CARTA DEI SERVIZI SOCIO SANITARI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CARTA DEI SERVIZI SOCIO SANITARI"

Transcript

1 CARTA DEI SERVIZI SOCIO SANITARI ASL DI VALLECAMONICA - SEBINO NUOVA EDIZIONE OTTOBRE 2012

2 Vicini al cittadino: non è uno slogan, ma un impegno concreto da tradurre ogni giorno in realtà. La Carta dei Servizi è una delle risposte operative a tale impegno. E stata preparata con cura e competenza, perché risulti gradevole anche nell impaginazione, nelle veste tipografica e soprattutto utile e di facile consultazione. A giusta ragione, talvolta si lamenta la distanza tra le istituzioni e i cittadini, ma le distanze si accorciano se funziona una buona informazione e se si offrono strumenti che, avvalendosi delle migliori tecniche comunicative, pongono nella condizione di accelerarere i tempi burocratici, di evitare file estenuanti, di avere in tempo reale l indicazione precisa di ciò che si deve fare, a chi rivolgersi e dove indirizzarsi. Se poi si tratta di un cittadino, per così dire speciale, nel senso che chiede servizi inerenti al bene prezioso e unico della Salute, sia in termini di prevenzione che di diagnosi e di cura, allora l informazione non risponde solo al bisogno di trasparenza, ma al dovere di un assistenza tempestiva dentro percorsi purtroppo già di per se carichi di preoccupazione. Chiunque, in qualunque situazione o emergenza venga a trovarsi, non deve correre di qua o di là per avere la risposta al suo problema, perché con la Carta dei Servizi ha con sé, nella propria casa, l ufficio informazioni competente. Il tema della sanità rappresenta davvero il termometro di una civiltà: proprio per questo desidero comunicare che mi farò interprete attento delle istanze del territorio, che saprò ascoltare soprattutto le voci del disagio ed operare di conseguenza. Con questo spirito e con questa consapevolezza intendo caratterizzare il mio mandato assicurando la gente della Vallecamonica che troverà in me un interlocutore che, senza fare miracoli, cercherà di soddisfare al meglio bisogni e necessità, confidando nella preziosa collaborazione di tutto il personale. Senza enfasi e retorica, noi ASL di Vallecamonica-Sebino vogliamo essere al servizio del cittadino con il messaggio rappresentato dalla Carta dei Servizi, revisionata nelle sue voci, aggiornata nei suoi contenuti, immutata nelle sue finalità. Renato Pedrini Direttore Generale

3 PRESENTAZIONE E PRINCIPI FONDAMENTALI L ASL DI VALLECAMONICA-SEBINO di Breno è un Azienda pubblica che provvede ad assicurare ai cittadini nel proprio territorio i servizi e le prestazioni di: prevenzione collettiva; medicina di base; medicina specialistica e semiresidenziale; assistenza ospedaliera; assistenza sanitaria residenziale a persone non autosufficienti e lungodegenti; assistenza sociale. VEZZA D'OGLIO INCUDINE MONNO PONTE DI LEGNO TEMÙ VIONE EDOLO CORTENO GOLGI PAISCO - LOVENO LOZIO BORNO OSSIMO PIANCOGNO MALONNO CEDEGOLO SELLERO ONO S. PIETRO CERVENO LOSINE SONICO BERZO DEMO CEVO CAPO DI PONTE PASPARDO CIMBERGO CETO BRAONE NIARDO MALEGNO BRENO CIVIDATE CAMUNO PRESTINE BIENNO BERZO INFERIORE ESINE SAVIORE DELL'ADAMELLO Comuni compresi nell ambito territoriale dell ASL ANGOLO TERME DARFO BOARIO TERME GIANICO ARTOGNE PIAN CAMUNO PISOGNE

4 Le sedi principali BRENO Via Nissolina, 2 TEL. 0364/329.1 SEDE LEGALE DIREZIONE: IL DIRETTORE GENERALE - Dr. Renato Pedrini IL DIRETTORE SANITARIO - Dr. Fabio Besozzi Valentini IL DIRETTORE AMMINISTRATIVO - Dr.ssa Eva Colombo IL DIRETTORE SOCIALE - Dr.ssa Aure Parolini DIPARTIMENTO AMMINISTRATIVO DISTRETTO SOCIO SANITARIO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE VETERINARIO DISTRETTO VETERINARIO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO DIPARTIMENTO ASSI DIPARTIMENTO CURE PRIMARIE BRENO Via Nissolina, 2 TEL EDOLO P.zza Donatori di Sangue,1 Tel ESINE Via Manzoni, 142 Tel MALEGNO Via Lanico Tel DARFO Via Quarteroni, 10/A Tel Via Cercovi Tel Via Barbolini, 2 URP (Ufficio Relazioni con il Pubblico) Ambulatori e Servizi di Medicina Specialistica - distrettuali Consultorio Familiare OSPEDALE e Servizi di Medicina Specialistica e distrettuali DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE: SPDC OSPEDALE e Servizi di Medicina Specialistica e distrettuali DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE: SPDC DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE: COMUNITÀ RIABILITATIVA AD ALTA ASSISTENZA (CRA) CENTRO PSICO SOCIALE (CPS) SCUOLA UNIVERSITARIA PER INFERMIERI UO IMPIANTISTICA PREVENZIONE SICUREZZA AMBIENTI LAVORO (PSAL) DIPARTIMENTO DIPENDENZE CENTRO DI ASSISTENZA LIMITATA DI DIALISI (CAL) SERVIZI DI MEDICINA SPECIALISTICA E DISTRETTUALI CONSULTORIO FAMILIARE

5 Le sedi decentrate del Distretto Socio Sanitario sono 7, mentre l erogazione dei Servizi della Medicina Generale è suddivisa in n.3 ambiti territoriali Ambito Sedi decentrate del Comuni N. Abitanti Numero Distretto con Ambulatori e Servizi di Med. special. 1 PONTE DI LEGNO INCUDINE 400 Piazzale Europa, MONNO 563 tel PONTE DI LEGNO TEMÙ VEZZA D OGLIO VIONE EDOLO CORTENO GOLGI P.zza Donatori EDOLO di Sangue,1 SONICO tel MALONNO PAISCO LOVENO 199 BERZO DEMO CEDEGOLO CAPO DI PONTE Via Nazionale, 44 CEDEGOLO tel CEVO 938 Guardia Medica SAVIORE tel SELLERO ONO SAN PIETRO 998 PASPARDO 650 CERVENO 683 CETO CIMBERGO BRENO BRAONE 672 Via Nissolina, 2 BRENO tel LOSINE 598 NIARDO CIVIDATE CAMUNO MALEGNO BORNO LOZIO 429 OSSIMO ESINE ESINE Via Manzoni, 142 PIANCOGNO tel BERZO INFERIORE BIENNO PRESTINE DARFO BOARIO TERME ANGOLO TERME Via Cercovi DARFO B. TERME tel /236 ARTOGNE /272/275 GIANICO Le sedi decentrate 3 PISOGNE PIANCAMUNO Via Valeriana, 1 PISOGNE tel Guardia Medica Tel Totale Popolazione

6 NFORM ULLE Informazioni TRUTT sulle strutture e sui servizi SUI ERVIZ

7 AZION Dipartimento Cure Primarie Distretto Socio-Sanitario Dipartimento di Prevenzione Medico Dipartimento di Prevenzione Veterinario Distretto Veterinario URE Dipartimento Attività Socio Sanitaria Integrata Dipartimento Dipendenze Assistenza Ospedaliera I Dipartimento di Salute Mentale

8

9 Dipartimento Cure Primarie Distretto Socio-Sanitario CURE PRIMARIE Direttore: Dr.ssa Ivanna Lascioli Il Dipartimento Cure Primarie, si articola in tre servizi con elencate le rispettive competenze: 1. SERVIZIO DI ASSISTENZA PRIMARIA Svolge funzioni di coordinamento tecnico/organizzativo e della gestione sanitaria e amministrativa del Dipartimento quali: medicina generale; pediatria di famiglia; continuità assistenziale; assistenza medica in località turistiche emergenza-urgenza SERVIZIO DI ASSISTENZA SPECIALISTICA Svolge funzioni di controllo e valutazione (Selezione, Accesso, Verifica, Liquidazione) delle prestazioni sanitarie erogate da enti pubblici e privati accreditati nel territorio dell ASL ed attività sanitaria ed amministrativa in merito a: Assistenza Specialistica Ambulatoriale distrettuale Servizio prelievi Assistenza termale Ricoveri in forma indiretta e all estero Visite fiscali ex art SERVIZIO ASSISTENZA INTEGRATIVA E TERRITORIALE iscrizione al SSN esenzioni assistenza sanitaria integrativa assistenza sanitaria protesica accertamento stato di invalidità 9

10 1 SERVIZIO DI ASSISTENZA PRIMARIA DEFINIZIONE DELLA TIPOLOGIA DELLE PRESTAZIONI Le prestazioni del medico di medicina generale: Visita medica generale, ambulatoriale e domiciliare, anche con carattere d urgenza. Gestione dei pazienti in ADI e ADP (Assistenza Domiciliare Integrata/Programmata. Prestazioni aggiuntive: (es. medicazioni, rimozione punti piccole suture ecc.). Prescrizioni di farmaci. Richieste di visite specialistiche e prescrizioni di analisi chimico cliniche e di indagini strumentali. Proposte di ricovero ospedaliero. Prestazioni di carattere certificativo e medico legale. Visite ambulatoriali L attività medica viene prestata presso lo studio del medico che deve essere aperto 5 giorni settimanali secondo un orario esposto all ingresso e preventivamente comunicato al Dipartimento CP dell ASL, stabilito dal professionista in relazione al numero degli assistiti e tale da assicurare un efficace ed efficiente assistenza, anche su appuntamento. Gli orari di ambulatorio dei medici di Medicina Generale (MG) sono disponibili presso gli uffici scelta/ revoca di Breno, Darfo, Edolo e Pisogne e sul sito Aziendale. Visite domiciliari L assistenza è assicurata al domicilio dell assistito quando questi è impossibilitato a spostarsi da casa. Le visite domiciliari vanno di norma richieste entro le ore 10,00 e devono essere effettuate nella giornata. Se la chiamata avviene dopo le ore 10,00 la visita deve essere effettuata entro le ore 12,00 del giorno successivo. Le chiamate urgenti devono essere soddisfatte nel più breve tempo possibile. Certificazioni Il medico rilascia gratuitamente i seguenti certificati: certificato di malattia; certificato di attività sportiva non agonistica sia per le attività sportive scolastiche che quelle CONI, (espressamente richiesto dai Capi di Istituto per le attività parascolastiche e dai Presidenti delle società sportive CONI, affiliate o riconosciute); Sono invece rilasciati a pagamento i certificati ad uso personale. Visite occasionali È garantita l assistenza medico-generica a favore dei cittadini residenti presso altre ASL. L onorario è a carico dell assistito secondo tariffe prefissate 10

11 dall accordo collettivo per la medicina generale, pari a E 15,00 per le visite ambulatoriali e E 25,00 per le visite domiciliari. Per il pediatra di famiglia le tariffe sono di E 25,00 per le visite ambulatoriali e E 35,00 per le visite domiciliari. Durante i mesi estivi ed invernali l ASL istituisce per i turisti presenti in alcune località (termali o sciistiche), l assistenza medico-generica ambulatoriale e domiciliare con l attivazione della guardia medica turistica. SERVIZIO DI CONTINUITÀ ASSISTENZIALE Il servizio di continuità assistenziale garantisce l assistenza medica di base a domicilio per situazioni che rivestono carattere d urgenza e che si verificano durante le ore notturne o nei festivi/prefestivi, in particolare: dalle ore alle ore 8.00 di tutti i giorni feriali; dalle ore 8.00 del sabato e dalle ore dei giorni prefestivi, alle ore 8.00 del lunedì o comunque, del giorno successivo al festivo. Servizio Gratuito CURE PRIMARIE MODALITÀ DI ACCESSO Il servizio di continuità assistenziale ha il compito di intervenire al più presto su richiesta diretta dell assistito. Il medico può prescrivere soltanto farmaci indicati per terapie d urgenza, nella quantità sufficiente a coprire un ciclo di terapia massima di tre giorni, rilasciare certificati di malattia per un periodo massimo di tre giorni; o proporre il ricovero ospedaliero. Tutte le prestazioni dei medici di continuità assistenziale sono gratuite. SEDI DI CONTINUITA ASSISTENZIALE: Piamborno Tel Ponte di Legno Tel Edolo Tel Cedegolo Tel Pisogne Tel SERVIZIO DI GUARDIA MEDICA AI TURISTI E attivata nella stagione invernale ed estiva presso i comuni con maggior affluenza turistica. Gli ambulatori e gli orari vengono definiti all inizio di ogni stagione. SERVIZIO EMERGENZA-URGENZA 118 (A.R.E.U.) Il 118 è un servizio pubblico gratuito, di pronto intervento sanitario, coordinato da un medico rianimatore, attivo 24 ore su 24, nel caso di situazioni di emergenza per cui sia necessario un tempestivo intervento medico con eventuale trasporto urgente del paziente in struttura ospedaliera. Il 118 interviene nelle urgenze sanitarie con l invio di persone e mezzi di soccorso adeguati e l eventuale ricovero in ospedale. Il servizio deve essere utilizzato solo nei casi urgenti e di effettiva necessità, e proprio per questo motivo prevede solo interventi di tipo domiciliare. 118 Ogni richiesta inutile danneggia chi ha veramente bisogno di assistenza immediata. Attivare il 118 solo in caso di: Grave malore; Incidente (stradale, sul lavoro, sportivo, domestico); Ricovero d urgenza; Ogni situazione di pericolo di vita. 11

12 Non attivare il 118 per: Richiesta di ambulanza per motivi diversi dall Urgenza ed Emergenza (dimissioni ospedaliere e ricoveri programmati); Consulenze mediche specialistiche; Informazioni di natura socio sanitaria (prenotazione visite, orari ambulatori, ecc.). 2 SERVIZIO DI ASSISTENZA SPECIALISTICA ASSISTENZA SPECIALISTICA TERRITORIALE Comprende le visite, le prestazioni specialistiche e di diagnostica strumentale e di laboratorio, nonché le altre prestazioni previste dal nomenclatore delle prestazioni specialistiche. EDOLO Cardiologia - Dermatologia - Fisiatria - Oculistica - Odontoiatria - Neurochirurgia - Neurologia - Otorinolaringoiatria - Pneumologia - Ginecologia CEDEGOLO Dermatologia - Ginecologia BRENO Cardiologia - Dermatologia - Odontoiatria DARFO Cardiologia - Dermatologia - Odontoiatria - Neurologia - Oculistica - Diabetologia PISOGNE Dermatologia - Ginecologia - Otorinolaringoiatria - Diabetologia MODALITÀ DI PRENOTAZIONE Per le visite e le prestazioni specialistiche ambulatoriali è necessaria l impegnativa, su ricettario SSR, del medico curante/pediatra di famiglia o del medico specialista e della tessera sanitaria regionale (CRS). L impegnativa non è necessaria per le visite specialistiche di: odontoiatria, ostetricia e ginecologia, pediatria, psichiatria e neuropsichiatria, ed oculistica, (limitatamente alla misurazione della vista). La prenotazione di visite ed esami diagnostico-strumentali può essere effettuata: telefonando al numero verde , oppure In caso di utilizzo di cellulare e per chiamate dall estero al numero di persona presso gli sportelli di scelta/revoca delle sedi distrettuali, per le sole visite specialistiche svolte in sede. 12 ATTENZIONE ALLE DOPPIE PRENOTAZIONI Non è consentito fissare più appuntamenti con la stessa ricetta. In caso di doppia prenotazione il sistema SISS (Rete Sanitaria Regionale) ve-

13 rifica in automatico tutte le prenotazioni effettuate nei vari CUP delle Aziende Sanitarie della Regione, annulla il primo appuntamento prenotato e mantiene valida solo l ultima prenotazione. E fondamentale, pertanto, ricordarsi di disdire sempre l appuntamento precedente in caso di nuova prenotazione. CURE PRIMARIE MODALITÀ DI PAGAMENTO DELLA TARIFFA La quota di partecipazione alla spesa dovuta dal cittadino, in base alle leggi vigenti, può essere versata al momento della prenotazione o all atto della prestazione, presso gli sportelli a ciò delegati. MODALITÀ DI RITIRO DELLA REFERTAZIONE L utente, o un suo delegato, ritira i referti nella struttura che ha effettuato la prestazione presentando il modulo ritiro referti. Su richiesta, al momento dell accettazione è possibile chiedere la spedizione postale o via fax dei referti, con spese a carico dell utente. Darfo BT Tel lunedì - mercoledì - venerdì Pisogne Tel martedì - giovedì I referti si ritirano presso l uff. Scelta/Revoca nelle sedi di prenotazione NB: E necessaria la prenotazione. CURE TERMALI Su prescrizione del Medico di MG il paziente può recarsi presso uno stabilimento termale convenzionato per le cure. Le cure possono comunque essere prescritte unicamente per le patologie indicate nel Decreto Ministeriale che le regolamenta. L eventuale titolo al diritto all esenzione dal Ticket deve essere presentato all atto dell effettuazione delle prestazioni presso l Azienda termale. Il Ticket è corrisposto direttamente allo stabilimento termale. RICOVERO IN FORMA INDIRETTA L ASL garantisce l assistenza in forma indiretta per le prestazioni effettuate in regime di ricovero presso centri privati, nel caso in cui le strutture pubbliche o accreditate non siano in grado di erogare in forma diretta con tempestività ed allorquando il periodo di attesa comprometterebbe lo stato di salute dell assistito. Il ricovero in forma indiretta deve essere preventivamente autorizzato dall ASL. La richiesta di autorizzazione deve essere presentata presso la sede del Distretto a Breno, accompagnata da una relazione del Medico specialista contenente precisi riferimenti sul paziente, sulla sua anamnesi e sui motivi della richiesta stessa. Servizio distrettuale prelievi per esami di laboratorio Prescrizione Cure Termali RICOVERO PRESSO I CENTRI DI ALTISSIMA SPECIALIZZAZIONE ALL ESTERO L ASL garantisce prestazioni sanitarie di altissima specializzazione all estero, nel momento in cui le suddette prestazioni non siano ottenibili in Italia con tempestività adeguata. Tale autorizzazione viene comunque concessa, tenendo presenti gli appositi elenchi delle patologie e terapie autorizzabili. Se il ricovero viene autorizzato presso ospedali, pubblici o convenzionati, di Paesi della Comunità Europea e Paesi con i quali vigono accordi bilaterali, il 13

14 Richiesta di Autorizzazione 14 pagamento viene assicurato direttamente dal Servizio Sanitario Nazionale. A carico dell assistito rimane l eventuale ticket se non supera i limiti stabiliti dalla normativa. Qualora invece l autorizzazione si riferisca ad un ricovero in strutture private di paesi UE, o comunque convenzionati o in ospedali di paesi con i quali non esistono accordi (esempio: USA), le spese sostenute per le cure sono a carico dall assistito o rimborsate (80% o 40% a seconda della tipologia delle prestazioni) sulla base della presentazione delle ricevute di pagamento debitamente quietanzate. La richiesta di autorizzazione, presentata dall interessato all Ufficio Convenzioni (Breno sede ASL), deve essere accompagnata da una relazione di un medico specialista della branca relativa alla patologia (pubblico o privato, italiano o straniero) contenente motivazioni adeguate riguardo la necessità del ricovero all estero, con precisi riferimenti sul paziente e la sua anamnesi. L ASL provvede poi ad inoltrare la domanda al Centro Regionale di riferimento competente per patologia, il quale deve esprimere il proprio parere riguardo la concessione dell autorizzazione. In caso di prestazioni di comprovata eccezionale gravità ed urgenza, si prescinde dalla preventiva autorizzazione (altrimenti indispensabile) ed è consentito presentare successivamente domanda di rimborso che dovrà essere esaminata dalla Commissione Regionale. VISITE FISCALI Le visite di controllo sull invalidità temporanea dei lavoratori dipendenti devono essere richieste a mezzo telefono o telefax al centro Unico di Prenotazione Visite Fiscali (CUPF), che ha sede presso l Ufficio Visite Fiscali al terzo piano della sede ASL di Breno in Via Nissolina, 2 ai seguenti numeri: - telefono: fax: dalle ore 8.30 alle ore dal lunedì al venerdì. La richiesta telefonica deve essere seguita dalla richiesta scritta di conferma. La richiesta, inoltrata entro le ore e riportante la specifica dicitura visita da effettuare in giornata, verrà effettuata in giornata. Nei giorni di sabato, domenica e festivi la richiesta viene accettata dall Ospedale di Esine entro le ore al numero di telefono , cui deve seguire richiesta scritta al numero di fax la richiesta deve essere corredata dei seguenti dati in forma completa: denominazione dell Ente o dell Azienda richiedente, relativo indirizzo e recapito telefonico; nome e cognome, tessera sanitaria o codice fiscale del dipendente; recapito indicante via, numero civico, comune ed eventuale frazione ove si richiede che venga effettuata la visita; inizio e termine del periodo di malattia ove noto. Il controllo sarà effettuato presso il domicilio del lavoratore entro le fasce obbligatorie di reperibilità fissate: - per i lavoratori del pubblico impiego dalle 9.00 alle e dalle alle di tutti i giorni lavorativi e festivi; - per i lavoratori di ditte private dalle alle e dalle alle di tutti i giorni lavorativi e festivi.

15 SERVIZIO ASSISTENZA INTEGRATIVA E TERRITORIALE MODALITA PER L ISCRIZIONE AL SSN L assistenza sanitaria è garantita a tutti i cittadini (italiani e stranieri aventi diritto) mediante l iscrizione al Servizio Sanitario Regionale. Il cittadino, o persona delegata, deve presentarsi presso gli uffici scelta/revoca dell ASL con la seguente documentazione: codice fiscale certificato di residenza o autocertificazione eventuale tessera sanitaria della ASL di provenienza delega scritta e documento di identità dell interessato (nel caso di persona delegata) Per i nuovi nati il genitore deve compilare un autocertificazione attestante la nascita del figlio e la composizione della famiglia ed esibire il codice fiscale del neonato. All atto dell iscrizione al Servizio Sanitario Regionale viene rilasciata al cittadino una tessera cartacea provvisoria. Successivamente, in genere nell arco di un mese, la Regione recapita all indirizzo di residenza del cittadino la Carta Regionale dei Servizi (una smart card elettronica), che sostituisce la tessera cartacea. Solo se l iscrizione è inferiore a sei mesi al cittadino non viene rilasciata la Carta Regionale dei Servizi. 3 CURE PRIMARIE CARTA REGIONALE DEI SERVIZI (CRS-SISS) La Carta Regionale dei Servizi è una tessera elettronica, dotata di microchip, che garantisce il riconoscimento della identità del cittadino, tutelandone la privacy. La Carta Regionale dei Servizi è valida come: Tessera Sanitaria Nazionale Tessera Europea di Assicurazione Malattia (TEAM) perché sostituisce il modello E-111 e garantisce l assistenza sanitaria all estero, secondo le normative dei singoli paesi Tesserino del Codice Fiscale Carta Nazionale dei Servizi perché è stata creata secondo gli standard tecnici internazionali previsti per le smart card e pertanto permette l accesso ai servizi on-line che richiedono un identificazione Inoltre è il documento che consente di scegliere il medico e/o il pediatra di famiglia ottenere prestazioni sanitarie (ricoveri, visite ed esami specialistici) ottenere prescrizione di farmaci. Per maggiori informazioni è possibile consultare il sito regionale: 15

16 SCELTA E REVOCA DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE E DEL PEDIATRA DI LIBERA SCELTA Tutte le persone iscritte negli elenchi degli assistibili dell ASL hanno diritto alla assistenza medica generale prestata da un Medico di Medicina Generale o da un Pediatra di famiglia per i bambini da 0 a 6 anni di età. Oltre i 6 e fino ai 14 anni, è possibile la scelta del Pediatra di famiglia o del Medico di Base. Esiste la possibilità di rimanere in carico al PLS fino ai 16 anni solo se affetti da patologie croniche. Il rapporto tra l assistito ed il Medico di medicina generale o il Pediatra di famiglia è fondato sulla reciproca conoscenza e sulla trasparenza dei rapporti reciproci ossia sulla fiducia. Il cittadino esercita il suo diritto di scelta fra i medici (con disponibilità di posti) iscritti in un apposito elenco consultabile presso gli uffici Scelta/Revoca dell ASL ed esposti al pubblico. Nel caso in cui venga meno il rapporto fiduciario, il paziente può revocare la scelta per effettuarne una nuova, fra i medici liberi dell ambito territoriale di appartenenza. ASSISTENZA AI CITTADINI NON RESIDENTI CON DOMICILIO NELL ASL I cittadini domiciliati temporaneamente in ASL diversa da quella di residenza hanno diritto all assistenza sanitaria purché la loro permanenza sia superiore ad un periodo di tre mesi e sia dettata da documentati motivi di lavoro, studio o malattia. Lo stesso diritto vale per : cittadini che abbiano compiuto i 75 anni di età familiari a carico del lavoratore (situazione peraltro già tutelata anche dalla Circolare del Ministero della Sanità 11 maggio 1984, n ) Ai minori in affido o in attesa di adozione Agli ospiti di comunità protette La scelta del medico di fiducia sarà a tempo determinato, da un minimo di tre mesi ad un massimo di 1 anno, e potrà essere rinnovata alla scadenza, se dovesse persistere la situazione di temporaneità I cittadini Italiani residenti all estero, che rientrano temporaneamente in Italia senza copertura sanitaria (pubblica o privata) hanno diritto alle prestazioni urgenti per 90 giorni nell anno solare. ASSISTENZA AI CITTADINI STRANIERI RESIDENTI IN ITALIA I cittadini stranieri devono presentarsi agli sportelli scelta revoca dell Asl muniti dei seguenti documenti: Documento di riconoscimento (passaporto o carta di identità); Permesso di soggiorno o ricevuta di presentazione di domanda di rinnovo per i cittadini extra-comunitari; Dichiarazione della ditta presso la quale lavora per cittadini esteri comunitari; Codice fiscale. ASSISTENZA AI CITTADINI STRANIERI INSERITI IN NUCLEI FAMILIARI ITALIANI Il coniuge straniero residente in Italia ha diritto, all iscrizione al SSN per tutto il periodo di validità del permesso di soggiorno; Per i minori stranieri, adottati od affidati a cittadini italiani, l assistenza a 16

17 carico del SSN decorre dal momento dell ingresso effettivo in Italia o dalla data del provvedimento di adozione od affidamento se è successiva. ASSISTENZA AI CITTADINI ITALIANI ALL ESTERO Cittadini italiani che si recano all estero per motivi di lavoro: su richiesta del datore di lavoro l ASL, presso i distretti di Edolo - Breno - Darfo BT - Pisogne, emette idoneo modello che garantisce l assistenza all estero, per paesi UE, Svizzera e paesi extra UE convenzionati. Nei paesi extra UE non convenzionati l assistenza sanitaria viene garantita in forma indiretta dal datore di lavoro con rimborso da parte del Ministero della Sanità (DPR 618/80 art.15); Cittadini che si recano all estero (paesi UE e Convenzionati) per ferie: devono essere muniti di CRS (in sostituzione del modello E 111) e riceveranno le prestazioni sanitarie urgenti della stessa qualità e quantità che il Paese, in cui si trova l assicurato, eroga ai propri assistiti e non le prestazioni alle quali avrebbe diritto in Italia. L assistito sarà inoltre soggetto ai tickets dello Stato ospitante. La Carta può essere utilizzata anche dai dializzati che si recano all estero per temporaneo soggiorno. Coloro che dovessero recarsi all estero (UE) e non avessero ancora ricevuto la CRS, devono presentarsi agli sportelli SCELTA/REVOCA del distretto, sedi di Edolo, Breno, Darfo BT e Pisogne per il rilascio della tessera provvisoria. CURE PRIMARIE RILASCIO TESSERE DI ESENZIONE TICKET Le tessere di esenzione dal pagamento del ticket, in attuazione delle vigenti leggi, vengono rilasciate presso gli uffici scelta/revoca. Le categorie aventi diritto sono: invalidi civili superiore ai 2/3 ciechi e sordomuti invalidi di servizio dalla I all VIII categoria invalidi di guerra, e categorie assimilate, dalla I all VIII categoria invalidi del lavoro titolari di rendita affetti da patologia cronica e/o malattia rara di cui al DM 329/99 e smi e al DM 279/2001 Modalità da osservare per l ottenimento del diritto, secondo i casi: il certificato di invalidità civile il decreto della pensione di guerra il decreto di concessione della pensione privilegiata ordinaria il certificato attestante la concessione della rendita la certificazione della patologia cronica rilasciata, su apposito stampato, da un Medico Specialista di struttura pubblica o privata accreditata o a contratto con il SSN o da un medico specialista ambulatoriale dell Azienda Sanitaria. la certificazione di malattia rara su apposita modulistica rilasciata dal Medico Specialista di uno dei Centri appartenenti alla Rete nazionale o regionale delle strutture pubbliche o private accreditate per la diagnosi e la cura delle Malattie Rare. 17

18 Scelta e Revoca del Medico e del Pediatra Uffici scelta e revoca del medico di Orari MG e del pediatra dal lunedì al venerdì Darfo BT Tel Breno Tel Edolo Tel Pisogne Tel ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA Comprende l erogazione di: 1. Prodotti dietetici (per soggetti nefropatici cronici e bambini con intolleranza al latte vaccino e alle proteine del latte di soia); 2. Presidi e ausili; 3. Ossigenoterapia domiciliare a lungo termine; 4. Prodotti dietetici per pazienti affetti da difetti metabolici (celiachia). FORNITURA PRODOTTI DIETETICI Vengono distribuiti dalla Farmacia dell Ospedale di Esine su prescrizione del servizio di Nefrologia per i soggetti nefropatici e dal Reparto di pediatria per i bambini intolleranti al latte vaccino e di soia. 18 FORNITURA DI PRESIDI PER INCONTINENTI E ENTERO-UROSTOMIZZATI: Il paziente, o un suo delegato, accede all Ufficio Dispositivi Protesici presso i distretti di Edolo, Breno e Darfo munito di: carta regionale dei servizi (CRS) eventuale tessera di esenzione impegnativa del medico di medicina generale o pediatra di famiglia L autorizzazione alla fornitura viene trasmessa on-line alle farmacie che potranno così evidenziare direttamente il prodotto prescritto, la quantità utilizzata ed il relativo costo; Il paziente (o il suo delegato) si recherà quindi nella farmacia, scelta dallo stesso, purché appartenga all ASL di Vallecamonica Sebino, per il ritiro del prodotto, mensilmente, senza dover accedere alle Strutture dell ASL; Il paziente (o suo delegato) accederà, durante il periodo di validità della prescrizione, alle Strutture dell ASL solo per eventuali variazioni del Piano di cura, che verranno trasmesse direttamente alle farmacie territoriali. FORNITURA DI PRODOTTI PER ASSORBENZA (PANNOLONI) Il paziente, o un suo delegato, accede all Ufficio Dispositivi Protesici presso i distretti di Edolo, Breno e Darfo munito di: carta regionale dei servizi (CRS) eventuale tessera di esenzione impegnativa del medico di medicina generale o pediatra di famiglia per la scelta della Ditta fornitrice. La fornitura autorizzata verrà trasmessa alla Ditta scelta che provvederà alla

19 consegna dei prodotti direttamente al domicilio del paziente. FORNITURA DI PRODOTTI PER DIABETICI I pazienti interessati devono essere in possesso di carta regionale dei servizi e di tessera di esenzione per diabete. Il Piano di cura, rivisto annualmente dal MMG o PLS, deve essere presentato agli Uffici Dispositivi Protesici per l autorizzazione al ritiro in farmacia. CURE PRIMARIE CELIACHIA In conformità alle disposizione legislative in materia, quest ASL ha attivato tutti i percorsi necessari a: Promuovere il riconoscimento precoce della malattia, evitando le complicanze derivate da una diagnosi tardiva; Promuovere nei Presidi Ospedalieri la omogeneità dei criteri anatomopatologici e clinico-laboratoristici per la diagnosi di celiachia. Rilasciare l autorizzazione all acquisto di prodotti alimentari senza glutine agli aventi diritto. Per il percorso degli aventi diritto si rimanda al sito ASL, oppure Tel OSSIGENOTERAPIA: Ossigeno liquido - Concentratori di ossigeno: l UO di Pneumologia di Esine attiva direttamente il servizio domiciliare con la redazione di un piano terapeutico. Ossigeno gassoso: sulla scorta del piano terapeutico redatto dall UO di Pneumologia, il Distrtetto SSB rilascia l autorizzazione al Medico di Medicina Generale per la prescrizione di ossigeno gassoso presso le farmacie convenzionate. Il MMG può prescrivere, senza autorizzazione, ossigeno liquido per necessità urgenti e limitate ad un massimo di terapia di un mese. ASSISTENZA SANITARIA PROTESICA Al fine di garantire l attuazione dei programmi terapeutici necessari per prevenire, curare e riabilitare le lesioni e i loro esiti che determinano un invalidità, agli invalidi civili, ai privi di vista, ai sordomuti, agli invalidi di guerra e per servizio, l ASL eroga i presidi e gli ausili previsti dal Nomenclatore Tariffario delle Protesi. Agli invalidi del lavoro i presidi sono forniti dall INAIL, con spesa a proprio carico, secondo le modalità e le indicazioni stabilite dall Istituto stesso. Oltre agli invalidi già riconosciuti dalle apposite commissioni, rientrano tra gli aventi diritto i cittadini in attesa del riconoscimento nelle seguenti condizioni: invalidi totali con impossibilità di deambulare senza l aiuto permanente di un accompagnatore o non in grado di compiere gli atti quotidiani della vita; amputati di arto, entero-urostomizzati, laringectomizzati, tracheostomizzati, mastectomizzate e i soggetti che abbiano subito un inter- vento demolitore dell occhio. L ASL garantisce inoltre l assistenza protesica ai minori di anni 18 che ne- Gli ausili non personalizzati restano di proprietà dell ASL. 19

20 cessitano di interventi di prevenzione, cura e riabilitazione di una invalidità permanente. PRESIDI EROGABILI I presidi che possono essere forniti con spesa a carico del SSN sono indicati nel Nomenclatore delle protesi (DM n.332) e sono suddivisi in tre elenchi. ELENCO 1 - contiene dispositivi costruiti su misura e di serie il cui allestimento e applicazione richiede l intervento di un tecnico abilitato, sulla base di una prescrizione del medico specialista e il successivo collaudo da parte dello stesso. Fanno parte di questo elenco, tra gli altri presidi, calzature, busti, apparecchi e protesi per arto ed alcuni presidi per la deambulazione. ELENCO 2 - contiene i dispositivi (ausili tecnici) la cui applicazione non richiede l intervento di un tecnico abilitato. Rientrano in questo elenco gli ausili per la mobilità personale (comode, carrozzine, deambulatori, ecc.), per l adattamento della casa e antidecubito (letti, materassi), gli ausili per tracheotomia, protesi mammarie, ausili per la comunicazione e l informazione. ELENCO 3 - comprende gli apparecchi per la funzione respiratoria, la funzione alimentare, la terapia ferrochelante ed i montascale. Gli ausili non personalizzati sono forniti in comodato d uso e restano di proprietà dell ASL. 20 DOVE RIVOLGERSI PER LE PRESCRIZIONI La prescrizione dei presidi e degli ausili con spesa a carico del SSN è redatta da un medico specialista abilitato, competente per tipologia di menomazione o disabilità. L appuntamento per le visite specialistiche finalizzate alla prescrizione di protesi e ausili deve essere richiesto, muniti di impegnativa del medico curante per valutazione protesica, al numero verde Presentarsi alla visita muniti di: carta regionale dei sevizi (CRS), impegnativa del medico di base, certificato di invalidità, documentazione sanitaria di cui si è in possesso. Il medico prescrittore redige la richiesta e consegna copia della stessa all utente. Se la prescrizione riguarda gli ausili di cui all elenco 1 (calzature, busti, presidi su misura) l assistito deve scegliere la ditta convenzionata alla quale rivolgersi per la stesura del preventivo. I presidi su misura devono essere sottoposti a collaudo entro 20 giorni dalla consegna. Le prescrizioni dei presidi e ausili di cui agli elenchi 2 e 3 (letti, carrozzine, materassi, ecc.) sono prese in carico, tramite il sistema informatico; dall Ufficio Protesi, che attiva la procedura per la fornitura. Questi presidi sono consegnati direttamente al domicilio dell utente, tramite una ditta appositamente incaricata. Tutti gli ausili non personalizzati sono di proprietà dell ASL, vengono consegnati in comodato d uso gratuito, non devono essere modificati e vanno restituiti all ASL a fine utilizzo (ingresso in Casa di riposo, decesso, mancato utilizzo, ecc). Per il ritiro telefonare Ufficio Assistenza Protesica.

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

.. QUANDO?.. DOVE?... COME?

.. QUANDO?.. DOVE?... COME? S.S.V.D. ASSISTENZA INTEGRATIVA E PROTESCA CHI?.. QUANDO?.. DOVE?... COME? Rag. Coll. Amm. Rita Papagna Dott.ssa Laura Signorotti PRESIDI EROGABILI DAL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE D.M. n.332 del 27 agosto

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Guida alle prestazioni ambulatoriali

Guida alle prestazioni ambulatoriali Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a P r e s i d i o O s p e d a l i e r o P AP AR D O Guida alle prestazioni ambulatoriali Gentile Signore/a, l Azienda,

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili U.O. AFFARI GENERALI E SEGRETERIA

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013 STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA Aggiornamento dicembre 2013 1 ASPETTI DI SISTEMA 2 PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE

Dettagli

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Conferenza Stampa Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Lunedì 6/07/2015 ore 11.00 Sala Riunioni - Direzione Generale AUSL Strada del Quartiere 2/A - Parma Alla Conferenza Stampa

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA. Guida ai Servizi Territoriali del Distretto Socio-Sanitario N 20 CASAL DI PRINCIPE

AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA. Guida ai Servizi Territoriali del Distretto Socio-Sanitario N 20 CASAL DI PRINCIPE AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA Guida ai Servizi Territoriali del Distretto Socio-Sanitario N 20 CASAL DI PRINCIPE 2013 0 La Guida ai servizi territoriali del Distretto Socio-sanitario n. 20 : come e

Dettagli

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha

Dettagli

DISABILITÀ E INVALIDITÀ NEL PUBBLICO IMPIEGO. guida alla richiesta di benefici e agevolazioni

DISABILITÀ E INVALIDITÀ NEL PUBBLICO IMPIEGO. guida alla richiesta di benefici e agevolazioni DISABILITÀ E INVALIDITÀ NEL PUBBLICO IMPIEGO guida alla richiesta di benefici e agevolazioni Disabilità e invalidità guida alla richiesta di benefici e agevolazioni ultimi decenni il mondo della disabilità

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato F.I.M.P. Federazione Italiana Medici Pediatri Regione Veneto Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato Il Codice

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda)

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) LE DOMANDE (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) 1. LA NUOVA MODALITÀ 1.1 Qual è in sintesi la nuova modalità per ottenere l esenzione ticket in base al reddito? 1.2 Da quando, per

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale A cura di: - Inail Direzione Regionale Lombardia - Regione Lombardia - Direzione Generale Sanità Documento realizzato nell ambito della

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 19 OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 2 Prefazione IL CAMMINO DELLA QUALITÀ Inps, come le altre pubbliche Amministrazioni

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

Invalido dal 33% al 73%

Invalido dal 33% al 73% Invalido dal 33% al 73% Definizione presente nel verbale: "Invalido con riduzione permanente della capacità lavorativa in misura superiore ad 1/3 (art. 2, L. 118/1971)". Nel certificato può essere precisata

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

MODALITA DI PRENOTAZIONE

MODALITA DI PRENOTAZIONE DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA MEDICINA DELLO SPORT MODALITA DI PRENOTAZIONE U.O.C.- CENTRO DI MEDICINA DELLO SPORT DI 2 LIVELL O CASALECCHIO DI RENO AMBULATORI DI 1 LIVELLO Per prenotare le visite di

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

ESENZIONI PER CONDIZIONE ECONOMICA ED ETA

ESENZIONI PER CONDIZIONE ECONOMICA ED ETA Esenzione dalla spesa farmaceutica Tabella Riepilogativa - Modalità di compilazione della a partire dal 1 luglio 2011 ESENZIONI PER CONDIZIONE ECONOMICA ED ETA a carico Esenzione Totale e quota E03 E04

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

Voucher: il sistema dei buoni lavoro

Voucher: il sistema dei buoni lavoro Voucher: il sistema dei buoni lavoro Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento che i datori di lavoro (committenti) possono utilizzare per remunerare prestazioni di lavoro

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO A. LA NUOVA MODALITA 3 B. RILASCIO DELL ATTESTATO DI ESENZIONE 5 C. REQUISITI PER L ESENZIONE

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

Informazioni generali

Informazioni generali Modulo VA : Domanda di verifica della sussistenza di una quota per lavoro subordinato ai sensi degli artt. 14 comma 6 e 39 comma 9 del DPR. n. 394/99 e successive modifiche ed integrazioni Informazioni

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t 1

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t 1 1 LEGGE REGIONALE Norme in materia sanitaria 2 LEGGE REGIONALE Norme in materia sanitaria Il Consiglio regionale ha approvato la seguente legge: Art. 1 (Integrazione del comma 40 dell articolo 3 della

Dettagli

ASSISTENZA SANITARIA AGLI STRANIERI NELL ASL di BRESCIA Indicazioni per l applicazione della normativa

ASSISTENZA SANITARIA AGLI STRANIERI NELL ASL di BRESCIA Indicazioni per l applicazione della normativa ASSISTENZA SANITARIA AGLI STRANIERI NELL ASL di BRESCIA Indicazioni per l applicazione della normativa Luglio 2014 Azienda Sanitaria Locale di Brescia DIPARTIMENTO CURE PRIMARIE Direttore: Dr. Fulvio Lonati

Dettagli

Al SUAP. Denominazione società/ditta

Al SUAP. Denominazione società/ditta COMUNICAZIONE SUBINGRESSO DI COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SU POSTEGGIO L.R. 28/2005 e s.m.i. Codice del Commercio art.74 e D.P. G.R. n. 15/R del 1 aprile 2009 Regolamento di attuazione della legge n. 28/2005

Dettagli

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti Domanda per i lavoratori dipendenti Per ottenere il congedo parentale, oltre a possedere i requisiti di legge, è necessario compilare il modulo in tutte le sue parti e consegnarlo sia al datore di lavoro

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i.

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i. CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 1088 Versione 001 2015) Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: COMUNICAZIONE

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE Premessa Obiettivo delle presenti linee-guida è fornire indirizzi per la organizzazione della rete dei servizi di riabilitazione

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

Carta dei servizi dell'azienda USL di Ravenna

Carta dei servizi dell'azienda USL di Ravenna Carta dei servizi dell'azienda USL di Ravenna Carta dei Servizi dell'azienda USL di Ravenna Carta dei Servizi La presente Carta dei servizi è stata realizzata a cura di: - Qualità e Accreditamento dell

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro svolte

Dettagli

Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA' TIPO A TIPO B

Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA' TIPO A TIPO B CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 0047 Versione 002 2014) Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA'

Dettagli

GUIDA ALLA DETRAZIONE DELLA SPESA PER I FARMACI

GUIDA ALLA DETRAZIONE DELLA SPESA PER I FARMACI GUIDA ALLA DETRAZIONE DELLA SPESA PER I FARMACI Come si detraggono le spese per l acquisto dei farmaci? Cosa deve contenere lo scontrino fiscale emesso dalla farmacia? A cosa serve la tessera sanitaria?

Dettagli

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna AGGIORNAMENTI SUL CONTROLLO IGIENICO-SANITARIO DELL APICOLTURA Brisighella (RA) 13 settembre 2013 Evoluzione del controllo dell apicoltura

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

ISCRIZIONE AL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE PER I CITTADINI COMUNITARI E STRANIERI

ISCRIZIONE AL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE PER I CITTADINI COMUNITARI E STRANIERI ISCRIZIONE AL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE PER I CITTADINI COMUNITARI E STRANIERI A cura di Rossella Segurini Azienda Usl di Ravenna - U.O. Direzione Amministrativa dell Assistenza Distrettuale Procedimenti

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Archivio storico comunale di Putignano (1950-1970). Inventario 4. SANITA E IGIENE. 4.1.1 Ufficio sanitario, personale, sindacati (cl.

Archivio storico comunale di Putignano (1950-1970). Inventario 4. SANITA E IGIENE. 4.1.1 Ufficio sanitario, personale, sindacati (cl. 4. SANITA E IGIENE Busta 6 (1960 1961), fascc. 2 4.1 1960, s.fascc. 5 4.1.1 Ufficio sanitario, personale, sindacati (cl. 1) 1. Comunicazioni del sindaco relative alle prescrizioni di medicinali e cure

Dettagli

Elenco provvidenze nuova mutualità

Elenco provvidenze nuova mutualità Elenco provvidenze nuova mutualità Tipologia sussidio Importo erogato Periodicità del sussidio Documentazione da allegare Ricovero 15,00 al giorno (per massimo 20 giorni all anno) Ogni anno Certificato

Dettagli

Tracciato Import-Export CareStudio 2.0

Tracciato Import-Export CareStudio 2.0 Il seguente documento definisce i contenuti ed il formato delle informazioni importabili ed esportabili del sistema. Per ciascuna tipologia di informazione è previsto un file di testo codificato secondo

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE AREA LAVORO E PREVIDENZA INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE (a cura di Ernesto Murolo) Indice QUANDO SI MANIFESTA UN INFORTUNIO SUL LAVORO...5 1. Se l infortunio ha prognosi fino a 3 giorni...5

Dettagli

Articolo 3, comma 3- Viene così riformulato Il Contrassegno è predisposto per una validità di cinque anni. Approvato unanime.

Articolo 3, comma 3- Viene così riformulato Il Contrassegno è predisposto per una validità di cinque anni. Approvato unanime. 1 2 3 Preso atto, inoltre, che la I Commissione consiliare permanente - Affari Generali e Istituzionali con verbale del 29 settembre 2011, qui allegato, ha espresso parere favorevole, sulla proposta in

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU32 09/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 30 luglio 2012, n. 45-4248 Il nuovo modello integrato di assistenza residenziale e semiresidenziale socio-sanitaria a favore delle

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO DI PASIAN DI PRATO Pasian di Prato (UD) - Via Leonardo da Vinci, 23 - C.A.P. 33037 tel/fax: 0432 699954 e-mail: ddpasian@tin.it udic856004@istruzione.it udic856004@pec.istruzione.it

Dettagli