Chi ha conosciuto qualcuna delle precedenti edizioni di Diagnosi infermieristiche:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Chi ha conosciuto qualcuna delle precedenti edizioni di Diagnosi infermieristiche:"

Transcript

1 Presentazione dell edizione italiana Chi ha conosciuto qualcuna delle precedenti edizioni di Diagnosi infermieristiche: definizioni e classificazione, un libro che viene regolarmente aggiornato ogni due anni, resterà meravigliato nel vedere le dimensioni più ampie del solito di questa nuova edizione. Si ritiene opportuno chiarire ulteriormente (lo fa già la prefazione) le ragioni di tale cambiamento, che sono principalmente le seguenti: vi sono 21 nuove diagnosi (oltre a 8 modificate, mentre 6 sono state tolte dalla tassonomia in attesa di revisione, ma figurano ancora nel testo). Ciò dipende anche dal fatto che l associazione che le definisce, le approva ufficialmente e le pubblica non è più NANDA (North American Nursing Diagnosis Association), ma NANDA-International (NANDA-I), che riceve proposte di diagnosi da diversi paesi e continenti, anche se la sua base resta il Nord America; viene illustrata meglio che in passato la struttura delle classificazioni che interessano le diagnosi infermieristiche, cioè la Tassonomia II di NANDA-I e la collocazione delle diagnosi nella Tassonomia NNN della pratica infermieristica. 1 A questo proposito si consiglia lo studio approfondito della terza parte, incluse figure e tabelle. Ne risulterà confermata l affermazione conclusiva della prefazione, scritta dalla presidente di NANDA-I: Definire la conoscenza infermieristica: non vi è dubbio che questo è il compito di NANDA International. Tale conoscenza è probabilmente più vasta di quanto molti infermieri, studenti infermieri e altri operatori sanitari sono indotti a pensare dall abitudine e da una formazione che nel nostro paese è divenuta universitaria solo da pochi anni. È una conoscenza basata su una visione olistica della persona, idonea per un operatore che, come dichiara in Italia il suo profilo professionale, 2 è responsabile di un as- 1 Come molti lettori già sanno, NNN significa NANDA-I, NIC e NOC. NIC è l acronimo di Nursing Interventions Classification e NOC di Nursing Outcomes Classification. Nel 2007 la Casa Editrice Ambrosiana ha pubblicato la traduzione italiana dei NIC e dei NOC nei testi: Classificazione NIC degli interventi infermieristici, a cura di Carlo Calamandrei e Fabrizio Vezzoli e Classificazione NOC dei risultati infermieristici, a cura di Luisa Anna Rigon. 2 Ministero della Sanità, Decreto 14 settembre 1994, n. 739, Regolamento concernente l individuazione della figura e del relativo profilo professionale dell infermiere. ISBN Presentazione dell edizione italiana xvii

2 sistenza che ha le caratteristiche seguenti: L assistenza infermieristica preventiva, curativa, palliativa e riabilitativa è di natura tecnica, relazionale, educativa. Va sottolineata la maggiore presenza in questo repertorio di diagnosi che non si riferiscono a problemi dell assistito, ma alla promozione di una salute già buona; un importanza altrettanto grande, anche in termini di pagine, viene attribuita all accertamento dei bisogni o problemi e delle risorse della persona assistita e al giudizio clinico dell infermiere, che sono le basi di una formulazione corretta e precisa delle diagnosi. A questi temi è dedicata la prima parte del volume, che parla anche delle competenze necessarie a tale scopo e dell uso delle diagnosi in campi diversi da quello clinico; nell ultima parte un certo spazio è dedicato alle procedure di NAN- DA-I, specialmente a quelle da seguire per proporre altre diagnosi. È particolarmente importante la trattazione del livello di evidenza che le proposte di diagnosi nuove o modificate devono raggiungere. Infine, è da segnalare la presenza di un glossario, che definisce con molta chiarezza i termini principali usati da NANDA-I e riportati nel libro. Comunque, lo scopo fondamentale del volume rimane quello di presentare una per una le diagnosi approvate dall associazione, con tutte le loro componenti. A tale riguardo questa edizione presenta una importante innovazione: le diagnosi sono elencate per dominio e per classe di appartenenza. La prefazione spiega il motivo di questa scelta, che è da considerare senz altro opportuna. La traduzione italiana qui presentata è quella ufficiale, autorizzata esplicitamente da NANDA-I, che ha visionato il libro in bozza, secondo una prassi da poco stabilita per tutte le traduzioni dall inglese. Anche stavolta la Casa Editrice Ambrosiana ha fatto in modo che la terminologia essenziale (titolo, definizione) venisse concordata tra il traduttore principale e un gruppo qualificato di colleghi di varia provenienza (si veda in proposito la seguente Nota terminologica). Come in passato, alcune diagnosi, nuove e non, sono ulteriormente illustrate o commentate da note per il lettore italiano: a volte esse sottolineano l importanza di una diagnosi, altre volte presentano dei chiarimenti, altre volte ancora delle critiche. Il loro fine generale è quello di facilitare l uso delle diagnosi in modo che siano esatte e significative. Per concludere, è bene sottolineare l esigenza e l importanza di un linguaggio infermieristico specifico e condiviso, che possa migliorare la documentazione clinica e facilitare la trasmissione delle esperienze, la xviii Presentazione dell edizione italiana ISBN

3 ricerca infermieristica e multiprofessionale e la visibilità della professione. A tale scopo il contributo delle diagnosi infermieristiche, in particolare di quelle di NANDA-International nella loro traduzione ufficiale, è unico e insostituibile. Va però precisato che il lavoro dell associazione al quale fare riferimento dovrebbe essere sempre l ultimo pubblicato. Infatti, NANDA-I apporta di continuo dei cambiamenti accuratamente motivati al proprio repertorio di diagnosi, alla loro classificazione ecc., come si richiede a chi lavora in maniera scientifica e partecipata in un contesto, quello sanitario, che sotto molti aspetti è a sua volta in costante mutamento. Carlo Calamandrei È Dirigente dell Assistenza Infermieristica e laureato in Pedagogia. È formatore, consulente, autore di pubblicazioni e traduzioni. Ha svolto il ruolo di direttore scientifico della rivista Management Infermieristico e quello di membro della dirigenza infermieristica presso l Azienda Ospedaliero Universitaria Careggi di Firenze. ISBN Presentazione dell edizione italiana xix

4 Prefazione L edizione di NANDA-International (NANDA-I), Diagnosi infermieristiche: definizioni e classificazione si presenta con un nuovo aspetto e crea una nuova atmosfera. Forse il cambiamento più evidente è rappresentato dalle dimensioni leggermente cresciute del testo. Questo ampliamento ci ha consentito di fornire ai nostri lettori più contenuti rispetto alle precedenti versioni tascabili della pubblicazione. Annunciamo con piacere sia l aggiunta di 21 nuove diagnosi, sia la modifica di altre 8. Invece 6 diagnosi sono state escluse dalla tassonomia, ma rimangono in appendice all interno di questa edizione per stimolare i lettori a prendere in considerazione la possibilità di rivederle e riproporle. Una diagnosi, Disturbo del modello di sonno, che era stata eliminata dall edizione del testo, è stata qui reinserita. Sono particolarmente compiaciuta nel rilevare che questa edizione di Definizioni e classificazione è la seconda in cui alla tassonomia vengono aggiunte più di 20 diagnosi. È probabile che non tutte siano usate da tutti i membri della professione, a causa della varietà delle aree di specializzazione e degli ambiti di attività infermieristica e/o di aspetti culturali che rendono alcune diagnosi inappropriate. Comunque, la considerazione della vastità della pratica infermieristica in tutto il mondo consente di accettare nuove diagnosi nella tassonomia. I lettori noteranno che ogni diagnosi è identificata da un codice, posto tra parentesi subito dopo il titolo; il codice è seguito dal dominio e dalla classe, in base alla Tassonomia delle diagnosi infermieristiche di NANDA-I. Abbiamo anche cominciato a inserire tutti i riferimenti presentati per le diagnosi sia nuove che modificate, a partire dal ciclo precedente ( ), invece di limitarci ai tre riferimenti ritenuti essenziali da chi le ha proposte. Crediamo che questa scelta fornirà importanti informazioni a tutti gli utilizzatori delle diagnosi infermieristiche, in particolare a coloro che desiderano esplorare un concetto diagnostico in modo dettagliato. In questa edizione del testo vi sono altre significative novità: il capitolo della dottoressa Margaret Lunney sul giudizio clinico e l accertamento e sul ruolo di ciascuno per un uso appropriato delle diagnosi in ambito clinico; il capitolo scritto da Leann Scroggins (pubblicato prima nella rivista dell associazione) e dedicato all iter da seguire per proporre una diagnosi infermieristica al Comitato per lo sviluppo delle diagnosi xxii Prefazione ISBN

5 (Diagnosis Development Committee o DDC) di NANDA-I. Vi sono inoltre dei capitoli che aiutano a comprendere l utilizzazione e l applicabilità delle diagnosi infermieristiche nelle aree della formazione, della documentazione computerizzata, della ricerca infermieristica e della direzione dei servizi infermieristici. Le relative informazioni consistono in una breve introduzione sull importanza delle diagnosi in ciascuna di queste aree essenziali dell attività professionale: il motivo principale è la rilevazione di un maggiore interesse per tali aree da parte di persone che cominciano a ritenere necessario guardare oltre la più ovvia applicabilità clinica delle diagnosi. Un altro cambiamento molto importante per NANDA International è la decisione di stabilire una partnership con l editore Blackwell Publishing per pubblicare e diffondere il presente testo in tutto il mondo. Siamo molto soddisfatti di questa partnership che non si limita più alla produzione della nostra rivista, The International Journal of Nursing Terminologies and Classification, ma comprende anche i nostri due libri, cioè questo e una nuova edizione di Critical thinking and nursing diagnoses: Case studies and analyses. Siamo convinti che NANDA-I trarrà grandi benefici dalla competenza messa a disposizione da Blackwell Publishing e, in particolare, dal contributo che darà alla capillare diffusione del nostro lavoro in tutto il mondo e in più lingue. Non vediamo l ora di confermare il successo della nostra partnership con la nota casa editrice! A seguito della crescente consapevolezza della necessità di standardizzare il linguaggio della professione per definire la conoscenza infermieristica e fare in modo che la sua presenza sia rilevata e i suoi effetti siano misurati e registrati in un vero e proprio sistema informativo, vorrei invitare coloro che non sono ancora membri di NANDA International a sfruttare questo momento per iscriversi alla nostra organizzazione. Vorrei anche chiedere a tutti i lettori di esortare i loro colleghi (infermieri clinici, studenti, dirigenti, formatori, ricercatori o esperti di informatica) a unirsi a noi nel portare avanti il lavoro dell associazione. Tutti i nostri assistiti trarranno vantaggio dalla saggezza della voce di infermieri impegnati in numerosi ambiti di attività e con diversi background. Il modulo per richiedere l iscrizione a NANDA International si trova a pagina 466 e sul sito Internet di NANDA-I, Durante questo ciclo mi ha dato un grande incoraggiamento il fatto di ricevere proposte di diagnosi da infermieri clinici che svolgono la loro attività in vari paesi: Brasile, Canada, Giappone, Italia, Spagna e Stati Uniti. Senza la vostra dedizione e il vostro impegno per standardizzare il linguaggio infermieristico non ci sarebbe niente da pubblicare. Con questa edizione abbiamo portato il numero delle diagnosi da ISBN Prefazione xxiii

6 188 a 201, ma ancora non abbiamo raggiunto lo scopo del nostro lavoro, quello di descrivere la ricchezza della pratica infermieristica: il momento è adesso e i vostri sforzi a questo riguardo possono renderci più capaci di descrivere la pratica infermieristica attraverso gli ambiti, le popolazioni di assistiti e le culture. Vorrei esortarvi a leggere con cura il capitolo di Leann Scroggins e, per quest anno, a impegnarvi a lavorare almeno su una diagnosi. Non esitate a contattare il già citato DDC per farvi assegnare un mentore che vi guidi attraverso questo processo (il responsabile del comitato può essere raggiunto attraverso il sito web di NANDA-I). Oppure registratevi all indirizzo e usate gli strumenti messi a disposizione per sviluppare la vostra analisi dei concetti. Aspettiamo con molto interesse i vostri contributi alla nostra disciplina, ossia le vostre proposte al Comitato per lo sviluppo delle diagnosi di NANDA-I. Questa edizione è il risultato del nostro primo voto elettronico su tutte le diagnosi nuove e modificate. L attuale formato consente ai membri che non sono in grado di partecipare alla conferenza biennale di NAN- DA International di contribuire al lavoro dell organizzazione attraverso un accurata revisione e votazione delle diagnosi nuove e di quelle modificate. Per il lavoro svolto allo scopo di preparare tale formato elettronico voglio ringraziare Mary Hemminger, titolare di Coherence Communications, LLC. In futuro il nuovo processo ci consentirà di revisionare le diagnosi non appena entrano nel ciclo del DDC, invece di dover attendere la fine del periodo di due anni, come è sempre avvenuto in precedenza. In questo modo le diagnosi nuove o modificate che vengono approvate saranno rese disponibili per gli iscritti in qualsiasi momento dell anno attraverso il sito web di NANDA-I. Vorrei elogiare i componenti del Board of Directors, tutti i membri dei comitati NANDA-I e i loro responsabili per l energia e l entusiasmo che hanno messo nel lavoro dell organizzazione negli ultimi due anni. NANDA-I è un organizzazione guidata dai suoi componenti, su base volontaria, il cui successo dipende dalla loro competenza e da quella degli utilizzatori finali del loro lavoro. L impegno in termini di tempo richiesto ai componenti del Board è rilevante, così come quello richiesto ai membri e ai responsabili dei comitati. Ho avuto l onore di servire come presidente questa importante organizzazione e ho apprezzato l opportunità di rappresentare in tale ruolo i suoi iscritti. Infine, vorrei sottolineare il ruolo essenziale svolto dai componenti del Comitato per lo sviluppo delle diagnosi nella revisione di diverse diagnosi comprese in questa edizione e delle diagnosi nuove o modificate in generale, oltre al ruolo di mentoring richiesto loro dai presenta- xxiv Prefazione ISBN

7 tori delle proposte di diagnosi. Queste persone svolgono un ruolo chiave nel portare avanti il lavoro dell associazione, per cui il loro impegno non deve essere sottovalutato. Mi preme rivolgere un ringraziamento particolare alle corresponsabili del comitato, Leann Scroggins e Geralyn Meyers, per la dedizione, l organizzazione e l impegno con cui hanno lavorato al miglioramento continuo delle diagnosi che trovate in questo testo. Leann Scroggins conclude quest anno il secondo mandato di presidente del DDC; voglio ringraziarla di nuovo per il suo grande impegno nel lavoro di NANDA-I, e del DDC in particolare, durante tutti questi anni. Sebbene alla fine del ciclo i membri abbiano votato un totale di 21 nuove diagnosi, occorre far notare che in realtà il comitato ha lavorato su molte più diagnosi, insieme ai loro proponenti; una parte di questo lavoro è ancora in corso e continuerà con le proposte del nuovo ciclo. Per questo motivo e a nome del Board of Directors dedico la presente edizione di Definizioni e classificazione ai membri e alle corresponsabili del Comitato per lo sviluppo delle diagnosi. La mia speranza è che questa edizione del libro si riveli fondamentale per la vostra pratica infermieristica qualunque sia il vostro ruolo (infermieri clinici, studenti, formatori, informatici, dirigenti o ricercatori). Definire la conoscenza infermieristica : non vi è dubbio che questo è il compito di NANDA International. T. Heather Herdman, PhD, RN Presidente di NANDA International ISBN Prefazione xxv

8 Nuove Diagnosi infermieristiche, Diagnosi approvate (nuove) Inefficace pianificazione delle attività Autonegligenza Compromissione del benessere Disponibilità a migliorare il processo della gravidanza e della maternità Ittero neonatale Rischio di disturbo per la diade madre/feto Disfunzionale motilità gastrointestinale Rischio di disfunzionale motilità gastrointestinale Inefficace perfusione tissutale periferica Rischio di diminuzione della perfusione tissutale cardiaca Rischio di inefficace perfusione tissutale cerebrale Rischio di inefficace perfusione gastrointestinale Rischio di inefficace perfusione renale Proponenti France Maltais BSc, MEd Susanne Gibbons, C-GNP Mary Killeen PhD, RN; Kathy Kolcaba, PhD, RN Yasuko Aoki, RN, RMW; Mitsuko Katayama, RN, RMW, PhD; Atsuko Kikuchi, RN, RMW; Minayo Kumazawa, RN, RMW, Med; Atsuko Koyama, RN, RMW; Masuko Saito, RN, RMW, DrMS; Toyo Yamazaki, RN, RMW; Mayumi Hamasaki, RN, RMW, MPH; Shigemi Kamitsuru, RN, PhD David Wilson, MS, RNC Sheri Holmes, MSN, APRN BC Joan Klehr, RNC, MPH Joan Klehr, RNC, MPH TNCC TNCC TNCC TNCC TNCC xxvi Prefazione ISBN

9 Diagnosi approvate (nuove) Disponibilità a migliorare le relazioni Compromessa resilienza della persona Disponibilità a migliorare la resilienza Rischio di compromissione della resilienza Rischio di sanguinamento Rischio di shock Rischio di squilibrio elettrolitico Rischio di trauma vascolare Proponenti Yasuko Aoki, RN, RMW; Mitsuko Katayama, RN, RMW, PhD; Atsuko Kikuchi, RN, RMW; Minayo Kumazawa, RN, RMW, MEd; Atsuko Koyama, RN, RMW; Masuko Saito, RN, RMW, DrMS; Toyo Yamazaki, RN, RMW; Mayumi Hamasaki, RN, RMW, MPH; Shigemi Kamitsuru, RN, PhD Angela Oldenburg, BA, RN, Shelly Eisbach, PhDc, MSN, RN; Melissa Lehan-Mackin, RN, BSN Angela Oldenburg, BA, RN; Shelly Eisbach, PhD, MSN, RN; Melissa Lehan-Mackin, RN, BSN Angela Oldenburg, BA, RN; Shelly Eisbach, PhDc, MSN, RN; Melissa Lehan-Mackin, RN, BSN Sheri Holmes, MSN, APRN BC TNCC TNCC; Leah Mylrea Speltz BSN, RNC, ACCE, STABLE, ACLS, NNR; Kathy Weaver, RN Chistina Arreguy-Senna, Nurse, Master, PhD, Post-PhD; Emilia Campos de Carvalho, Nurse, Master, PhD ISBN Prefazione xxvii

10 Diagnosi infermieristiche modificate, Diagnosi approvate (modificate) Autostima cronicamente scarsa Comportamento relativo alla salute che può causare rischi Coping difensivo Rischio di compromissione della funzionalità epatica Disturbo dell identità personale Rischio di squilibrio nel volume dei liquidi Inefficace autogestione della salute Disturbo del modello di sonno Proponenti Céline Larouche DDC minor editing Céline Larouche DDC minor editing Heidi Bjorge, RN, MNSc; Céline Larouche, Francine Fiset, BSN, MA, RN Louise Ritchie, MSc, BNur, RN; Geralyn Meyer, PhD, RN Margaret Lunney, PhD, RN DDC Diagnosi infermieristiche escluse dalla Tassonomia NANDA-I Incontinenza urinaria totale Sindrome da trauma da stupro (reazione composita) Sindrome da trauma da stupro (reazione silenziosa) Efficace gestione del regime terapeutico Inefficace gestione del regime terapeutico: comunità Disturbo dei processi di pensiero* Queste diagnosi costituiscono la quarta parte del libro. Il comitato di NANDA-I che si occupa dello sviluppo delle diagnosi esorta gli iscritti e gli utilizzatori delle diagnosi infermieristiche a lavorare su queste diagnosi e a formulare proposte per la loro reintroduzione nella tassonomia. * I lavori su questa diagnosi sono ancora in corso. xxviii Prefazione ISBN

11 Introduzione Q uesto libro è diviso in cinque parti. La prima come già indicato nella prefazione comprende un capitolo della dottoressa Margaret Lunney sul giudizio clinico e l accertamento e sul ruolo di ciascuno per un uso clinico esatto delle diagnosi. Un capitolo scritto da Leann Scroggins (pubblicato dapprima nella rivista dell associazione) spiega in dettaglio l iter da seguire per proporre una diagnosi infermieristica al Comitato per lo sviluppo delle diagnosi di NANDA-I. Altri capitoli aiutano a comprendere l utilizzazione e l applicabilità delle diagnosi infermieristiche nella formazione, nella documentazione computerizzata, nella ricerca infermieristica e nella direzione dei servizi infermieristici. Queste informazioni hanno la forma di una breve introduzione all importanza delle diagnosi in ciascuna delle suddette aree essenziali dell attività professionale, in particolare perché è stato evidenziato un maggiore interesse per tali aree da parte di persone che cominciano a ritenere necessario guardare oltre la più ovvia applicabilità clinica delle diagnosi. Il contenuto della seconda parte aggiorna quello tradizionale, che ha caratterizzato le precedenti edizioni di questo testo: si tratta dei titoli delle diagnosi, seguiti dalle definizioni e, a seconda dei casi, dalle caratteristiche definenti e dai fattori correlati oppure dai fattori di rischio. Le diagnosi sono elencate in ordine alfabetico all interno di un dominio e poi di una classe (raggruppamenti della Tassonomia II). Questa è una novità della presente edizione, che è stata introdotta per venire incontro alle richieste degli utilizzatori la cui prima lingua non è l inglese, i quali saranno così facilitati nella ricerca delle diagnosi all interno del libro. La Tassonomia II scinde le diagnosi in assi (si veda la pagina 410 per la spiegazione completa). La terza parte del libro descrive la struttura della tassonomia e come si è sviluppata: a tale scopo sono molto importanti una figura e due tabelle. La figura 3.1 mostra i domini e le classi della Tassonomia II, la tabella 3.1 i domini, le classi e le diagnosi della stessa tassonomia e la tabella 3.2 la collocazione delle diagnosi nella Tassonomia NNN della pratica infermieristica. La quarta parte contiene le diagnosi di cui nel testo del era stata prevista l esclusione se il lavoro per portarle al livello di evidenza uguale o superiore a 2.1 non fosse stato completato. Per alcune ISBN Introduzione xxix

12 di queste diagnosi è iniziata una revisione, che non era ancora conclusa al momento delle votazione per questa edizione del libro. Comunque tali diagnosi sono qui elencate nella speranza che qualche iscritto a NANDA-I o qualche utilizzatore finale voglia modificarle in modo tale da rendere possibile il loro reinserimento nella tassonomia in vista della prossima edizione del testo. Infine, la quinta parte comprende: le linee guida per proporre le diagnosi; la procedura di appello nei confronti di decisioni del Comitato per lo sviluppo delle diagnosi; un glossario assai utile; l elenco dei componenti del Board of Directors di NANDA-I e dei comitati per la tassonomia e per lo sviluppo delle diagnosi; un invito a iscriversi a NANDA-I; gli indici. Come usare questo libro Come segnalato in precedenza, le diagnosi infermieristiche sono elencate in ordine alfabetico per dominio e quindi per classe. Per esempio, Inefficace mantenimento della salute fa parte del Dominio 1 (Promozione della salute), Classe 2 (Gestione della salute). Analogamente, Disturbo del modello di sonno figura nell elenco del Dominio 4 (Attività/Riposo), Classe 1 (Sonno/Riposo). Ci auguriamo che l organizzazione di questo libro si dimostri efficiente ed efficace per chi ne farà uso; a tale proposito le vostre risposte saranno gradite. Se avete suggerimenti, vi preghiamo di inviarceli per posta elettronica all indirizzo o telefonando all ufficio (USA), il cui numero è +1 (920) xxx Introduzione ISBN

QUADRO TEORICO CONCETTUALE DELL INFERMIERISTICA

QUADRO TEORICO CONCETTUALE DELL INFERMIERISTICA capitolo 1 QUADRO TEORICO CONCETTUALE DELL INFERMIERISTICA Danilo Cenerelli IL METODO DISCIPLINARE: IL PROCESSO DI ASSISTENZA INFERMIERISTICA La parola metodo deriva dal greco methodos ed è composta da

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti Merceologia Importo Amministrazioni statali Amministrazioni regionali i Enti del servizio sanitario

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire 12 Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire Il modello teorico di riferimento Oltre ai modelli descritti da Fergus e Zimmerman (2005) esiste un quarto approccio che, partendo dall approccio

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013 Consultazione Pubblica per l istituzione dell Anagrafe Nazionale Nominativa dei Professori e dei Ricercatori e delle Pubblicazioni Scientifiche (ANPRePS) Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI

ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI DESTINATARI: INFERMIERE, INFERMIERE PEDIATRICO INIZIO: 01/01/2012 FINE: 31/12/2012 COSTO: 84,70 (IVA INCLUSA) OBIETTIVI

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida La formazione professionale di base su due anni con certificato federale di formazione pratica Guida 1 Indice Premessa alla seconda edizione 3 Introduzione 4 1 Considerazioni preliminari 7 2 Organizzazione

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

L import-export dei diritti d autore per libri, in Italia. Indagine condotta dall Istituto DOXA per l Istituto Commercio Estero (I.C.E.

L import-export dei diritti d autore per libri, in Italia. Indagine condotta dall Istituto DOXA per l Istituto Commercio Estero (I.C.E. L import-export dei diritti d autore per libri, in Italia. Indagine condotta dall Istituto DOXA per l Istituto Commercio Estero (I.C.E.) Milano, 25 marzo 2004 p. 1 L import-export dei diritti d autore

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza Commissione Nazionale dei Corsi di Laurea in Infermieristica La valutazione dei risultati dell apprendimento e qualità formativa dei Corsi di laurea in Infermieristica Milano, 10 giugno 2011 Realtà e problematiche

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Oggetto: Disturbo di deficit di attenzione ed iperattività Premessa In considerazione della sempre maggiore e segnalata

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita 27/07/1957 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO II Fascia AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015 I Convegno di Neuroautoimmunità Prato, Polo Universitario 20-21 Febbraio 2015 PATROCINI RICHIESTI Patrocini richiesti Carissimi, Lettera dei Presidenti è con grande piacere che Vi invitiamo il 21 e 22

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E 1 F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TELATTIN PIERLUIGI Indirizzo V.le Stadio 24/a 23100- SONDRIO (Italy) Telefono 0039/0342/201666; 0039/338/6421337

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

Se hai sostenuto un test di ammissione/orientamento al corso di laurea, che impressione ne hai ricavato?

Se hai sostenuto un test di ammissione/orientamento al corso di laurea, che impressione ne hai ricavato? INDAGINE POST-DIPLOMA 2014 Diplomati nel 2012: n. 264 Indagini compilate: n. 128 (48,5%) Indirizzo liceale frequentato Risposta 1) linguistico (Utenti: 46 Perc.: 35.94%) Risposta 2) naturalistico (Utenti:

Dettagli

Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura

Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura Dip.to di Continuità Assistenziale - U.O.C. di Geriatria Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura 1^ ed. 6 maggio 2014 Centro Servizi alla Persona Fondazione Zanetti di Oppeano

Dettagli

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente»

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Conferenza stampa annuale del 17 giugno 2014 Anne Héritier Lachat, presidente del Consiglio di amministrazione «Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Gentili Signore, egregi Signori, sono ormai trascorsi

Dettagli

PROGRAMMA DI FORMAZIONE INFERMIERE DIPLOMATO INFERMIERA DIPLOMATA SCUOLA SPECIALIZZATA SUPERIORE

PROGRAMMA DI FORMAZIONE INFERMIERE DIPLOMATO INFERMIERA DIPLOMATA SCUOLA SPECIALIZZATA SUPERIORE PROGRAMMA DI FORMAZIONE INFERMIERE DIPLOMATO INFERMIERA DIPLOMATA SCUOLA SPECIALIZZATA SUPERIORE Bellinzona, 18 agosto 2008 Programma di formazione della Scuola specializzata superiore in cure infermieristiche

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

Definizione di una policy per l archivio istituzionale ISS

Definizione di una policy per l archivio istituzionale ISS CONFERENCE Institutional archives for research: experiences and projects in open access Istituto Superiore di Sanità Rome, 30/11-1/12 2006 Definizione di una policy per l archivio istituzionale ISS Paola

Dettagli

Linee guida regionali per l utilizzo dell ICD 10 nei Servizi per le dipendenze

Linee guida regionali per l utilizzo dell ICD 10 nei Servizi per le dipendenze PROGRAMMA REGIONALE DIPENDENZE Linee guida regionali per l utilizzo dell ICD 10 nei Servizi per le dipendenze 1 a versione anno 2010 Regione Emilia-Romagna Linee guida regionali per l utilizzo dell ICD

Dettagli

Editoriale. XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente

Editoriale. XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente Cari Associati, abbiamo da poco celebrato a Napoli il ventennale del Congresso Fismad, appuntamento scientifico riconosciuto

Dettagli

DOMANDE FREQUENTI (FAQ)

DOMANDE FREQUENTI (FAQ) DOMANDE FREQUENTI (FAQ) Per la sua convenienza, le seguenti informazioni sono fornite in italiano. La preghiamo di prender nota che ogni transazione od ulteriore comunicazione verrà condotta solamente

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

Elementi di progettazione europea

Elementi di progettazione europea Elementi di progettazione europea Il partenariato internazionale Maria Gina Mussini - Project Manager Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena La trasnazionalità dei progetti europei Ogni progetto

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Prefazione alla II edizione

Prefazione alla II edizione Prefazione alla II edizione La seconda edizione di questo testo mantiene tutte le caratteristiche della prima edizione, progettata in modo specifico per i corsi semestrali della Laurea Magistrale in Fisica:

Dettagli

QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PERCORSO FORMATIVO SISTEMI DI MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PERCORSO FORMATIVO SISTEMI DI MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PERCORSO FORMATIVO SISTEMI DI MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Gentili colleghi, il presente questionario ha lo scopo di raccogliere le vostre percezioni relativamente

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

Resellers Kit 2003/01

Resellers Kit 2003/01 Resellers Kit 2003/01 Copyright 2002 2003 Mother Technologies Mother Technologies Via Manzoni, 18 95123 Catania 095 25000.24 p. 1 Perché SMS Kit? Sebbene la maggior parte degli utenti siano convinti che

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Lo Schema BIAS FREE. Uno strumento pratico per identificare ed eliminare il pregiudizio sociale nella ricerca sulla salute.

Lo Schema BIAS FREE. Uno strumento pratico per identificare ed eliminare il pregiudizio sociale nella ricerca sulla salute. Lo Schema BIAS FREE Uno strumento pratico per identificare ed eliminare il pregiudizio sociale nella ricerca sulla salute di Mary Anne Burke Global Forum for Health Research Ginevra, Svizzera e Margrit

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Filippo Festini Università di Firenze, Dipartimento di Pediatria,

Dettagli

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola.

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014 protocollo elettronico n. CRI/CC/0084024/2014 Oggetto: Ebola. Ai DRAE, loro sedi Ai Presidenti, loro sedi Ai Comitati Regionali, loro sedi All Ispettorato

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Alessandra Aste Indirizzo VIA IS MIRRIONIS 92, 09121 CAGLIARI Telefono 070 6095934 3346152648 Fax 0706096059

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente

Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente OECD Insights Sustainable Development: Linking Economy, Society, environment Summary in Italian Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente Sintesi in italiano L espressione

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

RELAZIONE a.s. 2009-10

RELAZIONE a.s. 2009-10 per l'innovazione scolastica e l'handicap "Mario Tortello RELAZIONE a.s. 2009-10 a.s. 2009-10 Ampliamento patrimonio librario Aggiornamento sito Seminario Alunni con Disturbi Specifici di Apprendimento

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Per far sviluppare appieno la

Per far sviluppare appieno la 2008;25 (4): 30-32 30 Maria Benetton, Gian Domenico Giusti, Comitato Direttivo Aniarti Scrivere per una rivista. Suggerimenti per presentare un articolo scientifico Riassunto Obiettivo: il principale obiettivo

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO L Autopresentazione dell organizzazione e il Modello di report sono stati sviluppati da PICUM con il sostegno di due

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli