La classificazione semantica delle espressioni idiomatiche italiane

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La classificazione semantica delle espressioni idiomatiche italiane"

Transcript

1 Masarykova univerzita Filozofická fakulta Ústav románských jazyků a literatur Italský jazyk a literatura Kateřina Bačíková La classificazione semantica delle espressioni idiomatiche italiane Bakalářská diplomová práce Vedoucí bakalářské práce: PhDr. Jan Pavlík Brno

2 Prohlašuji, že jsem diplomovou práci vypracovala samostatně s využitím uvedených pramenů a literatury. V Brně Kateřina Bačíková 2

3 Děkuji panu PhDr. Janu Pavlíkovi za odborné vedení, cenné rady a připomínky, za ochotu a trpělivost při vypracování této práce. 3

4 Indice 1. Introduzione 6 2. Per una definizione del termine «espressione idiomatica» 8 Definizione di base 8 Tratti caratteristici delle espressioni idiomatiche 8 Institutionalisation (istituzionalizzazione) 9 Compositeness (grado di composizione) 9 Frozeness (congelamento) 9 Non-compositionality (non-composizionalità) 12 Conclusione Per una classificazione delle espressioni idiomatiche italiane 14 Punto di vista sintattico 14 Le forme delle frasi fisse (Vietri) 15 Le forme delle frasi a verbo supporto(vietri) 16 Punto di vista semantico 17 Elia/D Agostino/Martinelli 18 Federica Casadei 18 Conclusione La classificazione semantica delle espressioni idiomatiche 21 Introduzione: le caratteristiche della ricerca 21 La classificazione secondo la semantica delle parole chiavi/il 21 significato letterale Le parti del corpo umano 23 Gli elementi della natura 23 Il mondo del denaro 24 Il divertimento 24 La classificazione secondo il significato idiomatico 25 Il successo 25 Avere successo 26 La strada verso il successo 27 Il non-avere successo 27 4

5 Le emozioni 29 Emozioni espresse tramite gesti/posture corporali 30 Emozioni positive 30 Emozioni negative 31 Emozioni miste (o negative o positive) 31 Il carattere di una persona 31 Lati positivi 32 Lati negativi 32 Lati o negativi o positivi 33 La classificazione secondo il significato letterale e il significato 33 idiomatico Lo spazio 34 Il movimento e le forze 36 Il movimento 36 Le forze 37 Il corpo 38 Metonimie e metafore corporee 38 Metafore percettive 38 I domini culturali Conclusione Bibliografia Appendice 46 5

6 1. Introduzione Le espressioni idiomatiche fanno la parte integrale di ogni lingua. Esse costituiscono un componente indispensabile del lessico di ogni persona e si trovano sia nel linguaggio formale sia in quello informale. Le espressioni idiomatiche vengono usate per vari scopi che, in generale, mirano ad arricchire o ad ornare il discorso: quando si vuole essere divertenti, quando si vuole essere diversi dagli altri o quando si vuole giocare con le parole o esprimere qualcosa che le altre parole non esprimono esattamente o troppo banalmente. Spesso le espressioni idiomatiche di una lingua si appoggiano sul riferimento ad eventi storici o a concetti culturali della rispettiva nazione. Perciò la conoscenza di simili espressioni può essere importante per lo studio di una lingua e soprattutto per la consocenza della cultura e della mentalità di una nazione. Per tale motivo le espressioni del genere meritano l attenzione degli studiosi di linguistica e innanzitutto della semantica. Se si vuole parlare del termine idiomatico si deve accettare il fatto che non esistono definizioni precise e classificazioni complete di tale fenomeno linguistico. Benchè siano stati fatti vari tentativi di determinare la loro struttura, non sono stati finora definiti i termini precisi ed accettati da tutta la comunità linguistica, per la loro descrizione. I lati più peculiari del fenomeno dell idiomatismo sono la loro irregolarità sintattica che le oppone alle frasi libere, e la loro anormalità semantica. Le espressioni idiomatiche erano così per molto tempo ritenute un fenomeno anomalo, un eccezione alle regole e non godendo dell attenzione degli studiosi rimanevano ai margini degli studi linguistici. Lo scopo della presente tesi è di tentare una classificazione semantica delle espressioni idiomatiche italiane. Nella lingua italiana, infatti, non esistono studi comleti della semantica delle espressioni idiomatiche e perciò il presente lavoro cercherà all inizio di riassumere gli approcci di base alla problematica della sintassi e della semantica delle espressioni idiomatiche offrendo in seguito una classificazione semantica più complessa basata su diversi punti di vista. Nello stesso tempo il lavoro 6

7 tenterà di individuare le implicazioni di tale classificazione per quanto riguarda le caratteristiche della lingua italiana. 7

8 2. Per una definizione del termine «espressione idiomatica» 2.1. Definizione di base La definizione più generale dice che espressioni idiomatiche sono «le espressioni convenzionali di una lingua caratterizzate dall abinare un significato fisso (poco o affatto modificabile) a un significato non composizionale (cioè che, a differenza del significato letterale o composizionale, non è ricavabile dai significati dei componenti dell espressione).» 1 Secondo tale definizione il termine idiomatico può indicare diversi casi di non-predicabilità semantica o non-letteralità includendo locuzioni, frasi fisse, stereotipi, formule, clichés, luoghi comuni, giri di parole, modi di dire e detti. In conseguenza è necessario stabilire i criteri di base secondo i quali si potrebbe identificare un espressione come idiomatica Tratti caratteristici delle espressioni idiomatiche Le espressioni idiomatiche non formano un gruppo eterogeneo del lessico di una lingua. Si tratta di espressioni di diversa natura le quali nonostante questa diversità - mostrano certi aspetti identici. Tutte le costruzioni indicate come idiomatiche condividono caratteristiche semantiche, peculiarità e irregolarità nella struttura e restrizioni del comportamento lessico-grammaticale. Nello stesso tempo esse fanno parte integrale della grammatica di una lingua e hanno un ruolo specifico nel discorso e nella communicazione. Secondo Langlotz i tratti caratteristici delle espressioni idiomatiche sono i seguenti (in inglese): 2 institutionalisation 3 riguarda il grado di familiarità e convenzione 1 Casadei, F., Per una definizione di «espressione idiomatica» e una tipologia dell'idiomatico in italiano, in: Lingua e Stile/ a.xxx, n.2, 1995, p Langlotz, A., Idiomatic Creativity, John Benjamins Publishing Company, Amsterdam/Philadelphia 2006, p. 3. 8

9 compositeness riguarda la complessità di un espressione frozeness riguarda le restrizioni del comportamento lessico-grammaticale non-compositionality riguarda il significato figurativo di un espressione Institutionalisation (istituzionalizzazione) Le espressioni idiomatiche fanno la parte del sistema grammaticale di una lingua e appartengono al discorso ripetuto di quella lingua; hanno quindi dovuto partecipare al processo socio-linguistico della convenzionalizzazione. Per poter stabilire il grado della convenzionalità e della familiarità di un espressione idiomatica Langlotz usa il termine institutionalisation Compositeness (grado di composizione) Il termine compositeness riguarda il fatto che le espressioni idiomatiche sono strutture linguistiche formate da due o più elementi lessicali liberi. Per esempio l espressione vuotare il sacco è composta di due elementi: vuotare e sacco dove sacco viene usato in modo convenzionale con l articolo determinativo il. A questo punto è problematico distinguere tra espressioni idomatiche proprie e le forme monorematiche ma morfologicamente complesse del tipo bustarella o rompiscatole; e proverbi del tipo Gallina vecchia fa buon brodo. 4 Uno degli approcci linguistici propone la loro inclusione tra le espressioni idomatiche proprie; l altro preferisce la loro esclusione da tale categoria Frozeness (congelamento) Frozeness è il termine generico per la descrizione delle restrizioni lessicogrammaticali delle espressioni idiomatiche. Riguarda la flessibilità dei singoli elementi lessicali di un espressione e il loro comportamento grammaticale. Si tratta della 3 I termini saranno mantenuti nell inglese visto che tale approccio viene adoperato dalla maggior parte dei linguisti taliani. Tra parentesi si trovano la traduzioni dei termini dall autore della presente tesi. 4 Casadei, F., Per una definizione di «espressione idiomatica» e una tipologia dell'idiomatico in italiano, in: Lingua e Stile/ a.xxx, n.2, 1995, p Langlotz, A., Idiomatic Creativity, John Benjamins Publishing Company, Amsterdam/Philadelphia 2006, p. 5. 9

10 proprietà che distingue le espressioni potenzialmente idiomatiche da quelle certamente non idiomatiche. Federica Casadei distingue i seguenti tipi di fissità: 6 fissità nell ordine dei costituenti (Max ha perso la tramontana. *La tramontana che Max ha perso.) fissità trasformazionale, cioè blocco delle trasformazioni possibili per una certa struttura fissità nelle categorie grammaticali: impossibilità di cambiamenti di tempo, persona o numero nei costituenti di un espressione (*Max ha perso le tramontane) fissità nell inventario dei componenti: impossibilità di inserzioni e soppressioni o di sostituzioni (*Max ha smarrito la tramontana; *Max ha perso questa tramontana) Studiando in dettaglio il comportamento sintattico delle espressioni idiomatiche si può osservare la variabilità delle trasformazioni sintattiche e lessicali. La seguente classificazione di Simonetta Vietri mostra quali tipi delle trasformazioni (non) riguardano le espressioni idiomatiche: 7 non è possibile sostituire il nome o il verbo sinonimo a quello della espressione senza perdere il significato idiomatico: Max ha perso la tramontana => *Max ha smarrito la tramontana; *Max ha perso il vento non si può modificare il determinante: *Max ha perso (questa + una) tramontana non si può inserire un modificatore (aggettivo, complemento nominale, frase relativa): *Max ha perso la tramontana (bella + del nord + che piace a Eva) non si può inserire un aggettivo possessivo: *Max ha tirato le sue cuoia 6 Casadei, F., Per una definizione di «espressione idiomatica» e una tipologia dell'idiomatico in italiano, in: Lingua e Stile/ a.xxx, n.2, 1995, p Vietri, S., On the study of idiomatic expressions in Italian, in: A. Franchi De Bellis and L.M. Savoia (eds.) Sintassi e morfologia della lingua italiana d'uso. Teorie e applicazionioni descrittive, (Atti del XVII Congresso della Società di Linguistica Italiana, Urbino 11-13/9/1983), Bulzoni, Roma 1985, pp

11 è possibile cambiare il tempo e il modo del verbo: Max (perderà + avrebbe potuto perdere) la tramontana è possibile inserire gli avverbi di tempo: Max ha perso la tramontana da molto tempo inserzioni tra il verbo e il nome sono possibili: Max ha perso improvvisamente la tramontana per quanto riguarda le trasformazioni tipo: il passivo, la relativizzazione, la dislocazione e l estrazione la situazione è la seguente: a) il passivo non è generalmente possibile: *La tramontana è stata persa da Max; nelle costruzioni senza agente il passivo è accettabile: È stata persa la tramontana b) la relativizzazione non è sempre possibile: *La tramontana che Max ha perso; Le tappe che Max ha bruciato c) la pronominalizzazione è accettabile: Max l ha persa d) la dislocazione è possibile in certi casi: *Max le ha bruciate le tappe; Max ne ha bruciate di tappe e) anche l estrazione è possibile solo in certi casi: È Max che ha bruciato le tappe; *Sono le tappe che Max ha bruciato. È necessario prendere in considerazione che non tutte le espressioni idiomatiche condividono lo stesso grado di fissità e la stessa variabilità delle trasformazioni. Le trasformazioni che sono possibili per un espressione non devono essere necessariamente possibili per un altra. In tale situazione Fraser propone una classificazione delle espressioni idiomatiche sulla base della loro capacità di essere modificate sintatticamente. Si tratta di Frozeness Hierarchy, «gerarchia di congelamento», la quale è costituita da 6 livelli che «rappresentano le operazioni sintattiche cui le espressioni idiomatiche possono sottostare preservando il significato figurato.» 8 Le espressioni sono ordinate in modo che un espressione presente ad un certo livello possiede le caratteristiche di quelle dei livelli più bassi: 9 8 Cacciari, C., La comprensione delle espressioni idiomatiche. Il rapporto fra significato letterale e significato figurativo, in: Giornale italiano di psichologia, n.16, 1989, p Fraser, B., Idioms within a transformational grammar, in: Foundations of language, n.6, 1970, pp

12 L0 Completely frozen 10 L1 Adjunction L2 Insertion L3 Permutation L4 Extraction L5 Reconstitution L6 Unrestricted Per concludere la problematica di frozeness deve essere ricordato che «[...] la variabile lessico-sintattica è indipendente da quella semantica, consentendo cosí di distinguere espressioni libere e fisse indipendentemente dal loro essere o meno composizionali.» Non-compositionality (non-composizionalità) Il termine non-compositionality veniva considerato il tratto di base per poter definire un espressione come idiomatica. Esso allude al fatto che il significato di un espressione idiomatica non è composto dei significati delle parti grammaticali che la compongono. La relazione fra il significato generale (figurativo) di un espressione e il significato dei singoli elementi rifletta a pattern of figuration. 12 È necessario distinguere tra due livelli del significato: 1) significato letterale il significato di una costruzione è determinato daisignificati delle parti e delle regole di composizione 2) significato idiomatico il significato esteso di una costruzione; per esempio inghiottire la pillola = «accettare q.c. di sgradevole» Più divergenza c è tra il significato letterale e il significato idiomatico di una costruzione, e meno trasparente è la costruzione. Esistono espressioni che possiedono soltanto il significato figurativo, per esempio fare di ragion virtù: l ambiguità tra 10 Le denominazioni dei singoli livelli saranno mantenuti nell inglese. 11 Casadei, F., Per una definizione di ''espressione idiomatica'' e una tipologia dell'idiomatico in italiano, in: Lingua e Stile/ a.xxx, n.2, 1995, p «modello di raffigurazione», traduzione dell autore. Cfr. Langlotz, A., Idiomatic Creativity, John Benjamins Publishing Company, Amsterdam/Philadelphia 2006, p

13 interpretazione letterale e quella idiomatica non è quindi il tratto universale delle espressioni idiomatiche. Il significato figurativo e la non-composizionalità di un espressione possono servire anche per poter distinguere un espressione idiomatica da una metafora: avendo un significato composizionale, l espressione idiomatica diventerebbe una metafora. Nella metafora i significati delle costituenti entrano nel calcolo interpretativo; nell espressione idiomatica esse perderebbero il senso e la motivazione originaria Conclusione Presi in considerazione i precedenti tratti caratteristici delle espressioni idiomatiche bisogna modificare la loro definizione originaria. Cristina Cacciari propone una ridefinizione: «Una espressione idiomatica è un insieme o una configurazione formato da una o più parole e dotato di una interpretazione semantica convenzionale che può essere, a diversi gradi, derivata composizionalmente della interpretazione delle parti che la compongono. Può essere totalmente inerte così come ammettere che sue parti siano sintatticamente e semanticamente flessibili.» 14 Vale a dire che non esiste nessuna definizione precisa ed esatta. Invece è necessario ammettere che i termini institutionalisation, compositeness, frozeness e noncompositionality possono essere usati come uno strumento per poter stabilire se una costruzione appartiene alla categoria delle espressioni idiomatiche e in seguito per poter stabilire il loro grado di idiomaticità. 13 Cacciari, C., La comprensione delle espressioni idiomatiche. Il rapporto fra significato letterale e significato figurativo, in: Giornale italiano di psichologia, n.16, 1989, p Ibid., p

14 3. Per una classificazione delle espressioni idiomatiche italiane 3.1. Punto di vista sintattico Se si vuole fare una classificazione delle espressioni idiomatiche dal punto di vista sintattico si deve prima stabilire il loro posto nel sistema sintattico. Il punto di partenza è rappresentato dalle frasi semplici. La definizione dice che «la frase semplice è l unità minima del discorso accettabile sia nel contenuto che nella forma.» 15 Le frasi semplici si possono dividere in tre cattegorie: frasi libere, frasi a verbo supporto e frasi idiomatiche. Per quanto riguarda le frasi libere, il loro significato è composizionale; ciò vuol dire che esso è derivabile dalla somma dei significati delle singole parole. Le frasi a verbo supporto sono invece frasi semplici «in cui il verbo principale è semanticamente vuoto, cioè, acquista significato dal nome che segue, il quale, a sua volta, riceve dal verbo supporto l indicazione di tempo-modo-aspetto.» 16 Le frasi fisse (idiomatiche) hanno un significato che non è composizionale: non si può dedurre dai significati delle singole parole. In più le frasi fisse «sono caratterizzate dalla invariabilità o fissità di uno o più gruppi nominali.» 17 La nozione del idiomatismo non riguarda soltanto la categoria del verbo ma anche le categorie dei nomi e degli avverbi. Così da una parte esistono espressioni come acqua di rose, testa di cuoio e camicia rossa; tali espressioni sono considerate nomi composti e hanno le stesse funzioni grammaticali dei nomi semplici (come lozione, soldato, garibaldino). Dall altra parte esistono gli avverbi i quali, a differenza dalle frasi idiomatiche, si applicano a più verbi (ridere a denti stretti, parlare a denti stretti) non formano quindi un unità fissa dell avverbio e del verbo Vietri, S., La sintassi delle frasi idiomatiche, in: Studi Italiani di Linguistica Teorica ed Applicata, XIX/1, 1990, p Ibid, p Ibid, p Ibid, p

15 Le forme delle frasi fisse (Vietri) La classificazione delle frasi fisse consta di 11 classi. A sinistra di ogni tipo di frase è indicata la sigla della classe. Il gruppo nominale è indicato con Ni, dove i indica la posizione (0, 1, 2,..), il verbo è indicato con V e il gruppo nominale, costretto, fisso e invariabile con C. Nelle frasi fisse i complementi fissi (soggetto, complemento diretto/indiretto) non possono essere omessi in tale caso la frase fissa perderebbe il suo significato idiomatico e diventerebbe la frase libera. Le forme di frasi fisse sono le seguenti: 19 (C0) C0 V W (soggetto fisso, sequenza variabile) => Il piatto piange (C1) N0 V C1 (soggetto libero, complemento diretto fisso) => Alzare il gomito (C1AG) N0 V C1 (Agg + di C2) => Lea ha perso il lume della ragione. (C1AN) N0 V C1 (a + di) N2 => Max ha rotto le ossa (a + di) Lea. (PC1) N0 V Prep C1 (soggetto libero, complemento indiretto fisso) => Andare a monte (C1PN) N0 V C1 Prep N2 (soggetto e complemento indiretto liberi complemento diretto fisso) => Mettere mano a (1PC2) N0 V N1 Prep C2 (soggetto e complemento diretto liberi, complemento indiretto fisso) => Prendere per la gola (C1P2) N0 V C1 Prep C2 (soggetto libero, complemento diretto e indiretto fissi) => Tagliere la testa al toro (PC1P2) N0 V Prep C1 Prep N2 (soggetto e secondo complemento liberi, 19 Ibid, p

16 primo complemento fisso) => Andare a genio a (PC1PC2) N0 V Prep C1 Prep C2 (soggetto libero, primo e secondo complemento fissi) => Andare a letto con le galline (CPPN) N0 V C1 Prep C2 Prep N3 (soggetto e secondo complemento indiretto liberi, complemento indiretto liberi, complemento diretto e primo complemento indiretto fissi) => Cavare le castagne dal fuoco Le forme delle frasi a verbo supporto (Vietri) Come è già stato detto prima, le frasi a verbo supporto sono formate con alcuni verbi, il cui significato è praticamente neutro. Si tratta soprattutto di verbi essere, avere e fare; in alcuni casi sono inclusi anche i verbi dare, prendere, venire e varianti aspettuali dei precedenti. Parliamo di frasi in cui «il significato lessicale è concentrato nel complemento del verbo, mentre il verbo, semanticamente vuoto, serve come da supporto per i tratti grammaticali di tempo, aspetto, modo, persona, ecc.» 20 Così l espressione avere fegato rappresenta una specie di verbo composto, nel quale avere fa la parte grammaticale e fegato fa la parte lessicale. Le forme delle frasi fisse a verbo supporto sono le seguenti: 21 Essere (EC) (ECA) (ECDC) (EC1PN) (ECP2) (E01) (E0P1) : Max non è il primo venuto. : Lea è una gatta morta. : Max è l ultima ruota del carro. : Max è l occhio destro di Lea. : Max e Lea sono due anime in un nocciolo. : I nervi di Max sono tesi. : Gli occhi di Lea sono a mandorla. 20 Renzi, L., Espressioni idiomatiche e verbi supporto, in: Grande Grammatica di Consultazione I, Il Mulino, Bologna 1991, p Vietri, S., La sintassi delle frasi idiomatiche, in: Studi Italiani di Linguistica Teorica ed Applicata, XIX/1, 1990, pp

17 (EAPC) (PECO) (EVCO) (ENP2) (EP1) (EP1PN) : Max è povero in canna. : Lea è magra come un chiodo. : Max è come l ancora. : Max è uno scrittore in erba. : Max è al fresco. : Max è ai ferri corti con Lea. Avere (AC) (ACA) (ACDC) (AC1PN) (ACP2) (ANP2) : Max ha fegato. : Lea ha il pollice verde. : Max ha l imbarazzo della scelta. : Lea ha le tasche piene di questa faccenda. : Max ha il fuoco nelle vene. : Lea ha Max sulle scatole. Fare (FC) (FCA) (FCDC) (FC1PN) (FCP2) (FVCO) : Questo film ha fatto cassetta. : Max fa le ore piccole. : Lea ha fatto atto di presenza. : Lea fa il filo a Max. : Max fa il bucato in famiglia. : Max fa come lo struzzo Punto di vista semantico All inizio bisogna ricordare che nella lingua italiana non esiste nessuna descrizione e classificazione completa della fraseologia nella sua interezza come in altre lingue, per esempio come in tedesco e in inglese. 22 In particolare c è un assenza totale di studi semantici sulle espressioni idiomatiche. Le seguenti classificazioni sono parziali e riguardano soltanto alcuni lati delle espressioni idiomatiche. Esse rappresentano così uno dei trattamenti possibili del fenomeno dell idiomatismo. 22 Skytte G. in Holtus G., Metzeltin M. und Schmidt Ch., Lexikon der Romanistischen Linguistik. Band IV. Italienisch, Korsisch, Sardisch. Tübingen, Niemeyer 1988, p

18 Elia/D Agostino/Martinelli Con la prima classificazione semantica delle frasi idiomatiche vengono Elia/D Agostino/Martinelli distinguendo: 23 espressioni idiomatiche con senso letterale e quello idiomatico: per esempio alzare/levare gli occhi su (q.c./qc) «aspirare, mirare a q.c.» ha significato letterale perchè è realmente possibile alzare gli occhi. espressioni idiomatiche senza senso letterale: espressioni tipo andare a fagiolo/a pallino «andare benissimo, essere adatto» letteralmente non significano niente. La stessa situazione vale per espressioni tipo trovare la gallina dalle uova d oro perchè realmente non esistono galline dalle uova d oro. esspressioni idiomatiche con semplice fissità di enunciati tecnici, correnti, familiari: aprire la seduta; rivendicare l atentato. espressioni idiomatiche che sono riassunti di discorsi più ampi (episodi un tempo famosi, aneddoti storici): Lia è come la moglie di Cesare. In questa categoria possono essere incluse anche espressioni con riferimento a particolari dati storici o culturali: 24 aspettare la manna dal cielo «aspettare fortuna, grazia» Federica Casadei Una più precisa classificazione semantica delle espressione idiomatiche viene offerta da Federica Casadei. Trattando le espressioni idiomatiche verbali, ella distingue i seguenti tipi particolari di tale espressioni: iconiche che possono essere suddivise in espressioni: iconico-descrittive descrivono un gesto compiuto il quale rappresenta un valore simbolico convenzionale: grattarsi la testa «in segno di perplessità»; darsi la mano «per salutarsi, per fare la pace»; fare un nodo al fazzoletto «per ricordarsi q.c.» 23 Elia, A./D Agostino, E./Martinelli, M., Tre componenti della sintassi italiana: frasi semplici, frasi a verbo supporto e frasi idiomatiche, in: Franchi De Bellis, A./Savoia, L. M.: Sintassi e morfologia della lingua italiana d uso. Teorie e applicazioni descrittive, Bulzoni, Roma 1985, p Casadei, F.: Metafora ed espressioni idiomatiche. Uno studio semantico sull italiano, Bulzoni, Roma 1996, p Ibid., p

19 iconico-evocative non descrivono soltanto un gesto o una postura ma alludono anche al valore simbolico universale di essi anche se non sono compiuti: espressione tipo toccare il ferro viene vista come «segno di scongiuro» non come un azione reale e compiuta. iconico-metaforiche il significato viene associato metaforicamente al gesto o alla postura: camminare a testa alta «esprimendo il proprio orgoglio e la propria sicurezza»; alzare la cresta «darsi delle arie, metter su superbia» 2. esempi ideali riguardano espressioni idiomatiche tipo: «fare una cosa inutile»: per esempio drizzare/raddrizzare le gambe ai cani; bruciare lo incenso ai grilli/morti; soffiare il naso alle galline/fagiani/pavoni «(voler) fare una cosa impossibile»: ferrare le oche; friggere con l acqua espressioni idiomatiche basate sullo schema: «portare X in luogo Y dove ce n è in abbondanza»; per esempio portare vasi a Samo; portare legna al bosco/selva; portare pietre alla muriccia 3. metonimie «pure» in questa categoria sono incluse espressioni che trattano: uno stato fisiologico o psico-fisiologico descrivendo uno stato fisiologico correlato: mostrare le costole «essere magrissimo»; rimanere/restare secco «morire»; sudare freddo/avere i sudori freddi «essere molto spaventato» un azione tramite descrizione di un altra azione che ne fa la parte: allungare il passo «camminare più svelto»; andare a letto «mettersi a dormire»; chiudere la bocca «smettere di parlare, tacere» un azione via descrizione di un azione/comportamento/gesto con valore culturale oppure simbolico: prendere lo anello «sposarsi»; salire/ascendere al trono «diventare re/imperatore/papa»; abbandonare l abito/collare «spretarsi» 19

20 3.3. Conclusione Le espressioni idiomatiche possono essere classificate secondo vari punti di vista. Partendo dalla prospettiva sintattica si devono distinguere espressioni idiomatiche nominali, avverbali, le frasi fisse e le frasi a verbo supporto. La classificazione semantica è più complessa: si può partire dalla relazione tra il significato letterale e quello idiomatico, dal riferimento dell espressione ad eventi storici, oppure dal tipo dell espressione. Tali criteri formano solo una classificazione di base: per una classificazione semantica più precisa vedi il capitolo seguente. 20

21 4. La classificazione semantica delle espressioni idiomatiche 4.1. Introduzione: le caratteristiche della ricerca Lo scopo della seguente ricerca è di presentare una classificazione semantica delle espressioni idiomatiche. La scelta delle espressioni usate per la ricerca era stata limitata alle espressioni idiomatiche verbali più precisamente alle espressioni idiomatiche presenti nel corpus di Federica Casadei. 26 La lista delle espressioni, insieme al loro significato idiomatico, si trova nell appendice in tutto l appendice consta di 160 espressioni. Come materiale di riferimento per lo studio semantico delle espressioni idiomatiche è stata usata la rivista Vanity Fair. Si tratta di un settimanale italiano che si occupa di vari argomenti del mondo della politica, della moda, dello spettacolo, della bellezza ecc., e comprende anche una parte indispensabile per una rivista del genere, e cioè le lettere di lettori, l oroscopo e i commenti sugli eventi di attualità. Una rivista, al contrario del corpus, è uno strumento adatto alla ricerca sulla lingua di oggi, sia parlata sia scritta, perchè rappresenta un sistema «aperto» capace di reagire subito ai cambiamenti degli atteggiamenti linguistici della comunità dei parlanti di una lingua. Le espressioni presenti nell appendice sono state trattate da diversi punti di vista. Le seguenti pagine offrono così la classificazione delle espressioni idiomatiche rispetto alla semantica delle parole chiavi presenti nell espressione e al significato letterale, al significato idiomatico concludendo con l approccio misto di Federica Casadei riguardante il significato sia letterale sia quello idiomatico di un espressione La classificazione secondo la semantica delle parole chiavi/il significato letterale Per l organizzazione delle espressioni idiomatiche secondo la semantica delle loro parole chiavi e secondo il loro significato letterale è stato adoperato l approccio 26 Casadei, F., Metafora ed espressioni idiomatiche. Uno studio semantico sull italiano, Bulzoni, Roma 1996, pp

22 usato nella lingua inglese. In inglese si distinguono per lo più espressioni idiomatiche contenenti: i nomi di animali (lead a dog s life «avere una vita miserabile») le parti del corpo umano (keep both feet on the ground «avere i piedi per terra») i vestiti (fit like a glove «stare a meraviglia») i colori (the black sheep of the family «la pecora nera della famiglia») il cibo (a hot potato «la patata bolente») i soldi (foot the bill «pagare per q.c.») i numeri (kill two birds with one stone «prendere due piccioni con una fava»). 27 Inoltre, in inglese si possono distinguere espressioni idiomatiche riguardanti l ambiente del commercio, della legge/corte, dell educazione, della medicina, dello sport e delle relazioni umani o del amore. 28 Espressioni del genere contengono o le parole chiavi del significato letterale o il significato idiomatico rispettivi all ambiente trattato. Tale atteggiamento mischia la semantica delle parole chiavi e il significato figurativo. Di simile problematica si occupa più concretamente Federica Casadei. 29 Per gli scopi del presente capitolo è stata utilizzata soltanto la semantica delle parole chiavi delle espressioni idiomatiche. Usando la prospettiva semantica più ampia nella classificazione sono state incluse anche le espressioni il significato letterale delle quali riguardava la categoria semantica rispettiva. Così nella categoria degli animali si può trovare l espressione tarpare le ali alludendo alla parte del corpo animale. La stessa situazione vale per le espressioni essere di legno e mettere le radici oppure tenere al guinzaglio. Riassumendo i risultati della ricerca si potrebbero indicare quattro domini semantici nelle quali è possibile dividere le espressioni idiomatiche trovate in Vanity Fair. Il primo dominio è quello delle parti del corpo umano. Nel secondo dominio si trovano espressioni con riferimento agli elementi della natura, nel terzo espressioni 27 Cfr. <http://www.idiomconnection.com> 28 Ibid. 29 vedi la pagina

Sintassi 1. (1) Sintassi: si occupa della combinazione di parole in frasi e della struttura delle frasi stesse.

Sintassi 1. (1) Sintassi: si occupa della combinazione di parole in frasi e della struttura delle frasi stesse. LINGUISTICA GENERALE, Linguistica di base D, a.a 2010/11, Ada alentini Mat. 8 Sintassi 1 (1) Sintassi: si occupa della combinazione di parole in frasi e della struttura delle frasi stesse. A. Il livello

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

Consigli per assistere la Persona con Demenza

Consigli per assistere la Persona con Demenza Ospedale San Lorenzo Valdagno Dipartimento Medicina Interna Unità Operativa di Lungodegenza Responsabile dr. Marcello Mari Consigli per assistere la Persona con Demenza Strumenti per qualificare le cure

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare Disciplina: Scienze Livello: A2 Gruppo 3 Autori: Belfi Antonella, Bolzan Luana, Papi Michela Prerequisiti: comprensione linguistica livello A2 per alunni

Dettagli

2 martedì 6 novembre. 3 martedì 4 dicembre. martedì 1 gennaio. 5 martedì 5 febbraio Verifiche quadrimestrali

2 martedì 6 novembre. 3 martedì 4 dicembre. martedì 1 gennaio. 5 martedì 5 febbraio Verifiche quadrimestrali 1 CORSI DI FORMAZIONE 2012/2013 L ITALIANO NELLA SCUOLA PRIMARIA RELATORE: VITTORIA BUSATTO PROGRAMMA DEL CORSO DI LINGUA ITALIANA CLASSE QUARTA- ANNO SCOLASTICO 2012-2013 Lezione Data della lezione Contenuto

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Linguaggio e comunicazione (parte I: Chomsky e il problema della metafora) Filosofia del linguaggio 2013-14 (dott.ssa Filomena Diodato)

Linguaggio e comunicazione (parte I: Chomsky e il problema della metafora) Filosofia del linguaggio 2013-14 (dott.ssa Filomena Diodato) Linguaggio e comunicazione (parte I: Chomsky e il problema della metafora) Filosofia del linguaggio 2013-14 (dott.ssa Filomena Diodato) Modello del codice Assunti teorici: 1. Tutto ciò che vuole essere

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

Gruppo Scuola Secondaria di Secondo Grado Ipotesi di protocollo

Gruppo Scuola Secondaria di Secondo Grado Ipotesi di protocollo Gruppo Scuola Secondaria di Secondo Grado Ipotesi di protocollo Premessa: 1. Il seguente protocollo innesta il sistema della codificazione ICF nelle Aree PDF 2. Potrebbe essere significativa l apertura

Dettagli

Tutta un altra storia

Tutta un altra storia Elisabetta Maùti Tutta un altra storia Come spiegare ai bambini la diversità Illustrazioni di Salvatore Crisà Indice Introduzione 9 Il principe con due piedi destri (Cos è normale?) 13 E tu da dove vieni?

Dettagli

TABELLE PER LA RILEVAZIONE DEI DATI AI FINI DELLA COMPILAZIONE DEL P.E.I. Aspetti comportamentali

TABELLE PER LA RILEVAZIONE DEI DATI AI FINI DELLA COMPILAZIONE DEL P.E.I. Aspetti comportamentali TABELLE PER LA RILEVAZIONE DEI DATI AI FINI DELLA COMPILAZIONE DEL P.E.I. Aspetti comportamentali Struttura della personalità sociale Affettività sì no data sì no data mostra indifferenza per ciò che sperimenta

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

La comunicazione. Quando viene a mancare anche uno solo di questi elementi, la comunicazione non si realizza in modo completo.

La comunicazione. Quando viene a mancare anche uno solo di questi elementi, la comunicazione non si realizza in modo completo. La comunicazione Comunicare significa mettere in comune, entrare in relazione con gli altri per informare, chiedere, ordinare, scambiare idee, desideri, sentimenti, dubbi, pensieri, progetti Tutta la vita

Dettagli

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>>

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>> Salmo 119:28 > Cari fratelli e care sorelle in Cristo, Il grido di sofferenza del Salmista giunge fino a noi! Il grido di sofferenza

Dettagli

La comprensione del testo per la scuola secondaria di I grado

La comprensione del testo per la scuola secondaria di I grado La comprensione del testo per la scuola Analisi delle risposte date dagli studenti ad alcuni quesiti della PN Invalsi 2014: ipotesi sulle cause della mancata comprensione e possibili ricadute didattiche

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S.2013/14 COME SI CREA UN RICORDO NELLA NOSTRA MENTE?

SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S.2013/14 COME SI CREA UN RICORDO NELLA NOSTRA MENTE? SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S.2013/14 PROGETTO SCIENTIFICO di Marica Loppo Gruppo anni 5 LA MEMORIA è una GRANDE CASA in cui si depositano le informazioni recuperate con l aiuto dei sensi (LE FINESTRE)

Dettagli

Allegato 2 ISTRUZIONI DI PRIMO SOCCORSO PER LE SCUOLE

Allegato 2 ISTRUZIONI DI PRIMO SOCCORSO PER LE SCUOLE Allegato 2 SERVIZIO MEDICINA PREVENTIVA NELLE COMUNITA E DELLO SPORT ISTRUZIONI DI PRIMO SOCCORSO PER LE SCUOLE IN CASO DI COSA FARE COSA NON FARE Indossare i guanti monouso Lavare la ferita con acqua

Dettagli

PROGETTI PER IL FUTURO

PROGETTI PER IL FUTURO PROGETTI PER IL FUTURO 77 LA NOSTRA ANTOLOGIA La mia vita la vivo io Oggi mi sento integrato molto bene qui perché ho perso le paure che avevo, ho cambiato molti pensieri: adesso non ho più paura di quello

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

Presentazioni pratiche integrate del modello culturale di riferimento

Presentazioni pratiche integrate del modello culturale di riferimento 2012 Federazione Italiana Pallacanestro SGMS Presentazioni pratiche integrate del modello culturale di riferimento A cura di Maurizio Cremonini - Tecnico Federale Settore Giovanile Minibasket Scuola 0

Dettagli

STIMOLAZIONI DIRETTE E GIOCHI ORGANIZZATI POSSIBILMENTE IN GRUPPO

STIMOLAZIONI DIRETTE E GIOCHI ORGANIZZATI POSSIBILMENTE IN GRUPPO COUNSELING ALLA FAMIGLIA COUNSELING AL NIDO E ALLA SCUOLA DELL INFANZIA PROPEDEUTICA STIMOLAZIONI DIRETTE E GIOCHI ORGANIZZATI POSSIBILMENTE IN GRUPPO INTERVISTA ALLA FAMIGLIA INERENTE LA GIORNATA DEL

Dettagli

Psicologia dello sviluppo

Psicologia dello sviluppo 3. Lo sviluppo emotivo 1 Lo sviluppo emotivo Psicologia dello sviluppo Oltre allo sviluppo cognitivo, che viene spesso associato alle capacità intellettive, è importante comprendere il grado di competenza

Dettagli

Direzione Didattica 3 Circolo, Quartu Sant Elena

Direzione Didattica 3 Circolo, Quartu Sant Elena Direzione Didattica 3 Circolo, Quartu Sant Elena Scuola dell Infanzia Via Bonn Docente: Virdis Cristina PROGETTO Accogliere per includere A.S. 2013/14 2014/15 COMPETENZE CHIAVE Traguardi di sviluppo specifici

Dettagli

Unità 0 Pronti? Via! COMUNICAZIONE GRAMMATICA LESSICO

Unità 0 Pronti? Via! COMUNICAZIONE GRAMMATICA LESSICO Di seguito proponiamo la lista degli esercizi interattivi per ogni lezione di Parla con me 1 al fine di renderne più facile l uso sia per gli studenti che per gli insegnanti. È infatti possibile eseguire

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

CAPITOLO UNO AUTOVALUTAZIONE DELLE ABITUDINI DI GIOCO D AZZARDO

CAPITOLO UNO AUTOVALUTAZIONE DELLE ABITUDINI DI GIOCO D AZZARDO CAPITOLO UNO AUTOVALUTAZIONE DELLE ABITUDINI DI GIOCO D AZZARDO Sommario Questo capitolo tratta di gioco d azzardo e di gioco d azzardo problematico. Le esercitazioni di questo capitolo le consentiranno

Dettagli

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO 6. ABITO A 7. QUESTA E LA MIA FAMIGLIA: 1 8. A CASA

Dettagli

COME SCEGLIEREI DIVANO GUIDA COMPLETA. www.abitarearreda.it

COME SCEGLIEREI DIVANO GUIDA COMPLETA. www.abitarearreda.it COME SCEGLIEREI DIVANO GUIDA COMPLETA IMBOTTITURA DEL DIVANO Se devi scegliere il divano partiamo da qui: Esistono due tipologie di imbottitura per il divano, leggera e pesante. Gli effetti sono parecchio

Dettagli

MOSTRISCHIO ha paura dei bimbi e delle persone sveglie, attente, che sanno capire e vedere dove si nasconde prima che faccia danni; ha paura perché

MOSTRISCHIO ha paura dei bimbi e delle persone sveglie, attente, che sanno capire e vedere dove si nasconde prima che faccia danni; ha paura perché Questa mattina le nostre insegnanti per avviare questa attività ci hanno accompagnato nell aula ATELIER e sorpresa ci siamo trovati davanti due nostre mamme: mamma Doris e mamma Sara. Lo stupore più grande

Dettagli

"COME PARLA IL NOSTRO CORPO"

COME PARLA IL NOSTRO CORPO SCUOLA DELL' INFANZIA STATALE DI CHIESANUOVA/NE "COME PARLA IL NOSTRO CORPO" Itinerario di tipo psicomotorio atto a promuovere nei bambini una buona presa di coscienza del proprio corpo ed una corretta

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Come va? I N O C C H I P E L L E C O P A N C I A R P O D E N T I R E S O R E C C H I E A T E S T A N P I E D I O

Come va? I N O C C H I P E L L E C O P A N C I A R P O D E N T I R E S O R E C C H I E A T E S T A N P I E D I O Come va? 1 Trova nello schema le parti del corpo scritte di seguito e in orizzontale a cui si riferiscono le seguenti frasi. Le lettere rimaste completano l espressione indicata sotto. 1. Proteggila col

Dettagli

La Comunicazione. Definizione di Comunicazione Comunicazione Interpersonale Comunicazione non verbale. G.Alessandrini per Facoltà di ingegneria

La Comunicazione. Definizione di Comunicazione Comunicazione Interpersonale Comunicazione non verbale. G.Alessandrini per Facoltà di ingegneria La Comunicazione Definizione di Comunicazione Comunicazione Interpersonale Comunicazione non verbale G.Alessandrini per Facoltà di ingegneria La comunicazione è. Dimensione psicologica costitutiva di ogni

Dettagli

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007 PORCHIPINO Temi: L incontro, lo stare e il partire. La narrazione della storia di Porchipino, un piccolo riccio rimasto solo nel bosco, introduce i bambini al tema dell incontro, dell accoglienza del diverso

Dettagli

Esempio di un percorso di educazione emotiva: le nostre emozioni diventano intelligenti.

Esempio di un percorso di educazione emotiva: le nostre emozioni diventano intelligenti. Esempio di un percorso di educazione emotiva: le nostre emozioni diventano intelligenti. Obiettivi: 1. Autoconsapevolezza: Saper riconoscere sul nascere e monitorare le proprie emozioni, saper essere consapevoli

Dettagli

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE MILANO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE STRUTTURA DELLA DISCIPLINA 2 Riflessione sulla lingua Dimensione comunicativa-funzionale Dimensione letteraria 3 Articolazione della disciplina

Dettagli

Funerali senza dio - capitolo 6. Richard Brown & Jane Wynne Willson

Funerali senza dio - capitolo 6. Richard Brown & Jane Wynne Willson Funerali senza dio - capitolo 6 Richard Brown & Jane Wynne Willson Edizioni Omnilog 2010 6. Stesura della cerimonia Questo capitolo presenta un modello per preparare il testo di un funerale laico, e spiega

Dettagli

COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE

COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE La comunicazione nelle lingue straniere condivide essenzialmente le principali abilità richieste per la comunicazione nella madrelingua:

Dettagli

Un Estate in Casa Albergo tra movimento e divertimento

Un Estate in Casa Albergo tra movimento e divertimento I.S.R.A.A. Istituti per Servizi di Ricovero e Assistenza agli Anziani Casa Albergo - Mini Alloggi Un Estate in Casa Albergo tra movimento e divertimento II Edizione Maggio, Giugno, Luglio, Agosto, Settembre

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 Ordine delle parole in italiano 2 2 Sintagmi e ordine dei costituenti 3 3 I test di costituenza 3 4 Grammatica dell italiano

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

SOMMARIO. I vari tipi di bugie e i motivi per cui si mente 7. I gesti spontanei che tradiscono chi sta mentendo 49

SOMMARIO. I vari tipi di bugie e i motivi per cui si mente 7. I gesti spontanei che tradiscono chi sta mentendo 49 SOMMARIO CAPITOLO 1 I vari tipi di bugie e i motivi per cui si mente 7 CAPITOLO 2 Il volto è la maschera rivelatrice 21 CAPITOLO 3 I gesti spontanei che tradiscono chi sta mentendo 49 CAPITOLO 4 Le parole

Dettagli

La scuola di fronte ai disturbi specifici di apprendimento: LA DISLESSIA

La scuola di fronte ai disturbi specifici di apprendimento: LA DISLESSIA La scuola di fronte ai disturbi specifici di apprendimento: LA DISLESSIA Informazioni e suggerimenti per la scuola Giuliana Nova Rezzonico Associazione AFORISMA Associazione accreditata dal MIUR per la

Dettagli

I.N.R.C.A. Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Anziani - IRCCS in Forma

I.N.R.C.A. Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Anziani - IRCCS in Forma Il movimento è fondamentale per il soggetto anziano per mantenere o riacquistare l indipendenza e l autosufficienza. Spesso l atteggiamento della persona di una certa età è di sfiducia e rassegnazione:

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

CURRICOLO DI LINGUA INGLESE SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO

CURRICOLO DI LINGUA INGLESE SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO CURRICOLO DI LINGUA INGLESE SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO OBIETTIVI MINIMI LINGUA INGLESE CLASSE PRIMA COMPRENSIONE ORALE PRODUZIONE ORALE COMPRENSIONE SCRITTA PRODUZIONE SCRITTA CONOSCENZA DELLE STRUTTURE

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

DBT SKILLS TRAINING ABILITÀ DI REGOLAZIONE EMOZIONALE

DBT SKILLS TRAINING ABILITÀ DI REGOLAZIONE EMOZIONALE DBT SKILLS TRAINING ABILITÀ DI REGOLAZIONE EMOZIONALE Maria Elena Ridolfi Regolazione emozionale: obiettivi COMPRENDERE LE EMOZIONI RIDURRE LA VULNERABILITA EMOZIONALE RIDURRE LA SOFFERENZA EMOZIONALE

Dettagli

Modelli della competenza linguistica. Modelli e dati empirici. Il segno saussuriano. Modelli basati su inventari

Modelli della competenza linguistica. Modelli e dati empirici. Il segno saussuriano. Modelli basati su inventari Modelli e dati empirici Modelli della competenza linguistica Il linguaggio è suono con significato Quindi, sapere una lingua vuol dire avere la capacità di - rappresentarsi internamente i suoni; - rappresentarsi

Dettagli

Lezione 10. Tema: La comunicazione interculturale. Parte II.

Lezione 10. Tema: La comunicazione interculturale. Parte II. Lezione 10 Intervista con la professoressa Elisabetta Pavan, docente di lingua inglese, traduzione e comunicazione interculturale dell Università Ca Foscari Venezia e dell Università di Padova. Tema: La

Dettagli

DOMINI / AREE PRINCIPALI CLASSIFICAZIONE ICF-CY (OMS, 2007)

DOMINI / AREE PRINCIPALI CLASSIFICAZIONE ICF-CY (OMS, 2007) DOMINI / AREE PRINCIPALI CLASSIFICAZIONE ICF-CY (OMS, 2007) Capitolo 1 Funzioni mentali FUNZIONI CORPOREE Funzioni mentali globali (b110-b139) b110 Funzioni della coscienza b114 Funzioni dell orientamento

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

PAROLE DI VETRO. Conversazioni sui modi di intendere la vita COS E

PAROLE DI VETRO. Conversazioni sui modi di intendere la vita COS E PAROLE DI VETRO Conversazioni sui modi di intendere la vita COS E Cos è Ognuno sceglie quello che è per sé. Sono solo parole, dette da persone che non si conoscono e che parlano tra loro. Decidono di mettersi

Dettagli

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I COLORI Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I colori sono tanti almeno cento: marrone come il legno, bianco come la nebbia, rosso come il sangue,

Dettagli

CORSO DI PSICOLOGIA DELL EDUCAZIONE

CORSO DI PSICOLOGIA DELL EDUCAZIONE CORSO DI PSICOLOGIA DELL EDUCAZIONE A.A. 2012-2013 SCIENZE INFERMIERISTICHE POLO DI PISA II ANNO V LEZIONE Dott.ssa Chiara Toma I DISTURBI DELLO SVILUPPO Disturbi del linguaggio Autismo e disturbi pervasivi

Dettagli

Picasso Guernica INIZIA IL PERCORSO

Picasso Guernica INIZIA IL PERCORSO Picasso Guernica Analizzare come, attraverso l espressività e il valore simbolico dell opera, Picasso riesca a creare un manifesto contro la guerra di forte impatto emotivo Confrontare messaggi di opere

Dettagli

Esperienza condotta nelle classi prime del plesso G. Marconi. nell anno scolastico 2011/2012

Esperienza condotta nelle classi prime del plesso G. Marconi. nell anno scolastico 2011/2012 METODO ANALOGICO ( metodo Bortolato) Esperienza condotta nelle classi prime del plesso G. Marconi nell anno scolastico 2011/2012 Durante l anno scolastico 2011/2012 le insegnanti delle CLASSI PRIME del

Dettagli

J.L. Austin. J.L. Austin. Come fare cose con le parole. performativi vs constativi. performativi vs constativi. performativi vs constativi

J.L. Austin. J.L. Austin. Come fare cose con le parole. performativi vs constativi. performativi vs constativi. performativi vs constativi J.L. Austin J.L. Austin, Come fare cose con le parole cap. VII, VIII, IX, XI J.L. Austin e la teoria degli atti linguistici Le lezioni di Austin intitolate How to do things with words sono state tenute

Dettagli

PROPOSTA DI CORSI DI FORMAZIONE PER DOCENTI

PROPOSTA DI CORSI DI FORMAZIONE PER DOCENTI BARBARA PISCINA Animatrice pedagogica cell. 3286766227 e-mail barbara.piscina@fastwebnet.it PROPOSTA DI CORSI DI FORMAZIONE PER DOCENTI Il percorso di formazione vuole essere l occasione per riflettere

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA. Competenza: 1. Comunicazione efficace Indicatore: 1.1 Comprensione

SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA. Competenza: 1. Comunicazione efficace Indicatore: 1.1 Comprensione SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA Competenza: 1. Comunicazione efficace Indicatore: 1.1 Comprensione Descrittori Classe 1 Descrittori Classe 2 Descrittori Classe 3 Descrittori Classe 4 Descrittori Classe 5 1.1.1

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Formazione storica ed educazione linguistica: Diverse chiavi per conoscere i pensieri ei bambini Luciana Coltri e Ornella Mandelli

Formazione storica ed educazione linguistica: Diverse chiavi per conoscere i pensieri ei bambini Luciana Coltri e Ornella Mandelli XX SCUOLA ESTIVA DI ARCEVIA (AN) CORSO DI FORMAZIONE PER INSEGNANTI DI STORIA E DI ITALIANO Martedì - Venerdì 30 agosto 2013 Istituto comprensivo di Arcevia, Montecarotto, Serra de Conti Arcevia (AN) Formazione

Dettagli

Informazioni per utenti e familiari

Informazioni per utenti e familiari LA DEPRESSIONE MAGGIORE Informazioni per utenti e familiari In questa dispensa parleremo di depressione e dei problemi che può dare nella vita di una persona. Nella vita, è comune attraversare periodi

Dettagli

MOSTRISCHIO. Giovedì 6 febbraio ha avuto inizio il progetto: A CACCIA DI MOSTRISCHIO NOI RAGAZZI DI CLASSE TERZA VI PRESENTIAMO LA FAMIGLIA PERICOLONI

MOSTRISCHIO. Giovedì 6 febbraio ha avuto inizio il progetto: A CACCIA DI MOSTRISCHIO NOI RAGAZZI DI CLASSE TERZA VI PRESENTIAMO LA FAMIGLIA PERICOLONI MOSTRISCHIO Giovedì 6 febbraio ha avuto inizio il progetto: A CACCIA DI MOSTRISCHIO NOI RAGAZZI DI CLASSE TERZA VI PRESENTIAMO LA FAMIGLIA PERICOLONI GILLO LALLA PILLO MALLO TILLA Il nostro compito è stato

Dettagli

solleva, si guarda intorno, fiuta l aria, tira fuori di nuovo la lingua. Guaisce. Un breve, roco lamento. Poi resta fermo a guardare che succede.

solleva, si guarda intorno, fiuta l aria, tira fuori di nuovo la lingua. Guaisce. Un breve, roco lamento. Poi resta fermo a guardare che succede. Priscilla dei lupi 1 Le luci del pomeriggio rimbalzano sfocate tra i rami. È un momento di assoluto silenzio anche se nel bosco domina il rumore. Un lupo saltella tra la sterpaglia intorno a un rovo di

Dettagli

Brevi istruzioni su come fare una tesi. I testi riportati sono tratti da: pagina web sul libro di Umberto Eco Come si fa una tesi di laurea

Brevi istruzioni su come fare una tesi. I testi riportati sono tratti da: pagina web sul libro di Umberto Eco Come si fa una tesi di laurea Brevi istruzioni su come fare una tesi I testi riportati sono tratti da: pagina web sul libro di Umberto Eco Come si fa una tesi di laurea L inizio e la fine Una delle prime cose da fare per cominciare

Dettagli

Riflessione sulla lingua Situazioni comunicative ed elementi della comunicazione Marino Martignon

Riflessione sulla lingua Situazioni comunicative ed elementi della comunicazione Marino Martignon iflessione sulla lingua Situazioni comunicative ed elementi della comunicazione Marino Martignon SITUAZIONI COMUNICATIV D LMNTI DLLA COMUNICAZION Le varie forme della comunicazione Molte persone identificano

Dettagli

AREA DELLE COMPETENZE LINGUISTICHE

AREA DELLE COMPETENZE LINGUISTICHE AREA DELLE COMPETENZE LINGUISTICHE PREMESSA 1. Il ruolo dell area nell Istruzione e Formazione Tecnica Superiore Le Unità Capitalizzabili dell area delle competenze linguistiche hanno la finalità di sviluppare,

Dettagli

Programma di riscaldamento, stretching e potenziamento della cuffia dei rotatori

Programma di riscaldamento, stretching e potenziamento della cuffia dei rotatori Programma di riscaldamento, stretching e potenziamento della cuffia dei rotatori a cura di Peppe Mele PREMESSE: Gli esercizi contenuti in questa dispensa, sono particolarmente indicati per gli atleti che

Dettagli

L EMPATIA E LA RELAZIONE EMPATICA

L EMPATIA E LA RELAZIONE EMPATICA L EMPATIA E LA RELAZIONE EMPATICA (a cura di Sandra Camuffo) MODULO I: COACHING ESSENTIALS Roma, 7-8 Marzo, 5 Aprile 2014 DEFINIRE L EMPATIA Le definizioni dell empatia coniate dagli studiosi e dai ricercatori

Dettagli

Un mondo da Favola laboratorio sul tema della sostenibilità

Un mondo da Favola laboratorio sul tema della sostenibilità Un mondo da Favola laboratorio sul tema della sostenibilità Obiettivi del laboratorio Il percorso Il percorso in breve Questo progetto sarà occasione per far comprendere ai bambini che cosa significa il

Dettagli

Questo giornale è scritto in linguaggio facile da leggere. A modo mio. Le notizie più importanti di febbraio 2015 Una notizia importante

Questo giornale è scritto in linguaggio facile da leggere. A modo mio. Le notizie più importanti di febbraio 2015 Una notizia importante Questo giornale è scritto in linguaggio facile da leggere A modo mio Le notizie più importanti di febbraio 2015 Una notizia importante Le nuove etichette sui cibi e sulle bevande Sui cibi e sulle bevande

Dettagli

CAMPIONE 100 bambini PROCEDURA. 50 di 4/5 anni 50 di 7/8 anni

CAMPIONE 100 bambini PROCEDURA. 50 di 4/5 anni 50 di 7/8 anni Con tutto il corpo: le espressioni emotive durante la fruizione Mi è piaciuto...o no: Like/Dislike Questionnarie La parola: il bambino racconta le proprie emozioni; Il disegno: il bambino rielabora le

Dettagli

CATALOGO DI ESERCIZI PER PAUSE IN MOVIMENTO. ESERCIZI PER ATTIVARE

CATALOGO DI ESERCIZI PER PAUSE IN MOVIMENTO. ESERCIZI PER ATTIVARE Catalogo di esercizi per per pause in movimento. Esercizi per attivare MOVING SCHOOL 21 PROGETTO LA SCUOLA IN MOVIMENTO CATALOGO DI ESERCIZI PER PAUSE IN MOVIMENTO. ESERCIZI PER ATTIVARE Autore: Stephan

Dettagli

dr.ssa Raffaella Faggioli

dr.ssa Raffaella Faggioli L osservazione diagnostica dell autismo con l ADOS ADOS Moduli 3 e 4 dr.ssa Raffaella Faggioli I moduli 3 e 4 dell ADOS Permettono l osservazione diretta dei comportamenti di ragazzi e adulti in situazione

Dettagli

UNA COMUNITA IN CRESCITA

UNA COMUNITA IN CRESCITA UNA COMUNITA IN CRESCITA Proposte di formazione per bambini, ragazzi, insegnanti e genitori 2008-2009 2009 La Bottega dei Ragazzi Cooperativa Sociale Onluss Via Tintoretto 41 35020 Albignasego (PD) Tel.

Dettagli

SETTORE TECNICO F.I.G.C.

SETTORE TECNICO F.I.G.C. SETTORE TECNICO F.I.G.C. CORSO MASTER 200-2005 TESI CARATTERISTICHE DEI TRE CENTROCAMPISTI IN UN CENTROCAMPO A TRE Relatore: Prof. Franco FERRARI Candidato: Massimiliano ALLEGRI Coverciano 7 luglio 2005

Dettagli

Insegnare la nonviolenza Un esperienza di condivisione di idee, sogni, materiali educativi fra ASSEFA Torino & ASSEFA India

Insegnare la nonviolenza Un esperienza di condivisione di idee, sogni, materiali educativi fra ASSEFA Torino & ASSEFA India Gr uppo ASS EFA Torino & ASS EFA INDIA Insegnare la nonviolenza Un esperienza di condivisione di idee, sogni, materiali fra ASSEFA Torino & ASSEFA India a cura di Maria Ferrando insegnante di scuola primaria

Dettagli

revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta

revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta Nel corso del primo anno : - riconosce il nome proprio; - dice due-tre parole oltre a dire mamma e papà ; - imita

Dettagli

Il mio nuovo cucciolo: cosa fare ma soprattutto cosa non fare! COME COMUNICARE

Il mio nuovo cucciolo: cosa fare ma soprattutto cosa non fare! COME COMUNICARE Il mio nuovo cucciolo: cosa fare ma soprattutto cosa non fare! Dott. Simone Agostini, Medico Veterinario Ambulatorio Veterinario San Giorgio in Bosco tel. 0499450520-3478941059 Come sicuramente moltissimi

Dettagli

PROGETTO MUSICALE CON LALLO IL CAVALLO

PROGETTO MUSICALE CON LALLO IL CAVALLO SCUOLA DELL'INFANZIA AD ONORE DEGLI EROI PROGETTO MUSICALE CON LALLO IL CAVALLO Laboratorio bambini di 4/5 anni ANNO SCOLASTICO 2010-11 UNITA DI APPRENDIMENTO: LABORATORIO MUSICALE CON IL CAVALLO LALLO

Dettagli

I PUNTI DELL AGENTE IMMOBILIARE DI SUCCESSO

I PUNTI DELL AGENTE IMMOBILIARE DI SUCCESSO I PUNTI DELL AGENTE IMMOBILIARE DI SUCCESSO DI STEFANO TRONCA WWW.STEFANOTRONCA.COM QUESTO E-BOOK È UNA CREAZIONE DI STEFANO TRONCA. TUTTI I DIRITTI RISERVATI Ciao sono Stefano! La mia vita di blogger

Dettagli

EDUCARE È COSA DEL CUORE Educare figli adolescenti: sfida o percorso di crescita condiviso? Educare alle emozioni e all'affettività

EDUCARE È COSA DEL CUORE Educare figli adolescenti: sfida o percorso di crescita condiviso? Educare alle emozioni e all'affettività EDUCARE È COSA DEL CUORE Educare figli adolescenti: sfida o percorso di crescita condiviso? Educare alle emozioni e all'affettività Stili educativi riferiti alle emozioni Di fronte alle emozioni, alla

Dettagli

Presentazione. di Donatella Spinelli*

Presentazione. di Donatella Spinelli* Presentazione di Donatella Spinelli* Parole in corso è un libro e allo stesso tempo un gioco, pieno di consigli e di strumenti preziosi per chi vuole aiutare i bambini con difficoltà di lettura a progredire

Dettagli

Siamo un cambiamento in cammino

Siamo un cambiamento in cammino Scuola Primaria Paritaria Sacra Famiglia PROGETTO EDUCATIVO ANNUALE 2013 2014 Siamo un cambiamento in cammino Uno di fianco all altro, uno di fronte all altro Il percorso educativo di quest anno ci mette

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

Variazione diafasica: in rapporto alla situazione comunicativa e allo stile

Variazione diafasica: in rapporto alla situazione comunicativa e allo stile Variazione diafasica: in rapporto alla situazione comunicativa e allo stile Registri: "varietà diafasiche dipendenti primariamente dal carattere dell'interazione e dal ruolo reciproco assunto da parlante

Dettagli

Vento e batticuore. Prof. Silvia Facchetti. Il vento ispira poesie e pensieri

Vento e batticuore. Prof. Silvia Facchetti. Il vento ispira poesie e pensieri Vento e batticuore In primavera mi comporto da pantera prendo la corriera e torno a casa la sera Entro in un bar, apro la porta e mi vedo arrivare una cameriera con la gonna corta! Dalla finestra sento

Dettagli

Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole

Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole Mi presento Mi chiamo Lisa Cappellazzo, ho 35 anni e son un insegnante

Dettagli

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana CRITERI DI VALUTAZIONE PER LE PROVE SCRITTE L obiettivo del valutatore, nella correzione delle prove

Dettagli

La comunicazione, elementi teorici ed aspetti pratici. Anselmo Cro

La comunicazione, elementi teorici ed aspetti pratici. Anselmo Cro La comunicazione, elementi teorici ed aspetti pratici Anselmo Cro LA COMUNICAZIONE I Principi NON SI PUO NON COMUNICARE OGNI COMUNICAZIONE E COMPORTAMENTO OGNI COMPORTAMENTO E COMUNICAZIONE IL SIGNIFICATO

Dettagli

QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI

QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI L esperienza del bambino, gli aspetti giuridici, il padre adottivo: costruire i nuovi legami familiari a cura di Fiamma Buranelli, Patrizia Gatti e Emanuela Quagliata Presentazione

Dettagli

Austin propone di chiamare: Gli enunciati descrittivi enunciati constativi Gli enunciati che servono per compiere un atto enunciati performativi

Austin propone di chiamare: Gli enunciati descrittivi enunciati constativi Gli enunciati che servono per compiere un atto enunciati performativi Atti linguistici Per i filosofi del linguaggio ideale: la funzione principale del linguaggio è quella di descrivere stati di cose (descrivere come sarebbe il mondo se l enunciato proferito fosse vero)

Dettagli

Adozione terminabile o interminabile? Un contributo di ricerca. Ondina Greco

Adozione terminabile o interminabile? Un contributo di ricerca. Ondina Greco Adozione terminabile o interminabile? Un contributo di ricerca Ondina Greco Centro di Ateneo Studi e Ricerche sulla famiglia Università Cattolica, Milano ondina.greco@unicatt.it Provincia di Lecce Corso

Dettagli

AIUTARE I BAMBINI DOPO UN TERREMOTO

AIUTARE I BAMBINI DOPO UN TERREMOTO AIUTARE I BAMBINI DOPO UN TERREMOTO E stato terribile, la mia casa è distrutta, il tetto è rimasto su solo sopra la mia camera.. Aspetti che tutto crolli. Quando ci sono state le altre scosse, pensavo

Dettagli