Premessa. della popolazione. costituisce uno dei presupposti fondamentali per la normale evoluzione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Premessa. della popolazione. costituisce uno dei presupposti fondamentali per la normale evoluzione"

Transcript

1 Alimentaz.Gravidanza_ita_40pag_ :10 Seite 1 La nutrizione in gravidanza 1 Premessa Il principale obiettivo dell'assessorato alla Sanità è la tutela della salute della popolazione. Un particolare riguardo è rivolto alle donne in gravidanza e alla loro alimentazione. Una corretta nutrizione durante il periodo di gestazione costituisce uno dei presupposti fondamentali per la normale evoluzione della gravidanza ed il normale accrescimento del feto. Questo opuscolo, elaborato in collaborazione con il Servizio di dietetica e nutrizione clinica dell'azienda Sanitaria di Bolzano, ha lo scopo di fornire alcune utili indicazioni affinché la nuova vita che sta per formarsi abbia tutto ciò che serve per crescere bene. Nella speranza che questa pubblicazione venga gradita, auguro alle neo mamme tanta gioia e un futuro sereno con il loro bambino. L'Assessore alla sanità e alle politiche sociali Dr. Richard Theiner

2 La nutrizione in gravidanza 3 2 Alimentaz.Gravidanza_ita_40pag_ :10 Seite 2 MANGIARE PER DUE? NO, MANGIARE DUE VOLTE MEGLIO! La gravidanza è un evento fisiologico particolare durante il quale la salute di un individuo dipende strettamente dalla salute di un altro. Lo sviluppo del feto, il buon esito del parto e la crescita del bimbo dipendono moltissimo dalla salute sia fisica che psichica della madre prima della gravidanza. Essa è strettamente correlata ad un alimentazione equilibrata prima e durante tutto il periodo gestazionale e dell allattamento. Se la donna si nutre adeguatamente in gravidanza, potrà evitare la maggior parte delle patologie neonatali correlate con l alimentazione. Sarà quindi utile per garantire la copertura energetica e nutrizionale, conoscere alcuni concetti fondamentali da seguire fin dai primi mesi di gravidanza, se non prima del concepimento. 1

3 Alimentaz.Gravidanza_ita_40pag_ :10 Seite 4 4 La nutrizione in gravidanza 5 PRINCIPI NUTRITIVI Fornitori di energia: Carboidrati o zuccheri Lipidi o grassi Fornitori di materiale plastico (costruzione, mantenimento, rinnovo dei tessuti): Proteine Minerali Fornitori di materiale regolatore dei processi metabolici: Vitamine Minerali L equilibrio nutrizionale prevede l integrazione di tutti i principi nutritivi: 2 Energetici Carboidrati Lipidi Bioregolatrici Vitamine Minerali Stato di salute Plastici Proteine Minerali

4 La nutrizione in gravidanza 7 6 Alimentaz.Gravidanza_ita_40pag_ :10 Seite 6 CARBOIDRATI (1 grammo = 3,75 cal) Cosa si consiglia: La maggior parte dell alimentazione giornaliera deve essere costituita dai carboidrati che apportano energia al nostro corpo. Distinguiamo carboidrati semplici (zucchero per dolcificare, miele, marmellate, dolci, ecc.), che vengono assorbiti molto velocemente e carboidrati complessi (pane, pasta, riso, cereali, legumi, ecc.), che richiedono una scomposizione in unità più semplici per poter essere assorbiti. Grazie a questo processo essi forniscono gradualmente energia all organismo e contribuiscono così a contenere le oscillazioni della glicemia (=livello di zucchero nel sangue) e a garantire un maggior senso di sazietà. I carboidrati complessi devono far parte di ogni pasto, ma non bisogna eccedere, specialmente con i carboidrati semplici (zuccheri), perché questo eccesso di energia si deposita sotto forma di grasso. Inoltre un apporto sbilanciato di carboidrati comporta il rischio di ipoglicemie (basso livello di zucchero nel sangue) e nel peggiore dei casi può favorire lo sviluppo di un diabete gestazionale. Fabbisogno giornaliero: In una dieta equilibrata devono rappresentare il 50-60% del fabbisogno calorico totale. Carboidrati 50-60% Lipidi 25-30% Proteine 15%

5 La nutrizione in gravidanza 9 8 Alimentaz.Gravidanza_ita_40pag_ :10 Seite 8 LIPIDI (1 grammo = 9 cal) Acidi grassi Ω6: L olio di soia, l olio di germogli di grano e l olio di mais sono particolarmente ricchi in questi acidi grassi. Anche i lipidi come i carboidrati forniscono energia. I lipidi possono essere immagazzinati e costituiscono la più grande riserva di energia per il corpo. Sono sostanze nutritive, insolubili in acqua, trasportano le vitamine liposolubili, sono componenti fondamentali delle membrane cellulari e degli ormoni. I lipidi sono costituiti da acidi grassi. Fabbisogno giornaliero: In una dieta equilibrata devono rappresentare il 25-30% del fabbisogno Lipidi 25-30% Carboidrati 50-60% Proteine 15% Esistono tre categorie di acidi grassi: calorico totale. Cosa si consiglia: Preferire i grassi vegetali. Per la grande importanza degli acidi grassi Ω3 e Ω6 in gravidanza, si consiglia di utilizzare una miscela di olii per il condimento giornaliero delle pietanze. Per esempio olio d oliva con olio di lino, olio d oliva con olio di girasole o olio di vinacciolo. Incrementare l utilizzo del pesce ricco di acidi grassi omega 3. Ridurre il consumo di alimenti ricchi in grassi animali ( salumi, panna, burro, strutto, formaggi). acidi grassi saturi acidi grassi monoinsaturi acidi grassi poliinsaturi Gli acidi grassi saturi sono presenti maggiormente nei grassi animali (burro, strutto, panna, lardo ), mentre quelli monoinsaturi e poliinsaturi si trovano nei grassi vegetali (oli, semi e frutta secca oleosa). Apportare una quota di grassi vegetali adeguata è fondamentale per garantire l introito di alcuni acidi grassi di grande importanza per l organismo. Questi sono gli acidi grassi Ω3 e Ω6 (omega 3 e omega 6). Acidi grassi Ω3: sono contenuti in alcuni oli vegetali (soprattutto olio di semi di lino) e in molte specie di pesce. Questi acidi grassi apportano numerosi benefici: fungono da prevenzione per le malattie cardiovascolari, abbassano i livelli di colesterolo nel sangue, hanno un effetto antinfiammatorio e prevengono processi arteriosclerotici. Inoltre sono indispensabili per lo sviluppo cerebrale del feto.

6 Alimentaz.Gravidanza_ita_40pag_ :10 Seite La nutrizione in gravidanza 11 PROTEINE (1 grammo = 4 cal) FIBRA ALIMENTARE Le proteine sono i costituenti delle cellule di tutti gli organismi animali e vegetali. Data questa funzione importante nella norma non vengono utilizzate come fornitori di energia. Sono costituite da singole unità, dette aminoacidi, che costituiscono i mattoni dell edificio proteico. In effetti ogni organismo costruisce le sue proteine partendo da venti mattoni (aminoacidi). A seconda degli aminoacidi utilizzati, si ottengono proteine diverse. Dei 20 aminoacidi 8 sono definiti essenziali poiché devono essere introdotti quotidianamente con l alimentazione dato che l organismo non è in grado di sintetizzarli. Le proteine animali contengono tutti gli aminoacidi essenziali e sono quindi definite ad alto valore biologico. Non è una sostanza singola ma è l insieme delle componenti vegetali non digeribili dagli enzimi intestinali. Non apportano calorie ma hanno altre funzioni molto importanti per l organismo: La fibra aumenta il volume del cibo ingerito e apporta senso di sazietà. Contribuisce a prevenire la stipsi. Controlla la glicemia (livello di zucchero nel sangue). Previene la formazione di diverticoli e patologia emorroidale. Affinché questi benefici siano garantiti, è indispensabile la corretta assunzione d acqua. Non è necessario assumere fibra sotto forma d integratore (crusca, capsule ), poiché è presente in quantità abbondante in frutta, verdura, legumi, alimenti integrali. Si distinguono: Proteine animali: carne, pesce, uova, formaggio, latte, yogurt. Proteine vegetali: legumi, cereali, frutta secca oleosa. Fabbisogno giornaliero: 0,8-1g/g di peso corporeo. In gravidanza si consiglia una supplementazione di 10g di proteine al giorno perché si dimostrano indispensabili per la costruzione dei tessuti fetali. Proteine 15% Carboidrati 50-60% Lipidi 25-30% Distinguiamo: Fibra idrosolubile (p.e. pectine): Questa fibra forma nell intestino una soluzione viscosa modulando così l assorbimento di zuccheri e grassi. Si trova nei legumi secchi e nella frutta, specialmente in mele e agrumi. Fibra non idrosolubile (p.e. cellulosa): Viene scissa relativamente poco dai batteri intestinali e perciò espulsa con le feci. Aumenta il senso di sazietà e stimola la peristalsi intestinale riducendo il tempo di transito intestinale e prevenendo la stitichezza (stipsi) e tutte le patologie ad essa connesse (diverticoli e patologia emorroidale). La fibra non idrosolubile si trova nei cerali e derivati, soprattutto quelli integrali, nella frutta e nella verdura.

7 Alimentaz.Gravidanza_ita_40pag_ :10 Seite La nutrizione in gravidanza 13 FERRO Questo minerale è un componente fondamentale dell emoglobina, la cui funzione principale è quella di trasportare l ossigeno ai tessuti. In gravidanza il fabbisogno di ferro aumenta sia per l aumentato volume del sangue materno, sia per le necessità del feto e della placenta, sia per colmare le perdite di sangue previste durante il parto. Fabbisogno giornaliero: Dove si trova: Il fabbisogno di ferro nella donna adulta è di 18 mg al giorno. Nella gravidanza il fabbisogno giornaliero arriva a 30 mg. Se questa quota non viene introdotta, il ferro non viene a mancare al feto ma alla madre, con il rischio per la gestante di sviluppare un anemia più o meno intensa. Alimenti di origine animale: carne, pesce, uova (maggior percentuale di ferro assorbibile). Alimenti di origine vegetale: legumi, ortaggi a foglia verde scuro (minore disponibilità di ferro assorbibile rispetto agli alimenti di origine animale). La vitamina C facilita l assorbimento del ferro. Questa vitamina è contenuta in alcuni tipi di frutta (agrumi, iwi) e verdura (peperoni, broccoli). CALCIO e VITAMINA D Il Calcio è il costituente principale dello scheletro. È evidente che per permettere lo sviluppo dello scheletro del feto è necessario un corretto apporto di questo minerale. La vitamina D ha una grande influenza sull assorbimento di calcio e di fosforo. Nel caso di una carenza di calcio e vitamina D vengono consumate le risorse di calcio della madre per garantire l apporto al feto. In tal caso aumenta il rischio della madre di sviluppare l osteomalacia (porta a una demineralizzazione delle ossa). Fabbisogno giornaliero di calcio: In gravidanza il fabbisogno aumenta da 800 mg a 1200 mg al giorno. Dove si trova il calcio: Il calcio è contenuto nel latte, nello yogurt, nei latticini e nei formaggi. Un altra fonte di calcio possono essere alcune acque minerali. Fabbisogno giornaliero di vitamina D: Con l aiuto della luce solare il nostro organismo è capace di produrre la vitamina D a livello cutaneo. È quindi salutare favorire uno stile di vita che possa prevedere del tempo trascorso all aria aperta. Nonostante ciò alla donna gravida viene consigliata un assunzione di 10 µg al giorno. Dove si trova la vitamina D: La vitamina D è contenuta nel pesce, nelle carni bianche (vitello, suino e pollame), nei formaggi e nei funghi.

8 11:11 Seite 14 La nutrizione in gravidanza Alimentaz.Gravidanza_ita_40pag_05 ACIDO FOLICO IODIO L acido folico riveste un ruolo essenziale nella crescita cellulare e nella Lo iodio fa parte delle molecole degli ormoni tiroidei e quindi la sua fun- formazione dei globuli rossi. zione è quella di assicurare all organismo l attività esercitata da questi In caso di un apporto non adeguato di acido folico, soprattutto in com- ormoni. binazione con una carenza di ferro, si può sviluppare un anemia della La carenza di questo minerale porta ad un cambiamento di struttura e gestante. Nella donna in gravidanza la carenza di acido folico si funzione della tiroide. accompagna ad alterazioni del sistema nervoso centrale del feto e in Una carenza di iodio prima della gravidanza può causare aborti, altera- un aumentato rischio di sviluppo di spina bifida e labbro leporino. zioni neurologiche e deficit mentali del nascituro. Tutte le donne in età fertile dovrebbero fare particolare attenzione ad assumere questa vitamina che dovrebbe essere presente in quantità adeguate già prima del concepimento. Fabbisogno giornaliero: Il fabbisogno di iodio aumenta da 150 µg al giorno (donna adulta) a 175 µg al giorno (gestante). Fabbisogno giornaliero: Il fabbisogno di acido folico aumenta in gravidanza da 200 µg a 400 µg. Dove si trova: L alimento più ricco di iodio è il pesce. Dove si trova: L acido folico è contenuto nel frumento integrale ed i suoi derivati, nei legumi, nel lievito e nei vegetali a foglia verde. La carenza di questo minerale può essere facilmente prevenuta con l uso regolare di sale arricchito di iodio nell alimentazione quotidiana.

9 Alimentaz.Gravidanza_ita_40pag_ :11 Seite La nutrizione in gravidanza 17 VITAMINA A ACQUA Questa vitamina ha un ruolo molto importante per il processo visivo. Altre funzioni da ricordare: assicura il nutrimento della pelle e delle mucose e favorisce l integrità del sistema immunitario. Un introito di vitamina A non adeguato può comportare un disturbo visivo chiamato emeralopia (incapacità dell occhio di adattarsi al buio); un rischio aumentato per infezioni e disturbi delle mucose e della pelle. La vitamina A viene immagazzinata nell organismo e perciò un aumentata assunzione comporta il rischio di una intossicazione che in gravidanza si manifesta con danni per il feto sino all aborto. Per questo motivo viene sconsigliato il consumo di fegato in gravidanza. 100g di fegato infatti contengono più di venti volte la dose giornaliera consigliata. Inoltre si devono evitare preparati multivitaminici particolarmente ricchi in vitamina A. È un nutriente indispensabile anche se non apporta energia. Rappresenta c.a. il 60% del peso di un individuo adulto. In gravidanza la necessità di acqua aumenta sia per le necessità del feto e del liquido amniotico, sia per l aumento del volume plasmatico. In gravidanza l organismo può immagazzinare fino ad 8 litri di liquido, distribuiti tra sangue, liquido amniotico e tessuti. Una corretta idratazione facilita inoltre la funzionalità renale, aiuta la motilità intestinale e previene possibili episodi di cistite. Si consiglia di bere almeno un litro e mezzo di acqua al giorno, preferibilmente ricca di calcio altamente assimilabile, a basso contenuto di sodio e povera di nitrati. Fabbisogno giornaliero: Dove si trova: Il fabbisogno di vitamina A aumenta da 600 µg a 700 µg in gravidanza. Alimenti con un contenuto alto di vitamina A sono: fegato, tuorlo d uovo, formaggi, tonno, burro.

10 :11 Seite 18 La nutrizione in gravidanza Alimentaz.Gravidanza_ita_40pag_05 CONSIGLI E FABBISOGNI ENERGETICI Macronutrienti e fibra alimentare 3 Fabbisogno giornaliero in gravidanza Fabbisogno giornaliero durante l allattamento Consigli generali Energia 300 cal/ die in più rispetto al fabbisogno prima della gravidanza cal/ die in più rispetto al fabbisogno prima della gravidanza Suddivisone degli alimenti in 5-6 pasti giornalieri Proteine 10 gr in più rispetto al fabbisogno prima della gravidanza 17 gr in più rispetto al fabbisogno prima della gravidanza Preferire le proteine ad alto valore biologico (carne, pesce, formaggio, uova, latte e derivati) Lipidi 25-30% delle cal totali Preferire i grassi vegetali, soprattutto l'olio d'oliva extravergine, a quelli di origine animale. Carboidrati 50-60% delle cal totali Zuccheri semplici: 15% Non consumare gli zuccheri semplici in eccesso; accompagnare ogni pasto con carboidrati complessi gr Regola dei 5 a day : due porzioni di verdura e tre di frutta al giorno; preferire prodotti integrali; garantire un sufficiente apporto d acqua Fibra

11 Alimentaz.Gravidanza_ita_40pag_ :11 Seite La nutrizione in gravidanza 21 Micronutrienti / Minerali Micronutrienti / Vitamine Minerale Fabbisogno giornaliero in gravidanza Fabbisogno giornaliero durante l allattamento Consigli generali Fonti Vitamina Fabbisogno giornaliero in gravidanza Fabbisogno giornaliero durante l allattamento Consigli generali Fonti Calcio Ferro 30mg 1200 mg 18 mg Miglior assorbimento in presenza di vitamina D Il ferro proveniente da fonti animali è maggiormente disponibile per l'organismo Latte, latticini, formaggio, ortaggi a foglia verde scuro carne in genere, carne di cavallo e coniglio, finferli, ortaggi a foglia verde scuro, legumi, sesamo, miglio, avena Vitamina A Vitamina D 700 µg 950 µg 10 µg Non eccedere con l'introito di alimenti particolarmente ricchi di vit.a, soprattutto fegato. Si consiglia di passare del tempo all'aria aperta. Fegato ed altre frattaglie, formaggio, anguilla, ortaggi e frutta (sotto forma di ß - carotene) Formaggi, uova, pesce, carne bianca, fegato di manzo, funghi Iodio 175µg 200 µg Usare sempre il sale iodato Pesce e frutti di mare, ortaggi a foglia verde scuro, prataioli, carote Vitamina B12 2,6 µg Si trova solo in alimenti di origine animale e in vegetali fermentati (p.e. crauti). fegato, carne, pesce, formaggio, uova, latte e latticini Acido folico 400 µg 350 µg È importante un adeguato apporto per le donne, già prima del concepimento. fegato, carne, legumi, lievito di birra, germe di grano, vegetali a foglia verde, formaggi, frutta secca oleosa

12 :11 Seite 22 La nutrizione in gravidanza Alimentaz.Gravidanza_ita_40pag_05 FRAZIONAMENTO CONSIGLIATO DELL APPORTO ENERGETICO QUOTIDIANO Carboidrati 50-60% Lipidi 25-30% Proteine 15% Come rappresentato nel diagramma sovrastante la maggior parte della dieta giornaliera deve essere costituita dai carboidrati, cioè cereali, tuberi e verdura. Il fabbisogno giornaliero di proteine (carne, pesce, legumi, uova, formaggi, latte e derivati, affettati) è di 0,8-1 grammo per chilogrammo di peso corporeo. Questo spesso comporta un valore di 4 ca. 15% delle chilocalorie totali. Infine il 25-30% è costituito dai lipidi.

13 Alimentaz.Gravidanza_ita_40pag_ :11 Seite La piramide alimentare 5 gruppo 1/3 porzioni al giorno La nutrizione in gravidanza 25 3 gruppo 1/2 porzioni al giorno 4 gruppo 1-2 porzioni al giorno 1 gruppo 3/5 porzioni al giorno La piramide alimentare fornisce le indicazioni e le quantità e la frequenza con cui gli alimenti dovrebbero essere consumati. Numero di porzioni consigliato Alimento/gruppi alimenti Cereali, tuberi Ortaggi e frutta Carne, pesce, uova, legumi Latte e derivati Grassi da condimento Pane Prodotti da forno Pasta, riso, pasta al uovo fresca Patate Ortaggi/insalata Frutta/ succo di frutta Latte/Yogurt Formaggio fresco e stagionato Olio, burro, margarina 2 gruppo 2/4 porzioni al giorno Porzioni giornaliere (a settimana) (a settimana) 3-4 Entità delle porzioni standard nella alimentazione italiana Gruppo di alimenti Cereali e tuberi Ortaggi e frutta Carne, pesce, uova, legumi Latte e derivati Grassi da condimento Alimenti Pane Prodotti da forno Pasta o riso* Pasta fresca all'uovo* Patate Insalata Ortaggi Frutta o succo Carne fresca Carne stagionata (salumi) Pesce Uova Legumi secchi Legumi freschi Latte Yogurt Formaggio fresco Formaggio stagionato Olio Burro Porzioni giornaliere 1 rosetta/ 1 fetta media 2-4 biscotti/2,5 fette biscottate 1 porzione media 1 porzione piccola 2 patate piccole 1 porzione media 1 finocchio/2 carciofi 1 frutto medio (arance, mele) 2 frutti piccoli (albicocche, mandarini) 1 fettina piccola 3-4 fette medie prosciutto 1 porzione piccola n 1 uovo 1 porzione media 1 porzione media 1 bicchiere 1 confezione piccola 1 porzione media 1 porzione media 1 cucchiaio 1 porzione Peso (1 vasetto) (INRAN 2003) *in minestra metà porzione (INRAN 2003)

14 Alimentaz.Gravidanza_ita_40pag_ :11 Seite La nutrizione in gravidanza 27 QUANTO DEVE AUMENTARE UNA DONNA IN GRAVIDANZA? L aumento di peso in gravidanza è fisiologico ed essenziale sia per il feto che per l allattamento. Per definire ottimale l aumento di peso di una donna in stato gravidico, è bene fare riferimento all Indice di massa corporeo (IMC) pregravidico. L IMC è un rapporto che mette in relazione il peso espresso in g con l altezza espressa in metri. IMC= Kg/(m 2 ) 5 I range di riferimento nell adulto (WHO 1995) suddividono la popolazione secondo fasce: IMC < 18.5 sottopeso IMC normopeso IMC sovrappeso IMC 30 obesità Il range del normopeso riferito dagli IMC non corrisponde a un ideale di bellezza, ma a criteri di salute: in questo range, secondo le statistiche, esiste il più basso tasso di mortalità e morbilità.

15 :11 Seite 28 La nutrizione in gravidanza Alimentaz.Gravidanza_ita_40pag_05 Secondo la Società Italiana di Nutrizione Umana l incremento di peso ottimale raccomandabile sarebbe così delineato: IMC pre-gravidico Aumento di peso auspicabile < g g g non più di 7g Grossi incrementi di peso, come crescite di peso insufficienti, possono creare complicanze ostetriche e perinatali: gestosi, macrosomia fetale, prematurità, aumento di mortalità perinatale. Distribuzione dell incremento ponderale I 12.5g che una donna normopeso aumenta mediamente in gravidanza sono distribuiti come segue: 6.5g per l aumento dei tessuti materni (sangue, tessuto adiposo ) 6g per il feto, il liquido amniotico e la placenta.

16 Alimentaz.Gravidanza_ita_40pag_ :11 Seite La nutrizione in gravidanza 31 FABBISOGNO ENERGETICO IN GRAVIDANZA Perché in gravidanza il fabbisogno energetico è aumentato: 1. Necessità energetiche della madre Crescita tissutale (utero, mammelle, tessuto adiposo, volume plasmatico) Aumentata attività cardiaca Aumento della pressione arteriosa Aumento della ventilazione polmonare 2. Necessità dello sviluppo tissutale del feto 3. Accantonamento energetico per il periodo d allattamento Per un corretto aumento di peso la donna in gravidanza ha bisogno di un extra di 300 cal al giorno (INRAN 2003). In una donna adulta normopeso questo corrisponde c.a. al 15% del fabbisogno giornaliero. 6 La quota di 300 cal corrispondono a uno spuntino di: una mela 150 g un bicchiere di latte 150 ml una fetta di pane integrale 30 g e un pezzo di formaggio emmenthal 20 g. Quindi la futura madre non deve mangiare per due, ma solo nutrirsi meglio.

17 Alimentaz.Gravidanza_ita_40pag_ :11 Seite La nutrizione in gravidanza 33 ALTERAZIONI DELL APPARATO DIGERENTE IN GRAVIDANZA L iperacidità di stomaco (pirosi gastrica): è conseguenza del diminuito tono della parete dello stomaco. In tal caso è ancora più importante il frazionamento dei pasti. La stitichezza (stipsi): sotto l influenza del progesterone c è una diminuzione della peristalsi intestinale, inoltre il passaggio del bolo viene ostacolato dalla compressione dell utero. Un alimentazione ricca in fibra, un giusto apporto di liquidi, combinati con del moto regolare può risolvere il problema. La nausea (emesi): è molto frequente nel primo trimestre della gravidanza e dipende probabilmente da squilibri vegetativi e/o dal nuovo assetto ormonale. Consigli: frazionare i pasti, assumere cibi graditi e ben tollerati, iniziare ogni pasto con un alimento ricco in carboidrati complessi (pane, grissini ), evitare odori o immagini sgradevoli. 7

18 :11 Seite 34 La nutrizione in gravidanza Alimentaz.Gravidanza_ita_40pag_05 ALLATTAMENTO Durante l allattamento lo stile alimentare consigliato non si discosta molto da quello richiesto nel periodo gestazionale. Il surplus energetico richiesto è maggiore rispetto a quello gravidico, e viene in parte coperto dalle riserve lipidiche create in gravidanza. Si consiglia perciò un extra di cal al giorno. 8

19 :11 Seite 36 La nutrizione in gravidanza Alimentaz.Gravidanza_ita_40pag_05 CONSIGLI GENERALI Durante il periodo della gravidanza e dell'allattamento non bisogna fare tentativi di diete dimagranti, perché non viene fornita abbastanza energia al feto e al neonato in sviluppo. In gravidanza lo sport eccessivo è sconsigliato, ma è comunque raccomandabile mantenere una qualche attività fisica regolare (p.e. mezz'ora di camminata al giorno). L'alcool è una sostanza ad alto contenuto energetico (1 gr=7cal), ma inutile sotto il profilo nutrizionale. La placenta non presenta una barriera o un filtro per l'alcool, perciò già piccole dosi possono causare grandi danni al feto. Per questi motivi si consiglia di evitare l'alcool durante la gravidanza. Consumare tè e caffè in quantità limitate (non più di due tazze al 9 giorno). Il fumo nuoce gravemente alla salute del feto, è quindi altamente sconsigliato di fumare in gravidanza. Si consiglia di fare 5-6 pasti al giorno: colazione, spuntino a metà mattinata, pranzo, spuntino pomeridiano, cena ed eventualmente spuntino serale.

20 Alimentaz.Gravidanza_ita_40pag_ :11 Seite È bene evitare il consumo di alimenti come frattaglie, insaccati, uova crude, carne e pesce crudi o poco cotti, latte non pastorizzato e formaggio di latte non pastorizzato, poiché attraverso il loro consumo si rischiano gravi tossinfezioni alimentari come la salmonellosi, la listeriosi e la toxoplasmosi. La nutrizione in gravidanza 39 Bisogna lavare bene frutta e verdura; non consumare verdure crude e frutta fuori casa se si ignorano le modalità di lavaggio; lavare accuratamente le mani prima della preparazione dei cibi e dopo aver maneggiato carni crude; coprire bene i cibi perché potrebbero essere contaminati da insetti; non bere acqua direttamente dalla fonte sorgiva; cuocere adeguatamente gli alimenti; pulire bene il frigorifero. Durante l allattamento alcuni alimenti e alcune spezie possono dare al latte odori o sapori che possono essere sgraditi al lattante, tanto da allontanarlo dal seno. In tal caso questi vanno esclusi. Per esempio: asparagi, aglio, cipolle, cavoli, mandorle amare. Consigli particolari per evitare la toxoplasmosi in gravidanza, infezione che può causare gravi malformazioni fetali: Non acquistare un gatto in gravidanza. Se c è già un gatto in casa è probabile che la gestante sia già immune, tuttavia si consiglia di: evitare il contatto con gli escremeti del gatto e non nutrirlo con carne cruda.

21 Alimentaz.Gravidanza_ita_40pag_ :11 Seite Editore: Provincia autonoma di Bolzano - Alto Adige Assessorato alla sanità e alle politiche sociali Ufficio igiene e salute pubblica Testi a cura di: Pia Waldthaler (dietista) Magdalena Nova (dietista) Supervisione dei contenuti: Dott.ssa Rita Trovato (Specialista in scienza dell'alimentazione e diabetologia. Servizio di dietetica e nutrizione clinica dell'azienda sanitaria di Bolzano) Dott.ssa Giulia Morosetti (Direttrice dell'ufficio igiene e salute pubblica) Coordinazione: Dott.ssa Giulia Morosetti e dott.ssa Antje Trenwalder (Ufficio igiene e salute pubblica) Grafica: Blauhaus, Bolzano Stampa: La Commerciale, Bolzano 2005

Alimenti. Gruppi Alimentari

Alimenti. Gruppi Alimentari Alimenti Gli alimenti sono tutto ciò che viene utilizzato come cibo dalla specie umana. Un dato alimento non contiene tutti i nutrienti necessari per il mantenimento di un corretto stato fisiologico La

Dettagli

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI Le Linee guida per una sana alimentazione italiana dell Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN) pubblicate nel 2003 propongono dieci direttive

Dettagli

LA GRAVIDANZA: LA BUONA ALIMENTAZIONE IN UN CORPO CHE CAMBIA

LA GRAVIDANZA: LA BUONA ALIMENTAZIONE IN UN CORPO CHE CAMBIA Newsletter Maggio 2014 GRAVIDANZA E CIBO a cura di Dr.ssa Marianna Drigo, Dietista e Consulente Nutrizionale LA GRAVIDANZA: LA BUONA ALIMENTAZIONE IN UN CORPO CHE CAMBIA La gravidanza è un evento biologico

Dettagli

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia 8. Varia spesso le tue scelte a tavola 58 La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia da essi apportata, anche altri nutrienti indispensabili,

Dettagli

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO NUTRIZIONE ed EQULIBRIO Lo sapevi che Una corretta alimentazione è importante per il nostro benessere psico-fisico ed è uno dei modi più sicuri per prevenire diverse malattie. Sono diffuse cattive abitudini

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Guida alla nutrizione

Guida alla nutrizione CentroCalcioRossoNero Guida alla nutrizione Bilancio energetico e nutrienti Il mantenimento del bilancio energetico-nutrizionale negli atleti rappresenta un importante obiettivo biofisiologico. Diversi

Dettagli

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata.

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. Una corretta alimentazione e una costante attività fisica sono la base per una vita sana Perché si

Dettagli

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE Corso di tecniche di assistenza di base per caregivers Maggio Dicembre 2012 FABBISOGNO ENERGETICO Il fabbisogno energetico è individuale e dipende da: Sesso Peso Altezza Età

Dettagli

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE 1) CONTROLLA IL PESO E MANTIENITI ATTIVO Pesarsi almeno una

Dettagli

Dove sono i nutrienti? : I GRUPPI DI ALIMENTI

Dove sono i nutrienti? : I GRUPPI DI ALIMENTI Dove sono i nutrienti? : I GRUPPI DI ALIMENTI Al fine di comporre correttamente la propria dieta è bene conoscere le qualità dei principali alimenti che in base alle loro principali caratteristiche nutrizionali

Dettagli

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.»

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.» AZIENDA UNITÁ LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 13 Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta

Dettagli

Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari

Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari È una iniziativa Diversity & Inclusion Sandoz Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari Introduzione: Le malattie cardiovascolari

Dettagli

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana CORSA E ALIMENTAZIONE Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana Un alimentazione corretta in chi pratica attività sportiva permette di: - ottimizzare il rendimento

Dettagli

SPORT acquatici e ALIMENTAZIONE Prof.ssa Lucia Scuteri

SPORT acquatici e ALIMENTAZIONE Prof.ssa Lucia Scuteri SPORT acquatici e ALIMENTAZIONE Prof.ssa Lucia Scuteri SPORT ACQUATICI (nuoto,tuffi,pallanuoto,immersione,, surf, windsurf,sci d acqua o VELA) Necessitano una DIETA EQUILIBRATA Ogni SPORT ha CARATTERISTICHE

Dettagli

I L I P I D I. Lipidi complessi: fosfolipidi e glicolipidi; sono formati da CHO e altre sostanze.

I L I P I D I. Lipidi complessi: fosfolipidi e glicolipidi; sono formati da CHO e altre sostanze. I L I P I D I ASPETTI GENERALI I Lipidi o grassi sono la riserva energetica del nostro organismo; nel corpo umano costituiscono mediamente il 17% del peso corporeo dove formano il tessuto adiposo. In generale

Dettagli

Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea

Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea La nuova piramide della dieta mediterranea moderna proposta dall INRAN (Istituto Nazionale per la Ricerca degli Alimenti e della Nutrizione) presenta

Dettagli

DIABETE E ALIMENTAZIONE

DIABETE E ALIMENTAZIONE DIABETE E ALIMENTAZIONE La pianificazione di una dieta corretta può essere difficile se non si è certi della combinazione di cibi migliore, delle porzioni e dell effetto dei diversi alimenti sui livelli

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 1 Argomento ALIMENTAZIONE CORRETTA Ecco il primo degli appuntamenti in cui si parla dei vantaggi di una dieta diversificata

Dettagli

LE BASI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE

LE BASI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE LE BASI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE Lo scopo di questa guida alimentare è prevalentemente quello di informare con chiarezza e orientare il proprio stile di vita alimentare, modulando le scelte alimentari

Dettagli

ATTIVITA FISICA E ALIMENTAZIONE UN BINOMIO INSCINDIBILE. ASL di Lecco Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione (S.I.A.N.)

ATTIVITA FISICA E ALIMENTAZIONE UN BINOMIO INSCINDIBILE. ASL di Lecco Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione (S.I.A.N.) ATTIVITA FISICA E ALIMENTAZIONE UN BINOMIO INSCINDIBILE ASL di Lecco Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione (S.I.A.N.) L attività fisica e l alimentazione sono entrambi comportamenti specifici e reciprocamente

Dettagli

Dai nutrienti agli alimenti: i gruppi fondamentali e gli extra

Dai nutrienti agli alimenti: i gruppi fondamentali e gli extra Modello alimentare italiano e Stili di Vita Dai nutrienti agli alimenti: i gruppi fondamentali e gli extra Dott.ssa Carla Favaro Specialista in scienza dell alimentazione Dottore di ricerca in Nutrizione

Dettagli

L'Alimentazione (principi alimentari e consigli) Una Sana Alimentazione Ogni essere vivente introduce cibo nell'organismo: questo processo prende il nome di ALIMENTAZIONE. Introdurre cibo nel nostro corpo

Dettagli

www.goherb.eu PERSONAL WELLNESS COACH

www.goherb.eu PERSONAL WELLNESS COACH L evoluzione della nutrizione negli ultimi decenni accompagna effetti nutrizionali positivi ma anche negativi! Gli scienziati hanno constatato una diminuzione della DENSITÁ delle vitamine e i minerali

Dettagli

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici Prof. Carlo Carrisi Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti: servono a nutrire l organismo, derivano dalla digestione, vengono

Dettagli

I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea

I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea Corso di Formazione Mangia Giusto Muoviti con Gusto A.S. 2008-2009 I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea Dietista Dott.ssa Barbara Corradini Dipartimento di Sanità

Dettagli

COSA SONO I NUTRIENTI?

COSA SONO I NUTRIENTI? 1. DAGLI ALIMENTI AI NUTRIENTI Gli alimenti che mangiamo vengono digeriti e scomposti in elementi più semplici, i nutrienti, che vengono riversati nel flusso sanguigno per essere distribuiti a tutte le

Dettagli

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE Il nuoto è una disciplina sportiva di tipo aerobico-anaerobico misto in cui sono coinvolti principalmente i CARBOIDRATI per soddisfare il fabbisogno energetico. Devono essere

Dettagli

CUORE & ALIMENTAZIONE

CUORE & ALIMENTAZIONE 5 Convegno Socio-Scientifico ASPEC Teatro «Antonio Ghirelli» - Salerno, 27 Giugno 2015 CUORE & ALIMENTAZIONE Annapaola Campana Unità Operativa di Oncoematologia Presidio Ospedaliero Pagani (SA) CAUSE DI

Dettagli

Una corretta alimentazione nello sport. Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA

Una corretta alimentazione nello sport. Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA Una corretta alimentazione nello sport Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA CARBOIDRATI Sono alla base dell alimentazione costituiscono circa il 50% delle calorie che occorrono ogni giorno POSSIAMO

Dettagli

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA La dieta nel diabete Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

L educazione alimentare

L educazione alimentare L educazione alimentare Educazione alimentare: alimenti e nutrienti Sono ALIMENTI tutte le sostanze che l organismo può utilizzare per l accrescimento, il mantenimento e il funzionamento delle strutture

Dettagli

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Armanda Frassinetti Dietista - Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 La abitudini alimentari della famiglia acquisite nei primi anni di vita

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 2 Argomento ALIMENTAZIONE BAMBINI 0-3 ANNI Eccoci al secondo appuntamento, dedicato ai più piccoli. Una dieta sana ed equilibrata

Dettagli

ALIMENTAZIONE. Matilde Pastina

ALIMENTAZIONE. Matilde Pastina ALIMENTAZIONE Matilde Pastina I macronutrienti COSA SONO I MACRONUTRIENTI I macronutrienti sono princìpi alimentari che devono essere introdotti in grandi quantità, poiché rappresentano la più importante

Dettagli

FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO. Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv.

FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO. Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv. FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO Servizio di Dietetica e Nutrizione Clinica Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv.it Progetto pilota Linee

Dettagli

Quindi è chiaro che. l uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: L ENERGIA E I PRINCIPI NUTRITIVI

Quindi è chiaro che. l uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: L ENERGIA E I PRINCIPI NUTRITIVI Le esigenze della incessante attività del corpo umano fanno si che le numerose sostanze che lo formano (le quali sono soggette ad usura e a perdite e vanno quindi via via ricostituite e/o sostituite) e

Dettagli

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO )

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) OBIETTIVI del SIAN: sicurezza alimentare prevenzione delle malattie correlate all alimentazione promuovere comportamenti utili per la

Dettagli

Antiossidanti: gli alimenti in grado di svolgere un azione protettiva nei confronti

Antiossidanti: gli alimenti in grado di svolgere un azione protettiva nei confronti L ALFABETO DELLA CORRETTA NUTRIZIONE Antiossidanti: gli alimenti in grado di svolgere un azione protettiva nei confronti delle membrane cellulari hanno destato negli ultimi anni maggior interesse. E ormai

Dettagli

Perché mangiamo. L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi.

Perché mangiamo. L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi. Perché mangiamo L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi. L energia è necessaria per ogni attività del nostro corpo:

Dettagli

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto A CURA DEL MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA COMUNICAZIONE E DEI RAPPORTI EUROPEI E INTERNAZIONALI, UFFICIO

Dettagli

DEL CUORE DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI A CURA DI:

DEL CUORE DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI A CURA DI: 2016 LE 12 REGOLE DEL CUORE CONSIGLI NUTRIZIONALI PER LA PREVENZIONE DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI A CURA DI: DOTT.SSA FRANCESCA DE BLASIO BIOLOGA NUTRIZIONISTA DOTTORATO DI RICERCA IN SANITÀ PUBBLICA

Dettagli

GUIDA PER UNO. stile di vita SALUTARE

GUIDA PER UNO. stile di vita SALUTARE 1-2 e 8-9 maggio 2010 GUIDA PER UNO stile di vita SALUTARE ATTIVITÁ FISICA QUOTIDIANA Ogni giorno almeno 6 volte a settimana: 30 minuti di PASSEGGIATA Per migliorare lo stile di vita: parcheggiare più

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L uomo è ciò che mangia Ippocrate 400 a.c. Una sana e adeguata alimentazione

Dettagli

L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD

L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD ASL LECCO - GRUPPI DI CAMMINO 2008 L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD Estratto dalle LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA predisposte dall Istituto

Dettagli

"IL GUSTO DI CRESCERE INSIEME EDUCAZIONE ALIMENTARE PER LA DONNA IN GRAVIDANZA"

IL GUSTO DI CRESCERE INSIEME EDUCAZIONE ALIMENTARE PER LA DONNA IN GRAVIDANZA SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA Azienda per i Servizi Sanitari n 2 Isontina A cura di: dietiste dell Azienda Sanitaria n.2 Isontina S. Agostini, P. Bassi, E. Dagnolo,

Dettagli

Comune di Bologna Settore Istruzione. (alcune informazioni per una corretta alimentazione)

Comune di Bologna Settore Istruzione. (alcune informazioni per una corretta alimentazione) Comune di Bologna Settore Istruzione (alcune informazioni per una corretta alimentazione) Anno 2012 a cura di: Alves Carpigiani Nutrizionista Responsabile della U.O. Igiene Nutrizione Controllo pasti nidi

Dettagli

MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI!

MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI! MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI! Paese, 13 marzo 2013 dott.ssa Laura Martinelli dietista sportiva www.alimentazionesportivamartinelli.com ARGOMENTI L alimentazione dei bambini in Italia Elementi di dietetica

Dettagli

ALIMENTAZIONE NELLE PATOLOGIE CRONICHE. dott.ssa Siciliano Italia Grazia biologo nutrizionista

ALIMENTAZIONE NELLE PATOLOGIE CRONICHE. dott.ssa Siciliano Italia Grazia biologo nutrizionista ALIMENTAZIONE NELLE PATOLOGIE CRONICHE dott.ssa Siciliano Italia Grazia biologo nutrizionista DALLA PREISTORIA AD OGGI: STILI DI VITA DIVERSI 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% DALLA PREISTORIA

Dettagli

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina.

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina. Perché è necessaria la dieta nella IRC? La principale funzione dei reni è quella di eliminare con le urine le scorie, l acqua e sali minerali nella quantità necessaria. Nella Insufficienza renale cronica

Dettagli

ALIMENTAZIONE e NUOTO

ALIMENTAZIONE e NUOTO MICROELEMENTI ALIMENTAZIONE e NUOTO ZUCCHERI: costituiscono la fonte energetica, che permette all uomo di muoversi. Sono di due tipi : a. SEMPLICI, si trovano nella zuccheriera, nella, nel miele e sono

Dettagli

Istituto Comprensivo Castelverde - ROMA. Anno scolastico 2013/2014. Dott.sse Valeria Morena e patrizia leggeri

Istituto Comprensivo Castelverde - ROMA. Anno scolastico 2013/2014. Dott.sse Valeria Morena e patrizia leggeri PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE Istituto Comprensivo Castelverde - ROMA Anno scolastico 2013/2014 DI UNA SANA E CORRETTA ALIMENTAZIONE Dott.sse Valeria Morena e patrizia leggeri Istituto Zooprofilattico

Dettagli

Informazioni al femminile

Informazioni al femminile Informazioni al femminile 1. CONTROLLO PRIMA DELLA GRAVIDANZA Il controllo prima di iniziare la gravidanza è molto importante perché la salute della madre condiziona sia il regolare svolgimento della gravidanza

Dettagli

LE DIETE NELLE DIVERSE ETA DIETA DEL LATTANTE

LE DIETE NELLE DIVERSE ETA DIETA DEL LATTANTE LE DIETE NELLE DIVERSE ETA DIETA DEL LATTANTE È considerato lattante un individuo fra 0 e 1 anno di età. Le esigenze e quindi gli apporti nutrizionali in questa fase della crescita sono correlati a caratteristiche

Dettagli

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Maria Teresa Gussoni Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 1 L eccesso di peso rappresenta un fattore di rischio rilevante per le principali

Dettagli

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Relatore: Prof. Vincenzo Gerbi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO Di.S.A.F.A.

Dettagli

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 DOCENTE: Madaschi Rossana Dietista e Docente di Scienza dell Alimentazione MATERIE: Dietologia - Scienza dell Alimentazione CLASSE:

Dettagli

I NUTRIENTI E L ENERGIA

I NUTRIENTI E L ENERGIA I NUTRIENTI E L ENERGIA Carboidrati, proteine, lipidi, vitamine, minerali ma cosa sono? E, soprattutto, quanti ce ne servono? Vediamo un po nel dettaglio. Gli alimenti sono sostanze assunte dagli organismi

Dettagli

ISTRUZIONI PER MANGIAR SANO PER GRANDI E PICCOLI

ISTRUZIONI PER MANGIAR SANO PER GRANDI E PICCOLI EDUCAZIONE ALIMENTARE PER TUTTA LA FAMIGLIA PRIMA PARTE ISTRUZIONI PER MANGIAR SANO PER GRANDI E PICCOLI PRIMA PARTE IL PERCORSO DEGLI ALIMENTI Gli alimenti, dopo essere stati ingeriti, arrivano al tubo

Dettagli

www.alberodeigelati.it

www.alberodeigelati.it www.alberodeigelati.it presenta La Dieta del Gelato a cura di Dott. Claudio Tomella, Medico - Chirurgo specialista in scienza dell alimentazione, nutrizione, medicina anti-aging Presidente Olosmedica COLAZIONE

Dettagli

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni DIABETE E CIBO Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni I nutrienti della dieta I nutrienti essenziali: PROTEINE

Dettagli

OPUSCOLO INFORMATIVO

OPUSCOLO INFORMATIVO OPUSCOLO INFORMATIVO Mangiare sano...a scuola e a casa Anno scolastico 2012-2013 Comune di Rovello Porro C are Mamme, Papà e giovani rovellesi, questo opuscolo vuole essere un aiuto alle famiglie, non

Dettagli

Alimentazione Equilibrata

Alimentazione Equilibrata Gli standard nutrizionali Alimentazione Equilibrata Per soddisfare in modo ottimale il fabbisogno dietetico dei propri cittadini, molti paesi del mondo hanno elaborato e messo a disposizione delle collettività

Dettagli

Viaggio delle sostanze nutritive

Viaggio delle sostanze nutritive Viaggio delle sostanze nutritive Il cibo che assumiamo contiene sostanze nutritive per la produzione di nuove cellule Gli alimenti però devono essere ridotti in molecole Esistono 4 fasi fondamentali 1)

Dettagli

alimentazione WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ

alimentazione WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ alimentazione WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ NUTRIENTI (O PRINCIPI NUTRITIVI): PROTEINE LIPIDI CARBOIDRATI VITAMINE ACQUA MINERALI CON FUNZIONE: PLASTICA ENERGETICA BIOREGOLATRICE PROTEINE LUNGHE CATENE DI

Dettagli

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013 Attività fisica e Alimentazione Per guadagnare salute 09/05/2013 ? QUANTA ENERGIA ENERGIA SERVE AL PODISTA AMATORE? 09/05/2013 FABBISOGNO ENERGETICO Metabolismo basale (60-75%): età, sesso, massa corporea

Dettagli

10/02/2015. Dott. Luca Belli Biologo Nutrizionista Specialista in Scienza dell Alimentazione. SIAN ASUR Marche AV2 Fabriano

10/02/2015. Dott. Luca Belli Biologo Nutrizionista Specialista in Scienza dell Alimentazione. SIAN ASUR Marche AV2 Fabriano Dott. Luca Belli Biologo Nutrizionista Specialista in Scienza dell Alimentazione SIAN ASUR Marche AV2 Fabriano Consigliere Nazionale SINSeB Docente Università di Camerino Stato nutrizionale Bilancio energetico

Dettagli

Da Dalle Grave R. Perdere e Mantenere il Peso. Positive Press: Verona, 2010. I gruppi alimentari ed il sistema di scambio degli alimenti

Da Dalle Grave R. Perdere e Mantenere il Peso. Positive Press: Verona, 2010. I gruppi alimentari ed il sistema di scambio degli alimenti Da Dalle Grave R. Perdere e Mantenere il Peso. Positive Press: Verona, 2010 I gruppi alimentari ed il sistema di scambio degli alimenti Per avere un alimentazione varia, senza assumere elevati quantitativi

Dettagli

E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio 2015

E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio 2015 SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. S.I.A.N.) ) ASL NO SOROPTIMIS INTERNATIONAL D ITALIA CLUB DI NOVARA ISTITUTO PARITARIO SACRO CUORE NOVARA E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio

Dettagli

le MINIGUIDE di PRIMA DEL CONCEPIMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di PRIMA DEL CONCEPIMENTO Sempre con te, passo dopo passo 1 PRIMA DEL CONCEPIMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Quando si programma l arrivo di un bebè La gravidanza è un evento unico e speciale nella vita di una donna e ogni donna

Dettagli

Corretta alimentazione prima della campestre e anche dopo!

Corretta alimentazione prima della campestre e anche dopo! Corretta alimentazione prima della campestre e anche dopo! Prof. Augusto Santi Alimentazione e giovani sportivi IERI E OGGI Cent anni fa: giochi di movimento, pane e acqua Oggi: giochi al computer e merendine

Dettagli

7 Minutes Project Manager

7 Minutes Project Manager 7 Minutes Project Manager Alimentazione 7 regole d oro per un alimentazione corretta Un alimentazione corretta è la base per far si che tutta l attività motoria svolta da un soggetto si traduca in reali

Dettagli

Informazioni sugli elementi nutritivi

Informazioni sugli elementi nutritivi Informazioni sugli elementi nutritivi Nella terra e nello spazio Gli zuccheri Gli zuccheri (detti anche glucidi o carboidrati)) sono i composti organici più comuni sulla Terra. Le piante li producono con

Dettagli

PRINCIPI GENERALI DI ALIMENTAZIONE A cura del Dr. Danilo Gambarara - Facoltà Scienze Motorie - Università degli Studi di Urbino Medicina dello Sport

PRINCIPI GENERALI DI ALIMENTAZIONE A cura del Dr. Danilo Gambarara - Facoltà Scienze Motorie - Università degli Studi di Urbino Medicina dello Sport PRINCIPI GENERALI DI ALIMENTAZIONE A cura del Dr. Danilo Gambarara - Facoltà Scienze Motorie - Università degli Studi di Urbino Medicina dello Sport La nutrizione nell'attività fisica e nei vari sport

Dettagli

ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO. una corretta informazione per un benessere psicofisico

ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO. una corretta informazione per un benessere psicofisico ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO una corretta informazione per un benessere psicofisico Mangiare o nutrirsi? Mangiare è un atto ricco di significati che va ben oltre il semplice soddisfacimento fisiologico Nutrirsi

Dettagli

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista ALIMENTAZIONE E SALUTE Dott.ssa Ersilia Palombi Medico Nutrizionista Alimentarsi bene e nutrirsi bene: non sempre i due comportamenti corrispondono, infatti il segnale fisiologico dell appetito da solo

Dettagli

Il formaggio sardo nella Sana Alimentazione Bambino, adulto, anziano, sportivo

Il formaggio sardo nella Sana Alimentazione Bambino, adulto, anziano, sportivo Cagliari, mercoledì 30 novembre 2011 METTI IL FORMAGGIO SARDO NELLA TUA DIETA Il formaggio sardo nella Sana Alimentazione Bambino, adulto, anziano, sportivo Giovanna Maria Ghiani Specialista in Scienza

Dettagli

associazione per lo studio delle atrofie muscolari spinali infantili NUTRIZIONE

associazione per lo studio delle atrofie muscolari spinali infantili NUTRIZIONE associazione per lo studio delle atrofie muscolari spinali infantili NUTRIZIONE Alimentazione e SMA: una ricerca personale Una corretta alimentazione è fondamentale per lo sviluppo del bambino in generale.

Dettagli

A cosa serve lo iodio?

A cosa serve lo iodio? Iodio e Salute Che cos è lo iodio? Lo iodio, dal greco iodes (violetto), è un elemento (come l ossigeno, l idrogeno, il calcio ecc) diffuso nell ambiente in diverse forme chimiche. Lo iodio presente nelle

Dettagli

Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine!

Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine! ..\..\Leggi+Articoli rist + logo+immag\loghi AIC\Loghi AFC\AFC definitivobis.pdf Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine! Alimentazione sana ed equilibrata Migliora

Dettagli

PROTEINE, CARBOIDRATI E GRASSI: DOVE SONO E A COSA SERVONO. Dott. Simona Valeria Ferrero Specialista in Scienza dell Alimentazione

PROTEINE, CARBOIDRATI E GRASSI: DOVE SONO E A COSA SERVONO. Dott. Simona Valeria Ferrero Specialista in Scienza dell Alimentazione PROTEINE, CARBOIDRATI E GRASSI: DOVE SONO E A COSA SERVONO Dott. Simona Valeria Ferrero Specialista in Scienza dell Alimentazione Gli alimenti sono indispensabili alla vita. Consentono all organismo di

Dettagli

Il controllo del peso e l educazione alimentare nel paziente diabetico tipo II

Il controllo del peso e l educazione alimentare nel paziente diabetico tipo II Il controllo del peso e l educazione alimentare nel paziente diabetico tipo II Alimentazione equilibrata èil primo trattamento della malattia diabetica èparte integrante della terapia per ottenere un compenso

Dettagli

Clinical Cornelia Day

Clinical Cornelia Day Clinical Cornelia Day Serena Tursi Dietista DH pediatria Malattie Metaboliche, Dipartimento di Pediatria A.O. San Gerardo di Monza Problematiche fisiologiche : Come, quanto e in che modo? RISCHIO MALNUTRI

Dettagli

LO SPORT E SERVITO. CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti

LO SPORT E SERVITO. CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti LO SPORT E SERVITO CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti ALIMENTO - DEFINIZIONE Per alimento si intende qualsiasi sostanza utilizzabile dal nostro organismo ai fini dell accrescimento,

Dettagli

ALIMENTAZIONE dell ATLETA. Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale

ALIMENTAZIONE dell ATLETA. Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale ALIMENTAZIONE dell ATLETA Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale A CHE SERVE MANGIARE? Gli alimenti ci forniscono l energia per muoverci, per respirare,per il battito cardiaco, per il funzionamento

Dettagli

Prova Costume? Niente Paura!

Prova Costume? Niente Paura! Prova Costume? Niente Paura! Che Cos è la Nutraceutica? SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO L alimentazione occupa un ruolo decisivo per il nostro benessere. Spesso però non conosciamo quello che mangiamo e la qualità

Dettagli

CONSIGLI GENERALI PER UN ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA

CONSIGLI GENERALI PER UN ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA CONSIGLI GENERALI PER UN ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA Un alimentazione equilibrata prevede l assunzione di tre pasti durante la giornata: colazione, pranzo e cena ed, eventualmente, due spuntini a metà mattina

Dettagli

IL Piccolo Cronista Sportivo

IL Piccolo Cronista Sportivo IL Piccolo Cronista Sportivo Stagione Sportiva 2014-2015 Asp.Scuola calcio Qualificata EDIZIONE SPECIALE SULL INCONTRO DEL 10.11.2014 SUL TEMA: L Educazione alimentare per la salute e lo sport Piccoli

Dettagli

Così nasce il questionario che stai per compilare.

Così nasce il questionario che stai per compilare. Premessa Una sana alimentazione e l attività fisica sono fondamentali per mantenere a lungo uno stato di benessere. Spesso però mancano informazioni precise e chi sa cosa dovrebbe fare non sempre applica,

Dettagli

LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE

LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE Studio Dietistico dott.ssa Francesca Pavan - Via G. Falcone 16-30024 Musile di Piave (Ve) Tel. 0421331981 Fax. 0421456889 www.studiodietisticopavan.it Esistono

Dettagli

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro,

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro, I nutrienti I gruppi alimentari NEL NOSTRO VIVER COMUNE, NON RAGIONIAMO CON NUTRIENTI MA CON ALIMENTI: SONO PERTANTO STATI RAGGRUPPATI GLI ALIMENTI SECONDO CARATTERISTICHE NUTRITIVE IN COMUNE. GRUPPO N

Dettagli

SCHEDE: ALIMENTAZIONE e PATOLOGIE ALIMENTAZIONE NELL ANEMIA DI BAMBINI E ADOLESCENTI

SCHEDE: ALIMENTAZIONE e PATOLOGIE ALIMENTAZIONE NELL ANEMIA DI BAMBINI E ADOLESCENTI L anemia: cos è? Il termine anemia indica la diminuzione del numero dei globuli rossi o dell emoglobina, dovuta a perdita o insufficiente produzione di sangue. Questo termine viene usato impropriamente

Dettagli

Corso P1 - Operatore della Ristorazione N. RIF. 2010-358/RA

Corso P1 - Operatore della Ristorazione N. RIF. 2010-358/RA Corso P1 - Operatore della Ristorazione N. RIF. 2010-358/RA Docente: Dr. Luca La Fauci Biologo Nutrizionista & Tecnologo Alimentare Lezione 2 Principi nutritivi, tabelle nutrizionali e corretto regime

Dettagli

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute Titolo: Diabete e alimentazione Relatore: Giovanna Foschini Data 19 marzo 2014 Sede Sala Piccolotto UN PO DI STORIA Un po' di storia... Papiro di Ebers (1550 a.c.)

Dettagli

PER DARE IL MASSIMO? NUTRIRSI AL MEGLIO! RADEGHIERI DOTT. SSA LOREDANA DIETISTA

PER DARE IL MASSIMO? NUTRIRSI AL MEGLIO! RADEGHIERI DOTT. SSA LOREDANA DIETISTA PER DARE IL MASSIMO? NUTRIRSI AL MEGLIO! RADEGHIERI DOTT. SSA LOREDANA DIETISTA NOI E IL CIBO Per crescere servono calorie e principi nutritivi e la nutrizione della prima parte della vita influisce sull

Dettagli

La dieta della Manager Assistant

La dieta della Manager Assistant La dieta della Manager Assistant TUTTI I GIORNI COLAZIONE - 1 vasetto di yogurt oppure 1 tazza di latte parzialmente scremato oppure 1 cappuccino - 3 biscotti secchi oppure 4 fette biscottate oppure 1

Dettagli

UNITà 8 la dieta equilibrata

UNITà 8 la dieta equilibrata unità La dieta equilibrata I termini e i concetti fondamentali 1 dieta equilibrata e peso corporeo Una dieta equilibrata è data da comportamenti alimentari e da uno stile di vita tali da mantenere un buono

Dettagli

PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI

PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI CORSO REGIONALE DI FORMAZIONE 1 Dicembre 2006 Dietista Silvia Scremin Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione U.L.SS. n.6 Vicenza MENÙ DOCUMENTO

Dettagli