PROVINCIA DI PRATO. Atti della Giunta Provinciale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROVINCIA DI PRATO. Atti della Giunta Provinciale"

Transcript

1 PROVINCIA DI PRATO Atti della Giunta Provinciale DELIBERAZIONE N. 227 DEL OGGETTO: AREA ISTRUZIONE, FORMAZIONE, ORIENTAMENTO E LAVORO - Protocollo di Intesa fra Provincia di Prato e Comune di Montemurlo e fra Provincia di Prato e Comuni di Carmignano e Poggio a Caiano per la realizzazione di un programma di azioni speciali per lo sviluppo locale e l occupabilità finalizzate al rilancio dello sviluppo economico e dell'occupazione. Approvazione degli schemi di protocollo. L'anno Duemilanove (2009) e questo giorno venticinque (25) del mese di novembre alle ore 9,40 nella sede della Provincia di Prato, convocata dal Presidente, si è riunita la seduta della GIUNTA PROVINCIALE nelle persone dei Signori: Componenti Carica Presenti Assenti GESTRI Lamberto Nazzareno Presidente X GIORGI Ambra Vice Presidente X ARRIGHINI Stefano Assessore X BELTRAME Alessio Assessore X FERRARA Loredana Assessore X MELIGHETTI Gabriella Assessore X MENCHETTI Ivano Assessore X NAPOLITANO Antonio Assessore X NESI Edoardo Assessore X ASSISTE il Segretario Generale della Provincia di Prato Dott.ssa CANESSA Rosella. PRESIEDE la seduta la Vice Presidente Dott.ssa GIORGI Ambra. LA VICE PRESIDENTE CONSTATATO il numero legale degli intervenuti, dichiara aperta la seduta invitando la Giunta a trattare l'allegata proposta di deliberazione di seguito riportata e relativa all'oggetto di cui sopra.

2 DELIBERAZIONE N. 227 DEL OGGETTO: Servizio Lavoro - Protocollo di Intesa fra Provincia di Prato e Comune di Montemurlo e fra Provincia di Prato e Comuni di Carmignano e Poggio a Caiano per la realizzazione di un programma di azioni speciali per lo sviluppo locale e l occupabilità finalizzate al rilancio dello sviluppo economico e dell'occupazione. APPROVAZIONE DEGLI SCHEMI DI PROTOCOLLO. LA GIUNTA UDITA la relazione del Presidente /dell Assessore Ambra Giorgi VISTA e valutata l allegata proposta trasmessa dal Direttore dell Area Istruzione, Formazione, Orientamento e Lavoro ed avente ad oggetto: VISTI i pareri favorevoli espressi su di essa, ai sensi dell art.49 del D.Lgs. n.267/2000 rispettivamente dal: - Direttore dell Area proponente in ordine alla regolarità tecnica, - Responsabile del Servizio Finanziario in ordine alla regolarità contabile; ACCERTATA la propria competenza ai sensi dell art.48 del D.Lgs. n. 267/2000 ( T.U. degli enti locali ); RITENUTO di dover provvedere in merito a quanto proposto; A voti UNANIMI e palesi ; DELIBERA 1. di approvare, per le motivazioni riportate in premessa, gli schemi di Protocollo di Intesa per la realizzazione di un programma di azioni speciali per lo sviluppo locale e l occupabilità finalizzate al rilancio del sistema industriale attraverso la ricerca e l innovazione e a favorire lo sviluppo di nuove filiere economiche ecosostenibili o legate al benessere della persona allegato N. 1 della presente proposta per farne parte integrante e sostanziale e di Protocollo d intesa per la realizzazione di un programma di azioni speciali per lo sviluppo locale e l occupabilità finalizzate allo sviluppo delle nuove filiere legate al ruolo dell agricoltura, delle aree verdi, del manifatturiero, dell artigianato, del turismo e dei servizi in genere, allegato N. 2 della presente proposta per farne parte integrante e sostanziale; 2. di dare atto che per quanto di competenza dell Amministrazione Provinciale le azioni vengono finanziate con risorse a valere sul POR FSE 2007/2013 secondo le indicazioni del PEG 2009, programma 20 FORMAZIONE - e programma 27 - POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO e che i beneficiari saranno individuati attraverso procedure ad evidenza pubblica, e che a tale scopo sono intervenute la Deliberazione della Giunta Provinciale N. 188 del 06/10/2009, con la quale è stato approvato lo schema di Schema di Avviso Pubblico per il finanziamento di tirocini formativi e ed incentivi alle aziende per l assunzione a valere sull Asse II Occupabilità P.O.R. Toscana Ob. 2 Competitività regionale e occupazione e la Determinazione Dirigenziale N del 19/10/2009 di approvazione e pubblicazione dell Avviso e del relativo formulario; 3. di trasmettere copia della presente deliberazione, per i provvedimenti connessi e conseguenti, alle sotto indicate Aree: Segreteria Generale Istruzione, Formazione, Orientamento e Lavoro; 4. di dare atto che ai sensi dell art. 5 della legge n.241/1990, il responsabile del procedimento è il Sig. Giancarlo Carboncini;

3 5. di precisare che avverso il presente provvedimento può essere presentato alternativamente ricorso al TAR o al Presidente della Repubblica rispettivamente entro 60 o 120 giorni dalla data di scadenza del termine di pubblicazione; 6. di dichiarare il presente atto immediatamente eseguibile, ai sensi dell art.134, comma 4 del D. Lgs. n. 267/2000, a seguito di separata e palese votazione UNANIME.

4 AREA ISTRUZIONE, FORMAZIONE, ORIENTAMENTO E LAVORO SERVIZIO ORIENTAMENTO E LAVORO PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DEL OGGETTO: Protocollo di Intesa fra Provincia di Prato e Comune di Montemurlo e fra Provincia di Prato e Comuni di Carmignano e Poggio a Caiano per la realizzazione di un programma di azioni speciali per lo sviluppo locale e l occupabilità finalizzate al rilancio dello sviluppo economico e dell'occupazione. APPROVAZIONE DEGLI SCHEMI DI PROTOCOLLO. IL DIRETTORE DELL AREA a ciò autorizzato dall art.107 del D.Lgs. n. 267/2000, dall art. 7 del vigente Regolamento provinciale sull ordinamento degli uffici e dei servizi e dal Decreto Presidenziale n. 25 del 25 giugno 2009 con il quale le è stato conferito l incarico di Direttore dell Area Istruzione, Formazione, Orientamento e Lavoro PREMESSO CHE : 1. la Legge 59/97 attribuisce al Governo la delega per il conferimento di funzioni e compiti alle Regioni ed Enti Locali per la riforma della Pubblica Amministrazione e per la semplificazione amministrativa; 2. Il D.Lgs n. 469, attribuisce funzioni e compiti alle Regioni e agli Enti Locali in relativi al collocamento, in materia di preselezione ed incontro tra domanda ed offerta di lavoro; iniziative volte ad incrementare l occupazione e ad incentivare l incontro tra domanda e offerta di lavoro; 3. la Legge Regionale Toscana del n. 32 Testo Unico della normativa della Regione Toscana in materia di educazione, istruzione, orientamento, formazione professionale e lavoro, in particolare l art. 22, comma 3, affida alle Province il compito di gestire attraverso il Sistema Provinciale integrato dei Servizi all Impiego, di cui fanno parte i Centri per l Impiego i servizi connessi alle funzioni e ai compiti relativi al collocamento, e all incontro fra la domanda e l offerta di lavoro; i servizi connessi ai compiti di gestione in materia di politiche attive del lavoro; gli interventi di prevenzione della disoccupazione; le attività di orientamento e le attività relative all obbligo formativo; RICHIAMATI 4. il Piano Operativo Regionale Ob. 2 FSE 2007/2013, che mediante l Asse II Occupabilità ; persegue l obiettivo specifico di Attuare politiche del lavoro attive e preventive, con particolare attenzione all integrazione dei migranti nel mercato del lavoro, all invecchiamento attivo, al lavoro autonomo e all avvio di imprese attraverso l Azione work experience, tirocini, borse di studio in alternanza scuolalavoro finalizzate all inserimento lavorativo, con specifici strumenti di supporto alle persone con disabilità e l Azione aiuti all'occupazione, incentivi alle imprese per l assunzione a tempo indeterminato di soggetti alla ricerca attiva di lavoro ; 5. La Relazione Previsionale e Programmatica anno 2009 della Provincia di Prato che prevede al programma 20 FORMAZIONE - la necessità di favorire l allargamento e la qualificazione della base occupazionale, rimuovendo i divari di opportunità tra i vari soggetti sociali e operando per innalzare il profilo qualitativo dell occupazione e per il mantenimento delle condizioni e competenze che garantiscano la permanenza e la mobilità verticale nel mercato del lavoro e al programma 27 - POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO - è prioritario lo sviluppo di servizi specifici per fronteggiare le crisi aziendali, promuovendo l'occupazione, la formazione, l accompagnamento del singolo e lo sviluppo di sistemi di anticipazione dei cambiamenti economici e dei fabbisogni futuri in termini di occupazione e qualifiche ; CONSIDERATO CHE la situazione economica e sociale del Distretto tessile implica la necessità di promuovere sul territorio misure di politica attiva del lavoro che garantiscano il sostegno dell apparato produttivo distrettuale, colleghino le politiche passive con quelle attive superando concezioni puramente assistenziali, limitino la dispersione di risorse umane in possesso di professionalità e competenze storicamente consolidate e altamente qualificate, e consentano di affrontare la gravità dei risvolti sociali della crisi; RITENUTO OPPORTUNO, al fine di attivare delle politiche attive del lavoro per il rilancio dello sviluppo economico sostenibile e la promozione di iniziative produttive volte a creare nuova occupazione e ad agevolare il

5 reinserimento dei lavoratori colpiti dagli effetti della crisi che sta interessando il territorio, pervenire alla definizione di una forma strutturata di intesa, di raccordo e di integrazione fra le politiche attive della formazione e del lavoro tra gli Enti Territoriali per la realizzazione di interventi di sviluppo locale; VISTI, pertanto, lo schema di Protocollo di Intesa per la realizzazione di un programma di azioni speciali per lo sviluppo locale e l occupabilità finalizzate al rilancio del sistema industriale attraverso la ricerca e l innovazione e a favorire lo sviluppo di nuove filiere economiche ecosostenibili o legate al benessere della persona, predisposto in collaborazione con il Comune di Montemurlo, allegato N. 1 della presente proposta per farne parte integrante e sostanziale, e lo schema di Protocollo d intesa per la realizzazione di un programma di azioni speciali per lo sviluppo locale e l occupabilità finalizzate allo sviluppo delle nuove filiere legate al ruolo dell agricoltura, delle aree verdi, del manifatturiero, dell artigianato, del turismo e dei servizi in genere, predisposto in collaborazione con i Comuni di Carmignano e Poggio a Caiano, allegato N. 2 della presente proposta per farne parte integrante e sostanziale; DATO ATTO che per quanto di competenza dell Amministrazione Provinciale le azioni vengono finanziate con risorse a valere sul POR FSE 2007/2013 secondo le indicazioni del PEG 2009, programma 20 FORMAZIONE - e programma 27 - POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO e che i beneficiari saranno individuati attraverso procedure ad evidenza pubblica, e che a tale scopo sono intervenute la Deliberazione della Giunta Provinciale N. 188 del 06/10/2009, con la quale è stato approvato lo schema di Schema di Avviso Pubblico per il finanziamento di tirocini formativi e ed incentivi alle aziende per l assunzione a valere sull Asse II Occupabilità P.O.R. Toscana Ob. 2 Competitività regionale e occupazione e la Determinazione Dirigenziale N del 19/10/2009 di approvazione e pubblicazione dell Avviso e del relativo formulario; PROPONE 1. di approvare, per le motivazioni riportate in premessa, gli schemi di Protocollo di Intesa per la realizzazione di un programma di azioni speciali per lo sviluppo locale e l occupabilità finalizzate al rilancio del sistema industriale attraverso la ricerca e l innovazione e a favorire lo sviluppo di nuove filiere economiche ecosostenibili o legate al benessere della persona allegato N. 1 della presente proposta per farne parte integrante e sostanziale e di Protocollo d intesa per la realizzazione di un programma di azioni speciali per lo sviluppo locale e l occupabilità finalizzate allo sviluppo delle nuove filiere legate al ruolo dell agricoltura, delle aree verdi, del manifatturiero, dell artigianato, del turismo e dei servizi in genere, allegato N. 2 della presente proposta per farne parte integrante e sostanziale; 2. di dare atto che per quanto di competenza dell Amministrazione Provinciale le azioni vengono finanziate con risorse a valere sul POR FSE 2007/2013 secondo le indicazioni del PEG 2009, programma 20 FORMAZIONE - e programma 27 - POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO e che i beneficiari saranno individuati attraverso procedure ad evidenza pubblica, e che a tale scopo sono intervenute la Deliberazione della Giunta Provinciale N. 188 del 06/10/2009, con la quale è stato approvato lo schema di Schema di Avviso Pubblico per il finanziamento di tirocini formativi e ed incentivi alle aziende per l assunzione a valere sull Asse II Occupabilità P.O.R. Toscana Ob. 2 Competitività regionale e occupazione e la Determinazione Dirigenziale N del 19/10/2009 di approvazione e pubblicazione dell Avviso e del relativo formulario; 3. di individuare, ai sensi dell art. 5 della legge n241/1990, il responsabile del procedimento nella persona del Sig. Giancarlo Carboncini. Stante l urgenza del provvedimento, PROPONE altresì Che la presente proposta di deliberazione sia dichiarata immediatamente eseguibile ai sensi dell art. 134, comma 4, D.Lgs. 267/2000. Sulla presente proposta, il sottoscritto Direttore, visto l art.49, comma 1, del D.Lgs. n.. 267/2000, esprime

6 in ordine alla regolarità tecnica PARERE FAVOREVOLE IL DIRETTORE Dott.ssa Franca Enza Ferrara

7 Schema di PROTOCOLLO D INTESA PER LA REALIZZAZIONE DI UN PROGRAMMA DI AZIONI SPECIALI PER LO SVILUPPO LOCALE E L OCCUPABILITÀ FINALIZZATE AL RILANCIO DEL SISTEMA INDUSTRIALE ATTRAVERSO LA RICERCA E L INNOVAZIONE E A FAVORIRE LO SVILUPPO DI NUOVE FILIERE ECONOMICHE ECOSOSTENIBILI O LEGATE AL BENESSERE DELLA PERSONA L anno XXX e questo giorno XXX del mese XXXX, in Prato presso XXXXXX, posto in via XXXXXX, si trovano riuniti i legali rappresentanti di: Provincia di Prato nella persona del Presidente Lamberto Nazzareno Gestri (o suo delegato) Comune di Montemurlo - nella persona del Sindaco Mauro Lorenzini (o suo delegato) PREMESSO CHE I sottoscrittori del presente protocollo, nell ambito degli indirizzi dati dal Tavolo di Distretto, di cui fanno parte prendono atto e riconoscono che: Nel contesto della crisi economica ed occupazionale in atto, il settore più colpito è il settore tessile: secondo i dati della Camera di Commercio di Prato, nel periodo le imprese attive sono diminuite del 37,1% per un totale di unità; I dati del Sistema informativo provinciale del lavoro, inoltre, registrano che nel 2008 i licenziamenti effettuati da imprese tessili hanno superato di unità le assunzioni; la tendenza è confermata anche dai dati del primo semestre 2009 con un saldo negativo di 205 unità. A questo si aggiunge il ribaltamento del rapporto tra assunzioni a tempo indeterminato e assunzioni a termine: in due anni le prime sono passate dal 48% al 37%; i rapporti a termine sono aumentati dal 31% al 42%. Nel semestre gennaio giugno 2009 aumentano complessivamente quasi di un terzo (+27,62%) gli iscritti alle liste di mobilità rispetto allo stesso semestre Al 31 agosto 2009 gli accordi di cassa integrazione straordinari stipulati riguardano lavoratori di 38 aziende, di cui 36 fanno parte dell'industria tessile. In tutto il 2008 i lavoratori in cigs risultavano 607 e le aziende coinvolte 20. La cassa integrazione in deroga una misura gestita a livello regionale a salvaguardia di settori e lavoratori esclusi dalla cig e dalla cigs vede, sempre al 31 agosto, 756 domande di aziende che hanno l'unità produttiva nella provincia di Prato. Il distretto pratese risulta il primo per le richieste a livello regionale con il 36% del totale. I dati del 2008 rilevano anche la difficoltà nella ricerca del lavoro per le fasce di età al di sopra dei 25 anni, con riduzioni degli avviamenti, rispetto al 2007, che vanno dal 16 % per la fascia anni, al 17,36 % per quella anni, al 17 % per la fascia Il comune di Montemurlo soffre ancor più la situazione di crisi del tessile: nei primi sei mesi del 2009 il saldo avviamenti/cessazioni nel settore è negativo per 138 unità (pari al 67% del saldo negativo provinciale). Anche le iscrizioni ai servizi del Centro per l Impiego sono sensibilmente aumentate, passando da 375 (218 donne, 157 uomini) del periodo gennaio settembre 2008 a 672 (317 donne, 355 uomini) dello stesso periodo del Il comune di Montemurlo, in relazione a quanto sopra, nei propri atti di programmazione per il biennio 2009/2010 ha già previsto risorse economiche per realizzazione di infrastrutture, innovazione e ricerca (CREAF), recupero ambientale e incentivi all utilizzo di sistemi energetici rinnovabili. La fase di riposizionamento del Distretto Industriale Tessile implica la necessità di promuovere sul territorio misure di politica attiva del lavoro che garantiscano il sostegno dell apparato produttivo distrettuale, colleghino le politiche passive con quelle attive superando concezioni puramente assistenziali, limitino la dispersione di risorse umane in possesso di professionalità e competenze storicamente consolidate e altamente qualificate, e consentano di affrontare la gravità dei risvolti sociali della crisi. RICHIAMATO Il P.O.R. Toscana Ob. 2 Competitività regionale e occupazione , Asse II Occupabilità ; Obiettivo Specifico e) Attuare politiche del lavoro attive e preventive, con particolare attenzione all integrazione dei migranti nel mercato del lavoro, all invecchiamento attivo, al lavoro autonomo e all avvio di imprese; Azione work experience, tirocini, borse di studio in alternanza scuola-lavoro

8 finalizzate all inserimento lavorativo, con specifici strumenti di supporto alle persone con disabilità; ed Azione aiuti all'occupazione, incentivi alle imprese per l assunzione a tempo indeterminato di soggetti alla ricerca attiva di lavoro L Accordo Quadro territoriale per la gestione degli sportelli di prima accoglienza del sistema provinciale integrato dei servizi per l impiego della Provincia di Prato, che all art. 7 prevede Progetti di sviluppo per sperimentazioni e/o nuove prassi tese all'implementazione e allo sviluppo dei Servizi per l'impiego, anche attraverso il reperimento di ulteriori opportunità di finanziamento sui fondi comunitari, nazionali e regionali. La Relazione Previsionale e Programmatica anno 2009 della Provincia di Prato che prevede al programma 20 FORMAZIONE - la necessità di favorire l allargamento e la qualificazione della base occupazionale, rimuovendo i divari di opportunità tra i vari soggetti sociali e operando per innalzare il profilo qualitativo dell occupazione e per il mantenimento delle condizioni e competenze che garantiscano la permanenza e la mobilità verticale nel mercato del lavoro e al programma 27 - POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO - è prioritario lo sviluppo di servizi specifici per fronteggiare le crisi aziendali, promuovendo l'occupazione, la formazione, l accompagnamento del singolo e lo sviluppo di sistemi di anticipazione dei cambiamenti economici e dei fabbisogni futuri in termini di occupazione e qualifiche ; La Relazione Previsionale e Programmatica anno 2009 del Comune di Montemurlo prevede al programma SERVIZI ALLA PERSONA - realizzare una cittadella della salute e del divertimento, con giochi, attività sportive e recupero fisico; promuovere scelte di salute da parte di tutta la popolazione attraverso la concretizzazione di comportamenti virtuosi, alimentazione sana, attività fisica ; privilegiare le politiche di sostegno e accesso al lavoro, elemento fondante della capacità e autosufficienza delle famiglie, al programma QUALITA DEL TERRITORIO E DEL PATRIMONIO miglioramento e messa a norma del patrimonio immobiliare, miglioramento e manutenzione degli impianti tecnologici, tutela della salute pubblica e salvaguardia dell ambiente, sviluppo tecnologico e scientifico sulle energie rinnovabili programma QUALITA AMMINISTRATIVA la vocazione industriale di Montemurlo deve essere supportata da adeguate forme di incentivo e di semplificazione relative all insediamento di impresa; partecipazione ai programmi di ricerca e innovazione che avranno sede nel CREAF ; I SOTTOSCRITTORI CONVENGONO SU QUANTO SEGUE Art. 1 - Finalità Attivare delle politiche attive del lavoro per il rilancio dello sviluppo economico sostenibile e la promozione di iniziative produttive volte a creare nuova occupazione e ad agevolare il reinserimento dei lavoratori colpiti dagli effetti della crisi che sta interessando il territorio mediante il rafforzamento delle filiere del comparto economico legato alle cosiddette aziende verdi o dell immateriale; Art. 2 Priorità territoriali La Provincia di Prato e il Comune di Montemurlo intendono avviare delle azioni concrete volte da un lato al mantenimento della vocazione tessile del territorio e dall altro alla riconversione verso settori alternativi che possano garantire l assorbimento della forza lavoro espulsa. Ciò implica sostenere il rilancio del sistema industriale attraverso la ricerca e l innovazione e favorire lo sviluppo di nuove filiere economiche ecosostenibili o legate al benessere della persona. A tal fine diventa prioritario intervenire per formare o riqualificare specifiche figure professionali. Si individuano come azioni in grado di determinare effetti positivi sull occupazione: gli interventi di innovazione di processo e di prodotto ai fini del miglioramento della qualità; lo sviluppo tecnologico e scientifico del settore delle energie alternative e della relativa impiantistica; la manutenzione e valorizzazione del territorio, quale risorsa fondamentale per la fruizione del vasto patrimonio storico, ambientale, naturalistico e paesaggistico del territorio comunale; la riqualificazione del patrimonio architettonico edilizio, ed il recupero degli spazi liberati dalla riorganizzazione produttiva del distretto con l inserimento di attività con fini produttivi o di servizio; i servizi alla persona mirati al miglioramento della qualità della vita.

9 Art. 3 - Funzioni e ruoli La Provincia di Prato si impegna a predisporre Azioni di sviluppo locale, volte alla valorizzazione delle forze presenti nel territorio e le loro capacità di proposta al fine di contribuire all occupazione, ed in modo particolare ad attivare con procedure ad evidenza pubblica: 1. percorsi individuali di reinserimento lavorativo di soggetti colpiti dai processi di crisi mediante l organizzazione di tirocini formativi e di orientamento (ai sensi dell art. 18 della L. 167/97 e del DM 142/98), con l erogazione di una indennità di frequenza che consenta l efficace partecipazione degli interessati; 2. contributi straordinari (una tantum) ai datori di lavoro che, dopo aver ospitato in tirocinio uno o più lavoratori di cui al precedente punto, procedono ad assumerli in particolare con contratti di lavoro a tempo indeterminato e determinato; 3. voucher formativi individuali finalizzati a favorire percorsi di riqualificazione e/o riconversione; Gli interventi di cui sopra saranno prioritariamente indirizzati nei confronti di aziende attive nel territorio dei Comuni aderenti al presente Protocollo e comunque operanti nelle filiere del comparto economico legato alle cosiddette aziende verdi e dell immateriale localizzate nella Provincia di Prato e volte alla valorizzazione del territorio in cui operano; Il Comune di Montemurlo nel raccordo con i Servizi dell'amministrazione Provinciale e gli sportelli Lavoro decentrati presso i Comuni di cui all Accordo Quadro territoriale sopra richiamato si impegna a: 1. sviluppare azioni di animazione territoriale per il coinvolgimento delle aziende ai fini di un efficace incontro tra la domanda e l'offerta; 2. supportare le persone e le aziende interessate, mediante attività di assistenza tecnica per la presentazione delle domande e per gli adempimenti burocratici legati alla realizzazione delle attività in questione; 3. monitorare le attività in itinere ai fini di una efficace azione di sostegno per l'incontro Domanda-offerta. Art. 4 Comitato Tecnico di coordinamento I sottoscrittori del presente protocollo si impegnano ad attivare un tavolo tecnico finalizzato a monitorare l andamento e l efficacia delle azioni messe in campo con il presente protocollo, costituito da due tecnici della Provincia di Prato e da due del Comune di Montemurlo, con il compito di redigere almeno tre distinti rapporti sull andamento delle azioni. Il Comitato Tecnico potrà avvalersi del contributo delle Parti Sociali. Art. 5 Quadro economico La Provincia di Prato si impegna a stanziare per tutto il territorio Provinciale e a seguito di specifici accordi/protocolli finalizzati all'occupabilità l importo complessivo previsto pari a Euro ,00 secondo le modalità che verranno precisate negli avvisi pubblici, nello specifico: 1. Euro ,00 per percorsi individuali di reinserimento lavorativo di soggetti colpiti dai processi di crisi mediante l organizzazione di tirocini formativi e di orientamento (ai sensi dell art. 18 della L. 167/97 e del DM 142/98), con l erogazione di una indennità di frequenza che consenta l efficace partecipazione degli interessati; 2. Euro ,00 per contributi straordinari (una tantum) ai datori di lavoro che, dopo aver ospitato in tirocinio uno o più lavoratori di cui al precedente punto, procedono ad assumerli in particolare con contratti di lavoro a tempo indeterminato e determinato; 3. Euro ,00 per voucher formativi individuali finalizzati a favorire percorsi di riqualificazione e/o riconversione in settori produttivi ritenuti ad alta priorità locale; Sulla base dell andamento delle azioni previste, l Amministrazione Provinciale, fermo restando l importo complessivo messo a disposizione, si riserva la possibilità di modificare gli stanziamenti previsti per ogni singola azione. Il Comune di Montemurlo si impegna a sostenere economicamente le proprie azioni nei confronti delle persone e delle aziende interessate alle azioni indicate all art. 3 del presente protocollo, per un importo pari ad Euro 8.000,00.

10 Inoltre, sulla base di un analisi svolta sulle proprie risorse patrimoniali, il Comune si impegna a mettere a disposizione, compatibilmente con la loro destinazione, dei lotti di terreno per imprese che vogliano condividere questi percorsi di reinserimento e di riconversione. Il Comune potrà intraprendere azioni di sostegno affidando eventuali commesse nei confronti di imprese che operino nell ambito della manutenzione del territorio (compreso quello boschivo), del decoro e del verde urbano che aderiscano al presente protocollo. Art. 6 Durata Il presente Protocollo d Intesa ha una durata pari a quella della programmazione regionale del Piano Operativo Regionale del FSE (POR FSE 2007/2013). Le parti si riservano, a seguito della valutazione sull'efficacia delle azioni, di rifinanziare l iniziativa con eventuali ulteriori risorse. Ciascuna parte firmataria può recedere dall'intesa con un preavviso di almeno tre mesi. Art. 7 Disposizioni Finali e Progetti di sviluppo I sottoscrittori del presente protocollo si impegnano ad attivare ogni sinergia utile alla al raggiungimento degli obiettivi, alla semplificazioni delle eventuali procedure necessarie alla realizzazione delle azioni, ed a collaborare per il conseguimento delle finalità del progetto, curando ciascuno per le proprie competenze idonee forme di pianificazione degli interventi programmati, in coerenza con gli strumenti programmazione da ciascuno adottati. I sottoscrittori del presente protocollo si impegnano a valutare la fattibilità di sperimentazioni e/o ulteriori nuove prassi tese al raggiungimento degli obiettivi comuni richiamati in premessa anche attraverso il reperimento di ulteriori opportunità di finanziamento sui fondi comunitari, nazionali e regionali. Il presente protocollo, sottoscritto in doppio originale, viene depositato agli atti della provincia di Prato e delle Amministrazioni firmatarie. Prato Letto, approvato e sottoscritto PROVINCIA DI PRATO Il Presidente Lamberto Nazzareno Gestri COMUNE DI MONTEMURLO Il Sindaco Mauro Lorenzini

11 Schema di PROTOCOLLO D INTESA PER LA REALIZZAZIONE DI UN PROGRAMMA DI AZIONI SPECIALI PER LO SVILUPPO LOCALE E L OCCUPABILITÀ FINALIZZATE ALLO SVILUPPO DELLE NUOVE FILIERE LEGATE AL RUOLO DELL AGRICOLTURA, DELLE AREE VERDI, DEL MANIFATTURIERO, DELL ARTIGIANATO, DEL TURISMO E DEI SERVIZI IN GENERE L anno XXX e questo giorno XXX del mese XXXX, in Prato presso XXXXXX, posto in via XXXXXX, si trovano riuniti i legali rappresentanti di: Provincia di Prato nella persona del Presidente Lamberto Nazzareno Gestri (o suo delegato) Comune di Carmignano - nella persona del Sindaco Doriano Cirri (o suo delegato) Comune di Poggio a Caiano - nella persona del Sindaco Marco Martini (o suo delegato) PREMESSO CHE I sottoscrittori del presente protocollo, nell ambito degli indirizzi dati dal Tavolo di Distretto, di cui fanno parte prendono atto e riconoscono che: I profondi cambiamenti che negli ultimi anni hanno attraversato la realtà distrettuale hanno innescato processi di ristrutturazione e di selezione profondi. Cambiamenti organizzativi, produttivi, tecnologici e nei mercati, oltre a un forte inasprimento della concorrenza, hanno caratterizzato l ultimo ventennio, ed in particolare gli anni più recenti. Nel contesto tale crisi economica ed occupazionale in atto, il settore più colpito è il settore tessile: secondo i dati della Camera di Commercio di Prato, nel periodo le imprese attive sono diminuite del 37,1% per un totale di unità; I dati del Sistema informativo provinciale del lavoro, inoltre, registrano che nel 2008 i licenziamenti effettuati da imprese tessili hanno superato di unità le assunzioni; la tendenza è confermata anche dai dati del primo semestre 2009 con un saldo negativo di 205 unità. A questo si aggiunge il ribaltamento del rapporto tra assunzioni a tempo indeterminato e assunzioni a termine: in due anni le prime sono passate dal 48% al 37%; i rapporti a termine sono aumentati dal 31% al 42%. Nel semestre gennaio giugno 2009 aumentano complessivamente quasi di un terzo (+27,62%) gli iscritti alle liste di mobilità rispetto allo stesso semestre Al 31 agosto 2009 gli accordi di cassa integrazione straordinari stipulati riguardano lavoratori di 38 aziende, di cui 36 fanno parte dell'industria tessile. In tutto il 2008 i lavoratori in cigs risultavano 607 e le aziende coinvolte 20. La cassa integrazione in deroga una misura gestita a livello regionale a salvaguardia di settori e lavoratori esclusi dalla cig e dalla cigs vede, sempre al 31 agosto, 756 domande di aziende che hanno l'unità produttiva nella provincia di Prato. Il distretto pratese risulta il primo per le richieste a livello regionale con il 36% del totale.

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA PROVINCIA DI VERONA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 70 O G G E T T O AFFIDAMENTO INCARICO ALLA SIG.RA CARLA GANZAROLI DEL COMUNE DI LEGNAGO PER PRESTAZIONI

Dettagli

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA Il MERCATO Dipartimento Mercato del Lavoro del LAVORO in LOMBARDIA Legge Regionale 22 approvata il 19 settembre 2006 dal Consiglio Regionale Lombardo ll nuovo testo è migliore rispetto al precedente su

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 26 DEL 27.10.2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 26 DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza COPIA COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza N. 64 del Reg. Delib. N. 6258 di Prot. Verbale letto approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE f.to Antecini IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Scarpari N. 433 REP.

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Nr. 263 di Mercoledi 7 Dicembre 2011 Oggetto: Determinazione dei valori minimi delle aree edificabili ai fini dell'imposta

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 244 IN DATA 28 OTTOBRE 1997. MODIFICATO CON DELIBERAZIONI

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 140 del 25.09.2013 OGGETTO:Accordo tra Comune di Sarzana e Consorzio Sviluppo Sarzana per la realizzazione dell'edizione 2013 del L anno duemilatredici,

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg.

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg. COMUNE DI PALMANOVA Provincia di Udine Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Copia N. 120 Reg. OGGETTO: Integrazione del G.C. 34 dd. 11.04.2012 "Servizi pubblici a domanda individuale 2012 - determinazione

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

COMUNE DI MARUGGIO. (Provincia di Taranto) REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI MARUGGIO. (Provincia di Taranto) REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE COMUNE DI MARUGGIO (Provincia di Taranto) N. 231 del Reg. delib. REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE Oggetto: Riqualificazione dell area comunale in Campomarino denominata Parco Comunale Via

Dettagli

Partecipa il SEGRETARIO GENERALE Dr.ssa Adriana Morittu PAG. 1

Partecipa il SEGRETARIO GENERALE Dr.ssa Adriana Morittu PAG. 1 LA PRESENTE COPIA NON SOSTITUISCE L ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE N 133 DEL 08/10/2009 OGGETTO: ATTO D'INDIRIZZO PER PERFEZIONAMENTO AZIONI CONCLUSIVE PROGETTO ''LAVOR@BILE''. INSERIMENTO

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011 COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011 ================================================================= OGGETTO: CORREZIONE ERRORE MATERIALE

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

MANUALE PER I CONTROLLI SULLE OPERAZIONI COSTITUITE DA EROGAZIONI DI FINANZIAMENTI DIRETTI

MANUALE PER I CONTROLLI SULLE OPERAZIONI COSTITUITE DA EROGAZIONI DI FINANZIAMENTI DIRETTI MANUALE PER I CONTROLLI SULLE OPERAZIONI COSTITUITE DA EROGAZIONI DI FINANZIAMENTI DIRETTI FSE 2007-2013 A cura della Direzione Istruzione Formazione Professionale Lavoro Allegato a alla dd. n. 608 del

Dettagli

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE di FORMIA Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.77 del 17.04.2015 OGGETTO: DELIBERA G.M. 68 DEL 10.04.2015 - APPROVAZIONE PROPOSTA RENDICONTO 2014 E RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA Codice ente Protocollo n. 10388 DELIBERAZIONE N. 33 in data: 28.10.2014 Soggetta invio capigruppo Trasmessa al C.R.C. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

COMUNE DI ABBIATEGRASSO

COMUNE DI ABBIATEGRASSO Delibera N. 35 del 14/02/2013 COMUNE DI ABBIATEGRASSO Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Oggetto: PROMOZIONE APPROFONDIMENTI SULL'EDILIZIA SOCIALE AI FINI DELL' AGGIORNAMENTO DEL P.G.T.. L'anno

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

N. 68/11 del 19 ottobre 2011

N. 68/11 del 19 ottobre 2011 COPIA EDUCATORIO DELLA PROVVIDENZA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE OGGETTO: N. 68/11 del 19 ottobre 2011 ADEGU DEGUAMENTO ALLA NORMATIVA A DI PREVENZIONE INCENDI ENDI: : IMPIANTO

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 COMUNE DI TAINO Provincia di Varese Prot. N. 3207 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Copia N. 6 del 28/04/2014 OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 L'anno

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIAROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/71 del 30 dicembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Proroga delle scadenze temporali previste dall'art. 12 del "Regolamento

Dettagli

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS Legge Regionale 28 giugno 2013 n. 15 - Disposizioni transitorie in materia di riordino delle province Legge Regionale 12 marzo 2015 n. 7 - Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO Generalmente il piano dettagliato degli obiettivi (art. 108 e 197 del Tuel) coincide con la c.d. parte descrittiva del Peg, cioè quella parte che individua gli obiettivi

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

Verbale di deliberazione della Giunta Municipale. Registro delibere di Giunta COPIA N. 96

Verbale di deliberazione della Giunta Municipale. Registro delibere di Giunta COPIA N. 96 COMUNE DI TREPPO GRANDE Medaglia d Oro al Merito Civile PROVINCIA DI UDINE COMUN DI TREP GRANT Medae d Aur al Merit Civil PROVINCIE DI UDIN Verbale di deliberazione della Giunta Municipale Registro delibere

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento - C.A.P. 38064 Via Roma, 60 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 VERBALE DI DELIBERAZIONE N.

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 OGGETTO: Recepimento verbale commissione trattante aziendale del 15.10.2013. L anno Duemilatredici, il giorno ventiquatto del mese di

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 C OMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO PROVINCIA DI TREVISO Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA N. 37 del 16.12.2013 OGGETTO: Legge Regionale N. 1 Del 03/01/1986, Art. 8. Alienazione di terreni di proprietà collettiva di uso civico edificati o edificabili.

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana Deliberazione n.119/2015/par REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana nella camera di consiglio del 12 febbraio 2015 visto il T.U. delle leggi sulla Corte dei conti,

Dettagli

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013)

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013) Municipio Roma V (ex VI e VII) Unità di Direzione Servizio di Assistenza agli Organi Istituzionali Ufficio Consiglio Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Deliberazione di Giunta Comunale

Deliberazione di Giunta Comunale Comune di Selargius Numero Data Prot. 155 25/05/99 Deliberazione di Giunta Comunale Oggetto: LAVORI DI ADEGUAMENTO E MESSA A NORMA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI DEGLI EDIFICI SCOLASTICI. APPROVAZIONE PROGETTO

Dettagli

Parte I. VISTA la L.R. 2 marzo 1996 n. 12 e sue successive

Parte I. VISTA la L.R. 2 marzo 1996 n. 12 e sue successive Parte I N. 19 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 19-6-2012 4849 Contenzioso n. 160 - Tribunale di Potenza - Procedimento penale n. 3608/08 - R.G.N.R. n. 485/09 R.G.GIP - Costituzione in

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro

Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro Provincia Autonoma di Trento Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro Testo adottato dalla Giunta Provinciale con deliberazione n. xxxx del xx/xx/xxxx ART. 1. ELENCO ANAGRAFICO DEI LAVORATORI

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO COMUNE di SAN COLOMBANO AL LAMBRO BORGO INSIGNE (Titolo Araldico) Provincia di MILANO REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO (Approvato con delibera del Consiglio

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

CCNL Mobilità/Area AF 20.7.2012. CCNL della Mobilità/ Area contrattuale Attività Ferroviarie del 20 luglio 2012

CCNL Mobilità/Area AF 20.7.2012. CCNL della Mobilità/ Area contrattuale Attività Ferroviarie del 20 luglio 2012 CCNL della Mobilità/ Area contrattuale Attività Ferroviarie del 20 luglio 2012 di rinnovo del CCNL delle Attività Ferroviarie del 16 aprile 2003 1 PREMESSA (Nuovo CCNL della Mobilità) Le parti, visto il

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 039 del Consiglio comunale. OGGETTO: nomina del Revisore dei Conti del Comune per il triennio 2014 2017.

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 039 del Consiglio comunale. OGGETTO: nomina del Revisore dei Conti del Comune per il triennio 2014 2017. Comune di Folgaria Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

VISTI gli articoli 4 e 5 della L.R. n. 7/97; VISTA la Deliberazione G.R. n. 3261 del 28/7/98 e s.m.i.; VISTI gli artt. 4 e 16 del D.Lgs.

VISTI gli articoli 4 e 5 della L.R. n. 7/97; VISTA la Deliberazione G.R. n. 3261 del 28/7/98 e s.m.i.; VISTI gli artt. 4 e 16 del D.Lgs. Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 19 del 05 02 2015 4275 Di notificare il presente provvedimento: Sindaco del Comune di Mola di Bari (BA); Al Sindaco del Comune di Rutigliano (BA); Al Sindaco

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t LEGGE REGIONALE 20 MAGGIO 2014, N. 26 Disposizioni per favorire l accesso dei giovani all agricoltura e contrastare l abbandono e il consumo dei suoli agricoli 2 LEGGE REGIONALE Disposizioni per favorire

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/60 del 12 novembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Servizio Idrico Integrato - Approvazione della revisione tariffaria

Dettagli

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio;

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio; 5) GESTIONE DELL UFFICIO SVILUPPO TURISTICO, CULTURALE, RICETTIVO VALLI JONICHE Comuni di Pagliara, Mandanici, Itala, Scaletta Zanclea, Ali Terme, Ali, Nizza di Sicilia, Roccalumera, Fiumedinisi. S T A

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Al servizio del lavoro

Al servizio del lavoro www.lavoro.regione.lombardia.it Al servizio del lavoro Guida alle politiche di Regione Lombardia a sostegno dell occupazione. Opportunità e iniziative: per chi è disoccupato per i lavoratori colpiti dalla

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DEI CRITERI E DELLE MODALITA DI TRASFORMAZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO DA TEMPO PIENO A TEMPO PARZIALE.

REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DEI CRITERI E DELLE MODALITA DI TRASFORMAZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO DA TEMPO PIENO A TEMPO PARZIALE. COMUNE DI USMATE VELATE Provincia di Monza e della Brianza. Corso Italia n. 22 20040 USMATE VELATE Cod.Fisc.01482570155 REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DEI CRITERI E DELLE MODALITA DI TRASFORMAZIONE DEL

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Provincia di Bologna COPIA n. 28 del 30.04.2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Il giorno 30 aprile 2014 alle ore 20.30 nella sala consiliare del Municipio, previa l'osservanza di tutte le formalità

Dettagli

Comune di Isola del Liri

Comune di Isola del Liri SERVIZIO 1 - SEGRETERIA DEL SINDACO U.R.P. AFFARI GENERALI E PERSONALE AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO, AI SENSI DELL ART. 110, COMMA 1, DEL D. LGS. 267/2000, DI N. 1

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi.

Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi. VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 1 2 OGGETTO: Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi. L anno 2012 (Duemiladodici) addì 27 (Ventisette) del mese

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione

Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione Articolo 1 - Costituzione E' costituita una Associazione denominata: Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione (CIIP)

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti FEASR REGIONE DEL VENETO Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali SCHEDA INTERVENTO A REGIA GAL Approvata con Deliberazione del Consiglio Direttivo del GAL n. 16

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 9^ legislatura Struttura amministrativa competente: Direzione Competitivita Sistemi Agroalimentari Presidente Luca Zaia Vicepresidente Marino Zorzato Assessori Renato Chisso Roberto Ciambetti Luca Coletto

Dettagli

6.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10. 2014, n. 1 Abrogazioni

6.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10. 2014, n. 1 Abrogazioni 9 Lastri, De Robertis, Rossetti, Ruggeri, Remaschi, Boretti, Venturi, Bambagioni, Saccardi Proposta di legge della Giunta regionale 20 ottobre Art. 20 2014, n. 1 Abrogazioni divenuta Proposta di legge

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli