STUDIO SULL' EVOLUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE NELL' INDUSTRIA DELLA COSTRUZIONE DI MACCHINE NON ELETTRICHE IN ITALIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STUDIO SULL' EVOLUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE NELL' INDUSTRIA DELLA COSTRUZIONE DI MACCHINE NON ELETTRICHE IN ITALIA"

Transcript

1 C0MMISSIOHE DELLE COMUNITÀ EUROPEE DIRE!ZIONE GENERALE DELLA CONCORRENZA IV/A._3 STUDIO SULL' EVOLUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE NELL' INDUSTRIA DELLA COSTRUZIONE DI MACCHINE NON ELETTRICHE IN ITALIA - Costruzione di macchine per ufficio (N.I.C.E. 362) - Costruzione di materiae per soevamento e trasporto (N.I.C.E. 366~ 5) - Costruzione di macchine e trattori agricoi (N.I.C.E. 361) - Costruzione di macchine tessii ed accessori (N.I.C.E )

2

3 COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE ~, DIREZIONE GENERALE DELLA CONCORRENZA IV/ A-3 ~STUDIO SULL' EVOLUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE NELL'INDUSTRIA DELLA COSTRUZIONE DI MACCHINE NON ELETTRICHE IN ITALIA...,---.ç:_ Costruzione di macchine per ufficio (N.I.C.E. 362) - Costruzione di materiae per soevamento e trasporto (N.I.C.E ) - Costruzione di macchine e trattori agricoi (N.I. C. E. 361) - Costruzione di macchine tessii ed accessori (N.I.C.E ) V/360/74-1 O. I.J

4

5 ~ SORIS s.p.a. Studi e ricerche di Economia e Marketing Indagine svota per incarico dea Commi8Sione dee Comunità Europee Direzione Generae IV Concorrenza Gruppo di avoro SORIS: Piera Baiano Giovanni Bertona Gianfranco Coitti Franco Guaschino Renato Lanzetti

6

7 PREFAZIONE Questo voume costituisce ~arte di ~~a serie di studi settoriai concernenti 'evouzione dea concentrazione nei differenti paesi membri dea Co~~nità europea. I rapporti sono stati preparati dai differenti istituti ed esperti nazionai, incaricati daa Commissione di reaizzare i progra~ma di studi settoriai in paroa. Poichè si è tenuto conto d_e' interesse specifico e eenert=~.e di tai ra~porti nonchè degi impegni assunti daa Commissione nei confronti de Paramento europeo, si è ritenuto di pubbicari integramente nea oro stesura originae. In proposito, a Com~issione, mentre si astiene da ogni commento, tiene a precisare che a res~onsabiità circa 'esattezza dei dati e a fondatezza dee concusioni che figurano in ogni rapporto incombe escusivamente su' istituto o su' esperto che ne è autore. Man mano che - in esecuzione de programma settoriae ancora in coros - atri rapporti saranno consegnati aa Com~issione, si procederà aa oro pubbicazione. Parimenti a Commissione provvederà a pubbicare una serie di documenti e di tabee di sintesi, ao scopo di fornire acune indicazioni che permettano di effettuare ub' anaisi comparativa de' evouzione dea concentrazione nei differenti paesi membri dea Comunità.

8

9 Evouzione dea concentrazione da1962 a1970 in acuni settori de'industria meccanica itaiana vo. Macchine per ufficio

10

11 INDICE 1 L'industria dee macchine per ufficio 1.1. L'importanza reativa ne'industria itaiana 1.2. Gi addetti e e imprese 1.3. La produzione, gi investimenti ed i vaore aggiunto 1.4. La massa saariae orda 1.s. Gi investimenti esteri e 'intervento dee Partecipazioni Statai 1.6. I commercio estero 1.7. Considerazioni concusive 2. L'evouzione dea concentrazione su settore dee macchine da ufficio da 1962 a Macchine per ufficio 2.2. Macchine per scrivere 2.3. Macchine da cacoo 2.4. Considerazioni concusive Tavoe e grafici 3. Definizione de settore e procedimenti di stima di a cune variabii 3.1. Definizione de settore 3.2. Procedimenti di stima di acune variabii di settore pag Aegato: Commercio estero:tavoe 56

12 -- 1 L 'industria dee macchine per ufficio L'importanza reativa ne'industria itaiana ~-~ ~ L'industria itaiana dee macchine per ufficio ha registrato ne'utimo ventennio un notevoe sviuppo produttivo. L'impetuosa crescita di questo settore si è principamente ve rificata negi anni '50; ne'utimo decennio essa ha invece ccnsoidato a propria importanza ne'ambito dea industria manifatturiera nazionae senza tuttavia registrare tassi di sviuppo eccezionai. Notiamo così che 'incidenza de settore, su'occupazione to tae dee industrie manifatturiere è saita dao 0,62% ne 1962 ao 0,75% ne Sviuppo occupazionae certamente interessante tenuto anche conto che i settore in esame, per i contenuto tecnoogico generamente eevato dee sue produzioni, è caratterizzato da una eevata intensità di capitae impiegato. Pertanto a segnaato incremento occupazionae è corrisposta una più ee vata espansione degi investimenti de settore che hanno aumentato a oro incidenza su totae degi investimenti dee industrie manifatturiere dao 0,96% de 1962 ao 1,28% de Anaogamente, 'incidenza de vaore aggiunto de settore macchine per ufficio su totaie manifatturiero è anch'essa aumentata da'1,7% de 1962 a 2,0% de 1970.

13 Gi addetti e e imprese L'evouzione de numero di addetti a'industria itaiana dee macchine per ufficio è avvenuta, da 1962 a 1970, ne seguente modo. Addetti a'industria dee macchine pei ufficio 'f970 Unità N 1ndice 100,0 100,8 96,0 92,8 92,8 94,6 101,1 118,6 127, Fonte: Indagine SORIS Per una corretta interpretazione dei vaori su riportati va tenuto presente che essi comprendono otre a'occupazione direttamente produttiva anche i dipendenti occupati nea organizzazione commerciae e nea attività di assistenza tecnica. In particoare, proprio a potenziamento di questi servizi va attribuita gran parte de notevoe sviuppo occ~ pazionae ( unità) avvenuto ne'industria dee macchine per ufficio da 1965 a Riferendoci agi anni tra i 1962 ed i 197~ci sembra di poter affermare che i settore itaiano dee macchine per ufficio è stato caratterizzato da un forte tasso di sviu~ po de'occupazione (+ 3 % a'anno). per quanto concerne i numero di imprese operanti ne setto re dee macchine per ufficio non si registrano, ne perio-

14 -3- do , sostanziai variazioni. Industria dee macchine per ufficio - Numero di imdrese 1962' Fonte: Indagine SORIS Ripartendo e imprese operanti ne settore secondo i numero di addetti (cfr. tavoa seguente) si rieva, reativamente a periodo , un modesto incremento dea concentrazione industriae che vede aumentare i numero dee grandi imprese (otre 5000 addetti) e diminuire i numero dee medie imprese (da 1000 a 5000 addetti). Tae processo di concentrazione appare tuttavia di non rievante ampiezza sia per chènon si è verificato una ragguardevoe diminuzione de numero di imprese,sia per i permanere de numero di imprese di mino ri dimensioni (sino a 1000 addetti). Estendendo i periodo di osservazione a ventennio emergono invece considerazioni sostanziamente differenti. Notiòmo infatti che, ne 1950, pur con un numero compessivo di imprese pressochè uguae, a oro distribuzione dimensiona e era radicamente diversa, caratterizzata daa prevaente presenza di imprese di medie dimensioni (sino a 1000 addetti).

15 -4- Ne consegue quindi che un rievante processo di concentrazio ne ha interessato 'industria dee macchine per ufficio negi anni '50, paraeamente a momento di maggiore crescita produttiva de settore. MACCHINE PER UFFICIO- IMPRESE PER NUt>'IERO DI ADDETTI o ( Otre Totae FONTE: Indagine SORIS 1.3. La produzione gi investimenti ed i vaore aggiunto -~---~ ~ ~-~---~ ~----~~ L'industria itaiana produttrice di macchine per ufficio ha registrato negi utimi vent'anni un'evouzione produttiva moto spiccata con incrementi fortemente superi2 ri a quanto registrato ne compesso dea produzione ie dustriae e anche ne'industria meccanica in particoare. L'industria dee maccrtine per ufficio può quindi es sere considerata un settore "di punta 11 de'industria ita iana, così come a produzione di automobii,a produzione petroifera, a produzione di materie pastiche, ecc.

16 ,5 482,8 165,9 113, , , c 162,8 169, ,0 80, , 7 167, ,5 98, ,0 232,9 ~ PRODUZ I<J.IE ITALIANA DI MACCHINE PER SCRIVERE E DA CALCOLO ( ) MACCHINE PER SCRIVERE Numero NO Indice ,0 235,5 424,0 562,2 609,2 627,2 639,3 631,9 N Indice ,0 132,6 143,6 147,9 150,7 149,0 MACCHINE DA CALCOLO Numero 47.32: NO Indice ,0 280,3 882, , , , , ,4 N Indice ,0 168,6 172,6 144,7 131,7 144,3 F<NTEs ISTAT

17 -6- Daa tavoa precedente emerge i notevoe sviuppo dee due più importanti produzioni de settore: macchine per scrivere e da cacoo. Per quanto riguarda e macchine per scrivere va precisato che i cao produttivo iniziato ne 1968 è dovuto escusivamente a trasferimento in u:n. atro paese di una inea di produzione di macchine per scrivere portatii da parte de'impresa nazionae eader de settore. Si rieva inotre che negi anni i settore dee macchine per ufficio è andato invertendo 'ordine di priorità produttiva. In pratica mentre ne 1950 otre i 70% dea produzione quantitativa de'industria dee macchine per ufficio era rappresentato dae macchine per scrivere; ne 1970 soo i 33% circa dea produzione era dedicato a questa produzione. L'industria nazionae dee macchine per ufficio si è quindi trasformata da industria prevaentemente produttrice di macchine per scrivere in industria prevaentemente produttrice di macchine da cacoo. L'evouzione de fatturato dee imprese produttrici di macchi ne per ufficio ha avuto i seguente andamento ne periodo : MACCHINE PER UFFICIO- FATIURATO Miioni di ire NO Indice ,0 110,1 110,2 123,9 145,9 173,4 188,6 204,4 278,4 FONTE: Indagine SORIS

18 -7- Va rievato che i dati sopra riportati si riferiscono ae imprese produttrici con più di 100 addetti trascurando così 'apporto di due piccoe imprese i cui fatturato compessi vo non raggiungeva comtmque, a 1970, i miiardo di ire. Essi inotre comprendono sia i proventi dee vendite di macchine per ufficio sia quei derivanti daa prestazi~ ne dei servizi (software, consuenze tecniche, servizi di e aborazione) e dai canoni di affitto degi eaboratori. L'espansione produttiva de'industria nazionae di macchine per ufficio è, come abbiamo già rievato, assai rievante: + 13,6% a'anno, dovuta sia a notevoe sviuppo dea doma~ da estera (+ 14,9% a'anno) e di quea interna (+ 14,8% a'anno). La notevoe e crescente consistenza dea domanda estera di macchine per ufficio di produzione nazionae (43% de vaore dee vendite ne 1962, 47% ne 1970) ha senza dubbio costi tuito un fondamentae eemento di spinta ao sviuppo di tut to i settore,i quae ha così capovoto una impostaz1one tra. dizionae che vede e industrie nazionai orientarsi più frequentemente verso i mercato nazionae e considerare quei di esportazione come compementari e sussidiari. I notevoe saggio di sviuppo de settore dee macchine per ufficio trova origine da un ato nea naturae espansione dea domanda mondiae connessa agi acceerati processi di industriaizzazione e di terziarizzazione de'economia, ma soprattutto trova motivo di sviuppo ne continuo processo di innovazione sia ne campo dea progetta7.ione dei modei, sia ne campo de rinnovamento organizzativo e tecnico dea produzione, sia ne campo dea tecnica dea distribuzione.

19 -8- A questo riguardo ci sembra opportuno ricordare quanto accaduto ne settore degi eaboratori eettronici, uno dei più innovativi e in rapida espansione. Per quanto riguarda 'Itaia, si stima, ad esempio, che ne periodo i mercato nazionae di apparecchiature EDP (Eectronic Data Processing) si sia sviuppato ad un tasso me dio annuo composto di circa i 29%, portando i numero degi eaboratori eettronici instaati in Itaia da 350 ne 1962 a ne I mercato è soddisfatto prevaentemente da imprese estere sia con a produzione in Itaia (IBM, Hone~ve) sia con a produzione a'estero (Univac, Genera Eectric, Siemens, CDC, ecc.). La Oivetti era presente ne settore degi eaboratori eettronici prima autonomamente,poi con una joint-venture con a società americana Genera Eectric aa quae ha succe~ sivamente ceduto a sua quota ritirandosi da settore degi e aboratori eettronici. Attuamente a Oivetti ne campo de 'EDP produce microcomputer, sistemi di eaborazione dati, ter minai otre a cacoatrici eettroniche. Da punto di vista tecnoogico 'ingresso ne settore dei cacoatori non pone probemi insoubii: a tecnoogia dei cacoatori è nota, e speciamente per i piccoi cacoatori pochi speciaisti (si stima non più di 10 persone) sono in grado di sviuppare un progetto. Tuttavia i progetto è soo i primo stadio, e in moti casi i più facie, ne processo di ancio di un cacoatore.

20 -9- Ne campo dei cacoatori due fattori assumono un ruoo di fondamentae importanza: a rete commerciae e quea di a2 sistenza tecnica. Non a caso tutte e imprese che per prime hanno intrapreso o studio e quindi a commerciaizzazio ne dei cacoatori erano imprese che per a oro attività (produzione di macchine per ufficio) disponevano già di una diffusa rete commerciae, ed hanno sviuppato prodotti che potevano essere venduti a cooro che già erano cienti. Otre ai probemi di commerciaizzazione, i tempi unghi di R & S, 'incertezza dei risutati e a necessità di proc~ rarsi i servizi (particoarmente i sofware) hanno creato ae imprese costruttrici di cacoatori probemi di cara~tere finanziario e dimensionae. Notevoi risorse sono infatti necessarie non tanto per i fi nanziamento degi investimenti fissi, quanto per gi investi menti in: attività di ricerca, a tempi unghi e a rischio eevato, previsioni tecnoogiche, marketing, studio di sistemi, commerciaizzazione, soprattutto assistenza post vendita. Le imprese che non dispongono di consistenti risorse finanzia rie finiscono con i posporre e spese in attività rischiose, o con tempi di ritorno più unghij ae esigenze immediate. Inevitabimente questo comportamento si traduce in un minore tasso di sviuppo ed inotre rende ancora più difficie i tentativo di affermarsi sui mercati internazionai, dove e imprese mutinazionai hanno già acquisito soide posizioni.

21 - 10- Ne campo dei microcomputer esistono gi stessi probemi, ma in scaa ridotta che ne permettono a produzione anche da parte di imprese medio-piccoe. Le imprese produttrici di cacoatori tendono sempre pi~ a'integrazione verticae non soo nea fornitura di ser vizi e nea costruzione di sistemi input-output, ma anche ne settore dei componenti eettronici, i quai, in partico are i circuiti integrati dea quarta generazione, devono essere concepiti in stretto coegamento con gi utiizzato ri. I ruoo che 'industria itaiana può svogere in questo settore deve essere vautato con estrema prudenza. I rischi tecnici e commerciai connessi aa produzione di cacoatori medio-grandi di tipo gestionae, a difficotà di competere a iveo internazionae con produttori che hanno acquisito e consoidato ne corso de'utimo decennio a oro posizione rendono difficie o sviuppo di un'autonoma attività di ricerca e produzione in questo campo. Buone prospettive possono invece individuarsi ne settore dei minicacoatori, dei terminai e dee cacoatrici eettroniche. L'evouzione de fusso annuo di investimenti fissi ne setto re dee macchine per ufficio è avvenuta come segue: MACCHINE PER UFFICIO- INVESTIMENTI FISSI Mtton di ire Per a dd etto ( 000 L.) FONTE: Confindustria

22 -I- Osservando i vaori su riportati non si deve ritenere che 'industria dee macchine per ufficio non richieda ingenti capitai. Innanzittutto va precisato che i suddetti vaori non si riferiscono ao stock di capitae impiegato, ma a fusso annuo di investimenti fissi che per i compesso de e industrie manifatturiere era, a 1970, di 720 migiaia di ire per addetto. Inotre va ancora una vota precisato che ne'industria dee macchine per ufficio e risorse de stinate a'attività di R & s, aa innovazione dei processi di produzione, a ancio dei nuovi prodotti, a'assistenza pre e post vendita, a marketing, pur non essendo rievate come tai, hanno a medesima funzione e destinazione economica degi investimenti di capitae fisso di tipo tradizionae. L'evouzione de vaore aggiunto de'industria dee macchi ne per ufficio è avvenuta come segue: INDUSTRIA DELLE MACCHINE PER UFFICIO- VALORE AGGIUNTO (1) Miioni di ire N Indi ce ' ,0 114,9 125,2 118,3 134,4 153,6 178,1 195,0 270,6 Va~ore Aggiunto % 65,2 68,5 74,5 62,6 60,4 58,1 61,9 62,6 63,7 Fatturato FONTE: Vautazioni SORIS (1) Reativamente ae imprese con più di 100 addetti

23 - 12- Daa quae emerge i notevoe ritmo di sviuppo (+13,2~ a'anno) manifestato da questo settore industriae. E' infine interessante sottoineare a rievante incidenza de vaore aggiunto su fatturato che si mantiene pressochè costantemente a di sopra de 60/~. Naturamente tra e diverse produzio ni de settore ne esistono acune, ad esempio i cacoatori eettronici, in cui i vaore aggiunto unitario è assai più eevato di queo proveniente da atre produzioni tecnoogie~ mente meno avanzate.

24 La massa saariae orda ~ Rievante è anche stato o sviuppo dea massa saariae orda che negi anni da 1962 a 1970 è avvenuta ad un tasso medio annuo composto de 13,1%. MASSA SALARIALE LORDA Miioni di tre N Indice ,0 117,0 129,5 136,1 141,1 159,8 175,9 197,4 269,4 FONTE: Vautazioni SORIS 1.5. Gi investimenti esteri e 'intervento dee P~~tecipazioni -8t-àfa L'industria itaiana dee macchine per ufficio è stata note vomente interessata da'intervento de capitae estero. Già agi inizi degi anni '50 e maggiori imprese mondiai produttrici di macchine per ufficio erano presenti in Itaia con proprie fiiai e stabiimenti di produzione. Attuamente quattro imprese a capitae nordamericano: IBM, Hone~ve Information System, Apeco, Sperry Rand,sono presenti in Itaia con propri stabiimenti. Le prime tre impr~ se producono escusivamente macchine per ufficio, mentre a Sperry Rand produce e commerciaizza anche prodotti di argo consumo (rasoi eettrici, piccoi eettrodomes~ici, macchine per fotografia) e prodotti industriai (materiae idropneum_

25 - 14- tici, idrauici, variatori di veocità, pompe, ecc.). La presenza di consociate nordamericane ne settore itaiano dee macchine per ufficio tende ad aumentare. Si rieva in fatti che a oro quota di occupazione su totae de settore è passata da'11,4~ de 1962 a 23,5% de 1970; anaogamente 'incidenza su fatturato gobae de settore è aumentata da 22,1% de 1962 a 51,8~ de La maggior parte dee imprese estere presenti in Itaia pos siede atre consociate sia nei paesi dea CEE sia in atri paesi europei (1). La oro attività in Itaia non è quindi giustificata daa necessità di inserirsi in un paese de MEC per svogere una azione estesa anche agi atri paesi, ma è invece espicitamente rivota a soddisfare e esigenze de mercato itaiano. D'atro canto, e imprese nordamericane presenti in Itaia fanno parte di grandi gruppi mutinazionai per i quai 'in tervento in un paese estero non costituisce che una dee mosse di una più vasta strategia internazionae, a quae sem pre più spesso ricorre a'investimento diretto a'estero. Le principai motivazioni che inducono e grandi imprese mutinazionai produttrici di macchine per ufficio ad effettuare investimenti diretti in Itaia possono così ria.ssumersi. (1) Sia 'IBH, sia 'Honeywe possiedono propri stabiimenti di produzione, e fiiai di vendita in ogni paese dea CEE.

26 - 15- In primo uogo vi è a necessità - comune a tutti i gruppi mu tina zionai- di assicurarsi i più ampio r.rtercato possibie in modo da trarre i maggiori benefici da prodotti con una vita media piuttosto corta, di usufruire di costi de avoro più bassi, di aggirare e eventuai protezioni doganai e infine di partecipare ad un mercato ritenuto in espansione ne quae, con un'attività produttiva ocae, si intende non soo conservare ma sviuppare e posizioni di mercato acquisite. La presenza in Itaia di una grande impresa produttrice di macchine per ufficio, speciaizzata soprattut to nea produzione di macchine per scrivere e da cacoo, ha, per ungo tempo, raentato a penetrazione dee imprese nordamericane ne mercato itaiano. Esse hanno invece aumentato gi sforzi su mercato itaiano agi inizi degi anni '60 con a produzione di cacoatori eettronici, che a Oivetti non aveva ancora sufficientemen te sviuppato. I successivo disimpegno de'oivetti ne campo degi eabo ratori eeltronici ha praticamente consoidato i monopoio de capitae estero in questo importante settore industriae coinvogendo aspetti non escusivamente economici bensì poi ti ci e sociai. In assenza di dati ufficiai che quantifichino i fenomeno de'intervento estero ne settore dee macchine per urficio, è possibie vautarne 'ampiezza considerando a quota di capitae sociae dee SPA de settore, controato dae imprese statunitensi.

27 - 16- CAPITALE SOCIALE DELLE S.P.A. OPERA~TI NEL' INDUSTRIA DELLE MACCHINE PER UFFICIOSECO'JDOLA NAZICJ-JALITA' (Miioni di tre) TOTALE SETTORE DJ cui controato da Imprese U.S.A In~ 19,1 37,3 Ne contesto de settore dee macchine per ufficio a presenza de capitae nordamericano risuta peratro più consi derevoe di quanto appaia dai dati precedenti. Ciò per i fatto che due dee suddette imprese (IBM e Honeywe) concentrano praticamente a oro produzione ne settore degi eaburatori eettronici, produzioni cioè ad ato vaore aggiunto in grado di assicurare un fatturato unitario assai eevato. Si spiega così come e imprese nordamericane abbi~ no un fatturato che supera i 50% de compesso de settore impiegando i 23% de'occupazione totae de settore. Espressa tuttavia in termini di massa saariae orda, 'inci denza su totae de settore dee attività estere sae a 32% come naturae effetto di una maggiore quaificazione dea manodopera impiegata nee attività di produzione dei cacoatori eettronici.

28 I commerci o es t ero L'andamento de co~~ercio estero di macchine per ufficio è riportato nee tavoe in aegato. Si rieva che da 1962 a 1970 'esportazione di macchine per ufficio è passata da 73,0 a 222,3 miiardi di ire, con un incremento de 204,4%, mentre e importazioni sono passate da 27,3 a 125,3 miiardi di ire con un aumento de 359,6%. Di conseguenza i sado commerciae è saito da + 45,7 a+ 97,0 miiardi di ire. Considerando più dettagiatamente a struttura de commer cio con 'estero de'ind~ia nazionae dee macchine per ufficio, è agevoe constatare come 'apporto prevaente a'attività de sado deriva dai comparti dee macchine per scrivere e per cacoo, mentre e "atre macchine per ufficio" manifestano un sado commerciae co~tantemente negativo (cfr. tavoa seg. ). Daa tavoa emerge pertanto a notevoe competitività internazionae dee produzioni itaiane di macchine per seri vere e da cacoo e a reativa deboezza ne settore dee "atre macchine per ufficio". Va tuttavia segnaato che e esportazioni di "atre macchine per ufficio" hanno registrato uno sviuppo assai superiore agi atri comparti de settore. Ciò in conseguenza deo sviuppo produttivo dee consocia te statunitensi ocaizzate in Itaia, a cui produzione è destinata anche ai mercati esteri.

29 , , , ,9 + 1$.868, , , , , , , , , , , , , , , , , ,f') , ,2 \'ar !) 68,1 + 69,3 122,7.44-0,6 +991,1 +386,2 204.,4 +359,6 - = COMMERCIO ESTERO DI MACCHINE PER UFFICIO (Miioni di ire) 1~ MACCHINE PER SCRIVERE -ESPOR TAZ ION , ,2 -IMPORTAZIONI 2.941, ,7 SALOO , ,5 MACCHINE PER CALCOLO -ESPOR TAZ ION , ,9 MPORTAZ ION 1.813, ,4 SALDO ,7 ~6. 796,5 ALTRE MACCHINE PER UFFICIO (1) -ESPOR TAZ ton 7.875, ,5 - MPORTAZ ION , ,2 SALDO , ,7 TOTALE MACCHINE PER UFFICIO -ESPOR TAZ ION , ,6 - MPORTAZ ION , ,3 SALOO ,2 +4e.pqg, _ , , , , , , , , , , , , , ,0 ~tc7.051, , , , , , , , , ,0 1.4c 19, , , , , ,~ , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,0 7f1.77e,6.79.n1~,A {1) Nea voce "atre macchine per ufficio" sono comprese s *macchine eettroniche a schede perforate *macchine eettroniche perforatrici, verificatrc e cacoatrici *dupicatori ettografc o a matrice * macchine affrancatrici *macchine per stampare indirizzi *registratori di cassa *atre macchine per ufficio * narff ~ A~~Af~

30 - 19- I più eevato ritmo di espansione dee importazioni o traviano invece ne comparto dee macchine da cacoo (+440,6/~) a causa de'introduzione, dopo i 1968, di nuovi modei eettronici particoarmente competitivi con e produzioni nazionai. Anche e "atre macchine" manifestano un notevoe incremento dee importazioni (386,2%), mentre mode sto è queo reativo ae macchine per scrivere (+69,3%). L'infuenza ne conmercio estero dea strategia dee imprese mutinazionai appare evidente ne comparto dee mac chine per scrivere, e cui esportazioni diminuiscono a oro espansione a partire da 1968, anno in cui 'intera produzio ne di macchine per scrivere portatii fu trasferita da'ita ia in un atro paese europeo, mentre contemporaneamente si assiste ad un incremento de vaore dee importazioni di mac chine per scrivere. Ne comparto dee "atre macchine per ufficio", in cui e imprese estere ocaizzate in Itaia concentrano gran parte dee proprie produzioni, non si riscontra invece un effetto di sostituzione tra ocaizzazione in Itaia di unità produt tive a capitae estero e importazioni, che dovrebbero quindi diminuire o sviupparsi meno veocemente. D'atro canto a rapida espansione dee importazioni di "atre macchine per ufficid'sta ad indicare a notevoe potenziaità de mercato nazionae i~ cui, teoric~~ente, potrebbero trovare spazio a tre iniziative a capitae estero.

31 - 20- Anaizzando ora i commercio estero di macchine per ufficio secondo aree geografiche, va innanzi tutto segnaato i riievo che 'interscambio con i paesi CEE è andato assumendo da 1962 a Incidenza% de commercio estero verso i paesi dea C.E.E. su commercio estero totae di macchine per ufficio (in vaore) ESPORTAZ ION 34,2 34,7 35,6 39,2 36,7 38,9 43,9 44,7 ~4,7 IMPORTAZIONI 54,0 47,1 44,2 47,7 53,5 57,7 51,5 51,1 53,9 Da quae si nota a tendenza de'industria nazionae produttrice di macchine per ufficio ad aumentare e proprie ven dite su mercato.comunitario, da quae peratro a dipendee za de mercato itaiano si mantiene su un iveo eevato an che se abbastanza stabie. La notevoe importanza che i mercato comunitario ha assunto per 'industria nazionae emerge anche daa considerazione che ne 1962 i sado commerciae positivo nei confronti dei paesj. membri rappresentava i 22,4/~ de sado compessivo de settore mentre ne 1970 esso era pari a 32,8% de sado atti vo totae. Naturamente ciò in conseguenza de maggior dinamismo dimostrato dae esportazioni verso i paesi membri che da 1962 a 1970 sono infatti aumentate de 297,6%, a fronte de'incremento de 204,4% registrato da totae dee esportazioni, mentre e importazioni dei paesi membri hanno seguito uno svi uppo (+358,8/~) assai simie a queo dee importazioni compessive (+ 359,6%).

32 - 21- Le principai caratteristiche de'industria dee macchine per ufficio possono così riassumersi brevemente. Essa è caratterizzata daa presenza ne mondo di un numero imitato di grandi imprese, e quai operano.in condizioni di spiccata concorrenziaità nei principai mercati mondiai. Quindi un mercato con una forte concorrenza oigopoistica a iveo mondiae. Di conseguenza e imprese de settore, per mantenersi in con dizioni di competitività, devono raggiungere dimensioni moto ampie che permettano i conseguimento di economie di scaa necessarie a: raggiungere più eevati ivei di produttività mediante una organizzazione e pianificazione dea produzione di massa; consentire 'adozione di tecnoogie produttive moto a vanzate, comportanti investimenti fissi assai ingenti e reaizzabii soo in compessi produttivi di notevoi dimensioni; perméttere i finanziamento di rievanti spese in R e S indispensabii per tenere i passo con i rapidissimo sviuppo tecnoogico de settore. Una seconda caratteristica di questo settore è che a forza di un'azienda in questo campo dipende non soo daa sua cap~ cità di progresso tecnico ne campo dea progettazione e pr~ duzione dei modei, ma anche daa capacità di organizzare una rete di distribuzione e di assistenza tecnica eccezionamente forte, capiare e quaificata.

33 - 22- Ne canpo dee M~cchine per ufficio a conpetitività di una impresa non dipende soo da iveo pi~ o meno avanzato che essa può raggiungere ne campo tecnico produttivo, essa de ve anche essere in grado di adottare tecniche estremamente avanzate anche ng campo distributivo, e disporre di sufficienti mezzi per finanziare o sviuppo de'organizzazione commerciae in tutti i principai paesi de mondo. Un'uteriore caratteristica di questo settore è che un'impresa non può concentrare a sua attività produttiva in un unico paese. Esiste tma serie di fattori che rende indispensabie un pro gressivo sviuppo di attività produttive, in motepici stabi imenti produttivi ocaizzati in diverse nazioni e in diverse aree de mondo. Questa esigenza di internazionaità è imposta da due diverse esigenze. Innanzittutto per una grande impresa europea è pressochè indispensabie avere una propria consociata negi Stati Uniti per potere, attraverso essa, attingere ne campo dea ricerca, dea progettazione, dea tecnoogia e de'organizzazio ne dea produzione,ae esigenze più avanzate che si reaizza no in que paese. In secondo uogo, e crescenti pressioni che i paesi importato ri di macchine per ufficio (generamente paesi in via di sviuppo) esercitano per avere un'industria ocae anche in questo settore. Di fronte a queste pressioni è inevitabie che una grande azienda che intenda non restare escusa da questi grandi mercati in sviuppo, aderisca a queste richieste impiantando dei propri stabiimenti in queste aree. Questa è a condizione per non essere escusi da questi mercati, e per poter conti nuare ad aimentare sui mercati stessi una corrente di esporta

Un mondo di vantaggi. Un offerta personalizzata. Là dove i Papi vanno in vacanza CREVALMAGAZINE SOCIOINCREVAL TECNOLOGIA PER IL CLIENTE

Un mondo di vantaggi. Un offerta personalizzata. Là dove i Papi vanno in vacanza CREVALMAGAZINE SOCIOINCREVAL TECNOLOGIA PER IL CLIENTE ECONOMIA CULTURA SOLIDARIETÀ TERRITORIO SPORT PLEIADI N 62 - Semestrae - Aprie 2013 CREVALMAGAZINE SOCIOINCREVAL Un mondo di vantaggi TECNOLOGIA PER IL CLIENTE Un offerta personaizzata CASTELLI ROMANI

Dettagli

La solarità nelle varie zone italiane per il fotovoltaico

La solarità nelle varie zone italiane per il fotovoltaico Energia e Ambiente La soarità nee varie zone itaiane per i fotovotaico Modena 5 marzo 2008 Gianni Leanza Energia e Ambiente QUANTA ENERGIA ARRIVA DAL SOLE? Da Soe, si iberano enormi quantità di energia

Dettagli

Giovani e NEET in Europa: primi risultati

Giovani e NEET in Europa: primi risultati Fondazione europea per i migioramento dee condizioni di vita e di avoro Giovani e NEET in Europa: primi risutati > Sintesi < Se i giovani non hanno sempre ragione, a società che i ignora e i emargina ha

Dettagli

74 Quadro RF. Unico 2009 Società di capitali ed enti commerciali

74 Quadro RF. Unico 2009 Società di capitali ed enti commerciali 74 Per i beni mobii registrati, con costo ammortizzabie ai fini fiscai in un periodo non inferiore a dieci anni, a cui utiizzazione richieda un equipaggio di ameno sei persone, quaora siano concessi in

Dettagli

PIANO DI LAVORO. docente: Lancellotti Canio. classe: 5^ A IGEA. disciplina: ECONOMIA AZIENDALE. consegnato in data: 11 dicembre 2012

PIANO DI LAVORO. docente: Lancellotti Canio. classe: 5^ A IGEA. disciplina: ECONOMIA AZIENDALE. consegnato in data: 11 dicembre 2012 ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO STATALE DI SAN DANIELE DEL FRIULI Istituto Statae d Istruzione Superiore Vincenzo Manzini di San Daniee de Friui Piazza IV Novembre 33038 SAN DANIELE DEL FRIULI (prov. di Udine)

Dettagli

SICUREZZA ELETTRICA: LE NOVITÀ PER IL DATORE DI LAVORO SUGLI IMPIANTI E SULLE APPARECCHIATURE

SICUREZZA ELETTRICA: LE NOVITÀ PER IL DATORE DI LAVORO SUGLI IMPIANTI E SULLE APPARECCHIATURE Focus TU Articoo SICUREZZA ELETTRICA: LE NOVITÀ PER IL DATORE DI LAVORO SUGLI IMPIANTI E SULLE APPARECCHIATURE di Fausto Di Tosto, primo tecnoogo, Sezione Impianti e apparecchiature eettriche - ISPESL

Dettagli

Sistemi di gestione per la qualità UNI EN ISO 9001. (edizione 2015)

Sistemi di gestione per la qualità UNI EN ISO 9001. (edizione 2015) Sistemi di gestione per a quaità UNI EN ISO 9001 (edizione 2015) 1 4) CONTESTO DELL'ORGANIZZAZIONE 4.1 Comprendere 'organizzazione e i suo contesto L'organizzazione deve determinare i fattori esterni ed

Dettagli

IMPRESAPERTA IIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII

IMPRESAPERTA IIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII IMPRESAPERTA IIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII Un modo migiore di avorare, attraverso un coinvogimento che iberi energie, capacità e potenziaità per a crescita dea motivazione, dea partecipazione e dea

Dettagli

Ricerca Aviva sui comportamenti dei consumatori

Ricerca Aviva sui comportamenti dei consumatori Ricerca Aviva sui comportamenti dei consumatori Contenuto 1. Prefazione di Amanda Mackenzie OBE,Direttore Marketing e Comunicazione, Aviva pc. (p3) 2. Principai evidenze (p4) 3. CAS 2004 - uno sguardo

Dettagli

Costi del ciclo di vita (LCC) dei sistemi di pompaggio per le acque reflue

Costi del ciclo di vita (LCC) dei sistemi di pompaggio per le acque reflue WHITE PAPER Costi de cico di vita (LCC) dei sistemi di pompaggio per e acque refue Giugno 215. Costi de cico di vita (LCC) dei sistemi di pompaggio per e acque refue Questo white paper si prefigge o scopo

Dettagli

CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER IL PERSONALE DELL ISTITUTO BANCARIO SAN PAOLO DI TORINO

CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER IL PERSONALE DELL ISTITUTO BANCARIO SAN PAOLO DI TORINO Newsetter n.7 - (1/2014) CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER IL PERSONALE DELL ISTITUTO BANCARIO SAN PAOLO DI TORINO presente numero dea newsetter dea Cassa iustra una rapida situazione de andamento de

Dettagli

Isolamento termico. Gamma di prodotti basso emissivi Pilkington. Pilkington K Glass Pilkington Optitherm

Isolamento termico. Gamma di prodotti basso emissivi Pilkington. Pilkington K Glass Pilkington Optitherm Isoamento termico Gamma di prodotti basso emissivi Pikington Pikington K Gass Pikington Optitherm Pikington Optitherm S3 Introduzione a vetro basso emissivo I vetro è uno dei materiai da costruzione più

Dettagli

Atto costitutivo dell'associazione di volontariato

Atto costitutivo dell'associazione di volontariato Esente da imposte di boo e registro ex artt. 6-8 Legge 266/1991. Atto costitutivo de'associazione di voontariato ART. 1 - È costituita fra i suddetti comparenti 'associazione di voontariato costituita

Dettagli

Guida alla gestione d'impresa. Governare un'impresa

Guida alla gestione d'impresa. Governare un'impresa Guida aa gestione d'impresa Governare un'impresa Edizione 2010 Copyright 2010 Berardino & Partners S.r.. Via Morosini 19 10128 Torino Diritti di riproduzione, con quasiasi mezzo, concessi aa Camera di

Dettagli

Risoluzione di travature reticolari iperstatiche col metodo delle forze. Complemento alla lezione 43/50: Il metodo delle forze II

Risoluzione di travature reticolari iperstatiche col metodo delle forze. Complemento alla lezione 43/50: Il metodo delle forze II Risouzione di travature reticoari iperstatiche co metodo dee forze ompemento aa ezione 3/50: I metodo dee forze II sercizio. er a travatura reticoare sotto riportata, determinare gi sforzo nee aste che

Dettagli

ALLEGATO SUB B) ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 64 DEL 11.07.20ll SCHEDE DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE

ALLEGATO SUB B) ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 64 DEL 11.07.20ll SCHEDE DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE ALLEGATO SUB B) ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 64 DEL 11.07.20 SCHEDE DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE VALUTAZIONE ANNO DIPENDENTE: CATEGORIA: B (amministrativo)

Dettagli

BLOCCO TEMATICO DI ESTIMO. Standard Internazionali di Valutazione (IVS) Market Comparison Approach (MCA) calcolo dei prezzi marginali

BLOCCO TEMATICO DI ESTIMO. Standard Internazionali di Valutazione (IVS) Market Comparison Approach (MCA) calcolo dei prezzi marginali BLOCCO TEMATICO DI ESTIMO Standard Internazionai di Vautazione (IVS) Market Comparison Approach (MCA) cacoo dei prezzi marginai Docente: geom. Antonio Eero CORSO PRATICANTI 205 I PREZZI MARGINALI I prezzo

Dettagli

STUDIO SULL'EVOLUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE NELL'INDUSTRIA DI CICLI, MOTOCICLI E CICLOMOTORI IN ITALIA 1970-1972

STUDIO SULL'EVOLUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE NELL'INDUSTRIA DI CICLI, MOTOCICLI E CICLOMOTORI IN ITALIA 1970-1972 ,A5~1~ COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE STUDIO SULL'EVOLUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE NELL'INDUSTRIA DI CICLI, MOTOCICLI E CICLOMOTORI IN ITALIA 1970-1972 (\ \). (~\ - .. d.3f.. a ( ( ~.r 7 s.;,_ :J(:,-'V

Dettagli

Isolamento termico. Gamma di prodotti basso emissivi Pilkington. Pilkington K Glass Pilkington Optitherm

Isolamento termico. Gamma di prodotti basso emissivi Pilkington. Pilkington K Glass Pilkington Optitherm Isoamento termico Gamma di prodotti basso emissivi Pikington Pikington K Gass Pikington Optitherm Pikington Optitherm S3 Introduzione a vetro basso emissivo I vetro è uno dei materiai da costruzione più

Dettagli

La bonifica dei siti contaminati è un tema sul quale, da diversi anni, si confrontano soggetti

La bonifica dei siti contaminati è un tema sul quale, da diversi anni, si confrontano soggetti Tra i tanti, acque di fada e terre e rocce, MISE e Conferenza dei Servizi Bonifiche in siti produttivi: quai gi aspetti più critici? La bonifica dei siti contaminati è un tema su quae, da diversi anni,

Dettagli

Lexmark Print Management

Lexmark Print Management Lexmark Print Management Ottimizzate a stampa in rete e create un vantaggio informativo con una souzione di gestione dee stampe che potrete impementare in sede o attraverso coud. Riascio stampe sicuro

Dettagli

Guida alle applicazioni ESF Lexmark

Guida alle applicazioni ESF Lexmark Guida ae appicazioni ESF Lexmark Aiutate i vostri cienti a sfruttare a massimo e stampanti e e mutifunzione Lexmark abiitate per e souzioni Le appicazioni Lexmark sono state progettate per consentire ae

Dettagli

SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI

SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI La sicurezza ne azienda agricoa e nei cantieri forestai Le opportunità per i dottori agronomi e forestai SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI Prof. Danio MONARCA Art. 26 Obbighi connessi ai contratti

Dettagli

Contenuti. Espresso 1 8. Espresso 2 23. Prefazione 4. Indice delle attività 6. Materiale fotocopiabile 37. Soluzioni 91

Contenuti. Espresso 1 8. Espresso 2 23. Prefazione 4. Indice delle attività 6. Materiale fotocopiabile 37. Soluzioni 91 Contenuti Prefazione 4 Indice dee attività 6 Espresso 1 8 Espresso 2 23 Materiae fotocopiabie 37 Souzioni 91 3 Prefazione Le attività presentate in questo voume offrono agi insegnanti nuovi spunti per

Dettagli

Le imprese agrituristiche e gli alberghi diffusi per la competitività della Destinazione Italia

Le imprese agrituristiche e gli alberghi diffusi per la competitività della Destinazione Italia Le imprese agrituristiche e gi aberghi diffusi per a competitività dea Destinazione Itaia MARCO VALERI Sintesi de avoro Obiettivi Obiettivo de avoro è evidenziare i ruoo di formue di business ricettivo

Dettagli

D.M. 23 LUGLIO 2009 E ASCENSORI: PIÙ SICUREZZA PER LE INSTALLAZIONI ANTE D.P.R. N. 162/1999

D.M. 23 LUGLIO 2009 E ASCENSORI: PIÙ SICUREZZA PER LE INSTALLAZIONI ANTE D.P.R. N. 162/1999 D.M. 23 LUGLIO 2009 E ASCENSORI: PIÙ SICUREZZA PER LE INSTALLAZIONI ANTE D.P.R. N. 162/1999 di Laura Tomassini Dipartimento Tecnoogie di Sicurezza ISPESL Osservatorio a cura de Ufficio Reazioni con i Pubbico

Dettagli

Fare riferimento ad ambienti confinati e sospetti di inquinamento vuol dire contemplare una

Fare riferimento ad ambienti confinati e sospetti di inquinamento vuol dire contemplare una Articoo In arrivo una nuova norma per a quaificazione dee imprese Le procedure di avoro per garantire a sicurezza negi ambienti confinati Fare riferimento ad ambienti confinati e sospetti di inquinamento

Dettagli

ENERGYMETER MID U1281/U1289/U1381/U1387/U1389 Contatori elettronici di energia attiva e reattiva

ENERGYMETER MID U1281/U1289/U1381/U1387/U1389 Contatori elettronici di energia attiva e reattiva 3-349-617-10 10/12.14 Contatore di energia eettrica per sistemi a 2, 3, 4 fii con inserzione diretta 65 A o tramite TA 1 A, 5 A Casse di accuratezza B per uso industriae e commerciae nonché per esigenze

Dettagli

NUOVA SIRIO 25. Libretto istruzioni ed avvertenze. Installatore Utente Tecnico

NUOVA SIRIO 25. Libretto istruzioni ed avvertenze. Installatore Utente Tecnico NUOVA SIRIO 5 Cadaie a basamento con accumuo a camera aperta (tipo B) e tiraggio naturae IT Libretto istruzioni ed avvertenze Instaatore Utente Tecnico corre daa data dea verifica stessa. I certificato

Dettagli

RSU ELEZIONI DEL 3-4-5 MARZO 2015 BREVI NOTE SULLA CONTRATTAZIONE D ISTITUTO

RSU ELEZIONI DEL 3-4-5 MARZO 2015 BREVI NOTE SULLA CONTRATTAZIONE D ISTITUTO RSU ELEZIONI DEL 3-4-5 MARZO 2015 BREVI NOTE SULLA CONTRATTAZIONE D ISTITUTO RSU eezioni de 3-4-5 marzo 2015 3 Caendario e tempistica dee procedure eettorai e termine per e adesioni 13 gennaio 2015 annuncio

Dettagli

RPE X - HPE X 5 17 Refrigeratori e pompe di calore aria/acqua con ventilatori assiali

RPE X - HPE X 5 17 Refrigeratori e pompe di calore aria/acqua con ventilatori assiali RPE X HPE X 5 7 Caratteristiche tecniche e costruttive mod. RPE X 5 HPE X 5 mod. RPE X 0 HPE X 0 GS ECOLOGICO FUNZIONE UTODTTIV SCMITORE PISTRE VENTILTORI SSILI MONOFSE 5 8,5 MONO E TRIFSE 0 7 LT EFFICIENZ

Dettagli

La Carta della statistica pubblica svizzera

La Carta della statistica pubblica svizzera La Carta dea statistica pubbica svizzera Fritz Faser, Ufficio di statistica de Canton Argovia La Carta I frontaieri I 24 maggio 2002 a Conferenza svizzera degi uffici regionai di statistica (CORSTAT) ha

Dettagli

FAX Canon B230C FAX Canon B210C. Suite FAX Canon Versione 3.10 Manuale per l utente

FAX Canon B230C FAX Canon B210C. Suite FAX Canon Versione 3.10 Manuale per l utente FAX Canon B230C FAX Canon B210C Suite FAX Canon Versione 3.10 Manuae per utente Copyright 1999 Canon, Inc. Tutti i diritti riservati. Non è consentito riprodurre i presente manuae in acuna forma, competa

Dettagli

Provincia di Pistoia Economato, Provveditorato e Patrimonio Mobiliare

Provincia di Pistoia Economato, Provveditorato e Patrimonio Mobiliare Provincia di Pistoia Economato, Provveditorato e Patrimonio Mobiiare Convenzione fra 'Amministrazione provinciae di Pistoia e a PROD. 84 di Pistoia (PT) ai sensi de'art. 5 Legge 381191 e S. di puizia dei

Dettagli

Il rimborso dei prestiti

Il rimborso dei prestiti I rimborso dei prestiti Obiettivi individuare e caratteristiche dei diversi tipi di rimborso saper stendere un piano di ammortamento saper cacoare a rata di un ammortamento comprendere e caratteristiche

Dettagli

G278 AVVISO PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE

G278 AVVISO PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE -~ ' UNIVERSITÀ AREA AFFARI GENERAU mtuzionali E LEGAU Ufficio Ediizia Universitaria e Contratti prot SòeaA dei cd?;\ o:t..wx::. G278 AVVISO PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ART, -OGGETTO, 1. L'Università

Dettagli

Pilkington Optilam Pilkington Optiphon Linee guida per l utilizzo

Pilkington Optilam Pilkington Optiphon Linee guida per l utilizzo Pikington Optiam Pikington Optiphon Linee guida per utiizzo Pikington Optiam Pikington Optiphon Introduzione I vetro stratificato è prodotto assembando due o più astre di vetro foat con uno o più intercaari.

Dettagli

LA NUOVA REGOLAMENTAZIONE SUI LAVORI ELETTRICI SOTTO TENSIONE

LA NUOVA REGOLAMENTAZIONE SUI LAVORI ELETTRICI SOTTO TENSIONE LA NUOVA REGOLAMENTAZIONE SUI LAVORI ELETTRICI SOTTO TENSIONE di Fausto Di Tosto dipartimento Certificazione e Conformità dei Prodotti e Impianti INAIL, ex ISPESL Osservatorio a cura de Ufficio Reazioni

Dettagli

TRIBUNALE DI TORINO Sezione Esec. lmm. PERIZIA PER ESECUZIONE IMMOBILIARE

TRIBUNALE DI TORINO Sezione Esec. lmm. PERIZIA PER ESECUZIONE IMMOBILIARE Arch. Favio Contardo Via Baretti 36 ~0125 Torino TRIBUNALE DI TORINO Sezione Esec. mm. Giudice dott. Moroni R.G. Bg/2015 Attore: Xxx Convenuto: Yyy PERIZIA PER ESECUZIONE IMMOBILIARE Con atti des/n/zo4,

Dettagli

PIANO ANNUALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE anno scolastico 2014-15

PIANO ANNUALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE anno scolastico 2014-15 PIANO ANNUALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE anno scoastico 2014-15 CORSO: DOCENTE COORDINATORE: DOCENTE SOSTEGNO: ASSISTENTE FISICA: 8 9 10 11 12 14 15 16 17 1. ORARIO DEFINITIVO DELLA CLASSE(in giao:orario

Dettagli

Lexmark Solutions Platform: soluzioni software

Lexmark Solutions Platform: soluzioni software Lexmark Soutions Patform Lexmark Soutions Patform: souzioni software Lexmark Soutions Patform è i framework d appicazione creato e sviuppato da Lexmark per fornire efficienti e accessibii souzioni software

Dettagli

Personal Mastery Report

Personal Mastery Report Persona Mastery Report Profio base Esempio nome società Esempio dipartimento Esempio posizione avoro Mario Esempio 28 aprie 1 Report di Mario Esempio - 28 aprie 1 Indice 1 Persona Mastery Report 3 11 omprendere

Dettagli

Interazione tra forze verticali e longitudinali: effetti anti 5.5 aggiornato 19-11-2013

Interazione tra forze verticali e longitudinali: effetti anti 5.5 aggiornato 19-11-2013 Interazione tra forze verticai e ongitudinai: effetti anti 5.5 aggiornato 19-11-2013 Ne piano frontae si studia interazione tra forze verticai Fz e forze aterai Fy sviuppate a iveo de impronta a terra.

Dettagli

STUDIO SULL'EVOLUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE NEL SETTORE DEl DETERSIVI PER USO DOMESTICO IN ITALIA DAL 1968 AL 197 5

STUDIO SULL'EVOLUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE NEL SETTORE DEl DETERSIVI PER USO DOMESTICO IN ITALIA DAL 1968 AL 197 5 1 T A597~ COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE STUDIO SULL'EVOLUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE NEL SETTORE DE DETERSIVI PER USO DOMESTICO IN ITALIA DAL 1968 AL 197 5 Dicembre 1977 / '...... ~ I presente voume

Dettagli

Insiemi e funzioni CAPITOLO 1 1. GLI INSIEMI CON DERIVE. Come creare un insieme

Insiemi e funzioni CAPITOLO 1 1. GLI INSIEMI CON DERIVE. Come creare un insieme CAPITOLO 1 Insiemi e funzioni 1. GLI INSIEMI CON DERIVE Come creare un insieme I modo piuá sempice per creare un insieme con Derive eá queo di eencare i suoi eementi racchiudendoi a'interno di una coppia

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE STUDIO SULL'EVOLUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE NELL'INDUSTRIA DELLA COSTRUZIONE ELETTRICA IN ITALIA (1970-1974)

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE STUDIO SULL'EVOLUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE NELL'INDUSTRIA DELLA COSTRUZIONE ELETTRICA IN ITALIA (1970-1974) COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE STUDIO SULL'EVOLUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE NELL'INDUSTRIA DELLA COSTRUZIONE ELETTRICA IN ITALIA (1970-1974) e Costruzione di apparecchi eettrodomestici (NICE 376) e

Dettagli

Ponteggi e ancoraggi: quali tecniche utilizzare per il montaggio e l uso?

Ponteggi e ancoraggi: quali tecniche utilizzare per il montaggio e l uso? Articoo Sicurezza in cantiere. La posa de parapetto è effettuata da basso verso ato Ponteggi e ancoraggi: quai tecniche utiizzare per i montaggio e uso? I comparto ponteggi ne ambito de ediizia riveste

Dettagli

Le pensioni dal 1 gennaio 2014

Le pensioni dal 1 gennaio 2014 Argomento A cura deo Spi-Cgi de Emiia-Romagna n. 1 gennaio 2014 Le pensioni da 1 gennaio 2014 Perequazione automatica 2014 pensioni, assegni e indennità civii assistenziai importo aggiuntivo per anno 2013

Dettagli

C12-C32-C42-C52 25 10,5 24,4 26,9 10,1 10,7 97,6 108,7 2,643 3,0745 1,97 1,941 20/25 20 29 37 70 47 8 190 (classe 2) 2,8 0,2 0,5 42,09

C12-C32-C42-C52 25 10,5 24,4 26,9 10,1 10,7 97,6 108,7 2,643 3,0745 1,97 1,941 20/25 20 29 37 70 47 8 190 (classe 2) 2,8 0,2 0,5 42,09 DATI TECNICI Tipo Portata Termica Nominae rif. PCI (80/60) Portata Termica Minima rif. PCI (80/60) Potenza Nominae rif. PCI (80/60) Potenza Nominae di condensazione rif. PCI (50/30) Potenza Minima rif.

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO PROVINCIALE N. 8258

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO PROVINCIALE N. 8258 PROVINCIA DI ASTI VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO PROVINCIALE N. 8258 OGGETTO APPROVAZIONE REGOLAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE 20/62 L anno duemiasei i giorno trenta de

Dettagli

Le grandi imprese. nascono da piccole opportunita...

Le grandi imprese. nascono da piccole opportunita... Le grandi imprese nascono da piccoe opportunita... CHI SIAMO Direzione Lavoro è una Società speciaizzata in Ricerca & Seezione, Formazione e Gestione Risorse Umane. Nasce da unione di un gruppo di professionisti

Dettagli

Unità. KW Kcal/h KW Kcal/h % KW KW % m 3 /h. Kg/h Kg/h. mbar mbar mbar mbar. C % % % % Nm 3 /h. C C l l bar bar bar l 1,2 7 0,7 0,4 3 150.

Unità. KW Kcal/h KW Kcal/h % KW KW % m 3 /h. Kg/h Kg/h. mbar mbar mbar mbar. C % % % % Nm 3 /h. C C l l bar bar bar l 1,2 7 0,7 0,4 3 150. DATI TECNICI Tipo Portata Termica Nominae Portata Termica Nominae Potenza Nominae Potenza Nominae Rendimento Utie Portata Termica Minima Potenza Minima Rendimento a carico ridotto (0 di Pn) PORTATA GAS

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sardegna Direzione Generale Ufficio 4

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sardegna Direzione Generale Ufficio 4 Ministero de struzione, de Università e dea Ricerca Ufficio Scoastico Regionae per a Sardegna Direzione Generae Ufficio 4 AOODRSA.REG.UFF. prot. n. 7373 Cagiari, 9 maggio 206 Ai Dirigenti Scoastici Direzioni

Dettagli

E ANTROPOLOGIA ESISTENZIALE Anno accademico 2015-16

E ANTROPOLOGIA ESISTENZIALE Anno accademico 2015-16 COME RAGGIUNGERE L ATENEO n In treno Da stazione Termini, prendere i treno direzione Civitavecchia e scendere a stazione Aureia. Proseguire a piedi per un breve tratto fino ad arrivare in via de Bazo e

Dettagli

Il Preposto. Stress da lavoro correlato, gestanti, sicurezza negli uffici. Materiale didattico per la formazione dei Preposti

Il Preposto. Stress da lavoro correlato, gestanti, sicurezza negli uffici. Materiale didattico per la formazione dei Preposti Materiae didattico per a formazione dei Preposti I Preposto Stress da avoro correato, gestanti, sicurezza negi uffici Cutura dea sicurezza patrimonio comune de mondo de avoro: impresa, avoratori e parti

Dettagli

QUADRI ELETTRICI BT: GARANTIRE LA SICUREZZA CON LA CONFORMITÀ ALLA NORMATIVA TECNICA

QUADRI ELETTRICI BT: GARANTIRE LA SICUREZZA CON LA CONFORMITÀ ALLA NORMATIVA TECNICA Osservatorio CEI Articoo QUADRI ELETTRICI BT: GARANTIRE LA SICUREZZA CON LA CONFORMITÀ ALLA NORMATIVA TECNICA di Cristina Timò diret tecnico - CEI Angeo Baggini membro comitato - CEI Con i 2012 i periodo

Dettagli

Caldaia Murale a CONDENSAZIONE Miniaturizzata Digitale

Caldaia Murale a CONDENSAZIONE Miniaturizzata Digitale La nuova dimensione de caore Cadaia Murae a CONDENSAZIONE Miniaturizzata Digitae MARCATURA DI RENDIMENTO (92/42/CE) La nuova cadaia a condensazione miniaturizzata con tecnoogia eettronica digitae di STEP.

Dettagli

U.N.I.T.A.L.S.I. REGOLAMENTO GENERALE REGOLAMENTO ELETTORALE

U.N.I.T.A.L.S.I. REGOLAMENTO GENERALE REGOLAMENTO ELETTORALE U.N.I.T.A.L.S.I. Unione Nazionae Itaiana Trasporto Ammaati a Lourdes e Santuari Internazionai REGOLAMENTO GENERALE * * * * REGOLAMENTO ELETTORALE * * * * SECONDA EDIZIONE INDICE GENERALE PREFAZIONE ALLA

Dettagli

Per la gestione automatica. delle forniture telematiche. Tante forniture un unica soluzione

Per la gestione automatica. delle forniture telematiche. Tante forniture un unica soluzione TuttoTe Per a gestione automatica Tante forniture un unica souzione dee forniture teematiche. La souzione competa per e forniture teematiche di dichiarazioni e deeghe. Per gestire in maniera automatica

Dettagli

ESTENSIMETRO O STRAIN GAUGE

ESTENSIMETRO O STRAIN GAUGE ez I trasduttori di forza e di pressione La misura di una forza o di una pressione si ric onduc e aa misura di una deformazione. E queo c he succ ede nee bianc e c he permettono di misurare a forza peso

Dettagli

Atti del X Convegno di Speleologia Lombarda, Brescia, 12-13 dicembre 1981 «NATURA BRESCIANA» Ann. Mus. Civ. Se. Nat., Brescia, 18, 1981, pp.

Atti del X Convegno di Speleologia Lombarda, Brescia, 12-13 dicembre 1981 «NATURA BRESCIANA» Ann. Mus. Civ. Se. Nat., Brescia, 18, 1981, pp. Atti de X Convegno di Speeoogia Lombarda, Brescia, 12-13 dicembre 1981 «NATURA BRESCIANA» Ann. Mus. Civ. Se. Nat., Brescia, 18, 1981, pp. 3-12 PAOLO FORTI** e ALFREDO BINI* ANALISI STATISTICA DELLE PISOLITI

Dettagli

TECNOLISTINO ENERGIE RINNOVABILI MARZO 2015 TECNOLOGIA MADE IN ITALY

TECNOLISTINO ENERGIE RINNOVABILI MARZO 2015 TECNOLOGIA MADE IN ITALY TECNOLISTINO TECNOLOGIA MADE IN ITALY MARZO 2015 ENERGIE RINNOVABILI 1 La A2B Accorroni E.G. è una azienda eader nea produzione di sistemi per riscadamento, raffrescamento, trattamento aria ed energie

Dettagli

RPE X - HPE X 5 17. Refrigeratori d acqua e pompe di calore. Caratteristiche tecniche e costruttive

RPE X - HPE X 5 17. Refrigeratori d acqua e pompe di calore. Caratteristiche tecniche e costruttive RPE X HPE X 5 7 Refrigeratori d acqua e pompe di caore mod. RPE X HPE X 0,5 con parametri di funzionamento secondo e condizioni di carico de impianto mod. RPE X HPE X 5 Panneatura in acciaio inox compreso

Dettagli

e ' Questa storia ha inizio nella

e ' Questa storia ha inizio nella i GIORNALE dea LOGISTICA e ' Francesca Saporiti Le stesse condizioni di temperatura e umidità, a stessa cura e passione di una tradizionae cantina per saumi e insaccati, ma con tecnoogia a'avanguardia

Dettagli

PesaroS.r.l. LISTINO PREZZI CATALOGO TECNICO

PesaroS.r.l. LISTINO PREZZI CATALOGO TECNICO PesaroS.r.. LISTINO PREZZI CATALOGO TECNICO 2014 Gentie Ciente, La Buoneria Pesaro S.r.. è ieta di mettere a Vostra disposizione edizione riveduta e aggiornata de Cataogo/Listino generae dei nostri prodotti.

Dettagli

STUDIO SULL' EVOLUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE NELL'INDUSTRIA DELLA COSTRUZIONE ELETTRICA IN ITALIA

STUDIO SULL' EVOLUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE NELL'INDUSTRIA DELLA COSTRUZIONE ELETTRICA IN ITALIA ~ COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE DIREZIONE GENERALE DELLA CONCORRENZA IV/ A-3 r J STUDIO SULL' EVOLUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE NELL'INDUSTRIA DELLA COSTRUZIONE ELETTRICA IN ITALIA - Costruzione di

Dettagli

Protective Packaging. Il tuo partner per l imballaggio

Protective Packaging. Il tuo partner per l imballaggio Protective Packaging I tuo partner per imbaaggio PROGETTAZIONE E SVILUPPO DI IMBALLAGGI PER OGNI NECESSITÀ PRODUCT CARE La divisione Product Care di Seaed Air risponde ae esigenti sfide poste agi imbaaggi

Dettagli

Riscaldamento - Climatizzazione. Listino Prezzi Marzo 2007

Riscaldamento - Climatizzazione. Listino Prezzi Marzo 2007 Riscadamento - Cimatizzazione Listino Prezzi Cadaie murai a Condensazione Pag. Cadaie murai a Condensazione per interno Cadaie murai a Condensazione per esterno Accessori / Optiona Sistemi aspirazione

Dettagli

la newsletter per l insegnante di storia marzo 2012 Numero 50 PERLASTORIA Progetto Storia 2012

la newsletter per l insegnante di storia marzo 2012 Numero 50 PERLASTORIA Progetto Storia 2012 a newsetter per insegnante di storia marzo 2012 Numero 50 PERLA mai Strumenti e proposte per i avoro in casse e aggiornamento In base ae nuove Indicazioni nazionai e Linee guida Progetto Storia 2012 Edizioni

Dettagli

COMUNE DI SPINO D ADDA LISTA PROGETTO PER SPINO PAOLO RICCABONI SINDACO PAOLO RICCABONI SINDACO. ELEZIONI COMUNALI 15/16 Maggio 2011

COMUNE DI SPINO D ADDA LISTA PROGETTO PER SPINO PAOLO RICCABONI SINDACO PAOLO RICCABONI SINDACO. ELEZIONI COMUNALI 15/16 Maggio 2011 COMUNE DI SPINO D ADDA ELEZIONI COMUNALI 15/16 Maggio 2011 LISTA PROGETTO PER SPINO Disponibiità a servizio Metteremo i singoi cittadini e a coettività a primo posto quai destinatari de nostro avoro. Tutti

Dettagli

DIPARTIMENTO DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA Direzione Generale delle Risorse Materiali, dei Beni e dei Servizi Ufficio I - Sezione I

DIPARTIMENTO DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA Direzione Generale delle Risorse Materiali, dei Beni e dei Servizi Ufficio I - Sezione I MOD. 40/255 DIPARTIMENTO DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA Direzione Generae dee Risorse Materiai, dei Beni e dei Servizi Ufficio I - Sezione I LETTERA CIRCOLARE Ai Proweditori Regionai LORO SEDI AUfficio

Dettagli

Guida all uso 3283. Cenni su questo manuale. Indice. Guida generale. Indicazione dell ora. Cronometro MO1106-IA

Guida all uso 3283. Cenni su questo manuale. Indice. Guida generale. Indicazione dell ora. Cronometro MO1106-IA MO1106-IA Guida a uso 3283 Cenni su questo manuae (Luce) A seconda de modeo di oroogio, a visuaizzazione de testo appare sotto forma di caratteri scuri su sfondo chiaro o sotto forma di caratteri chiari

Dettagli

PesaroS.r.l. LISTINO PREZZI CATALOGO TECNICO

PesaroS.r.l. LISTINO PREZZI CATALOGO TECNICO PesaroS.r.. LISTINO PREZZI CATALOGO TECNICO 2014 Gentie Ciente, La Buoneria Pesaro S.r.. è ieta di mettere a Vostra disposizione edizione riveduta e aggiornata de Cataogo/Listino generae dei nostri prodotti.

Dettagli

Controllo della temperatura. Per tutte le vostre esigenze.

Controllo della temperatura. Per tutte le vostre esigenze. Controo dea temperatura. Per tutte e vostre esigenze. Termoregoatori REGLOPLAS. Controo dea temperatura. Intuitivo. Affidabie. I nostri nuovi prodotti 5 Nuove tecnoogie in uso 7 Souzioni individuai per

Dettagli

RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA

RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA art.. 146 Decreto Legisativo 22/01/200 n. 42 AL COMUNE DI FARRA DI SOLIGO SPORTELLO UNICO EDILIZIA RESIDENZIALE SPAZIO RISERVATO ALL UFFICIO PROTOCOLLO ATTIVITÀ

Dettagli

Introduzione alla spettroscopia. Spettroscopia infrarossa e spettrometria di massa

Introduzione alla spettroscopia. Spettroscopia infrarossa e spettrometria di massa 12 12 Introduzione aa spettroscopia. Spettroscopia infrarossa e spettrometria di massa Neo studiare a chimica organica, abbiamo finora dato per scontato che, quando si isoa da una reazione un composto

Dettagli

Lexmark OfficeEdge Stampanti e dispositivi MFP professionali a colori

Lexmark OfficeEdge Stampanti e dispositivi MFP professionali a colori Lexmark OfficeEdge Stampanti e dispositivi MFP professionai a coori La nuova generazione dea stampa aziendae. La serie OfficeEdge è una nuova categoria di dispositivi progettata con componenti professionai

Dettagli

STUDIO SULL' EVOLUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE NELL' INDUSTRIA ALIMENTARE IN ITALIA

STUDIO SULL' EVOLUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE NELL' INDUSTRIA ALIMENTARE IN ITALIA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE DIREZIONE GENERALE DELLA CONCORRENZA IV/ A-3 STUDIO SULL' EVOLUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE NELL' INDUSTRIA ALIMENTARE IN ITALIA - Industria aimentare in compesso - Industria

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI

INFORMAZIONI GENERALI INFORMAZIONI GENERALI SEDE Ergife Paace Hote Roma Via Aureia, 619-00165 ROMA Come raggiungere a sede IN AEREO: Da Aeroporto Internazionae Leonardo da Vinci di Fiumicino a km.25 taxi treno Fiumicino/Roma

Dettagli

LA LEADERSHIP ARCHETIPALE. Pagina 5. Pagina 7. Pagina 3. Consulenza Formazione Coaching. Numero 2 - Marzo/Aprile 2013

LA LEADERSHIP ARCHETIPALE. Pagina 5. Pagina 7. Pagina 3. Consulenza Formazione Coaching. Numero 2 - Marzo/Aprile 2013 Pioe Numero 2 - Marzo/Aprie 2013 Consuenza Formazione Coaching LA LEADERSHIP ARCHETIPALE Quae è a distinzione tra un eader e un manager? Leader si nasce o si diventa? I tema dea eadership da sempre affascina

Dettagli

Pitture per interni. Innovative, efficienti e sostenibili. Qualità da vivere.

Pitture per interni. Innovative, efficienti e sostenibili. Qualità da vivere. Pitture per interni Innovative, efficienti e sostenibii Quaità da vivere. 2 Sostenibii, resistenti e innovative Le pitture hanno da sempre aiutato uomo a vaorizzare gi ambienti abitativi e a proteggere

Dettagli

Provincia di Terni DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE. Repertorio Generale delle Determinazioni dirigenziali n. 114 del 27/02/2015

Provincia di Terni DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE. Repertorio Generale delle Determinazioni dirigenziali n. 114 del 27/02/2015 Tit. SETTRE: DIRIGENTE: SERVIZI: Ambiente e Difesa de Suoo Arch. Donatea Venti Gestione amm.va contabie Repertorio U.. dee determinazioni dirigenziai n. 2 de 26/01/2015 GGETT: Piano di Azione Ambientae

Dettagli

J yy > Jxx. l o H A R A R B

J yy > Jxx. l o H A R A R B oitecnico di Torino I cedimento di una struttura soggetta a carichi statici può avvenire in acuni casi con un meccanismo diverso da queo di superamento dei imiti di resistena de materiae. Tae meccanismo

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO 1tEGIONiì CAABR ~~~."fscoastico Regionae ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLE DELL'INFANZIA, PRIMARIE, SECONDARIE DI 1 GRADO DI AMENDOLARA, ORIOLO E ROSETO CAPO SPULICO Via Roma, 1-87071- AMENDOLARA (CS) I PROT.

Dettagli

Si ringrazia Giorgio Tosato per l aiuto fornito nella stesura finale e nella correzione dei testi.

Si ringrazia Giorgio Tosato per l aiuto fornito nella stesura finale e nella correzione dei testi. A09 4 Si ringrazia Giorgio Tosato per aiuto fornito nea stesura finae e nea correzione dei testi. Tecnoogia dei Materiai e Chimica Appicata Esercizi svoti ARACNE Copyright MMVIII ARACNE editrice S.r..

Dettagli

Emissione imposte di circolazione e di navigazione 2012

Emissione imposte di circolazione e di navigazione 2012 Sezione dea circoazione, Camorino 1 Emissione imposte di circoazione e di navigazione 2012 L importo totae fatturato per anno 2012 è di: Frs. 120'788'224.-- Così suddiviso: imposte di circoazione Frs.

Dettagli

Da 69 a 102 CVMF. Modelli A e F DI MASSEY FERGUSON

Da 69 a 102 CVMF. Modelli A e F DI MASSEY FERGUSON 3600 Da 69 a 102 CVMF Modei A e F 02 03 Sommario 04 Serie MF 3600: agie, potente e versatie 06 Caratteristiche sempici ma ao stesso tempo straordinarie 08 Potente risposta de motore 10 Ecceenti prestazioni

Dettagli

Children in Crisis Italy

Children in Crisis Italy Chidren in Crisis Itay Istruzione per i bambini piu indifesi a mondo Chidren in Crisis Itay è un associazione non profit (Onus), fondata in Itaia ne 1999 ed originariamente ne Regno Unito ne 1993, per

Dettagli

LA CONTRAFFAZIONE DI PRODOTTI DI ARREDAMENTO, APPARECCHI DI ILLUMINAZIONE, FINITURE DI LEGNO (FINESTRE, PAVIMENTI, PORTE, SCALE) e DESIGN

LA CONTRAFFAZIONE DI PRODOTTI DI ARREDAMENTO, APPARECCHI DI ILLUMINAZIONE, FINITURE DI LEGNO (FINESTRE, PAVIMENTI, PORTE, SCALE) e DESIGN LA CONTRAFFAZIONE DI PRODOTTI DI ARREDAMENTO, APPARECCHI DI ILLUMINAZIONE, FINITURE DI LEGNO (FINESTRE, PAVIMENTI, PORTE, SCALE) e DESIGN VADEMECUM PER IL CONSUMATORE IO SONO, IO SCELGO SOLO Conoscere

Dettagli

il DM 27012004 "Modifiche al Regolamento recante norme concernenti l'autonomia

il DM 27012004 Modifiche al Regolamento recante norme concernenti l'autonomia carica presso a sede de'università; e La Federazione CONFAL-UNSA Coordinamento Nazionae Beni Cuturai (di seguito denominata Federazione) con sede c/o Ministero per i Beni e e AttivitA Cuturai. Via de Coegio

Dettagli

Domande e risposte inerenti il cambio di piano della Cassa pensione Novartis

Domande e risposte inerenti il cambio di piano della Cassa pensione Novartis CASSA PENSIONE NOvArtIS basiea, giugno 2010 Domande e risposte inerenti i cambio di piano dea Cassa pensione Novartis 1 Domande generai... 3 1.01 Quai sono e differenze principai tra i primato di prestazioni

Dettagli

SOLARFOCUS GmbH. rende indipendenti. Presentazione dell azienda. Caldaie a biomassa. Impianti solari termici. Tecnologia di accumulo

SOLARFOCUS GmbH. rende indipendenti. Presentazione dell azienda. Caldaie a biomassa. Impianti solari termici. Tecnologia di accumulo SOLARFOCUS GmbH Presentazione de azienda macht unabhängig Impianti soari termici Tecnoogia di accumuo Cadaie a biomassa Acqua cada sanitaria È ora di rendersi INDIPENDENTI! SOLARFOCUS GmbH... Vi rendiamo

Dettagli

Concorso di Ammssione al XIX ciclo di Dottorato in Fisica - Busta n. 1

Concorso di Ammssione al XIX ciclo di Dottorato in Fisica - Busta n. 1 Concorso di Ammssione a XIX cico di Dottorato in Fisica - Busta n. 1 Icandidato svoga unoasceta dei temi erisova unoasceta dei probemi. Temi 1) Approssimazione semicassica in meccanica quantistica. Principi

Dettagli

RE GOLEm SPINALE. rmanez. PARERE SUL BILANCIO DI PREVISIONE 2014 della COM UNITA' delle REGOLE DI SPINALE E MANEZ e RELATIVI ALLEGATI

RE GOLEm SPINALE. rmanez. PARERE SUL BILANCIO DI PREVISIONE 2014 della COM UNITA' delle REGOLE DI SPINALE E MANEZ e RELATIVI ALLEGATI [ RE GOLEm SPINALE rmanez da1249 PARERE SUL BILANCIO DI PREVISIONE 2014 dea COM UNITA' dee REGOLE DI SPINALE E MANEZ e RELATIVI ALLEGATI Premessa sottoscritti revisori dei conti Casteani Ezio (Ragoi),

Dettagli

MESA entra all Università: al Politecnico di Milano

MESA entra all Università: al Politecnico di Milano www.mesa-sic.com www.mesa-nord. com Anno 0 - numero 3 SETTEMBRE 2014 Dir. Resp. Orietta Mavisi Moretti MESA entra a Università: a Poitecnico di Miano a Mesa Group ampia a propria attività formativa rivota

Dettagli

SETTORE : AMBIENTE. DETERMINAZIONE N. 0 s-- DEL '2.3 GEN. 2015

SETTORE : AMBIENTE. DETERMINAZIONE N. 0 s-- DEL '2.3 GEN. 2015 CITTÀ DI CASTELLAMMARE DI STABIA (Provincia di Napoi ) SETTORE AMBIENTE Via De Turris n.16 "Paazzo S.Anna" Te. 081 3900212 Fax 081 39005382 PEC: ambiente.stabia@asmepec.it SETTORE : AMBIENTE DETERMINAZIONE

Dettagli

Prof. M. Giampietro Dott.sa M. Ballesio Dott. I. Bertini. Dott. E.Paolini. Tirrenia, 09/12/2011

Prof. M. Giampietro Dott.sa M. Ballesio Dott. I. Bertini. Dott. E.Paolini. Tirrenia, 09/12/2011 Prof. M. Giampietro Dott.sa M. Baesio Dott. I. Bertini Dott sa E.Ebner Dott.sa E Ebner Dott. E.Paoini Tirrenia, 09/12/2011 Med Sci Sports Exerc. 2009 Mar; 41(3):709Ǧ31 JADA. 2009 Mar; 109 (3): 509Ǧ527.

Dettagli

SEZIONE 1 INTRODUZIONE

SEZIONE 1 INTRODUZIONE SEZIONE 1 INTRODUZIONE Sezione 1 INTRODUZIONE Gi argomenti trattati in questa sezione sono Veicoi commerciai Cassi, autorizzazioni e imitazioni dea patente di guida per uso commerciae Requisiti per a patente

Dettagli

Ordine del Giorno. 2. Esame ed approvazione della bozza di bilancio di esercizio chiuso al 3 1.12.2014;

Ordine del Giorno. 2. Esame ed approvazione della bozza di bilancio di esercizio chiuso al 3 1.12.2014; UNGAS DSTRBUZONE S.R.L. - VA LOMBARDA N. 27-24027 NEMBRO (BG) - C.F. P..V.A. 03083850168 LBRO DELLE DECSON DEGL AMMNSTRATOR VERBALE DEL CONSGLO D AMMNSTRAZONE DEL 26 FEBBRAO 2015 Oggi, 26 febbraio 2015,

Dettagli

Quarta Lezione. Il prospettografo. Il vetro è dotato di una griglia che permette al pittore di riportare il punto traguardato su un foglio di carta.

Quarta Lezione. Il prospettografo. Il vetro è dotato di una griglia che permette al pittore di riportare il punto traguardato su un foglio di carta. Quarta Lezione I prospettografo La ezione inizia facendo e prime esperienze pratiche co prospettografo. I prospettografo è uno strumento di uso rinascimentae che aiuta a studiare a geometria dea proiezione

Dettagli