La classificazione semantica delle espressioni idiomatiche italiane

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La classificazione semantica delle espressioni idiomatiche italiane"

Transcript

1 Masarykova univerzita Filozofická fakulta Ústav románských jazyků a literatur Italský jazyk a literatura Kateřina Bačíková La classificazione semantica delle espressioni idiomatiche italiane Bakalářská diplomová práce Vedoucí bakalářské práce: PhDr. Jan Pavlík Brno

2 Prohlašuji, že jsem diplomovou práci vypracovala samostatně s využitím uvedených pramenů a literatury. V Brně Kateřina Bačíková 2

3 Děkuji panu PhDr. Janu Pavlíkovi za odborné vedení, cenné rady a připomínky, za ochotu a trpělivost při vypracování této práce. 3

4 Indice 1. Introduzione 6 2. Per una definizione del termine «espressione idiomatica» 8 Definizione di base 8 Tratti caratteristici delle espressioni idiomatiche 8 Institutionalisation (istituzionalizzazione) 9 Compositeness (grado di composizione) 9 Frozeness (congelamento) 9 Non-compositionality (non-composizionalità) 12 Conclusione Per una classificazione delle espressioni idiomatiche italiane 14 Punto di vista sintattico 14 Le forme delle frasi fisse (Vietri) 15 Le forme delle frasi a verbo supporto(vietri) 16 Punto di vista semantico 17 Elia/D Agostino/Martinelli 18 Federica Casadei 18 Conclusione La classificazione semantica delle espressioni idiomatiche 21 Introduzione: le caratteristiche della ricerca 21 La classificazione secondo la semantica delle parole chiavi/il 21 significato letterale Le parti del corpo umano 23 Gli elementi della natura 23 Il mondo del denaro 24 Il divertimento 24 La classificazione secondo il significato idiomatico 25 Il successo 25 Avere successo 26 La strada verso il successo 27 Il non-avere successo 27 4

5 Le emozioni 29 Emozioni espresse tramite gesti/posture corporali 30 Emozioni positive 30 Emozioni negative 31 Emozioni miste (o negative o positive) 31 Il carattere di una persona 31 Lati positivi 32 Lati negativi 32 Lati o negativi o positivi 33 La classificazione secondo il significato letterale e il significato 33 idiomatico Lo spazio 34 Il movimento e le forze 36 Il movimento 36 Le forze 37 Il corpo 38 Metonimie e metafore corporee 38 Metafore percettive 38 I domini culturali Conclusione Bibliografia Appendice 46 5

6 1. Introduzione Le espressioni idiomatiche fanno la parte integrale di ogni lingua. Esse costituiscono un componente indispensabile del lessico di ogni persona e si trovano sia nel linguaggio formale sia in quello informale. Le espressioni idiomatiche vengono usate per vari scopi che, in generale, mirano ad arricchire o ad ornare il discorso: quando si vuole essere divertenti, quando si vuole essere diversi dagli altri o quando si vuole giocare con le parole o esprimere qualcosa che le altre parole non esprimono esattamente o troppo banalmente. Spesso le espressioni idiomatiche di una lingua si appoggiano sul riferimento ad eventi storici o a concetti culturali della rispettiva nazione. Perciò la conoscenza di simili espressioni può essere importante per lo studio di una lingua e soprattutto per la consocenza della cultura e della mentalità di una nazione. Per tale motivo le espressioni del genere meritano l attenzione degli studiosi di linguistica e innanzitutto della semantica. Se si vuole parlare del termine idiomatico si deve accettare il fatto che non esistono definizioni precise e classificazioni complete di tale fenomeno linguistico. Benchè siano stati fatti vari tentativi di determinare la loro struttura, non sono stati finora definiti i termini precisi ed accettati da tutta la comunità linguistica, per la loro descrizione. I lati più peculiari del fenomeno dell idiomatismo sono la loro irregolarità sintattica che le oppone alle frasi libere, e la loro anormalità semantica. Le espressioni idiomatiche erano così per molto tempo ritenute un fenomeno anomalo, un eccezione alle regole e non godendo dell attenzione degli studiosi rimanevano ai margini degli studi linguistici. Lo scopo della presente tesi è di tentare una classificazione semantica delle espressioni idiomatiche italiane. Nella lingua italiana, infatti, non esistono studi comleti della semantica delle espressioni idiomatiche e perciò il presente lavoro cercherà all inizio di riassumere gli approcci di base alla problematica della sintassi e della semantica delle espressioni idiomatiche offrendo in seguito una classificazione semantica più complessa basata su diversi punti di vista. Nello stesso tempo il lavoro 6

7 tenterà di individuare le implicazioni di tale classificazione per quanto riguarda le caratteristiche della lingua italiana. 7

8 2. Per una definizione del termine «espressione idiomatica» 2.1. Definizione di base La definizione più generale dice che espressioni idiomatiche sono «le espressioni convenzionali di una lingua caratterizzate dall abinare un significato fisso (poco o affatto modificabile) a un significato non composizionale (cioè che, a differenza del significato letterale o composizionale, non è ricavabile dai significati dei componenti dell espressione).» 1 Secondo tale definizione il termine idiomatico può indicare diversi casi di non-predicabilità semantica o non-letteralità includendo locuzioni, frasi fisse, stereotipi, formule, clichés, luoghi comuni, giri di parole, modi di dire e detti. In conseguenza è necessario stabilire i criteri di base secondo i quali si potrebbe identificare un espressione come idiomatica Tratti caratteristici delle espressioni idiomatiche Le espressioni idiomatiche non formano un gruppo eterogeneo del lessico di una lingua. Si tratta di espressioni di diversa natura le quali nonostante questa diversità - mostrano certi aspetti identici. Tutte le costruzioni indicate come idiomatiche condividono caratteristiche semantiche, peculiarità e irregolarità nella struttura e restrizioni del comportamento lessico-grammaticale. Nello stesso tempo esse fanno parte integrale della grammatica di una lingua e hanno un ruolo specifico nel discorso e nella communicazione. Secondo Langlotz i tratti caratteristici delle espressioni idiomatiche sono i seguenti (in inglese): 2 institutionalisation 3 riguarda il grado di familiarità e convenzione 1 Casadei, F., Per una definizione di «espressione idiomatica» e una tipologia dell'idiomatico in italiano, in: Lingua e Stile/ a.xxx, n.2, 1995, p Langlotz, A., Idiomatic Creativity, John Benjamins Publishing Company, Amsterdam/Philadelphia 2006, p. 3. 8

9 compositeness riguarda la complessità di un espressione frozeness riguarda le restrizioni del comportamento lessico-grammaticale non-compositionality riguarda il significato figurativo di un espressione Institutionalisation (istituzionalizzazione) Le espressioni idiomatiche fanno la parte del sistema grammaticale di una lingua e appartengono al discorso ripetuto di quella lingua; hanno quindi dovuto partecipare al processo socio-linguistico della convenzionalizzazione. Per poter stabilire il grado della convenzionalità e della familiarità di un espressione idiomatica Langlotz usa il termine institutionalisation Compositeness (grado di composizione) Il termine compositeness riguarda il fatto che le espressioni idiomatiche sono strutture linguistiche formate da due o più elementi lessicali liberi. Per esempio l espressione vuotare il sacco è composta di due elementi: vuotare e sacco dove sacco viene usato in modo convenzionale con l articolo determinativo il. A questo punto è problematico distinguere tra espressioni idomatiche proprie e le forme monorematiche ma morfologicamente complesse del tipo bustarella o rompiscatole; e proverbi del tipo Gallina vecchia fa buon brodo. 4 Uno degli approcci linguistici propone la loro inclusione tra le espressioni idomatiche proprie; l altro preferisce la loro esclusione da tale categoria Frozeness (congelamento) Frozeness è il termine generico per la descrizione delle restrizioni lessicogrammaticali delle espressioni idiomatiche. Riguarda la flessibilità dei singoli elementi lessicali di un espressione e il loro comportamento grammaticale. Si tratta della 3 I termini saranno mantenuti nell inglese visto che tale approccio viene adoperato dalla maggior parte dei linguisti taliani. Tra parentesi si trovano la traduzioni dei termini dall autore della presente tesi. 4 Casadei, F., Per una definizione di «espressione idiomatica» e una tipologia dell'idiomatico in italiano, in: Lingua e Stile/ a.xxx, n.2, 1995, p Langlotz, A., Idiomatic Creativity, John Benjamins Publishing Company, Amsterdam/Philadelphia 2006, p. 5. 9

10 proprietà che distingue le espressioni potenzialmente idiomatiche da quelle certamente non idiomatiche. Federica Casadei distingue i seguenti tipi di fissità: 6 fissità nell ordine dei costituenti (Max ha perso la tramontana. *La tramontana che Max ha perso.) fissità trasformazionale, cioè blocco delle trasformazioni possibili per una certa struttura fissità nelle categorie grammaticali: impossibilità di cambiamenti di tempo, persona o numero nei costituenti di un espressione (*Max ha perso le tramontane) fissità nell inventario dei componenti: impossibilità di inserzioni e soppressioni o di sostituzioni (*Max ha smarrito la tramontana; *Max ha perso questa tramontana) Studiando in dettaglio il comportamento sintattico delle espressioni idiomatiche si può osservare la variabilità delle trasformazioni sintattiche e lessicali. La seguente classificazione di Simonetta Vietri mostra quali tipi delle trasformazioni (non) riguardano le espressioni idiomatiche: 7 non è possibile sostituire il nome o il verbo sinonimo a quello della espressione senza perdere il significato idiomatico: Max ha perso la tramontana => *Max ha smarrito la tramontana; *Max ha perso il vento non si può modificare il determinante: *Max ha perso (questa + una) tramontana non si può inserire un modificatore (aggettivo, complemento nominale, frase relativa): *Max ha perso la tramontana (bella + del nord + che piace a Eva) non si può inserire un aggettivo possessivo: *Max ha tirato le sue cuoia 6 Casadei, F., Per una definizione di «espressione idiomatica» e una tipologia dell'idiomatico in italiano, in: Lingua e Stile/ a.xxx, n.2, 1995, p Vietri, S., On the study of idiomatic expressions in Italian, in: A. Franchi De Bellis and L.M. Savoia (eds.) Sintassi e morfologia della lingua italiana d'uso. Teorie e applicazionioni descrittive, (Atti del XVII Congresso della Società di Linguistica Italiana, Urbino 11-13/9/1983), Bulzoni, Roma 1985, pp

11 è possibile cambiare il tempo e il modo del verbo: Max (perderà + avrebbe potuto perdere) la tramontana è possibile inserire gli avverbi di tempo: Max ha perso la tramontana da molto tempo inserzioni tra il verbo e il nome sono possibili: Max ha perso improvvisamente la tramontana per quanto riguarda le trasformazioni tipo: il passivo, la relativizzazione, la dislocazione e l estrazione la situazione è la seguente: a) il passivo non è generalmente possibile: *La tramontana è stata persa da Max; nelle costruzioni senza agente il passivo è accettabile: È stata persa la tramontana b) la relativizzazione non è sempre possibile: *La tramontana che Max ha perso; Le tappe che Max ha bruciato c) la pronominalizzazione è accettabile: Max l ha persa d) la dislocazione è possibile in certi casi: *Max le ha bruciate le tappe; Max ne ha bruciate di tappe e) anche l estrazione è possibile solo in certi casi: È Max che ha bruciato le tappe; *Sono le tappe che Max ha bruciato. È necessario prendere in considerazione che non tutte le espressioni idiomatiche condividono lo stesso grado di fissità e la stessa variabilità delle trasformazioni. Le trasformazioni che sono possibili per un espressione non devono essere necessariamente possibili per un altra. In tale situazione Fraser propone una classificazione delle espressioni idiomatiche sulla base della loro capacità di essere modificate sintatticamente. Si tratta di Frozeness Hierarchy, «gerarchia di congelamento», la quale è costituita da 6 livelli che «rappresentano le operazioni sintattiche cui le espressioni idiomatiche possono sottostare preservando il significato figurato.» 8 Le espressioni sono ordinate in modo che un espressione presente ad un certo livello possiede le caratteristiche di quelle dei livelli più bassi: 9 8 Cacciari, C., La comprensione delle espressioni idiomatiche. Il rapporto fra significato letterale e significato figurativo, in: Giornale italiano di psichologia, n.16, 1989, p Fraser, B., Idioms within a transformational grammar, in: Foundations of language, n.6, 1970, pp

12 L0 Completely frozen 10 L1 Adjunction L2 Insertion L3 Permutation L4 Extraction L5 Reconstitution L6 Unrestricted Per concludere la problematica di frozeness deve essere ricordato che «[...] la variabile lessico-sintattica è indipendente da quella semantica, consentendo cosí di distinguere espressioni libere e fisse indipendentemente dal loro essere o meno composizionali.» Non-compositionality (non-composizionalità) Il termine non-compositionality veniva considerato il tratto di base per poter definire un espressione come idiomatica. Esso allude al fatto che il significato di un espressione idiomatica non è composto dei significati delle parti grammaticali che la compongono. La relazione fra il significato generale (figurativo) di un espressione e il significato dei singoli elementi rifletta a pattern of figuration. 12 È necessario distinguere tra due livelli del significato: 1) significato letterale il significato di una costruzione è determinato daisignificati delle parti e delle regole di composizione 2) significato idiomatico il significato esteso di una costruzione; per esempio inghiottire la pillola = «accettare q.c. di sgradevole» Più divergenza c è tra il significato letterale e il significato idiomatico di una costruzione, e meno trasparente è la costruzione. Esistono espressioni che possiedono soltanto il significato figurativo, per esempio fare di ragion virtù: l ambiguità tra 10 Le denominazioni dei singoli livelli saranno mantenuti nell inglese. 11 Casadei, F., Per una definizione di ''espressione idiomatica'' e una tipologia dell'idiomatico in italiano, in: Lingua e Stile/ a.xxx, n.2, 1995, p «modello di raffigurazione», traduzione dell autore. Cfr. Langlotz, A., Idiomatic Creativity, John Benjamins Publishing Company, Amsterdam/Philadelphia 2006, p

13 interpretazione letterale e quella idiomatica non è quindi il tratto universale delle espressioni idiomatiche. Il significato figurativo e la non-composizionalità di un espressione possono servire anche per poter distinguere un espressione idiomatica da una metafora: avendo un significato composizionale, l espressione idiomatica diventerebbe una metafora. Nella metafora i significati delle costituenti entrano nel calcolo interpretativo; nell espressione idiomatica esse perderebbero il senso e la motivazione originaria Conclusione Presi in considerazione i precedenti tratti caratteristici delle espressioni idiomatiche bisogna modificare la loro definizione originaria. Cristina Cacciari propone una ridefinizione: «Una espressione idiomatica è un insieme o una configurazione formato da una o più parole e dotato di una interpretazione semantica convenzionale che può essere, a diversi gradi, derivata composizionalmente della interpretazione delle parti che la compongono. Può essere totalmente inerte così come ammettere che sue parti siano sintatticamente e semanticamente flessibili.» 14 Vale a dire che non esiste nessuna definizione precisa ed esatta. Invece è necessario ammettere che i termini institutionalisation, compositeness, frozeness e noncompositionality possono essere usati come uno strumento per poter stabilire se una costruzione appartiene alla categoria delle espressioni idiomatiche e in seguito per poter stabilire il loro grado di idiomaticità. 13 Cacciari, C., La comprensione delle espressioni idiomatiche. Il rapporto fra significato letterale e significato figurativo, in: Giornale italiano di psichologia, n.16, 1989, p Ibid., p

14 3. Per una classificazione delle espressioni idiomatiche italiane 3.1. Punto di vista sintattico Se si vuole fare una classificazione delle espressioni idiomatiche dal punto di vista sintattico si deve prima stabilire il loro posto nel sistema sintattico. Il punto di partenza è rappresentato dalle frasi semplici. La definizione dice che «la frase semplice è l unità minima del discorso accettabile sia nel contenuto che nella forma.» 15 Le frasi semplici si possono dividere in tre cattegorie: frasi libere, frasi a verbo supporto e frasi idiomatiche. Per quanto riguarda le frasi libere, il loro significato è composizionale; ciò vuol dire che esso è derivabile dalla somma dei significati delle singole parole. Le frasi a verbo supporto sono invece frasi semplici «in cui il verbo principale è semanticamente vuoto, cioè, acquista significato dal nome che segue, il quale, a sua volta, riceve dal verbo supporto l indicazione di tempo-modo-aspetto.» 16 Le frasi fisse (idiomatiche) hanno un significato che non è composizionale: non si può dedurre dai significati delle singole parole. In più le frasi fisse «sono caratterizzate dalla invariabilità o fissità di uno o più gruppi nominali.» 17 La nozione del idiomatismo non riguarda soltanto la categoria del verbo ma anche le categorie dei nomi e degli avverbi. Così da una parte esistono espressioni come acqua di rose, testa di cuoio e camicia rossa; tali espressioni sono considerate nomi composti e hanno le stesse funzioni grammaticali dei nomi semplici (come lozione, soldato, garibaldino). Dall altra parte esistono gli avverbi i quali, a differenza dalle frasi idiomatiche, si applicano a più verbi (ridere a denti stretti, parlare a denti stretti) non formano quindi un unità fissa dell avverbio e del verbo Vietri, S., La sintassi delle frasi idiomatiche, in: Studi Italiani di Linguistica Teorica ed Applicata, XIX/1, 1990, p Ibid, p Ibid, p Ibid, p

15 Le forme delle frasi fisse (Vietri) La classificazione delle frasi fisse consta di 11 classi. A sinistra di ogni tipo di frase è indicata la sigla della classe. Il gruppo nominale è indicato con Ni, dove i indica la posizione (0, 1, 2,..), il verbo è indicato con V e il gruppo nominale, costretto, fisso e invariabile con C. Nelle frasi fisse i complementi fissi (soggetto, complemento diretto/indiretto) non possono essere omessi in tale caso la frase fissa perderebbe il suo significato idiomatico e diventerebbe la frase libera. Le forme di frasi fisse sono le seguenti: 19 (C0) C0 V W (soggetto fisso, sequenza variabile) => Il piatto piange (C1) N0 V C1 (soggetto libero, complemento diretto fisso) => Alzare il gomito (C1AG) N0 V C1 (Agg + di C2) => Lea ha perso il lume della ragione. (C1AN) N0 V C1 (a + di) N2 => Max ha rotto le ossa (a + di) Lea. (PC1) N0 V Prep C1 (soggetto libero, complemento indiretto fisso) => Andare a monte (C1PN) N0 V C1 Prep N2 (soggetto e complemento indiretto liberi complemento diretto fisso) => Mettere mano a (1PC2) N0 V N1 Prep C2 (soggetto e complemento diretto liberi, complemento indiretto fisso) => Prendere per la gola (C1P2) N0 V C1 Prep C2 (soggetto libero, complemento diretto e indiretto fissi) => Tagliere la testa al toro (PC1P2) N0 V Prep C1 Prep N2 (soggetto e secondo complemento liberi, 19 Ibid, p

16 primo complemento fisso) => Andare a genio a (PC1PC2) N0 V Prep C1 Prep C2 (soggetto libero, primo e secondo complemento fissi) => Andare a letto con le galline (CPPN) N0 V C1 Prep C2 Prep N3 (soggetto e secondo complemento indiretto liberi, complemento indiretto liberi, complemento diretto e primo complemento indiretto fissi) => Cavare le castagne dal fuoco Le forme delle frasi a verbo supporto (Vietri) Come è già stato detto prima, le frasi a verbo supporto sono formate con alcuni verbi, il cui significato è praticamente neutro. Si tratta soprattutto di verbi essere, avere e fare; in alcuni casi sono inclusi anche i verbi dare, prendere, venire e varianti aspettuali dei precedenti. Parliamo di frasi in cui «il significato lessicale è concentrato nel complemento del verbo, mentre il verbo, semanticamente vuoto, serve come da supporto per i tratti grammaticali di tempo, aspetto, modo, persona, ecc.» 20 Così l espressione avere fegato rappresenta una specie di verbo composto, nel quale avere fa la parte grammaticale e fegato fa la parte lessicale. Le forme delle frasi fisse a verbo supporto sono le seguenti: 21 Essere (EC) (ECA) (ECDC) (EC1PN) (ECP2) (E01) (E0P1) : Max non è il primo venuto. : Lea è una gatta morta. : Max è l ultima ruota del carro. : Max è l occhio destro di Lea. : Max e Lea sono due anime in un nocciolo. : I nervi di Max sono tesi. : Gli occhi di Lea sono a mandorla. 20 Renzi, L., Espressioni idiomatiche e verbi supporto, in: Grande Grammatica di Consultazione I, Il Mulino, Bologna 1991, p Vietri, S., La sintassi delle frasi idiomatiche, in: Studi Italiani di Linguistica Teorica ed Applicata, XIX/1, 1990, pp

17 (EAPC) (PECO) (EVCO) (ENP2) (EP1) (EP1PN) : Max è povero in canna. : Lea è magra come un chiodo. : Max è come l ancora. : Max è uno scrittore in erba. : Max è al fresco. : Max è ai ferri corti con Lea. Avere (AC) (ACA) (ACDC) (AC1PN) (ACP2) (ANP2) : Max ha fegato. : Lea ha il pollice verde. : Max ha l imbarazzo della scelta. : Lea ha le tasche piene di questa faccenda. : Max ha il fuoco nelle vene. : Lea ha Max sulle scatole. Fare (FC) (FCA) (FCDC) (FC1PN) (FCP2) (FVCO) : Questo film ha fatto cassetta. : Max fa le ore piccole. : Lea ha fatto atto di presenza. : Lea fa il filo a Max. : Max fa il bucato in famiglia. : Max fa come lo struzzo Punto di vista semantico All inizio bisogna ricordare che nella lingua italiana non esiste nessuna descrizione e classificazione completa della fraseologia nella sua interezza come in altre lingue, per esempio come in tedesco e in inglese. 22 In particolare c è un assenza totale di studi semantici sulle espressioni idiomatiche. Le seguenti classificazioni sono parziali e riguardano soltanto alcuni lati delle espressioni idiomatiche. Esse rappresentano così uno dei trattamenti possibili del fenomeno dell idiomatismo. 22 Skytte G. in Holtus G., Metzeltin M. und Schmidt Ch., Lexikon der Romanistischen Linguistik. Band IV. Italienisch, Korsisch, Sardisch. Tübingen, Niemeyer 1988, p

18 Elia/D Agostino/Martinelli Con la prima classificazione semantica delle frasi idiomatiche vengono Elia/D Agostino/Martinelli distinguendo: 23 espressioni idiomatiche con senso letterale e quello idiomatico: per esempio alzare/levare gli occhi su (q.c./qc) «aspirare, mirare a q.c.» ha significato letterale perchè è realmente possibile alzare gli occhi. espressioni idiomatiche senza senso letterale: espressioni tipo andare a fagiolo/a pallino «andare benissimo, essere adatto» letteralmente non significano niente. La stessa situazione vale per espressioni tipo trovare la gallina dalle uova d oro perchè realmente non esistono galline dalle uova d oro. esspressioni idiomatiche con semplice fissità di enunciati tecnici, correnti, familiari: aprire la seduta; rivendicare l atentato. espressioni idiomatiche che sono riassunti di discorsi più ampi (episodi un tempo famosi, aneddoti storici): Lia è come la moglie di Cesare. In questa categoria possono essere incluse anche espressioni con riferimento a particolari dati storici o culturali: 24 aspettare la manna dal cielo «aspettare fortuna, grazia» Federica Casadei Una più precisa classificazione semantica delle espressione idiomatiche viene offerta da Federica Casadei. Trattando le espressioni idiomatiche verbali, ella distingue i seguenti tipi particolari di tale espressioni: iconiche che possono essere suddivise in espressioni: iconico-descrittive descrivono un gesto compiuto il quale rappresenta un valore simbolico convenzionale: grattarsi la testa «in segno di perplessità»; darsi la mano «per salutarsi, per fare la pace»; fare un nodo al fazzoletto «per ricordarsi q.c.» 23 Elia, A./D Agostino, E./Martinelli, M., Tre componenti della sintassi italiana: frasi semplici, frasi a verbo supporto e frasi idiomatiche, in: Franchi De Bellis, A./Savoia, L. M.: Sintassi e morfologia della lingua italiana d uso. Teorie e applicazioni descrittive, Bulzoni, Roma 1985, p Casadei, F.: Metafora ed espressioni idiomatiche. Uno studio semantico sull italiano, Bulzoni, Roma 1996, p Ibid., p

19 iconico-evocative non descrivono soltanto un gesto o una postura ma alludono anche al valore simbolico universale di essi anche se non sono compiuti: espressione tipo toccare il ferro viene vista come «segno di scongiuro» non come un azione reale e compiuta. iconico-metaforiche il significato viene associato metaforicamente al gesto o alla postura: camminare a testa alta «esprimendo il proprio orgoglio e la propria sicurezza»; alzare la cresta «darsi delle arie, metter su superbia» 2. esempi ideali riguardano espressioni idiomatiche tipo: «fare una cosa inutile»: per esempio drizzare/raddrizzare le gambe ai cani; bruciare lo incenso ai grilli/morti; soffiare il naso alle galline/fagiani/pavoni «(voler) fare una cosa impossibile»: ferrare le oche; friggere con l acqua espressioni idiomatiche basate sullo schema: «portare X in luogo Y dove ce n è in abbondanza»; per esempio portare vasi a Samo; portare legna al bosco/selva; portare pietre alla muriccia 3. metonimie «pure» in questa categoria sono incluse espressioni che trattano: uno stato fisiologico o psico-fisiologico descrivendo uno stato fisiologico correlato: mostrare le costole «essere magrissimo»; rimanere/restare secco «morire»; sudare freddo/avere i sudori freddi «essere molto spaventato» un azione tramite descrizione di un altra azione che ne fa la parte: allungare il passo «camminare più svelto»; andare a letto «mettersi a dormire»; chiudere la bocca «smettere di parlare, tacere» un azione via descrizione di un azione/comportamento/gesto con valore culturale oppure simbolico: prendere lo anello «sposarsi»; salire/ascendere al trono «diventare re/imperatore/papa»; abbandonare l abito/collare «spretarsi» 19

20 3.3. Conclusione Le espressioni idiomatiche possono essere classificate secondo vari punti di vista. Partendo dalla prospettiva sintattica si devono distinguere espressioni idiomatiche nominali, avverbali, le frasi fisse e le frasi a verbo supporto. La classificazione semantica è più complessa: si può partire dalla relazione tra il significato letterale e quello idiomatico, dal riferimento dell espressione ad eventi storici, oppure dal tipo dell espressione. Tali criteri formano solo una classificazione di base: per una classificazione semantica più precisa vedi il capitolo seguente. 20

21 4. La classificazione semantica delle espressioni idiomatiche 4.1. Introduzione: le caratteristiche della ricerca Lo scopo della seguente ricerca è di presentare una classificazione semantica delle espressioni idiomatiche. La scelta delle espressioni usate per la ricerca era stata limitata alle espressioni idiomatiche verbali più precisamente alle espressioni idiomatiche presenti nel corpus di Federica Casadei. 26 La lista delle espressioni, insieme al loro significato idiomatico, si trova nell appendice in tutto l appendice consta di 160 espressioni. Come materiale di riferimento per lo studio semantico delle espressioni idiomatiche è stata usata la rivista Vanity Fair. Si tratta di un settimanale italiano che si occupa di vari argomenti del mondo della politica, della moda, dello spettacolo, della bellezza ecc., e comprende anche una parte indispensabile per una rivista del genere, e cioè le lettere di lettori, l oroscopo e i commenti sugli eventi di attualità. Una rivista, al contrario del corpus, è uno strumento adatto alla ricerca sulla lingua di oggi, sia parlata sia scritta, perchè rappresenta un sistema «aperto» capace di reagire subito ai cambiamenti degli atteggiamenti linguistici della comunità dei parlanti di una lingua. Le espressioni presenti nell appendice sono state trattate da diversi punti di vista. Le seguenti pagine offrono così la classificazione delle espressioni idiomatiche rispetto alla semantica delle parole chiavi presenti nell espressione e al significato letterale, al significato idiomatico concludendo con l approccio misto di Federica Casadei riguardante il significato sia letterale sia quello idiomatico di un espressione La classificazione secondo la semantica delle parole chiavi/il significato letterale Per l organizzazione delle espressioni idiomatiche secondo la semantica delle loro parole chiavi e secondo il loro significato letterale è stato adoperato l approccio 26 Casadei, F., Metafora ed espressioni idiomatiche. Uno studio semantico sull italiano, Bulzoni, Roma 1996, pp

22 usato nella lingua inglese. In inglese si distinguono per lo più espressioni idiomatiche contenenti: i nomi di animali (lead a dog s life «avere una vita miserabile») le parti del corpo umano (keep both feet on the ground «avere i piedi per terra») i vestiti (fit like a glove «stare a meraviglia») i colori (the black sheep of the family «la pecora nera della famiglia») il cibo (a hot potato «la patata bolente») i soldi (foot the bill «pagare per q.c.») i numeri (kill two birds with one stone «prendere due piccioni con una fava»). 27 Inoltre, in inglese si possono distinguere espressioni idiomatiche riguardanti l ambiente del commercio, della legge/corte, dell educazione, della medicina, dello sport e delle relazioni umani o del amore. 28 Espressioni del genere contengono o le parole chiavi del significato letterale o il significato idiomatico rispettivi all ambiente trattato. Tale atteggiamento mischia la semantica delle parole chiavi e il significato figurativo. Di simile problematica si occupa più concretamente Federica Casadei. 29 Per gli scopi del presente capitolo è stata utilizzata soltanto la semantica delle parole chiavi delle espressioni idiomatiche. Usando la prospettiva semantica più ampia nella classificazione sono state incluse anche le espressioni il significato letterale delle quali riguardava la categoria semantica rispettiva. Così nella categoria degli animali si può trovare l espressione tarpare le ali alludendo alla parte del corpo animale. La stessa situazione vale per le espressioni essere di legno e mettere le radici oppure tenere al guinzaglio. Riassumendo i risultati della ricerca si potrebbero indicare quattro domini semantici nelle quali è possibile dividere le espressioni idiomatiche trovate in Vanity Fair. Il primo dominio è quello delle parti del corpo umano. Nel secondo dominio si trovano espressioni con riferimento agli elementi della natura, nel terzo espressioni 27 Cfr. <http://www.idiomconnection.com> 28 Ibid. 29 vedi la pagina

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana CRITERI DI VALUTAZIONE PER LE PROVE SCRITTE L obiettivo del valutatore, nella correzione delle prove

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!!

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! SEDANO CAVOLO FINOCCHIO INTERPRETAZIONE GRAFICA DAL VERO CAROTA ZUCCHINA POMODORO E IL SASSO?...NON SI MANGIA MA SI USA PER GIOCARE

Dettagli

Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette )

Regolamento Nazionale Specialità POOL 8-15 ( Buche Strette ) Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette ) SCOPO DEL GIOCO : Questa specialità viene giocata con 15 bilie numerate, dalla n 1 alla n 15 e una bilia bianca (battente). Un giocatore dovrà

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO LETTERALE e quando ha SIGNIFICATO METAFORICO (FIGURATO). Questa non

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 1 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Insiemi La teoria degli

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE 2015-2016 CORSO ANNUALE 2015-2016 SILVIA PALLINI Credo che ogni creatura che nasce su questa nostra Terra, sia un essere meraviglioso, unico e

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

FULGOR ACADEMY 2014-15

FULGOR ACADEMY 2014-15 PRIMI CALCI 2009-2010 OBIETTIVI: Conoscenza del proprio corpo (giochi ed esercizi coordinativi) Rispetto delle regole e del gruppo di cui si fa parte Conoscenza del pallone Capacità di eseguire un gesto

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE LA STREGA ROVESCIAFAVOLE RITA SABATINI Cari bambini avete mai sentito parlare della strega Rovesciafavole? Vi posso assicurare che è una strega davvero terribile, la più brutta e malvagia di tutte le streghe

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Un differente punto di vista

Un differente punto di vista A Different Point of View Un differente punto di vista by Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Come sappiamo dal primo principio Huna, (IL MONDO E' COME TU PENSI CHE SIA

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

su empatia, Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO-

su empatia, Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO- Attività e giochi su empatia, emozioni e conflitto Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO- Liliana Jaramillo Attività e giochi su empatia, emozioni e conflitto http://www.comunicazionepositiva.it

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

I numeri che si ottengono successivamente sono 98-2 = 96 4 = 92 8 = 84 16 = 68 32 = 36 e ci si ferma perché non possibile togliere 64

I numeri che si ottengono successivamente sono 98-2 = 96 4 = 92 8 = 84 16 = 68 32 = 36 e ci si ferma perché non possibile togliere 64 Problemini e indovinelli 2 Le palline da tennis In uno scatolone ci sono dei tubi che contengono ciascuno 4 palline da tennis.approfittando di una offerta speciale puoi acquistare 4 tubi spendendo 20.

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)?

Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)? Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)? Molti di voi avranno sentito parlare di gare in cui i cani concorrono in esercizi di olfatto, come la ricerca, o gare di agility e di

Dettagli

LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv

LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv di Blindsight Project (Onlus per Disabili Sensoriali www.blindsight.eu) INTRODUZIONE Le Linee Guida per l audiodescrizione filmica di Blindsight Project,

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER

COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER LEADER: 1. Colui che conduce o guida. 2. Colui che ha la responsabilità o il comando di altri. 3. Colui che ha influenza o potere. ESSERE LEADER: Innanzitutto avere una

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli