Utilizzo della Classificazione ICF Esperienza della Regione Lazio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Utilizzo della Classificazione ICF Esperienza della Regione Lazio"

Transcript

1 Utilizzo della Classificazione ICF Esperienza della Regione Lazio ICF, OUTCOME e RIABILITAZIONE Perugia, 24 giugno 2011 Gabriella Guasticchi - Rita De Giuli

2 Perché l ICF nel Sistema Informativo per l Assistenza Riabilitativa della Regione Lazio (1) L utilizzo dell ICF nell ambito del Sistema Informativo per l Assistenza Riabilitativa (SIAR) nasce dall idea di avvalersi di nuovi strumenti per meglio descrivere la popolazione inserita nei percorsi riabilitativi, definita in funzione della classificazione nosologica, della limitazione funzionale, in carenza di informazioni circa i bisogni; bisogni spesso complessi, per il soddisfacimento dei quali occorrono risposte articolare e armonizzate.

3 Perché l ICF nel Sistema Informativo per l Assistenza Riabilitativa della Regione Lazio (2) L obiettivo era quello di porre l accento sulla persona. E in questa fase di riflessione, abbiamo incontrato sulla nostra strada l ICF che ci ha lanciato, con linguaggio chiaro, il messaggio secondo cui era possibile descrivere non la malattia o le sue conseguenze ma il funzionamento della persona in relazione al suo contesto La comprensione degli aspetti sanitari e ambientali è di particolare importanza per pianificare e monitorare gli interventi Trasformazione della descrizione in presa di coscienza, in riflessione che impone cambiamento, revisione, innovazione

4 Perché l ICF nel Sistema Informativo per l Assistenza Riabilitativa della Regione Lazio (3) Bisogni complessi Risposte articolate Processi complessi e protratti nel tempo, coinvolgenti Professionalità caratterizzate da linguaggi diversi e Stakeholders eterogenei - Interventi articolati e armonizzati, centrati sui bisogni e sulle caratteristiche funzionali della persona, comprensivi di azioni dirette e indirette - Approcci globali ed ecologici

5 Per fornire risposte articolate. Conoscere la persona con disabilità elementi di Menomazione elementi di limitazione delle Attività elementi di restrizione nella Partecipazione Utilizzare lo stesso linguaggio Il Modello bio-psico-sociale dell ICF presentato proprio nel periodo in cui si pensava alla realizzazione del primo Sistema Informativo regionale nell area dell assistenza riabilitativa alle persone con disabilità, ci sembrava lo strumento adeguato, anzi la sfida funzioni e strutture del corpo - attività - partecipazione (corpo) (persona) (ambiente)

6 Sistema Informativo per l Assistenza Riabilitativa -1^ fase Attivazione: 1 gennaio 2003 Modalità di raccolta dati: on line Unità di riferimento: progetto riabilitativo individualizzato Dati clinici Dati anagrafici Diagnosi Valutazione dell autonomia Classificazione disabilità (ICF - International Classification of Functioning, Disability and Health)

7 SIAR ICF checklist Codici ICF Checklist (incluso l esame del grado di menomazione/limitazione/restrizione che la disabilità descritta comporta) Checklist base (OMS 2003) (dal settembre 2004) Checklist = selezione di codici effettuata dall OMS dal testo integrale che consente un utilizzo veloce, affidabile, coerente. 24 campi previsti 6 per ogni dominio b, funzioni s, strutture d, attività/partecipazione e, fattori ambientali tutte le dimensioni della classificazione solo le informazioni rilevanti solo informazioni esplicite Tutti i codici sono completati dai qualificatori (2 per ogni dominio, tranne nei domini b ed e in cui il qualificatore è 1)

8 Sistema Informativo per l Assistenza Riabilitativa - 2^ fase L analisi dei dati relativi alla prima fase di sperimentazione ha mostrato: quanto la ICF-Checklist utilizzata fosse in grado di fornire un immagine complessiva, una mappa generale dei bisogni delle persone in trattamento quanto la ICF-Checklist utilizzata fosse carente nel descrivere l esperienza di disabilità delle persone con disabilità intellettiva (per insufficienza delle categorie proposte) Perché l attenzione sulla Disabilità intellettiva:. Impegna lungo tutte le fasi del ciclo di vita. Accumulo progressivo di problematiche (cliniche e policronicità). Ricorsività persistente dei bisogni. Impatto notevole sulla famiglia e sulla comunità

9 Sistema Informativo per l Assistenza Riabilitativa - 2^ fase Gruppo di lavoro coordinato da Laziosanità si è posto il compito di ampliare la Checklist OMS, ovvero di individuare categorie ICF maggiormente specifiche per la disabilità intellettiva e maggiormente adeguate alla definizione degli obiettivi riabilitativi nello specifico setting OMS suggerisce di integrare i codici presenti e selezionati nella Checklist originale con codici ulteriori, purché sia rispettata la sua struttura gerarchica.

10 ICF Checklist RM: codici aggiuntivi b1. FUNZIONI MENTALI b122 Funzioni psicosociali globali b126 Funzioni del temperamento e della personalità b147 Funzioni psicomotorie b160 Funzioni del pensiero b172 Funzioni del calcolo b176 Funzione mentale di sequenza di movimenti complessi b180 Funzioni dell esperienza del tempo e di sé b2. FUNZIONI SENSORIALI E DOLORE - b3. FUNZIONI DELLA VOCE E DELL ELOQUIO b320 Funzioni dell articolazione della voce b330 Funzioni della fluidità e del ritmo dell eloquio b4. FUNZIONI SIST.CARDIOVASCOLARE,EMATOLOGICO,IMMUNOLOGICO E APP. RESPIR. b415 Vasi sanguigni b445 Funzione del muscolo respiratorio b5. FUNZIONI DELL APPARATO DIGERENTE E DEI SISTEMI METABOLICO ED ENDOCRINO b510 Funzioni di ingestione b6. FUNZIONI GENITOURINAIRE E RIPRODUTTIVE b650 Funzioni mestruali b7. FUNZIONI NEURO-MUSCOLOSCHELETRICHE E CORRELATE AL MOVIMENTO b715 Funzioni della stabilità dell articolazione b770 Funzioni del pattern dell andatura b8. FUNZIONI DELLA CUTE E DELLE STRUTTURE CORRELATE -

11 ICF Checklist RM: codici aggiuntivi d1. APPRENDIMENTO E APPLICAZIONE DELLE CONOSCENZE d155 Acquisizione di abilità d160 Focalizzare l attenzione d163 Pensiero d177 Prendere decisioni d2. COMPITI E RICHIESTE GENERALI d230 Eseguire la routine quotidiana d240 Gestire la tensione e altre richieste di tipo psicologico d3. COMUNICAZIONE d320 Comunicare con - ricevere - messaggi nel linguaggio dei segni d325 Comunicare con - ricevere - messaggi scritti d4. MOBILITÀ d410 Cambiare la posizione corporea di base d460 Spostarsi in diverse collocazioni d5. CURA DELLA PROPRIA PERSONA d6. VITA DOMESTICA d610 Procurarsi un posto in cui vivere d7. INTERAZIONI E RELAZIONI INTERPERSONALI d8. AREE DI VITA PRINCIPALI d840 Apprendistato (addestramento al lavoro) d855 Lavoro non retribuito d9. VITA SOCIALE, CIVILE E DI COMUNITÀ

12 ICF Checklist RM: codici aggiuntivi e1. PRODOTTI E TECNOLOGIA e130 Prodotti e tecnologia per l Istruzione e135 Prodotti e tecnologia per il lavoro e140 Prodotti e tecnologia per la cultura, la ricreazione e lo sport e2. AMBIENTE NATURALE E CAMBIAMENTI EFFETTUATI DALL UOMO - e3. RELAZIONI E SOSTEGNO SOCIALE e315 Famiglia allargata e345 Estranei e350 Animali domestici e4. ATTEGGIAMENTI e415 Atteggiamenti individuali dei componenti della famiglia allargata e425 Atteggiamenti individuali di conoscenti, colleghi, vicini di casa e membri della comunità e445 Atteggiamenti individuali di estranei e5. SERVIZI, SISTEMI E POLITICHE e530 Servizi, sistemi e politiche di pubblica utilità (serv.sanitari, serv.pubblici, servizi essenziali) e555 Servizi, sistemi e politiche delle associazioni e delle organizzazioni e560 Servizi, sistemi e politiche dell economia (politiche dell economia)

13 Differenze ICF checklist: grado di compilazione per dominio % 60 strutture corporee (s) Check-base check-rm % 60 funzioni corporee (b) Check-base check-rm Numero categorie 0 Numero categorie % 60 attività e partecipazione (d) Check-base check-rm % 60 fattori ambientali (e) Check-base check-rm Numero 3 categorie Numero 3 categorie 4 5 6

14 Differenze: Funzioni Corporee, codici al 2 livello di dettaglio b117 b152 b140 b167 b130 b114 b735 b164 b710 b730 b210 b144 b126 b530 b147 b765 b160 b156 b122 b110 b310 b320 b555 b230 b770 b620 f. temperamento e personalità f. psicomotorie f. del pensiero f. psicosociali globali f. articolazione voce f. pattern andatura Check-base Check-RM

15 Differenze: Strutture Corporee, codici al 2 livello di dettaglio s110 Check-base Check-RM s760 s750 s2 s730 s5 s710 s740 s410 s720 s3 s8 s610 s430 s630 s

16 Differenze: Attività e partecipazione, codici al 2 livello di dettaglio d210 d220 d330 d350 d510 d520 d720 d750 d910 d920 3,9 6,5 7,5 6,1 9,5 11,1 13,4 15,4 18,6 15,4 20,2 19,2 20,8 25,8 28,2 26,5 50,1 44,2 d210 Compito singolo vs. d220 Compito articolato 35 38,2 check d330 Parlare vs. d350 Conversare d750 Relazioni informali d910 Vita nella comunità check-rm %

17 Differenze: Fattori Ambientali, codici al 2 livello di dettaglio e310 Check-base Check-RM e355 e110 e340 e580 e360 serv./sist. politiche sanitarie persone che forniscono aiuto/assistenza e570 e410 e450 e120 e325 e115 e575 e440 e320 e550 serv./sist. politiche legali e125 e

18 ICF Checklist RM: esito dell adozione dei nuovi codici L adozione dei nuovi codici nell ambito dal SIAR, (dal marzo 2009) ha consentito di migliorare la performance dello strumento che, descrivendo in maniera più specifica punti di forza e punti di debolezza (i bisogni complessi) si è dimostrato un valido supporto alla predisposizione di progetti riabilitativi definibili sempre più come progetti di vita punti di forza Fotografia dei per l individuazione punti di debolezza delle strategie operative Finalizzate a PERCORSI DI INCLUSIONE

19 SIAR anno 2010 Utenti prevalenti anno 2010, per regime assistenziale età > 18 anni Regime assistenziale N % Residenziale ,8 Semiresidenziale ,6 Ambulatoriale ,7 Domiciliare ,9 77,6% Totale ,0 Età evolutiva (0-17 anni) (28,5%) Nella quasi totalità in regime ambulatoriale

20 SIAR e ICF anno 2010 Utenti prevalenti anno Età evolutiva (0-17 anni) (28,5%) Adulti ( 18 anni) (71,4%) Sezione ICF compiiata (tutti i domini esplorati, almeno 1 codice per ogni dominio) (71,8%) % ,9 18+ Non obbligatorietà della registrazione nel SIAR del profilo di funzionamento ICF ,1 non compilato compilato

21 SIAR e ICF Utenti Età adulta con profilo ICF compilato Un esempio di descrizione Diagnosi prevalenti, Regime ambulatoriale e Domiciliare Codice ICD9-CM Descrizione N 342 Emiplegia e Emiparesi Altre sindromi paralitiche Sclerosi multipla Disturbi non inf. vasi linfatici Sintomi sistema nervoso e osteomuscolare 370 (476 domicilio)

22 SIAR e ICF condizione di salute (Sclerosi Multipla) e limitazione funzionale Ambulatorio f.vestibolari Dolore Mobilità artic. Forza Tono musc. Domicilio Intelletto Linguaggio Mobilità artic. Forza musc. Tono musc.

23 Primo Qualificatore Scala di Gravità xxx.0 NESSUN problema la persona non ha alcun problema xxx.1 problema LIEVE - il problema è presente meno del 25% del tempo, ha un intensità che l individuo tollera e si presenta raramente negli ultimi 30 giorni xxx.2 problema MEDIO - il problema è presente meno del 50% del tempo, con un intensità che interferisce nella vita quotidiana e accade occasionalmente negli ultimi 30 giorni xxx.3 problema GRAVE - il problema è presente per più del 50% del tempo, con un intensità parzialmente disturbante nella vita quotidiana e accade frequentemente negli ultimi 30 giorni xxx.4 problema COMPLETO - il problema è presente per più del 95% del tempo, con un intensità totalmente disturbante nella vita quotidiana e che accade ogni giorno negli ultimi 30 giorni xxx.8 non specificato - informazioni insufficienti per specificare la gravità del problema xxx.9 non applicabile - inappropriato applicare un particolare codice

24 SIAR e ICF condizione di salute (Sclerosi Multipla) e Attività & Partecipazione Conteggio medio item con qualific 1,2,3,4 Ambulatorio d4 mobilità (d450, d440) Domicilio

25 SIAR e ICF condizione di salute (Sclerosi Multipla) e Fattori ambientali Conteggio medio item con qualific 1,2,3,4 Ambulatorio e3 relazioni e sostegno sociale (e355) Domicilio

26 SIAR e ICF Utenti Età evolutiva con profilo ICF compilato Un esempio di descrizione Diagnosi prevalenti, Regime ambulatoriale Codice ICD9-CM Descrizione N 315 Disturbo specifico sviluppo Ritardo mentale Paralisi cerebrale infantile 628

27 SIAR e ICF condizione di salute e limitazione funzionale RM, Età anni Ambulatorio Intelletto Emozionali Attenzione Cognitivo super. Linguaggio 1=difficoltà lieve 2=difficoltà media 3=difficoltà grave 4=difficoltà completa

28 SIAR e ICF - condizione di salute - Attività & Partecipazione Fattori ambientali % Performance Capacità Capacità - % 60 RM, Età anni Facilitatori - Barriere performance capacità 10 0=nessuna difficoltà 0=nessuna barriera/facilit. 1=difficoltà lieve 1=facilitatore/barriera lieve 2=difficoltà media 2=facilitatore/barriera media 3=difficoltà grave 3=facilitatore/barriera sost. 4=difficoltà completa 4=facilitatore/barriera compl Facilitatori Barriere

29 Dal confronto con gli utilizzatori: le opportunità avere una griglia di riferimento, ordinata per sistemi e componenti documentare il processo riabilitativo/abilitativo/educativo tendere sempre più alla misurazione e alla valutazione avere un traduttore universale di assessment specialistici utilizzare un linguaggio scientifico condiviso migliorare la comunicazione all interno della filiera migliorare il lavoro di équipe migliorare il lavoro di rete - visione dei servizi in chiave integrata Stimolo a prendere in considerazione le Attività & la Partecipazione fin dalla programmazione dell intervento e aspetti (e contesto) della vita della persona troppo spesso non osservati con la dovuta attenzione.

30 Sistema Informativo per l Assistenza Riabilitativa - 3^ fase Possibilità di delineare il profilo di funzionamento della persona adulta disponendo di tutti i codici del Manuale ICF adulti Revisione del SIAR specificità età adulta specificità età evolutiva Possibilità di delineare il profilo di funzionamento del bambino/adolescente disponendo di tutti i i codici del Manuale ICF-CY e della Classificazione nosologica ICD10

31

L attività riabilitativa estensiva e di mantenimento nel Lazio Progetti avviati nel 2004

L attività riabilitativa estensiva e di mantenimento nel Lazio Progetti avviati nel 2004 Sistema Informativo per l Assistenza Riabilitativa L attività riabilitativa estensiva e di mantenimento nel Lazio Progetti avviati nel 2004 Roma, 15 luglio 2005 La Classificazione Internazionale del Funzionamento,

Dettagli

DOMINI / AREE PRINCIPALI CLASSIFICAZIONE ICF-CY (OMS, 2007)

DOMINI / AREE PRINCIPALI CLASSIFICAZIONE ICF-CY (OMS, 2007) DOMINI / AREE PRINCIPALI CLASSIFICAZIONE ICF-CY (OMS, 2007) Capitolo 1 Funzioni mentali FUNZIONI CORPOREE Funzioni mentali globali (b110-b139) b110 Funzioni della coscienza b114 Funzioni dell orientamento

Dettagli

ICF. Attività e partecipazione nella Persona con disabilità da Mielolesione SEZIONI RICLASSIFICATE PER CONDIZIONI DI SALUTE, DISTURBO O MALATTIA

ICF. Attività e partecipazione nella Persona con disabilità da Mielolesione SEZIONI RICLASSIFICATE PER CONDIZIONI DI SALUTE, DISTURBO O MALATTIA ICF SEZIONI RICLASSIFICATE PER CONDIZIONI DI SALUTE, DISTURBO O MALATTIA delle Sezioni : Produzione documenti di Consenso - Percorsi di presa in carico per una Attività e Partecipazione (*) Attività e

Dettagli

Dr Matilde Leonardi Co-Chair WHO-ICF children group Coordinatore Scientifico Progetto ICF in Italia Responsabile Progetto Disabilità INN CB

Dr Matilde Leonardi Co-Chair WHO-ICF children group Coordinatore Scientifico Progetto ICF in Italia Responsabile Progetto Disabilità INN CB L ICF e la sua filosofia Bolzano 18 novembre 2004 Dr Matilde Leonardi Co-Chair WHO-ICF children group Coordinatore Scientifico Progetto ICF in Italia Responsabile Progetto Disabilità INN CB IRCCS Istituto

Dettagli

Presentazione del Rapporto. L attività riabilitativa estensiva e di mantenimento nel Lazio Anno 2005

Presentazione del Rapporto. L attività riabilitativa estensiva e di mantenimento nel Lazio Anno 2005 Presentazione del Rapporto L attività riabilitativa estensiva e di mantenimento nel Lazio Anno 2005 Centro Congressi Fondazione S. Lucia Roma, 7 giugno 2006 Il SIAR e la classificazione ICF M.Letizia Giarrizzo

Dettagli

ICF e INCLUSIONE. Heidrun Demo, PhD Libera Università di Bolzano. Erba 20 ottobre 2011

ICF e INCLUSIONE. Heidrun Demo, PhD Libera Università di Bolzano. Erba 20 ottobre 2011 ICF e INCLUSIONE Heidrun Demo, PhD Libera Università di Bolzano Erba 20 ottobre 2011 CHE COS E L INCLUSIONE? Quali alunni riguarda? Che interventi richiede? Che risorse chiede di attivare? E diversa dall

Dettagli

ICF : approccio educativo. Elisabetta Ghedin Facoltà di Scienze della Formazione

ICF : approccio educativo. Elisabetta Ghedin Facoltà di Scienze della Formazione ICF : approccio educativo Elisabetta Ghedin Facoltà di Scienze della Formazione LINEE GUIDA PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITA L ICF sta penetrando nelle pratiche di diagnosi condotte

Dettagli

ICF a scuola Indicazioni operative

ICF a scuola Indicazioni operative UST Cremona In collaborazione con CTS Cremona ICF a scuola Indicazioni operative Paola Romagnoli a.s. 2013-2014 Che cos è l ICF? È un sistema di classificazione multidisciplinare, innovativo per impostazione,

Dettagli

A cura del Prof. Antonio Pignatto. ANTIFORMA S.r.l. Via M. Aurelio, 55 Milano Tel: 02 28.97.02.49 www.antiforma.it

A cura del Prof. Antonio Pignatto. ANTIFORMA S.r.l. Via M. Aurelio, 55 Milano Tel: 02 28.97.02.49 www.antiforma.it I BISOGNI DEL PAZIENTE AUDIOLESO, TRA SALUTE E DISABILITA A cura del Prof. Antonio Pignatto ANTIFORMA S.r.l. Via M. Aurelio, 55 Milano Tel: 02 28.97.02.49 www.antiforma.it ICF Un nuovo membro della famiglia

Dettagli

TFA Università degli Studi G. d Annunzio Chieti Pescara A.A. 2014 / 2015. Pedagogia Speciale

TFA Università degli Studi G. d Annunzio Chieti Pescara A.A. 2014 / 2015. Pedagogia Speciale TFA Università degli Studi G. d Annunzio Chieti Pescara A.A. 2014 / 2015 Pedagogia Speciale etdoraz@tin.it Prof. Ettore D Orazio TESTI DI RIFERIMENTO Marisa Pavone, L' inclusione educativa. Indicazioni

Dettagli

Approfondimenti su I C F C Y: Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute

Approfondimenti su I C F C Y: Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute Approfondimenti su I C F C Y: Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute La funzione generale della classificazione ICF è quella di fornire un linguaggio standard

Dettagli

ICF DALLA CONDIVISIONE DEL LINGUAGGIO, ALL OSSERVAZIONE PARTECIPATA

ICF DALLA CONDIVISIONE DEL LINGUAGGIO, ALL OSSERVAZIONE PARTECIPATA La rivoluzione dell ICF: ogni persona, in qualunque momento della vita, può avere una condizione di salute che in un contesto sfavorevole diventa disabilità. M. Leonardi ICF DALLA CONDIVISIONE DEL LINGUAGGIO,

Dettagli

L APPLICAZIONE DELL ICF NEGLI STRUMENTI DI DOCUMENTAZIONE

L APPLICAZIONE DELL ICF NEGLI STRUMENTI DI DOCUMENTAZIONE ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SANITA International Classification of Functioning, Disability and Health L APPLICAZIONE DELL ICF NEGLI STRUMENTI DI DOCUMENTAZIONE Dott.ssa Monica Pradal Pedagogista,, IRCCS

Dettagli

CHECKLIST ICF Scheda per il Clinico per la Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute (O.M.S.

CHECKLIST ICF Scheda per il Clinico per la Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute (O.M.S. CHECKLIST ICF Scheda per il Clinico per la Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute (O.M.S. settembre 03) Questa è una Checklist delle principali categorie della

Dettagli

ICF-CY. Uso dell'icf-cy Come strumento di valutazione

ICF-CY. Uso dell'icf-cy Come strumento di valutazione ICF-CY Uso dell'icf-cy Come strumento di valutazione Dott.ssa Marianna Piccioli Supervisore Scienze della Formazione Primaria Università degli Studi di Firenze Che cosa è l ICF? Si tratta della classificazione

Dettagli

CLASSIFICAZIONI E DIAGNOSI IN NEUROPSICHIATRIA INFANTILE

CLASSIFICAZIONI E DIAGNOSI IN NEUROPSICHIATRIA INFANTILE CLASSIFICAZIONI E DIAGNOSI IN NEUROPSICHIATRIA INFANTILE Dott.ssa Luisa Calliari Rovereto, 9 ottobre 2008 1 REGOLAMENTO PER FAVORIRE L INTEGRAZIONE E L INCLUSIONE DEGLI STUDENTI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

Dettagli

NUOVE TECNOLOGIE E DISABILITÀ: DAL DIRE AL FARE

NUOVE TECNOLOGIE E DISABILITÀ: DAL DIRE AL FARE NUOVE TECNOLOGIE E DISABILITÀ: DAL DIRE AL FARE Dir. Min.27/12/2012 STRUMENTI D INTERVENTO PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI E ORGANIZZAZIONE TERRITORIALE PER L INCLUSIONE SCOLASTICA Fondandosi

Dettagli

IL PERCORSO EVOLUTIVO, I CRITERI E GLI ASPETTI FONDAMENTALI DELL I.C.F.

IL PERCORSO EVOLUTIVO, I CRITERI E GLI ASPETTI FONDAMENTALI DELL I.C.F. IL PERCORSO EVOLUTIVO, I CRITERI E GLI ASPETTI FONDAMENTALI DELL I.C.F. A cura del Sociologo E-Mail: salvogarofalo1@libero.it DA HANDICAPPATO (ICIDH-1980) a PERSONA con disabilità (ICF 2001) livello Intern.

Dettagli

IL PEI IN OTTICA ICF

IL PEI IN OTTICA ICF Allegato n. 5 IL PEI IN OTTICA ICF Il Pei strutturato in ottica ICF si compone di 4 parti: Premessa (Dati anagrafici- Curriculum scolastico- Analisi della situazione Profilo diagnostico Percorso didattico)

Dettagli

ICF CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE

ICF CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE ICF CLASSIFICAZIONE INTERNATIONAL CLASSIFICATION OF FUNCTIONING, DISABILITY AND HEALTH INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE COMMISSIONE DISAGIO E DISABILITÀ A. S. 2010- PREMESSA

Dettagli

L ICF - Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute

L ICF - Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute L ICF - Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute CHE COS È È una classificazione della salute e dei domini ad essa correlati che aiuta a descrivere i cambiamenti

Dettagli

Pescara 2 dicembre 2011 Dott.ssa Monica Pradal - pedagogista

Pescara 2 dicembre 2011 Dott.ssa Monica Pradal - pedagogista VERSO UNA SCUOLA INCLUSIVA DALL ICF AL PEI Pescara 2 dicembre 2011 Dott.ssa Monica Pradal - pedagogista CHE COS E L ICF? Un modello concettuale di approccio globale al funzionamento della persona, che

Dettagli

ICF. Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute. Dott.ssa GABRIELLA COI

ICF. Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute. Dott.ssa GABRIELLA COI ICF Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute Dott.ssa GABRIELLA COI Il concetto di salute promosso dall OMS L Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) è l agenzia

Dettagli

Piacenza 17 ottobre 2008 convegno AIRIPA

Piacenza 17 ottobre 2008 convegno AIRIPA Piacenza 17 ottobre 2008 convegno AIRIPA LA CLASSIFICAZIONE ICF CY PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITA, L ESPERIANZA DELL ACCORDO DI PROGRAMMA DELLA PROVINCIA DI TREVISO Gianni De

Dettagli

ICF ed INCLUSIONE PROF.SSA EMANUELA D AMBROS LICEO STATALE C. PORTA ERBA

ICF ed INCLUSIONE PROF.SSA EMANUELA D AMBROS LICEO STATALE C. PORTA ERBA ICF ed INCLUSIONE PROF.SSA EMANUELA D AMBROS LICEO STATALE C. PORTA ERBA La scuola oggi presenza sempre più diffusa di alunni con Bisogni Educativi Speciali. SEN SPECIAL EDUCATIONAL NEEDS Occorre ripensare

Dettagli

B.E.S. Anno 2014. Fortunata Daniela Vetri. Daniela Vetri

B.E.S. Anno 2014. Fortunata Daniela Vetri. Daniela Vetri B.E.S. Anno 2014 Fortunata La didattica inclusiva per il I DESTINATARI ALUNNI CON B. E. S. BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI E più facile rompere un atomo che un pregiudizio A. Einstein Gli studenti con B. E.

Dettagli

IL PROGETTO PERSONALIZZATO PER IL BAMBINO CON DISABILITA ALLA LUCE DELLA CLASSIFICAZIONE ICF E ICF-CY. Matilde Leonardi*, Daniela Ajovalasit

IL PROGETTO PERSONALIZZATO PER IL BAMBINO CON DISABILITA ALLA LUCE DELLA CLASSIFICAZIONE ICF E ICF-CY. Matilde Leonardi*, Daniela Ajovalasit IL PROGETTO PERSONALIZZATO PER IL BAMBINO CON DISABILITA ALLA LUCE DELLA CLASSIFICAZIONE ICF E ICF-CY Matilde Leonardi*, Daniela Ajovalasit * Direttore SSD Neurologia, Salute Pubblica, Disabilità, Direzione

Dettagli

Laboratorio di medicina narrativa e ICF: una sperimentazione nella

Laboratorio di medicina narrativa e ICF: una sperimentazione nella Laboratorio di medicina narrativa e ICF: una sperimentazione nella ASL3 dell Umbria Dirigente servizio formazione e comunicazione ASL3 -Umbria Il contesto della rete riabilitativa ASL3 USU Cod. 56 UGCA

Dettagli

Prof.ssa Emanuela D Ambros Docente di sostegno Liceo Statale C.Porta, Erba. ICF.

Prof.ssa Emanuela D Ambros Docente di sostegno Liceo Statale C.Porta, Erba. ICF. Prof.ssa Emanuela D Ambros Docente di sostegno Liceo Statale C.Porta, Erba. ICF. PARTE I: modelli culturali di riferimento e principi ispiratori. PARTE II:tre parole chiave per comprendere ICF PARTE III:

Dettagli

GLOSSARIO TERMINI ICF E AAMR CON SUGGERIMENTI PER IL LORO UTILIZZO. ATTIVITA & PARTECIPAZIONE (ICF 2001)...pg 2. CAPACITA (ICF 2001)...

GLOSSARIO TERMINI ICF E AAMR CON SUGGERIMENTI PER IL LORO UTILIZZO. ATTIVITA & PARTECIPAZIONE (ICF 2001)...pg 2. CAPACITA (ICF 2001)... GLOSSARIO TERMINI ICF E AAMR CON SUGGERIMENTI PER IL LORO UTILIZZO ATTIVITA & PARTECIPAZIONE (ICF 2001)........................pg 2 CAPACITA (ICF 2001).............................................pg 4

Dettagli

LINEE GUIDA CASE MANAGEMENT NELL ETA EVOLUTIVA A VILLA DEI CEDRI - MERATE

LINEE GUIDA CASE MANAGEMENT NELL ETA EVOLUTIVA A VILLA DEI CEDRI - MERATE LINEE GUIDA CASE MANAGEMENT NELL ETA EVOLUTIVA A VILLA DEI CEDRI - MERATE Il Progetto Famiglie in crescita il Case management complessivo sulla persona prevede le seguenti azioni: Accoglienza e raccolta

Dettagli

APPUNTI DI ICF. Com è rappresentato il modello biopsicosociale nell ICF?

APPUNTI DI ICF. Com è rappresentato il modello biopsicosociale nell ICF? APPUNTI DI ICF Il dibattito fra modello medico e sociale di disabilità è continuato per quasi 40 anni. I due modelli differiscono in molti aspetti: caratterizzano che tipo di problema sia la disabilità;

Dettagli

Dal profilo dell'alunno alla progettazione del contesto e delle. di qualità

Dal profilo dell'alunno alla progettazione del contesto e delle. di qualità Dal profilo dell'alunno alla progettazione del contesto e delle azioni per un'inclusione scolastica di qualità Chiara Carabelli I.C. S. Fedele Intelvi Carabelli Chiara 1 indice Dalla diagnosi al profilo

Dettagli

LA DIAGNOSI FUNZIONALE SECONDO L ICFL

LA DIAGNOSI FUNZIONALE SECONDO L ICFL LA DIAGNOSI FUNZIONALE SECONDO L ICFL Dario Ianes Centro Studi Erickson Università di Bolzano www.darioianes.it 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it VALUTAZIONE O DIAGNOSI? 1. Diagnosi come corretto riconoscimento

Dettagli

Repertorio di prove personalizzate proposte dalle scuole. agli studenti con disabilità intellettiva

Repertorio di prove personalizzate proposte dalle scuole. agli studenti con disabilità intellettiva Repertorio di prove personalizzate proposte dalle scuole agli studenti con disabilità intellettiva Gruppo di lavoro Responsabile del Progetto: Lina Grossi Responsabile del Servizio nazionale di valutazione

Dettagli

QUESTIONARIO ICF-CY DI Versione 1.A, 4-6 anni*

QUESTIONARIO ICF-CY DI Versione 1.A, 4-6 anni* QUESTIONARIO ICF-CY DI Versione 1.A, 4-6 anni* (Copyright Italy, Netherlands, Sweden, Switzerland, USA) Questa scheda è composta da una selezione di codici della Classificazione Internazionale del Funzionamento,

Dettagli

1. Background. Introduzione

1. Background. Introduzione Introduzione 13 1. Background In questo volume viene presentata la versione breve 1 della Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute, nota come ICF. 2 Lo scopo generale

Dettagli

Centro Territoriale per l Integrazione di Garda

Centro Territoriale per l Integrazione di Garda Centro Territoriale per l Integrazione di Garda CORSO DI FORMAZIONE: Strategie didattiche e organizzative per una didattica inclusiva Le applicazioni in ambito educativo del modello ICF. Relatore: Dr.ssa

Dettagli

I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI POLITICHE SUI BES/SEN IN INGHILTERRA THE EDUCATION ACT, 1944 11 CATEGORIE DI DISABILITÀ WARNOCK REPORT, 1978 INTRODUCE IL TERMINE SPECIAL EDUCATIONAL NEEDS (SEN) ANNI 2000

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E DI INTEGRAZIONE DI ALUNNI DISABILI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E DI INTEGRAZIONE DI ALUNNI DISABILI Istituto Comprensivo A. Gramsci di Campalto PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E DI INTEGRAZIONE DI ALUNNI DISABILI Si tenga conto che il Protocollo è un documento che propone delle linee guida generali per gli

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PuntoEDA ATA art.7 del CCNL 7.12.2005 per il secondo biennio economico 2004/05

CORSO DI FORMAZIONE PuntoEDA ATA art.7 del CCNL 7.12.2005 per il secondo biennio economico 2004/05 CORSO DI FORMAZIONE PuntoEDA ATA art.7 del CCNL 7.12.2005 per il secondo biennio economico 2004/05 INTERVENTO SEMINARIALE I.T.I.S. A. D Aosta L Aquila 29 Maggio 2007 Accoglienza e assistenza agli alunni

Dettagli

APPLICAZIONI OPERATIVE DI ICF. Prof.ssa Emanuela D Ambros LICEO STATALE C. PORTA, ERBA

APPLICAZIONI OPERATIVE DI ICF. Prof.ssa Emanuela D Ambros LICEO STATALE C. PORTA, ERBA APPLICAZIONI OPERATIVE DI ICF Prof.ssa Emanuela D Ambros LICEO STATALE C. PORTA, ERBA Il punto di partenza Studio della documentazione (Scheda di segnalazione; Diagnosi Funzionale; Profilo Dinamico Funzionale;

Dettagli

BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Istituto Comprensivo di Bagolino novembre 2014 Maria Rosa Raimondi Il percorso 1. Presupposti teorici e normativa di riferimento per l inclusione 2. Strategie e strumenti di

Dettagli

WP7 Predisposizione strumenti condivisi da utilizzare: protocollo ICF PEI

WP7 Predisposizione strumenti condivisi da utilizzare: protocollo ICF PEI WP7 Predisposizione strumenti condivisi da utilizzare: protocollo ICF PEI Premessa: la necessità di sviluppare strumenti di valutazione basati su ICF Il livello di partecipazione alle attività scolastiche

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEGLI/LLE ALUNNI/E DIVERSAMENTE ABILI E CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO (DSA O LD)

LA VALUTAZIONE DEGLI/LLE ALUNNI/E DIVERSAMENTE ABILI E CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO (DSA O LD) ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI A. S. 2010/2011 LA VALUTAZIONE DEGLI/LLE ALUNNI/E DIVERSAMENTE ABILI E CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO (DSA O LD) Dario Paparella 1 Definizione della persona diversamente

Dettagli

PROGETTO CINQUE PETALI

PROGETTO CINQUE PETALI PROGETTO CINQUE PETALI RESPONSABILE DIRETTORE DSMDP-UONPIA DR. GIULIANO LIMONTA Dott.ssa R. Baroni, Dott. L. Brambatti, Dr. M. Rossetti Piacenza, 1 ottobre 2014 I cinque petali Famiglia UONPIA - AUSL Scuola

Dettagli

Definizione di SALUTE O.M.S.

Definizione di SALUTE O.M.S. Definizione di SALUTE O.M.S. Non solo assenza di malattia ma stato di completo benessere fisico, psicologico e sociale. Non basta quindi curare ma anche prevenire, informare, sensibilizzare, promuovere

Dettagli

dell International Classification of Functioning,

dell International Classification of Functioning, PROGETTO IO TI CONOSCO Presentazione dell International Classification of Functioning, Disability and Health (ICF) A cura di Giovanni Viganò - Synergia gvigano@synergia-net.it Aosta, 14 Aprile 2012 COS

Dettagli

ICF-CY Classificazione a un livello 51. ICF-CY Classificazione a due livelli 55. ICF-CY Classificazione dettagliata con definizioni 71

ICF-CY Classificazione a un livello 51. ICF-CY Classificazione a due livelli 55. ICF-CY Classificazione dettagliata con definizioni 71 I n d i c e ICF-CY Prefazione 9 ICF-CY Introduzione 13 1. Background 15 2. Scopi dell ICF-CY 16 3. Sviluppo dell ICF-CY 17 4. Informazioni per gli utilizzatori dell ICF-CY 22 5. Casi esemplificativi (Case

Dettagli

GLOSSARIO TERMINI ICF-CY

GLOSSARIO TERMINI ICF-CY GLOSSARIO TERMINI ICF-CY CON QUALCHE INDICAZIONE PER L UTILIZZO DELLA CLASSIFICAZIONE 1 GLOSSARIO TERMINI ICF-CY CON SUGGERIMENTI PER IL LORO UTILIZZO ATTIVITÀ & PARTECIPAZIONE (A&P)...3 CATEGORIE...4

Dettagli

DAL ICD AL ICF I MODELLI DI CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALI COME ESPRESSIONE DELL APROCCIO ALLA DISABILITA

DAL ICD AL ICF I MODELLI DI CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALI COME ESPRESSIONE DELL APROCCIO ALLA DISABILITA CORSO DI FORMAZIONE RIVOLTA AI DOCENTI AFFERENTI AL CTRH DI CEFALU - CAMPOFELICE CASTELBUONO Modello ICF e integrazione in classe DAL ICD AL ICF I MODELLI DI CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALI COME ESPRESSIONE

Dettagli

Disabilità DSA Differenze aspecifiche. Francesca Salis,PhD. francescasalis@msn.com

Disabilità DSA Differenze aspecifiche. Francesca Salis,PhD. francescasalis@msn.com Macro-categoria: Disabilità DSA Differenze aspecifiche 1 Nel contesto pedagogico, bio-psichico e sociale( ICF) si intende per disabilitàqualsiasi restrizione o carenza (conseguente ad un deficit) della

Dettagli

Le indicazioni della regione Emilia Romagna per la certificazione della disabilità intellettiva in età evolutiva

Le indicazioni della regione Emilia Romagna per la certificazione della disabilità intellettiva in età evolutiva Le indicazioni della regione Emilia Romagna per la certificazione della disabilità intellettiva in età evolutiva Bologna 13 dicembre 2014 Definizione del concetto di disabilità cognitiva La normativa relativa

Dettagli

La sordità. Prof. Oskar Schindler

La sordità. Prof. Oskar Schindler La sordità Prof. Oskar Schindler Cenni d anatomia L orecchio Come funziona l udito Apparato uditivo Periferico o Orecchio Centrale o Centri e vie uditive encefaliche (percezione) Esterno Raccoglie i suoni

Dettagli

Progetto GSK «TUTTI DIVERSI, TUTTI UGUALI» Non c'è nulla di più ingiusto che fare parti uguali fra diseguali (Don Milani)

Progetto GSK «TUTTI DIVERSI, TUTTI UGUALI» Non c'è nulla di più ingiusto che fare parti uguali fra diseguali (Don Milani) Progetto GSK «TUTTI DIVERSI, TUTTI UGUALI» Non c'è nulla di più ingiusto che fare parti uguali fra diseguali (Don Milani) L ICF-CY e l approccio biopsicosociale ai problemi dell educazione speciale Incontro

Dettagli

Riflessione sulla norm ativa. Prof.ssa Olmo Serafina

Riflessione sulla norm ativa. Prof.ssa Olmo Serafina Riflessione sulla norm ativa Prof.ssa Olmo Serafina Direttiva del 27/12/12 STRUMENTI D INTERVENTO PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI E ORGANIZZAZIONE TERRITORIALE PER L INCLUSIONE SCOLASTICA C.M.

Dettagli

Fondazione Don Carlo Gnocchi ONLUS - IRCCS Servizio Informazione Valutazione Ausili. Statistica delle Consulenze erogate nel 2000

Fondazione Don Carlo Gnocchi ONLUS - IRCCS Servizio Informazione Valutazione Ausili. Statistica delle Consulenze erogate nel 2000 Fondazione Don Carlo Gnocchi ONLUS - IRCCS Servizio Informazione Valutazione Ausili Statistica delle Consulenze erogate nel 2000 TIPO DI CONSULENZA 1542 % Servizi di informazione e orientamento Colloquio

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

ICD-10. 1 ins. nora angela Magni

ICD-10. 1 ins. nora angela Magni ICD-10 La ICD-10 è la decima revisione della classificazione ICD, ossia la classificazione internazionale delle malattie e dei problemi correlati, proposta dall'oms. Sono classificate oltre 2000 malattie.

Dettagli

Testo di riferimento

Testo di riferimento Testo di riferimento Realizzazione di strumenti di documentazione e comunicazione tra scuola e servizi socio-sanitari con l utilizzo dell ICF come linguaggio comune per la descrizione del funzionamento

Dettagli

ALCUNE SIGLE. PDV= PROGETTO DI VITA si basa sulla

ALCUNE SIGLE. PDV= PROGETTO DI VITA si basa sulla DAL PEI AL PDV ALCUNE SIGLE PDV= PROGETTO DI VITA si basa sulla CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO, DELLA DISABILITA' E DELLA SALUTE LUNGO TUTTO L ARCO DELLA VITA (ICF) rivolto ai bambini

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA. Dott.ssa Alessandra Martini

ACCORDO DI PROGRAMMA. Dott.ssa Alessandra Martini ACCORDO DI PROGRAMMA Dott.ssa Alessandra Martini Alunni in quale situazione? Disturbo evolutivo funzione motoria Funzionamento cognitivo limite Handicap Svantaggio socio-culturale Svantaggio linguistico

Dettagli

Variabile Ecologica Costrutto teorico Strumento / Unità di Misura

Variabile Ecologica Costrutto teorico Strumento / Unità di Misura La Matrice Ecologica a Scuola: utilizzo estensivo dell ICF CY per la definizione degli Obiettivi di Miglioramento della Qualità di Vita a Scuola e la Pianificazione Educativa Personalizzata Luoghi della

Dettagli

L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DALLA DIAGNOSI FUNZIONALE AL PEI- PROGETTO DI VITA. IL RUOLO DELL ICF

L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DALLA DIAGNOSI FUNZIONALE AL PEI- PROGETTO DI VITA. IL RUOLO DELL ICF L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DALLA DIAGNOSI FUNZIONALE AL PEI- PROGETTO DI VITA. IL RUOLO DELL ICF Dott.ssa Federica Bartoletti federica.bartoletti@unibo.it Tratto da un lavoro della Dott.ssa Adriana De Luca

Dettagli

Il ruolo di un IRCCS di neuroriabilitazione infantile nell ambito della pianificazione sanitaria regionale e della continuità assistenziale

Il ruolo di un IRCCS di neuroriabilitazione infantile nell ambito della pianificazione sanitaria regionale e della continuità assistenziale Il ruolo di un IRCCS di neuroriabilitazione infantile nell ambito della pianificazione sanitaria regionale e della continuità assistenziale Dott. Marco Terenzi Gli IRCCS nel sistema sanitario regionale:

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO Allegato alla Delib.G.R. n. 44/ 10 del 31.10.2007 PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO Premessa L autismo, assieme agli altri disturbi pervasivi

Dettagli

IL PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO

IL PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO IL PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO NODI CRITICI DEL P.E.I. Conoscenza dell alunno (diagnosi funzionale) Progettualità (profilo dinamico funzionale progetto di vita) Risorse (strategie, attività e interventi:

Dettagli

L inclusione scolastica: percorso normativo e novità

L inclusione scolastica: percorso normativo e novità L inclusione scolastica: percorso normativo e novità a cura di Anna Lombardi exirre Lazio 1. Introduzione...2 2. Excursus storico della normativa in tema di integrazione dei disabili...4 3. Novità per

Dettagli

ALUNNI CON BES! BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI! Indicazioni operative per promuovere l inclusione scolastica sulla base della normativa vigente

ALUNNI CON BES! BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI! Indicazioni operative per promuovere l inclusione scolastica sulla base della normativa vigente ALUNNI CON BES BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Indicazioni operative per promuovere l inclusione scolastica sulla base della normativa vigente Docente: Dott.ssa Cristina Elefante (insegnante, pedagogista) NUOVE

Dettagli

Il Pediatra di Famiglia ed il bambino con grave disabilità

Il Pediatra di Famiglia ed il bambino con grave disabilità Il Pediatra di Famiglia ed il bambino con grave disabilità M.Cristina Tischer Pediatra di Famiglia - mctischer@hotmail.com 13/06/2008 SIPPS - Caserta 1 obiettivo Premesse La Pediatria di Famiglia ha 30

Dettagli

COMPETENZE DIGITALI. Le digital Competence Framework mi permettono di : Esplorare nuovi contesti tecnologici in modo flessibile.

COMPETENZE DIGITALI. Le digital Competence Framework mi permettono di : Esplorare nuovi contesti tecnologici in modo flessibile. COMPETENZE DIGITALI Competenze digitali o digital skills. Un approccio in 3D, un mutamento in corso. L immersività generata dagli ambienti multimediali ci sollecitano un esigenza nuova e educabile: sviluppare

Dettagli

PSICOLOGIA DELL HANDICAP E DELLA RIABILITAZIONE

PSICOLOGIA DELL HANDICAP E DELLA RIABILITAZIONE PSICOLOGIA DELL HANDICAP E DELLA RIABILITAZIONE DISABILITÀ E ICF PROF. FINO BUONO SVILUPPO DEL CONCETTO DI DISABILITA DA MODELLI BASATI SUL DEFICIT A MODELLI ECOLOGICI I MODELLI MEDICI ERANO CENTRATI SULLE

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE

PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE Scuole dell infanzia di Baraggiole e Calderara PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE Anni scolastici 2012-13/2014-15 Le scuole dell infanzia dell Istituto Comprensivo T. Croci si pongono come obiettivo, nel corso

Dettagli

L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEL SOGGETTO IN CONDIZIONE DI DISABILITA

L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEL SOGGETTO IN CONDIZIONE DI DISABILITA 11 febbraio 2008 L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEL SOGGETTO IN CONDIZIONE DI DISABILITA Dr. Gianni De Polo Neuropsichiatra Infantile Fisiatra I.R.C.C.S. E. Medea Associazione La Nostra Famiglia Conegliano

Dettagli

Aspetti normativi Roberto Leonetti, Responsabile dell Unità Funzionale di Salute Mentale Infanzia e Adolescenza, ASL 10 Firenze

Aspetti normativi Roberto Leonetti, Responsabile dell Unità Funzionale di Salute Mentale Infanzia e Adolescenza, ASL 10 Firenze Aspetti normativi Roberto Leonetti, Responsabile dell Unità Funzionale di Salute Mentale Infanzia e Adolescenza, ASL 10 Firenze FAMIGLIA/E contesti di vita scuola bambino e famiglia servizi sociali servizi

Dettagli

COMUNICAZIONE. L uomo fin dalle origini ha avuto necessità di comunicare i propri bisogni e l ha fatto usando immagini, gesti, vocalizzi, parole.

COMUNICAZIONE. L uomo fin dalle origini ha avuto necessità di comunicare i propri bisogni e l ha fatto usando immagini, gesti, vocalizzi, parole. COMUNICAZIONE La comunicazione è un aspetto essenziale della vita umana, tanto che è impossibile non comunicare. L uomo fin dalle origini ha avuto necessità di comunicare i propri bisogni e l ha fatto

Dettagli

Scienze riabilitative

Scienze riabilitative UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE AZIENDA ULSS 12 VENEZIANA Corso di laurea in Infermieristica a.a. 2010/2011 Corso Integrato di Disabilità Cronicità Scienze riabilitative Dott. Mag. Luigia Sangiani Fisioterapista

Dettagli

5. 2009 le Linee guida per l integrazione scolastica degli alunni con disabilità

5. 2009 le Linee guida per l integrazione scolastica degli alunni con disabilità 1. Legge n.517 del 1977 diede avvio all integrazione scolastica 2. Normativa fondante la Legge 104 (5 febbraio 1992) con l ART. 12 sul Diritto all'educ. e all'istruzione 3. Legge 53/2003,( personalizzazione

Dettagli

Gruppo 1 I SERVIZI PER LA NON AUTOSUFFICIENZA TRA NUOVE DINAMICHE SOCIALI E SOSTENIBILITA ECONOMICA

Gruppo 1 I SERVIZI PER LA NON AUTOSUFFICIENZA TRA NUOVE DINAMICHE SOCIALI E SOSTENIBILITA ECONOMICA Gruppo 1 I SERVIZI PER LA NON AUTOSUFFICIENZA TRA NUOVE DINAMICHE SOCIALI E SOSTENIBILITA ECONOMICA Il contesto demografico, epidemiologico e sociale Gli anziani a Cesena Aumento del 35% della popolazione

Dettagli

I.C.F. IL PENSARE PEDAGOGICO DEGLI ALUNNI DISABILI* I- PREMESSE PER L INCLUSIONE SCOLASTICA. a- CARATTERISTICHE. del PERCORSO FORMATIVO

I.C.F. IL PENSARE PEDAGOGICO DEGLI ALUNNI DISABILI* I- PREMESSE PER L INCLUSIONE SCOLASTICA. a- CARATTERISTICHE. del PERCORSO FORMATIVO IL PENSARE PEDAGOGICO I.C.F. PER L INCLUSIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI DISABILI* (Dimensioni I.C.F. per il PEI) Isp. Luigi FAVRO a.s. 11/12 I- PREMESSE a- CARATTERISITCHE, FINALITA e SCANSIONI del PERCORSO

Dettagli

PRESENTAZIONE. On. Antonio De Poli Assessore Regionale alle Politiche Sociali, Programmazione Socio Sanitaria, Volontariato e Non Profit

PRESENTAZIONE. On. Antonio De Poli Assessore Regionale alle Politiche Sociali, Programmazione Socio Sanitaria, Volontariato e Non Profit PRESENTAZIONE Lo scenario sulla disabilità è interessato da un processo di profonda trasformazione che negli ultimi anni ha sollecitato l attenzione dei Governi, delle loro strutture operative, delle associazioni

Dettagli

L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI. Raffaella Bonforte - Angelita Volpe

L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI. Raffaella Bonforte - Angelita Volpe L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI Raffaella Bonforte - Angelita Volpe "La R.S.A. è una struttura extra-ospedaliera per anziani disabili, prevalentemente non autosufficienti, non assistibili

Dettagli

PROGETTARE L INTEGRAZIONE SCOLASTICA SECONDO IL MODELLO ICF. Erba 3 novembre 2011 Dott.ssa Monica Pradal - pedagogista

PROGETTARE L INTEGRAZIONE SCOLASTICA SECONDO IL MODELLO ICF. Erba 3 novembre 2011 Dott.ssa Monica Pradal - pedagogista PROGETTARE L INTEGRAZIONE SCOLASTICA SECONDO IL MODELLO ICF Erba 3 novembre 2011 Dott.ssa Monica Pradal - pedagogista WORD HEALTH ORGANIZATION WORD HEALTH ORGANIZATION ICF - CY International Classification

Dettagli

Corso di formazione Operatori in Pet Therapy e Attività Assistite dal Cane e Conduttori del cane in Pet Therapy

Corso di formazione Operatori in Pet Therapy e Attività Assistite dal Cane e Conduttori del cane in Pet Therapy Università Pontificia Salesiana Roma7 dicembre2013 Corso di formazione Operatori in Pet Therapy e Attività Assistite dal Cane e Conduttori del cane in Pet Therapy Prof.ssa Claudia Giorgini Docente di Pedagogia

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Liguria Ufficio VI Ambito Territoriale di Imperia

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Liguria Ufficio VI Ambito Territoriale di Imperia Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Liguria Ufficio VI Ambito Territoriale di Imperia ISTITUZION SCOLASTICA ANNO SCOLASTICO...... /... PIANO DUCATIVO

Dettagli

ISIS Città di Luino-Carlo Volontè LINEE GUIDA PER IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

ISIS Città di Luino-Carlo Volontè LINEE GUIDA PER IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ISIS Città di Luino-Carlo Volontè LINEE GUIDA PER IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PREMESSA Gli alunni in difficoltà costituiscono da sempre un problema educativo di grande

Dettagli

Giornata Europea della Logopedia,6 Marzo 2012 Libera le parole I DISTURBI DELLA FLUENZA: IL RUOLO DEL LOGOPEDISTA.

Giornata Europea della Logopedia,6 Marzo 2012 Libera le parole I DISTURBI DELLA FLUENZA: IL RUOLO DEL LOGOPEDISTA. I DISTURBI DELLA FLUENZA: IL RUOLO DEL LOGOPEDISTA CHI E IL LOGOPEDISTA? Il Logopedista è il Professionista Sanitario che, a seguito di un percorso formativo universitario, acquisisce le competenze necessarie

Dettagli

Progetto UN MODELLO D INCLUSIONE SCOLASTICA DEL BAMBINO CON PROBLEMI NEUROLOGICI

Progetto UN MODELLO D INCLUSIONE SCOLASTICA DEL BAMBINO CON PROBLEMI NEUROLOGICI Progetto UN MODELLO D INCLUSIONE SCOLASTICA DEL BAMBINO CON PROBLEMI NEUROLOGICI Associazione Uniti per Crescere Onlus Anno scolastico 2015-2016 CON IL PATROCINIO: COMUNE DI PADOVA Titolo del Progetto:

Dettagli

INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) PRESSO L ISTITUTO

INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) PRESSO L ISTITUTO Referente alla Disabilità Prof. ssa Nardiello Paola Referente BES (bisogni educativi speciali) Prof. ssa Cappello Monica Anna INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) PRESSO

Dettagli

Introduzione alle disabilità di apprendimento

Introduzione alle disabilità di apprendimento CORSO di formazione per docenti Introduzione alle disabilità di apprendimento Dott.sa Paola Cavalcaselle - Psicologa, tecnico A.I.D. Master in DIAGNOSI E TRATTAMENTO DELLE DISABILITÀ DI APPRENDIMENTO IN

Dettagli

Esperienze a confronto Riflessioni sul tema disabilità invecchiamento e patologie correlate

Esperienze a confronto Riflessioni sul tema disabilità invecchiamento e patologie correlate Esperienze a confronto Riflessioni sul tema disabilità invecchiamento e patologie correlate QUALITÀ DEL MODELLO DI RIFERIMENTO PRINCIPI GENERALI L incremento ed il mantenimento della migliore qualità di

Dettagli

LINEE GUIDA PER L INCLUSIVITA

LINEE GUIDA PER L INCLUSIVITA ISTITUTO PROFESSIONALE SERVIZI PER L ENOGASTRONOMIA E L OSPITALITA ALBERGHIERA "ALDO MORO" S. P. 363 Vitigliano - S. Cesarea Terme - 73020 SANTA CESAREA TERME (LE) Tel. 0836/944131-944255 (Centralino)

Dettagli

Disturbi Specifici del Linguaggio - DSL - Dott.ssa Camilla Fagetti Psicologa Psicoterapeuta

Disturbi Specifici del Linguaggio - DSL - Dott.ssa Camilla Fagetti Psicologa Psicoterapeuta Disturbi Specifici del Linguaggio - DSL - Dott.ssa Camilla Fagetti Psicologa Psicoterapeuta Novate, 20 Aprile 2015 Programma 1 parte Competenza linguistica Sviluppo linguistico Indici di riferimento Parlatori

Dettagli

M1. Le definizioni di menomazione, disabilità ed handicap

M1. Le definizioni di menomazione, disabilità ed handicap L ICF è la classificazione internazionale del funzionamento della disabilità e della salute. La famiglia delle classificazioni internazionali dell OMS fornisce un modello di riferimento che consente di

Dettagli

L INCLUSIONE SCOLASTICA DALLA DIAGNOSI FUNZIONALE AL PEI PROGETTO DI VITA. IL RUOLO DELL ICF

L INCLUSIONE SCOLASTICA DALLA DIAGNOSI FUNZIONALE AL PEI PROGETTO DI VITA. IL RUOLO DELL ICF L INCLUSIONE SCOLASTICA DALLA DIAGNOSI FUNZIONALE AL PEI PROGETTO DI VITA. IL RUOLO DELL ICF San Remo 21 22 Dicembre 2009 Dott.ssa Federica Bartoletti federica.bartoletti@unibo.it Tratto da un lavoro della

Dettagli

Presidente SINPIA AUSL Ravenna Responsabile Comitato Scientifico Programma Autismo Regione Emilia-Romagna

Presidente SINPIA AUSL Ravenna Responsabile Comitato Scientifico Programma Autismo Regione Emilia-Romagna Centro Studi Erickson Autismi. Dai bambini agli adulti, dalla famiglia alla società I Servizi per l Autismo: la situazione italiana Franco Nardocci Presidente SINPIA AUSL Ravenna Responsabile Comitato

Dettagli

Corso di Laurea in Infermieristica

Corso di Laurea in Infermieristica Corso di Laurea in Infermieristica Sede Formativa di Cesena INSEGNAMENTO: SCIENZE INFERMIERISTICHE DELLA COMUNITA MODULO: INFERMIERISTICA CLINICA E RIABILITATIVA NELLA CRONICITA n. 2 CFU / n. ore 24 Docente:

Dettagli

Dott.ssa Licia Ponticello Neuropsichiatra Infantile Referente medico settore età evolutiva Centro di riabilitazione accreditato CMPH Roma

Dott.ssa Licia Ponticello Neuropsichiatra Infantile Referente medico settore età evolutiva Centro di riabilitazione accreditato CMPH Roma Dott.ssa Licia Ponticello Neuropsichiatra Infantile Referente medico settore età evolutiva Centro di riabilitazione accreditato CMPH Roma Il modello descritto nell ICF riflette i cambiamenti di prospettiva

Dettagli

Pedagogia della differenza Prof. Francesco Bruno

Pedagogia della differenza Prof. Francesco Bruno Pedagogia della differenza Prof. Francesco Bruno È un termine generale che comprende handicap, limitazione nelle attività e restrizione nella partecipazione. Un handicap è un problema relativo ad una funzione

Dettagli