CASTELBASSO, LE SUE CHIESE E L ORGANO FEDRI di GIUSEPPE DI MELCHIORRE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CASTELBASSO, LE SUE CHIESE E L ORGANO FEDRI di GIUSEPPE DI MELCHIORRE"

Transcript

1 CASTELBASSO, LE SUE CHIESE E L ORGANO FEDRI di GIUSEPPE DI MELCHIORRE Heu tempora, heu sacrarum ædium progrediens ruina! Il lamento per i tempi grami che inesorabilmente lasciavano andare in rovina i sacri templi mons. Alessandro Berrettini, vescovo di Teramo, lo affidò alla relazione della visita pastorale che compì a Castelbasso nel luglio del Non era un caso isolato nella storia castelbassese quello constatato allora da Sua Eccellenza che probabilmente, ma senza colpa, non conosceva la storia del borgo e delle sue chiese, segnata lungo i secoli da altre e tante rovine. Di Castellum Vetulum, l odierno Castelbasso, si trova la prima notizia documentale nel Liber instrumentorum seu chronicorum redatto dall amanuense Giovanni di Berardo all incirca all inizio dell ultimo ventennio del XII secolo su ordine di Leonate, abate del cenobio di S. Clemente a Casauria, oggi nella campagna di Torre de Passeri (PE). Nella raccolta, più nota come Chronicon Casauriense, sono trascritti documenti notarili e fatti di cronaca relativi all illustre abbazia fondata tre secoli prima dall imperatore Federico II. Tra le tante carte ivi riunite alcune riguardano direttamente o indirettamente Castelbasso, l allora Castellum Vetulum, appunto, identificato anche come Castello Vecclo; un castello già vecchio, quindi, di qualche secolo, del quale studiosi di medievalistica fanno risalire le origini, in quanto insediamento d altura, fino all alto Medio Evo 1. Un castello importante, anche, ovviamente dotato di cinta muraria, una chiesa ed edifici all interno, tenimenti tutt intorno e un altra chiesa poco lontana, verso est, quella di S. Andrea, alla quale si aggiungevano la chiesa di S. Maria di Melano, quella di S. Maria di Arola e un altra, probabilmente a nord, dedicata a S. Giorgio. Opportunamente arricchito con altri beni e con lungimiranza donato a chi di dovere, quel feudo si sarebbe potuto rivelare utile a impetrare la salvezza dell anima. Questa era almeno la speranza di Adelberto e Raimondo, fratelli di stirpe longobarda, che, rispettivamente nel settembre del 1046 e nel gennaio del 1047, si recarono da Giso, notaio e giudice in Aprutium 2, dove fecero un atto di donazione a beneficio del Monastero di S. Clemente a Casauria, al quale cedettero, tra gli altri loro possedimenti, Castelbasso e le sue pertinenze in capite de Acqui, et Melano, et in Egiano, et in Colle Warracconi, et in Colle Meruli 3. Da allora, e fino al 1816, Castelbasso passò sotto la giurisdizione spirituale dell abate di S. Clemente, anche se nella sua vita laica conobbe altri padroni 4 Non lasciarono un grande ricordo gli abati di quell abbazia, se ancora fino a pochi anni fa gli anziani castelbassesi, quando imprecavano, spesso e con inconsapevole memoria storica se la prendevano con lu patr abbate. Imprecazioni contro il padre abate a parte, è doveroso riconoscere che gli abitanti di Castelbasso devoti sono sempre stati e sono, come hanno dimostrato e dimostrano. Per il passato ne è un esempio tal Filippu de 1 L incastellamento degli insediamenti d altura, in Abruzzo, si verificò in seguito alle scorrerie saracene (sec. IX). 2 Così allora veniva chiamata Teramo. 3 Capo d Acqua, Mulano, Eziano, Colle Varracconi, Colle del Merlo. 4 Diventato feudo del Monastero di S. Clemente a Casauria, Castelbasso, che per questo cambiò il nome da Castelvecchio a Castelvecchio Monacesco, nel sec. XV, dopo precedenti tentativi, fu conquistato dai Duchi Acquaviva di Atri, e da allora cominciò a chiamarsi Castelvecchio a basso. Gli Acquavivai nel sec. XVI lo cedettero ai Marchesi Valignani di Chieti che a loro volta lo vendettero ai Marchesi Ricci di Macerata che rimasero feudatari fino al 1806, quando Giacchio Murat abolì la feudalità. Nello stesso anno Castelbasso, già Università indipendente, fu unito all Università di Castellalto, del quale diventò una frazione.

2 Masseo, uomo senz altro generoso tanto da non curarsi troppo dei soldi che spendeva. E ne diede la prova. Non è dato sapere quanto la chiesa del vecchio castello, citata nel Chronicon Casauriense, sia durata ancora nel tempo. Sta di fatto che nel 1338 il ricordato Filippu de Masseo fece costruire a Castelbasso, ovviamente a beneficio della sua anima, una nuova chiesa per la quale spese quel che ci voleva, senza star lì troppo a far di conto. E infatti fece incidere, nella tavolette a sbalzo su cui poggiano i leoncini che a loro volta reggono l archivolto del portale, l epigrafe sciolta come segue: QUESTA OPERA LASSAO PHILIPPU DE MASSEO PRO ANIMA SUA ONCE XXX E PLUS SUB ANNO DOMINI MCCCXXXVIII VI INDICTIONE. Insomma, generoso sì, ma che si sapesse che lui trenta once, e anche di più, le aveva spese. Generoso e orgoglioso pure doveva essere il buon Filippu, mentre guardava lo scultore, è facile immaginarlo, che incideva il suo nome nella pietra. Orgoglioso di quella chiesa ad una navata, crollata forse in seguito ad un terremoto (quello del 1456? 5 ) e ricostruita in seguito a tre navate 6. Il primo documento che descrive la chiesa di Castelbasso nelle sue strutture principali come oggi le vediamo risale al Esso riguarda la relazione della visita pastorale compiuta a Castelbasso dal vescovo Montesanto di Teramo il 29 giugno di quell anno. Il manoscritto contiene infatti la descrizione dell altare maggiore in pietra e della mensa anch essa di pietra (quella ancora oggi esistente), accenna al coro in legno dietro l altare, a tutto oggi visibile, visita il fonte battesimale in laterizio posto nella parete orientale della chiesa, dentro il quale è conservato un vaso in rame (esiste ancora oggi) contenente l acqua lustrale; vicino ad esso stava un nuovo fonte battesimale sostenuto da una colonna di marmo non ancora rifinito ma che don Giandomenico Clemente, parroco di allora, si impegnò in pulitam formam reducere 7. È quindi la volta della visita all altare della Madonna del Rosario che, al contrario di quello di oggi abbellito da una pala, presentava, al posto di questa, una finestra aperta nel muro al cui centro era inserita l immagine dorata e in rilievo della Vergine, mentre tutt intorno erano dipinti i 15 misteri del Rosario, molto apprezzati da Monsignore. Visitò poi l altare della Madonna della Neve eretto per devozione della famiglia Clemente ma da essa non ben curato, tanto da ordinarne la demolizione se non vi fosse stato posto riparo. Esaminò anche altri altari 8, prima di annotare lo stato generale della chiesa che era sostenuta da quattro colonne, aveva un decente pavimento in mattoni, il pulpito in legno, grandi campane ma le pareti bisognose di una bella imbiancatura. Ad una così meticolosa descrizione della chiesa non poteva sfuggire la presenza di un organo, per cui è necessario dedurre che esso non era stato ancora costruito. Nella chiesa matrice non c erano neanche le sepolture perché i morti venivano tumulati nella chiesa di 5 Il 27 novembre del 1456, tra le dieci e le undici di sera, si avvertì infatti la prima di una lunga serie di scosse telluriche, molte delle quali di fortissima intensità, che interessarono buona parte dell Abruzzo, senza risparmiare Teramo. È verosimile, anche se non certo, che il terremoto abbia potuto investire anche Castelbasso e quindi far crollare pure la chiesa trecentesca. 6 L ampliamento della chiesa è dimostrato dalla differente tipologia degli elementi costruttivi della parte sinistra e di quella destra dell attuale facciata e dallo spostamento del portale nell attuale collocazione rispetto a quella precedente, deducibile dalla tamponatura presente nella parte destra dell odierna facciata. 7 È il fonte battesimale odierno che don Giandomenico Clemente fece iniziare a scolpire nel Riporta, infatti, il suo nome quale committente e lo stemma di famiglia. 8 Vicino l altare dei Clemente ve ne era un altro malridotto eretto per devozione della casa Orsini de Orsini, quindi nel lato est della chiesa, vicino al fonte battesimale, c era l altare della Concezione della famiglia Paris di Canzano. Sempre nello stesso lato c era infine l altare dell Epifania eretto dalla famiglia Sperandij.

3 Sant Andrea 9, dove il vescovo si recò il 30 giugno, prima di lasciare Castelbasso per andare a Guardia Vomano. Non sappiamo se don Domenicantonio adempì alle prescrizioni di Montesanto di porre rimedio alle carenze rilevate nella chiesa di S. Pietro dal presule nel corso della sua visita pastorale, anche perché il parroco non ne aveva più l obbligo in considerazione della ristabilita autorità dell abate di S. Clemente a Casauria. È certo però che fece in tempo a far rifinire il battistero a forma di calice, posto oggi nella parte destra del presbiterio della chiesa di Castelbasso; infatti il povero prete, quattro anni dopo la visita di Montesanto, precisamente nel 1599, fu ucciso dai fratelli de Angelis e da altri complici non ben identificati. Prese alta vendetta 10 per l assassinio dello zio prete il nipote Ganimede Clemente il quale solo molti anni dopo, precisamente nel 1620 quando aveva cinquant anni, diede esecuzione all ordine di Montesanto di ornare e consolidare l altare di famiglia. Ma più che consolidarlo, preferì sostituire l altare in mattoni con uno in legno policromo abbellito da una pala di autore ignoto che raffigurò Ganimede in basso a sinistra; l altare è lì ancora oggi, addossato alla parete occidentale della chiesa castelbassese. Oltre al donatore vi si riconoscono la Maria Maddalena, S. Francesco e S. Rocco; santo, quest ultimo, di cui i Clemente erano particolarmente devoti e da lunga data, forse per qualche epidemia di peste scampata. Di una chiesetta costruita fuori le mura del castello e dedicata a S. Rocco, difatti, si ha notizia fin dal 1506 quando tal Domenico Clemente la dotò di ben 100 ducati co quali i di lui successori nel 1514 acquistarono tanti beni fondi posseduti e amministrati dai Rettori pro tempore di detta Cappella. 11 Allo zelo di Ganimede Clemente fece riscontro quello del prete B. Paci, castelbassese anche lui, il quale il 24 aprile del 1626 fu autorizzato da G. V. De Vincenzi di Notaresco, vicario generale dell abate di S. Clemente a Vomano 12, a costruire entro le mura di Castelbasso una chiesa dedicata a S. Nicola di Bari, ricevendone anche la cappellania con una dotazione di 200 scudi. Di quella chiesa, utilizzata oggi come fondaco, rimangono, oltre al ricordo nella toponomastica, solo le modanature della facciata visibili nella casa d angolo in p.tta S. Nicola. Ordinamo, e commandiamo à tutte, e singole persone di qualunque Stato, Grado, e condizioni, che siano commoranti, et abitanti in questa Terra, ò che siano Cittadine, ò che siano Forastiere della medesima Era febbraio del 1742 quando il balivo, unico dipendente e quindi factotum dell Università di Castelbasso, il Comune di allora, annunciò che la Regal Mente della Maestà del Ré nostro Signore, che Iddio sempre conservi, benignamente preoccupata del bene dei sudditi, aveva ordinato di formare un nuovo catasto affinché ognuno pagasse le tasse secondo le proprie possibilità e i poveri comunque meno degli altri. Ad onor del vero le buone intenzioni del re non ebbero fortuna, tuttavia il catasto onciario, considerato la base di tutta la moderna tassazione e 9 La chiesa di Sant Andrea versava in pessime condizioni: non aveva pavimento, le pareti erano senza intonaco, le sepolture (nella chiesa si seppellivano i morti di Castelbasso) senza coperchi, i banchi per sedere vecchi e semidistrutti. Anche i due altari erano mal messi: sopra quello maggiore, ma raggruppate sotto una cupola di legno tutta dipinta, vi erano le immagini della Vergine e di altri Santi quasi irriconoscibili per la vecchiezza e il pessimo stato di conservazione. Vi era poi l altare dedicato a S. Tommaso sotto il patronato della famiglia Flaiani. Era in mattoni, piccolo e coperto da una cupola in pietra sostenuta da quattro colonne. 10 Ganimede Clemente ( ) era nipote di don Giandomenico in quanto figlio di suo fratello Vincenzo I Clemente. 11 La chiesetta di S. Rocco esisteva, sebbene crollata, ancora nei primi anni del sec. XIX e apparteneva sempre alla famiglia Clemente. 12 Castelbasso, nel frattempo, era passato sotto la giurisdizione dell Abbazia di S. Clemente a Vomano, che comunque dipendeva sempre da quella di S. Clemente a Casauria.

4 della divisione della proprietà, ha anche il merito di essere una miniera di informazioni sulla vita non solo economica delle Università del Regno di Napoli. Si apprende, quindi, che le Chiese, Cappelle e Beneficij di Castelbasso erano ben diciotto 13 delle quali, però, solo otto erano soggette a tassazione perché i pesi sostenuti dalle altre dieci (celebrazioni di messe, costo delle suppellettili sacre, olio per le lampade, candele, l insegnamento gratis della grammatica a Discepoli del Paese, ecc.) assorbivano le loro rendite. Questo gran numero di enti religiosi implicava la celebrazione di ben 60 feste all anno che all Università di Castelbasso costavano in tasse la bellezza di 115 ducati. Accompagnava tanto slancio devoto un ottavino, piccolo organo costruito probabilmente nel corso del XVII secolo, del quale parlano i restauratori dell organo castelbassese, oggetto del presente volume. Erano anni, quelli a cavallo alla metà del XVIII secolo, in cui un organaro di Atri, tal Adriano Fedri, esercitava alacremente e con successo la sua attività tra il Lazio e l Abruzzo, ivi compresa l attuale provincia di Teramo. E infatti nel 1756 aveva costruito un organo nella chiesa parrocchiale di Fano Adriano, verso la montagna, poi un altro nel 1758 nella chiesa di Morro d Oro, verso il mare; si riaccostò alla montagna nel 1760 quando costruì l organo della chiesa di Basciano. Tanto fervore musicale dovette sollecitare l orgoglio dei Castelbassesi che decisero di affidare alle sapienti mani del Fedri l ampliamento del loro ottavino; operazione che l organaro realizzò nello stesso anno , trasformando il piccolo strumento in positivo da otto piedi con l intervento sul somiere mediante la scalatura dei registri verso il grave, con l aggiunta del principale di otto piedi e con lo spostamento dell ordine di alcuni catenacci. Insomma l ottavino diventò un Fedri a tutti gli effetti, assumendo quindi una nuova identità costruttiva, come meglio è detto in altra parte del presente volume. Non si sa se al tempo qualcuno suonasse l organo ed è scoraggiante immaginarlo muto, anche se proprio così doveva essere. Risulta infatti che la parrocchia di Castelbasso fu vacante tra il 1787 e il 1788 per la morte del parroco don Francesco Remigj (9 luglio 1787) e la chiesa era in stato di grave abbandono tanto che vi si trovavano solo un calice da riconsacrare, il messale romano e nessun paramento utilizzabile. In tanta miseria è difficile credere che qualcuno si preoccupasse di suonare l organo tanto che è più verosimile pensarlo invecchiato per il mancato utilizzo. Forse proprio per questo il 3 maggio del 1791 il parlamento castelbassese decise che era tempo di scomporre, accordare e spolverare l organo ormai muto da anni. Il 19 dello stesso mese, perciò, il magnifico capo reggimento di questa Università Di Giovanni Giuseppe Emidij e D. Emidio Federi della Città d Atri, figlio di Adriano Fedri, sottoscrissero un contratto d appalto della durata di tre anni. Detto contratto prevedeva che don Emidio si recasse a Castelbasso all inizio di giugno per accordare l organo nei primi due anni, mentre nel terzo anno doveva scomporlo, spolverarlo ed accordarlo conforme trovasi attualmente, 13 Ne riportiamo qui di seguito il lungo elenco, anche se è facile presumere che di molte di esse esistevano solo il titolo, le rendite e ovviamente il beneficiario: la chiesa abbaziale di S. Martino, la chiesa di S. Nicola di Bari, la chiesa di S. Rocco, la cappella del Santissimo e del Rosario, la cappella di S. Carlo, la cappella del Carmine, la cappella di S. Mattia, la cappella della Madonna di Loreto, la cappella del Sacro Monte dei Morti, la cappella dell Assunta, la cappella della Concezione, la cappella di S. Nicola da Tolentino, la cappella dell Epifania, la cappella della Madonna degli Angeli, la cappella di S. Giovanni, la cappella di S. Tommaso, la chiesa di S. Maria di Mulano, la chiesa di S. Cipriano. 14 La scoperta del costruttore dell organo castelbassese fu fatta negli anni 70 del secolo scorso, prima che si conoscesse il diario di Don Francesco Saverio Foschi di cui si dirà in seguito, dal dott. Mario Bravi della Direzione Generale delle Antichità e Belle Arti del Ministero della Pubblica Istruzione. Nella scheda di catalogazione degli organi il dott. Bravi annotò, tra le altre notizie tecniche sull organo e oltre una breve nota biografica sul suo costruttore, la scritta rinvenuta all interno della secreta del somiere maestro destro: Adriano Fedri fece nel 1760.

5 e non mangare per qualsiasi causa, con la riserba, però, che esso D. Emidio non sia tenuto in caso di fulmini, o altro accidente, che potesse rovinare l organo sudetto. Il costo convenuto per le operazioni elencate fu di 25 carlini l anno, salvo di spese di vitture d accesso, o recesso, e cibarj per tutto il tempo, che l organaro qui si tratterrà per accordare e ripulire l organo sudetto. Dopo quel triennio di attenzioni l organo di Castelbasso piomba nel silenzio della storia locale. L Università castelbassese, infatti, cessa di esistere nel 1806, quando, in seguito al riordino amministrativo della Repubblica Partenopea operato da Gioacchino Murat, fu unita a quella di Castellalto, diventandone frazione. Non ci fu più, quindi, nessun parlamento che avesse a cuore le cose castelbassesi e men che meno le sorti dell organo. Né miglior fortuna venne a Castelbasso dal fatto che, a seguito della bolla pontificia del 27 giugno 1818, passò dalla disattenta giurisdizione spirituale della diocesi nullìus di S. Clemente a Casauria alla non più di tanto interessata diocesi di Teramo. Erano ormai passati 221 anni da quando il vescovo Montesanto tentò inutilmente di affermare la sua giurisdizione su Castelbasso, ma ne passeranno ancora 8 prima che il vescovo pro tempore di Teramo vi si recasse per la visita pastorale. Finalmente il 18 ottobre 1825 mons. Giuseppe Maria Pezzella si portò a Castelbasso ma, altro che organo!, c era da preoccuparsi soprattutto di riparare al più presto possibile il tetto, le pareti e l altare della chiesa Cosa di cui si era preoccupato già dal 1813 l arciprete don Domenicantonio Ventura il quale aveva chiesto al muratore capomastro patentato Domenico Quintiliani di fare una perizia sui lavori necessari a mettere in sicurezza la chiesa di Castelbasso che minacciava rovina. Il risultato della perizia fu che bisognava rifare per intero il tetto, costruire una scarpa nel lato est della chiesa, muri di contenimento nei lati est e sud, fare nuovamente gli intonaci delle due navate ammalorate dalle infiltrazioni d acqua e ripristinare la pavimentazione in mattoni. Il tutto per una spesa di lire 2.507,84. Uno sproposito per l arciprete di Castelbasso che il 23 giugno 1813 chiese al Comune di Castellalto l autorizzazione a formare un comitato di parrocchiani per la raccolta dei fondi necessari. Il 29 giugno l Amministrazione comunale, premesso di non esservi altro mezzo di risorsa nelle casse comunali, aderì volentieri alla richiesta di don Domenicantonio, premurandosi di suggerire di raccogliersi l elemosina da pii fedeli per più anni, fino tanto che non si giunga alla somma riportata nella perizia. Fu quindi la volta di Mons. Alessandro Berrettini, quello, già citato all inizio, del grido di dolore per la rovina cui andavano incontro i templi sacri. Anch egli, arrivato a Castelbasso l 8 luglio 1836 per la visita pastorale, ordinò di munire il tetto di travi più robuste per evitare che, cedendo, gravassero sulla volta della chiesa parrocchiale. Si preoccupò di dare disposizioni per la ricostruzione della chiesa di S. Andrea, allora già crollata e oggi cancellata senza che ne sia stata lasciata traccia, e di ripristinare la metà caduta del tetto della chiesa di S. Martino, trasformata nel 1984 in casa parrocchiale. Con questi guai, l organo fu non fu di certo nei pensieri di monsignore, tanto che nemmeno lui lo citò nella relazione della visita. Non sappiamo, poi, quanto e se gli ordini di mons. Berrettini influirono sulla raccolta di offerte iniziata dall arciprete Ventura; sta di fatto che solo nel 1856, quando era preposto don Pio De Sanctis, furono completati i lavori previsti dal muratore capomastro patentato Domenico Quintiliani. Ce lo conferma la scritta incisa su un mattone inserito nel muro di rinforzo della parete ovest della chiesa: D. Pius De Sanctis Prepositus curavit restaurationem Non erano passati trent anni, quando nel 1885 il parroco del tempo don Silvestro Di Pietro dette inizio ad una partita a quattro, tornando alla carica ancora per il restauro

6 della chiesa di S. Andrea, la quale più che essere crollata non poteva, e per nuovi interventi nella chiesa parrocchiale di S. Pietro, pericolante. Cosa fosse successo non è dato sapere, visto che i documenti consultati non contengono la descrizione dei lavori. Tuttavia l ammontare della cifra per essi occorrente, pari a ben 3.749,78 lire, dette inizio ad un rimpallo di declino di responsabilità tra la parrocchia di Castelbasso che non aveva rendite sufficienti, il Comune di Castellalto che, appellandosi al fatto che la parrocchia era di regio patronato, si chiamava fuori anche perché le sue finanze erano del tutto insufficienti, la Prefettura di Teramo che sollecitava il Comune a trovare una soluzione e chiedeva nel contempo l intervento del Regio Economato Generale per le Province Napoletane, il quale, anch esso senza fondi, suggeriva di far leva sulla devozione dei fedeli. Il risultato fu che della chiesa di S. Andrea non si preoccupò più nessuno e per la chiesa di S. Pietro dovette pensarci il nuovo parroco. Si chiamava Don Francesco Saverio Foschi e arrivò, originario di Guardia Vomano, a Castelbasso il 26 ottobre del Aveva appena 26 anni per cui si può dire che era un sacerdote novello e come tale pieno di entusiasmo. Al quale dovette attingere a piene mani per dare riparo allo stato di abbandono in cui versava la sua nuova chiesa. Nella mia venuta regnava un grande disordine: la chiesa cadente, senza suppellettili, senza candele affatto, [...] l organo sfasciato, le porte della chiesa si può dire che erano aperte. Insomma la chiesa era un porcile, e non la Domus Dei. Don Foschi lo scrisse nel diario che cominciò a comporre nel 1907, dove comunque non mancò di riepilogare quanto successo fin dal Era suo intento, infatti, lasciare una documentazione che ricordi ai posteri lo stato della chiesa e dei suoi beni per evitare lo smarrimento provato da lui quando, insediatosi nella nuova parrocchia, non trovò nessun documento che potesse attestare qualche cosa. Perché il predecessore don Silvestro Di Pietro, così annotò ancora nel suo diario don Foschi, se aveva dato prova di possedere, oltre alla bontà d animo, [...] un elevatezza ed acume di mente, di sicuro era stato poco o affatto curante dell incremento, della nettezza e del decoro della casa di Dio. Fu giocoforza, dunque, per il nuovo parroco rimboccarsi le maniche. Non stiamo qui a descrivere quanto egli fece per la chiesa di Castelbasso, pur tra incomprensioni con la popolazione, la velata ostilità dei benpensanti locali, le dicerie raccolte dalla stessa Curia teramana, cosa che tanto lo fece soffrire. È qui perciò doveroso dargli atto, e quindi ringraziarlo, che molto di quanto ancora esiste nella chiesa di Castelbasso è stato fatto da lui, sì con le offerte dei fedeli, ma ancor di più con il suo contributo personale. Per rimanere al tema del presente lavoro, ci limitiamo a dire che don Foschi si preoccupò anche dell organo. L organo della nostra Chiesa può dirsi fosse una gran cassa, non sonavano che pochi tasti; era insomma una rivoluzione. Pensai allora di metterlo a nuovo e mi si fu offerto un giovane di Teramo, un tal Vincenzo di Pietro di Teramo, discepolo del Veneziano Bazani. Non era stato accomodato più dal 1760 dappure fatto da un tal Fedri di Aquila: entro al cassone v erano due piccoli mantici impotenti a dare tanto fiato quanto ne serviva: così ne comprai due della Madonna delle Grazie di Teramo per 83. Vi fu restaurata e completata la voce umana come pure vi fu completato il registro del flauto: fu cambiata la registratura, vi fu messa la tastiera nuova (ma usata) come nuova anche la pedaliera. Il somiere fu ripulito per intero: e così per tali accomodi se n andò la bellezza di 200 senza contare l alloggio e il vitto per oltre tre mesi che sarebbe stato di oltre 150. Intanto feci alzare l organo fin dove sta ora oltre cioè un due metri, facendo rimanere per ora la cantoria e spesi per il muratore 5,00, pel manipolo 2,00, per calce e mattoni 6,00. Nel maggio 1906 rincominciai il lavoro: facendo alzare la cantoria e la porta. [ ] Carta per l organo e ciarniere 1,40.

7 Lavori all organo 8,50. Rappezzi al cassone - un Kg. di punte 3,20. Lavoro alla cantoria - n. 7 giornate 31,50. Questo annotò diligentemente don Foschi nel suo diario circa il restauro dell organo. Pur contenendo qualche imprecisione (la provenienza del Fedri) e denotando la mancata conoscenza dell intervento di Emidio Federi del 1791, lo scritto rappresenta un prezioso documento nella storia dell organo castelbassese, e questo può ben essere considerato anche un prezioso regalo dell allora giovane parroco alle future generazioni. Un documento che testimonia anche il modo di lavorare del giovane organaro teramano di Pietro che interveniva nelle opere altrui senza intenti filologici (del resto ai tempi non era ancora maturato il rispetto per la testimonianza del passato), ma con l unico proposito di far suonare lo strumento. Anche se, lo dicono i restauratori d oggi, il suono che veniva fuori dall organo non era certo quello voluto da Adriano Fedri. Fu così che il Di Pietro sostituì anche i mantici voluti dal maestro organaro settecentesco, e alloggiati dentro la cassa armonica, con i due più grandi provenienti da Teramo. Fu necessario, perciò, allargare la cantoria settecentesca che era proporzionata alla larghezza dello strumento ed era delimitata nella facciata da una balaustra costruita a bugnato. Ad essa si aggiunsero, perciò, due specchiature laterali in finto bugnato, contenenti immagini simbolico-devozionali in stile santino. L organo Fedri, rivisto da Di Piero, ha suonato fino agli anni Sessanta del secolo scorso. I bambini facevano a gara per andare a tirare i mantici quando Centino, così veniva chiamato Innocenzo Bellini che lo suonava, saliva la scala a chiocciola della cantoria per poi sedersi davanti alla tastiera e, dopo aver impostato i pochi registri funzionanti, si accompagnava con l organo nella Missa de Angelis e nella messa da Requiem. Poi il Fedri tacque e fu sostituito da un armonium che non durò molto. Le donne continuarono a cantare Mira il tuo popolo e Noi vogliam Dio senza accompagnamento e nelle funzioni serali si spegneva tra le navate della chiesa di Castelbasso il brusio di speranza delle vecchiette: Spappé cciatté scand imbace, ammèn È la versione dialettale della seconda parte del Requiem æternam recitata dai fedeli: Et lux perpetua luceat eis, requiescant in pace. Amen.

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Lettera pastorale per la Quaresima 2012 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Questa Lettera pastorale va letta in chiesa

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Fondazione Memofonte onlus Studio per l elaborazione informatica delle fonti storico-artistiche

Fondazione Memofonte onlus Studio per l elaborazione informatica delle fonti storico-artistiche c. 1 Illustrissimi signori Per la maggior facilità e chiarezza della stima dei mobili del patrimonio dell illustrissimo signor marchese bali Vincenzio Riccardi, incaricatami con il decreto delle signorie

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI La Parrocchia Art. 1. La parrocchia è una persona giuridica pubblica, costituita con decreto dell Ordinario Diocesano (can. 515,3 ), riconosciuta

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO Annuncio della Pasqua (forma orientale) EIS TO AGHION PASCHA COMUNITÀ MONASTICA DI BOSE, Preghiera dei Giorni, pp.268-270 È la Pasqua la Pasqua del Signore, gridò lo

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio 1 Oleggio, 25/12/2009 NATALE DEL SIGNORE Letture: Isaia 9, 1-6 Salmo 96 Tito 2, 11-14 Vangelo: Luca 2, 1-14 Cantori dell Amore Natività- Dipinto del Ghirlandaio Ci mettiamo alla Presenza del Signore, in

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

SANTA MESSA IN ONORE ED ALLA PRESENZA DI SUA EMINENZA REVERENDISSIMA IL CARDINALE LUIGI DE MAGISTRIS CAGLIARI, 22-02-2015

SANTA MESSA IN ONORE ED ALLA PRESENZA DI SUA EMINENZA REVERENDISSIMA IL CARDINALE LUIGI DE MAGISTRIS CAGLIARI, 22-02-2015 ORDINE DEI SANTI MAURIZIO E LAZZARO Delegazione Gran Magistrale della Sardegna SANTA MESSA IN ONORE ED ALLA PRESENZA DI SUA EMINENZA REVERENDISSIMA IL CARDINALE LUIGI DE MAGISTRIS CAGLIARI, 22-02-2015

Dettagli

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli

GIUSEPPE PELLEGRINI VESCOVO DI CONCORDIA-PORDENONE PACE E SALUTE NEL SIGNORE GESÙ

GIUSEPPE PELLEGRINI VESCOVO DI CONCORDIA-PORDENONE PACE E SALUTE NEL SIGNORE GESÙ GIUSEPPE PELLEGRINI VESCOVO DI CONCORDIA-PORDENONE AI PRESBITERI E AI DIACONI AI FRATELLI E ALLE SORELLE DI VITA CONSACRATA AI FEDELI LAICI E A TUTTI GLI UOMINI E LE DONNE DI BUONA VOLONTÀ DI QUESTA NOSTRA

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

AMALFI, 27 MARZO 2013 MESSA CRISMALE

AMALFI, 27 MARZO 2013 MESSA CRISMALE AMALFI, 27 MARZO 2013 MESSA CRISMALE 1 Reverendissimo P. Abate, Reverendi Presbiteri, Diaconi, Religiosi, Reverende Religiose, cari Seminaristi, amati fedeli Laici, siamo convocati nella Chiesa Cattedrale,

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO I frati non predichino nella diocesi di alcun vescovo qualora dallo stesso vescovo sia stato loro proibito. E nessun frate osi

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

L'intuizione e la sua difficile realizzazione

L'intuizione e la sua difficile realizzazione P. Maranesi - Facere misericordiam FRANCESCO, I LEBBROSI E I SUOI FRATI: L'intuizione e la sua difficile realizzazione FRANCESCO CI PARLA DELLA SUA CONVERSIONE Il Testamento di Francesco potrebbe essere

Dettagli

Strutture a disposizione delle Parrocchie

Strutture a disposizione delle Parrocchie ARCIDIOCESI DI MILANO Ufficio Amministrativo Diocesano Strutture a disposizione delle Parrocchie MANUTENZIONE PROGRAMMATA DEGLI IMMOBILI: FASCICOLO TECNICO DEL FABBRICATO E PIANO DI MANUTENZIONE 1 Don

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Ogni essere umano uomo, donna, bambino, bambina è immagine di Dio; quindi ogni essere umano è una persona

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

Ognuno è libero di contraddirci. Vi chiediamo solo quell anticipo di simpatia senza il quale non c è alcuna comprensione.

Ognuno è libero di contraddirci. Vi chiediamo solo quell anticipo di simpatia senza il quale non c è alcuna comprensione. Ognuno è libero di contraddirci. Vi chiediamo solo quell anticipo di simpatia senza il quale non c è alcuna comprensione. Eugenio e Chiara Guggi (tramite le parole di Benedetto XVI) Il laico dev essere

Dettagli

Cos'è e come si recita la Liturgia delle Ore

Cos'è e come si recita la Liturgia delle Ore Cos'è e come si recita la Liturgia delle Ore Tante volte mi è stato chiesto come si recita l Ufficio delle Ore (Lodi, Vespri, ecc.). Quindi credo di fare cosa gradita a tutti, nel pubblicare questa spiegazione

Dettagli

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI Comune di San Demetrio Ne Vestini Provincia dell Aquila RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI 1. INTRODUZIONE La sottoscritta arch. Tiziana Del Roio, iscritta all Ordine degli

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO GRUPPOPRIMAMEDIA Scheda 03 CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO Nella chiesa generosita e condivisione Leggiamo negli Atti degli Apostoli come è nata la comunità cristiana di Antiochia. Ad Antiochia svolgono

Dettagli

e degno di ogni lode, tremendo sugli dei. Do Sol La Tutti gli dei delle nazioni sono un niente e vanità,

e degno di ogni lode, tremendo sugli dei. Do Sol La Tutti gli dei delle nazioni sono un niente e vanità, CANTATE AL SIGNORE (Sal 96) Fa Cantate al Signore un canto nuovo, cantate al Signore da tutta la terra. Fa Benedite il suo nome perché è buono, annunziate ogni giorno la sua salvezza. Si- Narrate la sua

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO Rallegrati Maria Dal vangelo di Luca (1, 26-38) 26 Al sesto mese, l angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret,

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

CADUTI IN TERRA PER PORTARE FRUTTO

CADUTI IN TERRA PER PORTARE FRUTTO CADUTI IN TERRA PER PORTARE FRUTTO Veglia di Preghiera Guida: Il sangue dei Martiri è sangue di speranza che, caduto in terra porta frutti di vita nuova. Non c è amore più grande di questo: dare la vita

Dettagli

LEADER EUROPEO. Blocchi e Solai in Legno Cemento. Struttura antisismica testata e collaudata

LEADER EUROPEO. Blocchi e Solai in Legno Cemento. Struttura antisismica testata e collaudata LEADER EUROPEO Blocchi e Solai in Legno Cemento Struttura antisismica testata e collaudata Come da Linee Guida del Ministero LLPP Luglio 2011 TERREMOTO IN EMILIA 2012 Asilo a Ganaceto (MO) Intervento a

Dettagli

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A.

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. 01 Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010 Soci Fondatori - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. - Associazione Partners di Palazzo Strozzi Promossa da 02 MISSION Volontariato

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Preghiera per le vocazioni. Preghiera per le vocazioni al sacerdozio

Preghiera per le vocazioni. Preghiera per le vocazioni al sacerdozio Preghiera per le vocazioni Ti preghiamo, Signore, perché continui ad assistere e arricchire la tua Chiesa con il dono delle vocazioni. Ti preghiamo perché molti vogliano accogliere la tua voce e rallegrino

Dettagli

Sardegna. della memoria. Collana diretta da. Romano Cannas. Gli Archivi. Su Balente e sa Emina. con Michelangelo Pira

Sardegna. della memoria. Collana diretta da. Romano Cannas. Gli Archivi. Su Balente e sa Emina. con Michelangelo Pira Sardegna Gli Archivi della memoria Collana diretta da Romano Cannas Su Balente e sa Emina con Michelangelo Pira presentazione di Bachisio Bandinu Gli Archivi della memoria Collana diretta da Romano Cannas

Dettagli

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA Il Museo Diocesano di Catania desidera, anche quest anno, proseguire con le scuole l impegno e la ricerca educativa con particolare attenzione ai Beni Culturali, Artistici e Ambientali. L alleanza fra

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

Dicembre 1995 - Dicembre 2005. Parrocchia Santi Gervaso e Protaso Novate Milanese. Don Ugo Proserpio. da anni Parroco a Novate.

Dicembre 1995 - Dicembre 2005. Parrocchia Santi Gervaso e Protaso Novate Milanese. Don Ugo Proserpio. da anni Parroco a Novate. Parrocchia Santi Gervaso e Protaso Novate Milanese Dicembre 1995 - Dicembre 2005 Don Ugo Proserpio 10 da anni Parroco a Novate Dicembre 2005 10 anni tra noi di don Ugo 11 La comunità delle suore Serve

Dettagli

Decorati al Valor Militare

Decorati al Valor Militare Cantalice ai suoi figli Caduti per la Patria nella Grande Guerra 1915 1918 Decorati al Valor Militare Caporale BOCCHINI Felice di Luigi - del 146 Reggimento fanteria, nato a Cantalice il 15 ottobre 1895,

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO San Bernardo (1090-1153) Jean Gerson (1363-1429) S. Bernardo (1090-1153) Bernardo ha formato la sua saggezza basandosi principalmente sulla Bibbia e alla scuola della Liturgia.

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

1. una fede da far crescere nei vostri figli

1. una fede da far crescere nei vostri figli Chiediamo il Battesimo di nostro figlio 3.a tappa: dopo il Battesimo 1. una fede da far crescere nei vostri figli Parrocchia di S. Ambrogio - Via G. Di Vittorio, 23 - Mignanego (GE) Come far crescere

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE Introduzione Il quindici e il sedici ottobre siamo andati in viaggio d'istruzione a Rovereto con la 3 C. Rovereto è una città a sud di Trento ricco di molte attrazioni

Dettagli

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA Confesso tutta la mia difficoltà a presentarvi questo brano che ho pregato tante volte. La paura è quella di essere troppo scontata oppure di dare troppe cose per sapute.

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43)

Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43) Parrocchia S. M. Kolbe Viale Aguggiari 140 - Varese Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43) 1. PREGHIAMO INSIEME Salmo 80 (79) 1 Al maestro del coro. Su «Il giglio della testimonianza».

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

3C) MULINI COMUNITA DI CUTIGLIANO SK 11) CUTIGLIANO/MELO

3C) MULINI COMUNITA DI CUTIGLIANO SK 11) CUTIGLIANO/MELO 3C) MULINI COMUNITA DI CUTIGLIANO SK 11) CUTIGLIANO/MELO Anno 1781 Mulino di Gallina Località: Rio Piastroso Fiume: Dx Rio Piastroso Palmenti: 2 1781, Arch. Stor. S. Marcello, Lettere e Negozi, Vol. 799

Dettagli

"In ogni cosa rendete grazie, perché questa è la volontà di Dio in Cristo Gesù verso di voi" (I Tessalonicesi 5:18)

In ogni cosa rendete grazie, perché questa è la volontà di Dio in Cristo Gesù verso di voi (I Tessalonicesi 5:18) "In ogni cosa rendete grazie, perché questa è la volontà di Dio in Cristo Gesù verso di voi" (I Tessalonicesi 5:18) Rendere grazie a Dio, sempre, in ogni circostanza, in qualsiasi momento, in qualunque

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

ALLEGATO A. DIAGRAMMA DI GANTT Cronoprogramma dei lavori (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 100 e Allegato XV) Comune di Napoli PROVINCIA DI NAPOLI

ALLEGATO A. DIAGRAMMA DI GANTT Cronoprogramma dei lavori (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 100 e Allegato XV) Comune di Napoli PROVINCIA DI NAPOLI ALLEGATO A Comune di Napoli PROVINCIA DI NAPOLI Provincia Area Edilizia di Scolastica Na Ufficio Specialistico Tecnico Edilizia Scolastica 1 DIAGRAMMA DI GANTT Cronoprogramma dei lavori (D.Lgs 9 aprile

Dettagli

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore Parrocchia Santa Maria delle Grazie Squinzano 1) Camminiamo incontro al Signore 2) Se oggi la sua voce Rit, Camminiamo incontro al Signore Camminiamo con gioia Egli viene non tarderà Egli viene ci salverà.

Dettagli

PICCOLI FRATELLI JESUS CARITAS DI CHARLES DE FOUCAULD

PICCOLI FRATELLI JESUS CARITAS DI CHARLES DE FOUCAULD PICCOLI FRATELLI JESUS CARITAS DI CHARLES DE FOUCAULD Il 13 maggio 1911, frere Charles scrive al monaco trappista Padre Antonio che vive a Nostra Signora delle Nevi, riguardo all'idea di una nuova congregazione

Dettagli

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen PREGHIERE DEL MATTINO Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Ti adoro Ti adoro, mio Dio e ti amo con tutto il cuore. Ti ringrazio di avermi creato, fatto cristiano e conservato in questa

Dettagli

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen Modo di recitare il Santo Rosario Segno della Croce Credo Si annuncia il primo Mistero del giorno Padre Nostro Dieci Ave Maria Gloria Si continua fino a completare i 5 misteri del giorno Preghiera finale

Dettagli

Ecco prima uno schema seguito dalla illustrazione degli elementi caratteristici.

Ecco prima uno schema seguito dalla illustrazione degli elementi caratteristici. Teoria musicale - 8 ALTRI MODI E SCALE Nell iniziare questo capitolo bisogna subito premettere che questi argomenti vengono trattati con specifiche limitazioni in quanto il discorso è estremamente vasto,

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

Il rosario è composto da quattro corone. A ognuna di queste sono relazionati 5 misteri della vita terrena di Cristo:

Il rosario è composto da quattro corone. A ognuna di queste sono relazionati 5 misteri della vita terrena di Cristo: universale viva in ogni popolo. Ogni giorno, da soli, in famiglia o in comunità, insieme con Maria, la Madre di Dio e dell umanità, percorriamo i continenti per seminarvi la preghiera e il sacrificio,

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

3a domenica di avvento 11 dicembre 2005

3a domenica di avvento 11 dicembre 2005 Mi ha mandato a portare il lieto annuncio ai poveri a promulgare l anno di misericordia del Signore PACE CON GLI UOMINI compassione e giustizia 3a domenica di avvento 11 dicembre 2005 ACCOGLIENZA Nel nome

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Punto Yes Associazione Metanoeite di Foggia

Punto Yes Associazione Metanoeite di Foggia Punto Yes Associazione Metanoeite di Foggia Incontro del 16 Novembre 2014 in viale Ofanto 27 - Foggia dalle ore 17.30 (LETTORE) Introduzione Viviamo le diverse parti della preghiera con calma e tranquillità,

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli