in grado di decidere quando utilizzarlo o meno senza l intervento coercitivo da parte

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "in grado di decidere quando utilizzarlo o meno senza l intervento coercitivo da parte"

Transcript

1 SOLUZIONI ALLE DOMANDE DI RIEPILOGO Capitolo 1 - Introduzione 1.1 a. L affermazione di Putin è coerente con una concezione organicistica di Stato in quanto gli individui e i loro obiettivi sono meno importanti dello Stato. b. L affermazione di Locke esprime chiaramente una concezione meccanicistica di Stato in quanto la libertà del singolo assume un importanza capitale. 1.2 Gli aderenti al pensiero liberale credono che lo Stato debba avere poteri estremamente limitati; inoltre, si dimostrano profondamente scettici circa la capacità dello Stato di migliorare il benessere dei cittadini. Sul versante opposto, coloro che aderiscono alla tradizione socialdemocratica ritengono che, per garantire il bene degli individui, sia necessario un intervento pubblico di un certo rilievo. I promotori di una concezione organicistica di Stato sono convinti che gli obiettivi della società siano stabiliti dallo Stato e che i singoli individui siano valutati esclusivamente sulla base del contributo che apportano alla realizzazione degli obiettivi sociali. a. Probabilmente, una legge che proibisce il gioco d azzardo incontrerebbe l opposizione da parte di un aderente al pensiero liberale, mentre riscuoterebbe il favore di un socialdemocratico. Una persona con una concezione organicistica di Stato, prima di prendere una posizione, avrebbe bisogno di capire se il gioco d azzardo contribuisca a raggiungere gli obiettivi dello Stato: se lo considera un mezzo per ostacolare la produzione da parte degli individui, probabilmente sarà favorevole a proibirlo, mentre se ritiene che sia un buon metodo per incrementare i ricavi per lo Stato, potrebbe opporsi alla sua proibizione. b. Gli aderenti al pensiero liberale non sarebbero favorevoli alla legge che rende obbligatorio l utilizzo delle cinture di sicurezza, sostenendo che gli individui sono in grado di decidere quando utilizzarle o meno senza l intervento coercitivo da parte dello Stato. I socialdemocratici asserirebbero che tale obbligo salva delle vite, per cui arreca un vantaggio ai cittadini. Probabilmente, una persona con una concezione organicistica di Stato sarebbe favorevole all obbligo delle cinture di sicurezza, nella convinzione che la riduzione dei costi dell assistenza sanitaria determinata dal numero minore di incidenti arrecherebbe vantaggio alla società. c. Gli aderenti al pensiero liberale si opporrebbero alla legge che rende obbligatorio l utilizzo del seggiolino per bambini in macchina, sostenendo che gli individui sono in grado di decidere quando utilizzarlo o meno senza l intervento coercitivo da parte dello Stato. I socialdemocratici asserirebbero che tale obbligo salva delle vite, per cui arreca vantaggio ai cittadini. Probabilmente, una persona con una concezione organicistica di Stato sarebbe favorevole all obbligo del seggiolino, nella convinzione che la riduzione dei costi dell assistenza sanitaria determinata dal numero minore di incidenti arrecherebbe vantaggio alla società. d. Probabilmente, gli aderenti al pensiero liberale si opporrebbero a una legge che vieti la prostituzione, mentre i socialdemocratici la favorirebbero. La reazione da parte

2 degli individui con una concezione organicistica di Stato dipenderà dal tipo di società che i decisori politici intendono realizzare. Probabilmente la legge incontrerebbe il loro favore sulla base di presupposti morali. e. Probabilmente, gli aderenti al pensiero liberale si opporrebbero a una legge che vieti la poligamia, mentre i socialdemocratici la favorirebbero. La reazione da parte della degli individui con una concezione organicistica di Stato dipenderà dal tipo di società che i decisori politici intendono realizzare. Probabilmente la legge incontrerebbe il loro favore sulla base di presupposti morali. f. Probabilmente, gli aderenti al pensiero liberale ostacolerebbero la legge, ritenendo che spetti ai titolari della singola attività commerciale decidere in quale lingua debba essere scritta l insegna. Anche i socialdemocratici probabilmente si opporrebbero alla legge, al fine di promuovere una società più inclusiva. Gli individui con una concezione organicistica di Stato probabilmente favorirebbero la legge, qualora siano convinti del fatto che ciascun membro della società debba parlare la sua lingua madre. 1.3 Secondo la concezione meccanicistica, lo Stato è un artificio creato dagli individui per meglio perseguire i propri fini particolari. Nell ambito di una tradizione meccanicistica, i cittadini potrebbero non essere d accordo con l imposta sull obesità. Gli aderenti al pensiero liberale direbbero che ognuno è libero di scegliere cosa è meglio per lui (ossia se consumare o meno cibi altamente calorici) e che non ha bisogno di essere spronato dallo Stato. I socialdemocratici, invece, potrebbero asserire che gli individui non sono in grado di capire che cosa è meglio per loro, per cui gli stimoli da parte dello Stato sono opportuni. Capitolo 2 Gli strumenti dell analisi positiva 2.2 Con ogni probabilità, i lavoratori che passano del tempo al computer possiedono altre abilità e competenze che contribuiscono a far sì che il loro stipendio sia più elevato, per cui non necessariamente il fatto di insegnare ai bambini a utilizzare il computer farebbe aumentare il loro potenziale di guadagno. Questo studio illustra la difficoltà di determinare i nessi di causa-effetto sulla base delle correlazioni: dai dati non emerge se è l utilizzo del computer a far aumentare i ricavi, oppure se sono altri fattori a far sì che i lavoratori utilizzino il computer ottenendo stipendi più elevati. Capitolo 3 Gli strumenti dell analisi normativa 3.1 a. In questo particolare mercato assicurativo, non ci si aspetterebbe che l asimmetria informativa sia un grosso problema, in quanto la probabilità che si verifichi un inondazione è nota a tutti. L azzardo morale potrebbe essere un problema: la gente costruirà con maggiore probabilità nei pressi di una spiaggia se possiede un assicurazione contro le inondazioni. Ciononostante, ci si aspetterebbe che il mercato delle assicurazioni contro le inondazioni funzioni in modo piuttosto efficiente.

3 b. Esiste una notevole asimmetria informativa nei mercati delle assicurazioni medicosanitarie per i consumatori e anche delle assicurazioni contro gli errori dei medici. Perché si realizzi un livello efficiente di consumo, il prezzo deve essere pari al costo marginale e l effetto dell assicurazione potrebbe essere quello di abbassare la percezione del prezzo relativo al consumo di cure sanitarie, il che comporterebbe un consumo superiore al livello efficiente. A causa della regolamentazione, delle assicurazioni, delle imposte e del trasferimento dei costi dal non assicurato all assicurato, vi sono pochi motivi per credere che il mercato sia efficiente. c. Nel mercato azionario, vi è un buon livello di informazione e migliaia di acquirenti e venditori. In linea di massima, ci si aspetta degli esiti efficienti. d. Da un punto di vista nazionale, esiste molta competizione e informazione nel campo dei personal computer. L esito sarà probabilmente efficiente per le componenti hardware. Tuttavia, alcune aziende potrebbero esercitare un certo potere di mercato, in particolar modo nel mercato dei software; in questi mercati potrebbero essere presenti delle esternalità di rete, nella misura in cui il valore di un linguaggio di programmazione o di un software dipende dal numero di altri utenti che lo utilizzano. e. L allocazione nel mercato privato sarà probabilmente inefficiente senza l intervento da parte dello Stato. Il mercato dei prestiti universitari potrebbe essere soggetto ad asimmetria informativa: lo studente sa meglio dell ente che eroga il prestito se lo estinguerà o meno; è una forma di selezione avversa. In questo caso, l intervento da parte dello Stato non risolve il problema della selezione avversa (dal momento che la partecipazione al programma di prestito agli studenti non è obbligatoria), ma può creare un mercato che non esisterebbe in assenza di tale intervento. f. Vi sono molte ragioni per ritenere che la fornitura di assicurazioni automobilistiche sia con molta probabilità inefficiente in mancanza di intervento da parte dello Stato. Al pari degli altri mercati assicurativi, quello delle assicurazioni automobilistiche è soggetto ad asimmetria informativa. I conducenti che sanno di essere fortemente inclini a fare incidenti saranno particolarmente interessati a stipulare delle assicurazioni automobilistiche (o delle polizze che offrano loro una copertura anche maggiore), mentre quelli che sono meno inclini a fare incidenti (o sono in grado di auto-assicurarsi) potrebbero scegliere di non stipulare affatto un assicurazione. Obbligando gli individui a stipulare un assicurazione automobilistica qualora essi scelgano di guidare, il problema della selezione avversa risulta per certi versi alleviato (ma anche in questo caso i conducenti più inclini a fare incidenti potrebbero assicurarsi maggiormente). Un altra imperfezione di mercato, collegata alla sottoassicurazione ha a che fare con le esternalità finanziarie connesse a un incidente automobilistico: un automobilista sottoassicurato colpevole di aver causato l incidente potrebbe non avere un reddito sufficiente per coprire i danni arrecati all altro conducente, e rivelarsi inadempiente dichiarando il fallimento. Questo stratagemma crea vari problemi di azzardo morale. 3.2 Il punto a rappresenta un allocazione equa dell acqua, ma non efficiente, in quanto le curve non sono tangenti. Il punto b è una delle molte allocazioni Pareto efficienti e rappresenta un caso in cui Caterina trae un enorme beneficio dallo scambio, mentre

4 l utilità di Enrico rimane invariata rispetto all assegnazione iniziale. 1) La linea tratteggiata è posizionata nel punto di mezzo sull asse orizzontale. 2) Il punto b è un punto di tangenza. 3.3 Il saggio marginale di trasformazione fra film stranieri e nazionali dipende dai rapporti fra i loro prezzi al lordo di imposte e sussidi. A causa del dislivello creato da imposte e sussidi, i due rapporti di prezzo sono diversi. Pertanto, saggio marginale di sostituzione e saggio marginale di trasformazione non sono uguali, e l allocazione delle risorse non è efficiente. 3.5 In questo caso, la scatola di Edgeworth di fatto è una retta in quanto sull isola c è soltanto un bene. La serie delle possibili allocazioni è una linea retta, lunga 100 unità. Ogni allocazione è Pareto efficiente, dal momento che l unico modo per migliorare le condizioni di un individuo consiste nel peggiorare quelle dell altro. Nel libro non viene presentata alcuna teoria che possa essere di aiuto nel decidere se un allocazione è equa. Per quanto il fatto di suddividere le noccioline in parti uguali fra gli individui possa essere equo, potrebbe non esserlo nel momento in cui le necessità caloriche dei vari individui sono diverse. Con una funzione del benessere sociale è possibile valutare se la ridistribuzione in tutta la società intesa sia una cosa positiva. 3.6 Sulla base di questo criterio, sembrerebbe che i mercati costituiscano un ordine sociale positivo. Ciascuno agisce in modo egoistico (ossia massimizza la propria utilità), ma ne risulta un allocazione delle risorse Pareto efficiente. Il presupposto, ovviamente, è che siano valide tutte le condizioni del primo teorema fondamentale. 3.7 Sebbene il saggio marginale di sostituzione di Vittoria sia pari a quello di Alberto, non è pari al saggio marginale di trasformazione, per cui l allocazione non è Pareto efficiente. Entrambi cederebbero due tazze di tè in cambio di una scatola di biscotti ma, secondo la funzione di produzione, potrebbero di fatto ottenere sei scatole di biscotti rinunciando a due

5 tazze di tè. Cedendo le tazze di tè in cambio delle scatole di biscotti entro la funzione di produzione, le utilità di entrambi risultano incrementate. 3.8 a. Falsa. Come illustrato nel testo, l uguaglianza fra i tassi marginali di sostituzione è una condizione necessaria, ma non sufficiente. Anche il saggio marginale di sostituzione (MRS) di ciascun individuo deve essere pari al saggio marginale di trasformazione (MRT). b. Incerta. Nella misura in cui l allocazione è una soluzione interna nella scatola di Edgeworth, i saggi marginali di sostituzione degli individui devono essere uguali. Non necessariamente ciò deve essere vero, tuttavia, negli angoli in cui un consumatore possiede tutti i beni dell economia. c. Soluzione non disponibile. d. Falsa. Capitolo 4 Beni pubblici 4.1. a. Le aree naturali incontaminate sono un bene pubblico impuro: a un certo punto il consumo diventa non rivale; tuttavia non è escludibile. b. L acqua è un bene rivale nel consumo ed escludibile. Pertanto non è un bene pubblico. c. I corsi universitari di medicina sono un bene privato. d. I programmi della televisione pubblica sono non rivali nel consumo. e. Un sito Internet è non rivale nel consumo (sebbene sia escludibile). 4.2 Ipotizziamo che l utilità di Citah non rientri nella funzione del benessere sociale, per cui l allocazione dell offerta di lavoro nelle varie attività non è rilevante. a. Il bene pubblico è la sorveglianza; quello privato è la frutta. b. Si ricordi che, perché vi sia efficienza, è necessario che MRS TARZAN + MRS JANE = MRT. MRS TARZAN = MRS JANE = 2, ma MRT = 3, per cui MRS TARZAN + MRS JANE > MRT. Per raggiungere un allocazione efficiente, Citah dovrebbe intensificare l attività di sorveglianza. 4.3 Un bene pubblico puro è non rivale nel consumo, per cui è necessario determinare se l autostrada lo sia o meno. Ossia, se il costo supplementare connesso al consumo dell autostrada da parte di un altra persona è pari a zero, si tratta di un bene pubblico; pertanto, nella misura in cui l autostrada non è congestionata dal traffico, può essere considerata un bene pubblico. Tuttavia, l aggiunta di un ulteriore automobilista a un autostrada già di per sé congestionata dal traffico può causare degli ingorghi, i quali si traducono in tempi maggiori di percorrenza e quindi in costi annessi non pari a zero.

6 Pertanto, è il livello di congestione del traffico a determinare se possiamo considerare l autostrada un bene pubblico o meno. Per determinare se la privatizzazione dell autostrada rappresenti o meno un idea ragionevole, è necessario valutare vantaggi e svantaggi di tale intervento. Innanzitutto, se la struttura del mercato è tale per cui la privatizzazione dell autostrada comporterebbe che un monopolista ne assuma il controllo, sarebbe inefficiente. Inoltre, sarebbe difficile per lo Stato stipulare un contratto completo per la manutenzione dell autostrada, il che a sua volta produrrebbe delle inefficienze risultanti dalla privatizzazione. Tuttavia, qualora fosse lo Stato il proprietario dell autostrada, potrebbe non avere gli incentivi adeguati per mantenerla efficiente. In tal caso, anche la proprietà da parte di un monopolista potrebbe rappresentare un idea ragionevole. 4.4 La somma dei benefici marginali è pari al costo marginale in corrispondenza di 20 gradi. 4.5 Gli aeromobili sono beni sia rivali sia escludibili, per cui la loro produzione da parte del settore pubblico non è giustificata sulla base della teoria dei beni pubblici. Se i decisori politici partono dal presupposto che i benefici del mega jet siano pubblici, troverebbero il livello efficiente di produzione sommando verticalmente, piuttosto che orizzontalmente, le curve della domanda. Questo fa sì che i benefici risultino di gran lunga gonfiati e potrebbe essere utilizzato come pretesto per giustificare dei costi così elevati. 4.6 Il beneficio marginale di Thelma è MB THELMA = 12 Z, mentre quello di Louise è MB LOUISE = 8 2Z. Il beneficio marginale complessivo della società è dato dalla somma dei due benefici marginali, ossia MB = 20 3Z (per Z 4), ed è pari alla curva del beneficio marginale di Thelma successivamente (per Z > 4). Il costo marginale è costante a MC = 16. Stabilendo MB = MC lungo il primo segmento, si ottiene 20 3Z = 16, o Z = 4/3, che è il livello efficiente dei servizi di spazzaneve. Si noti che se Thelma o Louise dovessero sostenere individualmente l intero costo, non vi sarebbe alcun servizio di spazzaneve in quanto il costo marginale di 16 euro supera ciascuno dei loro benefici marginali derivanti dal primo spazzaneve (12 euro o 8 euro). Perciò, si tratta chiaramente di uno dei casi in cui il mercato privato non funziona molto bene. Tuttavia, si noti inoltre che se il costo marginale fosse leggermente inferiore (per esempio MC 8), potrebbe essere che Louise abbia un comportamento opportunistico (problema del free rider), e che Thelma fornisca l allocazione efficiente. Questo perché se Thelma ritiene che Louise abbia un comportamento opportunistico, fornirà la sua allocazione ottimale, il che avviene in corrispondenza del secondo segmento della curva MB della società, che è identica alla curva MB di Thelma (si noti che Louise ottiene un beneficio marginale pari a zero per Z > 4). Dal momento che Louise è perfettamente sazia di questo bene con Z = 4, la sua minaccia di avere un comportamento opportunistico è credibile se Thelma fornisce Z > 4.

7 4.7 Non esiste alcun argomento convincente a sostegno della teoria secondo la quale i musei debbano essere gestiti dallo Stato sulla base della teoria dei beni pubblici; non è pertanto opportuno pensare alla privatizzazione. L ingresso ai musei è chiaramente escludibile; la visione delle opere d arte è anche un bene rivale, dal momento che si crea congestione quando troppe persone lo consumano. Perciò i musei potrebbero essere considerati dei beni privati, piuttosto che pubblici. Negli Stati Uniti, molti grandi musei sono gestiti privatamente (senza fini di lucro) e sembrano funzionare bene. In termini di produzione pubblica o privata, nel testo si asserisce che la decisione dovrebbe basarsi sul salario relativo e sui costi delle materie prime nel settore pubblico e privato, oltre che essere determinata dai costi amministrativi, dalla diversità dei gusti e da problemi distributivi. Non vi sono argomenti convincenti per ritenere che il settore privato andrebbe soggetto a costi più elevati rispetto al settore pubblico. Per quanto riguarda la diversità di gusti, con molta probabilità un museo privato deciso a massimizzare i profitti andrà maggiormente incontro ai gusti dei consumatori rispetto a un museo pubblico (per esempio adottando nuove tecnologie che rendano il museo più godibile da parte del consumatore tipo). Per quanto riguarda i problemi distributivi, è probabile che il settore privato sia meno sensibile rispetto a quello pubblico. Il concetto di egualitarismo dei beni economici, tuttavia, è una forzatura nel caso dei musei. 4.8 a. La curva del beneficio marginale di Zaccaria indica che il beneficio marginale derivante da un faro comincia in corrispondenza di 90 euro e cala, mentre per Giacomo comincia in corrispondenza di 40 euro e cala. Nessuno dei due attribuisce al primo faro un valore pari al suo costo marginale di 100 euro, per cui nessuno sarebbe disposto da solo a pagare per un faro. b. Il beneficio marginale di Zaccaria è MB ZACCARIA = 90 Q, mentre quello di Giacomo è MB GIACOMO = 40 Q. Il beneficio marginale dell intera società è pari alla somma dei due benefici marginali, o MB = 130 2Q (per Q 40), ed è pari alla curva del beneficio marginale di Zaccaria successivamente (per Q > 40). Il costo marginale è fisso a MC = 100, per cui l intersezione del beneficio marginale aggregato e del costo marginale si produce in

8 corrispondenza di una quantità inferiore a 40. Stabilendo MB = MC si ottiene 130 2Q = 100, o Q = 15. Il beneficio netto può essere misurato considerando l area compresa fra la curva di domanda e il beneficio marginale della 15 a unità. Il beneficio netto è pari a 112,5 euro per ciascuno, per un totale di 225 euro.

9 Capitolo 5 Le esternalità 5.1 Ricevimenti al mese a. b. Il numero di ricevimenti offerti da Casanova è R. Si veda la curva MSB R. c. R*. Offrendo un sussidio unitario pari a b euro per ricevimento. d. Sussidio totale = abcd. La Società ottiene un guadagno di ghc, ipotizzando che il sussidio possa essere erogato senza costi di efficienza. (Gli amici di Casanova guadagnano gchd; Casanova perde chd, ma guadagna abcd, che per lo Stato è un costo di sussidio.) 5.2 a. Se si sa chi ha utilizzato la cucina, l esternalità è semplice da individuare e, a seconda di quanti studenti sono interessati, i costi di negoziazione dovrebbero essere piuttosto esigui. b. È improbabile che si possano applicare dei diritti di proprietà sulla pesca di pesci tropicali in Brasile. La domanda afferma che centinaia di persone pescano illegalmente questi pesci per venderli sul mercato nero internazionale. Qualora fossero loro applicati dei diritti sulla proprietà, non sarebbe chiaro a chi l esaurimento del pesce arrecherebbe di fatto danno (probabilmente alla società nel suo complesso ). Dato l elevato numero di persone danneggiate (se pur lievemente) e l elevato numero di persone dedite a questa attività, non è chiara la modalità secondo la quale i proventi dell attività sarebbero trasferiti dalla società ai pescatori. c. Ci sono troppi agricoltori e troppi abitanti delle città limitrofe perché vi possa essere negoziazione privata. d. Sono troppi gli individui coinvolti perché vi possa essere negoziazione privata ed è

10 impossibile capire in che modo trasferire i proventi. 5.3 Le imposte sono troppo basse. 5.4 Beneficio marginale privato = 10 X. Costo marginale privato = 5 euro. Costo esterno = 2 euro. In assenza di intervento pubblico, MPB = MPC; X = 5 unità. L efficienza sociale implica che MPB = costi marginali sociali = 5 euro + 2 euro = 7 euro; X = 3 unità. Il guadagno per la società corrisponde dall area del triangolo che ha come base la distanza fra il livello efficiente di produzione e quello effettivo, e come altezza la differenza fra il costo marginale privato e quello sociale. Pertanto, il guadagno in presenza del livello efficiente di produzione è ½ (5 3)(7 5) = 2. Un imposta pigouviana aggiunge al costo marginale privato l ammontare del costo esterno al livello socialmente ottimale di produzione. In questo caso, una semplice imposta unitaria di 2 euro implicherà un livello efficiente di produzione. Il gettito di questa imposta ammonterà a (2 euro) (3 unità) = 6 euro. 5.5 In assenza di prove convincenti a favore della presenza di esternalità positive nell istruzione universitaria, non esiste un motivo in termini di efficienza per cui lo Stato debba fornire un istruzione universitaria gratuita. La società potrebbe decidere che una distribuzione più equa del reddito può essere raggiunta sovvenzionando l istruzione universitaria, ma questo dibattito implica che siano espressi dei giudizi di valore. 5.6 a. Il costo totale della riduzione delle emissioni risulta minimizzato soltanto quando i costi marginali sono pari per tutte le imprese inquinanti, per cui una soluzione efficiente in termini di costi necessita che MC 1 = MC 2 oppure che 300 e 1 = 100 e 2. Sostituendo e 2 con 3e 1 nella formula e 1 + e 2 = 40 (dal momento che l obiettivo di questa politica è ridurre le emissioni di 40 unità) si ottiene la soluzione. Per essere efficiente in termini di costi, l impresa 1 dovrebbe ridurre le emissioni di 10 unità, mentre l impresa 2 di 30 unità. b. Per raggiungere l allocazione efficiente in termini di costi, si dovrebbe far pagare un imposta sulle emissioni pari a 3000 euro. Con questa imposta, l impresa 1 riduce le emissioni di 10 unità e l impresa 2 di 30 unità, ma l impresa 1 dovrà pagare 3000 euro per ciascuna unità di inquinamento che continua a produrre, il che le comporta un onere fiscale di 3000 euro 90 (l impresa 1 generava 100 unità di emissioni in assenza di intervento pubblico), ossia euro. L impresa 2 ha un onere fiscale inferiore, in quanto riduce le emissioni da 80 unità a 50 unità. L impresa 2 paga 3000 euro 50 = euro. Giungendo alla stessa conclusione del testo, l impresa che riduce meno le emissioni non trae alcun vantaggio, in quanto subisce un imposizione più elevata rispetto a quella a cui sarebbe stata sottoposta se le avesse ridotte maggiormente.

11 c. In termini di efficienza, l allocazione iniziale di autorizzazioni non ha importanza. Se le due imprese non avessero la possibilità di negoziare le autorizzazioni, l impresa 2 dovrebbe accollarsi tutta la riduzione delle emissioni. Inizialmente, MC dell impresa 1 è zero, mentre MC dell impresa 2 è 4000 euro, per cui quest ultima ha un forte incentivo ad acquistare autorizzazioni dall impresa 1. La negoziazione dovrebbe continuare fino a quando MC 1 = MC 2, che è la soluzione efficiente in termini di costi. Ciò significa che il prezzo di mercato delle autorizzazioni sarà di 3000 euro, ossia pari all imposta sulle emissioni. In corrispondenza di questo prezzo, l impresa 2 acquisterà 10 autorizzazioni dall impresa 1, il che le consentirà di ridurre le emissioni di 30 unità, piuttosto che di 40, imponendo all impresa 1 di ridurre le emissioni di 10 unità. Questa soluzione è la stessa di quella raggiunta con l imposta sulle emissioni. Tuttavia all impresa 1 conviene in quanto, invece di dover pagare delle imposte, riceverà euro in cambio delle sue autorizzazioni. L impresa 2 dovrà pagare euro per ottenere le autorizzazioni supplementari, ma eviterà di dover pagare le imposte. Il governo subisce una perdita di euro in entrate tributarie. Le imprese dovranno continuare a pagare il costo della riduzione delle emissioni e in più l impresa 2 dovrà pagare le autorizzazioni acquistate dall impresa 1. Capitolo 6 La teoria delle scelte collettive 6.1 a. Nel grafico seguente sono rappresentate graficamente le preferenze dell individuo 1 e dell individuo 2. Lo stesso procedimento viene utilizzato per gli altri tre individui. b. C vince in ciascun voto a coppie, per cui c è un risultato di maggioranza stabile, nonostante il fatto che gli individui 1, 2, e 3 abbiano preferenze bimodali. Ciò dimostra che, sebbene le preferenze multimodali possano comportare delle incoerenze di voto, non sempre ciò si verifica. 6.2 Sì, è coerente in quanto, stando alla teoria, quando è necessario raggiungere l unanimità, con

12 ogni probabilità non verrà presa alcuna decisione. Sarebbe più adatto un sistema maggioritario, per quanto esso sia soggetto, fra gli altri, al problema della ciclicità del voto.

13 Capitolo 7 La ridistribuzione del reddito: aspetti teorici 7.1 Secondo il principio dell utilitarismo, il benessere sociale dipende dalle utilità individuali. Se i ricchi siano o meno volgari è irrilevante, per cui questa parte dell affermazione non è coerente con l utilitarismo. D altra parte, l affermazione di Stein che la diseguaglianza per se non sia importante non è coerente con l utilitarismo. 7.3 a. Per massimizzare W, stabiliamo pari utilità marginali, con il vincolo che I P + I S = 100; per cui 400 2I P = 400 6I S. Sostituendo I S = 100 I P si ottiene 2I P = 6 (100 I P ). Pertanto, I P = 75, I S = 25. b. Se il benessere della società dipende unicamente da Simona, diamo il reddito a Simona fino a che MU S = 0 (a meno che tutta la ricchezza disponibile nell economia non si esaurisca prima). Pertanto, I S = 0, da cui I S = 66,67. L assegnazione di ulteriore reddito a Simona fa sì che la sua utilità marginale diventi negativa, il che non è la soluzione ottimale. Si noti che non ci interessa se il reddito restante (33,33 euro) venga distribuito o meno a Paolo. Se invece il benessere della società dipende unicamente da Paolo, utilizzando lo stesso procedimento di prima, MU P = 0 se I P = 100; pertanto, la distribuzione di tutto il reddito a Paolo è la soluzione ottimale (in realtà, saremmo disposti a dargli fino a 200). c. MU P = MU S per tutti i livelli di reddito. Pertanto, per la società è indifferente qualsiasi distribuzione del reddito. 7.4 Il principale problema concettuale del divario di povertà (poverty gap) è che non tiene conto dell effetto di reddito prodotto sull attività lavorativa dei destinatari dell intervento. Il divario di povertà viene calcolato ipotizzando che il reddito da lavoro rimarrebbe invariato anche successivamente alla distribuzione del reddito alla popolazione povera, ma secondo la teoria economica non è così. Infatti, se alla famiglia povera fosse assegnato un reddito sufficiente a farla uscire dalla povertà, riterremmo che la famiglia lavorerebbe di meno per il fatto di aver ricevuto il trasferimento, il che ovviamente complica l analisi in quanto, se una famiglia lavora di meno, genererà meno reddito da lavoro, abbassando il proprio reddito complessivo. Ciò significa che il divario di povertà di fatto stima in difetto la quantità di denaro necessaria per alleviare la povertà. 7.5 a. Falso. La società è indifferente tra dare un utilità a ciascuno degli individui, non un dollaro a ciascuno di essi. Immaginiamo che U C = I e U L = 2I. A questo punto, ciascun dollaro dato Luisa fa aumentare il benessere di una quantità maggiore rispetto allo stesso dollaro dato a Carlo. b. Vero. La funzione del benessere sociale presuppone un interpretazione fondamentale dell utilità, per cui i confronti fra individui sono validi. c. Falso. Gli allontanamenti dalla situazione di completa uguaglianza fanno aumentare il benessere sociale nella misura in cui incrementano il benessere dell individuo con il livello minimo di utilità. Per esempio, con le funzioni di utilità U C = I e U L = 2I, la funzione del benessere sociale W = minimo [U C, U L ] distribuirebbe a Carlo un

14 reddito per due volte superiore rispetto a Luisa.

15 Capitolo 8 La governance europea delle politiche fiscali e l adozione del Bilancio dello Stato Soluzioni non disponibili. Capitolo 9 Il finanziamento in disavanzo Soluzioni non disponibili. Capitolo 10 La spesa sanitaria 10.1 Un assicurazione efficiente bilancia i guadagni derivanti dalla riduzione del rischio con le perdite associate all azzardo morale, richiedendo esborsi elevati a carico dell assicurato per i servizi medici a basso costo e coperture più generose per i servizi costosi. La fornitura di questo farmaco ai pazienti attraverso una terza parte che ne finanzia il costo soddisfa i requisiti di un assicurazione efficiente a. P = Q = 50 euro, per cui Q = 2 visite all anno. Il costo totale è (50 euro)(2) = 100 euro. b. Con un assicurazione che copre il 50% dei costi, l assicurato paga 25 euro per visita e la quantità richiesta è di 3 visite all anno. I costi a carico dell assicurato ammonteranno a 75 euro e la compagnia assicurativa pagherà 75 euro (25 euro per visita, 3 visite all anno). c. L introduzione dell assicurazione ha fatto sì che la quantità richiesta aumentasse da 2 a 3 per il fatto che il prezzo effettivo pagato dall assicurato è sceso da 50 euro a 25 euro, ma il costo marginale è rimasto di 50 euro per visita. L assicurato usufruisce dei servizi sanitari oltre il punto in cui il suo beneficio marginale è pari al costo marginale, il che genera un inefficienza o una perdita secca. Il costo marginale della terza visita è 50 euro, ma il beneficio marginale è 25 euro, per cui la perdita secca è pari a questa differenza, ossia 25 euro. Se viene applicato il metodo presentato in Figura 9.3, il triangolo della perdita secca avrà un area pari a 12,50 euro. d. Se il beneficio marginale connesso alla visita dal medico è pari a 50 euro, non c è perdita secca in quanto il beneficio marginale è pari al costo marginale a. Esiste una probabilità del 95% che non vi ammaliate, nel qual caso il reddito è di euro, e una probabilità del 5% che vi ammaliate, nel qual caso il reddito è di euro, per via della perdita di euro. Perciò, il reddito atteso è (0,95)(30 000) + (0,05)(10 000) = L utilità connessa al fatto di avere un reddito certo pari a euro è 11,66, ma l utilità attesa è di soltanto (0,95)U(30 000) + (0,05)U(10 000) = (0,95)(11,695) + (0,05)(10,597) = 11,64. b. Un premio equo sarebbe 1000 euro, dal momento che esiste una possibilità su venti che la compagnia assicurativa debba coprire le perdite di euro. Se acquistate un assicurazione per 1000 euro, avrete un reddito certo di euro e l utilità di 29,000 euro è 11,66.

16 c. Stabilendo l utilità attesa pari a 11,64 e risolvendo nel reddito, si ottiene euro circa, il che indica che vi sarebbe indifferente accollarvi il rischio e avere il reddito atteso di euro oppure acquistare l assicurazione con un reddito certo di euro. Se l assicurazione costa euro euro = 1612 euro, vi è indifferente avere l assicurazione o non averla, per cui 1612 euro è l ammontare massimo che sareste disposti a pagare (la leggera differenza è dovuta all arrotondamento) Se la probabilità di essere colti in flagranza di reato è del 20% e la multa è di 100 euro, il costo atteso è di 20 euro; se la probabilità di essere colti in flagranza di reato è del 10% e la multa è di 200 euro, il costo atteso è sempre di 20 euro. Nel caso della prima opzione, il valore atteso del fatto di lasciare rifiuti per strada è 0,8(B) + 0,2(B 100 euro), mentre nel caso della seconda opzione è 0,9(B) + 0,1(B 200 euro), dove B è il beneficio connesso al fatto di imbrattare le strade. Dal momento che l utilità attesa è maggiore nel caso della prima opzione, ipotizzando un utilità marginale decrescente, la seconda opzione avrebbe un maggiore effetto deterrente, comportando una maggiore riduzione del fenomeno. Inoltre, stabilire multe più salate costa meno rispetto ad aumentare il numero di forze dell ordine preposte al controllo. Capitolo 11 - Gli interventi di sostegno al reddito in caso di disoccupazione 11.1 a. In assenza del programma, il vincolo di bilancio di Luisa è dato dalla retta AD; in presenza del programma, il suo vincolo di bilancio è dato da ABCD. Il sussidio viene ridotto a zero se Luisa lavora 20 ore al mese, dal momento che il suo stipendio orario è di 10 euro. b. A molti lavoratori che percepiscono un salario basso converrebbe fare zero ore di lavoro in presenza di questo programma, come illustrato in Figura c. Se l aliquota d imposta marginale implicita sul sussidio è del 66,67%, Luisa può

17 lavorare 30 ore prima di perdere completamente l assegno di base di 200 euro. Il suo vincolo di bilancio passa a AECD, come illustra il grafico seguente.

18 d. Nel grafico seguente, la curva di indifferenza più in alto corrisponde al programma con un aliquota d imposta marginale del 66,67%, quella centrale al programma con un aliquota d imposta marginale del 100% e quella più in basso all assenza di programma. Le ore lavorate scendono a zero con l aliquota d imposta marginale del 100%, mentre scendono in parte, senza tuttavia arrivare a zero, con l aliquota d imposta marginale del 66,67%. Non ci sono sufficienti informazioni per prevedere quante ore Luisa lavorerà in ciascuno dei casi. In generale, l aliquota d imposta marginale più bassa fa aumentare gli incentivi a lavorare, come illustrano le Figure 9.10 e Reddito 10T A 200 T - 30 T - 20 T Ore di tempo libero

19 11.2 Per un individuo che non sceglie di non lavorare mentre riceve i sussidi, in questo caso la curva di indifferenza più in alto tocca il vincolo di bilancio sull asse verticale destro. Si noti che il saggio marginale di sostituzione (MRS) non necessariamente è pari al tasso salariale al netto d imposta alla dotazione di tempo; piuttosto, è possibile che l individuo in questione voglia consumare più tempo libero rispetto alla sua dotazione di tempo, ma è ovviamente costretto a non poterlo fare.

20 11.3 a. Quando le ore di lavoro (entrate) di Eleonora passano da 0 a 1000 (da 0 a 8000 dollari), ha i requisiti per ricevere un credito supplementare d imposta sul reddito da lavoro di 3200 dollari (= 0, dollari). Perciò, il suo reddito aumenta passando da 0 a dollari. Nota per i docenti: la distinzione fra entrate e reddito potrebbe indurre confusione nelle risposte degli studenti. b. Quando le ore di lavoro (entrate) di Eleonora passano da 1000 a 1500 (da 8000 a dollari), ha i requisiti per ricevere il massimo credito d imposta sul reddito da lavoro (in base alla Figura del libro). Riceve il credito totale d imposta sul reddito da lavoro quando le sue entrate superano dollari, momento in cui il suo credito è pari a 4204 dollari (= 0, dollari). Le entrate comprese fra e dollari non determinano né un sussidio né la cessazione del credito d imposta sul reddito da lavoro. Perciò, il suo reddito aumenta passando da a dollari. c. Quando le ore di lavoro (entrate) di Eleonora passano da 1500 a 2000 (da a dollari), passa nello scaglione in cui il credito d imposta sul reddito da lavoro viene cessato. In base alla Figura del libro, riceve il sussidio massimo di 4204 dollari finché le sue entrate non superano dollari. Per le entrate marginali comprese fra e dollari, il credito d imposta sul reddito da lavoro viene ridotto a un aliquota d imposta del 21,06%. Perciò, il suo credito d imposta sul reddito da lavoro diminuisce di 267,46 dollari passando da 4204 a 3936,54 dollari (= ,2106 ( )). Il suo reddito aumenta passando da a ,54 dollari Dal momento che Pietro non deve pagare le imposte sui contributi previdenziali e sociali, il 55% circa del suo reddito al netto d imposta viene sostituito dal sussidio contro la disoccupazione. L esistenza del sussidio contro la disoccupazione può comportare che i lavoratori siano più propensi ad accettare di lavorare in settori nei quali la probabilità di licenziamento per mancanza di lavoro è elevata. Il sussidio contro la disoccupazione, inoltre, induce il disoccupato a dedicare alla ricerca di un impiego una maggiore quantità di tempo rispetto a quanto avrebbe fatto altrimenti. È probabile che questi problemi di azzardo morale si acuiscano nel momento in cui il tasso di sostituzione al netto d imposta aumenta. Capitolo 12 La spesa previdenziale 12.1 La persona che non risparmia abbastanza per gli anni della pensione potrebbe farlo nella convinzione che lo Stato debba sentirsi obbligato a venire in suo aiuto qualora si trovasse in una situazione sufficientemente disperata. Con questa convinzione, i più giovani potrebbero intenzionalmente rifiutarsi di risparmiare in maniera adeguata. Una giustificazione della natura obbligatoria della previdenza sociale è il fatto di risolvere il problema del risparmio inefficientemente basso causato dall azzardo morale a. Il problema non fornisce informazioni sulla funzione di utilità, per cui il punto ottimale è quello in cui la curva di indifferenza viene tracciata tangente alla retta di bilancio, il che può prodursi in corrispondenza di diversi valori a seconda di come la curva viene tracciata. Nel grafico seguente, il punto ottimale implica un risparmio di 8000 euro e il consumo futuro è dato dal reddito del periodo 2 (5000 euro) più i risparmi con gli interessi (8800 euro).

Equilibrio generale ed efficienza economica

Equilibrio generale ed efficienza economica Equilibrio generale ed efficienza economica Analisi dell equilibrio generale Efficienza nello scambio Equità ed efficienza Panoramica sull efficienza nei mercati concorrenziali Perché i mercati falliscono

Dettagli

Selezione avversa, screening e segnalazione

Selezione avversa, screening e segnalazione Selezione avversa, screening e segnalazione Il modello principale agente è uno strumento fondamentale per analizzare le relazioni economiche caratterizzate da problemi di asimmetrie informative un primo

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

CAPITOLO 11 INCENTIVI SALARIALI

CAPITOLO 11 INCENTIVI SALARIALI CAPITOLO 11 INCENTIVI SALARIALI 11-1. Fate l ipotesi che ci siano 100 lavoratori in un economia in cui operano due imprese. Per l impresa A, il prodotto marginale dei lavoratori è pari a 35 l ora. Per

Dettagli

Efficienza ed equità

Efficienza ed equità Efficienza ed equità Efficienza ed equità Abbiamo visto nelle lezioni precedenti che, nella situazione ideale di assenza di fallimenti del mercato, il mercato condurrebbe a un risultato Pareto-efficiente.

Dettagli

MONOPOLIO. 1. Massimizzazione del Profitto

MONOPOLIO. 1. Massimizzazione del Profitto MONOPOLIO Quando nel mercato c è una sola impresa, difficilmente questa accetta il prezzo di mercato come dato. Il monopolista può infatti influire sul prezzo di mercato (price-maker) e quindi sceglie

Dettagli

CAPITOLO 5 I DIFFERENZIALI SALARIALI COMPENSATIVI

CAPITOLO 5 I DIFFERENZIALI SALARIALI COMPENSATIVI CAPITOLO 5 I DIFFERENZIALI SALARIALI COMPENSATIVI 5-1. I politici ambientalisti spesso sostengono che è redditizio per le imprese perseguire una strategia amica dell ambiente (per esempio, costruendo fabbriche

Dettagli

Esercizi di Scienza delle finanze (a.a. 2011/2012) CFU 1: Ruolo economico dello settore pubblico ed economia del benessere

Esercizi di Scienza delle finanze (a.a. 2011/2012) CFU 1: Ruolo economico dello settore pubblico ed economia del benessere Esercizi di Scienza delle finanze (a.a. 2011/2012) CFU 1: Ruolo economico dello settore pubblico ed economia del benessere 1.1 Antonio (A) e Bice (B) consumano due beni, yogurt (y) e wafer (w). I due beni

Dettagli

ESERCITAZIONE 8: GIOCHI SEQUENZIALI, ASIMMETRIE INFORMATIVE ED ESTERNALITA

ESERCITAZIONE 8: GIOCHI SEQUENZIALI, ASIMMETRIE INFORMATIVE ED ESTERNALITA MICRECNMI CLE.. 003-004 ssistente alla didattica: Elena rgentesi ESERCITZINE 8: GICHI SEUENZILI, SIMMETRIE INFRMTIVE E ESTERNLIT Esercizio : Giochi sequenziali e minacce credibili Si consideri un mercato

Dettagli

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15)

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE Esistono molteplici relazioni tra mercati Per comprendere il funzionamento dell economia è quindi indispensabile

Dettagli

CAPITOLO 10 I SINDACATI

CAPITOLO 10 I SINDACATI CAPITOLO 10 I SINDACATI 10-1. Fate l ipotesi che la curva di domanda di lavoro di una impresa sia data da: 20 0,01 E, dove è il salario orario e E il livello di occupazione. Ipotizzate inoltre che la funzione

Dettagli

Indice. 1 La teoria del prezzo di mercato (domanda e offerta di un bene) -------------------------------- 3

Indice. 1 La teoria del prezzo di mercato (domanda e offerta di un bene) -------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI ECONOMIA POLITICA LEZIONE II IL MERCATO PROF. ALDO VASTOLA Indice 1 La teoria del prezzo di mercato (domanda e offerta di un bene) -------------------------------- 3 1.1. Applicazioni della

Dettagli

Equilibrio economico generale e benessere

Equilibrio economico generale e benessere Scambio Equilibrio economico generale e benessere Equilibrio economico generale e benessere (KR 12 + NS 8) Dipartimento di Economia Politica Università di Milano Bicocca Outline Scambio 1 Scambio 2 3 4

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

SCAMBIO EFFICIENTE. Cos è la Scatola di Edgeworth?

SCAMBIO EFFICIENTE. Cos è la Scatola di Edgeworth? SCAMBIO EFFICIENTE Per determinare se l equilibrio competitivo soddisfa la condizione di scambio efficiente, dovremo sviluppare uno strumento grafico chiamato la Scatola di Edgeworth e utilizzato per descrivere

Dettagli

Le ragioni dell intervento pubblico

Le ragioni dell intervento pubblico Le ragioni dell intervento pubblico 1. COME VALUTARE GLI ESITI DEL MERCATO PRIVATO E DELL INTERVENTO PUBBLICO (L OTTIMO SOCIALE) 2. QUANDO IL MERCATO REALIZZA L OTTIMO SOCIALE 3. QUANTO IL MERCATO FALLISCE

Dettagli

5.7. Assicurazione e equilibri di separazione.

5.7. Assicurazione e equilibri di separazione. ELORTO DL PR ON LINE DI ECONOMI DEI CONTRTTI 5.7. ssicurazione e equilibri di separazione. In questo paragrafo esaminiamo l attività di screening di una compagnia assicurativa (per definizione neutrale

Dettagli

Corso di POLITICA ECONOMICA

Corso di POLITICA ECONOMICA Corso di POLITICA ECONOMICA Giuseppe Croce Università La Sapienza - sede di Latina a.a. 2013-14 Queste slides non sostituiscono in alcun modo i testi consigliati per la preparazione dell esame ma intendono

Dettagli

Programma delle Lezioni

Programma delle Lezioni UniversitàdegliStudidi Bologna Facoltà di Scienze Politiche Corsodi Laureain ScienzePolitiche, Socialie Internazionali Microeconomia (A-E) Matteo Alvisi Parte 7 EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE E COMMERCIO

Dettagli

Capitolo 9. Concorrenza imperfetta e conseguenze del potere di mercato. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 9. Concorrenza imperfetta e conseguenze del potere di mercato. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 9 Concorrenza imperfetta e conseguenze del potere di mercato Forme di concorrenza imperfetta Esistono tre forme di concorrenza imperfetta: 1) Monopolio una singola impresa tratta con molti acquirenti;

Dettagli

massimizzazione del benessere sociale

massimizzazione del benessere sociale POLITICA ECONOMICA A.A. 2011-2012 Prof. Francesca Gastaldi TEORIA DELL ECONOMIA DEL BENESSERE (1930-1950) che studia il funzionamento di una economia di produzione e di scambio domandandosi quale debba

Dettagli

Capitolo 26: Il mercato del lavoro

Capitolo 26: Il mercato del lavoro Capitolo 26: Il mercato del lavoro 26.1: Introduzione In questo capitolo applichiamo l analisi della domanda e dell offerta ad un mercato che riveste particolare importanza: il mercato del lavoro. Utilizziamo

Dettagli

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza 23.1: Introduzione In questo capitolo studiamo la scelta ottima del consumatore in condizioni di incertezza, vale a dire in situazioni tali che il consumatore

Dettagli

Elementi di economia Economia dell informazione

Elementi di economia Economia dell informazione Elementi di economia Economia dell informazione Dott.ssa Michela Martinoia michela.martinoia@unimib.it Corso di laurea in Scienze del Turismo e Comunità Locale A.A. 2014/15 Informazione completa Significa

Dettagli

Vincolo di bilancio del consumatore, paniere ottimo

Vincolo di bilancio del consumatore, paniere ottimo Microeconomia, Esercitazione 2 (26/02/204) Vincolo di bilancio del consumatore, paniere ottimo Dott. Giuseppe Francesco Gori Domande a risposta multipla ) Antonio compra solo due beni, sigarette e banane.

Dettagli

Fallimenti del mercato: Il monopolio

Fallimenti del mercato: Il monopolio Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Fallimenti del mercato: Il monopolio Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Concorrenza imperfetta La concorrenza

Dettagli

Economia pubblica. Alberto Zanardi

Economia pubblica. Alberto Zanardi Università di Bologna Scuola di Economia, Management e Statistica Corso di laurea CLEF Economia pubblica a.a. 2013-14 14 (8 crediti, 60 ore insegnamento) Le asimmetrie informative Alberto Zanardi Carenze

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

Capitolo Quinto: L interesse

Capitolo Quinto: L interesse Capitolo Quinto: L interesse 95 Capitolo Quinto L interesse L interesse può essere definito come il prezzo che si paga per l uso del risparmio altrui: esso viene corrisposto a chi dispone di capitale finanziario

Dettagli

Unità 3 I mercati e le ipotesi di fallimento del mercato

Unità 3 I mercati e le ipotesi di fallimento del mercato Unità 3 I mercati e le ipotesi di fallimento del mercato Sommario Mappa grafica dei contenuti proposti dalla scheda Abstract Obiettivi d apprendimento specifici alla scheda 1. Equilibrio di mercato 2.

Dettagli

Economia Internazionale e Politiche Commerciali (a.a. 12/13)

Economia Internazionale e Politiche Commerciali (a.a. 12/13) Economia Internazionale e Politiche Commerciali (a.a. 12/13) Soluzione Esame (11 gennaio 2013) Prima Parte 1. (9 p.) (a) Ipotizzate che in un mondo a due paesi, Brasile e Germania, e due prodotti, farina

Dettagli

Lezione 16 2 Teorema economia benessere. Surplus produttore e consumatore. Esternalità e Beni pubblici

Lezione 16 2 Teorema economia benessere. Surplus produttore e consumatore. Esternalità e Beni pubblici Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 16 2 Teorema economia benessere. Surplus produttore e consumatore. Esternalità e Beni pubblici Facoltà di Economia Università di Roma La Sapienza Economia

Dettagli

Economia dell Informazione. Cap. 12

Economia dell Informazione. Cap. 12 Economia dell Informazione Cap. 12 Informazione completa Significa che non esistono gap informativi rispetto a nessuna delle situazioni connesse agli scambi: sui beni disponibili, sui loro prezzi, sulla

Dettagli

La Concorrenza Monopolistica

La Concorrenza Monopolistica La Concorrenza Monopolistica Caratteristiche Molteplicità di imprese Libertà di entrata (entreranno imprese finché vi sarà possibilità di profitti positivi). L entrata di nuove imprese favorisce i consumatori

Dettagli

Capitolo 16 Esternalità, diritti di proprietà e teorema di Coase

Capitolo 16 Esternalità, diritti di proprietà e teorema di Coase Capitolo 16 Esternalità, diritti di proprietà e teorema di Coase COSA ABBIAMO IMPARATO FINORA (PARTE TERZA) Un economia perfettamente concorrenziale è in grado di raggiungere l ottimalità-paretiana (=una

Dettagli

Corso di Laurea: Operatori pluridisciplinari e interculturali d'area mediterranea SCIENZA DELLE FINANZE. Docente: Gatto Antonino

Corso di Laurea: Operatori pluridisciplinari e interculturali d'area mediterranea SCIENZA DELLE FINANZE. Docente: Gatto Antonino Corso di Laurea: Operatori pluridisciplinari e interculturali d'area mediterranea SCIENZA DELLE FINANZE Docente: Gatto Antonino Elaborazione: Dott.ssa Locantro Antonia Lucia I motivi dell intervento dello

Dettagli

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa Economia La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA Così come in una famiglia, anche in una economia si devono affrontare molte

Dettagli

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 A. Il modello macroeconomico in economia chiusa e senza settore pubblico. A.1. Un sistema economico

Dettagli

Crescita della moneta e inflazione

Crescita della moneta e inflazione Crescita della moneta e inflazione Alcune osservazioni e definizioni L aumento del livello generale dei prezzi è detto inflazione. Ultimi 60 anni: variazione media del 5% annuale. Effetto: i prezzi sono

Dettagli

Per esempio, se il tasso di interesse è il 10%, il punto A sarebbe: A = 60 000 + [ 50 000 x (1 + 0.1)] = 60 000 + 55 000 = 115 000

Per esempio, se il tasso di interesse è il 10%, il punto A sarebbe: A = 60 000 + [ 50 000 x (1 + 0.1)] = 60 000 + 55 000 = 115 000 Appendice 4A Valore attuale netto: principi-base di finanza In questa appendice illustriamo i fondamenti teorici del valore attuale netto. Prima spieghiamo come vengono effettuate le scelte individuali

Dettagli

La condivisione del rischio e la sua ripartizione su ampia scala

La condivisione del rischio e la sua ripartizione su ampia scala La condivisione del rischio e la sua ripartizione su ampia scala Kreps: "Microeconomia per manager" 1 ARGOMENTI DI QUESTA LEZIONE Questa lezione fornisce la principale motivazione economica dell esistenza

Dettagli

ANALISI COSTI-BENEFICI

ANALISI COSTI-BENEFICI ANALISI COSTI-BENEFICI Valutazione di progetti pubblici Le politiche pubbliche correnti consistono nel realizzare progetti pubblici: il policy maker deve decidere quale progetto è da preferire tra le varie

Dettagli

COMMERCIO E RISORSE: IL MODELLO DI HECKSCHER-OHLIN. Sommario. Sommario. Introduzione. Conclusioni

COMMERCIO E RISORSE: IL MODELLO DI HECKSCHER-OHLIN. Sommario. Sommario. Introduzione. Conclusioni COMMERCIO E RISORSE: IL MODELLO DI HECKSCHER-OHLIN 4 1 Il modello di Heckscher-Ohlin 2 Gli effetti del commercio sui prezzi dei fattori 3 Estensioni del modello di Heckscher-Ohlin 4 Conclusioni Sommario

Dettagli

Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali

Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali 22.1: Introduzione In questo capitolo analizziamo lo scambio nel mercato dei capitali, dove si incontrano la domanda di prestito e l offerta di credito.

Dettagli

Equilibrio di mercato e analisi di statica comparata

Equilibrio di mercato e analisi di statica comparata CAPITOLO 1 Equilibrio di mercato e analisi di statica comparata Esercizio 1.1. Si consideri un mercato per un determinato bene. La curva di offerta delle imprese è Q S = 60 + p, quella di domanda dei consumatori

Dettagli

Corso di Laurea: Operatori pluridisciplinari e interculturali d'area mediterranea SCIENZA DELLE FINANZE. Docente: Gatto Antonino

Corso di Laurea: Operatori pluridisciplinari e interculturali d'area mediterranea SCIENZA DELLE FINANZE. Docente: Gatto Antonino Corso di Laurea: Operatori pluridisciplinari e interculturali d'area mediterranea SCIENZA DELLE FINANZE Docente: Gatto Antonino Elaborazione: Dott.ssa Locantro Antonia Lucia L oggetto di studio della scienza

Dettagli

Domanda e Offerta. G. Pignataro Microeconomia SPOSI

Domanda e Offerta. G. Pignataro Microeconomia SPOSI Domanda e Offerta Domanda e Offerta Il meccanismo di mercato Variazioni dell equilibrio di mercato Elasticità della domanda e dell offerta Elasticità di breve e di lungo periodo Gli effetti dell intervento

Dettagli

Corso di Economia Politica (a.a. 2007-8) Esercitazioni - Microeconomia

Corso di Economia Politica (a.a. 2007-8) Esercitazioni - Microeconomia Corso di Economia Politica (a.a. 007-8) Esercitazioni - Microeconomia Capitolo 6: Problemi 5, 6, 8, 9 Capitolo 7: Problemi 1,, 4 Capitolo 8: Problemi 3, 10 Capitolo 9: Problemi 3, 4, 7, 9 Capitolo 10:

Dettagli

Capitoli: 1-9. Corso di Economia Politica Esercitazioni (Microeconomia)

Capitoli: 1-9. Corso di Economia Politica Esercitazioni (Microeconomia) Capitoli: 1-9 Corso di Economia Politica Esercitazioni (Microeconomia) 1 Capitolo 1 Problema 2 Coltivazione di pomodori: prezzo al mercato 30 cent. al KG La produzione finale dipende dall utilizzo di concime

Dettagli

I mercati assicurativi

I mercati assicurativi I mercati NB: Questi lucidi presentano solo parzialmente gli argomenti trattati ttati in classe. In particolare non contengono i modelli economici per i quali si rinvia direttamente al libro di testo e

Dettagli

Organizzazione aziendale Lezione 6 I fallimenti del mercato Cap. 2. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.

Organizzazione aziendale Lezione 6 I fallimenti del mercato Cap. 2. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299. Organizzazione aziendale Lezione 6 I fallimenti del mercato Cap. 2 Ing. m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28 Le cause delle distorsioni Concorrenza insufficiente Rendimenti crescenti di scala

Dettagli

Massimizzazione del profitto

Massimizzazione del profitto Massimizzazione del Profitto e offerta concorrenziale Mercati perfettamente concorrenziali Massimizzazione del profitto Ricavo marginale, costo marginale e massimizzazione del profitto La scelta di produzione

Dettagli

Scelte in condizioni di rischio e incertezza

Scelte in condizioni di rischio e incertezza CAPITOLO 5 Scelte in condizioni di rischio e incertezza Esercizio 5.1. Tizio ha risparmiato nel corso dell anno 500 euro; può investirli in obbligazioni che rendono, in modo certo, il 10% oppure in azioni

Dettagli

Economia Pubblica. Giuseppe De Feo. Secondo Semestre 2014-15. Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it

Economia Pubblica. Giuseppe De Feo. Secondo Semestre 2014-15. Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it Economia Pubblica Giuseppe De Feo Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it Secondo Semestre 2014-15 Outline I Richiami di Economia del Benessere Economia di mercato e Intervento pubblico

Dettagli

5.7. Assicurazione, selezione e equilibri di separazione.

5.7. Assicurazione, selezione e equilibri di separazione. ELBORTO SULL BSE DEL PR ON LINE 5.7 DI NICIT-SCOPP, ECONOMI DEI CONTRTTI (versione CZ del 10.12.2012) 5.7. ssicurazione, selezione e equilibri di separazione. In questo paragrafo esaminiamo l attività

Dettagli

Macroeconomia II a parte

Macroeconomia II a parte Macroeconomia II a parte Prof. Ing.. Giovanni Perrone Production Engineering Research WorkGROUP Agenda Risparmio ed investimento; Propensione al consumo e al risparmio; Propensioni marginali; La determinazione

Dettagli

Mercati assicurativi, Adverse selection e Moral hazard

Mercati assicurativi, Adverse selection e Moral hazard 5/0/05 Università degli Studi di Perugia Corso di Laurea Magistrale in Scienze della Politica e dell'amministrazione COOMIA FIAZA PUBBLICA nza Caruso Lezione n. 3 I fallimenti del mercato: lo Stato può

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Macroeconomia sui capitoli 19 e 20. Dott.ssa Rossella Greco

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Macroeconomia sui capitoli 19 e 20. Dott.ssa Rossella Greco Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica Esercitazione di Macroeconomia sui capitoli 19 e 20 Dott.ssa Rossella Greco Domanda 1 (Problema 1. dal Cap. 19 del Libro di Testo) Nei paesi di Richland

Dettagli

Capitolo 17. I mercati con informazione asimmetrica

Capitolo 17. I mercati con informazione asimmetrica Capitolo 17 I mercati con informazione asimmetrica Introduzione L incertezza sulla qualità e il mercato dei bidoni I segnali di mercato Il rischio morale Il problema agente-principale L informazione asimmetrica

Dettagli

Università degli Studi di Perugia AA. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.

Università degli Studi di Perugia AA. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg. Università degli Studi di Perugia AA. 2014/2015 Dipartimento di Economia ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it) Richiami di microeconomia La curva di domanda o Le scelte

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 11, 12 e 13

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 11, 12 e 13 Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 11, 12 e 13 Domanda 1 (Problema 3. dal Cap. 11 del Libro di Testo) Curva di offerta degli stereo portatili

Dettagli

Monday, October 1, 12 ECONOMIA DELL ISTRUZIONE

Monday, October 1, 12 ECONOMIA DELL ISTRUZIONE ECONOMIA DELL ISTRUZIONE Obiettivi Analizzare la natura economica del bene istruzione; Individuare le caratteristiche della sua produzione e del relativo mercato ; Analizzare le ragioni e le modalità dell

Dettagli

Domanda e offerta aggregata

Domanda e offerta aggregata Domanda e offerta aggregata Breve e lungo periodo L andamento del Pil nel lungo periodo dipende dai fattori che spiegano la crescita: la forza lavoro, la disponibilità di capitale fisico e umano, le risorse

Dettagli

DOMANDE di RIEPILOGO

DOMANDE di RIEPILOGO DOMANDE di RIEPILOGO UNITA A - ANALISI ECONOMICA DELL IMPRESA Lez 3 Aspetti organizzativi dell impresa Natura e forme istituzionali Quali sono le caratteristiche dell impresa come istituzione gerarchica

Dettagli

Modello neoclassico per la specializzazione internazionale: Heckscher-Ohlin

Modello neoclassico per la specializzazione internazionale: Heckscher-Ohlin Corso di Politica Economica Europee Stefano Papa spapa@uniroma1.it Modello neoclassico per la specializzazione internazionale: Heckscher-Ohlin Facoltà di Economica Università di Roma Sapienza Da produttività

Dettagli

REGOLAZIONE (E TASSAZIONE OTTIMALE) DI UN MONOPOLIO CON PIÙ LINEE DI PRODUZIONE

REGOLAZIONE (E TASSAZIONE OTTIMALE) DI UN MONOPOLIO CON PIÙ LINEE DI PRODUZIONE REGOLAZIONE (E TASSAZIONE OTTIMALE) DI UN MONOPOLIO CON PIÙ LINEE DI PRODUZIONE Nella Sezione 16.5 abbiamo visto come un regolatore che voglia fissare il prezzo del monopolista in modo da minimizzare la

Dettagli

Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo

Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Lezione 14 Equilibrio economico generale (efficienza nello scambio) e fallimenti del mercato Facoltà di Scienze della Comunicazione

Dettagli

Fallimenti del mercato

Fallimenti del mercato Fallimenti del mercato Il mercato fallisce quando non è in grado di raggiungere un ottimo socialmente soddisfacente in termini di efficienza ed equità Potere di mercato Esternalità Beni pubblici Asimmetria

Dettagli

CAPITOLO 13 L offerta aggregata e il trade-off di breve periodo tra inflazione e disoccupazione

CAPITOLO 13 L offerta aggregata e il trade-off di breve periodo tra inflazione e disoccupazione CAPITOLO 13 L offerta aggregata e il trade-off di breve periodo tra inflazione e disoccupazione Domande di ripasso 1. In questo capitolo abbiamo esaminato tre modelli della curva di offerta aggregata di

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 7 e 8

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 7 e 8 Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 7 e 8 Domanda 1 Dite quale delle seguenti non è una caratteristica di un mercato perfettamente competitivo:

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Capitolo 34: Informazione Asimmetrica

Capitolo 34: Informazione Asimmetrica Capitolo 34: Informazione Asimmetrica 34.1: Introduzione Fino ad ora abbiamo assunto che tutti gli agenti abbiano accesso alle stesse informazioni sul bene scambiato nel mercato. In questo capitolo studiamo

Dettagli

L assenza di condizioni di concorrenza perfetta

L assenza di condizioni di concorrenza perfetta Monopolio L assenza di condizioni di concorrenza perfetta è causa di fallimento del mercato per la difficoltà delle parti a trovare un accordo potenzialmente vantaggioso p Condizione di max profitto del

Dettagli

La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3)

La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3) La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3) L'INSIEME OPPORTUNITÁ E IL VINCOLO DI BILANCIO Un paniere di beni rappresenta una combinazione di beni o servizi Il vincolo di bilancio o retta

Dettagli

Il mercato di monopolio

Il mercato di monopolio Il monopolio Il mercato di monopolio Il monopolio è una struttura di mercato caratterizzata da 1. Un unico venditore di un prodotto non sostituibile. Non ci sono altre imprese che possano competere con

Dettagli

1. Esternalità 2. Beni pubblici 3. Costi di transaz. e asimmetrie informative. B. Mercati non completi. 1. Equità dell equilibrio 2.

1. Esternalità 2. Beni pubblici 3. Costi di transaz. e asimmetrie informative. B. Mercati non completi. 1. Equità dell equilibrio 2. CAUSE DI FALLIMENTO DEL MERCATO 1. Scarsa numerosità degli operatori 2. Rendimenti di scala crescenti 3. Barriere o costi di entrata e uscita A. Mercati non concorrenziali 4. Presenza di accordi e intese

Dettagli

CAPITOLO 4 La moneta e l inflazione

CAPITOLO 4 La moneta e l inflazione CAPITOLO 4 La moneta e l inflazione Domande di ripasso 1. La moneta ha tre funzioni: riserva di valore, unità di conto e mezzo di scambio. In quanto riserva di valore, la moneta rappresenta un modo per

Dettagli

Tutorial a cura di: LEGRENZI ROBERTO 44456 LUBRINI DAMIANO 46235 NORIS MARCO 44570 PALAMINI MAURIZIO 44585

Tutorial a cura di: LEGRENZI ROBERTO 44456 LUBRINI DAMIANO 46235 NORIS MARCO 44570 PALAMINI MAURIZIO 44585 LA CONCORRENZA DEI PREZZI Differenziazione/Oligopolio Tutorial a cura di: LEGRENZI ROBERTO 44456 LUBRINI DAMIANO 4635 NORIS MARCO 44570 PALAMINI MAURIZIO 44585 Economia industriale: Prof. Gianmaria Martini

Dettagli

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg. Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it) Introduzione Tipologie di discriminazione Prezzi non

Dettagli

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore 13.1: Introduzione L analisi dei due capitoli precedenti ha fornito tutti i concetti necessari per affrontare l argomento di questo capitolo:

Dettagli

Indice. 1 La disoccupazione ---------------------------------------------------------------------------------------- 3. 2 di 6

Indice. 1 La disoccupazione ---------------------------------------------------------------------------------------- 3. 2 di 6 INEGNAMENO DI EONOMIA OLIIA LEZIONE VIII IL EORE DELL OUAZIONE ROF. ALDO VAOLA Economia olitica Indice 1 La disoccupazione ----------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Lezione 2: Teoria del commercio internazionale: Heckscher-Ohlin

Lezione 2: Teoria del commercio internazionale: Heckscher-Ohlin Corso di Economia e Politica economica nei mercati globali S. Papa spapa@unite.it Lezione 2: Teoria del commercio internazionale: Heckscher-Ohlin Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo

Dettagli

= 8.000 + 2.000 = 5.000.

= 8.000 + 2.000 = 5.000. Esercizio 1 Consideriamo il mercato delle barche usate e supponiamo che esse possano essere di due tipi, di buona qualità e di cattiva qualità. Il valore di una barca di buona qualità è q = 8000, mentre

Dettagli

Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2.

Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2. Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2.it) Monopolio e regolamentazione Introduzione Regola dell elasticità Inefficienza

Dettagli

Ist. di Economia Politica I a.a. 2010-11 A. Lasagni (A-D) - P. Fabbri (E-N) - M. Ziliotti (O-Z) Esame del 10/07/2012 ore 14 Tipo A

Ist. di Economia Politica I a.a. 2010-11 A. Lasagni (A-D) - P. Fabbri (E-N) - M. Ziliotti (O-Z) Esame del 10/07/2012 ore 14 Tipo A Esame del 10/07/2012 ore 14 Tipo A COMPITO TIPO A - QUESTO TESTO DEVE ESSERE RI-CONSEGNATO Cognome: Nome: Matricola: AVVISI IMPORTANTI 1. PROPEDEUTICITA : ogni voto assegnato PRIMA di aver superato gli

Dettagli

Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza

Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza Economia Pubblica lezione 3 1 Esistono infinite allocazioni Pareto-efficienti: Frontiera del Benessere (FB) o grande frontiera dell utilità

Dettagli

La politica dell entrata

La politica dell entrata La politica dell entrata Le entrate dello Stato si classificano in: 1.Entrate tributarie: rappresentano la parte più consistente delle entrate statali e sono costituite da: Imposte=sono prelievi obbligatori

Dettagli

I vantaggi fiscali della Previdenza Complementare

I vantaggi fiscali della Previdenza Complementare C O N V E G N O Fondo territoriale di previdenza complementare del Friuli Venezia Giulia: un occasione per lavoratori e residenti della Regione di integrare la pensione pubblica con quella complementare

Dettagli

11.1.6 I produttori eterogenei

11.1.6 I produttori eterogenei L equilibrio nei mercati concorrenziali 1 11.1.6 I produttori eterogenei Nel modello base della concorrenza perfetta, tutte le imprese utilizzano la stessa tecnologia e quindi hanno gli stessi costi di

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

LEZIONE 6. Il modello keynesiano

LEZIONE 6. Il modello keynesiano LEZIONE 6 IL MODELLO REDDITO SPESA Il modello keynesiano La GD segna l origine della teoria macroeconomica moderna Il modello classico e i relativi precetti di politica economica si dimostrano incapaci

Dettagli

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 12 Il monopolio IL MONOPOLIO Il monopolio è una forma di mercato in cui un unico venditore offre un bene che non ha stretti sostituti, ad una moltitudine di consumatori La differenza fondamentale

Dettagli

GUIDA INTRODUTTIVA ALLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

GUIDA INTRODUTTIVA ALLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione GUIDA INTRODUTTIVA ALLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE www.covip.it Guida introduttiva alla previdenza complementare Perché questa Guida... 3 Perché la previdenza

Dettagli

Capitolo 2: I guadagni dallo scambio

Capitolo 2: I guadagni dallo scambio Capitolo 2: I guadagni dallo scambio 2.1: Introduzione Questo capitolo, sebbene di natura introduttiva, permette di raggiungere importanti conclusioni. In esso si mostra come lo scambio possa dare vantaggi

Dettagli

VERSIONE PROVVISORIA. Disegni di legge 1148, 1670 e 1697. Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica Giorgio Alleva

VERSIONE PROVVISORIA. Disegni di legge 1148, 1670 e 1697. Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica Giorgio Alleva VERSIONE PROVVISORIA Disegni di legge 1148, 1670 e 1697 Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica Giorgio Alleva Commissione 11 a "Lavoro, previdenza sociale" del Senato della Repubblica

Dettagli

3 a Esercitazione: testi

3 a Esercitazione: testi 3 a Esercitazione: testi Monica Bonacina (monica.bonacina@unibocconi.it) & Stefania Migliavacca (Stefania.Migliavacca@enicorporateuniversity.eni.it) Corso di Microeconomia A-K & L-Z, a.a. 2009-2010 Questa

Dettagli

Capitolo 6 Economia dell informazione e scelta in condizioni di incertezza

Capitolo 6 Economia dell informazione e scelta in condizioni di incertezza Capitolo 6 Economia dell informazione e scelta in condizioni di incertezza ECONOMIA DELL INFORMAZIONE L informazione è un fattore importante nel processo decisionale di consumatori e imprese Nella realtà,

Dettagli

I fallimenti del mercato

I fallimenti del mercato I fallimenti del mercato Diritti di proprietà ed esecuzione dei contratti Anche in un economia ideale, caratterizzata da concorrenza perfetta ed efficienza paretiana, gli economisti più liberisti riconoscono

Dettagli

Il comportamento del consumatore

Il comportamento del consumatore Il comportamento del consumatore Le preferenze del consumatore I vincoli di bilancio La scelta del consumatore Preferenze rivelate Utilità marginale e scelta del consumatore 1 Teoria del comportamento

Dettagli