GIUSEPPE DELLA PIETRA. Opposizione di terzo: lo stato dell arte

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GIUSEPPE DELLA PIETRA. Opposizione di terzo: lo stato dell arte"

Transcript

1 GIUSEPPE DELLA PIETRA Opposizione di terzo: lo stato dell arte 1. Premessa. 2. La legittimazione. 3. I provvedimenti impugnabili. 4. Il pregiudizio al terzo e l efficacia della sentenza di accoglimento. 5. L opposizione revocatoria. 6. Il termine. 7. Il procedimento 1.- L opposizione di terzo è senz altro il più fluido fra i mezzi d impugnazione. L incertezza dei suoi contorni deriva non solo e neppure tanto, in chiave empirica dalla sua malcerta connotazione 1, quanto soprattutto dal singolare statuto che il capo V del titolo III del c.p.c. le ritaglia. E un impugnazione, certo, ma non è data alla parte, e di regola non presume un vizio della sentenza. Postula un pregiudizio, d accordo, ma giocoforza, per le ragioni appena dette non la soccombenza. E offerta al terzo, genericamente, per cui nebuloso resta il novero degli effettivi legittimati. E straordinaria, come talora la revocazione, ma nella versione standard è svincolata da ogni termine. Ha effetto demolitivo, le più volte, ma può anche spingersi a soppiantare nel merito la sentenza impugnata. Ha capacità sostitutiva, dunque, ma non è detto che non possa arrestarsi a una mera declaratoria d inopponibilità della decisione al terzo. Si è a cospetto, all evidenza, di un mezzo per più versi inafferrabile, tale di certo non per insipienza dei codificatori del 40. Vero è che un rimedio volto a por mano a lesioni tanto cangianti e imprevedibili come quelle che possono far capo al terzo, non poteva non ricevere margini ben più sfumati di quelli impressi agli altri gravami. L ubicazione in fine del titolo sulle impugnazioni la erige perciò a valvola di chiusura, dettata nella consapevolezza che le situazioni sostanziali non sono monadi che è possibile isolare nel laboratorio del processo, ma entità osmotiche i cui legami con l esterno, se vengono talora coperti dal velo del giudicato, non possono essere sempre e ad ogni costo obliterati. 1 E noto il dubbio se il rimedio sia volto a neutralizzare l efficacia di accertamento della sentenza verso il terzo, o non sia piuttosto diretto a scongiurare il solo pregiudizio che al terzo derivi dall esecuzione del provvedimento inter alios: sul tema, v. LUISO, Opposizione di terzo, in Enc. Giur., XXI, Roma, 1990, 3 s.; VERDE, Diritto processuale civile, II, Bologna, 2012, 285 ss.; SASSANI, Lineamenti del processo civile italiano, Milano, 2012, 579 ss.; BALENA, Istituzioni di diritto processuale civile, II, Bari, 2012, 486 s.; MENCHINI, Pretendenti (lite tra), in Digesto civ., XIV, Torino, 1996 (rist. 2003), 306 ss.; COSTANTINO, Contributo allo studio del litisconsorzio necessario, Napoli, 1979, 489 ss.; PUNZI, Il processo civile Sistema e problematiche, II, Torino, 2010, 565 ss.; C. CAVALLINI, L efficacia (riflessa) della sentenza nel pensiero di E. T. Liebman, in Riv. dir. proc., 2007, 1221 ss.; NICOLETTI, Opposizione di terzo, in Enc. dir., XXX, Milano, 1980, 478 ss.; CECCHELLA, L opposizione del terzo alla sentenza, Torino, 1995, 31 ss.; GUALANDI, Frammenti sull opposizione di terzo, in Riv. trim. dir. proc. civ., 1976, 1280 ss.; VOCINO, «Ultimissime» dalla dottrina dell opposizione di terzo, in Studi in onore di Enrico Tullio Liebman, Milano, 1979, 2021 ss. 1

2 Trascorso gran tempo da lavori ormai classici sul tema 2, può valere la pena di compiere una veloce ricognizione del mezzo che, sia pure per rapidi tratti, renda il quadro di come l opposizione di terzo vive ed opera nel sistema delle tutele. 2.- Legittimato all opposizione ordinaria è il titolare di un diritto autonomo, la cui tutela è incompatibile con la situazione giuridica risultante dalla sentenza pronunciata tra altre parti. La formula, nella sua estrema vaghezza, fornisce poco più di una direttiva di fondo all interprete, chiamato caso per caso a sceverare i requisiti dell autonomia del diritto del terzo e della sua incompatibilità con quello della parte vittoriosa 3. Quanto al primo, il profilo oggettivo dell autonomia si riverbera a monte su quello soggettivo della qualità di terzo, nel senso che non può dirsi tale colui che, pur formalmente estraneo al giudizio e alla sentenza, vanti una posizione legata a quella di una delle parti in causa in virtù di un rapporto di derivazione. In questa prospettiva non sono legittimati all impugnazione il socio che si dolga della sentenza resa verso la compagine di cui fa parte 4 ; l acquirente a non domino del bene oggetto della lite inter alios 5 ; il curatore fallimentare quando agisce fuori della veste di rappresentante degli interessi della massa 6 ; l avente causa in un rapporto contrattuale con riguardo alla sentenza reso verso il suo autore 7. In quest ultimo caso non è del tutto escluso che il successore sia legittimato all opposizione ordinaria, a condizione, però, che faccia valere un diritto autonomo incompatibile con quelli delle parti in causa, suscettibile di essere direttamente ed immediatamente pregiudicato dalla sentenza 8. Dal medesimo angolo visuale compete, invece, la qualità (e l opposizione) di terzo all acquirente di un bene immobile che abbia effettuato l acquisto prima 2 Ai Maestri evocati nella nota precedente adde LIEBMAN, Efficacia e autorità della sentenza, Milano, 1962; PROTO PISANI, Opposizione di terzo ordinaria, Napoli, 1965; FABBRINI, L opposizione ordinaria del terzo nel sistema dei mezzi di impugnazione, Milano, 1968; CERINO CANOVA, Le impugnazioni civili Struttura e funzione, Padova, 1973; ALLORIO, La cosa giudicata rispetto ai terzi, Milano, Per una recente, efficace ricostruzione di ambo i requisiti, v. DELLE DONNE, commento all art. 404 c.p.c., in Commentario del Codice di procedura civile, diretto da Comoglio Consolo Sassani - Vaccarella, V, Torino, 2013, 7.2 e Cass., , n. 6179; Cass , n ; Cass., , n. 1231, in Foro it., 1999, I, 2578; App. Roma, , in Foro it., 1994, I, Cass., , n Cass., , n Cass., , n ; Cass., , n. 9500, in Foro it., 2004, I, 171, e in Giust. civ., 2004, I, 138. Negano perciò la legittimazione al conduttore, avente causa dal promissario-acquirente dell immobile, in caso di risoluzione della promessa di vendita, Cass., , n. 1546, in Giust. civ., 1983, I, 263, e Cass., , n. 1995, in Foro it., 1981, I, 212, con nota senza titolo di COSTANTINO; contra App. Roma, , ibidem. 8 Cass., , n. 1775; BALENA, op. cit., 490. In questa linea, compete l opposizione di terzo avverso la sentenza di sfratto per morosità (e, più in generale, di risoluzione per inadempimento) a chi sia succeduto al conduttore nel contratto di locazione ai sensi dell art. 6, l. n. 392/1978: Cass , n. 9868; App. Roma, , in Giust. civ., 1995, I, 819. Per BORSELLI, Opposizione di terzo, in Noviss. Dig. it., XI, Torino, 1965, 1083, lo stesso terzo potrebbe promuovere simultaneamente l opposizione di terzo ordinaria e quella revocatoria ove fosse avente causa da una delle parti e godesse al contempo di una situazione giuridica autonoma. 2

3 dell inizio del processo nel quale è stata disconosciuta la proprietà del suo dante causa 9 ; a colui che, con atto successivo alla decisione pregiudizievole, abbia acquistato a titolo derivativo da chi, terzo rispetto alla pronunzia, era già legittimato all opposizione 10 ; al curatore del fallimento che agisce in sostituzione dei creditori al fine di ricostruire il patrimonio del fallito 11. Quanto all incompatibilità (e, cioè, all inconciliabilità fra le posizioni del terzo e della parte vittoriosa), il requisito ricorre quando il terzo aspiri a esercitare su un dato bene poteri e facoltà che invece la sentenza inter alios gli comprime per averne accordati di altri a una delle parti in lite 12. In chiave cronologica il conflitto deve sussistere al tempo della decisione pregiudizievole, per cui l opposizione non compete a chi si è reso titolare del diritto dopo la pronunzia della sentenza che si vorrebbe impugnare 13. La qualità di terzo è naturalmente esclusa dall aver ricoperto la veste di parte nel giudizio approdato alla sentenza di cui ci s intende dolere. Anche a questi fini il coinvolgimento nel processo va apprezzato al momento della pronunzia, non a quello dell instaurazione del giudizio. Per questa ragione compete la qualità di terzo all interventore definitivamente estromesso dal processo 14 e al soggetto il cui appello sia stato dichiarato inammissibile per mancanza della qualità di parte 15. Traluce dai superiori rilievi che la qualità di terzo va intesa, oltre che in termini sostanziali, e cioè rispetto al rapporto giuridico controverso, in una prospettiva anzitutto processuale, come colui che non ha assunto la qualità di parte in senso formale nel giudizio pregresso. Per questa ragione è prevalente l idea che l opposizione competa anche al litisconsorte necessario pretermesso 16, e ciò in virtù della regola sopra enunciata pur quando, intervenuto volontariamente in giudizio, il giudice abbia 9 Cass., , n. 2747, in Foro it., 1988, I, 3326, in Giust. civ., 1988, I, 1686, in Arch. civ., 1988, Cass., , n Cass., , n. 8545, in Giust. civ., 2004, I, 401, in Fallimento, 2004, 739, con nota di MONTANARI, Decisioni pronunciate nei confronti del solo fallito e opposizione di terzo del curatore, in Riv. arbitrato, 2004, 718, con nota di TOTA, Sulla legittimazione del curatore all opposizione ordinaria di terzo avverso il lodo arbitrale pronunciato nel contraddittorio del solo fallito. 12 OLIVIERI, Opposizione di terzo, in Digesto civ., XIII, Torino, 1995 (rist. 2004), 109 ss. 13 Cass., , n. 9647, in Foro it., 2008, I, 2983, che ha escluso la legittimazione di chi affermi di aver usucapito il bene, sulla cui proprietà si era pronunciata la sentenza impugnata, in data successiva a tale decisione; Cass., , n. 9500, cit., che ha negato il rimedio al terzo che, conduttore dell immobile oggetto della domanda di cessione in proprietà accolta con la sentenza inter alios passata in giudicato, intendeva far valere un diritto al riscatto riconosciuto da legge successiva al detto giudicato. 14 Cass., , n. 9500, cit., ma per questo profilo vedila anche in Corr. giur., 2004, 1607, con nota di NEGRI, Intervento in appello giudicato inammissibile: successiva opposizione del medesimo terzo? 15 Cass., , n. 1807, in Corr. giur., 2004, 1609, con nota di NEGRI cit. 16 Cass., , n ; Cass., , n. 9878; Cass., , n. 1794; OLIVIERI, op. cit., 116 s.; BIAVATI, Argomenti di diritto processuale, Bologna, 2013, 523 s.; MONTESANO ARIETA, Trattato di diritto processuale civile, I, 2, Principi generali - Rito ordinario di cognizione, Padova, 2001, 2016; DELLE DONNE, op. cit., 7.5. Per VERDE, op. cit., 287 s., perlomeno nei casi di litisconsorzio dettato da ragioni di opportunità la possibilità di formazione progressiva del giudicato fa preferire l applicazione dell art. 327, 2 co., c.p.c., e dunque l impiego dei mezzi ordinari. Secondo VOCINO, op. cit., 2010 ss., dal momento che la sentenza è inutiliter data, al terzo sarebbe schiuso ogni rimedio, compresa l azione di nullità verso quella delle parti che minacciasse di servirsene. 3

4 omesso di pronunciare sulla sua posizione ed il vizio non sia stato dedotto mediante impugnazione 17. È dubbio se il rimedio spetti invece al soggetto falsamente rappresentato, non tanto per la sua ambigua posizione all interno del processo, quanto per la possibilità di esercitare i rimedi propri della parte, svincolati dal termine annuale ai sensi dell art. 327, 2 co., c.p.c Nell impianto originario del codice in cui la sentenza di primo grado non era di regola immediatamente esecutiva l opposizione avverso pronunzie non ancora passate in giudicato si restringeva alle sentenze d appello. La regola formava sistema con la facoltà che l art. 344 c.p.c. tuttora accorda al terzo, in tesi legittimato all opposizione, di spiegare intervento in fase di gravame. Il coordinamento fra le disposizioni è saltato da quando la provvisoria esecutività è stata estesa alle sentenze di primo grado. Le soluzioni potenzialmente prospettabili sono varie, e tutte dotate di un proprio grado di plausibilità: 1) ritenere prevalente l art. 344, e dunque escludere che l opposizione sia proponibile contro le sentenze di primo grado 19 ; 2) concludere che la concreta proposizione dell appello (e, a più forte ragione, l intervento del terzo in sede di gravame 20 ) renda inammissibile (se proposta successivamente) o improcedibile (se già promossa) l opposizione di terzo 21 ; 3) optare per la sospensione del giudizio di appello ai sensi dell art. 295 c.p.c. in attesa dell esito dell opposizione 22 ; 4) auspicare la riunione quando i due giudizi pendano dinanzi allo stesso giudice; altrimenti rassegnarsi alla trattazione separata con coordinamento successivo delle decisioni 23. Ogni dubbio si dissolve quando l opposizione è diretta verso la sentenza di secondo grado. Non essendo consentito in sede di legittimità l intervento del terzo, la pendenza del ricorso per cassazione non impedisce al giudice che ha emanato la sentenza gravata di esprimersi sull opposizione di terzo proposta avverso la medesima pronunzia Cass., , n. 1438, in Foro it., 2000, I, 2262, in Corr. giur., 2001, 899, con nota di GIACOMELLI, Omessa pronuncia nei confronti dell interveniente volontario in primo grado e legittimazione all opposizione di terzo. 18 Optano per questo rimedio LUISO, op. cit., 5; VERDE, op. cit., 288 s.; PUNZI, op. cit., 566; MONTESANO ARIETA, op. cit., 2017; ANDRIOLI, Legittimazione all opposizione ordinaria di terzo, in Studi in onore di Enrico Tullio Liebman, Milano, 1979, 1814 ss. Propendono, invece, per l opposizione di terzo, BALENA, op. cit., 488 s.; OLIVIERI, op. cit., 116 s. Per VOCINO, op. cit., 2013 ss., l inopponibilità della sentenza al terzo rende privo di senso il quesito. 19 SASSANI, op. cit., 584 s. Invece per VERDE, op. cit., 294, l interprete non può imporre preclusioni non previste dal legislatore. 20 Cass., , n E la soluzione adottata per il processo amministrativo dall art. 109, 2 co., c.p.a., ove è aggiunto che, qualora il terzo non vi abbia ancora provveduto, il giudice dell opposizione gli fissi un termine per il suo intervento nel giudizio di appello. 22 REDENTI VELLANI, Diritto processuale civile, Milano, 2011, VERDE, op. cit., 294; OLIVIERI, op. cit., App. Bari, , in Rass. dir. civ., 1984, 1152, con nota di NICOLETTI, Terzi e opposizione di terzo. 4

5 Il dilemma si pone in linea di principio per le sole sentenze. Non le sole sentenze, però, sono suscettibili di opposizione, perché non è la natura del provvedimento, quanto la sua capacità di incidere sul diritto del terzo a determinarne la soggezione al rimedio. Anche provvedimenti diversi dalla sentenza, purché caratterizzati dalla definitività e dalla forza esecutiva sono perciò impugnabili dal terzo. Nel solco del principio appena enunciato, pronunce della Corte costituzionale hanno esteso il rimedio alle ordinanze di convalida di sfratto per finita locazione 25, per morosità 26 e di licenza per finita locazione 27. Soggiace all opposizione anche il decreto per la repressione della condotta antisindacale reso ai sensi dell art. 28, l. n. 300/1970 e divenuto irrevocabile per mancata opposizione o per l intervenuta estinzione di tale fase del procedimento 28. Ai sensi degli artt. 827, 1 co., e 831, 3 co., c.p.c., impugnabile è anche il lodo arbitrale, mentre l art. 656 c.p.c. concede l opposizione revocatoria contro il decreto d'ingiunzione divenuto esecutivo a norma dell'art. 647 c.p.c. Per lo stesso principio (naturalmente, con il segno opposto) non è passibile di opposizione l ordinanza di assegnazione del credito pignorato ex art. 553 c.p.c, essendo il provvedimento privo di natura decisoria 29, e ciò a più forte ragione in seguito alla recente riforma dell espropriazione presso terzi 30. Neppure sono opponibili dal terzo, in ragione della loro provvisorietà, l ordinanza di rilascio resa ai sensi dell art. 665 c.p.c. 31, e l ordinanza di reintegra nel 25 C. cost., , n. 167, in Foro it., 1984, I, 1441, in Arch. locazioni, 1984, 389, in Giust. civ., 1984, I, 2361; C. cost., ord., , n C. cost., , n. 237, in Foro it., 1985, I, C. cost., , n. 192, in Foro it., 1995, I, 2383, in Rass. locazioni, 1995, 199, con nota di SPAGNUOLO, Anche le ordinanze di convalida di licenza per finita locazione sono soggette ai rimedi dell opposizione di terzo ordinaria, in Giust. civ., 1995, I, 2017, in Arch. locazioni, 1995, 554, in Giur. it., 1995, I, Pret. Roma, , in Riv. giur. lav., 1991, II, 580; Cass., , n. 5039, in Arch. civ., 1990, 131, in Dir. prat. lav., 1990, 251, in Mass. giur. lav., 1990, 80, in Dir. lav., 1990, II, 80, in Mass. giur. lav., 1990, 312 (massima), con nota di LUISO, L opposizione di terzo ed il decreto ex art. 28 statuto dei lavoratori, in Riv. dir. proc., 1991, 288, con nota di GARBAGNATI., In tema di opposizione di terzo contro il decreto del pretore di cui al 1º comma, art. 28, l. 20 maggio 1970, n. 300, in Giust. civ., 1990, I, 2123, con nota redazionale di LUISO, in Foro pad., 1990, I, 121, con nota di BIANCO, L ampliatio dell opposizione di terzo nel sistema delle garanzie giurisdizionali costituzionali, con particolare riguardo all impugnabilità del decreto repressivo di condotta antisindacale divenuto definitivo. Contra Pret. Roma, , in Foro it., 1984, I, 2915, e in Dir. lav., 1984, II, 305, con nota di LAMBERTUCCI, Decreto ex art. 28 statuto lav. e opposizione di terzo. Sul tema v. anche GIUSSANI, Opposizione di terzo contro il decreto di repressione della condotta antisindacale, in Riv. trim. dir. proc. civ., 1990, Cass., , n , in Giust. civ., 2004, I, 651, e in Riv. esec. forz., 2004, Alludo evidentemente ai nuovi artt. 548, 1 e 2 co., e 549 c.p.c., che circoscrivono gli effetti della non contestazione e degli accertamenti compiuti dal giudice dell esecuzione in caso di contestazione della dichiarazione ai fini del procedimento in corso e dell'esecuzione fondata sul provvedimento di assegnazione. Quanto in particolare al terzo pignorato, l opposizione ex art. 404 c.p.c. è preclusa dall art. 548, 3 co., e dallo stesso art. 549, che gli accordano d insorgere contro il provvedimento di assegnazione con le forme dell opposizione agli atti esecutivi. 31 Cass., , n. 1917, in Foro it., 1998, I, 162, e in Rass. locazioni, 1997, 309, con nota di CARRATO, Inapplicabilità dell opposizione di terzo avverso l ordinanza provvisoria di rilascio. 5

6 possesso, cui il terzo può reagire mediante reclamo 32, oppure intervenendo nel giudizio di merito o con opposizione all esecuzione promossa in forza del provvedimento interdittale 33. Di regola non sono impugnabili neppure le sentenze della Cassazione, salvo quelle che hanno deciso la causa nel merito, come già ritenuto in passato 34 e come ora sancito dall art. 391-ter c.p.c. 4.- Il pregiudizio alle ragioni del terzo discende dalla circostanza che la sentenza, esondando dagli argini soggettivi dell art c.c., comprime o sopprime il diritto di cui il terzo si afferma titolare 35. La lesione deve derivare in via immediata e diretta dalla traduzione in atto delle statuizioni recate dalla sentenza, e deve rivestire il carattere della giuridicità. Perché ciò accada, il diritto del terzo deve trovarsi in rapporto di incompatibilità giuridica con quello oggetto della sentenza, non bastando la mera impossibilità pratica di soddisfare i due diritti 36. È preclusa perciò l opposizione quando la lesione consegue solo indirettamente dalla sentenza inter alios, o questa si pone come mero antecedente storico rispetto al diritto del terzo, capace perciò di rimetterlo in discussione nel futuro giudizio promosso contro di lui, o quando la sentenza gli arrechi un pregiudizio di mero fatto 37. Su queste premesse, l opposizione non compete agli arbitri verso la sentenza che ha pronunziato la nullità del lodo 38 ; né a colui che nella sentenza di disconoscimento della paternità legittima sia indicato come genitore naturale 39 ; men che meno ai parenti di chi è dichiarato padre naturale, che accampino un preteso interesse all integrità della famiglia legittima e del patrimonio familiare 40. Il pregiudizio al diritto del terzo segna anche il perimetro di efficacia della sentenza di accoglimento. Il principio è quello del minimo mezzo, nel senso che l opposizione mira anzitutto a evitare che il provvedimento rechi danno al terzo, senza necessariamente eliminare il giudicato formatosi tra le parti 41. Per questa ragione il terzo è legittimato a impugnare la sentenza limitatamente agli aspetti della pronuncia da cui 32 Cosi Pret. Monza, ord., , in Giur. it., 1997, I, 2, 232, con nota di CECCHELLA, Per una tesi (tradizionale) sul procedimento possessorio e una tesi (non tradizionale) sulla opposizione ordinaria del terzo. 33 Cass., ord., , n Cass., , n ; Cass., sez. un., , n. 238, in Foro it., 1999, I, 2236, in Gius, 1999, 1909, con nota di BERRUTI, Sull ammissibilità dell opposizione di terzo avverso le sentenze di Cassazione, in Giust. civ., 1999, I, 1579, in Arch. civ., 1999, 1139, in Giur. it., 1999, 2021; OLIVIERI, op. cit., NICOLETTI, op. cit., 499 ss. 36 Così LUISO, Opposizione di terzo, cit., OLIVIERI, op. cit., 106. s 38 Cass., , n. 7702, in Riv. arbitrato, 2006, 309, con nota di G. SANTAGADA, Sulla legittimazione degli arbitri a proporre opposizione di terzo avverso la sentenza di annullamento del lodo tardivo. 39 Cass., , n Cass., , n. 4103, in Fam. dir., 2001, 602, con nota di MARINELLI, Sui legittimati all opposizione di terzo contro sentenze di stato personale; App. Bari, , in Giust. civ., 2001, I, Cass., , n

7 tale lesione consegue, non anche per i profili che recano pregiudizio ad altre parti che per il principio di disponibilità sono le uniche a potersene dolere 42. Ove però la lesione al terzo derivi dalla titolarità di un diritto in tutto incompatibile con quello riconosciuto dalla decisione inter alios, è naturale che l accoglimento dell opposizione travolga l intera sentenza, estendendo la sua efficacia a tutte le parti del giudizio originario 43. Va qui chiarito che, ove miri a rimuovere gli effetti pregiudizievoli della sentenza inter alios, l opposizione di terzo è rimedio necessario e non facoltativo, non essendo concesso di ricorrere in alternativa a un autonoma azione di accertamento negativo 44. Negli altri casi è sempre consentito al terzo di esercitare l azione ordinaria per sentir dichiarare la non conformità a diritto della sentenza altrui 45. Il rimedio concorre con l ordinaria azione di accertamento del proprio diritto anche quando il pregiudizio derivi al terzo non dalla sentenza, ma dalla sua esecuzione Benché opposizione di terzo revocatoria e azione revocatoria siano lato sensu assimilabili nei loro presupposti 47, l eccezionalità dell opposizione, il breve termine per proporla e le finalità ad essa riconducibili creano una netta frattura con l azione pauliana, per cui la nozione di creditore va letta in senso più restrittivo di quanto non accada ai fini del rimedio di cui all art c.c. In questa luce, mentre ai fini dell azione revocatoria rileva anche la titolarità di un credito meramente eventuale, creditore, ai fini dell opposizione, deve intendersi unicamente chi al momento della proposizione rivesta effettivamente tale qualità, pur se sottoposta a termine o a condizione 48 ; nella medesima chiave, per «aventi causa» devono intendersi i successori a titolo particolare di una delle parti 49, non i suoi eredi Cass., , n Cass., , n. 6261; Cass., , n. 833; Cass., , n. 2115; Cass., , n. 4831; LUISO, Opposizione di terzo, cit., 5 s.; OLIVIERI, op. cit., 130. Per MONTESANO ARIETA, op. cit., 2022, invece, l accoglimento dell opposizione travolge sempre la parte di sentenza impugnata anche con effetto verso le parti originarie. 44 Cass., , n. 7110, in Gius, 1997, 2609; OLIVIERI, op. cit., 117 s.; LUISO, op. cit., 4; DELLE DONNE, op. cit., 7.7; NICOLETTI, op. cit., 510 s. Nel senso, però, di una generale facoltatività dell opposizione di terzo, v. MENCHINI, op. cit., 309 ss. e, di fatto, VOCINO, op. loc. cit., nella prospettiva riferita supra, nota Cass., , n. 7404, in Vita not., 2003, 1429, in Giust. civ., 2004, I, 755 e 2361, con nota di COMASTRI, Osservazioni in tema di facoltatività o necessarietà dell opposizione di terzo ordinaria; Cass., sez. un., , n , in Foro it., 2004, I, 874; Cass., , n. 6191, in Giust. civ., 1987, I, 580; BALENA, op. cit., 489; PUNZI, op. cit., 567 s.; FERRI ( COMOGLIO TARUFFO), Lezioni sul processo civile, I. Il processo ordinario di cognizione, Bologna, 2011, 746 s.; PICARDI, Manuale del processo civile, Milano, 2013, Cass., , n. 8485, in Arch. locazioni, 1993, 537, e in Riv. giur. edilizia, 1994, I, 65, con nota di DE TILLA, Locazione ed opposizioni del terzo. 47 Così SASSANI, op. cit., 582 s.; BALENA, op. cit., 490; FERRI ( COMOGLIO TARUFFO), op. cit., 748; OLIVIERI, op. cit., Per OLIVIERI, op. cit., 132, e MONTESANO ARIETA, op. cit., 2018, il rimedio è proponibile anche da chi si sia reso creditore dopo la sentenza, purché renda la non facile prova dell intesa fraudolenta fra le parti volta a ridurre la garanzia patrimoniale del debitore in vista dell assunzione di future obbligazioni. 49 Cass., , n Cass., , n. 2323; DELLE DONNE, op. cit., 8. Salvo che non si tratti di legittimario leso nei suoi diritti successori dalla sentenza frutto di dolo o collusione: così OLIVIERI, op. cit.,

8 Anche dal versante oggettivo il confine fra azione pauliana e opposizione di terzo revocatoria va correttamente marcato. A indurre la scelta fra l uno e l altro mezzo è la fonte diretta del pregiudizio al terzo. E così, contro la sentenza emessa ai sensi dell art c.c. nei confronti del debitore in forza di un preliminare scientemente stipulato in suo danno, il creditore non può promuovere l azione ex art c.c., essendo anch egli soggetto all efficacia della sentenza, ma unicamente l impugnazione ex art. 404, 2 co., c.p.c. 51 La disposizione non richiede che la sentenza sia passata in giudicato o anche solo esecutiva. Se si salda questo silenzio con il rilievo che il termine pare decorrere in ogni caso dalla scoperta del dolo o della collusione, si trae che tutte le sentenze sono passibili di questo rimedio 52. Anche per l opposizione di terzo revocatoria a valere non è la forma del provvedimento, ma la sua attitudine a incidere con l autorità del giudicato sul diritto del terzo. Il rimedio è perciò spendibile anche contro il decreto ingiuntivo non opposto o la cui opposizione sia stata dichiarata improcedibile 53. In chiave soggettiva non è detto che il dolo debba essere bilaterale: è sufficiente la frode del soccombente a sorreggere l opposizione 54. Dolo e collusione devono però essere compiuti in danno del terzo, per cui l opposizione revocatoria è inammissibile quando la frode è stata perpetrata verso la controparte 55. Quanto agli effetti, la sentenza che accoglie l opposizione revocatoria comporta non la mera inefficacia del giudicato verso l opponente 56, bensì la totale eliminazione del provvedimento nei confronti delle parti del processo, con effetto riflesso e conseguenziale nei confronti del terzo 57. Se, però, questa sola pronunzia è in linea di principio sufficiente quando la sentenza opposta abbia sancito un obbligo del debitore, ove invece la decisione abbia negato l esistenza di un diritto nel suo patrimonio, la sentenza in tanto accoglierà l opposizione in quanto possa pervenire all affermazione che quel diritto appartiene realmente al debitore Cass., , n , in Resp. civ., 2012, 877, con nota di MURONI, L ardita sovrapposizione tra l azione revocatoria e l opposizione revocatoria di terzo ex art. 404 c.p.c. in un recente arresto della terza sezione della suprema corte, e in Giur. it., 2012, 1852, con nota di TREVISAN, L intervento dei creditori nel giudizio ex art c.c.: una revocatoria anticipata? 52 BALENA, op. cit., 491. Invece per FERRI (- COMOGLIO TARUFFO), op. cit., 749, il rimedio è ammesso contro le sole sentenze passate in giudicato, diversamente potendo il terzo ancora intervenire in appello ai sensi dell art. 344 c.p.c. 53 Cass., , n ; Cass., , n LUISO, Opposizione di terzo, cit., Cass., , n. 9500, cit.; LUISO, Opposizione di terzo, cit., Questa è invece l opinione di VERDE, op. cit., 298, e di DELLE DONNE, op. cit., Cass., , n. 4324, in Giust. civ., 1989, I, 2175, con nota di ZUMPANO, Sugli effetti della sentenza che accoglie l opposizione di terzo ex art. 404, 2º comma, c.p.c.. 58 LUISO, Opposizione di terzo, cit., 7 s.; CECCHELLA, L opposizione del terzo alla sentenza, cit., 163 ss.; DELLE DONNE, op. cit.,

9 6.- L opposizione di terzo ordinaria non è soggetta ad alcun termine 59, non trovando altro limite che l estinzione del diritto pregiudicato 60, e ciò pur quando a proporla sia il litisconsorte pretermesso o colui che è stato falsamente rappresentato 61. L opposizione di terzo revocatoria va invece promossa entro trenta giorni dalla scoperta del dolo o della collusione (artt. 325 e 326 c.p.c.). Onde consentire l immediata verifica della tempestività del rimedio, l atto introduttivo deve recare la menzione del giorno in cui il terzo ha appreso della pratica o intesa fraudolenta e della corrispondente prova. Ove venga omessa l indicazione dell uno o dell altro requisito, la citazione per opposizione di terzo sarà nulla per difetto dei requisiti di cui all art. 163, n. 4, c.p.c., con l applicazione del regime di sanatoria proprio dei vizi della editio actionis 62. La scoperta deve essere effettiva e completa, sicché, ove avvenga per gradi, può dirsi completata solo quando il creditore abbia acquisito la ragionevole certezza - non essendo sufficiente il mero sospetto - che dolo o collusione vi siano stati ed abbiano ingannato il giudice, determinando statuizioni diverse da quelle che sarebbero state adottate a conclusione di una corretta dialettica processuale 63. A più forte ragione, non è rilevante la mera notizia della sentenza e dei suoi effetti pregiudizievoli, occorrendo la conoscenza della riconducibilità causale della sentenza ad artifici o raggiri delle parti 64. Se la conoscenza del dolo o della collusione fu anteriore alla sentenza, il termine decorrerà dalla (inverosimile) notificazione della sentenza al terzo; in mancanza, si applicherà il termine semestrale dalla pubblicazione 65. Quando il dolo o la collusione sono desumibili da un atto notificato al difensore in un diverso processo, il termine decorre non già dalla data della notificazione dell atto al procuratore, bensì dal momento in cui il terzo acquisti effettiva conoscenza del suo contenuto Con l opposizione ordinaria il terzo non può limitarsi a dedurre un vizio in rito della pronunzia pregiudizievole, ma è tenuto a dedurre una situazione incompatibile con quella accertata nella sentenza denunciata e sollecitare al giudice il riesame della questione di merito, dal momento che anche per questo rimedio l interesse ad impugnare sorge dall utilità concreta che al proponente può conseguire dall eventuale accoglimento del mezzo. 59 Sul tema, v. TURATTO, L opposizione ordinaria di terzo e l assenza del termine per proporla, in Riv. dir. proc., 2011, 342 ss. 60 Cass., , n V. ancora TURATTO, op. cit., 354 ss. 62 Cass., , n , in Foro it., 1998, I, 2524, in Giur. it., 1998, 1813; in Riv. trim. dir. proc. civ., 1998, 1423 è commentata da ERCOLINI, Spunti giurisprudenziali sull ammissibilità dell opposizione di terzo revocatoria. Così anche FERRI (- COMOGLIO TARUFFO), op. cit., 750; NICOLETTI, op. cit., 512. Invece per OLIVIERI, op. cit., 138, la sanzione per l omissione è l inammissibilità. 63 Cass., , n. 4008, in Giust. civ., 2005, I, 2765; Trib. Brescia, , in Foro it., 1987, I, 271, con nota di COCCHI, In tema di opposizione di terzo revocatoria. NICOLETTI, op. cit., 509 s. 64 Cass., , n Cass , n Cass., , n. 2156; Cass., , n

10 A questa impostazione sostanzialista dovrebbe sfuggire il litisconsorte necessario, che può limitarsi a far valere la sola mancata partecipazione al giudizio 67. Non diversamente, per l opposizione revocatoria il terzo, oltre a denunziare il concerto fraudolento tra le parti, deve anche provare di aver patito un danno ingiusto dalla sentenza impugnata 68. Atteso che il rimedio segue le regole fissate per il procedimento dinanzi al giudice adito, l opposizione di terzo avverso sentenza pronunziata con rito speciale deve essere proposta secondo le forme prescritte per il giudizio che ha dato luogo alla pronuncia impugnata 69. Non è escluso che, nel tempo trascorso tra la pronunzia della sentenza impugnata e l avvio dell opposizione, le regole del processo abbiano subito modifiche. In questa ipotesi, il mezzo soggiacerà alla disciplina vigente alla data di introduzione del giudizio originario, non a quella di proposizione del rimedio da parte del terzo 70. La competenza si determina in ragione del giudice che ha reso la sentenza da cui deriva il pregiudizio. Ne discende che in caso di inammissibilità o improcedibilità dell appello, il mezzo è devoluto al giudice di primo grado; in caso di rigetto del ricorso per cassazione, al giudice che ha emanato la sentenza gravata di ricorso 71. L attribuzione dell opposizione allo stesso giudice che ha pronunciato la sentenza impugnata integra un ipotesi di competenza funzionale inderogabile, che non tollera eccezioni neppure per ragioni di connessione 72. Ove sia rivolta a giudice incompetente, questi deve senz altro rimetterla al giudice che ha pronunciato la sentenza impugnata 73. Davanti al tribunale, la composizione dell organo giudicante (monocratico o collegiale) è dettata dalla specie di lite in cui è stata resa la sentenza impugnata. Nulla esclude che il mezzo sia affidato allo stesso giudice-persona fisica che ha emesso la pronunzia gravata 74. Al giudice dell opposizione compete anche di provvedere sull eventuale istanza con cui il terzo chiede di sospendere l esecuzione della sentenza impugnata. Benché l art. 407 c.p.c. non sia nitido sul punto, l istanza va versata nell atto introduttivo a pena di decadenza 75. Ai sensi dell art. 330 c.p.c. l impugnazione va notificata alle parti del giudizio originario presso il loro procuratore costituito o nella residenza dichiarata o nel 67 Nel senso che al litisconsorte pretermesso è sufficiente addurre la sua mancata partecipazione, Cass., , n. 2918; Cass., , n. 4896; LUISO, Opposizione di terzo, cit., 5. Contra, Cass., , n. 5656; SASSANI, op. cit., 582. Per VERDE, op. cit., 295, il litisconsorte pretermesso (ma anche il falso rappresentato), ove se ne ammetta la legittimazione al rimedio, deve comunque allegare un apprezzabile pregiudizio, come l eventuale soccombenza rispetto a domande o eccezioni che si sarebbero potute far valere in giudizio. 68 Cass., , n. 730, in Foro it., 1983, I, 1713, e in Riv. dir. proc., 1982, 783, con nota di LIEBMAN, Intervento principale in funzione revocatoria. 69 Pret. Bologna, , in Arch. locazioni, 1984, 97, in Rass. equo canone, 1984, Cass., , n OLIVIERI, op. cit., Cass., , n. 3608; Cass., , n. 4798; Cass., , n Trib. Firenze, , in Giust. civ., 1985, I, OLIVIERI, op. cit., 124 s. 75 VERDE G., op. cit., 297; OLIVIERI, op. cit.,

11 domicilio eletto per il giudizio definito con la sentenza opposta, ovvero, in difetto di tali indicazioni ed in ogni caso dopo un anno dalla pubblicazione della sentenza, alle parti personalmente 76. Il rimedio, pur con le peculiarità che lo caratterizzano, resta un mezzo d impugnazione, che, per i profili per cui non soccorrono le specifiche (e scarne) disposizioni degli artt. 404 ss. c.p.c., soggiace ai principi generali in materia, fra cui quelli di corrispondenza tra chiesto e pronunciato e di specificità dei motivi di gravame: ne discende che al giudice dell opposizione è precluso di rilevare d ufficio nullità della sentenza impugnata non eccepite dall opponente 77. Anche l inammissibilità si lega ai consueti casi che generano questo esito, come pure l improcedibilità, che deriva dalle corrispondenti regole del grado in cui è allocata l impugnazione. In armonia con le regole generali, l una e l altra come del resto il rigetto - consumano il potere di promuovere una nuova opposizione 78. Talune regole vanno però adattate: ove l opposizione sia rivolta al giudice d appello, il terzo (e, di riflesso, le parti) non può soggiacere al divieto dei nova di cui all art. 345 c.p.c. 79 Si è visto che l atto introduttivo non può avere un contenuto meramente demolitivo, dovendo devolvere al giudice il riesame anche della vicenda di merito. Di regola, perciò, al giudice dell opposizione, quando accoglie il mezzo, compete di emanare una nuova pronuncia sostitutiva della prima, in quanto le fasi rescindente e rescissoria si svolgono contestualmente 80 ; la nuova decisione può essere basata anche su prove raccolte nel precedente giudizio 81. Ove, però, il mezzo sia rivolto ad un giudice di appello, questi, una volta ritenuta l ammissibilità della opposizione e dichiarata l inefficacia del giudicato lesivo dei diritti del terzo, esaurisce il suo compito. Quel giudice, perciò, non potrà decidere nel merito la domanda che l originario attore dovesse riproporre verso l opponente, ostandovi il principio del doppio grado di giurisdizione. In questo caso, alla parte non resta che iniziare un nuovo giudizio nei confronti del terzo 82. Ove invece il litisconsorte pretermesso proponga il rimedio avverso la pronunzia d appello in ragione della sua mancata partecipazione fin dal primo grado, il giudice dell opposizione deve annullare la sentenza e rimettere le parti davanti al primo giudice Cass., , n. 5651, in Foro it., 1984, I, 776, in Giust. civ., 1984, I, 154, in Arch. locazioni, 1984, 255, in Rass. equo canone, 1984, 271; MONTESANO ARIETA, op. cit., Cass., , n NICOLETTI, op. cit., VERDE, op. cit., 298; OLIVIERI, op. cit., 129. Contra, NICOLETTI, op. cit., 515, che reputa invece incompatibili con l opposizione gli artt. 358 e 387 c.p.c. 79 OLIVIERI, op. cit., BALENA, op. cit., 491 s.; OLIVIERI, op. cit., 130 s. 81 Cass., , n ; Cass., , n Per la natura solo rescindente del rimedio v., però, NICOLETTI, op. cit., 516 ss. 82 Cass., , n. 4065; Cass., , n Contra, però, nel senso che il giudice d appello pure in questo caso deve provvedere anche sul merito, Cass., , n Cass., , n. 9878; Cass., , n Per OLIVIERI, op. cit., 130, il rinvio al primo giudice può essere evitato quando il litisconsorte pretermesso, nel merito, rivolga alla sentenza solo censure in diritto: in questo caso il giudizio, non essendoci necessità di nuova attività istruttoria, può seguitare a svolgersi davanti al giudice d appello senza pregiudizio per il terzo. 11

12 Se il mezzo è rivolto contro una sentenza della Cassazione, questa potrà rendere una nuova decisione di merito soltanto se il mezzo non sollecita ulteriori accertamenti di fatto. Altrimenti, dovrà limitarsi a dichiarare ammissibile l opposizione con rinvio allo stesso giudice che ha pronunciato la sentenza cassata (art. 391-ter, 2 co., c.p.c.). Quando ad essere impugnato è un lodo rituale, l impugnazione si svolge dinanzi alla corte d appello secondo le regole proprie del giudizio d appello, come per ogni altro procedimento d impugnazione per nullità del lodo 84. Tutti coloro che parteciparono al giudizio nel quale fu resa la sentenza impugnata sono parti necessarie del giudizio di opposizione 85. D altro canto, però, il giudizio di opposizione non crea un litisconsorzio processuale fra le parti dell impugnazione. Ne discende che, in caso di accoglimento del mezzo con rimessione al primo giudice, parti necessarie del giudizio di primo grado sono solo quelle che la situazione sostanziale impone di ritenere come tali, non tutti coloro che hanno partecipato al giudizio di opposizione 86. La sentenza che decide sull opposizione di terzo è soggetta alle medesime impugnazioni proponibili avverso la decisione opposta Cass., , n , in Riv. dir. proc., 2006, 1091, con nota di CECCHELLA, Sulla opposizione di terzo ordinaria proposta incidentalmente in un giudizio di opposizione di terzo revocatoria al lodo arbitrale e sulla equiparazione del lodo alla sentenza. 85 Cass., , n ; Cass., , n. 6416; Cass., , n. 8103; Cass., , n Il principio va integrato con l altro per cui l acquisto di un bene da parte di un coniuge, per effetto di un provvedimento giudiziale, si estende ipso iure e con efficacia ex tunc, anche all altro coniuge in comunione legale, con la conseguenza che quest ultimo dev essere necessariamente citato nel procedimento d opposizione, pur se non sia stato parte nel giudizio conclusosi con la sentenza impugnata: Cass., , n. 9083, in Fam. dir., 2002, 150, con nota di VULLO, Acquisti in comunione legale e contraddittorio nel giudizio di opposizione di terzo. 86 Cass., , n Cass., , n ; Cass., , n

Diritto Processuale Civile. L Appello

Diritto Processuale Civile. L Appello Diritto Processuale Civile L Appello L'appello nell'ordinamento civile è un mezzo di impugnazione ordinario, disciplinato dagli Artt. 339 e ss c.p.c,, e costituisce il più ampio mezzo di impugnazione,

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro N. 1 ANNO 2008 Diritto dei Lavori RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro di Antonio Belsito* 1 Sommario: 1. Introduzione 2. Il procedimento cautelare dinanzi al

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

Capitolo 4 GIUDIZIO DI OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO

Capitolo 4 GIUDIZIO DI OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO Capitolo 4 GIUDIZIO DI OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO (M G E ) Il procedimento di ingiunzione, funzionalmente diretto ad ottenere nel più breve tempo possibile un titolo esecutivo per l avvio della procedura

Dettagli

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione 13 Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione SOMMARIO 1. Limiti interni delle attribuzioni del giudice ordinario. 2. Proponibilità delle azioni possessorie nei confronti della

Dettagli

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo?

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? 252 Parte Sesta 8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? Riferimenti normativi: artt. 499-500 e segg. c.p.c. Definizione: identificare le categorie di creditori legittimati

Dettagli

INDICE GENERALE. Allegato 1 Codice del processo amministrativo. Allegato 2 Norme di attuazione. Allegato 3 Norme transitorie

INDICE GENERALE. Allegato 1 Codice del processo amministrativo. Allegato 2 Norme di attuazione. Allegato 3 Norme transitorie INDICE GENERALE Allegato 1 Codice del processo amministrativo Allegato 2 Norme di attuazione Allegato 3 Norme transitorie Allegato 4 Norme di coordinamento e abrogazioni 1 INDICE SOMMARIO ALLEGATO 1 Codice

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE. Prof. Mariacarla Giorgetti. Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici

LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE. Prof. Mariacarla Giorgetti. Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE Prof. Mariacarla Giorgetti Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici fondamentali, strettamente collegate: il principio della

Dettagli

per gli attori-intimanti: "come da memorie integrative autorizzate" per il convenuto-intimato: "come da memoria integrative autorizzate"

per gli attori-intimanti: come da memorie integrative autorizzate per il convenuto-intimato: come da memoria integrative autorizzate Locazione - Procedimento Concessione di termine per pagamento somme non contestate Ottemperanza - Convalida di sfratto Insuscettibilità Cognizione ordinaria ai fini della risoluzione del contratto per

Dettagli

Tizio, residente in, ed elettivamente domiciliato in, presso lo studio dell avv., che lo rappresenta e difende per mandato in atti

Tizio, residente in, ed elettivamente domiciliato in, presso lo studio dell avv., che lo rappresenta e difende per mandato in atti 74 Quesito n. 9 n., rappresentati, assistiti e difesi dall avv., c.f., presso il cui studio in, elettivamente domiciliano per mandato in calce al presente atto, il quale, ai sensi e per gli effetti dell

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Il preliminare espletamento del procedimento di mediazione, disciplinato dal

Dettagli

I mezzi di impugnazione

I mezzi di impugnazione 4 I mezzi di impugnazione SOMMARIO 1. L appello previsto dall art. 310 c.p.p. 2. Il ricorso per Cassazione previsto dall art. 311 c.p.p. 2.1. La impossibilità di scelta per la difesa del c.d. ricorso per

Dettagli

Quando è valida la procura alle liti?

Quando è valida la procura alle liti? PROCESSO / PROCURA ALLE LITI Quando è valida la procura alle liti? L esiguo dettato normativo ha portato ad incertezze e contrasti sulle ipostesi di validità della procura e sulle conseguenze della sua

Dettagli

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo 1. Premessa La contestazione di un fatto nuovo 1 costituisce

Dettagli

Relatore: dott. Raffaele FRASCA pretore della Pretura circondariale di Monza

Relatore: dott. Raffaele FRASCA pretore della Pretura circondariale di Monza OPPOSIZIONE ALLE ORDINANZE-INGIUNZIONE DI PAGAMENTO DI SOMME A TITOLO DI SANZIONE AMMINISTRATIVA: PRINCIPALI QUESTIONI ORGANIZZATIVE, ORDINAMENTALI E PROCEDURALI Relatore: dott. Raffaele FRASCA pretore

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa.

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa. Milano, 16 aprile 2012 CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO LE RECENTI NOVITA' NORMATIVE E IL LORO IMPATTO SUL MONDO DELLA GIUSTIZIA:

Dettagli

CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE

CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE Art. 1. (Giurisdizione penale) - 1. La giurisdizione penale è esercitata dai giudici previsti dalle leggi di ordinamento

Dettagli

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C.

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. Il giorno 17/09/2012, innanzi al Giudice dott. Angelo Piraino, viene chiamata la causa R.G. n. 234 dell

Dettagli

MAURO BOVE. Il procedimento sommario di cognizione di cui agli articoli 702-bis ss. c.p.c.

MAURO BOVE. Il procedimento sommario di cognizione di cui agli articoli 702-bis ss. c.p.c. MAURO BOVE Il procedimento sommario di cognizione di cui agli articoli 702-bis ss. c.p.c. SOMMARIO: 1. Premessa. 2. Ambito di applicazione. 3. Fase introduttiva e complicazioni oggettive e/o soggettive.

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DI CONVALIDA DOPO LA RIFORMA DEL PROCESSO CIVILE

IL PROCEDIMENTO DI CONVALIDA DOPO LA RIFORMA DEL PROCESSO CIVILE IL PROCEDIMENTO DI CONVALIDA DOPO LA RIFORMA DEL PROCESSO CIVILE Relatore: dr.ssa Antonella MAGARAGGIA pretore presso la Pretura circondariale di Venezia SOMMARIO: I. Introduzione. II. Disciplina del procedimento

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss.

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. Rappresentanza PREMESSA Con il termine rappresentanza si indica il potere di un soggetto (il rappresentante)

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l.

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Il bilancio delle società di capitali La sua impugnazione Firenze 15 giugno 2010 La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Francesco D Angelo (Università di Firenze)

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

www.lascalaw.com www.iusletter.com

www.lascalaw.com www.iusletter.com LaScala studio legale in association with Field Fisher Waterhouse Focus on LA CANCELLAZIONE DELLE SOCIETÀ DI CAPITALI DAL REGISTRO DELLE IMPRESE: EFFETTI E CONSEGUENZE Luglio 2013 www.lascalaw.com www.iusletter.com

Dettagli

I contratti di gestione delle strutture alberghiere

I contratti di gestione delle strutture alberghiere 12/06/2013 il Contratti tipici: Contratti atipici: contratto di locazione di bene immobile contratto di affitto di azienda (alberghiera) contratto di gestione di azienda. alberghiera (c.d. contratto di

Dettagli

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario:

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario: Capitolo Secondo Le situazioni giuridiche soggettive del diritto amministrativo Sommario: 1. Definizione di situazione giuridica soggettiva. - 2. Il diritto soggettivo. - 3. Gli interessi legittimi. -

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Sent. Cron. Rep. Oggetto: prelazione agraria Sentenza ex art. 281 sexies REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Il Tribunale di Matera, in persona del Giudice Unico Raffaele VIGLIONE, ha emesso la

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DELLO STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA Il presente testo contiene la versione consolidata del Protocollo (n. 3) sullo Statuto della Corte di giustizia dell Unione

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE)

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) Regolamento (CEE) n. 2137/85 del Consiglio del 25 luglio 1985 Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) EPC Med - GEIE Via P.pe di Villafranca 91, 90141 Palermo tel: +39(0)91.6251684

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

I N D I C E. 2. La riforma organica del 2006 e il correttivo del 2007. 3. La pubblicità dello status di fallito.

I N D I C E. 2. La riforma organica del 2006 e il correttivo del 2007. 3. La pubblicità dello status di fallito. I. IL QUADRO NORMATIVO. 1. La legge fallimentare del 1942. I N D I C E 2. La riforma organica del 2006 e il correttivo del 2007. 3. La pubblicità dello status di fallito. II. LA GIURISPRUDENZA DELLA CORTE

Dettagli

(1) Relazione dei senatori Acone e Lipari in Foro it., 1990, V, 406 ss. e spec. 420.

(1) Relazione dei senatori Acone e Lipari in Foro it., 1990, V, 406 ss. e spec. 420. QUESTIONI CONTROVERSIE IN MATERIA DI PROVVEDIMENTI ANTICIPATORI Relatore: dott. Franco DE STEFANO pretore della Pretura circondariale di Salerno SOMMARIO: I cosiddetti provvedimenti anticipatori. Il testo

Dettagli

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Natura giuridica e forma dell impugnazione Giurisprudenza L impugnazione del licenziamento, disciplinata dall art. 6, legge n. 604/ 1966(anche a

Dettagli

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali SOMMARIO: 1. - La fattispecie concreta 2. Le azioni di responsabilità contro gli amministratori: caratteri essenziali 3.

Dettagli

PRECLUSIONI ISTRUTTORIE: QUESTIONI PRINCIPALI

PRECLUSIONI ISTRUTTORIE: QUESTIONI PRINCIPALI Incontro di studio in materia di diritto processuale civile in data 24 novembre 2001, presso l Aula Magna del Palazzo di Giustizia Bruno Caccia TORINO, intitolato L obiettivo sulla riforma processuale,

Dettagli

L enunciazione del principio di diritto nell interesse della legge ex art. 363 cpc (scritto già pubblicato in Riv. dir. proc. 2013, 32 ss.

L enunciazione del principio di diritto nell interesse della legge ex art. 363 cpc (scritto già pubblicato in Riv. dir. proc. 2013, 32 ss. MICHELE FORNACIARI www.judicium.it L enunciazione del principio di diritto nell interesse della legge ex art. 363 cpc (scritto già pubblicato in Riv. dir. proc. 2013, 32 ss.) SOMMARIO: 1. Il nuovo testo

Dettagli

Il ricorso alla Commissione tributaria regionale: aspetti generali

Il ricorso alla Commissione tributaria regionale: aspetti generali CORSO n. 21 di Maurizio Villani e Daniela Lorenzo Avvocati tributaristi in Lecce IL TEMA Il ricorso alla Commissione tributaria regionale: aspetti generali Il presente lavoro riprende quanto già trattato

Dettagli

La conversione del pignoramento. di Filippo D Aquino

La conversione del pignoramento. di Filippo D Aquino La conversione del pignoramento di Filippo D Aquino Sommario 1. Natura... 1 2. Evoluzione normativa... 3 3. Operatività... 7 4. Legittimazione... 8 5. Istanza della parte... 9 6. Procedimento... 11 7.

Dettagli

Art. 1. Art. 2. Art. 3.

Art. 1. Art. 2. Art. 3. L. 20-3-1865 n. 2248. Legge sul contenzioso amministrativo (All. E) (2) (3). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 27 aprile 1865. (2) Vedi, anche, la L. 6 dicembre 1971, n. 1034. (3) Con riferimento al presente

Dettagli

Per i beni mobili l'autorizzazione non è necessaria trascorsi cinque anni dalla dichiarazione di accettare con beneficio d'inventario.

Per i beni mobili l'autorizzazione non è necessaria trascorsi cinque anni dalla dichiarazione di accettare con beneficio d'inventario. art. 493 Codice Civile L'erede decade (1) dal beneficio d'inventario [490, 494, 505, 509, 564 c.c.], se aliena o sottopone a pegno [2748 c.c.] o ipoteca [2808 c.c.] beni ereditari, o transige [1965 c.c.]

Dettagli

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da:

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da: N. 00513/2015 REG.PROV.COLL. N. 06522/2007 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente ORDINANZA sul ricorso

Dettagli

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI LA LEGGE nr. 53/1994 La legge 53/1994 ha inserito nel nostro ordinamento la facoltà, per gli avvocati, di notificare gli atti giudiziari. Consentendo

Dettagli

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI Nota a: Corte EDU, Grande Stevens e altri contro Italia - ric. 18640/10, 18647/10, 18663/10, 18668/10

Dettagli

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa 1 di 5 26/09/2011 11.11 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa Giovedì 12 Maggio 2011 13:40 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n.

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

SENTENZA. sul ricorso proposto da: BERTONE CESARE - CHICCO VITTORIA - BERTONE MARIA. GRAZIA Elettivamente domiciliati in Roma, Via Rodolfo Lan-

SENTENZA. sul ricorso proposto da: BERTONE CESARE - CHICCO VITTORIA - BERTONE MARIA. GRAZIA Elettivamente domiciliati in Roma, Via Rodolfo Lan- Civile Sent. Sez. 1 Num. 26065 Anno 2014 Presidente: SALVATORESALVAGO Relatore: Data pubblicazione: SENTENZA sul ricorso proposto da: BERTONE CESARE - CHICCO VITTORIA - BERTONE MARIA GRAZIA Elettivamente

Dettagli

LE NOTIFICAZIONI ESEGUIBILI DAGLI AVVOCATI E DAI PROCURATORI LEGALI

LE NOTIFICAZIONI ESEGUIBILI DAGLI AVVOCATI E DAI PROCURATORI LEGALI LE NOTIFICAZIONI ESEGUIBILI DAGLI AVVOCATI E DAI PROCURATORI LEGALI Relatore: dott. Carmine PUNZI ordinario di diritto processuale civile nell Università La Sapienza di Roma Caratteri generali delle notificazioni

Dettagli

TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995)

TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995) TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995) Decreto del Ministro di Grazia e Giustizia 5 ottobre 1994, n. 585 - Deliberazioni del Consiglio Nazionale Forense 12 giugno 1993 e 29 settembre 1994, in G.U.

Dettagli

La proroga dei termini processuali scadenti il sabato e il ricorso straordinario al Presidente della Regione siciliana

La proroga dei termini processuali scadenti il sabato e il ricorso straordinario al Presidente della Regione siciliana La proroga dei termini processuali scadenti il sabato e il ricorso straordinario al Presidente della Regione siciliana Francesco Castaldi Avvocato Sommario: 1. L art. 155 c.p.c. - 2. Il ricorso straordinario

Dettagli

IL RITO SPECIALE PER L IMPUGNAZIONE DEI LICENZIAMENTI

IL RITO SPECIALE PER L IMPUGNAZIONE DEI LICENZIAMENTI CAPITOLO TERZO IL RITO SPECIALE PER L IMPUGNAZIONE DEI LICENZIAMENTI VIRGINIA PETRELLA SOMMARIO: 3.1. Inquadramento e ratio del rito licenziamenti. 3.2. La conciliazione obbligatoria nei licenziamenti

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO Si chiede di precisare quali sono gli effetti delle

Dettagli

La Consegna dei Lavori

La Consegna dei Lavori La Consegna dei Lavori Il contratto viene posto in esecuzione dall Amministrazione con La consegna dei lavori. Si tratta, complessivamente, di una serie di atti di carattere giuridico e di operazioni materiali,

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto 412 Successivamente, il CCNL del terziario, stipulato il 3 novembre 1994, accorpava il CCNL dei viaggiatori e piazzisti prevedendo espressamente l applicabilità della disciplina del part-time anche agli

Dettagli

IL LITISCONSORZIO NECESSARIO E FACOLTATIVO, ANCHE NELLE FASI DI GRAVAME. (NOTE SUI PRESUPPOSTI DEL LITISCONSORZIO NECESSARIO)

IL LITISCONSORZIO NECESSARIO E FACOLTATIVO, ANCHE NELLE FASI DI GRAVAME. (NOTE SUI PRESUPPOSTI DEL LITISCONSORZIO NECESSARIO) IL LITISCONSORZIO NECESSARIO E FACOLTATIVO, ANCHE NELLE FASI DI GRAVAME. (NOTE SUI PRESUPPOSTI DEL LITISCONSORZIO NECESSARIO) Relatore: dott. Raffaele FRASCA Pretore della Pretura circondariale di Monza

Dettagli

La Corte costituzionale italiana e la portata di una dichiarazione di illegittimità costituzionale. Parigi, 16 aprile 2013

La Corte costituzionale italiana e la portata di una dichiarazione di illegittimità costituzionale. Parigi, 16 aprile 2013 La Corte costituzionale italiana e la portata di una dichiarazione di illegittimità costituzionale Gaetano Silvestri Parigi, 16 aprile 2013 1. Premessa L effetto tipico delle sentenze della Corte costituzionale

Dettagli

Pegno, usufrutto e sequestro parziali su partecipazione di s.r.l.

Pegno, usufrutto e sequestro parziali su partecipazione di s.r.l. Studio n. 836-2014/I Pegno, usufrutto e sequestro parziali su partecipazione di s.r.l. Approvato dall Area Scientifica Studi d Impresa il 10 ottobre 2014 Approvato dal CNN nella seduta del 9 gennaio 2015

Dettagli

GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013

GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013 GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013 4 5 5 5 5 5 5 6 6 6 6 7 9 9 9 9 9 9 10 10 10 10 10 10 11 12 12 12 12 12 12 12 12 13 13 14 14 15 PREMESSA 1 Capitolo Procedimento disciplinare di competenza del Consiglio

Dettagli

CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO

CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO Gli Stati contraenti della presente convenzione, desiderosi di promuovere gli scambi e gli investimenti internazionali attraverso una migliore cooperazione

Dettagli

In questa sezione sono riportate le sentenze civilistiche di maggior rilievo attinenti al Trust in Italia.

In questa sezione sono riportate le sentenze civilistiche di maggior rilievo attinenti al Trust in Italia. In questa sezione sono riportate le sentenze civilistiche di maggior rilievo attinenti al Trust in Italia. Giurisprudenza Trib. Torino 10.3.2014 In accoglimento del reclamo proposto ex art. 2647 bis c.c.,

Dettagli

Il nuovo procedimento di separazione e divorzio dopo la legge n 80/2005: la fase successiva all adozione dei provvedimenti presidenziali

Il nuovo procedimento di separazione e divorzio dopo la legge n 80/2005: la fase successiva all adozione dei provvedimenti presidenziali Il nuovo procedimento di separazione e divorzio dopo la legge n 80/2005: la fase successiva all adozione dei provvedimenti presidenziali 1. Premessa. 2.La questione della vigenza dell art.23 della legge

Dettagli

LA CONSULENZA TECNICA D UFFICIO: ISTRUZIONI PER L USO. I PRINCIPALI PROFILI PROBLEMATICI

LA CONSULENZA TECNICA D UFFICIO: ISTRUZIONI PER L USO. I PRINCIPALI PROFILI PROBLEMATICI LA CONSULENZA TECNICA D UFFICIO: ISTRUZIONI PER L USO. I PRINCIPALI PROFILI PROBLEMATICI Gianluigi Morlini Giudice del Tribunale di Reggio Emilia * * * * * Ivrea, 14 marzo 2014 * * * * * Sommario: 1. La

Dettagli

L accertamento dello stato passivo. 1 Caratteristiche e finalità del procedimento

L accertamento dello stato passivo. 1 Caratteristiche e finalità del procedimento L accertamento dello stato passivo 1 Caratteristiche e finalità del procedimento L accertamento dello stato passivo è finalizzato all identificazione dei creditori (aventi titolo anteriore alla procedura)

Dettagli

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese DIRIGENTI PUBBLICI Nozione di giustificatezza nel licenziamento di Marilena Cortese Il rapporto di lavoro, in generale, sia esso a tempo determinato che indeterminato, può estinguersi per cause diverse

Dettagli

LE ORDINANZE ANTICIPATORIE IN CORSO DI CAUSA. PRESUPPOSTI, CONTENUTI ED EFFICACIA.

LE ORDINANZE ANTICIPATORIE IN CORSO DI CAUSA. PRESUPPOSTI, CONTENUTI ED EFFICACIA. LE ORDINANZE ANTICIPATORIE IN CORSO DI CAUSA. PRESUPPOSTI, CONTENUTI ED EFFICACIA. Piacenza, 23 febbraio 2008. Introduzione. Tratti comuni degli istituti in oggetto: natura anticipatoria, ma non cautelare.

Dettagli

Analisi delle maggiori tesi dottrinarie su: Termine di standstill e meccanismo di

Analisi delle maggiori tesi dottrinarie su: Termine di standstill e meccanismo di Analisi delle maggiori tesi dottrinarie su: Termine di standstill e meccanismo di sospensione automatica della stipulazione del contratto; riforma introdotta dal Decreto Legislativo n. 53/2010 di attuazione

Dettagli