SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL VENETO INDAGINE SULL ASSISTENZA SANITARIA NEL VENETO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL VENETO INDAGINE SULL ASSISTENZA SANITARIA NEL VENETO"

Transcript

1 CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL VENETO INDAGINE SULL ASSISTENZA SANITARIA NEL VENETO ASPETTI FINANZIARI E GESTIONALI esercizi finanziari

2 PRESIDENTE COORDINATORE CONSIGLIERE RELATORE Bruno Prota Aldo Carleschi REFERENTE ATTIVITA DI REVISIONE Raffaella Brandolese ELABORAZIONE SCHEMA RELAZIONE, ANALISI ECONOMICO-FINANZIARIA, REVISIONE CONTABILE E TABELLE Raffaella Brandolese Luca Bovolato

3 INDICE

4 1. Premessa 2. Evoluzione del quadro normativo nazionale e regionale 2.1. Normativa nazionale 2.2. Conferenza Stato - Regioni 2.3. Normativa regionale 3. La gestione dell assistenza sanitaria regionale 3.1. Dati di bilancio Valori della produzione Costi della produzione 3.2. La gestione Assistenza distrettuale Assistenza ospedaliera La mobilità 4. Approfondimenti: asl 6 Vicenza, Veneziana e Rovigo 4.1. ASL n. 6 di Vicenza I costi La gestione La mobilità 4.2. ASL n. 12 Veneziana I costi La gestione La mobilità 4.3. ASL n. 18 di Rovigo I costi La gestione La mobilità 5. Valutazioni e conclusioni TABELLE (in file Excel a parte) TAB. 1 Dati di bilancio delle ASL e delle A.O TAB. 2 ASL e composizione della popolazione assistibile TAB. 3 Dati e indicatori di medicina generale TAB. 4 Indicatori della spesa farmaceutica convenzionata TAB. 5 Composizione della spesa farmaceutica TAB. 5/bis Costo farmaceutica convenzionata netta TAB. 5/ter Costo complessivo farmaceutica territoriale TAB. 5/quater Costo farmaceutica convenzionata lorda TAB. 5/quinquies Costo farmaceutica territoriale a carico del S.S.N. TAB. 6 Andamenti storici prestazioni specialistiche ambulatoriali di diagnostica TAB. 6/bis Andamenti storici prestazioni specialistiche ambulatoriali di laboratorio TAB. 6/ter Andamenti storici prestazioni specialistiche ambulatoriali di altra natura TAB. 6/quater Andamenti storici prestazioni specialistiche ambulatoriali totali e relativi costi lordi TAB. 6/quinquies Costo medio pro capite al netto dei ricavi da mobilità attiva TAB. 6/sexies Prestazioni specialistiche ambulatoriali pro capite

5 TAB. 6/septies TAB. 6/octies TAB. 6/nonies TAB. 7 TAB. 7/bis TAB. 8 TAB. 9 TAB. 10 TAB. 11 TAB. 12 TAB. 13 TAB. 14 TAB. 15 TAB. 16 TAB. L.A./1 TAB. L.A./ Costo medio pro capite lordo della specialistica ambulatoriale Incidenza costo per acquisti di prestazioni specialistiche ambulatoriali da privati Tetti di spesa e costi effettivi della specialistica ambulatoriale Andamento storico costo Livello 2 Assistenza distrettuale Incidenze sul Livello 2 Assistenza distrettuale (al lordo della mobilità) Le strutture di ricovero e cura del S.S.R. Indicatori di offerta ospedaliera regionale per acuti e non acuti pubblico e privato Composizione attività ospedaliera per regime di ricovero pubblico e privato Composizione dell attività ospedaliera regionale complessiva - per n. ricoveri e giornate di degenza Tasso di ospedalizzazione - acuti Indicatori di efficienza ospedaliera per acuti regime ordinario pubblico Indici di complessità per acuti pubblico e privato Indicatori di prestazioni ospedaliere a rischio di non appropriatezza (ricoveri acuti) Mobilità ospedaliera tra regioni - numero di dimissioni ricoveri per acuti Tempi medi di attesa (4 trimestre) Tempi medi di attesa delle specialità traccianti ex D.G.R. 3683/98 (4 trimestre)

6 PREMESSA

7 1. PREMESSA La presente relazione si riferisce al triennio Essa trae origine da deliberazioni di questa Sezione Regionale di Controllo nell ambito dell attività autonoma di indagine svolta ai sensi dell art.3, comma 4, della Legge 14 gennaio 1994, n.20. Va preliminarmente precisato che per quanto riguarda l E.F.2001, la Sezione, nel predisporre il referto sulla Gestione finanziaria e l attuazione delle politiche regionali in Veneto, aveva già esaminato taluni aspetti del settore Sanità (vedasi parte IV: L assistenza sanitaria ), rilevando alcuni punti critici che hanno formato anche oggetto di sintetica relazione inviata al Presidente del Consiglio Regionale e a quello della Giunta Regionale con lettera prot. n. 912/16 del 19 febbraio Per il 2002 ed il 2003, in sede di verifica del Rendiconto Generale, sono stati invece già presi in esame solo alcuni aspetti legati all analisi dei dati finanziari e degli indicatori riferiti alle entrate ad alle spese (vedasi, rispettivamente, Parte III e Parte Speciale: Analisi di approfondimento Funzione obiettivo F.O. 19 Tutela della salute ). Questa Sezione, per disporre dei dati occorrenti ai fini della indagine, ha inizialmente fatto ricorso alla consueta modalità della richiesta cartacea e, segnatamente, con lettere dirette alla Segreteria Generale della Programmazione della Regione Veneto. Si sono poi resi necessari, nel solco di un ormai consolidato spirito di collaborazione, ripetuti incontri con i responsabili della Direzione Risorse Socio-Sanitarie della Regione, nonché ulteriori frequenti scambi di notizie e chiarimenti. L indagine è risultata assai complessa, anche per la difficoltà di rendere omogenei e quindi agevolmente analizzabili i dati. Non di meno, per l ampiezza dell arco temporale preso in considerazione, essa si è dimostrata utile per analizzare attraverso taluni indicatori i dati finanziari, ed in particolare i costi della produzione, nonché la gestione sia a livello regionale che di singole aziende. Il criterio adottato per la scelta di queste ultime è stato il deficit pro capite più elevato registrato nel I risultati che ne sono scaturiti vengono offerti ai destinatari dell indagine stessa ai fini dell eventuale adozione delle conseguenti misure correttive.

8 Non vi è, peraltro, la pretesa di aver esaminato tutto il variegato mondo della Sanità; in ogni caso, altri aspetti potranno costituire oggetto di interesse in occasione di indagini riguardanti futuri esercizi finanziari.

9 EVOLUZIONE DEL QUADRO NORMATIVO NAZIONALE E REGIONALE

10 2. EVOLUZIONE DEL QUADRO NORMATIVO NAZIONALE E REGIONALE Ad avvio dell indagine sono state esaminate le principali fonti normative che hanno introdotto innovazioni nel triennio , sia a livello nazionale che regionale, in parte già analizzate nel referto 2001 sopra indicato. Si tratta di una produzione assai cospicua per mole e per contenuti tesa, inequivocabilmente, a realizzare, in ogni settore della Sanità, le migliori condizioni per garantire efficacia, efficienza, tempestività e trasparenza sia dal punto di vista organizzativo che nell erogazione delle prestazioni. 2.1 LA NORMATIVA NAZIONALE a) Le leggi finanziarie La Legge , n.388, Legge finanziaria per il 2001, ha introdotto una innovazione sostanziale sul fronte del controllo della spesa, in coerenza con il processo di decentramento e di federalismo che sta interessando la politica nazionale. Infatti, in sede di accertamento dei conti consuntivi delle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, da effettuarsi entro il 30 giugno dell anno successivo, le regioni sono tenute a provvedere alla copertura degli eventuali disavanzi di gestione, attraverso l aumento delle aliquote di uno o più tributi regionali. La norma, quindi, attribuisce al governo regionale la responsabilità di controllare la spesa e non solo l offerta sanitaria, ponendo a suo carico le eventuali eccedenze di spesa. Il provvedimento prevede, altresì, le seguenti altre misure di rilievo con riflessi sugli anni successivi: - abolizione della compartecipazione degli assistiti al costo delle prestazioni farmaceutiche relative alle fasce a) e b) (2 comma art.85); - riduzione, dal 1 gennaio 2003, e successiva abolizione, dal 1 gennaio 2004, della compartecipazione degli assistiti al costo delle prestazioni specialistiche e di diagnostica strumentale (3 comma art.85); - esclusione dalla partecipazione al costo di alcune prestazioni specialistiche e di diagnostica finalizzate alla diagnosi precoce dei tumori (4 e 5 comma art.85); - definizione di precisi limiti di crescita della spesa sanitaria per il periodo ponendo a carico delle regioni l onere dell introduzione dei politiche virtuose, responsabilizzando anche i Medici di Medicina Generale

11 (MMG) e i Pediatri di Libera Scelta (PLS) relativamente alle prestazioni farmaceutiche, diagnostiche, specialistiche e ospedaliere (7 comma art.85); - obbligo di monitoraggio mensile, a far data dal 30 marzo 2002, dell andamento della spesa sanitaria e di adottare, per il tramite della Conferenza permanente Stato- Regioni, criteri e strumenti idonei a finanziare gli eventuali scostamenti che si verificassero.per gli scostamenti addebitabili a responsabilità regionali si pone a loro carico l obbligo del riequilibrio, ricorrendo anche alla reintroduzione del ticket ( 9 comma art.85); - introduzione dell acquisizione ottica, e quindi in tempo reale, non solo dei dati relativi ai farmaci ordinati nelle singole prescrizioni, ma anche del codice del medico, del codice dell assistito e della data di prescrizione (15 comma art.85). Ciò allo scopo di un più attento monitoraggio della spesa. Anche al fine di contrastare tendenze incoerenti con gli obiettivi di riduzione dei costi per il contribuente e di contenimento della spesa, il legislatore ha altresì imposto: - il monitoraggio della spesa affidato alla Commissione per la spesa farmaceutica appositamente ricostituita; - il rimborso, dal 1 settembre 2001, per i farmaci non coperti dal brevetto al prezzo medio ponderato dei medicinali aventi prezzo non superiore a quello massimo del generico, sollecitando i MMG, e i PLS a tener conto di tale disposizione in sede di prescrizione (26 e 27 comma art. 85); - l introduzione della dotazione finanziaria dei MMG, dei PLS, degli specialisti ambulatoriali e convenzionati e dei medici di continuità assistenziale (art.86); - la gestione informatizzata delle prescrizioni farmaceutiche, diagnostiche, specialiste e ospedaliere, il loro monitoraggio e trasmissione per via telematica, a partire dal 1 gennaio 2002, l avvio da parte delle regioni di forme autonome di monitoraggio di tali dati, la definizione nel proprio ambito delle modalità degli strumenti per il monitoraggio, nonché delle sanzioni da applicare

12 agli inadempienti o ai soggetti che superano il livello appropriato di prescrizioni. La Legge 28 dicembre 2001, n.448, art.40, Legge finanziaria per il 2002, ha confermato che il mancato rispetto, da parte delle regioni, dell accordo concernente i vincoli posti per il contenimento della spesa sanitaria, comporta il ripristino, per la regione inadempiente, del livello della spesa nel settore stabilito con l Accordo Stato-Regioni del 3 agosto In sostanza, la sanzione consiste nel riportare al valore del precedente accordo le somme riconosciute, rivalutate solo in base al tasso di inflazione degli anni successivi al La Legge in questione, con la sanzione di cui si tratta, intende da un lato garantire la tenuta del patto di stabilità interno, ma produce un sistema che impone alle regioni l erogazione di prestazioni negoziate, provvedendo poi a riconoscere risorse misurate su valori precedenti all Accordo dell 8 agosto 2001, salvo successive integrazioni. Ne è scaturito che, se da un lato non sono mancate difficoltà per le regioni di garantire il patto di stabilità in materia, dall altro si è registrato un notevole ritardo, da parte dello Stato, delle integrazioni stabilite con l accordo. La pattuita integrazione del finanziamento è infatti slittata al 10 gennaio 2003 ed ha influito sulla ripartizione dei fondi 2002 che hanno scontato, nel corso di quell esercizio, la provvisoria decurtazione. La differenza dei tempi può determinare il consolidarsi di un sistema strutturalmente in disavanzo che trasforma le somme destinate all integrazione in somme a ripiano. Il sistema impone, infatti, che la garanzia dei Livelli Essenziali di Assistenza (L.E.A.) deve essere assicurata in base alle anticipazioni di cassa che costituiscono fonte di ulteriori oneri che incidono sui disavanzi, peggiorandoli. Il sistema sanzionatorio previsto dalla Legge 448/2001 è stato esteso anche agli anni 2003 e 2004 con Decreto Legge 15 aprile 2002,n.63 (art.4), convertito in Legge 112/2002. La Legge 27 dicembre 2002, n.289, art.52, Legge finanziaria per il 2003, ha disposto, a carico delle regioni, ulteriori e più ampi obblighi che costituiscono condizioni per accedere all integrazione dei finanziamenti per gli anni 2003, 2004 e Si tratta di adempimenti finalizzati sempre nell ottica del contenimento - a garantire un attento sistema di monitoraggio della spesa sanitaria e dell appropriatezza delle prestazioni e della qualità dei servizi, che ribadiscono i

13 contenuti delle Leggi 502/1992 e 229/1999, rafforzandoli con la misura sanzionatoria precedentemente illustrata. La stessa Legge, inoltre, ha confermato i L.E.A. approvati con DPCM 29 novembre 2001, art.54. b) Altre fonti normative di particolare interesse Il Decreto Legge 18 settembre 2001, n.347, convertito con Legge 16 novembre 2001, n.405, ha chiamato le regioni a garantire il rispetto del patto di stabilità interno e ad adottare tutte le iniziative e le disposizioni necessarie al contenimento della spesa per l acquisto di beni e la fornitura di servizi in ambito sanitario. In particolare viene stabilito che le regioni adottino le iniziative necessarie affinché le Aziende Sanitarie e Ospedaliere aderiscano alle convenzioni stipulate o ad altri strumenti di contenimento della spesa. Le regioni sono pertanto tenute a: a) introdurre con legge le sanzioni da adottarsi nei confronti degli amministratori che non si adeguano; b) favorire il commercio elettronico e semplificare le procedure d acquisto; c) realizzare entro il 31 dicembre 2001 l osservatorio regionale dei prezzi in materia sanitaria, con lo scopo di monitorare la spesa; d) avviare il monitoraggio delle prescrizioni mediche, farmaceutiche, specialistiche e ospedaliere; e) garantire la standardizzazione dei dati. La legge stessa stabilisce che la dotazione standard media sia di 5 posti letto per mille abitanti di cui l uno per mille riservato alla riabilitazione ed alla lungodegenza post acuzie (art.3 comma 3). Viene confermato quanto già stabilito dall art. 83, comma 4 della finanziaria per il 2001 (art.4, c.3), in merito dell onere a carico della Regione della copertura dei disavanzi (contrazione autorizzata di mutui con oneri a carico dei rispettivi bilanci e, limitatamente al 2002, la possibilità di maggiorare l aliquota IRPEF, con partecipazione dei soggetti interessati alla spesa sanitaria) vengono normati il prezzo di rimborso dei farmaci di uguale composizione (art.7, c.1), particolari modalità di erogazione dei medicinali agli assistiti (art. 8), il numero delle confezioni prescrivibili per singola ricetta (art. 9), la sperimentazione del prezzo di rimborso dei farmaci (art. 10), la percentuale di sconto delle farmacie (art. 11) ed infine l onere posto a carico del Ministro della Salute e del Ministro dell Economia e delle Finanze di verificare periodicamente l attuazione della legge con particolare riferimento alla spesa farmaceutica (art. 11 bis). Prevede, inoltre, che a decorrere dall anno 2002, l onere a carico del SSN per l assistenza farmaceutica territoriale non può superare a livello nazionale ed in ogni singola regione - il 13 per cento della spesa sanitaria complessiva.

14 In tema di farmaci il Ministro della Salute, con Decreto del 27 settembre 2002, ha proceduto, ai sensi dell art. 9, comma 2 e 3 della Legge 8 agosto 2002, n. 178, alla riclassificazione dei medicinali apportando sostanziali modifiche che hanno inciso sulle scelte regionali precedentemente operate, rendendo necessari alcuni cambiamenti. La Regione Veneto, pertanto, a modifica della Delibera della Giunta n. 354 del 15 febbraio 2002, con DGR 3107 del 4 novembre 2002 e DGR 475/2003, ha stabilito, tra l altro, tenuto conto che la tendenza riscontrata per il 2001, in assenza di correttivi, poteva far superare il tetto di spesa del 13% della spesa sanitaria complessiva fissato con Legge 405/2001 per il 2002: - l incremento, con decorrenza dal 7 novembre 2002, da uno a due euro della quota fissa per ricetta a titolo di partecipazione alla spesa per l assistenza farmaceutica territoriale (partecipazione reintrodotta con l art. 85 comma 9 della legge finanziaria per il 2001), confermando, peraltro, le categorie di persone escluse dal pagamento già precedente individuate (comma 1); - di approvare il nuovo elenco regionale dei farmaci generici e dei relativi prezzi di riferimento, così come individuati dal Ministero della Salute. Con successiva DRG 3108/2002 ed ulteriori modifiche e integrazioni, da ultimo con DGR 1873 del 24 giugno 2003, sono state indicate le patologie che danno diritto ad esenzione. Con DPR 23 maggio 2003 è stato approvato, nel testo risultante dall atto di intesa nell ambito della Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province Autonome di Trento e Bolzano, il Piano Sanitario Nazionale (PNS) , definito come il primo ad essere varato in uno scenario politico e sociale radicalmente cambiato. Esso sancisce: - la modifica della missione del Ministero della Salute da pianificazione e governo della sanità a garanzia della salute per ogni cittadino; - un ulteriore passaggio dal decentramento dei poteri ad una reale devoluzione. In questo quadro ed in armonia con la modifica del Titolo V della Costituzione (parte seconda) e con l Accordo Stato-Regioni dell 8 agosto 2001, allo Stato compete formulare in principi fondamentali (esempio i L.E.A. che debbono essere garantiti sul territorio nazionale), ma non interverrà sul come questi principi ed obiettivi saranno conseguiti, perché ciò diviene competenza delle Regioni.

15 Il PSN tiene conto degli obiettivi comunitari in tema di salute e del coordinamento con i programmi dell.u.e.. Lo stesso quindi contiene sia la specificazione degli obiettivi strategici di salute sia le linee di sviluppo per gli altri obiettivi di salute. La sua efficacia dipenderà dall attuazione di una produttiva cooperazione tra i diversi livelli di responsabilità; infatti, esso si configura come documento di indirizzo e di linea culturale, più che come progetto che stabilisce tempi e metodi per il conseguimento degli obiettivi, in quanto questi aspetti rientrano nei poteri specifici delle Regioni, cui il Piano è diretto e con i quali è stato costruito. Vi è dunque una nuova visione materializzata dalla transizione dalla sanità alla salute e fondata su principi essenziali che costituiscono punti di riferimento e sui quali vengono elaborati dieci progetti per la strategia del cambiamento che compongono la Parte Prima del PSN I dieci progetti comprendono, in sintesi: l attuazione dell accordo sui livelli essenziali di assistenza e la riduzione delle liste di attesa, la promozione di una rete integrata di servizi sanitari e sociali, la garanzia della qualità dell assistenza sanitaria e delle tecnologie biomediche, il potenziamento dei fattori di sviluppo della sanità, la realizzazione di una formazione permanente di alto livello, la promozione del territorio quale sede primaria di assistenza e dei percorsi sanitari e sociosanitari, il potenziamento dei servizi di emergenza-urgenza, la promozione della ricerca biomedica e biotecnologia, la promozione degli stili di vita, la prevenzione e la promozione del corretto impiego dei farmaci. Per ciascuno di essi, dopo aver individuato complessità e criticità, vengono descritte le linee di pensiero e di azione per conseguirli, con l indicazione dei relativi obiettivi finali e di quelli a breve/medio termine (3 anni) sia al livello nazionale che a quello locale. Nella Parte Seconda del PSN vengono invece evidenziati, con la stessa metodologia, i seguenti obiettivi generali : a) la promozione della salute, con l individuazione delle malattie e degli eventi che costituiscono le principali cause di mortalità e di invalidità (malattie cardiovascolari, cerebrovascolari, tumori e malattie rare); b) l ambiente e la salute, con l analisi dei principali fenomeni che costituiscono fattore di rischio; c) la sicurezza alimentare e la sanità veterinaria, venute in evidenza anche per effetto della globalizzazione dei mercati.

16 2.2 CONFERENZA STATO - REGIONI Tra gli accordi intervenuti in materia sanitaria nel corso del triennio si ricordano, in particolare: Atto 1158 del 22 febbraio 2001, per lo sviluppo del nuovo sistema informativo sanitario nazionale NSIS, definito elemento chiave di supporto al processo di regionalizzazione per una piena condivisione delle informazioni possedute dai diversi protagonisti. Il NSIS è basato sulla cooperazione e l integrazione dei diversi sistemi informativi. Nell accordo sono definiti quali obiettivi di governo, il monitoraggio: dello stato di salute della popolazione, dell efficacia/efficienza del sistema sanitario; dell appropriatezza dell erogazione delle prestazioni in rapporto alla domanda di salute; della spesa sanitaria. Quali obiettivi di servizio/comunicazione, la promozione della globalizzazione dell offerta dei servizi, la disponibilità a livello nazionale di un sistema integrato di informazioni sanitarie individuali e la facilitazione dell accesso degli utenti alle strutture e alle prestazioni attraverso strumenti informatici. Atto 1285 dell 8 agosto 2001, per la definizione delle controversie tra Governo e Regioni circa la congruità delle risorse finanziarie relative all anno Tra i ventuno punti dell accordo si stabilisce: - che il Governo incrementi il concorso dello Stato al finanziamento del S.S.N. per l anno 2001 con riferimento ad un livello di spesa pari a mld di lire ( ml di euro), e che le regioni assumano a proprio carico eventuali disavanzi oltre tale somma; - che al fine di contenere i tetti di spesa prefissati, il Governo si impegni ad introdurre una serie di misure indirizzate alla definizione di meccanismi di contenimento della spesa; all attribuzione alle regioni della potestà autorizzativa in materia di sperimentazioni aziendali e del riconoscimento dello status di Azienda Ospedaliera; alla fissazione del nuovo parametro dei posti letto per acuti di quattro ogni mille abitanti (modificato poi in cinque dalla L.347/2001 (art. 3, comma 4, come già indicato); alla definizione di nuove misure per il contenimento della spesa farmaceutica; - la soppressione del ticket sia dilazionata di un anno (il provvedimento è stato successivamente modificato Vds Accordo del 22 novembre 2001); - l adozione, da parte del Governo, di un provvedimento per la definizione dei L.E.A..

17 Accordo del 22 novembre 2001, che ha rivoluzionato il sistema sanitario introducendo il concetto dei livelli essenziali di assistenza (L.E.A.). La definizione di tali livelli era stata imposta entro il 30 novembre 2001 dal D.L. 347/2001, convertito in L. 405/2001 ed a ciò si è provveduto con DPCM 29 novembre Per effetto di tali provvedimenti le prestazioni di assistenza sanitaria garantite dal SSN sono riconducibili a tre livelli o macroaree (cfr. all. 1a): - assistenza sanitaria collettiva in ambiente di vita e di lavoro (livello 1); - assistenza distrettuale (livello 2); - assistenza ospedaliera (livello 3). Nell ambito delle tre macroaree è inclusa l assistenza specifica a particolari categorie di cittadini quali: invalidi, soggetti affetti da malattie rare, soggetti affetti da fibrosi cistica, neuropatici cronici in trattamento dialitico, soggetti affetti da diabete mellito, soggetti affetti da morbo di Hansen, cittadini residenti in Italia autorizzati alle cure all estero. Per quanto attiene all area d integrazione socio-sanitaria (all. 1c), sono stati definiti dei macro livelli di assistenza nei quali, non risultando operativamente distinguibile la componente sanitaria da quella sociale, è stato convenuto che una percentuale del costo non sia da porre a carico del SSN bensì dell utente o del comune interessato. Negli allegati 2a) e 2b) del provvedimento in esame sono state individuate, rispettivamente, le prestazioni totalmente escluse dai L.E.A. e quelle solo parzialmente escluse. L allegato 2c) individua le prestazioni incluse nei L.E.A. che presentano un profilo potenzialmente inappropriato, o per le quali occorre comunque individuare modalità più appropriate di erogazione. La norma fornisce la definizione di inappropriatezza: casi trattati in regime di ricovero ordinario o in day hospital che le strutture sanitarie possono trattare in un diverso setting assistenziale con identico beneficio per il paziente e con minor impiego di risorse. Nell allegato 3 vengono fornite indicazioni per l applicazione dei livelli per quanto attiene le prestazioni di ricovero e cura ospedaliere, le prestazioni di assistenza specialistica, l assistenza farmaceutica (viene confermata l autonomia delle regioni di individuare una fascia di farmaci rispetto ai quali poter introdurre misure di compartecipazione del cittadino in relazione all andamento della spesa), l integrazione socio-sanitaria, l assistenza sanitaria alle popolazioni delle isole minori ed altre comunità isolate.

18 L allegato 4 indica le linee guida relative al ruolo delle regioni in materia di L.E.A.. Vi si riafferma la necessità di disporre di una metodologia omogenea nell applicazione della norma e si auspicano interventi sull appropriatezza per prevenire e contrastare fenomeni di improprio assorbimento di risorse anche attraverso un attenta programmazione regionale. Con DPCM del 16 aprile 2002 è stato aggiunto anche l allegato 5 concernente linee guida sui criteri di priorità per l accesso alle prestazioni diagnostiche e terapeutiche e sui tempi massimi di attesa. Il documento, scaturito a seguito dell accordo intervenuto in ambito conferenza Stato-Regioni del 14 febbraio 2002, premesso che anche l erogazione delle prestazioni entro tempi appropriati alle necessità di cura degli assistiti rappresenta una componente strutturale dei L.E.A., ha previsto che le Regioni indichino, entro il 31 maggio 2002, i criteri di priorità per l accesso alle prestazioni diagnostiche e terapeutiche, sulla base di valutazioni di appropriatezza e di urgenza e le modalità per una corretta gestione delle liste di prenotazione al fine di garantire l uniformità e la trasparenza delle stesse. In relazione a ciò le Regioni, in particolare: - fissano e aggiornano i tempi massimi di attesa per le prestazioni urgenti, in regime ambulatoriale e di ricovero, e ne danno idonea pubblicità (comma 3); - disciplinano le situazioni caratterizzate da particolare urgenza (comma 7). Il Decreto in argomento prevede, inoltre, che l inosservanza dei tempi massimi di attesa costituisce un elemento negativo ai fini dell attribuzione della quota variabile del trattamento economico del direttore generale, connesso ai risultati di gestione ottenuti ed agli obiettivi di salute conseguiti (comma 5). Atto 1386 del 14 febbraio La Conferenza Stato Regioni ha individuato la necessità di definire, entro tre mesi, criteri di priorità per l accesso alle prestazioni e i tempi di attesa testè esaminati. Atto 1812 del 24 luglio La Conferenza Stato- Regioni, in attuazione del PSSN , ha individuato le seguenti cinque linee operative di attività che costituiscono gli obiettivi di carattere prioritario e di rilievo nazionale: - sviluppo della politica dei L.E.A.; - cure primarie; - rete integrata di servizi sanitari e sociali per la non autosufficienza;

19 - centri di eccellenza; - comunicazione istituzionale. Atto 1831 del 2 0ttobre Intesa sulla ripartizione delle somme vincolate del SSN per il 2003 ai sensi della Legge 662/1996 (art. 1, comma 34) già accantonati dal CIPE per il perseguimento degli obiettivi di cui al precedente Accordo: per il Veneto milioni di Euro ripartiti in 5 priorità. Atto 1895 del 10 dicembre La Conferenza ha individuato i progetti approvati e trasmessi dalle singole regioni per la realizzazione degli obiettivi di carattere prioritario e di rilievo nazionale di cui all Atto 1812, con l impiego delle risorse vincolate di cui all Atto 1831 (la Regione Veneto vi ha provveduto con DGR 3352 del 7 novembre 2003 prevedendo che dell andamento delle attività verrà dato conto nell ambito del tavolo di monitoraggio dei L.E.A.). Ha altresì individuato il progetto definito Mattoni del Servizio Sanitario Nazionale affidato alla Regione Veneto avente per titolo Progetto per la costruzione di classificazioni, codifiche metodologie comuni per il SSN. Il progetto Mattone è finalizzato a realizzare un linguaggio comune per consentire, in ambito NSIS (Nuovo Sistema Informatico Sanitario), l interscambio informativo con i sistemi regionali con la disponibilità di: dati classificati e codificati in modo omogeneo; approcci omogenei per la creazione, a livello locale del NSIS, dei dati che vengono successivamente resi disponibili a livello regionale e nazionale; metodologie condivise per la costruzione delle misure per il bilanciamento tra qualità e costi del sistema sanitario. Esso prevede la creazione di numerosi gruppi di lavoro, con una regione capogruppo ed una associata, per la realizzazione di 15 tematiche, appunto i mattoni di cui quello affidato al Veneto reca il n. 1, regione associata la Calabria, e prevede le seguenti linee di attività: - definizione dell approccio alla classificazione delle strutture, in particolare territoriali; - definizione degli attributi che distinguono le diverse tipologie di struttura; - definizione delle caratteristiche da sottoporre a rilevazione (es. risorse, tecnologie, attività, ecc.). L impegno finanziario complessivo per la realizzazione dell iniziativa è valutato in 18 milioni di euro, dei quali: 0,25 per la regione capofila, 10,2 per i gruppi di lavoro e 7,55 per la Cabina di regia.

20 I tempi di realizzazione dovranno essere coerenti con quelli della realizzazione del NSIS. 2.3 LA NORMATIVA REGIONALE Gli atti normativi assunti a livello regionale costituiscono in gran parte lo sviluppo applicativo di quelli emanati da parte dello Stato ed a seguito di accordi nell ambito della Conferenza Stato-Regioni. Tra i più significativi del triennio in esame si citano i seguenti: la DGR 1045 del 2 maggio 2001, ha introdotto, in via sperimentale a far data dal 30 giugno dello stesso anno e per 12 mesi, in relazione alle disposizioni di cui all art. 86 della Legge 388/2000 (legge finanziaria per il 2001), il budget di distretto in 15 delle 21 aziende presenti nel proprio territorio; la DGR 697 del 23 marzo 2001 ha approvato le linee di indirizzo e di sviluppo del servizio informativo socio-sanitario regionale di cui all Accordo della Conferenza Stato-Regioni del 22 febbraio 2001 (Atto 1158) ed è stata prevista l istituzione di un gruppo di lavoro per il coordinamento delle iniziative attinenti il sistema informativo regionale; la Legge Regionale 13 aprile 2001, n.11 di conferimento di funzioni e compiti amministrativi alle autonomie locali in attuazione del Decreto Legislativo 31 marzo 1998, n.12, ha tra l altro: a) istituito la Conferenza regionale permanente per la programmazione sanitaria e socio-sanitaria; b) stabilito che entro il 30 giugno di ciascun anno la Giunta presenti al Consiglio regionale la relazione sullo stato dell organizzazione e dell efficienza dei servizi; c) definito i poteri sostitutivi della Regione in presenza di inadempienze dei DD.GG. delle aziende sanitarie; d) definito i nuovi compiti dei comuni in tema di programmazione socio-sanitaria e di verifica dei risultati e prevista la costituzione del Comitato dei sindaci di distretto; e) definito nuove funzioni amministrative dei comuni e delle ULS concernenti alcuni aspetti sanitari; la DGR 3237 del 30 novembre 2001, con la quale la Regione, in attuazione dell art.113 della Legge suddetta, ha deliberato la costituzione e regolamentato l organizzazione ed il funzionamento della Conferenza permanente per la programmazione sanitaria e socio-sanitaria.

FORMAZIONE BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018. a cura del Dipartimento Finanza Locale

FORMAZIONE BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018. a cura del Dipartimento Finanza Locale FORMAZIONE BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018 a cura del Dipartimento Finanza Locale Il disegno di legge di stabilità 2016 contiene le seguenti principali disposizioni concernenti gli enti locali: 1) Soppressione

Dettagli

IL MINISTRO DELLA SALUTE DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DELLA SALUTE DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Testo aggiornato al 5 dicembre 2007 Decreto ministeriale 22 Febbraio 2007, n. 43 Gazzetta Ufficiale 6 Aprile 2007, n. 81 Regolamento recante Definizione degli standard relativi all assistenza ai malati

Dettagli

Budget 2009. Chiusura processo di negoziazione. 05 marzo 2009. Dr. Renzo Alessi DIRETTORE GENERALE

Budget 2009. Chiusura processo di negoziazione. 05 marzo 2009. Dr. Renzo Alessi DIRETTORE GENERALE Budget 2009 Chiusura processo di negoziazione Dr. Renzo Alessi DIRETTORE GENERALE 05 marzo 2009 Missione dell Azienda L Azienda ULSS 5 assicura ai cittadini l erogazione di prestazioni Socio-Sanitarie

Dettagli

REGIONANDO 2000 REGIONE LAZIO ASSESSORATO SALVAGUARDIA E CURA DELLA SALUTE

REGIONANDO 2000 REGIONE LAZIO ASSESSORATO SALVAGUARDIA E CURA DELLA SALUTE REGIONANDO 2000 REGIONE LAZIO ASSESSORATO SALVAGUARDIA E CURA DELLA SALUTE PROGETTO TRIENNALE DI POTENZIAMENTO DELL ASSISTENZA DOMICILIARE NEL LAZIO, ANNI 1998/2000. Premessa Il programma di assistenza

Dettagli

COMUNE DI CORCIANO. Provincia di Perugia

COMUNE DI CORCIANO. Provincia di Perugia Oggetto: Parere del Responsabile dell Area Economico-Finanziaria ai sensi dell art. 153 del D.Lgs 267/2000. Bilancio di previsione anno 2014. Bilancio Pluriennale 2014/2016. Il sottoscritto Stefano Baldoni,

Dettagli

VALLE D'AOSTA INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE

VALLE D'AOSTA INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE VALLE D'AOSTA NDCE CRONOLOGCO DELLA NORMATA REGONALE AVVSO A LETTOR Gli indici cronologici sono stati realizzati per facilitare la ricerca di una specifica norma di legge. Per consultarne il testo è comunque

Dettagli

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 (Oggetto) 1. La presente legge riordina

Dettagli

Articolo 8. Articolo 8. (Piani di rientro, tariffe di prestazioni sanitarie e percorsi diagnostico-terapeutici)

Articolo 8. Articolo 8. (Piani di rientro, tariffe di prestazioni sanitarie e percorsi diagnostico-terapeutici) Sezione IV Sezione IV Salute Salute Articolo 8. Articolo 8. (Tariffe di prestazioni sanitarie e percorsi diagnostico terapeutici) (Piani di rientro, tariffe di prestazioni sanitarie e percorsi diagnostico-terapeutici)

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE. N. 126 del 18 dicembre 2014

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE. N. 126 del 18 dicembre 2014 R E G I O N E C A L A B R I A DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE N. 126 del 18 dicembre 2014 Oggetto: Variazione al Bilancio 2014. Assegnazioni di risorse dallo Stato in relazione a capitoli di pertinenza

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU42 20/10/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 3 ottobre 2011, n. 18-2663 Proseguimento e consolidamento a regime del percorso per la Gestione integrata del diabete di tipo 2 nell'adulto,

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H

REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H INDICE Articolo 1- Ambito di applicazione... 3 Articolo 2- Fonti normative... 3 Articolo 3- Definizione... 3 Articolo 4- Obiettivi e finalità del Distretto...

Dettagli

CONFERENZA SULLA SANITA ELETTRONICA

CONFERENZA SULLA SANITA ELETTRONICA CONFERENZA SULLA SANITA ELETTRONICA CONFERENZA SULLA SANITA ELETTRONICA Il percorso di adozione del Fascicolo Sanitario Elettronico in Italia Lidia Di Minco Direttore Ufficio Nuovo Sistema Informativo

Dettagli

Protocollo di intesa. tra. L Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (INAIL) REGIONE LAZIO.

Protocollo di intesa. tra. L Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (INAIL) REGIONE LAZIO. Protocollo di intesa L Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (INAIL) tra e REGIONE LAZIO per l erogazione di prestazioni di assistenza sanitaria da parte dell istituto

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 60/2 DEL 2.12.2015. Sistema Regionale delle Cure Territoriali. Linee di indirizzo per la riqualificazione delle cure primarie.

DELIBERAZIONE N. 60/2 DEL 2.12.2015. Sistema Regionale delle Cure Territoriali. Linee di indirizzo per la riqualificazione delle cure primarie. Oggetto: Sistema Regionale delle Cure Territoriali. Linee di indirizzo per la riqualificazione delle cure primarie. L Assessore dell Igiene e Sanità e dell Assistenza Sociale ricorda che nel Patto della

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO QUARTO PRINCIPI GENERALI SULL AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ 1. L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ In quanto ente pubblico istituzionale l INPS è regolato dai principi della L. 70/1975 che ha

Dettagli

Finanziaria 2006: misure e provvedimenti inerenti al Terzo Settore

Finanziaria 2006: misure e provvedimenti inerenti al Terzo Settore Finanziaria 2006: misure e provvedimenti inerenti al Terzo Settore a cura di Roberta De Pirro - Studio Sciumé e Associati roberta.depirro@sciume.net http://www.sciume.net/ Premessa Dopo un lungo e discusso

Dettagli

Premesso che: - il D.Lgs. 30 dicembre 1992, n. 502 e successive modificazioni e integrazioni, agli articoli dal 16 al 16 sexies interviene in materia

Premesso che: - il D.Lgs. 30 dicembre 1992, n. 502 e successive modificazioni e integrazioni, agli articoli dal 16 al 16 sexies interviene in materia Premesso che: - il D.Lgs. 30 dicembre 1992, n. 502 e successive modificazioni e integrazioni, agli articoli dal 16 al 16 sexies interviene in materia di formazione continua, definendone le finalità, i

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA Il Ministero del lavoro e delle politiche sociali e l Unione delle Province d Italia UPI VISTI il

Dettagli

A relazione dell'assessore Cavallera:

A relazione dell'assessore Cavallera: REGIONE PIEMONTE BU6 06/02/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 30 dicembre 2013, n. 23-6990 Definizione criteri e modalita' per la determinazione dei volumi di attivita' e dei tetti di spesa per

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico. il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con

Il Ministro dello Sviluppo Economico. il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze MISURA E MODALITÀ DI VERSAMENTO DEL CONTRIBUTO DOVUTO DAI SOGGETTI OPERANTI NEL SETTORE POSTALE ALL AUTORITÀ

Dettagli

Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI

Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 116 del 29/07/2002 modificato con

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 323 del 03/07/2012

Delibera della Giunta Regionale n. 323 del 03/07/2012 Delibera della Giunta Regionale n. 323 del 03/07/2012 A.G.C. 20 Assistenza Sanitaria Settore 3 Interventi a favore di fasce socio-sanitarie particolarmente 'deboli' Oggetto dell'atto: "ADOZIONE DELLA SCHEDA

Dettagli

ATTO. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale LA GIUNTA REGIONALE

ATTO. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale LA GIUNTA REGIONALE O GG E TTO : Rimodulazione del Fondo di solidarietà per la gravi disabilità rinominato "CONTRIBUTO DI SOLIDARIETA' PER LA RESIDENZIALITA' E SEMIRESIDENZIALITA (DISABILI, PAZIENTI PSICHIATRICI E PERSONE

Dettagli

Proposta di legge Alienazione degli immobili di ERP. Documento preliminare

Proposta di legge Alienazione degli immobili di ERP. Documento preliminare ALLEGATO A Proposta di legge Alienazione degli immobili di ERP Documento preliminare 1. Inquadramento normativo La materia dell edilizia residenziale pubblica comprende il complesso delle attività delle

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni CIRCOLARE N. 2/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 11 maggio 2010 DIREZIONE FEDERALISMO FISCALE PROT. 10968/2010 Ai Comuni Alle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle

Dettagli

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO Testo aggiornato al 6 luglio 2012 Accordo 16 dicembre 2010, n. 239/Csr Gazzetta Ufficiale 18 gennaio 2011, n. 13 Accordo, ai sensi dell articolo 4 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, tra il

Dettagli

Protocollo di intesa. tra

Protocollo di intesa. tra Protocollo di intesa tra L Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (INAIL) con Sede in Roma, Via IV Novembre, 144 (CF 01165400589), rappresentato dal Presidente Massimo De

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 462 del 24/10/2013

Delibera della Giunta Regionale n. 462 del 24/10/2013 Delibera della Giunta Regionale n. 462 del 24/10/2013 A.G.C. 14 Trasporti e viabilità Settore 1 Autolinee e Vie di comunicazione Oggetto dell'atto: APPROVAZIONE DEL DOCUMENTO DENOMINATO "PIANO DI RIPROGRAMMAZIONE

Dettagli

Regolamento del sistema di controlli interni (art.147 e ss. del T.U.E.L.)

Regolamento del sistema di controlli interni (art.147 e ss. del T.U.E.L.) COMUNE DI PORTO SAN GIORGIO (PROVINCIA DI FERMO) Alleg.B Regolamento del sistema di controlli interni (art.147 e ss. del T.U.E.L.) Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 5, in data 28.01.2016

Dettagli

A relazione del Presidente Cota: Richiamate:

A relazione del Presidente Cota: Richiamate: REGIONE PIEMONTE BU33 14/08/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 2 agosto 2013, n. 2-6205 Contratto di Prestito con la Banca Europea per gli Investimenti (BEI) - "Prestito - Regione Piemonte Loan

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 44/ 12 DEL 31.10.2007

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 44/ 12 DEL 31.10.2007 DELIBERAZIONE N. 44/ 12 Oggetto: Aumento del numero massimo di strisce per autocontrollo della glicemia concedibili gratuitamente ai pazienti diabetici in età pediatrica e adolescenziale. L Assessore dell

Dettagli

Mod. B - copia pag. 3 Dgr n. del

Mod. B - copia pag. 3 Dgr n. del OGGETTO: Attivazione dell applicativo regionale informatizzato per la prescrizione, la dispensazione e il monitoraggio dell ormone della crescita (GH). NOTA PER LA TRASPARENZA: il presente provvedimento

Dettagli

Atto di indirizzo per la medicina convenzionata

Atto di indirizzo per la medicina convenzionata Atto di indirizzo per la medicina convenzionata Premessa L approvazione del Decreto Balduzzi, oltre alla necessità di rivedere gran parte dell impianto normativo degli ACN vigenti, ha aperto e stimolato

Dettagli

REGOLAMENTO DI CONTABILITA

REGOLAMENTO DI CONTABILITA REGOLAMENTO DI CONTABILITA dell Azienda Speciale del Comune di Cavriago CavriagoServizi Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 30 luglio 2008 I N D I C E CAPO I FINALITA E CONTENUTO

Dettagli

A relazione dell'assessore Cavallera:

A relazione dell'assessore Cavallera: REGIONE PIEMONTE BU30 25/07/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 9 luglio 2013, n. 1-6045 D.G.R. N. 6-5519 del 14/03/2013 "Programmazione sanitaria regionale. Interventi di revisione della rete ospedaliera

Dettagli

L.R. 1/2005, art. 2, c. 58 e 59 B.U.R. 30/3/2005, n, 13. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 22 marzo 2005, n. 077/Pres.

L.R. 1/2005, art. 2, c. 58 e 59 B.U.R. 30/3/2005, n, 13. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 22 marzo 2005, n. 077/Pres. L.R. 1/2005, art. 2, c. 58 e 59 B.U.R. 30/3/2005, n, 13 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 22 marzo 2005, n. 077/Pres. Regolamento per la determinazione dei criteri e delle modalità per il concorso delle

Dettagli

IL MINISTRO DELLA SALUTE

IL MINISTRO DELLA SALUTE Testo aggiornato al 20 settembre 2013 Decreto ministeriale 26 marzo 2013 Gazzetta Ufficiale 8 agosto 2013, n. 185 Contributo alle spese dovuto dai soggetti pubblici e privati e dalle società scientifiche

Dettagli

COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni

COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni (art. 147 del TUELL 267/2000, modificato dal D.L. 174/2012 convertito nella legge 213/2012) INDICE Parte 1^ Premesse generali Art. 1 Finalità e ambito

Dettagli

CIRCOLARE N. 56/E. OGGETTO: Chiarimenti in merito ai soggetti destinatari della quota del cinque per mille dell Irpef

CIRCOLARE N. 56/E. OGGETTO: Chiarimenti in merito ai soggetti destinatari della quota del cinque per mille dell Irpef CIRCOLARE N. 56/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 10 dicembre 2010 OGGETTO: Chiarimenti in merito ai soggetti destinatari della quota del cinque per mille dell Irpef 2 INDICE PREMESSA

Dettagli

LA SANITÀ DIVENTA SISTEMA AZIENDALE

LA SANITÀ DIVENTA SISTEMA AZIENDALE LEZIONE: ELEMENTI DI LEGISLAZIONE SANITARIA (SECONDA PARTE) PROF. MASSIMO BUJA Indice 1 INTRODUZIONE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

U.O.C. Programmazione e Controllo di Gestione. Regolamento di Budget

U.O.C. Programmazione e Controllo di Gestione. Regolamento di Budget Regolamento di Budget 1 RIFERIMENTI NORMATIVI Preliminarmente qui di seguito si richiamano i principali riferimenti normativi che costituiscono fonte principale del presente regolamento: D.L.vo n. 502/92

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE della REGIONE CAMPANIA n. 48 del 3 agosto 2009. Atti della Regione PARTE I

BOLLETTINO UFFICIALE della REGIONE CAMPANIA n. 48 del 3 agosto 2009. Atti della Regione PARTE I A.G.C. 19 - Piano Sanitario Regionale e Rapporti con le UU.SS.LL. - Deliberazione n. 1274 del 16 luglio 2009 Piano di rientro - Interventi per il raggiungimento dell obiettivo di razionalizzazione e contenimento

Dettagli

Regolamento del sistema di controlli interni (art. 147 e ss. del T.U.E.L.)

Regolamento del sistema di controlli interni (art. 147 e ss. del T.U.E.L.) Regolamento del sistema di controlli interni (art. 147 e ss. del T.U.E.L.) I N D I C E TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Sistema dei controlli interni. Art. 2 controllo delle sezioni regionali della Corte

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DELLA CALABRIA III^ Commissione Permanente Attività Sociali - Sanitarie - Culturali - Formative

CONSIGLIO REGIONALE DELLA CALABRIA III^ Commissione Permanente Attività Sociali - Sanitarie - Culturali - Formative Disegno di legge n. 41/9^ Norme per il sostegno delle persone non autosufficienti. Fondo per la non autosufficienza Proponente: Giunta regionale Depositato presso la Segreteria Assemblea del Consiglio

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE. n. 359 del 29-5-2015 O G G E T T O

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE. n. 359 del 29-5-2015 O G G E T T O REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE n. 359 del 29-5-2015 O G G E T T O Saldo fondo per la ponderazione qualitativa delle quote capitarie di cui all'art. 59,

Dettagli

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO.

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. ALLEGATO A MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. il sistema organizzativo che governa le modalità di erogazione delle cure non è ancora rivolto al controllo in modo sistemico

Dettagli

IL CIPE. Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007

IL CIPE. Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007 Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007 DEFINIZIONE DEI CRITERI DI COFINANZIAMENTO PUBBLICO NAZIONALE DEGLI INTERVENTI SOCIO STRUTTURALI COMUNITARI PER IL PERIODO DI PROGRAMMAZIONE 2007-2013 IL CIPE VISTA

Dettagli

di concerto con il Ministro dell economia e delle finanze,

di concerto con il Ministro dell economia e delle finanze, di concerto con il Ministro dell economia e delle finanze, VISTA la Legge 8 luglio 1986, n. 349 e s.m.i., Istituzione del Ministero dell Ambiente e norme in materia di danno ambientale ; VISTA la Legge

Dettagli

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali PROTOCOLLO D INTESA TRA L AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE E L AGENZIA NAZIONALE PER I SERVIZI SANITARI REGIONALI ****************** L AUTORITÀ NAZIONALE

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE

LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Delibera di Giunta - N.ro 2004/1016 - approvato il 31/5/2004 Oggetto: LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Prot. n. (SAM/03/27628) LA GIUNTA DELLA REGIONE

Dettagli

COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO tel. 011 9234400 - Fax 011 9234422 E-mail: comune@comune.robassomero.to.it - www.comune.robassomero.to.

COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO tel. 011 9234400 - Fax 011 9234422 E-mail: comune@comune.robassomero.to.it - www.comune.robassomero.to. COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO tel. 011 9234400 - Fax 011 9234422 E-mail: comune@comune.robassomero.to.it - www.comune.robassomero.to.it Approvato con deliberazione G.C. n. 103/29.12.2010 INDICE

Dettagli

VISTI i piani di erogazione e degli interventi predisposti dalle singole regioni allegati al presente decreto;

VISTI i piani di erogazione e degli interventi predisposti dalle singole regioni allegati al presente decreto; VISTO il decreto-legge 12 settembre 2013, n. 104, convertito, con modificazioni, dalla legge 8 novembre 2013, n. 128, recante misure urgenti in materia di istruzione, università e ricerca (di seguito,

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITA DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA Aggiornamento delle Linee guida per la metodologia

Dettagli

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n.

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. 40 Premessa Il presente documento contiene indicazioni e orientamenti

Dettagli

in commercio rilasciata dal Ministero della Sanità.

in commercio rilasciata dal Ministero della Sanità. 3614 quantità o la giacenza di magazzino oltre la quale si rende necessario ordinare le voci di interesse. La definizione di entrambi i parametri dovrà essere curata da farmacisti che integreranno nelle

Dettagli

COMUNE DI SCARMAGNO Provincia di Torino

COMUNE DI SCARMAGNO Provincia di Torino COMUNE DI SCARMAGNO Provincia di Torino * * * * * * REGOLAMENTO DEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI (Approvato con Deliberazione Consiglio Comunale n. 3 del 6/03/2013) pag 1 Regolamento sui controlli interni

Dettagli

Visti: l art 12bis, comma 9, del D. Lgs. 30.12.1992 n. 502 relativo a Riordino della disciplina in materia sanitaria, a norma dell art. 1 della L.

Visti: l art 12bis, comma 9, del D. Lgs. 30.12.1992 n. 502 relativo a Riordino della disciplina in materia sanitaria, a norma dell art. 1 della L. Visti: l art 12bis, comma 9, del D. Lgs. 30.12.1992 n. 502 relativo a Riordino della disciplina in materia sanitaria, a norma dell art. 1 della L. 23.10.1992, n. 241, il quale prevede che le regioni e

Dettagli

La Riabilitazione: analisi della situazione in Italia. Giovanna Beretta

La Riabilitazione: analisi della situazione in Italia. Giovanna Beretta La Riabilitazione: analisi della situazione in Italia Giovanna Beretta SOTTOGRUPPO 1 Rilevanza della Medicina Riabilitativa Rappresentanti Conferenza Stato-Regioni Abruzzo Campania Emilia Romagna Lombardia

Dettagli

DISPOSIZIONI PER GARANTIRE CURE PALLIATIVE AI MALATI IN STATO DI INGUARIBILITÀ AVANZATA O A FINE VITA E PER SOSTENERE LA LOTTA AL DOLORE

DISPOSIZIONI PER GARANTIRE CURE PALLIATIVE AI MALATI IN STATO DI INGUARIBILITÀ AVANZATA O A FINE VITA E PER SOSTENERE LA LOTTA AL DOLORE Legge regionale 19 marzo 2009, n. 7 (BUR n. 25/2009) DISPOSIZIONI PER GARANTIRE CURE PALLIATIVE AI MALATI IN STATO DI INGUARIBILITÀ AVANZATA O A FINE VITA E PER SOSTENERE LA LOTTA AL DOLORE Art. 1 - Finalità.

Dettagli

Parere n. 35/2010 Autorizzazioni sanitarie. Ambulatori e Poliambulatori medici e dentistici

Parere n. 35/2010 Autorizzazioni sanitarie. Ambulatori e Poliambulatori medici e dentistici Parere n. 35/2010 Autorizzazioni sanitarie. Ambulatori e Poliambulatori medici e dentistici Viene chiesto un parere in merito alla procedura di rilascio delle autorizzazioni sanitarie agli ambulatori e

Dettagli

Dr.Piergiorgio Trevisan

Dr.Piergiorgio Trevisan LE CURE PRIMARIE Le AFT: stato dell arte del progressivo inserimento dei MMG e dei MCA nella struttura distrettuale per un distretto casa dei Medici di Assistenza Primaria Dr.Piergiorgio Trevisan L Azienda

Dettagli

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Il quadro Istituzionale organizzativo in Regione Veneto Dirigente Regionale Servizi Sociali dott. Mario Modolo

Dettagli

Documento sulla politica di investimento. Redatto ai sensi della Deliberazione COVIP del 16 marzo 2012

Documento sulla politica di investimento. Redatto ai sensi della Deliberazione COVIP del 16 marzo 2012 Documento sulla politica di investimento Redatto ai sensi della Deliberazione COVIP del 16 marzo 2012 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 28 Marzo 2013 Sommario 1 PREMESSA...3 2 OBIETTIVI

Dettagli

RISOLUZIONE N. 107/E

RISOLUZIONE N. 107/E RISOLUZIONE N. 107/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 dicembre 2014 OGGETTO: Imposte sui redditi - Oneri deducibili - Contributi assistenziali versati al Fondo - Art. 10, comma 1, lettera e-ter) e

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 88 DEL 26-06-1980 REGIONE LAZIO. Norme in materia di opere e lavori pubblici.

LEGGE REGIONALE N. 88 DEL 26-06-1980 REGIONE LAZIO. Norme in materia di opere e lavori pubblici. LEGGE REGIONALE N. 88 DEL 26-06-1980 REGIONE LAZIO Norme in materia di opere e lavori pubblici. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO N. 21 del 30 luglio 1980 Il Consiglio regionale ha approvato.

Dettagli

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2015 2016 2017 1 allegato a) deliberazione del Consiglio di Amministrazione. n. /2015 PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto il decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, recante Misure urgenti per la crescita del Paese, e,

Dettagli

L.R. 26 Giugno 1980, n. 88

L.R. 26 Giugno 1980, n. 88 L.R. 26 Giugno 1980, n. 88 Norme in materia di opere e lavori pubblici (1). TITOLO I OPERE INCLUSE NEI PROGRAMMI REGIONALI Capo I PROGRAMMAZIONE Art. 1 (Ambito di applicazione della legge) I programmi

Dettagli

Schema di CONTRATTO DI SERVIZIO tra REGIONE ed A.T.E.R. in attuazione dell art. 50 della Lr n. 27/2006 come modificato dalla Lr n. 11/2007.

Schema di CONTRATTO DI SERVIZIO tra REGIONE ed A.T.E.R. in attuazione dell art. 50 della Lr n. 27/2006 come modificato dalla Lr n. 11/2007. ALLEGATO 1 Schema di CONTRATTO DI SERVIZIO tra REGIONE ed A.T.E.R. in attuazione dell art. 50 della Lr n. 27/2006 come modificato dalla Lr n. 11/2007. L anno il giorno del mese di in Roma, con la presente

Dettagli

PROFESSIONISTI AZIENDALI ASSOCIATI I PROFESSIONISTI PER L AZIENDA

PROFESSIONISTI AZIENDALI ASSOCIATI I PROFESSIONISTI PER L AZIENDA Informative e news per la clientela di studio Oggetto: IL 5 PER MILLE ENTRA A REGIME È partita lo scorso 26 marzo la procedura che enti e associazioni devono seguire per richiedere ai contribuenti la destinazione

Dettagli

Regolamento di contabilità

Regolamento di contabilità Regolamento di contabilità Approvato con atto del Consiglio di Amministrazione n. 25 del 14/09/2012 14/09/2012 Pag. 1 Articolo 1 Oggetto del Regolamento INDICE Articolo 2 Documenti obbligatori Articolo

Dettagli

BASILICATA INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE AVVISO AI LETTORI

BASILICATA INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE AVVISO AI LETTORI BASLCATA NDCE CRONOLOGCO DELLA NORMATVA REGONALE AVVSO A LETTOR Gli indici cronologici sono stati realizzati per facilitare la ricerca di una specifica norma di legge. Per consultarne il testo è comunque

Dettagli

CIRCOLARE N.9/E. Roma, 3 marzo 2011

CIRCOLARE N.9/E. Roma, 3 marzo 2011 CIRCOLARE N.9/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 3 marzo 2011 OGGETTO: Articolo 2, comma 1, decreto-legge 29 dicembre 2010, n. 225, convertito con modificazioni dalla legge 26 febbraio

Dettagli

Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile

Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile L. 18 giugno 2009, n. 69 1 e 2 Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile (Estratto relativo all Amministrazione digitale) Art. 24

Dettagli

FRIULI VENEZIA GIULIA

FRIULI VENEZIA GIULIA FRUL VENEZA GULA NDCE CRONOLOGCO DELLA NORMATA REGONALE AVVSO A LETTOR Gli indici cronologici sono stati realizzati per facilitare la ricerca di una specifica norma di legge. Per consultarne il testo è

Dettagli

ANALISI TECNICO-NORMATIVA

ANALISI TECNICO-NORMATIVA ANALISI TECNICO-NORMATIVA Schema di decreto legislativo in materia di completamento della riforma della struttura del bilancio dello Stato in attuazione dell articolo 40, comma 1, della legge 31 dicembre

Dettagli

Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione relativi organismi.

Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione relativi organismi. REGIONE PIEMONTE BU28 14/07/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 22 giugno 2011, n. 7-2208 Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA LA REGIONE TOSCANA, LE UNIVERSITA DI FIRENZE PISA E SIENA E LE AZIENDE OSPEDALIERO-UNIVERSITARIE

PROTOCOLLO D INTESA TRA LA REGIONE TOSCANA, LE UNIVERSITA DI FIRENZE PISA E SIENA E LE AZIENDE OSPEDALIERO-UNIVERSITARIE PROTOCOLLO D INTESA TRA LA REGIONE TOSCANA, LE UNIVERSITA DI FIRENZE PISA E SIENA E LE AZIENDE OSPEDALIERO-UNIVERSITARIE PER LA IMPLEMENTAZIONE DELL ATTIVITA DI DIDATTICA E DI RICERCA ALL INTERNO DELLE

Dettagli

ALCUNE RIFLESSIONI SULLA CIRCOLARE N. 51/E DEL 28 NOVEMBRE 2011 DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

ALCUNE RIFLESSIONI SULLA CIRCOLARE N. 51/E DEL 28 NOVEMBRE 2011 DELL AGENZIA DELLE ENTRATE ALCUNE RIFLESSIONI SULLA CIRCOLARE N. 51/E DEL 28 NOVEMBRE 2011 DELL AGENZIA DELLE ENTRATE E di pochi giorni fa la circolare n. 51/E emessa dall Agenzia delle Entrate, con la quale si chiariscono i requisiti

Dettagli

ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE. Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze

ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE. Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE E L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze esclusive in materia di Istruzione e Formazione Professionale

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI TRAPIANTO DI ORGANI ALL ESTERO AI SENSI DELL ARTICOLO 20 DELLA LEGGE 1 APRILE 1999, n. 91 IL MINISTRO

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI TRAPIANTO DI ORGANI ALL ESTERO AI SENSI DELL ARTICOLO 20 DELLA LEGGE 1 APRILE 1999, n. 91 IL MINISTRO Direzione Generale per i Rapporti con l Unione Europea e per i Rapporti Internazionali DISPOSIZIONI IN MATERIA DI TRAPIANTO DI ORGANI ALL ESTERO AI SENSI DELL ARTICOLO 20 DELLA LEGGE 1 APRILE 1999, n.

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE DI INIZIATIVA DELLA GIUNTA

DISEGNO DI LEGGE DI INIZIATIVA DELLA GIUNTA REGIONE BASILICATA DISEGNO DI LEGGE DI INIZIATIVA DELLA GIUNTA Bilancio di Previsione pluriennale per il triennio 2015-2017. Potenza, Dicembre 2014 * * * * * * * * * * Articolo 1 Stato di Previsione dell

Dettagli

Spesa farmaceutica ospedaliera. Attuazione Programmi Operativi 2013-2015: Intervento 17.1 "Razionalizzazione della spesa farmaceutica ospedaliera".

Spesa farmaceutica ospedaliera. Attuazione Programmi Operativi 2013-2015: Intervento 17.1 Razionalizzazione della spesa farmaceutica ospedaliera. REGIONE PIEMONTE BU25S1 19/06/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 21 maggio 2014, n. 53-7644 Spesa farmaceutica ospedaliera. Attuazione Programmi Operativi 2013-2015: Intervento 17.1 "Razionalizzazione

Dettagli

DGR 399 DD. 20.2.2004 LA GIUNTA REGIONALE

DGR 399 DD. 20.2.2004 LA GIUNTA REGIONALE DGR 399 DD. 20.2.2004 LA GIUNTA REGIONALE VISTA la legge regionale 27 marzo 1996, n. 18 e successive modificazioni ed integrazioni ed in particolare l articolo 6, comma 1 della stessa; VISTA la legge 8

Dettagli

LINEE GUIDA DI BUDGET

LINEE GUIDA DI BUDGET Settore Controllo di Gestione LINEE GUIDA DI BUDGET Indice GLI OBIETTIVI DELLE LINEE GUIDA DI BUDGET... 3 IL BUDGET: DEFINIZIONE... 3 IL PROCESSO DI BUDGETING... 4 ASSEGNAZIONE... 4 PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE...

Dettagli

IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE Promulga

IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE Promulga Parte I N. 4 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 31-1-2015 253 Parte I LEGGI, DECRETI E REGOLAMENTI DELLA REGIONE Legge Regionale 27 gennaio 2015, n. 6 BILANCIO DI PREVISIONE PLURIENNALE

Dettagli

Roma, 17 luglio 2015 Prot. 1524/ILT/ds. A TUTTE LE STRUTTURE loro sedi. OGGETTO: Manovra sanitaria 2015/2017. Carissimi,

Roma, 17 luglio 2015 Prot. 1524/ILT/ds. A TUTTE LE STRUTTURE loro sedi. OGGETTO: Manovra sanitaria 2015/2017. Carissimi, Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori Politiche di Riforma delle Pubbliche Amministrazioni, di Cittadinanza Tutela e Promozione Solidarietà e Tutele Sociali Roma, 17 luglio 2015 Prot. 1524/ILT/ds

Dettagli

Immediatamente eseguibile

Immediatamente eseguibile DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 159 Del 15/06/2015 Oggetto: Autorizzazione alla spesa di cui al D.Lgs. 165/01 per la stipula dei CC.CC.II.AA. di individuazione ed utilizzo risorse del Personale

Dettagli

LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.)

LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.) LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.) Disposizioni per la prevenzione e la cura dell Alzheimer e di altre malattie neurodegenerative legate all invecchiamento e per il sostegno delle

Dettagli

P.A. BOLZANO INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE. Anno Regione Norma Descrizione Titolo Capitolo

P.A. BOLZANO INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE. Anno Regione Norma Descrizione Titolo Capitolo P.A. BOLZANO NDCE CRONOLOGCO DELLA NORMATA REGONALE AVVSO A LETTOR Gli indici cronologici sono stati realizzati per facilitare la ricerca di una specifica norma di legge. Per consultarne il testo è comunque

Dettagli

IL NUOVO ORDINAMENTO CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI

IL NUOVO ORDINAMENTO CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI IL NUOVO ORDINAMENTO CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI PAOLA MARIANI Udine 26 marzo 2014 PRESENTAZIONE: 1) L ARMONIZZAZIONE 2) IL QUADRO NORMATIVO 3) I SISTEMI CONTABILI ARMONIZZATI 4) GLI STRUMENTI DELL ARMONIZZAZIONE

Dettagli

LINEE GUIDA PER I PIANI DI ZONA

LINEE GUIDA PER I PIANI DI ZONA Milano Milano LINEE GUIDA PER I PIANI DI ZONA La legge 328/00 attribuisce agli enti locali, alle regioni ed allo Stato il compito di realizzare la programmazione degli interventi e delle risorse del sistema

Dettagli

CERNUSCO SUL NAVIGLIO

CERNUSCO SUL NAVIGLIO 1 Area: Servizi al Cittadino Settore: Servizi Sociali Ufficio: Piano di Zona FONDO SOCIALE REGIONALE 2014 - CRITERI DI RIPARTO APPROVATI CON DELIBERA DELL ASSEMBLEA DEI SINDACI DEL 01.10.2014. DOCUMENTO

Dettagli

LEGENDA DEGLI INDICATORI pagina 1 di 4

LEGENDA DEGLI INDICATORI pagina 1 di 4 Aziende Sanitarie del Veneto QUADRO ANALITICO LEGENDA DEGLI INDICATORI pagina 1 di 4 FONTI 01. POPOLAZIONE (al 31/12/n) 1. N Residenti (al 31/12/n) Datawarehouse Regionale - Flusso Anagrafe (i dati provengono

Dettagli

Sistema Sanitario della Regione Lombardia: la contabilità analitica a supporto della funzione di governo del SSR

Sistema Sanitario della Regione Lombardia: la contabilità analitica a supporto della funzione di governo del SSR Sistema Sanitario della Regione Lombardia: la contabilità analitica a supporto della funzione di governo del SSR Dott. Francesco Laurelli Regione Lombardia Direzione Generale Sanità Unità Organizzativa

Dettagli

COMUNE DI CORCIANO Provincia di Perugia

COMUNE DI CORCIANO Provincia di Perugia COMUNE DI CORCIANO Provincia di Perugia REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETERMINAZIONE DEI CRITERI E DELLE SOGLIE MASSIME I.S.E.E. PER L ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI GESTITI IN FORMA ASSOCIATA E AL SERVIZIO

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE Servizio Risorse Umane e Relazioni Sindacali delegato dal Direttore Generale dell Azienda con

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA DELLE PERSONE SEGUITE DAL DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE DELL ULSS 6 VICENZA INSERITE

REGOLAMENTO PER LA COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA DELLE PERSONE SEGUITE DAL DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE DELL ULSS 6 VICENZA INSERITE REGOLAMENTO PER LA COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA DELLE PERSONE SEGUITE DAL DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE DELL ULSS 6 VICENZA INSERITE IN COMUNITA ALLOGGIO E GRUPPI APPARTAMENTO Approvato dalla Conferenza

Dettagli

REGOLE SISTEMA REGIONALE SANITARIO 2015. Direzione Generale Sanità

REGOLE SISTEMA REGIONALE SANITARIO 2015. Direzione Generale Sanità REGOLE SISTEMA REGIONALE SANITARIO 2015 Direzione Generale Sanità 1 ARGOMENTI TRATTATI NELLE REGOLE DI SISTEMA 1. Inquadramento economico e finanziario: il bilancio ponte 2. Il livello programmatorio:

Dettagli

A relazione dell'assessore Ferraris:

A relazione dell'assessore Ferraris: REGIONE PIEMONTE BU9S1 05/03/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 2 marzo 2015, n. 25-1122 Attuazione dell'art. 2 del D.L. n. 101 del 31.8.2013, convertito con modificazioni in L. n. 125 del 30.10.2013.

Dettagli