Beni ed Attività Culturali. (Delibera CIPE 92/2012)

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Beni ed Attività Culturali. (Delibera CIPE 92/2012)"

Transcript

1 Teatro Pubblico Pugliese Programma Operativo Regione Puglia Unione Europea Fondo per lo sviluppo e coesione 2007/2013. Accordo di programma quadro rafforzato Beni ed Attività Culturali. (Delibera CIPE 92/2012) PROGETTO ESECUTIVO DELL INTERVENTO CIRCUITO DELLE MUSICHE PUGLIA SOUNDS LIVE Fondo per lo sviluppo e coesione 2007/2013. Accordo di programma quadro rafforzato Beni ed Attività Culturali. (Delibera CIPE 92/2012)

2 INDICE 1. Obiettivi 2. Descrizione generale dell attività 3. Piano finanziario 4. Timing 5. Attività 1: Circuito delle musiche Puglia Sounds LIVE 6. Struttura organizzativa e modalità gestionali 7. Risultati attesi 8. Indicatori di realizzazione e risultato 2

3 1 Obiettivi Il presente progetto si colloca, come un progetto di sviluppo della filiera produttiva musicale regionale, inserito nell ambito delle politiche più ampie di rafforzamento della competitività dell economia regionale. Si tratta di un articolato intervento a sostegno del Sistema Musicale Puglia e in particolare del sistema dello spettacolo musicale dal vivo attraverso processi e strumenti sia per favorire l ampliamento, la promozione, il consolidamento e la distribuzione dell offerta, sia per lo sviluppo di imprese e di soggetti culturali locali attraverso l acquisizione di strumenti economici, pratiche gestionali, conoscenze, relazioni ed esperienze fondamentali per potenziare la capacità di presenza nei mercati nazionali ed esteri e consolidare la presenza e la competitività del Sistema Musicale Puglia. Il progetto infatti intende catalizzare i risultati ottenuti con la programmazione regionale delle attività e degli interventi realizzati nell ambito dello stesso PO FESR PUGLIA al fine di sfruttare il potenziale della cultura come forza motrice della creatività e dell innovazione economica e sociale. Il progetto LIVE consiste nella realizzazioni di azioni a sostegno di festival, imprese, operatori, artisti, etichette discografiche, Istituzioni, EELL, luoghi di spettacolo, etc. al fine di favorire la promozione e di sostenere lo sviluppo della musica dal vivo in ambito regionale, nazionale ed internazionale e consentire agli operatori del settore di conoscere ed utilizzare efficaci strumenti per la valorizzazione della produzione, della creazione artistica, della distribuzione, dell ospitalità, della promozione e dell innovazione tecnologica e gestionale, indispensabili per incentivare lo sviluppo economico e la crescita culturale del settore. L intervento persegue inoltre, l obiettivo del potenziamento dell attrattività economica e turistica dei territori della Puglia, in un ottica di marketing territoriale che attraverso lo sviluppo delle attività della intera filiera dell industria musicale, promuova l immagine della Puglia intesa come una Regione Music Friendly. Il progetto intende sviluppare il processo di consolidamento e sviluppo del settore della musica dal vivo a livello regionale, nazionale ed internazionale al fine di garantire la presenza dell Europa nel mondo (Libro verde Le industrie culturali e creative, un potenziale da sfruttare Bruxelles Paragrafo 4 Lo sviluppo locale e regionale, rampa di lancio per il successo mondiale ) Si ripete spesso che la Puglia, in virtù della propria posizione geografica, è l area deputata al dialogo e allo scambio tra le culture. Il suo ruolo di cerniera tra Oriente e Occidente, tra Europa e Mediterraneo è da tempo oggetto di discussione e rilancio economico e culturale e non ha bisogno qui di ulteriori precisazioni, poiché testimoniate da esperienze consolidate nel passato e dagli attuali impegni programmatici della Regione. In questa ottica diventa necessario rafforzare la cooperazione tra istituzioni pubbliche, imprese e operatori con lo scopo di incentivarne le relazioni ed i partenariati al fine di creare nuovi processi produttivi che diano vita a processi artistici, culturali ed economici innovative, vitali e competitive a livello regionale, nazionale ed internazionale. La musica e la creatività in generale vengono considerate poco nel loro aspetto economico e cioè come occasione di produzione di reddito, capace di generare un segmento di mercato con la creazione di prodotto e di occupazione, e quindi, di un vero e proprio sistema economico. L'Economia creativa è un concetto che ha aperto le porte ad una nuova forma di sviluppo economico: imprese dinamiche e flessibili si organizzano in network per creare prodotti con l impiego di applicazioni tecnologiche, in cui la creatività viene posta al centro dell'attenzione. I singoli settori e comparti dell'economia creativa esistono già da tempo, ciò che rappresenta la novità è la rete produttiva e sinergica che tra questi comparti si è creata e che è compito delle istituzioni di governo rafforzare e potenziare, a livello regionale, nazionale ed internazionale. 3

4 Non è, infatti, un caso che negli ultimi decenni lo sviluppo di numerose realtà locali sia stato favorito proprio dall indotto apportato da questo nuovo processo economico. Regioni, Città e Paesi interi hanno ottenuto dei risultati sorprendenti dagli investimenti fatti in campo creativo e culturale. Il circuito delle musiche PUGLIA SOUNDS LIVE, quindi, si inserisce in quei processi culturali che segnano un territorio, indicando contemporaneamente un culmine e un punto di svolta. 2 Descrizione generale dell attività Il progetto prevede: - l ampliamento, la promozione, il consolidamento e la distribuzione della musica dal vivo, nonché lo sviluppo di imprese e soggetti musicali per l acquisizione di strumenti economici, pratiche gestionali, conoscenze, relazioni ed esperienze fondamentali per consolidare e potenziare la capacità di presenza nei mercati nazionali ed esteri del Sistema Musicale Puglia. Si intende potenziare la produzione, la programmazione e la promozione di attività musicali, anche promuovendo la creazione di network regionali, nazionali ed internazionali, favorendo la creazione, la diffusione, la produzione e la circuitazione di progetti artistico-culturali, anche al fine di aumentare l attrattività del sistema musicale regionale nei settori delle musiche attuali, popolari e contemporanee, oltre che nel settore lirico - sinfonico. 3 - Piano finanziario (Gli importi sono da intendersi IVA inclusa) ATTIVITA Importo complessivo 1. Circuito delle musiche PUGLIA SOUNDS LIVE PERSONALE e gestione ,00 Attività musicale (programmazione, produzione, organizzazione, comunicazione e promozione, gestione e ospitalità) ,00 TOTALE ATTIVITA ,00 ENTRATE GENERATE DAL PROGETTO Importo Complessivo Contributi cofinanziamento EE. LL e Sponsorizzazioni ,00 Incassi da vendita titoli di accesso eventi ,00 TOTALE ENTRATEGENERATE DAL PROGETTO ,00 COSTO PROGETTO (TOTALE ATTIVITA TOTALE ENTRATE GENERATE DAL PROGETTO) ,00 4

5 4 Timing Anno 2015 Trimestre I II III IV ATTIVITA 1 CIRCUITO DELLE MUSICHE/PUGLIA SOUNDS PERSONALE e Gestione Attività musicale (programmazione, produzione, organizzazione, comunicazione e promozione, gestione e ospitalità) 5 ATTIVITA 1 CIRCUITO DELLE MUSICHE PUGLIA SOUNDS LIVE Settore di intervento: spettacolo dal vivo Start up: Primo trimestre 2015 Chiusura attività: Ultimo trimestre 2015 Importo spese: ,00 Importo entrate: ,00 Responsabile Unico del Procedimento: Sante Levante Capo progetto: Antonio Princigalli Descrizione e obiettivi Il progetto prevede la creazione di del Circuito delle Musiche PUGLIA SOUNDS LIVE attraverso la realizzazioni di azioni a sostegno del Sistema Musicale Pugliese e in particolare della musica dal vivo, al fine di consentire agli operatori del settore quali festival, operatori, artisti, etichette discografiche, Istituzioni, EELL, luoghi di spettacolo, etc. efficaci strumenti per la valorizzazione della produzione, della creazione artistica, della distribuzione, dell ospitalità, della promozione e dell innovazione tecnologica e gestionale, indispensabili per incentivare lo sviluppo economico e la crescita culturale del settore. Questo insieme di azioni faranno della Puglia il punto di riferimento culturale, produttivo per produttori, artisti, imprese e istituzioni (pubbliche e private). Il progetto, perfettamente integrato con gli altri interventi strutturali a valere sul PO FESR 2007/13 e insistenti sul settore dello spettacolo dal vivo e della valorizzazione e promozione del territorio attraverso gli eventi, saranno comunicati con unico brand di comunicazione PUGLIA SOUNDS the music system. Tra le azioni relative a al Circuito delle Musiche PUGLIA SOUNDS LIVE vi è lo sviluppo, la diffusione e la promozione: della produzione, circuitazione e promozione di spettacoli musicali; della produzione, distribuzione e promozione delle produzioni discografiche; della realizzazione di spettacoli, festival ed eventi; la realizzazione di coproduzioni nazionali ed internazionali che favoriscano confronti culturali tra linguaggi artistici diversi; la creazione di azioni per lo sviluppo artistico, produttivo ed organizzativo delle giovani realtà musicali pugliesi; la creazione di azioni per lo sviluppo e la diffusione della cultura musicale; la progettazione, organizzazione e realizzazione di workshop, convegni e seminari; la pianificazione, programmazione e realizzazione di Fiere mercato specialistiche, eventi, festival, manifestazioni, rassegne, di particolare interesse artistico e culturale organizzati 5

6 direttamente da TPP - Puglia Sounds o da soggetti terzi, e che si svolgano sul territorio regionale e nazionale; la creazione di uno più sistemi di collegamento in rete tra luoghi (al chiuso e/o all aperto), festival, operatori, artisti, EELL, Istituzioni pubbliche e private, etichette discografiche, imprese al fine di ottimizzare e sviluppare l organizzazione e la circuitazione sistemica di produzioni, spettacoli, eventi, presentazioni, showcases e concerti da sul territorio regionale e nazionale; la creazione di un sistema di rete attraverso partnership e protocolli con enti, istituzioni pubbliche e imprese nazionali ed internazionali; la realizzazione di coproduzioni nazionali ed internazionali per gli artisti pugliesi; la creazione di azioni per lo sviluppo artistico, produttivo ed organizzativo delle giovani realtà musicali pugliesi; la creazione di azioni per lo sviluppo e la diffusione della cultura musicale; la realizzazione di workshop, convegni e seminari. Il Circuito delle Musiche PUGLIA SOUNDS LIVE è un progetto di Sviluppo della filiera produttiva musicale regionale, inserito nell ambito delle politiche più ampie di rafforzamento della competitività dell economia regionale con l obiettivo di creare un meccanismo virtuoso tra produzione e circuitazione di spettacoli pugliesi, nazionali ed internazionali, indispensabile per incentivare lo sviluppo economico e lo scambio culturale del settore. Si tratta di un articolato intervento a sostegno del sistema dello spettacolo musicale nel suo complesso attraverso processi e strumenti per favorire l ampliamento, il consolidamento e la distribuzione dell offerta, e orientato allo sviluppo di imprese e di soggetti culturali locali per l acquisizione di strumenti economici, pratiche gestionali, conoscenze, relazioni ed esperienze fondamentali per potenziare la capacità di presenza nei mercati nazionali ed esteri e consolidare la presenza e la competitività del Sistema Musicale Puglia. Uno strumento concreto, quindi, per la creazione di nuove economie rendendo agevole il compito di operatori del settore, imprenditori, distributori, artisti per favorire l incontro virtuoso tra musica e mercato indispensabile anche per la promozione della nostre produzioni e della nostra musica. La Puglia, insomma potrebbe divenire un territorio ideale per la produzione e la circuitazione di spettacoli musicali. Piano delle attività Nella realizzazione di tale attività è prevista l individuazione e selezione delle figure professionali necessarie per la costituzione dello staff di del Circuito Regionale delle Musiche PUGLIA SOUNDS LIVE; la definizione delle procedure necessarie a garantire l efficace ed efficiente attuazione dell intero intervento; la creazione di una rete per lo sviluppo: della produzione, circuitazione e promozione di spettacoli musicali; della realizzazione e alla promozione di spettacoli, festival ed eventi; la realizzazione di coproduzioni nazionali ed internazionali che favoriscano confronti culturali tra linguaggi artistici diversi; la creazione di azioni per lo sviluppo artistico, produttivo ed organizzativo delle giovani realtà musicali pugliesi; la creazione di azioni per lo sviluppo e la diffusione della cultura musicale; la progettazione, organizzazione e realizzazione di workshop, convegni e seminari; la costituzione di partnership e protocolli con enti, istituzioni pubbliche, organismi nazionali ed internazionali operanti nel 6

7 settore ed imprese nazionali ed internazionali per la promozione ed il riposizionamento della musica prodotta in Puglia sul mercato nazionale ed internazionale; l attivazione di procedure pubbliche per la selezione di progetti di rete, di produzione e di programmazione; la selezione e realizzazione dei progetti di rete, di programmazione e di produzione; la verifica dell avanzamento fisico e procedurale dell intervento nonché la verifica dei risultati raggiunti; la rendicontazione delle spese sostenute. 6 - Struttura organizzativa e modalità gestionali Questo lo schema di governance del progetto: INDIRIZZI POLITICO- PROGRAMMATICI REGIONE PUGLIA Assessorato Mediterraneo, Cultura e Turismo Servizio Cultura e Spettacolo SOGGETTO ATTUATORE CONSORZIO TEATRO PUBBLICO PUGLIESE RESPONSABILE ATTIVITA COORDINATORE/DIRETTORE PROGETTO STAFF di PROGETTO La Regione Puglia determinerà gli indirizzi politico-programmatici del Progetto, in coerenza con gli obiettivi generali dell intervento. Strumento di coordinamento regionale per l attuazione degli indirizzi politico-programmatici è la Cabina di Regia regionale progetti strategici attraverso la quale: a) coadiuvare, mediante pareri e linee di indirizzo, i responsabili nel perseguimento degli obiettivi operativi; b) coordinare le funzioni e i compiti dei soggetti attuatori; c) curare l integrazione fra le principali azioni dei soggetti attuatori, fornendo indicazioni e linee di indirizzo attuative ed operative ai RUP; d) garantire l omogeneità delle procedure e il rispetto della disciplina comunitaria anche in fase attuativa e di verifica e controllo; e) curare l efficacia ed efficienza degli interventi e dei loro impatti di sistema nel settore delle attività culturali; f) assicurare la coerenza e l integrazione dei progetti avviati con gli altri interventi regionali. 7

8 Per l attuazione del Progetto si costituisce uno specifico staff di progetto, che è selezionato per il tramite di procedure ad evidenza pubblica (creazione di elenchi, short list), contrattualizzato, coordinato e diretto dal TPP. CABINA di REGIA REGIONALE PROGETTI STRATEGICI RESPONSABILE ATTIVITÀ FESR COORDINATORE/DIRETTORE DI PROGETTO RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO (RUP) STAFF DI PROGETTO Le figure professionali coinvolte nell attuazione del progetto saranno: 1 Responsabile Attuazione Progetti direttamente affidati dalla Regione al TPP; 1 Coordinatore/direttore del progetto; 1 Responsabile Unico del Procedimento; 2 addetto Segreteria Organizzativa; 1 addetto Segreteria di Produzione; 2 unità di supporto alla Segreteria Organizzativa e di Produzione; 3 addetti amministrativo/contabili; 1 Addetto alla rendicontazione; 1 addetto ai rapporti con i media; 1 addetto alla comunicazione; 1 unità di supporto alle attività di comunicazione. Sarà inoltre valutata, a secondo delle necessità del TPP-Puglia Sounds, la possibilità di integrare lo staff con l utilizzo di ulteriore personale tecnico e/o organizzativo. I profili professionali delle figure coinvolte nello staff di progetto dovranno rispondere ai seguenti requisiti: per il coordinamento/la direzione, esperienza pluriennale di direzione di progetti di sviluppo dei sistemi culturali con particolare riferimento a quelli musicali anche per conto di spettacoli dal vivo realizzati anche dalla Pubblica Amministrazione; per l amministrazione e funzioni di RUP, esperienza pluriennale di gestione amministrativa delle attività di spettacolo dal vivo, con conoscenza della normativa fiscale e previdenziale del settore, con conoscenza della normativa in materia di spettacolo dal vivo e delle procedure amministrativo-burocratiche della P.A. per il finanziamento alle attività di spettacolo. per l amministrazione, rendicontazione ed adempimenti contabili, esperienza pluriennale di gestione amministrativa delle attività di spettacolo dal vivo, con conoscenza della normativa fiscale e previdenziale del settore. 8

9 per la segreteria organizzativa, esperienza pluriennale di organizzazione delle attività e conduzione dei rapporti i soggetti della filiera di spettacolo dal vivo, con capacità di coordinamento dei processi; per la comunicazione, esperienza pluriennale di comunicazione nel settore dello spettacolo dal vivo e portfolio relazionale con i media regionali e nazionali in materia di spettacolo; per le azioni di rete, esperienza pluriennale di direzione di progetti teatrali e di relazione con la Pubblica Amministrazione, con conoscenza della normativa in materia di spettacolo dal vivo e delle procedure amministrativo-burocratiche della P.A. per il finanziamento alle attività di spettacolo; 7 Indicatori di attività L efficacia delle attività rispetto agli obiettivi dell intervento sarà effettuata facendo riferimento ai seguenti indicatori di attività : rafforzamento del brand Puglia Sounds - miglioramento dell attrattività della Puglia nei confronti dei talenti artistici; - diffusione delle attività su tutto il territorio regionale; - promozione di nuovi modelli imprenditoriali; - diffusione della conoscenza delle musiche; - allargamento e diversificazione dell offerta culturale; - fruizione partecipata dei beni culturali ed ambientali; - nuove competenze e abilità artistiche e culturali nel settore; - reddito vs qualità della vita urbana - coesione sociale fondata su una cultura della fiducia; - dialogo multi-culturale- 8 Indicatori di realizzazione e risultato - numero delle attività realizzate; - numero dei fruitori; - numero delle attività partecipate da altri soggetti dello spettacolo dal vivo; - giornate di fruizione; - interesse dei media, anche di settore, nazionali ed internazionali; - livello di spesa sul territorio (diretto e indiretto) - occupazione nel settore culturale (numero di addetti e giornate lavorative) BARI, 27 ottobre

La filiera del Teatro e della Danza/Puglia Green Hour Misteri e Sacri Fuochi

La filiera del Teatro e della Danza/Puglia Green Hour Misteri e Sacri Fuochi Regione Puglia Unione Europea Accordo Quadro Rafforzato Beni ed Attività Culturali PROGETTO ESECUTIVO La filiera del Teatro e della Danza/ Puglia Green Hour Misteri e Sacri Fuochi Fondo per lo sviluppo

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra

PROTOCOLLO D INTESA. tra PROTOCOLLO D INTESA Puglia Promozione con sede legale in Piazza Moro 33/A 70121 Bari, C.F. 93402500727 e Consorzio Teatro Pubblico Pugliese (di seguito denominato TPP) con sede legale in via Imbriani,

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO DELL INTERVENTO A TITOLARITA REGIONALE

PROGETTO ESECUTIVO DELL INTERVENTO A TITOLARITA REGIONALE Regione Puglia Unione Europea P.O. FERS PUGLIA 2007-2013 ASSE IV AZIONE 4.3.2 LETTERA I PROGETTO ESECUTIVO DELL INTERVENTO A TITOLARITA REGIONALE Potenziamento e valorizzazione della programmazione di

Dettagli

Finanziare la Cultura e il Turismo a livello Nazionale e Regionale

Finanziare la Cultura e il Turismo a livello Nazionale e Regionale Finanziare la Cultura e il Turismo a livello Nazionale e Regionale Dott.ssa Letizia Donati donati@eurosportello.eu Eurosportello Confesercenti 9 ottobre 2015 I Fondi Strutturali per la Cultura e Turismo

Dettagli

Al TPP aderiscono 52 soci tra Regione Puglia, Province e Comuni.

Al TPP aderiscono 52 soci tra Regione Puglia, Province e Comuni. Il Teatro Pubblico Pugliese è un organismo di promozione e formazione del pubblico, riconosciuto dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo. Al TPP aderiscono 52 soci tra Regione Puglia,

Dettagli

Fase 2 - Interazione e attivazione

Fase 2 - Interazione e attivazione Call for ICE Ideas Il progetto Fase 1 - Individuazione Sviluppare, condividere e scambiare buone pratiche e know-how per formulare approcci e strumenti che contribuiscano alla progettazione di una nuova

Dettagli

AVVISO PUBBLICO DI MANIFESTAZIONE DI INTERESSE

AVVISO PUBBLICO DI MANIFESTAZIONE DI INTERESSE AVVISO PUBBLICO DI MANIFESTAZIONE DI INTERESSE Puglia Sounds - Recording Promozione di nuove produzioni discografiche Premessa La Regione Puglia ha affidato al Consorzio Teatro Pubblico Pugliese la realizzazione

Dettagli

Ministero del Commercio Internazionale

Ministero del Commercio Internazionale Ministero del Commercio Internazionale La missione SPRINT Puglia è lo sportello operativo a livello regionale, per promuovere e favorire l accesso delle PMI e degli operatori economici pugliesi ad iniziative,

Dettagli

Tecnico per la valorizzazione e promozione dei beni e delle attività culturali. www.itinerari.conform.it

Tecnico per la valorizzazione e promozione dei beni e delle attività culturali. www.itinerari.conform.it Tecnico per la valorizzazione e promozione dei beni e delle attività culturali www.itinerari.conform.it Il corso Gli obiettivi Il percorso formativo Tecnico per la valorizzazione e promozione dei beni

Dettagli

IL MODELLO DI RIFERIMENTO Sito Web: www.ifsitalia.net

IL MODELLO DI RIFERIMENTO Sito Web: www.ifsitalia.net Scheda n. 2 Alternanza Scuola Lavoro Il Progetto Rete telematica delle Imprese Formative Simulate-IFSper la diffusione dell innovazione metodologica ed organizzativa IL MODELLO DI RIFERIMENTO Sito Web:

Dettagli

7 PALERMO CAPITALE DELL EURO-MEDITERRANEO PA

7 PALERMO CAPITALE DELL EURO-MEDITERRANEO PA PIT N TITOLO DEL PIT PROVINCIA 7 PALERMO CAPITALE DELL EURO-MEDITERRANEO PA IDEA FORZA Caratteristiche L idea forza del PIT proposto parte dall assunto che il territorio del Comune di Palermo, collocato

Dettagli

Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi

Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi Bari, Fiera del Levante, 12 settembre 2002 Il programma di Sviluppo Italia

Dettagli

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO:

DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO: DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO: che le strategie della Regione Puglia nel campo della cultura, dell ambiente e del

Dettagli

POI ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO 2007-2013 (POI)

POI ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO 2007-2013 (POI) POI ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO 2007-2013 (POI) Avanzamento Attività Organismo Intermedio Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per gli incentivi alle imprese D.G.I.A.I Linee

Dettagli

Promuovere l accesso allo spettacolo e alle arti dal vivo

Promuovere l accesso allo spettacolo e alle arti dal vivo 5. Promuovere l accesso allo spettacolo e alle arti dal vivo Promuovere l accesso allo spettacolo e alle arti dal vivo Il problema I frequentatori abituali dei luoghi deputati alle attività artistiche

Dettagli

Piani integrati per lo sviluppo locale. Progetti di marketing territoriale. Progettazione e start-up di Sistemi Turistici Locali

Piani integrati per lo sviluppo locale. Progetti di marketing territoriale. Progettazione e start-up di Sistemi Turistici Locali Piani integrati per lo sviluppo locale Progetti di marketing territoriale Progettazione e start-up di Sistemi Turistici Locali Sviluppo di prodotti turistici Strategie e piani di comunicazione Percorsi

Dettagli

Al servizio di gente unica. Direzione Centrale Cultura, sport e solidarietà

Al servizio di gente unica. Direzione Centrale Cultura, sport e solidarietà Al servizio di gente unica Le opportunità comunitarie nella futura Programmazione 2014-2020: 2020: i fondi a gestione diretta per la cultura EUROPA CREATIVA La cultura come elemento di competitività del

Dettagli

Presentazione della Società. Novembre 2015

Presentazione della Società. Novembre 2015 Presentazione della Società La Storia La Società La Struttura Produttiva Il Sistema di Competenze Il Posizionamento 2 2004 Costituzione della StraDe s.r.l. ad opera di Massimo Dell Erba e Veronica Montanaro

Dettagli

Catalogo delle Azioni del PO FESR 2014-2020 Confronto con il partenariato

Catalogo delle Azioni del PO FESR 2014-2020 Confronto con il partenariato Catalogo delle Azioni del PO FESR 2014-2020 Confronto con il partenariato Dott.ssa Elena Iacoviello Dipartimento Presidenza Ufficio Turismo Terziario Promozione Integrata 1 Gli Obiettivi Tematici R.A.

Dettagli

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno La programmazione europea 2014 2020 per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno POIn (FESR) 2007-2013 - Attrattori culturali, naturali e turismo Asse II - Linea di intervento II.2.1 Intervento:

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 24 DEL 16 GIUGNO 2008

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 24 DEL 16 GIUGNO 2008 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 11 aprile 2008 - Deliberazione N. 661 - Area Generale di Coordinamento N. 18 - Assistenza Sociale, Attività Sociali, Sport, Tempo Libero, Spettacolo N.

Dettagli

Fondo per lo Sviluppo e la Coesione 2007 2013: Stato di attuazione e Best practices

Fondo per lo Sviluppo e la Coesione 2007 2013: Stato di attuazione e Best practices Fondo per lo Sviluppo e la Coesione 2007 2013: Stato di attuazione e Best practices Ancona 30 novembre 2012 Fabrizio Recchi P. F. Autorità di gestione del FAS, autorità di certificazione e pagamento e

Dettagli

AGRICOLTURA E ARTIGIANATO. Un analisi delle esperienze

AGRICOLTURA E ARTIGIANATO. Un analisi delle esperienze AGRICOLTURA E ARTIGIANATO. Un analisi delle esperienze Attività produttive Artigianato e Agricoltura Questo progetto si pone quattro diversi obiettivi: OBIETTIVO 1: Implementare un modello di economia

Dettagli

METTERSI IN PROPRIO opportunitàe strumenti di accesso al credito

METTERSI IN PROPRIO opportunitàe strumenti di accesso al credito Seminario informativo METTERSI IN PROPRIO opportunitàe strumenti di accesso al credito Settore Politiche orizzontali di sostegno alle imprese Via Luca Giordano, 13 50132 Firenze Gli strumenti di accesso

Dettagli

PROGETTO Impari S. Impari S. Repubblica Italiana

PROGETTO Impari S. Impari S. Repubblica Italiana PROGETTO Interventi di informazione, formazione e azioni di sistema per le aree GAL della Sardegna PROGETTO Interventi di informazione, formazione e azioni di sistema per le aree GAL della Sardegna Lo

Dettagli

Presentazione della Società. Maggio 2014

Presentazione della Società. Maggio 2014 Presentazione della Società Maggio 2014 La Società La Struttura Produttiva Il Sistema di Competenze Il Posizionamento I Dati Economico - Finanziari 2 La Società La Storia 2004 Costituzione della StraDe

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

LE NUOVE POLITICHE PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE I MPRESE NELLA PROSPETTIVA DELLA PROGRAMMAZIONE 2014-2020

LE NUOVE POLITICHE PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE I MPRESE NELLA PROSPETTIVA DELLA PROGRAMMAZIONE 2014-2020 LE NUOVE POLITICHE PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE I MPRESE NELLA PROSPETTIVA DELLA PROGRAMMAZIONE 2014-2020 \ OBIETTIVI TEMATICI (art.9 Reg.Generale) Interventi attivabili nel periodo 2014-2020 Grado

Dettagli

PROGETTO DI VALORIZZAZIONE DELL OFFICINA DEI RAGAZZI

PROGETTO DI VALORIZZAZIONE DELL OFFICINA DEI RAGAZZI Comune di Tempio Pausania Provincia di Olbia Tempio Settore dei Servizi alla Persona ed alle Imprese PROGETTO DI VALORIZZAZIONE DELL OFFICINA DEI RAGAZZI OBIETTIVI GENERALI Pagina 1 di 5 L'Amministrazione

Dettagli

Company Profile. Ideare Progettare Crescere

Company Profile. Ideare Progettare Crescere Company Profile Ideare Progettare Crescere La tua guida per l'accesso al mercato globale e per la gestione di modelli orientati al business internazionale P&F Technology nasce nel 2003 dall esperienza

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A ottobre 2011, la Commissione europea ha adottato alcune proposte legislative per la politica di coesione 2014-2020 La presente scheda

Dettagli

Regione Puglia. Assessorato al Turismo Servizio Turismo

Regione Puglia. Assessorato al Turismo Servizio Turismo Unione Europea PO FESR PUGLIA 2007-2013 Asse IV Linea 4.1 Azione 4.1.2 Regione Puglia Assessorato al Turismo Servizio Turismo PugliaPromozione Agenzia Regionale del Turismo ATTIVITA DI PUBBLICHE RELAZIONI

Dettagli

FSC 2007-2013 APQ Rafforzato Beni e attività culturali AVVISO PUBBLICO per la presentazione di proposte progettuali per la programmazione

FSC 2007-2013 APQ Rafforzato Beni e attività culturali AVVISO PUBBLICO per la presentazione di proposte progettuali per la programmazione 1 - PREMESSA FSC 2007-2013 APQ Rafforzato Beni e attività culturali AVVISO PUBBLICO per la presentazione di proposte progettuali per la programmazione PUGLIA SOUNDS RECORD 2016 In continuità con le azioni

Dettagli

LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA PER LA CULTURA

LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA PER LA CULTURA LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA PER LA CULTURA Quale è la competenze dell Unione europea nell ambito della cultura? Il trattato di Maastricht (1993) ha consentito all'unione europea, storicamente orientata

Dettagli

MISSIONE IMPRESA. capaci di farsi grandi CORSI DI FORMAZIONE PER GIOVANI IMPRENDITORI AGRICOLI REALIZZATI DA: FINANZIATI

MISSIONE IMPRESA. capaci di farsi grandi CORSI DI FORMAZIONE PER GIOVANI IMPRENDITORI AGRICOLI REALIZZATI DA: FINANZIATI MISSIONE IMPRESA capaci di farsi grandi CORSI DI FORMAZIONE PER GIOVANI IMPRENDITORI AGRICOLI REALIZZATI DA: FINANZIATI con le risorse del fondo per lo sviluppo dell imprenditoria giovanile in agricoltura

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

Beni ed Attività Culturali. (Delibera CIPE 92/2012)

Beni ed Attività Culturali. (Delibera CIPE 92/2012) Teatro Pubblico Pugliese Programma Operativo Regione Puglia Unione Europea Fondo per lo sviluppo e coesione 2007/2013. Accordo di programma quadro rafforzato Beni ed Attività Culturali. (Delibera CIPE

Dettagli

LEZIONI APPRESE DEGLI STAKEHOLDER DEI PROGETTI DI COOPERAZIONE TERRITORIALE EUROPEA

LEZIONI APPRESE DEGLI STAKEHOLDER DEI PROGETTI DI COOPERAZIONE TERRITORIALE EUROPEA LEZIONI APPRESE DEGLI STAKEHOLDER DEI PROGETTI DI COOPERAZIONE TERRITORIALE EUROPEA Venezia, Palazzo Grandi Stazioni 20 dicembre 2013 Benedetta Pricolo Regione del Veneto Unità di Progetto di Cooperazione

Dettagli

PROGRAMMA: 11 ATTIVITA PER LA PROMOZIONE DELLO SVILUPPO LOCALE PROGETTO: 25 ATTIVITÀ PRODUTTIVE RESPONSABILE: ASSESSORE DIRIGENTE: Potito BELGIOIOSO

PROGRAMMA: 11 ATTIVITA PER LA PROMOZIONE DELLO SVILUPPO LOCALE PROGETTO: 25 ATTIVITÀ PRODUTTIVE RESPONSABILE: ASSESSORE DIRIGENTE: Potito BELGIOIOSO Spese per progetto OASIS/Gestione integrata acquicoltura e pesca costiera nell Adriatico centromeridionale (E/cap. 406.00): Nell ambito del Programma Interreg IIIA Transfrontaliero Adriatico, questa Provincia

Dettagli

Sezione I Identificazione della misura

Sezione I Identificazione della misura Sezione I Identificazione della misura 1. Misura 4.7- Promozione e marketing turistico 2. Fondo strutturale interessato FESR 3. Asse prioritario di riferimento Asse 4 Sistemi locali di sviluppo 4. Codice

Dettagli

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO MOTIVAZIONE... 3 OBIETTIVI DEL PROGETTO... 5 METODOLOGIA... 6 PIANO DI LAVORO... 8 GRUPPI DI RIFERIMENTO.IMPATTO... 9 2 MOTIVAZIONE

Dettagli

BANDO NEXT EDIZIONE 2015

BANDO NEXT EDIZIONE 2015 BANDO NEXT EDIZIONE 2015 Invito pubblico per la selezione di compagnie di spettacolo che parteciperanno alla manifestazione denominata NEXT edizione 2015. PREMESSO CHE La Regione Piemonte Direzione e Promozione

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI DELLA POLITICA DI COESIONE PER IL PERIODO 2014-2020 POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le

Dettagli

Centro Servizi del Distretto

Centro Servizi del Distretto Centro Servizi del Distretto Idea progettuale Progetto integrato per il rilancio e lo sviluppo del Distretto dell Abbigliamento Valle del Liri Il Centro Servizi del Distretto Idea progettuale 1 Premessa

Dettagli

La Mobilità nella Programmazione Comunitaria 2014-2020

La Mobilità nella Programmazione Comunitaria 2014-2020 La Mobilità nella Programmazione Comunitaria 2014-2020 Dott.ssa Maria Pia Redaelli Direttore Funzione Specialistica Autorità di Gestione FSE E FESR 2014-2020, Programmazione Europea e Politiche Di Coesione

Dettagli

La politica di sostenibilità

La politica di sostenibilità Settembre Musica Torino Milano Festival Internazionale della Musica 04_21 settembre 2014 Ottava edizione La politica di sostenibilità Sistema di Gestione Sostenibile per gli Eventi UNI ISO 20121:2013 1.1

Dettagli

Conf@reti - Confartigianato crea reti d impresa Programma ERGON Eccellenze Regionali a supporto della Governance e dell Organizzazione dei Network di

Conf@reti - Confartigianato crea reti d impresa Programma ERGON Eccellenze Regionali a supporto della Governance e dell Organizzazione dei Network di Conf@reti - Confartigianato crea reti d impresa Programma ERGON Eccellenze Regionali a supporto della Governance e dell Organizzazione dei Network di imprese - Azione 2 Progetto realizzato da: Con il contributo

Dettagli

Avvio della programmazione 2007-13

Avvio della programmazione 2007-13 Avvio della programmazione 2007-13 Definizione dei criteri di selezione degli interventi per l attuazione delle strategie previste dal Programma Cagliari 9.11.2007 1 Le prossime scadenze Attività Definizione

Dettagli

DIPARTIMENTO II SETTORE IV CULTURA, TURISMO E SOCIALE IL DIRIGENTE. rende noto

DIPARTIMENTO II SETTORE IV CULTURA, TURISMO E SOCIALE IL DIRIGENTE. rende noto DIPARTIMENTO II SETTORE IV CULTURA, TURISMO E SOCIALE IL DIRIGENTE rende noto Bando Provinciale per l erogazione dei contributi per lo spettacolo dal vivo ai sensi della L.R. 11/2009, del Piano triennale

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

SINTESI DEL PROGETTO

SINTESI DEL PROGETTO Ministero dell Economia e delle Finanze Ministero per i Beni e le Attività Culturali Società di Cultura La Biennale di Venezia ALLEGATO I PROGETTO PER LA PROMOZIONE E DIFFUSIONE DELL ARTE CONTEMPORANEA

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA Il Ministero del lavoro e delle politiche sociali e l Unione delle Province d Italia UPI VISTI il

Dettagli

NEWSLETTER DICEMBRE 2009. La valutazione del POR Competitività, 2007-2013. Il Piano di Valutazione del POR Competititivà

NEWSLETTER DICEMBRE 2009. La valutazione del POR Competitività, 2007-2013. Il Piano di Valutazione del POR Competititivà NEWSLETTER DICEMBRE 2009 IN QUESTO NUMERO... si parla di: EDITORIALE 01 La valutazione nel periodo di programmazione Fondi Strutturali 2007-2013 02 La valutazione del POR Competitività, 2007-2013 03 Il

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PREMESSO CHE

PROTOCOLLO D INTESA PREMESSO CHE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA AGENZIA NAZIONALE PER I GIOVANI PROTOCOLLO D INTESA Tra la Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia e l Agenzia Nazionale per i Giovani in relazione alle attività e

Dettagli

master mi Sistemi gestionali avanzati per territori complessi Presentazione del Master di I e II livello in Management del governo locale

master mi Sistemi gestionali avanzati per territori complessi Presentazione del Master di I e II livello in Management del governo locale Sistemi gestionali avanzati per territori complessi Presentazione del Master di I e II livello in Management del governo locale Milano 25 febbraio 2011 Finalità del Master Affrontare in modo multidisciplinare

Dettagli

Abruzzo 2015 Accordo di Programma. tra il Ministero dello Sviluppo Economico e la Regione Abruzzo

Abruzzo 2015 Accordo di Programma. tra il Ministero dello Sviluppo Economico e la Regione Abruzzo 1 Abruzzo 2015 Accordo di Programma tra il Ministero dello Sviluppo Economico e la Regione Abruzzo Progetto speciale a sostegno dello sviluppo produttivo dei Distretti della Regione Abruzzo Pescara, 21

Dettagli

tra Provincia di Lecce, Provincia di Torino, Camera di Commercio I.A.A. di Lecce e BIC Lazio

tra Provincia di Lecce, Provincia di Torino, Camera di Commercio I.A.A. di Lecce e BIC Lazio PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DELLE RETI D IMPRESA In data tra Provincia di Lecce, Provincia di Torino, Camera di Commercio I.A.A. di Lecce e BIC Lazio premesso che Con l'art. 3, comma 4-ter, del

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE Tecnico delle attività ricettive ed assimilati (operanti in un sistema turistico locale)

CORSO DI FORMAZIONE Tecnico delle attività ricettive ed assimilati (operanti in un sistema turistico locale) REGIONE PUGLIA Area politiche per lo Sviluppo, il Lavoro e l Innovazione Servizio Formazione Professionale SOGGETTO ATTUATORE CORSO DI FORMAZIONE Tecnico delle attività ricettive ed assimilati (operanti

Dettagli

Manifesto delle Città Metropolitane italiane

Manifesto delle Città Metropolitane italiane Manifesto delle Città Metropolitane italiane Le aree metropolitane sono il motore delle economie nazionali e hanno un ruolo sempre più rilevante negli scenari economici, sociali e istituzionali globali.

Dettagli

IL CIRCUITO DIRETTO DELL AGROALIMENTARE SICILIANO

IL CIRCUITO DIRETTO DELL AGROALIMENTARE SICILIANO CORERAS IL CIRCUITO DIRETTO DELL AGROALIMENTARE SICILIANO La Sicilia sulle tavole italiane Legge Regionale N 25 del 2011, Art. 10 VETRINE PROMOZIONALI E PUNTI MERCATALI Allarghiamo gli orizzonti, accorciamo

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

PROGETTO Impari S. Impari S. Repubblica Italiana

PROGETTO Impari S. Impari S. Repubblica Italiana PROGETTO Interventi di informazione, formazione e azioni di sistema per le aree GAL della Sardegna PROGETTO Interventi di informazione, formazione e azioni di sistema per le aree GAL della Sardegna Lo

Dettagli

JEREMIE Settembre 2006

JEREMIE Settembre 2006 JEREMIE Settembre 2006 Presentazione Il Il FEI e le le politiche dell Unione Europea JEREMIE Conclusione 2 Il Fondo Europeo per gli Investimenti Creato nel 1994, il FEI fa parte del gruppo BEI ed è l istituzione

Dettagli

Bando regionale Servizi innovativi e strategici per la crescita delle imprese giovanili innovative e creative DGR 9/2013. Bologna, 25 febbraio 2013

Bando regionale Servizi innovativi e strategici per la crescita delle imprese giovanili innovative e creative DGR 9/2013. Bologna, 25 febbraio 2013 Bando regionale Servizi innovativi e strategici per la crescita delle imprese giovanili innovative e creative DGR 9/2013 Bologna, 25 febbraio 2013 caratteristiche dei progetti Obiettivi: sostegno a giovani

Dettagli

CORSO DI SPECIALIZZAZIONE STRATEGIE DI MARKETING E COMUNICAZIONE PER LA PROMOZIONE DEL TERRITORIO E DELLE PRODUZIONI AGROALIMENTARI TIPICHE

CORSO DI SPECIALIZZAZIONE STRATEGIE DI MARKETING E COMUNICAZIONE PER LA PROMOZIONE DEL TERRITORIO E DELLE PRODUZIONI AGROALIMENTARI TIPICHE CORSO DI SPECIALIZZAZIONE STRATEGIE DI MARKETING E COMUNICAZIONE PER LA PROMOZIONE DEL TERRITORIO E DELLE PRODUZIONI AGROALIMENTARI TIPICHE PROGETTO. Promuovere uno sviluppo economico basato sul territorio

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO COM PETITIVITA DEI SISTEMI PRODUTTIVI 22 dicembre 2014, n. 2487

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO COM PETITIVITA DEI SISTEMI PRODUTTIVI 22 dicembre 2014, n. 2487 50601 Atti regionali DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO COM PETITIVITA DEI SISTEMI PRODUTTIVI 22 dicembre 2014, n. 2487 FSC APQ Sviluppo Locale 207 2013 Titolo II Capo III Aiuti agli investimenti delle

Dettagli

PIANO DEGLI INTERVENTI

PIANO DEGLI INTERVENTI DEL. CIPE N. 7/2006 PROGRAMMI OPERATIVI DI SUPPORTO ALLO SVILUPPO 2007-2009 ADVISORING PER LO SVILUPPO DEGLI STUDI DI FATTIBILITA E SUPPORTO ALLA COMMITTENZA PUBBLICA PIANO DEGLI INTERVENTI ALLEGATO 1

Dettagli

LA LOMBARDIA PER LE IMPRESE

LA LOMBARDIA PER LE IMPRESE LA LOMBARDIA PER LE IMPRESE LA LOMBARDIA PER LE IMPRESE 1. Linee guida per il Progetto di legge per il rilancio della competitività lombarda 2. Aggiornamento dei criteri attuativi di Credito Adesso: 3.

Dettagli

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia Roberto Pretolani Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano La politica

Dettagli

ticino transfer Rete per il trasferimento di tecnologia e del sapere della Svizzera italiana

ticino transfer Rete per il trasferimento di tecnologia e del sapere della Svizzera italiana Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia Svizzera 2007-2013 ID 7600741 RIPPI Rete Insubrica Promozione Proprietà Industriale Rete di competenza per la Promozione ed il supporto alla

Dettagli

Programmazione 2007 2013

Programmazione 2007 2013 Società Consortile METROPOLI EST S.r.l. Programmazione 2007 2013 DOCUMENTI PRELIMINARI GENNAIO 2007 PREMESSA Metropoli est ritiene che il prossimo ciclo di programmazione 2007-2013 costituisca una grande

Dettagli

Analisi delle forme di incentivi corrisposti alle donne nella fase di start-up e/o per lo sviluppo di attività imprenditoriali nella Regione Calabria

Analisi delle forme di incentivi corrisposti alle donne nella fase di start-up e/o per lo sviluppo di attività imprenditoriali nella Regione Calabria Analisi delle forme di incentivi corrisposti alle donne nella fase di start-up e/o per lo sviluppo di attività imprenditoriali nella Report di ricerca Rapporto realizzato da Viale della Resistenza 23 87036

Dettagli

AZIONE DI SISTEMA FILO. Formazione Imprenditorialità Lavoro Orientamento

AZIONE DI SISTEMA FILO. Formazione Imprenditorialità Lavoro Orientamento AZIONE DI SISTEMA FILO Formazione Imprenditorialità Lavoro Orientamento Azione di sistema: FILO- Formazione, imprenditorialità, lavoro e orientamento Il ruolo delle Camere di Commercio sui temi dello sviluppo

Dettagli

Linee guida della Commissione Consultiva Teatro per la valutazione dei Teatri Nazionali e dei Teatri di rilevante interesse culturale

Linee guida della Commissione Consultiva Teatro per la valutazione dei Teatri Nazionali e dei Teatri di rilevante interesse culturale Roma, 17 febbraio 2015 Linee guida della Commissione Consultiva Teatro per la valutazione dei Teatri Nazionali e dei Teatri di rilevante interesse culturale Premessa generale In relazione al DM 1 luglio

Dettagli

Programma Operativo 2014/2020

Programma Operativo 2014/2020 Programma Operativo Fondo Europeo di Sviluppo Regionale 2014/2020 DOTAZIONE FINANZIARIA F.E.S.R. 2014/2020 965.844.740 Nel periodo 2007/2013 1.076.000.000 Criteri di concentrazione delle risorse per la

Dettagli

Informest 2020 al servizio del territorio

Informest 2020 al servizio del territorio Informest 2020 al servizio del territorio Auditorium Regione Friuli Venezia Giulia Udine, via Sabbadini, giovedì 8 gennaio 2015 Sandra Sodini Dirigente Area Cooperazione Economica Internazionale, Informest

Dettagli

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE Gruppo Consiliare NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE INDICE Obiettivi... pag. 4 Per le imprese... pag. 5 Per i consumatori... pag. 8 Indirizzi generali per l insediamento

Dettagli

Fondo Aree Sottoutilizzate

Fondo Aree Sottoutilizzate Allegato 1 Fondo Aree Sottoutilizzate Direzione Programmazione e Statistica Settore Valutazione Progetti e Atti di Programmazione Negoziata 1 Allegato 1 1.1 Stato di attuazione dell Intesa 1.2 La programmazione

Dettagli

Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Progetto Master Comunicare il Turismo Sostenibile

Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Progetto Master Comunicare il Turismo Sostenibile Perché comunicare il Turismo Sostenibile La Facoltà di Sociologia dell Università degli Studi di Milano-Bicocca attiverà nel biennio 2013-2014 la seconda edizione del master di primo livello Comunicare

Dettagli

L OSSERVATORIO NAZIONALE

L OSSERVATORIO NAZIONALE L OSSERVATORIO NAZIONALE DELL AGRITURISMO Formulare proposte per la determinazione dei criteri di classificazione delle aziende agrituristiche secondo criteri omogenei per l intero territorio nazionale

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. L anno 2008, il giorno 1 del mese di marzo presso il Comune di Trebisacce (CS) TRA PREMESSO CHE

PROTOCOLLO D INTESA. L anno 2008, il giorno 1 del mese di marzo presso il Comune di Trebisacce (CS) TRA PREMESSO CHE PROVINCIA PROVINCIA PROVINCIA PROVINCIA DI COSENZA DI LECCE DI MATERA DI TARANTO PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL TAVOLO DI CONSULTAZIONE PERMANENTE TRA LE PROVINCE DEL GOLFO DI TARANTO (COSENZA,

Dettagli

LE ORGANIZZAZIONI DI GESTIONE DELLE DESTINAZIONI TURISTICHE Modelli ed esempi internazionali e nazionali

LE ORGANIZZAZIONI DI GESTIONE DELLE DESTINAZIONI TURISTICHE Modelli ed esempi internazionali e nazionali LE ORGANIZZAZIONI DI GESTIONE DELLE DESTINAZIONI TURISTICHE Modelli ed esempi internazionali e nazionali Stefan Marchioro Docente Economia applicata al Turismo, Università di Padova Seminario L ORGANIZZAZIONE

Dettagli

Declinazione dei risultati di apprendimento in conoscenze e abilità per il primo biennio

Declinazione dei risultati di apprendimento in conoscenze e abilità per il primo biennio Allegato A) Declinazione dei risultati di apprendimento in conoscenze e abilità per il primo biennio A.1 Settore economico A.2 Settore tecnologico Il presente allegato è stato redatto con riferimento alle

Dettagli

INFORMATIVA SULLE AZIONI ATTIVATE (B) Strumenti di Ingegneria Finanziaria nell ambito del PON R&C. Comitato di Sorveglianza 16 giugno g 2010 Roma

INFORMATIVA SULLE AZIONI ATTIVATE (B) Strumenti di Ingegneria Finanziaria nell ambito del PON R&C. Comitato di Sorveglianza 16 giugno g 2010 Roma Punto 5 dell ordine del giorno: INFORMATIVA SULLE AZIONI ATTIVATE (B) Strumenti di Ingegneria Finanziaria nell ambito del PON R&C (C) I nuovi bandi del MISE a valere sulla Legge 46/82 FIT Comitato di Sorveglianza

Dettagli

Centri assistenza tecnica Confcommercio e Confesercenti Puglia

Centri assistenza tecnica Confcommercio e Confesercenti Puglia Centri assistenza tecnica Confcommercio e Confesercenti Puglia 4 Le Condizioni e i requisiti per lo start up dei CCN 2 1. Operatori: con volontà di azioni congiunte (investimento in iniziative di promozione

Dettagli

BERGAMO SMART CITY &COMMUNITY

BERGAMO SMART CITY &COMMUNITY www.bergamosmartcity.com Presentazione Nasce Bergamo Smart City & Community, associazione finalizzata a creare una rete territoriale con uno scopo in comune: migliorare la qualità della vita dei cittadini

Dettagli

Descrizione del fabbisogno e definizione dell oggetto dell incarico

Descrizione del fabbisogno e definizione dell oggetto dell incarico Allegato n. 2 Fabbisogno Assistenza Tecnica AdG e AdC Fabbisogno di n. 26 esperti per l espletamento di attività di Assistenza tecnica indirizzata alla gestione, sorveglianza, valutazione, informazione

Dettagli

IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI

IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI LA RESPONSABILITÀ SOCIALE UN VOLANO PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE DEL TERRITORIO IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI Lucia Briamonte M. Assunta D Oronzio Villa

Dettagli

Seoul Agenda: Goals for Development of Arts Education. Agenda Seoul: obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte

Seoul Agenda: Goals for Development of Arts Education. Agenda Seoul: obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte Seoul Agenda: Goals for Development of Arts Education Agenda Seoul: obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte La Agenda Seoul, obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte è uno dei maggiori

Dettagli

LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro. Materiale propedeutico al seminario territoriale

LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro. Materiale propedeutico al seminario territoriale LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro Materiale propedeutico al seminario territoriale Il contesto OBIETTIVO REGIONE LOMBARDIA Costruire un Welfare in grado di porre al centro

Dettagli

La costituzione degli Istituti Tecnici Superiori e la riorganizzazione del sistema dell IFTS

La costituzione degli Istituti Tecnici Superiori e la riorganizzazione del sistema dell IFTS Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione generale per l istruzione e formazione tecnica superiore e per i rapporti con i sistemi formativi delle Regioni La costituzione degli

Dettagli

PROGETTO JESSICA. Lo scopo del progetto è quello di offrire metodi innovativi per attuare analisi strategiche e stabilire progetti integrati.

PROGETTO JESSICA. Lo scopo del progetto è quello di offrire metodi innovativi per attuare analisi strategiche e stabilire progetti integrati. PROGETTO JESSICA FINALITA Il Progetto Jessica intende unire esperienze di alta qualità, competenze istituzionali e risorse finanziarie pubbliche e private per aiutare a creare e organizzare dei nuovi strumenti

Dettagli

1 - CODICE PROGETTO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL

1 - CODICE PROGETTO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL 1 - CODICE PROGETTO 4.1.1- IL POLO SCIENTIFICO E TECNOLOGICO SPECIALIZZAT O NEI SETTORI DELLE PRODUZIONI VITICOLE, ENOLOGICHE, DELLE GRAPPE E DELLE ACQUAVITI DI CONEGLIANO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA

Dettagli

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Antonella Buja Coordinatrice Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena Le diverse tipologie

Dettagli

Provincia di Reggio Calabria

Provincia di Reggio Calabria Provincia di Reggio Calabria Sett.1 AA.GG, Giunta, URP, Segr./Direz. Generale, Contratti- -Assistenza Giuridico Amm.va ai Comuni, Controllo Strategico/Direzionale, Pari Opportunità, Consigliera di parità

Dettagli

PROGETTO ENERGIA TEATRALE

PROGETTO ENERGIA TEATRALE PROGETTO - PROGETTO ALTERENERGY: ENERGY SUSTAINABILITY FOR ADRIATIC SMALL COMMUNITIES REGIONE PUGLIA SERVIZIO MEDITERRANEO 1 1. OBIETTIVI Obiettivo primario della presente proposta progettuale, in linea

Dettagli

Ricerca e innovazione: le opportunità comunitarie per rilanciare la competitività del Sistema Marche

Ricerca e innovazione: le opportunità comunitarie per rilanciare la competitività del Sistema Marche Ricerca e innovazione: le opportunità comunitarie per rilanciare la competitività del Sistema Marche Regione Marche PATRIZIA SOPRANZI P.F. Innovazione Ricerca e Competitività dei Settori Produttivi Strategia

Dettagli

5.3.1.1.2 MISURA 112 Insediamento di giovani agricoltori

5.3.1.1.2 MISURA 112 Insediamento di giovani agricoltori 5.3.1.1.2 MISURA 112 Insediamento di giovani agricoltori Riferimenti normativi Articolo 20 lett. A) punto ii e Articolo 22 del Regolamento (CE) n. 1698/05. Articolo 13 del Regolamento (CE) n. 1974/2006

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 6293 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI NESI, BARRAL, CARLI, CHIAPPORI, SERGIO FUMAGALLI, FANTOZZI, GASTALDI, MANZINI, MASIERO, MAZZOCCHI,

Dettagli