LISTINO 2012 Toscana-Umbria-Campania-Basilicata-Emilia Romagna- Lombardia-Liguria-Marche-Sardegna-Veneto-Friuli Venezia Giulia-Trentino A/A

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LISTINO 2012 Toscana-Umbria-Campania-Basilicata-Emilia Romagna- Lombardia-Liguria-Marche-Sardegna-Veneto-Friuli Venezia Giulia-Trentino A/A"

Transcript

1 LISTINO 2012 Toscana-Umbria-Campania-Basilicata-Emilia Romagna- Lombardia-Liguria-Marche-Sardegna-Veneto-Friuli Venezia Giulia-Trentino A/A TOSCANA E UMBRIA 1. Gestione avvio Per le aziende di produzione vegetale a) Aziende inferiori a 3 ettari ,00 (fatta eccezione per le aziende che hanno colture ad alta specializzazione e/o a media- alta criticità per le quali, alla somma di cui sopra, sarà aggiunta la quota ad ettaro prevista al punto 2 c) b) Aziende superiori a 3 ettari ,00 Alla quota b si applica la quota aggiuntiva per ettaro così come previsto al punto 2 c). Per le altre tipologie aziendali a) Acquisizione notifica e valutazione documentale ,00 Le quote aggiuntive per ettaro vanno calcolate per dodicesimi di anno, in relazione ai mesi di effettiva permanenza nel controllo, a partire dalla data di assoggettamento. 2. Controllo PRODUTTORI a) Mantenimento annuale al sistema di controllo ,00 b) Ispezione ,00 c) Quota aggiuntiva per ettaro: * frutteto ,00 * colture ad alta specializzazione (es. uva da tavola, fragola, etc.) ,00 * vigneto ,00 * agrumi e oliveto ,50 * orticole (compreso pomodoro e leguminose da industria) ,50 * piccoli frutti coltivati ,50 * piante aromatiche ed officinali ,50 * cereali e foraggere ,50

2 * colture industriali (escluso pomodoro e leguminose fresche da industria) ,00 * pascoli naturali ,00 * colture convenzionali ,50 d) Ispezione addizionale ,00 Alle aziende che effettuano la raccolta di prodotti spontanei, oltre ai costi previsti alle voci a) e b) vanno applicati i costi di un ispezione addizionale o di più ispezioni addizionali. Il numero delle ispezioni addizionali varia a seconda della tipologia di prodotto oggetto di controllo e all estensione dell areale di raccolta. e) Aziende Minime con SAU ad Ha 3,00 (escluso frutteto, vigneto, orticole, colture ad alta specializzazione, piccoli frutti, piante aromatiche ed officinali) ,00 AZIENDE ZOOTECNICHE a) Mantenimento annuale al sistema di controllo ,00 b) Ispezione addizionale all attività zootecnica (oltre 18 UBA o ad alta specializzazione) ,00 AZIENDE APISTICHE a) Mantenimento annuale al sistema di controllo ,00 b) Ispezione ,00 c) Quota variabile criticità alta e/o alta produzione [in aggiunta alle voci a) e b)].... 1,00/arnia. d) Quota variabile criticità bassa e/o bassa produzione [in aggiunta alle voci a) e b)]. 0,20/arnia e) Ispezione addizionale ,00 Alle aziende apistiche che praticano il nomadismo, oltre ai costi previsti alle voci a), b), c) o d) vanno applicati i costi di un ispezione addizionale o di più ispezioni addizionali. Il numero delle ispezioni addizionali varia a seconda del numero delle postazioni e della loro dislocazione. TRASFORMATORI / IMPORTATORI / ATTIVITÀ COMMERCIALI a) Quota minima applicabile in caso di inattività ,00 b) Quota A comprensiva di mantenimento al sistema di controllo e visita ispettiva ,00 c) Quota B comprensiva di mantenimento al sistema di controllo e visita ispettiva ,00 d) Quota C comprensiva di mantenimento al sistema di controllo e visita ispettiva ,00 e) Quota D comprensiva di mantenimento al sistema di controllo e visita ispettiva ,00 f) Visita ispettiva addizionale in aziende con processi produttivi atipici e/o ad alto livello di criticità ,00/giornata/uomo Per le aziende che superano di fatturato di prodotto biologico commercializzato, in aggiunta si applicano le seguenti percentuali: * 0,5% calcolato sul fatturato certificato a partire da fino a * 0,4% calcolato sul fatturato certificato da fino a * 0,3% calcolato sul fatturato certificato da fino a * 0,1% calcolato sul fatturato certificato oltre Per le aziende che effettuano solo attività d importazione con Suolo e Salute e la trasformazione o la commercializzazione con altro OdC, alle voci da c) a g) di cui sopra, saranno aggiunte le quote a tonnellata di prodotto importato pari a:

3 * cereali autunno-vernini (es. frumento, orzo) e mais ,50 * riso, soia, girasole, colza, pisello ,00 * lino, panello di soia e di girasole ,50 * banane ,07/cartone Per le produzioni non contemplate si definiranno le quote a tonnellata al momento della stipula del contratto. 3. Uscita dal sistema di controllo PRODUTTORI e AZIENDE ZOOTECNICHE Mantenimento annuale al sistema di controllo ,00 a) Le aziende recedute dopo il 29/02 che non hanno ricevuto l ispezione pagano oltre al mantenimento al controllo una quota aggiuntiva per ettaro calcolata in dodicesimi di anno in relazione ai mesi di effettiva permanenza nel sistema di controllo. b) Le aziende che hanno ricevuto l ispezione pagano la quota intera comprensiva di: mantenimento al controllo, attività ispettiva e quota ad ettaro. c) nessun addebito per le aziende recedute fino al 29/02 che non richiedono documentazione e non hanno ricevuto l ispezione. TRASFORMATORI/ATTIVITÀ COMMERCIALI Mantenimento annuale al controllo ,00 a) Le aziende di trasformazione titolari di autorizzazione alla stampa etichette che non hanno proceduto alla stampa o all utilizzo delle stesse, all atto dell uscita dal sistema di controllo non hanno costi aggiuntivi. Solo nel caso in cui abbiano ricevuto una o più visite ispettive, verrà applicata la quota di cui al punto 2. b) Le aziende di trasformazione titolari di autorizzazione alla stampa etichette che hanno proceduto alla stampa e all utilizzo delle stesse, successivamente alla comunicazione di uscita dal sistema di controllo, riceveranno una verifica ispettiva straordinaria per la chiusura dell attività al costo di 400,00/giornata/uomo. Tale costo va sommato a quanto già previsto al punto 2 del presente listino. 4. Servizi a) Gestione notifiche di variazione ,00 b) Gestione pratiche di richiesta riduzione del periodo di conversione ,00 c) Controllo e vidima dei registri dopo la visita ispettiva (previa autorizzazione della Sede di Suolo e Salute di competenza) ,00 d) Ristampa e reinvio di documenti o registri obbligatori già precedentemente inviati... 30,00 e) Gestione pratiche per l importazione per gli aspetti di competenza di Suolo e Salute.. 250,00 f) Emissione dei Certificati di Controllo per l importazione ,00/cadauno g) Spedizione di documenti a mezzo posta celere/servizio espresso a carico del richiedente o destinatario 5. Prove/analisi Ispezione di prelievo campione ,00

4 6. Note al listino a) Numero visite ispettive Il numero delle visite aggiuntive è fissato dalla Direzione Regionale tenendo in considerazione la tipologia di attività, le dimensioni della struttura e l organizzazione operativa. b) Analisi I costi delle analisi effettuate su campioni prelevati nell ambito dell attività ordinaria sono a carico di Suolo e Salute. I costi delle analisi effettuate su campioni prelevati durante l attività straordinaria (es. a seguito di reclami o segnalazioni) o su richiesta specifica dell azienda controllata o per la predisposizione delle pratiche di riduzione del periodo di conversione sono a carico del controllato. c) Documenti di conformità ed Approvazioni alla Stampa Etichette Le quote di cui sopra sono comprensive del costo di emissione dei documenti di conformità e di un massimo di 15 approvazioni alla stampa etichette. Per un numero di approvazioni alla stampa etichette superiore a 15 si applica una quota pari a 15,00 per ogni singola approvazione aggiuntiva. d) Le tariffe Non sono ammesse maggiorazioni alle tariffe del presente listino. Sconti al presente listino sono eventulamente applicabili in caso di calamità naturali, attestate da un ente pubblico, o di minori spese di trasferta nonché di altre circostanze che determinino la oggettiva evidenza di risparmio di costi gestionali da parte dell OdC. Le quote applicate per le visite ispettive includono le relative spese di trasferta e possono subire delle riduzioni in caso di aziende limitrofe se ricadenti in un comprensorio. f) la quota applicata in Fase di avvio Acquisizione Notifica e valutazione documentale, potrà essere ridotta fino al 50% in caso di invio di documentazione corretta e completa contestualmente alla notifica od in caso di adesione dopo il 01/10/2012. Le tariffe sopra espresse devono intendersi al netto di IVA. CAMPANIA E BASILICATA 1. Gestione avvio a) Acquisizione notifica e valutazione documentale ,00 Le quote aggiuntive per ettaro vanno calcolate per dodicesimi di anno, in relazione ai mesi di effettiva permanenza nel controllo, a partire dalla data di assoggettamento. 2. Controllo PRODUTTORI a) Mantenimento annuale al sistema di controllo ,00 b) Ispezione ,00 c) Quota aggiuntiva per ettaro: * frutteto ,00

5 * colture ad alta specializzazione (es. uva da tavola e colture protette) ,00 * vigneto ,50 * agrumi e oliveto ,50 * orticole (compreso pomodoro e leguminose da industria) ,50 * piccoli frutti coltivati ,50 * piante aromatiche ed officinali ,50 * cereali e foraggere ,00 * colture industriali (escluso pomodoro e leguminose fresche da industria) ,00 * pascoli naturali ,50 * colture convenzionali ,50 d) Ispezione addizionale ,00 Alle aziende che effettuano la raccolta di prodotti spontanei, oltre ai costi previsti alle voci a) e b) vanno applicati i costi di un ispezione addizionale o di più ispezioni addizionali. Il numero delle ispezioni addizionali varia a seconda della tipologia di prodotto oggetto di controllo e all estensione dell areale di raccolta. e) Aziende Minime con SAU ad Ha 3,00 (escluso colture specializzate) ,00 f) Quota applicabile ad operatori che trasformano le proprie produzioni agricole senza confezionamento (in aggiunta alla quota prevista per i produttori) ,00 g) Quota applicabile ad operatori che trasformano le proprie produzioni agricole (in aggiunta alla quota prevista per i produttori) ,00 AZIENDE ZOOTECNICHE a) Ispezione addizionale all attività zootecnica ,00 AZIENDE APISTICHE a) Mantenimento annuale al sistema di controllo ,00 b) Ispezione ,00 c) Quota variabile criticità alta e/o alta produzione [in aggiunta alle voci a) e b)].... 1,00/arnia. d) Quota variabile criticità bassa e/o bassa produzione [in aggiunta alle voci a) e b)]. 0,20/arnia e) Ispezione addizionale ,00 Alle aziende apistiche che praticano il nomadismo, oltre ai costi previsti alle voci a), b), c) o d) vanno applicati i costi di un ispezione addizionale o di più ispezioni addizionali. Il numero delle ispezioni addizionali varia a seconda del numero delle postazioni e della loro dislocazione. TRASFORMATORI / IMPORTATORI / ATTIVITÀ COMMERCIALI a) Quota minima applicabile in caso di inattività ,00 b) Quota applicabile in caso di attività stagionale di solo c/lavorazione, senza stoccaggio e senza confezionamento ,00 c) Quota A comprensiva di mantenimento al sistema di controllo e visita ispettiva ,00 d) Quota B comprensiva di mantenimento al sistema di controllo e visita ispettiva ,00 e) Quota C comprensiva di mantenimento al sistema di controllo e visita ispettiva ,00 f) Quota D comprensiva di mantenimento al sistema di controllo e visita ispettiva ,00 g) Visita ispettiva addizionale in aziende con processi produttivi atipici e/o ad alto livello di criticità ,00/giornata/uomo

6 Per le aziende che superano di fatturato di prodotto biologico commercializzato, in aggiunta si applicano le seguenti percentuali: * 0,5% calcolato sul fatturato certificato a partire da fino a * 0,4% calcolato sul fatturato certificato da fino a * 0,3% calcolato sul fatturato certificato da fino a * 0,1% calcolato sul fatturato certificato oltre Per le aziende che effettuano solo attività d importazione con Suolo e Salute e la trasformazione o la commercializzazione con altro OdC, alle voci da c) a g) di cui sopra, saranno aggiunte le quote a tonnellata di prodotto importato pari a: * cereali autunno-vernini (es. frumento, orzo) e mais ,50 * riso, soia, girasole, colza, pisello ,00 * lino, panello di soia e di girasole ,50 * banane ,07/cartone Per le produzioni non contemplate si definiranno le quote a tonnellata al momento della stipula del contratto. 3. Uscita dal sistema di controllo PRODUTTORI e AZIENDE ZOOTECNICHE Mantenimento annuale al sistema di controllo ,00 a) Le aziende recedute dopo il 29/02 che non hanno ricevuto l ispezione pagano oltre al mantenimento al controllo una quota aggiuntiva per ettaro calcolata in dodicesimi di anno in relazione ai mesi di effettiva permanenza nel sistema di controllo. b) Le aziende che hanno ricevuto l ispezione pagano la quota intera comprensiva di: mantenimento al controllo, attività ispettiva e quota ad ettaro. c) nessun addebito per le aziende recedute fino al 29/02 che non richiedono documentazione e non hanno ricevuto l ispezione. TRASFORMATORI/ATTIVITÀ COMMERCIALI Mantenimento annuale al controllo ,00 a) Le aziende di trasformazione titolari di approvazioni alla stampa etichette che non hanno proceduto alla stampa o all utilizzo delle stesse, all atto dell uscita dal sistema di controllo non hanno costi aggiuntivi. Solo nel caso in cui abbiano ricevuto una o più visite ispettive, verrà applicata la quota di cui al punto 2. b) Le aziende di trasformazione titolari di approvazioni alla stampa etichette che hanno proceduto alla stampa e all utilizzo delle stesse, successivamente alla comunicazione di uscita dal sistema di controllo, riceveranno una verifica ispettiva straordinaria per la chiusura dell attività al costo di 400,00/giornata/uomo. Tale costo va sommato a quanto già previsto al punto 2 del presente listino. 4. Servizi a) Gestione notifiche di variazione ,00 b) Gestione pratiche di richiesta riduzione del periodo di conversione ,00 c) Controllo e vidima dei registri dopo la visita ispettiva (previa autorizzazione della Sede di Suolo e Salute di competenza) ,00

7 d) Ristampa e reinvio di documenti o registri obbligatori già precedentemente inviati... 30,00 e) Gestione pratiche per l importazione per gli aspetti di competenza di Suolo e Salute.. 250,00 f) Emissione dei Certificati di Controllo per l importazione ,00/cadauno g) Spedizione di documenti a mezzo posta celere/servizio espresso a carico del richiedente o destinatario 5. Note al listino a) Numero visite ispettive Il numero delle visite aggiuntive è fissato dalla Direzione Regionale tenendo in considerazione la tipologia di attività, le dimensioni della struttura e l organizzazione operativa. b) Analisi I costi delle analisi effettuate su campioni prelevati nell ambito dell attività ordinaria sono a carico di Suolo e Salute. I costi delle analisi effettuate su campioni prelevati durante l attività straordinaria (es. a seguito di reclami o segnalazioni) o su richiesta specifica dell azienda controllata o per la predisposizione delle pratiche di riduzione del periodo di conversione sono a carico del controllato. c) Documenti giustificativi ed Approvazioni alla Stampa Etichette Le quote di cui sopra sono comprensive del costo di emissione dei documenti giustificativi e di un massimo di 15 approvazioni alla stampa etichette. Per un numero di approvazioni alla stampa etichette superiore a 15 si applica una quota pari a 15,00 per ogni singola approvazione aggiuntiva. d) Le tariffe Non sono ammesse maggiorazioni alle tariffe del presente listino. Sconti al presente listino sono eventulamente applicabili in caso di calamità naturali, attestate da un ente pubblico, o di minori spese di trasferta nonché di altre circostanze che determinino la oggettiva evidenza di risparmio di costi gestionali da parte dell OdC. Le quote applicate per le visite ispettive includono le relative spese di trasferta e possono subire delle riduzioni in caso di aziende limitrofe se ricadenti in un comprensorio. f) la quota applicata in Fase di avvio Acquisizione Notifica e valutazione documentale, potrà essere ridotta fino al 50% in caso di invio di documentazione corretta e completa contestualmente alla notifica od in caso di adesione dopo il 01/10/2012. Le tariffe sopra espresse devono intendersi al netto di IVA. EMILIA ROMAGNA E LOMBARDIA 1. Gestione avvio a) Acquisizione notifica e valutazione documentale ,00 Le quote aggiuntive per ettaro vanno calcolate per dodicesimi di anno, in relazione ai mesi di effettiva permanenza nel controllo, a partire dalla data di assoggettamento. 2. Controllo

8 PRODUTTORI a) Mantenimento annuale al sistema di controllo ,00 b) Ispezione ,00 c) Quota aggiuntiva per ettaro: * frutteto ,00 * colture ad alta specializzazione ,00 * vigneto ,50 * castagneto e oliveto ,50 * orticole ,50 * piccoli frutti coltivati ,50 * piante aromatiche ed officinali ,50 * cereali e foraggere ,00 * colture industriali ,00 * pascoli naturali ,50 d) Quota aggiuntiva per ettaro per superfici superiori a 500 ettari: * cereali e foraggere ,50 * colture industriali ,50 * pascoli naturali ,00 e) Ispezione addizionale ,00 Alle aziende che effettuano la raccolta di prodotti spontanei, oltre ai costi previsti alle voci a) e b) vanno applicati i costi di un ispezione addizionale o di più ispezioni addizionali. Il numero delle ispezioni addizionali varia a seconda della tipologia di prodotto oggetto di controllo e all estensione dell areale di raccolta. AZIENDE ZOOTECNICHE a) Mantenimento annuale al sistema di controllo ,00 b) Ispezione addizionale all attività zootecnica (oltre 18 UBA o ad alta specializzazione) ,00 AZIENDE APISTICHE a) Mantenimento annuale al sistema di controllo ,00 b) Ispezione ,00 c) Quota variabile criticità alta e/o alta produzione [in aggiunta alle voci a) e b)].... 1,00/arnia. d) Ispezione addizionale ,00 Alle aziende apistiche che praticano il nomadismo, oltre ai costi previsti alle voci a), b), o c) vanno applicati i costi di un ispezione addizionale o di più ispezioni addizionali. Il numero delle ispezioni addizionali varia a seconda del numero delle postazioni e della loro dislocazione. TRASFORMATORI / IMPORTATORI / ATTIVITÀ COMMERCIALI a) Quota applicabile in caso di attività stagionale di solo c/lavorazione, senza stoccaggio e senza confezionamento ,00 b) Quota applicabile ad operatori che trasformano le proprie produzioni agricole (in aggiunta alla quota prevista per i produttori) ,00 c) Quota A comprensiva di mantenimento al sistema di controllo e visita ispettiva ,00 d) Quota B comprensiva di mantenimento al sistema di controllo e visita ispettiva ,00 e) Quota C comprensiva di mantenimento al sistema di controllo e visita ispettiva ,00

9 f) Quota D comprensiva di mantenimento al sistema di controllo e visita ispettiva ,00 g) Visita ispettiva addizionale ,00 Per le aziende che superano di fatturato di prodotto biologico commercializzato, in aggiunta si applicano le seguenti percentuali: * 0,5% calcolato sul fatturato certificato a partire da fino a * 0,4% calcolato sul fatturato certificato da fino a * 0,3% calcolato sul fatturato certificato da fino a * 0,1% calcolato sul fatturato certificato oltre AZIENDE DI SOLA COMMERCIALIZZAZIONE Per le aziende che effettuano solo attività di commercializzazione, con un fatturato superiore a di prodotto biologico commercializzato, in aggiunta alle voci da c) a g), sopra richiamate, si applicano le seguenti percentuali: * 0,1% calcolato sul fatturato certificato a partire da fino a * 0,08% calcolato sul fatturato certificato oltre AZIENDE DI SOLA IMPORTAZIONE Per le aziende che effettuano solo attività d importazione con Suolo e Salute e la trasformazione o la commercializzazione con altro OdC, alle voci da c) a g) di cui sopra, saranno aggiunte le quote a tonnellata di prodotto importato pari a: * cereali autunno-vernini (es. frumento, orzo) e mais ,50 * riso, soia, girasole, colza, pisello ,00 * lino, panello di soia e di girasole ,50 * banane ,07/cartone Per le produzioni non contemplate si definiranno le quote a tonnellata al momento della stipula del contratto. 3. Uscita dal sistema di controllo PRODUTTORI e AZIENDE ZOOTECNICHE Mantenimento annuale al sistema di controllo ,00 a) Le aziende recedute dopo il 29/02 che non hanno ricevuto l ispezione pagano oltre al mantenimento al controllo una quota aggiuntiva per ettaro calcolata in dodicesimi di anno in relazione ai mesi di effettiva permanenza nel sistema di controllo. b) Le aziende che hanno ricevuto l ispezione pagano la quota intera comprensiva di: mantenimento al controllo, attività ispettiva e quota ad ettaro. c) nessun addebito per le aziende recedute fino al 29/02 che non richiedono documentazione e non hanno ricevuto l ispezione. TRASFORMATORI/ATTIVITÀ COMMERCIALI Mantenimento annuale al controllo ,00 a) Le aziende di trasformazione titolari di autorizzazione alla stampa etichette che non hanno proceduto alla stampa o all utilizzo delle stesse, all atto dell uscita dal sistema di controllo non hanno costi aggiuntivi. Solo nel caso in cui abbiano ricevuto una o più visite ispettive, verrà applicata la quota di cui al punto 2. b) Le aziende di trasformazione titolari di autorizzazione alla stampa etichette che hanno proceduto alla stampa e all utilizzo delle stesse, successivamente alla comunicazione di uscita dal

10 sistema di controllo, riceveranno una verifica ispettiva straordinaria per la chiusura dell attività al costo di 300,00. Tale costo va sommato a quanto già previsto al punto 2 del presente listino. 4. Servizi a) Gestione pratiche di richiesta riduzione del periodo di conversione ,00 b) Gestione pratiche per l importazione per gli aspetti di competenza di Suolo e Salute.. 250,00 c) Emissione dei Certificati di Controllo per l importazione ,00/cadauno d) Spedizione di documenti a mezzo posta celere/servizio espresso a carico del richiedente o destinatario 5. Prove/analisi Ispezione di prelievo campione ,00 6. Note al listino a) Numero visite ispettive Il numero delle visite aggiuntive è fissato dalla Direzione Regionale tenendo in considerazione la tipologia di attività, le dimensioni della struttura e l organizzazione operativa. b) Analisi I costi delle analisi effettuate su campioni prelevati nell ambito dell attività ordinaria sono a carico di Suolo e Salute. I costi delle analisi effettuate su campioni prelevati durante l attività straordinaria (es. a seguito di reclami o segnalazioni) o su richiesta specifica dell azienda controllata o per la predisposizione delle pratiche di riduzione del periodo di conversione sono a carico del controllato. c) Documenti giustificativi ed Approvazioni alla Stampa Etichette Le quote di cui sopra sono comprensive del costo di emissione dei documenti giustificativi e di un massimo di 15 approvazioni alla stampa etichette. Per un numero di approvazioni alla stampa etichette superiore a 15 si applica una quota pari a 15,00 per ogni singola approvazione aggiuntiva. d) Le tariffe Non sono ammesse maggiorazioni alle tariffe del presente listino. Sconti al presente listino sono eventualmente applicabili in caso di calamità naturali, attestate da un ente pubblico, o di minori spese di trasferta nonché di altre circostanze che determinino la oggettiva evidenza di risparmio di costi gestionali da parte dell OdC. Le tariffe sopra espresse devono intendersi al netto di IVA. LIGURIA 1. Gestione avvio a) Acquisizione notifica e valutazione documentale ,00 Le quote aggiuntive per ettaro vanno calcolate per dodicesimi di anno, in relazione ai mesi di effettiva permanenza nel controllo, a partire dalla data di assoggettamento.

11 2. Controllo PRODUTTORI a) Mantenimento annuale al sistema di controllo ,00 b) Ispezione ,00 c) Quota aggiuntiva per ettaro: * frutteto ,00 * colture ad alta specializzazione (es. uva da tavola e colture protette) ,00 * vigneto ,50 * agrumi e oliveto ,50 * orticole (compreso pomodoro e leguminose fresche da industria) ,50 * piccoli frutti coltivati ,50 * piante aromatiche ed officinali ,50 * cereali e foraggere ,00 * colture industriali (escluso pomodoro e leguminose fresche da industria) ,00 * pascoli naturali ,50 * colture convenzionali ,50 d) Ispezione addizionale ,00 Alle aziende che effettuano la raccolta di prodotti spontanei, oltre ai costi previsti alle voci a) e b) vanno applicati i costi di un ispezione addizionale o di più ispezioni addizionali. Il numero delle ispezioni addizionali varia a seconda della tipologia di prodotto oggetto di controllo e all estensione dell areale di raccolta. e) Aziende Minime con SAU ad Ha 3,00 (escluso colture specializzate) ,00 f) Quota applicabile ad operatori che trasformano le proprie produzioni agricole senza confezionamento (in aggiunta alla quota prevista per i produttori) ,00 g) Quota applicabile ad operatori che trasformano le proprie produzioni agricole (in aggiunta alla quota prevista per i produttori) ,00 AZIENDE ZOOTECNICHE a) Mantenimento annuale al sistema di controllo (solo per aziende superiori a 30 UBA).. 80,00 b) Ispezione addizionale all attività zootecnica ,00 AZIENDE APISTICHE a) Mantenimento annuale al sistema di controllo ,00 b) Ispezione ,00 c) Quota variabile criticità alta e/o alta produzione [in aggiunta alle voci a) e b)].... 1,00/arnia. d) Quota variabile criticità bassa e/o bassa produzione [in aggiunta alle voci a) e b)]. 0,20/arnia e) Ispezione addizionale ,00 Alle aziende apistiche che praticano il nomadismo, oltre ai costi previsti alle voci a), b), c) o d) vanno applicati i costi di un ispezione addizionale o di più ispezioni addizionali. Il numero delle ispezioni addizionali varia a seconda del numero delle postazioni e della loro dislocazione. TRASFORMATORI / IMPORTATORI / ATTIVITÀ COMMERCIALI a) Quota minima applicabile in caso di inattività ,00 b) Quota minima applicabile in caso di attività stagionale di solo c/lavorazione, senza stoccaggio e senza confezionamento ,00

12 c) Quota A comprensiva di mantenimento al sistema di controllo e visita ispettiva ,00 d) Quota B comprensiva di mantenimento al sistema di controllo e visita ispettiva ,00 e) Quota C comprensiva di mantenimento al sistema di controllo e visita ispettiva ,00 f) Quota D comprensiva di mantenimento al sistema di controllo e visita ispettiva ,00 g) Visita ispettiva addizionale in aziende con processi produttivi atipici e/o ad alto livello di criticità ,00/giornata/uomo Per le aziende che superano di fatturato di prodotto biologico commercializzato, in aggiunta si applicano le seguenti percentuali: * 0,5% calcolato sul fatturato certificato a partire da fino a * 0,4% calcolato sul fatturato certificato da fino a * 0,3% calcolato sul fatturato certificato da fino a * 0,1% calcolato sul fatturato certificato oltre Per le aziende che effettuano solo attività d importazione con Suolo e Salute e la trasformazione o la commercializzazione con altro OdC, alle voci da c) a g) di cui sopra, saranno aggiunte le quote a tonnellata di prodotto importato pari a: * cereali autunno-vernini (es. frumento, orzo) e mais ,50 * riso, soia, girasole, colza, pisello ,00 * lino, panello di soia e di girasole ,50 * banane ,07/cartone Per le produzioni non contemplate si definiranno le quote a tonnellata al momento della stipula del contratto. 3. Uscita dal sistema di controllo PRODUTTORI e AZIENDE ZOOTECNICHE Mantenimento annuale al sistema di controllo ,00 a) Le aziende recedute dopo il 29/02 che non hanno ricevuto l ispezione pagano oltre al mantenimento al controllo una quota aggiuntiva per ettaro calcolata in dodicesimi di anno in relazione ai mesi di effettiva permanenza nel sistema di controllo. b) Le aziende che hanno ricevuto l ispezione pagano la quota intera comprensiva di: mantenimento al controllo, attività ispettiva e quota ad ettaro. c) nessun addebito per le aziende recedute fino al 29/02 che non richiedono documentazione e non hanno ricevuto l ispezione. TRASFORMATORI/ATTIVITÀ COMMERCIALI Mantenimento annuale al controllo ,00 a) Le aziende di trasformazione titolari di approvazioni alla stampa etichette che non hanno proceduto alla stampa o all utilizzo delle stesse, all atto dell uscita dal sistema di controllo non hanno costi aggiuntivi. Solo nel caso in cui abbiano ricevuto una o più visite ispettive, verrà applicata la quota di cui al punto 2. b) Le aziende di trasformazione titolari di approvazioni alla stampa etichette che hanno proceduto alla stampa e all utilizzo delle stesse, successivamente alla comunicazione di uscita dal sistema di

13 controllo, riceveranno una verifica ispettiva straordinaria per la chiusura dell attività al costo di 400,00/giornata/uomo. Tale costo va sommato a quanto già previsto al punto 2 del presente listino. 4. Servizi a) Gestione notifiche di variazione ,00 b) Gestione pratiche di richiesta riduzione del periodo di conversione ,00 c) Controllo e vidima dei registri dopo la visita ispettiva (previa autorizzazione della Sede di Suolo e Salute di competenza) ,00 d) Ristampa e reinvio di documenti o registri obbligatori già precedentemente inviati... 30,00 e) Gestione pratiche per l importazione per gli aspetti di competenza di Suolo e Salute.. 250,00 f) Emissione dei Certificati di Controllo per l importazione ,00/cadauno g) Spedizione di documenti a mezzo posta celere/servizio espresso a carico del richiedente o destinatario 5. Prove/analisi Ispezione di prelievo campione ,00 6. Note al listino a) Numero visite ispettive Il numero delle visite aggiuntive è fissato dalla Direzione Regionale tenendo in considerazione la tipologia di attività, le dimensioni della struttura e l organizzazione operativa. b) Analisi I costi delle analisi effettuate su campioni prelevati nell ambito dell attività ordinaria sono a carico di Suolo e Salute. I costi delle analisi effettuate su campioni prelevati durante l attività straordinaria (es. a seguito di reclami o segnalazioni) o su richiesta specifica dell azienda controllata o per la predisposizione delle pratiche di riduzione del periodo di conversione sono a carico del controllato. c) Documenti giustificativi ed Approvazioni alla Stampa Etichette Le quote di cui sopra sono comprensive del costo di emissione dei documenti giustificativi e di un massimo di 15 approvazioni alla stampa etichette. Per un numero di approvazioni alla stampa etichette superiore a 15 si applica una quota pari a 15,00 per ogni singola approvazione aggiuntiva. d) Le tariffe Non sono ammesse maggiorazioni alle tariffe del presente listino. Sconti al presente listino sono eventulamente applicabili in caso di calamità naturali, attestate da un ente pubblico, o di minori spese di trasferta nonché di altre circostanze che determinino la oggettiva evidenza di risparmio di costi gestionali da parte dell OdC. Le quote applicate per le visite ispettive includono le relative spese di trasferta e possono subire delle riduzioni in caso di aziende limitrofe se ricadenti in un comprensorio. f) la quota applicata in Fase di avvio Acquisizione Notifica e valutazione documentale, potrà essere ridotta fino al 50% in caso di invio di documentazione corretta e completa contestualmente alla notifica od in caso di adesione dopo il 01/10/2012. Le tariffe sopra espresse devono intendersi al netto di IVA.

14 MARCHE 1. Gestione avvio a) Acquisizione notifica e valutazione documentale ,00 Le quote aggiuntive per ettaro vanno calcolate per dodicesimi di anno, in relazione ai mesi di effettiva permanenza nel controllo, a partire dalla data di assoggettamento. 2. Controllo PRODUTTORI a) Mantenimento annuale al sistema di controllo ,00 b) Ispezione ,00 c) Quota aggiuntiva per ettaro: * frutteto ,50 * colture ad alta specializzazione (es. uva da tavola e colture protette) ,00 * vigneto ,00 * agrumi e oliveto ,50 * orticole (compreso pomodoro e leguminose fresche da industria) ,00 * piccoli frutti coltivati ,50 * piante aromatiche ed officinali ,00 * cereali ,50 * foraggere ,00 * colture industriali (escluso pomodoro e leguminose fresche da industria) ,50 * pascoli naturali ,50 * colture convenzionali ,50 d) Ispezione addizionale ,00 Alle aziende che effettuano la raccolta di prodotti spontanei, oltre ai costi previsti alle voci a) e b) vanno applicati i costi di un ispezione addizionale o di più ispezioni addizionali. Il numero delle ispezioni addizionali varia a seconda della tipologia di prodotto oggetto di controllo e all estensione dell areale di raccolta. e) Aziende Minime con SAU ad Ha 3,00 (escluso colture specializzate) ,00 f) Quota applicabile ad operatori che trasformano le proprie produzioni agricole senza confezionamento (in aggiunta alla quota prevista per i produttori) ,00 g) Quota applicabile ad operatori che trasformano le proprie produzioni agricole (in aggiunta alla quota prevista per i produttori) ,00 AZIENDE ZOOTECNICHE a) Mantenimento annuale al sistema di controllo ,00 b) Ispezione addizionale all attività zootecnica (oltre 18 UBA o ad alta specializzazione) ,00

15 AZIENDE APISTICHE a) Mantenimento annuale al sistema di controllo ,00 b) Ispezione ,00 c) Quota variabile criticità alta e/o alta produzione [in aggiunta alle voci a) e b)].... 1,00/arnia. d) Quota variabile criticità bassa e/o bassa produzione [in aggiunta alle voci a) e b)]. 0,20/arnia e) Ispezione addizionale ,00 Alle aziende apistiche che praticano il nomadismo, oltre ai costi previsti alle voci a), b), c) o d) vanno applicati i costi di un ispezione addizionale o di più ispezioni addizionali. Il numero delle ispezioni addizionali varia a seconda del numero delle postazioni e della loro dislocazione. TRASFORMATORI / IMPORTATORI / ATTIVITÀ COMMERCIALI a) Quota minima applicabile in caso di inattività ,00 b) Quota minima applicabile in caso di attività stagionale di solo c/lavorazione, senza stoccaggio e senza confezionamento ,00 c) Quota A comprensiva di mantenimento al sistema di controllo e visita ispettiva ,00 d) Quota B comprensiva di mantenimento al sistema di controllo e visita ispettiva ,00 e) Quota C comprensiva di mantenimento al sistema di controllo e visita ispettiva ,00 f) Quota D comprensiva di mantenimento al sistema di controllo e visita ispettiva ,00 g) Visita ispettiva addizionale in aziende con processi produttivi atipici e/o ad alto livello di criticità ,00/giornata/uomo Per le aziende che superano di fatturato di prodotto biologico commercializzato, in aggiunta si applicano le seguenti percentuali: * 0,5% calcolato sul fatturato certificato a partire da fino a * 0,4% calcolato sul fatturato certificato da fino a * 0,3% calcolato sul fatturato certificato da fino a * 0,1% calcolato sul fatturato certificato oltre Per le aziende che effettuano solo attività d importazione con Suolo e Salute e la trasformazione o la commercializzazione con altro OdC, alle voci da c) a g) di cui sopra, saranno aggiunte le quote a tonnellata di prodotto importato pari a: * cereali autunno-vernini (es. frumento, orzo) e mais ,50 * riso, soia, girasole, colza, pisello ,00 * lino, panello di soia e di girasole ,50 * banane ,07/cartone Per le produzioni non contemplate si definiranno le quote a tonnellata al momento della stipula del contratto. 3. Uscita dal sistema di controllo PRODUTTORI e AZIENDE ZOOTECNICHE Mantenimento annuale al sistema di controllo ,00 a) Le aziende recedute dopo il 29/02 che non hanno ricevuto l ispezione pagano oltre al mantenimento al controllo una quota aggiuntiva per ettaro calcolata in dodicesimi di anno in relazione ai mesi di effettiva permanenza nel sistema di controllo. b) Le aziende che hanno ricevuto l ispezione pagano la quota intera comprensiva di: mantenimento al controllo, attività ispettiva e quota ad ettaro.

16 c) nessun addebito per le aziende recedute fino al 29/02 che non richiedono documentazione e non hanno ricevuto l ispezione. TRASFORMATORI/ATTIVITÀ COMMERCIALI Mantenimento annuale al controllo ,00 a) Le aziende di trasformazione titolari di approvazioni alla stampa etichette che non hanno proceduto alla stampa o all utilizzo delle stesse, all atto dell uscita dal sistema di controllo non hanno costi aggiuntivi. Solo nel caso in cui abbiano ricevuto una o più visite ispettive, verrà applicata la quota di cui al punto 2. b) Le aziende di trasformazione titolari di approvazioni alla stampa etichette che hanno proceduto alla stampa e all utilizzo delle stesse, successivamente alla comunicazione di uscita dal sistema di controllo, riceveranno una verifica ispettiva straordinaria per la chiusura dell attività al costo di 400,00/giornata/uomo. Tale costo va sommato a quanto già previsto al punto 2 del presente listino. 4. Servizi a) Gestione notifiche di variazione ,00 b) Gestione pratiche di richiesta riduzione del periodo di conversione ,00 c) Controllo e vidima dei registri dopo la visita ispettiva (previa autorizzazione della Sede di Suolo e Salute di competenza) ,00 d) Ristampa e reinvio di documenti o registri obbligatori già precedentemente inviati... 30,00 e) Gestione pratiche per l importazione per gli aspetti di competenza di Suolo e Salute.. 250,00 f) Emissione dei Certificati di Controllo per l importazione ,00/cadauno g) Spedizione di documenti a mezzo posta celere/servizio espresso a carico del richiedente o destinatario 5. Prove/analisi Ispezione di prelievo campione ,00 6. Note al listino a) Numero visite ispettive Il numero delle visite aggiuntive è fissato dalla Direzione Regionale tenendo in considerazione la tipologia di attività, le dimensioni della struttura e l organizzazione operativa. b) Analisi I costi delle analisi effettuate su campioni prelevati nell ambito dell attività ordinaria sono a carico di Suolo e Salute. I costi delle analisi effettuate su campioni prelevati durante l attività straordinaria (es. a seguito di reclami o segnalazioni) o su richiesta specifica dell azienda controllata o per la predisposizione delle pratiche di riduzione del periodo di conversione sono a carico del controllato. c) Documenti giustificativi ed Approvazioni alla Stampa Etichette Le quote di cui sopra sono comprensive del costo di emissione dei documenti giustificativi e di un massimo di 15 approvazioni alla stampa etichette. Per un numero di approvazioni alla stampa etichette superiore a 15 si applica una quota pari a 15,00 per ogni singola approvazione aggiuntiva.

17 d) Le tariffe Non sono ammesse maggiorazioni alle tariffe del presente listino. Sconti al presente listino sono eventulamente applicabili in caso di calamità naturali, attestate da un ente pubblico, o di minori spese di trasferta nonché di altre circostanze che determinino la oggettiva evidenza di risparmio di costi gestionali da parte dell OdC. Le quote applicate per le visite ispettive includono le relative spese di trasferta e possono subire delle riduzioni in caso di aziende limitrofe se ricadenti in un comprensorio. f) la quota applicata in Fase di avvio Acquisizione Notifica e valutazione documentale, potrà essere ridotta fino al 50% in caso di invio di documentazione corretta e completa contestualmente alla notifica od in caso di adesione dopo il 01/10/2012. Le tariffe sopra espresse devono intendersi al netto di IVA. SARDEGNA 1. Gestione avvio a) Acquisizione notifica e valutazione documentale ,00 Le quote aggiuntive per ettaro vanno calcolate per dodicesimi di anno, in relazione ai mesi di effettiva permanenza nel controllo, a partire dalla data di assoggettamento. 2. Controllo PRODUTTORI a) Mantenimento annuale al sistema di controllo ,00 b) Ispezione ,00 c) Quota aggiuntiva per ettaro: * frutteto ,00 * colture ad alta specializzazione (es. uva da tavola e colture protette) ,00 * vigneto ,50 * agrumi e oliveto ,50 * orticole (compreso pomodoro e leguminose fresche da industria) ,50 * piccoli frutti coltivati ,50 * piante aromatiche ed officinali ,50 * cereali e foraggere ,50 * colture industriali (escluso pomodoro e leguminose fresche da industria) ,00 * pascoli naturali ,80 * colture convenzionali ,50 d) Ispezione addizionale ,00 Alle aziende che effettuano la raccolta di prodotti spontanei, oltre ai costi previsti alle voci a) e b) vanno applicati i costi di un ispezione addizionale o di più ispezioni addizionali. Il numero delle ispezioni addizionali varia a seconda della tipologia di prodotto oggetto di controllo e all estensione dell areale di raccolta. AZIENDE ZOOTECNICHE a) Mantenimento annuale al sistema di controllo ,00

18 b) Ispezione addizionale all attività zootecnica (oltre 18 UBA o ad alta specializzazione) ,00 AZIENDE APISTICHE a) Mantenimento annuale al sistema di controllo ,00 b) Ispezione ,00 c) Quota variabile criticità alta e/o alta produzione [in aggiunta alle voci a) e b)].... 1,00/arnia. d) Quota variabile criticità bassa e/o bassa produzione [in aggiunta alle voci a) e b)]. 0,20/arnia e) Ispezione addizionale ,00 Alle aziende apistiche che praticano il nomadismo, oltre ai costi previsti alle voci a), b), c) o d) vanno applicati i costi di un ispezione addizionale o di più ispezioni addizionali. Il numero delle ispezioni addizionali varia a seconda del numero delle postazioni e della loro dislocazione. TRASFORMATORI / IMPORTATORI / ATTIVITÀ COMMERCIALI a) Quota minima applicabile in caso di inattività ,00 b) Quota minima applicabile in caso di attività stagionale di solo c/lavorazione, senza stoccaggio e senza confezionamento ,00 c) Quota A comprensiva di mantenimento al sistema di controllo e visita ispettiva ,00 d) Quota B comprensiva di mantenimento al sistema di controllo e visita ispettiva ,00 e) Quota C comprensiva di mantenimento al sistema di controllo e visita ispettiva ,00 f) Quota D comprensiva di mantenimento al sistema di controllo e visita ispettiva ,00 g) Visita ispettiva addizionale in aziende con processi produttivi atipici e/o ad alto livello di criticità ,00/giornata/uomo Per le aziende che superano di fatturato di prodotto biologico commercializzato, in aggiunta si applicano le seguenti percentuali: * 0,5% calcolato sul fatturato certificato a partire da fino a * 0,4% calcolato sul fatturato certificato da fino a * 0,3% calcolato sul fatturato certificato da fino a * 0,1% calcolato sul fatturato certificato oltre Per le aziende che effettuano solo attività d importazione con Suolo e Salute e la trasformazione o la commercializzazione con altro OdC, alle voci da c) a g) di cui sopra, saranno aggiunte le quote a tonnellata di prodotto importato pari a: * cereali autunno-vernini (es. frumento, orzo) e mais ,50 * riso, soia, girasole, colza, pisello ,00 * lino, panello di soia e di girasole ,50 * banane ,07/cartone Per le produzioni non contemplate si definiranno le quote a tonnellata al momento della stipula del contratto. 3. Uscita dal sistema di controllo PRODUTTORI e AZIENDE ZOOTECNICHE Mantenimento annuale al sistema di controllo ,00 a) Le aziende recedute dopo il 29/02 che non hanno ricevuto l ispezione pagano oltre al mantenimento al controllo una quota aggiuntiva per ettaro calcolata in dodicesimi di anno in relazione ai mesi di effettiva permanenza nel sistema di controllo.

19 b) Le aziende che hanno ricevuto l ispezione pagano la quota intera comprensiva di: mantenimento al controllo, attività ispettiva e quota ad ettaro. c) nessun addebito per le aziende recedute fino al 29/02 che non richiedono documentazione e non hanno ricevuto l ispezione. TRASFORMATORI/ATTIVITÀ COMMERCIALI Mantenimento annuale al controllo ,00 a) Le aziende di trasformazione titolari di approvazioni alla stampa etichette che non hanno proceduto alla stampa o all utilizzo delle stesse, all atto dell uscita dal sistema di controllo non hanno costi aggiuntivi. Solo nel caso in cui abbiano ricevuto una o più visite ispettive, verrà applicata la quota di cui al punto 2. b) Le aziende di trasformazione titolari di approvazioni alla stampa etichette che hanno proceduto alla stampa e all utilizzo delle stesse, successivamente alla comunicazione di uscita dal sistema di controllo, riceveranno una verifica ispettiva straordinaria per la chiusura dell attività al costo di 400,00/giornata/uomo. Tale costo va sommato a quanto già previsto al punto 2 del presente listino. 4. Servizi a) Gestione notifiche di variazione ,00 b) Gestione pratiche di richiesta riduzione del periodo di conversione ,00 c) Controllo e vidima dei registri dopo la visita ispettiva (previa autorizzazione della Sede di Suolo e Salute di competenza) ,00 d) Ristampa e reinvio di documenti o registri obbligatori già precedentemente inviati... 30,00 e) Gestione pratiche per l importazione per gli aspetti di competenza di Suolo e Salute.. 250,00 f) Emissione dei Certificati di Controllo per l importazione ,00/cadauno g) Spedizione di documenti a mezzo posta celere/servizio espresso a carico del richiedente o destinatario 5. Prove/analisi Ispezione di prelievo campione ,00 6. Note al listino a) Numero visite ispettive Il numero delle visite aggiuntive è fissato dalla Direzione Regionale tenendo in considerazione la tipologia di attività, le dimensioni della struttura e l organizzazione operativa. b) Analisi I costi delle analisi effettuate su campioni prelevati nell ambito dell attività ordinaria sono a carico di Suolo e Salute. I costi delle analisi effettuate su campioni prelevati durante l attività straordinaria (es. a seguito di reclami o segnalazioni) o su richiesta specifica dell azienda controllata o per la predisposizione delle pratiche di riduzione del periodo di conversione sono a carico del controllato. c) Documenti giustificativi ed Approvazioni alla Stampa Etichette Le quote di cui sopra sono comprensive del costo di emissione dei documenti giustificativi e di un massimo di 15 approvazioni alla stampa etichette. Per un numero di approvazioni alla stampa

20 etichette superiore a 15 si applica una quota pari a 15,00 per ogni singola approvazione aggiuntiva. d) Le tariffe Non sono ammesse maggiorazioni alle tariffe del presente listino. Sconti al presente listino sono eventulamente applicabili in caso di calamità naturali, attestate da un ente pubblico, o di minori spese di trasferta nonché di altre circostanze che determinino la oggettiva evidenza di risparmio di costi gestionali da parte dell OdC. f) la quota applicata in Fase di avvio Acquisizione Notifica e valutazione documentale, potrà essere ridotta fino al 50% in caso di invio di documentazione corretta e completa contestualmente alla notifica od in caso di adesione dopo il 01/10/2012. Le tariffe sopra espresse devono intendersi al netto di IVA. VENETO FRIULI VENEZIA GIULIA TRENTINO A/A 1. Gestione avvio a) Acquisizione notifica e valutazione documentale ,00 Le quote aggiuntive per ettaro vanno calcolate per dodicesimi di anno, in relazione ai mesi di effettiva permanenza nel controllo, a partire dalla data di assoggettamento. 2. Controllo PRODUTTORI a) Mantenimento annuale al sistema di controllo ,00 b) Ispezione ,00 c) Quota aggiuntiva per ettaro: * frutteto ,00 * colture ad alta specializzazione (es. uva da tavola e colture protette) ,00 * vigneto ,00 * agrumi e oliveto ,50 * orticole (compreso pomodoro e leguminose fresche da industria) ,50 * piccoli frutti coltivati ,50 * piante aromatiche ed officinali ,50 * cereali e foraggere ,00 * colture industriali (escluso pomodoro e leguminose fresche da industria) ,00 * pascoli naturali ,50 * colture convenzionali ,50 d) Ispezione addizionale ,00 Alle aziende che effettuano la raccolta di prodotti spontanei, oltre ai costi previsti alle voci a) e b) vanno applicati i costi di un ispezione addizionale o di più ispezioni addizionali. Il numero delle ispezioni addizionali varia a seconda della tipologia di prodotto oggetto di controllo e all estensione dell areale di raccolta. AZIENDE ZOOTECNICHE a) Mantenimento annuale al sistema di controllo ,00

AGRICOLTURA BIOLOGICA IN CIFRE AL 31/12/2011

AGRICOLTURA BIOLOGICA IN CIFRE AL 31/12/2011 AGRICOLTURA BIOLOGICA IN CIFRE AL 31/12/ Dalla prima analisi dei dati forniti al Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali dagli Organismi di Controllo (OdC) operanti in Italia al 31 dicembre

Dettagli

LISTINO 2013 CAMPANIA E BASILICATA

LISTINO 2013 CAMPANIA E BASILICATA LISTINO 2013 CAMPANIA E BASILICATA 1. GESTIONE AVVIO a) Acquisizione notifica e valutazione documentale................................. 40,00 2. CONTROLLO Produzione Agricola a) Quota Fissa Az. Rischio

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELL AGRICOLTURA E RIFORMA AGRO-PASTORALE PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 REG. (CE) N. 1698/2005 CHIARIMENTI SULLE

Dettagli

Istituto Agronomico Mediterraneo. nazionale sull agricoltura biologica BIO IN CIFRE. 02/08/2014 Presentazione 1

Istituto Agronomico Mediterraneo. nazionale sull agricoltura biologica BIO IN CIFRE. 02/08/2014 Presentazione 1 Istituto Agronomico Mediterraneo Sistema d informazione d nazionale sull agricoltura biologica BIO IN CIFRE 02/08/ Presentazione 1 Il presente rapporto è a cura di: Comitato di coordinamento: Teresa De

Dettagli

Agricoltura biologica oggi Estratto dalla pubblicazione Scegliere l agricoltura biologica in Calabria, Edagricole (2015).

Agricoltura biologica oggi Estratto dalla pubblicazione Scegliere l agricoltura biologica in Calabria, Edagricole (2015). Agricoltura biologica oggi Estratto dalla pubblicazione Scegliere l agricoltura biologica in Calabria, Edagricole (2015). L agricoltura biologica nel mondo ha registrato negli ultimi venti anni un trend

Dettagli

[ ] Per garantire questo, negli organi che decidono sulla

[ ] Per garantire questo, negli organi che decidono sulla Organismi di Certificazione [ ] ORGANISMI D I CERTIFICAZIONE O C IL SISTEMA DI CONTROLLO L agricoltura biologica rappresenta uno dei primi esempi di certificazione di filiera : ogni fase del processo produttivo

Dettagli

BIO IN CIFRE 2014. Bologna, 6.9.2014 - Francesco Giardina

BIO IN CIFRE 2014. Bologna, 6.9.2014 - Francesco Giardina Bologna, 6.9.2014 - Francesco Giardina Andamento di operatori e superfici in Italia 1990-2013 Biologico in Italia al 31/12/2013 n. operatori: 52.383 SAU: 1.317.177 ha 1993-2013: dati MiPAAF; elaborazioni:

Dettagli

FAQ. La formazione è obbligatoria anche per il subentrante? Si.

FAQ. La formazione è obbligatoria anche per il subentrante? Si. FAQ Le risposte di seguito riportate hanno carattere indicativo e non vincolante. Eventuali approfondimenti specifici potranno essere richiesti agli uffici referenti delle singole misure. INFORMAZIONI

Dettagli

Alla notifica destinata all Organismo di controllo devono essere allegati tutti i documenti specificati nelle presenti istruzioni.

Alla notifica destinata all Organismo di controllo devono essere allegati tutti i documenti specificati nelle presenti istruzioni. ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA SPEDIZIONE DEI MODULI RELATIVI ALLA NOTIFICA DI ATTIVITA PRODUTTIVE CON METODO BIOLOGICO (PRIMA NOTIFICA O NOTIFICA DI VARIAZIONE). PREMESSA Il presente modello deve

Dettagli

BASILICO GENOVESE DOP Sistema delle Camere di Commercio Liguri SCHEDE RIASSUNTIVE

BASILICO GENOVESE DOP Sistema delle Camere di Commercio Liguri SCHEDE RIASSUNTIVE BASILICO GENOVESE DOP Sistema delle Camere di Commercio Liguri SCHEDE RIASSUNTIVE degli adempimenti dei soggetti della filiera (Produttori, Confezionatori) ADEMPIMENTI PRODUTTORE 1. Assoggettarsi al sistema

Dettagli

STATISTICHE AGRONOMICHE DI SUPERFICIE, RESA E PRODUZIONE

STATISTICHE AGRONOMICHE DI SUPERFICIE, RESA E PRODUZIONE Dipartimento delle politiche competitive del mondo rurale e della qualità Direzione generale della competitività per lo sviluppo rurale STATISTICHE AGRONOMICHE DI SUPERFICIE, RESA E PRODUZIONE Bollettino

Dettagli

CO.PRO.VI. Società Cooperativa CONDIFESA di PAVIA. Piazza Vittorio Veneto 1-27045 Casteggio

CO.PRO.VI. Società Cooperativa CONDIFESA di PAVIA. Piazza Vittorio Veneto 1-27045 Casteggio CO.PRO.VI. Società Cooperativa CONDIFESA di PAVIA Piazza Vittorio Veneto 1-27045 Casteggio tel. 0383.82392/804067 fax 0383.805509 coprovi@maxidata.it condifesa.pavia@asnacodi.it www.coprovi.it Campagna

Dettagli

DETERMINAZIONE DELLE DIMENSIONI AZIENDALI

DETERMINAZIONE DELLE DIMENSIONI AZIENDALI REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELL AGRICOLTURA E RIFORMA AGRO-PASTORALE Allegato 1 alla Determinazione n. 15737/706 DETERMINAZIONE DELLE DIMENSIONI AZIENDALI del 04.08.2009 Si ricorda che

Dettagli

Costi di produzione e redditività del mais

Costi di produzione e redditività del mais SEMINARIO Bologna il 3 dicembre 2012 Costi di produzione e redditività del mais Quanto costa produrre latte e mais in emilia-romagna? La competitività di queste filiere Renato Canestrale, Valeria Altamura

Dettagli

RAPPORTO SULL AGRICOLTURA BIOLOGICA IN EMILIA ROMAGNA ANNO 2013

RAPPORTO SULL AGRICOLTURA BIOLOGICA IN EMILIA ROMAGNA ANNO 2013 DIREZIONE GENERALE AGRICOLTURA, ECONOMIA ITTICA, ATTIVITÀ FAUNISTICO-VENATORIE Servizio Percorsi di qualità, relazioni di mercato e integrazioni di filiera U.O. RAPPORTO SULL AGRICOLTURA BIOLOGICA IN EMILIA

Dettagli

PROCEDURE DI ISCRIZIONE E CANCELLAZIONE DELLE AZIENDE BIOLOGICHE DALL ELENCO DELLA REGIONE LOMBARDIA 1. TERMINI E DEFINIZIONI 2 2. ELENCO REGIONALE 2

PROCEDURE DI ISCRIZIONE E CANCELLAZIONE DELLE AZIENDE BIOLOGICHE DALL ELENCO DELLA REGIONE LOMBARDIA 1. TERMINI E DEFINIZIONI 2 2. ELENCO REGIONALE 2 PROCEDURE DI ISCRIZIONE E CANCELLAZIONE DELLE AZIENDE BIOLOGICHE DALL ELENCO DELLA REGIONE LOMBARDIA 1. TERMINI E DEFINIZIONI 2 2. ELENCO REGIONALE 2 3. MODALITA DI NOTIFICA 3 3.1 Chi deve fare notifica

Dettagli

Istituto Agronomico Mediterraneo. nazionale sull agricoltura biologica BIO IN CIFRE. 30/07/2013 Presentazione 1

Istituto Agronomico Mediterraneo. nazionale sull agricoltura biologica BIO IN CIFRE. 30/07/2013 Presentazione 1 Istituto Agronomico Mediterraneo Sistema d informazione d nazionale sull agricoltura biologica BIO IN CIFRE 3/7/213 Presentazione 1 Il presente rapporto è a cura di: Comitato di coordinamento: Fabio Del

Dettagli

NUMERI CHIAVE DELLA FILIERA BIOLOGICA dalla produzione al consumatore: il ruolo dell ortofrutta

NUMERI CHIAVE DELLA FILIERA BIOLOGICA dalla produzione al consumatore: il ruolo dell ortofrutta NUMERI CHIAVE DELLA FILIERA BIOLOGICA dalla produzione al consumatore: il ruolo dell ortofrutta Silvia ZUCCONI Coordinatore Area Agroalimentare NOMISMA > SUPERFICI BIO SUPERFICI BIOLOGICHE (milioni di

Dettagli

REGIONE MOLISE ASSESSORATO POLITICHE AGRICOLE E AGROALIMENTARI - PROGRAMMAZIONE FORESTALE - SVILUPPO RURALE - PESCA PRODUTTIVA TUTELA DELL AMBIENTE

REGIONE MOLISE ASSESSORATO POLITICHE AGRICOLE E AGROALIMENTARI - PROGRAMMAZIONE FORESTALE - SVILUPPO RURALE - PESCA PRODUTTIVA TUTELA DELL AMBIENTE REGIONE MOLISE ASSESSORATO POLITICHE AGRICOLE E AGROALIMENTARI - PROGRAMMAZIONE FORESTALE - SVILUPPO RURALE - PESCA PRODUTTIVA TUTELA DELL AMBIENTE PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE - MOLISE 2014-2020 BANDO

Dettagli

www.isolabiosicilia.it

www.isolabiosicilia.it Consorzio Isola Bio Sicilia Consorzio per la valorizzazione dei prodotti biologici e lo sviluppo rurale Struttura e finalità del consorzio www.isolabiosicilia.it Generalità sul consorzio Il Consorzio Isola

Dettagli

Ufficio tecnico di consulenza e

Ufficio tecnico di consulenza e Ufficio tecnico di consulenza e progettazione: competenza e professionalità a servizio dei soci Per non cercare lontano quello che abbiamo in casa Consulenti/progettisti: Giuseppe Campanaro, Francesco

Dettagli

Allegato B: MODELLO DI DOMANDA PER L USO DEL MARCHIO REGIONALE

Allegato B: MODELLO DI DOMANDA PER L USO DEL MARCHIO REGIONALE Allegato B: MODELLO DI DOMANDA PER L USO DEL MARCHIO REGIONALE BOLLO Spazio a cura dell ufficio ricevente Protocollo... Del... N di iscrizione... REGIONE LAZIO ASSESSORATO AGRICOLTURA DIPARTIMENTO ECONOMICO

Dettagli

Il SINAB è un progetto di: L AGRICOLTURA BIOLOGICA AL 31/12/2009 Tabella 1 Numero operatori per tipologia e regione TOTALE. Var.

Il SINAB è un progetto di: L AGRICOLTURA BIOLOGICA AL 31/12/2009 Tabella 1 Numero operatori per tipologia e regione TOTALE. Var. Il SINAB è un progetto di: Tabella 1 Numero operatori per tipologia e regione produttori esclusivi preparatori esclusivi importatori esclusivi produttori / preparatori produttori / preparatori / importatori

Dettagli

IL SISTEMA DI CONTROLLO E L ITER DI CERTIFICAZIONE IN AGRICOLTURA BIOLOGICA Camera di Commercio di Pisa 30/09/2011

IL SISTEMA DI CONTROLLO E L ITER DI CERTIFICAZIONE IN AGRICOLTURA BIOLOGICA Camera di Commercio di Pisa 30/09/2011 IL SISTEMA DI CONTROLLO E L ITER DI CERTIFICAZIONE IN AGRICOLTURA BIOLOGICA Camera di Commercio di Pisa 30/09/2011 RIFERIMENTI NORMATIVI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO del 28 giugno 2007 RELATIVO

Dettagli

CARATTERISTICHE STRUTTURALI

CARATTERISTICHE STRUTTURALI CARATTERISTICHE STRUTTURALI DELLE AZIENDE AGRICOLE DELLA FILIERA DELLE PIANTE OFFICINALI Corrado Ievoli Università del Molise www.ismea.it www.ismeaservizi.it ROMA 17/07/2013 L APPROCCIO E LE FONTI STATISTICHE

Dettagli

Allevamento ovino biologico in Italia ed in Sardegna: criticità emerse dalla indagine Equizoobio

Allevamento ovino biologico in Italia ed in Sardegna: criticità emerse dalla indagine Equizoobio Macomer 19 Novembre 2008 Giornata divulgativa Progetto Equizoobio Allevamento ovino biologico in Italia ed in Sardegna: criticità emerse dalla indagine Equizoobio N. Fois, M. Sitzia AGRIS DiRPA Bonassai

Dettagli

Analisi economica del settore agricolo

Analisi economica del settore agricolo LE FILIERE BIOLOGICHE IN LOMBARDIA Analisi economica del settore agricolo Alessandro Banterle Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano

Dettagli

NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * )

NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * ) REGIONE: Ministero per le Politiche Agricole e Forestali ( MiPAF) A cura dell'ufficio ricevente Prot. del NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * ) INFORMAZIONI RELATIVE ALLA POSIZIONE NEL SISTEMA

Dettagli

Romania: il mercato dei prodotti BIOLOGICI

Romania: il mercato dei prodotti BIOLOGICI Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Romania: il mercato dei prodotti BIOLOGICI Ufficio di Bucarest Str.A, D. Xenopol nr.15, 010472 Bucuresti T +40 21

Dettagli

PRODUZIONE BIOLOGICA Regolamento (CE) n. 834/2007

PRODUZIONE BIOLOGICA Regolamento (CE) n. 834/2007 Allegato A al decreto n. 2 del 13.01.2015 AVEPA - Agenzia veneta per i pagamenti in agricoltura PRODUZIONE BIOLOGICA Regolamento (CE) n. 834/2007 MANUALE PER IL RILASCIO DELL AUTORIZZAZIONE DEL RICONOSCIMENTO

Dettagli

ZAFFERANO DI SARDEGNA

ZAFFERANO DI SARDEGNA Rev. 00 Data 14/05/09 TARIFFARIO PER IL CONTROLLO DELLO ZAFFERANO DI SARDEGNA Tariffario Pag. 1 di 1 1. Generalità. I prezzi riportati nel presente Tariffario sono riferiti ai servizi illustrati nel Dispositivo

Dettagli

CAMPAGNA ASSICURATIVA 2014

CAMPAGNA ASSICURATIVA 2014 Mantova, 12/03/2014 CAMPAGNA ASSICURATIVA 2014 La copertura assicurativa agevolata dei rischi agricoli è effettuata nell ambito del regime di sostegno specifico di cui all articolo 68 del Regolamento (CE)

Dettagli

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20%

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20% Allegato A PARTE I Determinazione delle ore lavoro per realizzare la condizione di principalità di cui all'articolo 6, comma 3, lettera a) della l.r.30/2003. (42) 1. PREMESSA L imprenditore agricolo che

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE Ripartizione Agricoltura. Programma di Sviluppo Rurale della Provincia Autonoma di Bolzano 2014-2020

PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE Ripartizione Agricoltura. Programma di Sviluppo Rurale della Provincia Autonoma di Bolzano 2014-2020 PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE Ripartizione Agricoltura Programma di Sviluppo Rurale della Provincia Autonoma di Bolzano 2014-2020 Sottomisura 6.1 Aiuto all avviamento di imprese per giovani

Dettagli

non esistono i prodotti biologici, ma i prodotti dell agricoltura biologica

non esistono i prodotti biologici, ma i prodotti dell agricoltura biologica I prodotti dell agricoltura biologica non esistono i prodotti biologici, ma i prodotti dell agricoltura biologica due prodotti assolutamente identici possono essere l uno il risultato del metodo di produzione

Dettagli

Programmazione SISSAR 2013-2015 - Anno 2015

Programmazione SISSAR 2013-2015 - Anno 2015 Programmazione del sistema integrato dei servizi di sviluppo agricolo e rurale di cui alla l.r. 5/2006 per il periodo 2013-2015. Aggiornamento annuale per il 2015. Sezione I - PROGRAMMAZIONE E ORGANIZZAZIONE

Dettagli

ALLEGATO 7 alla deliberazione della Giunta regionale n. 2030 dell 11 luglio 2008

ALLEGATO 7 alla deliberazione della Giunta regionale n. 2030 dell 11 luglio 2008 ALLEGATO 7 alla deliberazione della Giunta regionale n. 2030 dell 11 luglio 2008 MISURA 211 - INDENNITÀ COMPENSATIVE DEGLI SVANTAGGI NATURALI A FAVORE DEGLI AGRICOLTORI DELLE ZONE MONTANE 1) OBIETTIVI

Dettagli

TARIFFARIO PER IL CONTROLLO DELLA D.O.P. CANINO TARIFFARIO PER IL CONTROLLO DELLA D.O.P. OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA CANINO

TARIFFARIO PER IL CONTROLLO DELLA D.O.P. CANINO TARIFFARIO PER IL CONTROLLO DELLA D.O.P. OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA CANINO TARIFFARIO PER IL CONTROLLO DELLA D.O.P. OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA CANINO DATA 00 17/6/2004 PREPARATO Responsabile qualità VERIFICATO Direttore APPROVATO Giunta Camerale n. 8/48 del 17/6/2004 01 15/09/2009

Dettagli

Bologna, 11/04/2012 LA RIFORMA PAC: IL NUOVO FASCICOLO AZIENDALE E I PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COLLEGATI

Bologna, 11/04/2012 LA RIFORMA PAC: IL NUOVO FASCICOLO AZIENDALE E I PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COLLEGATI Bologna, 11/04/2012 LA RIFORMA PAC: IL NUOVO FASCICOLO AZIENDALE E I PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COLLEGATI DECRETO MINISTERIALE 162 del 12/01/2015 Decreto relativo alla SEMPLIFICAZIONE della gestione della

Dettagli

L AGRICOLTURA BIOLOGICA IN CIFRE AL 31/12/2009

L AGRICOLTURA BIOLOGICA IN CIFRE AL 31/12/2009 L AGRICOLTURA BIOLOGICA IN CIFRE AL 31/12/2009 Dall analisi completa dei dati forniti al Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali dagli Organismi di Controllo (OdC) operanti in Italia

Dettagli

VALORITALIA. Torrazza Coste 16/04/2015. Claudio Salaris Christian Magliola

VALORITALIA. Torrazza Coste 16/04/2015. Claudio Salaris Christian Magliola VALORITALIA Società per la Certificazione delle Qualità e delle Produzioni Vitivinicole Italiane S.r.l. Torrazza Coste 16/04/2015 Claudio Salaris Christian Magliola COS È L AGRICOLTURA BIOLOGICA La produzione

Dettagli

Stime 2012 degli investimenti e delle produzioni dei principali cereali in Italia. Maggio 2012

Stime 2012 degli investimenti e delle produzioni dei principali cereali in Italia. Maggio 2012 produzioni dei principali cereali in Italia Maggio 2012 1 produzioni dei principali cereali in Italia L ISTAT ha divulgato a febbraio 2012 le intenzioni di semina delle principali coltivazioni erbacee.

Dettagli

L AGRICOLTURA BIOLOGICA IN CIFRE AL 31/12/2008

L AGRICOLTURA BIOLOGICA IN CIFRE AL 31/12/2008 L AGRICOLTURA BIOLOGICA IN CIFRE AL 31/12/2008 Dall analisi completa dei dati forniti al Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali dagli Organismi di Controllo (OdC) operanti in Italia

Dettagli

Il biologico in Toscana

Il biologico in Toscana Quaderno della Il biologico in Toscana 7 Chi promuove il progetto Filiera Corta Bio nella regione CTPB - Coordinamento Toscano Produttori Biologici - e un associazione nata nel 1983 a Firenze per iniziativa

Dettagli

Marchio dei prodotti agroalimentari del Parco di Montevecchia e della Valle del Curone

Marchio dei prodotti agroalimentari del Parco di Montevecchia e della Valle del Curone pag. 1 Marchio dei prodotti agroalimentari del Parco di Montevecchia e della Valle del Curone DISCIPLINARE DI PRODUZIONE PRODUZIONI ORTICOLE DA PRODUZIONE BIOLOGICA Premessa Il Parco Regionale di Montevecchia

Dettagli

Il sottoscritto nato a il. Responsabile legale dell azienda. C.F/P.IVA sita in comune di Prov. D I C H I A R A

Il sottoscritto nato a il. Responsabile legale dell azienda. C.F/P.IVA sita in comune di Prov. D I C H I A R A DICHIARAZIONE INTEGRATIVA ALLA NOTIFICA RELATIVA ALL IMPEGNO DELL OPERATORE E ALLE MISURE CONCRETE E PRECAUZIONALI PER LE AZIENDE DI PREPARAZIONE secondo l Articolo 63 del Reg CE n.889/2008 (in attuazione

Dettagli

Documento di lavoro. ART A Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura. (Versione 1.0)

Documento di lavoro. ART A Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura. (Versione 1.0) ART A Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura R Documento di lavoro T Sintesi Gestione dei terreni ritirati dalla produzione (Versione 1.0) Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura

Dettagli

Azienda Agricola. Norme e tariffe. Ed. 01.2009. Ad esclusivo uso interno

Azienda Agricola. Norme e tariffe. Ed. 01.2009. Ad esclusivo uso interno Azienda Agricola Norme e tariffe Ad esclusivo uso interno Ed. 01.2009 Indice Norme assuntive pag. 2 Tariffe Incendio pag. 4 Furto pag. 8 Responsabilità civile pag. 9 Tutela Legale pag. 10 1 Norme assuntive

Dettagli

La riforma della PAC per il post 2013: principali cambiamenti e possibili impatti

La riforma della PAC per il post 2013: principali cambiamenti e possibili impatti La riforma della PAC per il post 2013: principali cambiamenti e possibili impatti DENIS PANTINI Responsabile Area Agricoltura e Industria Alimentare 5 aprile 2013 I temi di approfondimento Il percorso

Dettagli

L ATLANTE AMBIENTE SULLE PRATICHE AGRONOMICHE ECOSOSTENIBILI

L ATLANTE AMBIENTE SULLE PRATICHE AGRONOMICHE ECOSOSTENIBILI L ATLANTE AMBIENTE SULLE PRATICHE AGRONOMICHE ECOSOSTENIBILI Maggio 211 Pubblicazione realizzata con il contributo FEASR (Fondo europeo per l'agricoltura e lo sviluppo rurale) nell'ambito delle attività

Dettagli

ASSESSORATO AGRICOLTURA Direzione Generale Agricoltura Bologna (Italy) Autorit

ASSESSORATO AGRICOLTURA Direzione Generale Agricoltura Bologna (Italy) Autorit ASSESSORATO AGRICOLTURA Direzione Generale Agricoltura Bologna (Italy) Autorit Autorità locale competente in agricoltura Guido Violini Servizio Valorizzazione delle produzioni Qualificazione delle produzioni

Dettagli

La filiera dei cereali Cosa produciamo, cosa mangiamo

La filiera dei cereali Cosa produciamo, cosa mangiamo La filiera dei cereali Cosa produciamo, cosa mangiamo I cereali biologici: la situazione del comparto e il progetto FederBio per la tracciabilità delle transazioni Paolo Carnemolla FederBio Centro Congressi

Dettagli

Il biologico in Basilicata

Il biologico in Basilicata Quaderno della Il biologico in Basilicata 7 Chi promuove il progetto Filiera Corta Bio nella regione Con.Pro.Bio Lucano è il Consorzio dei Produttori Biologici della Basilicata che conta una ventina di

Dettagli

Il biologico in Puglia

Il biologico in Puglia Quaderno della Il biologico in Puglia 7 Chi promuove il progetto Filiera Corta Bio nella regione Consorzio Puglia Natura è un consorzio cui aderiscono sia imprese agricole e agroalimentari sia consumatori

Dettagli

Presentazione Filiera Agricola Biologica IRIS DALLE PRODUZIONI AGRICOLE ALLA TRASFORMAZIONE Un modello di economia solidale Con principi di mutualità

Presentazione Filiera Agricola Biologica IRIS DALLE PRODUZIONI AGRICOLE ALLA TRASFORMAZIONE Un modello di economia solidale Con principi di mutualità Presentazione Filiera Agricola Biologica IRIS DALLE PRODUZIONI AGRICOLE ALLA TRASFORMAZIONE Un modello di economia solidale Con principi di mutualità ed autogesione IL PROGETTO IRIS E UN PROGETTO DI ECONOMIA

Dettagli

La Valutazione della Convenienza Economica della Filiera del biodiesel a Scala Regionale

La Valutazione della Convenienza Economica della Filiera del biodiesel a Scala Regionale La Valutazione della Convenienza Economica della Filiera del biodiesel a Scala Regionale Filippo Arfini, Michele Donati(Uniparma) Annalisa Zezza (INEA) U.O Economia ANCONA, 26-27 SETTEMBRE 2013 Unità Operativa

Dettagli

Mauro De Osti Sezione Parchi, Biodiversità, Programmazione Silvopastorale e Tutela dei Consumatori Regione del Veneto

Mauro De Osti Sezione Parchi, Biodiversità, Programmazione Silvopastorale e Tutela dei Consumatori Regione del Veneto Aree Natura 2000 nella Regione del Veneto Mauro De Osti Sezione Parchi, Biodiversità, Programmazione Silvopastorale e Tutela dei Consumatori Regione del Veneto Iniziativa finanziata dal Programma di Sviluppo

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale

Programma di Sviluppo Rurale Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 STATO MEMBRO: ITALIA REGIONE: ABRUZZO Criteri di Selezione misura 112/121/123 Approvati dal Comitato di Sorveglianza Procedura scritta n. 1/2014 1 Misura 112 "Insediamento

Dettagli

AGRICOLTURA BIOLOGICA IN PIEMONTE

AGRICOLTURA BIOLOGICA IN PIEMONTE NOTIZIARIO DOCUMENTI Alessandro Corsi Università degli Studi di Torino Dipartimento di Economia S. Cognetti de Martiis AGRICOLTURA BIOLOGICA IN PIEMONTE ab agricoltura biologica L Agricoltura biologica

Dettagli

DATI RELATIVI AL RAPPRESENTANTE LEGALE. della Ditta... COGNOME E NOME... DATA DI NASCITA COMUNE DI NASCITA...PROV.

DATI RELATIVI AL RAPPRESENTANTE LEGALE. della Ditta... COGNOME E NOME... DATA DI NASCITA COMUNE DI NASCITA...PROV. All UFFICIO FITOSANITARIO REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO Politiche Agricole e Forestali Via A. M. Di Francia, 40 75100 MATERA Oggetto: trasmissione richieste per attività vivaistica a norma dei D. Lgs

Dettagli

Newsletter della Confederazione Italiana Agricoltori dell Umbria

Newsletter della Confederazione Italiana Agricoltori dell Umbria INFORMA Newsletter della Confederazione Italiana Agricoltori dell Umbria Via Mario Angeloni, 1 06125 Perugia Tel: 075.7971056, 075.5002953 Fax: 075.5002956 e-mail: umbria@cia.it - web: www.ciaumbria.it

Dettagli

Coltivazioni agricole, foreste e caccia

Coltivazioni agricole, foreste e caccia SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA 2 0 0 3 Settore Agricoltura Coltivazioni agricole, foreste e caccia Anno 2000 Contiene floppy disk Informazioni n. 28-2003 BIANCA SISTEMA STATISTICO

Dettagli

Gabriele Chiodini La nuova Pac: le principali novità e la regola dei pagamenti accoppiati

Gabriele Chiodini La nuova Pac: le principali novità e la regola dei pagamenti accoppiati Gabriele Chiodini La nuova Pac: le principali novità e la regola dei pagamenti accoppiati Le riforme della PAC 1962-1968: periodo transitorio; 1968-1984: funzionamento delle OCM; 1984-1988: prima riforma

Dettagli

INFORMAZIONI AZIENDALI PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DI CREDITO

INFORMAZIONI AZIENDALI PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DI CREDITO INFORMAZIONI AZIENDALI PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DI CREDITO INFORMAZIONI GENERALI CognomeNome/RagioneSociale: Codice Fiscale/Partita Iva: I. Regione di appartenenza Piemonte Emilia R. Campania Valle

Dettagli

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE ESERCIZI SPECIALIZZATI. AL 31/12/2013 PIEMONTE Altri prodotti 19 41.235 113 168 281 0 2 3 Articoli igienico-sanitari/materiali da 1 2.493 2 0 2 0 0 0 Articoli sportivi/attrezzatura campeggi 9 25.694 119

Dettagli

L agricoltura biologica

L agricoltura biologica Capitolo ventesimo L agricoltura biologica La situazione internazionale La crescita del settore registrata nel 2012 a livello internazionale conferma l interesse generale verso l agricoltura biologica.

Dettagli

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI PREMESSA Si assiste sempre più spesso ad andamenti meteorologici imprevedibili e come tali differenti dall ordinario: periodi particolarmente asciutti alternati ad altri particolarmente piovosi. Allo stesso

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 ASSESSORATO DELL AGRICOLTURA E RIFORMA AGRO PASTORALE PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 REG. (CE) N. 1698/2005 ALLEGATO 6 DESCRIZIONE DELLA METODICA E DELLE IPOTESI AGRONOMICHE PRESE COME RIFERIMENTO

Dettagli

FARRO TERRA DI SAN MARINO

FARRO TERRA DI SAN MARINO DISCIPLINARE DI PRODUZIONE FARRO TERRA DI SAN MARINO ARTICOLO 1 La denominazione Farro Terra di San Marino è riservata esclusivamente al prodotto ottenuto in aziende agricole localizzate entro i confini

Dettagli

Disciplinare Sistema IT01 100% Qualità Originale Italiana Made in Italy Certificate Appendice

Disciplinare Sistema IT01 100% Qualità Originale Italiana Made in Italy Certificate Appendice Disciplinare Sistema IT01 100% Qualità Originale Italiana Made in Italy Certificate Appendice Parte A.A. Appendice Settore Agroalimentare Pagina 1/5 APPENDICE I SETTORE AGROALIMETARE 1 - Obiettivo Il presente

Dettagli

PIEMONTE: SCHEDE DESCRITTIVE AGEVOLAZIONI ED INCENTIVI

PIEMONTE: SCHEDE DESCRITTIVE AGEVOLAZIONI ED INCENTIVI PIEMONTE: SCHEDE DESCRITTIVE AGEVOLAZIONI ED INCENTIVI Maggio 2013 A cura di Davide Abellonio, studio Finanza e Impresa, www.finanzaeimpresa.eu PSR 2007/2013 - Misura 211. Contributo a fondo perduto sotto

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO PER LA SANITÀ PUBBLICA VETERINARIA, LA NUTRIZIONE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI DIREZIONE GENERALE DELLA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI E DELLA NUTRIZIONE DECRETO Prodotti

Dettagli

ALLEGATO N. 1 MODALITA PER L APERTURA CONDIZIONATA DELLA MISURA 11 AGRICOLTURA BIOLOGICA DEL PSR 2014-2020 ANNO 2015

ALLEGATO N. 1 MODALITA PER L APERTURA CONDIZIONATA DELLA MISURA 11 AGRICOLTURA BIOLOGICA DEL PSR 2014-2020 ANNO 2015 ALLEGATO N. 1 MODALITA PER L APERTURA CONDIZIONATA DELLA MISURA 11 AGRICOLTURA BIOLOGICA DEL PSR 2014-2020 ANNO 2015 In attesa che la Commissione Europea approvi il Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020

Dettagli

Le aziende agricole di Padova nel 6 Censimento Generale dell'agricoltura

Le aziende agricole di Padova nel 6 Censimento Generale dell'agricoltura Comune di Padova Settore Programmazione Controllo e Statistica Le aziende agricole di Padova nel 6 Censimento Generale dell'agricoltura Questo lavoro prende in esame le aziende agricole che hanno la propria

Dettagli

Marchio dei prodotti agroalimentari del Parco di Montevecchia e della Valle del Curone DISCIPLINARE DI PRODUZIONE ROSMARINO DA PRODUZIONE INTEGRATA

Marchio dei prodotti agroalimentari del Parco di Montevecchia e della Valle del Curone DISCIPLINARE DI PRODUZIONE ROSMARINO DA PRODUZIONE INTEGRATA pag. 1 Marchio dei prodotti agroalimentari del Parco di Montevecchia e della Valle del Curone DISCIPLINARE DI PRODUZIONE ROSMARINO DA PRODUZIONE INTEGRATA Premessa Il Parco Regionale di Montevecchia e

Dettagli

Le aziende olivicole nel 6 Censimento Generale dell Agricoltura

Le aziende olivicole nel 6 Censimento Generale dell Agricoltura Le aziende olivicole nel 6 Censimento Generale dell Agricoltura Nel 21, secondo i risultati del 6 Censimento Generale dell Agricoltura, il settore olivicolo conta 92.75 aziende, in flessione del 19% circa

Dettagli

L INTERSCAMBIO DI PRODOTTI AGROALIMENTARI TRA I PAESI AGRONET : STATO DELL ARTE, TREND E PROSPETTIVE FUTURE

L INTERSCAMBIO DI PRODOTTI AGROALIMENTARI TRA I PAESI AGRONET : STATO DELL ARTE, TREND E PROSPETTIVE FUTURE L INTERSCAMBIO DI PRODOTTI AGROALIMENTARI TRA I PAESI AGRONET : STATO DELL ARTE, TREND E PROSPETTIVE FUTURE Direttore Area Agricoltura e Industria alimentare Nomisma spa I TEMI DI APPROFONDIMENTO Gli scambi

Dettagli

Misura 11 - Agricoltura biologica (art. 29)

Misura 11 - Agricoltura biologica (art. 29) Ambiente e salvaguardia del territorio: descrizione delle misure Misura 11 - Agricoltura biologica (art. 29) La misura ha l obiettivo di incoraggiare gli agricoltori a convertire i metodi di coltivazione

Dettagli

CONDIFESA Vercelli e Biella. Assicurazioni agevolate contro le avversità 2014

CONDIFESA Vercelli e Biella. Assicurazioni agevolate contro le avversità 2014 CONDIFESA Vercelli e Biella Assicurazioni agevolate contro le avversità 2014 Avversità assicurabili nel 2014 su tutto il territorio nazionale Il Piano Assicurativo Agricolo Nazionale prevede: AVVERSITA

Dettagli

IL CONTROLLO SULLA QUALITÀ DELLE PRODUZIONI AGROALIMENTARI: PER UNA OMOGENEA INTERPRETAZIONE DI PARAMETRI E PROCEDURE

IL CONTROLLO SULLA QUALITÀ DELLE PRODUZIONI AGROALIMENTARI: PER UNA OMOGENEA INTERPRETAZIONE DI PARAMETRI E PROCEDURE IL CONTROLLO SULLA QUALITÀ DELLE PRODUZIONI AGROALIMENTARI: PER UNA OMOGENEA INTERPRETAZIONE DI PARAMETRI E PROCEDURE I controlli sulle produzioni biologiche Il controllo sulla qualità delle produzioni

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20 PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20 Misura 10 Pagamenti agro climatico ambientali Sottomisura 10.1 Pagamenti per impegni agro climatico ambientali Tipo di operazione 10.1.2 Miglioramento della gestione

Dettagli

AGRICOLTURA BIOLOGICA IN CIFRE

AGRICOLTURA BIOLOGICA IN CIFRE AGRICOLTURA BIOLOGICA IN CIFRE Alberto Manzo Torino 23 novembre 2007 L AGRICOLTURA BIOLOGICA IN CIFRE AL 31/12/2006 I dati che l Ufficio MiPAAF QPA II Agricoltura Biologica, con il supporto del SINAB -

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Titolo Asparago - Costituzione e diffusione dell ibrido maschile Italo Risultati della Ricerca Descrizione estesa del risultato Italo è il primo ibrido interamente maschile (le piante maschili sono notoriamente

Dettagli

ALLEGATO 8) Si riportano di seguito le regole comunitarie che disciplinano l ammissibilità agli aiuti di Stato da parte delle imprese.

ALLEGATO 8) Si riportano di seguito le regole comunitarie che disciplinano l ammissibilità agli aiuti di Stato da parte delle imprese. ALLEGATO 8) Si riportano di seguito le regole comunitarie che disciplinano l ammissibilità agli aiuti di Stato da parte delle imprese. Articoli 38 e 39 del Regolamento generale di esenzione per gli aiuti

Dettagli

Sistemi foraggeri per l azienda zootecnica da latte in Pianura Padana: gestione agronomica e costi. Borreani G., Tabacco E.

Sistemi foraggeri per l azienda zootecnica da latte in Pianura Padana: gestione agronomica e costi. Borreani G., Tabacco E. Sistemi foraggeri per l azienda zootecnica da latte in Pianura Padana: gestione agronomica e costi Borreani G., Tabacco E. Dip. Dip. Scienze Scienze Agrarie, Agrarie, Forestali Forestali ee Alimentari

Dettagli

Rev. del 19/12/2013 ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60 e successive m. e i.)

Rev. del 19/12/2013 ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60 e successive m. e i.) ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60 e successive m. e i.) Settore Aiuti Diretti ed Interventi di Mercato Istruzioni per la compilazione Misura 214.a Domande

Dettagli

P.A.N. per L agricoltura Biologica - 2008/2009. Asse 2 Az. 2.1 e Asse 4 Az. 4.4 Attività operative previste a partire dall ottobre 2011

P.A.N. per L agricoltura Biologica - 2008/2009. Asse 2 Az. 2.1 e Asse 4 Az. 4.4 Attività operative previste a partire dall ottobre 2011 P.A.N. per L agricoltura Biologica - 2008/2009. Asse 2 Az. 2.1 e Asse 4 Az. 4.4 Attività operative previste a partire dall ottobre 2011 1) Premessa PIANO NAZIONALE SEMENTI BIOLOGICHE 1 II biennio Il secondo

Dettagli

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE COMMISSIONE EUROPEA DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE che concede una deroga richiesta dall Italia con riguardo alle regioni Emilia - Romagna, Lombardia, Piemonte e Veneto a norma della direttiva

Dettagli

ALLEGATOB alla Dgr n. 2293 del 10 dicembre 2013 pag. 1/7

ALLEGATOB alla Dgr n. 2293 del 10 dicembre 2013 pag. 1/7 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOB alla Dgr n. 2293 del 10 dicembre 2013 pag. 1/7 TAB. 1 Tabella valori medi unitari convenzionali standard di tempo di lavoro e reddito da lavoro ai fini delle qualifiche

Dettagli

Olio extra vergine di oliva Denominazione di Origine Protetta APRUTINO PESCARESE

Olio extra vergine di oliva Denominazione di Origine Protetta APRUTINO PESCARESE Manuale e piano di per la certificazione dell olio extra vergine di oliva rispondente ai requisiti per l ottenimento della Denominazione di Origine Protetta ai sensi del Reg. CEE 2081/92 Olio extra vergine

Dettagli

I prodotti dell agricoltura biologica

I prodotti dell agricoltura biologica I prodotti dell agricoltura biologica non esistono i prodotti biologici, ma i prodotti dell agricoltura biologica due prodotti privi di residui chimici ed assolutamente identici possono essere l uno il

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SISTEMA PER LA CERTIFICAZIONE E IL CONTROLLO DEGLI OPERATORI SECONDO IL REG. CE 834/2007

REGOLAMENTO DEL SISTEMA PER LA CERTIFICAZIONE E IL CONTROLLO DEGLI OPERATORI SECONDO IL REG. CE 834/2007 1 di 21 REGOLAMENTO DEL SISTEMA PER LA CERTIFICAZIONE E IL CONTROLLO DEGLI 2 di 21 Rev. Causale Redatto Approvato Autorizzato 01 Emissione Virno Elio Paganelli Paolo Montaguti Ivan (10/03/03) 02 (23/01/04)

Dettagli

Richiesta di autorizzazioni fitosanitarie ai sensi del D.Lgs. n. 214/05 e Decreto MIPAAF n. 12/11/2009.

Richiesta di autorizzazioni fitosanitarie ai sensi del D.Lgs. n. 214/05 e Decreto MIPAAF n. 12/11/2009. Modello A Raccomandata AR Marca da bollo 16,00 Richiesta di autorizzazioni fitosanitarie ai sensi del D.Lgs. n. 214/05 e Decreto MIPAAF n. 12/11/2009. QUADRO A-1 Prima iscrizione Variazione IL/LA SOTTOSCRITTO/A...........

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PREVENZIONE E L INDENNIZZO DEI DANNI CAUSATI DALLA FAUNA SELVATICA

REGOLAMENTO PER LA PREVENZIONE E L INDENNIZZO DEI DANNI CAUSATI DALLA FAUNA SELVATICA REGOLAMENTO PER LA PREVENZIONE E L INDENNIZZO DEI DANNI CAUSATI DALLA FAUNA SELVATICA Articolo 1 Principi a) Nel territorio della Riserva Naturale Pian di Spagna e Lago di Mezzola l indennizzo per i danni

Dettagli

EBAN ENTE BILATERALE AGRICOLO NAZIONALE

EBAN ENTE BILATERALE AGRICOLO NAZIONALE EBAN ENTE BILATERALE AGRICOLO NAZIONALE BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI SULLA PREVENZIONE E SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO IN AZIENDE AGRICOLE Premessa L Ente Bilaterale Agricolo Nazionale, di seguito

Dettagli

Quotazioni della Borsa Merci Telematica Italiana riferite al periodo 21/11/2013-27/11/2013

Quotazioni della Borsa Merci Telematica Italiana riferite al periodo 21/11/2013-27/11/2013 Quotazioni della Borsa Merci Telematica Italiana riferite al periodo 21/11/2013-27/11/2013 Quotazioni sui mercati a pronti (1) Cereali e coltivazioni industriali Cereali minori Orzo pesante naz. Arrivo

Dettagli

LE IMPORTAZIONI IN ITALIA DI PRODOTTI DA AGRICOLTURA BIOLOGICA PROVENIENTI DA PAESI TERZI

LE IMPORTAZIONI IN ITALIA DI PRODOTTI DA AGRICOLTURA BIOLOGICA PROVENIENTI DA PAESI TERZI LE IMPORTAZIONI IN ITALIA DI PRODOTTI DA AGRICOLTURA BIOLOGICA PROVENIENTI DA PAESI TERZI Le importazioni di prodotti ottenuti con il metodo di produzione biologico provenienti da Paesi Terzi possono realizzarsi

Dettagli

PAC 2014-2020 Rossella Pampanini Dip. di Scienze Agrarie, alimentari e ambientali, Università di Perugia

PAC 2014-2020 Rossella Pampanini Dip. di Scienze Agrarie, alimentari e ambientali, Università di Perugia Università degli Studi di Perugia PAC 2014-2020 Rossella Pampanini Dip. di Scienze Agrarie, alimentari e ambientali, Università di Perugia PERCHÉ UNA NUOVA RIFORMA? affrontare le crescenti preoccupazioni

Dettagli

Produzione agricola della canapa da fibra

Produzione agricola della canapa da fibra Produzione agricola della canapa da fibra aspetti economici e scenari produttivi Studio Paroli e Associati Tecnica ed Economia Agraria Via Fiorentina, 84 PONTEDERA (PI) Tel 0587-59016 La coltivazione della

Dettagli

INDICAZIONI NORMATIVE PER LE PRODUZIONI ZOOTECNICHE CON METODO BIOLOGICO

INDICAZIONI NORMATIVE PER LE PRODUZIONI ZOOTECNICHE CON METODO BIOLOGICO INDICAZIONI NORMATIVE PER LE PRODUZIONI ZOOTECNICHE CON METODO BIOLOGICO BOVINI DA LATTE PRINCIPI GENERALI: l allevamento zootecnico viene considerato come complementare alla produzione vegetale dell azienda

Dettagli