Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "E-LEARNING@DIRITTOSANITARIO.NE"

Transcript

1 E - LEARNING DIRITTOSANITARIO.NET 1 CORSO La responsabilità professionale LEZIONE I Il caso della omessa diagnosi di malformazioni del feto e nascita indesiderata CENTRO STUDI DI DIRITTO SANITARIO CORSO GIANNONE CASERTA TEL FAX

2 IL CASO DELLA OMESSA DIAGNOSI DI MALFORMAZIONI DEL FETO E NASCITA INDESIDERATA Nel nostro ordinamento l individuo è tutelato fin dal suo concepimento e non è giuridicamente riconosciuta la possibilità di ricorrere all aborto eugenetico, inteso 2 come diritto della gestante di scegliere la pratica abortiva nel caso in cui il feto presenti malformazioni o malattie. L interruzione della gravidanza ed i diritti della madre e del nascituro sono espressamente individuati dalla legislazione in materia e sono stati oggetto di numerose pronunce giurisprudenziali, che ne hanno delineato i confini interpretativi. QUALI SONO I DIRITTI DEL NASCITURO? La tutela del concepito è finalizzata a far si che la gravidanza si evolva naturalmente verso la nascita, tanto che la giurisprudenza riconosce l esistenza di un preciso diritto a nascere e più specificamente a nascere sano, mentre esclude che possa sussistere un diritto a non nascere 1. Si può parlare di diritto a nascere sano sotto due profili: dal punto di vista privatistico, relativamente ad ipotesi di responsabilità contrattuale, extracontrattuale e da contatto sociale, nel senso che nessuno può, con un comportamento omissivo o commissivo (sia colposo che doloso), procurare al nascituro lesioni o malattie; 1 Cassazione Civile Sezione III, Sentenza n del 29/07/2004, consultabile su pubblicata il 30/09/2004.

3 dal punto di vista pubblicistico, nel senso che devono essere predisposti gli istituti normativi e le strutture di tutela, cura ed assistenza della maternità, che siano idonei a garantire (nell'ambito delle possibilità umane) la nascita di un soggetto sano. 3 La giurisprudenza, invece, esclude che possa affermarsi l esistenza di un diritto a non nascere" o a nascere se non sano, poiché in contrasto con le previsioni contenute nella legge sull interruzione di gravidanza e con i principi generali a tutela della vita e della pari dignità degli individui. Ipotizzare l esistenza di tale diritto del concepito malformato significherebbe individuare un diritto che, solo se viene violato potrà avere un titolare, giacché se non c è alcuna violazione dello stesso, e quindi non si fa nascere il feto, non vi sarà mai un soggetto titolare che possa esercitarlo. Si è in presenza di un diritto adespota, cioè senza un padrone, in quanto la capacità giuridica si acquista al momento della nascita, ed i diritti che la legge riconosce a favore del concepito sono subordinati a questo evento, per cui il diritto di non nascere fino alle nascita non avrebbe un soggetto titolare dello stesso, mentre con la nascita sarebbe definitivamente venuto meno. QUALI SONO I LIMITI PER L INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA? L interruzione di gravidanza è disciplinata dalla Legge N. 194 del 22 maggio 1978, che individua chiaramente le ipotesi in cui è possibile per la donna ricorrere alla pratica abortiva, per cui solo il rispetto di quanto in essa stabilito consente al medico di non incorrere in ipotesi di responsabilità, anche di natura penalistica o deontologica. Infatti, nel Codice di Deontologia Medica, all articolo 43 rubricato Interruzione volontaria di gravidanza, si ha un chiaro rinvio alle disposizioni legislative e la precisa

4 statuizione che l attività del sanitario, svolta al di fuori dei casi previsti dalla legge, costituisce grave infrazione deontologica. La legge distingue il caso in cui l interruzione avvenga entro i primi 90 giorni dal concepimento o successivamente ai 90 giorni. 4 1) Nel primo caso 2 è necessario che la donna versi in circostanze per le quali la prosecuzione della gravidanza, il parto o la maternità comporterebbero un serio pericolo per la sua salute fisica o psichica, ciò in relazione: al suo stato di salute, alle sue condizioni economiche, alle condizioni sociali o familiari, alle circostanze in cui è avvenuto il concepimento, a previsioni di anomalie o malformazioni del concepito. 2) Nel secondo 3 caso la legge richiede che la gravidanza o il parto: comportino un grave pericolo per la vita della donna, che siano accertati processi patologici, tra cui quelli relativi a rilevanti anomalie o malformazioni del nascituro, che determinino un grave pericolo per la salute fisica o psichica della donna. Una prima necessaria considerazione è relativa al fatto che l ordinamento non affida all autodeterminazione della donna la possibilità di interrompere la gravidanza, ma elenca ipotesi e limiti ben precisi entro i quali ciò è possibile, richiedendo espressamente, quale presupposto della richiesta, un pericolo per la salute della donna. 2 Cfr. Articolo 4, Legge n. 194 del 22/05/1978, Norme per la tutela sociale della maternità e sull'interruzione volontaria della gravidanza. 3 Cfr. Articolo 6, Legge n. 194 del 22/05/1978 citata.

5 Il pericolo dovrà essere serio entro i primi 90 giorni di gravidanza e grave per il periodo successivo a tale termine; esso è richiesto quale presupposto di fatto, per cui l assenza dello stesso non consente alla donna di interrompere la gravidanza. 5 L esercizio del diritto compete esclusivamente alla madre ed a nessun altro soggetto. Le eventuali malformazioni ed anomalie del feto rilevano solo nella misura in cui possono determinare un danno alla salute della madre, ma non sono considerate autonomamente, in quanto i presupposti per abortire individuati dal legislatore attengono sempre al pericolo di salute della donna, sia dal punto di vista fisico che psichico. Questo, poi, rileva solo quando abbia carattere patologico grave e non quando si tratti di un generico pericolo assimilabile ad ogni forma di danno biologico, come nel caso di stress, affaticamento o danno alla vita di relazione. Può interessare anche solo la salute psichica della donna e derivare da un processo patologico innescato dal fatto di sapere che il figlio presenta rilevanti anomalie o malformazioni. LA MALFORMAZIONE DEL FETO È SUFFICIENTE PER INTERROMPERE LA GRAVIDANZA? La presenza di malformazioni fetali non fa sorgere un diritto all'aborto, ma rileva solo per concretizzare il pericolo alla salute o alla vita della gestante, permettendole di avvalersi dell'esimente costituita dalla necessità di interruzione della gravidanza. Infatti, in questa ipotesi la legge riconosce alla donna uno strumento per tutelare la sua salute o

6 la sua vita, sopprimendo un altro bene giuridico protetto, che è il diritto a nascere del concepito. Nel caso della richiesta di interruzione della gravidanza dopo i 90 giorni, l articolo 6 della Legge N. 194/1978 al comma b) richiede chiaramente che l esistenza di processi patologici, tra cui rilevanti anomalie o malformazioni del nascituro, sia strettamente 6 legata al grave pericolo per la salute della donna. Da ciò consegue che la sola esistenza di malformazioni del feto, che non incidano sulla salute o sulla vita della donna, non consentono alla gestante di ricorrere all'aborto. Legge n. 194 del 22 maggio 1978 Norme per la tutela sociale della maternità e sull'interruzione volontaria della gravidanza. Articolo 4 Per l'interruzione volontaria della gravidanza entro i primi novanta giorni, la donna che accusi circostanze per le quali la prosecuzione della gravidanza, il parto o la maternità comporterebbero un serio pericolo per la sua salute fisica o psichica, in relazione o al suo stato di salute, o alle sue condizioni economiche, o sociali o familiari, o alle circostanze in cui è avvenuto il concepimento, o a previsioni di anomalie o malformazioni del concepito, si rivolge ad un consultorio pubblico istituito ai sensi dell'articolo 2, lettera a), della legge 29 luglio 1975 numero 405, o a una struttura socio-sanitaria a ciò abilitata dalla regione, o a un medico di sua fiducia.

7 Articolo 6 L'interruzione volontaria della gravidanza, dopo i primi novanta giorni, può essere praticata: a) quando la gravidanza o il parto comportino un grave pericolo per la vita della donna; 7 b) quando siano accertati processi patologici, tra cui quelli relativi a rilevanti anomalie o malformazioni del nascituro, che determinino un grave pericolo per la salute fisica o psichica della donna. CODICE DI DEONTOLOGIA MEDICA CAPO VII Sessualità e riproduzione Art Interruzione volontaria di gravidanza L interruzione della gravidanza, al di fuori dei casi previsti dalla legge, costituisce grave infrazione deontologica tanto più se compiuta a scopo di lucro. L obiezione di coscienza del medico si esprime nell ambito e nei limiti della legge vigente e non lo esime dagli obblighi e dai doveri inerenti alla relazione di cura nei confronti della donna. QUANDO SUSSISTE L INADEMPIMENTO DEL SANITARIO NELL OMESSA DIAGNOSI DI MALFORMAZIONE? La lesione del diritto ad interrompere la gravidanza per effetto dell inadempimento del medico, che ha omesso di diagnosticare una malformazione o malattia del feto, sussiste solo nelle ipotesi in cui la donna si trovi nelle condizioni previste dalla legge per poter fare ricorso all aborto; il solo inadempimento del dovere di esatta informazione fa sorgere un diritto al risarcimento del danno eventuale conseguente a tale omissione, ma

8 non al risarcimento di quello conseguente alla lesione del diritto all'interruzione della gravidanza. Non è sufficiente a configurare un ipotesi di responsabilità medica l eventuale inadempienza all obbligo di informazione, ma è necessario che venga provata la 8 sussistenza dei presupposti legali per l'esercizio del diritto e la volontà di esercitarlo da parte della gestante, nel caso in cui fosse stata informata correttamente della diagnosi. E necessario accertare, attraverso una valutazione fatta a posteriori, se l'adeguata informazione resa dal medico avrebbe determinato nella donna quel processo patologico che le avrebbe consentito di interrompere la gravidanza; tale accertamento dovrà essere condotto in termini di probabilità e non di certezza, mediante una valutazione prognostica e secondo le nozioni acquisite dalla scienza medica. QUALI SONO I SOGGETTI LEGITTIMATI A RICHIEDERE I DANNI? Il contratto di prestazione di opera professionale ha effetti protettivi anche nei confronti del padre del concepito che, a causa dell'attività professionale del sanitario, può diventare o meno padre e può esserlo di un bambino con malformazioni; dunque, il danno provocato dall inadempimento del medico ha conseguenze immediate e dirette anche nei suoi confronti e, in quanto tali, risarcibili. Pertanto, entrambi i genitori hanno diritto al risarcimento del danno, anche se l'esercizio del diritto all'interruzione della gravidanza spetta esclusivamente alla donna in assoluta autonomia.

9 Il medesimo contratto posto in essere fra la paziente e la struttura sanitaria ha effetti anche nei confronti del nascituro, dotato di soggettività giuridica e titolare, sul piano sostanziale, di alcuni interessi personali in via diretta, quali il diritto alla vita, alla salute o integrità psico-fisica, all'onore e all'identità personale; in particolare, come affermato dalla giurisprudenza della Cassazione 4, ha il diritto a nascere sano, con il 9 conseguente obbligo dei sanitari di risarcirlo nel caso di violazione di tale diritto. In presenza di lesioni gravi del feto, accertata l'esistenza di un rapporto di causalità tra il comportamento colposo del sanitario, anteriore alla nascita, ed il danno subito dal nascituro, questi potrà agire per far valere la responsabilità contrattuale per l'inadempimento delle obbligazioni accessorie cui era tenuto il medico. Il diritto al risarcimento è condizionato all evento della nascita ed è azionabile da coloro che esercitano la potestà sul minore per la omessa osservanza: del dovere di una corretta informazione in ordine alla terapia prescritta alla madre; del dovere di somministrare farmaci che non siano dannosi per lo stesso nascituro. se la lesione del feto, nel caso in cui fosse stata tempestivamente diagnosticata, poteva poi essere curata in via intrauterina, portando alla nascita di un bambino sano, sussiste la responsabilità del medico. Poiché, però, il nostro ordinamento non riconosce l esistenza di un diritto a non nascere se non sano, la mancanza di consenso informato della madre, che non le ha consentito di decidere eventualmente per l interruzione di gravidanza, non fa sorgere 4 Cfr. Cassazione Civile Sezione III, Sentenza n del 11/05/2009, consultabile su pubblicata il 20/05/2009.

10 alcun diritto del minore al risarcimento del danno per essere egli nato con malformazioni congenite. QUALI SONO GLI OBBLIGHI CONTRATTUALI GRAVANTI SUL MEDICO? 10 Il medico è tenuto ad informare la gestante di ogni dato di rilievo sanitario riguardante sia lei che le condizioni del feto, poiché non sono ammesse omissione informative relativamente alla diagnosi ed alla prognosi. La completezza dell'informazione deve essere tale da ricomprendere: la chiara indicazione della diagnosi e della prognosi; l illustrazione di diverse ed ulteriori metodologie di indagine prenatale rispetto a quelle già praticate; la spiegazione dei risultati ecografici. Nel caso di azione giudiziaria promossa dalla paziente, che lamenti una carente o assente informazione, graverà sul medico l obbligo di dimostrare di avere in realtà informato chiaramente e con ampiezza, per cui in questi casi è molto importante poter avere una prova scritta del consenso acquisito e, soprattutto, una cartella clinica redatta con precisione, in modo esaustivo e dettagliato. Il diritto ad una completa informazione costituisce contenuto specifico dell'obbligazione assunta dal medico, in quanto se omette di informare correttamente e con completezza la paziente è già per questo inadempiente.

11 Ad esempio Una donna in stato di gravidanza ed affetta da beta talassemia eterozigote si sottopone a visita specialistica da un medico esperto della patologia, il quale, pur prescrivendo per la gestante accertamenti di rito per la gravidanza, sul presupposto errato della non talassemia del coniuge, non fornisce alcun avvertimento circa i rischi 11 della nascitura, che, dopo il parto, risulta affetta da talassemia maior. * * * * * * * * * Nel caso in esame il medico ha inteso sostenere come fosse consuetudine accettare, senza ulteriori controlli, quanto dichiarato dalla coppia, astenendosi dal prescrivere ulteriori indagini, soprattutto perché il marito aveva dichiarato di non essere affetto da talassemia; il sanitario, dunque, riteneva di aver operato utilizzando la media diligenza richiesta. La Corte, al contrario, ha precisato che: di fronte ad una situazione di grave rischio costituita dalla tara talassemica della gestante il medico non doveva ritenere sufficiente la sola dichiarazione del marito di non essere affetto dalla stessa patologia, ma avrebbe dovuto richiedere almeno l'esibizione di un referto di analisi, atteso che la patologia era del tutto asintomatica; in quanto specialista ginecologo la coppia si era a lui rivolta per un parere esperto e qualificato, inoltre, egli operava in un territorio in cui la situazione epidemiologica deponeva per un'alta incidenza delle coppie a rischio; risulta così escluso che si trovasse in una ipotesi clinica che trascende la preparazione medica di uno specialista ginecologo. Il medico-chirurgo, nell'adempimento delle obbligazioni inerenti alla propria attività professionale, è tenuto ad una diligenza che non è solo quella del buon padre di

12 famiglia, ma è quella qualificata, che comporta il rispetto di tutte le regole e gli accorgimenti che nel loro insieme costituiscono la conoscenza della professione medica. Ad esempio Due coniugi, anche in rappresentanza del figlio minore, convengono in giudizio un 12 medico ecografista e l'ospedale presso il quale svolge la propria attività lavorativa, chiedendone la condanna solidale al risarcimento dei danni derivati dalla nascita di un bambino malformato, dipesa dall'errore professionale del sanitario convenuto che, avendo eseguito all'interno dell'ospedale un'ecografia alla diciannovesima settimana di gestazione, non ha rilevato l aplasia dell'avambraccio sinistro del feto, impedendo in tal modo alla donna di interrompere la gravidanza. * * * * * * * * * I giudici hanno sostenuto che la ricerca dell'eventuale emimelia del braccio deve essere inquadrata nell'ambito concettuale della diligenza; infatti, nel 1990 la società italiana di ecografia ostetrica-ginecologica (SIEOG) aveva formulato una risoluzione per cui lo studio delle ossa lunghe dei quattro arti doveva rientrare nel protocollo di screening di tutte le gravidanze. L'esame ecografico è per sua natura volto all'accertamento dello stato del feto e, dunque, anche alla rilevazione della presenza di eventuali malformazioni degli arti; pertanto, per poterle escludere è necessario vederle. La diligenza e la prudenza richieste al medico devono sempre essere comunque profuse nel massimo grado, adeguato alla specificità delle regole tecniche proprie della professione.

13 Se il medico avesse svolto con attenzione l indagine alla ricerca di eventuali malformazioni, la patologia che bisognava ricercare avrebbe potuto essere individuata. QUALI SONO I DANNI RISARCIBILI? 13 Nell esame della delicata vicenda della nascita di un bimbo malformato, e della conseguente responsabilità medica, la giurisprudenza fa ricorso ai criteri di riferimento indicati dalla legislazione vigente ed alle elaborazioni della dottrina in tema di nesso di causalità, tipologia e graduazione della colpa. Il fine è quello di garantire la tutela dei diritti costituzionali dei soggetti coinvolti, con la particolarità che la nascita indesiderata determina una radicale trasformazione delle prospettive di vita dei genitori, i quali si trovano a dover ridefinire non tanto i propri specifici valori costituzionalmente protetti, quanto la loro vita quotidiana, con tutti gli ovvi sacrifici che ne conseguono. Questa tipologia di responsabilità del sanitario comporta la lesione di un interesse che non determina un prevalente danno morale o biologico, ma che impone al danneggiato di condurre ogni giorno, in tutte le occasioni della vita, un esistenza diversa e peggiore rispetto a quella che avrebbe altrimenti condotto 5. In tal senso, dunque, viene riconosciuto come risarcibile non solo il danno alla salute in senso stretto della gestante, ma manche il danno economico che sia conseguenza immediata e diretta dell inadempimento del sanitario. CENTRO STUDI DI DIRITTO SANITARIO CORSO GIANNONE CASERTA TEL FAX Cfr. Cassazione Civile Sezione III, Sentenza n. 13 del 04/01/2010, consultabile su pubblicata il 19/01/2010.

La nascita indesiderata. Reggio Calabria 2012

La nascita indesiderata. Reggio Calabria 2012 La nascita indesiderata Reggio Calabria 2012 La giurisprudenza sulla nascita indesiderata Cass. 12195 /1998 Principi generali Il danno va considerato causato dall illecito (art. 1223 c.c.) quando pur non

Dettagli

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza Legge 22 maggio 1978, n. 194 Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Gazzetta Ufficiale del 22 maggio 1978, n. 140)

Dettagli

INDICE 1 Professione medica e diritti del paziente

INDICE 1 Professione medica e diritti del paziente INDICE Parte I La responsabilità del medico 1 Professione medica e diritti del paziente 1.1 La professione medica 1.2 I diritti del malato nella Carta di Nizza 1.3 Il diritto alla salute e all assistenza

Dettagli

NATA PER SBAGLIO, RISARCITA * (commento a Cassazione, sez. III, 2 ottobre 2012, n. 16754) di Stefano Spinelli ** (24 ottobre 2012)

NATA PER SBAGLIO, RISARCITA * (commento a Cassazione, sez. III, 2 ottobre 2012, n. 16754) di Stefano Spinelli ** (24 ottobre 2012) NATA PER SBAGLIO, RISARCITA * (commento a Cassazione, sez. III, 2 ottobre 2012, n. 16754) di Stefano Spinelli ** (24 ottobre 2012) 1. La Corte di Cassazione, terza sezione, con la recente sentenza 16754

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. SALME' Giuseppe - Presidente - Dott. SESTINI Danilo -

Dettagli

Prof. Maurizio Calipari L'ABORTO PROCURATO. L-19 Facoltà di Scienze della Formazione Università degli Studi di Macerata a.a.

Prof. Maurizio Calipari L'ABORTO PROCURATO. L-19 Facoltà di Scienze della Formazione Università degli Studi di Macerata a.a. Prof. Maurizio Calipari L'ABORTO PROCURATO L-19 Facoltà di Scienze della Formazione Università degli Studi di Macerata a.a. 2011-12 Introduzione possibilità di leggere il problema da diverse angolature:

Dettagli

LA RISARCIBILITA DEL DANNO NELL IPOTESI DI SEPARAZIONE CON ADDEBITO Avv. Matteo Santini Dott.ssa Roberta Lumaca

LA RISARCIBILITA DEL DANNO NELL IPOTESI DI SEPARAZIONE CON ADDEBITO Avv. Matteo Santini Dott.ssa Roberta Lumaca LA RISARCIBILITA DEL DANNO NELL IPOTESI DI SEPARAZIONE CON ADDEBITO Avv. Matteo Santini Dott.ssa Roberta Lumaca La problematica circa l ammissibilità o meno del risarcimento del danno nell ipotesi di separazione

Dettagli

MANUALE DEL RISARCIMENTO PER IL DANNO ALLA PERSONA

MANUALE DEL RISARCIMENTO PER IL DANNO ALLA PERSONA Novità Aprile 2014 Con Rassegna delle più significative sentenze suddivisa in base alle più importanti e attuali questioni giurisprudenziali Patrimoniale Non patrimoniale Biologico Morale Esistenziale

Dettagli

LA RESPONSABILITA' PROFESSIONALE IN SANITA. Dott.Laura Giurgola S.C. Igiene e Prevenzione- Settore Medicina Legale ASL4 Chiavarese

LA RESPONSABILITA' PROFESSIONALE IN SANITA. Dott.Laura Giurgola S.C. Igiene e Prevenzione- Settore Medicina Legale ASL4 Chiavarese LA RESPONSABILITA' PROFESSIONALE IN SANITA Dott.Laura Giurgola S.C. Igiene e Prevenzione- Settore Medicina Legale ASL4 Chiavarese Le fasi della Responsabilita Inosservanza degli obblighi o violazione dei

Dettagli

FATTI GIURIDICI UMANI: LECITI ILLECITI: A) PENALI B) CIVILI C) AMMINISTRATIVI

FATTI GIURIDICI UMANI: LECITI ILLECITI: A) PENALI B) CIVILI C) AMMINISTRATIVI Corso di MEDICINA LEGALE prof. MAURO BACCI NOZIONI GENERALI DI DIRITTO FATTO O FENOMENO GIURIDICO perdita, acquisto o modificazione di un diritto FATTO GIURIDICO NATURALE indipendente dalla volontà FATTO

Dettagli

LA RESPONSABILITA MEDICA

LA RESPONSABILITA MEDICA 10 luglio 2014 LA RESPONSABILITA MEDICA ONEGLOBAL srl Consulenze Aziendali Integrate DIVISIONE SANITARIA 10 luglio 2014 Fattispecie di Responsabilità Medica A - Responsabilità Penale Omicidio Lesioni ONEGLOBAL

Dettagli

Diagnosi prenatali 18 luglio 1992

Diagnosi prenatali 18 luglio 1992 ASPETTI MEDICO-LEGALI DELLO SCREENING E DELLA DIAGNOSI PRENATALE Giorgio Gualandri, Medicina legale Le diagnosi prenatali rispondono ad una domanda sociale crescente nell'attuale sistema sanitario Premessa

Dettagli

L interruzione della gravidanza può essere spontanea o volontaria.

L interruzione della gravidanza può essere spontanea o volontaria. L INTERRUZIONE VOLONTARIA DELLA GRAVIDANZA (IVG) L interruzione della gravidanza può essere spontanea o volontaria. L aborto spontaneo si verifica generalmente a causa di anomalie nello sviluppo del feto

Dettagli

Danno da contatto sociale responsabilità medica soggettività del concepito omessa diagnosi

Danno da contatto sociale responsabilità medica soggettività del concepito omessa diagnosi Danno da contatto sociale responsabilità medica soggettività del concepito omessa diagnosi Il contatto sociale qualificato si pone nel nostro ordinamento come momento fattuale, prima ancora che giuridico,

Dettagli

IL#VALORE#DELLA#VITA:#LA#TUTELA#DELLA#SALUTE# RIPRODUTTIVA# # ROMA#0#27#SETTEMBRE#2013# #PALAZZO#VALENTINI##

IL#VALORE#DELLA#VITA:#LA#TUTELA#DELLA#SALUTE# RIPRODUTTIVA# # ROMA#0#27#SETTEMBRE#2013# #PALAZZO#VALENTINI## IL#VALORE#DELLA#VITA:#LA#TUTELA#DELLA#SALUTE# RIPRODUTTIVA# # ROMA#0#27#SETTEMBRE#2013# #PALAZZO#VALENTINI## # AULA#DEL#CONSIGLIO# G.#FREGOSI # #VIA#IV#NOVEMBRE#119/A# # Responsabilità-professionale-nelle-tecniche-di-PMA-

Dettagli

Corso di Biodiritto Anno accademico 2013-2014. Prof. Paolo Danesino Dipartimento di Medicina Legale Antonio Fornari Università di Pavia

Corso di Biodiritto Anno accademico 2013-2014. Prof. Paolo Danesino Dipartimento di Medicina Legale Antonio Fornari Università di Pavia Corso di Biodiritto Anno accademico 2013-2014 Prof. Paolo Danesino Dipartimento di Medicina Legale Antonio Fornari Università di Pavia Aborto Medicina Legale: aborto = interruzione della gravidanza in

Dettagli

IL RISARCIMENTO DEL DANNO

IL RISARCIMENTO DEL DANNO IL RISARCIMENTO DEL DANNO Il risarcimento del danno. Ma che cosa s intende per perdita subita e mancato guadagno? Elementi costitutivi della responsabilità civile. Valutazione equitativa. Risarcimento

Dettagli

Responsabilità medica e danni non patrimoniali:

Responsabilità medica e danni non patrimoniali: Responsabilità medica e danni non patrimoniali: Il caso che si vuole esaminare in questa puntata prende spunto da una causa tutt ora in corso, al vaglio dei giudici milanesi. La signora AA, infatti, al

Dettagli

RESPONSABILITÀ MEDICA

RESPONSABILITÀ MEDICA RESPONSABILITÀ MEDICA Prefazione... XIII 1 RESPONSABILITÀ DEL GINECOLOGO La questione... 1 Analisi dello scenario... 2 Inquadramento strategico... 4 Il danno da procreazione e i soggetti danneggiati: la

Dettagli

RESPONSABILITÀ MEDICA

RESPONSABILITÀ MEDICA RESPONSABILITÀ MEDICA LA RESPONSABILITA' DELLA STRUTTURA SANITARIA COME RESPONSABILITA' CONTRATTUALE: IN PARTICOLARE, LA RESPONSABILITA' PER DANNI CAGIONATI IN OCCASIONE DEL PARTO ED IL C.D. "DANNO DA

Dettagli

Art. 1 Comma 4 D.L. 536/96 (Legge n. 648)

Art. 1 Comma 4 D.L. 536/96 (Legge n. 648) Anti-VEGF e Aspetti medico legali T. Avitabile Art. 1 Comma 4 D.L. 536/96 (Legge n. 648) Qualora non esista valida alternativa terapeutica sono erogabili a totale carico del SSN i medicinali da impiegare

Dettagli

Circolare Informativa n 5/2014. Pillole di Cassazione

Circolare Informativa n 5/2014. Pillole di Cassazione Circolare Informativa n 5/2014 Pillole di Cassazione Pagina 1 di 7 INDICE 1) Sicurezza sul lavoro, doveri del datore e presunzione di responsabilità pag. 3 2) Le somme accantonate dal datore di lavoro

Dettagli

Rapporti giuridici possibili. RAPPORTO PAZIENTE-MEDICO. RAPPORTO PAZIENTE-STRUTTURA SANITARIA (pubblica o privata) RAPPORTO MEDICO-STRUTTURA

Rapporti giuridici possibili. RAPPORTO PAZIENTE-MEDICO. RAPPORTO PAZIENTE-STRUTTURA SANITARIA (pubblica o privata) RAPPORTO MEDICO-STRUTTURA Rapporti giuridici possibili. RAPPORTO PAZIENTE-MEDICO RAPPORTO PAZIENTE-STRUTTURA SANITARIA (pubblica o privata) RAPPORTO MEDICO-STRUTTURA È un rapporto di natura contrattuale la cui fonte è il contatto

Dettagli

La responsabilita sanitaria

La responsabilita sanitaria La responsabilita sanitaria opera diretta da Flavio Peccenini con la collaborazione di Antonio Cardace, Barbara De Risio, Giovanni Facci, Giovanni Fini Alfredo Francavilla, Diana Gervasio, Giuseppe Musolino

Dettagli

La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa

La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa a cura dell Avv. Elio Garibaldi 1 RECENTI ORIENTAMENTI DOTTRINALI E GIURISPRUDENZIALI IN ARGOMENTO DI RESPONSABILITA SANITARIA Responsabilità contrattuale

Dettagli

GUIDA 3.1. 3.2. 3.3. 4.1. 4.2.

GUIDA 3.1. 3.2. 3.3. 4.1. 4.2. CAPITOLO I IL DANNO DA NASCITA INDESIDERATA. LA SVOLTA DELLA CASSAZIONE: ANCHE IL NATO HA DIRITTO AL RISARCIMENTO DEL DANNO IN CASO DI OMESSA DIAGNOSI DELLE MALFORMAZIONI DEL FETO GUIDA 1. La questione

Dettagli

L ASSISTENZA LEGALE AL LAVORATORE E IL RUOLO DELL ANMIL

L ASSISTENZA LEGALE AL LAVORATORE E IL RUOLO DELL ANMIL L ASSISTENZA LEGALE AL LAVORATORE E IL RUOLO DELL ANMIL QUALI SONO I DIRITTI DEL LAVORATORE VITTIMA DI INFORTUNIO? La prima missione di ANMIL è informare i lavoratori circa i loro diritti. La particolarità

Dettagli

La famiglia è sempre stata considerata come

La famiglia è sempre stata considerata come : casistica giurisprudenziale in materia di errata diagnosi prenatale Daniela Infantino Abstract Un accostamento inusuale: famiglia e responsabilità civile. Prima di cambiare la responsabilità civile è

Dettagli

La rosolia nella donna in gravidanza

La rosolia nella donna in gravidanza La rosolia nella donna in gravidanza ROSOLIA Trasmissione materno-fetale Trasmissione transplacentare Nel corso della fase viremica con o senza manifestazioni cliniche L infezione fetale dopo reinfezione

Dettagli

Dr. med. Lucio Bronz FMH Ostretricia e medicina feto-materno Piazza Indipendenza 4 6500 Bellinzona www.drbronz.ch TEST PRENATALI

Dr. med. Lucio Bronz FMH Ostretricia e medicina feto-materno Piazza Indipendenza 4 6500 Bellinzona www.drbronz.ch TEST PRENATALI Dr. med. Lucio Bronz FMH Ostretricia e medicina feto-materno Piazza Indipendenza 4 6500 Bellinzona www.drbronz.ch TEST PRENATALI Introduzione Cromosoma Cellula Nucleo Ormai a tutti è noto il ruolo del

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI Proposta di legge 1624 XVI Legislatura. Disposizioni in materia di fecondazione medicalmente assistita e di ricerca correlata

CAMERA DEI DEPUTATI Proposta di legge 1624 XVI Legislatura. Disposizioni in materia di fecondazione medicalmente assistita e di ricerca correlata CAMERA DEI DEPUTATI Proposta di legge 1624 XVI Legislatura Disposizioni in materia di fecondazione medicalmente assistita e di ricerca correlata Firmatari: Farina Coscioni, Beltrandi, Bernardini, Mecacci,

Dettagli

I Responsabilità civile e penale del professionista sanitario. a cura di. Riccardo Bucci. Dottore in Diritto

I Responsabilità civile e penale del professionista sanitario. a cura di. Riccardo Bucci. Dottore in Diritto I Responsabilità civile e penale del professionista sanitario a cura di Riccardo Bucci Dottore in Diritto 1 I Responsabilità civile e penale del professionista sanitario Il tema della responsabilità del

Dettagli

LA RESPONSABILITA CIVILE E PENALE DEL SOCCORRITORE VOLONTARIO

LA RESPONSABILITA CIVILE E PENALE DEL SOCCORRITORE VOLONTARIO LA RESPONSABILITA CIVILE E PENALE DEL SOCCORRITORE VOLONTARIO ARGOMENTI DELLA LEZIONE IL RUOLO GIURIDICO DEL VOLONTARIO NEL SOCCORSO SANITARIO LE CAUSE DI NON PUNIBILITA (LO STATO DI NECESSITA E IL T.S.O.)

Dettagli

LA RESPONSABILITÀ GIURIDICA DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE. Dr. Guido Rispoli, Procuratore della Repubblica Bolzano, Italia

LA RESPONSABILITÀ GIURIDICA DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE. Dr. Guido Rispoli, Procuratore della Repubblica Bolzano, Italia LA RESPONSABILITÀ GIURIDICA DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE 1 TIPI DI RESPONSABILITA Responsabilità penale Responsabilità civile Responsabilità erariale 2 Veste pubblicistica, anche se non esclusiva, del

Dettagli

Configura un'ipotesi di vendita di "aliud pro alio" quando l immobile, destinato ad abitazione, è privo del certificato di abitabilità

Configura un'ipotesi di vendita di aliud pro alio quando l immobile, destinato ad abitazione, è privo del certificato di abitabilità Pagina 1 di 5 Configura un'ipotesi di vendita di "aliud pro alio" quando l immobile, destinato ad abitazione, è privo del certificato di abitabilità La massima La vendita di immobile destinato ad abitazione,

Dettagli

LA RESPONSABILITÀ PENALE E CIVILE DEL MEDICO

LA RESPONSABILITÀ PENALE E CIVILE DEL MEDICO MAURO BILANCETTI FRANCESCO BILANCETTI LA RESPONSABILITÀ PENALE E CIVILE DEL MEDICO SETTIMA EDIZIONE CEDAM CASA EDITRICE DOTT. ANTONIO MILANI 2010 INDICE-SOMMARIO INTRODUZIONE LA RESPONSABILITÀ IN GENERALE

Dettagli

Obiezione di coscienza : un quesito

Obiezione di coscienza : un quesito Obiezione di coscienza : un quesito Quesito E stato sottoposto il seguente quesito da parte di alcuni specializzandi, obiettori ex art. 9 L.194/78 sull interruzione volontaria della gravidanza, che operano

Dettagli

DECRETO BALDUZZI E RESPONSABILITÀ

DECRETO BALDUZZI E RESPONSABILITÀ DECRETO BALDUZZI E RESPONSABILITÀ Assemblea TSRM Ferrara 28 maggio 2013 Avv. Roberta Li Calzi CONCETTO DI RESPONSABILITÀ Obbligo di rispondere di un'azione antigiuridica (contraria alle norme) cioè di

Dettagli

Forme di estinzione individuale del rapporto di lavoro

Forme di estinzione individuale del rapporto di lavoro C 14 a p i t o l o Forme di estinzione individuale del rapporto di lavoro 1 I principi generali dei licenziamenti individuali Il licenziamento è considerato legittimo soltanto quando sussistono alcune

Dettagli

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 Avv. Sergio Maria Battaglia Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 I profili di responsabilità nei rapporti banca cliente La violazione degli obblighi Biennio

Dettagli

CASSAZIONE CIVILE - Sezione III - sentenza n. 11637 del 26 maggio 2014

CASSAZIONE CIVILE - Sezione III - sentenza n. 11637 del 26 maggio 2014 CASSAZIONE CIVILE - Sezione III - sentenza n. 11637 del 26 maggio 2014 omissis Svolgimento del processo 1. Gli eredi del defunto C.A. convenivano in giudizio, davanti al Tribunale di Milano, il dott. M.G.,

Dettagli

La responsabilità nell esercizio delle professioni protette.

La responsabilità nell esercizio delle professioni protette. La responsabilità nell esercizio delle professioni protette. Responsabilità professionale e contatto sociale. Dott. Mario Mauro Firenze, 11 aprile 2011 Abstract. Individuazione del problema. La violazione

Dettagli

GUIDA PER COPPIE DI TALASSEMICI ETEROZIGOTI (A CURA DELLA REGIONE LOMBARDIA) PREFAZIONE

GUIDA PER COPPIE DI TALASSEMICI ETEROZIGOTI (A CURA DELLA REGIONE LOMBARDIA) PREFAZIONE GUIDA PER COPPIE DI TALASSEMICI ETEROZIGOTI (A CURA DELLA REGIONE LOMBARDIA) Le informazioni fornite attraverso queste pagine, sono state tratte da un opuscolo pubblicato e curato dal Gruppo di Lavoro

Dettagli

Contabilità e Bilancio Il Danno Erariale

Contabilità e Bilancio Il Danno Erariale Contabilità e Bilancio Il Danno Erariale 29 agosto 2008 Vito Meloni - Dottore Commercialista e Revisore 1 Scaletta intervento: La responsabilità del Revisore; I presupposti di danno erariale; Fattispecie

Dettagli

SENTENZA. Cassazione Civile Sent. n. 411 del 24-01-1990

SENTENZA. Cassazione Civile Sent. n. 411 del 24-01-1990 SENTENZA Cassazione Civile Sent. n. 411 del 24-01-1990 Svolgimento del processo Con ricorso in data 17 dicembre 1982 Sparaco Salvatore chiedeva al Pretore di Caserta (adito) in funzione di giudice del

Dettagli

Sovrintendenza Medica Generale

Sovrintendenza Medica Generale Sovrintendenza Medica Generale LA RESPONSABILITA PROFESSIONALE MEDICA Profili Profili di responsabilità professionale nelle attività di medico competente Patrizio Rossi Adriano Ossicini Nel codice del

Dettagli

DIAGNOSI PRENATALE DI MALATTIE RARE: IL FETO COME PAZIENTE

DIAGNOSI PRENATALE DI MALATTIE RARE: IL FETO COME PAZIENTE PROF. GIOVANNI NERI Istituto di Genetica Medica, Università Cattolica del S. Cuore, Roma DIAGNOSI PRENATALE DI MALATTIE RARE: IL FETO COME PAZIENTE La diagnosi prenatale di malattie genetiche rare è pratica

Dettagli

Dal punto di vista tecnico, però, la nuova disciplina è subito apparsa mal formulata.

Dal punto di vista tecnico, però, la nuova disciplina è subito apparsa mal formulata. Il decreto del Tribunale per i minorenni che provvede sul mantenimento dei figli naturali è titolo per iscrivere ipoteca. Commento al Decreto del Tribunale di Bologna del 29 giugno 2012. La legge n. 54/20006

Dettagli

Quale responsabilità per il medico competente?

Quale responsabilità per il medico competente? Quale responsabilità per il medico competente? Convegno nazionale SNOP Bologna 14-15 novembre 2012 dr. Alberto Chinaglia A me pare che la figura del medico competente emerga dal nuovo testo sulla sicurezza

Dettagli

CASSAZIONE CIVILE Sezione Lavoro sentenza n. 5539 del 9 aprile 2003

CASSAZIONE CIVILE Sezione Lavoro sentenza n. 5539 del 9 aprile 2003 CASSAZIONE CIVILE Sezione Lavoro sentenza n. 5539 del 9 aprile 2003 La predisposizione fisica del lavoratore rispetto alla patologia insorta per effetto del comportamento illegittimo o illecito del datore

Dettagli

IL CONCEPITO E IL DIRITTO A NASCERE SANI: PROFILI COSTITUZIONALI ALLA LUCE DELLA DECISIONE DELLA CORTE DI CASSAZIONE (N.

IL CONCEPITO E IL DIRITTO A NASCERE SANI: PROFILI COSTITUZIONALI ALLA LUCE DELLA DECISIONE DELLA CORTE DI CASSAZIONE (N. Rivista N : 2/2014 DATA PUBBLICAZIONE: 13/06/2014 AUTORE: Marilisa D Amico * IL CONCEPITO E IL DIRITTO A NASCERE SANI: PROFILI COSTITUZIONALI ALLA LUCE DELLA DECISIONE DELLA CORTE DI CASSAZIONE (N. 16754

Dettagli

Corso Avvocato 2013. Il METODO Neldiritto. NOME Angelo Mattia COGNOME Greco

Corso Avvocato 2013. Il METODO Neldiritto. NOME Angelo Mattia COGNOME Greco NOME Angelo Mattia COGNOME Greco Corso Avvocato 2013 Il METODO Neldiritto Applicazione del metodo Parere motivato in materia regolata dal diritto penale Traccia da consegnare entro il 13/09/2013 Tizio

Dettagli

INDICE PARTE PRIMA PRINCIPI GENERALI, ORIENTAMENTI E PROSPETTIVE DEL CONSENSO INFORMATO AL TRATTAMENTO SANITARIO

INDICE PARTE PRIMA PRINCIPI GENERALI, ORIENTAMENTI E PROSPETTIVE DEL CONSENSO INFORMATO AL TRATTAMENTO SANITARIO Introduzione... pag. XI PARTE PRIMA PRINCIPI GENERALI, ORIENTAMENTI E PROSPETTIVE DEL CONSENSO INFORMATO AL TRATTAMENTO SANITARIO Capitolo Primo L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO MEDICO-PAZIENTE 1. Un po di storia...

Dettagli

LA RESPONSABILITA DELLA STRUTTURA SANITARIA E DEL MEDICO 1

LA RESPONSABILITA DELLA STRUTTURA SANITARIA E DEL MEDICO 1 LA RESPONSABILITA DELLA STRUTTURA SANITARIA E DEL MEDICO 1 In tema di Responsabilità, occorre distinguere quelle relative: Alla Struttura Sanitaria; Al Medico Dipendente del SSN; Al Medico che svolge attività

Dettagli

In via subordinata, renda in via d'urgenza ogni provvedimento ritenuto opportuno in relazione al caso di specie, indicando le modalità di esecuzione;

In via subordinata, renda in via d'urgenza ogni provvedimento ritenuto opportuno in relazione al caso di specie, indicando le modalità di esecuzione; Tribunale Firenze, ordinanza, 17-19 dicembre 2007 (Giudice Mariani) Massima Al fine di assicurare il diritto della coppia sterile e portatrice di malattie genetiche trasmissibili di avere conoscenza dello

Dettagli

DDL CALABRÒ Testo per l'esame in Assemblea della Camera. Art. 1. (Tutela della vita e della salute).

DDL CALABRÒ Testo per l'esame in Assemblea della Camera. Art. 1. (Tutela della vita e della salute). DDL CALABRÒ Testo per l'esame in Assemblea della Camera Art. 1. (Tutela della vita e della salute). 1. La presente legge, tenendo conto dei princìpi di cui agli articoli 2, 3, 13 e 32 della Costituzione:

Dettagli

Breve commento alle nuove disposizioni sulla responsabilità professionale medica contenute nell art. 3 della legge n. 189 del 2012

Breve commento alle nuove disposizioni sulla responsabilità professionale medica contenute nell art. 3 della legge n. 189 del 2012 Breve commento alle nuove disposizioni sulla responsabilità professionale medica contenute nell art. 3 della legge n. 189 del 2012 A cura di Sergio Fucci Giurista e bioeticista, magistrato tributario,

Dettagli

Seconda Università degli Studi di Napoli

Seconda Università degli Studi di Napoli Seconda Università degli Studi di Napoli Facoltà di Medicina e Chirurgia Dipartimento di Medicina Sperimentale Sezione di Medicina Legale Il dovere di certificare Prof. Bruno Della Pietra 1 La libertà

Dettagli

RESPONSABILITÀ DA INSUCCESSO DELL INTERVENTO

RESPONSABILITÀ DA INSUCCESSO DELL INTERVENTO RESPONSABILITÀ DA INSUCCESSO DELL INTERVENTO 1. Una paziente si sottopone presso il Policlinico Umberto I di Roma ad un intervento di settorinoplastica per risolvere un problema di disfunzione respiratoria

Dettagli

Risponde del rifiuto di atti d ufficio il medico obiettore che si rifiuta di assistere una donna dopo una interruzione di gravidanza

Risponde del rifiuto di atti d ufficio il medico obiettore che si rifiuta di assistere una donna dopo una interruzione di gravidanza www.lucabenci.it articolo del 6 aprile 2013 Risponde del rifiuto di atti d ufficio il medico obiettore che si rifiuta di assistere una donna dopo una interruzione di gravidanza Luca Benci Il fatto Una

Dettagli

ISSN 2284-3531 Ordine internazionale e diritti umani, (2014), pp. 390-395.

ISSN 2284-3531 Ordine internazionale e diritti umani, (2014), pp. 390-395. OSSERVATORIO SULLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA N. 2/2014 2. MATERNITÀ SURROGATA: LA NORMATIVA DELL UNIONE EUROPEA NON CONTEMPLA IL DIRITTO DI UNA MADRE COMMITTENTE AD OTTENERE UN CONGEDO RETRIBUITO

Dettagli

I VARI APETTI DI RESPONSABILITA DEGLI AMMINISTRATORI E DEI DIPENDETI DELL ENTE LOCALE

I VARI APETTI DI RESPONSABILITA DEGLI AMMINISTRATORI E DEI DIPENDETI DELL ENTE LOCALE I VARI APETTI DI RESPONSABILITA DEGLI AMMINISTRATORI E DEI DIPENDETI DELL ENTE LOCALE Art. 28 Cost. I funzionari e i dipendenti dello Stato e degli enti pubblici sono direttamente responsabili, secondo

Dettagli

RESPONSABILITA PROFESSIONALE E RACCOMANDAZIONI MINISTERIALI:

RESPONSABILITA PROFESSIONALE E RACCOMANDAZIONI MINISTERIALI: RESPONSABILITA PROFESSIONALE E RACCOMANDAZIONI MINISTERIALI: il caso della prevenzione e gestione della caduta del paziente nelle strutture sanitarie 2 edizione 15 Novembre 2012 Le professioni intellettuali

Dettagli

Capitolo 4 Z Filiazione ed adozione

Capitolo 4 Z Filiazione ed adozione Edizioni Simone - Vol. 45/1 Compendio di Diritto Internazionale privato e processuale Parte seconda Cenni di parte speciale Capitolo 4 Z Filiazione ed adozione Sommario Z 1. La filiazione. - 2. L adozione.

Dettagli

IL DOLO CONTRATTUALE O CIVILISTICO: APPLICAZIONE NEI GIUDIZI DI RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA SECONDO LA PIÙ RECENTE

IL DOLO CONTRATTUALE O CIVILISTICO: APPLICAZIONE NEI GIUDIZI DI RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA SECONDO LA PIÙ RECENTE IL DOLO CONTRATTUALE O CIVILISTICO: APPLICAZIONE NEI GIUDIZI DI RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA SECONDO LA PIÙ RECENTE GIURISPRUDENZA DELLA CORTE DEI CONTI. La Sezione giurisdizionale per la Sardegna, con

Dettagli

SCHEDA PROVVEDIMENTO E SINTESI DELLA VICENDA Tribunale di ROMA Ord. ex art. 700 c.p.c. 15/01/2014 Giudice: Dr.ssa Filomena Albano Ricorrenti: P. e C.

SCHEDA PROVVEDIMENTO E SINTESI DELLA VICENDA Tribunale di ROMA Ord. ex art. 700 c.p.c. 15/01/2014 Giudice: Dr.ssa Filomena Albano Ricorrenti: P. e C. SCHEDA PROVVEDIMENTO E SINTESI DELLA VICENDA Tribunale di ROMA Ord. ex art. 700 c.p.c. 15/01/2014 Giudice: Dr.ssa Filomena Albano Ricorrenti: P. e C. con gli Avv.ti Filomena Gallo e Angioletto Calandrini

Dettagli

STUDIO LEGALE. Avv. Antonella Nigro. Responsabilità medica e ospedaliera. - I presupposti per la domanda di risarcimento - di Antonella Nigro

STUDIO LEGALE. Avv. Antonella Nigro. Responsabilità medica e ospedaliera. - I presupposti per la domanda di risarcimento - di Antonella Nigro Responsabilità medica e ospedaliera - I presupposti per la domanda di risarcimento - di Antonella Nigro Il tema della responsabilità medica e ospedaliera è ritornata ad essere di forte attualità a causa

Dettagli

CORSO DI MAGISTRATURA. Le lezioni di Roberto GAROFOLI

CORSO DI MAGISTRATURA. Le lezioni di Roberto GAROFOLI CORSO DI MAGISTRATURA Le lezioni di Roberto GAROFOLI Marco FRATINI DIRITTO CIVILE Volume quinto II edizione Aggiornato a: - Rimessione alle Sezioni Unite del contrasto sulla risarcibilità del danno tanatologico:

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA D ITALIA Commissione Permanente Igiene e Sanità

SENATO DELLA REPUBBLICA D ITALIA Commissione Permanente Igiene e Sanità SENATO DELLA REPUBBLICA D ITALIA Commissione Permanente Igiene e Sanità Indagine conoscitiva sul percorso nascita e sulla situazione dei punti nascita, con riguardo all individuazione di criticità specifiche

Dettagli

La certificazione e il referto ex art. 365 c.p.. Responsabilità del medico nella gestione delle malattie professionali.

La certificazione e il referto ex art. 365 c.p.. Responsabilità del medico nella gestione delle malattie professionali. La certificazione e il referto ex art. 365 c.p.. Responsabilità del medico nella gestione delle malattie professionali. Dr Salvatore Iannuzzi Dirigente medico di I livello, Centro Medico legale INAIL Catania

Dettagli

Luigi O. Molendini LA MEDICINA DIFENSIVA: LO SCENARIO

Luigi O. Molendini LA MEDICINA DIFENSIVA: LO SCENARIO 12/11/12$ Luigi O. Molendini LA MEDICINA DIFENSIVA: LO SCENARIO Il contesto ambientale Il ruolo della giurisprudenza La medicina difensiva Il ruolo del singolo operatore Il ruolo del legislatore 1$ Responsabilità

Dettagli

DEL «BLACK-OUT» ELETTRICO RISPONDE IL GESTORE DI RETE.

DEL «BLACK-OUT» ELETTRICO RISPONDE IL GESTORE DI RETE. GUIDO BELLI DEL «BLACK-OUT» ELETTRICO RISPONDE IL GESTORE DI RETE. Non tutti i soggetti della cui attività il debitore si avvalga per l adempimento della propria obbligazione sono suoi ausiliari nei termini

Dettagli

La responsabilità medica è extracontrattuale: ritorno al passato e best practices.

La responsabilità medica è extracontrattuale: ritorno al passato e best practices. La responsabilità medica è extracontrattuale: ritorno al passato e best practices. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex.com I progressi in campo scientifico hanno determinato un miglioramento

Dettagli

Il medico e l ordine professionale: l iscrizione e l esercizio del potere disciplinare

Il medico e l ordine professionale: l iscrizione e l esercizio del potere disciplinare Il medico e l ordine professionale: l iscrizione e l esercizio del potere disciplinare Per esercitare legittimamente la professione medica e quella odontoiatrica è richiesta l iscrizione all ordine dei

Dettagli

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. MORELLI Mario Rosario - Presidente - Dott. AMATUCCI Alfonso - rel. Consigliere - Dott. URBAN Giancarlo

Dettagli

Immigrazione, gravidanza e parto

Immigrazione, gravidanza e parto 9 febbraio 2013 Immigrazione, gravidanza e parto Monica Da Frè, Monia Puglia, Eleonora Fanti, Fabio Voller Settore Epidemiologia dei servizi sociali integrati Osservatorio di epidemiologia Agenzia Regionale

Dettagli

Infortuni sul lavoro: gli adempimenti a carico dell impresa

Infortuni sul lavoro: gli adempimenti a carico dell impresa Infortuni sul lavoro: gli adempimenti a carico dell impresa Nozione Si considera infortunio, ai fini della tutela assicurativa obbligatoria, ogni evento avvenuto per causa violenta in occasione di lavoro,

Dettagli

TRIBUNALE DI SALERNO. proc. n. 12474/09 R.G. proc. spec. Ordinanza depositata il 13/01/2010. Il Giudice designato dott.

TRIBUNALE DI SALERNO. proc. n. 12474/09 R.G. proc. spec. Ordinanza depositata il 13/01/2010. Il Giudice designato dott. TRIBUNALE DI SALERNO proc. n. 12474/09 R.G. proc. spec. Ordinanza depositata il 13/01/2010 Il Giudice designato dott. ANTONIO SCARPA; letto il ricorso per provvedimenti d urgenza ex art. 700 c.p.c. proposto

Dettagli

Mariagrazia GALATI. TRACCE di PARERI. con PARERI SVOLTI CASI PROBABILI TECNICHE DI REDAZIONE

Mariagrazia GALATI. TRACCE di PARERI. con PARERI SVOLTI CASI PROBABILI TECNICHE DI REDAZIONE Mariagrazia GALATI TRACCE di PARERI con PARERI SVOLTI CASI PROBABILI TECNICHE DI REDAZIONE SOMMARIO Premessa V SEZIONE I - I SOGGETTI DI DIRITTO PARTE PRIMA TRACCIA 1 L amministrazione di sostegno. Inquadramento

Dettagli

NEWSLETTER 01/2014 del 24.01.14

NEWSLETTER 01/2014 del 24.01.14 NWR 01/2014 del 24.01.14 1. NN R - RRBÀ ass. civ., sez., 23 gennaio 2014, n. 1361 res. Russo Rel. carano. 2. R. 139 RZN MRRMNN. orte di iustizia, sez., 23 gennaio 2014 res. R. ilva de apuerta rel.. rabadjiev.

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

La correttezza dell assunto pronunciato dal Gup di Milano, viene ribadita

La correttezza dell assunto pronunciato dal Gup di Milano, viene ribadita 1 La Cassazione chiarisce le conseguenze penali della sottrazione agli obblighi di mantenimento (cd. assegno) e l'ambito di applicazione dell'art. 3 della legge n. 54/2006. Corte di Cassazione, Sezione

Dettagli

Rassegna di giurisprudenza civile Responsabilità e risarcimento. Monza 30-03

Rassegna di giurisprudenza civile Responsabilità e risarcimento. Monza 30-03 Rassegna di giurisprudenza civile Responsabilità e risarcimento Monza 30-03 03-2010 Avv. Marco Bona Studio legale Ambrosio e Commodo, Torino Università di Torino RESPONSABILITA MEDICA Conferme e novità

Dettagli

LIMITI E PARADOSSI DELLA DIMENSIONE DELL UMANO NEL DIRITTO ALLA SALUTE. Alessandra Pioggia Perugia 26 gennaio 2013 LeG Scuola di Politica

LIMITI E PARADOSSI DELLA DIMENSIONE DELL UMANO NEL DIRITTO ALLA SALUTE. Alessandra Pioggia Perugia 26 gennaio 2013 LeG Scuola di Politica LIMITI E PARADOSSI DELLA DIMENSIONE DELL UMANO NEL DIRITTO ALLA SALUTE Alessandra Pioggia Perugia 26 gennaio 2013 LeG Scuola di Politica SCIENZE BIOMEDICHE, ETICA E DIRITTO - La scienza e il progresso

Dettagli

SENTENZE IN SANITÀ CORTE DI CASSAZIONE. Cassazione civile - Sezione III sentenza n. 9331 dell 8 maggio 2015

SENTENZE IN SANITÀ CORTE DI CASSAZIONE. Cassazione civile - Sezione III sentenza n. 9331 dell 8 maggio 2015 SENTENZE IN SANITÀ CORTE DI CASSAZIONE Cassazione civile - Sezione III sentenza n. 9331 dell 8 maggio 2015 QUANDO IL DANNO È PROCURATO DA ATTO NECESSARIO SENZA CONSENSO In presenza di un atto terapeutico

Dettagli

Tabelle indicative del Tribunale di Venezia per la liquidazione

Tabelle indicative del Tribunale di Venezia per la liquidazione Tabelle indicative del Tribunale di Venezia per la liquidazione del danno non patrimoniale alla persona in ambito responsabilità civile ed estranee al pregiudizio biologico ex art. 139 D.Lgs. 209/2005.

Dettagli

RELAZIONE RIASSUNTIVA

RELAZIONE RIASSUNTIVA 40 anni di screening scolastico per la prevenzione della talassemia nel Lazio. Un programma di successo che, con il prezioso contributo del mondo della scuola, ha raggiunto e continua a mantenere da anni

Dettagli

Da ciò è evidente che anche le Aziende con partecipazione pubblica sono chiamati a rispondere dinanzi al Giudice Contabile della Corte dei Conti.

Da ciò è evidente che anche le Aziende con partecipazione pubblica sono chiamati a rispondere dinanzi al Giudice Contabile della Corte dei Conti. IL BISOGNO ASSICURATIVO E LA LEGGE FINANZIARIA 2008 (DANNI PATRIMONIALI) L evoluzione dell ordinamento giuridico e dell amministrazione pubblica verso la trasformazione in aziende di diritto privato di

Dettagli

SICUREZZA DEL PAZIENTE E RESPONSABILITÀ PROFESSIONALE

SICUREZZA DEL PAZIENTE E RESPONSABILITÀ PROFESSIONALE SICUREZZA DEL PAZIENTE E RESPONSABILITÀ PROFESSIONALE 26-27 Giugno 2015 Hotel 501 Vibo Valentia LA GESTIONE DEL CONFLITTO E DEL CONTENZIOSO NEI SISTEMI SANITARI Prof Pietrantonio Ricci MONITORAGGIO MEDICO-LEGALE

Dettagli

LA SURROGA DELL ASSICURATORE

LA SURROGA DELL ASSICURATORE LA SURROGA DELL ASSICURATORE L ASSICURATORE CHE HA PAGATO L INDENNITÀ È SURROGATO, FINO ALLA CONCORRENZA DELL AMMONTARE DI ESSA NEI DIRITTI DELL ASSICURATO VERSO I TERZI RESPONSABILI. (Art. 1916 C.C.)

Dettagli

Il risarcimento equitativo.

Il risarcimento equitativo. Il risarcimento equitativo. Firenze, 26 novembre 2013. Corso di Diritto civile Prof. Giuseppe Vettori Mario Mauro Abstract Rapporto tra risarcimento equitativo e principio di integrale riparazione del

Dettagli

Senato della Repubblica XVII Legislatura. Fascicolo Iter DDL S. 1888

Senato della Repubblica XVII Legislatura. Fascicolo Iter DDL S. 1888 Senato della Repubblica Fascicolo Iter DDL S. 1888 Modifiche alla legge 19 febbraio 2004, n. 40, in materia di procreazione medicalmente assistita 13/10/2015-08:13 Indice 1. DDL S. 1888 - XVII Leg. 1 1.1.

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 3022 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori TOMASSINI e BIANCONI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 6 LUGLIO 2004 Integrazioni alla legge 19 febbraio 2004, n.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO DI MILANO - SEZIONE TERZA. nella persona del giudice unico Dott.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO DI MILANO - SEZIONE TERZA. nella persona del giudice unico Dott. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO DI MILANO - SEZIONE TERZA nella persona del giudice unico Dott. Manuela MASSENZ ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa civile

Dettagli

Ancora sul risarcimento del danno da illegittima occupazione. perché in presenza di un procedimento annullato in sede giudiziale o per l infruttuosa

Ancora sul risarcimento del danno da illegittima occupazione. perché in presenza di un procedimento annullato in sede giudiziale o per l infruttuosa Ancora sul risarcimento del danno da illegittima occupazione Premessa La disciplina del risarcimento del danno arrecato dalla Pubblica Amministrazione, qualora la stessa avesse occupato aree di proprietà

Dettagli

Il danno da vacanza rovinata: vademecum per il consumatore. turista

Il danno da vacanza rovinata: vademecum per il consumatore. turista Il danno da vacanza rovinata: vademecum per il consumatore turista di Paola Vitaletti I GIORNI DI VACANZA VALGONO PIU DEGLI ALTRI recita uno spot pubblicitario. Ciò ormai è un dato acquisito anche sul

Dettagli

La responsabilità amministrativa e la Corte dei Conti. Milano, sabato 27 settembre 2014 Villa Monastero Avv. Maura Carta

La responsabilità amministrativa e la Corte dei Conti. Milano, sabato 27 settembre 2014 Villa Monastero Avv. Maura Carta La responsabilità amministrativa e la Corte dei Conti Milano, sabato 27 settembre 2014 Villa Monastero Avv. Maura Carta Responsabilità amministrativa responsabilità amministrativo contabile del sanitario

Dettagli

Di Lello, Di Gioia, Locatelli, Pastorelli

Di Lello, Di Gioia, Locatelli, Pastorelli XVII LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE d'iniziativa dei DEPUTATI Di Lello, Di Gioia, Locatelli, Pastorelli Disposizioni in materia di consenso informato e di dichiarazioni di volontà anticipate

Dettagli

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE III CIVILE. (Sentenza 20 aprile 2007, n. 9514) SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE III CIVILE. (Sentenza 20 aprile 2007, n. 9514) SVOLGIMENTO DEL PROCESSO SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE III CIVILE (Sentenza 20 aprile 2007, n. 9514) SVOLGIMENTO DEL PROCESSO Con citazione del 21.6.1986 F. M. conveniva davanti al Tribunale di Rovigo il Comune di quella

Dettagli

08/05/2012. La sorveglianza sanitaria e il medico competente

08/05/2012. La sorveglianza sanitaria e il medico competente UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO- BICOCCA FACOLTÀ DI ECONOMIA Corso di Diritto della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro Anno Accademico 2011-20122012 Lezione 2 Dott.ssa Ferrua Sara La sorveglianza

Dettagli