MODELLAZIONE NUMERICA AI VOLUMI FINITI DI MOTI A SUPERFICIE LIBERA LA SIMULAZIONE DI EVENTI NATURALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MODELLAZIONE NUMERICA AI VOLUMI FINITI DI MOTI A SUPERFICIE LIBERA LA SIMULAZIONE DI EVENTI NATURALI"

Transcript

1 XXX Convegno di Idraulica e Costruzioni Idrauliche - IDRA 2006 Master Class: Modelli numerici di correnti fluviali su fondo fisso e fondo mobile MODELLAZIONE NUMERICA AI VOLUMI FINITI DI MOTI A SUPERFICIE LIBERA LA SIMULAZIONE DI EVENTI NATURALI Lorenzo Begnudelli 1 (1) Dipartimento di Ingegneria, Università degli Studi di Ferrara Ferrara (IT) Parole chiave: idrodinamica delle acque basse, meccanica dei fluidi, simulazione numerica. SOMMARIO In questa memoria vengono presentati due modelli numerici ai volumi finiti per la soluzione delle equazioni alle acque basse (su mesh costituite da celle triangolari o quadrangolari) e la loro applicazione alla simulazione di inondazioni dovuti ad eventi di crollo diga. I modelli numerici, di tipo-godunov, sono basati sullo stesso schema, sono accurati al secondo ordine nel tempo e nello spazio, ed utilizzano una nuova tecnica di trattamento delle celle parzialmente sommerse. Ciò conferisce al modello robustezza, accuratezza e perfetta conservazione della massa anche in simulazioni di fenomeni in cui ampie parti del dominio sono soggette a fenomeni di wetting/drying. Delle applicazioni che verranno mostrate, due sono relative ad eventi realmente accaduti e dei quali sono disponibili testimonianze, dati e ricostruzioni. L ultima simulazione, invece, riguarda un evento non accaduto ma del quale si sono volute studiare le possibili conseguenze elaborando diversi scenari a scopo di protezione civile. Oltre che i risultati delle simulazioni, verrà illustrato il particolare approccio seguito nell esecuzione delle simulazioni stesse. 1 INTRODUZIONE Le equazioni alle acque basse sono largamente utilizzate nella simulazione e modellazione dell idrodinamica di fiumi, canali, laghi, lagune, zone costiere e estuari, ed eventi quali inondazioni successive al crollo di dighe o argini fluviali. E stato sviluppato un modello numerico sviluppato risolve le equazioni alle acque basse attraverso uno schema di integrazione numerica ai volumi finiti. In particolare, sono state create due versioni del modello, una basata su una mesh non strutturata di celle triangolari ed una su un mesh strutturata di celle quadrangolari, per studiare pro e contro di ciascuna soluzione. Gran parte delle importanti applicazioni che verranno descritte nel seguito riguarda domini dalla geometria e topografia molto complesse, ed è estremamente importante disporre di modelli robusti ed accurati in grado di affrontare la più ampia varietà possibile di applicazioni pratiche, con ogni regime di moto (eventi di crollo-diga, moto di fiumi, laghi, estuari, lagune) in cui ampie parti del dominio sono soggette a wetting/drying. Sono stati affrontati in particolare i seguenti problemi Trattamento dei termini sorgente dovuti alla pendenza del fondo nelle SWEs Questo tema è stato sviluppato elaborando una nuova tecnica di trattamento dei termini sorgente (Valiani e Begnudelli 2006). Questo argomento non verrà trattato qui in quanto già presentato in un altro articolo presentato al XXX Convegno di Idraulica e Costruzioni Idrauliche (Begnudelli e Valiani 2006). Trattamento delle celle parzialmente sommerse (frontiera wet/dry) 77

2 L. Begnudelli E stata sviluppata una nuova tecnica di trattamento delle celle parzialmente sommerse che verrà descritta nel seguito. In particolare, importanti requisiti che un modello idraulico dovrebbe verificare e che molto spesso sono violati in caso di presenza di frontiera mobile tra zona asciutta e zona sommersa sono: 1) Il modello deve conservare la massa e non deve generare oscillazioni spurie (frontiera wet/dry); 2) Nel caso di simulazione del trasporto di scalari, il modello deve conservare la massa disciolta e non deve introdurre concentrazioni / diluizioni spurie. 2 MODELLO MATEMATICO Come già accennato, il modello numerico utilizzato è basato sulle equazioni alle acque basse (SWE). Esse sono costituite da un equazione di bilancio di massa e due equazioni di bilancio di quantità di moto (in direzioni x ed y) mediate lungo la verticale, derivate sotto alcune ipotesi standard. Le SWE possono essere scritte in forma conservativa come (Liggett 1994) U + F + G = S + S (1) 0 f t x y dove U è il vettore delle variabili conservative, F e G sono vettori di flusso in direzione x, y e S 0 e S f sono termini sorgente. Tali vettori sono così definiti Uh h Vh h U= Uh ; F= U h g ; UVh ; ghs 0x ; ghs + fx 2 G= S = = 0 S f (2) Vh 2 ghs 2 h 0 y ghs UVh fy V h+ g 2 dove: h = profondità; U, V = componenti lungo x, y della velocità (valori mediate sulla veriticale); S 0x, S 0 y e S fx, S fy = componenti cartesiane dei termini rispettivamente della pendenza del fondo e della pendenza d attrito. S 0x, S 0 y e S fx, S fy costituiscono i termini sorgente rispettivamente corrispondenti alla pendenza del fondo ed alla resistenza al moto, e sono z S = b 0x 2 2 x Sfx = cd U U + V zb 2 2 S S 0 y = fy = cd V U + V y dove z b è la quota del fondo e c D è un coefficiente di drag che può essere trattato come una costante, calcolato a partire dal coefficiente di Manning come cd = gnmh o calcolato localmente in base alla sca brezza del fondo ed al numero di Reynolds (Haaland 1983). In forma integrale, considerando come dominio di integrazione una generica cella Ω di contorno Ω, le equazioni alle acque basse possono essere espresse come dω+ ( dx dy) = ( + ) dω t U Ω F G Ω t S0 Sf (4) Ω Analogamente, le equazioni di trasporto delle sostanze disciolte, trattate come scalari passivi, sono e- spresse in forma integrale come dω+ ( dx dy) = dω t Q Ω FQ GQ Ω t SQ (5) Ω (3) 78

3 Modellazione ai volumi finiti di eventi naturali dove Q è il vettore delle concentrazioni integrate sulla verticale degli N scalari modellati, F Q e G Q i vettori di flusso in direzione x, y ed S Q il vettore dei termini sorgente (che può rappresentare sorgenti puntuali, diffuse o reazioni): hϕ 1 huϕ 1 hvϕ 1 s 1 hϕ 2 huϕ 2 hvϕ 2 s 2 Q= ; ; ; FQ = GQ = SQ = (6) hϕ N huϕ N hvϕ N s N dove φ i è la concentrazione mediata sulla verticale dello scalare i-esimo. Queste equazioni ignorano i fenomeni di diffusione e dispersione che non sono stati presi in considerazione in questo studio. 3 GRIGLIA DI CALCOLO Sono state create due versioni del modello numerico, una basata su una mesh non strutturata di celle triangolari ed una su un mesh strutturata di celle quadrangolari. Ciò è stato fatto per valutare pro e contro di ciascun tipo di griglia di calcolo, in termini di facilità di generazione, versatilità, e tempi di calcolo. Le celle triangolari presentano diversi vantaggi per qualunque applicazioni pratica che riguardi sistemi idrici dalla geometria complessa: Facile generazione attraverso algoritmi di triangolazione (Delaunay) Facile raffittimento locale della griglia Trattamento più semplice delle celle parzialmente sommerse Il principale svantaggio che è stato riscontrato nell uso di griglie a maglia triangolare è che, in problemi con geometria semplice, come casi test in canali rettangolari ed idrodinamica fondamentalmente 1D, per avere la stessa accuratezza ottenuta con griglie a maglia quadrangolare, occorre utilizzare almeno il doppio delle celle. In questo tipo di casi test, infatti, il modello beneficia dell allineamento tra moto e direzione delle maglie della griglia. Tuttavia, nei problemi reali raramente si ritrovano geometrie così semplici. 4 MODELLO NUMERICO Sono stati utilizzati, come già anticipato, due schemi ai volumi finiti: uno basato su una mesh non strutturata di celle triangolari ed uno su una mesh strutturata di celle quadrangolari. Per entrambi i casi, la struttura del modello numerico è la stessa, ed è presentata in Fig. (1). Viene di seguito riportata una breve descrizione delle singole parti dell algoritmo. Maggiori dettagli su ogni singolo punto possono essere trovati in Begnudelli and Sanders (2006). Pre-Processing: Caricamento della griglia di calcolo e delle condizioni iniziali ed al contorno; elaborazione della metrica (Begnudelli and Sanders 2006). Definizione celle wet/dry: Ogni cella viene definita wet o dry: se tutti i nodi della cella sono sommersi con una profondità maggiore di una certa tolleranza δ w, questa la cella è classificata wet, altrimenti dry. Slopes limiting: I gradienti delle variabili di stato vengono calcolati in ogni cella in base ai valori (cellcentered) nelle celle vicine oppure in base ai valori ai nodi della cella (ottenuti per interpolazione). L operazione di limiting impone che non si generino nuovi massimi ai punti medi delle interfacce tra celle (oppure ai nodi, ma in questo caso il limiter risulta più diffusivo). La tecnica utilizzata è la LCD, Limiting Central Differencing (Hubbard 1999). Predictor: Risolve le equazioni alle acque basse espresse in forma differenziale, e solo nelle celle definite come wet (Bradford e Sanders 2005) 79

4 L. Begnudelli Valutazione dei flussi all interfaccia: Il flusso numerico all interfaccia è calcolato attraverso il solutore di Roe, utilizzando i valori delle variabili di stato ottenute attraverso una ricostruzione MUSCL (Monotone Upwind Scheme for Conservation Laws) delle variabili. Corrector: Il passo corrector risolve le SWE in conservativa (Bradford e Sanders 2005), nelle celle dry viene risolta la sola equazione di continuità. Trasporto Scalari: Le equazioni di trasporto degli scalari sono risolte usando la stessa mesh, gli stesso passi temporali, ed applicando la stessa tecnica predictor-corrector usata per il fluido. Figura 1. Scherma a diagramma di flusso del codice numerico. 4.1 Celle Parzialmente Sommerse Le celle parzialmente sommerse NON sono correttamente rappresentate dall altezza d acqua nel baricentro. Per esempio, se una cella parzialmente bagnata contiene fluido, ma non a sufficienza per sommergere il baricentro, la profondità media (h) è un numero positivo, mentre la profondità misurata rispetto al baricentro è un numero negativo: 80

5 Modellazione ai volumi finiti di eventi naturali Le equazioni Volume/Free-surface Relationships (VFRs) legano il volume di fluido contenuto nella cella alla quota del pelo libero: Rendono più facile e precisa la ricostruzione delle variabili all interfaccia e la valutazione dei flussi Permettono una esatta conservazione delle massa di fluido e scalari, e trascurabili concentrazioni/diluizioni spurie dei soluti Possono essere incorporate in qualsiasi modello ai volumi finiti, vbasati su celle triangolari o quadrangolari 4.2 VFRs per celle triangolari Le equazioni che legano le quota del pelo libero ed il contenuto di fluido in una cella dipendono dal numero di nodi della cella che sono sommersi dal fluido. Le possibili equazioni, ricavate da semplici considerazioni di geometria solida, sono riportate qui di seguito. Nelle seguenti equazioni, z 1, z 2 e z 3 sono le quote dei 3 nodi della generica cella, tali che: z 1 z 2 z 3. La quota del pelo libero è indicata con η, il volume di fluido contenuto nella cella con V e l area della cella con A. z < η z z3 < η 2 3 z < η z 1 2 Range z1 < η z2 3 V ( η z1 ) h = = A 3( z z )( z z ) (7) η = z + 3 3h( z z )( z z ) (8) Range z2 < η z V η + ηz 3ηz z z + z z + z h = = A 3( z z ) 3 1 (9) 81

6 L. Begnudelli con: η= γ + γ γ γ1 = z3 z1 γ = hz1 3hz3 z3z2 z1z2 z1 (10) z3 < η η = h+ z con: c z c z + z + z = (11) Maggiori dettagli sono riportati su Begnudelli and Sanders (2006). 4.3 VFRs per celle quadrangolari Nel caso di celle quadrangolari, poiché i quattro nodi di una cella non giacciono in generale su un piano, si considera la cella quadrangolare come composta da 2 triangoli. Viene definito un criterio univoco di suddivisione della cella in base alle quote dei nodi della cella: a seconda della tipologia della cella, variano i coefficienti che compaiono nelle equazioni VFRs. Come per celle triangolari, n 1, n 2, n 3 e n 4 sono i 4 nodi della generica cella, e z 1, z 2, z 3 e z 4 sono le corrispondenti quote dei nodi tali che: z1 z2 z3 z4. Le figure seguenti illustrano le diverse tipologie di cella con diversi gradi di riempimento. Tipo 1: n 1 e n 4 (i nodi con quota maggiore e minore) non sono adiacenti (sono gli estremi di una delle due diagonali). La cella è divisa in due triangoli dalla diagonale che connette i nodi n 1 e n 4 : 82

7 Modellazione ai volumi finiti di eventi naturali Tipo 2: n 1 e n 4 (i nodi con quota maggiore e minore) sono adiacenti ed n 2 è adiacente ad n 1. La cella è divisa in due triangoli dalla diagonale che connette i due nodi n 2 e n 4 Tipo 3: n 1 e n 4 sono adiacenti ed n 2 è adiacente ad n 4 (è il caso meno frequente). La cella è divisa in due triangoli dalla diagonale che connette i due nodi n 3 e n 4 : A seconda del numero di nodi sommersi dal fluido, le equazioni VFRs nel caso di celle quadrangolari (per qualsiasi tipologia di cella) sono: z1 < η z2 z2 < η z3 h= α ( η z ) 3 (12) 1, ,3 2,2 2,1 2,0 h = α η + α η + α η+ α (13) 83

8 L. Begnudelli z3 < η z4 2 3,2 3,1 3,0 h = α η + α η+ α (14) z4 < η h = η+ α 4,0 (15) I coefficienti che compaiono nelle equazioni (12) - (15) dipendono dalla tipologia di cella e non sono qui riportati per motivi di spazio (si rimanda a Begnudelli e Sanders 2007). Nel caso z2 < η z3 l equazione cubica è risolta con il metodo di Newton Raphson, con valore di tentativo iniziale η = ( z2 + z3)/2. Nel caso z3 < η z4 l equazione da risolvere è di secondo grado, e la sola soluzione accettabile è quella che appartiene all intervallo [ z3, z 4]. 4.4 Incorporazione delle equazioni VFRs nella struttura dell algoritmo Le equazioni VFRs sono risolte nel modello sia nella loro forma diretta (calcolare h dato η ) sia nella forma inversa (calcolare η dato h). In particolare, nella fase di pre-processing, data la quota del pelo libero η in ogni cella (che costituisce le condizioni iniziali) viene calcolato il volume di fluido presente in ogni cella, e quindi h. Durante la simulazione, ad ogni passo temporale di integrazione numerica, dopo il corrector, a partire dal valore di h aggiornato in funzione dei flussi fra le celle, si applicano invece le VFRs in senso opposto per calcolare in nuovo valore aggiornato di η che viene utilizzato poi al passo di calcolo successivo per valutare lo status wet/dry della cella e per la ricostruzione della quota del pelo libero all interfaccia fra le celle. 5 VERIFICA DEL MODELLO NUMERICO Il modello numerico è stato verificato eseguendo una serie di casi test classici: crollo diga su fondo asciutto e bagnato, e moto permanente su bump parabolico nei tre casi di moto subcritico, moto con transizione per lo stato critico senza shock, e moto transcritico con shock. Le performances del modello in questi casi test sono state anche utilizzate per ottimizzare le procedure di calcolo dei gradienti, limiting e calcolo del flusso numerico, scegliendo le procedure che hanno mostrato le migliori prestazioni in termini di accuratezza, stabilità, e tempo di calcolo. Maggiori dettagli a riguardo possono essere reperiti su Begnudelli e Sanders (2006). 5.1 Crollo diga su 3 bumps conici Un ulteriore caso test è stato utilizzato per verificare i miglioramenti nella prestazione del modello introdotti dall utilizzo delle VFRs. Il caso test consiste in un crollo diga su fondo asciutto con tre ostacoli a forma conica presenti a valle della diga. Il canale utilizzato in questo problema è a sezione rettangolare (eccetto che nelle sezioni ove sono presenti gli ostacoli conici), lungo 75 m e largo 30 m. I tre ostacoli conici hanno i vertici in coordinate (x, y) = (30, 6), (30, 24) e (47.5, 15) m, le altezze dei coni sono 1 m, 1 m e 3 m rispettivamente e le la pendenze sono 1:8, 1:8 e 3:10 rispettivamente. La diga si trova alla posizione x = 16m, e la quota del pelo libero a monte è η = m: l acqua è in quiete ed in essa si trova disciolta una sostanza con concentrazione φ = 1. All istante t = 0 s la diga viene istantaneamente rimossa, e l acqua si riversa verso valle. L evento è stato simulato per 8 s con un passo temporale di t = 0.01 s, dapprima non utilizzando le equazioni VFRs (considerando η = h + z c e considerando la cella vuota per 84

9 Modellazione ai volumi finiti di eventi naturali valori di profondità inferiori ad una piccola tolleranza δ w ) e poi introducendo le VFRs ed utilizzando il modello come descritto in precedenza. Qui di seguito sono riportati i risultati delle due simulazioni, ed in particolare: A) plot della superficie libera per t = 8 s, B) plot dei vettori di velocità, C) concentrazione dello scalare trasportato. Alcune considerazioni: Senza VFRs, l errore sulla conservazione della massa è ERR = 0.14%, mentre Con VFRs, l errore sulla conservazione della massa è ERR < (errore di macchina) Gli stessi errori si ritrovano nella quantità di scalare disciolto. La soluzione è in entrambi i casi smooth ed i campi di velocità non differiscono sensibilmente Senza VFRs, la concentrazione/diluizione artificiale dello scalare tocca il 10% Con VFRs, la concentrazione/diluizione artificiale dello scalareraggiunge al massimo lo 0.01% (è quindi trascurabile quindi per un gran numero di applicazioni) Figura 2. Test Crollo diga su 3 ostacoli conici: risultati senza VFRs. 85

10 L. Begnudelli Figura 3. Test Crollo diga su 3 ostacoli conici: risultati con VFRs. 6 APPLICAZIONI PRATICHE / 1: CROLLO DELLA DIGA DI ST. FRANCIS La diga di St Francis (Fig. 4) era una diga a gravità in cemento, costruita tra il 1924 ed il 1926 dal Los Angeles Bureau of Water Works and Supply (ora Department of Water and Power), sotto la direzione dell ingegnere capo William Mulholland. La diga era situata nel San Francisquito Canyon, circa 15 km a nord di quella che ora è la città di Santa Clarita, California (Fig. 5). La diga era alta 57 metri, e la cresta lunga 213 metri; la capacità dell invaso era 47 milioni di metri cubi. Il crollo avvenne alle 23:57:30 (ora locale) del 12 marzo 1928, poco dopo che la diga era stata completamente riempita per la prima volta, fino ad appena sotto la cresta. 86

11 Modellazione ai volumi finiti di eventi naturali Figura 4. Diga di St Francis (foto concessa da: Santa Clarita Valley Historical Society) Figura 5. Diga di St. Francis e St. Francis Reservoir in California del Sud a nord di Los Angeles Dopo il crollo, l onda di sommersione avanzò dapprima verso Sud lungo il San Francisquito Canyon (SFC) verso quella che è ora Clarita, e poi verso Ovest lungo la Santa Clara Valley (SCV) verso Ventura, raggiungendo l Oceano Pacifico, a circa 87 km di distanza, in meno di 6 ore. Lungo il loro cammino, le acque travolsero 1000 case, 10 ponti, numerose strade e campi, e le vite di circa 500 persone. L ammontare dei danni è stato stimato a milioni di dollari dell epoca. Ci sono diverse interpretazioni sul meccanismo di rottura, ma è ormai accertato che una delle principali cause fu la presenza di cattive fondazioni. La storia della diga è ampiamente descritta da Outland (1963). 87

12 L. Begnudelli Figura 6. Diga di St. Francis riempita fino alla cresta. Figura 7. Diga di St. Francis dopo il crollo: un concio centrale della diga rimase in piedi Ciò che verrà descritto in seguito non è solo la descrizione della simulazione dell evento, ma anche di una metodologia di studio di fenomeni analoghi, e dell importanza che diversi fattori di incertezza possono avere sulla precisione dei risultati della simulazione. 88

13 Modellazione ai volumi finiti di eventi naturali 6.1 Metodologia di Studio Si può schematizzare la metodologia adottata nei seguenti passaggi: 1) Acquisizione della topografia (DEM) Per gli USA sono a disposizione i modelli del National Elevation Dataset (NED) con risoluzione 1 o 1/3 arc sec (secondi d arco), che possono essere scaricati gratuitamente dal sito dell USGS (http://seamless.usgs.com) 2) Creazione di una mesh computazionale Definizione del contorno Triangolazione (E stato usato il software Triangle (Shewchuk 1996), ottenibile on-line all indirizzo: Interpolazione delle quote dal DEM ai nodi della mesh A seconda della risoluzione richiesta, possono essere utilizzati datasets di diversa risoluzione per eseguire l interpolazione (Fig. 8). Figura 8. DEMs utilizzati nel presente studio. I diversi riquadri rappresentano le aree effettivamente scaricate dal sito e le corrispondenti risoluzioni. Possono essere imposti raffittimenti localizzati, o comunque essere scelte risoluzioni differenti per le diverse parti del dominio (Fig. 9) 89

14 L. Begnudelli Figura 9. Mesh computazionale con raffittimenti localizzati. 3) Definizione condizioni iniziali ed al contorno Il programma accetta come possibili condizioni iniziali la quota del pelo libero o la profondità (se costante) in una parte del dominio di calcolo (Fig. 10). Inoltre, può essere specificata una certa velocità iniziale e le concentrazioni iniziale di eventuali scalari trasportati. Come condizioni al contorno, il questo caso viene imposto il livello nell oceano (all estremità sud-ovest del dominio di calcolo), mentre altrove il contorno si comporta come un muro impermeabile. Figura 10. St Francis Reservoir: veduta prospettica delle condizioni iniziali. 90

15 Modellazione ai volumi finiti di eventi naturali 4) Esecuzione della simulazione 5) Raffittimenti localizzati selettivi Successivi raffittimenti localizzati della mesh di calcolo possono essere eseguiti in seguito alle prime simulazioni per aumentare la risoluzione della griglia nelle zone interessate dall evento. Differenti criteri possono essere scelti per definire i successivi raffittimenti, in questo caso si è scelto di affittire in corrispondenza delle celle che sono state sommerse nella simulazione precedente, dimezzando ogni volta l area massima (locale) delle celle. Mesh 1: celle Mesh 2: celle Mesh 3: celle 91

16 L. Begnudelli Mesh 4: celle 6.2 Comparazione tra simulazione e testimonianze storiche Le seguenti figure mostrano una comparazione tra l evento riprodotto dal modello e le testimonianze dell epoca, in particolare foto scattate subito dopo l evento stesso. La prima coppia di immagini (Figure 11 e 12) raffigura una vista da monte verso valle di un tratto del San Francisquito Canyon. Si può riconoscere in particolare in figura (11) una collina posta al centro della vallata, la cui sommità non fu sommersa dalle acque. Il corso principale rimane alla sinistra della collina, mentre sulla destra è presente una forcella che fu sommersa dall onda. In figura (12) si vede una raffigurazione della simulazione dell evento da parte del modello relativo alla stessa area, ed in particolare un inviluppo delle massime profondità raggiunte durante la simulazione. Figura 11. Vista da monte verso valle di un tratto del San Francisquito Canyon subito dopo l evento 92

17 Modellazione ai volumi finiti di eventi naturali Figura 12. Vista da monte verso valle di un tratto del San Francisquito Canyon, evento ricostruito dal modello. (Inviluppo delle massime profondità raggiunte durante la simulazione) Nella seconda coppia di immagini (Figure 13 e 14), la figura (13) raffigura due ricostruzioni dell area i- nondata nella Santa Clara Valley tra Saugus e Castaic Junction, una basata su foto aeree ortorettificate (Rogers and James 2003, in blu) ed una su testimonianze raccolte poco dopo l evento (Charles Lee, ca. 1928, in rosa). Figura 13. Ricostruzioni dell area inondata nella Santa Clara Valley tra Saugus e Castaic Junction, basate su foto aeree ortorettificate (Rogers and James 2003, in blu) e su testimonianze raccolte poco dopo l evento (Charles Lee, ca. 1928, in rosa) 93

18 L. Begnudelli La figura 14 invece rappresenta una simulazione dell evento ottenuta dal modello, corrispondente ad n = e crollo diga parziale. E evidenziata in fig. (13) la posizione della odierna Intestate 5, la principale arteria di comunicazione della California, che collega Los Angeles con San Francisco e Sacramento. Figura 14. ricostruzioni dell area inondata nella Santa Clara Valley tra Saugus e Castaic Junction, basate su una simulazione corrispondente a n = e crollo diga parziale 6.3 Validazione del Modello: Analisi di Sensitività Data la ricchezza di informazioni e dati sull evento, questo si presta in modo eccellente ad una validazione del modello. Sono infatti disponibili foto aeree scattate subito dopo l evento (che recenti studi hanno raccolto, ordinato ed ortorettificato), oltre a testimonianze dell epoca ed informazioni precise sul tempo di transito dell onda legati all istante di sommersione di tralicci e cabine di trasformazione. Occorre considerare che il modello deve ricevere come input due datasets sui quali si hanno incertezze: Topografia (DEM) Parametri di resistenza al moto (es: Manning, Chezy) Altri fattori a cui il modello è sensibile sono: Risoluzione della griglia Configurazione della breccia / rottura della diga Per valutare la sensitività del modello a tali elementi sono stati comparati i risultati di simulazioni corrispondenti a differenti: Risoluzioni della griglia (da Mesh 1 a Mesh 4) Valori del parametro di resistenza di Manning (n = 0.020, n = 0.025, n = ) Configurazioni della breccia (Crollo totale e crollo parziale, corrispondente al concio centrale di diga rimasto in piedi) in termini di: Area interessata dall inondazione Tempi di transito del fronte di sommersione 94

19 Modellazione ai volumi finiti di eventi naturali Figura 15. Localizzazione del St Francis Reservoir e delle sezioni considerate nella misura dei tempi di transito 6.4 Influenza della risoluzione della griglia sul tempo di transito La tabella (1) mostra i tempi di transito dell onda di sommersione alle sezioni A-A G-G (vedi Fig. 15) al variare della risoluzione della griglia computazionale, da Mesh 1 a Mesh 4. Tabella 1. Tempi di transito dell onda di sommersione al variare della Mesh. E evidente come il progressivo raffittimento della griglia di calcolo produca una riduzione molto importante dei tempi di arrivo dell onda di sommersione. L utilizzo di una griglia computazionale troppo rada può comportare una sovrastima molto importante del tempo di transito, per cui la simulazione va ripetuta con mesh sempre più raffittite fino a quando i risultati delle successive simulazioni non convergono. 6.5 Influenza del parametro di resistenza sul tempo di transito Le tabelle (2) e (3) mostrano i tempi di transito dell onda di sommersione alle sezioni A-A G-G (vedi Fig. 15) e l estensione dell area inondata al variare del valore del parametro di resistenza della con- 95

20 L. Begnudelli figurazione della breccia. Riguardo a quest ultima, per Crollo Parziale si intende che invece di rimuovere completamente la diga all istante t = 0 s, si lascia il concio centrale come mostrato in fig. (7) Tabella 2. Tempi di transito dell onda di sommersione al variare del valore del parametro di resistenza e della configurazione della breccia. Tipologia Crollo Manning Coeff. [ m -1/3 s ] Area Inondata [10 6 m 2 ] Parziale n = Parziale n = Parziale n = Totale n = Totale n = Totale n = Ricostruzione di Rogers and James (2003) Ricostruzione di Charles Lee (ca. 1928) Tabella 3. Area inondata al variare del valore del parametro di resistenza e della configurazione della breccia. Il confronto fra Crollo Parziale e Crollo Totale mostra che comunque le differenze sono limitate sia in termini di tempo di transito sia in termini di area inondata prevista. Il valore del parametro di resistenza invece si mostra molto decisivo del determinare il tempo di transito (cioè: la velocità di avanzamento) mentre ha effetti estremamente limitati sull area inondata prevista. 6.6 Conclusioni Dall analisi dei risultati qui presentati, si può evidenziare come la risoluzione influenzi in modo decisivo i risultati, sia in termini di area inondata complessiva sia in termini di tempi di transito (e quindi velocità di propagazione). Il valore del parametro di resistenza, invece, ha influenza molto limitata sull area complessiva inondata, mentre ha maggiore peso sui tempo di transito del fronte. Questi risultati hanno importanza poiché informano su quali errori ci si può aspettare di commettere nel caso in cui, a differenza del presente caso di studio, si simulino ipotetici scenari futuri e non eventi passati di cui si hanno tutti i dati a disposizione. 96

21 Modellazione ai volumi finiti di eventi naturali 7 APPLICAZIONI PRATICHE / 2: SIMULAZIONI CROLLO DIGHE DI KALOKO E WAITA Il 14 febbraio 2006, a seguito di eccezionali piogge abbattutesi sull arcipelago delle Hawaii, il rilevato in terra che conteneva il Ka Loko Reservoir (isola di Kauai, Hawaii, USA) cedette, causando una inondazione che provocò la morte di 7 persone e la distruzione di diverse case ed un tratto di strada costiera (HWY 56) nei pressi di Kilauea (Fig. 16). Dato l ampio risalto dato all evento dai media locali, e quindi la ampia mole di dati a disposizione, è stato possibile utilizzare il modello per ricostruire l inondazione, utilizzando la stessa metodologia di lavoro descritta in precedenza. La Fig. (17) mostra l evento come ricostruito dal modello, e come confermato dai dati a disposizione. Figura 16. Ka Loko Reservoir, isola di Kauai, Hawaii, USA. Figura 17. Inondazione seguita al crollo della diga del Ka Loko Reservoir, come ricostruita dal modello. 97

22 L. Begnudelli Nei giorni successivi a tale evento, in seguito alla caduta di nuove piogge, la protezione civile dello Stato delle Hawaii manifestò crescente preoccupazione per una seconda diga, posta nella parte sud della stessa isola: la diga del Waita Reservoir, vicino all abitato di Kaloa. Quello che segue è un estratto dello studio eseguito per conto di, ed in collaborazione con, la protezione civile dello Stato delle Hawaii, per delineare mappe di rischio idraulico corrispondenti a diversi possibili scenari di rottura della diga. Il Waita Reservoir, mostrato in figura (18), ha un invaso massimo di circa 12.1 x 10 6 m 3, ed una profondità abbastanza costante, che in condizioni di quota idrica massima (definita dalla presenza di uno sfioratore di superficie), raggiunge gli 8m. Fig. 18: Waita Reservoir, vicino a Kaloa, Isola si Kauai, Hawaii, USA. Lo studio ha seguito la metodologia descritta per la simulazione del crollo della diga di St Francis: è stato scaricato il modello digitale del terreno (DEM) con risoluzione 1/3 arc sec dal sito dell USGS, quindi è stato delineato un contorno approssimativo del dominio di calcolo ed è stata costruita una prima mesh computazionale basata su semplici considerazioni dettate dalla conformazione del terreno. Sono poi stati eseguiti alcuni run preliminari e ricavate due mesh di calcolo per lo studio vero e proprio: una costituita da celle ed una da celle. Sono poi stati definiti quattro possibili di scenari di inondazione, corrispondenti a 2 possibili valori del parametro di resistenza di Manning (n = e n = 0.050) ed a 2 possibili configurazioni della breccia (crollo parziale di un tratto lungo 100m e crollo totale istantaneo di tutta la diga, lunga più di 1 km). In 98

3 FASCE FLUVIALI... 20 3.1 CONFRONTO TRA FASCE ATTUALMENTE IN VIGORE E FASCE AGGIORNATE... 21

3 FASCE FLUVIALI... 20 3.1 CONFRONTO TRA FASCE ATTUALMENTE IN VIGORE E FASCE AGGIORNATE... 21 Sommario 1 ANALISI IDRAULICA PER LA DEFINIZIONE DELLE AREE INONDABILI... 2 1.1 IL MODELLO IDRAULICO DI PROPAGAZIONE... 2 1.2 LA PROPAGAZIONE MONODIMENSIONALE (1D)... 4 1.3 LE STRUTTURE INTERFERENTI CON

Dettagli

Confronto tra i codici di calcolo QUAD4-M e LSR2D

Confronto tra i codici di calcolo QUAD4-M e LSR2D 2 Confronto tra i codici di calcolo QUAD4-M e LSR2D Introduzione Questo documento riporta un confronto tra i risultati di un analisi di risposta sismica locale condotta con il codice di calcolo LSR2D (Stacec

Dettagli

The sole reseller and official technical assistance in Europe of FLO-2D and RiverFLO-2D. Corso FLO-2D PRO

The sole reseller and official technical assistance in Europe of FLO-2D and RiverFLO-2D. Corso FLO-2D PRO POWERED BY EUROPE The sole reseller and official technical assistance in Europe of FLO-2D and RiverFLO-2D Novembre 2013, Perugia Corso FLO-2D PRO Date: novembre, 2013 Luogo: Università per Stranieri di

Dettagli

Analisi numerica del flusso all interno del diffusore troncoconico ERCOFTAC

Analisi numerica del flusso all interno del diffusore troncoconico ERCOFTAC UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE FACOLTÀ DI INGEGNERIA Analisi numerica del flusso all interno del diffusore troncoconico ERCOFTAC Tesina di Termofluidodinamica Computazionale Docente: prof. Enrico Nobile

Dettagli

Indice Equazioni fondamentali Dissipazioni di energia nelle correnti idriche

Indice Equazioni fondamentali Dissipazioni di energia nelle correnti idriche Indice 1 Equazioni fondamentali... 1 1.1 Introduzione... 1 1.2 Equazionedicontinuità... 2 1.3 Principio di conservazione della quantità di moto.... 5 1.4 Principiodiconservazionedellaenergia... 8 1.5 Considerazioniconclusive...

Dettagli

Jacopo De Sanctis, F. Marconi, M. Rosati, G. Mingrone Sogin SpA. Torino, 14-15 Ottobre 2015. Italian DHI Conference 2015

Jacopo De Sanctis, F. Marconi, M. Rosati, G. Mingrone Sogin SpA. Torino, 14-15 Ottobre 2015. Italian DHI Conference 2015 Modelli numerici finalizzati allo studio del rilascio e del trasporto dei contaminanti radioattivi nelle acque sotterranee. Caso studio: sito di Saluggia Jacopo De Sanctis, F. Marconi, M. Rosati, G. Mingrone

Dettagli

Monitoraggio della qualità morfologica dei corsi d acqua

Monitoraggio della qualità morfologica dei corsi d acqua Monitoraggio della qualità morfologica dei corsi d acqua 1. Premessa Nel 2010 ISPRA ha pubblicato il metodo per la valutazione della qualità morfologica dei corsi d acqua basato sull Indice di Qualità

Dettagli

Relazione di fine tirocinio

Relazione di fine tirocinio Relazione di fine tirocinio Tirocinante: Gianluca Gallone matricola: 281507 Tutor universitario: Prof. Roberto De Lieto Vollaro Toutor Aziendale: Prof. Andrea Vallati AA 2013/2014 1 2 Indice 1 Introduzione...5

Dettagli

ELEMENTI TRIANGOLARI E TETRAEDRICI A LATI DIRITTI

ELEMENTI TRIANGOLARI E TETRAEDRICI A LATI DIRITTI EEMENTI TRIANGOARI E TETRAEDRICI A ATI DIRITTI Nella ricerca di unificazione delle problematiche in vista di una generalizzazione delle procedure di sviluppo di elementi finiti, gioca un ruolo importante

Dettagli

SINTESI DELLE MISURE DI PORTATA CONDOTTE IN CONDIZIONI DI MORBIDA-PIENA SUL BACINO DEL LIVENZA-MEDUNA PERIODO 2010-2014

SINTESI DELLE MISURE DI PORTATA CONDOTTE IN CONDIZIONI DI MORBIDA-PIENA SUL BACINO DEL LIVENZA-MEDUNA PERIODO 2010-2014 DIPARTIMENTO REGIONALE PER LA SICUREZZA DEL TERRITORIO SERVIZIO IDROLOGICO SINTESI DELLE MISURE DI PORTATA CONDOTTE IN CONDIZIONI DI MORBIDA-PIENA SUL BACINO DEL LIVENZA-MEDUNA PERIODO 2010-2014 ARPAV

Dettagli

Unità didattica 3. Il moto. Competenze. 1 Il moto è relativo. 2 La velocità scalare e la velocità vettoriale

Unità didattica 3. Il moto. Competenze. 1 Il moto è relativo. 2 La velocità scalare e la velocità vettoriale Unità didattica 3 Il moto Competenze Riconoscere e descrivere i principali tipi di moto. Definire la velocità scalare e vettoriale e l accelerazione scalare e vettoriale. Descrivere il moto rettilineo

Dettagli

Raddrizzamento digitale per la costruzione di fotopiani con RDF. 1. Avvio di RDF ed impostazione dei dati 2. Raddrizzamento analitico

Raddrizzamento digitale per la costruzione di fotopiani con RDF. 1. Avvio di RDF ed impostazione dei dati 2. Raddrizzamento analitico Raddrizzamento digitale per la costruzione di fotopiani con RDF Informazioni generali: Esercitazione: Introduzione 1. Avvio di RDF ed impostazione dei dati Prerequisiti 2. Raddrizzamento analitico Obiettivi

Dettagli

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Studio Settembre 2014 1 Pag / indice 3 / Premessa 4 / Descrizione della catena modellistica 6 / Lo scenario simulato

Dettagli

D. Nicolini, A. Fontanella, E. Giovannini. Report RdS/PAR2013/173 MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

D. Nicolini, A. Fontanella, E. Giovannini. Report RdS/PAR2013/173 MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi fluidodinamica CFD su dispositivi a colonna d acqua oscillante OWC -

Dettagli

Studio della qualità delle acque degli specchi d acqua tra pennelli adiacenti mediante simulazioni numeriche con modello matematico

Studio della qualità delle acque degli specchi d acqua tra pennelli adiacenti mediante simulazioni numeriche con modello matematico Regione Sardegna Comune di Capoterra (CA) Sistemazione e rinaturazione delle difese litoranee Bonifica e sistemazione della fascia costiera Progetto definitivo-esecutivo delle opere marittime Protezione

Dettagli

ANALISI NUMERICA. Elementi finiti bidimensionali. a.a. 2014 2015. Maria Lucia Sampoli. ANALISI NUMERICA p.1/23

ANALISI NUMERICA. Elementi finiti bidimensionali. a.a. 2014 2015. Maria Lucia Sampoli. ANALISI NUMERICA p.1/23 ANALISI NUMERICA Elementi finiti bidimensionali a.a. 2014 2015 Maria Lucia Sampoli ANALISI NUMERICA p.1/23 Elementi Finiti 2D Consideriamo 3 aspetti per la descrizione di elementi finiti bidimensionali:

Dettagli

RELAZIONE DI FINE TIROCINIO APPLICAZIONE DEL MODELLO FLOW-3D PER LA SIMULAZIONE DELL IDRODINAMICA NELL INTORNO DI NAVI IN MANOVRA

RELAZIONE DI FINE TIROCINIO APPLICAZIONE DEL MODELLO FLOW-3D PER LA SIMULAZIONE DELL IDRODINAMICA NELL INTORNO DI NAVI IN MANOVRA RELAZIONE DI FINE TIROCINIO APPLICAZIONE DEL MODELLO FLOW-3D PER LA SIMULAZIONE DELL IDRODINAMICA NELL INTORNO DI NAVI IN MANOVRA ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Fioretti Stefano INDICE Introduzione e obiettivi

Dettagli

Bilancio dei sedimenti nel fiume Adige a scala di bacino

Bilancio dei sedimenti nel fiume Adige a scala di bacino Bilancio dei sedimenti nel fiume Adige a scala di bacino Giampaolo Di Silvio^, Paolo Ronco^ e Michael Nones^, Luca Guarino* ^ Università di Padova - Dipartimento di Ingegneria Idraulica Marittima Ambientale

Dettagli

IL PIANO ENERGETICO-AMBIENTALE PER LA PROVINCIA DI GROSSETO

IL PIANO ENERGETICO-AMBIENTALE PER LA PROVINCIA DI GROSSETO IL PIANO ENERGETICO-AMBIENTALE PER LA PROVINCIA DI GROSSETO Allegato A2.11 ANALISI DELLE POTENZIALITA DI SVILUPPO DI PRODUZIONE EOLICA Riferimento al capitolo 3.3 della Relazione di sintesi PEAP GR A cura

Dettagli

Acquisizione delle abilità informatiche per l utilizzo dei software CarSim 7 e BikeSim 3.2

Acquisizione delle abilità informatiche per l utilizzo dei software CarSim 7 e BikeSim 3.2 Corso di: Laurea Magistrale in Ingegneria delle Infrastrutture Viarie e Trasporti Anno Accademico: 2015-2016 "Relazione di fine Tirocinio" Acquisizione delle abilità informatiche per l utilizzo dei software

Dettagli

Strumenti e metodi per la redazione della carta del pericolo da fenomeni torrentizi

Strumenti e metodi per la redazione della carta del pericolo da fenomeni torrentizi Versione 1.0 Strumenti e metodi per la redazione della carta del pericolo da fenomeni torrentizi Corso anno 2011 B. MANUALE DI UTILIZZO DEL GRIGLIATORE Il pre processore Grigliatore è composto da tre macro

Dettagli

Categorie di sottosuolo 3.2.2 CATEGORIE DI SOTTOSUOLO E CONDIZIONI TOPOGRAFICHE

Categorie di sottosuolo 3.2.2 CATEGORIE DI SOTTOSUOLO E CONDIZIONI TOPOGRAFICHE 3.2.2 CATEGORIE DI SOTTOSUOLO E CONDIZIONI TOPOGRAFICHE Categorie di sottosuolo Per definire l azione sismica di progetto, si valuta l effetto della risposta sismica locale (RSL) mediante specifiche analisi

Dettagli

RILEVAMENTO LASER SCANNER - Monitoraggio Ambientale e del Costruito

RILEVAMENTO LASER SCANNER - Monitoraggio Ambientale e del Costruito RILEVAMENTO LASER SCANNER - Monitoraggio Ambientale e del Costruito Introduzione 2 Perché usare il laser scanner: Caratteristiche della tecnologia: Tempi di stazionamento rapidi (pochi minuti); Elevata

Dettagli

Relazione Tecnica Idraulica

Relazione Tecnica Idraulica Studio delle zone a rischio idraulico assoggettate alla normativa del Piano di Assetto Idrogeologico (P.A.I.) Relazione Tecnica Idraulica Per conto: COMUNE DI SESTO SAN GIOVANNI Settore Pianificazione

Dettagli

STACEC s.r.l. Software e servizi per l ingegneria S.S. 106 Km 87 89034 Bovalino (RC)

STACEC s.r.l. Software e servizi per l ingegneria S.S. 106 Km 87 89034 Bovalino (RC) COPYRIGHT Tutto il materiale prodotto da Stacec (CD contenente i file dei software, chiave di protezione, altri supporti di consultazione, e altro) è protetto dalle leggi e dai trattati sul copyright,

Dettagli

Analisi della risorsa eolica. Corso di Aerodinamica e Gasdinamica A.A. 2009/2010 Docente: Prof. Renato RICCI

Analisi della risorsa eolica. Corso di Aerodinamica e Gasdinamica A.A. 2009/2010 Docente: Prof. Renato RICCI Analisi della risorsa eolica Corso di Aerodinamica e Gasdinamica A.A. 2009/2010 Docente: Prof. Renato RICCI Spettro di frequenza del vento Zona di lavoro di una torre anemometrica (tempi di campionamento

Dettagli

MODELLISTICA NUMERICA APPLICATA ALLA GESTIONE IDRAULICA DEL TERRITORIO

MODELLISTICA NUMERICA APPLICATA ALLA GESTIONE IDRAULICA DEL TERRITORIO MODELLISTICA NUMERICA APPLICATA ALLA GESTIONE IDRAULICA DEL TERRITORIO Laura Calcagni, Mauro Nalesso SEMINARI H2.0: ACQUA IN RETE A ROMA3 FACOLTA DI INGEGNERIA DI ROMA3, 25/03/2013 IDRAN 2012. All rights

Dettagli

MODELLI NUMERICI PER L'IDRAULICA FLUVIALE

MODELLI NUMERICI PER L'IDRAULICA FLUVIALE MODELLI NUMERICI PER L'IDRAULICA FLUVIALE DHI DHI TECHNICAL PAPER n 1 L IMPORTANZA DELL APPROCCIO MODELLISTICO - NUMERICO Nell ultimo decennio si è sempre più consolidato l utilizzo dei codici di simulazione

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

Metodi di realizzazione di una stazione radio base compatibile con i limiti di esposizione Vallone Laura

Metodi di realizzazione di una stazione radio base compatibile con i limiti di esposizione Vallone Laura Metodi di realizzazione di una stazione radio base compatibile con i limiti di esposizione Vallone Laura 01/06/2007 dei Campi Elettromagnetici 1 Normativa tecnica di riferimento Guida CEI 211-10: Guida

Dettagli

Massimo Rundo Politecnico di Torino Dipartimento Energia Fluid Power Research Laboratory

Massimo Rundo Politecnico di Torino Dipartimento Energia Fluid Power Research Laboratory La simulazione delle pompe oleodinamiche Massimo Rundo Politecnico di Torino Dipartimento Energia Fluid Power Research Laboratory Politecnico di Torino Dipartimento Energia Macchine a fluido Laboratorio

Dettagli

RELAZIONE METODOLOGICA

RELAZIONE METODOLOGICA MODELLIZZAZIONE DEGLI EFFETTI IDRAULICI DEGLI INTERVENTI PREVISTI CON LE AZIONI B.3, B.4, B.5, B.6 nell ambito dell azione A.1 Approfondimenti idraulici e indagini geologiche, archeologiche e caratterizzazione

Dettagli

GIUSEPPE PERRUCCI VINCENZO MARTIMUCCI 1. Grotta di Lamalunga: rilievo topografico e restituzione tridimensionale 2

GIUSEPPE PERRUCCI VINCENZO MARTIMUCCI 1. Grotta di Lamalunga: rilievo topografico e restituzione tridimensionale 2 GIUSEPPE PERRUCCI VINCENZO MARTIMUCCI 1 Grotta di Lamalunga: rilievo topografico e restituzione tridimensionale 2 Premessa Nell ambito della realizzazione del progetto SARASTRO (Sistema teleoperato integrato

Dettagli

Workshop "VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI"

Workshop VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI Workshop "VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI" Ing. Giorgio Cesari Autorità di bacino del Fiume Tevere Distretto Idrografico dell Appennino Centrale

Dettagli

Politecnico di Torino

Politecnico di Torino Politecnico di Torino 1 Dipartimento di Ingegneria dell'ambiente, del Territorio e delle Infrastrutture LABORATORIO DI IDRAULICA GIORGIO Riproduzione di un disegno di Giorgio Bidone sul Risalto Idraulico

Dettagli

Procedure di calcolo implicite ed esplicite

Procedure di calcolo implicite ed esplicite Procedure di calcolo implicite ed esplicite Il problema della modellazione dell impatto tra corpi solidi a medie e alte velocità. La simulazione dell impatto tra corpi solidi in caso di urti a media velocità,

Dettagli

Strumenti e concetti per strutturare l analisi di pericolosità idraulica

Strumenti e concetti per strutturare l analisi di pericolosità idraulica WORKSHOP PERICOLOSITÁ IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI Bolzano, 9-10 giugno 2011 Strumenti e concetti per strutturare l analisi di pericolosità

Dettagli

ALLEGATO TECNICO N. 2 AGGIORNAMENTO STUDIO IDRAULICO

ALLEGATO TECNICO N. 2 AGGIORNAMENTO STUDIO IDRAULICO ALLEGATO TECNICO N. 2 AGGIORNAMENTO STUDIO IDRAULICO 1 RACCOLTA E VALIDAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE 1.1 Cartografia e dati di base I dati cartografici e topografici di base per l aggiornamento

Dettagli

TRASFORMATA ASSE MEDIANO (MAT)

TRASFORMATA ASSE MEDIANO (MAT) Capitolo 9 - Trasformate per Immagini Binarie 1 TRASFORMATA ASSE MEDIANO (MAT) L informazione contenuta in un immagine binaria può essere codificata ricorrendo a schemi di rappresentazione più compatti

Dettagli

SCENEGGIATURA Moti rettilinei uniformi: sorpassi, incontri e sistemi di due equazioni

SCENEGGIATURA Moti rettilinei uniformi: sorpassi, incontri e sistemi di due equazioni SCENEGGIATURA Moti rettilinei uniformi: sorpassi, incontri e sistemi di due equazioni Si lavora sulla descrizione e sull'analisi di esperienze cinematiche relative a sorpassi e incontri con moti di persone

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

Marchi registrati Microsoft Windows 95 / 98 / NT, Word, Autocad sono marchi registrati dai legittimi proprietari e dagli aventi diritto.

Marchi registrati Microsoft Windows 95 / 98 / NT, Word, Autocad sono marchi registrati dai legittimi proprietari e dagli aventi diritto. Manuale operativo Multicompact 7 2. PREMESSA Il software Acquedotti consente la verifica di reti a maglie o aperte in ipotesi di moto permanente. Risultati del calcolo sono: portata, velocità e perdita

Dettagli

Capitolo 2. Un introduzione all analisi dinamica dei sistemi

Capitolo 2. Un introduzione all analisi dinamica dei sistemi Capitolo 2 Un introduzione all analisi dinamica dei sistemi Obiettivo: presentare una modellistica di applicazione generale per l analisi delle caratteristiche dinamiche di sistemi, nota come system dynamics,

Dettagli

MMSC3 Sistema di calibrazione per guida robot bidimensionale e tridimensionale basato su visione artificiale

MMSC3 Sistema di calibrazione per guida robot bidimensionale e tridimensionale basato su visione artificiale Atti del V Congresso Metrologia & Qualità (Marzo 2007) MMSC3 Sistema di calibrazione per guida robot bidimensionale e tridimensionale basato su visione artificiale M. GALIMBERTI (1), R.SALA (2), N.CAPELLI

Dettagli

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE COMUNALE Comune di Ravenna Compilatore: GEB srl IN SE SR. Piano Emergenza Rischio Idraulico

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE COMUNALE Comune di Ravenna Compilatore: GEB srl IN SE SR. Piano Emergenza Rischio Idraulico Aggiornato al: 14.09.2009 SCENARI DI EVENTO pag. 2.1 2 SCENARI DI EVENTO Il primo passo nella redazione di un Piano di Emergenza di Protezione Civile si realizza con la creazione degli Scenari di Evento.

Dettagli

Richiami su norma di un vettore e distanza, intorni sferici in R n, insiemi aperti, chiusi, limitati e illimitati.

Richiami su norma di un vettore e distanza, intorni sferici in R n, insiemi aperti, chiusi, limitati e illimitati. PROGRAMMA di Fondamenti di Analisi Matematica 2 (DEFINITIVO) A.A. 2010-2011, Paola Mannucci, Canale 2 Ingegneria gestionale, meccanica e meccatronica, Vicenza Testo Consigliato: Analisi Matematica, M.

Dettagli

PREMESSA. Il progetto definitivo della cassa E4 è stato approvato con D.G.P n 181 del 28.12.2007.

PREMESSA. Il progetto definitivo della cassa E4 è stato approvato con D.G.P n 181 del 28.12.2007. PREMESSA L intervento previsto dal progetto consiste nella realizzazione di una cassa in derivazione in loc. Molino di Ripassaia nei comuni di Peccioli e Lajatico e rientra nell ambito di un accordo (Protocollo

Dettagli

ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 7. DERIVATE. A. A. 2014-2015 L. Doretti

ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 7. DERIVATE. A. A. 2014-2015 L. Doretti ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 7. DERIVATE A. A. 2014-2015 L. Doretti 1 Il concetto di derivata di una funzione è uno dei più importanti e fecondi di tutta la matematica sia per

Dettagli

PROFILI DI MOTO PERMANENTE

PROFILI DI MOTO PERMANENTE PROFILI DI MOTO PERMANENTE Alcuni appunti Andrea Defina Novembre 010 Prefazione Spesso, gli studenti dei corsi di idraulica mi hanno sottolineato le perplessità e le difficoltà da loro incontrate nella

Dettagli

ESPERIENZE DI RILIEVO LASER SCANNING NELLE ZONE EMILIANE COLPITE DAL TERREMOTO: INTERVENTI IN FASE DI EMERGENZA. Arianna Pesci 1 e Elena Bonali 2

ESPERIENZE DI RILIEVO LASER SCANNING NELLE ZONE EMILIANE COLPITE DAL TERREMOTO: INTERVENTI IN FASE DI EMERGENZA. Arianna Pesci 1 e Elena Bonali 2 ESPERIENZE DI RILIEVO LASER SCANNING NELLE ZONE EMILIANE COLPITE DAL TERREMOTO: INTERVENTI IN FASE DI EMERGENZA 1 Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia. 2 Università degli Studi di Bologna, DAPT.

Dettagli

LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI

LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI Ing. Irma Bonetto, Geol. Fabio Giuriato, Dott. Matteo Bisaglia Livenza, Piave, Brenta- Bacchiglione Ing. Nicola Gaspardo Regione del Veneto Alluvione

Dettagli

Reticoli di flusso. Costruzione delle carte piezometriche (e loro interpretazione)

Reticoli di flusso. Costruzione delle carte piezometriche (e loro interpretazione) Corso di Idrogeologia Applicata Dr Alessio Fileccia Reticoli di flusso Costruzione delle carte piezometriche (e loro interpretazione) Le immagini ed i testi rappresentano una sintesi, non esaustiva, dell

Dettagli

Elementi Finiti: stime d errore e adattività della griglia

Elementi Finiti: stime d errore e adattività della griglia Elementi Finiti: stime d errore e adattività della griglia Elena Gaburro Università degli studi di Verona Master s Degree in Mathematics and Applications 05 giugno 2013 Elena Gaburro (Università di Verona)

Dettagli

COMUNITA MONTANA VALLI CHISONE GERMANASCA PELLICE PINEROLESE PEDEMONTANO

COMUNITA MONTANA VALLI CHISONE GERMANASCA PELLICE PINEROLESE PEDEMONTANO PROGETTO PRELIMINARE Approvato con Decreto del Commissario Straordinario della C.M. del Pinerolese n. 43 del 16/07/2015 REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNITA MONTANA VALLI CHISONE GERMANASCA PELLICE

Dettagli

Idrostatica Correnti a pelo libero (o a superficie libera) Correnti in pressione. Foronomia

Idrostatica Correnti a pelo libero (o a superficie libera) Correnti in pressione. Foronomia Idrostatica Correnti a pelo libero (o a superficie libera) Correnti in pressione Foronomia In idrostatica era lecito trascurare l attrito interno o viscosità e i risultati ottenuti valevano sia per i liquidi

Dettagli

VERIFICA E OTTIMIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI CONTENIMENTO IDRAULICO COMPLESSO (INIEZIONE PIÙ ESTRAZIONE) IN UN ACQUIFERO CARBONATICO

VERIFICA E OTTIMIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI CONTENIMENTO IDRAULICO COMPLESSO (INIEZIONE PIÙ ESTRAZIONE) IN UN ACQUIFERO CARBONATICO VERIFICA E OTTIMIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI CONTENIMENTO IDRAULICO COMPLESSO (INIEZIONE PIÙ ESTRAZIONE) IN UN ACQUIFERO CARBONATICO Elena Leale, Fabio Canova Ragione Sociale URS Italia S.p.A. Torino, 14-15

Dettagli

PIANO DI TUTELA DELL AMBIENTE MARINO E COSTIERO

PIANO DI TUTELA DELL AMBIENTE MARINO E COSTIERO PIANO DI TUTELA DELL AMBIENTE MARINO E COSTIERO AMBITO COSTIERO 08 Unità fisiografiche del Centa, Centa Sud e Maremola ART. 41 LEGGE REGIONALE N 20/2006 RELAZIONE SUL CLIMA ONDOSO AL LARGO (RO) 1 Indice

Dettagli

Matematica Discreta 2005 Esercizi di preparazione

Matematica Discreta 2005 Esercizi di preparazione Matematica Discreta 2005 Esercizi di preparazione Esercizio 1. Supponiamo di avere un rettangolo di cartone di dimensioni intere n e m e di tagliarlo successivamente secondo la seguente regola: togliamo

Dettagli

Metodi Numerici per Equazioni Ellittiche

Metodi Numerici per Equazioni Ellittiche Metodi Numerici per Equazioni Ellittiche Vediamo ora di descrivere una tecnica per la risoluzione numerica della più semplice equazione ellittica lineare, l Equazione di Laplace: u xx + u yy = 0, (x, y)

Dettagli

Corso di Calcolo Numerico

Corso di Calcolo Numerico Corso di Calcolo Numerico Dott.ssa M.C. De Bonis Università degli Studi della Basilicata, Potenza Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Sistemi di Numerazione Sistema decimale La

Dettagli

Studio idraulico di supporto alla variante al Piano Strutturale

Studio idraulico di supporto alla variante al Piano Strutturale Variante al Piano Strutturale relativa all'assetto urbanistico del Viale Leonardo da Vinci per la localizzazione del polo espositivo Studio idraulico di supporto alla variante al Piano Strutturale Giugno

Dettagli

RELAZIONE DI IDRAULICA

RELAZIONE DI IDRAULICA Politecnico di Torino RELAZIONE DI IDRAULICA Relazione esercitazioni. Anno Accademico 2011/2012 Corso di Idraulica Professore: L. Ridolfi Studente: Eleonora Magnotta Matricola: 162010 1 INDICE ESERCITAZIONE

Dettagli

Appunti delle lezioni di Modellistica del moto ondoso ONDENELPIANO Eugenio Pugliese Carratelli Fabio Dentale ONDE NEL PIANO

Appunti delle lezioni di Modellistica del moto ondoso ONDENELPIANO Eugenio Pugliese Carratelli Fabio Dentale ONDE NEL PIANO ONDE NEL PIANO Questi appunti contengono parti tratte dalle dispense www.dica.unict.it/users/efoti/ing_cost/ing_cost_lez.htm del Prof Enrico Foti dell Università di Catania. La responsabilità di ogni inesattezza

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Civile Analisi Matematica I

Corso di Laurea in Ingegneria Civile Analisi Matematica I Corso di Laurea in Ingegneria Civile Analisi Matematica I Lezioni A.A. 2003/2004, prof. G. Stefani primo semiperiodo 22/9/03-8/11/03 Testo consigliato: Robert A. Adams - Calcolo differenziale 1 - Casa

Dettagli

GUIDA TECNICA. A.8 CORRENTI DI CORTO CIRCUITO E TEMPO DI ELIMINAZIONE DEI GUASTI NEGLI IMPIANTI DELLE RETI A TENSIONE UGUALE O SUPERIORE A 120 kv

GUIDA TECNICA. A.8 CORRENTI DI CORTO CIRCUITO E TEMPO DI ELIMINAZIONE DEI GUASTI NEGLI IMPIANTI DELLE RETI A TENSIONE UGUALE O SUPERIORE A 120 kv GUIDA TECNICA Allegato A.8 1 di 23 A.8 DI ELIMINAZIONE DEI GUASTI NEGLI Storia delle revisioni Rev.00 25/05/2001 Prima emissione Rev.01 26/04/2005 Rev.02 01/09/2010 Modifiche al paragrafo 5.2.2 (Correnti

Dettagli

Capitolo 34 TRASPORTO A SUPERFICIE LIBERA

Capitolo 34 TRASPORTO A SUPERFICIE LIBERA Capitolo 4 TRASPORTO A SUPERFICIE LIBERA CARATTERISTICHE ENERGETICHE. CARICO IDRAULICO Nelle correnti a superficie libera l acqua scorre in canali aperti o chiusi (figura.), mantenendo una superficie a

Dettagli

RISULTATI DI UNO SCENARIO MODELLISTICO PER LO STUDIO DELL INTERAZIONE FRA FIUME E FALDA

RISULTATI DI UNO SCENARIO MODELLISTICO PER LO STUDIO DELL INTERAZIONE FRA FIUME E FALDA RISULTATI DI UNO SCENARIO MODELLISTICO PER LO STUDIO DELL INTERAZIONE FRA FIUME E FALDA A cura di D. Rigamonti & M. Consonni dario.rigamonti@tethys geco.it, mauro.consonni@tethys geco.it 1 INTRODUZIONE

Dettagli

Posizionamento ottimale di sensori per il monitoraggio degli inquinanti nelle reti idriche

Posizionamento ottimale di sensori per il monitoraggio degli inquinanti nelle reti idriche Posizionamento ottimale di sensori per il monitoraggio degli inquinanti nelle reti idriche Fulvio BOANO Politecnico di Torino Dipartimento di Ingegneria dell Ambiente, del Territorio e delle Infrastrutture

Dettagli

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto:

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto: PROBLEMA 1. Il piano tariffario proposto da un operatore telefonico prevede, per le telefonate all estero, un canone fisso di 10 euro al mese, più 10 centesimi per ogni minuto di conversazione. Indicando

Dettagli

Lezione2 Ricerca di zeri. http://idefix.mi.infn.it/~palombo/didattica/lab-tnds/corsolab/lezionifrontali. Fernando Palombo

Lezione2 Ricerca di zeri. http://idefix.mi.infn.it/~palombo/didattica/lab-tnds/corsolab/lezionifrontali. Fernando Palombo Lezione2 Ricerca di zeri http://idefix.mi.infn.it/~palombo/didattica/lab-tnds/corsolab/lezionifrontali Fernando Palombo Aritmetica Finita nel Computer Nel computer l aritmetica è a precisione finita cioè

Dettagli

Il polo magnetico: simulazione nel tempo

Il polo magnetico: simulazione nel tempo Corso di Elettrotecnica Industriale Professore Paolo Di Barba Il polo magnetico: simulazione nel tempo Anno Accademico 2013/2014 Lo scopo dell esercizio è quello di valutare l andamento del campo magnetico

Dettagli

Abbiamo visto due definizioni del valore medio e della deviazione standard di una grandezza casuale, in funzione dalle informazioni disponibili:

Abbiamo visto due definizioni del valore medio e della deviazione standard di una grandezza casuale, in funzione dalle informazioni disponibili: Incertezze di misura Argomenti: classificazione delle incertezze; definizione di incertezza tipo e schemi di calcolo; schemi per il calcolo dell incertezza di grandezze combinate; confronto di misure affette

Dettagli

CAMIS Final Conference. Autorità di Bacino dei fiumi dell Alto Adriatico PP7 High Adriatic Water basin Authority. Trenta March 19 th 2015.

CAMIS Final Conference. Autorità di Bacino dei fiumi dell Alto Adriatico PP7 High Adriatic Water basin Authority. Trenta March 19 th 2015. CAMIS Final Conference Trenta March 19 th 2015 Autorità di Bacino dei fiumi dell Alto Adriatico PP7 High Adriatic Water basin Authority Marco Gamba CAMIS Attivita coordinate per la gestione del fiume Isonzo

Dettagli

Un sistema Cloud Computing Server per analisi 3D del terreno

Un sistema Cloud Computing Server per analisi 3D del terreno Un sistema Cloud Computing Server per analisi 3D del terreno Oreste Tommasi GeoMind Srl (Abaco Group), Via Carducci 64/D, San Giuliano Terme (PI) Tel. 050 9911062, Fax 050 9911063, email: tommasi@geomind.it

Dettagli

MODELLAZIONE NUMERICA 3D DI POZZI DRENANTI PER LA STABILIZZAZIONE DEI PENDII

MODELLAZIONE NUMERICA 3D DI POZZI DRENANTI PER LA STABILIZZAZIONE DEI PENDII MODELLAZIONE NUMERICA 3D DI POZZI DRENANTI PER LA STABILIZZAZIONE DEI PENDII F. Aloi Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale Università degli Studi di Napoli Federico II ferdinando.aloi@unina.it

Dettagli

ANALISI IDRAULICA DELL AREA DI

ANALISI IDRAULICA DELL AREA DI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTÀ DI INGEGNERIA Tesi di laurea specialistica in INGEGNERIA PER LA TUTELA DELL AMBIENTE E DEL TERRITORIO ANALISI IDRAULICA DELL AREA DI LAMINAZIONE PONTE NUOVO SUL

Dettagli

2. IL SISTEMA DEI CANALI GESTITI DAL CONSORZIO DI BONIFICA EST TICINO VILLORESI

2. IL SISTEMA DEI CANALI GESTITI DAL CONSORZIO DI BONIFICA EST TICINO VILLORESI 2. IL SISTEMA DEI CANALI GESTITI DAL CONSORZIO DI BONIFICA EST TICINO VILLORESI Il Consorzio di Bonifica Est Ticino Villoresi, un tempo chiamato Consorzio di Bonifica Eugenio Villoresi, è nato nel 1918

Dettagli

APPUNTI DEL CORSO DI LABORATORIO DI CALCOLO AVANZATO Metodi Numerici per le Equazioni Differenziali Ordinarie

APPUNTI DEL CORSO DI LABORATORIO DI CALCOLO AVANZATO Metodi Numerici per le Equazioni Differenziali Ordinarie APPUNTI DEL CORSO DI LABORATORIO DI CALCOLO AVANZATO Metodi Numerici per le Equazioni Differenziali Ordinarie MARCO LIMONGI Istituto Nazionale di Astrofisica Osservatorio Astronomico di Roma 1. EQUAZIONI

Dettagli

semplificato, che si basa sull individuazione di categorie di sottosuolo di riferimento (Tab. 3.2.II e 3.2.III) e sulle condizioni topografiche.

semplificato, che si basa sull individuazione di categorie di sottosuolo di riferimento (Tab. 3.2.II e 3.2.III) e sulle condizioni topografiche. 3.2.2 CATEGORIE DI SOTTOSUOLO E CONDIZIONI TOPOGRAFICHE Categorie di sottosuolo Per definire l azione sismica di progetto, si valuta l effetto della risposta sismica locale (RSL) mediante specifiche analisi

Dettagli

RELAZIONE TECNICA rete fognaria acque bianche

RELAZIONE TECNICA rete fognaria acque bianche RELAZIONE TECNICA rete fognaria acque bianche Premessa L ambito d intervento del P.P.I.P riguarda un area a destinazione residenziale (d ora in poi denominata bacino) di 3.440 m², così suddivisa: PLANIMETRIA

Dettagli

Metodologia di calcolo per pompe a ingranaggi esterni Articolo pubblicato sulla rivista oleodinamica e pneumatica 03/2013 Gibellini Matteo

Metodologia di calcolo per pompe a ingranaggi esterni Articolo pubblicato sulla rivista oleodinamica e pneumatica 03/2013 Gibellini Matteo In questo articolo verrà descritta la metodologia di calcolo per la progettazione delle pompe a ingranaggi esterni con dentatura ad evolvente sviluppato dall autore per conto di Galtech S.p.A. con l obiettivo

Dettagli

0. Piano cartesiano 1

0. Piano cartesiano 1 0. Piano cartesiano Per piano cartesiano si intende un piano dotato di due assi (che per ragioni pratiche possiamo scegliere ortogonali). Il punto in comune ai due assi è detto origine, e funziona da origine

Dettagli

Modelli di Propagazione in Ambiente Urbano

Modelli di Propagazione in Ambiente Urbano Modelli di Propagazione in Ambiente Urbano 1 Valeria Petrini, Ph.D. Student DEIS/ARCES - Fondazione Ugo Bordoni valeria.petrini@unibo.it Modelli di Previsione (1) I moderni sistemi di telecomunicazione

Dettagli

Matematica e Statistica

Matematica e Statistica Matematica e Statistica Prova d esame (0/07/03) Università di Verona - Laurea in Biotecnologie - A.A. 0/3 Matematica e Statistica Prova di MATEMATICA (0/07/03) Università di Verona - Laurea in Biotecnologie

Dettagli

Schema piezometrico di un generico impianto di sollevamento.

Schema piezometrico di un generico impianto di sollevamento. La scelta della pompa da inserire in un generico impianto di sollevamento (Figura 9-) che debba sollevare un assegnata portata non è univoca se a priori non sono assegnati anche il tipo e il diametro delle

Dettagli

STRUMENTO PER LA LOCALIZZAZIONE DI CAMPI EOLICI. Eolo-CISMA

STRUMENTO PER LA LOCALIZZAZIONE DI CAMPI EOLICI. Eolo-CISMA STRUMENTO PER LA LOCALIZZAZIONE DI CAMPI EOLICI Eolo-CISMA è un sistema di previsioni meteorologiche messo a punto da CISMA srl che ci permette di disporre di previsioni del potenziale eolico di un sito

Dettagli

Correnti a pelo libero

Correnti a pelo libero Corso di Protezione Idraulica del Territorio Richiami sulle correnti a pelo libero Antonino Cancelliere Dipartimento di Ineneria Civile e Ambientale Università di Catania acance@dica.unict.it Correnti

Dettagli

SOLUZIONE DEL PROBLEMA 1 TEMA DI MATEMATICA ESAME DI STATO 2015

SOLUZIONE DEL PROBLEMA 1 TEMA DI MATEMATICA ESAME DI STATO 2015 SOLUZIONE DEL PROBLEMA 1 TEMA DI MATEMATICA ESAME DI STATO 015 1. Indicando con i minuti di conversazione effettuati nel mese considerato, la spesa totale mensile in euro è espressa dalla funzione f()

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO - CLASSE PRIMA sez. R - ITT. ALGAROTTI - A.S. 2014/15. Insegnante: Roberto Bottazzo Materia: FISICA

PROGRAMMA SVOLTO - CLASSE PRIMA sez. R - ITT. ALGAROTTI - A.S. 2014/15. Insegnante: Roberto Bottazzo Materia: FISICA PROGRAMMA SVOLTO - CLASSE PRIMA sez. R - ITT. ALGAROTTI - A.S. 2014/15 Materia: FISICA 1) INTRODUZIONE ALLA SCIENZA E AL METODO SCIENTIFICO La Scienza moderna. Galileo ed il metodo sperimentale. Grandezze

Dettagli

ELEMENTI DI STATISTICA PER IDROLOGIA

ELEMENTI DI STATISTICA PER IDROLOGIA Carlo Gregoretti Corso di Idraulica ed Idrologia Elementi di statist. per Idrolog.-7//4 ELEMETI DI STATISTICA PER IDROLOGIA Introduzione Una variabile si dice casuale quando assume valori che dipendono

Dettagli

OGGETTO Studio Idrologico-idraulico di supporto al Piano Attuativo per la riqualificazione dell area denominata ex Nievoletta (PR-6F)

OGGETTO Studio Idrologico-idraulico di supporto al Piano Attuativo per la riqualificazione dell area denominata ex Nievoletta (PR-6F) Dott. Ing. Stefano SCORRANO Via Maccatella, 30 56124 PISA OGGETTO Studio Idrologico-idraulico di supporto al Piano Attuativo per la riqualificazione dell area denominata ex Nievoletta (PR-6F) UBICAZIONE

Dettagli

Bacino scolante nella Laguna di Venezia

Bacino scolante nella Laguna di Venezia Bacino scolante nella Laguna di Venezia QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO L. 18 maggio 1989, n. 183 Norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo Definisce il Bacino scolante in

Dettagli

Spline Nurbs. IUAV Disegno Digitale. Camillo Trevisan

Spline Nurbs. IUAV Disegno Digitale. Camillo Trevisan Spline Nurbs IUAV Disegno Digitale Camillo Trevisan Spline e Nurbs Negli anni 70 e 80 del secolo scorso nelle aziende si è iniziata a sentire l esigenza di concentrare in un unica rappresentazione gestita

Dettagli

REGIONE LIGURIA Protezione Civile

REGIONE LIGURIA Protezione Civile ALLEGATO 2 REGIONE LIGURIA Protezione Civile INCENDIO DELLE ZONE DI INTERFACCIA DEFINIZIONE SCENARI Febbraio 2007 2 DEFINIZIONE SCENARIO DI INCENDI DI INTERFACCIA Per valutare il rischio conseguente agli

Dettagli

Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2. 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10

Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2. 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10 REL D Rilievi topografici e studio di inserimento urbanistico Pag 1 Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10 REL D Rilievi

Dettagli

Modello metodologico per la stima del danno atteso da inondazione

Modello metodologico per la stima del danno atteso da inondazione Modello metodologico per la stima del danno atteso da inondazione Risultati preliminari Luino F., Biddoccu M., Cirio C. G. fabio.luino@irpi.cnr.it CNR-IRPI Strada delle Cacce 73-10135 (TO) http://www.irpi.to.cnr.it/

Dettagli

III Forum di partecipazione pubblica I linguaggi del rischio: discipline a confronto

III Forum di partecipazione pubblica I linguaggi del rischio: discipline a confronto III Forum di partecipazione pubblica I linguaggi del rischio: discipline a confronto 15 gennaio 2013, c/o Camera di Commercio di Parma Via Verdi, Parma Il rischio idraulico La memoria degli eventi calamitosi

Dettagli

30 RISONANZE SULLE LINEE DI TRASMISSIONE

30 RISONANZE SULLE LINEE DI TRASMISSIONE 3 RISONANZE SULLE LINEE DI TRASMISSIONE Risuonatori, ovvero circuiti in grado di supportare soluzioni risonanti( soluzioni a regime sinusoidali in assenza di generatori) vengono largamente utilizzati nelle

Dettagli

PDE Toolbox in Matlab

PDE Toolbox in Matlab PDE Toolbox in Matlab Lucia Gastaldi Dipartimento di Matematica, http://dm.ing.unibs.it/gastaldi/ Lezione 12 Indice 1 Uso di PDE Toolbox con interfaccia grafica Problema e definizioni 2 Esercizi 3 Comandi

Dettagli

Tecnologie avanzate e modelli matematici a garanzia della sicurezza equivalente negli edifici storici

Tecnologie avanzate e modelli matematici a garanzia della sicurezza equivalente negli edifici storici Tecnologie avanzate e modelli matematici a garanzia della sicurezza equivalente negli edifici storici Due sono le esigenze che la relazione tenterà di conciliare: da un lato l obbligo di garantire la protezione

Dettagli