SEARCH ENGINE OPTIMIZATION Concetti di base per l ottimizzazione del sito internet in funzione del posizionamento nella SERP di Google

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SEARCH ENGINE OPTIMIZATION Concetti di base per l ottimizzazione del sito internet in funzione del posizionamento nella SERP di Google"

Transcript

1 SEO SEARCH ENGINE OPTIMIZATION Concetti di base per l ottimizzazione del sito internet in funzione del posizionamento nella SERP di Google W W W. M A R K E T I N G S O C I A L N E T O W O R K. I T W E B M A R K E T I N G E W E B A N A L Y T I C S

2 SOMMARIO L AUTORE 3 LICENZA D USO DI QUESTA GUIDA 3 INTRODUZIONE AI MOTORI DI RICERCA 4 CONCETTO BASE N.1: LA SCELTA DEL TITOLO DELLA PAGINA 6 CONCETTO BASE N.2: LA DESCRIZIONE DELLA PAGINA 7 CONCETTO BASE N.3: USO INTELLIGENTE DELL URL DI PAGINA 8 CONCETTO BASE N.4: USATE LE... BRICIOLE DI PANE 9 CONCETTO BASE N.5: GESTITE AL MEGLIO L ERRORE CONCETTO BASE N.6: IL CONTENUTO DELLE PAGINE DEVE ESSERE UTILE 12 CONCETTO BASE N.7: OTTIMIZZAZIONE DEI LINK 14 CONCETTO BASE N.8: OTTIMIZZATE LE IMMAGINI 15 CONCETTO BASE N.9: UTILIZZATE I TAG H1, H CONCETTO BASE N.10: SE POTETE, USATE IL FILE ROBOTS.TXT 17 CONCETTO BASE N.11: ALTERNATIVE META TAG AL FILE ROBOTS.TXT 18 CONCETTO BASE N.12: USO DEL NOFOLLOW NEI LINK 19 CONSIGLIO BASE N.13: EVITATE DI OTTIMIZZARE PER CHIAVE SINGOLA 20 SUGGERIMENTI PER IL 301 REDIRECT 21 STRUMENTI GRATUITI MESSI A DISPOSIZONE DA GOOGLE 22 PILLOLE UTILI 22 FEEDBACK

3 I N T RO D U Z I O N E Questa è una piccola guida, direi un compendio, che introduce ai concetti base relativi all ottimizzazione di un sito web per favorirne il posizionamento nei risultati dei motori di ricerca, in particolare nella SERP 1 di Google. Parleremo quindi dei nozioni fondamentali di SEO (Search Engine Optimization) e comprenderemo come funziona un motore di ricerca. Le azioni di SEO dovrebbero essere le fondamenta di qualsiasi azione di Web Marketing, poiché portare utenti su un sito poco usabile, dove le informazioni sono disperse nelle varie pagine, vuol dire aver buttato al vento il vostro investimento. L AUTORE Massimo Petrucci - Analista di Web Analytics, consulente Web Marketing. Esperto in SEO e per campagne SEM (Search Engine Marketing). La sua azienda ABC Informatica è sul mercato Information Technology dal LICENZA D USO DI QUESTA GUIDA Questa guida adotta la licenza Creative Commons, per tanto puoi utilizzarla e distribuirla in modo del tutto gratuito. Puoi anche metterla nel tuo sito web e distribuirla attraverso di essa, puoi mostrarla in pubblico, regalarla agli amici, tuttavia devi sempre distribuirla in modo del tutto gratuito e non devi in alcun modo modificarne il suo contenuto. Ecco nel dettaglio come è organizzata questa licenza d uso. Attribuzione. Devi attribuire la paternità dell'opera nei modi indicati dall'autore o da chi ti ha dato l'opera in licenza e in modo tale da non suggerire che essi avallino te o il modo in cui tu usi l'opera. Non commerciale Non puoi usare quest'opera per fini commerciali. Non opere derivate Non puoi alterare o trasformare quest'opera, né usarla per crearne un'altra. 1 SERP: acronimo di Search Engine Results Page (pagina dei risultati del motore di ricerca)

4 INTRODUZIONE AI MOTORI DI RICERCA Comprendere come funziona un motore di ricerca è importante per poi stabilire delle strategie di ottimizzazione. Iniziamo a fornire subito alcuni dati statistici a mio avviso molto rilevanti: Oltre l 80% dei navigatori usa un motore di ricerca per ottenere informazioni. Di questi, oltre l 80% utilizza Google (fonte: Risulta evidente che ottimizzare il proprio sito per renderlo search engine friendly è una scelta obbligata, inoltre, considerato che il numero di siti web aumenta costantemente, non basta più che un azienda abbia un sito, ma è necessario che esso sia visibile ovvero che sia posizionato quanto meglio possibile nella pagina di visualizzazione dei risultati (possibilmente la prima 2 ). Sostanzialmente un motore di ricerca di compone di tre parti: 1. Gli Spider, che navigano alla ricerca di pagine ed informazioni. 2. L Indexer, che si occupa di processare i dati inviati dagli spieders. 3. Il Query Processor, che riceve le richieste degli utenti e cerca di fornire le risposte giuste. Anche se gli algoritmi d indicizzazione dei motori di ricerca non sono totalmente pubblici, è possibile interpretare le loro logiche attraverso esperimenti e tentativi. Di fatto i componenti che entrano in gioco per una corretta e ottimale indicizzazione di un sito sono di due tipi: on page factor (interni alla pagina) ed off page factor (esterni alla pagina). In questa guida ci occuperemo dei fattori interni alla pagina. I fattori on page principali sono i seguenti: Il titolo della pagina. Il meta tag relativo alla descrizione. La densità delle parole chiave. Le intestazioni (tag h1, h2, h3). I tag di enfatizzazione (grassetto, corsivo) L ottimizzazione dei link. L ottimizzazione delle immagini. La qualità della struttura di pagina e dei contenuti. I fattori off page principali sono: Link di qualità che puntano al tuo sito (link popolarity). Il Trust Rank (indica quanto un sito è considerato spam). Il Page Rank (indice di qualità di un sito). Tecniche di SEM, SMO e SMM 3. Promozioni tradizionali (radio, TV, manifesti, riviste). Quando si effettua una ricerca i motori di ricerca rilasciano due tipi di risultati: Naturali (detti anche organici o fisiologici). Sponsorizzati. I risultati naturali sono gestiti totalmente dal motore di ricerca, noi possiamo solo provare ad ottimizzare il sito al meglio (SEO) sperando che il motore di ricerca se ne accorga e ci premi. 2 È stimato che solo il 13% dei visitatori va oltre la prima pagina dei risultati. 3 SME (Search Engine Marketing) - SMO (Social Media Optimization) SMM (Social Media Marketing)

5 I risultati sponsorizzati (SEM) propongono aziende che hanno acquistato delle keywords. Nella pagina successiva vi propongo un analisi grafica di una pagina di risultati. La chiave di ricerca è una tra le più utilizzate ed in cui molto ingenui ci cascano come allocchi: fare soldi facili. Questo compendio vi darà indicazioni basilari per posizionare il vostro sito nella zona Risultati naturali. Google cerca di fornire dei risultati quanto migliori possibile, quindi la sua analisi sta diventando sempre più qualitativa che quantitativa. Ciò vuol dire che anche voi dovete investire sulla qualità del vostro sito e ciò significa: grafica gradevole, contenuti utili e ben scritti, strumenti di navigazione efficaci ed interpretabili dai motori di ricerca, il tempo di caricamento delle pagine deve essere quanto più breve possibile

6 CONCETTO BASE N.1: LA SCELTA DEL TITOLO DELLA PAGINA È fondamentale che il titolo della pagina abbia le seguenti caratteristiche: Sia relativo al contenuto della pagina. Sia sempre diverso dalle altre pagine. Abbia una lunghezza compresa tra 10 e 70 caratteri compresi gli spazi. Contenga la parola chiave più importante. Il tag HTML che si occupa di fornire al motore di ricerca il titolo della pagina è <title>. Quando un motore di ricerca mostra la pagina nei sui risultati, userà questo titolo e se esso è ben formulato, è possibile che l utente leggendolo sia invogliato a fare clic proprio su quel risultato. Se ad esempio si digita assistenza computer in Google, nella SERP esce il nome della mia azienda mostrato da un titolo che incorpora la parola chiave assistenza computer Se nel titolo avete necessità d inserire il marchio o il nome dell azienda, spostate questa informazione alla fine. Notate che il titolo della homepage della mio sito è Assistenza computer Napoli seguito da altre informazioni e poi ABC Informatica sas. Il corrispondente tag HTML è questo: <title>assistenza computer Napoli Web Marketing 2.0 ABC Informatica sas</title> Puoi usare il titolo per comunicare velocemente: Cosa fai Chi sei Dove ti trovi Se qualcuno sta cercando un azienda di pulizia a Roma, è probabile che sia attirato più da un titolo come Azienda di pulizie Roma piuttosto che da un generico Azienda di pulizie

7 CONCETTO BASE N. 2: L A DESCRIZIONE DELLA PAGINA Come per il titolo, anche la descrizione deve essere diversa per ogni pagina del tuo sito. Questo accade molto raramente e condiziona il posizionamento. La descrizione fa uso del meta tag Description, esempio: <meta name='description' content='descrizione del contenuto di questa pagina'/> La descrizione deve aggiungere valore al titolo, quindi è inutile ripetere il contento del titolo o la sua parola chiave, meglio aggiungere la seconda keywords per voi più importante oppure un sinonimo della prima. Scrivete una descrizione umana e non un elenco di parole chiavi. Spiegate cosa fate, fornite incentivi, invogliate a fare click. Se la descrizione è valida, Google la mostrerà sotto al vostro link, diversamente proverà a prendere il contenuto testuale della pagina e creerà lui una descrizione. La descrizione che compare nella SERP è detta anche Snipped. La sua lunghezza deve essere compresa entro i 140 caratteri. Fate buon uso di questo meta tag, non scrivete descrizioni generiche, ma attirate l attenzione del visitatore, cercate di distinguervi dagli altri risultati proposti nella SERP. Anche questo fa la differenza

8 CONCETTO BASE N. 3: USO INTELLIGENTE DELL URL DI PAGINA Questo suggerimento rientra nella pianificazione iniziale del sito poiché non sempre è possibile applicarlo quando il sito è già bello che fatto. In pratica questo concetto SEO si compone di due parti: 1. La scelta del dome di dominio. 2. Il modo in cui mostrare il nome pagine del sito. Il nome del dominio deve avere determinate caratteristiche, ad esempio si deve ricordare facilmente e possibilmente deve avere a che fare con il tema del sito. Ci sarebbero molte considerazioni da fare, ma questa è una guida veloce e non possiamo permettercelo. Tuttavia è bene sapere che se il nome del dominio ha in sé la parola chiave fondamentale, si hanno buone possibilità che Google lo mostri nella SERP se un utente cerca proprio quella keywords. Notate che ho scritto ci sono buone possibilità e non che sia sicuro, infatti avere un nome di dominio uguale alla parola chiave principale non assicura in alcun modo il buon posizionamento del sito. La cosa più importante per Google è che il contenuto del sito sia di qualità, solo a parità di tutte le altre caratteristiche qualitative, il nome di dominio può fare la differenza. Ciò che forse è ancora più importante è il modo con il quale date un nome alle pagine del vostro sito. Facciamo un esempio pratico: il vostro sito vende libri ed è organizzato nella vendita di romanzi e saggi. La pagina dedicata al romanzo Il codice da Vinci di Dan Brown potrebbe chiamarsi proprio: il_codice_da_vinci_dan_brown.html La cartella che contiene le pagine dedicate ai romanzi potrebbe essere: romanzi. Un saggio dedicato alle piante potrebbe essere Il giardino perfetto di Pollice Verde, avrete sicuramente intuito che la pagina si potrebbe chiamare: il_giardino_perfetto_pollice_verde.html Mentre la cartella che conterrà il file sarebbe: saggi. Quindi se il vostro sito è ecco che l URL per aprire la pagina del sito dedicata a Il codice da Vinci sarebbe: Una struttura simile non solo vi permette un posizionamento migliore rispetto ad un generico ma assicura anche, a colpo d occhio, una capacità attrattiva maggiore, non trovate? Inoltre notate che nell URL c è il nome del vostro sito, la parola romanzi e le parole il codice da vinci dan brown tutte keywords che molto probabilmente sono state digitate dall utente nel campo di ricerca di Google. Se il vostro sito ha già una struttura di pagine diversa oppure utilizza delle URL dinamiche, tipiche dei CMS come WordPress o Joomla, potreste pensare ad una loro ottimizzazione secondo questi suggerimenti. Attenzione però, per non perdere le posizioni fino ad ora acquisite nelle SERP, utilizzate il 301 redirect che forza il motore di ricerca a spostarsi dal vecchio URL al nuovo. Vedete il capitolo dedicato ai suggerimenti sul 301 Redirect

9 CONCETTO BASE N. 4: USATE LE... BRICIOLE DI PANE Progettate un sistema di navigazione che sia semplice, chiaro ed immediato. Evitate, se possibile, menu in Flash o in JavaScript poiché non sono ben visti dai motori di ricerca. Bisogna dire che Google sta facendo passi da gigante per interpretare correttamente queste tipologie di menu, ma perché rendergli il lavoro complicato se possiamo progettare una struttura migliore? Pensate in maniera semplice ed organizzate di conseguenza. Se il vostro sito vende libri, potreste avere una struttura di pagine simile a questa: root romanzi classici Considerato che la homepage è generalmente quella da cui si parte 4 è importante che sia organizzata in modo da permettere all utente di raggiungere facilmente qualsiasi sezione del sito con un menu semplice possibilmente progettato con un CSS. È consigliabile, per ogni pagina, indicare all utente dove si trovi utilizzando le breadcrumb letteralmente briciole di pane. saggi moderni medicina Di solito si visualizza nella parte alta della pagina il percorso fatto dall utente, quindi se ad esempio l utente sta visualizzando la pagina del romanzo Il codice da Vinci, le breadcrumb potrebbero essere queste: arte Home>Romanzi>Moderni>Il codice da Vinci Ciò renderà più gradevole la navigazione all interno del vostro sito, inoltre, cosa importante per il posizionamento, Google assegnerà a questa pagina un valore in qualità superiore. Infine permette di velocizzare anche la navigazione poiché se l utente volesse tornare alla pagina dei romanzi, gli basterebbe fare clic sul corrispondente link della breadcrumb. 4 L uso dei motori di ricerca ha reso la homepage meno pagina iniziale di un tempo considerato che essi fanno in modo di direzionare l utente direttamente sulla pagina di suo interesse. Ecco perché ogni pagina andrebbe curata con particolare cura perché potrebbe essere proprio la pagina d ingresso del sito

10 CONCETTO BASE N. 5: G ESTITE AL MEGLIO L E RRORE 404 L errore 404 si verifica quando si tenta di aprire una pagina del sito che in realtà non esiste. Ciò può accadere se La pagina è stata rimossa. L URL è stato digitato male. Un segnalibro obsoleto. Un link interno interrotto (male!). In ogni caso è buona norma fare in modo che non venga visualizzata la classica pagina d errore del browser tipo: Create una vostra pagina 404 in cui potete fornire informazioni di navigazione all utente, generalmente s inserisce il link alla homepage del sito, un link alla mappa del sito ed anche un campo di ricerca, per dare la possibilità all utente scrivere ciò che stava cercando (cosa molto interessante se monitorata attraverso il vostro strumento di Web Analytics). L ideale sarebbe provare ad intercettare la query del motore di ricerca e quindi fornire immediatamente dei suggerimenti di navigazione all utente. Ma ciò comporta conoscenze un po più tecniche che non possiamo approfondire in questo compendio, tuttavia mi riservo di trattarle nella Guida Premium che è in progettazione. Per creare una pagina 404 personalizzata dobbiamo ricorrere ancora una volta al file.htaccess 5 in modo da indirizzare tutti gli errori di questo tipo verso una determinata pagina, ad esempio mia404.html. L istruzione da inserire nel file.htaccess è la seguente: ErrorDocument Il file.htaccess va posizionato nella root del sito e funziona solo se il sito è ospitato su un server Apache

11 Si potrebbe anche pensare di far andare, in caso di errore 404, direttamente sulla homepage del sito, ma non è una soluzione che suggerisco perché non informa l utente sul fatto che sta cercando una pagina che non esiste. In ogni caso assicuratevi che la pagina 404 personalizzata abbia queste caratteristiche: Deve comunicare in modo chiaro ed amichevole che la pagina che l utente stava cercando non è stata trovata. Il suo aspetto grafico deve essere simile a quello del sito, meglio se adotta lo stesso tema. Deve proporre il link alla homepage ed alle pagine per te più importanti. Valuta la possibilità di un form con il quale l utente possa segnalarti la pagina che non trova o il link difettoso. È importante che la pagina restituisca il codice 404, ciò per evitare che Google la interpreti come una normale pagina e la indicizzi. Valuta la possibilità d inserire un modulo di ricerca. Google offre un widget gratuito che puoi trovare a questo indirizzo: Se utilizzate WordPress, potreste trovare utili le informazioni di questa pagina: -

12 CONCETTO BASE N. 6: I L CONTENUTO DELLE PAGINE DEVE ESSERE UTI LE Spesso ci si concentra sulla tecnica dimenticando la cosa più importante: il contenuto. Il contenuto delle pagine del vostro sito deve essere prima di tutto utile per l utente che lo legge, quindi deve essere scritto in modo chiaro e fruibile, fornire informazioni di qualità. Questo farà la differenza perché una volta che il visitatore è arrivato sulla pagina, ci rimarrà. A volte trovo pagine che non sono altro che la ripetizione stupida di parole chiavi, ma a cosa serve? Anche se dovesse generare traffico e ne dubito la frequenza di rimbalzo (bounce rate) del sito sarebbe altissima: in pratica gli utenti arrivano, non trovano niente di utile e se ne vanno. Avere visitatori che restano pochi secondi sul sito a cosa serve? Non faranno nemmeno clic sulle vostre pubblicità! La prima cosa da fere è cercare d immedesimarvi nei vostri potenziali visitatori e provare ad immaginare cosa possano scrivere per cercare un determinato argomento. Uno strumento molto utile per sondare i trend di ricerca è AdWords Keyword Tool (http://goo.gl/xzd3o). Immaginate questa situazione, la pagina del mio sito relativa all argomento SEO inizia con il testo seguente: <<L indicizzazione dei siti web è un argomento molto interessante...>>. Utilizzando lo strumento AdWords Keyword Tool, con la parola chiave posizionamento sito, vengo a scoprire che posizionamento motori di ricerca ha più di ricerche di indicizzazione siti web ovvero contro

13 A questo punto potrei decidere di ottimizzare la pagina cambiando leggermente il suo contenuto e scrivere: <<Il posizionamento nei motori di ricerca di un sito web è un argomento molto interessante...>>. Sicuramente ho più possibilità di portare traffico di qualità verso questa pagina del sito. Notate che ho aggiunto sia il che nei, nonostante la keyword fosse posizionamento motori di ricerca. Non c è cosa più brutta di leggere quei testi dove compaiono pari pari le keyword! Orrendo, aborro. D altro canto Google filtra tutti quei termini non fondamentali nella query di ricerca, parlo ad esempio di da, di, il, la, è, in,?.... Le prime righe del testo della pagina sono molto importanti, specialmente il vostro sito è visualizzato nel piccolo monitor di uno smartphone. Utilizzare più parole chiave all interno del vostro testo 6 è sì utile, ma il tutto deve essere coadiuvato da un buon lavoro di copywriting per rendere il testo ben scritto e, lo dico per l ultima volta, utile al visitatore. Fornite informazioni, dettagli e strutturate la pagina in modo che le informazioni fondamentali stiano all inizio, mentre il seguito rappresenta una serie di approfondimenti. Se il vostro sito offre contenuti ben scritti ed utili, potrebbe essere linkato da altri siti web e nei social network, tutto a beneficio della popolarità e del suo miglior posizionamento nelle SERP. In sintesi: Utilizzate un buon mix di parole chiave, ma senza esagerare. Scrivete in modo chiaro e fruibile. Offrite contenuti utili a chi visita il sito. Cercate di limitare gli errori di ortografia. Non scrivete un unico e lungo paragrafo, ma usate degli spazi tra un paragrafo ed il successivo. Non copiate il testo da altri siti, anche se fosse il vostro. I documenti duplicati penalizzeranno il vostro posizionamento. Non usate testo nascosto (dello stesso colore dello sfondo), verrete penalizzati immediatamente! Quando scrivete il testo di una pagina, dopo aver pensato al motore di ricerca, concentratevi sull utente. 6 Attenzione a non esagerare, se la tua keyword risulta essere più del 10% rispetto alle altre del testo, la pagina (ed il sito) potrebbe essere considerata spam e subire una penalizzazione

14 CONCETTO BASE N. 7: OTTIMIZZAZIONE DEI LINK Il link deve comunicare qualcosa non solo all utente, ma anche al motore di ricerca. Guardate questi due esempi: 1. Per approfondire i servizi clicca qui. 2. Per approfondire i servizi clicca su Servizi di Consulenza Aziendale. Quale delle due frasi comunica di più? La seconda, e non è solo una questione di ridondanza dell informazione. Essa comunica al motore di ricerca che quello è un link che punta ad una pagina che tratta proprio di servizi di consulenza aziendale, una potenziale keyword del vostro sito. Il codice HTML sarà qualcosa tipo questo: <a href= servizi_di_consulenza_aziendale.html >Servizi di Consulenza Aziendale</a> Ma possiamo fare di più ed aggiungere il tag title all interno della sintassi del link: <a href= servizi_di_consulenza_aziendale.html title= consulenza aziendale > Servizi di Consulenza Aziendale </a> A onor del vero, l uso del tag title è stato molto sfruttato negli ultimi anni, ma pare che attualmente i motori di ricerca non gli diano più molto peso. Tuttavia potrebbe essere un buon modo per migliorare la navigabilità e l accessibilità del nostro sito web, infatti posizionando il puntatore del mouse su link, il browser mostra un tooltip che indica la descrizione del link. Inoltre è buona norma che Il link stia tutto sulla stessa riga. Non sia un semplice clicca qui, ma fornisca maggiori informazioni. Che non contenga troppe keywords (peggio se inutili). Se linka un file da scaricare, è bene che venga indicato il tipo e la dimensione, ad esempio: brouchure Offerte Estive (PDF, 2 Mb). Che non sia un link che punti ad una pagina inesistente; sembra scontato ma vi assicuro che non lo è

15 CONCETTO BASE N. 8: OTTIMIZZATE LE IMMAGI NI Una delle cose che molto spesso si sottovaluta per una buona ottimizzazione del sito sono proprio le immagini che vengono piazzate qui e lì, e poi via. Inutile dirvi che le immagini non devono essere estremamente pesanti, ricordate che oggi i motori di ricerca, in particolare Google, penalizzano molto i siti lenti nel caricamento. Detto questo, vi consiglio d inserire le immagini in una cartella denominata immagini oppure images, Google ricerca immagini vi ringrazierà. Ma la cosa più importante di tutte ve la dico ora: utilizzate il tag ALT all interno della sintassi del tag <IMG>. Il tag ALT (che vuol dire ALTernative, ovvero in alternativa ) prima di tutto fornisce un buon sostituto per quei browser che non visualizzano le immagini per scelta dell utente (ad esempio non vuole sprecare banda internet a pagamento quando naviga col suo smartphone) o per le caratteristiche peculiari del browser stesso. Inoltre, cosa importante ai fini SEO, comunica a Google cosa è visualizzato in quella foto. Ecco un esempio: <img src= /images/ipad64gb_small.jpg alt= Apple ipad 64 GB > Un altro aspetto interessante è il nome dell immagine: non usate un nome generico tipo prodotto001.jpg, ma date al file un nome intelligente 7 che comunichi il contenuto della foto. Anche questo accorgimento fornisce a Google maggiori informazioni a beneficio del posizionamento. Quindi se la foto mostra una Ferrari 308 GTO 8 sia il nome del file che il tag ALT forniranno le informazioni per l identificazione del prodotto mostrato: <img src= /images/ferrari308gto.jpg alt= Ferrari 308 GTO > Se volete ottimizzare il vostro sito per Google Image, allora vi consiglio di creare una Image Sitemap. Tuttavia questo argomento esula dallo scopo del presente compendio, però vi fornisco utile link per approfondire questo concetto: 7 Questo concetto vale per tutti i files che utilizzerete, compresi i files da scaricare (tipo quelli PDF). 8 Mitica Ferrari degli anni 80 utilizzata da Thomas Magnum nell altrettanto mitica serie televisiva Magnum PI trasmessa per ben 8 stagioni dall CBS. Non c entra niente con il SEO, ma a me piaceva tanto

16 CONCETTO BASE N. 9: U TILIZZATE I TAG H1, H2... Quando Google visita il vostro sito, cerca di comprenderne la struttura e non soltanto quella del menu, ma anche quella di ogni singola pagina. Quindi analizza il testo alla ricerca di quelli che sono gli elementi principali e, di solito, le cose più importanti dovrebbero essere identificate dal tag intestazione. I tag intestazione sono organizzati in modo gerarchico, il più importante è <h1>, seguito da <h2>, quindi <h3>, e continua, di solito, fino ad <h6>. In gergo questi tag sono detti heading tags. Immaginiamo di avere questa pagina: Il codice da Vinci recensione Il Codice da Vinci è un romanzo di Dan Brown che ha avuto molto successo e tratta di temi che mettono in discussione argomenti religiosi... Guardando il suo codice sorgente, troveremmo qualcosa molto simile a questa: <head> <title>il codice da Vinci di Dan Brown</title> </head> <body> <h1>il codice da Vinci</h1> <h2>recensione</h2> <p>il Codice da Vinci è un romanzo di Dan Brown che ha avuto molto successo e tratta di temi che mettono in discussione argomenti religiosi...</p> </body> Notate il titolo (<title>) che immediatamente informa di cosa tratta la pagina, quindi il tag <h1> sulla </html> keyword più importante, infatti auspichiamo che se qualcuno cerca Il codice da Vinci arrivi sul nostro sito. <h2> dà importanza al fatto che si tratta di una recensione, la seconda informazione per noi importante. Quindi se qualcuno cerca: Il codice da Vinci recensione, questa pagina del nostro sito ha ottime probabilità di essere proposta nei risultati di ricerca. Google dà importanza non solo ai tag relativi alle intestazioni, ma anche a quelli cosiddetti tag di enfasi che si occupano di visualizzare il grassetto (<strong>, <b>) ed il corsivo (<em>, <i>). Come sempre il consiglio è di non abusarne, se tutta la pagina fosse un <h1> non ci sarebbe alcun peso diverso tra le componenti del testo e di fatto quel tag <h1> sarebbe del tutto inutile. Allo stesso modo non abusate del corsivo e del grassetto, ma usateli davvero quando serve

17 CONCETTO BASE N.10: SE POTETE, USATE IL FILE ROBOTS.TXT Sono sicuro che non tutte le pagine del vostro sito debbano essere indicizzate, ad esempio è sconsigliabile far indicizzare le pagine relative all account amministratore. Potete volere che determinate foto non vadano a finire nei risultati di ricerca di Google Immagini, oppure volete fare in modo che le pagine obiettivo 9 non siano indicizzate perché andrebbero ad inficiare i risultati del vostro strumento di Web Analytics. In questi casi ed in altri, potete suggerire ai motori di ricerca di evitare d indicizzare quella determinata pagina ricorrendo all uso del file robots.txt che va posizionato nella root del sito. Vi dico subito che esiste un comodo tool gratuito lo trovate in Google Webmaster Tools, ma due parole le spendiamo subito anche qui. Le due istruzioni fondamentali di un file robot sono User-agent e Disallow, la prima indica i motori di ricerca da prendere in considerazione, la seconda indica cosa escludere dall indicizzazione. Possono essere usate in sequenza tutte le volte che si vuole. Ad esempio, supponiamo di avere due cartelle, la prima (Cartella1) vogliamo che sia esclusa dall indicizzazione di tutti i motori di ricerca, mentre la seconda (Cartella2) deve essere resa invisibile solo allo spider di Google. Ecco come potrebbe apparire il file robots.txt: User-agent: * Disallow: /Cartella1/ User-Agent: Googlebot Disallow: /Cartella2/ L asterisco della prima riga sta per tutti gli spiders. Ecco altri esempi di esclusione: Disallow: / esclude dall indicizzazione tutto il sito. Disallow: /una_cartella/ esclude il contenuto di questa cartella. Disallow: /un_file.htm esclude il singolo file. User-agent: Googlebot-Image Disallow: /image/una_foto.jpg esclude la singola immagine. User-agent: Googlebot-Image Disallow: / esclude tutte le immagini dall indicizzazione. Disallow: /*.pdf$ esclude dall indicizzazione tutti i files PDF. Se v interessa consultare un database con tutti gli spiders dei motori di ricerca, vi consiglio di seguire questo link: Altre e più dettagliate istruzioni sulla costruzione dei file robots.txt potete leggerle in questa pagina: 9 Ad esempio se la pagina Grazie che viene visualizzata dopo un acquisto o dopo l iscrizione alla newsletter è quella che viene considerata obiettivo dal vostro tool di Web Analytics, non vorresti che si arrivasse per errore, non è vero? Se così fosse vi trovereste un numero di obiettivi raggiunti errato

18 CONCETTO BASE N.11: ALTERNATIVE META TAG AL FILE ROBOTS.TXT È possibile utilizzare anche i meta tag per indicare allo spider di un determinato motore di ricerca (oppure tutti) come deve comportarsi quando arriva su una determinata pagina del nostro sito. Le direttive che possiamo fornire ai crawler 10 sono sostanzialmente quattro: 1. INDEX vogliamo che la pagina sia indicizzata. 2. NOINDEX non vogliamo che la pagina sia indicizzata. 3. FOLLOW vogliamo che lo spieder segua tutti i link della pagina per indicizzare anche le altre pagine del sito a partire da questa. 4. NOFOLLOW non vogliamo che lo spider segua i link di questa pagina. Ad esempio, se di una pagina desideriamo che venga indicizzata, ma che i link presentati non siano seguiti, allora scriveremo il seguente meta tag: <meta name= robots content= index, nofollow /> Se vogliamo comunicare solo con un particolare spider (ad esempio a quello di ASK), allora al posto di robots scriveremo il nome del crowler (nell esempio di ASK è teoma ): <meta name= teoma content= noindex, nofollow /> Esistono altre direttive che possiamo utilizzare per perfezionare la relazione con gli spiders, ma prima vediamo quali sono i crawler principali: Google: googlebot (googlebot-image per Google Immagini) Yahoo: slurp Bing: MSNbot ASK: teoma E di seguito altre interessanti direttive: NOARCHIVE non permette di visualizzare nella SERP la copia cache della pagina. NOODP evita di visualizzare la descrizione di ODP/DMoz della pagina. NOSNIPPET evita di mostrare lo snippet 11 nella SERP (*). NOIMAGEINDEX non consente di indicizzare le immagini presenti nella pagina. (*) NOTRASLATE non consente di tradurre in automatico la pagina. (*) UNAVAILABLE_AFTER indica allo spider quando la pagina non sarà più valida e può essere rimossa dal database del motore di ricerca. (*) (*) direttiva valida solo per Google. Mentre tutte le altre direttive sono chiare, l ultima (unavailable_after) ha bisogno di un esempio. Supponete di aver creato una pagina che presenti un evento che però dopo la data in cui si verifica non ha più senso di rimanere nell archivio del motore di ricerca, supponiamo che questa data sia il 15 Agosto 2011, ecco come si può presenta l istruzione: <meta name= googlebot content= unavailable_after: 15-aug :00:00 est /> A partire dalle ore 18:00 del 15 Agosto, la pagina verrà rimossa dell indice di Google. 10 Spider, crowler, robot, sono tutti sinonimi dei software che analizzano i contenuti della rete, anche se nello specifico a volte possono differire un po. Se vuoi saperne di più, leggi questa pagina: 11 Come già detto, lo snippet è la piccola descrizione che appare sotto al titolo della pagina nei risultati di ricerca (SERP)

19 CONCETTO BASE N.12: USO DEL NOFOLLOW NEI LINK Google consiglia di utilizzare il rel nofollow nei link, specialmente in quelli dei commenti, in modo da evitare la diffusione dello spam. È noto che gli spammer utilizzino i commenti agli articoli dei blog e nei forum per diffondere i propri siti. Utilizzando in questi contesti il rel nofollow si comunica al motore di ricerca di non seguire quei link. Non è solo un discorso di favore verso i motori di ricerca, ma anche per mantenere una buona reputazione (agli occhi di Google) del vostro sito. La reputazione è un indicatore della qualità del sito e contribuisce al buon posizionamento nelle SERP. Ecco come si presenta l istruzione di link (detta anche anchor) con il rel nofollow: <a href= rel= nofollow >Link visualizzato</a> che si presenterebbe al visitatore così: Link visualizzato. Potete utilizzare il rel nofollow tutte le volte che volete evitare, per una qualsiasi ragione, che lo spider segua un determinato link. Le linee guida dell HTML5 indicano che il rel nofollow andrebbe utilizzato per quei link di cui l autore del sito (o l editore) non hanno alcun controllo e non ne vogliono responsabilità (per non pregiudicare la propria reputazione), oppure quel link è frutto di uno scambio commerciale. In ogni caso si consiglia di usare il rel nofollow per i commenti ai blog, nei post dei forum e per i link posizionati nel sito per uso commerciale

20 CONSIGLIO BASE N.13: EVITATE DI OTTIMIZZARE PER CHIAVE SINGOL A Molte aziende, e parlo per esperienza personale con i miei clienti, vorrebbero posizionarsi per singole parole chiavi. Ad esempio un hotel vorrebbe uscire in prima pagina come risultato per le ricerche effettuate con chiave hotel. Effettuando una ricerca di questo tipo, si ottiene un risultato impressionante: Cercare di posizionarsi con la keyword hotel vi costringe a combattere contro 2 miliardi e 980 milioni di risultati! Ammettendo che siete il dio del SEO e vi posizionate per primi, alla fine, mi chiedo, ma serve davvero? Senza aprire una discussione filosofica sulla questione, la domanda da farsi è cosa scriverebbe un utente che vorrebbe trovare un hotel a Napoli? immagino che sia molto improbabile che vada su Google e scriva semplicemente hotel, non trovate? La keyword più probabile potrebbe essere hotel napoli oppure hotel a napoli (che per Google sono la stessa identica cosa). Se l hotel del vostro cliente è a Napoli, sarebbe opportuno lavorare su questa keyword: hotel napoli e magari cercare delle keyword secondarie scegliendo, a seconda delle situazioni, la zona turistica, un offerta vantaggiosa e così via. L ideale sarebbe pensare ad una chiave competitiva, qualcosa in cui potreste davvero distinguervi ed essere primi, nel caso dello hotel a Napoli, una chiave competitiva potrebbe essere: hotel napoli zona chiaja se l hotel del cliente è sito nel rinomato quartiere Chiaja. Maggiormente competitiva è la keyword, migliore sarà la qualità dei visitatori. È chiaro che chi cerca hotel napoli zona chiaja vale molto di più di colui che ha scritto hotel, il primo esprime la chiara volontà di trovare un hotel a Napoli in zona Chiaja, il secondo potrebbe cercare un hotel in qualsiasi parte del mondo

TUTTI I DIRITTI RISERVATI. Nessuna parte di questo documento può essere usata o riprodotta in alcun modo anche parzialmente senza il permesso della

TUTTI I DIRITTI RISERVATI. Nessuna parte di questo documento può essere usata o riprodotta in alcun modo anche parzialmente senza il permesso della www.smartplus.it www.progettorchestra.com Per informazioni: info@smartplus.it info@progettorchestra.it Tel +39 0362 1857430 Fax+39 0362 1851534 Varedo (MI) - ITALIA Siti web e motori di ricerca Avere un

Dettagli

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC 5 giugno 09 IT-BOOK Configurazioni e cartatteristiche tecniche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Tutti i marchi citati sono registrati dai rispettivi proprietari. Non gettare per terra:

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

I nostri corsi serali

I nostri corsi serali I nostri corsi serali del settore informatica Progettazione WEB WEB marketing Anno formativo 2014-15 L Agenzia per la Formazione, l Orientamento e il Lavoro Nord Milano nasce dall unione di importanti

Dettagli

Questo é il link all altra pagina

<a href= page2.html > Questo é il link all altra pagina </a> <a href= page2.html > <img src= lamiaimmagine.jpg/> </a> Tutorial 4 Links, Span e Div È ora di fare sul serio! Che ci crediate o no, se sei arrivato fino a questo punto, ora hai solo bisogno di una cosa in più per fare un sito reale! Al momento hai una pagina

Dettagli

INDICE Informazioni Generali... 4. Comprare ebook con Kobo Desktop... 8. Usare la Libreria di Kobo Desktop... 10. Leggere su Kobo Desktop...

INDICE Informazioni Generali... 4. Comprare ebook con Kobo Desktop... 8. Usare la Libreria di Kobo Desktop... 10. Leggere su Kobo Desktop... Kobo Desktop Manuale Utente INDICE Informazioni Generali... 4 Installare Kobo Desktop su Windows... 5 Installare Kobo Desktop su Mac... 6 Comprare ebook con Kobo Desktop... 8 Usare la Libreria di Kobo

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Un po di Storia ISP & Web Engineering ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Breve cenno sulla storia dell informatica: dagli albori ai giorni nostri; L evoluzione di Windows: dalla

Dettagli

Catalogo formativo. Kaleidos Comunicazione Training Dpt. 01/01/2014

Catalogo formativo. Kaleidos Comunicazione Training Dpt. 01/01/2014 2014 Catalogo formativo Kaleidos Comunicazione Training Dpt. 01/01/2014 Internet Training Program Email Marketing Negli ultimi anni l email è diventata il principale strumento di comunicazione aziendale

Dettagli

Progetto Gruppo Stat 2014

Progetto Gruppo Stat 2014 Progetto Gruppo Stat 2014 Presenza e immagine sul web Sito del gruppo e mini siti di tutte le realtà Autolinee/GT e Viaggi App - mobile - Social Network Iniziative marketing Preparato per: STAT TURISMO

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond EBOOK la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond.it indice Capitolo 1 Metodo #1 per aumentare i Mi piace su Facebook: Concorsi 5 Capitolo 5 Metodo #5 per aumentare

Dettagli

Scheda UT30 Punti-UM / Come fare l evidenziatore personale. PREMESSA Quanti di voi vorrebbero rendere più divertente ed artistico il proprio nickname?

Scheda UT30 Punti-UM / Come fare l evidenziatore personale. PREMESSA Quanti di voi vorrebbero rendere più divertente ed artistico il proprio nickname? Le schede di Scheda UT30 Punti-UM / Come fare l evidenziatore personale PREMESSA Quanti di voi vorrebbero rendere più divertente ed artistico il proprio nickname? Tutti immagino. Quindi armatevi di pazienza

Dettagli

Traduzione di TeamLab in altre lingue

Traduzione di TeamLab in altre lingue Lingue disponibili TeamLab è disponibile nelle seguenti lingue nel mese di gennaio 2012: Traduzioni complete Lingue tradotte parzialmente Inglese Tedesco Francese Spagnolo Russo Lettone Italiano Cinese

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Scopo di questo corso, vuole essere quello di fornire ad ognuno dei partecipanti, indipendentemente dalle loro precedenti conoscenze informatiche, l apprendimento

Dettagli

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni sul

Dettagli

InitZero s.r.l. Via P. Calamandrei, 24-52100 Arezzo email: info@initzero.it

InitZero s.r.l. Via P. Calamandrei, 24-52100 Arezzo email: info@initzero.it izticket Il programma izticket permette la gestione delle chiamate di intervento tecnico. E un applicazione web, basata su un potente application server java, testata con i più diffusi browser (quali Firefox,

Dettagli

12 linee guida per aumentare la visibilità on-line

12 linee guida per aumentare la visibilità on-line Posizionamento nei Motori di Ricerca 12 linee guida per aumentare la visibilità on-line (a cura di Michele De Capitani di Prima Posizione Srl - Web Marketing) 1 / 47 Introduzione Piccola introduzione In

Dettagli

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI LO STRUMENTO PER GESTIRE A 360 LE ATTIVITÀ DELLO STUDIO, CON IL MOTORE DI RICERCA PIÙ INTELLIGENTE, L UNICO CHE TI CAPISCE AL VOLO. www.studiolegale.leggiditalia.it

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Fatti trovare... Fatti preferire! Web Site» E-Commerce» Social Media» Web Marketing» Photo» Video» Graphic design

Fatti trovare... Fatti preferire! Web Site» E-Commerce» Social Media» Web Marketing» Photo» Video» Graphic design Fatti trovare... Fatti preferire! Web Site» E-Commerce» Social Media» Web Marketing» Photo» Video» Graphic design Come si trovano oggi i clienti? Così! ristorante pizzeria sul mare bel Perchè è importante

Dettagli

Guida al sistema Bando GiovaniSì

Guida al sistema Bando GiovaniSì Guida al sistema Bando GiovaniSì 1di23 Sommario La pagina iniziale Richiesta account Accesso al sistema Richiesta nuova password Registrazione soggetto Accesso alla compilazione Compilazione progetto integrato

Dettagli

ASTA IN GRIGLIA PRO. COSA PERMETTE DI FARE (per ora) Asta In Griglia PRO:

ASTA IN GRIGLIA PRO. COSA PERMETTE DI FARE (per ora) Asta In Griglia PRO: ASTA IN GRIGLIA PRO Asta in Griglia PRO è un software creato per aiutare il venditore Ebay nella fase di post-vendita, da quando l inserzione finisce con una vendita fino alla spedizione. Il programma

Dettagli

Domini, una guida per capire come avviare un business nel web. Il dominio, lʼinizio di qualsiasi attività sul web

Domini, una guida per capire come avviare un business nel web. Il dominio, lʼinizio di qualsiasi attività sul web Domini, una guida per capire come avviare un business nel web HostingSolutions.it, ISP attivo da 10 anni nel mondo della registrazione domini, vuole fornire ai propri clienti e non una breve guida che

Dettagli

Carica i tuoi contenuti. Notizie Feed RSS Feed Multipli. Collegamento al tuo Sito Web

Carica i tuoi contenuti. Notizie Feed RSS Feed Multipli. Collegamento al tuo Sito Web Formule a confronto Carica i tuoi contenuti Puoi inserire immagini, creare le tue liste, i tuoi eventi. Gestire il tuo blog e modificare quando e quante volte vuoi tutto ciò che carichi. Notizie Feed RSS

Dettagli

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro)

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Quando si realizzano dei documenti visivi per illustrare dati e informazioni chiave, bisogna sforzarsi di

Dettagli

Guida agli strumenti etwinning

Guida agli strumenti etwinning Guida agli strumenti etwinning Registrarsi in etwinning Prima tappa: Dati di chi effettua la registrazione Seconda tappa: Preferenze di gemellaggio Terza tappa: Dati della scuola Quarta tappa: Profilo

Dettagli

Manuale Utente. S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i!

Manuale Utente. S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i! Manuale Utente S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i! INDICE INDICE... 3 INTRODUZIONE... 3 Riguardo questo manuale...3 Informazioni su VOLT 3 Destinatari 3 Software Richiesto 3 Novità su Volt...3

Dettagli

Guida Così si aggiornano i programmi Microsoft

Guida Così si aggiornano i programmi Microsoft Guida Così si aggiornano i programmi Microsoft Informazione Navigare in Internet in siti di social network oppure in siti web che consentono la condivisione di video è una delle forme più accattivanti

Dettagli

MANUALE D USO LEXUN ver. 5.0. proprietà logos engineering - Sistema Qualità certificato ISO 9001 DNV Italia INDICE. 6. Flash top 6 C.

MANUALE D USO LEXUN ver. 5.0. proprietà logos engineering - Sistema Qualità certificato ISO 9001 DNV Italia INDICE. 6. Flash top 6 C. Pag. 1/24 INDICE A. AMMINISTRAZIONE pagina ADMIN Pannello di controllo 2 1. Password 2 2. Cambio lingua 2 3. Menù principale 3 4. Creazione sottomenù 3 5. Impostazione template 4 15. Pagina creata con

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

Installazione ed attivazione della "SUITE OFFIS" versione SERVER

Installazione ed attivazione della SUITE OFFIS versione SERVER Installazione ed attivazione della "SUITE OFFIS" versione SERVER Premessa La versione server di OFFIS può essere installata e utilizzata indifferentemente da PC/Win o Mac/Osx e consente l'accesso contemporaneo

Dettagli

come installare wordpress:

come installare wordpress: 9-10 DICEMBRE 2013 Istitiuto Nazionale Tumori regina Elena come installare wordpress: Come facciamo a creare un sito in? Esistono essenzialmente due modi per creare un sito in WordPress: Scaricare il software

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

Produzioni dal Basso. Manuale di utilizzo della piattaforma

Produzioni dal Basso. Manuale di utilizzo della piattaforma Produzioni dal Basso Manuale di utilizzo della piattaforma FolkFunding 2015 Indice degli argomenti: 1 - CROWDFUNDING CON PRODUZIONI DAL BASSO pag.3 2 - MODALITÁ DI CROWDFUNDING pag.4 3- CARICARE UN PROGETTO

Dettagli

I link non sono tutti uguali: 10 illustrazioni sulla valutazione dei link da parte dei motori di ricerca

I link non sono tutti uguali: 10 illustrazioni sulla valutazione dei link da parte dei motori di ricerca I link non sono tutti uguali: 10 illustrazioni sulla valutazione dei link da parte dei motori di ricerca Di Articolo originale: All Links are Not Created Equal: 10 Illustrations on Search Engines' Valuation

Dettagli

TeamViewer 8 Manuale Meeting

TeamViewer 8 Manuale Meeting TeamViewer 8 Manuale Meeting Rev 8.0-12/2012 TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen www.teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni

Dettagli

Cosa fare in caso di perdita di smartphone o tablet

Cosa fare in caso di perdita di smartphone o tablet OUCH! Ottobre 2012 IN QUESTO NUMERO Introduzione Le precauzioni da prendere Cosa fare in caso di smarrimento o furto Cosa fare in caso di perdita di smartphone o tablet L AUTORE DI QUESTO NUMERO Heather

Dettagli

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA STRUMENTI DI GESTIONE BIBLIOGRAFICA I software di gestione bibliografica permettono di raccogliere, catalogare e organizzare diverse tipologie di materiali, prendere appunti, formattare

Dettagli

pag. 2/9 INTERNET MARKETING (SYSCON SRL) Rev.1.2 Spett.le Ditta, giorno dopo giorno Internet sta modificando il

pag. 2/9 INTERNET MARKETING (SYSCON SRL) Rev.1.2 Spett.le Ditta, giorno dopo giorno Internet sta modificando il INTERNET MARKETING pag. 2/9 Spett.le Ditta, Rev.1.2 giorno dopo giorno Internet sta modificando il modo di essere azienda : la posta elettronica permette maggiore dinamicità nei rapporti con clienti e

Dettagli

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto Rev 8.0-12/2012 TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen www.teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 6 1.1 Informazioni sul software... 6

Dettagli

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Guida all'installazione di SLPct Manuale utente Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Premessa Il redattore di atti giuridici esterno SLpct è stato implementato da Regione

Dettagli

DIFENDERSI DAI MODERNI ATTACCHI DI PHISHING MIRATI

DIFENDERSI DAI MODERNI ATTACCHI DI PHISHING MIRATI DIFENDERSI DAI MODERNI ATTACCHI DI PHISHING MIRATI DIFENDERSI DAI MODERNI ATTACCHI DI PHISHING MIRATI 2 Introduzione Questa email è una truffa o è legittima? È ciò che si chiedono con sempre maggiore frequenza

Dettagli

OCS in un ora. Introduzione a Open Conference Systems Versione 2.0. OCS in un ora. Ultimo aggiornamento: dicembre 2007

OCS in un ora. Introduzione a Open Conference Systems Versione 2.0. OCS in un ora. Ultimo aggiornamento: dicembre 2007 Introduzione a Open Conference Systems Versione 2.0 Ultimo aggiornamento: dicembre 2007 1 Open Conference Systems è un iniziativa di ricerca sviluppata dal Public Knowledge Project dell Università della

Dettagli

La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network

La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network Di cosa parliamo? La Borsa delle Idee è la soluzione per consentire alle aziende di coinvolgere attivamente le persone (dipendenti, clienti,

Dettagli

MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive

MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive 1 MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive Cos è un servizio di e-learning SaaS, multimediale, interattivo

Dettagli

NAVIGAORA HOTSPOT. Manuale utente per la configurazione

NAVIGAORA HOTSPOT. Manuale utente per la configurazione NAVIGAORA HOTSPOT Manuale utente per la configurazione NAVIGAORA Hotspot è l innovativo servizio che offre ai suoi clienti accesso ad Internet gratuito, in modo semplice e veloce, grazie al collegamento

Dettagli

Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente

Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente 2015 Seagate Technology LLC. Tutti i diritti riservati. Seagate, Seagate Technology, il logo Wave e FreeAgent sono marchi depositati o marchi registrati

Dettagli

Manuale Software. www.smsend.it

Manuale Software. www.smsend.it Manuale Software www.smsend.it 1 INTRODUZIONE 3 Multilanguage 4 PANNELLO DI CONTROLLO 5 Start page 6 Profilo 7 Ordini 8 Acquista Ricarica 9 Coupon AdWords 10 Pec e Domini 11 MESSAGGI 12 Invio singolo sms

Dettagli

Installazione di GFI Network Server Monitor

Installazione di GFI Network Server Monitor Installazione di GFI Network Server Monitor Requisiti di sistema I computer che eseguono GFI Network Server Monitor richiedono: i sistemi operativi Windows 2000 (SP4 o superiore), 2003 o XP Pro Windows

Dettagli

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA Supponiamo di voler eseguire una istantanea del nostro desktop, quella che in gergo si chiama Screenshot (da screen, schermo, e shot, scatto fotografico).

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com

Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com Cos'è una PRIVACY POLICY Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com Questo documento, concernente le politiche di riservatezza dei dati personali di chi gestisce il sito Internet http://www.plastic-glass.com

Dettagli

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore)

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Autore: Matteo Veroni Email: matver87@gmail.com Sito web: matteoveroni@altervista.org Fonti consultate: http://openmeetings.apache.org/

Dettagli

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO Precisione del riconoscimento Velocità di riconoscimento Configurazione del sistema Correzione Regolazione della

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

Mai più senza smartphone.

Mai più senza smartphone. Mai più senza smartphone. Il telefonino ha superato il pc come mezzo di consultazione del web: 14,5 milioni contro 12,5 milioni.* Sempre più presente, lo smartphone è ormai parte integrante delle nostre

Dettagli

GESTIONE DELLA E-MAIL

GESTIONE DELLA E-MAIL GESTIONE DELLA E-MAIL Esistono due metodologie, completamente diverse tra loro, in grado di consentire la gestione di più caselle di Posta Elettronica: 1. tramite un'interfaccia Web Mail; 2. tramite alcuni

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

Guida all uso del portale dello studente

Guida all uso del portale dello studente Guida all uso del portale dello studente www.studente.unicas.it Versione 1.0 del 10/04/2010 Pagina 1 Sommario PREMESSA... 3 PROFILO... 7 AMICI... 9 POSTA... 10 IMPOSTAZIONI... 11 APPUNTI DI STUDIO... 12

Dettagli

Ascolto, gestione degli spazi social e analisi con Hootsuite.com

Ascolto, gestione degli spazi social e analisi con Hootsuite.com Ascolto, gestione degli spazi social e analisi con Hootsuite.com #TTTourism // 30 settembre 2014 - Erba Hootsuite Italia Social Media Management HootsuiteIT Diego Orzalesi Hootsuite Ambassador Programma

Dettagli

Guida all uso. Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi.

Guida all uso. Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi. Guida all uso Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi. Legenda Singolo = Fax o SMS da inviare ad un singolo destinatario Multiplo = Fax o SMS da inviare a tanti destinatari

Dettagli

Si prega di comunicare eventuali errori o inesattezze riscontrate, scrivendo una mail a: otebac@beniculturali.it

Si prega di comunicare eventuali errori o inesattezze riscontrate, scrivendo una mail a: otebac@beniculturali.it TEMPLATE IN MWCMS D A N I E L E U G O L E T T I - G R U P P O M E T A Si prega di comunicare eventuali errori o inesattezze riscontrate, scrivendo una mail a: otebac@beniculturali.it C ONTENTS I template

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

Come difendersi dai VIRUS

Come difendersi dai VIRUS Come difendersi dai VIRUS DEFINIZIONE Un virus è un programma, cioè una serie di istruzioni, scritte in un linguaggio di programmazione, in passato era di solito di basso livello*, mentre con l'avvento

Dettagli

Proteggi la tua faccia

Proteggi la tua faccia Proteggi la tua faccia Tutorial per i minori sull uso sicuro e consapevole di Facebook a cura di Clementina Crocco e Diana Caccavale È come se ogni giorno intingessimo una penna nell inchiostro indelebile

Dettagli

SCUOLANEXT, è l'esclusivo e rivoluzionario sistema informatizzato con cui far interagire docenti, studenti e famiglie in tempo reale!

SCUOLANEXT, è l'esclusivo e rivoluzionario sistema informatizzato con cui far interagire docenti, studenti e famiglie in tempo reale! SCUOLANET, è l'esclusivo e rivoluzionario sistema informatizzato con cui far interagire docenti, studenti e famiglie in tempo reale! SCUOLANET consente la piena digitalizzazione della scuola: completa

Dettagli

Descrizione tecnica Indice

Descrizione tecnica Indice Descrizione tecnica Indice 1. Vantaggi del sistema Vertical Booking... 2 2. SISTEMA DI PRENOTAZIONE ON LINE... 3 2.1. Caratteristiche... 3 I EXTRANET (Interfaccia per la gestione del programma)... 3 II

Dettagli

Conferencing Services. Web Meeting. Quick Start Guide V4_IT

Conferencing Services. Web Meeting. Quick Start Guide V4_IT Web Meeting Quick Start Guide V4_IT Indice 1 INFORMAZIONI SUL PRODOTTO... 3 1.1 CONSIDERAZIONI GENERALI... 3 1.2 SISTEMI OPERATIVI SUPPORTATI E LINGUE... 3 1.3 CARATTERISTICHE... 3 2 PRENOTARE UNA CONFERENZA...

Dettagli

Comunicazione scuola famiglia

Comunicazione scuola famiglia Manuale d'uso Comunicazione scuola famiglia INFOZETA Centro di ricerca e sviluppo di soluzioni informatiche per la scuola Copyright InfoZeta 2013. 1 Prima di iniziare l utilizzo del software raccomandiamo

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

Software per la gestione di palestre, centri benessere e sportivi

Software per la gestione di palestre, centri benessere e sportivi Software per la gestione di palestre, centri benessere e sportivi Applicazione gestionale progettata per gestire tutti gli aspetti di palestre, centri sportivi e centri benessere Sicuro Personalizzabile

Dettagli

Gestione Nuova Casella email

Gestione Nuova Casella email Gestione Nuova Casella email Per accedere alla vecchia casella questo l indirizzo web: http://62.149.157.9/ Potrà essere utile accedere alla vecchia gestione per esportare la rubrica e reimportala come

Dettagli

Boot Camp Guida di installazione e configurazione

Boot Camp Guida di installazione e configurazione Boot Camp Guida di installazione e configurazione Indice 3 Introduzione 4 Panoramica dell'installazione 4 Passo 1: Verificare la presenza di aggiornamenti 4 Passo 2: Per preparare il Mac per Windows 4

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli

Email: cose da fare e cose da non fare

Email: cose da fare e cose da non fare OUCH! Marzo 2012 IN QUESTO NUMERO Auto-completamento Cc: / CCn: Liste di distribuzione Emozioni e privacy Email: cose da fare e cose da non fare L AUTORE DI QUESTO NUMERO Fred Kerby ha collaborato a questo

Dettagli

Mail da Web. Caratteristiche generali di Virgilio Mail. Funzionalità di Virgilio Mail. Leggere la posta. Come scrivere un email.

Mail da Web. Caratteristiche generali di Virgilio Mail. Funzionalità di Virgilio Mail. Leggere la posta. Come scrivere un email. Mail da Web Caratteristiche generali di Virgilio Mail Funzionalità di Virgilio Mail Leggere la posta Come scrivere un email Giga Allegati Contatti Opzioni Caratteristiche generali di Virgilio Mail Virgilio

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

maggiorii quando costituita Expo2015 Team In sicurezza Comunicazione Leadership Cittadinanza attiva

maggiorii quando costituita Expo2015 Team In sicurezza Comunicazione Leadership Cittadinanza attiva Sommario 1. Come faccio ad accedere alla formazione?... 2 2. Come è organizzata e quando viene considerata conclusa la formazione?... 3 3. C'è un punteggio finale?... 5 4. Sono a metà della formazione

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

Client di Posta Elettronica PECMailer

Client di Posta Elettronica PECMailer Client di Posta Elettronica PECMailer PECMailer è un semplice ma completo client di posta elettronica, ovvero un programma che consente di gestire la composizione, la trasmissione, la ricezione e l'organizzazione

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli

Per Iniziare con Parallels Desktop 10

Per Iniziare con Parallels Desktop 10 Per Iniziare con Parallels Desktop 10 Copyright 1999-2014 Parallels IP Holdings GmbH e i suoi affiliati. Tutti i diritti riservati. Parallels IP Holdings GmbH Vordergasse 59 8200 Schaffhausen Svizzera

Dettagli

Banche Dati del Portale della Trasparenza. Manuale del sistema di gestione. Versione 2.4

Banche Dati del Portale della Trasparenza. Manuale del sistema di gestione. Versione 2.4 Banche Dati del Portale della Trasparenza Manuale del sistema di gestione Versione 2.4 Sommario Introduzione e definizioni principali... 3 Albero dei contenuti del sistema Banche Dati Trasparenza... 3

Dettagli

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL This project funded by Leonardo da Vinci has been carried out with the support of the European Community. The content of this project does not necessarily reflect the position of the European Community

Dettagli

Progettazione e sviluppo di un sistema di tracciabilità e rintracciabilità di filiera AZIENDE DI STOCKAGGIO

Progettazione e sviluppo di un sistema di tracciabilità e rintracciabilità di filiera AZIENDE DI STOCKAGGIO ZUCCHETTI CENTRO SISTEMI SpA Sede Legale: Via Lungarno - 52028 - Terranuova Braccioini (AR) - Tel. 055/9197.1 (R.A.) - Fax 055/9197515 Filiale di Parma Via B. Franklin n.31 43100 Tel. 0521/606272 Fax.

Dettagli

Parallels Plesk Panel

Parallels Plesk Panel Parallels Plesk Panel Notifica sul Copyright ISBN: N/A Parallels 660 SW 39 th Street Suite 205 Renton, Washington 98057 USA Telefono: +1 (425) 282 6400 Fax: +1 (425) 282 6444 Copyright 1999-2009, Parallels,

Dettagli

GUIDA ALL UTILIZZO DELL ECM 8

GUIDA ALL UTILIZZO DELL ECM 8 GUIDA ALL UTILIZZO DELL ECM 8 GUIDA ALL UTILIZZO DELL ECM 8 1) Introduzione Pg 3 2) L area amministratore Pg 3 2.1) ECM Pg 4 2.1.1) Sezione Struttura Pg 5 2.1.2) Sezione Documento Pg 7 2.1.3) Sezione Pubblicazione

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Microsoft Windows 30/10/2014 Questo manuale fornisce le istruzioni per l'utilizzo della Carta Provinciale dei Servizi e del lettore di smart card Smarty sui sistemi operativi

Dettagli

Entrate... 11 Uscite... 11 Trasferimento... 11 Movimenti ricorrenti... 11 Movimenti suddivisi... 12

Entrate... 11 Uscite... 11 Trasferimento... 11 Movimenti ricorrenti... 11 Movimenti suddivisi... 12 Data ultima revisione del presente documento: domenica 8 maggio 2011 Indice Sommario Descrizione prodotto.... 3 Licenza e assunzione di responsabilità utente finale:... 4 Prerequisiti:... 5 Sistema Operativo:...

Dettagli

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO Francesco Marchione e Dario Richichi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Palermo Indice Introduzione...

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO WORD

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO WORD WORD SOMMARIO 1. Muoversi nel testo... 1 2. Taglia, copia e incolla... 2 3. Aprire, salvare e chiudere... 3 4. Trovare e sostituire... 4 5. Visualizzare in modi diversi... 6 6. Formattare e incolonnare...

Dettagli

Firma Digitale Remota. Manuale di Attivazione, Installazione,Utilizzo

Firma Digitale Remota. Manuale di Attivazione, Installazione,Utilizzo Firma Digitale Remota Manuale di Attivazione, Installazione,Utilizzo Versione: 0.3 Aggiornata al: 02.07.2012 Sommario 1. Attivazione Firma Remota... 3 1.1 Attivazione Firma Remota con Token YUBICO... 5

Dettagli

Lezione n 1! Introduzione"

Lezione n 1! Introduzione Lezione n 1! Introduzione" Corso sui linguaggi del web" Fondamentali del web" Fondamentali di una gestione FTP" Nomenclatura di base del linguaggio del web" Come funziona la rete internet?" Connessione"

Dettagli