Chi ha conosciuto qualcuna delle precedenti edizioni di Diagnosi infermieristiche:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Chi ha conosciuto qualcuna delle precedenti edizioni di Diagnosi infermieristiche:"

Transcript

1 Presentazione dell edizione italiana Chi ha conosciuto qualcuna delle precedenti edizioni di Diagnosi infermieristiche: definizioni e classificazione, un libro che viene regolarmente aggiornato ogni due anni, resterà meravigliato nel vedere le dimensioni più ampie del solito di questa nuova edizione. Si ritiene opportuno chiarire ulteriormente (lo fa già la prefazione) le ragioni di tale cambiamento, che sono principalmente le seguenti: vi sono 21 nuove diagnosi (oltre a 8 modificate, mentre 6 sono state tolte dalla tassonomia in attesa di revisione, ma figurano ancora nel testo). Ciò dipende anche dal fatto che l associazione che le definisce, le approva ufficialmente e le pubblica non è più NANDA (North American Nursing Diagnosis Association), ma NANDA-International (NANDA-I), che riceve proposte di diagnosi da diversi paesi e continenti, anche se la sua base resta il Nord America; viene illustrata meglio che in passato la struttura delle classificazioni che interessano le diagnosi infermieristiche, cioè la Tassonomia II di NANDA-I e la collocazione delle diagnosi nella Tassonomia NNN della pratica infermieristica. 1 A questo proposito si consiglia lo studio approfondito della terza parte, incluse figure e tabelle. Ne risulterà confermata l affermazione conclusiva della prefazione, scritta dalla presidente di NANDA-I: Definire la conoscenza infermieristica: non vi è dubbio che questo è il compito di NANDA International. Tale conoscenza è probabilmente più vasta di quanto molti infermieri, studenti infermieri e altri operatori sanitari sono indotti a pensare dall abitudine e da una formazione che nel nostro paese è divenuta universitaria solo da pochi anni. È una conoscenza basata su una visione olistica della persona, idonea per un operatore che, come dichiara in Italia il suo profilo professionale, 2 è responsabile di un as- 1 Come molti lettori già sanno, NNN significa NANDA-I, NIC e NOC. NIC è l acronimo di Nursing Interventions Classification e NOC di Nursing Outcomes Classification. Nel 2007 la Casa Editrice Ambrosiana ha pubblicato la traduzione italiana dei NIC e dei NOC nei testi: Classificazione NIC degli interventi infermieristici, a cura di Carlo Calamandrei e Fabrizio Vezzoli e Classificazione NOC dei risultati infermieristici, a cura di Luisa Anna Rigon. 2 Ministero della Sanità, Decreto 14 settembre 1994, n. 739, Regolamento concernente l individuazione della figura e del relativo profilo professionale dell infermiere. ISBN Presentazione dell edizione italiana xvii

2 sistenza che ha le caratteristiche seguenti: L assistenza infermieristica preventiva, curativa, palliativa e riabilitativa è di natura tecnica, relazionale, educativa. Va sottolineata la maggiore presenza in questo repertorio di diagnosi che non si riferiscono a problemi dell assistito, ma alla promozione di una salute già buona; un importanza altrettanto grande, anche in termini di pagine, viene attribuita all accertamento dei bisogni o problemi e delle risorse della persona assistita e al giudizio clinico dell infermiere, che sono le basi di una formulazione corretta e precisa delle diagnosi. A questi temi è dedicata la prima parte del volume, che parla anche delle competenze necessarie a tale scopo e dell uso delle diagnosi in campi diversi da quello clinico; nell ultima parte un certo spazio è dedicato alle procedure di NAN- DA-I, specialmente a quelle da seguire per proporre altre diagnosi. È particolarmente importante la trattazione del livello di evidenza che le proposte di diagnosi nuove o modificate devono raggiungere. Infine, è da segnalare la presenza di un glossario, che definisce con molta chiarezza i termini principali usati da NANDA-I e riportati nel libro. Comunque, lo scopo fondamentale del volume rimane quello di presentare una per una le diagnosi approvate dall associazione, con tutte le loro componenti. A tale riguardo questa edizione presenta una importante innovazione: le diagnosi sono elencate per dominio e per classe di appartenenza. La prefazione spiega il motivo di questa scelta, che è da considerare senz altro opportuna. La traduzione italiana qui presentata è quella ufficiale, autorizzata esplicitamente da NANDA-I, che ha visionato il libro in bozza, secondo una prassi da poco stabilita per tutte le traduzioni dall inglese. Anche stavolta la Casa Editrice Ambrosiana ha fatto in modo che la terminologia essenziale (titolo, definizione) venisse concordata tra il traduttore principale e un gruppo qualificato di colleghi di varia provenienza (si veda in proposito la seguente Nota terminologica). Come in passato, alcune diagnosi, nuove e non, sono ulteriormente illustrate o commentate da note per il lettore italiano: a volte esse sottolineano l importanza di una diagnosi, altre volte presentano dei chiarimenti, altre volte ancora delle critiche. Il loro fine generale è quello di facilitare l uso delle diagnosi in modo che siano esatte e significative. Per concludere, è bene sottolineare l esigenza e l importanza di un linguaggio infermieristico specifico e condiviso, che possa migliorare la documentazione clinica e facilitare la trasmissione delle esperienze, la xviii Presentazione dell edizione italiana ISBN

3 ricerca infermieristica e multiprofessionale e la visibilità della professione. A tale scopo il contributo delle diagnosi infermieristiche, in particolare di quelle di NANDA-International nella loro traduzione ufficiale, è unico e insostituibile. Va però precisato che il lavoro dell associazione al quale fare riferimento dovrebbe essere sempre l ultimo pubblicato. Infatti, NANDA-I apporta di continuo dei cambiamenti accuratamente motivati al proprio repertorio di diagnosi, alla loro classificazione ecc., come si richiede a chi lavora in maniera scientifica e partecipata in un contesto, quello sanitario, che sotto molti aspetti è a sua volta in costante mutamento. Carlo Calamandrei È Dirigente dell Assistenza Infermieristica e laureato in Pedagogia. È formatore, consulente, autore di pubblicazioni e traduzioni. Ha svolto il ruolo di direttore scientifico della rivista Management Infermieristico e quello di membro della dirigenza infermieristica presso l Azienda Ospedaliero Universitaria Careggi di Firenze. ISBN Presentazione dell edizione italiana xix

4 Prefazione L edizione di NANDA-International (NANDA-I), Diagnosi infermieristiche: definizioni e classificazione si presenta con un nuovo aspetto e crea una nuova atmosfera. Forse il cambiamento più evidente è rappresentato dalle dimensioni leggermente cresciute del testo. Questo ampliamento ci ha consentito di fornire ai nostri lettori più contenuti rispetto alle precedenti versioni tascabili della pubblicazione. Annunciamo con piacere sia l aggiunta di 21 nuove diagnosi, sia la modifica di altre 8. Invece 6 diagnosi sono state escluse dalla tassonomia, ma rimangono in appendice all interno di questa edizione per stimolare i lettori a prendere in considerazione la possibilità di rivederle e riproporle. Una diagnosi, Disturbo del modello di sonno, che era stata eliminata dall edizione del testo, è stata qui reinserita. Sono particolarmente compiaciuta nel rilevare che questa edizione di Definizioni e classificazione è la seconda in cui alla tassonomia vengono aggiunte più di 20 diagnosi. È probabile che non tutte siano usate da tutti i membri della professione, a causa della varietà delle aree di specializzazione e degli ambiti di attività infermieristica e/o di aspetti culturali che rendono alcune diagnosi inappropriate. Comunque, la considerazione della vastità della pratica infermieristica in tutto il mondo consente di accettare nuove diagnosi nella tassonomia. I lettori noteranno che ogni diagnosi è identificata da un codice, posto tra parentesi subito dopo il titolo; il codice è seguito dal dominio e dalla classe, in base alla Tassonomia delle diagnosi infermieristiche di NANDA-I. Abbiamo anche cominciato a inserire tutti i riferimenti presentati per le diagnosi sia nuove che modificate, a partire dal ciclo precedente ( ), invece di limitarci ai tre riferimenti ritenuti essenziali da chi le ha proposte. Crediamo che questa scelta fornirà importanti informazioni a tutti gli utilizzatori delle diagnosi infermieristiche, in particolare a coloro che desiderano esplorare un concetto diagnostico in modo dettagliato. In questa edizione del testo vi sono altre significative novità: il capitolo della dottoressa Margaret Lunney sul giudizio clinico e l accertamento e sul ruolo di ciascuno per un uso appropriato delle diagnosi in ambito clinico; il capitolo scritto da Leann Scroggins (pubblicato prima nella rivista dell associazione) e dedicato all iter da seguire per proporre una diagnosi infermieristica al Comitato per lo sviluppo delle diagnosi xxii Prefazione ISBN

5 (Diagnosis Development Committee o DDC) di NANDA-I. Vi sono inoltre dei capitoli che aiutano a comprendere l utilizzazione e l applicabilità delle diagnosi infermieristiche nelle aree della formazione, della documentazione computerizzata, della ricerca infermieristica e della direzione dei servizi infermieristici. Le relative informazioni consistono in una breve introduzione sull importanza delle diagnosi in ciascuna di queste aree essenziali dell attività professionale: il motivo principale è la rilevazione di un maggiore interesse per tali aree da parte di persone che cominciano a ritenere necessario guardare oltre la più ovvia applicabilità clinica delle diagnosi. Un altro cambiamento molto importante per NANDA International è la decisione di stabilire una partnership con l editore Blackwell Publishing per pubblicare e diffondere il presente testo in tutto il mondo. Siamo molto soddisfatti di questa partnership che non si limita più alla produzione della nostra rivista, The International Journal of Nursing Terminologies and Classification, ma comprende anche i nostri due libri, cioè questo e una nuova edizione di Critical thinking and nursing diagnoses: Case studies and analyses. Siamo convinti che NANDA-I trarrà grandi benefici dalla competenza messa a disposizione da Blackwell Publishing e, in particolare, dal contributo che darà alla capillare diffusione del nostro lavoro in tutto il mondo e in più lingue. Non vediamo l ora di confermare il successo della nostra partnership con la nota casa editrice! A seguito della crescente consapevolezza della necessità di standardizzare il linguaggio della professione per definire la conoscenza infermieristica e fare in modo che la sua presenza sia rilevata e i suoi effetti siano misurati e registrati in un vero e proprio sistema informativo, vorrei invitare coloro che non sono ancora membri di NANDA International a sfruttare questo momento per iscriversi alla nostra organizzazione. Vorrei anche chiedere a tutti i lettori di esortare i loro colleghi (infermieri clinici, studenti, dirigenti, formatori, ricercatori o esperti di informatica) a unirsi a noi nel portare avanti il lavoro dell associazione. Tutti i nostri assistiti trarranno vantaggio dalla saggezza della voce di infermieri impegnati in numerosi ambiti di attività e con diversi background. Il modulo per richiedere l iscrizione a NANDA International si trova a pagina 466 e sul sito Internet di NANDA-I, Durante questo ciclo mi ha dato un grande incoraggiamento il fatto di ricevere proposte di diagnosi da infermieri clinici che svolgono la loro attività in vari paesi: Brasile, Canada, Giappone, Italia, Spagna e Stati Uniti. Senza la vostra dedizione e il vostro impegno per standardizzare il linguaggio infermieristico non ci sarebbe niente da pubblicare. Con questa edizione abbiamo portato il numero delle diagnosi da ISBN Prefazione xxiii

6 188 a 201, ma ancora non abbiamo raggiunto lo scopo del nostro lavoro, quello di descrivere la ricchezza della pratica infermieristica: il momento è adesso e i vostri sforzi a questo riguardo possono renderci più capaci di descrivere la pratica infermieristica attraverso gli ambiti, le popolazioni di assistiti e le culture. Vorrei esortarvi a leggere con cura il capitolo di Leann Scroggins e, per quest anno, a impegnarvi a lavorare almeno su una diagnosi. Non esitate a contattare il già citato DDC per farvi assegnare un mentore che vi guidi attraverso questo processo (il responsabile del comitato può essere raggiunto attraverso il sito web di NANDA-I). Oppure registratevi all indirizzo e usate gli strumenti messi a disposizione per sviluppare la vostra analisi dei concetti. Aspettiamo con molto interesse i vostri contributi alla nostra disciplina, ossia le vostre proposte al Comitato per lo sviluppo delle diagnosi di NANDA-I. Questa edizione è il risultato del nostro primo voto elettronico su tutte le diagnosi nuove e modificate. L attuale formato consente ai membri che non sono in grado di partecipare alla conferenza biennale di NAN- DA International di contribuire al lavoro dell organizzazione attraverso un accurata revisione e votazione delle diagnosi nuove e di quelle modificate. Per il lavoro svolto allo scopo di preparare tale formato elettronico voglio ringraziare Mary Hemminger, titolare di Coherence Communications, LLC. In futuro il nuovo processo ci consentirà di revisionare le diagnosi non appena entrano nel ciclo del DDC, invece di dover attendere la fine del periodo di due anni, come è sempre avvenuto in precedenza. In questo modo le diagnosi nuove o modificate che vengono approvate saranno rese disponibili per gli iscritti in qualsiasi momento dell anno attraverso il sito web di NANDA-I. Vorrei elogiare i componenti del Board of Directors, tutti i membri dei comitati NANDA-I e i loro responsabili per l energia e l entusiasmo che hanno messo nel lavoro dell organizzazione negli ultimi due anni. NANDA-I è un organizzazione guidata dai suoi componenti, su base volontaria, il cui successo dipende dalla loro competenza e da quella degli utilizzatori finali del loro lavoro. L impegno in termini di tempo richiesto ai componenti del Board è rilevante, così come quello richiesto ai membri e ai responsabili dei comitati. Ho avuto l onore di servire come presidente questa importante organizzazione e ho apprezzato l opportunità di rappresentare in tale ruolo i suoi iscritti. Infine, vorrei sottolineare il ruolo essenziale svolto dai componenti del Comitato per lo sviluppo delle diagnosi nella revisione di diverse diagnosi comprese in questa edizione e delle diagnosi nuove o modificate in generale, oltre al ruolo di mentoring richiesto loro dai presenta- xxiv Prefazione ISBN

7 tori delle proposte di diagnosi. Queste persone svolgono un ruolo chiave nel portare avanti il lavoro dell associazione, per cui il loro impegno non deve essere sottovalutato. Mi preme rivolgere un ringraziamento particolare alle corresponsabili del comitato, Leann Scroggins e Geralyn Meyers, per la dedizione, l organizzazione e l impegno con cui hanno lavorato al miglioramento continuo delle diagnosi che trovate in questo testo. Leann Scroggins conclude quest anno il secondo mandato di presidente del DDC; voglio ringraziarla di nuovo per il suo grande impegno nel lavoro di NANDA-I, e del DDC in particolare, durante tutti questi anni. Sebbene alla fine del ciclo i membri abbiano votato un totale di 21 nuove diagnosi, occorre far notare che in realtà il comitato ha lavorato su molte più diagnosi, insieme ai loro proponenti; una parte di questo lavoro è ancora in corso e continuerà con le proposte del nuovo ciclo. Per questo motivo e a nome del Board of Directors dedico la presente edizione di Definizioni e classificazione ai membri e alle corresponsabili del Comitato per lo sviluppo delle diagnosi. La mia speranza è che questa edizione del libro si riveli fondamentale per la vostra pratica infermieristica qualunque sia il vostro ruolo (infermieri clinici, studenti, formatori, informatici, dirigenti o ricercatori). Definire la conoscenza infermieristica : non vi è dubbio che questo è il compito di NANDA International. T. Heather Herdman, PhD, RN Presidente di NANDA International ISBN Prefazione xxv

8 Nuove Diagnosi infermieristiche, Diagnosi approvate (nuove) Inefficace pianificazione delle attività Autonegligenza Compromissione del benessere Disponibilità a migliorare il processo della gravidanza e della maternità Ittero neonatale Rischio di disturbo per la diade madre/feto Disfunzionale motilità gastrointestinale Rischio di disfunzionale motilità gastrointestinale Inefficace perfusione tissutale periferica Rischio di diminuzione della perfusione tissutale cardiaca Rischio di inefficace perfusione tissutale cerebrale Rischio di inefficace perfusione gastrointestinale Rischio di inefficace perfusione renale Proponenti France Maltais BSc, MEd Susanne Gibbons, C-GNP Mary Killeen PhD, RN; Kathy Kolcaba, PhD, RN Yasuko Aoki, RN, RMW; Mitsuko Katayama, RN, RMW, PhD; Atsuko Kikuchi, RN, RMW; Minayo Kumazawa, RN, RMW, Med; Atsuko Koyama, RN, RMW; Masuko Saito, RN, RMW, DrMS; Toyo Yamazaki, RN, RMW; Mayumi Hamasaki, RN, RMW, MPH; Shigemi Kamitsuru, RN, PhD David Wilson, MS, RNC Sheri Holmes, MSN, APRN BC Joan Klehr, RNC, MPH Joan Klehr, RNC, MPH TNCC TNCC TNCC TNCC TNCC xxvi Prefazione ISBN

9 Diagnosi approvate (nuove) Disponibilità a migliorare le relazioni Compromessa resilienza della persona Disponibilità a migliorare la resilienza Rischio di compromissione della resilienza Rischio di sanguinamento Rischio di shock Rischio di squilibrio elettrolitico Rischio di trauma vascolare Proponenti Yasuko Aoki, RN, RMW; Mitsuko Katayama, RN, RMW, PhD; Atsuko Kikuchi, RN, RMW; Minayo Kumazawa, RN, RMW, MEd; Atsuko Koyama, RN, RMW; Masuko Saito, RN, RMW, DrMS; Toyo Yamazaki, RN, RMW; Mayumi Hamasaki, RN, RMW, MPH; Shigemi Kamitsuru, RN, PhD Angela Oldenburg, BA, RN, Shelly Eisbach, PhDc, MSN, RN; Melissa Lehan-Mackin, RN, BSN Angela Oldenburg, BA, RN; Shelly Eisbach, PhD, MSN, RN; Melissa Lehan-Mackin, RN, BSN Angela Oldenburg, BA, RN; Shelly Eisbach, PhDc, MSN, RN; Melissa Lehan-Mackin, RN, BSN Sheri Holmes, MSN, APRN BC TNCC TNCC; Leah Mylrea Speltz BSN, RNC, ACCE, STABLE, ACLS, NNR; Kathy Weaver, RN Chistina Arreguy-Senna, Nurse, Master, PhD, Post-PhD; Emilia Campos de Carvalho, Nurse, Master, PhD ISBN Prefazione xxvii

10 Diagnosi infermieristiche modificate, Diagnosi approvate (modificate) Autostima cronicamente scarsa Comportamento relativo alla salute che può causare rischi Coping difensivo Rischio di compromissione della funzionalità epatica Disturbo dell identità personale Rischio di squilibrio nel volume dei liquidi Inefficace autogestione della salute Disturbo del modello di sonno Proponenti Céline Larouche DDC minor editing Céline Larouche DDC minor editing Heidi Bjorge, RN, MNSc; Céline Larouche, Francine Fiset, BSN, MA, RN Louise Ritchie, MSc, BNur, RN; Geralyn Meyer, PhD, RN Margaret Lunney, PhD, RN DDC Diagnosi infermieristiche escluse dalla Tassonomia NANDA-I Incontinenza urinaria totale Sindrome da trauma da stupro (reazione composita) Sindrome da trauma da stupro (reazione silenziosa) Efficace gestione del regime terapeutico Inefficace gestione del regime terapeutico: comunità Disturbo dei processi di pensiero* Queste diagnosi costituiscono la quarta parte del libro. Il comitato di NANDA-I che si occupa dello sviluppo delle diagnosi esorta gli iscritti e gli utilizzatori delle diagnosi infermieristiche a lavorare su queste diagnosi e a formulare proposte per la loro reintroduzione nella tassonomia. * I lavori su questa diagnosi sono ancora in corso. xxviii Prefazione ISBN

11 Introduzione Q uesto libro è diviso in cinque parti. La prima come già indicato nella prefazione comprende un capitolo della dottoressa Margaret Lunney sul giudizio clinico e l accertamento e sul ruolo di ciascuno per un uso clinico esatto delle diagnosi. Un capitolo scritto da Leann Scroggins (pubblicato dapprima nella rivista dell associazione) spiega in dettaglio l iter da seguire per proporre una diagnosi infermieristica al Comitato per lo sviluppo delle diagnosi di NANDA-I. Altri capitoli aiutano a comprendere l utilizzazione e l applicabilità delle diagnosi infermieristiche nella formazione, nella documentazione computerizzata, nella ricerca infermieristica e nella direzione dei servizi infermieristici. Queste informazioni hanno la forma di una breve introduzione all importanza delle diagnosi in ciascuna delle suddette aree essenziali dell attività professionale, in particolare perché è stato evidenziato un maggiore interesse per tali aree da parte di persone che cominciano a ritenere necessario guardare oltre la più ovvia applicabilità clinica delle diagnosi. Il contenuto della seconda parte aggiorna quello tradizionale, che ha caratterizzato le precedenti edizioni di questo testo: si tratta dei titoli delle diagnosi, seguiti dalle definizioni e, a seconda dei casi, dalle caratteristiche definenti e dai fattori correlati oppure dai fattori di rischio. Le diagnosi sono elencate in ordine alfabetico all interno di un dominio e poi di una classe (raggruppamenti della Tassonomia II). Questa è una novità della presente edizione, che è stata introdotta per venire incontro alle richieste degli utilizzatori la cui prima lingua non è l inglese, i quali saranno così facilitati nella ricerca delle diagnosi all interno del libro. La Tassonomia II scinde le diagnosi in assi (si veda la pagina 410 per la spiegazione completa). La terza parte del libro descrive la struttura della tassonomia e come si è sviluppata: a tale scopo sono molto importanti una figura e due tabelle. La figura 3.1 mostra i domini e le classi della Tassonomia II, la tabella 3.1 i domini, le classi e le diagnosi della stessa tassonomia e la tabella 3.2 la collocazione delle diagnosi nella Tassonomia NNN della pratica infermieristica. La quarta parte contiene le diagnosi di cui nel testo del era stata prevista l esclusione se il lavoro per portarle al livello di evidenza uguale o superiore a 2.1 non fosse stato completato. Per alcune ISBN Introduzione xxix

12 di queste diagnosi è iniziata una revisione, che non era ancora conclusa al momento delle votazione per questa edizione del libro. Comunque tali diagnosi sono qui elencate nella speranza che qualche iscritto a NANDA-I o qualche utilizzatore finale voglia modificarle in modo tale da rendere possibile il loro reinserimento nella tassonomia in vista della prossima edizione del testo. Infine, la quinta parte comprende: le linee guida per proporre le diagnosi; la procedura di appello nei confronti di decisioni del Comitato per lo sviluppo delle diagnosi; un glossario assai utile; l elenco dei componenti del Board of Directors di NANDA-I e dei comitati per la tassonomia e per lo sviluppo delle diagnosi; un invito a iscriversi a NANDA-I; gli indici. Come usare questo libro Come segnalato in precedenza, le diagnosi infermieristiche sono elencate in ordine alfabetico per dominio e quindi per classe. Per esempio, Inefficace mantenimento della salute fa parte del Dominio 1 (Promozione della salute), Classe 2 (Gestione della salute). Analogamente, Disturbo del modello di sonno figura nell elenco del Dominio 4 (Attività/Riposo), Classe 1 (Sonno/Riposo). Ci auguriamo che l organizzazione di questo libro si dimostri efficiente ed efficace per chi ne farà uso; a tale proposito le vostre risposte saranno gradite. Se avete suggerimenti, vi preghiamo di inviarceli per posta elettronica all indirizzo o telefonando all ufficio (USA), il cui numero è +1 (920) xxx Introduzione ISBN

Prefazione. xxiv Prefazione ISBN 978-88-08-18500-6

Prefazione. xxiv Prefazione ISBN 978-88-08-18500-6 Prefazione L edizione 2012-2014 di NANDA International (NANDA-I), Diagnosi infermieristiche: definizioni e classificazione è costruita sul successo ottenuto dal nuovo aspetto e nuova atmosfera della precedente

Dettagli

Indice. Linee guida NANDA International per il permesso di copyright Presentazione dell edizione italiana Nota terminologica.

Indice. Linee guida NANDA International per il permesso di copyright Presentazione dell edizione italiana Nota terminologica. Indice Linee guida NANDA International per il permesso di copyright Presentazione dell edizione italiana Nota terminologica Prefazione Introduzione xv xvii xx xxii xxix Parte 1 Introduzione alle diagnosi

Dettagli

SCHEDA DI ACCERTAMENTO DEI BISOGNI DI ASSISTENZA INFERMIERISTICA SECONDO IL MODELLO DI M. GORDON

SCHEDA DI ACCERTAMENTO DEI BISOGNI DI ASSISTENZA INFERMIERISTICA SECONDO IL MODELLO DI M. GORDON SCHEDA DI ACCERTAMENTO DEI BISOGNI DI ASSISTENZA INFERMIERISTICA SECONDO IL MODELLO DI M. GORDON Diagnosi NANDA-I 2009-2011 o autonegligenza o Disponibilità a migliorare l autogestione della salute o Inefficace

Dettagli

PARTE 1 LA TASSONOMIA NANDA INTERNATIONAL 1 Introduzione 2 T. Heather Herdman

PARTE 1 LA TASSONOMIA NANDA INTERNATIONAL 1 Introduzione 2 T. Heather Herdman Indice Linee guida per il permesso di copyright Termini e condizioni per la traduzione Prefazione Introduzione Come usare questo libro Domande frequenti (FAQ) Ringraziamenti Autori dei capitoli Revisori

Dettagli

L INFERMIERISTICA OGGI UN MODELLO TEORICO COME RIFERMENTO!!

L INFERMIERISTICA OGGI UN MODELLO TEORICO COME RIFERMENTO!! UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA AA 2009/2010 SEDE DI FIRENZE Corso Integrato A4 INFERMIERISTICA GENERALE E TEPRIA DEL NURSING DISCIPLINA

Dettagli

Presentazione dell edizione italiana

Presentazione dell edizione italiana Presentazione dell edizione italiana Il cambiamento nasce dalla consapevolezza. La ghianda sta nel buio della terra e sogna, lotta, vuole, desidera con tutta la sua energia esistenziale diventare una quercia.

Dettagli

EUROPEAN OSTEOPATHIC UNION L ITER FORMATIVO

EUROPEAN OSTEOPATHIC UNION L ITER FORMATIVO Capitolo 3 L ITER FORMATIVO Il programma di formazione degli osteopati ha la responsabilità di creare figure professionali del più alto livello. Il livello di preparazione dell osteopata professionista

Dettagli

U.V.D. (Unità Valutativa Distrettuale) Valuta, Organizza e Coordina interventi Stabilisce case manager Verifica interventi

U.V.D. (Unità Valutativa Distrettuale) Valuta, Organizza e Coordina interventi Stabilisce case manager Verifica interventi Medici di Medicina Generale e Pediatri C.A.D. U.V.D. (Unità Valutativa Distrettuale) Valuta, Organizza e Coordina interventi Stabilisce case manager Verifica interventi Medici Specialisti Servizio Farmaceutico

Dettagli

Prefazione alla seconda edizione

Prefazione alla seconda edizione Prefazione alla seconda edizione Noi siamo presenti per sempre in ciò che abbiamo Creduto con forza, Desiderato intensamente Amato con grande energia Realizzato con infinito coraggio. L.A. Rigon La seconda

Dettagli

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012 Introduzione Chiedete a qualunque professionista di darvi una definizione dell espressione consulente aziendale, e vedrete che otterrete molte risposte diverse, non tutte lusinghiere! Con tale espressione,

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA PROCESSO DI NURSING. Prof. Loreto Lancia A.A. 2012/2013

CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA PROCESSO DI NURSING. Prof. Loreto Lancia A.A. 2012/2013 CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA PROCESSO DI NURSING Prof. Loreto Lancia A.A. 2012/2013 DM 739/94 Rabilitazione Palliazione CRONICITA ACUZIE Famiglia Residenze Country Hospital Hospice CASE MANAGEMENT

Dettagli

Prefazione. 2. la classificazione dei risultati infermieristici NOC (Nursing Outcomes Classification),

Prefazione. 2. la classificazione dei risultati infermieristici NOC (Nursing Outcomes Classification), Prefazione Questa edizione del libro si compone di quattro parti. La Parte I comprende tre capitoli che descrivono i linguaggi NNN e il loro uso. La Parte II fornisce i collegamenti tra le diagnosi NANDA-I,

Dettagli

INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2014/15 INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI NEL CDA SIMONE MAGNANO

INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2014/15 INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI NEL CDA SIMONE MAGNANO INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2014/15 INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI NEL CDA SIMONE MAGNANO Castellanza, 10 novembre 2014 Signor Presidente, Magnifico Rettore, colleghi Studenti, Autorità

Dettagli

SERVIZI LIONS A FAVORE DEI BAMBINI VALUTAZIONE DEI BISOGNI COMUNITARI

SERVIZI LIONS A FAVORE DEI BAMBINI VALUTAZIONE DEI BISOGNI COMUNITARI SERVIZI LIONS A FAVORE DEI BAMBINI VALUTAZIONE DEI BISOGNI COMUNITARI Le statistiche attuali mostrano un numero impressionante di bambini che, in tutto il mondo, vivono in condizioni di vita precarie e,

Dettagli

INFORMAZIONI PRELIMINARI PER L ISCRIZIONE AL REGISTRO DEI PAZIENTI CON MALATTIE NEUROMUSCOLARI - ONLUS

INFORMAZIONI PRELIMINARI PER L ISCRIZIONE AL REGISTRO DEI PAZIENTI CON MALATTIE NEUROMUSCOLARI - ONLUS INFORMAZIONI PRELIMINARI PER L ISCRIZIONE AL REGISTRO DEI PAZIENTI CON MALATTIE NEUROMUSCOLARI - ONLUS Prima di iscriversi alla scheda di malattia del presente Registro, è importante capire di cosa si

Dettagli

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale 1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale della RGS, del CNIPA e di ingegneri dell Ordine di

Dettagli

Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012

Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012 Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012 Intervento di Franco Gervasoni, direttore SUPSI SALUTO - Consigliere di Stato, Manuele Bertoli - Capodicastero Educazione, culto e partecipazioni comunali del Municipio

Dettagli

Marzo 2014. OrphaNews Italia Questionario di Gradimento. www.orpha.net/actor/cgi-bin/oahome.php?ltr=italianews

Marzo 2014. OrphaNews Italia Questionario di Gradimento. www.orpha.net/actor/cgi-bin/oahome.php?ltr=italianews Marzo 2014 OrphaNews Italia Questionario di Gradimento www.orpha.net/actor/cgi-bin/oahome.php?ltr=italianews Indice Introduzione... 3 Metodologia... 3 Conclusioni... 14 Ringraziamenti... 15 Questionario

Dettagli

DIAGNOSI INFERMIERISTICHE:

DIAGNOSI INFERMIERISTICHE: NANDA International DIAGNOSI INFERMIERISTICHE: DEFINIZIONI E CLASSIFICAZIONE 2012-2014 Allegati all edizione italiana Copyright 2012 C.E.A. Casa Editrice Ambrosiana Testi a cura di Luisa Anna Rigon Prima

Dettagli

Le regole per la predisposizione delle carte di lavoro: il principio di revisione n.230

Le regole per la predisposizione delle carte di lavoro: il principio di revisione n.230 Guida al controllo contabile di Fabrizio Bava e Alain Devalle * Le regole per la predisposizione delle carte di lavoro: il principio di revisione n.230 Il principio di revisione n.230 stabilisce le regole

Dettagli

SO Office Solutions SOLUZIONI E MACCHINE PER UFFICIO

SO Office Solutions SOLUZIONI E MACCHINE PER UFFICIO SO Office Solutions Con la Office Solutions da oggi. La realizzazione di qualsiasi progetto parte da un attenta analisi svolta con il Cliente per studiare insieme le esigenze al fine di individuare le

Dettagli

Guida rapida all acquisto di traduzioni Con centinaia di agenzie di traduzione e migliaia di traduttori freelance presenti sul territorio nazionale, non è facile orientarsi nel mercato delle traduzioni,

Dettagli

UNA NUOVA STELLA NELL INFORMAZIONE SCIENTIFICA

UNA NUOVA STELLA NELL INFORMAZIONE SCIENTIFICA UNA NUOVA STELLA NELL INFORMAZIONE SCIENTIFICA Essere sempre aggiornati sulla medicina e la salute, con informazioni di qualità e in tempo reale. Oggi è possibile. Costruiamo progetti informativi, culturali

Dettagli

COMUNITÀ DI PRATICA. i loro membri condividono modalità di AZIONE E INTERPRETAZIONE della realtà

COMUNITÀ DI PRATICA. i loro membri condividono modalità di AZIONE E INTERPRETAZIONE della realtà Comunità di pratica e reti professionali di Massimo Tomassini Vorrei ringraziare per questo invito. Sono molto lieto di essere in questa sala in cui sono stato circa quattro anni fa, presentando con altri

Dettagli

La norma UNI EN ISO 14001:2004

La norma UNI EN ISO 14001:2004 La norma COS È UNA NORMA La normazione volontaria Secondo la Direttiva Europea 98/34/CE del 22 giugno 1998: "norma" è la specifica tecnica approvata da un organismo riconosciuto a svolgere attività normativa

Dettagli

Il processo di assistenza infermieristica o processo di NURSING Relatore Infermiere Claudio Trovato

Il processo di assistenza infermieristica o processo di NURSING Relatore Infermiere Claudio Trovato Il processo di assistenza infermieristica o processo di NURSING Relatore Infermiere Claudio Trovato Pergusa 6 Dicembre 2013 Sala Congressi Hotel Garden Processo infermieristico o Nursing Il processo infermieristico

Dettagli

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Premessa L Audit organizzativo si fonda sull ascolto organizzativo che presenta come obiettivo primario la valorizzazione

Dettagli

LA PRESA IN CARICO DEL PAZIENTE CON PATOLOGIA CRONICA DOPO VALUTAZIONE IN TRIAGE INFERMIERE MARCO PREVIDI RICCIONE 25-26 OTTOBRE 2013

LA PRESA IN CARICO DEL PAZIENTE CON PATOLOGIA CRONICA DOPO VALUTAZIONE IN TRIAGE INFERMIERE MARCO PREVIDI RICCIONE 25-26 OTTOBRE 2013 LA PRESA IN CARICO DEL PAZIENTE CON PATOLOGIA CRONICA DOPO VALUTAZIONE IN TRIAGE INFERMIERE MARCO PREVIDI RICCIONE 25-26 OTTOBRE 2013 2 Pronto Soccorso Futuro Manager 3 Prestazioni il problema delle prestazioni

Dettagli

Capitolo 1 Capitolo 2 Capitolo 3 Capitolo 4 Capitolo 5 xiii

Capitolo 1 Capitolo 2 Capitolo 3 Capitolo 4 Capitolo 5 xiii Prefazione La terza edizione della Nursing Outcome Classification (NOC, Classificazione di risultati infermieristici) contiene 330 risultati. Ciascun risultato comprende: un nome (identificativo), una

Dettagli

Laura Bono, Silvia Di Leo, Monica Beccaro, Gianluca Catania, Massimo Costantini Le core-competencies dell operatore socio-sanitario in cure palliative

Laura Bono, Silvia Di Leo, Monica Beccaro, Gianluca Catania, Massimo Costantini Le core-competencies dell operatore socio-sanitario in cure palliative Laura Bono, Silvia Di Leo, Monica Beccaro, Gianluca Catania, Massimo Costantini Le core-competencies dell operatore socio-sanitario in cure palliative pp. 128, 16,00 - e-book 14,00 Cod. 1370.45 Collana:

Dettagli

La gestione del rischio clinico nell Organizzazione Sanitaria: Approcci, modalità, strumenti e risultati

La gestione del rischio clinico nell Organizzazione Sanitaria: Approcci, modalità, strumenti e risultati La gestione del rischio clinico nell Organizzazione Sanitaria: Approcci, modalità, strumenti e risultati Il caso della Azienda Sanitaria della Valle d Aosta A cura di Clemente Ponzetti, Massimo Farina

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

GIORNATA DEL VOLONTARIATO. Torino 7 aprile 2013. regionale a tutti i volontari piemontesi che hanno accolto l invito a

GIORNATA DEL VOLONTARIATO. Torino 7 aprile 2013. regionale a tutti i volontari piemontesi che hanno accolto l invito a GIORNATA DEL VOLONTARIATO Torino 7 aprile 2013 Desidero porgere un caloroso saluto a nome dell intera Assemblea regionale a tutti i volontari piemontesi che hanno accolto l invito a partecipare a questa

Dettagli

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accogliere e trattenere i volontari in associazione Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accoglienza Ogni volontario dovrebbe fin dal primo incontro con l associazione, potersi sentire accolto e a proprio

Dettagli

MASTER DI 1 LIVELLO IN MANAGEMENT INFERMIERISTICO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO. 3 modulo e 4 modulo. elaborate da Claudio De Pieri 1

MASTER DI 1 LIVELLO IN MANAGEMENT INFERMIERISTICO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO. 3 modulo e 4 modulo. elaborate da Claudio De Pieri 1 MASTER DI 1 LIVELLO IN MANAGEMENT INFERMIERISTICO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO 3 modulo e 4 modulo elaborate da Claudio De Pieri 1 Classificazione NANDA A partire dal 1975 negli U.S.A. è iniziato un

Dettagli

Parte prima: Definizioni

Parte prima: Definizioni Il Codice di Condotta ICF Preambolo ICF si impegna a mantenere e promuovere l eccellenza nel coaching. Pertanto ICF si aspetta che tutti i suoi membri e i coach accreditati (coach, mentor di coach, supervisori

Dettagli

LETTERA DI ACCOMPAGNAMENTO

LETTERA DI ACCOMPAGNAMENTO LETTERA DI ACCOMPAGNAMENTO COS La lettera di accompagnamento non costituisce solo un elemento formale. Piuttosto, è parte integrante del curriculum vitae e come tale va redatta con molta attenzione, essendo,

Dettagli

Prefazione. Essere professionista nell assistenza infermieristica

Prefazione. Essere professionista nell assistenza infermieristica Prefazione La terza edizione di Nursing Diagnosis: Process and Application è stata pubblicata circa 20 anni dopo la prima conferenza nazionale sulla classificazione diagnostica, convocata da Kristine Gebbie

Dettagli

IL CATALOGO E LA CATALOGAZIONE EMILIO BERTOCCI IL CATALOGO E LA CATALOGAZIONE

IL CATALOGO E LA CATALOGAZIONE EMILIO BERTOCCI IL CATALOGO E LA CATALOGAZIONE EMILIO BERTOCCI IL CATALOGO E LA CATALOGAZIONE 1 INDICE 1...3 La biblioteca e il catalogo...3 2...4 Tipi di cataloghi...4 3...6 Cenno sulle fonti d informazione...6 4...7 Catalogo e bibliografia...7 5...8

Dettagli

STAGE 2011. In generale il Progetto Stage è un'iniziativa scolastica positiva. 1) Non sono d'accordo 1.92% 2) Sono poco d'accordo 0%

STAGE 2011. In generale il Progetto Stage è un'iniziativa scolastica positiva. 1) Non sono d'accordo 1.92% 2) Sono poco d'accordo 0% STAGE 2011 In generale il Progetto Stage è un'iniziativa scolastica positiva. 1) Non sono d'accordo 1.92% Domanda 1 di 11 2) Sono poco d'accordo 0% 3) Sono sostanzialmente d'accordo 7.69% 4) Sono d'accordo

Dettagli

Processo di referaggio collana punto org

Processo di referaggio collana punto org Caro Referee, grazie in anticipo per aver accettato di referare per la collana punto org. Il Suo è un ruolo delicato: appartiene a una comunità di studiosi, docenti e professionisti che forniscono ai colleghi

Dettagli

Rev. Gen. 2012. Company Profile

Rev. Gen. 2012. Company Profile Rev. Gen. 2012 Company Profile Agosto 2015 Chi siamo FIWA è una giovane e dinamica società di consulenza direzionale, focalizzata sulla reingegnerizzazione e progettazione dei processi portanti dello

Dettagli

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca Intervento fuori programma Buona sera. Grazie a Giovanni Puglisi che mi ha dato la parola. La mia è una voce diversa da tutte quelle che mi hanno

Dettagli

Dott.ssa GIULIA CANDIANI. (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo)

Dott.ssa GIULIA CANDIANI. (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo) Dott.ssa GIULIA CANDIANI (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo) Innanzitutto due parole di presentazione: Altroconsumo è una associazione indipendente di consumatori, in cui io lavoro

Dettagli

I giovani del Medio Campidano

I giovani del Medio Campidano I giovani del Medio Campidano Indagine sulla condizione giovanile nella Provincia Ufficio Provinciale Giovani - Associazione Orientare Pagina 1 Il questionario è stato predisposto e realizzato dall Associazione

Dettagli

I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013

I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013 I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013 Intervento di Fabrizio Saccomanni Direttore Generale della Banca d Italia Roma, 14 novembre Sono molto

Dettagli

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione Perché e come scegliere un master in Affari e Finanza, i master universitari

Dettagli

Tatsiana: possiamo finalmente superare molti pregiudizi nei confronti degli altri, che sono diversi solo apparentemente

Tatsiana: possiamo finalmente superare molti pregiudizi nei confronti degli altri, che sono diversi solo apparentemente Buongiorno, mi chiamo Tatsiana Shkurynava. Sono di nazionalità bielorussa, vivo in Italia a Reggio Calabria. In questo breve articolo vorrei raccontare della mia esperienza in Italia. Tutto è cominciato

Dettagli

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato A SCUOLA CON JUMPC Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli studenti che hanno partecipato Roma, 20 aprile 2009 Indice dei contenuti Gli esiti del sondaggio

Dettagli

ORIZZONTI SCUOLA PERCHE DOCUMENTARE?

ORIZZONTI SCUOLA PERCHE DOCUMENTARE? P.A.I.S. La scuola elementare Manzoni Bolzano Mirella Tronca, assistente agli alunni in situazione di handicap PERCHE DOCUMENTARE? La documentazione è una scienza per conoscere e una tecnica per far conoscere.

Dettagli

FILE. Esperienza nella Formazione. Fondazione FILE - Firenze

FILE. Esperienza nella Formazione. Fondazione FILE - Firenze XIX Congresso Nazionale SICP Torino 9 12 Ottobre 2012 Focus on: Fisioterapia in Cure Palliative: quali esperienze e quale formazione specifica? Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema

Dettagli

Andrea Quintiliani L impresa di assicurazione

Andrea Quintiliani L impresa di assicurazione A13 Andrea Quintiliani L impresa di assicurazione Profili di rischio e di solvibilità Prefazione di Antonio Minguzzi Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it

Dettagli

Organizzazione scientifica del lavoro

Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro 1 Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro è la teoria fondata da Frederick WindsdowTaylor (1865-1915) ingegnere minerario americano

Dettagli

IT Questionario per formatori di insegnanti di lingue Analisi dei dati

IT Questionario per formatori di insegnanti di lingue Analisi dei dati IT Questionario per formatori di insegnanti di lingue Analisi dei dati Tu 1. Al questionario hanno risposto sette formatori di insegnanti di lingue. 2. Sei formatori parlano l inglese, sei il francese,

Dettagli

L unica linguaggi, consueti. domande e ambiti imprevisti o, comunque, diversi, in generale, da quelli più

L unica linguaggi, consueti. domande e ambiti imprevisti o, comunque, diversi, in generale, da quelli più GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO PER 2009 SCUOLA - 2010 PRIMARIA Il di Centro Gruppo Matematica di ricerca F. Enriques sulla didattica dell'università della matematica degli Studi nella scuola di Milano,

Dettagli

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE. Corso ECM Formazione a Distanza su piattaforma multimediale interattiva web

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE. Corso ECM Formazione a Distanza su piattaforma multimediale interattiva web I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Corso ECM Formazione a Distanza su piattaforma multimediale interattiva web Obiettivo formativo: contenuti tecnico-professionali (conoscenze e competenze) specifici

Dettagli

ECHO Informazioni sulla Svizzera: Regole pratiche per l insegnamento

ECHO Informazioni sulla Svizzera: Regole pratiche per l insegnamento ECHO Informazioni sulla Svizzera: Regole pratiche per l insegnamento Giugno 2005 Cari docenti, Vi ringraziamo per aver aderito al progetto ECHO mirante a fornire ai partecipanti al corso di orientamento

Dettagli

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità 1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità Roma, 21 Gennaio 2009 Palazzo Marini Sala delle Colonne Discorso di apertura, Luciano Baggiani Presidente ANEA Illustri ospiti,

Dettagli

CHE FARE? - Ruolo dei medici e delle sue organizzazioni - Centralità della Formazione - Una rivoluzione culturale

CHE FARE? - Ruolo dei medici e delle sue organizzazioni - Centralità della Formazione - Una rivoluzione culturale CHE FARE? - Ruolo dei medici e delle sue organizzazioni - Centralità della Formazione - Una rivoluzione culturale 1 I Medici come si inseriscono sui temi ambientali oggi? I medici rappresentano per la

Dettagli

PSICOLOGIA CLINICA E PSICOTERAPIA

PSICOLOGIA CLINICA E PSICOTERAPIA PSICOLOGIA CLINICA E PSICOTERAPIA 23 Direttore Rosario DI SAURO Università degli Studi di Roma Tor Vergata Centro Ricerche e Interventi in Psicologia Applicata (Ce- RIPA) di Latina Scuola Internazionale

Dettagli

BILANCIO ANNUALE DI PREVISIONE ESERCIZIO 2016

BILANCIO ANNUALE DI PREVISIONE ESERCIZIO 2016 ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI B A R I BILANCIO ANNUALE DI PREVISIONE ESERCIZIO 2016 RELAZIONE DEL PRESIDENTE Assemblea degli Iscritti Bari, 27 novembre 2015 Gentili colleghe

Dettagli

Engagement Survey, condotta su un campione di oltre 1.000 pazienti italiani.

Engagement Survey, condotta su un campione di oltre 1.000 pazienti italiani. Insight Driven Health I pazienti affetti da malattie croniche sembrano convinti che la possibilità di poter alle proprie cartelle cliniche digitali valga più delle loro preoccupazioni sui rischi per la

Dettagli

La voce dei donatori

La voce dei donatori La voce dei donatori Uno studio sul grado di soddisfazione e di efficienza percepita dai Donatori nei confronti dell organizzazione e delle attività dell Avis Comunale RE www.avis.re.it Gli obiettivi della

Dettagli

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente»

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Conferenza stampa annuale del 17 giugno 2014 Anne Héritier Lachat, presidente del Consiglio di amministrazione «Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Gentili Signore, egregi Signori, sono ormai trascorsi

Dettagli

Percorso raccomandato:

Percorso raccomandato: Percorso raccomandato: 1) Ottenere una diagnosi accurata. 2) Crescere il paziente come un bambino o una bambina (il consiglio dei medici è di grande aiuto in questa fase). 3) Ottenere informazioni dettagliate

Dettagli

LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER

LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER Indice INTRODUZIONE... 3 CF1 - SVILUPPARE IL CASO PER IL FUNDRAISING... 4 CF 1.1 : INDIVIDUARE LE NECESSITÀ DI FUNDRAISING DI UN ORGANIZZAZIONE NONPROFIT;...

Dettagli

La ricaduta organizzativa degli eventi di formazione. L esperienza del corso L a n a l i s i dei casi etici nella clinica

La ricaduta organizzativa degli eventi di formazione. L esperienza del corso L a n a l i s i dei casi etici nella clinica ARTICOLI ORIGINALI La ricaduta organizzativa degli eventi di formazione. L esperienza del corso L a n a l i s i dei casi etici nella clinica Autore: Dott.ssa Paola Zappa * 35 Quale tipo di formazione serve

Dettagli

A cura di Giorgio Mezzasalma

A cura di Giorgio Mezzasalma GUIDA METODOLOGICA PER IL MONITORAGGIO E VALUTAZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE E INFORMAZIONE FSE P.O.R. 2007-2013 E DEI RELATIVI PIANI OPERATIVI DI COMUNICAZIONE ANNUALI A cura di Giorgio Mezzasalma

Dettagli

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile)

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D1. COSA SONO LE ALTRE ATTIVITÀ FORMATIVE? D2. COME SI OTTENGONO

Dettagli

LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE

LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE periodico di idee, informazione, cultura a cura dell Associazione Infermieristica Sammarinese LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE Mi accingo a presiedere l AIS nel suo secondo triennio di vita. Mi ritengo

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

VQR 2011-2014 Istruzioni per la presentazione dei prodotti alla valutazione GEV 10 Scienze dell Antichità, Filosofico- Letterarie e

VQR 2011-2014 Istruzioni per la presentazione dei prodotti alla valutazione GEV 10 Scienze dell Antichità, Filosofico- Letterarie e VQR 2011-2014 Istruzioni per la presentazione dei prodotti alla valutazione GEV 10 Scienze dell Antichità, Filosofico- Letterarie e Storico-Artistiche Versione 1.0 10/12/2015 Sommario Obiettivi del documento...

Dettagli

Il Codice deontologico degli infermieri dell ICN

Il Codice deontologico degli infermieri dell ICN Il Codice deontologico degli infermieri dell ICN Il Codice deontologico degli infermieri del Consiglio internazionale degli infermieri Il codice internazionale di deontologia per la professione infermieristica

Dettagli

Sommario. Introduzione...9. 1. Libri e riviste digitali: formati e strumenti... 11 Vantaggi e svantaggi...12 I formati degli ebook...

Sommario. Introduzione...9. 1. Libri e riviste digitali: formati e strumenti... 11 Vantaggi e svantaggi...12 I formati degli ebook... Sommario Introduzione...9 1. Libri e riviste digitali: formati e strumenti... 11 Vantaggi e svantaggi...12 I formati degli ebook...15 I DRM...17 Le riviste digitali...18 I libri di testo, la nuova soluzione

Dettagli

Piazza dei Martiri, 1/2-40121 Bologna

Piazza dei Martiri, 1/2-40121 Bologna Piazza dei Martiri, 1/2-40121 Bologna Tolmezzo 09 Settembre 2011 TECNICI (NEUROPSICHIATRI, PSICOLOGI, LOGOPEDISTI INSEGNANTI DI OGNI ORDINE E GRADO GENITORI E DISLESSICI ADULTI Sensibilizzare il mondo

Dettagli

LA VISIONE INTERNAZIONALE DELLA TERAPIA OCCUPAZIONALE: UNA PROFESSIONE FORTE ED ESSENZIALE. Julie Cunningham 23 maggio 2009. juliecp@tiscali.

LA VISIONE INTERNAZIONALE DELLA TERAPIA OCCUPAZIONALE: UNA PROFESSIONE FORTE ED ESSENZIALE. Julie Cunningham 23 maggio 2009. juliecp@tiscali. LA VISIONE INTERNAZIONALE DELLA TERAPIA OCCUPAZIONALE: UNA PROFESSIONE FORTE ED ESSENZIALE Julie Cunningham 23 maggio 2009 juliecp@tiscali.it MARILYN PATTISON, WFOT Executive Director Voglio celebrare

Dettagli

Master Universitari in. Assistenza Infermieristica

Master Universitari in. Assistenza Infermieristica Anno accademico 2005-2006 Master per Infermiere di sanità pubblica e di comunità (ISPeC) Master Universitari in Assistenza Infermieristica autonomia didattica LAUREA RIFORMA UNIVERSITARIA crediti formativi

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE RAGIONIERI 00198 Roma Via G. Paisiello, 24 - www.consrag.it

CONSIGLIO NAZIONALE RAGIONIERI 00198 Roma Via G. Paisiello, 24 - www.consrag.it Norme di attuazione sull applicazione delle tecnologie di e-learning agli eventi formativi previsti nei programmi di formazione professionale continua per i ragionieri commercialisti Indice 1. Definizioni..3

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

1. C è spazio, e quanto, per l adozione locale di linee-guida e raccomandazioni

1. C è spazio, e quanto, per l adozione locale di linee-guida e raccomandazioni VII PRESENTAZIONE Le linee-guida e le raccomandazioni scientifiche nella vita vera del Servizio Sanitario Nazionale, ovvero come creare un clima che ne favorisca l adozione sul campo Qualche mese fa sono

Dettagli

LearnIT project PL/08/LLP-LdV/TOI/140001

LearnIT project PL/08/LLP-LdV/TOI/140001 LearnIT project PL/08/LLP-LdV/TOI/140001 Caro Lettore, Siamo lieti di presentare il sesto numero della newsletter LearnIT. In questo numero spiegheremmo lo sviluppo del i corsi LearnIT, la selezione dei

Dettagli

Esercito della salvezza, filiale di Zurigo

Esercito della salvezza, filiale di Zurigo Esercito della salvezza, filiale di Zurigo Karin Wüthrich, pedagoga sociale, Esercito della salvezza Quando, nell autunno 2008, il signor K. è stato messo in malattia, il responsabile dell Esercito della

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

Il peer-coaching all interno del progetto SUSTAIN

Il peer-coaching all interno del progetto SUSTAIN REPORT DI SINTESI sul PEER-COACHING Il peer-coaching all interno del progetto SUSTAIN Nel progetto SUSTAIN il peer coaching (coaching reciproco tra pari) è stato ideato come parte integrante della fase

Dettagli

Lucia Pigini: Esempi di utilizzo dei Portali SIVA ed EASTIN nella valutazione e scelta degli ausili. 03/02/2015

Lucia Pigini: Esempi di utilizzo dei Portali SIVA ed EASTIN nella valutazione e scelta degli ausili. 03/02/2015 Obiettivi Competenza di base sull utilizzo dei Portale SIVA ed Eastin: Ausili per l autonomia: il Portale SIVA nel percorso dalla valutazione del problema individuale id alla prescrizione i della soluzione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO

REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica Sezione Formativa di Ravenna Forlì Cotignola REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO Premessa L'attività formativa

Dettagli

COCCOLA DI MAMMA QUI MAMMA CI COVA. Associazioni di Promozione Sociale

COCCOLA DI MAMMA QUI MAMMA CI COVA. Associazioni di Promozione Sociale COCCOLA DI MAMMA QUI MAMMA CI COVA Associazioni di Promozione Sociale Chi siamo? Siamo genitori che vivono con i loro bambini e non nonostante loro. Siamo donne, compagne, mogli, amiche e... Mamme! Siamo

Dettagli

Carta dei Servizi. Chi Siamo. Che cosa facciamo. Cooperazione allo Sviluppo. Come Lavoriamo. Dove Siamo. Centro Studi e Formazione

Carta dei Servizi. Chi Siamo. Che cosa facciamo. Cooperazione allo Sviluppo. Come Lavoriamo. Dove Siamo. Centro Studi e Formazione Carta dei Servizi Chi Siamo Che cosa facciamo Come Lavoriamo Dove Siamo Cooperazione allo Sviluppo Centro Studi e Formazione Adozione Internazionale Emissione Gennaio 2013 Sez.III - 1 /9 Indice Indice...

Dettagli

NOI CON. Il nostro impegno e le nostre prestazioni per voi. Gli uffici regionali di collocamento e le casse di disoccupazione.

NOI CON. Il nostro impegno e le nostre prestazioni per voi. Gli uffici regionali di collocamento e le casse di disoccupazione. NOI CON VIi VOi Il nostro impegno e le nostre prestazioni per voi. Gli uffici regionali di collocamento e le casse di disoccupazione. Una campagna dell Assicurazione contro la disoccupazione in collaborazione

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

Progetto Exploring Houses N 509987-LLP-1-2010-1-TR GRUNDTVIG-GMP WP 7 Knowledge Base. Metodologia dell intervista. FAQ

Progetto Exploring Houses N 509987-LLP-1-2010-1-TR GRUNDTVIG-GMP WP 7 Knowledge Base. Metodologia dell intervista. FAQ Progetto Exploring Houses N 509987-LLP-1-2010-1-TR GRUNDTVIG-GMP WP 7 Knowledge Base. Metodologia dell intervista. FAQ Introduzione Le attività previste dal WP 7 Knowledge Base, permettono al progetto

Dettagli

Ciro Attaianese. Magnifico Rettore dell Università degli Studi di Cassino

Ciro Attaianese. Magnifico Rettore dell Università degli Studi di Cassino INDIRIZZI DI SALUTO Ciro Attaianese Magnifico Rettore dell Università degli Studi di Cassino Ringrazio la Professoressa Luisa Avitabile per l introduzione. Desidero innanzitutto porgere a tutti i presenti

Dettagli

Treviso lì 24/09/2011

Treviso lì 24/09/2011 Associazione Nazionale SINDACATO Professionisti Sanitari della funzione Infermieristica SEDE REGIONALE DEL VENETO Via S.Nicolò 8 31100 Treviso Telefax: 0422 546607 cell 3291065446 Email: regionale.veneto@nursingup.it

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELLA TESI DI LAUREA

LINEE GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELLA TESI DI LAUREA LINEE GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELLA TESI DI LAUREA OBIETTIVI E SIGNIFICATO La preparazione della tesi di Laurea è un importante opportunità attraverso cui lo studente può esprimere le proprie capacità

Dettagli

CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE IN RETE

CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE IN RETE CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE IN RETE ANNUALITA 2011/2012 Master e Corsi di Specializzazione per Laureati finanziati dalla Regione Campania attraverso Voucher Formativi individuali www.altaformazioneinrete.it

Dettagli

2011 PUATraining Italia Ltd. marchio di proprietà di PUATraining Italia Ltd. www.puatraining.it - info@puatraining.it

2011 PUATraining Italia Ltd. marchio di proprietà di PUATraining Italia Ltd. www.puatraining.it - info@puatraining.it Page 1 2011 PUATraining Italia Ltd marchio di proprietà di PUATraining Italia Ltd www.puatraining.it - info@puatraining.it Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte dell opera può essere tradotta,

Dettagli

La MISSIONE della Formazione

La MISSIONE della Formazione Presentiamo un contributo dell iscritta Enrica Cantinotti, che nella sua veste professionale di Referente per l Ufficio Formazione ASL 5 spezzino ha certamente un punto di vista privilegiato, circa la

Dettagli

Fogli Bis e autovalutazione finale

Fogli Bis e autovalutazione finale Laboratori di matematica di 2a elementare Fogli Bis e autovalutazione finale Informazioni e annotazioni per l insegnante Quest anno, oltre ai fogli Bis, così com erano previsti e proposti nei mini laboratori

Dettagli