CASTELBASSO, LE SUE CHIESE E L ORGANO FEDRI di GIUSEPPE DI MELCHIORRE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CASTELBASSO, LE SUE CHIESE E L ORGANO FEDRI di GIUSEPPE DI MELCHIORRE"

Transcript

1 CASTELBASSO, LE SUE CHIESE E L ORGANO FEDRI di GIUSEPPE DI MELCHIORRE Heu tempora, heu sacrarum ædium progrediens ruina! Il lamento per i tempi grami che inesorabilmente lasciavano andare in rovina i sacri templi mons. Alessandro Berrettini, vescovo di Teramo, lo affidò alla relazione della visita pastorale che compì a Castelbasso nel luglio del Non era un caso isolato nella storia castelbassese quello constatato allora da Sua Eccellenza che probabilmente, ma senza colpa, non conosceva la storia del borgo e delle sue chiese, segnata lungo i secoli da altre e tante rovine. Di Castellum Vetulum, l odierno Castelbasso, si trova la prima notizia documentale nel Liber instrumentorum seu chronicorum redatto dall amanuense Giovanni di Berardo all incirca all inizio dell ultimo ventennio del XII secolo su ordine di Leonate, abate del cenobio di S. Clemente a Casauria, oggi nella campagna di Torre de Passeri (PE). Nella raccolta, più nota come Chronicon Casauriense, sono trascritti documenti notarili e fatti di cronaca relativi all illustre abbazia fondata tre secoli prima dall imperatore Federico II. Tra le tante carte ivi riunite alcune riguardano direttamente o indirettamente Castelbasso, l allora Castellum Vetulum, appunto, identificato anche come Castello Vecclo; un castello già vecchio, quindi, di qualche secolo, del quale studiosi di medievalistica fanno risalire le origini, in quanto insediamento d altura, fino all alto Medio Evo 1. Un castello importante, anche, ovviamente dotato di cinta muraria, una chiesa ed edifici all interno, tenimenti tutt intorno e un altra chiesa poco lontana, verso est, quella di S. Andrea, alla quale si aggiungevano la chiesa di S. Maria di Melano, quella di S. Maria di Arola e un altra, probabilmente a nord, dedicata a S. Giorgio. Opportunamente arricchito con altri beni e con lungimiranza donato a chi di dovere, quel feudo si sarebbe potuto rivelare utile a impetrare la salvezza dell anima. Questa era almeno la speranza di Adelberto e Raimondo, fratelli di stirpe longobarda, che, rispettivamente nel settembre del 1046 e nel gennaio del 1047, si recarono da Giso, notaio e giudice in Aprutium 2, dove fecero un atto di donazione a beneficio del Monastero di S. Clemente a Casauria, al quale cedettero, tra gli altri loro possedimenti, Castelbasso e le sue pertinenze in capite de Acqui, et Melano, et in Egiano, et in Colle Warracconi, et in Colle Meruli 3. Da allora, e fino al 1816, Castelbasso passò sotto la giurisdizione spirituale dell abate di S. Clemente, anche se nella sua vita laica conobbe altri padroni 4 Non lasciarono un grande ricordo gli abati di quell abbazia, se ancora fino a pochi anni fa gli anziani castelbassesi, quando imprecavano, spesso e con inconsapevole memoria storica se la prendevano con lu patr abbate. Imprecazioni contro il padre abate a parte, è doveroso riconoscere che gli abitanti di Castelbasso devoti sono sempre stati e sono, come hanno dimostrato e dimostrano. Per il passato ne è un esempio tal Filippu de 1 L incastellamento degli insediamenti d altura, in Abruzzo, si verificò in seguito alle scorrerie saracene (sec. IX). 2 Così allora veniva chiamata Teramo. 3 Capo d Acqua, Mulano, Eziano, Colle Varracconi, Colle del Merlo. 4 Diventato feudo del Monastero di S. Clemente a Casauria, Castelbasso, che per questo cambiò il nome da Castelvecchio a Castelvecchio Monacesco, nel sec. XV, dopo precedenti tentativi, fu conquistato dai Duchi Acquaviva di Atri, e da allora cominciò a chiamarsi Castelvecchio a basso. Gli Acquavivai nel sec. XVI lo cedettero ai Marchesi Valignani di Chieti che a loro volta lo vendettero ai Marchesi Ricci di Macerata che rimasero feudatari fino al 1806, quando Giacchio Murat abolì la feudalità. Nello stesso anno Castelbasso, già Università indipendente, fu unito all Università di Castellalto, del quale diventò una frazione.

2 Masseo, uomo senz altro generoso tanto da non curarsi troppo dei soldi che spendeva. E ne diede la prova. Non è dato sapere quanto la chiesa del vecchio castello, citata nel Chronicon Casauriense, sia durata ancora nel tempo. Sta di fatto che nel 1338 il ricordato Filippu de Masseo fece costruire a Castelbasso, ovviamente a beneficio della sua anima, una nuova chiesa per la quale spese quel che ci voleva, senza star lì troppo a far di conto. E infatti fece incidere, nella tavolette a sbalzo su cui poggiano i leoncini che a loro volta reggono l archivolto del portale, l epigrafe sciolta come segue: QUESTA OPERA LASSAO PHILIPPU DE MASSEO PRO ANIMA SUA ONCE XXX E PLUS SUB ANNO DOMINI MCCCXXXVIII VI INDICTIONE. Insomma, generoso sì, ma che si sapesse che lui trenta once, e anche di più, le aveva spese. Generoso e orgoglioso pure doveva essere il buon Filippu, mentre guardava lo scultore, è facile immaginarlo, che incideva il suo nome nella pietra. Orgoglioso di quella chiesa ad una navata, crollata forse in seguito ad un terremoto (quello del 1456? 5 ) e ricostruita in seguito a tre navate 6. Il primo documento che descrive la chiesa di Castelbasso nelle sue strutture principali come oggi le vediamo risale al Esso riguarda la relazione della visita pastorale compiuta a Castelbasso dal vescovo Montesanto di Teramo il 29 giugno di quell anno. Il manoscritto contiene infatti la descrizione dell altare maggiore in pietra e della mensa anch essa di pietra (quella ancora oggi esistente), accenna al coro in legno dietro l altare, a tutto oggi visibile, visita il fonte battesimale in laterizio posto nella parete orientale della chiesa, dentro il quale è conservato un vaso in rame (esiste ancora oggi) contenente l acqua lustrale; vicino ad esso stava un nuovo fonte battesimale sostenuto da una colonna di marmo non ancora rifinito ma che don Giandomenico Clemente, parroco di allora, si impegnò in pulitam formam reducere 7. È quindi la volta della visita all altare della Madonna del Rosario che, al contrario di quello di oggi abbellito da una pala, presentava, al posto di questa, una finestra aperta nel muro al cui centro era inserita l immagine dorata e in rilievo della Vergine, mentre tutt intorno erano dipinti i 15 misteri del Rosario, molto apprezzati da Monsignore. Visitò poi l altare della Madonna della Neve eretto per devozione della famiglia Clemente ma da essa non ben curato, tanto da ordinarne la demolizione se non vi fosse stato posto riparo. Esaminò anche altri altari 8, prima di annotare lo stato generale della chiesa che era sostenuta da quattro colonne, aveva un decente pavimento in mattoni, il pulpito in legno, grandi campane ma le pareti bisognose di una bella imbiancatura. Ad una così meticolosa descrizione della chiesa non poteva sfuggire la presenza di un organo, per cui è necessario dedurre che esso non era stato ancora costruito. Nella chiesa matrice non c erano neanche le sepolture perché i morti venivano tumulati nella chiesa di 5 Il 27 novembre del 1456, tra le dieci e le undici di sera, si avvertì infatti la prima di una lunga serie di scosse telluriche, molte delle quali di fortissima intensità, che interessarono buona parte dell Abruzzo, senza risparmiare Teramo. È verosimile, anche se non certo, che il terremoto abbia potuto investire anche Castelbasso e quindi far crollare pure la chiesa trecentesca. 6 L ampliamento della chiesa è dimostrato dalla differente tipologia degli elementi costruttivi della parte sinistra e di quella destra dell attuale facciata e dallo spostamento del portale nell attuale collocazione rispetto a quella precedente, deducibile dalla tamponatura presente nella parte destra dell odierna facciata. 7 È il fonte battesimale odierno che don Giandomenico Clemente fece iniziare a scolpire nel Riporta, infatti, il suo nome quale committente e lo stemma di famiglia. 8 Vicino l altare dei Clemente ve ne era un altro malridotto eretto per devozione della casa Orsini de Orsini, quindi nel lato est della chiesa, vicino al fonte battesimale, c era l altare della Concezione della famiglia Paris di Canzano. Sempre nello stesso lato c era infine l altare dell Epifania eretto dalla famiglia Sperandij.

3 Sant Andrea 9, dove il vescovo si recò il 30 giugno, prima di lasciare Castelbasso per andare a Guardia Vomano. Non sappiamo se don Domenicantonio adempì alle prescrizioni di Montesanto di porre rimedio alle carenze rilevate nella chiesa di S. Pietro dal presule nel corso della sua visita pastorale, anche perché il parroco non ne aveva più l obbligo in considerazione della ristabilita autorità dell abate di S. Clemente a Casauria. È certo però che fece in tempo a far rifinire il battistero a forma di calice, posto oggi nella parte destra del presbiterio della chiesa di Castelbasso; infatti il povero prete, quattro anni dopo la visita di Montesanto, precisamente nel 1599, fu ucciso dai fratelli de Angelis e da altri complici non ben identificati. Prese alta vendetta 10 per l assassinio dello zio prete il nipote Ganimede Clemente il quale solo molti anni dopo, precisamente nel 1620 quando aveva cinquant anni, diede esecuzione all ordine di Montesanto di ornare e consolidare l altare di famiglia. Ma più che consolidarlo, preferì sostituire l altare in mattoni con uno in legno policromo abbellito da una pala di autore ignoto che raffigurò Ganimede in basso a sinistra; l altare è lì ancora oggi, addossato alla parete occidentale della chiesa castelbassese. Oltre al donatore vi si riconoscono la Maria Maddalena, S. Francesco e S. Rocco; santo, quest ultimo, di cui i Clemente erano particolarmente devoti e da lunga data, forse per qualche epidemia di peste scampata. Di una chiesetta costruita fuori le mura del castello e dedicata a S. Rocco, difatti, si ha notizia fin dal 1506 quando tal Domenico Clemente la dotò di ben 100 ducati co quali i di lui successori nel 1514 acquistarono tanti beni fondi posseduti e amministrati dai Rettori pro tempore di detta Cappella. 11 Allo zelo di Ganimede Clemente fece riscontro quello del prete B. Paci, castelbassese anche lui, il quale il 24 aprile del 1626 fu autorizzato da G. V. De Vincenzi di Notaresco, vicario generale dell abate di S. Clemente a Vomano 12, a costruire entro le mura di Castelbasso una chiesa dedicata a S. Nicola di Bari, ricevendone anche la cappellania con una dotazione di 200 scudi. Di quella chiesa, utilizzata oggi come fondaco, rimangono, oltre al ricordo nella toponomastica, solo le modanature della facciata visibili nella casa d angolo in p.tta S. Nicola. Ordinamo, e commandiamo à tutte, e singole persone di qualunque Stato, Grado, e condizioni, che siano commoranti, et abitanti in questa Terra, ò che siano Cittadine, ò che siano Forastiere della medesima Era febbraio del 1742 quando il balivo, unico dipendente e quindi factotum dell Università di Castelbasso, il Comune di allora, annunciò che la Regal Mente della Maestà del Ré nostro Signore, che Iddio sempre conservi, benignamente preoccupata del bene dei sudditi, aveva ordinato di formare un nuovo catasto affinché ognuno pagasse le tasse secondo le proprie possibilità e i poveri comunque meno degli altri. Ad onor del vero le buone intenzioni del re non ebbero fortuna, tuttavia il catasto onciario, considerato la base di tutta la moderna tassazione e 9 La chiesa di Sant Andrea versava in pessime condizioni: non aveva pavimento, le pareti erano senza intonaco, le sepolture (nella chiesa si seppellivano i morti di Castelbasso) senza coperchi, i banchi per sedere vecchi e semidistrutti. Anche i due altari erano mal messi: sopra quello maggiore, ma raggruppate sotto una cupola di legno tutta dipinta, vi erano le immagini della Vergine e di altri Santi quasi irriconoscibili per la vecchiezza e il pessimo stato di conservazione. Vi era poi l altare dedicato a S. Tommaso sotto il patronato della famiglia Flaiani. Era in mattoni, piccolo e coperto da una cupola in pietra sostenuta da quattro colonne. 10 Ganimede Clemente ( ) era nipote di don Giandomenico in quanto figlio di suo fratello Vincenzo I Clemente. 11 La chiesetta di S. Rocco esisteva, sebbene crollata, ancora nei primi anni del sec. XIX e apparteneva sempre alla famiglia Clemente. 12 Castelbasso, nel frattempo, era passato sotto la giurisdizione dell Abbazia di S. Clemente a Vomano, che comunque dipendeva sempre da quella di S. Clemente a Casauria.

4 della divisione della proprietà, ha anche il merito di essere una miniera di informazioni sulla vita non solo economica delle Università del Regno di Napoli. Si apprende, quindi, che le Chiese, Cappelle e Beneficij di Castelbasso erano ben diciotto 13 delle quali, però, solo otto erano soggette a tassazione perché i pesi sostenuti dalle altre dieci (celebrazioni di messe, costo delle suppellettili sacre, olio per le lampade, candele, l insegnamento gratis della grammatica a Discepoli del Paese, ecc.) assorbivano le loro rendite. Questo gran numero di enti religiosi implicava la celebrazione di ben 60 feste all anno che all Università di Castelbasso costavano in tasse la bellezza di 115 ducati. Accompagnava tanto slancio devoto un ottavino, piccolo organo costruito probabilmente nel corso del XVII secolo, del quale parlano i restauratori dell organo castelbassese, oggetto del presente volume. Erano anni, quelli a cavallo alla metà del XVIII secolo, in cui un organaro di Atri, tal Adriano Fedri, esercitava alacremente e con successo la sua attività tra il Lazio e l Abruzzo, ivi compresa l attuale provincia di Teramo. E infatti nel 1756 aveva costruito un organo nella chiesa parrocchiale di Fano Adriano, verso la montagna, poi un altro nel 1758 nella chiesa di Morro d Oro, verso il mare; si riaccostò alla montagna nel 1760 quando costruì l organo della chiesa di Basciano. Tanto fervore musicale dovette sollecitare l orgoglio dei Castelbassesi che decisero di affidare alle sapienti mani del Fedri l ampliamento del loro ottavino; operazione che l organaro realizzò nello stesso anno , trasformando il piccolo strumento in positivo da otto piedi con l intervento sul somiere mediante la scalatura dei registri verso il grave, con l aggiunta del principale di otto piedi e con lo spostamento dell ordine di alcuni catenacci. Insomma l ottavino diventò un Fedri a tutti gli effetti, assumendo quindi una nuova identità costruttiva, come meglio è detto in altra parte del presente volume. Non si sa se al tempo qualcuno suonasse l organo ed è scoraggiante immaginarlo muto, anche se proprio così doveva essere. Risulta infatti che la parrocchia di Castelbasso fu vacante tra il 1787 e il 1788 per la morte del parroco don Francesco Remigj (9 luglio 1787) e la chiesa era in stato di grave abbandono tanto che vi si trovavano solo un calice da riconsacrare, il messale romano e nessun paramento utilizzabile. In tanta miseria è difficile credere che qualcuno si preoccupasse di suonare l organo tanto che è più verosimile pensarlo invecchiato per il mancato utilizzo. Forse proprio per questo il 3 maggio del 1791 il parlamento castelbassese decise che era tempo di scomporre, accordare e spolverare l organo ormai muto da anni. Il 19 dello stesso mese, perciò, il magnifico capo reggimento di questa Università Di Giovanni Giuseppe Emidij e D. Emidio Federi della Città d Atri, figlio di Adriano Fedri, sottoscrissero un contratto d appalto della durata di tre anni. Detto contratto prevedeva che don Emidio si recasse a Castelbasso all inizio di giugno per accordare l organo nei primi due anni, mentre nel terzo anno doveva scomporlo, spolverarlo ed accordarlo conforme trovasi attualmente, 13 Ne riportiamo qui di seguito il lungo elenco, anche se è facile presumere che di molte di esse esistevano solo il titolo, le rendite e ovviamente il beneficiario: la chiesa abbaziale di S. Martino, la chiesa di S. Nicola di Bari, la chiesa di S. Rocco, la cappella del Santissimo e del Rosario, la cappella di S. Carlo, la cappella del Carmine, la cappella di S. Mattia, la cappella della Madonna di Loreto, la cappella del Sacro Monte dei Morti, la cappella dell Assunta, la cappella della Concezione, la cappella di S. Nicola da Tolentino, la cappella dell Epifania, la cappella della Madonna degli Angeli, la cappella di S. Giovanni, la cappella di S. Tommaso, la chiesa di S. Maria di Mulano, la chiesa di S. Cipriano. 14 La scoperta del costruttore dell organo castelbassese fu fatta negli anni 70 del secolo scorso, prima che si conoscesse il diario di Don Francesco Saverio Foschi di cui si dirà in seguito, dal dott. Mario Bravi della Direzione Generale delle Antichità e Belle Arti del Ministero della Pubblica Istruzione. Nella scheda di catalogazione degli organi il dott. Bravi annotò, tra le altre notizie tecniche sull organo e oltre una breve nota biografica sul suo costruttore, la scritta rinvenuta all interno della secreta del somiere maestro destro: Adriano Fedri fece nel 1760.

5 e non mangare per qualsiasi causa, con la riserba, però, che esso D. Emidio non sia tenuto in caso di fulmini, o altro accidente, che potesse rovinare l organo sudetto. Il costo convenuto per le operazioni elencate fu di 25 carlini l anno, salvo di spese di vitture d accesso, o recesso, e cibarj per tutto il tempo, che l organaro qui si tratterrà per accordare e ripulire l organo sudetto. Dopo quel triennio di attenzioni l organo di Castelbasso piomba nel silenzio della storia locale. L Università castelbassese, infatti, cessa di esistere nel 1806, quando, in seguito al riordino amministrativo della Repubblica Partenopea operato da Gioacchino Murat, fu unita a quella di Castellalto, diventandone frazione. Non ci fu più, quindi, nessun parlamento che avesse a cuore le cose castelbassesi e men che meno le sorti dell organo. Né miglior fortuna venne a Castelbasso dal fatto che, a seguito della bolla pontificia del 27 giugno 1818, passò dalla disattenta giurisdizione spirituale della diocesi nullìus di S. Clemente a Casauria alla non più di tanto interessata diocesi di Teramo. Erano ormai passati 221 anni da quando il vescovo Montesanto tentò inutilmente di affermare la sua giurisdizione su Castelbasso, ma ne passeranno ancora 8 prima che il vescovo pro tempore di Teramo vi si recasse per la visita pastorale. Finalmente il 18 ottobre 1825 mons. Giuseppe Maria Pezzella si portò a Castelbasso ma, altro che organo!, c era da preoccuparsi soprattutto di riparare al più presto possibile il tetto, le pareti e l altare della chiesa Cosa di cui si era preoccupato già dal 1813 l arciprete don Domenicantonio Ventura il quale aveva chiesto al muratore capomastro patentato Domenico Quintiliani di fare una perizia sui lavori necessari a mettere in sicurezza la chiesa di Castelbasso che minacciava rovina. Il risultato della perizia fu che bisognava rifare per intero il tetto, costruire una scarpa nel lato est della chiesa, muri di contenimento nei lati est e sud, fare nuovamente gli intonaci delle due navate ammalorate dalle infiltrazioni d acqua e ripristinare la pavimentazione in mattoni. Il tutto per una spesa di lire 2.507,84. Uno sproposito per l arciprete di Castelbasso che il 23 giugno 1813 chiese al Comune di Castellalto l autorizzazione a formare un comitato di parrocchiani per la raccolta dei fondi necessari. Il 29 giugno l Amministrazione comunale, premesso di non esservi altro mezzo di risorsa nelle casse comunali, aderì volentieri alla richiesta di don Domenicantonio, premurandosi di suggerire di raccogliersi l elemosina da pii fedeli per più anni, fino tanto che non si giunga alla somma riportata nella perizia. Fu quindi la volta di Mons. Alessandro Berrettini, quello, già citato all inizio, del grido di dolore per la rovina cui andavano incontro i templi sacri. Anch egli, arrivato a Castelbasso l 8 luglio 1836 per la visita pastorale, ordinò di munire il tetto di travi più robuste per evitare che, cedendo, gravassero sulla volta della chiesa parrocchiale. Si preoccupò di dare disposizioni per la ricostruzione della chiesa di S. Andrea, allora già crollata e oggi cancellata senza che ne sia stata lasciata traccia, e di ripristinare la metà caduta del tetto della chiesa di S. Martino, trasformata nel 1984 in casa parrocchiale. Con questi guai, l organo fu non fu di certo nei pensieri di monsignore, tanto che nemmeno lui lo citò nella relazione della visita. Non sappiamo, poi, quanto e se gli ordini di mons. Berrettini influirono sulla raccolta di offerte iniziata dall arciprete Ventura; sta di fatto che solo nel 1856, quando era preposto don Pio De Sanctis, furono completati i lavori previsti dal muratore capomastro patentato Domenico Quintiliani. Ce lo conferma la scritta incisa su un mattone inserito nel muro di rinforzo della parete ovest della chiesa: D. Pius De Sanctis Prepositus curavit restaurationem Non erano passati trent anni, quando nel 1885 il parroco del tempo don Silvestro Di Pietro dette inizio ad una partita a quattro, tornando alla carica ancora per il restauro

6 della chiesa di S. Andrea, la quale più che essere crollata non poteva, e per nuovi interventi nella chiesa parrocchiale di S. Pietro, pericolante. Cosa fosse successo non è dato sapere, visto che i documenti consultati non contengono la descrizione dei lavori. Tuttavia l ammontare della cifra per essi occorrente, pari a ben 3.749,78 lire, dette inizio ad un rimpallo di declino di responsabilità tra la parrocchia di Castelbasso che non aveva rendite sufficienti, il Comune di Castellalto che, appellandosi al fatto che la parrocchia era di regio patronato, si chiamava fuori anche perché le sue finanze erano del tutto insufficienti, la Prefettura di Teramo che sollecitava il Comune a trovare una soluzione e chiedeva nel contempo l intervento del Regio Economato Generale per le Province Napoletane, il quale, anch esso senza fondi, suggeriva di far leva sulla devozione dei fedeli. Il risultato fu che della chiesa di S. Andrea non si preoccupò più nessuno e per la chiesa di S. Pietro dovette pensarci il nuovo parroco. Si chiamava Don Francesco Saverio Foschi e arrivò, originario di Guardia Vomano, a Castelbasso il 26 ottobre del Aveva appena 26 anni per cui si può dire che era un sacerdote novello e come tale pieno di entusiasmo. Al quale dovette attingere a piene mani per dare riparo allo stato di abbandono in cui versava la sua nuova chiesa. Nella mia venuta regnava un grande disordine: la chiesa cadente, senza suppellettili, senza candele affatto, [...] l organo sfasciato, le porte della chiesa si può dire che erano aperte. Insomma la chiesa era un porcile, e non la Domus Dei. Don Foschi lo scrisse nel diario che cominciò a comporre nel 1907, dove comunque non mancò di riepilogare quanto successo fin dal Era suo intento, infatti, lasciare una documentazione che ricordi ai posteri lo stato della chiesa e dei suoi beni per evitare lo smarrimento provato da lui quando, insediatosi nella nuova parrocchia, non trovò nessun documento che potesse attestare qualche cosa. Perché il predecessore don Silvestro Di Pietro, così annotò ancora nel suo diario don Foschi, se aveva dato prova di possedere, oltre alla bontà d animo, [...] un elevatezza ed acume di mente, di sicuro era stato poco o affatto curante dell incremento, della nettezza e del decoro della casa di Dio. Fu giocoforza, dunque, per il nuovo parroco rimboccarsi le maniche. Non stiamo qui a descrivere quanto egli fece per la chiesa di Castelbasso, pur tra incomprensioni con la popolazione, la velata ostilità dei benpensanti locali, le dicerie raccolte dalla stessa Curia teramana, cosa che tanto lo fece soffrire. È qui perciò doveroso dargli atto, e quindi ringraziarlo, che molto di quanto ancora esiste nella chiesa di Castelbasso è stato fatto da lui, sì con le offerte dei fedeli, ma ancor di più con il suo contributo personale. Per rimanere al tema del presente lavoro, ci limitiamo a dire che don Foschi si preoccupò anche dell organo. L organo della nostra Chiesa può dirsi fosse una gran cassa, non sonavano che pochi tasti; era insomma una rivoluzione. Pensai allora di metterlo a nuovo e mi si fu offerto un giovane di Teramo, un tal Vincenzo di Pietro di Teramo, discepolo del Veneziano Bazani. Non era stato accomodato più dal 1760 dappure fatto da un tal Fedri di Aquila: entro al cassone v erano due piccoli mantici impotenti a dare tanto fiato quanto ne serviva: così ne comprai due della Madonna delle Grazie di Teramo per 83. Vi fu restaurata e completata la voce umana come pure vi fu completato il registro del flauto: fu cambiata la registratura, vi fu messa la tastiera nuova (ma usata) come nuova anche la pedaliera. Il somiere fu ripulito per intero: e così per tali accomodi se n andò la bellezza di 200 senza contare l alloggio e il vitto per oltre tre mesi che sarebbe stato di oltre 150. Intanto feci alzare l organo fin dove sta ora oltre cioè un due metri, facendo rimanere per ora la cantoria e spesi per il muratore 5,00, pel manipolo 2,00, per calce e mattoni 6,00. Nel maggio 1906 rincominciai il lavoro: facendo alzare la cantoria e la porta. [ ] Carta per l organo e ciarniere 1,40.

7 Lavori all organo 8,50. Rappezzi al cassone - un Kg. di punte 3,20. Lavoro alla cantoria - n. 7 giornate 31,50. Questo annotò diligentemente don Foschi nel suo diario circa il restauro dell organo. Pur contenendo qualche imprecisione (la provenienza del Fedri) e denotando la mancata conoscenza dell intervento di Emidio Federi del 1791, lo scritto rappresenta un prezioso documento nella storia dell organo castelbassese, e questo può ben essere considerato anche un prezioso regalo dell allora giovane parroco alle future generazioni. Un documento che testimonia anche il modo di lavorare del giovane organaro teramano di Pietro che interveniva nelle opere altrui senza intenti filologici (del resto ai tempi non era ancora maturato il rispetto per la testimonianza del passato), ma con l unico proposito di far suonare lo strumento. Anche se, lo dicono i restauratori d oggi, il suono che veniva fuori dall organo non era certo quello voluto da Adriano Fedri. Fu così che il Di Pietro sostituì anche i mantici voluti dal maestro organaro settecentesco, e alloggiati dentro la cassa armonica, con i due più grandi provenienti da Teramo. Fu necessario, perciò, allargare la cantoria settecentesca che era proporzionata alla larghezza dello strumento ed era delimitata nella facciata da una balaustra costruita a bugnato. Ad essa si aggiunsero, perciò, due specchiature laterali in finto bugnato, contenenti immagini simbolico-devozionali in stile santino. L organo Fedri, rivisto da Di Piero, ha suonato fino agli anni Sessanta del secolo scorso. I bambini facevano a gara per andare a tirare i mantici quando Centino, così veniva chiamato Innocenzo Bellini che lo suonava, saliva la scala a chiocciola della cantoria per poi sedersi davanti alla tastiera e, dopo aver impostato i pochi registri funzionanti, si accompagnava con l organo nella Missa de Angelis e nella messa da Requiem. Poi il Fedri tacque e fu sostituito da un armonium che non durò molto. Le donne continuarono a cantare Mira il tuo popolo e Noi vogliam Dio senza accompagnamento e nelle funzioni serali si spegneva tra le navate della chiesa di Castelbasso il brusio di speranza delle vecchiette: Spappé cciatté scand imbace, ammèn È la versione dialettale della seconda parte del Requiem æternam recitata dai fedeli: Et lux perpetua luceat eis, requiescant in pace. Amen.

La Chiesa Dei Santi Tommaso E Benedetto Bosco Chiesanuova

La Chiesa Dei Santi Tommaso E Benedetto Bosco Chiesanuova La Chiesa Dei Santi Tommaso E Benedetto Bosco Chiesanuova Salienti pietra Facciata Campanile Pietra bianca Bifore vetro Rosone Pietra bianca e vetro Contrafforti pietra rossa chiara Lunetta affresco Portale

Dettagli

Repertorio dei beni storico ambientali 1

Repertorio dei beni storico ambientali 1 Repertorio dei beni storico ambientali 1 Indice Casate... 3 Oberga... 4 Pagliarolo... 5 Fontanelle... 6 Travaglino... 7 Oratorio di San Rocco... 8 Calvignano... 9 Castello... 10 Valle Cevino... 11 Repertorio

Dettagli

chiesa di S. MARIA degli ANGELI in Vallemare

chiesa di S. MARIA degli ANGELI in Vallemare chiesa di S. MARIA degli ANGELI in Vallemare NOTA STORICA Secondo il vescovo di Rieti Marini (sec. XVIII) già nel medioevo doveva esistere nella zona di Vallemare una cappella dedicata a S. Martino. Questo

Dettagli

Il testo è tratto da: Architettura religiosa in Ortigia di Lucia Acerra stampato nel 1995 da: EDIPRINT Chiesa di san Leonardo o san biagio piazza

Il testo è tratto da: Architettura religiosa in Ortigia di Lucia Acerra stampato nel 1995 da: EDIPRINT Chiesa di san Leonardo o san biagio piazza Il testo è tratto da: Architettura religiosa in Ortigia di Lucia Acerra stampato nel 1995 da: EDIPRINT Chiesa di san Leonardo o san biagio piazza Cavalieri di Malta Posta nella piazzetta dei Cavalieri

Dettagli

ALLEGATO 3. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi.

ALLEGATO 3. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi. 1 2 3 La Cattedrale di Padova La Cattedrale rappresenta il cuore e l espressione più viva

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda Nel corso dei secoli, la vecchia parrocchiale di Sovico, subì notevoli trasformazioni. Dalle notizie esistenti, sappiamo che già nel XII secolo,

Dettagli

Andrea Carlo Ferrari.

Andrea Carlo Ferrari. Per questo ammirabile esercizio di carità tutti vedevano in Lui il santo e lo dichiaravano apertamente.. Il Servo di Dio praticava le opere di misericordia sia spirituali che corporali.. Andrea Carlo Ferrari.

Dettagli

LA FORTEZZA DI CONFINE ALTFINSTERMÜNZ di Hans Thöni

LA FORTEZZA DI CONFINE ALTFINSTERMÜNZ di Hans Thöni LA FORTEZZA DI CONFINE ALTFINSTERMÜNZ di Hans Thöni La fortezza di confine Altfinstermünz si trova in una gola del fiume Inn, sotto la strada di Resia, presso la localitá di Hochfinstermünz. In questo

Dettagli

Tre casi per l elaborazione di una metodologia: strategie progettuali

Tre casi per l elaborazione di una metodologia: strategie progettuali 9. Scheda Cavriana 125-137.qxp:00+01-ok+okGM 28-11-2011 0:18 Pagina 125 Parte seconda Tre casi per l elaborazione di una metodologia: strategie progettuali 9. Scheda Cavriana 125-137.qxp:00+01-ok+okGM

Dettagli

Appunti per un album di famiglia

Appunti per un album di famiglia Da Aldo Coccolo 1937, Feletto Famiglia Coccolo Bandulins di Angelo e Ancilla con figli e nipoti Appunti per un album di famiglia Feletto, 1811: in una antica mappa conservata all Archivio di Stato di Udine,

Dettagli

ITINERARI IGNAZIANI A ROMA. 8. Luoghi legati alla Compagnia di Gesù in tempi posteriori a sant Ignazio

ITINERARI IGNAZIANI A ROMA. 8. Luoghi legati alla Compagnia di Gesù in tempi posteriori a sant Ignazio ITINERARI IGNAZIANI A ROMA Cf. A.M. De Aldama sj, Roma ignaziana. Sulle orme di sant Ignazio di Loyola, Piemme, Casale Monferrato 1990 Paolo Monaco sj www.raggionline.com 8. Luoghi legati alla Compagnia

Dettagli

Montemagno: cenni storici

Montemagno: cenni storici Montemagno: cenni storici Il paese di Montemagno ha molto probabilmente origini romane piuché si conoscce l esistenza di un villaggio, Manius, presente su questo territorio. Le prime testimonianze scritte

Dettagli

UN ANNO DI MUSICA CON IL MAESTRO GIUSEPPE VERDI

UN ANNO DI MUSICA CON IL MAESTRO GIUSEPPE VERDI UN ANNO DI MUSICA CON IL MAESTRO GIUSEPPE VERDI PERCORSO INTERDISCIPLINARE DI MUSICA TECNOLOGIA IMMAGINE ITALIANO STORIA Classi 4 C e 5 B a.s. 2013 /2014 Il 10 ottobre 2013 noi alunni di tutta la Scuola

Dettagli

Disse messere Orlando a santo Francesco: «Io ho in Toscana uno monte divotissimo il quale si chiama il monte della Vernia, lo quale è molto solitario

Disse messere Orlando a santo Francesco: «Io ho in Toscana uno monte divotissimo il quale si chiama il monte della Vernia, lo quale è molto solitario Itinerario Disse messere Orlando a santo Francesco: «Io ho in Toscana uno monte divotissimo il quale si chiama il monte della Vernia, lo quale è molto solitario e salvatico ed è troppo bene atto a chi

Dettagli

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it 1 Il progetto Short Travel è in continuo e costante miglioramento. I contenuti di questo documento sono ricavati da informazioni di pubblico dominio e in quanto tali possono contenere inesattezze o non

Dettagli

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare.

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare. Secondo noi le cose significative della zona archeologica di Villa Clelia sono molte: innanzitutto la cappella di San Cassiano, di cui oggi restano solo le fondamenta in sassi arrotondati, di forma quadrata.

Dettagli

MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA

MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA Comitato Regionale per le Celebrazioni del 1 Centenario della morte di Aristide Naccari Fondazione Santi Felice e Fortunato Diocesi di Chioggia (VE) MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA (2014-2015)

Dettagli

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la mamma di Gesù, tante preghiere; ogni preghiera ricorda

Dettagli

Rendiconto Economico 2013

Rendiconto Economico 2013 Rendiconto Economico 2013 Comunità Pastorale SS.Trinità - Gavirate Presentiamo il rendiconto economico delle nostre Comunità Pastorali. E un momento importante di una vita comunitaria in cui tutto deve

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali.

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali. il testo: 01 L Impero romano d Oriente ha la sua capitale a Costantinopoli. Costantinopoli è una città che si trova in Turchia, l antico (vecchio) nome di Costantinopoli è Bisanzio, per questo l Impero

Dettagli

Stampe grandi di Santa Maria dei Bisognosi

Stampe grandi di Santa Maria dei Bisognosi Stampe grandi di Santa Maria dei Bisognosi Nelle ricerche relative alla storia del santuario di Santa Maria dei Bisognosi, che si sono concluse con la pubblicazione di un libro avvenuta nell anno 2010,

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

L'ipocrisia della famiglia Alfarano e di un sacerdote. Chissa cosa ne pensa il vescovo Santoro...?

L'ipocrisia della famiglia Alfarano e di un sacerdote. Chissa cosa ne pensa il vescovo Santoro...? L'ipocrisia della famiglia Alfarano e di un sacerdote. Chissa cosa ne pensa il vescovo Santoro...? nella foto Luigi Alfarano Ai funerali di Luigi Alfarano l omicida folle che ha ucciso sua moglie e l incolpevole

Dettagli

XX GIORNATA FAI DI PRIMAVERA Da 20 anni, ogni volta un Italia mai vista 24 25 marzo 2012 I BENI APERTI NEL MOLISE

XX GIORNATA FAI DI PRIMAVERA Da 20 anni, ogni volta un Italia mai vista 24 25 marzo 2012 I BENI APERTI NEL MOLISE XX GIORNATA FAI DI PRIMAVERA Da 20 anni, ogni volta un Italia mai vista 24 25 marzo 2012 I BENI APERTI NEL MOLISE Con il Patrocinio di:» Le Delegazioni FAI della Regione Molise ringraziano Controllare

Dettagli

PIANO DI ETTURA Dai 9 anni

PIANO DI ETTURA Dai 9 anni PIANO DI ETTURA Dai 9 anni Le arance di Michele Vichi De Marchi Illustrazioni di Vanna Vinci Grandi Storie Pagine: 208 Codice: 566-3270-5 Anno di pubblicazione: 2013 l autrice Vichi De Marchi è giornalista

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA?

COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA? COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA? Nell antica Roma tutti si mettevano un vestito lungo. Questo vestito si chiama tunica. Uomini e donne legavano la tunica con una cintura. Sopra la tunica le donne ricche

Dettagli

«La strada della Verità è nella Chiesa di Dio»

«La strada della Verità è nella Chiesa di Dio» «La strada della Verità è nella Chiesa di Dio» «Mi presento a voi come la Madonna delle Rose dal Cuore Immacolato, Regina del Cielo, Madre delle famiglie, Portatrice di Pace nei vostri cuori». del 25 agosto

Dettagli

La nostra biografia. Chi era Arturo Varaia?

La nostra biografia. Chi era Arturo Varaia? La nostra biografia Ecco la rielaborazione degli alunni di 5^ dell anno scolastico 2006/2007 delle notizie acquisite dalla lettura della sua biografia e dall incontro con il prof. Paolo Storti, ex allievo

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

SCOPRENDO MINERBIO CLASSE 4 D SCUOLA PRIMARIA MINERBIO

SCOPRENDO MINERBIO CLASSE 4 D SCUOLA PRIMARIA MINERBIO SCOPRENDO MINERBIO CLASSE 4 D SCUOLA PRIMARIA MINERBIO CASETTE RURALI Case rurali costruite nel 1936 in epoca fascista interno semplice composto da: bagno-cucina-camera da letto e un salottino (tutto di

Dettagli

La Cella di Talamello

La Cella di Talamello La Cella di Talamello Posta a metà strada fra la residenza vescovile di campagna e quella entro le mura, la Cella venne eretta e decorata per volontà del vescovo di Montefeltro mons. Giovanni Seclani frate

Dettagli

MENTRE I TRE SI AVVICINAVANO ALLA ANDAVANO NELLA STESSA DIREZIONE: «NEI PERICOLI È MEGLIO ESSERE IN «E SE CI TROVIAMO IN UNA BATTAGLIA?

MENTRE I TRE SI AVVICINAVANO ALLA ANDAVANO NELLA STESSA DIREZIONE: «NEI PERICOLI È MEGLIO ESSERE IN «E SE CI TROVIAMO IN UNA BATTAGLIA? CAPITOLO XXX MENTRE I TRE SI AVVICINAVANO ALLA VALLE, TROVARONO COMPAGNI CHE ANDAVANO NELLA STESSA DIREZIONE: «TANTA GENTE ATTIRA I SOLDATI. POVERO ME!» BORBOTTAVA DON ABBONDIO. «NEI PERICOLI È MEGLIO

Dettagli

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza.

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza. Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza Statistiche alla mano, si può affermare che il 60% della popolazione mondiale

Dettagli

3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI

3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI 3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI SIGNORI E PRINCIPI Fra la metà del Duecento e il Quattrocento, nell'italia settentrionale e centrale > numerose signorie. Molti signori, dopo avere preso il potere con la

Dettagli

La voce de "Gli Amici"

La voce de Gli Amici Gli Amici La voce de "Gli Amici" domenica 11 agosto 2002 La domenica con Gesù Tempo ordinario Domenica 11 agosto 2002 Gesù si ritira a pregare L'artista della settimana Carmela Parente La scuola della

Dettagli

Progetto di rilancio delle offerte liberali per il sostegno dei nostri sacerdoti diocesani

Progetto di rilancio delle offerte liberali per il sostegno dei nostri sacerdoti diocesani Progetto di rilancio delle offerte liberali per il sostegno dei nostri sacerdoti diocesani Premessa Il tentativo di rilanciare le offerte per il sostentamento dei sacerdoti diocesani deriva principalmente

Dettagli

VISITA A PALAZZO CISTERNA A TORINO

VISITA A PALAZZO CISTERNA A TORINO VISITA A PALAZZO CISTERNA A TORINO Martedì, 1 marzo siamo andati a Palazzo Cisterna di Torino. Questo palazzo, tanti anni fa, era di proprietà di Amedeo I di Savoia, duca d Aosta, re di Spagna e sua moglie

Dettagli

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte.

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte. RELIGIONE I Fenici erano un popolo molto religioso: erano politeisti, cioè credevano in molti dei. Questi dei erano i fenomeni naturali: la pioggia, i tuoni, i fulmini, i fiumi, i mari, le stagioni, la

Dettagli

LA SACRA FAMIGLIA. loro offerta ritenuta giustificatrice della tradizionale Taula Giuseppina.

LA SACRA FAMIGLIA. loro offerta ritenuta giustificatrice della tradizionale Taula Giuseppina. LA SACRA FAMIGLIA Il dipinto, opera di bottega locale, realizzato su tela ad altra sovrapposta, restaurato circa 8 anni fa, potrebbe ritenersi settecentesco. Collocato sull altare dedicato a San Giuseppe,

Dettagli

- a far del bene con la sofferenza; - a far del bene a chi soffre.

- a far del bene con la sofferenza; - a far del bene a chi soffre. Non siamo i «cercatori» di sofferenza..., e nemmeno gli «entusiasti» per la sofferenza. Siamo persone che si sforzano di «vivere» la loro sofferenza «come Gesù»..., non solo nella contemplazione di Lui

Dettagli

Centro Storico di Caltanissetta

Centro Storico di Caltanissetta Centro Storico di Caltanissetta L antica città sicana, Caltanissetta, ha il suo centro in Piazza Garibaldi, prima dell Unità d Italia Piazza Ferdinandea in onore al Re Ferdinando II di Borbone È qui che

Dettagli

APPARIZIONI DELLA REGINA DELLA FAMIGLIA Ghiaie di Bonate, Bergamo (13-31 maggio 1944)

APPARIZIONI DELLA REGINA DELLA FAMIGLIA Ghiaie di Bonate, Bergamo (13-31 maggio 1944) APPARIZIONI DELLA REGINA DELLA FAMIGLIA Ghiaie di Bonate, Bergamo (13-31 maggio 1944) Posizione della Santa Chiesa Queste apparizioni della Madre di Dio non hanno ancora ottenuto il verdetto di autentica

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

cd centro documentazione

cd centro documentazione cd centro documentazione Turismo scolastico di puccy paleari / elena pollastri Basilica S. Pietro al Monte Oratorio S. Benedetto sopra Civate ieri nello spazio Viabilità Dov è oggi nel tempo fuori Basilica

Dettagli

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto)

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) La Repubblica è una forma di governo. La Repubblica è un modo per governare uno Stato. Nella Repubblica romana c era un Senato e c erano

Dettagli

SCHEDA PROGETTO QdF 2015/ 6

SCHEDA PROGETTO QdF 2015/ 6 PROMOTORE XPersona Comunità Ente/Istituto Associazione cognome, nome GABRIELLI MARINO denominazione (ente / associazione) posta elettronica SCHEDA PROGETTO 6 Parrocchia San Giovanni Battista MOYUTA - Guatemala

Dettagli

Cercemaggiore (Santuario della Madonna della Libera) Vinghiaturo

Cercemaggiore (Santuario della Madonna della Libera) Vinghiaturo la Famiglia ATO Puglia approda a Cercemaggiore (CB) alla ricerca di spiritualità e felicità interiore ma sopratutto a scoperto una bellissima storia che ha confortati i cuori dei partecipanti. Si ringrazia

Dettagli

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE PER LA CORONA DEL DISCEPOLO A 33 GRANI Editrice Shalom 31.05.2015 Santissima Trinità Libreria Editrice Vaticana (testi Sommi Pontefici), per gentile

Dettagli

L economia: i mercati e lo Stato

L economia: i mercati e lo Stato Economia: una lezione per le scuole elementari * L economia: i mercati e lo Stato * L autore ringrazia le cavie, gli alunni della classe V B delle scuole Don Milanidi Bologna e le insegnati 1 Un breve

Dettagli

!! " " " # $ "! %& ' ( " # ))' * * * +!" +

!!    # $ ! %& ' (  # ))' * * * +! + !! " " " # $ "! %& ' ( " # ))' * * * +!" + , $ "!$ " " - )." $ -! $-$ ) / / " )/ 0 1 +, %" " --!/ + 2 /!" "-! - " ".!! $ # 3 # ""!"! % 4 + - " " 5 6 6 7 8& - $ -)" 9! %+! " #! $ % 4 + : ;, < = > 0 " )"

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA MI FA#-7 Se sarete poveri nel cuore, beati voi: LA6 MI sarà vostro il Regno di Dio Padre. MI FA#-7 Se sarete voi che piangerete, beati voi, LA6 MI perché

Dettagli

In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi

In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi camminano in mezzo. A destra si nota una macchina d

Dettagli

I lavori sono stati affidati alla ditta Moranda Geom. Alfredo di Corteno Golgi (BS), con contratto d appalto del 14 marzo 2014.

I lavori sono stati affidati alla ditta Moranda Geom. Alfredo di Corteno Golgi (BS), con contratto d appalto del 14 marzo 2014. Il progetto di Risanamento e restauro conservativo dell ex sede della Società Operaia di Mutuo soccorso a Breno (BS) in Via Prudenzini è nato dalla necessità di recuperare un immobile di ampie dimensioni

Dettagli

SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi

SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi 26 maggio SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi SOLENNITÀ Secondo attendibili testimonianze storiche, il 26 maggio 1432 in località Mazzolengo, vicino a Caravaggio, dove c era una

Dettagli

Assunta Pieralli nasce nel 1807 in un piccolo paese chiamato Lippiano appartenente alla diocesi di Città di Castello.

Assunta Pieralli nasce nel 1807 in un piccolo paese chiamato Lippiano appartenente alla diocesi di Città di Castello. Biografia e Opere Assunta Pieralli nasce nel 1807 in un piccolo paese chiamato Lippiano appartenente alla diocesi di Città di Castello. Assunta Pieralli era di costituzione fragile e dall aspetto pallido

Dettagli

benedizione papale di papa Francesco a Belen

benedizione papale di papa Francesco a Belen benedizione papale di papa Francesco a Belen Grazie per la sua benedizione. #sonotroppoemozionata #troppo #troppoperme. Siamo agli scoccioli, agli ultimi particolari sul matrimonio Belen Rodríguez La showgirl,

Dettagli

PROGRAMMA DELLE MANIFESTAZIONI

PROGRAMMA DELLE MANIFESTAZIONI Diocesi San Marco Argentano-Scalea Parrocchia Santa Maria del Piano VERBICARO Solenni Festeggiamenti in onore di MARIA SANTISSIMA DELLE GRAZIE - PATRONA DI VERBICARO 23 giugno-3 luglio 2013 Cari Verbicaresi,

Dettagli

LA PRIMA TESTIMONIANZA

LA PRIMA TESTIMONIANZA LA PRIMA TESTIMONIANZA Nonostante che le frequenti emigrazioni ci abbiano impedito di collegare e unire in maniera omogenea i vari nuclei familiari, si può affermare che i Papei vissuti fra la fine del

Dettagli

MISSIONARIO VINCENZIANO

MISSIONARIO VINCENZIANO GMV: origini, identità, attività... GRUPPO MISSIONARIO VINCENZIANO Origine e storia Bisogna risalire ai primi anni del dopoguerra per trovare la fonte da cui scaturì il MOVIMENTO MISSIONARIO VINCENZIANO.

Dettagli

Hatshepsut la donna faraone

Hatshepsut la donna faraone Hatshepsut la donna faraone Sai che nell antico Egitto non esisteva la parola regina? Esisteva una parola che significava moglie del re perché, per molto tempo, solo l uomo poteva diventare faraone eppure

Dettagli

A cura di Chiesacattolica.it e LaChiesa.it

A cura di Chiesacattolica.it e LaChiesa.it XI DOMENICA PRIMA LETTURA Il Signore ha rimosso il tuo peccato: tu non morirai. Dal secondo libro di Samuèle 12, 7-10.13 In quei giorni, Natan disse a Davide: «Così dice il Signore, Dio d Israele: Io ti

Dettagli

di Amalia Belfiore Torre campanaria sulla parte orientale della navatella destra del Duomo

di Amalia Belfiore Torre campanaria sulla parte orientale della navatella destra del Duomo Sebbene piccola nella sua dimensione, la città di Crema offre grande ricchezza storica, culturale ed artistica, oltre alla tranquillità di un luogo che conserva una dimensione umana. Crema di Amalia Belfiore

Dettagli

La nascita della pittura occidentale

La nascita della pittura occidentale La nascita della pittura occidentale 1290-1295, tempera su tavola, Firenze, Basilica di Santa Maria Novella E' una tavola dipinta a tempera, dalle dimensioni di 578 cm di altezza e 406 cm di larghezza.

Dettagli

51 ristrutturazione delle scritte sotto l'altare della Madonna del Rosario, e che alcuni affreschi della chiesa cinquecentesca furono lasciati dietro il nuovo altare maggiore: ancora oggi, dietro l'altare

Dettagli

Mio figlio ha ricevuto in

Mio figlio ha ricevuto in Appunti di una Lego terapia Mio figlio ha ricevuto in regalo per i suoi 5 anni la casetta Lego. Consiglio di acquistarlo per le sue potenzialità psicopedagogiche. Il piccolo G. ha subito proiettato se

Dettagli

Note per l'insegnante

Note per l'insegnante LA STAMPA Note per l'insegnante 1. Abbiamo realizzato molti disegni illustrativi del testo perché abbiamo pensato che sarebbe bello che fossero i bambini ad illustrare i testi 2. I titoli posti come domande

Dettagli

www.castrichinirestauri.com

www.castrichinirestauri.com La scoperta di questo grande affresco, circa 32 mq., è avvenuta agli inizi degli anni 70 del secolo scorso e si è rivelata particolarmente rilevante per la storia dell arte italiana perché è la prima rappresentazione

Dettagli

IL CALENDARIO DELLA COMUNITÀ

IL CALENDARIO DELLA COMUNITÀ Carissimi, A TUTTE LE FAMIGLIE DI POGGIO - GAIANA e SANTUARIO SETTEMBRE - OTTOBRE 2015 tutte le nostre feste comunitarie in questo tempo ci invitano a innalzare lo sguardo alla Madonna: al Santuario per

Dettagli

Arcidiocesi di Reggio Calabria Bova

Arcidiocesi di Reggio Calabria Bova Prot. n. 486/15 Reggio Calabria, 26 ottobre 2015 Ai RR Parroci Alle Superiore Istituti Religiosi LL.SS. Oggetto: 1. Formazione degli Adoratori Eucaristici 2. Rinnovo/istituzione dei Ministri Straordinari

Dettagli

Classe IV materiali di lavoro Storia Medioevo I CONTADINI DEL VILLAGGIO E I LORO RAPPORTI COL SIGNORE

Classe IV materiali di lavoro Storia Medioevo I CONTADINI DEL VILLAGGIO E I LORO RAPPORTI COL SIGNORE Scheda 5 I CONTADINI DEL VILLAGGIO E I LORO RAPPORTI COL SIGNORE La maggior parte degli abitanti del villaggio lavorava la terra. I contadini non avevano tutti gli stessi obblighi verso il signore, e si

Dettagli

COME SI VIVEVA IN UN INSULA? COMPLETA. Si dormiva su Ci si riscaldava con Si prendeva luce da.. Si prendeva acqua da. Al piano terra si trovavano le..

COME SI VIVEVA IN UN INSULA? COMPLETA. Si dormiva su Ci si riscaldava con Si prendeva luce da.. Si prendeva acqua da. Al piano terra si trovavano le.. ROMA REPUBBLICANA: LE CASE DEI PLEBEI Mentre la popolazione di Roma cresceva, si costruivano case sempre più alte: le INSULAE. Erano grandi case, di diversi piani e ci abitavano quelli che potevano pagare

Dettagli

RIASSUNTO DEL DICIOTTESIMO CAPITOLO: I LANZICHENECCHI Lucia è affidata a donna Prassede in un paese vicino al suo d'origine. Agnese riceve un dono

RIASSUNTO DEL DICIOTTESIMO CAPITOLO: I LANZICHENECCHI Lucia è affidata a donna Prassede in un paese vicino al suo d'origine. Agnese riceve un dono RIASSUNTO DEL DICIOTTESIMO CAPITOLO: I LANZICHENECCHI Lucia è affidata a donna Prassede in un paese vicino al suo d'origine. Agnese riceve un dono dall'innominato per le nozze di Lucia e si reca dalla

Dettagli

GAS Cammino Formativo 2013 14 Scheda Attività Biennio :: OBIETTIVI GENERALI :: :: ATTIVITÀ ::

GAS Cammino Formativo 2013 14 Scheda Attività Biennio :: OBIETTIVI GENERALI :: :: ATTIVITÀ :: GAS Cammino Formativo 2013 14 Scheda Attività Biennio Gruppo Animatori Salesiani www.gascornedo.it info@gascornedo.it Data: ven 17 gennaio 2014 Tema MGS: Verso la Conquista Titolo: La Mia Anima Rimane

Dettagli

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

Lavori in corso... www.iw0eaj.jimdo.com

Lavori in corso... www.iw0eaj.jimdo.com Piccoli restauri fatti in casa su oggetti ormai caduti in desuetudine che riportati agli antichi splendori offrono una bella figura di se. di Gianni IWØEAJ (www.iw0eaj.jimdo.com) - Cosa ti piacerebbe fare

Dettagli

Comunicato Stampa. Ulisse (Ultimo recapito conosciuto) olio su tela, 2015. Cornici Pinelli. RegioneLombardia. ittà di RZINUOVI PROVINCIA DI BRESCIA

Comunicato Stampa. Ulisse (Ultimo recapito conosciuto) olio su tela, 2015. Cornici Pinelli. RegioneLombardia. ittà di RZINUOVI PROVINCIA DI BRESCIA MAURO MASSARI IDEA Comunicato Stampa Idea personale di pittura di Mauro Massari, Castello San Giorgio Orzinuovi, Brescia 10 gennaio 2016 Il giorno 10 gennaio 2016, si inaugura alle ore 10,30 la mostra

Dettagli

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C)

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) Grado della Celebrazione: Festa Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il brano evangelico di oggi ci offre il ritratto di ogni famiglia nelle sue componenti

Dettagli

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it 1 Il progetto Short Travel è in continuo e costante miglioramento. I contenuti di questo documento sono ricavati da informazioni di pubblico dominio e in quanto tali possono contenere inesattezze o non

Dettagli

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it 1 Il progetto Short Travel è in continuo e costante miglioramento. I contenuti di questo documento sono ricavati da informazioni di pubblico dominio e in quanto tali possono contenere inesattezze o non

Dettagli

La voce de "Gli Amici"

La voce de Gli Amici La voce de "Gli Amici" Testo più grande Cerca Home page Sant'Egidio News Newsletter Disabili mentali: amici senza limiti Handicap e Vangelo Pagina precedente Gli Amici La mostra di pittura Scarica la Voce

Dettagli

Diocesi di Caserta Santuario di San Michele Arcangelo e Santa Maria del Monte Programma invernale del Santuario 25 Anniversario della Madonna del Monte Anno Mariano 1987-2012 novembre-aprile 2011-2012

Dettagli

Diocesi di Roma GIORNATA PER IL SOSTEGNO ALLA MISSIONE DEI SACERDOTI 22 NOVEMBRE 2015

Diocesi di Roma GIORNATA PER IL SOSTEGNO ALLA MISSIONE DEI SACERDOTI 22 NOVEMBRE 2015 Diocesi di Roma SERVIZIO PER LA PROMOZIONE DEL SOSTEGNO ECONOMICO ALLA CHIESA CATTOLICA «UN CAMMINO DI FRATELLANZA!» GIORNATA PER IL SOSTEGNO ALLA MISSIONE DEI SACERDOTI 22 NOVEMBRE 2015 16/11/2015 Come

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

Chiesa di San Bernardo, sulla montagna di Monte Carasso

Chiesa di San Bernardo, sulla montagna di Monte Carasso Chiesa di San Bernardo, sulla montagna di Monte Carasso La chiesa di San Bernardo a Monte Carasso si trova sulle pendici della montagna (600 ms.m). La chiesa romanica (fine XI inizio XII sec.) presentava

Dettagli

CIAO, SONO LA BEFANA. TI VOGLIO RACCONTARE UNA DELLE TANTE STORIE CHE RACCONTANO SU DI ME. E COME TUTTE LE STORIE LA MIA COMINCIA CON

CIAO, SONO LA BEFANA. TI VOGLIO RACCONTARE UNA DELLE TANTE STORIE CHE RACCONTANO SU DI ME. E COME TUTTE LE STORIE LA MIA COMINCIA CON NON SONO TANTO BELLA. HO UN NASO LUNGO E BITORZOLUTO, MA SONO TANTO, TANTO BUONA. CIAO, SONO LA BEFANA. TI VOGLIO RACCONTARE UNA DELLE TANTE STORIE CHE RACCONTANO SU DI ME. E COME TUTTE LE STORIE LA MIA

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

DESCRIZIONE STORICO-ARTISTICA

DESCRIZIONE STORICO-ARTISTICA LA CHIESA PARROCCHIALE DI SAN CARLO DESCRIZIONE STORICO-ARTISTICA EDIFICIO CHIESA Consacrato il 15 novembre 1941 dal Beato Cardinale Alfredo Ildefonso Schuster Arcivescovo di Milano. Sorto in quattro tempi

Dettagli

CHIESA DI SAN GIACOMO

CHIESA DI SAN GIACOMO CHIESA DI SAN GIACOMO La chiesa di San Giacomo sorge nel centro del rione Liparlati ed è una delle più antiche di Positano. Fondata nel XII secolo in onore di Santiago de Compostela( San Giacomo dal Campo

Dettagli

Basilica Parrocchiale S.Francesco Viterbo Vangelo di S.Marco n.5

Basilica Parrocchiale S.Francesco Viterbo Vangelo di S.Marco n.5 Basilica Parrocchiale S.Francesco Viterbo Vangelo di S.Marco n.5 Gesù a Cafarnao Le cinque controversie (2,1-3,6) Ag.Mallucci Gli avversari di Gesù su Chi sei tu? Ambienti diversi Conflitto tra Gesù e

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

Si parla molto oggi di quanti preferiscono

Si parla molto oggi di quanti preferiscono COPERTINA Natale: una grata dipendenza da Cristo Il messaggio per i lettori di 30Giorni di sua grazia Rowan Williams, arcivescovo di Canterbury Si parla molto oggi di quanti preferiscono spiritualità a

Dettagli

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario)

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA Cerchiamo il significato delle due parole: ADULTO CRISTIANO chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) colui che ha deciso di:

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

Mariapia Veladiano PAROlE di SCuOlA

Mariapia Veladiano PAROlE di SCuOlA Mar iap ia Veladiano parole di scuola indice Albus Silente 9 Ogni parola 13 Da dove cominciare. Integrazione 19 Da dove cominciare. Armonia 21 Tante paure 27 Paura (ancora) 33 Dell identità 35 Nomi di

Dettagli

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita Costituita in memoria di Piero Salvati, carabiniere e poi funzionario della Pubblica Amministrazione, ottimo maresciallo dell ANC di Tortona, mancato all affetto dei suoi cari e dei suoi tanti amici il

Dettagli