrispondente deflatore implicito nazionale. Questo è costruito tenendo conto delle differenti caratteristiche merceologiche dei prodotti e della differente propensione all esportazione all interno di ciascuna branca, a seconda della grandezza delle imprese. Quest ultima informazione è ottenuta utilizzando i risultati del questionario settoriale dell industria e dei servizi relativi al quesito sulle quote delle vendite di prodotti secondo la destinazione. Nella deflazione del valore aggiunto regionale dell industria di trasformazione, quindi, si assume la diversa struttura per branca e classe dimensionale come elemento significativo di una differenziazione territoriale del deflatore di branca, in mancanza di altri elementi quali indicatori di prezzo alla produzione a livello regionale e nell impossibilità di applicare metodi di doppia deflazione. Nella branca delle costruzioni viene stimato un deflatore regionale del valore aggiunto, applicando al deflatore nazionale il coefficiente di differenziazione regionale degli indici di

7 costo di costruzione dei fabbricati residenziali, rilevati dall ISTAT presso i capoluoghi di regione. Per la branca del commercio si utilizza una procedura indiretta fondata sulla costruzione di un indicatore di volume. Tale indicatore si ricava calcolando l incidenza del costo del servizio commerciale nell anno precedente sull ammontare dei flussi scambiati ed applicando quest ultima ai flussi intermediati calcolati a prezzi costanti per tutti gli altri anni. Per la branca del credito e delle assicurazioni il metodo seguito si riconduce ad una estrapolazione del valore aggiunto dell anno precedente attraverso un indicatore di volume sintetico del settore. Tale indicatore è ottenuto sulla base della distribuzione regionale dei depositi e impieghi bancari e dei premi assicurativi opportunamente deflazionati con un deflatore regionale della domanda interna. Per tutte le altre branche dei servizi vendibili e per quelle dell industria energetica viene usato il deflatore nazionale del valore aggiunto di branca. La stima del valore aggiunto delle Amministrazioni pubbliche (AA.PP.) a prezzi costanti viene effettuata per estrapolazione applicando un indice di quantità al valore aggiunto regionale dell anno base. Tale calcolo viene eseguito a livello analitico, distinguendo il valore aggiunto regionale per sottosettori produttori dello stesso: 1. Amministrazione dello Stato 2. Altri enti dell Amministrazione centrale 3. Enti territoriali (Regioni, Province, Comuni) 4. Unità Sanitarie Locali, Policlinici universitari e Istituti di ricovero e cura a carattere scientifico 5. Altri enti dell Amministrazione locale 6. Enti di Previdenza Con riferimento ad ogni sottosettore, al valore aggiunto prodotto nell anno base in ciascuna regione viene applicato un indice specifico dell input di lavoro, costruito come media mobile a tre termini delle serie regionali dell occupazione dipendente del sottosettore considerato. Il procedimento utilizzato, coerente con quello adottato per le stime a livello nazionale, consente di tener conto del mix settoriale del valore aggiunto prodotto dalla Pubblica Amministrazione sul territorio regionale, attribuendo differente importanza relativa alle dinamiche dell occupazione settoriale che possono essere territorialmente diversificate. La deflazione delle imposte e dei contributi viene effettuata applicando al valore aggiunto ai prezzi dell anno precedente dell anno di elaborazione, l incidenza delle imposte/contributi sul valore aggiunto nell anno base (precedente). Anche questa operazione è effettuata, per ogni regione, a livello di 30 branche, ad esclusione dell agricoltura, nella quale la deflazione di imposte e contributi è effettuata con altri criteri. In questa branca, per quanto riguarda le imposte, si procede estrapolando il valore di tale aggregato attraverso l indice di quantità della produzione lorda vendibile (PLV). Per quanto riguarda i contributi, fino al 1995 si è proceduto

8 in modo analogo, ma con un dettaglio spinto al singolo prodotto, estrapolando il valore dei contributi afferenti al prodotto attraverso l indice di quantità della PLV del prodotto stesso; a partire dal 1996 tale indice è sostituito, per alcuni prodotti, con quello relativo alla superficie messa a coltura. A seguito dei cambiamenti della normativa sui contributi agricoli, infatti, per alcuni prodotti non viene più usata la quantità di PLV come parametro di distribuzione dei contributi, bensì l estensione delle aree coltivate. L IVA e le imposte sulle importazioni vengono trattate come unico aggregato, la cui deflazione è ottenuta con il metodo dell estrapolazione, vale a dire, applicando la stessa incidenza sul valore aggiunto regionale complessivo osservata nell anno base, al valore aggiunto a prezzi costanti (totale regionale) dell anno di elaborazione. Il Pil ai prezzi di mercato è calcolato, secondo le definizioni del SEC95, aggiungendo al valore aggiunto, espresso ai prezzi base, l Iva, le altre imposte sui prodotti, le imposte sulle importazioni e sottraendo i contributi sui prodotti. Per le 20 regioni italiane vengono pubblicati i dati del valore aggiunto ai prezzi base ed il prodotto interno lordo entrambi ai prezzi dell anno precedente ed in valori concatenati con anno di riferimento il La disaggregazione settoriale diffusa considera 24 branche economiche. L Italia pubblica, oltre ai dati relativi al valore aggiunto anche le tavole per regione del conto economico delle risorse e degli impieghi, delle spese per consumi finali per settore e categoria di beni e servizi e degli investimenti fissi lordi. 3.2 Sperimentazione della deflazione a livello di UTS-3 Sulla base di quanto detto nei paragrafi precedenti, l Istat elabora le stime correnti del valore aggiunto ai prezzi base articolate per 16 branche di attività economiche. Sulla base di questo data set disponibile si è effettuato un primo tentativo di stima del valore aggiunto provinciale ai prezzi dell anno precedente. La carenza di indici di prezzo a livello provinciale ha reso necessario il ricorso ai deflatori regionali del valore aggiunto articolati per attività economica. A differenza delle stime nazionali la deflazione a carattere territoriale viene condotta attraverso il metodo dell indicatore singolo e dunque il valore aggiunto in termini reali si ottiene deflazionando direttamente la serie in valori correnti con un indicatore delle variazioni di prezzo. Indicando con: Y j d t = il valore aggiunto corrente ai prezzi base della provincia d, della branca di attività economica j al tempo t;

9 P j d t = i prezzi relativi al valore aggiunto corrente ai prezzi base della provincia d, della branca di attività economica j al tempo t; Q j d t = le quantità relative al valore aggiunto corrente ai prezzi base della provincia d, della branca di attività economica j al tempo t; j def = deflatore del valore aggiunto ai prezzi base della regione r della branca di attività r t economica j al tempo t; il valore del valore aggiunto della generica provincia espresso ai prezzi dell anno precedente si ottiene come: dyp t 1 = 16 d j= 1 P P 16 j j j j j t t 1 d Qt = d Pt d Qt j j= 1 Pt 1 dove la variazione di prezzo per la generica attività economica è stata ottenuta utilizzando il sistema di deflatori regionali disaggregati per settore economico. In altri termini l indicatore di prezzo a livello regionale per branca di attività economica è stato ottenuto implicitamente dal rapporto del valore aggiunto corrente ai prezzi base e del valore aggiunto ai prezzi dell anno precedente ai prezzi base: r def j t = P P j t j t 1 Q Q j t j t Il deflatore così ottenuto per ciascuna delle 21 ripartizioni territoriali e per branca di attività economica è stato utilizzato per deflazionare il valore aggiunto corrente ai prezzi base delle province appartenenti alla stessa regione. Questa procedura è stata applicata considerando due articolazioni possibile delle serie provinciali del valore aggiunto e rispettivamente a 16 e a 6 branche di attività economica. 4 A ALISI EMPIRICA Come detto nel paragrafo 3 è stato calcolato il valore aggiunto a prezzi dell anno precedente a livello provinciale, considerando l articolazione settoriale per 16 classi di attività economiche e per 6 classi. L analisi di sensitività è stata sviluppata per individuare il livello di disaggregazione minimale su cui eventualmente basare il sistema di deflazione stante il database disponibile attualmente.

10 Nella presente sezione vengono messi a confronto i risultati per analizzare eventuali differenze e valutare l incidenza della composizione settoriale nella definizione del valore aggiunto reale. In particolare si è voluto indagare se in assenza di indicatori di prezzo territoriali adeguati è possibile cogliere le specificità di un dato territorio sub-regionale attraverso la composizione settoriale. Nella Tavola 1 è riportato il valore aggiunto per abitante ai prezzi dell anno precedente per il 2006 delle 107 unità territoriali, calcolato a partire dai due livelli di disaggregazione settoriale, a 16 branche e a 6. Come si può osservare le differenze sono minime, al limite del percettibile. Al massimo si hanno differenze percentuali di 0,3%. In termini assoluti si tratta di differenze che al massimo arrivano ai 72 euro per abitante. Andando nel dettaglio si può osservare che la regione in cui si riscontrano le differenze maggiori è la Lombardia. E in questa regione che la differente disaggregazione settoriale fa emergere risultati relativamente differenti in tutte le province. E abbastanza chiaro che la spiccata industrializzazione della regione e lo sventagliamento a 6 tipologie industriali nella classificazione a 16 branche inducano a ricomposizioni significative. Viceversa la regione in cui i risultati sono sostanzialmente gli stessi nelle due elaborazioni è il Friuli-Venezia-Giulia. 5 CO CLUSIO I Nel presente lavoro si è voluto innanzitutto attivare una linea di ricerca, al fine di sperimentare e quindi individuare possibili soluzioni per la stima della crescita del valore aggiunto a livello sub-regionale. Per questo motivo è stata condotta una prima analisi di sensitività basata sulla differente disaggregazione dei dati di base su cui è stata effettuata l elaborazione. L obiettivo è stato quindi di valutare le criticità di soluzioni attualmente possibile ed allo stesso tempo individuare soluzioni praticabili. Dalla sperimentazione effettuata emerge una sostanziale analogia tra la scomposizione a 16 branche e quella a 6 branche. Tale risultato mette in evidenza l inadeguatezza della scomposizione a 16 branche, che non riesce a portare elementi di diversità nella stima dovuti alla diversa composizione settoriale. In sostanza la scomposizione a 16 branche non aggiunge nulla rispetto alla scomposizione a 6 branche. In futuro contributi sostanziali a questo filone di ricerca potranno derivare da due differenti linee di sviluppo: una scomposizione settoriale dei conti provinciali più fine di quella attuale, almeno analoga al livello regionale (30 branche), potrà aiutare a settorializzare le province ma, ancor più, la produzione di indicatori di prezzo e/o di quantità a carattere provinciale che coprano i principali settori economici potrà segnare l avvio effettivo per la produzione di stime ufficiali in volume sub- regionali.

11 Tabella 1 Corrispondenza classificazione a 3 e 16 branche di attività economica 3 SETTORI 16 BRANCHE Agricoltura Industria Industria Industria Industria Industria Industria Industria Servizi Servizi Servizi Servizi Servizi Servizi Servizi Servizi 1. Agricoltura, silvicoltura e pesca 2. Alimentari, bevande e tabacco 3. Tessili, abbigliamento, pelli e calzature 4. Coke, petrolio e prodotti chimici 5. Prodotti metalmeccanici 6. Altri prodotti industriali 7. Elettricità, gas e acqua 8 Costruzioni 9. Commercio 10. Alberghi e pubblici esercizi 11. Trasporti e comunicazioni 12. Credito e assicurazione 13. Servizi alle imprese 14. Pubblica amministrazione 15. Istruzione, sanità ed altri servizi 16. Servizi domestici Tabella 2 Corrispondenza fra la classificazione a 6 branche adottata nella pubblicazione dei conti provinciali e le 16 branche di elaborazione 6 branche 16 branche Agricoltura, silvicoltura e pesca 1 Industria in senso stretto da 2 a 7 Costruzioni 8 Commercio,riparazioni,alberghi e ristoranti, trasporti e comunicazioni da 9 a 11 Intermediazione monetaria e finanziaria; attività immobiliari e imprenditoriali da 12 a 13 Altre attività di servizi da 14 a 16

12 Tabella 3 Valore aggiunto totale (2006) a prezzi dell anno precedente per abitante, calcolato a partire da 16 branche e da 6 branche di attività economica (euro) Province V.A./abit - 16 br V.A./abit - 6 br Differenze in valori assoluti TORINO 24, , VERCELLI 24, , NOVARA 24, , CUNEO 25, , ASTI 20, , ALESSANDRIA 23, , BIELLA 23, , VERBANO-CUSIO-OSSOLA 19, , AOSTA 26, , VARESE 25, , COMO 23, , SONDRIO 23, , MILANO 33, , BERGAMO 27, , BRESCIA 27, , PAVIA 22, , CREMONA 23, , MANTOVA 27, , LECCO 24, , LODI 23, , BOLZANO-BOZEN 29, , TRENTO 25, , VERONA 26, , VICENZA 26, , BELLUNO 25, , TREVISO 25, , VENEZIA 26, , PADOVA 26, , ROVIGO 22, , UDINE 24, , GORIZIA 23, , TRIESTE 26, , PORDENONE 25, , IMPERIA 20, , SAVONA 23, , GENOVA 23, , LA SPEZIA 21, , PIACENZA 24, , PARMA 27, , REGGIO NELL' EMILIA 27, , MODENA 28, , BOLOGNA 30, , FERRARA 22, ,

13 RAVENNA 25, , FORLI-CESENA 25, , RIMINI 24, , MASSA-CARRARA 19, , LUCCA 22, , PISTOIA 21, , FIRENZE 27, , LIVORNO 23, , PISA 24, , AREZZO 23, , SIENA 24, , GROSSETO 21, , PRATO 23, , PERUGIA 21, , TERNI 19, , PESARO E URBINO 21, , ANCONA 24, , MACERATA 21, , ASCOLI PICENO 20, , VITERBO 18, , RIETI 17, , ROMA 29, , LATINA 19, , FROSINONE 19, , L'AQUILA 17, , TERAMO 18, , PESCARA 18, , CHIETI 18, , CAMPOBASSO 16, , ISERNIA 16, , CASERTA 13, , BENEVENTO 13, , NAPOLI 14, , AVELLINO 14, , SALERNO 14, , FOGGIA 12, , BARI 15, , TARANTO 14, , BRINDISI 13, , LECCE 13, , POTENZA 15, , MATERA 15, , COSENZA 14, , CATANZARO 15, , REGGIO DI CALABRIA 14, , CROTONE 13, , VIBO VALENTIA 13, , TRAPANI 13, , PALERMO 14, , MESSINA 14, , AGRIGENTO 11, , CALTANISSETTA 13, ,

14 ENNA 12, , CATANIA 14, , RAGUSA 15, , SIRACUSA 15, , SASSARI 15, , NUORO 15, , CAGLIARI 19, , ORISTANO 14, , OLBIA-TEMPIO 20, , OGLIASTRA 14, , MEDIO-CAMPIDANO 11, , CARBONIA-IGLESIAS 12, ,

15 BIBLIOGRAFIA CPS (1998) Draft Commission Decision clarifying Annex A of Council Regulation (EC) n.2223/96 on the European System of national and regional accounts in the Community as concerns the principles for measuring prices and volumes, presented at 29th Meeting of the Statistical Programme Committee, 27 May, Stockholm. EUROSTAT (1996) European System of Accounts ESA 1995 Luxembourg. Faramondi A., Pascarella C. (2004) Metodologia di calcolo del valore aggiunto a livello subprovinciale, Quaderni di ricerca ISTAT Rivista di statistica ufficiale, n.1/2004 Franco Angeli, Milano Maresca S. (2006) Le novità delle valutazioni ai prezzi dell anno precedente: aspetti teorici e pratici, pubblicato sul sito sezione convegni e seminari 2006, La revisione generale dei conti nazionali Maresca S., Squarcio C. (2005) Gli effetti del concatenamento sulle componenti del Conto delle risorse e degli impieghi, Rivista di Statistica Ufficiale. N. 2/2006, Istat.

16 ABSTRACT This paper is a first attempt about estimation of value added growth rate at NUTS-3 level. The sensitive analysis is carried out. In particular, the NUTS-3 value added growth rate is analyzed to check the accuracy.

APPENDICE A. DATI CLIMATICI

APPENDICE A. DATI CLIMATICI APPENDICE A. DATI CLIMATICI A.1 Temperature esterne invernali di progetto UNI 5364 Torino -8 Reggio Emilia -5 Alessandria -8 Ancona -2 Asti -8 Ascoli Piceno -2 Cuneo -10 Macerata -2 Alta valle cuneese

Dettagli

c è un Italia che pedala. in 20 città performance di ciclabilità di livello europeo

c è un Italia che pedala. in 20 città performance di ciclabilità di livello europeo Roma, aprile 2015 c è un Italia che pedala. in 20 città performance di ciclabilità di livello europeo Bolzano, Pesaro, Ferrara e Treviso capitali della bici, almeno un quarto degli abitanti in bici tutti

Dettagli

GLI ALUNNI STRANIERI NEL SISTEMA SCOLASTICO ITALIANO A.S. 2013/2014. (Ottobre 2014)

GLI ALUNNI STRANIERI NEL SISTEMA SCOLASTICO ITALIANO A.S. 2013/2014. (Ottobre 2014) GLI ALUNNI STRANIERI NEL SISTEMA SCOLASTICO ITALIANO A.S. 2013/2014 (Ottobre 2014) I dati presenti in questa pubblicazione fanno riferimento agli studenti con cittadinanza non italiana dell anno scolastico

Dettagli

Regioni, province e grandi comuni

Regioni, province e grandi comuni SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA 2 0 0 4 Settore Popolazione Tavole di mortalità della popolazione italiana Regioni, province e grandi comuni Anno 2000 Informazioni n. 28-2004

Dettagli

OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO 18/01/2014 Rapporto morti bianche triennio 2011/12/13

OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO 18/01/2014 Rapporto morti bianche triennio 2011/12/13 OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO 18/01/2014 Rapporto morti bianche triennio 2011/12/13 ANALISI COMPARATIVA DATI 2011-2012-2013 ANALISI DATI AGGREGATI 2011-2012- 2013 ANDAMENTO INFORTUNI NEL QUADRIENNIO

Dettagli

Rapporto statistico sulla falsificazione dell euro

Rapporto statistico sulla falsificazione dell euro Rapporto statistico sulla falsificazione dell euro 2013 MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V, Ufficio VI (UCAMP) Ufficio Centrale

Dettagli

2. Le scuole con elevate percentuali di studenti stranieri

2. Le scuole con elevate percentuali di studenti stranieri 2. Le scuole con elevate percentuali di studenti stranieri 2.1 La concentrazione degli alunni con cittadinanza non italiana in specifiche scuole e nei differenti ordini e gradi scolastici Dall analisi

Dettagli

L ITALIA NELL ERA CREATIVA

L ITALIA NELL ERA CREATIVA CREATIVITYGROUPEUROPE presenta L ITALIA NELL ERA CREATIVA Irene Tinagli Richard Florida Luglio 00 Copyright 00 Creativity Group Europe L Italia nell Era Creativa fa parte del Progetto CITTÀ CREATIVE Promosso

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

> MANGIARE E BERE IN ITALIA

> MANGIARE E BERE IN ITALIA Percorso 3 > MANGIARE E BERE IN ITALIA Guarda questi piatti della cucina italiana. Secondo te, di quali parti d Italia sono tipici? Ogni regione d Italia ha i suoi piatti tipici. Spesso quando pensiamo

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION The Italian Think Tank UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION Vision propone un nuovo modello di ranking multi-dimensionale che mette a confronto le università italiane sulla base di cinque parametri

Dettagli

Indice. Introduzione... 2. Definizioni... 3. Tecnologia degli Impianti fotovoltaici... 4. L irraggiamento solare in Italia nel 2012...

Indice. Introduzione... 2. Definizioni... 3. Tecnologia degli Impianti fotovoltaici... 4. L irraggiamento solare in Italia nel 2012... Indice Introduzione... 2 Definizioni... 3 Tecnologia degli Impianti fotovoltaici... 4 La fonte solare L irraggiamento solare in Italia nel 2012... 6 Mappa della radiazione solare nel 2011 e nel 2012...

Dettagli

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Abruzzo Azienda per il diritto agli studi universitari (Adsu) Viale dell Unità d Italia, 32 66013 Chieti scalo Tel. +39

Dettagli

Ferroviario e dell Alta Velocità. Milano, 15 marzo 2014

Ferroviario e dell Alta Velocità. Milano, 15 marzo 2014 Lo sviluppo del Trasporto Ferroviario e dell Alta Velocità in Italia Milano, 15 marzo 2014 Lo sviluppo della mobilità in treno: i grandi corridoi europei La rete TEN (Trans European Network) gioca un ruolo

Dettagli

I servizi per gli studenti: le opinioni dei laureati su università, città e diritto allo studio 1

I servizi per gli studenti: le opinioni dei laureati su università, città e diritto allo studio 1 I servizi per gli studenti: le opinioni dei laureati su università, città e diritto allo studio 1 di Andrea Cammelli, Serena Cesetti e Davide Cristofori 1. Aspetti introduttivi Dal 1998 AlmaLaurea, attraverso

Dettagli

POP ECONOMY Ovvero da dove allegramente vien la crisi e dove va

POP ECONOMY Ovvero da dove allegramente vien la crisi e dove va POP ECONOMY Ovvero da dove allegramente vien la crisi e dove va di Alberto Pagliarino e Nadia Lambiase Una produzione di Pop Economy Da dove allegramente vien la crisi e dove va Produzione Banca Popolare

Dettagli

Elenco soggetti abilitati da Poste Italiane al servizio di pagamento dei bollettini:

Elenco soggetti abilitati da Poste Italiane al servizio di pagamento dei bollettini: Elenco soggetti abilitati da Poste Italiane al servizio di pagamento dei bollettini: Tabaccai Convenzionati con Banca ITB; Bennet S.p.A; Esselunga S.p.A; Carrefour; Conad Adriatico Soc. Coop; Tigros S.p.A;

Dettagli

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Perugia, 17 febbraio 2013 Ai Soci CIPUR Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Cari colleghi, la progressiva implementazione

Dettagli

TEST INGEGNERIA 2014

TEST INGEGNERIA 2014 scienze www.cisiaonline.it TEST INGEGNERIA 2014 Ing. Giuseppe Forte Direttore Tecnico CISIA Roma, 1 ottobre 2014, Assemblea CopI DATI CISIA - MARZO, SETTEMBRE 2014 test erogati al 15 settmebre CARTACEI

Dettagli

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Introduzione... 3 Università Politecnica delle Marche (Ancona)... 4 Università degli Studi di

Dettagli

L ITALIA DA BERE (E DA MANGIARE) FIPE RACCONTA I CONSUMI ALIMENTARI FUORI CASA DELLO STIVALE

L ITALIA DA BERE (E DA MANGIARE) FIPE RACCONTA I CONSUMI ALIMENTARI FUORI CASA DELLO STIVALE Approfondimenti Milano, 15 ottobre 2013 L ITALIA DA BERE (E DA MANGIARE) FIPE RACCONTA I CONSUMI ALIMENTARI FUORI CASA DELLO STIVALE Abstract della ricerca P.E. 24h/La Cas@fuoricasa a cura dell Ufficio

Dettagli

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI PIEMONTE - VALLE D'AOSTA LIGURIA UNIONE COMMERCIO E TURISMO PROVINCIA DI 1 PF1335_PR418_av214_1 SAVONA ASSOCIAZIONE COMMERCIANTI DELLA 2 PF1085_PR313_av214_1 PROVINCIA DI ALESSANDRIA ASCOM-BRA ASSOCIAZIONE

Dettagli

BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza

BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza AN001 Centro di Ateneo di Documentazione - Polo Villarey - Facoltà

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA DELF DALF Le certificazioni ufficii della lingua francese ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO www.testecertificazioni.it IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO

Dettagli

dai vita alla tua casa

dai vita alla tua casa dai vita alla tua casa SEMPLICE MENTE ENERGIA bioedilizia Una STRUTTURA INNOVATIVA PARETE MEGA PLUS N 10 01 struttura in legno 60/60 mm - 60/40 mm 02 tubazione impianto elettrico ø 21 mm 03 struttura portante

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA Collegno, 17 novembre 2014 CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA PROPOSTA DI TRENO STORICO RIEVOCATIVO DA TORINO A UDINE progetto per la realizzazione di una tradotta militare rievocativa, da Torino a Udine

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO M Innovazione Conoscenza RETE REPOR RT ATTIVITA PATENT LIBRARY ITALIA 213 DIREZIONE GENERALE LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E I Sommario Introduzione... 3 I servizi erogati dalla Rete...

Dettagli

Elenco enti, istituti e aziende per il diritto allo studio universitario

Elenco enti, istituti e aziende per il diritto allo studio universitario Elenco enti, istituti e aziende per il diritto allo studio universitario Ancona Ente regionale per il diritto allo studio universitario (Ersu), Vicolo della Serpe 1, 60121 Ancona, tel. 071-227411 (centr.),

Dettagli

Disposizioni urgenti in materia di finanza locale, nonché misure volte a garantire la funzionalità dei servizi svolti nelle istituzioni scolastiche.

Disposizioni urgenti in materia di finanza locale, nonché misure volte a garantire la funzionalità dei servizi svolti nelle istituzioni scolastiche. 1 di 17 07/04/2014 14:30 Leggi d'italia D.L. 6-3-2014 n. 16 Disposizioni urgenti in materia di finanza locale, nonché misure volte a garantire la funzionalità dei servizi svolti nelle istituzioni scolastiche.

Dettagli

L evoluzione delle circoscrizioni provinciali dall Unità d Italia ad oggi. (Gaetano Palombelli)

L evoluzione delle circoscrizioni provinciali dall Unità d Italia ad oggi. (Gaetano Palombelli) L evoluzione delle circoscrizioni provinciali dall Unità d Italia ad oggi (Gaetano Palombelli) Premessa L approfondimento che è oggetto di questo capitolo prende spunto dalla pubblicazione su Amministrazioni

Dettagli

Autotrasportionline - visite - parole chiave ricerca - 2009-2011

Autotrasportionline - visite - parole chiave ricerca - 2009-2011 www.autotrasportionline.com Autotrasportionline - visite - parole chiave ricerca - 2009-2011 01/set/2009-30/set/2011 Rispetto a: Sito Visualizzazioni di pagina uniche 30.000 30.000 15.000 15.000 0 0 1

Dettagli

0.414.994.541. Accordo

0.414.994.541. Accordo Testo originale 0.414.994.541 Accordo tra il Consiglio Federale Svizzero ed il Governo della Repubblica Italiana sul reciproco riconoscimento delle equivalenze nel settore universitario Concluso il 7 dicembre

Dettagli

Individuazione delle aree a maggior rischio di incidenti stradali

Individuazione delle aree a maggior rischio di incidenti stradali Convegno PREVENZIONE E SALUTE UN BINOMIO INSCINDIBILE SANIT Roma, 25 giugno 2009 Individuazione delle aree a maggior rischio di incidenti stradali I Ciaramella SISP - ASL RM B In collaborazione con D D

Dettagli

Software di gestione delle partecipate per l ente l

Software di gestione delle partecipate per l ente l Software di gestione delle partecipate per l ente l locale Obiettivo Governance Le necessità di governo del sistema delle partecipate comportano l esigenza di dotarsi di un software adeguato, che permetta

Dettagli

DIREZIONE E COORDINAMENTO Simone Cola Paolo Pisciotta. DIREZIONE E COORDINAMENTO CRESME Lorenzo Bellicini e Antonio Mura

DIREZIONE E COORDINAMENTO Simone Cola Paolo Pisciotta. DIREZIONE E COORDINAMENTO CRESME Lorenzo Bellicini e Antonio Mura DIREZIONE E COORDINAMENTO Simone Cola Paolo Pisciotta DIREZIONE E COORDINAMENTO CRESME Lorenzo Bellicini e Antonio Mura GRUPPO DI LAVORO CRESME Lorenzo Bellicini Antonio Mura Antonello Mostacci Giuseppe

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

Dati climatici G.DE GIORGIO

Dati climatici G.DE GIORGIO Dati climatici G.DE GIORGIO Introduzione Nella progettazione dei sistemi di conversione e utilizzazione dell energia solare, sia attivi che passivi, così come nella valutazione energetica del sistema edificio

Dettagli

Unione Province Italiane. Una proposta per il riassetto delle Province

Unione Province Italiane. Una proposta per il riassetto delle Province Unione Province Italiane Una proposta per il riassetto delle Province Assemblea Unione Province Italiane Roma - 06 dicembre 2011 A cura di: Prof. Lanfranco Senn Dott. Roberto Zucchetti Obiettivi dello

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia

Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia Caratteristiche e cause del fenomeno e analisi delle politiche per contenerlo e ridurlo AGOSTO 2011 Not

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

GLI INFORTUNI NELLE SCUOLE. Maria GULLO e Marilù TOMACIELLO INAIL Piemonte

GLI INFORTUNI NELLE SCUOLE. Maria GULLO e Marilù TOMACIELLO INAIL Piemonte Maria GULLO e Marilù TOMACIELLO INAIL Piemonte Perché questa particolare attenzione sugli infortuni? L'analisi degli incidenti/infortuni costituisce un momento di Art. 29 comma 3 Dlgs 81/08 fondamentale

Dettagli

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA 1 Unioncamere Basilicata RAPPORTO ANNUALE 2002 DELL OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA Il ruolo del turismo nell economia

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Dr. BRUNO DEI nato a Scandicci il 16 novembre 1946 e residente in Via Pietro Dazzi n. 9 Firenze.

CURRICULUM VITAE. Dr. BRUNO DEI nato a Scandicci il 16 novembre 1946 e residente in Via Pietro Dazzi n. 9 Firenze. CURRICULUM VITAE Dr. BRUNO DEI nato a Scandicci il 16 novembre 1946 e residente in Via Pietro Dazzi n. 9 Firenze. Titolo di Studio: Laurea Economia e Commercio conseguita il 17.04.1973 presso l Università

Dettagli

LA QUALITÀ NEI SERVIZI DI ORIENTAMENTO E INSERIMENTO LAVORATIVO NEI CENTRI PER L IMPIEGO: LINEE GUIDA E CARTA DEI SERVIZI

LA QUALITÀ NEI SERVIZI DI ORIENTAMENTO E INSERIMENTO LAVORATIVO NEI CENTRI PER L IMPIEGO: LINEE GUIDA E CARTA DEI SERVIZI I libri del Fse Il volume, risultato della ricerca azione Modelli organizzativi ed operativi dei servizi di orientamento nei CPI, intende fornire un supporto alla gestione della Qualità nei servizi di

Dettagli

1. La situazione economica e del mercato del lavoro

1. La situazione economica e del mercato del lavoro 1. La situazione economica e del mercato del lavoro Per la lettura dei dati non si può prescindere dal considerare l impatto dei molteplici fattori che hanno mutato radicalmente il mondo del lavoro a causa

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTESTAZIONE DI CONFORMITÀ DEI PRODOTTI DOP, IGP E STG

REGOLAMENTO PER L ATTESTAZIONE DI CONFORMITÀ DEI PRODOTTI DOP, IGP E STG Regolamento per l attestazione di conformità REGOLAMENTO PER L ATTESTAZIONE DI CONFORMITÀ DEI PRODOTTI DOP, IGP E STG REV. DATA PREPARATO Responsabile qualità 0 31/8/99 1 10/11/99 2 17/9/01 3 20/01/03

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro.

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro. La collana TOP è una famiglia di applicazioni appositamente studiata per il Terzo Settore. Essa è stata infatti realizzata in continua e fattiva collaborazione con i clienti. I programmi di questa collana

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Art. 2. Soggetti beneficiari e misura massima consentita delle agevolazioni

Art. 2. Soggetti beneficiari e misura massima consentita delle agevolazioni Decreto ministeriale 20 ottobre 1995, n. 527 - Regolamento recante le modalità e le procedure per la concessione ed erogazione delle agevolazioni in favore delle attività produttive nelle aree depresse

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA

SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Sanità e previdenza - Pubblica amministrazione - Lavoro Statistiche della previdenza e dell assistenza

Dettagli

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Patrimonio della PA Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Dicembre 2013 INDICE 1 Premessa e sintesi 3 2 La rilevazione delle partecipazioni detenute

Dettagli

All Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA

All Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA AREA COORDINAMENTO Ufficio Rapporti Finanziari Via Salandra, 13 00187 Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.770 Prot. N. ACIU.2015.140 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 20 marzo 2015 Organismo Pagatore AGEA

Dettagli

Regolamento del Concorso a premio denominato: LO HOBBIT: LA DESOLAZIONE DI SMAUG

Regolamento del Concorso a premio denominato: LO HOBBIT: LA DESOLAZIONE DI SMAUG Regolamento del Concorso a premio denominato: LO HOBBIT: LA DESOLAZIONE DI SMAUG 1. SOGGETTO PROMOTORE: Gruppo Coin SpA con socio unico, capitale sociale 18.081.484,30 I.V - Via Terraglio, 17-30174 Mestre

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze

Ministero dell Economia e delle Finanze Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato Ispettorato generale per gli ordinamenti del personale e l analisi dei costi del lavoro pubblico Istruzioni per

Dettagli

Vorrei un inform@zione

Vorrei un inform@zione Touring Club Italiano Vorrei un inform@zione Come rispondono gli uffici informazioni delle destinazioni turistiche italiane e straniere Dossier a cura del Centro Studi TCI Giugno 2007 SOMMARIO Alcune premesse

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Direttive della CAV PP D 02/2013

Direttive della CAV PP D 02/2013 italiano Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale CAV PP Direttive della CAV PP D 02/2013 Indicazione delle spese di amministrazione del patrimonio Edizione del: 23.04.2013 Ultima modifica:

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT ARPAT: cos è ARPAT, l Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana, è attiva dal 1996. Attraverso una rete di Dipartimenti provinciali presenti sul territorio

Dettagli

La Green Economy e le fonti rinnovabili in Italia

La Green Economy e le fonti rinnovabili in Italia Območna zbornica za severno Primorsko E.I.N.E. La Green Economy e le fonti rinnovabili in Italia A CURA DI INFORMEST Indice 1 INTRODUZIONE... 3 2 - IL RUOLO DELLE FONTI RINNOVABILI: IL CONTESTO NAZIONALE

Dettagli

Maggio 2013. A cura di

Maggio 2013. A cura di DOSSIER SUI COMUNI DELL EMILIA ROMAGNA COLPITI DAL SISMA Maggio 2013 A cura di INDICE Premessa: il quadro attuale ad un anno dal terremoto 3 1. I Comuni colpiti dal sisma: alcuni dati 5 2. Analisi comparata

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro

Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro Il presente Rapporto è stato realizzato da un gruppo di ricerca congiunto

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO

STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO Settembre 2002 1 STUDIO DI SETTORE SM43U Numero % sugli invii Invii

Dettagli

Foglio Informativo n AF01 aggiornamento n 023 data ultimo aggiornamento 12.03.2015

Foglio Informativo n AF01 aggiornamento n 023 data ultimo aggiornamento 12.03.2015 Foglio Informativo n AF01 aggiornamento n 023 data ultimo aggiornamento 12.03.2015 Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari ai sensi degli artt. 115 e segg. T.U.B. FOGLIO

Dettagli

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE Chiusura editoriale: 16 marzo 2015 Per informazioni: germana.dellepiane@liguriaricerche.it LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 LIGURIA RICERCHE SpA Via XX Settembre,

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Tasso di copertura della rilevazione. Numero di scuole che hanno risposto

Tasso di copertura della rilevazione. Numero di scuole che hanno risposto MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva de Biasio S. Croce 1299-30135 VENEZIA Ufficio IV - Ordinamenti scolastici -

Dettagli

Conferenza Permanente delle Classi di Laurea delle Professioni Sanitarie (Presidente: Prof. Luigi Frati)

Conferenza Permanente delle Classi di Laurea delle Professioni Sanitarie (Presidente: Prof. Luigi Frati) Conferenza Permanente delle Classi di Laurea delle Professioni Sanitarie (Presidente: Prof. Luigi Frati) LAUREE DELLE PROFESSIONI SANITARIE Rapporto Mastrillo anno 21 Dati sull accesso ai corsi e programmazione

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

Grad. Codice Candidato Punt. Scelte Status

Grad. Codice Candidato Punt. Scelte Status Grad. Codice Candidato Punt. Scelte Status MP ASPERI LUCA. Medicina Pavia, Medicina Vercelli "Avogadro", Medicina Milano, Medicina Torino I Facoltà MP CASTI VALENTINA. Medicina Cagliari CMP LUPPI RICCARDO.

Dettagli

REGOLAMENTO DISTRETTI SUL WEB

REGOLAMENTO DISTRETTI SUL WEB Distretti sul web Goog e CUNIDNCAMER~J CAMERE DI CCMWRCIO WFEALIA REGOLAMENTO DISTRETTI SUL WEB Articolo i Obiettivi Le 20 borse di studio (di seguito Borse ) sono destinate a giovani laureandi o neolaureati

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

I rapporto sul turismo attivo in Sardegna

I rapporto sul turismo attivo in Sardegna Agenzia Governativa Regionale Sardegna Promozione I rapporto sul turismo attivo in Sardegna Le potenzialità dell altra stagione Agenzia Governativa Regionale Sardegna Promozione 1 Il turismo attivo in

Dettagli

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 REGOLAMENTO DEL PREMIO LETTERARIO LA GIARA PER I NUOVI TALENTI DELLA NARRATIVA ITALIANA 1) Il Premio fa capo alla Direzione Commerciale Rai, nel cui ambito

Dettagli

Innovazione e competitività: un confronto settoriale tra l Italia e gli altri Paesi europei.

Innovazione e competitività: un confronto settoriale tra l Italia e gli altri Paesi europei. Innovazione e competitività: un confronto settoriale tra l Italia e gli altri Paesi europei. Alessia Amighini (Università del Piemonte Orientale) Versione preliminare Intervento al convegno Innovare per

Dettagli

Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN

Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN Alessandra Galosi - Stefano Lucci Luca Segazzi ISPRA Istituto Superiore per la Protezione e Ricerca Ambientale 1.Premessa 2. L attività

Dettagli

ogni giorno in prima linea

ogni giorno in prima linea Servizio itosanitario Emilia-Romagna ogni giorno in prima linea proteggere le coltivazioni, le alberature, i parchi e le aree verdi dell'emilia-romagna da organismi nocivi fornire un supporto specialistico

Dettagli

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

CORTE DEI CONTI SEZIONI RIUNITE IN SEDE DI CONTROLLO

CORTE DEI CONTI SEZIONI RIUNITE IN SEDE DI CONTROLLO CORTE DEI CONTI SEZIONI RIUNITE IN SEDE DI CONTROLLO RELAZIONE SUL RENDICONTO GENERALE DELLO STATO 2012 VOLUME III ATTENDIBILITÀ DELLE SCRITTURE CONTABILI TOMO II La presente relazione è stata elaborata

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

STRUTTURA PRODUTTIVA TERRITORIALE ED INDICATORI DI EFFICIENZA AMBIENTALE ATTRAVERSO LA NAMEA REGIONALE

STRUTTURA PRODUTTIVA TERRITORIALE ED INDICATORI DI EFFICIENZA AMBIENTALE ATTRAVERSO LA NAMEA REGIONALE XIX CONFERENZA ECONOMIA DEL CAPITALE UMANO Istituzioni, incentivi e valutazioni Pavia, Aule storiche Università, 13-14 settembre 2007 STRUTTURA PRODUTTIVA TERRITORIALE ED INDICATORI DI EFFICIENZA AMBIENTALE

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli