Utilizzo della Classificazione ICF Esperienza della Regione Lazio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Utilizzo della Classificazione ICF Esperienza della Regione Lazio"

Transcript

1 Utilizzo della Classificazione ICF Esperienza della Regione Lazio ICF, OUTCOME e RIABILITAZIONE Perugia, 24 giugno 2011 Gabriella Guasticchi - Rita De Giuli

2 Perché l ICF nel Sistema Informativo per l Assistenza Riabilitativa della Regione Lazio (1) L utilizzo dell ICF nell ambito del Sistema Informativo per l Assistenza Riabilitativa (SIAR) nasce dall idea di avvalersi di nuovi strumenti per meglio descrivere la popolazione inserita nei percorsi riabilitativi, definita in funzione della classificazione nosologica, della limitazione funzionale, in carenza di informazioni circa i bisogni; bisogni spesso complessi, per il soddisfacimento dei quali occorrono risposte articolare e armonizzate.

3 Perché l ICF nel Sistema Informativo per l Assistenza Riabilitativa della Regione Lazio (2) L obiettivo era quello di porre l accento sulla persona. E in questa fase di riflessione, abbiamo incontrato sulla nostra strada l ICF che ci ha lanciato, con linguaggio chiaro, il messaggio secondo cui era possibile descrivere non la malattia o le sue conseguenze ma il funzionamento della persona in relazione al suo contesto La comprensione degli aspetti sanitari e ambientali è di particolare importanza per pianificare e monitorare gli interventi Trasformazione della descrizione in presa di coscienza, in riflessione che impone cambiamento, revisione, innovazione

4 Perché l ICF nel Sistema Informativo per l Assistenza Riabilitativa della Regione Lazio (3) Bisogni complessi Risposte articolate Processi complessi e protratti nel tempo, coinvolgenti Professionalità caratterizzate da linguaggi diversi e Stakeholders eterogenei - Interventi articolati e armonizzati, centrati sui bisogni e sulle caratteristiche funzionali della persona, comprensivi di azioni dirette e indirette - Approcci globali ed ecologici

5 Per fornire risposte articolate. Conoscere la persona con disabilità elementi di Menomazione elementi di limitazione delle Attività elementi di restrizione nella Partecipazione Utilizzare lo stesso linguaggio Il Modello bio-psico-sociale dell ICF presentato proprio nel periodo in cui si pensava alla realizzazione del primo Sistema Informativo regionale nell area dell assistenza riabilitativa alle persone con disabilità, ci sembrava lo strumento adeguato, anzi la sfida funzioni e strutture del corpo - attività - partecipazione (corpo) (persona) (ambiente)

6 Sistema Informativo per l Assistenza Riabilitativa -1^ fase Attivazione: 1 gennaio 2003 Modalità di raccolta dati: on line Unità di riferimento: progetto riabilitativo individualizzato Dati clinici Dati anagrafici Diagnosi Valutazione dell autonomia Classificazione disabilità (ICF - International Classification of Functioning, Disability and Health)

7 SIAR ICF checklist Codici ICF Checklist (incluso l esame del grado di menomazione/limitazione/restrizione che la disabilità descritta comporta) Checklist base (OMS 2003) (dal settembre 2004) Checklist = selezione di codici effettuata dall OMS dal testo integrale che consente un utilizzo veloce, affidabile, coerente. 24 campi previsti 6 per ogni dominio b, funzioni s, strutture d, attività/partecipazione e, fattori ambientali tutte le dimensioni della classificazione solo le informazioni rilevanti solo informazioni esplicite Tutti i codici sono completati dai qualificatori (2 per ogni dominio, tranne nei domini b ed e in cui il qualificatore è 1)

8 Sistema Informativo per l Assistenza Riabilitativa - 2^ fase L analisi dei dati relativi alla prima fase di sperimentazione ha mostrato: quanto la ICF-Checklist utilizzata fosse in grado di fornire un immagine complessiva, una mappa generale dei bisogni delle persone in trattamento quanto la ICF-Checklist utilizzata fosse carente nel descrivere l esperienza di disabilità delle persone con disabilità intellettiva (per insufficienza delle categorie proposte) Perché l attenzione sulla Disabilità intellettiva:. Impegna lungo tutte le fasi del ciclo di vita. Accumulo progressivo di problematiche (cliniche e policronicità). Ricorsività persistente dei bisogni. Impatto notevole sulla famiglia e sulla comunità

9 Sistema Informativo per l Assistenza Riabilitativa - 2^ fase Gruppo di lavoro coordinato da Laziosanità si è posto il compito di ampliare la Checklist OMS, ovvero di individuare categorie ICF maggiormente specifiche per la disabilità intellettiva e maggiormente adeguate alla definizione degli obiettivi riabilitativi nello specifico setting OMS suggerisce di integrare i codici presenti e selezionati nella Checklist originale con codici ulteriori, purché sia rispettata la sua struttura gerarchica.

10 ICF Checklist RM: codici aggiuntivi b1. FUNZIONI MENTALI b122 Funzioni psicosociali globali b126 Funzioni del temperamento e della personalità b147 Funzioni psicomotorie b160 Funzioni del pensiero b172 Funzioni del calcolo b176 Funzione mentale di sequenza di movimenti complessi b180 Funzioni dell esperienza del tempo e di sé b2. FUNZIONI SENSORIALI E DOLORE - b3. FUNZIONI DELLA VOCE E DELL ELOQUIO b320 Funzioni dell articolazione della voce b330 Funzioni della fluidità e del ritmo dell eloquio b4. FUNZIONI SIST.CARDIOVASCOLARE,EMATOLOGICO,IMMUNOLOGICO E APP. RESPIR. b415 Vasi sanguigni b445 Funzione del muscolo respiratorio b5. FUNZIONI DELL APPARATO DIGERENTE E DEI SISTEMI METABOLICO ED ENDOCRINO b510 Funzioni di ingestione b6. FUNZIONI GENITOURINAIRE E RIPRODUTTIVE b650 Funzioni mestruali b7. FUNZIONI NEURO-MUSCOLOSCHELETRICHE E CORRELATE AL MOVIMENTO b715 Funzioni della stabilità dell articolazione b770 Funzioni del pattern dell andatura b8. FUNZIONI DELLA CUTE E DELLE STRUTTURE CORRELATE -

11 ICF Checklist RM: codici aggiuntivi d1. APPRENDIMENTO E APPLICAZIONE DELLE CONOSCENZE d155 Acquisizione di abilità d160 Focalizzare l attenzione d163 Pensiero d177 Prendere decisioni d2. COMPITI E RICHIESTE GENERALI d230 Eseguire la routine quotidiana d240 Gestire la tensione e altre richieste di tipo psicologico d3. COMUNICAZIONE d320 Comunicare con - ricevere - messaggi nel linguaggio dei segni d325 Comunicare con - ricevere - messaggi scritti d4. MOBILITÀ d410 Cambiare la posizione corporea di base d460 Spostarsi in diverse collocazioni d5. CURA DELLA PROPRIA PERSONA d6. VITA DOMESTICA d610 Procurarsi un posto in cui vivere d7. INTERAZIONI E RELAZIONI INTERPERSONALI d8. AREE DI VITA PRINCIPALI d840 Apprendistato (addestramento al lavoro) d855 Lavoro non retribuito d9. VITA SOCIALE, CIVILE E DI COMUNITÀ

12 ICF Checklist RM: codici aggiuntivi e1. PRODOTTI E TECNOLOGIA e130 Prodotti e tecnologia per l Istruzione e135 Prodotti e tecnologia per il lavoro e140 Prodotti e tecnologia per la cultura, la ricreazione e lo sport e2. AMBIENTE NATURALE E CAMBIAMENTI EFFETTUATI DALL UOMO - e3. RELAZIONI E SOSTEGNO SOCIALE e315 Famiglia allargata e345 Estranei e350 Animali domestici e4. ATTEGGIAMENTI e415 Atteggiamenti individuali dei componenti della famiglia allargata e425 Atteggiamenti individuali di conoscenti, colleghi, vicini di casa e membri della comunità e445 Atteggiamenti individuali di estranei e5. SERVIZI, SISTEMI E POLITICHE e530 Servizi, sistemi e politiche di pubblica utilità (serv.sanitari, serv.pubblici, servizi essenziali) e555 Servizi, sistemi e politiche delle associazioni e delle organizzazioni e560 Servizi, sistemi e politiche dell economia (politiche dell economia)

13 Differenze ICF checklist: grado di compilazione per dominio % 60 strutture corporee (s) Check-base check-rm % 60 funzioni corporee (b) Check-base check-rm Numero categorie 0 Numero categorie % 60 attività e partecipazione (d) Check-base check-rm % 60 fattori ambientali (e) Check-base check-rm Numero 3 categorie Numero 3 categorie 4 5 6

14 Differenze: Funzioni Corporee, codici al 2 livello di dettaglio b117 b152 b140 b167 b130 b114 b735 b164 b710 b730 b210 b144 b126 b530 b147 b765 b160 b156 b122 b110 b310 b320 b555 b230 b770 b620 f. temperamento e personalità f. psicomotorie f. del pensiero f. psicosociali globali f. articolazione voce f. pattern andatura Check-base Check-RM

15 Differenze: Strutture Corporee, codici al 2 livello di dettaglio s110 Check-base Check-RM s760 s750 s2 s730 s5 s710 s740 s410 s720 s3 s8 s610 s430 s630 s

16 Differenze: Attività e partecipazione, codici al 2 livello di dettaglio d210 d220 d330 d350 d510 d520 d720 d750 d910 d920 3,9 6,5 7,5 6,1 9,5 11,1 13,4 15,4 18,6 15,4 20,2 19,2 20,8 25,8 28,2 26,5 50,1 44,2 d210 Compito singolo vs. d220 Compito articolato 35 38,2 check d330 Parlare vs. d350 Conversare d750 Relazioni informali d910 Vita nella comunità check-rm %

17 Differenze: Fattori Ambientali, codici al 2 livello di dettaglio e310 Check-base Check-RM e355 e110 e340 e580 e360 serv./sist. politiche sanitarie persone che forniscono aiuto/assistenza e570 e410 e450 e120 e325 e115 e575 e440 e320 e550 serv./sist. politiche legali e125 e

18 ICF Checklist RM: esito dell adozione dei nuovi codici L adozione dei nuovi codici nell ambito dal SIAR, (dal marzo 2009) ha consentito di migliorare la performance dello strumento che, descrivendo in maniera più specifica punti di forza e punti di debolezza (i bisogni complessi) si è dimostrato un valido supporto alla predisposizione di progetti riabilitativi definibili sempre più come progetti di vita punti di forza Fotografia dei per l individuazione punti di debolezza delle strategie operative Finalizzate a PERCORSI DI INCLUSIONE

19 SIAR anno 2010 Utenti prevalenti anno 2010, per regime assistenziale età > 18 anni Regime assistenziale N % Residenziale ,8 Semiresidenziale ,6 Ambulatoriale ,7 Domiciliare ,9 77,6% Totale ,0 Età evolutiva (0-17 anni) (28,5%) Nella quasi totalità in regime ambulatoriale

20 SIAR e ICF anno 2010 Utenti prevalenti anno Età evolutiva (0-17 anni) (28,5%) Adulti ( 18 anni) (71,4%) Sezione ICF compiiata (tutti i domini esplorati, almeno 1 codice per ogni dominio) (71,8%) % ,9 18+ Non obbligatorietà della registrazione nel SIAR del profilo di funzionamento ICF ,1 non compilato compilato

21 SIAR e ICF Utenti Età adulta con profilo ICF compilato Un esempio di descrizione Diagnosi prevalenti, Regime ambulatoriale e Domiciliare Codice ICD9-CM Descrizione N 342 Emiplegia e Emiparesi Altre sindromi paralitiche Sclerosi multipla Disturbi non inf. vasi linfatici Sintomi sistema nervoso e osteomuscolare 370 (476 domicilio)

22 SIAR e ICF condizione di salute (Sclerosi Multipla) e limitazione funzionale Ambulatorio f.vestibolari Dolore Mobilità artic. Forza Tono musc. Domicilio Intelletto Linguaggio Mobilità artic. Forza musc. Tono musc.

23 Primo Qualificatore Scala di Gravità xxx.0 NESSUN problema la persona non ha alcun problema xxx.1 problema LIEVE - il problema è presente meno del 25% del tempo, ha un intensità che l individuo tollera e si presenta raramente negli ultimi 30 giorni xxx.2 problema MEDIO - il problema è presente meno del 50% del tempo, con un intensità che interferisce nella vita quotidiana e accade occasionalmente negli ultimi 30 giorni xxx.3 problema GRAVE - il problema è presente per più del 50% del tempo, con un intensità parzialmente disturbante nella vita quotidiana e accade frequentemente negli ultimi 30 giorni xxx.4 problema COMPLETO - il problema è presente per più del 95% del tempo, con un intensità totalmente disturbante nella vita quotidiana e che accade ogni giorno negli ultimi 30 giorni xxx.8 non specificato - informazioni insufficienti per specificare la gravità del problema xxx.9 non applicabile - inappropriato applicare un particolare codice

24 SIAR e ICF condizione di salute (Sclerosi Multipla) e Attività & Partecipazione Conteggio medio item con qualific 1,2,3,4 Ambulatorio d4 mobilità (d450, d440) Domicilio

25 SIAR e ICF condizione di salute (Sclerosi Multipla) e Fattori ambientali Conteggio medio item con qualific 1,2,3,4 Ambulatorio e3 relazioni e sostegno sociale (e355) Domicilio

26 SIAR e ICF Utenti Età evolutiva con profilo ICF compilato Un esempio di descrizione Diagnosi prevalenti, Regime ambulatoriale Codice ICD9-CM Descrizione N 315 Disturbo specifico sviluppo Ritardo mentale Paralisi cerebrale infantile 628

27 SIAR e ICF condizione di salute e limitazione funzionale RM, Età anni Ambulatorio Intelletto Emozionali Attenzione Cognitivo super. Linguaggio 1=difficoltà lieve 2=difficoltà media 3=difficoltà grave 4=difficoltà completa

28 SIAR e ICF - condizione di salute - Attività & Partecipazione Fattori ambientali % Performance Capacità Capacità - % 60 RM, Età anni Facilitatori - Barriere performance capacità 10 0=nessuna difficoltà 0=nessuna barriera/facilit. 1=difficoltà lieve 1=facilitatore/barriera lieve 2=difficoltà media 2=facilitatore/barriera media 3=difficoltà grave 3=facilitatore/barriera sost. 4=difficoltà completa 4=facilitatore/barriera compl Facilitatori Barriere

29 Dal confronto con gli utilizzatori: le opportunità avere una griglia di riferimento, ordinata per sistemi e componenti documentare il processo riabilitativo/abilitativo/educativo tendere sempre più alla misurazione e alla valutazione avere un traduttore universale di assessment specialistici utilizzare un linguaggio scientifico condiviso migliorare la comunicazione all interno della filiera migliorare il lavoro di équipe migliorare il lavoro di rete - visione dei servizi in chiave integrata Stimolo a prendere in considerazione le Attività & la Partecipazione fin dalla programmazione dell intervento e aspetti (e contesto) della vita della persona troppo spesso non osservati con la dovuta attenzione.

30 Sistema Informativo per l Assistenza Riabilitativa - 3^ fase Possibilità di delineare il profilo di funzionamento della persona adulta disponendo di tutti i codici del Manuale ICF adulti Revisione del SIAR specificità età adulta specificità età evolutiva Possibilità di delineare il profilo di funzionamento del bambino/adolescente disponendo di tutti i i codici del Manuale ICF-CY e della Classificazione nosologica ICD10

31

L attività riabilitativa estensiva e di mantenimento nel Lazio Progetti avviati nel 2004

L attività riabilitativa estensiva e di mantenimento nel Lazio Progetti avviati nel 2004 Sistema Informativo per l Assistenza Riabilitativa L attività riabilitativa estensiva e di mantenimento nel Lazio Progetti avviati nel 2004 Roma, 15 luglio 2005 La Classificazione Internazionale del Funzionamento,

Dettagli

DOMINI / AREE PRINCIPALI CLASSIFICAZIONE ICF-CY (OMS, 2007)

DOMINI / AREE PRINCIPALI CLASSIFICAZIONE ICF-CY (OMS, 2007) DOMINI / AREE PRINCIPALI CLASSIFICAZIONE ICF-CY (OMS, 2007) Capitolo 1 Funzioni mentali FUNZIONI CORPOREE Funzioni mentali globali (b110-b139) b110 Funzioni della coscienza b114 Funzioni dell orientamento

Dettagli

ICF : approccio educativo. Elisabetta Ghedin Facoltà di Scienze della Formazione

ICF : approccio educativo. Elisabetta Ghedin Facoltà di Scienze della Formazione ICF : approccio educativo Elisabetta Ghedin Facoltà di Scienze della Formazione LINEE GUIDA PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITA L ICF sta penetrando nelle pratiche di diagnosi condotte

Dettagli

ICF a scuola Indicazioni operative

ICF a scuola Indicazioni operative UST Cremona In collaborazione con CTS Cremona ICF a scuola Indicazioni operative Paola Romagnoli a.s. 2013-2014 Che cos è l ICF? È un sistema di classificazione multidisciplinare, innovativo per impostazione,

Dettagli

Dr Matilde Leonardi Co-Chair WHO-ICF children group Coordinatore Scientifico Progetto ICF in Italia Responsabile Progetto Disabilità INN CB

Dr Matilde Leonardi Co-Chair WHO-ICF children group Coordinatore Scientifico Progetto ICF in Italia Responsabile Progetto Disabilità INN CB L ICF e la sua filosofia Bolzano 18 novembre 2004 Dr Matilde Leonardi Co-Chair WHO-ICF children group Coordinatore Scientifico Progetto ICF in Italia Responsabile Progetto Disabilità INN CB IRCCS Istituto

Dettagli

Presentazione del Rapporto. L attività riabilitativa estensiva e di mantenimento nel Lazio Anno 2005

Presentazione del Rapporto. L attività riabilitativa estensiva e di mantenimento nel Lazio Anno 2005 Presentazione del Rapporto L attività riabilitativa estensiva e di mantenimento nel Lazio Anno 2005 Centro Congressi Fondazione S. Lucia Roma, 7 giugno 2006 Il SIAR e la classificazione ICF M.Letizia Giarrizzo

Dettagli

A cura del Prof. Antonio Pignatto. ANTIFORMA S.r.l. Via M. Aurelio, 55 Milano Tel: 02 28.97.02.49 www.antiforma.it

A cura del Prof. Antonio Pignatto. ANTIFORMA S.r.l. Via M. Aurelio, 55 Milano Tel: 02 28.97.02.49 www.antiforma.it I BISOGNI DEL PAZIENTE AUDIOLESO, TRA SALUTE E DISABILITA A cura del Prof. Antonio Pignatto ANTIFORMA S.r.l. Via M. Aurelio, 55 Milano Tel: 02 28.97.02.49 www.antiforma.it ICF Un nuovo membro della famiglia

Dettagli

ICF e INCLUSIONE. Heidrun Demo, PhD Libera Università di Bolzano. Erba 20 ottobre 2011

ICF e INCLUSIONE. Heidrun Demo, PhD Libera Università di Bolzano. Erba 20 ottobre 2011 ICF e INCLUSIONE Heidrun Demo, PhD Libera Università di Bolzano Erba 20 ottobre 2011 CHE COS E L INCLUSIONE? Quali alunni riguarda? Che interventi richiede? Che risorse chiede di attivare? E diversa dall

Dettagli

ICF DALLA CONDIVISIONE DEL LINGUAGGIO, ALL OSSERVAZIONE PARTECIPATA

ICF DALLA CONDIVISIONE DEL LINGUAGGIO, ALL OSSERVAZIONE PARTECIPATA La rivoluzione dell ICF: ogni persona, in qualunque momento della vita, può avere una condizione di salute che in un contesto sfavorevole diventa disabilità. M. Leonardi ICF DALLA CONDIVISIONE DEL LINGUAGGIO,

Dettagli

Approfondimenti su I C F C Y: Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute

Approfondimenti su I C F C Y: Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute Approfondimenti su I C F C Y: Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute La funzione generale della classificazione ICF è quella di fornire un linguaggio standard

Dettagli

NUOVE TECNOLOGIE E DISABILITÀ: DAL DIRE AL FARE

NUOVE TECNOLOGIE E DISABILITÀ: DAL DIRE AL FARE NUOVE TECNOLOGIE E DISABILITÀ: DAL DIRE AL FARE Dir. Min.27/12/2012 STRUMENTI D INTERVENTO PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI E ORGANIZZAZIONE TERRITORIALE PER L INCLUSIONE SCOLASTICA Fondandosi

Dettagli

ICF CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE

ICF CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE ICF CLASSIFICAZIONE INTERNATIONAL CLASSIFICATION OF FUNCTIONING, DISABILITY AND HEALTH INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE COMMISSIONE DISAGIO E DISABILITÀ A. S. 2010- PREMESSA

Dettagli

Pescara 2 dicembre 2011 Dott.ssa Monica Pradal - pedagogista

Pescara 2 dicembre 2011 Dott.ssa Monica Pradal - pedagogista VERSO UNA SCUOLA INCLUSIVA DALL ICF AL PEI Pescara 2 dicembre 2011 Dott.ssa Monica Pradal - pedagogista CHE COS E L ICF? Un modello concettuale di approccio globale al funzionamento della persona, che

Dettagli

GLOSSARIO TERMINI ICF E AAMR CON SUGGERIMENTI PER IL LORO UTILIZZO. ATTIVITA & PARTECIPAZIONE (ICF 2001)...pg 2. CAPACITA (ICF 2001)...

GLOSSARIO TERMINI ICF E AAMR CON SUGGERIMENTI PER IL LORO UTILIZZO. ATTIVITA & PARTECIPAZIONE (ICF 2001)...pg 2. CAPACITA (ICF 2001)... GLOSSARIO TERMINI ICF E AAMR CON SUGGERIMENTI PER IL LORO UTILIZZO ATTIVITA & PARTECIPAZIONE (ICF 2001)........................pg 2 CAPACITA (ICF 2001).............................................pg 4

Dettagli

ICF ed INCLUSIONE PROF.SSA EMANUELA D AMBROS LICEO STATALE C. PORTA ERBA

ICF ed INCLUSIONE PROF.SSA EMANUELA D AMBROS LICEO STATALE C. PORTA ERBA ICF ed INCLUSIONE PROF.SSA EMANUELA D AMBROS LICEO STATALE C. PORTA ERBA La scuola oggi presenza sempre più diffusa di alunni con Bisogni Educativi Speciali. SEN SPECIAL EDUCATIONAL NEEDS Occorre ripensare

Dettagli

L ICF - Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute

L ICF - Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute L ICF - Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute CHE COS È È una classificazione della salute e dei domini ad essa correlati che aiuta a descrivere i cambiamenti

Dettagli

Prof.ssa Emanuela D Ambros Docente di sostegno Liceo Statale C.Porta, Erba. ICF.

Prof.ssa Emanuela D Ambros Docente di sostegno Liceo Statale C.Porta, Erba. ICF. Prof.ssa Emanuela D Ambros Docente di sostegno Liceo Statale C.Porta, Erba. ICF. PARTE I: modelli culturali di riferimento e principi ispiratori. PARTE II:tre parole chiave per comprendere ICF PARTE III:

Dettagli

Centro Territoriale per l Integrazione di Garda

Centro Territoriale per l Integrazione di Garda Centro Territoriale per l Integrazione di Garda CORSO DI FORMAZIONE: Strategie didattiche e organizzative per una didattica inclusiva Le applicazioni in ambito educativo del modello ICF. Relatore: Dr.ssa

Dettagli

dell International Classification of Functioning,

dell International Classification of Functioning, PROGETTO IO TI CONOSCO Presentazione dell International Classification of Functioning, Disability and Health (ICF) A cura di Giovanni Viganò - Synergia gvigano@synergia-net.it Aosta, 14 Aprile 2012 COS

Dettagli

LA DIAGNOSI FUNZIONALE SECONDO L ICFL

LA DIAGNOSI FUNZIONALE SECONDO L ICFL LA DIAGNOSI FUNZIONALE SECONDO L ICFL Dario Ianes Centro Studi Erickson Università di Bolzano www.darioianes.it 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it VALUTAZIONE O DIAGNOSI? 1. Diagnosi come corretto riconoscimento

Dettagli

ICF-CY Classificazione a un livello 51. ICF-CY Classificazione a due livelli 55. ICF-CY Classificazione dettagliata con definizioni 71

ICF-CY Classificazione a un livello 51. ICF-CY Classificazione a due livelli 55. ICF-CY Classificazione dettagliata con definizioni 71 I n d i c e ICF-CY Prefazione 9 ICF-CY Introduzione 13 1. Background 15 2. Scopi dell ICF-CY 16 3. Sviluppo dell ICF-CY 17 4. Informazioni per gli utilizzatori dell ICF-CY 22 5. Casi esemplificativi (Case

Dettagli

GLOSSARIO TERMINI ICF-CY

GLOSSARIO TERMINI ICF-CY GLOSSARIO TERMINI ICF-CY CON QUALCHE INDICAZIONE PER L UTILIZZO DELLA CLASSIFICAZIONE 1 GLOSSARIO TERMINI ICF-CY CON SUGGERIMENTI PER IL LORO UTILIZZO ATTIVITÀ & PARTECIPAZIONE (A&P)...3 CATEGORIE...4

Dettagli

Repertorio di prove personalizzate proposte dalle scuole. agli studenti con disabilità intellettiva

Repertorio di prove personalizzate proposte dalle scuole. agli studenti con disabilità intellettiva Repertorio di prove personalizzate proposte dalle scuole agli studenti con disabilità intellettiva Gruppo di lavoro Responsabile del Progetto: Lina Grossi Responsabile del Servizio nazionale di valutazione

Dettagli

PROGETTO CINQUE PETALI

PROGETTO CINQUE PETALI PROGETTO CINQUE PETALI RESPONSABILE DIRETTORE DSMDP-UONPIA DR. GIULIANO LIMONTA Dott.ssa R. Baroni, Dott. L. Brambatti, Dr. M. Rossetti Piacenza, 1 ottobre 2014 I cinque petali Famiglia UONPIA - AUSL Scuola

Dettagli

L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DALLA DIAGNOSI FUNZIONALE AL PEI- PROGETTO DI VITA. IL RUOLO DELL ICF

L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DALLA DIAGNOSI FUNZIONALE AL PEI- PROGETTO DI VITA. IL RUOLO DELL ICF L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DALLA DIAGNOSI FUNZIONALE AL PEI- PROGETTO DI VITA. IL RUOLO DELL ICF Dott.ssa Federica Bartoletti federica.bartoletti@unibo.it Tratto da un lavoro della Dott.ssa Adriana De Luca

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E DI INTEGRAZIONE DI ALUNNI DISABILI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E DI INTEGRAZIONE DI ALUNNI DISABILI Istituto Comprensivo A. Gramsci di Campalto PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E DI INTEGRAZIONE DI ALUNNI DISABILI Si tenga conto che il Protocollo è un documento che propone delle linee guida generali per gli

Dettagli

I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI POLITICHE SUI BES/SEN IN INGHILTERRA THE EDUCATION ACT, 1944 11 CATEGORIE DI DISABILITÀ WARNOCK REPORT, 1978 INTRODUCE IL TERMINE SPECIAL EDUCATIONAL NEEDS (SEN) ANNI 2000

Dettagli

1. Background. Introduzione

1. Background. Introduzione Introduzione 13 1. Background In questo volume viene presentata la versione breve 1 della Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute, nota come ICF. 2 Lo scopo generale

Dettagli

Definizione di SALUTE O.M.S.

Definizione di SALUTE O.M.S. Definizione di SALUTE O.M.S. Non solo assenza di malattia ma stato di completo benessere fisico, psicologico e sociale. Non basta quindi curare ma anche prevenire, informare, sensibilizzare, promuovere

Dettagli

Dal profilo dell'alunno alla progettazione del contesto e delle. di qualità

Dal profilo dell'alunno alla progettazione del contesto e delle. di qualità Dal profilo dell'alunno alla progettazione del contesto e delle azioni per un'inclusione scolastica di qualità Chiara Carabelli I.C. S. Fedele Intelvi Carabelli Chiara 1 indice Dalla diagnosi al profilo

Dettagli

WP7 Predisposizione strumenti condivisi da utilizzare: protocollo ICF PEI

WP7 Predisposizione strumenti condivisi da utilizzare: protocollo ICF PEI WP7 Predisposizione strumenti condivisi da utilizzare: protocollo ICF PEI Premessa: la necessità di sviluppare strumenti di valutazione basati su ICF Il livello di partecipazione alle attività scolastiche

Dettagli

Progetto GSK «TUTTI DIVERSI, TUTTI UGUALI» Non c'è nulla di più ingiusto che fare parti uguali fra diseguali (Don Milani)

Progetto GSK «TUTTI DIVERSI, TUTTI UGUALI» Non c'è nulla di più ingiusto che fare parti uguali fra diseguali (Don Milani) Progetto GSK «TUTTI DIVERSI, TUTTI UGUALI» Non c'è nulla di più ingiusto che fare parti uguali fra diseguali (Don Milani) L ICF-CY e l approccio biopsicosociale ai problemi dell educazione speciale Incontro

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

PSICOLOGIA DELL HANDICAP E DELLA RIABILITAZIONE

PSICOLOGIA DELL HANDICAP E DELLA RIABILITAZIONE PSICOLOGIA DELL HANDICAP E DELLA RIABILITAZIONE DISABILITÀ E ICF PROF. FINO BUONO SVILUPPO DEL CONCETTO DI DISABILITA DA MODELLI BASATI SUL DEFICIT A MODELLI ECOLOGICI I MODELLI MEDICI ERANO CENTRATI SULLE

Dettagli

I.C.F. IL PENSARE PEDAGOGICO DEGLI ALUNNI DISABILI* I- PREMESSE PER L INCLUSIONE SCOLASTICA. a- CARATTERISTICHE. del PERCORSO FORMATIVO

I.C.F. IL PENSARE PEDAGOGICO DEGLI ALUNNI DISABILI* I- PREMESSE PER L INCLUSIONE SCOLASTICA. a- CARATTERISTICHE. del PERCORSO FORMATIVO IL PENSARE PEDAGOGICO I.C.F. PER L INCLUSIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI DISABILI* (Dimensioni I.C.F. per il PEI) Isp. Luigi FAVRO a.s. 11/12 I- PREMESSE a- CARATTERISITCHE, FINALITA e SCANSIONI del PERCORSO

Dettagli

M1. Le definizioni di menomazione, disabilità ed handicap

M1. Le definizioni di menomazione, disabilità ed handicap L ICF è la classificazione internazionale del funzionamento della disabilità e della salute. La famiglia delle classificazioni internazionali dell OMS fornisce un modello di riferimento che consente di

Dettagli

ALUNNI CON BES! BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI! Indicazioni operative per promuovere l inclusione scolastica sulla base della normativa vigente

ALUNNI CON BES! BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI! Indicazioni operative per promuovere l inclusione scolastica sulla base della normativa vigente ALUNNI CON BES BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Indicazioni operative per promuovere l inclusione scolastica sulla base della normativa vigente Docente: Dott.ssa Cristina Elefante (insegnante, pedagogista) NUOVE

Dettagli

ALCUNE SIGLE. PDV= PROGETTO DI VITA si basa sulla

ALCUNE SIGLE. PDV= PROGETTO DI VITA si basa sulla DAL PEI AL PDV ALCUNE SIGLE PDV= PROGETTO DI VITA si basa sulla CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO, DELLA DISABILITA' E DELLA SALUTE LUNGO TUTTO L ARCO DELLA VITA (ICF) rivolto ai bambini

Dettagli

Scenario Europa: esperienze di applicazione dell ICF in contesti sociolavorativi

Scenario Europa: esperienze di applicazione dell ICF in contesti sociolavorativi Scenario Europa: esperienze di applicazione dell ICF in contesti sociolavorativi 1 Carlo Ricci (Istituto Walden di Roma e Università di Bari) Premessa L impostare una prima riflessione che metta a confronto

Dettagli

PRESENTAZIONE. On. Antonio De Poli Assessore Regionale alle Politiche Sociali, Programmazione Socio Sanitaria, Volontariato e Non Profit

PRESENTAZIONE. On. Antonio De Poli Assessore Regionale alle Politiche Sociali, Programmazione Socio Sanitaria, Volontariato e Non Profit PRESENTAZIONE Lo scenario sulla disabilità è interessato da un processo di profonda trasformazione che negli ultimi anni ha sollecitato l attenzione dei Governi, delle loro strutture operative, delle associazioni

Dettagli

L INCLUSIONE SCOLASTICA DALLA DIAGNOSI FUNZIONALE AL PEI PROGETTO DI VITA. IL RUOLO DELL ICF

L INCLUSIONE SCOLASTICA DALLA DIAGNOSI FUNZIONALE AL PEI PROGETTO DI VITA. IL RUOLO DELL ICF L INCLUSIONE SCOLASTICA DALLA DIAGNOSI FUNZIONALE AL PEI PROGETTO DI VITA. IL RUOLO DELL ICF San Remo 21 22 Dicembre 2009 Dott.ssa Federica Bartoletti federica.bartoletti@unibo.it Tratto da un lavoro della

Dettagli

COMPETENZE DIGITALI. Le digital Competence Framework mi permettono di : Esplorare nuovi contesti tecnologici in modo flessibile.

COMPETENZE DIGITALI. Le digital Competence Framework mi permettono di : Esplorare nuovi contesti tecnologici in modo flessibile. COMPETENZE DIGITALI Competenze digitali o digital skills. Un approccio in 3D, un mutamento in corso. L immersività generata dagli ambienti multimediali ci sollecitano un esigenza nuova e educabile: sviluppare

Dettagli

PROGETTARE L INTEGRAZIONE SCOLASTICA SECONDO IL MODELLO ICF. Erba 3 novembre 2011 Dott.ssa Monica Pradal - pedagogista

PROGETTARE L INTEGRAZIONE SCOLASTICA SECONDO IL MODELLO ICF. Erba 3 novembre 2011 Dott.ssa Monica Pradal - pedagogista PROGETTARE L INTEGRAZIONE SCOLASTICA SECONDO IL MODELLO ICF Erba 3 novembre 2011 Dott.ssa Monica Pradal - pedagogista WORD HEALTH ORGANIZATION WORD HEALTH ORGANIZATION ICF - CY International Classification

Dettagli

Gruppo 1 I SERVIZI PER LA NON AUTOSUFFICIENZA TRA NUOVE DINAMICHE SOCIALI E SOSTENIBILITA ECONOMICA

Gruppo 1 I SERVIZI PER LA NON AUTOSUFFICIENZA TRA NUOVE DINAMICHE SOCIALI E SOSTENIBILITA ECONOMICA Gruppo 1 I SERVIZI PER LA NON AUTOSUFFICIENZA TRA NUOVE DINAMICHE SOCIALI E SOSTENIBILITA ECONOMICA Il contesto demografico, epidemiologico e sociale Gli anziani a Cesena Aumento del 35% della popolazione

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Liguria Ufficio VI Ambito Territoriale di Imperia

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Liguria Ufficio VI Ambito Territoriale di Imperia Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Liguria Ufficio VI Ambito Territoriale di Imperia ISTITUZION SCOLASTICA ANNO SCOLASTICO...... /... PIANO DUCATIVO

Dettagli

Vladimir Kosic Assessore regionale alla salute e protezione sociale

Vladimir Kosic Assessore regionale alla salute e protezione sociale 1 Presentazione Nel luglio del 2007 l Agenzia Regionale della Sanità è stata designata dall Organizzazione Mondiale della Sanità, e confermata dal Ministero della Salute, come Centro Collaboratore per

Dettagli

Scienze riabilitative

Scienze riabilitative UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE AZIENDA ULSS 12 VENEZIANA Corso di laurea in Infermieristica a.a. 2010/2011 Corso Integrato di Disabilità Cronicità Scienze riabilitative Dott. Mag. Luigia Sangiani Fisioterapista

Dettagli

ANALISI STRUTTURATA DEL PROGETTO

ANALISI STRUTTURATA DEL PROGETTO Linea ID 0: La presa in carico della disabilità: percorsi e strutture TITOLO: Messa a regime nelle regioni italiane di un sistema di monitoraggio sullo stato di salute della popolazione anziana in particolare

Dettagli

Così nel 2002 fu creata la classificazione ICF (International Classification of Functioning and health) presentata dall OMS ed attualmente in vigore.

Così nel 2002 fu creata la classificazione ICF (International Classification of Functioning and health) presentata dall OMS ed attualmente in vigore. ICF E la risposta riabilitativa all ICD (International Classification of Disease) che ha permesso di avere un linguaggio comune su tutte le patologie ad es. un paziente che viene curato in Italia e deve

Dettagli

Le attività di base essenziali per ogni tipologia di struttura e l apporto delle diverse professionalità nel lavoro di equipe

Le attività di base essenziali per ogni tipologia di struttura e l apporto delle diverse professionalità nel lavoro di equipe I CONFERENZA DELLA REGIONE LAZIO SULLA SALUTE MENTALE. 3 sessione IL GOVERNO CLINICO IN SALUTE MENTALE Le attività di base essenziali per ogni tipologia di struttura e l apporto delle diverse professionalità

Dettagli

Giornata Europea della Logopedia,6 Marzo 2012 Libera le parole I DISTURBI DELLA FLUENZA: IL RUOLO DEL LOGOPEDISTA.

Giornata Europea della Logopedia,6 Marzo 2012 Libera le parole I DISTURBI DELLA FLUENZA: IL RUOLO DEL LOGOPEDISTA. I DISTURBI DELLA FLUENZA: IL RUOLO DEL LOGOPEDISTA CHI E IL LOGOPEDISTA? Il Logopedista è il Professionista Sanitario che, a seguito di un percorso formativo universitario, acquisisce le competenze necessarie

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO Allegato alla Delib.G.R. n. 44/ 10 del 31.10.2007 PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO Premessa L autismo, assieme agli altri disturbi pervasivi

Dettagli

Funzionamento Umano e Qualità della Vita delle Persone con Disabilità Intellettive ed Evolutive: quale contributo per i Diritti e l Inclusione sociale

Funzionamento Umano e Qualità della Vita delle Persone con Disabilità Intellettive ed Evolutive: quale contributo per i Diritti e l Inclusione sociale Funzionamento Umano e Qualità della Vita delle Persone con Disabilità Intellettive ed Evolutive: quale contributo per i Diritti e l Inclusione sociale Prof. Luigi Croce Dinamica dell integrazione Comunità:

Dettagli

PROBLEMI FISICI DEL DISABILE

PROBLEMI FISICI DEL DISABILE PROBLEMI FISICI DEL DISABILE Scale di valutazione funzionale e classificazione della disabilita Classificazione malattie (eziologia, clinica) nell ICD della Organizzazione Mondiale Sanità 1970 Non riportata

Dettagli

Progettare l integrazione Strumenti, procedure e modelli operativi

Progettare l integrazione Strumenti, procedure e modelli operativi Ufficio Scolastico Provinciale TREVISO I.R.C.C.S. E. Medea Progettare l integrazione Strumenti, procedure e modelli operativi Materiali di studio per l applicazione condivisa della Classificazione Internazionale

Dettagli

Disturbi Specifici del Linguaggio - DSL - Dott.ssa Camilla Fagetti Psicologa Psicoterapeuta

Disturbi Specifici del Linguaggio - DSL - Dott.ssa Camilla Fagetti Psicologa Psicoterapeuta Disturbi Specifici del Linguaggio - DSL - Dott.ssa Camilla Fagetti Psicologa Psicoterapeuta Novate, 20 Aprile 2015 Programma 1 parte Competenza linguistica Sviluppo linguistico Indici di riferimento Parlatori

Dettagli

PROFILO DINAMICO FUNZIONALE. 1. CONDIZIONI FISICHE (ev. Diagnosi clinica fornita alla scuola)

PROFILO DINAMICO FUNZIONALE. 1. CONDIZIONI FISICHE (ev. Diagnosi clinica fornita alla scuola) PEI ROBERTO - Barbara Corallo - Valeria Crespi - Manuela Guidobaldi - Emanuele Morandi PROFILO DINAMICO FUNZIONALE 1. CONDIZIONI FISICHE (ev. Diagnosi clinica fornita alla scuola) Ritardo mentale lieve

Dettagli

Variabile Ecologica Costrutto teorico Strumento / Unità di Misura

Variabile Ecologica Costrutto teorico Strumento / Unità di Misura La Matrice Ecologica a Scuola: utilizzo estensivo dell ICF CY per la definizione degli Obiettivi di Miglioramento della Qualità di Vita a Scuola e la Pianificazione Educativa Personalizzata Luoghi della

Dettagli

Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento?

Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento? Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento? Considerati parte della famiglia dei Disturbi Evolutivi Specifici, i Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA) affliggono alcune specifiche abilità che

Dettagli

PROGETTO COMES Servizio di assistenza specialistica per gli alunni disabili

PROGETTO COMES Servizio di assistenza specialistica per gli alunni disabili PROGETTO COMES Servizio di assistenza specialistica per gli alunni disabili ANNO SCOLASTICO 2011/2012 Piano d intervento Il piano di lavoro elaborato per l anno scolastico 2011/2012 dallo specialista dell

Dettagli

ROMA, 6 e 7 marzo 2013. Applicazione di ICF nella scuola inclusiva, orientata alla qualità della vita

ROMA, 6 e 7 marzo 2013. Applicazione di ICF nella scuola inclusiva, orientata alla qualità della vita Centro Studi Psico Medico Pedagogico della Mediazione formazione - applicazione ricerca - sperimentazione - psicopedagogico e clinica Eboli Via San Berardino, 28/a - Brescia Via Cipro, 96 CSPDM Onlus ROMA,

Dettagli

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI Il tema della disabilità mette a prova tutti i passaggi dei cicli di vita delle persone. Attraverso le vicende biografiche di chi attraversa questa particolare condizione è possibile

Dettagli

LEGGERE I BISOGNI DI SALUTE DELLE PERSONE CON DISABILITÀ INTELLETTIVA. Luigi Croce

LEGGERE I BISOGNI DI SALUTE DELLE PERSONE CON DISABILITÀ INTELLETTIVA. Luigi Croce LEGGERE I BISOGNI DI SALUTE DELLE PERSONE CON DISABILITÀ INTELLETTIVA Luigi Croce CONVENZIONE ONU DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITÀ Articolo 1 Scopo 1. Scopo della presente Convenzione è promuovere,

Dettagli

CORSI DELL'INDIRIZZO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIOSANITARI SCIENZE UMANE E SOCIALI

CORSI DELL'INDIRIZZO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIOSANITARI SCIENZE UMANE E SOCIALI CORSI DELL'INDIRIZZO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIOSANITARI SCIENZE UMANE E SOCIALI CLASSI PRIME La famiglia nella società Le nuove famiglie e le varie tipologie Una famiglia per crescere e dialogare La teoria

Dettagli

Gruppo Scuola Secondaria di Secondo Grado Ipotesi di protocollo

Gruppo Scuola Secondaria di Secondo Grado Ipotesi di protocollo Gruppo Scuola Secondaria di Secondo Grado Ipotesi di protocollo Premessa: 1. Il seguente protocollo innesta il sistema della codificazione ICF nelle Aree PDF 2. Potrebbe essere significativa l apertura

Dettagli

ICF: Classificazione Internazionale del Funzionamento umano e della salute

ICF: Classificazione Internazionale del Funzionamento umano e della salute ICF A SCUOLA Applicazioni operative per la diagnosi funzionale educativa ICF: Classificazione Internazionale del Funzionamento umano e della salute ICF la scuola e i contesti: le performance e le capacità,

Dettagli

Conoscere i Disturbi Specifici dell Apprendimento

Conoscere i Disturbi Specifici dell Apprendimento Mira, 27 marzo 2015 Conoscere i Disturbi Specifici dell Apprendimento Dott.ssa Barbara Longhi Psicologa Psicoterapeuta Ulss13 Servizio Età Evolutiva Cosa sono i DSA? Disturbi dello sviluppo che riguardano

Dettagli

ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA

ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA COMUNITA ALLOGGIO DEFINIZIONE DEL SERVIZIO La Comunità Alloggio si propone come soluzione strutturale idonea a rispondere nei casi in cui i genitori

Dettagli

I DISTURBI SPECIFICI DI LINGUAGGIO (DSL)

I DISTURBI SPECIFICI DI LINGUAGGIO (DSL) I DISTURBI SPECIFICI DI LINGUAGGIO (DSL) Premessa La tutela della Salute materno- infantile e la riabilitazione in età evolutiva, ha valenza strategica nei sistemi sanitari, sia per le ripercussioni sul

Dettagli

SCHEDA VALUTAZIONE DISABILITA E SETTING

SCHEDA VALUTAZIONE DISABILITA E SETTING SCHEDA VALUTAZIONE DISABILITA E SETTING ASSISTENZIALE-RIABILITATIVO(ver. 2.5) Per informazioni sulla compilazione contattare il 0718003276 o scrivere a o.mercante@inrca.it COGNOME NOME M F Data nascita

Dettagli

La Legge 170/2010, le Linee guida sui D.S.A. e i piani didattici personalizzati

La Legge 170/2010, le Linee guida sui D.S.A. e i piani didattici personalizzati Università degli Studi di Perugia Facoltà di Scienze della Formazione Piano di formazione per docenti delle scuole di ogni ordine e grado (a.s. 2011/2012) La Legge 170/2010, le Linee guida sui D.S.A. e

Dettagli

L integrazione degli interventi nel territorio della ASL RMC: stato dell arte con i DCM

L integrazione degli interventi nel territorio della ASL RMC: stato dell arte con i DCM Confronto di Esperienze sui Disturbi della Coordinazione Motoria e Disprassia Roma, 11 ottobre 2013 L integrazione degli interventi nel territorio della ASL RMC: stato dell arte con i DCM Riccardo Callori

Dettagli

Protocollo di accoglienza ed integrazione alunni con disabilità

Protocollo di accoglienza ed integrazione alunni con disabilità ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Alessandro Volta ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE / LICEO DELLE SCIENZE APPLICATE Protocollo di accoglienza ed integrazione alunni con disabilità (A.s. 2014 2015) 1 INDICE

Dettagli

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA IL DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE / IPERATTIVITA. 1. Che cos è l ADHD Il Disturbo da deficit di attenzione ed iperattività (DDAI), conosciuto anche con

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO AREA VOCAZIONALE DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO. Neuropsichiatra Infantile

GRUPPO DI LAVORO AREA VOCAZIONALE DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO. Neuropsichiatra Infantile ALLEGATO D GRUPPO DI LAVORO AREA VOCAZIONALE DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Neuropsichiatria Infantile - Torino Lista dei componenti del gruppo: S.C. Neuropsichiatria Infantile ASL 1 - Torino Dott.ssa

Dettagli

Conoscere e utilizzare l ICF nella scuola Monitoraggio della sperimentazione 2011-2012

Conoscere e utilizzare l ICF nella scuola Monitoraggio della sperimentazione 2011-2012 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per lo studente, l integrazione, la partecipazione e la comunicazione Ufficio settimo Conoscere

Dettagli

SINTESI SUL TEMA DELL ICF

SINTESI SUL TEMA DELL ICF STRUMENTI E TECNICHE DI INTERVENTI RIABILITATIVI Corso di Laurea in EDUCATORE PROFESSIONALE SANITARIO a.a. 2011/2012 - TERZO ANNO Facoltà di Scienze Cognitive Corso Bettini, 84 - Rovereto SINTESI SUL TEMA

Dettagli

Rimini 14-15 Novembre 2014. Dott. Augusto Enea Filimberti

Rimini 14-15 Novembre 2014. Dott. Augusto Enea Filimberti Rimini 14-15 Novembre 2014 Dott. Augusto Enea Filimberti INQUADRAMENTO TEORICO DI RIFERIMENTO Per chi opera all interno dei servizi residenziali, o nella disabilità con adulti: Qual è il costrutto che

Dettagli

PROTOCOLLO DI OSSERVAZIONE e DIAGNOSI IN ETA PRESCOLARE

PROTOCOLLO DI OSSERVAZIONE e DIAGNOSI IN ETA PRESCOLARE PROTOCOLLO DI OSSERVAZIONE e DIAGNOSI IN ETA PRESCOLARE 1. SEGNALAZIONE dal Pediatra LS o genitori 2. COLLOQUIO CON I GENITORI: Anamnesi Intervista mirata sui comportamenti nei vari contesti e abitudini

Dettagli

ALUNNI: - diversamente abili - con disturbi specifici di apprendimento

ALUNNI: - diversamente abili - con disturbi specifici di apprendimento ALUNNI: - diversamente abili - con disturbi specifici di apprendimento Corso di formazione docenti neo immessi Anno scolastico 2011/2012 Neri Patrizia _ Gallarate,, 16-05 05-2012 L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI

Dettagli

Attività Adattata. Lezione 1. a.a. 2013-2014. Monica Emma Liubicich

Attività Adattata. Lezione 1. a.a. 2013-2014. Monica Emma Liubicich Attività Adattata Lezione 1 a.a. 2013-2014 Monica Emma Liubicich Secondo le Nazioni Unite i disabili nel mondo sono 650 milioni: 10% della popolazione In Italia circa 3.000.000, il 4,8% della popolazione

Dettagli

Disabiltà e presa in carico integrata 5 giugno 2014. Daniela Sossa Alberto Mingarelli

Disabiltà e presa in carico integrata 5 giugno 2014. Daniela Sossa Alberto Mingarelli Disabiltà e presa in carico integrata 5 giugno 2014 Daniela Sossa Alberto Mingarelli Eufemia Trezza - USSI Bologna Chiara Manzoni - UASS Casalecchio Fiorenza Ferri - ASC Casalecchio Elena Biavati - USSI

Dettagli

Bisogni Educativi Speciali Situazioni Cliniche

Bisogni Educativi Speciali Situazioni Cliniche Centro Territoriale per l Inclusione MI EST Bisogni Educativi Speciali Situazioni Cliniche Patrizia Pezzoni Unità Operativa Neuropsichiatria dell Infanzia e dell Adolescenza Azienda Ospedaliera Fatebenefratelli

Dettagli

PSICOLOGIA DELLA DISABILITÀ. Mirella Zanobini, Paola Viterbori, Alda Scopesi Le difficoltà e i disturbi del linguaggio attraverso le lenti dell ICF

PSICOLOGIA DELLA DISABILITÀ. Mirella Zanobini, Paola Viterbori, Alda Scopesi Le difficoltà e i disturbi del linguaggio attraverso le lenti dell ICF Mirella Zanobini, Paola Viterbori, Alda Scopesi Le difficoltà e i disturbi del linguaggio attraverso le lenti dell ICF Introduzione di Angelo Gianfranco Bedin FrancoAngeli PSICOLOGIA DELLA DISABILITÀ E

Dettagli

I DCA 429/12 e 431/12: l omogeneità delle funzioni valutative su tutto il territorio regionale e gli strumenti della valutazione

I DCA 429/12 e 431/12: l omogeneità delle funzioni valutative su tutto il territorio regionale e gli strumenti della valutazione I DCA 429/12 e 431/12: l omogeneità delle funzioni valutative su tutto il territorio regionale e gli strumenti della valutazione Dott. Gianni Vicario - Laziosanità ASP Contesto ELEVATA COMPLESSITA ASSISTENZIALE

Dettagli

MIO FIGLIO VA A SCUOLA! Un percorso guida

MIO FIGLIO VA A SCUOLA! Un percorso guida Via Brogeda, 21 22100 Como Tel. 031.541180/Fax 031.532927 comprensivocomonord@tiscali.it MIO FIGLIO VA A SCUOLA! Un percorso guida A cura del Gruppo di Lavoro per l integrazione degli alunni diversamente

Dettagli

Interventi riabilitativi e qualità di vita: criticità ed opportunità nella presa in carico di adulti con D.I. e con Autismo

Interventi riabilitativi e qualità di vita: criticità ed opportunità nella presa in carico di adulti con D.I. e con Autismo Interventi riabilitativi e qualità di vita: criticità ed opportunità nella presa in carico di adulti con D.I. e con Autismo Direttore Dipartimento Disabili Istituto Ospedaliero di Sospiro (Cr, Italia)

Dettagli

HANDImatica 2014. A.A.Apps Cercasi: Non escludiamo le app per l'inclusione

HANDImatica 2014. A.A.Apps Cercasi: Non escludiamo le app per l'inclusione Apps per Smartphone e tablet, un mondo a parte o una parte del mondo? Riflessioni di SuperAbile INAIL e ASPHI A.A.Apps Cercasi: Non escludiamo le app per l'inclusione Gabriele Gamberi Call for Apps Apps

Dettagli

Dalla Diagnosi Funzionale al PEI. Valutazione delle abilità attraverso l osservazione del comportamento e i test

Dalla Diagnosi Funzionale al PEI. Valutazione delle abilità attraverso l osservazione del comportamento e i test Dalla Diagnosi Funzionale al PEI Valutazione delle abilità attraverso l osservazione del comportamento e i test Effetti del non Valutare Sopravvalutare Problemi di comportamento (isolamento) Sottovalutare

Dettagli

I DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO NELL ETA EVOLUTIVA FORMAZIONE E INTERVENTI POSSIBILI

I DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO NELL ETA EVOLUTIVA FORMAZIONE E INTERVENTI POSSIBILI Che cos è la LOGOPEDIA? Chi è il LOGOPEDISTA? I DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO NELL ETA EVOLUTIVA FORMAZIONE E INTERVENTI POSSIBILI Attività di logopedia domiciliare Logopedista Valentina Padoan La logopedia

Dettagli

Allegato A PROGETTO OPERATIVO C.S.E. VALUTARE PER VALORIZZARE: PER UNA MIGLIORE QUALITÀ DI VITA

Allegato A PROGETTO OPERATIVO C.S.E. VALUTARE PER VALORIZZARE: PER UNA MIGLIORE QUALITÀ DI VITA Allegato A PROGETTO OPERATIVO C.S.E. VALUTARE PER VALORIZZARE: PER UNA MIGLIORE QUALITÀ DI VITA PREMESSA 1. Normativa di riferimento La legge n. 328/00 enuncia all art. 14 le disposizioni per la realizzazione

Dettagli

Fondazione OPERA SANTA RITA PRATO. del. Centro Diurno di Riabilitazione Per Giovani Cerebrolesi Franco Primi

Fondazione OPERA SANTA RITA PRATO. del. Centro Diurno di Riabilitazione Per Giovani Cerebrolesi Franco Primi Fondazione OPERA SANTA RITA PRATO CARTA DEI SERVIZI del Centro Diurno di Riabilitazione Per Giovani Cerebrolesi Franco Primi Edizione - aprile 2002 1 LA FONDAZIONE OPERA SANTA RITA (Onlus) L attuale Fondazione

Dettagli

Unità Valutativa Multidimensionale L esperienza della ASL RMC

Unità Valutativa Multidimensionale L esperienza della ASL RMC L esperienza della ASL RMC Mariella Masselli Responsabile U.O.S.D Tutela Salute Riabilitazione Disabili Adulti d. 12 - ASL RMC Roma, 11 settembre 2013 Appropriatezza clinico-organizzativa nella Regione

Dettagli

Disabilità e Internet: il progetto www.vostromondo.it

Disabilità e Internet: il progetto www.vostromondo.it Disabilità e Internet: il progetto www.vostromondo.it Facoltà di Psicologia La sperimentazione di un intervento di comunicazione mediata come strumento riabilitativo Relatore Chiarissimo Professore Carlo

Dettagli

NEPSY Second Edition

NEPSY Second Edition NEPSY Second Edition 3 Autori Marit Korkman, Ursula Kirk e Sally Kemp Data di pubblicazione 2011 Range di età Da 3 a 16 anni Tempo di somministrazione 90 minuti ca. per i soggetti in età prescolare 2-3

Dettagli

CONCETTI GENERALI. Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione

CONCETTI GENERALI. Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione Fondazione Don Carlo Gnocchi ONLUS-IRCCS Centro S. Maria Nascente Milano 5 febbraio 2014 Organizzazione

Dettagli

ANCHE IL LINFEDEMA SECONDARI O E MALATTIA DISABILITAN TE: UN INDICE DA PROPORRE ALL INPS

ANCHE IL LINFEDEMA SECONDARI O E MALATTIA DISABILITAN TE: UN INDICE DA PROPORRE ALL INPS ANCHE IL LINFEDEMA SECONDARI O E MALATTIA DISABILITAN TE: UN INDICE DA PROPORRE ALL INPS Dott. Maurizio Ricci U. O. Medicina Riabilitativa Azienda Ospedaliero- Universitaria Ospedali Riuniti di Ancona

Dettagli

CORSO DI PSICOLOGIA DELL EDUCAZIONE

CORSO DI PSICOLOGIA DELL EDUCAZIONE CORSO DI PSICOLOGIA DELL EDUCAZIONE A.A. 2012-2013 SCIENZE INFERMIERISTICHE POLO DI PISA II ANNO V LEZIONE Dott.ssa Chiara Toma I DISTURBI DELLO SVILUPPO Disturbi del linguaggio Autismo e disturbi pervasivi

Dettagli

LINEE GUIDA PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITÀ

LINEE GUIDA PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITÀ LINEE GUIDA PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITÀ DOCUMENTO IN SINTESI a cura del Gruppo H di Istituto Anno scolastico 2012-2013 LINEE GUIDA PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI

Dettagli

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Dettagli