DAL CONCEPIMENTO ALLA NASCITA: DA -9 A 0

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DAL CONCEPIMENTO ALLA NASCITA: DA -9 A 0"

Transcript

1 DAL CONCEPIMENTO ALLA NASCITA: DA -9 A 0 COUNSELLING PER FARMACISTI Progetto educazionale di Formazione a distanza con il contributo non condizionato di Laboratori Alter Responsabile Scientifico Prof. Gianluigi Pilu Crediti assegnati n. 15

2 4) UNO STILE DI VITA PER NOVE MESI Per stile di vita o igiene della gravidanza ci si riferisce alle norme di comportamento che devono guidare la vita quotidiana della donna durante questi nove mesi. Infatti, anche se la gravidanza è una situazione fisiologica, è importante seguire alcune regole di vita che aiutano a conservare lo stato di salute. L attività lavorativa può essere continuata in gravidanza, secondo i termini previsti dalla legge, qualora non comprenda mansioni a rischio. In caso di gravidanza a rischio, previa valutazione dello specialista, si può ottenere l astensione anticipata. Come già accennato l alimentazione in gravidanza ha un ruolo primario nel favorire e mantenere la salute della madre e del feto. Questo non solo per prevenire un eccessivo incremento ponderale o correggere un eccessivo BMI pregravidico, ma anche per evitare il contatto con alcuni patogeni che trovano, in certi alimenti, una via di diffusione privilegiata. Innanzi tutto non è vero che in gravidanza occorre mangiare per due, la richiesta supplementare di energia necessaria durante la gestazione varia a seconda della settimana ma si aggira, in media, intorno alla 300 calorie/die. Maggiore attenzione va posta invece nella scelta qualitativa degli alimenti. L introito proteico dovrebbe essere aumentato, preferendo carni magre, pesce, uova, latte e derivati. Pane, pasta e cereali vanno assunti in dosi moderate. La gestante dovrebbe inoltre privilegiare alimenti ricchi di vitamine e sali minerali come frutta e verdura, che dovrebbero comporre la base dell alimentazione. L apporto idrico non dovrebbe scendere sotto 1,5-2 litri al giorno, mentre il consumo di caffeina dovrebbe essere ridotto. Oltre a queste norme, le donne gravide non dovrebbero assumere i seguenti alimenti al fine di evitare il contatto con possibili patogeni (salmonelle, toxoplasma, listeria): formaggi a pasta molle derivati da latte crudo e muffe, come Camembert, Brie e formaggi con venature blu, 15

3 paté, inclusi quelli di verdure, fegato e prodotti derivati, cibi pronti crudi o semicrudi, carne cruda o conservata, come prosciutto e salame, frutti di mare crudi, come cozze e ostriche, pesce che può contenere un alta concentrazione di metil-mercurio, come tonno (il consumo deve essere limitato a non più di due scatolette di media grandezza o a una bistecca di tonno a settimana), pesce spada, squalo, latte crudo non pastorizzato. 16 Per quanto concerne l igiene personale bagni e docce si possono fare tranquillamente; è consigliabile però utilizzare acqua non eccessivamente calda. Non vi sono controindicazioni per i lavaggi anche frequenti dei capelli. Si consiglia di evitare, soprattutto nei primi mesi di gravidanza, permanenti e tinture le cui sostanze possono penetrare, seppure in minima quantità, nel circolo sanguigno. Per la depilazione sono da preferirsi i rasoi a creme e cerette: queste ultime sono da evitare nel modo più assoluto in presenza di varici. In gravidanza è molto importante un accurata igiene orale: è bene curare eventuali carie e pulire con molta attenzione i denti in modo da evitare eventuali gengiviti, facili a svilupparsi nel corso della gravidanza a causa delle modificazioni indotte dalla gestazione. Non è controindicata in gravidanza una moderata attività fisica. Sono assolutamente da evitare alcune attività sportive (sport da contatto, con alto impatto o con attrezzi) che possono causare rischio di trauma addominale, cadute o eccessivi carichi articolari, oltre al nuoto subacqueo. In linea generale in gravidanza si può condurre una normale vita sessuale. Occorre però rispettare timori e perplessità senza forzature, tenendo conto degli eventuali malesseri e paure. Se la donna avverte contrazioni uterine è opportuno sospendere l attività sessuale. I viaggi non sono controindicati in gravidanza, se non stressanti, lunghi o faticosi. In particolare i viaggi aerei di lunga percorrenza sono associati a un rischio aumentato di trombosi venosa nella popolazione generale, ma non è chiaro se ci sia un ulteriore incremento di questo rischio in gravidanza. L utilizzo di calze elastiche in viaggi aerei a lunga percorrenza è efficace nella popolazione generale per ridurre l incidenza d incidenti trombotici. Per i viaggi in auto particolare attenzione deve essere posta nell utilizzo della cintura di sicurezza che deve essere ancorata in tre punti e passare al di sotto e al di sopra dell addome gravido e non sopra di esso.

4 5) UN TRIMESTRE ALLA VOLTA 5a) IL PRIMO TRIMESTRE (DALL AMENORREA ALLA 12ª SETTIMANA E 6 GIORNI) ESAMI DI LABORATORIO Emocromo. Serve a determinare il numero dei globuli rossi, globuli bianchi, piastrine e la quantità di emoglobina presente nel sangue. Il suo ruolo nella diagnosi di anemia materna sarà approfondito parlando del terzo trimestre mentre nelle prime settimane è utile soffermarsi sul riconoscimento delle emoglobinopatie. L anemia falciforme e le talassemie sono le più diffuse in Italia. Le talassemie sono il risultato di difetti genetici che causano la ridotta sintesi delle catene polipeptidiche (globine) che si combinano a formare l emoglobina. Si possono distinguere talassemia alfa e beta, quest ultima particolarmente diffusa nelle popolazioni mediterranee. Infatti, la frequenza dello stato di portatore per talassemia beta varia dallo 0,8% nelle regioni centrali al 12% in Sardegna e nel Delta Padano. La beta talassemia minor (soggetto portatore o eterozigote) è spesso paucisintomatica, mentre gli affetti da talassemia major (soggetto omozigote) soffrono di anemia grave e la loro sopravvivenza dipende da trasfusioni e terapia ferro chelante. Il test migliore per la diagnosi di queste condizioni è la cromatografia liquida ad alto rendimento (HPLC) che va offerta alle pazienti con emoglobina corpuscolare media < di 27 picogrammi. Lo scopo dello screening è identificare le donne portatrici e offrire loro consulenza genetica, screening anche per il partner con eventuale diagnosi prenatale invasiva. Gruppo sanguigno ABO, fattore RH e Test di Coombs indiretto. È fondamentale conoscere il gruppo sanguigno della gravida fin dall inizio della gravidanza, e, maggiormente se il fattore Rh è negativo, diventa cruciale conoscere anche quello paterno. Se questo risulta positivo la madre deve eseguire ogni mese il test di Coombs indiretto. Questo esame ematico serve per individuare la presenza di anticorpi antieritrocitari materni, responsabili della malattia emolitica del neonato (MEN) caratterizzata da anemia, edema fetale fino all idrope ed ittero neonatale. L alloimmunizzazione eritrocitaria materna può verificarsi nella donna in gravidanza in seguito ad un contatto con antigeni eritrocitari estranei, di derivazione paterna ed ereditati dal feto. Questo accade classicamente al parto ma anche nel corso della gravidanza in caso di aborto, amniocentesi, 17

5 villocentesi, traumi addominali. L introduzione dell immunoprofilassi al parto e durante la gravidanza (28 settimane circa) nelle pazienti Rh negative ha notevolmente ridotto l incidenza della malattia senza purtroppo azzerarla a causa di sensibilizzazioni silenti o misconosciute. Aspartato Aminotransferasi (AST) (GOT) e Alanina Aminotransferasi (ALT) (GPT). Indici di funzionalità epatica. Glicemia. Utile per iniziale valutazione dell assetto glicemico Esame urine. Consente di ottenere con facilità moltissime informazioni sia sulle malattie dell apparato urinario, sia sullo stato dell organismo in generale. Nel primo trimestre è importante anche per riconoscere eventuali contaminazioni batteriche urinarie, sintomatiche o meno. La prevalenza della batteriuria asintomatica è stimata intorno a 2%-10% nella popolazione generale, con valori superiori fra le donne appartenenti ai livelli socio-economici meno elevati, mentre in gravidanza si attesta tra 2% e 5% ed è stata associata a pielonefrite, parto pretermine e basso peso neonatale. La diagnosi va confermata su due campioni successivi. Il trattamento antibiotico di questa condizione sembra ridurre il rischio di basso peso neonatale e pielonefriti materne. Test specifici e non per treponema (TPHA, VDRL). La sifilide è una malattia venerea più diffusa di quanto comunemente ritenuto. L infezione in gravidanza può comportare gravi danni fetali per la possibilità di trasmissione verticale, sia per via transplacentare sia al momento del parto. La diagnosi tempestiva e l adeguato trattamento riducono notevolmente il rischio per madre e feto. Test per Virus dell immunodeficienza acquisita (HIV 1-2). La paziente HIV positiva può trasmettere il virus al feto durante la gravidanza, il parto e l allattamento. È importante conoscere un eventuale sieropositività dall inizio della gravidanza per attuare le opportune misure terapeutiche. 18 Test per la Toxoplasmosi. Serve per sapere se la donna è immunizzata contro questa zoonosi il cui responsabile è un parassita degli animali, nello specifico del gatto. Deve essere eseguito precocemente e se risulta positivo (pregressa immunità) non deve essere ripetuto. Se invece è negativo, è necessario eseguire il test mensilmente e osservare alcune norme igieniche, in particolare: non mangiare carne cruda o poco cotta, verdura cruda non lavata bene, non toccare animali

6 infetti senza poi lavarsi accuratamente le mani, evitare il contatto col terriccio. Il gatto domestico non deve essere per forza allontanato, ma è utile consultare il veterinario per eseguire sull animale opportuni accertamenti. Test per la Rosolia. Serve per controllare se la donna è immunizzata contro la rosolia. È un esame che va fatto immediatamente dopo la diagnosi di gravidanza perché i pericoli maggiori si corrono proprio durante i primi mesi. Il vaccino anti-rosolia è stato introdotto in Italia nel 1972 ed ha notevolmente ridotto la portata del problema senza però eliminarlo. Se il test è negativo va ripetuto almeno tre volte nell arco della gravidanza (uno al mese per tre mesi circa) mentre se positivo, e suggestivo di infezione recente, va valutato da caso a caso in ambiente specialistico. ESAMI ECOGRAFICI L ecografia del primo trimestre è uno dei momenti più affascinanti per la futura mamma, soprattutto se alla prima gravidanza. Le finalità di quest indagine sono molteplici, diagnosticare la sede della gravidanza, il numero degli embrioni, l evolutività della stessa, datare la gravidanza nei casi incerti. I recenti progressi in questo settore hanno però fatto si che sempre maggiore attenzione sia dedicata all individuare possibili patologie fetali già dalle prime settimane, eseguendo uno studio morfologico precoce del feto già fra 11 e 13 settimane. FILMATO N. 1 Il video mostra, brevemente, l anatomia fetale indagabile già a quest epoca di gravidanza. In particolare è possibile osservare l intero soma fetale, il profilo, i plessi coroidei, il cuore e la sua disposizione nel torace, gli arti inferiori e superiori. L ecografia del primo trimestre svolge un ruolo di primo piano anche nei programmi di screening e diagnosi delle anomalie cromosomiche, in particolare delle più frequenti, quale la Trisomia 21 o Sindrome di Down. La causa di questa patologia non è ben nota, si sa soltanto che questa sindrome è tanto più frequente quanto più è avanzata l età della madre e passa da circa 1 su 1600 a 20 anni a circa 1 su 600 a 35 anni fino a 1-2 su 100 dopo i 40 anni. 19

7 In gravidanza la diagnosi di aneuploidie viene eseguita attraverso un prelievo di materiale fetale. Il tessuto target cambia a seconda dell epoca gestazionale a cui questo viene eseguito: Villocentesi, fra settimane, prelievo di villi coriali Amniocentesi, fra settimane, prelievo di liquido amniotico Le differenze tecniche fra queste due procedure esulano da questa trattazione, mentre è fondamentale sottolineare che si tratta di esami invasivi, e che come tali, presentano un rischio, se pur basso, di perdere la gravidanza. Attualmente in Italia questi esami vengono offerti senza partecipazione al costo solo alle donne con particolare indicazione anamnestica o che avranno raggiunto i 35 anni al parto. Una strategia differente consta nell esecuzione di esami specifici che permettono una valutazione del rischio personalizzata, sulla cui base decidere se procedere o no all esame invasivo. Il Test Combinato si avvale della misurazione dello spessore della plica nucale, mediante l ecografia (vedi video), effettuata secondo una rigorosa metodologia tra l 11ª e la 14ª settimana di gestazione (Figura 1 e 2) e del dosaggio di due proteine nel sangue materno (PAPP-A e Free β-hcg) eseguito fra la 9 e 11ª settimana. Combinando il risultato di queste indagini con l età materna è possibile avere una stima del rischio per quel feto di essere affetto da Sindrome di Down. I limiti intrinseci di questo esame devono essere ben chiari alla coppia. Si tratta di un esame di screening, che consente di individuare pazienti ad alto rischio cui proporre un esame invasivo, ma non fornisce mai la diagnosi di aneuploidia né la può escludere con assoluta certezza. 20 Figura 1. Sezione longitudinale mediana di un feto nel primo trimestre. Questa scansione è fondamentale per la datazione della gravidanza.

8 Figura 2. Particolare a livello dell estremo cefalico fetale. Questa scansione consente la misurazione della translucenza nucale, punto cardine dei sistemi di screening per trisomia 21. PICCOLI E GRANDI DISTURBI DA TRATTARE Nausea, scialorrea e vomito. La nausea compare molto precocemente e rientra fra i segni di presunzione della gravidanza. È un disturbo a eziologia sconosciuta e i dati a supporto di un associazione tra rialzo di gonadotropina corionica e nausea sono discordanti. Generalmente è più marcata al mattino e tende a regredire con la fine del primo trimestre ma può essere invalidante, soprattutto se associata a vomito. Talvolta può assumere quadri francamente patologici, l iperemesi gravidica, con vomito incoercibile, squilibri endocrini e idroelettrolitici fino alla chetonemia. Fra i trattamenti non farmacologici proposti ricordiamo l assunzione di zenzero e l agopuntura. I farmaci più comunemente utilizzati comprendono antistaminici, che causano però sonnolenza, fenotiazine, vitamina B6. Leucorrea. Le secrezioni vaginali aumentano fisiologicamente in gravidanza fin dalle prime settimane. Se però hanno 21

9 22 un odore forte e sgradevole, associato a prurito e a dolore nella minzione, si deve considerare l ipotesi che possa trattarsi di vaginosi batterica, tricomoniasi o candidiasi. In questo caso è consigliato indirizzare la paziente verso una visita specialistica. Algie pelviche e spotting. La comparsa di algie pelviche è piuttosto frequente in gravidanza. Se si tratta di tensione addominale associata a dolori simil mestruali, non accompagnati da perdite ematiche, può essere sufficiente consigliare riposo e osservare l evoluzione della sintomatologia. Se i dolori divengono più intensi o si associano a perdite ematiche consistenti, è invece necessario contattare uno specialista. Non sempre il sanguinamento comporta una minaccia per la gravidanza ma non va sottovalutato ed è importante riconoscerne la causa che può comprendere polipi del canale cervicale, rottura di una piccola varice vaginale o di qualche vaso uterino, sanguinamento di una zona particolarmente friabile del collo uterino (il cosiddetto ectropion). A volte, però, la perdita di sangue può essere espressione di una minaccia d aborto. L aborto spontaneo può verificarsi in qualsiasi momento durante la prima metà della gravidanza ed è un evento piuttosto frequente, sebbene una reale stima sia impossibile, perché spesso la perdita del prodotto del concepimento si confonde con una mestruazione. In tutti i casi, sembra verificarsi nel 15-20% delle gravidanze e, spesso, non può essere evitato, poiché rappresenta una specie di selezione delle gravidanze con gravi anomalie incompatibili con la vita. Un importante distinzione va fatta fra aborto e minaccia d aborto: il segno più frequente ed indicativo è costituito dalla perdita di sangue, che caratterizza ambedue le condizioni; se, però, l aborto è la perdita del prodotto del concepimento, la minaccia è solo un evento che può portare all aborto, ma non è detto che l evoluzione sia per forza infausta. Un altro problema che può manifestarsi con una perdita di sangue e/o dolore nelle prime settimane di gestazione è la gravidanza extrauterina, ossia una gravidanza che si stabilizza al di fuori della cavità dell utero (in genere in una delle tube). La gravidanza extrauterina è un evento molto più raro dell aborto spontaneo, ma può portare a complicanze serie, che possono richiedere un intervento chirurgico d urgenza. Solo la visita ginecologica, eventualmente accompagnata dall ecografia, sarà in grado di chiarire il quadro clinico. Farmaci in gravidanza. Si tratta di un argomento piuttosto controverso e su cui si incontrano frequentemente opinioni contrastanti. In linea di massimo il consumo di farmaci durante la gestazione dovrebbe essere limitato a quelli veramente indispensabili e sotto controllo medico. Il periodo della gravidanza più critico è quello dell embriogenesi e corrisponde alle prime settimane di gravidanza; in questo periodo infatti è in corso la formazione degli organi fetali che potrebbe essere danneggiata dall azioni di alcuni farmaci. È comunque necessaria molta attenzione anche in altri periodi della gravidanza, perché l eventuale utilizzo di farmaci controindicati può comunque comportare danni per il feto. In linea di massima il paracetamolo è una sostanza sicura in gravidanza, che può essere assunta in caso di ipertermia o dolore. Alcune classi di antibiotici possono essere assunte in caso di reale bisogno (penicilline, eritromicina). Le eventuali terapie croniche vanno controllate individualmente con lo specialista; pertanto queste pazienti vanno indirizzate verso un consulto specialistico preconcezionale.

Informazioni al femminile

Informazioni al femminile Informazioni al femminile 1. CONTROLLO PRIMA DELLA GRAVIDANZA Il controllo prima di iniziare la gravidanza è molto importante perché la salute della madre condiziona sia il regolare svolgimento della gravidanza

Dettagli

Decreto Legge 10 settembre 1998

Decreto Legge 10 settembre 1998 Decreto Legge 10 settembre 1998 Protocolli di accesso ad esami di Laboratorio e di Diagnostica strumentale delle donne in stato di gravidanza ed a tutela della maternità (Gazzetta Ufficiale 20 ottobre

Dettagli

(Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 20 ottobre 1998, n. 245) IL MINISTRO DELLA SANITÀ

(Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 20 ottobre 1998, n. 245) IL MINISTRO DELLA SANITÀ D.M. 10 SETTEMBRE 1998 Aggiornamento del d.m. 6 marzo 1995 concernente l'aggiornamento del d.m. 14 aprile 1984 recante protocolli di accesso agli esami di laboratorio e di diagnostica strumentale per le

Dettagli

Decreto Ministeriale - Ministero della Sanità - 10 settembre 1998. (pubblicato in G.U. 20 ottobre 1998, n. 245)

Decreto Ministeriale - Ministero della Sanità - 10 settembre 1998. (pubblicato in G.U. 20 ottobre 1998, n. 245) Decreto Ministeriale - Ministero della Sanità - 10 settembre 1998 "Aggiornamento del decreto ministeriale 6 marzo 1995 concernente l'aggiornamento del decreto ministeriale 14 aprile 1984 recante i protocolli

Dettagli

DIAGNOSI PRENATALE DELLE ANOMALIE CROMOSOMICHE

DIAGNOSI PRENATALE DELLE ANOMALIE CROMOSOMICHE SERVIZIO DI ECOGRAFIA E DIAGNOSI PRENATALE DIAGNOSI PRENATALE DELLE ANOMALIE CROMOSOMICHE 1 CROMOSOMI Cosa sono i cromosomi? I cromosomi si trovano nel nucleo della cellula, sono costituiti da proteine

Dettagli

PRESTAZIONI SPECIALISTICHE PER LA TUTELA DELLA MATERNITA RESPONSABILE, ESCLUSE DALLA PARTECIPAZIONE AL COSTO IN FUNZIONE PRECONCEZIONALE

PRESTAZIONI SPECIALISTICHE PER LA TUTELA DELLA MATERNITA RESPONSABILE, ESCLUSE DALLA PARTECIPAZIONE AL COSTO IN FUNZIONE PRECONCEZIONALE ALLEGATO A PRESTAZIONI SPECIALISTICHE PER LA TUTELA DELLA MATERNITA RESPONSABILE, ESCLUSE DALLA PARTECIPAZIONE AL COSTO IN FUNZIONE PRECONCEZIONALE 1. Prestazioni specialistiche per la donna 89.26.1 PRIMA

Dettagli

La rosolia nella donna in gravidanza

La rosolia nella donna in gravidanza La rosolia nella donna in gravidanza Carla Verrotti Piano Nazionale di eliminazione del morbillo e della Rosolia congenita. Corso ROSOLIA CONGENITA Parma 12 maggio 2007 D.M. 10 SETTEMBRE 1998 Aggiornamento

Dettagli

La Diagnosi Prenatale

La Diagnosi Prenatale Cos è? Di cosa ci occupa Cosa consente La Diagnosi Prenatale Tecniche di screening Tecniche dirette: indicazioni Villocentesi: cos è Villocentesi: come si esegue? Amniocentesi: cos è? Amniocentesi: come

Dettagli

POSSIBILITA E LIMITI DELLA DIAGNOSI PRENATALE

POSSIBILITA E LIMITI DELLA DIAGNOSI PRENATALE POSSIBILITA E LIMITI DELLA DIAGNOSI PRENATALE 1 Durante la gravidanza vi verranno offerti alcuni test che forniscono informazioni sulla eventuale presenza di malformazioni nel vostro bambino prima che

Dettagli

DIAGNOSI PRENATALE GUIDA INFORMATIVA DNA, GENI E CROMOSOMI

DIAGNOSI PRENATALE GUIDA INFORMATIVA DNA, GENI E CROMOSOMI DIAGNOSI PRENATALE GUIDA INFORMATIVA DNA, GENI E CROMOSOMI Ogni individuo possiede un proprio patrimonio genetico che lo rende unico e diverso da tutti gli altri. Il patrimonio genetico è costituito da

Dettagli

Esami per lo screening e la diagnosi delle patologie cromosomiche fetali

Esami per lo screening e la diagnosi delle patologie cromosomiche fetali Esami per lo screening e la diagnosi delle patologie cromosomiche fetali La domanda che ogni donna in gravidanza rivolge al proprio ginecologo e quali esami eseguire per essere certi che il proprio bambino

Dettagli

La rosolia nella donna in gravidanza

La rosolia nella donna in gravidanza La rosolia nella donna in gravidanza ROSOLIA Trasmissione materno-fetale Trasmissione transplacentare Nel corso della fase viremica con o senza manifestazioni cliniche L infezione fetale dopo reinfezione

Dettagli

VADEMECUM PER COPPIE PORTATRICI DI TALASSEMIA

VADEMECUM PER COPPIE PORTATRICI DI TALASSEMIA VADEMECUM PER COPPIE PORTATRICI DI TALASSEMIA Questo vademecum non ha alcuna pretesa medica, ma intende essere uno strumento informativo di base per le coppie portatrici di talassemia. Invitiamo gli interessati

Dettagli

Dr. med. Lucio Bronz FMH Ostretricia e medicina feto-materno Piazza Indipendenza 4 6500 Bellinzona www.drbronz.ch TEST PRENATALI

Dr. med. Lucio Bronz FMH Ostretricia e medicina feto-materno Piazza Indipendenza 4 6500 Bellinzona www.drbronz.ch TEST PRENATALI Dr. med. Lucio Bronz FMH Ostretricia e medicina feto-materno Piazza Indipendenza 4 6500 Bellinzona www.drbronz.ch TEST PRENATALI Introduzione Cromosoma Cellula Nucleo Ormai a tutti è noto il ruolo del

Dettagli

ESENZIONI PER GRAVIDANZA (D.M. 10.09.98)

ESENZIONI PER GRAVIDANZA (D.M. 10.09.98) IN FUNZIONE PRECONCEZIONALE 400 Prestazioni prescrivibili per la donna 89.01 ANAMNE E VALUTAZIONE, DEFINITE BREVI Storia e valutazione abbreviata, Visita successiva alla prima Consulenza ginecologica -

Dettagli

DIAGNOSI PRENATALE DEI DIFETTI CONGENITI

DIAGNOSI PRENATALE DEI DIFETTI CONGENITI DIAGNOSI PRENATALE DEI DIFETTI CONGENITI DIFETTI CONGENITI Le anomalie congenite sono condizioni che si instaurano tra il momento del concepimento e la nascita. LA DIAGNOSI PRENATALE insieme di tecniche

Dettagli

GUIDA PER COPPIE DI TALASSEMICI ETEROZIGOTI (A CURA DELLA REGIONE LOMBARDIA) PREFAZIONE

GUIDA PER COPPIE DI TALASSEMICI ETEROZIGOTI (A CURA DELLA REGIONE LOMBARDIA) PREFAZIONE GUIDA PER COPPIE DI TALASSEMICI ETEROZIGOTI (A CURA DELLA REGIONE LOMBARDIA) Le informazioni fornite attraverso queste pagine, sono state tratte da un opuscolo pubblicato e curato dal Gruppo di Lavoro

Dettagli

SCOPO DELLA DIAGNOSI PRENATALE (DP)

SCOPO DELLA DIAGNOSI PRENATALE (DP) DIAGNOSI PRENATALE SCOPO DELLA DIAGNOSI PRENATALE (DP) offrire ai genitori e al medico le migliori informazioni possibili sui rischi di dare alla luce un bambino affetto da un'anomalia congenita o da una

Dettagli

GRAVIDANZA FISIOLOGICA E ASSISTENZA PRENATALE. Prof. Pantaleo Greco Università degli Studi di Ferrara

GRAVIDANZA FISIOLOGICA E ASSISTENZA PRENATALE. Prof. Pantaleo Greco Università degli Studi di Ferrara GRAVIDANZA FISIOLOGICA E ASSISTENZA PRENATALE Prof. Pantaleo Greco Università degli Studi di Ferrara Sorveglianza prenatale n E la sistematica e attenta valutazione della donna gravida con lo scopo di

Dettagli

BILANCI DI SALUTE BILANCI DI SALUTE

BILANCI DI SALUTE BILANCI DI SALUTE BILANCI DI SALUTE Il Bilancio di Salute è il risultato dell incontro tra la donna e il professionista che segue la sua gravidanza. Durante tale incontro la donna fornisce tutte le informazioni sulla sua

Dettagli

Profilassi anti-d della sensibilizzazione Rhesus. Direttive aggiornate dell Accademia di medicina materno-fetale del 24 luglio 2005 a Lugano

Profilassi anti-d della sensibilizzazione Rhesus. Direttive aggiornate dell Accademia di medicina materno-fetale del 24 luglio 2005 a Lugano della sensibilizzazione Rhesus Direttive aggiornate dell Accademia di medicina materno-fetale del 24 luglio 2005 a Lugano Esami Ricerca degli anticorpi irregolari Al primo controllo della gravidanza Gruppo

Dettagli

La diagnosi prenatale presso l'ospedale Val d'elsa

La diagnosi prenatale presso l'ospedale Val d'elsa AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA SENESE U.O.C. Genetica Medica AZIENDA USL 7 DI SIENA U.O. Ginecologia e Ostetricia Val d'elsa La diagnosi prenatale presso l'ospedale Val d'elsa Cristina Ferretti Indicazioni

Dettagli

Malattie a trasmissione sessuale

Malattie a trasmissione sessuale Malattie a trasmissione sessuale 1 Definizione Sono infezioni che colpiscono sia gli organi genitali che altre parti del corpo e che si trasmettono mediante i rapporti sessuali con persone infette. 2 Inquadramento

Dettagli

LA DIAGNOSTICA PRENATALE: dal Test Combinato alle ecografie di routine

LA DIAGNOSTICA PRENATALE: dal Test Combinato alle ecografie di routine LA DIAGNOSTICA PRENATALE: dal Test Combinato alle ecografie di routine ECOGRAFIA FETO NUMERO e VITALITA CORIONICITA AMBIENTE FETALE ACCRESCIMENTO MORFOLOGIA e FUNZIONALITA PLACENTA LOCALIZZAZIONE FUNZIONALITA

Dettagli

Valutazione finale 30 Luglio 2014 Puericultura e pediatria Dr.ssa Francesca Mazza (Crociare soltanto una risposta)

Valutazione finale 30 Luglio 2014 Puericultura e pediatria Dr.ssa Francesca Mazza (Crociare soltanto una risposta) A.T.S. ERFAP LAZIO - ASSOCIAZIONE COLUMBUS (Università Cattolica del Sacro Cuore) Codice Progetto COLUM/1 Valutazione finale 30 Luglio 2014 Puericultura e pediatria Dr.ssa Francesca Mazza (Crociare soltanto

Dettagli

Alcune domande ed alcune risposte per chi desidera saperne di più

Alcune domande ed alcune risposte per chi desidera saperne di più Alcune domande ed alcune risposte per chi desidera saperne di più Dott. Gustavo Boemi U.O.C. Ginecologia e Ostetricia. P.O. Garibaldi Nesima. Catania. Specialista in Ginecologia e Ostetricia. Università

Dettagli

La rosolia nella donna in gravidanza

La rosolia nella donna in gravidanza Corso di aggiornamento obbligatoria Arezzo, 16/06/2007 La rosolia nella donna in gravidanza Dott. Ario Joghtapour Specialista in Ginecologia e Ostetricia e Fisiopatologia della Riproduzione Dott. Francesco

Dettagli

Indagini da svolgere nelle settimane di gravidanza fino alla 13 (primo trimestre). ESAMI ESENTI (GD 10-9-98)

Indagini da svolgere nelle settimane di gravidanza fino alla 13 (primo trimestre). ESAMI ESENTI (GD 10-9-98) Indagini da svolgere nelle settimane di gravidanza fino alla 13 (primo trimestre). ESAMI ESENTI (GD 10-9-98) Esame urine Emocromo Glucosio AST ALT Virus Rosolia IgG ed IgM (non serve farli se vi è documentata

Dettagli

Diagnosi delle aneuploidie

Diagnosi delle aneuploidie Diagnosi delle aneuploidie DIAGNOSI PRENATALE NON INVASIVA: UNA RIVOLUZIONE La diagnosi prenatale delle malattie monogeniche e delle aneuploidie Bologna, è attualmente 6 Giugno eseguita2014 nel I-II trimestre

Dettagli

Prepararsi alla gravidanza : precauzioni, attenzioni e una vitamina in più

Prepararsi alla gravidanza : precauzioni, attenzioni e una vitamina in più Prepararsi alla gravidanza : precauzioni, attenzioni e una vitamina in più A chi è rivolto questo opuscolo. A tutte le donne che: hanno deciso di avere un figlio pensano in un futuro, anche lontano, di

Dettagli

Metodi di diagnosi prenatale per le anomalie fetali WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ

Metodi di diagnosi prenatale per le anomalie fetali WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ Metodi di diagnosi prenatale per le anomalie fetali WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ 1 Frequenza delle anomalie cromosomiche alla nascita in funzione dell età materna anomalie/1000 nati 40 35 30 25 20 15 10

Dettagli

Gravidanza fisiologica

Gravidanza fisiologica Lg linea guida Sistema nazionale per le linee guida Gravidanza fisiologica Estratto dei quesiti e delle raccomandazioni Presentazione La gravidanza e il parto sono momenti centrali e rilevanti per la donna

Dettagli

REGIONE CAMPANIA AZIENDA SANITARIA LOCALE NAPOLI 4 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO DI EPIDEMIOLOGIA PIAZZA S.GIOVANNI 80031 BRUSCIANO (NA) TEL.08173174254-5 FAX 081/3174226 Prot. n del /SEP Al Laboratorio

Dettagli

Patologia infettiva oculare coesistente

Patologia infettiva oculare coesistente Azienda Ospedaliera Pediatrica SANTOBONO PAUSILIPON ANNUNZIATA S.S.D. Centro di Riferimento Regionale per la Diagnosi ed il Trattamento della Retinopatia della Prematurità Direttore dott. Salvatore Capobianco

Dettagli

Toxoplasmosi. A cura di Dr Nadia Gussetti, Azienda Ospedaliera di Padova Prof Mario Pietrobelli, Università degli Studi di Padova

Toxoplasmosi. A cura di Dr Nadia Gussetti, Azienda Ospedaliera di Padova Prof Mario Pietrobelli, Università degli Studi di Padova Questo opuscolo informativo nasce da un iniziativa organizzata dall Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Padova e dall Ordine dei Medici Veterinari di Padova con il patrocinio del Comune

Dettagli

Questo opuscolo si rivolge a tutte le donne in gravidanza, siano esse in coppia

Questo opuscolo si rivolge a tutte le donne in gravidanza, siano esse in coppia ASL DI VALLECAMONICA-SEBINO PRESIDIO OSPEDALIERO E DIPARTIMENTO A.S.S.I. Servizio Famiglia Questo opuscolo si rivolge a tutte le donne in gravidanza, siano esse in coppia o sole, felici o preoccupate per

Dettagli

GRAVIDANZA GEMELLARE

GRAVIDANZA GEMELLARE DOTT. DOMENICO MOSSOTTO SPECIALISTA IN OSTETRICIA E GINECOLOGIA GRAVIDANZA GEMELLARE La gravidanza gemellare è un evento che avviene per ovulazione multipla (vedi caso A, illustrato successivamente), o

Dettagli

A cosa serve lo screening prenatale

A cosa serve lo screening prenatale Screening e Diagnosi prenatale della sindrome di Down ed altre anomalie cromosomiche fetali Lo scopo di questa nota è fornire in maniera chiara, semplice e per quanto possibile esaustiva le informazioni

Dettagli

Diagnosi prenatale: i difetti cromosomici. Difetti cromosomici: conosciamoli insieme Diagnosi non invasiva Diagnosi invasiva Per maggiori informazioni

Diagnosi prenatale: i difetti cromosomici. Difetti cromosomici: conosciamoli insieme Diagnosi non invasiva Diagnosi invasiva Per maggiori informazioni per la vostra Salute GUIDE PRATICHE Centro Unico di Prenotazione (CUP): tel. 02 86 87 88 89 Dal Lunedì al Venerdì, dalle 8.00 alle 17.30 Sabato dalle 8.00 alle 12.00 Ospedale San Giuseppe Via S. Vittore,

Dettagli

GENETICA MEDICA. Analisi genetiche per oltre 400 geni testabili vengono inviati a strutture pubbliche esterne, ospedaliere e universitarie.

GENETICA MEDICA. Analisi genetiche per oltre 400 geni testabili vengono inviati a strutture pubbliche esterne, ospedaliere e universitarie. GENETICA MEDICA PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA L ambulatorio di Genetica Medica fa parte del Dipartimento Materno Infantile. Essa collabora ed interagisce strettamente con le Strutture del Dipartimento

Dettagli

SI RINNOVANO LA GINECOLOGIA E L OSTERICIA PRESSO LA SEDE DI VIA RESPIGHI

SI RINNOVANO LA GINECOLOGIA E L OSTERICIA PRESSO LA SEDE DI VIA RESPIGHI NUMERO MONOGRAFICO Notiziario gennaio 2010 SI RINNOVANO LA GINECOLOGIA E L OSTERICIA PRESSO LA SEDE DI VIA RESPIGHI a cura del dr.moreno Dindelli Specialista in Ginecologia e Ostetricia Dall autunno 2009,

Dettagli

Patologia infettiva oculare coesistente

Patologia infettiva oculare coesistente Azienda Ospedaliera Pediatrica SANTOBONO PAUSILIPON ANNUNZIATA S.S.D. Centro di Riferimento Regionale per la Diagnosi ed il Trattamento della Retinopatia della Prematurità Direttore dott. Salvatore Capobianco

Dettagli

La consulenza alla paziente che richiede l analisi del DNA fetale

La consulenza alla paziente che richiede l analisi del DNA fetale La consulenza alla paziente che richiede l analisi del DNA fetale Bertinoro, 19 Ottobre 2013 Eva Pompilii eva_pompilii@yahoo.it Limiti attuali del Non invasive Prenatal Testing/ Non Invasive Prenatal

Dettagli

Inseminazione artificiale con liquido seminale di donatore

Inseminazione artificiale con liquido seminale di donatore Inseminazione artificiale con liquido seminale di donatore Ref. 123 / 2009 Reparto di Medicina della Riproduzione Servicio de Medicina de la Reproducción Gran Vía Carlos III 71-75 08028 Barcelona Tel.

Dettagli

Medicina Fetale Diagnosi Prenatale delle Anomalie Cromosomiche

Medicina Fetale Diagnosi Prenatale delle Anomalie Cromosomiche DIPARTIMENTO DI SALUTE DELLA DONNA E DEL BAMBINO U.O.C. Clinica Ginecologica - Ostetrica Direttore: Prof. G.B. Nardelli Medicina Fetale Dott. E. Cosmi (Ricercatore Universitario) Dott. G. Francia (Dirigente

Dettagli

Prepararsi alla gravidanza: precauzioni, attenzioni e una vitamina in più

Prepararsi alla gravidanza: precauzioni, attenzioni e una vitamina in più Prepararsi alla gravidanza: precauzioni, attenzioni e una vitamina in più A chi è rivolto questo opuscolo A tutte le donne che: hanno deciso di avere un figlio pensano in un futuro, anche lontano, di avere

Dettagli

Struttura Semplice Dipartimentale GENETICA MEDICA - OSPEDALE SAN BASSIANO

Struttura Semplice Dipartimentale GENETICA MEDICA - OSPEDALE SAN BASSIANO Struttura Semplice Dipartimentale GENETICA MEDICA - OSPEDALE SAN BASSIANO PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA La Struttura Semplice Dipartimentale di genetica medica fa parte del Dipartimento di Medicina dei

Dettagli

Breve viaggio alla scoperta delle Malattie Sessualmente Trasmissibili

Breve viaggio alla scoperta delle Malattie Sessualmente Trasmissibili Breve viaggio alla scoperta delle Malattie Sessualmente Trasmissibili Materiale elaborato con la supervisione della dott.ssa Barbara Ricciardi dai partecipanti al corso di formazione per volontari Comunicare

Dettagli

Presidio Ospedaliero di Pordenone Sacile Via Montereale 24 - Pordenone NOTA INFORMATIVA PER AMNIOCENTESI

Presidio Ospedaliero di Pordenone Sacile Via Montereale 24 - Pordenone NOTA INFORMATIVA PER AMNIOCENTESI Azienda per l Assistenza Sanitaria n. 5 Friuli Occidentale Via della Vecchia Ceramica, 1 33170 Pordenone C.F. e P.I. 01772890933 PEC aas5.protgen@certsanita.fvg.it Presidio Ospedaliero di Pordenone Sacile

Dettagli

Obiettivi. Identificare le emergenze ostetrico/ ginecologiche. Assistere la donna durante la fase di travaglio e parto fisiologico

Obiettivi. Identificare le emergenze ostetrico/ ginecologiche. Assistere la donna durante la fase di travaglio e parto fisiologico CAPITOLO 6 Obiettivi Identificare le emergenze ostetrico/ ginecologiche Assistere la donna durante la fase di travaglio e parto fisiologico Assistere il neonato Assistere la donna con complicanze da parto

Dettagli

Gravidanza fisiologica e a rischio

Gravidanza fisiologica e a rischio WOMAN IN CHANGE Donne che cambiano Modena, 25 / 26 / 27 marzo 2010 Gravidanza fisiologica e a rischio Dr.ssa Rossana Bellucci Direttore Laboratorio Test Modena Durante la gravidanza tutte le donne si sottopongono

Dettagli

CONSULENZA PRECONCEZIONALE

CONSULENZA PRECONCEZIONALE CONSULENZA PRECONCEZIONALE Questo articolo è rivolto a tutte le coppie che desiderano un figlio, o che non escludono di averlo in futuro, e che vogliono conoscere con maggior precisione quali siano le

Dettagli

ultrascreen villocentesi amniocentesi

ultrascreen villocentesi amniocentesi CORSO TEORICO PRATICO DI ECOGRAFIA PER OSTETRICHE Conegliano, 10-12 giugno 2010 Ruolo dell ostetrica nella diagnosi prenatale e nel counselling della diagnosi prenatale: ultrascreen villocentesi amniocentesi

Dettagli

Amniocentesi o villocentesi: quale scegliere nei casi difficili? Luigi Filippo Orsini

Amniocentesi o villocentesi: quale scegliere nei casi difficili? Luigi Filippo Orsini Amniocentesi o villocentesi: quale scegliere nei casi difficili? Luigi Filippo Orsini Meno invasiva Più precoce ? Fattori particolari di rischio per la diagnosi prenatale Sono fattori che possono Fibromi

Dettagli

Rischio di infezione congenita e danno fetale dopo infezione materna a diverse età gestazionali

Rischio di infezione congenita e danno fetale dopo infezione materna a diverse età gestazionali 05-2_rosolia_CG_111109.ppt pag. 1 Rischio di infezione congenita e danno fetale dopo infezione materna a diverse età gestazionali Età gestazionale (settimane) Tasso di infezione congenita (%) Neonati infetti

Dettagli

Protocollo di gestione della gravidanza ed indagini prenatali

Protocollo di gestione della gravidanza ed indagini prenatali Protocollo di gestione della gravidanza ed indagini prenatali * Indagini da svolgere nelle settimane di gravidanza fino alla 13ª( primo trimestre) A) ESAMI ESENTI (in base alla Gazzetta Ufficiale del 10-9-98):

Dettagli

LABORATORIO ANALISI CLINICHE. K.R.A.S.I. srl. Ematologia. Immunologia. Chimica clinica. Parassitologia. Esami Microscopici

LABORATORIO ANALISI CLINICHE. K.R.A.S.I. srl. Ematologia. Immunologia. Chimica clinica. Parassitologia. Esami Microscopici LABORATORIO ANALISI CLINICHE K.R.A.S.I. srl Via Annone,1 00199 Roma Tel. 06 86 06 414 fax. 06 86 38 43 71 Direttore: Dott. Giovanni Finazzi Agrò Laboratorio Analisi Cliniche K.R.A.S.I srl diretto dal Dott.re

Dettagli

DIAGNOSI PRENATALE DI MALATTIE RARE: IL FETO COME PAZIENTE

DIAGNOSI PRENATALE DI MALATTIE RARE: IL FETO COME PAZIENTE PROF. GIOVANNI NERI Istituto di Genetica Medica, Università Cattolica del S. Cuore, Roma DIAGNOSI PRENATALE DI MALATTIE RARE: IL FETO COME PAZIENTE La diagnosi prenatale di malattie genetiche rare è pratica

Dettagli

Funzione della struttura di riferimento regionale per la gestione delle infezioni in gravidanza

Funzione della struttura di riferimento regionale per la gestione delle infezioni in gravidanza CORSO REGIONALE SULLA ROSOLIA CONGENITA E NUOVE STRATEGIE DI PREVENZIONE Funzione della struttura di riferimento regionale per la gestione delle infezioni in gravidanza Dott.ssa Nadia Gussetti U.O. Malattie

Dettagli

STILE DI VITA IN GRAVIDANZA. www.benefix.it

STILE DI VITA IN GRAVIDANZA. www.benefix.it STILE DI VITA IN GRAVIDANZA www.benefix.it ALIMENTAZIONE Premesso che non esiste una gravidanza standard, perché ogni donna è diversa dall altra, riteniamo cosa utile fornire alcune indicazioni alle coppie

Dettagli

Diagnosi pre-concezionale, pre-impianto, prenatale

Diagnosi pre-concezionale, pre-impianto, prenatale Prof. M. Calipari Diagnosi pre-concezionale, pre-impianto, prenatale L-19 Facoltà di Scienze della Formazione Università degli Studi di Macerata a.a. 2011-12 Diagnosi genetica pre-concezionale esame genetico

Dettagli

HIV-AIDS e Benessere Riproduttivo

HIV-AIDS e Benessere Riproduttivo HIV-AIDS e Benessere Riproduttivo HIV-AIDS Un emergenza da non dimenticare A livello globale, l epidemia di HIV-AIDS pare essersi stabilizzata. Il tasso di nuove infezioni è in costante diminuzione dalla

Dettagli

Radiazioni e gravidanza

Radiazioni e gravidanza Treviso 24.11.2011 Radiazioni e gravidanza G.Bracalente gbracalente@ulss.tv.it Unita Operativa Semplice DIAGNOSI PRENATALE ED ECOGRAFIA OSTETRICA Dir. Dott.ssa G.Bracalente Unità Operativa Complessa GINECOLOGIA

Dettagli

L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO IN GRAVIDANZA DR.SSA PATRIZIA LENTINI

L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO IN GRAVIDANZA DR.SSA PATRIZIA LENTINI L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO IN GRAVIDANZA DR.SSA PATRIZIA LENTINI ESISTE UNO STRETTO RAPPORTO TRA CONTROLLO GLICOMETABOLICO E OUTCOME MATERNO FETALE. L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO

Dettagli

Diagnosi di portatrice e diagnosi prenatale: counselling genetico

Diagnosi di portatrice e diagnosi prenatale: counselling genetico Diagnosi di portatrice e diagnosi prenatale: counselling genetico Emofilia L emofilia è una malattia autosomica recessiva legata al cromosoma X Meccanismo ereditario dell Emofilia A e B 50% 50% 100% 100%

Dettagli

Principi dello screening raccomandati dalla World Health Organization

Principi dello screening raccomandati dalla World Health Organization EMOGLOBINE: DIAGNOSTICA, STANDARDIZZAZIONE, PROSPETTIVE Approcci diagnostici e problematiche in relazione ad uno screening neonatale Giovanni Ivaldi Laboratorio di Genetica - Settore Microcitemia Ospedali

Dettagli

Agosto 2010 - Workshop

Agosto 2010 - Workshop Agosto 2010 - Workshop LA SESSUALITA FEMMINILE/LA GRAVIDANZA Sarò mamma! La gravidanza è l esperienza più bella e coinvolgente che una donna possa vivere, ma va preparata con attenzione e responsabilità.

Dettagli

Patologia del I trimestre di gravidanza

Patologia del I trimestre di gravidanza Patologia del I trimestre di gravidanza Le principali complicazioni gravidiche nel primo trimestre di gestazione sono: Aborto spontaneo ripetuto ricorrente o abituale volontario (IVG) Gravidanza ectopica

Dettagli

il progresso dello spirito umano consiste, o certo ha consistito finora, non nell imparare ma nel disimparare principalmente, nel conoscere sempre

il progresso dello spirito umano consiste, o certo ha consistito finora, non nell imparare ma nel disimparare principalmente, nel conoscere sempre il progresso dello spirito umano consiste, o certo ha consistito finora, non nell imparare ma nel disimparare principalmente, nel conoscere sempre più di non conoscere, nell avvedersi di saper sempre meno,

Dettagli

tiroide tre ormoni calcitonina Via Mazzini 12, Bologna www.sismer.it

tiroide tre ormoni calcitonina Via Mazzini 12, Bologna www.sismer.it S.I.S.Me.R. - Società Italiana Medicina della Riproduzione La tiroide è una piccola ghiandola endocrina dalla forma simile a quella di una farfalla, posta anteriormente nel collo al di sotto della laringe,

Dettagli

Figura 1 : organizzazione del materiale genetico nel nucleo delle cellule.

Figura 1 : organizzazione del materiale genetico nel nucleo delle cellule. Il patrimonio genetico, base della vita Il patrimonio genetico (genoma) è l insieme di tutte le informazioni necessarie per costruire ogni embrione, attraverso complessi meccanismi di moltiplicazione delle

Dettagli

Gravidanza fisiologica

Gravidanza fisiologica 1 Gravidanza fisiologica 2 La donna che accede al ns. servizio deve essere presa in carico dall equipe nella sua totalità. Nel caso la gravidanza deroghi dalla fisiologia e sopraggiungano complicazioni,

Dettagli

Lodi 17 maggio 2013 Gli aspetti relativi alla consulenza prenatale

Lodi 17 maggio 2013 Gli aspetti relativi alla consulenza prenatale Lodi 17 maggio 2013 Gli aspetti relativi alla consulenza prenatale Faustina Lalatta Medico genetista Responsabile UOD Genetica Medica Dipartimento area salute della donna, del bambino e del neonato Direttore

Dettagli

Il percorso nascita dell'ausl di Rimini. U.O. Ostetricia e Gin. H.Infermi. Rete Consultoriale Provinciale

Il percorso nascita dell'ausl di Rimini. U.O. Ostetricia e Gin. H.Infermi. Rete Consultoriale Provinciale Il percorso nascita dell'ausl di Rimini U.O. Ostetricia e Gin. H.Infermi Rete Consultoriale Provinciale Risorse e Organizzazione dell U.O. 43 Letti di Ostetricia 12 Letti di Ginecologia 8 Letti DH 6 Sale

Dettagli

5 modulo didattico - Patologia cromosomica.

5 modulo didattico - Patologia cromosomica. 5 modulo didattico - Patologia cromosomica. G0 IL CICLO CELLULARE DI UNA CELLULA DI MAMMIFERO Avviene ogni volta che la cellula si divide Le tappe fondamentali del processo sono: Separazione dei due filamenti

Dettagli

Informazioni sulla gravidanza

Informazioni sulla gravidanza Informazioni sulla gravidanza Non viva come singolare la sua preoccupazione sul suo futuro bambino: ogni donna che pensa di diventare mamma vive la paura che il proprio figlio possa avere qualche problema.

Dettagli

le MINIGUIDE di PRIMA DEL CONCEPIMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di PRIMA DEL CONCEPIMENTO Sempre con te, passo dopo passo 1 PRIMA DEL CONCEPIMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Quando si programma l arrivo di un bebè La gravidanza è un evento unico e speciale nella vita di una donna e ogni donna

Dettagli

PROCEDURA GESTIONE AMNIOCENTESI E VILLOCENTESI ECOGUIDATA

PROCEDURA GESTIONE AMNIOCENTESI E VILLOCENTESI ECOGUIDATA AZIENDA OSPED ALIERA UN IVERSITA DI PADOVA PROCEDURA GESTIONE AMNIOCENTESI E VILLOCENTESI ECOGUIDATA Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità

Dettagli

Aprile 2011 - Workshop

Aprile 2011 - Workshop Aprile 2011 - Workshop Le cause di infertilità femminile Le cause di infertilità femminile Sono sempre di più le coppie che devono ricorrere alla fecondazione assistita per poter avere un bambino. Le cause

Dettagli

L INSEMINAZIONE INTRAUTERINA

L INSEMINAZIONE INTRAUTERINA L INSEMINAZIONE INTRAUTERINA Informazioni per la coppia A cura del dott. G. Ragni Unità Operativa - Centro Sterilità Responsabile: dott.ssa C. Scarduelli FONDAZIONE OSPEDALE MAGGIORE POLICLINICO MANGIAGALLI

Dettagli

L infezione con l HIV, l epatite B e l epatite C non sono solo pericolosi per la Vostra

L infezione con l HIV, l epatite B e l epatite C non sono solo pericolosi per la Vostra Cara coppia L infezione con l HIV, l epatite B e l epatite C non sono solo pericolosi per la Vostra salute, ma possono anche nuocere alla salute del Vostro partner o del Vostro bambino. In occasione delle

Dettagli

La conferma di laboratorio della rosolia

La conferma di laboratorio della rosolia La conferma di laboratorio della rosolia La risposta anticorpale all infezione post-natale da rosolia IgG Rash IgM Prodromi INCUBAZIONE 0 7 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 27 35 42 VIREMIA ESCREZIONE

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Prevenzione. Diagnosi prenatale. La consapevolezza di un accoglienza d amore

Prevenzione. Diagnosi prenatale. La consapevolezza di un accoglienza d amore Prevenzione Diagnosi prenatale La consapevolezza di un accoglienza d amore Bios International Holding La capillare rete di strutture di Bios International opera da anni nel campo della diagnostica con

Dettagli

Esenzione per status. 3G1 Invalidi di guerra. 3G2 Invalidi di guerra 148 > LIBRO BIANCO

Esenzione per status. 3G1 Invalidi di guerra. 3G2 Invalidi di guerra 148 > LIBRO BIANCO 148 > LIBRO BIANCO Esenzione per status Le condizioni che danno diritto all esenzione dalla partecipazione al costo delle prestazioni sanitarie sono individuate al livello regionale. A livello nazionale

Dettagli

MAR A TIN I A N Z AM A INA N TO T CLASSE 3 A

MAR A TIN I A N Z AM A INA N TO T CLASSE 3 A L AIDS MARTINA ZAMINATO CLASSE 3 A ANNO SCOLASTICO 2012/2013 AIDS e HIV: sintomi - cause - test - trasmissione Introduzione AIDS (Acquired Immune Deficiency Syndrome) sta per sindrome da immunodeficienza

Dettagli

MINISTERO DELLA SANITÀ

MINISTERO DELLA SANITÀ Le epatiti virali MINISTERO DELLA SANITÀ DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE MALATTIE INFETTIVE E PROFILASSI INTERNAZIONALE CONSIGLI SULLA PREVENZIONE DI ALCUNE MALATTIE INFETTIVE una raccolta di schede informative

Dettagli

Un problema di cuore.

Un problema di cuore. Le malattie cardiovascolari nella donna Le malattie cardiovascolari nella donna Opuscolo redatto da Maria Lorenza Muiesan* e Maria Vittoria Pitzalis*. Alla stessa collana, coordinata da Nicola De Luca*,

Dettagli

VISITA PRE-CONCEZIONALE

VISITA PRE-CONCEZIONALE VISITA PRE-CONCEZIONALE Avete deciso che è arrivato il momento giusto di avere un bambino è avete già iniziato a prepararvi anche emotivamente al coinvolgimento necessario e all impegno a lungo termine

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE SINTETICO SULLA NATIMORTALITA. Servizio Epidemiologia Clinica e Valutativa

RAPPORTO ANNUALE SINTETICO SULLA NATIMORTALITA. Servizio Epidemiologia Clinica e Valutativa RAPPORTO ANNUALE SINTETICO SULLA NATIMORTALITA Anno 2013 Area Sistemi di Governance Servizio Epidemiologia Clinica e Valutativa Trento Luglio 2014 A cura di Riccardo Pertile Mariangela Pedron Silvano Piffer

Dettagli

23-NOV-2015 da pag. 16 foglio 1

23-NOV-2015 da pag. 16 foglio 1 Tiratura: n.d. Diffusione 12/2012: 10.694 Lettori Ed. II 2014: 61.000 Quotidiano - Ed. Roma Dir. Resp.: Gian Marco Chiocci da pag. 16 foglio 1 Tiratura 09/2015: 68.268 Diffusione 09/2015: 48.891 Lettori

Dettagli

se la conosci, la previeni!

se la conosci, la previeni! EPATITE se la conosci, la previeni! HEALTHY FOUNDATION HEALTHY FOUNDATION Epatiti, cosa sono? 2 L epatite, o meglio le epatiti sono tra le malattie infettive più comuni e gravi del mondo. Si tratta di

Dettagli

Malattie da virus a trasmissione parenterale

Malattie da virus a trasmissione parenterale Malattie da virus a trasmissione parenterale Epatite B Eziologia Il virus dell epatite B appartiene alla famiglia Hepadnaviridae, genere Orthohepadnavirus. HBV è una particella sferica di 42 nm di diametro.

Dettagli

Diagnosi e intervento su embrioni. Ramón Lucas Lucas lucas@unigre.it www.ramonlucas.org

Diagnosi e intervento su embrioni. Ramón Lucas Lucas lucas@unigre.it www.ramonlucas.org 1 Diagnosi e intervento su embrioni Ramón Lucas Lucas lucas@unigre.it www.ramonlucas.org Diagnosi prenatale 2 3 4 DIAGNOSI PRENATALE É l insieme di esami compiuti sull embrione stesso, per accertare se

Dettagli

GEMELLI DIZIGOTI. zigosità 70% DEI GEMELLI CORREDO CROMOSOMICO E GENETICO DIFFERENTE POSSONO ESSERE DI SESSO DIFFERENTE

GEMELLI DIZIGOTI. zigosità 70% DEI GEMELLI CORREDO CROMOSOMICO E GENETICO DIFFERENTE POSSONO ESSERE DI SESSO DIFFERENTE DIAGNOSI DI GRAVIDANZA GEMELLARE: L'IMPORTANZA DELL'ECOGRAFIA NEL I TRIMESTRE Carla Verrotti U.O. Salute Donna Dipartimento Cure Primarie Distretto di Parma Azienda USL di Parma zigosità corionicità amnioticità

Dettagli

Regione Siciliana Assessorato Regionale della Salute I D. nformativa. onna

Regione Siciliana Assessorato Regionale della Salute I D. nformativa. onna Regione Siciliana Assessorato Regionale della Salute I D nformativa onna I D STILI DI VITA IN GRAVIDANZA Alimentazione 4 Alimenti 4 Igiene degli alimenti 4 Integratori 4 Uso di sostanze dannose 5 Fumo

Dettagli

Diagnosi Prenatale I

Diagnosi Prenatale I Diagnosi Prenatale I Lezione 15 Diagnosi prenatale nata nel 1966 (Steele e Breg); richiede l intervento di numerose discipline: ostetricia, ultrasonografia, genetica clinica, diagnosi e consulenza genetica

Dettagli

Dipartimento Donna Bambino con l integrazione dei servizi consultoriali territoriali

Dipartimento Donna Bambino con l integrazione dei servizi consultoriali territoriali Dipartimento Donna Bambino con l integrazione dei servizi consultoriali territoriali Il passa o p rto per la futura mamma Consigli ed informazioni utili per la gravidanza per rendere più tranquillo e sereno

Dettagli

INFORMATIVA E CONSENSO INFORMATO ALLA DIAGNOSI CITOGENETICA PRENATALE MOLECOLARE (ARRAY-CGH) SU CELLULE DEL LIQUIDO AMNIOTICO O VILLI CORIALI

INFORMATIVA E CONSENSO INFORMATO ALLA DIAGNOSI CITOGENETICA PRENATALE MOLECOLARE (ARRAY-CGH) SU CELLULE DEL LIQUIDO AMNIOTICO O VILLI CORIALI INFORMATIVA E CONSENSO INFORMATO ALLA DIAGNOSI CITOGENETICA PRENATALE MOLECOLARE (ARRAY-CGH) SU CELLULE DEL LIQUIDO AMNIOTICO O VILLI CORIALI A. Finalità L indagine citogenetica fetale (o cariotipo) viene

Dettagli

RELAZIONE RIASSUNTIVA

RELAZIONE RIASSUNTIVA 40 anni di screening scolastico per la prevenzione della talassemia nel Lazio. Un programma di successo che, con il prezioso contributo del mondo della scuola, ha raggiunto e continua a mantenere da anni

Dettagli