Vivere. Piemonte. Guida ai servizi per i cittadini stranieri ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Vivere. Piemonte. Guida ai servizi per i cittadini stranieri ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI"

Transcript

1 Vivere in Piemonte Guida ai servizi per i cittadini stranieri ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI

2 Vivere in Piemonte guida ai servizi per cittadini stranieri

3 Pubblicazione a cura di Francesca Prunotto Carla Martoglio Hanno collaborato alla redazione dei testi Annamaria Avonto - ASL 21 di Casale Monferrato Daniela Baradel - INPS Angelo Calà - Direzione Didattica Fontana Flavio Campagna - ASGI: Associazione Studi Giuridici sull Immigrazione Maria Elena Coffano - Assessorato alla Sanità della Regione Piemonte Mariella Console - ASGI : Associazione Studi Giuridici sull Immigrazione Alessia Crotta - Osservatorio Regionale sull Immigrazione in Piemonte (IRES) Marta Guerra - Ufficio Stranieri del Comune di Torino Massimo Pastore - ASGI: Associazione Studi Giuridici sull Immigrazione Caterina Pomo - UTG: Ufficio Territoriale del Governo di Torino Manuela Spadaro - ASGI: Associazione Studi Giuridici sull Immigrazione Antonella Sterchele - Assessorato al Lavoro e Formazione Professionale della Provincia di Torino. Segreteria Manuela Dotto Maria Musacchio Progetto grafico Carlo Gaffoglio Design Stampa Ages Arti Grafiche Traduzioni Centro Linguistico Interfacoltà per le Facoltà Umanistiche (CLIFU) dell Università di Torino. Coordinazione: prof. Marie-Berthe Vittoz. Kolici Sabina (Albanese); Hamdi Rachida (Arabo); Pecorale Roberto, NI Tianxiu (Cinese); Rigat Françoise, Caron Anne-Catherine (Francese); Spencer Alice, Ouroussoff Tatiana (Inglese); Ileana Bunget, Vorotic Roxana, Ghiurca Clara (Rumeno); Bolchakova Eugenia (Russo); Bermejo Calleja Felisa, Villen Peñalver Francisca (Spagnolo). Si ringraziano Giorgio Albertino - EPACA: Patronato Coldiretti per i servizi alle persone Enrico Allasino - Osservatorio Regionale sull Immigrazione in Piemonte (IRES) Massimo Bocci - EPACA: Patronato Coldiretti per i servizi alle persone Antonietta Ragone - INPS Mario Carzana - Assessorato alla Sanità della Regione Piemonte Rosanna Lavezzaro - Questura di Torino Giovanna Vilasi - Ufficio Territoriale del Governo di Torino Giovanna Zincone - Università di Torino CIDISS: Centro Informazione Documentazione Inserimento Scolastico Stranieri Un particolare ringraziamento alle Province Piemontesi che hanno curato la stesura dell indirizzario e la diffusione della guida. Direzione Regionale Politiche Sociali Direttore Attilio Miglio Settore Programmazione e Promozione Interventi Socio-Assistenziali Tutti i diritti riservati, riproduzione vietata.

4 La guida Vivere in Piemonte è stata realizzata dall Assessorato alle Politiche Sociali della Regione Piemonte, nell ambito di un Accordo di Programma che quest ultima ha sottoscritto con il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, finalizzato all attivazione e realizzazione di progetti che mirano ad individuare un modello di buone pratiche per l integrazione sociale degli immigrati extracomunitari. La Guida è disponibile in nove lingue: albanese, arabo, cinese, francese, inglese, italiano, spagnolo, rumeno, russo. Nella tasca al fondo è inserito un opuscolo contenente per ciascuna Provincia gli indirizzi di Enti e Servizi. La versione on-line della guida si trova sul sito dell Osservatorio Regionale sull Immigrazione in Piemonte:

5

6 L Italia, paese storicamente di emigrazione, nell arco di questi ultimi decenni è diventata un paese di immigrazione. Oggi il fenomeno caratterizza strutturalmente la nostra società, che diviene sempre più mutietnica e multiculturale. In questo scenario è necessario ed importante che le istituzioni affrontino le problematiche dell integrazione per realizzare, non solo forme di convivenza pacifica, ma per costruire una società armonica che offra opportunità di sviluppo e di realizzazione ad ognuno. La guida Vivere in Piemonte si rivolge a tutti i cittadini stranieri presenti nella nostra Regione e si propone come strumento d informazione e di aiuto nell accesso ai servizi. Si compone di una serie di capitoli che focalizzano ed illustrano gli aspetti essenziali della vita in Italia e indicano le procedure fondamentali ad essi collegati. L ingresso e il soggiorno degli immigrati in Italia, la loro integrazione nella nostra società passano necessariamente anche attraverso l informazione e, in questa prospettiva, l informazione sulle regole fondanti il nostro sistema, esaminato dal punto di vista dello straniero, è quanto mai importante. L auspicio è che questa guida non solo possa incontrare il gradimento del pubblico, ma che soprattutto si riveli uno strumento utile ed efficace per tutti. Mariangela Cotto Assessore alle Politiche Sociali della Regione Piemonte Enzo Ghigo Presidente Regione Piemonte

7

8 indice 1 Ingresso e soggiorno 1.1 Come si entra in Italia? 1.2 Come si soggiorna in Italia? 1.3 Quali caratteristiche devono avere i provvedimenti con i quali si rigetta la domanda d ingresso, di soggiorno e con cui si dispone l allontanamento (espulsione) dello straniero? 1.4 Come si ricorre contro i provvedimenti con i quali si rigetta la domanda d ingresso, di soggiorno e con cui si dispone l allontanamento (espulsione) dello straniero? 1.5 Come si propone ricorso contro il diniego del visto d ingresso? 1.6 Come si propone ricorso contro i provvedimenti in materia di rilascio, rinnovo e revoca del permesso di soggiorno o della carta di soggiorno? 1.7 Come si propone ricorso contro il provvedimento di respingimento alla frontiera (espulsione)? 1.8 Come si propone ricorso contro il decreto d espulsione del Ministero dell Interno? 2 Documenti: carta d identità, codice fiscale, certificato di residenza, patente di circolazione. 2.1 Che cosa è la residenza? 2.2 Che cosa è la carta d identità? 2.3 Che cosa è il codice fiscale? 2.4 A cosa serve la patente di guida? 2.5 Che cos è l autocertificazione? 3 Servizi sociali 3.1 Chi fornisce in Piemonte assistenza sociale e socio-sanitaria? 4 Salute e assistenza medica 4.1 Che cosa è il Servizio Sanitario Nazionale? 4.2 Chi ha diritto al medico di famiglia e al pediatra? E quali prestazioni garantiscono? 4.3 A chi ci si deve rivolgere per le cure specialistiche e gli esami (esami del sangue, radiologici ecc.)? 4.4 A chi ci si deve rivolgere nel caso di Emergenza? 4.5 Dove si acquistano le medicine? 4.6 Cosa sono i Consultori Familiari e Pediatrici? 4.7 In Italia è legale l interruzione volontaria della gravidanza? 4.8 In Italia esiste la possibilità di non riconoscere un figlio alla nascita?

9 indice 4.9 Dove ci si rivolge per l assistenza sanitaria dei bambini? 4.10 Quali sono le vaccinazioni obbligatorie e facoltative in Italia e le profilassi? 4.11 A chi ci si rivolge per le vaccinazioni? 4.12 Gli stranieri in Italia hanno diritto all assistenza sanitaria? 5 Lavoro e Previdenza Sociale 5.1 A chi ci si rivolge quando si cerca lavoro? 5.2 Cosa coprono i contributi previdenziali e perché è importante versarli? 5.3 Cosa succede nel caso in cui il lavoratore si ammali? 5.4 Quali sono le prestazioni a tutela della maternità? 5.5 Cos è l indennità di maternità? 5.6 Che cos è l astensione obbligatoria dal lavoro per maternità? 5.7 Che cosa è l astensione facoltativa dal lavoro per maternità? 5.8 Cosa sono i riposi giornalieri orari per assistere i figli? 5.9 Ci si può assentare dal lavoro nel caso di malattia del figlio? 5.10 Che cosa è l assegno di maternità? 5.11 Che cosa è l assegno di maternità concesso dai Comuni? 5.12 Quali sono le principali prestazioni a tutela della vecchiaia? 5.13 Quali sono le principali prestazioni previdenziali in caso d infermità fisiche o mentali del lavoratore? 5.14 Di quali prestazioni gode il lavoratore che venga licenziato e che si trovi quindi disoccupato? 5.15 Cos è l indennità ordinaria di disoccupazione? 5.16 Cos è l indennità ordinaria di disoccupazione con requisiti ridotti? 5.17 Cos è l indennità ordinaria di disoccupazione per gli operai agricoli? 5.18 Cosa sono i trattamenti speciali di disoccupazione per gli operai agricoli? 5.19 Cos è il trattamento speciale di disoccupazione per l edilizia? 5.20 Quali sono le prestazioni a tutela della famiglia? 5.21 Cos è l assegno per il nucleo familiare? 5.22 Cos è l assegno famigliare? 5.23 Il datore di lavoro ha l obbligo di tutelare la salute del lavoratore? 6 Famiglia 6.1 Chi può chiedere il ricongiungimento familiare? 6.2 Come si propone ricorso contro il diniego di nulla osta e il diniego del visto d ingresso per ricongiungimento familiare?

10 indice 6.3 Come si propone ricorso contro i provvedimenti in materia di soggiorno per motivi familiari (rilascio, rinnovo e revoca del permesso di soggiorno per motivi familiari)? 6.4 Quali sono i requisiti per potersi sposare in Italia? 6.5 A chi si denuncia la nascita di un bambino? 7 Minori non accompagnati 7.1 Chi sono i minori stranieri non accompagnati? 8 Scuola 8.1 Dove si possono portare i bambini dai 0 ai 3 anni d età? 8.2 Dove vanno a scuola i bambini dai 3 ai 5 anni d età? 8.3 Dove vanno a scuola i bambini dai 6 ai 10 anni d età? 8.4 Dove vanno a scuola i bambini dagli 11 ai 13 anni di età? 8.5 Dove vanno a scuola i ragazzi dai 14 anni d età in poi? 8.6 Esistono dei contributi economici per facilitare l accesso all istruzione? 8.7 Che cos è l Obbligo Formativo? 8.8 Gli adulti possono frequentare la scuola? 8.9 Dove si possono avere informazioni sull iscrizione universitaria? 9 Cittadinanza italiana 9.1 Chi ottiene automaticamente la cittadinanza italiana? 9.2 Come si propone ricorso per il riconoscimento dello status di cittadino italiano per nascita? 9.3 Chi ottiene la cittadinanza italiana per matrimonio? 9.4 Chi ottiene la cittadinanza italiana per naturalizzazione? 9.5 Come si propone ricorso contro il rigetto della domanda di naturalizzazione? 10 Rifugiati 10.1 Chi può richiedere il riconoscimento dello status di rifugiato? 10.2 Come si propone ricorso contro il rigetto della domanda di riconoscimento dello status di rifugiato? 10.3 Come si propone ricorso contro il rigetto della domanda di riconoscimento dell asilo politico, o asilo costituzionale? 11 Tutela giurisdizionale 11.1 Com è garantita l assistenza legale (di un avvocato) al cittadino non abbiente? 11.2 Cosa s intende per parità di trattamento? 11.3 Come si tutela a livello giurisdizionale il principio della parità di trattamento?

11 Le principali sigle da conoscere A.C.I. Automobile Club d Italia A.S.L. Azienda Sanitaria Locale C.T.P. Centri Territoriali Permanenti INAIL Istituto Nazionale Assicurazioni Infortuni sul Lavoro INPDAP Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell Amministrazione Pubblica INPS Istituto Nazionale della Previdenza Sociale I.S.E. Indicatore della Situazione Economica I.S.I. Centri di Informazione Sanitaria MIUR Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca p.d.s. permesso di soggiorno P.M. Pubblico Ministero S.T.P. straniero temporaneamente presente T.A.R. Tribunale Amministrativo Regionale T.C.M. Tribunale Ordinario in Composizione Monocratica U.R.P. Uffici Relazioni con il Pubblico U.T.G. Ufficio Territoriale di Governo

12

13

14 1 ingresso e soggiorno

15 ingresso e soggiorno Per poter entrare in Italia e per potervi soggiornare regolarmente, i cittadini di Paesi che non fanno parte dell Unione Europea devono ottenere dalle autorità italiane specifiche autorizzazioni (visti d ingresso, permesso di soggiorno, ecc.). 1.1 Come si entra in Italia? L ingresso in Italia, salvo i casi di forza maggiore, può avvenire soltanto attraverso i valichi di frontiera appositamente istituiti, dove lo straniero - se richiesto - deve dimostrare di disporre dei requisiti generali necessari e del visto di ingresso. 14 Quali sono i requisiti necessari per l ingresso? scopo e condizioni del soggiorno; disponibilità di mezzi di sussistenza sufficienti per la durata del soggiorno e, fatta eccezione per i permessi di soggiorno per motivi di lavoro, anche per il ritorno nel paese di provenienza. Cos è il visto d ingresso? Il visto d ingresso è il documento richiesto ad ogni straniero non comunitario 1 che voglia entrare in Italia per soggiorni di durata superiore a 90 giorni. Per soggiorni di durata inferiore a 90 giorni il visto non è sempre richiesto 2. In questo caso sono validi anche i visti d ingresso rilasciati dalle autorità diplomatiche o consolari di altri stati. Se la richiesta è giustificata da ragioni di lavoro, il visto viene rilasciato soltanto nell ambito delle quote di ingresso fissate nel decreto annuale di programmazione dei flussi migratori. Per lo straniero regolarmente soggiornante in Italia, che esca e rientri dal territorio nazionale, è sufficiente l esibizione del passaporto e del permesso di soggiorno in corso di validità. Il visto di reingresso è invece necessario se il permesso di soggiorno è stato smarrito o sottratto, oppure se è scaduto, in tal caso la richiesta di visto deve essere corredata dall esibizione del documento scaduto da non più di 60 giorni.

16 Dove si richiede il visto? Il visto deve essere richiesto alle autorità diplomatiche o consolari italiane nel Paese d origine o di residenza, allegando: il passaporto (o documento equipollente in corso di validità); la documentazione specifica necessaria in base al tipo di visto richiesto 3. Lo straniero è tenuto ad indicare i motivi del viaggio, il luogo in cui è diretto, i mezzi di trasporto utilizzati e a dimostrare le disponibilità dei mezzi di sussistenza per la durata del soggiorno. 1 1 Ad eccezione di San Marino, Città del Vaticano, Liechtenstein, Svizzera, Norvegia, Islanda, con i quali vigono accordi di libera circolazione. 2 I cittadini dei seguenti Paesi, titolari di passaporto ordinario, sono soggetti ad obbligo di visto: Afghanistan, Albania, Algeria, Angola, Antigua e Barbuda, Arabia Saudita, Armenia, Azerbaijan, Bahamas, Bahrein, Bangladesh, Barbados, Belize, Benin, Bhutan, Bielorussia, Birmania, Bosnia-Erzegovina, Botswana, Burkina Faso, Burundi, Cambogia, Camerun, Capo Verde, Centrafrica, Ciad, Cina, Colombia, Comore, Congo, Congo (Repubblica Democratica), Corea del Nord, Costa d Avorio, Cuba, Dominica, Dominicana (Repubblica), Egitto, Emirati Arabi Uniti, Eritrea, Etiopia, ex-repubblica Iugoslava di Macedonia, Fiji, Filippine, Gabon, Gambia, Georgia, Ghana, Giamaica, Gibuti, Giordania, Grenada, Guinea, Guinea Bissau, Guinea Equatoriale, Guyana, Haiti, India, Indonesia, Iran, Iraq, Kazakistan, Kenia, Kirghizistan, Kiribati, Kuwait, Laos, Lesotho, Libano, Liberia, Libia, Madagascar, Malawi, Maldive, Mali, Marianne del Nord, Marocco, Marshall, Mauritania, Mauritius, Micronesia, Moldova, Mongolia, Mozambico, Namibia, Nauru, Nepal, Niger, Nigeria, Oman, Pakistan, Palau, Papua-Nuova Guinea, Perù, Qatar, Repubblica Federale di Iugoslavia (Serbia e Montenegro), Ruanda, Russia, Saint Kitts e Nevis, Saint Lucia, Saint Vincent e Grenadine, Salomone, Samoa Occidentali, Sao Tomé e Principe, Senegal, Seychelles, Sierra Leone, Siria, Somalia, Sri Lanka, Sud Africa, Sudan, Suriname, Swaziland, Tagikistan, Taiwan (entità territoriale non riconosciuta), Tanzania, Thailandia, Togo, Tonga, Trinidad e Tobago, Tunisia, Turchia, Turkmenistan, Tuvalu, Ucraina, Uganda, Uzbekistan, Vanuatu, Vietnam, Yemen, Zambia, Zimbabwe. 15 I cittadini dei seguenti Paesi sono invece esenti dall obbligo di visto d ingresso per soggiorni di durata massima di 90 giorni, per turismo, missione, affari, invito e gara sportiva: Andorra, Argentina, Australia, Bolivia, Brasile, Brunei, Bulgaria, Canada, Cile, Cipro, Corea del Sud, Costa Rica, Croazia, Ecuador, El Salvador, Estonia, Giappone, Guatemala, Honduras, Israele, Lettonia, Lituania, Malesia, Malta, Messico, Monaco, Nicaragua, Nuova Zelanda, Panama, Paraguay, Polonia, Repubblica Ceca, Romania, Singapore, Slovacchia, Slovenia, Stati Uniti, Ungheria, Uruguay, Venezuela. 3 Tipi di visto: per adozione, affari, cure mediche, motivi diplomatico, ricongiungimento familiare, gara sportiva, invito, lavoro autonomo, lavoro subordinato, missione, motivi religiosi, reingresso, residenza elettiva, studio, transito aeroportuale, transito, trasporto, turismo, vacanze-lavoro.

17 ingresso e soggiorno 1.2 Come si soggiorna in Italia? Il permesso di soggiorno è un documento che autorizza gli stranieri entrati regolarmente in Italia a rimanere sul territorio nazionale Dove si richiede il permesso di soggiorno? Il permesso di soggiorno deve essere richiesto al Questore del luogo di destinazione 5 entro 8 giorni lavorativi dalla data d ingresso allegando i seguenti documenti: la fotocopia dell interno del passaporto e l originale del passaporto (dopo averlo esaminato la polizia lo restituirà); il visto d ingresso; tre fotografie formato tessera; una marca da bollo da Euro; un attestazione di domicilio. La Questura trattiene una copia della richiesta con tutta la documentazione e un altra copia viene consegnata allo straniero come ricevuta della domanda. Lo straniero che richiede il permesso di soggiorno è sottoposto al rilievo delle impronte digitali. Per quanto tempo è valido il permesso di soggiorno? La durata del permesso di soggiorno è quella prevista dal visto d ingresso e dipende dal motivo per cui il visto è stato rilasciato. In ogni caso non può essere superiore a: 3 mesi per visite, affari e turismo; 9 mesi per lavoro stagionale (allo straniero che dimostri di essere venuto in Italia almeno due anni di seguito per prestare lavoro stagionale, può essere rilasciato un permesso pluriennale - fino a 3 annualità - per la durata temporale annuale di cui ha usufruito nell ultimo dei 2 anni precedenti); 1 anno per lavoro subordinato a tempo determinato; 2 anni per lavoro subordinato a tempo indeterminato, lavoro autonomo, ricongiungimenti familiari; 1 anno per studio o formazione. Il permesso di soggiorno per motivi di lavoro ha la stessa durata del contratto di soggiorno 6.

18 La perdita del posto di lavoro (anche per licenziamento) non determina per il lavoratore extracomunitario e i suoi familiari legalmente soggiornanti la perdita anche del permesso di soggiorno. Quest ultimo continua a consentirgli di soggiornare regolarmente sul territorio dello Stato italiano per il periodo di residua sua validità, e comunque almeno 6 mesi (salvo che si tratti di permesso di soggiorno per lavoro stagionale). In questo arco di tempo lo straniero ha la possibilità di cercare un nuovo posto di lavoro. Come si rinnova il permesso di soggiorno? Il rinnovo va richiesto in doppia copia al Questore 7 della provincia di residenza, allegando i seguenti documenti: il permesso scaduto e il passaporto; 3 fotografie formato tessera; una marca da bollo da Euro; un attestazione di domicilio; un attestazione che dimostri l esistenza di propri mezzi di sostentamento; un attestazione che dimostri l adeguatezza di tali mezzi per la durata del soggiorno e per il ritorno in patria; i documenti necessari in relazione allo specifico permesso di soggiorno (per turismo, per lavoro, per ricongiungimento familiare ecc.). Il rinnovo e la proroga non sono consentiti per motivi di turismo e in caso di lunghe e continuative assenze dall Italia (per più di 6 mesi, e nel caso di permessi di soggiorno biennali per più di 1 anno). È invece consentito il rinnovo nel caso in cui si sia usciti dall Italia per adempiere agli obblighi militari o per altri gravi e comprovati motivi Tipi di permesso di soggiorno: per turismo, visite a familiari, affari, lavoro stagionale, studio o formazione, lavoro autonomo, lavoro subordinato, motivi familiari, protezione sociale, lavoratori dello spettacolo, cure mediche, asilo politico, asilo umanitario. 5 Vedi indirizzario contenuto al fondo della guida. 6 Il contratto di soggiorno per lavoro subordinato è stipulato fra un datore di lavoro italiano o straniero regolarmente soggiornante in Italia, e un prestatore di lavoro, cittadino extracomunitario, e viene sottoscritto presso lo Sportello Unico per l Immigrazione (vedi indirizzario contenuto al fondo della guida) della provincia in cui risiede o ha sede legale il datore di lavoro o dove avrà luogo la prestazione lavorativa. 7 Vedi indirizzario contenuto al fondo della guida.

19 ingresso e soggiorno Quando va chiesto il rinnovo? La richiesta va fatta: 90 giorni prima della scadenza del permesso di soggiorno, in relazione ad un contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato; 60 giorni prima, in relazione ad un contratto di lavoro subordinato a tempo determinato; 30 giorni nei restanti casi. Quanto dura il rinnovo? Il rinnovo, generalmente, ha una durata non superiore a quella stabilita con rilascio iniziale. 18 Quando può essere convertito un permesso di soggiorno? Il permesso di soggiorno per lavoro autonomo può essere convertito in permesso per lavoro subordinato e viceversa; il permesso di soggiorno per lavoro stagionale può essere convertito in permesso per lavoro subordinato, ma solo alla fine della seconda stagione (vedi sopra); il permesso per studio può essere convertito in permesso per lavoro, ma all interno del numero di ingressi per lavoro previsti dal governo di anno in anno; il permesso per motivi di protezione sociale può essere convertito in permesso per studio o utilizzato per lavorare, se alla scadenza lo straniero sta lavorando o studiando. A chi deve mostrare il permesso di soggiorno il cittadino straniero? Il cittadino straniero deve mostrare il proprio permesso di soggiorno ogni volta che gli viene richiesto dagli ufficiali e agenti di pubblica sicurezza. Le Forze dell Ordine, se lo ritengo necessario, possono chiedere ulteriori informazioni e documenti sul lavoro, l alloggio, e il reddito di cui si dispone in Italia per mantenere i familiari a carico. Che cosa è la Carta di Soggiorno? La Carta di Soggiorno è il documento che consente agli stranieri il soggiorno a tempo indeterminato in Italia. Il titolare della carta di soggiorno può essere espulso solo per gravi motivi di ordine pubblico o sicurezza nazionale oppure se è socialmente pericoloso.

20 Deve essere vidimata ogni 10 anni e consente al titolare: di entrare e uscire dall Italia senza bisogno del visto; di svolgere qualsiasi tipo di attività lecita che non sia riservata a cittadini italiani; di accedere ai servizi e alle prestazioni della pubblica amministrazione. Chi può chiedere la Carta di soggiorno? Il cittadino straniero che: soggiorna regolarmente in Italia da almeno 6 anni ed ha un permesso di soggiorno che consente più rinnovi; è sposato con uno straniero che abbia la carta di soggiorno; ha meno di 18 anni ed è figlio di uno straniero che abbia la carta di soggiorno; il coniuge, il minore e i genitori del cittadino italiano (quindi anche lo straniero che abbia ottenuto la cittadinanza italiana) o del cittadino comunitario residente in Italia, purché convivente. 1 Dove si presenta la domanda per ottenere la Carta di Soggiorno? La Carta di Soggiorno si richiede direttamente alla Questura 8. Lo straniero deve indicare nella domanda: i propri dati anagrafici; i luoghi in cui ha vissuto nei cinque anni precedenti alla richiesta; il luogo di residenza al momento della domanda; le fonti di reddito che gli consentono di mantenersi in Italia. Alla domanda vanno allegati: la copia di un documento di identità; la copia della dichiarazione dei redditi o dell ultima dichiarazione delle entrate derivanti da attività di lavoro subordinato; il certificato del casellario giudiziale; il certificato che attesti l assenza di procedimenti penali in corso; una fotografia formato tessera. 19 Accertata la sussistenza di tutti i requisiti, il questore rilascia la Carta di Soggiorno entro 90 giorni dalla presentazione della richiesta. La Carta di Soggiorno può 8 Vedi indirizzario contenuto al fondo della guida.

21 ingresso e soggiorno essere revocata nel caso di condanna per reati penali di particolari gravità. Chi possiede il permesso di soggiorno e dimora stabilmente in Italia può ottenere l iscrizione all anagrafe ed il conseguente rilascio della carta d identità, con validità pari alla durata del permesso di soggiorno, nonché il rilascio del codice fiscale Quali caratteristiche devono avere i provvedimenti con i quali si rigetta la domanda d ingresso, di soggiorno e con cui si dispone l allontanamento (espulsione) dello straniero? Quando l autorizzazione all ingresso e al soggiorno viene negata allo straniero, l autorità competente adotta un provvedimento di rigetto. Se ne ricorrono i presupposti, inoltre, nei confronti dello straniero può essere adottato un decreto d espulsione o di respingimento alla frontiera. 20 In questi casi esistono alcune regole generali che le autorità amministrative devono osservare. Tutti i provvedimenti amministrativi riguardanti l ingresso, il soggiorno o l espulsione dello straniero devono essere scritti e motivati. All interessato deve essere consegnato un atto scritto, in cui sono spiegati i presupposti di fatto e le ragioni giuridiche che ne hanno determinato l adozione. Fanno eccezione i provvedimenti di diniego del visto d ingresso, per i quali l obbligo della motivazione è previsto soltanto se si tratta di richieste di visto per motivi di lavoro, ricongiungimento familiare, studio e cure mediche. Nel provvedimento inoltre deve essere chiaramente indicato a quale autorità è possibile fare ricorso, e in quali termini. Tutti i provvedimenti amministrativi riguardanti l ingresso, il soggiorno, o l espulsione dello straniero, devono essere tradotti in una lingua comprensibile al destinatario. Non è necessaria la traduzione integrale dell atto, perché la legge ritiene sufficiente anche una traduzione sintetica. Nel caso poi in cui non sia possibile la traduzione in una lingua conosciuta, il provvedimento deve essere tradotto in francese, inglese o spagnolo (o arabo, se si tratta di diniego del visto di ingresso), con preferenza per quella indicata dall interessato. Tutti i provvedimenti amministrativi riguardanti l ingresso, il soggiorno, o l e-

22 spulsione dello straniero, devono essere notificati direttamente all interessato, al quale viene richiesto di firmare l atto di notifica. La notifica è valida anche se il destinatario si rifiuta di firmare alla consegna dell atto. In ogni caso all interessato deve essere consegnata una copia del provvedimento, con relativa traduzione anche sintetica in una lingua conosciuta, ovvero in francese, inglese o spagnolo. 1.4 Come si ricorre contro i provvedimenti con i quali si rigetta la domanda d ingresso, di soggiorno e con cui si dispone l allontanamento (espulsione) dello straniero? Allo straniero a cui sia stato notificato: un provvedimento di rigetto della domanda di visto d ingresso; un provvedimento di rigetto della domanda di permesso di soggiorno; ovvero sia stato notificato un decreto d espulsione o di respingimento alla frontiera; è riconosciuto il diritto alla tutela giurisdizionale, la possibilità, cioè, di fare ricorso davanti a un organo giudiziario. Generalmente il ricorso è assoggettato ad un termine, che deve essere indicato nel provvedimento di rigetto al momento della notifica e che decorre dal giorno in cui il provvedimento da impugnare è stato notificato all interessato. I termini per la proposizione del ricorso sono previsti a pena di decadenza, il che significa che il ricorso viene considerato inammissibile se è proposto quando il termine è scaduto. Tuttavia, in casi particolari (per es. quando nel provvedimento non era indicato il termine di scadenza, oppure se il provvedimento è stato notificato senza la traduzione) è possibile presentare il ricorso anche se il termine è scaduto, chiedendo al giudice la remissione in termini. In alcuni casi, la possibilità di presentare ricorso non è invece assoggettata a termine di decadenza Per sapere cosa sono e come si ottengono la carta d identità e il codice fiscale vedi cap. n. 2. Documenti.

23 ingresso e soggiorno Per quanto concerne la disciplina delle spese di giudizio, è previsto il versamento di un contributo unificato per tutti i ricorsi al Tribunale Amministrativo Regionale e al Tribunale in composizione collegiale 10. Sono invece, esenti dal pagamento d imposte di bollo e di registro, e di ogni altra tassa, i ricorsi al Tribunale ordinario contro i decreti di espulsione del Prefetto e contro i provvedimenti in materia di diritto all unità familiare. È ancora incerta la disciplina dei nuovi ricorsi al Tribunale ordinario contro i provvedimenti delle Commissioni Territoriali per il riconoscimento dello status di rifugiato, per i quali attualmente la legge non prevede forme di esenzione. Le modalità e i termini per proporre ricorso contro i provvedimenti di rigetto e di espulsione cambiano in relazione al tipo di provvedimento da impugnare Vedi indirizzario contenuto al fondo della guida.

24 1 23

25 ingresso e soggiorno TIPI DI RICORSO Ricorso contro il diniego del visto d ingresso. Ricorso contro i provvedimenti in materia di rilascio, rinnovo e revoca del permesso di soggiorno o della carta di soggiorno. Ricorso contro il provvedimento di respingimento alla frontiera. Ricorso contro il decreto di espulsione del Ministero dell Interno. Ricorso contro il diniego di nulla osta e il diniego del visto d ingresso per ricongiungimento familiare 11. Ricorso contro i provvedimenti in materia di soggiorno per motivi familiari (rilascio, rinnovo e revoca del permesso di soggiorno per motivi familiari) Ricorso contro il rigetto della domanda di naturalizzazione 13 (concessione della cittadinanza italiana per residenza ultradecennale o ultraquinquennale, per matrimonio con cittadino italiano e negli altri casi previsti dalla legge sulla cittadinanza) Ricorso per il riconoscimento dello status di cittadino italiano per nascita, o dello status di apolide 14. Ricorso contro il rigetto della domanda di riconoscimento dello status di rifugiato 15. Ricorso per il riconoscimento dell asilo politico, o asilo Costituzionale ex art. 10 della Costituzione 16.

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011 GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Anno 2011 La rilevazione riguarda gli operatori della cooperazione internazionale che hanno usufruito dell assistenza assicurativa della Siscos. Definizione

Dettagli

BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM

BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM SkyTeam Awards è uno dei maggiori vantaggi che ti offre l Alleanza SkyTeam: un solo Biglietto Premio per tante destinazioni nel mondo, anche quando l itinerario che scegli

Dettagli

GUIDA ALLA NOTIFICA ALL ESTERO DEGLI ATTI GIUDIZIARI ED EXTRAGIUDIZIARI IN MATERIA CIVILE E COMMERCIALE

GUIDA ALLA NOTIFICA ALL ESTERO DEGLI ATTI GIUDIZIARI ED EXTRAGIUDIZIARI IN MATERIA CIVILE E COMMERCIALE DIREZIONE GENERALE PER GLI ITALIANI ALL ESTERO E LE POLITICHE MIGRATORIE Ufficio IV GUIDA ALLA NOTIFICA ALL ESTERO DEGLI ATTI GIUDIZIARI ED EXTRAGIUDIZIARI IN MATERIA CIVILE E COMMERCIALE (Maggio 2014)

Dettagli

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Per poter lavorare in Italia il cittadino straniero non comunitario deve essere in possesso del permesso di soggiorno rilasciato per

Dettagli

Costituzione dell Organizzazione mondiale della Sanità

Costituzione dell Organizzazione mondiale della Sanità Traduzione 1 Costituzione dell Organizzazione mondiale della Sanità 0.810.1 Firmata a Nuova York il 22 luglio 1946 Approvata dall Assemblea federale il 19 dicembre 1946 2 Strumenti di ratificazione depositati

Dettagli

GLI ATTI E DOCUMENTI STRANIERI Procedure per la legalizzazione di documenti e di firme.

GLI ATTI E DOCUMENTI STRANIERI Procedure per la legalizzazione di documenti e di firme. GLI ATTI E DOCUMENTI STRANIERI Procedure per la legalizzazione di documenti e di firme. 1. Normativa di riferimento Legge 20 dicembre 1966, n. 1253 Ratifica ed esecuzione della Convenzione firmata a l

Dettagli

CHE COS E UN EXPO UNIVERSALE

CHE COS E UN EXPO UNIVERSALE CHE COS E UN EXPO UNIVERSALE Il più grande evento del mondo. Un brand universale (4 expo ogni 10 anni in 5 Continenti). Un evento nazionale e non locale. Un organizzazione non-profit degli Stati Nazionali

Dettagli

D. Da quali paesi ed in che modo la normativa ISPM15 viene già applicata?

D. Da quali paesi ed in che modo la normativa ISPM15 viene già applicata? CON-TRA S.p.a. Tel. +39 089 253-110 Sede operativa Fax +39 089 253-575 Piazza Umberto I, 1 E-mail: contra@contra.it 84121 Salerno Italia Internet: www.contra.it D. Che cosa è la ISPM15? R. Le International

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Commissione per le Adozioni Internazionali

Presidenza del Consiglio dei Ministri Commissione per le Adozioni Internazionali Allegato A Legenda Elenco degli enti autorizzati per paese straniero: L asterisco (*) sta ad indicare l obbligo di accreditamento nel Paese straniero secondo una specifica procedura. In questo caso e stato

Dettagli

Convenzione internazionale sull eliminazione di ogni forma di discriminazione razziale

Convenzione internazionale sull eliminazione di ogni forma di discriminazione razziale Traduzione 1 Convenzione internazionale sull eliminazione di ogni forma di discriminazione razziale 0.104 Conclusa a New York il 21 dicembre 1965 Approvata dall Assemblea federale il 9 marzo 1993 2 Istrumento

Dettagli

Convenzione sull eliminazione di ogni forma di discriminazione nei confronti della donna

Convenzione sull eliminazione di ogni forma di discriminazione nei confronti della donna Traduzione 1 Convenzione sull eliminazione di ogni forma di discriminazione nei confronti della donna 0.108 Conclusa il 18 dicembre 1979 Approvata dall Assemblea federale il 4 ottobre 1996 2 Ratificata

Dettagli

Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale. La fase amministrativa

Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale. La fase amministrativa Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale La fase amministrativa Nella prima fase, amministrativa, le autorità competenti in materia di protezione sono la Polizia uffici di frontiera

Dettagli

0.191.01. Convenzione di Vienna sulle relazioni diplomatiche. Traduzione 1. (Stato 1 febbraio 2013)

0.191.01. Convenzione di Vienna sulle relazioni diplomatiche. Traduzione 1. (Stato 1 febbraio 2013) Traduzione 1 Convenzione di Vienna sulle relazioni diplomatiche 0.191.01 Conchiusa a Vienna il 18 aprile 1961 Approvata dall Assemblea federale il 21 giugno 1963 2 Istrumento di ratificazione depositato

Dettagli

Informazioni su peso massimo, dimensioni massime e tempo di trasporto nei paesi

Informazioni su peso massimo, dimensioni massime e tempo di trasporto nei paesi Informazioni su peso massimo, dimensioni massime e tempo di trasporto nei paesi ) Tempi di recapito medi in giorni feriali (lunedi venerdi), giorno d impostazione escluso. I tempi di consegna pubblicati

Dettagli

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha

Dettagli

ISCRIZIONE AL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE PER I CITTADINI COMUNITARI E STRANIERI

ISCRIZIONE AL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE PER I CITTADINI COMUNITARI E STRANIERI ISCRIZIONE AL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE PER I CITTADINI COMUNITARI E STRANIERI A cura di Rossella Segurini Azienda Usl di Ravenna - U.O. Direzione Amministrativa dell Assistenza Distrettuale Procedimenti

Dettagli

Giù le carte! COME ELIMINARE I CERTIFICATI INUTILI GUIDA ALL AUTOCERTIFICAZIONE

Giù le carte! COME ELIMINARE I CERTIFICATI INUTILI GUIDA ALL AUTOCERTIFICAZIONE PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Dipartimento della Funzione Pubblica Giù le carte! COME ELIMINARE I CERTIFICATI INUTILI GUIDA ALL AUTOCERTIFICAZIONE Certificati addio: dal 7 marzo le amministrazioni

Dettagli

Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO)

Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO) Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO) La presente raccolta comprende solo le voci principali della classificazione di Ratisbona relativa all arte (LH LO) INDICE LD 3000 - LD 8000

Dettagli

Convenzione contro la tortura ed altre pene o trattamenti crudeli, inumani o degradanti

Convenzione contro la tortura ed altre pene o trattamenti crudeli, inumani o degradanti Traduzione 1 Convenzione contro la tortura ed altre pene o trattamenti crudeli, inumani o degradanti 0.105 Conclusa a Nuova York il 10 dicembre 1984 Approvata dall Assemblea federale il 6 ottobre 1986

Dettagli

REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO DIREZIONE GENERALE DELL IMMIGRAZIONE STRANIERI E LEGGE SULLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE

REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO DIREZIONE GENERALE DELL IMMIGRAZIONE STRANIERI E LEGGE SULLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO DIREZIONE GENERALE DELL IMMIGRAZIONE STRANIERI E LEGGE SULLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO PUBBLICAZIONI DELLA DIREZIONE

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.)

Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.) Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.) Familiari per i quali può essere richiesto il ricongiungimento: 1. Coniuge non

Dettagli

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio La cittadinanza in Europa Deborah Erminio Dicembre 2012 La normativa per l acquisizione della cittadinanza nei diversi Paesi dell Unione europea varia considerevolmente da paese a paese e richiama diversi

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Il Numero e la Tessera Social Security

Il Numero e la Tessera Social Security Il Numero e la Tessera Social Security Il Numero e la Tessera Social Security Avere un numero di Social Security è importante perché è richiesto al momento di ottenere un lavoro, percepire sussidi dalla

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. R CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda)

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) LE DOMANDE (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) 1. LA NUOVA MODALITÀ 1.1 Qual è in sintesi la nuova modalità per ottenere l esenzione ticket in base al reddito? 1.2 Da quando, per

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

5) La richiesta di autorizzazione al lavoro può essere. a) Nominativa o per lista; b) Competenza o per professione; c) Per professione.

5) La richiesta di autorizzazione al lavoro può essere. a) Nominativa o per lista; b) Competenza o per professione; c) Per professione. 1) Cos è il visto? a) È un permesso concesso allo straniero ad entrare nel territorio della Repubblica Italiana o in quello di altre parti contraenti per transito o per soggiorno; b) È una autorizzazione

Dettagli

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA SEDE LEGALE CASTELLO N. 77 SEDE AMMINISTRATIVA SAN POLO N. 2123 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA Istituto Nazionale Previdenza Sociale ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA (articolo 23 del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600 e successive modifiche e integrazioni) In base all art. 7, D.L. n. 70/2011 non è più obbligatorio

Dettagli

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 19 OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 2 Prefazione IL CAMMINO DELLA QUALITÀ Inps, come le altre pubbliche Amministrazioni

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Scadenza 26/05/2015 Domanda n

Scadenza 26/05/2015 Domanda n Scadenza 26/05/2015 Domanda n Spazio riservato al Protocollo AL COMUNE DI PESCARA Settore Manutenzioni Servizio Politiche della Casa Il/La sottoscritto/a (Cognome) (Nome) nato/a a prov. il / / cittadinanza

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI

COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI Istituto Nazionale Previdenza Sociale COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI Regolazione del rapporto di lavoro A cura di Coordinamento e Supporto alle attività connesse al Fenomeno Migratorio Marzo 2007 INDICE

Dettagli

Linee Guida Expo Milano 2015 in materia di ingresso e soggiorno degli stranieri

Linee Guida Expo Milano 2015 in materia di ingresso e soggiorno degli stranieri 2 Linee Guida Expo Milano 2015 in materia di ingresso e soggiorno degli stranieri Il presente documento 1 è stato predisposto dal progetto La Mobilità Internazionale del Lavoro in collaborazione con il

Dettagli

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA procede alla raccolta di domande al fine di effettuare selezioni per eventuali assunzioni con contratto subordinato, a tempo determinato, relativamente al Festival Areniano

Dettagli

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti Domanda per i lavoratori dipendenti Per ottenere il congedo parentale, oltre a possedere i requisiti di legge, è necessario compilare il modulo in tutte le sue parti e consegnarlo sia al datore di lavoro

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense Sezione generale 1. Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha adottato un regolamento specifico per i praticanti avvocati? Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha approvato con

Dettagli

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce Salentini nel mondo Le statistiche ufficiali Provincia di Lecce 1 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI 150 ANNI DI PARTENZE DAL SALENTO I TRASFERIMENTI ALL ESTERO NEL TERZO MILLENNIO 2 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI

Dettagli

CONVENZIONE DELL'ORGANIZZAZIONE DELL'UNITÀ AFRICANA (OUA) CHE REGOLA GLI ASPETTI SPECIFICI DEI PROBLEMI DEI RIFUGIATI IN AFRICA

CONVENZIONE DELL'ORGANIZZAZIONE DELL'UNITÀ AFRICANA (OUA) CHE REGOLA GLI ASPETTI SPECIFICI DEI PROBLEMI DEI RIFUGIATI IN AFRICA CONVENZIONE DELL'ORGANIZZAZIONE DELL'UNITÀ AFRICANA (OUA) CHE REGOLA GLI ASPETTI SPECIFICI DEI PROBLEMI DEI RIFUGIATI IN AFRICA Adottata dalla Conferenza dei Capi di Stato e di Governo dell'oua riuniti

Dettagli

Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali. Campagna per la promozione dell affidamento familiare

Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali. Campagna per la promozione dell affidamento familiare Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Campagna per la promozione dell affidamento familiare Il primo diritto che andrebbe assicurato ad ogni bambino è quello

Dettagli

Ambasciata d Italia... Domanda di visto per gli Stati Schengen Modulo gratuito...

Ambasciata d Italia... Domanda di visto per gli Stati Schengen Modulo gratuito... 1. Cognome / (x) 2. Cognome alla nascita (cognome/i precedente/i) / (x) 3. Nome/i / (x) 4. Data di nascita (giorno-mese-anno)... 8. Sesso /...: Maschile/... Femminile/... Ambasciata d Italia... Domanda

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

FAR INCONTRARE LE PERSONE. OGNI VOLTA UNA SFIDA UNICA

FAR INCONTRARE LE PERSONE. OGNI VOLTA UNA SFIDA UNICA FAR INCONTRARE LE PERSONE. OGNI VOLTA UNA SFIDA UNICA La Nuova Frontiera Meetings & Events: un area di spesa che secondo le nostre indagini si attesta, a livello globale, intorno ai 300 miliardi di dollari.

Dettagli

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione titolo della form di ricerca Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca CATEGORIA TITOLO AREA GEOGRAFICA Vigneto/produzione/consumi Superfici vitate

Dettagli

GUIDA PER L UTENTE. Direttiva 2005/36/CE. Tutto quello che vorreste sapere sul riconoscimento delle qualifiche professionali 66 DOMANDE 66 RISPOSTE

GUIDA PER L UTENTE. Direttiva 2005/36/CE. Tutto quello che vorreste sapere sul riconoscimento delle qualifiche professionali 66 DOMANDE 66 RISPOSTE GUIDA PER L UTENTE Direttiva 2005/36/CE Tutto quello che vorreste sapere sul riconoscimento delle qualifiche professionali 66 DOMANDE 66 RISPOSTE Il presente documento è stato elaborato a fini informativi.

Dettagli

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI)

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) 4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Tutte le persone che abitano o esercitano un attività lucrativa in Svizzera sono per principio

Dettagli

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di giustizia UFG Ambito direzionale Diritto pubblico Settore di competenza Progetti e metodologia legislativi 1 gennaio 2015 Aiuto alle

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

ASSISTENZA SANITARIA AGLI STRANIERI NELL ASL di BRESCIA Indicazioni per l applicazione della normativa

ASSISTENZA SANITARIA AGLI STRANIERI NELL ASL di BRESCIA Indicazioni per l applicazione della normativa ASSISTENZA SANITARIA AGLI STRANIERI NELL ASL di BRESCIA Indicazioni per l applicazione della normativa Luglio 2014 Azienda Sanitaria Locale di Brescia DIPARTIMENTO CURE PRIMARIE Direttore: Dr. Fulvio Lonati

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

Informazioni generali

Informazioni generali Modulo VA : Domanda di verifica della sussistenza di una quota per lavoro subordinato ai sensi degli artt. 14 comma 6 e 39 comma 9 del DPR. n. 394/99 e successive modifiche ed integrazioni Informazioni

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Modulo VA : Art. 22 Lavoro subordinato. Informazioni generali

Modulo VA : Art. 22 Lavoro subordinato. Informazioni generali Modulo VA : Art. 22 Lavoro subordinato Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha realizzato il servizio di inoltro Telematico delle domande

Dettagli

L. 21 novembre 1967, n. 1185 (1). Norme sui passaporti (1/a) (1/circ). Disposizioni generali

L. 21 novembre 1967, n. 1185 (1). Norme sui passaporti (1/a) (1/circ). Disposizioni generali L. 21 novembre 1967, n. 1185 (1). Norme sui passaporti (1/a) (1/circ). Disposizioni generali 1. Ogni cittadino è libero, salvi gli obblighi di legge, di uscire dal territorio della Repubblica, valendosi

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

Gli stranieri in Italia

Gli stranieri in Italia Gli stranieri in Italia E straniero, evidentemente, chi non è cittadino italiano. Tuttavia, nell epoca della globalizzazione questa definizione negativa non è più sufficiente per identificare le regole

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO A. LA NUOVA MODALITA 3 B. RILASCIO DELL ATTESTATO DI ESENZIONE 5 C. REQUISITI PER L ESENZIONE

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

www.integration.zh.ch

www.integration.zh.ch Cantone di Zurigo Dipartimento della giustizia e degli interni Ufficio cantonale per l integrazione Informazioni per i nuovi arrivati dall estero www.integration.zh.ch Indice 03 Immigrazione e diritto

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione 1)- PER UN VEICOLO ESPORTATO ALL'ESTERO E SUCCESSIVAMENTE REISCRITTO IN ITALIA DALLO STESSO INTESTATARIO QUALE IPT PAGA?: A - L'IPT si paga in misura proporzionale B - Non si paga IPT C - L'IPT si paga

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI

MANIFESTO DEGLI STUDI UFFICIO ALTA FORMAZIONE ED ESAMI DI STATO MANIFESTO DEGLI STUDI MASTER DI II LIVELLO con modalità didattica multimediale, integrata e a distanza MANAGEMENT E DIRIGENZA NELLA SCUOLA (istituito ai sensi

Dettagli

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice MATERNITA E CONGEDI PARENTALI Indice Interdizione.pag. 2 Interruzione della gravidanza.pag. 3 Astensione obbligatoria..pag. 4 Astensione obbligatoria della madre....pag. 4 Astensione obbligatoria del padre....pag.

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Decreto del Presidente della Repubblica 31 agosto 1999, n.394 1, Regolamento recante norme di attuazione del testo unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell'immigrazione e norme sulla condizione

Dettagli

Presentazione. DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI Direzione Centrale per i Servizi Demografici Area AIRE

Presentazione. DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI Direzione Centrale per i Servizi Demografici Area AIRE Presentazione Facilitare l accesso ai servizi ai cittadini, sia residenti in Italia che all estero, rappresenta uno degli obiettivi fondamentali dell Amministrazione Pubblica. Esso è ispirato al principio

Dettagli

Vivere e lavorare in Italia

Vivere e lavorare in Italia Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali EURES - Italia Vivere e lavorare in Italia Una breve guida per cittadini EU interessati a trasferirsi in Italia Marzo 2010 VIVERE E LAVORARE IN ITALIA L Italia

Dettagli

Voucher: il sistema dei buoni lavoro

Voucher: il sistema dei buoni lavoro Voucher: il sistema dei buoni lavoro Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento che i datori di lavoro (committenti) possono utilizzare per remunerare prestazioni di lavoro

Dettagli

CONDANNE A MORTE ED ESECUZIONI NEL 2013

CONDANNE A MORTE ED ESECUZIONI NEL 2013 CONDANNE A MORTE ED ESECUZIONI NEL 2013 Index: ACT 50/001/2014 Amnesty International - marzo 2014 INDICE INTRODUZIONE... 4 LA PENA DI MORTE NEL 2013... 6 DATI GLOBALI... 8 PANORAMICHE REGIONALI... 11 AMERICHE...

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

REGOLAMENTO IMMATRICOLAZIONI, ISCRIZIONI, TASSE E CONTRIBUTI PER STUDENTI DI CORSI DI LAUREA, DI LAUREA MAGISTRALE, DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO

REGOLAMENTO IMMATRICOLAZIONI, ISCRIZIONI, TASSE E CONTRIBUTI PER STUDENTI DI CORSI DI LAUREA, DI LAUREA MAGISTRALE, DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO REGOLAMENTO IMMATRICOLAZIONI, ISCRIZIONI, TASSE E CONTRIBUTI PER STUDENTI DI CORSI DI LAUREA, DI LAUREA MAGISTRALE, DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO E CORSI SINGOLI INDICE TITOLO I - IMMATRICOLAZIONI,

Dettagli

1 In luogo di Ministro/Ministero del tesoro e di Ministro/Ministero del bilancio e della programmazione economica,

1 In luogo di Ministro/Ministero del tesoro e di Ministro/Ministero del bilancio e della programmazione economica, L 04/01/1968 Num. 15 Legge 4 gennaio 1968, n. 15 (in Gazz. Uff., 27 gennaio 1968, n. 23). -- Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione e autenticazione di firme 12 3 Preambolo (Omissis).

Dettagli

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno...... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare Ufficio ex Enam Area Piccolo Credito Lista: settore.. n.... Largo Josemaria Escriva

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio.

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. 1. I passaporti diplomatici e di servizio, di cui all'articolo

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO Atti 184/10 all. 45/8 Riapertura termini riferimento 122 INGECLI AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

Dettagli