ELEMENTI TRIANGOLARI E TETRAEDRICI A LATI DIRITTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ELEMENTI TRIANGOLARI E TETRAEDRICI A LATI DIRITTI"

Transcript

1 EEMENTI TRIANGOARI E TETRAEDRICI A ATI DIRITTI Nella ricerca di unificazione delle problematiche in vista di una generalizzazione delle procedure di sviluppo di elementi finiti, gioca un ruolo importante l'individuazione di opportuni sistemi di riferimento. Estendendo il concetto di trasformazione è possibile anche individuare opportune coordinate che definendo una mappatura del dominio fisico in un dominio equivalente permettono di semplificare la formulazione: è questo il caso delle coordinate naturali o adimensionali. Esse costituiscono un primo passo di quella generalizzazione completa che è invece rappresentata dalla formulazione parametrica, di cui si discuterà successivamente. a definizione di coordinate naturali assume significato solo in relazione all'elemento che si sta trattando. In generale, un sistema di riferimento di dimensione n è tale se una n-pla di valori delle coordinate consente di identificare in maniera univoca un punto del dominio. a relazione di trasformazione tra il sistema di riferimento dell elemento e quello delle coordinate del modello globale, nelle quali l'elemento viene definito, deve mantenere questa capacità e quindi deve essere tale da individuare una corrispondenza biunivoca dei due domini. I passaggi necessari per la formulazione dell'elemento in queste coordinate risulterà essere notevolmente lo semplificata. Ci limitiamo, per ora, all'esame di elementi con i lati diritti introducendo questo tipo di metodologia; successivamente provvederemo a rimuovere questa limitazione con una formulazione completamente generale. Coordinate naturali nel caso mono-dimensionale: COORDINATE DI INEA Il caso più semplice che possiamo analizzare è quello delle coordinate naturali di un segmento. u Consideriamo su detto segmento, i cui estremi hanno coordinate ed, un punto generico di coordinata : questi divide il segmento in due parti di lunghezza rispettivamente ed ; definiamo queste lunghezze come differenza tra la dimensione del campo e la distanza dall'estremo cui sono riferite e il punto : = ( ) = ( ) ( ) = = ( ) = ( ) ( ) = si ottiene quindi: = = rapportando alla lunghezza dell'elemento questi due termini otteniamo due parametri adimensionali = = tra i quali vale evidentemente la relazione + = che deriva dal fatto che la somma di ed è pari ad. I parametri i prendono il nome di Coordinate di linea, in quanto una coppia di loro valori consente l individuazione univoca di un punto nel dominio monifimensionale. Inoltre è immediato osservare che le due funzioni che le rappresentano mostrano le seguenti caratteristiche: hanno valore unitario in corrispondenza dell estremo di pertinenza

2 hanno valore nullo in corrispondenza dell'altro estremo esibiscono un andamento lineare nel tratto intermedio. Poiché, nota la dimensione del campo, una delle due coordinate è ridondante, dovendo sussistere la relazione di normalizzazione, consideriamo solo la coordinata i. Se sua espressione si mette in evidenza la coordinata si ottiene dapprima = = e quindi con semplici passaggi = = ( ) = + ( ) = + e riconoscendo nel termine (-) la seconda coordinata naturale, grazie alla relazione di normalizzazione, otteniamo: = = ( ) = + ( ) = + Questa espressione rappresenta la trasformazione tra le coordinate naturali i e la coordinata cartesiana. Essa mette in corrispondenza, mediante una operazione di mappatura, il dominio cartesiano, descritto dalla variabile, con quello naturale. Introducendo la coordinata omogenea, i legami diretto ed inverso sono esprimibili in forma matriciale come: = = avendo utilizzato, oltre alle relazioni di mappatura, anche il legame di normalizzazione tra le due coordinate naturali. Possiamo notare altresì le coordinate d area pesano le coordinate fisiche dei due estremi del dominio. Appare allora evidente in questa relazione la struttura di una forma di interpolazione: le coordinate naturali possono qindi essere utilizzate per definire una forma interpolatoria: u = [N()]{d} = [ () ()]{d} Infatti elaborando questa espressione otteniamo, con semplici passaggi, le note formule dell'interpolazione lineare dei parametri nodali: u u u u = [ ]{d} = ( ) u = + u e espressioni delle derivate delle funzioni di forma possono essere determinate ricorrendo alla concatenazione delle derivate. Infatti poiché la coordinata diventa funzione delle coordinate naturali avremo che u ( u+u ) = = u e u = u

3 mentre differenziando le espressione di definizione delle coordinate di linea si ricavano le seguenti relazioni: ( )/ = = ( )/ = = Sostituendo le relazioni appena ricavate si ottiene la seguente espressione del legame deformazione spostamento: u u u u u = + = u + u = = u u Si può notare come pur non avendo utilizzato un sistema di riferimento locale dell elemento la determinazione dell espressione delle funzioni di interpolazione sia risultata particolarmente semplice. 'impiego delle coordinate naturali consente di semplificare anche l'integrazione sul dominio corrispondente; nel caso mono-dimensionale vale la seguente formula: k j k! j! d = ( + k + j)! applicazione di questa formula è particolarmente semplice: si sostituisce alla variabile la sua espressione in funzione delle coordinate naturali, dopodiché si applica la formula di integrazione ai singoli termini così determinati. Come esempio proviamo ad integrare due polinomi, lineare e quadratico. 0 d = + d = d + d = d + 0 d = d = 0 0 d!0! = ( + + 0)! 0!! = ( )! + + d = = che ovviamente coincide con l'integrale esatto della funzione nel dominio,. 0 0 d = + + d = d + d + d 0!0! d = = ( + + 0)! 0 0!! d = = ( )!!! d = = ( + + )! d = ( + + ) = ( )( + + ) che anche in questo caso coincide con l'integrale esatto: d = = ( ) = ( )( + + )

4 Coordinate naturali in dominio bidimensionale: COORDINATE D'AREA In maniera del tutto analoga a quanto visto per il segmento, colleghiamo un punto P, arbitrariamente posizionato all'interno di un triangolo con i tre vertici. y ato A ato P A A ato In questo modo vengono individuate tre sotto-aree triangolari, A,A,A che, una volta normalizzate con l'area del triangolo originale A, costituiscono le Coordinate d'area del triangolo. A A A = = = A A A Come nel caso mono-dimensionale esse permettono di individuare con univocità un punto qualsiasi del triangolo. Anche in questo caso esiste una equazione di vincolo che permette di determinare la terza coordinata note le altre due: + + = che, come estensione del caso monodimensionale, deriva dal fatto che l'area totale del triangolo è data dalla somma di quelle dei tre sotto-triangoli individuati dal punto P. Anche in questo caso definiamo le relazioni diretta ed inversa che legano i due riferimenti: = y y y y y y y y y y y y = A y y y y y e dove il determinante della matrice di trasformazione [X] ha valore pari al doppio dell'area del triangolo ed è dato da det[ A] = ( )( y y) ( )( y y) = A a matrice appena definita coincide con quella utilizzata per la costruzione dell elemento di triangolo a deformazione/sforzo costante con il metodo in Base a. Anche in questo caso, possiamo dire che due qualsiasi delle coordinate d'area, così come una coppia di coordinate cartesiane,y, permettono di individuare univocamente un punto all'interno del triangolo. e formule di interpolazione sul dominio sono ottenute generalizzando quelle del caso monodimensionale: s = [N]{d} = [ ]{d} Dovendo integrare dei termini derivativi ([B]) e trattandosi di un dominio bidimensionale occorrerà tenere conto della variazione di metrica tra i due riferimenti con la nota regola di differenziazione: 4

5 s s s s = + + s s s s = + + i termini rappresentanti la variazione delle coordinate d'area rispetto a quelle fisiche possono essere calcolati derivando la relazione inversa ( ) che permette di determinare le seguenti due matrici riga: y y y y y y = = = A A A = = = A A A infatti = {} [ A] {} ([ A] {} {} ) = = [ A] Quindi le derivate delle coordinate d area rispetto alle coordinate fisiche,y sono date dalle ultime due colonne dell inversa di [A]. Gli sviluppi più frequentemente utilizzati per la formulazione di elementi finiti sono quello lineare e quello parabolico. Sviluppo lineare: s= a + a + a Sviluppo quadratico: s= a + a + a + a4 + a5 + a6 Si può notare che, a differenza di quanto avviene per le funzioni di forma polinomiali, in questo caso gli sviluppi di ordine superiore non sono delle espansioni di quello di ordine inferiore ma sono caratterizzati da espressioni completamente differenti. Anche per il dominio triangolare disponiamo di una formula di integrazione specifica: k j m k! j!m! d = A ( + k + j + m)! Coordinate naturali in dominio tridimensionale: COORDINATE DI VOUME Assegnato un tetraedro definito da vertivci, il generico punto P, arbitrariamente posizionato al suo interno, diivide il volume in quattro tetraedri aventi come base una delle facce del tetraedro stesso e come vertice il punto rimanente. 5

6 4 V y P ato In questo modo vengono individuate quattro sotto-volumi tetraedrici, V,V,V e V4 che, una volta normalizzati con il volume del tetraedro orginale V, costituiscono le Coordinate di volume del tetraedro : V V V V4 = = = 4 = V V V V che permettono di individuare con univocità un punto qualsiasi del tetraedro. Anche in questo caso esiste una equazione di vincolo che permette di determinare una coordinata note le altre tre: = che ovviamente deriva dal fatto che il volume del tetraedro è dato dalla somma di quelli dei quattro sottotetraedri individuati dal punto P. Anche in questo caso definiamo le relazioni diretta ed inversa che legano i due riferimenti: = 4 y y y y y4 z z z z z 4 4 e formule di interpolazione sul dominio sono ottenute generalizzando quelle del caso monodimensionale: s = [N]{d} = [ 4]{d} Dovendo integrare dei termini derivativi ([B]) e trattandosi di un dominio tridimensionale occorrerà tenere conto della variazione di metrica tra i due riferimenti con la nota regola di differenziazione: s s 4 s s/ s/ / / / 4/ s 4 s/ = s/y = /y /y /y 4 /y s s s/ /z s 4 /z /z /z 4/z s / 4 z z z z z s 4 i termini rappresentanti la variazione delle coordinate d'area rispetto a quelle fisiche possono essere calcolati derivando la relazione inversa ( ). Gli sviluppi più frequentemente utilizzati per la formulazione di elementi finiti sono quello lineare e quello parabolico. Sviluppo lineare: 6

7 s= a + a + a + a4 4 Sviluppo quadratico: s= a + a + a + a + a + a + a + a + a + a Anche per il dominio tetraedrico disponiamo di una formula di integrazione specifica: k j m n k! j!m!n! 4 d = 6V ( + k + j + m + n)! EEMENTI DI TRIANGOO E' abbastanza evidente che in termini di generalizzazione delle possibilità operative, un elemento triangolare è superiore ad un elemento rettangolare: non avendo a disposizione, per ora, una tecnica per la realizzazione di elementi quadrangolari di forma generica e possibilmente anche curva (nel senso di elementi rettangolari curvati), risulta più pratico avere a disposizione elementi triangolari. Con questi elementi la corretta approssimazione di una forma qualsiasi è normalmente ottenibile con elementi di dimensioni più grandi e senza tutti i problemi legati alla necessita' di realizzare forme il più possibile rettangolari e piani. Esaminiamo la procedura, basata sulle coordinate d'area, per la generazione di elementi triangolari a lati diritti. Consideriamo la famiglia di elementi triangolari a lati diritti di ordine crescente di cui sono rappresentati in figura i primi tre esponenti (si noti che è estremamente difficile reperire in letteratura elementi di ordine superiore al cubico). Fig. 7.5 Zien Triangolo a deformazione costante in coordinate d'area Svilupiamo la formulazione dell'elemento triangolare a deformazione costante. Si tratta della riformulazione dello stesso elemento precedentemente sviluppato con altra tecnica. elemento è rappresentato nella figura seguente, dove sono stati individuati anche gli elementi per la definizione delle coordinate d area. y ato A ato A A ato Assumiamo le sei componenti di spostamento dei tre nodi come incognite dell'elemento e organizziamole nel vettore di incognite nodali: T {d} = [u v u v u v ] 7

8 In base a questa scelta è possibile ipotizzare una variabilità lineare delle componenti di spostamento u,v nel volume dell'elemento: s= a + a + a a definizione dei coefficienti della forma di interpolazione avviene utilizzando l'interpolazione dei valori nodali: u {s} = = [N]{d} = {d} v a funzione di forma così ricavata relativa al generico nodo è caratterizzata dall'andamento riportato in figura. Funzione interpolante in coordinate d'area inee a costante e ricordando la definizione dell'operatore differenziale [D]: / 0 [D] = 0 / y /y / di pervenire all'espressione della matrice [B] / 0 / 0 / 0 [B] = [D][N] = 0 / y 0 / y 0 / y /y / /y / /y / e ricordando le espressioni ricavate per questi termini: y y y y y y = = = A A A = = = A A A abbiamo infine y y 0 y y 0 y y 0 [B] = A y y y y y y diviso A Questi termini possono essere determinati anche utilizzando la regola di derivazione; consideriamo, a titolo d esempio, le derivate della funzione N: N N N N = + + N N N N = + + e derivate delle funzioni di interpolazione rispetto alle coordinate d'area sono banali: essendo N = 8

9 abbiamo N N N = ; = 0; = 0 per cui otteniamo: N = = N = = Si può quindi ottenere lo stesso risultato partendo direttamente dalla definizione tradizionale della matrice [B]. Dall'esame della matrice, contenente solo termini costanti, risulta evidente che l'elemento è in grado di descrivere uno stato di deformazione/sforzo costante. Infine, poiché l'elemento è a spessore t costante, considerando il materiale uniforme nel volume e tenendo conto dell'invarianza della matrice [B] rispetto alla posizione, per la matrice di rigidezza avremo: T T [k] = t [B] [E][B]ddy= At[B] [E][B] dove è stata indicata A l'area dell'elemento. Essa può venire calcolata come mediante il determinante della matrice di definizione della mappatura. Questo risultato non è però indifferente alla sequenza di numerazione dei nodi del triangolo, in particolare una sequenza oraria determina un valore negativo dell'area. a modalità di lavoro dell'elemento, se in stato piano di sforzo o di deformazione, viene definita mediante la struttura dei coefficienti della matrice elastica del materiale [E]. Si può verificare che la matrice così ottenuta coincide con quella precedentemente determinate con il metodo di Ritz (o in Base a). Triangolo a deformazione lineare in coordinate d'area 'elemento triangolare a deformazione lineare è descritto in figura dove, in particolare appare la sequenza di numerazione dei nodi.. y ato 6 A 5 ato A A 4 ato Assumiamo le nove componenti di spostamento dei sei nodi come incognite dell'elemento e organizziamole nel vettore di incognite nodali: T {d} = [u u u u 4 u5 u6 v v v v4 v5 v 6] In base a questa scelta è possibile ipotizzare una variabilità quadratica delle componenti di spostamento u,v nel volume dell'elemento: s= a + a + a + a4 + a5 + a6 a definizione dei coefficienti della forma di interpolazione avviene al solito imponendo i valori nodali dello spostamento con lo schema operativo precedentemente esaminato del metodo in base α; ciò permette di arrivare alla seguente espressione: 9

10 u N 0 {s} = = [N]{d} = {d} i v 0 N i cioè una matrice di dimensioni nella quale ogni sottomatrice [N i] è una matrice riga contenente le 6 funzioni di forma, da valutare nel generico punto, aventi le seguenti espressioni: N =( ) N4 = 4 N =( ) N5 = 4 N =( ) N6 = 4 Tenendo conto che le derivate di queste funzioni nel riferimento locale sono: N = 4 / / / N = 4 4/ 5/ N = 4 6/ / N = 4 / / N = 4 4/ N = 4 5/ 6/ / / N = 4 / 4/ N = 4 5/ N = 4 6/ e ricordando infine la definizione il legame tra le due metriche e dell'operatore differenziale [D] nel caso piano: / 0 [D] = 0 / y /y / si perviene all'espressione della matrice [B]; in particolare i termini non nulli della prima riga sono dati da: N N / = = (4 )(y y ) A i N / = = + i A + N / = = + + i A N4 4/ = = + i A A + N5 5/ = = + + i A A N6 6/ = = + + i A A N 0 (4 )(y y ) 0 N 0 0 (4 )(y y ) N 4 (y y ) 4 (y y ) 0 N 0 4 (y y ) 4 (y y ) N 4 (y y ) 0 4 (y y ) 'organizzazione della matrice [B] sarà: Ni/ 0 [B] = 0 Ni/y Ni/y N i/ cioè una matrice di dimensioni nella quale ogni sotto-matrice le 6 funzioni di forma derivate rispetto alla direzione specificata. [N i/... ] è una matrice riga contenente 0

11 Infine assumendo, come tipicamente succede, che l'elemento sia a spessore t costante, per la matrice di rigidezza avremo: T [k] t [B] [E][B]ddy = Anche in questo caso la modalità di lavoro dell'elemento, se in stato piano di sforzo o di deformazione, viene definita mediante la struttura dei coefficienti della matrice elastica. Esempio COOK h B ν=.5 P A h 4h Tipo Elemento N. Elementi N. G.d.. Freccia /FV Sforzo/SV CST CST ST

ANALISI NUMERICA. Elementi finiti bidimensionali. a.a. 2014 2015. Maria Lucia Sampoli. ANALISI NUMERICA p.1/23

ANALISI NUMERICA. Elementi finiti bidimensionali. a.a. 2014 2015. Maria Lucia Sampoli. ANALISI NUMERICA p.1/23 ANALISI NUMERICA Elementi finiti bidimensionali a.a. 2014 2015 Maria Lucia Sampoli ANALISI NUMERICA p.1/23 Elementi Finiti 2D Consideriamo 3 aspetti per la descrizione di elementi finiti bidimensionali:

Dettagli

Esempio. Approssimazione con il criterio dei minimi quadrati. Esempio. Esempio. Risultati sperimentali. Interpolazione con spline cubica.

Esempio. Approssimazione con il criterio dei minimi quadrati. Esempio. Esempio. Risultati sperimentali. Interpolazione con spline cubica. Esempio Risultati sperimentali Approssimazione con il criterio dei minimi quadrati Esempio Interpolazione con spline cubica. Esempio 1 Come procedere? La natura del fenomeno suggerisce che una buona approssimazione

Dettagli

4. Proiezioni del piano e dello spazio

4. Proiezioni del piano e dello spazio 4. Proiezioni del piano e dello spazio La visualizzazione di oggetti tridimensionali richiede di ottenere una vista piana dell'oggetto. Questo avviene mediante una sequenza di operazioni. Innanzitutto,

Dettagli

Geometria analitica di base (prima parte)

Geometria analitica di base (prima parte) SAPERE Al termine di questo capitolo, avrai appreso: come fissare un sistema di riferimento cartesiano ortogonale il significato di equazione di una retta il significato di coefficiente angolare di una

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

Analisi 2. Argomenti. Raffaele D. Facendola

Analisi 2. Argomenti. Raffaele D. Facendola Analisi 2 Argomenti Successioni di funzioni Definizione Convergenza puntuale Proprietà della convergenza puntuale Convergenza uniforme Continuità e limitatezza Teorema della continuità del limite Teorema

Dettagli

La modellazione delle strutture

La modellazione delle strutture La modellazione delle strutture 1 Programma 31-1-2012 Introduzione e brevi richiami al metodo degli elementi finiti 7-2-2012 La modellazione della geometria 14-2-2012 21-2-2012 28-2-2012 6-3-2012 13-32012

Dettagli

Metodi Numerici per Equazioni Ellittiche

Metodi Numerici per Equazioni Ellittiche Metodi Numerici per Equazioni Ellittiche Vediamo ora di descrivere una tecnica per la risoluzione numerica della più semplice equazione ellittica lineare, l Equazione di Laplace: u xx + u yy = 0, (x, y)

Dettagli

10.1 Corrente, densità di corrente e Legge di Ohm

10.1 Corrente, densità di corrente e Legge di Ohm Capitolo 10 Correnti elettriche 10.1 Corrente, densità di corrente e Legge di Ohm Esercizio 10.1.1 Un centro di calcolo è dotato di un UPS (Uninterruptible Power Supply) costituito da un insieme di 20

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

APPLICAZIONI LINEARI. B si definisce surriettiva. 9 quando ogni elemento di. B risulta IMMAGINE di. almeno un elemento di A.

APPLICAZIONI LINEARI. B si definisce surriettiva. 9 quando ogni elemento di. B risulta IMMAGINE di. almeno un elemento di A. APPLICAZIONI LINEARI Siano V e W due spazi vettoriali, di dimensione m ed n sullo stesso campo di scalari R. Una APPLICAZIONE ƒ : V W viene definita APPLICAZIONE LINEARE od OMOMORFISMO se risulta, per

Dettagli

Matematica e Statistica

Matematica e Statistica Matematica e Statistica Prova d esame (0/07/03) Università di Verona - Laurea in Biotecnologie - A.A. 0/3 Matematica e Statistica Prova di MATEMATICA (0/07/03) Università di Verona - Laurea in Biotecnologie

Dettagli

CONI, CILINDRI, SUPERFICI DI ROTAZIONE

CONI, CILINDRI, SUPERFICI DI ROTAZIONE CONI, CILINDRI, SUPERFICI DI ROTAZIONE. Esercizi x + z = Esercizio. Data la curva x, calcolare l equazione del cilindro avente γ y = 0 come direttrice e con generatrici parallele al vettore v = (, 0, ).

Dettagli

Confronto tra i codici di calcolo QUAD4-M e LSR2D

Confronto tra i codici di calcolo QUAD4-M e LSR2D 2 Confronto tra i codici di calcolo QUAD4-M e LSR2D Introduzione Questo documento riporta un confronto tra i risultati di un analisi di risposta sismica locale condotta con il codice di calcolo LSR2D (Stacec

Dettagli

Approssimazione polinomiale di funzioni e dati

Approssimazione polinomiale di funzioni e dati Approssimazione polinomiale di funzioni e dati Approssimare una funzione f significa trovare una funzione f di forma più semplice che possa essere usata al posto di f. Questa strategia è utilizzata nell

Dettagli

Spline Nurbs. IUAV Disegno Digitale. Camillo Trevisan

Spline Nurbs. IUAV Disegno Digitale. Camillo Trevisan Spline Nurbs IUAV Disegno Digitale Camillo Trevisan Spline e Nurbs Negli anni 70 e 80 del secolo scorso nelle aziende si è iniziata a sentire l esigenza di concentrare in un unica rappresentazione gestita

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

Grafica vettoriale. applicazioni di tipo fotografico

Grafica vettoriale. applicazioni di tipo fotografico Grafica vettoriale Come abbiamo visto in un certo dettaglio, la grafica raster si basa sull'idea di definire certe proprietà (colore, trasparenza, ecc.) di ogni pixel applicazioni di tipo fotografico Al

Dettagli

Coordinate Cartesiane nel Piano

Coordinate Cartesiane nel Piano Coordinate Cartesiane nel Piano O = (0,0) origine degli assi ascissa, y ordinata sistemi monometrici: stessa unità di misura sui due assi, y sistemi dimetrici: unità di misura diverse sui due assi (spesso

Dettagli

0. Piano cartesiano 1

0. Piano cartesiano 1 0. Piano cartesiano Per piano cartesiano si intende un piano dotato di due assi (che per ragioni pratiche possiamo scegliere ortogonali). Il punto in comune ai due assi è detto origine, e funziona da origine

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata. Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica

Università degli Studi di Roma Tor Vergata. Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Università degli Studi di Roma Tor Vergata. Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Esame di Geometria (Prof. F. Tovena) Argomenti: Proprietà di nucleo e immagine di una applicazione lineare. dim V = dim

Dettagli

Soluzione di equazioni quadratiche

Soluzione di equazioni quadratiche Soluzione di equazioni quadratiche Soluzione sulla Retta Algebrica Inseriamo sulla Retta Algebrica le seguenti espressioni polinomiali x e x 3 e cerchiamo di individuare i valori di x per i quali i punti

Dettagli

2. Differenze Finite. ( ) si

2. Differenze Finite. ( ) si . Differenze Finite In questa Nota tratteremo della soluzione numerica di equazioni a derivate parziali scalari attraverso il metodo delle differenze finite. In particolare, affronteremo il problema della

Dettagli

Funzioni reali di più variabili reali

Funzioni reali di più variabili reali Funzioni reali di più variabili reali Generalità. Indichiamo con R n il prodotto cartesiano di R per sé stesso, n volte: R n = {(, 2,, n ) ;! R,, n!r}. Quando n = 2 oppure n = 3 indicheremo le coordinate

Dettagli

ELEMENTI DI STATISTICA PER IDROLOGIA

ELEMENTI DI STATISTICA PER IDROLOGIA Carlo Gregoretti Corso di Idraulica ed Idrologia Elementi di statist. per Idrolog.-7//4 ELEMETI DI STATISTICA PER IDROLOGIA Introduzione Una variabile si dice casuale quando assume valori che dipendono

Dettagli

Corso di Analisi Numerica - AN1. Parte 2: metodi diretti per sistemi lineari. Roberto Ferretti

Corso di Analisi Numerica - AN1. Parte 2: metodi diretti per sistemi lineari. Roberto Ferretti Corso di Analisi Numerica - AN1 Parte 2: metodi diretti per sistemi lineari Roberto Ferretti Richiami sulle norme e sui sistemi lineari Il Metodo di Eliminazione di Gauss Il Metodo di Eliminazione con

Dettagli

ESERCIZI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA

ESERCIZI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA ESERCIZI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA Francesco Bottacin Padova, 24 febbraio 2012 Capitolo 1 Algebra Lineare 1.1 Spazi e sottospazi vettoriali Esercizio 1.1. Sia U il sottospazio di R 4 generato dai

Dettagli

AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA

AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. L alunno ha rafforzato un atteggiamento positivo rispetto

Dettagli

Elementi Finiti: stime d errore e adattività della griglia

Elementi Finiti: stime d errore e adattività della griglia Elementi Finiti: stime d errore e adattività della griglia Elena Gaburro Università degli studi di Verona Master s Degree in Mathematics and Applications 05 giugno 2013 Elena Gaburro (Università di Verona)

Dettagli

La modellazione delle strutture

La modellazione delle strutture La modellazione delle strutture 1 Programma 31-1-2012 Introduzione e brevi richiami al metodo degli elementi finiti 7-2-2012 La modellazione della geometria 14-2-2012 21-2-2012 28-2-2012 6-3-2012 13-32012

Dettagli

Metodi diretti per la soluzione di sistemi lineari

Metodi diretti per la soluzione di sistemi lineari Metodi diretti per la soluzione di sistemi lineari N Del Buono 1 Introduzione Consideriamo un sistema di n equazioni in n incognite a 11 x 1 + a 12 x 2 + a 13 x 3 + + a 1n x n = b 1, a 21 x 1 + a 22 x

Dettagli

AL. Algebra vettoriale e matriciale

AL. Algebra vettoriale e matriciale PPENDICI L. lgebra vettoriale e matriciale Vettori Somma di vettori: struttura di gruppo Come abbiamo richiamato nell introduzione vi sono delle grandezze fisiche caratterizzabili come vettori, cioè tali

Dettagli

Rette e piani con le matrici e i determinanti

Rette e piani con le matrici e i determinanti CAPITOLO Rette e piani con le matrici e i determinanti Esercizio.. Stabilire se i punti A(, ), B(, ) e C(, ) sono allineati. Esercizio.. Stabilire se i punti A(,,), B(,,), C(,, ) e D(4,,0) sono complanari.

Dettagli

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Definizione 1. Un sistema lineare di m equazioni in n incognite, in forma normale, è del tipo a 11 x 1 + + a 1n x n = b 1 a 21 x 1 + + a 2n x n = b 2 (1) = a m1 x 1 + +

Dettagli

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto:

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto: PROBLEMA 1. Il piano tariffario proposto da un operatore telefonico prevede, per le telefonate all estero, un canone fisso di 10 euro al mese, più 10 centesimi per ogni minuto di conversazione. Indicando

Dettagli

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata libera e vincolata Generalità. Limiti e continuità per funzioni di 2 o Piano tangente. Derivate successive Formula di Taylor libera vincolata Lo ordinario è in corrispondenza biunivoca con i vettori di

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

CLASSI PRIME tecnico 4 ORE

CLASSI PRIME tecnico 4 ORE PIANO ANNUALE a.s. 2012/2013 CLASSI PRIME tecnico 4 ORE Settembre Ottobre Novembre dicembre dicembre gennaio- 15 aprile 15 aprile 15 maggio Somministrazione di test di ingresso. Insiemi numerici Operazioni

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

Grafica vettoriale. Al contrario la grafica vettoriale si basa sull'idea di dare una descrizione geometrica dell'immagine

Grafica vettoriale. Al contrario la grafica vettoriale si basa sull'idea di dare una descrizione geometrica dell'immagine Grafica vettoriale Come abbiamo visto in un certo dettaglio, la grafica raster si basa sull'idea di definire certe proprietà (colore, trasparenza, ecc.) di ogni pixel applicazioni di tipo fotografico Al

Dettagli

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti Y T T I Numeri Complessi Operazioni di somma e prodotto su Consideriamo, insieme delle coppie ordinate di numeri reali, per cui si ha!"# $&% '( e )("+* Introduciamo in tale insieme una operazione di somma,/0"#123045"#

Dettagli

Universita degli Studi di Roma Tor Vergata Facolta di Ingegneria Elettronica

Universita degli Studi di Roma Tor Vergata Facolta di Ingegneria Elettronica Universita degli Studi di Roma Tor Vergata Facolta di Ingegneria Elettronica Terzo Appello del corso di Geometria e Algebra II Parte - Docente F. Flamini, Roma, 7/09/2007 SVOLGIMENTO COMPITO III APPELLO

Dettagli

ARGOMENTI DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI INDICE

ARGOMENTI DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI INDICE Giuseppe Stagnitto Erica Barzoni ARGOMENTI DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI Applicazioni ed approfondimenti del Corso di FONDAMENTI DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI Appunti a cura degli studenti INDICE I - RICHIAMI

Dettagli

1 Insiemi in R n 1 1.1 Simmetrie degli insiemi... 5

1 Insiemi in R n 1 1.1 Simmetrie degli insiemi... 5 UNIVR Facoltà di Economia Sede di Vicenza Corso di Matematica Funzioni reali di più variabili Indice Insiemi in R n. Simmetrie degli insiemi............................................ 5 2 Funzioni da

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

Università degli studi di Cagliari. Corso di aggiornamento. Unità 4 PIASTRE IN C.A. E INSTABILITÀ

Università degli studi di Cagliari. Corso di aggiornamento. Unità 4 PIASTRE IN C.A. E INSTABILITÀ Università degli studi di Cagliari Dipartimento di Ingegneria Strutturale Corso di aggiornamento Unità 4 PIASTRE IN C.A. E INSTABILITÀ RELATORE: Ing. Igino MURA imura@unica.it 25-26 Giugno 2010 - Instabilità:

Dettagli

Funzioni. Il concetto di funzione nasce da quello di corrispondenza fra grandezze. Tale corrispondenza può essere data in svariati modi:

Funzioni. Il concetto di funzione nasce da quello di corrispondenza fra grandezze. Tale corrispondenza può essere data in svariati modi: Funzioni Il concetto di funzione nasce da quello di corrispondenza fra grandezze. Tale corrispondenza può essere data in svariati modi: da un rilevamento empirico da una formula (legge) ESEMPI: 1. la temperatura

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione suppletiva

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione suppletiva ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 00 Sessione suppletiva Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 0 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA Se il polinomio

Dettagli

F U N Z I O N I. E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC "DERIVE")

F U N Z I O N I. E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC DERIVE) F U N Z I O N I E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC "DERIVE") I N D I C E Funzioni...pag. 2 Funzioni del tipo = Kx... 4 Funzioni crescenti e decrescenti...10

Dettagli

Un Algoritmo parallelo per l Equazione delle Onde nelle Applicazioni Geofisiche

Un Algoritmo parallelo per l Equazione delle Onde nelle Applicazioni Geofisiche UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TRE FACOLTÀ DI SCIENZE M.F.N. Un Algoritmo parallelo per l Equazione delle Onde nelle Applicazioni Geofisiche Sintesi della tesi di Laurea in Matematica di Riccardo Alessandrini

Dettagli

4. Funzioni elementari algebriche

4. Funzioni elementari algebriche ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 4. Funzioni elementari algebriche A. A. 2013-2014 1 Funzioni elementari Sono dette elementari un insieme di funzioni dalle quali si ottengono, mediante

Dettagli

ELETTROMAGNETISMO CARICHE E LEGGE DI COULOMB

ELETTROMAGNETISMO CARICHE E LEGGE DI COULOMB ELETTROMAGNETISMO CARICHE E LEGGE DI COULOMB ESERCIZI SVOLTI DAL PROF. GIANLUIGI TRIVIA 1. La Legge di Coulomb Esercizio 1. Durante la scarica a terra di un fulmine scorre una corrente di.5 10 4 A per

Dettagli

PROGRAMMA di MATEMATICA

PROGRAMMA di MATEMATICA Liceo Scientifico F. Lussana - Bergamo PROGRAMMA di MATEMATICA Classe 3^ I a.s. 2014/15 - Docente: Marcella Cotroneo Libro di testo : Leonardo Sasso "Nuova Matematica a colori 3" - Petrini Ore settimanali

Dettagli

ALGORITMO DEL SIMPLESSO

ALGORITMO DEL SIMPLESSO ALGORITMO DEL SIMPLESSO ESERCITAZIONI DI RICERCA OPERATIVA 1 ESERCIZIO 1. Risolvere il seguente programma lineare (a) con il metodo del simplesso e (b) con il metodo grafico. (1) min x 1 x () (3) (4) (5)

Dettagli

LA TRAVE DI FONDAZIONE SU SUOLO ELASTICO STRATIFICATO DI SPESSORE LIMITATO CON MODULO ELASTICO VARIABILE CON LA PROFONDITÀ

LA TRAVE DI FONDAZIONE SU SUOLO ELASTICO STRATIFICATO DI SPESSORE LIMITATO CON MODULO ELASTICO VARIABILE CON LA PROFONDITÀ LA TRAVE DI FONDAZIONE SU SUOLO ELASTICO STRATIFICATO DI SPESSORE LIMITATO CON MODULO ELASTICO VARIABILE CON LA PROFONDITÀ Giovanni Dalerci, Rossella Bovolenta Università degli Studi di Genova Dipartimento

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA Anno Accademico 2012/2013 REGISTRO DELL ATTIVITÀ DIDATTICA Docente: ANDREOTTI MIRCO Titolo del corso: MATEMATICA ED ELEMENTI DI STATISTICA Corso: CORSO UFFICIALE Corso

Dettagli

Trasformazioni geometriche nel piano cartesiano

Trasformazioni geometriche nel piano cartesiano Trasformazioni geometriche nel piano cartesiano Francesco Biccari 18 marzo 2013 Una trasformazione geometrica del piano è una legge (corrispondenza biunivoca) che consente di associare a un determinato

Dettagli

2 Formulazione dello shortest path come problema di flusso

2 Formulazione dello shortest path come problema di flusso Strumenti della Teoria dei Giochi per l Informatica A.A. 2009/10 Lecture 20: 28 Maggio 2010 Cycle Monotonicity Docente: Vincenzo Auletta Note redatte da: Annibale Panichella Abstract In questa lezione

Dettagli

Compito di SISTEMI E MODELLI. 19 Febbraio 2015

Compito di SISTEMI E MODELLI. 19 Febbraio 2015 Compito di SISTEMI E MODELLI 9 Febbraio 5 Non é ammessa la consultazione di libri o quaderni. Le risposte vanno giustificate. Saranno rilevanti per la valutazione anche l ordine e la chiarezza di esposizione.

Dettagli

Serie numeriche e serie di potenze

Serie numeriche e serie di potenze Serie numeriche e serie di potenze Sommare un numero finito di numeri reali è senza dubbio un operazione che non può riservare molte sorprese Cosa succede però se ne sommiamo un numero infinito? Prima

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Funzioni di trasferimento Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 0532 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it pag. 1 Funzioni di trasferimento

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2014

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2014 Pagina 1 di 8 COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2014 AREA DISCIPLINARE [ ] Biennio, Attività e Insegnamenti di area generale (Settore Tecnologico) [ ] Biennio, Attività e Insegnamenti obbligatori di

Dettagli

LE FIBRE DI UNA APPLICAZIONE LINEARE

LE FIBRE DI UNA APPLICAZIONE LINEARE LE FIBRE DI UNA APPLICAZIONE LINEARE Sia f:a B una funzione tra due insiemi. Se y appartiene all immagine di f si chiama fibra di f sopra y l insieme f -1 y) ossia l insieme di tutte le controimmagini

Dettagli

Cambiamento di variabili negli integrali doppi: La trasformazione in coordinate polari. esiste (evidentemente) una sola coppia ( ρ, θ) R [ 0,2π[

Cambiamento di variabili negli integrali doppi: La trasformazione in coordinate polari. esiste (evidentemente) una sola coppia ( ρ, θ) R [ 0,2π[ Cambiamento di variabili negli integrali doppi: La trasformazione in coordinate polari Osservazione: Se ( x, ) \{(0,0)} esiste (evidentemente) una sola coppia ( ρ, θ) [ 0,[ tale che x. imane in tal modo

Dettagli

LE FUNZIONI MATEMATICHE

LE FUNZIONI MATEMATICHE ALGEBRA LE FUNZIONI MATEMATICHE E IL PIANO CARTESIANO PREREQUISITI l l l l l conoscere il concetto di insieme conoscere il concetto di relazione disporre i dati in una tabella rappresentare i dati mediante

Dettagli

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento.

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. 1 IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. Quando un corpo è in movimento? Osservando la figura precedente appare chiaro che ELISA è ferma rispetto a DAVIDE, che è insieme a lei sul treno; mentre

Dettagli

Horae. Horae Software per la Progettazione Architettonica e Strutturale

Horae. Horae Software per la Progettazione Architettonica e Strutturale 1 IL MATERIALE X-LAM Nel programma CDSWin il materiale X-LAM pu ò essere utilizzato solo come elemento parete verticale. Quindi, dal punto di vista strutturale, il suo comportamento è prevalentemente a

Dettagli

Catene di Misura. Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/

Catene di Misura. Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/ Catene di Misura Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/ Piero Malcovati Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell Informazione Università di Pavia piero.malcovati@unipv.it Piero Malcovati

Dettagli

Generalità sulle funzioni

Generalità sulle funzioni Capitolo Concetto di funzione Generalità sulle funzioni Definizione di funzione Definizione Dato un sottoinsieme non vuoto D di R, si chiama funzione reale di variabile reale, una relazione che ad ogni

Dettagli

Parte 6. Applicazioni lineari

Parte 6. Applicazioni lineari Parte 6 Applicazioni lineari A Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Applicazioni fra insiemi, 2 Applicazioni lineari tra spazi vettoriali, 2 3 Applicazioni lineari da R n a R

Dettagli

STATISTICA DESCRITTIVA SCHEDA N. 5: REGRESSIONE LINEARE

STATISTICA DESCRITTIVA SCHEDA N. 5: REGRESSIONE LINEARE STATISTICA DESCRITTIVA SCHEDA N. : REGRESSIONE LINEARE Nella Scheda precedente abbiamo visto che il coefficiente di correlazione fra due variabili quantitative X e Y fornisce informazioni sull esistenza

Dettagli

TRAVE SU SUOLO ELASTICO

TRAVE SU SUOLO ELASTICO Capitolo 3 TRAVE SU SUOLO ELASTICO (3.1) Combinando la (3.1) con la (3.2) si ottiene: (3.2) L equazione differenziale può essere così riscritta: (3.3) La soluzione dell equazione differenziale di ordine

Dettagli

Categoria Student Per studenti degli ultimi due anni della scuola secondaria di secondo grado

Categoria Student Per studenti degli ultimi due anni della scuola secondaria di secondo grado Categoria Student Per studenti degli ultimi due anni della scuola secondaria di secondo grado. Risposta A). Il triangolo ABC ha la stessa altezza del triangolo AOB ma base di lunghezza doppia (il diametro

Dettagli

Tutorato di Analisi 2 - AA 2014/15

Tutorato di Analisi 2 - AA 2014/15 Tutorato di Analisi - AA /5 Emanuele Fabbiani 5 marzo 5 Integrali doppi. La soluzione più semplice... Come per gli integrali in una sola variabile, riconoscere eventuali simmetrie evita di sprecare tempo

Dettagli

Contenuto 1. Table of Contents. Introduzione. 2. Generazione della mesh di calcolo

Contenuto 1. Table of Contents. Introduzione. 2. Generazione della mesh di calcolo Contenuto 1 Table of Contents 1. Introduzione 1.1. Overview...7 1.2. Capacità...8 di analisi 2. Generazione della mesh di calcolo 2.1. Introduzione...11 2.2. Generazione...12 della mesh strutturata 2.2.1.

Dettagli

Lezioni di Algebra Lineare III. Applicazioni lineari e matrici Struttura algebrica delle soluzioni dei sistemi lineari

Lezioni di Algebra Lineare III. Applicazioni lineari e matrici Struttura algebrica delle soluzioni dei sistemi lineari Versione ottobre novembre 2008 Lezioni di Algebra Lineare III. Applicazioni lineari e matrici Struttura algebrica delle soluzioni dei sistemi lineari Contenuto 1. Applicazioni lineari 2. L insieme delle

Dettagli

Appunti sul corso di Complementi di Matematica- modulo Analisi Prof. B.Bacchelli

Appunti sul corso di Complementi di Matematica- modulo Analisi Prof. B.Bacchelli Appunti sul corso di Complementi di Matematica- modulo Analisi Prof. B.Bacchelli 09- Integrale doppio: Riferimenti: R.Adams, Calcolo ifferenziale 2. Capitoli 5.1, 5.2, 5.4. Esercizi 5.3, 5.4 Integrale

Dettagli

Numeri reali. Funzioni e loro grafici

Numeri reali. Funzioni e loro grafici Argomento Numeri reali. Funzioni e loro grafici Parte B - Funzioni e loro grafici Funzioni reali di variabile reale Definizioni. Supponiamo che A sia un sottoinsieme di R e che esista una legge che ad

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

Premessa: Nella traccia non è specificato cosa accade se si effettuano per esempio 2,3 minuti di conversazione.

Premessa: Nella traccia non è specificato cosa accade se si effettuano per esempio 2,3 minuti di conversazione. Esame di stato 5 - Proposta di risoluzione del problema Il piano tariffario proposto da un operatore telefonico prevede, per le telefonate all estero, un canone fisso di euro al mese, più centesimi per

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Docente: DI LISCIA F. CLASSE 1T MODULO 1: GLI INSIEMI NUMERICI

Docente: DI LISCIA F. CLASSE 1T MODULO 1: GLI INSIEMI NUMERICI Docente: DI LISCIA F. Materia: MATEMATICA CLASSE 1T MODULO 1: GLI INSIEMI NUMERICI Insiemi numerici: numeri naturali, proprietà delle operazioni aritmetiche; Potenze e loro proprietà; Criteri di divisibilità;

Dettagli

Capitolo 6 ELABORAZIONE DI IMMAGINI A COLORI

Capitolo 6 ELABORAZIONE DI IMMAGINI A COLORI Capitolo 6 ELABORAZIONE DI IMMAGINI A COLORI Il colore viene utilizzato nelle immagini digitali per due motivi principali: è un descrittore che semplifica l identificazione di un oggetto e la sua estrazione

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

Corso di Costruzioni Aeronautiche

Corso di Costruzioni Aeronautiche Corso di Costruzioni Aeronautiche Introduzione al metodo degli elementi finiti 13 Novembre 2013 Ing. Mauro Linari Senior Project Manager MSC Softw are S.r.l. La schematizzazione delle strutture Considerazioni

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO opzione delle scienze applicate MATEMATICA LICEO SCIENTIFICO MATEMATICA

LICEO SCIENTIFICO opzione delle scienze applicate MATEMATICA LICEO SCIENTIFICO MATEMATICA LICEO SCIENTIFICO MATEMATICA PROFILO GENERALE E COMPETENZE Al termine del percorso liceale lo studente dovrà padroneggiare i principali concetti e metodi di base della matematica, sia aventi valore intrinseco

Dettagli

2.1 Definizione di applicazione lineare. Siano V e W due spazi vettoriali su R. Un applicazione

2.1 Definizione di applicazione lineare. Siano V e W due spazi vettoriali su R. Un applicazione Capitolo 2 MATRICI Fra tutte le applicazioni su uno spazio vettoriale interessa esaminare quelle che mantengono la struttura di spazio vettoriale e che, per questo, vengono dette lineari La loro importanza

Dettagli

09 - Funzioni reali di due variabili reali

09 - Funzioni reali di due variabili reali Università degli Studi di Palermo Facoltà di Economia CdS Sviluppo Economico e Cooperazione Internazionale Appunti del corso di Matematica 09 - Funzioni reali di due variabili reali Anno Accademico 2013/2014

Dettagli

a) Il campo di esistenza di f(x) è dato da 2x 0, ovvero x 0. Il grafico di f(x) è quello di una iperbole -1 1

a) Il campo di esistenza di f(x) è dato da 2x 0, ovvero x 0. Il grafico di f(x) è quello di una iperbole -1 1 LE FUNZIONI EALI DI VAIABILE EALE Soluzioni di quesiti e problemi estratti dal Corso Base Blu di Matematica volume 5 Q[] Sono date le due funzioni: ) = e g() = - se - se = - Determina il campo di esistenza

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO opzione delle scienze applicate MATEMATICA

LICEO SCIENTIFICO opzione delle scienze applicate MATEMATICA LICEO SCIENTIFICO opzione delle scienze applicate MATEMATICA PROFILO GENERALE E COMPETENZE Al termine del percorso liceale lo studente dovrà padroneggiare i principali concetti e metodi di base della matematica,

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Funzioni di trasferimento: stabilità, errore a regime e luogo delle radici Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 0532 974839 E-mail:

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PAGINA: 1 PROGRAMMA CONSUNTIVO A.S.2014-15 SCUOLA: Liceo Linguistico Teatro alla Scala DOCENTE: BASSO RICCI MARIA MATERIA: MATEMATICA- INFORMATICA Classe 2 Sezione A CONTENUTI Sistemi lineari numerici

Dettagli

CAPITOLO 3 FONDAMENTI DI ANALISI DELLA STABILITA' DI SISTEMI NON LINEARI

CAPITOLO 3 FONDAMENTI DI ANALISI DELLA STABILITA' DI SISTEMI NON LINEARI 31 CAPITOLO 3 FONDAMENTI DI ANALISI DELLA STABILITA' DI SISTEMI NON LINEARI INTRODUZIONE L'obbiettivo di questo capitolo è quello di presentare in modo sintetico ma completo, la teoria della stabilità

Dettagli

Esempi di funzione. Scheda Tre

Esempi di funzione. Scheda Tre Scheda Tre Funzioni Consideriamo una legge f che associa ad un elemento di un insieme X al più un elemento di un insieme Y; diciamo che f è una funzione, X è l insieme di partenza e X l insieme di arrivo.

Dettagli

RISPOSTA SISMICA DI STRUTTURE ASIMMETRICHE IN PIANTA: UN METODO SEMPLIFICATO

RISPOSTA SISMICA DI STRUTTURE ASIMMETRICHE IN PIANTA: UN METODO SEMPLIFICATO ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Dipartimento Ingegneria Civile, Ambientale e dei Materiali CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA CIVILE TESI DI LAUREA in Progetto in Zona Sismica

Dettagli

Funzioni in due variabili Raccolta di FAQ by Andrea Prevete

Funzioni in due variabili Raccolta di FAQ by Andrea Prevete Funzioni in due variabili Raccolta di FAQ by Andrea Prevete 1) Cosa intendiamo, esattamente, quando parliamo di funzione reale di due variabili reali? Quando esiste una relazione fra tre variabili reali

Dettagli

MATEMATICA LEGGERA. Matematica leggera Richiami di Matematica. A. Scribano 10-06. pag.1

MATEMATICA LEGGERA. Matematica leggera Richiami di Matematica. A. Scribano 10-06. pag.1 MATEMATICA LEGGERA 1. Equazioni 2. Proporzioni 3. Potenze 4. Notazione scientifica 5. Superfici e volumi 6. Percentuale 7. Funzioni 8. Sistemi di riferimento 9. Esponenziale e logaritmo 10. Gaussiana 11.

Dettagli

Cap. 3 - L'analisi dei dati

Cap. 3 - L'analisi dei dati Capitolo 3 L analisi dei dati 3.1. Relazioni tra grandezze fisiche Uno degli aspetti più importanti della fisica sperimentale è la ricerca di una relazione matematica in grado di interpretare il tipo di

Dettagli

Analisi Matematica 2 per Matematica Esempi di compiti, primo semestre 2011/2012

Analisi Matematica 2 per Matematica Esempi di compiti, primo semestre 2011/2012 Analisi Matematica 2 per Matematica Esempi di compiti, primo semestre 211/212 Ricordare: una funzione lipschitziana tra spazi metrici manda insiemi limitati in insiemi limitati; se il dominio di una funzione

Dettagli

4. Matrici e Minimi Quadrati

4. Matrici e Minimi Quadrati & C. Di Natale: Matrici e sistemi di equazioni di lineari Formulazione matriciale del metodo dei minimi quadrati Regressione polinomiale Regressione non lineare Cross-validazione e overfitting Regressione

Dettagli