L osteoporosi in Italia: risorse utilizzate dal SSN e relativi costi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L osteoporosi in Italia: risorse utilizzate dal SSN e relativi costi"

Transcript

1 L osteoporosi in Italia: risorse utilizzate dal SSN e relativi costi Antonella Sferrazza, Nicola Nicolotti, Domitilla Di Thiene, Maria Assunta Veneziano, Stefano Capri, Chiara de Waure, Walter Ricciardi L osteoporosi é una condizione clinica ad alta prevalenza nel nostro Paese, soprattutto tra le donne. L analisi dei costi derivanti da questa condizione pone importanti questioni data la difficoltà di quantificare il carico di malattia. L osteoporosi, infatti, rimane spesso silente per anni, per poi manifestarsi d improvviso e in modo drammatico con le fratture (cfr. Capitolo 1). In questo capitolo si affronta il problema della quantizzazione delle risorse utilizzate dal Servizio Sanitario Nazionale (SSN) e i relativi costi. Nello specifico, il capitolo é stato suddiviso in tre sezioni: 1. revisione della letteratura nazionale e internazionale sui costi dell osteoporosi; 2. costi delle fratture osteoporotiche; 3. ulteriori costi e implicazioni per il SSN. Relativamente alla stima dei costi associati all osteoporosi, é stata posta particolare attenzione alle fratture osteoporotiche in quanto rappresentano il principale driver di costo dell osteoporosi [1]. Revisione della letteratura sui costi dell osteoporosi: contesto internazionale e nazionale Nell ambito del presente paragrafo viene presentata una disamina delle esperienze internazionali e nazionali. Per quanto concerne le esperienze internazionali, si riportano di seguito solo gli studi ritenuti più importanti. Contesto internazionale La maggior parte dei costi si focalizza sui costi diretti. Di particolare rilievo risulta uno studio francese [2] che prende in esame i costi per l osteoporosi delle fratture non vertebrali in 5 Paesi europei (Francia, Spagna, Belgio, Italia e Regno Unito). La Tabella 1 sintetizza i costi diretti nei cinque Paesi per le diverse fratture non vertebrali (polso, anca, costa, clavicola/sterno, pelvi, omero e gamba). Il Grafico 1 si concentra, invece, sulla situazione italiana, dividendo le spese per categoria (ospedalizzazione con intervento chirurgico, ospedalizzazione senza intervento chirurgico, cure ambulatoriali, cure di riabilitazione in un centro e cure di riabilitazione domiciliari). Di particolare interesse é anche lo studio condotto in Svezia nel 2006 [3] che valuta la qualità della vita e i costi, diretti e indiretti, a un anno dalla frattura di femore, vertebrale e polso in un campione di 653 pazienti. I costi medi correlati a frattura per anca, vertebre e polso ad un anno sono risultati di 14,221, 12,544 e 2,147 (Tabella 2). Tabella 1. Costi diretti unitari ( 2002) per sito di frattura e Paese europeo (modificata da [2]). Frattura Francia Belgio Italia Spagna Regno Unito Polso 2,313 2,011 2,685 1,246 2,323 Clavicola/sterno 2,670 2,562 2,810 1,172 1,193 Pelvi 4,105 3,917 4,340 1,634 1,534 Anca 13,036 13,587 11,084 13,686 10,578 Costa 1,195 1, Omero 3,914 5,128 3,863 2,126 3,147 Gamba 4,425 4,871 4,676 2,528 3,700 C A P I T O L O 2 S 2 3

2 Grafico 1. Costi medici medi diretti ( 2002) per fratture e categorie in Italia (modificata da [2]). Tabella 2. Costi medi al primo anno dopo la frattura ( 2004) (modificata da [3]). Risorse Anca (n=278) media (95%CI) Vertebrale (n=81) media (95%CI) Polso (n=276) media (95%CI) Ricovero ( ) ( ) 357 ( ) Trattamenti fuori dal ricovero 616 ( ) 527 ( ) ( ) Farmaci 170 ( ) 294 ( ) 124 ( ) Condizioni abitative speciali Altri trattamenti comunitari ( ) ( ) n.d ( ) ( ) 194 (98-395) Costi diretti ( ) ( ) ( ) Costi indiretti (perdita di produttività) 93 (0-277) n.d. 156 (69-345) Tempo ricreativo perso 353 ( ) 602 ( ) 40 (23-65) Altre spese (es. aiuti domestici) ( ) ( ) 321 ( ) Totale costi ( ) ( ) ( ) n.d.= non disponibile. Lo studio di Haussler e colleghi [4] ha valutato i costi attribuibili all osteoporosi in Germania nel 2003 estrapolando i dati dall Istituto Scientifico dell Associazione Nazionale delle Assicurazioni Mediche (Zentralinstitut für die Kassenärztliche Versorgung in der Bundesrepublik Deutschland) che contiene informazioni su 1,5 milioni di pazienti. Gli Autori hanno stimato i costi attribuibili per l intera popolazione tedesca correggendo i dati per età. Le persone affette da osteoporosi sono risultate pari a 7,8 milioni di tedeschi (6,5 milioni di donne). Di questi il 4,3% ha avuto una frattura e il 21,7% é stata trattata con farmaci per l osteoporosi. I costi diretti totali annui risultano pari a circa 5,4 miliardi di (Tabella 3). Uno studio [5], condotto nel 2007, stima l incidenza delle fratture correlate a osteoporosi e dei costi negli Stati Uniti dal 2005 al Nel 2005 S 2 4 C A P I T O L O 2

3 sono previste più di 2 milioni di fratture al costo di 17 miliardi di $. Per il 2025 é previsto un aumento del numero di fratture e di costi annui almeno del 50% con un incremento maggiore nella fascia di età anni nella popolazione ispanica. Uno studio cross-sectional statunitense [6] valuta, infine, i costi per osteoporosi del 2002 sui beneficiari di Medicare. Tre coorti di età superiore a 65 anni: (1) pazienti con una frattura del 2002; (2) pazienti con una diagnosi, medicazione o che riferiscono osteoporosi o una precedente frattura, e (3) controlli. Dei 30,2 milioni di beneficiari Medicare 2002, 1,6 milioni (5%) sono stati trattati per una frattura e 7,2 milioni (24%) hanno presentato osteoporosi senza frattura. Il costo medio stimato delle fratture é stato di $8.600 (95% CI, $6.400-$10.800) il che porta la spesa statunitense a 14 miliardi di $. La metà dei pazienti osteoporotici non fratturati ha ricevuto un trattamento farmacologico, in media $500 per paziente trattato per un totale di 2 miliardi in tutta la nazione. Si riporta, infine, uno studio condotto nel 2010, che prende in considerazione, oltre ai costi direttamente imputabili all osteoporosi, anche quelli indiretti. Pike e colleghi [1] hanno valutato i costi dell assistenza sanitaria e i costi indiretti (giornate di lavoro perse) in pazienti assicurati privatamente (n=4.764) e appartenenti a Medicare (<65 anni) (n=48.742) con fratture osteoporotiche non vertebrali (NV) (Tabella 4). Per quanto riguarda i costi indiretti sono stati calcolati in un sottocampione di pazienti assicurati privatamente (n=1.148). Tra i pazienti Medicare, i costi medi incrementali per l assistenza sanitaria delle fratture NV sono state di $US ($US vs $US9.079; p<0,05). I pazienti con fratture NV non-anca (NVNH) hanno avuto $US7.868 di costi incrementali dell assistenza sanitaria per paziente ($US vs $US8.836; p<0,05). I costi incrementali annui aggregati per l assistenza sanitaria dei pazienti con fratture NVNH del campione di Medicare (n=35.933) sono stati 282,7 milioni di $US rispetto a 204,1 milioni di $US per i pazienti con la frattura dell anca (n=7.997). Tra i pazienti assicurati Tabella 3. Costi diretti totali annui (milioni di ) per genere (modificata da [4]). Genere Ricoveri Cure ambulatoriali Riabilitazione Medicazioni Terapia fisica Aiuti medici Assistenza infermieristica Maschi Femmine Totale Tabella 4. Costi medi diretti annui ($US 2006) per i casi e i controlli* con fratture NV, (modificata da [1]). Parametri Assicurazioni private (18-64 anni) Medicare (età 65 anni) Casi Controlli Casi Controlli Totale Spese mediche Degenza ospedaliera Assistenza a lungo termine Pronto Soccorso Cure ambulatoriali Altro Farmaci Correlati all osteoporosi (1) NA NA Correlati alle fratture (2) NA NA Altro NA NA * I pazienti osteoporotici con frattura sono stati appaiati per età (±3 anni), genere, status occupazionale e area geografica con i pazienti osteoporotici senza frattura. (1) Farmaci correlati all osteoporosi includono bifosfonati calcitonina, estrogeni, Calcio e vitamina D. (2) Farmaci correlati alle fratture includono paracetamolo, corticosteroidi, rilassanti muscolari, FANS e oppioidi. C A P I T O L O 2 S 2 5

4 privatamente, i costi incrementali medi annui per le fratture NV sono stati di $US5.961 ($US vs $US5.675; p<0,05). I costi incrementali annui per l assistenza sanitaria per i pazienti con fratture NVNH sono stati di $US5.381 ($US vs $US5.709; p<0,05). I costi annui incrementali per l assistenza sanitaria dei pazienti con fratture NVNH nel campione dei pazienti assicurati privatamente (n=4.478) sono stati di 24,1 milioni di $US rispetto a 3,5 milioni di $US per i pazienti con frattura dell anca (n=255). I costi indiretti medi incrementali (associati al lavoro perso) dei lavoratori con fratture NV sono risultati di $US1.956 ($US4.349 vs $US2.393; p<0,05). Tra i pazienti di cui si conoscevano i dati di disabilità, la perdita di giorni di lavoro ha inciso per il 29,5% dei costi totali dei costi per le fratture NV. Contesto nazionale É stata effettuata una revisione della letteratura, per il periodo , sui motori di ricerca PubMed e Scopus, utilizzando come parole chiave: osteoporosis AND (costs OR economic) AND (Italy OR Italian). Dalle bibliografie degli articoli ottenuti sono stati ricavati ulteriori articoli d interesse. Visentin e colleghi [7] hanno condotto, nel 1997, un analisi di costo-efficacia sui trattamenti per prevenire le fratture dell anca da osteoporosi, basandosi su dati epidemiologici italiani. In particolare, gli Autori, valutando il trattamento a base di calcitonina, hanno ristretto l analisi alla frattura prossimale di femore, quale sito di frattura più frequente che porta a disabilità, e alle donne al di sopra dei 50 anni. I tassi di incidenza delle fratture in Italia e dell efficacia della calcitonina sono stati ricavati dal MeDiterranean Osteoporosis Study (MEDOS). Considerando i dati di uno studio sull osteoporosi del 1993 [8] gli Autori hanno calcolato un incidenza del 2,51 nelle donne con età superiore ai 50 anni e hanno osservato che il trattamento con calcitonina riduce le fratture di circa un terzo. I costi chirurgici ammonterebbero a dollari cui si aggiungono 1 mese di riabilitazione a dollari e un terzo della spesa del ricovero in una casa di cura per 10 anni per le donne che vengono istituzionalizzate dopo la frattura (a carico del SSN: dollari); si arriva, pertanto, a dollari (che rappresentano i costi per l assistenza sanitaria, la riabilitazione e la lungodegenza), con un dollaro che equivaleva a Lire. I dati dei costi della riabilitazione per le fratture osteoporotiche presenti in questo studio sono stati, successivamente, ripresi in vari studi [9,10]. Rossini e colleghi nel 2005 [9], partendo dall osservazione che i cambiamenti demografici dei prossimi anni comporteranno un aumento del numero di fratture del femore nel Mondo da 1,66 milioni del 1990 ai 6,26 milioni del 2050, hanno condotto uno studio analizzando i dati dell archivio delle Schede di Dimissione Ospedaliera (SDO) del Ministero della Salute, relative agli anni , per le fratture femorali. Come indicatori di spesa sanitaria, gli Autori hanno preso in considerazione tutti i Diagnosis Related Groups (DRG) d interesse ortopedico relativi agli interventi e alla degenza ospedaliera: il DRG 209 (interventi sulle articolazioni maggiori e reimpianto di arti inferiori), i DRG 210 e 211 (interventi su anca e femore), i DRG 235 e 236 (fratture di femore, anca e pelvi) con delle correzioni per l attribuzione dei costi in base a stime fatte nella Regione Lazio. Per i calcoli della riabilitazione hanno fatto riferimento allo studio di Visentin del 1997 [7], per una spesa di per un mese di riabilitazione post-operatoria. I costi di riabilitazione sono stati calcolati sul 95% dei pazienti, assumendo che il 5% muoia subito dopo l intervento chirurgico. Per il calcolo dei costi associati alla disabilità derivante da frattura, é stato stimato un costo annuo/per soggetto pari a 6.000, secondo la prospettiva del SSN. I risultati, in Tabella 5, mostrano una stima dei costi complessivi nel solo 2002 e per i soli fratturati ultrasessantacinquenni che supera il miliardo di euro. Il confronto dei costi tra infarto miocardico acuto (IMA) e frattura dell anca osteoporotica é stato l obiettivo di un lavoro del Lo scopo degli Autori [11,12] é stato, infatti, confrontare l osteoporosi e le fratture che ne derivano con una patologia, IMA, la cui gravità é ben nota sia tra gli operatori sanitari che tra la popolazione. É stata presa in esame una popolazione di età superiore ai 45 anni tra il 1999 e il L analisi dei costi diretti si é basata sui DRG della Regione Lazio e, per quanto riguarda l IMA, anche su un campione più piccolo tratto delle ASL di Lecce 1 e Lecce 2. Per il calcolo dei costi indiretti, come nello studio di Rossini del 2005 [9], gli Autori si sono basati sullo studio di Visentin del 1997 [7]: 5.375, con le stesse valutazioni sulla mortalità post-operatoria (5%) e sui costi di invalidità ( 6.000/anno per paziente). I costi per la frattura dell anca sono risultati paragonabili a quelli di Rossini e gli Autori affermano che il numero di ospedalizzazioni nella popolazione italiana sopra i 45 anni dovute alla frattura dell anca é paragonabile a quello per IMA, mentre i costi diretti di ospedalizzazione sono più alti nella frattura dell anca e hanno subito nei 4 anni presi in esame ( ) un incremento maggiore rispetto a quelli per IMA. S 2 6 C A P I T O L O 2

5 Un confronto diverso é, invece, quello affrontato da Carinci e colleghi [13], che paragonano l impatto delle strategie riabilitative in due importanti patologie dell anziano: lo stroke e la frattura dell anca. Gli Autori hanno analizzato il pattern di utilizzo dei servizi di riabilitazione dei pazienti oltre i 65 anni nella Regione Toscana dal 2001 al Su un totale di pazienti con frattura dell anca si sono osservati 6,9% decessi. Dei sopravvissuti, il 54,5% non ha usufruito di alcun tipo di servizio di riabilitazione. I pattern di riabilitazione sono stati divisi in 5 differenti setting: il 14% ha usufruito della riabilitazione ambulatoriale, per un costo complessivo di 346, il 16,6% é stato ricoverato per un costo totale di 6.068, il 4,8% in una struttura di riabilitazione diversa al reparto di ricovero per ed il 7,1% ha avuto trattamenti di riabilitazione durante il ricovero ( 3.460), il 3% ha condotto una riabilitazione a casa per un costo medio complessivo di 478. Nel rapporto dell International Osteoporosis Foundation del 2008 i costi diretti ospedalieri per la frattura dell anca in Italia sono risultati di per il trattamento in acuto e di per la riabilitazione, la media di giorni di ricovero di 14,3 al costo giornaliero di 455 e i giorni medi di riabilitazione di 30 con un costo giornaliero di 179,2. I costi diretti ospedalieri totali per le fratture dell anca sono risultati pari a 546,2 milioni di, mentre si é stimato un costo di 361,3 milioni di per la riabilitazione dell 80% delle fratture; il costo complessivo é, quindi, risultato di 907,5 milioni di [14]. Piscitelli e colleghi [10] nel 2010 hanno pubblicato l estensione del loro precedente studio del 2005 aggiornando e analizzando i dati disponibili sull incidenza e sui costi delle fratture di femore ricavabili dalle SDO e dai DRG negli anni La metodologia usata é stata simile a quella della precedente indagine [9]. Per calcolare i costi della riabilitazione, é stato considerato un tasso di mortalità acuta entro il primo mese dalla frattura pari al 5%. Il 13,5% dei pazienti inizia immediatamente un programma di riabilitazione intensiva intra-ospedaliera per un mese, con un costo medio per paziente pari a 6.600; al termine del suddetto periodo di riabilitazione intra-ospedaliera, il 10% di questi pazienti viene trasferito in strutture sanitarie adibite per lungodegenti (con un costo medio per paziente pari a 9.920). Tuttavia, una quota pari al 18,2% del totale dei pazienti (escluso il 5% di mortalità in acuto) viene direttamente collocata in lungodegenze (sempre ad un costo stimato di a paziente) e la maggioranza di questi soggetti (ben il 63%) inizia, successivamente, un mese di riabilitazione intensiva intra-ospedaliera (costo a paziente) al termine del periodo di lungodegenza. Il rimanente 63,3% dei pazienti dimessi dall ospedale dopo frattura femorale viene avviato alla riabilitazione domiciliare presso i distretti socio-sanitari delle ASL, che prevedono un ciclo di tre mesi (per un costo di a paziente). Entro 6 mesi dal ricovero ospedaliero iniziale, il 13,2% del totale dei pazienti dimessi dall ospedale, dopo aver già completato programmi riabilitativi in ambiente intra o extra ospedaliero, si rivolge ai servizi ambulatoriali di riabilitazione delle ASL (per un costo di a paziente) e ben il 40% di questi necessita di un nuovo ciclo di riabilitazione intensiva in regime di Ricovero Ordinario (RO), sempre al costo di a paziente. I risultati sono riportati in Tabella 6. Nel triennio , i costi diretti totali attribuibili ai soli ricoveri ordinari (esclusa la riabilitazione) dei soggetti di età 65 anni oscillano tra i 433 e i 467 milioni di con un incremento di circa il 7,3% nei 3 anni in esame. Gli Autori concludono lo studio con una notazione sul divario tra la spesa Tabella 5. Stima dei costi totali ( 2002) delle fratture femorali in Italia negli anziani (65 anni ed oltre) (modificata da [9]). Costi 2002 Numero di ricoveri per frattura femorale Costi diretti relativi ai ricoveri ( ) Costi di 1 mese di riabilitazione postoperatoria (escluso 5% di mortalità acuta) ( ) Costi sociali (pensioni d invalidità ed accompagnamento per gli stimati pazienti disabili all anno) ( ) Costi indiretti (20% dei costi diretti totali) ( ) Stima dei costi totali delle fratture femorali ( ) C A P I T O L O 2 S 2 7

6 farmaceutica per la prevenzione delle fratture osteoporotiche e la spesa per i farmaci attivi nella prevenzione cardiovascolare (1-4% e 30% della spesa farmaceutica nazionale rispettivamente). Lo stesso Autore nello stesso anno ha pubblicato uno studio sugli aspetti farmaco-economici dell osteoporosi [15]. I costi annuali sostenuti dal SSN per l ospedalizzazione, la riabilitazione e il trattamento farmacologico nei pazienti con frattura dell anca sopra i 65 anni in Italia sono riportati nella Tabella 7. L aumento dei costi durante gli anni é dovuto all aumentare del numero dei pazienti. Nella Tabella 8 simulata vengono, inoltre, riportati i dati ipotizzando di trattare farmacologicamente (con bifosfonati) tutti i pazienti con frattura dell anca per un anno. I costi per le fratture dell anca in Italia hanno raggiunto un miliardo di euro durante il 2005, ma le spese sostenute per i trattamenti farmacologici, assumendo in base ai dati della Regione Toscana che solo il 13,1% dei pazienti fratturati inizi una terapia contro il rischio di ricaduta, sono state stimate in solo 3 milioni di. Gli Autori aggiungono che di questi 3 milioni, il 60% sia imputabile alla spesa per i pazienti che, assumendo il farmaco per soli 6 mesi, non seguono un regime efficace di terapia. Gli Autori hanno, infine, concluso rimarcando la necessità di una codifica specifica per le fratture da fragilità osteoporotica nelle ammissioni ospedaliere. Risorse utilizzate per il trattamento delle fratture osteoporotiche Nell ambito del presente paragrafo vengono descritti i costi associati all ospedalizzazione per le fratture osteoporotiche, in quanto, come evidenziato dallo studio di Pike et al. [1], questi costituiscono il principale driver di costo. L analisi é stata condotta secondo la prospettiva del SSN; non sono, pertanto, stati analizzati i costi indiretti. Per avere una visione complessiva dell impatto economico dell osteoporosi, occorrerebbe Tabella 6. Stima dei costi totali ( ) dei ricoveri per fratture femorali in Italia (nei soggetti di 65 anni ed oltre) dal 2003 al 2005, inclusa la stima dei costi ospedalieri e di riabilitazione (modificata da [10]). Costi Ricoveri per frattura femorale >65anni Stima dei costi diretti ospedalieri Stima dei costi di riabilitazione * Stima dei costi complessivi *Assumendo un tasso di mortalità in acuto pari al 5%. Tabella 7. Costi diretti ( ) sostenuti per ospedalizzazione, riabilitazione e trattamento farmacologico in persone al di sopra dei 65 anni dal 2000 al 2005 (modificata da [15]). Costi Ospedalizzazioni dovute a fratture d anca Frattura d anca previste per pz>65 aa Totale costi diretti ospedalizzazione Totale costi riabilitazione Costi delle terapie * Stima costi totali *Assumendo che solo il 40% dei pazienti trattati completi un anno di trattamento. S 2 8 C A P I T O L O 2

7 Tabella 8. Simulazione dei costi farmacologici nell ipotesi di trattare tutti i pazienti con frattura d anca per un anno (modificata da [15]). Costi Ospedalizzazione dovuta a fratture d anca >65 aa Fratture d anca previste in pazienti >65 aa N. di pz dimessi dall ospedale* Costi delle terapie ** *Assumendo un tasso del 5% di mortalità in acuto. **Assumendo il 100% dei pazienti trattati completi un anno di trattamento. considerare ulteriori voci di costo diretto: spesa farmaceutica visite ambulatoriali riabilitazione. Tuttavia, data la mancanza di dati nazionali disponibili in merito alle voci di costo visite ambulatoriali e riabilitazione, sarà fatto un breve cenno esclusivamente alla spesa farmaceutica relativa ai farmaci anti-osteoporotici, riportando i dati del Rapporto OsMed. Ospedalizzazioni per fratture osteoporotiche: calcolo dei costi diretti Negli Stati Uniti, i costi annuali diretti per la cura dell osteoporosi sono stati stimati essere pari a 13,7-20,3 miliardi di $ [16-20]. Secondo la National Osteoporosis Foundation, nel 2005, le fratture osteoporotiche sono state responsabili di circa 19 miliardi di dollari di costi ed é stato stimato che nel 2025 avremo circa 25,3 miliardi di dollari di costi. Almeno 1,3 milioni di fratture all anno negli Stati Uniti sono state attribuite all osteoporosi [21], presupponendo che il 70% di tutte le fratture nelle persone di oltre 45 anni siano dovute all osteoporosi [22]. Come detto precedentemente, l osteoporosi spesso si manifesta d improvviso e in modo drammatico con le fratture. Le fratture osteoporotiche hanno un peso finanziario significativo. In Europa, infatti, é stato stimato che i costi diretti per l osteoporosi siano pari a più di 36 miliardi di l anno; si prevede, inoltre, che a causa dell invecchiamento della popolazione, tale cifra raggiunga i 76,7 miliardi di nel 2050 [23]. I costi maggiori sono dovuti, principalmente, alle fratture dell anca, poiché si richiede l ospedalizzazione del paziente anche per lunghi periodi di tempo. La degenza in ospedale può variare da un minimo di 3 giorni fino a diversi mesi, con una media di circa 10 giorni [24]. Tassi di ospedalizzazione e stima dei costi Al fine di stimare la prevalenza della malattia nella popolazione ospedalizzata, é stato calcolato il tasso di dimissioni ospedaliere per fratture osteoporotiche, mentre per la stima dei costi diretti di ospedalizzazione ad esse associati sono stati utilizzati i DRG come proxy dei costi sostenuti dal SSN. Data l impossibilità di procedere con dati liberamente accessibili via web, per poter procedere a tali stime, é stata effettuata una richiesta di dati aggregati dall archivio delle Schede di Dimissione Ospedaliera (SDO) al Ministero della Salute. Per l identificazione delle fratture osteoporotiche sono stati selezionati, per l anno 2009, tutti i casi, in regime di Ricovero Ordinario (RO), di osteoporosi (codice ICD-9-CM 733.0) in diagnosi principale e/o secondaria. Successivamente, i casi considerati sono stati stratificati per i seguenti codici ICD-9-CM: 808.x, esclusi 808.1x, 808.3x, 808.5x: fratture dell anca; 820.x, 821.0, 821.2: fratture del femore; 805.x: fratture vertebrali; 1 Si ringraziano la Dott.ssa Lispi L. e la Dott.ssa Ceccolini C. del Ministero della Salute Direzione Generale della Programmazione sanitaria, dei livelli di assistenza e dei principi etici di sistema. C A P I T O L O 2 S 2 9

8 733.1, 813.0, 814.0: altre fratture altre fratture (frattura patologica, frattura del radio e dell ulna, frattura delle ossa del carpo). I codici ICD-9-CM sono stati scelti sulla base di quelli considerati in alcuni studi condotti in Italia [9-11] e di quelli presenti nel database Health Search dei Medici di Medicina Generale. Il calcolo dei tassi annuali di dimissioni ospedaliere per le fratture osteoporotiche é stato effettuato utilizzando i dati della popolazione media residente (media tra la popolazione residente al 1 gennaio e al 31 dicembre) in Italia nel 2009, disponibili sul sito dell Istituto Nazionale di Statistica (Istat) [25]. In Tabella 9 vengono riportati i tassi di dimissione ospedaliera per fratture osteoporotiche. I dati sono stati calcolati per le sole donne e categorizzati in 3 classi di età (45-64, 65-74, 75 anni) secondo la tipologia di frattura. In Italia, il tasso di dimissione ospedaliera per una frattura legata all osteoporosi in regime di RO nel 2009 é di 35,60 per donne di 45 anni ed oltre. Il tasso varia da 5,55 per donne tra 45 e 64 anni a 101,58 con età superiore ai 75 anni. Considerando la tipologia di frattura, si registra un maggior valore del tasso di dimissione per le fratture del femore e le altre fratture (rispettivamente pari a 15,36 e 10,79 per donne di 45 anni ed oltre). Dalla tabella le donne di età superiore ai 75 anni risultano le più ospedalizzate per ciascuna delle tipologie di frattura considerata. L analisi dei costi diretti é stata basata sui DRG ritenuti inerenti alla patologia in studio: DRG 210: interventi su anca e femore, eccetto articolazioni maggiori, età >17 con CC; DRG 211: interventi su anca e femore, eccetto articolazioni maggiori, età >17 senza CC; DRG 218: interventi su arto Inferiore e omero eccetto anca, piede e femore, età > 17 anni con CC; DRG 219: interventi su arto inferiore e omero eccetto anca, piede e femore, età > 17 anni senza CC; DRG 223: interventi maggiori su spalla e gomito o altri interventi su arto superiore con CC; DRG 224: interventi su spalla, gomito o avambraccio eccetto interventi maggiori su articolazioni senza CC; DRG 225: interventi sul piede; DRG 228: interventi maggiori sul pollice o sulle articolazioni o altri interventi mano o polso con CC; DRG 229: interventi su mano o polso eccetto interventi maggiori sulle articolazioni, senza CC; DRG 230: escissione locale e rimozione di mezzi di fissaggio intramidollare di anca e femore; DRG 233: altri Interventi su sistema muscoloscheletrico e tessuto connettivo con CC; DRG 234: altri interventi su sistema muscoloscheletrico e tessuto connettivo senza CC; DRG 235: fratture di femore; DRG 236: fratture di anca e pelvi; DRG 243: affezioni mediche del dorso; DRG 244: malattie dell osso e artropatie specifiche con CC; DRG 245: malattie dell osso e artropatie specifiche senza CC; DRG 247: segni e sintomi relativi al sistema muscolo-scheletrico e al tessuto connettivo; DRG 250: fratture, distorsioni, stiramenti e lussazioni di avambraccio, mano e piede, età> 17 anni con CC; DRG 251: fratture, distorsioni, stiramenti e lussazioni di avambraccio, mano e piede, età> 17 anni senza CC; DRG 253: fratture, distorsioni, stiramenti e lussazioni di braccio, gamba, eccetto piede, età > 17 anni con CC; DRG 256: altre diagnosi del sistema muscoloscheletrico e del tessuto connettivo; DRG 485: reimpianto di arti, interventi su anca e femore per traumatismi multipli rilevanti; DRG 499: interventi su dorso e collo eccetto per artrodesi vertebrale con CC; DRG 500: interventi su dorso e collo eccetto per artrodesi vertebrate senza CC; DRG 531: interventi sul midollo spinale con CC; DRG 544: sostituzione di articolazioni maggiori Tabella 9. Tassi (per ) di dimissione ospedaliera per fratture osteoporotiche in RO nelle donne di 45 anni ed oltre - Anno Classi di età Anca Femore Vertebrale Altro Totale ,10 1,17 1,58 2,69 5, ,02 9,14 8,45 16,51 35, ,01 51,93 20,40 23,23 101,58 Totale 1,75 15,36 7,71 10,79 35,60 S 3 0 C A P I T O L O 2

9 o reimpianto degli arti inferiori. Per la remunerazione dei DRG in regime di RO é stata considerata la Tariffa Unica Convenzionale (TUC) versione DRG 24 come proxy dei costi [26]{D.M. del 30 giugno 1997, #59;Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome 1o/014/cr10a/c7, Roma`, 27 gennaio 2010 #68}. Per il calcolo dei costi totali, sono stati moltiplicati il numero dei dimessi per DRG per le tariffe corrispondenti. I costi attribuiti alle singole risorse sono da intendersi in euro del Di seguito sono riportati i costi diretti annui di ospedalizzazione suddivisi per tipologia di frattura (Tabella 10). Dall analisi emerge come le fratture di femore costituiscano il principale fattore di costo per l ospedalizzazione da fratture osteoporotiche (circa 13 milioni di ), seguite dalle altre fratture (circa 6 milioni di ). Le fratture dell anca sono responsabili di minori costi (990 mila ). Il costo medio annuo per paziente é risultato pari a 2.241,96. Spesa farmaceutica Il Rapporto OsMed, pubblicato nel 2009, evidenzia come la spesa complessiva per i farmaci dell apparato muscolo-scheletrico ammonti a milioni di e sia costituita per il 41,2% (568 milioni di ) da prescrizioni a carico del SSN [27]. Questi farmaci sono utilizzati in maniera consistente all aumentare dell età. In particolare, tra il , si é assistito a un progressivo incremento del consumo di tali farmaci prevalentemente da parte delle donne. Ciò potrebbe verosimilmente dipendere dalle modifiche della Nota 79 che, dal 2007, ha determinato un allargamento della prescrizione a carico SSN. A livello regionale, si osserva, in quasi tutte le Regioni, un aumento tanto delle prescrizioni quanto della spesa ad esse associata, nonostante i prezzi si siano ridotti ovunque (da -0,8% del Molise a -1,6% della Valle d Aosta) (Figura 1). Le Regioni che fanno eccezione sono la Calabria e la PA di Bolzano dove si riducono sia le prescrizioni (-8,8% e -5,7%, rispettivamente) sia la spesa (-4,0% e -2,3%, rispettivamente) e Lombardia, Veneto e Tabella 10. Costi diretti annui ( 2009) di ospedalizzazione per tipologia di frattura. Tipo frattura Numero di ricoveri Costi diretti annui totali ( ) Anca ,66 Femore ,39 Vertebrale ,76 Altro ,79 Totale ,60 Figura 1. Consumo dei farmaci dell apparato muscolo-scheletrico (DDD/1.000 abitanti/die) in Italia [27]. C A P I T O L O 2 S 3 1

10 Liguria dove si osserva un aumento della spesa a fronte di una riduzione delle prescrizioni. A livello territoriale, la quota più consistente della spesa per questo gruppo terapeutico é rappresentata dai farmaci per l osteoporosi. Dal 2000 al 2009 il consumo di questi farmaci in Italia é aumentato di circa il 93% con una variazione media annua pari al 31% e con una notevole variabilità regionale (dalle 6,6 DDD/1.000 abitanti/die della Valle d Aosta alle 18,9 DDD/1.000 abitanti/die della Sicilia). Questa variabilità non sembra essere giustificata da differenze epidemiologiche, tanto più che il maggior consumo di farmaci per l osteoporosi si osserva nelle Regioni meridionali e insulari (Figure 2 e 3) [27]. Tra i farmaci antiosteoporotici (Tabella 8), il ranelato di stronzio ha registrato - nel un marcato incremento sia dei consumi (da 0,9 a 1,3 DDD/1.000 abitanti/die) che della spesa. Ad oggi non si sono aggiunte nuove evidenze rispetto agli studi registrativi, in cui l efficacia del farmaco é stata dimostrata solo in donne anziane ad alto rischio o con pregressa frattura vertebrale [28-35]. Il 26,1% dei costi delle terapie per l osteoporosi rimane a carico del cittadino. Ciò fa supporre che i bifosfonati e il ranelato di stronzio vengano utilizzati al di fuori delle indicazioni della Nota 79, soprattutto in donne in post-menopausa a basso rischio di fratture. I bifosfonati, infatti, compaiono nella lista delle prime 20 categorie terapeutiche di classe C con ricetta a maggior spesa [27]. Si rimanda al capitolo 5 (Valutazione economica) per la stima dei costi dei singoli trattamenti farmacologici e per la stima dell impatto futuro che l introduzione di denosumab, quale terapia farmacologica nell osteoporosi rispetto alle alternative terapeutiche attualmente disponibili (cfr capitolo 4), comporterebbe sulla spesa sanitaria complessiva. Conclusioni L osteoporosi é una condizione clinica ad alta prevalenza nel nostro Paese, soprattutto tra le donne. Le fratture osteoporotiche minano fortemente la qualità di vita dei soggetti colpiti e comportano un forte impatto sociale in quanto generano, solitamente, la perdita dell autosufficienza e sono frequentemente causa di mortalità. L analisi dei costi derivanti da questa condizione pone importanti questioni data la difficoltà di quantificare il carico di malattia. L osteoporosi, infatti, rimane spesso silente per anni, per poi manifestarsi d improvviso e in modo drammatico con le fratture. Proprio per questo motivo la maggior parte delle valutazioni economiche si sono concentrate per lo più sulle fratture osteoporotiche. Nel rapporto dell International Osteoporosis Foundation [14] del 2008 i costi diretti ospedalieri per la frattura dell anca in Italia sono risultati di Figura 2. Farmaci per l osteoporosi (classe A-SSN): distribuzione in quartili del consumo territoriale nel 2009 di (DDD/1.000 ab/die pesate) (modificata da [27]). S 3 2 C A P I T O L O 2

11 Figura 3. Andamento temporale del consumo dei farmaci di classe A-SSN per l osteoporosi (escludendo raloxifene e calcio associato o meno a vitamina D). Anni (modificata da [27]). Tabella 8. Farmaci per l osteoporosi, consumo (DDD/1.000 ab/die) per categoria terapeutica e per sostanza: confronto [27]. Sottogruppi e sostanze Bifosfonati orali e iniettabili 1,3 2,3 3,2 4,3 5,4 6,8 8,2 9,4 10,1 Farmaci per l osteoporosi 1,3 2,3 3,2 4,3 5,5 7,1 8,9 10,4 11,5 Ranelato di stronzio ,1 0,3 0,6 0,9 1,3 Acido risedronico 0,4 0,5 0,5 1,0 1,6 2,0 2,4 2,8 3,1 Acido alendronico 0,9 1,8 2,7 3,3 3,8 3,8 3,8 3,8 3,4 Alendronato colecalciferolo ,9 1,4 1,8 2,1 Acido ibandronico ,1 0,5 0,9 1,2 Acido alendronico + colecalciferolo ,0 0,2 0,4 Sodio neridronato - <0,05 <0,05 <0,05 <0,05 <0,05 <0,05 <0,05 <0,05 Acido clodronico <0,05 <0,05 <0,05 <0,05 <0,05 <0,05 <0,05 <0,05 <0,05 Acido etidronico <0,05 <0,05 <0,05 <0,05 <0,05 <0,05 <0,05 <0,05 <0, per il trattamento in acuto e di per la riabilitazione. I costi diretti ospedalieri totali per la frattura dell anca sono risultati pari a 546,2 milioni di e di 361,3 milioni di per la riabilitazione nell 80% delle fratture, per un costo complessivo di 907,5 milioni di. Il principale driver di costo é costituito dalle ospedalizzazioni per fratture osteoporotiche. In particolare, i costi maggiori sono dovuti, principalmente, alle fratture del femore. I costi C A P I T O L O 2 S 3 3

12 direttamente imputabili alle fratture del femore sono pari a 13 milioni di. Il costo medio annuo per una donna con una frattura osteoporotica é di 2.241,96. In Italia, nel 2009, si é registrato un tasso di dimissioni ospedaliere in regime di RO per una frattura osteoporotica pari a 35,60 per donne di 45 anni ed oltre. Il tasso aumenta con il crescere dell età sia nel totale sia per tutte le tipologie di frattura considerate. Consultando i dati del Rapporto Osmed, si osserva come la spesa complessiva per i farmaci dell apparato muscolo-scheletrico ammonti a milioni di [27]. Questi farmaci sono utilizzati sempre di più all aumentare dell età; in particolare in questi ultimi 2 anni si é assistito a un progressivo incremento dell uso nelle donne, verosimilmente per le modifiche della Nota 79 che dal 2007 hanno determinato un allargamento della prescrizione a carico SSN. A livello territoriale, la quota più consistente della spesa per questo gruppo terapeutico é rappresentata proprio dai farmaci per l osteoporosi. Bibliografia 1) Pike C, Birnbaum HG, Schiller M, et al. Direct and indirect costs of non-vertebral fractures patients with osteoporosis in the US. Pharmacoeconomics 2010;28(5): ) Bouee S, Lafuma A, Fagnani F, Meunier JP, Reginster JY. Estimation of direct unit costs associated with non-vertebral osteoporotic fractures in five European countries. Rheumatol Int 2006;26(1): ) Borgstrom F, Zethraeus N, Johnell O, Lidgren L, Ponzer S, Svensson O, et al. Costs and quality of life associated with osteoporosis-related fractures in Sweden. Osteoporosis Int 2006;17: ) Häussler B, Gothe H, Göl D, Glaeske D, Pientka L, Felsenberg D. Epidemiology, treatment and costs of osteoporosis in Germany-the BoneEVA Study. Osteoporos Int 2007;18: ) Burge R, Dawson-Hughes B, Solomon DH, Wong JB, King A, Tosteson A. Incidence and Economic Burden of Osteoporosis- Related Fractures in the United States, J Bone Miner Res 2007;22: ) Blume SW, Curtis JR. Medical costs of osteoporosis in the elderly Medicare population. Osteoporos Int 2011;22(6): ) Visentin P, Ciravegna R, Fabris F, et al. Estimating the cost per avoided hip fracture by osteoporosis treatment in Italy. Maturitas 1997;26: ) Mazzuoli GF, Gennari C, Passeri M, et al. Incidence of hip fracture: an Italian survey. Osteoporosis Int 1993;3(Suppl. 1):S8-S9. 9) Rossini M, Piscitelli P, Fitto F, et al. Incidenza e costi delle fratture di femore in Italia. Reumatismo 2005;57: ) Piscitelli P, Brandi ML, Tarantino U, et al. Incidenza e costi delle fratture di femore in Italia: studio di estensione Reumatismo 2010;62(2): ) Piscitelli P, Camboa P, ForcinaB et al. Incidence and costs of hip fractures vs. acute myocardial infarction in the population of Local Health Authorities ASL Lecce/1 and ASL Lecce/2: a 2 years survey. Ital J Public Health 2006;3(2): ) Piscitelli P, et al. Incidenza e costi delle fratture femorali rispetto all infarto miocardico acuto nelle popolazioni delle Aziende USL Lecce/1 e Lecce/2: uno studio biennale. Tutto Sanità 2006;81: ) Carinci F, Roti L, Francesconi P, et al. The impact of different rehabilitation strategies after major events in the elderly: the case of stroke and hip fracture in the Tuscany region. BMC Health Services Research 2007;7:95. 14) Ortolani S. Eu Osteoporosis Italy Report Disponibile da: osteofound/filemanager/policy_advocacy/eu-countryreports-08/italy-report pdf. [Ultimo accesso: il 16 settembe 2010]. 15) Piscitelli P, Chitano G, Greco M, et al. Pharmaco-economic issues in the treatment of severe osteoporosis Clin Cases Miner Bone Metab 2010;7(1): ) Hoerger TJ, Downs KE, Lakshmanan MC, Lindrooth RC, Plouffe L Jr, Wendling B, et al. Healthcare use among U.S. women aged 45 and older: Total costs and costs for selected postmenopausal health risks. J Womens Health Gend Based Med 1999;8: ) Ray NF, Chan JK, Thamer M, Melton LJ III. Medical expenditures for the treatment of osteoporotic fractures in the United States in 1995: Report from the National Osteoporosis Foundation. J Bone Miner Res 1997;12: ) Chrischilles E, Shireman T, Wallace R. Costs and health effects of osteoporotic fractures. Bone 1994;15: ) Phillips S, Fox N, Jacobs J, Wright WE. The direct medical costs of osteoporosis for American women aged 45 and older, Bone 1986;9: ) Holbrook TL, Grazier K, Kelsey JL, RN S. Frequency of Occurence, Impact and Cost of Selected Musculoskeletal Conditions in the United States. Chicago, IL: American Academy of Orthopedic Surgeons, ) Kelsey JL. Osteoporosis: prevalence and incidence Osteoporosis Proceedings of the NIH consensus development conference. April 2 4, 1984: ) Iskrant AP, Smith RW Jr. Osteoporosis in women 45 years and over related to subsequent fractures. Public Health Rep 1969;84: ) International Osteoporosis Foundation. Facts and statistics about osteoporosis and its impact. Disponibile da: [Ultimo accesso: il 16 settembre 2010]. 24) International Osteoporosis Foundation. Osteoporosis in the European Union in 2008: Ten years of progress and ongoing challenges. Disponibile da: publications/eu-policy-report-of-2008.html. [Ultimo accesso: il 16 settembre 2010]. 25) Istat. Demografia in cifre. Disponibile online da: www. demo.istat.it. [Ultimo accesso: il 16 settembre 2010]. 26) Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome 1o/014/cr10a/c7. Tariffa unica convenzionale per le prestazioni di assistenza ospedaliera regole e tariffe valide per l'anno Roma, 27 gennaio ) Gruppo di lavoro OsMed. L uso dei farmaci in Italia. Rapporto nazionale anno Roma: Il Pensiero Scientifico Editore, ) Maestri E, Apelli O, Magnano L, et al. Prevenzione delle fratture ossee. Che cosa c é di nuovo. Pacchetti Informativi sui Farmaci 2008;2: ) Wells GA, Cranney A, Peterson J, et al. Risedronate for the primary and secondary prevention of osteoporotic fractures in postmenopausal women. Cochrane Database of Systematic Reviews 2008(1). 30) Chesnut C, Skag A, Christiansen C, et al. Effects of oral ibandronate administered daily or intermittently on fracture risk in posmenopausal osteoporosis. J Bone Miner Res 2004;19: ;19: ) Emkey R, Delmas PD, Bolognese M, et al. Efficacy and S 3 4 C A P I T O L O 2

13 tolerability of once monthly oral ibandronate (150 mg) and once weekly oral alendronate 870 mg): additional results from the Monthly Oral Therapy with Ibandronate for Osteoporosis Intervention (MOTION) study. Clin Ther ;31: ) McClung MR, Bolognese MA, Sedarati F, et al. Efficacy and safety of monthly oral ibandronate in the prevention of postmenopausal bone loss. Bone 2009;44: ) Lewiecki EM, Keaveny TM, Kopperdahl D, et al. Once-monthly oral ibandronate improves biomechanical determinants of bone strength in women with postmenopausal osteoporosis. J Clin Endocrinol Metab 2009;94: ) Silverman SL, Watts NB, Delmas PD, et al. Effectiveness of bisphosphonates on nonvertebral and hip fractures in the first year of therapy: The risedronate and alendronate (REAL) cohort study. Osteoporos Int 2007;18: ) O Donnell S, Cranney A, Wells GA, et al. Strontium ranelate for preventing and treating postmenopausal osteoporosis. Cochrane Database of Systematic Reviews 2006(4). C A P I T O L O 2 S 3 5

DIPARTIMENTO DIABETE

DIPARTIMENTO DIABETE CORTE DI GIUSTIZIA POPOLARE PER IL DIRITTO ALLA SALUTE III CONGRESSO NAZIONALE IL DIRITTO ALLA SALUTE: UN DIRITTO INALIENABILE CRITICITÀ A CONFRONTO COMMISSIONE TECNICA NAZIONALE DIPARTIMENTO DIABETE FederAnziani

Dettagli

IL PUNTO DI VISTA DEL MEDICO DI FAMIGLIA NELLA GESTIONE DELL OSTEOPOROSI ( PREVENZIONE E TRATTAMENTO) E NELLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE

IL PUNTO DI VISTA DEL MEDICO DI FAMIGLIA NELLA GESTIONE DELL OSTEOPOROSI ( PREVENZIONE E TRATTAMENTO) E NELLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE IL PUNTO DI NELLA GESTIONE DELL OSTEOPOROSI ( PREVENZIONE E TRATTAMENTO) E NELLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE PISTOIA 6 GIUGNO OSTEOPOROSI: DIFETTO SISTEMICO A CARICO DELLO SCHELETRO CARATTERIZZATO DA UNA

Dettagli

in collaborazione con Keyword E U R O P A organizza il corso di aggiornamento scientifico OSTEOTEACH:

in collaborazione con Keyword E U R O P A organizza il corso di aggiornamento scientifico OSTEOTEACH: I t a l b i o f o r m a in collaborazione con Keyword E U R O P A organizza il corso di aggiornamento scientifico OSTEOTEACH: corso teorico-pratico sull osteoporosi postmenopausale Monza (MI) 26/05/2007

Dettagli

Rapporto Osservasalute 2014 Atlante della salute nelle Regioni italiane La migliore performance Regione per Regione

Rapporto Osservasalute 2014 Atlante della salute nelle Regioni italiane La migliore performance Regione per Regione Rapporto Osservasalute 2014 Atlante della salute nelle Regioni italiane La migliore performance Regione per Regione Piemonte: la Regione in cui le donne muoiono meno per malattie cardiache Ma è tra le

Dettagli

Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio

Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio Anno 2005 Regione Lazio Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera

Dettagli

Dimensioni del problema

Dimensioni del problema SIMPOSIO La stipsi severa: attualità terapeutiche Dimensioni del problema Stefano Tardivo Dipartimento di Sanità Pubblica e Medicina di Comunità Università degli Studi di Verona FC (FUNCTIONAL CONSTIPATION)

Dettagli

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati Raffaella Michieli 1, Antonella Toselli 2 1 Responsabile Area Salute Donna SIMG; 2 Area Osteomioarticolare SIMG Focus on Terapia a lungo termine con i bisfosfonati L osteoporosi è un difetto sistemico

Dettagli

9. Assistenza ospedaliera

9. Assistenza ospedaliera 9. Assistenza ospedaliera Keystone LaPresse Assistenza ospedaliera 9.1. Assistenza ospedaliera per acuti e lungodegenti Il sistema SSN si avvale per l assistenza ospedaliera di 1.410 Istituti di ricovero

Dettagli

Programma Nazionale Esiti PNE

Programma Nazionale Esiti PNE Programma Nazionale Esiti PNE Edizione 2014 Il Programma Nazionale Esiti (PNE) è sviluppato da Agenas per conto del Ministero della Salute e fornisce a livello nazionale valutazioni comparative di efficacia,

Dettagli

Dossier sulla non autosufficienza

Dossier sulla non autosufficienza 1 Dossier sulla non autosufficienza Tanti soldi (quasi 30 mld) ma spesi male E al Sud boom di invalidità ma niente servizi La spesa, la domanda di assistenza, le strutture e i servizi. La situazione nelle

Dettagli

Anno 2013 Unità Organizzativa Governo della Prevenzione e Tutela Sanitaria Direzione Generale Salute

Anno 2013 Unità Organizzativa Governo della Prevenzione e Tutela Sanitaria Direzione Generale Salute Incidenti domestici in Lombardia: quadro di contesto Anno 2013 Unità Organizzativa Governo della Prevenzione e Tutela Sanitaria Direzione Generale Salute La Prevenzione degli infortuni domestici in Regione

Dettagli

FONDO SOLIDARISTICO TERRITORIALE PER LA NON AUTOSUFFICIENZA BOLOGNA

FONDO SOLIDARISTICO TERRITORIALE PER LA NON AUTOSUFFICIENZA BOLOGNA FONDO SOLIDARISTICO TERRITORIALE PER LA NON AUTOSUFFICIENZA BOLOGNA 25 maggio 2012 Contributo tecnico alla riflessione di Fiammetta Fabris (Direttore Operativo UniSalute S.p.A) 1 INDICE NON AUTOSUFFICIENZA

Dettagli

Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici. Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi

Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici. Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi COMUNICATO STAMPA ROMA, APRILE 2013 Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi La Toscana è la Regione che ha la spesa più elevata

Dettagli

Come documentare l entità del fenomeno

Come documentare l entità del fenomeno Si stima che in Piemonte i decessi dovuti agli incidenti domestici siano circa 740 morti all anno (Istat, 1996). La popolazione più a rischio per infortunistica domestica è costituita da bambini e anziani,

Dettagli

IL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE. Una grande istituzione al servizio della tua salute

IL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE. Una grande istituzione al servizio della tua salute IL SERVIZIO SANITARIO Una grande istituzione al servizio della tua salute I VALORI E I PUNTI DI FORZA DEL SSN La storia della sanità pubblica si intreccia saldamente con le fondamenta costituzionali del

Dettagli

1. Si conferma elevata la quota di italiani sovrappeso e obesi, problema in crescita anche al Nord

1. Si conferma elevata la quota di italiani sovrappeso e obesi, problema in crescita anche al Nord GLI STILI DI VITA DEL BEL PAESE RESTANO IL TALLONE D ACHILLE DELLA NOSTRA SALUTE 1. Si conferma elevata la quota di italiani sovrappeso e obesi, problema in crescita anche al Nord Si conferma elevata la

Dettagli

Il Diabete nel Veneto. Epidemiologia, morbidità e mortalità

Il Diabete nel Veneto. Epidemiologia, morbidità e mortalità Congresso Regionale Congiunto SID - AMD Padova 25 novembre 2006 Il Diabete nel Veneto. Epidemiologia, morbidità e mortalità Paolo Spolaore Scenario Contesto demografico crescente invecchiamento della popolazione

Dettagli

TABAGISMO E PREVENZIONE

TABAGISMO E PREVENZIONE TABAGISMO E PREVENZIONE CARDIOVASCOLARE IN ITALIA Carlo La Vecchia Prevalenza di fumo in Italia, 1955-2010 2 Prevalenza di fumo in Italia, 2010 3 Prevalenza di fumo in Italia, 1955-2010 Nel 2010 diceva

Dettagli

Approfondimenti ed esempi pratici. sulle regole e le definizioniper la fatturazione dei casi in conformità a SwissDRG

Approfondimenti ed esempi pratici. sulle regole e le definizioniper la fatturazione dei casi in conformità a SwissDRG Approfondimenti ed esempi pratici sulle regole e le definizioniper la fatturazione dei casi in conformità a SwissDRG Versione 1.1 del 07.05.2012 Fa fede la versione tedesca Chiarimenti sulle regole e le

Dettagli

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative.

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. Il modello di cure domiciliari integrate in sperimentazione all

Dettagli

Considerazioni sull attuazione del programma di assistenza extra ospedaliera ai malati di AIDS

Considerazioni sull attuazione del programma di assistenza extra ospedaliera ai malati di AIDS Boll. Farmacodip. e Alcoolis., XXV (1-2) 2002 Considerazioni sull attuazione del programma di assistenza extra ospedaliera ai malati di AIDS Natalia Magliocchetti 1, Marco Spiniello 1, Maria Novella Cordone

Dettagli

Prevenzione e sostenibilità: la collaborazione possibile tra AIFA e farmacisti

Prevenzione e sostenibilità: la collaborazione possibile tra AIFA e farmacisti Prevenzione e sostenibilità: la collaborazione possibile tra AIFA e farmacisti Prof. Sergio Pecorelli Presidente, Agenzia Italiana del Farmaco Relazione tra consumo di farmaci e aspettativa di vita in

Dettagli

Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana

Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana Giornata di lavoro Il percorso dell assistito con patologia cronica ad alta prevalenza Milano, 13 novembre 2013 francesco.profili@ars.toscana.it paolo.francesconi@ars.toscana.it

Dettagli

4. PROFILO DI SICUREZZA DEI BISFOSFONATI Up-to-date 2008

4. PROFILO DI SICUREZZA DEI BISFOSFONATI Up-to-date 2008 31 4. PROFILO DI SICUREZZA DEI BISFOSFONATI Up-to-date 2008 Marenza Leo, Claudio Marcocci Dipartimento di Endocrinologia e Metabolismo, Università di Pisa Introduzione I bisfosfonati (BF) sono largamente

Dettagli

CONFRONTO TRA FARMACI PER L OSTEOPOROSI ALLA LUCE DELLA MEDICINA BASATA SULL EVIDENZA

CONFRONTO TRA FARMACI PER L OSTEOPOROSI ALLA LUCE DELLA MEDICINA BASATA SULL EVIDENZA CONFRONTO TRA FARMACI PER L OSTEOPOROSI ALLA LUCE DELLA MEDICINA BASATA SULL EVIDENZA Davide Gatti, Ombretta Viapiana, Luca Idolazzi Centro Ospedaliero Clinicizzato, Università di Verona Valeggio sul Mincio

Dettagli

La Sorveglianza degli Incidenti Domestici nell ASP di Catanzaro

La Sorveglianza degli Incidenti Domestici nell ASP di Catanzaro La Sorveglianza degli Incidenti Domestici nell ASP di Catanzaro Anni 2011-2012 A cura di: Antonella Sutera Sardo Maria Antonietta Soccio Marilena Adamo Elisa Defezza Pierina Mancuso, Vincenzo Nocera Vilma

Dettagli

INCREMENTO DELLA VITA MEDIA NELL ULTIMO SECOLO

INCREMENTO DELLA VITA MEDIA NELL ULTIMO SECOLO INCREMENTO DELLA VITA MEDIA NELL ULTIMO SECOLO 100 uomo donna ANNI ANNI DI DI VITA VITA MEDIA MEDIA PREVISTI PREVISTI ALLA ALLA NASCITA NASCITA 80 60 40 DIFFUSIONE USO PENICILLINA VACCINAZIONE ANTIPOLIO

Dettagli

Assistenza ospedaliera

Assistenza ospedaliera Assistenza ospedaliera Gli indicatori dell Assistenza Ospedaliera presentati nelle ultime edizioni del Rapporto Osservasalute hanno mostrato che il processo di modernizzazione e modifica dell organizzazione

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

DOVE STA ANDANDO IL TITOLO SSN?

DOVE STA ANDANDO IL TITOLO SSN? DOVE STA ANDANDO IL TITOLO SSN? Evidenze dal Eventuale Rapporto OASI sottotitolo 2013 Prof. Francesco Nome Cognome Longo Università Carica istituzionale Bocconi Milano, 20.01.2014 I principali trend evolutivi

Dettagli

Identificazione di un set di indicatori relativi alla qualità dell assistenza agli anziani

Identificazione di un set di indicatori relativi alla qualità dell assistenza agli anziani Gli indicatori di salute e di performance del sistema sanitario in Italia Identificazione di un set di indicatori relativi alla qualità dell assistenza agli anziani L. Roti, R. Gini I. Il processo di selezione

Dettagli

Neoplasia ovarica nel Veneto La valutazione dei processi di cura a partire dai dati amministrativi. Paolo Spolaore

Neoplasia ovarica nel Veneto La valutazione dei processi di cura a partire dai dati amministrativi. Paolo Spolaore Neoplasia ovarica nel Veneto La valutazione dei processi di cura a partire dai dati amministrativi Paolo Spolaore Padova, 1 ottobre 2007 Scenario Contesto demografico Crescente invecchiamento della popolazione

Dettagli

Ospedale e territorio, esperienze ed evoluzione futura

Ospedale e territorio, esperienze ed evoluzione futura Ospedale e territorio, esperienze ed evoluzione futura Enrico Bollero Direttore Generale, Fondazione Policlinico Tor Vergata Coordinatore Forum Direttori Generali FEDERSANITÀ - Anci 1 Il problema La continuità

Dettagli

Osservatorio Arno diabete

Osservatorio Arno diabete Osservatorio Arno diabete Osservatorio ARNO Diabete Perché un focus sul diabete? Diabete condizione ad alta prevalenza ed in forte aumento Diabete condizione che assorbe una quantità elevata di risorse

Dettagli

La valutazione economica dei farmaci (I dati di costo) (claudio.jommi@pharm.unipmn.it)

La valutazione economica dei farmaci (I dati di costo) (claudio.jommi@pharm.unipmn.it) La valutazione economica dei farmaci (I dati di costo) (claudio.jommi@pharm.unipmn.it) pag. 1 Categorie di costo Costi diretti sanitari Terapie farmacologiche Visite specialistiche, Esami di laboratorio,

Dettagli

Il Database del Ministero della Salute

Il Database del Ministero della Salute Il Database del Ministero della Salute Giorgio Reggiardo Medi Service Data Management Unit- Genova Dati ricavati dalle informazioni contenute nelle Schede Dimissioni Ospedaliere relative agli anni 2001

Dettagli

Centro del Sistema. Epidemiologico. Regionale. Regione Veneto. Assessorato alla Sanità. Direzione Piani e Programmi Socio-Sanitari

Centro del Sistema. Epidemiologico. Regionale. Regione Veneto. Assessorato alla Sanità. Direzione Piani e Programmi Socio-Sanitari Infortuni e malattie professionali nei lavoratori veneti Progetti in corso 6 giugno 2006 Valutazione del carico assistenziale ospedaliero associabile agli infortuni sul lavoro Giovanni Milan,, CRRC-SER

Dettagli

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro Premessa L Ictus Cerebrale, pur essendo in Italia la prima causa di invalidità, la seconda di demenza e la terza di morte, non ha ricevuto finora, a differenza di altre malattie altrettanto gravi per l

Dettagli

L assistenza ospedaliera nel fine vita oncologico in Veneto. Manola Lisiero, Francesco Avossa, Michele Pellizzari, Elena Schievano, Mario Saugo

L assistenza ospedaliera nel fine vita oncologico in Veneto. Manola Lisiero, Francesco Avossa, Michele Pellizzari, Elena Schievano, Mario Saugo L assistenza ospedaliera nel fine vita oncologico in Veneto Manola Lisiero, Francesco Avossa, Michele Pellizzari, Elena Schievano, Mario Saugo XXXVI CONGRESSO ANNUALE AIE Bari, 29-31 ottobre 2012 Sistema

Dettagli

Milano, 27 novembre 2012

Milano, 27 novembre 2012 WORKSHOP La drugutilizationattraverso i database amministrativi Milano, 27 novembre 2012 GLI ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA IL PROGETTO EPIFARM-ELDERLY ELDERLY AlessandroNobili, Carlotta Franchi, Luca Pasina,

Dettagli

I livelli essenziali di assistenza (LEA). Seconda puntata: gli indicatori di garanzia

I livelli essenziali di assistenza (LEA). Seconda puntata: gli indicatori di garanzia 18 Statistica & Società/Anno 2, N. 3/ Demografia, Istruzione, Welfare I livelli essenziali di assistenza (LEA). Seconda puntata: gli indicatori di garanzia Carlo Zocchetti Direzione Generale Salute Regione

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

ANALISI LE PATOLOGIE VALVOLARI NUMERO 20 - MARZO 2014

ANALISI LE PATOLOGIE VALVOLARI NUMERO 20 - MARZO 2014 ANALISI NUMERO 20 - MARZO 2014 LE PATOLOGIE VALVOLARI ANALISI DELL'ATTIVITÀ DI RICOVERO, DELLA MOBILITÀ OSPEDALIERA, DELLA COMPLESSITÀ ORGANIZZATIVA E DELL'APPROPRIATEZZA PROFESSIONALE CENTRO STUDI Valeria

Dettagli

158 infosalute 08. 3.6 La spesa sanitaria di parte corrente

158 infosalute 08. 3.6 La spesa sanitaria di parte corrente 3.6 La spesa sanitaria di parte corrente La spesa corrente del Servizio sanitario nazionale si è attestata per l anno 2008 a 106.621.951 migliaia di euro (nel 2007=103.095.707 migliaia di euro; nel 2006=99.231.005

Dettagli

Ministero della salute

Ministero della salute Ministero della salute Centro Nazionale per la Prevenzione ed il Controllo delle Malattie Guida alla Redazione dei Progetti CCM 2010 Allegato 1 TITOLO: La definizione del case-mix nelle cure domiciliari:

Dettagli

Valutazione epidemiologica dell impatto delle Linee di indirizzo regionali sull uso dei farmaci. Marina Davoli

Valutazione epidemiologica dell impatto delle Linee di indirizzo regionali sull uso dei farmaci. Marina Davoli Valutazione epidemiologica dell impatto delle Linee di indirizzo regionali sull uso dei farmaci Marina Davoli SNLG - Antibioticoprofilassi perioperatoria nell adulto - 1 Raccomandazione I/A La profilassi

Dettagli

Glossario. www.provincia.bz.it/oep Dati ondine Ricoveri ospedalieri Elaborazioni a cura dell Osservatorio Epidemiologico Provinciale)

Glossario. www.provincia.bz.it/oep Dati ondine Ricoveri ospedalieri Elaborazioni a cura dell Osservatorio Epidemiologico Provinciale) GLOSSARIO LIVELLI ESSENZIALI DI ASSISTENZA Insieme di prestazioni e servizi che il Servizio sanitario nazionale è tenuto a fornire a tutti i cittadini, gratuitamente o dietro pagamento di una quota di

Dettagli

A relazione del Presidente Cota:

A relazione del Presidente Cota: REGIONE PIEMONTE BU35 01/09/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 3 agosto 2011, n. 4-2495 Attuazione del Piano di Rientro e armonizzazione con gli indirizzi del Patto per la Salute 2010-2012 del 3/12/2009

Dettagli

SALUTE E ANZIANI IN ITALIA

SALUTE E ANZIANI IN ITALIA Definire la domanda di salute della popolazione anziani in Italia è un tema chiave da affrontare, specie in un paese come il nostro che invecchia sempre di più e che destina più della metà delle sue risorse

Dettagli

Composizione del GLAM - Gruppo di Lavoro Multidisciplinare

Composizione del GLAM - Gruppo di Lavoro Multidisciplinare AUDIT REPORT Indagine AVEC percorso del paziente > 65 con frattura di femore anno 2010 Azienda USL di Bologna Azienda USL di Ferrara Azienda USL di Imola Azienda Ospedaliero-Universitaria di Bologna Azienda

Dettagli

I sistemi sanitari nel contesto Europeo

I sistemi sanitari nel contesto Europeo I sistemi sanitari nel contesto Europeo Le caratteristiche finanziarie e organizzative della assistenza sanitaria sono molto variegate. In breve cercheremo di schematizzare alcuni aspetti dei sistemi sanitari,

Dettagli

Sistema informativo e programmazione sanitaria

Sistema informativo e programmazione sanitaria 1^ Conferenza Regionale sulla Salute Mentale Verona, 9-109 maggio 2008 Sistema informativo e programmazione sanitaria Paolo Spolaore Centro Regionale di Riferimento per il Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

Gli strumenti di appropriatezza infermieristica nelle cure domiciliari e gli esiti sensibili all'assistenza, presentazione di un'esperienza

Gli strumenti di appropriatezza infermieristica nelle cure domiciliari e gli esiti sensibili all'assistenza, presentazione di un'esperienza Gli strumenti di appropriatezza infermieristica nelle cure domiciliari e gli esiti sensibili all'assistenza, presentazione di un'esperienza Laura Tibaldi, Tiziana Lavalle Lo sviluppo del ragionamento Caratteristiche

Dettagli

Il costo economico del diabete

Il costo economico del diabete Il costo economico del diabete Giulio Marchesini Alma Mater Studiorum Università di Bologna, Azienda Ospedaliera di Bologna, SSD di Dietetica Clinica I numeri dell Osservatorio ARNO ( 2006 ) 7 Regioni

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE SUI CASI INCIDENTI DI DIABETE MELLITO TIPO I INFANTILE-GIOVANILE

RAPPORTO ANNUALE SUI CASI INCIDENTI DI DIABETE MELLITO TIPO I INFANTILE-GIOVANILE RAPPORTO ANNUALE SUI CASI INCIDENTI DI DIABETE MELLITO TIPO I INFANTILE-GIOVANILE Dati Ridi (0-29 anni) Anno 2013 Servizio Epidemiologia Clinica e Valutativa Trento giugno 2014 A cura di Silvano Piffer

Dettagli

7. FONTI DEI DATI, DIMENSIONI DI ANALISI E INDICATORI STATISTICI

7. FONTI DEI DATI, DIMENSIONI DI ANALISI E INDICATORI STATISTICI 7. FONTI DEI DATI, DIMENSIONI DI ANALISI E INDICATORI STATISTICI 7.1. FONTI DEI DATI Per la realizzazione dell atlante sanitario della Regione Piemonte sono state utilizzate le basi dati dei seguenti sistemi

Dettagli

Appropriatezza diagnostica e terapeutica nella prevenzione delle fratture da fragilità da osteoporosi

Appropriatezza diagnostica e terapeutica nella prevenzione delle fratture da fragilità da osteoporosi Appropriatezza diagnostica e terapeutica nella prevenzione delle fratture da fragilità da osteoporosi La proposta del Ministero: un Registro Italiano delle Fratture da Fragilità (RIFF) Rossana Ugenti Direttore

Dettagli

Implementazione strumento interrai- Home Care

Implementazione strumento interrai- Home Care Implementazione strumento interrai- Home Care Francesco Landi Dipartimento di Scienze Gerontologiche-Geriatriche Geriatriche e Fisiatriche Università Cattolica Sacro Cuore - Roma MODELLI INNOVATIVI PER

Dettagli

SISTEMI SANITARI EUROPEI. Il sistema sanitario italiano

SISTEMI SANITARI EUROPEI. Il sistema sanitario italiano SISTEMI SANITARI EUROPEI MODELLI A CONFRONTO Il sistema sanitario italiano Domenico Iscaro Presidente Nazionale Anaao-Assomed Firenze, 13 febbraio 2015 IN ITALIA PRIMA DEL 1978 Sistema mutualistico (modello

Dettagli

Sorveglianza della mortalità materna: progetto pilota in regioni del Nord, Centro e Sud Italia. Protocollo dello studio

Sorveglianza della mortalità materna: progetto pilota in regioni del Nord, Centro e Sud Italia. Protocollo dello studio Sorveglianza della mortalità materna: progetto pilota in regioni del Nord, Centro e Sud Italia. Protocollo dello studio 1. BACKGROUND La mortalità e la morbosità materna grave correlate al travaglio o

Dettagli

c) Chi sottoporre al trattamento farmacologico per l osteoporosi? Indicazioni pratiche.

c) Chi sottoporre al trattamento farmacologico per l osteoporosi? Indicazioni pratiche. LA TERAPIA FARMACOLOGICA DELL OSTEOPOROSI Marco Di Monaco Responsabile UO Malattie Metaboliche dell Osso Presidio Sanitario San Camillo, Torino Questa relazione si prefigge di rispondere ad alcuni dei

Dettagli

The Silver Tsunami. Il mondo invecchia. Dati epidemiologici di incidenza e prevalenza della demenza in provincia di Bergamo. Il contesto demografico

The Silver Tsunami. Il mondo invecchia. Dati epidemiologici di incidenza e prevalenza della demenza in provincia di Bergamo. Il contesto demografico Dati epidemiologici di incidenza e prevalenza della demenza in provincia di Bergamo Alberto Zucchi Servizio Epidemiologia Aziendale-Dipartimento PAC ASL di Bergamo COMITATO SCIENTIFICO INTERAZIENDALE DELLE

Dettagli

PAY FOR PERFORMANCE IN AREA ORTOPEDICA: L'IMPATTO NELLA REGIONE LAZIO PER TIPOLOGIA DI OSPEDALE

PAY FOR PERFORMANCE IN AREA ORTOPEDICA: L'IMPATTO NELLA REGIONE LAZIO PER TIPOLOGIA DI OSPEDALE PAY FOR PERFORMANCE IN AREA ORTOPEDICA: L'IMPATTO NELLA REGIONE LAZIO PER TIPOLOGIA DI OSPEDALE Colais P, Pinnarelli L, Perucci CA, Braga M, Davoli M, Fusco D Bari, 29-31 ottobre 2012 Background (1) In

Dettagli

Market Access, HTA e valutazione economica dei farmaci (claudio.jommi@pharm.unipmn.it)

Market Access, HTA e valutazione economica dei farmaci (claudio.jommi@pharm.unipmn.it) Market Access, HTA e valutazione economica dei farmaci (claudio.jommi@pharm.unipmn.it) pag. 1 Agenda Il concetto di market access ed i suoi quattro elementi base Il ruolo dell Health Technology Assessmemt

Dettagli

le malattie reumatiche: attualità e prospettive

le malattie reumatiche: attualità e prospettive gallarate, 9.11. 2013 le malattie reumatiche: attualità e prospettive marco broggini L impatto delle patologie muscoloscheletriche nel nuovo millennio Le patologie muscoloscheletriche rappresentano la

Dettagli

Il ricorso alle cure odontoiatriche e la salute dei denti in Italia Anno 2005

Il ricorso alle cure odontoiatriche e la salute dei denti in Italia Anno 2005 9 dicembre 2008 Il ricorso alle cure odontoiatriche e la salute dei denti in Italia Anno 2005 Con l indagine multiscopo Condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari l Istat raccoglie informazioni

Dettagli

Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità

Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità La spesa sociale dei Comuni Nel 2012 (ultimo dato disponibile) i Comuni italiani, singoli o associati, hanno speso per interventi e servizi sociali sui

Dettagli

CEDEM. Dal CeDeM alla ReteDem. Stefano De Carolis. Centro della Memoria Ospedale «Infermi» Scala B Piano VI

CEDEM. Dal CeDeM alla ReteDem. Stefano De Carolis. Centro della Memoria Ospedale «Infermi» Scala B Piano VI Giovan Francesco Nagli detto il Centino (not. 1638-1675) Sant Ubaldo libera un ossessa Azienda USL Rimini Stefano De Carolis Dal CeDeM alla ReteDem Responsabile Aziendale del Progetto Demenze per il territorio

Dettagli

L ASSISTENZA SOCIO-SANITARIA IN UN PAESE CHE INVECCHIA

L ASSISTENZA SOCIO-SANITARIA IN UN PAESE CHE INVECCHIA Universita degli Studi del Molise Facolta di Scienze del Benessere XIV SETTIMANA DELLA CULTURA SCIENTIFICA E TECNOLOGICA Campobasso, 22 marzo 2004 L ASSISTENZA SOCIO-SANITARIA IN UN PAESE CHE INVECCHIA

Dettagli

LA VALIDITÀ DEGLI STUDI E IL CONTROLLO DEL CONFONDIMENTO

LA VALIDITÀ DEGLI STUDI E IL CONTROLLO DEL CONFONDIMENTO LA VALIDITÀ DEGLI STUDI E IL CONTROLLO DEL CONFONDIMENTO Accuratezza degli studi Miettinen, nel 1985, afferma che : la accuratezza di uno studio epidemiologico consiste nel grado di - assenza di errori

Dettagli

Popolazione, condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari

Popolazione, condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari Popolazione, condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari Documento a supporto degli indirizzi di Piano Socio-sanitario 2011-2013 della Regione del Veneto Novembre 2010 Indice 1 Il contesto demografico...1

Dettagli

Continuità delle cure:

Continuità delle cure: Continuità delle cure: Assistenza integrata Ospedale-Territorio Roma, 13 dicembre 2013 Riccardo Poli Direttore Zona-Distretto Asl 4 Prato AZIENDA USL 4 PRATO Dalle Dimissioni Difficili al SCAHT Servizio

Dettagli

Le strutture territoriali nelle regioni:

Le strutture territoriali nelle regioni: 2014 MOTORE SANITA' Il nuovo patto stato-regioni: tra tagli ed efficienza 1 Marzo 2014 Le strutture territoriali nelle regioni: luoghi La e strumenti fantasia al innovativi potere di integrazione e di

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore TerapiE PER L OSTEOPOROSI Reggio Emilia, MARZO 2015 L artrite reumatoide CALCIO E VITAMINA D Nessun dato

Dettagli

ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI

ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI OBIETTIVI 1. DARE STRUMENTI PER COMPRENDERE MEGLIO LA REALTA E LE SPECIFICITA DELLA GESTIONE DELLE AZIENDE SANITARIE 2. APPREZZARE

Dettagli

Ruolo del Medico nell Assistenza Sanitaria di base. Prof. A. Mistretta

Ruolo del Medico nell Assistenza Sanitaria di base. Prof. A. Mistretta Ruolo del Medico nell Assistenza Sanitaria di base Prof. A. Mistretta Il medico di medicina generale (MMG) Garantisce l assistenza sanitaria Si assicura di promuovere e salvaguardare la salute in un rapporto

Dettagli

La prevenzione delle cadute in ospedale

La prevenzione delle cadute in ospedale La prevenzione delle cadute in ospedale Coordinatori: Tommaso Bellandi, Laura Rasero e Donatella Rizzini Supervisori: Stefania Rodella e Riccardo Tartaglia http://www.salute.toscana.it/sst/rischio-clinico.shtml

Dettagli

Epidemiologia del tabagismo

Epidemiologia del tabagismo Ministero della Salute LOGO REGIONALE LOGO AZIENDALE Progetto CCM Definizione e implementazione di un sistema di monitoraggio del rispetto della normativa sul fumo in Italia : monitoraggio negli ambienti

Dettagli

PROPOSTA DI DISEGNO DI LEGGE INFERMIERI DI FAMIGLIA CONVENZIONATI

PROPOSTA DI DISEGNO DI LEGGE INFERMIERI DI FAMIGLIA CONVENZIONATI PROPOSTA DI DISEGNO DI LEGGE INFERMIERI DI FAMIGLIA CONVENZIONATI 1 / 8 RELAZIONE Egregi colleghi, la legislazione vigente riconosce già all infermiere un ruolo fondamentale in assistenza domiciliare,

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III 2 Rapporto Nazionale sull utilizzo

Dettagli

Responsabile - U.O.S. MEDICINA FISICA E RIABILITAZIONE P.O. NOTO

Responsabile - U.O.S. MEDICINA FISICA E RIABILITAZIONE P.O. NOTO INFORMAZIONI PERSONALI Nome Troja Antonino Data di nascita 07/03/1954 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente medico ASP DI SIRACUSA Responsabile - U.O.S. MEDICINA

Dettagli

L assistenza domiciliare integrata nella ASL di Lecce. Cabina di regia aziendale Polo didattico 07.2.2013

L assistenza domiciliare integrata nella ASL di Lecce. Cabina di regia aziendale Polo didattico 07.2.2013 L assistenza domiciliare integrata nella ASL di Lecce Cabina di regia aziendale Polo didattico 07.2.2013 Definizione (da Flussi informativi ministeriali per la costruzione degli indicatori LEA) Per ADI

Dettagli

ORGANIZZAZIONE SANITARIA. Prof. A. Mistretta

ORGANIZZAZIONE SANITARIA. Prof. A. Mistretta ORGANIZZAZIONE SANITARIA Prof. A. Mistretta ASL Nell'ordinamento italiano l'azienda sanitaria locale (ASL) è un ente pubblico locale. In passato ente strumentale della regione, al quale competeva l'organizzazione

Dettagli

ULTRA SESSANTACINQUENNI (%)

ULTRA SESSANTACINQUENNI (%) SUD/ISOLE CENTRO NORD ITA LIA SARDEGNA SICILIA CALABRIA BASILICATA PUGLIA CAMPANIA MOLISE A BRUZZO LAZIO MARCHE UMBRIA TOSCANA EMILIA ROM LIGURIA FRIULI VG VENETO TRENTINO AA LOMBARDIA V AOSTA PIEMONTE

Dettagli

L anziano fragile nel modello organizzativo di un ospedale aperto al territorio in un grande contesto metropolitano

L anziano fragile nel modello organizzativo di un ospedale aperto al territorio in un grande contesto metropolitano L anziano fragile nel modello organizzativo di un ospedale aperto al territorio in un grande contesto metropolitano Ernesto Palummeri Dipartimento Interaziendale di Gerontologia e Geriatria ASL 3 Genovese

Dettagli

E. O. Ospedali Galliera - Genova

E. O. Ospedali Galliera - Genova E. O. Ospedali Galliera - Genova Il sistema qualità e l integrazione l tra i servizi sanitari Analisi di un modello di intervento Massimo Lombardo Forum P.A., Roma 9 maggio 2006 Contenuto della presentazione

Dettagli

PARTE TERZA CURE PRIMARIE

PARTE TERZA CURE PRIMARIE PARTE TERZA CURE PRIMARIE a cura del Dott. Oliviero Zanardi UNITA ORGANIZZATIVA COMPLESSA CURE PRIMARIE E l Unità organizzativa che all interno del D.S.S.B. comprende i servizi e gli interventi rivolti

Dettagli

L ASSISTENZA RESPIRATORIA DOMICILIARE: PROBLEMI SUL TERRITORIO

L ASSISTENZA RESPIRATORIA DOMICILIARE: PROBLEMI SUL TERRITORIO L ASSISTENZA RESPIRATORIA DOMICILIARE: PROBLEMI SUL TERRITORIO Mario Caputi Ilernando Meoli Dipartimento di Scienze Cardiotoraciche e Respiratorie: Sezione di Malattie, Fisiopatologia e Riabilitazione

Dettagli

Il Servizio di Dietetica e Nutrizione Clinica nella ristorazione ospedaliera

Il Servizio di Dietetica e Nutrizione Clinica nella ristorazione ospedaliera Il Servizio di Dietetica e Nutrizione Clinica nella ristorazione ospedaliera Dr. Carlo Pedrolli U.O.S. di Dietetica e Nutrizione Clinica Ospedale S. Chiara TRENTO Ristorazione Ospedaliera e Servizi di

Dettagli

5. Bisfosfonati ed endocrinopatie Up-to-date 2005

5. Bisfosfonati ed endocrinopatie Up-to-date 2005 35 5. Bisfosfonati ed endocrinopatie Up-to-date 2005 Alfredo Scillitani, Claudia Battista, Vincenzo Carnevale Ospedale Casa Sollievo della Sofferenza IRCCS, San Giovanni Rotondo (FG) Introduzione I bisfosfonati

Dettagli

ANALISI E PROPOSTE PER IL CONTENIMENTO DELLA SPESA SANITARIA E LA RICOSTITUZIONE DEL FONDO PER LA NON AUTOSUFFICIENZA

ANALISI E PROPOSTE PER IL CONTENIMENTO DELLA SPESA SANITARIA E LA RICOSTITUZIONE DEL FONDO PER LA NON AUTOSUFFICIENZA ANALISI E PROPOSTE PER IL CONTENIMENTO DELLA SPESA SANITARIA E LA RICOSTITUZIONE DEL FONDO PER LA NON AUTOSUFFICIENZA SINTESI PER LA STAMPA Intervento del Prof. Emilio Mortilla Presidente Ageing Society-Osservatorio

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FUCCI, DISTASO, SISTO, CIRACÌ, LAFFRANCO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FUCCI, DISTASO, SISTO, CIRACÌ, LAFFRANCO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2537 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI FUCCI, DISTASO, SISTO, CIRACÌ, LAFFRANCO Modifiche agli articoli 3-quinquies e 3-sexies del

Dettagli

LE CURE A CASA IN UNO SCENARIO DI QUALITÀ E SICUREZZA: DAL CENSIMENTO AL LIBRO BIANCO

LE CURE A CASA IN UNO SCENARIO DI QUALITÀ E SICUREZZA: DAL CENSIMENTO AL LIBRO BIANCO LE CURE A CASA IN UNO SCENARIO DI QUALITÀ E SICUREZZA: DAL CENSIMENTO AL LIBRO BIANCO Il medico di medicina generale nelle cure a casa: quale ruolo? Antonio Calicchia, Responsabile Nazionale FIMMG per

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute LEA Li v e l l i Esse nz i a l i di A ssi st e nz a Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA PROGRAMMAZIONE E DELL ORDINAMENTO DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE AO Direzione Generale della programmazione

Dettagli

Gli Indicatori per il monitoraggio dell Assistenza: i LEA (Livelli Essenziali di Assistenza)

Gli Indicatori per il monitoraggio dell Assistenza: i LEA (Livelli Essenziali di Assistenza) Gli Indicatori per il monitoraggio dell Assistenza: i LEA (Livelli Essenziali di Assistenza) Susanna Conti Direttora dell Ufficio di Statistica dell Istituto Superiore della Sanità ALCUNE CONSIDERAZIONI

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO CENTRALE. Cibo e Salute: Giornata di prevenzione dell Osteoporosi della CRI.

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO CENTRALE. Cibo e Salute: Giornata di prevenzione dell Osteoporosi della CRI. CROCE ROSSA ITALIANA SCHEDA DI APPROFONDIMENTO Il Consigliere del Presidente Nazionale Prof. Giuliano Da Villa Cell. 3355499265 e-mail: ciboesalute@cri.it CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO CENTRALE Cibo e

Dettagli

Guida ai diritti e alle prestazioni sanitarie e sociosanitarie

Guida ai diritti e alle prestazioni sanitarie e sociosanitarie Guida ai diritti e alle prestazioni sanitarie e sociosanitarie Introduzione...1 I diritti della persona malata. Cosa dicono le leggi...2 La tutela della salute in ospedale nelle residenze a domicilio...2

Dettagli

Descrizione epidemiologica degli accessi in pronto soccorso per violenza

Descrizione epidemiologica degli accessi in pronto soccorso per violenza Descrizione epidemiologica degli accessi in pronto soccorso per violenza Sara Farchi Area del Dipartimento Tutela della Salute Workshop Percorso assistenziale in acuto della vittima di violenza Roma, 7

Dettagli

Le disuguaglianze nell accesso alla salute in Italia

Le disuguaglianze nell accesso alla salute in Italia Le disuguaglianze nell accesso alla salute in Italia Immigrati e screening in Italia Seminario Congiunto ONS-GISCi - PIO Nera Agabiti Viterbo, 15 giugno 2011 Disuguaglianze socio-economiche nella salute

Dettagli