del regolamento CLP degli elementi dell etichetta Repertorio

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "del regolamento CLP degli elementi dell etichetta Repertorio"

Transcript

1 Repertorio degli elementi dell etichetta del regolamento CLP Il regolamento CLP (Classification, Labelling and Packaging of substances and mixtures) introduce nuovi simboli, indicazione di pericolo e nuove regole di classificazione delle sostanze chimiche. Prévention du risque chimique CNRS

2

3 Il presente documento contiene un repertorio degli elementi dell etichettatura pittogrammi, avvertenze, indicazioni di pericolo, consigli di prudenza che figurano sugli imballaggi e le schede di dati di sicurezza dei prodotti chimici soggetti alla legislazione dell Unione Europea. Indice Pericoli fisici 4 Pericoli per la salute 7 Pericoli per l ambiente 9 Elenco delle indicazione di pericolo 10 Elenco dei consigli di prudenza 13 Elementi di etichettatura presenti sull eticheta di un prodotto tipo Prodotto Pittogrammi Avvertenze Indicazione di pericolo Consigli di prudenza PERICOLO H225 Liquido e vapore facilmente infiammabili. H332 Nocivo se inalato. H312 Nocivo a contatto con la pelle. H302 Nocivo se ingerito. N o CE : Lambda-Einrich Viale Avogadro Torino TO P210 Tenere lontano da fonti di calore/scintille/fiamme libere/superfici riscaldate Non fumare. P302 + P352 IN CASO DI CONTATTO CON LA PELLE: lavare abbondantemente con acqua e sapone. P403 + P235 Conservare in luogo fresco e ben ventilato. Regolamento CLP: Regolamento (CE) N. 1272/2008 del Parlamento Europeo e del consiglio del 16 dicembre 2008 relativo alla classificazione, all etichettatura e all imballaggio delle sostanze e delle miscele nello stato del suo ultimo adeguamento al progresso tecnico e scientifico. 3

4 Pericoli fisici 1/3 Esplosivi Esplosivo instabile Divisione 1.1 Divisione 1.2 Divisione 1.3 H200 Esplosivo instabile H201 Esplosivo; pericolo di H202 Esplosivo; grave H203 Esplosivo; pericolo di esplosione di massa pericolo di proiezione incendio, di spostamento d aria o di proiezione Divisione 1.4 Divisione 1.5 Divisione 1.6 Nessun pittogramma Nessun pittogramma Nessuna avvertenza H204 di incendio H205 di esplosione Nessuna indicazione o di proiezione di massa in caso di incendio di pericolo Gas infiammabili (ivi compresi i gas chimicamente instabili) Gas infiammabili Gas chimicamente instabili Categoria 2 Categoria A Categoria B Nessun Pittogramma Nessun Pittogramma supplementare Nessun Pittogramma supplementare Nessuna avvertenza supplementare H220 Gas altamente H221 Gas infiammabile infiammabile H230 Può reagire in modo esplosivo anche in assenza di aria Nessuna avvertenza supplementare H231 Può reagire in modo esplosivo anche in assenza di aria a pressione e/o temperatura elevate Liquidi infiammabili Categoria 2 Categoria 3 H224 Liquido e vapore H225 Liquido e vapore H226 Liquido e vapore altamente infiammabili facilmente infiammabili infiammabili Solidi infiammabili Categoria 2 H228 Solido infiammabile H228 Solido infiammabile 4

5 Repertorio degli elementi dell etichetta del regolamento CLP Pericoli fisici 2/3 Sostanze o miscele che, a contatto con l acqua, sviluppano gas infiammabili Categoria 2 Categoria 3 H260 A contatto con l acqua H261 A contatto con l acqua H261 A contatto con l acqua libera gas infiammabili libera gas infiammabili libera gas infiammabili che possono infiammarsi spontaneamente Aerosol infiammabili Categoria 2 Categoria 2 Nessun Pittogramma H222 Aerosol altamente infiammabile H229 Contenitore pressurizzato: può scoppiare se riscaldato H223 Aerosol infiammabile H229 Contenitore pressurizzato: può scoppiare se riscaldato H229 Contenitore pressurizzato: può scoppiare se riscaldato Sostanze e miscele autoreattive Tipo A Tipo B Tipi C e D Tipi E e F Tipo G Non vi sono elementi specifici per questa categoria di pericolo. H240 Rischio di esplosione per riscaldamento H241 Rischio di incendio o di esplosione per riscaldamento H242 Rischio di incendio per riscaldamento H242 Rischio di incendio per riscaldamento Perossidi organici Tipo A Tipo B Tipi C e D Tipi E e F Tipo G Non vi sono elementi specifici per questa categoria di pericolo. H240 Rischio di esplosione H241 Rischio di incendio per riscaldamento o di esplosione per riscaldamento H242 Rischio di incendio per riscaldamento 5 H242 Rischio di incendio per riscaldamento

6 Repertorio degli elementi dell etichetta del regolamento CLP Pericoli fisici Liquidi piroforici Solidi piroforici H250 Spontaneamente infiammabile all aria H250 Spontaneamente infiammabile all aria Gas comburenti 3/3 Sostanze e miscele autoriscaldanti Categoria 2 H251 Sostanza autoriscaldante: può infiammarsi H252 Sostanza autoriscaldante in grandi quantità: può infiammarsi Liquidi comburenti H270 Può provocare o aggravare un incendio; comburente H271 Può provocare un incendio o un esplosione; molto comburente Categoria 2 H272 Può aggravare un incendio: comburente Solidi comburenti Categoria 2 Categoria 3 Categoria 3 H272 Può aggravare un incendio: comburente Sostanze e miscele corrosive per i metalli H271 Può provocare un incendio o un esplosione: molto comburente H272 Può aggravare un incendio: comburente H272 Può aggravare un incendio: comburente H290 Può essere corrosivo per i metalli Gas sotto pressione Gas compresso H280 Contiene gas sotto pressione: può esplodere se riscaldato Gas liquefatto H280 Contiene gas sotto pressione: può esplodere se riscaldato Gas liquefatto refrigerato H281 Contiene gas refrigerato: può provocare ustioni o lesioni criogeniche 6 Gaz disciolto H280 Contiene gas sotto pressione: può esplodere se riscaldato

7 Pericoli per la salute 1/2 Tossicità acuta Categorie 1 e 2 Categoria 3 Categoria 4 H300 Letale se ingerito H301 Tossico se ingerito H302 Nocivo se ingerito H310 Letale a contatto con H311 Tossico a contatto H312 Nocivo a contatto la pelle con la pelle con la pelle H330 Letale se inalato H331 Tossico se inalato H332 Nocivo se inalato Tossicità specifica per organi bersaglio (esposizione singola) Categoria 2 Categoria 3 H370 Provoca danni agli organi 1, 2 H371 Può provocare danni agli organi 1, 2 H335 Può irritare le vie respiratorie Oppure H336 Può provocare sonnolenza o vertigini 1. O tutti gli organi interessati, se noti. 2. Via di esposizione se è accertato che nessun altra via di esposizione comporta il medesimo pericolo. Corrosione/irritazione della pelle Categorie 1A, 1B e 1C Categoria 2 Gravi lesioni oculari/ irritazione oculare Categoria 2 H314 Provoca gravi ustioni cutanee e gravi lesioni oculari H315 Provoca irritazione cutanea H318 Provoca gravi lesioni oculari H319 Provoca grave irritazione oculare 7

8 Pericoli per la salute 2/2 Tossicità in caso di aspirazione Sensibilizzazione delle vie respiratorie o della pelle Sensibilizzazione delle vie respiratorie e sottocategorie 1A e 1B Sensibilizzazione della pelle e sottocategorie 1A e 1B H304 Può essere letale in caso di ingestione e di penetrazione nelle vie respiratorie H334 Può provocare sintomi allergici o asmatici o difficoltà respiratorie se inalato H317 Può provocare una reazione allergica della pelle Mutagenicità sulle cellule germinali Categorie 1A e 1B Categoria 2 Cancerogenicità Categorie 1A e 1B Categoria 2 H340 Può provocare alterazioni genetiche 2 H341 Sospettato di provocare alterazioni genetiche 2 H350 Può provocare il cancro 2 H351 Sospettato di provocare il cancro 2 Tossicità per la riproduzione Categorie 1A e 1B Categoria 2 Effetti sull allattamento o attraverso l allattamento Nessun Pittogramma Nessun avvertenza H360 Può nuocere alla fertilità o al feto 2 H361 Sospettato di nuocere alla fertilità o al feto 2 H362 Può essere nocivo per i lattanti allattati al seno Tossicità specifica per organi bersaglio (esposizione ripetuta) Categoria 2 H372 Provoca danni agli organi 1 in caso di esposizione prolungata o ripetuta 2 H373 Può provocare danni agli organi 1 in caso di esposizione prolungata o ripetuta 2 1. O tutti gli organi interessati, se noti. 2. Via di esposizione se è accertato che nessun altra via di esposizione comporta il medesimo pericolo. 8

9 Pericoli per l ambiente 1/1 so per l ambiente acquatico TOSSICITÀ ACUTA TOSSICITÀ CRONICA Categoria 2 Categoria 3 Categoria 4 Nessun pittogramma Nessun pittogramma Nessuna avvertenza Nessuna avvertenza Nessuna avvertenza H400 Altamente tossico per gli organismi acquatici H410 Molto tossico per gli organismi acquatici con effetti di lunga durata H411 Tossico per gli organismi acquatici con effetti di lunga durata H412 Nocivo per gli organismi acquatici con effetti di lunga durata H413 Può essere nocivo per gli organismi acquatici con effetti di lunga durata Catégoria 1 so per lo strato di ozono Nessun pittogramma H420 Nuoce alla salute pubblica e all ambiante distruggendo l azono dello strato superiore dell atmosfera < Oppure > EUH059 so per lo strato di ozono 9

10 Elenco delle indicazioni di pericolo 1/3 Codice H200 H201 H202 H203 H204 H205 H220 H221 H222 H223 H224 H225 H226 H228 H229 H230 H231 H240 H241 H242 H250 H251 H252 H260 H261 H270 H271 H272 H280 H281 H290 Formulazione Esplosivo instabile. Esplosivo; pericolo di esplosione di massa. Esplosivo; grave pericolo di proiezione. Esplosivo; pericolo di incendio, di spostamento d aria o di proiezione. di incendio o di proiezione. di esplosione di massa in caso d incendio. Gas altamente infiammabile. Gas infiammabile. Aerosol altamente infiammabile. Aerosol infiammabile. Liquido e vapori altamente infiammabili. Liquido e vapori facilmente infiammabili. Liquido e vapori infiammabili. Solido infiammabile. Contenitore pressurizzato: può esplodere se riscaldato. Può esplodere anche in assenza di aria. Può esplodere anche in assenza di aria a pressione e/o temperatura elevata. Rischio di esplosione per riscaldamento. Rischio d incendio o di esplosione per riscaldamento. Rischio d incendio per riscaldamento. Spontaneamente infiammabile all aria. Autoriscaldante; può infiammarsi. Autoriscaldante in grandi quantità; può infiammarsi. A contatto con l acqua libera gas infiammabili che possono infiammarsi spontaneamente. A contatto con l acqua libera gas infiammabili. Può provocare o aggravare un incendio; comburente. Può provocare un incendio o un esplosione; molto comburente. Può aggravare un incendio; comburente. Contiene gas sotto pressione; può esplodere se riscaldato. Contiene gas refrigerato; può provocare ustioni o lesioni criogeniche. Può essere corrosivo per i metalli. Regolamento CLP: Regolamento (CE) N. 1272/2008 del Parlamento Europeo e del consiglio del 16 dicembre 2008 relativo alla classificazione, all etichettatura e all imballaggio delle sostanze e delle miscele nello stato del suo ultimo adeguamento al progresso tecnico e scientifico. 10

11 Elenco delle indicazioni di pericolo 2/3 Codice H300 * H301 ** H302 *** H304 H310 * H311 ** H312 *** H314 H315 H317 H318 H319 H330 * H331 ** H332 *** H334 H335 H336 H340 H341 H350 H351 H360 H361 H362 H370 H371 H372 H373 Letale se ingerito. Tossico se ingerito. Nocivo se ingerito. Formulazione Può essere letale in caso di ingestione e di penetrazione nelle vie respiratorie. Letale per contatto con la pelle. Tossico per contatto con la pelle. Nocivo per contatto con la pelle. Provoca gravi ustioni cutanee e gravi lesioni oculari. Provoca irritazione cutanea. Può provocare una reazione allergica cutanea. Provoca gravi lesioni oculari. Provoca grave irritazione oculare. Letale se inalato. Tossico se inalato. Nocivo se inalato. Può provocare sintomi allergici o asmatici o difficoltà respiratorie se inalato. Può irritare le vie respiratorie. Può provocare sonnolenza o vertigini. Può provocare alterazioni genetiche <indicare la via di esposizione se è accertato che nessun altra via di esposizione comporta il medesimo pericolo>. Sospettato di provocare alterazioni genetiche <indicare la via di esposizione se è accertato che nessun altra via di esposizione comporta il medesimo pericolo>. Può provocare il cancro cancro <indicare la via di esposizione se è accertato che nessun altra via di esposizione comporta il medesimo pericolo>. Sospettato di provocare il cancro <indicare la via di esposizione se è accertato che nessun altra via di esposizione comporta il medesimo pericolo>. Può nuocere alla fertilità o al feto <indicare l effetto specifico, se noto> <indicare la via di esposizione se è accertato che nessun altra via di esposizione comporta il medesimo pericolo>. Sospettato di nuocere alla fertilità o al feto <indicare l effetto specifico, se noto> <indicare la via di esposizione se è accertato che nessun altra via di esposizione comporta il medesimo pericolo>. Può essere nocivo per i lattanti allattati al seno. Provoca danni agli organi <o indicare tutti gli organi interessati, se noti> <indicare la via di esposizione se è accertato che nessun altra via di esposizione comporta il medesimo pericolo>. Può provocare danni agli organi <o indicare tutti gli organi interessati, se noti> <indicare la via di esposizione se è accertato che nessun altra via di esposizione comporta il medesimo pericolo>. Provoca danni agli organi <o indicare tutti gli organi interessati, se noti> in caso di esposizione prolungata o ripetuta <indicare la via di esposizione se è accertato che nessun altra via di esposizione comporta il medesimo pericolo>. Può provocare danni agli organi <o indicare tutti gli organi interessati, se noti> in caso di esposizione prolungata o ripetuta <indicare la via di esposizione se è accertato che nessun altra via di esposizione comporta il medesimo pericolo>. * Combinazioni possibili di queste indicazioni. ** Combinazioni possibili di queste indicazioni. *** Combinazioni possibili di queste indicazioni. Regolamento CLP: Regolamento (CE) N. 1272/2008 del Parlamento Europeo e del consiglio del 16 dicembre 2008 relativo alla classificazione, all etichettatura e all imballaggio delle sostanze e delle miscele nello stato del suo ultimo adeguamento al progresso tecnico e scientifico. 11

12 Elenco delle indicazioni di pericolo 3/3 Codice H400 H410 H411 H412 H413 H420 Formulazione Molto tossico per gli organismi acquatici. Molto tossico per gli organismi acquatici con effetti di lunga durata. Tossico per gli organismi acquatici con effetti di lunga durata. Nocivo per gli organismi acquatici con effetti di lunga durata. Può essere nocivo per gli organismi acquatici con effetti di lunga durata. Nuoce alla salute pubblica e all ambiente distruggendo l ozono dello strato superiore dell atmosfera. Indicazioni supplementari sui pericoli Codice EUH001 EUH006 EUH014 EUH018 EUH019 EUH029 EUH031 EUH032 EUH044 EUH059 EUH066 EUH070 EUH071 EUH201 EUH201A EUH202 EUH203 EUH204 EUH205 EUH206 EUH207 EUH208 EUH209 EUH209A EUH210 EUH401 Esplosivo allo stato secco. Esplosivo a conttato o senza conttato con l aria. Reagisce violentemente con l acqua. Formulazione Durante l uso può formarsi una miscela vapore-aria esplosiva/infiammabile. Può formare perossidi esplosivi. A contatto con l acqua libera un gas tossico. A contatto con acidi libera gas tossici. A contatto con acidi libera gas molto tossici. Rischio di esplosione per riscaldamento in ambiente confinato. so per lo strato di ozono. L esposizione ripetuta può provocare secchezza o screpolature della pelle. Tossico per contatto oculare. Corrosivo per le vie respiratorie. Contient du plomb. Ne pas utiliser sur les objets susceptibles d être mâchés ou sucés par des enfants.! Contiene piombo. Cianoacrilato.. Incolla la pelle e gli occhi in pochi secondi. Tenere fuori dalla portata dei bambini. Contiene cromo (VI). Può provocare una reazione allergica. Contiene isocianati. Può provocare una reazione allergica. Contiene componenti epossidici. Può provocare una reazione allergica.! Non utilizzare in combinazione con altri prodotti. Possono liberarsi gas pericolosi (cloro).! Contiene cadmio. Durante l uso si sviluppano fumi pericolosi. Leggere le informazioni fornite dal fabbricante. Rispettare le disposizioni di sicurezza. Contiene <denominazione della sostanza sensibilizzante>. Può provocare una reazione allergica. Può diventare facilmente infiammabile durante l uso. Può diventare infiammabile durante l uso. Scheda dati di sicurezza disponibile su richiesta. Per evitare rischi per la salute umana e per l ambiente, seguire le istruzioni per l uso. Regolamento CLP: Regolamento (CE) N. 1272/2008 del Parlamento Europeo e del consiglio del 16 dicembre 2008 relativo alla classificazione, all etichettatura e all imballaggio delle sostanze e delle miscele nello stato del suo ultimo adeguamento al progresso tecnico e scientifico. 12

13 Elenco dei consigli di prudenza 1/3 Codice P101 P102 P103 P201 P202 P210 P211 P220 P221 P222 P223 P230 P233 P234 P240 P241 P242 P243 P244 P250 P251 P260 P261 P262 P263 P264 P270 P271 P272 P273 P280 P281 P282 P283 P284 P285 P231 + P232 P235 + P410 Consigli di prudenza di carattere generale Formulazione In caso di consultazione di un medico, tenere a disposizione il contenitore o l etichetta del prodotto. Tenere fuori dalla portata dei bambini. Leggere l etichetta prima dell uso. Consigli di prudenza prevenzione Procurarsi istruzioni specifiche prima dell uso. Non manipolare prima di avere letto e compreso tutte le avvertenze. Tenere lontano da fonti di calore, superfici calde, scintille, fiamme libere o altre fonti di accensione. Non fumare. Non vaporizzare su una fiamma libera o altra fonte di accensione. Tenere/conservare lontano da indumenti/ /materiali combustibili. Prendere ogni precauzione per evitare di miscelare con sostanze combustibili Evitare il contatto con l aria. Evitare qualunque contatto con l acqua. Mantenere umido con Tenere il recipiente ben chiuso. Conservare soltanto nel contenitore originale. Mettere a terra/massa il contenitore e il dispositivo ricevente. Utilizzare impianti elettrici/di ventilazione/d illuminazione/ /a prova di esplosione. Utilizzare solo utensili antiscintillamento. Prendere precauzioni contro le scariche elettrostatiche. Mantenere le valvole e i raccordi liberi da olio e grasso. Evitare le abrasioni/gli urti/ /gli attriti. Non perforare né bruciare, neppure dopo l uso. Non respirare la polvere/i fumi/i gas/la nebbia/i vapori/gli aerosol. Evitare di respirare la polvere/i fumi/i gas/la nebbia/i vapori/gli aerosol. Evitare il contatto con gli occhi, la pelle o gli indumenti. Evitare il contatto durante la gravidanza/l allattamento. Lavare accuratamente dopo l uso. Non mangiare, né bere, né fumare durante l uso. Utilizzare soltanto all aperto o in luogo ben ventilato. Gli indumenti da lavoro contaminati non devono essere portati fuori dal luogo di lavoro. Non disperdere nell ambiente. Indossare guanti/indumenti protettivi/proteggere gli occhi/il viso. Utilizzare il dispositivo di protezione individuale richiesto. Utilizzare guanti termici/schermo facciale/proteggere gli occhi. Indossare indumenti completamente ignifughi o in tessuti ritardanti di fiamma. [Quando la ventilazione del locale è insufficiente] indossare un apparechio di protezione respiratoria. In caso di ventilazione insufficiente utilizzare un apparecchio respiratorio. Manipolare in atmosfera di gas inerte. Tenere al riparo dall umidità. Tenere in luogo fresco. Proteggere dai raggi solari. Regolamento CLP: Regolamento (CE) N. 1272/2008 del Parlamento Europeo e del consiglio del 16 dicembre 2008 relativo alla classificazione, all etichettatura e all imballaggio delle sostanze e delle miscele nello stato del suo ultimo adeguamento al progresso tecnico e scientifico. 13

14 Elenco dei consigli di prudenza 2/3 Codice P310 P311 P312 P314 P315 P320 P321 P330 P331 P336 P363 P372 P373 P374 P377 P380 P381 P390 P391 P301 + P310 P301 + P312 P301 + P330 + P331 P302 + P334 P302 + P352 P303 + P361 + P353 P304 + P340 P305 + P351 + P338 P306 + P360 P308 + P311 P308 + P313 P332 + P313 P333 + P313 P335 + P334 P337 + P313 Consigli di prudenza reazione Formulazione Contattare immediatamente un CENTRO ANTIVELENI o un medico. Contattare un CENTRO ANTIVELENI/un medico. contattare un CENTRO ANTIVELENI/un medico in caso di malessere. In caso di malessere, consultare un medico. Consultare immediatamente un medico. Trattamento specifico urgente (vedere su questa etichetta). Trattamento specifico (vedere su questa etichetta). Sciacquare la bocca. NON provocare il vomito. Sgelare le parti congelate usando acqua tiepida. Non sfregare la parte interessata. Lavare gli indumenti contaminati prima di indossarli nuovamente. Rischio di esplosione in caso di incendio. NON utilizzare mezzi estinguenti se l incendio raggiunge materiali esplosivi. Utilizzare i mezzi estinguenti con le precauzioni abituali a distanza ragionevole. In caso d incendio dovuto a perdita di gas, non estinguere a meno che non sia possibile bloccare la perdita senza pericolo. Evacuare la zona. Eliminare ogni fonte di accensione se non c è pericolo. Assorbire la fuoriuscita per evitare danni materiali. Raccogliere il materiale fuoriuscito. IN CASO DI INGESTIONE: contattare immediatamente un CENTRO ANTIVELENI/un medico. IN CASO DI INGESTIONE accompagnata da malessere: contattare un CENTRO ANTIVELENI/un medico. IN CASO DI INGESTIONE: sciacquare la bocca. NON provocare il vomito. IN CASO DI CONTATTO CON LA PELLE: immergere in acqua fredda/avvolgere con un bendaggio umido. IN CASO DI CONTATTO CON LA PELLE: lavare abbondantemente con acqua e sapone. IN CASO DI CONTATTO CON LA PELLE (o con i capelli): togliersi di dosso immediatamente tutti gli indumenti contaminati. Sciacquare la pelle/fare una doccia. IN CASO DI INALAZIONE: trasportare l infortunato all aria aperta e mantenerlo a riposo in posizione che favorisca la respirazione. IN CASO DI CONTATTO CON GLI OCCHI: sciacquare accuratamente per parecchi minuti. Togliere le eventuali lenti a contatto se è agevole farlo. Continuare a sciacquare. IN CASO DI CONTATTO CON GLI INDUMENTI: sciacquare immediatamente e abbondantemente gli indumenti contaminati e la pelle prima di togliersi gli indumenti. IN CASO di esposizione o di possibile esposizione: contattare un CENTRO ANTIVELENI/un medico. IN CASO di esposizione o di possibile esposizione, consultare un medico. In caso di irritazione della pelle: consultare un medico. In caso di irritazione o eruzione della pelle: consultare un medico. Rimuovere le particelle depositate sulla pelle. Immergere in acqua fredda/avvolgere con un bendaggio umido. Se l irritazione degli occhi persiste, consultare un medico. Regolamento CLP: Regolamento (CE) N. 1272/2008 del Parlamento Europeo e del consiglio del 16 dicembre 2008 relativo alla classificazione, all etichettatura e all imballaggio delle sostanze e delle miscele nello stato del suo ultimo adeguamento al progresso tecnico e scientifico. 14

15 Elenco dei consigli di prudenza 3/3 Codice P342 + P311 P361 + P364 P362 + P364 P370 + P376 P370 + P378 P370 + P380 P370 + P380 + P375 P371 + P380 + P375 Formulazione In caso di sintomi respiratori: contattare un CENTRO ANTIVELENI/un medico. Togliere immediatamente tutti gli indumenti contaminati e lavandi prima di indossarli nuovamente. Togliere gli indumenti contaminati e lavandi prima di indossarli nuovamente. In caso di incendio: bloccare la perdita se non c è pericolo. In caso di incendio: estinguere con Evacuare la zona in caso di incendio. In caso di incendio: evacuare la zona. Rischio di esplosione. Utilizzare i mezzi estinguenti a grande distanza. In caso di incendio grave e di grandi quantità: evacuare la zona. Rischio di esplosione. Utilizzare i mezzi estinguenti a grande distanza. Consigli di prudenza conservazione Conservare Conservare in luogo ben ventilato. Conservare sotto chiave. Conservare in recipiente resistente alla corrosione/ provvisto di rivestimento interno resistente. Mantenere uno spazio libero tra gli scaffali/i pallet. Proteggere dai raggi solari. P401 P403 P405 P406 P407 P410 P411 Conservare a temperature non superiori a o C/ o F. P420 Conservare lontano da altri materiali. P422 Conservare sotto P402 + P404 Conservare in luogo asciutto e in recipiente chiuso. P403 + P233 Tenere il recipiente ben chiuso e in luogo ben ventilato. P403 + P235 Conservare in luogo fresco e ben ventilato. P410 + P403 Proteggere dai raggi solari. Conservare in luogo ben ventilato. P410 + P412 Proteggere dai raggi solari. Non esporre a temperature superiori a 50 o C/122 o F. P411 + P235 Conservare in luogo fresco a temperature non superiori a o C/ o F. Consigli di prudenza smaltimento P501 Smaltire il prodotto/recipiente in P502 Chiedere informazioni al produttore o fornitore per il recupero/riciclagio. Regolamento CLP: Regolamento (CE) N. 1272/2008 del Parlamento Europeo e del consiglio del 16 dicembre 2008 relativo alla classificazione, all etichettatura e all imballaggio delle sostanze e delle miscele nello stato del suo ultimo adeguamento al progresso tecnico e scientifico. 15

16 Questa unità di servizio è parte dell istituto di chimica del Centro nazionale francese per la ricerca scientifica (CNRS) che sviluppa competenze, informazioni e formazione nel campo della prevenzione dei rischi chimici. L obiettivo è la protezione della salute umana e la sicurezza chimica. Le attività di questa unità soddisfano le esigenze di prevenzione del personale, dei lavoratori, degli enti pubblici e del pubblico in generale. Per ulteriori (fr/en) Ressources, outils téléchargeables, articles et services CNRS PRC Bâtiment 11 Avenue de la Terrasse Gif-sur-Yvette cedex France

Frasi H informazioni sui rischi

Frasi H informazioni sui rischi 2 Analisi chimica strumentale Frasi H informazioni sui rischi Pericoli fisici H200 Esplosivo instabile. H201 Esplosivo; pericolo di esplosione di massa. H202 Esplosivo; grave pericolo di proiezione. H203

Dettagli

Elementi dell etichetta del regolamento CLP

Elementi dell etichetta del regolamento CLP Elementi dell etichetta del regolamento CLP Il regolamento CLP (Classification, Labelling and Packaging of substances and mixtures) introduce nuovi simboli, indicazione e nuove regole di classificazione

Dettagli

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche REGOLAMENTO (CE) N. 1272/2008 Consigli di prudenza Consigli di prudenza di carattere generale P101 P102 P103 In caso di consultazione di un medico, tenere a disposizione il contenitore o l etichetta del

Dettagli

SISTEMA AMBIENTE. Reach: le nuove frasi rischio (H) e precauzione (P)

SISTEMA AMBIENTE. Reach: le nuove frasi rischio (H) e precauzione (P) Reach: le nuove frasi rischio (H) e precauzione (P) Indice Reach: le nuove frasi rischio (H) e precauzione (P)...1 Frasi di rischio per rischi fisici... 1 Frasi di rischio per rischi per la salute... 2

Dettagli

Sistemi di sicurezza per l acquisto, la conservazione, il trasporto e l utilizzo dei prodotti fitosanitari

Sistemi di sicurezza per l acquisto, la conservazione, il trasporto e l utilizzo dei prodotti fitosanitari Elenco delle frasi di pericolo (H) e dei consigli di prudenza (P) (come previsto dal Regolamento (CE) n.1272/2008 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 16 dicembre 2008 e successive modificazioni

Dettagli

Condizioni de pericolosità. (Condizioni precauzionali pagina 5)

Condizioni de pericolosità. (Condizioni precauzionali pagina 5) REACH Compliance GmbH Route des Chevallets 7 CH-1658 Rossinière Schweiz Firmenunterstützung für Chemikaliensicherheit und Arbeitsschutz Tel. 026 924 32 10 Fax 026 924 32 11 info@reach-compliance.ch www.reach-compliance.ch

Dettagli

Allegato I Lista delle indicazioni di pericolo, frasi H (Hazard Statements)

Allegato I Lista delle indicazioni di pericolo, frasi H (Hazard Statements) Scheda A11 pagina 6 di 12 Ver. 5.2-10/2013 Allegato I Lista delle indicazioni di pericolo, frasi H (Hazard Statements) H2xx H3xx H4xx EUHxxx Pericoli fisici Pericoli per la salute Pericoli per l ambiente

Dettagli

Indicazioni di Pericolo (Frasi H)

Indicazioni di Pericolo (Frasi H) Indicazioni di Pericolo (Frasi H) Pericoli Fisici H200 Esplosivo instabile. H201 Esplosivo; pericolo di esplosione di massa. H202 Esplosivo; grave pericolo di proiezione. H203 Esplosivo; pericolo di incendio,

Dettagli

Comunicazione n. 3 Al Personale Scolastico Loro sedi Sito web

Comunicazione n. 3 Al Personale Scolastico Loro sedi Sito web Comunicazione n. 3 Al Personale Scolastico Loro sedi Sito web Procedura operativa per l acquisto di sostanze e preparati pericolosi La presente procedura operativa viene applicata ogni qual volta si intenda

Dettagli

Mini guida sul significato dei

Mini guida sul significato dei Mini guida sul significato dei Vediamo spesso questi simboli sulle etichette dei prodotti per la pulizia, ma conosciamo davvero il loro significato? Con questa mini guida Samar ti aiuterà a scoprire il

Dettagli

Procedura operativa per l acquisto di sostanze e preparati pericolosi

Procedura operativa per l acquisto di sostanze e preparati pericolosi Procedura operativa per l acquisto di sostanze e preparati pericolosi La presente procedura operativa viene applicata ogni qual volta si intenda acquistare sostanze e preparati pericolosi per attività

Dettagli

Etichettatura delle sostanze chimiche e miscele

Etichettatura delle sostanze chimiche e miscele Etichettatura delle sostanze chimiche e miscele Il regolamento CLP introduce le modalità di Comunicazione dei pericoli per mezzo dell etichettatura che assieme alla Scheda di dati di sicurezza, così come

Dettagli

ELENCO DELLE FRASI DI RISCHIO R E DEI CONSIGLI DI PRUDENZA S E DELLE LORO RELATIVE COMBINAZIONI ELENCO DELLE FRASI DI RISCHIO R

ELENCO DELLE FRASI DI RISCHIO R E DEI CONSIGLI DI PRUDENZA S E DELLE LORO RELATIVE COMBINAZIONI ELENCO DELLE FRASI DI RISCHIO R Le sigle R e S sempre presenti sulle etichette dei prodotti chimici utilizzati in laboratorio rappresentano rispettivamente una definizione dei rischi specifici connessi con l impiego della sostanza chimica

Dettagli

ETICHETTATURA DELLE SOSTANZE PERICOLOSE "Frasi di Rischio" ( R ) e "Consigli di Prudenza" ( S )

ETICHETTATURA DELLE SOSTANZE PERICOLOSE Frasi di Rischio ( R ) e Consigli di Prudenza ( S ) ETICHETTATURA DELLE SOSTANZE PERICOLOSE "Frasi di Rischio" ( R ) e "Consigli di Prudenza" ( S ) La Legge 29 Maggio 1974, N 0 256 obbliga tutti i fabbricanti di prodotti aventi determinate caratteristiche

Dettagli

Frasi R, Frasi S, Frasi H e Frasi P

Frasi R, Frasi S, Frasi H e Frasi P Frasi R, Frasi S, Frasi H e Frasi P Le Frasi R Sono chiamate frasi R (frasi di rischio) alcune frasi convenzionali che descrivono i rischi per la salute umana, animale ed ambientale connessi alla manipolazione

Dettagli

Frasi R, Frasi S, Frasi H e Frasi P

Frasi R, Frasi S, Frasi H e Frasi P Frasi R, Frasi S, Frasi H e Frasi P Le Frasi R Sono chiamate frasi R (frasi di rischio) alcune frasi convenzionali che descrivono i rischi per la salute umana, animale ed ambientale connessi alla manipolazione

Dettagli

FRASI DI RISCHIO E DI SICUREZZA FRASI DI PERICOLO E PRUDENZA

FRASI DI RISCHIO E DI SICUREZZA FRASI DI PERICOLO E PRUDENZA FRASI DI RISCHIO E DI SICUREZZA FRASI DI PERICOLO E PRUDENZA Sono chiamate frasi R (frasi di rischio) alcune frasi convenzionali che descrivono i rischi per la salute umana, animale ed ambientale connessi

Dettagli

Caratterizzazione GHS

Caratterizzazione GHS Informazioni sulla Legge sui prodotti chimici Servizi cantonali per i prodotti chimici Scheda A11 pagina 1 di 12 Ver. 5.2-10/2013 Caratterizzazione GHS Questa scheda è destinata ai fornitori come pure

Dettagli

Cambia l etichetta dei prodotti chimici

Cambia l etichetta dei prodotti chimici Cambia l etichetta dei prodotti chimici Una delle regole più importanti da seguire per lavorare in un laboratorio chimico in sicurezza è conoscere il prodotto chimico che si sta manipolando. L etichettatura

Dettagli

LA SCHEDA DATI DI SICUREZZA SDS. Regolamenti REACH e CLP. Il REACH è strutturato in 15 Titoli e... ... 17 allegati tecnici

LA SCHEDA DATI DI SICUREZZA SDS. Regolamenti REACH e CLP. Il REACH è strutturato in 15 Titoli e... ... 17 allegati tecnici Regolamenti REACH e CLP Dott. Flavio Papi Dott.ssa Michela Balduini Az. USL 4 Prato Unità Funzionale Prevenzione Igiene Sicurezza Luoghi Lavoro Obiettivo di entrambi i Regolamenti (che in quanto tali sono

Dettagli

- NUOVA - CLASSIFICAZIONE ETICHETTATURA ED IMBALLAGGIO DELLE SOSTANZE

- NUOVA - CLASSIFICAZIONE ETICHETTATURA ED IMBALLAGGIO DELLE SOSTANZE - NUOVA - CLASSIFICAZIONE ETICHETTATURA ED IMBALLAGGIO DELLE SOSTANZE Per ogni sostanza è presente una duplice classificazione; la prima secondo i criteri della Direttiva 67/548/EEC e la seconda secondo

Dettagli

SIMBOLI CONSIGLI DI PRUDENZA S1 - S2 - S3 - S13 - S20 - S27 - S28 - S35 TOSSICO S36 - S37 - S38 - S39 - S46 - S53

SIMBOLI CONSIGLI DI PRUDENZA S1 - S2 - S3 - S13 - S20 - S27 - S28 - S35 TOSSICO S36 - S37 - S38 - S39 - S46 - S53 CONSIGLI DI PRUDENZA S1 - S2 - S3 - S13 - S20 - S27 - S28 - S35 TOSSICO S36 - S37 - S38 - S39 - S46 - S53 CONSERVARE SOTTO CHIAVE - FUORI DALLA PORTATA DEI BAMBINI - LONTANO DA LOCALI ABITAZIONE - LONTANO

Dettagli

Legenda relativa alle frasi di Rischio e ai Simboli presenti su etichette e schede di sicurezza

Legenda relativa alle frasi di Rischio e ai Simboli presenti su etichette e schede di sicurezza Legenda relativa alle frasi di Rischio e ai Simboli presenti su etichette e schede di sicurezza Normativa di riferimento: Classificazione, imballaggio ed etichettatura di sostanze pericolose - Ministero

Dettagli

Il metodo di valutazione del rischio da agenti chimici. ChemiRisk. Indice

Il metodo di valutazione del rischio da agenti chimici. ChemiRisk. Indice Il metodo di valutazione del da agenti chimici ChemiRisk Indice 1 La valutazione del da esposizione ad agenti chimici secondo il D.Lgs. 81/2008... 2 2 Il metodo di valutazione di ChemiRisk... 3 2.1 Calcolo

Dettagli

Classificazione, etichettatura ed imballaggio delle sostanze e dei preparati chimici pericolosi

Classificazione, etichettatura ed imballaggio delle sostanze e dei preparati chimici pericolosi pag. 1/20 File Rev. 00 Elaborazione: Stefania Bertoldo Servizio Prevenzione Protezione Data applicazione 16 maggio 2011 Verifica: Dr Antonio Bressan Responsabile Servizio Prevenzione Protezione Copia CONTROLLATA

Dettagli

Aggiornamento delle etichette e delle schede di sicurezza per i produttori di sostanze e a cascata per tutti gli utilizzatori a valle.

Aggiornamento delle etichette e delle schede di sicurezza per i produttori di sostanze e a cascata per tutti gli utilizzatori a valle. Aggiornamento delle etichette e delle schede di sicurezza per i produttori di sostanze e a cascata per tutti gli utilizzatori a valle. Salve,Dottore/ssa il mese di dicembre vede l entrata in vigore del

Dettagli

Vendita di prodotti chimici Sistema di classificazione e etichettatura GHS

Vendita di prodotti chimici Sistema di classificazione e etichettatura GHS Vendita di prodotti chimici Sistema di classificazione e etichettatura GHS Ripercussione del sistema GHS sulle farmacie mercoledì 17 settembre 2014 Bellinzona Fabrizio Guidotti Repubblica e Cantone Ticino

Dettagli

AZIENDA PER L ASSISTENZA SANITARIA N. 4 «FRIULI CENTRALE»

AZIENDA PER L ASSISTENZA SANITARIA N. 4 «FRIULI CENTRALE» AZIENDA PER L ASSISTENZA SANITARIA N. 4 «FRIULI CENTRALE» RISCHIO CHIMICO NEI COSMETICI E IN CAMPO ESTETICO FORMAZIONE PER FORMATORI NEI CONFRONTI DELLE AZIENDE end users Cenni al Regolamento (CE) n. 1272/2008

Dettagli

Linee di indirizzo per l adozione di idonee misure di prevenzione e protezione contro l esposizione ad agenti chimici nelle imprese di pulizia

Linee di indirizzo per l adozione di idonee misure di prevenzione e protezione contro l esposizione ad agenti chimici nelle imprese di pulizia SISTEMA SANITARIO REGIONAL E Linee di indirizzo per l adozione di idonee misure di prevenzione e protezione contro l esposizione ad agenti chimici nelle imprese di pulizia Dipartimento di Prevenzione Direttore:

Dettagli

Iscriviti gratuitamente all'indirizzo: http://www.amblav.it

Iscriviti gratuitamente all'indirizzo: http://www.amblav.it Elenco delle frasi di rischio R R1 R2 R3 R4 R5 R6 R7 R8 R9 R10 R11 R12 R14 R15 R16 R17 R18 R19 R20 Esplosivo allo stato secco. Rischio di esplosione per urto, sfregamento, fuoco o altre sorgenti d'ignizione.

Dettagli

SCHEDA DATI DI SICUREZZA Edizione riveduta no : 6. Responsab. della distribuzione

SCHEDA DATI DI SICUREZZA Edizione riveduta no : 6. Responsab. della distribuzione Pagina : 1 êc { C : Corrosivo 8 : Sostanza corrosiva. Pericolo M» Produttore Responsab. della distribuzione Avenue Albert Einstein, 15 Avenue Albert Einstein, 15 1348 Louvain-la-Neuve Belgium 1348 Louvain-la-Neuve

Dettagli

Regolamento CLP: nuove norme di classificazione delle sostanze chimiche pericolose

Regolamento CLP: nuove norme di classificazione delle sostanze chimiche pericolose Università degli Studi di Pavia Regolamento CLP: nuove norme di classificazione delle sostanze chimiche pericolose Servizio Sicurezza e Radiazioni Ionizzanti Università degli Studi di Pavia Area Gestione

Dettagli

Leggere attentamente l etichetta e la Scheda di 2Sicurezza (SDS)

Leggere attentamente l etichetta e la Scheda di 2Sicurezza (SDS) Leggere attentamente l etichetta e la Scheda di 2Sicurezza (SDS) Come si legge un etichetta L etichetta di un agrofarmaco deriva dalla valutazione di numerosi studi effettuati sul prodotto inerenti aspetti

Dettagli

Caratterizzazione dei pericoli di prodotti chimici

Caratterizzazione dei pericoli di prodotti chimici Informazioni sulla Legge sui prodotti chimici Servizi cantonali per i prodotti chimici Scheda A12 pagina 1 di 9 Ver. 5.0-07/2013 Caratterizzazione dei pericoli di prodotti chimici Questa scheda è destinata

Dettagli

APPLICABILE DAL 1 GIUGNO 2015

APPLICABILE DAL 1 GIUGNO 2015 CLASSIFICAZIONE E CARATTERISTICHE DEI RIFIUTI A PARTIRE DAL 1 GIUGNO 2015 Guida alla classificazione dei rifiuti Se un rifiuto è classificato con codice CER pericoloso assoluto, esso è pericoloso senza

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA. Conforme al Regolamento CE 1907/2006, come modificato dal Regolamento CE 453/2010

SCHEDA DI SICUREZZA. Conforme al Regolamento CE 1907/2006, come modificato dal Regolamento CE 453/2010 Pag.1 di 6 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO 1.1 Nome commerciale: GUAINA STRONG VERDE - Monocomponente 1.2 Utilizzazione del preparato: Impermeabilizzante liquido a base di resine acriliche. 1.3 Produttore:

Dettagli

SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa

SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa SCHEDA DI SICUREZZA (Ai sensi del Regolamento Commissione EU 453/2010, CLP) SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto SIOX-5 C 1.2.

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA. Conforme al Regolamento CE 1907/2006, come modificato dal Regolamento CE 453/2010

SCHEDA DI SICUREZZA. Conforme al Regolamento CE 1907/2006, come modificato dal Regolamento CE 453/2010 Pag.1 di 6 1. IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO 1.1 Nome commerciale: POLIMER 9 - Monocomponente 1.2 Uso: Usi sconsigliati: Resina poliestere fibrorinforzata per rivestimenti ad alta resistenza chimica e per

Dettagli

DZ ALLUMITE CARICA INERTE

DZ ALLUMITE CARICA INERTE DZ s.a.s. via Leonardo Da Vinci 44/A 20094 Corsico MI 1.IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/DEL PREPARATO/DELLA SOCIETA Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione : Sostanza N : 013-001-00-6

Dettagli

L ETICHETTATURA DELLE SOSTANZE E DEI PREPARATI PERICOLOSI

L ETICHETTATURA DELLE SOSTANZE E DEI PREPARATI PERICOLOSI SCHEDA TECNICA N 21 L ETICHETTATURA DELLE SOSTANZE E DEI PREPARATI PERICOLOSI SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE AZIENDALE V I A A L B E R T O N I, 1 5-4 0 1 3 8 B O L O G N A 0 5 1. 6 3. 6 1. 1 3 7 - FA

Dettagli

Sostituisce la versione: - / CH. 1. Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa. Relaxin g11

Sostituisce la versione: - / CH. 1. Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa. Relaxin g11 1. Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto Nome commerciale Relaxin g11 1.2. Pertinenti usi identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

MIRADOR Ditta: SCAM S.r.l. Strada Bellaria, 164 41010 - S.MARIA MUGNANO - MODENA (Tel. 059/586511 - Fax 059/460133)

MIRADOR Ditta: SCAM S.r.l. Strada Bellaria, 164 41010 - S.MARIA MUGNANO - MODENA (Tel. 059/586511 - Fax 059/460133) S C A M S.r.l. Pag. 1 di 5 SCHEDA DI SICUREZZA 1. Denominazione della sostanza/preparato e della Ditta (Registr. n. 11624 del 11/03/2003) MIRADOR Ditta: SCAM S.r.l. Strada Bellaria, 164 41010 - S.MARIA

Dettagli

Scheda dei dati di sicurezza

Scheda dei dati di sicurezza Scheda dei dati di sicurezza Edizione 1.0 Revisione 20.11.2015 Data di emissione 23.11.2015 Seite 1 von 6 1. Classificazione della sostanza Identificazione della sostanza Identificazione della Phenol sostanza

Dettagli

1. Denominazione della sostanza/preparato e della società

1. Denominazione della sostanza/preparato e della società Pagina:: 1/5 1. Denominazione della sostanza/preparato e della società Nome commerciale Articolo numero 334200-280/334200-290 scopo cura delle macchine Dati relativi al produttore: Sonax GmbH & Co.KG Münchener

Dettagli

REGOLAMENTO CLP. Classification Labelling Packaging

REGOLAMENTO CLP. Classification Labelling Packaging Iniziativa finanziata dal Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Organismo responsabile dell informazione: Veneto Agricoltura Autorità di gestione: Regione del Veneto Dipartimento Agricoltura

Dettagli

! Classificazione delle proprietà pericolose! Schede dei dati di sicurezza! Immagazzinamento! Smaltimento

! Classificazione delle proprietà pericolose! Schede dei dati di sicurezza! Immagazzinamento! Smaltimento Legislazione in materia di protezione dell ambiente, della salute e dei lavoratori Corso di aggiornamento per responsabili di laboratorio di scienze Aprile 2014 Bellinzona Argomenti! Classificazione delle

Dettagli

SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA

SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA O DELLA MISCELA E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA 1.1 Identificatore del prodotto Denominazione commerciale: 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela ed usi consigliati

Dettagli

SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA secondo il Regolamento (CE) Num. 1907/2006 Versione 5.1 Data di revisione Data di stampa

SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA secondo il Regolamento (CE) Num. 1907/2006 Versione 5.1 Data di revisione Data di stampa SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA secondo il Regolamento (CE) Num. 1907/2006 Versione 5.1 Data di revisione Data di stampa 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA O DELLA MISCELA E DELLA SOCIETÀ / IMPRESA 1.1 Identificatori

Dettagli

SCHEDA DATI DI SICUREZZA

SCHEDA DATI DI SICUREZZA pagina 1/6 1. Identificazione della sostanza/miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto Nome commerciale: 1.2 Utilizzi rilevanti identificati della sostanza o miscela e utilizzi sconsigliati

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA secondo direttiva 2001/58/CE RTV12C 01P-Bottle (0.800 Lbs-0.363 Kg)

SCHEDA DI SICUREZZA secondo direttiva 2001/58/CE RTV12C 01P-Bottle (0.800 Lbs-0.363 Kg) 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Informazioni sul prodotto Marchio : Società : GE Silicones 260 Hudson River Road 12188 Waterford Telefono : Telefax : +49 (0)214/3072397

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA PRODOTTO CHIMICO PER USO INDUSTRIALE ACIDO SUCCINICO

SCHEDA DI SICUREZZA PRODOTTO CHIMICO PER USO INDUSTRIALE ACIDO SUCCINICO Versione 4 Data revisione 01.09.2010 SCHEDA DI SICUREZZA PRODOTTO CHIMICO PER USO INDUSTRIALE Conforme al Regolamento CE n. 1907/2006 ACIDO SUCCINICO 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA E DELLA SOCIETÀ NOME

Dettagli

SCHEDA DATI DI SICUREZZA

SCHEDA DATI DI SICUREZZA pagina 1/5 1. Identificazione della sostanza/miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto Nome commerciale: 1.2 Utilizzi rilevanti identificati della sostanza o miscela e utilizzi sconsigliati

Dettagli

TABELLA DI COMPARAZIONE CRITERI CLASSIFICAZIONE RIFIUTI PERICOLOSI

TABELLA DI COMPARAZIONE CRITERI CLASSIFICAZIONE RIFIUTI PERICOLOSI TABELLA DI COMPARAZIONE CRITERI CLASSIFICAZIONE RIFIUTI SI DESCRIZIONE LIMITI CE DESCRIZIONE LIMITI CE 1 Esplosivo sostanze e preparati che possono esplodere per effetto della fiamma o che sono sensibili

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ATTENZIONE: MANIPOLARE CON PRUDENZA

SCHEDA DI SICUREZZA ATTENZIONE: MANIPOLARE CON PRUDENZA Pag. 1 di 5... SCHEDA DI SICUREZZA 1. Denominazione della sostanza/preparato e della Ditta (Registr. n. 10113 del 27/07/1999) Ditta: 2. Composizione - Informazioni sui componenti Carattere chimico Contiene

Dettagli

SCHEDA DATI DI SICUREZZA

SCHEDA DATI DI SICUREZZA 1- INDIVIDUAZIONE DEL PRODOTTO MARCHIO POLICAR PRODUTTORE/FORNITORE MAFO S.R.L. INDIRIZZO Via A. Laterizio, 73-80035 NOLA (NA) TEL./FAX 081/8037226 E-mail: info@mafo.it PER INFORMAZIONI RIVOLGERSI A 081/8037226

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA NEW IPA SUPER DE-ICER 300ML

SCHEDA DI SICUREZZA NEW IPA SUPER DE-ICER 300ML SCHEDA DI SICUREZZA NEW IPA SUPER DE-ICER 300ML 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA NOME DEL PRODOTTO: PARTE No.: NEW IPA SUPER DE-ICER 300ML SDI300 FORNITORE: 2. COMPOSIZIONE/INFORMAZIONE

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA

SCHEDA INFORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA SCHEDA INFORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA (In accordo alla direttiva 91/155/CE e s.m.i.) P016 Intonaco Cementizio Fibrorinforzato 1/8 1. Identificazione del preparato e del produttore 1.1 Identificazione

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza

Scheda di dati di sicurezza Pagina 1 di 5 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto 1.2. Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza

Scheda di dati di sicurezza Pagina 1 di 5 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto 1.2. Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

INDICAZIONI PER L UTILIZZO DEI PRODOTTI CHIMICI DI USO QUOTIDIANO, PER LA SALVAGUARDIA DELLA SALUTE E DELL AMBIENTE

INDICAZIONI PER L UTILIZZO DEI PRODOTTI CHIMICI DI USO QUOTIDIANO, PER LA SALVAGUARDIA DELLA SALUTE E DELL AMBIENTE INDICAZIONI PER L UTILIZZO DEI PRODOTTI CHIMICI DI USO QUOTIDIANO, PER LA SALVAGUARDIA DELLA SALUTE E DELL AMBIENTE www.leroymerlin.it www.minambiente.it/pagina/reach 1 ACCORDO VOLONTARIO TRA IL MINISTERO

Dettagli

PROCHIMICA VARESE SRL

PROCHIMICA VARESE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCHIMICA VARESE SRL 1. IDENTIFICAZIONE 1.1 Nome commerciale : Acido P-TOLUENSOLFONICO 97% MIN. Servizio assistenza : Interno 1.2 Fornitore : PROCHIMICA VARESE SRL VIA MERANO 19-21100

Dettagli

SCHEDA DATI DI SICUREZZA

SCHEDA DATI DI SICUREZZA SCHEDA DATI DI SICUREZZA 1. Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificazione del prodotto Denominazione Numero Registrazione PROMAT - Kulermar sstraat 1 B-1880 Kapelle

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA CERE ALLA CITRONELLA SANDOKAN

SCHEDA DI SICUREZZA CERE ALLA CITRONELLA SANDOKAN SCHEDA DI SICUREZZA CERE ALLA CITRONELLA SANDOKAN Data: aprile 2010 1. Identificazione del preparato e della Società/Impresa 1.1.1 Identificazione del preparato: Cere alla Citronella 1.1.2. Tipologia del

Dettagli

I.I.S. BODONI - PARAVIA LA SICUREZZA NEL LABORATORIO DIDATTICO DI CHIMICA E TECNOLOGIA FOTOGRAFICA

I.I.S. BODONI - PARAVIA LA SICUREZZA NEL LABORATORIO DIDATTICO DI CHIMICA E TECNOLOGIA FOTOGRAFICA 1 di 15 LA SICUREZZA NEL LABORATORIO DIDATTICO DI CHIMICA E TECNOLOGIA FOTOGRAFICA Vademecum per gli studenti in ottemperanza al D.L. 81/2008 2 di 15 Queste note pratiche presentando i rischi che si incontrano

Dettagli

Schiuma Antifuoco PUFS 750 (B1) Art. F3892 140

Schiuma Antifuoco PUFS 750 (B1) Art. F3892 140 SCHEDA DATI DI SICUREZZA redatta in conformità alla direttiva 91/155/CE e successive modifiche e integrazioni Schiuma Antifuoco PUFS 750 (B1) Art. F3892 140 1. Elementi identificativi della sostanza o

Dettagli

SCHEDA DEI DATI DI SICUREZZA CALCESTRUZZI PRECONFEZIONATI MARIOTTI CALCESTRUZZI SRL

SCHEDA DEI DATI DI SICUREZZA CALCESTRUZZI PRECONFEZIONATI MARIOTTI CALCESTRUZZI SRL Pagina 1 di 9 1. INFORMAZIONI GENERALI: IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DEL PRODOTTO 1.1 IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO Conglomerato cementizio fresco, prima dell indurimento. In base alla diversa miscelazione

Dettagli

PEARL VIA F.LLI CERVI 75 50010 CAMPI B.ZIO (FI)

PEARL VIA F.LLI CERVI 75 50010 CAMPI B.ZIO (FI) 50010 CAMPI B.ZIO (FI) SCHEDA DI SICUREZZA White Pearl 10.01.2006 1. Identificazione del prodotto e Ragione Sociale Indicazione del prodotto: Nome commerciale: Codice Commerciale: Tipo di prodotto ed impiego:

Dettagli

SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA PANNI ASSORBENTI IN POLIPROPILENE

SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA PANNI ASSORBENTI IN POLIPROPILENE Data ultima revisione 02-2013 SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA In conformità con il regolamento (CE) n. 453/2010 SEZIONE 1: IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA O DELLA MISCELA E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA 1.1. Identificatore

Dettagli

SCHEDA DATI DI SICUREZZA

SCHEDA DATI DI SICUREZZA pagina 1/5 Beauty ortho B Data di stampa: 5 ottobre 2015 1. Identificazione della sostanza/miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto Nome commerciale: Beauty Ortho B 1.2 Utilizzi

Dettagli

AZIENDA PER L ASSISTENZA SANITARIA N. 2 Bassa Friulana-Isontina

AZIENDA PER L ASSISTENZA SANITARIA N. 2 Bassa Friulana-Isontina AZIENDA PER L ASSISTENZA SANITARIA N. 2 Bassa Friulana-Isontina RISCHIO DA AGENTI CANCEROGENI / AMIANTO E REGOLAMENTI REACH e CLP L evoluzione dell etichettatura con il Regolamento CLP Ospedale San Polo

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA MATERIALE Conforme al Regolamento Europeo N 453/2010 Uso dentale

SCHEDA DI SICUREZZA MATERIALE Conforme al Regolamento Europeo N 453/2010 Uso dentale 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA 1.1 Identificazione del prodotto Codice Prodotto: JX/10065 Denominazione Prodotto: Descrizione prodotto: Composito fluido 1.2 Usi pertinenti

Dettagli

CLP: le nuove regole per la classificazione, l etichettatura e l imballaggio dei prodotti chimici. Dott. chimico Giuliano Marchetto

CLP: le nuove regole per la classificazione, l etichettatura e l imballaggio dei prodotti chimici. Dott. chimico Giuliano Marchetto CLP: le nuove regole per la classificazione, l etichettatura e l imballaggio dei prodotti chimici Dott. chimico Giuliano Marchetto REGOLAMENTO CLP Perché il ( CLP ) GHS Sostanza X: tossicità acuta orale

Dettagli

Sostanze chimiche pericolose: classificazione ed etichettatura

Sostanze chimiche pericolose: classificazione ed etichettatura Eva Pietrantonio Fulvio D Orsi Sostanze chimiche pericolose: classificazione ed etichettatura Come cambia la regolamentazione delle sostanze pericolose dalla direttiva 67/548/CEE al Regolamento 1907/2006

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA Secondo il Regolamento europeo 1907/2006/CE

SCHEDA DI SICUREZZA Secondo il Regolamento europeo 1907/2006/CE 1/6 Secondo il Regolamento europeo 1907/2006/CE 1 - Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Denominazione commerciale: ACIDE D,L-MALIQUE Impiego: Preparato per uso enologico

Dettagli

Giornata di informazione sulla sicurezza sul lavoro. Il rischio chimico

Giornata di informazione sulla sicurezza sul lavoro. Il rischio chimico Il rischio chimico Tutte le sostanze sono dei veleni Non vi è nulla che non sia un veleno La giusta dose differenzia un veleno da un rimedio (Paracelso 1500) Rischio chimico Misure generali per la protezione

Dettagli

VIROXID Spray Disinsettante Superfici CONCENTRATO Dispositivo Medico CE 0546

VIROXID Spray Disinsettante Superfici CONCENTRATO Dispositivo Medico CE 0546 SEZIONE 1: IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/MISCELA E DELLA SOCIETÀ/DELL'IMPRESA 1.1. Identificatore del prodotto Nome del prodotto Viroxid Spray Disinfettante concentrato in cartucce senza alcool (070101)

Dettagli

Protocollo SAFE. Elettroforesi Verticale su gel di acrilamide a concentrazione crescente di denaturanti condotta in parallelo

Protocollo SAFE. Elettroforesi Verticale su gel di acrilamide a concentrazione crescente di denaturanti condotta in parallelo Scopo Protocollo SAFE Elettroforesi Verticale su gel di acrilamide a concentrazione crescente di denaturanti condotta in parallelo Separazione di frammenti di DNA in funzione della sequenza Reagenti 1.

Dettagli

Sommario. 2. Classificazione dei gas: caratteristiche, rischi, precauzioni.

Sommario. 2. Classificazione dei gas: caratteristiche, rischi, precauzioni. Sommario 1. Cos è un gas: definizione, proprietà. 2. Classificazione dei gas: caratteristiche, rischi, precauzioni. 3. Schede di sicurezza: prodotto, composizione, identificazione pericoli, etc. 4. Pressurizzazione

Dettagli

SCHEDA DATI DI SICUREZZA DETONATORI DAVEYNEL

SCHEDA DATI DI SICUREZZA DETONATORI DAVEYNEL SCHEDA DATI DI SICUREZZA DETONATORI DAVEYNEL SEZIONE 1: IDENTIFICAZIONE DEL MATERIALE E DEL FORNITORE 1.1 Identificazione del prodotto: Detonatori non-elettrici con tubo ad onda d urto (serie 42000) Detonatori

Dettagli

Scheda di sicurezza CANDOGEN 2B SCHEDA DI SICUREZZA

Scheda di sicurezza CANDOGEN 2B SCHEDA DI SICUREZZA SCHEDA DI SICUREZZA 1.0 IDENTIFICAZIONE PRODOTTO E SOCIETA' 1.1 Nome commerciale 1.2 Impieghi Riducente per l industria tessile. 1.3 Produttore ed assistenza DATT CHIMICA SRL Via Clerici, 16 22070 Bulgarograsso

Dettagli

LABORATORIO CHIMICO SICUREZZA. Cause di incidenti in laboratorio. Distrazione. Troppa sicurezza di sè. Insipienza. Incoscienza

LABORATORIO CHIMICO SICUREZZA. Cause di incidenti in laboratorio. Distrazione. Troppa sicurezza di sè. Insipienza. Incoscienza LABORATORIO CHIMICO Attrezzature e sicurezza SICUREZZA l laboratorio di chimica è un luogo potenzialmente pericoloso per la propria incolumità e per quella degli altri. Questo non significa che bisogna

Dettagli

: Mr Muscolo Idraulico gel

: Mr Muscolo Idraulico gel 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/ MISCELA E DELLA SOCIETÀ/DELL'IMPRESA Informazioni sul prodotto Nome del prodotto Utilizzazione della sostanza/della miscela : : Disingorgante Società : S.C. Johnson Italy

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

Classificazione ed etichettatura come strumenti di valutazione e comunicazione del pericolo: il Regolamento CLP e prime applicazioni

Classificazione ed etichettatura come strumenti di valutazione e comunicazione del pericolo: il Regolamento CLP e prime applicazioni 12 a GIORNATA della SICUREZZA sul LAVORO VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO ai sensi del D.Lgs. 81/08 Stato dell arte e prospettive Classificazione ed etichettatura come strumenti di valutazione e comunicazione

Dettagli

Scheda dati di sicurezza 1907/2006/CE

Scheda dati di sicurezza 1907/2006/CE Scheda dati di sicurezza 1907/2006/CE 1. Identificazione della sostanza e della società 1.1. Identificazione della sostanza o preparato: Idrossiprogesterone 17-Caproato 1.2. Identificazione della società:

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA 1 IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA PRODUTTRICE

SCHEDA DI SICUREZZA 1 IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA PRODUTTRICE AF SCHEDA DI SICUREZZA Preparato da: s.r.l. Data revisione: 03 giugno 2008 Numero revisione: 01 Revisione precedente: 03 settembre 2003 Stato del documento: Definitivo 1 IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza ---------------------------------------------------------------------------------

Scheda Dati di Sicurezza --------------------------------------------------------------------------------- Pagina: 1/6 OSSIGENO Data: 27-09-2010 Etichetta 2.2: Gas non infiammabile non tossico Etichetta 5.1: Sostanze comburenti PERICOLO 1-IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA / IMPRESA. Prodotto

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza

Scheda di dati di sicurezza Pagina 1 di 5 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto Ulteriori nome commerciale Numero di materiale: 160-401-00, 160-402-00,

Dettagli

Informazioni sulla sicurezza nel Laboratorio di Chimica

Informazioni sulla sicurezza nel Laboratorio di Chimica Informazioni sulla sicurezza nel Laboratorio di Chimica (traccia gentilmente concessa da ITIS E. Fermi Bassano del Grappa) (Rielaborato da ITIS De Pretto Schio) Lo studente ha il DIRITTO di essere informato

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione secondo l allegato I: Sodio Clorato 1.2 Nome della societá o ditta:

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA Secondo direttiva 1907/2006/CE

SCHEDA DI SICUREZZA Secondo direttiva 1907/2006/CE SCHEDA DI SICUREZZA Secondo direttiva 1907/2006/CE Pagina: 1 di 6 Doc. N 429937 rev.0 Data di preparazione: 12/11/2014 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA O DELLA MISCELA E DELLA SOCIETÀ/ IMPRESA 1.1 Identificatori

Dettagli

CODICI IDENTIFICATIVI PER IL TRASPORTO Dl MERCI PERICOLOSE PER FERROVIA O PER STRADA

CODICI IDENTIFICATIVI PER IL TRASPORTO Dl MERCI PERICOLOSE PER FERROVIA O PER STRADA Allegato 2.A CODICI IDENTIFICATIVI PER IL TRASPORTO Dl MERCI PERICOLOSE PER FERROVIA O PER STRADA Il trasporto di materiali per strada o per ferrovia richiede, in caso di necessità (incidente o altro),

Dettagli

SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA ai sensi del regolamento (UE) n 453/2010

SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA ai sensi del regolamento (UE) n 453/2010 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto Nome commerciale: FP CANDEGGINA CLASSICA ml 2000 Tipologia chimica: miscela 1.2. Usi pertinenti

Dettagli

SCHEDA DATI DI SICUREZZA

SCHEDA DATI DI SICUREZZA Pagina: 1 Data di compilazione: 20.05.2014 N revisione: 1 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto Nome del prodotto: Codice di

Dettagli

L A B O R A T O R I N A Z I O N A L I D I FRAS C A T I

L A B O R A T O R I N A Z I O N A L I D I FRAS C A T I L A B O R A T O R I N A Z I O N A L I D I FRAS C A T I DOC-LNF-0000546 Marzo 2005 NORME PER L'UTILIZZO DI GAS COMPRESSI NEI LNF I Definizioni DOC-LNF-0000546 BOMBOLE: recipienti a pressione per gas o liquidi

Dettagli

1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA PRODUTTRICE. Polvere disperdibile per uso in bagni podali per ruminanti

1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA PRODUTTRICE. Polvere disperdibile per uso in bagni podali per ruminanti 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA PRODUTTRICE Nome Kling-on Blue Descrizione Fornitore Polvere disperdibile per uso in bagni podali per ruminanti Forum Products Ltd 41 51 Brighton Road Redhill

Dettagli

Istruzioni per l uso IVD Matrix HCCA-portioned

Istruzioni per l uso IVD Matrix HCCA-portioned Istruzioni per l uso IVD Matrix HCCA-portioned Matrice purificata per spettrometria di massa a tempo di volo con desorbimento e ionizzazione laser assistita da matrice (MALDI-TOF-MS). I prodotti CARE sono

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/10 Denominazione commerciale: POLIFIM B2

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/10 Denominazione commerciale: POLIFIM B2 Pagina: 1/ 5 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA ml.750 Articolo numero: art.05606 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Schiuma poliuretanica ad uso manuale e

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 30% in metanolo PS 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Sodio Metilato soluzione 30% in metanolo 1.2 Nome

Dettagli

Linea Guida Assogastecnici per la redazione di Etichette e Schede di Dati di Sicurezza per i gas puri di principale interesse del settore

Linea Guida Assogastecnici per la redazione di Etichette e Schede di Dati di Sicurezza per i gas puri di principale interesse del settore Linea Guida Assogastecnici per la redazione di Etichette e Schede di Dati di Sicurezza per i gas puri di principale interesse del settore A cura del Comitato Etichettatura di Assogastecnici Edizione maggio

Dettagli