La gravidanza in tridimensione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La gravidanza in tridimensione"

Transcript

1 ARNALDO CAPOZZI L gvdnz n dmnon Edzon ECOLAB

2 L gvdnz n dmnon o-n d ppoo p og u d do. Ando CAPOZZI Edzon ECOLAB Rom 2009

3 Too dop: gvdnz n dmnon P Novmb 2009 Tz Edzon ISBN È v poduzon o o pz d donog, on qu mzzo, nz uozzzon dedo. No: mdn è un nz n onnu vouzon. L pnz n gno onnumn g ozzon d no ononz. Pu gnndo mm u dggonmno n ozon d bozz, uo do dnno ognponbà p o od omon. Edzon ECOLAB Lgo Appo Cudo n Rom T Do o Edo Eog nom pv d n gvdnz. Mnu DVD p oh d nm. A. CAPOZZI Eog nom pv d n gvdnz. Mnu DVD p udn md. A. CAPOZZI. Pnzon d po. C. MUCCIACCIO.

4 INDICE DEL MANUALE Ind..... I LAuo... III Inoduzon... IV Cpoo 1 Sumnzon - Sumnzon Cpoo 2 L pv mmn - Ppzon m ogo Uo: non ovpubh Uo: non nvgn Monoggo ovo n ponn Cpoo 3 Pmo m d gvdnz - Inoduzon Ppzon m ogo Cm gzon qun mn C.R.L Eog nvgn -ov mn Non mn- Dm mn Undm mn Rpondo Dodm mn Tdm mn, Cpoo 4 Sondo m d gvdnz - Quodm-Qundm mn Sdm mn Coonn vb dm-dm mn Dom-Dnnovm mn Cpoo 5 Sondo-zo m d gvdnz - Fnà dm ogo n ondo m Snbà dog 31 - Em mooogo Cpoo 6 Rppnzon 3D d vo - Rppnzon 3D d vo ; mp 41 Cpoo 7 Ann - Lqudo mnoo Pn: pob d d mpno Modà dn d ppnzon d odon omb 48 Cpoo 8 Tzo m d gvdnz - Inoduzon Em umo mno- noduzon Cozon mno-; d uu d muzon Em umo mno Cpoo 9 Pnp qu po mdo og -Log è nnou? Qun m og è bn gu Eog ndom d Down I ono d pn (o n) In h modo Eog o po d o? LEog può mo odon nono oo? 69 - Dgno d gvdnz xun L o og o og d uppoo.. 70 Cpoo 10 Ron n noo bog - L podu puh poono mpgn d Cgg: p non dmn I

5 Goo Bbog nz II

6 LAUTORE. È d, ogg, onp o vuppo d un gvdnz nz ompmno d nomzon ppoo dog. I mdo h gu donn puno d mno phé ng u d n umn dpozon. Lo opo d quo n è nd pù b mondo d gvdnz mdn uo dog. L p dv è pù n pob, bn ung d v dm. Log, n u um pomn dmnon, h pno nnm n n mondo d uuo bmbno. L pà dg vn o o vuppo pp pù oo vv. I mnu u gvdnz on mmgn zon. E' un bo noo phé voo gno nz dg p o d' gno. S è o d on nozon d og pu pndo h noog dv mp mn uo ondo po gnz d umnà odà h omzon d du gno, d donn n md, d uomn n pd non è mbo po d noog md m uno dg p mvgo h ndono no v. Do. Ando Cpozz III

7 INTRODUZIONE I o nz on un pm d nom nom d pv mmn p po ubo pmo m d gvdnz. Pmn vngono nzz u mn d pmo ondo m; qund d n d ondo m d zo m vn ppn on ouzon dmnon d vo n u pomn d n bv nh on dnm do ho. Sono ppn n mn pù ppoond: m mooogo d n d ondo m m umo mno- d zo m. S, ondmnmn, d un o-n d og nom pv d n gvdnz voo uu gno d hunqu ddoo d v nozon d b uo vuppo d o. A ompmno, vnno on po pnp qu h donn n gvdnz pon mdo og. I mn dmnon vn bbvo n 3D. IV

8 Sumnzon Cpoo 1 Fg. 1 - I duo ( ond) pù qunmn n uo. 1) Sond ndov uzz n gnoog-o d n uoog. 2) Sond onv p o udo dddom d n gnoog-o. 3) Sond voum 3D 4D p o udo dddom d n gnoog-o. 4) Sond n 3D 4D p o udo dg ogn up d vozzzon p. 5) Sond n p o udo dg ogn up d vozzzon p. L g. 1 mo duo, oè ond ogh u o, vbndo, uuon. Eono numo vn d ond ogh; ono vdnz qu pù u dauo. Gz voà d mon zon do d dgzzzon d nomzon, è pob on unmmgn og on onno d mpo. P on mmgn uo hmo è n npozon ond d pno uno d un onz uonoondu no om g (g. 2 o). E pm d mn g h no n zon pù up d un 5

9 mgo omno d ond u u. Lozon d mod og on o Dopp h pmo d ggung mmgn og dzon n d u d ngu. Nog dmnon (3D), ompu dogo mmgzzn un numo vo d zon, nommn d , n om un pmd on. Ogn oo puno pn pop oodn pz u (x, y, z) h vngono u d ompu dogo p ou pn oo oogon qund p ouzon pz d voum mno. G og 4D onnono von dmnon n mpo qu. S d uv voum og ou pdmn, ondo pmo mpo oodn pz dg h. L dnzon dmmgn oì onu è gnmn no qu pm d omun ond p og bdmnon. App no vdo quno mo d P. Non, uogg, pov nonovb d upoà dog 3D, m poo, onz umno duzz dgno poo è noggn. P LD. Th dmnon uound, Uound Ob Gyno, 16:295,

10 Cpoo 2 LA PELVI FEMMINILE Ppzon m ogo Lm ogo d pv può guo n modà ovpub o n modà nvgn. N o d modà ovpub, d nh nddomn phé ond og è dpo uddom, è no v v dmn d, m non vmn, nhé qudo v pm vuzzzon d uu poo. P on v pn vn ongo d n d b 3-4 bh d qu uno pm dm. N modà nvgn non è no v v pn. S dnguono du p mooog duo: uo nomovoo uo ovoo; dnz è n pozon d ondo: no o poo. I ondo duo è mob, umnndo d voum n gvdnz, dpon nomn. 7

11 Uo: non ovpubh Fg. 3 - Immgn hm d uo nomovoo n govn donn vdnzo mdn non ovpub ongudn. Lv ouzon pm d dnz oo u un d n po muou (momo) muo nn (ndomo). Lngoo d von è ngoo vgn oo duo; ngoo d on è ngoo oo d opo duo. Fg. 4 - Snon ovpub ongudn d uo nomovoo n govn donn. Luo vuzz poomn v d. L ongudn è ompo g h g; dmo no-poo è ompo g h mon. L bnh do uo ono n nn. 8

12 Fg. 5 - Uo ovoo n govn donn. Fg. 6 - Snon ovpub ongudn d uo ovoo n govn donn. Lngoo d von duo dpnd d pozon d ondo, ngoo d on d opo. 9

13 Uo: non nvgn Fg. 7 - Snon ongudn nvgn d uo nomovoo n govn du. Fg. 8 - Snon ongudn nvgn d uo ovoo n govn du. 10

14 Con ppoo nvgn è pob un vuzon quv d'ndomo oo muzon d uo po. Dun pov, 'ndomo dvn poono p mundo 7-8 gono 5-7 mm; ggung uno po d 8-17 mm n povuo on po ogo " n". Dopo 'ovuzon, ndomo dvn omognmn pogno umn d po p po du n u dv no muzon. Fg. 9 - Snon nvgn ongudn d uo nom n govn du. S onoono momo ndomo. Lndomo è poogno (uo) nono n pogn (h) d và un (nono gono d o). 11

15 Fg Uo nomovoo n govn donn. L n bn no duo è d obmno d p mom. Smo n d o. Fg Snon ongudn nvgn d uo nomovoo n pmu. Anuzon dndomo ( g) h pp pogno. G po oo ono v un vdnz on ooo-dopp. 12

16 Monoggo ovo n ponn (Ovo n non nvgn on ooo n v d muzon) Log ov h o opo d ud o vuppo oo, ovuzon, omzon d opo uo n ponn h ndo. I monoggo ogo dovuzon nz n ponn 6-7 gono d o dun oo po n u poono dngu un numo vb d oo n d 3-5 mm. Fg. 12 -Ovo on du oo poo. I ooo è vdnzzon mooog d unzon ov; o hud u uovo. I oo muno 5 mm. D'8-9 gono nz zon d ooo domnn h do mu 10 mm. L dmnon oo ono o undo md d du dm mm. L d ooo umn d 1,5-2 mm gono no d v d un dmo povuoo d mm, on un vbà ndvdu h v d mm. Lovuzon può v un dnz vb p u, d momno n u ndvdu un ooo d mm, n o d monoggo oo, è bn h onoo quodno. A oo-pow Dopp è pob ud vozzzon poo h pp pù m ono ooo domnn. Avvnu 'ovuzon, p oo dvnno go d no o è pob ov opo uo. 13

17 Fg Ovo on ooo povuoo d 2 m; mo mà d o. I ooo ovuoo è ooo muo n d ondzon. I gn oo bod d ooo ppnno omzon d nuov v n momno d pun ovuzon. Fg Ovo on opo uo. I opo uo è ooo ovuoo omo dopo ovu z on.i o o o,m u ndo,mod uo p od v n ndop ù h op ù vozzo. S ovno mgn d, onnuo on n ng nno, ob d p n pù vnz d o vozzzon p (p oo p- bu). 14

18 Ao gno d'vvnu ovuzon è omp d un d qud n vo d Doug. I Dopp puo mo mpdnz b voà 'nno d qu v. È pob on oo Dopp nh o udo d uo mo d ovh dun v d o. L nz ovh vnno vu qundo ooo è d 15 mm: ppono 'nzo d oo duono pogvmn ggungndo un mnmo n un dv. Poo pm do oppo oo h umno d vozzzon duzon d nz. T uo è pn nh ono opo uo h pp n oo ow om un no h o ond om un mmgn d "ng o ". I opo uo gvdo è opo uo omo dopo ondzon; o mo poduzon d omon p vo vouzon dgvdnz d nom omp n d pmo m d gvdnz. N nz d gvdnz è pob vdnz onmponmn opo uo gvdo n ono d un ovo d o nno d m gzon. 15

19 Cpoo 3 PRIMO TRIMESTRE DI GRAVIDANZA Lg v dnzv n o,p d n z on,dp mog o nod u m muzon u du è 280 gon nh onpmno vv n ovu z on oè 1 4g o ndopo p mog o nod u mo o ( gon=280 gon). N m no og du o n o,qu nd, à g z on v n à m u, nd om p mo g o no d u m m uz on o o n mn gzon nz o, gundo p nnzon, n mn gzon mn. S u, d nom, zon n mn gon omp. Congunmn, mn gzon v d nqu mn d un gono no z og o n( unnom n u p ù omog n d un n nd z on d àg z on bb u m n u p b ). P pmo m nnd podo d à gzon no 13 mn 6 gon. S dn mb on podoo d onpmno no 10 mn ompu (no 10 mn 0 gon d à gzon), dn o d 10 mn 1 gono n po. L m og o può u o p v n ddom n o nvgn on ogo n mpo doo d ond ddomn d mno 3,5 MHz /o d ond vgn d mno 5 MHz. P p z on m og o N p mo m dg v dnzèp b gu og p v nvgn: v v nnz d ond og u o,èpo b o n unm g o d n z ond mmg n.i no,qu o pod m è mgo oo d pzn n quno guo v vuo, on od m n ddom n h h d dnon v. Unu o v n gg od og n vg n è po b àd gu np o ond z onqu ov onu n v d po à d p ddomn mn h, noomn, ndono pù d m ov pub o.non p ov d un v à d og nvgn u podoo d onpmno m h, ono, nomzon d vb ppono ndpnb p un o ondo n. L poondà d vuzzzon d ond nvgn è 10 m, p u, quo po d m vn guo n pm mn dg z on.n ondo z o m pp o o n vg n m 16

20 o ud o d n z on p n op u o poog (pn pv) o d go p pn. I pmo gno ogo d un gvdnz nz è vuzzzon d m gzon. L pnz d o gzon può dmo ndbmn 32 d 36 g o nod u mm uz on. I o gzon ggung 5 mn un dmo d 5-6 mm. L'uo mno d o gzon mmon 1 mm gono. A p d 5 mng z on, on mp v nvgn, è v u zz b ov no om u u ond gg n n nod po m gzon. I o vno h unzon nuv p mb on on nu m n gg ung ndo 5, 5 mm 10 mn d gzon, po gd. Pmo m d gvdnz Vnno gun pm (1): A. Pnz o nz d m ovu n nod u o. B. Idnzon d mbon/o. C. Numo d mbon/. D. Pnz o nz d v à d v n B-mod o n M-mod (n p d mp gzon d bo nz pobà d o o;nd ).E on g o u zz od Dopp pu o( qu ndn h pobà d o bo do; nd) o oo p vzon d v à d n p odo mb on ( no1 0 m n0g o n ) Mu d dmo mdo d m ovu ( non è vdnzb mb on ) oppu d ungh z z n o-ud (CRL) oppu d dmo bp (BPD o DBP). E. I vo bom dvono omp on uv d mno u zz gn ndo d z on og o pond à gzon nmn. F. M u d mb on / o: unghzz no-ud (CRL) /o dmo b p ( BPD odbp).i CRLvm u o on mb on / o n n on g, n pozon nu (né po né po), udndo o vno. I CRL muo 7 11 mn h un uzz d gon n 95% d. S ong mu d BPD p d 12 mn ompu. I BPD muo mn (pù d 21 mm) h un u z z d+ 3-4 gon n 95% d. L uv d mno uzz poono d ogn opo/no; è ongo nd n o vo d mno p ogn mn. S vo bom v non opondono, dzon (h non dv no d un mn) v. G. Vuzon d gon nn d mooog un. 17

21 H. Evnu ong p ono og uv. I. Ev n u m d m (obà, non zon d donn d u mp v n vg n n o d p o non d m n m guo p v nddomn,.). L m og on p mo m dg v dnznonh om n à d v n u m o m z ond mb on / o Immgn d m gzon qun mn: Fg. 15 Eog dzon. Snon nvgn d uo n d qu mn-nzo qun. L g nd m gzon. 18

22 Fg Eog dzon. Snon nvgn d uo ngndo, gvdo, qun mn d gvdnz. L m gzon è un, dmm 8.A n nod và gzon v o vno, un uu ondggn (om un no) on unz onnu vp mb on. Fg Eog 3D nvgn. Cm gzon qun mn. L m gzon, n quo o, è un, d 7 mm. In qu'po no non è v u z zb on z z ' mb on. A n nod m g z on v o v no:un o n o ond gg n d2mm n nod v à o on.e oh unz on nu v p mb on, gg ung 5, 5 mm d m mn d gvdnz, po omp pdmn. 19

23 Un pnu d gn vb 20 d 50% mn pd d ngu n pm mn d gzon. Quo ngunmno è gnmn bub mog d mpno oè modo ngu nm n op ovo od nn dm n od m g z on ò è oogo. I 20-30% d gn può gung, pò, d un v pop m n d bo op n ond mo g. I C.R.L. C o ndo ungh zz d mb on d mo o m g n no d bno on uon dg ovvo C.R.L. (own-ump ng h)èpo b d n po g z on v hpo bb d n d po dm no d h.i C. R. L.èun nd b om o gub d, dm mn pn ndbà d 90%. L og uv bnno o vuppo po quno vo on C.R.L. d pm og. Bogn ond h gvdnz vn o p dnzon d p mog o nod u m muzon u du è 280 gon nh on p m n ovv n ovu z on oè 14g o ndopo p mo g o nod u mo o( g o n =28 0g o n ). Tb 1 L og uv, non dnmn po, ono 3D. 20

24 Pmo m d gvdnz. Emp d og nvgn. N m gzon, -m mn, vdnz mb on on u om vgo d n po uo poo o ( ) hn pp n 50% d o.i C. R. L.d mb onè 1 m. G ono ono un bbozzo. N m gzon v nh o vno on u om d no. Un pdunoo un 'mbon o vno. Fgg. 18 A-B S mn. 21

25 Fg Fn d m mn. Ah: bbozzo dg. L'mno è un nno mbon h, om un mmbno, ond pogg 'mbon. L'mno è nzmn ono on opo d'mbon po umn d voum on poduzon 'umuo d qu do mn o o.l mb on è o p o n uo n no v o odon omb. Aumnndo qudo mnoo, nmn 'pnon d'mno no o d up nn d oon (o, pù mpmn, d và un) n d pmo m (g. 20). Fg

26 Fg Ov mn nzo. Ah: bbozzo dg. I CRL è 2 m. Fg Ov mn. Ah: bbozzo dg. 23

27 Fg Ov mn d gvdnz. I C.R.L. d ' mb onè1 8mm mè o guo on ond nvgn. App bn vdn o mnoo h, mn om un "o", vvog 'mbon (noo n'nno). L'n u mmn vovo pm d vdnz po v d up d m mb nmn o.e' b n v d n n h p o o d ov nonon hè upo z on x mn o do o h oun mb on. Fg E m n z on ompu zz dp d m mb nmn o.con z on d o vno on uo po d no moo m. L n mmgn ono gu on non p v ovpub. 24

28 Fg Non mn. Fg Dm mn. I CRL è 35 mm. Lo vuppo d gon dun ondo m è domno d modzon h pono omzon d no; oo è nmn po d poo o; poono dn g upo d no. No pozon xmno d o vno. und m mn d gzon. L p ddomn pp puoo gobo p n o og dp d n no n o donomb. 25

29 Fg Undm mn. Fg Undm mn. Em o-dopp. Bo do. L qunz d n pm mn d gvdnz pn vzon omp 120 d 180 b m nu o hpo ono g m n on odopp. L qunz d n pm mn d gvdnz pn vzon omp 120 d 180 b mnuo h poono g m n on odopp b o d op mo m. 26

30 RICAPITOLANDO: omd on n oduz ond p o o, n og m u ungh zz n oud (C.R.L.) non unghzz o d o. I C.R.L. d po qu po hnno mp vo ndvo. S mn: C.R.L. mm 3-4; gmm 0,04. Sm mn: C.R.L. mm 10; gmm 0,07. Ov mn: C.R.L. mm 16; gmm 1. Non mn: C.R.L. mm 28; gmm 7. Dm mn: C.R.L. mm 37; gmm 9. Undm mn: C.R.L. mm 47; gmm 11. Fg Shm unvo d pm und mn d gvdnz. 27

31 S o d hè on g o u zzod Dopp pu o o o o p vzon d v à d n p odo mb on ( no10 mn 0 gon) (1). Fg Fn d'undm mn-nzo d dodm. L unghzz no ud ( CRL)d o nqu po è 5 m.i nqu op odo mgg op d uu ono om onob. Fg Dodm mn. 28

32 Fg Tdm mn. I C.R.L. è 70 mm. L mmgn po n quo mnu ono onu gz o n vo vo Fg vo oppo vo vo.t d m m n. 29

33 Cpoo 4 SECONDO TRIMESTRE DI GRAVIDANZA Fg Quodm mn. I C.R.L. è 7 m. Fg Qund mn. 30

34 Fg Sdm mn. L dmnon d o dm mn ono d non n p no n o h mod og o.i oè ung o 14 m p 120 g. Fg Sdm mn. 31

35 Mn mbmn u v nono o ono moo pd, n md vnnop ù n o.l u oè u o nmn d mp p vpuò ppo n p b d vn, no d pub. Non è no pob n poo muov. L mmgn oppo ono og 3D gu n modà d d up. E' nh pob ppnzon 3D pn; on, ogn ngoo puno d un zon og ogn vn oo om o pn vngono m n o uu pù n. Qu'um modà è u p o udo mooogo d o. Fg Rppnzon 3D d pnz d oonn o ombo- dm-dm mn. N ppnzon 3D pn, ogn ngoo puno d un zon og ogn vn oo om o pn vngono m n o uu pù n. N modà 3D è po b uo mmg n ong nd à. 32

36 Fg Rouzon 3D d vo dom mn d gvdnz. S dnno on, ob, no, bo mndbo. Fg Vo dnnovm-vnm mn d gvdnz. 33

REQUISITI DI SICUREZZA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI R. Paciucci E. Ragno Servizio sicurezza e protezione - CNR

REQUISITI DI SICUREZZA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI R. Paciucci E. Ragno Servizio sicurezza e protezione - CNR REQUISITI DI SICUREZZA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI R. P E. R Svz szz pz - CNR L f sh s s mp pph ; p è pps pm pssbà p sss è ss vs, s s mp mq sz, ; s (, svh.) pss ss s z. I sh ss s spsv è sfvm fz m pph s p:

Dettagli

George Frideric Handel. Reduction. From the Deutsche Händelgesellschaft Edition Edited by Frideric Chrysander

George Frideric Handel. Reduction. From the Deutsche Händelgesellschaft Edition Edited by Frideric Chrysander Gorg Fdc Hndl GIULIO CESARE 1724 Rduction From th Dutsch Händlgsllschft Etion Etd by Fdc Chrysndr Copyght 2001-2008 Nis Scux. Licnsd undr th Ctiv Commons Attbution 3.0 Licns 2 3 INDICE 0-1 OUVERTURE 5

Dettagli

PROGETTO PON SICUREZZA 2007-2013 Gli investimenti delle mafie

PROGETTO PON SICUREZZA 2007-2013 Gli investimenti delle mafie PROGETTO PON SICUREZZA 27-213 Gli investimenti delle mafie SINTESI Progetto I beni sequestrati e confiscati alle organizzazioni criminali nelle regioni dell Obiettivo Convergenza: dalle strategie di investimento

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario Pagina 1 di 8 LEGGE 3 luglio 2014, n. 99 Ratifica ed esecuzione dell'accordo fra il Governo della Repubblica italiana e il Governo degli Stati Uniti d'america sul rafforzamento della cooperazione nella

Dettagli

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA ANUGA COLONIA 05-09 OTTOBRE 2013 Ragione Sociale Inviare a : all'attenzione di : Padiglione Koelnmesse Srl Giulia Falchetti/Alessandra Cola Viale Sarca 336 F tel. 02/86961336 Stand 20126 Milano fax 02/89095134

Dettagli

3. La velocità v di un satellite in un orbita circolare di raggio r intorno alla Terra è v = e,

3. La velocità v di un satellite in un orbita circolare di raggio r intorno alla Terra è v = e, Capitolo 10 La gavitazione Domande 1. La massa di un oggetto è una misua quantitativa della sua inezia ed è una popietà intinseca dell oggetto, indipendentemente dal luogo in cui esso si tova. Il peso

Dettagli

MC2. La centrale MC2 è un gruppo elettroidraulico compatto e modulare. La qualità dei singoli particolari unita alla

MC2. La centrale MC2 è un gruppo elettroidraulico compatto e modulare. La qualità dei singoli particolari unita alla IUI HYUIQU echnical atalogue ecember a centrale è un gruppo elettroidraulico compatto e modulare. a qualità dei singoli particolari unita alla semplicità del loro montaggio consente applicazioni con ingombri

Dettagli

REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39)

REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39) DELIBERAZIONE n.806 del 01/07/2014 REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39) DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE n.806 del 01/07/2014 Proposta

Dettagli

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia Una voce oco a / Barbiere di Siviglia Andante 4 3 RÔ tr tr tr 4 3 RÔ & K r # Gioachino Rossini # n 6 # R R n # n R R R R # n 8 # R R n # R R n R R & & 12 r r r # # # R Una voce oco a qui nel cor mi ri

Dettagli

Proof. Dimostrazione per assurdo. Consideriamo l insieme complementare di P nell insieme

Proof. Dimostrazione per assurdo. Consideriamo l insieme complementare di P nell insieme G Pareschi Principio di induzione Il Principio di Induzione (che dovreste anche avere incontrato nel Corso di Analisi I) consente di dimostrare Proposizioni il cui enunciato è in funzione di un numero

Dettagli

Voto attribuito COME SI VOTA Voto non attribuito

Voto attribuito COME SI VOTA Voto non attribuito Voto attribuito O S VOT Voto non attribuito OO PU O RTURO TOS PPPO USPP VR PURO OO ROSS OR PTRO S PO TOO VV SPROO RO O Si può mettere un segno sul candidato alla presidenza e un altro sul simbolo del candidato

Dettagli

Il villaggio delle fiabe

Il villaggio delle fiabe Il villaggio delle fiabe Idea Progetto bambini 2^ A A. Mei Costruzione Direzione dei lavori maestre L idea di partenza Il DADO è un cubo. Noi siamo molto curiosi e ci siamo posti questa domanda: Come sono

Dettagli

\ l o n g a r e \ RE5 INDICE - TITOLO PRIMO - NORME GENERALI

\ l o n g a r e \ RE5 INDICE - TITOLO PRIMO - NORME GENERALI \ l o n g a r e \ RE5 INDICE - TITOLO PRIMO - NORME GENERALI ART. 1 - OGGETTO DEL REGOL AMENTO EDI L I ZI O E RI CHI AMO AL L E DI SPOSI ZI ONI DI L EGGE E REGOL AMENTI - TITOLO SECONDO - DISCIPLINA DEGLI

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE NON AVRESTE VOLUTO SAPERE DEL CORSO DI

TUTTO QUELLO CHE NON AVRESTE VOLUTO SAPERE DEL CORSO DI TUTTO QUELLO CHE NON AVRESTE VOLUTO SAPERE DEL CORSO DI INTRODUZIONE ALLA TEORIA DEI GRUPPI, DEGLI ANELLI E DEI CAMPI MA CHE QUALCUNO VI HA VOLUTO INSEGNARE LO STESSO CONTIENE 1. tutte le risposte alle

Dettagli

FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE. Sistemi di rilevazione dei costi Job Costing, Process Costing

FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE. Sistemi di rilevazione dei costi Job Costing, Process Costing FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE Proff.. Alberto Baggini Marco Melacini A.A. 2008/2009 Sistemi di rilevazione dei costi Job Costing, Process Costing Allocazione dei costi industriali

Dettagli

Letture progressive per la prima

Letture progressive per la prima Letture progressive per la prima Alunno/a ------------ Classe --- ORDINE DI PRESENTAZIONE DELLE LETTERE O I A U - E M R S L F P T - N B V - Z D CA CO CU Q CE CI GA GO GU GE GI H CHE CHI GHE GHI SCHE SCHI

Dettagli

NUMERI DI OSSIDAZIONE

NUMERI DI OSSIDAZIONE NUMERI DI OSSIDAZIONE Numeri in caratteri romani dotati di segno Tengono conto di uno squilibrio di cariche nelle specie poliatomiche Si ottengono, formalmente, attribuendo tutti gli elettroni di valenza

Dettagli

Trasmissione del suono attraverso una parete. Prof. Ing. Cesare Boffa

Trasmissione del suono attraverso una parete. Prof. Ing. Cesare Boffa Trasmissione del suono attraverso una parete Prof. ng. Cesare offa W t W i scoltatore W r orgente W a La frazione di energia trasmessa dalla parete è data dal fattore di trasmissione t=w t /W i. Più spesso

Dettagli

Alberi di copertura minimi

Alberi di copertura minimi Albr d coprtur mnm Sommro Albr d coprtur mnm pr grf pst Algortmo d Kruskl Algortmo d Prm Albro d coprtur mnmo Un problm d notvol mportnz consst nl dtrmnr com ntrconnttr fr d loro dvrs lmnt mnmzzndo crt

Dettagli

Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015

Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015 ALLEGATO A Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015 per i redditi di lavoro dipendente/assimilati e di lavoro autonomo/provvigioni e diversi Specifiche tecniche

Dettagli

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara Esercizi di Algebra Lineare Claretta Carrara Indice Capitolo 1. Operazioni tra matrici e n-uple 1 1. Soluzioni 3 Capitolo. Rette e piani 15 1. Suggerimenti 19. Soluzioni 1 Capitolo 3. Gruppi, spazi e

Dettagli

CATALOGO LINEA PRODOTTI 2013/2014 ED. SETTEMBRE 2013

CATALOGO LINEA PRODOTTI 2013/2014 ED. SETTEMBRE 2013 CATALOGO LINEA PRODOTTI 2013/2014 ED. SETTEMBRE 2013 2 ELETTRIFICATORI PORTATILI 0615200 *0615200* FENCELINE B200 STD CON PICCHETTO MASSA, CONNESSIONE LINEA E TERRA 9V: 0,16J (12V: 0,21J) 0615202 *0615202*

Dettagli

INDICE TRATTAMENTO SUPERFICI

INDICE TRATTAMENTO SUPERFICI INDICE TRATTAMENTO SUPERFICI CODICE ARTICOLO DESCRIZIONE U.M. 5752050 SPAZZOLE-PAG.8 ASTA PER SCOVOLI IN PPL MM.1400 SIT PEZZO 5752050 SPAZZOLE-PAG.8 ATTACCO FLESSIBILE IN ACCIAIO PER SCOVOLI M.12 SIT

Dettagli

M P = PA^V. Il risultante e denito semplicemente come la somma dei vettori di a

M P = PA^V. Il risultante e denito semplicemente come la somma dei vettori di a VETTORI APPLICATI Sistema di vettori applicati L'ente matematico costituito da un punto P e da un vettore (libero) V, si dice vettore applicato in P e si denota con (P;V). E comodo rappresentare il vettore

Dettagli

Prolog: aritmetica e ricorsione

Prolog: aritmetica e ricorsione Capitolo 13 Prolog: aritmetica e ricorsione Slide: Aritmetica e ricorsione 13.1 Operatori aritmetici In logica non vi è alcun meccanismo per la valutazione di funzioni, che è fondamentale in un linguaggio

Dettagli

Quesiti e problemi (sul libro da pag. 510)

Quesiti e problemi (sul libro da pag. 510) Quesiti e problemi (sul libro da pag. 510) 2 Il numero di ossidazione 1 Assegna il n.o. a tutti gli elementi dei seguenti composti. a) Hg 3 (PO 3 ) 2 Hg: +2; P: +3; O: 2 b) Cu(NO 2 ) 2 Cu: +2; N: +3; O:

Dettagli

CIRCOLARE n.148. Al Personale Docente. Sede

CIRCOLARE n.148. Al Personale Docente. Sede 1 I.C. Slvo Pllco Portoplo Cpo Pssro 1 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE S. PELLICO V Crnnà 4 c..p. 96018 - PACHINO (SR) Tl. 0931/801226-0931597094 ml :src853002q@struzon.t www.pllcopchno.t Coc Fscl 83001430897.

Dettagli

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Laboraorio di Algorimi e Sruure Dai Aniello Murano hp://people.na.infn.i people.na.infn.i/ ~murano/ 1 Algorimi per il calcolo di percori minimi u un grafo 1 Un emplice problema Pr oblema: Supponiamo che

Dettagli

l = 0, 1, 2, 3,,, n-1n m = 0, ±1,

l = 0, 1, 2, 3,,, n-1n m = 0, ±1, NUMERI QUANTICI Le autofuzioi soo caratterizzate da tre parametri chiamati NUMERI QUANTICI e soo completamete defiite dai loro valori: : umero quatico pricipale l : umero quatico secodario m : umero quatico

Dettagli

SCUOLA PARITARIA BEATA VERGINE DI LUORDES. Holy Christmas Night FESTA DI NATALE 2013/2014. Spiderman

SCUOLA PARITARIA BEATA VERGINE DI LUORDES. Holy Christmas Night FESTA DI NATALE 2013/2014. Spiderman SCUO PARITARIA BEATA VERGINE DI LUORDES Holy Christmas Night FESTA DI NATALE 2013/2014 Spiderman 22/12/2013 CANONE MARCIA DEI - DA LONTAN ARRIVANO T - MI 7 SU T CAMMELLI FIERI E DRAPPEGGIATI - DA LONTAN

Dettagli

Rette e piani con le matrici e i determinanti

Rette e piani con le matrici e i determinanti CAPITOLO Rette e piani con le matrici e i determinanti Esercizio.. Stabilire se i punti A(, ), B(, ) e C(, ) sono allineati. Esercizio.. Stabilire se i punti A(,,), B(,,), C(,, ) e D(4,,0) sono complanari.

Dettagli

MAL AT T IE C ARDIOV AS C OL ARI

MAL AT T IE C ARDIOV AS C OL ARI Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie C o rs o d i L a u re a in In fe rm ie ris tic a Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina e Chirurgia PROG E T T O DI AP P RE N DIME N T O IN AMB

Dettagli

Serie RTC. Prospetto del catalogo

Serie RTC. Prospetto del catalogo Serie RTC Prospetto del catalogo Bosch Rexroth AG Pneumatics Serie RTC Cilindro senza stelo, Serie RTC-BV Ø 16-80 mm; a doppio effetto; con pistone magnetico; guida integrata; Basic Version; Ammortizzamento:

Dettagli

Minimo sottografo ricoprente. Minimo sottografo ricoprente. Minimo albero ricoprente. Minimo albero ricoprente

Minimo sottografo ricoprente. Minimo sottografo ricoprente. Minimo albero ricoprente. Minimo albero ricoprente Minimo sottografo ricoprente Minimo sottografo ricoprente Dato un grafo connesso G = (V, E) con costi positivi sugli archi c e, un minimo sottografo ricoprente è un insieme di archi E E tale che: G = (V,

Dettagli

INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI

INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI Prima di riuscire a scrivere un programma, abbiamo bisogno di conoscere un metodo risolutivo, cioè un metodo che a partire dai dati di ingresso fornisce i risultati attesi.

Dettagli

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA 1 esercizi in corrente continua completamente svolti ESERCIZI DI ELETTROTECNICA IN CORRENTE CONTINUA ( completamente svolti ) a cura del Prof. Michele ZIMOTTI 1 2 esercizi in corrente continua completamente

Dettagli

Liste di specie e misure di diversità

Liste di specie e misure di diversità Lte d pece e mure d dvertà Carattertche delle lte d pece I dat ono par, coè hanno molt valor null (a volte la maggoranza!) La gran parte delle pece preent è rara. I fattor ambental che nfluenzano la dtrbuzone

Dettagli

TESTO INTEGRATO DELLE CONDIZIONI TECNICHE ED ECONOMICHE PER LA

TESTO INTEGRATO DELLE CONDIZIONI TECNICHE ED ECONOMICHE PER LA Allegato A alla deliberazione ARG/elt 99/08 valido per le richieste di connessione presentate a partire dall 1 gennaio 2011 - Versione integrata e modificata dalle deliberazioni ARG/elt 79/08, ARG/elt

Dettagli

100 metri. 200 metri SERIE - RISULTATI Serie Unica Clas. 1. 800 metri

100 metri. 200 metri SERIE - RISULTATI Serie Unica Clas. 1. 800 metri 00 metri RISULTTI Serie Unica 6 TROFEO DELLOMODRME MEETING DI TLETI LEGGER - appr. 0/pista/0 Organizzazione: NO00 - MTORI MSTER NOVR - NOVR RISULT MPO DI ors. Pett. tleta nno at. Società Prestazione Punti

Dettagli

aleatoria; se è nota la sua densità di probabilità ad essa si può associare una valore medio statistico. La grandezza così definita: (III.1.

aleatoria; se è nota la sua densità di probabilità ad essa si può associare una valore medio statistico. La grandezza così definita: (III.1. Caitolo III VALORI MEDI. SAZIONARIEÀ ED ERGODICIÀ III. - Mdi tatitich dl rimo ordi. Sia f( ) ua fuzio cotiua i aoci al gal alatorio (, t ζ ) la uatità dfiita dalla y f[(, t ζ )]. Ea idividua, a ua volta,

Dettagli

IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA: FATTORIZZAZIONE IN NUMERI PRIMI.

IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA: FATTORIZZAZIONE IN NUMERI PRIMI. IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA: FATTORIZZAZIONE IN NUMERI PRIMI. PH. ELLIA Indice Introduzione 1 1. Divisori di un numero. 2 2. Numeri primi: definizioni. 4 2.1. Fare la lista dei numeri primi.

Dettagli

1. Agli estremi di una resistenza di 30 ohm è applicata una tensione di 120 volt. Calcolare la quantità di elettricità passata in 12 ore.

1. Agli estremi di una resistenza di 30 ohm è applicata una tensione di 120 volt. Calcolare la quantità di elettricità passata in 12 ore. ESERCIZI pag: 458 1. Agli estremi di una resistenza di 30 ohm è applicata una tensione di 120 volt. Calcolare la quantità di elettricità passata in 12 ore. 2. Una dinamo produce 6 amp a 160 v. Calcolare

Dettagli

ACCETTAZIONE O RINUNCIA FIRMA(*)

ACCETTAZIONE O RINUNCIA FIRMA(*) Prot. AOOUSPNO 5969/U Novara, 22/08/2013 IL DIRIGENTE la CM n. 8004 del 02/08/2013 e il relativo contingente assegnato a questa provincia per l attribuzione di contratto a tempo indeterminato per il PERSONALE

Dettagli

Anello commutativo. Un anello è commutativo se il prodotto è commutativo.

Anello commutativo. Un anello è commutativo se il prodotto è commutativo. Anello. Un anello (A, +, ) è un insieme A con due operazioni + e, dette somma e prodotto, tali che (A, +) è un gruppo abeliano, (A, ) è un monoide, e valgono le proprietà di distributività (a destra e

Dettagli

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso.

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso. I vettor B Un segmento orentto è un segmento su cu è stto fssto un verso B d percorrenz, d verso oppure d verso. A A Il segmento orentto d verso è ndcto con l smolo. Due segment orentt che hnno l stess

Dettagli

VALUE COVEA FLEET S.A. CONTRATTO di ASSICURAZIONE CONTRO I DANNI ALL AUTOVEICOLO NUMERO 8427290 FASCICOLO INFORMATIVO.

VALUE COVEA FLEET S.A. CONTRATTO di ASSICURAZIONE CONTRO I DANNI ALL AUTOVEICOLO NUMERO 8427290 FASCICOLO INFORMATIVO. COVEA FLEET S.A. del Gruppo COVEA CONTRATTO di ASSICURAZIONE CONTRO I DANNI ALL AUTOVEICOLO VALUE NUMERO 8427290 FASCICOLO INFORMATIVO Il presente Fascicolo Informativo, contenente: 1) Nota Informativa

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI La massa dei singoli atomi ha un ordine di grandezza compreso tra 10-22 e 10-24 g. Per evitare di utilizzare numeri così piccoli, essa è espressa relativamente a

Dettagli

JOHANN SEBASTIAN BACH Invenzioni a due voci

JOHANN SEBASTIAN BACH Invenzioni a due voci JOH EBTI BCH Invnzon a u voc BWV 772 7 cura Lug Catal trascrzon ttuata con UP htt//ckngmuscarchvorg/ c 200 Lug Catal (lucatal@ntrrt) Ths ag s ntntonally lt ut urchtg nltung Wormt nn Lbhabrn s Clavrs, bsonrs

Dettagli

RELAZIONE TECNICA PROTEZIONE CONTRO I FULMINI. di struttura adibita a Ufficio. relativa alla

RELAZIONE TECNICA PROTEZIONE CONTRO I FULMINI. di struttura adibita a Ufficio. relativa alla II I RELAZIONE TECNICA t relativa alla PROTEZIONE CONTRO I FULMINI di struttura adibita a Ufficio. sita nel comune di AF.EZZO (AR) PROPRIET A' AP{EZZO MULTISERVIZI SRL Valutazione del rischio dovuto al

Dettagli

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito.

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito. Integrli de niti. Il problem di clcolre l re di un regione pin delimitt d gr ci di funzioni si può risolvere usndo l integrle de nito. L integrle de nito st l problem del clcolo di ree come l equzione

Dettagli

VERBALEDror"**"xtzol?;?îfÈiftc4r-NTACOMUN

VERBALEDror**xtzol?;?îfÈiftc4r-NTACOMUN COMUNE DI MAGLIANO VETERE. 84050 MAGLIANO VETERE (SA) C.so Umberro t @ 0974/s92A32 _992076 COPIA VERBALEDror"**"xtzol?;?îfÈiftc4r-NTACOMUN OGGETTO: Approvazione Progetto esecutivo di efficientamento energetico

Dettagli

Alberto Montresor Università di Trento

Alberto Montresor Università di Trento !! Algoritmi e Strutture Dati! Capitolo 1 - Greedy!!! Alberto Montresor Università di Trento!! This work is licensed under the Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike License. To view a copy

Dettagli

Esercizi e Problemi di Termodinamica.

Esercizi e Problemi di Termodinamica. Esercizi e Problemi di Termodinamica. Dr. Yves Gaspar March 18, 2009 1 Problemi sulla termologia e sull equilibrio termico. Problema 1. Un pezzetto di ghiaccio di massa m e alla temperatura di = 250K viene

Dettagli

Se log a. b = c allora: A) a b = c B) c a = b C) c b = a D) b c = a E) a c = b. L espressione y = log b x significa che:

Se log a. b = c allora: A) a b = c B) c a = b C) c b = a D) b c = a E) a c = b. L espressione y = log b x significa che: MATEMATICA 2005 Se log a b = c allora: A) a b = c B) c a = b C) c b = a D) b c = a E) a c = b L espressione y = log b x significa che: A) y é l esponente di una potenza di base b e di valore x B) x è l

Dettagli

3. SPAZI VETTORIALI CON PRODOTTO SCALARE

3. SPAZI VETTORIALI CON PRODOTTO SCALARE 3 SPAZI VETTORIALI CON PRODOTTO SCALARE 31 Prodotti scalari Definizione 311 Sia V SV(R) Un prodotto scalare su V è un applicazione, : V V R (v 1,v 2 ) v 1,v 2 tale che: i) v,v = v,v per ogni v,v V ; ii)

Dettagli

Il PatentDuctusArteriosuse il trattamento di legatura chirurgica come fattori di rischio di outcome sfavorevoli.

Il PatentDuctusArteriosuse il trattamento di legatura chirurgica come fattori di rischio di outcome sfavorevoli. Università degli Studi di Verona Il PatentDuctusArteriosuse il trattamento di legatura chirurgica come fattori di rischio di outcome sfavorevoli. M.Ventola, M.Magnani, L.Pecoraro, B.Ficial, E. Bonafiglia,

Dettagli

V _ TAS. C o n fo rm e a l i a N o rm a U N I E N I SO 1 4 0 0 1 : 2 0 04

V _ TAS. C o n fo rm e a l i a N o rm a U N I E N I SO 1 4 0 0 1 : 2 0 04 V _ TAS G e s t i o n e e co n t ro l l o d e l l a p ro g e tta z i o n e C o n f o rm e a l i a N o rm a U N I E N I S O 9 0 0 t ; 2 0 0 8 C o n fo rm e a l i a N o rm a U N I E N I SO 1 4 0 0 1 : 2

Dettagli

Interruttori di posizione precablati serie FA

Interruttori di posizione precablati serie FA Interruttori di posizione precablati serie FA Diagramma di selezione 01 08 10 11 1 15 1 0 guarnizione guarnizione esterna in esterna in gomma gomma AZIONATORI 1 51 5 54 55 56 5 leva leva regolabile di

Dettagli

SPERIMENTAZIONE FARMACI - RIPARTO

SPERIMENTAZIONE FARMACI - RIPARTO SPEIMENTAZIONE FAMAI - IPATO - Sperimentazione SOBIHAEM89-001 sper. n. 18/2014 - Medico esponsabile TOSETTO ALBETO 4.160,00 A. (riscosso con fatt. n. Z 1141 del 12/03/2015 ) - FONDO 3.952,00 - SEVIZIO

Dettagli

PERC S.r.l.. Viale Belforte n. 45-21100 Varese (VA) ITALY Tel. / Fax (+39) 0332 238090 www.perc.it - info@perc.it.

PERC S.r.l.. Viale Belforte n. 45-21100 Varese (VA) ITALY Tel. / Fax (+39) 0332 238090 www.perc.it - info@perc.it. Catalogo Generale CENTRALI e TASTIERE MAS-SC-205CN Centralina 5 zone filari con tastiera a LED - 5 zone filari - Combinatore digitale integrato - 50 memorie eventi - Uscita 13.8Vdc Alimentazione ausiliaria

Dettagli

Progetto di un sistema di controllo di sospensioni attive in ambiente Matlab

Progetto di un sistema di controllo di sospensioni attive in ambiente Matlab Università di Padova FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ing. dell' Informazione Progetto di un sistema di controllo di sospensioni attive in ambiente Matlab Relatore: Prof. Alessandro Beghi Presentata

Dettagli

Integrali di superficie: esercizi svolti

Integrali di superficie: esercizi svolti Integrali di superficie: esercizi svolti Gli esercizi contrassegnati con il simbolo * presentano un grado di difficoltà maggiore. Esercizio. Calcolare i seguenti integrali superficiali sulle superfici

Dettagli

Z>,n zorrr Reg. Gen. IL CAPO AREA AA.GG

Z>,n zorrr Reg. Gen. IL CAPO AREA AA.GG Piazza Toselli n. 1-96010 Buccheri (SR) Tel. 0931880359 - Fax 0931880559 DETERMINA DEL CAPO AREA AFFARI GENERATI DETERMINAN,/UóDEL Z>,n zorrr Reg. Gen. Oggetto: Liquidazione fatîure a ll'associazio ne

Dettagli

Monitoraggio quantitativo della risorsa idrica superficiale Anno 2012

Monitoraggio quantitativo della risorsa idrica superficiale Anno 2012 Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale Politiche mbientali, nergia e Cambiamenti Climatici Settore Servizio Idrologico Regionale Centro Funzionale della Regione Toscana M Monitoraggio quantitativo

Dettagli

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 1) Una certa quantità di solfato di ferro (II), sciolta in una soluzione acquosa di acido solforico, viene trattata con 1.0 10-3 mol di permanganato di potassio. Si ottengono

Dettagli

O la, o che bon eccho! (The Echo Song)

O la, o che bon eccho! (The Echo Song) la che bn ecch! (The Ech ng) ATB Duble Chir a cappella rland di Lass (1532-1596) CANT (pran I) 2 ALT (Alt II) 2 TENRE (Tenr II) BA (Bass I) % E %E % E E 1 la la la la che bun che bun che bun che bun ec

Dettagli

MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE DIREZIONE GENERALE PER LA LIGURIA UFFICIO SCOLASTICO DI IMPERIA

MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE DIREZIONE GENERALE PER LA LIGURIA UFFICIO SCOLASTICO DI IMPERIA IMPC040002 - LICEO CLASSICO G.D. Cassini Corso Felice Cavallotti, 57 - SANREMO - Distr. 002 - cap. 18038 00 - SEZIONE CLASSICA 02 - SEZIONE SCIENTIFICA HK - LING. COMM. BROCCA 7A - DISEGNO (2-2-2-2-2)

Dettagli

TUBI PER UTILIZZI IN PRESSIONE - CORRELAZIONE TRA LE NORME

TUBI PER UTILIZZI IN PRESSIONE - CORRELAZIONE TRA LE NORME TUBI PER UTILIZZI IN PRESSIONE - CORRELAZIONE TRA LE NORME 10216 Parte 1 - TR2 Non 3059-1:87 Acciaio al Carbonio 3601:87 Acciaio al Carbonio 1629:84 1630 49-111:78 (p Usi Generali Temperatura Ambiente

Dettagli

Condizioni economiche e modalità di erogazione del servizio di connessione ed altre prestazioni specifiche

Condizioni economiche e modalità di erogazione del servizio di connessione ed altre prestazioni specifiche Condizioni economiche e modalità di erogazione del servizio di connessione ed altre prestazioni specifiche Distribuzione Energia Elettrica Sommario 1. Ambito di applicazione... 4 2. Nuove connessioni e

Dettagli

Geometria nel piano complesso

Geometria nel piano complesso Geometria nel piano complesso Giorgio Ottaviani Contents Un introduzione formale del piano complesso 2 Il teorema di Napoleone 5 L inversione circolare 6 4 Le trasformazioni di Möbius 7 5 Il birapporto

Dettagli

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari Gli indicatori socio-sanitari sanitari 1 1 INDICATORI SOCIO-SANITARI Misurare: EFFICACIA (rispetto degli obiettivi prefissati) EFFICIENZA (rispetto delle azioni e risorse impegnate) del sistema ospedaliero

Dettagli

Pro v. Nas cita. Pun tegg io. Pr efe r. 1. Data Nascita

Pro v. Nas cita. Pun tegg io. Pr efe r. 1. Data Nascita Graduatoria di Istituto I Fascia Personale Docente Scuola d Inc. l. Tipo Posto Tip Ri o s d. Classe di nco Po st o gnome Nome Data Nascita A028 NORMALE NN 1 REZZOLA SONIA 09/11/1964 BS 167 Q 2000 0 0 X

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo 86-W Sistema integrato compatto di valvole con I/O elettronici Sistemi personalizzati premontati e collaudati per il pilotaggio del

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. 2015/4790 Approvazione della Certificazione Unica CU 2015, relativa all anno 2014, unitamente alle istruzioni di compilazione, nonché del frontespizio per la trasmissione telematica e del quadro

Dettagli

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010 Corso di ordinmnto - Sssion suppltiv -.s. 9- PROBLEMA ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE SUPPLETIA Tm di: MATEMATICA. s. 9- Dt un circonrnz di cntro O rggio unitrio, si prndno

Dettagli

Figurato. PowerLogic System Misura, controllo e qualità dell'energia Merlin Gerin

Figurato. PowerLogic System Misura, controllo e qualità dell'energia Merlin Gerin Merlin Gerin Figurato Amperometri e voltmetri digitali 182 Centrali di misura Power Meter 182 Centrali di misura Circuit Monitor 182 Micro Power Server 183 Gateway Ethernet EGX 183 Software SMS 183 Software

Dettagli

Unità Didattica N 28 Punti notevoli di un triangolo

Unità Didattica N 28 Punti notevoli di un triangolo 68 Unità Didattica N 8 Punti notevoli di un triangolo Unità Didattica N 8 Punti notevoli di un triangolo 0) ircocentro 0) Incentro 03) Baricentro 04) Ortocentro Pagina 68 di 73 Unità Didattica N 8 Punti

Dettagli

Sviluppi di Taylor Esercizi risolti

Sviluppi di Taylor Esercizi risolti Esercizio 1 Sviluppi di Taylor Esercizi risolti Utilizzando gli sviluppi fondamentali, calcolare gli sviluppi di McLaurin con resto di Peano delle funzioni seguenti fino all ordine n indicato: 1. fx ln1

Dettagli

In copertina: A. Minorenti Il moto Browniano

In copertina: A. Minorenti Il moto Browniano 1 In copertina: A. Minorenti Il moto Browniano 2 Nomenclatura chimica e formule brute/struttura ELEMENTI Metalli Non metalli + O 2 Ossidi Anidridi + H 2 O Idrossidi Ossoacidi o Acidi Sali Gli Elementi

Dettagli

REALIZZAZIONE DI NUOVA FOGNATURA NERA AL SERVIZIO DELLE VIE ASIAGO, ORTIGARA, ROVIGO, COL DI TENDA E ALPE DI SIUSI

REALIZZAZIONE DI NUOVA FOGNATURA NERA AL SERVIZIO DELLE VIE ASIAGO, ORTIGARA, ROVIGO, COL DI TENDA E ALPE DI SIUSI BS OHSAS 18001 - ISO 50001 viale E. Fermi 105 20900 Monza (MB) tel 039 262.30.1 fax 039 2140074 p.iva 03988240960 capitale sociale 29.171.450,00 brianzacque@legalmail.it www.brianzacque.it progetto: REALIZZAZIONE

Dettagli

Anno 2013 Tipologia Istituzione U - UNITA' SANITARIE LOCALI. Istituzione 9565 - ASL VENEZIA - MESTRE 12 Contratto SSNA - SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE

Anno 2013 Tipologia Istituzione U - UNITA' SANITARIE LOCALI. Istituzione 9565 - ASL VENEZIA - MESTRE 12 Contratto SSNA - SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE nno 213 Tipologia Istituzione U - UNIT' SNIT LCLI Istituzione 9565 - SL VNZI - MSTR 12 Contratto SSN - SRVIZI SNIT NZINL Fase/Stato Rilevazione: pprovazione/ttiva Data Creazione Stampa: 19/6/215 14:15:25

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

Università degli Studi di Lecce Facoltà di Ingegneria Informatica N.O. A.A. 2003/2004. Tesina Esame di Elettronica Analogica II

Università degli Studi di Lecce Facoltà di Ingegneria Informatica N.O. A.A. 2003/2004. Tesina Esame di Elettronica Analogica II Università degli Studi di Lecce Facltà di Ingegneria Infrmatica N.O. A.A. /4 esina Esame di Elettrnica Analgica II Studentessa: Laura Crchia Dcente: Dtt. Marc Panare INDICE Presentazine del prgett del

Dettagli

Principal Component Analysis (PCA)

Principal Component Analysis (PCA) Principal Component Analysis (PCA) Come evidenziare l informazione contenuta nei dati S. Marsili-Libelli: Calibrazione di Modelli Dinamici pag. Perche PCA? E un semplice metodo non-parametrico per estrarre

Dettagli

HM 10 16 25 Hybrid Meter. Smart metering commerciale Smart Gas Meter 2004/22/EC (MID)

HM 10 16 25 Hybrid Meter. Smart metering commerciale Smart Gas Meter 2004/22/EC (MID) HM 10 16 25 Hybrid Meter Smart metering commerciale Smart Gas Meter 2004/22/EC (MID) SMART GAS METER HM series G10 G16 G25 HyMeter è un contatore per uso commerciale a tecnologia ibrida. Combina le caratteristiche

Dettagli

CONCENTRAZIONE DELLE SOLUZIONI. Solvente: normalmente liquido in eccesso Soluto: gas, liquido o solido, normalmente in difetto

CONCENTRAZIONE DELLE SOLUZIONI. Solvente: normalmente liquido in eccesso Soluto: gas, liquido o solido, normalmente in difetto CONCENTRAZIONE DELLE SOLUZIONI Solvente: normalmente liquido in eccesso Soluto: gas, liquido o solido, normalmente in difetto Percentuale in peso = g soluto / g soluzione x 100 H 2 O 2 al 3% Percentuale

Dettagli

Adotta il seguente regolamento:

Adotta il seguente regolamento: REGOLAMENTO RECANTE MODIFICAZIONI AL DECRETO DEL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE 19 GIUGNO 2003, n. 179 RECANTE NORME CONCERNENTI I CONCORSI PRONOSTICI SU BASE SPORTIVA, AI SENSI DELL ARTICOLO 16

Dettagli

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti Gorgo Lambert Pag. Dmostrazoe della Formula per la determazoe del umero d dvsor-test d prmaltà, d Gorgo Lambert Eugeo Amtrao aveva proposto l'dea d ua formula per calcolare l umero d dvsor d u umero, da

Dettagli

L EQUILIBRIO CHIMICO

L EQUILIBRIO CHIMICO EQUIIBRIO CHIMICO Molte reazioni chimiche possono avvenire in entrambe i sensi: reagenti e prodotti possono cioè scambiarsi fra di loro; le reazioni di questo tipo vengono qualificate come reazioni reversibili.

Dettagli

*d i riprod urre, d istrib uire, com unicare alpub b l. *d i cre are ope re d e rivate. e se gue nti cond izioni:

*d i riprod urre, d istrib uire, com unicare alpub b l. *d i cre are ope re d e rivate. e se gue nti cond izioni: Tu s b ro: *d rprod urr, d strb ur, com uncr pub b co, sporr n pub b co, rppr s ntr, s gur o r ctr 'op r *d cr r op r d rvt A s gu nt cond zon: *Attrb uzon. D v rconosc r contrb uto d 'utor orgnro. *Non

Dettagli

GRADUATORIA DEL CORSO NR. 060548 DI II LIVELLO "OPERATORE DEL DISAGIO PSICHICO ADOLESCENZIALE E GIOVANILE"

GRADUATORIA DEL CORSO NR. 060548 DI II LIVELLO OPERATORE DEL DISAGIO PSICHICO ADOLESCENZIALE E GIOVANILE , Z, Z ZZ H. 060548 " H Z " ' 1 19.07.81 18/07/2006 110 2 30.06.81.. 08/07/2006 110 3 Z 25.05.81 08/07/2006 110 4 23.08.69 07/03/2006 110 5 H 15.12.80 06/03/2006 110 6 31.07.81. '..H. 01/02/2006 110 7

Dettagli

MATEMATICA C3 - GEOMETRIA 1 2. CONGRUENZA NEI TRIANGOLI

MATEMATICA C3 - GEOMETRIA 1 2. CONGRUENZA NEI TRIANGOLI MATEMATICA C3 - GEOMETRIA 1 2. CONGRUENZA NEI TRIANGOLI Indice Triangle Shapes Photo by: maxtodorov Taken from: http://www.flickr.com/photos/maxtodorov/3066505212/ License: Creative commons Attribution

Dettagli

LEZIONE 5 Interazione Particelle Cariche-Materia

LEZIONE 5 Interazione Particelle Cariche-Materia LEZIONE 5 Interazione Particelle Cariche-Materia Particelle alfa Le particelle alfa interagiscono intensamente con la materia attraverso collisioni/interazioni che producono lungo la traccia una elevata

Dettagli

Il Project management in IS&T L esperienza Alstom

Il Project management in IS&T L esperienza Alstom Il Project management in IS&T L esperienza Alstom Agata Landi Convegno ANIMP 11 Aprile 2014 IL GRUPPO ALSTOM Project management in IS&T L esperienza Alstom 11/4/2014 P 2 Il gruppo Alstom Alstom Thermal

Dettagli

Breve introduzione al metodo del Analytic Hierarchy Process (AHP)

Breve introduzione al metodo del Analytic Hierarchy Process (AHP) Breve introduzione al metodo del Analytic Hierarchy Process (AHP) Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova 2 Il metodo SAW costruisce un peso con cui valutare le alternative

Dettagli

2m (con L = 0, 1, 2,...)

2m (con L = 0, 1, 2,...) Capitolo 2 Proprietà elettromagnetiche dei nuclei Spin e momento magnetico del nucleo: generalità Se una carica e si muove di moto circolare uniforme, per esempio un elettrone attorno ad un nucleo, esiste

Dettagli

DE e DTE: PROVA SCRITTA DEL 26 Gennaio 2015

DE e DTE: PROVA SCRITTA DEL 26 Gennaio 2015 DE e DTE: PROVA SCRITTA DEL 26 Gennaio 2015 ESERCIZIO 1 (DE,DTE) Un transistore bipolare n + pn con N Abase = N Dcollettore = 10 16 cm 3, µ n = 0.09 m 2 /Vs, µ p = 0.035 m 2 /Vs, τ n = τ p = 10 6 s, S=1

Dettagli

VBA. Il Visual Basic for Application. Funz ioni

VBA. Il Visual Basic for Application. Funz ioni VBA Il Visual Basic for Application Le funz ioni Le procedure Funz ioni µ E pos s ibile (e cons igliato) s comporre un problema i n sotto- problemi e combinar e poi assieme le s oluz i oni per ottenere

Dettagli