Gravidanza e trapianto renale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gravidanza e trapianto renale"

Transcript

1 2/ 2005 RIASSUNTO Dopo il primo successo, riportato oltre 40 anni fa, di una gravidanza, in una donna trapiantata con il rene della sorella omozigote, senza quindi terapia immunodepressiva, il sogno di una gravidanza in una trapiantata di rene è diventato realtà, e, ad oggi, sono segnalate circa gravidanze in donne trapiantate. Quasi il 35% delle gravidanze non progredisce oltre il primo trimestre, ma in quelle che lo superano il successo è stato osservato in oltre il 90% dei casi. In questa rassegna sono analizzate, da un lato, le conseguenze che la gravidanza può avere sull andamento del rene e sulla morbilità materna (modificazioni emodinamiche, problemi immunologici, ipertensione e pre-eclampsia, infezioni delle vie urinarie ed eventuale interferenza negativa sulla funzionale renale a lungo termine) e dall altro l influenza del rene trapiantato sulla gravidanza e sul feto (mortalità perinatale, prematurità, ritardo di crescita, ridotto peso alla nascita, malformazioni e handicap, problemi immunologici a breve e lungo termine). Viene inoltre discusso il ruolo dei farmaci immunodepressori usati per il trapianto di rene. Una gravidanza può avere un andamento favorevole se vengono rispettate alcune linee-guida: buona funzione renale preconcezionale, assenza di ipertensione, intervallo trapianto-concepimento di almeno due anni. In sintesi le pazienti in età fertile che hanno ricevuto un trapianto di rene debbono ricevere un adeguato consiglio preconcezionale relativo alle possibilità e ai rischi di una gravidanza. Piero Stratta 1 Gianfranca Cabiddu 2 1 Direttore Cattedra di Nefrologia, Università del Piemonte Orientale SCDU Nefrologia e Trapianto Azienda Ospedaliera Maggiore della Carità, Novara 2 Dirigente Medico Divisione di Nefrologia Dialisi e Trapianto Azienda Ospedaliera G. Brotzu, Cagliari Gruppo di Studio Rene e Gravidanza della SIN Parole chiave Gravidanza, trapianto renale, andamento fetale. Pregnancy and kidney transplantation SUMMARY Since the first successful case of a pregnancy reported 40 years ago in a woman receiving a kidney transplant from her identical twin sister who did not receive immunosuppressive medications, the dream of a pregnancy in a renal recipient has became reality and now more than 15,000 pregnancies in 12,000 transplanted women have been reported. Approximately 35% of pregnancies do not progress beyond the first trimester, but the success rate is more than 90% after the first trimester. In this review, different aspects of this topic are discussed: the consequences of pregnancy on renal grafts and maternal morbidity (hemodynamic changes, immunological problems, hypertension/pre-eclampsia, urinary tract infections, and renal damage progression) and the influence of renal graft on pregnancy (perinatal mortality, prematurity, intrauterine growth retardation, low birth weight, malformations, handicaps and immunological problems) and the role of drugs used for renal transplants. A pregnancy can have successful outcome if preconceptional graft function is good, if hypertension is absent and if the interval from grafting is at least 2 years. In conclusion, women of childbearing age who have had renal transplantation should counselled before conception about possibility and risks of pregnancy. Key words Pregnancy, kidney transplantation, fetal outcome. 53

2 Introduzione L uremia nella donna è spesso accompagnata da alterazioni della fertilità con ritorno nella maggioranza dei casi, dopo un trapianto di rene favorevole, ad un normale ciclo ovulatorio in un periodo variabile da 1 a 20 mesi, con la possibilità perciò di iniziare una gravidanza. La prima esperienza in questo senso risale al 1958 quando venne riportata da Murray 1 la prima gravidanza in una donna trapiantata dalla sorella omozigote, in assenza pertanto di terapia immunodepressiva: successivamente fu descritta solo una gravidanza da una donna che riceveva immunodepressori nel , tuttavia il sogno di condurre a termine una gravidanza dopo un trapianto iniziava a diventare realtà 3. Che cosa è cambiato oggi dal pessimistico editoriale di Lancet del 1975 che sottolineava come: Children of women with renal disease used to be born dangerously or not at all, not at all if their doctors had their way 4, tanto che recentemente è stato calcolato che siano circa le gravidanze in donne con trapianto renale 5? È cambiato ad esempio che, all inizio del terzo millennio, tutte le donne in età fertile, che hanno ricevuto un trapianto di rene, dovrebbero essere consigliate per una decisione consapevole, prima del concepimento, sulle possibilità e i rischi di una gravidanza, con una attenta valutazione di tutti gli aspetti di questo evento, considerando entrambi i lati della medaglia e cioè, l influenza che la gravidanza può avere sulla funzione e sopravvivenza del trapianto e sulla morbilità materna e viceversa, il ruolo che il trapianto può avere sull esito della gravidanza e sull andamento fetale a breve e lungo termine 3. Influenza della gravidanza sulla funzione e sopravvivenza del trapianto e sulla morbilità materna La gravidanza può provocare problemi immunologici, avviare sul rene un danno non immunologico da aumento della filtrazione, favorire l urostasi e l infezione urinaria e la comparsa di ipertensione arteriosa. 1. Rigetto acuto. L ipotesi della gravidanza come stato di tolleranza immunologica è in linea con diversi studi controllati che dimostrano una incidenza di rigetti acuti non superiori all atteso anche se alcuni dati riportano frequenze superiori dal momento del concepimento fino a tre mesi dopo il parto: esiste tuttavia un consenso comune che questo rischio non sia superiore all usuale, se la gravidanza è affrontata in stato di quiescienza immunologica con terapia immunodepressiva ben stabilizzata, e senza modificarne le dosi, con l avvertenza di incrementare la posologia di steroidi, anche a boli, nell immediato post-partum 3. 54

3 2. Prognosi renale a distanza. La maggior parte degli studi 6,7 non evidenzia differenze della prognosi renale a lungo termine nel confronto tra trapiantate senza e con gravidanza, neppure con gravidanze ripetute 8 e solo uno studio controllato a lungo termine segnala una sopravvivenza renale significativamente inferiore a 10 anni nelle pazienti trapiantate con gravidanza (rispettivamente 69% e 100% 3 ). Le evidenze disponibili suggeriscono che per l andamento della gravidanza siano di particolare importanza i livelli di Crs al concepimento e l intervallo trapianto-gravidanza. I risultati migliori sono riportati con Crs < 1,5 mg% e con intervallo trapianto-gravidanza di almeno due anni in donne in terapia con steroidi e azatioprina (ancora migliore sembrerebbe la prognosi con Crs < 1,4mg/dl e intervallo trapianto-gravidanza di 5 anni) 9. Altri fattori di rischio per l andamento del rene sono rappresentati dall ipertensione arteriosa, dalla proteinuria > 1 g e dalla dilatazione delle vie escretrici Altre complicanze materne. La comparsa/aggravamento dell ipertensione è riportata nel 30-40%, una pre-eclampsia sovrapposta nel 20-30%, ma va tenuto presente che in queste valutazioni sono comprese anche casistiche non recenti, con una frequenza maggiore nelle pazienti trattate con CyA; le infezioni delle vie urinarie in toto sono riportate fino al 40%, ma quelle sintomatiche dai dati raccolti dal gruppo di studio Rene e Gravidanza della SIN risultano del 4,2%. Influenza del trapianto sulla gravidanza e sull andamento fetale a breve e lungo termine Un esito favorevole (nascita di un bambino vivo) è riportata nel 66% dei casi, ed in oltre il 90% delle gravidanze che hanno superato il primo trimestre. Una interruzione della gravidanza è riportata mediamente nel 34% (spontanea nel 14% e terapeutica nel 20%). Nel 50 % delle donne il parto è pre-termine. I principali problemi fetali sono: ritardo di crescita (20-30%), parto prematuro (40-50%), aumentata mortalità perinatale (8-10%), anomalie congenite (3-5%). La sintesi dei dati disponibili dimostra che, analogamente all andamento materno, anche per la prognosi fetale è importante la funzione renale al concepimento (sopravvivenza fetale del 96% e 75% rispettivamente nelle donne con Crs < e > 1,4 mg/dl), la proteinuria, l ipertensione, l intervallo trapianto-gravidanza e la situazione immunologica ben stabilizzata e con farmaci a dosaggio di mantenimento 3. Tuttavia la situazione del feto appare più complessa, in quanto anche ottimizzando i parametri indicati esiste un potenziale effetto negativo rappresentato dai farmaci immunodepressori che, attraversando la placenta, possono essere responsabili di prematurità, ritardo di crescita intrauterina, alterazioni del sistema immunitario, malformazioni e specifica tossicità organica 3. Certamente la conclusione 55

4 dai dati oggi disponibili 3 è che la maggioranza dei neonati esposti ha un decorso non complicato, tuttavia la possibile insorgenza di questi problemi non può essere esclusa in modo assoluto su tutti i nati da donne trapiantate, soprattutto ora che osservazioni a più lungo termine sembrano evidenziare talora la possibilità di deficit dello sviluppo e alterazioni immunologiche persistenti. È evidente che di questi rischi deve essere avvisata la paziente trapiantata che Informare che la gravidanza può avere un esito positivo (circa l 80-90%), con morbilità neonatale da parto pre-termine nel 50% dei casi circa; ricordare i possibili effetti negativi sul rene, e la possibilità di ridurre il rischio renale e fetale in base all adozione al concepimento dei criteri seguenti: Tabella I. Raccomandazioni pregravidanza Buone condizioni cliniche generali con stabilità immunologica ben funzionante da almeno 2 anni per il trapianto da donatore cadavere (un anno dopo trapianto da vivente) 2. Nessuna evidenza di rigetto 3. Funzione renale stabile con Crs < 1,5 mg/dl 4. Terapia immunosoppressiva a dosi contenute, ad esempio: a. prednisone < 15 mg die b. azathioprina < 2 mg die c. ciclosporina 2-4 mg die d. micofenolato e sirolimus sono controindicati e dovrebbero essere sospesi sei settimane prima del concepimento 5. Ipertensione assente o ben controllata (soltanto un farmaco) 6. Proteinuria assente o moderata (< 500mg/die) 7. Non dilatazione delle vie escretrici. intende affrontare una gravidanza, all atto del consiglio preconcezionale (tabella I). Consigli pratici Prima della gravidanza La trapiantata che vuole intraprendere una gravidanza, e che soddisfa i requisiti indicati nella tabella I, deve sospendere i farmaci potenzialmente teratogeni, quali gli ACE-inibitori e gli inibitori del recettore dell angiotensina. Il trattamento immunodepressivo, se comprende il micofenolato ed il sirolimus, deve essere rivalutato e questi farmaci sospesi circa sei settimane prima del concepimento. Gestione della gravidanza (tabella II) Durante la gravidanza la paziente deve essere sottoposta ad una stretta monitorizzazione clinico-laboratoristica con controlli nefrologici ed ostetrici. La gestione della gravidanza comprende: 56

5 a) Monitorizzazione della funzione renale e delle urine Una valutazione seriata della funzione renale è indispensabile fin dall inizio della gravidanza. È da tenere presente che anche nel trapianto è evidente il fisiologico incremento del filtrato glomerulare, che è tanto maggiore quanto più alto è il filtrato pre-gravidanza 7 : questo ritorna ai livelli valori precedenti la gravidanza a partire dal terzo trimestre. Una proteinuria compare o si incrementa a partire dal termine del secondo trimestre nel 40% dei casi. b) Controllo della pressione arteriosa È necessario effettuare uno stretto monitoraggio pressorio durante la gravidanza ed una ottimizzazione del suo trattamento. Come ricordato è stato dimostrato che l ipertensione arteriosa prima della gravidanza è un fattore di rischio per basso peso alla nascita, soprattutto in pazienti trattate con ciclosporina. Nel 3 trimestre la comparsa di ipertensione arteriosa e proteinuria, in precedenza assenti, può porre problemi di diagnosi differenziale tra una patologia renale sottostante (rigetto, recidiva glomerulonefritica, nefrite interstiziale) e la pre-eclampsia, che si può manifestare in circa il 30% dei casi. La diagnosi può, in questo contesto, essere difficoltosa e talora anche richiedere la biopsia renale. In questa situazione infatti l iperuricemia, utile marker di pre-eclampsia, può anche non Pre-trapianto Vaccinazione per la rosolia Tabella II. Monitoraggio e gestione della trapiantata in gravidanza 10,13,14. Pre-gravidanza Compatibilità Rh con il rene trapiantato Determinazione dei marker HBV, HCV, herpes simplex, CMV, toxoplasmosi e rosolia Sospendere gli ACE-inibitori e/o gli inibitori del recettore dell angiotensina Sospendere il micofenolato e il sirolimus Durante la gravidanza Mensilmente Creatininemia, clearance della creatinina, proteinuria delle 24 ore Emocromo, elettroliti Urinocultura, esame urina Livelli ematici di ciclosporina o tacrolimus Visita nefrologica ed ostetrica Esame ecografico renale ed ostetrico Trimestralmente IgG e IgM per CMV e toxoplasma Ultimo trimestre IgM per herpes simplex Sorveglianza fetale Stretto controllo pressorio 57

6 essere utile per le possibili interferenze farmacologiche (ciclosporina e tacrolimus). L acido acetilsalicilico a basse dosi dalla 16 a settimana può essere utilizzato come trattamento preventivo. Dai dati delle ultime metanalisi è emerso che la profilassi con 100 mg/die di ASA è indicata nelle donne ad alto rischio di pre-eclampsia precoce e di ritardo di crescita fetale 11. c) Diagnosi precoce di rigetto L incidenza di rigetto acuto in gravidanza, come già ricordato, non è superiore a quella attesa nelle trapiantate non in gravidanza: tuttavia una sua comparsa richiede una diagnostica tempestiva e necessita anche della biopsia renale per le problematiche differenziali, come sopra segnalato. Rappresentano fattori di rischio per il rigetto acuto gli elevati livelli di creatininemia al concepimento ed eventuali modificazioni dei livelli di immundepressori. d) Terapia immunosoppressiva: raccomandazioni La terapia immunosoppressiva basata in linea generale su ciclosporina o tacrolimus, steroidi e azatioprina deve essere naturalmente continuata durante tutta la gravidanza e generalmente mantenuta alle dosi pre-gravidanza 3. È da considerare che il migliore andamento è associato con le più basse dosi di steroidi o con la loro assenza, e che le dosi di CyA debbono essere modificate in base ai livelli ematici (tabella I). Per quest ultimo farmaco infatti durante la gravidanza ci può essere una riduzione dei livelli plasmatici dovuta sia ai cambiamenti nel volume di distribuzione, sia ad un aumentato metabolismo del farmaco 12 ed è pertanto necessario adeguarne i dosaggi. È buona norma non effettuare conversioni, durante la gravidanza o nei primi tre mesi del post-partum, Sandimmun-Neoral o CyA-Tacrolimus a causa della differente biodisponibilità, al fine di non correre rischi di sottodosaggio farmacologico e quindi di rigetto. e) Controllo della anemia L anemia può rappresentare un rischio fetale aggiuntivo: la World Health Organization definisce anemia in gravidanza una Hb = 11 g/dl, anche se molti clinici indicano come limite una Hb = 10 g/dl. In caso di necessità può essere utilizzata l eritropoietina, dopo che il deficit di ferro è stato corretto: il suo utilizzo in gravidanza, alla luce dei dati attualmente disponibili 12, sembra essere non solo efficace, ma anche sicuro. f) Monitoraggio delle infezioni Le trapiantate in gravidanza hanno un aumentato rischio di infezioni, e queste rappresentano, come l anemia, un fattore ulteriore di rischio fetale che si aggiunge a quello del trattamento immunodepressivo. 58

7 La gestione dei problemi delle pazienti con insufficienza renale evolutiva in età fertile deve essere avviata già ben prima della fase della terapia sostitutiva. È il caso ad esempio della siero-negatività per la rosolia, che deve essere affrontata con vaccinazione prima del trapianto, in quanto dopo il trapianto l uso dei vaccini è controindicato 12, a causa dei movimenti immunitari che può indurre. Dal punto di vista del monitoraggio delle possibili complicanze infettive è indispensabile il controllo, ogni 3 mesi, della sierologia (IgG/IgM) per cytomegalovirus (CMV), e per il toxoplasma; nell ultimo trimestre poi è raccomandata la determinazione della sierologia per herpes simplex. Per quanto riguarda l infezione da CMV se l intervallo trapianto-gravidanza è superiore ai 2 anni, il periodo di maggiore rischio per l infezione dovrebbe essere trascorso. Nelle donne con infezione primaria o riattivazione intra-gravidica da CMV, l infezione può essere trasmessa al feto nel 20-40% dei casi, con serie complicanze nel 10% dei neonati infetti, quali: morte perinatale, microcefalia, sordità, ritardo mentale. Non è stata dimostrata l efficacia del ganciclovir o delle globuline iperimmuni per prevenire le patologie fetali. Dosi doppie a quelle utilizzate in clinica risultano dannose per il feto in modelli animali 14. Per quanto riguarda l infezione da toxoplasma, dal momento che una infezione congenita è dimostrata occasionalmente anche in caso di riattivazione intra-gravidica della toxoplasmosi in pazienti immunodepresse è stato suggerito di trattare con sulfadiazina e pirimetamina o spiromicina non solo l infezione primaria, ma anche l aumento del titolo anticorpale nelle pazienti trapiantate, sia pure in assenza di malattia. L infezione primaria da toxoplasma comporta una infezione fetale nel 25-65% 14. L infezione primaria o la riattivazione dell herpes durante la gravidanza comporta il rischio di trasmissione fetale verticale intra-partum, se l infezione si manifesta o persiste durante il 3 trimestre. Se si ha una cultura cervicale positiva per herpes simplex prima del parto è indicato il parto cesareo al fine di ridurre il rischio di herpes neonatale. L acyclovir può essere usato in gravidanza, ma quando l infezione si manifesta prima della 20 a settimana di gestazione è descritto un aumentato rischio di aborto. Tra le altre forme infettive si ricorda soprattutto il rischio di infezioni urinarie e pielonefriti acute. Pertanto è necessario effettuare mensilmente l urinocoltura e trattare anche le batteriurie asintomatiche 14. Gestione del parto Raccomandazioni. L obiettivo è l espletamento del parto per vie naturali, anche se il ricorso al taglio cesareo è elevato per problemi ostetrici. Nel 50% dei casi il parto è pre-termine (< 37 settimane) sia per ragioni ostetriche, sia per la rottura prematura delle membrane correlata verosimilmente alla protratta terapia steroidea. 59

8 Periodo perinatale. Si consiglia di intensificare la terapia steroidea nel peri-partum e peri-abortum per evitare il rischio di rigetto. Allattamento. Evitare l allattamento materno in quanto è stato dimostrato il passaggio dei farmaci nel latte. Monitoraggio neonatale. Affidare il neonato al controllo del neonatologo. I principali problemi neonatali sono: il ritardo di crescita (< 2500g) e la prematurità (< 37 settimane) nel 50% dei casi 10,14. BIBLIOGRAFIA 1. Murray JE, Reid DE, Harrison JH, Merril JP. Successful pregnancies after human renal transplantation. N Engl J Med 1963; 15: Board JA, Lee HM, Draper DA, Hume DM. Pregnancy following kidney homotransplantation from a non-twin. Report of a case with concurrent administration of azathioprine and prednisone. Obstet Gynecol 1967; 29: Stratta P, Canavese C, Giacchino F, Mesiano P, Quaglia M, Rossetti M. Pregnancy in kidney transplantation: satisfactory outcomes and harsh realities. J Nephrol 2003; 16: Editorial. Pregnancy and renal disease. Lancet 1975; 25: Davison JM. Comunicazione personale. 17th Congress of International Society of Nephrology. Berlin, June First MR, Combs CA, Weiskittel P, Miodovnik M. Lack of effect of pregnancy on renal allograft survival or function. Transplantation 1995; 59: Sturgiss SN, Davison JM. Effect of pregnancy on the long-term of renal allograft: an update. Am J Kidney Dis 1995; 26: Miranda CTBC, Melaragno C, Camara NO, Pacheco-Silva A, Medina-Pestana PJO. Adverse effects of pregnancy on renal allograft function. Transplant Proc 2002; 34: Armenti VT, Radomski JS, Moritz MJ, Philips LZ, McGrory CH, Coscia LA. Report from the National Transplantation Pregnancy Registry (NTPR): outcomes of pregnancy after transplantation. Clin Transpl 2000: EBPG Expert Group on renal transplantation. European best practice guidelines for renal transplantation. Pregnancy in renal transplant recipients. Nephrol Dial Transplant 2002; 17 (suppl 4): S Leitich H, Egarter C, Husslein P, Kaider A, Schemper MA. A meta-analysis of low dose aspirin for the prevention of intrauterin growth retardation. Br J Obstet Gynecol 1997; 104: Hou S. Pregnancy in renal transplant recipients. Adv Ren Replace Ther 2003; 10: Hou S. Pregnancy in chronic renal insufficiency and end-stage renal disease. Am J Kidney Dis 1999; 33: Linee Guida della Società Italiana di Nefrologia. Rene e Gravidanza. 60

La rosolia nella donna in gravidanza

La rosolia nella donna in gravidanza La rosolia nella donna in gravidanza ROSOLIA Trasmissione materno-fetale Trasmissione transplacentare Nel corso della fase viremica con o senza manifestazioni cliniche L infezione fetale dopo reinfezione

Dettagli

La gravidanza nelle malattie renali, dialisi e trapianto: i Registri

La gravidanza nelle malattie renali, dialisi e trapianto: i Registri La gravidanza nelle malattie renali, dialisi e trapianto: i Registri Dr. V. Agnello, Dr. P. Di Gaetano, Dr. V. Guaiana, Dr. V. Sparacino Taormina, 15 aprile 2011 CONTATTI SCHEDA DATI 10 anni (1977-1987)

Dettagli

La rosolia nella donna in gravidanza

La rosolia nella donna in gravidanza Corso di aggiornamento obbligatoria Arezzo, 16/06/2007 La rosolia nella donna in gravidanza Dott. Ario Joghtapour Specialista in Ginecologia e Ostetricia e Fisiopatologia della Riproduzione Dott. Francesco

Dettagli

La rosolia nella donna in gravidanza

La rosolia nella donna in gravidanza La rosolia nella donna in gravidanza Carla Verrotti Piano Nazionale di eliminazione del morbillo e della Rosolia congenita. Corso ROSOLIA CONGENITA Parma 12 maggio 2007 D.M. 10 SETTEMBRE 1998 Aggiornamento

Dettagli

PROTOCOLLO PER L'UTILIZZO DI DONATORI anti-hcv + IN PAZIENTI anti-hcv + NEL TRAPIANTO DI RENE

PROTOCOLLO PER L'UTILIZZO DI DONATORI anti-hcv + IN PAZIENTI anti-hcv + NEL TRAPIANTO DI RENE Versione aggiornata al 1 agosto 2003 PROTOCOLLO PER L'UTILIZZO DI DONATORI anti-hcv + IN PAZIENTI anti-hcv + NEL TRAPIANTO DI RENE Principi generali Razionale La carenza di donatori d organo rappresenta

Dettagli

Funzione della struttura di riferimento regionale per la gestione delle infezioni in gravidanza

Funzione della struttura di riferimento regionale per la gestione delle infezioni in gravidanza CORSO REGIONALE SULLA ROSOLIA CONGENITA E NUOVE STRATEGIE DI PREVENZIONE Funzione della struttura di riferimento regionale per la gestione delle infezioni in gravidanza Dott.ssa Nadia Gussetti U.O. Malattie

Dettagli

Rischio di infezione congenita e danno fetale dopo infezione materna a diverse età gestazionali

Rischio di infezione congenita e danno fetale dopo infezione materna a diverse età gestazionali 05-2_rosolia_CG_111109.ppt pag. 1 Rischio di infezione congenita e danno fetale dopo infezione materna a diverse età gestazionali Età gestazionale (settimane) Tasso di infezione congenita (%) Neonati infetti

Dettagli

IPOTIROIDISMO IN GRAVIDANZA

IPOTIROIDISMO IN GRAVIDANZA 1 ottobre 2011 IPOTIROIDISMO IN GRAVIDANZA Dott.ssa Elena Fachinat DATI EPIDEMIOLOGICI : Prevalenza stimata di ipotiroidismo conclamato in gravidanza : 0,3-0,5% Prevalenza stimata di ipotiroidismo subclinico

Dettagli

PRE-GRAVIDANZA INFEZIONE DA CITOMEGALOVIRUS UMANO

PRE-GRAVIDANZA INFEZIONE DA CITOMEGALOVIRUS UMANO FIGURA 1 PRE-GRAVIDANZA IgG - IgM - IgG + IgM - Soggetto suscettibile all infezione primaria Soggetto immune (infezione pregressa) Referto commentato: : se in previsione di una gravidanza, consulti il

Dettagli

I fattori di rischio di nefrotossicità post-trapianto possono sommariamente distinguersi in non modificabili e modificabili.

I fattori di rischio di nefrotossicità post-trapianto possono sommariamente distinguersi in non modificabili e modificabili. 1 I fattori di rischio di nefrotossicità post-trapianto possono sommariamente distinguersi in non modificabili e modificabili. I primi sono rappresentati dalle caratteristiche demografiche dei pazienti

Dettagli

INTRODUZIONE. Capitolo 2 Anatomia della pelvi femminile Genitali esterni Genitali interni Test di autovalutazione

INTRODUZIONE. Capitolo 2 Anatomia della pelvi femminile Genitali esterni Genitali interni Test di autovalutazione INTRODUZIONE Capitolo 1 Anamnesi e visita ginecologica Anamnesi ostetrico-ginecologica Visita ginecologica Visita ostetrica Esami diagnostici strumentali Capitolo 2 Anatomia della pelvi femminile Genitali

Dettagli

DIABETE GESTAZIONALE: QUALE MODALITA DEL PARTO? G.SCAGLIARINI

DIABETE GESTAZIONALE: QUALE MODALITA DEL PARTO? G.SCAGLIARINI DIABETE GESTAZIONALE: QUALE MODALITA DEL PARTO? G.SCAGLIARINI Parto e Diabete Timing del parto Modalità del parto Timing del parto pretermine a termine Modalità del parto Travaglio spontaneo Induzione

Dettagli

Terapie nel DM2 non. Reggio Emilia 2009

Terapie nel DM2 non. Reggio Emilia 2009 Terapie nel DM2 non Ipoglicemizzanti Reggio Emilia 2009 Ipertensione: obiettivi Il trattamento anti-ipertensivo nei pazienti con diabete ha come obiettivo il raggiungimento di valori di pressione sistolica

Dettagli

Patologia infettiva oculare coesistente

Patologia infettiva oculare coesistente Azienda Ospedaliera Pediatrica SANTOBONO PAUSILIPON ANNUNZIATA S.S.D. Centro di Riferimento Regionale per la Diagnosi ed il Trattamento della Retinopatia della Prematurità Direttore dott. Salvatore Capobianco

Dettagli

INFEZIONI VIRALI A TRASMISSIONE MATERNO-FETALI

INFEZIONI VIRALI A TRASMISSIONE MATERNO-FETALI INFEZIONI VIRALI A TRASMISSIONE MATERNO-FETALI Alcune malattie infettive ad eziologia virale e andamento benigno nei soggetti immunocompetenti, se sono contratte durante la gravidanza, possono rappresentare

Dettagli

Diabete in gravidanza

Diabete in gravidanza Diabete in gravidanza Diabete preesistente tipo 1 tipo 2 Diabete gestazionale DIABETE GES TAZIONALE (GDM) DEFINIZIONE Intolleranza ai carboidrati di grado variabile, il cui inizio o primo riconoscimento

Dettagli

Molte informazioni Insufficienza renale e diabete Maurizio Gallieni

Molte informazioni Insufficienza renale e diabete Maurizio Gallieni Insufficienza renale e diabete Molte informazioni Maurizio Gallieni U.O. Nefrologia e Dialisi A.O. Ospedale San Carlo Borromeo, Milano Medscape 21/9/2012 ASN September 2012 examine the relationship of

Dettagli

GRAVIDANZA E GLOMERULONEFRITI

GRAVIDANZA E GLOMERULONEFRITI Taormina 15-16 aprile 2011 GRAVIDANZA E GLOMERULONEFRITI Claudio Pozzi Ospedale Bassini ICP Milano Bibliografia ricca negli anni 80 e 90 Hayslett JP, Kidney Int 1984 Surian M et al, Nephron 1984 Katz AI

Dettagli

Gravidanza fisiologica e a rischio

Gravidanza fisiologica e a rischio WOMAN IN CHANGE Donne che cambiano Modena, 25 / 26 / 27 marzo 2010 Gravidanza fisiologica e a rischio Dr.ssa Rossana Bellucci Direttore Laboratorio Test Modena Durante la gravidanza tutte le donne si sottopongono

Dettagli

GRAVIDANZA POST-TRAPIANTO: UN PROGETTO DA PIANIFICARE

GRAVIDANZA POST-TRAPIANTO: UN PROGETTO DA PIANIFICARE G ITAL NEFROL 2012; 29 (3): 308-320 RASSEGNA GRAVIDANZA POST-TRAPIANTO: UN PROGETTO DA PIANIFICARE GIN FAD Alessandra Trubian, Gianluigi Zaza, Carlo Rugiu, Paola Tomei, Antonio Lupo Sezione di Nefrologia,

Dettagli

PROTOCOLLO PER L'UTILIZZO DI DONATORI anti-hcv + IN PAZIENTI anti-hcv + o anti-hcv - IN LISTA PER TRAPIANTO DI CUORE E/O POLMONE

PROTOCOLLO PER L'UTILIZZO DI DONATORI anti-hcv + IN PAZIENTI anti-hcv + o anti-hcv - IN LISTA PER TRAPIANTO DI CUORE E/O POLMONE Versione aggiornata al 1 agosto 2003 PROTOCOLLO PER L'UTILIZZO DI DONATORI anti-hcv + IN PAZIENTI anti-hcv + o anti-hcv - IN LISTA PER TRAPIANTO DI CUORE E/O POLMONE Principi generali La carenza di donatori

Dettagli

CRITERI ALLARGATI per la SELEZIONE del DONATORE VIVENTE nel TRAPIANTO RENALE

CRITERI ALLARGATI per la SELEZIONE del DONATORE VIVENTE nel TRAPIANTO RENALE Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata Verona Dipartimento di Chirurgia e Odontoiatria - Direttore. Dr. U. Tedeschi USD: Centro Trapianti Renali - Responsabile Dr. L. Boschiero CRITERI ALLARGATI per

Dettagli

Raffaella Michieli Venezia

Raffaella Michieli Venezia Le malattie infettive in gravidanza: quando è indicato il Taglio Cesareo? Raffaella Michieli Venezia Trasmissione verticale delle infezioni in gravidanza Contagio intrauterino ( infezioni congenite) Contagio

Dettagli

PREDIZIONE DI IUGR, PREECLAMPSIA E DIPNI MEDIANTE DOSAGGIO DI PAPP-A ED ECOGRAFIA. Dr.ssa FEDERICA GIOMMI

PREDIZIONE DI IUGR, PREECLAMPSIA E DIPNI MEDIANTE DOSAGGIO DI PAPP-A ED ECOGRAFIA. Dr.ssa FEDERICA GIOMMI PREDIZIONE DI IUGR, PREECLAMPSIA E DIPNI MEDIANTE DOSAGGIO DI PAPP-A ED ECOGRAFIA Dr.ssa FEDERICA GIOMMI Milano Marittima 5 Giugno 2010 www.centroaretusa.it Preeclampsia Preeclampsia : 2% delle gravidanze,

Dettagli

Introduzione ai Test di Avidità 3 Congresso NEWMICRO Padenghe sul Garda 20-22 Marzo 2013

Introduzione ai Test di Avidità 3 Congresso NEWMICRO Padenghe sul Garda 20-22 Marzo 2013 Introduzione ai Test di Avidità 3 Congresso NEWMICRO Padenghe sul Garda 20-22 Marzo 2013 Daniela Bernasconi Product Manager Infectious Disease Abbott Diagnostici Italia CMV e T. gondii Principali Differenze:

Dettagli

CARTELLA DELLA GRAVIDANZA

CARTELLA DELLA GRAVIDANZA CARTELLA DELLA GRAVIDANZA Portare tutta la documentazione ad ogni visita ed al ricovero N 20.. Cognome.Nome.... Nata a. il. età.. Residente via/piazza. Comune.. Prov tel/cel.. Professione. Tessera Sanitaria.

Dettagli

Selezione e gestione del ricevente

Selezione e gestione del ricevente Selezione e gestione del ricevente Le tre condizioni che più comunemente portano all insufficienza renale e che sono trattate con il trapianto di rene sono : il diabete mellito insulino-dipendente, la

Dettagli

PRESENTAZIONE PODALICA

PRESENTAZIONE PODALICA 1 2 3 INDICE 4 PRESENTAZIONE PODALICA 4% delle gravidanze a termine (CeDAP 2008) Nel 2000 è stato pubblicato un Trial multicentrico randomizzato internazionale (Term Breech trial) che ha dimostrato che

Dettagli

04/10/11. Toxoplasmosis Other (sifilide,.hbv, HIV,.) Rubella Cytomegalovirus Herpes simplex virus

04/10/11. Toxoplasmosis Other (sifilide,.hbv, HIV,.) Rubella Cytomegalovirus Herpes simplex virus Toxoplasmosis Other (sifilide,.hbv, HIV,.) Rubella Cytomegalovirus Herpes simplex virus Gravidanza e parto, una nuova coscienza femminile, un nuovo protagonismo maschile ISTAT 12 aprile 2001 1 Prevalenza

Dettagli

CONTROLLO LABORATORISTICO E STRUMENTALE DELLA GRAVIDANZA FISIOLOGICA

CONTROLLO LABORATORISTICO E STRUMENTALE DELLA GRAVIDANZA FISIOLOGICA Dipartimento di Scienze Ginecologiche, Ostetriche e della Riproduzione CONTROLLO LABORATORISTICO E STRUMENTALE DELLA GRAVIDANZA FISIOLOGICA Prof. Nicola Colacurci ESAMI DI LABORATORIO E STRUMENTALI NELLA

Dettagli

Linee Guida rene e gravidanza

Linee Guida rene e gravidanza Linee Guida rene e gravidanza F. Cabiddu, S. Castellino, G. Daidone, M. Giannattasio, L. Gesualdo, E. Imbasciati, G. Gregorini, D. Manfellotto, D. Montanaro Coordinatore: P. Stratta Comitato di revisione:

Dettagli

La gravidanza a rischio e la nascita prematura

La gravidanza a rischio e la nascita prematura La gravidanza a rischio e la nascita prematura Pier Luigi Montironi Direttore S.C. Ostetricia Ginecologia Ospedale S. Croce Moncalieri Il parto pretermine costituisce uno dei maggiori problemi sanitari,

Dettagli

fattori di rischio modificabili, Fattori di rischio modificabili supplementari

fattori di rischio modificabili, Fattori di rischio modificabili supplementari Dia 1 Quando parliamo di diabete in gravidanza, dobbiamo distinguere : il Diabete di tipo 1, il Diabete di tipo 2, la ridotta tolleranza glucidica preesistenti alla gravidanza, oppure tutte quelle alterazioni

Dettagli

ASSISTENZA PERINATALE

ASSISTENZA PERINATALE ASSISTENZA PERINATALE ALESSANDRO VOLTA Responsabile Assistenza Neonatale Ospedale di Montecchio Emilia (RE) ottenere la stessa mortalità e morbosità perinatale dei nati da madre senza diabete Inizio 900

Dettagli

GERMOGLIARE onlus. Gravidanze e Neonati ad Alto Rischio

GERMOGLIARE onlus. Gravidanze e Neonati ad Alto Rischio Gravidanze e Neonati ad Alto Rischio Dott. F. Stoppoloni, Responsabile U.O.S. Gravidanze ad alto rischio Dott. G. Salvia, Responsabile U.O.S. Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale Osp. Buon Consiglio

Dettagli

Patologia infettiva oculare coesistente

Patologia infettiva oculare coesistente Azienda Ospedaliera Pediatrica SANTOBONO PAUSILIPON ANNUNZIATA S.S.D. Centro di Riferimento Regionale per la Diagnosi ed il Trattamento della Retinopatia della Prematurità Direttore dott. Salvatore Capobianco

Dettagli

Valutazione del test CMV IgM BLOT nella diagnosi della infezione da Cytomegalovirus in gravidanza. Gianna Mazzarelli

Valutazione del test CMV IgM BLOT nella diagnosi della infezione da Cytomegalovirus in gravidanza. Gianna Mazzarelli Valutazione del test CMV nella diagnosi della infezione da Cytomegalovirus in gravidanza Gianna Mazzarelli 21/10/2014 Citomegalovirus (CMV) Famiglia Herpesviridae Sottofamiglia β Herpesvirinae Tipica morfologia

Dettagli

Donazione e trapianto di rene: le dimensioni del problema Giovanni Gambaro

Donazione e trapianto di rene: le dimensioni del problema Giovanni Gambaro Donazione e trapianto di rene: le dimensioni del problema Giovanni Gambaro Diapositiva 1 Corso di formazione IL TRAPIANTO DI RENE DA DONATORE VIVENTE LA DIMENSIONE DEL PROBLEMA Giovanni Gambaro UOC Nefrologia

Dettagli

Iperimmunità e rigetto umorale

Iperimmunità e rigetto umorale Iperimmunità e rigetto umorale Luca Dello Strologo 26 Ottobre 2012 Dipartimento di Nefrologia e Urologia Storia I 1960 donor specific antibodies (DSA) primi accenni sul possibile ruolo nel danno renale

Dettagli

Il Trapianto di Rene

Il Trapianto di Rene Il Trapianto di Rene il Trapianto Sostituire un organo malato con uno sano proveniente da donatore vivente cadavere a cuore battente il cadavere a cuore battente pz. in coma depassè (morte cerebrale =

Dettagli

L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO IN GRAVIDANZA DR.SSA PATRIZIA LENTINI

L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO IN GRAVIDANZA DR.SSA PATRIZIA LENTINI L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO IN GRAVIDANZA DR.SSA PATRIZIA LENTINI ESISTE UNO STRETTO RAPPORTO TRA CONTROLLO GLICOMETABOLICO E OUTCOME MATERNO FETALE. L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO

Dettagli

La gravidanza in dialisi cronica: linee guida, nuove modalità dialitiche e trattamento dell anemia con ESA

La gravidanza in dialisi cronica: linee guida, nuove modalità dialitiche e trattamento dell anemia con ESA Rene e gravidanza Gestione multidisciplinare, recenti acquisizioni e future strategie Taormina, 15-16 aprile 2011 La gravidanza in dialisi cronica: linee guida, nuove modalità dialitiche e trattamento

Dettagli

Esami a pioggia o mirati

Esami a pioggia o mirati Rimini, 23 marzo 2011 Esami a pioggia o mirati Daniela Spettoli WHO CC for evidence-based research synthesis and guideline development in reproductive health Criteri di valutazione di uno screening 22

Dettagli

16.30 17.00 Riepilogo della giornata Vengono sintetizzati a cura del tutor d Aula i messaggi chiave emersi nel corso della giornata

16.30 17.00 Riepilogo della giornata Vengono sintetizzati a cura del tutor d Aula i messaggi chiave emersi nel corso della giornata Lunedì 17 INTRODUZIONE AL CORSO E GENERALITA' 09.00 09.30 Introduzione al Corso Prof. Carosi (Brescia) Vengono illustrati gli obiettivi del Corso e le modalità didattiche utilizzate 09.30 10.00 Pre-test

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE SINTETICO SULLA NATIMORTALITA. Servizio Epidemiologia Clinica e Valutativa

RAPPORTO ANNUALE SINTETICO SULLA NATIMORTALITA. Servizio Epidemiologia Clinica e Valutativa RAPPORTO ANNUALE SINTETICO SULLA NATIMORTALITA Anno 2013 Area Sistemi di Governance Servizio Epidemiologia Clinica e Valutativa Trento Luglio 2014 A cura di Riccardo Pertile Mariangela Pedron Silvano Piffer

Dettagli

Versione aggiornata al 1 marzo 2005

Versione aggiornata al 1 marzo 2005 Versione aggiornata al 1 marzo 2005 PROTOCOLLO PER L UTILIZZO DI DONATORI POSITIVI PER L ANTIGENE DI SUPERFICIE DEL VIRUS B DELL EPATITE (HBsAg +) NEL TRAPIANTO DI CUORE E/O POLMONE E/O RENE. Razionale

Dettagli

INFEZIONI DA CITOMEGALOVIRUS Epidemiologia

INFEZIONI DA CITOMEGALOVIRUS Epidemiologia INFEZIONI DA CITOMEGALOVIRUS Infezione primaria: Quasi sempre asintomatica Talora sindrome mononucleosica Riattivazione Nel soggetto normale Nei pazienti trapiantati Nei pazienti con infezione da HIV Infezione

Dettagli

Domenica 21 Marzo 2010 Loc. Poggiardelli Montepulciano

Domenica 21 Marzo 2010 Loc. Poggiardelli Montepulciano Domenica 21 Marzo 2010 Loc. Poggiardelli Montepulciano Pazienti in trattamento sostitutivo della funzione renale (USL 7 Zona Valdichiana) N Dialisi extracorporea 40 Dialisi peritoneale 10 Trapianto attivo

Dettagli

L Orizzonte di Lorenzo. Il bambino che stiamo aspettando ha un problema al cuore: che cosa dobbiamo fare e che cosa possiamo fare?

L Orizzonte di Lorenzo. Il bambino che stiamo aspettando ha un problema al cuore: che cosa dobbiamo fare e che cosa possiamo fare? L Orizzonte di Lorenzo Nostro figlio ha un problema al cuore. Che fare? Bergamo 3/10/2010 Il bambino che stiamo aspettando ha un problema al cuore: che cosa dobbiamo fare e che cosa possiamo fare? A. Borghi

Dettagli

Il ruolo del Medico di Medicina Generale

Il ruolo del Medico di Medicina Generale Il ruolo del Medico di Società Italiana di Medicina Generale Dr. Pier Carlo Pelizzari Medico di Responsabile della Scuola di Formazione Specifica in Brescia 01 dicembre 2012 Polo di Brescia In merito alle

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA FUNZIONE RENALE NELLA PRATICA CLINICA

MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA FUNZIONE RENALE NELLA PRATICA CLINICA MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA FUNZIONE RENALE NELLA PRATICA CLINICA Andrea MAGNANO Dirigente Nefrologo UOC Medicina Interna Ospedale Santa Maria di Borgo Val di Taro Azienda USL di Parma DEFINIZIONE THE

Dettagli

LE INFEZIONI DELLE VIE URINARIE

LE INFEZIONI DELLE VIE URINARIE MEDICI PER SAN CIRO LE INFEZIONI DELLE VIE URINARIE Dr Ciro Lenti U.O. Nefrologia e Dialisi AUSL 11 Empoli P.O. San Miniato (PI) Le infezioni delle vie urinarie sono infezioni che possono riguardare i

Dettagli

Alla fine del 2007, riceve una diagnosi che gli

Alla fine del 2007, riceve una diagnosi che gli Il trapianto di rene da donatore vivente la scelta che può cambiare una vita Alla fine del 2007, riceve una diagnosi che gli sconvolge la vita: insufficienza renale cronica. Le cure, le restrizioni alimentari,

Dettagli

Rischio clinico nella terapia immunosoppressiva del trapianto renale

Rischio clinico nella terapia immunosoppressiva del trapianto renale Rischio clinico nella terapia immunosoppressiva del trapianto renale Dott. G. Gubbiotti SC Nefrologia Dialisi e Trapianto di Rene Azienda Ospedaliera di Perugia Perugia 08-Ottobre-2013 Trapianto renale.

Dettagli

ASSISTENZA INFERMIERISTICA AL PAZIENTE TRAPIANTATO RENALE DA DONATORE VIVENTE. GRUPPO DI LAVORO: ANGELA DI MARI ENRICA SABATTINI GIANNA SOLDANI RELATORE: ANGELA DI MARI IL TRAPIANTO TRA PERSONE VIVENTI

Dettagli

L utilizzo dei farmaci immunosoppressori in gravidanza

L utilizzo dei farmaci immunosoppressori in gravidanza L utilizzo dei farmaci immunosoppressori in gravidanza Firenze, 3 dicembre 2011 Incontro Associazioni Malattie Autoimmuni Mario Rossi Dott Lorenzo Emmi Dott. Danilo Squatrito Dott. Enrico Beccastrini Centro

Dettagli

La Terapia Farmacologica della Depressione Antepartum

La Terapia Farmacologica della Depressione Antepartum Camposampiero 6 Marzo -- 2015 La Terapia Farmacologica della Depressione Antepartum Prof. Cesario Bellantuono Ambulatorio Specialistico DEGRA Disturbi Affettivi in Gravidanza e Puerperio Ancona -Rimini

Dettagli

Dia 1 L ipertensione arteriosa è una patologia più frequente nella popolazione diabetica rispetto alla popolazione generale, soprattutto da quando i criteri per definire un iperteso si sono fatti più rigorosi.

Dettagli

Corso di Perfezionamento in Infezioni in gravidanza e perinatali

Corso di Perfezionamento in Infezioni in gravidanza e perinatali Corso di Perfezionamento in Infezioni in gravidanza e perinatali Destinatari: Medici di Base, Medici Infettivologi, Medici Neonatologi, Medici Ostetrici/Ginecologi, Medici Microbiologi, Laureati in Biotecnologie,

Dettagli

INTERFERENZA DELLA GRAVIDANZA SUL METABOLISMO MATERNO meccanismi ipotizzati

INTERFERENZA DELLA GRAVIDANZA SUL METABOLISMO MATERNO meccanismi ipotizzati INTERFERENZA DELLA GRAVIDANZA SUL METABOLISMO MATERNO meccanismi ipotizzati Aumentata degradazione del insulina Biosintesi di ormoni dotati di azione contro-insulinica Aumentata produzione di Leptina e

Dettagli

Storia Naturale delle Nefropatie

Storia Naturale delle Nefropatie Storia Naturale delle Nefropatie Prevenzione Nefropatia Trattamento Creat. > 1,4 mg/dl Rallentamento della Velocità evolutiva Insufficienza Renale Cronica TRAPIANTO RENALE DIALISI PERITONEALE EMODIALISI

Dettagli

GRAVIDANZA GEMELLARE

GRAVIDANZA GEMELLARE DOTT. DOMENICO MOSSOTTO SPECIALISTA IN OSTETRICIA E GINECOLOGIA GRAVIDANZA GEMELLARE La gravidanza gemellare è un evento che avviene per ovulazione multipla (vedi caso A, illustrato successivamente), o

Dettagli

Principali patologie renali -Pielonefrite acuta e cronica -Glomerulonefrite acuta e cronica -Sindrome nefrosica -Insufficienza renale reversibile e irreversibile -Calcolosi renale Pielonefrite acuta Da

Dettagli

IGRA nella diagnosi dell infezione da Toxoplasma gondii

IGRA nella diagnosi dell infezione da Toxoplasma gondii Network di Microbiologia e Virologia del Nord Est Incontro di Aggiornamento INTERFERON GAMMA RELEASE ASSAYS (IGRAs) NELLA DIAGNOSI E MONITORAGGIO DELLE MALATTIE INFETTIVE 19 aprile 2013 Sala Ferrari Incontri

Dettagli

CONSULENZA PRECONCEZIONALE

CONSULENZA PRECONCEZIONALE CONSULENZA PRECONCEZIONALE Questo articolo è rivolto a tutte le coppie che desiderano un figlio, o che non escludono di averlo in futuro, e che vogliono conoscere con maggior precisione quali siano le

Dettagli

Azienda USL Valle d Aosta. Informazioni ostetriche sul. Parto Cesareo

Azienda USL Valle d Aosta. Informazioni ostetriche sul. Parto Cesareo Azienda USL Valle d Aosta Informazioni ostetriche sul Parto Cesareo Informazioni ostetriche sul Parto Cesareo In Italia e in Valle d Aosta, il parto cesareo (PC) riguarda ormai un caso di parto su tre.

Dettagli

Verranno inoltre effettuati: - HCV Ab - CMV IgG, - Toxoplasma IgG - EBV VCA-IgG, EBNA - HSV IgG - VZV IgG

Verranno inoltre effettuati: - HCV Ab - CMV IgG, - Toxoplasma IgG - EBV VCA-IgG, EBNA - HSV IgG - VZV IgG Versione approvata al 1marzo 2005 PROTOCOLLO PER L UTILIZZO DI DONATORI POSITIVI PER GLI ANTICORPI DIRETTI CONTRO L ANTIGENE CORE (HBcAb-IgG) DEL VIRUS B DELL EPATITE (HBV) NEL TRAPIANTO DI CUORE E/O POLMONE

Dettagli

Calcolosi renale in un lattante con Toxoplasmosi congenita in trattamento con Pirimetamina e Sulfadiazina

Calcolosi renale in un lattante con Toxoplasmosi congenita in trattamento con Pirimetamina e Sulfadiazina Calcolosi renale in un lattante con Toxoplasmosi congenita in trattamento con Pirimetamina e Sulfadiazina E.Olivastro, M.Saporito, I.Morselli, L.Buscema, A.D.Pratico, R.Pignataro,G.Belfiore, P.Barone,

Dettagli

CMACE 2011/RCOG 2007. Prevenzione del TEV in gravidanza e rapporti con gli stati trombofilici IL PUNTO DI VISTA DELL INTERNISTA

CMACE 2011/RCOG 2007. Prevenzione del TEV in gravidanza e rapporti con gli stati trombofilici IL PUNTO DI VISTA DELL INTERNISTA Il tromboembolismo venoso colpisce tra le 5 e le 12 donne ogni 10,000 gravidanze Durante la gravidanza il rischio di sviluppare eventi trombotici è6 volte maggiore rispetto alla popolazione femminile in

Dettagli

La conferma di laboratorio della rosolia

La conferma di laboratorio della rosolia La conferma di laboratorio della rosolia La risposta anticorpale all infezione post-natale da rosolia IgG Rash IgM Prodromi INCUBAZIONE 0 7 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 27 35 42 VIREMIA ESCREZIONE

Dettagli

DIABETE E GRAVIDANZA. SASSUOLO 3 dicembre 2011 ESITI PERINATALI

DIABETE E GRAVIDANZA. SASSUOLO 3 dicembre 2011 ESITI PERINATALI DIABETE E GRAVIDANZA SASSUOLO 3 dicembre 2011 ESITI PERINATALI ALESSANDRO VOLTA Alessandro.Volta@ausl.re.it ottenere la stessa mortalità e morbosità perinatale dei nati da madre senza diabete Inizio 900

Dettagli

Profilassi anti-d della sensibilizzazione Rhesus. Direttive aggiornate dell Accademia di medicina materno-fetale del 24 luglio 2005 a Lugano

Profilassi anti-d della sensibilizzazione Rhesus. Direttive aggiornate dell Accademia di medicina materno-fetale del 24 luglio 2005 a Lugano della sensibilizzazione Rhesus Direttive aggiornate dell Accademia di medicina materno-fetale del 24 luglio 2005 a Lugano Esami Ricerca degli anticorpi irregolari Al primo controllo della gravidanza Gruppo

Dettagli

Luglio 1976 Laurea in Medicina e Chirurgia - Università di Pisa, Votazione 110/110 e lode.

Luglio 1976 Laurea in Medicina e Chirurgia - Università di Pisa, Votazione 110/110 e lode. DATI PERSONALI Generalità complete Mario Carmellini Nascita: 7 Giugno 1951, Pisa Stato civile: Coniugato ( 2 figlie ed 1 figlio) Cittadinanza: Italiana Indirizzo Via del Fosso, 10 53100 Siena Lingue straniere:

Dettagli

Infezione congenita da Citomegalovirus. 07 maggio 2011 Dott.ssa Laura Schneider

Infezione congenita da Citomegalovirus. 07 maggio 2011 Dott.ssa Laura Schneider Infezione congenita da Citomegalovirus 07 maggio 2011 Dott.ssa Laura Schneider Citomegalovirus Il CMV è la principale causa di infezione congenita nei paesi sviluppati incidenza 0,3-2% di tutti i nati

Dettagli

Le infezioni in gravidanza prevenibili con vaccinazione: il ruolo del ginecologo aspetti operativi, deontologici e medico-legali.

Le infezioni in gravidanza prevenibili con vaccinazione: il ruolo del ginecologo aspetti operativi, deontologici e medico-legali. Le infezioni in gravidanza prevenibili con vaccinazione: il ruolo del ginecologo aspetti operativi, deontologici e medico-legali. Francesco Libero Giorgino Presidente A.G.E.O. FLG 1 Educazione sanitaria

Dettagli

REGIONE CAMPANIA AZIENDA SANITARIA LOCALE NAPOLI 4 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO DI EPIDEMIOLOGIA PIAZZA S.GIOVANNI 80031 BRUSCIANO (NA) TEL.08173174254-5 FAX 081/3174226 Prot. n del /SEP Al Laboratorio

Dettagli

L assistenza ostetrica in gravidanza

L assistenza ostetrica in gravidanza L assistenza ostetrica nella gravidanza fisiologica: attualità e prospettive Roma, 17 Dicembre 2010 L assistenza ostetrica in gravidanza Raccomandazioni di comportamento clinico sul percorso nascita redatte

Dettagli

PROTOCOLLO PER L'UTILIZZO DI DONATORI anti-hcv + IN PAZIENTI anti-hcv positivi o anti-hcv negativi IN LISTA PER TRAPIANTO DI FEGATO

PROTOCOLLO PER L'UTILIZZO DI DONATORI anti-hcv + IN PAZIENTI anti-hcv positivi o anti-hcv negativi IN LISTA PER TRAPIANTO DI FEGATO Versione aggiornata al 1 agosto 2003 PROTOCOLLO PER L'UTILIZZO DI DONATORI anti-hcv + IN PAZIENTI anti-hcv positivi o anti-hcv negativi IN LISTA PER TRAPIANTO DI FEGATO Principi generali Razionale La carenza

Dettagli

Percorso assistenziale del paziente diabetico con insufficienza renale: ruolo del Nefrologo

Percorso assistenziale del paziente diabetico con insufficienza renale: ruolo del Nefrologo Percorso assistenziale del paziente diabetico con insufficienza renale: ruolo del Nefrologo Convegno Regionale AMD-SID Bologna 6 Novembre 2009 Marco Ricardi UO Nefrologia e Dialisi Ospedale Guglielmo da

Dettagli

PROTOCOLLO DI STUDIO. STUDIO DELLE SECREZIONI ORMONALI DEL NEONATO AGA E SGA DALLA 23ª ALLA 42ª SETTIMANA DI ETA GESTAZIONALE.

PROTOCOLLO DI STUDIO. STUDIO DELLE SECREZIONI ORMONALI DEL NEONATO AGA E SGA DALLA 23ª ALLA 42ª SETTIMANA DI ETA GESTAZIONALE. PROTOCOLLO DI STUDIO. STUDIO DELLE SECREZIONI ORMONALI DEL NEONATO AGA E SGA DALLA 23ª ALLA 42ª SETTIMANA DI ETA GESTAZIONALE. PREMESSE. 1) Il progressivo sviluppo delle conoscenze e delle tecniche assistenziali

Dettagli

IL PROGETTO DI SVILUPPO DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITA MG NASINI, C.SCHELOTTO, P.RUSTIGHI, A.PRATO

IL PROGETTO DI SVILUPPO DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITA MG NASINI, C.SCHELOTTO, P.RUSTIGHI, A.PRATO IL PROGETTO DI SVILUPPO DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITA MG NASINI, C.SCHELOTTO, P.RUSTIGHI, A.PRATO Perché un sistema di qualità in Nefrologia? aiutare a valorizzare quello che di logico, valido

Dettagli

TIROIDE E GRAVIDANZA

TIROIDE E GRAVIDANZA TIROIDE E GRAVIDANZA La gravidanza è un momento particolare della vita della donna caratterizzato da profondi cambiamenti fisiologici; tra questi le variazioni metaboliche e ormonali concorrono a modificare

Dettagli

Le piastrinopenie in gravidanza e in puerperio

Le piastrinopenie in gravidanza e in puerperio Le piastrinopenie in gravidanza e in puerperio Dott.ssa Paola Pileri 20 aprile 2015, Conegliano La conta piastrinica in gravidanza: nel 90% rimane invariata La trombocitopenia è il secondo disordine (712%delle

Dettagli

MALATTIE INFIAMMATORIE CRONICHE INTESTINALI (IBD) E GRAVIDANZA

MALATTIE INFIAMMATORIE CRONICHE INTESTINALI (IBD) E GRAVIDANZA MALATTIE INFIAMMATORIE CRONICHE INTESTINALI (IBD) E GRAVIDANZA Di cosa parleremo? Potrò concepire e avere figli come tutte le altre persone? Influenza della gravidanza sul decorso della malattia e influenza

Dettagli

CONFRONTO SCHEDE TECNICHE INIBITORI DI POMPA

CONFRONTO SCHEDE TECNICHE INIBITORI DI POMPA CONFRONTO SCHEDE TECNICHE INIBITORI DI POMPA Documento approvato nella seduta della Commissione PTR del 18.04.07 assorbimento L assorbimento di alcuni farmaci può La ridotta acidità intragastrica Alterazioni

Dettagli

NOME: Citomegalovirus PATOLOGIA PROVOCATA. GENERE:Cytomegalovirus DECORSO CLINICO DELLA MALATTIA SOTTOFAMIGLIA: HERPESVIRUS UMANO TERAPIA

NOME: Citomegalovirus PATOLOGIA PROVOCATA. GENERE:Cytomegalovirus DECORSO CLINICO DELLA MALATTIA SOTTOFAMIGLIA: HERPESVIRUS UMANO TERAPIA Citomegalovirus NOME: Citomegalovirus PATOLOGIA PROVOCATA GENERE:Cytomegalovirus SOTTOFAMIGLIA: HERPESVIRUS UMANO DECORSO CLINICO DELLA MALATTIA TERAPIA DIMENSIONI: 25-35 MICRON DIAGNOSI SIMMETRIA: ICOSAEDRICA

Dettagli

Il danno renale acuto nel paziente con nefropa1a cronica

Il danno renale acuto nel paziente con nefropa1a cronica ACUTE KIDNEY INJURY (AKI): attualità e controversie Roma, 19 Maggio 2011 Il danno renale acuto nel paziente con nefropa1a cronica Giovanni Gambaro UOC Nefrologia e Dialisi Complesso Integrato Columbus-

Dettagli

ESENZIONI PER GRAVIDANZA (D.M. 10.09.98)

ESENZIONI PER GRAVIDANZA (D.M. 10.09.98) IN FUNZIONE PRECONCEZIONALE 400 Prestazioni prescrivibili per la donna 89.01 ANAMNE E VALUTAZIONE, DEFINITE BREVI Storia e valutazione abbreviata, Visita successiva alla prima Consulenza ginecologica -

Dettagli

Epilessia e gravidanza. Fabrizio Monti Centro Regionale Diagnosi e Cura dell Epilessia Clinica Neurologica Trieste

Epilessia e gravidanza. Fabrizio Monti Centro Regionale Diagnosi e Cura dell Epilessia Clinica Neurologica Trieste Epilessia e gravidanza Fabrizio Monti Centro Regionale Diagnosi e Cura dell Epilessia Clinica Neurologica Trieste lo scenario Negli Stati Uniti 25.000 donne con epilessia ogni anno iniziano una gravidanza

Dettagli

IMPLEMENTAZIONE LINEE GUIDA SUL DIABETE MELLITO GESTAZIONALE (GDM)

IMPLEMENTAZIONE LINEE GUIDA SUL DIABETE MELLITO GESTAZIONALE (GDM) IMPLEMENTAZIONE LINEE GUIDA SUL DIABETE MELLITO GESTAZIONALE (GDM) Dr.ssa Donatella Zavaroni Il diabete gestazionale ( GDM ) è un alterazione del metabolismo glucidico che compare in gravidanza.e tra le

Dettagli

PRESTAZIONI SPECIALISTICHE PER LA TUTELA DELLA MATERNITA RESPONSABILE, ESCLUSE DALLA PARTECIPAZIONE AL COSTO IN FUNZIONE PRECONCEZIONALE

PRESTAZIONI SPECIALISTICHE PER LA TUTELA DELLA MATERNITA RESPONSABILE, ESCLUSE DALLA PARTECIPAZIONE AL COSTO IN FUNZIONE PRECONCEZIONALE ALLEGATO A PRESTAZIONI SPECIALISTICHE PER LA TUTELA DELLA MATERNITA RESPONSABILE, ESCLUSE DALLA PARTECIPAZIONE AL COSTO IN FUNZIONE PRECONCEZIONALE 1. Prestazioni specialistiche per la donna 89.26.1 PRIMA

Dettagli

Linee Guida. Tavola Rotonda Counseling Preconcezionale e Stili di Vita. Pierpaolo Mastroiacovo

Linee Guida. Tavola Rotonda Counseling Preconcezionale e Stili di Vita. Pierpaolo Mastroiacovo Tavola Rotonda Counseling Preconcezionale e Stili di Vita Linee Guida Pierpaolo Mastroiacovo Professore di Pediatria Direttore ICBD Alessandra Lisi International Centre on Birth Defects and Prematurity

Dettagli

Viene alla nostra osservazione un paziente di

Viene alla nostra osservazione un paziente di Caso clinico A cura di Sebastiano Squatrito Dipartimento di Medicina Interna e Medicina Specialistica e Divisione Clinicizzata di Endocrinologia, Ospedale Garibaldi, Università degli Studi di Catania Trapianti

Dettagli

PARODONTITE ED ESITI AVVERSI IN GRAVIDANZA

PARODONTITE ED ESITI AVVERSI IN GRAVIDANZA e spec. in Ortognatodonzia PARODONTITE ED ESITI AVVERSI IN GRAVIDANZA Per la maggior parte delle donne, la gravidanza è un processo naturale e fisiologico che porta alla nascita di una nuova vita in circa

Dettagli

GRAVIDANZA DOPO CANCRO: QUANDO? Giovanna Scarfone - Stefania Noli Fondazione IRCCS Ca Granda Opsedale Maggiore Policlinico, Milano

GRAVIDANZA DOPO CANCRO: QUANDO? Giovanna Scarfone - Stefania Noli Fondazione IRCCS Ca Granda Opsedale Maggiore Policlinico, Milano GRAVIDANZA DOPO CANCRO: QUANDO? Giovanna Scarfone - Stefania Noli Fondazione IRCCS Ca Granda Opsedale Maggiore Policlinico, Milano Timing e outcome della gravidanza dopo carcinoma Inquadramento ed Entità

Dettagli

Decreto Legge 10 settembre 1998

Decreto Legge 10 settembre 1998 Decreto Legge 10 settembre 1998 Protocolli di accesso ad esami di Laboratorio e di Diagnostica strumentale delle donne in stato di gravidanza ed a tutela della maternità (Gazzetta Ufficiale 20 ottobre

Dettagli

L ematuria in età Pediatrica Giuliana Lama giuliana.lama@unina2.it

L ematuria in età Pediatrica Giuliana Lama giuliana.lama@unina2.it L ematuria in età Pediatrica Giuliana Lama giuliana.lama@unina2.it L ematuria è un segno clinico di frequente riscontro in età pediatrica (prevalenza dello 0,4-4,1 % in base ai criteri utilizzati per la

Dettagli

In quali persone dobbiamo sospettare una nefropatia?

In quali persone dobbiamo sospettare una nefropatia? Stabilire se un paziente è normale o patologico, è sempre un compito arduo per il medico In quali persone dobbiamo sospettare una nefropatia? Nei pazienti affetti da patologie a rischio Nei soggetti, anche

Dettagli

Dronedarone e insufficienza renale acuta: analisi delle segnalazioni della Rete Nazionale di Farmacovigilanza

Dronedarone e insufficienza renale acuta: analisi delle segnalazioni della Rete Nazionale di Farmacovigilanza Dronedarone e insufficienza renale acuta: analisi delle segnalazioni della Rete Nazionale di Farmacovigilanza Domenico Motola Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche Unità di farmacologia Università

Dettagli