Attestazione circa la misuratura del vino 1720

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Attestazione circa la misuratura del vino 1720"

Transcript

1 Cap. 36: Della pena di quelli, che lasciano fuori porci che non sia persona la quale ardisca lasciare fuori di casa porci dalle calende di Febraro fin le calende di Dicembre né tampoco si debbano lasciare andare nele vigne, ò pezze vignate, né oppolive, tanto sposati (con l anello al naso) quanto non concedendo alli possessori di tale fondo vignato, dove si ritroveranno di poterli amazzare senza alcuna pena Cap. 38: Della pena di quelli fanno pascolare in pezze vignate, et oppolate che persona alcuna ardisca, né debba pascolare di niun tempo dell anno in pezze vignate, ò opolate con bestiame di qualsivoglia sorte Cap. 39: Della forma d eleggere li arbost(a)ri, e lor carici che quelle persone, quali hanno, ò vero governano vigne, et altre pezze oppolate nelle arbosterie solite del Comune siano tenute, e debbano unirse ogn anno a eleggere, e deputare li arbostari per guardia, e custodia d esse vigne, acciò non siano dannificate, e questo per tutto il giorno di San Lorenzo li consorti sudetti, quali lavorano esse vigne, siano tenuti, et obligati pagare, e dare ad essi arbostari, boccale uno e mezo vino, ò mosto per cadauna pertica di vigna li quali arbostari come sopra eletti siano tenuti, e debbano procurare, et guardare, di giorno e di notte le vigne dategli in cura, e non ardischino vendere, né altrimenti donare alcuna sorte d uva eccetto che ne possa dare una ad un viandante per amore d Iddio che niuna persona possa comprare, overo altrimenti ricevere uva d Arbostari Cap. 40: Che niuno possa vendemmiare senza licenza, né prima dell ordine che niuna persona ardisca vendemmiare esse sue vigne contra l ordine sarà fatto dal Decano, ò Consiglieri, né prima del tempo dagli stessi limitato (intendendosi però dalli 10 del mese d Ottobre stilo novo indietro ). Attestazione circa la misuratura del vino 1720 anno millesimo septingentesimo vigesimo Augustinus Marante dicti Blancotti Villae iuravit ad sancta Dei Evangelia, testis annorum quinquaginta quinque circa, confessus et communicatus in Paschate protestatus fuit: detto Biancotto, come quello che è stato molti anni passati, e di presente incantatore della brenta nella comunità di Villa, seu misurature del vino dice essere la verità che tutto il vino viene menato fuori d essa comunità, tanto se si compra, come se si scode di fitto (purche sia imbottato) sopra esso vino si deve pagar la misuradura da chi compra, da chi scode e da chi riceve detto vino, et questo è tenuto fare ogni, e qualunque persona tanto del Paese dominante (i Grigioni) come del Paese dominato (i Valtellinesi) per tutto quel vino, che viene menato fuori di detta comunità come in fatti esso Biancotto protesta aver sempre ricevuto la sua misuradura non solo dà Valtelini, Bormini, et altri, ma ancora dalli Nostri Illustrissimi Signori Grigioni, non solo per il vino che comprano, mà ancora per il vino che scodono di fitto. 137

2 Atti privati 138

3 Parte I Permutatio Regnante Domno Desiderio viro excellentissimo rege anno pietatis eius in dei nomine V bona convenit voluntate inter Anselperga sacrata Deo abbatissa monasterio Domni Salvatoris quod fondatum est in civitate brixiana et inter Natalia et Pellagia abbatissa monasterii Sancti Iohannis quod sito est intra civitate Laudensi Item de curte in Valletellina dedit predicta Anselperga ipsa Natalia et Pellagia id est aldiones quattuor cum omnibus res eorum seu loco et terra in loco Castellaria Actum Ticino Obligatio Promito atque spondeo me ego Crescentius filius quondam Marifrit de finibus Valtelina, vico quod nominatur Alebio, tibi Gaudenci v. v. abati monasteri sancti Ambrosii...et ad sucesoribus tuis deservire et obedire usque ad annos quinque espletos, et curtem illa iure monasterii ipsius sita Doblino cum omnibus rebus et masariciis sive apendiciis ad ipsam pertinentem custodire et covernare seo laborare sine negligencia, ut decet bonus actor et scario...insuper...pro isto servicio debeat abere ego qui supra Grisencius...beneficiario nomine, idest vino et grano illo tantumodo, quas ego de rebus eidem monasterii usque modo consueto fui redendi...quas annue super ipso grano et vino consueto fui redendi, et in anno complere promito iuxta livelum exinde mihi emisum; tamen, ut dixi, grano et vino mihi sid concesum, quia sic inter eis convenit. Actum suprascripto monasterio feliciter... Venditio Constat se Godiprandus vasso domni Imperatoris...accepisse...a te Gerulfo menesteriale domni imperadoris...libras undecim...precio placido defenito...pro omnibus rebus iuris mei que abere viso sum in Valletellina locus qui dicitur Cesxini quod est casis...vineis... Obligum in civitate Cumana in laubia domni episcopatu beati sancti Abundii...prope lacum resideret domnus Petrus episcopus cum Benefredo vicedomino seu cum bonorum aliorum hominum...convenit voluntatem inter domnus Petrus episcopus nec non et inter Dominicus Teuxello et Stefanus de Rio seu Dominicus de Arfo atque Johannes Verublo isti habitatoribus in loco Blanzone...obligavit...reddere debent a parr(ochia) Sancti Abundii sita in loco Berbenno et per omnes annos denarii duodecim et cera valente denar(iorum) IIII (quattuor) consignati...in festivitate sancti Martini...super altare ipsius sancti Abundii...Alia super imposita adquerere non liceat ipse domnus Petrus episcopus nec successoribus suis nec gastaldionibus eius Venditio Constat nos Magnus presbiter de villa Gravedona...seu Richardo de vico Cose...accepissemus a te Laurencio de suprascripto vico Cose...solidos sex finitum precium...pro petie trex de vinea et campo, cum area ubi estant...quam abere visi sumus in fundo suprascripto Cose. Prima pecia est vinea, locus ubi dicitur a Fontana...et est pecia ista...per mensura iusta tabulas viginti et quinque... Donatio Ego Adelongus...qui vixit lege longobardorum...dixi...post meum decessum abeant Dominicum et Liuprandum...de loco Cose sito Valle Tellina, vinea pecia una cum area in qua estat iuris mei qui abere visus sum in suprascripto loco Cose, loco ubi dicitur vinea Tadolani...et est area ex ipsa vinea per mensura iusta tabolas decem et octo...actum Terranis Pactum de non opponendo Promitto atque spondeo me ego Laurencius...de vico Cose tibi Dominici de suprascripto vico Cose, ita ut da 139

4 modo in antea unquam in tempore non sit...oponentes capitulo licenciam nec potestatem agere nec causare nec requirere, idest nominative de vinea una cum area in qua estat, iuris tui...qui est posita in vico et fundo Trevanola (l ), a locus ubi dicitur Pradasco... Il Fossati ritiene trattarsi di Trevano (CO); la residenza delle parti, la collocazione del bene, il luogo di stipulazione e la presenza di testimoni valtellinesi induce a ritenere che si tratti di Traona, nella bassa Valtellina. La denominazione è infatti simile a quella usata in altri atti dell epoca. Venditio Anno noncentesimo nonagesimo quarto...accepi ego Martino...de loco Sundri, qui professo sum lege vivere romana solidos sex finitum precium pro vinea, in qua estad pecia una iuris mei, qui regiacet in suprascripto loco Sundri ad locus ubi dicitur Roveredo...et est per mensura justa tabulas legitimas duodecim... lnventarium - sec. X Breviario de rebus monasterii sancti Ambrosii in Hublini. In primis sedimen cum salas duas muratas et solario uno murato seu cassinas tres cum torclos duas super habente...secundo sedimen ibique cum salas muratas et cassinas quinque cum torclos tres super habente et ort(o)s insimul tenente cum incisa...tercio sedimen ibique cum torclo super habente...prima vinea prope casa pertica I, tabule XVI. Secunda ibi prope pertice V. tabule XVIIII. Tercia in Fenili pertice III, tabule XVIII. Quarta ibi prope perticae III. Quinta ibi locus pertice II, tabule VI. Sexta ibi pertice II, tabule V. Septima ibi locus pertice IIII, tabule XIIII. Hoctava a Pogiolo pertice II, tabule II.Nona ibi loci pertice V, tabule II. Decima in Besola pertice III. Undecima a Roniaciola pertice V, tabule VIII. Duodecima prope sedimen pertice XI, tabule XII. Terciadecima in Clausura tabule XII...Cerreto perticas III. Secundo tenente se cum una vinea pertica I, tabulas XII Summa de sediminibus iuge I, pertice II, tabule III. Summa campis iuges II, pertice III. Summa vitis iuges IIII, pertice III. Summa silvis castaneis iuges VII, pertice VIIII, no(v)em et roboreto insimul pertice VIIII. Summa pratis iuges V, pertica I, tabule XV Nella dettagliata ricostruzione operata da Massimo Montanari in L alimentazione contadina dell Alto Medio Evo,1979 appare che la superficie complessiva del fondo di cui sopra era di 24,49 iugeri, con una percentuale di vigna sul totale del 19%, contro un 7% dei sedimi con orti, un 11% dei campi ed un 5% dei prati (e con un totale dei coltivi pari a1 42%). Il dato relativo al terreno vignato risulta uno dei più elevati in assoluto tra i fondi considerati, superato solo dalla percentuale del 38% del fondo di Axegiani (AT), comunque di estensione molto minore ed interamente destinato a coltivazioni. Se rapportato ai soli coltivi il dato di Dubino è il maggiore in assoluto tra quelli rilevati. I dati di alcuni fondi non sono però completi. Venditio Constad me Iohannes...de loco Prado sita Gravadona...accepissem...ad vos Domin(ic)us et Iohannes seu Benedictus...modo abitare videntur loco Cose...solidos quindecim, finitum precium pro pecia una de terra vinea, cum area ubi extat iuris mei, quam abere viso sum in suprascripto loco et fundo Cose...et est ipsa vinea...per iusta mensura tabulas legiptimas octo Venditio constat me Lupus...de Insola Comense...accepissem...ad vos Laurencius et Bonofilio...de loco Cose...solidos quadraginta finitum precium pro camporas pecias trex et vinea cum area in qua estat pecias duas...in suprascripto loco Cose...Prima vinea dicitur Pasquario...et est...per mensura tabulas quinque et pedes octo. Secunda vinea dicitur a Ravilico, et est...tabulas novem... Venditio Constat me Aupertus archipresbiter...de loco Clavenna...accepisem ad te Arioaldus item presbitero...libras centum, finitum precium pro capella una que est edificata in onore sancti Fidelis...et casa solariata...atque vineas cum areas duas...predicta capella, que est constructa infra prima vinea, et nominatur ipsa vinea a Sancto Fidele. Ipsa vinea cum predicta capella infra se abente in integrum predicta casa solariata...reiacet infra castro de suprascripto loco Clavenna ad locus qui dicitur Petraria. Predicto sedimen cum secunda vinea insimul se tenente ad locus ubi dicitur via Carale

5 Venditio Constat me Dominicus...de vico Coxe...accepissem...ad te Deusdeo de vico Elebio...solidos quatuordecim finitum precium pro campo pecia una et vinea pecia una cum area in qua estad iuris mei quod avere viso sum in suprascripto loco et fundo Coxe. Suprascripta vinea dicitur Valena...et est per mensura iusta tabulas legiptimas sex... Venditio 1017 Constad nos Laurencius Bono et Seneverga jugalibus accepissemus ad te Transevertus argentum denarios bonos quinquaginta...pro vinea una...ad locus ubi dicitur in vinea de ropolo Venditio Constat me Liutulfus...accepisse ad te Dominus...de loco Intercurti foris prope Insola Commense l(ibras sep)tem, finitum precium pro mea porcione, quod est duas partes, de casas cum vineas insimul se tenente cum area in que estad...et vinea cum area in que estad pecia una...quam avere viso sum in loco et fundo Travaula sita Valtelina. Prima casa cum iam dicta vinea insimul se tenente dicitur ad Uxio...et est ipsa mea porcio...per mensura iusta tabulas legiptimas novem et pedes legiptimos octo. Secunda casa cum secunda vinea et silva insimul se tenente ibi prope...et est per mensura tabulas legiptimas decem et dimidia... Venditio Constad me Gariverga abitatrice in Vico Cose...accepise...lib(e)ra decem, finitum precium pro medietatem de omnibus et universis...mobilibus et immobilibus...quod abere visa sum in suprascripto Vico Cose, in Travale, in Melle seu in Tresivi...campis, pratis. vineis, silvis... Venditio Constad me Arioaldus de loco Prato Sito Gravadona...accepisse...ad te Adamme...de loco Premunte sito foris prope Insola Comense...libras decem finitum precium pro mea porcione, que est medietas, de casis et omnibus rebus territoriis illis iuris mei abere viso sum in valle qui dicitur Telina, in locas et fundas Runco, et Bulio...pernominative de sedimen pecia una, de vineis cum areis suarum pecias duas, de campis arabilis pecias sex. Suprascripto sedimen cum casa et curte seu vinea homnia insimul se tenente dicitur Curte Laurina; et est area eius insimul mea porcione per mensura iusta tabulas octo et pedes trex...prima vinea ibi prope; et est area eius per mensura iusta tabulas novem. Secunda pecia de vites dicitur similiter ibi prope, et est area eius per mensura iusta tabulas novem et pedes trex et dimidio...predicta mea porcione, quod est medietas, de iamdictis rebus in suprascripto loco et fundo Bulio est pernominative de sedimen pecia una, de vineis cum areis earum pecias duas, de campis arabilis pecias duas, de gerbo pecia una...prima vinea ibi prope, est area eius per mensura iusta tabulla una et pedes decem... Venditio In Christi nomine: Chunradus gracia Dei imperator augustus, anno imperii eius secundo...constat nos Redaldus...et Cesaria...iugalibus, qui professi sumus lege vivere Ribuariorum...qui accepimus...ad te domnus Aribertus reverendissimus sancte Mediolanensis ecclesie archiepiscopus...denarios bonos libras trescenti, finitum precium...pro nostram porcionem de cortem unam domuicoltilem qui nominatur Talamuna iuris nostri...cum sediminibus et vineis cum areis earum seu campis per mensura iusta iuges quinquaginta, de silvis castaneis et stellareis cum areis eorum seu pratis iuges quinquaginta, de gerbis cum alpis et muntibus sunt per mensura iuges centum, una cum predictis servis et ancillis in integrum... Venditio 1034 constad nos Sabadinus et Maria jugalibus accepimus ad vos Agustus et Vincencia jugalibus...argentum denarios bonos solidos quadraginta et septem...pro vinea...ubi dicitur a Mole...et est ipsa pecia quantum vo- 141

6 bis venundare intendimus, per mensura justa tabulas legiptimas tres et pedes quindecim Venditio Constad nos Dominica...et Bono...iugalibus de loco Andavenno...manifesti sumus quod acepimus ad te Dodone...de loco Bislacio...solidos decem et octo finitum precium pro vinea cum area in qua esta pecia una iuris nostri...quam abere visi summus in suprascripto loco et fundo Andevenno a locus ubi dicitur a Runco de Onego... Venditio Constad me Vuerezo...de loco Andaveno, qui profeso sum vivere lege Langobardorum, acepisem...ad te Dodo...de loco Bislacio...solidos triginta quinque et dimidium finitum precium pro vinea cum area...quam abere viso sum in loco et fundo Postalese...et est area eius per iusta mensura tabulas vincti et tres et pedes octo Venditio Constad me Dominica...de vico Cose et relicta quondam Davidi de loco Dublino...solidos decem et dimidio, finitum precium...pro meam porcionem, quod est quartam partem de suprascripta vinea...per iusta mensura tabulas legiptimes quadtuor et dimidia... Venditio Constat nos Gentius et Atolla manifesti sumus qui accepissemus, a te Angelberga libras quindecim, finitum precium pro vinea, cum area i qua estat pecia una iuris nostri in suprascripto loco et fundo Prore et est ipsa vinea cum areis eius per mensura iusta tabulas legiptimas quadraginta et quinque Venditio Constad me Amadus...de loco Postalese sita Valle Tellina...accepisem...ad te Crescensius...de loco Spurano prope Insola...solidos sedecim finitum precium pro casa sala cum vinea et pommario in simul tenente...quod abere viso sum in suprascripto loco et fundo Postalese ad locus qui dicitur Gandos...et est area...pro mensura iusta tabulas septem... Venditio Constat nos Ato...de loco Mantelle et Amiza iugalibus...accepissemus...ad te Genzo...de loco Intercurti foris prope Insola Comense...solidos viginti et uno, finitum precium pro vinea una in qua estad pecia una et campo pecia una iuris nostri, quas abere visi sumus in suprascripto loco et fundo Mantelle. Predicta vinea...dicitur Pablario...et est area...per mensura tabulas octo et pedes octo... Venditio Constat nos Petrus...de loco Clavena et Dominica iugalibus...accepisemus...ad te Agidulfo...de suprascripto loco Clavena...lib(e)ras quatuor et dimidium finitum precium, pro vinea cum area...quam abere visi sumus in suprascripto loco et fundo Clavena, ad locus ubi dicitur Fontana... Venditio Constat nos Angelbertus...de loco Coxe sita Valletellina et Cresencia...iugalibus...accepisemus ad vos Bono et Grauso...de loco Intercurte foris prope Insola...libras quatuordecim finitum precium pro homnibus casis et territoriis illis iuris nostri quod abere visi summus in locis et fundis Travaula et Melle...hec sunt tam casis cum edificiis...vineis

7 Venditio 1047 constad nos Calvo et Adelberga jugalis accepimus ad te Adam argentum denarios bonos solidos quadraginta et quinque...pro nostra porcione de vinea ad locum ubi dicitur Mole et est ipsa vinea per mensura justa tabules septem Venditio Constad me Azo...de loco Talamona sita Valletelina qui profeso sum ex nacione mea legem vivere Salicha...accepisem...ad te Ingo presbiter de ordine ecclesie et plebis sancte Eufemie...liberas decem, finitum precium pro mea portione, quod est medietas de vinea cum area...quod abere viso sum in fondo suprascripto Talamona, ad locus ubi dicitur Vinea Magiore...Et quod repetierimus vindicare non valeamus, set presens cartula vinditionis dioturnis temporibus firmam et inconfulsam permanead cum stipulacione subnixxa et pergamina cum actrementario de terra levavi... Venditio 1062 Constad nos Mauro et Amiza jugalibus accepisemus argentum denarios bonos libras trex et dimidie pro vinea in loco et fundo Prore; jacent in loco ubi dicitur Silano Venditio 1068 Constad nos Bono et Amiza jugalibus.accepisemus ad te Andrei argentum denarios bonos libras quadtuor pro vinea ad locum ubi dicitur Mese Venditio 1068 Constad me Africa.accepisem ad te Traseverto presbiter argentum denarios bonos solidos centum quinquaginta pro vinea in loco qui dicitur Bede Venditio Constad me Ato, archipresbiter...de loco Clavenna accepisem...ad te Traseverto item presbiter...libras centum, finitum precium pro mea portione de vineis, casis et homnibus rebus territoriis mobilibus...quod abere viso sum in suprascripto loco et fundo... Venditio 1073 Constad me Sabadino accepisem argentum denarios bonos solidos quindecim pro mea porcione de casa, sala et vinea seu curte insimul tenente cum area ubi dicitur a Mese Venditio Constat nos Vuido presbiter, officiale ecclesie sancti Alexandri sita Brivio...et Vuifredus seu Amizo germanis...de loco Beverade, qui profesi sumus nos ex nacione nostra lege vivere Longobardorum, accepissemus...a te Fidele filio quondam Attoni de loco Campo foris prope Insula Comense...libras tredecim, finitum precium pro cunctis casis et omnibus rebus territoriis illis iuris nostri, quas habere visi sumus in loco et fundo (T)eriano...in Colonia pecia una de vinea...in Torclo pecia una... Nella trascrizione dell atto è indicato, come luogo, Ceriano; tutti i toponimi presenti sono però relativi a Tirano, in Valtellina. Il documento, con qualche differenza nella trascrizione, è stato pubblicato da PEDROTTI Egidio, Le fortifìcazioni di Tirano, in BSSV, vol. 2/1940, pagg.10/11. Donatio

8 Tibi Johanni ego Ato archipresbyter proprietario nomine te confirmo habendum, id est vinea cum area in qua estat pecia una, et casalicio a via bella et est area ex ista vinea per mensuram justam tabules legiptimes sexaginta infra castro de suprascripto loco Clavena, ubi dicitur a sancta Maria Donatio propter basilica sante Eufemie sita infra castro Insola nos Dominus clericus et Vuilielmus germani filii quondam item Domini de loco Balbiani foris prope suprascripta Insola et Belesunda conius predicto Vuilielmi...donamus et oferamus...nominative vineas cum areas in qua exstant pecia una iuris nostri quam abere visi summus in loco et fundo Postalexe sita Valle Tellina... Venditio 1081 Constat me Gisla accepise a te Wuido argentum denarios bonos solidos treginta pro vinea pecia una cum area sua et cum vialem loco et fundo Clavena ad locus ubi dicitur Tramaria Venditio 1082 Constad nos Aiha et Laurenza accepisemus ad vos Andrea et Ingeltruda jugalibus argentum denarios bonos solidos sexaginta et quinque pro vinea, casa, sala in Plano Venditio 1082 Constat nos Almericus et Wida jugale accepise...argentum denarios bonos solidos septuaginta...pro vinea pecia una cum area...a Sumovico... Pactum de non molestando Tibi Ingezie filie quondam Petri de civitate Cummo promitto atque spondeo me ego Martinus...de loco Pendolasco...ita ut ad hac die in antea non sit unquam in tempore mihi...nec meis heredibus licencia nec potestas quam fieri potest agere nec causare nec molestare nec contradicere...nominative de pecia una de vinea tui iuris que iacet in Pendolasco ad locum ubi dicitur Vinea Novella... Venditio 1084 Constat nos Azo et Orgenia jugalibus accepisemus argentum denarios bonos lebras decem et octo pro meam porcionem de vinea a Summovigo Venditio Constat nos Rogerius filius quondam Andrei iudex de civitate Cummo et Ingiza iugalibus, qui professi summus lege vivere Langobardorum...accepissemus...ad te Omodeo presbitero...solidos centum finitum precium pro nostra portione de sedimine cum edificiis kasarum super abente pecia una cum vinea insimul se tenente...quod abere visi summus in territorio de Tresivi...Simulque et vendimus...pecia una de vinea...que reiacet in loco Pendolasco et dicitur Vinea novella... Venditio 1092 Constat nos Anrigo et Gixila germani...accepisemus...argentum denarios bonos solidos centum...pro nostra porcione de vinea...ad locum ubi dicitur a Riasca Donatio 1093 tibi Gotefredi, filio nostro, nos in Dei nomene Andreas presbiter donamus vinea pecia una ad locum qui dicitur poscastello iusta porta Pruina 144

9 Venditio 1094 Constat nos Johannes et Bona jugalibus accepisemus argentum denarios bonos solidos quadra(g)inta et quinque pro pecia una vinea in Plano Venditio Basillica, qui est constructa in onore sante Dei genetricis Marie, non longe de castro qui vocatur Tresevi, nos...lngelenda...et Lafrancus mater et filio seu Contessa conius ipsius Lafranche de loco Cluri...donamus et oferimus...petia una de terra, quod est vinea iuris nostri, quas abere visi sumus in loco qui vocatur Bovolci... Forse si tratta della località Boalzo, tra Teglio e Bianzone. Venditio 1097 Constat no Ato et Petrus et Bregonzo accepisemus av vos Wido et Ato clericus et Constantino et Franco iermanis denarios bonos libras ses pro pecia una de vinea cum area sua in Plano et omnia quantum nobis pertinet infra ipsas coerencias de ipsa vinea cum torculo Venditio Constat nos Redaldum...de loco Ponte...manifestus sum quod accepi, a te Pagano...de civitate Cumi libras duas et solidos quatuordecim finito precio...pro camporum peciis trex et pro peciis duobus vinee iuris mei quos abere visi summus in suprascripto loco et fundo Ponte...prima vinea iacet intus closo de curte...secunda vinea ibi prope iacet... Venditio anno...rnillesimo centeximo...constat me Clavenola...de loco Clavenna...que profesa sum vivere lege romana...manifesta sum quod acepi...denarios bonos baslienses libras ses finito precio...de vinea cum area sua iuris mei quam abere visa sum in loco et fundo Clavenna ad locum ubi dicitur in Bede... Donatio 1100 Nalutya, et Pagana sorores pleno dominio, et divina ispiratione praecedente, statuerunt et ordinaverunt, et liberam donationem, et resignationem fecerunt in manibus Arcypresbyteri, et canonicorum Ecclesiae Sanctorum Gervasii et Protasii de Burmio de Ecclesia Sancti Syri de Blanzono Vallistellinae, cujus Ecclesiae fuerunt constructores, et fondatores, et dotatores et de terris, vineis pratis ipsius Ecclesiae ita quod idem Capitulum teneatur facere celebrare ad dictam Ecclesiam Sancti Syri et alia divina Officia facere, sicut decet An. MC, die VIII Februari Locatio Investiverunt canonici de sancto Laurentio de loco Clavenna (H)anterium de Ponte de casa una que adiacet in ipso loco Clavennae ad locum ubi dicitur ad Pontem cum vinea que adiacet ad locum ubi dicitur Fontana...Et...omni anno...dictus (H)anterius sive sui heredes persolvant quindecim solidos...ex iamdicta vinea transactis sex annis debeant semper persolvere mensuram unam vini, cum decimatione eiusdem vineae... Donatio ego Azo...et Nubilenda iugales...donamus et offerimus ad parte Ecclesie Sancti Laurentii peciam unam de vinea cum area sua iuris nostri quam abere visi sumus in suprascripto loco Pluri et iacet ad locum ubi dicitur Roncale...eo modo ut heredes mei debeant tenere et laborare predictam vineam et onmi anno dare duas anforas de musto ecclesie Sancti Laurentii si voluerint tenere et si mustum dare noluerint ministri Ecclesie faciant quod voluerint de suprascripta vinea

10 Venditio Constat nos Vuibertum...quod accepi...libras trex finito precio...de mea porcione de vinea que iacet in plano de Mole... Venditio Constat nos Aribertum...de loco Clavenna et Gisla iugalis...accepisse...libras viginti et septem et dimidia finito precio...de vinea...quam abere visi sumus in loco et fundo Clavenna iacet ad locum ubi dicitur Ariasca... Donatio Ego Vuido...volo et statuo seu per meum ordinamentum confirmo in manibus presbiteri Petri...ad partem Eglesie Sancti Iacobi et Filippi...peciam unam vinee que iacet ad locum ubi dicitur a Ramaria in loco Clavenna... Donatio dederunt et emancipaverunt Iohannes...Cumperti de loco Clavenna et Alese iugalis in manu Olize...peciam unam de vinea cum area sua et peciam unam de silva; predicta vinea iacet in Ariasca... Obligatio inpignaverunt atque tradiderunt iure pignoris Iohannes...Cumperti de loco Clavenna et Alese iugalis in manu Olize...peciam unam de vinea cum area sua que iacet Ariasca quantum ibi abente subtus fenile eo ordine quod ab ista festivitate S. Martini prima et prosima veniente usque ad annos duos debent facere cartulam...nominative de casa una cum area sua que iacet ad portam Proinam infra castrum...et de vinea cum area sua que iacet a Bede... Venditio Constat me Opertum...de loco Clavenna...accepise...a te Pre. Petro officialis Ecclesiae S. Laurencii de loco Clavenna...libras sex finito precio...de vinea pecia una cum area sua que iacet in loco Clavenna, iacet ad locum ubi dicitur a Fontana... Venditio Constat nos Gislam...et Uniam filiam predicte Gisle...quod accepimus a vos Bombello et Anrico...de loco Clavenna...libras novem finito precio...de nostra porcione de vinea et casalicio et de curte quod iacet a Mole... Descrizione della Valtellina 1126 C era una valle molto bella e molto propizia ai suoi coloni, e di civili costumi adorna, detta Valtellina. Vi crescono rigogliose delle viti Le piante; fertile è di messi: Latte V è in abbondanza, e molte pur castagne Vi sono, e molte noci. Ma papaveri in gran copia colà nascendo il sonno vi consiliano 146

11 Un altra traduzione ricordava invece: Siede fra l Alpi un ubertosa valle Che dicono Tellina; in vista lieta, Ombreggiata di noci e di castani Ricca di biade, di vigne, di prati, Popolata di greggi Venditio Constat me Tebaldum de loco Clavenna...quod accepi a te Girardo...libras sex finito pretio pro vinea cum area petia una et iacet ubi dicitur in Ariasca... Licentia Anno millesimocentesimo quadragesimo Cum sit d.nus Ardicio Cumanus Episcopus in castro de Tirano venit Johannes conversus ecclesie beati Remigii petens ut ipsum commune et homines de Tirano darent de terris incultis dicti communis nomine concelivi solvendo acolam dicto communi dictus presul sciens et videns paupertatem ipsius ecclesie et serviencium in ea (dedit) plenam parabulam et licentiam omnibus vicinis de Tirano ad partem dicti communis ut libere sine alio impedimento dare et investire possint de terris incultis dicti predicti communis de Tirano conversis et servientibus dicte ecclesie Sancti Remegij nomine concilivi et solvendo acolam dicto communi Omnes vero vicini coram ipso d.no episcopo investiverunt nomine dicti communis supradicto Johanni converso ad partem ipsius ecclesie peciam unam terre cum hedifficiis et molendino et pro conzio uno vini annuatim accolam Venditio Constat me Uniam...accepi a te Girardo viro meo libras quindecim pro pecia una de vinea iuris mei quam habere visa sum in loco Clavenna, ubi dicitur a Muntono... Venditio Constat nos Giname...et Mabiria iugales...accepimus a te Pagano qui dicitur Cò de anniello...solidos quinquaginta et novem...pro petia una de terra cum arboribus et vitibus super abente reiacente ubi dicitur in Ardala... Investitura per lignum et cartam quam sua tenebat manu Vuibertus Archipresbiter Ecclesie S. Laurencii...investituram et tradicionem fecit in manibus Mirabelle...et Otonis...de tribus casis...et de pecia una de vinea que iacet a Brancosina... Venditio Constat me Carlum Barilotta de loco Pluri et Contesa...accepisse...a te Vuiberto Archipresbitero ad partem Ecclesie S. Laurencii de Clavenna libras quadraginta et quatuor finito precio...pro quanto nobis pertinet in plebe Clavenna vel Episcopatu de Coira de campis, vineis et silvis et pratis... Venditio Constat me Otonem...de loco Clavenna accepisse...a te Oto qui diceris Pinctirolus libras VI...pro vinea una iuris mei que iacet in territorio de Areasca... Venditio

12 ...convenit voluntate inter Azonem clericum, qui dicitur de Curte de loco Clavenne, nec non et inter item Azonem...Inprimis dedit ipse Azo...medietatem de vinea una rejacente in territorio de isto loco Clavenna ubi dicitur a Summe...invicem recepit ipse Azo clericus...portionem que est quarta pars de prato et vinea...cum casa una de super rejacentem in territorio de isto loco Clavenna ubi dicitur a Summoprato... Venditio Vitalis de summo prato...et Contissa iugales...vendiderunt et tradiderunt Guiberto qui dicitur Carne de porco de loco Clavenna...due parte de terra cum casis et aliis suis accessionibus que est vinea et silva que iacet in ista plebe Clavenna ubi dicitur in silva Raineri... Sententia Sententia dedit Ioannes Susanus assessor D. Guiberti Grasi...Lis quidem talis erat: conquerebantur...ut daret eis decimam de maronis ubicumque nascantur, sive in silva, sive in vinea, sive in campo...predictus Ioannes Susanus...talem dedit sentenciam...de illis vero maronibus qui sunt extra silvam in vinea, vel in campo quia actores confessi sunt se nunquam habuisse decimam, idcirco absolvit possidentes marrones extra silvam vel in vinea, ne de ipsis decimam dent... Venditio Vidale...de Summoprado e parenti vendono a Guiberto Carne di porco di Chiavenna per lire l8...una selva e una vigna poste a Selva Raineri... Permutacio I canonici di S. Lorenzo di Chiavenna danno a Guiberto Grasso...una pezza di terra con selva situate in Prato a Contabene...in cambio di una pezza di terra a viti ed aratorio con casalicio situata come sopra... Permutacio Commutazione di beni fra Guiberto detto Grassello di Chiavenna e la chiesa dei SS. Cristoforo e Brancato Grassello dà ai canonici e una casa posta vicino alla chiesa, con viale e vigna dietro...i canonici danno a Guiberto una selva Venditio Jure concelivi 1181 Anno d.ni millesimo centesimo octuagesimo primo vendider(unt) nomine posesionis Arialdus Longo et Arialdus Curto cognati de loco Villa nomine concelivi Beloni converso ecclesie Sancte Perpetue ad partem de predicta ecclesia nominative de pecia una de prato et busco insimul se tenente quam abere et tenere visi sunt in territorio de Villa ubi dicitur in Ronco Maiore in manu Johannis de Nivola deganus comunis de Villa de parte de predicto comune pro accepto pretio soldorum septem imperialium Et predicti venditores dabant pro dicto prato et busco omni anno acola ipsi comuni staria II de vino quam acolam predicto comuni vendiderunt ipsi Beloni Retrocessio Giovanni Lupo...di Isola, Nicola ed Andrea di Tremezzo fanno retrocessione al loro consanguineo Augusto Mora, di Piuro de silva de Gioto et de vinea de Trevorce et de vinea de Curce et de vinea que dicitur stricta longa de Sarlon et de molendino cum torculari, et de caneva de Castello...» Venditio Vendita fatta da Giovanni Corbo e dalla moglie Sanatria di due pezze di vigna situata a Piuro ubi dicitur a Ganda per il prezzo di nove lire e quindici soldi di denari nuovi 148

13 Testamentum Ordinacionem fecit Wibertus Grassus...In primis facit Ecclesie Sancti Laurentii terram suam de runco, et pratum, quod dicitur Ugonis de Ulma et domum...et vinea de Ardella cum ista casa...et facit Archipresbitero...et vinea de agenda da muro da Noveledo in fora Venditio Vindemia...vende a Giovanni de Campo di Piuro una pezza di vigna e una selva poste a Piuro ubi dicitur a Giolio Vinae novae a Chiavenna sec XII Hec terre olim fuerunt silve castanearum pecia terre campi et vinee iuxta sanctum Cristoforum, que est monachorum de Dona sancti stoa pecia una vinee Lafranci de Ladragno item pecia Guilielmi Berlengieri item stoa Iohannis de stoa petia una monachorum de Dona in Rovano, et est vinea petia alia monachorum post ecclesiam de Dona, et est vinea quedam pars unius vinee monachorum de Dona, que dicitur fratris Enrici...a Berze quedam pars vinee Iohannis Morlani petia una vinee in Pradezana Boveti de ponte in Paratengo petia terre vinee Enrici Supini a Fontana petia terre vinee Andree Cavarze petia terre in Runcalia vinee Michaelis de curte petia terre in Runcalia vinee Vifredi et cognatarum eius petia terre vinee Enrici de Presbitero in Runcalia petia una vinee ecclesie sancte Marie de castello in Runcalia petia una vinee in Runcalia Bertrami de Molo medietas unius vinee ad Molum, que fuit Arnoldi Zue petie due vinee ad Molum Bunzeri Tantoni petia una vinee Bertrami de Molo ad Molum medietas une vinee ad Summum Vicum, que est heredis Spaci quedam pars unius vinee Tirisendi ad Summum Vicum petie due vinee ad Bede, que fuit Ariberti de Solario petia una vinee ad Bede, que fuit Azonis Beldoni petia una vinee ad Bede, que fuir quondam Zachari petia una vinee ad Bede Uberti de Turri petie due vinee et una campi ad Bede Clavenne ad Rovegia petia una vinee Onrici de Presbitero ad Rovegia petia una vinee de domina Clavena ad Bede in prora Iri petia terre que dicitur ad runcum burgii, et est vinea iuxta Irum petia una vinee et campi Cristofori de Scandolera petia una vinee et campi ad Scandolera Enrici Ferrarii petia una vinee ad Summum, que est Iohannis de Monica petia una vinee et vinee in castro Piperis de Piperello petie due vinearum in Piperello que est suprascripti domini Piperis petia una vinee in Piperello, que est Uberti de Dedar petia una vinee ad summum Prata, que est Alberti de Leoderico petia una vinee et campi de Martino de Mascaraneo petia una vinee in Ardala Enrici Oxelle petia una vinee in Viabella Andree Bruxasorcis 149

14 lmmissio I1 servitore del comune di Como Giovanni Zafara mette i canonici della chiesa di S. Lorenzo di Chiavenna nel possesso di una pezza di vigna con palme (?) posta a Chiavenna nel luogo di Sommovigo Divisio Guido Giudice de Saxo e sua moglie Fumia di Piuro e i cognati dividono i loro beni. Ai primi...la vigna de Voga lata di sopra; ai secondi la vigna di Voga lata di sotto, la vigna di Trivorcio... Controversia 1208 Michael de Curte in causa quam habet cum ecclesia et canonicis de possessione decime et iuris decimationis fructum terrarum et vinearum, de quarum vino agitur...prima quarum est pergola una, que est prope canonicam sancti Laurentii de Clavenna. Secunda est pecia vinee, et jacet ubi dicitur Incisa Quinta pecia est, et jacet ibi prope (a S. Giovanni), et est vinea Septima pecia est vinea, et jacet ubi dicitur in Bede. Octava pecia jacet Oltriro et est vinea, et nona pecia, que est similiter vinea, jacet Oltriro, ubi dicitur a Pedemonte. Decima pecia est vinea, et jacet Oltriro vinee et pergole sunt, sed nescio bene quot sint nec de coherentiis non recordor in temporibus vendemiarum vidi coligi et prestari predictos fructus bene sunt anni quindecim et plus predicti canonici laborant pergolam, et soliti sunt semper eam laborare In un altro interrogatorio si afferma di aver visto le vigne prestare le decime da circa 40 anni. Investitura ad accolam Anno domini millesimo ducentesimo tertiodecimo in loco de Tirano ubi infrascripti vicini venerant ad concilium.nomine predicti comunis et universitatis loci de Tirano, et pro ipso comuni investiverunt confratres ecclesie Beati Remigii ad acolam solvendam omni anno comuni de Tirano in festo Pasce majoris conzium unum vini boni et in festo Sancti Martini conzios duos et sta(r)ium unum vini boni et starium unum castanearum pistarum nominative de sedimine cum casis et curte et furno et molendino et vinea simul tenente et cum uno prato iacente aput ipsam vineam et aqua ducto ipsius molendini et de silva quam tenent cum Bono de Plantoledo de supra quam est castane(y) et de terra de Vendaqua et de silva de Ponte Molina et de silva de Pomoliane et de ronco quod dicitur de Conradacio et de silva que confinat cum marcham et de silva de Castelire Investitura ad accolam Aroldus et Bonus de Igeltruda degani et in antea comuni de Tirano investiverunt ex nomine locacionis Anselmum conversum ecclesie sancti Remedii de Tirano ministro et in antea ad partem et utilitatem ista eclesia nominative de petia una busciva ad accola reddendo omni anno comune de Tirano sterium I et minam de vino Con successivo atto in data 11 novembre 1215 i conversi si obbligano a pagare annualmente l accola di cui sopra, per i predetti beni. Tra gli stessi, analiticamente descritti, compaiono diversi appezzamenti a vigna ed a ronco, affidati a concilivo all uso di Tirano. Vendicio ad proprium Anno millesimo ducentesimo tertiodecimo vendicionem ad proprium fecerunt de tertia parte unius sediminis cum curte et terra in simul jacente in territorio de Ponte ubi dicitur in Beloram et pecia una vinee ibi prope pro pretio de libre IIII imperialium Investitura nomine concilivi Anno domini millesimo ducentesimo quintodecimo Miranus de Cosa de Villa deganus sive consul et in antea comunis et vicinorum de Villa et ex parte dicto comuni in ecclesia sancti Laurentii convocati dedit et investivit nomine ad concilivum ser Petro Bocunze de Stazona de pecia una terre quam modo est buschive et gandive dando et solvendo omni anno in sancto Martino aculam..star(ium) I vini 150

15 Summarium instrumentorum decimae e segg. Lazarus, Dei et Apostolicae Sedis gratia S. Novocomensis Ecclesiae Episcopus Noi veduto la padronanza antica col possesso de molte centenaia d anni, che detta Chiesa nostra tiene delle decime di tutto il Contado, e Territorio di Chiavenna siamo venuti a parere di dedurlo à notitia di tutti gl interessati anco con una lunga serie d istromenti Dat. Comi die 22 mensis Augusti, anni Investitura pheudi legalis antiqua facta per Reverendissimum D. Gulielmum della Turre Comi Episcopum Michaeli de Curte f. q. Uberti de Clavena de tota decima, et iure decimationis Burgi et totius Territorij de Clavena et totius plebis Clavene vini, et castanearum, animalium, seu nutriminum, et blavae et Plebis Samolaci a flumine Lyri infra versus Civitatem Cumanam excepta decima mustorum, et de mustis de Gordona, de Coloredo Transactio facta per Michaelem f. q. Uberti de Curte cum capitulo ecclesiae S. Laurentij Clavenae. In qua dictus Michael facit remissionem dicto capitulo, de quattuor partibus totius decimae vini vinearum ad S. Iohannem supra stratam, et in Lisa prope castrum, que sunt ipsius ecclesiae S. Laurentij, et capitulum fecit remissionem dicto Michael, de quattuor partibus totius decimae vini, novem petiarum terrae in Territorio Clavenae, et Mese, quae sunt pars ipsius Michaelis Investitura pheudalis facta per Re.mum D. Leonem Episcopum suprascriptis Petro, et Fomasio fratribus Oldradis de tota illa decima in territorio de Clavena, ubi dicitur ad Mesem, et in Valle, et in Mascranico, et in Piperello, et Coloredo, scilicet vini, blavae Investitura pheudalis facta per Reverendissimum D. Fratrem Leonem Episcopum Vincentio, et Fomasio fratribus de Cossognis f. q. Redulphi de Dugno de octo partibus quindecim partium pro indiviso decimae vini de Roncalea, et de Prata, et de Bertio, et de Ardella, et de omnibus partibus circostantibus Burgi de Clavena, tam in monte, quam in plano, quae tota extenditur à Piro usque ad Piogiosam Investitura localis facta per D. Martinum f. q. D. Bariani de Sancto Benedicto, Vincentio dicto Rosino de Curte q. Anrici et Balthassari f. q. Bartol. Della Bella de octo partibus ex XV decimae vini in territorio Clavenae inter flumen Merae, et Lyri Seguono i rinnovi delle investiture fino al 1570, senza elementi di novità. Livellum 1221 L arciprete Albertono affitta per 29 anni, rinnovabili, due pezze di terra in territorio de Clavenna ubi dicitur ad sanctum Fidelem col canone annuo di un anfora di vino, ad anforam Clavenne, que est sex concia Divisio Rures ille et possessiones et iura et res quae venerunt in parte domini Gabardini. ff qm. Gabardi Venosta in divisione quam fecerunt ipse Gabardinus et Corradus et Eganus eius fratres Item in hac parte venit vinea quam tenet Lafrancus et Aricus fratres q. Simonis Strepalochi de Tirano, cum omnibus pertinentiis et iuribus ipsi vinee pertinentibus et iacet ubi dicitur ad Plantoledum -Item vinea que tenet Albertus Abrami de Pedenale -Item condia 4 vini quae datur annuatim a Jacobo de Nova ex vinea quam tenet ipse Jacobus -Item mansio que est de vinea de Sponda et illa petia vinee que est ab angulo superiori ipsius mansionis versus montem cum valena Testificationes /39 quod egomet eam ronchavi et decerbavi et etiam fui inchoator illius operis cum esset buschum juniperorum et avelanarum et spinarum et gandorum nomine ecclesie Sancti Remigii Interrogatus si scit quod ronchus seu vinea monachorum sancti Remigii vidi ipsas laboratas a vignia quinque annis citra - ronchi de Villa coheret a mane vinea vetus ecclesie sancti Remigii, a meridie suprascriptorum canonicorum, a sero vinea heredum condam ser March(ixii) de Laqua, a nullora Lafranci Girardi - Interrogatus de quot annis citra vidit...terras laborari quamdam viginti quinque annis citra et quamdam a prius quam viginti quinque per confratres - quod novalia que est super territorio Ville que (est) decerbata per confratres ecclesie sancte Perpetue a quadraginta annis citra que erat busciva et petrosa et egomet cum mea societate decerbavi 151

16 Testificationes /39 suprascripto die Donatus filius condam Iohannis Gorgii de Trixivio lectus prius titulus iuratus dixit Ego recordor quod supra tertia parte ronchi de Villa a sero versus erat buscum quercum et juniparorum et saxa et super illo de Tavernola era buscum juniparorum et avelanarum et saxa Interrogatus si scit et vidit predictas terras laboratas respondit partem vidi a viginti annis citra Interrogatus de quot annis citra vidit primo die terras laborari respondit a viginti quinque annis citra et per conversos sancti Remigii Johannes filius condam ( ) Migoloni de Tirano interrogatus de quot annis citra dictas terras laborari et per quos respondit a viginti quinque annis citra per confratres sanctorum Remigii et Perpetue Testificationes /39 Iohanninus de Voa de Villa lecto sibi titolo iuratus dixit : ego scio quod semper vidi laborari per monachos in vinea seu Roncho de Villa et de Novalia nescio -Interrogatus si vidit ducere ad culturam Respondet ad Ronchum sic et in Novallia vidi cerbum primum et postea vidi ipsum cerbum decerbatum Iamcripto die Petrus de Rivola de Villa dixit: ego scio quod vinea seu roncho monachorum de Villa est novalia, sed nescio quantum et de aliis terris nihil scio Interrogatus quot annos habet Respondet bene credo me habere XL annos set si plures habeo nescio quot, nec de aliorum etate nichil scio Iamscripto die dominus presbiter Girardus canonicus Sancti Laurentii de Villa dixit: ego scio quod in Roncho Monachorum de Villa vidi unam faxolam terre cum duabus vel tribus vitibus valde temporaneis in qua domini archipresbiter Petrus e presbiter Gilbertus patruus meus sepe miserunt me ad accipiendos borros seu pingiorlos ad benedicendum in festo Santi Sisti Interrogatus quid faciendo et per que tempora vidit Respondet eundo in vineas per uvas et pingiorlos et ludendo ad ciguttam sicut faciunt pueri et per ea tempora qui non sunt uve set quotiens nescio Item die sequenti proxima Delaydus de Britia de Villa dixit ad Ronchum de Villa semper vineam vidi tantam vel quantam et in summo roncho vidi unum casalitium cum arboribus et bene credo tantum quod dicti conversi decerbaverint nuper de ipso roncho nescio quantum Interrogatus quot annos habet Respondet de annis meis nec aliorum nescio Interrogatus si scit quod terre sunt ducte ad culturam per dictos conversos a XXX annis citra Respondet nescio nec de roncho quod decerbant et decerbaverunt de anno in anno prout possunt Divisio divisionem inter se fecerunt fratres filii quondam Guillelmi Albizani de Clurio sedimen unum quod iacet in territorio et villa de Clurio ubi dicitur ad Visnate in quo sedimine sunt plures domos et fenile et stabulum et curte et orto et vinea et prato insimul se tenente et sedimen unum silicet domus et vinea iacente in territorio Clurii similiter ubi dicitur ad Visnate Obligatio 1243 millesimo ducentesimo quadragesimo tercio promisit obligando omnia sua bona Albertonus Badelli de Pusclavio dandi et solvendi Pagano filio ser Maroelli (de Quadrio) de Bruxio hinc ad santum Martinum proximum soldos quinquaginta bonorum denariorum imperialium quod confessus fuit ei debere dare pro precio et solucione vini quam (!) ei dedit et vendidit Fictum 1247 Il capitolo di Chiavenna affitta alcune terre a Giovanni Floriani col patto novellando et in(s)egando dictas omni anno et inserendo dictas vineas,dando alla vendemmia metà del vino e degli altri frutti e ponendo omni anno plaustra sedecim ledaminis Investitura ad accolam In porticu S.cti Martini ad sonum campane more solito congregato omnes credencia(tores) investive- 152

17 runt ad accollam faciendam Zanollum de Sancto Romerio nominative de tota terra de Novalia que est laborativa cum mansionibus supra se habente item petia una terre laborative iacente prope ecclesiam sancte Perpetue subtus viam que vadit ad Villam Ita ut habeant et teneant dictas omnes terras ad annos viginti novem proximos completos et deinde in antea usque inperpetuum Dando et solvendo omni anno pro accolla in die Pasce concium unum vini consignatum in loco de Tirano in porticu Sancti Martini Confessio Anno millesimo ducentesimo quadragesimo nono contenti et confessi fuerunt sindici communis de Tirano se recepisse et habuisse concios quindecim vini nomine et ex parte capitulli ecclesie sancti Romerii et sancte Perpetue de ficto et pro ficto accolarum annorum trium Confirmatio vicinos ipsius loci de Tirano fecerunt plures et diversas investituras et concessiones et data ad accolam nomine concilivi ecclesiis sancti Remigii et sancte Perpetue de quibusdam terris cum mansionibus et molandinis supra, pro quibus capitulum et conventus dictarum ecclesiarum prestare tenebantur omni anno conzios sex vini et imperiales quindecim Segue vendita alle chiese da parte del comune di Como delle dette accole per 40 lire di imperiali, delle quali 30 al comune di Como per fodro e le 10 residue al comune di Tirano, con accettazione del detto comune (pergamene 200, 201, 216 e 218). Inventarium Incipit inventarium seu memoria terrarum ecclesiarum beatorum sanctorum Remigii et Pastoris et sanctae Perpetue -Item ad molendinum Sancti Remigii clusuram que est terra vinea et in parte pratum et in parte gandosa, cum muris et mansionibus et domibus et curia et orto et cum molendinis et pilis et fulla et torculo que omnia simul est et sunt perticas quinquaginta unam et tabulas decem et septem -Item in territorio de Villa ubi dicitur ad Roncum Capelludum pecia una terre que est vinea cum torculari supra et cum murum et ganda et saxis et busco intus et supra et simul, cui coheret a mane terra que dicitur de Valpirasca et est per mensuram perticas vigintiquinque et tabulas viginti -Item in villa de Sondrio iusta Quadrijvium de Sondrio pecia una terre que est sedimen cum domo una et parum vinee supra que est per mensuram tabulas octo et pedes duo et mezum -Item ibi prope (ad Roncum novum) in territorio de Tirano peciam unam terre que est vinea cum musnis (mucchi di sassi) et muris et ganda intus et in parte campus que (est) perticas octo et mediam et novem pedes -Item in territorio de Villa et in parte in territorio de Tirano ubi (dicitur) ad Novaliam peciam unam terre que est campiva prativa et busciva cum musnis et ganda et arboribus et est perticas centum quattuor et tabulas quattuor de qua datur accolla comuni de Villa annuatim staria II vini nomine ficti concilivi... Locatio Petrus de Malenco de Trixivio conversus ecclesie sancti Martini de Trixivio Plano investivit nomine locationis Menegum hinc ad quinque annos proximos de medietate vinee quam ipse Petrus conversus habet et tenet Ita ut de cetero hinc usque ad istum terminum predictus Menegus habeat et teneat et gaudeat et utatur meliorando tamen et non peiorando obligando bene laborare ipsam vineam et dare et solvere et consignare eidem Petro pro suis novellis (coltivazioni nuove) medietatem vini et blave quod vel quam perceperit vel habuerit ex vinea et terra tam vineata quam non vineata seu non vidata, et hoc secundum morem et consuetudinem quod est in plebe Trixivii e terris et vineis datis ad mediam blavam et ad medium vinum Inventarium In nomine Domini, amen. MCCLVII. Hec est lista memorie bonorum eclexie Santi Steffani de Maze In Grosubto -Item ubi dicitur Subtus Castellum, petia una vinee de perticis tribus et tabulis sedecim -Item ubi dicitur ad campum Sancti Georgii petia una campi et vinee de perticis duabus et tabulis quinque Ad Sanctum Cassianum -Item petia una terre campive cum casis et sediminibus et tabiate et curte et cum vineis et piro 153

18 Inventarium In nomine Domini. MCCLVII. Hec est lista memorie terrarum eclexie Sancti Damiani de Sernio -Item petia una terre que est vinea, silva et nemus simul se tenente in Sumoprata de Maze, cum mansione una supra -Item ubi dicitur ad Viono in moto de Casteleto petia una terre prative, campive, vineate, silvate et buschive cum casa una de muro et torculari supra cum arboribus pirorum et est pertice centumtres et tabule quatuordecim -Item petia una terre silvate ubi dicitur ad Silvam de Vignale, in Sumoprato de Maze -Item ubi dicitur in Vineale petia una terre -Item ubi dicitur in Vinario petia una -Item petia una terre ubi dicitur ad Dossum in Lariva cum campo, cum vinea, cum cassis et cassinia una et cum hera et cum arboribus nuchum et pirorum supra -Item campum unum ubi dicitur ad Lugum subtus vineam canonicorum -Item ubi dicitur in Vinale in Yma Nogheratia petia una -Item petia una terre ubi dicitur in vinea de Nogeratia -Item ubi dicitur in Sinoga sub vinea de sponda petia una terre In Groxio -Item campum unum quod fuit vinea -Item petia una terre vineate in villa de Grosio ubi dicitur ad Arzenum et est pertice due minus tabule due -Item petia una terre cum pluribus arboribus castanearum supra iacens supra eclexiam Sancti Martini ubi dicitur in Vignale -Item petia una terre ubi dicitur in Vignale Memoria cartarum MCCLVII Memoria cartarum de terris pro quibus datur accola comuni de Villa per domos hospitalis ecclesiarum sancti Remigii et sancte Perpetue -et primum cartam unam sicut comune et homines de Villa fecerunt venditionem et datum de conzio uno vini accole, quod dabatur per ipsam ecclesiam dicto comuni de tribus peciis terrarum -et item cartam unam de petia de Posclavino de qua datur accola starii unius vini, videlicet de Spineda -et item cartam unam de ronco Genzemano, et de campo de Roncacio, pro quibus datur accolam predicto comuni stariorum III vini -et item cartam unam de terra de Roncacio, de qua datur accolam isto comuni stariorum II vini -et item cartam unam silve et prati de Lamolia, pro quibus datur accola minam unam vini -et item cartam unam de quadam silva de Valelera de qua datur accola mina una vini -et item cartam unam de acquisto de prato uno de Plata, de qua datur accola starium unum vini -et item cartam unam de petia de Foradoyro, de qua datur accola prefato comuni starium unum vini -et item cartam unam ronchi de Luto, de qua datur accola prefato comuni starium unum vini -et item cartam unam prati de Gneccha, de qua datur accola imperialium IIII -et item cartam unam prati quod fuit quondam Conradi de Mantuyno, de qua datur accola suprascripto comuni minam unam vini -et item cartam unam de quatuor silve, de qualibus datur accola staria II vini -et item cartam unam de presa de Mondadicio, de qua datur accola imperialium sex -et item cartam unam de presa que est iusta Novaliam, de qua datur accola starium I vini Locacio 1257,,,L arciprete Bartolomeo di Chiavenna affitta a Pietro d Oltre Mera due vigne ad molendinum sancti Mamati que sunt per mensuram pertice sex et tabule decemocto et dimidia e una selva. Il canone annuo è di sei congi di vino alla vendemmia, di provvedere expensas unius servienti donec tenebit ipsas vendemias, un cappone e 20 staia di castagne peste e un formaggio Il canone da corrispondere (circa un congio per pertica) fa presumere che la produzione media annua fosse intorno ai 2 congi/pertica, forse 30 q.li/ha. Numerosi sono, nel periodo, gli atti di affitto, nei quali il canone è pari alla metà del vino prodotto. 154

19 Obligatio 1258 I sindaci di Chiavenna si obbligano verso Antonio di S. Benedetto a pagargli lire 81 causa et precio et solucione conciorum quadraginte quinque vini colati che egli aveva venduto al comune ad racionem et sicut capit solidos triginta sex novorum pro quolibet concio Investitura pedagii 1292 Hoc est pedagium, quod debet coligi per predictum Guillielmum et fratris de Bagiana et socios suos super homines Corie et episcopatus, tantum super infrascriptis rebus usque ad predictum terminum XV annorum. -Imprimis quod de qualibet soma vini euntis foras episcopatus Cumani versus partes episcopatus Corie, que duceretur per homines Corie vel episcopatus Corie, a quocumque ducatur, imperiales duodecim Inventarium rerum immobiliarum MCCLXXXXVIII in mense junio iste sunt ecclesiarum Sancti Remigii et sancte Perpetue terre mensurate -Item clausura una que continet prata et vineas et ortum et cum curte cum domibus et mansionibus et molendino et pilis et fola et est perticarum LI et tabularum XVII -Item in terratorio de Villa ubi dicitur ad Roncum Capelludum pecia una vinee cum torculari supra et cum muris et ganda cum saxis et busco intus et supra cui coheret a mane terra quod dicitur Valpilasca, a meridie canonicorum et in parte via, a sero via et in parte vinea de la Betosa, a nullora via et est perticarum XXV et tabularum XX -Item ibi prope (ad Roncum novum) in terratorio de Tirano pecia una terre que est vinea cum muxinis et muris et ganda intus et in parte campus que est perticarum VIII et medio et pedum novem Statuta capituli Anno a nativitate Eiusdem millesimo ducentesimo nonagesimo octavo Cum fratres ecclesiarum sanctorum Romerii et Perpetue propter graves condiciones guere discurrerent per Vallem Telinam et alibi vendentes, et obligantes, et alienantes bona dictarum ecclesiarum idcirco volentes honestati et utillitati eorum et dicti capituli providere providerunt statuerunt et ordinaverunt quod alicui dictorum fratrum non liceat ire ad ospitem in tabernam nec ad domum alicuius persone pro aliquibus expensis cibi et potus Actum Tirani ad molendinos dictorum fratrum subtus Sanctam Perpetuam ut supra. Iterfuerunt ibi testes rogati d.nus presbiter Petrus filius d.ni Egidij Capitanei de Stazona et d.nus Rugerius Lambertengus dictus bugionus filius condam d.ni Bertari Lambertengi de Vico de Cumo et Bertramolus dictus nigrus filius suprascripti d.ni Rugeri Investitura Dominus presbiter Ayroldus Brochus canonicus ecclesie Santi Laurencii de Clavena, suo proprio nomine et ad partem dicte ecclesie, investivit iure et nomine locacionis ad fictum annuatim faciendum Agostinum nominative de toto masaricio de Agugia cum mansione et domibus supra et cassinis et terris, que terre sunt vinee Bannum Datum est bannum Iacobo dicto Tetegacie et Petro fratribus, qui stant Clavene, quia non solverunt ser Bertramo Cagere de Cumis libras V novorum precio vini sibi dati et venditi Bannum Datum est bannum Guarnerio de Labate de Dona, qui stat Clavene, quia non solvit ser Bertramo Cangere de Cumis libras IIII novorum precio unius condi vini ei dati, venditi 155

20 Accolae die vigesimo septimo intrante mense octubris...cum commune et homines tocius vicinantiae de Cosio multa et onerosa habent debita et volentes dicta debita solvere...convocato et congregato consilio...ad sonum mayoli more solito...investiverunt et investunt ad emphituosim et acolam et nomine perpetue locacionis...nominative de pecia una terre buschive prative et zerbive jacente in territorio et monte...de Cosio ubi dicitur ad Pozzolum et est et esse debet perpetuo per mensuram perticarum trecentarum...et hec omnia cum omnibus...onoribus, ascuis, pascuis et aliis pertinentiis et juribus...et hoc ad annos vigintinovem tunc proximos futuros et deinde in antea ad alios annos vigintinovem...et deinde in antea usque in perpetuum. Ita ut decetero predicti investiti et illi quorum nominibus receperint et eorum heredes et successores utriusque sexus habeant, teneant, possideant, usufru(gant) et laborent et quilibet eorum pro ea parte pro qua investitus est...pro ficto vero cuius pecie terre super investite...suprascripti massarii...promisit dare et solvere eis fictum seu acolam omni anno...soldos viginti denariorum novorum silicet ad rationem de denarijs quatuor novorum pro quibuslibet quinque perticis terre...item quod predicti massarii...possint...ullo tempore vendere, pignorare, donare cedere nec aliquo modo investire nec alienare aliquod de suprascripta pecia terre...solum inter se ipsos vicinos de vicinantia de Cosio...quandocumque...dicti massarij...voluerint...vendere...et non fuerit inter vicinos de communi de Cosio...tunc ipsum commune...teneatur ed debeat in se retinere, emere et aquirere pretio rationabili et comodo... Testamentum Bertromeus de Lopolo hanc suam ultimam voluntatem statuit item statuit, iudicavit et ordinavit ecclesie Sancti Laurentii de Clavena post eius decesum quolibet anno in vendemiis usque in perpetuum congium unum vinum musti de meliori vino quod fiet et nascetur in monte seu roncho suo vidato, iacente prope burgum Clavene, ubi dicitur ad Montem Bretum Quod vino omni quolibet anno et perpetualiter ponitur in sagrestia dicte ecclesie cum illo vino de quo fit seu fiat sacrificium ad hoc ut similiter de ipso vino fiat sacrificium Investitura cum pacto vignandi 1327 Anno millesimo trecentesimo vigesimo septimo die lune quintodecimo mensis Iunij dominus Francius de Piro de Cum(o), ordinis millita(r)is Sanctae Mariae investivi jure emphiteotico seu livelli Florenzolum filium condam domini Philippi de Piro de Cumo de pecia una campi quam ipse statim debet vineare jacentem in territorio Montanee ubi disitur ad Dossum quae est perticarum trium et tabularum vigintiunius pro ficto vero cuius pecie terre prefatus Florenzolus promisit suprascripto domino Franzio dare et consignare et hinc ad (tempus) vendemiarum anni cursuri MCCCXXXI condios octo et sextarios tres vini ibi(dem) nascituri boni et puri ad mensuram communis Cumj in bono vino utsupra tantum en non in cartis, notis Et tali pacto quod dictus Florenzolus non elevet quod faciat umbram illis terris de quibus suprascriptus dominus Fracius hodie investivit ad livellum Item cum pacto quod si vinum dicti ficti non nasceretur aliquo anno in ipsa terra, quod dictus dominus Fragius teneatur expectare usque ad secundum et tercium annum si tres annos non adesset tunc dictum vinum poni debeat et computari secundum cursum quod habet ipso anno Item quod dictus Florenzolum teneatur dare tantum vinum nasciturum in ipsa terra si vinum affuerit Promissio Promiserunt et convenerunt Adamolus et Martinus fratres, filii condam ser Balzari de la Mera de Clavena domino Iohani de Piperello, archipresbitero ecclesie Sancti Laurentii de Clavena, recipienti ad partem et utilitatem ipsius ecclesie, dare et obtulare predicte ecclesie annuatim in perpetuum in vendemiis condium unum vini boni, pulcri et puri sine fraude de vino decime maioris, quod vinum debeat poni in secrestia dicte ecclesie et uti in ipsa ecclesia ad sacrificia inde celebranda Investitura 1336 MCCCXXXVI die merchurij sexto mensis novembris Bonalus filius ser Jobi Gayfaxij de Morbegno investivit iure et nomine locacionis ad fictum meliorando tantum de pecia una terre vineatae cum mansione 156

SCHEDE FAMILIARI T 103. Tebaldi. Gubbio. Rusticello Ugolino Rainaldo (? ) 1161 <1181-1191?> 1188

SCHEDE FAMILIARI T 103. Tebaldi. Gubbio. Rusticello Ugolino Rainaldo (? ) 1161 <1181-1191?> 1188 SCHEDE FAMILIARI T 103. Tebaldi Gubbio (Tebaldo) (Rainerio) Tebaldo ???? Rusticello Ugolino Rainaldo (? ) 1161 1188?? Giovanni Tebaldo Oderada Castalda Maria 1161 q.1244 1181 1181

Dettagli

(9-14) Doc. 186 (CLXXXVI) an. 981.

(9-14) Doc. 186 (CLXXXVI) an. 981. (9-14) Doc. 186 (CLXXXVI) an. 981.! In nomine domini nostri Ihesu Christi. tertiodecimo anno principatus domini Landolfi gloriosi principis. mense agusto nona indictione. Ideoquem nos i sumus sellicto

Dettagli

Pag. 1 Fo fede io sottoscritto parroco della parrocchiale chiesa di S. Maria a Piazza di Napoli come sotto il dì 6 e 8 di questo corrente mese di

Pag. 1 Fo fede io sottoscritto parroco della parrocchiale chiesa di S. Maria a Piazza di Napoli come sotto il dì 6 e 8 di questo corrente mese di Pag. 1 Fo fede io sottoscritto parroco della parrocchiale chiesa di S. Maria a Piazza di Napoli come sotto il dì 6 e 8 di questo corrente mese di maggio in tempo di Visita de licentia Illustrissimi et

Dettagli

(288-291) Doc. 375 (CCCLXXV) an. 1039.

(288-291) Doc. 375 (CCCLXXV) an. 1039. (288-291) Doc. 375 (CCCLXXV) an. 1039.! In nomine domini nostri Ihesu christi. Vicesimo primo anno principatus salerni domini guaymarii gloriosi principis. ac primo anno principatus eius capue mense aprelis

Dettagli

Sotto argomento Archivio Fondo Volume Pag./ Foglio Titolo Anno

Sotto argomento Archivio Fondo Volume Pag./ Foglio Titolo Anno 1600 Argomento Sotto argomento Archivio Fondo Volume Pag./ Foglio Titolo Anno vol. II, 1599 f. 52 Documento A 1600 1607 Battesimi San Marco, Battesimi Libro II, f. 353r Documento G 1602 1592-1615 Battesimi

Dettagli

Archivio di Stato di Modena. Prove di ammissione alla Scuola di Archivistica Paleografia e Diplomatica (aa. 2010-2012)

Archivio di Stato di Modena. Prove di ammissione alla Scuola di Archivistica Paleografia e Diplomatica (aa. 2010-2012) Archivio di Stato di Modena Prove di ammissione alla Scuola di Archivistica Paleografia e Diplomatica (aa. 2010-2012) 1) Questionario di cultura storica generale a risposte multiple: 21 domande, ripartite

Dettagli

Valeria Braidi. La difesa del comune di Bologna da un documento del 1244 del Liber iuramentorum

Valeria Braidi. La difesa del comune di Bologna da un documento del 1244 del Liber iuramentorum Valeria Braidi La difesa del comune di Bologna da un documento del 1244 del Liber iuramentorum [A stampa in Cultura cittadina e documentazione. Formazione e circolazione di modelli, Bologna, 12-13 ottobre

Dettagli

Fonti per lo studio delle istituzioni ecclesiastiche locali

Fonti per lo studio delle istituzioni ecclesiastiche locali Fonti per lo studio delle istituzioni ecclesiastiche locali Francesca Magnoni Istituto Italiano per gli Studi Storici, Napoli ASDBg, Mensa Vescovile, Censuale 2 ASDBg, Mensa Vescovile, Censuale 4 ASDBg,

Dettagli

IL CABREO DEL 1402 DELLE CHIESE DEGLI OSPEDALI E DEI MONASTERI DI TIVOLI IL RECUPERO DI ALCUNI FOGLI DISPERSI

IL CABREO DEL 1402 DELLE CHIESE DEGLI OSPEDALI E DEI MONASTERI DI TIVOLI IL RECUPERO DI ALCUNI FOGLI DISPERSI STUDI E FONTI PER LA STORIA DElLA REGIONE TIBURTINA x IL CABREO DEL 1402 DELLE CHIESE DEGLI OSPEDALI E DEI MONASTERI DI TIVOLI Appendice IL RECUPERO DI ALCUNI FOGLI DISPERSI A CURA DI RBNZO MOSTI TIVOLI

Dettagli

Il Lapis Niger. L iscrizione arcaica del Foro romano

Il Lapis Niger. L iscrizione arcaica del Foro romano Lezioni di Esegesi delle fonti del diritto romano Il Lapis Niger. L iscrizione arcaica del Foro romano Il cippo arcaico del Foro romano scoperto sotto il Niger Lapis nella sua attuale collocazione. di

Dettagli

Lellus Pauli de Serromanis (1387-1398) [ver. 1.1.] Roma, Archivio Capitolino, Notai, Sezione I, voll. 763/1-5 [vol. 6 (1427)]

Lellus Pauli de Serromanis (1387-1398) [ver. 1.1.] Roma, Archivio Capitolino, Notai, Sezione I, voll. 763/1-5 [vol. 6 (1427)] Lellus Pauli de Serromanis (1387-1398) [ver. 1.1.] Roma, Archivio Capitolino, Notai, Sezione I, voll. 763/1-5 [vol. 6 (1427)] 1 Roma, Archivio Capitolino, Notai, Sezione I, vol. 763 l.1 1. 1387 f. 1r (a)

Dettagli

La trasmissione di posizioni giuridiche soggettive attive e/o passive può essere:

La trasmissione di posizioni giuridiche soggettive attive e/o passive può essere: DONATIO Non è un autonomo negozio giuridico, bensì una possibile causa dei negozi astratti. Possiamo avere una donazione 1) REALE: posta in essere con mancipatio, in iure cessio, traditio 2) OBBLIGATORIA:

Dettagli

FONDAZIONE BIBLIOTECA SAN BERNARDINO TRASCRIZIONI DELLE PERGAMENE PRESENTI NEL FONDO MANOSCRITTI.

FONDAZIONE BIBLIOTECA SAN BERNARDINO TRASCRIZIONI DELLE PERGAMENE PRESENTI NEL FONDO MANOSCRITTI. FONDAZIONE BIBLIOTECA SAN BERNARDINO TRASCRIZIONI DELLE PERGAMENE PRESENTI NEL FONDO MANOSCRITTI. 1. Bolzano, 1194 luglio 9. Egnone conte di Appiano investe il vescovo di Trento Corrado del Castelvecchio

Dettagli

Strade pubbliche tra Gambassi e San Gimignano nella seconda metà del XIII secolo

Strade pubbliche tra Gambassi e San Gimignano nella seconda metà del XIII secolo ANTONELLA DUCCINI Strade pubbliche tra Gambassi e San Gimignano nella seconda metà del XIII secolo Che l area considerata sia stata in epoca medievale solcata da sistemi viari che la percorrevano sia in

Dettagli

IL SIGNIFICATO IMPORTANTE

IL SIGNIFICATO IMPORTANTE IL LIBERO MASO DE I COI Feudo signorile, del XIV secolo, alle pendici del monte Pelmo Recapiti: Tel. 0437 789 411 www.centroamicizia.org SEGRET0d@donfloriano-pellegrini.191.it Comunicato n. 1208 Giovedì

Dettagli

Il cerimoniale dell'incinerazione era molto complesso e poteva essere di due diverse tipologie:

Il cerimoniale dell'incinerazione era molto complesso e poteva essere di due diverse tipologie: Marnate - Nizzolina Tracce nella Storia è un evento culturale fortemente voluto dalla PRO LOCO Marnate e dall Amministrazione Comunale. L obiettivo del progetto è quello di portare nel nostro Comune una

Dettagli

5 Le carte bolognesi del secolo XI, vol. I, 1068, n. 165, pp. 338-340. - 2 -

5 Le carte bolognesi del secolo XI, vol. I, 1068, n. 165, pp. 338-340. - 2 - Renzo Zagnoni Quattro carte dalla Germania per la storia medievale dell abbazia di Santa Lucia di Roffeno e dei conti di Amola di Montagna [Già pubblicato in Atti e memorie della Deputazione di storia

Dettagli

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it 1 Il progetto Short Travel è in continuo e costante miglioramento. I contenuti di questo documento sono ricavati da informazioni di pubblico dominio e in quanto tali possono contenere inesattezze o non

Dettagli

SICUREZZA ED INSEDIAMENTO IN TERRITORIO CREMASCO NEL X SECOLO: CAMISANO

SICUREZZA ED INSEDIAMENTO IN TERRITORIO CREMASCO NEL X SECOLO: CAMISANO MARILENA CASIRANI SICUREZZA ED INSEDIAMENTO IN TERRITORIO CREMASCO NEL X SECOLO: CAMISANO Tra i documenti di X secolo relativi al territorio cremasco ve n'è uno estremamente interessante, redatto in vico

Dettagli

ANGELO CHEMIN. Siti ezzeliniani. Area del Canale di Brenta, n.12. Monastero dell Invenzione della Santa Croce di Campese.

ANGELO CHEMIN. Siti ezzeliniani. Area del Canale di Brenta, n.12. Monastero dell Invenzione della Santa Croce di Campese. 1 ANGELO CHEMIN Siti ezzeliniani. Area del Canale di Brenta, n.12. Monastero dell Invenzione della Santa Croce di Campese. Individuazione del castello o sito Localizzazione Monastero dell Invenzione della

Dettagli

APPENDICE DOCUMENTARIA* Documento della pieve di Sant Angelo e Santa Maria del locum solofre (1042).

APPENDICE DOCUMENTARIA* Documento della pieve di Sant Angelo e Santa Maria del locum solofre (1042). APPENDICE DOCUMENTARIA* Documento del fondo ad cerbitu (1015). Documento del fondo costantini (1040). Documento della pieve di Sant Angelo e Santa Maria del locum solofre (1042). * Questa Appendice contiene

Dettagli

... ... WRIO FRECCHIAMI: L'antro delle gallerie e la Badia di Ganna.» 129. RINALDO BERETTA: Un obituario della Collegiata di S. Lorenzo di Cuvio...

... ... WRIO FRECCHIAMI: L'antro delle gallerie e la Badia di Ganna.» 129. RINALDO BERETTA: Un obituario della Collegiata di S. Lorenzo di Cuvio... RINALDO BERETTA: Un obituario della Collegiata di S. Lorenzo di Cuvio.............» 7 CARLO MARCORA : Le regole della Compagnia dell'immacolata eretta nella chiesa di S. Giuseppe in Varese... LEOPOLDO

Dettagli

Classe IV materiali di lavoro Storia Medioevo I CONTADINI DEL VILLAGGIO E I LORO RAPPORTI COL SIGNORE

Classe IV materiali di lavoro Storia Medioevo I CONTADINI DEL VILLAGGIO E I LORO RAPPORTI COL SIGNORE Scheda 5 I CONTADINI DEL VILLAGGIO E I LORO RAPPORTI COL SIGNORE La maggior parte degli abitanti del villaggio lavorava la terra. I contadini non avevano tutti gli stessi obblighi verso il signore, e si

Dettagli

Periodico telematico di Storia e Scienze Umane http://www.storiadelmondo.com (.it/.net/.org) Numero 53 (2008) per le edizioni

Periodico telematico di Storia e Scienze Umane http://www.storiadelmondo.com (.it/.net/.org) Numero 53 (2008) per le edizioni Periodico telematico di Storia e Scienze Umane http://www.storiadelmondo.com (.it/.net/.org) Numero 53 (2008) per le edizioni Drengo Srl Editoria, Formazione, ICT per la Storia e le Scienze Umane http://www.drengo.it/

Dettagli

SOLENNITÀ DELL IMMACOLATA CONCEZIONE DELLA BEATA VERGINE MARIA

SOLENNITÀ DELL IMMACOLATA CONCEZIONE DELLA BEATA VERGINE MARIA SOLENNITÀ DELL IMMACOLATA CONCEZIONE DELLA BEATA VERGINE MARIA ATTO DI VENERAZIONE ALL IMMACOLATA IN PIAZZA DI SPAGNA SOLENNITÀ DELL'IMMACOLATA CONCEZIONE DELLA BEATA VERGINE MARIA ATTO DI VENERAZIONE

Dettagli

Cap. 07a: Il Canone Romano. Dove inizia? (Slides in verticale) 1

Cap. 07a: Il Canone Romano. Dove inizia? (Slides in verticale) 1 INCIPIT CANON ACTIONIS 1. Prefazio 2. Sanctus 3. [Post-Sanctus] 4. Epiclesi sui doni 5. RACCONTO DI ISTITUZIONE 6. Anamnesi 7. Epiclesi su di noi 8. Intercessioni La cerniera maggiore evidenzia l articolazione

Dettagli

VOLUME XLVI. tomo II DEPUTAZIONE DI STORIA PATRIA PER LA SARDEGNA

VOLUME XLVI. tomo II DEPUTAZIONE DI STORIA PATRIA PER LA SARDEGNA VOLUME XLVI tomo II DEPUTAZIONE DI STORIA PATRIA PER LA SARDEGNA CAGLIARI, 2011 ARCHIVIO STORICO SARDO A CURA DELLA DEPUTAZIONE DI STORIA PATRIA PER LA SARDEGNA VOLUME XLVI tomo II EDIZIONI AV CAGLIARI

Dettagli

Note sul prestito ebraico a Mirandola.

Note sul prestito ebraico a Mirandola. Note sul prestito ebraico a Mirandola. La presenza ebraica a Mirandola è attestata da diverse fonti che in genere senza sviluppare il tema si limitano ad annotare che nuclei di ebrei per un certo tempo

Dettagli

ANNA ESPOSITO Un pastaio tra Napoli e Roma all inizio del Cinquecento*

ANNA ESPOSITO Un pastaio tra Napoli e Roma all inizio del Cinquecento* ANNA ESPOSITO Un pastaio tra Napoli e Roma all inizio del Cinquecento* Chi mai fosse tra i ghiottoni L inventor dei maccheroni Vi son dispute infinite Né decisa è ancor la lite (G. Columbro, Le muse familiari,

Dettagli

Indice MAGNIFICA COMMUNITAS PODII RAINALDI. Premessa... 3

Indice MAGNIFICA COMMUNITAS PODII RAINALDI. Premessa... 3 MAGNIFICA COMMUNITAS PODII RAINALDI Indice Premessa... 3 SECOLI X XI XII L egida edificatrice dei conti di Ventimiglia... 11 Villa Giunco... 14 Podium Rainaldi... 18 La decadenza dei Conti... 20 SECOLO

Dettagli

N. e N. 40 anni nella grazia del matrimonio

N. e N. 40 anni nella grazia del matrimonio N. e N. 40 anni nella grazia del matrimonio Celebrare un anniversario non significa rievocare un avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento di grazie una realtà presente che ha

Dettagli

CRISTINA MANTEGNA. Notai e scrittura a Piacenza: a proposito di notizie dorsali e imbreviature. Scrineum Rivista 5 (2008) ISSN 1128-5656

CRISTINA MANTEGNA. Notai e scrittura a Piacenza: a proposito di notizie dorsali e imbreviature. Scrineum Rivista 5 (2008) ISSN 1128-5656 CRISTINA MANTEGNA Notai e scrittura a Piacenza: a proposito di notizie dorsali e imbreviature Scrineum Rivista 5 (2008) ISSN 1128-5656 2008

Dettagli

L ORDINE DEGLI OSPITALIERI A ST. JEAN D ACRE

L ORDINE DEGLI OSPITALIERI A ST. JEAN D ACRE L ORDINE DEGLI OSPITALIERI A ST. JEAN D ACRE La città di Akko 1 possedimento crociato d oltremare e capitale nel XIII sec. del Regno Latino di Gerusalemme conserva nel suo centro antico, delimitato tra

Dettagli

CRONOLOGIA. Stazione palustre L insediamento neolitico. I secolo a. C. di Giuseppe e Gabriella Solcà

CRONOLOGIA. Stazione palustre L insediamento neolitico. I secolo a. C. di Giuseppe e Gabriella Solcà II. CRONOLOGIA di Giuseppe e Gabriella Solcà Stazione palustre L insediamento neolitico I reperti archeologici di Coldrerio costituiscono le tracce più remote della presenza umana nel Mendrisiotto. Gli

Dettagli

Appendice iconografica

Appendice iconografica Appendice iconografica A CURA DI CHETTI BARNI Nel corso della ricerca d archivio effettuata per il presente studio presso l Archivio Vescovile di Pistoia ho rintracciato dodici carte topografiche disegnate

Dettagli

Disse messere Orlando a santo Francesco: «Io ho in Toscana uno monte divotissimo il quale si chiama il monte della Vernia, lo quale è molto solitario

Disse messere Orlando a santo Francesco: «Io ho in Toscana uno monte divotissimo il quale si chiama il monte della Vernia, lo quale è molto solitario Itinerario Disse messere Orlando a santo Francesco: «Io ho in Toscana uno monte divotissimo il quale si chiama il monte della Vernia, lo quale è molto solitario e salvatico ed è troppo bene atto a chi

Dettagli

Giovinezza. Da Trezzo a Milano

Giovinezza. Da Trezzo a Milano Giovinezza Da Trezzo a Milano Quello del 1529 è l inverno più freddo in casa Nizzola: avanti il camino Giacomo rimane forse col patrigno e il fratellastro Francesco a parlare di come sarebbe bello andarsene

Dettagli

FONTANA DI TREVI. L acqua Vergine nel cuore di Roma. Nella città eterna, tra le sue mirabili bellezze, zampilla un acqua sempre diversa

FONTANA DI TREVI. L acqua Vergine nel cuore di Roma. Nella città eterna, tra le sue mirabili bellezze, zampilla un acqua sempre diversa Istituto Tecnico per il Turismo ITT LIVIA BOTTARDI FONTANA DI TREVI Prof. Salvatore Liguori (Geografia Turistica) L acqua Vergine nel cuore di Roma Nella città eterna, tra le sue mirabili bellezze, zampilla

Dettagli

LA COLTIVAZIONE DELLA VITE E LA PRODUZIONE DI VINO A MONTEFALCO ATTRAVERSO I SECOLI

LA COLTIVAZIONE DELLA VITE E LA PRODUZIONE DI VINO A MONTEFALCO ATTRAVERSO I SECOLI LA COLTIVAZIONE DELLA VITE E LA PRODUZIONE DI VINO A MONTEFALCO ATTRAVERSO I SECOLI In questo prezioso studio lo storico Silvestro Nessi ripercorre la misteriosa storia del Sagrantino. Da www.montefalcodoc.it

Dettagli

Antiquiores Insulani Episcopi *

Antiquiores Insulani Episcopi * Colligite fragmenta, ne pereant Fonti archivistiche per la storia dellʼisola dʼischia (IV) A cura di Agostino Di Lustro Antiquiores Insulani Episcopi * Grande incertezza regna nello stabilire le origini

Dettagli

I nostri sogni e desideri cambiano il mondo.

I nostri sogni e desideri cambiano il mondo. PRESENTAZIONE Giornalino sul FATTO DA I BAMBINI DELLA 4^B CON L AIUTO DELL INS.TE (PISCHEDDA ELISABETTA) DELLA SCUOLA ELEMENTARE ITALO CALVINO DELL ISTITUTO COMPRENSIVO DI BEINASCO ANNO SCOLASTICO 2005/2006

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE PER LA GESTIONE DELLA SCUOLA MATERNA PRINCIPE DI NAPOLI E NIDO INTEGRATO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE PER LA GESTIONE DELLA SCUOLA MATERNA PRINCIPE DI NAPOLI E NIDO INTEGRATO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE PER LA GESTIONE DELLA SCUOLA MATERNA PRINCIPE DI NAPOLI E NIDO INTEGRATO Costituzione Sede Durata Scopi TITOLO I IDENTITA E FINALITA DELLA SCUOLA ---------------------------------------------------------Art.1----------------------------------------------------------------

Dettagli

Commercio e credito tra XIII e XIV secolo.

Commercio e credito tra XIII e XIV secolo. 1 Commercio e credito tra XIII e XIV secolo. I primi documenti qui presentati risalgono al principio del XIII secolo, negli anni in cui decolla la crescita economica basso medievale, e l intensa attività

Dettagli

Il Monastero di Santa Croce in Montis Vernae, Piana di Monte Verna Caserta

Il Monastero di Santa Croce in Montis Vernae, Piana di Monte Verna Caserta Il Monastero di Santa Croce in Montis Vernae, Piana di Monte Verna Caserta Raggiunsi la vetta del Monte Santa Croce che si eleva a Nord di Piana di Caiazzo, in un roseo mattino del settembre 1922. Inizia

Dettagli

Jacopo Torriti, Incoronazione della Vergine fra i santi Francesco, Paoio, Pietro, papa Niccolò IV; Antonio da Padova, Giovanni Evangelista, Giovanni

Jacopo Torriti, Incoronazione della Vergine fra i santi Francesco, Paoio, Pietro, papa Niccolò IV; Antonio da Padova, Giovanni Evangelista, Giovanni Jacopo Torriti, Incoronazione della Vergine fra i santi Francesco, Paoio, Pietro, papa Niccolò IV; Antonio da Padova, Giovanni Evangelista, Giovanni Battista e il cardinale Colonna, 1295c., Roma, chiesa

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

C. R. Pastè, I due Boniforti Oldoni. Una nota dell Aprati spesso dimenticata, p. 38.

C. R. Pastè, I due Boniforti Oldoni. Una nota dell Aprati spesso dimenticata, p. 38. Archivio della Società Vercellese di Storia e d Arte. Spoglio degli articoli sul medioevo (a cura dell Associazione Piemonte Medievale. Paesaggi Arte Storia ) Anno 1 (1909), 1 C. R. Pastè, Rito eusebiano,

Dettagli

Centro studi Hermeneia. Dispense di lingua. Analisi, costruzione e traduzione di un testo latino

Centro studi Hermeneia. Dispense di lingua. Analisi, costruzione e traduzione di un testo latino Dispense di lingua latina I Analisi, costruzione e traduzione di un testo latino Centro studi Hermeneia 1 Sommario Esempio di traduzione di un testo latino... 3 Lettura: Marcello viene sconfitto duramente

Dettagli

ELENCO DEI CODICI DELLA BIBLIOTECA CIVICA DI ROVERETO

ELENCO DEI CODICI DELLA BIBLIOTECA CIVICA DI ROVERETO ELENCO DEI CODICI DELLA BIBLIOTECA CIVICA DI ROVERETO 2 ELENCO 1 1 sec. XIII 2 ; membr., ff. IV, 654, VII'; 148 x 104 mm Biblia sacra 2 1446; membr., ff. I, 21; 184 x 120 mm Angelus Decembrius, De cognitione

Dettagli

FILIPPO IMBESI CONTRIBUTI STORICO-DOCUMENTARI SUL TERRITORIO DI BARCELLONA POZZO DI GOTTO (MESSINA)

FILIPPO IMBESI CONTRIBUTI STORICO-DOCUMENTARI SUL TERRITORIO DI BARCELLONA POZZO DI GOTTO (MESSINA) FILIPPO IMBESI CONTRIBUTI STORICO-DOCUMENTARI SUL TERRITORIO DI BARCELLONA POZZO DI GOTTO (MESSINA) Copyright 2011 Barcellona Pozzo di Gotto ISBN 978-1-291-02007-6 Tutti i diritti riservati Nessuna parte

Dettagli

chiesa di S. MARIA degli ANGELI in Vallemare

chiesa di S. MARIA degli ANGELI in Vallemare chiesa di S. MARIA degli ANGELI in Vallemare NOTA STORICA Secondo il vescovo di Rieti Marini (sec. XVIII) già nel medioevo doveva esistere nella zona di Vallemare una cappella dedicata a S. Martino. Questo

Dettagli

INVENTARIO DEI BENI DEL CARDINALE IPPOLITO II D ESTE TROVATI NEL PALAZZO E GIARDINO DEL QUIRINALE (Roma, 2 dicembre 1572)

INVENTARIO DEI BENI DEL CARDINALE IPPOLITO II D ESTE TROVATI NEL PALAZZO E GIARDINO DEL QUIRINALE (Roma, 2 dicembre 1572) INVENTARIO DEI BENI DEL CARDINALE IPPOLITO II D ESTE TROVATI NEL PALAZZO E GIARDINO DEL QUIRINALE (Roma, 2 dicembre 1572) [Archivio di Stato di Roma, Notai del Tribunale A.C., notaio Fausto Pirolo, vol.

Dettagli

Introduzione Divisione della curtis: -Pars dominica -Pars massaricia. Obbligo dei contadini. La signoria fondiaria. Un economia aperta

Introduzione Divisione della curtis: -Pars dominica -Pars massaricia. Obbligo dei contadini. La signoria fondiaria. Un economia aperta Introduzione Divisione della curtis: -Pars dominica -Pars massaricia Obbligo dei contadini Residenza del signore: il castello Giornata tipo del contadino La signoria fondiaria Un economia aperta Il mondo

Dettagli

Archivio del Capitolo di Udine (ACU)

Archivio del Capitolo di Udine (ACU) Archivio del Capitolo di Udine (ACU) Regestazione e trascrizione delle pergamene del vol. III o D Realizzata dal prof. Giordano Brunettin nel 2006 per conto dell Archivio Storico Diocesano a cura dell

Dettagli

IMMACOLATA CONCEZIONE DELLA BEATA VERGINE MARIA

IMMACOLATA CONCEZIONE DELLA BEATA VERGINE MARIA IMMACOLATA CONCEZIONE DELLA BEATA VERGINE MARIA SOLENNITÀ ATTO DI VENERAZIONE ALL IMMACOLATA IN PIAZZA DI SPAGNA ROMA PIAZZA DI SPAGNA, 8 DICEMBRE 2015 Il Santo Padre: Nel nome del Padre e del Figlio e

Dettagli

La cassetta degli attrezzi La comunità ebraica a Bologna di Germana Albertani

La cassetta degli attrezzi La comunità ebraica a Bologna di Germana Albertani RUBRICHE 102 La cassetta degli attrezzi La comunità ebraica a Bologna di Germana Albertani Nella seconda metà del XIII secolo si assistette ad un movimento migratorio di ebrei isolati o di interi gruppi

Dettagli

CERTAMEN LATINUM SYRACUSANUM MMXV EDITIO XXIX

CERTAMEN LATINUM SYRACUSANUM MMXV EDITIO XXIX Associazione Italiana Cultura Classica Delegazione R. Randazzo Siracusa Istituto d Istruzione Corbino-Gargallo Siracusa CERTAMEN LATINUM SYRACUSANUM MMXV EDITIO XXIX Delegatio Syracusana humanarum litterarum

Dettagli

Mario Marcenaro L area urbana tra il Palazzetto criminale e la cattedrale di San Lorenzo

Mario Marcenaro L area urbana tra il Palazzetto criminale e la cattedrale di San Lorenzo Mario Marcenaro L area urbana tra il Palazzetto criminale e la cattedrale di San Lorenzo [A stampa in Spazi per la memoria storica. La storia di Genova attraverso le vicende delle sedi e dei documenti

Dettagli

CHIESA SANTA MARGHERITA

CHIESA SANTA MARGHERITA CHIESA SANTA MARGHERITA La Chiesa di S. Margherita, si trova nel rione "Fornillo". Costruita dalla famiglia Porcelli forse nel XVI o XVII sec. venne restaurata nella seconda metà del 700, a cura degli

Dettagli

Pellegrinaggio a Roma nell Anno della fede

Pellegrinaggio a Roma nell Anno della fede DIOCESI DI PORDENONE Aprile 2013 3 giorni; 2 notti Pellegrinaggio a Roma nell Anno della fede Percorso catechistico-celebrativo Porta fidei semper nobis patet, quae in communionem cum Deo nos infert datque

Dettagli

Antonio di Simone Petrarca

Antonio di Simone Petrarca STUDI E FONTI PER LA STORIA DELLA REGIONE TIBURTINA CODICE DIPLOMATICO DI TIVOLI DI Antonio di Simone Petrarca A CURA Dl VINCENZO PACIFICI PREFAZIONE TIVOLI NELLA SEDE DELLA SOCIETA IN VILLA D' ESTE STUDI

Dettagli

SOLENNITÀ DELL IMMACOLATA CONCEZIONE DELLA BEATA VERGINE MARIA

SOLENNITÀ DELL IMMACOLATA CONCEZIONE DELLA BEATA VERGINE MARIA SOLENNITÀ DELL IMMACOLATA CONCEZIONE DELLA BEATA VERGINE MARIA ATTO DI VENERAZIONE ALL IMMACOLATA IN PIAZZA DI SPAGNA ROMA PIAZZA DI SPAGNA, 8 DICEMBRE 2012 Tu es Petrus Mt 16, 18-19 Tu es Petrus, et super

Dettagli

Dopo 702 Anni, un Tuffo nel Medio Evo

Dopo 702 Anni, un Tuffo nel Medio Evo Dopo 702 Anni, un Tuffo nel Medio Evo III EDIZIONE Castelraimondo (Mc) 5-8 Dicembre 2013 La Pergamena di Fondazione del 1 Dicembre 1311 Comune di Castelraimondo Associazione Pro Loco Archivio di Stato

Dettagli

Al via il grande progetto Sui passi di don Luigi Guanella Il senso di un cammino

Al via il grande progetto Sui passi di don Luigi Guanella Il senso di un cammino COMUNICATO STAMPA Al via il grande progetto Sui passi di don Luigi Guanella Il senso di un cammino Al via il grande progetto Sui passi di don Luigi Guanella Il senso di un cammino che la Provincia Sacro

Dettagli

L ARCHIVIO DEL MONASTERO DI S. GIOVANNI BATTISTA IN FORLIMPOPOLI PRESSO L ARCHIVIO DI STATO DI FORLI

L ARCHIVIO DEL MONASTERO DI S. GIOVANNI BATTISTA IN FORLIMPOPOLI PRESSO L ARCHIVIO DI STATO DI FORLI NINA MARIA LIVERANI L ARCHIVIO DEL MONASTERO DI S. GIOVANNI BATTISTA IN FORLIMPOPOLI PRESSO L ARCHIVIO DI STATO DI FORLI Molto antica è la storia della comunità delle monache di S. Giovanni Battista 1,

Dettagli

14 24 febbraio SENTENZA DELLA CORTE DI CASSAZIONE DI ROMA NELLA CAUSA TRA BORBONA E POSTA PER LA TENUTA DI VALLEMARE

14 24 febbraio SENTENZA DELLA CORTE DI CASSAZIONE DI ROMA NELLA CAUSA TRA BORBONA E POSTA PER LA TENUTA DI VALLEMARE 1912 14 24 febbraio SENTENZA DELLA CORTE DI CASSAZIONE DI ROMA NELLA CAUSA TRA BORBONA E POSTA PER LA TENUTA DI VALLEMARE 2001 trascrizione di Roberto Mancini (dalla copia conservata nell Archivio storico

Dettagli

ter i nas quae inhumanum tyrannum e principatu dequae a barbara superstitione quae fecisti cessare ignis adofidelium sti sti mis nem

ter i nas quae inhumanum tyrannum e principatu dequae a barbara superstitione quae fecisti cessare ignis adofidelium sti sti mis nem 70 stellae innociduquae deceptionis fornacem ex- ae stin- ma- xi- ter sti splendor my- quae Trinitatis arcana addiscentes sti- il- ci lu- die- mi- i nas quae inhumanum tyrannum e principatu dequae a barbara

Dettagli

FIERA MILANO. manuale operativo

FIERA MILANO. manuale operativo FIERA MILANO manuale operativo IL MARCHIO Il marchio a colori 2 Il lettering 3 Il marchio a colori: positivo e negativo 4 Il marchio in bianco e nero: positivo e negativo 5 Il marchio su fondi istituzionali

Dettagli

LA BARONIA FRANCISCA, PRIMO FEUDO DEI NORMANNI IN CAMPANIA GIACINTO LIBERTINI

LA BARONIA FRANCISCA, PRIMO FEUDO DEI NORMANNI IN CAMPANIA GIACINTO LIBERTINI LA BARONIA FRANCISCA, PRIMO FEUDO DEI NORMANNI IN CAMPANIA GIACINTO LIBERTINI Prima che il duca di Napoli Sergio V concedesse ai Normanni, guidati da Rainulfo: terras in loco octabi 1 terre nel luogo ottavo

Dettagli

ELENCO VINCOLI AI SENSI DELLA EX L. 1089/39 PROVINCIA DI MATERA. COMUNE di MATERA. Palazzo Giudicepietro o Palazzo Firrao o Palazzo Bernardino

ELENCO VINCOLI AI SENSI DELLA EX L. 1089/39 PROVINCIA DI MATERA. COMUNE di MATERA. Palazzo Giudicepietro o Palazzo Firrao o Palazzo Bernardino ELENCO VINCOLI AI SENSI DELLA EX L. 1089/39 PROVINCIA DI MATERA COMUNE di MATERA Palazzo Giudicepietro o Palazzo Firrao o Palazzo Bernardino Notifica di interesse storico-artistica (ex lege 364/1909: 25/gen/1927

Dettagli

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare.

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare. Secondo noi le cose significative della zona archeologica di Villa Clelia sono molte: innanzitutto la cappella di San Cassiano, di cui oggi restano solo le fondamenta in sassi arrotondati, di forma quadrata.

Dettagli

Certamen Latinum Syracusanum MMXIV EDITIO XXVIII

Certamen Latinum Syracusanum MMXIV EDITIO XXVIII Associazione Italiana Cultura Classica Delegazione R. Randazzo Siracusa Istituto d Istruzione Corbino-Gargallo Siracusa Certamen Latinum Syracusanum MMXIV EDITIO XXVIII I Delegatio Syracusana humanarum

Dettagli

1420 I VISCONTI E LA VALCAMONICA

1420 I VISCONTI E LA VALCAMONICA DOCUMENTI IN PRIMO PIANO EDIZIONE ELETTRONICA 2 Fabrizio Pagnoni 1420 I VISCONTI E LA VALCAMONICA Breno Museo Camuno mmxii Documenti in primo piano edizione elettronica - issn 2240-2764 è una collana pubblicata

Dettagli

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it 1 Il progetto Short Travel è in continuo e costante miglioramento. I contenuti di questo documento sono ricavati da informazioni di pubblico dominio e in quanto tali possono contenere inesattezze o non

Dettagli

TRANSLATIO IMPERII LE SEDI IMPERIALI DELLA TARDA ANTICHITA

TRANSLATIO IMPERII LE SEDI IMPERIALI DELLA TARDA ANTICHITA TRANSLATIO IMPERII LE SEDI IMPERIALI DELLA TARDA ANTICHITA ROMA E LE ALTRE SEDI IMPERIALI PREMESSE (I SEC. d. C.) Imp. Augusto (31 a.c.-14 d.c.) URBE al centro dell ORBE Roma: Monumentalizzazione del Campo

Dettagli

Il monastero di Buonluogo 1

Il monastero di Buonluogo 1 Il monastero di Buonluogo 1 La fondazione Dalla strada che da Castagnole Piemonte reca a Scalenghe, si diparte un lungo viale alberato, che conduce ad un interessante insediamento umano, che persiste da

Dettagli

pag. 2 SABATO SANTO - Lodi Mattutine - V. O Dio, vieni a salvarmi. R. Signore, vieni presto in mio aiuto.

pag. 2 SABATO SANTO - Lodi Mattutine - V. O Dio, vieni a salvarmi. R. Signore, vieni presto in mio aiuto. SABATO SANTO - Lodi Mattutine - V. O Dio, vieni a salvarmi. R. Signore, vieni presto in mio aiuto. Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei

Dettagli

2011-2012 Roberto Vergara Caffarelli

2011-2012 Roberto Vergara Caffarelli 1693 Testamento di Anna Caffarelli 2011-2012 Roberto Vergara Caffarelli [1] Aperitio testamenti bo[nae] me[moriae] Annae Caffarellae pro Ill[ustrissi]mo D[omino] Petro de Minutillis. Die Decima Tertia

Dettagli

Mimma De Maio. Una chiesa medioevale nel Principato salernitano La pieve di S. Angelo e Santa Maria de locum solofre 1

Mimma De Maio. Una chiesa medioevale nel Principato salernitano La pieve di S. Angelo e Santa Maria de locum solofre 1 Mimma De Maio Una chiesa medioevale nel Principato salernitano La pieve di S. Angelo e Santa Maria de locum solofre 1 All indomani della guerra greco-gotica la pianura, che alle spalle di Salerno si allarga

Dettagli

Repertorio dei beni storico ambientali 1

Repertorio dei beni storico ambientali 1 Repertorio dei beni storico ambientali 1 Indice Casate... 3 Oberga... 4 Pagliarolo... 5 Fontanelle... 6 Travaglino... 7 Oratorio di San Rocco... 8 Calvignano... 9 Castello... 10 Valle Cevino... 11 Repertorio

Dettagli

R. KOTTJIE- B. MOELLER (a cura di), Storia ecumenica della chiesa, vol. I, Torino, 1980, p. 222. 2

R. KOTTJIE- B. MOELLER (a cura di), Storia ecumenica della chiesa, vol. I, Torino, 1980, p. 222. 2 CAPITOLO I 1. LA PRATICA DELLA VITA COMUNE NEL CLERO SECOLARE. LE ORIGINI DELLA CANONICA FIORENTINA. LE PRIME PROPRIETÀ CAPITOLARI La pratica della vita comune tra gli appartenenti al clero secolare ha

Dettagli

Davide BUSATO Mario ROSSO Paola SFAMENI

Davide BUSATO Mario ROSSO Paola SFAMENI Davide BUSATO Mario ROSSO Paola SFAMENI Le conseguenze delle variazioni geografiche avvenute tra il XIII ed il XV secolo su talune comunità monastiche ubicate in alcune isole della laguna nord di Venezia.

Dettagli

Dal documento n 507. Anno 1137 Documento n o 668 (1137)

Dal documento n 507. Anno 1137 Documento n o 668 (1137) BREVE E LIBERA TRADUZIONE DAL LATINO VOLGARE Dal documento n 507 Giorno 20 del mese di Marzo, anni 3 del Regno degli Imperatori Romano, Michele, Andronico e Costantino porfirogenito. Questi è un altro

Dettagli

Il castello di Montoggio

Il castello di Montoggio CENTRO CULTURALE PEPPO DACHÀ COMUNE DI MONTOGGIO D ANIELE C ALCAGNO Il castello di Montoggio vita quotidiana in un castello ligure tra XV e XVI secolo prefazione di M ARIO T RAXINO M ONTOGGIO 1999 Finito

Dettagli

II. Nullus habitans in Rocca infra et extra capietur, nisi sententia judicialis praecesserit.

II. Nullus habitans in Rocca infra et extra capietur, nisi sententia judicialis praecesserit. Lo Statuto originale del 1200 "Anno Dominae Incarnationis millesimo duecentesimo indictione tertia, mensis Ianuarii die prima. Nos Oderisius Dei gratia S. Iohannis in Venere Abbas cum consensu et voluntate

Dettagli

CANTI PER LA SANTA MESSA DI NATALE 25 Dicembre 2014

CANTI PER LA SANTA MESSA DI NATALE 25 Dicembre 2014 CANTI PER LA SANTA MESSA DI NATALE 25 Dicembre 2014 ADESTE FIDELES Adeste fideles Læti triumphantes Venite, venite in Bethlehem Natum videte Regem angelorum Venite adoremus, Venite adoremus, Venite adoremus

Dettagli

LETTERA DEL VISITATORE APOSTOLICO

LETTERA DEL VISITATORE APOSTOLICO LETTERA DEL VISITATORE APOSTOLICO (Ai Padri Guardiani delle Case Mariane dei Frati Francescani dell Immacolata) Carissimo Padre Guardiano, nella qualità di Visitatore Apostolico per tutte le case e i sodali

Dettagli

LE NOSTRE PAROLE Mariapina Dragonetti

LE NOSTRE PAROLE Mariapina Dragonetti Le Botteghe dell Insegnare LATINO Il presente del passato Echi del classico nella modernità LE NOSTRE PAROLE Mariapina Dragonetti percorso 2015-2016 Il percorso: punto di partenza Punto di partenza: Interesse

Dettagli

Robertus de Biccaro. dei et imperiali gratia comes Licii

Robertus de Biccaro. dei et imperiali gratia comes Licii li, il,:urh ( 71111 '17 Robertus de Biccaro dei et imperiali gratia comes Licii Affronto qui per la prima volta un problema di un certo interesse per la storia di Lecce nel primo periodo svevo : l'identificazione

Dettagli

COMUNE DI MONTEPULCIANO PROVINCIA DI SIENA

COMUNE DI MONTEPULCIANO PROVINCIA DI SIENA ALLEGATI N. COPIA COMUNE DI MONTEPULCIANO PROVINCIA DI SIENA Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale N. 26 Riunione del 29-04-2015 sessione. OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA ( IMU ) - ALIQUOTE

Dettagli

ELISABETTA VENDRAMINI

ELISABETTA VENDRAMINI ORA MEDIA In onore della beata ELISABETTA VENDRAMINI vergine e fondatrice festa liturgica 27 aprile 2 INNO Nel canto celebriamo la vergine fedele che ha dato alla Chiesa una famiglia nuova. Di nobili natali,

Dettagli

De verbis quibusdam legalibus (1100 ca.)

De verbis quibusdam legalibus (1100 ca.) Il dominio diviso De verbis quibusdam legalibus (1100 ca.) Si quaeratur de superficiario et emphiteoticario an sint fructuari, quia fruuntur utuntur, dicimus quia non, quia fruuntur utuntur rebus alienis,

Dettagli

Corpi Santi di Porta Romana, Porta Ticinese e Porta Vercellina; Pieve di Bruzzano. A cura di Giovanni Liva

Corpi Santi di Porta Romana, Porta Ticinese e Porta Vercellina; Pieve di Bruzzano. A cura di Giovanni Liva D appendizi pago Corpi Santi di Porta Romana, Porta Ticinese e Porta Vercellina; Pieve di Bruzzano. A cura di Giovanni Liva n. 1. Corpi Santi di Porta Romana 1724 marzo 21 Interrogatorio di Giovanni Battista

Dettagli

Manoscritto I-33 The London Tower Fechtbuch (1300 c.a)

Manoscritto I-33 The London Tower Fechtbuch (1300 c.a) Manoscritto I-33 The London Tower Fechtbuch (1300 c.a) Trascrizione e traduzione dal latino a cura di Giovanni Rapisardi Manoscritto I-33 (Fechtbuch della Torre di Londra-1300 c.a) Non audet Stygius Pluto

Dettagli

La disciplina dei legati e la tecnica di scrittura nelle Istituzioni di Gaio

La disciplina dei legati e la tecnica di scrittura nelle Istituzioni di Gaio La disciplina dei legati e la tecnica di scrittura nelle Istituzioni di Gaio 1. Premessa 2. I genera legatorum nelle Istituzioni di Gaio: il legatum per vindicationem 3. Il legatum per damnationem 4. Il

Dettagli

L Opera della Primaziale Pisana e la Rassegna di Musica Sacra Anima Mundi

L Opera della Primaziale Pisana e la Rassegna di Musica Sacra Anima Mundi L Opera della Primaziale Pisana e la Rassegna di Musica Sacra Anima Mundi indicono il IX Concorso Internazionale di Composizione Sacra Anima Mundi BANDO DI CONCORSO Art. 1 CONDIZIONI DI PARTECIPAZIONE

Dettagli

Paolo G. Nobili Comuni montani e istituzioni urbane a Bergamo nel Duecento. Alcuni esempi di un rapporto dal difficile equilibrio

Paolo G. Nobili Comuni montani e istituzioni urbane a Bergamo nel Duecento. Alcuni esempi di un rapporto dal difficile equilibrio Paolo G. Nobili Comuni montani e istituzioni urbane a Bergamo nel Duecento. Alcuni esempi di un rapporto dal difficile equilibrio [A stampa in Bergamo e la montagna nel Medioevo. Il territorio orobico

Dettagli

12. Gli epitomatori di Livio

12. Gli epitomatori di Livio 12. Gli epitomatori di Livio Il racconto di Valerio Massimo I nove libri di exempla di Valerio Massimo (I secolo d.c.) erano un vasto prontuario di episodi significativi, ripartiti in molte rubriche, ad

Dettagli

I liberti imperiali di Formia CIL 10, 06144 = ZPE-67-200 = AE 1978, 00091

I liberti imperiali di Formia CIL 10, 06144 = ZPE-67-200 = AE 1978, 00091 I liberti imperiali di Formia Iscrizioni funebri Claudii: CIL 10, 06144 = ZPE-67-200 = AE 1978, 00091 Ti(berio) Claudio Aug(usti) l(iberto) Erasto / et Claudiae Nereidi coniugi eius / Ti(berius) Claudius

Dettagli

La pieve di San Pietro Apostolo 1 a Castagnole Piemonte

La pieve di San Pietro Apostolo 1 a Castagnole Piemonte La pieve di San Pietro Apostolo 1 a Castagnole Piemonte I più antichi documenti che citano la pieve risalgono al 1037 (carta del vescovo di Torino Landolfo) e al 1118 (cartario dell abbazia di S. Solutore

Dettagli