4 CRITICITÀ E PRIORITÀ PER L ASSISTENZA E L ORGANIZZAZIONE SANITARIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "4 CRITICITÀ E PRIORITÀ PER L ASSISTENZA E L ORGANIZZAZIONE SANITARIA"

Transcript

1 4 CRITICITÀ E PRIORITÀ PER L ASSISTENZA E L ORGANIZZAZIONE SANITARIA 4.1 Salute e sanità: un modello per identificare i determinanti della salute nell assistenza e nell organizzazione sanitaria Il modello concettuale utilizzato nel paragrafo 3.1 per spiegare il ruolo dei determinanti della salute riserva all assistenza sanitaria un ruolo importante nella modificazione della storia naturale della malattia, in termini di miglioramento della sopravvivenza, della funzionalità residua e dell autosufficienza e in termini di qualità della vita. Quale sia il contributo relativo dell assistenza sanitaria nello spiegare il miglioramento della speranza di vita in Piemonte non è facile da disarticolare da quello della prevenzione. In Piemonte la mortalità totale, standardizzata per età, è migliorata tra il 1980 e il 2000 in media del 33% in entrambi i generi. Ma la mortalità per le malattie ischemiche del cuore, la patologia più rilevante per frequenza e gravità agli inizi degli anni Ottanta, è diminuita del 46% tra gli uomini e del 49% tra le donne. Come argomentato al paragrafo 2.4, questa diminuzione del rischio di mortalità è merito per metà della diminuzione di incidenza legata alla prevenzione sulle condizioni e gli stili di vita (in effetti su un versante più ampio, quello delle cause di mortalità correlate al fumo, il miglioramento è stato di una dimensione comparabile, circa il 33% tra gli uomini); e per metà al miglioramento di sopravvivenza dovuto ai brillanti risultati nell assistenza cardiologica (dalla tempestività di accesso nell emergenza alla rete di unità coronariche). In questo caso si può apprezzare come il servizio sanitario regionale abbia dato un contributo significativo al miglioramento degli esiti di salute nella popolazione. Nel caso dei tumori, che pur presentano ancora un andamento di incidenza crescente, si è già visto che il dato di mortalità decrescente segnala un consistente e continuo miglioramento della sopravvivenza (paragrafo 2.4), che può essere correlato alla combinazione di effetto dell anticipazione diagnostica e dell aumentata efficacia dei trattamenti. Basterebbero questi due esempi per dimostrare la rilevanza dell assistenza sanitaria nel modificare significativamente gli esiti di malattia e per giustificare l attenzione della relazione sullo stato di salute non solo alla prevenzione dei problemi di salute, ma anche al loro trattamento, anche se sarebbe opportuno uno sforzo di ricerca più sistematico per valutare l impatto sulla salute dell assistenza sanitaria. In questo contesto la relazione ha quindi il compito di identificare quelle criticità nell organizzazione e nell erogazione dell assistenza sanitaria che possono minacciare gli esiti di salute, anche alla luce degli elementi di contesto che sono stati esaminati in introduzione. Le principali dimensioni dell assistenza che verranno esaminate sono da un lato quelle che riguardano l uso dei servizi (assistenza ospedaliera, specialistica e territoriale) e la loro relazione con il bisogno e con l offerta; dall altro lato quelle che riguardano i principali determinanti della qualità dell assistenza, cioè la sua appropriatezza e la continuità. In entrambi i casi l analisi si concentrerà sulla ricerca di variazioni geografiche, sociali e temporali, che segnalino criticità particolari nella distribuzione dell assistenza e della sua qualità, sulla base dei dati disponibili. In questo campo l atlante sanitario regionale su base comunale, in fase avanzata di realizzazione (Tabella 1.1), ha consentito di analizzare le caratteristiche del bisogno, della domanda e dell offerta di assistenza sanitaria, in particolare quella ospedaliera e quella specialistica ambulatoriale. Purtroppo non esistono informazioni di analiticità paragonabile per l assistenza territoriale. Inoltre tutte queste fonti informative sono relative alla popolazione che esprime al servizio sanitario (pubblico o privato accreditato) una domanda di assistenza, mentre non coprono i bisogni di popolazione non espressi o soddisfatti in sede privata non accreditata. Per questo scopo esiste una indagine campionaria di popolazione condotta ogni cinque anni dall ISTAT in collaborazione col Ministero della Salute e le Regioni, che per il Piemonte intervista un campione di circa persone per misurare lo stato di salute percepito, gli stili di vita, nonché l uso dei servizi; purtroppo l ultima edizione dell indagine utilizzabile per questa relazione sanitaria è quella del 2000, mentre i dati validati di quella del 2005 saranno disponibili solo dopo l estate

2 Le implicazioni per le politiche di questa parte introduttiva riguardano da un lato la necessità di moltiplicare gli sforzi scientifici per stimare con maggiore analiticità il ruolo dell assistenza sanitaria nel migliorare gli indicatori di salute della popolazione per poter definire target quantitativi della programmazione sanitaria; dall altro la necessità di colmare alcune gravi lacune conoscitive che riguardano il settore dell assistenza territoriale e quello dell area del bisogno non espresso, lacune che risultano particolarmente critiche per il governo del sistema. 4.2 L uso dei servizi sanitari nella popolazione piemontese Indicazioni sull uso dei servizi sanitari da parte della popolazione piemontese possono essere ricavate dall indagine sulle condizioni di salute dell ISTAT (Tabella 1.1), che raccoglie una estesa quantità di informazioni su molteplici aspetti delle condizioni di salute e dei suoi determinanti sanitari e non sanitari. L indagine viene svolta con cadenza quinquennale su un campione rappresentativo della popolazione italiana e consente l analisi anche a livello di area vasta sub-regionale. Tra le informazioni rilevate sono presenti numerose caratteristiche socio-demografiche della popolazione, la frequenza e l intensità di utilizzo dei servizi sanitari (ricoveri, assistenza specialistica ambulatoriale, farmaci, visite mediche specialistiche, assistenza territoriale). Al fine di sintetizzare la mole informativa è stato ricavato un indice aggregato di ricorso ai servizi sanitari, che cumula, per ogni individuo del campione, la frequenza di utilizzo delle diverse forme assistenziali opportunamente pesate secondo il valore economico di ciascun livello di assistenza. L indice è stato quindi categorizzato in 4 livelli, che rappresentano fasce di progressiva intensità di uso (nessuno, basso, medio, alto). Un primo nucleo di indicazioni di interesse provengono dall analisi delle differenze nella prevalenza di utilizzo dei servizi (standardizzate per età) per area geografica e livello socio-economico. Le donne presentano una quota marcatamente più elevata di intense consumatrici di servizi sanitari rispetto agli uomini (28,2% rispetto a 20,8%). Le differenze territoriali nel ricorso all assistenza sanitaria (Tabella 4.1) risultano piuttosto forti evidenziando pattern geografici subregionali ben caratterizzati. Nel quadrante nord-orientale (province di Novara, Vercelli, Verbania, Biella) si osserva la quota di soggetti più elevata (in percentuale) con uso alto di servizi sanitari sia tra gli uomini (24,9; 95%IC 14,3-35,6) che tra le donne (30,7; 95%IC 20,4-41,1). Se per gli uomini teniamo conto anche del quadrante sud-orientale in cui i valori risultano solo lievemente più bassi si disegna una partizione netta della Regione in 2 subaree, caratterizzate da alto utilizzo (quadrante orientale e settentrionale) e da basso utilizzo (quadranti di Torino e Cuneo). Tra le donne invece la geografia appare più frastagliata. La maggiore frequenza di soggetti che non hanno fatto ricorso all assistenza sanitaria si trova invece nel quadrante della Provincia di Torino, sia per gli uomini (22,4 95%IC 15,1-29,6) che per le donne (14,9; 95%IC 9,4-20,4). L analisi stratificata per dimensione comunale evidenzia invece una maggiore frequenza di utilizzatori intensi di servizi nei comuni di medie dimensioni ( abitanti). Differenze si osservano anche per livello socio-economico: particolarmente interessante l analisi per livello di istruzione, in cui si osserva una prevalenza di alto uso di servizi più elevata tra le fasce di popolazione più scolarizzate (21,4; 95%IC 11,4-31) tra gli uomini, mentre tra le donne la prevalenza più elevata si osserva per la fascia meno scolarizzata (33,4; 95%IC 21,5-45,2). Differenze tra i generi si osservano per la classe sociale, in quanto tra gli uomini gli operai e la classe impiegatizia fanno osservare prevalenze di utilizzo più elevate, mentre tra le donne la classe borghese è quella che fa un uso più intenso dei servizi. Se si scompongono tra loro i diversi livelli di assistenza, risulta evidente che le persone di bassa posizione sociale consumano di più l assistenza medico generica e l assistenza ospedaliera, conformemente alla loro maggiore prevalenza di problemi di salute, mentre utilizzano di meno l assistenza specialistica. 86

3 Ovviamente è importante interpretare le differenze nei sottogruppi di popolazione tenendo conto anche dello stato di salute della popolazione, in quanto principale determinante dell uso di servizi sanitari. A questo fine sono stati costruiti modelli statistici per studiare le differenze nell uso a parità di età e stato di salute percepito. I risultati evidenziano un utilizzo dei servizi crescente con il peggioramento dello stato di salute e con l aumentare del livello di istruzione, in entrambi i generi. L indicazione programmatoria più importante che emerge da queste osservazioni risiede nell evidenza di fasce di popolazione che, a parità di stato di salute (misurato attraverso i dati rilevati nel corso dell indagine stessa), fanno un uso diversamente intenso dell assistenza sanitaria. L edizione dell Indagine sulle condizioni di salute del 2005 è in fase di completamento e nei prossimi mesi consentirà di monitorare l evoluzione del fenomeno nel corso degli ultimi 5 anni. Tabella 4.1 Frequenza di ricorso ai servizi in Piemonte secondo il quadrante, nell Indagine Istat sullo stato di salute e il ricorso ai servizi, Uomini nessuna bassa media alta Osservati IC inf TS IC sup Osservati IC inf TS IC sup Osservati IC inf TS IC sup Osservati IC inf TS IC sup TO-Comune ,3 15,5 21, ,0 42,8 53, ,6 22,1 33, ,9 19,5 29,1 TO-Provincia ,1 22,4 29, ,6 34,1 42, ,3 23,7 32, ,8 19,9 27,9 CUNEO ,6 22,0 33, ,2 38,2 52, ,1 21,4 32, ,0 18,4 29,8 AT, AL ,5 18,4 28, ,2 35,8 48, ,9 24,3 35, ,1 21,5 32,9 NO, VC, BI, VB ,5 15,4 23, ,2 35,6 47, ,5 24,0 33, ,3 24,9 35,6 PIEMONTE ,2 19,0 22, ,9 36,9 41, ,7 23,1 27, ,3 20,8 25,3 Donne nessuna bassa media alta Osservati IC inf TS IC sup Osservati IC inf TS IC sup Osservati IC inf TS IC sup Osservati IC inf TS IC sup TO-Comune ,6 11,7 17, ,0 30,0 39, ,3 31,4 43, ,2 26,9 37,6 TO-Provincia ,4 14,9 20, ,3 28,1 36, ,9 29,5 38, ,0 27,5 35,9 CUNEO ,9 11,3 18, ,0 33,2 46, ,0 26,3 38, ,1 29,2 42,3 AT, AL ,0 9,7 16, ,4 32,8 45, ,1 31,9 44, ,4 25,5 36,7 NO, VC, BI, VB ,8 9,2 14, ,4 36,3 47, ,3 23,8 33, ,4 30,7 41,1 PIEMONTE ,0 11,8 14, ,1 31,7 36, ,6 28,3 32, ,6 28,2 32,9 Se la tendenza all eterogeneità geografica e sociale osservata nel 2000 venisse confermata nel 2005, la principale implicazione per le politiche è la necessità di interventi finalizzati alla valutazione dell appropriatezza dell assistenza sanitaria per fasce sociali e nella macroarea orientale e settentrionale della Regione. 4.3 Criticità e priorità nell uso dell assistenza ospedaliera e dell assistenza specialistica L utilizzo integrato dei sistemi informativi sanitari e di dati provenienti da indagini campionarie ad hoc permette di tracciare un profilo delle principali caratteristiche del sistema sanitario piemontese e delle criticità nell uso dei servizi sanitari. In particolare l indagine sulle condizioni di salute dell ISTAT, grazie alla ricchezza dell apparato informativo, si è rivelata strumento utile per descrivere le caratteristiche dell uso di servizi sanitari nella popolazione piemontese. L atlante sanitario regionale su base comunale, in fase avanzata di realizzazione, consente di analizzare le caratteristiche del bisogno, della domanda e dell offerta di assistenza sanitaria, in particolare di quella ospedaliera e specialistica ambulatoriale ( ). Fra i numerosi aspetti indagati, sembrano emergere alcune criticità di particolare rilievo, che consentono di derivare indicazioni per la programmazione sanitaria. 87

4 4.3.1 La geografia dell ospedalizzazione per acuti L ospedalizzazione cosiddetta per acuti nella Regione Piemonte (Figura 4.1) mostra una marcata eterogeneità geografica statisticamente significativa sia per i ricoveri in regime ordinario, sia per i ricoveri effettuati in day-hospital. Nel confronto fra i bienni 1997/98 e 2003/04 la struttura geografica rimane sostanzialmente costante e l intensità delle differenze tende a ridursi in misura molto lieve. Alcune caratteristiche del ricorso al ricovero per acuti risultano assumere particolare rilevanza. Nelle fasce orientali e settentrionali della Regione (Alessandrino, Novarese, Vercellese e VCO) si osserva un eccesso di ospedalizzazione ordinaria rispetto alle rimanenti aree del Piemonte. Figura 4.1. Ospedalizzazione per comune di residenza ; rischi relativi bayesiani Un forte sottoutilizzo del day-hospital è evidente nella fascia montana sud-occidentale e nordoccidentale, mentre l area montana centrale (Val di Susa e valli minori adiacenti) presenta valori più vicini a quelli di Torino e provincia (Figura Figura 4.3). Figura 4.2. Ospedalizzazione in DH per comune di residenza; rischi relativi bayesiani Figura 4.3. Ospedalizzazione in DH per zona altimetrica. Tassi standardizzati per età Le aree in cui si osservano valori più elevati di ospedalizzazione per ricoveri ordinari, risultano caratterizzate, in media, da ricoveri con pesi (coeff.-1,36; p<0,01), spese medie (coeff.-0,61; p<0,01) e giornate medie di degenza (coeff.-0,30; p<0,01) inferiori rispetto alla media regionale. Queste aree sembrano quindi essere caratterizzate da livelli di complessità nella casistica trattata inferiori rispetto alla media (Figura 4.4). 88

5 Figura 4.4. Peso medio dei ricoveri per comune di residenza; rischi relativi bayesiani L eterogeneità geografica osservata a livello macroscopico, si evidenzia anche per alcune procedure chirurgiche quali, ad esempio, l endoprotesi d anca per gli anziani con più di 75 anni, con aree di sovrautilizzo concentrate nelle valli nord-occidentali, nel Novarese, nell Alessandrino e nel Verbano- Cusio-Ossola e l angioplastica (in rapporto ai soggetti ricoverati per infarto miocardico acuto), per cui si osserva un sovrautilizzo nelle aree del Torinese e del Cuneese per il primo biennio e nella fascia centrale della Regione nel Novarese nel secondo biennio (Figura 4.5). Figura 4.5. Ospedalizzazione per comune di residenza; rischi relativi bayesiani Endoprotesi d anca (eta>75 anni) Angioplastica coronarica in soggetti ricoverati per infarto miocardico acuto Ulteriori analisi hanno messo in evidenza livelli piuttosto bassi di variabilità spiegata dal bisogno di salute nell uso di procedure chirurgiche, fatto che potrebbe essere correlato sia con la distribuzione dell inappropriatezza di uso delle procedure (sia in eccesso sia in difetto) sia con l influenza degli squilibri nella distribuzione dell offerta. Nel campo cardiovascolare, ad esempio, solo il 21% della variabilità nell uso di angioplastica e il 13% del bypass aorto-coronarico è spiegato dall occorrenza di infarti acuti del miocardio (Figura 4.6). Anche i tassi di ospedalizzazione per cause oncologiche mostrano una discreta variabilità tra le ASL, ma con una tendenza temporale ad una riduzione. Inoltre la relazione tra fabbisogno stimato di assistenza oncologica (casi incidenti) e livello di attività assistenziale erogata (giornate di ricovero per residente) è negli ultimi anni più associata che non in passato (1). 89

6 Figura 4.6. Correlazione tra ricoveri per Infarto miocardico acuto, angioplastica coronarica e By pass per comune di residenza Angioplastica By pass 7, ,5 5, ,5 4 3,5 3 2,5 2 y = 0,471x +2,5513 R 2 = 0,215 y = 0,4309x +2,1982 R 2 = 0, ,5 4 4,5 5 5,5 6 6,5 7 7,5 8 tasso std infarto (log) , ,5 5, ,5 4 3,5 3 2,5 2 y = 0,4216x +2,1589 R 2 = 0,1379 y = 0,3914x +2,366 R 2 = 0, ,5 4 4,5 5 5,5 6 6,5 7 7,5 8 tasso std infarto (log) Negli ultimi anni si osserva anche un incremento dei ricoveri brevi ordinari di 2 o 3 giorni in tutte le ASL (in media pari al 3,3%), che, se da una parte può essere spiegato da un aumento nei livelli di efficienza, dall altra lascia ipotizzare una quota di domanda di Day Hospital non soddisfatta, nonostante il ricorso a questa forma di ospedalizzazione sia in costante aumento (Figura 4.7). Figura 4.7. Ospedalizzazione per ricoveri brevi per comune di residenza ; rischi relativi bayesiani Si evidenzia anche un andamento crescente, a partire dal 1997, nel ricorso all ospedalizzazione privata accreditata, che riguarda, seppur con intensità diverse, tutte le aree del Piemonte. Il fenomeno è particolarmente evidente nelle aree orientali della Regione, in cui, di fronte a valori piuttosto modesti osservati nel 1997, si verifica un incremento molto marcato e continuo, che giunge ai picchi regionali di ricorso alle strutture private (10% dei ricoveri acuti, 14% se si considera anche i privati non accreditati). L analisi del fenomeno deve essere effettuata congiuntamente all osservazione della crescente mobilità passiva extra-regionale per valutare la quota di utilizzo potenzialmente sottratta al ricovero fuori regione e i livelli di appropriatezza nelle prestazioni erogate. Nel settore della assistenza psichiatrica i dati degli studi PROGRES (2, 3) sulle strutture residenziali e di ricovero indicano tassi di turnover e dimissione dalle strutture residenziali molto bassi, che contrastano con le finalità riabilitative di tali strutture e con le rette che assorbono a tali scopi; si rende quindi necessario il potenziamento della qualità dei servizi offerti dal privato sociale ed imprenditoriale, con criteri di appropriatezza non solo strutturali. 90

7 Figura 4.8. Ricorso agli erogatori privati 14,00 12,00 10,00 8,00 6,00 4,00 2,00 0, to città to provincia nord sud est La mobilità passiva da parte dei residenti nella Regione Piemonte, dopo un incremento progressivo protrattosi fino al 2001, ha iniziato lentamente a decrescere (nel 2004 il 7,8% dei ricoveri di residenti è avvenuto al di fuori della Regione contro l 8,1% nel 2001), seppur con intensità e trend temporali eterogenei fra quadranti sanitari. Nel quadrante orientale si osservano valori decrescenti di mobilità passiva verso tutte le Regioni, anche se quest area continua a rimanere caratterizzata da valori molto elevati (13,7%). Il quadrante settentrionale è caratterizzato da valori di mobilità molto elevata (15,6%), con crescente ricorso all ospedalizzazione nella Regione Lombardia (2.315 ricoveri per abitanti nel 2004). Nei rimanenti quadranti (Torino città, Torino Provincia e sud del Piemonte) i valori risultano molto più contenuti (circa il 4%), anche se si osserva una crescente quota di ricoveri nella Regione Lombardia. La mobilità interna alla Regione risulta anche molto marcata, e stabile nel tempo: la quota di ricoveri di residenti che avviene al di fuori del quadrante di residenza oscilla tra il 15% e il 20%. La quota di migrazione fuori regione per motivi oncologici, soprattutto dalle aree di confine con Liguria e Lombardia, è rimasta stabile nel tempo (1). Figura 4.9. Mobilità fuori regione nei ricoveri % to città to provincia nord sud est 91

8 Questo profilo geografico e temporale dell ospedalizzazione per acuti segnala alcune implicazioni per le politiche di programmazione ospedaliera. Si evidenzia una priorità nella riduzione dell eterogeneità geografica nell intensità, nell appropriatezza, nell offerta e nell efficienza dell assistenza sanitaria. Particolare rilevanza dovrà rivestire l introduzione di indicatori di bisogno di salute che consentano di discriminare e quantificare le differenze di ospedalizzazione che non sono spiegabili in termini di bisogno. Questa operazione dovrebbe essere condotta per tutte le procedure che hanno un maggiore impatto sulla salute e sui costi, in modo da introdurre quelle correzioni sulla distribuzione dell offerta o sulla appropriatezza che sono necessarie per ridurre tale eterogeneità. In qualche caso l eterogeneità geografica sembra indicare difficoltà di accesso alle prestazioni appropriate, in particolare in Day Hospital e nelle aree della fascia montana, difficoltà che dovrebbero esser contrastate con appropriate misure di programmazione dell offerta. Questa forte eterogeneità geografica suggerisce anche di accompagnare il processo di accreditamento delle strutture sanitarie, soprattutto nel privato, con valutazioni di appropriatezza nell assistenza erogata, in particolare nel campo della salute mentale. La spiccata e stabile tendenza all ospedalizzazione fuori regione dovrebbe essere studiata più approfonditamente per capire a quali bisogni di salute corrisponda, quanto sia risultato di un marketing dalle regioni confinanti, e se sia opportuno correggerla con politiche di adeguamento dell offerta di assistenza appropriata o se non sia da collocare nel contesto di quel concetto di aree vaste o di poli socio-economici transregionali, di cui parla il documento strategico regionale attraverso i quali bisognerebbe trovare adeguate formule di programmazione interregionale La geografia dell offerta di assistenza ospedaliera e le relazioni tra uso e offerta La distribuzione geografica comunale dei posti letto per ricoveri acuti mostra, come noto, una rappresentazione puntiforme che rispecchia la presenza di strutture ospedaliere nei Comuni, con tassi più elevati in corrispondenza dei grandi centri urbani. 59 Comuni avevano nel 2003 almeno un posto letto per ricoveri acuti. Le criticità più rilevanti vengono fornite dall analisi dell accesso all assistenza effettuata mediante l utilizzo delle distanze dai punti di assistenza (Figura 4.12). I centri di pronto soccorso risultano molto diffusi sul territorio; solo la fascia montana sud-occidentale evidenzia potenziali problemi di accesso ai centri più vicini. Il DEA di II livello è presente nei quattro grandi poli ospedalieri (Torino, Cuneo, Alessandria e Novara) di attrazione per la casistica più complessa corrispondenti alle aree in cui sono ubicate le grandi aziende ospedaliere regionali. L area del VCO sembra essere penalizzata da una eccessiva distanza dal punto di accesso al DEA di II livello di riferimento (Novara). E possibile descrivere l offerta in modo multidimensionale mediante il ricorso a un indicatore composito che tiene conto congiuntamente della capacità di posti letto in relazione alla distanza fra Comune di ubicazione e di residenza. Utilizzando questa prospettiva la città di Torino sembra rappresentare l unico epicentro gravitazionale per l assistenza ospedaliera regionale, come risultante di concentrazione della quota più elevata di strutture complesse e di distanza media più bassa per l accesso al ricovero da parte della popolazione regionale. Ulteriori spunti critici provengono dall analisi delle relazioni tra domanda e offerta di assistenza ospedaliera. Circa il 20% della variabilità complessiva nell ospedalizzazione regionale è spiegato dalla presenza di posti letto (Figura 4.10). Questo valore può essere considerato il riferimento medio regionale per la quantificazione dell induzione dell offerta sulla domanda. Pressoché tutta la relazione è spiegata dai ricoveri in regime medico. Sembra quindi che il ruolo esercitato dall offerta sull ospedalizzazione riguardi i 92

9 ricoveri meno complessi, dei quali i ricoveri inappropriati rappresentano una quota. Peraltro l attrazione dell offerta viene esercitata prevalentemente sui residenti nell area. Figura Correlazione tra ricoveri e posti letto 9,6 drg medici drg chir tassi std di ospedalizzazione (log) 9,4 y = 0,0309x + 8,9708 R 2 = 0,2004 9,2 9 y = 0,0055x + 8,955 R 2 = 0,0183 8,8 8,6 8,4 8, posti letto (x 1000) 10 La distanza non sembra svolgere alcun ruolo nella spiegazione della variabilità dell ospedalizzazione in emergenza; mentre spiega parte della variabilità di uso di alcune procedure chirurgiche, quali, ad esempio, l endoprotesi d anca (R 2 =0,12), e l endoarterectomia carotidea (R 2 =0,06). Un ulteriore dimensione dell offerta legata all ospedalizzazione riguarda la tendenza all indirizzamento al ricovero da parte dei medici di medicina generale (MMG). Pur essendo la quantificazione di questo fenomeno fortemente limitata dalla disponibilità di flussi informativi sull attività prescrittiva dei MMG, si può osservare, su una categoria di ricoveri ad elevato rischio di inappropriatezza, quali i ricoveri per diabete senza complicanze, una relazione lineare positiva (coeff. 0,15; p<0,05) tra tassi di ospedalizzazione e tassi di presenza di MMG. Figura Correlazione tra ricoveri per diabete e MMG tassi std di ricovero per diabete (log 7,1 7 6,9 6,8 6,7 6,6 6,5 y = 0,1502x + 6,545 R 2 = 0,1833 0,7 0,9 1,1 1,3 1,5 1,7 1,9 2,1 2,3 medici di base (x 1000 ab >14 anni) Figura Distanza dal più vicino ospedale di alta complessità minuti di percorrenza. 93

10 Infine la spesa complessiva per ospedalizzazione acuta è aumentata del 30% dal biennio 1997/98 al biennio 2002/03. L incremento riguarda tutte le fasce di età, ma in particolare si concentra nelle fasce di età La spesa complessiva risulta più elevata nella fascia di età 45-64, mentre la spesa media, che nel biennio 1997/98 risulta più elevata nella classe 75-84, si sposta nell ultimo biennio nella fascia di età anni. Il fenomeno assume maggiore rilevanza se si tiene conto del fatto che risulta omogeneamente distribuito in tutti i quadranti regionali. Si può quindi ipotizzare che i ricoveri a maggiore complessità si vadano spostando verso fasce di età meno anziane. Un ulteriore indizio in questa direzione proviene dall analisi per tipo di DRG, che mostra come lo spostamento della spesa media più elevata nella fascia sia concentrato nei DRG chirurgici, e non riguardi invece l ospedalizzazione per DRG medici. Questo è un fenomeno di difficile interpretazione, che richiede una più approfondita valutazione del cambiamento dei bisogni di salute della fascia di età anni in un periodo di tempo così breve. Questa geografia dell offerta e del modo con cui offerta e domanda si incontrano suggerisce alcune implicazioni per le politiche. Si dovrebbe valutare l opportunità di adeguare l offerta per emergenza nell area sudoccidentale del Piemonte; e quella per emergenza ad elevata complessità nell area settentrionale. Sarebbe utile valutare i potenziali benefici di un adeguamento dell offerta che crei un ulteriore polo di attrazione regionale oltre a quello della città di Torino, anche con la finalità di ridurre la mobilità passiva dell area orientale, nel caso non venga considerata un area vasta transregionale. Le aree che presentano la più forte induzione dell offerta sulla domanda dovrebbero essere oggetto di una revisione dell offerta che sia più commisurata alla distribuzione dei bisogni di salute della popolazione. Nelle stesse aree occorrerebbe studiare più a fondo il ruolo di indirizzamento al ricovero da parte dei Medici di Medicina Generale per valutare le possibilità di miglioramento dell appropriatezza nella prescrizione e il potenziale ruolo delle lungodegenze o il rafforzamento dei servizi territoriali o dei servizi quali gli ambulatori infermieristici per evitare i ricoveri (4) Rimane da spiegare l aumento del costo dei ricoveri nella fascia anziana più giovane Il ruolo dell offerta nell uso di assistenza specialistica Nel 2003 sono state erogate in Piemonte oltre di prestazioni di assistenza specialistica ambulatoriale con un consumo medio pro-capite di circa 12 prestazioni, valore che si colloca al di sopra del valore medio nazionale. L intensità di utilizzo di assistenza specialistica ambulatoriale sembra risentire fortemente della densità di offerta. In effetti la rappresentazione cartografica di uso e offerta (Figura 4.13) mostra mappe che risultano sostanzialmente sovrapponibili. L offerta risulta caratterizzata da una quota elevata di strutture monospecialistiche (circa il 20%, mentre il 35% erogano prestazioni in 2 discipline), che si distribuiscono in modo frammentario nel territorio regionale. A Torino si concentra il 20% delle strutture ambulatoriali, che presentano un offerta più composita, poichè il numero medio di discipline risulta superiore rispetto alla media regionale. 94

11 Figura 4.13 Ricorso all assistenza specialistica ambulatoriale (rischi relativi bayesiani ) e offerta Uso specialistica Offerta specialistica Sul versante della domanda i residenti nei comuni dove è ubicata l offerta consumano il 25% delle prestazioni complessive regionali, mentre la quota di popolazione ubicata in tali comuni si attesta intorno al 20%. Anche per il pronto soccorso le aree in cui si osservano i picchi di utilizzo sono quelle che gravitano attorno alla localizzazione degli ospedali con pronto soccorso. Si può quindi ipotizzare che il pronto soccorso venga utilizzato in parte quale modalità di accesso alle prestazioni specialistiche. Sembra quindi evidenziarsi un ruolo del pronto soccorso quale modalità alternativa di accesso all assistenza specialistica ambulatoriale (Figura 4.14) Figura Prestazioni specialistiche di pronto soccorso Le prestazioni di radioterapia, erogate quasi totalmente in regime ambulatoriale, presentano un utilizzo piuttosto disomogeneo tra le ASL regionali, con una variazione nel tasso standardizzato di utilizzo per 1000 abitanti da 1,8 a 3,1. In particolare emerge uno svantaggio di circa il 15-20% nel ricorso alla radioterapia a parità di bisogno per i residenti nelle ASL prive di servizi (1). Anche nel caso dell assistenza specialistica queste osservazioni offrono alcuni spunti per le politiche di programmazione sanitaria. Bisogna superare la frammentarietà dell offerta di assistenza specialistica ambulatoriale attraverso il potenziamento di strutture polispecialistiche in grado di incrementare il livello di presa in carico del paziente. Occorre introdurre indicazioni di appropriatezza nell uso dell assistenza specialistica ambulatoriale. 95

12 4.4 L analisi del fabbisogno di assistenza I paragrafi seguenti forniscono un contributo alla analisi del fabbisogno di assistenza per i principali macro-livelli di assistenza, traendo spunto dall analisi congiunta del modo con cui si incontrano bisogno, domanda e offerta di assistenza nella nostra regione L esperienza internazionale di analisi del fabbisogno L equità di accesso ai trattamenti efficaci in relazione alla distribuzione dei bisogni di salute rappresenta l obiettivo principale di un sistema sanitario a carattere universalistico e il criterio per la definizione di formule allocative delle risorse. I meccanismi di finanziamento del servizio sanitario pubblico presentano grande variabilità tra i paesi occidentali, e, in Italia, nel tempo e tra le regioni. E tuttavia consolidata l opinione che l allocazione delle risorse sanitarie debba essere effettuata in relazione al fabbisogno di assistenza delle comunità, strettamente legato allo stato di salute della popolazione. La soluzione operativa più frequentemente utilizzata, soprattutto nei paesi occidentali con sistemi sanitari basati sul prelievo fiscale, ipotizza che il fabbisogno di servizi sanitari possa essere approssimato con l uso dei servizi, che può essere a sua volta misurato in termini di volumi di prestazioni, di giornate di degenza (nel caso dell assistenza ospedaliera) o di costi (standard o stimati). Ovviamente, la domanda di servizi sanitari si discosta dal bisogno reale di assistenza da un lato per la possibilità che intervengano fattori limitanti l accesso alle cure e, dall altro, dalla possibilità di inappropriatezza nell utilizzo. Quindi, per controllare gli effetti che bisogno e offerta producono sull uso di servizi, vengono attivati meccanismi di needs adjustment, che, nelle esperienze più avanzate, consistono nella costruzione di modelli statistici multivariati nei quali l uso dei servizi viene considerato come variabile di esito e indicatori di bisogno e offerta quali covariate. I coefficienti dei modelli possono essere quindi utilizzati per derivare pesi da applicare ai sottogruppi di popolazione identificati dalle covariate del modello finalizzati al calcolo di quote capitarie. Il bisogno può essere misurato mediante una molteplicità di indicatori: - la mortalità, come indicatore diretto di bisogno; - l età, in quanto principale determinante indiretto di ricorso ai servizi sanitari (è ovvia la relazione tra invecchiamento, stato di salute e consumo di servizi sanitari); - la condizione socioeconomica della popolazione, che esercita un effetto indipendente indiretto nell intensità della domanda di assistenza sanitaria. Le fasce più deprivate di popolazione tendono a presentare condizioni di salute peggiori e quindi, in assenza di fattori legati all accesso ai servizi, a consumare quote maggiori di assistenza sanitaria. Il titolo di studio, il reddito e l occupazione esplorano dimensioni almeno in parte indipendenti delle condizioni socioeconomiche, mentre altri aspetti della deprivazione materiale (caratteristiche abitative, ecc.) e delle reti sociali (persone sole, capitale sociale, ecc.), ricavabili principalmente dai dati censuari, possono costituire potenziali fattori di interesse. Bisogna inoltre considerare il ruolo esercitato dall offerta, che condiziona l uso dei servizi ( domanda indotta dall offerta ), attraverso: - la tendenza ad un uso maggiore dei servizi laddove la disponibilità e la facilità di accesso risultano più elevate; - all effetto di induzione dovuto alla natura percepita della disponibilità di offerta (ad es. un medico di base può decidere di indirizzare un paziente verso una prestazione sanitaria sulla base della percezione relativa al tempo di attesa per quella prestazione). In uno studio piemontese di analisi dei determinanti del fabbisogno (5) è stata messa in relazione la variabilità comunale nei principali macrolivelli di assistenza (ricoveri, specialistica, farmaci) con la variabilità negli indicatori di bisogno e di offerta. Al fine di ridurre l eterogeneità geografica nella grandezza dei comuni le informazioni che si riferiscono alla città di Torino sono state considerate aggregate a livello di quartiere. Le analisi sono state quindi condotte su unità statistiche di analisi (1.206 Comuni e 23 quartieri di Torino). L uso dei macrolivelli di assistenza è stato misurato attraverso tassi grezzi per Comune di residenza relativi al Come indicatore di bisogno diretto è stato utilizzato il tasso grezzo di mortalità per tutte le cause (2001). 96

13 L età e un insieme di indicatori di livello socioeconomico sono stati utilizzati come indicatori di bisogno indiretto e ricavati dal Censimento della Popolazione Gli indicatori di offerta sono stati selezionati per cogliere le dimensioni della densità e dell accesso ai servizi. Per quanto riguarda la densità si è fatto ricorso al concetto di punto di offerta, che, per l assistenza ospedaliera, è stato rappresentato dalla struttura di ricovero (n. ospedali per ab.); mentre, per l assistenza specialistica, a causa della maggiore frammentarietà ed eterogeneità nella dislocazione delle strutture nel territorio, come punto di offerta è stata considerata la singola disciplina. Lo stesso indicatore è stato utilizzato per l assistenza farmaceutica (n. discipline per ab.). Come indicatore di accessibilità è stata utilizzata la distanza dal più vicino Comune in cui fosse presente un punto di offerta, (ospedale per l analisi sui ricoveri e disciplina ambulatoriale per l analisi sull assistenza specialistica e farmaceutica). Non essendo possibile la disaggregazione delle informazioni a livello sub-comunale le distanze fra strutture sanitarie interne alla città di Torino sono state considerate nulle. La Figura mostra la distribuzione dei fattori di bisogno diretto, indiretto e di offerta di servizi sanitari. Come si osserva in Piemonte è più elevata la quota di popolazione nelle fasce di età più anziane, la mortalità, la percentuale di immigrati, la percentuale di lavoratori manuali, l affollamento abitativo e la % di anziani, mentre per gli altri indicatori i valori risultano inferiori rispetto a quelli medi nazionali. Figura Distribuzione dei fattori di bisogno diretto, indiretto e di offerta di servizi sanitari in Piemonte e in Italia Variabili Piemonte Dev std Italia % pop 0-4 4,12 1,22 4,59 % pop ,83 5,32 16,50 % pop 85 e più 2,62 1,91 2,18 tasso grezzo di mortalità (* ab.) 1.120,47 773,41 980,00 % immigrati 3,08 1,87 2,34 % pop con istruzione elementare o meno 37,95 8,93 46,90 % lavoratori manuali tra gli occupati 43,20 10,57 34,57 indice di affollamento (numero medio di abitanti per stanza) 0,72 0,09 0,67 densità (abitanti per km 2 ) 168, , % disoccupati 14,08 3,52 17,80 % anziani soli 13,06 5,91 10,78 posti letto ( n. di posti letto ordinari per ab.) 4,11 7,78 5,10 La Figura 4.16 mostra invece i coefficienti dei modelli statistici ottenuti rispettivamente per l assistenza ospedaliera, quella specialistica e quella farmaceutica, coefficienti che possono essere interpretati come eccessi o difetti (rispetto al valore medio) nell uso di assistenza da parte dei sottogruppi di popolazione che rappresentano. Nell assistenza ospedaliera si osservano livelli di uso dei servizi significativamente più elevati nella classe di età compresa tra 65 e 84 anni. Il parametro stimato evidenzia che per ogni incremento atteso dell 1% di quote di popolazione nella fascia di età il tasso atteso di ospedalizzazione aumenta di 0,148 (95% CI: 0,090-0,207). Tra i fattori di livello socioeconomico, si osserva un associazione diretta tra quota di lavoratori manuali e ricorso al ricovero ospedaliero (coeff. 0,0135; 95%CI: 0,002-0,025). Tra i fattori di offerta emerge la distanza per la quale si osserva una relazione inversa, evidenziando che, a parità di altri fattori, l ospedalizzazione si riduce all aumentare della distanza tra Comune di residenza e ospedale più vicino. 97

14 Figura 4.16 Peso dell indicatore di bisogno e di offerta nello spiegare l utilizzo (e il fabbisogno) dei principali livelli di assistenza in Piemonte nel 2003 a livello comunale. INDICATORI DI Assistenza ospedaliera Assistenza specialistica Assistenza farmaceutica Bisogno coeff (*) coeff (*) coeff (*) diretto: - tasso di mortalità grezzo 0,0001-0,0001-0,0001 indiretto: - % pop ,0394-0,0331 0, % pop ,1482 0,1602 0, % pop 85 e più 0,0433 0,0485 0, % stranieri residenti 0,0341-0,0534 0, % pop con istruzione elementare o meno 0,0009-0,0195-0, % lavoratori manuali tra gli occupati 0,0135 0,0037 0, indice di affollamento -0,8692-0,4585 0, consumi non alimentari procapite -0,0001 0,0001-0, densità 0,0000 0,0001-0, % disoccupati 0,0014 0,0381 0, % anziani soli 0,0397 0,0015 0,1315 Offerta - posti letto 0,0062 0,0009-0, distanza -0,0283-0,0496-0,0249 (*) coeff. moltiplicati x 10 Coefficienti statisticamente significativi Per quanto riguarda l assistenza specialistica si conferma il ruolo della classe di età anni quale principale determinante del ricorso ai servizi (coeff. 0,160; 95% CI: 0,096-0,225), mentre tra i fattori socioeconomici si osserva un consumo maggiore di prestazioni ambulatoriali nelle aree con maggiore presenza di disoccupati (coeff. 0,038; 95% CI: 0,002-0,074). Si osserva inoltre una relazione inversa con la quota di popolazione con bassa scolarità; nelle aree in cui è più elevata la % di soggetti con alta scolarità si osserva anche un maggiore consumo di assistenza specialistica. Tra i fattori di offerta la distanza mostra un associazione lineare inversa. L uso di farmaci è invece superiore nelle aree in cui è più elevata la quota di soggetti di età maggiore di 64 anni. In questo caso, infatti anche la classe di età superiore a 84 anni risulta positivamente associata con il consumo di servizi. Tra i fattori socioeconomici risultano positivamente associati la % di lavoratori manuali, la % di disoccupazione e la % di anziani soli. Nella Figura 4.17 è rappresentata la variabilità residua nell uso di assistenza ospedaliera tra le ASL. Le oscillazioni possono essere interpretate come differenze nell uso dei livelli di assistenza rispetto al valore medio regionale e al netto dei fattori di bisogno e offerta. In alcune ASL si osservano consumi significativamente superiori rispetto alla media regionale, mentre in altre si osserva un uso dei servizi statisticamente inferiore. Si osservano quindi Aziende Sanitarie per le quali, anche dopo il controllo per tutti gli indicatori di bisogno e di offerta, permane una variabilità residua non spiegata. Pattern analoghi, anche se distribuiti in modo differente fra le ASL, sono osservati per l assistenza specialistica e farmaceutica. 98

15 Figura 4.17 Variabilità residua di uso di assistenza ospedaliera per ASL RESIDUI 0,25 0,2 0,15 0,1 0,05 0-0,05-0,1-0,15-0, ASL Le principali criticità e le implicazioni per la programmazione regionale L applicazione mette in evidenza come sia fattori di bisogno che di offerta influenzino l uso dei servizi sanitari in Piemonte. In particolare il livello socioeconomico, utilizzato nello studio come indicatore indiretto di bisogno (oltre all età), risulta essere un determinante statisticamente significativo sia del ricorso all ospedalizzazione, che dell assistenza specialistica ambulatoriale e dell uso di farmaci. La dimensione occupazionale risulta maggiormente coinvolta nella spiegazione della variabilità, poiché si osserva che quote maggiori di disoccupazione sono associate positivamente con l uso di assistenza specialistica e farmaceutica, mentre eccessi di uso di assistenza ospedaliera e farmaceutica si osservano laddove la percentuale di lavoratori manuali risulta più elevata. I risultati sembrano aprire una pista, che prevede l utilizzo delle relazioni tra uso, bisogno e offerta di servizi sanitari per costruire meccanismi di finanziamento alle Aziende Sanitarie contenenti principi di equità allocativa. I coefficienti dei modelli, infatti, seguendo le esperienze anglosassoni, possono rappresentare gli elementi costitutivi per la determinazione di un indice di fabbisogno utilizzabile per il calcolo di quote capitarie per livello di assistenza. L utilizzo più semplice e ovvio di questi esercizi di analisi del fabbisogno è quello di aiutare il decisore a comprendere come funziona il sistema di relazioni tra domanda, bisogno e offerta rispetto ad un riferimento che è la media regionale. In secondo luogo l esercizio può orientare le scelte politiche nelle formule allocative del finanziamento corrente. La sanità della regione Piemonte potrebbe trarne ispirazione per correggere i principali squilibri geografici e sociali tra bisogno/offerta/uso/esito dell assistenza sanitaria che derivano: - da differenze di fabbisogno e da differenze nel costo unitario dei fattori di produzione (attraverso formule allocative delle risorse correnti con quota capitaria pesata); - da squilibri di offerta (politiche di investimento strutturale per ridistribuzione di offerta); - da fattori culturali che designano modelli diversi di sistema sanitario, ad esempio cluster metropoli/montagna (con modelli di organizzazione assistenziale diversificati). In particolare, stante che le disuguaglianze nella salute rappresentano una priorità nel quadro dei bisogni che emerge in questa relazione sanitaria, queste analisi suggeriscono di rivedere i criteri di allocazione delle risorse, in modo da contribuire alla loro riduzione nella misura in cui sono evitabili; il contributo potrebbe assumere la forma di un incentivo alle aree caratterizzate da una più alta mortalità evitabile in presenza di indicatori di deprivazione sfavorevoli, da vincolare all applicazione tempestiva delle misure previste dalla programmazione sanitaria e al raggiungimento degli standard di processo e dei risultati attesi proposti dai target sulle disuguaglianze. In ultimo gli squilibri geografici nella struttura dell offerta, nell accessibilità e nell appropriatezza osservati anche attraverso questi esercizi e nei precedenti paragrafi dovrebbero essere oggetto di 99

16 programmi di potenziamento strutturale tecnologico e professionale che vanno oltre i doveri istituzionali del fondo sanitario di garanzia dei LEA, e che dovrebbero proporsi di articolare una diversa complessità delle prestazioni adeguate a soddisfare i bisogni delle rispettive popolazioni di riferimento, di migliorare l accessibilità ai servizi nelle condizioni morfologiche e sociali più disagiate, e di sostenere soluzioni integrate per il socio-sanitario e strutture innovative, quali i centri servizi per l erogazione di servizi aggiuntivi. A questo scopo la partecipazione al tavolo dei fondi strutturali , potrebbe consentire di far convergere investimenti su questi obiettivi di sviluppo. 4.5 L appropriatezza nell assistenza Si è già visto nel caso di molte delle attività di prevenzione dei rischi e dei danni nel capitolo 3, che quando si analizza da vicino la variabilità dei trattamenti si possono osservare eterogeneità che difficilmente sono spiegabili dalla distribuzione del bisogno. I casi del parto cesareo, delle tonsillectomie e delle appendicectomie (Figura 4.18) sono esempi eclatanti di eterogeneità geografica; anche se non sono disponibili informazioni sulla distribuzione geografica del bisogno è difficile pensare che le differenze geografiche di incidenza delle sottostanti patologie nelle indicazioni a queste procedure siano tali da giustificare le differenze osservate nell uso delle procedure stesse. Figura 4.18 Uso di alcune procedure chirurgiche per comune di residenza in Piemonte; rischi relativi bayesiani, Percentuale di parti cesarei Tonsillectomie Appendicectomie Per alcune procedure, invece, sono disponibili dei proxi del bisogno. Nel caso dell endoarterectomia carotidea (TEA) come indicatore di bisogno è stata utilizzata la distribuzione geografica dei ricoveri per occlusione e stenosi carotidea, nel caso dell angioplastica coronarica (PTCA) e del by-pass aortocoronarico (CABG) sono stati utilizzati come indicatori di bisogno i ricoveri per infarto miocardio acuto (IMA) (Figura 4.19). Figura 4.19 Uso di alcune procedure chirurgiche a parità di bisogno per comune di residenza in Piemonte; rischi relativi bayesiani, TEA e ricoveri per occlusione/stenosi carotidea PTCA e ricoveri per IMA CABG e ricoveri per IMA 100

17 Le immagini che ne derivano lasciano pensare, in alcuni casi, che il ricorso alla procedura risulti quasi dissociato dalla distribuzione del bisogno (TEA), o che allo stesso bisogno (IMA) vengano date risposte differenti a seconda del luogo di residenza (PTCA o CABG). Siamo di fronte a fenomeni ben conosciuti nella letteratura internazionale, che vanno sotto il nome di sovra e sottoutilizzo (underuse e overuse). La descrizione di un eterogeneità di questo genere non implica un giudizio di merito: questi strumenti descrittivi non informano necessariamente sull appropriatezza delle procedure (che meglio si esplorano con indagini campionarie ad hoc), ma descrivono l esistenza di una diversa risposta assistenziale a problemi di salute uguali. Eterogeneità di questo genere possono quindi riflettere sia differenze di comportamento clinico (e quindi anche problemi di appropriatezza), sia differenze nella disponibilità di procedure. Paradigmatico è l esempio della rivascolarizzazione coronarica: il ricorso alla PTCA, presenta una minore eterogeneità e una minore clusterizzazione di quanto capiti al by-pass, verosimilmente per una maggiore diffusione di centri di emodinamica sul territorio regionale; inoltre, in numerosi casi, le aree a maggior ricorso a CABG sono quelle in cui è minore il ricorso alla PTCA. Questo è molto evidente osservando il diverso ricorso alle due procedure nei residenti in comuni di montagna o in pianura (Figura 4.20). Figura 4.20 Tassi di ospedalizzazione per PTCA e CABG per zona altimetrica del comune di residenza in Piemonte Interventi di PTCA in ricoveri per IMA Interventi di CABG in ricoveri per IMA Ad analoghe conclusioni si perviene esaminando numerosi esempi di disuguaglianze sociali nel bisogno e nell utilizzo di una procedura: ci sono casi in cui non vi è quasi corrispondenza tra i due indicatori. I soggetti socialmente svantaggiati, inoltre, hanno maggior probabilità di essere sottoposti a procedure ad alto rischio di inappropriatezza. Come detto, questa dissociazione su base geografica o sociale tra bisogno e utilizzo può essere influenzata dalle differenze nell offerta, nel caso che si tratti di una tecnologia di recente introduzione, e allora ricade sotto gli argomenti del technology assessment che verranno trattati successivamente. Oppure può essere una franca testimonianza di problemi di inappropriatezza professionale, che vanno affrontati con gli strumenti del governo clinico, in particolare con l elaborazione e l adozione di linee guida. Ai problemi di inappropriatezza spesso si associa l interruzione della continuità assistenziale in un percorso di cura. Sono numerose le testimonianze dell impatto sugli esiti di salute di questi meccanismi; ad esempio per un tumore a buona prognosi come il tumore del colon a Torino la letalità è più alta del 33% tra le persone con un basso titolo di studio rispetto a quelle con un alta istruzione; questo fatto sta a segnalare che qualcosa nel percorso assistenziale può non aver funzionato, soprattutto nella fase molto precoce della storia con un ritardo nella presentazione dei segni e sintomi, e nella fase tardiva con una interruzione del follow up dopo l intervento chirurgico (7). Allo stesso modo, in Piemonte, pazienti diabetici con bassa scolarità hanno una probabilità doppia, rispetto ai laureati, di essere ricoverati in urgenza ed hanno la metà di probabilità di utilizzare il day hospital (8), così come cardiopatici anziani di bassa scolarità hanno una minor probabilità di avere una prescrizione di statine di cardiopatici anziani con scolarità elevata (9). 101

18 Anche l interruzione della continuità del percorso può essere interpretata come una forma di inappropriatezza di somministrazione dell intervento necessario rispetto ai tempi di esecuzione sulla linea temporale del percorso assistenziale. I percorsi assistenziali che dovrebbero essere selezionati come maggiormente critici nell appropriatezza del percorso o del singolo intervento sono quelli che hanno un maggior impatto sulla salute, che presentano maggiore variabilità sociale e geografica, e per i quali sono disponibili linee guida da cui partire per un adattamento alla realtà locale (10,11). Tra di essi si potrebbe citare come paradigmatico il percorso assistenziale delle psicosi maggiori. Si è constatato in uno studio su casi incidenti in alcuni Dipartimenti di Salute Mentale piemontesi una maggiore frequenza di riammissioni in regime di ricovero dei soggetti che presentano discontinuità assistenziale (12). Da questo punto di partenza sembrerebbe ragionevole proporsi di reingegnerizzare i percorsi assistenziali con linee guida che si propongano i seguenti obiettivi: - riduzione degli esiti sfavorevoli derivanti dalle recidive (prevenzione delle recidive di ricovero, sia per i disturbi schizofrenici che per quelli depressivi, sia unipolari che bipolari) attraverso programmi e metodologie ad hoc di provata efficacia; - riduzione, in modo specifico, della discontinuità assistenziale ( dropout non concordati), che incidono sia sulla frequenza delle recidive sia sulla stabilizzazione delle disabilità persistenti, attraverso l adozione di sistemi informativi che siano in grado di segnalare in modo automatico e tempestivo le interruzioni non concordate; - maggiore efficacia nel trattamento della depressione e della schizofrenia attraverso la disponibilità diffusa (e formazione privilegiata) di trattamenti integrati (farmacologici e non farmacologici), che hanno dimostrato un efficacia complessiva superiore a quella del solo trattamento farmacologico; - riduzione dei rischi di eventi avversi nel trattamento a lungo termine della schizofrenia (la mortalità dei pazienti schizofrenici prima dei 50 anni è almeno due volte superiore a quella degli altri gruppi di confronto) attraverso programmi specifici per i disturbi metabolici, per la discinesia tardiva, per il rischio di suicidio. Anche l indagine qualitativa condotta tra le professioni sanitarie (13) ha evidenziato il controllo dell appropriatezza professionale come un problema prioritario e ha ripreso il ruolo delle lungodegenze e delle strutture intermedie nello sgravare famiglie ed ospedali. Purtroppo, non sempre ad un miglioramento degli stili di vita e ad una riduzione dei decessi si associa anche una riduzione dell uso dei servizi (14,15). Il problema dell appropriatezza dei ricoveri, visto nell ottica dei ricoveri prevenibili con una diversa organizzazione che consenta una migliore presa in carico anche organizzativa ed informativa, diventa un problema a forte valenza assistenziale. Nello studio molti gruppi hanno rilevato difficoltà a mantenere adeguati standard assistenziali e di comunicazione (legati soprattutto al paziente chirurgico): in particolare si è evidenziato il disorientamento dell utente all'ingresso in ospedale, anche per mancanza di percorsi di presa in carico, di informazioni adeguate, di spazi di accoglienza e di una organizzazione che tenga conto dei tempi necessari per la presa in carico e l informazione. L informazione viene lasciata alla libera iniziativa, alla disponibilità di tempo e alla responsabilità di tutti (che si traduce nella presa in carico da parte di pochi); a questo si associa la mancanza di un linguaggio comune e condiviso; inoltre raramente il familiare viene adeguatamente informato e coinvolto. E stata citata anche più volte una carente attenzione alla gestione dei sintomi (in particolare del dolore nel paziente chirurgico), la frequente dimissione di mamme non preparate correttamente per l allattamento al seno; la mancanza di tempi tecnici per l informazione pre-operatoria del paziente. Questo porta alla percezione di un assistenza disumanizzata, slegata dai bisogni. Il tutto quando ci sarebbero interventi di documentata efficacia su questo problema da trasferire nella pratica. 102

19 Le principali implicazioni per le politiche riguardano la necessità di ridefinire in modo partecipato linee guida per ogni percorso assistenziale ad elevato impatto sulla salute e sulla qualità della vita dei pazienti; curarne il trasferimento nella pratica di ogni realtà aziendale con piani d azione specifici, che includano una attenzione all organizzazione del lavoro, all inclusione dell informazione come standard qualitativo formale nei percorsi diagnostici, maggiore attenzione e stimolo alle aziende per l informazione sia scritta (opuscoli, depliant) che verbale, sostegno alle proposte di sperimentazione di modalità di presa in carico informativa di sottogruppi di pazienti, adeguata formazione soprattutto per la comunicazione/assistenza ai pazienti provenienti da contesti diversi (extracomunitari). 4.6 La (dis)continuità nell assistenza Si è richiamata in introduzione la particolare priorità che negli ultimi anni viene dedicata ai temi della continuità nell assistenza, come principale criterio di garanzia, insieme all appropriatezza dei trattamenti, del beneficio sulla salute dell assistenza sanitaria. Molti indizi fanno pensare che la continuità dell assistenza presenti ancora difficoltà ad essere perseguita con successo nel servizio sanitario regionale. Purtroppo nel caso dell assistenza territoriale non esistono fonti informative altrettanto sistematiche e dettagliate di quelle disponibili per l assistenza ospedaliera e specialistica. Tuttavia proprio i dati dell assistenza ospedaliera danno la misura dell impatto indesiderato di una dis-continuità nell assistenza. L Agenzia per la Ricerca e la Qualità dell Assistenza Sanitaria statunitense (AHRQ, Agency for Healthcare Research and Quality) ha individuato alcuni indicatori in grado di rappresentare sinteticamente la capacità dell assistenza primaria di gestire le malattie, acute o croniche, a livello territoriale (16). Alcuni di questi indicatori sono già stati utilizzati in Italia dal progetto Osservasalute (ricoveri per polmonite batterica, infezioni delle vie urinarie, scompenso cardiaco, asma bronchiale, diabete mellito) (17); per tutte queste condizioni il valore dell indicatore per il Piemonte risulta al di sotto del valore medio italiano; unica eccezione i ricoveri infantili per asma, che sono in media con il resto del Paese. Si tratta di una selezione di cause di ricovero per condizioni sensibili all assistenza ambulatoriale. In pratica si tratta di condizioni per le quali una buona assistenza ambulatoriale potrebbe evitare il ricorso al ricovero ospedaliero, o condizioni per le quali un intervento precoce può evitare complicazioni o conseguenze gravi. Per esempio, persone con diabete richiedono il ricovero se le loro condizioni non sono adeguatamente controllate; l asma richiede il ricovero se non vengono seguite linee guida e prescritte le terapie appropriate. Pur trattandosi di indicatori da utilizzare come screening per potenziali problemi di assistenza e non quindi come strumenti di valutazione definitiva (bisogna tener conto che una quota delle differenze potrebbe essere attribuibile a differenze nella modalità e qualità della codifica delle cause di ricovero), la geografia che ne deriva mostra una certa eterogeneità nel ricovero per cause potenzialmente evitabili (Figura 4.21). Questa eterogeneità sembra meno evidente nel caso della popolazione pediatrica (Figura 4.22). 103

20 Figura Ospedalizzazione per comune di residenza per alcune condizioni sensibili all assistenza ambulatoriale nella popolazione generale RR bayesiani Asma Complicanze acute di diabete Amputazioni in diabete Ipertensione arteriosa Polmonite batterica Disidratazione Figura Ospedalizzazione per comune di residenza per alcune condizioni sensibili all assistenza ambulatoriale nella popolazione pediatrica (0-19 anni) RR bayesiani Asma Gastroenterite A conclusioni più severe giungono le rilevazioni qualitative effettuate dall indagine già citata sulle professioni sanitarie (13), nella quale alla mancanza di continuità nell assistenza viene collegata la difficoltà nella gestione del paziente cronico a domicilio. Il paziente che ha maggiore necessità di continuità nell assistenza è infatti quello cronico. L indagine ISTAT sulla Salute evidenzia come nel quadro epidemiologico piemontese, analogamente al resto d Italia, la presenza di malattie croniche cresca considerevolmente con l invecchiamento della popolazione in entrambi i sessi (Figura 4.23). Si passa dal 36% degli uomini fra i 20 e 44 anni all 80% di quelli di 65 anni ed oltre. Nelle donne tale percentuale passa dal 46 al 84% considerando le stesse fasce di età. La percentuale, relativamente elevata, di persone che dichiarano di soffrire almeno di una malattia cronica nelle fasce di età più giovani è dovuta al fatto che fra le malattie croniche l indagine rilevava anche patologie quali l asma e le malattie allergiche, diffuse anche fra la popolazione giovane ed adulta. Fra le patologie croniche più frequentemente dichiarate dagli anziani si trovano le artrosi/artriti e l ipertensione arteriosa. Altre malattie dichiarate sono soprattutto demenza, parkinsonismo, ictus, 104

ATLANTE SANITARIO DELLA REGIONE PIEMONTE

ATLANTE SANITARIO DELLA REGIONE PIEMONTE 5. L OFFERTA 5.1. L ASSISTENZA DI BASE Il numero totale di Medici di Medicina Generale (MMG) che operano in Piemonte (anno 2002) è di 4.752, pari ad un tasso regionale di 1,25 su 1000 abitanti di età superiore

Dettagli

7. FONTI DEI DATI, DIMENSIONI DI ANALISI E INDICATORI STATISTICI

7. FONTI DEI DATI, DIMENSIONI DI ANALISI E INDICATORI STATISTICI 7. FONTI DEI DATI, DIMENSIONI DI ANALISI E INDICATORI STATISTICI 7.1. FONTI DEI DATI Per la realizzazione dell atlante sanitario della Regione Piemonte sono state utilizzate le basi dati dei seguenti sistemi

Dettagli

ATLANTE SANITARIO DEL PIEMONTE 3.1 TASSI DI OSPEDALIZZAZIONE E PREVALENZA DI RICOVERO PER GRANDI TIPOLOGIE DI ATTIVITÀ

ATLANTE SANITARIO DEL PIEMONTE 3.1 TASSI DI OSPEDALIZZAZIONE E PREVALENZA DI RICOVERO PER GRANDI TIPOLOGIE DI ATTIVITÀ 3 L ASSISTENZA OSPEDALIERA 3.1 TASSI DI OSPEDALIZZAZIONE E PREVALENZA DI RICOVERO PER GRANDI TIPOLOGIE DI ATTIVITÀ 3.1.1 Indicatori Questo paragrafo descrive le strutture geografiche e temporali dell ospedalizzazione

Dettagli

Programma Nazionale Esiti PNE

Programma Nazionale Esiti PNE Programma Nazionale Esiti PNE Edizione 2014 Il Programma Nazionale Esiti (PNE) è sviluppato da Agenas per conto del Ministero della Salute e fornisce a livello nazionale valutazioni comparative di efficacia,

Dettagli

L ospedalizzazione dei pazienti affetti da disturbi psichici

L ospedalizzazione dei pazienti affetti da disturbi psichici Roma, 1 aprile 2008 L ospedalizzazione dei pazienti affetti da disturbi psichici Con questa pubblicazione l'istat, in collaborazione con il Ministero della salute, intende descrivere il fenomeno dell ospedalizzazione

Dettagli

LE DISUGUAGLIANZE DI SALUTE E IL RUOLO DELLA SANITA

LE DISUGUAGLIANZE DI SALUTE E IL RUOLO DELLA SANITA LE DISUGUAGLIANZE DI SALUTE E IL RUOLO DELLA SANITA Fact sheet n.3 ksdbfsm ASIHFncj Molti dei fattori che contribuiscono di più alla genesi delle disuguaglianze sociali nella salute non sono di competenza

Dettagli

Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio

Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio Anno 2005 Regione Lazio Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera

Dettagli

L Immigrato. Aspetti demografici. Fonti informative:

L Immigrato. Aspetti demografici. Fonti informative: L Immigrato La complessità dei problemi sociali degli immigrati, le caratteristiche, organizzative dei servizi sanitari e la mancanza di strumenti di rilevazione sistematici ad hoc hanno reso difficoltoso

Dettagli

Misura dell Appropriatezza

Misura dell Appropriatezza Ministero della Salute Progetto Mattoni SSN Misura dell Appropriatezza I ricoveri in Italia per DRG a rischio di inappropriatezza Allegato 2C DPCM Lea Descrizione del trend nel periodo 2001-2003 Appendice

Dettagli

Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici. Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi

Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici. Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi COMUNICATO STAMPA ROMA, APRILE 2013 Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi La Toscana è la Regione che ha la spesa più elevata

Dettagli

SCHEDA DI SINTESI LIBRO BIANCO 2012

SCHEDA DI SINTESI LIBRO BIANCO 2012 SCHEDA DI SINTESI LIBRO BIANCO 2012 La salute dell anziano e l invecchiamento in buona salute Stato di salute, opportunità e qualità dell assistenza nelle regioni italiane L analisi della struttura demografica

Dettagli

DEFINIZIONE DEL FABBISOGNO DELLE RISORSE INFERMIERISTICHE, FISIOTERAPISTI, DEL PERSONALE DI SUPPORTO E DEL PERSONALE SANITARIO

DEFINIZIONE DEL FABBISOGNO DELLE RISORSE INFERMIERISTICHE, FISIOTERAPISTI, DEL PERSONALE DI SUPPORTO E DEL PERSONALE SANITARIO DEFINIZIONE DEL FABBISOGNO DELLE RISORSE INFERMIERISTICHE, FISIOTERAPISTI, DEL PERSONALE DI SUPPORTO E DEL PERSONALE SANITARIO DELLA RIABILITAZIONE La definizione del fabbisogno delle risorse infermieristiche

Dettagli

PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE

PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE a cura di Anna Bonini Nell ambito della valutazione multidimensionale della performance, sono stati definiti alcuni indicatori di outcome

Dettagli

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro Premessa L Ictus Cerebrale, pur essendo in Italia la prima causa di invalidità, la seconda di demenza e la terza di morte, non ha ricevuto finora, a differenza di altre malattie altrettanto gravi per l

Dettagli

La Rete Ligure di Cure Palliative 1

La Rete Ligure di Cure Palliative 1 La Rete Ligure di Cure Palliative 1 1. Premessa epidemiologica 2. Le cure palliative 3. Il modello organizzativo 3.1 La rete di cure palliative della regione Liguria 3.2 Le reti locali di cure palliative

Dettagli

Gli anziani 4.2 GLI ANZIANI

Gli anziani 4.2 GLI ANZIANI 4.2 GLI ANZIANI L analisi proposta in questa sezione nasce dall intento di fornire alcuni elementi di caratterizzazione relativi ad un gruppo particolare di utenza che, visto l incremento numerico progressivo

Dettagli

Osservatorio Epidemiologico Regionale GLI ACCIDENTI CEREBROVASCOLARI IN SARDEGNA

Osservatorio Epidemiologico Regionale GLI ACCIDENTI CEREBROVASCOLARI IN SARDEGNA Osservatorio Epidemiologico Regionale GLI ACCIDENTI CEREBROVASCOLARI IN SARDEGNA Gli accidenti cerebrovascolari sono un rilevante problema di sanità pubblica nel mondo occidentale e meno nei paesi in via

Dettagli

1. Si conferma elevata la quota di italiani sovrappeso e obesi, problema in crescita anche al Nord

1. Si conferma elevata la quota di italiani sovrappeso e obesi, problema in crescita anche al Nord GLI STILI DI VITA DEL BEL PAESE RESTANO IL TALLONE D ACHILLE DELLA NOSTRA SALUTE 1. Si conferma elevata la quota di italiani sovrappeso e obesi, problema in crescita anche al Nord Si conferma elevata la

Dettagli

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative.

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. Il modello di cure domiciliari integrate in sperimentazione all

Dettagli

L indagine Condizioni di salute e ricorso ai

L indagine Condizioni di salute e ricorso ai attualità Indagine Istat: condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari di Maurizio Neri, Consigliere L indagine Condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari fa parte di un sistema integrato

Dettagli

Le disuguaglianze nell accesso alla salute in Italia

Le disuguaglianze nell accesso alla salute in Italia Le disuguaglianze nell accesso alla salute in Italia Immigrati e screening in Italia Seminario Congiunto ONS-GISCi - PIO Nera Agabiti Viterbo, 15 giugno 2011 Disuguaglianze socio-economiche nella salute

Dettagli

RELAZIONE SANITARIA SULL ONCOLOGIA IN PIEMONTE: ASPETTI EPIDEMIOLOGICI

RELAZIONE SANITARIA SULL ONCOLOGIA IN PIEMONTE: ASPETTI EPIDEMIOLOGICI ASSESSORATO SANITÀ Centro di Riferimento per l Epidemiologia e la Prevenzione Oncologica in Piemonte RELAZIONE SANITARIA SULL ONCOLOGIA IN PIEMONTE: ASPETTI EPIDEMIOLOGICI ASSESSORATO SANITÀ Centro di

Dettagli

ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7

ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7 Progetto ex Accordo Stato-Regioni rep. atti 13/CSR del 20/02/ 2014 per l utilizzo delle risorse vincolate per la realizzazione degli obiettivi

Dettagli

MORTALITA dal 1971 al 2006 NEL COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO

MORTALITA dal 1971 al 2006 NEL COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO MORTALITA dal 1971 al 26 NEL COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO Fonte dei dati: Registro di Mortalità Regionale toscano [dati presentati il 27 maggio,28] 1 Mortalità generale Andamento temporale 1971-26 I

Dettagli

Torino I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 872.367 2.247.780. Superficie (km 2 ) 130,2 6.830,3 Densità (ab. per km 2 ) 6.

Torino I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 872.367 2.247.780. Superficie (km 2 ) 130,2 6.830,3 Densità (ab. per km 2 ) 6. I NUMERI DEL TERRITORIO Capoluogo Provincia Abitanti al 9.1.211 872.367 2.247.78 Superficie (km 2 ) 13,2 6.83,3 Densità (ab. per km 2 ) 6.71,8 329,1 a cura del Servizio Statistica e Toponomastica Città

Dettagli

Rapporto Osservasalute 2014 Atlante della salute nelle Regioni italiane La migliore performance Regione per Regione

Rapporto Osservasalute 2014 Atlante della salute nelle Regioni italiane La migliore performance Regione per Regione Rapporto Osservasalute 2014 Atlante della salute nelle Regioni italiane La migliore performance Regione per Regione Piemonte: la Regione in cui le donne muoiono meno per malattie cardiache Ma è tra le

Dettagli

Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita

Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita Povertà e diritto alla salute La salute diseguale: aspetti sociali della tutela della salute Concetta M. Vaccaro Responsabile welfare e salute

Dettagli

Il flusso informativo regionale della psichiatria territoriale: PROSPETTIVE FUTURE

Il flusso informativo regionale della psichiatria territoriale: PROSPETTIVE FUTURE Il flusso informativo regionale della psichiatria territoriale: PROSPETTIVE FUTURE Verona, 10 maggio 2007 A cura del CRRC-SER Centro Regionale di Riferimento per il Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE

PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE a cura di Anna Bonini e Carmen Calabrese Nell ambito della valutazione multidimensionale della performance, sono stati definiti alcuni indicatori

Dettagli

Scenari del Settore Sanitario

Scenari del Settore Sanitario Scenari del Settore Sanitario Francesco Longo Milano, giugno 2013 1 Agenda 1. Le risorse del SSN: bastano? 2. Trend finanziari di sistema 3. Razionalizzazione input o geografia dei servizi? 4. Innovazioni

Dettagli

SALUTE E ANZIANI IN ITALIA

SALUTE E ANZIANI IN ITALIA Definire la domanda di salute della popolazione anziani in Italia è un tema chiave da affrontare, specie in un paese come il nostro che invecchia sempre di più e che destina più della metà delle sue risorse

Dettagli

LA SOSTENIBILITÀ DEI SISTEMI SANITARI REGIONALI

LA SOSTENIBILITÀ DEI SISTEMI SANITARI REGIONALI LA SOSTENIBILITÀ DEI SISTEMI SANITARI REGIONALI Il ruolo dei farmaci come strumento per il controllo della spesa sanitaria RAPPORTO DI SINTESI Febbraio 2010 Da anni il sistema sanitario pubblico italiano

Dettagli

9. Assistenza ospedaliera

9. Assistenza ospedaliera 9. Assistenza ospedaliera Keystone LaPresse Assistenza ospedaliera 9.1. Assistenza ospedaliera per acuti e lungodegenti Il sistema SSN si avvale per l assistenza ospedaliera di 1.410 Istituti di ricovero

Dettagli

DOVE STA ANDANDO IL TITOLO SSN?

DOVE STA ANDANDO IL TITOLO SSN? DOVE STA ANDANDO IL TITOLO SSN? Evidenze dal Eventuale Rapporto OASI sottotitolo 2013 Prof. Francesco Nome Cognome Longo Università Carica istituzionale Bocconi Milano, 20.01.2014 I principali trend evolutivi

Dettagli

SCREENING. REPORT PASSI ASL Latina 2008-2011. Diagnosi precoce delle neoplasie : del collo dell utero della mammella del colon-retto

SCREENING. REPORT PASSI ASL Latina 2008-2011. Diagnosi precoce delle neoplasie : del collo dell utero della mammella del colon-retto Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia REPORT PASSI ASL Latina 2008-2011 SCREENING Diagnosi precoce delle neoplasie : del collo dell utero della mammella del colon-retto 1 Diagnosi precoce

Dettagli

L anziano fragile nel modello organizzativo di un ospedale aperto al territorio in un grande contesto metropolitano

L anziano fragile nel modello organizzativo di un ospedale aperto al territorio in un grande contesto metropolitano L anziano fragile nel modello organizzativo di un ospedale aperto al territorio in un grande contesto metropolitano Ernesto Palummeri Dipartimento Interaziendale di Gerontologia e Geriatria ASL 3 Genovese

Dettagli

Spunti per un ragionamento sulla sanità pubblica

Spunti per un ragionamento sulla sanità pubblica Spunti per un ragionamento sulla sanità pubblica Gemona del Friuli, 11 Maggio 2010 Giancarlo Miglio I DETERMINANTI DELL EVOLUZIONE EVOLUZIONE DEI SISTEMI SANITARI CAMBIAMENTI EPIDEMIOLOGICI RISORSE FINANZIARIE

Dettagli

Le Residenze Sanitarie Assistenziali Lombarde tra chiusura e apertura.

Le Residenze Sanitarie Assistenziali Lombarde tra chiusura e apertura. 07 Febbraio 2014 Le Residenze Sanitarie Assistenziali Lombarde tra chiusura e apertura. Corrado Carabellese Le misure Gli interventi di cui sopra saranno garantiti attraverso le seguenti misure: Buono

Dettagli

DIRETTORE SC PEDIATRIA

DIRETTORE SC PEDIATRIA DIRETTORE SC PEDIATRIA PROFILO OGGETTIVO Caratteristiche e attività dell Azienda L Azienda Ospedaliera Ospedale Maggiore di Crema è costituita dalle seguenti strutture: Presidio Ospedale Maggiore di Crema

Dettagli

Milano I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 1.242.123 3.038.420. Superficie (km 2 ) 182,1 1.578,9 Densità (ab. per km 2 ) 6.822,2 1.

Milano I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 1.242.123 3.038.420. Superficie (km 2 ) 182,1 1.578,9 Densità (ab. per km 2 ) 6.822,2 1. I NUMERI DEL TERRITORIO Capoluogo Provincia Abitanti al 9.1.211 1.242.123 3.38.42 Superficie (km 2 ) 182,1 1.578,9 Densità (ab. per km 2 ) 6.822,2 1.924,4 a cura del Settore Statistica del Comune di Milano

Dettagli

Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana

Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana Giornata di lavoro Il percorso dell assistito con patologia cronica ad alta prevalenza Milano, 13 novembre 2013 francesco.profili@ars.toscana.it paolo.francesconi@ars.toscana.it

Dettagli

in collaborazione con

in collaborazione con Chi si difende da chi? E perché? I dati della prima ricerca nazionale sulla Medicina Difensiva Roma, 23 novembre 2010 Senato della Repubblica, Sala Capitolare in collaborazione con Chi si difende da chi?

Dettagli

La gestione integrata delle cure primarie nell Azienda ULSS 16 di Padova: Il Progetto Anziano

La gestione integrata delle cure primarie nell Azienda ULSS 16 di Padova: Il Progetto Anziano La gestione integrata delle cure primarie nell Azienda ULSS 16 di Padova: Il Progetto Anziano Dr. Fortunato Rao Azienda ULSS 16 Padova Regione Veneto La popolazione dell ULSS 16 398.445 abitanti residenti

Dettagli

Sicurezza stradale SICUREZZA

Sicurezza stradale SICUREZZA PROFILO SOCIODEMOGRAFIXCO SICUREZZA Nel 211, in Italia, si sono registrati 25.638 incidenti stradali con lesioni a persone, di cui 386 mortali. Con questi dati, l Italia conferma una costante tendenza

Dettagli

Punto di contatto nazionale: strumenti di accesso, informazioni disponibili e punti di attenzione

Punto di contatto nazionale: strumenti di accesso, informazioni disponibili e punti di attenzione Punto di contatto nazionale: strumenti di accesso, informazioni disponibili e punti di attenzione Il patrimonio informativo delle strutture della rete sanitaria Dott.ssa Cristina Tamburini Direzione Generale

Dettagli

Analisi costo-utilità (CUA)

Analisi costo-utilità (CUA) Analisi costo-utilità (CUA) ASPETTI FONDAMENTALI La CUA nasce per ovviare ai limiti della CEA, per analizzare i risultati dei possibili interventi di salute prendendo come riferimento la qualità in termini

Dettagli

Gli Indicatori per il monitoraggio dell Assistenza: i LEA (Livelli Essenziali di Assistenza)

Gli Indicatori per il monitoraggio dell Assistenza: i LEA (Livelli Essenziali di Assistenza) Gli Indicatori per il monitoraggio dell Assistenza: i LEA (Livelli Essenziali di Assistenza) Susanna Conti Direttora dell Ufficio di Statistica dell Istituto Superiore della Sanità ALCUNE CONSIDERAZIONI

Dettagli

INTEGRAZIONE della DGR 1-600 del 19 novembre 2014 ALLEGATO 1

INTEGRAZIONE della DGR 1-600 del 19 novembre 2014 ALLEGATO 1 INTEGRAZIONE della DGR 1-600 del 19 novembre 2014 ALLEGATO 1 A seguito del confronto con le Direzioni delle Aziende del Sistema Sanitario Regionale e con alcune Conferenze o Rappresentanze dei Sindaci

Dettagli

I livelli essenziali di assistenza (LEA). Seconda puntata: gli indicatori di garanzia

I livelli essenziali di assistenza (LEA). Seconda puntata: gli indicatori di garanzia 18 Statistica & Società/Anno 2, N. 3/ Demografia, Istruzione, Welfare I livelli essenziali di assistenza (LEA). Seconda puntata: gli indicatori di garanzia Carlo Zocchetti Direzione Generale Salute Regione

Dettagli

L'eccesso di mortalità nei soggetti ricoverati per psicosi ad un anno dal ricovero: i dati della Città di Torino, 1995-2010.

L'eccesso di mortalità nei soggetti ricoverati per psicosi ad un anno dal ricovero: i dati della Città di Torino, 1995-2010. Osservatorio Epidemiologico delle Dipendenze, Regione Piemonte ASL TO3, S.C. a D.U. Epidemiologia L'eccesso di mortalità nei soggetti ricoverati per psicosi ad un anno dal ricovero: i dati della Città

Dettagli

La mortalità. La mortalità generale e le principali cause di morte

La mortalità. La mortalità generale e le principali cause di morte La mortalità La mortalità generale e le principali cause di morte Nel 211 sono decedute 4.543 persone residenti in provincia di Trento (di cui 2.42, pari al 53%), con un tasso di mortalità dell 8,5, uno

Dettagli

Luoghi e strumenti di cura innovativi per i nuovi bisogni di salute

Luoghi e strumenti di cura innovativi per i nuovi bisogni di salute Luoghi e strumenti di cura innovativi per i nuovi bisogni di salute Maria Chiara Corti Sezione Attuazione Programmazione Sanitaria Strutture di ricovero intermedie e integrazione socio-sanitaria Le malattie,

Dettagli

Analisi costo-efficacia (CEA)

Analisi costo-efficacia (CEA) Analisi costo-efficacia (CEA) 37 Analisi costo-efficacia (CEA) ASPETTI FONDAMENTALI È una tecnica di analisi completa che permette di confrontare programmi ed interventi sanitari alternativi, che producono

Dettagli

Ruolo del Servizio Sanitario Nazionale nel supporto alle pazienti e alle famiglie. Roma, 25 Novembre 2014. Tiziana Sabetta

Ruolo del Servizio Sanitario Nazionale nel supporto alle pazienti e alle famiglie. Roma, 25 Novembre 2014. Tiziana Sabetta Ruolo del Servizio Sanitario Nazionale nel supporto alle pazienti e alle famiglie Roma, 25 Novembre 2014 Tiziana Sabetta Nulla rende più fragile e vulnerabile una famiglia dell esordio di una malattia

Dettagli

Stato di avanzamento dell analisi preliminare sui costi standard piemontesi con il sistema bottom up. C. Zanon Roma 10 maggio 2011 Forum P.A.

Stato di avanzamento dell analisi preliminare sui costi standard piemontesi con il sistema bottom up. C. Zanon Roma 10 maggio 2011 Forum P.A. Stato di avanzamento dell analisi preliminare sui costi standard piemontesi con il sistema bottom up C. Zanon Roma 10 maggio 2011 Forum P.A. Modello Piemonte Concentrazione dei posti di responsabilità

Dettagli

Salute e ricorso ai servizi sanitari della popolazione straniera residente in Italia

Salute e ricorso ai servizi sanitari della popolazione straniera residente in Italia 11 dicembre 2008 Salute e ricorso ai servizi sanitari della popolazione straniera residente in Italia Anno 2005 Sebbene negli ultimi anni sia stata notevolmente approfondita la conoscenza dei principali

Dettagli

Il PEPS ai tempi della crisi

Il PEPS ai tempi della crisi Il PEPS ai tempi della crisi Giuseppe Costa Università Torino e ASL TO3 del Piemonte Centro di riferimento CCM e INMP per Salute in Tutte le Politiche e Determinanti Sociali di Salute Il posto dei PEPS

Dettagli

Popolazione, condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari

Popolazione, condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari Popolazione, condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari Documento a supporto degli indirizzi di Piano Socio-sanitario 2011-2013 della Regione del Veneto Novembre 2010 Indice 1 Il contesto demografico...1

Dettagli

Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA

Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Milano, 01 Marzo 2014 La domanda Gli anziani

Dettagli

4. IL PUNTO DI VISTA DEL VOLONTARIATO

4. IL PUNTO DI VISTA DEL VOLONTARIATO 12949_09 Disparità nell accesso dei malati oncologici ai trattamenti terapeutici e assistenziali 4. IL PUNTO DI VISTA DEL VOLONTARIATO ONCOLOGICO: ASSISTENZA DOMICILIARE, SOSTEGNO PSICOLOGICO E INFORMAZIONE

Dettagli

STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA

STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA Prefazione Alla fine degli anni 90, i programmi di controllo della tubercolosi (TBC) in Italia sono stati adeguati alla mutata realtà epidemiologica, caratteristica di un

Dettagli

Le politiche integrate per l accesso ai servizi socio-assistenziali e sanitari. Raffaella Vitale Direttore Politiche Sociali Regione Piemonte

Le politiche integrate per l accesso ai servizi socio-assistenziali e sanitari. Raffaella Vitale Direttore Politiche Sociali Regione Piemonte Le politiche integrate per l accesso ai servizi socio-assistenziali e sanitari Raffaella Vitale Direttore Politiche Sociali Regione Piemonte 1 Integrazione socio-sanitaria Per integrazione socio-sanitaria

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute LEA Li v e l l i Esse nz i a l i di A ssi st e nz a Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA PROGRAMMAZIONE E DELL ORDINAMENTO DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE AO Direzione Generale della programmazione

Dettagli

Per il gruppo di ricerca Crisalide: Cesare Cislaghi*, Giuseppe Costa**, Simona Olivadoti* *Agenas, **Università di Torino

Per il gruppo di ricerca Crisalide: Cesare Cislaghi*, Giuseppe Costa**, Simona Olivadoti* *Agenas, **Università di Torino La crisi economica fa male alla salute? I trend sociali e di salute nella serie storica dell Indagine annuale Istat sugli aspetti della vita quotidiana. Per il gruppo di ricerca Crisalide: Cesare Cislaghi*,

Dettagli

Residenzialità permanente per persone con disabilità alla luce della DGR 1299/2009 1

Residenzialità permanente per persone con disabilità alla luce della DGR 1299/2009 1 Fabio Ragaini, Gruppo Solidarietà Residenzialità permanente per persone con disabilità alla luce della DGR 1299/2009 1 Obiettivo di questo contributo è analizzare le novità introdotte dall Accordo per

Dettagli

Prevenire mortalità e morbosità cardiovascolare mediante la valutazione del rischio individuale

Prevenire mortalità e morbosità cardiovascolare mediante la valutazione del rischio individuale ASSESSORATO DELL'IGIENE E SANITA' E DELL'ASSISTENZA SOCIALE PIANO OPERATIVO DEL PRP REGIONE SARDEGNA 200-202 ) Regione: Regione Autonoma della Sardegna Allegato 2 2) Titolo del progetto o del programma:

Dettagli

Figura 1 Andamento della popolazione residente in Piemonte dal 1951 al 2014

Figura 1 Andamento della popolazione residente in Piemonte dal 1951 al 2014 Capitolo 5.1 ANALISI DEI MOVIMENTI ANAGRAFICI DELLA PO- POLAZIONE 1 Maria Cristina Migliore Un primo sguardo di sintesi Nel 2014 la popolazione residente in Piemonte è diminuita di oltre 10mila unità.

Dettagli

Indirizzi sperimentali per l organizzazione ed il funzionamento dell Assistenza Domiciliare Integrata (ADI)

Indirizzi sperimentali per l organizzazione ed il funzionamento dell Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Allegato 1 Indirizzi sperimentali per l organizzazione ed il funzionamento dell Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Indice Premessa... 2 1. Ambito di applicazione... 2 1.1 Definizione... 2 1.2 I destinatari...

Dettagli

Identificazione di un set di indicatori relativi alla qualità dell assistenza agli anziani

Identificazione di un set di indicatori relativi alla qualità dell assistenza agli anziani Gli indicatori di salute e di performance del sistema sanitario in Italia Identificazione di un set di indicatori relativi alla qualità dell assistenza agli anziani L. Roti, R. Gini I. Il processo di selezione

Dettagli

4. L attività di assistenza oncologica in Piemonte.

4. L attività di assistenza oncologica in Piemonte. 4. L attività di assistenza oncologica in Piemonte. L assistenza sanitaria erogata a pazienti affetti da patologie neoplastiche si avvale di notevoli risorse a tutti i livelli di organizzazione del Servizio

Dettagli

Mortalità e prevalenza delle patologie cardiovascolari e respiratorie nei comuni di Botticino, Nuvolera, Nuvolento, Paitone, Serle, Rezzato e Mazzano

Mortalità e prevalenza delle patologie cardiovascolari e respiratorie nei comuni di Botticino, Nuvolera, Nuvolento, Paitone, Serle, Rezzato e Mazzano Mortalità e prevalenza delle patologie cardiovascolari e respiratorie nei comuni di Botticino, Nuvolera, Nuvolento, Paitone, Serle, Rezzato e Mazzano Ottobre 2012 A cura dell U.O. Tecniche Epidemiologiche

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO Allegato alla Delib.G.R. n. 44/ 10 del 31.10.2007 PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO Premessa L autismo, assieme agli altri disturbi pervasivi

Dettagli

Scenari ed evoluzione delle politiche sanitarie in Italia

Scenari ed evoluzione delle politiche sanitarie in Italia Scenari ed evoluzione delle politiche sanitarie in Italia Matteo Lippi Bruni Dipartimento di Scienze Economiche Università di Bologna Facoltà di Economia sede di Forlì matteo.lippibruni2@unibo.it Forlì,

Dettagli

Gli immigrati e il disagio mentale nel Lazio

Gli immigrati e il disagio mentale nel Lazio Gli immigrati e il disagio mentale nel Lazio Andrea Gaddini *, Lilia Biscaglia *, Francesco Franco *, Salvatore Cappello **, Giovanni Baglio *, Domenico Di Lallo *, Gabriella Guasticchi * Introduzione

Dettagli

Il ruolo delle Mutue Sanitarie Integrative

Il ruolo delle Mutue Sanitarie Integrative Il ruolo delle Mutue Sanitarie Integrative Matteo Lippi Bruni e Cristina Ugolini Dipartimento di Scienze Economiche Università di Bologna Roma, 3 Ottobre 2012 Le motivazioni di una ricerca sulle Mutue

Dettagli

Il ruolo del genere nella costruzione sociale delle disuguaglianze di salute

Il ruolo del genere nella costruzione sociale delle disuguaglianze di salute Il ruolo del genere nella costruzione sociale delle disuguaglianze di salute Giuseppe Costa Gruppo di lavoro Equità nella salute e sanità della Commissione Salute della Conferenza delle Regioni Progetto

Dettagli

III CONGRESSO NAZIONALE COMMISSIONE TECNICA NAZIONALE DIPARTIMENTO PSICHIATRIA

III CONGRESSO NAZIONALE COMMISSIONE TECNICA NAZIONALE DIPARTIMENTO PSICHIATRIA CORTE DI GIUSTIZIA POPOLARE PER IL DIRITTO ALLA SALUTE III CONGRESSO NAZIONALE IL DIRITTO ALLA SALUTE: UN DIRITTO INALIENABILE CRITICITA A CONFRONTO COMMISSIONE TECNICA NAZIONALE DIPARTIMENTO PSICHIATRIA

Dettagli

Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute

Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute SINTESI RELAZIONE SULLO STATO DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE PUGLIESE Bari, 20 luglio 2007 La Legge Regionale 25/2006, disegnando in un quadro organico

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO VI PROGRAMMA OPERATIVO APPROPRIATEZZA

Dettagli

3. DISTURBI DA USO DI SOSTANZE

3. DISTURBI DA USO DI SOSTANZE 3. DISTURBI DA USO DI SOSTANZE 3.1 Stime di prevalenza e incidenza 3.2 Profilo dei clienti in trattamento 3.2.1 Profilo dei clienti in trattamento in relazione alla sostanza 3.2.2 Altre caratteristiche

Dettagli

Informati ed insoddisfatti: verso una sanità minimale? Monitor Biomedico 2014 Con il contributo di

Informati ed insoddisfatti: verso una sanità minimale? Monitor Biomedico 2014 Con il contributo di Informati ed insoddisfatti: verso una sanità minimale? Monitor Biomedico 2014 Con il contributo di 1. Il monitoraggio del rapporto degli italiani con la salute ed i servizi sanitari I risultati del Monitor

Dettagli

L immigrazione straniera in Italia e il ruolo della statistica

L immigrazione straniera in Italia e il ruolo della statistica L immigrazione straniera in Italia e il ruolo della statistica Luigi Biggeri Roma, 15-16 dicembre 2005 Circondati dai paesi poveri con vasti eserciti di giovani che reclamano lavori modesti nei paesi sviluppati

Dettagli

Le Cure Domiciliari per l Anziano Non Autosufficiente. Le cure domiciliari nella rete dei servizi

Le Cure Domiciliari per l Anziano Non Autosufficiente. Le cure domiciliari nella rete dei servizi Le Cure Domiciliari per l Anziano Non Autosufficiente Le cure domiciliari nella rete dei servizi Rosella Petrali Direzione Generale Famiglia, Conciliazione, Integrazione e Solidarietà Sociale Regione Lombardia

Dettagli

PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE

PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE ALLEGATO 1 PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE Il presente progetto è finalizzato alla sperimentazione nella Regione Piemonte di un percorso di presa in carico

Dettagli

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 2012 4. GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 4. FLUSSI DEI REDDITI DERIVANTI DALLE LOCAZIONI DEI FABBRICATI E FLUSSI INTERTERRITORIALI 4.1 ASPETTI GENERALI In questo capitolo si presentano i dati sui canoni di

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PREVENZIONE, DIAGNOSI PRECOCE E CURA DEL DIABETE MELLITO

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PREVENZIONE, DIAGNOSI PRECOCE E CURA DEL DIABETE MELLITO REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELIBERAZIONE LEGISLATIVA APPROVATA DALL ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE NELLA SEDUTA DEL 17 MARZO 2015, N. 190 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PREVENZIONE, DIAGNOSI PRECOCE

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Sintesi L incidenza e la mortalità per il tumore del polmone stimate in nel periodo 197-215 mostrano andamenti differenti tra uomini e donne:

Dettagli

Il sistema di Valutazione e Valorizzazione delle Aziende Sanitarie Toscane: Bersaglio 2013. AUSL 3 Pistoia

Il sistema di Valutazione e Valorizzazione delle Aziende Sanitarie Toscane: Bersaglio 2013. AUSL 3 Pistoia Il sistema di Valutazione e Valorizzazione delle Aziende Sanitarie Toscane: Bersaglio 2013 (Confronto 2012) Pistoia Azienda USL 3 Pistoia 17 Giugno 2014 Sistema di Valutazione delle Perfromance Sistema

Dettagli

A cura di: Giovanni Azzone, Politecnico di Milano Tommaso Palermo, Politecnico di Milano. FOCUS Servizi agli anziani Edizione 2009

A cura di: Giovanni Azzone, Politecnico di Milano Tommaso Palermo, Politecnico di Milano. FOCUS Servizi agli anziani Edizione 2009 A cura di: Giovanni Azzone, Politecnico di Milano Tommaso Palermo, Politecnico di Milano FOCUS Servizi agli anziani Edizione 2009 I Civicum: l Italia che abbiamo in mente Civicum vuole promuovere in ogni

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

Sanità LA SALUTE A DOMICILIO. Indice. Dalla continuità della cura all assistenza socio-sanitaria integrata. l assistenza domiciliare integrata

Sanità LA SALUTE A DOMICILIO. Indice. Dalla continuità della cura all assistenza socio-sanitaria integrata. l assistenza domiciliare integrata Sanità LA SALUTE A DOMICILIO Dalla continuità della cura all assistenza socio-sanitaria integrata Indice l assistenza domiciliare integrata l offerta Finsiel il Centro Servizi sociosanitari domiciliari

Dettagli

STILI DI VITA E GENERAZIONI

STILI DI VITA E GENERAZIONI STILI DI VITA E GENERAZIONI Giuseppe Costa Università di Torino contesto contesto di politiche di politiche contesto contesto stratificazione influenzare stratificazione diminuire esposizione diminuire

Dettagli

Indice PARTE PRIMA: POPOLAZIONE E SALUTE

Indice PARTE PRIMA: POPOLAZIONE E SALUTE Indice PARTE PRIMA: POPOLAZIONE E SALUTE 1. POPOLAZIONE... 17 1.1. Popolazione residente... 17 1.1.1. La distribuzione sul territorio... 19 1.1.2. Struttura della popolazione... 20 1.1.3. Speranza di vita...

Dettagli

FIMEUC Federazione Italiana Medicina di Emergenza Urgenza e Catastrofi SIMEU SIMEUP- SMI CoMES SPES SNAMI-ES

FIMEUC Federazione Italiana Medicina di Emergenza Urgenza e Catastrofi SIMEU SIMEUP- SMI CoMES SPES SNAMI-ES FIMEUC Federazione Italiana Medicina di Emergenza Urgenza e Catastrofi SIMEU SIMEUP- SMI CoMES SPES SNAMI-ES Manifesto FIMEUC per le forze politiche scese in campo per il rinnovo del governo ORGANICI In

Dettagli

La prevenzione dei tumori femminili in Italia: il ricorso a pap test e mammografia Anni 2004-2005

La prevenzione dei tumori femminili in Italia: il ricorso a pap test e mammografia Anni 2004-2005 4 dicembre 2006 La prevenzione dei tumori femminili in Italia: il ricorso a pap test e mammografia Anni 2004-2005 Ufficio della comunicazione Tel. 06 4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel.

Dettagli

DISTURBI AFFETTIVI. Antonio Lora DISTURBI AFFETTIVI NEI DSM LOMBARDI (2009) 27/09/2012 8.223 PAZIENTI CON DISTURBO BIPOLARE

DISTURBI AFFETTIVI. Antonio Lora DISTURBI AFFETTIVI NEI DSM LOMBARDI (2009) 27/09/2012 8.223 PAZIENTI CON DISTURBO BIPOLARE DISTURBI AFFETTIVI Antonio Lora DISTURBI AFFETTIVI NEI DSM LOMBARDI (2009) DIST. BIPOLARE DIST. 6% DEPRESSIVO 17% 8.223 PAZIENTI CON DISTURBO BIPOLARE 22.234 CON DISTURBO DEPRESSIVO PREVALENZA TRATTATA

Dettagli

QUALE MISSIONE PER LE CURE DOMICILIARI DEL SSN?

QUALE MISSIONE PER LE CURE DOMICILIARI DEL SSN? QUALE MISSIONE PER LE CURE DOMICILIARI DEL SSN? Francesco Longo CARD, Roma, 23 maggio 2013 1 Agenda 1. Evidenze sui tassi di copertura dei bisogni 2. Trend finanziari di sistema 3. Tagli lineari o trasformazione

Dettagli