LA QUALITA DEI SERVIZI SANITARI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA QUALITA DEI SERVIZI SANITARI"

Transcript

1 LA QUALITA DEI SERVIZI SANITARI Qualità mandato sociale in Italia In Italia il tema della qualità nell assistenza sanitaria ha già una storia significativa. A livello legislativo risale al 1983 la prima norma sulle procedure di verifica della qualità dell assistenza medica convenzionata. Il successivo DPR n. 270/87 (accordo di lavoro per il triennio 1985/87) regolamentava in forma sistematica le commissioni professionali per la qualità nell area sanitaria. La svolta radicale si è avuta con il Decreto L.vo 502/93, modificato dal Decreto Legislativo 7 dicembre 1993, n. 517 ed in particolare con i seguenti articoli: art.8:.i nuovi rapporti previsti dal presente decreto sono fondati sul criterio dell accreditamento delle istituzioni, sulle modalità di pagamento a prestazione e sull adozione del sistema di verifica della qualità delle attività svolte e delle prestazioni erogate, art10: è adottato in via ordinaria il metodo della verifica e revisione della qualità e della quantità delle prestazioni, nonché del loro costo, al cui sviluppo devono risultare funzionali i modelli organizzativi e viene prevista l adozione degli..indicatori di efficienza e di qualità del Sistema Sanitario approvati successivamente con il Decreto del Ministero alla Sanità 24 luglio 1995 (224 indicatori), art 14:. Ulteriori indicatori di qualità dei servizi e delle prestazioni sanitarie relativamente alla personalizzazione e umanizzazione dell assistenza, al diritto all informazione, alle prestazioni alberghiere, nonché all andamento delle attività di prevenzione delle malattie indicatori proposti nel Decreto del Ministero della Sanità 15 ottobre 1996 (79 indicatori). Un ulteriore contributo normativo allo sviluppo della qualità è stato fornito dal Decreto L.vo 19 maggio 1995 Schema generale di riferimento della Carta dei Servizi pubblici sanitari che ha introdotto lo strumento di trasparenza Carta dei Servizi come mandatorio in tutte le aziende USL. Il Ministero della Sanità ha successivamente emanato, per una più efficiente applicazione, le Linee Guida n. 2/95 Attuazione della Carta dei Servizi nel Servizio Sanitario Nazionale. Il DPR 14 gennaio 1997 n. 37 descrive i requisiti minimi strutturali, tecnologici e organizzativi richiesti per l esercizio delle attività sanitarie da parte delle strutture pubbliche e private, tra cui vengono citate anche le attività per la gestione, la valutazione e il miglioramento della qualità.

2 Il Piano Sanitario Nazionale sottolinea ulteriormente l impegno da profondere per lo sviluppo della qualità ed infatti recita: i cambiamenti significativi del Servizio Sanitario Nazionale (in particolare nei sistemi di finanziamento e remunerazione) introducono nuove opportunità e, al tempo stesso, più stringenti necessità di gestire la qualità dell assistenza sanitaria sia a livello del singolo servizio sia a livello aziendale. Il Piano Sanitario Nazionale si pone come obiettivo prioritario la garanzia di adeguati livelli di qualità dell assistenza sanitaria, sulla base di un Programma Nazionale per la Qualità. Il Programma è finalizzato a rendere sistematico l orientamento del S.S.N. verso la valutazione e la promozione della qualità dell assistenza sanitaria, coinvolgendo la dimensione professionale, quella organizzativo-aziendale e quella in relazione dell assistenza. Nel triennio il programma si pone i seguenti obiettivi strumentali: 1. introdurre meccanismi finalizzati a rendere vincolante e generalizzato lo sviluppo delle attività di valutazione e promozione della qualità dell assistenza da parte degli operatori sanitari e delle strutture pubbliche e private accreditate 2. organizzare all interno di ciascun servizio modalità sistematiche di revisione e autovalutazione della pratica clinica e assistenziale, anche attraverso l utilizzo di percorsi diagnostici e terapeutici previsti dalla Legge 662/ Rivedere ed estendere il sistema di indicatori, già previsto dal 3 comma dell art.10 e dell art.14 del Dl.vo 502/92 e definito dal DM 25 luglio 1995, anche allo scopo di valutare gli effetti prodotti dal sistema di remunerazione a prestazione, nel settore dell assistenza ospedaliera così come quella ambulatoriale 4. Favorire il riconoscimento, quale parte integrante dei compiti istituzionali del personale del SSN, della partecipazione all attività di valutazione e promozione della qualità dell assistenza sanitaria erogata dalle Aziende sanitarie 5. Orientare parte dei finanziamenti per la ricerca finalizzata del SSN al Programma Nazionale per la Qualità 6. Incrementare e valorizzare le forme di valutazione partecipata con gli utenti e con le organizzazioni che li rappresentano, in particolare quelle impegnate nella tutela dei soggetti deboli

3 Definizione di qualità Sebbene molti studiosi dell argomento si siano cimentati nella ricerca di una definizione del termine qualità nel campo sanitario, a tutt oggi come affermano Welch e Grover non esiste una definizione universalmente accettata. Si propongono nel seguito le definizioni a cui più frequentemente viene fatto riferimento: - La frequenza con cui si compiono interventi sanitari di dimostrata efficacia (più utili che dannosi) e con cui si evitano interventi più dannosi che utili (Sackett, 1980). - Capacità di un prodotto di rispondere completamente agli scopi per i quali è stato progettato e costruito al più basso costo possibile (Vuori 1984). - La qualità dell assistenza consiste nella sua capacità di migliorare lo stato di salute e di soddisfazione di una popolazione nei limiti concessi dalle tecnologie, dalle risorse disponibili e dalle caratteristiche dell utenza (Palmer 1989). - La qualità è il grado in cui i prodotti del lavoro soddisfano i bisogni che si prefiggono di soddisfare (P.Batalden). - L assistenza sanitaria è di qualità adeguata se: gli operatori che la erogano, effettuando gli interventi che il progresso delle conoscenze scientifiche indica come capaci di produrre gli effetti desiderati e appropriati, interventi che devono essere congruenti con i valori morali della società, e devono essere realizzati in modo tale da generare soddisfazione in coloro che li ricevono; sono in grado di massimizzare i benefici espressi in termini di salute aggiunta a fronte dei rischi corsi per produrla (Donadebian) Dalle definizioni si evidenzia come l enfasi venga posta su: la finalità, che nelle più recenti formulazioni viene posta sulla salute piuttosto che sulla qualità intrinseca ai prodotti la perseguita efficacia degli interventi le risorse a disposizione, ed in particolare tecnologie e conoscenza tecnicoscientifica l attenzione al criterio costo-efficacia Questo problema non va sottovalutato come ricorda Perraro che richiama l attenzione su come l introduzione e l attivazione di azioni di budget, centri di

4 costo, Drg, vengono perseguite dimenticando che si tratta di strumenti e non di obiettivi. L enfasi posta sulla remunerazione sposta l attenzione nei confronti dei risultati economico-produttivi, al contenimento dei costi, trascurando di fatto, gli aspetti professionali indispensabili per assicurare una buona qualità dell assistenza. Sviluppo della qualita nel sistema sanitario: soggetti. Lo sviluppo della qualità è un processo che fa capo a ciascun professionista della sanità, impegnato a perseguire attraverso il proprio operato l eccellenza del prodotto che offre (output) e di conseguenza l aumento della probabilità di ottenere un risultato (outcome) positivo. Ciò significa in primo luogo che la responsabilità di migliorare è del singolo, sebbene, quando ella/egli opera in una istituzione sanitaria, tale processo possa essere disegnato in forma complessiva all interno del quadro aziendale e vedere i diversi professionisti concorrere alla realizzazione di un programma integrato. Oltre alla già citata responsabilità del singolo di impegno rispetto al proprio operato e alla organizzazione di appartenenza e sebbene vi sia ancora dibattito in merito, è assai diffusa la convinzione che in ogni progetto vanno coinvolti tutti i soggetti a qualche titolo implicati, perché se non consapevoli del processo in atto, possono mettere a rischio la sua realizzazione ed i suoi risultati. Da qui l esigenza di facilitare la reciproca conoscenza tra le figure professionali, che spesso hanno immagini obsolete o distorte l una dell altra e di favorire l acquisizione di competenze progettuali, di ascolto, di comunicazione e lavoro di equipe. Nelle istituzioni determinante è inoltre la convinzione e l impegno dei dirigenti, che stabiliscono la politica e le strategie aziendali (o della propria unità operativa) e che orientano le stesse ed il gruppo operativo nella direzione del miglioramento continuo della qualità o viceversa della staticità. Sebbene il rapido evolversi delle condizioni socio-economiche del contesto influenzino comunque l andamento dell'organizzazione, un preciso impegno nello sviluppo qualitativo certamente accelera tale evoluzione. Molto importante è inoltre la consapevolezza del percorso verso la qualità ed il conseguente impegno da parte dei cittadini utenti, delle organizzazioni

5 rappresentative dei malati, del volontariato, degli organismi delle categorie professionali. Motivazioni per la qualità Le motivazioni per un impegno nei confronti dello sviluppo della qualità vanno ricondotte a molteplici fattori, con un comune denominatore: l agire conforme ai principi e valori orientati al rispetto della persona umana e alla tutela del bene collettivo. In relazione a ciò l affermazione diffusa che riconduce l impegno per la qualità alla riduzione delle risorse disponibili risulta parziale. Sembra infatti più appropriato far risalire tale impegno alle esigenze di effettuare scelte che considerino il contesto sociale ed economico ed alla conseguente ricerca della migliore allocazione delle risorse disponibili. La tensione verso il miglior risultato possibile considera nel suo agire tutti i fattori in gioco, attribuendo loro un peso, secondo criteri esplicitati. In particolare, assume rilevanza l utilizzo di tutta la conoscenza tecnico-scientifica disponibile nel panorama internazionale, che garantisce a ciascuna persona/utente che le scelte tecniche rispetto a metodi e strumenti impiegati nei suoi confronti venga effettuata con riferimento alle potenzialità attuali della scienza. La tensione verso la qualità come citato da E. Borgonovi si ottiene se si tengono presente i componenti fondamentali: 1) sapere (conoscenze tecnico operative, organizzative, di gestione delle relazioni) 2) volere (la volontà di agire che è legata ai valori, all etica delle persone, alla cultura, alle motivazioni che si è in grado di generare) 3) potere (legata alla personalità, alla leadership, ai ruoli operativi e di coordinamento, a quelli manageriali di formulazioni delle politiche) 4) strumentale ossia alla strumentazione organizzativa (organizzazione per progetti) fattori che permetteranno il passaggio da una cultura tradizionale dove l Azienda è vista come un insieme di macchine e attrezzature, alla cultura legata ad una serie di controlli di tipo: - controllo sulla qualità tecnica (cosa offro)

6 - controllo sulla qualità relazionale (come lo offro) - controllo sulla qualità ambientale (dove lo offro) - controllo sulla qualità economica (quanto costa ciò che offro) - controllo sulla qualità organizzativa (con cosa offro) Tutto questo presuppone un atteggiamento professionale degli attori coinvolti al miglioramento che metta alla base del proprio agire: la disponibilità ad andare oltre l apparenza, la disponibilità della critica e dell autocritica, il realismo e la concretezza, combattere l inerzia degli operatori al cambiamento, e, cambiare soprattutto la cultura per funzioni Cardini del processo di sviluppo della qualità I cardini su cui poggia al momento attuale il processo di miglioramento della qualità sono i seguenti: a) Ricerca della qualità come tensione verso livelli sempre più avanzati (miglioramento continuo della qualità e non già valutazione finalizzata alla ricerca di situazioni negative o non soddisfacenti). b) Orientamento al servizio offerto alla persona e alla comunità Attività e metodologie orientate ai risultati Focalizzazione dello staff sulle reali finalità perseguite dagli interventi Coinvolgimento e responsabilizzazione dei fruitori dei servizi e di tutte le persone che interagiscono con il sistema c) Tensione continua verso il miglioramento ricerca dell eccellenza organizzazione dinamica d) Qualità intesa in senso globale secondo le tre dimensioni: qualità manageriale o gestionale qualità tecnico-scientifica o professionale qualità percepita - Qualità come dimensione dell organizzazione e non intervento sporadico e) Valorizzazione della risorsa umana, protagonista rispetto alle scelte e agli interventi f) Approccio tecnico e metodologico allo sviluppo della qualità su base sistematica e scientifica

7 g) Esperienza come approfondimento per il futuro Tali cardini convergono verso un perno centrale, che li motiva e qualifica la centralità del cittadino utente, dei suoi bisogni, delle sue aspettative, e la conseguente esigenza di disegnare gli interventi ed i servizi, nonché la loro struttura e organizzazione, in maniera mirata. Sebbene questa rinnovata consapevolezza abbia ottenuto una spinta dalla cultura delle aziende produttive, che negli anni scorsi hanno dovuto cercate nuove strade per superare fasi di crisi e la competizione globale, essa si è dimostrata linfa vitale per il processo di ristrutturazione del sistema sanitario nazionale, che ha proceduto la aziendalizzazione, avendo come fulcro la persona utente e non una mera razionalizzazione organizzativa, centrata sui processi interni anziché sui risultati a cui gli stessi devono consentire di arrivare. Dimensioni della qualità Nella ricerca dei massimi livelli di qualità perseguibile vanno considerate tutte e tre le dimensioni della qualità, perché le stesse influenzano e condizionano reciprocamente: 1) Qualità organizzativo-manageriale, che convoglia tutti gli aspetti strutturali, organizzativi e gestionali di una istituzione, che a loro volta concorrono a creare le condizioni per le altre dimensioni 2) Qualità tecnico-professionale, che si riferisce alle scelte e alle modalità di esecuzione delle prestazioni offerte. Determinante per tale dimensione è l aggiornamento dei professionisti. 3) Qualità relazione-percepita, che connota la relazione con l utente fruitore di servizi, il quale, di conseguenza, perviene ad una sua percezione dei servizi offerti. Nell accingersi ad intraprendere iniziative di sviluppo della qualità è utile, anche se ci si focalizza su una dimensione, considerare le implicazioni anche per le altre due, al fine di non vedere pregiudicati i risultati attesi da influenzamenti esterni. Altre componenti potenziali della qualità che permettono un percorso qualitativo rispondendo alle sottoindicate domande sono: 1) Efficacia: quanto spesso raggiungo il risultato sperato? 2) Efficienza: il risultato è stato raggiunto con il minimo sforzo, spreco e spesa?

8 3) Correttezza tecnica: sono stati commessi errori nel prestare le prestazioni? 4) Accessibilità: l utente riesce ad avere la prestazione di cui ha bisogno? 5) Appropriatezza: l utente ha ricevuto la prestazione giusta? 6) Continuità: le prestazioni sono state prestate in modo coordinato nel tempo e tra i diversi professionisti? 7) Tempestività: le prestazioni sono state erogate al momento giusto? 8) Soddisfazione dell utente: l utente è soddisfatto della prestazione ricevuta? 9) Consenso: l utente o la sua famiglia, sono stati coinvolti nelle decisioni prese? 10) Sicurezza: l ambiente di cura è sicuro? Gli approcci alla qualità e i sette strumenti In relazione alle varie epoche della qualità nel sistema sanitario, si sono modificati anche gli approcci alla stessa. Se in prima istanza la finalità era quella di individuare gli errori, al fine di sradicarli, progressivamente si è prestata attenzione alla verifica, allo scopo di rivedere, e successivamente alla prevenzione, ossia all impegno diffuso e costante nella ricerca di aree su cui investire per il miglioramento. Parallelamente si è proceduto alla comprensione che i miglioramenti effettivi e duraturi nel tempo necessitavano di una reale interiorizzazione da parte delle risorse umane. Di conseguenza nelle istituzioni sanitarie l approccio certificativo esterno, attraverso griglie di accertamento, si rivelava insufficiente e veniva progressivamente accompagnato da un coinvolgimento dei reali protagonisti, gli operatori, chiamati a promuovere e condurre interventi di miglioramento della qualità nel proprio operato e nella organizzazione di appartenenza. Molti autori hanno fornito contributi metodologici a tali interventi, ma particolarmente utile si è rilevato l utilizzo dello schema PDCA (Deming), che rappresenta una traccia guida per lo svolgimento efficace delle fasi di un progetto di miglioramento, nell ambito delle quali vengono applicati i sette strumenti: 1) foglio di raccolta dati 2) istogramma 3) analisi di Pareto 4) stratificazione 5) diagramma causa effetto

9 6) carta di controllo 7) diagramma di correlazione Il P.D.C.A Il ciclo o ruota di Deming consta di 4 fasi e prevede lo sviluppo del lavoro a progetto secondo cicli ripetitivi di quattro attività fondamentali: PLAN (Pianificare), DO (Sperimentare, fare ciò che si è deciso), CHECK (verificare i risultati), ACT (Azione, standardizzare e ripartire con un nuovo ciclo di PDCA). 1) PLAN Scegliere il progetto di miglioramento, determinare gli indicatori e pianificare chi, che cosa e quando. Cogliere la situazione attuale, rappresentarla sia negli aspetti qualitativi che quantitativi. Identificare le principali cause degli effetti indesiderati. Decidere le azioni correttive da adottare 2) DO Implementare le azioni correttive. Comunicare e addestrare tutti gli operatori interessati. Eseguire fedelmente il processo concordato. 3) CHECK Verificare le azioni, i risultati, i correttivi (confrontare il prima e il dopo sulle azioni correttive). Verificare che l azione sia stata condotta nei termini previsti/progettati. 4) ACT Standardizzare le azioni correttive in modo da renderle consolidate e irreversibili. Effettuare un addestramento specifico e approfondito agli operatori. Concludere e ipotizzare piani futuri 1) FOGLIO DI RACCOLTA DATI E uno strumento per una raccolta finalizzata ed organica dei dati. L esigenza a cui risponde è quella di avere l esatta fotografia della situazione di partenza attraverso dati (l unico metodo scientifico per caratterizzare una situazione). L impostazione di un foglio di raccolta dati risponde alle seguenti domande: quali dati raccogliere, come raccoglierli, dove raccoglierli.

10 Rispetto ai dati che si possono raccogliere è di fondamentale importanza che essi soddisfino innanzitutto i requisiti di significatività e di rappresentatività e si potrebbero raccogliere in diverse categorie: a) dati di misura b) dati provenienti da numerazioni c) dati basati su giudizi relativi di merito d) dati basati su ordinazioni di sequenza e) dati basati su scale di punteggio I fogli di raccolta dati sono supporti per raccogliere in modo adeguato tali tipi di dati, essi perciò devono essere progettati in modo tale che la registrazione, l elaborazione e le eventuali successive consultazioni siano innanzitutto facili. Ciò vuol dire che oltre a soddisfare il requisito della chiarezza devono essere completati con tutte le informazioni necessarie a definire l analisi (reparto, data, strumenti utilizzati, prodotti, ecc), Ovviamente la variabile da rilevare è costituita dalla frequenza con il cui il tipo di dati in esame si raccoglie. 2) ISTOGRAMMA E una tecnica di rappresentazione grafica di dati disponibili che permettono di visualizzare la distribuzione dei dati in forma immediata. Risponde all esigenza di verificare la validità statistica dei dati disponibili per garantire la correttezza di ogni deduzione successiva, può essere infatti definito come uno strumento per l analisi della dispersione dei dati. Per dispersione si intende ad esempio: per conoscere la qualità di un prodotto, dobbiamo individuare dove si colloca il valore centrale e come tutti i valori sono dispersi intorno a questo valore centrale o ad altro valore e l ampiezza della dispersione. Troviamo istogrammi la cui rappresentazione grafica può essere: a) ad isola dove bisognerà cercare le cause dei pochi dati isolati b) a denti di pettine dove si dovranno controllare se sono state introdotte troppe classi rispetto al numero di dati, se vi è stato un arrotondamento improprio delle misure e gli specifici errori delle persone c) asimmetrico la cui rappresentazione può essere data da errori di campionamento o di misura, da sovrapposizione di dati non omogenei d) a precipizio che può essere causato da errori di misurazione o da valori falsati.

11 3) ANALISI DI PARETO L analisi di Pareto è una potente tecnica di supporto all azione di problem-solving. Essa consiste in una metodologia grafica per individuare i problemi più importanti e quindi le priorità di intervento. E usato per classificare e riassumere le cause di un fatto rilevato e permette di trovarne le poche cause essenziali rispetto alle molte irrilevanti. Il prodotto di un analisi di Pareto è un diagramma di Pareto. Migliorare le prestazioni di un processo non è solo una questione di miglioramento qualitativo, ma anche di efficienza, buon uso delle risorse, risparmio energetico, sicurezza, ecc. I diagrammi di Pareto possono individuare le priorità di intervento in qualunque campo vengano applicati. Si possono infatti utilizzare tali diagrammi per affrontare problemi di efficienza del lavoro di ufficio (identificando i tipi di lavoro che richiedono la maggior parte del tempo) come per i problemi di manutenzione (identificando i tipi di inconvenienti più frequenti o i pezzi critici). 4) STRATIFICAZIONE E una tecnica per la classificazione in sottogruppi dei dati relativi ad una determinata caratteristica. Risponde all esigenza di far parlare dati apparentemente piatti e insignificanti trovando una chiave di significatività. La metodologia operativa prevede che dopo le analisi dei dati globali si proceda a effettuare diverse stratificazioni sino a quando si riesce ad evidenziare qualche differenza significativa. Alcuni esempi tipici di stratificazione che possono essere utilizzati per raccogliere e rappresentare i dati sono: a) tempo: raggruppamento per periodi di tempo (giorni, settimane, mesi, stagioni) b) operatori: raggruppamenti a seconda dell'anzianità, esperienza, sesso, età c) macchine e/o attrezzature: modello, tipo, età, utensile d) processo e metodo: condizioni operative come velocità, metodi, pressione e) materiale: fornitore, consegna, lotto. 5) DIAGRAMMA CAUSA EFFETTO Sono anche chiamati diagrammi di Ishikawa (dal nome del professore giapponese che li ha ideati) e diagrammi a lisca di pesce. Sono dei diagrammi di

12 rappresentazione logica ed ordinata della cause che possono influire su di un determinato effetto. A seconda dei casi l effetto è costituito da un difetto, da una caratteristica qualitativa, da un parametro di produttività, da un problema specifico. La rappresentazione evidenzia tutte le possibili cause dell effetto in esame e come sono correlate fra loro. Il metodo grafico più utilizzato per la costruzione di una diagramma causa-effetto in generale è noto come il metodo 4M. Le quattro M sono le quattro categorie di cause consigliate per l impostazione del diagramma, e cioè : manodopera, materiali, metodi, macchine. Il diagramma causa-effetto, una volta utilizzato per elencare tutte le possibili cause, serve come base per l individuazione delle cause più probabili. 6) CARTA DI CONTROLLO E uno strumento che riguarda l analisi della dispersione di variabili da tenere sotto controllo. Mentre l istogramma consente una valutazione statica della dispersione, la carta di controllo consente di valutare l andamento nel tempo dinamica, al fine di trarre importanti indicazioni diagnostiche. La dispersione può essere infatti originata da due tipi di cause: a) cause comuni, cioè quelle cause che incidono normalmente sulle prestazioni del sistema, in quanto congenite e interne b) cause speciali, cioè specifiche cause esterne al sistema assimilabili a disturbi esterni sopraggiunti. Le carte di controllo servono per capire se la dispersione dei dati rappresentanti le prestazioni di un processo è originata da sole cause comuni oppure anche da cause speciali. In questo secondo caso la prima azione di miglioramento da intraprendere è individuare i disturbi e rimuoverli. Una carta di controllo è caratterizzata da: limite superiore, linea centrale e limite inferiore. Le carte di controllo possono essere applicate: a) per lo studio di un processo (ossia l analisi per l individuazione del comportamento del processo in termini statistici) b) per il controllo permanente di un processo (ossia il rilievo continuo delle prestazione del processo in riferimento alle sue caratteristiche statistiche percentuali).

13 7) DIAGRAMMA DI CORRELAZIONE E una tecnica che serve per verificare se esistono correlazioni fra una determinata caratteristica ed una possibile causa o, più in generale, fra due caratteristiche. L interpretazione del diagramma ottenuto può avvenire o attraverso il confronto con alcune configurazioni di riferimento, o utilizzando metodi grafici approssimati. Questi ultimi permettono di rispondere a due domande fondamentali: a) esiste o non esiste correlazione b) nel caso che esista correlazione quale è il tipo di legame fra le due grandezze.

14 Il sistema degli indicatori Il sistema degli indicatori, finalizzato a verificare i risultati conseguiti in termini di efficienza e di qualità, risulta definito dai provvedimenti di attuazione dell art.10 del D.Lvo. 502 e dall art.14 dello stesso provvedimento. Gli indicatori dice il decreto costituiscono uno strumento ordinario e sistematico per l autovalutazione e la verifica dell efficienza della gestione e dei risultati conseguiti nell esercizio delle attività sanitarie. Rappresentano, dunque, informazioni utili a misurare i cambiamenti e, conseguentemente, ad orientare i processi decisionali dei diversi livelli istituzionali. Il primo provvedimento (indicatori di efficienza e qualità) individua un insieme minimo di informazioni comuni a tutte le realtà regionali, ferma restando la piena autonomia delle Regioni di integrarlo con ulteriori fabbisogni informativi specifici per singole realtà. Queste informazioni comuni sono state definite sulla base di due criteri principali: a) compatibilità con i livelli uniformi di assistenza sanitaria: all interno di questi sono state individuate aree di offerta relativamente omogenee da monitorare attraverso il sistema di indicatori b) definizione all interno di ciascuna area omogenea, di specifici indicatori per valutare i seguenti aspetti: - domanda/accessibilità alle prestazioni - risorse impiegate nel processo di produzione delle prestazioni - attività svolte - risultati ottenuti. Il secondo provvedimento (indicatori di soddisfazione del cittadino) individua uno specifico sistema di indicatori quale strumento ordinario per la verifica della qualità dei servizi e delle prestazioni sanitarie con riferimento a: - personalizzazione e umanizzazione dell assistenza - diritto all informazione - prestazioni alberghiere - prevenzione delle malattie Il sistema degli indicatori dovrà essere sopportato da uno dei moduli del sistema informativo sanitario nazionale, specificatamente dedicato alle attività di valutazione e controllo delle attività sanitarie, a beneficio di tutti i processi decisionali: a livello locale, evidenziando le aree critiche, da sottoporre ad ulteriori analisi, e orientando eventuali provvedimenti correttivi; a livello regionale e centrale, per verificare i criteri di programmazione e di allocazione delle risorse. Benchè i limiti degli indicatori siano ancora numerosi e di varia natura (anche in ragione della scarsa sperimentazione nella realtà nazionale), la loro introduzione rappresenta un indubbio stimolo alla conoscenza dei meccanismi di funzionamento del sistema sanitario per migliorarne le prestazioni e per contenerne i costi. Al fine di un corretto utilizzo degli indicatori si rileva che:

15 - nessun indicatore deve essere utilizzato come strumento per la compilazione della pagella delle singole realtà - gli indicatori assumono la funzione di ausilio per focalizzare gli aspetti sui quali devono partire gli approfondimenti conoscitivi - solo l esame delle determinanti delle singole situazioni può consentire la formulazione di un giudizio complessivo sui diversi comportamenti Indicatori sanitari Gli indicatori utilizzabili in campo sanitario sono numerosissimi. Essi possono prendere in considerazione diversi aspetti della qualità dell assistenza, come ad esempio l efficacia attesa, pratica, la competenza, l efficienza, l appropriatezza. Gli indicatori possono essere basati su dati aggregati oppure su singoli episodi (eventi sentinella). Gli indicatori basati sui dati aggregati sono espressi in diversi modi: numero assoluto, media proporzione, rapporto, tasso. Affinchè gli indicatori siano davvero utili per adottare decisioni, è necessario che soddisfino alcuni requisiti di qualità: - Affidabilità: capacità di misurare correttamente il fenomeno oggetto di studio. Deve avere un basso numero di dati inesatti (accuratezza) o persi (completezza). - Pertinenza: capacità di rappresentare il fenomeno che si intende valutare (per es. il tasso di richiami è indicativo della qualità professionale dei tecnici di radiologia?). - Riproducibilità: esprime l accordo tra più osservatori nel misurare lo stesso fenomeno in più occasioni. Particolare attenzione va riservata quando nella misurazione entrano in gioco valutazioni di tipo soggettivo (per es. la gravità dei sintomi). - Sensibilità: capacità di evidenziare i casi in cui il fenomeno è presente e di cogliere le modifiche che si introducono nel contesto in cui è applicato. - Specificità: capacità di non essere influenzato da ciò che non è correlato con il fenomeno. - Misurabilità: possibilità di ottenere, nella pratica corrente, i dati necessari all'elaborazione dell indicatore. Ogni indicatore deve essere associato ad un valore soglia o standard di riferimento, mediante il quale sia possibile dedurre quando il sistema è da considerare fuori controllo e vi sia comunque l impegno ad intervenire. Mentre nel caso degli indicatori del tipo evento-sentinella è sufficiente il verificarsi di un singolo caso per avere il superamento della soglia. Indicatori di performance Gli indicatori di performance possono essere utilizzati per diversi scopi: - accertare che le attività svolte dall organizzazione siano coerenti con gli obiettivi generali e specifici stabiliti dalla direzione generale e che i risultati attesi siano stati effettivamente raggiunti, in ossequio a requisiti predefiniti di efficienza e di qualità - monitorare i risultati conseguiti all interno della propria organizzazione per coglierne le variazioni nel tempo e confrontandoli con i valori relativi ad altre

16 strutture simili, anche mediante l avvio di esperienze di benchmarking, in modo da evidenziare le possibili aree di miglioramento e concentrare l attenzione su di esse - presentare il proprio profilo aziendale in previsione della stipula dei contratti che stabiliscono la tipologia e la quantità delle prestazioni sanitarie erogabili dalle strutture ospedaliere pubbliche e private per conto del SSN - dare ai cittadini le informazioni utili per confrontare il tipo e la qualità delle prestazioni offerte dai vari presidi accreditati, al fine di individuare tra esse quelli che offrono le migliori garanzie in ordine ai risultati attesi. - trasmettere al Ministero alla Sanità le informazioni necessarie per la produzione degli indicatori nazionali di efficienza e di qualità, attraverso i quali i livelli istituzionali procedono alla valutazione del servizio sanitario sotto il profilo dell accessibilità delle risorse, delle attività e dei risultati. Come elaborare gli indicatori L avvio di un processo di elaborazione e di utilizzo degli indicatori come strumento di miglioramento della qualità può prendere avvio da esigenze specifiche, nate da esperienze volontaristiche di persone o di gruppi particolarmente sensibili all argomento qualità (livello micro). Tuttavia la realizzazione di un sistema strutturato e diffuso di indicatori per la valutazione della qualità dell assistenza non può non prescindere da un coinvolgimento diretto della direzione generale (livello macro). Questo processo può essere favorito dalla costituzione di uno specifico gruppo di lavoro i cui membri dovrebbero possedere i principi, le conoscenze, l abilità, le attitudini, l autorità e la visione strategica necessari per promuovere il miglioramento continuo dell assistenza sanitaria. Il gruppo dovrebbe avere due compiti principali: 1) promuovere e coordinare le attività correlate alla costruzione e all utilizzo del sistema di indicatori, tenendo conto degli indirizzi strategici forniti in proposito dalla direzione generale 2) fornire supporto e/o consulenza agli operatori affinchè il sistema di valutazione mediante indicatori sia ben accettato e sia effettivamente utilizzato allo scopo di migliorare la qualità dell assistenza. Il gruppo dovrebbe dotarsi di un piano di lavoro che presuppone la: - analisi della letteratura disponibile, revisione degli esempi italiani, verifica delle attività in atto a livello centrale e regionale - messa a punto di un metodo di lettura delle funzioni delle unità operative, sia in funzione statica (in relazione alla tipologie di attività svolte) che dinamica (in funzione dei flussi temporali) - individuazione di una prima serie di indicatori e messa a punto del sistema di raccolta, archiviazione ed elaborazione dei dati necessari alla loro elaborazione - applicazione in forma sperimentale del primo set di indicatori in alcune unità operative. - revisione dei risultati e coinvolgimento diffuso delle rimanenti unità operative.

17 Gli standard Uno standard è il valore atteso per un certo indicatore. Lo standard può rappresentare un valore medio, il valore minimo accettabile o ancora il valore ottimale, in relazione a come viene fissato. Ogni standard deve essere: - condiviso - impegnativo - raggiungibile - basato sul presente

18 I protocolli operativi Il protocollo è una procedura orientativa, con specifiche caratteristiche. Il termine protocollo ha origini antiche, è composto da due parole greche: protos primo e Kolla colla, indica il primo foglio di più fogli incollati insieme e può quindi rappresentare un documento. Attualmente, nel mondo sanitario, si sente comunemente parlare di protocollo diagnostico per indicare una serie di indagini da adottare in diverse patologie. Caratteristiche del protocollo Scritto: è uno strumento ufficiale, consultabile in qualsiasi momento. Vincola l operatore anche dal punto di vista delle responsabilità, chi n'elude l utilizzo è chiamato a risponderne in prima persona. Corretto: fornisce la motivazione scientifica per ogni intervento contenuto. La formulazione di un protocollo richiede un'accurata recensione bibliografica. Aggiornato: deve essere periodicamente rivisto e modificato sulla base di cambiamenti scientifici, assistenziali, organizzativi, normativi. Orientato al risultato: esprime con chiarezza l obiettivo da perseguire Applicabile: è concretamente utilizzabile all interno di un'unità operativa, considera le risorse a disposizione Flessibile: è adattabile a specifiche esigenze Condiviso e accettato: gli operatori sono direttamente coinvolti nella formulazione del protocollo, lo si deve considerare conveniente e utile. Utilità del protocollo - garantisce un'assistenza corretta, innovativa. Il protocollo è uno strumento per migliorare la qualità dell assistenza ed è a tutela del paziente, in quanto le prestazioni in esso contenute sono supportate dalla ricerca - è uno strumento di integrazione organizzativa, poiché stimola a ricercare soluzioni di equipe, pone in discussione alcuni comportamenti, migliora i climi ed abbassa la conflittualità - è utile nell ambito formativo e nell autoaggiornamento, perché essendo basato su principi scientifici assicura un apporto cognitivo continuo e costituisce uno stimolo alla formazione

19 - consente un controllo oggettivo dell operato in quanto sposta l attenzione della singola azione al risultato, offrendo trasparenza - investe nella professionalità degli operatori e nella loro motivazione. Il non entrare in una dettagliata descrizione delle azioni, consente all operatore di impiegare al meglio gli spazi di discrezionalità e le capacità che competono ad un professionista. Fasi per la formulazione di un protocollo La definizione e la stesura di un protocollo deve avvenire con il concorso attivo degli operatori che dovranno adottarla. Il coinvolgimento di tutta l equipe è garanzia di successo. Fasi: - individuazione del problema (assistenziale o organizzativo) - definizione dell obiettivo (l obiettivo deve essere raggiungibile ed esprime il cosa e il quanto si voglia migliorare) - ricerca bibliografica: è una fase da svolgere con molto rigore, verificando la validità scientifica dei punti presidiati - stesura del protocollo - sperimentazione (è utile prevedere un periodo di sperimentazione per consentire una taratura dello strumento e permettere un graduale adeguamento degli operatori) - adozione dello strumento - verifica a breve, medio e a lungo termine

20 il disease managment La cui definizione più diffusa lo identifica come approccio sistemico alla cura e al finanziamento delle patologie che, attraverso una gestione integrata e coordinata delle stesse si pone l obiettivo di massimizzare l efficacia e l efficienza dei servizi che si rendono necessari nel corso della loro evoluzione (Zitter 1994). In linea generale il concetto di disease management può essere spiegato come approccio alla gestione integrata e coordinata delle patologie che ha inizio con l esordio della malattia e termina con la guarigione dalla stessa o con il decesso. La considerazione della patologia come un continuum in cui le singole componenti vengono ad essere elementi integrati e strettamente coordinati da una gestione sistemica, si pone l ambizioso obiettivo di ridurre i costi attraverso l accento posto sulla prevenzione, il corretto uso da parte dei pazienti delle terapie loro assegnate, l eliminazione degli sprechi derivanti da duplicazione, sovrapposizioni e mancanza di coordinamento nei diversi momenti del processo terapeutico. La patologia è considerata una catena del valore in cui ogni anello è strettamente legato ai precedenti ed ai successivi e la cui economicità complessiva nasce dalla gestione sistemica della stessa. La raccolta, l integrazione, la condivisione di informazioni relative al percorso terapeutico assistenziale del paziente sono fattori chiave per incrementare il valore aggiunto e complessivo, dato dalla minimizzazione del costo totale della patologia in oggetto e dall incremento della qualità dei servizi forniti.

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità 1 I modelli di gestione per la qualità I modelli normativi I modelli per l eccellenza Entrambi i modelli si basano sull applicazione degli otto principi del TQM 2 I modelli normativi I modelli normativi

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

Modulo 1 Concetti di base della Qualità

Modulo 1 Concetti di base della Qualità Syllabus rev. 1.04 Modulo 1 Concetti di base della Qualità Il seguente Syllabus è relativo al Modulo 1, Concetti e approcci di base per la gestione della qualità in una organizzazione, e fornisce i fondamenti

Dettagli

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Le norme cosiddette organizzative definiscono le caratteristiche ed i requisiti che sono stati definiti come necessari e qualificanti per le organizzazioni al

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO NELLE AZIENDE SANITARIE Le presenti linee di indirizzo regionali per la gestione del rischio clinico nelle Aziende Ospedaliere e nelle Aziende Unità

Dettagli

6.A.1 Logistica interna ed esterna

6.A.1 Logistica interna ed esterna 6.A.1 Logistica interna ed esterna Il corso si propone di fornire un quadro chiaro di inquadramento della logistica e delle sue principali funzioni in azienda. Si vogliono altresì fornire gli strumenti

Dettagli

Modulo 1 Concetti di base della Qualità

Modulo 1 Concetti di base della Qualità Syllabus rev. 1.03 Modulo 1 Concetti di base della Qualità Il seguente Syllabus è relativo al Modulo 1, Concetti e approcci di base per la gestione della qualità in una organizzazione, e fornisce i fondamenti

Dettagli

LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE

LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE COMPETENZE GENERALI Competenze strumentali: Capacità di analisi e sintesi Programmazione e gestione del proprio tempo Conoscenze generali di base nel campo di

Dettagli

La MISSIONE della Formazione

La MISSIONE della Formazione Presentiamo un contributo dell iscritta Enrica Cantinotti, che nella sua veste professionale di Referente per l Ufficio Formazione ASL 5 spezzino ha certamente un punto di vista privilegiato, circa la

Dettagli

PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE

PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE Allegato alla deliberazione di Giunta Comunale n. 289 del 28.12.2011 1 INDICE SEZIONE I - CONTESTO

Dettagli

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale Gli otto princìpi di gestione per la qualità possono fornire ai vertici aziendali una guida per migliorare le prestazioni della propria organizzazione. Questi princìpi, che nascono da esperienze collettive

Dettagli

Italia @ Europa Analisi comparata dell infermieristica di area critica. QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELL APPRENDIMENTO

Italia @ Europa Analisi comparata dell infermieristica di area critica. QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELL APPRENDIMENTO 23 Congresso Nazionale Aniarti Jesolo, 03 05 novembre 2004 Italia @ Europa Analisi comparata dell infermieristica di area critica. QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELL APPRENDIMENTO (La risposta corretta è

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 8 POLITICHE DEL PERSONALE: VALORIZZAZIONE E TUTELA DEL CAPITALE UMANO Art. 68 - Salute organizzativa Art. 69 - Strumenti per la

Dettagli

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEI DIPENDENTI

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEI DIPENDENTI SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEI DIPENDENTI FINALITA' DELLA VALUTAZIONE Il processo di valutazione dei dipendenti dei servizi persegue differenti finalità, prima fra tutte quella

Dettagli

E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Provincia di Palermo Sede legale: Prizzi Corso Umberto I Tel 091 8344507 Fax 091 8344507 Codice fiscale 97178810822 REGOLAMENTO RELATIVO AL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Art. 1

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Il rischio clinico rappresenta l eventualità di subire

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

Maurizio De Nuccio *

Maurizio De Nuccio * Servizio sanitario L accreditamento: un sistema per la qualità in piena evoluzione La ricostruzione legislativa della normativa in materia Maurizio De Nuccio * La definizione data da Wikipedia, l'enciclopedia

Dettagli

Verifica dei Risultati Analisi e Miglioramento della Qualità

Verifica dei Risultati Analisi e Miglioramento della Qualità Supporto ad azioni di miglioramento del sistema di gestione qualità di SerT e strutture accreditate per soggetti dipendenti da sostanze d abuso Verifica dei Risultati Analisi e Miglioramento della Qualità

Dettagli

Sistemi di misurazione e valutazione delle performance

Sistemi di misurazione e valutazione delle performance Sistemi di misurazione e valutazione delle performance 1 SVILUPPO DELL'INTERVENTO Cos è la misurazione e valutazione delle performance e a cosa serve? Efficienza Efficacia Outcome Requisiti minimi Indicatori

Dettagli

TITOLO VIII : LA PROGRAMMAZIONE

TITOLO VIII : LA PROGRAMMAZIONE TITOLO VIII : LA PROGRAMMAZIONE 1. STRUMENTI DELLA PROGRAMMAZIONE La Direzione aziendale elabora le linee strategiche per il governo del sistema dei servizi sanitari sulla base degli atti di indirizzo

Dettagli

Rev. 03 del 28/11/2010. Company profile. Pag. 1 di 6

Rev. 03 del 28/11/2010. Company profile. Pag. 1 di 6 Pag. 1 di 6 L Informedica è una giovane società fondata nel 2004 che opera nel settore dell'information Technology per il settore medicale. Negli ultimi anni attraverso il continuo monitoraggio delle tecnologie

Dettagli

CRITERI GENERALI DELLA METODOLOGIA PERMANENTE PER LA VALUTAZIONE DEI RISULTATI E DELLA PRESTAZIONE LAVORATIVA DEI DIPENDENTI

CRITERI GENERALI DELLA METODOLOGIA PERMANENTE PER LA VALUTAZIONE DEI RISULTATI E DELLA PRESTAZIONE LAVORATIVA DEI DIPENDENTI CRITERI GENERALI DELLA METODOLOGIA PERMANENTE PER LA VALUTAZIONE DEI RISULTATI E DELLA PRESTAZIONE LAVORATIVA DEI DIPENDENTI Il sistema premiante introdotto dal CCNL 31 marzo 1999 e dal CCNL 1 aprile 1999

Dettagli

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE 1) PRINCIPI I principi, cui si ispira il sistema di valutazione, riguardano la trasparenza dei criteri e dei risultati, l adeguata informazione e la partecipazione

Dettagli

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Premessa L Audit organizzativo si fonda sull ascolto organizzativo che presenta come obiettivo primario la valorizzazione

Dettagli

COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini

COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini Sistema di valutazione della performance individuale del personale dipendente Allegato 2 1 di 9 Oggetto della valutazione Il sistema di valutazione della performance

Dettagli

Politiche della Qualità Servizio Qualità e Medicina Legale Azienda ULSS 4 Alto Vicentino

Politiche della Qualità Servizio Qualità e Medicina Legale Azienda ULSS 4 Alto Vicentino Politiche della Qualità Servizio Qualità e Medicina Legale Azienda ULSS 4 Alto Vicentino Anno 2014-2015 Un Sistema qualità per l eccellenza socio-sanitaria I piani ed i documenti di governo del sistema

Dettagli

MIUR.AOODGOSV.REGISTRO UFFICIALE(U).0003746.30-04-2015

MIUR.AOODGOSV.REGISTRO UFFICIALE(U).0003746.30-04-2015 MIUR.AOODGOSV.REGISTRO UFFICIALE(U).0003746.30-04-2015 Ai Direttori degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Ai Dirigenti scolastici delle Istituzioni scolastiche statali e paritarie di ogni ordine

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA FIRENZE 1 PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA IL SISTEMA DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO: RIFERIMENTI CONCETTUALI E NORMATIVI POSTI A CONFRONTO CON LA REALTÀ AZIENDALE FIRENZE 2 INDICE PREMESSA 3 MOTIVAZIONI

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

D.Lgs. 231/01 Normativa e Modello di organizzazione Sispi Codice Etico

D.Lgs. 231/01 Normativa e Modello di organizzazione Sispi Codice Etico 1. Principi generali La Sispi S.p.A., persegue la sua missione aziendale attraverso lo svolgimento di attività che hanno impatto sulla vita della collettività oltreché dei singoli. In tale percorso l esigenza

Dettagli

VALUTAZIONE DEI RISULTATI CONSEGUITI DAL PERSONALE DI CAT. EP - ANNO 2014 INDIVIDUAZIONE DEGLI OBIETTIVI PER IL 2015 NOME E COGNOME DEL DIPENDENTE

VALUTAZIONE DEI RISULTATI CONSEGUITI DAL PERSONALE DI CAT. EP - ANNO 2014 INDIVIDUAZIONE DEGLI OBIETTIVI PER IL 2015 NOME E COGNOME DEL DIPENDENTE VALUTAZIONE DEI RISULTATI CONSEGUITI DAL PERSONALE DI CAT. EP - ANNO 2014 INDIVIDUAZIONE DEGLI OBIETTIVI PER IL 2015 NOME E COGNOME DEL DIPENDENTE STRUTTURA DI APPARTENENZA FIRMA E TIMBRO DEL RESPONSABILE

Dettagli

I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager

I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager Valentina Bini, FIRE 27 marzo, Napoli 1 Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale dell Energia è un associazione tecnico-scientifica

Dettagli

Introduzione alla norma UNI EN CEI ISO 50001:2011

Introduzione alla norma UNI EN CEI ISO 50001:2011 Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma Seminario di introduzione alla norma ISO 50001 ed ai Sistemi di Gestione per l Energia Integrazione con la legislazione Roma, 16/03/2016 Introduzione alla

Dettagli

IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI

IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI FASE 0 IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE DELL ENTE FASE 1 DEFINIZIONE E ASSEGNAZIONE DEGLI OBIETTIVI DA RAGGIUNGERE FASE 2 MONITORAGGIO IN CORSO DI

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE CON QUALIFICA DIRIGENZIALE SISTEMA DI VALUTAZIONE (Approvato con deliberazione G.P. n.74/2006)

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE CON QUALIFICA DIRIGENZIALE SISTEMA DI VALUTAZIONE (Approvato con deliberazione G.P. n.74/2006) LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE CON QUALIFICA DIRIGENZIALE SISTEMA DI VALUTAZIONE (Approvato con deliberazione G.P. n.74/2006) Nel quadro della innovazione organizzativa avviato dalla Provincia, il Nucleo

Dettagli

UN SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE MODERNO, EQUO, SOSTENIBILE E UNIVERSALE

UN SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE MODERNO, EQUO, SOSTENIBILE E UNIVERSALE UN SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE MODERNO, EQUO, SOSTENIBILE E UNIVERSALE - 1 - Il SSN è un valore per tutti gli italiani. Concorrere a migliorarlo continuamente è un impegno di tutti: Medici, Pazienti,

Dettagli

METODOLOGIA DELLA VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI

METODOLOGIA DELLA VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI All. A METODOLOGIA DELLA VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI ai sensi del vigente Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro 26 SISTEMA DI VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI AMBITO DI APPLICAZIONE: dipendenti CISSACA OBIETTIVO

Dettagli

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI premessa

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI premessa ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI premessa il processo di programmazione e controllo prende le mosse dalla pianificazione strategica e con riferimento al budget aziendale definisce il quadro con cui confrontare

Dettagli

Traduzione non ufficiale

Traduzione non ufficiale Traduzione non ufficiale Proposta di RACCOMANDAZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO sulla costituzione del Quadro europeo delle Qualifiche per l apprendimento permanente (testo con attinenza all

Dettagli

Il miglioramento, il problem solving e gli strumenti per il lavoro di gruppo

Il miglioramento, il problem solving e gli strumenti per il lavoro di gruppo Il miglioramento, il problem solving e gli strumenti per il lavoro di gruppo UNIVERSITA DI PISA Università di Pisa Miglioramento continuo e Problem Solving 1 Indice Il miglioramento: i diversi approcci

Dettagli

Team Building e Volontariato d impresa

Team Building e Volontariato d impresa Team Building e Volontariato d impresa LE MALATTIE RARE OGNI MINUT0 NEL MONDO NASCONO 10 BAMBINI COME TOMMASO, AFFETTI DA UNA MALATTIA GENETICA RARA. La Formazione di Valore produce VALORE Rebis e Zeta

Dettagli

ARPAT. Politica per la Qualità

ARPAT. Politica per la Qualità ARPAT Politica per la Qualità POLITICA PER LA QUALITÀ La missione di ARPAT L Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana (ARPAT) concorre alla promozione dello sviluppo sostenibile e contribuisce

Dettagli

COMUNE DI CASTIGLIONE TINELLA Provincia di Cuneo

COMUNE DI CASTIGLIONE TINELLA Provincia di Cuneo COMUNE DI CASTIGLIONE TINELLA Provincia di Cuneo REGOLAMENTO COMUNALE SULLA METODOLOGIA E I CRITERI PER LA MISURAZIONE E LA VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE DEL PERSONALE E SUL NUCLEO DI VALUTAZIONE Art.1

Dettagli

Azione su un prodotto-servizio NC, per renderlo conforme ai requisiti

Azione su un prodotto-servizio NC, per renderlo conforme ai requisiti Partipilo dr. Valerio ODONTOIATRIA E SISTEMA QUALITA Data: 14-07-09 Pag. 4 di 5 Prodotto (Uni en iso Prodotto di proprietà dei cliente (documentazione della) (uni 10722-3:1999) (modifica della) (uni en

Dettagli

GESTIONE RISORSE UMANE

GESTIONE RISORSE UMANE rev. 01 Data: 26-07-2007 pag. 1 7 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

I Sistemi di Gestione Integrata Qualità, Ambiente e Sicurezza alla luce delle novità delle nuove edizioni delle norme ISO 9001 e 14001

I Sistemi di Gestione Integrata Qualità, Ambiente e Sicurezza alla luce delle novità delle nuove edizioni delle norme ISO 9001 e 14001 I Sistemi di Gestione Integrata Qualità, Ambiente e Sicurezza alla luce delle novità delle nuove edizioni delle norme ISO 9001 e 14001 Percorsi di ampliamento dei campi di applicazione gestiti in modo

Dettagli

Sistema di incentivazione della produttività per progetti e di misurazione e valutazione della performance

Sistema di incentivazione della produttività per progetti e di misurazione e valutazione della performance Sistema di incentivazione della produttività per progetti e di misurazione e valutazione della performance Approvato con Delibera di Giunta Comunale 87 del 21/04/15 Sommario Articolo 1 - Sistemi Articolo

Dettagli

DOCUMENTO DELLE POLITICHE AZIENDALI

DOCUMENTO DELLE POLITICHE AZIENDALI Azienda Pubblica Servizi alla Persona Città di Siena DOCUMENTO DELLE POLITICHE AZIENDALI Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 25 agosto 2010 Pag. 1 di 5 1. Denominazione, sede e

Dettagli

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE del personale non dirigente

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE del personale non dirigente ALLEGATO 1 COMUNE DI ASTI Settore Risorse Umane e Sistemi Informativi SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE del personale non dirigente 1 I N D I C E OGGETTO E FINALITA' pag. 3 LA METODOLOGIA DI VALUTAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Dipartimento di Emergenza ed Accettazione come previsto

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE ALTA VAL TAGLIAMENTO (Comuni di: Ampezzo, Forni di Sopra, Forni di Sotto, Preone, Sauris, Socchieve) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

1) IL MODELLO DI VALUTAZIONE

1) IL MODELLO DI VALUTAZIONE SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI DEL DIRETTORE DELL ISTITUTO DI RICERCHE ECONOMICO SOCIALI. Il sistema di valutazione si articola, dal punto di vista metodologico, in tre aspetti distinti ma tra

Dettagli

La valutazione individuale e il ciclo delle performance in sanità

La valutazione individuale e il ciclo delle performance in sanità La valutazione individuale e il ciclo delle performance in sanità Responsabile scientifico: Prof. Andrea Vettori, Docente di Healthcare management Università degli studi Guglielmo Marconi, Roma Autori:

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004.

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. Presentazione del Presidente dell Autorità. Roma, 6 luglio 2004. Orientamenti per l azione futura. Considerate la dinamica e la complessità

Dettagli

ASSE STORICO SOCIALE

ASSE STORICO SOCIALE ASSE STORICO SOCIALE 1 ASSE STORICO SOCIALE competenze attese d asse indicatori descrittori Competenze di asse Indicatori Descrittori 1. Comprendere il cambiamento e la diversità dei tempi storici in una

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA METODOLOGIA E I CRITERI PER LA VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE E SUL NUCLEO DI VALUTAZIONE

REGOLAMENTO SULLA METODOLOGIA E I CRITERI PER LA VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE E SUL NUCLEO DI VALUTAZIONE REGOLAMENTO SULLA METODOLOGIA E I CRITERI PER LA VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE E SUL NUCLEO DI VALUTAZIONE Art. 1 Definizione di performance organizzativa e di performance individuale La performance organizzativa

Dettagli

Lo Sviluppo delle Capacità

Lo Sviluppo delle Capacità Lo Sviluppo delle Capacità 1 Come elaborare un Piano di sviluppo: premesse e processo 3 2 Appendice A: Una guida per la Diagnosi degli ostacoli 7 3 Appendice B: Una guida per la scelta delle Tecniche 8

Dettagli

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO.

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. ALLEGATO A MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. il sistema organizzativo che governa le modalità di erogazione delle cure non è ancora rivolto al controllo in modo sistemico

Dettagli

METODOLOGIA DI VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI

METODOLOGIA DI VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI METODOLOGIA DI VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI Premessa Il sistema di valutazione della prestazione individuale del personale della Comunità montana del Torre Natisone e Collio si pone la finalità

Dettagli

IL SISTEMA ASSICURAZIONE QUALITA DI ATENEO

IL SISTEMA ASSICURAZIONE QUALITA DI ATENEO IL SISTEMA ASSICURAZIONE QUALITA DI ATENEO Dott.ssa Lucia Romagnoli Ancona, 15 luglio 2015 maggio 2007 UNIVPM ottiene la certificazione del proprio Sistema di Gestione per la Qualità (SGQ) ai sensi della

Dettagli

IL MINISTRO DELLA SALUTE DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DELLA SALUTE DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Testo aggiornato al 5 dicembre 2007 Decreto ministeriale 22 Febbraio 2007, n. 43 Gazzetta Ufficiale 6 Aprile 2007, n. 81 Regolamento recante Definizione degli standard relativi all assistenza ai malati

Dettagli

DGR 61-7119 DEL 15.10.2007 OGGETTO: SISTEMA REGIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITA ED ISTITUZIONE DEL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO ECM REGIONALE.

DGR 61-7119 DEL 15.10.2007 OGGETTO: SISTEMA REGIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITA ED ISTITUZIONE DEL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO ECM REGIONALE. DGR 61-7119 DEL 15.10.2007 OGGETTO: SISTEMA REGIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITA ED ISTITUZIONE DEL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO ECM REGIONALE. DGR 62-7503 DEL 19.11.2007 OGGETTO: MODIFICA ED INTEGRAZIONE

Dettagli

Personale tecnico amministrativo Cat. B, C e D Valutazione dei comportamenti organizzativi Linee guida

Personale tecnico amministrativo Cat. B, C e D Valutazione dei comportamenti organizzativi Linee guida Personale tecnico amministrativo Cat. B, C e D Valutazione dei comportamenti organizzativi Linee guida Valutare i comportamenti organizzativi: perché e finalità del processo 1 Il comportamento organizzativo

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO SULLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO SULLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO Premessa In base all art. 45 del CCNL del 9/08/2000 la formazione professionale costituisce

Dettagli

Il Sistema dei controlli e la certificazione di qualità dei servizi

Il Sistema dei controlli e la certificazione di qualità dei servizi Il Sistema dei controlli e la certificazione di qualità dei servizi Convegno nazionale: la funzione statistica dei comuni tra riforma e qualità dei servizi Gianni Dugheri Messina, 26-27 settembre 2013

Dettagli

AZIONI DI ASSISTENZA TECNICA PER LE UNIONI REGIONALI

AZIONI DI ASSISTENZA TECNICA PER LE UNIONI REGIONALI PROPOSTE PER LA REALIZZAZIONE DI AZIONI DI ASSISTENZA TECNICA PER LE UNIONI REGIONALI DELLE CAMERE DI COMMERCIO PREMESSA Con l approvazione del Decreto legislativo n. 23 del 15 febbraio 2010 è stata varata

Dettagli

GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE DEFINIZIONE DI QUALITA IL CONCETTO DI QUALITA. Prof.ssa Federica Murmura. a.a. 2014-2015

GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE DEFINIZIONE DI QUALITA IL CONCETTO DI QUALITA. Prof.ssa Federica Murmura. a.a. 2014-2015 GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE a.a. 2014-2015 1 DEFINIZIONE DI QUALITA La norma UNI EN ISO 9000: 2005 definisce la qualità come «l insieme delle caratteristiche intrinseche di un prodotto/ servizio che

Dettagli

COMUNE DI CALCI (PROVINCIA DI PISA) Sistema di Misurazione e Valutazione della Performance

COMUNE DI CALCI (PROVINCIA DI PISA) Sistema di Misurazione e Valutazione della Performance COMUNE DI CALCI (PROVINCIA DI PISA) Sistema di Misurazione e Valutazione della Performance . PREMESSA Il Sistema di Misurazione e Valutazione della Performance, per il seguito anche SMIVAP, è volto all

Dettagli

2. IL CONCETTO DELLA QUALITÀ NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

2. IL CONCETTO DELLA QUALITÀ NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Segreteria Generale Ufficio Programmazione e Controllo di gestione anno 2014 1. NOZIONI INTRODUTTIVE Ai sensi del decreto-legge 10 ottobre 2012, n. 174, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 dicembre

Dettagli

Codice Etico del Gruppo Poste Italiane

Codice Etico del Gruppo Poste Italiane Codice Etico del Gruppo Poste Italiane 28 settembre 2009 Approvato nell adunanza del 28 settembre 2009 del Consiglio di Amministrazione Indice 1. PREMESSA E OBIETTIVI............................. 2 2.

Dettagli

Unità Formativa 2.2: Definizione degli obiettivi dell intervento.

Unità Formativa 2.2: Definizione degli obiettivi dell intervento. Unità Formativa 2.2: Definizione degli obiettivi dell intervento. Una volta realizzata l analisi del contesto di riferimento e dei fabbisogni formativi che esso esprime (vedi UF 2.1), il progettista dispone

Dettagli

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO L autovalutazione è una valutazione che fornisce un giudizio sull efficacia e sull efficienza dell Azienda e sul grado di

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA Deliberato dalla Giunta Comunale con atto n. 177 del 11.05.2001 Modificato ed integrato

Dettagli

QUESTIONARIO 1: PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE

QUESTIONARIO 1: PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE QUESTIONARIO 1: PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE Step 1 - Decidere come organizzare e pianificare l autovalutazione (AV) 1.1. Assicurare l impegno e il governo del management per avviare il processo. 1.2. Assicurare

Dettagli

LA VALUTAZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE

LA VALUTAZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Inferiore alle attese - Non adeguato il comportamento dell'interessato è stato oggetto di contestazioni disciplinari, oppure non ha determinato nessun apporto alla struttura organizzativa Parzialmente

Dettagli

Il ruolo delle Associazioni. Roberto Cocci Presidente Diabete Forum (giovani e adulti uniti per il diabete)

Il ruolo delle Associazioni. Roberto Cocci Presidente Diabete Forum (giovani e adulti uniti per il diabete) Il ruolo delle Associazioni Roberto Cocci Presidente Diabete Forum (giovani e adulti uniti per il diabete) Perchè parlare di coinvolgimento Il coinvolgimento dei pazienti/cittadini nella progettazione,

Dettagli

La norma UNI EN ISO 14001:2004

La norma UNI EN ISO 14001:2004 La norma COS È UNA NORMA La normazione volontaria Secondo la Direttiva Europea 98/34/CE del 22 giugno 1998: "norma" è la specifica tecnica approvata da un organismo riconosciuto a svolgere attività normativa

Dettagli

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola Premessa VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola progetto sperimentale per individuare criteri, strumenti e metodologie per la valutazione delle scuole e dei dirigenti scolastici Le precedenti sperimentazioni

Dettagli

Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa

Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa 1 Premessa Il presente manuale è stato redatto al fine di fornire uno strumento, rapido e accessibile, per chiarire i presupposti

Dettagli

3 DECALOGO DELLA QUALITÀ

3 DECALOGO DELLA QUALITÀ GENERALITÀ 1 / 10 Sommario Generalità 1 Politica della Qualità 3 DECALOGO DELLA QUALITÀ 4 Politica Ambientale PREVENZIONE 7 FORMAZIONE CULTURA ED ATTEGGIAMENTO 8 COMUNICAZIONE 8 COLLABORAZIONE CON FORNITORI

Dettagli

Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM

Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM All. DDG del 8 febbraio 2012 n. 1347 REGIONE CALABRIA Dipartimento Tutela della Salute e Politiche Sanitarie Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM Indice Documento

Dettagli

Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 Si x No

Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 Si x No DOCENTE : FOGLI MAURIZIO BENVENUTI SERGIO MATERIA: TECNOLOGIE MECCANICHE DI PROCESSO E DI PRODOTTO A.S.: 2014 / 2015 CLASSE: 5 AMS Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2009/2010 1 MASTER I LIVELLO MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI

Dettagli

Q&C dei sistemi di gestione in base alla norma UNI CEI EN 16001

Q&C dei sistemi di gestione in base alla norma UNI CEI EN 16001 Ing. Sandro Picchiolutto Fabbisogni di qualificazione e certificazione (Q&C) di competenze, servizi e sistemi per l efficienza energetica e le fonti rinnovabili Q&C dei sistemi di gestione in base alla

Dettagli

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA Caratteristiche generali 0 I R M 1 Leadership e coerenza degli obiettivi 2. Orientamento ai risultati I manager elaborano e formulano una chiara mission. Es.: I manager

Dettagli

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità. ! I modelli normativi. ! I modelli per l eccellenza

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità. ! I modelli normativi. ! I modelli per l eccellenza 1 I modelli di gestione per la qualità I modelli normativi I modelli per l eccellenza Entrambi i modelli si basano sull applicazione degli otto principi del TQM 2 I modelli normativi I modelli normativi

Dettagli

La Leadership efficace

La Leadership efficace La Leadership efficace 1 La Leadership: definizione e principi 3 2 Le pre-condizioni della Leadership 3 3 Le qualità del Leader 4 3.1 Comunicazione... 4 3.1.1 Visione... 4 3.1.2 Relazione... 4 pagina 2

Dettagli

Programmazione e qualità della produzione statistica

Programmazione e qualità della produzione statistica Martedì 9 Novembre 2004, ore 16,45 Sala nord-ovest Sessione parallela Programmazione e qualità della produzione statistica coordinatore Giorgio Alleva Paola Baldi Il ruolo delle Regioni e degli Enti locali

Dettagli

i formazione 2009-2011

i formazione 2009-2011 Piano di formazione 2009-2011 per la formazione di base, professionale e manageriale del personale del Servizio Sanitario Regionale, e del Sistema regionale per l Educazione Continua in Medicina (ECM).

Dettagli

Root Cause Analysis come strumento di audit clinico: metodo e strumenti. Donatella Rizzini Ausl 1 Massa e Carrara

Root Cause Analysis come strumento di audit clinico: metodo e strumenti. Donatella Rizzini Ausl 1 Massa e Carrara Root Cause Analysis come strumento di audit clinico: metodo e strumenti Dott.ssa Donatella Rizzini Ausl 1 Massa e Carrara Root Cause Analysis Root Cause Analysis è un indagine strutturata che ha lo scopo

Dettagli

CODICE ETICO e di CONDOTTA. Della Monica & Partners Srl. Società tra Professionisti

CODICE ETICO e di CONDOTTA. Della Monica & Partners Srl. Società tra Professionisti CODICE ETICO e di CONDOTTA Della Monica & Partners Srl Società tra Professionisti Giugno 2014 INDICE... 2 ARTICOLO 1 PREMESSA... 3 ARTICOLO 2 OBIETTIVI E VALORI... 3 ARTICOLO 3 SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO...

Dettagli

Analisi dei fabbisogni formativi. Realizzazione del programma

Analisi dei fabbisogni formativi. Realizzazione del programma Smart*Health [Skill Evaluation Management] SkEMa Il software per la valutazione del personale continuità dell assistenza, collaborazione e controllo in una rete sanitaria integrata Analisi dei fabbisogni

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DI GESTIONE (Deliberazione Giunta Comunale n._364/05 ) TITOLO I RIFERIMENTI NORMATIVI E OGGETTO DEL REGOLAMENTO

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DI GESTIONE (Deliberazione Giunta Comunale n._364/05 ) TITOLO I RIFERIMENTI NORMATIVI E OGGETTO DEL REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DI GESTIONE (Deliberazione Giunta Comunale n._364/05 ) TITOLO I RIFERIMENTI NORMATIVI E OGGETTO DEL REGOLAMENTO Articolo 1 Riferimenti normativi e oggetto Il presente regolamento

Dettagli

VERSO UN SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO DELLA SICUREZZA PER LA SANITA DEL VENETO.

VERSO UN SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO DELLA SICUREZZA PER LA SANITA DEL VENETO. Agenzia Regionale Socio Sanitaria del Veneto VERSO UN SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO DELLA SICUREZZA PER LA SANITA DEL VENETO. dott. Antonio Compostella Direttore ARSS del Veneto Verona, 15.12.2008 Contesto

Dettagli