L alimentazione durante la gravidanza e l allattamento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L alimentazione durante la gravidanza e l allattamento"

Transcript

1 L alimentazione durante la gravidanza e l allattamento Opuscolo informativo per ginecologi, ostetrici, pediatri e medici di famiglia Sigla editoriale Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) Editore: Ufficio federale della sanità pubblica Data di pubblicazione: Maggio 2011 Autori: Camenzind-Frey E, UFSP, Sezione rischi in materia di alimentazione e tossicologia, Zurigo Hesse-Lamm M, UFSP, Unità di direzione protezione dei consumatori, Berna Laimbacher J, KIG-SG, Ostschweizer Kinderspital di San Gallo Bachmann G, KIG-SG, Dipartimento della sanità del Cantone di San Gallo Kluckert C, KIG-SG, Ostschweizer Kinderspital di San Gallo Renggli A, UFSP, Sezione rischi in materia di alimentazione e tossicologia, Zurigo KIG-SG: Kinder im Gleichgewicht St. Gallen (Dipartimento della sanità del Cantone di San Gallo, Ostschweizer Kinderspital di San Gallo, Promozione Salute Svizzera) Modalità di citazione: Camenzind-Frey E., Hesse-Lamm M., Laimbacher J., Bachmann G., Kluckert C., Renggli A. L alimentazione durante la gravidanza e l allattamento. Berna: Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), Impaginazione grafica: Silversign GmbH, visuelle Kommunikation, Berna Fotografie: Fotolia La presente pubblicazione è edita anche in tedesco e francese. Numero di pubblicazione UFSP: UFSP VS EXT1109 Tiratura: 500 d 400 f 200 i UFSP, Unità di direzione protezione dei consumatori, 3003 Berna Numero di contratto: Luogo d acquisto: UFCL, Vendita di pubblicazioni federali, 3003 Berna Numero di articolo UFCL: i Stampato su carta sbiancata senza cloro

2 L alimentazione durante la gravidanza e l allattamento Indice I. Gli aspetti più importanti in sintesi: l alimentazione durante la gravidanza e l allattamento 2 II. Introduzione 3 III. Prima della gravidanza 3 IV. Durante la gravidanza e l allattamento 4 Raccomandazioni generali per un alimentazione equilibrata 4 Influsso dell alimentazione della madre sullo sviluppo dei sensi e sul comportamento nutrizionale del bambino 4 Aumento di peso durante la gravidanza 5 Possibili rischi attraverso l alimentazione 6 V. Panoramica delle raccomandazioni per un alimentazione ottimale della donna sana 10 Raccomandazioni per un apporto sufficiente di tutte le sostanze nutritive 10 Raccomandazioni per evitare i prodotti a rischio 11 Raccomandazioni per eliminare nonché evitare agenti patogeni (misure di igiene) 11 VI. Appendice : Link per maggiori informazioni 12 Nella presente pubblicazione, il riferimento all altro sesso è valido sia per il sesso maschile che per quello femminile. Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) 1

3 I. Gli aspetti più importanti in sintesi: l alimentazione durante la gravidanza e l allattamento Adattamento dell alimentazione durante il periodo preconcezionale. Supplemento di acido folico di 0,4 mg per 4 settimane prima del concepimento fino alla 12a settimana di gravidanza, eventualmente dalla 12a settimana di gravidanza supplemento di vitamine. Consulenza medica riguardo all aumento di peso ottimale corrispondente all indice di massa corporea (Body Mass Index). Non mangiare mai «per due». Alimentazione equilibrata con frutta e verdura «5 al giorno», cioé assumere quotidianamente 3 porzioni di verdura e 2 di frutta. Per ogni pasto principale consumare un contorno ricco di amido (prodotti integrali). Assumere quotidianamente 3 porzioni di latte e latticini, carne 2 3 volte alla settimana e pesce 1 2 volta alla settimana. Consumare con moderazione oli e grassi, prediligere oli vegetali ad alto valore nutritivo. È consigliata una porzione di noci (20 30 g). Moderare il consumo di dolciumi, salatini e bevande energetiche. Assicurare un apporto giornaliero di acqua pari a 1,5 2 l. Ridurre al minimo l assunzione di sostanze nocive, soprattutto mercurio, diossina e piombo: evitare di mangiare pesce spada, marlin/aguglia imperiale e squalo. Limitare il consumo di tonno fresco una volta alla settimana e rinunciare al luccio di provenienza estera, alle aringhe e al salmone del Mar Baltico. Si consiglia di sostituirli con trota, scorfano, coregone, sardine, ippoglosso comune o tonno in scatola 1 o 2 volte alla settimana e di cibarsi di selvaggina in salmì al massimo 2 volte alla settimana. Evitare prodotti crudi di origine animale come latte crudo, carne cruda e uova crude (pericolo di trasmissione di malattie infettive quali toxoplasmosi e listeriosi). Consumare con moderazione bevande dolcificate a causa dell alto contenuto di zuccheri e calorie. Non assumere alcol, nicotina e altre sostanze che generano dipendenza. Bere al massimo 2 3 tazze di caffè al giorno. Misure di igiene: lavare bene le mani e gli alimenti. Conservare i prodotti alla temperatura corretta e osservare la data di scadenza. Cuocere bene la carne e le uova. Usare cautela nel contatto con i gatti. Praticare attività fisica, se non è controindicato: ideali sono la marcia (andare in ufficio a piedi, camminare e fare le scale invece di prendere l ascensore), il nuoto e la ginnastica in acqua, la cyclette e gli attrezzi cardiovascolari a basso impatto, l aerobica a basso impatto, eventualmente i corsi di aerobica dolce e yoga specifici per gestanti. Praticare attività fisica almeno mezzora al giorno (l intensità è quella di una camminata a passo spedito). Evitare di praticare attività fisiche che comportano il rischio di cadere o ferirsi (sci, mountain bike, calcio), movimenti energici e intensi oppure in condizioni di temperature estreme. Il foglio informativo «Gli aspetti più importanti in sintesi: Alimentazione durante la gravidanza e l allattamento» può essere scaricato dalla pagina iniziale dell Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) (v. link in appendice). 2 L alimentazione durante la gravidanza e l allattamento

4 II. Introduzione Un alimentazione equilibrata durante la gravidanza e l allattamento è un presupposto fondamentale per la salute della madre e del feto e influisce su tutte le fasi di sviluppo del bambino fino all età adulta. Negli ultimi due decenni sono aumentati in modo significativo sia il peso della donna all inizio della gravidanza sia l incremento ponderale complessivo durante la gestazione. Per questo motivo, all inizio della gravidanza, nell ambito di una consulenza individuale, si dovrebbe stabilire l aumento di peso auspicato. Il sovrappeso prima e durante la gravidanza comporta notevoli complicazioni per la mamma e il bambino: diabete da gestazione, ipertensione indotta dalla gravidanza, contrazioni ritardate e abbondante emorragia durante il parto così come numerose malformazioni e disturbi dell adattamento neonatale. Oltre alla «sovralimentazione», anche l iponutrizione uterina può avere notevoli conseguenze per il bambino. L alimentazione in utero ha probabilmente un influsso significativo sullo sviluppo di arteriosclerosi, ipertensione, resistenza all insulina e su molte altre funzioni metaboliche ed endocrinologiche nel corso della vita. All alimentazione dalla madre al bambino durante la gravidanza e l allattamento possono essere legati però anche dei pericoli. Recentemente, il contenuto particolarmente alto di metilmercurio in alcuni pesci come pesce spada, marlin/aguglia imperiale e squalo ha portato alcuni Paesi a prendere posizione e a emanare particolari raccomandazioni. Ciò ha indotto la Commissione federale per l alimentazione (COFA) a impiegare un gruppo di esperti per esaminare le raccomandazioni sull alimentazione finora in vigore per le donne in gravidanza e in allattamento. Le attuali conoscenze scientifiche sull alimentazione e in particolare sul pericolo derivante da componenti tossici e agenti infettivi negli alimenti sono state raccolte e, sulla base di queste, formulate delle raccomandazioni generali per l alimentazione nelle fasi della gravidanza e dell allattamento. Il link per il rapporto del COFA dal titolo «Alimentazione durante la gravidanza e l allattamento. Pericolo per la mamma e il bambino?» figura nell appendice. Il presente opuscolo è un estratto del rapporto degli esperti del COFA ed è stato realizzato in collaborazione con il «progetto KIG Kinder im Gleichgewicht» di San Gallo. III. Prima della gravidanza L ideale sarebbe iniziare a controllare l alimentazione già prima del concepimento nel momento in cui si desidera un figlio e la relativa consulenza presso il ginecologo e il medico di famiglia prima della gravidanza. Oltre a un alimentazione varia ed equilibrata in base alla piramide alimentare elaborata dalla Società svizzera di nutrizione (SSN), l acido folico è di estrema importanza. Per evitare difetti del tubo neurale del lattante, le donne che desiderano o che potrebbero affrontare una gravidanza, dovrebbero assumere quotidianamente una dose di 0.4 mg di acido folico sintetico, preferibilmente sotto forma di preparato multivitaminico. Tale tematica è trattata in modo esauriente nel capitolo seguente. Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) 3

5 IV. Durante la gravidanza e l allattamento Raccomandazioni generali per un alimentazione equilibrata Concetti fondamentali A una donna sana, durante la gravidanza e l allattamento si consiglia un alimentazione equilibrata e varia in base alla piramide alimentare della SSN, costituita da diversi pasti ripartiti nel corso della giornata. La frutta e la verdura sono un importante fonte di vitamine, minerali e sostanze vegetali secondarie. Si dovrebbero consumare quotidianamente 3 porzioni di verdura, di cui una cruda, e 2 porzioni di frutta («5 al giorno»; 1 porzione da 120 g cioé una bella manciata). Una porzione può essere sostituita da succo di verdura o di frutta. Per ogni pasto principale si consiglia di consumare un contorno ricco di amido. Almeno 2 porzioni dovrebbero essere costituite da prodotti integrali, in quanto fonte di fibre alimentari, vitamine e minerali. Carne, pesce, uova, latte e latticini contengono proteine, ferro, zinco e vitamina B 12, acidi grassi n-3 (il pesce) e calcio. Per questo motivo si consiglia un consumo giornaliero di 3 porzioni di latte e latticini, 2 3 porzioni di carne e 1 2 di pesce alla settimana. I grassi e gli oli sono fonti di acidi grassi insaturi essenziali e vitamine liposolubili. A causa dell alto contenuto energetico dovrebbero essere assunti con moderazione (4 6 cucchiaini da tè al giorno, cioé g; eventualmente 10 g spalmati sul pane) e oli vegetali ad alto valore nutritivo, ad esempio privilegiare l olio di colza o di oliva. Si consiglia una porzione (20 30 g) di noci. Consumare con moderazione dolciumi, salatini e bevande zuccherate che generalmente rilasciano energia principalmente sotto forma di zucchero o grasso. I cibi dovrebbero essere salati con moderazione utilizzando sale da cucina fluorato e iodato (confezione verde). Ricordarsi di assumere una quantità di liquidi sufficiente (1,5 2 l) sotto forma di bevande non zuccherate e acqua. Fabbisogno energetico Un elevato apporto energetico è necessario solo a partire dal quarto mese di gravidanza, per mantenere un ottimale aumento di peso della madre e un normale sviluppo corporeo del feto. Il fabbisogno energetico aumenta di circa kcal/giorno ( kj/giorno), raggiungendo mediamente circa 2500 kcal/giorno (10470 kj/giorno). Il rapporto tra le singole sostanze nutritive corrisponde, anche in questa fase, a quello di un alimentazione sana: 30 35% grassi (80 95 g/giorno), 10% proteine (60 70 g/giorno) e 55 60% carboidrati ( g/giorno) del fabbisogno energetico quotidiano. Il 50 70% delle proteine dovrebbe essere di origine animale. Vitamine e minerali Nelle prime 12 settimane di gravidanza, è fondamentale soprattutto il fabbisogno supplementare di vitamine e minerali. Un alimentazione vegana e vegetariana non equilibrata durante la gravidanza, se non è integrata (in particolare da sostanze come Vitamina B 12, ferro e zinco) può rappresentare un pericolo per il bambino. Già prima della gravidanza è estremamente importante la vitamina di acido folico. Per prevenire difetti al tubo neurale del feto, si consiglia a tutte le donne che desiderano o che potrebbero restare incinte, di assumere giornalmente, oltre alla normale alimentazione, 0,4 mg di acido folico sintetico (corrispondenti a 400 microgrammi) sotto forma di pastiglie o capsule, meglio se integrati in un preparato multivitaminico, possibilmente 4 settimane prima del concepimento e durante le prime 12 settimane di gravidanza. Una «normale» alimentazione equilibrata non può apportare tale quantità di acido folico. Diventa particolarmente critico coprire il maggior fabbisogno di vitamine, minerali e microelementi se già l alimentazione quotidiana ne apporta in modo insufficiente. Potrebbe essere il caso di determinati tipi di alimentazione, come ad esempio molti anni di alimentazione vegetariana o vegana. Bisogna dedicare particolare attenzione all apporto di calcio, ferro, zinco, vitamine B 12 e D. Eventualmente è necessario integrare tali sostanze nutritive, in aggiunta all acido folico, a partire dalla 12a settimana di gravidanza. Influsso dell alimentazione della madre sullo sviluppo dei sensi e sul comportamento nutrizionale del bambino La formazione delle abitudini nutrizionali dei bambini è determinata in modo cruciale dalle condizioni sociali e culturali. Fondamentali sono alcune preferenze trasmesse in modo ereditario ma anche quelle che si sviluppano nel grembo materno. Nel complesso, la cultura alimentare nel luogo di nascita costituisce il quadro in cui si sviluppa il gusto personale. Ciò vale per gli alimenti più diffusi localmente nonché per i piatti preferiti dai genitori. 4 L alimentazione durante la gravidanza e l allattamento

6 Sappiamo che lo sviluppo del comportamento nutrizionale avviene molto presto nella vita nel bambino ed è possibile che si manifesti unicamente in una fase sensibile e limitata nel tempo. Solo recentemente è emerso che la preferenza per determinati sapori da parte dei neonati è fortemente influenzata anche dal comportamento alimentare della madre durante la gravidanza. Si parla di programmazione in utero. Tramite il contatto indiretto con i sapori attraverso il cordone ombelicale e il liquido amniotico, il bambino impara a conoscere i gusti degli alimenti già nel grembo materno e, di conseguenza, è portato ad avere delle preferenze anche dopo la nascita. Una madre che durante la gravidanza si nutre in modo molto vario fa sì che il bambino, più tardi, si confronti con un ampio spettro di alimenti diversi. Se invece la madre, durante la gravidanza, si nutre in modo poco vario, probabilmente il bambino avrà, in seguito, una preferenza per determinati alimenti e mostrerà un comportamento tendenzialmente di rifiuto verso sapori a lui finora sconosciuti. Il processo di sviluppo continua anche dopo la nascita. Il latte materno è evidentemente più vario per le sensazioni dei gusti rispetto al latte confezionato poiché contiene i sapori degli alimenti consumati dalla madre. Per questo è più limitata la cosiddetta neofobia, ossia il rifiuto di nuovi cibi da parte dei lattanti, che si manifesta successivamente. Questo è probabilmente un motivo per cui i lattanti presentano un basso rischio di sviluppo di adiposità. Infatti, se la madre assume regolarmente frutta e verdura durante l allattamento, è probabile che i lattanti la mangino, in seguito, più volentieri (Ellrott T. Wie Kinder essen lernen, Ernährung 1: , 2007). Aumento di peso durante la gravidanza L aumento di peso è costituito per metà dallo sviluppo e dalla formazione di nuovo tessuto adiposo materno, dalla crescita del feto, della placenta, del liquido amniotico, da ipertropia uterina e dall ingrossamento del seno, per l altra metà dall aumento del liquido intracellulare e del volume plasmatico, nonché, nel terzo trimestre, dalla ritenzione idrica. L aumento di peso ideale è individuale e dipende dal Body Mass Index (BMI) prima della gravidanza. Per una donna con un peso normale si consiglia un aumento di peso da 11,5 a 16 kg, mentre per le donne sovrappeso solo da 7 a 11,5 kg. Le donne in giovane età e le donne molto magre dovrebbero cercare di raggiungere il livello superiore dell aumento di peso consigliato, le donne di bassa statura (< 157 cm) il livello inferiore. Nella tabella sottostante è elencato l aumento di peso ideale in base al peso di partenza della donna incinta. Tabella 1 Aumento di peso consigliato durante la gravidanza in base al BMI BMI prima della Aumento di peso Aumento di peso gravidanza in kg/m 2 complessivo consigliato per consigliato in kg settimana in kg Peso normale 18,5 24,9 11,5 16 0,4 dalla 12a sett. di grav. Sottopeso < 18,5 12,5 18 0,5 dalla 12a sett. di grav. Sovrappeso 25 29,9 7 11,5 0,3 dalla 12a sett. di grav. Fortemente sovrappeso 30 39,9 7 Sovrappeso patologico > 40 7 Gravidanza gemellare 15,9 20,4 0,7 dalla 12a sett. di grav. Gravidanza trigemina ca. 22 peso corporeo in kg BMI = altezza in m 2 Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) 5

7 IV. Durante la gravidanza e l allattamento Possibili rischi attraverso l alimentazione Possibili pericoli attraverso l alimentazione per la mamma e il bambino durante la gravidanza e l allattamento possono derivare da sostanze inquinanti o tossiche, impurità microbiche e un igiene non appropriata in cucina. Fra i possibili rischi durante la gravidanza, al momento si annoverano soprattutto sostanze inquinanti come mercurio, piombo, diossina, composti diossina-simili e micotossine così come vitamina A, sostanze vegetali attive a livello farmacologico e chinino. Durante l allattamento, sono pericolosi i contaminanti organici persistenti (POP), in particolare diossina e composti diossina-simili, i pesticidi cloroorganici così come i ritardanti di fiamma bromurati, che vengono trasmessi al feto tramite il latte materno. Riguardo alle impurità microbiche, durante la gravidanza sono fondamentali soprattutto la toxoplasmosi, trasmessa attraverso la carne cruda o la verdura non lavata bene e la listeriosi, il cui agente patogeno giunge nell organismo materno attraverso il latte crudo e alcuni prodotti derivati. Un igiene non appropriata in cucina può aumentare le impurità microbiche dell alimentazione e quindi contribuire a infettare e a mettere in pericolo la mamma e il bambino. Qui di seguito sono presentati in dettaglio i potenziali fattori di rischio. Sostanze inquinanti / tossiche Grandi pesci predatori come pesce spada, marlin/ aguglia imperiale e squalo, ma anche tonno fresco e luccio di provenienza estera possono presentare concentrazioni di metilmercurio (Metil-Hg) e, se consumati frequentemente, possono portare al superamento del consumo settimanale tollerabile temporaneo (PTWI) di Metil-Hg di 1,6 µg/kg del peso corporeo. Ciò corrisponde, per una donna che pesa 60 kg, a una quantità di 100 µg Methyl-Hg/settimana. Per i pesci predatori, in Svizzera il valore limite di Metil-Hg è di 1 mg/kg, che nel periodo 2003 a 2005 è stato superato perfino del 42%. Il tonno in scatola, poiché vengono utilizzati altre spezie e pesci più piccoli, contiene meno Metil-Hg. In Svizzera, per la popolazione generale l esposizione media al mercurio non è preoccupante. Tali sostanze possono rappresentare un particolare pericolo per il feto, i lattanti e i bambini piccoli di donne in età fertile che desiderano un figlio, donne incinte e madri che allattano. La diossina e i composti diossina-simili si trovano ovunque nell ambiente. Le fonti principali sono i processi di combustione. La diossina si diffonde attraverso l aria e si deposita nel terreno, nell acqua e nelle piante. Tali composti sono molto stabili a livello chimico, facilmente liposolubili e di difficile decomposizione a livello biologico. Possono accumularsi nella catena alimentare e giungere, così, fino al corpo umano. L effetto è tossico a livello immunitario, neurologico e riproduttivo. Poiché il tempo di dimezzamento di tali sostanze nell organismo umano è di diversi anni, la contaminazione della madre fino al momento della gravidanza e dell allattamento è maggiormente determinante per l esposizione del feto rispetto alla contaminazione durante la gravidanza e l allattamento. La diossina e i composti diossina-simili sono presenti anche nei pesci grassi. Per questo è preferibile consumare pesce con una bassa concentrazione di diossina e composti diossina-simili (ad esempio la trota). È sconsigliato mangiare aringhe e salmoni del Mar Baltico, ricchi di diossina. 6 L alimentazione durante la gravidanza e l allattamento

8 Excursus: sostanze nocive nel latte materno Molte sostanze, con cui le madri vengono a contatto nel corso della loro vita e che si accumulano nel loro tessuto adiposo, giungono nel latte materno. Il rischio di contaminazione del latte materno è evidentemente più elevato rispetto ad altri alimenti. Un confronto tra le attuali analisi e quelle di 25 anni fa mostra però che la contaminazione del latte materno con le sostanze nocive più frequenti, esclusi i ritardanti di fiamma bromurati, è notevolmente diminuita. Il raggiungimento di tali diminuzioni nel latte materno richiede però altri sforzi per ridurle ulteriormente. Ciò vale soprattutto per la diossina e i composti diossina-simili così come per i ritardanti di fiamma bromurati. I vantaggi del latte materno superano però di gran lunga i rischi derivanti dalle sostanze nocive. Per questo motivo si consiglia di allattare al seno, se possibile esclusivamente, i lattanti nei primi 6 mesi di vita e di integrare, fino all età di 2 anni, l allattamento con un alimento supplementare sicuro e adatto all età. Il piombo è presente ovunque, soprattutto negli alimenti vegetali e nell acqua potabile. Alcuni alimenti di origine animale (selvaggina) possono però presentare un contenuto particolarmente alto di piombo. Un organismo in via di sviluppo è particolarmente sensibile a questa sostanza; a risentirne è soprattutto il suo sistema nervoso. Il piombo passa attraverso la barriera placentare e quindi, in condizioni di forte esposizione, può provocare nel bambino un deficit psicomotorio e d intelligenza. Poiché il piombo giunge attraverso i proiettili nella selvaggina (caprioli, cervi, lepri e cinghiali) e derivati, si consiglia alle donne in gravidanza di consumare selvaggina in salmì non più di due volte alla settimana in porzioni da 200 g al massimo. Le micotossine sono cataboliti prodotti da funghi appartenenti ai generi Aspergillus, Penicillium, Fusarium e talvolta Alternaria. Di oltre 300 micotossine note, quelle principali sono le aflatossine, l ocratossina A e le fumonisine. Vi è un alto rischio di contaminazione da aflatossine, mutagene e cancerogene, in alimenti come arachidi, mais, noci del Parà, spezie e fichi. L ocratossina A è presente soprattutto in cereali, prodotti a base di cereali e caffè. Gli effetti a lungo termine di una lunga esposizione a tali sostanze sono patologie al fegato e ai reni, sviluppo di cancro e danni al sistema immunitario. Per numerose miotossine ci sono dei valori limite, particolarmente rigidi nei prodotti dietetici per lattanti e neonati. Si dispone di dati riguardo al contenuto di aflatossine nel latte materno, ma non ancora di rapporti clinici relativi all intossicazione. Quantità elevate di vitamina A e derivati hanno, nel primo periodo di gravidanza, un effetto teratogeno. La quantità di vitamina A può essere particolarmente alta nel fegato di vitello, ma anche il fegato di certi pesci è ricco di vitamina A. Per questo, si consiglia alle donne in età fertile di non consumare fegato di vitello. Tuttavia, attualmente sono disponibili i risultati di studi sull apporto insufficiente di vitamina A durante la gravidanza, il che ha ugualmente delle ripercussioni negative sullo sviluppo del bambino. La vitamina D viene generalmente sintetizzata in quantità sufficiente dal corpo stesso se viso e mani vengono quotidianamente esposti, per breve tempo, alla luce del sole. Una bassa concentrazione di vitamina D nel terzo trimestre può causare una bassa densità ossea nel bambino. I bioflavonoidi (pigmenti vegetali) possono causare interazioni con il metabolismo (ad esempio inibizione del citocromo P 450, interazioni con il DNA) e quindi non dovrebbero essere assunti come integratori in gravidanza. Durante la gravidanza, a causa del loro spettro tossicologico, sono da evitare i prodotti fitoterapeutici contenenti le seguenti piante: iperico, kawa-kawa, ipercacuana, edera, erba renella, crespino, celidonia, senna, belladonna, farfara, petasite, agnocasto e cimicifuga racemosa. Le bevande contenenti chinino (ad esempio Bitter Lemon, acqua tonica), se assunte in grandi quantità durante la gravidanza, possono essere dannose per la salute del bambino. Gli effetti indesiderati possono essere neurotossici, in particolare disturbi della vista, gastrointestinali, nella conduzione dell eccitazione a livello cardiaco, diminuzione della pressione arteriosa, problemi ematologici e in generale reazioni di ipersensibilità della pelle, febbre e broncospasmi. Nella sezione «Raccomandazioni per evitare i prodotti a Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) 7

9 IV. Durante la gravidanza e l allattamento rischio» è riportata la quantità tollerabile di chinino (capitolo V). Generi voluttuari contenenti caffeina come caffè, tè nero e tè verde devono essere consumati con moderazione. Alcol, nicotina e altre sostanze che generano dipendenza provocano in modo diretto effetti tossici per il feto e quindi devono essere assolutamente evitati. Durante l allattamento devono essere consumati con moderazione. Nella sezione «Raccomandazioni per evitare i prodotti a rischio» sono riportati i dati per una quantità tollerabile (capitolo V). Excursus: protezione solare durante la gravidanza e l allattamento Nell ambito del Programma nazionale di ricerca «Perturbatori endocrini: importanza per gli esseri umani, gli animali e gli ecosistemi» (NFP50) sono stati analizzati anche i filtri UV utilizzati nei prodotti per la protezione solare. Da un esperimento sui ratti è emerso che la sostanza 4-metil-benzilidene-canfora (4-MBC), utilizzata come filtro UV, influisce già a basse concentrazioni sullo sviluppo degli organi sessuali e sul comportamento sessuale dei discendenti. Attualmente si dispone di numerose spiegazioni scientifiche sulla sostanza 4-MBC. Nel frattempo, molti fabbricanti hanno rinunciato a utilizzare la sostanza 4-MBC nei prodotti per la protezione solare. Per sapere quale filtro UV è contenuto in un determinato prodotto, è sufficiente leggere la lista degli ingredienti. Nel latte materno sono stati riscontrati alcuni filtri UV (compreso il 4-MBC). Ad ogni modo, le concentrazioni rilevate erano così esigue che, allo stadio attuale delle conoscenze scientifiche, si ritiene improbabile che costituiscano un pericolo per la salute del lattante. Inoltre, la presenza di filtri UV nel latte materno è il riflesso di una recente applicazione (temporanea) e non il risultato di una contaminazione a lungo termine. Perciò, con un impiego limitato di prodotti per la protezione solare si ottiene, di conseguenza, una bassa concentrazione di filtri UV nel latte materno. Se si riduce l esposizione solare durante la gravidanza e l allattamento, si evita di stare al sole nelle ore di maggiore intensità solare (dalle alle 15.00) e ci si protegge con abiti lunghi, cappello e occhiali da sole, si può ridurre l impiego di prodotti per la protezione solare e quindi la contaminazione del feto nel grembo materno nonché del lattante attraverso il latte materno, dovuta alla presenza di filtri UV che potrebbero rivelarsi problematici per la loro salute. In alternativa ai filtri UV organici durante la gravidanza e l allattamento, ci sono prodotti con filtri UV minerali (diossido di titanio). In considerazione di una possibile contaminazione del latte materno con i filtri UV derivanti dai prodotti per la protezione solare, l Ufficio federale della sanità pubblica ricorda le sue raccomandazioni sull allattamento e sulla protezione solare. I vantaggi dell allattamento, sia per il lattante che per la madre, durante i primi 6 mesi di vita e l impiego di prodotti per la protezione solare per prevenire il tumore alla pelle causato dall esposizione solare superano di gran lunga i timori riguardo ai rischi derivanti da sostanze nocive (tra cui i filtri UV) nel latte materno. Impurità microbiche / Malattie infettive La toxoplasmosi e la listeriosi sono due malattie infettive trasmesse con gli alimenti che possono danneggiare la salute del feto o del lattante. Si consigliano delle misure di precauzione. L infezione avviene tramite le uova dell agente patogeno della toxoplasmosi (Toxoplasma gondii), contenute nelle feci del gatto, la principale fonte di questi parassiti, che, se diffuse da vento e polvere, possono giungere nella verdura. Inoltre, queste uova possono essere ingerite con l erba dagli animali da reddito e finire di conseguenza nella carne. È pertanto possibile contrarre un infezione consumando carne cruda o verdure dell orto, probabilmente già contaminate dalle feci di gatti randagi. L infezione è generalmente asintomatica o presenta soltanto i sintomi di una leg- 8 L alimentazione durante la gravidanza e l allattamento

10 gera influenza. Per avere un riscontro dell infezione, occorre effettuare un esame del sangue. Il terzo trimestre di gravidanza è quello in cui il rischio di infettare il feto è più elevato, ma il rischio di danneggiare la salute del bambino diminuisce nel corso della gravidanza. Il feto può avere delle malformazioni oppure nascere morto. Circa il 10% dei bambini infettati in via intrauterina mostra già alla nascita i tipici segni di tale infezione: idrocefalia, calcificazioni cerebrali, itterizia con infiammazione del fegato ma anche infiammazioni ai polmoni e ai muscoli cardiaci. Gran parte dei neonati appare sana alla nascita, ma in seguito può presentare disturbi della vista, dell udito e dello sviluppo. Contrariamente a quanto si é creduto fino al giorno d oggi, il riconoscimento precoce delle patologie e la cura della madre non riducono notevolmente il rischio d infezione nel bambino. Le misure da adottare sono: un igiene scrupolosa in cucina ed evitare il consumo di carne cruda. I cibi in salamoia, affumicati, ben cotti, arrostiti e fritti uccidono l agente patogeno. È raccomandato un rapporto prudente con i gatti. La listeriosi è una malattia batterica trasmessa principalmente tramite il consumo di latte crudo e di formaggi a pasta molle o semidura derivati da latte crudo o pastorizzato, più raramente dal consumo di altri alimenti (carne cruda, pesce, verdura) o in seguito al contatto con animali malati. L agente patogeno è un batterio a forma bastoncellare (Listeria monocytogenes), diffuso a livello mondiale, piuttosto resistente e in grado di moltiplicarsi anche alle basse temperature del frigorifero. Resiste perfino al congelamento e all essicazione, ma viene eliminato con i procedimenti di cottura, arrostitura, sterilizzazione e pastorizzazione. Sono particolarmente a rischio di infezione le persone con un sistema immunitario compromesso. Il tasso di infezione è di 12 donne in gravidanza su Un infezione contratta nel primo periodo di gravidanza porta generalmente a un aborto, a un parto prematuro o alla morte intrauterina. Nell ultimo trimestre di gravidanza, la probabilità di trasmissione della malattia al feto è ancora molto alta e comporta gravi conseguenze. Il tasso di mortalità dei neonati affetti da listeriosi è del 50%. In adulti sani, l infezione spesso è asintomatica oppure avviene sotto forma di una leggera influenza, mentre nelle persone immunodeficienti possono comparire sintomi settici così come meningite ed encefalite. La profilassi è molto simile a quella per la toxoplasmosi; essa consiste nel consumare solo latte o prodotti di latte pastorizzati, ad alta pastorizzazione o UHT (tranne formaggi a pasta molle o semidura!), evitare di consumare carne cruda e adottare misure igieniche appropriate. Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) 9

11 V. Panoramica delle raccomandazioni per un alimentazione ottimale della donna sana In base ai punti fondamentali sopra esposti e ai possibili rischi, si possono stilare le seguenti raccomandazioni per un alimentazione ottimale durante la gravidanza e l allattamento. Per una gravidanza o un allattamento imminenti, è importante che la madre si prepari correttamente ad affrontare la gravidanza, mantenga il suo peso entro i livelli di normalità e si nutra in modo equilibrato. Raccomandazioni per un apporto sufficiente di tutte le sostanze nutritive Un alimentazione varia ed equilibrata come quella illustrata nelle raccomandazioni per un alimentazione sana e gustosa negli adulti (piramide alimentare della SSN), cioé pasti regolari ripartiti in diversi momenti del giorno, molta frutta e verdura («5 al giorno»), ad ogni pasto principale un contorno ricco di amido, 3 porzioni di latte e latticini 3 volte al giorno, carne 2 3 volte alla settimana (eccetto selvaggina) e pesce 1 2 volte (da g), un moderato consumo quotidiano di grassi e oli e una porzione di noci (20 30 g); moderare il consumo di dolciumi, salatini e bevande energetiche. Assumere liquidi in quantità sufficiente (1,5 2 l). La quantità energetica da assumere attraverso l alimentazione e l aumento di peso consigliato dipendono dal peso prima della gravidanza nonché all inizio dell allattamento. Nella scelta degli alimenti, si deve considerare di coprire l aumentato fabbisogno di minerali, vitamine, macroelementi e oligoelementi e tenere in conto le intolleranze personali. Un elemento fondamentale per un bilancio energetico equilibrato è l attività fisica quotidiana (movimento quotidiano / sport). Negli adulti, già mezz ora di attività fisica al giorno migliora la salute, il benessere, la qualità di vita e le attitudini personali. L intensità del movimento dovrebbe essere quella di una marcia a passo spedito. Per prevenire difetti del tubo neurale del feto, si consiglia a tutte le donne che desiderano o potrebbero restare incinte, di integrare l alimentazione con una quantità giornaliera di 0,4 mg di acido folico sintetico in pastiglie o capsule, meglio se integrati in un preparato multivitaminico, possibilmente 4 settimane prima del concepimento e durante le prime 12 settimane di gravidanza. Excusus: allattamento Gli stessi presupposti per la gravidanza valgono anche per l alimentazione della madre durante l allattamento. L allattamento ha dei grandi vantaggi per la mamma e per il bambino. I vantaggi dell allattamento e del latte materno superano di gran lunga il rischio di sostanze nocive nel latte materno. L UFSP raccomanda perciò, in base alle conoscenze scientifiche raccolte insieme all OMS, alla Fondazione svizzera per la promozione dell allattamento al seno, alla Società svizzera di pediatria e alla Società svizzera di ginecologia e ostetrica, di allattare al seno, se possibile esclusivamente, i lattanti durante i primi 6 mesi di vita e, fino all età di 2 anni, di integrare l allattamento con un alimento supplementare sicuro e adatto all età (Bulletin dell UFSP: 8 luglio 2002 / Raccomandazioni per l alimentazione dei lattanti 2008, Commissione per l alimentazione della Società svizzera di pediatria). 10 L alimentazione durante la gravidanza e l allattamento

12 Raccomandazioni per evitare i prodotti a rischio Non consumare prodotti crudi di origine animale, come latte crudo, uova crude o carne cruda (tartare) e fegato nelle prime 12 settimane di gravidanza né molluschi (ad esempio ostriche). Durante la gravidanza consumare solo latte e prodotti di latte (yogurt, ecc.) pastorizzati, ad alta pastorizzazione o UHT. Non mangiare formaggi a pasta molle o semidura derivati da latte crudo o pastorizzato. Durante la gravidanza, non consumare generi voluttuari come alcol o altre sostanze che generano dipendenza, al massimo 2 3 tazze di caffè al giorno o di bevanda equivalente contenente caffeina e, se possibile, evitare bevande contenenti chinino (ad esempio Bitter-Lemon o acqua tonica). Durante l allattamento assumere con moderazione alcol e caffeina. Le donne in gravidanza e in allattamento dovrebbero assumere, ogni settimana, 1 2 porzioni di pesce possibilmente grasso, povero di metilmercurio (ad esempio trota, scorfano, coregone, sardine, ippoglosso comune). Va assolutamente evitato il consumo di pesce spada, marlin/ aguglia imperiale e squalo a causa dell alto contenuto di metilmercurio. Il consumo di tonno fresco o di luccio di provenienza estera dovrebbe essere limitato a 1 porzione (130 g) alla settimana. Il tonno in scatola può essere consumato fino a un massino di 4 porzioni da 130 g alla settimana. Aringhe e salmoni del Mar Baltico devono essere evitati a causa dell elevato contenuto di diossina e composti diossina-simili. Il consumo di selvaggina, e in particolare di selvaggina in salmì, dovrebbe essere limitato a due porzioni a settimana non superiori a 200 g a causa del suo possibile contenuto eccessivo di piombo. Raccomandazioni per eliminare nonché evitare agenti patogeni (misure di igiene) Lavarsi le mani prima e dopo la preparazione dei pasti e anche prima di mangiare. Lavare accuratamente frutta e verdura. Preparare la carne separatamente dalla verdura. Cuocere bene la carne. Consumare uova sode. Separare i cibi cotti da quelli crudi. Pulire accuratamente gli utensili da cucina che entrano in contatto con prodotti crudi. Conservare i prodotti alla temperatura corretta e osservare la data di scadenza. Prudenza nel contatto con i gatti. Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) 11

13 VI. Appendice : Link per maggiori informazioni Ufficio federale della sanità pubblica Informazioni sulla gravidanza e sull alimentazione grazie al rapporto della Commissione federale per l alimentazione «Alimentazione durante la gravidanza e l allattamento. Pericolo per la mamma e il bambino?» e il foglio informativo «Gli aspetti più importanti in sintesi: l alimentazione durante la gravidanza e l allattamento» Kinder im Gleichgewicht (in tedesco) Società svizzera di nutrizione Fondazione svizzera per la promozione dell allattamento al seno Società svizzera di ginecologia e ostetricia Società svizzera di pediatria Rete svizzera salute e movimento hepa.ch Con i documenti di base «Movimento efficace per la salute» e «Mit Muskelkraft unterwegs» (non disponibile in italiano) 12 L alimentazione durante la gravidanza e l allattamento

14 L alimentazione durante la gravidanza e l allattamento Opuscolo informativo per ginecologi, ostetrici, pediatri e medici di famiglia Sigla editoriale Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) Editore: Ufficio federale della sanità pubblica Data di pubblicazione: Maggio 2011 Autori: Camenzind-Frey E, UFSP, Sezione rischi in materia di alimentazione e tossicologia, Zurigo Hesse-Lamm M, UFSP, Unità di direzione protezione dei consumatori, Berna Laimbacher J, KIG-SG, Ostschweizer Kinderspital di San Gallo Bachmann G, KIG-SG, Dipartimento della sanità del Cantone di San Gallo Kluckert C, KIG-SG, Ostschweizer Kinderspital di San Gallo Renggli A, UFSP, Sezione rischi in materia di alimentazione e tossicologia, Zurigo KIG-SG: Kinder im Gleichgewicht St. Gallen (Dipartimento della sanità del Cantone di San Gallo, Ostschweizer Kinderspital di San Gallo, Promozione Salute Svizzera) Modalità di citazione: Camenzind-Frey E., Hesse-Lamm M., Laimbacher J., Bachmann G., Kluckert C., Renggli A. L alimentazione durante la gravidanza e l allattamento. Berna: Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), Impaginazione grafica: Silversign GmbH, visuelle Kommunikation, Berna Fotografie: Fotolia La presente pubblicazione è edita anche in tedesco e francese. Numero di pubblicazione UFSP: UFSP VS EXT1109 Tiratura: 500 d 400 f 200 i UFSP, Unità di direzione protezione dei consumatori, 3003 Berna Numero di contratto: Luogo d acquisto: UFCL, Vendita di pubblicazioni federali, 3003 Berna Numero di articolo UFCL: i Stampato su carta sbiancata senza cloro

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

La corretta alimentazione

La corretta alimentazione La corretta alimentazione www.salute.gov.it 2 Tutta la comunità scientifica è d accordo sul fatto che esista uno stretto legame tra una corretta alimentazione e una vita in buona salute. Per mantenersi

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona MAN- GIAR BENE vivere sani 3 Mantenere il corpo in buona salute ha la sua base in una corretta alimentazione. Essa si basa sull apporto equilibrato di acqua, carboidrati (zuccheri e amidi), proteine, grassi

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage da Norda una Novità nel Mondo del Beverage Benessere da Bere una Carica di Energia Prima in Italia, Norda lancia sul mercato, una Linea INNOVATIVA di Bevande Funzionali che è già un Grande Successo negli

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. PRIMO TRIMESTRE 2014 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l'igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione Direttore

Dettagli

Ess-Trends alimentari Fokus in primo piano

Ess-Trends alimentari Fokus in primo piano sge Schweizerische Gesellschaft für Ernährung ssn Société Suisse de Nutrition ssn Società Svizzera di Nutrizione Ess-Trends alimentari Fokus in primo piano Eine Un iniziativa Initiative von Coop Coop con

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa quantità

Dettagli

Un alimentazione equilibrata rafforza la salute

Un alimentazione equilibrata rafforza la salute Un alimentazione equilibrata rafforza la salute Come ridurre il rischio di cancro Un informazione della Lega contro il cancro Un alimentazione equilibrata rafforza la salute 1 Indice Editoriale 5 Una sana

Dettagli

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. Controlla il peso e mantieniti sempre attivo Il peso corporeo Il nostro peso corporeo rappresenta l'espressione tangibile del bilancio energetico

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

10. sicurezza. dei tuoi cibi dipende anche da te. sicurezza

10. sicurezza. dei tuoi cibi dipende anche da te. sicurezza 10. sicurezza La dei tuoi cibi dipende anche da te sicurezza 10. La sicurezza dei tuoi cibi dipende anche da te Oggi i consumatori sono sempre più attenti alle questioni della sicurezza degli alimenti,

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono essere soddisfatti i fabbisogni di nutrienti necessari

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO LA SALUTE VIEN MANGIANDO PERCHÉ MANGIAMO? Il nostro organismo per sopravvivere e stare in buona salute, per crescere, per svolgere attività fisica, per riparare le parti del corpo danneggiate e sostituire

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

alimentazione come e di promozione della SALUTE

alimentazione come e di promozione della SALUTE LA SALUTE VIEN MANGIANDO: alimentazione come fattore di rischio e di promozione della SALUTE Dr. Saverio Chilese Resp. Unità Operativa di Nutrizione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione ULSS 4 Referente

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die);

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); VITAMINE Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); hanno funzioni specifiche e funzioni comuni, tra cui: - agiscono

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Si parla di "sterilità" quando dopo un anno di rapporti sessuali regolari non è ancora intervenuta una gravidanza. Le cause di una mancanza di figli non

Dettagli

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol?

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol? alcol Qual è la dimensione del problema? L alcol è una sostanza tossica per la quale non è possibile identificare livelli di consumo sicuri, anche a causa delle differenze individuali legate al metabolismo

Dettagli

Manuale informativo sull H.A.C.C.P.

Manuale informativo sull H.A.C.C.P. Manuale informativo sull H.A.C.C.P. per il controllo dell igiene degli alimenti (con particolare riferimento al controllo della temperatura) Manuale redatto dalla GIORGIO BORMAC S.r.l. Le informazioni

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G.

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. Ministero della Salute RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. ANNO 2014 2 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l Igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

LA CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI A cura di Marina Mariani

LA CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI A cura di Marina Mariani LA CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI A cura di Marina Mariani Gli alimenti lasciati all aria e soprattutto a temperatura ambiente subiscono, presto o tardi, modificazioni delle loro caratteristiche organolettiche:

Dettagli

Piramide alimentare svizzera Raccomandazioni alimentari per adulti che conciliano piacere ed equilibrio nell alimentazione. Indice

Piramide alimentare svizzera Raccomandazioni alimentari per adulti che conciliano piacere ed equilibrio nell alimentazione. Indice pag. 1 / 20 Piramide alimentare svizzera Raccomandazioni alimentari per adulti che conciliano piacere ed equilibrio nell alimentazione Indice Versione lunga / Novembre 2011 2 Piramide alimentare svizzera

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

La Temperatura degli Alimenti

La Temperatura degli Alimenti La Temperatura degli Alimenti L'ATP è la regolamentazione per i trasporti frigoriferi refrigerati a temperatura controllata di alimenti deperibili destinati all'alimentazione umana. A.T.P. = Accord Transport

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili 45 aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE Slowfood aprile 2010 www.slowfood.it Acqua alle corde Azioni sostenibili Professione happycoltore La rete delle comunità

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni )

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

Tratto dal libro "Guarire con la nuova medicina integrata".

Tratto dal libro Guarire con la nuova medicina integrata. 1. Mantenersi snelli. Il peso corporeo dev essere un valore da tenere nei ranghi. E a suggerirci i ranghi previsti è un parametro chiamato indice di massa corporea (BMI, da Body Mass Index). Si calcola

Dettagli

I PRINCIPI NUTRITIVI SICUREZZA ALIMENTARE PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI

I PRINCIPI NUTRITIVI SICUREZZA ALIMENTARE PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI I PRINCIPI NUTRITIVI PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI SICUREZZA ALIMENTARE DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI ALTRI RISCHI LEGATI AL CONSUMO DI ALIMENTI I PRINCIPI NUTRITIVI I principi

Dettagli

Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità

Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità Passo numero 1: TESTA LA TUA DIGESTIONE Questo primo breve test ti serve per capire com è adesso la tua digestione, se è ancora buona ed efficiente

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo.

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. DIBASE 25.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 50.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 100.000 U.I./ml soluzione iniettabile DIBASE

Dettagli

La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori

La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori A cura dell U.O.C. Igiene Alimenti e Nutrizione Dipartimento Prevenzione Medica, A.S.L. di Pavia, V.le Indipendenza,3 0382 432451 TROVA L EQUIILIIBRIIO

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE!

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! Perché si inizia a fumare Tutti sanno che fumare fa male. Eppure, milioni di persone nel mondo accendono, in ogni istante, una sigaretta! Non se ne conoscono

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita

Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita SOMMARIO PRINCIPI DI NUTRIZIONE Pag. 2 I NUTRIENTI Pag. 2 LE VITAMINE Pag. 3 I GRUPPI ALIMENTARI Pag. 6 LA PIRAMIDE ALIMENTARE Pag.

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Diabete di tipo 2 ed Obesità. Serie N.16

Diabete di tipo 2 ed Obesità. Serie N.16 Diabete di tipo 2 ed Obesità Serie N.16 Guida per il paziente Livello: facile Diabete di tipo 2 ed Obesità - Serie 16 (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto dal dott. Fernando Vera,

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Chimica è una parolaccia? Si direbbe di sì, a giudicare dalle reazioni della opinione pubblica che associa

Dettagli

L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE

L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE 1 L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE Le femmine devono essere in peso forma al momento dell accoppiamento Se la femmina è fortemente sottopeso aumentano le possibilità di:

Dettagli

19 VOCI PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE ED UN ADEGUATO ESERCIZIO FISICO. a cura di Stefania Agrigento prefazione di Eugenio Del Toma

19 VOCI PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE ED UN ADEGUATO ESERCIZIO FISICO. a cura di Stefania Agrigento prefazione di Eugenio Del Toma 19 VOCI PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE ED UN ADEGUATO ESERCIZIO FISICO a cura di Stefania Agrigento prefazione di Eugenio Del Toma ISBN 978-88-96646-46-5 2015 - Clio S.p.A., Lecce www.clioedu.it Proprietà

Dettagli

50 domande e risposte sul tema ipertensione arteriosa

50 domande e risposte sul tema ipertensione arteriosa 50 domande e risposte sul tema ipertensione arteriosa Gruppi di N Domanda Risposta argomenti Sintomi 1. Ho 52 anni e sono iperteso. Ultimamente vedo meno bene e l ottico mi ha prescritto degli occhiali.

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili.

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili. VLT VLT (leggi Volt) è un gel energizzante il cui effetto si fonda sulla combinazione e sinergia d azione propria dei componenti in esso contenuti. In VLT si ritrovano, difatti, molteplici principi attivi

Dettagli

SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO

SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO RIFLESSIONI E PROSPETTIVE SU NOI STESSI E SUL MONDO BISOGNI PRIMARI DELL'UOMO Quali sono i bisogni dell'uomo? Volendo semplificare i bisogni basilari sono due: vogliamo evitare

Dettagli

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL Barrare la risposta corretta A cura della Dott.ssa Cristina Cerbini Febbraio 2006

Dettagli

Alcol: sei sicura? Le ragazze e l alcol. Il libretto per conoscere e non rischiare.

Alcol: sei sicura? Le ragazze e l alcol. Il libretto per conoscere e non rischiare. OSSERVATORIO NAZIONALE ALCOL CNESP WHO COLLABORATING CENTRE FOR RESEARCH AND HEALTH PROMOTION ON ALCOHOL AND ALCOHOL-RELATED HEALTH PROBLEMS SIA SOCIETÀ ITALIANA ALCOLOGIA Alcol: sei sicura? Le ragazze

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

INDICATORI DI SALUTE Diretti (negativi) Sanitari

INDICATORI DI SALUTE Diretti (negativi) Sanitari INDICATORI DI SALUTE Diretti (negativi) Sanitari MORTALITA Mortalità generale o grezza = numero di morti per tutte le cause registrati nella popolazione Mortalità specifica = numero di morti per tipologia

Dettagli

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin EVIDENCE REPORT: PROFILASSI CON VITAMINA K NEI NEONATI PER LA PREVENZIONE DELLA MALATTIA EMORRAGICA (a cura di Baiesi Pillastrini Francesca, Battistini Silvia, Parma Dila ) banca dati stringa di ricerca

Dettagli

12.200 i nuovi casi di tumore al pancreas ogni anno in Italia

12.200 i nuovi casi di tumore al pancreas ogni anno in Italia Come prevenire il tumore del pancreas insieme contro il cancro Il pancreas e il tumore Il pancreas è un organo dalla forma simile a quella di una pera o di una lingua, situato in profondità nella cavità

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA . LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA Gruppo di esperti costituito presso l Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN)

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 1 Nome commerciale IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA ECO-TRAP Utilizzazione della sostanza

Dettagli

SICUREZZA E IGIENE DEGLI ALIMENTI GUIDA PER GLI OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE

SICUREZZA E IGIENE DEGLI ALIMENTI GUIDA PER GLI OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE SICUREZZA E IGIENE DEGLI ALIMENTI GUIDA PER GLI OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE Coordinamento editoriale: Marta Fin, Alba Carola Finarelli, Laura Vicinelli, Claudio Visani Redazione: Alessandro Brunozzi,

Dettagli

C era una volta... Nel castello di Roccabisaccia è un giorno di festa tutti sono contenti perché è finalmente pace con i vicini del regno, dopo una guerra lunga dieci anni! Re Baldassarre medita di preparare

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE

VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE In un qualsiasi anno prima dell'uso esteso dei vaccini in Italia si registravano circa 3.000 casi di poliomielite, circa 12.000 di difterite, circa 700 casi

Dettagli

Menopausa, alimentazione ed osteoporosi. Debora Rasio Sapienza Università di Roma - Az. Osp. S. Andrea

Menopausa, alimentazione ed osteoporosi. Debora Rasio Sapienza Università di Roma - Az. Osp. S. Andrea Menopausa, alimentazione ed osteoporosi Debora Rasio Sapienza Università di Roma - Az. Osp. S. Andrea Cambiamenti ormonali in menopausa Con la menopausa si assiste al declino della produzione ovarica di

Dettagli