L alimentazione durante la gravidanza e l allattamento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L alimentazione durante la gravidanza e l allattamento"

Transcript

1 L alimentazione durante la gravidanza e l allattamento Opuscolo informativo per ginecologi, ostetrici, pediatri e medici di famiglia Sigla editoriale Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) Editore: Ufficio federale della sanità pubblica Data di pubblicazione: Maggio 2011 Autori: Camenzind-Frey E, UFSP, Sezione rischi in materia di alimentazione e tossicologia, Zurigo Hesse-Lamm M, UFSP, Unità di direzione protezione dei consumatori, Berna Laimbacher J, KIG-SG, Ostschweizer Kinderspital di San Gallo Bachmann G, KIG-SG, Dipartimento della sanità del Cantone di San Gallo Kluckert C, KIG-SG, Ostschweizer Kinderspital di San Gallo Renggli A, UFSP, Sezione rischi in materia di alimentazione e tossicologia, Zurigo KIG-SG: Kinder im Gleichgewicht St. Gallen (Dipartimento della sanità del Cantone di San Gallo, Ostschweizer Kinderspital di San Gallo, Promozione Salute Svizzera) Modalità di citazione: Camenzind-Frey E., Hesse-Lamm M., Laimbacher J., Bachmann G., Kluckert C., Renggli A. L alimentazione durante la gravidanza e l allattamento. Berna: Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), Impaginazione grafica: Silversign GmbH, visuelle Kommunikation, Berna Fotografie: Fotolia La presente pubblicazione è edita anche in tedesco e francese. Numero di pubblicazione UFSP: UFSP VS EXT1109 Tiratura: 500 d 400 f 200 i UFSP, Unità di direzione protezione dei consumatori, 3003 Berna Numero di contratto: Luogo d acquisto: UFCL, Vendita di pubblicazioni federali, 3003 Berna Numero di articolo UFCL: i Stampato su carta sbiancata senza cloro

2 L alimentazione durante la gravidanza e l allattamento Indice I. Gli aspetti più importanti in sintesi: l alimentazione durante la gravidanza e l allattamento 2 II. Introduzione 3 III. Prima della gravidanza 3 IV. Durante la gravidanza e l allattamento 4 Raccomandazioni generali per un alimentazione equilibrata 4 Influsso dell alimentazione della madre sullo sviluppo dei sensi e sul comportamento nutrizionale del bambino 4 Aumento di peso durante la gravidanza 5 Possibili rischi attraverso l alimentazione 6 V. Panoramica delle raccomandazioni per un alimentazione ottimale della donna sana 10 Raccomandazioni per un apporto sufficiente di tutte le sostanze nutritive 10 Raccomandazioni per evitare i prodotti a rischio 11 Raccomandazioni per eliminare nonché evitare agenti patogeni (misure di igiene) 11 VI. Appendice : Link per maggiori informazioni 12 Nella presente pubblicazione, il riferimento all altro sesso è valido sia per il sesso maschile che per quello femminile. Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) 1

3 I. Gli aspetti più importanti in sintesi: l alimentazione durante la gravidanza e l allattamento Adattamento dell alimentazione durante il periodo preconcezionale. Supplemento di acido folico di 0,4 mg per 4 settimane prima del concepimento fino alla 12a settimana di gravidanza, eventualmente dalla 12a settimana di gravidanza supplemento di vitamine. Consulenza medica riguardo all aumento di peso ottimale corrispondente all indice di massa corporea (Body Mass Index). Non mangiare mai «per due». Alimentazione equilibrata con frutta e verdura «5 al giorno», cioé assumere quotidianamente 3 porzioni di verdura e 2 di frutta. Per ogni pasto principale consumare un contorno ricco di amido (prodotti integrali). Assumere quotidianamente 3 porzioni di latte e latticini, carne 2 3 volte alla settimana e pesce 1 2 volta alla settimana. Consumare con moderazione oli e grassi, prediligere oli vegetali ad alto valore nutritivo. È consigliata una porzione di noci (20 30 g). Moderare il consumo di dolciumi, salatini e bevande energetiche. Assicurare un apporto giornaliero di acqua pari a 1,5 2 l. Ridurre al minimo l assunzione di sostanze nocive, soprattutto mercurio, diossina e piombo: evitare di mangiare pesce spada, marlin/aguglia imperiale e squalo. Limitare il consumo di tonno fresco una volta alla settimana e rinunciare al luccio di provenienza estera, alle aringhe e al salmone del Mar Baltico. Si consiglia di sostituirli con trota, scorfano, coregone, sardine, ippoglosso comune o tonno in scatola 1 o 2 volte alla settimana e di cibarsi di selvaggina in salmì al massimo 2 volte alla settimana. Evitare prodotti crudi di origine animale come latte crudo, carne cruda e uova crude (pericolo di trasmissione di malattie infettive quali toxoplasmosi e listeriosi). Consumare con moderazione bevande dolcificate a causa dell alto contenuto di zuccheri e calorie. Non assumere alcol, nicotina e altre sostanze che generano dipendenza. Bere al massimo 2 3 tazze di caffè al giorno. Misure di igiene: lavare bene le mani e gli alimenti. Conservare i prodotti alla temperatura corretta e osservare la data di scadenza. Cuocere bene la carne e le uova. Usare cautela nel contatto con i gatti. Praticare attività fisica, se non è controindicato: ideali sono la marcia (andare in ufficio a piedi, camminare e fare le scale invece di prendere l ascensore), il nuoto e la ginnastica in acqua, la cyclette e gli attrezzi cardiovascolari a basso impatto, l aerobica a basso impatto, eventualmente i corsi di aerobica dolce e yoga specifici per gestanti. Praticare attività fisica almeno mezzora al giorno (l intensità è quella di una camminata a passo spedito). Evitare di praticare attività fisiche che comportano il rischio di cadere o ferirsi (sci, mountain bike, calcio), movimenti energici e intensi oppure in condizioni di temperature estreme. Il foglio informativo «Gli aspetti più importanti in sintesi: Alimentazione durante la gravidanza e l allattamento» può essere scaricato dalla pagina iniziale dell Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) (v. link in appendice). 2 L alimentazione durante la gravidanza e l allattamento

4 II. Introduzione Un alimentazione equilibrata durante la gravidanza e l allattamento è un presupposto fondamentale per la salute della madre e del feto e influisce su tutte le fasi di sviluppo del bambino fino all età adulta. Negli ultimi due decenni sono aumentati in modo significativo sia il peso della donna all inizio della gravidanza sia l incremento ponderale complessivo durante la gestazione. Per questo motivo, all inizio della gravidanza, nell ambito di una consulenza individuale, si dovrebbe stabilire l aumento di peso auspicato. Il sovrappeso prima e durante la gravidanza comporta notevoli complicazioni per la mamma e il bambino: diabete da gestazione, ipertensione indotta dalla gravidanza, contrazioni ritardate e abbondante emorragia durante il parto così come numerose malformazioni e disturbi dell adattamento neonatale. Oltre alla «sovralimentazione», anche l iponutrizione uterina può avere notevoli conseguenze per il bambino. L alimentazione in utero ha probabilmente un influsso significativo sullo sviluppo di arteriosclerosi, ipertensione, resistenza all insulina e su molte altre funzioni metaboliche ed endocrinologiche nel corso della vita. All alimentazione dalla madre al bambino durante la gravidanza e l allattamento possono essere legati però anche dei pericoli. Recentemente, il contenuto particolarmente alto di metilmercurio in alcuni pesci come pesce spada, marlin/aguglia imperiale e squalo ha portato alcuni Paesi a prendere posizione e a emanare particolari raccomandazioni. Ciò ha indotto la Commissione federale per l alimentazione (COFA) a impiegare un gruppo di esperti per esaminare le raccomandazioni sull alimentazione finora in vigore per le donne in gravidanza e in allattamento. Le attuali conoscenze scientifiche sull alimentazione e in particolare sul pericolo derivante da componenti tossici e agenti infettivi negli alimenti sono state raccolte e, sulla base di queste, formulate delle raccomandazioni generali per l alimentazione nelle fasi della gravidanza e dell allattamento. Il link per il rapporto del COFA dal titolo «Alimentazione durante la gravidanza e l allattamento. Pericolo per la mamma e il bambino?» figura nell appendice. Il presente opuscolo è un estratto del rapporto degli esperti del COFA ed è stato realizzato in collaborazione con il «progetto KIG Kinder im Gleichgewicht» di San Gallo. III. Prima della gravidanza L ideale sarebbe iniziare a controllare l alimentazione già prima del concepimento nel momento in cui si desidera un figlio e la relativa consulenza presso il ginecologo e il medico di famiglia prima della gravidanza. Oltre a un alimentazione varia ed equilibrata in base alla piramide alimentare elaborata dalla Società svizzera di nutrizione (SSN), l acido folico è di estrema importanza. Per evitare difetti del tubo neurale del lattante, le donne che desiderano o che potrebbero affrontare una gravidanza, dovrebbero assumere quotidianamente una dose di 0.4 mg di acido folico sintetico, preferibilmente sotto forma di preparato multivitaminico. Tale tematica è trattata in modo esauriente nel capitolo seguente. Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) 3

5 IV. Durante la gravidanza e l allattamento Raccomandazioni generali per un alimentazione equilibrata Concetti fondamentali A una donna sana, durante la gravidanza e l allattamento si consiglia un alimentazione equilibrata e varia in base alla piramide alimentare della SSN, costituita da diversi pasti ripartiti nel corso della giornata. La frutta e la verdura sono un importante fonte di vitamine, minerali e sostanze vegetali secondarie. Si dovrebbero consumare quotidianamente 3 porzioni di verdura, di cui una cruda, e 2 porzioni di frutta («5 al giorno»; 1 porzione da 120 g cioé una bella manciata). Una porzione può essere sostituita da succo di verdura o di frutta. Per ogni pasto principale si consiglia di consumare un contorno ricco di amido. Almeno 2 porzioni dovrebbero essere costituite da prodotti integrali, in quanto fonte di fibre alimentari, vitamine e minerali. Carne, pesce, uova, latte e latticini contengono proteine, ferro, zinco e vitamina B 12, acidi grassi n-3 (il pesce) e calcio. Per questo motivo si consiglia un consumo giornaliero di 3 porzioni di latte e latticini, 2 3 porzioni di carne e 1 2 di pesce alla settimana. I grassi e gli oli sono fonti di acidi grassi insaturi essenziali e vitamine liposolubili. A causa dell alto contenuto energetico dovrebbero essere assunti con moderazione (4 6 cucchiaini da tè al giorno, cioé g; eventualmente 10 g spalmati sul pane) e oli vegetali ad alto valore nutritivo, ad esempio privilegiare l olio di colza o di oliva. Si consiglia una porzione (20 30 g) di noci. Consumare con moderazione dolciumi, salatini e bevande zuccherate che generalmente rilasciano energia principalmente sotto forma di zucchero o grasso. I cibi dovrebbero essere salati con moderazione utilizzando sale da cucina fluorato e iodato (confezione verde). Ricordarsi di assumere una quantità di liquidi sufficiente (1,5 2 l) sotto forma di bevande non zuccherate e acqua. Fabbisogno energetico Un elevato apporto energetico è necessario solo a partire dal quarto mese di gravidanza, per mantenere un ottimale aumento di peso della madre e un normale sviluppo corporeo del feto. Il fabbisogno energetico aumenta di circa kcal/giorno ( kj/giorno), raggiungendo mediamente circa 2500 kcal/giorno (10470 kj/giorno). Il rapporto tra le singole sostanze nutritive corrisponde, anche in questa fase, a quello di un alimentazione sana: 30 35% grassi (80 95 g/giorno), 10% proteine (60 70 g/giorno) e 55 60% carboidrati ( g/giorno) del fabbisogno energetico quotidiano. Il 50 70% delle proteine dovrebbe essere di origine animale. Vitamine e minerali Nelle prime 12 settimane di gravidanza, è fondamentale soprattutto il fabbisogno supplementare di vitamine e minerali. Un alimentazione vegana e vegetariana non equilibrata durante la gravidanza, se non è integrata (in particolare da sostanze come Vitamina B 12, ferro e zinco) può rappresentare un pericolo per il bambino. Già prima della gravidanza è estremamente importante la vitamina di acido folico. Per prevenire difetti al tubo neurale del feto, si consiglia a tutte le donne che desiderano o che potrebbero restare incinte, di assumere giornalmente, oltre alla normale alimentazione, 0,4 mg di acido folico sintetico (corrispondenti a 400 microgrammi) sotto forma di pastiglie o capsule, meglio se integrati in un preparato multivitaminico, possibilmente 4 settimane prima del concepimento e durante le prime 12 settimane di gravidanza. Una «normale» alimentazione equilibrata non può apportare tale quantità di acido folico. Diventa particolarmente critico coprire il maggior fabbisogno di vitamine, minerali e microelementi se già l alimentazione quotidiana ne apporta in modo insufficiente. Potrebbe essere il caso di determinati tipi di alimentazione, come ad esempio molti anni di alimentazione vegetariana o vegana. Bisogna dedicare particolare attenzione all apporto di calcio, ferro, zinco, vitamine B 12 e D. Eventualmente è necessario integrare tali sostanze nutritive, in aggiunta all acido folico, a partire dalla 12a settimana di gravidanza. Influsso dell alimentazione della madre sullo sviluppo dei sensi e sul comportamento nutrizionale del bambino La formazione delle abitudini nutrizionali dei bambini è determinata in modo cruciale dalle condizioni sociali e culturali. Fondamentali sono alcune preferenze trasmesse in modo ereditario ma anche quelle che si sviluppano nel grembo materno. Nel complesso, la cultura alimentare nel luogo di nascita costituisce il quadro in cui si sviluppa il gusto personale. Ciò vale per gli alimenti più diffusi localmente nonché per i piatti preferiti dai genitori. 4 L alimentazione durante la gravidanza e l allattamento

6 Sappiamo che lo sviluppo del comportamento nutrizionale avviene molto presto nella vita nel bambino ed è possibile che si manifesti unicamente in una fase sensibile e limitata nel tempo. Solo recentemente è emerso che la preferenza per determinati sapori da parte dei neonati è fortemente influenzata anche dal comportamento alimentare della madre durante la gravidanza. Si parla di programmazione in utero. Tramite il contatto indiretto con i sapori attraverso il cordone ombelicale e il liquido amniotico, il bambino impara a conoscere i gusti degli alimenti già nel grembo materno e, di conseguenza, è portato ad avere delle preferenze anche dopo la nascita. Una madre che durante la gravidanza si nutre in modo molto vario fa sì che il bambino, più tardi, si confronti con un ampio spettro di alimenti diversi. Se invece la madre, durante la gravidanza, si nutre in modo poco vario, probabilmente il bambino avrà, in seguito, una preferenza per determinati alimenti e mostrerà un comportamento tendenzialmente di rifiuto verso sapori a lui finora sconosciuti. Il processo di sviluppo continua anche dopo la nascita. Il latte materno è evidentemente più vario per le sensazioni dei gusti rispetto al latte confezionato poiché contiene i sapori degli alimenti consumati dalla madre. Per questo è più limitata la cosiddetta neofobia, ossia il rifiuto di nuovi cibi da parte dei lattanti, che si manifesta successivamente. Questo è probabilmente un motivo per cui i lattanti presentano un basso rischio di sviluppo di adiposità. Infatti, se la madre assume regolarmente frutta e verdura durante l allattamento, è probabile che i lattanti la mangino, in seguito, più volentieri (Ellrott T. Wie Kinder essen lernen, Ernährung 1: , 2007). Aumento di peso durante la gravidanza L aumento di peso è costituito per metà dallo sviluppo e dalla formazione di nuovo tessuto adiposo materno, dalla crescita del feto, della placenta, del liquido amniotico, da ipertropia uterina e dall ingrossamento del seno, per l altra metà dall aumento del liquido intracellulare e del volume plasmatico, nonché, nel terzo trimestre, dalla ritenzione idrica. L aumento di peso ideale è individuale e dipende dal Body Mass Index (BMI) prima della gravidanza. Per una donna con un peso normale si consiglia un aumento di peso da 11,5 a 16 kg, mentre per le donne sovrappeso solo da 7 a 11,5 kg. Le donne in giovane età e le donne molto magre dovrebbero cercare di raggiungere il livello superiore dell aumento di peso consigliato, le donne di bassa statura (< 157 cm) il livello inferiore. Nella tabella sottostante è elencato l aumento di peso ideale in base al peso di partenza della donna incinta. Tabella 1 Aumento di peso consigliato durante la gravidanza in base al BMI BMI prima della Aumento di peso Aumento di peso gravidanza in kg/m 2 complessivo consigliato per consigliato in kg settimana in kg Peso normale 18,5 24,9 11,5 16 0,4 dalla 12a sett. di grav. Sottopeso < 18,5 12,5 18 0,5 dalla 12a sett. di grav. Sovrappeso 25 29,9 7 11,5 0,3 dalla 12a sett. di grav. Fortemente sovrappeso 30 39,9 7 Sovrappeso patologico > 40 7 Gravidanza gemellare 15,9 20,4 0,7 dalla 12a sett. di grav. Gravidanza trigemina ca. 22 peso corporeo in kg BMI = altezza in m 2 Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) 5

7 IV. Durante la gravidanza e l allattamento Possibili rischi attraverso l alimentazione Possibili pericoli attraverso l alimentazione per la mamma e il bambino durante la gravidanza e l allattamento possono derivare da sostanze inquinanti o tossiche, impurità microbiche e un igiene non appropriata in cucina. Fra i possibili rischi durante la gravidanza, al momento si annoverano soprattutto sostanze inquinanti come mercurio, piombo, diossina, composti diossina-simili e micotossine così come vitamina A, sostanze vegetali attive a livello farmacologico e chinino. Durante l allattamento, sono pericolosi i contaminanti organici persistenti (POP), in particolare diossina e composti diossina-simili, i pesticidi cloroorganici così come i ritardanti di fiamma bromurati, che vengono trasmessi al feto tramite il latte materno. Riguardo alle impurità microbiche, durante la gravidanza sono fondamentali soprattutto la toxoplasmosi, trasmessa attraverso la carne cruda o la verdura non lavata bene e la listeriosi, il cui agente patogeno giunge nell organismo materno attraverso il latte crudo e alcuni prodotti derivati. Un igiene non appropriata in cucina può aumentare le impurità microbiche dell alimentazione e quindi contribuire a infettare e a mettere in pericolo la mamma e il bambino. Qui di seguito sono presentati in dettaglio i potenziali fattori di rischio. Sostanze inquinanti / tossiche Grandi pesci predatori come pesce spada, marlin/ aguglia imperiale e squalo, ma anche tonno fresco e luccio di provenienza estera possono presentare concentrazioni di metilmercurio (Metil-Hg) e, se consumati frequentemente, possono portare al superamento del consumo settimanale tollerabile temporaneo (PTWI) di Metil-Hg di 1,6 µg/kg del peso corporeo. Ciò corrisponde, per una donna che pesa 60 kg, a una quantità di 100 µg Methyl-Hg/settimana. Per i pesci predatori, in Svizzera il valore limite di Metil-Hg è di 1 mg/kg, che nel periodo 2003 a 2005 è stato superato perfino del 42%. Il tonno in scatola, poiché vengono utilizzati altre spezie e pesci più piccoli, contiene meno Metil-Hg. In Svizzera, per la popolazione generale l esposizione media al mercurio non è preoccupante. Tali sostanze possono rappresentare un particolare pericolo per il feto, i lattanti e i bambini piccoli di donne in età fertile che desiderano un figlio, donne incinte e madri che allattano. La diossina e i composti diossina-simili si trovano ovunque nell ambiente. Le fonti principali sono i processi di combustione. La diossina si diffonde attraverso l aria e si deposita nel terreno, nell acqua e nelle piante. Tali composti sono molto stabili a livello chimico, facilmente liposolubili e di difficile decomposizione a livello biologico. Possono accumularsi nella catena alimentare e giungere, così, fino al corpo umano. L effetto è tossico a livello immunitario, neurologico e riproduttivo. Poiché il tempo di dimezzamento di tali sostanze nell organismo umano è di diversi anni, la contaminazione della madre fino al momento della gravidanza e dell allattamento è maggiormente determinante per l esposizione del feto rispetto alla contaminazione durante la gravidanza e l allattamento. La diossina e i composti diossina-simili sono presenti anche nei pesci grassi. Per questo è preferibile consumare pesce con una bassa concentrazione di diossina e composti diossina-simili (ad esempio la trota). È sconsigliato mangiare aringhe e salmoni del Mar Baltico, ricchi di diossina. 6 L alimentazione durante la gravidanza e l allattamento

8 Excursus: sostanze nocive nel latte materno Molte sostanze, con cui le madri vengono a contatto nel corso della loro vita e che si accumulano nel loro tessuto adiposo, giungono nel latte materno. Il rischio di contaminazione del latte materno è evidentemente più elevato rispetto ad altri alimenti. Un confronto tra le attuali analisi e quelle di 25 anni fa mostra però che la contaminazione del latte materno con le sostanze nocive più frequenti, esclusi i ritardanti di fiamma bromurati, è notevolmente diminuita. Il raggiungimento di tali diminuzioni nel latte materno richiede però altri sforzi per ridurle ulteriormente. Ciò vale soprattutto per la diossina e i composti diossina-simili così come per i ritardanti di fiamma bromurati. I vantaggi del latte materno superano però di gran lunga i rischi derivanti dalle sostanze nocive. Per questo motivo si consiglia di allattare al seno, se possibile esclusivamente, i lattanti nei primi 6 mesi di vita e di integrare, fino all età di 2 anni, l allattamento con un alimento supplementare sicuro e adatto all età. Il piombo è presente ovunque, soprattutto negli alimenti vegetali e nell acqua potabile. Alcuni alimenti di origine animale (selvaggina) possono però presentare un contenuto particolarmente alto di piombo. Un organismo in via di sviluppo è particolarmente sensibile a questa sostanza; a risentirne è soprattutto il suo sistema nervoso. Il piombo passa attraverso la barriera placentare e quindi, in condizioni di forte esposizione, può provocare nel bambino un deficit psicomotorio e d intelligenza. Poiché il piombo giunge attraverso i proiettili nella selvaggina (caprioli, cervi, lepri e cinghiali) e derivati, si consiglia alle donne in gravidanza di consumare selvaggina in salmì non più di due volte alla settimana in porzioni da 200 g al massimo. Le micotossine sono cataboliti prodotti da funghi appartenenti ai generi Aspergillus, Penicillium, Fusarium e talvolta Alternaria. Di oltre 300 micotossine note, quelle principali sono le aflatossine, l ocratossina A e le fumonisine. Vi è un alto rischio di contaminazione da aflatossine, mutagene e cancerogene, in alimenti come arachidi, mais, noci del Parà, spezie e fichi. L ocratossina A è presente soprattutto in cereali, prodotti a base di cereali e caffè. Gli effetti a lungo termine di una lunga esposizione a tali sostanze sono patologie al fegato e ai reni, sviluppo di cancro e danni al sistema immunitario. Per numerose miotossine ci sono dei valori limite, particolarmente rigidi nei prodotti dietetici per lattanti e neonati. Si dispone di dati riguardo al contenuto di aflatossine nel latte materno, ma non ancora di rapporti clinici relativi all intossicazione. Quantità elevate di vitamina A e derivati hanno, nel primo periodo di gravidanza, un effetto teratogeno. La quantità di vitamina A può essere particolarmente alta nel fegato di vitello, ma anche il fegato di certi pesci è ricco di vitamina A. Per questo, si consiglia alle donne in età fertile di non consumare fegato di vitello. Tuttavia, attualmente sono disponibili i risultati di studi sull apporto insufficiente di vitamina A durante la gravidanza, il che ha ugualmente delle ripercussioni negative sullo sviluppo del bambino. La vitamina D viene generalmente sintetizzata in quantità sufficiente dal corpo stesso se viso e mani vengono quotidianamente esposti, per breve tempo, alla luce del sole. Una bassa concentrazione di vitamina D nel terzo trimestre può causare una bassa densità ossea nel bambino. I bioflavonoidi (pigmenti vegetali) possono causare interazioni con il metabolismo (ad esempio inibizione del citocromo P 450, interazioni con il DNA) e quindi non dovrebbero essere assunti come integratori in gravidanza. Durante la gravidanza, a causa del loro spettro tossicologico, sono da evitare i prodotti fitoterapeutici contenenti le seguenti piante: iperico, kawa-kawa, ipercacuana, edera, erba renella, crespino, celidonia, senna, belladonna, farfara, petasite, agnocasto e cimicifuga racemosa. Le bevande contenenti chinino (ad esempio Bitter Lemon, acqua tonica), se assunte in grandi quantità durante la gravidanza, possono essere dannose per la salute del bambino. Gli effetti indesiderati possono essere neurotossici, in particolare disturbi della vista, gastrointestinali, nella conduzione dell eccitazione a livello cardiaco, diminuzione della pressione arteriosa, problemi ematologici e in generale reazioni di ipersensibilità della pelle, febbre e broncospasmi. Nella sezione «Raccomandazioni per evitare i prodotti a Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) 7

9 IV. Durante la gravidanza e l allattamento rischio» è riportata la quantità tollerabile di chinino (capitolo V). Generi voluttuari contenenti caffeina come caffè, tè nero e tè verde devono essere consumati con moderazione. Alcol, nicotina e altre sostanze che generano dipendenza provocano in modo diretto effetti tossici per il feto e quindi devono essere assolutamente evitati. Durante l allattamento devono essere consumati con moderazione. Nella sezione «Raccomandazioni per evitare i prodotti a rischio» sono riportati i dati per una quantità tollerabile (capitolo V). Excursus: protezione solare durante la gravidanza e l allattamento Nell ambito del Programma nazionale di ricerca «Perturbatori endocrini: importanza per gli esseri umani, gli animali e gli ecosistemi» (NFP50) sono stati analizzati anche i filtri UV utilizzati nei prodotti per la protezione solare. Da un esperimento sui ratti è emerso che la sostanza 4-metil-benzilidene-canfora (4-MBC), utilizzata come filtro UV, influisce già a basse concentrazioni sullo sviluppo degli organi sessuali e sul comportamento sessuale dei discendenti. Attualmente si dispone di numerose spiegazioni scientifiche sulla sostanza 4-MBC. Nel frattempo, molti fabbricanti hanno rinunciato a utilizzare la sostanza 4-MBC nei prodotti per la protezione solare. Per sapere quale filtro UV è contenuto in un determinato prodotto, è sufficiente leggere la lista degli ingredienti. Nel latte materno sono stati riscontrati alcuni filtri UV (compreso il 4-MBC). Ad ogni modo, le concentrazioni rilevate erano così esigue che, allo stadio attuale delle conoscenze scientifiche, si ritiene improbabile che costituiscano un pericolo per la salute del lattante. Inoltre, la presenza di filtri UV nel latte materno è il riflesso di una recente applicazione (temporanea) e non il risultato di una contaminazione a lungo termine. Perciò, con un impiego limitato di prodotti per la protezione solare si ottiene, di conseguenza, una bassa concentrazione di filtri UV nel latte materno. Se si riduce l esposizione solare durante la gravidanza e l allattamento, si evita di stare al sole nelle ore di maggiore intensità solare (dalle alle 15.00) e ci si protegge con abiti lunghi, cappello e occhiali da sole, si può ridurre l impiego di prodotti per la protezione solare e quindi la contaminazione del feto nel grembo materno nonché del lattante attraverso il latte materno, dovuta alla presenza di filtri UV che potrebbero rivelarsi problematici per la loro salute. In alternativa ai filtri UV organici durante la gravidanza e l allattamento, ci sono prodotti con filtri UV minerali (diossido di titanio). In considerazione di una possibile contaminazione del latte materno con i filtri UV derivanti dai prodotti per la protezione solare, l Ufficio federale della sanità pubblica ricorda le sue raccomandazioni sull allattamento e sulla protezione solare. I vantaggi dell allattamento, sia per il lattante che per la madre, durante i primi 6 mesi di vita e l impiego di prodotti per la protezione solare per prevenire il tumore alla pelle causato dall esposizione solare superano di gran lunga i timori riguardo ai rischi derivanti da sostanze nocive (tra cui i filtri UV) nel latte materno. Impurità microbiche / Malattie infettive La toxoplasmosi e la listeriosi sono due malattie infettive trasmesse con gli alimenti che possono danneggiare la salute del feto o del lattante. Si consigliano delle misure di precauzione. L infezione avviene tramite le uova dell agente patogeno della toxoplasmosi (Toxoplasma gondii), contenute nelle feci del gatto, la principale fonte di questi parassiti, che, se diffuse da vento e polvere, possono giungere nella verdura. Inoltre, queste uova possono essere ingerite con l erba dagli animali da reddito e finire di conseguenza nella carne. È pertanto possibile contrarre un infezione consumando carne cruda o verdure dell orto, probabilmente già contaminate dalle feci di gatti randagi. L infezione è generalmente asintomatica o presenta soltanto i sintomi di una leg- 8 L alimentazione durante la gravidanza e l allattamento

10 gera influenza. Per avere un riscontro dell infezione, occorre effettuare un esame del sangue. Il terzo trimestre di gravidanza è quello in cui il rischio di infettare il feto è più elevato, ma il rischio di danneggiare la salute del bambino diminuisce nel corso della gravidanza. Il feto può avere delle malformazioni oppure nascere morto. Circa il 10% dei bambini infettati in via intrauterina mostra già alla nascita i tipici segni di tale infezione: idrocefalia, calcificazioni cerebrali, itterizia con infiammazione del fegato ma anche infiammazioni ai polmoni e ai muscoli cardiaci. Gran parte dei neonati appare sana alla nascita, ma in seguito può presentare disturbi della vista, dell udito e dello sviluppo. Contrariamente a quanto si é creduto fino al giorno d oggi, il riconoscimento precoce delle patologie e la cura della madre non riducono notevolmente il rischio d infezione nel bambino. Le misure da adottare sono: un igiene scrupolosa in cucina ed evitare il consumo di carne cruda. I cibi in salamoia, affumicati, ben cotti, arrostiti e fritti uccidono l agente patogeno. È raccomandato un rapporto prudente con i gatti. La listeriosi è una malattia batterica trasmessa principalmente tramite il consumo di latte crudo e di formaggi a pasta molle o semidura derivati da latte crudo o pastorizzato, più raramente dal consumo di altri alimenti (carne cruda, pesce, verdura) o in seguito al contatto con animali malati. L agente patogeno è un batterio a forma bastoncellare (Listeria monocytogenes), diffuso a livello mondiale, piuttosto resistente e in grado di moltiplicarsi anche alle basse temperature del frigorifero. Resiste perfino al congelamento e all essicazione, ma viene eliminato con i procedimenti di cottura, arrostitura, sterilizzazione e pastorizzazione. Sono particolarmente a rischio di infezione le persone con un sistema immunitario compromesso. Il tasso di infezione è di 12 donne in gravidanza su Un infezione contratta nel primo periodo di gravidanza porta generalmente a un aborto, a un parto prematuro o alla morte intrauterina. Nell ultimo trimestre di gravidanza, la probabilità di trasmissione della malattia al feto è ancora molto alta e comporta gravi conseguenze. Il tasso di mortalità dei neonati affetti da listeriosi è del 50%. In adulti sani, l infezione spesso è asintomatica oppure avviene sotto forma di una leggera influenza, mentre nelle persone immunodeficienti possono comparire sintomi settici così come meningite ed encefalite. La profilassi è molto simile a quella per la toxoplasmosi; essa consiste nel consumare solo latte o prodotti di latte pastorizzati, ad alta pastorizzazione o UHT (tranne formaggi a pasta molle o semidura!), evitare di consumare carne cruda e adottare misure igieniche appropriate. Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) 9

11 V. Panoramica delle raccomandazioni per un alimentazione ottimale della donna sana In base ai punti fondamentali sopra esposti e ai possibili rischi, si possono stilare le seguenti raccomandazioni per un alimentazione ottimale durante la gravidanza e l allattamento. Per una gravidanza o un allattamento imminenti, è importante che la madre si prepari correttamente ad affrontare la gravidanza, mantenga il suo peso entro i livelli di normalità e si nutra in modo equilibrato. Raccomandazioni per un apporto sufficiente di tutte le sostanze nutritive Un alimentazione varia ed equilibrata come quella illustrata nelle raccomandazioni per un alimentazione sana e gustosa negli adulti (piramide alimentare della SSN), cioé pasti regolari ripartiti in diversi momenti del giorno, molta frutta e verdura («5 al giorno»), ad ogni pasto principale un contorno ricco di amido, 3 porzioni di latte e latticini 3 volte al giorno, carne 2 3 volte alla settimana (eccetto selvaggina) e pesce 1 2 volte (da g), un moderato consumo quotidiano di grassi e oli e una porzione di noci (20 30 g); moderare il consumo di dolciumi, salatini e bevande energetiche. Assumere liquidi in quantità sufficiente (1,5 2 l). La quantità energetica da assumere attraverso l alimentazione e l aumento di peso consigliato dipendono dal peso prima della gravidanza nonché all inizio dell allattamento. Nella scelta degli alimenti, si deve considerare di coprire l aumentato fabbisogno di minerali, vitamine, macroelementi e oligoelementi e tenere in conto le intolleranze personali. Un elemento fondamentale per un bilancio energetico equilibrato è l attività fisica quotidiana (movimento quotidiano / sport). Negli adulti, già mezz ora di attività fisica al giorno migliora la salute, il benessere, la qualità di vita e le attitudini personali. L intensità del movimento dovrebbe essere quella di una marcia a passo spedito. Per prevenire difetti del tubo neurale del feto, si consiglia a tutte le donne che desiderano o potrebbero restare incinte, di integrare l alimentazione con una quantità giornaliera di 0,4 mg di acido folico sintetico in pastiglie o capsule, meglio se integrati in un preparato multivitaminico, possibilmente 4 settimane prima del concepimento e durante le prime 12 settimane di gravidanza. Excusus: allattamento Gli stessi presupposti per la gravidanza valgono anche per l alimentazione della madre durante l allattamento. L allattamento ha dei grandi vantaggi per la mamma e per il bambino. I vantaggi dell allattamento e del latte materno superano di gran lunga il rischio di sostanze nocive nel latte materno. L UFSP raccomanda perciò, in base alle conoscenze scientifiche raccolte insieme all OMS, alla Fondazione svizzera per la promozione dell allattamento al seno, alla Società svizzera di pediatria e alla Società svizzera di ginecologia e ostetrica, di allattare al seno, se possibile esclusivamente, i lattanti durante i primi 6 mesi di vita e, fino all età di 2 anni, di integrare l allattamento con un alimento supplementare sicuro e adatto all età (Bulletin dell UFSP: 8 luglio 2002 / Raccomandazioni per l alimentazione dei lattanti 2008, Commissione per l alimentazione della Società svizzera di pediatria). 10 L alimentazione durante la gravidanza e l allattamento

12 Raccomandazioni per evitare i prodotti a rischio Non consumare prodotti crudi di origine animale, come latte crudo, uova crude o carne cruda (tartare) e fegato nelle prime 12 settimane di gravidanza né molluschi (ad esempio ostriche). Durante la gravidanza consumare solo latte e prodotti di latte (yogurt, ecc.) pastorizzati, ad alta pastorizzazione o UHT. Non mangiare formaggi a pasta molle o semidura derivati da latte crudo o pastorizzato. Durante la gravidanza, non consumare generi voluttuari come alcol o altre sostanze che generano dipendenza, al massimo 2 3 tazze di caffè al giorno o di bevanda equivalente contenente caffeina e, se possibile, evitare bevande contenenti chinino (ad esempio Bitter-Lemon o acqua tonica). Durante l allattamento assumere con moderazione alcol e caffeina. Le donne in gravidanza e in allattamento dovrebbero assumere, ogni settimana, 1 2 porzioni di pesce possibilmente grasso, povero di metilmercurio (ad esempio trota, scorfano, coregone, sardine, ippoglosso comune). Va assolutamente evitato il consumo di pesce spada, marlin/ aguglia imperiale e squalo a causa dell alto contenuto di metilmercurio. Il consumo di tonno fresco o di luccio di provenienza estera dovrebbe essere limitato a 1 porzione (130 g) alla settimana. Il tonno in scatola può essere consumato fino a un massino di 4 porzioni da 130 g alla settimana. Aringhe e salmoni del Mar Baltico devono essere evitati a causa dell elevato contenuto di diossina e composti diossina-simili. Il consumo di selvaggina, e in particolare di selvaggina in salmì, dovrebbe essere limitato a due porzioni a settimana non superiori a 200 g a causa del suo possibile contenuto eccessivo di piombo. Raccomandazioni per eliminare nonché evitare agenti patogeni (misure di igiene) Lavarsi le mani prima e dopo la preparazione dei pasti e anche prima di mangiare. Lavare accuratamente frutta e verdura. Preparare la carne separatamente dalla verdura. Cuocere bene la carne. Consumare uova sode. Separare i cibi cotti da quelli crudi. Pulire accuratamente gli utensili da cucina che entrano in contatto con prodotti crudi. Conservare i prodotti alla temperatura corretta e osservare la data di scadenza. Prudenza nel contatto con i gatti. Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) 11

13 VI. Appendice : Link per maggiori informazioni Ufficio federale della sanità pubblica Informazioni sulla gravidanza e sull alimentazione grazie al rapporto della Commissione federale per l alimentazione «Alimentazione durante la gravidanza e l allattamento. Pericolo per la mamma e il bambino?» e il foglio informativo «Gli aspetti più importanti in sintesi: l alimentazione durante la gravidanza e l allattamento» Kinder im Gleichgewicht (in tedesco) Società svizzera di nutrizione Fondazione svizzera per la promozione dell allattamento al seno Società svizzera di ginecologia e ostetricia Società svizzera di pediatria Rete svizzera salute e movimento hepa.ch Con i documenti di base «Movimento efficace per la salute» e «Mit Muskelkraft unterwegs» (non disponibile in italiano) 12 L alimentazione durante la gravidanza e l allattamento

14 L alimentazione durante la gravidanza e l allattamento Opuscolo informativo per ginecologi, ostetrici, pediatri e medici di famiglia Sigla editoriale Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) Editore: Ufficio federale della sanità pubblica Data di pubblicazione: Maggio 2011 Autori: Camenzind-Frey E, UFSP, Sezione rischi in materia di alimentazione e tossicologia, Zurigo Hesse-Lamm M, UFSP, Unità di direzione protezione dei consumatori, Berna Laimbacher J, KIG-SG, Ostschweizer Kinderspital di San Gallo Bachmann G, KIG-SG, Dipartimento della sanità del Cantone di San Gallo Kluckert C, KIG-SG, Ostschweizer Kinderspital di San Gallo Renggli A, UFSP, Sezione rischi in materia di alimentazione e tossicologia, Zurigo KIG-SG: Kinder im Gleichgewicht St. Gallen (Dipartimento della sanità del Cantone di San Gallo, Ostschweizer Kinderspital di San Gallo, Promozione Salute Svizzera) Modalità di citazione: Camenzind-Frey E., Hesse-Lamm M., Laimbacher J., Bachmann G., Kluckert C., Renggli A. L alimentazione durante la gravidanza e l allattamento. Berna: Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), Impaginazione grafica: Silversign GmbH, visuelle Kommunikation, Berna Fotografie: Fotolia La presente pubblicazione è edita anche in tedesco e francese. Numero di pubblicazione UFSP: UFSP VS EXT1109 Tiratura: 500 d 400 f 200 i UFSP, Unità di direzione protezione dei consumatori, 3003 Berna Numero di contratto: Luogo d acquisto: UFCL, Vendita di pubblicazioni federali, 3003 Berna Numero di articolo UFCL: i Stampato su carta sbiancata senza cloro

L alimentazione durante la gravidanza e l allattamento

L alimentazione durante la gravidanza e l allattamento L alimentazione durante la gravidanza e l allattamento L alimentazione durante la gravidanza e l allattamento 1 Un alimentazione ottimale per madre e figlio prima e durante la gravidanza Un alimentazione

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 5 Argomento GRAVIDANZA, CORRETTA ALIMENTAZIONE Eccoci al quinto appuntamento del nostro percorso Mangia bene, vivi sano. L

Dettagli

Nutrizione durante la gravidanza e l allattamento Pericoli per la madre e il bambino?

Nutrizione durante la gravidanza e l allattamento Pericoli per la madre e il bambino? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Unità di direzione protezione dei consumatori Nutrizione durante la gravidanza e l allattamento Pericoli per la madre

Dettagli

Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari

Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari È una iniziativa Diversity & Inclusion Sandoz Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari Introduzione: Le malattie cardiovascolari

Dettagli

Consapevoli e sani. 1. Mantenete il peso corporeo entro valori normali. 2. Fate almeno 30 minuti di movimento al giorno.

Consapevoli e sani. 1. Mantenete il peso corporeo entro valori normali. 2. Fate almeno 30 minuti di movimento al giorno. Dieci suggerimenti della Lega svizzera contro il cancro Consapevoli e sani Un'alimentazione sana e movimento sufficiente possono ridurre il rischio di ammalarsi di cancro. Non è mai troppo tardi per iniziare

Dettagli

CUORE & ALIMENTAZIONE

CUORE & ALIMENTAZIONE 5 Convegno Socio-Scientifico ASPEC Teatro «Antonio Ghirelli» - Salerno, 27 Giugno 2015 CUORE & ALIMENTAZIONE Annapaola Campana Unità Operativa di Oncoematologia Presidio Ospedaliero Pagani (SA) CAUSE DI

Dettagli

Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea

Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea La nuova piramide della dieta mediterranea moderna proposta dall INRAN (Istituto Nazionale per la Ricerca degli Alimenti e della Nutrizione) presenta

Dettagli

Piramide alimentare svizzera. sge Schweizerische Gesellschaft für Ernährung ssn Société Suisse de Nutrition ssn Società Svizzera di Nutrizione

Piramide alimentare svizzera. sge Schweizerische Gesellschaft für Ernährung ssn Société Suisse de Nutrition ssn Società Svizzera di Nutrizione sge Schweizerische Gesellschaft für Ernährung pag. 1 / 5 Società Svizzera di Nutrizione SSN, Ufficio federale della sanità pubblica UFSP / 2o11 Dolci, snack salati e alcolici In piccole quantità. Oli,

Dettagli

Informazioni al femminile

Informazioni al femminile Informazioni al femminile 1. CONTROLLO PRIMA DELLA GRAVIDANZA Il controllo prima di iniziare la gravidanza è molto importante perché la salute della madre condiziona sia il regolare svolgimento della gravidanza

Dettagli

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE 1) CONTROLLA IL PESO E MANTIENITI ATTIVO Pesarsi almeno una

Dettagli

Piramide alimentare svizzera. sge Schweizerische Gesellschaft für Ernährung ssn Société Suisse de Nutrition ssn Società Svizzera di Nutrizione

Piramide alimentare svizzera. sge Schweizerische Gesellschaft für Ernährung ssn Société Suisse de Nutrition ssn Società Svizzera di Nutrizione pag. 1 / 5 Società Svizzera di Nutrizione SSN, Ufficio federale della sicurezza alimentare e di veterinaria USAV / 2o11 Dolci, snack salati e alcolici In piccole quantità. Oli, grassi e frutta oleaginosa

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Armanda Frassinetti Dietista - Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 La abitudini alimentari della famiglia acquisite nei primi anni di vita

Dettagli

Perdere peso in modo sano

Perdere peso in modo sano Estate 2010 Pagina 1 / 8 Indice: Perdere peso in modo sano P. 2 Introduzione P. 2 Il peso forma P. 3 Bisogno e consumo di energia P. 3 Perdere peso in modo sano ma come? P. 8 Impressum Estate 2010 Pagina

Dettagli

FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO. Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv.

FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO. Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv. FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO Servizio di Dietetica e Nutrizione Clinica Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv.it Progetto pilota Linee

Dettagli

LE BASI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE

LE BASI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE LE BASI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE Lo scopo di questa guida alimentare è prevalentemente quello di informare con chiarezza e orientare il proprio stile di vita alimentare, modulando le scelte alimentari

Dettagli

Alimentazione e reflusso gastrico

Alimentazione e reflusso gastrico Cause Il reflusso gastrico è causato dal reflusso del contenuto acido dello stomaco nell esofago. Questo succede per esempio con una pressione troppo forte sullo stomaco o perché il muscolo superiore di

Dettagli

DIABETE E ALIMENTAZIONE

DIABETE E ALIMENTAZIONE DIABETE E ALIMENTAZIONE La pianificazione di una dieta corretta può essere difficile se non si è certi della combinazione di cibi migliore, delle porzioni e dell effetto dei diversi alimenti sui livelli

Dettagli

DEL CUORE DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI A CURA DI:

DEL CUORE DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI A CURA DI: 2016 LE 12 REGOLE DEL CUORE CONSIGLI NUTRIZIONALI PER LA PREVENZIONE DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI A CURA DI: DOTT.SSA FRANCESCA DE BLASIO BIOLOGA NUTRIZIONISTA DOTTORATO DI RICERCA IN SANITÀ PUBBLICA

Dettagli

Alimenti. Gruppi Alimentari

Alimenti. Gruppi Alimentari Alimenti Gli alimenti sono tutto ciò che viene utilizzato come cibo dalla specie umana. Un dato alimento non contiene tutti i nutrienti necessari per il mantenimento di un corretto stato fisiologico La

Dettagli

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre L obesità è una patologia causata (laddove non sia attribuibile ad altri motivi) da comportamenti ed abitudini di vita scorretti: contrastarla

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 1 Argomento ALIMENTAZIONE CORRETTA Ecco il primo degli appuntamenti in cui si parla dei vantaggi di una dieta diversificata

Dettagli

le MINIGUIDE di PRIMA DEL CONCEPIMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di PRIMA DEL CONCEPIMENTO Sempre con te, passo dopo passo 1 PRIMA DEL CONCEPIMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Quando si programma l arrivo di un bebè La gravidanza è un evento unico e speciale nella vita di una donna e ogni donna

Dettagli

A cosa serve lo iodio?

A cosa serve lo iodio? Iodio e Salute Che cos è lo iodio? Lo iodio, dal greco iodes (violetto), è un elemento (come l ossigeno, l idrogeno, il calcio ecc) diffuso nell ambiente in diverse forme chimiche. Lo iodio presente nelle

Dettagli

L integrazione in gravidanza

L integrazione in gravidanza L integrazione in gravidanza Dr. Italo Guido Ricagni Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita OBIETTIVI GENERALI Fornire competenze al MMG: a) Fabbisogni alimentari in gravidanza

Dettagli

Alimentazione, arteriosclerosi e malattie cardiovascolari

Alimentazione, arteriosclerosi e malattie cardiovascolari Cause L sono la causa di mortalità più frequente nei paesi occidentali industrializzati. In prima linea troviamo l infarto del miocardio come conseguenza della malattia cardiovascolare (MCV). La malattia

Dettagli

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto A CURA DEL MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA COMUNICAZIONE E DEI RAPPORTI EUROPEI E INTERNAZIONALI, UFFICIO

Dettagli

1. Obesità. Per valutare la distribuzione del grasso corporeo, si può utilizzare il rapporto vita.

1. Obesità. Per valutare la distribuzione del grasso corporeo, si può utilizzare il rapporto vita. 2%(6,7 1. Obesità L incidenza del sovrappeso e/o dell obesità è andata aumentando dal dopoguerra in tutti i paesi industrializzati per l abbondanza e la disponibilità di cibi raffinati da un lato e la

Dettagli

LE DIETE NELLE DIVERSE ETA DIETA DEL LATTANTE

LE DIETE NELLE DIVERSE ETA DIETA DEL LATTANTE LE DIETE NELLE DIVERSE ETA DIETA DEL LATTANTE È considerato lattante un individuo fra 0 e 1 anno di età. Le esigenze e quindi gli apporti nutrizionali in questa fase della crescita sono correlati a caratteristiche

Dettagli

ALIMENTAZIONE IN ETA PRESCOLARE E SCOLARE. Silvia Scaglioni Clinica Pediatrica Ospedale S.Paolo Università di Milano

ALIMENTAZIONE IN ETA PRESCOLARE E SCOLARE. Silvia Scaglioni Clinica Pediatrica Ospedale S.Paolo Università di Milano ALIMENTAZIONE IN ETA PRESCOLARE E SCOLARE Silvia Scaglioni Clinica Pediatrica Ospedale S.Paolo Università di Milano ABITUDINI NUTRIZIONALI IN ITALIA ETÀ PRESCOLARE E SCOLARE ABITUDINI NUTRIZIONALI 3-53

Dettagli

Il ruolo della carne nell alimentazione degli anziani

Il ruolo della carne nell alimentazione degli anziani L'organizzazione settoriale dell'economia svizzera della carne Proviande società cooperativa Finkenhubelweg 11 Casella postale CH-3001 Berna +41(0)31 309 41 11 +41(0)31 309 41 99 info@proviande.ch www.carnesvizzera.ch

Dettagli

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO NUTRIZIONE ed EQULIBRIO Lo sapevi che Una corretta alimentazione è importante per il nostro benessere psico-fisico ed è uno dei modi più sicuri per prevenire diverse malattie. Sono diffuse cattive abitudini

Dettagli

Dott.ssa Marcella Camellini

Dott.ssa Marcella Camellini Dott.ssa Marcella Camellini ALIMENTAZIONE Aumentare il consumo di frutta fresca, verdure e ortaggi di tutti i tipi, privi di grassi e ricchi di vitamine, minerali e fibre. Privilegiare gli oli vegetali,

Dettagli

Alimentazione e sport

Alimentazione e sport Dietista Silvia Bernardi Trento, 5 Marzo 2010 Il movimento spontaneo e l attività fisica, se iniziati precocemente, rappresentano la misura più efficace di terapia e prevenzione delle patologie del benessere.

Dettagli

www.goherb.eu PERSONAL WELLNESS COACH

www.goherb.eu PERSONAL WELLNESS COACH L evoluzione della nutrizione negli ultimi decenni accompagna effetti nutrizionali positivi ma anche negativi! Gli scienziati hanno constatato una diminuzione della DENSITÁ delle vitamine e i minerali

Dettagli

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA La dieta nel diabete Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura

Dettagli

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI Le Linee guida per una sana alimentazione italiana dell Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN) pubblicate nel 2003 propongono dieci direttive

Dettagli

I TUMORI prevenire circa un terzo dei casi di tumore

I TUMORI prevenire circa un terzo dei casi di tumore I TUMORI Il Rapporto Mondiale dell Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro, dell Organizzazione Mondiale della Sanità, evidenzia come il cancro sia divenuto uno dei maggiori problemi per la sanità

Dettagli

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE Corso di tecniche di assistenza di base per caregivers Maggio Dicembre 2012 FABBISOGNO ENERGETICO Il fabbisogno energetico è individuale e dipende da: Sesso Peso Altezza Età

Dettagli

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.»

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.» AZIENDA UNITÁ LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 13 Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta

Dettagli

U.O.C. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Dip. di Prevenzione Medico -ASL di Pavia

U.O.C. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Dip. di Prevenzione Medico -ASL di Pavia Nell elaborazione del piano dietetico proposto alle scuole della Provincia di Pavia, l U.O.C. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione dell A.S.L. tiene conto delle indicazioni riportate da: L.A.R.N. (1996)

Dettagli

OPUSCOLO INFORMATIVO

OPUSCOLO INFORMATIVO OPUSCOLO INFORMATIVO Mangiare sano...a scuola e a casa Anno scolastico 2012-2013 Comune di Rovello Porro C are Mamme, Papà e giovani rovellesi, questo opuscolo vuole essere un aiuto alle famiglie, non

Dettagli

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 DOCENTE: Madaschi Rossana Dietista e Docente di Scienza dell Alimentazione MATERIE: Dietologia - Scienza dell Alimentazione CLASSE:

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 2 Argomento ALIMENTAZIONE BAMBINI 0-3 ANNI Eccoci al secondo appuntamento, dedicato ai più piccoli. Una dieta sana ed equilibrata

Dettagli

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici Prof. Carlo Carrisi Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti: servono a nutrire l organismo, derivano dalla digestione, vengono

Dettagli

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro,

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro, I nutrienti I gruppi alimentari NEL NOSTRO VIVER COMUNE, NON RAGIONIAMO CON NUTRIENTI MA CON ALIMENTI: SONO PERTANTO STATI RAGGRUPPATI GLI ALIMENTI SECONDO CARATTERISTICHE NUTRITIVE IN COMUNE. GRUPPO N

Dettagli

Alimentazione nel mondo. I.C. D.Galimberti Bernezzo

Alimentazione nel mondo. I.C. D.Galimberti Bernezzo Alimentazione nel mondo Nord/Sud Una divisione economica più che geografica Situazione mondiale Il 35% dell intera popolazione della terra ha un alimentazione insufficiente, inferiore cioè a 2000 Kcal

Dettagli

E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio 2015

E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio 2015 SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. S.I.A.N.) ) ASL NO SOROPTIMIS INTERNATIONAL D ITALIA CLUB DI NOVARA ISTITUTO PARITARIO SACRO CUORE NOVARA E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio

Dettagli

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana CORSA E ALIMENTAZIONE Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana Un alimentazione corretta in chi pratica attività sportiva permette di: - ottimizzare il rendimento

Dettagli

OMEGA-life : 1 al giorno per la vita.

OMEGA-life : 1 al giorno per la vita. OMEGA-life : 1 al giorno per la vita. Acidi grassi omega-3 altamente concentrati dal mare. In vendita nelle farmacie e nelle drogherie. 2 Acidi grassi omega-3 grassi di importanza vitale Numerosi studi

Dettagli

Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine!

Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine! ..\..\Leggi+Articoli rist + logo+immag\loghi AIC\Loghi AFC\AFC definitivobis.pdf Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine! Alimentazione sana ed equilibrata Migliora

Dettagli

Il Servizio di Refezione Scolastica del Comune di Poggibonsi

Il Servizio di Refezione Scolastica del Comune di Poggibonsi Il Servizio di Refezione Scolastica del Comune di Poggibonsi Il servizio di refezione scolastica del Comune di Poggibonsi è affidato all azienda di Ristorazione Cir- Food, Divisione Eudania. Per la preparazione

Dettagli

LA GRAVIDANZA: LA BUONA ALIMENTAZIONE IN UN CORPO CHE CAMBIA

LA GRAVIDANZA: LA BUONA ALIMENTAZIONE IN UN CORPO CHE CAMBIA Newsletter Maggio 2014 GRAVIDANZA E CIBO a cura di Dr.ssa Marianna Drigo, Dietista e Consulente Nutrizionale LA GRAVIDANZA: LA BUONA ALIMENTAZIONE IN UN CORPO CHE CAMBIA La gravidanza è un evento biologico

Dettagli

Guida alla nutrizione

Guida alla nutrizione CentroCalcioRossoNero Guida alla nutrizione Bilancio energetico e nutrienti Il mantenimento del bilancio energetico-nutrizionale negli atleti rappresenta un importante obiettivo biofisiologico. Diversi

Dettagli

Ipertensione arteriosa: le modifiche dei comportamenti

Ipertensione arteriosa: le modifiche dei comportamenti Ipertensione arteriosa: le modifiche dei comportamenti Nei paesi industrializzati e quindi anche in Italia l ipertensione è una questione rilevante di salute pubblica. Molti casi di ipertensione sono legati

Dettagli

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute Titolo: Alimentazione e cancro Relatore: Marialuigia Troncon Data 15 gennaio 2014 Sede Sala Piccolotto I dieci e più principi per la prevenzione dei tumori Mantenersi

Dettagli

GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO

GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO Il periodo della gravidanza e dell allattamento sono particolarmente critici dal punto di vista alimentare-dietetico, in quanto la dieta incide in modo fondamentale sulla salute

Dettagli

Nuovi stili di vita attivi per bambini e famiglie. Guida per gli insegnanti

Nuovi stili di vita attivi per bambini e famiglie. Guida per gli insegnanti Nuovi stili di vita attivi per bambini e famiglie Guida per gli insegnanti insegnanti-interno Marco 18-10-2006 17:30 Pagina 3 Cari insegnanti, Cosa intendiamo per stile di vita sano? come certamente sapete

Dettagli

TABELLE DIETETICHE. Media Maschi/femmine (Kcal/gg) Fabbisogno Energetico. Nido d infanzia dell infanzia

TABELLE DIETETICHE. Media Maschi/femmine (Kcal/gg) Fabbisogno Energetico. Nido d infanzia dell infanzia TABELLE DIETETICHE La tabella dietetica deve fornire la corretta quantità in nutrienti, sia dal punto di vista qualitativo che quantitativo, in modo che l organismo dell individuo non debba ricorrere ad

Dettagli

LA FENIL CHETO NURIA O PKU. Malattie Rare. Informazioni per le scuole

LA FENIL CHETO NURIA O PKU. Malattie Rare. Informazioni per le scuole LA FENIL CHETO NURIA O PKU Malattie Rare Informazioni per le scuole LA FENILCHETONURIA LA FENILCHETONURIA O PKU E LA PIU FREQUENTE MALATTIA CONGENITA DEL METABOLISMO DELLE PROTEINE GLI ERRORI CONGENITI

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

Una corretta nutrizione é estremamente importante in gravidanza: bambini nato sottopeso (<2-2.4 kg) malattie gravi durante l infanzia.

Una corretta nutrizione é estremamente importante in gravidanza: bambini nato sottopeso (<2-2.4 kg) malattie gravi durante l infanzia. Fabbisogno energetico in gravidanza Una corretta nutrizione é estremamente importante in gravidanza: bambini nato sottopeso (

Dettagli

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina.

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina. Perché è necessaria la dieta nella IRC? La principale funzione dei reni è quella di eliminare con le urine le scorie, l acqua e sali minerali nella quantità necessaria. Nella Insufficienza renale cronica

Dettagli

MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI!

MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI! MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI! Paese, 13 marzo 2013 dott.ssa Laura Martinelli dietista sportiva www.alimentazionesportivamartinelli.com ARGOMENTI L alimentazione dei bambini in Italia Elementi di dietetica

Dettagli

L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD

L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD ASL LECCO - GRUPPI DI CAMMINO 2008 L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD Estratto dalle LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA predisposte dall Istituto

Dettagli

GUIDA PER UNO. stile di vita SALUTARE

GUIDA PER UNO. stile di vita SALUTARE 1-2 e 8-9 maggio 2010 GUIDA PER UNO stile di vita SALUTARE ATTIVITÁ FISICA QUOTIDIANA Ogni giorno almeno 6 volte a settimana: 30 minuti di PASSEGGIATA Per migliorare lo stile di vita: parcheggiare più

Dettagli

Così nasce il questionario che stai per compilare.

Così nasce il questionario che stai per compilare. Premessa Una sana alimentazione e l attività fisica sono fondamentali per mantenere a lungo uno stato di benessere. Spesso però mancano informazioni precise e chi sa cosa dovrebbe fare non sempre applica,

Dettagli

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista ALIMENTAZIONE E SALUTE Dott.ssa Ersilia Palombi Medico Nutrizionista Alimentarsi bene e nutrirsi bene: non sempre i due comportamenti corrispondono, infatti il segnale fisiologico dell appetito da solo

Dettagli

TABELLE DIETETICHE E RICETTE (scuola Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado) CRITERI PER LA FORMULAZIONE DELLE TABELLE DIETETICHE E DEI MENU

TABELLE DIETETICHE E RICETTE (scuola Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado) CRITERI PER LA FORMULAZIONE DELLE TABELLE DIETETICHE E DEI MENU TABELLE DIETETICHE E RICETTE (scuola Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado) CRITERI PER LA FORMULAZIONE DELLE TABELLE DIETETICHE E DEI MENU Per la formulazione delle tabelle dietetiche sono state

Dettagli

UNITà 7 Alimentazione e salute

UNITà 7 Alimentazione e salute unità Alimentazione e salute I termini e i concetti fondamentali 1 l organismo e l energia Per stabilire i fabbisogni nutrizionali dell organismo umano, bisogna conoscerne la composizione chimica. L organismo

Dettagli

I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea

I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea Corso di Formazione Mangia Giusto Muoviti con Gusto A.S. 2008-2009 I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea Dietista Dott.ssa Barbara Corradini Dipartimento di Sanità

Dettagli

SPORT acquatici e ALIMENTAZIONE Prof.ssa Lucia Scuteri

SPORT acquatici e ALIMENTAZIONE Prof.ssa Lucia Scuteri SPORT acquatici e ALIMENTAZIONE Prof.ssa Lucia Scuteri SPORT ACQUATICI (nuoto,tuffi,pallanuoto,immersione,, surf, windsurf,sci d acqua o VELA) Necessitano una DIETA EQUILIBRATA Ogni SPORT ha CARATTERISTICHE

Dettagli

A cosa serve l energia che prendiamo dagli alimenti?

A cosa serve l energia che prendiamo dagli alimenti? UNA DIETA EQUILIBRATA MIGLIORA LA VITA CONSIGLI PER UN ALIMENTAZIONE CONSAPEVOLE ALOMAR (Associazione Lombarda Malati Reumatici) Intervento a cura di: Dr.ssa Armanda Frassinetti SS Igiene Nutrizione Milano,

Dettagli

EVOLUZIONE ED OBESITA. Dott.ssa D Angelo Angelica

EVOLUZIONE ED OBESITA. Dott.ssa D Angelo Angelica EVOLUZIONE ED OBESITA Dott.ssa D Angelo Angelica Definizione di obesità Per obesità si intende la presenza di un eccesso della massa corporea. Il grado di obesità si misura con l indice di massa corporea

Dettagli

L alimentazione dei bambini

L alimentazione dei bambini Aprile 2010 Pagina 1 / 16 Indice: L alimentazione dei bambini P. 2 Imparare da piccoli P. 2 Esempio dei genitori P. 2 Peso corporeo sano Bilancio energetico P. 3 L alimentazione infantile corretta P. 7

Dettagli

False credenze e nuove certezze Reggio Emilia 22.11.2014

False credenze e nuove certezze Reggio Emilia 22.11.2014 I consumi di proteine 1861-2007 Come sono fatte le proteine? Le proteine sono uno dei tre macronutrienti (gli altri sono carboidrati e grassi), su cui si basa principalmente la nostra alimentazione.

Dettagli

Prova Costume? Niente Paura!

Prova Costume? Niente Paura! Prova Costume? Niente Paura! Che Cos è la Nutraceutica? SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO L alimentazione occupa un ruolo decisivo per il nostro benessere. Spesso però non conosciamo quello che mangiamo e la qualità

Dettagli

Ministero della Salute. Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione

Ministero della Salute. Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Consumo consapevole benefici nutrizionali Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Proprietà nutrizionali Proteine I prodotti della pesca, come

Dettagli

Questionario per identificare eventuali rischi di esito avverso della riproduzione

Questionario per identificare eventuali rischi di esito avverso della riproduzione Questionario per identificare eventuali rischi di esito avverso della riproduzione Pensiamoci Prima e Prima della Gravidanza consigliano a tutte le coppie in età fertile, che desiderino o no avere un figlio,

Dettagli

L'Alimentazione (principi alimentari e consigli) Una Sana Alimentazione Ogni essere vivente introduce cibo nell'organismo: questo processo prende il nome di ALIMENTAZIONE. Introdurre cibo nel nostro corpo

Dettagli

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51 La colite ulcerosa e il morbo di Crohn sono malattie che colpiscono l apparato intestinale e vengono definite generalmente col nome di malattie infiammatorie dell apparato intestinale. La colite ulcerosa

Dettagli

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Maria Teresa Gussoni Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 1 L eccesso di peso rappresenta un fattore di rischio rilevante per le principali

Dettagli

UNITà 8 la dieta equilibrata

UNITà 8 la dieta equilibrata unità La dieta equilibrata I termini e i concetti fondamentali 1 dieta equilibrata e peso corporeo Una dieta equilibrata è data da comportamenti alimentari e da uno stile di vita tali da mantenere un buono

Dettagli

Contenuto proteico dei legumi: Tipi di legumi:

Contenuto proteico dei legumi: Tipi di legumi: Legumi I legumi sono considerati la carne dei poveri per il loro contenuto proteico. Sono utilissimi ai vegetariani e ai vegani (questi, a differenza dei vegetariani, non utilizzano neanche i latticini

Dettagli

LA SICUREZZA DEI TUOI CIBI DIPENDE ANCHE DA TE

LA SICUREZZA DEI TUOI CIBI DIPENDE ANCHE DA TE ASL CITTA DI MILANO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione Via Statuto n 5-MILANO LA SICUREZZA DEI TUOI CIBI DIPENDE ANCHE DA TE da: Linee Guida per una sana Alimentazione degli

Dettagli

Consigli dietetici dopo un trapianto renale

Consigli dietetici dopo un trapianto renale Consigli dietetici dopo un trapianto renale Uno dei benefici dopo il trapianto renale è che puoi seguire una dieta più variata. Potassio Se il trapianto ha successo, le limitazioni del potassio non servono

Dettagli

.Morire di fatica e di fame

.Morire di fatica e di fame .Morire di fatica e di fame cause di mortalità indigenza malattie infettive ed epidemie morti per parto e guerre Il cancro era raro e si pensava che l origine fosse genetico o virale e si rapportasse poco

Dettagli

Alimentazione. durante la gravidanza e l allattamento

Alimentazione. durante la gravidanza e l allattamento Alimentazione durante la gravidanza e l allattamento 3 Indice Affrontare la nascita in perfetta forma P. 4 I cambiamenti di peso durante la gravidanza P. 6 L alimentazione durante la gravidanza e l allattamento

Dettagli

RELAZIONE MISSIONE DEL 17/01/2015

RELAZIONE MISSIONE DEL 17/01/2015 Organizzazione non lucrativa di utilità sociale- Onlus sita in Demonte (CN) via Colle dell Ortica n 21-12014 Cod. Fisc. 96081720045 Tel.017195218 RELAZIONE MISSIONE DEL 17/01/2015 OBIETTIVO Migliorare

Dettagli

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO )

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) OBIETTIVI del SIAN: sicurezza alimentare prevenzione delle malattie correlate all alimentazione promuovere comportamenti utili per la

Dettagli

Dietista dott.ssa Raimonda Muraro Ass2 Isontina

Dietista dott.ssa Raimonda Muraro Ass2 Isontina Dietista dott.ssa Raimonda Muraro Ass2 Isontina Il Regolamento (UE) 1169/2011 è entrato in vigore il 13 dicembre 2011 e verrà applicato in modo graduale, tramite tappe intermedie. Il testo unico raccoglie

Dettagli

Concimi chimici, raffinazione industriale, inquinamento, cibi in scatola ecc.. sottopongono il nostro corpo ad uno stress fisico notevole

Concimi chimici, raffinazione industriale, inquinamento, cibi in scatola ecc.. sottopongono il nostro corpo ad uno stress fisico notevole ALIMENTAZIONE BENESSERE BELLESSERE Le proprietà farmacologiche, salutistiche, estetiche del cibo La mancanza di equilibrio tipica dell alimentazione moderna è spesso correlata al determinismo di molte

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 3 Argomento BIMBI IN FORMA, SERVE UN GIRO DI VITA. Sapevate che in Italia i minori in sovrappeso o in condizioni di obesità

Dettagli

L ALIMENTAZIONE NEI BAMBINI. Gestazione Allattamento Accrescimento

L ALIMENTAZIONE NEI BAMBINI. Gestazione Allattamento Accrescimento L ALIMENTAZIONE NEI BAMBINI Gestazione Allattamento Accrescimento LARN 1996 GESTAZIONE Il fabbisogno aggiuntivo è in funzione del IMC pre-gravidanza gravidanza. Per un corretto esito della gravidanza,

Dettagli

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013 Attività fisica e Alimentazione Per guadagnare salute 09/05/2013 ? QUANTA ENERGIA ENERGIA SERVE AL PODISTA AMATORE? 09/05/2013 FABBISOGNO ENERGETICO Metabolismo basale (60-75%): età, sesso, massa corporea

Dettagli

Alimentazione Equilibrata

Alimentazione Equilibrata Gli standard nutrizionali Alimentazione Equilibrata Per soddisfare in modo ottimale il fabbisogno dietetico dei propri cittadini, molti paesi del mondo hanno elaborato e messo a disposizione delle collettività

Dettagli

DA MADRE. Èla madre che -

DA MADRE. Èla madre che - DA MADRE a figlio 2 Èla madre che - durante la gravidanza e l allattamento - dona al figlio tutto il calcio necessario a formare lo scheletro. Durante la gravidanza, soprattutto nel terzo trimestre, il

Dettagli

ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO. una corretta informazione per un benessere psicofisico

ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO. una corretta informazione per un benessere psicofisico ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO una corretta informazione per un benessere psicofisico Mangiare o nutrirsi? Mangiare è un atto ricco di significati che va ben oltre il semplice soddisfacimento fisiologico Nutrirsi

Dettagli

LE CINQUE REGOLE PER IL BENESSERE

LE CINQUE REGOLE PER IL BENESSERE LE CINQUE REGOLE PER IL BENESSERE Per sentirsi bene e in salute è necessario non solo raggiungere un peso salutare ma è necessario fare anche dei cambiamenti nel proprio stile di vita e nel proprio modo

Dettagli

I L I P I D I. Lipidi complessi: fosfolipidi e glicolipidi; sono formati da CHO e altre sostanze.

I L I P I D I. Lipidi complessi: fosfolipidi e glicolipidi; sono formati da CHO e altre sostanze. I L I P I D I ASPETTI GENERALI I Lipidi o grassi sono la riserva energetica del nostro organismo; nel corpo umano costituiscono mediamente il 17% del peso corporeo dove formano il tessuto adiposo. In generale

Dettagli