La fisiopatologia della termoregolazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La fisiopatologia della termoregolazione"

Transcript

1 La fisiopatologia della termoregolazione

2 Febbre ed ipertermia Definizione - Febbre - Aumento della temperatura corporea per modifica del set point ipotalamico - Ipertermia - Aumento della temperatura corporea, a set point ipotalamico immodificato, per produzione di calore che supera la capacita di dissipazione - meccanismi di termodispersione insufficien>: calore esterno (ambientale) o interno (metabolico, abvita fisica) - meccanismi di termodispersioni inibi> (farmaci/malabe neurologiche)

3 Febbre Systemic inflammatory response syndrome, SIRS: febbre, tachicardia, tachipnea, leucocitosi - Uno dei piu comuni segni di esordio di malaba, comunemente legato a cause infebve - A seguito della variazione del set- point ipotalamico - vasocostrizione periferica (pallore, estremita fredde) - produzione di calore - muscolo (brivido) - Fegato ( non- shivering ) - Riduzione della perdita di calore per aggiustamen> comportamentali - Quando il valore di set- point viene riportato a valori fisiologici: - vasodilatazione - sudorazione - modifiche comportamentali

4

5 PAMPs: pathogen-associated molecular patterns

6

7 Le cause di febbre Infezioni Neoplasie MalaBe a patogenesi immunitaria Forme gene>che MalaBe endocrine Iatrogene (da farmaci) Disordini SNC FUO

8 Febbri da farmaci S>molare la produzione di PE (IL- 1, IFN) Rilasciare endotossine: reaz. di Jarisch- Herxheimer Alterare termoregolazione Reaz. Ipersensibilità Flebi> asebche

9 Neoplasie Infezioni (neutropenia) Rilascio molecole bioabve Reazione ipersensibilita ai farmaci o trasfusioni

10 Le cause di febbre Infezioni Neoplasie MalaBe a patogenesi immunitaria Forme gene>che MalaBe endocrine Iatrogene (da farmaci) Disordini SNC FUO

11 FEBBRI PERIODICHE FAMILIARI fanno parte delle malattie autoinfiammatorie sistemiche, che differiscono dalle malattie autoimmuni per l assenza di Ab o cellule T autoreattive

12 Febbre mediterranea familiare AR, e la piu comune sindrome febbrile ereditaria (1/10000 nel mondo), con frequenza elevata nel bacino del Mediterraneo (frequenza allelica 1/7 negli armeni, 1/5-1/16 negli ebrei sefardi>) Ricorrenza di febbre (durata da alcuni giorni a poche sebmane,con intervalli liberi da malaba variabili) Puo presentarsi solo come episodio febbrile, ma piu frequentemente e associata a: monoartrite (raramente artri> distrubve o poliartri> migran>) dolori addominali pleurite (piu raramente pericardite) lesioni cutaneee (simil- erisipela) E accompagnata da amiloidosi (rene, fegato, GI, milza)

13 Difetto molecolare: mutazioni nel gene MEFV, che codifica la PIRINA, proteina espressa in granulociti, monociti attivati e leucociti nel corso dello sviluppo Lega la proteina ASC (adattatore di NALP3) ruolo anti-infiammatorio

14 Tutte le proteine NLR contengono un dominio LRR (leucine-rich repeats) e un dominio NBS or NBD or NOD or NACHT (nucleotidebinding site); differiscono per l estremità N-terminale: 1) dominio CARD (caspase recruitment domain)= sottofamiglia NOD. 2) dominio PYD (pyrin domain)= sottofamiglia NALP

15 NLRs Si tratta di proteine coinvolte nel riconoscimento di PAMPS; Possono anche percepire segnali di danno endogeno o segnali di stress (Danger- Associated Molecular Patterns (DAMPs) Il sistema di recettori NLR comprende 22 proteine citoplasmatiche che comprendono 5 membri della sottofamiglia NOD, 14 membri NALP, IPAF, NAIP e CIITA.

16

17

18 TLRs e NLRs cooperano per avviare un processo infiammatorio

19 MWC, FCAS, CINCA Familial Cold autoinflammatory syndrome (precedentemente FC Ur>caria), febbre, lesioni cutanee, artralgia, congiun>vite in seguito ad esposizione al freddo Muckle- Wells syndrome presenta un quadro simile, con severita e durata degli abacchi maggiore, e sviluppo di amiloidosi Chronic infan>le neurologic cutaneous ar>cular (CINCA) syndrome, piu grave (si presenta subito dopo la nascita), artralgie ricorren> e meningite da PMN. Amiloidosi grave. Sono forme alleliche: mutazioni diverse del medesimo gene, che codifica NALP3

20 Implicazioni cliniche Recombinant IL-R antagonist (ril-1ra, o anakinra), forma non glicosilata (prodotta in E. coli, 153 aa, 17,3 kd) di IL-1Ra, inibitore naturale di IL-1 - Efficace in malattie autoinfiammatorie (MWS, FCAS) - Trial clinico efficace in artrite gottosa - Efficace nelle forme piu gravi di AR

21 Altre febbri periodiche familiari Sindrome periodica associata al TNF- R. Febbre, dolore addominale, congiun>vite, macule eritematose o placche edematose sulla cute, artralgia.

22 Basi molecolari: AD, > 16 mutazioni di senso dei domini ricchi in cisteina, che interferiscono con lo shedding del recebore

23 Ipertermie ed ipotermie

24 Colpo di calore (heat- stroke) Ipertermia maligna Sindrome neurolebca maligna

25 Heat stress (stress da calore): sensazione di malessere in ambiente caldo, spesso in associazione ad abvita fisica Heat exhaus>on (collasso da calore): malaba lieve/ moderata dovuta ad esposizione ad ambien> molto caldi e/o abvita fisica intensa. malessere, sete intensa, debolezza, ansia, mal di testa, collasso Heat stroke (colpo di calore): malaba grave, con temp. > 40 C e disturbi neurologici

26 Colpo di calore - Temp > 40 C - Pelle calda e secca - Manifestazioni neurologiche (delirio, convulsioni, coma) Causalmente associata a onde di calore (> 3 giorni con temp ambientale > 32.2) Cause: - Temperatura ambientale elevata (forma classica, non legata a forzo fisico) - Esercizio fisico intenso

27 Forma di ipertermia associata a risposta infiammatoria sistemica che porta ad una disfunzione mul>organo dominata dalla encefalopa>a La malaba e sobo- diagnos>cata (ca. 20/ in US, / in Arabia) Colpisce bambini ed anziani, poveri e soggeb socialmente isola> Fabori gene>ci (colpo di calore): citochine, HSP, fab. coagulazione

28 La risposta allo stress termico Aumen> di temperatura di < 1 C sono avver>> dai termocebori periferici e segnala> al centro termoregolatore ipotalamico che: Causa vasodilatazione periferica (sangue caldo alla cute termodispersione (flusso cutaneo fino a 8 l/min). NB shun>ng dalla circolazione viscerale Induce sudorazione ( evaporazione in ambiente non saturo di H 2 O: evaporazione di 1,7 ml di sudore consuma 1 kcal). Alla massima efficienza, la sudorazione dissipa fino a 600 kcal/ora. La vasodilatazione periferica (sangue caldo) favorisce la evaporazione. NB. Perdita di sali ed H 2 O, necessita di ripris>no

29 Risposta prolungata/adabamento Acclimatazione Risposta di fase acuta Heat- shock response (HSR)

30 Acclimatazione Aumento progressivo della capacita di lavoro alle alte temperature ABvazione dell asse renina/angiotensina Conservazione di sali dalle ghiandole sudoripare e dal rene Espansione del volume ema>co Aumento della performance cardiovascolare Aumentata secrezione di sudore (risparmio di NaCl) Aumento della resistenza alla rabdomiolisi

31 Heat- shock response Fabori di trascrizione abva> dal calore (e da altre condizioni di stress cellulare). I prodob genici sono le Heat- shock Proteins (HSP) chaperonine, proteine che guidano il correbo ripiegamento ( folding ) delle proteine durante la sintesi o in seguito a denaturazione (es. In seguito a riscaldamento) Coinvolte anche nel guidare interazioni molecolari, e quindi permebere risposte funzionali Segnalazione via calcio Regolazione del riflesso barocebore

32 Risposta di fase acuta Coinvolge cell endoteliali, leucoci> e cell epiteliali Risposta al danno cellulare Febbre, leucocitosi, catabolismo muscolare Modulazione della risposta infiammatoria (IL6) Controllo dei livelli di CK pro- infiammatorie Produzione di proteine di fase acuta an>- infiamatorie (inibizione del rilascio di ROS ed enzimi proteoli>ci dai leucoci>) S>molazione endotelio (proliferazione ed angiogenesi) Riparo e guarigione

33 Da stress da calore a colpo di calore Collasso termocircolatorio Deplezione sali ed H 2 O MalaBa cardiovascolare o farmaci che interferiscono con la funzione cardiaca Esagerazione della risposta di fase acuta Shunt circolatorio ipossia mucosale perdita della funzione di barriera ingresso in circolo di endotossina aumentata produzione di citochine pro- infiammatorie Somministrazione di an>corpi an>- endotossina in prima> aumenta la sopravvivenza a colpo di calore Abenuazione della risposta heat- shock La progressione a colpo di calore a accompagnata da abenuazione dell HSR L invecchiamento e polimorfismi gene>ci sono associa> a bassi livelli di HSP

34 Da colpo di calore a disfuzione d organo sistemica Alterazioni fisiologiche dovute all ipertermia Insufficienza circolatoria, ipossia, ed aumentate richieste metaboliche Citotossicita del calore a temp estreme (49-50 C) distruzione delle strubure cellulari, morte per necrosi A temp inferiori le cellule muoiono per apoptosi Maximum termico negli uomini (42 C per 1-8 ore) Risposta infiammatoria Aumento delle citochine pro- infiammatorie (IL- 1 e TNF- α) ed an>- infiammatorie (IL- 6, IL- 10, recebori solubili per TNF p55 e p75) Il raffreddamento non normalizza i livelli I livelli di IL- 6 e TNF- Rs correlano con la gravita Squilibri nei livelli delle citochine portano a danno mediato da infiammazione o a immunosoppressione refrabaria al trabamento (alta incidenza di infezioni) Risposta coagula>va Il danno endoteliale e la trombosi microvascolare diffusa sono caraberis>che prominen> del colpo di calore Espressione endoteliale di molecole di adesione (integrine) in leucoci> e cell endot, stato pro- trombo>c (aum fab vw, trombomodulina) e aumentata permeabilita vascolare

35 Manifestazioni cliniche e metaboliche Elemen> diagnos>ci: Ipertermia Manifestazioni neurologiche (lievi, come il cambio di comportamento, ma piu spesso gravi: delirio, coma ed abacchi convulsivi nella fase del raffreddamento) Tachicardia Iperven>lazione (alcalosi respiratoria) Acidosi labca (nelle forme da sforzo) Ipotensione (20% casi) Shock e evoluzione in Sindrome di Disfunzione Mul>organo Encefalopa>a Insufficienza renale acuta Respiratory Distress syndrome Danno miocardico Danno epatocellulare Danno pancrea>co Complicanze emorragiche (DIC, con trombocitopenia pronunciata)

36 Approcci terapeu>ci Raffreddamento Prevenzione Nuovi conceb patogene>ci (la normalizzazione della temperatura non previene l infiammazione, la discoagulopa>a e la progressione a danno mul>- organo) Immunomodulatori (IL- 1- antagonis>, Ab an>- LPS, cor>costeroidi) sono risulta> efficaci nella sperimentazione animale Terapie an>- coagula>ve (proteina C abvata ricombinante) Induzione farmacologica delle HSP (salicila> e FANS)

37 Ipertermia Maligna (Malignant Hyperthermia, MH) Risposta acuta a farmaci aneste>ci, incidenza 1/ Le manifestazioni comprendono ipermetabolismo, ipertermia e rigidita muscolare Condizione gene>camente determinata (AD) 19q13.1 (decine di mutazioni del RYR1 in molte famiglie non correlate) 1q32 (poche mutazioni nel gene CACNL1A3 -

38

39 Caffeine and Halothane Dose- Response Curves Percentage of Fluorescence Ratio (% of Maximal Response) Percentage of Fluorescence Ratio Percentage (% of Maximal of Fluorescence Response) Ratio (% of Maximal Response) Wild Wild Type Type (6) (6) Wild Wild Type Type (4) (4) G2435R (4) (4) G2435R (4) (4) R2436H (4) (4) R2436H (4) (4) Caffeine Caffeine (mm) Percentage of Fluorescence Ratio (% of 10 mm caffeine Response) Percentage of Fluorescence Ratio Percentage (% of 10 mm of Caffeine Fluorescence Response) Ratio (% of 10 mm Caffeine Response) Halothane (mm) (mm) Halothane (mm)

40 Proposed Mechanism for MH Normal Ca 2+ movements Normal Muscle Contraction Cycle MH Ca 2+ movements MH Muscle Contraction Cycle Ca 2+ ATP ATP ADP ADP Ca 2+ Ca 2+ Ca 2+ Ca 2+ X XX X XX X XX X X XXX X X XX XX X X X X X XX X X XX X X X X X X X X X XX X X X X XX X X X X X X X X X XXX X X X X X X X X Ca 2+ Ca 2+ ADP ATP ATP ADP Ca2+ 2+ Ca2+ X X X XX XX X X X X X X XX X X X X XX X X X X X XX X XX X X XXX X X XX XX X X X X Ca Ca 2+ XX X X X X X X XXXX X X X X Ca2+ Glycogen Glucose-1-P ADP ATP Lactic acid Ca 2+ Phosphorylase kinase Actin Muscle fiber ATP Ca 2+ Myosin ATP ADP Glycogen Glucose -1-P ADP ATP Lactic acid Ca 2+ Phosphorylase kinase Actin Ca 2+ Muscle fiber ATP Heat Myosin ATP ADP CO2 CO2 Mitochondria Mitochondria

41 Sindrome neurolebca maligna (NMS) Combinazione di ipertermia, rigidita, e disregolazione autonomica (tachipnea, tachicardia, diaforesi, instabilita Part), che compare come complicanza dell uso di neurolebci (0,02-2,2% dei pazien> in cura con neurolebci)

42 Meccanismo Blocco dei recebori dopaminergici D2 Sistema extrapiramidale rigidita muscolare e tremore (Lead pipe rigidity, disfagia, discinesia) A livello ipotalamico aumento del set- point ipotalamico ed inibizione dei meccanismi di termodispersione A livello muscolare, aumentato rilascio di Ca2+ dal SR (ipertermia, rigidita, miolisi)

43 Ipotermia

44

45 Meccanismo Si perde calore per: Irraggiamento, dipende da: Superficie esposta Gradiente di temperatura Conduzione: scambio di calore tra oggeb Convezione: cessione a oggebo in movimento H 2 0 elimina calore 25X aria Evaporazione (NB respirazione)

46 Condizioni ambientali (fabori nega>vi) Temperatura Umidita (pioggia, sudore, immersione) Vento Ritenzione di calore (fabori posi>vi) Dimensioni/strubura (eschimesi vs. Masai) Abbigliamento Grasso Shell/core Produzione di calore (fabore posi>vo) Brivido, limitato da: Stato fisico Alimentazione

47 Fabori di rischio Eta (bambini, anziani) Stato mentale Alcool/droga (giudizio alterato, vasodilatazione) Condizioni mediche (endocrinopa>e, lesioni spinali o cerebrali, sepsi) Farmaci (es. psichiatrici)

48 Conseguenze cliniche EffeB sistemici (ipotermia) Deficit cogni>vi e rallentamento conduzione nervosa Ipovolemia (sequestro di liquidi) Diuresi da freddo (difeb tubulari e ADH) ContraBlità cardiaca Congelamento Danno cellulare Formazione di cristalli d acqua Alterazione strubura proteine Danno di membrana Insufficienza vascolare Vasocostrizione Danno endoteliale tromboembolismo

49

Colpo di calore Lesioni cerebrali, convulsioni. Termoregolazione. gravemente compromessa. Termoregolazione

Colpo di calore Lesioni cerebrali, convulsioni. Termoregolazione. gravemente compromessa. Termoregolazione La termoregolazione -10 C +40 C Limite superiore di sopravvivenza Termoregolazione gravemente compromessa Termoregolazione efficiente Colpo di calore Lesioni cerebrali, convulsioni Malattie febbrili e

Dettagli

L omeostasi. Controllo dell ambiente interno

L omeostasi. Controllo dell ambiente interno L omeostasi Controllo dell ambiente interno Omeostasi (Homeo = simile + stasis = condizione) L insieme dei processi che permettono all organismo a vari livelli di mantenere costanti le caratteristiche

Dettagli

NOZIONI DI TERMOREGOLAZIONE

NOZIONI DI TERMOREGOLAZIONE NOZIONI DI TERMOREGOLAZIONE Marco Bonifazi Dipartimento di Fisiologia Università degli Studi di Siena Il calore acquistato e quello prodotto devono essere in equilibrio Il calore prodotto dall organismo

Dettagli

Altri animali (pesci, rettili) sono POICHILOTERMI ó T corporea = T ambientale

Altri animali (pesci, rettili) sono POICHILOTERMI ó T corporea = T ambientale TERMOREGOLAZIONE Variazioni della temperatura corporea I mammiferi sono OMEOTERMI ó mantengono la T entro limiti costanti (nell uomo 37 C + 1 C) ó esistono meccanismi di termoregolazione Altri animali

Dettagli

Termoregolazione 2. Il controllo della temperatura corporea

Termoregolazione 2. Il controllo della temperatura corporea Termoregolazione 2. Il controllo della temperatura corporea Prof Carlo Capelli Fisiologia Generale e dell Esercizio Facoltà di Scienze Motorie, Università degli Studi di Verona Obiettivi Trasporto e distribuzione

Dettagli

INSUFFICIENZA RENALE ACUTA

INSUFFICIENZA RENALE ACUTA - alterazione funzione renale con quadro clinico molto vario da muto a gravissimo - patogenesi varia, distinta in tre forme: 1. pre-renale (funzionale) 2. renale (organica) 3. post-renale (ostruttiva)

Dettagli

Ing. Stefano Pancari

Ing. Stefano Pancari RIFERIMENTI LEGISLATIVI: -D.LGS.81/08 (TESTO UNICO) ALLEGATO IV p.to 1.9 del 30/04/2008 Linee guida microclima, aerazione e illuminazione nei luoghi di lavoro ISPESL 1 giugno 2006 DEFINIZIONE Complesso

Dettagli

GC Ingresso letto arterioso

GC Ingresso letto arterioso Ritorno venoso GC Ingresso letto arterioso Eiezione CUORE Riempimento Patr Ra RV Ingresso cuore Rv Il flusso di sangue che torna al cuore (RV) = flusso immesso nel letto arterioso (GC). GC e RV sono separati

Dettagli

Sistema Endocrino 3. Ormoni del surrene. Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli

Sistema Endocrino 3. Ormoni del surrene. Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli Sistema Endocrino 3. Ormoni del surrene Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli Obiettivi Surrene: secrezione nelle varie zone del surrene, sintesi degli ormoni surrenali, Mineralcorticoidi-aldosterone,

Dettagli

Artica Una nuova innovativa macchina per la crioterapia ambulatoriale

Artica Una nuova innovativa macchina per la crioterapia ambulatoriale Artica Una nuova innovativa macchina per la crioterapia ambulatoriale Cos è la Crioterapia La crioterapia, o terapia del freddo, è una metodologia terapeutica conosciuta da moltissimo tempo. Essa utilizza

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

è l insieme dei fattori (es. temperatura, umidità, velocità dell aria) che regolano le condizioni climatiche di un ambiente chiuso

è l insieme dei fattori (es. temperatura, umidità, velocità dell aria) che regolano le condizioni climatiche di un ambiente chiuso IL MICROCLIMA è l insieme dei fattori (es. temperatura, umidità, velocità dell aria) che regolano le condizioni climatiche di un ambiente chiuso quale un ambiente di vita e di lavoro. Considerando che

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Quali sono le malattie reumatiche più importanti?

Quali sono le malattie reumatiche più importanti? Quali sono le malattie reumatiche più importanti? L ARTROSI, una patologia legata alla degenerazione delle cartilagini e del tessuto osseo nelle articolazioni, è la malattia reumatica più frequente. Il

Dettagli

Disabilità reumatologiche SCLERODERMIA SCLEROSI SISTEMICA

Disabilità reumatologiche SCLERODERMIA SCLEROSI SISTEMICA SCLERODERMIA SCLEROSI SISTEMICA SCLERODERMIA SCLERODERMIA - Polmoni - Apparato digerente - Cuore - Reni SCLERODERMIA - incidenza SCLERODERMIA - cause AUTOIMMUNITA SCONOSCIUTE MULTIFATTORIALI PREDISPOSIZIONE

Dettagli

Ritorno venoso. Ingresso nel letto arterioso CUORE. P ad

Ritorno venoso. Ingresso nel letto arterioso CUORE. P ad Ritorno venoso GC Ingresso nel letto arterioso Eiezione Riempimento CUORE P ad Ra RV Ingresso cuore Rv Mediamente, il volume di sangue che torna al cuore (RV), è uguale a quello che viene immesso nel letto

Dettagli

La cute. La cute è l organo di maggiori dimensioni. del corpo umano, perché ne copre la. maggiore superficie

La cute. La cute è l organo di maggiori dimensioni. del corpo umano, perché ne copre la. maggiore superficie La cute La cute è l organo di maggiori dimensioni del corpo umano, perché ne copre la maggiore superficie I Strato: II Strato: III Strato: IV Strato: V Strato: La Cute ANATOMIA Epidermide Derma Tessuto

Dettagli

Febbre Mediterranea Familiare

Febbre Mediterranea Familiare Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Cos è? Febbre Mediterranea Familiare La febbre mediterranea familiare (FMF) è una malattia genetica. I pazienti affetti soffrono di ricorrenti attacchi

Dettagli

www.pediatric-rheumathology.printo.it FEBBRI RICORRENTI COLLEGATE AD UN ANOMALIA GENETICA

www.pediatric-rheumathology.printo.it FEBBRI RICORRENTI COLLEGATE AD UN ANOMALIA GENETICA www.pediatric-rheumathology.printo.it FEBBRI RICORRENTI COLLEGATE AD UN ANOMALIA GENETICA Introduzione generale Recenti progressi nella ricerca hanno chiaramente dimostrato che alcune rare malattie febbrili

Dettagli

Temperatura e Calore

Temperatura e Calore Temperatura e Calore La materia è un sistema fisico a molti corpi Gran numero di molecole (N A =6,02 10 23 ) interagenti tra loro Descrizione mediante grandezze macroscopiche (valori medi su un gran numero

Dettagli

Corso di formazione per soccorritori VALUTAZIONE PARAMETRI VITALI

Corso di formazione per soccorritori VALUTAZIONE PARAMETRI VITALI Corso di formazione per soccorritori VALUTAZIONE PARAMETRI VITALI Quali sono i Parametri Vitali? ATTIVITA RESPIRATORIA ATTIVITA CIRCOLATORIA - RILEVAZIONE DEL POLSO - RILEVAZIONE DELLA PRESSIONE ARTERIOSA

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz

www.fisiokinesiterapia.biz Microangiopatia Trombotica Definizione Condizione patologica caratterizzata da: anemia emolitica, microangiopatia trombotica, trombocitopenia, manifestazioni polidistrettuali 1) Sindrome emolitico-uremica

Dettagli

Impossibile visualizzare l'immagine. La memoria del computer potrebbe essere insufficiente per aprire l'immagine oppure l'immagine potrebbe essere

Impossibile visualizzare l'immagine. La memoria del computer potrebbe essere insufficiente per aprire l'immagine oppure l'immagine potrebbe essere Impossibile visualizzare l'immagine. La memoria del computer potrebbe essere insufficiente per aprire l'immagine oppure l'immagine potrebbe essere danneggiata. Riavviare il computer e aprire di nuovo il

Dettagli

TERMOTERAPIA: CALDO E FREDDO

TERMOTERAPIA: CALDO E FREDDO TERMOTERAPIA: CALDO E FREDDO L energia termica è la più facile da applicare in fisioterapia e consente di ottenere molteplici benefici grazie agli effetti fisiologici del caldo e del freddo. IL FREDDO.

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

IL PRIMO SOCCORSO. Qualche consiglio per affrontare un emergenza in a5esa dell intervento veterinario. Do5.ssa Alice Bonome< DVM, Brescia

IL PRIMO SOCCORSO. Qualche consiglio per affrontare un emergenza in a5esa dell intervento veterinario. Do5.ssa Alice Bonome< DVM, Brescia IL PRIMO SOCCORSO Qualche consiglio per affrontare un emergenza in a5esa dell intervento veterinario Do5.ssa Alice Bonome< DVM, Brescia Emergenze più frequenti IncidenA stradali Ferite e morsicature Colpo

Dettagli

DIABETE MELLITO. Patologia cronica del metabolismo conseguente a disfunzione insulinica. Patologia multisistemica e multifattoriale

DIABETE MELLITO. Patologia cronica del metabolismo conseguente a disfunzione insulinica. Patologia multisistemica e multifattoriale DIABETE MELLITO Patologia cronica del metabolismo conseguente a disfunzione insulinica Patologia multisistemica e multifattoriale Parametri clinici: iperglicemia glicosuria - poliuria - polidipsia cheto-acidosi

Dettagli

SEBASTIANO FILETTI. Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche. Università di Roma Sapienza, Roma

SEBASTIANO FILETTI. Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche. Università di Roma Sapienza, Roma SEBASTIANO FILETTI Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche Università di Roma Sapienza, Roma La malattia tiroidea è in aumento negli ultimi anni. Quali le ragioni? Dati epidemiologici provenienti

Dettagli

Malattie ematologiche maligne

Malattie ematologiche maligne Malattie ematologiche maligne Sono tutte condizioni di crescita cellulare incontrollata di cellule emopoietiche. Malattie quindi di notevole gravità. CELLULA MIELOIDE CELLULA LINFOIDE Malattie mieloproliferative

Dettagli

APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO CARDIOCIRCOLATORIO

APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO CARDIOCIRCOLATORIO APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO TURBE del SISTEMA CARDIOCIRCOLATORIO Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI APP. CARDIOCIRCOLATORIO OBIETTIVI Cenni di ANATOMIA e FISIOLOGIA dell APP. CARDICIRCOLATORIO il

Dettagli

Aspetti generali del diabete mellito

Aspetti generali del diabete mellito Il diabete mellito Aspetti generali del diabete mellito Il diabete è una patologia caratterizzata da un innalzamento del glucosio ematico a digiuno, dovuto a una carenza relativa o assoluta di insulina.

Dettagli

LE CAUSE DELLA STANCHEZZA MUSCOLARE

LE CAUSE DELLA STANCHEZZA MUSCOLARE LE CAUSE DELLA STANCHEZZA MUSCOLARE Fausto Spagnoli (Unità Endocrino Metabolica) da "SPORT E SALUTE" (Anno II, numero 1 - Gennaio 2005) Molti atleti, professionisti e non, ancora ignorano tutti i fattori

Dettagli

Jacuzzi, la nuova forma del benessere

Jacuzzi, la nuova forma del benessere 1 Sasha 2.0 2 SAUNA 5.1 CENNI STORICI E SUA DIFFUSIONE NELLE DIVERSE CULTURE E COSTUMI L utilizzo della sauna si perde nella notte dei tempi. Attualmente si indica con il termine sauna quella pratica in

Dettagli

ASPETTI TERMODINAMICI DEI SISTEMI BIOLOGICI

ASPETTI TERMODINAMICI DEI SISTEMI BIOLOGICI ASPETTI TERMODINAMICI DEI SISTEMI BIOLOGICI Sistemi biologici: soggetti a complessi processi di trasformazione e scambio di energia; I sistemi biologici sono costituiti perlopiù da quattro elementi: H,

Dettagli

Citochine dell immunità specifica

Citochine dell immunità specifica Citochine dell immunità specifica Proprietà biologiche delle citochine Sono proteine prodotte e secrete dalle cellule in risposta agli antigeni Attivano le risposte difensive: - infiammazione (immunità

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

Franco Patrone DIMI, Università di Genova

Franco Patrone DIMI, Università di Genova PRINCIPI DI ONCOLOGIA GERIATRICA Franco Patrone DIMI, Università di Genova Genova, 16 Ottobre 2010 I Tumori nell Anziano: Dimensioni del Problema Più del 50 % dei tumori si manifestano tra i 65 e i 95

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

Proliferazione e morte cellulare sono eventi fisiologici

Proliferazione e morte cellulare sono eventi fisiologici MORTE CELLULARE Proliferazione e morte cellulare sono eventi fisiologici Omeostasi tissutale (di tessuti dinamici) Sviluppo embrionale Eliminazione di strutture corporee inutili - Fasi di scultura/rimodellamento

Dettagli

Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto INDICE. 01.0 DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE Inizio Pagina.

Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto INDICE. 01.0 DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE Inizio Pagina. 1 di 5 07/11/2012 14:56 A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto INDICE 01.0 DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE 02.0 COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA

Dettagli

Temperatura. V(t) = Vo (1+at) Strumento di misura: termometro

Temperatura. V(t) = Vo (1+at) Strumento di misura: termometro I FENOMENI TERMICI Temperatura Calore Trasformazioni termodinamiche Gas perfetti Temperatura assoluta Gas reali Principi della Termodinamica Trasmissione del calore Termoregolazione del corpo umano Temperatura

Dettagli

indice PARTE PRIMA LA FISIOLOGIA DELL ESERCIZIO Sezione 1 Nutrizione: le basi della prestazione fisica Sezione 2 Energia per l attività fisica

indice PARTE PRIMA LA FISIOLOGIA DELL ESERCIZIO Sezione 1 Nutrizione: le basi della prestazione fisica Sezione 2 Energia per l attività fisica indice Introduzione Uno sguardo al passato Le radici storiche della fisiologia dell esercizio, XXIII Intervista al Dr. Charles Tipton PARTE PRIMA LA FISIOLOGIA DELL ESERCIZIO Sezione 1 Nutrizione: le basi

Dettagli

SINDROME NEFROSICA. Sindrome clinica caratterizzata da: - Edema (volto, piedi, mani) - Proteinuria (>3 g/die) - Ipoalbuminemia - Ipercolesterolemia

SINDROME NEFROSICA. Sindrome clinica caratterizzata da: - Edema (volto, piedi, mani) - Proteinuria (>3 g/die) - Ipoalbuminemia - Ipercolesterolemia SINDROME NEFROSICA SINDROME NEFROSICA Sindrome clinica caratterizzata da: - Edema (volto, piedi, mani) - Proteinuria (>3 g/die) - Ipoalbuminemia - Ipercolesterolemia SINDROME NEFROSICA - EPIDEMIOLOGIA

Dettagli

Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi

Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi Informazioni per i genitori A cosa serve lo screening neonatale Questa pubblicazione serve ad illustrare perché è così importante

Dettagli

RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1. DENOMINAZIONE DELLA SPECIALITA MEDICINALE:

RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1. DENOMINAZIONE DELLA SPECIALITA MEDICINALE: RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1. DENOMINAZIONE DELLA SPECIALITA MEDICINALE: FLUAD, Sospensione iniettabile in siringa pre-riempita Vaccino influenzale inattivato, antigene di superficie,

Dettagli

MALATTIE UMANE LEGATE ALL UPP: IL MORBO DI PARKINSON

MALATTIE UMANE LEGATE ALL UPP: IL MORBO DI PARKINSON MALATTIE UMANE LEGATE ALL UPP: IL MORBO DI PARKINSON La degradazione proteica è uno dei meccanismi essenziali che regolano i livelli di proteine cellulari, coinvolto in processi cellulari cruciali dal

Dettagli

hs-crp ed MPO: Punto di vista del Clinico

hs-crp ed MPO: Punto di vista del Clinico hs-crp ed MPO: Punto di vista del Clinico IL LABORATORIO NELLE URGENZE ED EMERGENZE Roma, 2-3 Ottobre 2009 Riccardo Morgagni Cardiologia Università Tor Vergata Roma Contesto clinico Sindromi Coronariche

Dettagli

CLASSIFICAZIONE del DIABETE

CLASSIFICAZIONE del DIABETE Il DIABETE Malattia cronica Elevati livelli di glucosio nel sangue(iperglicemia) Alterata quantità o funzione dell insulina, che si accumula nel circolo sanguigno TASSI di GLICEMIA Fino a 110 mg/dl normalità

Dettagli

Canali del Calcio L-Type

Canali del Calcio L-Type Canali del Calcio L-Type Complessi etero-oligomerici in cui la subunità α 1 forma il poro ionico e lega agonisti e antagonisti 9 subunità α 1 (S,A,B,C,D,E,G,H,I) Subunità α 1 C e D formano il canale L;

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Riassunto delle caratteristiche del prodotto

Riassunto delle caratteristiche del prodotto Riassunto delle caratteristiche del prodotto 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE INFLEXAL V Sospensione iniettabile Vaccino influenzale (antigene di superficie, inattivato, virosomale) Stagione 2007/2008 2.

Dettagli

IDROSSIUREA (Oncocarbide)

IDROSSIUREA (Oncocarbide) IDROSSIUREA (Oncocarbide) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per

Dettagli

Riassunto delle caratteristiche del prodotto

Riassunto delle caratteristiche del prodotto Riassunto delle caratteristiche del prodotto 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE INFLEXAL V Sospensione iniettabile Vaccino influenzale (antigene di superficie, inattivato, virosomale) Stagione 2011/2012 2.

Dettagli

COME RICONOSCERE LO STRESS E PRENDERSI CURA DI SE

COME RICONOSCERE LO STRESS E PRENDERSI CURA DI SE I venerdì della salute COME RICONOSCERE LO STRESS E PRENDERSI CURA DI SE Letizia Martinengo, PhD Biblioteca di Gressan 9 aprile 2010 COSA SAPPIAMO DELLO STRESS PERCHE PARLARE DI STRESS PROBLEMI DI SALUTE

Dettagli

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO 1. Definizione 2. Classificazione 2.1. Diabete mellito di tipo 1 2.2. Diabete mellito di tipo 2 2.3. Diabete gestazionale 2.4. Altre forme di diabete 2.5.

Dettagli

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi generali Metodi mirati Scoperta e sviluppo di nuovi

Dettagli

Corso nursing Ortopedico. Assistenza infermieristica ai pazienti con artrite reumatoide. www.slidetube.it

Corso nursing Ortopedico. Assistenza infermieristica ai pazienti con artrite reumatoide. www.slidetube.it Corso nursing Ortopedico Assistenza infermieristica ai pazienti con artrite reumatoide DEFINIZIONE MALATTIA INFIAMMATORIA SU BASE IMMUNITARIA DEL TESSUTO CONNETTIVO,ESSENZIALMENTE POLIARTICOLARE AD EVOLUZIONE

Dettagli

Avis Regionale Lombardia

Avis Regionale Lombardia Avis Regionale Lombardia Il contributo essenziale del donatore di sangue e di emocomponenti al perseguimento degli obbiettivi strategici della medicina trsfusionale: Qualità, Sicurezza e Autosufficienza

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

CAPECITABINA (Xeloda)

CAPECITABINA (Xeloda) CAPECITABINA (Xeloda) 1 POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Malattia di Behçet. Cosa il paziente deve conoscere. Sintomi,, Cause e Trattamento

Malattia di Behçet. Cosa il paziente deve conoscere. Sintomi,, Cause e Trattamento Malattia di Behçet Cosa il paziente deve conoscere Sintomi,, Cause e Trattamento Che cosa è la Malattia di Behçet I sintomi di questa malattia sono stati descritti per la prima volta nel 500 prima di Cristo

Dettagli

27-08-2014 12+1 1 / 2

27-08-2014 12+1 1 / 2 Quotidiano Data Pagina Foglio 27-08-2014 12+1 1 / 2 Codice abbonamento: 097156 Quotidiano Data Pagina Foglio 27-08-2014 12+1 2 / 2 Codice abbonamento: 097156 Quotidiano Data Pagina Foglio 27-08-2014 22

Dettagli

Anemia dell infiammazione

Anemia dell infiammazione Anemia dell infiammazione Sant Angelo Lodigiano Novembre 2012 Contesto clinico Anemia dell infiammazione o anche anemia della malattia cronica Può insorgere in corso di infezioni di ogni tipo In corso

Dettagli

QUANDO PER UN TEMPO ABBASTANZA LUNGO C E UNA RIDUZIONE DEL FLUIDO O UNA DILATAZIONE DEI TUBI O UN DANNEGGIAMENTO DELLA POMPA.

QUANDO PER UN TEMPO ABBASTANZA LUNGO C E UNA RIDUZIONE DEL FLUIDO O UNA DILATAZIONE DEI TUBI O UN DANNEGGIAMENTO DELLA POMPA. QUANDO PER UN TEMPO ABBASTANZA LUNGO C E UNA RIDUZIONE DEL FLUIDO O UNA DILATAZIONE DEI TUBI O UN DANNEGGIAMENTO DELLA POMPA. IPOVOLEMIA VASODILATAZIONE PERIFERICA INSUFFICIENZA CARDIACA SHOCK IPOVOLEMICO

Dettagli

Anatomia, Microbiologia, Immunologia, Biologia e Genetica ANNO DI CORSO

Anatomia, Microbiologia, Immunologia, Biologia e Genetica ANNO DI CORSO FACOLTÀ MEDICINA E CHIRURGIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 CORSO DI LAUREA (o LAUREA Medicina e Chirurgia- Chirone MAGISTRALE) INSEGNAMENTO/CORSO INTEGRATO Patologia generale TIPO DI ATTIVITÀ Caratterizzante

Dettagli

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 I Ricercatori del Centro di Genomica e Bioinformatica Traslazionale stanno lavorando a linee di ricerca legate a 1. Sclerosi Multipla 2. Tumore della Prostata

Dettagli

Monitore Primo Soccorso Chiara Parola CRI Casciana Terme

Monitore Primo Soccorso Chiara Parola CRI Casciana Terme Monitore Primo Soccorso Chiara Parola CRI Casciana Terme OBIETTIVI: Anatomia del cuore Fisiologia del cuore Patologie dell apparato cardiaco Sangue e vasi sanguigni Come funziona la circolazione del sangue

Dettagli

IL VACCINO PER LA VARICELLA IL PARERE DEL PEDIATRA

IL VACCINO PER LA VARICELLA IL PARERE DEL PEDIATRA IL VACCINO PER LA VARICELLA IL PARERE DEL PEDIATRA Torino, 25 novembre 2006 Dott. Maria Merlo Epidemiologia Agente eziologico: VZV (herpes virus) La più contagiosa delle malattie esantematiche dell infanzia

Dettagli

Prof. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it

Prof. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it 1 Prof. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it EPATITE DA HBV Introduzione... 1 Epidemiologia... 2 Modalità e vie di trasmissione... 2 Patogenesi... 3 Clinica... 4 Diagnosi...

Dettagli

Con il supporto cellulare e la regolazione degli organi siamo ora al 3 livello o pilastro del trattamento omotossicologico. Il supporto organico è

Con il supporto cellulare e la regolazione degli organi siamo ora al 3 livello o pilastro del trattamento omotossicologico. Il supporto organico è Con il supporto cellulare e la regolazione degli organi siamo ora al 3 livello o pilastro del trattamento omotossicologico. Il supporto organico è assolutamente essenziale nelle malattie croniche e negli

Dettagli

GAS PERFETTO M E M B R A N A CONCENTRAZIONI IONICHE ALL'EQUILIBRIO INTERNO ESTERNO. K + 400 mm/l. K + 20 mm/l. Na + 440 mm/l.

GAS PERFETTO M E M B R A N A CONCENTRAZIONI IONICHE ALL'EQUILIBRIO INTERNO ESTERNO. K + 400 mm/l. K + 20 mm/l. Na + 440 mm/l. GAS PERFETTO Usando il principio di semplicità, si definisce il sistema termodinamico più semplice: il gas perfetto composto da molecole che non interagiscono fra loro se non urtandosi. Sfere rigide che

Dettagli

DIABETE diabete tipo 1 (DM1)

DIABETE diabete tipo 1 (DM1) DIABETE In questo ambito le attività di ricerca attualmente in corso nel Dipartimento sono finalizzate allo studio dei meccanismi eziopatogenetici alla base della malattia diabetica che rappresenta sempre

Dettagli

VERIFICA La struttura generale e il rivestimento

VERIFICA La struttura generale e il rivestimento ERIICA La struttura generale e il rivestimento Cognome Nome Classe Data I/1 ero o also? Gli organismi unicellulari sono costituiti da tessuti In un organo ci sono tessuti di tipo diverso Un sistema è costituito

Dettagli

1.1 Apparato circolatorio 1.1.1 CUORE

1.1 Apparato circolatorio 1.1.1 CUORE 1.1 Apparato circolatorio L apparato cardiocircolatorio è assimilabile ad un circuito idraulico, in cui la pompa è il cuore, arterie e vene sono le condutture ed il liquido circolante è il sangue. La circolazione

Dettagli

Docente: Paolo Barelli. Disturbi d ansia

Docente: Paolo Barelli. Disturbi d ansia Docente: Paolo Barelli Disturbi d ansia Funzioni Della Vita Psichica (Rappresentazione Del Modo Di Essere Della Persona) Controllo e soddisfazione istinti Controllo attività motoria Intelligenza Ansia

Dettagli

OPUSCOLO INFORMATIVO FtM

OPUSCOLO INFORMATIVO FtM 2 INTRODUZIONE Scopo di queste pagine è di fornire alcune informazioni di carattere generale, ma scientificamente corrette, circa il trattamento ormonale che viene somministrato alle persone affette da

Dettagli

WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ CRIOGLOBULINEMIA MISTA

WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ CRIOGLOBULINEMIA MISTA WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ CRIOGLOBULINEMIA MISTA CRIOGLOBULINEMIA MISTA La Crioglobulinemia mista (CM) è una vasculite dei vasi di piccolo e medio calibro descritta come malattia autonoma per la prima

Dettagli

LE PATOLOGIE DEGLI ANZIANI

LE PATOLOGIE DEGLI ANZIANI LE PATOLOGIE DEGLI ANZIANI Depressione Cardiopatie Osteoporosi Disturbi respiratori Demenze Tumori Diabete Ictus 1 L ALZHEIMER La più frequente delle demenze e una delle malattie a maggior impatto sociale

Dettagli

METASTASI CEREBRALI. RADIOTERAPIA NEL TRATTAMENTO MULTIMODALE DELLE METASTASI OSSEE E CEREBRALI Presidente: dott. G. Silvano

METASTASI CEREBRALI. RADIOTERAPIA NEL TRATTAMENTO MULTIMODALE DELLE METASTASI OSSEE E CEREBRALI Presidente: dott. G. Silvano 1 RADIOTERAPIA NEL TRATTAMENTO MULTIMODALE DELLE METASTASI OSSEE E CEREBRALI Presidente: dott. G. Silvano Taranto, 16-17 Marzo 2007 2 definizione Le metastasi cerebrali sono neoplasie che originano in

Dettagli

STUDIO RETROSPETTIVO SULLE INTOSSICAZIONI DA CO IN PIEMONTE Dott. L. Maffi, Dott. G. Falcone

STUDIO RETROSPETTIVO SULLE INTOSSICAZIONI DA CO IN PIEMONTE Dott. L. Maffi, Dott. G. Falcone STUDIO RETROSPETTIVO SULLE INTOSSICAZIONI DA CO IN PIEMONTE Dott. L. Maffi, Dott. G. Falcone In questo lavoro retrospettivo sono stati inseriti i casi di Intossicazioni da Monossido di Carbonio in Piemonte

Dettagli

I FENOMENI TERMICI. I fenomeni termici Fisica Medica Lauree triennali nelle Professioni Sanitarie. P.Montagna ott-07. pag.1

I FENOMENI TERMICI. I fenomeni termici Fisica Medica Lauree triennali nelle Professioni Sanitarie. P.Montagna ott-07. pag.1 I FENOMENI TERMICI Temperatura Calore Trasformazioni termodinamiche Gas perfetti Temperatura assoluta Gas reali Principi della Termodinamica Trasmissione del calore Termoregolazione del corpo umano pag.1

Dettagli

La biostimolazione, alcuni passaggi obbligati. Durante l invecchiamento

La biostimolazione, alcuni passaggi obbligati. Durante l invecchiamento La biostimolazione, alcuni passaggi obbligati Durante l invecchiamento L invecchiamento è l incapacità di organi, tessuti, cellule e molecole a mantenere la propria integrità funzionale e strutturale perturbata

Dettagli

Verifica livello 3. Tutto il quaderno di lavoro. Riferimento. Gli studenti risolvono gli esercizi. Compito. Foglio di esercizio Soluzione.

Verifica livello 3. Tutto il quaderno di lavoro. Riferimento. Gli studenti risolvono gli esercizi. Compito. Foglio di esercizio Soluzione. Livello 3 07 / Il sangue Informazione per gli insegnanti 1/7 Riferimento Tutto il quaderno di lavoro Compito Gli studenti risolvono gli esercizi. Materiale Foglio di esercizio Forma sociale Lavoro individuale

Dettagli

L 80% del fabbisogno di vitamina D è garantito dall irradiazione solare in quanto il contenuto di vitamina D nei comuni alimenti è scarso.

L 80% del fabbisogno di vitamina D è garantito dall irradiazione solare in quanto il contenuto di vitamina D nei comuni alimenti è scarso. Premessa La vitamina D è un gruppo di pro-ormoni liposolubili costituito da 5 diverse vitamine: vitamina D1, D2, D3, D4 e D5. Le due più importanti forme nella quale la vitamina D si può trovare sono la

Dettagli

Infermieristica clinica applicata alla medicina materno infantile

Infermieristica clinica applicata alla medicina materno infantile UNIVERSITA DEGLI STUDI di CAGLIARI Corso di Laurea in Infermieristica Sede di Nuoro Infermieristica clinica applicata alla medicina materno infantile Docente: Dott.ssa INFERMIERISTICA CLINICA IN AREA MATERNO

Dettagli

Argomenti di Patologia Clinica Esami della funzione renale Rene e laboratorio Perché esaminare la funzionalità renale? Per identificare le disfunzioni renali Per diagnosticare le patologie renali Per monitorare

Dettagli

PROGRAMMA DI FARMACOLOGIA

PROGRAMMA DI FARMACOLOGIA PROGRAMMA DI FARMACOLOGIA Anno accademico 2013/2014 FARMACOLOGIA GENERALE 1. Azione farmacologia 2. Meccanismo di azione dei farmaci 3. Vie di somministrazione 4. Assorbimento 5. Distribuzione, ripartizione,

Dettagli

NUTRI-GENOKIT FUNZIONE GENE POLIMORFISMO RISULTATO EFFETTO. BsmI. TaqIB. FokI. ApaI C677T A1298C. BsmI. TaqI. ApaI. rs9939609.

NUTRI-GENOKIT FUNZIONE GENE POLIMORFISMO RISULTATO EFFETTO. BsmI. TaqIB. FokI. ApaI C677T A1298C. BsmI. TaqI. ApaI. rs9939609. REPORT TECNICO: RISULTATI DELL ANALISI Nella tabella vengono indicati tutti i parametri ed i geni che vengono studiati facendo il test NUTRI-GENOKIT : una guida completa verso l alimentazione personalizzata.

Dettagli

IDROSSIZINA. Redazione scientifica: S. Bertella. E. Clementi, M. Molteni, M. Pozzi, S. Radice

IDROSSIZINA. Redazione scientifica: S. Bertella. E. Clementi, M. Molteni, M. Pozzi, S. Radice a cura di: IRCCS E. MEDEA LA NOSTRA FAMIGLIA (Direttore sanitario Dott. M. Molteni) UO FARMACOLOGIA CLINICA AO L. SACCO (Direttore Prof. E. Clementi) Redazione scientifica: S. Bertella. E. Clementi, M.

Dettagli

Accettata dall EMEA per l esame la domanda di autorizzazione alla commercializzazione di LENALIDOMIDE

Accettata dall EMEA per l esame la domanda di autorizzazione alla commercializzazione di LENALIDOMIDE Accettata dall EMEA per l esame la domanda di autorizzazione alla commercializzazione di LENALIDOMIDE NEUCHATEL, Svizzera, 7 aprile/prnewswire/ -- - EMEA sta valutando LENALIDOMIDE come terapia orale per

Dettagli

Meccanismi Biochimici delle Neurodegenerazioni

Meccanismi Biochimici delle Neurodegenerazioni Meccanismi Biochimici delle Neurodegenerazioni Lesson1 Lesson2 Lesson3 Lesson4 Lesson5 Lesson6 INDEX Intro Aggregazione proteica: ripiegamento delle proteine sistema di controllo qualità delle proteine

Dettagli

Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della

Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della 1. ACQUA E PESO CORPOREO 36 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente in maggior

Dettagli

Sviluppo dei linfociti B

Sviluppo dei linfociti B Sviluppo dei linfociti B Checkpoints multipli nella maturazione dei linfociti Durante lo sviluppo i linfociti che esprimono recettori per l antigene funzionali sono selezionati e sopravvivono, gli altri

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Iniziativa di comunicazione della Regione Piemonte. Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Non farti influenzare Contro l A/H1N1 scegli la prevenzione www.regione.piemonte.it/sanita

Dettagli

Traumi pediatrici. Gestione del trauma sul territorio

Traumi pediatrici. Gestione del trauma sul territorio Traumi pediatrici Gestione del trauma sul territorio Traumi pediatrici Incidenti stradali Annegamento Incidenti domestici Caratteristiche dei traumi pediatrici Tipo di trauma Traumi associati Differenze

Dettagli

di conoscenza transitoria: diagnosi e terapia

di conoscenza transitoria: diagnosi e terapia Le cause psichiatriche di perdita di conoscenza transitoria: diagnosi e terapia Alessandra Alciati U.O. Psichiatria I Ospedale Universitario L.Sacco, Milano L IPOTESI PSICHIATRICA DELLA Subentra quando

Dettagli

Sistema Endocrino 4. Ormoni tiroidei. Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli

Sistema Endocrino 4. Ormoni tiroidei. Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli Sistema Endocrino 4. Ormoni tiroidei Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli Obiettivi Tiroide: tiroide e follicoli tiroidei Biosintesi, meccanismi cellulari, iodio tiroideo, trasporto

Dettagli