Istituto Superiore Statale V. Cardarelli Istituto per Geometri La Spezia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Istituto Superiore Statale V. Cardarelli Istituto per Geometri La Spezia"

Transcript

1 Istituto Superiore Statale V. Cardarelli Istituto per Geometri La Spezia Esami di Stato 2014 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE QUINTA S (art. 5, DPR 323/98) La Spezia, 15 maggio 2014

2 INDICE SCHEDA DI PRESENTAZIONE Pag 3 Il Consiglio di classe Pag 3 Composizione della classe Pag 3 Elenco dei candidati Pag. 4 Tesine e progetti Pag 4 Crediti formativi Pag 6 Situazione di partenza della classe Obiettivi concordati dal Consiglio di classe Pag 7 Pag. 7 Criteri di valutazione Pag 8 Frequenza e partecipazione della classe Pag. 9 Corsi di sostegno Pag. 9 Visite e viaggi di istruzione Pag. 9 Progetti di integrazione dell offerta formativa Pag. 10 Attività sul territorio con enti esterni Livelli di apprendimento complessivi Allegati (Prove di simulazione con relative griglie di valutazione, schema risultati complessivi. SCHEDE DELLA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE italiano storia diritto estimo lingua straniera matematica progettazione costruzioni topografia Impianti educazione fisica religione Pag. 10 Pag. 10 Pag. 11

3 Tipologia dell indirizzo: SCHEDA DI PRESENTAZIONE PNI X PROGETTO CINQUE PROGETTO SIRIO 1. Il Consiglio di classe Nome Rapporto di lavoro DOCENTI Disciplina insegnata Continuità didattica 3^ 4^ 5^ Righetti Ameris Italiano x Borrini Riccardo Storia x x Landini Landa Inglese x x Silvestri Alessandra Matematica x x x Ricci Lanfranco Estimo x x x Missadin Alessandro Topografia x x x Sciacca Giuseppe Costruzioni x x x Barani Patrizia Progettazione x x Minichini Aurora Diritto x x x Magnelli Francesco Impianti x x x Donno Rita Scienze Motorie x x x Gasparini Silvia Religione x x x Eventuali supplenze a.s. 2013/2014 dal al 2. Composizione della classe Numero iscritti all inizio dell anno 18 Maschi 14 Femmine 4 Ripetenti classe quinta - Provenienti da altri corsi - Provenienti da altri istituti - Lingua straniera: inglese Allievi con handicap - Ritirati in corso d anno - Altro: 1 DSA

4 CANDIDATI Approfondimenti e ricerche Progetti tecnico-professionali 1 CAMPAGNOLO DAVIDE 2 CARLI ANDREA High - Tech Progetto Stradale 3 COZZANI GIULIA 4 D APUZZO THOMAS 5 GHIRONI Wright STEFANO 6 LATO ENEIDA Il Ponte sul Bosforo Progetto Stradale 7 MARTINELLI DAVIDE 8 MISELLI FRANCESCO Case in legno Progetto casa di civile abitazione Progetto stradale 9 NIRO MARIO Progetto casa di civile abitazione Progetto stradale 10 PANIZZI MATTIA Le colonie per l infanzia nel fascismo 11 PASSARINO DANILO 12 PIGLIACELLI GIANNI 13 PLASTINA SARA Progetto stradale 14 POLICE MARIO 15 SAVINO VINCENZO 16 TRAFOSSI GIULIA Fascismo: Storia e Architettura. D Annunzio Dancing house a Praga

5 17 VECCIU LUCA Progetto casa di civile abitazione 18 ZAMBRANO MUZZIO KEVIN GIANCARLO Progetto stradale Il materiale prodotto dagli allievi, vistato per approvazione dal docente di riferimento, è allegato al presente documento e inserito tra gli atti della Commissione. Eventuali crediti formativi meglio specificati nella tabella successiva CREDITI FORMATIVI Nome 1 CAMPAGNOLO DAVIDE Descrizione Servizio biblioteca Attività triathlon Campionati di atletica 2 CARLI ANDREA Giornata orientamento universitario Attività di pallavolo Campionati di atletica 3 COZZANI GIULIA 4 D APUZZO THOMAS 5 GHIRONI STEFANO Servizio biblioteca Attività triathlon Campionati di atletica Orientamento per scuole medie Attività triathlon Orientamento per scuole medie 6 LATO ENEIDA Attività triathlon 7 MARTINELLI DAVIDE Stage in matematica Unige Giornata orientamento universitario Attività Peer Educator Attività sportiva esterna

6 8 MISELLI FRANCESCO Pallanuoto Campionati di atletica Orientamento per scuole medie 9 NIRO MARIO Servizio Croce Rossa Orientamento per scuole medie 10 PANIZZI MATTIA Attività calcistica Campionati di atletica 11 PASSARINO DANILO 12 PIGLIACELLI GIANNI Servizio biblioteca Orientamento per scuole medie Giornata orientamento universitario Campionati di atletica Attività sportiva Kung Fu Orientamento per scuole medie 13 PLASTINA SARA Attività triathlon 14 POLICE MARIO Servizio biblioteca Corso per bagnino Attività triathlon 15 SAVINO VINCENZO Giornata orientamento universitario Attività calcistica Attività triathlon Campionati di atletica Orientamento per scuole medie 16 TRAFOSSI Servizio biblioteca GIULIA 17 VECCIU LUCA Attività sportiva esterna Orientamento per scuole medie 18 ZAMBRANO MUZZIO KEVIN GIANCARLO Servizio biblioteca Attività triathlon Campionati di atletica Festival della mente Attività di pallavolo interna

7 Situazione di partenza della classe N. degli alunni che nel complesso possedevano i prerequisiti: _8_ N. degli alunni che possedevano parzialmente i prerequisiti _5_ N. degli alunni in difficoltà _5_ In generale il comportamento è corretto però alcuni allievi non si sono dimostrati sufficientemente responsabili rispetto ai propri compiti, e quindi il livello globale conseguito è probabilmente al di sotto delle capacità. L andamento scolastico della classe per quanto riguarda l apprendimento delle varie discipline è solo in parte soddisfacente, poiché diversi studenti necessitano ancora da parte degli insegnati di continue sollecitazioni per un impegno nello studio domestico e nella attenzione/partecipazione in classe più costante e funzionale. La preparazione degli studenti è diversificata: alcuni possiedono i prerequisiti in tutte le materie anche ad un ottimo livello, hanno acquisito un metodo di studio consapevole ed un adeguata autonomia. Altri si attestano su un livello buono di preparazione ed altri, invece, per un impegno minore e discontinuo, hanno raggiunto solo in parte le competenze previste in ingresso. Costoro, in particolare alcuni, non hanno ancora acquisito un metodo di studio efficace ed una responsabile autonomia di apprendimento. E presente un alunno certificato DSA Obiettivi concordati dal Consiglio di Classe Didattici Obiettivi d apprendimento: saper effettuare in modo pertinente i collegamenti tra le abilità conseguite nelle diverse discipline al fine di: a) Approfondire anche in modo critico le stesse tematiche disciplinari; b) Acquisire capacità di sintesi progettuali mature e responsabili di comportamento Saper lavorare in gruppo in modo responsabile e produttivo al fine di: a) migliorare le capacità espositive e di comunicazione; b) arricchire la capacità di sintesi progettuale; c) collaborare a colmare le eventuali lacune nella preparazione dei compagni di classe

8 Criteri di valutazione CONOSCENZE COMPETENZE CRITERI DI VALUTAZIONE LESSICO MINIMO COMUNE Acquisizione di contenuti (teorie e principi, termini, argomenti, regole, procedure, metodi, tecniche applicative ) E l insieme di contenuti appresi afferenti ad una o più aree disciplinari o trasversali. Utilizzazione delle conoscenze acquisite per eseguire specifici compiti e/o risolvere situazioni problematiche e/o produrre nuovi oggetti (inventare, creare ) E l applicazione concreta di una o più conoscenze, anche in contesti organizzati. Il seguente schema indica la corrispondenza tra il grado di preparazione e voto numerico in decimi. LIVELLO VOTO CONOSCENZE COMPETENZE DEL TUTTO NEGAT. 1-2 Nulle Nulle GRAVEM. INSUFFI CIENTE 3 Gravemente lacunose e frammentarie. GRAVEM. INSUFFI CIENTE 4 Lacunose e frammentarie. INSUFFI CIENTE 4,5 5 5,5 SUFFI CIENTE 6 6,5 DISCRE TO BUONO OTTIMO/ ECCEL LENTE 7 7,5 Incerte e/o incomplete; superficiali. Omogenee, ma limitate ai contenuti essenziali. Complete, ma non sempre approfondite o padroneggiate con la stessa competenza. 8 8,5 Complete ed approfondite Ampie e complete, con buone capacità di orientamento. Utilizza le scarse conoscenze in modo scorretto o non pertinente. Si esprime in modo inappropriato e disorganico. Applica le limitate conoscenze solo se guidato e comunque non a contesti diversi da quelli appresi. Commette spesso gravi errori anche nell eseguire semplici esercizi. Si esprime a fatica, in modo improprio. Utilizza le conoscenze in modo talora impreciso o frammentario; necessita di una guida nella loro applicazione. Si esprime in modo non sempre coerente ed appropriato. Riesce a compiere semplici applicazioni delle conoscenze in modo pertinente. Sa esprimere in modo sufficientemente chiaro i contenuti acquisiti. Esegue correttamente compiti semplici ed affronta compiti più complessi, pur con alcune incertezze. Sa applicare le conoscenze anche a contesti diversi con parziale autonomia. Si esprime in modo chiaro. Utilizza le conoscenze in modo corretto e sa applicarle a contesti diversi in modo quasi sempre autonomo. E in grado di affrontare compiti abbastanza complessi. Si esprime in modo chiaro ed organico, avvalendosi spesso della terminologia appropriata. Affronta anche compiti complessi in maniera corretta, applicando le conoscenze in modo autonomo. Si esprime con sicurezza ed utilizza il linguaggio specifico richiesto.

9 L allievo non viene classificato soltanto nel caso di assenze numerose che abbiano impedito per lunghi periodi l effettuazione di prove di verifica. Periodicità della valutazione del Consiglio di Classe Bimestrale: una nota informativa a metà del primo quadrimestre, scrutinio a fine del primo quadrimestre, una nota informativa a metà del secondo quadrimestre, scrutinio finale al termine del secondo quadrimestre. Frequenza della classe Partecipazione della classe Assidua _ Attiva _ Regolare X Diligente _ Accettabile _ Accettabile X Saltuaria _ Limitata _ Corsi o attività di sostegno effettuati L attività del mattino si è strutturata secondo percorsi individualizzati e personalizzati ed attività di sostegno e recupero in itinere Visite e viaggi di istruzione - Visita al salone dell edilizia ( SAIE ) Bologna - in data Ottobre Tracking Isola Palmaria con visita alla fortezza Umberto I, in data 16 Maggio 2014

10 Titolo/argomento Progetto di integrazione dell offerta formativa Italiano: - visione del film La lupa (regia di Gabriele Lavia) - conferenza (il 30/10) su Guida sicura - assemblea-conferenza (il 27/11) sul tema della Legalità : visione del film Alla luce del sole di R. Faenza cui è seguito un intervento di Marco Antonelli dell Associazione Libera contro le mafie e quindi un dibattito con gli studenti - percorso sull Unione europea (il 14/11), all interno del Progetto Anche tu, per esempio, organizzato dalla Provincia SP e da Europe Direct (4 ore, di cui due al mattino e due il pomeriggio presso l Expo) - partecipazione a Genova il 30 maggio 2014, teatro Carlo Felice, per l opera di Bizet Carmen Educazione Fisica: RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE DELLA SCUOLA Pulizia del terreno nella fascia di cortile confinante con via Carducci, fresatura e preparazione del terreno per l'impianto delle piante rampicanti, loro sistemazione e legatura, sistemazione di cordolo di delimitazione Costruzioni: - Visita in cantiere a Sarzana Ex Area Mercato Ortofrutticolo Modalità di lavoro Materie interessate Italiano; Educazione Fisica Costruzioni Organizzazione Presentazione Cartacea Informatica Modellistica Multimediale Titolo/argomento Attività sul territorio con Enti esterni Sicurezza cantieri Le attività sono state organizzate e programmate con il Comitato Tecnico Scientifico

11 Modalità di lavoro Materie interessate Costruzioni e Progettazione Organizzazione Incontri con esperti del CTS Presentazione Cartacea Informatica Modellistica Multimediale Situazione finale del profitto complessivo Hanno acquisito a livello minimo (1) a livello medio (1) a livello massimo (1) Non hanno acquisito le conoscenze 30 % 25 % 25 % 20 % previste(2) Le competenze previste (3) (1) in percentuale sul totale degli allievi frequentanti Per livello minimo si intende il possesso degli obiettivi minimi, quindi la sufficienza. (2) Conoscenze= Acquisizione di contenuti (teorie e principi, termini, argomenti, regole, procedure, metodi, tecniche applicative ) E l insieme di contenuti appresi afferenti ad una o più aree disciplinari o trasversali. (3) Competenze= Utilizzazione delle conoscenze acquisite per eseguire specifici compiti e/o risolvere situazioni problematiche e/o produrre nuovi oggetti (inventare, creare ) E l applicazione concreta di una o più conoscenze, anche in contesti organizzati

12 ALLEGATI 1) Documentazione relativa alle prove d esame 2) Programmi delle singole materie 3) Progetti e ricerche prodotti dagli allievi durante l anno scolastico (depositato agli atti della commissione d esame) Data Firma del docente coordinatore Visto del Preside

13 Prova di COSTRUZIONI 1) Quali sono le procedure di appalto ai sensi dell art. 54 D.Lgs 163/2006? Elenca e spiega sinteticamente. 2) Come si calcola la spinta su una parete di sostegno in assenza ed in presenza di sovraccarico? Disegnare i diagrammi. 3) Quali livelli per l attività di progettazione sono previsti dalla Legge Quadro sui lavori pubblici? E con quali obiettivi e contenuti?

14

15 ISTITUTO SUPERIORE V. CARDARELLI La Spezia Istituto per Geometri Liceo Artistico Anno scolastico 2013/2014 Materia: TOPOGRAFIA Classe VS ALUNNO.. SIMULAZIONE TERZA PROVA 1) Quali sono gli elementi geometrici di una curva circolare e le relazioni che intercorrono tra essi? 2) Che cosa si intende per livelletta stradale? 3) In quali principali casi dell attività professionale del geometra trova applicazione la divisione dei terreni?

16 Istituto Tecnico per Geometri V. Cardarelli anno scolastico 2013/2014 Data 22/04/2014 TERZA PROVA DI INGLESE CANDIDATO Classe V S È consentito l uso del dizionario monolingue Answer the following questions in around 12 lines 1) Provide information about the characteristic Neo Classical buildings in Britain during the 18 th century

17 2) Why was Tower Bridge built? What style is it?

18 3) Which important Movements developed at the end of the 19 th century in Britain? What were their attitudes towards machines?

19 GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA PROVA SCRITTA DI ITALIANO (in 15esimi) TIPOLOGIA A: ANALISI DEL TESTO COMPRENSIONE COMPLESSIVA PUNTI Comprensione completa delle informazioni del testo 3 Individuazione delle informazioni più importanti [Sufficiente] 2 Comprensione superficiale e/o inadeguata, incompleta 1 Assente / Fraintendimento di gran parte del testo 0 ANALISI (dei livelli e degli elementi del testo) Completa ed adeguata 3 Sostanzialmente soddisfacente, pur con alcune imprecisioni e/o lacune [Sufficiente] 2 Incompleta / Molte imprecisioni e/o lacune 1 Assente / Del tutto inadeguata 0 APPROFONDIMENTI / CONTESTUALIZZAZIONE PUNTI PUNTI 3 Rielaborazione con conoscenze adeguate e corrette / Contestualizzazione efficace del testo Conoscenze essenziali, nel complesso corrette / Contestualizzazione pertinente 2 [Sufficiente] Conoscenze frammentarie e/o scorrette / Contestualizzazione scarsa o molto scarsa 1 Assente / Conoscenze e contestualizzazione del tutto inadeguate 0 STRUTTURA DEL DISCORSO PUNTI Coerente e coesa / Ordinata 3 Lineare ed essenziale, pur con qualche incongruenza [Sufficiente] 2 Disordinata / Incoerente 1 Assente / Del tutto priva di coerenza 0 FORMA ESPRESSIVA (ortografia, lessico, morfosintassi, punteggiatura) Sostanzialmente corretta 3 Qualche lieve scorrettezza [Sufficiente] 2 Alcuni gravi errori / Frequenti errori 1 Errori gravissimi e molto frequenti / Non comprensibile 0 TOTALE PUNTI PUNTI Cognome e Nome

20 Classe Data

21 GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA PROVA SCRITTA DI ITALIANO (in 15esimi) TIPOLOGIA C / D: TEMA ADERENZA ALLA TRACCIA (sviluppo dell argomento proposto) Completa / Pressoché completa [Sufficiente] 2 Parziale / Superficiale 1 Assente / Molto scarsa 0 PUNTI CONOSCENZA DELL ARGOMENTO PUNTI Ampia ed articolata / Esauriente 4 Abbastanza completa / Corretta 3 Nel complesso accettabile, pur con qualche imprecisione [Sufficiente] 2 Molto limitata / Molte imprecisioni / Scorretta 1 Assente / Del tutto inadeguata 0 PUNTI TESI / ARGOMENTAZIONE Tesi chiara ed evidente / Argomentazione ben articolata, organica, efficace 3 Tesi riconoscibile / Argomentazione soddisfacente, pur se non sempre efficace 2 [Sufficiente] Tesi non del tutto evidente / Argomentazione poco articolata, superficiale 1 Assente / Del tutto disarticolata e inefficace 0 PUNTI STRUTTURA DEL DISCORSO Coerente e coesa / Ordinata 3 Lineare ed essenziale / Schematica, ma nel complesso organizzata e congruente 2 [Sufficiente] Disordinata / Incoerente / Incongruente 1 Assente / Del tutto incoerente / Del tutto incongruente 0 FORMA ESPRESSIVA (ortografia, morfosintassi, lessico, punteggiatura) Sostanzialmente corretta 3 Qualche lieve scorrettezza [Sufficiente] 2 Alcuni gravi errori / Frequenti errori 1 Errori gravissimi e molto frequenti / Non comprensibile 0 PUNTI Cognome e Nome TOTALE PUNTI

22 Classe Data GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA PROVA SCRITTA DI ITALIANO (in 15esimi) TIPOLOGIA B: SAGGIO BREVE ARTICOLO DI GIORNALE RISPETTO DELLA CONSEGNA PUNTI Completo / Pressoché completo [Sufficiente] 2 Parziale / Superficiale 1 Assente / Molto scarso 0 LIVELLO DELLE INFORMAZIONI / USO DEI DOCUMENTI PUNTI Completo, corretto / Adeguato ed efficace 4 Abbastanza completo e corretto / Adeguato 3 Accettabile, pur con qualche imprecisione / Parziale, ma nel complesso adeguato 2 [Sufficiente] Limitato, scorretto / Appena accennato 1 Assente / Del tutto inadeguato 0 PUNTI TESI / ARGOMENTAZIONE Tesi chiara ed evidente / Argomentazione ben articolata 3 Tesi riconoscibile / Argomentazione soddisfacente, seppur non molto articolata 2 [Sufficiente] Tesi appena accennata / Argomentazione scarsa 1 Assente / Del tutto inadeguata 0 PUNTI STRUTTURA DEL DISCORSO Coerente e coesa / Ordinata 3 Lineare ed essenziale / Schematica, ma nel complesso organizzata e congruente 2 [Sufficiente] Disordinata / Incoerente / Incongruente 1 Assente / Del tutto incoerente / Del tutto incongruente 0 FORMA ESPRESSIVA (ortografia, lessico, morfosintassi, punteggiatura) Sostanzialmente corretta 3 Qualche lieve scorrettezza [Sufficiente] 2 Alcuni gravi errori / Frequenti errori 1 Errori gravissimi e molto frequenti / Non comprensibile 0 PUNTI

23 Cognome e Nome Classe Data TOTALE PUNTI

24 GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA 2 Prova SCRITTA DELL ESAME DI STATO Materia : ESTIMO A.S. 2013/14 Candidato Classe INDICATORI 1.Competenza interpretativa del quesito estimativo e dei dati forniti dal testo. 2. Precisione nella descrizione dei beni, dei criteri e delle procedure di stima. 3. Congruità e motivazione nella scelta delle procedure e dei dati assunti, precisione di calcolo. 4. Correttezza formale e completezza della prova Punteggio massimo attribuibile all indicatore punti 3 Punteggio corrispondente ai diversi livelli Insufficiente 1 Sufficiente 2 Discreto/ buono 3 punti 4 Nullo 0 Scarso 1 Insufficiente 2 Sufficiente 3 Discreto /buono 4 Punti 5 Nullo 0 Scarso 1 Insufficiente 2 Sufficiente 3 Discreto 4 Buono 5 3 punti Nullo 0 Insufficiente 1 Sufficiente 2 Discreto/buono 3 Punteggio attribuito

25

26 a.s LINGUA INGLESE Griglia di valutazione terza prova per DSA: quesiti tipologia b Indicatori Descrittori Punteggio Conoscenze Competenze complete, corrette, approfondite con adeguati collegamenti corrette, con adeguati collegamenti essenziali senza lacune di rilievo con qualche lacuna rilevante con gravi lacune non pertinenti o foglio bianco sufficiente Uso della micro lingua specifica pienamente adeguato al contesto Non sempre adeguato al contesto Scarso o nessun utilizzo 3 2 sufficiente 1 Pertinenza al quesito buona adeguata carente 3 2 sufficiente 1 Organizzazione dei contenuti adeguata, corretta e coerente essenziale, schematica del tutto inadeguata o foglio bianco 3 2 sufficiente 1 Totale /15 Tabella di conversione del punteggio da quindicesimi in decimi Voto punti <

27 Istituto Superiore Statale Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri - Liceo Artistico Cod. Istituto: SPIS C.F: Sede: Via Carducci, La Spezia - Tel. 0187/ Fax: 0187/ Succursale: Via Montepertico, La Spezia - Tel. 0187/ Fax: 0187/ URL: GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER IL COLLOQUIO Parametri Indicatori valutativi Misuratori Punteggio Conoscenza e grado di approfondimento degli argomenti trattati Trattazione esauriente, precisa e molto approfondita 6 Argomenti trattati in modo pertinente e approfondito 5 Conoscenze proprie e coerenti 4 Conoscenza superficiale degli argomenti 3 Conoscenza lacunosa degli argomenti 2 Conoscenza frammentaria degli argomenti 1 Capacità di analisi e comprensione di testi e procedure Testi e procedure analizzati nei loro aspetti salienti 4 Testi e procedure analizzati in alcuni aspetti 3 Lettura corretta ma elementare di testi e procedure 2 Analisi condotte in modo non sempre soddisfacente 1 Capacità analitiche non rilevabili 0 Capacità di esposizione e padronanza della lingua Esposizione efficace, precisa e organica 5 Esposizione scorrevole e organica 4 Esposizione semplice e schematica 3 Esposizione incerta e non sempre organica 2 Particolari difficoltà espositive 1 Capacità di rielaborazione personale Colloquio ricco di spunti interpretativi originali e pertinenti 5 Elaborazioni personali pertinenti 4 Spunti personali pertinenti 3 Spunti personali non pertinenti allo sviluppo del colloquio 2 Colloquio condotto in modo schematico, banale e impersonale 1 Capacità di effettuare collegamenti interdisciplinari Collegamenti efficaci e organici allo sviluppo del colloquio 5 Sviluppo del colloquio lineare nel collegamento tra le discipline 4 Collegamenti semplici e schematici ma corretti 3 Collegamenti semplici e non sempre corretti 2 Collegamenti non corretti 1 Assenza di collegamenti interdisciplinari 0 Capacità progettuali e coerenza del percorso espositivo presentato dal candidato CANDIDATO Percorso efficace e pianificato con coerenza 5 Percorso coerente e consequenziale 4 Percorso semplice e schematico ma corretto 3 Percorso non sempre organico e consequenziale 2 Percorso disorganico e del tutto privo di logica consequenziale 1 VALUTAZIONE COMPLESSIVA

28 SCHEDA DELLA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE CLASSE 5S Progetto5 Materia: ITALIANO a.s. 2013/2014 Docente: Ameris RIGHETTI Livello di partenza N. degli alunni che nel complesso possedevano i prerequisiti: _8_ N. degli alunni che possedevano parzialmente i prerequisiti _5 N. degli alunni in difficoltà 5_ Ho seguito la classe solo nell ultimo anno di corso. Si tratta di studenti, nel complesso, di medio livello che hanno dimostrato durante l anno scolastico sufficiente partecipazione all attività in aula e disponibilità al dialogo educativo, soprattutto quando vi è stata occasione di affrontare problematiche attinenti l attualità o collegamenti tra gli argomenti di studio ed il presente. L organizzazione del lavoro domestico e la motivazione allo studio della materia si sono rivelati talora carenti e solo nel corso del secondo quadrimestre vi è stato, da questo punto di vista, un certo miglioramento. Pochi gli elementi che si distinguono per impegno, attitudini e competenze specifiche nonché per il livello delle conoscenze conseguito. Il comportamento degli studenti, pur nella sua vivacità, è stato sempre rispettoso e mai ha travalicato i limiti della buona educazione. La preparazione può ritenersi in linea di massima accettabile. Gli obiettivi didattici prefissati sono stati raggiunti da buona parte della classe con un livello di profitto sufficiente o nel complesso sufficiente, in qualche caso discreto o decisamente buono; per singole situazioni permangono alcune fragilità, specie per quanto concerne le competenze linguistiche/espositive. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Conoscenze Conoscere i principali movimenti letterari, le opere e gli autori fondamentali tra fine Ottocento e Novecento Sapersi orientare fra testi e autori e saperli collocare nel loro contesto storico-culturale Competenze Saper leggere, interpretare ed analizzare testi letterari, anche nuovi, operando confronti Saper produrre elaborati formalmente corretti, organici e coerenti con le varie tipologie previste dall Esame di Stato Saper esprimere con chiarezza e proprietà lessicale concetti anche complessi, utilizzando il linguaggio specifico della disciplina Saper costruire un percorso critico all interno della disciplina Obiettivi minimi Conoscere autori, testi e movimenti del periodo preso in esame e saperli contestualizzare Saper leggere, interpretare ed analizzare testi anche nuovi, sotto il profilo tematico e formale, e saper stabilire confronti Saper produrre elaborati sufficientemente corretti, appropriati nel linguaggio e coerenti con la tipologia richiesta Modalità di lavoro (indicare le più usate):

29 x_ lezione frontale x_ lezione interattiva _ discussione casi _ soluzione di problemi _ lavori di gruppo _ attività di produzione (progetti, ricerche) _ esercitazioni pratiche _ _ _ Strumenti operativi Libri di testo in adozione P. DI SACCO LE BASI DELLA LETTERATURA VOLL. 3A 3B ED. SCOLASTICHE B. MONDADORI Laboratori e aule da disegno e/o CAD _ Uso saltuario _ Uso programmato _ Uso abituale Strumenti informatici e audiovisivi x_ Uso saltuario _ Uso programmato _ Uso abituale Tipologia delle prove di verifica x_ Interrogazioni orali n minimo annuale 4 x_ Prove scritte n minimo annuale 6 x_ Prove oggettive (test, questionari, ecc..) n minimo annuale 2 _ Prove grafiche _ Prove informatiche _ Prove pratiche _ Situazione finale del profitto Hanno acquisito a livello minimo (1) a livello medio (1) a livello massimo (1) Non hanno acquisito le conoscenze previste(2) 56% 22% 11% 11%

30 le competenze previste (3) 56% 22% 11% 11% (1) in percentuale sul totale degli allievi frequentanti Per livello minimo si intende il possesso degli obiettivi minimi, quindi la sufficienza. (2) Conoscenze= Acquisizione di contenuti (teorie e principi, termini, argomenti, regole, procedure, metodi, tecniche applicative ) E l insieme di contenuti appresi afferenti ad una o più aree disciplinari o trasversali. (3)Competenze= Utilizzazione delle conoscenze acquisite per eseguire specifici compiti e/o risolvere situazioni problematiche e/o produrre nuovi oggetti (inventare, creare ) E l applicazione concreta di una o più conoscenze, anche in contesti organizzati Contenuti Motivazione delle scelte effettuate Il programma è stato svolto in quasi tutte le sue parti, tranne il modulo sul Neorealismo per i consueti problemi di tempo a disposizione. Si è partiti dal Realismo di metà Ottocento sino ad arrivare alla poesia tra le due guerre mondiali. I ragazzi, nel corso dell anno, hanno sperimentato le tipologie della prima prova scritta e, nel secondo quadrimestre, una simulazione della prova d esame. Nella preparazione e valutazione degli scritti si è tenuto conto 1) dell aderenza alla tipologia 2) dell utilizzo delle conoscenze 3) della rielaborazione personale 4) delle competenze formali Sono state privilegiate, nell ambito della tipologia B, le elaborazioni del saggio breve e non dell articolo di giornale, anche se è stata lasciata libertà di scelta. Blocchi tematici Argomenti in dettaglio POSITIVISMO, NATURALISMO, VERISMO. G. VERGA SIMBOLISMO E DECADENTISMO. G. PASCOLI Il Positivismo. Il documento: Darwin, Evoluzione e futuro dell umanità Le poetiche: Naturalismo e Verismo. Il documento: E. Zola, Letteratura e analisi scientifica Gli scrittori del Verismo: dal Naturalismo al Verismo; i veristi siciliani G. Verga: la vita; la stagione del Verismo; Nedda; Vita dei campi; Novelle rusticane; il ciclo dei vinti Da Vita dei campi: La lupa Cavalleria rusticana I Malavoglia Dai Malavoglia: La prefazione La famiglia Toscano Le novità del progresso viste da Trezza L addio alla casa del nespolo Le poetiche: Il Decadentismo e la letteratura di inizio Novecento La Scapigliatura Iginio Ugo Tarchetti, Racconti fantastici La lettera U I Simbolisti francesi C. Baudelaire, I fiori del male: Corrispondenze - Spleen Il passaggio dall 800 al 900: la crisi del modello razionalista. L influsso di Nietzsche, Bergson e Freud G. Pascoli: la vita; il percorso delle opere; la poetica del fanciullino e il suo mondo simbolico; lo stile e le tecniche espressive. Lo stile impressionista di Pascoli Dal Fanciullino: Il fanciullo che è in noi Il poeta è poeta, non oratore o predicatore

31 L EROE DECADENTE I MOVIMENTI D AVANGUARDIA LA NARRATIVA DEL 900: PIRANDELLO E SVEVO LA POESIA TRA LE DUE GUERRE: UNGARETTI E MONTALE [da svolgere alla data del 10/05/2014, con possibili integrazioni e/o modifiche da precisarsi al termine dell a.s.] Data Le raccolte Myricae e Canti di Castelvecchio Da Myricae: Lavandare Novembre Temporale Il lampo Il tuono X Agosto Da Canti di Castelvecchio: Il gelsomino notturno G. D Annunzio: i romanzi Il piacere e Le vergini delle rocce Dal Piacere: L attesa di Elena Ritratto d esteta Da Le vergini delle rocce: Il programma del superuomo J.K. Huysmans: il romanzo A ritroso (Controcorrente) Da A ritroso: La casa artificiale del perfetto esteta O. Wilde: il romanzo Il ritratto di Dorian Gray Dal Ritratto di Dorian Gray: La rivelazione della bellezza Le avanguardie storiche del primo 900: Futurismo, Espressionismo, Dadaismo e Surrealismo I manifesti di Futurismo, Dadaismo e Surrealismo Il manifesto tecnico della letteratura futurista L. Pirandello: la vita; le idee e poetica: relativismo e umorismo Dal saggio L umorismo: L arte umoristica scompone, non riconosce eroi e sa cogliere la vita nuda - Esempi di umorismo: una vecchia imbellettata e il sentimento del contrario I romanzi Il fu Mattia Pascal e Uno, nessuno e centomila Dal Fu Mattia Pascal: Adriano Meis - Io sono il fu Mattia Pascal Da Uno, nessuno e centomila: Il naso di Moscarda La vita non conclude I. Svevo: la vita; la formazione e le idee Il romanzo La coscienza di Zeno Da La coscienza di Zeno: Il fumo Il funerale mancato Psico-analisi G. Ungaretti: l opera L Allegria Da L allegria: Il porto sepolto Poesie di guerra: Veglia Fratelli Sono una creatura Soldati Allegria di naufragi E. Montale: l opera Ossi di seppia Da Ossi di seppia: Spesso il male di vivere ho incontrato Cigola la carrucola del pozzo Non chiederci la parola Firma del docente Per presa visione: i delegati degli studenti

32 SCHEDA DELLA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE Materia: Storia a.s. 2013/2014 Prof. Riccardo Borrini Livello di partenza N. degli alunni che nel complesso possedevano i prerequisiti: 10 N. degli alunni che possedevano parzialmente i prerequisiti 7 N. degli alunni in difficoltà _1_ La classe ha conoscenze essenziali, ma superficiali dei temi trattati lo scorso anno; alcuni studenti non hanno ancora sviluppato una soddisfacente capacità di analisi dei fenomeni storici ed hanno difficoltà a mettere in relazione tra loro cause ed effetti; l interesse per la materia è generalmente adeguato. Obiettivi di apprendimento: conoscere gli eventi dell età contemporanea, collocandoli nel loro contesto cronologico e geografico; cogliere la complessità delle dinamiche politiche, economiche, sociali e culturali dei principali eventi storici; saper applicare la dimensione sincronica e diacronica alle relazioni tra gli eventi storici; potenziare la conoscenza e l uso del lessico specifico della disciplina; essere in grado di riferire sui contenuti acquisiti in modo corretto, chiaro ed organico. Obiettivi minimi: conoscere gli eventi più importanti della storia contemporanea; saper individuare i rapporti di causa-effetto tra gli eventi nei loro aspetti essenziali; saper riferire sui contenuti acquisiti in modo sufficientemente chiaro e corretto, usando un lessico appropriato. Modalità di lavoro (indicare le più usate): X lezione frontale X lezione interattiva X discussione casi _ soluzione di problemi _ lavori di gruppo _ attività di produzione (progetti, ricerche) _ esercitazioni pratiche X visione di filmati e loro commento _ _

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE PER GLI ESAMI DI STATO 2008/2009 ( Regolamento art. 5 ) CLASSE 5 a. sez. A

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE PER GLI ESAMI DI STATO 2008/2009 ( Regolamento art. 5 ) CLASSE 5 a. sez. A ISTITUTO TECNICO AGRARIO O. Munerati C.F. 80004570299 ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI A. Bernini Via Cappello,10 45100 S. Apollinare-RO Corso del Popolo, 274 45100 Rovigo Tel. 0425 492404 Dir. 0425 49900

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

STORIA CLASSI I E II

STORIA CLASSI I E II STORIA CLASSI I E II INDICATORE N 1 Descrittori di /livelli di comportamento Organizzazione delle informazioni. Riordinare graficamente e/o verbalmente i fatti vissuti e narrati, riconoscendo relazioni

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE MOD PROGRAMMAZIONEDISCIPLINARE REV.00del27.09.13 Pag1di5 PROGRAMMAZIONEDIDATTICADISCIPLINARE Disciplina:_SISTEMIELETTRONICIAUTOMATICIa.s.2013/2014 Classe:5 Sez.A INDIRIZZO:ELETTRONICAPERTELECOMUNICAZIONI

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Strumee nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Giorgia Lorenzato 2011 by Mondadori Education S.p.A., Milano Tutti i diritti riservati www.mondadorieducation.it

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO Classe V F Liceo Internazionale Spagnolo Discipline: Francese/Inglese, Filosofia, Matematica, Scienze, Storia dell'arte Data 12 dicembre 2013 Tipologia A Durata ore

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Documento del 15 maggio

Documento del 15 maggio Educazione&Scuola Documento del 15 maggio Esempi prodotti da: 1. Seminario presidi - Piemonte 2. IRRSAE del Veneto 3. IPSS "Bartolomeo Montagna" di Vicenza 4. IPSIA "Duca d'aosta" di Roma 5. ITSCG "Pier

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Documento del Consiglio di Classe

Documento del Consiglio di Classe Istituto Stat. di Istruzione Secondaria Superiore Giovanni Maria Sforza Palagiano (TA) con sede aggregata di Palagianello Documento del Consiglio di Classe Classe 5 sez. A Palagiano COM GEO X Palagianello

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

18, 21 febbraio, 5, 11, 18 marzo 2008

18, 21 febbraio, 5, 11, 18 marzo 2008 18, 21 febbraio, 5, 11, 18 marzo 2008 Informazioni generali Legge 22 aprile 1941, n. 633 più volte modificata modifiche disorganiche farraginosa in corso di revisione integrale (presentata bozza il 18.12.2007)

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

La Ville Radieuse di Le Corbusier

La Ville Radieuse di Le Corbusier Modelli 8: la città funzionale La Ville Radieuse di Le Corbusier Riferimenti bibliografici: - Le Corbusier, Verso una architettura, a cura di P. Cerri e P. Nicolin, trad. it., Longanesi, Milano, 1987 -

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

«Questo matrimonio s ha da fare»

«Questo matrimonio s ha da fare» «Questo matrimonio s ha da fare» Italiano e matematica nella scuola del terzo millennio Convegno 25 giugno 2015 Teatro di Locarno e Dipartimento formazione e apprendimento Contro i luoghi comuni Simone

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE CLASSE 5^ SIA. Indirizzo: Sistemi Informatici Aziendali A.S. 2014-2015. Sede Istituto Tecnico Economico

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE CLASSE 5^ SIA. Indirizzo: Sistemi Informatici Aziendali A.S. 2014-2015. Sede Istituto Tecnico Economico 1 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI LUZZATTI www.istluzzatti.gov.it Mail: VIIS00300P@istruzione.it - Pec: VIIS00300P@pec.istruzione.it Tel. 0445 401197 - Fax 0445 408488 Istituto Tecnico Economico

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA - SITUAZIONE DI PAR ARTENZA TENZA: L analisi della situazione di partenza ha mirato a rilevare il possesso di prerequisiti considerati fondamentali per l individuazione

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli