IL PROPRIUM DE TEMPORE E L ANNO LITURGICO NEL MESSALE DI PIO V

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL PROPRIUM DE TEMPORE E L ANNO LITURGICO NEL MESSALE DI PIO V"

Transcript

1 IL PROPRIUM DE TEMPORE E L ANNO LITURGICO NEL MESSALE DI PIO V Giovanni Di Napoli La presente nota 1 ha lo scopo di evidenziare la struttura e i contenuti essenziali del Proprium de tempore, presente nelle diverse stagioni del Missale Romanum. Dovendo economizzare lo spazio, ci si accontenta di una presentazione estremamente schematica, per favorire al massimo la chiara percezione dei punti essenziali, senza addentrarsi in dettagli. Per facilitare il confronto il Calendario delle editiones typicae del Missale 1 Si farà uso delle seguenti sigle: MR1570 = M. SODI - A.M. TRIACCA (edd.), Missale Romanum, Editio Princeps (1570) (= Monumenta Liturgica Concilii tridentini [= MLCT] 2), LEV, Città del Vaticano 1998; MR1962 = M. SODI - A. TONIO- LO (edd.), Missale Romanum ex decreto SS. Concilii tridentini restitutum Summorum Pontificum cura recognitum, Editio Typica 1962 (= Monumenta Liturgica Piana 1), LEV, Città del Vaticano 2007; MR1970/1975 = Missale Romanum ex decreto sacrosancti œcumenici concilii Vaticani II instauratum, auctoritate Pauli PP. VI promulgatum, Editio Typica, Typis Polyglottis Vaticanis 1970; Editio Typica altera 1975; MR2002 = Missale Romanum ex decreto Sacrosancti Oecumenici Concilii Vaticani II instauratum, auctoritate Pauli PP VI promulgatum, Ioannis Pauli PP II cura recognitum, Editio Typica tertia, Typis Polyglottis Vaticanis 2002; MRit = CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA, Messale Romano promulgato a norma dei decreti del Concilio ecumenico Vaticano II e promulgato da papa Paolo VI, LEV, Città del Vaticano ; BR = M. SODI - A.M. TRIACCA (edd.), Breviarium Romanum, Editio Princeps (1568) (= MLCT 3), LEV, Città del Vaticano 1999; CR = Calendarium Romanum ex decreto S. Oecumenici Concilii Vaticani II instauratum auctoritate Pauli PP. VI promulgatum, Editio Typica, Typis Polyglottis Vaticanis Romae 1969; il fascicolo contiene i documenti ufficiali: il decreto della S.C. Rituum, il motu proprio di Paolo VI Mysterii Paschalis e le Normae de anno liturgico et calendario. Gli ultimi due sono riprodotti anche da MR1970/1975, ; MR2002, Vi è poi aggiunta una parte, non ufficiale ma ufficiosa, a cura del «Consilium ad exequendam Constitutionem de sacra Liturgia», comprendente un Commentarius in annum liturgicum instauratum, un Commentarius historicus calendarii instaurati, le Variationes in calendarium romanum inductae, elenchi e indici vari; NUALC = Normae Universales de anno liturgico et de calendario: CR 11-32; MR1970/1975, ; MR2002, Testo italiano: MRit, LIV- LXXIII. N.B.: quando vengono indicati due numeri o due serie di numeri, il primo indica la pagina, il secondo indica eventuali paragrafi numerati. 95/1(2008) Rivista Liturgica 79-91

2 Romanum del , del , del 1970/ e del sarà posto su colonne parallele. 1. OSSERVAZIONI PRELIMINARI Prima di dar corso al confronto, è utile premettere qualche parola sulla qualifica dei dies liturgici. MR1570 adopera la terminologia di duplex, semiduplex, simplex. Con una di dette qualifiche connota i giorni liturgici, distinti in feste, domeniche, ferie, vigilie e ottave, in pieno accordo tra messa e ufficio divino. Invece le messe votive e quelle per i defunti vengono collocate al di fuori di tale rapporto. Nelle rubriche del Breviarium Romanum si trova qualche informazione in più, soprattutto in merito alle feste mobili, utile al presente campo di interesse 6. Nel corso degli anni la nomenclatura si va complicando. Agli inizi del XX sec. la situazione è la seguente: il duplex risulta graduato come duplex I e II classis, duplex maius e minus e duplex, mentre le ottave sono distinte in privilegiatae I, II, III ordinis o communes. In tale groviglio, san Pio X, con la Divino afflatu ( ), intendeva dichiaratamente fare spazio all eucologia domenicale, spesso sopraffatta a motivo del prevalere di un duplex ormai moltiplicatosi a dismisura 7. La riforma delle rubriche, operata sotto il pontificato del beato Giovanni XXIII, adottò una soluzione più radicale per rendere lineare la classifica e agevole la tabella delle occorrenze: classificò le feste in I, II, III, IV classis. L intenzione di dare il primo posto alla celebrazione dei misteri del Signore e alla domenica è perseguita con chiara determinazione. Il Messale postconciliare farà propria la classificazione. Abbandonerà, però, il linguaggio giuridico-rubricistico, a favore di una terminologia dal più spiccato sapore cristiano. Distinguerà così i dies liturgici in solennità, feste, memorie (di- 2 MR1570, ; MR1962, 85(1)-508(424); MR1975, MR2002, BR 23, 37*. Mentre per le feste a data fissa si rimanda al calendario, per le feste mobili si danno le seguenti indicazioni: il duplex si ha nei giorni dal giovedì santo al martedì dopo Pasqua; nella domenica in Albis, nell Ascensione, nella Pentecoste e nei due giorni successivi; nella festa della SS.ma Trinità, del Corpo di Cristo e della Dedicazione della chiesa; nel giorno ottavo delle feste che hanno l ottava; nella festa del patrono del luogo e del titolo della chiesa e in qualche altro limitato caso particolare. Le domeniche sono censite nel semiduplex. 7 Nel Missale Romanum ex decreto sacrosancti concilii tridentini restitutum, S. Pii V Pontifici Maximi jussu editum, aliorum pontificum cura recognitum, a Pio X reformatum et Benedicti XV auctoritate vulgatum, Editio iuxta typicam vaticanam iterum impressa, Taurini 1936, XVIII-XXX.XXXV-XXXIX, si trovano le Additiones et variationes in rubricis missalis ad normam Bullae «Divino afflatu» et subsequentium S.R.C. decretorum, ma nulla muta nell articolata nomenclatura e nel calendario si contano più di 170 feste connotate con uno dei duplex. 80 [80] Giovanni Di Napoli

3 stinte in obbligatorie e facoltative) e ferie. La domenica viene posta in massima evidenza e ne viene preservata la celebrazione 8. Le ferie dei tempi forti avranno un peso particolare rispetto a quelle del tempo ordinario. Maggiore sarà il peso delle ferie privilegiate dal 17 al 24 dicembre e maggiore ancora quello dei primi giorni della settimana santa e dell intera settimana in Albis. Al vertice dell anno e, possiamo dire, al di sopra di ogni classificazione, il Triduo pasquale (dalla messa vespertina del giovedì santo ai vespri della domenica di Pasqua) 9. Si escogitano dei meccanismi di occorrenza che salvano il primato della celebrazione dei xxx misteri del Signore e della domenica 10. Una seconda osservazione, di carattere generale, riguarda l abbondante potatura che l edizione giovannea compie nei riguardi delle ottave, che intasavano l anno liturgico, si sovrapponevano e quasi sempre finivano per occultare il dies Domini. Ne lascerà in piedi solo tre: due di I classe: Pasqua e Pentecoste e quella di Natale di II classe 11. Il Messale postconciliare eliminerà l ottava di Pentecoste per ritornare all antica unità della cinquantina pasquale. 2. IL PROPRIUM DE TEMPORE NELLE SUCCESSIVE EDIZIONI DEL MESSALE Passiamo ora al raffronto del Proprium de tempore, su colonne parallele e distinguendo i tre raggruppamenti: 1. Avvento-Natale; 2. Quaresima-Pasqua-Pentecoste; 3. Domeniche «per annum» Avvento-Natale-Epifania / Tempus Tempus Tempus Dominica prima de Adventu Dominica prima Dominica prima Dominica prima In Feriis usque ad diem 16 decembris In Feriis usque ad diem 16 decembris 8 Le domeniche di Avvento, Quaresima e Tempo pasquale prevalgono su tutte le altre celebrazioni, comprese le solennità e anche sulle feste del Signore; quelle del Tempo ordinario cedono il passo solamente alle solennità e alle feste del Signore: NUALC 5, CR 12; MR1970/1975, 101; MR2002, 93-94; MRit, LIV. Per quelle del Tempo di Natale, si noti che delle tre eventuali, due hanno in perpetuo assegnata una festa del Signore: S. Famiglia e Battesimo del Signore: NUALC 6, CR 12; MR1970/1975, 101; MR2002, 94; MRit, LIV. 9 Si veda la tabula dierum liturgicorum in NUALC 59: CR 20; MR1970/1975, 110; MR2002, 101; MRit, LVIII. 10 Cf. NUALC 17-61: CR 11-22; MR1970/1975, ; MR2002, ; MRit, LV-LIX. 11 NUALC 24-35: CR 14-16; MR1970/1975, ; MR2002, 96-97; MRit, LV-LVI. Nell ottava di Natale, ugualmente viene accordata alla domenica la prevalenza sulle feste dei Comites Christi. Il Proprium de tempore e l anno liturgico nel Messale di Pio V [81] 81

4 24/12 Dominica II de Adventu Dominica seconda Dominica seconda Dominica secunda Dominica III Dominica tertia Dominica tertia Dominica tertia Feria IV, VI et Sabbato quatuor temporum Adv. Feria IV, VI et Sabbato quatuor temporum Adv. In feriis a die 17 usque ad diem 24 decembris In feriis a die 17 usque ad diem 24 decembris Dominica IV Dominica Quarta Dominica Quarta Dominica Quarta In Vigilia Nativitatis In Vigilia Nativita- Domini tis Domini die 24 decembris Ad missam matutinam die 24 decembris Ad missam matutinam Tempus Nativitatis 25/12 ad Missam Vigiliae ad Missam Vigiliae In Nativitate Domini In Nativitate Dom. ad Missam in nocte ad Missam in nocte in prima Missa ad primam Missam In secunda Missa Ad secundam Missam ad Missam in aurora ad Missam in aurora Ad tertiam Missam Ad tertiam Missam ad Missam in die ad Missam in die Dominica infra Octavam Nativitatis Dom. infra Octavam Nativitatis: S. Familiae Jesu, Mariae et Joseph Dom. infra Octavam Nativitatis: S. Familiae Jesu, Mariae et Joseph 26/12 S. Stephani protomartyrimartyrimartyrismartyris) S. Stephani proto- (S. Stephani proto- (S. Stephani proto- 27/12 S. Joannis Ap. et S. Joannis Ap. et (S. Joannis Ap. et S. Joannis Ap. et Ev. Ev. Ev.) Ev. 28/12 SS. Innocentium SS. Innocentium (SS. Innocentium (SS. Innocentium Mm. Mm. Mm.) Mm.) Dominica infra Octav. Nativitatis 29/12 S. Thomae ep. et Die V infra Octavam Nativitatis. vam Nativitatis vam Nativitatis Die V infra Octa- Die V infra Octa- mart. 30/12 Die VI infra Octavam Nativitatis vam Nativitatis vam Nativitatis vam Nativitatis Die VI infra Octa- Die VI infra Octa- Die VI infra Octa- 31/12 S. Silvestri I Papae Die VII infra Octavam Nativitatis. vam Nativitatis vam Nativitatis Die VII infra Octa- Die VII infra Octa- et Conf. In die Circumcisionis In Octava Nativitatis In Octava Nativi- In Octava Nativitatis 1/1 Domini et Oc- Domini tatis Domini Sol- Domini Sol- tava Nativitatis lemnitas Sanctae lemnitas Sanctae Dei Genetricis Mariae Dei Genetricis Mariae Dom. inter Circumcis. et Epiphan. vel, si ipsa non occurrat, die 2/1 Sanctissimi Nominis Jesu Sanctissimi Nominis Jesu Dominica II post Nativitatem Dominica II post Nativitatem 82 [82] Giovanni Di Napoli

5 3/1 SS. Nome di Gesù 5/1 In Vigilia Epiphan. Tempus Epiphan. 6/1 13/1 In Epiphania Domini Dominica infra Octavam Epiphaniae In Octava Epiphaniae In Epiphania Domini Dominica I post Epiphaniam Sanctae Familiae, Jesu, Mariae et Joseph In commemoratione Baptismatis D. N. Jesu Christi. In Epiphania Domini In Festo Baptismatis Domini In feriis Temporis Nativit. a die 2 janu. usque ad sabbatum ante festum Baptismatis Dom. In Epiph. Domini ad Missam in Vigil. ad Missam in die In Festo Baptismatis Domini Nel passaggio da MR1570 a MR1962 è dato constatare innanzitutto la comparsa delle titolature: Tempus, Tempus Nativitatis, Tempus Epiphaniae. Emerge la volontà di dettagliare, presente anche nel tempo quaresimale e nel tempo pasquale. In MR1962 il tempo di Avvento non subisce variazione di sorta. Il tempo natalizio, invece, vede la declassazione delle feste durante l ottava, la scomparsa nell ottava del titolo In circumcisione Domini, l eliminazione della vigilia e dell ottava dell Epifania, la comparsa nella domenica dopo l Epifania della festa della Sacra Famiglia 12 e nel giorno ottavo (13/1) la commemorazione del Battesimo del Signore. MR1970/1975 distinguerà semplicemente in Tempus e Tempus Nativitatis 13. Provvederà il tempo di Avvento di formulari propri per i singoli giorni, distinguendo tra ferie fino al 16 dicembre e ferie dal 17 al 24 dicembre 14. Eliminerà la vigilia come giorno penitenziale e introdurrà il formulario della messa vigiliare vespertina 15. Non riproporrà le tempora di Av- 12 Introdotta nel calendario universale da Leone XIII nel 1892 assegnandola alla terza domenica dopo l Epifania: M. RIGHETTI, Manuale di storia liturgica. 2. L anno liturgico. Il Breviario, Ancora, Milano , rip. anast. 1998, p NUALC 32-42: CR 15-16; MR1970/1975, ; MR2002, 96-97; MRit, LV-LVI. 14 Precedentemente tale distinzione non esisteva, però nell ufficio divino detti giorni avevano un trattamento particolare, caratterizzati da antifone proprie per ogni giorno della settimana e, soprattutto, dalle antifone «O», o maggiori: BR , Di questo tipo di formulario sono provviste alcune delle maggiori solennità: Natale, San Giovanni Battista, Santi Pietro e Paolo, Assunzione della B.V. Maria al cielo e, con l edizione del 2002 anche Epifania e Ascensione. Discorso a parte merita quella di Pentecoste. Non si tratta di celebrazione penitenziale in preparazione alla Il Proprium de tempore e l anno liturgico nel Messale di Pio V [83] 83

6 vento, la cui ripresa è affidata alle decisioni delle Conferenze episcopali 16. Riguardo ai giorni dell ottava, proseguirà sulla scia di MR1962: lascia santo Stefano, san Giovanni Ev. e i santi Innocenti al loro posto con il grado di festa, trasferendone, però, i formulari nel Proprio dei santi. Provvede formulari per gli altri giorni dell ottava 17. Nella domenica, che prevale sulle altre feste, pone la festa della Santa Famiglia 18. Nel giorno ottavo, esplicitando quanto già presente nei testi della messa e dell ufficio, colloca la solennità di Maria Madre di Dio. Per l Epifania non apporta variazioni. Di formulari propri sono dotate le ferie dal 2 al 12 gennaio, distinguendo tra prima e dopo l Epifania. La festa del Battesimo del Signore, nella domenica dopo l Epifania, corona il Tempo di Natale e apre il Tempo Ordinario. MR2002 ha dotato anche l Epifania di una messa vigiliare (sola eucologia) 19 e introdotto al 3 gennaio la memoria facoltativa del SS. Nome di Gesù Quaresima-Pasqua-Pentecoste / Tempus Septuagesimae Dominica in Septuagesima Dominica in Septuagesima Dominica in Sexagesima Dominica in Sexagesima Dominica in Quinquagesima Dominica in Quinquagesima Tempus Quadragesimae Tempus Quadragesimae Tempus Quadragesimae Feria IV Cinerum Feria IV Cinerum Feria IV Cinerum Feria IV Cinerum Dominica I in Quadragesima Dominica I in Quadragesima Dominica I in Quadragesima Dominica I in Quadragesima festa, ma ha già carattere festivo e va compresa in rapporto orario con i primi vespri. Così, di fatto, il Natale viene ad avere quattro formulari di messa, rapportati al progredire della scansione oraria: vespro, notte, aurora, giorno. 16 NUALC 46: CR 17; MR1970/1975, 106; MR2002, 98; MRit, LVI. 17 Dei santi Tommaso Becket martire e Silvestro I papa se ne consente semplicemente la commemorazione. 18 Quando il Natale cade di domenica, la si celebra al 30 dicembre, sostituendo il relativo formulario del VI giorno dell ottava. 19 MR2002, MR2002, Nel mercoledì, venerdì e sabato della prima settimana di Quaresima cadono le Quatuor tempora. Inoltre, va tenuto presente che dal mercoledì delle ceneri fino al sabato in albis, fin da quando papa Gregorio II ( ) provvide anche i giovedì che fino ad allora ne erano sprovvisti, tutti i giorni della settimana hanno formulari con eucologia e letture proprie. 84 [84] Giovanni Di Napoli

7 Dominica II in Quadragesima Dominica III in Quadragesima Dominica IV in Quadragesima Dominica de Passione Dominica in Palmis Feria V in Cœna Domini Feria VI in Parasceve Sabbato Sancto Dominica II in Quadragesima Dominica II in Quadragesima Dominica III in Quadragesimdragesima Dominica III in Qua- Dominica IV in Quadragesimdragesima Dominica IV in Qua- Tempus Passionis Dominica I de Passione Dominica V in Quadragesima Dominica II de Passione Dominica in Palmis de seu in Palmis Passione Domini Feria V in Cena Domini: Feria V Hebdomadae Sanctae ad Missam De Missa Chrismatis; chrismatis De Missa solemni vespertina in Cena Dom. Feria Sexta in Passione et Morte Domini Sabbato Sancto de vigilia paschali Tempus paschatis De Missa solemni Vigiliae Paschalis Ordo Missae et Canon Ordo Missae et Canon cum praefationibus cum praefationibus Dominica Resurrectionis Dominica Resurrectionis Dominica II in Quadragesima Dominica III in Quadragesima Dominica IV in Quadragesima Dominica V in Quadragesima Dominica in Palmis de Passione Domini Feria V Hebdomadae Sanctae ad Missam chrismatis Sacrum Triduum Paschalschale Sacrum Triduum Pa- Missa vespertina in Cena Domini na Domini Missa vespertina in Ce- Feria VI in Passione Feria VI in Passione Domini Domini Tempus Paschale Dominica Paschae in Resurrectione Domini: in nocte sancta: Vigilia Paschalis Dominica Paschae in Resurrectione Domini: ad missam in die Tempus Paschale Dominica Paschae in Resurrectione Domini: in nocte sancta: Vigilia Paschalis Dominica Paschae in Resurrectione Domini: ad missam in die Feriae infra octavam Paschae Feriae infra octavam Paschae Feriae infra octavam Paschae Feriae infra octavam Paschae Dominica in Albis in octava Paschae Dominica in Albis in octava Paschae Dominica II Paschae Domin. II Paschae seu de divina Misericordia Domin. II post Pascha Domin. II post Pascha Dominica III Paschae Dominica III Paschae Domin. III post Pascha Domin. III post Pascha Dominica IV Paschae Dominica IV Paschae Domin. IV post Pascha Domin. IV post Pascha Domin. V Paschae Dominica V Paschae Domin. V post Pascha Domin. V post Pascha Dominica VI Paschae Dominica VI Paschae In Litaniis majoribus et minoribus In Litaniis majoribus et minoribus In Vigilia Ascensionis In Vigilia Ascensionis Tempus Ascensionis Il Proprium de tempore e l anno liturgico nel Messale di Pio V [85] 85

8 In Ascensione Domini In Ascensione Domini In Ascensione Domini In Ascensione Domini ad Missam in Vigilia ad Missam in die Dominica infra octavam Dominica post Ascen- Dominica VII Paschae Dominica VII Paschae Ascensionis sionem Sabbato in Vigilia Pentecostes Sabbato in Vigilia Pentecostes Dominica Pentecostes Dominica Pentecostes Dominica Pentecostes ad Missam in Vigilia ad Missam in die Tempus per annum Feriae infra octavam Pentecostes In Festo SS.mae Trinitatis Feriae infra Octavam Pentecostes Tempus per annum post In Festo SS.mae Trinitatis Dominica Pentecostes ad Missam in Vigilia ad Missam in die Tempus per annum Oltre alla dettagliata titolatura, cui si è già accennato, MR1962 introduce nel testo del Messale per la prima volta norme e testi della restaurazione della veglia pasquale e della riforma della settimana santa, avvenuta sotto Pio XII. Nonostante l amore per le titolature, nel corpo del Messale non è dato incontrare il titolo di Triduo sacro, pur presente nel Codex rubricarum stampato all inizio del Messale 22. Compare così la Missa Chrismatis al giovedì santo mattina e la rinnovazione delle promesse battesimali nella veglia, ancora formalmente distinta dalla messa della notte di Pasqua. Il Messale paolino fa delle scelte più radicali. Per restituire evidenza unitaria e identità alla Quaresima, vengono eliminate le tre domeniche prequaresimali di quinquagesima, sexagesima e septuagesima 23 restituendole al Tempo «per annum». All interno della Quaresima viene eliminato il Tempo di Passione. Proseguendo sulla scia della riforma piana della settimana santa, viene meglio precisato e chiaramente individuato il Triduo pasquale. La messa crismale del giovedì santo mattina, compresa ancora nel tempo quaresimale, concelebrata dal vescovo attorniato dal suo presbiterio, dai diaconi, dai ministri e dal popolo, diventa anche il momento per rinnovare le promesse dell ordinazione sacerdotale. Al tempo pasquale viene restituita la configurazione unitaria dei cinquanta giorni culminanti nella Pentecoste. A tale scopo, è stata eliminata l ottava di Pentecoste. La veglia pasquale in maniera armonica trova il suo culmine nella celebrazione eucaristica e così risulta essere insieme cuore del 22 MR1962, 16(XVI), 13*: Rubricae Generales Erano state introdotte progressivamente dal primo quarto del sec. VI al VII sec. iniziato: RIGHETTI, Manuale di storia liturgica. 2, cit., pp Pur richiamando l antico inizio della Quaresima alla prima domenica, di fatto l inizio rimane al mercoledì delle ceneri. 86 [86] Giovanni Di Napoli

9 Triduo pasquale e inizio del tempo sacro dei cinquanta giorni. In tale visione le domeniche vengono numerate come domeniche di Pasqua e non come domeniche dopo Pasqua, facendo risaltare il numero otto, che già sant Agostino comprendeva come metafora del mondo futuro. L ottava di Pasqua rimane potenziata, come prolungata celebrazione della gioia pasquale, col tipico riferimento battesimale ed ecclesiale. Cadono le vigilie dell Ascensione e della Pentecoste. Viene ricuperata la messa vigiliare vespertina-notturna della Pentecoste, rilevante nell antichità, anche come supplementare veglia battesimale. Le ferie saranno provviste di messe proprie, con la lettura progressiva di Atti e di Giovanni. I giorni dall Ascensione alla Pentecoste saranno pensati come una vera e propria preparazione alla venuta dello Spirito Santo. MR2002 aggiungerà semplicemente un formulario di messa vespertina vigiliare per l Ascensione 24 e al titolo della II domenica di Pasqua: seu de divina Misericordia 25. Inoltre, completerà l eucologia dei giorni feriali Domeniche «per annum» / Tempus per annum ante Tempus per annum Tempus per annum Septuagesimam Dominica secunda post Dominica II post Epiphaniam Dominica II Dominica II Epiphaniam Dominica tertia post Dominica III post Epiphaniam Dominica III Dominica III Epiphaniam Dominica IIII post Dominica IV post Epiphaniam Dominica IV Dominica IV Epiphaniam Dominica quinta post Dominica V post Epiphaniam Dominica V Dominica V Epiphaniam Dominica sexta post Dominica VI post Epiphaniam Dominica VI Dominica VI Epiphaniam (Septuagesima) (Septuagesima) Dominica VII Dominica VII (Sexagesima) (Sexagesima) Dominica VIII Dominica VIII (Quinquagesima) (Quinquagesima) Dominica IX Dominica IX Tempus per annum post Dominica X 27 Dominica X 24 MR2002, MR2002, Cf. MR2002, Dopo Pentecoste si riprende dalla serie interrotta con il sopraggiungere della Quaresima. Negli anni in cui le domeniche ordinarie sono trentatre, si passa immediatamente a quella successiva, in modo che le domeniche procedano terminando sempre con la trentaquattresima. La domenica immediatamente dopo la Pentecoste Il Proprium de tempore e l anno liturgico nel Messale di Pio V [87] 87

10 Dominica prima post festum SS Trinitatis Dominica secunda post Dominica tertia post Dominica IIII post Dominica V post Dominica VI post Dominica septima post Dominica octava post Dominica nona post Dominica X post Dominica XI post Dominica XII post Dominica XIII post Dominica XIV post Dominica XV post Dominica XVI post Dominica XVII post Feria IV, VI et Sabbato Quatuor temporum Dominica XVIII post Dominica XIX post Dominica I post festum SS. Trinitatis Dominica II post Dominica III post Dominica IV post Dominica V post Dominica VI post Dominica VII post Dominica VIII post Dominica IX post Dominica X post Dominica XI post Dominica XII post Dominica XIII post Dominica XIV post Dominica XV post Dominica XVI post Dominica XVII post Feria IV, VI et Sabbato Quatuor temporum Dominica XVIII post Dominica XIX post Dominica ultima Octobris: D. N. Jesu Christi Regis Dominica XI Dominica XII Dominica XIII Dominica XIV Dominica XV Dominica XVI Dominica XVII Dominica XVIII Dominica XIX Dominica XX Dominica XXI Dominica XXII Dominica XXIII Dominica XXIV Dominica XXV Dominica XXVI Dominica XXVII Dominica XXVIII Dominica XXIX Dominica XI Dominica XII Dominica XIII Dominica XIV Dominica XV Dominica XVI Dominica XVII Dominica XVIII Dominica XIX Dominica XX Dominica XXI Dominica XXII Dominica XXIII Dominica XXIV Dominica XXV Dominica XXVI Dominica XXVII Dominica XXVIII Dominica XXIX si celebra la solennità della SS.ma Trinità. In Italia anche la successiva domenica è occupata dalla solennità del SS.mo Corpo e sangue del Signore, ivi trasferita dal giovedì precedente. 88 [88] Giovanni Di Napoli

11 Dominica vigesima post Dominica XX post Dominica vigesimaprima Dominica XXI post post Dominica XXII post Dominica XXII post Dominica vigesimatertia Dominica XXIII post post Dominica vigesimaquarta Dominica XXIV post post Penteco- sten Dominica XXX Dominica XXXI Dominica XXXII Dominica XXXIII Dominica XXXIV Sollemnitas Domini Nostri Iesu Christi Universorum Regis Dominica XXX Dominica XXXI Dominica XXXII Dominica XXXIII Dominica XXXIV Sollemnitas Domini Nostri Iesu Christi Universorum Regis La dicitura di domeniche «per annum» è già presente in MR1962, che però, continua a distinguerle tra «dopo l Epifania» e «dopo Pentecoste». MR1970/1975 abbandona la distinzione ed enumera sia quelle dopo l Epifania sia quelle dopo la Pentecoste come «domeniche per annum», contandone Si offre così la visione unitaria di questo tempo, concentrato sulla celebrazione globale del mistero di Cristo. Non si ricorre più ai formulari delle domeniche dopo l Epifania, omessi per il sopraggiungere della settuagesima, per sopperire a eventuali domeniche eccedenti dopo la ventitreesima. Così le ultime domeniche dell anno liturgico, possono ricevere una forte connotazione escatologica. Chiude l anno liturgico la celebrazione di Cristo Re con grado di solennità 29. Rimangono al loro posto le solennità della SS.ma Trinità e del Corpo e Sangue del Signore QUALCHE CONSIDERAZIONE SU ANNO LITURGICO E «MESI» DEVOZIONALI, PREDICAZIONE E FORME DI PIETÀ POPOLARE La liturgia scandisce il tempo con un duplice ritmo: settimanale (domenica) e annuale. Durante il corso dell anno la Chiesa celebra tutto il mistero di Cristo, dall incarnazione alla parusia, facendo perno sul Triduo del Signore crocifisso-sepolto-risorto. Nella pietà popolare, invece, compare una diversa scansione del tempo, ora con uno stretto legame con l anno liturgico, ora con un rapporto più tenue e appena individuabile. La dinamica di preparazione, celebrazione ed estensione della festa, operante nei tempi liturgici di 28 NUALC 43-44: CR 16-17; MR1970/1975, 106; MR2002, 97-98; MRit, LVI. 29 Fu istituita nel 1925, in contesto di contrapposizione ai regimi totalitari del sec. XX, e assegnata all ultima domenica di ottobre. Con la nuova collocazione riceve una considerevole rilettura teologica e una forte impronta escatologica. 30 NUALC 6-7: CR 12; MR1970/1975, 101; MR2002, 94; MRit, LIV. Il Proprium de tempore e l anno liturgico nel Messale di Pio V [89] 89

12 Quaresima-Pasqua-Pentecoste e di Avvento-Natale-Epifania, presiede anche alla scansione dei tempi «devozionali» 31. La preparazione, a seconda dell importanza assegnata alla festa, si configura in novene, settenari e tridui: pratiche di preghiera e di ascesi ripetute per quel numero consecutivo di giorni, che diventano anche spazio per una più intensa predicazione sui contenuti della fede e della morale cristiana. In alcuni casi il tempo di preparazione assume una scansione settimanale: si pensi ai quindici (oggi: venti) sabati della Madonna di Pompei, ai 13 martedì di sant Antonio... L estensione conosce il numero otto nell ottavario dei defunti. Più generalmente si configura come «mese»: il mese di maggio dedicato alla Vergine Maria, il mese di giugno, consacrato al Cuore di Gesù, il mese di ottobre, dedicato al rosario (oggi in connessione anche con il «mese missionario»), il mese di novembre dedicato ai morti. Altri «mesi» potevano essere marzo per san Giuseppe, luglio per il Preziosissimo sangue, agosto per l Assunta, settembre per l Addolorata. Seguendo il dettato di Sacrosanctum concilium 13, tali pratiche vanno purificate alle luce del vangelo, rapportate alla liturgia e ricentrate sull anno liturgico. Sul filo delle indicazioni magisteriali, il compianto padre Calabuig poteva affermare che «liturgia e pietà popolare sono due espressioni legittime del culto cristiano». Non sono da opporre, ma neanche da equiparare; sono da armonizzare, ma non da mescolare dando luogo a celebrazioni ibride; neppure devono soppiantarsi reciprocamente, sostituendo le celebrazioni liturgiche semplicemente con esercizi della pietà popolare o viceversa 32. Se la liturgia può dare molto alla pietà popolare in termini di illuminazione e purificazione, di contenuti e orientamento, la stessa pietà popolare può contribuire non poco a tener deste nella liturgia e a rivitalizzare alcune dinamiche che pure le sono proprie. Veniva ricordata la dinamica di preparazione, celebrazione ed estensione della festa. Se ne possono rintracciare altre. Interessante è notare come la liturgia riformata, almeno in due casi, esplicitamente assume la dinamica della «novena»: nei giorni dal 17 al 24 dicembre e nei giorni dall Ascensione alla Pentecoste. Diverso è il discorso dei mesi, una scansione che la liturgia di per sé ignora. Forse il discorso può essere fatto in maniera allargata: marzo coincide per lo più interamente con la quaresima; maggio viene a coincidere (non sempre, ma spesso interamente) con il tempo pasquale. Certamente la pietà popolare non può astrarre dal contesto liturgico. D altro canto però, ricordiamo anche che l Avvento ha quasi l estensione di un mese e che la liturgia rinnovata, di fatto, fa coincidere con quasi l intero 31 Cf. S. ROSSO, Mesi devozionali, in M. SODI - A.M. TRIACCA (edd.), Dizionario di omiletica, LDC-Velar, Leumann (To)-Gorle (Bg) 1998, pp ; ID., Triduisettenari-ottavari-novene, in ibid., pp Si veda anche D. AMBRASI, Quaresimale, in ibid., pp Cf. I.M. CALABUIG, Pietà popolare, in SODI - TRIACCA (edd.), Dizionario di omiletica, cit., p [90] Giovanni Di Napoli

13 mese di novembre, nel Lezionario festivo come nel feriale, la proposta delle tematiche escatologiche. Forse, anche per l anno liturgico e la pietà popolare, più che contrapporsi, vale il discorso che «bisogna conoscersi». Via San Michele 4 I Laureana Cilento SA G. D.N. CEI - Ufficio liturgico nazionale (Roma) CIL - Centro interdisciplinare lateranense (Roma) CO.PER.LI.M. CORSO DI PERFEZIONAMENTO LITURGICO MUSICALE Finalità: biennio di tre sessioni ( ; ; ) per formare i responsabili diocesani di musica sacra, gli incaricati di musica liturgica delle comunità religiose e delle aggregazioni ecclesiali, i docenti delle scuole degli istituti diocesani di musica sacra. Contenuti: riflessioni fondamentali (liturgia, musicologia liturgica, teologia pastorale); impegni progettuali (pastorale della musica nella comunità cristiana, pedagogia del canto per la liturgia, analisi dei repertori per la celebrazione); tecniche pratiche (vocalità per la liturgia, animazione e regia della celebrazione, guida al canto dell assemblea). Docenti: A.M. BALDACCI, G. BUSANI, E. COSTA, F. FERRARI, A. LAMERI, S. LANZA, M. MUNGAI, F. RAINOLDI, P. RUARO, D. SABAINO. Verifiche: al termine del primo anno si svolge un elaborato scritto di liturgia e un colloquio su temi inerenti le discipline del corso. Il diploma richiede la discussione di una ricerca scritta e un concreto progetto di animazione musicale. Destinatari: allievi, già diplomati presso scuole e istituti diocesani di musica sacra o presso i Conservatori, con esperienza di animazione all interno delle comunità cristiane che vogliono ampliare la propria preparazione a livello specialistico. Sede: Casa «San Giuseppe» - Via S. Francesco, Loreto (AN). Iscrizioni: entro il 30 aprile 2008 (massimo 25 allievi su apposita graduatoria). Informazioni: c/o Ufficio liturgico nazionale ^ Circ. Aurelia, Roma ^ tel ^ fax ^

CALENDARIO LUGLIO 2009 GIUGNO 2009

CALENDARIO LUGLIO 2009 GIUGNO 2009 GIUGNO 2009 1 L Lezione 2 M FESTA DELLA REPUBBLICA 3 M Lezione Inizio delle iscrizioni agli esami - 4 G 5 V Lezione Termine delle lezioni - II semestre 6 S 7 D SANTISSIMA TRINITÀ 8 L 9 M 10 M 11 G 12 V

Dettagli

Settembre Dom 6 XXIII T.O. Dom 13 XXIV T.O. Dom 20 XXV T.O. Dom 27 XXVI T.O.

Settembre Dom 6 XXIII T.O. Dom 13 XXIV T.O. Dom 20 XXV T.O. Dom 27 XXVI T.O. 2015/2016 Settembre 2015 Mar 1 10ª Giornata per la custodia del creato (sola sensibilizzazione) Incontro di preghiera a Porto Cesareo Mer 2 Gio 3 Ven 4 Pellegrinaggio diocesano al Santuario Madonna de

Dettagli

Giugno 2015 AGGIORNATO AL 21 MAGGIO 2015 DATA LITURGIA DIOCESI CHIESA UNIVERSALE CIVILI. Lun 1. Mar 2. Festa nazionale. Mer 3

Giugno 2015 AGGIORNATO AL 21 MAGGIO 2015 DATA LITURGIA DIOCESI CHIESA UNIVERSALE CIVILI. Lun 1. Mar 2. Festa nazionale. Mer 3 Giugno 2015 DATA LITURGIA DIOCESI CHIESA UNIVERSALE CIVILI 1 2 Festa nazionale 3 4 5 Corpus ini Cittadino (S. Agostino) Ritiro del Clero (Ara Crucis, 9.30) 6 7 Corpus ini 8 9 10 11 12 Sacro Cuore 13 14

Dettagli

PARROCCHIA di SAN SIMEON PROFETA - VENEZIA ATTIVITA SETTIMANALI QUINDICINALI MENSILI. LUNEDI 19.00 Lectio divina sul Vangelo della Domenica (Canonica)

PARROCCHIA di SAN SIMEON PROFETA - VENEZIA ATTIVITA SETTIMANALI QUINDICINALI MENSILI. LUNEDI 19.00 Lectio divina sul Vangelo della Domenica (Canonica) PARROCCHIA di SAN SIMEON PROFETA - VENEZIA ATTIVITA SETTIMANALI QUINDICINALI MENSILI LUNEDI 19.00 Lectio divina sul Vangelo della Domenica (Canonica) MARTEDI 9.30 Ritiro adulti (ultimo martedì del mese

Dettagli

Diocesi di Teramo-Atri

Diocesi di Teramo-Atri Diocesi di Teramo-Atri CALENDARIO PASTORALE anno 2015-2016 Settembre 2015 1 Ma 10.ma Giornata per la custodia del creato 2 Me 3 G Teramo, Sala Convegni Palazzo Vescovile ore 19: Sessione Straordinaria

Dettagli

Bibliografia. Piccola bibliografia di riferimento

Bibliografia. Piccola bibliografia di riferimento Bibliografia Piccola bibliografia di riferimento COSTA padre Eugenio CELEBRARE CANTANDO Manuale pratico per l animatore musicale nella liturgia Edizioni San Paolo (1994) Cinisello Balsamo (Milano) Chi

Dettagli

La domenica rivela il senso del tempo: giorno dei giorni

La domenica rivela il senso del tempo: giorno dei giorni La domenica rivela il senso del tempo: giorno dei giorni 74. «Il tempo nel cristianesimo ha un importanza fondamentale. Nel tempo viene creato il mondo, al suo interno si svolge la storia della salvezza,

Dettagli

CALENDARIO PASTORALE 2013-2014 SETTEMBRE 2013 PARROCCHIA Parrocchia Decanato Decanato Diocesi DOM 1 I dopo il Martirio

CALENDARIO PASTORALE 2013-2014 SETTEMBRE 2013 PARROCCHIA Parrocchia Decanato Decanato Diocesi DOM 1 I dopo il Martirio Parrocchia San Maurizio di Solbiate Arno CALENDARIO PASTORALE 2013-2014 SETTEMBRE 2013 DOM 1 I dopo il Martirio L 2 Ma 3 Ore 21 Riunione Festa San Maurizio Ore 21 Riunione Asso Me 4 G 5 Ore 19-22 Educatori

Dettagli

Calendario Liturgico 2015. con rito romano. A cura di: www.laparola.it

Calendario Liturgico 2015. con rito romano. A cura di: www.laparola.it Calendario Liturgico 2015 con rito romano A cura di: www.laparola.it Gennaio 2015 1 Gio Primo dell'anno. - MARIA Ss. MADRE DI DIO (s) - Nm 6,22-27; Sal 66; Gal 4,4-7; Lc 2,16-21 2 Ven - Tempo di Natale

Dettagli

DATE VISITA PASTORALE 2013

DATE VISITA PASTORALE 2013 DATE VISITA PASTORALE 2013 OTTOBRE 2013 da venerdì 4 a domenica 6 Luras da sabato 12 a domenica 13 Nuchis da domenica 13 a lunedì 14 Bortigiadas NOVEMBRE 2013 da venerdì 8 a domenica 10 Calangianus da

Dettagli

Cos'è e come si recita la Liturgia delle Ore

Cos'è e come si recita la Liturgia delle Ore Cos'è e come si recita la Liturgia delle Ore Tante volte mi è stato chiesto come si recita l Ufficio delle Ore (Lodi, Vespri, ecc.). Quindi credo di fare cosa gradita a tutti, nel pubblicare questa spiegazione

Dettagli

CALENDARIO DIOCESANO ANNO PASTORALE 2014-2015

CALENDARIO DIOCESANO ANNO PASTORALE 2014-2015 CALENDARIO DIOCESANO ANNO PASTORALE 2014-2015 Settembre 2014 1 L 9 a Giornata per la custodia del creato 2 M 3 M 4 G 5 V 5-7 Villa Santa Maria (Fornovo Taro): Ritiro aperto a tutti Tenda della Parola 6

Dettagli

DIOCESI DI CREMONA Calendario Pastorale Diocesano 2015-2016

DIOCESI DI CREMONA Calendario Pastorale Diocesano 2015-2016 DIOCESI DI CREMONA Calendario Pastorale Diocesano 2015-2016 grassetto: incontri col Vescovo o diocesani normale: incontri zonali o interzonali corsivo: incontri particolari Settembre 2015 Liturgia Diocesi

Dettagli

CALENDARIO PASTORALE 2015/16

CALENDARIO PASTORALE 2015/16 Arcidiocesi di Firenze Parrocchia S. Maria Ausiliatrice a Novoli CALENDARIO PASTORALE 2015/16 Parrocchia S. Maria Ausiliatrice a Novoli Via Mario Morosi, 36 50127 Firenze Tel. 055 417116 Fax. 055 9029899

Dettagli

S E T T E M B R E 2 0 1 4

S E T T E M B R E 2 0 1 4 S E T T E M B R E 2 0 1 4 1 L 2 M 3 M S. Gregorio Magno (m) 17 M 4 G 18 G 5 V Beata Madre Teresa di Calcutta (m) 19 V 6 S 20 S Ss. Andrea Kim Taegon e compagni (m) 7 D XXIII del T.O. 21 D XXV del T.O.

Dettagli

CALENDARIO DIOCESANO ANNO PASTORALE 2015-2016

CALENDARIO DIOCESANO ANNO PASTORALE 2015-2016 CALENDARIO DIOCESANO ANNO PASTORALE 2015-2016 Settembre 2015 1 M 10 a Giornata per la custodia del creato 2 M 3 G 4 V Dal 4 al 6 Villa S. Maria (Fornovo Taro): Ritiro aperto a tutti (Tenda della Parola)

Dettagli

Calendario attività diocesane

Calendario attività diocesane Diocesi di Aversa Calendario attività diocesane APRILE - GIUGNO 2015 Aprile 2015 Gio 2 Giovedì Santo S. Messa Crismale ore 10.00 Sa 11 Cresime in Cattedrale ore 10.00 CDV: TERZO MEETING DEI CRESIMANDI

Dettagli

Non lasciamoci rubare l amore per la scuola (Papa Francesco all incontro con il mondo della scuola del 10 maggio 2014) CALENDARIO PASTORALE

Non lasciamoci rubare l amore per la scuola (Papa Francesco all incontro con il mondo della scuola del 10 maggio 2014) CALENDARIO PASTORALE Non lasciamoci rubare l amore per la scuola (Papa Francesco all incontro con il mondo della scuola del 10 maggio 2014) CALENDARIO PASTORALE DEL MONDO DELLA SCUOLA 2014-2015 CALENDARIO PASTORALE DEL MONDO

Dettagli

ELENCO DELLE FESTIVITÀ CIVILI, MILITARI E RELIGIOSE

ELENCO DELLE FESTIVITÀ CIVILI, MILITARI E RELIGIOSE ELENCO DELLE FESTIVITÀ CIVILI, MILITARI E RELIGIOSE Le festività civili, militari e religiose scandiscono, come le stagioni, la vita scolastica e i componimenti degli alunni, in particolare nella scuola

Dettagli

La comunità di ROMA comprende le seguenti località: - ROMA CITTA' - FIUMICINO (RM) - MONTE PORZIO CATONE (RM)

La comunità di ROMA comprende le seguenti località: - ROMA CITTA' - FIUMICINO (RM) - MONTE PORZIO CATONE (RM) La comunità di ROMA comprende le seguenti località: - ROMA CITTA' - FIUMICINO (RM) - MONTE (RM) SETTEMBRE 2014 LUNEDI' MARTEDI' MERCOLEDI' GIOVEDI' VENERDI' SABATO DOMENICA 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13

Dettagli

L Eucaristia: volto della misericordia e sorgente della missione

L Eucaristia: volto della misericordia e sorgente della missione L Eucaristia: volto della misericordia e sorgente della missione è una frase che può sintetizzare il prossimo C Anno Pastorale ed è: L Eucaristia, volto della misericordia e sorgente della missione. Eucaristia:

Dettagli

Andate dunque e fate discepoli tutti i popoli (Mt. 28, 19) Diocesi Locri-Gerace AGENDA. pastorale

Andate dunque e fate discepoli tutti i popoli (Mt. 28, 19) Diocesi Locri-Gerace AGENDA. pastorale Diocesi Locri-Gerace Andate dunque e fate discepoli tutti i popoli (Mt. 28, 19) AGENDA pastorale 2014-2015 Diocesi Locri Gerace AGENDA PASTORALE 2014-2015 OTTOBRE 2014 ME 1 s. Teresa di Gesù Bambino GI

Dettagli

Arcidiocesi di Napoli. Giubileo straordinario della Misericordia. Calendario Diocesano

Arcidiocesi di Napoli. Giubileo straordinario della Misericordia. Calendario Diocesano Arcidiocesi di Napoli Giubileo straordinario della Misericordia Calendario Diocesano «Misericordiosi come il Padre» (Lc 6,36) Cari fratelli e sorelle, a seguito dell indizione, da parte di Papa Francesco,

Dettagli

PASTORALE ANNO 2015/201 ANNUALI /2016 PERCORSI ADULTI GIOVANI. in blu gli appuntamenti foraniali. in verde gli appuntamenti straordinari CONGREGHE

PASTORALE ANNO 2015/201 ANNUALI /2016 PERCORSI ADULTI GIOVANI. in blu gli appuntamenti foraniali. in verde gli appuntamenti straordinari CONGREGHE Aggiornato al l 1 Ottobre 2015 ANNO PASTORALE 201 2015-201 2016 CALENDARIO PARROCCHIALE (IN PROGRESSIONE) AGGIORNATO COSTANTEMENTE SU: www.parrocchiacodroipo.it in blu gli appuntamenti foraniali. in viola

Dettagli

Un nuovo anno pastorale è iniziato

Un nuovo anno pastorale è iniziato Un nuovo anno pastorale è iniziato Nella lettera pastorale consegnata alla Diocesi all inizio dell anno pastorale il nostro Vescovo Enrico ci ha indicato alcune priorità che concretizzano il tema proposto

Dettagli

Arcidiocesi di Genova. PROGRAMMAZIONE ATTIVITA' UFFICIO CATECHISTICO a.p. 2015/2016 GIUBILEO DELLA MISERICORDIA

Arcidiocesi di Genova. PROGRAMMAZIONE ATTIVITA' UFFICIO CATECHISTICO a.p. 2015/2016 GIUBILEO DELLA MISERICORDIA GIUBILEO DELLA MISERICORDIA Preghiera di Papa Francesco Signore Gesù Cristo, tu ci hai insegnato a essere misericordiosi come il Padre celeste, e ci hai detto che chi vede te vede Lui. Mostraci il tuo

Dettagli

T O N I O L O A L E S S A N D R O

T O N I O L O A L E S S A N D R O T O N I O L O A L E S S A N D R O DATI PERSONALI Luogo di nascita: Vo' (Padova) Risiede a Dueville (Vicenza) TITOLO DI STUDIO Nel 1995 presso l'istituto di Liturgia Pastorale in Padova incorporato nella

Dettagli

Leggete le Beatitudini, vi farà bene.

Leggete le Beatitudini, vi farà bene. Il tema della XXXI Giornata Mondiale della gioventù Cracovia 2016 - è racchiuso nelle parole Beati i misericordiosi, perché troveranno misericordia (Mt 5:7). Il Santo Padre Francesco ha scelto la quinta

Dettagli

Calendario Parrocchiale 2014-2015

Calendario Parrocchiale 2014-2015 Calendario Parrocchiale 2014-2015 Unità Pastorale del Centro Storico di Brescia Parrocchia di sant Afra e santa Maria in Calchera Piccola legenda dei colori Appuntamenti liturgici Appuntamenti di Pastorale

Dettagli

Calendario Diocesano 2015/2016

Calendario Diocesano 2015/2016 SETTEMBRE 2015 Calendario 2015/2016 Martedì 29 Natività della B.V.M. Santa Messa al Pelingo Santa Maria del Piano Sant Angelo in Vado Consiglio Pastorale Festa di S. Michele Arc. a Sant Angelo in Vado

Dettagli

La santa casta della Chiesa (fonte: LA SANTA CASTA DELLA CHIESA di Claudio Rendina)

La santa casta della Chiesa (fonte: LA SANTA CASTA DELLA CHIESA di Claudio Rendina) La santa casta della Chiesa (fonte: LA SANTA CASTA DELLA CHIESA di Claudio Rendina) I dati riportati nel libro si riferiscono alla data del 31 dicembre 2008 Quadro di sintesi della struttura organizzativa:

Dettagli

NON DI SOLO PANE. Tema generale: TENTAZIONE E MISERICORDIA. Brano biblico: LUCA 4,1-13 PRESENTAZIONE

NON DI SOLO PANE. Tema generale: TENTAZIONE E MISERICORDIA. Brano biblico: LUCA 4,1-13 PRESENTAZIONE NON DI SOLO PANE Tema generale: TENTAZIONE E MISERICORDIA Brano biblico: LUCA 4,1-13 PRESENTAZIONE Questo secondo anno pastorale vuole continuare il cammino iniziato in quello precedente e portato avanti

Dettagli

La Vergine Maria nella Liturgia della Chiesa: Maria nella preghiera liturgica

La Vergine Maria nella Liturgia della Chiesa: Maria nella preghiera liturgica La Vergine Maria nella Liturgia della Chiesa: Maria nella preghiera liturgica a cura di don Luigi Cannizzo La Vergine Maria occupa senza dubbio un posto di particolare rilievo nella Liturgia della Chiesa

Dettagli

ABBIAMO DETTO IN ASSEMBLEA PER IL 2014-2015

ABBIAMO DETTO IN ASSEMBLEA PER IL 2014-2015 ABBIAMO DETTO IN ASSEMBLEA PER IL 2014-2015 Tutti gli amici presenti a Maguzzano, guidati dai membri del Consiglio Pastorale, hanno riflettuto sulle testimonianze riportate sopra e sulla relazione di don

Dettagli

G I O VANNI PAOLO II PELLEGRINO IN SANTA MARIA MAGGIORE La «Statio» mariana di Papa Giovanni Paolo II

G I O VANNI PAOLO II PELLEGRINO IN SANTA MARIA MAGGIORE La «Statio» mariana di Papa Giovanni Paolo II JU A N ES Q U E R D A BI F E T G I O VANNI PAOLO II PELLEGRINO IN SANTA MARIA MAGGIORE La «Statio» mariana di Papa Giovanni Paolo II R o m a Centro di Cultura Mariana «Madre della Chiesa» 2 0 0 1 S O M

Dettagli

CALENDARIO. della Chiesa Vicentina

CALENDARIO. della Chiesa Vicentina CALENDARIO della Chiesa Vicentina ANNO LITURGICO 2013-2014 La speranza che il cambiamento dei percorsi di iniziazione cristiana rinnovasse anche il volto delle parrocchie, ha dovuto scontrarsi con comunità

Dettagli

U na celebre affermazione di. Spiritualità. e dei sacramenti che si celebrano per diventare cristiani. A livello antropologico

U na celebre affermazione di. Spiritualità. e dei sacramenti che si celebrano per diventare cristiani. A livello antropologico Spiritualità L iniziazione Liniziazione CRISTIA di don GIUSEPPE RUPPI U na celebre affermazione di Tertulliano recita: «Cristiani non si nasce ma si diventa». In base a questa convinzione, fin dai primi

Dettagli

LA QUARESIMA ORIGINE E STORIA DIMENSIONE BATTESIMALE - PENITENZIALE DIMENSIONE ECCLESIALE

LA QUARESIMA ORIGINE E STORIA DIMENSIONE BATTESIMALE - PENITENZIALE DIMENSIONE ECCLESIALE LA QUARESIMA STRUTTURA DELLA QUARESIMA Il tempo di Quaresima ha lo scopo di preparare la Pasqua mediante il ricordo del Battesimo e la penitenza. Inizia il Mercoledì delle ceneri e termina il Giovedì santo

Dettagli

NOTA PASTORALE. Riflessioni e indicazioni circa la celebrazione delle Messe

NOTA PASTORALE. Riflessioni e indicazioni circa la celebrazione delle Messe NOTA PASTORALE Riflessioni e indicazioni circa la celebrazione delle Messe Sommario Presentazione pag. 3 1. Introduzione pag. 4 2. Riflessione teologica-pastorale pag. 5 3. Orientamenti per la prassi pastorale

Dettagli

PRIMA DOMENICA DI QUARESIMA: LE TENTAZIONI QUARESIMA

PRIMA DOMENICA DI QUARESIMA: LE TENTAZIONI QUARESIMA PRIMA DOMENICA DI QUARESIMA: LE TENTAZIONI QUARESIMA PREGHIERA DIGIUNO tutto crede, tutto spera, tutto sopporta tutto copre, carita Esercizi spirituali sull Amore che possiamo vivere in famiglia Esercizi

Dettagli

Le processioni nel Benedizionale italiano

Le processioni nel Benedizionale italiano Daniele Piazzi Le processioni nel Benedizionale italiano 1. Benedizioni al termine di una processione Il Benedizionale italiano ha tra i suoi peculiari adattamenti dei suggerimenti per processioni tradizionali

Dettagli

Il Convegno Regionale dei Gruppi del

Il Convegno Regionale dei Gruppi del E D I T O D A L L A C O N F R A T E R N I T A D E L S A N T I S S I M O S A C R A M E N T O DI S A N T A M A R I A IN T R A S T E V E R E I miei Gruppi di Preghiera di Roma e del Lazio A N N O V I I I

Dettagli

CALENDARIO GENERALE 2012. Ateneo, Chiesa, Collegio e Curia. Marzo 2013

CALENDARIO GENERALE 2012. Ateneo, Chiesa, Collegio e Curia. Marzo 2013 CALENDARIO GENERALE 2012 Ateneo, Chiesa, Collegio e Curia Aggiornato : 13 marzo 2013 Marzo 2013 15 venerdì 17.00-19.00 : il confessore P. Gerald Blaszczak SJ, parlatorio II 17 domenica 10.30 : s. messa

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

La comunità di MANTOVA. comprende le seguenti località: - MANTOVA - SAN GIORGIO DI MANTOVA (MN)

La comunità di MANTOVA. comprende le seguenti località: - MANTOVA - SAN GIORGIO DI MANTOVA (MN) La comunità di MANTOVA comprende le seguenti località: - MANTOVA - SAN GIORGIO DI MANTOVA (MN) SETTEMBRE 2014 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 INCONTRO NAZIONALE DI FORMAZIONE ALLA VITA NELLO SPIRITO ISTITUTO

Dettagli

BIBLIOGRAFIA PERSONALE

BIBLIOGRAFIA PERSONALE BIBLIOGRAFIA PERSONALE Libri e studi in miscellanee 1992 L attività di promozione liturgica dell Opera della Regalità (1931-1945). Contributo allo studio del Movimento Liturgico Italiano, Edizioni O.R.,

Dettagli

Calendario Pastorale 2015-2016. Educarsi al pensiero di Cristo

Calendario Pastorale 2015-2016. Educarsi al pensiero di Cristo Calendario Pastorale 2015-2016 2016 Educarsi al pensiero di Cristo Quand ebbero mangiato, Gesù disse a Simon Pietro: «Simone, figlio di Giovanni, mi ami più di costoro?». Gli rispose: «Certo, Signore,

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

Parte prima RITO DEL BATTESIMO E DELLA CREMAZIONE DEI BAMBINI

Parte prima RITO DEL BATTESIMO E DELLA CREMAZIONE DEI BAMBINI Indice Abbreviazioni e sigle 10 Introduzione generale 11 Parte prima RITO DEL BATTESIMO E DELLA CREMAZIONE DEI BAMBINI Istruzioni generali 17 Riti di introduzione 19 Liturgia della Parola 25 Liturgia del

Dettagli

Pastorale. Iniziative E proposte alla diocesi 2015/16. Arcidiocesi di Torino

Pastorale. Iniziative E proposte alla diocesi 2015/16. Arcidiocesi di Torino Arcidiocesi di Torino Curia Metropolitana via Val della Torre, 3 10149 Torino (To) Tel. 011 5156300 www.diocesi.torino.it Arcidiocesi di Torino Curia Metropolitana via Val della Torre, 3 10149 Torino (To)

Dettagli

INSERTO SPECIALE IN QUESTO NUMERO

INSERTO SPECIALE IN QUESTO NUMERO INSERTO SPECIALE IN QUESTO NUMERO Proponiamo all attenzione dei nostri lettori la sintesi del manuale Cannabis e danni alla salute, pubblicazione scientifica prodotta dal Dipartimento per le Politiche

Dettagli

Indice. Introduzione... 5

Indice. Introduzione... 5 ECCOCI signore_eccoci signore 26/10/10 12.56 Pagina 199 Indice Introduzione.......................................... 5 Alcuni interrogativi.................................... 7 La lettura della tradizione................................

Dettagli

MESE DI MAGGIO SACRE QUARANTORE - PEREGRINATIO MARIÆ

MESE DI MAGGIO SACRE QUARANTORE - PEREGRINATIO MARIÆ PONTIFICIA BASILICA COLLEGIATA Santa Maria dell Elemosina DParrocchia Matrice - Santuario Mariano Biancavilla MESE DI MAGGIO SACRE QUARANTORE - PEREGRINATIO MARIÆ dall'1 al 31 maggio 2014 ore 08:00 19:00

Dettagli

OTTOBRE 2009. 18.30 Inizio Mondo erre. 20.45 Lectio Arcivescovo 16.00 Staff fuori orario 19.30 serata sportiva animatori vs Orsa olimpia.

OTTOBRE 2009. 18.30 Inizio Mondo erre. 20.45 Lectio Arcivescovo 16.00 Staff fuori orario 19.30 serata sportiva animatori vs Orsa olimpia. OTTOBRE 2009 1 G 2 V Comunione ammalati 18.00 S. Messa dei nonni e festa Inizio catechismo con giochi 17.00 genitori Cresimandi 4 D FESTA DELL ORATORIO 10.30 mandato educativo 5 L 6 M FESTA DELL ORATORIO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA 1. DIO E L UOMO CLASSE PRIMA 1.1 Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre 1.2 Conoscere Gesù di Nazareth come Emmanuele, testimoniato

Dettagli

Diocesi di Ascoli Piceno Newsletter 20 Marzo 2015 Pensiero del Vescovo

Diocesi di Ascoli Piceno Newsletter 20 Marzo 2015 Pensiero del Vescovo Diocesi di Ascoli Piceno Newsletter 20 Marzo 2015 Pensiero del Vescovo Prosegue la Quaresima ed avanziamo a grandi passi verso la Pasqua ormai alle porte. Sia quest ultimo tratto dell itinerario quaresimale

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

Comunità pastorale sant Eusebio Barasso Casciago Luvinate Morosolo

Comunità pastorale sant Eusebio Barasso Casciago Luvinate Morosolo Comunità pastorale sant Eusebio Barasso Casciago Luvinate Morosolo VITA DELLA COMUNITA PASTORALE Anno 2015-2016 Inizia un anno speciale per la chiesa universale: il Giubileo della misericordia. Inizia

Dettagli

Percorsi per fidanzati in cammino verso il matrimonio

Percorsi per fidanzati in cammino verso il matrimonio Vicariato di Verona centro Percorsi per fidanzati in cammino verso il matrimonio Parrocchia della Cattedrale Ogni incontro vorrà essere sempre un esperienza di ecclesialità e tenendo presente i seguenti

Dettagli

56 Anniversario della Lacrimazione di Maria a Siracusa

56 Anniversario della Lacrimazione di Maria a Siracusa 56 Anniversario della Lacrimazione di Maria a Siracusa La Chiesa e le Lacrime di Maria Domenica 23 Agosto 2009 Giornata della carità: Adottiamo un bambino. Ore 17.45 Ore 18.30 Santo Rosario Vespri Santa

Dettagli

6. SODI M. A.M. TRIACCA (edd.), Dizionario di Omiletica, Elle Di Ci - Velar, Leumann (To) - Gorle (Bg) 1998, pp. XIX + 1708; ristampa 2002.

6. SODI M. A.M. TRIACCA (edd.), Dizionario di Omiletica, Elle Di Ci - Velar, Leumann (To) - Gorle (Bg) 1998, pp. XIX + 1708; ristampa 2002. Il prof. MANLIO SODI Risiede a Roma presso l Università Pontificia Salesiana (www.unisal.it) dove lavora come professore ordinario: nella Facoltà di Teologia di cui è stato Decano-Preside dal 1999 al 2005

Dettagli

Convegno diocesano Cori liturgici giovani Cattedrale - Treviso, 23 febbraio 2014, ore 14.30 VII domenica del Tempo ordinario A

Convegno diocesano Cori liturgici giovani Cattedrale - Treviso, 23 febbraio 2014, ore 14.30 VII domenica del Tempo ordinario A Convegno diocesano Cori liturgici giovani Diocesi di Treviso Ufficio Liturgico & Pastorale Giovanile Diocesi di Treviso Ufficio Liturgico - Pastorale Giovanile Convegno diocesano Cori liturgici giovani

Dettagli

I PADRI DELLA CHIESA NELLA LITURGIA DELLE ORE

I PADRI DELLA CHIESA NELLA LITURGIA DELLE ORE I PADRI DELLA CHIESA NELLA LITURGIA DELLE ORE Mons. Pietro Meloni I PADRI DELLA CHIESA NELLA LITURGIA DELLE ORE La Sacra Tradizione e la Sacra Scrittura dell Antico e Nuovo Testamento sono come uno specchio

Dettagli

Diocesi di Cremona ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIA BATTEZZATI LE CELEBRAZIONI

Diocesi di Cremona ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIA BATTEZZATI LE CELEBRAZIONI Diocesi di Cremona ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIA BATTEZZATI LE CELEBRAZIONI 1 PREMESSA: LA RITUALITA NELL IC 3 PREMESSA: LA RITUALITA NELL IC Una valenza formativa peculiare

Dettagli

ITINERARIO NAZIONALE PROGRAMMA MISSIONE POPOLARE

ITINERARIO NAZIONALE PROGRAMMA MISSIONE POPOLARE ITINERARIO NAZIONALE PROGRAMMA MISSIONE POPOLARE MADONNA DI FATIMA Domenica 7 Giugno Giornata dell accoglienza Ore 18,00: Raduno dei fedeli Ore 19,00: Arrivo della statua Incoronazione Canto di accoglienza

Dettagli

CHIESE CATTOLICHE. Madonna della Speranza e della Pace Indirizzo: Via Salvore - Giubiano Orario festivo: 8:00 10:00 Orario feriale: 18:00

CHIESE CATTOLICHE. Madonna della Speranza e della Pace Indirizzo: Via Salvore - Giubiano Orario festivo: 8:00 10:00 Orario feriale: 18:00 CHIESE CATTOLICHE Madonna della Speranza e della Pace Indirizzo: Via Salvore - Giubiano Orario festivo: 8:00 10:00 S.Ambrogio - Giubiano Indirizzo: p.zza Biroldi, 3 Orario festivo: 8:30 10:00 18:00 Orario

Dettagli

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

In cammino con Cristo

In cammino con Cristo Bollettino della Parrocchia di SAN MARTINO Vs. Borgio-Verezzi (SV) (www.parrocchiasanmartinoborgioverezzi.org) In cammino con Cristo DICEMBRE-GENNAIO GIUBILEO STRAORDINARIO GIUBILEO STRAORDINARIO DELLA

Dettagli

PROGRAMMA San Valentino 2015

PROGRAMMA San Valentino 2015 Dal 5 al 13 Febbraio Novena di Preparazione alla Festa del Santo Animata dai diversi Gruppi Ecclesiali Diocesani Ore 17,00: Basilica San Valentino - Rosario e Celebrazione Eucaristica SABATO 7 FEBBRAIO

Dettagli

FASCICOLO 3 GLI AMBIENTI LITURGICI

FASCICOLO 3 GLI AMBIENTI LITURGICI ARCHIDIOCESI DI PERUGIA - CITTÀ DELLA PIEVE OGGI DEVO FERMARMI A CASA TUA! VISITA PASTORALE DELL ARCIVESCOVO MONS. GUALTIERO BASSETTI 2013-2017 FASCICOLO 3 GLI AMBIENTI LITURGICI ARCHIDIOCESI DI PERUGIA-CITTÀ

Dettagli

LA CELEBRAZIONE DEL SACRAMENTO DELLA CONFERMAZIONE. Aspetto liturgico

LA CELEBRAZIONE DEL SACRAMENTO DELLA CONFERMAZIONE. Aspetto liturgico LA CELEBRAZIONE DEL SACRAMENTO DELLA CONFERMAZIONE Premessa Le presenti indicazioni nascono dall esigenza, emersa in questi anni, di assicurare alla celebrazione del sacramento della Confermazione il rispetto

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

Registrazione Pellegrini

Registrazione Pellegrini Registrazione Pellegrini Per partecipare ai Grandi Eventi del Giubileo a Roma e per passare la Porta santa della Basilica di San Pietro, è necessario registrarsi. Ci si può registrare come singoli pellegrini

Dettagli

INDICE. Presentazione... Nota degli Autori... Prefazione alla quinta edizione... PARTE PRIMA IL DIRITTO INTERNAZIONALE PRIVATO INTERNO E COMUNITARIO

INDICE. Presentazione... Nota degli Autori... Prefazione alla quinta edizione... PARTE PRIMA IL DIRITTO INTERNAZIONALE PRIVATO INTERNO E COMUNITARIO XI Presentazione... Nota degli Autori... Prefazione alla quinta edizione... VII IX IX PARTE PRIMA IL DIRITTO INTERNAZIONALE PRIVATO INTERNO E COMUNITARIO SEZIONE PRIMA PARTE GENERALE: IL SISTEMA DEL DIRITTO

Dettagli

Il Giubileo della Misericordia

Il Giubileo della Misericordia Il Giubileo della Misericordia Il cammino che da qualche anno impegna la nostra diocesi nel formare adulti in una Chiesa adulta, e dunque uomini e donne che sempre più rispondono al dono della vita nuova

Dettagli

Interventi per l animazione della S. Messa in Coena Domini

Interventi per l animazione della S. Messa in Coena Domini Interventi per l animazione della S. Messa in Coena Domini Introduzione Ci ritroviamo insieme questa sera per celebrare la Cena del Signore, al termine del cammino quaresimale. Il clima pasquale fa da

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe seconda della scuola primaria...4

Dettagli

SALESIANO 15 DICEMBRE 1948

SALESIANO 15 DICEMBRE 1948 BOLLETTINO ANNO LXXII NUMERO 24 SALESIANO 15 DICEMBRE 1948 Tesori spirituali. - Sommario delle Indulgenze, Privilegi e Indulti concessi ai Cooperatori e alle Cooperatrici della Pia Società Salesiana. TESORI

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

Pellegrinaggio a Roma nell Anno della fede

Pellegrinaggio a Roma nell Anno della fede DIOCESI DI PORDENONE Aprile 2013 3 giorni; 2 notti Pellegrinaggio a Roma nell Anno della fede Percorso catechistico-celebrativo Porta fidei semper nobis patet, quae in communionem cum Deo nos infert datque

Dettagli

Che cosa chiedi alla Chiesa di Dio? Lettera pastorale per la Quaresima 2013 di Monsignor Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira

Che cosa chiedi alla Chiesa di Dio? Lettera pastorale per la Quaresima 2013 di Monsignor Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Che cosa chiedi alla Chiesa di Dio? Lettera pastorale per la Quaresima 2013 di Monsignor Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Questa Lettera è da leggere in tutte le celebrazioni liturgiche del 17 febbraio

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

DECRETO circa le Esequie Religiose

DECRETO circa le Esequie Religiose Diocesi Oppido-Palmi DECRETO circa le Esequie Religiose Prot.n 417/08/DE Vista l opportunità emersa nel Consiglio Presbiterale dell 11 aprile 2008 di dare una nuova Regolamentazione diocesana alle Esequie

Dettagli

MESSE PROPRIE DELLA CHIESA CAPUANA PREGHIERE DEI FEDELI

MESSE PROPRIE DELLA CHIESA CAPUANA PREGHIERE DEI FEDELI MESSE PROPRIE DELLA CHIESA CAPUANA PREGHIERE DEI FEDELI 5 febbraio S. AGATA, VERGINE E MARTIRE Patrona principale della città di Capua PREGHIERE: dal comune delle Vergini Al Dio tre volte santo, rivolgiamo

Dettagli

C.L. Tecniche della prevenzione nell ambiente e nei luoghi di lavoro Polo di Rieti. Calendario Lezioni 3 anno 2 Semestre - A.A.

C.L. Tecniche della prevenzione nell ambiente e nei luoghi di lavoro Polo di Rieti. Calendario Lezioni 3 anno 2 Semestre - A.A. I Settiman 2-6 Ore Lunedi 2 Martedi 3 Mercoledi 4 Giovedì 5 Venerdì 6 II 09-13 Ore Lunedì 9 Martedì 10 Mercoledì 11 Giovedì 12 Venerdì 13 III 16-20 Ore Lunedì 16 Martedì 17 Mercoledì 18 Giovedì 19 Venerdì

Dettagli

Gesù Cristo è il volto della Misericordia del Padre

Gesù Cristo è il volto della Misericordia del Padre Una Comunità in Cammino Parrocchia Santa Rita Novara Agenda Pastorale 2015-2016 Gesù Cristo è il volto della Misericordia del Padre Liturgia 4 Percorsi di catechesi 10 Percorsi per famiglie 14 Cammino

Dettagli

ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA

ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA Solennità SALUTO La grazia e la pace nella santa Chiesa di Dio siano con tutti voi. E con il tuo spirito. L. Oggi la nostra comunità è in festa, ricordando

Dettagli

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI INTRODUZIONE La preghiera non è solo elevazione dell anima a Dio ma è anche relazione

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Arcidiocesi di Brindisi-Ostuni

Arcidiocesi di Brindisi-Ostuni Arcidiocesi di Brindisi-Ostuni UFFICIO LITURGICO DIOCESANO Proclamiamo la tua risurrezione I. Il nuovo sussidio della CEI Proclamiamo la tua risurrezione E questo il titolo dell ultima pubblicazione a

Dettagli

TEMATICHE PER L ESAME DI BACCALAUREATO IN TEOLOGIA PER L ANNO ACCADEMICO 2010-2011

TEMATICHE PER L ESAME DI BACCALAUREATO IN TEOLOGIA PER L ANNO ACCADEMICO 2010-2011 TEMATICHE PER L ESAME DI BACCALAUREATO IN TEOLOGIA PER L ANNO ACCADEMICO 2010-2011 TEMATICA FONDAMENTALE La Rivelazione cristiana di Dio: - L idea di rivelazione nel Concilio Vaticano I e nel Concilio

Dettagli

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008 Religione Cattolica Classe A.S. 007/008 O.S.A. U.A. O.F. Contenuti Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Nuova scuola, nuovi compagni, io in crescita insieme agli altri Le bellezze della natura sono

Dettagli

MEDITAZIONE SULL AVVENTO, NATALE ED EPIFANIA, TEMPO DELLA MANIFESTAZIONE DEL SIGNORE.

MEDITAZIONE SULL AVVENTO, NATALE ED EPIFANIA, TEMPO DELLA MANIFESTAZIONE DEL SIGNORE. MEDITAZIONE SULL AVVENTO, NATALE ED EPIFANIA, TEMPO DELLA MANIFESTAZIONE DEL SIGNORE. Oh Dio, suscita in noi la volontà di andare incontro con le buone opere al tuo Cristo che viene, perchè egli ci chiami

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

PROPOSTA 1: IL GEMELLAGGIO CON LA DIOCESI DI BARCELLONA e GMG a MADRID Dal 12 al 22 agosto

PROPOSTA 1: IL GEMELLAGGIO CON LA DIOCESI DI BARCELLONA e GMG a MADRID Dal 12 al 22 agosto PROPOSTA 1: IL GEMELLAGGIO CON LA DIOCESI DI BARCELLONA e GMG a MADRID Dal 12 al 22 agosto IL PROGRAMMA A BARCELLONA Venerdì 12 agosto 2011 Partenza h. 4.00 circa dalle parrocchie Arrivo a Barcellona:

Dettagli

RITO DI APERTURA DEL GIUBILEO. 13 dicembre 2015. Terza domenica di Avvento

RITO DI APERTURA DEL GIUBILEO. 13 dicembre 2015. Terza domenica di Avvento RITO DI APERTURA DEL GIUBILEO 13 dicembre 2015 Terza domenica di Avvento Premesse Di seguito si suggerisce uno schema di celebrazione per l inizio dell anno giubilare. Il presente testo può essere utilizzati

Dettagli