UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA IN GIURISPRUDENZA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA IN GIURISPRUDENZA"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA IN GIURISPRUDENZA «Economia e gestione delle aziende ospedaliere: tra servizio pubblico e interessi privati. Il caso della Fondazione Santa Lucia.» Relatore: Chiar.mo Prof. Alessandro Gennaro Candidato: Viola Scaloni Matr. n. GSP01174-LMG01 ANNO ACCADEMICO 2012/2013

2 1 Alla mia famiglia.

3 INDICE INTRODUZIONE Il Sistema Sanitario Nazionale La nascita del Servizio Sanitario Nazionale Normativa Legge n. 833 del 23 dicembre 1978, Riforma Sanitaria La regionalizzazione del sistema sanitario L aziendalizzazione della Sanità : Aspetti normativi per la programmazione e la ripartizione delle attività sanitarie : DRG Diagnosis related groups Analisi economica della ripartizione del mercato sanitario nazionale Il mercato sanitario Analisi della domanda Analisi dell offerta: le strutture erogatrici Acuzie e post-acuzie La gestione aziendale di una realtà ospedaliera privata: la Fondazione Santa Lucia I.R.C.C.S : Mission : Piano strategico : Budget e controllo : Le leve gestionali: quantità e tipologie di prestazioni, quantità e tipologia di posti letto, tariffe e qualità delle prestazioni Interazioni pubblico-privato: distorsioni del mercato sanitario (analisi dell'eventuale abuso di posizione dominante in tema di ripartizione delle quote di mercato e delle tariffe) Analisi del mercato sanitario tra pubblico e privato Distorsioni del mercato sanitario e abuso di posizione dominante: il caso della Fondazione Santa Lucia I.R.C.C.S CONCLUSIONI BIBLIOGRAFIA

4 LISTA DELLE ABBREVIAZIONI STANDARD e DEGLI ACRONIMI UTILIZZATI AA. VV. autori vari es. Esempio art. Articolo I.R.C.C.S Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico AGCM Autorità Garante l. Legge della Concorrenza e del Mercato ASL Azienda Lett. Lettera Sanitaria Locale ca. Circa MDC Major Diagnosis Category cap. Capitolo n. / nn. numero / numeri c.d. Così detto p. / pp. pagina / pagine cfr. Confronta p.l. / pp. ll Posto letto/posti letto DCA d.lgs. D.M. Decreto commissario ad acta Decreto legislativo Decreto ministeriale par. sez. Paragrafo Sezione SSN Servizio Sanitario Nazionale doc. Documento tab. Tabella DRG Diagnosis Related Groups ed. Editore tit. Titolo TAR Tribunale Amministrativo Regionale et al. Ed altri vol. Volume GU Gazzetta Ufficiale USL Unità Sanitaria Locale 3

5 INTRODUZIONE La presente tesi di Laurea ha l obiettivo di analizzare il mercato sanitario, con particolare riguardo al processo di aziendalizzazione, alla ripartizione delle quote tra pubblico e privato e agli eventuali profili distorsivi della concorrenza. Nel corso della trattazione si cercherà di dimostrare come la Regione Lazio stia abusando della propria posizione dominante all interno del mercato sanitario, tramite l applicazione di condizione e prezzi iniqui per prestazioni equivalenti. A tal proposito, verrà analizzato il caso della Fondazione Santa Lucia I.R.C.C.S, Ospedale di rilievo nazionale e di alta specializzazione per la riabilitazione neuromotoria, che, da anni, versa in uno stato di profonda crisi economica a causa di una serie di decretazioni regionali illegittime e del mancato adeguamento delle tariffe. All Ospedale continua, infatti, a non essere riconosciuto lo status di alta specializzazione neuroriabilitativa, nonostante la giurisprudenza amministrativa e il Consiglio di Stato abbiano in più occasioni dato ragione alla Fondazione. L esame del mercato sanitario avrà inizio con l analisi del Sistema Sanitario Nazionale, con riguardo ai profili dell evoluzione normativa, delle finalità strategiche e dell assetto organizzativo. Prima dell istituzione del Servizio Sanitario Nazionale, la tutela della salute era affidata ad enti mutualistici che garantivano la copertura sanitaria solo dietro pagamento di un premio. Per tale ragione, solo 1/3 della popolazione poteva beneficiarne. Nel 1978, con la Legge n. 833, viene finalmente istituito un sistema sanitario a carattere universalistico e solidaristico che, recependo il dettato costituzionale, garantisce la tutela della salute a tutti i cittadini, senza alcuna distinzione. 4

6 Con le riforme successive, ad opera dei Decreti Legislativi nn. 502/92 e 229/99, vengono avviati due ulteriori processi, che pongono le basi per il moderno Servizio Sanitario Nazionale: la regionalizzazione e l aziendalizzazione del sistema sanitario. Con il primo processo, viene attribuita alle Regioni la funzione di gestione dei Servizi Sanitari Regionali, in ragione della loro maggiore vicinanza ai cittadini rispetto allo Stato, in capo al quale permangono comunque compiti di indirizzo e di controllo dell intero sistema. Con l aziendalizzazione, le Unità Sanitarie Locali vengono trasformate in Aziende di diritto privato: si abbandona così il preesistente sistema burocratico, in favore di una nuova gestione, rivolta al raggiungimento degli obiettivi e alla valutazione delle performance. Le ASL divengono così il fulcro dell intera rete regionale. In questo nuovo contesto viene inoltre riformato il sistema di rimborso delle strutture operanti per conto del S.S.N., sostituendo il pagamento a tariffa al precedente piè di lista. Contestualmente, vengono introdotti i DRG Diagnosis Related Groups, ossia un insieme di codici che suddividono i pazienti in classi finali di ricovero, omogenee dal punto di vista delle risorse assorbite e quindi dei costi: ad ogni DRG viene attribuita una tariffa che remunera allo stesso modo ogni evento ricovero, indipendentemente dalla sua durata. Lo scopo del nuovo sistema è quello di costringere le strutture ospedaliere ad incrementare la quantità di ricoveri per mantenere lo stesso volume di fatturato, favorendo così la diminuzione delle liste d attesa e dei ricoveri inappropriati e contenendo la spesa sanitaria. Come si vedrà nei capitoli nn. 3 e 4, le tariffe, introdotte con lo scopo di remunerare adeguatamente ed equamente le strutture pubbliche e quelle private accreditate per prestazioni equivalenti, sono diventate uno degli strumenti distorsivi di maggior incidenza all interno del mercato sanitario: basti pensare che le strutture pubbliche continuano a ricevere rimborsi sulla base della spesa storica sostenuta, mentre gli erogatori privati sono remunerati sulla base di tariffe ferme al

7 Le riforme del S.S.N. hanno inoltre introdotto due istituti di particolare interesse per la presente trattazione: l autorizzazione e l accreditamento delle strutture private. Previo espletamento di un apposita procedura di verifica circa la sussistenza dei requisiti previsti normativamente e la compatibilità con la programmazione sanitaria nazionale, le strutture private possono essere autorizzate ad operare nell ambito e per conto del Servizio Sanitario Nazionale. Come si vedrà, tali istituti, introdotti con la finalità di creare un mercato concorrenziale in cui il paziente-cliente sia libero di scegliere a quale struttura rivolgersi, sono diventati, nella pratica, strumenti discrezionali in mano alle Regioni. Al riguardo, nel capitolo n. 2, verrà analizzata la ripartizione delle quote del mercato sanitario tra strutture pubbliche e strutture private: da un analisi condotta sulla base dei dati ISTAT, si potrà osservare come gli erogatori pubblici detengano quote quasi monopolistiche del mercato sanitario, per quanto riguarda il numero di posti letto e delle giornate di degenza. Il capitolo n. 3 è dedicato alla Fondazione Santa Lucia e alla sua gestione aziendale (mission, pianificazione e budget). Tale analisi è stata condotta tramite colloqui ed interviste con i Dirigenti della Direzione Amministrativa e della Direzione Sanitaria aziendale. La Fondazione Santa Lucia è dal 1992 un I.R.C.C.S.; seguendo le prescrizioni del D.M. Sanità 29/01/1992 circa i requisiti strutturali ed organizzativi previsti per l Alta Specialità Neuroriabilitativa, la Fondazione ha edificato un Ospedale di 325 posti letto, dotandosi di personale altamente qualificato e di standard tecnologici all avanguardia. L Alta Specialità Neuroriabilitativa è quella forma di assistenza destinata ai pazienti che sono stati colpiti da severi danni di tipo neurologico (ictus, Sclerosi Multipla, Morbo di Parkinson etc.). 6

8 Le strutture destinate a tale tipo di cure devono avere precisi requisiti strutturali ed organizzativi e determinati standard di personale, di cui la Fondazione Santa Lucia si è dotata fin dall inizio. L Ospedale è stato inoltre edificato previa concessione del nulla osta da parte della stessa Regione Lazio che, da anni, sta tentando di declassare la struttura. La dissertazione si concluderà con un analisi delle distorsioni del mercato sanitario e dei profili di abuso di posizione dominante da parte della Regione Lazio. A sostegno della tesi della presenza di un effettivo abuso, verrà esaminata la particolare posizione della Regione Lazio, che riveste il duplice ruolo di attore del S.S.N. (tramite le ASL) e di erogatore dei finanziamenti regionali. Tale ruolo consente un controllo del mercato sanitario per quote superiori al 40%; percentuale che, secondo la giurisprudenza europea, è indicativa della detenzione di una posizione dominante. 7

9 1. Il Sistema Sanitario Nazionale 1.1 La nascita del Servizio Sanitario Nazionale La tutela della salute rappresenta un diritto del cittadino e un interesse pubblico di primaria importanza. L istituzione del Servizio Sanitario Nazionale costituisce l esito di un lungo processo finalizzato a garantire un servizio omogeneo ed universale, affidando allo Stato il ruolo di garante della salute dei cittadini. Il Servizio Sanitario Nazionale (SSN) è stato istituito con la Legge n. 833 del 23 dicembre 1978, intitolata Istituzione del servizio sanitario nazionale. L articolo 1 ne definisce i principi: La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell individuo e interesse della collettività mediante il servizio sanitario nazionale. È stata una grande conquista per il popolo italiano, basti pensare che tra le due guerre mondiali ben 1/3 dei cittadini italiani era privo di assistenza sanitaria. La tutela della salute del singolo cittadino, intesa come cura del suo stato di malattia, non era infatti riconosciuta come bene pubblico: essa era intesa prevalentemente come tutela della salute collettiva, con particolare attenzione ai profili della vigilanza igienico-sanitaria 1. La salute veniva gestita tramite un sistema assicurativo che, dietro il pagamento periodico di un premio, garantiva la copertura dei costi delle cure necessarie in caso di malattia. 1 MINISTERO DELLA SALUTE, Libro Bianco sui principi fondamentali del Servizio Sanitario Nazionale, 2008, pp

10 Vi erano una serie di enti mutualistici molto frammentati, il più importante dei quali era l I.N.A.M. (Istituto Nazionale per Assicurazione contro le Malattie), istituito nel , che garantivano l assistenza ai soli iscritti, per lo più lavoratori in attività di servizio e loro familiari, con esclusione di ogni altro soggetto. Nell assistenza non erano inoltre incluse prestazioni di prevenzione e di riabilitazione. Con la fine Seconda Guerra Mondiale e la nascita della Repubblica, fu finalmente sancita la pari dignità sociale e l uguaglianza dei cittadini di fronte alla legge. Nella Costituzione italiana, che entrò in vigore il 1 gennaio del 1948, fu sancito: «La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti. Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizioni di legge. La legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana» 3. Nell espressione «garantisce cure gratuite agli indigenti» è chiara la volontà di discostarsi dal metodo utilizzato in precedenza dall INAM e di sostituirlo con un servizio sanitario omogeneo e universale. La missione del Servizio Sanitario Nazionale può quindi identificarsi nel garantire il diritto alla salute a tutti i cittadini, secondo il dettato costituzionale. 2 L. 11 gennaio 1943, n Articolo 32, Costituzione 9

11 Con l espressione diritto alla salute vengono sintetizzate molteplici situazioni, quali «il diritto all integrità psico-fisica e quello ad un ambiente salubre, il diritto ad ottenere prestazioni sanitarie, alle cure gratuite per gli indigenti nonché il diritto a non ricevere prestazioni sanitarie, se non quelle previste obbligatoriamente per legge, a tutela oltre che della persona del destinatario, di un interesse pubblico della collettività» 4. Nonostante si stesse facendo molto per assolvere al dettato costituzionale, continuavano comunque ad esistere Enti Mutualistici frammentati; il sistema ospedaliero era prevalentemente basato sulle strutture di tali enti e su fondazioni religiose e opere pie. Con la l. 13 marzo 1958, n , fu istituito il Ministero della Sanità e, successivamente, nel 1968, gli ospedali furono riformati in enti autonomi. Infine, negli anni 70 6, furono istituite le Regioni a statuto ordinario e fu affidato loro il ruolo di programmazione in materia di assistenza sanitaria. Nel 1977 l INAM fu definitivamente sciolto e, con la l. 23 dicembre 1978 n. 833, fu istituito il Servizio Sanitario Nazionale, i cui principi fondamentali possono essere così enucleati: uniformità dell assistenza su tutto il territorio nazionale; globalità dell assistenza (prevenzione, diagnosi, cura e riabilitazione); territorialità, intesa come coordinamento tra ospedali e servizi territoriali. 4 MINISTERO DELLA SALUTE, Libro Bianco sui principi fondamentali del Servizio Sanitario Nazionale, Costituzione del Ministero della sanità 6 L. 16 maggio 1970, n. 281, Provvedimenti finanziari per l'attuazione delle Regioni a statuto ordinario 10

12 1.2 Normativa Viene sinteticamente analizzata di seguito la normativa relativa all organizzazione del Servizio Sanitario Nazionale: chi sono gli attori, quali sono le loro responsabilità ed in che modo vengono prese le decisioni strategiche di pianificazione e controllo all interno del sistema sanitario. L obiettivo è quello di fornire una conoscenza di base che permetta in seguito di affrontare le tematiche della concorrenza all interno della sanità in Italia Legge n. 833 del 23 dicembre 1978, Riforma Sanitaria Il Servizio Sanitario Nazionale è definito come «il complesso delle funzioni, delle strutture, dei servizi destinati alla promozione, al mantenimento e al recupero della salute fisica e psichica di tutta la popolazione, senza distinzioni di condizioni individuali o sociali e secondo modalità che assicurino l eguaglianza dei cittadini nei confronti del servizio» 7. L influenza della Costituzione è di tutta evidenza, soprattutto se si guarda all intento del legislatore di fornire un servizio sanitario universale, garantendo servizi assistenziali a tutti gli individui sul territorio italiano, senza alcuna distinzione. Garantire un servizio a circa di abitanti era all epoca un impresa mastodontica, considerati gli scarsi gli mezzi a disposizione: vi erano inoltre alcune decisioni strategiche che dovevano necessariamente essere assunte: quali servizi fornire ai cittadini? In che misura? Come coprire le spese? 7 Art.1 comma 3, Legge n.833/78. 11

13 Il documento in oggetto delega alla legge dello Stato il compito di fissare i livelli delle prestazioni sanitarie che devono essere garantite a tutti i cittadini 8. La legge 833/78 è una legge quadro che istituisce tre livelli di Governo della sanità: 1) Stato; 2) Regioni; 3) Comuni. Nelle pagine seguenti vengono sinteticamente analizzati la composizione, i compiti e gli obiettivi degli organi del SSN. Stato: Lo Stato ha un ruolo centrale in quanto: garantisce che l erogazione delle prestazioni sanitarie avvenga in maniera omogenea su tutto il territorio nazionale; definisce, di concerto con le Regioni, gli obiettivi di programmazione sanitaria nazionale; ha il compito di «indirizzo e coordinamento delle attività amministrative delle Regioni in materia sanitaria» 9, stabilendo quali sono gli obiettivi e i vincoli di spesa delle singole Regioni; questo compito è svolto, salvo casi eccezionali, attraverso la deliberazione del Consiglio dei Ministri. Si configura, quindi, un quadro che posiziona al centro lo Stato e il Consiglio dei Ministri, dai quali dipendono le Regioni e il Ministero della Sanità. 8 Art. 3, l. 833/78 9 Art. 5, l. 833/78 12

14 Consiglio Sanitario Nazionale: Tale Organo è stato istituito con la legge 833/78 10, la quale gli attribuisce funzioni di consulenza e di proposta nei confronti del Governo per la determinazione della politica sanitaria nazionale. Il legislatore ha deciso di porlo al fianco dello Stato perché questi dispone di conoscenze approfondite sul reale funzionamento delle strutture sanitarie dislocate nel territorio; le conoscenze vengono garantite dai 51 membri dell organo, così suddivisi: 25 rappresentati delle Regioni, uno per Regione, tranne il Trentino Alto Adige, che ha un rappresentante per la provincia di Trento e uno per quella di Bolzano; 13 rappresentati dei Ministeri, di cui 3 del Ministero della Sanità; 13 esperti in materia sanitaria, uno dei quali è il direttore dell Istituto Superiore di Sanità. Istituto Superiore di Sanità (I.S.S.): Come il Consiglio Sanitario Nazionale, anche l Istituto Superiore di Sanità è stato istituito con la legge 833/78 11 ; a questi vengono assegnati compiti diversi, trattandosi di un organo tecnico-scientifico. Anche se dipende dal Ministero della Sanità, l I.S.S. ha dei compiti che gli permettono di agire a tutto campo: da una parte, questi collabora con le Unità Sanitarie Locali e con le Regioni, fornendo loro servizi di consulenza e di informazione; dall altra, si interfaccia con lo Stato, fornendo consulenza su molte delle attività a questi delegate. Gli è attribuito, inoltre, il compito di effettuare, in collaborazione con Regioni, Università e Istituti Pubblici a carattere scientifico, corsi di aggiornamento e specializzazione per gli operatori sanitari. 10 Art. 8, l. 833/78 11 Art. 9, l. 833/78 13

15 L Istituto Superiore di Sanità predispone, infine, programmi di ricerca, tenendo conto delle direttive del Governo e delle proposte avanzate dalle Regioni; tale programmi devono poi essere approvati dal Ministero della Sanità, su parere del Consiglio Sanitario Nazionale. Regioni, Province e Comuni: Alle Regioni spettano le funzioni legislative in materia di assistenza sanitaria, nel rispetto delle direttive poste dal Governo. La l. 833/78 attribuisce alle Regioni poteri limitati 12, che, con il passare del tempo, sono stati incrementati fino ad arrivare ad una gestione praticamente indipendente rispetto al Governo. Alle province fu inizialmente attribuito un compito temporaneo 13, consistente nell approvare la localizzazione dei presidi e dei servizi sanitari e nell esprimere un parere terzo sulle delimitazioni territoriali. Ai Comuni sono invece attribuite tutte le funzioni amministrative residuali in materia di assistenza sanitaria ed ospedaliera che non siano già di competenza del Governo o delle Regioni; al Sindaco del Comune viene attribuita l autorità sanitaria locale, con la quale dovrà svolgere i compiti attribuitigli dalla legge. 12 Art. 11, l. 833/78 13 In attesa dell entrate in vigore della legge di riforma delle autonomie locali. 14

16 Figura 1: Gli organi del Sistema Sanitario Nazionale. Unità sanitarie locali (USL): L introduzione delle Unità Sanitarie Locali può essere considerata come un punto di svolta per la sanità italiana; il servizio sanitario, in precedenza svolto il modo frammentato e disorganizzato, diventa competenza di un unico organismo, l Unità Sanitaria Locale. «L'unità sanitaria locale è il complesso dei presidi, degli uffici e dei servizi dei comuni, singoli o associati, e delle comunità montane i quali, in un ambito territoriale, assolvono ai compiti del servizio sanitario nazionale di cui alla presente legge. Sulla base dei criteri stabiliti con legge regionale i comuni, singoli o associati, o le comunità montane articolano le unità sanitarie locali in distretti sanitari di base, quali strutture tecnico-funzionali per l'erogazione dei servizi di primo livello e di pronto intervento» Art. 10, l. 833/78 15

17 Il servizio sanitario non è quindi solo esteso a tutta la popolazione, ma è anche servito in modo omogeneo, attraverso servizi come l assistenza ospedaliera, le attività igienistiche, di igiene ambientale e di assistenza di base. Le USL hanno il compito di erogare prestazioni di prevenzione, cura, riabilitazione e medicina legale; per svolgere queste funzioni il territorio italiano è stato diviso secondo gruppi di popolazione compresi tra i e i abitanti 15. Nel caso in cui le aree siano particolarmente popolose o poco popolose è consentito modificare tali limiti, al fine di avere una coincidenza con un territorio comunale. Grazie alla riforma sanitaria, è stata attribuita alle USL l erogazione di tutte le prestazioni in materia di prevenzione, cura e riabilitazione che in precedenza erano di competenza di province, comuni, enti mutualistici ed enti ospedalieri. Figura 2: Le competenze in materia di prevenzione, cura e riabilitazione di province, comuni, enti mutualistici ed enti ospedalieri confluiscono nelle USL. 15 Art. 14, l. 833/78 16

18 Il legislatore ha previsto tre organi interni alle U.S.L.: l Assemblea Generale, che ha il compito di eleggere, con voto limitato, il Comitato di Gestione; il Comitato di gestione, che nomina, al suo interno, un Presidente, e ha il potere di compiere tutti gli atti di amministrazione dell Unità Sanitaria Locale. Alcuni atti, come ad esempio l approvazione dei bilanci e dei conti consuntivi, vengono approvati dall Assemblea Generale e predisposti dal comitato stesso; il Collegio dei Revisori, che controlla l operato dell Unità Sanitaria Locale, redigendo una relazione trimestrale sulla gestione amministrativo-contabile che dovrà essere poi trasmessa alla Regione e ai Ministeri della Sanità e del Tesoro; per tutelare gli interessi di quest ultimi, dei tre membri del Collegio dei Revisori, uno è designato dal Ministero del Tesoro e uno dalla Regione. Figura 3: Gli organi interni delle USL. 17

19 La Riforma Sanitaria ha fornito al cittadino un sistema di servizi sanitari a 360, affiancando al già consolidato servizio ospedaliero un servizio territoriale finalizzato, oltre che alla cura, anche alla prevenzione e alla riabilitazione dei casi meno critici, nonché all educazione sanitaria e alla garanzia di personale competente, possibile tramite corsi d'aggiornamento continui ed obbligatori La regionalizzazione del sistema sanitario Fino al 1992, l erogazione delle prestazioni sanitarie era di competenza quasi esclusiva dei Comuni, che gestivano le funzioni residuali in materia sanitaria e ospedaliera non spettanti allo Stato e alle Regioni. In tale contesto, le USL, istituite con la legge n.833/78, erano considerate come strutture operative al servizio del singolo Comune o di suoi aggregati. Con la seconda riforma del SSN, ad opera del d.lgs. 502/92, intitolato Riordino della disciplina in materia sanitaria, a norma dell'articolo 1 della legge 23 ottobre 1992, n. 421, il legislatore ha deciso di porre al centro del processo decisionale le Regioni, abbastanza vicine ai cittadini per capirne i bisogni e sufficientemente grandi per finanziare un servizio estremamente costoso come quello sanitario; alle Regioni vengono attribuite funzioni legislative e amministrative che le rendono il punto di riferimento nell organizzazione e nell attuazione del Servizio Sanitario. Oggi, a seguito delle modifiche apportate al Titolo V della Costituzione nel , la sanità italiana è gestita quasi esclusivamente dalle Regioni. 16 Legge costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3 18

20 In capo al Governo residuano mansioni d indirizzo strategico, quali: la definizione dei Livelli Essenziali di Assistenza (LEA), che devono essere forniti in modo omogeneo e indifferenziato in tutto il territorio nazionale; la definizione degli obiettivi fondamentali nel campo della cura, della riabilitazione, della prevenzione e d indirizzo del SSN; la definizione delle materie di ricerca sanitaria e biomedica, che hanno un ruolo predominante; la definizione e la ripartizione delle risorse finanziarie del SSN, necessarie per garantire i LEA in condizioni di efficacia ed efficienza; l approvazione del Piano Sanitario Nazionale 17, di durata triennale. I Livelli Essenziali di Assistenza definiscono il tetto massimo delle garanzie offerte a tutti i cittadini, ossia il livello essenziale, inteso come nucleo irriducibile di diritti: si tratta di livelli di assistenza uniformi, che si fondano sul principio di equità 18, vale a dire prevedendo un uguale accesso alle cure a tutti i cittadini. I cittadini hanno il diritto di ottenere le prestazioni incluse nei LEA, indipendentemente dal loro reddito, gratuitamente o dietro pagamento di una quota di compartecipazione al loro costo, come avviene con il pagamento del ticket sanitario. Nell approvazione e nella discussione dei LEA ha un ruolo centrale la Conferenza Stato-Regioni, istituita in via amministrativa nel 1983; essa viene definita dalla Corte Costituzionale 19 quale «sede privilegiata del confronto e della negoziazione politica tra Stato e Regioni [ ] e strumento per l attuazione della cooperazione tra Stato, Regioni e province autonome». 17 Strumento di pianificazione di durata triennale, predisposto dal Governo su proposta del Ministero della Salute, tenuto conto delle proposte delle Regioni 18 Art. 1, comma 2, d.lgs. 502/92 e s.m.i., che impone di assicurare i livelli essenziali di assistenza nel rispetto del principio di equità nell accesso all assistenza. 19 Sentenza n. 116/94 19

21 Le Regioni hanno competenza esclusiva nell organizzare e regolamentare i servizi e le attività destinate alla tutela della salute e alla soddisfazione dei bisogni sanitari dei cittadini nel proprio territorio 20. Sono le Regioni che devono gestire la Sanità al fine di garantire i livelli minimi assistenziali stabiliti dal Governo; esse hanno un ampia autonomia nel gestire sia le Aziende Unità Sanitarie Locali, sia le Aziende Ospedaliere, ma ne dovranno controllare l operato: eventuali inefficienze dovranno infatti essere coperte con fondi regionali propri, acquisiti tramite imposte regionali o attraverso l imposizione di compartecipazione alla spesa da parte dei cittadini (ticket sanitari). Per questo motivo, è di vitale importanza l utilizzo di sistemi di controllo interno e di misurazione delle performance atti a garantire l efficiente utilizzo delle risorse umane e finanziarie L aziendalizzazione della Sanità Tra il 1992 e il 1993, con i Decreti Legislativi nn. 502/92 e 517/93 21, venne riformato il settore della Sanità, mantenendo comunque in vita i principi fondamentali sanciti nel 1978, quali l universalità e l uniformità del diritto alla salute; successivamente, il D.lgs. 229/99 22, meglio conosciuto come Riforma Bindi o Riforma-ter, completò il processo di razionalizzazione del Sistema Sanitario Nazionale, delineando la normativa che, in gran parte, viene tutt oggi applicata. In tale contesto, lo strumento individuato per responsabilizzare i vari attori dello scenario fu l aziendalizzazione della Sanità. 20 A. Cicchetti, Assetto istituzionale - organizzativo, in Stato di salute e qualità dell assistenza nelle Regioni italiane: Rapporto Osserva salute 2010, Osservatorio nazionale sulla salute nelle Regioni italiane. 21 Modificazioni al decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, recante riordino della disciplina in materia sanitaria, a norma dell'art. 1 della legge 23 ottobre 1992, n Norme per la razionalizzazione del Servizio sanitario nazionale, a norma dell'articolo 1 della legge 30 novembre 1998, n

22 Lo scopo di tale processo era quello di rendere più efficiente la gestione delle risorse sanitarie, indirizzandole verso il raggiungimento degli obiettivi definiti dalla programmazione nazionale e regionale. A tal fine, fu attribuita alle Aziende Sanitarie autonomia organizzativa, amministrativa e patrimoniale. Le motivazioni poste alla base del processo di aziendalizzazione possono essere individuate: nel sostanziale fallimento delle USL gestite collegialmente dai Comuni: queste, infatti, non riuscirono a ottenere i risultati sperati in termini di obiettivi di salute e di sostenibilità economico-finanziaria; nell esigenza di razionalizzare le risorse impiegate dallo Stato, comprese quelle relative alla sanità, in un quadro di compatibilità complessiva del bilancio dello Stato; nell esigenza di un riequilibrio delle competenze, della responsabilità e dei controlli in materia sanitaria, da parte dello Stato e delle Regioni, che fosse coerente con le riforme della pubblica amministrazione degli anni Novanta. Vi era l esigenza di fornire risposte più veloci e adeguate ai bisogni dei cittadini e i mezzi deputati a ciò furono individuati nella previsione di una maggiore autonomia a livello locale e nella garanzia di una maggiore efficienza ed efficacia dei servizi sanitari. Le USL, che con la riforma sanitaria avevano acquisito un ruolo centrale, furono modificate profondamente, stravolgendone la natura giuridica, il campo d azione, le competenze e le modalità di finanziamento: «in funzione del perseguimento dei loro fini istituzionali, le unità sanitarie locali si costituiscono in aziende con personalità giuridica pubblica e autonomia imprenditoriale; la loro organizzazione e funzionamento sono disciplinati con atto aziendale di diritto privato» Art. 3 co 1-bis, d.lgs. 299/99 21

23 Il punto di partenza di tale riassetto organizzativo può essere definito come «un organismo, o azienda, a cultura manageriale, che si ponga come obiettivo l efficacia» 24. Le ASL 25 vengono considerate aziende a tutti gli effetti, in quanto sono soggette a rendicontazione analitica e la loro organizzazione e il loro funzionamento sono disciplinati con atti di diritto privato. Il d.lgs. 502/92 introduce inoltre nuove figure all interno delle Aziende Sanitarie, quali: 1) Il Direttore Generale, che viene nominato dalla Regione, previa verifica del possesso di una laurea magistrale e di un adeguata esperienza dirigenziale nel campo delle strutture sanitarie; è il responsabile della gestione, delinea i piani strategici in accordo con la Regione, e nomina il Direttore Amministrativo e il Direttore Sanitario, che concorrono alla formulazione di pareri e decisioni all interno della ASL. Il rapporto di lavoro del Direttore Generale è «regolato da contratto privato, per cui non si instaura un rapporto permanente ed inalienabile con l istituzione» 26. Questa costituisce senza dubbio una grande novità nel rapporto tra la dirigenza e l Azienda: il Direttore Generale mantiene infatti il suo ruolo solo se ha dimostrato adeguate capacità, che hanno condotto al raggiungimento degli obiettivi economici e gestionali prefissati. 2) Il Direttore Amministrativo e il Direttore Sanitario, che non hanno una funzione meramente consultiva, ma «partecipano, unitamente al direttore generale, che ne ha la responsabilità, alla direzione dell azienda, assumono diretta responsabilità delle funzioni attribuite alla loro competenza e concorrono, con la formulazione di proposte e di pareri, alla formazione delle decisioni della direzione generale» D. BACHECHI et al., Management in sanità, Milano, Franco Angeli, Azienda Sanitaria Locale 26 M. ZANETTI, Il medico e il management, Milano, 1996, Forum Service Editore 27 Art. 3 co 1- quinquies, D.lgs. 502/92 22

LA SANITÀ DIVENTA SISTEMA AZIENDALE

LA SANITÀ DIVENTA SISTEMA AZIENDALE LEZIONE: ELEMENTI DI LEGISLAZIONE SANITARIA (SECONDA PARTE) PROF. MASSIMO BUJA Indice 1 INTRODUZIONE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 (Oggetto) 1. La presente legge riordina

Dettagli

LA STORIA DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE

LA STORIA DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE LA STORIA DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE L. 1888 legge Pagliai (Legge Riforma sanitaria) istituzione Medici Comunali istituzione Medici Provinciali istituzione Direzione Generale Sanità L. 1890 legge

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

ORGANIZZAZIONE SANITARIA. Prof. A. Mistretta

ORGANIZZAZIONE SANITARIA. Prof. A. Mistretta ORGANIZZAZIONE SANITARIA Prof. A. Mistretta LEGISLAZIONE ED ORGANIZZAZIONE Il Servizio Sanitario Nazionale Il Servizio Sanitario Nazionale (S.S.N.) è nato con una legge n. 833 del 23 dicembre del 1978;

Dettagli

IL MINISTRO DELLA SALUTE DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DELLA SALUTE DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Testo aggiornato al 5 dicembre 2007 Decreto ministeriale 22 Febbraio 2007, n. 43 Gazzetta Ufficiale 6 Aprile 2007, n. 81 Regolamento recante Definizione degli standard relativi all assistenza ai malati

Dettagli

Le aziende sanitarie. Art. 32 Cost. D. Lgs. 502/1992 modificato dal D. Lgs. 229/1999. D. Lgs. 502/1992 modificato dal D. Lgs.

Le aziende sanitarie. Art. 32 Cost. D. Lgs. 502/1992 modificato dal D. Lgs. 229/1999. D. Lgs. 502/1992 modificato dal D. Lgs. Economia delle aziende e delle amministrazioni pubbliche A.A. 2012-2013 Art. 32 Cost. Le aziende sanitarie La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell individuo ed interesse della collettività,

Dettagli

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Articolo 1 Finalità ed obiettivi 1. Il presente regolamento definisce le linee fondamentali di organizzazione

Dettagli

IL QUADRO LEGISLATIVO

IL QUADRO LEGISLATIVO CAPITOLO TERZO IL QUADRO LEGISLATIVO 1. LA COSTITUZIONE Le leggi riportate in questo capitolo sono ordinate in senso cronologico per meglio mettere in evidenza la crescente sensibilità del legislatore

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

Riordinamento delle scuole dirette ai fini speciali, delle scuole di specializzazione e dei corsi di perfezionamento

Riordinamento delle scuole dirette ai fini speciali, delle scuole di specializzazione e dei corsi di perfezionamento Testo aggiornato al 9 dicembre 2005 Decreto del Presidente della Repubblica 10 marzo 1982, n. 162 Gazzetta Ufficiale 17 aprile 1982, n. 105 Riordinamento delle scuole dirette ai fini speciali, delle scuole

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 11

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 11 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 11 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori BIANCONI e CARRARA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 29 APRILE 2008 Modifiche alla legge 11 agosto 1991, n. 266, in

Dettagli

Il Servizio Sanitario in Italia

Il Servizio Sanitario in Italia Il Servizio Sanitario in Italia Corso di Economia e Gestione delle Amministrazioni Pubbliche A.A. 2014/2015 Docente: Prof. Giuseppe Catalano 17/12/2014 A cura di: Silvia Danella Gemma Oranges Marco Salvatore

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Oggetto: schema di decreto recante linee guida in materia di semplificazione e promozione dell istruzione tecnico professionale a norma dell articolo 52 del decreto legge 9 febbraio 2012, n.5, convertito

Dettagli

La cultura digitale nel Sistema Sanitario Nazionale Il cambiamento organizzativo e la valutazione delle performance

La cultura digitale nel Sistema Sanitario Nazionale Il cambiamento organizzativo e la valutazione delle performance Dipartimento di Impresa e Management Cattedra di Strategie d impresa La cultura digitale nel Sistema Sanitario Nazionale Il cambiamento organizzativo e la valutazione delle performance Relatore Prof. Franco

Dettagli

Organizzazione dei servizi sanitari. Dr. Silvio Tafuri

Organizzazione dei servizi sanitari. Dr. Silvio Tafuri Organizzazione dei servizi sanitari Dr. Silvio Tafuri Premessa metodologica Classificazione dei sistemi sanitari in base alle fonti di finanziamento: n n n n Sistemi assicurativi Sistemi finanziati dalla

Dettagli

Maurizio De Nuccio *

Maurizio De Nuccio * Servizio sanitario L accreditamento: un sistema per la qualità in piena evoluzione La ricostruzione legislativa della normativa in materia Maurizio De Nuccio * La definizione data da Wikipedia, l'enciclopedia

Dettagli

FINANZIAMENTI USCITE FINANZIARIE ENTRATE FINANZIARIE INVESTIMENTI COSTI PROCESSO PRODUTTIVO TECNICO INTERNO DISINVESTIMENTO RICAVI

FINANZIAMENTI USCITE FINANZIARIE ENTRATE FINANZIARIE INVESTIMENTI COSTI PROCESSO PRODUTTIVO TECNICO INTERNO DISINVESTIMENTO RICAVI FINANZIAMENTI USCITE FINANZIARIE ENTRATE FINANZIARIE INVESTIMENTI COSTI PROCESSO PRODUTTIVO TECNICO INTERNO DISINVESTIMENTO RICAVI Processo evolutivo in materia contabile D.P.R. 382/80 riconoscimento alle

Dettagli

Politiche Sanitarie Comparate Lezione 6 Stefano Neri. Corso di Laurea in Servizio Sociale 2009/10 Università degli Studi di Milano Bicocca

Politiche Sanitarie Comparate Lezione 6 Stefano Neri. Corso di Laurea in Servizio Sociale 2009/10 Università degli Studi di Milano Bicocca Politiche Sanitarie Comparate Lezione 6 Stefano Neri Corso di Laurea in Servizio Sociale 2009/10 Università degli Studi di Milano Bicocca L evoluzione storica del sistema sanitario italiano 1) Dagli anni

Dettagli

Art. 1 (Definizione) Art. 2 (Requisiti)

Art. 1 (Definizione) Art. 2 (Requisiti) TESTO UNIFICATO AS 3236 1928-1645 Disposizioni in materia di professioni sanitarie infermieristiche, ostetriche, riabilitative, tecnico sanitarie e della prevenzione e delega al Governo per l istituzione

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA Regolamento provinciale per la disciplina degli strumenti e delle metodologie per i controlli interni, ai sensi dell art. 3, comma 2, del d.l. 174/2012, convertito

Dettagli

MOBILITA SANITARIA IN AMBITO COMUNITARIO

MOBILITA SANITARIA IN AMBITO COMUNITARIO MOBILITA SANITARIA IN AMBITO COMUNITARIO Decreto Legislativo di recepimento della Direttiva 2011/24/UE Dipartimento della Programmazione e del Servizio Sanitario Nazionale Direzione Generale della Programmazione

Dettagli

Management nell Azienda Sanitaria

Management nell Azienda Sanitaria Management nell Azienda Sanitaria Dr. Paolo Menichetti Perugia, ottobre 2011 1. Finanziamento del S.S.N. 2. Management nell azienda sanitaria: budget 3. Management nell azienda sanitaria: controllo direzionale

Dettagli

INDICE CAPITOLO PRIMO LE LEGGI SULLA SANITÀ CHE HANNO PRECEDUTO LA COSTITUZIONE REPUBBLICANA

INDICE CAPITOLO PRIMO LE LEGGI SULLA SANITÀ CHE HANNO PRECEDUTO LA COSTITUZIONE REPUBBLICANA INDICE Prefazione... Pag. XIII CAPITOLO PRIMO LE LEGGI SULLA SANITÀ CHE HANNO PRECEDUTO LA COSTITUZIONE REPUBBLICANA 1.1. La concezione arcaica della salute pubblica... Pag. 1 1.2. Le prime leggi amministrative

Dettagli

L ENPAM. (materiale tratto dal sito istituzionale online dell ente)

L ENPAM. (materiale tratto dal sito istituzionale online dell ente) L ENPAM (materiale tratto dal sito istituzionale online dell ente) L Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza medici è fondazione senza scopo di lucro e con personalità giuridica di diritto privato;

Dettagli

(Finalità e oggetto)

(Finalità e oggetto) Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell impresa sociale e per la disciplina del Servizio civile universale Art. 1. (Finalità e oggetto) 1. Il Governo è delegato ad adottare, entro dodici

Dettagli

Regolamento del sistema di controlli interni (art. 147 e ss. del T.U.E.L.)

Regolamento del sistema di controlli interni (art. 147 e ss. del T.U.E.L.) Regolamento del sistema di controlli interni (art. 147 e ss. del T.U.E.L.) I N D I C E TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Sistema dei controlli interni. Art. 2 controllo delle sezioni regionali della Corte

Dettagli

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09)

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09) Regolamento di disciplina della misurazione, valutazione e trasparenza della performance ( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) Il presente Regolamento è assunto ai sensi degli artt. 16 e 31 del

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTE DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTE DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 6229 PROPOSTE DI LEGGE D INIZIATIVA DEI SENATORI TOMASSINI; TOMASSINI; BETTONI, BRANDANI, MASCIONI, BAIO DOSSI, CARELLA, CORTIANA, DI GIROLAMO,

Dettagli

IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue.

IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue. IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue. La pubblica amministrazione è stata oggetto negli

Dettagli

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n.

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. 40 Premessa Il presente documento contiene indicazioni e orientamenti

Dettagli

Politiche Sanitarie Comparate Lezione 5

Politiche Sanitarie Comparate Lezione 5 Politiche Sanitarie Comparate Lezione 5 Stefano Neri Corso di Laurea in Servizio Sociale 2009/10 Università degli Studi di Milano Bicocca I sistemi sanitari in Europa negli anni 80-90 Il paradiso dei riformatori

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

organizzazione della prevenzione e dell assistenza in oncologia.

organizzazione della prevenzione e dell assistenza in oncologia. Testo aggiornato al 15 dicembre 2005 Linee guida del Ministero della sanità 1 febbraio 1996 Gazzetta Ufficiale 20 febbraio 1996, n. 42 Linee guida in applicazione di quanto previsto nel Piano sanitario

Dettagli

Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione del 30 aprile 2012;

Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione del 30 aprile 2012; Visti gli articoli 77 e 87 della Costituzione; Ritenuta la straordinaria necessità ed urgenza, nell ambito dell azione del Governo volta all analisi ed alla revisione della spesa pubblica, di emanare disposizioni

Dettagli

TITOLO VIII : LA PROGRAMMAZIONE

TITOLO VIII : LA PROGRAMMAZIONE TITOLO VIII : LA PROGRAMMAZIONE 1. STRUMENTI DELLA PROGRAMMAZIONE La Direzione aziendale elabora le linee strategiche per il governo del sistema dei servizi sanitari sulla base degli atti di indirizzo

Dettagli

INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010)

INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010) REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 7 DICEMBRE 2010 N. 19 INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010) Il Consiglio regionale

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

DGR 61-7119 DEL 15.10.2007 OGGETTO: SISTEMA REGIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITA ED ISTITUZIONE DEL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO ECM REGIONALE.

DGR 61-7119 DEL 15.10.2007 OGGETTO: SISTEMA REGIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITA ED ISTITUZIONE DEL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO ECM REGIONALE. DGR 61-7119 DEL 15.10.2007 OGGETTO: SISTEMA REGIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITA ED ISTITUZIONE DEL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO ECM REGIONALE. DGR 62-7503 DEL 19.11.2007 OGGETTO: MODIFICA ED INTEGRAZIONE

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GIULIETTI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GIULIETTI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2581 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato GIULIETTI Iniziative e manifestazioni per la celebrazione del sessantesimo anniversario della

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI

REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI Articolo 1 OGGETTO 1. Il presente regolamento ha ad oggetto il sistema dei controlli interni come previsti dagli articoli 147 e seguenti del decreto legislativo

Dettagli

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Premessa L Ateneo svolge attività di diffusione e promozione della ricerca scientifica sostenendo la partecipazione

Dettagli

Codice di Corporate Governance

Codice di Corporate Governance Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 1 del 3 maggio 200 Indice 1 Introduzione 2 Organizzazione della Società 2.1 Assemblea dei Soci 2.2 Consiglio di Amministrazione 2.3 Presidente

Dettagli

Lezione n 15 17 Maggio 2013 Alberto Balducci

Lezione n 15 17 Maggio 2013 Alberto Balducci Lezione n 15 17 Maggio 2013 Alberto Balducci Obiettivi conoscitivi Il Budget nel sistema di programmazione e controllo I documenti che compongono il budget Le finalità e gli obiettivi di budget Il processo

Dettagli

Il ruolo degli attori istituzionali e sociali nella L. 68/99.

Il ruolo degli attori istituzionali e sociali nella L. 68/99. Il ruolo degli attori istituzionali e sociali nella L. 68/99. La legge n. 68 del 1999, mostra un profondo mutamento nella concezione del collocamento delle persone con disabilità. Si delinea un nuovo metodo

Dettagli

L infermiere al Controllo di Gestione

L infermiere al Controllo di Gestione L infermiere al Controllo di Gestione Una definizione da manuale del Controllo di gestione, lo delinea come l insieme delle attività attraverso le quali i manager guidano il processo di allocazione e di

Dettagli

Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri

Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri L estensione dell obbligo della formazione continua agli iscritti all Ordine degli Ingegneri (art. 3, comma 5, lettera b) del decreto-legge 13 agosto 2011, n.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO Premessa L Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia considera la formazione e l aggiornamento

Dettagli

ACCREDITAMENTO ISTITUZIONALE NELLA REGIONE UMBRIA

ACCREDITAMENTO ISTITUZIONALE NELLA REGIONE UMBRIA ACCREDITAMENTO ISTITUZIONALE NELLA REGIONE UMBRIA L Istituto dell Accreditamento nasce in Italia nel 1992 con la riforma del Sistema Sanitario Nazionale (DL.502/92) e viene ulteriormente definito e dettagliato

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO QUARTO PRINCIPI GENERALI SULL AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ 1. L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ In quanto ente pubblico istituzionale l INPS è regolato dai principi della L. 70/1975 che ha

Dettagli

Regolamento per l introduzione del bilancio unico e dei sistemi di contabilità economico-patrimoniale e analitica.

Regolamento per l introduzione del bilancio unico e dei sistemi di contabilità economico-patrimoniale e analitica. Regolamento per l introduzione del bilancio unico e dei sistemi di contabilità economico-patrimoniale e analitica. Art. 1 Ambito di applicazione 1. Il presente Regolamento è adottato ai sensi della normativa

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MISURACA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MISURACA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 572 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MISURACA Modifiche alla legge 16 marzo 1987, n. 115, recante disposizioni per la prevenzione

Dettagli

Regione Lazio. Decreti del Commissario ad Acta 19/06/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 49

Regione Lazio. Decreti del Commissario ad Acta 19/06/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 49 Regione Lazio Decreti del Commissario ad Acta Decreto del Commissario ad Acta 9 giugno 2014, n. U00192 Definizione del limite massimo di risorse assegnabili per l'anno 2013 per le prestazioni di riabilitazione

Dettagli

MATERIALI PER UNA NUOVA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI

MATERIALI PER UNA NUOVA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI MATERIALI PER UNA NUOVA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI Organo ufficiale di cultura delle istituzioni pubbliche dell Istituto Max Weber 1. Materiali per una nuova contabilità degli enti pubblici. Lezioni

Dettagli

REGOLAMENTO DELL'ASSOCIAZIONE FONDIMPRESA. Art. 1 (Funzionamento di FONDIMPRESA)

REGOLAMENTO DELL'ASSOCIAZIONE FONDIMPRESA. Art. 1 (Funzionamento di FONDIMPRESA) REGOLAMENTO DELL'ASSOCIAZIONE FONDIMPRESA Art. 1 (Funzionamento di FONDIMPRESA) 1. Il presente regolamento disciplina il funzionamento di FONDIMPRESA, Fondo paritetico interprofessionale nazionale per

Dettagli

L' EVOLUZIONE DELLE NORME CHE REGOLANO L'ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NEL CONTRATTO DEL COMPARTO SANITA' PUBBLICA

L' EVOLUZIONE DELLE NORME CHE REGOLANO L'ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NEL CONTRATTO DEL COMPARTO SANITA' PUBBLICA L' EVOLUZIONE DELLE NORME CHE REGOLANO L'ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NEL CONTRATTO DEL COMPARTO SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer PREMESSA

Dettagli

REGOLAMENTO DI CONTABILITA

REGOLAMENTO DI CONTABILITA REGOLAMENTO DI CONTABILITA dell Azienda Speciale del Comune di Cavriago CavriagoServizi Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 30 luglio 2008 I N D I C E CAPO I FINALITA E CONTENUTO

Dettagli

Riordinamento degli istituti zooprofilattici sperimentali, a norma dell'art. 1, comma 1, lettera h), della legge 23 ottobre 1992, n. 421. Art. 1.

Riordinamento degli istituti zooprofilattici sperimentali, a norma dell'art. 1, comma 1, lettera h), della legge 23 ottobre 1992, n. 421. Art. 1. D.Leg. 30 giugno 1993, n. 270. Riordinamento degli istituti zooprofilattici sperimentali, a norma dell'art. 1, comma 1, lettera h), della legge 23 ottobre 1992, n. 421. (G.U.R.I. 03-08-1993, n. 180). Art.

Dettagli

Parere n. 35/2010 Autorizzazioni sanitarie. Ambulatori e Poliambulatori medici e dentistici

Parere n. 35/2010 Autorizzazioni sanitarie. Ambulatori e Poliambulatori medici e dentistici Parere n. 35/2010 Autorizzazioni sanitarie. Ambulatori e Poliambulatori medici e dentistici Viene chiesto un parere in merito alla procedura di rilascio delle autorizzazioni sanitarie agli ambulatori e

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI TRAPIANTO DI ORGANI ALL ESTERO AI SENSI DELL ARTICOLO 20 DELLA LEGGE 1 APRILE 1999, n. 91 IL MINISTRO

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI TRAPIANTO DI ORGANI ALL ESTERO AI SENSI DELL ARTICOLO 20 DELLA LEGGE 1 APRILE 1999, n. 91 IL MINISTRO Direzione Generale per i Rapporti con l Unione Europea e per i Rapporti Internazionali DISPOSIZIONI IN MATERIA DI TRAPIANTO DI ORGANI ALL ESTERO AI SENSI DELL ARTICOLO 20 DELLA LEGGE 1 APRILE 1999, n.

Dettagli

IL MINISTRO DELLA SALUTE

IL MINISTRO DELLA SALUTE Testo aggiornato al 20 settembre 2013 Decreto ministeriale 26 marzo 2013 Gazzetta Ufficiale 8 agosto 2013, n. 185 Contributo alle spese dovuto dai soggetti pubblici e privati e dalle società scientifiche

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Dipartimento di Emergenza ed Accettazione come previsto

Dettagli

Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM

Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM All. DDG del 8 febbraio 2012 n. 1347 REGIONE CALABRIA Dipartimento Tutela della Salute e Politiche Sanitarie Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM Indice Documento

Dettagli

La Riabilitazione: analisi della situazione in Italia. Giovanna Beretta

La Riabilitazione: analisi della situazione in Italia. Giovanna Beretta La Riabilitazione: analisi della situazione in Italia Giovanna Beretta SOTTOGRUPPO 1 Rilevanza della Medicina Riabilitativa Rappresentanti Conferenza Stato-Regioni Abruzzo Campania Emilia Romagna Lombardia

Dettagli

Il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo

Il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo VISTA la legge 7 agosto 1990, n. 241 e successive modificazioni; VISTO il decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368 e successive modificazioni; VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300 e successive

Dettagli

Visti: l art 12bis, comma 9, del D. Lgs. 30.12.1992 n. 502 relativo a Riordino della disciplina in materia sanitaria, a norma dell art. 1 della L.

Visti: l art 12bis, comma 9, del D. Lgs. 30.12.1992 n. 502 relativo a Riordino della disciplina in materia sanitaria, a norma dell art. 1 della L. Visti: l art 12bis, comma 9, del D. Lgs. 30.12.1992 n. 502 relativo a Riordino della disciplina in materia sanitaria, a norma dell art. 1 della L. 23.10.1992, n. 241, il quale prevede che le regioni e

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DI GESTIONE (Deliberazione Giunta Comunale n._364/05 ) TITOLO I RIFERIMENTI NORMATIVI E OGGETTO DEL REGOLAMENTO

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DI GESTIONE (Deliberazione Giunta Comunale n._364/05 ) TITOLO I RIFERIMENTI NORMATIVI E OGGETTO DEL REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DI GESTIONE (Deliberazione Giunta Comunale n._364/05 ) TITOLO I RIFERIMENTI NORMATIVI E OGGETTO DEL REGOLAMENTO Articolo 1 Riferimenti normativi e oggetto Il presente regolamento

Dettagli

L autonomia scolastica

L autonomia scolastica L autonomia scolastica di Giacomo D Alterio La Legge 7 agosto 1990 n. 241, che detta le nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto d accesso ai documenti amministrativi, meglio

Dettagli

Riordino delle Istituzioni Pubbliche di Assistenza e Beneficenza, fusione e trasformazione in Aziende Regionali di Servizi alla Persona (ARSP)

Riordino delle Istituzioni Pubbliche di Assistenza e Beneficenza, fusione e trasformazione in Aziende Regionali di Servizi alla Persona (ARSP) PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA DELLA GIUNTA REGIONALE DEL LAZIO N. 88 DEL 17 OTTOBRE 2013 Sistema Integrato degli interventi e dei servizi sociali della Regione Lazio Proposta emendativa-integrativa a

Dettagli

Modifiche alla legge regionale 24 febbraio 2005, n. 40 (Disciplina del servizio sanitario regionale)

Modifiche alla legge regionale 24 febbraio 2005, n. 40 (Disciplina del servizio sanitario regionale) Modifiche alla legge regionale 24 febbraio 2005, n. 40 (Disciplina del servizio sanitario regionale) Sommario Preambolo Art. 1 Modifiche all articolo 71 della l.r. 40/2005 Art. 2 Inserimento del capo II

Dettagli

Regolamento Generale per la Certificazione volontaria delle competenze degli Ingegneri Cert-Ing

Regolamento Generale per la Certificazione volontaria delle competenze degli Ingegneri Cert-Ing Regolamento Generale per la Certificazione volontaria delle competenze degli Ingegneri Cert-Ing 1 Premessa Nel processo di armonizzazione dell Ingegneria Europea, il Consiglio Nazionale degli Ingegneri,

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI (rif. D. Lgs. n. 267/2000, artt. 147, 147bis, 147ter, 147quater, 147quinquies)

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI (rif. D. Lgs. n. 267/2000, artt. 147, 147bis, 147ter, 147quater, 147quinquies) COMUNE DI MONTEMURLO (Provincia di Prato) REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI (rif. D. Lgs. n. 267/2000, artt. 147, 147bis, 147ter, 147quater, 147quinquies) Approvato con delibera n. 001/CC del 30/01/2013

Dettagli

Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori. 14/10/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 82 - Supplemento n.

Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori. 14/10/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 82 - Supplemento n. Regione Lazio Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Deliberazione 7 ottobre 2014, n. 647 Istituzione dell'osservatorio regionale per l'attuazione della legge 7 aprile 2014, n. 56 «Disposizioni

Dettagli

IL CONSIGLIO REGIONALE

IL CONSIGLIO REGIONALE 16 LEGGE REGIONALE 18 dicembre 2007, n. 39 Norme di attuazione della legge 7 dicembre 2007, n. 383 (Disciplina delle associazioni di promozione sociale). IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con D.C.P. del 14.3.2013 n. 6 reg. e modificato con D.C.P. del 28.4.2014 n. 22 reg. INDICE Art. 1 Art. 2

Dettagli

\ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 REGOLAMENTO MASTER

\ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 REGOLAMENTO MASTER \ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 Art.1 Master universitari REGOLAMENTO MASTER 1. In attuazione dell articolo 1,

Dettagli

FEP 2007/2013 SPESE AMMISSIBILI MISURA ASSISTENZA TECNICA

FEP 2007/2013 SPESE AMMISSIBILI MISURA ASSISTENZA TECNICA FEP 2007/2013 SPESE AMMISSIBILI MISURA ASSISTENZA TECNICA Settembre 2009 Indice Introduzione...3 1. Azioni e relative spese ammissibili...3 1.1 Acquisizione di personale di supporto...3 1.2 Valutazione...4

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MOSCA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MOSCA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2158 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MOSCA Agevolazioni fiscali e contributive per l assunzione di temporary manager da parte

Dettagli

Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità

Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità Intervento Convegno ANAV del 17 /2/2004. (Noleggio autobus ai sensi della l. 218/2003) Con la legge quadro n. 218/2003, entrata in vigore

Dettagli

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti Eurispes Italia SpA Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti COSTITUZIONE E SEDE Nell ambito delle sue attività istituzionali, l Eurispes Italia SpA ha deciso di

Dettagli

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia IX LEGISLATURA - ATTI CONSILIARI - PROGETTI DI LEGGE E RELAZIONI PROPOSTA DI LEGGE N. 12 Presentata dai Consiglieri Ritossa, Di Natale Presentata

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 60/2 DEL 2.12.2015. Sistema Regionale delle Cure Territoriali. Linee di indirizzo per la riqualificazione delle cure primarie.

DELIBERAZIONE N. 60/2 DEL 2.12.2015. Sistema Regionale delle Cure Territoriali. Linee di indirizzo per la riqualificazione delle cure primarie. Oggetto: Sistema Regionale delle Cure Territoriali. Linee di indirizzo per la riqualificazione delle cure primarie. L Assessore dell Igiene e Sanità e dell Assistenza Sociale ricorda che nel Patto della

Dettagli

Emanato con D.R. n. 695 del 19 agosto 1999 CAPO I PARTE GENERALE. Articolo 1 - Oggetto

Emanato con D.R. n. 695 del 19 agosto 1999 CAPO I PARTE GENERALE. Articolo 1 - Oggetto REGOLAMENTO RELATIVO ALLA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI TRASFERIMENTO E DI MOBILITA INTERNA PER LA COPERTURA DEI POSTI VACANTI DI PROFESSORE ORDINARIO, DI PROFESSORE ASSOCIATO E DI RICERCATORE, AI SENSI

Dettagli

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Le norme cosiddette organizzative definiscono le caratteristiche ed i requisiti che sono stati definiti come necessari e qualificanti per le organizzazioni al

Dettagli

REGOLAMENTO PROVINCIALE SUI CONTROLLI INTERNI IN ATTUAZIONE DELL ART. 3 DEL DECRETO LEGGE 10 OTTOBRE 2012, N. 174, CONVERTITO IN LEGGE 7 DICEMBRE

REGOLAMENTO PROVINCIALE SUI CONTROLLI INTERNI IN ATTUAZIONE DELL ART. 3 DEL DECRETO LEGGE 10 OTTOBRE 2012, N. 174, CONVERTITO IN LEGGE 7 DICEMBRE REGOLAMENTO PROVINCIALE SUI CONTROLLI INTERNI IN ATTUAZIONE DELL ART. 3 DEL DECRETO LEGGE 10 OTTOBRE 2012, N. 174, CONVERTITO IN LEGGE 7 DICEMBRE 2012, N. 213 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1 Oggetto

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO INDIPENDENTE PER LA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

REGOLAMENTO SULL ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO INDIPENDENTE PER LA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE REGOLAMENTO SULL ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO INDIPENDENTE PER LA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE ART. 1: OGGETTO 1. Il presente regolamento disciplina l istituzione, le attività e le modalità

Dettagli

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una ABSTRACT: LA NUOVA POLITICA DEI TRASPORTI NAZIONALE ED EUROPEA A FRONTE DELLA CRESCENTE DOMANDA DI MOBILITA. EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno

Dettagli

A relazione dell'assessore Cavallera:

A relazione dell'assessore Cavallera: REGIONE PIEMONTE BU6 06/02/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 30 dicembre 2013, n. 23-6990 Definizione criteri e modalita' per la determinazione dei volumi di attivita' e dei tetti di spesa per

Dettagli

PREMESSA AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE. Circolare n. 61/2013 AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE

PREMESSA AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE. Circolare n. 61/2013 AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE Circolare n. 61/2013 AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE A tutte le pubbliche amministrazioni di cui all articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 Oggetto:

Dettagli

Protocollo di intesa. tra. L Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (INAIL) REGIONE LAZIO.

Protocollo di intesa. tra. L Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (INAIL) REGIONE LAZIO. Protocollo di intesa L Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (INAIL) tra e REGIONE LAZIO per l erogazione di prestazioni di assistenza sanitaria da parte dell istituto

Dettagli

CAPO 2. Principi e Strumenti di. Organizzazione e Gestione

CAPO 2. Principi e Strumenti di. Organizzazione e Gestione CAPO 2 Principi e Strumenti di Organizzazione e Gestione 27 capo 2 Principi e Strumenti di Organizzazione e Gestione 28 I Principi di Organizzazione titolo IV I Principi di Organizzazione Art. 18 - Principi

Dettagli

BISOGNO, DOMANDA E OFFERTA

BISOGNO, DOMANDA E OFFERTA BISOGNO, DOMANDA E OFFERTA Bisogno e domanda Il particolare stato di bisogno che accompagna l insorgenza di una malattia non è confrontabile con altri bisogni (ad es. fame, sete, sonno) Per molti bisogni

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con Decreto Rettorale N. 645 del 12/03/2003) ART. 1 - Ambito di applicazione... 2 ART. 2 - Titoli per l accesso...

Dettagli

A relazione dell'assessore Cavallera: Premesso che:

A relazione dell'assessore Cavallera: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU44 31/10/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 7 ottobre 2013, n. 10-6456 Art.6 comma 8 L.184/83: approvazione criteri in materia di interventi a sostegno delle adozioni di minori

Dettagli

controllo da parte degli organi a vario titolo deputati al controllo dell azienda non profit, Lo scopo della raccomandazione

controllo da parte degli organi a vario titolo deputati al controllo dell azienda non profit, Lo scopo della raccomandazione I sistemi e le procedure di controllo negli enti non profit di Giorgio Gentili Sireco srl di Roma e Hepta Consulenza Srl di San Severino Marche (MC) L a Commissione aziende non profit del Consiglio nazionale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI DI INSEGNAMENTO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI DI INSEGNAMENTO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI DI INSEGNAMENTO Emanato con D.R. n. 128 del 06/05/2013 Modificato con D.R. n. 107 del 28/02/2014. TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 (Oggetto) 1. Il presente

Dettagli

Legge n. 170 del 08-10-2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (GU n.

Legge n. 170 del 08-10-2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (GU n. Legge n. 170 del 08-10-2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (GU n. 244 del 18-10- 2010 ). La Camera dei deputati ed il Senato

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 14 febbraio 2001 Atto di indirizzo e coordinamento in materia di prestazioni socio-sanitarie (in GU 6 giugno 2001, n. 129) IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO. premesso che

VERBALE DI ACCORDO. premesso che 1 VERBALE DI ACCORDO A Parma, il 25 giugno 2013 tra la Cassa di Risparmio di Parma e Piacenza SpA anche nella sua qualità di Capogruppo, la Banca Popolare FriulAdria SpA, la Cassa di Risparmio della Spezia

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Regolamento del Centro di Servizi Sistema di Supporto alla Ricerca, Innovazione e Trasferimento Tecnologico Articolo 1. Costituzione e scopi 1. Il Centro di Servizi Sistema di Supporto alla Ricerca, Innovazione

Dettagli