Marco Centra - Isfol Piero Demetrio Falorsi - Istat Valentina Gualtieri - Isfol Giovanna Linfante - Isfol ISSN

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Marco Centra - Isfol Piero Demetrio Falorsi - Istat Valentina Gualtieri - Isfol Giovanna Linfante - Isfol ISSN 2037-2582"

Transcript

1 Stuent_0 L panto etodologco dell Indagne longtudnale sulle tanszon scuola-lavoo aco Centa - Isfol Peo Deeto alos - Istat Valentna Gualte - Isfol Govanna Lnfante - Isfol ISSN collana stuent sfol nueo 20/0 - gugno occupazone

2 L Isfol Isttuto pe lo svluppo della foazone pofessonale de lavoato è stato sttuto con DPR n. 478 del 30 gugno 973 e conoscuto Ente d ceca nel 999 ed è sottoposto alla vglanza del nsteo del lavoo e delle poltche socal. L Isttuto opea nel capo della foazone delle poltche socal e del lavoo al fne d contbue alla cescta dell occupazone ed al gloaento delle sose uane. L'Isfol svolge e pouove attvtà d studo ceca speentazone docuentazone nfoazone e valutazone consulenza e assstenza tecnca. onsce un suppoto tecnco-scentfco al nsteo del lavoo ad alt nste al Palaento alle Regon e Povnce autonoe agl Ent local alle Isttuzon nazonal pubblche e pvate sulle poltche e su sste della foazone ed appendento lungo tutto l aco della vta del ecato del lavoo e dell nclusone socale. a pate del Sstea Statstco Nazonale. Svolge nolte l uolo d assstenza etodologca e scentfca pe le azon d sstea del ondo socale euopeo è Agenza nazonale Lfelong Lenng Pogae Pogaa settoale Leonado da Vnc. Il pape accogle sultat d una ceca ealzzata dall aea Anals e Valutazone delle Poltche pe l Occupazone. Il podotto è stato fnanzato dal ondo socale euopeo nell abto de Poga opeatv nazonal a ttolatà del nsteo del lavoo e delle poltche socal Azon d Sstea (Ob. Copettvtà Regonale e Occupazone) e Govenance e Azon d Sstea (Ob. Convegenza) Asse Captale Uano Obettvo specfco 3. pogetto Indagne longtudnale sulle tanszon scuola-lavoo n attuazone de Pan Isfol d copetenza della Dezone geneale pe le poltche pe l oentaento e la foazone. Sono auto del pape: aco Centa Peo Deeto alos Valentna Gualte Govanna Lnfante Pesdente: Sego Tevsanato Dettoe: Avana Bulgaell Rfeent: Coso d Itala Roa Tel web: Stuent Isfol è la collana elettonca che accogle tutt contbut che l Isfol ealzza con specfche fnaltà opeatve coe stuentazone a dsposzone degl opeato e de nonspecalst anche nell abto d cottenze estene vncolant. La collana ha l obettvo d endee dsponbl non solo patcola elaboat teoc pe la countà scentfca a anche una vasta tpologa d podott (qual t anual dspostv opeatv e opuscol a fn dvulgatv att d convegn ecc.) pe un taget d utent pù apo. La pesente pubblcazone costtusce la vesone catacea dell'edzone consultable sul potale all'nteno della collana elettonca Stuent. La Collana Stuent Isfol è cuata da Claudo Bens Responsable della Stuttua Councazone web e ultedale. Coodnaento edtoale: Paola Pas Auela Tell atlde Toba Redazone: Paola Pas Costanza Roano Auela Tell atlde Toba Danela Vedno Contatt:

3 ABSTRACT L ndagne longtudnale sulle tanszon scuola lavoo (TSL) è un pogetto dell Isfol che ha l abzone d soddsfae n anea oganca gan pate delle doande d nfoazone statstca sulla condzone govanle. Le teatche pncpal toccate dall ndagne guadano le scelte foatve gl est scolastc le copetenze svluppate tate gl ann d studo la eddtvtà della foazone le tanszone veso l ondo del lavoo la foazone delle copetenze ne p ann d lavoo e pofl d caea. Il pogetto pevede d affontae tal te consdeat cucal della dentfcazone della pesona tate una levazone contnua nel tepo che una volta a ege poduà una base d dat e nfoazon d valdo suppoto agl opeato del settoe da polcy ae alle scuole dal sstea d foazone pofessonale alle pese. La stuttua longtudnale peette d stae coettaente le caee scolastche pecos foatv gl est occupazonal pecos d nseento nel ecato del lavoo e d avanzaento pofessonale fno a dves ann dal po ngesso nell occupazone. Un panel patcolaente esteso consente nolte d tenee conto d tutt gl aspett che detenano dettaente o ndettaente sa pecos d stuzonefoazone che gl est occupazonal e pofl d caea peettendo n ulta anals d pevene ad una sta del endento dell nvestento n foazone e n captale uano da pate delle fagle. Nelle sue lnee geneal l ndagne ha cadenza annuale. A egne copà una popolazone d età copesa ta 6 e 25 ann e peetteà d studae sa fenoen d tpo tasvesale (fet ad un detenato peodo tepoale) sa fenoen avent natua longtudnale (fet a pù peod tepoal) conness pncpalente a cabaent d stato (o tanszon). Una potante caattestca della levazone è data dal accodo con l ndagne OCSE-PISA (Pogae fo Intenatonal Student Assessent) condotta n Itala dall Invals (Isttuto nazonale pe la valutazone del sstea scolastco) che ha l obettvo d studae tate test cogntv le copetenze acquste dagl student 5enn n lettua ateatca e scenza. Il accodo TSL-PISA consste nell nsee all nteno del capone TSL un sottocapone dell ndagne PISA. In tal odo saà qund possble ettee n elazone gl est foatv e lavoatv degl ndvdu suat tate l ndagne TSL con le loo copetenze suate dall ndagne PISA tate test cogntv.

4 ABSTRACT The longtudnal school-wo tanston suvey (TSL fo the Italan Tanszone Scuola Lavoo) s ang to povde a esponse to ost of the typcal statstcal questons egadng the condton of the youth populaton. The an thees coveed by the suvey concen educatonal paths pefoance at school slls developed dung the yeas of study etun on educaton tanston to the labou aet sll-based tanng dung the ntal yeas at wo and caee paths. These topcs ae addessed by the poject though a panel suvey that wll geneate data and nfoaton useful fo secto opeatos school-elated polcyang and vocatonal tanng pogas. The longtudnal stuctue of the suvey wll allow accuate estates of scholastc ecods educatonal paths occupatonal outcoes entyways to the labou aet and caee pogessons ove te. A patculaly lastng panel wll also ae t possble to account fo evey aspect that dectly o ndectly detenes educatonal and tanng paths occupatonal outcoes and caee pofles. nally ths wll lead to estates the etun on households educatonal and huan captal nvestents. The geneal fo of the suvey s conducted on annual bass. The coplete panel wll cove a populaton aged 6-25 and enables the study of coss-sectonal (fo sngle te peods) and longtudnal (fo ultple te peods) phenoena that ae closely assocated to status changes (o tanstons). An potant denson of ths study concens ts connecton to the OECD-PISA suvey (Pogae fo Intenatonal Student Assessent) conducted fo Italy by Invals (Natonal Insttute fo the Evaluaton of the Educatonal Syste) whch eployed cogntve testng to study the slls acqued by 5 yea old students n eadng atheatcs and the scences. The TSL- OECD-PISA suvey lnage nvolves the tansposton of a sub-saple fo the OECD-PISA suvey nto the TSL saple. Ths aes t possble to elate the ndvdual educatonal and wo outcoes easued n the TSL suvey to the ndvdual copetences easued n the cogntve tests of the PISA suvey.

5 INDICE PAG. INTRODUZIONE. LA STRUTTURA DELL INDAGINE TSL 3 2. POPOLAZIONE DI RIERIENTO E PARAETRI DI INTERESSE Defnzone logca delle popolazon d feento e de don d nteesse Sbologa e paaet d nteesse 5 3. DESCRIZIONE GENERALE DEL DISEGNO DI CAPIONAENTO Indvdu d 6 ann 3.2. Indvdu d 9 e 22 ann 2 4. CAPIONE DI COUNI 3 5. CAPIONE DI ISTITUTI SECONDARI Desczone geneale Desczone foale 7 6. SELEZIONE DEGLI INDIVIDUI Indvdu d 9 e 22 ann Indvdu d 6 ann 9 7. DETERINAZIONE DELLE PROBABILITÀ DI INCLUSIONE E DELLE NUEROSITÀ CAPIOIE AI VARI STADI E ASI DI SELEZIONE 20 RIERIENTI BIBLIOGRAICI 25

6 INTRODUZIONE L ndagne longtudnale sulle tanszon scuola lavoo (TSL) è un pogetto dell Isfol (Isttuto pe lo Svluppo della oazone Pofessonale de Lavoato) che ha l abzone d soddsfae n anea oganca gan pate delle doande d nfoazone statstca sulla condzone govanle. Le teatche pncpal toccate dall ndagne guadano le scelte foatve gl est scolastc le copetenze svluppate tate gl ann d studo la eddtvtà della foazone le tanszone veso l ondo del lavoo la foazone delle copetenze ne p ann d lavoo e pofl d caea. Il pogetto pevede d affontae tal te consdeat cucal della dentfcazone della pesona tate una levazone contnua nel tepo che una volta a ege poduà una base d dat e nfoazon d valdo suppoto agl opeato del settoe da polcy ae alle scuole dal sstea d foazone pofessonale alle pese. Tale pogetto veste un uolo cucale poché ente n alt Paes espeenze d ndagn sl sono patcolaente estese n Itala a tutt ogg anca una fonte d dat longtudnal sulla coponente govanle della popolazone. La stuttua longtudnale peetteà d stae coettaente le caee scolastche pecos foatv gl est occupazonal pecos d nseento nel ecato del lavoo e d avanzaento pofessonale fno a dves ann dal po ngesso nell occupazone. Un panel patcolaente esteso consentà nolte d tenee conto d tutt gl aspett che detenano dettaente o ndettaente sa pecos d stuzone-foazone che gl est occupazonal e pofl d caea peettendo n ulta anals d pevene ad una sta del endento dell nvestento n foazone e n captale uano da pate delle fagle. Nelle sue lnee geneal l ndagne ha cadenza annuale. A egne copà una popolazone d età copesa ta 6 e 25 ann e peetteà d studae sa fenoen d tpo tasvesale (fet ad un detenato peodo tepoale) sa fenoen avent natua longtudnale (fet a pù peod tepoal) conness pncpalente a cabaent d stato (o tanszon). Una potante caattestca della levazone è data dal accodo con l ndagne OCSE-PISA (Pogae fo Intenatonal Student Assessent) condotta n Itala dall Invals (Isttuto nazonale pe la valutazone del sstea scolastco) che ha l obettvo d studae tate test cogntv le copetenze acquste dagl student 5enn n lettua ateatca e scenza. Il accodo TSL- PISA consste nell nsee all nteno del capone TSL un sottocapone dell ndagne PISA. In tal odo saà qund possble ettee n elazone gl est foatv e lavoatv degl ndvdu suat tate l ndagne TSL con le loo copetenze suate dall ndagne PISA tate test cogntv. Il pesente atcolo ha essenzalente l obbettvo d descvee pncpal aspett della statega d caponaento adottata nella pa wave dell ndagne TSL. Il contbuto pesentato è levante Rcodao qu la Natonal Longtudnal Suveys of Youth cuata negl Stat Unt dal Bueau of Labo Statstcs; la Natonal longtudnal suvey of chlden and youth effettuata n Canada; la Natonal Educaton Longtudnal Study cuata dal Depatent of Educaton degl Stat Unt.

7 poché osta n conceto una possble statega d ceca che n anea goosa ha peesso d affontae e solvee una see d esgenze qual: a. l accodo ta due ndagn con dsegn d caponaento e fnaltà dffeent b. la possbltà d costue ste coette basate sugl sche d caponaento adottat c. la patcabltà n ten d cost e vncol oganzzatv e logstc. La pesentazone d questo tea è atcolata nel odo seguente. Nel paagafo s esplcta la stuttua coplessva dell ndagne nel paagafo 2 s llusta la defnzone della popolazone d feento e de paaet d nteesse (che nella pa occasone d ndagne avanno uncaente natua tasvesale). Nel paagafo 3 s descve sntetcaente l dsegno d caponaento adottato. I successv paagaf 4 5 e 6 sono dedcat ad appofonde patcola aspett del dsegno; n patcolae l paagafo 4 è dedcato al dsegno d caponaento de coun; l paagafo 5 a quello delle scuole e l paagafo 6 allo schea d selezone degl ndvdu. Infne nel paagafo 7 s descvono gl algot utlzzat pe la detenazone delle nueostà caponae e delle pobabltà d nclusone a va stad e fas d selezone. 2

8 . LA STRUTTURA DELL INDAGINE TSL L IPIANTO ETODOLOGICO DELL INDAGINE LONGITUDINALE SULLE TRANSIZIONI SCUOLA-LAVORO L ossevazone de fenoen d nteesse avvene con cadenza annuale e a ege gl ndvdu sono ntevstat la pa volta a 6 ann; sono qund levat n tutte le successve occason d ndagne fno al copento de 25 ann d età. In cascuna occasone d ndagne è effettuata uno studo etospettvo fnalzzato a levae tutt cabaent d stato con le elatve nfoazon d contono avvenut dopo l occasone d ndagne pecedente. Il questonao è atcolato n odul dstnt cascuno de qual fnalzzato ad appofonde le caattestche d specfche tanszon. Pe l sngolo ndvduo convolto nel capone la pa ntevsta saà effettuata con tecnca CAPI (Copute Asssted Pesonal Intevew) ente le successve ntevste saanno ealzzate con tecnca CATI (Copute-Asssted Telephone Intevewng). La pa occasone d ndagne che s ealzzeà ne es d aple-gugno 200 saà volta ad ndagae le coot d ndvdu nat negl ann sola e 987; quest ndvdu saanno levat nelle successve occason d ndagne fno al copento de 25 ann. Nella seconda occasone d ndagne (anno 20) saanno levat anche gl ndvdu nat negl ann e 988 e così va. L ndagne enteà pogessvaente a ege e nell anno 203 saanno ossevate tutte le 0 coot d nteesse degl ndvdu ta 6 e 25 ann. Schea - Schea d ndagne pe età dell ntevstato tecnca d levazone Anno d ndagne Età ntevstato Tecnca d levazone 6 Cap Cap Cap Cap 7 Cat Cat Cat 8 Cat Cat 9 Cap Cap Cap Cat 20 Cat Cat Cat 2 Cat Cat 22 Cap Cap Cap Cat 23 Cat Cat Cat 24 Cat Cat 25 Cat Con feento alla levazone Isfol del 200 s pocedeà a ntevstae un sottocapone d ndvdu nat nel 993 che nel 2009 hanno patecpato all ndagne OCSE-PISA. In questo odo la Rlevazone sulle tanszon scuola lavoo ogn te ann s acchà del bagaglo nfoatvo elatvo alle capactà cogntve d cascun ntevstato suate attaveso questona Psa. In un ottca d anals longtudnale saà qund possble sa valutae la capactà pedttva d tal ndcato d captale uano sa ettee n elazone quest con gl est foatv e lavoatv degl ndvdu. Gl ndvdu nat nel 990 e nel 987 non cavat dal capone OCSE-PISA veanno nvece selezonat dalle anagaf counal. L ndagne pevede nolte ntevste dstnte sa nel luogo sa ne contenut a seconda dell età degl ndvdu: nella pa occasone d ndagne nat nel 993 veanno ntevstat nelle scuole/cent d foazone le estant coot saanno ntevstate pesso le loo abtazon. 3

9 Tutte le pe ntevste (ogn volta che una nuova coote enta nel capone) saanno ealzzate con tecnca CAPI. Le entevste negl ann successv saanno effettuate con tecnca sta utlzzando a seconda delle ccostanze una delle odaltà seguent: l ntevsta telefonca assstta da copute (couneente nota coe tecnca CATI) l ntevsta va web autocoplata assstta da copute l ntevsta postale l ntevsta detta. L utlzzo d una tecnca sta nasce dalla necesstà d gaante che un ndvduo ntevstato una pa volta sa levato anche nelle successve occason d ndagne. L utlzzo d odaltà dffeent peette nfatt d ottenee l ntevsta anche da pesone che non saebbeo aggungbl con un unca odaltà d ndagne. Pe ogn coote dopo 4 ann dalla pa ntevsta s effettueà una valutazone dell attton e s pendeà n consdeazone la possbltà d ntegae l capone. 4

10 2. POPOLAZIONE DI RIERIENTO E PARAETRI DI INTERESSE 2. Defnzone logca delle popolazon d feento e de don d nteesse Con l tene d popolazone d feento s denota l nsee degl ndvdu a cu sono fete le ste caponae. La pa occasone d ndagne ha te dstnte popolazon d feento (o coot) ndcate successvaente coe popolazon pe class d età costtute spettvaente dagl ndvdu eleggbl pe la levazone che sono nat negl ann sola e 987 e che nel seguto saanno ndcat sntetcaente coe ndvdu avent spettvaente 6 9 e 22 ann. La defnzone d ndvduo eleggble è la seguente: un ndvduo d 9 o 22 ann è eleggble se appatene alla popolazone esdente pesente un ndvduo d 6 ann è eleggble se olte ad appatenee alla popolazone esdente pesente è stato ncluso nel sstea d stuzone (ossa sctto a una scuola d vao tpo) o d foazone (ossa sctto ad un coso d foazone) nell anno Olte alle te popolazon sundcate costtuscono oggetto d nteesse anche: () la popolazone unone delle te popolazon pe classe d età () va sottonse ndcat nel seguto coe don sa della popolazon unone sa delle popolazon pe class d età. S sottolnea che dal punto d vsta defntoo le popolazon pe classe d età costtuscono te don della popolazone unone. I don sono defnt n base alle odaltà delle 5 vaabl: () egone geogafca (20 odaltà) () tpologa d coune (3 odaltà: coune etopoltano o appatenente all aea etopoltana coune non etopoltano con pù d abtant coune sno a abtant) () genee (2 odaltà: fena e ascho) (v) foa gudca dell sttuto (2 odaltà: sttuto statale e non statale) (v) tpologa sttuto (5 odaltà: lceo sttuto tecnco sttuto pofessonale cento d foazone e scuola secondaa d po gado). Cascuna delle 5 vaabl appena elencate defnsce una specfca tpologa d dono. Pe cascuna delle popolazon d nteesse ogn tpologa d dono dentfca una patzone della popolazone suddvdendola n un nueo d don (o sottonse) pa alle odaltà della vaable che defnsce la tpologa del dono. Infne s pecsa che le tpologe d dono () e () defnscono don sulla popolazone unone; le tpologe d dono (v) e (v) dentfcano don sulla popolazone de 6enn; ente la tpologa d dono () defnsce don sulla popolazone unone de 9enn e de 22enn. 2.2 Sbologa e paaet d nteesse S denot con: la sngola coote (o classe) d età (con = pe 6 ann con =2 pe 9 ann e con =3 pe 22 ann); Q la popolazone pe classe d età costtuta da ndvdu; Q 3 Q la popolazone unone costtuta da ndvdu. 5

11 S denot nolte con: U l nsee d densone N de coun talan; l dentfcatvo del coune; Q nsee d densone degl d ndvdu eleggbl nella cote d età nel coune ; Q. nsee d densone degl. d ndvdu eleggbl nella popolazone unone nel coune. S ndca con: d (d= 5) la geneca tpologa d dono d nteesse; j ( j... Jd ) l pedce che dentfca lo specfco dono della tpologa d; Q l dono j della tpologa d costtuto da ndvdu; Q l nsee d densone degl ndvdu nel coune appatenent al dono j della tpologa d; Q l sottonsee d densone del dono Q costtuto dagl ndvdu appatenent alla classe d età. Nel seguto è potato lo schea assuntvo contenente la desczone pe cascuna tpologa d dono delle quanttà sopa potate. I don la cu tpologa vene denotata con un valoe dell ndce d nfeoe a 3 sono d tpo geogafco n quanto ess sono dentfcabl n base alle caattestche del coune. Schea 2. Sbologa dell nfoazone pe dono Dono d J d Dono Geogafco* Regone 20 Nueo d ndvdu d 6 9 e 22 ann nella egone j X Tpo coune (etopoltano e aea pù d abtant sno a abtant) Genee (aschle e fenle) oa gudca sttuto (statale e non) Tpo sttuto (lce tecnc pofessonal foazone scuole secondae d po gado) 2 3 Nueo d ndvdu d 6 9 e 22 ann nel tpo d coune j 3 2 Nueo d ndvdu d 9 e 22 ann d sesso j 4 2 Nueo d ndvdu d 6 ann che a 5 ann eano sctt a una scuola d foa gudca j 5 5 Totale don 32 Nueo d ndvdu d 6 ann che a 5 ann eano sctt a una scuola d tpo j X * La x ndca se l dono è d tpo geogafco Consdeando qund le te popolazon pe class d età che costtuscono una patzone della popolazone unone v sono qund 35 don d nteesse. S ndch con l geneco ndvduo appatenente a una delle popolazon d feento e con l cospondente valoe della vaable d nteesse y; ad esepo se la vaable d nteesse y è l occupazone y assue valoe se l ndvduo è occupato e valoe 0 altent. Con feento alla geneca vaable y nella pa occasone d ndagne costtuscono paaet d nteesse le 6 y

12 seguent 36 tpologe d total: l totale della popolazone pe classe d età (3 total) l totale della popolazone unone ( totale) e l totale pe dono (32 total) defnt spettvaente coe: - Y y ( =23) Q - Y y Y Y2 Y Q 3 - Y y (d= 5; j... Jd ) Q n cu denotando con A un geneco nsee d ndvdu l sbolo A valo assunt dalla vaable d nteesse su tutt gl ndvdu appatenen t ad A. y ndca la soa de 7

13 3. DESCRIZIONE GENERALE DEL DISEGNO DI CAPIONAENTO Pe stae paaet d nteesse vene selezonato un capone casuale d ndvdu edante un dsegno d caponaento d tpo coplesso che pevede pù stad e pù fas d selezone. Nello specfco s sono utlzzat due tp d dsegno caponao. Uno pe la popolazone d ndvdu d 6 ann e l alto pe le popolazon d ndvdu d 9 e 22 ann. La coplesstà della tecnca caponaa adottata è stata n pate dovuta alla necesstà d spettae alcun equst statstc e d tpo econoco-opeatvo d seguto potat: - l nueo coplessvo d ndvdu capone è fssato ad un valoe pa a ndvdu - l nueo d ndvdu capone (=23) pe cascuna delle popolazon pe class d età è pa a l nueo d ndvdu capone (d= 5; j... J d ) pe lo specfco dono j della tpologa d e fssato n odo da ottenee una suffcente affdabltà delle ste fete al dono stesso. Le nueostà così detenate pe cascuno de 32 don sono potate a segue nella tabella 2 - gl ndvdu capone devono essee ntevstat n 00 coun. I 2 capoluogh d egone o povnca autonoa entano con cetezza nel capone e sono dett coun Auto Rappesentatv (AR). I anent 79 coun sono selezonat con caponaento casuale dall nsee de coun dett coun Non Auto Rappesentatv () che non costtuscono capoluogo d egone o povnca autonoa - gl ndvdu capone d 6 ann devono costtue un sottonsee d quell ntevstat nell ndagne OCSE-PISA 2009 dell anno pecedente d seguto ndcata coe ndagne PISA Ad esclusone d quell sctt nel 2009 n una scuola secondaa d po gado anent 6-enn nclus nel capone devono essee levat n 20 sttut (scuole secondae d secondo gado o cent d foazone) che appesentano un sottonsee degl sttut convolt nell ndagne PISA l caponaento adottato è d tpo stettaente pobablstco. Cò consente d costue le nfeenze con suffcente obustezza e goe scentfco senza essee legat alle scelte soggettve del caponsta e peette d ottenee una successva valutazone sa pue appossatva dell eoe d caponaento. Nella tabella seguente s potano le nueostà della popolazon e del capone pe le popolazon d feento e pe cascuno de don d sta. 2 INVALSI (2009) 8

14 Tabella. Popolazone e capone pe dono d studo Popolazon d Dono Nueo d ndvdu nella popolazone feento e Totale Pate AR Pate 6enn enn Psa* enn enn enn enn Psa enn Regon Peonte Valle d Aosta Lobada Tentno alto Adge Veneto ul Veneza Gula Lgua Ela Roagna Toscana Uba ache Lazo Abuzzo olse Capana Pugla Baslcata Calaba Scla Sadegna Tpo d coune Coune aea no a abtant Olte abtant Genee Donne Uon oa gudca Statale Non statale Tpo scuola Lce Tecnc Pofessonal Secondaa d po gado oazone

15 Popolazon d feento e tpologa 6enn 6enn Psa* Dono Nueo d ndvdu Capone Totale Pate AR Pate enn enn enn enn Psa 922enn Regon Peonte Valle d A Lobada Tentno alto A Veneto ul V. G Lgua Ela R Toscana Uba ache Lazo Abuzzo olse Capana Pugla Baslcata Calaba Scla Sadegna Tpo d coune Coune aea no a abtant Olte abtant Genee Donne Uon oa gudca scuola Statale Non statale Tpo scuola Lce Tecnc Pofessonal Secondaa d po oazone * Nueo ndvdu levat nell ndagne OCSE PISA 2009 onte: elaboazone Isfol su dat Istat-Deo e Invals-PISA 0

16 3.. Sbologa e paaet d nteesse Gl ndvdu d sedc ann sono levat tate un dsegno d caponaento n pù fas. Pa fase d caponaento: Indagne PISA La pa fase d caponaento è quella dell ndagne PISA Il dsegno d caponaento d PISA 2009 è a due stad d selezone n cu nel po stado sono selezonat le scuole e cent d foazone e nel secondo stado gl ndvdu. Po stado: l capone d po stado è d tpo statfcato con selezone negl stat a pobabltà vaable e senza essone. Gl stat sono defnt dalla concatenazone delle vaabl egone e tpo d sttuto. Nell abto d cascuno stato gl sttut sono dappa odnat pe la densone defnta n base al nueo d student eleggbl (ossa nat nel 993) nell sttuto; successvaente edante caponaento ssteatco vene selezonato un nueo pefssato d sttut con pobabltà popozonale alla densone dell sttuto stesso. Secondo stado: l secondo stado d selezone s basa sul caponaento ssteatco a pobabltà ugual d ndvdu nat nel 993. Coe egola d base n cascun sttuto s selezona un nueo d ndvdu pa a 35; qualoa nell sttuto capone l nueo d sctt nat nel 993 sa nfeoe a 35 ess sono tutt nclus nel capone dell ndagne. Seconda fase d caponaento: Capone d Coun. Nella seconda fase sono selezonat coun nel cu tetoo counale d petnenza v sono una o pù delle scuole convolte nell ndagne PISA I coun sono suddvs n due sottonse: - 2 coun AR entano con cetezza a fa pate del capone; ognuno d quest coun è sede d una o pù delle scuole convolte nell ndagne PISA anent coun sono selezonat con pobabltà vaable e senza essone edante un dsegno d caponaento d tpo blancato (Devlle e Tlle (2004); alos e Rgh (2008)). Coe llustato n dettaglo nel paagafo 4 l capone d coun è defnto n odo da asscuae le seguent caattestche: - coun capone sono selezonat n odo da costtue la base d caponaento sa pe la levazone sulla popolazone de 6enn sa pe le due anent levazon fete alle popolazon de 9enn e de 22enn - enta a fa pate del capone pe la popolazone de 6enn solo l sottonsee de coun capone che sono sede d uno o pù degl sttut convolt nell ndagne PISA l sottonsee de coun capone che costtuscono la base d caponaento della popolazone de 6enn è selezonato n odo da asscuae la densone caponaa pevsta (ved tabella ) pe l capone fnale d ndvdu d 6 ann. Teza fase d caponaento: Capone d Isttut. Nella teza fase s adotta un dsegno a due stad d caponaento n cu nel po stado sono selezonat gl sttut scolastc (ta quell

17 selezonat nelle pe due fas d caponaento) e nel secondo stado sono selezonat gl ndvdu da ncludee nel capone. Po stado: gl sttut selezonat ne coun capone s suddvdono n due stat: - le scuole secondae d po gado che entano tutte nel capone d secondo stado - anent sttut - che nel seguto ndcheeo sntetcaente con l tene sttut seconda ncludendo le scuole secondae d secondo gado e cent d foazone - che sono selezonat con pobabltà vaable e senza essone edante un dsegno d caponaento d tpo blancato desctto n dettaglo nel paagafo 5. Tale capone è selezonato n odo da asscuae la densone caponaa pevsta (ved tabella ) pe l capone fnale d ndvdu d sedc ann. Secondo stado: gl ndvdu selezonat nell ndagne PISA 2009 negl sttut seconda d po gado appatenent a coun selezonat nella pa fase d caponaento sono tutt nclus nel capone. Le ntevste sono effettuate al doclo d esdenza desuendo gl ndzz dall Anagafe degl student del nsteo della Pubblca stuzone. In cascuno de anent sttut seconda s selezona un nueo pefssato d ndvdu edante caponaento casuale seplce senza essone. Le ntevste vengono effettuate nell sttuto pe gl ndvdu che nell anno 200 s sono sctt allo stesso sttuto dell anno Pe anent ndvdu (che hanno cabato sttuto ta l anno 2009 e l 200) le ntevste vengono effettuate al doclo d esdenza desuendo gl ndzz dall Anagafe degl student del nsteo della Pubblca stuzone Indvdu d 9 e 22 ann Gl ndvdu d 9 e 22 ann sono levat edante un dsegno d caponaento a due stad d selezone n cu le untà pae d caponaento sono coun e le untà secondae sono gl ndvdu. Po stado d caponaento I coun sono suddvs n due sottonse: - coun AR che entano con cetezza a fa pate del capone - anent coun sono selezonat con pobabltà vaable e senza essone edante un dsegno d caponaento d tpo blancato. Secondo stado d caponaento In cascun coune capone sepaataente pe ognuna delle due class d età n esae ( 9enn e 22enn) s selezona dalle lste anagafche un nueo pefssato d ndvdu edante caponaento ssteatco cu dettagl opeatv sono potat nel paagafo 6. Le ntevste sono effettuate al doclo d esdenza. 2

18 4. CAPIONE DI COUNI Pa d llustae n dettaglo le caattestche del dsegno d caponaento adottato è utle ntodue la seguente notazone sbolca. S ndca qund con: - n (n=00) l nueo coplessvo d coun capone - z ( ) ( ) ( ) 2 3 l vettoe con te coponent cascuna delle qual ndca l nueo d ndvdu capone pe classe d età - z (... ) d d dj d (d= 5) l vettoe d J d coponent contenente l nueo pefssato d ndvdu capone (ved le nueostà potate n tabella ) pe tutt don della tpologa d ad eccezone dell ulto - z ( n z( ) z... z ) 5 l vettoe d 32 eleent contenente l nueo d coun capone e le nueostà caponae pe classe d età e dono. Inolte con feento al coune s denota con: l nueo d alunn levat nell ndagne PISA 2009 l nueo d alunn levat nell ndagne PISA 2009 appatenent al dono j della tpologa d (d= 5; j... J d ) l nueo teoco fssato a po (ved paagafo 7) d ndvdu capone da levae pe la classe d età ( =23) essendo e (pe =23) - l nueo teoco fssato a po (ved paagafo 7) d ndvdu capone da levae pe l dono d nteesse j della tpologa d (d= 5; j... J d - z ( ) ( ) 2 3 l vettoe d te coponent con le nueostà caponae pe class d età - z (... ) d d dj d l vettoe con J d coponent contenente le nueostà caponae - fssate a po (ved paagafo 7) - pe tutt don della tpologa d ad eccezone dell ulto - z ( ( )... ) z z z 5 l vettoe d 32 eleent contenente l valoe e le nueostà caponae pe classe d età e dono. Dagl N coun d U è selezonato un capone s d densone n dove l sngolo coune è selezonato senza essone con pobabltà d nclusone vaable pa a (detenata secondo la etodologa defnta al paagafo 7). I coun d U s suddvdono n due sottonse quell AR n cu che sono nclus con cetezza nel capone ed anent coun n cu. L nsee U vene qund patzonato n due sottonse: U U AR U n cu U AR denota l nsee d densone 3

19 N AR 2 de coun AR n cu e U denota l nsee d densone N de coun n cu. Coeenteente con quanto sopa l capone s vene patzonato ne due sottonse s U AR s n cu s ha densone n pa a 79. S defnscono qund vettoe d 32 eleent z AR e z ottenut coe: z AR z ; z z z () U AR cu p eleent sono pa spettvaente a n AR e n. Le pobabltà d nclusone sono detenate attaveso una pocedua teatva d calbazone desctta n dettaglo nel paagafo 7 (fase 6) assuble coe segue. S defnscono pobabltà d nclusone nzal n. se U se U AR (2) appossatvaente popozonal all apezza del coune spetto alla popolazone unone essendo.. S detenano qund le pobabltà d nclusone l pù possble U vcne secondo una detenata etca a quelle nzal e tal da gaante che n valoe atteso l caponaento de coun spett le nueostà caponae pefssate. Dal punto d vsta analtco le pobabltà d nclusone sono ottenute edante la soluzone del seguente poblea d nzzazone vncolata D( U ) n U z z 0 se U se U AR (3) n cu D( ) appesenta una funzone d dstanza ta le pobabltà e. Nel poblea (3) l espessone D( ) n appesenta la funzone obettvo; ente le ulte 3 U espesson appesentano un sstea d sstea 32+N vncol foa d dsequazone. N de qual sono espess n Consdeando n odo congunto la () e la seconda espessone del sstea (3) è faclente dostable l fatto che n valoe atteso l caponaento de coun spetta le nueostà caponae pefssate. Infatt s ha: U z z z z z z. (4) U AR U AR 4

6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI

6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI 6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI Consdeao un sstea d n unt ateal con n > nteagent ta loo e con l esto dell unveso. Nello studo d un tale sstea sulta convenente scooe la foza agente ( et) sull

Dettagli

Workshop MatFinTN 2012

Workshop MatFinTN 2012 Wokshop MatFnTN 2012 Dalla Bnson Attbuton al Black&Ltteman model: anals matematche nell'asset management D.ssa Tzana Rgon Lauea n Matematca conseguta pesso l'unvestà d Tento con tes dal ttolo: Metod d

Dettagli

1. Integrazione di funzioni razionali fratte

1. Integrazione di funzioni razionali fratte . Integazone d fnzon azonal fatte P S songa d vole calcolae n ntegale del to: d Q ove P e Q sono olno nell ndetenata d gado assegnato. Sonao ce: P a n n a n n a a Q b b b b oleent s etod d ntegazone I

Dettagli

Metodi e Modelli per l Ottimizzazione Combinatoria Progetto: Metodo di soluzione basato su generazione di colonne

Metodi e Modelli per l Ottimizzazione Combinatoria Progetto: Metodo di soluzione basato su generazione di colonne Metod e Modell per l Ottmzzazone Combnatora Progetto: Metodo d soluzone basato su generazone d colonne Lug De Govann Vene presentato un modello alternatvo per l problema della turnazone delle farmace che

Dettagli

V Stage. Astronomia. V Stage. Astronomia. "Il cielo negli occhi, le stelle nel cuore" Gennaio-Giugno 2016

V Stage. Astronomia. V Stage. Astronomia. Il cielo negli occhi, le stelle nel cuore Gennaio-Giugno 2016 Gennao-Gugno 2016 V Stage d Astonoma "Il celo negl occh, le stelle nel cuoe" pe student DELLA scuola secondaria superiore DELLA CLAsse IV INTEREssATI ALL astronomia CORSO DI ASTRONOMIA BASE LEZIONI DI

Dettagli

LE CARTE DI CONTROLLO

LE CARTE DI CONTROLLO ITIS OMAR Dpartento d Meccanca LE CARTE DI CONTROLLO Carte d Controllo Le carte d controllo rappresentano uno degl struent pù portant per l controllo statstco d qualtà. La carta d controllo è corredata

Dettagli

Ministero della Salute D.G. della programmazione sanitaria --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA

Ministero della Salute D.G. della programmazione sanitaria --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA Mnstero della Salute D.G. della programmazone santara --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA La valutazone del coeffcente d varabltà dell mpatto economco consente d ndvduare gl ACC e DRG

Dettagli

21. COLLEGAMENTI SALDATI

21. COLLEGAMENTI SALDATI . COLLEET SLDT. Petucc Leon d Costuone d acchne La saldatua è un pocesso che consente d collegae element costuttv ta loo o con l esteno. È un collegamento fsso ed namovble. Da un punto d vsta meccanco,

Dettagli

Appendice B. B Elementi di Teoria dell Informazione 1. p k =P(X = x k ) ovviamente, valgono gli assiomi del calcolo della probabilità: = 1;

Appendice B. B Elementi di Teoria dell Informazione 1. p k =P(X = x k ) ovviamente, valgono gli assiomi del calcolo della probabilità: = 1; Appendce B Eleent d Teora dell Inforazone Appendce B B Eleent d Teora dell Inforazone B Introduzone E noto da tepo che fenoen percettv possono essere foralzzat e studat edante la Teora dell Inforazone

Dettagli

PROGETTO SCUOLA POPOLARE

PROGETTO SCUOLA POPOLARE SPIN TIME LABS & ICBIE Europa Onlus PROGETTO SCUOLA POPOLARE 1 P a g e 1. Introduzone 2. Obettv e fnaltà 3. I tutor del progetto 4. Modulo I. Sostegno scolastco. 5. Modulo II.- Corso d lngua talana 6.

Dettagli

Trigger di Schmitt. e +V t

Trigger di Schmitt. e +V t CORSO DI LABORATORIO DI OTTICA ED ELETTRONICA Scopo dell esperenza è valutare l ampezza dell steres d un trgger d Schmtt al varare della frequenza e dell ampezza del segnale d ngresso e confrontarla con

Dettagli

Programma del corso di Biofisica: 1. Vettori 2. Ottica elettromagnetismo 3. Ottica lineare 4. Microscopia ottica 5. Livelli energetici (cenni) 6.

Programma del corso di Biofisica: 1. Vettori 2. Ottica elettromagnetismo 3. Ottica lineare 4. Microscopia ottica 5. Livelli energetici (cenni) 6. Pogaa del coso d Bofsca: 1. Vetto 2. Ottca elettoagnetso 3. Ottca lneae 4. Mcoscopa ottca 5. Lell enegetc (cenn) 6. Lase, fbe ottche 7. Mcoscopa d Fluoescenza 8. SEM 9. TEM 10. AFM, SNOM 11. Lell Enegetc

Dettagli

La regressione. La Regressione. La Regressione. min. min. Var X. X Variabile indipendente (data) Y Variabile dipendente

La regressione. La Regressione. La Regressione. min. min. Var X. X Variabile indipendente (data) Y Variabile dipendente Unverstà d Macerata Facoltà d Scenze Poltche - Anno accademco - La Regressone Varable ndpendente (data) Varable dpendente Dpendenza funzonale (o determnstca): f ; Da un punto d vsta analtco, valor della

Dettagli

STATISTICA DESCRITTIVA CON EXCEL

STATISTICA DESCRITTIVA CON EXCEL STATISTICA DESCRITTIVA CON EXCEL Corso d CPS - II parte: Statstca Laurea n Informatca Sstem e Ret 2004-2005 1 Obettv della lezone Introduzone all uso d EXCEL Statstca descrttva Utlzzo dello strumento:

Dettagli

Errori a regime per controlli in retroazione unitaria

Errori a regime per controlli in retroazione unitaria Appunt d ontoll Autoatc Eo a g n sst n toazon Eo a g p contoll n toazon untaa... Eo a g nlla sposta al gadno (o d poszon)... Eo a g nlla sposta alla apa (o d vloctà)...3 Eo a g nlla sposta alla paabola

Dettagli

La tua area riservata Organizzazione Semplicità Efficienza

La tua area riservata Organizzazione Semplicità Efficienza Rev. 07/2012 La tua area rservata Organzzazone Semplctà Effcenza www.vstos.t La tua area rservata 1 MyVstos MyVstos è la pattaforma nformatca rservata a rvendtor Vstos che consente d verfcare la dsponbltà

Dettagli

^^^ ORIGINALE CENTRO RESIDENZIALE PERANZIANI. 35028 PIOVE DI SACCO (Padova) N 196 del 16/07/2014. ad oggetto:` Ul\/LBERTO I "

^^^ ORIGINALE CENTRO RESIDENZIALE PERANZIANI. 35028 PIOVE DI SACCO (Padova) N 196 del 16/07/2014. ad oggetto:` Ul\/LBERTO I ^^^ CENTRO RESDENZLE PERNZN Ul\/LBERTO " 35028 POVE D SCCO (Padova) ORGNLE N 196 del 16/07/2014 l Segetao Dettoe d questo stt11to Pen Dottssa Emanuela a sens del DLgs n 165/ 2001 delle successve dsposzon

Dettagli

Ottimizzazione nella gestione dei progetti Capitolo 6 Project Scheduling con vincoli sulle risorse CARLO MANNINO

Ottimizzazione nella gestione dei progetti Capitolo 6 Project Scheduling con vincoli sulle risorse CARLO MANNINO Ottmzzazone nella gtone de progett Captolo 6 Project Schedulng con vncol sulle rsorse CARLO MANNINO Unverstà d Roma La Sapenza Dpartmento d Informatca e Sstemstca 1 Rsorse Ogn attvtà rchede rsorse per

Dettagli

Introduzione al Machine Learning

Introduzione al Machine Learning Introduzone al Machne Learnng Note dal corso d Machne Learnng Corso d Laurea Magstrale n Informatca aa 2010-2011 Prof Gorgo Gambos Unverstà degl Stud d Roma Tor Vergata 2 Queste note dervano da una selezone

Dettagli

Modellazione e calibrazione del traffico autostradale per la rete di Eindhoven

Modellazione e calibrazione del traffico autostradale per la rete di Eindhoven Modellazone e calbrazone del traffco autostradale per la rete d Endhoen Freeway traffc odelng and calbraton for the Endhoen networ Relatore: Prof. Alessandro Gua Supersor: Prof. Bart De Schutter DCSC TUDelft

Dettagli

La valutazione del rischio di non autosufficienza nelle assicurazioni

La valutazione del rischio di non autosufficienza nelle assicurazioni La valutazone del rscho d non autosuffcenza nelle asscurazon Long Term Care Susanna Levantes Sapenza Unverstà d Roma susanna.levantes@unroma1.t Roma, 26 aprle 2011 Contenut del semnaro Trend demografc

Dettagli

FORMAZIONE ALPHAITALIA

FORMAZIONE ALPHAITALIA ALPHAITALIA PAG. 1 DI 13 FORMAZIONE ALPHAITALIA IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA Quadro ntroduttvo ALPHAITALIA PAG. 2 DI 13 1. DEFINIZIONI QUALITA Grado n cu un nseme d caratterstche ntrnseche soddsfa

Dettagli

Calcolo delle Probabilità

Calcolo delle Probabilità alcolo delle Probabltà Quanto è possble un esto? La verosmglanza d un esto è quantfcata da un numero compreso tra 0 e. n partcolare, 0 ndca che l esto non s verfca e ndca che l esto s verfca senza dubbo.

Dettagli

Economia del Lavoro. Argomenti del corso

Economia del Lavoro. Argomenti del corso Economa del Lavoro Argoment del corso Studo del funzonamento del mercato del lavoro. In partcolare, l anals economca nerente l comportamento d: a) lavorator, b) mprese, c) sttuzon nel processo d determnazone

Dettagli

Calcolo della caduta di tensione con il metodo vettoriale

Calcolo della caduta di tensione con il metodo vettoriale Calcolo della caduta d tensone con l metodo vettorale Esempo d rete squlbrata ed effett del neutro nel calcolo. In Ampère le cadute d tensone sono calcolate vettoralmente. Per ogn utenza s calcola la caduta

Dettagli

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI. 32, VIA SAN GIACOMO E FILIPPO, 87016, Morano Calabro ESPERIENZA LAVORATIVA. Italiana PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI. 32, VIA SAN GIACOMO E FILIPPO, 87016, Morano Calabro ESPERIENZA LAVORATIVA. Italiana PER IL CURRICULUM VITAE Italano F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome DI LEONE FRANCESCO Indrzzo 32, VIA SAN GIACOMO E FILIPPO, 87016, Morano Calabro Telefono 0981-30254 Cellulare: 333-2011030 Fax

Dettagli

ffi fl Presidente constototo che gli intervenuti sono in numero legale, dichiqro opertq lq COMUNE DI 5ANT'AN6ELO DI BROLO di dicembre

ffi fl Presidente constototo che gli intervenuti sono in numero legale, dichiqro opertq lq COMUNE DI 5ANT'AN6ELO DI BROLO di dicembre '" _'.:=af'al;f+.1r.4 W ff COMUNE DI 5ANT'AN6ELO DI BROLO c.a.p.98060 PROVINCIA DI TlESSINA c.f. 00108980830 Res. No 483 del.16 ttztzolr DEUIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: Realzzazone st web

Dettagli

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Il Mnstro delle Infrastrutture e de Trasport VISTO l decreto legslatvo 30 aprle 1992, n. 285, come da ultmo modfcato dal decreto legslatvo 18 aprle 2011, n. 59, recante Attuazone delle drettve 2006/126/CE

Dettagli

LEZIONE 2 e 3. La teoria della selezione di portafoglio di Markowitz

LEZIONE 2 e 3. La teoria della selezione di portafoglio di Markowitz LEZIONE e 3 La teora della selezone d portafoglo d Markowtz Unverstà degl Stud d Bergamo Premessa Unverstà degl Stud d Bergamo Premessa () È puttosto frequente osservare come gl nvesttor tendano a non

Dettagli

I MODELLI MULTISTATO PER LE ASSICURAZIONI DI PERSONE

I MODELLI MULTISTATO PER LE ASSICURAZIONI DI PERSONE Facoltà d Economa Valutazone de prodott e dell mpresa d asscurazone I MODELLI MULTISTATO PER LE ASSICURAZIONI DI PERSONE Clauda Colucc Letza Monno Gordano Caporal Martna Ragg I Modell Multstato sono un

Dettagli

Soluzioni per lo scarico dati da tachigrafo innovativi e facili da usare. http://dtco.it

Soluzioni per lo scarico dati da tachigrafo innovativi e facili da usare. http://dtco.it Soluzon per lo scarco dat da tachgrafo nnovatv e facl da usare http://dtco.t Downloadkey II Moble Card Reader Card Reader Downloadtermnal DLD Short Range and DLD Wde Range Qual soluzon ho a dsposzone per

Dettagli

Lezione 10. L equilibrio del mercato finanziario: la struttura dei tassi d interesse

Lezione 10. L equilibrio del mercato finanziario: la struttura dei tassi d interesse Lezone 1. L equlbro del mercato fnanzaro: la struttura de tass d nteresse Ttol con scadenza dversa hanno prezz (e tass d nteresse) dfferent. Due ttol d durata dversa emess dallo stesso soggetto (stesso

Dettagli

INOSTRISPORTELLIASCOLTO: OSSEREVATORIO ON-LINE

INOSTRISPORTELLIASCOLTO: OSSEREVATORIO ON-LINE Assoc az one A N G E LI CENTROANTI VI OLENZA, ANTI STALKI NG EANTI STUPRO Pr oget t o:rete ANGELI BandoPer c or s nret e2013 A N G E LI Cent r oant v ol enz a, Ant s t al k ngeant s t upr o Gu da al l

Dettagli

DATA MINING E CLUSTERING

DATA MINING E CLUSTERING Captolo 4 DATA MINING E CLUSTERING 4. Che cos'è l Data Mnng Per Data Mnng s'ntende quel processo d estrazone d conoscenza da banche dat, tramte l'applcazone d algortm che ndvduano le assocazon non mmedatamente

Dettagli

Università degli Studi di Urbino Facoltà di Economia

Università degli Studi di Urbino Facoltà di Economia Unverstà degl Stud d Urbno Facoltà d Economa Lezon d Statstca Descrttva svolte durante la prma parte del corso d corso d Statstca / Statstca I A.A. 004/05 a cura d: F. Bartolucc Lez. 8/0/04 Statstca descrttva

Dettagli

L APPLICAZIONE DEI CRITERI ETICI NEGLI INVESTIMENTI DELLA PREVIDENZA INTEGRATIVA Ottobre 2008

L APPLICAZIONE DEI CRITERI ETICI NEGLI INVESTIMENTI DELLA PREVIDENZA INTEGRATIVA Ottobre 2008 Allegato I L APPLICAZIONE DEI CRITERI ETICI NEGLI INVESTIMENTI DELLA PREVIDENZA INTEGRATIVA Ottobre 2008 me del fondo Natura e caratterstche del fondo Garanza e controllo Trasparenza Aperto Chuso Qual

Dettagli

Economia del Settore Pubblico 97. Economia del Settore Pubblico 99. Quale indice di diseguaglianza usare? il rapporto interdecilico PROBLEMA:

Economia del Settore Pubblico 97. Economia del Settore Pubblico 99. Quale indice di diseguaglianza usare? il rapporto interdecilico PROBLEMA: Economa del Settore Pubblco Laura Vc laura.vc@unbo.t www.dse.unbo.t/lvc/edsp_.htm LEZIONE 4 Rmn, 9 aprle 008 Economa del Settore Pubblco 96 I prncpal ndc d dseguaglanza: ndc d entropa generalzzata Isprata

Dettagli

Variabili statistiche - Sommario

Variabili statistiche - Sommario Varabl statstche - Sommaro Defnzon prelmnar Statstca descrttva Msure della tendenza centrale e della dspersone d un campone Introduzone La varable statstca rappresenta rsultat d un anals effettuata su

Dettagli

Edifici a basso consumo energetico: tra ZEB e NZEB

Edifici a basso consumo energetico: tra ZEB e NZEB Edfc a basso consumo energetco: tra ZEB e NZEB Prof. Ing. Percarlo Romagnon Dpartmento d Progettazone e Panfcazone n Ambent Compless Unverstà IUAV d Veneza Dorsoduro 2206 30123 Veneza perca@uav.t Modell

Dettagli

Capitolo 7. La «sintesi neoclassica» e il modello IS-LM. 2. La curva IS

Capitolo 7. La «sintesi neoclassica» e il modello IS-LM. 2. La curva IS Captolo 7 1. Il modello IS-LM La «sntes neoclassca» e l modello IS-LM Defnzone: ndvdua tutte le combnazon d reddto e saggo d nteresse per le qual l mercato de ben (curva IS) e l mercato della moneta (curva

Dettagli

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione 1 La Regressone Lneare (Semplce) Relazone funzonale e statstca tra due varabl Modello d regressone lneare semplce Stma puntuale de coeffcent d regressone Decomposzone della varanza Coeffcente d determnazone

Dettagli

Corso di Laurea in Lingue e Culture Moderne

Corso di Laurea in Lingue e Culture Moderne Dpartmento d Stud Umanstc Corso d Laurea n Lngue e Culture Moderne (L-11 classe n Lngue e Culture Moderne) Manfesto degl Stud A.A. 2014/2015 ART. 1 Obettv formatv specfc e descrzone del corso formatvo

Dettagli

I fabbisogni standard nel settore sanitario Commento allo schema di decreto legislativo

I fabbisogni standard nel settore sanitario Commento allo schema di decreto legislativo Federalsmo I fabbsogn standard nel settore santaro Commento allo schema d decreto legslatvo Guseppe Psauro Premessa La defnzone del sstema d fnanzamento della santà è charamente un momento fondamentale

Dettagli

Capitolo 3 Covarianza, correlazione, bestfit lineari e non lineari

Capitolo 3 Covarianza, correlazione, bestfit lineari e non lineari Captolo 3 Covaranza, correlazone, bestft lnear e non lnear ) Covaranza e correlazone Ad un problema s assoca spesso pù d una varable quanttatva (es.: d una persona possamo determnare peso e altezza, oppure

Dettagli

COMUNE DI UDINE PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2014

COMUNE DI UDINE PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2014 APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 240 DEL 29 LUGLIO 2014 ALL. A) COMUNE DI UDINE PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2014 VOLUME 2 SEGRETERIA GENERALE SERVIZIO SISTEMI INFORMATIVI E TELEMATICI

Dettagli

DECRETA. ART. 3 Il compenso per l attività di collaborazione è fissato in 1.095,00 esente dall imposta sul reddito delle persone fisiche.

DECRETA. ART. 3 Il compenso per l attività di collaborazione è fissato in 1.095,00 esente dall imposta sul reddito delle persone fisiche. BANDO PER n. 64 BORSE DI COLLABORAZIONE PER IL SUPPORTO PRESSO IL C.I.A.O. DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA NEL PERIODO DA SETTEMBRE 2010 A FINE GENNAIO 2011 000280 IL RETTORE VISTO VISTO

Dettagli

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Il Mnstro delle Infrastrutture e de Trasport VISTO l decreto legslatvo 30 aprle 1992, n. 285, come da ultmo modfcato dal decreto legslatvo 18 aprle 2011, n. 59, recante Attuazone delle drettve 2006/126/CE

Dettagli

InfoCenter Product A PLM Application

InfoCenter Product A PLM Application genes d un fra o Gestone de crcolazone dell'nformazone sa crcoscrtta entro Pdetermnat ambt settoral. L'ntegrazone de sstem e de odpartment azendal rchede nuove modaltà operatve, nuove t competenze e nuov

Dettagli

Epigrafe. Premessa. 1. Oggetto e finalità. 2. Strutture e servizi soggetti ai requisiti minimi per l'autorizzazione.

Epigrafe. Premessa. 1. Oggetto e finalità. 2. Strutture e servizi soggetti ai requisiti minimi per l'autorizzazione. Legg d'iala D.M. 21-05-2001, n. 308 Regolameno concenene «Requs mnm suual e oganzzav pe l'auozzazone all'eseczo de sevz e delle suue a cclo esdenzale e semesdenzale, a noma dell'acolo 11 della L. 8 novembe

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA PROVNCA REGONALE D MESSNA Regolamento per l'erogazone delle rsorse fnanzare agl sttut scolastc Artcolo 1 - Prncp, defnzon e norme general 1. l presente regolamento da attuazone all'art.3 della Legge 11

Dettagli

MACROECONOMIA A.A. 2014/2015

MACROECONOMIA A.A. 2014/2015 MACROECONOMIA A.A. 2014/2015 ESERCITAZIONE 2 MERCATO MONETARIO E MODELLO /LM ESERCIZIO 1 A) Un economa sta attraversando un perodo d profonda crs economca. Le banche decdono d aumentare la quota d depost

Dettagli

CAMPI DI FORZA CONSERVATIVI - ENERGIA POTENZIALE E POTENZIALE ELETTRICO

CAMPI DI FORZA CONSERVATIVI - ENERGIA POTENZIALE E POTENZIALE ELETTRICO CMPI DI OZ CONSEVTIVI - ENEGI POTENZIE E POTENZIE EETTICO Camp Vettoal Defzoe: u campo vettoale è ua egoe dello spazo, cu og puto è defto u vettoe. Ta camp vettoal d patcolae teesse fsca v soo camp d foza

Dettagli

Bonus Cap Certificates con sottostante Allianz SE, AXA SA, Assicurazioni Generali S.p.A.

Bonus Cap Certificates con sottostante Allianz SE, AXA SA, Assicurazioni Generali S.p.A. Bonus Cap Certfcates con sottostante Allanz SE, AXA SA, Asscurazon General S.p.A. Dal 7 febbrao fno al 1 marzo solo su ISIN: DE000HV8AKJ8 Sottostante: Allanz SE, AXA SA, Asscurazon General S.p.A. Scadenza:

Dettagli

MODELLISTICA DI SISTEMI DINAMICI

MODELLISTICA DI SISTEMI DINAMICI CONTROLLI AUTOMATICI Ingegnera Gestonale http://www.automazone.ngre.unmore.t/pages/cors/controllautomatcgestonale.htm MODELLISTICA DI SISTEMI DINAMICI Ing. Federca Gross Tel. 059 2056333 e-mal: federca.gross@unmore.t

Dettagli

Controllo vettoriale

Controllo vettoriale Contollo vettoale I tem d contollo tadzonal della macchna ancona, baat u tecnche d contollo calae, egolano l funzonamento della macchna a egme tazonao, ma pemettono d ottenee tanto meccanc oddfacent pe

Dettagli

Identificativo Atto n. 704 DIREZIONE GENERALE RETI E SERVIZI DI PUBBLICA UTILITA' E SVILUPPO SOSTENIBILE

Identificativo Atto n. 704 DIREZIONE GENERALE RETI E SERVIZI DI PUBBLICA UTILITA' E SVILUPPO SOSTENIBILE 15833 13/12/2007 Identfcatvo Atto n. 704 DIREZIONE GENERALE RETI E SERVIZI DI PUBBLICA UTILITA' E SVILUPPO SOSTENIBILE AGGIORNAMENTO DELLA PROCEDURA DI CALCOLO PER PREDISPORRE L'ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE

Dettagli

Motore ad induzione: modelli matematici e modelli per la simulazione. 1.1 Modelli matematici del motore ad induzione

Motore ad induzione: modelli matematici e modelli per la simulazione. 1.1 Modelli matematici del motore ad induzione OTOE AD INDUZIONE ODEI ATEATICI E ODEI PE A IUAZIONE otore ad nduzone: odell ateatc e odell per la sulazone. odell ateatc del otore ad nduzone Nello studo degl azonaent ndustral è necessaro rappresentare

Dettagli

Corso di Statistica (canale P-Z) A.A. 2009/10 Prof.ssa P. Vicard

Corso di Statistica (canale P-Z) A.A. 2009/10 Prof.ssa P. Vicard Corso d Statstca (canale P-Z) A.A. 2009/0 Prof.ssa P. Vcard VALORI MEDI Introduzone Con le dstrbuzon e le rappresentazon grafche abbamo effettuato le prme sntes de dat. E propro osservando degl stogramm

Dettagli

Controllo e scheduling delle operazioni. Paolo Detti Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università di Siena

Controllo e scheduling delle operazioni. Paolo Detti Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università di Siena Controllo e schedulng delle operazon Paolo Dett Dpartmento d Ingegnera dell Informazone Unverstà d Sena Organzzazone della produzone PRODOTTO che cosa ch ORGANIZZAZIONE PROCESSO come FLUSSO DI PRODUZIONE

Dettagli

Valore attuale di una rendita. Valore attuale in Excel: funzione VA

Valore attuale di una rendita. Valore attuale in Excel: funzione VA Valore attuale d una rendta Nella scorsa lezone c samo concentrat sul problema del calcolo del alore attuale d una rendta S che è dato n generale da V ( S) { R ; t, 0,,,..., n,... } n 0 R ( t ), doe (t

Dettagli

1. Una panoramica sui metodi valutativi

1. Una panoramica sui metodi valutativi . Una panoramca su metod valutatv La dottrna azendalstca rconosce l esstenza d var metod att a determnare l valore del captale economco d un mpresa. In partcolare, è possble ndvduare tre macro-tpologe

Dettagli

A. AUMENTO DELLA SPESA PUBBLICA FINANZIATO ESCLUSIVAMENTE TRAMITE INDEBITAMENTO

A. AUMENTO DELLA SPESA PUBBLICA FINANZIATO ESCLUSIVAMENTE TRAMITE INDEBITAMENTO 4. SCHMI ALTRNATIVI DI FINANZIAMNTO DLLA SPSA PUBBLICA. Se l Governo decde d aumentare la Spesa Pubblca G (o Trasferment TR), allora deve anche reperre fond necessar per fnanzare questa sua maggore spesa.

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Delberazone 20 ottobre 2004 Approvazone delle condzon general d accesso e d erogazone del servzo d rgassfcazone d gnl predsposte dalla socetà Gnl Itala Spa (delberazone n. 184/04) L AUTORITÀ PER L ENERGIA

Dettagli

10-7-2009. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 158. ALLEGATO 1 (Allegato A, paragrafo 2)

10-7-2009. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 158. ALLEGATO 1 (Allegato A, paragrafo 2) ALLEGATO 1 (Allegato A, paragrafo 2) Indcazon per l calcolo della prestazone energetca d edfc non dotat d mpanto d clmatzzazone nvernale e/o d produzone d acqua calda santara 1. In assenza d mpant termc,

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Introduzione. 1 Finalità e requisiti delle attività di dispacciamento nel mercato elettrico liberalizzato

RELAZIONE TECNICA. Introduzione. 1 Finalità e requisiti delle attività di dispacciamento nel mercato elettrico liberalizzato Allegato n. 1 a Prot AU/01/130 RELAZIONE TECNICA PRESUPPOSTI PER L ADOZIONE DI SCHEMA DI CONDIZIONI PER L EROGAZIONE DEL PUBBLICO SERVIZIO DI DISPACCIAMENTO DELL ENERGIA ELETTRICA SUL TERRITORIO NAZIONALE

Dettagli

MATERIALE PER IL CORSO DI INDAGINI E STATISTICHE PER IL TURISMO NON DIFFONDERE DA PERCORSI DI RICERCA SOCIALE (a cura di L.

MATERIALE PER IL CORSO DI INDAGINI E STATISTICHE PER IL TURISMO NON DIFFONDERE DA PERCORSI DI RICERCA SOCIALE (a cura di L. MATERIALE PER IL CORSO DI INDAGINI E STATISTICHE PER IL TURISMO NON DIFFONDERE DA PERCORSI DI RICERCA SOCIALE (a cura d L.Bernard) 3.3. Dsegn d camponamento d Lorenzo Bernard 3.3.1. Una defnzone per ntrodurre

Dettagli

Indicatori di rendimento per i titoli obbligazionari

Indicatori di rendimento per i titoli obbligazionari Indcator d rendmento per ttol obblgazonar LA VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI A TASSO FISSO Per valutare la convenenza d uno strumento fnanzaro è necessaro precsare: /4 Le specfche esgenze d un nvesttore

Dettagli

Analizzata: - Nei livelli Prezzi - Nelle differenze Rendimenti. Rendimento al tempo t: Variabile finanziaria

Analizzata: - Nei livelli Prezzi - Nelle differenze Rendimenti. Rendimento al tempo t: Variabile finanziaria Varable fnanzara Analzzata: - Ne lvell Prezz - Nelle dfferenze endent endento al tepo t: t ( P P ) t P t 1 t 1 1 Unverstà d Terao - Teora del portafoglo fnanzaro - Prof. Paolo D Antono endento atteso:

Dettagli

Scenari di frenata per il comparto elettrico: il nodo della valorizzazione del prodotto

Scenari di frenata per il comparto elettrico: il nodo della valorizzazione del prodotto CRESME Scenar d frenata per l comparto elettrco: l nodo della valorzzazone del prodotto Il mercato elettrco rappresenta uno de pù nteressant compart economc del nostro paese, caratterzzato da profonde

Dettagli

1. DESCRIZIONE GENERALE

1. DESCRIZIONE GENERALE 1. DESCRIZIONE GENERALE 1.1 Premessa L ntervento oggetto della presente relazone tecnca rguarda l mpanto d rvelazone e segnalazone ncend da realzzare a servzo del locale archvo dell edfco scolastco sto

Dettagli

PROCEDURA INFORMATIZZATA PER LA COMPENSAZIONE DELLE RETI DI LIVELLAZIONE. (Metodo delle Osservazioni Indirette) - 1 -

PROCEDURA INFORMATIZZATA PER LA COMPENSAZIONE DELLE RETI DI LIVELLAZIONE. (Metodo delle Osservazioni Indirette) - 1 - PROCEDURA INFORMATIZZATA PER LA COMPENSAZIONE DELLE RETI DI LIVELLAZIONE (Metodo delle Osservazon Indrette) - - SPECIFICHE DI CALCOLO Procedura software per la compensazone d una rete d lvellazone collegata

Dettagli

Analisi delle componenti principali

Analisi delle componenti principali UNIVERSIÀ DEGI SUDI DEA BASIICAA FACOÀ DI INGEGNERIA CORSO DI AUREA IN INGEGNERIA MECCANICA ESINA IN COMPEMENI DI PROBABIIÀ E SAISICA 3 cedt Anas dee comonent nca DOCENE: Pof.: EVIRA DI NARDO SUDENE: D

Dettagli

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E Strutture deformabl torsonalmente: anals n FaTA-E Il comportamento dsspatvo deale è negatvamente nfluenzato nel caso d strutture deformabl torsonalmente. Nelle Norme Tecnche cò vene consderato rducendo

Dettagli

Argomenti. Misure di corrente elettrica continua, di differenza di potenziale e di resistenza elettrica.

Argomenti. Misure di corrente elettrica continua, di differenza di potenziale e di resistenza elettrica. ppunt per l corso d Laboratoro d Fsca per le Scuole Superor rgoent Msure d corrente elettrca contnua, d dfferenza d potenzale e d resstenza elettrca. Struent d sura: prncp d funzonaento. Coe s effettuano

Dettagli

Dipartimento di Statistica Università di Bologna. Matematica Finanziaria aa 2012-2013 Esercitazione: 4 aprile 2013

Dipartimento di Statistica Università di Bologna. Matematica Finanziaria aa 2012-2013 Esercitazione: 4 aprile 2013 Dpartmento d Statstca Unverstà d Bologna Matematca Fnanzara aa 2012-2013 Eserctazone: 4 aprle 2013 professor Danele Rtell www.unbo.t/docent/danele.rtell 1/41? Aula "Ranzan B" 255 post 1 2 3 4 5 6 7 8 9

Dettagli

Sintesi della policy di valutazione e pricing delle obbligazioni emesse da Banca Emilveneta S.p.A.

Sintesi della policy di valutazione e pricing delle obbligazioni emesse da Banca Emilveneta S.p.A. Sntes della polcy d valutazone e prcng delle obblgazon emesse da Banca Emlveneta S.p.A. INDICE 1. PREMESSA...1 2. METODOLOGIA DI PRICING...1 2.1 PRICING...3 1. PREMESSA Il presente documento ha lo scopo

Dettagli

Richiami di Termodinamica Applicata

Richiami di Termodinamica Applicata Unverstà degl Stud d aglar ors d Studo n Ingegnera hca ed Elettrca Rcha d Terodnaca Applcata Il ro rncpo della Terodnaca, o rncpo d onservazone dell Energa, n tern dfferenzal e con rferento all untà d

Dettagli

ROBOTS A CINEMATICA RIDONDANTE: NUOVI SVILUPPI CONSENTITI DAGLI AZIONAMENTI DIRETTI E DAGLI ALGORITMI DI CONTROLLO GENETICI

ROBOTS A CINEMATICA RIDONDANTE: NUOVI SVILUPPI CONSENTITI DAGLI AZIONAMENTI DIRETTI E DAGLI ALGORITMI DI CONTROLLO GENETICI ROBOTS A CINEMATICA RIDONDANTE: NUOVI SVILUPPI CONSENTITI DAGLI AZIONAMENTI DIRETTI E DAGLI ALGORITMI DI CONTROLLO GENETICI R. Fagla (*), M. Flppn (**), A. Zappon (***) (*)Dp. Ing. Meccanca Unv. degl Stud

Dettagli

Concetti principale della lezione precedente

Concetti principale della lezione precedente Corso d Statstca medca e applcata 6 a Lezone Dott.ssa Donatella Cocca Concett prncpale della lezone precedente I concett prncpal che sono stat presentat sono: I fenomen probablstc RR OR ROC-curve Varabl

Dettagli

Calibrazione. Lo strumento idealizzato

Calibrazione. Lo strumento idealizzato Calbrazone Come possamo fdarc d uno strumento? Abbamo bsogno d dentfcare l suo funzonamento n condzon controllate. L dentfcazone deve essere razonalmente organzzata e condvsa n termn procedural: s tratta

Dettagli

Città di Casarano Provincia di Lecce

Città di Casarano Provincia di Lecce Città di Casaano Povincia di Lecce Ufficio del Piano di Zona n. 4 Casaano Collepasso Matino Paabita Ruffano Supesano Tauisano Tel. 0833 502428 Fax 0833 514243 e-mail ufficiodipiano@confinesociale.it Ufficio

Dettagli

Approfondimenti disciplinari

Approfondimenti disciplinari UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI FERRARA CORSO SPECIALE ABILITANTE anno accademco 2006/2007 CORSO DI: Approfondment dscplnar UNITÁ DIDATTICA DELLA CLASSE A049 LA PROBABILITA DOCENTE: PROF. BERNARDI EROS TITOLO:

Dettagli

Il progetto è articolato nelle seguenti fasi operative: Pianificazione operativa e organizzazione partenariato

Il progetto è articolato nelle seguenti fasi operative: Pianificazione operativa e organizzazione partenariato .NUMERO AZIONE 2. TITOLO AZIONE Progetto "PETTHERAPY'. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ II progetto ntende contrbure al mgloramento della qualtà della vta de pazent convolt e delle loro famgle attraverso attvtà,

Dettagli

Fondamenti di Visione Artificiale (Seconda Parte) Corso di Robotica Prof.ssa Giuseppina Gini Anno Acc.. 2006/2007

Fondamenti di Visione Artificiale (Seconda Parte) Corso di Robotica Prof.ssa Giuseppina Gini Anno Acc.. 2006/2007 Fondament d Vsone Artfcale (Seconda Parte PhD. Ing. Mchele Folgherater Corso d Robotca Prof.ssa Guseppna Gn Anno Acc.. 006/007 Caso Bdmensonale el caso bdmensonale, per ndvduare punt d contorno degl oggett

Dettagli

9.6 Struttura quaternaria

9.6 Struttura quaternaria 9.6 Struttura quaternara L'ultmo lvello strutturale é la struttura quaternara. Non per tutte le protene è defnble una struttura quaternara. Infatt l esstenza d una struttura quaternara é condzonata alla

Dettagli

Torino Nord Ovest BILANCIO SOCIALE 2011

Torino Nord Ovest BILANCIO SOCIALE 2011 Tono Nod Ovest BILANCIO SOCIALE 2011 QUESTIONI DI DEFINIZIONE COSA FACCIAMO / Tono Nod Ovest sl mesa socale è l cento fondato dall Assocazone Tono Intenazonale e svolgee attvtà d studo, consulenza, valutazone

Dettagli

Verifica di efficacia di un Sistema di Gestione di Sicurezza e Salute sul lavoro: l OHSAS 18001

Verifica di efficacia di un Sistema di Gestione di Sicurezza e Salute sul lavoro: l OHSAS 18001 Relazone Verfca d effcaca d un Sstema d Gestone d Scurezza e Salute sul lavoro: l OHSAS 18001 Gl nfortun sul lavoro e le malatte professonal sono ad ogg uno de prncpal problem che afflggono l Itala e

Dettagli

Valore finanziario del tempo

Valore finanziario del tempo Finanza Aziendale Analisi e valutazioni pe le decisioni aziendali Valoe finanziaio del tempo Capitolo 3 Indice degli agomenti. Concetto di valoe finanziaio del tempo 2. Attualizzazione di flussi futui

Dettagli

2 Modello IS-LM. 2.1 Gli e etti della politica monetaria

2 Modello IS-LM. 2.1 Gli e etti della politica monetaria 2 Modello IS-LM 2. Gl e ett della poltca monetara S consderun modello IS-LM senzastatocon seguent datc = 0:8, I = 00( ), L d = 0:5 500, M s = 00 e P =. ) S calcolno valor d equlbro del reddto e del tasso

Dettagli

MODELLO SPEDITIVO PER LA PREVISIONE DELLA DISPONIBILITÀ IDRICA NEL BACINO DEL PO IN PERIODI DI SICCITA

MODELLO SPEDITIVO PER LA PREVISIONE DELLA DISPONIBILITÀ IDRICA NEL BACINO DEL PO IN PERIODI DI SICCITA U.O. Protezone Cvle MODELLO SPEDITIVO PER LA PREVISIONE DELLA DISPONIBILITÀ IDRICA NEL BACINO DEL PO IN PERIODI DI SICCITA Centro Funzonale Component del gruppo d lavoro: Nomnatvo Ente Tel. Fax Ing. Maurzo

Dettagli

Obiettivi Specifici di apprendimento GEOGRAFIA. CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO (dalla Cl. I Sc.Primaria alla Cl. III Sc.Second. 1 gr.

Obiettivi Specifici di apprendimento GEOGRAFIA. CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO (dalla Cl. I Sc.Primaria alla Cl. III Sc.Second. 1 gr. bettv pecfc d ppendmento GGAFA VA D ( cpm cecond 1 g) A NNZ ABÀ sse cpm gnzzto tempo e spz (pm, po, mente, sop, sotto, dvnt, deto, vcno, ontno,snst, dest, ecc) sse cpm ement costtutv deo spzo vssuto: funzon,

Dettagli

Il patrimonio informativo aziendale come supporto alle attività di marketing

Il patrimonio informativo aziendale come supporto alle attività di marketing Unverstà degl Stud d RomaTre - Facoltà d Economa Corso d Rcerche d Marketng Il patrmono nformatvo azendale come supporto alle attvtà d marketng ng. Stefano Cazzella stefano.cazzella@datamat.t Agenda La

Dettagli

Manuale delle Segnalazioni Statistiche e di Vigilanza per gli Intermediari del Mercato Mobiliare

Manuale delle Segnalazioni Statistiche e di Vigilanza per gli Intermediari del Mercato Mobiliare Manuale delle Segnalazon Statstche e d Vglanza per gl Intermedar del Mercato Moblare Crcolare n. 148 del 2 luglo 1991 14 aggornamento del 16 dcembre 2009 VIGILANZA CREDITIZIA E FINANZIARIA Manuale delle

Dettagli

ELEMENTI DI STATISTICA PARTE 1

ELEMENTI DI STATISTICA PARTE 1 ELEMETI DI STATISTICA PARTE. ITRODUZIOE. La parola statstca. Cenn storc.3 Gl studos.4 La statstca moderna.5 Le font statstche. DEFIIZIOI 3. Una defnzone d statstca 3. I fenomen collettv 3.3 Untà statstche,

Dettagli

Corrente elettrica. Definizione. dq i = dt. Unità di misura. 1Coulomb 1 Ampere = 1secondo. Verso della corrente

Corrente elettrica. Definizione. dq i = dt. Unità di misura. 1Coulomb 1 Ampere = 1secondo. Verso della corrente Nome file j:\scuola\cosi\coso fisica\elettomagnetismo\coente continua\coenti elettiche.doc Ceato il 05/1/003 3.07.00 Dimensione file: 48640 byte Elaboato il 15/01/004 alle oe.37.13, salvato il 10/01/04

Dettagli

Soluzione attuale ONCE A YEAR. correlation curve (ISO10155) done with, at least 9 parallel measurements

Soluzione attuale ONCE A YEAR. correlation curve (ISO10155) done with, at least 9 parallel measurements Torna al programma Sstema per la garanza della qualtà ne sstem automatc d msura alle emsson: applcazone del progetto d norma pren 14181:2003. Rsultat dell esperenza n campo presso due mpant plota. Cprano

Dettagli

IL FINANZIAMENTO DELLA SANITÀ IN ITALIA: FINANZA AUTONOMA O DERIVATA?

IL FINANZIAMENTO DELLA SANITÀ IN ITALIA: FINANZA AUTONOMA O DERIVATA? WORKIG PAPER o 68 febbrao 2009 IL FIAZIAMETO DELLA SAITÀ I ITALIA: FIAZA AUTOOMA O DERIVATA? AGESE SACCHI JEL Classfcaton: H5, H75, H77 Keywords: Sstema santaro nazonale Federalsmo fscale socetà talana

Dettagli

Relazioni tra variabili: Correlazione e regressione lineare

Relazioni tra variabili: Correlazione e regressione lineare Dott. Raffaele Casa - Dpartmento d Produzone Vegetale Modulo d Metodologa Spermentale Febbrao 003 Relazon tra varabl: Correlazone e regressone lneare Anals d relazon tra varabl 6 Produzone d granella (kg

Dettagli

Capitolo 2 Dati e Tabelle

Capitolo 2 Dati e Tabelle Captolo 2 Dat e Tabelle La Descrzone della Popolazone La descrzone d una popolazone passa attraverso due fas: 1. la formazone de dat statstc 2. la sntes de dat La formazone del dato statstco prevede: ()

Dettagli

Apprendimento Automatico e IR: introduzione al Machine Learning

Apprendimento Automatico e IR: introduzione al Machine Learning Apprendmento Automatco e IR: ntroduzone al Machne Learnng MGRI a.a. 2007/8 A. Moschtt, R. Basl Dpartmento d Informatca Sstem e produzone Unverstà d Roma Tor Vergata mal: {moschtt,basl}@nfo.unroma2.t 1

Dettagli