ICF. L ICF è lo strumento che la WHO usa per classificare la salute e le disabilità

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ICF. L ICF è lo strumento che la WHO usa per classificare la salute e le disabilità"

Transcript

1 ICF L ICF è lo strumento che la WHO usa per classificare la salute e le disabilità

2 LA 54ª ASSEMBLEA MONDIALE DELLA SANITÀ (22 maggio 2001) - APPROVA E PUBBLICA L ICF - RACCOMANDA AGLI STATI MEMBRI DI UTILIZZARE L ICF PER RICERCA, STUDI DI POPOLAZIONE E NEI REPORTS

3 LA FAMIGLIA OMS DELLE CLASSIFICAZIONI INTERNAZIONALI (WHO-FIC) Classificazioni Principali ICD-10 CLASSIFICAZIONE STATISTICA INTERNAZIONALE DELLE MALATTIE E DEI PROBLEMI CORRELATI ALLA SALUTE DIAGNOSI DELLE CONDIZIONI DI SALUTE MODELLO EZIOLOGICO ICF CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO, DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE CLASSIFICAZIONE DELLE CONDIZIONI FUNZIONALI ASSOCIATE ALLE CONDIZIONI DI SALUTE MODELLO FUNZIONALE

4 PERCHÉ UNA CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO Cambiamento delle Politiche Socio Sanitarie: dalle patologie acute alla malattia cronica (transizione epidemiologica). Cambiamento nella prospettiva: dalla focalizzazione della patologia alla focalizzazione delle conseguenze della patologia. Necessità di un «linguaggio comune» per descrivere il funzionamento, da utilizzare a livello interdisciplinare e internazionale. Risposta ai bisogni della persona con disabilità e definizione di aree e parametri della disabilità per ottimizzare gli interventi.

5 A common language for different settings Rehabilitative Strategy Curative Strategy Acute context Acute curative care Acute rehabilitation Post-acute context Subacute supportive care Postacute rehabilitation Long-term context Primary care Community based Rehabilitation Lifetime support Stucki G et al. ICF-based classification and measurement of functioning Eur J Phys Med Rehabil 2008; 44:

6 MODELLO BIO-PSICO-SOCIALE problema personale terapia medica trattamento individuale aiuto professionale individuale e collettiva cambiamenti a livello comportamento assistenza politiche sanitarie adattamento individuale & problema sociale & integrazione sociale & azione sociale & responsabilità & manipolazione ambientale personale & atteggiamento, cultura & diritti umani & politica & cambiamento sociale

7 Processo abilitante e disabilitante

8 CONDIZIONE DI SALUTE Termine ombrello per malattia (acuta o cronica), disturbo, lesione o trauma. Può includere altre circostanze come la gravidanza, l invecchiamento, lo stress, un anomalia congenita o una predisposizione genetica. Le condizioni di salute sono codificate nell ICD-10.

9 La condizione di salute agisce non solo sull uomo, ma anche sul suo fare e sul contesto ambientale in cui vive Ma anche l ambiente può condizionare sia in senso positivo che negativo il fare dell uomo che si trova in una determinata condizione di salute

10 Componenti dell ICF Funzioni corporee & Strutture Attività & Partecipazione Fattori ambientali Menomazioni Funzioni Strutture Limitazioni dell attività Restrizioni della partecipazione Barriere Facilitatori

11 DIMENSIONI DI FUNZIONAMENTO E DISABILITÀ ASPETTI POSITIVI FUNZIONAMENTO FUNZIONI E STRUTTURE CORPOREE MENOMAZIONI ATTIVITÀ LIMITAZIONE DELL ATTIVITÀ PARTECIPAZIONE RESTRIZIONE DELLA PARTECIPAZIONE ASPETTI NEGATIVI DISABILITÀ

12 COSA È CLASSIFICATO NELL ICF? L ICF comprende tutti gli aspetti della salute e alcuni aspetti del benessere rilevanti per la salute UNIVERSO DELLA CLASSIFICAZIONE ICF Stato di salute: livello di funzionamento all interno di un dato dominio di salute Domini di salute Domini collegati alla salute Fattori Contestuali attenzione, memoria, visione, udito, camminare, apprendere, vestirsi, sostegno delle relazioni umane, capacità di lavorare trasporto, abitazione, istruzione, interazione sociale, lavoro, vita sociale e politica fattori ambientali e fattori personali

13 COSA È CLASSIFICATO NELL ICF? UNIVERSO DELLA CLASSIFICAZIONE Intestazione del Capitolo b2 Funzioni sensoriali e dolore Domini di salute e collegati alla salute I domini sono divisioni dell universo del funzionamento e disabilità conveniente e significativo d8 Aree di vita principali Intestazione del Blocco Funzioni visive e correlate (b210-b229) Camminare e spostarsi (d450- d469) Per i fattori ambientali, il termine dominio in senso stretto non si applica

14 FUNZIONAMENTO E DISABILITÀ Interpretazione dei Costrutti Funzioni Corporee Strutture Corporee Attività e Partecipazione cambiamenti osservabili nei sistemi fisiologici cambiamenti osservabili nelle strutture anatomiche cambiamenti nella capacità intrinseca della persona in un ambientestandard oppure cambiamenti nella performance nell ambiente attuale

15 Struttura dell ICF ICF PARTE 1: FUNZIONAMENTO E DISABILITÀ PARTE 2: FATTORI CONTESTUALI FUNZIONI CORPOREE STRUTTURE CORPOREE ATTIVITÀ E PARTECIPAZIONE FATTORI AMBIENTALI FATTORI PERSONALI

16 Struttura dell ICF ICF PARTE 1: FUNZIONAMENTO E DISABILITÀ PARTE 2: FATTORI CONTESTUALI FUNZIONI CORPOREE STRUTTURE CORPOREE ATTIVITÀ E PARTECIPAZIONE FATTORI AMBIENTALI FATTORI PERSONALI MODIFICAZIONI NELLE FUNZIONI CORPOREE MODIFICAZIONI NELLE STRUTTURE CORPOREE CAPACITÀ PERFORMANCE FACILITATORI/ BARRIERE

17 Struttura dell ICF ICF PARTE 1: FUNZIONAMENTO E DISABILITÀ PARTE 2: FATTORI CONTESTUALI FUNZIONI CORPOREE STRUTTURE CORPOREE ATTIVITÀ E PARTECIPAZIONE FATTORI AMBIENTALI FATTORI PERSONALI MODIFICAZIONI NELLE FUNZIONI CORPOREE MODIFICAZIONI NELLE STRUTTURE CORPOREE CAPACITÀ PERFORMANCE FACILITATORI/ BARRIERE ITEM ITEM ITEM ITEM livelli: 1 livelli: 1 livelli: 1 livelli:

18 Codice alfanumerico Idealmente un classificazione dovrebbe essere: non ridondante, non ambigua ed esaustiva. Ogni item nella classificazione richiama ad un dato unitario. Struttura ICF Codifica: designazione unitaria di ogni dato nella classificazione Classificazione Parte 1: Funzionamento e disabilità Parte 2: Fattori Contestuali Parti Funzioni e Strutture Corporee Attività e Partecipazione Fattori Ambientali Fattori Personali Componenti o Dimensioni Cambiam.Fu nz.ioni Corporee Cambiam.Str utture Corporee Capacità Performance Facilitatore/ Barriera Costrutti/ qualificatori livello item: 1 livello Item: 1 livello Item: 1 Iivello item: 1 livello Item: 1 Domini e categorie ai diversi livelli

19 FUNZIONI E STRUTTURE CORPOREE Funzioni corporee funzioni fisiologiche dei sistemi corporei, incluse le funzioni psicologiche Menomazioni problemi nelle funzioni o strutture corporee, come una significativa deviazione o perdita Strutture Corporee parti anatomiche del corpo come organi, arti e loro componenti

20 Funzioni e strutture corporee - Domini FUNZIONI MENTALI FUNZIONI SENSORIALI E DOLORE STRUTTURE DEL SISTEMA NERVOSO OCCHIO, ORECCHIO E STRUTTURE CORRELATE FUNZIONI DELLA VOCE E DELL ELOQUIO FUNZIONI DEI SISTEMI CARDIOVASCOLARE, EMATOLOGICO, IMMUNOLOGICO E DELL APPARATO RESPIRATORIO STRUTTURE COINVOLTE NELLA VOCE E NELL ELOQUIO STRUTTURE DEI SISTEMI CARDIOVASCOLARE, IMMUNOLOGICO, E DELL APPARATO RESPIRATORIO FUNZIONI DELL APPARATO DIGERENTE E DEI SISTEMI METABOLICO ED ENDOCRINO STRUTTURE CORRELATE ALL APPARATO DIGERENTE E AI SISTEMI METABOLICO ED ENDOCRINO FUNZIONI GENITOURINARIE E RIPRODUTTIVE STRUTTURE CORRELATE AI SISTEMI GENITOURINARIO E RIPRODUTTIVO FUNZIONI NEURO-MUSCOLOSCHELETRICHE E CORRELATE AL MOVIMENTO FUNZIONI DELLA CUTE E DELLE STRUTTURE CORRELATE STRUTTURE CORRELATE AL MOVIMENTO CUTE E STRUTTURE CORRELATE

21 ATTIVITÀ Attività l esecuzione di un compito o un azione da parte di un individuo Limitazioni dell attività difficoltà che un individuo può incontrare nell eseguire delle attività

22 PARTECIPAZIONE Partecipazione coinvolgimento in una situazione di vita Restrizioni della Partecipazione problemi che un può sperimentare nel coinvolgimento in situazioni di vita

23 Capacità Il più alto livello probabile di funzionamento che una persona può raggiungere in un determinato momento Caratteristica intrinseca della persona Ciò che una persona può fare Non dipendente dall ambiente Performance Descrive ciò che una persona fa nel suo ambiente attuale. Risultato reale dei fattori ambientali sul funzionamento Dipendente dall ambiente Se si sceglie di fare una determinata azione

24 Attività e partecipazione - Domini 1 Apprendimento e applicazione delle conoscenze 2 Compiti e richieste generali 3 Comunicazione 4 Mobilità 5 Cura della propria persona 6 Vita domestica 7 Interazioni interpersonali 8 Aree di vita principali 9 Vita sociale, civile e di comunità

25 Ambiente fisico e sue caratteristiche, il mondo fisico creato dall uomo, le altre persone, atteggiamenti e valori, sistemi sociali, servizi, politiche, regole e leggi Barriere fattori che, mediante la loro presenza o assenza, limitano il funzionamento e creano disabilità Facilitatori fattori che, mediante la loro presenza o assenza, migliorano il funzionamento e riducono la disabilità

26 1 Prodotti e tecnologie 2 Ambiente naturale e cambiamenti ambientali effettuati dall uomo 3 Relazioni e sostegno sociale 4 Atteggiamenti 5 Servizi, sistemi e politiche

27 Funzioni Corporee PRIMO Qualificatore Grado della Menomazione Strutture Corporee PRIMO Qualificatore Grado della Menomazione Attività e Partecipazione Fattori Ambientali SECONDO Qualificatore TERZO Qualificatore PRIMO Qualificatore SECONDO Qualificatore PRIMO Qualificatore Natura della Menomazione Localizzazione della Menomazione Performance (grado) Capacità (grado) Barriera o facilitatore (grado)

28 3 QUALIFICATORI ESTENSIONE DEL PROBLEMA NATURA DEL CAMBIAMENTO COLLOCAZIONE DEL PROBLEMA xxx.0 NESSUN problema xxx.1 problema LIEVE xxx.2 problema MEDIO xxx.3 problema GRAVE xxx.4 problema COMPLETO xxx.8 non specificato xxx.9 non applicabile 0 nessun cambiamento nella struttura 1 assenza totale 2 assenza parziale 3 parte in eccesso 4 dimensioni anormali 5 discontinuità 6 posizione deviante 7 cambiamenti qualitativi nella struttura, incluso l accumulo di fluidi 8 non specificato 9 non applicabile 0 più di una regione 1 destra 2 sinistra 3 entrambi i lati 4 frontale 5 dorsale 6 prossimale 7 distale 8 non specificato 9 non applicabile

29 Scegliere un insieme di codici per creare un profilo di funzionamento per l individuo... tenere conto di tutte le componenti dell ICF: Funzioni Corporee Strutture Corporee Attività e Partecipazione Fattori Ambientali

30 Codificare solo le informazioni rilevanti...nel contesto di una condizione di salute; assumendo che il soggetto sceglierebbe di compiere l azione.

31 Codificare solo le informazioni esplicite codificare le osservazioni, non le inferenze. L ICF non è uno strumento diagnostico t

32 TERMINE DI PRIMO LIVELLO Capitolo 4 Funzioni dei sistemi cardiovascolare, ematologico, immunologico e dell apparato respiratorio Questo capitolo riguarda le funzioni relative al sistema cardiovascolare (funzioni del cuore e dei vasi sanguigni), al sistema ematologico e a quello immunologico (funzioni di produzione del sangue e immunità), e all apparato respiratorio (funzioni di respirazione e di tolleranza all esercizio fisico). Funzioni del sistema cardiovascolare (b410-b429) NOME DEL BLOCCO b435 Funzioni del sistema immunologico CODICE TERMINE DI SECONDO LIVELLO DEFINIZIONE OPERATIVA funzioni corporee correlate alla protezione da sostanze estranee, incluse le infezioni, causate da reazioni immunitarie specifiche e non specifiche Inclusioni: reazione immunitaria (specifica e non specifica); reazioni di ipersensibilità; funzioni dei linfonodi e dei vasi linfatici; funzioni dell immunità cellulo-mediata, immunità trasmessa da anticorpi; reazione all immunizzazione ; menomazioni come nell autoimmunità, nelle reazioni allergiche, nella linfadenite e nel linfedema. Esclusione: funzioni del sistema ematologico (b430) ESCLUSIONI INCLUSIONI

33 Capitolo 4 Funzioni dei sistemi cardiovascolare, ematologico, immunologico e dell apparato respiratorio Questo capitolo riguarda le funzioni relative al sistema cardiovascolare (funzioni del cuore e dei vasi sanguigni), al sistema ematologico e a quello immunologico (funzioni di produzione del sangue e immunità), e all apparato respiratorio (funzioni di respirazione e di tolleranza all esercizio fisico). Funzioni del sistema cardiovascolare (b410-b429) b435 Funzioni del sistema immunologico Funzioni corporee correlate alla protezione da sostanze estranee, incluse le infezioni, causate da reazioni immunitarie specifiche e non specifiche Inclusioni: reazione immunitaria (specifica e non specifica); reazioni di ipersensibilità; funzioni dei linfonodi e dei vasi linfatici; funzioni dell immunità cellulo-mediata, immunità trasmessa da anticorpi; reazione all immunizzazione; menomazioni come nell autoimmunità, nelle reazioni allergiche, nella linfadenite e nel linfedema. Esclusione: funzioni del sistema ematologico (b430) b4350 Rezione immunitaria Funzioni della reazione di sensibilizzazione dell organismo alle sostanze estranee, incluse le infezioni TERMINE DI QUARTO LIVELLO b43500 TERMINE DI TERZO LIVELLO Reazione immunitaria specifica Funzioni della reazione di sensibilizzazione dell organismo a una sostanza estranea specifica b43501 Reazione immunitaria non specifica Funzioni della reazione generale di sensibilizzazione dell organismo alle sostanze estranee, incluse le infezioni. rolling-up

34 Capitolo 4 Funzioni dei sistemi cardiovascolare, ematologico, immunologico e dell apparato respiratorio Questo capitolo riguarda le funzioni relative al sistema cardiovascolare (funzioni del cuore e dei vasi sanguigni), al sistema ematologico e a quello immunologico (funzioni di produzione del sangue e immunità), e all apparato respiratorio (funzioni di respirazione e di tolleranza all esercizio fisico). Funzioni del sistema cardiovascolare (b410-b429) b435 Funzioni del sistema immunologico Funzioni corporee correlate alla protezione da sostanze estranee, incluse le infezioni, causate da reazioni immunitarie specifiche e non specifiche Inclusioni: reazione immunitaria (specifica e non specifica); reazioni di ipersensibilità; funzioni dei linfonodi e dei vasi linfatici; funzioni dell immunità cellulo-mediata, immunità trasmessa da anticorpi; reazione all immunizzazione; menomazioni come nell autoimmunità, nelle reazioni allergiche, nella linfadenite e nel linfedema. Esclusione: funzioni del sistema ematologico (b430) b4350 Rezione immunitaria Funzioni della reazione di sensibilizzazione dell organismo alle sostanze estranee, incluse le infezioni b43500 Reazione immunitaria specifica Funzioni della reazione di sensibilizzazione dell organismo a una sostanza estranea specifica b43501 Reazione immunitaria non specifica Funzioni della reazione generale di sensibilizzazione dell organismo alle sostanze estranee, incluse le infezioni. b4358 Funzioni del sistema immunologico, altro specificato b4359 Funzioni del sistema immunologico, non specificato

35 Primo qualificatore Secondo qualificatore Decimale (divisore) Terzo qualificatore Quarto qualificatore _ X X X X. Identificatore delle dimensioni b = Funzioni corporee s = Strutture corporee d = Attività e Partecipazione e = Fattori Ambientali bxxxx._ sxxxx._ dxxx._ exxx._

36 CODIFICA CON ICF b Componente (Funzioni corporee) b = Funzioni Corporee s = Strutture Corporee d = Attività e Partecipazione e = Fattori Ambientali

37 CODIFICA CON ICF b Categoria secondo livello 1 livello di categoria b435 Funzioni del sist. immunologico Villa Umbra, Novembre 2009

38 CODIFICA CON ICF b Categoria terzo livello livello di sotto-categoria b4350 reazione immunitaria

39 CODIFICA CON ICF b Categoria quarto livello b43500 reazione immunitaria specifica livello di sotto-categoria

40 CODIFICA CON ICF b Gravità primo qualificatore Menomazione lieve Altre classificazioni possono usare più qualificatori (3 per s e 2 per d) mentre per i fattori ambientali si appone un + al posto del punto per identificare i facilitatori ed un punto per indicare le barriere. t

41 Funzioni Corporee PRIMO Qualificatore Grado della Menomazione Strutture Corporee PRIMO Qualificatore Grado della Menomazione SECONDO Qualificatore Natura della Menomazione Attività e Partecipazione TERZO Qualificatore PRIMO Qualificatore Localizzazione della Menomazione Performance (grado) SECONDO Qualificatore Capacità (grado) Fattori Ambientali PRIMO Qualificatore Barriera o facilitatore (grado)

42 Scala di gravità Primo qualificatore % tempo indicazioni _xxx.0 : nessun problema (assente, trascurabile) 0-4% l individuo non ha alcun problema; _xxx.1 : problema lieve (leggero, basso) _xxx.2 : problema medio (moderato, discreto) 5-24% il problema è presente meno del 25% del tempo, ha un intensità che l individuo tollera e si presenta raramente negli ultimi 30 giorni; 25-49% il problema è presente meno del 50% del tempo, con un intensità che interferisce nella vita quotidiana e accade occasionalmente negli ultimi 30 giorni; _xxx.3 : problema grave (elevato, estremo) _xxx.4 : problema completo (totale) _xxx.8 : non specificato 50-95% il problema è presente per più del 50% del tempo, con un intensità parzialmente disturbante nella vita quotidiana e accade frequentemente negli ultimi 30 giorni; % il problema è presente per più del 95% del tempo, con un intensità totalmente disturbante nella vita quotidiana e che accade ogni giorno negli ultimi 30 giorni; informazioni insufficienti per specificare la gravità del problema; _xxx.9 : non applicabile inappropriato applicare un particolare codice ((es: b650 Funzioni della mestruazione per donne in età di pre-menarca o di postmenopausa).

43 3 QUALIFICATORI ESTENSIONE DEL PROBLEMA xxx.0 NESSUN problema xxx.1 problema LIEVE xxx.2 problema MEDIO xxx.3 problema GRAVE xxx.4 problema COMPLETO xxx.8 non specificato xxx.9 non applicabile NATURA DEL CAMBIAMENTO 0 nessun cambiamento nella struttura 1 assenza totale 2 assenza parziale 3 parte in eccesso 4 dimensioni anormali 5 discontinuità 6 posizione deviante 7 cambiamenti qualitativi nella struttura, incluso l accumulo di fluidi 8 non specificato 9 non applicabile COLLOCAZIONE DEL PROBLEMA 0 più di una regione 1 destra 2 sinistra 3 entrambi i lati 4 frontale 5 dorsale 6 prossimale 7 distale 8 non specificato 9 non applicabile

44 capacità d4751: performance

45 d475. Guidare d _ riuscire a guidare realmente con difficoltà lieve d4751._ 3 grave difficoltà nella capacità di guidare d grave difficoltà nella capacità di guidare e difficoltà lieve nella guida reale

46 d450. camminare d450.1 _ camminare con difficoltà lieve d450._ 2 moderata difficoltà nella capacità di camminare d moderata difficoltà nella capacità di camminare, e difficoltà lieve nel camminare

47 UN QUALIFICATORE exxx.0 exxx.1 exxx.2 exxx.3 exxx.4 exxx.8 exxx.9 Barriera NESSUNA barriera barriera LIEVE barriera MEDIA barriera GRAVE barriera COMPLETA barriera non specificato non applicabile Facilitatore exxx+0 NESSUN facilitatore exxx+1 facilitatore LIEVE exxx+2 facilitatore MEDIO exxx+3 facilitatore SOSTANZIALE exxx+4 facilitatore COMPLETO exxx+8 facilitatore non specificato exxx.9 non applicabile

48 Un bambino con ritardo mentale necessita di un insegnante di supporto e330+3 Persone in posizione di autorità facilitatore sostanziale insegnante: è un e585+2 Servizi, sistemi e politiche dell istruzione e della formazione: sono un facilitatore medio

49 Dictionaries of human languages Words and descriptions of these words which enable us to communicate all aspects of the human experience words The ICF dictionary Names, codes, and descriptions of categories which enable us to communicate about the human experience in relation to functioning and disability

50 How many elements / words do we need to comprehensively describe or classify the human experience of functioning and disability? 1454 ICF categories

51 How many of the words of a spoken language do we need in day-to-day reality? 2000 words cover 85% of the spoken language with additional 2500 words one covers 95%! How many of the 1454 ICF categories do we need in clinical practice or research?

52 ICF Checklist Selezione di categorie salienti: - Funzioni corporee - Strutture corporee - Attività e Partecipazione - Fattori Ambientali Altre informazioni contestuali

53 e110 e115 e120 e125 e135 e b1 b130 b134 b152 b180 b1801 s299 s710 s720 s730 s73001 s73011 d170 d230 d360 d410 d415 d430 ICF Core Sets fractions of the ICF relevant for specific health conditions and/or a specific context link the ICF to the ICD

54 Strategia dei Coreset Research & Clinical encounter (by a single profession) Approximately Multi-disciplinary assessment (by a team) approximately Selection depends on Brief ICF Core Sets Comprehensive ICF Core Sets Health condition (dementia vs headache vs stroke) Context (acute, postacute, long-term; age)

55 ICF CORE SETS Artrite Reumatoide Asma Cancro al seno Depressione,disturbi Bipolari Diabete Mellito Disturbi della vista (ipovisione) Disturbo Polmonare Dolore alla schiena Dolore cronico diffuso Lesioni Spinali Lesioni traumatiche Malattia Cardiaca Coronarica Obesità Osteoartrite Osteoporosi Problemi del sonno Psoriasi e Artrite Psoriatica Sclerosi Multipla Spondiloatrire anchilosante Stroke Tumore al collo e alla testa

56 L ICF è un «work in progress»... Fornire alle scale dei qualificatori un contenuto operazionale. Correlazione con strumenti clinici esistenti per l assessment

57 Quindi, cosa è l ICF? Un linguaggio interdisciplinare Un sistema di classificazione Un sistema di valutazione qualitativa Non è un sistema di misura

58 Analizza e scompone la complessità Organizza l osservazione nel team Da un ordine possibile agli strumenti di misura Migliora il livello della valutazione Guida gli interventi riabilitativi È supporto per il follow-up

59 Rehab-CYCLE Modello formato da cicli modulari (all interno dei quali si stabiliscono dei cycle goals ) che seguono l evoluzione del paziente in tutto il suo percorso, dalla fase acuta all eventuale rientro domiciliare. Rauch et al, 2008

60 Definition of goals and intervention targets Hierarchic structure of rehabilitation goals Society level Global Goal Provider level Service Program Goal e.g. acute hospital Service Program Goal e.g. early post-acute rehab-facility Service Program Goal e.g. In-patient rehabilitation Service Program Goal e.g. Out-patient rehabilitation Practice level Cycle goals Cycle goals Cycle goals Cycle goals Cycle goals Cycle goals Cycle goals Cycle goals Time Level of goal definition Body functions and body structures Activity and participation

61 Quali sono i CYCLE GOALS? Una volta identificati i vari problemi occorrerà valutare: Quali hanno una ricaduta positiva e negativa Quali di questi sono rilevanti per il paziente Quali sono modificabili Su quali di questi può lavorare il team, in base alle sue caratteristiche, al contesto ed alla fase della patologia

62 Personal factors Environmental factors Activity / Participation Body function /- structure b280 b4202 b710 Intervention targets MD Nu PT OT Ps rs y X X X X X X X X X Sensation of pain Maintenance of blood pressure Mobility of joint functions b7300 Power of isolated muscles b7305 Power of muscles of the trunk b7353 Tone of muscles of lower half b755 Involuntary movement reactions s810 Structure of areas os skin X X S W Oth Intervention First value Manual therapy 2 3 Medication, Compression hosery 0 Active and passive movement of joints 1 Muscle power training with equipment 2 Muscle power training without equipment 2 Medication, Hippotherapy, Water therapy 3 Movement reaction training 0 Skin control, Education for skin care Goal value Final value d410 Changing basic body positions d4153 Maintaining a body position d420 Transferring oneself d465 Moving around using equipment d475 Driving d510 Washing oneself d520 Caring for body parts d5301 Regulating defecation d540 Dressing d570 Looking after one s health d850 Remunerative employment X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X Training of activites of daily living Muscle power training, movement reaction tr. Training of activites of daily living Wheelchair training Driving training Training of activites of daily living Training of activites of daily living, Counselling Training of bowel management, Counselling Training of activites of daily living Education, Counselling, Vocational training e115 Products and techn. for use in daily e120 Products and techn. for mobility e155 Design, construction of buildings X X X X X X Choice and adaptation of assistive devices Choice and adaptation of wheelchair Clarification of living situation (private build.) pf pf pf Coping with disease Acceptance of emotions Self competencies X X X Other psych. therapy, Psych. counselling Other psych. therapy, Psych. counselling Other psych. therapy, Psych. counselling

63 Community integration Independence in daily living Mobility Self-Care Vocational reintegration

64 Community integration Independence in daily living Mobility Self-Care Vocational reintegration CG1 CG1 CG1 CG1 CG1 CG1 CG1, 2 CG1, 2 CG1, 2 CG1 CG1 CG1 CG2 CG2 CG2 CG2 CG2 GG GG CG1 CG2 CG2 SPG SPG SPG GG

65 Valutazione e Programma Problema ICF Note Obiettivi Modalità operativa Operatori Tempi Indicatori Tono b Collaborante Tono Mobilizza -zione Tossina Tutore FT Medico TO 15 gg Ashworth Dolore (NRS 4 ) b280.2 Dolore Terapia manuale Posiziona -mento Farmaci FT IP-OSS Medico 7 gg NRS-VAS

66 FIM/Rating Levels - ICF FIM ICF (0-4%) Menomazione da assente a lieve ( 5%-24% ) Menomazione lieve 3 2 ( 25%-49% ) Menomazione media ( 50%-100% ) Menomazione grave-completa

67

68 PUNTEGGIO FIM/WeeFIM ORE DI ASSISTENZA GIORNALIERA , , (diminuzione di 3-5 minuti per ogni aumento di punto FIM

69 L ICF è uno strumento di classificazione

70 Operationalization of ICF categories WALKING ( d450 ) in the acute hospital 0 More than 100 m, inside and outside ( with or without walking device) 1 Independent walking inside between 10 and 100m, several times a day 2 Walking independently in the ward, with or without walking device (10-100m) 3 Can walk independently in his/her room ( up to 10m ) with or without walking device 4 Incapable of walking independently

71 Sensation of Pain ( b280 ) 0 0 points on the NRS 1 1 to 2 points on the NRS 2 3 to 5 points on the NRS 3 6 to 9 points on the NRS 4 10 points on the NRS

72 Ingestion Functions ( b510 ) 0 Capable of taking in normal, solid and liquid food 1 Capable of drinking, but needs time and special attention 2 Capable of taking in pureed food and/or concentrated liquids in sips 3 Only capable of taking in solid food in pieces 4 No oral food intake possible

73 ICF come scheletro di supporto al Progetto-Programma Profilo funzionale ordinato per sistemi e componenti Linguaggio condiviso e trasferibile all'esterno Descrizione di facilitatori e barriere Traduttore universale di assessment specialistici

APPUNTI DI ICF. Com è rappresentato il modello biopsicosociale nell ICF?

APPUNTI DI ICF. Com è rappresentato il modello biopsicosociale nell ICF? APPUNTI DI ICF Il dibattito fra modello medico e sociale di disabilità è continuato per quasi 40 anni. I due modelli differiscono in molti aspetti: caratterizzano che tipo di problema sia la disabilità;

Dettagli

A cura del Prof. Antonio Pignatto. ANTIFORMA S.r.l. Via M. Aurelio, 55 Milano Tel: 02 28.97.02.49 www.antiforma.it

A cura del Prof. Antonio Pignatto. ANTIFORMA S.r.l. Via M. Aurelio, 55 Milano Tel: 02 28.97.02.49 www.antiforma.it I BISOGNI DEL PAZIENTE AUDIOLESO, TRA SALUTE E DISABILITA A cura del Prof. Antonio Pignatto ANTIFORMA S.r.l. Via M. Aurelio, 55 Milano Tel: 02 28.97.02.49 www.antiforma.it ICF Un nuovo membro della famiglia

Dettagli

ICF-CY. Uso dell'icf-cy Come strumento di valutazione

ICF-CY. Uso dell'icf-cy Come strumento di valutazione ICF-CY Uso dell'icf-cy Come strumento di valutazione Dott.ssa Marianna Piccioli Supervisore Scienze della Formazione Primaria Università degli Studi di Firenze Che cosa è l ICF? Si tratta della classificazione

Dettagli

Utilizzo della Classificazione ICF Esperienza della Regione Lazio

Utilizzo della Classificazione ICF Esperienza della Regione Lazio Utilizzo della Classificazione ICF Esperienza della Regione Lazio ICF, OUTCOME e RIABILITAZIONE Perugia, 24 giugno 2011 Gabriella Guasticchi - Rita De Giuli Perché l ICF nel Sistema Informativo per l Assistenza

Dettagli

ICF. Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute. Dott.ssa GABRIELLA COI

ICF. Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute. Dott.ssa GABRIELLA COI ICF Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute Dott.ssa GABRIELLA COI Il concetto di salute promosso dall OMS L Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) è l agenzia

Dettagli

L ICF - Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute

L ICF - Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute L ICF - Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute CHE COS È È una classificazione della salute e dei domini ad essa correlati che aiuta a descrivere i cambiamenti

Dettagli

Dr Matilde Leonardi Co-Chair WHO-ICF children group Coordinatore Scientifico Progetto ICF in Italia Responsabile Progetto Disabilità INN CB

Dr Matilde Leonardi Co-Chair WHO-ICF children group Coordinatore Scientifico Progetto ICF in Italia Responsabile Progetto Disabilità INN CB L ICF e la sua filosofia Bolzano 18 novembre 2004 Dr Matilde Leonardi Co-Chair WHO-ICF children group Coordinatore Scientifico Progetto ICF in Italia Responsabile Progetto Disabilità INN CB IRCCS Istituto

Dettagli

ICF : approccio educativo. Elisabetta Ghedin Facoltà di Scienze della Formazione

ICF : approccio educativo. Elisabetta Ghedin Facoltà di Scienze della Formazione ICF : approccio educativo Elisabetta Ghedin Facoltà di Scienze della Formazione LINEE GUIDA PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITA L ICF sta penetrando nelle pratiche di diagnosi condotte

Dettagli

Pescara 2 dicembre 2011 Dott.ssa Monica Pradal - pedagogista

Pescara 2 dicembre 2011 Dott.ssa Monica Pradal - pedagogista VERSO UNA SCUOLA INCLUSIVA DALL ICF AL PEI Pescara 2 dicembre 2011 Dott.ssa Monica Pradal - pedagogista CHE COS E L ICF? Un modello concettuale di approccio globale al funzionamento della persona, che

Dettagli

CHECKLIST ICF Scheda per il Clinico per la Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute (O.M.S.

CHECKLIST ICF Scheda per il Clinico per la Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute (O.M.S. CHECKLIST ICF Scheda per il Clinico per la Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute (O.M.S. settembre 03) Questa è una Checklist delle principali categorie della

Dettagli

ICF ed INCLUSIONE PROF.SSA EMANUELA D AMBROS LICEO STATALE C. PORTA ERBA

ICF ed INCLUSIONE PROF.SSA EMANUELA D AMBROS LICEO STATALE C. PORTA ERBA ICF ed INCLUSIONE PROF.SSA EMANUELA D AMBROS LICEO STATALE C. PORTA ERBA La scuola oggi presenza sempre più diffusa di alunni con Bisogni Educativi Speciali. SEN SPECIAL EDUCATIONAL NEEDS Occorre ripensare

Dettagli

Centro Territoriale per l Integrazione di Garda

Centro Territoriale per l Integrazione di Garda Centro Territoriale per l Integrazione di Garda CORSO DI FORMAZIONE: Strategie didattiche e organizzative per una didattica inclusiva Le applicazioni in ambito educativo del modello ICF. Relatore: Dr.ssa

Dettagli

L attività riabilitativa estensiva e di mantenimento nel Lazio Progetti avviati nel 2004

L attività riabilitativa estensiva e di mantenimento nel Lazio Progetti avviati nel 2004 Sistema Informativo per l Assistenza Riabilitativa L attività riabilitativa estensiva e di mantenimento nel Lazio Progetti avviati nel 2004 Roma, 15 luglio 2005 La Classificazione Internazionale del Funzionamento,

Dettagli

NUOVE TECNOLOGIE E DISABILITÀ: DAL DIRE AL FARE

NUOVE TECNOLOGIE E DISABILITÀ: DAL DIRE AL FARE NUOVE TECNOLOGIE E DISABILITÀ: DAL DIRE AL FARE Dir. Min.27/12/2012 STRUMENTI D INTERVENTO PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI E ORGANIZZAZIONE TERRITORIALE PER L INCLUSIONE SCOLASTICA Fondandosi

Dettagli

ICF a scuola Indicazioni operative

ICF a scuola Indicazioni operative UST Cremona In collaborazione con CTS Cremona ICF a scuola Indicazioni operative Paola Romagnoli a.s. 2013-2014 Che cos è l ICF? È un sistema di classificazione multidisciplinare, innovativo per impostazione,

Dettagli

TFA Università degli Studi G. d Annunzio Chieti Pescara A.A. 2014 / 2015. Pedagogia Speciale

TFA Università degli Studi G. d Annunzio Chieti Pescara A.A. 2014 / 2015. Pedagogia Speciale TFA Università degli Studi G. d Annunzio Chieti Pescara A.A. 2014 / 2015 Pedagogia Speciale etdoraz@tin.it Prof. Ettore D Orazio TESTI DI RIFERIMENTO Marisa Pavone, L' inclusione educativa. Indicazioni

Dettagli

LA DIAGNOSI FUNZIONALE SECONDO L ICFL

LA DIAGNOSI FUNZIONALE SECONDO L ICFL LA DIAGNOSI FUNZIONALE SECONDO L ICFL Dario Ianes Centro Studi Erickson Università di Bolzano www.darioianes.it 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it VALUTAZIONE O DIAGNOSI? 1. Diagnosi come corretto riconoscimento

Dettagli

L applicazione dell Icf nelle statistiche sulla disabilità

L applicazione dell Icf nelle statistiche sulla disabilità L applicazione dell Icf nelle statistiche sulla disabilità Alessandro Solipaca Disabilità e integrazione sociale ISTAT Convegno finale La diffusione dell ICF* nell inserimento lavorativo dei disabili 28

Dettagli

ICF DALLA CONDIVISIONE DEL LINGUAGGIO, ALL OSSERVAZIONE PARTECIPATA

ICF DALLA CONDIVISIONE DEL LINGUAGGIO, ALL OSSERVAZIONE PARTECIPATA La rivoluzione dell ICF: ogni persona, in qualunque momento della vita, può avere una condizione di salute che in un contesto sfavorevole diventa disabilità. M. Leonardi ICF DALLA CONDIVISIONE DEL LINGUAGGIO,

Dettagli

ICF CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE

ICF CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE ICF CLASSIFICAZIONE INTERNATIONAL CLASSIFICATION OF FUNCTIONING, DISABILITY AND HEALTH INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE COMMISSIONE DISAGIO E DISABILITÀ A. S. 2010- PREMESSA

Dettagli

1. Background. Introduzione

1. Background. Introduzione Introduzione 13 1. Background In questo volume viene presentata la versione breve 1 della Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute, nota come ICF. 2 Lo scopo generale

Dettagli

dell International Classification of Functioning,

dell International Classification of Functioning, PROGETTO IO TI CONOSCO Presentazione dell International Classification of Functioning, Disability and Health (ICF) A cura di Giovanni Viganò - Synergia gvigano@synergia-net.it Aosta, 14 Aprile 2012 COS

Dettagli

QUESTIONARIO ICF-CY DI Versione 1.A, 4-6 anni*

QUESTIONARIO ICF-CY DI Versione 1.A, 4-6 anni* QUESTIONARIO ICF-CY DI Versione 1.A, 4-6 anni* (Copyright Italy, Netherlands, Sweden, Switzerland, USA) Questa scheda è composta da una selezione di codici della Classificazione Internazionale del Funzionamento,

Dettagli

MODULO I CONCETTO DI SALUTE DELL OMS. Modello OMS di Salute Salute = assenza di malattia

MODULO I CONCETTO DI SALUTE DELL OMS. Modello OMS di Salute Salute = assenza di malattia SALUTE E DISABILITÀ NELL ICF Modello OMS di Salute MODULO I Concetti di Disabilità Modello bio-psico-sociale di Disabilità dell ICF DEFINIZIONE DELLO STATO DI SALUTE CONCETTO DI SALUTE DELL OMS SALUTE

Dettagli

ICF. Attività e partecipazione nella Persona con disabilità da Mielolesione SEZIONI RICLASSIFICATE PER CONDIZIONI DI SALUTE, DISTURBO O MALATTIA

ICF. Attività e partecipazione nella Persona con disabilità da Mielolesione SEZIONI RICLASSIFICATE PER CONDIZIONI DI SALUTE, DISTURBO O MALATTIA ICF SEZIONI RICLASSIFICATE PER CONDIZIONI DI SALUTE, DISTURBO O MALATTIA delle Sezioni : Produzione documenti di Consenso - Percorsi di presa in carico per una Attività e Partecipazione (*) Attività e

Dettagli

I.C.F. IL PENSARE PEDAGOGICO DEGLI ALUNNI DISABILI* I- PREMESSE PER L INCLUSIONE SCOLASTICA. a- CARATTERISTICHE. del PERCORSO FORMATIVO

I.C.F. IL PENSARE PEDAGOGICO DEGLI ALUNNI DISABILI* I- PREMESSE PER L INCLUSIONE SCOLASTICA. a- CARATTERISTICHE. del PERCORSO FORMATIVO IL PENSARE PEDAGOGICO I.C.F. PER L INCLUSIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI DISABILI* (Dimensioni I.C.F. per il PEI) Isp. Luigi FAVRO a.s. 11/12 I- PREMESSE a- CARATTERISITCHE, FINALITA e SCANSIONI del PERCORSO

Dettagli

Dal profilo dell'alunno alla progettazione del contesto e delle. di qualità

Dal profilo dell'alunno alla progettazione del contesto e delle. di qualità Dal profilo dell'alunno alla progettazione del contesto e delle azioni per un'inclusione scolastica di qualità Chiara Carabelli I.C. S. Fedele Intelvi Carabelli Chiara 1 indice Dalla diagnosi al profilo

Dettagli

PRESENTAZIONE. On. Antonio De Poli Assessore Regionale alle Politiche Sociali, Programmazione Socio Sanitaria, Volontariato e Non Profit

PRESENTAZIONE. On. Antonio De Poli Assessore Regionale alle Politiche Sociali, Programmazione Socio Sanitaria, Volontariato e Non Profit PRESENTAZIONE Lo scenario sulla disabilità è interessato da un processo di profonda trasformazione che negli ultimi anni ha sollecitato l attenzione dei Governi, delle loro strutture operative, delle associazioni

Dettagli

Approfondimenti su I C F C Y: Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute

Approfondimenti su I C F C Y: Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute Approfondimenti su I C F C Y: Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute La funzione generale della classificazione ICF è quella di fornire un linguaggio standard

Dettagli

L APPLICAZIONE DELL ICF NEGLI STRUMENTI DI DOCUMENTAZIONE

L APPLICAZIONE DELL ICF NEGLI STRUMENTI DI DOCUMENTAZIONE ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SANITA International Classification of Functioning, Disability and Health L APPLICAZIONE DELL ICF NEGLI STRUMENTI DI DOCUMENTAZIONE Dott.ssa Monica Pradal Pedagogista,, IRCCS

Dettagli

DOMINI / AREE PRINCIPALI CLASSIFICAZIONE ICF-CY (OMS, 2007)

DOMINI / AREE PRINCIPALI CLASSIFICAZIONE ICF-CY (OMS, 2007) DOMINI / AREE PRINCIPALI CLASSIFICAZIONE ICF-CY (OMS, 2007) Capitolo 1 Funzioni mentali FUNZIONI CORPOREE Funzioni mentali globali (b110-b139) b110 Funzioni della coscienza b114 Funzioni dell orientamento

Dettagli

Scienze riabilitative

Scienze riabilitative UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE AZIENDA ULSS 12 VENEZIANA Corso di laurea in Infermieristica a.a. 2010/2011 Corso Integrato di Disabilità Cronicità Scienze riabilitative Dott. Mag. Luigia Sangiani Fisioterapista

Dettagli

M1. Le definizioni di menomazione, disabilità ed handicap

M1. Le definizioni di menomazione, disabilità ed handicap L ICF è la classificazione internazionale del funzionamento della disabilità e della salute. La famiglia delle classificazioni internazionali dell OMS fornisce un modello di riferimento che consente di

Dettagli

Così nel 2002 fu creata la classificazione ICF (International Classification of Functioning and health) presentata dall OMS ed attualmente in vigore.

Così nel 2002 fu creata la classificazione ICF (International Classification of Functioning and health) presentata dall OMS ed attualmente in vigore. ICF E la risposta riabilitativa all ICD (International Classification of Disease) che ha permesso di avere un linguaggio comune su tutte le patologie ad es. un paziente che viene curato in Italia e deve

Dettagli

GLOSSARIO TERMINI ICF E AAMR CON SUGGERIMENTI PER IL LORO UTILIZZO. ATTIVITA & PARTECIPAZIONE (ICF 2001)...pg 2. CAPACITA (ICF 2001)...

GLOSSARIO TERMINI ICF E AAMR CON SUGGERIMENTI PER IL LORO UTILIZZO. ATTIVITA & PARTECIPAZIONE (ICF 2001)...pg 2. CAPACITA (ICF 2001)... GLOSSARIO TERMINI ICF E AAMR CON SUGGERIMENTI PER IL LORO UTILIZZO ATTIVITA & PARTECIPAZIONE (ICF 2001)........................pg 2 CAPACITA (ICF 2001).............................................pg 4

Dettagli

MODULI FORMATIVI uno strumento per operatori e formatori che si occupano di persone adulte con disabilità gravi

MODULI FORMATIVI uno strumento per operatori e formatori che si occupano di persone adulte con disabilità gravi Approcci innovativi per sviluppare le abilità professionali delle persone con gravi disabilità MODULI FORMATIVI uno strumento per operatori e formatori che si occupano di persone adulte con disabilità

Dettagli

ROMA, 6 e 7 marzo 2013. Applicazione di ICF nella scuola inclusiva, orientata alla qualità della vita

ROMA, 6 e 7 marzo 2013. Applicazione di ICF nella scuola inclusiva, orientata alla qualità della vita Centro Studi Psico Medico Pedagogico della Mediazione formazione - applicazione ricerca - sperimentazione - psicopedagogico e clinica Eboli Via San Berardino, 28/a - Brescia Via Cipro, 96 CSPDM Onlus ROMA,

Dettagli

Introduzione alla disabilità

Introduzione alla disabilità ASPHI Fondazione Onlus Introduzione alla disabilità Sommario 1. La disabilità: definizione, numeri e domande 2. Tecnologia e approccio alla disabilità 3. La classificazione della disabilità 4. ICF: Classificazione

Dettagli

IL PERCORSO EVOLUTIVO, I CRITERI E GLI ASPETTI FONDAMENTALI DELL I.C.F.

IL PERCORSO EVOLUTIVO, I CRITERI E GLI ASPETTI FONDAMENTALI DELL I.C.F. IL PERCORSO EVOLUTIVO, I CRITERI E GLI ASPETTI FONDAMENTALI DELL I.C.F. A cura del Sociologo E-Mail: salvogarofalo1@libero.it DA HANDICAPPATO (ICIDH-1980) a PERSONA con disabilità (ICF 2001) livello Intern.

Dettagli

IL PEI IN OTTICA ICF

IL PEI IN OTTICA ICF Allegato n. 5 IL PEI IN OTTICA ICF Il Pei strutturato in ottica ICF si compone di 4 parti: Premessa (Dati anagrafici- Curriculum scolastico- Analisi della situazione Profilo diagnostico Percorso didattico)

Dettagli

I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI POLITICHE SUI BES/SEN IN INGHILTERRA THE EDUCATION ACT, 1944 11 CATEGORIE DI DISABILITÀ WARNOCK REPORT, 1978 INTRODUCE IL TERMINE SPECIAL EDUCATIONAL NEEDS (SEN) ANNI 2000

Dettagli

Attività Adattata. Lezione 1. a.a. 2013-2014. Monica Emma Liubicich

Attività Adattata. Lezione 1. a.a. 2013-2014. Monica Emma Liubicich Attività Adattata Lezione 1 a.a. 2013-2014 Monica Emma Liubicich Secondo le Nazioni Unite i disabili nel mondo sono 650 milioni: 10% della popolazione In Italia circa 3.000.000, il 4,8% della popolazione

Dettagli

PSICOLOGIA DELL HANDICAP E DELLA RIABILITAZIONE

PSICOLOGIA DELL HANDICAP E DELLA RIABILITAZIONE PSICOLOGIA DELL HANDICAP E DELLA RIABILITAZIONE DISABILITÀ E ICF PROF. FINO BUONO SVILUPPO DEL CONCETTO DI DISABILITA DA MODELLI BASATI SUL DEFICIT A MODELLI ECOLOGICI I MODELLI MEDICI ERANO CENTRATI SULLE

Dettagli

Prof.ssa Emanuela D Ambros Docente di sostegno Liceo Statale C.Porta, Erba. ICF.

Prof.ssa Emanuela D Ambros Docente di sostegno Liceo Statale C.Porta, Erba. ICF. Prof.ssa Emanuela D Ambros Docente di sostegno Liceo Statale C.Porta, Erba. ICF. PARTE I: modelli culturali di riferimento e principi ispiratori. PARTE II:tre parole chiave per comprendere ICF PARTE III:

Dettagli

CLASSIFICAZIONI E DIAGNOSI IN NEUROPSICHIATRIA INFANTILE

CLASSIFICAZIONI E DIAGNOSI IN NEUROPSICHIATRIA INFANTILE CLASSIFICAZIONI E DIAGNOSI IN NEUROPSICHIATRIA INFANTILE Dott.ssa Luisa Calliari Rovereto, 9 ottobre 2008 1 REGOLAMENTO PER FAVORIRE L INTEGRAZIONE E L INCLUSIONE DEGLI STUDENTI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

Dettagli

ICF e INCLUSIONE. Heidrun Demo, PhD Libera Università di Bolzano. Erba 20 ottobre 2011

ICF e INCLUSIONE. Heidrun Demo, PhD Libera Università di Bolzano. Erba 20 ottobre 2011 ICF e INCLUSIONE Heidrun Demo, PhD Libera Università di Bolzano Erba 20 ottobre 2011 CHE COS E L INCLUSIONE? Quali alunni riguarda? Che interventi richiede? Che risorse chiede di attivare? E diversa dall

Dettagli

La sordità. Prof. Oskar Schindler

La sordità. Prof. Oskar Schindler La sordità Prof. Oskar Schindler Cenni d anatomia L orecchio Come funziona l udito Apparato uditivo Periferico o Orecchio Centrale o Centri e vie uditive encefaliche (percezione) Esterno Raccoglie i suoni

Dettagli

Accomodamento ragionevole e disabilità L approccio biopsicosociale e l ICF

Accomodamento ragionevole e disabilità L approccio biopsicosociale e l ICF Accomodamento ragionevole e disabilità L approccio biopsicosociale e l ICF Paola Bucciarelli I architetto 4inclusion Supporting Human Diversity Through Inclusive Design Disabilità e accomodamento ragionevole:

Dettagli

Prevalence of Pain in Italian Hospitals: results of a regional cross-sectional survey. Journal of Pain and Symptom management 2002; 23,3: 221-230

Prevalence of Pain in Italian Hospitals: results of a regional cross-sectional survey. Journal of Pain and Symptom management 2002; 23,3: 221-230 Prevalence of Pain in Italian Hospitals: results of a regional cross-sectional survey Costantini M. et al. Journal of Pain and Symptom management 2002; 23,3: 221-230 Distribuzione disomogenea del dolore

Dettagli

IL PROGETTO PERSONALIZZATO PER IL BAMBINO CON DISABILITA ALLA LUCE DELLA CLASSIFICAZIONE ICF E ICF-CY. Matilde Leonardi*, Daniela Ajovalasit

IL PROGETTO PERSONALIZZATO PER IL BAMBINO CON DISABILITA ALLA LUCE DELLA CLASSIFICAZIONE ICF E ICF-CY. Matilde Leonardi*, Daniela Ajovalasit IL PROGETTO PERSONALIZZATO PER IL BAMBINO CON DISABILITA ALLA LUCE DELLA CLASSIFICAZIONE ICF E ICF-CY Matilde Leonardi*, Daniela Ajovalasit * Direttore SSD Neurologia, Salute Pubblica, Disabilità, Direzione

Dettagli

ICF-CY Classificazione a un livello 51. ICF-CY Classificazione a due livelli 55. ICF-CY Classificazione dettagliata con definizioni 71

ICF-CY Classificazione a un livello 51. ICF-CY Classificazione a due livelli 55. ICF-CY Classificazione dettagliata con definizioni 71 I n d i c e ICF-CY Prefazione 9 ICF-CY Introduzione 13 1. Background 15 2. Scopi dell ICF-CY 16 3. Sviluppo dell ICF-CY 17 4. Informazioni per gli utilizzatori dell ICF-CY 22 5. Casi esemplificativi (Case

Dettagli

DAL ICD AL ICF I MODELLI DI CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALI COME ESPRESSIONE DELL APROCCIO ALLA DISABILITA

DAL ICD AL ICF I MODELLI DI CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALI COME ESPRESSIONE DELL APROCCIO ALLA DISABILITA CORSO DI FORMAZIONE RIVOLTA AI DOCENTI AFFERENTI AL CTRH DI CEFALU - CAMPOFELICE CASTELBUONO Modello ICF e integrazione in classe DAL ICD AL ICF I MODELLI DI CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALI COME ESPRESSIONE

Dettagli

BELLI DI DENTRO Stili di vita e stili alimentari per mantenere giovani cuore e cervello. Drssa Grazia Foti

BELLI DI DENTRO Stili di vita e stili alimentari per mantenere giovani cuore e cervello. Drssa Grazia Foti BELLI DI DENTRO Stili di vita e stili alimentari per mantenere giovani cuore e cervello Drssa Grazia Foti MALATTIE CARDIOVASCOLARI Più importante causa di morte nel mondo, (17.3 milioni di morti ogni anno)

Dettagli

BMB 1 Supporto 2. Servizio Civile. Il concetto di salute funzionale e il modello biopsicosociale. Autrice: Jasmina Merkli-Müller

BMB 1 Supporto 2. Servizio Civile. Il concetto di salute funzionale e il modello biopsicosociale. Autrice: Jasmina Merkli-Müller BMB 1 Supporto 2 Servizio Civile Il concetto di salute funzionale e il modello biopsicosociale Autrice: Jasmina Merkli-Müller "Una persona è funzionalmente sana quando partecipa attivamente, nel modo più

Dettagli

PROBLEMI FISICI DEL DISABILE

PROBLEMI FISICI DEL DISABILE PROBLEMI FISICI DEL DISABILE Scale di valutazione funzionale e classificazione della disabilita Classificazione malattie (eziologia, clinica) nell ICD della Organizzazione Mondiale Sanità 1970 Non riportata

Dettagli

SINTESI SUL TEMA DELL ICF

SINTESI SUL TEMA DELL ICF STRUMENTI E TECNICHE DI INTERVENTI RIABILITATIVI Corso di Laurea in EDUCATORE PROFESSIONALE SANITARIO a.a. 2011/2012 - TERZO ANNO Facoltà di Scienze Cognitive Corso Bettini, 84 - Rovereto SINTESI SUL TEMA

Dettagli

ICF - CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO, DELLA DISABILITA E DELLA SALUTE SERAFINO BUONO, TOMMASA ZAGARIA 1

ICF - CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO, DELLA DISABILITA E DELLA SALUTE SERAFINO BUONO, TOMMASA ZAGARIA 1 Ciclo Evolutivo e Disabilità / Life Span and Disability Vol. 6, N., 00, pp. -4 ICF - CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO, DELLA DISABILITA E DELLA SALUTE SERAFINO BUONO, TOMMASA ZAGARIA ICF-

Dettagli

ANCHE IL LINFEDEMA SECONDARI O E MALATTIA DISABILITAN TE: UN INDICE DA PROPORRE ALL INPS

ANCHE IL LINFEDEMA SECONDARI O E MALATTIA DISABILITAN TE: UN INDICE DA PROPORRE ALL INPS ANCHE IL LINFEDEMA SECONDARI O E MALATTIA DISABILITAN TE: UN INDICE DA PROPORRE ALL INPS Dott. Maurizio Ricci U. O. Medicina Riabilitativa Azienda Ospedaliero- Universitaria Ospedali Riuniti di Ancona

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI Cognome. Nome. Data di Nascita 21-01-1958 Qualifica. Medico di Medicina Generale E-mail istituzionale

INFORMAZIONI PERSONALI Cognome. Nome. Data di Nascita 21-01-1958 Qualifica. Medico di Medicina Generale E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome COLOMBO Nome GIOVANNI Data di Nascita 21-01-1958 Qualifica Medico di Medicina Generale E-mail istituzionale Giovanni.colombo2@crs.lombardia.it telefono 029682495 TITOLI DI

Dettagli

ICD-10. 1 ins. nora angela Magni

ICD-10. 1 ins. nora angela Magni ICD-10 La ICD-10 è la decima revisione della classificazione ICD, ossia la classificazione internazionale delle malattie e dei problemi correlati, proposta dall'oms. Sono classificate oltre 2000 malattie.

Dettagli

L USO DELL I.C.F. PER L INTERVENTO SUI DISTURBI DI APPRENDIMENTO IN AMBITO UNIVERSITARIO: ALCUNI CASE-REPORT 1

L USO DELL I.C.F. PER L INTERVENTO SUI DISTURBI DI APPRENDIMENTO IN AMBITO UNIVERSITARIO: ALCUNI CASE-REPORT 1 L USO DELL I.C.F. PER L INTERVENTO SUI DISTURBI DI APPRENDIMENTO IN AMBITO UNIVERSITARIO: ALCUNI CASE-REPORT 1 Sabrina Castellano, Egle Giardina, Stefania Scaffidi CInAP (Centro per l Integrazione Attiva

Dettagli

Definizione di SALUTE O.M.S.

Definizione di SALUTE O.M.S. Definizione di SALUTE O.M.S. Non solo assenza di malattia ma stato di completo benessere fisico, psicologico e sociale. Non basta quindi curare ma anche prevenire, informare, sensibilizzare, promuovere

Dettagli

L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DALLA DIAGNOSI FUNZIONALE AL PEI- PROGETTO DI VITA. IL RUOLO DELL ICF

L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DALLA DIAGNOSI FUNZIONALE AL PEI- PROGETTO DI VITA. IL RUOLO DELL ICF L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DALLA DIAGNOSI FUNZIONALE AL PEI- PROGETTO DI VITA. IL RUOLO DELL ICF Dott.ssa Federica Bartoletti federica.bartoletti@unibo.it Tratto da un lavoro della Dott.ssa Adriana De Luca

Dettagli

Qualità di vita e ICF in pazienti oncologici ICF (International Classification of Functioning Disability and Health)

Qualità di vita e ICF in pazienti oncologici ICF (International Classification of Functioning Disability and Health) Master in Evidence-Based Practice e Metodologia della Ricerca Clinico-assistenziale Centro Studi EBN Azienda Ospedaliero - Universitaria di Bologna Policlinico S. Orsola - Malpighi Qualità di vita e ICF

Dettagli

WP7 Predisposizione strumenti condivisi da utilizzare: protocollo ICF PEI

WP7 Predisposizione strumenti condivisi da utilizzare: protocollo ICF PEI WP7 Predisposizione strumenti condivisi da utilizzare: protocollo ICF PEI Premessa: la necessità di sviluppare strumenti di valutazione basati su ICF Il livello di partecipazione alle attività scolastiche

Dettagli

Scenario Europa: esperienze di applicazione dell ICF in contesti sociolavorativi

Scenario Europa: esperienze di applicazione dell ICF in contesti sociolavorativi Scenario Europa: esperienze di applicazione dell ICF in contesti sociolavorativi 1 Carlo Ricci (Istituto Walden di Roma e Università di Bari) Premessa L impostare una prima riflessione che metta a confronto

Dettagli

GLOSSARIO TERMINI ICF-CY

GLOSSARIO TERMINI ICF-CY GLOSSARIO TERMINI ICF-CY CON QUALCHE INDICAZIONE PER L UTILIZZO DELLA CLASSIFICAZIONE 1 GLOSSARIO TERMINI ICF-CY CON SUGGERIMENTI PER IL LORO UTILIZZO ATTIVITÀ & PARTECIPAZIONE (A&P)...3 CATEGORIE...4

Dettagli

Fondazione Don Carlo Gnocchi ONLUS - IRCCS Servizio Informazione Valutazione Ausili. Statistica delle Consulenze erogate nel 2000

Fondazione Don Carlo Gnocchi ONLUS - IRCCS Servizio Informazione Valutazione Ausili. Statistica delle Consulenze erogate nel 2000 Fondazione Don Carlo Gnocchi ONLUS - IRCCS Servizio Informazione Valutazione Ausili Statistica delle Consulenze erogate nel 2000 TIPO DI CONSULENZA 1542 % Servizi di informazione e orientamento Colloquio

Dettagli

Indice. Le basi di conoscenza della disabilità. 2 di 20

Indice. Le basi di conoscenza della disabilità. 2 di 20 LEZIONE: LE BASI DI CONOSCENZA DELLA DISABILITÀ PROF. FELICE CORONA Indice 1 Quadro legislativo per le disabilità ------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Importanza della Riabilitazione Cardiologica

Importanza della Riabilitazione Cardiologica Prevenire lo scompenso e le sue recidive Sessione II - Prevenzione, Terapia e Riabilitazione dello Scompenso Cardiaco Importanza della Riabilitazione Cardiologica Prevenire lo scompenso e le sue recidive

Dettagli

GAS definizione degli obiettivi specifici per ogni singola area

GAS definizione degli obiettivi specifici per ogni singola area GAS definizione degli obiettivi specifici per ogni singola area Unità di Riabilitazione Gravi Disabilità dell Età Evolutiva Az.Osp. S.Maria Nuova Reggio Emilia Direttore prof. Adriano Ferrari In riabilitazione

Dettagli

Prof. Antonio Benedetti. Facoltà di Medicina e Chirurgia Università Politecnica delle Marche Ancona

Prof. Antonio Benedetti. Facoltà di Medicina e Chirurgia Università Politecnica delle Marche Ancona La Facoltà di Medicina e Chirurgia per la Medicina di Genere Prof. Antonio Benedetti Facoltà di Medicina e Chirurgia Università Politecnica delle Marche Ancona Facoltà di Medicina e Chirurgia: compiti

Dettagli

Corso nursing Ortopedico. Assistenza infermieristica ai pazienti con artrite reumatoide. www.slidetube.it

Corso nursing Ortopedico. Assistenza infermieristica ai pazienti con artrite reumatoide. www.slidetube.it Corso nursing Ortopedico Assistenza infermieristica ai pazienti con artrite reumatoide DEFINIZIONE MALATTIA INFIAMMATORIA SU BASE IMMUNITARIA DEL TESSUTO CONNETTIVO,ESSENZIALMENTE POLIARTICOLARE AD EVOLUZIONE

Dettagli

Corso di Laurea in Infermieristica

Corso di Laurea in Infermieristica Corso di Laurea in Infermieristica Sede Formativa di Cesena INSEGNAMENTO: SCIENZE INFERMIERISTICHE DELLA COMUNITA MODULO: INFERMIERISTICA CLINICA E RIABILITATIVA NELLA CRONICITA n. 2 CFU / n. ore 24 Docente:

Dettagli

Convenzione sulle diagnosi e i codici di diagnosi

Convenzione sulle diagnosi e i codici di diagnosi Versione 27.03.02 Allegato 4 Convenzione sulle diagnosi e i codici di diagnosi Sulla base dell'art. 9, cpv. 7, lett. g del contratto base TARMED del 27.03.02, dell'art. 42 LAMal e dell'art. 59 OAMal, le

Dettagli

RIFORMA AZIENDE SANITARIE, DISTRETTI E INTEGRAZIONE: MODELLO SACILE. Più salute e servizi sul territorio. Fabio SAMANI

RIFORMA AZIENDE SANITARIE, DISTRETTI E INTEGRAZIONE: MODELLO SACILE. Più salute e servizi sul territorio. Fabio SAMANI RIFORMA AZIENDE SANITARIE, DISTRETTI E INTEGRAZIONE: MODELLO SACILE. Più salute e servizi sul territorio Fabio SAMANI RESPONSABILE NAZIONALE AREA DELLA RICERCA SOCIETÀ ITALIANA DI MEDICINA GENERALE Il

Dettagli

Incontri di aggiornamento. Progetto: te la segnalo io la barriera

Incontri di aggiornamento. Progetto: te la segnalo io la barriera Incontri di aggiornamento Progetto: te la segnalo io la barriera 27 maggio 2006 Montecchio (VI) Mobilità urbana e spazi pubblici Menomazione: qls perdita o anormalità di CONCETTI GENERALI una struttura

Dettagli

Ministero della Salute. Piano di indirizzo per la Riabilitazione

Ministero della Salute. Piano di indirizzo per la Riabilitazione Ministero della Salute Piano di indirizzo per la Riabilitazione La riabilitazione è disciplina medica - scientificamente certa - socialmente congrua - economicamente sostenibile I numeri della riabilitazione

Dettagli

Linee Guida per la codifica ICF e per la compilazione della Scheda di Valutazione Multidimensionale della Disabilità (SVaMDi)

Linee Guida per la codifica ICF e per la compilazione della Scheda di Valutazione Multidimensionale della Disabilità (SVaMDi) giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1804 del 06 ottobre 2014 pag. 1/25 Linee Guida per la codifica ICF e per la compilazione della Scheda di Valutazione Multidimensionale della Disabilità

Dettagli

L INCLUSIONE SCOLASTICA DALLA DIAGNOSI FUNZIONALE AL PEI PROGETTO DI VITA. IL RUOLO DELL ICF

L INCLUSIONE SCOLASTICA DALLA DIAGNOSI FUNZIONALE AL PEI PROGETTO DI VITA. IL RUOLO DELL ICF L INCLUSIONE SCOLASTICA DALLA DIAGNOSI FUNZIONALE AL PEI PROGETTO DI VITA. IL RUOLO DELL ICF San Remo 21 22 Dicembre 2009 Dott.ssa Federica Bartoletti federica.bartoletti@unibo.it Tratto da un lavoro della

Dettagli

CONCETTI GENERALI. Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione

CONCETTI GENERALI. Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione Fondazione Don Carlo Gnocchi ONLUS-IRCCS Centro S. Maria Nascente Milano 5 febbraio 2014 Organizzazione

Dettagli

Sessione 4.1 Riabilitazione e continuità assistenziale

Sessione 4.1 Riabilitazione e continuità assistenziale Modulo 4 Assistenza al paziente e alla famiglia nel post-ictus Sessione 4.1 Riabilitazione e continuità assistenziale durata: 60 h 0 di 31 Obiettivi di apprendimento della sessione descrivere la rete assistenziale

Dettagli

B.E.S. Anno 2014. Fortunata Daniela Vetri. Daniela Vetri

B.E.S. Anno 2014. Fortunata Daniela Vetri. Daniela Vetri B.E.S. Anno 2014 Fortunata La didattica inclusiva per il I DESTINATARI ALUNNI CON B. E. S. BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI E più facile rompere un atomo che un pregiudizio A. Einstein Gli studenti con B. E.

Dettagli

Azienda Ospedaliera Universitaria San Luigi Gonzaga: un Ospedale specialistico al servizio dei cittadini. Un patrimonio da difendere e sviluppare

Azienda Ospedaliera Universitaria San Luigi Gonzaga: un Ospedale specialistico al servizio dei cittadini. Un patrimonio da difendere e sviluppare Azienda Ospedaliera Universitaria San Luigi Gonzaga: un Ospedale specialistico al servizio dei cittadini Un patrimonio da difendere e sviluppare L AOU San Luigi per la sua collocazione geografica svolge

Dettagli

Tavola rotonda: La consulenza genetica come strumento fondamentale nel trasferimento delle nuove conoscenze alla clinica

Tavola rotonda: La consulenza genetica come strumento fondamentale nel trasferimento delle nuove conoscenze alla clinica Corso postcongressuale XV congresso SIGU Come refertare e comunicare varianti genomiche Tavola rotonda: La consulenza genetica come strumento fondamentale nel trasferimento delle nuove conoscenze alla

Dettagli

Dott.ssa Licia Ponticello Neuropsichiatra Infantile Referente medico settore età evolutiva Centro di riabilitazione accreditato CMPH Roma

Dott.ssa Licia Ponticello Neuropsichiatra Infantile Referente medico settore età evolutiva Centro di riabilitazione accreditato CMPH Roma Dott.ssa Licia Ponticello Neuropsichiatra Infantile Referente medico settore età evolutiva Centro di riabilitazione accreditato CMPH Roma Il modello descritto nell ICF riflette i cambiamenti di prospettiva

Dettagli

Riflessione sulla norm ativa. Prof.ssa Olmo Serafina

Riflessione sulla norm ativa. Prof.ssa Olmo Serafina Riflessione sulla norm ativa Prof.ssa Olmo Serafina Direttiva del 27/12/12 STRUMENTI D INTERVENTO PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI E ORGANIZZAZIONE TERRITORIALE PER L INCLUSIONE SCOLASTICA C.M.

Dettagli

muscolo-scheletrichescheletriche

muscolo-scheletrichescheletriche Abilità motorie e problematiche muscolo-scheletrichescheletriche Dr. Ilaria Baroncini Dr. Silvia Olivi Abilità motorie La lesione midollare (SCI) accentua il calo fisiologico dei diversi apparati causati

Dettagli

PROGETTARE L INTEGRAZIONE SCOLASTICA SECONDO IL MODELLO ICF. Erba 3 novembre 2011 Dott.ssa Monica Pradal - pedagogista

PROGETTARE L INTEGRAZIONE SCOLASTICA SECONDO IL MODELLO ICF. Erba 3 novembre 2011 Dott.ssa Monica Pradal - pedagogista PROGETTARE L INTEGRAZIONE SCOLASTICA SECONDO IL MODELLO ICF Erba 3 novembre 2011 Dott.ssa Monica Pradal - pedagogista WORD HEALTH ORGANIZATION WORD HEALTH ORGANIZATION ICF - CY International Classification

Dettagli

Gli strumenti di appropriatezza infermieristica nelle cure domiciliari e gli esiti sensibili all'assistenza, presentazione di un'esperienza

Gli strumenti di appropriatezza infermieristica nelle cure domiciliari e gli esiti sensibili all'assistenza, presentazione di un'esperienza Gli strumenti di appropriatezza infermieristica nelle cure domiciliari e gli esiti sensibili all'assistenza, presentazione di un'esperienza Laura Tibaldi, Tiziana Lavalle Lo sviluppo del ragionamento Caratteristiche

Dettagli

Il Pediatra di Famiglia ed il bambino con grave disabilità

Il Pediatra di Famiglia ed il bambino con grave disabilità Il Pediatra di Famiglia ed il bambino con grave disabilità M.Cristina Tischer Pediatra di Famiglia - mctischer@hotmail.com 13/06/2008 SIPPS - Caserta 1 obiettivo Premesse La Pediatria di Famiglia ha 30

Dettagli

Vladimir Kosic Assessore regionale alla salute e protezione sociale

Vladimir Kosic Assessore regionale alla salute e protezione sociale 1 Presentazione Nel luglio del 2007 l Agenzia Regionale della Sanità è stata designata dall Organizzazione Mondiale della Sanità, e confermata dal Ministero della Salute, come Centro Collaboratore per

Dettagli

La prescrizione di ausili : momento terapeutico o momento burocratico?

La prescrizione di ausili : momento terapeutico o momento burocratico? Università Cattolica del Sacro Cuore Facoltà di Scienze della Formazione Milano Fondazione Don Carlo Gnocchi ONLUS Polo tecnologico Milano La prescrizione di ausili : momento terapeutico o momento burocratico?

Dettagli

Malattie cronico degenerative: un tema centrale nella prevenzione

Malattie cronico degenerative: un tema centrale nella prevenzione Malattie cronico degenerative: un tema centrale nella prevenzione Paolo Conci Direzione Area Territorio Comprensorio sanitario di Bolzano Azienda sanitaria dell Alto Adige Epidemiologia delle malattie

Dettagli

ICF Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute

ICF Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute ICF Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute Versione breve O.M.S. ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SANITÀ ICF SHORT VERSION: INTERNATIONAL CLASSIFICATION OF FUNCTIONING,

Dettagli

ATTIVITA DI FORMAZIONE IN TEMA DI INTEGRAZIONE ALUNNI DISABILI

ATTIVITA DI FORMAZIONE IN TEMA DI INTEGRAZIONE ALUNNI DISABILI A.S. 2010/2011 ATTIVITA DI FORMAZIONE IN TEMA DI INTEGRAZIONE ALUNNI DISABILI Modalità di svolgimento del corso 1 FASE 14 ORE 6 INCONTRI 1. Principi di integrazione: come essere nella relazione educativa

Dettagli

COME RICONOSCERE LO STRESS E PRENDERSI CURA DI SE

COME RICONOSCERE LO STRESS E PRENDERSI CURA DI SE I venerdì della salute COME RICONOSCERE LO STRESS E PRENDERSI CURA DI SE Letizia Martinengo, PhD Biblioteca di Gressan 9 aprile 2010 COSA SAPPIAMO DELLO STRESS PERCHE PARLARE DI STRESS PROBLEMI DI SALUTE

Dettagli

L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEL SOGGETTO IN CONDIZIONE DI DISABILITA

L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEL SOGGETTO IN CONDIZIONE DI DISABILITA 11 febbraio 2008 L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEL SOGGETTO IN CONDIZIONE DI DISABILITA Dr. Gianni De Polo Neuropsichiatra Infantile Fisiatra I.R.C.C.S. E. Medea Associazione La Nostra Famiglia Conegliano

Dettagli

IL PROGETTO RIABILITATIVO INDIVIDUALE E L IMPORTANZA DEL LAVORO IN EQUIPE

IL PROGETTO RIABILITATIVO INDIVIDUALE E L IMPORTANZA DEL LAVORO IN EQUIPE IL PROGETTO RIABILITATIVO INDIVIDUALE E L IMPORTANZA DEL LAVORO IN EQUIPE Ministero della Salute-Piano di indirizzo per la Riabilitazione Con le Linee Guida sulla Riabilitazione del 1998 si è tentato di

Dettagli

Il bambino che ha avuto un tumore può fare sport?

Il bambino che ha avuto un tumore può fare sport? Il bambino che ha avuto un tumore può fare sport? Enrico Pira 0-14 anni: INCIDENZA, per genere e area geografica, in Italia TASSO DI INCIDENZA standardizzato per età : 164 casi per milione all anno (178,

Dettagli