T O R C H. Toxoplasma Others HBV, HCV, HIV, VIRUS INFLUENZA, TREPONEMA PALLIDUM Rubeo Citomegalovirus HSV. Dr. G.Clerici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "T O R C H. Toxoplasma Others HBV, HCV, HIV, VIRUS INFLUENZA, TREPONEMA PALLIDUM Rubeo Citomegalovirus HSV. Dr. G.Clerici"

Transcript

1 T O R C H Toxoplasma Others HBV, HCV, HIV, VIRUS INFLUENZA, TREPONEMA PALLIDUM Rubeo Citomegalovirus HSV Dr. G.Clerici

2 Toxoplasmosi in gravidanza Dr. G.Clerici

3 Toxoplasmosi e gravidanza Causa riconosciuta di aborto e grave compromissione neonatale Viene acquisita in gravidanza per mezzo dell ingestione di una delle forme del parassita In Italia esiste un programma di screening, dal 10 al 50% della popolazione in età riproduttiva è suscettibile alla prima infezione in gravidanza

4 DPR 245 del PRESTAZIONI SPECIALISTICHE PER LA TUTELA DELLA MATERNITÀ RESPONSABILE, ESCLUSE DALLA PARTECIPAZIONE AL COSTO, IN FUNZIONE PRECONCEZIONALE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE PER IL CONTROLLO DELLA GRAVIDANZA FISIOLOGICA, ESCLUSE DALLA PARTECIPAZIONE AL COSTO All'inizio della gravidanza, possibilmente entro la 13ª settimana, e comunque al primo controllo: TOXOPLASMA ANTICORPI (E.I.A.) (IgG, Ig M): in caso di IgG negative ripetere ogni gg. fino al parto

5 Percorso diagnostico in fase preconcezionale negativo Screening sierologico positivo IgG - IgM- IgG - IgM+ IgG + IgM+ IgG + IgM- dopo 3 sett IgG- IgM+ sieroconversione Avidità IgG bassa Avidità IgG alta Assenza immunità Infezione acuta Immunità pregressa infezione In gravidanza norme igienicoalimentari e controlli sierologici Attendere 6 mesi prima di programmare la gravidanza Non ripetere gli esami

6 Percorso diagnostico in gravidanza negativo Screening sierologico positivo IgG - IgM- IgG - IgM+ IgG + IgM+ IgG + IgM- Profilassi igienicoalimentare follow-up mensile IgG Neg IgG Pos Avidità IgG bassa/media Avidità IgG alta Nessuna sieroconversione Assenza di immunità sieroconversione Infezione acuta Immunità pregressa controllo sierologico a 1 mese se non disponibile test di avidità

7 - se non eseguito in fase preconcezionale lo screening sierologico va effettuato entro le 10 settimane di gestazione - non sono necessari ulteriori controlli sierologici al riscontro di positività per IgG e negatività per le IgM (infezione pregressa ) se la ricerca viene eseguita prima della gravidanza o nelle prime 10 settimane di gestazione - è opportuno differire di almeno 6 mesi la programmazione di una gravidanza in caso di diagnosi certa di infezione primaria da Toxoplasma gondii - la sola positività del test per IgM suggerisce l esecuzione di test di secondo livello (test di avidità) per una miglior definizione diagnostica - un alto indice di avidità delle IgG esclude l infezione primaria in gravidanza solo se eseguito nelle prime settimane di gestazione

8 Norme igienico alimentari per la gestante recettiva alla toxoplasmosi - cuocere sempre molto bene le carni prima del consumo - evitare il consumo di salumi crudi, frutti di mare crudi, uova crude - lavare accuratamente frutta e verdure prima del consumo - lavare accuratamente le mani, le superfici della cucina e gli utensili venuti a contatto con carni crude, frutta e verdure non lavate - usare sempre guanti di gomma in tutte le attività che possono comportare il contatto con materiali potenzialmente contaminati con le feci del gatto (giardinaggio, orticoltura, pulizia lettiera del gatto, ecc.); - evitare il contatto con i gatti e soprattutto con le sue feci - in caso di presenza di un gatto in casa : alimentare l animale con cibi cotti o in scatola evitando che esca di casa, affidare ad altri la pulizia della sua cassetta, sostituire frequentemente (meglio se quotidianamente) la lettiera e igienizzare il contenitore per almeno 5 con acqua bollente; - evitare viaggi al di fuori dell Europa e del Nord America - eliminare dalla propria abitazione veicoli animali (mosche, scarafaggi, ecc.)

9 Rischio di trasmissione verticale in funzione dell epoca gestazionale

10 In caso di prima infezione, il rischio di trasmissione è elevato nel terzo trimestre di gravidanza, minimo nel primo trimestre, in generale stimabile intorno al 40% La compromissione fetale, che è presente nel 10% dei feti infetti, è, al contrario, più grave nelle forme acquisite all inizio della gravidanza

11 Diagnosi e Management INFEZIONE ACUTA Dopo 24 w Pirimetamina Sulfadiazina e acido folinico Alla nascita controlli sierologici e esami clinici strumentali Spiramicina Controlli ecografici PCR su LA dopo 18 w a 4-6 w dalla sieroconversione Ecografia normale POSITIVA Pirimetamina Sulfadiazina e acido folinico NEGATIVA Spiramicina Anomalie ecografiche

12 Terapia farmacologica in caso di infezione materna acuta da toxoplasmosi -SPIRAMICINA: 9 milioni UI/die per via orale in 3 dosi (1 cp da UI ogni 8 ore). Terapia farmacologica in caso di infezione fetale accertata - PIRIMETAMINA: 50 mg/die per via orale in unica dose -SULFADIAZINA: 3g/die per via orale suddivisi in 2-3 dosi -ACIDO FOLINICO: mg/die per via orale La terapia va effettuata in modo continuativo fino a circa 2 settimane dal termine della gravidanza con ripresa della Spiramicina fino al parto Terapia farmacologica in caso di infezione materna dopo 24 settimane con infezione fetale non accertata - PIRIMETAMINA, SULFADIAZINA E ACIDO FOLINICO a cicli di 3-4 settimane alternati con 2 settimane di SPIRAMICINA fino al parto

13 Quadri ecografici anomali Calcificazioni intracraniche Ventricolomegalia cerebrale Disgenesie del corpo calloso Idroanencefalia Epatosplenomegalia Calcificazioni intraddominali Idrope, placentomegalia Oligo-anidramnios, poliamnios Restrizione della crescita fetale J Obstet Gynaecol Can.2013

14 Ultrasound and MRI È stata dimostrata una buona correlazione fra ultrasuoni e risonanza magnetica fetale nella diagnosi delle anomalie cerebrali in feti affetti da toxoplasmosi congenita (dopo 31 settimane) Garel C., 2004

15 Sifilide in gravidanza

16 La sifilide è una malattia trasmessa principalmente attraverso i contatti sessuali ma il contagio può avvenire sia per via transplacentare che durante il passaggio nel canale del parto. La trasmissione madre-feto può avvenire in qualsiasi epoca della gravidanza ma il rischio di trasmissione è basso prima del 3 mese e aumenta con il progredire della gestazione. Il fattore più importante nel determinare la probabilità della trasmissione verticale è lo stadio di malattia materna: nelle donne non trattate la percentuale di trasmissione verticale è del % in caso di sifilide primaria o secondaria, del 40-83% in caso di sifilide latente precoce e del % in caso di sifilide latente tardiva

17 In caso di infezione fetale da sifilide primaria generalmente l esito è la morte fetale, in caso di stadio secondario o latente si ha il quadro della sifilide congenita. La trasmissione avviene per via ematica attraverso la placenta con lesioni varie: cute, mucose, ossa, fegato. Segni caratteristici dei soggetti eredoluetici sono - Deformazione della dentizione permanente Triade di - Sordità e compromissione del SNC Hutchinson - Infiammazioni (es.cheratite)

18 Edvard Munch Eredità I L inaudita crudezza del dipinto fece gridare allo scandalo quando fu esposto nel 1903 al Salon des Indipèndants di Parigi. Nel corridoio di un ospedale per malattie veneree, il pittore aveva visto una madre disperata tenere in grembo il suo neonato affetto da sifilide e destinato a morire. L'immagine lo aveva fortemente colpito, facendolo ripensare alla propria infanzia. Oltre alle sventurate vicende degli altri familiari, Munch stesso aveva avuto una salute assai cagionevole, con lunghi periodo passati a letto. Per l'artista dunque, non si trattava di una provocazione alla moralità e al perbenismo ipocrita, quanto, ancora una volta, di una scena che aveva toccato una corda dolorosa del tutto personale.

19 Il trattamento della madre con penicillina abolisce il rischio di trasmissione verticale purchè l intervallo tra l inizio della terapia e il parto sia almeno 4 settimane. Poiché la sifilide in gravidanza è causa di morbilità e mortalità neonatale largamente prevenibile attraverso lo screening e il trattamento dell infezione materna è importante l adesione a standard di diagnosi e terapia della donna in gravidanza.

20 Sulla base dei test sierologici la donna gravida può essere classificata in: 1.Sifilide primaria o secondaria: sintomi muco-cutanei compatibili e sierologia RPR e TPHA positivi 2.Sifilide latente: donna asintomatica con TPHA positivo e RPR positiva 3. Cicatrice sierolgica: donna asintomatica con TPHA positivo e RPR negativo o a titolo basso e stabile e storia di precedente trattamento penicillinico per sifilide

21 TRATTAMENTO E FOLLOW UP 1.Sifilide primaria, secondaria o latente recente: benzyl penicillina benzatina 2.4 milioni di unità IM in dose singola 2.Sifilide latente di durata indeterminata: benzyl penicillina benzatina 2.4 milioni di unità IM una volta a settimana per tre settimane consecutive. 3.Cicatrice sierologica: nessun trattamento

22 Varicella in gravidanza

23 Infezioni virali in gravidanza Infezioni virali trasmesse verticalmente in utero (infezioni congenite-prenatali), durante il parto (infezioni perinatali) e attraverso l allattamento (infezioni postnatali). Pediatr Med Chir ; 30(4):

24 Varicella e gravidanza Epidemiologia L infezione da VZV colpisce raramente le gestanti (7/10.000) poiché il 90% delle donne (alle nostre latitudini), sono immuni. Il rischio di Sindrome da Varicella Fetale (FVS) riguarda solo l 1-2% delle infezioni contratte prima della 28 settimana di gravidanza ma si associa a elevata morbilità. Il rischio di Sindrome da Varicella neonatale è alto nelle donne che contraggono l infezione in epoca peripartum. In caso di herpes zoster in gravidanza il rischio di trasmissione verticale è trascurabile

25 Varicella e gravidanza VZV è un DNA-virus della famiglia degli herpes, altamente contagioso e trasmesso tramite le goccioline di flugge, il contatto personale diretto con il liquido delle vescicole o indirettamente tramite fomiti. Il periodo d incubazione è di 1-3 settimane e la malattia è contagiosa da 48 ore prima della comparsa del rash fino a quando le vescicole non sono coperte da croste (5 giorni). Durante la viremia di un infezione primaria materna il virus può attraversare la placenta, la percentuale di passaggio aumenta con l aumentare dell epoca gestazionale.

26 Varicella e gravidanza VZV è un virus neurotropo, i danni fetali sono legati ad una alterazione globale dello sviluppo del sistema nervoso (centrale, autonomo e periferico)e le conseguenze dipendono dall epoca gestazionale e dal sito interessato. Effetto dell infezione materna di VZV Frequenza % Aborto spontaneo 3.1 MEF 0.8 Parto Pretermine 12.4

27 Varicella e gravidanza La frequenza di comparsa della sindrome da varicella fetale cambia in base all epoca gestazionale durante la quale è stata contratta l infezione: I trimestre: 0.63% di rischio II trimestre: 2% di rischio III trimestre: 0% di rischio Inoltre l infezione fetale non si associa necessariamente ad una infezione congenita, è stato dimostrato che questa correlazione esiste in <4% dei casi.

28 Sindrome da Varicella Fetale - Restrizione della crescita fetale simmetrica 22% - Lesioni cutanee (croste/cicatrici) 70% - Calcificazioni parenchimali diffuse non specifiche 37% - Riduzione dei movimenti fetali con atteggiamento in flessione - Poliamnios/ oligoamnios 11% - Aumentato spessore placentare 7% SNC - Microcefalia 12% - Idrocefalia /ventricolomegalia - Denervazione del SNA -Atrofia corticale cerebrale microgiria, pachigiria con inadeguato sviluppo dei solchi secondari e terziari LESIONI OCULARI - microftalmia - corionretinite -Cataratta ANOMALIE MUSCOLOSCHELETRICHE -Arti corti o curvi - ipoplasia scheletrica/muscolare Agenesia delle dita Anomalie craniche

29 TRATTO GASTRO-ENTERICO - stenosi/atresie - multiple bubble sign suggestivo di ileo da meconio - epatomegalia - focus iperecogeni epatici e intestinali TRATTO GENITO-URINARIO -Idronefrosi IDROPE FETALE Nella sindrome da varicella fetale, in caso di lesioni definite ecograficamente il rischio di mortalità durante i primi mesi di vita è del 30% (insufficienza respiratoria e multiorgano o severo sviluppo neurologico) e il rischio di sviluppare uno Zoster tra il 2 mese di vita e il 4 anno è del 15%.

30 La sindrome da Varicella neonatale si manifesta in caso di infezione materna contratta in epoca peripartum. Se l infezione materna inizia da 4 giorni prima a 2 giorni dopo il parto, l infezione neonatale sarà severa con un alto tasso di morbilità e mortalità. Se l infezione materna si sviluppa da 4 a 7 giorni prima del parto i sintomi neonatali compariranno entro i primi 4 giorni di vita ma saranno meno severi. La sindrome da varicella neonatale si associa a lesioni cutanee necrotiche e/o emorragiche, polmoniti, insufficienza epatica, encefalite, coagulopatia. La causa è legata ad un mancato passaggio di immunità passiva dalla madre al feto e la risposta cellulo-mediata del neonato non è sufficiente a prevenire la viremia. I sintomi nella gestante sono sovrapponibili a quelli della popolazione generale (febbre, malessere, rash vescicolare) fatta eccezione per un maggior rischio di pneumopatia concomitante (10-20%) che determina un aumento di morbilità e mortalità rispetto alla popolazione generale.

31 Management in gravidanza In caso di infezioni contratte prima della 20 settimana è necessario effettuare un adeguato counselling alla coppia per spiegare la bassa percentuale della comparsa di una sindrome congenita. La diagnosi d infezione nella gestante è possibile anche solo su base clinica, può essere comunque confermata sierologicamente. La diagnosi d infezione fetale (che non significa sindrome da varicella) può essere effettuata mediante: - Cordocentesi dopo 22 settimane (prima il feto non produce Ig), ricerca con PCR di VZV su sangue cordonale. - Amniocentesi: PCR su liquido amniotico per valutare la presenza di VZV-DNA non prima di un mese dall infezione materna - Ecografie seriate volte a ricercare i segni d infezione fetale([l ecografia volta a questa ricerca non va fatta prima di 5 settimane dalla malattia materna) - Eventuale conferma mediante RMN fetale delle lesioni neurologiche fetali a scopo di counselling.

32 Trattamento Proporre il vaccino anti VZV a tutte le donne fertili non immuni. Immunoprofilassi post esposizione alle gestanti non immuni: IVG Aciclovir, oltrepassa la placenta ma non sono dimostrati effetti teratogeni, va somministrata per infezioni prima di 20 settimane o in prossimità del parto, oppure Valaciclovir. Infezione peripartum: immunoglobuline e Aciclovir. Ospedalizzazione in isolamento da neonati o gestanti sieronegative in caso di sintomi gravi, in questi casi la terapia è endovenosa. Timing e modalità del parto Vanno personalizzati, il parto va evitato durante la viremia materna per un alto rischio di sanguinamento, CID e trombocitopenia oltre che un elevato rischio di varicella neonatale. Se la varicella si verifica in prossimità del parto questo dovrebbe essere evitato fino a 5-7 giorni dopo l'insorgenza di rash materna per consentire il trasferimento passivo di anticorpi dalla madre al bambino.

33 Parvovirus in gravidanza

34 INFEZIONI IN GRAVIDANZA DA PARVOVIRUS B19 - Il picco di incidenza di infezione si ha in primavera, la percentuale di donne immuni aumenta con l età. Il rischio di acquisire l infezione nelle donne suscettibili, in gravidanza, varia dall 1% circa a più del 10 % nei periodi epidemici (epidemie ricorrono ogni 4 anni). - In caso di infezione materna la trasmissione verticale avviene nel 33-55% dei casi con un rischio di outcome fetale avverso di circa il 10% - Il rischio di contrarre l infezione da Parvo B19 aumenta in caso di donne con altri figli sotto i 6 anni o a contatto occupazionale con bambini di tali età.

35 Trasmissione del Parvocirus B19 Prevalentemente per via aerea ma anche tramite fomiti, sangue, suoi derivati e per via verticale dalla madre al feto. Sintomatologia clinica compare giorni dopo l infezione ma il picco di viremia, che coincide con il rischio più elevato di trasmissione verticale, si ha 7 giorni dopo l infezione. Il rischio di infezione intrauterina (passaggio dell infezione dalla madre al feto) aumenta con l aumentare dell età gestazionale, al contrario, il rischio di compromissione fetale è maggiore nelle prime 20 settimane di gestazione.

36 Sintomi nell infezione da parvovirus B19 Nell adulto: Asintomatico e/o S. simil-influenzale Inibizione dell ematopoiesi (lisi dei progenitori eritroidi) fino a crisi aplastiche nell immunocompromesso. Nel bambino: V malattia o erythema infectiosum nel bambino Donne in gravidanza: Erythema infectiosum, febbre artralgia e cefalea nella donna Distruzione della linea eritroide fetale con comparsa di anemia, idrope non-immune, trombocitopenia, manifestazioni neurologiche fino all aborto e/o alla MEF. Può anche interessare il miocardio fetale con miocardite e scompenso fetale.

37 In gravidanza Morte intrauterina fetale Più frequentemente tra le settimane di gestazione Idrope fetale non immune Il rischio medio è del 3,9% dopo infezione materna con un massimo del 7,1% nel caso in cui l infezione sia contratta tra le 13 e 20 settimane (periodo epatico dell attività emopoietica con emivita degli eritrociti inferiore rispetto ai periodi successivi). Nella madre si può osservare una sindrome simile alla pre-eclampsia (edema agli arti inferiori, ipertensione, proteinuria e anemia materna: conosciuta come Mirror Syndrome) Manifestazioni neurologiche Calcificazioni perivascolari nella corteccia cerebrale, rari casi di encefaliti o meningiti

38 DIAGNOSI IN CASO DI CONTATTO CON UN BAMBINO CON INFEZIONE DA B19v O IN CASO DI SOSPETTA INFEZIONE MATERNA DA B19V SI POSSONO CONFIGURARE DIVERSE CONDIZIONI CLINICHE: 1. IgG+ / IgM+ INFEZIONE ATTIVA: Follow-up ecografico settimanale per evidenziare eventuali segni di idrope fetale 2. IgG- / IgM+ INFEZIONE ATTIVA: Follow-up ecografico settimanale per evidenziare eventuali segni di idrope fetale 3. IgG + / IgM- INFEZIONE PASSATA O BASSA SENSIBILITA IGM: Determinare presenza di B19v con PCR nel siero e se positivo follow up ecografico settimanale

39 Follow-up Ecografici L obiettivo primario del follow-up ecografico è ricercare segni di idrope fetale: ascite, cuore ipertrofico ed ingrandito, edema sottocutaneo, versamento pericardico, edema placentare ed iperecogenicità a carico dell intestino fetale. Trattamento La trasfusione intrauterina, per la correzione dell anemia fetale da infezione B19v, può ridurre significativamente la mortalità fetale virus-relata. Ancora argomento di dibattito sono le condizioni sulle quali intervenire ed i tempi di intervento

40 Citomegalovirus in gravidanza

41 CMV Epidemiologia E trasmesso per via congenita, orale, sessuale, in seguito a trasfusione e/o trapianti d organo. Il CMV può essere isolato da urine, sangue, gargarizzato, saliva, lacrime, feci, liquido seminale, liquido amniotico, secrezioni vaginali e cervicali, tessuti utilizzati per trapianti. La malattia da CMV causa raramente sintomi in ospiti immunocompetenti. Nel corso dell esistenza dal 40 all 80% degli individui nei Paesi industrializzati e la quasi totalità degli individui nei Paesi in via di sviluppo, va incontro ad infezione da CMV che di norma evolve senza sintomi e si traduce in una infezione latente. In Italia circa il 70-80% della popolazione adulta risulta provvista di anticorpi CMV specifici.

42 Fonte di infezione da CMV Neonati: trasmissione transplacentare, infezioni intrauterina, secrezioni cervicali. Bambini: secrezioni corporee, latte materno, saliva, lacrime, urine. Adulti: trasmissione sessuale (sperma) trasfusioni di sangue, trapianto d organi

43 Infezioni congenite L infezione da CMV può essere il risultato di un infezione primaria o non primaria (riattivazione e reinfezione). CMV è un importante causa di patologie fetali anche gravi se trasmesso in utero, infatti risulta essere la principale causa di infezione congenita nei paesi sviluppati con un incidenza compresa tra lo 0.3 e il 2.3% di tutti i nati vivi. In Italia l incidenza è variabile tra lo 0.57 e l 1%. Lo 0,5-2,5% di tutti i neonati sono infettati alla nascita da CMV, altri si infettano entro il primomese di vita. Circa il 10% mostra segni clinici di malattia come: porpora trombocitopenica, microcefalia, calcificazione intracerebrale, ittero, epatosplenomegalia, rash, sordità, ritardo mentale (malattia da inclusione di CMV). Il feto si può infettare durante il parto per il virus presente nella cervice Infezioni perinatali La metà dei neonati nati per via naturale in presenza di cervice infetta acquisisce l infezione ed elimina il virus nella 3a-4a settimana di vita. Modalità d infezione anche attraverso il latte materno

44 Sieroconversione in gravidanza La maggior parte delle infezioni da CMV nelle donne gravide sono asintomatiche anche durante la fase acuta; possono comparire sintomi non specifici e spesso molto modesti come - la febbricola persistente (60.2% dei casi) - l astenia (48.8%) - la cefalea (26.6%) - la mialgia (15.1%) - Le analisi di laboratorio evidenziano qualche volta la presenza di linfocitosi atipica e modesto rialzo delle transaminasi

45 Management pre-gravidanza Risultati sierologici per CMV ottenuti in donne controllate in epoca preconcezionale: IgG negative e IgM negative: la paziente non immune per CMV deve essere informata sulle misure di prevenzione dell infezione primaria da CMV da applicare fin da prima del concepimento e in gravidanza. IgG positive e IgM negative: la presenza nel siero di anticorpi IgG specifici e l assenza di anticorpi IgM sono indicative di infezione pregressa e non prevedono ulteriori accertamenti in gravidanza. Infatti, anche se non completamente protettiva, l immunità acquisita mette al riparo dall infezione primaria in gravidanza che comporta il maggior rischio per il feto, mentre l eventualità di reinfezione o riattivazione non è escludibile. IgG positive, IgM positive, indici di IgG-avidità bassi/moderati: sono indicativi di infezione primaria da CMV. Ciò implica che la gravidanza sia procrastinata dai 6 ai 12 mesi dalla diagnosi di infezione primaria.

46 MANAGEMENT IN GRAVIDANZA Il Decreto Ministeriale DPR 245 del attualmente in vigore, non prevede la partecipazione del SSN ai costi delle prestazioni specialistiche riferibili all infezione da CMV da eseguire pre e durante la gravidanza. Tuttavia, esiste di fatto uno screening spontaneo e disomogeneo nelle varie realtà regionali che comporta la necessità di impostare un corretto iter procedurale per la gestione delle gravidanze complicate dall infezione da CMV

47 Misure di prevenzione Poiché a tutt oggi non è disponibile un vaccino per l immunizzazione attiva della donna in età fertile, la prevenzione dell infezione nella gravida può avvalersi unicamente di alcune norme igienico-comportamentali 1. non condividere con i bambini stoviglie (es. tazze, piatti, bicchieri, posate), cibo (es. non assaggiare la sua pappa con lo stesso cucchiaio), biancheria (es. asciugamani, tovaglioli), strumenti per l'igiene (es. spazzolino da denti); 2. non portare alla bocca succhiotti o ciò che il bimbo possa aver messo in bocca; 3. non baciare il bambino sulla bocca o sulle guance; 4. lavarsi accuratamente le mani con acqua e sapone dopo un contatto diretto con qualunque materiale organico (es. pulito il naso e la bocca del bambino, cambio del pannolino, maneggiato la biancheria sporca e i giocattoli ect.); 5. lavare frequentemente giocattoli e superfici varie (es seggiolone, box, passeggino) con acqua e sapone. 6. I bambini che contraggono una infezione perinatale o postnatale da CMV eliminano il virus per parecchi mesi sia con la saliva che con le urine. Da ciò consegue che la trasmissione da bambino a bambino o da bambino ad adulto può avvenire con relativa facilità in tutte quelle occasioni in cui si verificano contatti stretti e prolungati con secrezioni infette (asili nido, scuole materne o in famiglia). Documento elaborato dal gruppo di lavoro congiunto AMCLI-SIV Infezioni da CMV in gravidanza - M Barbi,A Calvario, T Lazzarotto, MG Revello

48 Diagnosi di infezione primaria da CMV in gravidanza Donne sieronegative per CMV al primo controllo in gravidanza: la gravida non immune è a rischio di acquisire l infezione primaria, deve essere informata relativamente a norme comportamentali ed igieniche che sono in grado di ridurre la possibilità di contagio e essere sottoposta ad indagini sierologiche mensili. Donne sieropositive per CMV: IgG positive e IgM negative al primo controllo non prevede ulteriori accertamenti. Donne sieropositive per IgM e sieronegative per IgG anti-cmv: le IgM devono essere confermate a distanza di giorni per valutare una eventuale sieroconversione delle IgG che insieme alla conferma delle IgM è sufficiente alla diagnosi di infezione primaria in atto. Al contrario, la persistenza di positività delle IgM con IgG negative equivale ad una falsa positività o una reazione crociata ad altre infezioni (Parvovirus, Toxoplasma gondii, Virus Epstein-Barr ect) o stimolazioni aspecifiche del sistema immunitario. Donne sieropositive per IgG e IgM anti CMV e che non conoscono il loro stato sierologico pre-gravidico: la diagnosi di infezione da CMV in questo gruppo di donne è molto complessa, l unica soluzione per individuare le gravide con infezione primaria è quella di sottoporle durante la gestazione (più precocemente possibile, non oltre le settimane di età gestazionale) agli esami specifici..

49 Il test di avidità delle IgG anti-cmv: il grado di avidità degli anticorpi aumenta progressivamente nel tempo ed è sinonimo di maturazione della risposta immune. Occorrono in media circa settimane dall inizio dell infezione primaria da CMV affinché il sistema immunitario produca anticorpi IgG completamente maturi e quindi ad alta avidità Entro le settimane di età gestazionale: - indici di avidità bassa-moderata delle IgG anti CMV sono da ascrivere ad infezione primaria da CMV. - indici di alta avidità delle IgG anti CMV indicano invece assenza di infezione primaria Dopo le 16 settimane di età gestazionale: il test di avidità delle IgG perde di efficacia diagnostica

50 Management fetale Per lo studio del feto ci si può avvalere della diagnostica prenatale invasiva e dell esame ecografico. L esame ecografico può evidenziare anomalie strutturali (ventricolomegalia, calcificazioni intracraniche, microcefalia, intestino iperecogeno, calcificazioni epatiche, oligoidramnios, polidramnios, epatosplenomegalia, ascite e meno frequentemente anomalie cardiache in non più del 20% dei feti infetti Un anomalia strutturale può essere evidenziata tardivamente dopo precedenti controlli negativi e viceversa anomalie strutturali borderline riscontrate precocemente in gravidanza possono essere del tutto transitorie. Il primo controllo ecografico non dovrebbe essere eseguito prima di 6 settimane dal presunto contagio materno. Oltre al controllo morfologico a settimane di età gestazionale sono indicati controlli ecografici successivi (a e settimane di età gestazionale) per identificare alterazioni dell accrescimento intrauterino fetale (IUGR) e/o sviluppo tardivo di anomalie strutturali Può essere proposta alla donna gravida la Risonanza Magnetica Fetale (RMF) al fine di ottenere ulteriori informazioni utili alla diagnosi e al counselling (Linee Guida SIEOG 2010:3. Indicazioni allo studio RMF)..

51 La diagnosi prenatale invasiva è effettuata tramite amniocentesi non prima di settimane di età gestaziona e ad almeno 6-8 settimane dall inizio dell infezione materna; il momento di esecuzione dell amniocentesi è scelto tenendo conto che : - CMV è un virus a lenta replicazione e occorrano circa 6-8 settimane dopo l infezione materna affinché il virus infetti la placenta e si replichi negli organi bersaglio - Sede di replicazione è il rene e il virus viene così eliminato dopo le 20 settimane con la diuresi fetale nel liquido amniotico; La positività ad uno o più test eseguiti su liquido amniotico indica infezione congenita (valore di predittività positiva=100%) La negatività ai test eseguiti non esclude un risultato falso negativo Il prelievo di sangue fetale mediante cordocentesi non può essere eseguito a scopi diagnostici ma può essere solo parte di una valutazione prognostica

52 Strategie di trattamento Per la gravida che acquisisca l infezione mancano farmaci specifici utilizzabili in epoca prenatale in grado di ridurre il rischio di trasmissione verticale o di curare il feto in utero Attualmente sono in corso trial clinici per la valutazione dell efficacia e della sicurezza della somministrazione di immunoglobuline iperimmuni CMV-specifiche in donne gravide con infezione primaria in fase acuta da CMV per la prevenzione dell' infezione congenita. Infine, in Francia è in corso uno studio clinico randomizzato prospettico in doppio cieco, farmaco verso placebo, per valutare l efficacia di trattamento con il valacyclovir di feti compromessi dall infezione da CMV Parto e allattamento L infezione da CMV non è indicazione al parto cesareo e non controindica l allattamento al seno. Gruppo multidisciplinare Malattie infettive in ostetricia-ginecologia e neonatologia AMCLI, SIGO, SIMaST, SIMIT, SIN, SIP

53 Rosolia in gravidanza

54 Epidemiologia Il 6-25% delle donne in età fertile è suscettibile all infezione da Rosolia, il vaccino non è somministrabile in gravidanza La vaccinazione determina immunità permanente ma possono rintracciarsi forme subcliniche e reinfezioni asintomatiche Infezione in gravidanza Il virus rubeolico è un agente teratogeno in caso di prima infezione materna Il rischio di malformazioni si riduce progressivamente nel corso della gravidanza dall 80% se contratto nelle prime 12 settimane, al 54% se contratto tra 13 e 14 settimane, al 25% se la fase viremica si ha nel secondo trimestre

55 Rosolia congenita La Rosolia contratta nei primi 4 mesi di gravidanza può essere trasmessa al feto e produrre aborto o la sindrome da rosolia congenita. La rosolia congenita può manifestarsi alla nascita con un grave quadro clinico di tipo settico e a distanza con un danno neurosensoriale permanente (compromissione della vista, dell udito, ritardo mentale, difficoltà motorie) o anche malattie croniche

Percorsi diagnostico-assistenziali in Ostetricia-Ginecologia e Neonatologia

Percorsi diagnostico-assistenziali in Ostetricia-Ginecologia e Neonatologia Gruppo multidisciplinare Malattie infettive in ostetricia-ginecologia e neonatologia AMCLI (Associazione Microbiologi Clinici Italiani), SIGO (Società Italiana di Ginecologia e Ostetricia), SIMaST (Società

Dettagli

VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE

VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE In un qualsiasi anno prima dell'uso esteso dei vaccini in Italia si registravano circa 3.000 casi di poliomielite, circa 12.000 di difterite, circa 700 casi

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA Fonte: Ministero della Salute Circolare n 4 del 13 marzo 1998 del MINISTERO DELLA SALUTE Provvedimenti da adottare nei confronti di

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

Cos è l epatite? 1.1 Riassunto. L epatite

Cos è l epatite? 1.1 Riassunto. L epatite I. L epatite 11 1. Informazioni generali Cos è l epatite? 1.1 Riassunto L epatite L epatite è un infiammazione del fegato. Viene spesso chiamata ittero ma si tratta di un errore, poiché la colorazione

Dettagli

www.zampadicane.it Guida alle Vaccinazioni

www.zampadicane.it Guida alle Vaccinazioni VACCINAZIONI Le vaccinazioni da fare al proprio cane sono parecchie, alcune sono obbligatorie ed alcune facoltative e possono essere consigliate dal veterinario in casi specifici. Vediamo nel dettaglio

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

EPATITE B. 50 domande e risposte. Dr. med. Eric Odenheimer, Prof. Dr. med. Beat Müllhaupt e Prof. Dr. med. Andreas Cerny

EPATITE B. 50 domande e risposte. Dr. med. Eric Odenheimer, Prof. Dr. med. Beat Müllhaupt e Prof. Dr. med. Andreas Cerny EPATITE B 50 domande e risposte Dr. med. Eric Odenheimer, Prof. Dr. med. Beat Müllhaupt e Prof. Dr. med. Andreas Cerny 2012 by SEVHep; 2 a edizione c/o Centro di Epatologia Clinica Luganese Moncucco Via

Dettagli

la prevenzione va a scuola [malattie infettive nelle comunità scolastiche infantili]

la prevenzione va a scuola [malattie infettive nelle comunità scolastiche infantili] va a scuola [malattie infettive nelle comunità scolastiche infantili] SCUOLA BUS SCUOLA BUS LA PREVENZIONE VA A SCUOLA [malattie infettive nelle comunità scolastiche infantili] Proposta operativa nell

Dettagli

malattie sessualmente trasmissibili

malattie sessualmente trasmissibili malattie sessualmente trasmissibili prevenzione, diagnosi e terapia a cura di Tiziano Cappelletto, ginecologo in collaborazione con Giampaolo Contemori, andrologo Sandro Pasquinucci, infettivologo Patrizio

Dettagli

Percorsi diagnostico-assistenziali in Ostetricia-Ginecologia e Neonatologia

Percorsi diagnostico-assistenziali in Ostetricia-Ginecologia e Neonatologia Gruppo multidisciplinare Malattie infettive in ostetricia-ginecologia e neonatologia AMCLI (Associazione Microbiologi Clinici Italiani), SIGO (Società Italiana di Ginecologia e Ostetricia), SIMaST (Società

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin EVIDENCE REPORT: PROFILASSI CON VITAMINA K NEI NEONATI PER LA PREVENZIONE DELLA MALATTIA EMORRAGICA (a cura di Baiesi Pillastrini Francesca, Battistini Silvia, Parma Dila ) banca dati stringa di ricerca

Dettagli

Sei vaccinato? Chi ha il morbillo deve restare a casa. www.stopmorbillo.ch

Sei vaccinato? Chi ha il morbillo deve restare a casa. www.stopmorbillo.ch Sei vaccinato? Chi ha il morbillo deve restare a casa. www.stopmorbillo.ch 0844 448 448 Chi ha il morbillo deve restare a casa. www.stopmorbillo.ch L eliminazione del morbillo un obiettivo internazionale

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

PROGETTO MULTIDISCIPLANARE di PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) e GENITORIALITA RESPONSABILE PER le COPPIE con INFEZIONE DA HIV/HCV

PROGETTO MULTIDISCIPLANARE di PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) e GENITORIALITA RESPONSABILE PER le COPPIE con INFEZIONE DA HIV/HCV Arcispedale S. Maria Nuova Dipartimento Ostetrico Ginecologico e Pediatrico Prof. Giovanni Battista La Sala - Direttore PROGETTO MULTIDISCIPLANARE di PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) e GENITORIALITA

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica ANESTETICI GENERALI ENDOVENOSI Proprietà: -Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica -Risveglio rapido :questo è possibile quando

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMAZIONE Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA Classe: 4^ LTS/A - SALUTE Insegnante: Claudio Furioso Ore preventivo: 132 SCANSIONE MODULI N TITOLO MODULO set ott nov dic gen feb

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Agg Agosto 2009 Questo documento si propone di fornire indicazioni sull uso

Dettagli

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST?

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? Informazioni sui percorsi di approfondimento diagnostico e di cura PROGRAMMA REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI FEMMINILI Coordinamento editoriale e di redazione:

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Si parla di "sterilità" quando dopo un anno di rapporti sessuali regolari non è ancora intervenuta una gravidanza. Le cause di una mancanza di figli non

Dettagli

INDICATORI DI SALUTE Diretti (negativi) Sanitari

INDICATORI DI SALUTE Diretti (negativi) Sanitari INDICATORI DI SALUTE Diretti (negativi) Sanitari MORTALITA Mortalità generale o grezza = numero di morti per tutte le cause registrati nella popolazione Mortalità specifica = numero di morti per tipologia

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

L' ecografia delle 11 13 +6 settimane di gravidanza

L' ecografia delle 11 13 +6 settimane di gravidanza L' ecografia delle 11 13 +6 settimane di gravidanza Kypros H. Nicolaides Laura Bedocchi L ecografia delle 11 13 +6 settimane di gravidanza Fetal Medicine Foundation, Londra 2004 Dedicato a Erodoto e Despina

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

SCREENING DI TROMBOFILIA E INDICAZIONI ALLA PROFILASSI FARMACOLOGICA IN GRAVIDANZA

SCREENING DI TROMBOFILIA E INDICAZIONI ALLA PROFILASSI FARMACOLOGICA IN GRAVIDANZA SREENING I TROMBOFILIA E INIAZIONI ALLA PROFILASSI FARMAOLOGIA IN GRAVIANZA 1. Introduzione ed obiettivi 3 2. Sinossi delle raccomandazioni 4 3. Screening di trombofilia in gravidanza 9 3.1 Test da includere

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Liceo T. Mamiani. Viale delle Milizie, 30 Roma. Febbraio 2014

Liceo T. Mamiani. Viale delle Milizie, 30 Roma. Febbraio 2014 .. Arch. Cristina Maiolati Via U. Saba,72 Roma Via Ulisse 28 S. F. Circeo (LT) c. maiolati@tiscali.it DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI redatto ai sensi dell art. 26 C. 3 del D.Lgvo. 81/08 Febbraio 2014

Dettagli

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA 3 dicembre 2014 Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA Nel 2012 vi sono stati in Italia 613.520 con un standardizzato di mortalità di 92,2 individui per diecimila residenti. La tendenza recente

Dettagli

RAZIONALE CALENDARIO PER LA VITA - 2 EDIZIONE 2014

RAZIONALE CALENDARIO PER LA VITA - 2 EDIZIONE 2014 RAZIONALE CALENDARIO PER LA VITA - 2 EDIZIONE 2014 A due anni dalla prima edizione, il Calendario per la Vita si rinnova e si aggiorna. La creazione di una collaborazione strutturata e permanente tra Società

Dettagli

Il PatentDuctusArteriosuse il trattamento di legatura chirurgica come fattori di rischio di outcome sfavorevoli.

Il PatentDuctusArteriosuse il trattamento di legatura chirurgica come fattori di rischio di outcome sfavorevoli. Università degli Studi di Verona Il PatentDuctusArteriosuse il trattamento di legatura chirurgica come fattori di rischio di outcome sfavorevoli. M.Ventola, M.Magnani, L.Pecoraro, B.Ficial, E. Bonafiglia,

Dettagli

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo.

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. DIBASE 25.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 50.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 100.000 U.I./ml soluzione iniettabile DIBASE

Dettagli

Indicazioni per la certificazione

Indicazioni per la certificazione Il nuovo modello per la certificazione delle cause di morte: peculiarità e indicazioni per una corretta certificazione Indicazioni per la certificazione Stefano Brocco Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Farmaci anticoagulanti Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Emostasi Emostasi Adesione e attivazione delle piastrine Formazione della fibrina

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Protezione da Ebola. Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere

Protezione da Ebola. Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere Protezione da Ebola Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere Ed.Ottobre 2014 Il virus Ebola: la sua natura, come si diffonde, quanto è pericoloso L ebola è un virus appartenente alla

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

Ultimo aggiornamento: gennaio 2012. Il contenuto di questo testo può essere liberamente riprodotto purché sia citata la fonte.

Ultimo aggiornamento: gennaio 2012. Il contenuto di questo testo può essere liberamente riprodotto purché sia citata la fonte. VACCINAZIONI: LE RISPOSTE ALLE DOMANDE PIU FREQUENTI DEI GENITORI Autori: Dr. Giovanni Ara (Dipartimento di Prevenzione ASL Biella, Regione Piemonte) Dr. Franco Giovanetti (Dipartimento di Prevenzione

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

Oggetto : Segnalazione colonia felina L.R. 34/97 Reg, Comunale sulla tutela degli animali del 24 Ottobre 2005. sottoscrit nat.

Oggetto : Segnalazione colonia felina L.R. 34/97 Reg, Comunale sulla tutela degli animali del 24 Ottobre 2005. sottoscrit nat. Al Coordinatore dei Servizi Veterinari ASL RM A SEDE Oggetto : Segnalazione colonia felina L.R. 34/97 Reg, Comunale sulla tutela degli animali del 24 Ottobre 2005 Il/la a il residente sottoscrit nat a

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

LA DONAZIONE DI SANGUE

LA DONAZIONE DI SANGUE CHE COSA è La donazione di sangue consiste nel prelievo di un determinato volume di sangue da un soggetto sano, chiamato donatore, al fine di trasfonderlo in un soggetto che ha bisogno di sangue o di uno

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

CD4, carica virale e altri test

CD4, carica virale e altri test www.aidsmap.com CD4, carica virale e altri test Italiano Prima edizione 2010 Autore: Michael Carter Prima edizione italiana: 2010 Adattata dalla prima edizione inglese 2009 Si ringrazia LILA per la traduzione

Dettagli

L emorragia del post partum

L emorragia del post partum L emorragia del post partum Sommario Introduzione...2 Definizione di emorragia del post partum...2 Incidenza...3 Cause dell emorragia del post partum...4 Fattori di rischio...4 Terzo e quarto stadio del

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ. Guida alle controindicazioni alle vaccinazioni. A cura di Giovanni Gallo (a), Rosanna Mel (b) e Maria Cristina Rota (c)

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ. Guida alle controindicazioni alle vaccinazioni. A cura di Giovanni Gallo (a), Rosanna Mel (b) e Maria Cristina Rota (c) ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ Guida alle controindicazioni alle vaccinazioni A cura di Giovanni Gallo (a), Rosanna Mel (b) e Maria Cristina Rota (c) (a) Dipartimento di Prevenzione, Servizio Igiene e Sanità

Dettagli

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile Le cause più frequenti nelle diverse fasce d età Le indicazioni sulle singole cause citate nel capitolo precedente si riferivano a tutte le persone affette da epilessia, senza tener conto dell età delle

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome(i) / Cognome(i) Indirizzo(i) Roberto CARUSO Corso Mazzini, 11-87100 Cosenza, Italia Telefono(i) Tel. + 39 0984681824 Fax+ 39 0984681322 E-mail Cittadinanza

Dettagli

Insufficienza mitralica

Insufficienza mitralica Insufficienza mitralica Cause di insufficienza mitralica Acute Trauma Disfunzione o rottura di muscolo papillare Malfunzionamento della protesi valvolare Endocardite infettiva Febbre reumatica acuta Degenerazione

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

MOMENT 200 mg compresse rivestite Ibuprofene

MOMENT 200 mg compresse rivestite Ibuprofene PRIMA DELL USO LEGGETE CON ATTENZIONE TUTTE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NEL FOGLIO ILLUSTRATIVO Questo è un medicinale di AUTOMEDICAZIONE che può essere usato per curare disturbi lievi e transitori facilmente

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 1 Nome commerciale IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA ECO-TRAP Utilizzazione della sostanza

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli

Raccomandazioni per la prevenzione ed il trattamento della Malattia Emolitica del Feto e del Neonato. Gruppo di Redazione

Raccomandazioni per la prevenzione ed il trattamento della Malattia Emolitica del Feto e del Neonato. Gruppo di Redazione Società Italiana di Medicina Trasfusionale e Immunoematologia Raccomandazioni per la prevenzione ed il trattamento della Malattia Emolitica del Feto e del Neonato Gruppo di Redazione Francesco Bennardello,

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

- Riproduzione riservata - 1

- Riproduzione riservata - 1 Principali malattie parassitarie del cane; Le malattie parassitarie che maggiormente interessano e colpiscono il cane sono molte ed alcune di queste possono colpire e provocare conseguenze anche per l

Dettagli

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse Due ingredienti affinchè si inizi la ricerca: 1. Il bigogno terapeutico 2. Il numero dei pazienti o popolazione Quando la malattia è rara

Dettagli

TI R OIDIT E P O S T PA RT U M

TI R OIDIT E P O S T PA RT U M TI R OIDIT E P O S T PA RT U M La tiroidite po st partum è una particolare forma di tiroidite autoimmune che si caratterizza per avere una precisa collocazione temporale. Si manifesta, infatti, nelle donne

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL Kosten Th., O'Connor P.: Management of drug and alcohol with drawal, The New England Journal of Medicine, 348: 1786-95, 2003 Tenendo conto della prevalenza dei

Dettagli

ŀregione Lazio Progetto Dioniso

ŀregione Lazio Progetto Dioniso Progetto Dioniso Screening audiologico per la sordità neonatale Ogni anno nascono 3 bambini su mille con problemi gravi di sordità. Con un esame semplicissimo, di pochi secondi, non invasivo, non doloroso

Dettagli