REGNO ARABO SAUDITA. Scheda Paese. Aprile Via Rugabella, Milano - tel

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGNO ARABO SAUDITA. Scheda Paese. Aprile 2012. Via Rugabella, 1-20122 Milano - tel. +39 02 874970. www.managementandsolutions.com"

Transcript

1 REGNO ARABO SAUDITA Scheda Paese Aprile 2012 Via Rugabella, Milano - tel

2 Sommario INFORMAZIONI GENERALI SUL PAESE... 2 STORIA... 2 TERRITORIO... 3 POPOLAZIONE... 3 RELIGIONE... 3 FESTIVITÀ E TRADIZIONI... 3 CUCINA... 4 STATO E COMUNI... 4 INFORMAZIONI PER I VIAGGIATORI... 5 DOCUMENTI PER L INGRESSO NEL PAESE... 5 SICUREZZA... 5 SANITA... 6 VALUTA... 6 FUSO ORARIO... 6 TRASPORTI... 6 COSTO DELLA VITA... 7 FACILITIES E DIVERTIMENTI... 7 INFORMAZIONI PER LE IMPRESE... 8 ECONOMIA... 8 LAVORO... 9 SICUREZZA SOCIALE E ASSISTENZA SANITARIA... 9 DISPOSIZIONI DOGANALI DIRITTO SOCIETARIO REGIME FISCALE

3 INFORMAZIONI GENERALI SUL PAESE STORIA Il processo di unificazione delle popolazioni arabe e l espansione dell Islam sono il risultato della predicazione e della diffusione dell Islam da parte di Maometto a partire dal VII secolo. Dopo la conquista del Medio Oriente e il periodo di sovranità mamelucco, nel XV secolo Muhammad Ibn Saud fondò a Riyadh la dinastia saudita. Nel XVIII secolo nacque il movimento dei Wahhabiti dalla predicazione del capo religioso Muhammad Ibn Abd al-wahhab. Sostenitori di un ritorno all Islam originale e profondamente ostili agli sciiti, nel 1744, con l aiuto dell esercito saudita, costituirono uno stato arabo nel Neged. In seguito alla distruzione della città santa sciita e all occupazione della Mecca e di Medina, nel 1812 Wahhabiti e sauditi si ritirarono a Riyadh, facendone nel 1818 la capitale del Regno. Nel 1902 l emiro Ibn Saud riconquistò Riyadh (abbandonando il Kuwait dove si era rifugiato il clan saudita sconfitto) e, a partire dal 1906, passò sotto il suo controllo l intera regione del Neged. Nel 1913 occupò la regione di Hasa e nel 1921 lo Jebel Sammar. Nel 1924 scacciò lo sceriffo Hussein Ibn Alì dalla Mecca e tra il 1925 e il 1926 prese Medina e Asir. Autoproclamatosi re del Neged e dell Higiaz, nel 1932 unificò i territori conquistati, dando il nome di Arabia Saudita. Nel 1934, con il trattato di Ta if che poneva fine alla guerra con lo Yemen, incluse definitivamente nel suo Regno l Asir, il Nairan e lo Jizan. Per coordinare una politica comune sui prezzi e sulla produzione del petrolio, nel settembre del 1960 Arabia Saudita, Iraq, Iran, Venezuela e Kuwait tennero una conferenza a Baghdad in seguito alla quale fu fondata l Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio (OPEC). Nel luglio del 1970, dopo sette anni di ripetuti conflitti, l Arabia Saudita riconobbe formalmente il governo repubblicano dello Yemen. Nel 1973, dopo la guerra del Kippur, l Arabia Saudita si unì agli altri paesi arabi nell embargo petrolifero che provocò una grave crisi in Occidente. In seguito all invasione irachena del Kuwait nel 1990, il quadro politico divenne più instabile e l Arabia, temendo un attacco iracheno, entrò nella coalizione antirachena a fianco degli Stati Uniti. La partecipazione alla guerra del Golfo e la permanenza delle truppe statunitensi sul territorio saudita furono interpretate da gran parte della popolazione saudita come un tradimento della nazione araba e un atto di sottomissione all Occidente. Nella seconda metà degli anni Novanta crebbero i sentimenti antioccidentali e numerosi attentati colpirono le truppe statunitensi nel Paese, ma crebbe anche l opposizione dei religiosi più radicali alla Corona saudita. 2

4 TERRITORIO L Arabia Saudita confina a nord con la Giordania, l Iraq e il Kuwait, a est con il Bahrein, il Qatar, gli Emirati Arabi Uniti e l Oman, a sud con lo Yemen. Lo stato è bagnato a ovest dal Mar rosso e a Est dal Golfo Persico. L area copre una superficie di circa km 2. Il clima è caldo, secco e desertico, più mite nei mesi invernali. Più nello specifico, sulla costa del Mar Rosso il clima è sub-equatoriale, nella regione centrale il clima è molto caldo e in estate si possono superare i 50 C, mentre nella zona orientale (Dammam, Al Khobar e Al Jubail) l umidità è elevata. Il mese più caldo è luglio, con temperature tra C (media giornaliera minima e massima); il mese più freddo è gennaio, 8-12 C. I mesi più secchi sono luglio, settembre e ottobre, mentre il mese più piovoso è aprile. Si verificano grandi sbalzi di temperatura e il regime di precipitazioni rende il Paese arido o semi-arido, con terreno sabbioso o stepposo. L area è prevalentemente desertica nel nord-ovest; pianure pietrose coprono le zone centrali e del nord. L est è pianeggiante e basso, con una zona di pianure salate. Caratteristica è l oasi di Al-Hasa. A seguito dall aridità del suolo, cresce poca vegetazione che si limita a palme da dattero e qualche arbusto, tamarindi e sempreverdi nel parco dell Asir. Nelle oasi è però possibile coltivare cereali e ortaggi. Grazie all importanza attribuita dal Corano alla conservazione del patrimonio naturale, nello stato ci sono aree protette quali il parco nazionale dell Asir e riserve naturali. Gli animali più comuni sono cammelli, iene, volpi, gatti selvatici, pantere, gazzelle, antilopi e struzzi. POPOLAZIONE Secondo dati aggiornati al luglio 2011, la popolazione si aggira intorno a persone. La popolazione è in continua crescita, in quanto il tasso di natalità è di gran lunga maggiore rispetto a quello di mortalità. L etnia prevalente è quella araba, ma sono anche presenti etnie miste (turchi, iraniani, indonesiani, indiani, africani che sono immigrati in seguito al pellegrinaggio o Hajj). Gli immigrati per lavoro provengono principalmente da India, Pakistan, Bangladesh, Indonesia e Filippine. In minor misura, sono presenti anche Occidentali. La lingua ufficiale è l arabo, anche se l inglese è parlato nelle principali città e da uomini d affari. RELIGIONE La religione ufficiale è l Islam, monoteista e nella versione giuridico-teologica del hanbalismo Wahhabita. La libertà di religione è molto limitata: pur in mancanza di restrizioni per coloro che praticano la fede privatamente, non è possibile per i non-musulmani edificare luoghi per i loro culti. A nessun nonmusulmano, inoltre, è permesso diventare cittadino dello stato saudita. Il Corano rappresenta il fondamento della vita quotidiana di ogni saudita, che deve rispettare gli obblighi di fede nell unico Dio, le cinque preghiere giornaliere, l elemosina, il digiuno ed infine il pellegrinaggio alla Mecca. L'ordinamento prevede, inoltre, la pena di morte per apostasia (cioè l abbandono volontario della propria religione). FESTIVITÀ E TRADIZIONI Tutte le festività sono osservate in conformità con il calendario islamico, basato sull anno lunare, circa undici giorni più corto rispetto a quello Gregoriano. Il week-end è nei giorni di Giovedì e Venerdì. Il mese del Ramadan (20 Luglio 19 Agosto 2012) non rappresenta una festa pubblica ma accorcia significativamente la giornata lavorativa. Eid al-fitr (fine del Ramadan, 19 Agosto 2012) e Eid al-adha (festa del sacrificio, 26 Ottobre 2012, il decimo giorno di Hajj o pellegrinaggio) sono giornate festive. La giornata nazionale è il 23 Settembre e rappresenta la festività laica 3

5 per la riunificazione dei territori avvenuta nel Inoltre, con l Aid-Milad-an-Nabi si commemora il giorno di nascita del profeta Maometto. Sono proibite le feste religiose non islamiche. Il maggiore impatto sul lavoro nel Regno si ha nei periodi di Hajj (che dura circa un mese), durante Eid al- Adha e durante le vacanze scolastiche estive ( da luglio a metà settembre). L unica festa che non è direttamente connessa alla religione è il Festival di Jenadriynah festival delle tradizioni e della cultura nazionale in voga dal 1985 e basato su tradizioni popolari e culturali (durata di due settimane). L Ardha è una tipica danza mistica, una suggestiva coreografia che coinvolge l uomo guerriero, il poeta, l arma bianca. È una tradizione che rievoca le scorrerie militari nella regione ed evidenzia l eroismo e la poetica dei beduini. Durante la cerimonia, i danzatori ballano con le spade sulle note di tamburi e versi recitati. Decori e disegni dei tessuti caratterizzano le diverse comunità; gli abiti, sia maschili che femminili, sono larghi e lunghi; gli uomini indossano il ghutra, un copricapo di stoffa stretto alla testa con una corda attorcigliata (igaal). Le donne sono tenute a indossare il mantello (abaaya) e il velo (shayla). CUCINA Tra i cibi più famosi dell area si citano il shish kabab, il pane arabo non lievitato (khobs) in accompagnamento alle colorate pietanze. Molto comuni sono il pollo alla griglia (dajaj) e le polpette di ceci fritte (falafel). Il fuul invece è ottenuto da fave, aglio e limone. Altrettanto comune è la carne di montone, agnello e il pesce. Durante occasioni speciali, si servono piatti tradizionali a base di riso: saliq (con carne di agnello o pollo). Le bevande più famose sono il latte di cammella, caffè arabo e tè alla menta (shai na a na a). Nella provincia orientale della penisola si prediligono i cibi piccanti e speziati; inoltre è facile trovare piatti a base di pesce fresco. STATO E COMUNI La capitale del Regno è Riyad e le principali città sono Jeddah, Dammam, La Mecca, Medina, At Taif, Al Khobar (attivo centro economico), Dhahran. Nella provincia Orientale le città principali sono: - Dammam, capoluogo di provincia - Al-Ahsa, più vasta oasi al mondo - Al Khobar, centro commerciale - Qatif, oasi sulla costa persica e maggiore centro di pesca del Paese - Dhahran, centro di industria petrolifera e sede di Saudi Aramco - Jubail, città industriale - Abqaiq, stabilimenti petroliferi e metaniferi - Ras Tanura, raffinazione del petrolio, sede di piattaforme off-shore - Udhayliyah, produzione e raffinazione del petrolio - Khafji, città industriale - Hafr Al-Batin Il sistema politico è basato sulla monarchia assoluta, con a capo i discendenti del sovrano scelti in base all anzianità (seniorato). Il sistema legale è basato sulla Sharia (Legge Islamica) e sulla legge fondamentale (1992); non c è Costituzione scritta. È presente un Consiglio dei Ministri, con a capo il re che copre la posizione di Primo Ministro. Il Consiglio dei Ministri esercita il potere legislativo ed esecutivo. Non sono infine ammessi partiti politici. Da un punto di vista sociale, a causa del movimento del Wahhabismo, qualunque abitante del Regno è tenuto alla stretta osservanza di prescrizioni giuridiche e sociali islamiche. L immediata conseguenza di ciò è rappresentata dalla forte separazione tra uomo e donna. Quest ultima non ha il permesso infatti di guidare un automobile, né potrà circolare liberamente senza un accompagnatore della sua famiglia al suo fianco. Ancora, la legge islamica impone il divieto alla costruzione di edifici religiosi che non siano islamici. 4

6 Inoltre, sono presenti dei sorveglianti che controllano che sia rispettata l osservanza dell obbligo di abbigliamento consono, dell astinenza da cibo, bevande e fumo durante il Ramadan e l obbligo delle cinque preghiere giornaliere. INFORMAZIONI PER I VIAGGIATORI DOCUMENTI PER L INGRESSO NEL PAESE Per l ingresso nel Paese è necessario un passaporto con una validità residua di almeno sei mesi dalla data della partenza. La rete diplomatico-consolare saudita rilascia visti d ingresso per affari, familiari al seguito, transito o pellegrinaggio. I visti d ingresso non vengono rilasciati all aeroporto o alla dogana. La validità dei visti per affari va da uno a sei mesi. I visti di transito sono rilasciati ai passeggeri che intendono proseguire il viaggio con un volo entro le 12 ore successive senza lasciare l aeroporto o fare altra tappa nel Paese. I visti di transito sono validi per una sola entrata (ed uscita) dal Paese. Tutti gli stranieri devono ottenere il visto per entrare nel Paese ad esclusione dei cittadini dei paesi del Consiglio di Cooperazione dei Paesi del Golfo (GCC, i cui membri sono il Regno del Bahrein, lo Stato del Qatar, il Sultanato di Oman, lo Stato del Kuwait e gli Emirati Arabi Uniti) e dei residenti titolari di visti di uscita/re-ingresso. I visti sono concessi esclusivamente su richiesta di un garante saudita (sponsor). L Ambasciata d Italia ed il Consolato Generale d Italia a Gedda non possono sponsorizzare i privati cittadini per l ottenimento del visto d ingresso. Per lasciare l Arabia Saudita i residenti devono disporre di visto di uscita o uscita/re-ingresso (apposto su autorizzazione dello sponsor), che non è richiesto invece ai viaggiatori temporanei. La moglie italiana di un cittadino saudita, le figlie maggiorenni di padre saudita ed i figli italiani di padre saudita, prima di compiere l età di 21 anni, possono lasciare il Paese solo se autorizzati dal padre oppure da un familiare autorizzato a ciò. In casi particolari, l Ambasciata d Italia può intervenire presso il governo Saudita per facilitare il rimpatrio di una cittadina italiana, ma non può ottenere il permesso di rimpatrio dei minori senza il consenso del padre saudita. Le autorità saudite non riconoscono la doppia cittadinanza e normalmente ritirano il passaporto italiano dei connazionali che ottengono la nazionalità saudita. Ciò non comporta la perdita della cittadinanza italiana, e gli uffici consolari provvedono di norma al rilascio di un nuovo passaporto ai connazionali ed all emissione di un visto d ingresso Schengen di lunga durata sul passaporto saudita degli interessati. Il lavoratore non può lasciare il Paese senza il consenso del proprio sponsor che deve a tal fine restituirgli il passaporto e richiedere l apposito visto di uscita o uscita/re-ingresso. Gli uffici consolari italiani assistono i lavoratori in caso di difficoltà nel lasciare il Paese, fatti salvi gli obblighi contrattuali che essi hanno sottoscritto. SICUREZZA Nonostante le azioni del Governo per la repressione del fenomeno terroristico, rimane la possibilità di atti terroristici anche nei confronti di cittadini stranieri, per i fattori di instabilità che minacciano l insieme della regione. Le zone a maggior rischio sono i luoghi di assembramento, i grandi centri commerciali, le infrastrutture aeroportuali e petrolifere, le aree periferiche della capitale, quelle desertiche e le regioni dove sono concentrate le infrastrutture dei settori dell energia e del petrolchimico. Si raccomanda pertanto l adozione di idonee precauzioni e si sconsiglia di effettuare spostamenti in zone isolate del Paese. Dato l aggravarsi della situazione dell ordine pubblico e della sicurezza nello Yemen e le non ancora sopite rivendicazioni politico-sociali in Bahrein, non possono essere esclusi momenti di tensione nelle zone di confine fra l Arabia Saudita ed i paesi in questione, così come nelle regioni interne prevalentemente abitate da comunità sciite, come l area di Qatif. Non si può inoltre escludere il possibile verificarsi di manifestazioni 5

7 o di situazioni di tensione e scontro. Si raccomanda di conseguenza prudenza, tenendosi informati attraverso i mass media locali ed internazionali sulla situazione. Si sconsiglia di recarsi nelle aree periferiche delle Province di Jizan, Asir e Najran e - in caso di assoluta necessità - si raccomanda di mantenersi costantemente in contatto con la Rappresentanza diplomaticoconsolare di riferimento (Ambasciata d Italia a Riad e Consolato Generale d Italia a Gedda). E inoltre indispensabile attenersi strettamente alle leggi, usanze e rispetto della sensibilità locale (circolazione delle donne solo se accompagnate da marito, padre, figli o fratelli; rispetto delle regole durante il Ramadan). SANITA Le strutture sanitarie ed ospedaliere saudite sono al livello di quelle occidentali. Ci sono numerosi ospedali privati a pagamento per gli stranieri (l assistenza sanitaria è gratuita per i sauditi). Si consiglia, pertanto, di stipulare una polizza assicurativa internazionale adeguata che preveda, oltre alla copertura delle spese sanitarie, anche l eventuale rimpatrio o il trasferimento aereo del malato in un altro Paese. La polizza sanitaria per gli espatriati ha carattere invece obbligatorio nel Regno. Non sono previste vaccinazioni obbligatorie. Tuttavia, in occasione del pellegrinaggio alla Mecca (Hajj), le Autorità sanitarie saudite richiedono, a chi proviene da Paesi interessati da casi di febbre gialla e poliomelite, di dotarsi di un certificato internazionale di vaccinazione contro tali malattie. I viaggiatori provenienti da qualsiasi Paese sono tenuti ad effettuare preventivamente la vaccinazione contro la meningite e l influenza stagionale nonché contro l influenza A (H1N1) almeno due settimane prima dell ingresso nel Paese. Si consiglia, previo parere medico, di effettuare anche la vaccinazione contro l epatite virale. La malaria è una malattia endemica presente nelle pianure a sud ovest del Regno, in particolare nella regione di Jizan, che si estende fino alle aree rurali intorno a Gedda. Si segnala la periodica comparsa di focolai di febbre emorragica Dengue nella regione occidentale del Paese (zona di Gedda). Sia la malaria che la febbre dengue sono causate dalla puntura di zanzare infette. Le autorità hanno confermato la presenza di numerosi casi di influenza suina (virus A/H1N1) nel Regno. Inoltre in passato (novembre 2007) sono stati segnalati focolai d influenza aviaria (virus H5N1) in alcuni allevamenti di volatili della regione di Riyadh. Ai connazionali che si recano nel Paese si consiglia, a titolo cautelativo, di consumare carne e uova di volatili solo se ben cotte. Inoltre, i turisti non abituati al cibo locale possono contrarre malattie gastriche legate all uso di acqua o cibo. VALUTA La moneta nazionale è il Reale saudita: Saudi Riyal (SAR) = 20 qirsh = 100 hallalas. Cambio fisso con dollaro US: 1 USD = 3,75 SAR Il sistema finanziario e bancario saudita è al livello di quello occidentale. Presso i cambiavalute e le banche commerciali è possibile convertire denaro in valuta straniera, fatta eccezione per quella israeliana. Master Card, American Express, Diners Club e Visa sono le carte di credito di maggiore circolazione. FUSO ORARIO GMT +3. Quando vige l ora legale, GMT +2. TRASPORTI L aereo è il mezzo di trasporto migliore per muoversi nel Paese, poiché le città sono piuttosto lontane l'una dall'altra. Inoltre, le linee aeree del Paese sono monopolio statale, che assicura sicurezza e prezzi relativamente contenuti. È possibile arrivare anche in nave, nei porti internazionali di Dammam e Jedda. 6

8 Il sistema di trasporto del Paese prevede la presenza di regolari collegamenti autobus. Il Regno possiede inoltre una buona rete stradale interna e che lo collega con i paesi confinanti. La guida è consentita solo a uomini al di sopra dei 25 anni, in possesso di una patente internazionale o richiesta dal garante e ottenuta in loco. In frontiera è possibile ottenere una assicurazione auto della durata minima di un mese. È fondamentale essere estremamente prudenti alla guida, poiché gli incidenti sono frequenti e la legge coranica (su cui è imperniata la legislazione saudita) è molto severa. I taxi sono piuttosto costosi e, sebbene accettino di percorrere lunghi tragitti, è preferibile ricorrervi come mezzo di trasporto unicamente in città. COSTO DELLA VITA In generale, il costo della vita in Arabia Saudita è simile a quello negli Stati Uniti o in altri paesi europei. I prodotti importati o di marca hanno ovviamente un prezzo più elevato, ma è sempre possibile scegliere prodotti più economici, di qualità ma senza brand. Il costo di prodotti di elettronica è relativamente più basso rispetto ai paesi europei. Anche il costo delle utilities è basso, poiché parzialmente sovvenzionate dai governi (costo bolletta bimensile dell energia elettrica pari a 100); tuttavia, durante il periodo di picco, il prezzo per riscaldamento e condizionamento aumenta. L impatto maggiore sul costo della vita è dovuto alle spese per l alloggio, molto caro. Il costo di affitto annuale per uffici nelle principali città del Paese oscilla tra i 90 e i 170 USD al mq (incluse spese condominali). Il costo di affitto annuale per abitazioni private non viene calcolato al mq. Un appartamento in centro città di una superficie di 100 mq può costare da fino a USD all anno. Il costo d affitto per una villetta si aggira intorno ai / USD all anno (talvolta anche al mese). Servizi domestici sono ampiamente disponibili a costi molto bassi. Una cameriera o un altro lavoratore domestico full-time live-in ha un costo medio di circa SR al mese (circa 500 USD). Il costo di un autista personale può variare tra al mese. Sono presenti in loco ristoranti di diversi tipi e di diverse fasce di prezzo. Il costo di una telefonata per l Italia, praticato dalla compagnia delle telecomunicazioni nazionale (STC), è di 2,5 USD al minuto. La mancia è consuetudine in ristoranti e alberghi, dove si è soliti dare il 10% del prezzo come mancia per un buon servizio. Molti espatriati trovano che il cost of living è generalmente basso a causa dei costi degli alloggi sovvenzionati e all-inclusive. Essi traggono inoltre beneficio anche dal costo estremamente basso della benzina e dai prezzi relativamente a buon mercato delle automobili. FACILITIES E DIVERTIMENTI Autostrade, aeroporti, hotel, fitness center, strutture mediche, gas, elettricità, acqua potabile, servizi postali e telefonici, internet, canali televisivi Tutti gli aeroporti sono attrezzati di efficienti servizi bus, taxi, cambiavalute, banche, ristoranti, duty free shops, rent a car e informazioni turistiche. Per motivi di sicurezza gli stranieri Occidentali vivono talvolta in compound all interno dei quali si hanno a disposizione servizi e attività quali piscine, palestre, bowling, caffè e ristoranti, supermercato e qualche piccolo negozio. Al di fuori di tali complessi, invece, non esistono importanti luoghi di incontro. Infine, il divertimento nello stato è incentrato su manifestazioni sportive, quali la falconeria, gli sport acquatici e corsi di equitazione o morfologia del cavallo arabo. 7

9 INFORMAZIONI PER LE IMPRESE ECONOMIA Gravemente colpita dal costo della guerra del Golfo, l'economia saudita ha attraversato un momento di crisi profonda e solo dal 1994 ha registrato segnali di ripresa. L'economia saudita è in espansione e coinvolge l'agricoltura, la difesa e le telecomunicazioni. I cospicui investimenti nel settore primario degli ultimi anni del sec. XX hanno permesso di aumentare le aree coltivabili attraverso l'assegnazione governativa gratuita di appezzamenti. Le autorità hanno anche favorito la concessione di aiuti finanziari agli agricoltori e lo sviluppo di moderne tecniche di coltivazione e irrigazione attraverso la razionalizzazione delle risorse idriche, lo sfruttamento dei pozzi, la desalinizzazione dell'acqua marina. L'Arabia Saudita ha raggiunto, così, l'autosufficienza alimentare. Largamente diffuso è l'allevamento, risorsa fondamentale dei beduini. Significativo è anche il settore della pesca. L Arabia Saudita è il maggiore produttore di greggio a livello mondiale e dispone delle più ingenti riserve petrolifere (75% delle entrate di bilancio, 90% delle entrate da esportazione e 40% del PIL). Trainato dagli introiti derivanti dalla vendita del petrolio, il Paese dagli anni Settanta ha avviato una serie di piani di sviluppo quinquennali volti alla diversificazione della produzione nazionale. Nel Piano di sviluppo quinquennale ( ) è posta un' enfasi particolare sullo sviluppo del capitale umano, attraverso la formazione e l'istruzione. Un ambizioso piano di industrializzazione ha portato alla creazione di due città industriali, Yanbu e Jubail per la produzione dei prodotti petrolchimici e derivati del gas. Sulla base di questa esperienza, il Governo saudita ha avviato un nuovo programma di costruzione di quattro città economiche (comprensive non solo di aree industriali ma anche di complessi residenziali e turistici), con l obiettivo di sviluppare, grazie a know-how ed investimenti privati, aree più svantaggiate del Regno e creare nuove opportunità di lavoro. I piani quinquennali per la diversificazione dell'economia hanno portato allo sviluppo di nuovi rami nel settore dell'industria. Le industrie annoverano, oltre ai complessi petrolchimici, impianti siderurgici, altri legati alla meccanica pesante e dei materiali per l'edilizia (cementifici). La maggior parte della popolazione attiva è occupata nel settore terziario. Consistente è anche l'apporto economico da parte dei pellegrini che visitano annualmente i luoghi Santi. Inoltre, la presenza di alcune grandi banche e soprattutto della borsa valori della capitale, hanno reso l'arabia Saudita il principale centro finanziario del Medio Oriente. Nel 2005 l Arabia Saudita è diventata membro ufficiale del WTO (World Trade Organization). Questo ha permesso l abolizione di una serie di misure di natura protezionistica, come la possibilità di investire in settori che precedentemente erano proibiti agli stranieri. Ciò rappresenta una rilevante opportunità di crescita e differenziazione per gli investimenti italiani, oggi concentrati principalmente in settori come il petrolchimico, l edilizia e l alimentare. La Saudi Arabian General Investment Authority (SAGIA) è l ente governativo incaricato di curare lo sviluppo organico degli investimenti stranieri in Arabia Saudita, oltre che sviluppare il progetto delle città economiche. Pur rimanendo modesto con una quota di circa il 2% sul totale di IDE (Investimenti Diretti Esteri) nel Regno, il volume degli investimenti diretti italiani in Arabia Saudita sta crescendo a ritmi costanti. L interscambio complessivo annuo tra Italia e Arabia Saudita si aggira attorno ai 4 miliardi di euro (dopo un picco di oltre 7 miliardi registrato nel 2008) e risente prevalentemente delle oscillazioni cicliche del prezzo del petrolio. I due paesi collaborano tramite una Commissione Mista per la Cooperazione Economica e Industriale sotto la presidenza congiunta dei Ministri degli Esteri e delle Finanze. È attivo anche il Joint Business Council. A fine 2010 ha avuto luogo una Missione di Sistema guidata congiuntamente dal Ministro degli Affari Esteri, On. Franco Frattini, e dal Ministro dello Sviluppo Economico, On. Paolo Romani, a cui hanno partecipato i vertici di Confindustria, ICE (Istituto Nazionale per il Commercio Estero), ABI, Invitalia, SACE e Simest. L ICE, in stretta collaborazione con l Ambasciata, le Camere di Commercio ed il mondo imprenditoriale, cura la promozione e la tutela degli interessi commerciali italiani nel Paese. L Ufficio Economico dell Ambasciata mantiene un continuo dialogo con i ministeri e le istituzioni economiche e commerciali locali, in particolare con SAGIA, ed opera in coordinamento con ICE e SIMEST per favorire la crescita degli investimenti e di rapporti commerciali bilaterali. 8

10 LAVORO I lavoratori stranieri in Arabia Saudita provengono prevalentemente da Bangladesh, India e Pakistan (da 1 a 1,5 milioni di persone). Dall'Egitto, Sudan e Filippine provengono circa persone e dall'indonesia. Nel 2009 l'arabia Saudita ha lanciato una nuova campagna per favorire l'impiego dei giovani sauditi nel settore privato, al fine di ridurre il numero di lavoratori stranieri nel Paese. Per quanto concerne il costo del personale, la legge saudita non fissa il salario minimo per i lavoratori e non è previsto contratto collettivo. Il salario, pagato normalmente a cadenza mensile, è dunque concordato liberamente tra le parti. Inoltre, i rapporti sono regolati dalla legge del Corano. La legge fissa a 48 ore settimanali il monte ore massimo per un dipendente, ripartite in sei giorni. È comunque prevista la ripartizione in cinque giornate lavorative o cinque e mezza. Infine, ogni dipendente ha diritto ad un minimo di 15 giorni di ferie all anno e al riposo settimanale il venerdì. Il contratto di lavoro specifica le ore lavorative giornaliere, i giorni lavorativi settimanali, i giorni festivi, le vacanze ufficiali e regolari. Gli espatriati occidentali che lavorano in Arabia Saudita sono in gran parte assunti dalla Saudi Aramco, la compagnia petrolifera nazionale, da basi militari straniere, o da società straniere impegnate nello sviluppo delle infrastrutture e altri progetti nel Regno. Ci sono anche un numero abbastanza elevato di espatriati impiegati nella sanità, istruzione, IT, telecomunicazioni e nel settore bancario. In generale, si riesce a trovare un lavoro in Arabia Saudita se si dispone di competenze specialistiche o tecniche, spesso richieste. Molti espatriati sono inviati in Arabia Saudita dai datori di lavoro già esistenti. Ottenendo un posto di lavoro in Arabia Saudita, si può beneficiare di uno stipendio tax-free relativamente elevato e di una vasta gamma di benefici e vantaggi quali l'edilizia sovvenzionata, i costi sanitari ed educativi. Tuttavia, gli stipendi sono diminuiti in termini relativi, negli ultimi anni. La maggior parte delle assegnazioni sono a tempo determinato, di solito per due o tre anni. Tutti i cittadini stranieri sono tenuti ad avere uno sponsor saudita e devono ottenere un permesso di lavoro prima di entrare nel Regno. Permessi di lavoro sono rilasciati per un massimo di due anni, ma spesso possono essere prorogati. Per essere impiegati in Arabia Saudita gli stranieri devono ottenere un visto d ingresso per lavoro, rilasciato dall Ambasciata saudita nel proprio Paese, su richiesta dell impresa saudita che intende impiegarli. Entro la data di scadenza del visto (di solito tre mesi) il datore di lavoro deve richiedere il permesso di lavoro che dà titolo al rinnovo del visto e al rilascio del permesso di soggiorno (di solito due anni). Gli impiegati presso datori di lavoro privati per avere o rinnovare il permesso di lavoro devono pagare una tassa annua equivalente a 749 dollari. Per ottenere l autorizzazione a cambiare lavoro, invece, devono pagare una tassa di 345 dollari. SICUREZZA SOCIALE E ASSISTENZA SANITARIA L'Arabia Saudita ha un ampio sistema di sicurezza sociale che prevede prestazioni di vecchiaia e invalidità per i suoi cittadini e lavoratori autonomi. Non ci sono benefici di legge per malattia e maternità, ma la legge richiede che i datori di lavoro con più di 20 dipendenti paghino le assenze per malattia ai loro dipendenti. I lavoratori stranieri sono esclusi da questo regime. La maggior parte dei datori di lavoro fornisce assicurazione sanitaria per i dipendenti espatriati. Se questa non è fornita, il costo di ospedalizzazione può essere molto elevato. Di conseguenza, i lavoratori stranieri devono essere assicurati privatamente contro le malattie. Per gli infortuni esiste invece una copertura pubblica presso il General Organization of Social Insurance (GOSI), con un onere a carico del datore di lavoro del 2% dello stipendio lordo (se al lavoratore viene garantito l alloggio, il beneficio viene convenzionalmente valutato in tre mensilità di stipendio e su tale valore convenzionale si calcolano i contributi e la liquidazione). I lavoratori sauditi hanno diritto anche ad una assicurazione sulla vecchiaia, con quote di contribuzione del 9% a carico del datore di lavoro e del 9% a carico del lavoratore. 9

11 L Inps è interessato all applicazione di norme internazionali circa la tassazione delle pensioni dei residenti all estero per evitare la doppia imposizione, l evasione o elusione fiscali. A tale scopo si redigono trattati internazionali per regolare l esercizio della propria potestà impositiva: sono possibili la tassazione concorrente o quella esclusiva in un solo stato. Per evitare la doppia imposizione fiscale, il pensionato che risiede in uno dei paesi con cui l Italia ha stipulato una specifica Convezione, nei casi espressamente previsti, può chiedere all Inps la detassazione della pensione italiana (in quanto tale reddito verrà assoggettato al regime fiscale del Paese di residenza) oppure l applicazione del trattamento fiscale più favorevole ivi indicato (es. imposizione solo in caso di superamento di determinate soglie di esenzione ed applicazione di aliquote differenti da quelle previste dalla legislazione fiscale italiana vigente). A tal fine il pensionato dovrà attestare la residenza fiscale estera alla sede Inps che gestisce la pensione, presentando apposita documentazione, vidimata dalla competente Autorità straniera. A tal fine è possibile utilizzare il modello EP/I, che può essere scaricato dal sito istituzionale dell Inps. Quindi, è possibile che un dipendente, ai fini pensionistici, chieda il riscatto degli anni trascorsi all estero in paesi non convenzionati, tra cui l Arabia Saudita. Non vi è alcun sistema pensionistico statale per i dipendenti espatriati che lavorano in Arabia Saudita, che non sono quindi tenuti a pagare alcun tipo di contributo. Di conseguenza, è importante per loro assicurarsi di essere coperti da un sistema aziendale, che continuino a pagare i contributi pensionistici nel loro Paese d'origine o che si rivolgano a compagnie saudite. DISPOSIZIONI DOGANALI La politica doganale saudita ha come scopo obiettivi religiosi, di sicurezza nazionale e socio-economici. Conseguentemente, è vietata l importazione di alcolici, carne suina e derivati, oggetti religiosi e di pornografia. È possibile importare merci che rispondano ai requisiti imposti dall Organizzazione Saudita. Le importazioni, prevalentemente di prodotti industriali, alimentari e tessili, provengono in gran parte dagli Stati Uniti, dal Giappone e dalla Germania; le esportazioni (quasi esclusivamente idrocarburi) sono dirette soprattutto verso gli Stati Uniti, il Giappone, la Corea del Sud, l'india e Singapore. A partire dal nuovo millennio, la Cina si è inserita fra i partner commerciali più importanti. Il GCC ha introdotto nell'ambito dei Paesi membri una unione doganale in base alla quale i dazi relativi agli scambi commerciali fra gli stessi sono stati ridotti da un dazio uniforme del 5% per la quasi totalità dei prodotti scambiati. Ad altri prodotti (alimentari, chimici, igenico-sanitari, materiali per uso elettrico e prefabbricati) viene applicata un aliquota tra il 12 e il 25% per proteggere la produzione locale. Sull importazione dei datteri grava un dazio del 40%, poiché il prodotto è già in sovrapproduzione. In seguito all adesione del Regno al WTO, il Governo ha intrapreso una politica di riduzione delle tariffe. Inoltre, grazie all appartenenza dell Arabia Saudita all Agreement to Facilitate Trade and Exchange and to Organize Transit between the Arab League States (accordo di libero scambio e libero transito tra i paesi della Lega Araba) sono stati soppressi i dazi doganali per i prodotti di origine GCC. Per le merci che provengono dall esterno ma che hanno già attraversato la dogana di uno dei sei Paesi GCC non è previsto il pagamento di alcuna tariffa. Il mercato saudita è aperto a tutto il mondo, eccezion fatta per Israele. Non esistono restrizioni di tipo quantitativo e l Italia è al vertice della classifica dei partner commerciali con la monarchia saudita. DIRITTO SOCIETARIO La normativa societaria varata nel 1965, emendata nel 1982 e nel 1985, prevede le seguenti forme societarie: Società in nome collettivo; 1. Società in accomandita semplice; 2. Società per azioni; è composta da 5 - o più - individui o entità; 10

12 il capitale sociale è diviso in azioni negoziabili di uguale importo. La responsabilità degli azionisti si limita alla loro partecipazione. il capitale non può essere inferiore a SR , oppure non meno di SR se le azioni vengono sottomesse alla sottoscrizione pubblica. il valore di ogni azione deve essere inferiore a SR 50 il capitale sociale versato non può essere inferiore al 50% del capitale autorizzato. L'importo pagato all'atto della sottoscrizione non può essere inferiore al 25% del totale. 3. Società a responsabilità limitata; ha un minimo di due e un massimo di cinquanta soci. il capitale è diviso in parti uguali il capitale non deve essere inferiore a SR (cinquecentomila) il capitale non può essere sottoscritto dal pubblico non può svolgere attività assicurativa o bancaria. 4. Società a capitale variabile; 5. Società cooperative; 6. Filiale di società estera; 7. Joint venture. Ogni attività industriale e commerciale deve essere registrata presso l ufficio registri del Ministero del Commercio. Solo i cittadini sauditi possono registrarsi come agenti commerciali. I partner sauditi di una società straniera e le filiali di società estere devono ottenere l autorizzazione del Comitato per gli Investimenti Esteri un mese prima della richiesta di registrazione. La forma più diffusa per lo stabilimento di un attività in Arabia Saudita è la Joint Venture. La presenza di partner locali nella misura minima del 25% si rivela infatti essenziale in virtù delle agevolazioni concesse dalla normativa locale. La joint venture può derivare da un accordo specifico, che richiede pur sempre l autorizzazione governativa, oppure dalla creazione ex-novo di una società di capitali partecipata da entrambi i soggetti. Quest ultima soluzione garantisce una presenza più stabile nel Paese qualora si preveda di effettuare investimenti a lungo termine. REGIME FISCALE In Arabia Saudita si distingue tra imposta religiosa e imposta propriamente fiscale. IMPOSTA RELIGIOSA L imposta religiosa o zakat è regolata dal Department of Zakat and Income Tax. Sono soggetti passivi le persone fisiche saudite o dei paesi del GCC che svolgono attività commerciali in Arabia Saudita; le società saudite di ogni tipo, le società possedute da cittadini degli stati del GCC che hanno attività nel Regno. Prevista dal Corano, tale imposta ha lo scopo di provvedere ad una equa redistribuzione della ricchezza, di aiutare bisognosi, poveri o indigenti, purché musulmani. L aliquota minima è pari al 2,5% del capitale al netto delle spese familiari, personali e dei debiti. Tale imposta grava obbligatoriamente sugli immobili, sul bestiame, sui prodotti della terra, su oro e argento, sulle merci destinate alla vendita. La base imponibile è composta da più elementi, i cui beni devono essere posseduti totalmente e per un periodo non inferiore ad un anno consecutivo. La base imponibile è costituita da capitale giacente sul conto corrente da almeno un anno, saldi di c/c bancario, rimanenze di magazzino, profitti realizzati in periodi precedenti di imposta e non distribuiti ai soci, profitti accantonati per essere distribuiti ai soci, profitto netto annuale, prestiti per investimenti/finanziamenti, sussidi. Inoltre, vengono considerati il valore netto degli asset fissi (deducibili in particolari casi), perdite precedenti, spese di pre-incorporazione, investimenti a breve termine, terreni. Inoltre, sono deducibili tutte quelle spese necessarie per il business e pagate nel corso dell anno, come ad esempio: paghe e stipendi, deprezzamento, tasse scolastiche, crediti inesigibili, perdite degli anni precedenti. Non rappresentano invece deduzione forniture o riserve, spese non legate all attività d impresa, fees per il Board of Directors. 11

13 IMPOSIZIONE PROPRIAMENTE FISCALE Le persone giuridiche residenti in Arabia sono soggette a imposta per i redditi ovunque prodotti. Al contrario, le persone giuridiche non residenti, quelle fisiche residenti o non residenti sono soggette solo a imposta sui redditi di fonte saudita. Ogni società, straniera e saudita, deve pagare una tassa sui profitti ottenuti nel Regno. Sono presenti differenziazioni di aliquota a seconda del settore di appartenenza; per esempio, alle società del settore petrolifero si possono applicare aliquote fisse pari all 85% o progressive dal 30 all 85% per le imprese del settore del gas naturale. Le società straniere in Arabia Saudita, indipendentemente dal tipo di società, sono soggette alla Corporate Tax calcolata sull utile netto come segue: SAR : 25% SAR : 35% SAR : 40% Oltre SAR : 45% Il reddito imponibile è calcolato partendo dai risultati di bilancio e apportando rettifiche previste ai fini fiscali (esenzione dai dazi subordinata all autorizzazione del Ministero competente per importazione di macchinari o attrezzature o per l ampliamento di impianti esistenti; gli incentivi riguardano materie prime, semilavorati, imballaggi purché assenti o limitatamente presenti nel Regno). Contratti di fornitura in base ai quali una società straniera e non residente esporta beni in Arabia Saudita non genera profitti soggetti alla tassazione saudita. Tuttavia, contratti di fornitura per i quali la stessa società fornisca anche servizi in Arabia Saudita renderebbe interamente tassabile il profitto ottenuto sia dall esportazione dei beni, sia dalla fornitura di servizi, nonostante il valore dei beni forniti possa essere normalmente dedotto come spesa. Per le persone fisiche, è tassato solo il reddito di fonte saudita e percepito da lavoro autonomo. Il reddito di lavoro dipendente non è tassato. Tuttavia, gli stranieri che ottengono proventi da partecipazioni in imprese saudite o da attività professionali, e che non sono residenti, sono tassati a tassi che vanno dal cinque per cento (per i redditi imponibili fino a SAR ) al 30% (per i redditi imponibili oltre SAR ). Non sono presenti (secondo fonti risalenti al 2009) limitazioni o restrizioni per il trasferimento di denaro sul conto corrente presso il Paese occidentale di residenza; tuttavia, per cifre superiori alle SAR potrebbero essere richiesti da parte della banca certificati di ottenimento del salario: tale processo di verifica si svolge una sola volta e al primo trasferimento viene anche richiesta la fotocopia del passaporto con timbro dello sponsor. Non sono presenti altre tasse locali, regionali, di proprietà o di altro tipo. Non sono previste imposte di bollo, imposte indirette sui consumi o sul valore aggiunto (fino al 2009), anche se è al vaglio l introduzione di una imposta del 3% per poter ridurre la tassazione delle società petrolifere, petrolchimiche e di gas naturale. È inoltre previsto il principio di libera concorrenza. La tassazione di interessi, dividendi distribuiti e pagamento di royalties non origina ritenute nel caso di soggetti residenti; ai soggetti non residenti, invece, si applica una ritenuta del 5% (15% per le royalties). In dipendenza di corrispettivi connessi a prestazioni effettuate sui servizi tecnici e per quelli inerenti alle consulenze dovute a società non residenti, è prevista la ritenuta con aliquota pari al 5%. I compensi pagati per servizi di gestione dovuti a soggetti non residenti sono sottoposte a una ritenuta nella misura del 20%. Sui pagamenti effettuati nei confronti di soggetti non residenti per alcuni specifici servizi che sono stati resi è prevista la ritenuta del 15% (withholding tax). A fini fiscali possono prevalere eventuali e più favorevoli disposizioni in seguito ad accordi convenzionali stipulati con altri stati. Inoltre, il Regno saudita ha stipulato trattati contro la doppia imposizione con Austria, Cina, Corea del Sud, India, Pakistan, Gran Bretagna, Irlanda, Sudafrica e Italia. 12

QUADRO MACROECONOMICO

QUADRO MACROECONOMICO IMPORTARE IN QATAR Forma istituzionale: Monarchia costituzionale Capo dello Stato: Emiro S.A. Sceicco Tamim bin Hamad Al Thani (dal 2013) Capitale : Doha Superficie : 11.521 km2 Popolazione : 300.000 popolazione

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y QATAR DISCIPLINA IMPORT EXPORT IN QATAR di Avv. Francesco Misuraca Regole dell import-export in Qatar Licenza d importazione, iscrizione nel Registro Importatori, altre regole La legge doganale del Qatar,

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y QATAR DIRITTO DEL LAVORO IN QATAR di Avv. Francesco Misuraca Disciplina del lavoro in Qatar Attualmente non esiste il ministero del lavoro in Qatar il quale è stato sciolto con decreto dell emiro del 16

Dettagli

Arabia Saudita. Informazioni Generali Superficie 2.173.000 di km2. Capitale Riyadh (2.7 milioni di abitanti)

Arabia Saudita. Informazioni Generali Superficie 2.173.000 di km2. Capitale Riyadh (2.7 milioni di abitanti) Arabia Saudita Informazioni Generali Superficie 2.173.000 di km2 Capitale Riyadh (2.7 milioni di abitanti) Altre cittŕ principali Mecca (966.000 ab.) Jeddah (2 milioni ab.) Medina (608.000 ab.) Popolazione

Dettagli

Libia : opportunità settore industriale per le Imprese Italiane. Consulenza strategica all impresa

Libia : opportunità settore industriale per le Imprese Italiane. Consulenza strategica all impresa Libia : opportunità settore industriale per le Imprese Italiane PREMESSA L economia italiana attraversa una fase di acuta recessione. Conseguentemente, le attività industriali produttive, eccetto quelle

Dettagli

Gruppo SACE - Country Risk Map

Gruppo SACE - Country Risk Map BAHRAIN Capitale Manama Popolazione (milioni) 1,17 42/100 41/100 52/100 PIL nominale (miliardi USD PPP) 34,96 Mancato pagamento controparte sovrana Esproprio e violazioni contrattuali Mancato pagamento

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PER I VIAGGIATORI (Aggiornamento al 25 settembre 2007)

SCHEDA INFORMATIVA PER I VIAGGIATORI (Aggiornamento al 25 settembre 2007) SCHEDA INFORMATIVA PER I VIAGGIATORI (Aggiornamento al 25 settembre 2007) PAESE: ARABIA SAUDITA Capitale: RIYADH Popolazione: 22.540.000 Superficie: 2.240.000 km2 Fuso orario: + 2 rispetto all'italia;

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PER I VIAGGIATORI (Aggiornamento 11 dicembre 2007)

SCHEDA INFORMATIVA PER I VIAGGIATORI (Aggiornamento 11 dicembre 2007) SCHEDA INFORMATIVA PER I VIAGGIATORI (Aggiornamento 11 dicembre 2007) PAESE: ARABIA SAUDITA Capitale: RIYADH Popolazione: 22.540.000 Superficie: 2.240.000 km2 Fuso orario: + 2 rispetto all'italia; +1 quando

Dettagli

A Ovest, il Canale di Suez, il Mar Rosso e il Golfo di Aden; A Est, le montagne sugli orli degli altipiani iranico e afgano.

A Ovest, il Canale di Suez, il Mar Rosso e il Golfo di Aden; A Est, le montagne sugli orli degli altipiani iranico e afgano. IL MEDIO ORIENTE Medio Oriente è una denominazione convenzionale, di origine francese, che viene data all Asia occidentale, a quella parte compresa tra l Africa e l India. I suoi confini sono: A Nord il

Dettagli

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO Nel corso dell ultimo anno, il sistema economico ceco ha dimostrato, nonostante il rallentamento economico globale ed europeo, di poter

Dettagli

PAESE GIORDANIA. LE DOMANDE PIU' FREQUENTI (FAQ).

PAESE GIORDANIA. LE DOMANDE PIU' FREQUENTI (FAQ). PAESE GIORDANIA. LE DOMANDE PIU' FREQUENTI (FAQ). 1. Quante sono le ore di fuso orario? 2. Qual e la valuta? 3. Sono accettati i Traveller Cheque e le carte di credito? 4. Per entrare nel Paese ho bisogno

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PER I VIAGGIATORI (Aggiornata al 25.08.2006)

SCHEDA INFORMATIVA PER I VIAGGIATORI (Aggiornata al 25.08.2006) PAESE: HAITI SCHEDA INFORMATIVA PER I VIAGGIATORI (Aggiornata al 25.08.2006) Lingua ufficiale: francese. Lingua veicolare il creolo. La lingua inglese è diffusa. Religione: l 80% della popolazione è cattolica,

Dettagli

Quadro legislativo, normativa societaria e free zones

Quadro legislativo, normativa societaria e free zones Quadro legislativo, normativa societaria e free zones SEZIONE I. Normativa Societaria Le forme societarie riconosciute negli EAU Le filiali e gli uffici di rappresentanza Le licenze necessarie SEZIONE

Dettagli

Istituto nazionale per il Commercio Estero AFFARI E COMMERCIO CON GLI EMIRATI ARABI UNITI

Istituto nazionale per il Commercio Estero AFFARI E COMMERCIO CON GLI EMIRATI ARABI UNITI Istituto nazionale per il Commercio Estero AFFARI E COMMERCIO CON GLI EMIRATI ARABI UNITI I. COSTITUIRE UN IMPRESA NEGLI EMIRATI ARABI UNITI. Prima del 1984, ogni Emirato, Dubai, Abu Dhabi, Sharjah, Ajman,

Dettagli

Regime Tributario. I redditi sono suddivisi in categorie che sono determinate in base alle fonti di ricchezza corrispondenti.

Regime Tributario. I redditi sono suddivisi in categorie che sono determinate in base alle fonti di ricchezza corrispondenti. Regime Tributario I redditi sono suddivisi in categorie che sono determinate in base alle fonti di ricchezza corrispondenti. L'ordinamento tributario prevede un imposta unica sui redditi per individui

Dettagli

NOTE DI APPROFONDIMENTO

NOTE DI APPROFONDIMENTO Fondazione Manlio Masi Osservatorio nazionale per l internazionalizzazione e gli scambi NOTE DI APPROFONDIMENTO Nota 2 Le materie prime energetiche nel commercio estero italiano (Aprile 2006) 1 LE MATERIE

Dettagli

Operare con l estero: opportunità di business negli Emirati Arabi Uniti. Torino, 14 ottobre 2005 Centro Congressi Torino Incontra Sala Giolitti

Operare con l estero: opportunità di business negli Emirati Arabi Uniti. Torino, 14 ottobre 2005 Centro Congressi Torino Incontra Sala Giolitti Operare con l estero: opportunità di business negli Emirati Arabi Uniti Torino, 14 ottobre 2005 Centro Congressi Torino Incontra Sala Giolitti Opportunita di Business negli Emirati Arabi Uniti Visione

Dettagli

EMIRATI ARABI UNITI. Vicenza, 2 ottobre 2007. Dove sono:

EMIRATI ARABI UNITI. Vicenza, 2 ottobre 2007. Dove sono: EMIRATI ARABI UNITI Vicenza, 2 ottobre 2007 Dove sono: 1 Chi sono: Forma istituzionale: Confederazione di 7 Emirati costituita il 2 dicembre 1971 Abu Dhabi Dubai Sharjah Ajman Ras al Khaimah Fujairah Umm

Dettagli

COME SI ENTRA COME SI ENTRA NELL AREA SCHENGEN COME SI ENTRA IN ITALIA IL VISTO CASO PER CASO LA DOMANDA DEL VISTO LA FRONTIERA

COME SI ENTRA COME SI ENTRA NELL AREA SCHENGEN COME SI ENTRA IN ITALIA IL VISTO CASO PER CASO LA DOMANDA DEL VISTO LA FRONTIERA COME SI ENTRA 1. COME SI ENTRA NELL AREA SCHENGEN 2. COME SI ENTRA IN ITALIA 3. IL VISTO 4. CASO PER CASO LA DOMANDA DEL VISTO 5. LA FRONTIERA COME SI ENTRA (1) Gli accordi puntano a realizzare uno spazio

Dettagli

SIENA SINTESI MANOVRA MONTI INDICE

SIENA SINTESI MANOVRA MONTI INDICE SIENA SINTESI MANOVRA MONTI INDICE 1. MONETA ELETTRONICA PER LE PENSIONI 2. LIBRETTI DI DEPOSITO AL PORTATORE BANCARI O POSTALI 3. I.S.E.E. 4. DETRAZIONI RISTRUTTURAZIONI ED INTERVENTI PER RIQUALIFICAZIONE

Dettagli

PAESE: OMAN. I. Analisi del contesto sociale ed economico di riferimento. Quadro degli indici economici, demografici e sociali

PAESE: OMAN. I. Analisi del contesto sociale ed economico di riferimento. Quadro degli indici economici, demografici e sociali PAESE: OMAN I. Analisi del contesto sociale ed economico di riferimento I.A. Quadro degli indici economici, demografici e sociali Pil Tasso di crescita: + 5.1% (in termini reali), 2008. Fonte: Ministero

Dettagli

EASY BUSINESS LLC INVESTIRE IN OMAN

EASY BUSINESS LLC INVESTIRE IN OMAN EASY BUSINESS LLC INVESTIRE IN OMAN FOCUS OMAN - Torino, 12 giugno 2013 1 OMAN una grande opportunità per le aziende italiane 2 9 ottimi motivi per fare business in Oman 3 1. Oman, una realtà strategica

Dettagli

L Irpef. L imposta sul reddito delle persone fisiche Le addizionali locali Il pagamento delle pensioni STAMPA

L Irpef. L imposta sul reddito delle persone fisiche Le addizionali locali Il pagamento delle pensioni STAMPA L Irpef L imposta sul reddito delle persone fisiche Le addizionali locali Il pagamento delle pensioni STAMPA L imposta sul reddito delle persone fisiche 360 Dopo la legge 289/2002 e la legge 311/2004,

Dettagli

Emirati Arabi Uniti - 1 - Informazioni Generali Superficie 83.600 Kmq

Emirati Arabi Uniti - 1 - Informazioni Generali Superficie 83.600 Kmq Emirati Arabi Uniti Informazioni Generali Superficie 83.600 Kmq Popolazione (stima 2007) 5.300.000 abitanti. Solo il 20% circa della popolazione è composta da cittadini degli Emirati, il resto è composto

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PER VISITATORI TEMPORANEI Aggiornata al 10 agosto 2007

SCHEDA INFORMATIVA PER VISITATORI TEMPORANEI Aggiornata al 10 agosto 2007 Paese: TOGO SCHEDA INFORMATIVA PER VISITATORI TEMPORANEI Aggiornata al 10 agosto 2007 Capitale: LOME' Popolazione: 5.300.000 Superficie: 56.000 km2 Fuso orario: -1h rispetto all'italia; -2h quando in Italia

Dettagli

Allegato 2. Appendice

Allegato 2. Appendice Allegato 2 Appendice Le informazioni riportate di seguito sono riferite alla normativa vigente in materia di ISEE (decreto legislativo n. 109/1998 e successive modifiche). 1. Documenti necessari per ISEE

Dettagli

Edizione n. 7-10/01/2007

Edizione n. 7-10/01/2007 Edizione n. 7-10/01/2007 1. Flash Romania e Bulgaria nell Unione europea: liberalizzato di fatto l accesso al lavoro Finanziaria 2007: sanatoria bonus bebè 2. Edizione speciale Lungoresidenti Il permesso

Dettagli

Overview Vantaggi del paese Romania:

Overview Vantaggi del paese Romania: Overview Vantaggi del paese Romania: Mercato e posizione geografica Risorse umane e del territorio Politici ed economici (membro NATO ed UE; fondi strutturali, fiscalità, costo del lavoro, ecc.) Rapporti

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PER I VIAGGIATORI (Aggiornata 13 novembre 2008)

SCHEDA INFORMATIVA PER I VIAGGIATORI (Aggiornata 13 novembre 2008) SCHEDA INFORMATIVA PER I VIAGGIATORI (Aggiornata 13 novembre 2008) Paese: EMIRATI ARABI UNITI Capitale: ABU DHABI Popolazione: 5 milioni circa Superficie: 83.600 km2 Fuso orario: + 2 ore rispetto all Italia

Dettagli

Laboratorio UniMondo - Simone Zocca

Laboratorio UniMondo - Simone Zocca Laboratorio UniMondo - Simone Zocca Classe 1 A Liceo Nazione: Romania La Romania è un paese dell est europeo, confinante con Bulgaria, Ucraina, Ungheria e Moldavia, ma anche con il Mar Nero. La sua capitale

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (I.S.E.E.) Articolo 1 Oggetto del regolamento

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (I.S.E.E.) Articolo 1 Oggetto del regolamento ALLEGATO A REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (I.S.E.E.) Articolo 1 Oggetto del regolamento 1. Il presente Regolamento, adottato ai sensi del D.Lgs. 31

Dettagli

Comune di Cento REGOLAMENTO SUI CRITERI APPLICATIVI DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (I.S.E.E.)

Comune di Cento REGOLAMENTO SUI CRITERI APPLICATIVI DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (I.S.E.E.) Comune di Cento REGOLAMENTO SUI CRITERI APPLICATIVI DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (I.S.E.E.) Art. 1 Oggetto del regolamento 1.Il presente regolamento è lo strumento per la disciplina

Dettagli

Business Retail Turchia

Business Retail Turchia Business Retail Turchia Overview Macro-Economica Milano, 28 marzo 2014 Turchia: i momenti chiave della storia di una nazione Fin dal 2500 a.c. l Anatolia è territorio diviso fra popolazioni di origini

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 4.9.2014 C(2014) 6141 final ANNEXES 1 to 4 ALLEGATI della decisione di esecuzione della Commissione che stabilisce l elenco dei documenti giustificativi che i richiedenti

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL MODELLO 730/2013

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL MODELLO 730/2013 Marco Ansaldi - Antonella Bolla CONSULENZA FISCALE E DEL LAVORO SEGUICI SU www.marcoansaldicommercialista.it www.antonellabolla.it 12.03.2013 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL MODELLO 730/2013 IL MODELLO 730/2013

Dettagli

COLLETTIVA ITALIANA alla FIERA INTERNAZIONALE di BAGHDAD. INCONTRI D AFFARI in IRAQ (Erbil e Baghdad)

COLLETTIVA ITALIANA alla FIERA INTERNAZIONALE di BAGHDAD. INCONTRI D AFFARI in IRAQ (Erbil e Baghdad) COLLETTIVA ITALIANA alla FIERA INTERNAZIONALE di BAGHDAD INCONTRI D AFFARI in IRAQ (Erbil e Baghdad) 30 ottobre 5 novembre 2015 ( Adesione entro il 9 ottobre 2015 ) La Camera di Commercio Italo-Araba C.C.I.A.

Dettagli

petrolio Penisola Araba, non solo

petrolio Penisola Araba, non solo Arabia Saudita ed Emirati, opportunità per la meccanica nel Golfo. Ingenti introiti petroliferi, crescita demografica e investimenti per diversificare l economia, due Paesi dalle grandi prospettive. Un

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE REGOLAMENTO COMUNALE PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE Art. 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento è diretto ad individuare le

Dettagli

Il Consorzio Qatar-Italia.

Il Consorzio Qatar-Italia. Il Consorzio Qatar-Italia. Strumento privilegiato per cogliere le opportunità di investimento in Qatar. Preparato da: ABC International SpA Aprile/Maggio 2007 1 Il Qatar: una realtà in via di formazione

Dettagli

I TRE MONDI DELL ALTO MEDIOEVO

I TRE MONDI DELL ALTO MEDIOEVO 1 1. I tre mondi dell alto medioevo I TRE MONDI DELL ALTO MEDIOEVO INTRODUZIONE. MEDIOEVO SIGNIFICA ETÀ DI MEZZO, CIOÈ IN MEZZO TRA L ETÀ ANTICA E L ETÀ MODERNA ( MEDIO = MEZZO; EVO = ETÀ). IL MEDIOEVO

Dettagli

Lingua ufficiale. Shaykh Khalifa bin Zayed Al Nahayan Ingresso nell'onu 9 dicembre 1971. Popolazione totale 9.346.000. PIL pro capite 43 774 $

Lingua ufficiale. Shaykh Khalifa bin Zayed Al Nahayan Ingresso nell'onu 9 dicembre 1971. Popolazione totale 9.346.000. PIL pro capite 43 774 $ EMIRATI ARABI UNITI Lingua ufficiale Capitale Presidente Arabo Abu Dhabi Shaykh Khalifa bin Zayed Al Nahayan Ingresso nell'onu 9 dicembre 1971 Superficie totale 82.880 km² Popolazione totale 9.346.000

Dettagli

ECONOMIA DEL MARE - BLUE ECONOMY

ECONOMIA DEL MARE - BLUE ECONOMY Camera Italiana di Commercio e Industria di Santa Catarina (Organo riconosciuto dal Governo Italiano Decreto Mise29/7/2009) Tel.: +55 48 3027 2710 www.brasileitalia.com.br ECONOMIA DEL MARE - BLUE ECONOMY

Dettagli

Global Village 2013/2014 DUBAI (UAE) PADIGLIONE ITALIANO

Global Village 2013/2014 DUBAI (UAE) PADIGLIONE ITALIANO Global Village 2013/2014 DUBAI (UAE) PADIGLIONE ITALIANO Bab Marrakech Exhibition Organizing & Conference. Tel: 00971-4- 3713422. Fax: 00971-4- 371330. E- mail: info@italydubai.com. website: www.italydubai.com.

Dettagli

INFORMAZIONI SULL ISIS

INFORMAZIONI SULL ISIS INFORMAZIONI SULL ISIS Brevi linee di storia da Maometto all ISIS 1 2 3 L ISIS OGGI 4 IL MEDIO ORIENTE Superficie Italia kmq. 300.000 Superficie Iraq kmq. 430.000 Superficie Iran kmq. 1.640.000 Superficie

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (REGOLAMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE IN DATA 30.10.2012 CON DELIBERAZIONE N. 60/121562) INDICE Art. 1 Oggetto..pag. 3 Art. 2 Abitazione

Dettagli

OPPORTUNITÀ ECONOMICHE IN AZERBAIGIAN

OPPORTUNITÀ ECONOMICHE IN AZERBAIGIAN OPPORTUNITÀ ECONOMICHE IN AZERBAIGIAN Treviso, 7 giugno 2013 AMBASCIATA DELLA REPUBBLICA DELL AZERBAIGIAN IN ITALIA FATTI SALIENTI Data di fondazione 28 maggio 1918 Indipendenza 18 ottobre 1991 Relazioni

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CAPEZZONE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CAPEZZONE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2397 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CAPEZZONE Riforma della disciplina delle tasse automobilistiche e altre disposizioni concernenti

Dettagli

FOCUS ON. Iran: sanzioni, export italiano e prospettive. A cura dell Ufficio Studi Economici ABSTRACT

FOCUS ON. Iran: sanzioni, export italiano e prospettive. A cura dell Ufficio Studi Economici ABSTRACT FOCUS ON Iran: sanzioni, export italiano e prospettive A cura dell Ufficio Studi Economici ABSTRACT Le sanzioni applicate a partire dal 2006 all Iran da Stati Uniti, ONU e Unione Europea (UE) hanno avuto

Dettagli

Il commercio internazionale. I vantaggi del libero scambio

Il commercio internazionale. I vantaggi del libero scambio Il commercio I vantaggi del libero scambio Gli argomenti pro e contro il libero scambio Elementi di storia delle relazioni commerciali dagli anni trenta ad oggi I diversi tipi di accordi commerciali Vi

Dettagli

Ambasciata di Turchia Ufficio Commerciale. Fare Affari con la Turchia : Prospettive Economiche, Clima Commerciale, Opportunità di investimento

Ambasciata di Turchia Ufficio Commerciale. Fare Affari con la Turchia : Prospettive Economiche, Clima Commerciale, Opportunità di investimento Ambasciata di Turchia Ufficio Commerciale Fare Affari con la Turchia : Prospettive Economiche, Clima Commerciale, Opportunità di investimento Roma, 29 aprile 2015 1 Sviluppi Economici Investimenti Diretti

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ART. 3 DLGS 109/98) ARTICOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ART. 3 DLGS 109/98) ARTICOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO COMUNE DI CASTEL D ARIO Provincia di Mantova REGOLAMENTO ATTUATIVO DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ISEE) REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA

Dettagli

MALDIVE IN ALL INCLUSIVE

MALDIVE IN ALL INCLUSIVE MALDIVE IN ALL INCLUSIVE 10 Giorni 7 Notti - Validità dal 01/01/2015 al 28/12/2015 Viaggio su misura per due persone in camera doppia ITINERARIO DI VIAGGIO PRIMO GIORNO PARTENZA DALL'ITALIA SECONDO GIORNO

Dettagli

Gli Organismi di Previdenza Complementare

Gli Organismi di Previdenza Complementare Gli Organismi di Previdenza Complementare Gli organismi di previdenza complementare, o fondi pensione, sono stati introdotti nell ordinamento italiano attraverso le disposizioni del Decreto legislativo

Dettagli

Dubai NOTIZIE UTILI. BAMBINI Si prega osservare scrupolosamente le norme di legge italiane in merito ai documenti di espatrio per minori.

Dubai NOTIZIE UTILI. BAMBINI Si prega osservare scrupolosamente le norme di legge italiane in merito ai documenti di espatrio per minori. Dubai NOTIZIE UTILI DOCUMENTI DI ESPATRIO E VISTI E indispensabile essere in possesso del passaporto individuale in corso di validità con scadenza non inferiore a sei mesi dalla data di partenza. Per i

Dettagli

1 gennaio 2012: il nuovo regime di tassazione delle rendite finanziarie e le implicazioni per i prodotti di risparmio gestito

1 gennaio 2012: il nuovo regime di tassazione delle rendite finanziarie e le implicazioni per i prodotti di risparmio gestito Q&A 1 gennaio 2012: il nuovo regime di tassazione delle rendite finanziarie e le implicazioni per i prodotti di risparmio gestito Dicembre 2011 La nuova normativa Il prossimo 1 gennaio 2012 entreranno

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y CINA TASSAZIONE DEI LAVORATORI STRANIERI PRESENTI IN CINA di Avv. Francesco Misuraca Criteri di tassazione dei lavoratori stranieri presenti in Cina La normativa generale cinese, che va comparata con le

Dettagli

Fare affari in Messico

Fare affari in Messico Fare affari in Messico Crescono gli investimenti italiani in Messico che è l'ottavo Paese al mondo per attrazione di Investimenti Diretti Esteri. L Ambasciata d Italia di Città del Messico, l Ufficio ICE

Dettagli

Emirati Arabi Uniti. Informazioni Generali Superficie 83.600 Km2. Capitale Abu Dhabi (670.125 abitanti)

Emirati Arabi Uniti. Informazioni Generali Superficie 83.600 Km2. Capitale Abu Dhabi (670.125 abitanti) Emirati Arabi Uniti Informazioni Generali Superficie 83.600 Km2 Capitale Abu Dhabi (670.125 abitanti) Altre città principali Dubai (772.104 ab.) Sharjah (382.722 ab.) Ras al Khaimah (110.470 ab.) Ajman

Dettagli

GUIDA PER DOCENTI STRANIERI OSPITI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA

GUIDA PER DOCENTI STRANIERI OSPITI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA GUIDA PER DOCENTI STRANIERI OSPITI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA Mappa della Citta e sedi Universitarie 1 Richiesta di Visti 2 Permessi di soggiorno ed eventuali rinnovi 3 Richiesta di codice

Dettagli

Il sistema fiscale austriaco

Il sistema fiscale austriaco Il sistema fiscale austriaco 1. Introduzione 2. Imposte sul reddito delle società 3. Imposte sul reddito delle persone 4. Imposte sul reddito dei non residenti 5. Altre imposte di rilievo 6. Calcolo della

Dettagli

STATI UNITI D'AMERICA

STATI UNITI D'AMERICA STATI UNITI D'AMERICA Negli Stati Uniti d America, la potestà impositiva fiscale si articola su tre livelli: federale, statale, e municipale Principali trattati sottoscritti con l Italia Convenzione contro

Dettagli

Incarichi professionali, collaborazioni, lavoro subordinato e volontariato: regime dei compensi e dei rimborsi spese

Incarichi professionali, collaborazioni, lavoro subordinato e volontariato: regime dei compensi e dei rimborsi spese Incarichi professionali, collaborazioni, subordinato e volontariato: regime dei compensi e dei rimborsi Tipologia del Lavoro autonomo abituale Esercizio di arti e professioni 1 (art. 5, DPR 633/72) Reddito

Dettagli

Istituto nazionale per il Commercio Estero. Nota Congiunturale URUGUAY

Istituto nazionale per il Commercio Estero. Nota Congiunturale URUGUAY Istituto nazionale per il Commercio Estero Nota Congiunturale URUGUAY Maggio 2011 L'economia uruguaiana, nel 2010, ha registrato una significativa crescita del PIL dell 8,5% rispetto al 2009 e, nel primo

Dettagli

c ntr t o r ll l a l ta t d al l G o G ve v rn r o I t I a t li l ano

c ntr t o r ll l a l ta t d al l G o G ve v rn r o I t I a t li l ano Strumenti agevolati a supporto dello sviluppo industriale italiano in Tunisia Stefano ZOLETTO Studio Progetti d Impresa S.r.l. 1 SIMEST- L.100/90 E la finanziaria di sviluppo e promozione delle imprese

Dettagli

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro 2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro Nel 2004 (dopo 3 anni di crescita stagnante dovuta principalmente agli effetti degli attacchi terroristici dell 11 settembre e all

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA REPUBBLICA CECA LA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA DI SICUREZZA SOCIALE

CONVENZIONE TRA LA REPUBBLICA CECA LA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA DI SICUREZZA SOCIALE CONVENZIONE TRA LA REPUBBLICA CECA E LA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA DI SICUREZZA SOCIALE La Repubblica Ceca e La Repubblica Italiana animate dal desiderio di regolare i rapporti tra i due Stati in materia

Dettagli

LIBANO PARCO VETTURE NEL

LIBANO PARCO VETTURE NEL LIBANO PARCO VETTURE NEL 29 Febbraio 211 Dati aggiornati il 1 febbraio 211: - le nuove auto vendute nel 21 (pag. 5) - l interscambio Libano/Mondo 21 (pag. 5-6) Nel 29, il numero delle auto private circolante

Dettagli

EMIRATI ARABI UNITI. Stefano Cruciani (matr. 40215) Michele Monachesi (matr. 38586) Alessandro Tommasi (matr. 40117)

EMIRATI ARABI UNITI. Stefano Cruciani (matr. 40215) Michele Monachesi (matr. 38586) Alessandro Tommasi (matr. 40117) EMIRATI ARABI UNITI Stefano Cruciani (matr. 40215) Michele Monachesi (matr. 38586) Alessandro Tommasi (matr. 40117) 1 LA NAZIONE Superficie: 83.600 kmq Popolazione: 6 milioni (stima 2009, 19% locali, 50%

Dettagli

COMUNICAZIONI DELLA CONFEDERAZIONE AGLI ENTI ASSOCIATI INFORMAZIONI AMMINISTRATIVE ED APPROFONDIMENTI INDICE

COMUNICAZIONI DELLA CONFEDERAZIONE AGLI ENTI ASSOCIATI INFORMAZIONI AMMINISTRATIVE ED APPROFONDIMENTI INDICE COMUNICAZIONI DELLA CONFEDERAZIONE AGLI ENTI ASSOCIATI 45/2010 AGLI ENTI ASSOCIATI INFORMAZIONI AMMINISTRATIVE ED APPROFONDIMENTI INDICE La corretta contabilizzazione in bilancio delle spese relativa a

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 3.9.2014 C(2014) 6146 final ANNEXES 1 to 3 ALLEGATI della decisione di esecuzione della COMMISSIONE che stabilisce l'elenco dei documenti giustificativi che i richiedenti

Dettagli

Il settore alimentare negli Emirati Arabi Uniti.

Il settore alimentare negli Emirati Arabi Uniti. Il settore alimentare negli Emirati Arabi Uniti. Gli Emirati Arabi Uniti sono la seconda popolazione piu numerosa tra le economie dei Paesi del Golfo, e seguono l Arabia Saudita. Si stima che la popolazione

Dettagli

Quindici anni di turismo internazionale dell'italia (1997-2011) Andrea Alivernini, Emanuele Breda ed Eva Iannario. Roma 22 giugno 2012

Quindici anni di turismo internazionale dell'italia (1997-2011) Andrea Alivernini, Emanuele Breda ed Eva Iannario. Roma 22 giugno 2012 Quindici anni di turismo internazionale dell'italia (1997-2011) Andrea Alivernini, Emanuele Breda ed Eva Iannario Roma 22 giugno 2012 Arrivi e spesa per viaggi internazionali nel mondo (milioni di viaggiatori

Dettagli

Documenti necessari per ISEE Per il calcolo dell ISEE è indispensabile presentarsi ai CAAF con i seguenti documenti Dati del dichiarante

Documenti necessari per ISEE Per il calcolo dell ISEE è indispensabile presentarsi ai CAAF con i seguenti documenti Dati del dichiarante APPENDICE Documenti necessari per ISEE Per il calcolo dell ISEE è indispensabile presentarsi ai CAAF con i seguenti documenti Dati del dichiarante Dati anagrafici del dichiarante Documento di identità

Dettagli

Guardare all Europa oggi è possibile...

Guardare all Europa oggi è possibile... Guardare all Europa oggi è possibile... anche per una piccola e media impresa www.itam-bg.com Itam è una società fondata in Bulgaria per offrire servizi di assistenza amministrativa e logistica per nuove

Dettagli

LA TASSAZIONE DELLE IMPRESE STRANIERE

LA TASSAZIONE DELLE IMPRESE STRANIERE LA TASSAZIONE DELLE IMPRESE STRANIERE Le principali imposte e tasse che gravano sulle imprese straniere sono: La Corporate Income Tax - CIT; La Value Added Tax - VAT, corrispondente all IVA italiana);

Dettagli

Produzione e reddito

Produzione e reddito Corso di Economia italiana AA 2013-2014 Prima parte Produzione e reddito Prof. Silvia Nenci silvia.nenci@uniroma3.it Produzione e prodotto interno lordo, PIL Prodotto interno lordo di una nazione (PIL)

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE (I.S.E.E.)

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE (I.S.E.E.) Comune di Longare REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE (I.S.E.E.) Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 4 del 09.02.2007 IL SEGRETARIO COMUNALE Sardone

Dettagli

LE COOPERATIVE SOCIALI. Dott. Raffaele MARCELLO

LE COOPERATIVE SOCIALI. Dott. Raffaele MARCELLO LE COOPERATIVE SOCIALI Dott. Raffaele MARCELLO Diretta 19 ottobre 2009 DEFINIZIONE DI COOPERATIVA SOCIALE Le cooperative sociali rappresentano, nell ordinamento italiano un soggetto sui generis, caratterizzato

Dettagli

Intervista con il Sig. Agron Hoxha, Direttore delle pubbliche relazioni presso il Comitato della Comunità Islamica (12 giugno 2012) 1

Intervista con il Sig. Agron Hoxha, Direttore delle pubbliche relazioni presso il Comitato della Comunità Islamica (12 giugno 2012) 1 Intervista con il Sig. Agron Hoxha, Direttore delle pubbliche relazioni presso il Comitato della Comunità Islamica (12 giugno 2012) 1 Il Sig. Agron Hoxha, direttore delle pubbliche relazioni. Domanda:

Dettagli

Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS

Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS La fine della Seconda Guerra Mondiale aprì un periodo di gravi problemi economici, politici e sociali. Gli unici che uscirono economicamente rafforzati dalla

Dettagli

I Paesi del bacino del Mediterraneo

I Paesi del bacino del Mediterraneo I Paesi del bacino del Mediterraneo Presenta: Rodolfo Cortellini Istituto nazionale per il Commercio Estero 1 I Paesi del bacino del Mediterraneo Algeria Egitto Israele Giordania Libano Libia Marocco Siria

Dettagli

1. RISCHIO PAESE 1.1 Situazione politica 1.1.1 Politica interna 1.1.2 Relazioni internazionali 1.1.3 Contesto geopolitico e geoeconomico 1.2 Situazione economico-finanziaria 1.3 Profilo commerciale 1.4

Dettagli

Start up innovativa. 6. La remunerazione con strumenti finanziari della start up innovativa e dell incubatore certificato

Start up innovativa. 6. La remunerazione con strumenti finanziari della start up innovativa e dell incubatore certificato Start up innovativa di Leonardo Serra Con il termine start up innovativa, si definisce la società di capitali, costituita anche in forma cooperativa, di diritto italiano ovvero la società europea residente

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/31 35. Informazioni sui valori contabili contenuti in differenti classificazioni di rimanenze e l ammontare delle variazioni in queste voci di attività è utile per gli utilizzatori del bilancio.

Dettagli

Gli aspetti fiscali e societari nelle varie strategie di internazionalizzazione sul mercato turco

Gli aspetti fiscali e societari nelle varie strategie di internazionalizzazione sul mercato turco di internazionalizzazione sul mercato turco International Accounting and Tax Consultancy FORUM UNICREDIT INTERNATIONAL TURCHIA 20 Giugno 2014 Palazzo Ciacchi Via Cattaneo, 34 PESARO Giacomo Luccisano g.luccisano@diacron.eu

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y SINGAPORE NORMATIVA FISCALE A SINGAPORE di Avv. Francesco Misuraca Tassazione delle società a Singapore Le società registrate a Singapore (Private Limited Companies, Sole Proprietorships e Partnerships)

Dettagli

REDDITI DI IMPRESA (considerazioni generali ed alcuni casi specifici) -DOTT. FABIO RAPELLI

REDDITI DI IMPRESA (considerazioni generali ed alcuni casi specifici) -DOTT. FABIO RAPELLI REDDITI DI IMPRESA (considerazioni generali ed alcuni casi specifici) -DOTT. FABIO RAPELLI 1 CAMPO DI APPLICAZIONE Esercizio di attività commerciali (art. 2195 c.c.): - attività industriale diretta alla

Dettagli

EUROPA ECONOMIA. 1. Parole per capire VOLUME 3 CAPITOLO 15. Alla fine del capitolo dovrai sapere queste parole: produttori... idrocarburi...

EUROPA ECONOMIA. 1. Parole per capire VOLUME 3 CAPITOLO 15. Alla fine del capitolo dovrai sapere queste parole: produttori... idrocarburi... VOLUME 3 CAPITOLO 15 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE EUROPA ECONOMIA 1. Parole per capire Alla fine del capitolo dovrai sapere queste parole: produttori...... idrocarburi...... città d arte...... siti

Dettagli

COMUNE DI ACQUANEGRA CREMONESE Provincia di CREMONA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONE SOCIALI AGEVOLATE

COMUNE DI ACQUANEGRA CREMONESE Provincia di CREMONA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONE SOCIALI AGEVOLATE . COMUNE DI ACQUANEGRA CREMONESE Provincia di CREMONA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONE SOCIALI AGEVOLATE Allegato alla deliberazione di C.C. n.14 del 26/03/2002 INDICE Regolamento Art. 1

Dettagli

AVCONEWS. Il Portogallo è la nuova moda

AVCONEWS. Il Portogallo è la nuova moda AVCONEWS b a r c e l l o n a l i s b o n a m a d r i d m i l a n o i s ta n b u l v i g o Certo, non stiamo ancora vivendo una nuova età d oro ma possiamo dire d esserci allontanati dal momento peggiore.

Dettagli

Il turismo a Bologna nel 2013. Aprile 2013

Il turismo a Bologna nel 2013. Aprile 2013 Il turismo a Bologna nel 213 Aprile 213 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione: Paola Ventura Le elaborazioni sono state effettuate sui

Dettagli

LA DISCIPLINA DEGLI INVESTIMENTI IN LIBIA

LA DISCIPLINA DEGLI INVESTIMENTI IN LIBIA LA DISCIPLINA DEGLI INVESTIMENTI IN LIBIA 1. La situazione politica attuale In seguito alla caduta del regime di Gheddafi, si sono tenute in Libia le votazioni (luglio 2012) che hanno portato all elezione

Dettagli

A.C. 2576. Ratifica dell'accordo tra Italia e Giappone sulla previdenza sociale

A.C. 2576. Ratifica dell'accordo tra Italia e Giappone sulla previdenza sociale A.C. 2576 Ratifica dell'accordo tra Italia e Giappone sulla previdenza sociale N. 166 11 dicembre 2014 Camera dei deputati XVII LEGISLATURA Verifica delle quantificazioni A.C. 2576 Ratifica dell'accordo

Dettagli

Costituzione di società a partecipazione straniera

Costituzione di società a partecipazione straniera INVESTIMENTI IN TUNISIA Normativa riguardante gli investimenti esteri Il Codice degli Investimenti del 21 dicembre 1993 (legge n 93-120), rappresenta uno degli strumenti base su cui la Tunisia punta per

Dettagli

LA COMUNITÀ FILIPPINA IN ITALIA

LA COMUNITÀ FILIPPINA IN ITALIA Direzione Generale Dell immigrazione e Delle Politiche Di integrazione LA COMUNITÀ FILIPPINA IN ITALIA Abstract del Rapporto annuale sulla presenza degli immigrati - 2014 Rapporto annuale sulla presenza

Dettagli

Conti economici nazionali

Conti economici nazionali Conti economici nazionali Definizioni correnti Ammortamento Rappresenta la perdita di valore subita dai capitali fissi (macchinari, impianti, mezzi di trasporto, etc.) nel corso dell anno a causa dell

Dettagli

Comune di San Lorenzo in Campo

Comune di San Lorenzo in Campo Comune di San Lorenzo in Campo BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI PER L AFFITTO PER L ANNO 2015 LEGGE 431/1998 Art. 11 IL RESPONSABILE SERVIZI SOCIALI Rende noto VISTA la Legge 9 dicembre 1998 n. 431,

Dettagli