BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI DI VALORIZZAZIONE DELLA MONTAGNA E DEI RIFUGI LOMBARDI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI DI VALORIZZAZIONE DELLA MONTAGNA E DEI RIFUGI LOMBARDI"

Transcript

1 Bollettino Ufficiale 3 D) ATTI DIRIGENZIALI Giunta regionale D.G. Sport e politiche per i giovani D.d.u.o. 4 giugno n Approvazione del bando per la presentazione di progetti di valorizzazione della montagna e dei rifugi lombardi IL DIRIGENTE DELLA U.O. GIOVANI E ATTRATTIVITÀ Vista la l.r. 1 ottobre 2014 n. 26 «Norme per la promozione e lo sviluppo delle attività motorie e sportive, dell impiantistica sportiva e per l esercizio delle professioni sportive inerenti alla montagna» ed in particolare l art. 1, comma 1, lettera k) che individua tra le finalità di interesse la promozione dell attrattività dei territori montani, dell escursionismo e degli sport della montagna, anche attraverso la migliore fruibilità di rifugi, bivacchi, sentieri, piste di sci e impianti di risalita; Visto l art. 40 quater, comma 6, della legge regionale 15/2007, ove è previsto che «La Regione concede agevolazioni per la realizzazione di iniziative informative, editoriali e divulgative intese a valorizzare e promuovere il patrimonio alpinistico regionale promosse dal CAI Lombardia e dalle associazioni più rappresentative delle guide alpine e dei gestori di rifugi»; Vista la d.g.r del 24 aprile 2015 recante «Definizione dei criteri e modalità per la valorizzazione delle attività della montagna e dei rifugi lombardi» con la quale sono stati approvati i criteri e le modalità sulla base delle quali predisporre il successivo invito finalizzato a raccogliere proposte progettuali per la valorizzazione della montagna e dei rifugi lombardi; Preso atto che la d.g.r. di cui sopra prevede la possibilità di concedere contributi a soggetti pubblici o privati rappresentativi delle categorie dei gestori e/o dei proprietari dei rifugi lombardi, per la realizzazione dei seguenti interventi: attività di valorizzazione della montagna; valorizzazione dei rifugi di Lombardia; Visto il capitolo recante «Innalzamento della qualità dei servizi offerti e dell attrattività delle strutture alpinistiche e dei comprensori sciistici attraverso servizi svolti da soggetti privati» che presenta per l anno 2015 una disponibilità di euro ,00; Dato atto che secondo quanto previsto dalla d.g.r del 24 aprile 2015 qualora il beneficiario dei contributi fosse, in tutto o in parte, un soggetto pubblico, si provvederà con successiva variazione compensativa a spostare le risorse a disposizione, pari a euro ,00, dal capitolo al capitolo «Azioni per l innalzamento della qualità dei servizi offerti per l attrattività delle strutture alpinistiche e dei comprensori sciistici - trasferimenti ad amministrazioni locali»; Dato atto che il presente provvedimento avvia il relativo procedimento e ne determina gli specifici termini secondo quanto previsto nell Allegato 1, fatto salvo quanto disciplinato dall art. 2 comma 2 della legge 241/1990; Visto l allegato 1) «Bando per la presentazione di progetti di valorizzazione della montagna e dei rifugi lombardi», parte integrante e sostanziale del presente atto, nel quale viene definito il procedimento per la presentazione, selezione dei progetti e individuazione dei beneficiari sulla base dei criteri definiti nella d.g.r. sopra citata; Visto l allegato 2) parte integrante e sostanziale del presente atto nel quale viene definita la modulistica per la presentazione dei progetti; Verificato che il presente provvedimento rientra tra le competenze della UO Giovani e attrattività; Vista la l.r. 34/78, il regolamento di contabilità della Giunta regionale n. 1 del 2 aprile 2001 e loro successive modifiche ed integrazioni, nonché la legge regionale di approvazione del bilancio per l esercizio in corso; Vista la l.r. 7 luglio 2008, n. 20 «Testo unico delle leggi regionali in materia di organizzazione e personale», nonché i provvedimenti organizzativi della X Legislatura; DECRETA 1. di approvare, per le motivazioni in premessa e che qui si intendono integralmente riportate, l allegato 1) «Bando per la presentazione di progetti di valorizzazione della montagna e dei rifugi lombardi» e l allegato 2) «Modulistica per la presentazione di progetti di valorizzazione della montagna e dei rifugi lombardi», entrambi parte integrante e sostanziale del presente atto; 2. di destinare per la realizzazione degli interventi di valorizzazione di cui al punto 1 l ammontare complessivo di euro ,00, che trova copertura sul capitolo recante «Innalzamento della qualità dei servizi offerti e dell attrattività delle strutture alpinistiche e dei comprensori sciistici attraverso servizi svolti da soggetti privati», che presenta per l anno 2015 la necessaria disponibilità e sul capitolo «Azioni per l innalzamento della qualità dei servizi offerti per l attrattività delle strutture alpinistiche e dei comprensori sciistici - trasferimenti ad amministrazioni locali»; 3. di prevedere che qualora il beneficiario dei contributi fosse, in tutto o in parte, un soggetto pubblico, si provvederà con successiva variazione compensativa a spostare le risorse a disposizione, pari a euro ,00, dal capitolo al capitolo «Azioni per l innalzamento della qualità dei servizi offerti per l attrattività delle strutture alpinistiche e dei comprensori sciistici - trasferimenti ad amministrazioni locali»; 4. di disporre la pubblicazione della presente deliberazione sul Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia e sul sito web di Regione Lombardia Il dirigente Francesco Bargiggia ALLEGATO 1 BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI DI VALORIZZAZIONE DELLA MONTAGNA E DEI RIFUGI LOMBARDI Indice 1. FINALITÀ E OBIETTIVI 2. DOTAZIONE FINANZIARIA 3. SOGGETTI CHE POSSONO PARTECIPARE AI PROGETTI 4. CONTRIBUTO E NUMERO DI PROGETTI PRESENTABILI 5. CARATTERISTICHE DELLE PROPOSTE PROGETTUALI 6. MODALITÀ E TERMINI PER LA PRESENTAZIONE DELLE PROPOSTE PROGETTUALI 7. ISTRUTTORIA E VALUTAZIONE DELLE PROPOSTE 8. TEMPI E FASI DEL PROCEDIMENTO 9. RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO 10. SPESE AMMISSIBILI E DECORRENZA DELLE SPESE 11. RENDICONTAZIONE DELLE AZIONI SVOLTE, DELLE SPESE SOSTENUTE E LIQUIDAZIONE DEL CONTRIBUTO 12. ONERI E IMPEGNI DEL BENEFICIARIO 13. DECADENZA DAL CONTRIBUTO 14. ISPEZIONI E CONTROLLI 15. PUBBLICAZIONE E INFORMAZIONE 16. PRIVACY

2 4 Bollettino Ufficiale 1. FINALITÀ E OBIETTIVI La l.r. 1 ottobre 2014 n. 26 Norme per la promozione e lo sviluppo delle attività motorie e sportive, dell impiantistica sportiva e per l esercizio delle professioni sportive inerenti alla montagna all art. 1, comma 1, lettera k) ha individuato tra le finalità di interesse la promozione dell attrattività dei territori montani, dell escursionismo e degli sport della montagna, anche attraverso la migliore fruibilità di rifugi, bivacchi, sentieri, piste di sci e impianti di risalita. Inoltre il Programma Regionale di Sviluppo della X legislatura approvato con DCR n. 78 del 9 luglio 2013 ha previsto: il sostegno alla pratica sportiva anche valorizzando e promuovendo l attrattività del territorio montano, favorendo gli sport in ambienti naturali; la valorizzazione, nella logica di attrattività del territorio e di EXPO 2015 della pratica sportiva a contatto con la natura e del panorama di risorse naturali, infrastrutturali e di accoglienza della montagna lombarda, quali modalità privilegiate di fruizione del territorio montano. A tal fine si intende assegnare contributi finalizzati a valorizzare la realtà delle montagne lombarde e le sue offerte ricettive attraverso la realizzazione di attività di valorizzazione della montagna e dei rifugi di Lombardia da attuarsi mediante progetti di comunicazione digitale le cui caratteristiche saranno descritte nel successivo art DOTAZIONE FINANZIARIA Agli interventi di cui al presente Bando sono destinati euro ,00, che trovano copertura sul capitolo recante Innalzamento della qualità dei servizi offerti e dell attrattività delle strutture alpinistiche e dei comprensori sciistici attraverso servizi svolti da soggetti privati, che presenta per l anno 2015 la necessaria disponibilità. Qualora il beneficiario dei contributi fosse, in tutto o in parte, un soggetto pubblico, si provvederà con successiva variazione compensativa a spostare le risorse a disposizione, pari a euro ,00, dal capitolo al capitolo Azioni per l innalzamento della qualità dei servizi offerti per l attrattività delle strutture alpinistiche e dei comprensori sciistici - trasferimenti ad amministrazioni locali. 3. SOGGETTI CHE POSSONO PRESENTARE PROPOSTE Possono presentare domanda di contributo i soggetti pubblici o privati rappresentativi delle categorie dei gestori e/o dei proprietari dei rifugi di Lombardia. La presentazione della domanda può essere fatta anche in forma di partenariato, con l individuazione di un soggetto capofila, che avrà il ruolo di referente amministrativo unico verso Regione Lombardia in nome e per conto del partenariato. Il partenariato dovrà essere costituito attraverso la sottoscrizione di specifico accordo da parte dei soggetti aderenti e dovrà prevedere: l individuazione del capofila, che procederà a sottoscrivere il progetto da presentare a Regione Lombardia e che Regione individuerà come percipiente del contributo a nome e per conto di tutti gli altri partner; le attività progettuali che verranno svolte da ogni singolo partner; i rapporti economici che intercorrono tra i partner, ivi compresi tempi e modi di suddivisione del contributo riconosciuto da Regione Lombardia. 4. CONTRIBUTO REGIONALE E NUMERO DI PROPOSTE PRESENTABILI Il contributo che i soggetti proponenti prevedono di richiedere a Regione Lombardia non potrà eccedere il 70% del valore del progetto fino a un massimo di importo di contributo concedibile paria a euro ,00. Ogni soggetto potrà presentare una sola proposta. Il progetto dovrà prevedere il contributo del soggetto proponente, che potrà avvenire, in misura non superiore al 50% del contributo stesso, anche attraverso la valorizzazione dei beni resi disponibili e dell attività svolta sia da personale dipendente che da volontari per la realizzazione del progetto. La valorizzazione deve essere indicata nel piano economico in modo chiaro e riconducibile a una puntuale documentazione che dia conto dell effettivo valore esposto. 5. CARATTERISTICHE DELLE PROPOSTE PROGETTUALI Le proposte per essere ammissibili dovranno riguardare, attraverso progetti di comunicazione digitale, attività di valorizzazione della montagna e dei rifugi di Lombardia e dovranno obbligatoriamente prevedere la pubblicazione sull ecosistema digitale E015 del servizio inerente i dati dei rifugi di Lombardia con relativo corredo multimediale. In particolare potranno prevedere: - adozione di soluzioni e servizi di relazione con i clienti, di marketing e di gestione della comunicazione che si basino sull interazione e la collaborazione attraverso la rete; - iniziative di e-commerce, creazione vetrina prodotti e miglioramento immagine della montagna e dei rifugi lombardi; - realizzazione di attività di web marketing (campagne Search Engine Marketing [SEM], marketing, ecc.), campagna advertising, mobile marketing e social media marketing (progettazione, attivazione e gestione di presenze evolute dei rifugi all interno dei social media nazionali ed internazionali); - progettazione e sviluppo di applicazioni (per smartphone, tablet, web, social media, ecc. finalizzate all ottimizzazione dei processi di comunicazione su montagna e rifugi, ad attività di marketing, customer care, ecc.). Tutti gli interventi dovranno prevedere la valorizzazione dell intera rete dei rifugi lombardi così come risulta dall Elenco di Regione Lombardia. Gli interventi dovranno svilupparsi successivamente alla presentazione del progetto e dovranno giungere a conclusione entro il 31 ottobre MODALITÀ E TERMINI PER LA PRESENTAZIONE DELLE PROPOSTE PROGETTUALI La proposta deve essere obbligatoriamente redatta su carta intestata del soggetto richiedente contenente denominazione e sede

3 Bollettino Ufficiale 5 legale, indirizzata alla Direzione Generale Sport e Politiche per i Giovani P.zza Città di Lombardia, Milano, e sottoscritta dal legale rappresentante o suo delegato, il quale, consapevole delle sanzioni penali richiamate dall art. 76 del DPR n. 445 del 28 dicembre 2000, fornisce e dichiara veritiere le informazioni e le dichiarazioni rese. La proposta, che dovrà essere presentata utilizzando il modulo predisposto e riportato nell allegato 2, dovrà esplicitare: una descrizione dettagliata del progetto e la coerenza tra gli obiettivi progettuali e quelli del bando; una descrizione delle fasi del progetto e loro tempistiche; l indicazione degli elementi particolarmente innovativi nei processi comunicativi e di marketing; l indicazione delle nuove tecnologie digitali introdotte; il budget di progetto e l entità economica del contributo richiesto a Regione Lombardia; le voci di spesa per le quali si chiede il contributo; gli strumenti di misurazione dei risultati attesi; La proposta deve: a. essere presentata, via posta elettronica certificata all indirizzo con oggetto: Bando a presentare progetti per la valorizzazione della montagna e dei rifugi lombardi. La proposta, ai sensi dell art. 65 del d.lgs. 7 marzo 2005 n. 82 (Codice dell Amministrazione Digitale) dovrà essere sottoscritta mediante la firma digitale o la firma elettronica qualificata. b. (in alternativa) essere indirizzate via posta a: Regione Lombardia DG Sport e Politiche giovanili Unità Organizzativa Giovani e attrattività Piazza Città di Lombardia, Milano c. pervenire, a cura e sotto la responsabilità degli interessati, a partire dal giorno successivo alla pubblicazione sul BURL ed entro e non oltre le ore 12,00 del giorno 26 giugno 2015 Le domande saranno considerate: - irricevibili se protocollate oltre le ore del giorno 26 giugno 2015; - escluse se presentate in modo difforme rispetto a quanto stabilito al sopra indicati punti a) e b). 7. ISTRUTTORIA E VALUTAZIONE DELLE PROPOSTE Le proposte ritenute ammissibili saranno graduate secondo i seguenti criteri: CRITERI DI VALUTAZIONE 1) Numero di rifugi lombardi rappresentati: max 5 PUNTI Meno di 50 Da 50 a 100 Da 101 a 150 Oltre 150 Punteggio concedibile 1 punto 2 punti 3 punti 5 punti 2) Tipologia di azione prevista per la valorizzazione : max 4 PUNTI Utilizzo dei social e del web per valorizzare le attività di montagna e i rifugi di Lombardia Accordo con almeno uno dei seguenti soggetti: Guide alpine, Accompagnatori di media montagna, Associazioni sportive, Collegi rappresentativi delle professioni della montagna, Associazioni di volontariato e altri soggetti di interesse collettivo per promuovere il soggiorno presso i rifugi lombardi Comunicazione attraverso organi di stampa, televisione, radio Utilizzo altri strumenti di comunicazione 3) Presentazione in partenariato: max 1 PUNTO Partenariato di almeno due soggetti rappresentativi del mondo della montagna e dei rifugi Totale 4 punti 3 punti 2 punti 1 punto 1 punto 10 punti A parità di punteggio la graduatoria verrà stilata in base all ordine cronologico di consegna (data e orario) delle proposte al protocollo regionale. 8. TEMPI E FASI DEL PROCEDIMENTO Individuazione del o dei progetti che potranno accedere al contributo di regione Lombardia Entro 20 giorni dalla scadenza del presente Bando il Dirigente competente, con proprio decreto, dispone l assegnazione del contributo, nei limiti della disponibilità degli stanziamenti di bilancio degli esercizi di competenza, a seguito di positiva verifica della coerenza

4 6 Bollettino Ufficiale delle proposte progettuali di cui al punto 5), delle modalità e dei termini previsti al punto 6), dell istruttoria e valutazione rispetto ai criteri previsti al punto 7), rispetto ai quali procederà ad approvare conseguente graduatoria di merito e assegnare i relativi contributi. Erogazione del contributo Il contributo sarà erogato, con le seguenti modalità al soggetto beneficiario, o, in caso di partenariato, al soggetto capofila che provvederà alla liquidazione di quota parte ai partner di progetto: 40% al raggiungimento di un avanzamento delle spese del progetto non inferiore al 50% del preventivato; 60% a titolo di saldo a conclusione degli interventi e a seguito di presentazione della rendicontazione finale, che dovrà avvenire entro il 30 novembre La Direzione Generale competente eroga il contributo previsto entro 30 giorni dal ricevimento dello stato di avanzamento del progetto e dei relativi giustificativi di spesa. Il termine si sospende in caso di richieste di chiarimenti o documentazione integrativa da parte della Direzione Generale competente. Prima di procedere alla liquidazione Regione procederà, se e in quanto dovuto, all acquisizione del DURC da parte del soggetto beneficiario. Tabella riassuntiva dei tempi di procedimento Scadenza consegna domande 26 giugno 2015 Individuazione delle proposte cofinanziabili 16 luglio 2015 Conclusione del progetto Entro 31 ottobre 2015 Liquidazione 40% del contributo Al raggiungimento del 50% di avanzamento delle spese preventivate Rendicontazione del progetto Entro il 30 novembre 2015 Liquidazione del saldo A conclusione del progetto e presentazione rendicontazione finale 9. RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO Responsabile del procedimento è il Dirigente della U.O. Giovani e attrattività della Direzione Generale Sport e Politiche per i giovani. 10. SPESE AMMISSIBILI E DECORRENZA DELLE SPESE A. Spese ammissibili Sono ammissibili esclusivamente le spese strettamente e oggettivamente correlate alla realizzazione delle iniziative proposte, sostenute dal soggetto proponente e descritte in modo analitico per ogni singola voce. Le spese ammissibili sono suddivise nelle categorie di seguito indicate: Categorie 1) Predisposizione progetto 2) Realizzazione 3) IVA L IVA può costituire spesa ammissibile se realmente e definitivamente sostenuta dal soggetto richiedente (Regolamento CE 448/2004 IVA non recuperabile). Verranno ritenute ammissibile le seguenti spese: Attività resa da professionisti nell ambito del progetto; Analisi strategica, progettazione, realizzazione e gestione di attività di comunicazione, content management e marketing digitale nelle sue diverse declinazioni; Realizzazione e/o ottimizzazione del sito (in ottemperanza con i principi del web-marketing SEO - Search Engine Optimization) e spese per la traduzione in altre lingue; Avvio e miglioramento di progetti di e-commerce attraverso l adozione di tecnologie informatiche per la promozione e vendita on line di prodotti e servizi; Attività di inserzionismo digitale per campagne display sia in ambienti web (keyword per Search Engine Marketing ) che negli ambienti social e promozione sui motori di ricerca; Progettazione e sviluppo di applicazioni (web, mobile, social, ecc.) finalizzate ad attività di promozione delle vendite di prodotti e servizi aziendali, all attivazione di sistemi di comunicazione interna ed esterna, alla generazione di sistemi di interazione con i clienti e customer care; Acquisto di software e hardware di nuova fabbricazione, acquistati nel periodo di realizzazione del progetto, strettamente necessari alla sua realizzazione per un valore massimo complessivo di Euro 2.000,00; Spese del personale dedicato al progetto nel limite massimo del 10% delle voci di spesa. La relativa documentazione contabile dovrà essere fornita secondo le indicazioni contenute al successivo punto 11). Eventuali economie che dovessero verificarsi nel corso della realizzazione del progetto potranno essere ridestinate ad altre voci dello stesso progetto previa autorizzazione di Regione Lombardia. B. Spese non ammissibili Non saranno considerate valide e non concorreranno alla determinazione del totale delle spese ammesse le seguenti:

5 Bollettino Ufficiale 7 acquisto di beni durevoli; premi in denaro, borse di studio e viaggi di studio e/o premio ; spese inerenti all uso di immobili (ad esempio canoni di locazione, oneri condominiali ordinari e straordinari, etc ); spese genericamente o cumulativamente descritte. 11. RENDICONTAZIONE DELLE AZIONI SVOLTE, DELLE SPESE SOSTENUTE E LIQUIDAZIONE DEL CONTRIBUTO Contestualmente alle singole richieste di erogazione delle quote di contributo, il beneficiario dovrà presentare la seguente documentazione: Relazione tecnica della realizzazione del progetto dove si illustrano gli obiettivi e i risultati conseguiti e la loro coerenza e correlazione con le finalità del Bando. Dichiarazione sostitutiva, sottoscritta ai sensi dell art 47 del DPR 455/2000 dal legale rappresentante del soggetto beneficiario, avente ad oggetto l elenco dettagliato delle spese sostenute con l indicazione della finalità delle stesse, nonché delle entrate realizzate o comunque accertate; Copia di tutti i documenti fiscali relativi alle voci di spesa ammissibili (fatture, ricevute fiscali, ecc.), quietanzati che devono riportare obbligatoriamente nella causale la descrizione dell iniziativa progettuale e il relativo periodo di riferimento. Per documentare la valorizzazione delle attività svolta sia da personale retribuito che da volontari e dei beni messi a disposizione, il beneficiario dovrà presentare il dettaglio delle attività rispettivamente rese, il numero di ore svolte, il valore economico orario, nonché l indicazione dei beni utilizzati, e del loro valore. Per il personale retribuito dovrà essere indicato il parametro di riferimento (es. tipologia di contratto). Per i volontari, la cui attività viene valorizzata, dovrà essere indicato il parametro di riferimento sulla cui base viene determinata la valorizzazione; Saranno considerati ammissibili i soli pagamenti effettuati dal beneficiario del contributo o dai partner comunicati a Regione Lombardia in fase di presentazione del progetto, per il tramite di bonifico bancario o postale ovvero con altri strumenti di incasso o di pagamento idonei a consentire la piena tracciabilità delle operazioni (L. 136/2010, art. 3, comma 1 e 3 e successive modificazioni); non saranno accettati in nessun caso i pagamenti in contanti e/o tramite compensazioni di qualsiasi genere tra il beneficiario e il fornitore (es. permuta con altri beni, lavori, servizi, etc ) e qualsiasi forma di autofatturazione; Altri eventuali documenti e materiali richiesti nei singoli atti di accettazione delle iniziative proposte. Regione Lombardia si riserva la facoltà di richiedere eventuali chiarimenti e/o integrazioni rispetto alla documentazione presentata stabilendo il termine di 15 giorni entro il quale il soggetto beneficiario dovrà far pervenire quanto richiesto, a pena di decadenza. Qualora a consuntivo i costi totali per la realizzazione del progetto risultassero inferiori a quanto dichiarato nella richiesta iniziale, l entità del contributo regionale sarà proporzionalmente ridotta. In ogni caso, l entità del contributo erogabile non potrà essere superiore: al contributo assegnato; al totale delle spese ammesse. 12. ONERI E IMPEGNI DEL BENEFICIARIO Il beneficiario ha l obbligo di: a) realizzare l iniziativa secondo i tempi, le modalità organizzative e i contenuti dichiarati nella richiesta di contributo. Solo nel caso di modifica sostanziale di fattori costitutivi dell intervento, dovuta a cause oggettive di forza maggiore, il beneficiario dovrà darne tempestiva comunicazione (entro massimo 10 giorni dal verificarsi delle condizioni che hanno determinato tali variazioni) mediante nota formale indirizzata a Regione Lombardia, che si riserverà di effettuare le opportune valutazioni a riguardo; b) concordare con Regione Lombardia le azioni di comunicazione riguardanti l iniziativa oggetto di contributo ed esporre il logo regionale su tutti i relativi materiali e strumenti di comunicazione e informazione, per garantire la visibilità istituzionale di Regione Lombardia; c) trasmettere nei termini previsti la documentazione di rendicontazione di cui al punto 11); d) conservare gli originali della documentazione di spesa per almeno tre anni; e) segnalare tempestivamente all amministrazione regionale eventuali variazioni delle coordinate bancarie, della denominazione sociale, del legale rappresentante. 13. DECADENZA DAL CONTRIBUTO Il Dirigente competente di Regione Lombardia provvede a dichiarare la decadenza dal contributo concesso nei seguenti casi: a) mancato rispetto dei termini previsti per la realizzazione del progetto e per la presentazione della rendicontazione di cui all art. 8; b) rilascio di dichiarazioni mendaci; c) realizzazione inferiore al 50% degli interventi previsti; d) inadempimenti agli obblighi posti a carico del beneficiario di cui all art. 12; e) non veridicità della documentazione prodotta in fase di rendicontazione; f) mancata esibizione, in fase di eventuale controllo, degli originali dei documenti di spesa prodotti in fase di rendicontazione e della documentazione attestante il pagamento delle spese rendicontate; g) assenza assoluta di spesa. Qualora la dichiarazione di decadenza avvenga in data successiva all erogazione del contributo, il beneficiario dovrà restituire l importo percepito, maggiorato degli interessi legali calcolati dalla data dell erogazione.

6 8 Bollettino Ufficiale 14. ISPEZIONI E CONTROLLI La Regione si riserva il diritto di verificare, anche attraverso specifici controlli presso la sede del soggetto beneficiario e nei luoghi in cui si svolge l iniziativa progettuale, nella misura del 10% sul totale dei progetti ammessi, lo svolgimento delle azioni previste, la conformità delle dichiarazioni rese dal rappresentante legale del soggetto beneficiario del contributo e in particolare i giustificativi di spesa presentati in sede di rendicontazione. Il beneficiario è tenuto a consentire le procedure di controllo, ad esibire gli originali della documentazione prodotta in fase di rendicontazione e degli strumenti di pagamento delle spese effettivamente sostenute, pena decadenza dal contributo e restituzione della somma ricevuta, secondo quanto disposto dal precedente punto 12). 15. PUBBLICAZIONE E INFORMAZIONE Copia integrale del bando e dei relativi allegati sono disponibili sul sito e possono essere richiesti all indirizzo mail Qualsiasi informazione sul bando e sui relativi allegati, potrà essere richiesta alla Direzione Generale Sport e politiche per i giovani Piazza Città di Lombardia, Milano. Referente per il procedimento: Antonio Fatigati - tel mail: 16. PRIVACY Si informa, ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. 30 giugno 2003 n. 196, che i dati acquisiti in esecuzione del presente bando verranno utilizzati esclusivamente per le finalità relative al procedimento amministrativo per il quale gli anzidetti dati vengono comunicati, secondo le modalità previste dalle leggi e dai regolamenti vigenti. Titolare del trattamento è il Responsabile del procedimento.

7 Bollettino Ufficiale 9 ALLEGATO 2 MODULISTICA PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI DI VALORIZZAZIONE DELLA MONTAGNA E DEI RIFUGI LOMBARDI Spett.le Regione Lombardia D.G. Sport e Politiche per i giovani U.O. Giovani e Attrattività P.za Città di Lombardia, Milano DATI ANAGRAFICI DEL RICHIEDENTE Il/La sottoscritto/a Nome e cognome: Codice fiscale Data di nascita Luogo di nascita Nazionalità Indirizzo di residenza con la presente aderisce all Invito a presentare un progetto di valorizzazione della montagna e dei rifugi lombardi e dichiara, sotto la propria responsabilità, corrispondenti a verità i seguenti Contenuti del progetto 1. Descrizione dettagliata del progetto. Coerenza tra gli obiettivi progettuali e quelli del bando. Min. 500 caratteri Max caratteri 2. Descrizione delle fasi del progetto e loro tempistiche indicando obbligatoriamente la data di conclusione. Indicare quali elementi sono particolarmente innovativi nei processi comunicativi e di marketing. Indicare quali nuove tecnologie digitali vengono introdotte. Min caratteri Max caratteri 3. Descrizione del budget di progetto. Descrivere in maniera analitica le voci di spesa previste per le attività progettuali, indicando i fornitori delle stesse. Nel caso di utilizzo di free lance sintetizzare l esperienza nel campo della comunicazione digitale Min \caratteri Max caratteri 4. Punteggio assegnabile Numero di rifugi rappresentati dal soggetto proponente: n. Utilizzo dei social e del web per valorizzare le attività di montagna e i rifugi di Lombardia: SI/NO (cancellare la voce che non interessa) Accordo con almeno uno dei seguenti soggetti: Guide alpine, Accompagnatori di media montagna, Associazioni sportive, Collegi rappresentativi delle professioni della montagna, Associazioni di volontariato e altri soggetti di interesse collettivo per promuovere il soggiorno presso i rifugi lombardi: SI/NO (cancellare la voce che non interessa). Se SI, indicare i soggetti con cui si è stipulato l accordo e il tipo di accordo (convenzione, scrittura privata, altro/specificare) : Comunicazione attraverso organi di stampa, televisione, radio: SI/NO (cancellare la voce che non interessa e specificare gli organi di stampa utilizzati):... Utilizzo altri strumenti di comunicazione (specificare):.....

8 10 Bollettino Ufficiale 4. Voci di spesa per le quali si chiede il contributo Voce di spesa Ammissibile Descrizione Spesa Importo Importo ammesso Specificare in quale fase di progetto si sostiene la spesa. (comprensivo di IVA solo se l IVA rappresenta un costo) (a cura di RL) Tipologia di spesa ammissibile Totale Spesa Totale spese ammissibili Costo totale del progetto Contributo richiesto a Regione Lombardia (non superiore al 70% del totale spese ammissibile e comunque inferiore a euro ,00) Spese a carico del richiedente (non inferiore al 30% delle spese ammissibili) Valorizzazioni (non superiori al 50% delle spese a carico del richiedente) 6. Indicare gli strumenti di misurazione dei risultati attesi. Indicare eventuali replicabilità del progetto. Min Max caratteri E a tal fine, consapevole che le dichiarazioni mendaci, e le falsità negli atti e l uso di falsi atti sono puniti ai sensi del codice penale e delle leggi vigenti in materia (art. 76 d.p.r. n. 445/2000) e che la falsa dichiarazione comporta la decadenza dei benefici del Bando (art. 75 d.p.r. n. 445/2000), DICHIARA Sotto la propria responsabilità di aver preso visione dell Invito e di accettarne integralmente ed incondizionatamente tutto il contenuto; di essere in regola con il versamento di contributi e previdenza per il proprio personale assunto; che l impresa non ha usufruito di contributi per lo stesso intervento da parte di Regione Lombardia o di altri Enti Pubblici; SI IMPEGNA a comunicare tempestivamente a Regione Lombardia eventuale variazione concernente le informazioni contenute nella presente; a non opporsi ad eventuali ispezioni per la verifica delle dichiarazioni rese; COMUNICA Che le coordinate bancarie sul quale accreditare il contributo sono: Codice IBAN Che il referente che seguirà l iter amministrativo di ammissione al Bando è: Nome e cognome Tel. / Cell. Il Legale Rappresentante Apposizione della marca da bollo ( anche digitale)

BOLLETTINO UFFICIALE SOMMARIO REPUBBLICA ITALIANA. Serie Ordinaria - Lunedì 08 giugno 2015 B) PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE

BOLLETTINO UFFICIALE SOMMARIO REPUBBLICA ITALIANA. Serie Ordinaria - Lunedì 08 giugno 2015 B) PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE Anno XLV N. 144 Iscritto nel registro Stampa del Tribunale di Milano (n. 656 del 21 dicembre 2010) Proprietario: Giunta Regionale della Lombardia Sede Direzione e redazione: p.zza Città di Lombardia, 1

Dettagli

Bando per la presentazione di progetti di comunicazione digitale per il business delle MPMI Lombarde

Bando per la presentazione di progetti di comunicazione digitale per il business delle MPMI Lombarde Bando per la presentazione di progetti di comunicazione digitale per il business delle MPMI Lombarde Accordo di programma per lo sviluppo economico e la competitività del sistema lombardo - anno 2012 Asse

Dettagli

BANDO PER LO SVILUPPO E IL CONSOLIDAMENTO DI AZIONI DI PREVENZIONE E CONTRASTO ALLE FORME DI DIPENDENZA DAL GIOCO D AZZARDO LECITO L.R.

BANDO PER LO SVILUPPO E IL CONSOLIDAMENTO DI AZIONI DI PREVENZIONE E CONTRASTO ALLE FORME DI DIPENDENZA DAL GIOCO D AZZARDO LECITO L.R. Bollettino Ufficiale 45 D.G. Territorio, urbanistica e difesa del suolo D.d.u.o. 13 marzo 2015 - n. 1934 Bando per lo sviluppo e il consolidamento di azioni di prevenzione e contrasto alle forme di dipendenza

Dettagli

1. PREMESSA 2. FONDI MESSI A DISPOSIZIONE PER L EROGAZIONE DEI CONTRIBUTI

1. PREMESSA 2. FONDI MESSI A DISPOSIZIONE PER L EROGAZIONE DEI CONTRIBUTI - Innovazione per progetti di comunicazione delle MPMI della provincia di Varese, anche in vista di Expo 2015. Anno 2013 Approvato con deliberazione di giunta camerale n.90 del 07/11/2013 1. PREMESSA Nell

Dettagli

Direzione Regionale Politiche Sociali, Autonomie, Sicurezza e Sport Area Interventi per lo Sport

Direzione Regionale Politiche Sociali, Autonomie, Sicurezza e Sport Area Interventi per lo Sport Allegato A Direzione Regionale Politiche Sociali, Autonomie, Sicurezza e Sport Area Interventi per lo Sport Avviso Pubblico ai sensi della Legge Regionale n. 15/02 e s.m.i., articolo 33 comma 1 Contributi

Dettagli

Capo I disposizioni generali. Capo II contributi per il rimborso delle spese assicurative. Capo III contributi per l acquisto di attrezzature tecniche

Capo I disposizioni generali. Capo II contributi per il rimborso delle spese assicurative. Capo III contributi per l acquisto di attrezzature tecniche Regolamento per la concessione dei contributi a favore delle organizzazioni di volontariato, di cui agli articoli 9, 10 e 28 della legge regionale 9 novembre 2012, n. 23 (Disciplina organica sul volontariato

Dettagli

LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI

LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI Allegato 5 al dds LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI 1. Premessa Le presenti linee guida sono destinate ai beneficiari dell avviso Generazione Web Lombardia, di seguito denominata GWL,

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER INIZIATIVE E MANIFESTAZIONI DI VALORIZZAZIONE E PROMOZIONE TURISTICA PICCOLE MANIFESTAZIONI LOCALI A VALENZA TURISTICA ANNO 2008

AVVISO PUBBLICO PER INIZIATIVE E MANIFESTAZIONI DI VALORIZZAZIONE E PROMOZIONE TURISTICA PICCOLE MANIFESTAZIONI LOCALI A VALENZA TURISTICA ANNO 2008 ALLEGATO D AVVISO PUBBLICO PER INIZIATIVE E MANIFESTAZIONI DI VALORIZZAZIONE E PROMOZIONE TURISTICA PICCOLE MANIFESTAZIONI LOCALI A VALENZA TURISTICA ANNO 2008 Dipartimento Attività Produttive, Politiche

Dettagli

SERVIZI INTEGRATI PER L INNOVAZIONE E LA CULTURA D IMPRESA NUOVE IMPRESE IN DIGITALE

SERVIZI INTEGRATI PER L INNOVAZIONE E LA CULTURA D IMPRESA NUOVE IMPRESE IN DIGITALE SERVIZI INTEGRATI PER L INNOVAZIONE E LA CULTURA D IMPRESA NUOVE IMPRESE IN DIGITALE Bando a valere sul Fondo Perequativo Accordo MiSE-Unioncamere 2012 approvato con Delibera di Giunta nr. 108/27.10.2014

Dettagli

BANDO PER LA RACCOLTA DEL FABBISOGNO DI INTERVENTI DI EDILIZA SCOLASTICA, IN ATTUAZIONE DELL ART. 10 DEL D.L. 12 SETTEMBRE 2013, N.

BANDO PER LA RACCOLTA DEL FABBISOGNO DI INTERVENTI DI EDILIZA SCOLASTICA, IN ATTUAZIONE DELL ART. 10 DEL D.L. 12 SETTEMBRE 2013, N. Allegato A alla DGR n. --- del --- BANDO PER LA RACCOLTA DEL FABBISOGNO DI INTERVENTI DI EDILIZA SCOLASTICA, IN ATTUAZIONE DELL ART. 10 DEL D.L. 12 SETTEMBRE 2013, N. 104 Indice 1. Obiettivi 2. Tipologie

Dettagli

Le Organizzazioni iscritte possono scegliere se partecipare al bando in forma singola o, in alternativa, sotto forma di Organizzazioni in rete.

Le Organizzazioni iscritte possono scegliere se partecipare al bando in forma singola o, in alternativa, sotto forma di Organizzazioni in rete. ALLEGATO A BANDO 2014 PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DEI PROGETTI PRESENTATI DALLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO ISCRITTE ALLA SEZIONE REGIONALE E ALLE SEZIONI PROVINCIALI DEL REGISTRO GENERALE

Dettagli

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 22 - Mercoledì 30 maggio 2012

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 22 - Mercoledì 30 maggio 2012 15 D.G. Sport e giovani D.d.u.o. 24 maggio 2012 - n. 4490 Approvazione del bando Voucher sperimentale Leva Civica Regionale - percorsi di cittadinanza attiva per il potenziamento delle opportunita dei

Dettagli

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 7 - Martedì 10 febbraio 2015

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 7 - Martedì 10 febbraio 2015 Bollettino Ufficiale 37 D.G. Casa, housing sociale, EXPO 2015 e internazionalizzazione delle imprese D.d.s. 5 febbraio 2015 - n. 809 Approvazione dell «Invito a presentare proposte per l accesso ai contributi

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. PRESO ATTO che, con la suddetta Deliberazione n. 989/07, è stato approvato:

LA GIUNTA REGIONALE. PRESO ATTO che, con la suddetta Deliberazione n. 989/07, è stato approvato: OGGETTO: Modifica della D.G.R. 7 dicembre 2007, n. 989: Revoca deliberazione di Giunta regionale 8 febbraio 2000, n. 294. Approvazione dei criteri e delle modalità per la concessione di contributi per

Dettagli

CRITERI E MODALITA PER IL FINANZIAMENTO DI ATTIVITA COMPRESE IN PROGETTI INNOVATIVI O SPERIMENTALI. Articolo 1 Finalità

CRITERI E MODALITA PER IL FINANZIAMENTO DI ATTIVITA COMPRESE IN PROGETTI INNOVATIVI O SPERIMENTALI. Articolo 1 Finalità Allegato parte integrante ALLEGATO A CRITERI E MODALITA PER IL FINANZIAMENTO DI ATTIVITA COMPRESE IN PROGETTI INNOVATIVI O SPERIMENTALI Articolo 1 Finalità L articolo 38 della legge provinciale 27 luglio

Dettagli

LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI

LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI Allegato 5 al dds LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI AVVISO 526 FINANZIAMENTI ON-LINE (GEFO) 1. Premessa Le presenti linee guida sono destinate ai beneficiari dell avviso Generazione

Dettagli

Allegato alla Delibera di Giunta camerale n. 25 del 17 febbraio 2014

Allegato alla Delibera di Giunta camerale n. 25 del 17 febbraio 2014 Allegato alla Delibera di Giunta camerale n. 25 del 17 febbraio 2014 Bando per il sostegno ai processi di brevettazione delle imprese della provincia di Piacenza Premessa La Camera di commercio di Piacenza

Dettagli

BANDO PROMOZIONE. Delegazione di Potenza: via Sicilia - 85100 Potenza tel/fax 0971 273152

BANDO PROMOZIONE. Delegazione di Potenza: via Sicilia - 85100 Potenza tel/fax 0971 273152 BANDO PROMOZIONE Programma operativo 2014 www.csvbasilicata.it p. 1 di 18 INDICE Art. 1 Finalità del Bando... 3 Art. 2 Oggetto delle proposte progettuali... 3 Art. 3 Destinatari e termini di presentazione

Dettagli

Art. 4. Durata dei progetti e tutte le attività concluse entro la data del 30 maggio 2016. Art. 5. Importo del finanziamento assegnato

Art. 4. Durata dei progetti e tutte le attività concluse entro la data del 30 maggio 2016. Art. 5. Importo del finanziamento assegnato Pianeta Galileo Avviso pubblico per il finanziamento di progetti di educazione scientifica promossi e realizzati da Istituti di istruzione secondaria di secondo grado, statali e paritari, della regione

Dettagli

Premesse. Il tema di Expo Milano 2015 (Esposizione universale Milano 2015) è Nutrire il Pianeta, Energia per la vita.

Premesse. Il tema di Expo Milano 2015 (Esposizione universale Milano 2015) è Nutrire il Pianeta, Energia per la vita. Agenzia Regionale per lo Sviluppo e l Innovazione dell Agricoltura del Lazio AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI PER IL FINANZIAMENTO TOTALE O PARZIALE DI PROGETTI DI PROMOZIONE AGRICOLA

Dettagli

L.R. 5/2012, artt. 18 e 33 B.U.R. 8/10/2014, n. 41. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 24 settembre 2014, n. 0183/Pres.

L.R. 5/2012, artt. 18 e 33 B.U.R. 8/10/2014, n. 41. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 24 settembre 2014, n. 0183/Pres. L.R. 5/2012, artt. 18 e 33 B.U.R. 8/10/2014, n. 41 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 24 settembre 2014, n. 0183/Pres. Regolamento concernente criteri e modalità per la concessione di contributi per

Dettagli

Premesse. Il tema di Expo Milano 2015 (Esposizione universale Milano 2015) è Nutrire il Pianeta, Energia per la vita.

Premesse. Il tema di Expo Milano 2015 (Esposizione universale Milano 2015) è Nutrire il Pianeta, Energia per la vita. Agenzia Regionale per lo Sviluppo e l Innovazione dell Agricoltura del Lazio AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI PER IL FINANZIAMENTO TOTALE O PARZIALE DI PROGETTI DI PROMOZIONE AGRICOLA

Dettagli

CONTRIBUTI E FINANZIAMENTI

CONTRIBUTI E FINANZIAMENTI 32 7.9.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 36 COMUNE DI QUARRATA (Pistoia) Selezione pubblica, per prove selettive, per chiamata nominativa di n. 1 Collaboratore Professionale Amministrativo

Dettagli

GRAZIE AL COFINANZIAMENTO DEL COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO ORA PUOI SMALTIRE L AMIANTO! COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO

GRAZIE AL COFINANZIAMENTO DEL COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO ORA PUOI SMALTIRE L AMIANTO! COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO GRAZIE AL COFINANZIAMENTO DEL COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO ORA PUOI SMALTIRE L AMIANTO! Leggi il bando per sapere come fare Per informazioni: Comune di Castelfranco Veneto

Dettagli

Nel solco della Preistori@ dalle incisioni rupestri alla Smart Life. Bando a sportello per gli esercizi dell attrattività :

Nel solco della Preistori@ dalle incisioni rupestri alla Smart Life. Bando a sportello per gli esercizi dell attrattività : Comune di Darfo Boario Terme Bando a sportello per gli esercizi ese e le imprese commerciali e turistiche del Distretto dell attrattività : Nel Nel solco della Preistori@ dalle incisioni rupestri alla

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI ANNO 2012 AZIONE DI SISTEMA - AVVISO 5) COLLABORAZIONI E SVILUPPO DELLE COOPERATIVE SOCIALI DI TIPO B

PIANO PROVINCIALE DISABILI ANNO 2012 AZIONE DI SISTEMA - AVVISO 5) COLLABORAZIONI E SVILUPPO DELLE COOPERATIVE SOCIALI DI TIPO B PIANO PROVINCIALE DISABILI ANNO 2012 AZIONE DI SISTEMA - AVVISO 5) COLLABORAZIONI E SVILUPPO DELLE COOPERATIVE SOCIALI DI TIPO B 1) RIFERIMENTI NORMATIVI Legge 8 novembre 1991 n. 381: Disciplina delle

Dettagli

72 Bollettino Ufficiale

72 Bollettino Ufficiale 72 Bollettino Ufficiale D.d.s. 21 maggio 2015 - n. 4136 Invito a presentare progetti di ricerca applicata per la valorizzazione del patrimonio culturale lombardo, rivolto alle università di Lombardia,

Dettagli

a) Obiettivi b) Destinatari dei finanziamenti

a) Obiettivi b) Destinatari dei finanziamenti ALLEGATO 1 CONVENZIONE DEL 23/12/2010 TRA IL DIPARTIMENTO PER LE PARI OPPORTUNITA E LA REGIONE PIEMONTE IN ATTUAZIONE DELL INTESA DEL 29 APRILE 2010 RELATIVA AI CRITERI DI RIPARTIZIONE DELLE RISORSE, LE

Dettagli

COMUNE DI PISA D I R E Z I O N E SERVIZI ISTITUZIONALI CULTURA TURISMO

COMUNE DI PISA D I R E Z I O N E SERVIZI ISTITUZIONALI CULTURA TURISMO COMUNE DI PISA D I R E Z I O N E SERVIZI ISTITUZIONALI CULTURA TURISMO OGGETTO: APPROVAZIONE BANDO ANNO 2014 PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ORDINARI. SETTORE D INTERVENTO : CULTURA. PRENOTAZIONE IMPEGNO

Dettagli

INTERVENTI REGIONALI PER LO SVILUPPO DEL CINEMA E DELL AUDIOVISIVO. (Legge regionale 13 Aprile 2012, n.2 e s.m.i.)

INTERVENTI REGIONALI PER LO SVILUPPO DEL CINEMA E DELL AUDIOVISIVO. (Legge regionale 13 Aprile 2012, n.2 e s.m.i.) ALLEGATO B/1 INTERVENTI REGIONALI PER LO SVILUPPO DEL CINEMA E DELL AUDIOVISIVO (Legge regionale 13 Aprile 2012, n.2 e s.m.i.) MODALITA E CRITERI PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LE INIZIATIVE PER

Dettagli

Direzione DB 18.01 Allegato 1 Bando Editoria 2014 Det. n. 496 del 10/10/2014

Direzione DB 18.01 Allegato 1 Bando Editoria 2014 Det. n. 496 del 10/10/2014 Direzione DB 18.01 Allegato 1 Bando Editoria 2014 Det. n. 496 del 10/10/2014 L. R. 25 GIUGNO 2008, N. 18 INTERVENTI A SOSTEGNO DELL EDITORIA PIEMONTESE E DELL INFORMAZIONE LOCALE CAPO II EDITORIA PIEMONTESE

Dettagli

CRITERI E MODALITA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE TURISTICHE DANNEGGIATE DAL MALTEMPO DEL 4 FEBBRAIO E DEL 4 MARZO 2015.

CRITERI E MODALITA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE TURISTICHE DANNEGGIATE DAL MALTEMPO DEL 4 FEBBRAIO E DEL 4 MARZO 2015. ALLEGATO A CRITERI E MODALITA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE TURISTICHE DANNEGGIATE DAL MALTEMPO DEL 4 FEBBRAIO E DEL 4 MARZO 2015. 1. Premesse e finalità La Regione Marche, in attuazione

Dettagli

COMUNE DI CRISPIANO Provincia di Taranto ASSESSORATO ALL AMBIENTE

COMUNE DI CRISPIANO Provincia di Taranto ASSESSORATO ALL AMBIENTE COMUNE DI CRISPIANO Provincia di Taranto ASSESSORATO ALL AMBIENTE PREMESSO che il Comune di Crispiano è risultato beneficiario, giusta istanza di accesso al contributo presentata in data 11/04/2014 all

Dettagli

Consiglio regionale della Campania DIREZIONE GENERALE Presidenza, Studi legislativi e Legale

Consiglio regionale della Campania DIREZIONE GENERALE Presidenza, Studi legislativi e Legale DETERMINA n. 11 del 23 febbraio 2015 Oggetto: avviso pubblico: patrocini, partecipazioni a comitati d onore, concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari e per l attribuzione di

Dettagli

DAT PERCORSI DI TERRA E DI LAGO.

DAT PERCORSI DI TERRA E DI LAGO. DAT PERCORSI DI TERRA E DI LAGO. D.d.g. 14 luglio 2014 - n. 6759 - Distretti dell attrattività. Iniziative di area vasta per l attrattività territoriale integrata turistica e commerciale della Lombardia

Dettagli

BANDO PER LA COSTITUZIONE DI RETI D'IMPRESA ANNO 2014

BANDO PER LA COSTITUZIONE DI RETI D'IMPRESA ANNO 2014 BANDO PER LA COSTITUZIONE DI RETI D'IMPRESA ANNO 2014 TITOLO I CARATTERISTICHE DEL BANDO Art. 1 - Finalità La Camera di Commercio di Livorno, riconoscendo la Rete di Impresa quale strumento innovativo

Dettagli

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione)

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione) Regolamento contenente criteri e modalità per la concessione di contributi a favore degli apicoltori, singoli o associati che risiedono sul territorio della Provincia e ivi esercitano l'attività apistica,

Dettagli

Comunicazione di Fine Progetto e Richiesta Saldo 1

Comunicazione di Fine Progetto e Richiesta Saldo 1 Comunicazione di Fine Progetto e Richiesta Saldo 1 Da inviare (su carta intestata dell ente) a: Dichiarazione di Spesa FINALE numero del / / Oggetto: La concessione del contributo/finanziamento è avvenuto

Dettagli

Art 1 Finalità del Bando. Art 2 Quadro normativo di riferimento. Art. 3 Beneficiari. Art. 4 Interventi finanziabili

Art 1 Finalità del Bando. Art 2 Quadro normativo di riferimento. Art. 3 Beneficiari. Art. 4 Interventi finanziabili Bando per il finanziamento di interventi edilizi da realizzare su strutture a sostegno dei centri di aggregazione giovanile. Art. 24 della legge regionale 22 marzo 2012 n. 5 (Legge per l autonomia dei

Dettagli

C O M U N E D I O R B E T E L L O (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL PATROCINIO COMUNALE E DI BENEFICI ECONOMICI

C O M U N E D I O R B E T E L L O (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL PATROCINIO COMUNALE E DI BENEFICI ECONOMICI C O M U N E D I O R B E T E L L O (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL PATROCINIO COMUNALE E DI BENEFICI ECONOMICI Art. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE Il presente regolamento disciplina

Dettagli

SISTEMA TURISTICO LOCALE SULCIS IGLESIENTE - PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS - PIANO DI ATTIVITA 2009 ASSE 3.2.C. SVILUPPO DELL AGGREGAZIONE

SISTEMA TURISTICO LOCALE SULCIS IGLESIENTE - PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS - PIANO DI ATTIVITA 2009 ASSE 3.2.C. SVILUPPO DELL AGGREGAZIONE SISTEMA TURISTICO LOCALE SULCIS IGLESIENTE - PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS - PIANO DI ATTIVITA 2009 ASSE 3.2.C. SVILUPPO DELL AGGREGAZIONE CONTRIBUTI PER LA COMPARTECIPAZIONE A PROGETTI FINALIZZATI A

Dettagli

BANDO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI EDILIZIA SCOLASTICA, IN ATTUAZIONE DELLA L.R. 19/2007, ART. 7-BIS

BANDO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI EDILIZIA SCOLASTICA, IN ATTUAZIONE DELLA L.R. 19/2007, ART. 7-BIS Allegato A alla DGR n. 2373 del 19 settembre 2014 BANDO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI EDILIZIA SCOLASTICA, IN ATTUAZIONE DELLA L.R. 19/2007, ART. 7-BIS Indice 1. Obiettivi 2. Tipologie di intervento

Dettagli

REGOLAMENTO TECNICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E FINANZIAMENTI A SOSTEGNO DELL ECONOMIA LOCALE, AI SENSI DELL ART.

REGOLAMENTO TECNICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E FINANZIAMENTI A SOSTEGNO DELL ECONOMIA LOCALE, AI SENSI DELL ART. REGOLAMENTO TECNICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E FINANZIAMENTI A SOSTEGNO DELL ECONOMIA LOCALE, AI SENSI DELL ART. 12 DELLA LEGGE N. 241/90 E SUCCESSIVE MODIFICHE E INTEGRAZIONI ART. 1 - SCOPI, FINALITA

Dettagli

TESTO EMENDATO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER INIZIATIVE DI COOPERAZIONE DECENTRATA DI CUI ALL ART. 272 DEL DLGS N. 267 DEL 2000.

TESTO EMENDATO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER INIZIATIVE DI COOPERAZIONE DECENTRATA DI CUI ALL ART. 272 DEL DLGS N. 267 DEL 2000. TESTO EMENDATO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER INIZIATIVE DI COOPERAZIONE DECENTRATA DI CUI ALL ART. 272 DEL DLGS N. 267 DEL 2000. Art. 1 Principi generali -------------------------------

Dettagli

Spett.le Provincia di Pordenone Settore Politiche Sociali Largo San Giorgio, 12 33170 PORDENONE

Spett.le Provincia di Pordenone Settore Politiche Sociali Largo San Giorgio, 12 33170 PORDENONE Spett.le Provincia di Pordenone Settore Politiche Sociali Largo San Giorgio, 12 33170 PORDENONE DOMANDA DI AMMISSIONE AL PROGETTO MICROCREDITO Il/la sottoscritto/a (Cognome) (Nome) nato/a (Prov. ), il

Dettagli

REGIONE LAZIO Dipartimento Istituzionale Direzione Regionale Istituzionale, Enti Locali Sicurezza

REGIONE LAZIO Dipartimento Istituzionale Direzione Regionale Istituzionale, Enti Locali Sicurezza Allegato A REGIONE LAZIO Dipartimento Istituzionale Direzione Regionale Istituzionale, Enti Locali Sicurezza Avviso pubblico per la presentazione delle domande di contributo per la realizzazione di interventi

Dettagli

PROVINCIA DI GORIZIA

PROVINCIA DI GORIZIA PROVINCIA DI GORIZIA Direzione sviluppo territoriale ed ambiente BANDO PER IL PROGETTO MICRORACCOLTA E SMALTIMENTO AMIANTO NELLA PROVINCIA DI GORIZIA PER L ANNO 2014 Progetto previsto dal Programma 12

Dettagli

GARDA L@KE, un lago di opportunità

GARDA L@KE, un lago di opportunità Bando per gli esercizi, le imprese commerciali e le imprese turistiche del Distretto dell attrattività di Regione Lombardia GARDA L@KE, un lago di opportunità (Comuni di Desenzano del Garda, Lonato del

Dettagli

AVVISO PUBBLICO CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA PARTECIPAZIONE A MASTER NON UNIVERSITARI

AVVISO PUBBLICO CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA PARTECIPAZIONE A MASTER NON UNIVERSITARI REGIONE BASILICATA REPUBBLICA ITALIANA AVVISO PUBBLICO CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA PARTECIPAZIONE A MASTER NON UNIVERSITARI Il presente Avviso Pubblico fa riferimento alle seguenti fonti normative

Dettagli

BANDO PER L ACCESSO AL COFINANZIAMENTO DEL COMUNE DI FIRENZE PER PROGETTI DI PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DEL TESSUTO ECONOMICO FIORENTINO.

BANDO PER L ACCESSO AL COFINANZIAMENTO DEL COMUNE DI FIRENZE PER PROGETTI DI PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DEL TESSUTO ECONOMICO FIORENTINO. BANDO PER L ACCESSO AL COFINANZIAMENTO DEL COMUNE DI FIRENZE PER PROGETTI DI PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DEL TESSUTO ECONOMICO FIORENTINO Anno 15 Articolo 1 Finalità 1. Il Comune di Firenze, nell ambito

Dettagli

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 15 - Martedì 07 aprile 2015

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 15 - Martedì 07 aprile 2015 Bollettino Ufficiale 167 D.d.u.o. 2 aprile 2015 - n. 2675 Modalità attuative delle «Linee guida per la concessione di contributi a soggetti pubblici e privati senza scopo di lucro che promuovono iniziative

Dettagli

Allegato B. Modalità gestionali Avviso Regione Lombardia - Formazienda

Allegato B. Modalità gestionali Avviso Regione Lombardia - Formazienda Allegato B. Modalità gestionali Avviso Regione Lombardia - Formazienda GESTIONE Regione Lombardia costituisce l unico ed esclusivo punto di riferimento nei confronti del Soggetto gestore. Sarà cura di

Dettagli

REGIONE LAZIO. Assessorato Formazione, Ricerca, Scuola e università

REGIONE LAZIO. Assessorato Formazione, Ricerca, Scuola e università REGIONE LAZIO Assessorato Formazione, Ricerca, Scuola e università DIREZIONE REGIONALE FORMAZIONE, RICERCA E INNOVAZIONE SCUOLA E UNIVERSITA', DIRITTO ALLO STUDIO Area Programmazione dell'offerta d'istruzione

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU17S1 30/04/2015

REGIONE PIEMONTE BU17S1 30/04/2015 REGIONE PIEMONTE BU17S1 30/04/2015 Codice A14050 D.D. 13 aprile 2015, n. 227 Attuazione del programma di interventi di cooperazione sanitaria: sostegno alle associazioni di volontariato per l'attuazione

Dettagli

D) ATTI DIRIGENZIALI. Giunta regionale. 2 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 38 - Lunedì 14 settembre 2015

D) ATTI DIRIGENZIALI. Giunta regionale. 2 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 38 - Lunedì 14 settembre 2015 2 Bollettino Ufficiale D) ATTI DIRIGENZIALI Giunta regionale D.G. Sport e politiche per i giovani D.d.s. 9 settembre 2015 - n. 7216 Approvazione del bando congiunto fra Regione Lombardia e Fondazione Cariplo

Dettagli

Servizio Politiche di Benessere Sociale e Pari Opportunità

Servizio Politiche di Benessere Sociale e Pari Opportunità 25313 ALLEGATO A R E G I O N E P U G L I A AREA POLITICHE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE, DELLE PERSONE E DELLE PARI OPPORTUNITA Servizio Politiche di Benessere Sociale e Pari Opportunità Legge regionale

Dettagli

COMUNE DI MONZA ASSESSORATO ATTIVITA PRODUTTIVE

COMUNE DI MONZA ASSESSORATO ATTIVITA PRODUTTIVE COMUNE DI MONZA ASSESSORATO ATTIVITA PRODUTTIVE Direzione Sviluppo Economico e Valorizzazione Asset Patrimoniali e Territoriali Servizio SUAP e Polizia Amministrativa INTERVENTI PER ATTIVITA COMMERCIALI

Dettagli

ANNUALITA 2009. Art. 1 Finalità

ANNUALITA 2009. Art. 1 Finalità BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO FINALIZZATI ALLA RIMOZIONE E SMALTIMENTO DELL AMIANTO DA MANUFATTI, FABBRICATI ED EDIFICI CIVILI, PRODUTTIVI, COMMERCIALI E TERZIARI SUL TERRITORIO

Dettagli

Società consortile Ass.For.SEO a r.l. Organismo Intermedio

Società consortile Ass.For.SEO a r.l. Organismo Intermedio Società consortile Ass.For.SEO a r.l. Organismo Intermedio per la gestione della Sovvenzione Globale finalizzata allo sviluppo e al consolidamento delle imprese cooperative del Lazio a valere sul P.O.R.

Dettagli

Articolo 3 Investimenti ammessi e non ammessi a contributo Sono ammessi al contributo camerale

Articolo 3 Investimenti ammessi e non ammessi a contributo Sono ammessi al contributo camerale CONTRIBUTI A SOSTEGNO DELLE MICRO E PICCOLE IMPRESE AGRICOLE FINALIZZATI ALL'INNOVAZIONE TECNOLOGICA PER LA PROMOZIONE DEI PROPRI PRODOTTI E ATTIVITÀ (approvato dalla Giunta camerale con deliberazione

Dettagli

Provincia di Pisa Servizio Lavoro e Sociale

Provincia di Pisa Servizio Lavoro e Sociale PROVINCIA DI PISA Avviso per la concessione di finanziamenti per servizi di accompagnamento alla CREAZIONE DI IMPRESA a valere sul P.O.R. Toscana Ob. 2 Competitività regionale e occupazione 2007-2013 1

Dettagli

ASSESSORADU DE SA PROGRAMMATZIONE, BILANTZU, CREDITU E ASSENTU DE SU TERRITORIU

ASSESSORADU DE SA PROGRAMMATZIONE, BILANTZU, CREDITU E ASSENTU DE SU TERRITORIU REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORADU DE SA PROGRAMMATZIONE, BILANTZU, CREDITU E ASSENTU DE SU TERRITORIU ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO,

Dettagli

DIPARTIMENTO PER L'IMPRESA E L'INTERNAZIONALIZZAZIONE Direzione Generale per le politiche di internazionalizzazione e la promozione degli scambi

DIPARTIMENTO PER L'IMPRESA E L'INTERNAZIONALIZZAZIONE Direzione Generale per le politiche di internazionalizzazione e la promozione degli scambi IL DIRETTORE GENERALE VISTO il Decreto Legge 22 giugno 2012 n. 83, convertito nella legge 7 agosto 2012, n. 134, concernente Misure urgenti per la crescita del Paese ; VISTO in particolare l articolo 42,

Dettagli

6.2.4 REGOLAMENTO DELL ATTIVITA EROGATIVA SU BANDI 1

6.2.4 REGOLAMENTO DELL ATTIVITA EROGATIVA SU BANDI 1 6.2.4 REGOLAMENTO DELL ATTIVITA EROGATIVA SU BANDI 1 Articolo 1 Ambito di applicazione Il presente Regolamento disciplina, in attuazione di quanto previsto all articolo 13, lettera g), dello Statuto della

Dettagli

MODULO RICHIESTA LIQUIDAZIONE

MODULO RICHIESTA LIQUIDAZIONE MODULO RICHIESTA LIQUIDAZIONE Spett.le Fondazione Cassa di Risparmio di Mirandola Piazza Castello, 23 41037 Mirandola (MO) tel. 0535 / 27954 fax 0535 / 98781 e-mail: info@fondazionecrmir.it, marcella.bertolini@fondazionecrmir.it

Dettagli

BANDO DI CONTRIBUTI PER INTERVENTI INNOVATIVI SULLE TEMATICHE SICUREZZA SUL LAVORO, ENERGIA ED AMBIENTE

BANDO DI CONTRIBUTI PER INTERVENTI INNOVATIVI SULLE TEMATICHE SICUREZZA SUL LAVORO, ENERGIA ED AMBIENTE BANDO DI CONTRIBUTI PER INTERVENTI INNOVATIVI SULLE TEMATICHE SICUREZZA SUL LAVORO, ENERGIA ED AMBIENTE Art. 1- DESCRIZIONE E FINALITA DELL INIZIATIVA La Camera di Commercio di Avellino con il presente

Dettagli

Il bando Nutrire il pianeta 2014 prevede una selezione dei progetti in due fasi.

Il bando Nutrire il pianeta 2014 prevede una selezione dei progetti in due fasi. GUIDA ALLA PRESENTAZIONE DEL BANDO 1) Come presentare un progetto sul bando Nutrire il pianeta 2014 Il bando Nutrire il pianeta 2014 prevede una selezione dei progetti in due fasi. Fase 1 Nella prima fase

Dettagli

L.R. 41/1996, art. 16 B.U.R. 7/11/2012, n. 45. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 23 ottobre 2012, n. 0217/Pres.

L.R. 41/1996, art. 16 B.U.R. 7/11/2012, n. 45. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 23 ottobre 2012, n. 0217/Pres. L.R. 41/1996, art. 16 B.U.R. 7/11/2012, n. 45 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 23 ottobre 2012, n. 0217/Pres. Regolamento sulle modalità e i criteri per la concessione dei contributi previsti dall

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA Regolamento PRESTITO D ONORE (Delibere C.P. 27/04, 4/05 ) ------------------------------- La Provincia Regionale di Enna, IV Settore Programmazione e Sviluppo Economico concede

Dettagli

art. 3 Beneficiari del contributo art. 4 Oggetto degli interventi art. 5 Interventi e spese ammissibili pag 2/7 e per i sordi.

art. 3 Beneficiari del contributo art. 4 Oggetto degli interventi art. 5 Interventi e spese ammissibili pag 2/7 e per i sordi. Regolamento sulle modalità e i criteri per la concessione dei contributi previsti dall articolo 16 della legge regionale 25 settembre 1996, n. 41 per il superamento e l eliminazione delle barriere architettoniche

Dettagli

Linea 3 Percorsi di Creazione di impresa ATTO DI ADESIONE E D OBBLIGO

Linea 3 Percorsi di Creazione di impresa ATTO DI ADESIONE E D OBBLIGO PROGETTI DI FILIERA E SVILUPPO LOCALE NELLE AREE DI CRISI E NEI TERRITORI SVANTAGGIATI ALLEGATO A (PFSL) Progetto di Sviluppo Locale dell Area di Crisi di Tossilo (D.G.R. n. 12/15 del 25/03/2010) ACCORDO

Dettagli

Provincia di Latina. Settore Politiche Sociali e Cultura Servizio Cultura

Provincia di Latina. Settore Politiche Sociali e Cultura Servizio Cultura Provincia di Latina Settore Politiche Sociali e Cultura Servizio Cultura Bando per gli interventi a sostegno delle attività culturali nella Provincia di Latina per gli anni 2014 e 2015, finanziati ai sensi

Dettagli

BANDO 1 PER PROGETTI A RILEVANZA TERRITORIALE LOCALE 2015

BANDO 1 PER PROGETTI A RILEVANZA TERRITORIALE LOCALE 2015 BANDO 1 PER PROGETTI A RILEVANZA TERRITORIALE LOCALE 2015 1. Premessa 1.1. Il CSV della provincia di Treviso, a valere sulle disponibilità finanziarie riconosciutegli dal Fondo Speciale Regionale per il

Dettagli

Dote Sport. Le risorse finanziarie destinate alla Dote Junior non potranno andare a compensare fabbisogni relativi alla Dote Teen e viceversa.

Dote Sport. Le risorse finanziarie destinate alla Dote Junior non potranno andare a compensare fabbisogni relativi alla Dote Teen e viceversa. Dote Sport Con D.G.R. X/3731 del 19 giugno 2015 sono stati approvati i criteri e le modalità per l assegnazione della Dote Sport, misura prevista dall art. 5 della l.r. 1 ottobre 2014, n. 26 che intende

Dettagli

BANDO 2 PER PROGETTI A RILEVANZA TERRITORIALE LOCALE 2015

BANDO 2 PER PROGETTI A RILEVANZA TERRITORIALE LOCALE 2015 BANDO 2 PER PROGETTI A RILEVANZA TERRITORIALE LOCALE 2015 1. Premessa 1.1. Il CSV della provincia di Treviso, a valere sulle disponibilità finanziarie riconosciutegli dal Fondo Speciale Regionale per il

Dettagli

ENERGIE ALTERNATIVE PER UN TURISMO ED UNA AGRICOLTURA DI QUALITA

ENERGIE ALTERNATIVE PER UN TURISMO ED UNA AGRICOLTURA DI QUALITA ENERGIE ALTERNATIVE PER UN TURISMO ED UNA AGRICOLTURA DI QUALITA Erogazione di contributi in conto capitale alle P.M.I. del settore turistico e del settore agricolo localizzati nel territorio provinciale

Dettagli

FONDO GAETANO SESSA CRA BCC DI FISCIANO PRESSO LA FONDAZIONE DELLA COMUNITA SALERNITANA ONLUS

FONDO GAETANO SESSA CRA BCC DI FISCIANO PRESSO LA FONDAZIONE DELLA COMUNITA SALERNITANA ONLUS Art. 1 - Promotore FONDO GAETANO SESSA CRA BCC DI FISCIANO PRESSO LA FONDAZIONE DELLA COMUNITA SALERNITANA ONLUS 1 AVVISO ANNO 2015 Scuole aperte e promozione della cittadinanza attiva La Fondazione della

Dettagli

Art. 1 Oggetto, importo e spese ammissibili al contributo camerale

Art. 1 Oggetto, importo e spese ammissibili al contributo camerale Bando per la concessione di contributi alle imprese per la realizzazione o integrazione di siti web con sistemi di gestione completa della transazione e pagamento elettronico (e-commerce) 1. La Camera

Dettagli

P.zza Martiri della Libertà, 19 21050 Tel.0331.617768 - fax 0331.618186. PEC: utc.gorlamaggiore@legalmail.it. e.mail: utc@gorlamaggiore.

P.zza Martiri della Libertà, 19 21050 Tel.0331.617768 - fax 0331.618186. PEC: utc.gorlamaggiore@legalmail.it. e.mail: utc@gorlamaggiore. COMUNE DI GORLA MAGGIORE Provincia di Varese UFFICIO GESTIONE DEL TERRITORIO PROTEZIONE CIVILE P.zza Martiri della Libertà, 19 21050 Tel.0331.617768 - fax 0331.618186 e.mail: utc@gorlamaggiore.org BANDO

Dettagli

BRIANTECH, un territorio a port@ta di smartphone

BRIANTECH, un territorio a port@ta di smartphone Bando per gli esercizi e le imprese commerciali, le imprese turistiche del Distretto dell attrattività di Regione Lombardia BRIANTECH, un territorio a port@ta di smartphone Art. 1 Premesse Regione Lombardia

Dettagli

DOMANDA DI AMMISSIONE A FINANZIAMENTO AGEVOLATO

DOMANDA DI AMMISSIONE A FINANZIAMENTO AGEVOLATO FONDO DI ROTAZIONE PER IL SETTORE TURISTICO Legge Regionale n. 33/2002 RICHIEDENTE (nominativo / denominazione / ragione sociale del richiedente): Fondo di Rotazione per la concessione di finanziamenti

Dettagli

I soggetti beneficiari potranno presentare una sola istanza di contributo sulla Azione 2.

I soggetti beneficiari potranno presentare una sola istanza di contributo sulla Azione 2. BANDO 2011 - PROGETTO STRATEGICO NEL SETTORE DEL COMMERCIO, IN ATTUAZIONE DEL D.M. 17 APRILE 2008 (L. 266/1997, ART. 16, COMMA 1), DI CUI ALLA DELIBERA DELLA GIUNTA REGIONALE 1842/2008. AZIONE 2 - PROGETTI

Dettagli

1) Obiettivi. 2) Destinatari del contributo. 3) Priorità dei progetti ammessi a finanziamento

1) Obiettivi. 2) Destinatari del contributo. 3) Priorità dei progetti ammessi a finanziamento ALLEGATO B Modalità per la concessione di contributi e indicazioni per la presentazione dei Progetti Sociali- artt. 7 e 8 l.r. 26/93 Interventi a favore della popolazione zingara 1) Obiettivi La Giunta

Dettagli

1. DESCRIZIONE DELL'INIZIATIVA

1. DESCRIZIONE DELL'INIZIATIVA IL COMUNE DI CREMONA SERVIZIO POLITICHE GIOVANILI PROMUOVE IL BANDO THINK TOWN seconda edizione per l assegnazione di contributi a gruppi ed associazioni giovanili per la realizzazione di progetti innovativi

Dettagli

Club Alpino Italiano Fondo Stabile Pro Rifugi Bando 2015

Club Alpino Italiano Fondo Stabile Pro Rifugi Bando 2015 FONDO STABILE PRO RIFUGI (Istituito dall Assemblea dei Delegati di Varese 2006) BANDO 2015 (*) Importo presunto per il 2015: euro _751.000,00 SOMMARIO 1 Finalità 2 Soggetti beneficiari (requisiti soggettivi

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE 1 DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA P.F. COOPERAZIONE TERRITORIALE EUROPEA, MARCHIGIANI NEL MONDO, POLITICHE GIOVANILI E SPORT N. 185/IPC DEL 10/09/2013 Oggetto: D.G.R. n. 438/2012 Accordo i giovani C ENTRANO

Dettagli

LINEE GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI

LINEE GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI FONDO ROTATIVO DI FINANZA AGEVOLATA DENOMINATO FONDO ENERGIA INTERVENTO CO-FINANZIATO DAL P.O.R. FESR 2007-2013 REGIONE EMILIA ROMAGNA, ASSE 3- QUALIFICAZIONE ENERGETICO AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE

Dettagli

Programma Attività Produttive. Prestito con la Banca Europea per gli Investimenti (BEI) Prestito Regione Piemonte Loan for SMEs.

Programma Attività Produttive. Prestito con la Banca Europea per gli Investimenti (BEI) Prestito Regione Piemonte Loan for SMEs. Programma Attività Produttive Prestito con la Banca Europea per gli Investimenti (BEI) Prestito Regione Piemonte Loan for SMEs. Misura Supporto a progetti di investimento e sviluppo delle PMI piemontesi

Dettagli

ALLEGATO A Atto di indirizzo

ALLEGATO A Atto di indirizzo ALLEGATO A Atto di indirizzo Programma di finanziamento degli interventi di manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo degli immobili destinati ad asilo nido e/o micro-nido comunali

Dettagli

FORMULARIO DI PROGETTO

FORMULARIO DI PROGETTO ALLEGATO B AVVISO PUBBLICO PER L IDEAZIONE, PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DEL PROGETTO DENOMINATO RIAPRE IL PECCI, RIPARTE IL CONTEMPORANEO IN TOSCANA FORMULARIO DI PROGETTO SEZIONE 1 - DATI GENERALI 1.1

Dettagli

Pianeta Galileo. Avviso pubblico per il finanziamento di progetti di educazione

Pianeta Galileo. Avviso pubblico per il finanziamento di progetti di educazione Pianeta Galileo Avviso pubblico per il finanziamento di progetti di educazione scientifica presentati da Istituti di istruzione secondaria di secondo grado, statali e paritari, della Toscana 1. Finalità

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2266 Seduta del 01/08/2014

DELIBERAZIONE N X / 2266 Seduta del 01/08/2014 DELIBERAZIONE N X / 2266 Seduta del 01/08/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

BANDO PER L EROGAZIONE DI VOUCHER RIVOLTI A FAMIGLIE CON FIGLI 0 36 MESI CHE FREQUENTANO SERVIZI PER LA PRIMA INFANZIA.

BANDO PER L EROGAZIONE DI VOUCHER RIVOLTI A FAMIGLIE CON FIGLI 0 36 MESI CHE FREQUENTANO SERVIZI PER LA PRIMA INFANZIA. BANDO PER L EROGAZIONE DI VOUCHER RIVOLTI A FAMIGLIE CON FIGLI 0 36 MESI CHE FREQUENTANO SERVIZI PER LA PRIMA INFANZIA. Premessa Sul territorio del Distretto n.5 Sebino sono più di 180 i bambini che frequentano

Dettagli

Avviso pubblico. importo finanziabile minimo 5.000,00 massimo 20.000,00 pari a IRS 5y + 3,10 punti

Avviso pubblico. importo finanziabile minimo 5.000,00 massimo 20.000,00 pari a IRS 5y + 3,10 punti Avviso pubblico Finanziamenti a favore delle imprese commerciali, artigianali ed agricole con sede nel Comune di Vignola (Determinazione dirigenziale n. 174 del 18.4.2011) 1. Premessa Il Comune di Vignola,

Dettagli

PROVINCIA DI GORIZIA

PROVINCIA DI GORIZIA PROVINCIA DI GORIZIA Direzione sviluppo territoriale ed ambiente SCHEMA DEL BANDO PER IL PROGETTO MICRORACCOLTA E SMALTIMENTO AMIANTO NELLA PROVINCIA DI GORIZIA PER L ANNO 2015 Progetto previsto dal Programma

Dettagli

PROVINCIA DI PISA. Voucher per la CREAZIONE DI IMPRESA a valere sul P.O.R. Toscana Ob. 2 Competitività regionale e occupazione 2007-2013

PROVINCIA DI PISA. Voucher per la CREAZIONE DI IMPRESA a valere sul P.O.R. Toscana Ob. 2 Competitività regionale e occupazione 2007-2013 PROVINCIA DI PISA Voucher per la CREAZIONE DI IMPRESA a valere sul P.O.R. Toscana Ob. 2 Competitività regionale e occupazione 2007-2013 1 Provincia di Pisa Servizio Lavoro e Sociale Premessa La Provincia

Dettagli

Comune di Pozzuolo del Friuli

Comune di Pozzuolo del Friuli Comune di Pozzuolo del Friuli INTERNET sito web: www.comune.pozzuolo.udine.it e-mail: protocollo@com-pozzuolo-del-friuli.regione.fvg.it Via XX Settembre, 31 33050 POZZUOLO DEL FRIULI (UD) C.F.: 80010530303

Dettagli

MODALITA ATTUATIVE E NORMATIVA

MODALITA ATTUATIVE E NORMATIVA All.1 Campagna nazionale di formazione. Criteri per l attivazione della procedura in attuazione dell art. 11, comma 1 lett. b), d.lgs. 81/2008 e s.m.i. e del decreto interministeriale 17 dicembre 2009,

Dettagli

Anno XL N. 240 - Poste Italiane - Spedizione in abb. postale - art. 1, c. 1 - D.L. n. 353/2003 conv. in L. 27/02/2004 - n. 46 - Filiale di Varese

Anno XL N. 240 - Poste Italiane - Spedizione in abb. postale - art. 1, c. 1 - D.L. n. 353/2003 conv. in L. 27/02/2004 - n. 46 - Filiale di Varese Anno XL N. 240 - Poste Italiane - Spedizione in abb. postale - art. 1, c. 1 - D.L. n. 353/2003 conv. in L. 27/02/2004 - n. 46 - Filiale di Varese 47 3º Supplemento Straordinario Venerdì 26 novembre 2010

Dettagli

MinisterodelloSviluppoEconomico

MinisterodelloSviluppoEconomico MinisterodelloSviluppoEconomico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 24 settembre 2014, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli