IL RAPPORTO DI LAVORO DOMESTICO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL RAPPORTO DI LAVORO DOMESTICO"

Transcript

1 IL RAPPORTO DI LAVORO DOMESTICO Introduzione al mondo del lavoro di cura L inquadramento (Minimi contrattuali in vigore PER L ANNO 2011) LIVELLO TABELLA A CONVIVENTI TABELLA B CONVIVENTI PART-TIME TABELLA C NON CONVIVENTI Paga oraria TABELLA D ASSISTENZA NOTTURNA AUTOSUFF Fascia oraria 20-8 NON AUTOSUFF A 580,50 ******** 4,22 ******** ******** TABELLA E PRESENZA NOTTURNA Fascia oraria 21-8 A SUPER 686,05 ******** 4,97 ******** ******** B 738,82 527,73 5,28 ******** ******** B SUPER 791,59 554,11 5,60 910,33 ******** C 844,37 612,16 5,91 ******** ******** C SUPER 897,14 ******** 6,21 ******** 1031,71 D D SUPER 1055,46 (+ 156,07) 1.108,23 (+ 156,07) ******** 7,18 ******** ******** ******** 7,49 ******** 1.274,47 601,36

2 L inquadramento I prestatori di lavoro sono inquadrati in quattro livelli, (A,B,C,D) a ciascuno dei quali corrispondono due parametri retributivi, il superiore dei quali è definito super (AS,BS,CS,DS) Ad ogni livello corrisponde una analitica descrizione dei profili ad esso riconducibili (Addetto alle pulizie, baby sitter ) Per le ASSISTENTI FAMILIARI l assegnazione ad un livello viene valutata a seconda che l assistenza sia effettuata a persona autosufficiente o non autosufficiente C è una distinzione tra i lavoratori professionalmente preparati e quelli privi di esperienza o comunque che svolgono mansioni per cui è comunque richiesto un certo grado di competenza e attenzione (es. Baby sitter) Si introduce IL PART-TIME ART. 10 CCNL CATEGORIA PROFESSIONALITA FATTISPECIE LIVELLO A LIVELLO A SUPER Collaboratori familiari generici sprovvisti di esperienza professionale che svolgono mansioni a livello esecutivo e sotto il diretto controllo del datore di lavoro Colf, Addetto alle pulizie, Addetto alla lavanderia, Aiuto di cucina, Stalliere, Assistente ad animali domestici, Addetto alla pulizia ed annaffiatura delle aree verdi, Operaio comune Addetto alla compagnia, Baby sitter

3 ART. 10 CCNL CATEGORIA PROFESSIONALITA FATTISPECIE LIVELLO B LIVELLO B SUPER Collaboratori familiari che, in possesso della necessaria esperienza, (almeno 12 mesi) svolgono con specifica competenza le proprie mansioni, ancorché a livello esecutivo. Collaboratore generico polifunzionale, Custode di abitazione privata, Addetto alla stireria, Cameriere, Giardiniere, Operaio qualificato, Autista, Addetto al riassetto camere e servizio di prima colazione Assistente a persone autosufficienti ART. 10 CCNL CATEGORIA PROFESSIONALITA FATTISPECIE LIVELLO C LIVELLO C SUPER Collaboratori familiari che, in possesso di specifiche conoscenze di base sia teoriche che tecniche, relative allo svolgimento dei compiti assegnati, operano con totale autonomia e responsabilità Cuoco Assistente a persone non autosufficienti Per persona autosufficiente si intende il soggetto in grado di compiere le più importanti attività relative alla cura della propria persona ed alla vita di relazione

4 ART. 10 CCNL CATEGORIA PROFESSIONALITA FATTISPECIE LIVELLO D LIVELLO D SUPER Collaboratori familiari che, in possesso dei necessari requisiti professionali, ricoprono specifiche posizioni di lavoro caratterizzate da responsabilità, autonomia decisionale e/o coordinamento Amministratore dei beni di famiglia, Maggiordomo, Governante, Capo cuoco., Capo giardiniere, Istitutore. Assistente a persone non autosufficienti (formato), Direttore di casa Si intende formato il soggetto provvisto di diploma specifico, conseguito in Italia o all estero, purché equipollente, con corsi di formazione aventi durata minima non inferiore a 500 ore TIPOLOGIA DI SERVIZIO TABELLA A CONVIVENTI A orario lungo TABELLA C NON CONVIVENTI Paga oraria Coloro che : assicurano la loro presenza continuativa sul posto di lavoro fruendo di vitto E alloggio, per un massimo di 54 ore sett.li Coloro che: svolgono la loro attività lavorativa nell arco della giornata per non più di 40 ore sett.li

5 TABELLA A CONVIVENTI A orario lungo TABELLA C NON CONVIVENTI Paga oraria Ha diritto ad un riposo di almeno 11 ore consecutive (non più 8 ore) A un riposo intermedio non retribuito non inferiore alle 2 ore giornaliere di effettivo riposo La collocazione dell'orario di lavoro all interno della durata massima è fissato dal datore di lavoro La collocazione dell'orario di lavoro all interno della durata massima è concordato dalle parti Non si parla di riposi giornalieri e intermedi TIPOLOGIA DI SERVIZIO TABELLA B CONVIVENTI PART-TIME Art 15 comma 2 CCNL Per un massimo di 30 ore sett.li I lavoratori : - CONVIVENTI inquadrati nei livelli C, B e B Super - STUDENTI frequentanti corsi di studio al termine dei quali viene conseguito un titolo riconosciuto dallo Stato ovvero da Enti pubblici, di età compresa fra i 16 e i 40 anni Il cui orario di lavoro è interamente compreso: a) tra le ore 6 e le ore 14; b) tra le ore 14 e le ore 22; c) in non più di tre giorni settimanali, nel limite massimo di 10 ore al giorno

6 TABELLA D TABELLA E ASSISTENZA NOTTURNA Fascia oraria: 20-8 PRESENZA NOTTURNA Fascia oraria: 21-8 Coloro che prestano DICONTINUE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI D ATTESA NOTTURNA quando la durata della prestazione è interamente compresa tra le e le 8.00 Sono introdotti tre diversi livelli retributivi Il personale assunto esclusivamente per garantire la presenza notturna (PRESTAZIONI ESCLUSIVAMENTE D ATTESA) quando la durata della prestazione è interamente compresa tra le e le 8.00 Esiste un unico livello retributivo Il lavoro straordinario ART 16 CCNL È considerato lavoro straordinario quello che eccede la durata giornaliera o settimanale massima fissata all art. 15, comma 1, salvo che il prolungamento sia stato preventivamente concordato per il recupero di ore non lavorate: 10 ore giornaliere, non consecutive, per un totale di 54 ore settimanali, per i lavoratori conviventi; 8 ore giornaliere, non consecutive, per un totale di 40 ore settimanali, distribuite su 5 giorni oppure su 6 giorni, per i lavoratori non conviventi Per i lavoratori part-time: le prestazioni collocate temporalmente al di fuori della fascia oraria prescelta Il recupero è consentito se consensuale e in ragione di non più di 2 ore giornaliere

7 ART 16 CCNL comma 4 PER I LAVORATORI NON CONVIVENTI Le ore di lavoro prestate dai lavoratori NON CONVIVENTI, eccedenti le ore 40 e fino alle ore 44 settimanali, purché eseguite nella fascia oraria compresa tra le ore 6.00 e le ore 22.00, sono compensate con la retribuzione globale di fatto oraria maggiorata del 10%. Entro il limite di 40 ore e 8 ore giornaliere Retribuzione oraria concordata Fino a 44 ore Maggiorazione del 10% 40 ore 44 ore Oltre le 44 ore Maggiorazione del 25% PER I LAVORATORI CONVIVENTI Lo straordinario è compensato con la retribuzione globale di fatto oraria maggiorata del 25%, se prestato dalle ore 6.00 alle ore Il lavoro straordinario Negli altri casi deve essere compensato con una Retribuzione Globale di fatto maggiorata FESTIVO + 60% Nel RIPOSO NON DOMENICALE NOTTURNO straordinario Dalle 22,00 alle 6, % + 50%

8 La retribuzione Retribuzione minima contrattuale + Scatti anzianità + Superminimo + Indennità sost. di vitto e alloggio = RETRIBUZIONE GLOBALE DI FATTO (art. 32 CCNL) Scatti di anzianità Per ogni BIENNIO di servizio presso lo stesso datore di lavoro Pari al 4% della retribuzione minima contrattuale Per un massimo di 7 BIENNI Non assorbibili dall eventuale superminimo Il superminimo Assorbibile o Non assorbibile

9 L indennità di vitto e alloggio Valori giornalieri validi PER L ANNO 2011 Pranzo /Colazione Cena Alloggio Totale 1,75 1,75 1,52 5,02 E un plusvalore che si aggiunge alla retribuzione per determinarne alcune voci (Ferie, Tredicesima, Lavoro straordinario..) E fissata convenzionalmente e rivalutata annualmente dalla apposita Commissione sindacale Spetta al lavoratore convivente, al non convivente (sopra le 6 ore di lavoro continuativo) a chi offre presenza notturna o assistenza notturna Nei limiti in cui ne usufruisca effettivamente Le altre voci della retribuzione LE FERIE 26 giorni lavorativi per ogni anno di servizio, indipendentemente dall orario di lavoro Durante il periodo di ferie al lavoratore spetta la retribuzione comprensiva dell eventuale indennità di vitto e alloggio Il datore di lavoro è tenuto a versare i contributi INPS durante il periodo di ferie Non possono essere godute durante il preavviso di licenziamento, la malattia o l infortunio Il lavoratore straniero può cumulare due anni di ferie

10 Le FERIE (L ART. 18 CCNL domestico) 3. Il diritto al godimento delle ferie è irrinunciabile. A norma dell art. 10 del D.Lgs. 8 aprile 2003, n. 66, un periodo minimo di 4 settimane per ogni anno di servizio non può essere sostituito dalla relativa indennità (salvo il caso di licenziamento o di dimissioni ) 4. Le ferie hanno di regola carattere continuativo. Esse potranno essere frazionate in non più di due periodi all'anno, purché concordati tra le parti. La fruizione delle ferie, salvo il caso previsto al comma 7, deve aver luogo per almeno due settimane entro l anno di maturazione e, per almeno ulteriori due settimane, entro i 18 mesi successivi all anno di maturazione. 7. Nel caso di lavoratore di cittadinanza non italiana che abbia necessità di godere di un periodo di ferie più lungo, al fine di utilizzarlo per un rimpatrio non definitivo, su sua richiesta e con l accordo del datore di lavoro, è possibile l'accumulo delle ferie nell'arco massimo di un biennio, anche in deroga a quanto previsto al comma 4. Le altre voci della retribuzione LA TREDICESIMA E una mensilità aggiuntiva da corrispondere entro dicembre in occasione del Natale Spetta in misura pari alla Retribuzione Globale di fatto Matura anche durante le assenze per malattia, infortunio, maternità nei limiti del periodo di conservazione del posto e per la parte non liquidata dagli enti preposti

11 I BOLLETTINI INPS Sulla base delle ore lavorate nel trimestre Sulla base della Retribuzione ORARIA effettiva Entro i 10 giorni successivi alla scadenza del trimestre solare di riferimento Salvo in caso di licenziamento: il pagamento deve avvenire entro 10 gg dalla cessazione Salvo quando il lavoratore fa domanda di pensione e continua a lavorare. Il pagamento si divide in due tranches : Entro l ultimo giorno di calendario del mese in cui è stata fatta la domanda Entro la normale scadenza per il lavoro svolto successivamente alla domanda Le TABELLE contributive Valori validi PER L ANNO 2011 Retribuzione oraria effettiva Con CUAF Contributo orario Senza CUAF Fino a 7,22 1,36 (0,33) 1,37 (0,33) Oltre 7,22 e fino a 8,81 1,54 (0,37) 1,55 (0,37) Oltre 8,81 1,88 (0,45) 1,89 (0,45) Sup. a 24 h sett.li 0,99 (0,24) 1,00 (0,24)

12 La determinazione delle ore imponibili Tutte le ore lavorate Le ore comunque retribuite es. per ferie o per malattia Riferibili alle settimane comprese tra il primo e l ultimo sabato del trimestre solare di riferimento La settimana finisce con il sabato La Malattia Per la malattia l INPS non paga alcuna indennità La malattia è a totale carico del datore di lavoro per un det. numero di giorni che variano a seconda dell anzianità di servizio In caso di degenza in ospedale o presso il datore di lavoro non spetta l indennità di vitto e alloggio

13 La malattia Anzianità N. gg di assenza nell anno solare Trattamento economico Conservazione del posto Fino a 6 mesi 8 giorni dal 1 al 3 = 50% dal 4 al 8 = 100% 10 giorni di calendario Da 6 mesi a 2 anni 10 giorni dal 1 al 3 = 50% dal 4 al 10 = 100% 45 giorni di calendario Oltre 2 anni 15 giorni dal 1 al 3 = 50% dal 4 al 15 = 100% 180 giorni di calendario Chi può iscriversi alla Cas.sa Colf? Tutti i dipendenti e i datori di lavoro domestico in regola con i contributi di assistenza contrattuale, nei confronti dei quali vengono applicati i CCNL a partire da quello stipulato il 16 Febbraio 2007, ed i successivi rinnovi contrattuali, sottoscritti tra le parti sindacali.

14 1 CAS.SA COLF DAL 1/07/2010 è entrata in vigore la cas.sa colf. Serve per le prestazioni assistenziali Prevede il pagamento di 3 centesimi in più ogni ora di lavoro (0,03): 0,02 cent. il paga il datore e 0,01 cent. il lavoratore Ammontare dei contributi per la Cas.sa Colf A carico del datore di lavoro e del lavoratore è pari complessivamente a 0,03 orari, come stabilito dal CCNL di cui 0,01 orari a carico del lavoratore

15 NOVITA La Malattia Cas.sa Colf E operativa a partire dal 1 Luglio 2010 Ha lo scopo di gestire i trattamenti assistenziali ed assicurativi, integrativi, aggiuntivi e/o delle prestazioni sociali pubbliche obbligatorie a favore dei dipendenti collaboratori familiari 2 CAS.SA COLF Indennità Giornaliera in caso di Ricovero con intervento chirurgico; Indennità Giornaliera in caso di Ricovero senza intervento chirurgico; Indennità Giornaliera in caso di Ricovero per parto; Indennità Giornaliera in caso di Convalescenza.

16 3 CAS. SA COLF La CAS.SA.COLF provvede a rimborsare integralmente ai dipendenti iscritti i ticket sanitari, nel limite di 300,00 per persona e per anno civile, relativi alle prestazioni di alta specializzazione 4 CAS.SA COLF Per chiedere il rimborso: BISOGNA AVER VERSATO ALMENO 25 EURO nei 4 TRIMESTRI precedenti (1 ANNO)

17 L infortunio Durante il periodo di infortunio sul lavoro il lavoratore ha diritto a ricevere tutte le prestazioni a carico dell INAIL Ha diritto alla conservazione del posto Non è prevista alcuna integrazione contrattuale a carico del datore di lavoro, se non: La Tredicesima per la parte non liquidata dall INAIL Le ferie Il T.F.R. (Trattamento di fine rapporto) La Maternità La lavoratrice: Dall inizio della gestazione fino al momento dell astensione obbligatoria dal lavoro, non può essere licenziata se non per gravi e comprovati motivi Ha diritto all astensione dal lavoro per i 5 mesi di astensione obbligatoria Ha diritto all astensione anticipata se autorizzata dalla Direzione provinciale del Lavoro su visita del medico ASL Non ha diritto al congedo parentale/astensione facoltativa

18 La Maternità Durante il periodo di assenza obbligatoria ha diritto a percepire dall INPS l indennità sostitutiva pari all 80% della Retribuzione convenzionale L indennità è versata dall INPS solo se risultano versati a loro favore : almeno 52 contributi settimanali nei 24 mesi precedenti il periodo di assenza obbligatoria Oppure almeno 26 contributi settimanali nei 12 mesi precedenti il periodo di assenza obbligatoria La cessazione Nel rapporto di lavoro domestico la chiusura del rapporto di lavoro può avvenire liberamente, sia da parte del datore di lavoro che del lavoratore, salvo l obbligo del preavviso. E il c.d. recesso ad nutum Non sono ammessi motivi discriminatori: razza, religione ecc Il licenziamento per motivi discriminatori è nullo.

19 La cessazione Il Preavviso Rapporto di lavoro non inferiore alle 25h sett.li Rapporto di lavoro fino a 24h sett.li Anzianità Preavviso del datore di lavoro Preavviso del lavoratore Fino a 5 anni 15 giorni 8 giorni Oltre 5 anni 30giorni 15 giorni Fino a 2 anni 8 giorni 8 giorni Oltre 2 anni 15 giorni 15 giorni La cessazione Gli obblighi del datore di lavoro: - Pagare l ultimo bollettino INPS entro 10 giorni dalla cessazione - Comunicare con apposito modello all INPS la cessazione entro 5 giorni - Consegnare le ricevute dei bollettini INPS pagati nel corso del rapporto di lavoro - Consegnare l attestazione dei compensi percepiti per l anno in corso - Pagare il T.F.R., le ferie maturate e non godute, le quote di tredicesima maturate e non riscosse

20 IL T.F.R. Spetta sia in caso di licenziamento che di dimissioni Indipendentemente dal n. delle ore lavorate Ha come base la retribuzione globale di fatto + tredicesima mensilità E soggetto a rivalutazione

decorrenze Scadenze 1/10/84 30/09/87 1/04/88 31/03/91 15/07/92 15/07/95 16/07/96 15/07/2000 8/03/2001 7/3/2005 1/03/2007 28/02/2011

decorrenze Scadenze 1/10/84 30/09/87 1/04/88 31/03/91 15/07/92 15/07/95 16/07/96 15/07/2000 8/03/2001 7/3/2005 1/03/2007 28/02/2011 SINTESI CCNL LAVORO DOMESTICO decorrenze Scadenze 1/10/84 30/09/87 1/04/88 31/03/91 15/07/92 15/07/95 16/07/96 15/07/2000 8/03/2001 7/3/2005 1/03/2007 28/02/2011 Indice della Sintesi Contrattuale Artt.

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

SINTESI CONTRATTO LAVORO DOMESTICO - VALIDITA 1.3.2007-28.2.2011 (la sintesi non esaurisce tutti i contenuti del CCNL)

SINTESI CONTRATTO LAVORO DOMESTICO - VALIDITA 1.3.2007-28.2.2011 (la sintesi non esaurisce tutti i contenuti del CCNL) SINTESI CONTRATTO LAVORO OMESTICO - VALIITA 1.3.2007-28.2.2011 (la sintesi non esaurisce tutti i contenuti del CCNL) MALATTIA Anzianità di servizio Conservazione del posto per 365 giorni decorrenti dall

Dettagli

CCNL LAVORATORI DOMESTICI CON DECORRENZA DAL 1 LUGLIO 2013 AL 31 DICEMBRE

CCNL LAVORATORI DOMESTICI CON DECORRENZA DAL 1 LUGLIO 2013 AL 31 DICEMBRE Indice IL CONTRATTO DI LAVORO - LE CATEGORIE - I CONTRIBUTI INPS - IL PERIODO DI PROVA - LA TREDICESIMA MENSILITÀ I GIORNI FESTIVI - GLI SCATTI DI ANZIANITÀ - LE FERIE - VITTO E ALLOGGIO - L ORARIO DI

Dettagli

INQUADRAMENTO DEI LAVORATORI ADDETTI ALL'ASSISTENZA FAMILIARE

INQUADRAMENTO DEI LAVORATORI ADDETTI ALL'ASSISTENZA FAMILIARE INQUADRAMENTO DEI LAVORATORI ADDETTI ALL'ASSISTENZA FAMILIARE 1. I prestatori di lavoro sono inquadrati in quattro livelli, a ciascuno dei quali corrispondono due parametri retributivi, il superiore dei

Dettagli

Le spettanze di una collaboratrice familiare

Le spettanze di una collaboratrice familiare Le spettanze di una collaboratrice familiare La retribuzione base, per una collaboratrice familiare deve essere concordata rispettando i seguenti minimi contrattuali: Minimi contrattuali in vigore dal

Dettagli

o LA PRESTAZIONE PUÒ ESSERE RESA A FAVORE DI UNA PERSONA, DI UN GRUPPO FAMILIARE O DI UNA COMUNITÀ STABILE SENZA FINE DI LUCRO.

o LA PRESTAZIONE PUÒ ESSERE RESA A FAVORE DI UNA PERSONA, DI UN GRUPPO FAMILIARE O DI UNA COMUNITÀ STABILE SENZA FINE DI LUCRO. 13 01 2010 o E UN RAPPORTO DI LAVORO SUBORDINATO; o LA PRESTAZIONE DEL LAVORATORE È FINALIZZATA AL FUNZIONAMENTO DELLA VITA FAMILIARE; o LA PRESTAZIONE PUÒ ESSERE RESA A FAVORE DI UNA PERSONA, DI UN GRUPPO

Dettagli

La giusta soluzione in tempi brevi. Chiamaci subito allo: 328 2964969

La giusta soluzione in tempi brevi. Chiamaci subito allo: 328 2964969 In questo documento, abbiamo riportato alcuni passaggi del CCNL(contratto nazionale) del lavoro domestico, in particolare ciò che riguarda le figure di badante e colf/baby-sitter, in modo da fornire una

Dettagli

Ccnl Lavoro Domestico

Ccnl Lavoro Domestico Ccnl Lavoro Domestico Parti contraenti Parti contraenti FIDALDO, DOMINA Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil, Federcolf Data CCNL 01/02/2007 Rinnovo economico 20/01/2009 parte economica Decorrenza

Dettagli

Le spettanze di una collaboratrice familiare a ore (inferiori a 25 h settimanali)

Le spettanze di una collaboratrice familiare a ore (inferiori a 25 h settimanali) Le spettanze di una collaboratrice familiare a ore (inferiori a 25 h settimanali) Minimi contrattuali in vigore dal 1/1/2016 al 31/12/2016 Livello Profilo Tabella A C Non Conviventi Paga Oraria A Colf

Dettagli

Le spettanze di una collaboratrice familiare a ore

Le spettanze di una collaboratrice familiare a ore Le spettanze di una collaboratrice familiare a ore Minimi contrattuali in vigore dal 1/1/2015 al 31/12/2015 Livello Profilo Tabella A C Non Conviventi Paga Oraria A Colf senza esperienza 4,51 A Super Baby

Dettagli

QUANTO MI COSTA LA COLF

QUANTO MI COSTA LA COLF Quanto mi costa la colf? NEWS QUANTO MI COSTA LA COLF Chi decide di assumere una colf (o una badante) deve sostenere una serie di costi, che vanno dal corrispettivo della prestazione (con eventuali indennità

Dettagli

TUTELE PER I LAVORATORI DOMESTICI

TUTELE PER I LAVORATORI DOMESTICI TUTELE PER I LAVORATORI DOMESTICI Sono quei lavoratori che prestano la loro attività esclusivamente per le necessità familiari del datore di lavoro e del suo nucleo familiare. Rientrano in questa categoria:

Dettagli

UN LAVORO PATRONATO ACLI. di cura in regola... Una guida in pillole al CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DEL LAVORO DOMESTICO

UN LAVORO PATRONATO ACLI. di cura in regola... Una guida in pillole al CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DEL LAVORO DOMESTICO UN LAVORO di cura in regola... I diritti e i doveri dei collaboratori familiari e dei datori di lavoro Una guida in pillole al CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DEL LAVORO DOMESTICO CHI BEN COMINCIA......lettera,

Dettagli

SINTESI DEL NUOVO CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO SULLA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO DOMESTICO ENTRATO IN VIGORE IL 1 MARZO 2007

SINTESI DEL NUOVO CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO SULLA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO DOMESTICO ENTRATO IN VIGORE IL 1 MARZO 2007 SINTESI DEL NUOVO CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO SULLA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO DOMESTICO ENTRATO IN VIGORE IL 1 MARZO 007 ASSUNZIONE CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO O DETERMINATO. L

Dettagli

SE VUOI ASSUMERE UNA ASSISTENTE FAMILIARE PER TE O PER UN FAMILIARE.

SE VUOI ASSUMERE UNA ASSISTENTE FAMILIARE PER TE O PER UN FAMILIARE. IMPEGNATIVA DEL NUOVO DATORE DI LAVORO SE VUOI ASSUMERE UNA ASSISTENTE FAMILIARE PER TE O PER UN FAMILIARE. per mancato perfezionamento procedura di regolarizzazione Il Commissariato del governo per la

Dettagli

C.C.N.L. LAVORO DOMESTICO

C.C.N.L. LAVORO DOMESTICO Finanze & Lavoro Gruppo Editoriale Esselibri-Simone Appendice di aggiornamento al volume FL 18 C.C.N.L. LAVORO DOMESTICO Edizione Aprile 2003 Questa appendice è scaricabile gratuitamente dal sito internet:

Dettagli

CIRCOLARE INFORMATIVA NR. 17/2014 del 13/3/2014 ARGOMENTO: LAVORO DOMESTICO: LE NOVITA 2014

CIRCOLARE INFORMATIVA NR. 17/2014 del 13/3/2014 ARGOMENTO: LAVORO DOMESTICO: LE NOVITA 2014 CIRCOLARE INFORMATIVA NR. 17/2014 del 13/3/2014 ARGOMENTO: LAVORO DOMESTICO: LE NOVITA 2014 Gentile Cliente, con la presente desideriamo informarla che ci sono importanti novità che interessano il mondo

Dettagli

Centro Studi Castelli. VideoLavoro. 15 settembre 2011

Centro Studi Castelli. VideoLavoro. 15 settembre 2011 Centro Studi Castelli VideoLavoro 15 settembre 2011 1 Novità del periodo 1.08.2011-9.09.2011 A cura di Laurenzia Binda 2 NOVITÀ DEL PERIODO MANOVRA DI FERRAGOSTO D.L. 13.08.2011 n. 138 DDL 7.09.2011 n.

Dettagli

Fonti normative...pag. 10 Il contratto collettivo di categoria...» 10 Sfera di applicazione...» 10 Decorrenza e durata...» 11

Fonti normative...pag. 10 Il contratto collettivo di categoria...» 10 Sfera di applicazione...» 10 Decorrenza e durata...» 11 INDICE Sezione Prima - ASPETTI CONTRATTUALI Fonti normative...pag. 10 Il contratto collettivo di categoria...» 10 Sfera di applicazione...» 10 Decorrenza e durata...» 11 Le caratteristiche dei lavoratori

Dettagli

IL LAVORO DOMESTICO: LA DISCIPLINA DEL CCNL

IL LAVORO DOMESTICO: LA DISCIPLINA DEL CCNL IL LAVORO DOMESTICO: LA DISCIPLINA DEL CCNL 29 ottobre 2015 CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE di LAVORO sulla disciplina del lavoro domestico 2013-2016 Fonti normative Artt. 2240 e seguenti del codice civile:

Dettagli

GUIDA AL RAPPORTO DI LAVORO DOMESTICO

GUIDA AL RAPPORTO DI LAVORO DOMESTICO GUIDA AL RAPPORTO DI LAVORO DOMESTICO a cura di Carla Binci in collaborazione con www.lavoroediritti.com C Aggiornata a settembre 2011 Siamo consapevoli che questa Guida non può esaurire la descrizione

Dettagli

PATRONATO ACLI LOMBARDIA NEWSLETTER FEBBRAIO 2014

PATRONATO ACLI LOMBARDIA NEWSLETTER FEBBRAIO 2014 PATRONATO ACLI LOMBARDIA NEWSLETTER FEBBRAIO 2014 ISCRITTI ALLA GESTIONE SEPARATA. LE ALIQUOTE PER IL 2014 L Inps con la circolare n. 18/2014 comunica, a seguito delle modifiche introdotte dalla legge

Dettagli

L'ASSICURAZIONE PER LE COLF

L'ASSICURAZIONE PER LE COLF L'ASSICURAZIONE PER LE COLF Sono lavoratori domestici coloro che prestano la loro opera esclusivamente per le necessità della vita familiare del datore di lavoro (tuttofare, camerieri, cuochi, bambinaie,

Dettagli

QUESITI - Programma merci Serie MCN - Elementi di diritto sociale - Nazionale

QUESITI - Programma merci Serie MCN - Elementi di diritto sociale - Nazionale QUESITI - Programma merci Serie MCN - Elementi di diritto sociale - Nazionale MCN001 Secondo il CCNL Logistica, Spedizione e Trasporto Merci, l'impresa che intende chiedere il risarcimento dei danni al

Dettagli

CAF Centro Assistenza Fiscale

CAF Centro Assistenza Fiscale CAF Centro Assistenza Fiscale Prestazioni CAF Elaborazione e trasmissione DICHIARAZIONI DEI REDDITI (730 e Modello UNICO) Elaborazione MODELLI ISEE /ISEU Trasmissione all INPS modelli RED ICRIC ICLAV -DETRAZIONI

Dettagli

CCNL sulla disciplina del rapporto di lavoro domestico. CCNL sulla disciplina del rapporto di lavoro domestico e familiare

CCNL sulla disciplina del rapporto di lavoro domestico. CCNL sulla disciplina del rapporto di lavoro domestico e familiare CCNL sulla disciplina del rapporto di lavoro domestico e familiare Decorrenza 8 marzo 2001 Scadenza 7 marzo 2005 Articolo 1 SFERA DI APPLICAZIONE Il presente contratto collettivo nazionale di lavoro, stipulato

Dettagli

IMPLEMENTAZIONI. STCOLF: Stampe Colf Il comando STCOLF racchiude le seguenti opzioni: 1. Stampa brogliaccio bollettini; 2. Stampa bollettini.

IMPLEMENTAZIONI. STCOLF: Stampe Colf Il comando STCOLF racchiude le seguenti opzioni: 1. Stampa brogliaccio bollettini; 2. Stampa bollettini. TB1502: Tabella contributi Colf La Tabella contributi Colf viene creata dal comando di conversione (successivamente verrà aggiornata con l aggiornamento delle tabelle fisse) e contiene gli elementi da

Dettagli

LE CARATTERISTICHE DEI LAVORATORI DOMESTICI

LE CARATTERISTICHE DEI LAVORATORI DOMESTICI Le caratteristiche dei lavoratori domestici LE CARATTERISTICHE DEI LAVORATORI DOMESTICI Per lavoratori domestici si intendono coloro che prestano la loro opera esclusivamente per le necessità della vita

Dettagli

COLF CONFEDILIZIA - non conviventi; DOMEST. CONFEDILIZIA - non conviventi; PERS. DOM. CONFEDILIZIA - non conviventi; Scheda del : 14/04/2014

COLF CONFEDILIZIA - non conviventi; DOMEST. CONFEDILIZIA - non conviventi; PERS. DOM. CONFEDILIZIA - non conviventi; Scheda del : 14/04/2014 Page 1 of 6 COLF CONFEDILIZIA - ; DOMEST. CONFEDILIZIA - ; PERS. DOM. CONFEDILIZIA - ; Scheda del : 14/04/2014 INFORMAZIONI Parti Stipulanti 01/07/1996 FIDALDO; DOMINA; FEDERCOLF; FILCAMS-CGIL; FISASCAT-CISL;

Dettagli

SOMMARIO. Nota sull Autore... Introduzione...

SOMMARIO. Nota sull Autore... Introduzione... Sommario SOMMARIO Nota sull Autore... Introduzione... XIII XV Capitolo 1 Rapporto di lavoro domestico 1.1 Fonti normative... 3 1.2 Nozione e caratteristiche... 5 1.3 Ambito della prestazione lavorativa...

Dettagli

SOMMARIO. Nota sull Autore... Introduzione...

SOMMARIO. Nota sull Autore... Introduzione... SOMMARIO Nota sull Autore... Introduzione... XIII XV Capitolo 1 Il rapporto di lavoro domestico 1.1 Fonti normative... 3 1.2 Nozione e caratteristiche... 5 1.3 Ambito della prestazione lavorativa... 7

Dettagli

Foglio Informativo AnSe

Foglio Informativo AnSe Foglio Informativo AnSe Anno 2014 - Numero 5 4 settembre 2014 Anno13 - Numero 2013 Sommario: Lavoratori domestici ANSE Associazione Nazionale Seniores Enel Viale Regina Margherita, 125-00198 ROMA Tel.

Dettagli

IL CONTRATTO DI LAVORO NEL SETTORE DOMESTICO E DELL ASSISTENZA

IL CONTRATTO DI LAVORO NEL SETTORE DOMESTICO E DELL ASSISTENZA IL CONTRATTO DI LAVORO NEL SETTORE DOMESTICO E DELL ASSISTENZA 1. IL CONTRATTO DI RIFERIMENTO Il lavoro domestico è regolato da uno specifico contratto collettivo nazionale di lavoro (CCNL)(24) solitamente

Dettagli

Gestire il rapporto di lavoro domestico. Massimo De Luca

Gestire il rapporto di lavoro domestico. Massimo De Luca Gestire il rapporto di lavoro domestico Massimo De Luca Aggiornato con i minimi retributivi 2015 Massimo De Luca GESTIRE IL RAPPORTO DI LAVORO DOMESTICO Aggiornato con i minimi retributivi 2015 Marzo 2015

Dettagli

Domestici Sindacato SLI

Domestici Sindacato SLI Domestici Sindacato SLI Colf e Badanti conviventi e non conviventi (TESTO DEFINITIVO MODIFICATO CON L ASSEMBLEA DEL 06 marzo 2014) (Dal 01/03/2013 Al 28/02/2016) CCNL 16/2/2013 Verbale di stipula e decorrenza

Dettagli

PRATICHE PER CONDOMINI E INQUILINI

PRATICHE PER CONDOMINI E INQUILINI La voce dell Associazione Amministratori Condominiali Immobiliari - Milano l amministratore INFORMAZIONI PRATICHE PER CONDOMINI E INQUILINI 37 ANNO Milano - Il Chiostro dell Università Statale Spediz.

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

L attività delle Acli Colf si realizza tramite le seguenti iniziative

L attività delle Acli Colf si realizza tramite le seguenti iniziative Le Acli Colf sono l Associazione professionale delle Acli che organizza le collaboratrici e i collaboratori familiari. Nate nel 1945, operano per: tutelare i diritti delle colf; raccogliere domande ed

Dettagli

I confederali VERSO LO SCHIAVISMO ORGANIZZATO: GLI STRAORDINARI

I confederali VERSO LO SCHIAVISMO ORGANIZZATO: GLI STRAORDINARI SLAI Cobas per il Sindacato di Classe Federazione Autisti Operai i C.C.N.L. AUTOTRASPORTI e LOGISTICA per le COOPERATIVE I confederali VERSO LO SCHIAVISMO ORGANIZZATO: GLI STRAORDINARI 2004--2007-2006--2010-2011

Dettagli

Massimo De Luca LAVORO DOMESTICO

Massimo De Luca LAVORO DOMESTICO Massimo De Luca LAVORO DOMESTICO Fotocopie per uso personale del lettore possono essere effettuate nei limiti del 15% di ciascun volume/fascicolo di periodico dietro pagamento alla SIAE del compenso previsto

Dettagli

GRAFICA ED EDITORIA (INDUSTRIA)

GRAFICA ED EDITORIA (INDUSTRIA) GRAFICA ED EDITORIA (INDUSTRIA) G Data: Decorrenza: 28 MARZO 2008 1 ipotesi di accordo 30 maggio 2011 11 Scadenza normativa: Scadenza economica: 31 marzo 2013 31 marzo 2013 Parti firmatarie Associazione

Dettagli

LAVORO DOMESTICO, Ipotesi di Accordo rinnovo CCNL 1.03.2007-28/02/2011

LAVORO DOMESTICO, Ipotesi di Accordo rinnovo CCNL 1.03.2007-28/02/2011 LAVORO DOMESTICO, Ipotesi di Accordo rinnovo CCNL 1.03.2007-28/02/2011 IPOTESI DI RINNOVO DEL CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO SULLA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO DOMESTICO 24 GENNAIO 2007

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO SULLA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO DOMESTICO

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO SULLA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO DOMESTICO CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO SULLA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO DOMESTICO Decorrenza 1 luglio 2013 FIDALDO Federazione Italiana Datori di Lavoro Domestico cui partecipano NUOVA COLLABORAZIONE

Dettagli

SEGRETERIA CENTRALE FABI

SEGRETERIA CENTRALE FABI SEGRETERIA CENTRALE FABI Gennaio 2008 BNL 1 IL CONTRATTO DI APPRENDISTATO NELSETTOREDELCREDITO Il D. Leg.vo n. 276 del 10/09/2003 ha introdotto una nuova disciplina dell apprendistato, regolamentando la

Dettagli

FAMILIARI Art. 8 Lavoro ripartito

FAMILIARI Art. 8 Lavoro ripartito Il giorno 1 febbraio 2007 le sottoindicate Parti si obbligano a sottoscrivere avanti al ministro del lavoro il seguente CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO SULLA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO

Dettagli

Generalmente le colf possono instaurare con il proprio datore di lavoro tre tipi di contratto a seconda dell impegno richiesto.

Generalmente le colf possono instaurare con il proprio datore di lavoro tre tipi di contratto a seconda dell impegno richiesto. Le categorie dei lavoratori domestici includono non solo le tradizionali "colf", ma tutti quei lavoratori che "prestano a qualsiasi titolo la loro opera per il funzionamento della vita familiare". Pertanto

Dettagli

AZIENDA SPECIALE TORINO INCONTRA Regolamento della gestione organizzativa e del personale

AZIENDA SPECIALE TORINO INCONTRA Regolamento della gestione organizzativa e del personale AZIENDA SPECIALE TORINO INCONTRA Regolamento della gestione organizzativa e del personale Articolo 1 Orario di lavoro 1. L orario normale di lavoro è di 40 ore settimanali corrispondenti a 8 ore al giorno

Dettagli

COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI

COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI Istituto Nazionale Previdenza Sociale COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI Regolazione del rapporto di lavoro A cura di Coordinamento e Supporto alle attività connesse al Fenomeno Migratorio Marzo 2007 INDICE

Dettagli

La retribuzione globale annua di cui al presente articolo viene erogata in 14 (quattordici) mensilità

La retribuzione globale annua di cui al presente articolo viene erogata in 14 (quattordici) mensilità TITOLO XXX Trattamento economico Articolo 7 NORMALE RETRIBUZIONE La normale retribuzione del lavoratore è costituita dalle voci sotto indicate alle lettere a), b), c) e d), nonché da tutti gli altri elementi

Dettagli

ORARIO DI LAVORO. (CCNL AF c/o MIT Orario 19.10.11) 2.1 Definizioni: c) agli stessi fini..

ORARIO DI LAVORO. (CCNL AF c/o MIT Orario 19.10.11) 2.1 Definizioni: c) agli stessi fini.. (CCNL AF c/o MIT Orario 19.10.11) ORARIO DI LAVORO 1.7 Per orario spezzato di cui alle lettere c) e d) del precedente punto 1.6, si intende il periodo di lavoro giornaliero nel corso del quale è previsto

Dettagli

Congedi per eventi e cause particolari 7 Congedo non retribuito per gravi motivi familiari e/o personali 7

Congedi per eventi e cause particolari 7 Congedo non retribuito per gravi motivi familiari e/o personali 7 SOMMARIO Sommario Presentazione Congedo di maternità Congedo di paternità Congedi parentali Riposi giornalieri Congedi per malattia del bambino Tutela del lavoratore in caso di lavoro notturno 2 3 4 4

Dettagli

ESTRATTO DEL REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI

ESTRATTO DEL REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI ESTRATTO DEL REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI Integrazione malattia Durante l assenza del lavoratore l impresa, entro i limiti della conservazione del posto di cui all art. 27 del C.C.N.L in

Dettagli

Titolo XXIV Gravidanza e Puerperio

Titolo XXIV Gravidanza e Puerperio Titolo XXIV Gravidanza e Puerperio Le parti, visto la Legge n 53 dell 8 Marzo 2000, concernente i Congedi Parentali, hanno convenuto sull opportunità di aggiornare la disciplina contrattuale di tale Istituto

Dettagli

IL NUOVO CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO DEGLI ADDETTI AI SERVIZI DOMESTICI

IL NUOVO CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO DEGLI ADDETTI AI SERVIZI DOMESTICI IL NUOVO CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO DEGLI ADDETTI AI SERVIZI DOMESTICI Incontro di formazione per Dirigenti provinciali e regionali Acli Colf - 22 marzo 2014 a cura di Avv. Federica Suardi

Dettagli

Progetto Network Scuola Impresa La contrattualistica del lavoro

Progetto Network Scuola Impresa La contrattualistica del lavoro AGENDA In contratto di lavoro in Telecom Italia Sicurezza 1 Contrattazione: la vigenza Principali istituti Lo stato dell arte in Telecom Italia Principali temi trattati nel 1 livello di contrattazione

Dettagli

M A V FONDO INTEGRAZIONE MALATTIA E ASSISTENZE VARIE. Le Prestazioni

M A V FONDO INTEGRAZIONE MALATTIA E ASSISTENZE VARIE. Le Prestazioni F M A V FONDO INTEGRAZIONE MALATTIA E ASSISTENZE VARIE Le Prestazioni R e g o l a m e n t o operante dal 01 gennaio 2014 INDICE: AVENTI DIRITTO Pag. 4 INTEGRAZIONE DELLE PRESTAZIONI E MISURA DELLE INDENNITA

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

ALESSIO BERTAGNIN & ASSOCIATI s.a.s. Società tra Professionisti

ALESSIO BERTAGNIN & ASSOCIATI s.a.s. Società tra Professionisti Padova, 13 luglio 2015 Circolare n 12/2015 Alla Spett.le Clientela IMPORTANTE!!! Oggetto: Jobs Act pubblicato il decreto per la conciliazione dei tempi di cura, di vita e di lavoro È entrato in vigore

Dettagli

di Massimo Brisciani Risorse Umane >> Amministrazione del personale

di Massimo Brisciani Risorse Umane >> Amministrazione del personale IL METODO DEL COSTO STANDARD di Massimo Brisciani Risorse Umane >> Amministrazione del personale Il datore di lavoro ha necessità di conoscere in via preventiva quale sarà il costo del personale che occupa

Dettagli

MATERNITÀ E CONGEDI. A cura di Monica Lattanzi (Coordinatrice Uffici Vertenze CISL USR Emilia Romagna)

MATERNITÀ E CONGEDI. A cura di Monica Lattanzi (Coordinatrice Uffici Vertenze CISL USR Emilia Romagna) MATERNITÀ E CONGEDI A cura di Monica Lattanzi (Coordinatrice Uffici Vertenze CISL USR Emilia Romagna) Astensione Obbligatoria o Congedo di Maternità La tutela accordata dalla legge alle lavoratrici madri

Dettagli

Gestione Collaboratori Familiari

Gestione Collaboratori Familiari Gestione Collaboratori Familiari 1 SOMMARIO Predisposizione del Lavoratore e della Ditta...4 Implementazioni alla gestione delle colf e delle badanti...8 Collaboratori familiari: gestione con ente INPS...

Dettagli

LAVORO DOMESTICO LAVORATORI COMUNITARI ED EXTRACOMUNITARI

LAVORO DOMESTICO LAVORATORI COMUNITARI ED EXTRACOMUNITARI LAVORO DOMESTICO LAVORATORI COMUNITARI ED EXTRACOMUNITARI Fotocopie per uso personale del lettore possono essere effettuate nei limiti del 15% di ciascun volume/fascicolo di periodico dietro pagamento

Dettagli

Il lavoro domestico:

Il lavoro domestico: Stranieri in Italia Il lavoro domestico: una guida per chi assume e per chi lavora www.stranieriinitalia.it CHI SONO I LAVORATORI DOMESTICI? 05 COME ASSUMERE UN LAVORATORE DOMESTICO 07 1) I documenti

Dettagli

COMUNE DI TIVOLI ANNO 2012

COMUNE DI TIVOLI ANNO 2012 COMUNE DI TIVOLI ANNO 2012 ACCORDO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 NORME DI PRINCIPIO 1. Il presente accordo

Dettagli

CONGEDI PARENTALI: ISTRUZIONI PER L USO

CONGEDI PARENTALI: ISTRUZIONI PER L USO CONGEDI PARENTALI: ISTRUZIONI PER L USO di avvocato Erika Lievore 1 CONGEDO di MATERNITA (EX ASTENSIONE OBBLIGATORIA) DURATA ASTENSIONE OBBLIGATORIA DAL LAVORO: 5 MESI (2 MESI PRECEDENTI E 3 MESI SUCCESSIVI

Dettagli

Indice CAPITOLO I PROFILI PROFESSIONALI

Indice CAPITOLO I PROFILI PROFESSIONALI LAVORO DOMESTICO 1 Indice CAPITOLO I PROFILI PROFESSIONALI I lavoratori domestici I datori di lavoro domestico Categorie dei lavoratori Mansioni plurime Lavoratori alla pari CAPITOLO II ASSUNZIONE E LICENZIAMENTO

Dettagli

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA PARTI CONTRAENTI Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil DATA DI STIPULA 3 febbraio 2008 FINALITÀ

Dettagli

Sintesi ccnl quadri del Terziario

Sintesi ccnl quadri del Terziario Sintesi ccnl quadri del Terziario Parti contraenti Confcommercio,, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil Data di stipula 26.02.2011 Decorrenza 01.01.2011 Scadenza parte normativa/economica 31.12.2013 DECLARATORIA

Dettagli

CORSO CONFEDERALE LA BUSTA PAGA A

CORSO CONFEDERALE LA BUSTA PAGA A CGIL CORSO CONFEDERALE LA BUSTA PAGA A cura di: Staff Formazione Ufficio Vertenze Confederale CGIL LIGURIA Versione integrale 1 2 LE LEGGI DELLO STATO ED I CONTRATTI DI LAVORO DETTANO LE NORME CHE DISCIPLINANO

Dettagli

Circolare N. 103 del 14 Luglio 2015

Circolare N. 103 del 14 Luglio 2015 Circolare N. 103 del 14 Luglio 2015 Da ASPI a NASPI: come cambiano contributi e incentivi per il datore di lavoro? Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che l INPS, con il messaggio n.

Dettagli

Lavoratori Domestici e Collaboratori Familiari

Lavoratori Domestici e Collaboratori Familiari Lavoratori Domestici e Collaboratori Familiari di Luciano Alberti Le formule presenti in questo testo sono disponibili online e sono personalizzabili. Le istruzioni per scaricare i file relativi sono riportate

Dettagli

1. I PASSI PER L ASSUNZIONE 1

1. I PASSI PER L ASSUNZIONE 1 1. I PASSI PER L ASSUNZIONE 1 TUTTI I PASSI E possibile assumere un assistente familiare extracomunitaria già presente regolarmente in Italia e in possesso di Permesso di Soggiorno idoneo a svolgere attività

Dettagli

400 TUTELA DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA

400 TUTELA DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA 400 TUTELA DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA Le norme in materia sono contenute nel d. lgs. 151/2001 e, per ciò che riguarda le disposizioni relative ai minori in adozione o affidamento, sono state introdotte

Dettagli

Calcolo della tredicesima Vediamo come si calcola la tredicesima in busta paga.

Calcolo della tredicesima Vediamo come si calcola la tredicesima in busta paga. Calcolo della tredicesima Vediamo come si calcola la tredicesima in busta paga. Obbligo della retribuzione globale di fatto. Come abbiamo detto, la tredicesima si calcola sulla base della retribuzione

Dettagli

Disabili e loro familiari Artt.3,4 e 33 L.104/92

Disabili e loro familiari Artt.3,4 e 33 L.104/92 Disabili e loro familiari Artt.3,4 e 33 L.104/92 La legge riconosce ai lavoratori disabili e ai loro familiari il diritto di fruire, in presenza di determinate condizioni, di permessi retribuiti o di congedi

Dettagli

Unionchimica - Confapi

Unionchimica - Confapi Parti contraenti Unionchimica - Confapi Stipula Decorrenza Scadenza economica normativa Rinnovo economico Unionchimica-Confapi, Filcem-Cgil, Femca-Cisl, Uilcem-Uil 7.2.2009..200 3.2.202 3.2.202 26.7.200

Dettagli

IMPONIBILE PREVIDENZIALE E FISCALE ESEMPI

IMPONIBILE PREVIDENZIALE E FISCALE ESEMPI IMPONIBILE PREVIDENZIALE E FISCALE ESEMPI A cura di Alessandra Gerbaldi 1 LA BUSTA PAGA NEL CASO DI LAVORO STRAORDINARIO Di seguito si ipotizza il caso di un lavoratore, dipendente di azienda che applica

Dettagli

CONGEDI PARENTALI UNA GUIDA A TUTTE LE AGEVOLAZIONI DELLA NUOVA LEGGE

CONGEDI PARENTALI UNA GUIDA A TUTTE LE AGEVOLAZIONI DELLA NUOVA LEGGE CONGEDI PARENTALI UNA GUIDA A TUTTE LE AGEVOLAZIONI DELLA NUOVA LEGGE * QUALI SONO I NUOVI DIRITTI E LE NUOVE OPPORTUNITA PER I NEO-GENITORI? ASPETTATIVA OBBLIGATORIA: - Resta l aspettativa obbligatoria

Dettagli

6. CONTABILITA GENERALE

6. CONTABILITA GENERALE 6. CONTABILITA GENERALE SCRITTURE DI GESTIONE SCRITTURE RELATIVE AL LAVORO DIPENDENTE 1 E. Scritture relative al lavoro dipendente Definizione Il lavoro rappresenta un fattore della produzione che contabilmente

Dettagli

Diventerò genitore. Istruzioni per l uso

Diventerò genitore. Istruzioni per l uso Diventerò genitore Istruzioni per l uso 1 Diventare genitore Tutela della salute della donna e del bambino è un grande evento, e ti esprimiamo tutte le nostre più vive congratulazioni. La tutela riconosciuta

Dettagli

L INDENNITÀ ORDINARIA DI DISOCCUPAZIONE CON I REQUISITI NORMALI

L INDENNITÀ ORDINARIA DI DISOCCUPAZIONE CON I REQUISITI NORMALI L INDENNITÀ ORDINARIA DI DISOCCUPAZIONE CON I REQUISITI NORMALI Che cos è È una prestazione a sostegno del reddito concessa a quei lavoratori che vengono a trovarsi senza lavoro, quindi senza retribuzione,

Dettagli

Manuale di utilizzo. Procedure e consigli pratici

Manuale di utilizzo. Procedure e consigli pratici Manuale di utilizzo Procedure e consigli pratici Aggiornato al 19.11.2015 SOMMARIO Introduzione:... 2 1. Inserimento dati del rapporto... 2 1.1. Dati anagrafici collaboratore... 3 1.2. Inquadramento collaboratore...

Dettagli

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione.

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. INCENTIVO DESTINATARI Giovani (l.99/2013) L incentivo è pari: -ad 1/3 della retribuzione

Dettagli

Chimici - Abrasivi, Impiegati, Industria: CCNL, 30 aprile 1949. Scritto da Silvano Costanzi Mercoledì 05 Settembre 2012 09:49 -

Chimici - Abrasivi, Impiegati, Industria: CCNL, 30 aprile 1949. Scritto da Silvano Costanzi Mercoledì 05 Settembre 2012 09:49 - Tipologia: CCNL Data firma: 30 aprile 1949 Validità: 01.01.1949-31.12.1950 Parti: Associazione Nazionale degli Industriali della Ceramica e degli Abrasivi-Confindustria e Federazione Nazionale Vetrai Ceramisti

Dettagli

ANFFAS Brescia Onlus SERVIZIO ACCOGLIENZA E INFORMAZIONE SAI?

ANFFAS Brescia Onlus SERVIZIO ACCOGLIENZA E INFORMAZIONE SAI? PERMESSI e CONGEDI PARENTALI (art. 33 L. 104/92) solo per genitori, parenti o affini di una persona riconosciuta in SITUAZIONE DI HANDICAP GRAVE (certificazione di gravità ex art. 3 c. 3 L104/92); solo

Dettagli

AGEFIS --- Associazione dei Geometri Fiscalisti Corso Vercelli 332/p 10015 Ivrea TO Tel. 0125.61.65.74 - Fax 0125.25.20.28 www.agefis.

AGEFIS --- Associazione dei Geometri Fiscalisti Corso Vercelli 332/p 10015 Ivrea TO Tel. 0125.61.65.74 - Fax 0125.25.20.28 www.agefis. 1. PREMESSA... 2 2. I PROTAGONISTI... 2 3. CCNL... 2 4. LE COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE... 2 Assunzione... 2 Trasformazione... 2 Trasformazione rapporto di lavoro... 2 Proroga... 2 Cessazione... 2 5. OMESSE

Dettagli

Paghe e Contributi. Corsi. Padova. Corso Base. Corso Avanzato. Paghe e Contributi. Paghe e Contributi

Paghe e Contributi. Corsi. Padova. Corso Base. Corso Avanzato. Paghe e Contributi. Paghe e Contributi Corsi Centro Paghe...al Servizio del Professionista Corso Base Corso Avanzato Corso Base Paghe e contributi >> Costituzione del rapporto di lavoro e retribuzione Malattia, maternità, infortunio e adempimenti

Dettagli

LA BUSTA PAGA DELL OPERAIO EDILE

LA BUSTA PAGA DELL OPERAIO EDILE LA BUSTA PAGA DELL OPERAIO EDILE A cura del GRUPPO SULLE PROBLEMATICHE DEL LAVORO dell Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Torino, Ivrea e Pinerolo Relatore dottoressa Luisella

Dettagli

Caratteristiche del permesso di soggiorno rilasciato.

Caratteristiche del permesso di soggiorno rilasciato. Nel primo caso, qualora la persona inferma non sia in grado, per un impedimento permanente, né a sottoscriverere la domanda di regolarizzazione, né a recarsi allo sportello polifunzionale, sembra che l'unica

Dettagli

VADEMECUM FERIE. di Anna Maria Ermacora

VADEMECUM FERIE. di Anna Maria Ermacora Ferie: il vademecum che riepiloga le complesse regole Tutto sull irrinunciabilità, l indennità sostitutiva, il differimento per ferie collettive e i contributi sulle ferie non godute. VADEMECUM FERIE di

Dettagli

COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI. Regolazione del rapporto di lavoro

COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI. Regolazione del rapporto di lavoro COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI Regolazione del rapporto di lavoro Febbraio 2009 Introduzione pag. 3 Assunzione di lavoratori extracomunitari pag. 3 Assunzione di lavoratori neocomunitari pag. 8 Il contratto

Dettagli

Colf & Badanti. Lo strumento completo per conoscere tutte le regole del rapporto di lavoro domestico e per elaborare facilmente il cedolino paga

Colf & Badanti. Lo strumento completo per conoscere tutte le regole del rapporto di lavoro domestico e per elaborare facilmente il cedolino paga Colf & Badanti Lo strumento completo per conoscere tutte le regole del rapporto di lavoro domestico e per elaborare facilmente il cedolino paga di Massimo Brisciani E-book Il rapporto di lavoro delle colf

Dettagli

CONTRATTI DI LAVORO TIPOLOGIE E DIFFERENZE

CONTRATTI DI LAVORO TIPOLOGIE E DIFFERENZE CONTRATTI DI LAVORO TIPOLOGIE E DIFFERENZE COS È? Il contratto individuale di lavoro è un accordo tra un datore di lavoro (impresa individuale, società, associazione, studio professionale, etc.) ed un

Dettagli

PREVIDENZA Di seguito sono riportati gli argomenti previdenziali di utilità generale (cliccare sul titolo per avere i dettagli)

PREVIDENZA Di seguito sono riportati gli argomenti previdenziali di utilità generale (cliccare sul titolo per avere i dettagli) PREVIDENZA Di seguito sono riportati gli argomenti previdenziali di utilità generale (cliccare sul titolo per avere i dettagli) Adempimenti per l assunzione di una colf... 2 Gli scalini per l accesso alla

Dettagli

Sintesi ccnl quadri del Terziario

Sintesi ccnl quadri del Terziario Sintesi ccnl quadri del Terziario Parti contraenti Confcommercio, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil Data di stipula 30.03.2015 Decorrenza 01.04.2015 Scadenza parte normativa/economica 31.12.2017

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE POLITICHE DEGLI ORARI

REGOLAMENTO SULLE POLITICHE DEGLI ORARI REGOLAMENTO SULLE POLITICHE DEGLI ORARI Approvato con deliberazione n. 61 del 23.10.2006 ART. l Orario di servizio Per orario di servizio si intende il periodo di tempo giornaliero necessario per assicurare

Dettagli

ACCORDO AZIENDALE INTEGRATIVO DELL ACCORDO DI CONFLUENZA AL CCNL AUTORIMESSE E NOLEGGIO AUTO

ACCORDO AZIENDALE INTEGRATIVO DELL ACCORDO DI CONFLUENZA AL CCNL AUTORIMESSE E NOLEGGIO AUTO ACCORDO AZIENDALE INTEGRATIVO DELL ACCORDO DI CONFLUENZA AL CCNL AUTORIMESSE E NOLEGGIO AUTO Addì 2 maggio 2007 Tra ACI Global SpA, rappresentata dalla Dott.ssa I. Galmozzi e dalla Dott.ssa N. Caprioli,

Dettagli

Rdl 1955/1956 e 1957 del 10.9.1923

Rdl 1955/1956 e 1957 del 10.9.1923 Lo straordinario Questa materia e' regolata da leggi e dal contratto nazionale. Le normative che riassumiamo si applicano ai lavoratori metalmeccanici dell'industria (contratti Federmeccanica e Confapi).

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 6 II) SCRITTURE DI GESTIONE E) SCRITTURE RELATIVE AL LAVORO DIPENDENTE 14 novembre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 E. Scritture relative

Dettagli