Prove in opera sulle prestazioni acustiche di edifici a norma UNI EN ISO 140 parti 4, 5 e 7

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Prove in opera sulle prestazioni acustiche di edifici a norma UNI EN ISO 140 parti 4, 5 e 7"

Transcript

1 DIPARTIMENTO DI TECNOLOGIE DELL ARCHITETTURA E DESIGN PIERLUIGI SPADOLINI Laboratorio di Fisica Ambientale per la Qualità Edilizia Prove in opera sulle prestazioni acustiche di edifici a norma UNI EN ISO 140 parti 4, 5 e 7 PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA CON CAMBIO DI DESTINAZIONE D'USO DI IMMOBILE IN VIA COL DI LANA ANGOLO VIA MONTEROSA - GROSSETO Committente: Società Borgo Antico Costruzioni SRL, con Sede in Via della Pace n Grosseto (GR) Progettista architettonico: Dott. Ing. DARIO BERNARDIN, Geom. Tommaso Minacci Esecutori delle misure acustiche: Prof. Gianfranco Cellai, Prof. Simone Secchi Collaboratrice alle misure: Dott.ssa Erika Cellai Giugno 2011

2 Indice 1. Premessa Introduzione alla metodologia di valutazione... 3 Misure di potere fonoisolante apparente... 3 Misure di isolamento acustico di facciata... 4 Misure di livello di rumore da calpestio Requisiti prestazionali minimi (DPCM 5/12/97) Strumentazione utilizzata Misurazioni effettuate Descrizione dei componenti sottoposti a prova... 8 Parete di facciata Individuazione dei locali campione Risultati delle misurazioni Misure di potere fonoisolante apparente Misure di livello di rumore normalizzato da calpestio Misure di isolamento acustico di facciata normalizzato rispetto al tempo di riverberazione Considerazioni sui risultati ottenuti Pagina 2 di 23

3 1. Premessa La presente relazione riporta la misura dei requisiti acustici di un campione di partizioni interne, di facciate e di solai in accordo con le norme UNI EN ISO 140 parti 4, 5 e 7, condotta per un intervento di ristrutturazione edilizia con cambio d'uso di immobile posto a Grosseto (GR), in Via Col di Lana, angolo Via Monterosa (v foto 1). Le verifiche sono state eseguite nel maggio Foto 1 Facciata dell edificio oggetto di misurazioni acustiche. 2. Introduzione alla metodologia di valutazione Le misure eseguite hanno riguardato i seguenti parametri, definiti dall appendice A del DPCM 5/12/97: potere fonoisolante apparente di partizioni interne (R ); isolamento acustico di facciata normalizzato rispetto al tempo di riverberazione (D 2m,nT,w ); livello di rumore da calpestio normalizzato (L n ). Misure di potere fonoisolante apparente Il potere fonoisolante apparente, R, è stato misurato in base alla metodologia descritta dalla norma UNI EN ISO 140-4: La misurazione è stata effettuata in funzione della frequenza in bande di terzi di ottava, con riferimento alla formula (6) della norma UNI EN ISO 140-4: 2000, di seguito riportata: S R ' = L1 L2 + 10lg A (db) dove: L 1 = livello medio di pressione sonora nell ambiente sorgente (db); L 2 = livello medio di pressione sonora nell ambiente ricevente (db); A = area equivalente di assorbimento acustico nella camera ricevente (s), dato da: Pagina 3 di 23

4 0,16V 2 A = ( m ) T60 con: T 60 = tempo di riverberazione nella camera ricevente (s); V = volume della camera ricevente (m 3 ). Le misure dei livelli di pressione sonora e del tempo di riverbero sono state effettuate nel campo di intervalli di frequenze in bande di terzi di ottava individuato dalle frequenze centrali da 50 Hz a 5000 Hz. Sono state selezionate 5 postazioni di misura per l ambiente sorgente e per quello ricevente; ciascuna postazione microfonica rispetta i requisiti dettati dal punto della norma UNI EN ISO 140-4: 2000, ovvero rispettando le seguenti distanze: - 0,7 m tra le posizioni dei microfoni; - 0,5 m tra ciascuna posizione di microfono e le pareti dell'ambiente o i diffusori; - 1,0 m tra ciascuna posizione di microfono e la sorgente sonora. La sorgente sonora, collocata in due postazioni dell ambiente sorgente, rispetta i requisiti dettati dal punto 6.2. della norma UNI EN ISO 140-4: 2000 Il rumore generato è del tipo a larga banda. Il tempo di riverberazione è stato misurato con tecnica della interruzione del segnale stazionario con sorgente omnidirezionale; in questo caso le postazioni di misura del segnale sono state 6, nell ambiente ricevente. La tecnica per la determinazione del tempo di riverberazione è conforme a quanto descritto dal punto 6.5 della norma UNI EN ISO 140-4: Misure di isolamento acustico di facciata L'isolamento acustico di facciata, D 2m,nT, è stato valutato in base alla metodologia descritta dalla norma UNI EN ISO 140-5, impiegando la sorgente sonora inclinata di 45. La valutazione è stata effettuata in funzione della frequenza in bande di terzi di ottava, con riferimento alla seguente formula: T D m,nt = L, m L + lg (db) T0 dove: L 1,2m = livello equivalente di pressione sonora all esterno 2 m davanti alla facciata (db); L 2 = media spazio-temporale del livello di pressione sonora nella stanza ricevente (db); T = tempo di riverberazione nella stanza ricevente (s); = tempo di riverberazione di riferimento (0,5 s). T 0 Le misure dei livelli di pressione sonora e del tempo di riverbero sono state effettuate nel campo di intervalli di frequenze in bande di terzi di ottava individuato dalle frequenze centrali da 50 Hz a 5000 Hz. Le postazioni microfoniche interne (microfono fisso su cavalletto) sono risultate sempre a distanza superiore di 1 m dalle pareti. Il microfono esterno è stato tenuto in posizione fissa a 2 metri di distanza dalla facciata (v foto 2). L'isolamento acustico normalizzato (D 2m,nT ), rispetto al quale si esegue la verifica, è riportato nel certificato di prova, unitamente all'indice di valutazione D 2m,nT,w, calcolato a norma UNI EN ISO Pagina 4 di 23

5 Foto 2 Posizione dei microfoni per l isolamento di facciata Misure di livello di rumore da calpestio Il livello di rumore da calpestio, L i, è il livello medio di pressione sonora che si stabilisce in un ambiente quando sul solaio dell ambiente disturbante agisce un generatore di rumore da calpestio normalizzato. Le caratteristiche del generatore di rumore sono definite nell appendice A della norma UNI EN ISO La misurazione del livello di rumore da calpestio viene eseguita in opera seguendo la procedura definita dalla norma UNI EN ISO Il livello L i si ottiene dal valore medio del livello di pressione sonora misurato in almeno quattro posizioni nell ambiente ricevente, quando sul solaio dell ambiente disturbante è collocato un generatore di rumore da calpestio. Le misurazioni devono essere eseguite nelle bande di 1/3 di ottava con frequenza centrale compresa tra 100 e 3150 Hz. Il livello di rumore da calpestio in opera deve essere normalizzato rispetto all assorbimento acustico equivalente dell ambiente ricevente. Il livello di rumore da calpestio in opera normalizzato (L n ) si ottiene dal livello di rumore da calpestio misurato in opera (L i ) mediante la seguente equazione: A L ' = L ' 10lg (db) n i + Pagina 5 di 23 A 0 dove: A è l assorbimento acustico equivalente dell ambiente ricevente (m 2 ); A 0 è l assorbimento acustico equivalente di riferimento (10 m 2 ). Dai valori misurati del livello normalizzato di rumore da calpestio nelle bande di terzi di ottava comprese tra 100 Hz a 3150 Hz, si calcola l indice di valutazione del livello

6 normalizzato di rumore da calpestio L n,w secondo la procedura descritta dalla norma UNI EN ISO Requisiti prestazionali minimi (DPCM 5/12/97) Le misure sono state eseguite nei locali aventi destinazione residenziale, resi accessibili da parte della società committente e tenuto conto della possibilità di eseguire le misure di isolamento acustico di facciata secondo le norme citate. Ciò premesso i valori misurati degli indici di valutazione del potere fonoisolante di partizioni, dell isolamento acustico di facciate e del livello di rumore da calpestio (R w, D 2m,nT,w, L n,w ), sono confrontati con i valori limite di legge per la specifica tipologia edilizia, riportati nel D.P.C.M. 5/12/97 Determinazione dei requisiti acustici passivi degli edifici, in G.U. 297, 22/12/97. Per locali adibiti a residenza, i valori limite stabiliti dal decreto sono i seguenti: R w 50 db D 2m,nT,w 40 db L nw 63 db 4. Strumentazione utilizzata Per le misurazioni è stato impiegato un analizzatore di spettro a due canali in tempo reale 01 db, modello Symponie (figura 4.1), dotato di microfoni da ½ di pollice Gras e preamplificatori 01 db Stell modello PRE 12H. Figura 4.1 Analizzatore a due canali in tempo reale 01 db Symphonie. L analizzatore è conforme alle norme IEC 804 e IEC 651, classe I, mentre l analisi in frequenza risponde ai requisiti della norma IEC 1260, tipo 0. La catena di misura è stata calibrata alla frequenza di 1000 Hz con segnale di 94 db mediante calibratore 01 db, prima di ogni ciclo di misurazioni. La sorgente di rumore utilizzata per la generazione del campo sonoro per le misurazioni di potere fono isolante e di tempo di riverberazione è il modello OMNI 12 della ditta 01dB (figura 4.2). La sorgente di rumore utilizzata per la generazione del campo sonoro per le misurazioni di isolamento acustico di facciata è il modello CABAMP-01 della ditta 01dB (foto 3) Pagina 6 di 23

7 . Foto 3 Cassa acustica per la misura dell isolamento di facciata Il generatore di rumore da calpestio utilizzato è della Look Line (figura 4.3). Tutta la strumentazione utilizzata è conforme alle norme della serie UNI EN ISO 140. Figura 4.2 Generatore di rumore aereo omnidirezionale. Figura 4.3 generatore di rumore da calpestio. Pagina 7 di 23

8 5. Misurazioni effettuate Le misure di tutte le grandezze sopra specificate sono state effettuate nel campo di intervalli di frequenze in bande di terzi di ottava individuato dalle frequenze centrali di 50 Hz e 5000 Hz. Tali misurazioni sono state eseguite in differenti punti dei locali campione. È stato misurato il rumore di fondo presente nell ambiente ricevente al fine di verificare le condizioni di misura (differenza fra rumore in presenza di sorgente disturbante e rumore di fondo almeno pari a 10 db a tutte le frequenze). Durante tutte le prove, i locali erano inoltre non arredati e senza persone presenti, con l eccezione del tecnico preposto alle misurazioni. 6. Descrizione dei componenti sottoposti a prova Di seguito vengono descritte le soluzione tecnologiche delle partizioni sottoposte a prove, così come descritte dalla committenza. Parete di facciata Parete di facciata realizzata con blocchi intonacati in laterizio spessi 25 cm, con rivestimento esterno a cappotto in polistirene. Finestre e portefinestre in legno, a guarnizione doppia, dotati di vetri acustici 6/7-9 Ar - 10/11. Sistema di oscuramento finestre e portefinestre con avvolgibili monoblocco comprendente cassonetto termoisolante, spallette laterali coibentate con isolante e finitura in fibrocemento, falso telaio per serramento, guide di scorrimento per avvolgibile, avvolgibile e accessori per il funzionamento (v. foto 4). Prese d aria di locali cucina/angoli cottura a diretto contatto con ambienti abitativi: tipo TORNADO della Cir Edilacustica. Foto 4 Finestre di un locale campione per la misura dell isolamento acustico di facciata. Pagina 8 di 23

9 Solai interpiano Solaio con struttura portante in laterocemento spessa 24 cm con intonaco spesso 1 cm all'intradosso e pavimento galleggiante costituito da strato in materiale elastico con soprastante massetto e pavimentazione in materiale ceramico. Al fine di valutare gli effetti della pavimentazione ceramica è stata eseguita una misura anche in locale privo di tale finitura. Partizioni tra unità immobiliari distinte Parete spessa circa 19 cm, a triplo strato (due intercapedini) costituita da 5 lastre di cartongesso (2+1+2) spesse 12,5 mm ciascuna, con doppio strato di lana minerale spessa 40 mm. 7. Individuazione dei locali campione Le partizioni verticali e orizzontali e le facciate sottoposte a prova sono quelle evidenziate nelle planimetrie seguenti (figure 7.1, 7.2 e 7.3), corrispondenti agli appartamenti identificati con i numeri 1, 2 e 3 al piano terra, e con il numero 6a e 7 al piano primo, con accesso da Via Col di lana. Pagina 9 di 23 Via Col di Lana Figura 7.1 Individuazione delle partizioni campione al piano terra (in rosso la parete campione per la misura di R w ; in verde le facciate campione)

10 Figura 7.2 Individuazione della partizioni campione in azzurro al piano primo (ambiente sorgente) per le misure di L nw Figura 7.3 Individuazione del solaio campione in rosso al piano primo (ambiente sorgente) per la misura di R w 7. Risultati delle misurazioni Di seguito sono riportati i risultati delle misure di potere fonoisolante apparente, livello apparente di rumore da calpestio ed isolamento acustico di facciata. Pagina 10 di 23

11 Misure di potere fonoisolante apparente Il potere fonoisolante apparente (R ), è riportato nei certificati di prova allegati, unitamente all'indice di valutazione R w, calcolato a norma UNI EN ISO Tale valore viene indicato nei certificati di prova insieme ai termini di adattamento spettrale C e C tr calcolati in base alla procedura descritta dalla medesima norma. Questi due termini, se sommati all'indice di valutazione del potere fonoisolante apparente R w, forniscono il valore del potere fonoisolante apparente in db(a) rispettivamente per rumore disturbante di tipo rosa (rumore con contenuto energetico costante al variare delle bande di frequenza) e da traffico. L'insieme dei termini R' w, C e C tr, espressi nella forma R' w (C; C tr ), costituisce la certificazione acustica del prodotto. Ai fini delle verifiche previste dal DPCM 5/12/97, interessa solamente il valore assunto dall'indice di valutazione del potere fonoisolante apparente, mentre i termini di adattamento spettrale C e C tr vengono riportati solo per completezza. L indice di valutazione del potere fonoisolante apparente, calcolato in base alla UNI EN ISO 717-1, per le pareti esaminate è risultato pari a: parete posta tra camera da letto di appartamento 2 e soggiorno di appartamento 1 al piano terra. R w (C;C tr ) = 53 (-6; -14) db Solaio posto tra camera da letto (ambiente sorgente) di appartamento 6a posto al primo piano e soggiorno di appartamento 2 (ambiente ricevente) posto al piano terra. R w (C;C tr ) = 60 (-2; -5) db Misure di livello di rumore normalizzato da calpestio Il livello apparente di rumore impattivo normalizzato (L n ), è riportato nei certificati di prova allegati, unitamente all'indice di valutazione L nw, calcolato a norma UNI EN ISO Tale valore viene indicato nei certificati di prova insieme al termine di adattamento spettrale C I calcolato in base alla procedura descritta dalla medesima norma. L'insieme dei termini L' nw e C I, espressi nella forma L' nw (C I ), costituisce la certificazione acustica del prodotto. Ai fini delle verifiche previste dal DPCM 5/12/97, interessa solamente il valore assunto dall'indice di valutazione del livello apparente di rumore impattivo normalizzato, mentre il termini di adattamento spettrale C I viene riportato solo per completezza. I risultati della misura di livello di rumore da calpestio sono riportati per completo nel certificato allegato. L indice di valutazione del livello di rumore da calpestio normalizzato, calcolato in base alla UNI EN ISO 717-2, risulta pari a: solaio privo di finitura superficiale posto tra camera da letto di appartamento 6a al piano primo e soggiorno di appartamento 1 al piano terra. L n,w (CI) = 61 (-3) db solaio posto tra locale soggiorno di appartamento 7 posto al primo piano e locale soggiorno di appartamento 2 posto al piano terra. Finitura in ceramica L n,w (CI) = 56 (-3) db Pagina 11 di 23

12 Misure di isolamento acustico di facciata normalizzato rispetto al tempo di riverberazione I risultati delle misure di isolamento acustico di facciata normalizzato rispetto al tempo di riverberazione sono riportati per completo nei certificati allegati. Come per le verifiche del potere fonoisolante apparente, i certificati riportano i risultati nella forma D 2m,nT,w (C, C tr ). Ai fini delle verifiche previste dal DPCM 5/12/97, interessa solamente il valore assunto dall'indice di valutazione dell isolamento acustico di facciata normalizzato rispetto al tempo di riverberazione, D 2m,nT,w, mentre i termini di adattamento spettrale C e C tr vengono riportati solo per completezza. L indice di valutazione dell isolamento acustico di facciata normalizzato rispetto al tempo di riverberazione, calcolato in base alla UNI EN ISO 717-1, risulta pari a: Facciata di camera da letto di appartamento 2 al piano terra, con portafinestra in legno non correttamente registrata (fuga di circa 1 cm sulla battuta sinistra) D 2m,nT,w (C;C tr ) = 27 (-1;-2) db con portafinestra correttamente registrata D 2m,nT,w (C;C tr ) = 40 (-1;-3) db Facciata di soggiorno di appartamento 1 al piano terra, con portafinestra correttamente sigillata e presa d aria silenziata installata a muro D 2m,nT,w (C;C tr ) = 39 (-2;-5) db Facciata di locale soggiorno di appartamento 2 posto al piano terra composto da portafinestra correttamente sigillata e presa d aria silenziata installata a muro D 2m,nT,w (C;C tr ) = 43 (-1;-4) db 8. Considerazioni sui risultati ottenuti Dalle misure eseguite emerge quanto segue. L indice di valutazione del potere fonoisolante apparente delle partizioni tra distinte unità immobiliari risulta variabile da 53 (per la parete) a 60 db (per il solaio). L indice di valutazione dell isolamento acustico di facciata normalizzato rispetto al tempo di riverberazione risulta variabile da 39 a 43 db. Nel caso della misura eseguita prima della corretta registrazione delle cerniere del serramento, il risultato è stato molto inferiore, pari 27 db, a conferma dell importanza della corretta messa in opera e registrazione dei serramenti. L indice di valutazione del livello apparente di rumore da calpestio normalizzato dei solai tra distinte unità immobiliari risulta variabile da 56 a 61 db. Prof. Simone Secchi Prof. Gianfranco Cellai (tecnico competente n 178) (tecnico competente n 30) Pagina 12 di 23

13 Allegato 1 CERTIFICATI DI PROVA A NORMA UNI EN ISO 140 PARTE 5 Isolamento acustico di facciata Pagina 13 di 23

14 Standardised Level Difference according to ISO Field measurements of airborne sound insulation of façade elements and façades Customer: Test date: 25/05/11 Description and identification of test building, test set-up and measurement direction: facciata di camera da letto di appartamento 2 al piano terra. Portafinestra in legno non correttamente registrata (fuga di circa 1 cm sulla battuta sinistra) Frequency f, (Hz) D ls,2m,nt (third octave), db Estimation of Dls,2m,nT,w (C ; Ctr) (db) : ( C ; Ctr ) = 27 (-1 ; 0 ) according to ISO Estimation based on field measurement results obtained using an expert method Report No.: Grosseto 01_01 Date: 27/05/2011 Testing agency: Dipartimento TAD Università di Firenze Signature: Gianfranco Cellai, Simone Secchi, Erika Cellai Pagina 14 di 23

15 Standardised Level Difference according to ISO Field measurements of airborne sound insulation of façade elements and façades Customer: Test date: 25/05/11 Description and identification of test building, test set-up and measurement direction: Facciata di camera da letto di appartamento 2 al piano terra. Portafinestra registrata correttamente Frequency f, (Hz) D ls,2m,nt (third octave), db Estimation of Dls,2m,nT,w (C ; Ctr) (db) : ( C ; Ctr ) = 40 (-1 ; -3 ) according to ISO Estimation based on field measurement results obtained using an expert method Report No.: Grosseto 02_01 Date: 27/05/2011 Testing agency: Dipartimento TAD Università di Firenze Signature:Gianfranco Cellai, Simone Secchi, Erika Cellai Pagina 15 di 23

16 Standardised Level Difference according to ISO Field measurements of airborne sound insulation of façade elements and façades Customer: Test date: 25/05/11 Description and identification of test building, test set-up and measurement direction: facciata di soggiorno di appartamento 1 al piano terra, con portafinestra correttamente sigillata e presa d aria silenziata installata a muro Frequency f, (Hz) D ls,2m,nt (third octave), db Estimation of Dls,2m,nT,w (C ; Ctr) (db) : ( C ; Ctr ) = 39 (-2 ; -5 ) according to ISO Estimation based on field measurement results obtained using an expert method Report No.: Grosseto 03_01 Date: 27/05/2011 Testing agency: Dipartimento TAD Università di Firenze Signature:Gianfranco Cellai, Simone Secchi, Erika Cellai Pagina 16 di 23

17 Standardised Level Difference according to ISO Field measurements of airborne sound insulation of façade elements and façades Customer: Test date: 25/05/11 Description and identification of test building, test set-up and measurement direction: facciata di locale soggiorno di appartamento 2 posto al piano terra composto da portafinestra + presa d'aria Frequency f, (Hz) D ls,2m,nt (third octave), db Estimation of Dls,2m,nT,w (C ; Ctr) (db) : ( C ; Ctr ) = 43 (-1 ; -4 ) according to ISO Estimation based on field measurement results obtained using an expert method Report No.: Grosseto 04_01 Date: 27/05/2011 Testing agency: Dipartimento TAD Università di Firenze Signature: Gianfranco Cellai, Simone Secchi, Erika Cellai Pagina 17 di 23

18 Allegato 2 CERTIFICATI DI PROVA A NORMA UNI EN ISO 140 PARTE 4 Potere fonoisolante apparente Pagina 18 di 23

19 Apparent Transmission Loss according to ISO Field measurement of airborne sound insulation between rooms Customer: Test date: 25/05/11 Description and identification of test building, test set-up and measurement direction: parete posta tra camera da letto di appartamento 2 e soggiorno di appartamento 1 al piano terra. Volume of emission room (m 3 ): Separation element area (m²): 11.8 Volume of receiving room (m 3 ): 38.9 Frequency f, (Hz) R (third octave), db >= >= Estimation of R w (C ; Ctr) (db) : ( C ; Ctr ) = 53 (-6 ; -14 )according to ISO Estimation based on laboratory measurement results obtained using an expert method Report No. : Grosseto 05_01 Date: 27/05/2011 Testing company: Dipartimento TAD Università di Firenze Signature:Gianfranco Cellai, Simone Secchi, Erika Cellai Pagina 19 di 23

20 Apparent Transmission Loss according to ISO Field measurement of airborne sound insulation between rooms Customer: Test date: 25/05/11 Description and identification of test building, test set-up and measurement direction: Solaio posto tra camera da letto (ambiente sorgente) di appartamento 6a posto al primo piano e soggiorno di appartamento 2 (ambiente ricevente) posto al piano terra. Volume of emission room (m 3 ): Separation element area (m²): 9.5 Volume of receiving room (m 3 ): 58 Frequency f, (Hz) R (third octave), db 50 >= >= Estimation of R w (C ; Ctr) (db) : ( C ; Ctr ) = 60 (-2 ; -5 ) according to ISO Estimation based on laboratory measurement results obtained using an expert method Report No. : Grosseto 06_01 Date: 27/05/2011 Testing company: Dipartimento TAD Università di Firenze Signature:Gianfranco Cellai, Simone Secchi, Erika Cellai Pagina 20 di 23

21 Allegato 3 CERTIFICATI DI PROVA A NORMA UNI EN ISO 140 PARTE 7 Livello di rumored a calpestio Pagina 21 di 23

22 Normalised Impact Sound Levels according to ISO Field measurements of impact sound insulation of floors Customer: Test date: 25/05/11 Description or identification of test building, test set-up and measurement direction: solaio privo di finitura superficiale posto tra camera da letto di appartamento 6a posto al piano primo e soggiorno di appartamento 1 posto al piano terra. Volume of receiving room (m 3 ): Frequency f, (Hz) L n (third octave), db Estimation of L n,w (CI) (db) : 61 (-3) according to ISO Estimation of field measurement results obtained by an expert method Report No.: Grosseto 07_01 Date: 27/05/2011 Testing agency: Dipartimento TAD Università di Firenze Signature:Gianfranco Cellai, Simone Secchi, Erika Cellai Pagina 22 di 23

23 Normalised Impact Sound Levels according to ISO Field measurements of impact sound insulation of floors Customer: Test date: 25/05/11 Description or identification of test building, test set-up and measurement direction: solaio posto tra locale soggiorno di appartamento 7 posto al primo piano e locale soggiorno di appartamento 2 posto al piano terra. Finitura in ceramica. Volume of receiving room (m 3 ): Frequency f, (Hz) L n (third octave), db Estimation of L n,w (CI) (db) : 56 (-3) according to ISO Estimation of field measurement results obtained by an expert method Report No.: Grosseto 08_01 Date: 27/05/2011 Testing agency: Dipartimento TAD Università di Firenze Signature:Gianfranco Cellai, Simone Secchi, Erika Cellai Pagina 23 di 23

ALLEGATO 4 Rapporto di prova emesso dall università di Bologna riguardante la valutazione in opera dell isolamento acustico di una parete NYD 15

ALLEGATO 4 Rapporto di prova emesso dall università di Bologna riguardante la valutazione in opera dell isolamento acustico di una parete NYD 15 ALLEGATO 4 Rapporto di prova emesso dall università di Bologna riguardante la valutazione in opera dell isolamento acustico di una parete NYD 15 Rapporto di prova riguardante la valutazione in opera dell

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA. MISURAZIONE IN OPERA DELL ISOLAMENTO DAL RUMORE DI CALPESTIO DI SOLAI secondo la norma tecnica UNI EN ISO 140-7 (2000) Perugia

RAPPORTO DI PROVA. MISURAZIONE IN OPERA DELL ISOLAMENTO DAL RUMORE DI CALPESTIO DI SOLAI secondo la norma tecnica UNI EN ISO 140-7 (2000) Perugia RAPPORTO DI PROVA MISURAZIONE IN OPERA DELL ISOLAMENTO DAL RUMORE DI CALPESTIO DI SOLAI secondo la norma tecnica UNI EN ISO 140-7 (2000) Data di Emissione: 13 febbraio 2007 Luogo di Emissione: Committente:

Dettagli

!"#$%%&''&&( # )$%&%') #*+ RAPPORTO DI PROVA

!#$%%&''&&( # )$%&%') #*+ RAPPORTO DI PROVA RAPPORTO DI PROVA MISURAZIONE IN OPERA DELL ISOLAMENTO DAL RUMORE DI CALPESTIO DI SOLAI secondo la norma tecnica UNI EN ISO 140-7 (2000) Data di Emissione: 13 ottobre 2006 Luogo di Emissione: Committente:

Dettagli

La previsione della protezione acustica degli edifici con metodi semplificati

La previsione della protezione acustica degli edifici con metodi semplificati La previsione della protezione acustica degli edifici con metodi semplificati EDILTIRRENO EXPO Carrara, 16 Maggio 2008 Simone Secchi Dipartimento di Tecnologie dell Architettura e Design _ Università di

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA Laboratorio di Acustica Via Saragat, 1 44100 Ferrara Tel. 0532-974852 Fax.

Università degli Studi di Ferrara DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA Laboratorio di Acustica Via Saragat, 1 44100 Ferrara Tel. 0532-974852 Fax. Università degli Studi di Ferrara DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA Laboratorio di Acustica Via Saragat, 1 44100 Ferrara Tel. 0532-974852 Fax. 0532-974870 Misurazioni in opera del livello normalizzato di rumore

Dettagli

MISURAZIONE IN OPERA DEI REQUISITI ACUSTICI PASSIVI --- Eseguito ai sensi della Legge n 447/95 in conformità con il DPCM 05/12/1997

MISURAZIONE IN OPERA DEI REQUISITI ACUSTICI PASSIVI --- Eseguito ai sensi della Legge n 447/95 in conformità con il DPCM 05/12/1997 MISURAZIONE IN OPERA DEI REQUISITI ACUSTICI PASSIVI --- Eseguito ai sensi della Legge n 447/95 in conformità con il DPCM 05/12/1997 IL COMMITTENTE: Benessere Acustico Sr.l. IL TECNICO: Andrea Cerniglia

Dettagli

PRESTAZIONI ACUSTICHE DEGLI EDIFICI: PROBLEMATICHE DI MISURA E CRITICITÀ DELLA POSA IN OPERA. Chiara Scrosati ITC-CNR

PRESTAZIONI ACUSTICHE DEGLI EDIFICI: PROBLEMATICHE DI MISURA E CRITICITÀ DELLA POSA IN OPERA. Chiara Scrosati ITC-CNR PRESTAZIONI ACUSTICHE DEGLI EDIFICI: PROBLEMATICHE DI MISURA E CRITICITÀ DELLA POSA IN OPERA Chiara Scrosati ITC-CNR Istituto per le Tecnologie della Costruzione del Consiglio Nazionale delle Ricerche

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA Laboratorio di Acustica Via Saragat, 1 44100 Ferrara Tel. 0532-974852 Fax.

Università degli Studi di Ferrara DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA Laboratorio di Acustica Via Saragat, 1 44100 Ferrara Tel. 0532-974852 Fax. Università degli Studi di Ferrara DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA Laboratorio di Acustica Via Saragat, 1 44100 Ferrara Tel. 0532-974852 Fax. 0532-974870 Misurazioni in opera del livello normalizzato di rumore

Dettagli

CLASSIFICAZIONE ACUSTICA (UNI 11367)

CLASSIFICAZIONE ACUSTICA (UNI 11367) CLASSIFICAZIONE ACUSTICA (UNI 11367) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il responsabile del rapporto di prova Ancona, 01/04/2011 pag. 1

Dettagli

La normativa acustica per le opere edilizie: RELAZIONE VERIFICA DEI REQUISITI ACUSTICI PASSIVI DEGLI EDIFICI D.P.C.M. 5/12/1997

La normativa acustica per le opere edilizie: RELAZIONE VERIFICA DEI REQUISITI ACUSTICI PASSIVI DEGLI EDIFICI D.P.C.M. 5/12/1997 La normativa acustica per le opere edilizie: Requisiti Acustici Passivi degli edifici: relazione verifica D.P.C.M. 5/12/97 CRISTIANA BERNASCONI RELAZIONE VERIFICA DEI REQUISITI ACUSTICI PASSIVI DEGLI EDIFICI

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA Laboratorio di Acustica Via Saragat, 1 44100 Ferrara Tel. 0532-974852 Fax.

Università degli Studi di Ferrara DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA Laboratorio di Acustica Via Saragat, 1 44100 Ferrara Tel. 0532-974852 Fax. Università degli Studi di Ferrara DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA Laboratorio di Acustica Via Saragat, 1 44100 Ferrara Tel. 0532-974852 Fax. 0532-974870 Misurazioni in opera del livello normalizzato di rumore

Dettagli

Misura dei requisiti passvi acustici degli edifici

Misura dei requisiti passvi acustici degli edifici Misura dei requisiti passvi acustici degli edifici I parametri acustici per la Determinazione dei requisiti acustici passivi degli edifici. Il decreto : DPCM 05-12-1997 si prefigge di: migliorare la qualità

Dettagli

REQUISITI ACUSTICI PASSIVI DEGLI EDIFICI

REQUISITI ACUSTICI PASSIVI DEGLI EDIFICI REQUISITI ACUSTICI PASSIVI DEGLI EDIFICI ai sensi della Legge Quadro n 447/95: verifica degli adempimenti di cui al D.P.C.M. del 05/12/97 CERTIFICAZIONE MEDIANTE MISURE SPERIMENTALI DEI REQUISITI ACUSTICI

Dettagli

Pagina 2 di 6. I metodi di misura e di calcolo, nonché i valori di riferimento dei vari indici di valutazione, sono descritti nelle seguenti norme:

Pagina 2 di 6. I metodi di misura e di calcolo, nonché i valori di riferimento dei vari indici di valutazione, sono descritti nelle seguenti norme: Pagina 2 di 6 1) isolamento dal rumore aereo delle facciate (n. 5 verifiche); 2) isolamento dal rumore aereo dei divisori verticali tra distinte unità immobiliari (n. 2 verifiche); 3) isolamento dal rumore

Dettagli

Soluzioni costruttive e problemi per l isolamento acustico delle facciate

Soluzioni costruttive e problemi per l isolamento acustico delle facciate Soluzioni costruttive e problemi per l isolamento acustico delle facciate Simone Secchi Dipartimento Tecnologie dell Architettura e Design Pierluigi Spadolini simone.secchi@unifi.it http://web.taed.unifi.it/fisica_tecnica/secchi/secchi.htm

Dettagli

INTERVENTI DI RIPRISTINO NEL CASO DI DIFETTI DI POSA IN OPERA

INTERVENTI DI RIPRISTINO NEL CASO DI DIFETTI DI POSA IN OPERA INTERVENTI DI RIPRISTINO NEL CASO DI DIFETTI DI POSA IN OPERA Pelucchi Francesco Antonio (1) 1) Studio Pelucchi, Perugia 1. Introduzione In questo lavoro si riportano i risultati di 3 indagini sperimentali

Dettagli

di Paolo Benzoni, Alessandro Sartori & C.

di Paolo Benzoni, Alessandro Sartori & C. del biessestudio s.a.s. COMUNE DI MONTE MARENZO Piazza Municipale, 5 VALUTAZIONE TEORICA DELLE PRESTAZIONI ACUSTICHE DI ELEMENTI COSTRUTTIVI D.P.C.M. 5 dicembre 1997 Adeguamento delle facciate esistenti

Dettagli

ALLEGATO A Calcoli di progetto PREMESSA Scopo della presente relazione, redatta ai sensi della Legge 26 ottobre 1995, n. 447 Legge quadro sull'inquinamento acustico e del Decreto del Presidente del Consiglio

Dettagli

Certificazione acustica degli edifici

Certificazione acustica degli edifici ANIT - Associazione Nazionale per l Isolamento Termico e acustico Certificazione acustica degli edifici PREMESSA Il comfort acustico abitativo è uno dei requisiti che caratterizza la qualità ed il valore

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

La verifica in opera delle caratteristiche acustiche degli edifici

La verifica in opera delle caratteristiche acustiche degli edifici L acustica applicata all edilizia Verona 24 Novembre 2000 La verifica in opera delle caratteristiche acustiche degli edifici Francesco Ferrari e Valerio Manzoni - ARPA Lombardia - Dipartimento di Mantova

Dettagli

PARETI IN LECABLOCCO PER IL COMFORT ACUSTICO SOLUZIONI PER LA NORMA UNI 11367

PARETI IN LECABLOCCO PER IL COMFORT ACUSTICO SOLUZIONI PER LA NORMA UNI 11367 PARETI IN LECABLOCCO PER IL COMFORT ACUSTICO SOLUZIONI PER LA NORMA UNI 67 LA NUOVA NORMA UNI 67 Classificazione acustica delle Unità Immobiliari. Norma UNI 67. Nel luglio 00 è stata pubblicata la norma

Dettagli

VERIFICA REQUISITI ACUSTICI PASSIVI AI SENSI D.P.C.M. 5/12/1997 RESIDENZA VERDE VIA A.TISI,8 44011 ARGENTA (FE)

VERIFICA REQUISITI ACUSTICI PASSIVI AI SENSI D.P.C.M. 5/12/1997 RESIDENZA VERDE VIA A.TISI,8 44011 ARGENTA (FE) VERIFICA REQUISITI ACUSTICI PASSIVI AI SENSI D.P.C.M. 5/12/1997 RESIDENZA VERDE VIA A.TISI,8 44011 ARGENTA (FE) Cliente: Immobiliare Primavera soc.coop Via A.Tisi, 8 Argenta (FE) Gennaio 2010 INDICE 1.

Dettagli

CAPPOTTO ESTERNO E ISOLAMENTO ACUSTICO DI FACCIATA. PARETI DI TAMPONAMENTO IN ZONE SISMICHE. 1. INTRODUZIONE. Tecnologia delle costruzioni

CAPPOTTO ESTERNO E ISOLAMENTO ACUSTICO DI FACCIATA. PARETI DI TAMPONAMENTO IN ZONE SISMICHE. 1. INTRODUZIONE. Tecnologia delle costruzioni CAPPOTTO ESTERNO E ISOLAMENTO ACUSTICO DI FACCIATA. PARETI DI TAMPONAMENTO IN ZONE SISMICHE. Isolamento acustico di facciata su pareti con isolamento a cappotto in polistirene espanso. ANALISI DEL COMPORTAMENTO

Dettagli

Premessa. Valori limite dei parametri Parametri R w (*) D 2m,nT,w L n,w L ASmax L Aeq

Premessa. Valori limite dei parametri Parametri R w (*) D 2m,nT,w L n,w L ASmax L Aeq Premessa Scopo della presente relazione, redatta ai sensi della Legge 26 ottobre 1995, n. 447 Legge quadro sull'inquinamento acustico e del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 5 dicembre

Dettagli

Costruzioni Constructions. Acustica Acoustics 0109/DC/ACU/10 26/07/2010

Costruzioni Constructions. Acustica Acoustics 0109/DC/ACU/10 26/07/2010 Costruzioni Constructions Acustica Acoustics 0109/DC/ACU/10 26/07/2010 1 VAWA panel partition + plasterboard lining Veneziani Acell S.r.l. Via delle Groane 126 I-20024 Garbagnate Milanese (MI) UNI EN ISO

Dettagli

RELAZIONE ACUSTICA. Legge 447 del 26 ottobre 1995. D.P.C.M. 05 dicembre 1997

RELAZIONE ACUSTICA. Legge 447 del 26 ottobre 1995. D.P.C.M. 05 dicembre 1997 RELAZIONE ACUSTICA Legge 447 del 26 ottobre 1995 D.P.C.M. 05 dicembre 1997 COMMITTENTE: Mario Bianchi EDIFICIO: Palazzina 4 unità Residenziali INDIRIZZO Via Verdi 12, Milano INTERVENTO: Valutazione del

Dettagli

TUBO PIUMA 100 Presa d aria silenziata per fori di ventilazione nelle facciate degli edifici Air intake silencer for air intakes of building façades

TUBO PIUMA 100 Presa d aria silenziata per fori di ventilazione nelle facciate degli edifici Air intake silencer for air intakes of building façades ISOLAMENTI ACUSTICI DEI SILENZIATORI ACUSTICI DI FACCIATA PER ENTRATA ED ESPULSIONE ARIA CERTIFICATI DAL CSI Modello: TUBO PIUMA 100 L = 300 mm L = 400 mm Dn,e,w = 41 db Dn,e,w = 47 db L Passaggio aria

Dettagli

ABITAZIONI SILENZIOSE DAL D.P.C.M 5/12/97 ALLA CERTIFICAZIONE ACUSTICA

ABITAZIONI SILENZIOSE DAL D.P.C.M 5/12/97 ALLA CERTIFICAZIONE ACUSTICA ABITAZIONI SILENZIOSE DAL D.P.C.M 5/12/97 ALLA CERTIFICAZIONE ACUSTICA Ing. Riccardo Tognarini Design energetico ed acustico degli edifici con studio in San Vincenzo LI Via Pitagora, 3 Tel. 0565705346

Dettagli

ESTRATTO RELAZIONE TECNICA sul recupero dei requisiti acustici passivi (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

ESTRATTO RELAZIONE TECNICA sul recupero dei requisiti acustici passivi (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) ESTRATTO RELAZIONE TECNICA sul recupero dei requisiti acustici passivi (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Data delle misure 29 Aprile 15 Luglio 2009 Progetto Risanamento parete divisoria tra unità abitative Tecnici

Dettagli

VALUTAZIONE PREVENTIVA DELLE PRESTAZIONI ACUSTICHE

VALUTAZIONE PREVENTIVA DELLE PRESTAZIONI ACUSTICHE Teatro Electra VALUTAZIONE PREVENTIVA DELLE PRESTAZIONI ACUSTICHE Verifica con D.P.C.M. 05/12/1997 SuoNus - Valutazione preventiva delle prestazioni acustiche - Pag. 1 PREMESSA Scopo della presente relazione,

Dettagli

UN EDIFICIO A BASSO CONSUMO IN CLASSE A È ANCHE ISOLATO ACUSTICAMENTE? CONSIDERAZIONI SULL'ARGOMENTO E RISULTATI DI ALCUNE PROVE IN OPERA

UN EDIFICIO A BASSO CONSUMO IN CLASSE A È ANCHE ISOLATO ACUSTICAMENTE? CONSIDERAZIONI SULL'ARGOMENTO E RISULTATI DI ALCUNE PROVE IN OPERA Associazione Italiana di Acustica 36 Convegno Nazionale Torino, 10-12 giugno 2009 UN EDIFICIO A BASSO CONSUMO IN CLASSE A È ANCHE ISOLATO ACUSTICAMENTE? CONSIDERAZIONI SULL'ARGOMENTO E RISULTATI DI ALCUNE

Dettagli

Potere fonoisolante: risultati di prove in opera su pareti in POROTON

Potere fonoisolante: risultati di prove in opera su pareti in POROTON Consorzio POROTON Italia Via Gobetti 9-37138 VERONA Tel 045.572697 Fax 045.572430 www.poroton.it - info@poroton.it News - Acustica 14 febbraio 2006 Potere fonoisolante: risultati di prove in opera su pareti

Dettagli

S. Secchi, Università degli Studi di Firenze, Dip. di Tecnologie dell Architettura e Design (TAeD)

S. Secchi, Università degli Studi di Firenze, Dip. di Tecnologie dell Architettura e Design (TAeD) Isolamento acustico di facciata: effetto delle connessioni rigide nelle pareti doppie S. Secchi, Università degli Studi di Firenze, Dip. di Tecnologie dell Architettura e Design (TAeD) Nella realizzazione

Dettagli

Isolamento acustico: valutazione del potere fonoisolante per strutture complesse

Isolamento acustico: valutazione del potere fonoisolante per strutture complesse Isolamento acustico: valutazione del potere fonoisolante per strutture complesse Dott. Edoardo Piana, Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Industriale Università degli Studi di Brescia, via Branze 38,

Dettagli

Isolamento acustico delle facciate

Isolamento acustico delle facciate Consorzio POROTON Italia Via Gobetti 9-37138 VERONA Tel 045.572697 Fax 045.572430 www.poroton.it - info@poroton.it News - Acustica 14 ottobre 2003 Isolamento acustico delle facciate Una interessante verifica

Dettagli

Isolamento acustico. Andrea Nicolini

Isolamento acustico. Andrea Nicolini Isolamento acustico Andrea Nicolini Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Ingegneria Industriale, sezione di Fisica Tecnica nicolini.unipg@ciriaf.it ISOLAMENTO ACUSTICO Strutture fonoisolanti

Dettagli

INQUINAMENTO ACUSTICO

INQUINAMENTO ACUSTICO Cremona 27 Ottobre 2006 Ordine degli Ingegneri delle Provincia di Cremona INQUINAMENTO ACUSTICO (Legge Quadro 447/1995) (Regione Lombardia: L.R. 13/2001) Relatore: Dott. Ing. Linda Parati Dottorato Europeo

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA N. 317066

RAPPORTO DI PROVA N. 317066 Istituto Giordano S.p.A. Via Rossini, 2-47814 Bellaria-Igea Marina (RN) - Italia Tel. +39 0541 343030 - Fax +39 0541 345540 istitutogiordano@giordano.it - www.giordano.it PEC: ist-giordano@legalmail.it

Dettagli

In attesa e nella speranza che il D.P.C.M. 5.12.97 venga rivisitato e aggiornato, dobbiamo riferirci inevitabilmente ai requisiti acustici che il

In attesa e nella speranza che il D.P.C.M. 5.12.97 venga rivisitato e aggiornato, dobbiamo riferirci inevitabilmente ai requisiti acustici che il Progettazione, scelte tecniche e controlli dell isolamento acustico tra unità abitative, corretta posa in opera di solai, tamponamenti e pareti divisorie Ing. Paolo Giacomin Vice Presidente Commissione

Dettagli

Linee Guida per la redazione del Progetto Acustico

Linee Guida per la redazione del Progetto Acustico Linee Guida per la redazione del Progetto Acustico Arpa Umbria Agosto 2009 Indice Linea Guida per la redazione del Progetto Acustico.3 Contenuti del Progetto Acustico. 7 Esempio di calcolo..8 Calcolo dell

Dettagli

Il quadro legislativo nazionale; quadro sinottico completo della Normativa tecnica

Il quadro legislativo nazionale; quadro sinottico completo della Normativa tecnica SAIE 2014 Il quadro legislativo nazionale; quadro sinottico completo della Normativa tecnica Giovanni Semprini Luca Barbaresi D.I.N. Scuola di Ingegneria ed Architettura - Università di Bologna giovanni.semprini@unibo.it

Dettagli

Isolamento acustico di pareti in laterizio: verifica delle prestazioni in opera

Isolamento acustico di pareti in laterizio: verifica delle prestazioni in opera Cis Edil s.r.l. Via C. Iotti, 92 42045 LUZZARA - REGGIO EMILIA Tel 0522.976128 - Fax 0522.977919 www.cisedil.it - info@cisedil.it Isolamento acustico di pareti in laterizio: verifica delle prestazioni

Dettagli

FONDO PENSIONE GRUPPO UNICREDITO. Via Volta 16 Cologno Monzese lotti A2 A1 facciate continue e serramenti

FONDO PENSIONE GRUPPO UNICREDITO. Via Volta 16 Cologno Monzese lotti A2 A1 facciate continue e serramenti Certificato n. 4858 Tecnologie edili per l ambiente facciate continue serramenti - pareti mobili FONDO PENSIONE GRUPPO UNICREDITO Via Volta 16 Cologno Monzese lotti A2 A1 facciate continue e serramenti

Dettagli

2) Parametri R w D 2m,nT,w L n,w 1) D 55 45 58 2) A, C 50 40 63 3) E 50 48 58 4) B, F, G 50 42 55

2) Parametri R w D 2m,nT,w L n,w 1) D 55 45 58 2) A, C 50 40 63 3) E 50 48 58 4) B, F, G 50 42 55 Valente Sonia Matricola 139047 Lezione del 16/01/003 10:30-1:30 ntroduciamo l argomento dell ACUSTCA EDLZA riprendendo il discorso della lezione precedente riguardante l acustica architettonica che ha

Dettagli

MISURE IN OPERA DEL REQUISITO DI POTERE FONOISOLANTE APPARENTE DI PARTIZIONI VERTICALI

MISURE IN OPERA DEL REQUISITO DI POTERE FONOISOLANTE APPARENTE DI PARTIZIONI VERTICALI MISURE IN OPERA DEL REQUISITO DI POTERE FONOISOLANTE APPARENTE DI PARTIZIONI VERTICALI D.P.C.M. 5/12/97 UNI EN ISO 16283-1 COMMITTENTE: Toppetti 2 srl RELAZIONE CONCLUSIVA Aprile 2014 VIE EN.RO.SE. Ingegneria

Dettagli

SOLUZIONI PER LA REALIZZAZIONE DI INVOLUCRI PERFORMANTI E SICURI IN CASO DI INCENDIO Milano 6 dicembre 2011

SOLUZIONI PER LA REALIZZAZIONE DI INVOLUCRI PERFORMANTI E SICURI IN CASO DI INCENDIO Milano 6 dicembre 2011 SOLUZIONI PER LA REALIZZAZIONE DI INVOLUCRI PERFORMANTI E SICURI IN CASO DI INCENDIO Milano 6 dicembre 2011 Analisi degli aspetti acustici per la protezione dal rumore Arch. Fermo Mombrini Analisi degli

Dettagli

LE FINESTRE E L ISOLAMENTO ACUSTICO

LE FINESTRE E L ISOLAMENTO ACUSTICO LE FINESTRE E L ISOLAMENTO ACUSTICO Roberto Malatesta. William Marcone Ufficio Tecnico (giugno 2008) LA PROTEZIONE DAL RUMORE DEGLI EDIFICI, LA NORMATIVA NAZIONALE La maggior sensibilità delle persone

Dettagli

ELEMENTI DI ACUSTICA 08

ELEMENTI DI ACUSTICA 08 I.U.A.V. Scienze dell architettura a.a. 2012/2013 Fisica Tecnica e Controllo Ambientale Prof. Piercarlo Romagnoni ELEMENTI DI ACUSTICA 08 ACUSTICA ARCHITETTONICA 02 FONOISOLAMENTO ASSORBIMENTO, RIFLESSIONE,

Dettagli

Il sottoscritto. in qualità di: legale rapp.te titolare altro (specif.) sede legale DICHIARA

Il sottoscritto. in qualità di: legale rapp.te titolare altro (specif.) sede legale DICHIARA 1 Richiesta di permesso di costruire o D.I.A. (escluse pratiche da presentare a S.U.A.P.) Richiesta di licenza o autorizzazione all esercizio di attività produttive (escluse pratiche da presentare a S.U.A.P.)

Dettagli

CRITERI SEMPLIFICATI DI CAMPIONAMENTO PER LE MISURE IN EDIFICI A CARATTERE NON SERIALE

CRITERI SEMPLIFICATI DI CAMPIONAMENTO PER LE MISURE IN EDIFICI A CARATTERE NON SERIALE 2 Convention Nazionale del Gruppo di Acustica Edilizia L evoluzione e l armonizzazione delle norme italiane ed europee sulla protezione acustica degli edifici Firenze 13 dicembre 2010 CRITERI SEMPLIFICATI

Dettagli

PRESTAZIONI DEI TETTI IN LEGNO: DAI MATERIALI AL SISTEMA POSATO IN OPERA

PRESTAZIONI DEI TETTI IN LEGNO: DAI MATERIALI AL SISTEMA POSATO IN OPERA PRESTAZIONI DEI TETTI IN LEGNO: DAI MATERIALI AL SISTEMA POSATO IN OPERA L. Parati(1), A. Carrettini(1), C. Scrosati(2), F. Scamoni(2) 1) PARATI & CO. Studio di Consulenze e Progettazioni Acustiche, Crema

Dettagli

ASSIMPREDIL ANCE CONVEGNO REQUISITI ACUSTICI DEGLI EDIFICI MONZA. Martedì 14 OTTOBRE 2008. L uso di materiali per raggiungere i risultati

ASSIMPREDIL ANCE CONVEGNO REQUISITI ACUSTICI DEGLI EDIFICI MONZA. Martedì 14 OTTOBRE 2008. L uso di materiali per raggiungere i risultati ASSIMPREDIL ANCE CONVEGNO REQUISITI ACUSTICI DEGLI EDIFICI MONZA Martedì 14 OTTOBRE 2008 L uso di materiali per raggiungere i risultati Modernità e tradizione, esempi di stratigrafie differenti Relatore

Dettagli

Tabella B requisiti acustici passivi degli edifici, dei loro componenti e degli impianti tecnologici

Tabella B requisiti acustici passivi degli edifici, dei loro componenti e degli impianti tecnologici 1. Classificazione degli ambienti e requisiti da rispettare Nel D.P.C.M. 5.12.97 sono indicate, nella tabella A, le classificazioni degli ambienti abitativi e, nella tabella B, i requisiti acustici passivi

Dettagli

EDIFICI AD USO COLLETTIVO: IL CASO DEGLI OSPEDALI. Giovanni Zambon

EDIFICI AD USO COLLETTIVO: IL CASO DEGLI OSPEDALI. Giovanni Zambon Milano, 22 febbraio 2010 EDIFICI AD USO COLLETTIVO: IL CASO DEGLI OSPEDALI Giovanni Zambon DISAT Università degli Studi di Milano - Bicocca INTRODUZIONE Gli edifici ad uso collettivo presentano caratteristiche

Dettagli

Isolamento acustico. Dicembre 2005. I Farinelli srl Cenni sull isolamento acustico. Pagina 1 di 7

Isolamento acustico. Dicembre 2005. I Farinelli srl Cenni sull isolamento acustico. Pagina 1 di 7 Isolamento acustico Dicembre 2005 I Farinelli srl Cenni sull isolamento acustico. Pagina 1 di 7 Il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 1 Marzo 1991 Limiti massimi di esposizione al rumore

Dettagli

Modulo Isolamento Acustico

Modulo Isolamento Acustico Modulo Isolamento Acustico Il modulo Isolamento Acustico viene utilizzato per il calcolo dei parametri acustici degli edifici in conformità alle norme ISO 140 e per la valutazione dei requisiti acustici

Dettagli

CAMEO NEW OFFICE BUILDING

CAMEO NEW OFFICE BUILDING Sede legale: via Lanfranco della Pila, 5 20162, Milano P. IVA 06774410960 e-mail: info@enc-srl.it VERIFICA DEI REQUISITI ACUSTICI PASSIVI CAMEO NEW OFFICE BUILDING COMUNE DI DESENZANO Relazione tecnica

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Disposizioni in materia di classificazione dei requisiti acustici degli edifici in attuazione della delega al Governo per il riordino della disciplina in materia di inquinamento acustico di cui all articolo

Dettagli

POROTON s=30 cm intonacato ambo i lati (R w =54 db) POROTON s=30 cm intonacato ambo i lati (R w =55 db)

POROTON s=30 cm intonacato ambo i lati (R w =54 db) POROTON s=30 cm intonacato ambo i lati (R w =55 db) Introduzione Riferimenti normativi Prove in laboratorio ed indice di valutazione del potere fonoisolante Prove in opera ed indice di valutazione del potere fonoisolante apparente Calcolo dele prestazioni

Dettagli

INQUINAMENTO ACUSTICO E ISOLAMENTO DELL INVOLUCRO A. Catani by Mondadori Education S.p.A. - MIlano

INQUINAMENTO ACUSTICO E ISOLAMENTO DELL INVOLUCRO A. Catani by Mondadori Education S.p.A. - MIlano SCHEDA 8 INQUINAMENTO ACUSTICO E ISOLAMENTO DELL INVOLUCRO A. Catani by Mondadori Education S.p.A. - MIlano 1. L inquinamento acustico Tra i problemi che riguardano la salubrità degli spazi confinati e

Dettagli

L ACUSTICA. Criteri di Progettazione, Materiali Fonoisolanti e Certificazione Acustica degli Edifici. Ing. Paolo Marinoni.

L ACUSTICA. Criteri di Progettazione, Materiali Fonoisolanti e Certificazione Acustica degli Edifici. Ing. Paolo Marinoni. L ACUSTICA Criteri di Progettazione, Materiali Fonoisolanti e Certificazione Acustica degli Edifici Ing. Paolo Marinoni Celenit SpA Soluzioni ecobiocompatibili per l isolamento acustico UN PRODOTTO SOSTENIBILE

Dettagli

Il nuovo quadro normativo per le misure in laboratorio dell isolamento acustico di elementi di edificio.

Il nuovo quadro normativo per le misure in laboratorio dell isolamento acustico di elementi di edificio. Il nuovo quadro normativo per le misure in laboratorio dell isolamento acustico di elementi di edificio. Dott. Andrea Bruschi, Dott. Andrea Celentano 1. INTRODUZIONE Il quadro normativo per la caratterizzazione

Dettagli

L importanza dei materiali e l importanza dei metodi per la qualità acustica del manufatto

L importanza dei materiali e l importanza dei metodi per la qualità acustica del manufatto Boll.Ing. n.10 6-11-2006 10:12 Pagina 6 L importanza dei materiali e l importanza dei metodi per la qualità acustica del manufatto Simone SECCHI INTRODUZIONE La protezione degli edifici dai rumori provenienti

Dettagli

Andiamo in cantiere. 12 LegnoLegnoNews marzo 2012. Stefano Amighetti Dipartimento Acustica LegnoLegno

Andiamo in cantiere. 12 LegnoLegnoNews marzo 2012. Stefano Amighetti Dipartimento Acustica LegnoLegno Prove in cantiere Stefano Amighetti Dipartimento Acustica LegnoLegno Andiamo in cantiere La spinta sempre maggiore verso involucri ad elevate prestazioni termiche (vd. certificazione energetica, CasaClima,

Dettagli

Sede Operativa: Via L. Rossi, 33-41012 - CARPI (MO) Tel.: 059/689551 Fax: 059/669638 e-mail: info@studiofia.it PEC: studiofia@dapec.

Sede Operativa: Via L. Rossi, 33-41012 - CARPI (MO) Tel.: 059/689551 Fax: 059/669638 e-mail: info@studiofia.it PEC: studiofia@dapec. F.I.A. FUTURA INDUSTRIA AMBIENTALE S.N.C. S TUDIO DI CONSULENZA TECNICA E NORMATIVA PER L IMPRESA SICUREZZA ED IGIENE DEL LAVORO AMBIENTE RUMORE DIRETTIVA MACCHINE PREVENZIONE INCENDI COLLAUDI E PERIZIE

Dettagli

Soluzioni per pareti e solai ISOTEX. Metodo costruttivo in legno-cemento. Fascicolo tecnico realizzato da T.E.P. s.r.l. - Tecnologia e Progetto

Soluzioni per pareti e solai ISOTEX. Metodo costruttivo in legno-cemento. Fascicolo tecnico realizzato da T.E.P. s.r.l. - Tecnologia e Progetto Soluzioni per pareti e solai ISOTEX Metodo costruttivo in legno-cemento Fascicolo tecnico realizzato da T.E.P. s.r.l. - Tecnologia e Progetto La documentazione della ditta C & P Costruzioni è stata analizzata

Dettagli

Verifica delle prestazioni acustiche di divisori interni

Verifica delle prestazioni acustiche di divisori interni Patrizio Fausti, Simone Secchi Ricerca Verifica delle prestazioni acustiche di divisori interni Una ricerca, condotta in collaborazione tra Andil Assolaterizi e Università di Ferrara, Padova e Trento,

Dettagli

Verifica delle prestazioni acustiche di divisori interni (a)

Verifica delle prestazioni acustiche di divisori interni (a) Verifica delle prestazioni acustiche di divisori interni (a) Patrizio Fausti, (b) Simone Secchi (a) Dipartimento di Ingegneria, Università di Ferrara (b) Dipartimento di Tecnologie dell Architettura e

Dettagli

LEZIONE DI ACUSTICA Fondamenti teorici di base ed introduzione all acustica nell edilizia

LEZIONE DI ACUSTICA Fondamenti teorici di base ed introduzione all acustica nell edilizia Sola Ing. Pierfranco TERMOTECNICO CERTIFICATORE ENERGETICO REGIONE PIEMONTE TECNICO COMPETENTE IN ACUSTICA REGIONE PIEMONTE PROFESSIONISTA ANTINCENDIO ISCRITTO NEGLI ELENCHI MINISTERO INTERNI Via A. Savoia

Dettagli

METODOLOGIA PER LA VERIFICA DEI REQUISITI ACUSTICI PASSIVI DEGLI EDIFICI AI SENSI DEL D.P.C.M. 5/12/97

METODOLOGIA PER LA VERIFICA DEI REQUISITI ACUSTICI PASSIVI DEGLI EDIFICI AI SENSI DEL D.P.C.M. 5/12/97 PROGETTO OBIETTIVO 2005 METODOLOGIA PER LA VERIFICA DEI REQUISITI ACUSTICI PASSIVI DEGLI EDIFICI AI SENSI DEL D.P.C.M. 5/12/97 Responsabile U.O. Sistemi Ambientali: dott. geol. Madela Torretta Responsabile

Dettagli

VALUTAZIONI SPERIMENTALI E QUALITATIVE DELL ISOLAMENTO ACUSTICO DA CALPESTIO DI SOLAI IN OPERA

VALUTAZIONI SPERIMENTALI E QUALITATIVE DELL ISOLAMENTO ACUSTICO DA CALPESTIO DI SOLAI IN OPERA 2 Convention Nazionale del Gruppo di Acustica Edilizia L evoluzione e l armonizzazione delle norme italiane ed europee sulla protezione acustica degli edifici Firenze 13 dicembre 2010 VALUTAZIONI SPERIMENTALI

Dettagli

Isolamento acustico: teoria e quadro legislativo

Isolamento acustico: teoria e quadro legislativo Isolamento acustico: teoria e quadro legislativo Dott. Edoardo Piana, Dip. Ingegneria Meccanica e Industriale Università degli Studi di Brescia, via Branze 38, 513 Brescia piana@ing.unibs.it Ing. Ugo Pannuti,

Dettagli

LATERIZIO & ACUSTICA

LATERIZIO & ACUSTICA Te c n o l o g i a p e r c o s t r u i re b e n e s s e re LATERIZIO & ACUSTICA LATERIZIO & ACUSTICA Il binomio LATERIZIO & ACUSTICA nasce dal fatto che la base del principio fisico su cui si basa l isolamento

Dettagli

CIRCOLARE N. 1769 - Roma, li 30 aprile 1966 OGGETTO - Criteri di valutazione e collaudo dei requisiti acustici nelle costruzioni edilizie

CIRCOLARE N. 1769 - Roma, li 30 aprile 1966 OGGETTO - Criteri di valutazione e collaudo dei requisiti acustici nelle costruzioni edilizie CIRCOLARE MINISTERIALE N. 1769 DEL 30 APRILE 1966 "CRITERI DI VALUTAZIONE E COLLAUDO DEI REQUISITI ACUSTICI NELLE COSTRUZIONI EDILIZIE" Ministero dei Lavori Pubblici - Presidenza del Consiglio Superiore

Dettagli

LE VERIFICHE IN LABORATORIO E IN OPERA. Centro di Informazione sul Pvc

LE VERIFICHE IN LABORATORIO E IN OPERA. Centro di Informazione sul Pvc LE VERIFICHE IN LABORATORIO E IN OPERA Centro di Informazione sul Pvc Grandezze pertinenti agli edifici e ai prodotti ed elementi edili: indici di valutazione Sono grandezze indipendenti dalla frequenza

Dettagli

Tutti i diritti sono riservati. È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente documento, ivi inclusa la

Tutti i diritti sono riservati. È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente documento, ivi inclusa la Tutti i diritti sono riservati. È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente documento, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, rielaborazione, diffusione

Dettagli

I REQUISITI ACUSTICI PASSIVI E IL DPCM 5 DICEMBRE 1997

I REQUISITI ACUSTICI PASSIVI E IL DPCM 5 DICEMBRE 1997 E IL DPCM 5 DICEMBRE 1997 SITUAZIONE ATTUALE E SVILUPPI FUTURI Relatore: Danilo BRANDA email: d.branda@studiobranda.it Torino, 7 maggio 2009 1 Percorso Inquadramento Legislativo Il D.P.C.M. 5/12/1997 Gli

Dettagli

Definizione di Suono

Definizione di Suono Definizione di Suono Il suono è una variazione di pressione che si propaga in un mezzo fisico quale aria, acqua o materiali solidi che l orecchio umano riesce a rilevare. I fenomeni acustici Il suono si

Dettagli

Isolamento acustico al calpestio

Isolamento acustico al calpestio Acustica in edilizia Isolamento acustico al calpestio In materia di inquinamento acustico fa testo la legge quadro n.447 del 26 ottobre 1995 che: fissa le competenze di Stato, Regioni, Province, Comuni

Dettagli

SOLUZIONI FASSA BORTOLO PER L ISOLAMENTO ACUSTICO IN EDILIZIA

SOLUZIONI FASSA BORTOLO PER L ISOLAMENTO ACUSTICO IN EDILIZIA SOLUZIONI FASSA BORTOLO PER L ISOLAMENTO ACUSTICO IN EDILIZIA ORA VEDREMO IN SINTESI LE POSSIBILI SOLUZIONI TECNICHE RELATIVE A: 1. Isolamento acustico per via aerea mediante sistemi in cartongesso per

Dettagli

Il serramento: innovazione, tecnologia ed efficienza energetica

Il serramento: innovazione, tecnologia ed efficienza energetica Il serramento: innovazione, tecnologia ed efficienza energetica Agenzia Parma Energia ALPI Fenster s.r.l. Parma, 1/10/2010 AGENDA Storia e visione aziendale Le caratteristiche di una finestra moderna Permeabilità

Dettagli

bianchi_acusticaok.qxp 13-07-2007 16:15 Pagina V Indice

bianchi_acusticaok.qxp 13-07-2007 16:15 Pagina V Indice bianchi_acusticaok.qxp 13-07-2007 16:15 Pagina V 3 CAPITOLO 1 Storia dell acustica architettonica 3 1.1 Definizione 3 1.2 Gli inizi 4 1.3 I Greci 9 1.4 I Romani 1.4.1 La geometria, p. 10 1.4.2 L orecchio,

Dettagli

PROGETTARE IL SILENZIO

PROGETTARE IL SILENZIO PROGETTARE IL SILENZIO SOLUZIONI ACUSTICHE DI PARETI MONOSTRATO ANCHE PREDISPOSTE PER RETI IMPIANTISTICHE Sviluppato in collaborazione con il Dipartimento di Fisica Tecnica dell Università di Padova POTERE

Dettagli

Risposte dell UNI al Ministero dell Ambiente su quesiti posti da ASL

Risposte dell UNI al Ministero dell Ambiente su quesiti posti da ASL Risposte dell UNI al Ministero dell Ambiente su quesiti posti da ASL Quesito 1 Il rispetto dell indice di rumore da calpestio dei solai in opera si applica anche per le strutture poste nella stessa unità

Dettagli

Patrizio Fausti 1, Giovanni Semprini 2, Simone Secchi 2

Patrizio Fausti 1, Giovanni Semprini 2, Simone Secchi 2 Convegno nazionale Edilizia e Ambiente Trento, 18-20 febbraio 1998 METODI DI PREVISIONE DELLE PRESTAZIONI ACUSTICHE DEGLI EDIFICI: ISOLAMENTO DEGLI EDIFICI DAI RUMORI ESTERNI ED ISOLAMENTO DELL ESTERNO

Dettagli

SCHEDE TECNICHE MATERIALI POTERE FONOISOLANTE Continua...

SCHEDE TECNICHE MATERIALI POTERE FONOISOLANTE Continua... Suono Rumore Vibrazioni Aprile n 4-2004 Chartered 1991 Anno 2004 Notiziario mensile ASSOACUSTICI a cura di Barbara Uggè CONSIGLIO DIRETTIVO Presidente Paolo Giacomin Vice Presidente Michele Fumagalli Segretario

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DI VERIFICA DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE DI MONOBLOCCO ISOLANTE IN EPS

RELAZIONE TECNICA DI VERIFICA DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE DI MONOBLOCCO ISOLANTE IN EPS Committente: Callegaro Group Adria Sede Legale: Tel. 0426/42603 Fax. 0426/21491 Oggetto: RELAZIONE TECNICA DI VERIFICA DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE DI MONOBLOCCO ISOLANTE IN EPS Versione: 1.1 Revisione:

Dettagli

Marcatura CE e quadro normativo per serramenti e pavimenti di legno. ing. Rita D Alessandro Ufficio Normative EdilegnoArredo/FederlegnoArredo

Marcatura CE e quadro normativo per serramenti e pavimenti di legno. ing. Rita D Alessandro Ufficio Normative EdilegnoArredo/FederlegnoArredo Marcatura CE e quadro normativo per serramenti e pavimenti di legno BOIS LAB Workshop Torino, 21 maggio 2010 ing. Rita D Alessandro Ufficio Normative EdilegnoArredo/FederlegnoArredo Direttiva Prodotti

Dettagli

COLLAUDO ACUSTICO DI UN OSPEDALE DI GRANDI DIMENSIONI

COLLAUDO ACUSTICO DI UN OSPEDALE DI GRANDI DIMENSIONI COLLAUDO ACUSTICO DI UN OSPEDALE DI GRANDI DIMENSIONI Maria Francesca Bertini 1, Rossella Calonaci 2, Sergio Luzzi 3, Marco Toderi 4 1 Libero Professionista Tecnico Competente in Acustica Ambientale -

Dettagli

COMUNE DI SAN SPERATE PROVINCIA DI CAGLIARI

COMUNE DI SAN SPERATE PROVINCIA DI CAGLIARI COMUNE DI SAN SPERATE PROVINCIA DI CAGLIARI Progetto per il completamento del CENTRO POLIVALENTE RELAZIONE TECNICA DI CALCOLO DEI REQUISITI ACUSTICI PASSIVI SECONDO LE NORME UNI EN 12354 Cagliari, 26 Gennaio

Dettagli

Prova Isolamento acustico per giunti di riempitivi

Prova Isolamento acustico per giunti di riempitivi Prova Isolamento acustico per giunti di riempitivi Verbale di prova 167 41634/1 ROSENHEIM Committente Denominazione prodotto Hilti AG Befestigungstechnik Feldkircherstrasse 100 9494 Schaan Principato di

Dettagli

CELENIT SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO ACUSTICO ISOLAMENTO ECOBIOCOMPATIBILE IN LANA DI LEGNO DI ABETE E CEMENTO PORTLAND

CELENIT SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO ACUSTICO ISOLAMENTO ECOBIOCOMPATIBILE IN LANA DI LEGNO DI ABETE E CEMENTO PORTLAND CELENIT SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO ACUSTICO ISOLAMENTO ECOBIOCOMPATIBILE IN LANA DI LEGNO DI ABETE E CEMENTO PORTLAND SOMMARIO CONTENUTI CELENIT SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO ACUSTICO PAG. 5 PAG. 6 PAG. 6

Dettagli

FEDERAZIONE REGIONALE DEGLI ORDINI INGEGNERI DELLA TOSCANA COMMISSIONE ACUSTICA

FEDERAZIONE REGIONALE DEGLI ORDINI INGEGNERI DELLA TOSCANA COMMISSIONE ACUSTICA FEDERAZIONE REGIONALE DEGLI ORDINI INGEGNERI DELLA TOSCANA COMMISSIONE ACUSTICA PROPOSTA DI METODO DI CALCOLO CIRCA LA DETERMINAZIONE DEGLI ONORARI A DISCREZIONE SPETTANTI PER PRESTAZIONI PROFESSIONALI

Dettagli

sistema DAMPER isolamento acustico

sistema DAMPER isolamento acustico sistema DAMPER isolamento acustico DAMProll 3 Materassino in gomma per isolamento rumori da calpestio SILEREX 5 Premiscelato sfuso in gomma per isolamento vibrazioni, rumori impattivi e da calpestio DAMPstrip

Dettagli

ISOLAMENTO ACUSTICO IN EDILIZIA Problematiche e soluzioni

ISOLAMENTO ACUSTICO IN EDILIZIA Problematiche e soluzioni Bolzano, 19 novembre 2015 ISOLAMENTO ACUSTICO IN EDILIZIA Problematiche e soluzioni Per. Ind Alberto Piffer Loc. Aicheri, 2 38015 Lavis (TN) Mail: alberto.piffer@gmail.com Web: www.albertopiffer.it Problematiche

Dettagli

SOMMARIO - TABLE DES MATIERES

SOMMARIO - TABLE DES MATIERES SOMMARIO - TABLE DES MATIERES 1 PREMESSA... 4 2 QUADRO NORMATIVO... 4 3 NORMATIVA TECNICA... 6 4 ISOLAMENTO ACUSTICO DI FACCIATA... 7 5 ISOLAMENTO DAL RUMORE PER VIA AEREA TRA AMBIENTI... 9 6 DESCRIZIONE

Dettagli

"I REQUISITI ACUSTICI DEGLI EDIFICI" G.MOSSA S.C.S Controlli e Sistemi

I REQUISITI ACUSTICI DEGLI EDIFICI G.MOSSA S.C.S Controlli e Sistemi "I REQUISITI ACUSTICI DEGLI EDIFICI" G.MOSSA S.C.S Controlli e Sistemi 1 2 Indice Indice... 1 I REQUISITI ACUSTICI DEGLI EDIFICI... 4 INTRODUZIONE... 4 PROGETTO ACUSTICO DEGLI EDIFICI IN FUNZIONE DEL CONTROLLO

Dettagli

Determinazione dei requisiti acustici passivi degli edifici

Determinazione dei requisiti acustici passivi degli edifici L isolamento acustico: Come rispettare i parametri previsti dalle normative vigenti Possibili soluzioni e modalità per una corretta posa in opera Ing. S. Mammi Presidente ANIT 1 IL DPCM 5-12-1997 Determinazione

Dettagli

Requisiti acustici degli edifici Dalla teoria al cantiere

Requisiti acustici degli edifici Dalla teoria al cantiere Focus PROGETTARE E COSTRUIRE MEGLIO SI DEVE E SI PUO Pollein (AO), 09 ottobre 2012 Requisiti acustici degli edifici Dalla teoria al cantiere Domenico Nicastro nicastro@acusma.com Domenico Nicastro requisiti

Dettagli