Per il seminario di cultura formale - Dottorato GIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Per il seminario di cultura formale - Dottorato GIA"

Transcript

1 Per l semnaro d cultura formale - Dottorato GIA Luca Mar, dcembre 003 Lezone 1: la matematca come strumento per pensare Cnque ncontr, da 1 ora e mezza cascuno. Con questo tempo complessvo a dsposzone, è charo che non s possono ntrodurre contenut tecnc specfc (e qual potrebbero essere? d matematca generale, d anals?, d statstca?...). Puttosto, gl obettv potrebbero essere d tpo metodologco, complessvamente orentat a mostrare che la matematca nsegna a pensare. «I problem d routne possono essere necessar nell nsegnamento della matematca, ma proporre agl alunn esclusvamente esercz d questo tpo è un errore mperdonable. Insegnare l esecuzone meccanca delle operazon matematche d routne e nente pù equvale a unformars a un lvello molto nferore persno a quello d un manuale d rcette d arte culnara; nfatt quest ultmo lasca sempre qualcosa all nventva e all arbtro d un cuoco, mentre le rcette d matematca non consentono ma alcun atto d lbertà alla fantasa e all ntellgenza». «Un dea genale rsolve spesso un grande problema, ma nella rsoluzone d tutt problem ntervene un pzzco d genaltà. Può trattars d un problema modesto; tuttava, se esso stuzzca la nostra curostà ed eccta le nostre facoltà mental e, soprattutto, se s resce a rsolverlo da sol, s scoprrà l ansa della rcerca e la goa della scoperta. Sml esperenze, fatte a tempo opportuno, possono rappresentare un vero e propro eserczo dello sprto e lascare un mpronta nell anmo e nel carattere per tutta la vta. Qund un nsegnante d matematca ha una grande possbltà. Ovvamente, se egl mpegherà le sue ore d lezone a far esegure de calcol a suo student, fnrà per soffocare l loro nteresse, arrestare l loro svluppo mentale e scupare l opportuntà che gl s presenta. Invece, se rsveglerà la curostà degl alunn proponendo problem d dffcoltà proporzonate alle conoscenze della scolaresca e l auterà a rsolvere le queston proposte con domande opportune, egl saprà sprare n loro l gusto d un ragonamento orgnale». (G.Polya, How to solve t, Prnceton Unversty Press, 1945; trad.t. Come rsolvere problem d matematca Logca ed eurstca nel metodo matematco, Feltrnell, 1967; pag. 17; pag. 7) A cosa serve la matematca? la rsposta tradzonale è: per fare cont, coè per effettuare elaborazon n modo precso e rpetble; possamo dare una rsposta pù generale: la matematca è uno (lo?) strumento d formalzzazone, coè d espressone (tentatvamente) completa e non ambgua d contenut; contenut formalzzat possono essere non solo elaborat n modo precso e rpetble, ma anche comuncat n modo completo e non ambguo. La matematca: tra formalzzazone e rduzonsmo (s può usare la matematca nelle scenze socal senza mmare la fsca? E quale matematca?). perché esstono matematche dverse (come tradzonalmente s sa, a partre dalla dstnzone tra artmetca e geometra ), per esempo modulabl ntorno a 5 opposzon: quanttà-qualtà contnuo-dscreto lneare-non lneare smbolco-numerco determnstco-stocastco perché quanttatvo non è snonmo d formale, e perché la matematca s nteressa d strutture prma che d numer L esempo dell somorfsmo tra numer con dvsor (30) e nsem con nclusone ({a,b,c}): la stessa struttura formale ( astratta ):

2 β ε α γ ζ δ η può essere usata per nterpretare enttà dverse, sa quanttatve sa qualtatve. Per esempo: R( x, y) R( y, z) R( x, z) (transtvtà) x y, R( x, y) R( y, x) (antsmmetra) Lezone : un esplorazone ntorno al concetto (pre-quanttatvo) d funzone Una funzone è una regola f : A B che a ogn elemento a A assoca uno e un solo elemento b B; è dunque una partcolare relazone su A B, caratterzzata dalle due condzon: ogn elemento del domno deve avere un f -valore; per ogn elemento del domno, l f -valore è unco. ( a A,! b B : f ( a) = b, dove le due condzon sono dunque formalzzate n termn d esstenza e unctà del valore) (adottamo un esempo: A = persone; B = ruol azendal) Ogn funzone (dunque per solo l fatto d soddsfare le due condzon ndcate) è rappresentable come l rsultato della composzone d due attvtà (n effett a loro volta funzon) elementar e paradgmatche: l dentfcazone d una partzone sul domno, coè d una collezone d sottonsem esaustv ( A = A) e mutuamente esclusv ( A A = ), basata sulla relazone d equvalenza tale che a 1 a sse f ( a ) = f ( a ) (da notare che esaustvtà e mutua esclusvtà hanno 1 un corrspondente logco rspettvamente ne prncp del terzo escluso ( v( x x) = V ) e d non contraddzone v( x x) = F )); l assegnazone d un nome a ogn classe d equvalenza della partzone. Questa composzone è vsualzzable come un trangolo commutatvo, f = g h, con g : A A/ dove A / è l cosddetto nseme quozente d A per : f A B g h A/ S stablsce coè una corrspondenza tra funzon d domno A e partzon sullo stesso domno. Un lmte (l lmte prncpale forse) d questa formalzzazone n quanto strumento d modellstca: non è frequente che le nostre categorzzazon operno effettvamente come relazon d equvalenza; crtche non sono la rflessvtà ( a a) né la smmetra ( a b b a), ma la transtvtà ( a b b c a c); molto spesso l punto d vsta è completamente dverso da quello adottato fnora, ed è basato su concett d compatbltà / dfferenza percepble, che sono non transtv (pù n generale, nostr concett spesso non sono transtv, e pù che per equvalenze pensamo per smlartà: l caso tpco del paradosso del sorte). Il domno A può essere organzzato n sottonsem d compatbltà, tpcamente con la regola che ogn elemento del domno appartene ad almeno un (ma non necessaramente a un solo) sottonseme, dunque mantenendo l esaustvtà / l terzo escluso ma non mponendo pù la mutua esclusvtà / la non contraddzone (che dunque perdono la loro caratterstca d dualtà). Un modo per formalzzare per stuazone mette n evdenza una tpca tecnca matematca: la generalzzazone. Se rdefnamo l codomno d f, da B a P( B ), l nseme de sottonsem d B, tutto torna come prma. La cosa ha un nterpretazone espressva nel caso n cu B sa un nseme θ j

3 numerco e valor f ( a ) sano ntervall: allora la compatbltà può essere espressa come ntersezone tra ntervall. Lezone 3: funzon e strutture Alcune (ulteror) caratterstche delle funzon, nel contesto d questa rappresentazone: surettvtà ( b B, a : b = f ( a) ), una propretà comunque convenzonale (se cert valor non s usano, è suffcente rdefnre la funzone sulla sua mmagne f ( A ); n questo modo la funzone d assegnazone d un nome h rsulta sempre bunvoca); nettvtà ( a 1 a f ( a 1 ) f ( a )), coè cardnaltà delle class d equvalenza = 1, coè funzone nvertble, coè funzone a massmo potere rsolutvo. Data la corrspondenza tra funzon d domno A e partzon sullo stesso domno, s stablsce parallelamente un ordne parzale d potere rsolutvo tra funzon / partzon: la partzone pù grezza è quella che contene una sola classe (corrspondente alle funzon costant, un unca funzone, a meno del cambo d nome); la partzone pù fne è quella n cu ogn classe ha cardnaltà 1 (corrspondente alle funzon nettve). Nel solto dagramma d retcolo: {a,b,c} {a,b} {a} {a,c} {b} {b,c} {c} un ncremento del potere rsolutvo, coè un raffnamento della partzone, corrsponde a una dscesa progressva attraverso l grafo. Una nota: abbamo notato come funzon e relazon d equvalenza sano modellstcamente sosttubl le une alle altre. Questa relazone è ulterormente estendble: poché ogn classe d equvalenza della partzone è coestensva con una propretà attraverso la medazone della funzone caratterstca / d appartenenza (da cu la naturale generalzzazone fuzzy), possamo equparare a funzon e relazon d equvalenza anche nsem (esaustv e mutuamente esclusv ) d propretà. Dunque: funzon partzon relazon d equvalenza nsem d propretà S tratta dunque d mod dvers per pensare e rappresentare (e vsualzzare) uno stesso concetto. Un altro esempo: consderamo le due propretà essere un numero dspar e essere un numero prmo, confrontabl perché defnte sullo stesso domno (dcamo numer natural). Ovvamente vale che ogn numero prmo è anche dspar. Possamo scrvere questa nformazone n mod dvers: dat sottonsem D e P, P D condzone necessara perché x sa P è che x sa D date le propretà D( x ) ( x è dspar) e P( x ) ( x è prmo), x, P( x) D( x) Un occhata alla tavola della vertà dell mplcazone:

4 mostra le corrspondenze con l equvalente dagramma d Venn: P D 0 1 Un estensone al dscorso fatto fnora: spesso le funzon sono defnte su domn che sono nsemcon-struttura, coè nsem su cu sono defnte operazon o relazon, e s rchede che le funzon mantengano ( conservno ) tale struttura nel codomno. L esempo pù semplce: f : A, B, <, tale dunque che se a a allora f dovrebbe essere 1 tale che f ( a ) < f ( a ). 1 Una funzone che n questo senso conserva la struttura s chama (omo)morfsmo. Renterpretando l trangolo commutatvo n termn d morfsm, s rbadsce ancora pù charamente quanto gà notato: ogn morfsmo corrsponde alla rduzone del domno a un nseme quozente, tra cu element (le class d equvalenza) è ancora applcata la struttura d partenza. Un morfsmo nettvo (a meno d non surettvtà, cosa che s rsolve con una restrzone del codomno) è un somorfsmo: a meno d un cambamento d nom, due strutture somorfe sono la stessa. Un secondo esempo, che consente qualche ulterore consderazone: la struttura potrebbe essere basata non su generche relazon ma su operazon (s chama algebra una coppa <nseme, operazon>): f : A, B, +, da cu l dagramma commutatvo: f a 1 f(a 1 ) a f(a ) + a 1 a f f(a 1 a )= f(a 1 )+f(a ) Un altro esempo, classco, d somorfsmo, f : +,, + : log a 1 log(a 1 ) a log(a ) + a 1 a log(a 1 a )=log(a 1 )+log(a ) log -1 (per esempo: 8 56 log (8 56)=log (8)+log (56)=3+8=11 11 =048). Attraverso l somorfsmo log s mettono n corrspondenza successon geometrche con successon artmetche; per esempo, a base 10: Per va dell somorfsmo, non s perde nformazone se una successone vene rappresentata n scala non lneare ma logartmca (è quello che s fa quando s valuta n db). Lezone 4: la formalzzazone della non-esattezza nel contesto delle algebre booleane L algebra booleana de sottonsem d un nseme X (nel caso # X = 3 è rappresentable medante l retcolo:

5 {a,b} {a} {a,b,c} {a,c} {b} {b,c} {c} gà ncontrato), P( X ) = X, è l domno per la formalzzazone d dat relatv a X e d cu s vogla modellzzare la non-esattezza, una caratterstca che s declna nel trade-off tra due component: (non) specfctà (o precsone) e (n)certezza. Sulla specfctà: è pù specfco questo lbro ha 10 pagne d questo lbro ha pù d 100 pagne. Formalzzando tal propretà / proposzon medante sottonsem d un opportuno nseme X, l grado d specfctà corrsponde al lvello d profondtà de sottonsem nel retcolo: dal massmamente generco (l elemento massmo del retcolo, corrspondente all unverso X : semantcamente corrsponde alla sola conferma del modello), fno al massmamente specfco (un sngoletto, sottonseme costtuto da un solo elemento d X ). Problema: come s potrebbe formalzzare n questo contesto questo lbro ha crca 100 pagne? ( l estensone possble de sottonsem fuzzy ) Sulla certezza: mentre la specfctà è una caratterstca ntrnseca (sceglendo un elemento d P( X ) se ne fssa l grado d specfctà), la certezza è una caratterstca agguntva, che s stablsce assegnando una msura d (n)certezza M a ogn elemento d P( X ). Convenzonalmente sceglamo M : P( X) [0,1], con le ovve condzon agl estrem: M ( ) = 0 e M( X ) = 1. E po ragonevole porre la condzone d monotonctà: A B M( A) M( B), che nuovamente evdenza una relazone tra la struttura d retcolo d P( X ) e una msura d non-esattezza. Questa volta, però, la drezone è nversa rspetto alla specfctà: aumenta la certezza mano a mano che s sale verso l massmo del retcolo. Ne concludamo la relazone generale: a partà d nformazone emprca da formalzzare, all aumentare della specfctà s rduce la certezza, e vceversa (da notare che questa è una versone generalzzata, e qund debole, della nota relazone probablstca tra ntervall d confdenza e lvell d confdenza). La msura d (n)certezza M non è defnta unvocamente dalle relazon precedent, ed è dunque opportuno ntrodurre un ulterore condzone, che ne specfch maggormente le caratterstche. La msura d probabltà è una partcolare msura d (n)certezza, defnta da: M ( A B) = M( A) + M( B) M( A B), condzone d addtvtà che sostanzalmente resprme l prncpo logco del terzo escluso, e dunque un comportamento d tpo parttvo. Il rfermento all assegnazone a element d una partzone è ancor pù evdente nella usuale modaltà alternatva d defnre la msura d probabltà, medante una funzone d denstà d probabltà m : X [0,1] defnta sugl element d X, dunque n pratca sulla partzone d X massmamente specfca: m( x ) = 1, da cu M ( A) = m( x ). x X La msura d probabltà è ben nota ed è stata studata e applcata orma da pù d tre secol. Non s capsce, però, la fondatezza dell usuale affermazone secondo cu essa sarebbe non una, ma la msura d (n)certezza. Non s capsce, coè, perché le valutazon d (n)certezza debbano necessaramente essere addtve. Il problema n cu questa non necesstà emerge forse pù charamente rguarda l comportamento modellstco n assenza d nformazone specfca. In cas d questo genere, l prncpo cosddetto d mnma nformazone (o, per ragon che qu non approfondamo, d massma entropa ) x A

6 raccomanda d assegnare una msura d probabltà basata su una denstà unforme, dunque m 1 ( x ) = n a ognuno degl n element x del domno. S tratta dunque d un assegnazone che attrbusce una certezza non nulla a element massmamente specfc, n completa contraddzone con l assunzone d non dsporre affatto d nformazon specfche! Il fatto è che la condzone d addtvtà mpone d trattare nello stesso modo (e qund modellstcamente non consente d dstnguere tra) l assenza d nformazone specfca ( non so ) e la presenza d nformazone unforme ( so che non, oppure anche so che le ncertezze sono equvalent ). Un esempo: n scav archeologc è stato trovato un vaso, e le prme anals ndcano tre possbltà: a : è un vaso del prmo perodo Mng; b : è un vaso del secondo perodo Mng; c : è un falso. Il domno n cu formalzzare l nformazone d cu s dspone è nuovamente l retcolo d un nseme d tre element (n cu, per esempo, assegnare una msura d (n)certezza non nulla all elemento { ab, } corrsponde ad attrbure certezza al fatto che l vaso sa Mng, del prmo o del secondo perodo). Supponamo che l ndagne sa stata assegnata sa a un esperto sa, maldestramente, a una persona ncompetente. Il prmo, dopo un accurata ndagne, potrebbe arrvare a concludere d dsporre d element a supporto dell evdenza sa d a, sa d b, sa d c, e qund potrebbe 1 assegnare ma ( ) = mb ( ) = mc ( ) = ; l secondo, rcorrendo onestamente al prncpo d mnma 3 nformazone, gungerebbe alla stessa conclusone ma con motvazon del tutto dverse e, soprattutto, con l ntenzone d formalzzare uno stato d conoscenza completamente dverso da quello dell esperto. Pù consstente sarebbe l opzone d attrbure l ntera certezza all nformazone pù generca, m({ a, b, c }) = 1, cosa che però evdentemente l approcco probablstco veta. E questa la base per una categora d msure d (n)certezza non probablstche, pù o meno charamente raccolte ntorno alla denotazone d teore dell evdenza. Lezone 5: dal fnto-dscreto al contnuo Due argoment d base: nsem a cardnaltà non fnta e operator (funzon d funzon) Quando s passa a consderare nsem a cardnaltà non fnta succedono cose strane Per esempo: 1 x stablsce una relazone bunvoca (= una funzone nvertble) tra [0,1] e + : c sono tant element nel prmo nseme quant nel secondo, benché l prmo sa un sottonseme propro del secondo (questa è la caratterstca che forse ha consentto d defnre per la prma volta un concetto d nfnto n modo non-negatvo) Operator: consderamo una generca funzone f : X Y e d questa consderamo per esempo l valore f ( x ) x1 x x Ovvamente la sommatora assume un valore defnto solo dopo che sono stat specfcat gl estrem x 1 e x e la funzone f. In termn general, dunque, possamo nterpretare l espressone d sommatora a sua volta come una funzone, cu argoment sono due element d X e la funzone f : I ( x, x, f ); trattando due element d X come parametr (coè scrvendo I x x 1, 1 0 y ( f )), s charsce la natura d I d funzone d funzon, coè d operatore, l cu domno è +

7 un nseme d funzon F { f, f: X Y} = : I : F Y. S tratta, n pratca, d una nuova generalzzazone: da valor a funzon a operator. Un successvo lvello d astrazone s ottene quando s enfatzza la natura funzonale degl operator, prescndendo da valor de parametr e focalzzandos sulla trasformazone funzonale che l operatore Iˆ : F F opera su una certa f a cu s applca. Per esempo, data la funzone f () = su natural, possamo nvestgare sull operatore x1+ x ( f ) ( f ) f ( x ) x1, x = I ( f ) = 1+ x x x 1 x1 x x x1 x 1, x S tratta evdentemente d una forma generale, applcable n partcolare a ogn coppa d parametr I = I =, per scoprre che ( ) x e 1 x per ottenere uno specfco valore. Mettendo nseme quest due argoment d base (mancherebbe un ulterore elemento: l contnuo ). Dervate e ntegral sono due operator, corrspondent rspettvamente a un comportamento d tasso d dfferenza e sommatora nel contnuo Per ess vale la dstnzone tra operator I e operator Î, per esempo n termn d ntegral defnt e ntegral ndefnt. La dstnzone tra operator I e operator Î è fondamentale: trovare una soluzone per Î è un problema d tpo smbolco / analtco ( non c sono cont da fare ); trovare una soluzone per I è un problema d tpo numerco. Naturalmente la determnazone d Î è un problema pù generale della determnazone d I : se s è n grado d trovare una soluzone per Î, allora è generalmente banale trovare una soluzone per I. D altra parte è possble trovare soluzon approssmate ( numerche ) per I anche quando non s è n grado d trovare soluzon analtche per Î. smb non necessaramente esste una soluzone esste sempre una soluzone, almeno n forma approssmata num Specfcamente rspetto a dervate e ntegral: «Confrontando la dervazone e l ntegrazone c s trova d fronte a stuazon ben dverse. La dervabltà è decsamente una condzone restrttva per le funzon contnue, ma l effettvo procedmento d dervazone, coè l algortmo del calcolo dfferenzale, è n pratca un procedmento dretto, basato su alcune semplc regole. D altra parte, ogn funzone contnua, senza alcuna eccezone, ammette un ntegrale compreso tra due estrem assegnat; ma l calcolo esplcto d tale ntegrale è n generale molto dffcle anche per funzon del tutto semplc» [R.Courant, Che cos è la matematca? p.677]. dervazone smb esste sempre una soluzone, ma n condzon restrttve raramente s conosce la soluzone che però esste sempre ntegrazone esste sempre una soluzone, almeno n forma approssmata num

8 Ancora sulla semantca d quest due operator, nel caso partcolare n cu le funzon hanno l tempo come varable ndpendente. df () t = g () t rappresenta la varazone della funzone f, e qund dt df () t dt t= t 0 = g ( t ) rappresenta la varazone della funzone f all stante t 0, dunque formalzza (la prevsone su) l evoluzone locale d f : l evoluzone locale d una funzone, se è defnta, è sempre determnable; la corrsponde equazone ntegrale, t1 f ( t ) = f ( t ) + g ( τ ) dτ 1 0 rappresenta l evoluzone globale d f : l evoluzone globale d una funzone è sempre defnta, ma non sempre è determnable Interessante è l fatto che l evoluzone globale d f è ottenble anche dallo svluppo n sere d d f () t Taylor: f ( t + t) 0 dt t= t0 La conclusone: nfrangete la struttura che connette gl element d cò che s apprende e dstruggerete necessaramente ogn qualtà (G.Bateson, Mente e natura, 1979, Adelph, 1984, p.1) t0 0

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione 1 La Regressone Lneare (Semplce) Relazone funzonale e statstca tra due varabl Modello d regressone lneare semplce Stma puntuale de coeffcent d regressone Decomposzone della varanza Coeffcente d determnazone

Dettagli

Corso di laurea in Ingegneria Meccatronica. DINAMICI CA - 04 ModiStabilita

Corso di laurea in Ingegneria Meccatronica. DINAMICI CA - 04 ModiStabilita Automaton Robotcs and System CONTROL Unverstà degl Stud d Modena e Reggo Emla Corso d laurea n Ingegnera Meccatronca MODI E STABILITA DEI SISTEMI DINAMICI CA - 04 ModStablta Cesare Fantuzz (cesare.fantuzz@unmore.t)

Dettagli

LA COMPATIBILITA tra due misure:

LA COMPATIBILITA tra due misure: LA COMPATIBILITA tra due msure: 0.4 Due msure, supposte affette da error casual, s dcono tra loro compatbl quando la loro dfferenza può essere rcondotta ad una pura fluttuazone statstca attorno al valore

Dettagli

La rappresentazione dei numeri. La rappresentazione dei numeri. Aritmetica dei calcolatori. La rappresentazione dei numeri

La rappresentazione dei numeri. La rappresentazione dei numeri. Aritmetica dei calcolatori. La rappresentazione dei numeri Artmetca de calcolator Rappresentazone de numer natural e relatv Addzone e sommator: : a propagazone d rporto, veloce, con segno Moltplcazone e moltplcator: senza segno, con segno e algortmo d Booth Rappresentazone

Dettagli

Unità Didattica N 25. La corrente elettrica

Unità Didattica N 25. La corrente elettrica Untà Ddattca N 5 : La corrente elettrca 1 Untà Ddattca N 5 La corrente elettrca 01) Il problema dell elettrocnetca 0) La corrente elettrca ne conduttor metallc 03) Crcuto elettrco elementare 04) La prma

Dettagli

Corrente elettrica e circuiti

Corrente elettrica e circuiti Corrente elettrca e crcut Generator d forza elettromotrce Intenstà d corrente Legg d Ohm esstenza e resstvtà esstenze n sere e n parallelo Effetto termco della corrente Legg d Krchhoff Corrente elettrca

Dettagli

UNA RASSEGNA SUI METODI DI STIMA DEL VALUE

UNA RASSEGNA SUI METODI DI STIMA DEL VALUE UNA RASSEGNA SUI METODI DI STIMA DEL VALUE at RISK (VaR) Chara Pederzol - Costanza Torrcell Dpartmento d Economa Poltca - Unverstà degl Stud d Modena e Reggo Emla Marzo 999 INDICE Introduzone. Il concetto

Dettagli

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E Strutture deformabl torsonalmente: anals n FaTA-E Il comportamento dsspatvo deale è negatvamente nfluenzato nel caso d strutture deformabl torsonalmente. Nelle Norme Tecnche cò vene consderato rducendo

Dettagli

Relazioni tra variabili: Correlazione e regressione lineare

Relazioni tra variabili: Correlazione e regressione lineare Dott. Raffaele Casa - Dpartmento d Produzone Vegetale Modulo d Metodologa Spermentale Febbrao 003 Relazon tra varabl: Correlazone e regressone lneare Anals d relazon tra varabl 6 Produzone d granella (kg

Dettagli

Misura della distanza focale. di una lente convergente. Metodo di Bessel

Misura della distanza focale. di una lente convergente. Metodo di Bessel Zuccarello Francesco Laboratoro d Fsca II Msura della dstanza focale d una lente convergente Metodo d Bessel A.A. 003-004 Indce Introduzone..pag. 3 Presuppost Teorc.pag. 4 Anals de dat.pag. 8. Modo d operare...pag.

Dettagli

Leggere i dati da file

Leggere i dati da file Esempo %soluzon d una equazone d secondo grado dsp('soluzon d a^+b+c') anput('damm l coeffcente a '); bnput('damm l coeffcente b '); cnput('damm l coeffcente c '); deltab^-4*a*c; f delta0 dsp('soluzon

Dettagli

Progetto Lauree Scientifiche. La corrente elettrica

Progetto Lauree Scientifiche. La corrente elettrica Progetto Lauree Scentfche La corrente elettrca Conoscenze d base Forza elettromotrce Corrente Elettrca esstenza e resstvtà Legge d Ohm Crcut 2 Una spra d rame n equlbro elettrostatco In un crcuto semplce

Dettagli

5. Il lavoro di un gas perfetto

5. Il lavoro di un gas perfetto 5. Il lavoro d un gas perfetto ome s esprme l energa nterna d un gas perfetto? Un gas perfetto è l sstema pù semplce che possamo mmagnare: le nterazon a dstanza fra le molecole sono così debol da essere

Dettagli

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso.

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso. I vettor B Un segmento orentto è un segmento su cu è stto fssto un verso B d percorrenz, d verso oppure d verso. A A Il segmento orentto d verso è ndcto con l smolo. Due segment orentt che hnno l stess

Dettagli

ELABORAZIONE DI SEGNALI E IMMAGINI

ELABORAZIONE DI SEGNALI E IMMAGINI Fltraggo d un segnale EABORAZIOE DI SEGAI E IAGII. Bertero P. Boccacc bertero@ds.unge.t boccacc@ds.unge.t Al ne d glorare la qualtà d un segnale dgtale una tecnca d prara portanza è l ltraggo. Con l quale

Dettagli

Metodologia di controllo. AUTORIMESSE (III edizione) Codice attività: 63.21.0. Indice

Metodologia di controllo. AUTORIMESSE (III edizione) Codice attività: 63.21.0. Indice Metodologa d controllo AUTORIMESSE (III edzone) Codce attvtà: 63.21.0 Indce 1. PREMESSA... 2 2. ATTIVITÀ PREPARATORIA AL CONTROLLO... 3 2.1 Interrogazon dell Anagrafe Trbutara... 3 2.2 Altre nterrogazon

Dettagli

Argomenti. Misure di corrente elettrica continua, di differenza di potenziale e di resistenza elettrica.

Argomenti. Misure di corrente elettrica continua, di differenza di potenziale e di resistenza elettrica. ppunt per l corso d Laboratoro d Fsca per le Scuole Superor rgoent Msure d corrente elettrca contnua, d dfferenza d potenzale e d resstenza elettrca. Struent d sura: prncp d funzonaento. Coe s effettuano

Dettagli

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti Gorgo Lambert Pag. Dmostrazoe della Formula per la determazoe del umero d dvsor-test d prmaltà, d Gorgo Lambert Eugeo Amtrao aveva proposto l'dea d ua formula per calcolare l umero d dvsor d u umero, da

Dettagli

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno Idc d Poszoe Gl dc s poszoe soo msure stetche ( valor caratterstc ) che descrvoo la tedeza cetrale d u feomeo La tedeza cetrale è, prma approssmazoe, la modaltà della varable verso la quale cas tedoo a

Dettagli

COMUNICAZIONE AI GRUPPI DI LAVORO SIDEA (13/09/02) LE CONDIZIONI DI OTTIMALITÀ PER LA DETERMINAZIONE DELLE CATTURE DI PESCE

COMUNICAZIONE AI GRUPPI DI LAVORO SIDEA (13/09/02) LE CONDIZIONI DI OTTIMALITÀ PER LA DETERMINAZIONE DELLE CATTURE DI PESCE COMUNICAZIONE AI GRUPPI DI LAVORO SIDEA (13/9/2) ECONOMIA E POLITICA DEL SETTORE ITTICO 1.INTRODUZIONE. LE CONDIZIONI DI OTTIMALITÀ PER LA DETERMINAZIONE DELLE CATTURE DI PESCE (una applcazone ad un contesto

Dettagli

come si tiene conto della limitazione d ampiezza e di velocità come si tiene conto della limitazione di frequenza come si tiene conto degli offset

come si tiene conto della limitazione d ampiezza e di velocità come si tiene conto della limitazione di frequenza come si tiene conto degli offset 8a resentazone della lezone 8 /6 Obettv come s tene conto della lmtazone d ampezza e d veloctà come s tene conto della lmtazone d reqenza come s tene conto degl oset 8a saper preved. col calcolo l nlenza

Dettagli

CINEMATICA DEL CORPO RIGIDO

CINEMATICA DEL CORPO RIGIDO INEMTI DE ORPO RIGIDO o tudo della geometra degl potament de punt d un tema materale potzzato come rgdo rentra n quella parte della Meccanca laca che è la nematca. a cnematca tuda pobl movment d un corpo

Dettagli

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO.

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO. elazoe d laboratoro d Fsca corso M-Z Laboratoro d Fsca del Dpartmeto d Fsca e Astrooma dell Uverstà degl Stud d Cataa. Scala Stefaa. AGOMENTO: MSUA DELLA ESSTENZA ELETTCA CON L METODO OLT-AMPEOMETCO. NTODUZONE:

Dettagli

PROCESSI CASUALI. Segnali deterministici e casuali

PROCESSI CASUALI. Segnali deterministici e casuali POCESSI CASUALI POCESSI CASUALI Segnal deermnsc e casual Un segnale () s dce DEEMIISICO se è una funzone noa d, coè se, fssao un qualunque sane d empo o, l valore ( o ) assuno dal segnale è noo con esaezza

Dettagli

CONTO CONSUNTIVO PER L'ESERCIZIO FINANZIARIO 2012 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO

CONTO CONSUNTIVO PER L'ESERCIZIO FINANZIARIO 2012 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO DIREZIONE DIDATTICA DEL 4 CIRCOLO DI FORLI' Va Gorgna Saff, n.12 Tel 0543/33345 fax 0543/458861 C.F. 80004560407 CM FOEE00400B e-mal foee00400b@struzone.t - posta cert.: foee00400b@pec.struzone.t sto web:

Dettagli

Nadia Garbellini. L A TEX facile. Guida all uso

Nadia Garbellini. L A TEX facile. Guida all uso Nada Garbelln L A TEX facle Guda all uso 2010 Nada Garbelln L A TEX facle Guda all uso seconda edzone rveduta e corretta 2010 PRESENTAZIONE L amca e brava Nada Garbelln, autrce d questa bella e semplce

Dettagli

Lorenzo Pistocchini RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO. Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile

Lorenzo Pistocchini RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO. Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile Agenza Nazonale per le Nuove Tecnologe, l Energa e lo Svluppo Economco Sostenble RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO Ottmzzazone termofludodnamca e dmensonamento d uno scambatore d calore n controcorrente con

Dettagli

Liste di specie e misure di diversità

Liste di specie e misure di diversità Lte d pece e mure d dvertà Carattertche delle lte d pece I dat ono par, coè hanno molt valor null (a volte la maggoranza!) La gran parte delle pece preent è rara. I fattor ambental che nfluenzano la dtrbuzone

Dettagli

CIRCUITI DI IMPIEGO DEI DIODI

CIRCUITI DI IMPIEGO DEI DIODI UT D MPEGO DE DOD addrzzare ad na seonda. l crcto pù seplce, che pega l dodo coe raddrzzatore d na tensone alternata, è rappresentato n Fg.. n esso n generatore deale d tensone alternata l c valore stantaneo

Dettagli

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici Stm e putual Probabltà e Statstca I - a.a. 04/05 - Stmator Vocabolaro Popolazoe: u seme d oggett sul quale s desdera avere Iformazo. Parametro: ua caratterstca umerca della popolazoe. E u Numero fssato,

Dettagli

ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA

ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA Quado s vuole valutare u parametro θ ad esempo: meda, varaza, proporzoe, oeffete d regressoe leare, oeffete d orrelazoe leare, e) d ua popolazoe medate u ampoe asuale,

Dettagli

ISOTOPI LA SICUREZZA NON VA VISTA COME UN IMPEDIMENTO A SVOLGERE LA PROPRIA ATTIVITA, MA DIVENTA PARTE INTEGRANTE DELL ATTIVITA STESSA

ISOTOPI LA SICUREZZA NON VA VISTA COME UN IMPEDIMENTO A SVOLGERE LA PROPRIA ATTIVITA, MA DIVENTA PARTE INTEGRANTE DELL ATTIVITA STESSA LA SCUREZZA NON VA VSTA COME UN MPEDMENTO A SVOLGERE LA PROPRA ATTVTA, MA DVENTA PARTE NTEGRANTE DELL ATTVTA STESSA Dott.ssa Benedetta Persechino - SPESL - DML 1895 SCOPERTA DE RAGG X RADOATTVTA PROPRETA

Dettagli

PREFAZIONE. di Giuseppe Berto

PREFAZIONE. di Giuseppe Berto , PREFAZIONE d Guseppe Berto RICORDO DEL TERRAGLIO Quand'ero govane, e la vogla d grare l mondo m spngeva n terre lontane, a ch m chedeva notze del mo paese, rspondevo: l mo paese è una strada. In effett,

Dettagli

Il MINISTRO DELLA GIUSTIZIA di concerto con IL MINISTRO DEI LAVORI PUBBLICI

Il MINISTRO DELLA GIUSTIZIA di concerto con IL MINISTRO DEI LAVORI PUBBLICI Corrispettivi delle attività di progettazione e delle altre attività ai sensi dell articolo 17, comma 14 bis, della legge 11 febbraio 1994 n.109 e successive modifiche. l MNSTRO DELLA GUSTZA di concerto

Dettagli

T12 Oneri per Competenze Stipendiali

T12 Oneri per Competenze Stipendiali T12 Oneri per Competenze Stipendiali Qualifica MENSLT' STPENO..S. R.../ PROGR. ECONOMC NZNT' TRECESM MENSLT' RRETRT NNO CORRENTE RRETRT PER NN PRECEDENT RECUPER PER RTR SSENZE ECC. mporto Totale N Mesi

Dettagli

STATISTICA Lezioni ed esercizi

STATISTICA Lezioni ed esercizi Uverstà d Toro QUADERNI DIDATTICI del Dpartmeto d Matematca MARIA GARETTO STATISTICA Lezo ed esercz Corso d Laurea Botecologe A.A. / Quadero # Novembre M. Garetto - Statstca Prefazoe I questo quadero

Dettagli

tramite della Segreteria della scuola), trasmissione dei verbali e degli atti al

tramite della Segreteria della scuola), trasmissione dei verbali e degli atti al L verbae n"..8j... Ogg, se marzo duemaqundc, ae ore 13.00, s è runta nea sede d questa sttuzone Scoastca a commssone Eettorae così composta RBEZZO ASSUNTA Presdente; VAL SABNA Segretaro, FATORELLO GAMPETRO

Dettagli

Alberi di copertura minimi

Alberi di copertura minimi Albr d coprtur mnm Sommro Albr d coprtur mnm pr grf pst Algortmo d Kruskl Algortmo d Prm Albro d coprtur mnmo Un problm d notvol mportnz consst nl dtrmnr com ntrconnttr fr d loro dvrs lmnt mnmzzndo crt

Dettagli

1. Integrazione di funzioni razionali fratte

1. Integrazione di funzioni razionali fratte . Integazone d fnzon azonal fatte P S songa d vole calcolae n ntegale del to: d Q ove P e Q sono olno nell ndetenata d gado assegnato. Sonao ce: P a n n a n n a a Q b b b b oleent s etod d ntegazone I

Dettagli

T12 Oneri per Competenze Stipendiali

T12 Oneri per Competenze Stipendiali T12 Oneri per Competenze Stipendiali Qualifica MENSLT' STPENO..S. R.../ PROGR. TRECESM MENSLT' RRETRT NNO RRETRT PER NN RECUPER PER RTR mporto Totale ECONOMC CORRENTE PRECEDENT SSENZE ECC. NZNT' N Mesi

Dettagli

Unità 2 Inviluppo di volo secondo le norme F.A.R. 23

Unità 2 Inviluppo di volo secondo le norme F.A.R. 23 Untà Invlupp d vl secnd le nrme F.A.R. 3.1 Il dgrmm d mnvr Cn rferment qunt rprtt nel prgrf 1.4 dell precedente Untà s può scrvere: n f z L 1 ρscl 1 ρs CL v ( cs t) C v L uest sgnfc che per un dt qut (ρ)

Dettagli

w w w. a x i o s i t a l i a. c o m

w w w. a x i o s i t a l i a. c o m w w w. a x o t a l a. c o m SISSIWEB AXIOS SIDI INVIO SMS INVIO EMAIL ACQUISIZIONE ASSENZE - DA SCANNER - DA PALMARE C/C POSTALE E BANCARIO DICHIARAZIONE DEI SERVIZI GESTIONE ORARIA DEL PERSONALE PRIVACY

Dettagli

6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI

6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI 6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI Consdeao un sstea d n unt ateal con n > nteagent ta loo e con l esto dell unveso. Nello studo d un tale sstea sulta convenente scooe la foza agente ( et) sull

Dettagli

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica A ARITMETICA I numeri naturali e le quattro operazioni Esercizi supplementari di verifica Esercizio Rappresenta sulla retta orientata i seguenti numeri naturali. ; ; ; 0;. 0 Esercizio Metti una crocetta

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO UGO FOSCOLO VESCOVATO SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA' A.S. 2013/14

ISTITUTO COMPRENSIVO UGO FOSCOLO VESCOVATO SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA' A.S. 2013/14 STTUTO COMPRENSVO UGO FOSCOLO SCUOLA SECONDARA D 1 GRADO PANO ANNUALE DELLE ATTVTA' A.S. 2013/14 PROT. N. 5991 /A-19 Vescovato, 19/09/2013 Data Giorno Sedi scolastiche Classi Orario Durata ATTVTA' COLLEGO

Dettagli

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Archimede ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. Sia ABCD un quadrato di

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 1 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Insiemi La teoria degli

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti Y T T I Numeri Complessi Operazioni di somma e prodotto su Consideriamo, insieme delle coppie ordinate di numeri reali, per cui si ha!"# $&% '( e )("+* Introduciamo in tale insieme una operazione di somma,/0"#123045"#

Dettagli

VC-dimension: Esempio

VC-dimension: Esempio VC-dimension: Esempio Quale è la VC-dimension di. y b = 0 f() = 1 f() = 1 iperpiano 20? VC-dimension: Esempio Quale è la VC-dimension di? banale. Vediamo cosa succede con 2 punti: 21 VC-dimension: Esempio

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

SCUOLA STATALE CARLO MONTANARI IST. MAGISTRALE VICOLO STIMATE 4 VERONA VR

SCUOLA STATALE CARLO MONTANARI IST. MAGISTRALE VICOLO STIMATE 4 VERONA VR ESAME D STATO 2010 - L TUO ESAME - MATERE http://\vw\v. trampi.istruzione.it/esamistato/ricercacommisione.do?. tuo Esante di Stat -,:il' ;'--.,- A44001 BORTOLON CARLO SCUOLA STATALE GROLAMO FRACASTORO

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA 1. RICHIAMI SULLE PROPRIETÀ DEI NUMERI NATURALI Ho mostrato in un altra dispensa come ricavare a partire dagli assiomi di

Dettagli

Liceo Scientifico G. Galilei Trebisacce

Liceo Scientifico G. Galilei Trebisacce Liceo Scientifico G. Galilei Trebisacce Anno Scolastico 2011-2012 Prova di Matematica : Relazioni + Geometria Alunno: Classe: 1 C 05.06.2012 prof. Mimmo Corrado 1. Dati gli insiemi =2,3,5,7 e =2,4,6, rappresenta

Dettagli

Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale

Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Enunciati atomici e congiunzione In questa lezione e nelle successive, vedremo come fare

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

becomingossola.com Condizioni generali di utilizzo per utenti

becomingossola.com Condizioni generali di utilizzo per utenti becomingossola.com Condizioni generali di utilizzo per utenti Il presente documento defnisce le condizioni generali ( Condizioni ) per l utlizzo del sito internet www.becomingossola.com ( Sito web ) da

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

I numeri complessi. Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli

I numeri complessi. Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli I numeri complessi Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli 1 Introduzione Studiare i numeri complessi può sembrare inutile ed avulso dalla realtà;

Dettagli

Compito di SISTEMI E MODELLI. 19 Febbraio 2015

Compito di SISTEMI E MODELLI. 19 Febbraio 2015 Compito di SISTEMI E MODELLI 9 Febbraio 5 Non é ammessa la consultazione di libri o quaderni. Le risposte vanno giustificate. Saranno rilevanti per la valutazione anche l ordine e la chiarezza di esposizione.

Dettagli

La scheda SUA e il rapporto di riesame: l esperienza di Medicina Veterinaria di Bologna

La scheda SUA e il rapporto di riesame: l esperienza di Medicina Veterinaria di Bologna La scheda SUA e il rapporto di riesame: l esperienza di Medicina Veterinaria di Bologna Gualtiero Gandini Dipartimento di Scienze Mediche Veterinarie Università di Bologna membro del tavolo tecnico ANVUR

Dettagli

175 CAPITOLO 14: ANALISI DEI PROBLEMI GEOTECNICI IN CONDIZIONI LIMITE

175 CAPITOLO 14: ANALISI DEI PROBLEMI GEOTECNICI IN CONDIZIONI LIMITE 175 ntroduzione all analisi dei problemi di collasso. L analisi del comportamento del terreno potrebbe essere fatta attraverso dei modelli di comportamento elasto plastici, ma questo tipo di analisi richiede

Dettagli

Sviluppi di Taylor Esercizi risolti

Sviluppi di Taylor Esercizi risolti Esercizio 1 Sviluppi di Taylor Esercizi risolti Utilizzando gli sviluppi fondamentali, calcolare gli sviluppi di McLaurin con resto di Peano delle funzioni seguenti fino all ordine n indicato: 1. fx ln1

Dettagli

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA.

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. Prerequisiti I radicali Risoluzione di sistemi di equazioni di primo e secondo grado. Classificazione e dominio delle funzioni algebriche Obiettivi minimi Saper

Dettagli

._~zio/ei,o, ck//jg~~e~ Y~ CIRCOLARE N. 21. MEF - RGS - Prot. 47613 del 09/06/2015 ID: 382320. Roma.

._~zio/ei,o, ck//jg~~e~ Y~ CIRCOLARE N. 21. MEF - RGS - Prot. 47613 del 09/06/2015 ID: 382320. Roma. D: 382320 MEF - RGS - Prot. 47613 del 09/06/2015 CRCOLARE N. 21 Roma.._~zio/ei,o, ck//jg~~e~ Y~ DPARTMENTO DELLA RAGONERA GENERALE DELLO STATO SPETTORATO GENERALE PER GL ORDNAMENT DEL PERSONALE UFFCO V

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

Algebra Relazionale. algebra relazionale

Algebra Relazionale. algebra relazionale Algebra Relazionale algebra relazionale Linguaggi di Interrogazione linguaggi formali Algebra relazionale Calcolo relazionale Programmazione logica linguaggi programmativi SQL: Structured Query Language

Dettagli

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario Prot. Novara, 20 luglio 20 OGGETTO: CALENDARIO DEGLI IMPEGNI DI SETTEMBRE 20 Date Impegni Orario 1 settembre Collegio Docenti :00 2 settembre Prove studenti con giudizio sospeso (vedi elenco) 8:30 3 settembre

Dettagli

Passo N 1 dell argomento.!

Passo N 1 dell argomento.! Un diagramma Venn per aiutarvi a trarre le vostre proprie conclusioni Passo N 1 dell argomento. Nel diagramma Venn qui sotto, il cerchio contrassegnato denota l insieme di tutte le cose che in qualsiasi

Dettagli

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara Esercizi di Algebra Lineare Claretta Carrara Indice Capitolo 1. Operazioni tra matrici e n-uple 1 1. Soluzioni 3 Capitolo. Rette e piani 15 1. Suggerimenti 19. Soluzioni 1 Capitolo 3. Gruppi, spazi e

Dettagli

Contratto di Assicurazione Multirischi. Eura Salute Di più

Contratto di Assicurazione Multirischi. Eura Salute Di più Fascicolo nformativo Europ Assistance talia S.p.A. Contratto di Assicurazione Multirischi Eura Salute Di più l presente Fascicolo nformativo, contenente: - Nota nformativa, comprensiva del glossario; -

Dettagli

Dental Buyer Club - Corso Milano 23, 20090 Monza (MB) info@dentalbuyerclub.com - IVA 08937120965 PRIVACY POLICY

Dental Buyer Club - Corso Milano 23, 20090 Monza (MB) info@dentalbuyerclub.com - IVA 08937120965 PRIVACY POLICY PRIVACY POLICY Dental Buyer Club S.r.l. rispeta la privacy dei suoi visitatori. La salvaguardia della riservatezza dei dat personali dei nostri client e delle persone con le quali entriamo in contato è

Dettagli

Teoria degli insiemi

Teoria degli insiemi Teoria degli insiemi pag 1 Easy Matematica di dolfo Scimone Teoria degli insiemi Il concetto di insieme si assume come primitivo, cioè non riconducibile a concetti precedentemente definiti. Sinonimi di

Dettagli

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011 1 Trasformazioni Geometriche 1 Roberto etroni, 2011 Trasformazioni Geometriche sul piano euclideo 1) Introduzione Def: si dice trasformazione geometrica una corrispondenza biunivoca che associa ad ogni

Dettagli

Algebra di Boole ed Elementi di Logica

Algebra di Boole ed Elementi di Logica Algebra di Boole ed Elementi di Logica 53 Cenni all algebra di Boole L algebra di Boole (inventata da G. Boole, britannico, seconda metà 8), o algebra della logica, si basa su operazioni logiche Le operazioni

Dettagli

TASSI DI ASSENZA, MAGGIOR PRESENZA E ASSENTEISMO NETTO DEL PERSONALE DIPENDENTE DIVISO PER AREE DIRIGENZIALI (compresi i Dirigenti)

TASSI DI ASSENZA, MAGGIOR PRESENZA E ASSENTEISMO NETTO DEL PERSONALE DIPENDENTE DIVISO PER AREE DIRIGENZIALI (compresi i Dirigenti) CAMERA DI COMMERCIO NUMERO UNITA' DI PERSONALE 333 333 333 329 332 332 329 328 363 365 360 358 1.256 996 896 1.691 879 1.089 1.736 3.368 1.157 817 1.049 1.543 B) GIORNI LAVORATI COMPLESSIVI 5.709 5.962

Dettagli

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE Sia I un intervallo di R e siano a = inf(i) R { } e b = sup(i) R {+ }; i punti di I diversi dagli estremi a e b, ( e quindi appartenenti all intervallo aperto

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

Il principio di induzione e i numeri naturali.

Il principio di induzione e i numeri naturali. Il principio di induzione e i numeri naturali. Il principio di induzione è un potente strumento di dimostrazione, al quale si ricorre ogni volta che si debba dimostrare una proprietà in un numero infinito

Dettagli

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π PROBLEMA Il triangolo rettangolo ABC ha l ipotenusa AB = a e l angolo CAB =. a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio, l arco di circonferenza di estremi P e Q rispettivamente

Dettagli

Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello

Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello Maurizio Palesi Maurizio Palesi 1 Introduzione Obiettivo della sintesi logica: ottimizzazione delle cifre di merito area e prestazioni Prestazioni:

Dettagli

FIGURE GEOMETRICHE SIMILI

FIGURE GEOMETRICHE SIMILI FIGUE GEOMETICHE SIMILI Nel linguaggio comune si dice che due oggetti sono simili quando si «assomigliano». Così si dicono simili due cani della stessa razza, i fiori della stessa pianta, gli abiti dello

Dettagli

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata libera e vincolata Generalità. Limiti e continuità per funzioni di 2 o Piano tangente. Derivate successive Formula di Taylor libera vincolata Lo ordinario è in corrispondenza biunivoca con i vettori di

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

Le variabili. Olga Scotti

Le variabili. Olga Scotti Le variabili Olga Scotti Cos è una variabile Le variabili, in un linguaggio di programmazione, sono dei contenitori. Possono essere riempiti con un valore che poi può essere riletto oppure sostituito.

Dettagli

Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello)

Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello) Ricerca n 3 Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello) Giovanna Erba Cinzia Galletti Un po di definizioni: Pensiero

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

SOLUZIONI, DILUIZIONI, TITOLAZIONI

SOLUZIONI, DILUIZIONI, TITOLAZIONI SOLUZIONI, DILUIZIONI, TITOLAZIONI 1. Quanti ml di NaOH 1,25 N debbono essere aggiunti ad 1 litro di NaOH 0,63 N per ottenere una soluzione 0,85 N? [550 ml] 2. Quali volumi 0,55 N e 0,098 N debbono essere

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

Esercizi e Problemi di Termodinamica.

Esercizi e Problemi di Termodinamica. Esercizi e Problemi di Termodinamica. Dr. Yves Gaspar March 18, 2009 1 Problemi sulla termologia e sull equilibrio termico. Problema 1. Un pezzetto di ghiaccio di massa m e alla temperatura di = 250K viene

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

(V) (FX) Z 6 è un campo rispetto alle usuali operazioni di somma e prodotto.

(V) (FX) Z 6 è un campo rispetto alle usuali operazioni di somma e prodotto. 29 giugno 2009 - PROVA D ESAME - Geometria e Algebra T NOME: MATRICOLA: a=, b=, c= Sostituire ai parametri a, b, c rispettivamente la terzultima, penultima e ultima cifra del proprio numero di matricola

Dettagli

Come si indica un punto? Un punto si indica (distingue) con una lettera maiuscola dell alfabeto italiano.

Come si indica un punto? Un punto si indica (distingue) con una lettera maiuscola dell alfabeto italiano. Il punto Il punto è un elemento geometrico fondamentale privo di dimensioni ed occupa solo una posizione. Come si indica un punto? Un punto si indica (distingue) con una lettera maiuscola dell alfabeto

Dettagli

Esponenziali elogaritmi

Esponenziali elogaritmi Esponenziali elogaritmi Potenze ad esponente reale Ricordiamo che per un qualsiasi numero razionale m n prendere n>0) si pone a m n = n a m (in cui si può sempre a patto che a sia un numero reale positivo.

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli