COMPLICAZIONI DELLA GRAVIDANZA, DEL PARTO E DEL PUERPERIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMPLICAZIONI DELLA GRAVIDANZA, DEL PARTO E DEL PUERPERIO"

Transcript

1 11 COMPLICAZIONI DELLA GRAVIDANZA, DEL PARTO E DEL PUERPERIO ( ) Le condizioni che influenzano l evoluzione della gravidanza, del parto e del puerperio sono classificate da 630 a 677, nell ambito del capitolo 11. Anche la ICD-9-CM (come la ICD-9) riclassifica con altri codici tutte le condizioni che, pur potenzialmente presenti al di fuori di una gravidanza, siano riscontrate in una paziente in quella condizione. Solo nel caso in cui il ricovero sia stato effettuato per diversa patologia e ci sia stato un riscontro casuale di gravidanza, può essere utilizzato, tra le altre diagnosi, il codice V22.2 (reperto accidentale di gravidanza). I codici di questo capitolo hanno precedenza, nella sequenza, rispetto ai codici degli altri capitoli, ma questi ultimi possono essere utilizzati come codici secondari quando si richiede maggiore specificità. Ancora, i codici del capitolo 11 sono riferiti solo alla madre e devono essere indicati unicamente nella SDO, o nella cartella clinica materna, e non devono essere mai utilizzati nella documentazione del neonato: altri sono i codici previsti a tale proposito (soprattutto dei capitoli 14 e 15). I codici da 630 a 639 sono riferiti a gravidanza molare, gravidanza ectopica ed aborto; i codici da 640 a 676 spaziano nell ambito dell intera storia ostetrica, dal concepimento fino a sei settimane (42 giorni) dopo il parto. La ripartizione del capitolo prevede: Gravidanza e mola vescicolare Altre gravidanze con esito abortivo Complicazioni principalmente correlate alla gravidanza Parto normale e indicazioni per ricovero in gravidanza, travaglio e parto Complicazioni principalmente in corso di travaglio e parto Complicazioni del puerperio

2 142 Guida alla ICD-9-CM Variazioni introdotte dalla ICD-9-CM 2002 Le modifiche apportate a questo capitolo da parte della ICD-9-CM 2002 sono oltre 20 tra aggiunte e nuove descrizioni. Inoltre, un codice di diagnosi, il 645.0, con le tre specificazioni alla quinta cifra, viene eliminato. Di fatto viene completamente rivista la classificazione della categoria 645, relativa alla gravidanza avanzata (la descrizione corrispondente nella versione del 1997 era gravidanza protratta ). Questa viene distinta ulteriormente nelle due categorie di gravidanza post-termine (645.1) e di gravidanza protratta (645.2): la prima corrispondente alle gravidanze prolungatesi oltre la 40 a settimana di gestazione ma ancora entro la 42 a settimana (completa), la seconda riferita alle gravidanze che superano la 42 a settimana gestazionale. Per entrambe le sottocategorie di gravidanza avanzata viene inoltre introdotta la quinta cifra per distinguere il tipo di episodio di cura, l episodio non meglio specificato (0), il parto (1) e la condizione o la complicanza antepartum (3). Nell ambito delle anomalie fetali, conosciute o sospette, che influenzano il trattamento della madre (655), accanto a condizioni quali malformazioni congenite del SNC, anomalie cromosomiche, malattie ereditarie, sospette lesioni del feto da malattie virali, da farmaci o da radiazioni, viene aggiunta la sottocategoria relativa alla diminuzione dei movimenti fetali (655.7), ulteriormente specificata dalla quinta cifra. Questa assume, come nel caso precedente, valore 0 se si tratta di episodio di cura non specificato, valore 1 se si è in occasione del parto e 3 se si tratta di condizione o complicazione antepartum. La descrizione del codice cambia da altre cure legate all età materna avanzata a multigravida in età materna avanzata. Cambiano di conseguenza in modo analogo anche le descrizioni dei codici a cinque cifre , e La categoria delle altre indicazioni per l assistenza o l intervento relative al travaglio e al parto, non classificate altrove (659) si arricchisce inoltre della sottocate-

3 Complicazioni della gravidanza, del parto e del puerperio 143 goria relativa alle anomalie del battito o della frequenza cardiaca del feto, ulteriormente dettagliata dalla quinta cifra, anche in questo caso espressione dell episodio di cura in oggetto: episodio non meglio specificato (0), parto (1) e condizione o complicanza antepartum (3). Per quanto riguarda i codici degli interventi/procedure la ICD-9-CM 2002 aggiunge le codifiche per altro monitoraggio fetale (75.34), amnioinfusione (75.37) e ossimetria fetale (75.38). Gravidanza e mola vescicolare La gravidanza ectopica e la mola vescicolare o altri anormali prodotti del concepimento sono riconducibili alle seguenti categorie, con un codice addizionale dalla categoria 639, qualora intervengano complicanze: Mola idatiforme 630 Altri prodotti del concepimento anomali 631 Aborto ritenuto 632 Gravidanza ectopica 633 La gravidanza molare sopravviene quando un uovo si trasforma in mola o tumore benigno. La mola idatiforme è un tipo particolare di mola classificata separatamente (630). Tutti gli altri tipi di gravidanza molare sono inclusi nel codice 631. Una gravidanza ectopica (633) sopravviene quando un uovo si impianta in sito diverso dall utero. La quarta cifra indica la localizzazione extrauterina e, precisamente: gravidanza addominale; gravidanza tubarica; gravidanza ovarica; altre gravidanze ectopiche.

4 144 Guida alla ICD-9-CM La gravidanza tubarica è il tipo più frequente. Si ricorda che, diversamente dalle complicanze dell aborto, quelle della gravidanza ectopica e molare sono classificate nella categoria 639, se intervengono durante un episodio di cura iniziale o durante un episodio precedente: nel primo caso un codice da 630 a 633 è posto come primo, seguito da un codice della categoria 639. Quando una complicanza interviene dopo che la gravidanza è terminata, allora viene assegnato solo il codice 639. Un codice addizionale può essere assegnato per descrivere nel dettaglio il tipo di complicanza, come, ad esempio, nel caso di peritonite pelvica provocata da gravidanza tubarica ( ) o di emorragia a seguito di rottura di gravidanza ectopica tubarica rimossa in ricovero precedente (639.1). Aborto ritenuto Il termine si riferisce alla morte fetale prima del completamento delle 22 settimane di gestazione, con ritenzione di feto per un certo periodo di tempo. Questa condizione può essere svelata da un arresto della crescita del feto o un indurimento dell utero o diminuzione delle sue dimensioni. Il feto ritenuto può essere espulso spontaneamente, chirurgicamente o chimicamente. Ad esempio: una paziente alla 20 a settimana di gestazione riferisce di non sentire più movimenti fetali che erano presenti fino ad un mese prima. All esame l utero è duro e più piccolo rispetto all ultima visita. La diagnosi di aborto ritenuto è codificata come 632. Aborto e gravidanza ectopica La gravidanza con esito abortivo è classificata nelle categorie Si noti che il termine aborto nella classificazione delle malattie ICD-9-CM è riferito a morte fetale e non alle procedure utilizzate per interrompere la gravidanza. Se viene effettuata una IVG,

5 Complicazioni della gravidanza, del parto e del puerperio 145 deve essere utilizzato il codice relativo. L evento aborto è definito come l espulsione o l estrazione di parte o di tutta la placenta o membrane con o senza un feto identificabile (comunque non vivo), del peso di meno di 500 g. Se il peso non può essere determinato, allora si fa riferimento alla durata di gestazione (meno di 22 settimane). Se la durata di gravidanza è superiore alle 22 settimane o se il peso del feto è maggiore di 500 g o se c è vitalità del feto, non c è presunzione di aborto ed il codice da utilizzare è (inizio di parto precoce, parto, con o senza menzione della condizione antepartum). Selezione della diagnosi principale Il codice di aborto è assegnato come diagnosi principale quando l ammissione o la visita sono finalizzate a trattare un aborto spontaneo o eseguire un aborto d elezione. 1. Condizioni materne causa di aborto: può essere assegnato un codice dalle categorie e (vedi oltre) come codice addizionale per indicare qualsiasi complicazione materna importante che possa avere reso necessario un ricovero d elezione. La quinta cifra 3, complicazioni antepartum, è utilizzata con i codici di tali categorie assieme ad un codice d aborto; le altre quinte cifre non sono utilizzate. Non è necessario assegnare un codice per specificare la causa dell aborto perché non sempre è individuabile. Ad esempio: Una paziente è ammessa per aborto d elezione poiché il medico curante ritiene che la sua severa cardiopatia può essere precipitata e complicarsi a causa di una gravidanza. La diagnosi principale in tal caso sarà (aborto legale) e , insieme ad un altro codice che identifica il tipo di problema cardiaco. Una paziente contrae rosolia alla terza settimana di gestazione e chiede l induzione di aborto per pericolo di malformazioni fetali. Il codice è scelto

6 146 Guida alla ICD-9-CM come diagnosi principale con codice addizionale (sospetta lesione del feto da malattia virale della madre, condizione o complicazione antepartum). Una paziente è ammessa con placenta previa. Non richiede aborto ma il medico nel valutare le eventuali alternative conclude che l aborto è l unica soluzione possibile. Viene effettuato aborto con il consenso della paziente. In tal caso il codice della placenta previa è scelto come primo nella sequenza, seguito da quello dell aborto. 2. Aborto da altre cause: un aborto improvviso a volte può sopravvenire quando la paziente subisce qualche trauma oppure quando viene operata per altri motivi. In tale situazione viene assegnato come diagnosi principale il codice relativo alla situazione improvvisa, con un codice addizionale per indicare l aborto. Quando l aborto è provocato da un intervento chirurgico sull utero effettuato per cause non legate alla gravidanza, il codice per la condizione che ha richiesto l intervento è di norma codificato per primo, con un secondo codice addizionale per indicare l aborto tra quelli compresi nella categoria 637 (aborto non specificato). Ad esempio: Viene effettuato un intervento di isterectomia per carcinoma uterino e quando l utero viene inciso si scopre un feto di sei settimane di vita. Diagnosi principale: carcinoma utero (182.8); diagnosi secondaria: aborto non specificato, completo (637.92). Se l aborto è conseguenza di un trauma o intervento chirurgico su organo non uterino, il codice relativo al trauma o alla causa dell intervento va posto come diagnosi principale. Sarà assegnato un codice dalla categoria 634 (aborto spontaneo) come codice addizionale. Viene effettuata appendicectomia per appendicite acuta con peritonite. Al secondo giorno di post-intervento la paziente va incontro ad aborto improvviso completo. Diagnosi principale: appendicite con peritonite (540.0); altra diagnosi: aborto spontaneo (634.92).

7 Complicazioni della gravidanza, del parto e del puerperio 147 Tipo di aborto Il primo asse di codifica dell aborto riguarda la tipologia, nel seguente senso indicato: aborto spontaneo, che avviene senza interventi strumentali o chimici 634 aborto provocato legalmente (IVG) 635 aborto provocato illegalmente 636 aborto non specificato 637 tentativo fallito di aborto (la paziente continua la gravidanza) 638 Complicazioni associate all aborto Una quarta cifra è utilizzata nell ambito delle categorie per indicare se una complicazione sia associata con aborto. La quarta cifra da 0 a 6 indica il tipo generale di complicazione, mentre il valore 7 si usa quando sia documentata altra specifica complicazione. Una codifica dettagliata non è prevista ma, qualora si voglia dare più specificità alla complicazione, si può utilizzare, se appropriato, un codice addizionale di un altro capitolo. La quarta cifra 8 si usa quando l aborto è descritto come complicato senza altra specificazione, il 9 è assegnato se non vi è menzione di complicazione. Una lista delle condizioni incluse in ciascuna delle quarte cifre è presente come nota nel manuale alla categoria 634. Ad esempio: Una paziente è ammessa con diagnosi di aborto spontaneo e viene effettuata una dilatazione con raschiamento per rimuovere i prodotti del concepimento, ma non viene trovato nulla. Per evidenza di una infezione pelvica, la paziente è rimasta in ospedale per il trattamento, ed è stata dimessa il quarto giorno con l infezione risolta. La diagnosi principale è (aborto spontaneo, complicato da infezione del tratto genitale e pelvico, completo). Ulteriori codici devono essere assegnati per specificare il tipo di microrganismo e l intervento di dilatazione e raschiamento.

8 148 Guida alla ICD-9-CM Se la paziente viene ricoverata per disturbi insorti dopo la dimissione relativa ad un ricovero per aborto, la categoria 639 viene assegnata con la quarta cifra usata per indicare il tipo di complicazione, come nel caso di una paziente dimessa dall ospedale in terza giornata a seguito di aborto completo con riammissione una settimana più tardi per endometrite correlata all aborto: andrebbe assegnato il codice (infezione del tratto genitale e della pelvi). Si può aggiungere un ulteriore codice per l endometrite e per indicare il tipo di microrganismo, se riconosciuto. Una paziente è ammessa con insufficienza renale a seguito di aborto effettuato una settimana prima. Il codice (insufficienza renale) può indicare la diagnosi principale, con eventuale codice ulteriore per definire il tipo di insufficienza renale. Occasionalmente un tentativo di aborto può avere come esito la nascita di un bambino vivo. Si ribadisce che la situazione di un feto che abbia battito cardiaco, respirazione o movimenti involontari dei muscoli dopo l espulsione è considerato nato vivo, a prescindere da quanto tempo possa sopravvivere. In tal caso è assegnato il codice (inizio di parto precoce, parto con o senza menzione della condizione antepartum) assieme al codice V27.0 (parto semplice: nato vivo). La quinta cifra è utilizzata per le categorie per indicare se l aborto è completo o incompleto. Se si tratta di aborto spontaneo, la quinta cifra indicherà se l aborto era incompleto al momento dell ammissione. La quinta cifra ha il seguente significato: 0: non specificato se completo o incompleto; 1: incompleto; 2: completo. Morte di feti con ritenzione di altro feto Si verifica occasionalmente, quando una paziente con gravidanza gemellare ha principio di aborto durante il

9 Complicazioni della gravidanza, del parto e del puerperio 149 quale un feto viene espulso ma un altro rimane in utero. In tal caso non verrà assegnato alcun codice dalle categorie , ma uno relativo alle seguenti complicanze della categoria 651: gravidanza gemellare con perdita fetale e ritenzione di un feto gravidanza trigemina con perdita fetale e ritenzione di uno o più feti gravidanza quadrigemina con perdita fetale e ritenzione di uno o più feti altra gravidanza multipla con perdita di uno o più feti Complicazioni principalmente correlate alla gravidanza Regole generali di codifica: le condizioni patologiche classificate in altri capitoli dell ICD-9-CM debbono essere codificate con codici di questo capitolo qualora complichino lo stato di gravidanza o siano esse stesse complicate dal fatto che la paziente sia in stato di gravidanza. L ipertensione, ad esempio, è classificata nella categoria 642 se viene diagnosticata durante gravidanza, parto o puerperio. Altre specifiche condizioni come infezione del tratto urinario o disturbi epatici sono classificati nella categoria 646 quando complichino la gravidanza. Alcune infezioni come la rosolia, la malaria, la TBC e le infezioni veneree sono classificate nella categoria 647, mentre condizioni come il diabete mellito, l anemia e le disfunzioni della tiroide sono riclassificate nella categoria 648. Per condizioni classificate nelle categorie 642 e , si assume che esse possano complicare la gravidanza, salvo che il medico non constati il contrario. Sebbene i titoli di codice indichino che tali condizioni sono prevalentemente associate alla gravidanza, questi sono utilizzati quando si presentino, oltre che in gravidanza, anche durante il parto o il puerperio. Alcuni codici per determinate complicanze sono molto specifici, mentre altri sono molto generici. Quando un codice del capitolo 11 descri-

10 150 Guida alla ICD-9-CM ve una condizione adeguatamente, deve essere assegnato solo tale codice. È comunque appropriato assegnare un codice aggiuntivo quando questo provveda a dare maggiore specificità. Ad esempio, una diagnosi di diabete mellito insulino-dipendente con chetoacidosi complicante la gravidanza è codificata come , ma questo codice indica soltanto che la paziente è diabetica. In questo modo non si dà alcuna informazione circa il tipo di diabete o di complicazioni ad esso associate, rendendo così necessario aggiungere un altro codice della categoria 250 per descrivere con maggiore specificità le condizioni del paziente. D altro canto, il codice delle vene varicose delle gambe complicanti la gravidanza o il puerperio (671.0) soddisfa tutte le informazioni, cosicché l aggiunta di un ulteriore codice sarebbe superflua. Altri esempi dell uso appropriato di questi codici sono desumibili dalla descrizione di questi tre casi: gravidanza a termine, spontanea; cistite anteparto, acuta, ancora presente al parto batteriuria asintomatica, gravidanza vicina al termine senza parto diabete mellito tipo I, scompensato e con coma; gravidanza intrauterina di 28 settimane, senza parto Ipertensione in gravidanza L ipertensione preesistente è sempre considerata un fattore complicante la gravidanza, il parto o il puerperio ed è classificata nella categoria 642 come segue: ipertensione essenziale benigna ipertensione secondaria a disturbo renale altra ipertensione preesistente Alcune pazienti senza ipertensione preesistente frequentemente sviluppano ipertensione transitoria durante la gravidanza. Questa condizione si risolve in genere

11 Complicazioni della gravidanza, del parto e del puerperio 151 velocemente dopo la gravidanza ed è codificata nella serie L ipertensione in gravidanza a volte porta ad una condizione descritta come eclampsia o pre-eclampsia, descritta nelle sottocategorie , quando si sviluppano in assenza di ipertensione preesistente; in caso contrario è descritta nelle sottocategorie Se l ipertensione gestazionale è associata con albuminuria o edema oppure entrambe, è comunque classificata come eclampsia o pre-eclampsia. Ad esempio: pre-eclampsia lieve o non specificata ( ); pre-eclampsia grave ( ); eclampsia ( ); pre-eclampsia o eclampsia sovrapposta a preesistente ipertensione ( ). Questi codici comunque non vanno mai assegnati sulla base di un semplice rialzo pressorio o aumento del livello di albumina o presenza di edema, ma devono essere supportati da una chiara indicazione diagnostica del medico curante. Uso della quinta cifra Le categorie da 640 a 648 e da 651 a 676 utilizzano una quarta cifra per offrire maggiori informazioni circa l episodio in corso, così come segue: 0: episodio di cura non specificato (da non utilizzare per ricoveri ospedalieri); 1: parto, con o senza menzione della condizione antepartum; 2: parto, con menzione di complicazioni postpartum; 3: condizione o complicazione antepartum; 4: condizione o complicazione postpartum (parto espletato in ricovero precedente). Si tenga presente che alcune categorie di questo capitolo (645, 650, 657, 670, 672, 677) non prevedono né una quarta né una quinta cifra. Inoltre, poiché alcune complicanze incorrono solamente in uno specifico momento nel corso della gravidanza, non tutte le quinte cifre possono essere ritenute di norma appropriate. Ad esem-

12 152 Guida alla ICD-9-CM pio, placenta previa, distacco di placenta ed emorragia ante-parto incorrono soltanto nel periodo ante-parto, diversamente dall emorragia post-parto che è, al contrario, evento puerperale. La codifica multipla è comune in questo capitolo e perciò bisognerà assicurarsi che i codici siano coerenti rispetto all uso della quinta cifra. Infatti, alcune combinazioni di quinte cifre sono illogiche nell ambito dello stesso episodio di cura, ed in generale: lo 0 non può essere usato con nessun altra quinta cifra, è inappropriato nel ricovero per acuti, laddove sussistano informazioni che permettono un assegnazione più specifica; 1 e 2 possono essere utilizzati insieme per lo stesso episodio ma non con altre quinte cifre, mentre 3 e 4 non possono essere usati insieme o con altre quinte cifre. Parto normale e altre indicazioni per ricovero in gravidanza, travaglio e parto e complicazioni del travaglio e del parto Selezione della diagnosi principale La selezione della diagnosi principale di ammissione per parto normale ed altre cure ostetriche è basata, di norma, sui seguenti criteri: 1. Ammissione per parto normale. È utilizzato quando il parto è completamente normale, con un neonato singolo. Non devono esservi complicazioni post-parto, ed eventuali complicazioni pre-parto comparse durante la gravidanza devono essersi risolte prima del momento del parto. Il codice 650 è sempre utilizzato come diagnosi principale; può non essere usato quando si richieda di descrivere, con uno degli altri codici del capitolo, una complicazione antenatale, del periodo post-parto o del parto stesso. Si ricordi che l uso della categoria 650 è condizionato dalla soddisfazione delle seguenti situazioni: la presentazione al momento del parto può essere cefalica od occipitale, ma non, ad esempio, di spalla, faccia o podalica;

13 Complicazioni della gravidanza, del parto e del puerperio 153 non devono essere presenti anomalie legate al travaglio o al parto; non devono essere presenti al momento complicazioni ante-parto; le procedure ostetriche correlate ammissibili sono: episiotomia senza forcipe, epissiorrafia, rottura artificiale delle membrane, assistenza manuale al parto senza uso di forcipe, utilizzo di analgesici o anestetici, monitoraggio fetale; il parto deve essere singolo (con indicazione di esito di parto, V27.0, vedi oltre). Alcuni esempi: Una paziente che ha partorito spontaneamente soffre di una emorragia postpartum diverse ore dopo il parto. Va utilizzato il codice (altra emorragia postpartum immediata, parto con menzione delle complicazioni postpartum). Si noti che il codice 650 non può essere usato con nessuno dei codici delle categorie Una paziente ha partorito spontaneamente un bambino vivo con una storia prenatale di infezione del tratto urinario sopravvenuta al terzo mese di gravidanza. Trattamento farmacologico tempestivo e assenza di recidiva nei mesi successivi di gravidanza e al momento del parto. Il codice 650 (parto normale) può essere assegnato. 2. Ammissione per altre cure ostetriche. Le circostanze legate all ammissione o assistenza per altre cure ostetriche possono essere utilizzate come diagnosi principali quando non c è stato nessun parto e allora la diagnosi principale deve corrispondere alla principale complicazione che ha reso necessario il ricovero. Se sono presenti più complicazioni, tutte trattate o monitorate, uno qualsiasi dei codici complicanti può essere scelto come primo nella sequenza. Nel caso invece che sia stato espletato il parto, la diagnosi principale deve corrispondere alla principale complicazione del parto. Se c è stato parto cesareo, la diagnosi principale usual-

14 154 Guida alla ICD-9-CM mente corrisponde all indicazione clinica che ha reso necessario il cesareo. Ad esempio: Una paziente presenta una diagnosi di presentazione podalica ed il tentativo di versione cefalica non ha successo, cosicché dopo diverse ore la paziente viene operata con taglio cesareo. La diagnosi principale sarà: ostacolo al parto per malposizione fetale nel canale del parto (660.01) e la presentazione podalica senza versione cefalica sarà assegnata come diagnosi secondaria (652.21). Quando la madre ha partorito in ricovero precedente e viene quindi ammessa per cure di routine post-parto senza particolari complicazioni, il codice V24.0 (cure ed esami postpartum subito dopo il parto) è assegnato come diagnosi principale. Quando sia presente una complicazione postpartum, il codice relativo a tale condizione insieme alla quarta cifra 4 è scelto come diagnosi principale e non si utilizza V24.0. Ad esempio: Una donna è trattenuta in ospedale dopo il parto poiché all ammissione è stato notato un principio di lacerazione perineale. Il codice (lacerazione perineale di primo grado, condizione o complicazione postpartum) risulta essere più adeguato del codice V24.0. Per le visite di routine prenatali se non sono presenti complicazioni, il codice V22.0 (controllo di prima gravidanza normale), o V22.1 (controllo di altra gravidanza normale), può essere utilizzato come diagnosi principale. Questi codici, ambulatoriali, non sono utilizzati di norma in associazione a quelli del capitolo 11. Diverso è il caso della categoria V23 (controllo di gravidanza ad alto rischio) che può indicare il motivo del ricovero. La quarta cifra indica il tipo di rischio implicato e i codici di questo capitolo possono essere usati in associazione, ma va sempre attuata un attenta revisione delle eccezioni in nota, riportate nel manuale della

15 Complicazioni della gravidanza, del parto e del puerperio 155 ICD-9-CM. Le altre sottocategorie di V23 sono a volte ingannevoli e l interpretazione corretta è la seguente: V23.8 (controllo di altra gravidanza ad alto rischio): controllo di altre gravidanze ad alto rischio con storia di altre condizioni specifiche non classificate (come V23.0-V23.5); V23.9 (controllo di gravidanza ad alto rischio non specificato): controllo di gravidanza ad alto rischio con ragione di sostenere tale rischio aspecifico. Se il ricovero o la visita riguarda una complicazione della gravidanza, parto o puerperio, nessun codice delle categorie V22-V23 può essere assegnato, ad eccezione del codice V23.7 (controllo di gravidanza ad alto rischio con insufficiente cura prenatale), che può essere usato come codice addizionale. Esito del parto Poiché i codici del capitolo 11 non danno indicazioni sull esito del parto, un codice della categoria V27 può essere assegnato come codice aggiuntivo per soddisfare tale informazione ogni volta che la paziente partorisce in ospedale. Le quarte cifre indicano sia se il parto è stato singolo o multiplo, sia se il bambino è nato vivo o morto. Questi codici vanno utilizzati solo per la SDO materna e non per quella del neonato, e soltanto per il ricovero relativo al parto. Esempi di uso appropriato dei codici V27 includono: gravidanza a termine, parto spontaneo, presentazione di vertice; nato vivo maschio (650+V27.0); gravidanza a termine con parto spontaneo; gemellarità con un gemello nato vivo ed uno nato morto ( V27.3). Condizioni fetali che influenzano la gravidanza I codici della categoria 655 (anomalia fetale conosciuta o sospetta che influenza il trattamento della madre) e

16 156 Guida alla ICD-9-CM 656 (altri problemi fetali o placentari che interferiscono con il trattamento della madre) sono assegnati alla cartella clinica materna solo se le condizioni fetali sono in quel momento responsabili di modifiche dello stato di salute della madre. Ad esempio, quando una sindrome da distress respiratorio del feto porta alla decisione di effettuare taglio cesareo o induzione precoce di travaglio, è assegnato il codice Al contrario, se il disturbo respiratorio del neonato è stato evidenziato ma non ha portato a nessuna conseguenza all assistenza alla madre, non è corretto utilizzare questo codice, dal momento che le uniche procedure effettuate sono state l eventuale somministrazione di fluidi od ossigeno e il riposo della madre. Complicazioni del puerperio Il periodo post-parto include le sei settimane successive al parto. I codici del capitolo 11 possono essere usati per problemi incorsi entro tale termine se viene documentata la correlazione con la gravidanza. Ad esempio, una cardiomiopatia post-parto può essere diagnosticata se la cardiomiopatia insorge entro sei mesi dal parto. In tal caso il codice (altre, condizione e complicazione postpartum) si usa assieme al codice (altre cardiomiopatie primitive) come codice addizionale per indicare la condizione post-parto. Le complicanze post-parto che insorgono durante lo stesso ricovero del parto sono identificate dalla quinta cifra 2. La quarta cifra 4 è usata per una complicazione post-parto che è insorta dopo la dimissione, ma entro sei settimane dal post-parto. Ad esempio, una paziente si ricovera nuovamente, tre settimane dopo il parto e viene trattata per pielonefrite acuta da Escherichia coli. Si utilizza il codice (infezione dell apparato genitourinario in gravidanza, condizione o complicazione postpartum) come diagnosi principale. I codici (pielonefrite acuta) e possono essere aggiunti per dare maggiore specificità all evento.

17 Complicazioni della gravidanza, del parto e del puerperio 157 Effetti tardivi di complicazioni legate alla gravidanza, parto o puerperio Il codice 677 (effetto tardivo della complicazione della gravidanza, del parto, del puerperio) è assegnato quando una complicanza insorta in gravidanza lascia sequele che richiedono cure e trattamenti in tempi successivi. Il codice può essere usato relativamente in ogni momento successivo al periodo post-parto ed in successione a quello che descrive la condizione residua. Ad esempio: una paziente è ammessa per trattare un prolasso uterino secondario a trauma durante il parto, cinque anni più tardi. Il codice (prolasso uterino senza menzione di prolasso delle pareti vaginali) è assegnato insieme al codice 677, come codice addizionale. Oppure: una paziente presenta debolezza e intolleranza al freddo. La sua anamnesi riferisce di una grave emorragia durante il parto che si è svolto normalmente, sei mesi prima. È stata dimessa con diagnosi di sindrome di Sheenan e trattata con ormoni. Si usa il come diagnosi principale, seguito dal codice 677, per la correlazione all evento parto. Altri codici V correlati alla problematica della riproduzione Servizi di assistenza correlati alla riproduzione La categoria V25 riguarda in generale i problemi legati alla riproduzione e comprende servizi come le misure contraccettive (V25.0-), l inserzione di dispositivo contraccettivo intrauterino (V25.1), il controllo di metodi contraccettivi prescritti in precedenza (V25.4-), l inserzione di dispositivo contraccettivo impiantabile sotto il derma (V25.5) e la sterilizzazione (V25.2). A proposito di quest ultimo codice, si rammenta che esso può essere usato sia come diagnosi principale che come diagnosi secondaria. Il V25.2 si usa sia per i maschi che per le femmine. Se il motivo del ricovero è la sterilizzazione a scopo contraccettivo, il codice V25.2 è assegnato come diagnosi principale. Se vi fossero invece condizioni mediche o psicologiche responsabili della decisione di sot-

18 158 Guida alla ICD-9-CM toporsi a tale intervento, i codici di tali condizioni possono essere inseriti come diagnosi secondarie. Nel caso di sterilizzazione effettuata durante un episodio di parto, il codice V25.2 può essere assegnato come diagnosi secondaria con un codice del capitolo 11 assegnato come diagnosi principale. Da notare che sia il codice di sterilizzazione V25.2 che quello relativo alla procedura possono essere assegnati con diagnosi principale di parto normale (650), poiché non modificano l attribuzione al DRG. Nel caso invece di sterilizzazione derivante da altro trattamento, il codice V25.2 non può essere assegnato né come diagnosi principale né come diagnosi secondaria, ma andranno codificate tutte le condizioni, complicanze o procedure svolte durante il ricovero. Ad esempio, in caso di isterectomia effettuata a causa di lesione grave dell utero durante il parto, verranno codificate solamente la diagnosi ostetrica e la procedura, anche se tale procedura ha portato a sterilità (il codice V25.2 indica lo scopo contraccettivo della procedura di sterilizzazione). Misure procreative L ammissione per misure volte a correggere problemi legati alla difficoltà di procreare è classificata nella categoria V26, come ad esempio il ricovero per correggere una precedente sterilizzazione con intervento di tuboplastica o vasculoplastica o la visita per effettuare la conta spermatica o l insufflazione tubarica (V26.2). Ricerche prenatali Le pazienti gravide sono a volte controllate per effettuare screening prenatale se si sospetta una anomalia del feto. Tali ricerche sono classificate nella categoria V28, con la quarta cifra che indica il tipo di problema sospettato. Ad esempio: paziente visitata per ricerche prenatali con ultrasuoni per sospetta malformazione fetale (V28.3); paziente in gravidanza visitata per screening per isoimmunizzazione (V28.5).

Azienda USL Valle d Aosta. Informazioni ostetriche sul. Parto Cesareo

Azienda USL Valle d Aosta. Informazioni ostetriche sul. Parto Cesareo Azienda USL Valle d Aosta Informazioni ostetriche sul Parto Cesareo Informazioni ostetriche sul Parto Cesareo In Italia e in Valle d Aosta, il parto cesareo (PC) riguarda ormai un caso di parto su tre.

Dettagli

Linee guida per l assegnazione del codice Presente all Accettazione - PAA

Linee guida per l assegnazione del codice Presente all Accettazione - PAA Allegato 3 Linee guida per l assegnazione del codice Presente all Accettazione - PAA Edizione aggiornata Tradotto e adattato da: Centers for Medicare and Medicaid Services (CMS) and National Center for

Dettagli

Obiettivi. Identificare le emergenze ostetrico/ ginecologiche. Assistere la donna durante la fase di travaglio e parto fisiologico

Obiettivi. Identificare le emergenze ostetrico/ ginecologiche. Assistere la donna durante la fase di travaglio e parto fisiologico CAPITOLO 6 Obiettivi Identificare le emergenze ostetrico/ ginecologiche Assistere la donna durante la fase di travaglio e parto fisiologico Assistere il neonato Assistere la donna con complicanze da parto

Dettagli

INTRODUZIONE. Capitolo 2 Anatomia della pelvi femminile Genitali esterni Genitali interni Test di autovalutazione

INTRODUZIONE. Capitolo 2 Anatomia della pelvi femminile Genitali esterni Genitali interni Test di autovalutazione INTRODUZIONE Capitolo 1 Anamnesi e visita ginecologica Anamnesi ostetrico-ginecologica Visita ginecologica Visita ostetrica Esami diagnostici strumentali Capitolo 2 Anatomia della pelvi femminile Genitali

Dettagli

LEVATRICI CHE LEGGONO E SCRIVONO

LEVATRICI CHE LEGGONO E SCRIVONO Reggio Emilia, 13 ottobre 2007 I libri dell ostetrica Dina Viani nella Sezione Antica P.G. Corradini della Biblioteca dell Azienda Ospedaliera Arcispedale S. Maria Nuova di Reggio Emilia : una riscoperta

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE SINTETICO SULLA NATIMORTALITA. Servizio Epidemiologia Clinica e Valutativa

RAPPORTO ANNUALE SINTETICO SULLA NATIMORTALITA. Servizio Epidemiologia Clinica e Valutativa RAPPORTO ANNUALE SINTETICO SULLA NATIMORTALITA Anno 2013 Area Sistemi di Governance Servizio Epidemiologia Clinica e Valutativa Trento Luglio 2014 A cura di Riccardo Pertile Mariangela Pedron Silvano Piffer

Dettagli

PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE

PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE Casa di Cura Città di Roma via Maidalchini, 20 00152 Roma Servizio di Anestesia e Rianimazione dipartimento.anestesia@gruppogarofalo.com tel: 06.58471/204 PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE Il Punto

Dettagli

ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO E ALLE EMERGENZE OSTETRICO-GINECOLOGICHE

ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO E ALLE EMERGENZE OSTETRICO-GINECOLOGICHE Croce Bianca Milano sez. di Legnano ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO E ALLE EMERGENZE OSTETRICO-GINECOLOGICHE Davide Dell Acqua dellacquadavide@alice.it Il parto generalmente si verifica dopo 30-40

Dettagli

Parto Naturale o Taglio Cesareo? Quando e perchè

Parto Naturale o Taglio Cesareo? Quando e perchè Parto Naturale o Taglio Cesareo? Quando e perchè Secondo l Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) il parto naturale è quello che inizia spontaneamente e che si mantiene tale, senza segni di disfunzione,

Dettagli

Infermieristica clinica applicata alla medicina materno infantile

Infermieristica clinica applicata alla medicina materno infantile UNIVERSITA DEGLI STUDI di CAGLIARI Corso di Laurea in Infermieristica Sede di Nuoro Infermieristica clinica applicata alla medicina materno infantile Docente: Dott.ssa ASSISTENZA INFERMIERISTICA NEL POST

Dettagli

GERMOGLIARE onlus. Gravidanze e Neonati ad Alto Rischio

GERMOGLIARE onlus. Gravidanze e Neonati ad Alto Rischio Gravidanze e Neonati ad Alto Rischio Dott. F. Stoppoloni, Responsabile U.O.S. Gravidanze ad alto rischio Dott. G. Salvia, Responsabile U.O.S. Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale Osp. Buon Consiglio

Dettagli

PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE

PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE Casa di Cura Città di Roma via Maidalchini, 20 00152 Roma Servizio di Anestesia e Rianimazione dipartimento.anestesia@gruppogarofalo.com tel: 06.58471/204 PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE Il Punto

Dettagli

SI RINNOVANO LA GINECOLOGIA E L OSTERICIA PRESSO LA SEDE DI VIA RESPIGHI

SI RINNOVANO LA GINECOLOGIA E L OSTERICIA PRESSO LA SEDE DI VIA RESPIGHI NUMERO MONOGRAFICO Notiziario gennaio 2010 SI RINNOVANO LA GINECOLOGIA E L OSTERICIA PRESSO LA SEDE DI VIA RESPIGHI a cura del dr.moreno Dindelli Specialista in Ginecologia e Ostetricia Dall autunno 2009,

Dettagli

CERTIFICATO DI ASSISTENZA AL PARTO

CERTIFICATO DI ASSISTENZA AL PARTO REGIONE VENETO OSSERVATORIO REGIONALE PER LA PATOLOGIA IN ETÀ PEDIATRICA CERTIFICATO DI ASSISTENZA AL PARTO Regione Istituto/Azienda Ospedaliera Azienda USL Comune di evento Sezione Generale COGNOME della

Dettagli

Il nuovo modello di assistenza alla gravidanza fisiologica elaborato dal WHO

Il nuovo modello di assistenza alla gravidanza fisiologica elaborato dal WHO Il nuovo modello di assistenza alla gravidanza fisiologica elaborato dal WHO ---------------------------------------------------------------------------------------- Criteri per l'identificazione delle

Dettagli

La gravidanza nelle malattie renali, dialisi e trapianto: i Registri

La gravidanza nelle malattie renali, dialisi e trapianto: i Registri La gravidanza nelle malattie renali, dialisi e trapianto: i Registri Dr. V. Agnello, Dr. P. Di Gaetano, Dr. V. Guaiana, Dr. V. Sparacino Taormina, 15 aprile 2011 CONTATTI SCHEDA DATI 10 anni (1977-1987)

Dettagli

LEZIONI OSTETRICIA E GINECOLOGIA

LEZIONI OSTETRICIA E GINECOLOGIA OTTOBRE 2011 3 LU 4 MA dalle 11.30 alle 12.15 GAMETOGENESI - FECONDAZIONE PLACENTAZIONE D'ANTONA 5 ME dalle 12.30 alle 13.15 FUNZIONI PLACENTARI - MODIFICAZIONI MATERNE IN GRAVIDANZA D'ANTONA dalle 13.30

Dettagli

fattori di rischio modificabili, Fattori di rischio modificabili supplementari

fattori di rischio modificabili, Fattori di rischio modificabili supplementari Dia 1 Quando parliamo di diabete in gravidanza, dobbiamo distinguere : il Diabete di tipo 1, il Diabete di tipo 2, la ridotta tolleranza glucidica preesistenti alla gravidanza, oppure tutte quelle alterazioni

Dettagli

Anatomia e fisiologia. Identificare le emergenze ostetrico ginecologiche

Anatomia e fisiologia. Identificare le emergenze ostetrico ginecologiche CROCE ROSSA ITALIANA Comitato Provinciale di Bergamo - EMERGENZE OSTETRICHE - ASSISTENZA AL PARTO EXTRAOSPEDALIERO - EMERGENZE GINECOLOGICHE Ostetrica Monica Vitali Lallio, 14 Aprile 2009 1 Obiettivi Identificare

Dettagli

POSSIBILITA E LIMITI DELLA DIAGNOSI PRENATALE

POSSIBILITA E LIMITI DELLA DIAGNOSI PRENATALE POSSIBILITA E LIMITI DELLA DIAGNOSI PRENATALE 1 Durante la gravidanza vi verranno offerti alcuni test che forniscono informazioni sulla eventuale presenza di malformazioni nel vostro bambino prima che

Dettagli

GRAVIDANZA GEMELLARE

GRAVIDANZA GEMELLARE DOTT. DOMENICO MOSSOTTO SPECIALISTA IN OSTETRICIA E GINECOLOGIA GRAVIDANZA GEMELLARE La gravidanza gemellare è un evento che avviene per ovulazione multipla (vedi caso A, illustrato successivamente), o

Dettagli

Foglio illustrativo: Informazioni per l utilizzatore. Atosiban Ibisqus 6,75 mg/0,9 ml soluzione iniettabile Medicinale equivalente

Foglio illustrativo: Informazioni per l utilizzatore. Atosiban Ibisqus 6,75 mg/0,9 ml soluzione iniettabile Medicinale equivalente Foglio illustrativo: Informazioni per l utilizzatore Atosiban Ibisqus 6,75 mg/0,9 ml soluzione iniettabile Medicinale equivalente Legga attentamente questo foglio prima di usare questo medicinale perché

Dettagli

EXTRAOSPEDALIERO - EMERGENZE GINECOLOGICHE

EXTRAOSPEDALIERO - EMERGENZE GINECOLOGICHE CROCE ROSSA ITALIANA Comitato Provinciale di Bergamo - EMERGENZE OSTETRICHE - ASSISTENZA AL PARTO EXTRAOSPEDALIERO - EMERGENZE GINECOLOGICHE Dr.ssa Ost. Monica Vitali San Pellegrino Terme, 31 Marzo 2012

Dettagli

PRESENTAZIONE PODALICA

PRESENTAZIONE PODALICA 1 2 3 INDICE 4 PRESENTAZIONE PODALICA 4% delle gravidanze a termine (CeDAP 2008) Nel 2000 è stato pubblicato un Trial multicentrico randomizzato internazionale (Term Breech trial) che ha dimostrato che

Dettagli

CERTIFICATO DI ASSISTENZA AL PARTO

CERTIFICATO DI ASSISTENZA AL PARTO REGIONE VENETO OSSERVATORIO REGIONALE PER LA PATOLOGIA IN ETÀ PEDIATRICA CERTIFICATO DI ASSISTENZA AL PARTO Regione Istituto/Azienda Ospedaliera Azienda USL Comune di evento Sezione Generale COGNOME della

Dettagli

L INSEMINAZIONE INTRAUTERINA

L INSEMINAZIONE INTRAUTERINA L INSEMINAZIONE INTRAUTERINA Informazioni per la coppia A cura del dott. G. Ragni Unità Operativa - Centro Sterilità Responsabile: dott.ssa C. Scarduelli FONDAZIONE OSPEDALE MAGGIORE POLICLINICO MANGIAGALLI

Dettagli

ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO

ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO EMERGENZE OSTETRICO GINECOLOGICHE IL PARTO DEFINIZIONE espulsione del prodotto del concepimento generalmente si verifica attorno alla 40 settimana di gestazione DEFINIZIONE

Dettagli

ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO

ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO EMERGENZE OSTETRICO GINECOLOGICHE IL PARTO DEFINIZIONE espulsione del prodotto del concepimento generalmente si verifica attorno alla 40 settimana di gestazione DEFINIZIONE

Dettagli

L Orizzonte di Lorenzo. Il bambino che stiamo aspettando ha un problema al cuore: che cosa dobbiamo fare e che cosa possiamo fare?

L Orizzonte di Lorenzo. Il bambino che stiamo aspettando ha un problema al cuore: che cosa dobbiamo fare e che cosa possiamo fare? L Orizzonte di Lorenzo Nostro figlio ha un problema al cuore. Che fare? Bergamo 3/10/2010 Il bambino che stiamo aspettando ha un problema al cuore: che cosa dobbiamo fare e che cosa possiamo fare? A. Borghi

Dettagli

Diagnosi di portatrice e diagnosi prenatale: counselling genetico

Diagnosi di portatrice e diagnosi prenatale: counselling genetico Diagnosi di portatrice e diagnosi prenatale: counselling genetico Emofilia L emofilia è una malattia autosomica recessiva legata al cromosoma X Meccanismo ereditario dell Emofilia A e B 50% 50% 100% 100%

Dettagli

Corso di Laurea in OSTETRICIA. Anno: 3 Semestre: 1 Corso integrato: PATOLOGIA OSTETRICA Disciplina: PATOLOGIA OSTETRICA Docente: Prof.

Corso di Laurea in OSTETRICIA. Anno: 3 Semestre: 1 Corso integrato: PATOLOGIA OSTETRICA Disciplina: PATOLOGIA OSTETRICA Docente: Prof. Corso di Laurea in OSTETRICIA Anno: 3 Semestre: 1 Corso integrato: PATOLOGIA OSTETRICA Disciplina: PATOLOGIA OSTETRICA Docente: Prof. Fabio GHEZZI Programma: Il monitoraggio della gravidanza fisiologica

Dettagli

INSEMINAZIONE ARTIFICIALE OMOLOGA (CON IL SEME DEL PARTNER) CONSENSO INFORMATO SOCIETÀ SPAGNOLA DI FERTILITÀ

INSEMINAZIONE ARTIFICIALE OMOLOGA (CON IL SEME DEL PARTNER) CONSENSO INFORMATO SOCIETÀ SPAGNOLA DI FERTILITÀ INSEMINAZIONE ARTIFICIALE OMOLOGA (CON IL SEME DEL PARTNER) CONSENSO INFORMATO SOCIETÀ SPAGNOLA DI FERTILITÀ Sig.ra... maggiorenne, Documento d'identità/passaporto num..., stato civile..., e Sr/ Sig.ra...

Dettagli

IL TAGLIO CESAREO. Commissione Nascita Sottogruppo taglio cesareo

IL TAGLIO CESAREO. Commissione Nascita Sottogruppo taglio cesareo IL TAGLIO CESAREO ELETTIVO: INDICAZIONI Commissione Nascita Sottogruppo taglio cesareo Marcella Falcieri 2011 TAGLIO CESAREO ELETTIVO INDICAZIONI DA EBM/EBO LG ISS 2011 RCOG 2011 REALTA ASSISTENZIALE Tasso

Dettagli

Presidio Ospedaliero di Pordenone Sacile Via Montereale 24 - Pordenone NOTA INFORMATIVA PER AMNIOCENTESI

Presidio Ospedaliero di Pordenone Sacile Via Montereale 24 - Pordenone NOTA INFORMATIVA PER AMNIOCENTESI Azienda per l Assistenza Sanitaria n. 5 Friuli Occidentale Via della Vecchia Ceramica, 1 33170 Pordenone C.F. e P.I. 01772890933 PEC aas5.protgen@certsanita.fvg.it Presidio Ospedaliero di Pordenone Sacile

Dettagli

Indice generale. Unità 1. Introduzione all assistenza in area materno-infantile 1. 1 La donna, la famiglia, la comunità e la salute 3

Indice generale. Unità 1. Introduzione all assistenza in area materno-infantile 1. 1 La donna, la famiglia, la comunità e la salute 3 Indice generale Indice dei riferimenti on-line Prefazione alla seconda edizione Autori e collaboratori Unità 1 XIII XVII XXIII Introduzione all assistenza in area materno-infantile 1 1 La donna, la famiglia,

Dettagli

La rosolia nella donna in gravidanza

La rosolia nella donna in gravidanza La rosolia nella donna in gravidanza ROSOLIA Trasmissione materno-fetale Trasmissione transplacentare Nel corso della fase viremica con o senza manifestazioni cliniche L infezione fetale dopo reinfezione

Dettagli

PROFILO DI ASSISTENZA

PROFILO DI ASSISTENZA PROFILO DI ASSISTENZA 1. CRITERI DI AMMISSIONE * - Certificato per IVG rilasciato da un medico e firmato dalla donna - Consenso informato per il trattamento medico - Gravidanza in utero con datazione ecografica

Dettagli

Prof. Luigi Fedele Prof. Giorgio Bolis D.ssa Alessandra Kustermann

Prof. Luigi Fedele Prof. Giorgio Bolis D.ssa Alessandra Kustermann Percorso nascita in CLINICA MANGIAGALLI - Milano Schede di Dimissione Ospedaliera e del Certificato di Assistenza al Parto 2009 e 2010 DIPARTIMENTO PER LA SALUTE DELLA DONNA, DEL BAMBINO E DEL NEONATO

Dettagli

Prof. Pantaleo Greco Direttore U.O. Ginecologia-Ostetricia Università Ferrara

Prof. Pantaleo Greco Direttore U.O. Ginecologia-Ostetricia Università Ferrara Prof. Pantaleo Greco Direttore U.O. Ginecologia-Ostetricia Università Ferrara La plurifecondazione umana con lo sviluppo di più feti e la fecondazione unica con sdoppiamento e sviluppo dei due feti costituiscono

Dettagli

Fibromi uterini, le soluzioni possibili

Fibromi uterini, le soluzioni possibili Università Cattolica del Sacro Cuore Policlinico Universitario A. Gemelli ROMA Dipartimento per la Tutela della Salute della Donna e della Vita Nascente Dipartimento di Bioimmagini e Scienze Radiologiche

Dettagli

Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento Assistenziale di Ostetricia,Ginecologia e Neonatologia DIRETTORE: PROF.

Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento Assistenziale di Ostetricia,Ginecologia e Neonatologia DIRETTORE: PROF. Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento Assistenziale di Ostetricia,Ginecologia e Neonatologia DIRETTORE: PROF. NICOLA COLACURCI Il puerperio PUERPERIO Tempo che intercorre tra la fine del

Dettagli

La rosolia nella donna in gravidanza

La rosolia nella donna in gravidanza Corso di aggiornamento obbligatoria Arezzo, 16/06/2007 La rosolia nella donna in gravidanza Dott. Ario Joghtapour Specialista in Ginecologia e Ostetricia e Fisiopatologia della Riproduzione Dott. Francesco

Dettagli

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA:

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: HPV-test Pap-test 71% CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: FALSI MITI & REALTÀ DA CONOSCERE 1 Il carcinoma della cervice uterina colpisce solo donne in età avanzata 1 Studi recenti hanno evidenziato che il

Dettagli

VARIAZIONI CODICI ICD9-CM

VARIAZIONI CODICI ICD9-CM 1997 2002 Var.% DIAGNOSI 11.493 11.745 +2.19 INTERVENTI 3.543 3.582 +1.10 TOTALE 15.036 15.327 +1.94 Diagnosi Interventi Nuovi codici Nuove descrizioni Diagnosi Capitoli Nuovi Nuove Codici codici descrizioni

Dettagli

BILANCI DI SALUTE BILANCI DI SALUTE

BILANCI DI SALUTE BILANCI DI SALUTE BILANCI DI SALUTE Il Bilancio di Salute è il risultato dell incontro tra la donna e il professionista che segue la sua gravidanza. Durante tale incontro la donna fornisce tutte le informazioni sulla sua

Dettagli

DIABETE GESTAZIONALE: QUALE MODALITA DEL PARTO? G.SCAGLIARINI

DIABETE GESTAZIONALE: QUALE MODALITA DEL PARTO? G.SCAGLIARINI DIABETE GESTAZIONALE: QUALE MODALITA DEL PARTO? G.SCAGLIARINI Parto e Diabete Timing del parto Modalità del parto Timing del parto pretermine a termine Modalità del parto Travaglio spontaneo Induzione

Dettagli

SISTEMA RIPRODUTTIVO TOSSICITA RIPRODUTTIVA

SISTEMA RIPRODUTTIVO TOSSICITA RIPRODUTTIVA TOSSICITA RIPRODUTTIVA disfunzione indotta da sostanze xenobiotiche che colpiscono i processi di gametogenesi dal loro stadio più precoce all impianto del prodotto del concepimento nell endometrio. La

Dettagli

gravidanza nascita maternità paternità allattamento al seno

gravidanza nascita maternità paternità allattamento al seno gravidanza nascita maternità paternità allattamento al seno Quando il primo bambino al mondo rise per la prima volta, il suo riso si ruppe in mille frammenti che se ne andarono saltando tutto intorno.

Dettagli

Profilassi anti-d della sensibilizzazione Rhesus. Direttive aggiornate dell Accademia di medicina materno-fetale del 24 luglio 2005 a Lugano

Profilassi anti-d della sensibilizzazione Rhesus. Direttive aggiornate dell Accademia di medicina materno-fetale del 24 luglio 2005 a Lugano della sensibilizzazione Rhesus Direttive aggiornate dell Accademia di medicina materno-fetale del 24 luglio 2005 a Lugano Esami Ricerca degli anticorpi irregolari Al primo controllo della gravidanza Gruppo

Dettagli

Dr. med. Lucio Bronz FMH Ostretricia e medicina feto-materno Piazza Indipendenza 4 6500 Bellinzona www.drbronz.ch TEST PRENATALI

Dr. med. Lucio Bronz FMH Ostretricia e medicina feto-materno Piazza Indipendenza 4 6500 Bellinzona www.drbronz.ch TEST PRENATALI Dr. med. Lucio Bronz FMH Ostretricia e medicina feto-materno Piazza Indipendenza 4 6500 Bellinzona www.drbronz.ch TEST PRENATALI Introduzione Cromosoma Cellula Nucleo Ormai a tutti è noto il ruolo del

Dettagli

CONSENSO INFORMATO PER LE TECNICHE DI PROCREAZIONE MEDICO- ASSISTITA. La sottoscritta. documento. e il sottoscritto. documento

CONSENSO INFORMATO PER LE TECNICHE DI PROCREAZIONE MEDICO- ASSISTITA. La sottoscritta. documento. e il sottoscritto. documento CONSENSO INFORMATO PER LE TECNICHE DI PROCREAZIONE MEDICO- ASSISTITA La sottoscritta e il sottoscritto acconsentono liberamente di sottoporsi al trattamento di procreazione medico-assistita FIVET (Fertilizzazione

Dettagli

DIAGNOSI PRENATALE DEI DIFETTI CONGENITI

DIAGNOSI PRENATALE DEI DIFETTI CONGENITI DIAGNOSI PRENATALE DEI DIFETTI CONGENITI DIFETTI CONGENITI Le anomalie congenite sono condizioni che si instaurano tra il momento del concepimento e la nascita. LA DIAGNOSI PRENATALE insieme di tecniche

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

CAPITOLO 5 LA MORTALITA EVITABILE

CAPITOLO 5 LA MORTALITA EVITABILE CAPITOLO 5 LA MORTALITA EVITABILE CAP 5 LA MORTALITA EVITABILE 5.1 LA MORTALITA EVITABILE PER TIPOLOGIA D INTERVENTO In accordo con quanto indicato dalla letteratura internazionale più recente e accreditata,

Dettagli

DISTOCIA DI SPALLA: PREVENZIONE E TRATTAMENTO

DISTOCIA DI SPALLA: PREVENZIONE E TRATTAMENTO DISTOCIA DI SPALLA: PREVENZIONE E TRATTAMENTO INQUADRAMENTO E DEFINIZIONE Le spalle non escono spontaneamente dopo la fuoriuscita della testa del feto e sono necessarie ulteriori manovre ostetriche dopo

Dettagli

L Inseminazione Intrauterina

L Inseminazione Intrauterina L Inseminazione Intrauterina Informazioni per la coppia UNITÀ OPERATIVA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA FONDAZIONE IRCCS IRCCS CA' GRANDA OSPEDALE MAGGIORE POLICLINICO PAD. REGINA ELENA VIA M. FANTI,

Dettagli

1) Docente, dal 1985, del Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia. Aspetti della patologia fetale in gravidanza.

1) Docente, dal 1985, del Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia. Aspetti della patologia fetale in gravidanza. 1) Docente, dal 1985, del Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia. Aspetti della patologia fetale in gravidanza. 2) Docente, dal 1995, della Scuola di Specializzazione in Ginecologia e Ostetricia. - Diagnosi

Dettagli

Ipotiroidismo. Società Italiana di Endocrinologia. Sintomi. Cosa è l ipotiroidismo?

Ipotiroidismo. Società Italiana di Endocrinologia. Sintomi. Cosa è l ipotiroidismo? Società Italiana di Endocrinologia Le informazioni presenti sul sito non intendono sostituire il programma diagnostico, il parere ed il trattamento consigliato dal vostro medico. Poiché non esistono mai

Dettagli

L analgesia nel travaglio di parto. Ospedale San Paolo Savona U.O. Anestesia Rianimazione e Terapia Antalgica U.O. Ostetricia e Ginecologia SAVONESE

L analgesia nel travaglio di parto. Ospedale San Paolo Savona U.O. Anestesia Rianimazione e Terapia Antalgica U.O. Ostetricia e Ginecologia SAVONESE AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 2 SAVONESE Ospedale San Paolo Savona U.O. Anestesia Rianimazione e Terapia Antalgica U.O. Ostetricia e Ginecologia L analgesia nel travaglio di parto AZIENDA SANITARIA LOCALE

Dettagli

Circolare per le codificatrici ed i codificatori

Circolare per le codificatrici ed i codificatori 14 Santé Nr. 9 febbraio 2011 Circolare per le codificatrici ed i codificatori A) La ventilazione meccanica : regola valida dal 1.1.2011 In vista della regolamentazione della ventilazione meccanica per

Dettagli

Valutazione finale 30 Luglio 2014 Puericultura e pediatria Dr.ssa Francesca Mazza (Crociare soltanto una risposta)

Valutazione finale 30 Luglio 2014 Puericultura e pediatria Dr.ssa Francesca Mazza (Crociare soltanto una risposta) A.T.S. ERFAP LAZIO - ASSOCIAZIONE COLUMBUS (Università Cattolica del Sacro Cuore) Codice Progetto COLUM/1 Valutazione finale 30 Luglio 2014 Puericultura e pediatria Dr.ssa Francesca Mazza (Crociare soltanto

Dettagli

Informazione alle donne e alle loro famiglie sul parto

Informazione alle donne e alle loro famiglie sul parto Clinica Ostetrico Ginecologica Direttore Prof. A. Patella Informazione alle donne e alle loro famiglie sul parto vaginale dopo cesareo Liliana Pittini Per una scelta informata Cosa dire Come dirlo Quando

Dettagli

DIARIO della GRAVIDANZA

DIARIO della GRAVIDANZA DIARIO della GRAVIDANZA Guida ai controlli Calendario degli appuntamenti Gentile signora, la nascita di un figlio è una occasione di grande cambiamento e crescita, per gli individui e per la società. L

Dettagli

IL PARTO, EMERGENZE PEDIATRICHE E NEONATALI

IL PARTO, EMERGENZE PEDIATRICHE E NEONATALI IL PARTO, EMERGENZE PEDIATRICHE E NEONATALI 16.1. Il parto Anatomia Il bimbo in fase di sviluppo, detto feto, cresce in un organo contenuto nell addome materno chiamato utero. Al termine del periodo di

Dettagli

ASSISTENZA PERINATALE

ASSISTENZA PERINATALE ASSISTENZA PERINATALE ALESSANDRO VOLTA Responsabile Assistenza Neonatale Ospedale di Montecchio Emilia (RE) ottenere la stessa mortalità e morbosità perinatale dei nati da madre senza diabete Inizio 900

Dettagli

CARTELLA DELLA GRAVIDANZA

CARTELLA DELLA GRAVIDANZA CARTELLA DELLA GRAVIDANZA Portare tutta la documentazione ad ogni visita ed al ricovero N 20.. Cognome.Nome.... Nata a. il. età.. Residente via/piazza. Comune.. Prov tel/cel.. Professione. Tessera Sanitaria.

Dettagli

> Gravidanza > Parto > Puerperio

> Gravidanza > Parto > Puerperio 1 > Gravidanza > Parto > Puerperio accompagnamento ad una assistenza appropriata 2 1 3 > La gravidanza 4 2 GRAVIDANZA E UN EVENTO BIO - PSICO - SOCIALE 5 BISOGNI BIOLOGICI: RIGUARDANO IL CORPO, QUINDI

Dettagli

Evidenze I A Anita Regalia Barbara Zapparoli

Evidenze I A Anita Regalia Barbara Zapparoli Evidenze I A Anita Regalia Barbara Zapparoli LIVELLI DI PROVA I L esecuzione di questa procedura è fortemente raccomandata II Prove ottenute da un solo studio randomizzato di disegno adeguato III Prove

Dettagli

Emiatrofia cerebrale e microftalmia

Emiatrofia cerebrale e microftalmia Emiatrofia cerebrale e microftalmia TROMBOSI TROMBOSI Prevenzione dell handicap congenito Nel 1 gruppo di casi genetici con rischio di ricorrenza, la prevenzione può attuarsi attraverso una corretta diagnosi

Dettagli

Inseminazione artificiale

Inseminazione artificiale Inseminazione artificiale In cosa consiste? L inseminazione artificiale è una tecnica di procreazione assistita che consiste nell introduzione di spermatozoi, trattati in precedenza in laboratorio, all

Dettagli

Dr.ssa IVANA ALGERI IL LIQUIDO AMNIOTICO

Dr.ssa IVANA ALGERI IL LIQUIDO AMNIOTICO Dr.ssa IVANA ALGERI IL LIQUIDO AMNIOTICO CONGRESSO REGIONALE AOGOI 25/26/27 MARZO 2010 OLIGOIDRAMNIOS OLIGOIDRAMNIOS Liquido amniotico Compartimento/Distretto dinamico in continua e stretta correlazione

Dettagli

La gravidanza a rischio e la nascita prematura

La gravidanza a rischio e la nascita prematura La gravidanza a rischio e la nascita prematura Pier Luigi Montironi Direttore S.C. Ostetricia Ginecologia Ospedale S. Croce Moncalieri Il parto pretermine costituisce uno dei maggiori problemi sanitari,

Dettagli

DRG Urologici. G. Muzzonigro, L. Carmignani, R. Damiano F. Fanciullacci, C. Ferri, R. Leonardi. Dalla versione 19.0 alla versione 24.

DRG Urologici. G. Muzzonigro, L. Carmignani, R. Damiano F. Fanciullacci, C. Ferri, R. Leonardi. Dalla versione 19.0 alla versione 24. LINEA EDUCAZIONALE G. Muzzonigro, L. Carmignani, R. Damiano F. Fanciullacci, C. Ferri, R. Leonardi DRG Urologici Dalla versione 19.0 alla versione 24.0 dei Cms-Drg AGGIORNAMENTO 2009 SIU Società Italiana

Dettagli

Direttore Unità Operativa Complessa. Coordinatori Infermieristici

Direttore Unità Operativa Complessa. Coordinatori Infermieristici EQUIPE SANITARIA Direttore Unità Operativa Complessa (foto) CICCIARELLA RAFFAELE 041 5294697 BERTOLDINI MARGHERITA CALTAROSSA ELENA CARUSO LAURA CAVOLI DANIELE CODROMA ANNA ESPOSITO CHIARA MOLIN FRANCESCO

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA IL PARTO E LE EMERGENZE OSTETRICO-GINECOLOGICHE

CROCE ROSSA ITALIANA IL PARTO E LE EMERGENZE OSTETRICO-GINECOLOGICHE CROCE ROSSA ITALIANA IL PARTO E LE EMERGENZE OSTETRICO-GINECOLOGICHE Dare la luce può essere per la donna, liberata dalla paura, un'esperienza esaltante, non paragonabile a nulla; la nascita può essere

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA VOLONTARI DEL SOCCORSO GRAVIDANZA E PARTO. V.d.S. Marcello CESINARO

CROCE ROSSA ITALIANA VOLONTARI DEL SOCCORSO GRAVIDANZA E PARTO. V.d.S. Marcello CESINARO CROCE ROSSA ITALIANA VOLONTARI DEL SOCCORSO GRAVIDANZA E PARTO V.d.S. Marcello CESINARO OBIETTIVO COMPORTAMENTO E AZIONI DA ADOTTARE NEL CASO IN CUI LA PAZIENTE SIA IN GRAVIDANZA OPPURE SI PROSPETTI UN

Dettagli

Patologia del I trimestre di gravidanza

Patologia del I trimestre di gravidanza Patologia del I trimestre di gravidanza Le principali complicazioni gravidiche nel primo trimestre di gestazione sono: Aborto spontaneo ripetuto ricorrente o abituale volontario (IVG) Gravidanza ectopica

Dettagli

Gravidanza fisiologica e a rischio

Gravidanza fisiologica e a rischio WOMAN IN CHANGE Donne che cambiano Modena, 25 / 26 / 27 marzo 2010 Gravidanza fisiologica e a rischio Dr.ssa Rossana Bellucci Direttore Laboratorio Test Modena Durante la gravidanza tutte le donne si sottopongono

Dettagli

INSEMINAZIONE ARTIFICIALE

INSEMINAZIONE ARTIFICIALE Procreazione medico assistita L assistenza di un medico e di un biologo si dimostrano talvolta indispensabili per riuscire a diventare genitori. Quando una metodica di laboratorio, più o meno complessa,

Dettagli

DIAGNOSI PRENATALE DELLE ANOMALIE CROMOSOMICHE

DIAGNOSI PRENATALE DELLE ANOMALIE CROMOSOMICHE SERVIZIO DI ECOGRAFIA E DIAGNOSI PRENATALE DIAGNOSI PRENATALE DELLE ANOMALIE CROMOSOMICHE 1 CROMOSOMI Cosa sono i cromosomi? I cromosomi si trovano nel nucleo della cellula, sono costituiti da proteine

Dettagli

Patologia infettiva oculare coesistente

Patologia infettiva oculare coesistente Azienda Ospedaliera Pediatrica SANTOBONO PAUSILIPON ANNUNZIATA S.S.D. Centro di Riferimento Regionale per la Diagnosi ed il Trattamento della Retinopatia della Prematurità Direttore dott. Salvatore Capobianco

Dettagli

Disciplinare tecnico

Disciplinare tecnico ALLEGATO 2 OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO PROVINCIALE CONTROLLI INTERNI ED ESTERNI DI TIPO SANITARIO SUI RICOVERI OSPEDALIERI DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO Disciplinare tecnico [pagina intenzionalmente

Dettagli

Il ruolo del Pediatra di Famiglia nei nati da madre diabetica. Dottor Roberto Cionini

Il ruolo del Pediatra di Famiglia nei nati da madre diabetica. Dottor Roberto Cionini Il ruolo del Pediatra di Famiglia nei nati da madre diabetica Dottor Roberto Cionini A cosa deve fare attenzione il Pediatra di Famiglia in un bambino nato da madre diabetica. ANOMALIE NEL FETO INDOTTE

Dettagli

Osservatorio Epidemiologico Regionale Comitato Tecnico Scientifico

Osservatorio Epidemiologico Regionale Comitato Tecnico Scientifico PROGRAMMA PLURIENNALE APPROVATO DALLA G.R. CON DELIBERA N. 4472 DEL 22/7/1997 STATO DI REALIZZAZIONE DEI PROGETTI In merito ai progetti proposti nel Programma Operativo dell Osservatorio Epidemiologico

Dettagli

Informazioni al femminile

Informazioni al femminile Informazioni al femminile 1. CONTROLLO PRIMA DELLA GRAVIDANZA Il controllo prima di iniziare la gravidanza è molto importante perché la salute della madre condiziona sia il regolare svolgimento della gravidanza

Dettagli

Parto sterile versus parto pulito

Parto sterile versus parto pulito Semine e raccolti: esperienze di ricerca delle Professioni Sanitarie Parto sterile versus parto pulito Una ricerca a sostegno della rilettura critica delle principali procedure adottate in sala parto per

Dettagli

EMERGENZE OSTETRICHE EMERGENZE OSTETRICHE

EMERGENZE OSTETRICHE EMERGENZE OSTETRICHE EMERGENZE OSTETRICHE Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI EMERGENZE OSTETRICHE OBIETTIVI Cenni di anatomia e fisiologia dell APPARATO GENITALE FEMMINILE Le FASI del PARTO FISIOLOGICO e il PARTO IMMINENTE

Dettagli

Presidio Ospedaliero San Donato

Presidio Ospedaliero San Donato Presidio Ospedaliero San Donato DIPARTIMENTO AREA CRITICA Direttore Dott. M.Feri ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

LA GESTIONE IN DEA DEL PAZIENTE CON DOLORE ADDOMINALE DA CAUSE NON TRAUMATICHE PISA 10 DICEMBRE 2015

LA GESTIONE IN DEA DEL PAZIENTE CON DOLORE ADDOMINALE DA CAUSE NON TRAUMATICHE PISA 10 DICEMBRE 2015 LA GESTIONE IN DEA DEL PAZIENTE CON DOLORE ADDOMINALE DA CAUSE NON TRAUMATICHE PISA 10 DICEMBRE 2015 LE PATOLOGIE DELLE VIE URINARIE E DELLO SCAVO PELVICO FEMMINILE Dr. ALESSANDRA TOZZINI Radiologia Pronto

Dettagli

Si definisce gravidanza multipla quella in cui si sviluppano contemporaneamente due embrioni e, poi, feti.

Si definisce gravidanza multipla quella in cui si sviluppano contemporaneamente due embrioni e, poi, feti. Si definisce gravidanza multipla quella in cui si sviluppano contemporaneamente due embrioni e, poi, feti. Quando gli embrioni sono due gravidanza gemellare; Se sono tre gravidanza trigemina ( quadrigemina,

Dettagli

Alcune domande ed alcune risposte per chi desidera saperne di più

Alcune domande ed alcune risposte per chi desidera saperne di più Alcune domande ed alcune risposte per chi desidera saperne di più Dott. Gustavo Boemi U.O.C. Ginecologia e Ostetricia. P.O. Garibaldi Nesima. Catania. Specialista in Ginecologia e Ostetricia. Università

Dettagli

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Si parla di "sterilità" quando dopo un anno di rapporti sessuali regolari non è ancora intervenuta una gravidanza. Le cause di una mancanza di figli non

Dettagli

Indicatori territoriali: Risultati

Indicatori territoriali: Risultati Direttore: Fernando Antonio Compostella Convegno Indicatori di Qualità del Servizio Sanitario nella Regione Veneto Indicatori territoriali: Risultati Roberto Turra Mestre, 30-11-2006 Contenuto Definizione

Dettagli

L Efficacia di un Programma di Esercizi del Muscolo del Pavimento Pelvico nell Incontinenza Urinaria Dopo il Parto

L Efficacia di un Programma di Esercizi del Muscolo del Pavimento Pelvico nell Incontinenza Urinaria Dopo il Parto Traduzione a cura di: infermiera MIRELLA FONTANA Centro studi EBN - Direzione Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Ospedaliera di Bologna Policlinico S.Orsola-Malpighi Via Massarenti, 9-40138 Bologna,

Dettagli

DIAGNOSI PRENATALE GUIDA INFORMATIVA DNA, GENI E CROMOSOMI

DIAGNOSI PRENATALE GUIDA INFORMATIVA DNA, GENI E CROMOSOMI DIAGNOSI PRENATALE GUIDA INFORMATIVA DNA, GENI E CROMOSOMI Ogni individuo possiede un proprio patrimonio genetico che lo rende unico e diverso da tutti gli altri. Il patrimonio genetico è costituito da

Dettagli

DIAGNOSI PRENATALE DELLE ANOMALIE CROMOSOMICHE

DIAGNOSI PRENATALE DELLE ANOMALIE CROMOSOMICHE SERVIZIO DI ECOGRAFIA E DIAGNOSI PRENATALE DIAGNOSI PRENATALE DELLE ANOMALIE CROMOSOMICHE 1 CROMOSOMI Cosa sono i cromosomi? I cromosomi si trovano nel nucleo della cellula, sono costituiti da proteine

Dettagli

Metodi di diagnosi prenatale per le anomalie fetali WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ

Metodi di diagnosi prenatale per le anomalie fetali WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ Metodi di diagnosi prenatale per le anomalie fetali WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ 1 Frequenza delle anomalie cromosomiche alla nascita in funzione dell età materna anomalie/1000 nati 40 35 30 25 20 15 10

Dettagli

Tecnologia appropriata per la nascita

Tecnologia appropriata per la nascita Tecnologia appropriata per la nascita (Raccomandazioni O.M.S. 9 maggio 1985) Il congresso sulla tecnologia appropriata per la nascita ha prodotto le raccomandazioni che seguono. Queste raccomandazioni

Dettagli