Sommario PRESENTAZIONE CHI SIAMO COME SIAMO ORGANIZZATI I NOSTRI PRINCIPI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sommario PRESENTAZIONE CHI SIAMO COME SIAMO ORGANIZZATI I NOSTRI PRINCIPI"

Transcript

1 Sommario PRESENTAZIONE 7 CHI SIAMO 8 COME SIAMO ORGANIZZATI 10 I NOSTRI PRINCIPI 13 LE La Le Le L ACCESSO AI NOSTRI SERVIZI 29 COME ORIENTARSI TRA I SERVIZI 31 I SERVIZI PER IL MINORE E LA SUA FAMIGLIA 32 Servizio assistenza domiciliare 33 Assistenza socio educativa territoriale 34 Assistenza Economica 36 Centro per la famiglia 37 Progetti territoriali prevenzione 38 Interventi per favorire l inserimento in percorsi educativi/occupazionali minori e giovani Affidamenti familiari 41 NOSTRE SEDI E I NOSTRI ORARI 15 sede della rezione e dei servizi centrali 15 se territoriali servizio 17 se dei servizi sovraterritoriali Interventi per minori in collaborazione 43 con l autorità giuziaria Adozioni minori 44 Inserimento in comunità residenziale 46 Interventi per la gestione tutele minori 48 I SERVIZI PER L ANZIANO E LA SUA FAMIGLIA 49 Servizio assistenza domiciliare fornita 50 da personale del consorzio 53 Prestazioni domiciliari erogate 52 da cooperative sociali accretate 55 Assegno per la domiciliarità 54 Affidamento intrafamiliare 55 Assistenza Economica 56 Inserimenti persone anziane nei presi residenziali Altre strutture residenziali per anziani 58 ubicate nel territorio Servizio sollievo 63 Affidamento assistenziale 64 Telesoccorso e teleassistenza 65 Interventi per la gestione tutele in collaborazione 57 66

2 con l autorità giuziaria L unità valutazione geriatrica (UVG) I SERVIZI PER IL DISABILE E LA SUA FAMIGLIA 68 Assistenza economica 69 Servizio assistenza domiciliare 70 Telesoccorso e teleassistenza 72 Servizio Socio-Educativo Territoriale 73 Servizio Socio-educativo Territoriale per sabili sensoriali Servizio trasporto scolastico 77 Gruppo inserimenti lavorativi 78 Progetto Vita inpendente 80 Centri urni 81 Gruppi sostegno alle famiglie dei portatori hancap Affidamento assistenziale sabili 84 Convivenza guidata 86 Comunità alloggio 87 Servizio sollievo presso la comunità alloggio CIS 89 Servizio sollievo presso altre strutture residenziali 91 Inserimenti in presi residenziali 92 Interventi per la protezione giurica in collaborazione 94 con l Autorità Giuziaria L unità valutazione hancap (UVH) 95 I SERVIZI PER L ADULTO IN DIFFICOLTÀ 96 E LA SUA FAMIGLIA Assistenza Economica 97 Servizio Assistenza domiciliare 99 Inserimenti in strutture residenziali per adulti in fficoltà Centro iniziative per l Immigrazione 102 LA COLLABORAZIONE CON IL VOLONTARIATO E LA COOPERAZIONE SOCIALE 103 LA QUALITÀ NEI NOSTRI SERVIZI 106 COME TUTELIAMO I DIRITTI DEGLI UTENTI 108 SCHEDA Presentazione Q uesta Carta dei servizi del Consorzio vuole essere uno strumento per meglio farci conoscere dai cittani del nostro territorio. Con questa Carta vogliamo informare sull attività del nostro Ente: sui nostri impegni, sulla nostra organizzazione, sulle nostre se operative e

3 sui servizi che offriamo, sulle collaborazioni che attiviamo, sulle modalità per tutelare i ritti delle persone che usufruiscono dei nostri interventi. Gli obiettivi qualificanti che ci proponiamo sono quelli fornire un servizio al territorio il più possibile adeguato alle necessità delle persone e favorire una consapevolezza ffusa sui bisogni e sui ritti delle persone in fficoltà. Con questa Carta dei servizi ci proponiamo : 1.facilitare la soluzione dei problemi delle persone che necessitano aiuto, assicurando una serie informazioni corrette sul funzionamento dei servizi e degli interventi erogati; 2.costruire un patto con i cittani meante il quale il Consorzio si impegna a rispettare alcuni requisiti riferimento (standard) della qualità dei servizi; 3. promuovere la tutela dei ritti degli utenti ed il controllo della qualità dei servizi resi. Chi siamo I l Consorzio Intercomunale dei servizi Socio-Assistenziali (C.I.S.) acronimo Costruire Insieme Servizi è un ente pubblico, in funzione dall , costituito per la gestione associata dei servizi socio assistenziali tra 17 Comuni del territorio: CIRIÈ BARBANIA BORGARO CASELLE FIANO FRONT GROSSO LEVONE MATHI NOLE ROBASSOMERO ROCCA SAN CARLO SAN FRANCESCO AL CAMPO SAN MAURIZIO VAUDA VILLANOVA Il Consorzio svolge in modo associato le competenze comunali previste dalla legge 328/2000 Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato

4 interventi e servizi sociali e dalla legge regionale 1/2004 Norme per la realizzazione del sistema Regionale integrato interventi e servizi sociali e riorno della legislazione riferimento. In particolare governa il sistema locale degli interventi sociali, curando la programmazione, l organizzazione, la gestione attività SocioAssistenziali e il coornamento con i versi soggetti pubblici e privati coinvolti. Il Consorzio si occupa cittani in fficoltà e, in particolare: minori portatori hancap anziani soggetti svantaggiati o comunque cittani in conzioni bisogno per problemi familiari, economici, sociali, relazionali ed educativi. I servizi e gli interventi Socio-Assistenziali del Consorzio intendono aiutare le persone in fficoltà a vivere meglio nel proprio ambiente e, se possibile, nella propria famiglia e prevedono la partecipazione attiva della persona ad affrontare i propri problemi. Quando non sia possibile per la persona rimanere presso il proprio domicilio o la propria famiglia il Consorzio attiva servizi ed interventi sostitutivi. Come siamo organizzati GLI ORGANI DI GOVERNO DEL CONSORZIO Gli organi governo del Consorzio sono: L Assemblea Consortile costituita dai Sindaci, o loro delegati, dei Comuni aderenti al Consorzio. Ha funzione inrizzo e programmazione dei servizi. Il Consiglio amministrazione, è composto da cinque consiglieri, compreso il Presidente del Consorzio e dura in carica cinque anni. È nominato dall Assemblea Consortile. Ha funzione amministrazione dell attività dell Ente. Il Presidente del Consorzio, nominato dall Assemblea Consortile, è il rappresentante legale dell Ente e coorna l attività inrizzo espressa dall Assemblea con quella governo e amministrazione. Il Direttore, nominato in seguito a pubblico concorso, ha la responsabilità dell organizzazione e della gestione e cura il raggiungimento degli obiettivi stabiliti dall Assemblea consortile e dal Consiglio Amministrazione. Il Revisore dei conti, nominato dall Assemblea Consortile, è l organo vigilanza e controlla sulla regolarità contabile, fiscale e finanziaria.

5 LE RISORSE UMANE Il personale è composto da figure professionali specifiche quali: Responsabili Area: sono responsabili dei servizi svolti dalle seguenti aree operative del Consorzio a retto contatto con l utenza: - l area dei servizi territoriali in cui sono inseriti tutti i servizi territoriali erogati dal Consorzio e - l area dei servizi integrativi in cui sono inseriti tutti i servizi inerenti la residenzialità tra cui le strutture residenziali per anziani gestite dal Consorzio, i centri urni per portatori hancap, la comunità alloggio e la convivenza guidata per portatori hancap. Responsabili Servizio e/o struttura: sono responsabili dei rispettivi servizi erogati dal Consorzio: - responsabili dei servizi amministrativi e contabili; - responsabili delle strutture residenziali; - responsabili dei centri urni per portatori hancap. Assistenti sociali: sono operatori con specifica formazione professionale, abilitati all esercizio della professione meante superamento un esame stato ed iscrizione all Albo Professionale. Gli Assistenti sociali si occupano dei cittani in fficoltà che si rivolgono ai servizi costruendo con loro progetti aiuto. Inoltre operano per la tutela delle persone più deboli ed in particolare dei minori anche in collaborazione con l Autorità Giuziaria. Educatori professionali: sono operatori con specifica formazione professionale. Gli Educatori si occupano del sostegno delle persone sabili e minori in fficoltà e delle loro famiglie al fine favorire l inserimento scolastico, sociale e lavorativo, nonché delle persone anziane inserite nelle strutture residenziali. Operatori socio-sanitari e Assistenti domiciliari e dei servizi tutelari: sono operatori in possesso dell attestato regionale, post ploma scuola dell obbligo, conseguito a seguito del superamento un esame al termine un corso specifico. Operano al domicilio dei cittani o nelle strutture urne e residenziali. Si occupano della cura e dell igiene della persona, dell aiuto alla mobilizzazione, dell igiene e pulizia, degli accompagnamenti, della vita relazione, ecc. Operatori amministrativi: sono operatori con ploma scuola dell obbligo o plomi scuola superiore o laurea anche specifici. Forniscono i supporti amministrativi e contabili ai servizi consortili. Il personale suddetto può essere pendente del Consorzio o Cooperative sociali convenzionate con il Consorzio stesso. Agli operatori cui sopra possono essere affidate ulteriori mansioni coornamento o referenza progetti e/o specifiche attività. LA FORMAZIONE

6 Il Consorzio interviene nella formazione del personale dei servizi SocioAssistenziali meante: qualificazione e la riqualificazione operatori che saranno o sono inseriti nel sistema dei servizi (se territoriali, presi residenziali, Cooperative ecc.); formazione permanente del personale che opera nei Servizi Consortili; tirocini per allievi dei corsi laurea per assistenti sociali, per educatori e corsi per operatori Socio-Sanitari. Nei vari percorsi formativi, l attenzione è rivolta a migliorare i livelli qualità degli interventi professionali. I nostri principi L a missione del Consorzio è promuovere il benessere delle persone e della Comunità locale. Ciò vuol re fondare l attività consortile su alcuni principi generali: EQUITÀ: significa che gli operatori e gli amministratori sono impegnati a svolgere la loro attività in modo imparziale, obiettivo e pertinente nei confronti tutti gli utenti. UGUAGLIANZA: significa che a parità esigenze i servizi sono forniti in modo uguale a tutti gli utenti senza stinzione razza, sesso, nazionalità, religione ed opinione politica. DEMOCRATICITÀ: significa che il Consorzio opera in forma partecipata prevedendo il coinvolgimento dell utente e della Comunità locale. CONTINUITÀ: significa che il servizio viene erogato in modo integrato, regolare e continuo, compatibilmente con le risorse ed i vincoli. UMANITÀ: significa che l attenzione centrale viene posta sulla persona, con pieno rispetto della sua gnità, qualunque siano le sue conzioni fisiche o mentali, culturali o sociali, con rispetto e sponibilità. EFFICIENZA ED EFFICACIA: significa che l organizzazione delle attività è mirata a garantire la qualità delle prestazioni e il miglioramento dei servizi. Le risorse sponibili vengono impiegate nel modo più razionale ed oculato possibile al fine produrre i massimi risultati possibili in termine benessere degli utenti e nel più breve tempo possibile. A garanzia del rispetto tali principi fondamentali, impegnato a perseguire le seguenti linee fondamentali: il Consorzio rispettare la riservatezza; privilegiare i servizi e gli interventi che mantengono la persona all interno della sua famiglia e del suo ambiente sociale, scolastico, lavorativo; garantire l informazione e l uniformità trattamento; gnità della persona e il suo ritto alla è

7 integrare e coornare i Servizi Socio-Assistenziali con i Servizi Sanitari, Educativi, Scolastici e con i Servizi dell Autorità Giuziaria e con tutti gli altri servizi sociali territoriali; riconoscere e valorizzare la funzione delle organizzazioni volontariato, della cooperazione sociale e del privato sociale; promuovere ed incentivare le varie forme solidarietà liberamente espresse dai cittani; promuovere tutte le forme integrazione cittani culture verse. Le nostre se e i nostri orari LA SEDE DELLA DIREZIONE E DEI SERVIZI CENTRALI Il Consorzio ha sede legale e amministrativa a Ciriè, Piazza Castello 20 Tel Fax Sito Internet: ORARIO: dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle ore e dalle ore alle ore Nei servizi centrali operano il Consiglio Amministrazione, il rettore, i responsabili area, i responsabili dei servizi amministrativi e gli impiegati amministrativi degli uffici ragioneria, personale, segreteria/affari generali, relazioni con il pubblico. Nei servizi centrali si svolgono le seguenti attività: informazioni; gestione delle attività amministrative ed economico finanziarie; segreteria degli organi del Consorzio; determinazione criteri per l accesso ai servizi; coornamento, verifica, programmazione e promozione delle attività del Consorzio; coornamento, informazione, formazione personale;

8 collaborazione nell attività vigilanza sui presi residenziali nel territorio; ammissione utenti nei presi residenziali per anziani rettamente gestiti nonchè nei centri urni e residenziali per portatori hancap; rapporti con associazioni ed enti; organizzazione e gestione servizio trasporti per soggetti portatori hancap frequentanti strutture educativo scolastiche in delega specifica dei singoli Comuni interessati; interventi per la gestione tutele e amministrazioni sostegno deferite al Consorzio. gestione dei giovani in servizio civile volontario; coornamento gestionale ed amministrativo dei presi case riposo e centri urni per portatori hancap gestiti dal Consorzio; LE SEDI TERRITORIALI DI SERVIZIO SEDE TERRITORIALE N.1 (Comuni Ciriè e San Carlo C.se) C.so Nazioni Unite, 32 CIRIÈ Tel SEDE TERRITORIALE N.2 (Comuni San Maurizio C.se e San Francesco al Campo) Via L. Bo, 4 SAN MAURIZIO C.SE Tel SEDE TERRITORIALE N.3 (Comuni Barbania, Front, Levone, Rocca e Vauda) Via Ferreri, 67 BARBANIA Tel SEDE TERRITORIALE N.4 (Comuni San Nole, Villanova C.se, Grosso e Mathi) Via V. Emanuele, 18 NOLE Tel SEDE TERRITORIALE N.5 (Comuni Robassomero e Fiano) P.zza XXV Aprile, 1 ROBASSOMERO Tel SEDE TERRITORIALE N.6 (Comune Caselle) C/o Poliambulatorio Via Savonarola, 6 - CASELLE Tel SEDE TERRITORIALE N.7 (Comune Borgaro) Via S.S. Cosma e Damiano, 1 BORGARO Tel

9 ATTIVITÀ Nei servizi territoriali si svolgono le seguenti attività: informazioni; interventi per favorire fficoltà o sabili; interventi su sabili con situazioni sociali problematiche; interventi tutela minori e nelle situazioni adulti e anziani non in grado provvedere autonomamente a se stessi; consulenza e sostegno delle minorenni; indagine su richiesta separazioni e vorzi; affidamenti familiari minori in fficoltà; consulenza ed interventi sostegno al singolo e/o alla famiglia; inserimento nei centri educativi per sabili; inserimento in presi residenziali per minori, sabili, anziani; interventi assistenza economica; interventi residenziali; integrazione retta inserimento l inserimento nei lavorativo vari presi minori in segnalazione al Tribunale per i Minorenni situazioni particolare fficoltà dei minori e presposizione dei conseguenti interventi, nonché esecuzione provvementi dell Autorità Giuziaria; per interruzione del Tribunale volontaria Ornario della in gravidanza situazioni telesoccorso e teleassistenza; assistenza domiciliare socio assistenziale; assistenza educativa territoriale per minori; affidamenti assistenziali adulti in fficoltà. OPERATORI In ogni servizio territoriale operano Assistenti Sociali, Educatori Professionali ed Assistenti Domiciliari (il numero varia in relazione alle necessità prioritarie ogni territorio). ORARIO Le se sono attive in orari d ufficio, dal lunedì al venerdì.

10 Presso ogni sede è attivo il servizio Primo Ascolto, attraverso il quale il cittano interessato ha la possibilità esplicitare la propria richiesta aiuto ed i motivi che la determinano. Con il Primo Ascolto intenamo offrire la possibilità incontrare un assistente sociale senza preventivo appuntamento. Nella tabella che segue sono riportati gli orari del Primo Ascolto delle verse se territoriali. LE SEDI DEI SERVIZI SOVRATERRITORIALI Il Consorzio ha allestito delle ulteriori se operative per affrontare specifiche problematiche quali:

11 INFORMAZIONE SOCIALE ADOZIONI NAZIONALI E INTERNAZIONALI PER MINORI AFFIDAMENTI FAMILIARI DI MINORI IMMIGRAZIONE INSERIMENTI LAVORATIVI DELLE PERSONE DISABILI SOSTEGNO ALLA FAMIGLIA SPORTELLO DI INFORMAZIONE SOCIALE SEDE: Piazza Castello 20, Ciriè Tel Sito: ORARIO: dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle OPERATORI: Operatore addetto allo sportello ATTIVITÀ: informazioni sui servizi e sulle risorse del territorio; notizie, informazioni, dati, legislazione, normative relative alle tematiche sociali: anziani famiglia minori giovani hancap immigrazione lavoro volontariato tossicopendenze pari opportunità. EQUIPE SOVRAZONALE PER LE ADOZIONI NAZIONALI E INTERNAZIONALI SEDE: Piazza Castello 20, Ciriè Tel ORARIO: mercoledì e venerdì su appuntamento; servizio accoglienza mercoledì dalle alle su appuntamento. OPERATORI: Psicologi dell ASL e Assistenti Sociali. ATTIVITÀ: corsi formazione-informazione rivolti alle adottive; colloqui informativi sull iter adottivo; valutazione della coppia sponibile all adozione; sostegno e vigilanza dell affidamento preadottivo. EQUIPE PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI coppie aspiranti

12 SEDE: Piazza Castello 20, Ciriè Tel ORARIO: attività retta all utenza su appuntamento. OPERATORI: Psicologi dell ASL e Assistenti Sociali. ATTIVITÀ: azioni promozione dell affidamento familiare; incontri con gruppi famiglie affidatarie; colloqui valutazione delle sponibilità dell affidamento familiare. CENTRO DI INIZIATIVE PER L IMMIGRAZIONE SEDE: Piazza Castello 20, Ciriè Tel ORARIO: lunedì / OPERATORI: Meatori culturali. ATTIVITÀ: accompagnamento e meazione interculturale; promozione socializzazione e partecipazione degli stranieri; espletamento pratiche amministrative con i servizi del territorio; informazioni sulle opportunità lavorative, sanitarie assistenziali con le istituzioni e le risorse locali; o socio- raccolta esigenze dei cittani stranieri; promozione specifiche iniziative locali; collaborazione con la rete dei servizi e delle risorse del territorio anche per interventi su situazioni particolari. G.I.L. GRUPPO INSERIMENTI LAVORATIVI SEDE: Piazza Castello 20, Ciriè Tel ORARIO: dal lunedì al venerdì su appuntamento. OPERATORI: Educatori professionali. ATTIVITÀ: promozione dell inserimento persone sabili nel mondo del lavoro, in collaborazione con il Centro per l impiego; valutazione delle situazioni segnalate dai servizi territoriali; consulenza al sabile, sostegno e affiancamento in azienda. presposizione progetto inviduale utente-risorse lavorative; e proposte abbinamento

13 CENTRO PER LA FAMIGLIA SEDE: Presso Fondazione Istituto E.Troglia Via Cibrario 14, Ciriè Tel ORARIO: lunedì / martedì / giovedì / OPERATORI: Educatori professionali e Consulenti vari. ATTIVITÀ: realizzazione progetti e proposte per la famiglia, per sostenere e valorizzare le competenze dei genitori; offerte forme supporto ai problemi accumento dei figli; spazio luoghi neutri decato alle attività dei Servizi Sociali, condotto su sposizione dell Autorità Giuziaria; consulenza legale gratuita per famiglie in fficoltà; informazione e formazione per i genitori; promozione spazi gioco e socializzazione per bambini e adulti; costruzione una rete mutuo aiuto e relazione tra persone; sviluppo una rete collaborazioni con la rete dei servizi e delle risorse; raccolta documentazione sulle problematiche connesse alla famiglia. SERVIZI DIURNI E RESIDENZIALI PER PORTATORI DI HANDICAP GESTITI DAL CONSORZIO SEDI: Centro Diurno per Portatori Hancap (C.S.T.) La Rugiada Via Michelotti 13 Ciriè Tel Centro Diurno per Portatori Hancap (C.S.T.) Via Italia, 45 Borgaro Tel Centro Diurno per Portatori Hancap (C.S.T.) La Coccinella Via S.ta Lucia 96 Mathi Tel Comunità Alloggio per Portatori Hancap Via Italia, 45 Borgaro

14 Tel Servizio Convivenza guidata per portatori hancap lievi, allestita a Ciriè. Per informazioni Tel ORARIO: Le se dei Centri urni sono attive dalle 9.00 alle dal lunedì al venerdì; le attività invidualizzate sono erogate anche in altri orari. La sede della Comunità Alloggio è attiva 24 ore tutto l anno. OPERATORI: In ogni servizio opera un gruppo operatori (il cui numero varia in relazione al numero degli utenti seguiti) che comprende il Responsabile Servizio, gli Educatori Professionali, le Assistenti-Domiciliari/Operatori Socio-Sanitari. ATTIVITÀ: Servizi urni e residenziali: assistenza educativa e riabilitativa socio-assistenziale; assistenza tutelare; animazione e socializzazione; inserimenti scolastici e/o lavorativi e/o socializzanti; iniziative integrazione sociale. Comunità alloggio e convivenza guidata: assistenza educativa e riabilitativa socio-assistenziale socializzante; assistenza tutelare e cura della persona; prestazioni tipo alberghiero (pasto, pulizia, lavanderia). e SERVIZI RESIDENZIALI PER ANZIANI GESTITI DAL CONSORZIO SEDI: Presio Residenziale Casa Dei Pini Via Ceretta Inferiore, 92 San Maurizio C.se Tel Presio Residenziale Il Girasole P.zza Castello, 8 Ciriè Tel ORARIO:Le se sono attive 24 ore tutto l anno. OPERATORI: In ogni sede opera un gruppo operatori (il cui numero varia in relazione al numero degli utenti seguiti) che comprende il Responsabile struttura,

15 l Educatore Professionale/ Animatore, l infermiere, l Impiegato Amministrativo, le Assistenti Tutelari / Operatori Socio-Sanitari. ATTIVITÀ: prestazioni tipo alberghiero (pasti, pulizia, lavanderia); assistenza tutelare e cura della persona; attività prevenzione, animazione e riattivazione psicofisica; assistenza sanitaria. L accesso ai nostri servizi L accesso al sistema dei servizi del Consorzio è garantito da due servizi fondamentali: il Segretariato e il Servizio Sociale professionale. Per loro natura e funzioni, essi accolgono i bisogni del cittano e avviano processi utili a ricercare la messa in atto delle possibili risposte. IL SEGRETARIATO SOCIALE ATTIVITÀ: Il segretariato sociale garantisce la prima accoglienza del cittano e delle sue istanze: fornisce informazioni sul sistema dei servizi garantito dal Consorzio, e dalla rete dei servizi e delle risorse territoriali; orienta il cittano all utilizzo delle molteplici opportunità nell ambito dei servizi sociali, educativi, sanitari del territorio. OPERATORI: Assistenti Sociali residenza (ve pag. ). Addetto Sportello sociale (ve pag. ). L ASSISTENZA SOCIALE TERRITORIALE È un servizio sociale professionale che, nella persona dell Assistente Sociale si occupa della presa in carico del cittano che richiede un aiuto o che esprime sagio sociale. ATTIVITÀ: accoglie la persona o la famiglia in fficoltà e con il coinvolgimento degli interessati prespone un progetto aiuto, utilizzando le prestazioni fornite dal Consorzio, da altri Enti, dalle Cooperative, dalle Associazioni volontariato, finalizzato a sostenerli nella possibile soluzione dei problemi;

16 promuove la collaborazione e il coornamento con i versi soggetti ed Enti operanti sul territorio che hanno implicanza con i servizi SocioAssistenziali. OPERATORI: Assistente Sociale. Possono usufruire del servizio tutti i cittani residenti o moranti nei Comuni aderenti al Consorzio, i gruppi e le associazioni che necessitano dell intervento dell assistente sociale. Si accede al servizio telefonando per un appuntamento o presentandosi alla sede dei Servizi Sociali territoriali residenza negli orari ricevimento primo ascolto (ve pag..). Come orientarsi tra i servizi N elle pagine seguenti sono descritte le principali caratteristiche dei servizi erogati dal Consorzio, attraverso mappe accesso ai servizi. Le mappe forniscono il quadro complessivo dei servizi erogati dal Consorzio in funzione dei bisogni manifestati da ciascuna fascia utenza (minori, sabili, anziani, adulti in fficoltà). Attraverso la mappa, ciascun cittano può orientarsi all interno della gamma dei servizi offerti dal Consorzio inviduando le alternative più adeguate per sodsfare i propri bisogni.

17 SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Consiste in interventi rivolti a nuclei familiari con presenza minori, che necessitano un aiuto per superare momenti fficoltà. Gli interventi vengono effettuati presso l abitazione del nucleo familiare e/o sul territorio e sono finalizzati a superare le situazioni sagio. Il servizio offre le seguenti prestazioni: cura della persona e della sua abitazione; aiuto per lo svolgimento attività carattere domestico; aiuto e accompagnamento per l accesso ai servizi del territorio; interventi igienico sanitari in collaborazione con il servizio sanitario; sbrigo pratiche amministrative. L acceso al servizio, destinato a cittani residenti nel territorio del Consorzio, può avvenire: su segnalazione e/o richiesta alla sede territoriale riferimento da parte degli interessati, dei loro familiari, operatori altri servizi e dell Autorità Giuziaria;

18 su valutazione e proposta dell Assistente Sociale del territorio. Da quando decorre? Entro 30 giorni dall accettazione della domanda, salvo lista attesa. Quanto dura? In base al progetto invidualizzato. Il servizio è gratuito, previa valutazione della conzione socio-economica del nucleo. ASSISTENZA SOCIO-EDUCATIVA TERRITORIALE Consiste in interventi supporto educativo e relazionale a favore minori in fficoltà e delle loro famiglie, realizzati a domicilio e/o presso le varie risorse del territorio, finalizzati al superamento temporanee situazioni sagio, verso l autonomizzazione e la positiva integrazione. Le prestazioni consistono in: aiuto /consulenza nella gestione delle relazioni genitori figli; aiuto per un maggior sviluppo autonomia personale supporto nel percorso scolastico e in quello formativo e occupazionale; aiuto per una maggior conoscenza e utilizzo delle risorse presenti sul territorio; aiuto per migliorare la relazione con i coetanei e la gestione del tempo libero; gestione Luoghi neutri presposti dall Autorità Giuziaria, collaborazione con l Assistente Sociale riferimento (ve pag..). in L accesso al servizio, destinato a cittani residenti nel territorio del Consorzio, può avvenire: su segnalazione e/o richiesta alla sede territoriale riferimento da parte degli interessati, dei loro familiari, operatori altri servizi e dell Autorità Giuziaria; su proposta dell assistente sociale o dell educatore professionale del territorio. Da quando decorre? Secondo il progetto educativo inviduale. Quanto dura? In base al progetto invidualizzato, per la riuscita del quale è necessaria la collaborazione e l accordo con la famiglia.

19 Il servizio è gratuito. ASSISTENZA ECONOMICA Il servizio assistenza economica consiste in contributi in denaro che il Consorzio eroga a favore minori e famiglie con minori, con redto insufficiente a garantire la sussistenza, al fine promuovere percorsi autonomia sociale ed economica. Possono essere concessi: contributi temporanei verso famiglie con minori a carico, ma erogati sempre sulla base un progetto; contributi per esigenze particolari e specifiche espressamente incate dalla deliberazione consortile che norma i criteri erogazione. Il servizio è rivolto a persone residenti nel territorio del Consorzio con redti inferiori ai livelli stabiliti dall Assemblea Consortile. L accesso al servizio può avvenire: su richiesta da parte dell interessato, presso la sede territoriale riferimento; su proposta dell Assistente Sociale del territorio; La valutazione dell esigenza del sostegno economico è effettuata sulla base dei criteri previsti nell apposito regolamento. Da quando decorre? Dalla data accettazione della domanda. Quanto dura? La durata dei contributi è stabilita dalla deliberazione consortile che norma i criteri erogazione. I contributi sono soggetti a revoca anticipata nel caso in cui non vengano rispettate le conzioni definite nel progetto. CENTRO PER LA FAMIGLIA Il C.I.S, in collaborazione con la Fondazione Istituto Ernesta Troglia, ha attivato un Centro per la Famiglia presso il quale sono organizzate attività inrizzate al sostegno della genitorialità ed alla promozione opportunità formative e aggregative per i genitori e i figli. Il Centro offre le seguenti attività: centro documentazione sull infanzia e l adolescenza; spazio attrezzato per lo svolgimento incontri in luogo neutro; iniziative sostegno per nuclei familiari stranieri; gruppi sostegno per genitori; corsi informazione e preparazione per le coppie sponibili all adozione; consulenza legale gratuita; attivazione iniziative educative/aggregative per bambini e adolescenti;

20 progetti specifici rivolti all infanzia e all adolescenza. Il Centro per la famiglia è rivolto alla famiglia e ai minori che risiedono o stuano nel territorio del Consorzio. L accesso, per natura e finalità del servizio, può avvenire su adesione autonoma della famiglia e/o proposta dell Assistente Sociale o dell Educatore Professionale del territorio. Il servizio è gratuito. Potrà essere prevista una partecipazione ai costi talune attività. PROGETTI TERRITORIALI DI PREVENZIONE Il Consorzio propone una serie attività volte a sviluppare l integrazione sociale del territorio, promuovendo la solidarietà e l attenzione da parte della comunità locale al fine produrre situazioni agio e maggiore benessere dei minori e delle loro famiglie. Tali iniziative (laboratori attività luco-espressive, laboratori teatrali, video ed auo-visivi, iniziative sostegno alla relazione adultiragazzi, conferenze-incontri su tematiche educative, feste in piazza) sono inrizzate ai bambini ed ai ragazzi adolescenti, e sono svolte in collaborazione con i Comuni del Consorzio e le Associazioni del territorio, utilizzando strutture presenti nello stesso, fruendo anche finanziamenti derivanti da leggi mirate settore. Le iniziative prevenzione sono rivolte ai minori che risiedono o stuano nel territorio del Consorzio ed alle loro famiglie. L accesso, per natura e finalità del servizio, può avvenire su adesione autonoma della famiglia e/o proposta dell Assistente Sociale o dell Educatore Professionale del territorio. Il servizio è gratuito. INTERVENTI PER FAVORIRE L INSERIMENTO IN PERCORSI EDUCATIVI/OCCUPAZIONALI DI MINORI E GIOVANI È un intervento sposto in base a un progetto personalizzato che prevede l attivazione percorsi sostegno educativo e accompagnamento, per aiutare il minore a misurarsi con l offerta opportunità formative/lavorative.

Servizi e interventi per i disabili

Servizi e interventi per i disabili Servizi e interventi per i disabili Il termine prendere ha in sé diversi significati: portare con sé, interpretare, giungere a una decisione, scegliere, ma anche subire, catturare, pervadere, occupare.

Dettagli

I disabili (di età superiore a 18 anni)

I disabili (di età superiore a 18 anni) 3.9 3.8 I disabili (di età superiore a 18 anni) ambiti bisogni SERVIZI C.I.S.S. DOMICILIARITà POVERTà LAVORO RESIDENZIALITà Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita Avere un sostegno quando la

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ASSISTENZIALE NATURA E GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ASSISTENZIALE NATURA E GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1 REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ASSISTENZIALE NATURA E GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1 Il Centro Diurno Assistenziale è una Struttura semiresidenziale socio assistenziale e sanitaria che assiste,

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 10 del 22.03.2006 Pubblicato

Dettagli

LINEE GUIDA SUGLI INTERVENTI DI AFFIDAMENTO DI PERSONE ANZIANE E DISABILI ADULTI

LINEE GUIDA SUGLI INTERVENTI DI AFFIDAMENTO DI PERSONE ANZIANE E DISABILI ADULTI LINEE GUIDA SUGLI INTERVENTI DI AFFIDAMENTO DI PERSONE ANZIANE E DISABILI ADULTI DEFINIZIONE ED OBIETTIVI DEL SERVIZIO Il servizio affidamento anziani e disabili adulti, costituisce un opportunità di alternativa

Dettagli

AREA MINORI. Gli interventi espletati comprendono attività come:

AREA MINORI. Gli interventi espletati comprendono attività come: AREA MINORI PREMESSA Nel Piano Regionale Socio Assistenziale l area dei minori viene definita anche Area dell età evolutiva e del disadattamento, dove l obiettivo primario è quello di fornire elementi

Dettagli

Piano di Zona 2010-2013. La formazione per i volontari La rete sociale Servizi di Assistenza Domiciliare

Piano di Zona 2010-2013. La formazione per i volontari La rete sociale Servizi di Assistenza Domiciliare Piano di Zona 2010-2013 La formazione per i volontari La rete sociale Servizi di Assistenza Domiciliare I servizi di assistenza domiciliare Servizio di assistenza domiciliare territoriale a totale carico

Dettagli

PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO

PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO La legge regionale n. 20 del 6 novembre 2002, ed il relativo regolamento attuativo (n. 1 dell 8 marzo 2004) come più volte integrato e modificato,

Dettagli

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA PREMESSA Il presente documento è stato redatto in modo da offrire una panoramica dei principali servizi socio-sanitari e socio-assistenziali

Dettagli

1. DISABILI E FAMIGLIA

1. DISABILI E FAMIGLIA 1. DISABILI E FAMIGLIA COSA FA IL CISS OSSOLA PER LE PERSONE CON DISABILITA E LE LORO FAMIGLIE Contribuisce a garantire condizioni di benessere relazionale, ambientale e sociale che valorizzino le risorse

Dettagli

I bambini e le famiglie

I bambini e le famiglie 3.8 I bambini e le famiglie ambiti bisogni SERVIZI C.I.S.S. DOMICILIARITà Continuare a vivere ASSISTENZA DOMICILIARE nel proprio ambiente di vita Vivere in un contesto familiare, AFFIDAMENTO FAMILIARE

Dettagli

1) Titolo del progetto: 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): 3) Obiettivi del progetto:

1) Titolo del progetto: 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): 3) Obiettivi del progetto: 1) Titolo del progetto: Pronto Intervento Sociale 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): Area: Assistenza Settori: Anziani (A01) Assistenza Disabili (A06)

Dettagli

Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI

Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 93 del 22/12/2014 INDICE 1. I servizi domiciliari nel Sistema integrato sociale, socio-sanitario

Dettagli

COMUNE DI PACIANO PROVINCIA DI PERUGIA

COMUNE DI PACIANO PROVINCIA DI PERUGIA COMUNE DI PACIANO PROVINCIA DI PERUGIA Cap 06060 P.zza della Repubblica n. 4 P.IVA 00436320543 Tel. 075.830186 e-mail: info@comune.paciano.pg.it fax. 075.830447 REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO

Dettagli

Stato di attuazione: Aspetti critici, positivi ecc. N. soci coinvolti N. e tipologia delle attività realizzate

Stato di attuazione: Aspetti critici, positivi ecc. N. soci coinvolti N. e tipologia delle attività realizzate D 1 - ANFFAS LABORATORIO IL FARO : interventi per contrastare l isolamento sociale e favorire la partecipazione attiva delle persone disabili e delle loro famiglie alla vita sociale. Pag. 333 ANFFAS Servizi

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEL COMUNE DI FIRENZE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEL COMUNE DI FIRENZE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEL COMUNE DI FIRENZE Premessa normativa Art.1 - Principi generali Art.2 - Tipologia e modalità di affidamento Art.3 - Durata dell affidamento Art.4 - Come

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE UNIONE DEI COMUNI DELL ALTO APPENNINO REGGIANO

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE UNIONE DEI COMUNI DELL ALTO APPENNINO REGGIANO CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE UNIONE DEI COMUNI DELL ALTO APPENNINO REGGIANO 1)Finalità del servizio Il Servizio di Assistenza Domiciliare ha lo scopo di favorire il mantenimento al

Dettagli

Servizio Assistenza Domiciliare S. A. D.

Servizio Assistenza Domiciliare S. A. D. Servizio Assistenza Domiciliare S. A. D. (Approvato con Delibera Consiglio Comunale n. 11 del 22/01/08 ) Indice Art. 1 Definizione del servizio pag. 2 Art. 2 Finalità ed obiettivi pag. 2 Art. 3 Destinatari

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO E PRINCIPI GENERALI L affidamento familiare, rappresenta uno strumento prioritario di aiuto al minore e alla sua famiglia,

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI RIVOLTI A PERSONE DISABILI

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI RIVOLTI A PERSONE DISABILI Regolamento comunale n. 79 COMUNE di MADONE Provincia di Bergamo REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI RIVOLTI A PERSONE DISABILI Approvato con deliberazione dal Consiglio Comunale n. 14 del 26 febbraio

Dettagli

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Il quadro Istituzionale organizzativo in Regione Veneto Dirigente Regionale Servizi Sociali dott. Mario Modolo

Dettagli

REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE Premessa L affidamento etero-familiare consiste nell inserire un minore in un nucleo familiare diverso da quello originario per un tempo determinato. È un esperienza di accoglienza

Dettagli

Residenza per anziani "Le Querce"

Residenza per anziani Le Querce Residenza per anziani "Le Querce" La residenza Nata da una sinergia tra il Comune di Cavenago Brianza e la C.R.M Cooperativa Sociale a r.l., la Residenza «Le querce» è pensata per l assistenza agli anziani

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ART 1 Oggetto del regolamento. Il presente regolamento disciplina, nell ambito dei principi dell ordinamento e nel rispetto della normativa, l attività

Dettagli

COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE

COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera n. 16 adottata dal Commissario Straordinario nella seduta del 13.09.2007 Articolo 1 -

Dettagli

COOP. SOC. A.S.A.R. carta dei servizi

COOP. SOC. A.S.A.R. carta dei servizi COOP. SOC. A.S.A.R. carta dei servizi edizione anno 2011/2012 Presentazione della Cooperativa Sociale A.S.A.R. A.S.A.R Coop. Sociale Via Principe Nicola, 123 Catania Tel / Fax 095-533980 Cell. 3389273899

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI Art. 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento disciplina, all interno di un sistema integrato di interventi e servizi sociali di competenza dei comuni

Dettagli

I SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI IN PROVINCIA DI TRENTO

I SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI IN PROVINCIA DI TRENTO I SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI IN PROVINCIA DI TRENTO SERVIZI RESIDENZIALI I SERVIZI DI PRONTA ACCOGLIENZA: IL CENTRO PER L INFANZIA IL CENTRO DI PRONTA ACCOGLIENZA Il Centro per l Infanzia accoglie bambini

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 10 DEL 18-02-2010 REGIONE PIEMONTE

LEGGE REGIONALE N. 10 DEL 18-02-2010 REGIONE PIEMONTE LEGGE REGIONALE N. 10 DEL 18-02-2010 REGIONE PIEMONTE Servizi domiciliari per persone non autosufficienti. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PIEMONTE N. 8 del 25 febbraio 2010 Il Consiglio regionale

Dettagli

ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA

ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA COMUNITA ALLOGGIO DEFINIZIONE DEL SERVIZIO La Comunità Alloggio si propone come soluzione strutturale idonea a rispondere nei casi in cui i genitori

Dettagli

COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO. Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DIURNO

COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO. Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DIURNO COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DIURNO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 11 del 22.03.2006 Pubblicato dal 11.04.2006 al 26.04.2006

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Servizio Assistenza Domiciliare. del Comune di. Poggio Rusco (MN)

CARTA DEI SERVIZI. Servizio Assistenza Domiciliare. del Comune di. Poggio Rusco (MN) C O M U N E D I P O G G I O R U S C O c. a. p. 46025 T e l. 0386 / 51001 PROVINCIA DI MANTOVA CAP 46025 - Piazza 1 Maggio, 5 SERVIZI SOCIALI P a r t. I V A 0040203 020 9 Fax 0386/733009 Codice Ente 10860

Dettagli

INTERVENTI A SOSTEGNO DEGLI ANZIANI

INTERVENTI A SOSTEGNO DEGLI ANZIANI INTERVENTI A SOSTEGNO DEGLI ANZIANI ASSISTENZA DOMICILIARE A.D.A. Che cos è? L assistenza domiciliare è un servizio di Ambito del Piano Sociale di Zona che punta ad aiutare le persone anziane e quelle

Dettagli

(Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE

(Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE (Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n.35 del 28/09/2011 Art. 1 Oggetto L affido familiare

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE di SAN GIOVANNI IN PERSICETO Provincia di Bologna REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. _45 DEL _19/4/2004 Pag. N. 1 INDICE Art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE DI PROGETTI EDUCATIVI PER PERSONE DISABILI ULTRADICIOTTENNI

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE DI PROGETTI EDUCATIVI PER PERSONE DISABILI ULTRADICIOTTENNI Consorzio Intercomunale Socio Assistenziale Comuni di: Rivoli Rosta Villarbasse REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE DI PROGETTI EDUCATIVI PER PERSONE DISABILI ULTRADICIOTTENNI APPROVATO DAL CONSIGLIO D AMMINISTRAZIONE

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AD ANZIANI E SOGGETTI SVANTAGGIATI

OGGETTO: APPROVAZIONE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AD ANZIANI E SOGGETTI SVANTAGGIATI OGGETTO: APPROVAZIONE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AD ANZIANI E SOGGETTI SVANTAGGIATI I L C O N S I G L I O C O M U N A L E PREMESSO che l assistenza domiciliare

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE. Notizie Operative ed Informazioni Pratiche

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE. Notizie Operative ed Informazioni Pratiche CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE Notizie Operative ed Informazioni Pratiche 15/04/2014 ESTRATTO notizie operative ed informazioni pratiche numeri utili Relativi al servizio di Assistenza

Dettagli

DISTRETTO SOCIO SANITARIO 18 (PATERNO -BELPASSO-RAGALNA-ASL 3)

DISTRETTO SOCIO SANITARIO 18 (PATERNO -BELPASSO-RAGALNA-ASL 3) DISTRETTO SOCIO SANITARIO 18 (PATERNO -BELPASSO-RAGALNA-ASL 3) Allegato alla deliberazione consiliare n. 04 del 7 febbraio 2007 ART. 1 DEFINIZIONE DI AFFIDAMENTO FAMILIARE 1. L affidamento familiare è

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELL ASSEGNO DI ASSISTENZA PER ANZIANI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELL ASSEGNO DI ASSISTENZA PER ANZIANI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELL ASSEGNO DI ASSISTENZA PER ANZIANI Art. 1 - FINALITA In accordo con gli indirizzi nazionali fissati dal Piano nazionale degli interventi e dei servizi sociali 2001-2003

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO E RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 17 del 22.3.1999 Comune di Cusano Milanino CENTRO DIURNO INTEGRATO REGOLAMENTO

Dettagli

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna)

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO E LE MODALITA DI ACCESSO AGLI INTERVENTI DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera di Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE PROCEDURE DI ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO PER LE PROCEDURE DI ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI REGOLAMENTO PER LE PROCEDURE DI ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1- Oggetto Oggetto del presente regolamento sono le modalità di accesso e i criteri di

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Carta dei Servizi 1

CARTA DEI SERVIZI. Carta dei Servizi 1 CARTA DEI SERVIZI Le nostre finalità prevenire e rimuovere le situazioni di bisogno nel quadro di una politica generale volta a superare gli squilibri nel territorio; svolgere interventi sociali volti,

Dettagli

COMUNE DI TORREBELVICINO PROVINCIA DI VICENZA

COMUNE DI TORREBELVICINO PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI E DISABILI Approvato con deliberazione di C.C. n. 79/94 Il servizio di assistenza domiciliare rientra tra i servizi per i

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA SUI PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI ANNO 2003 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO

RILEVAZIONE STATISTICA SUI PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI ANNO 2003 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO RILEVAZIONE STATISTICA SUI PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI ANNO 2003 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO Il questionario deve essere compilato dal responsabile del presidio residenziale,

Dettagli

Comune di Comune di Comune di Comune di. San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico

Comune di Comune di Comune di Comune di. San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico Comune di Comune di Comune di Comune di San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico PRESENTAZIONE L art. 1 della legge 149 del 2001 Diritto del minore ad una famiglia

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCOGLIMENTO DI ANZIANI E INABILI IN STRUTTURE RESIDENZIALI.

REGOLAMENTO PER L ACCOGLIMENTO DI ANZIANI E INABILI IN STRUTTURE RESIDENZIALI. REGOLAMENTO PER L ACCOGLIMENTO DI ANZIANI E INABILI IN STRUTTURE RESIDENZIALI. 1. OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento disciplina l inserimento di anziani non autosufficienti in strutture protette

Dettagli

REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI

REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI TITOLO I Finalità e soggetti Art.1 Normativa L affidamento familiare per minori è regolato

Dettagli

Carta Dei Servizi. Servizio Assistenza Domiciliare Educativa In favore di minori e delle loro famiglie. Emessa il 14 Febbraio 2013 Versione 2.

Carta Dei Servizi. Servizio Assistenza Domiciliare Educativa In favore di minori e delle loro famiglie. Emessa il 14 Febbraio 2013 Versione 2. Carta Dei Servizi Servizio Assistenza Domiciliare Educativa In favore di minori e delle loro famiglie Emessa il 14 Febbraio 2013 Versione 2.0 Pagina 1 Premessa Il presente documento, denominato Carta dei

Dettagli

C O M U N E DI C A I V A N O. Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224

C O M U N E DI C A I V A N O. Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224 C O M U N E DI C A I V A N O Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224 GUIDA AI SERVIZI 2011 Comune di Caivano - Guida ai Servizi

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER DISABILI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER DISABILI COMUNE DI TORTORETO Provincia di Teramo REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER DISABILI Approvato con deliberazione Consiliare n. 24 del 29/02/2000 ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO II presente

Dettagli

Il documento viene adeguato sulla base delle evoluzioni regolamentari e normative disposte dalle istituzioni competenti ai vari livelli.

Il documento viene adeguato sulla base delle evoluzioni regolamentari e normative disposte dalle istituzioni competenti ai vari livelli. Carta dei Servizi AREA ANZIANI E NON AUTOSUFFICIENTI L area comprende i seguenti servizi 1. Servizio di assistenza Domiciliare (SAD) 2. Centro aggregazione anziani 3. Comunità alloggio Il presente documento

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NACCARATO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NACCARATO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1552 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato NACCARATO Disciplina per l affido dell anziano e dell adulto per la salvaguardia del diritto

Dettagli

COMUNE DI REVERE PROVINCIA DI MANTOVA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

COMUNE DI REVERE PROVINCIA DI MANTOVA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI REVERE PROVINCIA DI MANTOVA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera della Giunta Comunale n. 51 del 25/05/2002 INDICE Art. 1 - oggetto pag. 2 Art. 2 - finalità

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DEI SERVIZI RIVOLTI ALLA POPOLAZIONE ANZIANA DEI COMUNI DI BRISIGHELLA, CASOLA VALSENIO E RIOLO TERME

REGOLAMENTO PER LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DEI SERVIZI RIVOLTI ALLA POPOLAZIONE ANZIANA DEI COMUNI DI BRISIGHELLA, CASOLA VALSENIO E RIOLO TERME COMUNE DI RIOLO TERME Provincia di Ravenna REGOLAMENTO PER LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DEI SERVIZI RIVOLTI ALLA POPOLAZIONE ANZIANA DEI COMUNI DI BRISIGHELLA, CASOLA VALSENIO E RIOLO TERME Approvato con

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA CASA DI RIPOSO PER ANZIANI DI RIANO. NATURA E FINALITA DEL SERVIZIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA CASA DI RIPOSO PER ANZIANI DI RIANO. NATURA E FINALITA DEL SERVIZIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA CASA DI RIPOSO PER ANZIANI DI RIANO. NATURA E FINALITA DEL SERVIZIO ARTICOLO 1 La casa di riposo per anziani gestita dalla società alcos srls è un presidio socioassistenziale

Dettagli

Regolamento per il servizio di trasporto per minori e adulti disabili, anziani, e persone in temporanea situazione di disagio.

Regolamento per il servizio di trasporto per minori e adulti disabili, anziani, e persone in temporanea situazione di disagio. Regolamento per il servizio di trasporto per minori e adulti disabili, anziani, e persone in temporanea situazione di disagio. Regolamento per il servizio di trasporto per minori e adulti disabili, anziani,

Dettagli

FONDAZIONE. Bartolomea Spada Schilpario Valle di Scalve O.N.L.U.S. RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI

FONDAZIONE. Bartolomea Spada Schilpario Valle di Scalve O.N.L.U.S. RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI per servizio di ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA REVISIONI N. Descrizione Data 0 Redazione documento 20 giugno 2012 1 Pagina 6, modifica prima riga 15

Dettagli

CENTRI DIURNI E RESIDENZE

CENTRI DIURNI E RESIDENZE 78 CENTRI DIURNI E RESIDENZE Centri diurni per disabili 8 Si tratta di un accoglienza diurna, con adeguata assistenza, per giovani adulti disabili che trascorrono la giornata in struttura, svolgendo attività

Dettagli

COMUNE DI BUTTRIO REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO DI PERSONE ADULTE E ANZIANE CHE NECESSITANO DI RICOVERO IN STRUTTURE RESIDENZIALI

COMUNE DI BUTTRIO REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO DI PERSONE ADULTE E ANZIANE CHE NECESSITANO DI RICOVERO IN STRUTTURE RESIDENZIALI COMUNE DI BUTTRIO REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO DI PERSONE ADULTE E ANZIANE CHE NECESSITANO DI RICOVERO IN STRUTTURE RESIDENZIALI (Approvato con deliberazione consiliare n 36 nella seduta del 27 settembre

Dettagli

********** IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE. - VISTA la L. n. 184 del 04/05/83 Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori ;

********** IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE. - VISTA la L. n. 184 del 04/05/83 Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori ; Consiglio di Amministrazione Deliberazione n. del OGGETTO: RECEPIMENTO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 79 11035 DEL 17/11/03 Approvazione linee d indirizzo per lo sviluppo di una rete di servizi

Dettagli

Sezione 2 INTERVENTI A FAVORE DEI DISABILI

Sezione 2 INTERVENTI A FAVORE DEI DISABILI Sezione 2 INTERVENTI A FAVORE DEI DISABILI Contributo per acquisto o adattamento di autoveicoli privati per il trasporto di disabili Legge Regionale n. 29 del 21.08.97 articolo 9 Servizio Trasporto Inserimenti

Dettagli

COMUNE DI MORBEGNO REGOLAMENTO INERENTE IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.) (Provincia di Sondrio)

COMUNE DI MORBEGNO REGOLAMENTO INERENTE IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.) (Provincia di Sondrio) APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. N. DEL 21 )J2O1a REGOLAMENTO INERENTE DOMICILIARE (S.A.D.) IL SERVIZIO DI ASSISTENZA (Provincia di Sondrio) COMUNE DI MORBEGNO Art. 3 Finalità Art, 2

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE comunità montana dell'oltrepò pavese REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE Approvato con delibera dell Assemblea della Comunità Montana dell Oltrepò Pavese del 24/11/2011 27057

Dettagli

INDICE 2. SCHEDE DESCRITTIVE DEI SERVIZI E DELLE RELATIVE MODALITA'DI ACCESSO 3. ORGANIZZAZIONE DELL AMBITO SOCIALE

INDICE 2. SCHEDE DESCRITTIVE DEI SERVIZI E DELLE RELATIVE MODALITA'DI ACCESSO 3. ORGANIZZAZIONE DELL AMBITO SOCIALE Edizione : 02 Data : 15/11/2004 Pag. 1 di 40 INDICE 1. ELENCO DEI SERVIZI DISPONIBILI 1.1 Il sistema integrato dei Servizi Sociali 1.2 Gli interventi erogati dall'ente di Ambito Sociale 2. SCHEDE DESCRITTIVE

Dettagli

Lo sportello Unico Socio Sanitario Integrato Servizi Domiciliari

Lo sportello Unico Socio Sanitario Integrato Servizi Domiciliari Lo sportello Unico Socio Sanitario Integrato Servizi Domiciliari Consorzio Intercomunale per la gestione dei servizi socio-assistenziali dell Ovestticino (Comune di Cameri, Cerano, Galliate, Romentino,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 11 del 16 febbraio 2006 INDICE: Art. 1 Finalità del servizio Art. 2 Destinatari del servizio

Dettagli

GLI ANZIANI GLI ANZIANI. - Assistenza domiciliare. - Pasto a domicilio e mensa sociale. - Telesoccorso - Affidamento intrafamiliare - Assegno di cura

GLI ANZIANI GLI ANZIANI. - Assistenza domiciliare. - Pasto a domicilio e mensa sociale. - Telesoccorso - Affidamento intrafamiliare - Assegno di cura Guida dei Servizi ai Servizi Sociali Sociali BISOGNI BISOGNI GLI ANZIANI GLI ANZIANI Domiciliarità Avere la possibilità di continuare a vivere nel proprio ambiente di vita. Domiciliarità Avere la possibilità

Dettagli

CARTA dei SERVIZI. di Cure Domiciliari della coop.

CARTA dei SERVIZI. di Cure Domiciliari della coop. CARTA dei SERVIZI di Cure Domiciliari della coop. 1 La carta dei servizi costituisce un importante punto di riferimento per l utente che può conoscere agevolmente i servizi e le loro modalità di erogazione.

Dettagli

PROGETTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

PROGETTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA PROGETTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA 2. Nuovo Progetto o Si X 3. Progetto già avviato o Si X 4. Se il Progetto dà continuità a servizi/strutture già attivati, indicare se amplia l ambito territoriale

Dettagli

I servizi per anziani non autosufficienti

I servizi per anziani non autosufficienti I servizi per anziani non autosufficienti Giuliano Marangoni Il trend demografico dell invecchiamento della popolazione ha come diretta conseguenza un aumento delle prestazioni sanitarie e socio sanitarie

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE

REGOLAMENTO SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. N. 52 DEL 30.11.2010 MODIFICATO CON D.C.C. N. 43 DEL 26.10.2011 ART. 1 PREMESSA

Dettagli

COMUNE DI SASSUOLO (Provincia di Modena) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI

COMUNE DI SASSUOLO (Provincia di Modena) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI COMUNE DI SASSUOLO (Provincia di Modena) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI (Adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 43 in data 09/03/1995)

Dettagli

PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE

PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE PREMESSA Il presente bando disciplina l erogazione di buoni sociali finanziati attraverso Fondo Non Autosufficienze (FNA). Il Buono Sociale si

Dettagli

COMUNE DI MIRA. Provincia di Venezia REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE

COMUNE DI MIRA. Provincia di Venezia REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE COMUNE DI MIRA Provincia di Venezia REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI C.C. N. 66 DEL 15/06/2011 SOMMARIO: ART. 1 FINALITA ART. 2 OGGETTO

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO TRAMITE TAXI SOCIALE. Art. 1 - Finalità

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO TRAMITE TAXI SOCIALE. Art. 1 - Finalità REGOLAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO TRAMITE TAXI SOCIALE Art. 1 - Finalità Il Comune di San Giovanni Lupatoto, in un ottica di politica sociale finalizzata al miglioramento della vita dei cittadini che

Dettagli

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA SETTORE SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Premessa 1. Il Comune di Chignolo d Isola con il presente regolamento intende disciplinare il servizio

Dettagli

Linee generali e concreta applicazione

Linee generali e concreta applicazione D.G.R. 39-11190 del 06.04.2009 Riordino prestazioni assistenza tutelare socio-sanitaria ed istituzione contributo economico a sostegno della domiciliarità Linee generali e concreta applicazione PRESUPPOSTI

Dettagli

SPERIMENTAZIONE LINEE GUIDA AFFIDO FAMILIARE

SPERIMENTAZIONE LINEE GUIDA AFFIDO FAMILIARE SPERIMENTAZIONE LINEE GUIDA AFFIDO FAMILIARE BUONE PRASSI PREMESSA L affidamento familiare, intervento di protezione e tutela nei confronti di minori temporaneamente privi di idoneo ambiente familiare,

Dettagli

L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI. Regolamento

L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI. Regolamento L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Regolamento Art. 1 Oggetto di regolamentazione e fonti normative 1. Il presente Regolamento disciplina i procedimenti, le modalità di organizzazione e la natura degli

Dettagli

ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE

ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE SERVIZI RIPARTITI PER TARGET DI RIFERIMENTO Centro diurno per

Dettagli

- anziani o inabili adulti, soli, privi di sostegno familiare adeguato o in stato di abbandono ;

- anziani o inabili adulti, soli, privi di sostegno familiare adeguato o in stato di abbandono ; ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE REGOLAMENTO ART. 1 - DEFINIZIONE E FINALITA 1. Il Servizio di Assistenza Domiciliare è un insieme di prestazioni di carattere socio assistenziale

Dettagli

Area Persone Anziane. Servizio di assistenza domiciliare sociale per anziani LIVEAS

Area Persone Anziane. Servizio di assistenza domiciliare sociale per anziani LIVEAS Area Persone Anziane Num. Scheda 1 TITOLO AZIONE o o Servizio di assistenza domiciliare sociale per anziani LIVEAS OBIETTIVI Scopo del servizio è permettere agli anziani, parzialmente o totalmente non

Dettagli

COMUNE DI RIPOSTO Provincia di Catania. Regolamento per l affidamento familiare dei minori

COMUNE DI RIPOSTO Provincia di Catania. Regolamento per l affidamento familiare dei minori COMUNE DI RIPOSTO Provincia di Catania Regolamento per l affidamento familiare dei minori Adottato con deliberazione consiliare n 41 del 16/03/2000 COMUNE DI RIPOSTO Provincia di Catania Regolamento per

Dettagli

Linee guida assistenza domiciliare educativa per disabili

Linee guida assistenza domiciliare educativa per disabili AMBITO TERRITORIALE DI DALMINE PER L ATTUAZIONE DEL PIANO DI ZONA DEL SISTEMA INTEGRATO DI INTERVENTI E SERVIZI SOCIALI Comuni di Azzano S.Paolo, Boltiere, Ciserano, Comun Nuovo, Curno, Dalmine, Lallio,

Dettagli

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori?

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori? 1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? Le procedure per aprire una struttura socioassistenziale sono definite dalla normativa regionale. Il rappresentante

Dettagli

in zona urbana (comuni di Trento e Rovereto) esternalizzato in zona urbana esternalizzato in zona extraurbana

in zona urbana (comuni di Trento e Rovereto) esternalizzato in zona urbana esternalizzato in zona extraurbana Allegato parte integrante Allegato 2 1. ATTIVITA SOCIO-ASSISTENZIALI DI LIVELLO LOCALE 1.1 Corrispettivi per i servizi di livello locale erogati nel 2012 Corrispettivo giornaliero o orario da applicare

Dettagli

Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011

Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011 Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011 TARGET persone non autosufficienti di norma anziani, con esiti di patologie fisici, psichici, sensoriali e misti non curabili a domicilio MISSION

Dettagli

Regolamento per l Assistenza domiciliare per portatori di handicap residenti nei Comuni del Distretto Socio- sanitario della ASL RMG2

Regolamento per l Assistenza domiciliare per portatori di handicap residenti nei Comuni del Distretto Socio- sanitario della ASL RMG2 Regolamento per l Assistenza domiciliare per portatori di handicap residenti nei Comuni del Distretto Socio- sanitario della ASL RMG2 Premessa Il presente Regolamento disciplina i principi e le modalità

Dettagli

COMUNE DI CASALGRANDE

COMUNE DI CASALGRANDE COMUNE DI CASALGRANDE PROVINCIA DI REGGIO NELL EMILIA Cap 42013 Piazza Martiri della Libertà, 1 tel: 0522 998511 fax: 0522 841039 Cod. fisc. e P. IVA 00284720356 Regolamento distrettuale determinante i

Dettagli

Approvato con deliberazione del C.d.A. n. 1 del 27.02.07

Approvato con deliberazione del C.d.A. n. 1 del 27.02.07 REGOLAMENTO CONSORTILE PER L INSERIMENTO DI MINORI NELLE STRUTTURE RESIDENZIALI Approvato con deliberazione del C.d.A. n. 1 del 27.02.07 1 S O M M A R I O ART. 1 - OGGETTO...3 ART. 2 - FINALITÀ...3 ART.

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Art 1 - Oggetto TITOLO I Disposizioni Generali Lo scopo del presente regolamento è l'individuazione di criteri equi e trasparenti per: a) l'erogazione

Dettagli

L affido, il Tribunale per i Minorenni e i Servizi Sociali

L affido, il Tribunale per i Minorenni e i Servizi Sociali L affido in Italia: dalle prime esperienze all attuale normativa giuridica L affido, il Tribunale per i Minorenni e i Servizi Sociali Interventi della dott.ssa Barbara Montisci,, Giudice Onorario del T.M.

Dettagli

Regolamento. Questo Servizio adotta il seguente regolamento:

Regolamento. Questo Servizio adotta il seguente regolamento: Regolamento L affidamento familiare aiuta i bambini ed i ragazzi a diventare grandi, nutrendo il loro bisogno di affetto e di relazione con figure adulte che si prendano cura di loro, al fine di diventare

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 11 DEL 19-05-2006 REGIONE VALLE D'AOSTA

LEGGE REGIONALE N. 11 DEL 19-05-2006 REGIONE VALLE D'AOSTA LEGGE REGIONALE N. 11 DEL 19-05-2006 REGIONE VALLE D'AOSTA Disciplina del sistema regionale dei servizi socio-educativi per la prima infanzia. Abrogazione delle leggi regionali 15 dicembre 1994, n. 77,

Dettagli

COMUNE DI LAZZATE Provincia di Milano

COMUNE DI LAZZATE Provincia di Milano COMUNE DI LAZZATE Provincia di Milano Regolamento per il servizio di assistenza domiciliare Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 83 del 30.09.1997 1/6 SOMMARIO : ARTICOLO 1 - FINALITA DEL

Dettagli

DOCUMENTO DELLE POLITICHE AZIENDALI

DOCUMENTO DELLE POLITICHE AZIENDALI Azienda Pubblica Servizi alla Persona Città di Siena DOCUMENTO DELLE POLITICHE AZIENDALI Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 25 agosto 2010 Pag. 1 di 5 1. Denominazione, sede e

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI ACCESSO E FUNZIONAMENTO DEI RICOVERI IN REGIME TEMPORANEO PRESSO LA RSA N. IOTTI DI MONTERONI D ARBIA FINALITA DELLA STRUTTURA

REGOLAMENTO COMUNALE DI ACCESSO E FUNZIONAMENTO DEI RICOVERI IN REGIME TEMPORANEO PRESSO LA RSA N. IOTTI DI MONTERONI D ARBIA FINALITA DELLA STRUTTURA ALLEGATO A) Modificato con le determinazioni del C.C. n. 53 del 30.09.2013 REGOLAMENTO COMUNALE DI ACCESSO E FUNZIONAMENTO DEI RICOVERI IN REGIME TEMPORANEO PRESSO LA RSA N. IOTTI DI MONTERONI D ARBIA

Dettagli